E B R EUROPEAN BANKING REPORT

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "E B R EUROPEAN BANKING REPORT"

Transcript

1 IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO NELL INDUSTRIA BANCARIA ITALIANA ED EUROPEA: MOVENTI ED EFFETTI GESTIONALI Francesco Masala Head of EBR Research Department Roma - 24 Novembre

2 AGENDA Introduzione Analisi di un campione di operazioni di M&A Le determinanti nella creazione di valore via M&A Modelli organizzativi e operazioni di concentrazione riflessioni conclusive 2

3 EFFICIENZA E DIMENSIONE (cost/income ratio e total assests; 2002; campione di 130 gruppi bancari europei) Cost/income ratio; % 120% 100% 80% 60% 40% 20% 0% Assets; mln euro Fonte: Analisi EBR 3

4 REDDITIVITA E DIMENSIONE (return on equity e total assests; 2002; campione di 130 gruppi bancari europei) 50% ROE; % 40% 30% 20% 10% 0% Assets; mln euro % -20% -30% -40% Fonte: Analisi EBR 4

5 AGENDA Introduzione Analisi di un campione di operazioni di M&A Le determinanti nella creazione di valore via M&A Modelli organizzativi e operazioni di concentrazione riflessioni conclusive 5

6 CAMPIONE DI OPERAZIONI DI M&A: CRITERI Variabile Tipologia del deal Criterio Merger & Acquisitions Acquisizioni Majority acquisition Settore industriale Banking Bidder Country Unione Europea Periodo di riferimento Bidder status Banca Quotata Valore del deal Maggiore di 50 mln euro Deal status Operazione conclusa N di operazioni di M&A complessive 6 104

7 CAMPIONE DI OPERAZIONI DI M&A: ALCUNI ESEMPI Deal information bidder target No. Deal value (millions of euro) deal type data annuncio data completamento Acquisition 100% 31/01/00 11/2/00 Royal Bank of Scotland Group plc, The Acquisition - bid 2 - increased offer Acquisition - bid 2 - hostile bid 02/07/99 1/1/00 Banque Nationale de Paris SA bidder name paese specialisation (core business) United Kingdom France 10/06/98 31/12/98 Fortis NV Belgium / Netherlands Mezzanine finance provider, Venture capital provider, Banking services Financial advisory services, Venture capital provider, Coordinator of equity offerings, Debt Banking, financial and insurance services target name paese specialisation (core business) National Westminster Bank plc United Kingdom Financial services Paribas SA France Banking, Venture capital provider Generale de Banque Belgium Banking, Venture capital provider Acquisition increased stake to 88% 30/06/99 15/10/99 Banca Intesa SpA Acquisition 03/04/00 12/7/00 HSBC Holdings plc Acquisition 23/11/98 4/6/99 Deutsche Bank AG Italy Banking services Banca Commerciale Italiana SpA United Kingdom Germany Acquisition 11/08/00 25/10/00 Barclays plc United Kingdom Banking services holding company CCF - Crédit Commercial de France SA Underwriting services, Bankers Trust Venture capital provider, Corporation Banking services Italy France United States Banking services Woolwich plc United Kingdom Financial advisory services, Venture capital provider, Banking services Banking Banking services Banking and financial services Acquisition 100% 22/07/97 1/9/98 Bayerische Vereinsbank AG Fonte: Analisi EBR su dati Zephyr e database proprietari Germany Banking Bayerische Hypothekenund Wechsel- Bank 7 Germany Banking services

8 SHAREHOLDERS VALUE GENERATO DALLA BANCHE DEL CAMPIONE - performance dele banche del campione rispetto all andamento del mercato domestico - (valore medio annuo, media ponderata, ) 11,9% 9,4% 0,2 2,5 2,3 Capital gain of banking sample *Bidder only; Average contribution hides relevant dispersion in overperformance; data refers to 51 European banks from EU 15 countries Fonte: Analisi EBR su dati reuters Local market value creation Market outperformance by banking sample 8 M&A announcement effect Value creation not derived from M&A ann. Effect

9 SHAREHOLDERS VALUE GENERATO DALLA BANCHE DEL CAMPIONE - performance dele banche del campione rispetto all andamento del mercato domestico - (valore medio annuo, media ponderata, ) Le banche del campione hanno overperformato il mercato per circa 2.5 pp. 11,9% 9,4% L effetto annuncio delle operazioni di M&A contribuisce per 0,2 pp alla overperformance 0,2 2,5 2,3 Capital gain of banking sample *Bidder only; Average contribution hides relevant dispersion in overperformance; data refers to 51 European banks from EU 15 countries Fonte: Analisi EBR su dati reuters Local market value creation Market outperformance by banking sample 9 M&A announcement effect Value creation not derived from M&A ann. Effect

10 SHAREHOLDERS VALUE GENERATO DALLA BANCHE DEL CAMPIONE - performance dele banche del campione rispetto all andamento del mercato domestico - (valore medio annuo, media ponderata, ) il mercato dopo una prima fase di incertezza (effetto annuncio)... 9,4% ha espresso un giudizio positivo sulla validità dei piani di integrazione presentati... 11,9% Capital gain of banking sample Local market value creation 2,5 Market outperformance by banking sample 0,2 M&A announcement effect 2,3 Value creation not derived from M&A ann. Effect tuttavia esso è il risultato di operazioni che hanno avuto impatti molto diversi: se si analizzano le singole transazioni si evince che vi sono alcune operazioni che hanno generato molto valore e altre che invece ne hanno distrutto molto. *Bidder only; Average contribution hides relevant dispersion in overperformance; data refers to 51 European banks from EU 15 countries Fonte: Analisi EBR su dati reuters 10

11 IMPATTO DELLE OPERAZIONI DI M&A SULLA PERFORMANCE DI BILANCIO (impatto medio su ROE e Cost/Income delle operazioni di M&A*; in basis points) Impatto su efficienza (cost/income ratio) -47 Basis points Impatto su Redditività (ROE) Basis points In media il valore netto generato dalle operazioni di M&A è negativo; tuttavia esso è il risultato di transazioni che hanno avuto impatti molto diversi (elevata variabilità) Fonte: Analisi EBR su dati di bilancio 11 (*) analisi comparata tra banca e mercato domestico della dinamica di cost/income ratio e ROE nei tre anni precedenti e nei tre anni successivi all operazione

12 IMPATTO DELLE OPERAZIONI DI M&A SULLA PERFORMANCE DI BILANCIO (M&A deals average impact on ROE and Cost/Income ratio; percentage points) cost/income ratio * B A ROE C D Fonte: Analisi EBR su dati di bilancio 12

13 IMPATTO DELLE OPERAZIONI DI M&A SULLA PERFORMANCE DI BILANCIO (numero %di operazioni di M&A che hanno generato extraperformance positiva) Campione di 104 operazioni di M&A (numero di operazioni; %) Impatto positivo 61% Efficiency gains only (cost/income ratio) 13% Profitability gains only (ROE) 23% Circa il 60% delle operazioni hanno generato valore. Efficiency & Profitability gains 25% Fonte: Analisi EBR su dati di bilancio 13

14 IMPATTO DELLE OPERAZIONI DI M&A SULLA PERFORMANCE DI BILANCIO (numero %di operazioni di M&A che hanno generato extraperformance positiva) Campione di 104 operazioni di M&A (numero di operazioni; %) Impatto positivo 61% Efficiency gains only (cost/income ratio) 13% Profitability gains only (ROE) 23% Circa il 60% delle operazioni hanno generato valore. Efficiency & Profitability gains 25% Fonte: Analisi EBR su dati di bilancio 14

15 AGENDA Introduzione Analisi di un campione di operazioni di M&A Le determinanti nella creazione di valore via M&A Modelli organizzativi e operazioni di concentrazione riflessioni conclusive 15

16 NUMERO DI OPERAZIONI DI M&A DEL CAMPIONE PER TIPOLOGIA ( ) Numero di operazioni di Merger & Acquisition Country obiettivo Crescita Diversificazione totale (stesso core business) (differente core business) In country Cross-border totale Fonte: Analisi EBR 16

17 IMPATTO DELLE OPERAZIONI DI M&A SULLA PERFORMANCE DI BILANCIO: STRATEGIE DI DIVERSIFICAZIONE vs STRATEGIE DI CRESCITA (numero %di operazioni di M&A che hanno generato extraperformance positiva* / numero totale di operazioni per classe) Impatto positivo su: Solo redditività (ROE) Efficienza e Redditività Strategie di diversificazione Strategia di crescita dimensionale 29% 20% 24% 20% 49% 44% Le operazioni di diversificazione comportano guadagni sia di redditività che di efficienza con maggiore frequenza rispetto alle operazioni di crescita dimensionale (49% vs 44% dei casi) Fonte: Analisi EBR 17

18 IMPATTO DELLE OPERAZIONI DI M&A SULLA PERFORMANCE DI BILANCIO: INTEGRAZIONI CROSS-BORDER vs INTEGRAZIONI IN-COUNTRY (numero %di operazioni di M&A che hanno generato extraperformance positiva* / numero totale di operazioni per classe) Impatto positivo su: Solo redditività (ROE) Efficienza e Redditività in country 25% 31% 56% le economie di scala e di scopo si riscontrano con maggior frequenza nelle operazioni domestiche cross-border 25% 13% 48% Fonte: Analisi EBR su dati di bilancio 18

19 IMPATTO DELLE OPERAZIONI DI M&A SULLA PERFORMANCE DI BILANCIO: CROSS-BORDER; IN-COUNTRY; DIVERSIFICAZIONE; CRESCITA DIMENSIONALE (numero % di operazioni di M&A che hanno generato extraperformance positiva*/ numero totale di operazioni per classe) 60% 50% impatto positivo solo su redditività (ROE) 30% 41% 36% 32% 19% 8% impatto positivo su redditività ed efficienza 30% 18% 22% 28% Diversificazione Crescita Crescita Diversificazione In-country 19 Cross-Border

20 Alcune prime riflessioni? non esiste una relazione diretta e sempre valida tra operazioni di concentrazione, e dunque dimensione e performance in termini di redditività/efficienza? esiste una estrema variabilità nei risultati dei singoli deals vi sono operatori che hanno generato molto valore e altri che invece ne hanno distrutto molto? in termini di contributo alla creazione di valore, espresso sotto forma redditività e di efficienza, le operazioni di M&A hanno avuto, in media, un rilievo limitato? tuttavia, guardando ai singoli casi aziendali anziché al valore medio, i casi di successo sono stati numerosi in Europa? tra i casi di successo, le operazioni in-country con l obiettivo della diversificazione del business hanno avuto un impatto più favorevole rispetto alle operazioni di crescita e a quelle cross-border? se indubbiamente si può parlare di economie di scala connesse ad operazioni di M&A, occorre non sottovalutare l esistenza di possibili diseconomie di scala che incidono sulla probabilità di successo dell operazione 20

21 POTENZIALI CRITICITA NELLE OPERAZIONI DI M&A Management issues description Fattori culturali Duerealtàaziendali che sicongiungono possono, infatti, non capirsi in quanto parlano linguaggi differenti, in termini di processi di lavoro, di modalità di confronto con i clienti o anche con gli azionisti. Problemi organizzativi Affinchè i vantaggi derivanti dal processo di consolidamento vengano effettivamente colti occorre essere ingrado di mantenere organizzativamente corti e veloci i tempi di decisione di una banca che, per dimensioni, rischierebbe altrimenti di allungarli Esportabilità del business Non vi sono garanzieche, attraverso un processo di fusione, una certa capacità di generare redditività, ad esempio dall attività di commercial banking, possa essereesportata nellanuova realtà equindigeneraresinergiecapaci di innalzare il livello di redditività; 21

22 AGENDA Introduzione Analisi di un campione di operazioni di M&A Le determinanti nella creazione di valore via M&A Modelli organizzativi e operazioni di concentrazione riflessioni conclusive 22

23 MODELLI ORGANIZZATIVI/GESTIONALI: I CRITERI DI CLASSIFICAZIONE AUTONOMIA: misura il grado di responsabilità e di autonomia affidato all'unità 0 Il business è gestito da una Unità della banca soggetta al controllo diretto di una specifica direzione centrale alla quale è legata da forti vincoli gerarchici 1 il business viene gestito con livelli di responsabilità e di autonomia intermedi 2 la gestione del business è affidata in modo sostanzialmente autonomo ad una Unità* della banca SPECIALIZZAZIONE: misura lo sviluppo di competenze specialistiche e l'interdipendenza tra le singole unità di business 0 Il business è direttamente o indirettamente sotto il controllo diretto di una divisione centrale impegnata su più business (anche non affini) 1 Il business è gestito in via non esclusiva da una divisione della banca 2 Il business è gestito in via esclusiva da una Business Unit specializzata (*) Con il terminie Unità ci si riferisce indistintamente ad una delle seguenti categorie: Business Unit; Divisione; Subsidiary. Per una maggiore specificità occorre analizzare la singola realtà bancaria 23

24 IL CAMPIONE DI BANCHE SEGMENTATO PER MODELLI ORGANIZZATIVI/GESTIONALI Banks Commercial banking Asset Management Private banking Corporate banking Investment banking Assurance Pubblic & real estate Leasing & Factoring Grado di Coefficiente di autonomia/ variazione specializzazione auton spec auton spec auton spec auton spec auton spec auton spec auton spec auton spec Credit Suisse Group CH ,000 0,000 1 I ,875 0,091 La Caixa E ,833 0,106 Societe Generale F ,500 0,350 2 I ,500 0,156 Banesto E ,500 0,305 BBVA SA E ,400 0,161 3 I ,400 0,161 UBS AG CH ,167 0,129 Dresdner Bank AG D ,143 0,220 Barclays Bank Plc UK ,143 0,120 CCF F ,000 0,356 Commerzbank AG D ,000 0,000 ING NL ,000 0,333 ABN AMRO NL ,800 0,587 SCH E ,714 0,591 Fortis B ,600 0,516 4 I ,571 0,588 Lloyds TSB Group plc UK ,500 0,428 HSBC Holdings Plc UK ,500 0,428 HVB AG D ,000 0,598 Credit Lyonnais F ,714 0,731 BNP Paribas F ,600 0,839 Deutsche Bank AG D ,500 0,816 Dexia B ,429 0,794 Fonte: Analisi EBR 24

25 LE GRANDI BANCHE EUROPEE SECONDO IL GRADO DI AUTONOMIA E DI SPECIALIZZAZIONE maggiore specializzazione/ decentramento 5,00 4,50 4,00 3,50 3,00 2,50 2,00 1,50 1,00 0,50 Grado di autonomia gestionale/specializzazione crescente minore specializzazione/ decentramento - Credit Suisse Group 1 La Caixa Societe Generale 2 Banesto BBVA SA 3 UBS AG Dresdner Bank AG Barclays Bank Plc CCF ING Commerzbank AG ABN AMRO SCH Fortis 4 Lloyds TSB Group plc HSBC Holdings Plc HVB AG Credit Lyonnais BNP Paribas Deutsche Bank AG Dexia Fonte: Analisi EBR 25

26 IL CAMPIONE DI BANCHE SEGMENTATO PER MODELLI ORGANIZZATIVI/GESTIONALI Banks Commercial banking Asset Management Private banking Corporate banking Investment banking Assurance Pubblic & real estate Leasing & Factoring Grado di Coefficiente di autonomia/ variazione specializzazione auton spec auton spec auton spec auton spec auton spec auton spec auton spec auton spec Credit Suisse Group CH ,000 0,000 1 I ,875 0,091 La Caixa E ,833 0,106 Societe Generale F ,500 0,350 2 I ,500 0,156 Banesto E ,500 0,305 BBVA SA E ,400 0,161 3 I ,400 0,161 UBS AG CH ,167 0,129 Dresdner Bank AG D ,143 0,220 Barclays Bank Plc UK ,143 0,120 CCF F ,000 0,356 Commerzbank AG D ,000 0,000 ING NL ,000 0,333 ABN AMRO NL ,800 0,587 SCH E ,714 0,591 Fortis B ,600 0,516 4 I ,571 0,588 Lloyds TSB Group plc UK ,500 0,428 HSBC Holdings Plc UK ,500 0,428 HVB AG D ,000 0,598 Credit Lyonnais F ,714 0,731 BNP Paribas F ,600 0,839 Deutsche Bank AG D ,500 0,816 Dexia B ,429 0,794 Fonte: Analisi EBR 26

27 IL CAMPIONE DI BANCHE SEGMENTATO PER MODELLI ORGANIZZATIVI/GESTIONALI coeff. Variazione tra business 0,900 M 0,800 Generalistic 0,700 0,600 0,500 Hybrid 0,400 M 0,300 0,200 Multispecialist 0,100 0,000 y = 0,0284x 3-0,2204x 2 + 0,2144x + 0,8898 R 2 = 0,8457 grado autonomia/ specializzazione 1,00 1,50 2,00 2,50 3,00 3,50 4,00 4,50 Fonte: Analisi EBR 27

28 IL CAMPIONE DI BANCHE SEGMENTATO PER MODELLI ORGANIZZATIVI/GESTIONALI (redditività ed efficienza; Roe e Cost/Income ratio; media ) Return On Equity Multispecialist 14,5% Hybrid Generalistic 10,1% 12,0% Cost/Income ratio Multispecialist Hybrid Generalistic 62,9% 62,9% 66,0% Fonte: Analisi EBR su dati di bilancio 0,55 0,57 0,59 0,61 0,63 0,65 0,67 28

29 AGENDA Introduzione Analisi di un campione di operazioni di M&A Le determinanti nella creazione di valore via M&A Modelli organizzativi e operazioni di concentrazione riflessioni conclusive 29

30 Riflessioni conclusive? la dimensione non è un obiettivo in sé, ma uno strumento che può consentire di diversificare meglio i rischi e favorire la costituzione di intermediari più solidi? ma, se mal governato, rischia di generare una complessità organizzativa che può produrre diseconomie di scala;? l esperienza delle maggiori banche europee dimostra che i volumi di affari sono importanti ma non sufficienti ai fini della massimizzazione della redditività? il vero fattore discriminante sembra l abilità di coniugare la politica di crescita per linee esterne con un modello organizzativo efficiente, in termini di Corporate Governance, struttura manageriale e capacità realizzative, e di innescare all interno del gruppo una linea di continuità che permetta di replicare lo stesso modello di successo su linee di business diverse 30

31 Riflessioni conclusive? lo sviluppo di strutture dedicate a specifiche aree di affari consente di focalizzarsi su specifici prodotti/segmenti e di valutare rispetto alle combinazioni prodotto/segmento ritenute non strategiche, l opportunità di abbandonare certi business o, in alternativa, di gestirli attraverso modelli di integrazione leggeri (alleanze strategiche e joint venture) 31

I servizi di investimento in Europa. Modelli di business e impatto della MiFID 2

I servizi di investimento in Europa. Modelli di business e impatto della MiFID 2 I servizi di investimento in Europa. Modelli di business e impatto della MiFID 2 4 febbraio 2015 Centro di Ricerca Baffi-Carefin Premessa Nella ricerca di quest anno ripartiamo da alcune questioni rimaste

Dettagli

Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 31.12.2013 Il Piano Industriale 2014-2017. Milano, 25.03.2014

Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 31.12.2013 Il Piano Industriale 2014-2017. Milano, 25.03.2014 Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 31.12.2013 Il Piano Industriale 2014-2017 Milano, 25.03.2014 Agenda I Profilo del Gruppo II Dinamica delle attività III Risultati di esercizio al 31.12.2013

Dettagli

BNP Paribas. Investor Day. Conclusioni. Baudouin Prot Chief Executive Officer. Roma, 1 Dicembre 2006

BNP Paribas. Investor Day. Conclusioni. Baudouin Prot Chief Executive Officer. Roma, 1 Dicembre 2006 BNP Paribas Investor Day Baudouin Prot Chief Executive Officer Roma, 1 Dicembre 2006 BNP Paribas Un Business Mix ben Equilibrato Aree di attività 3T06 - Distribuzione ricavi Distribuzione geografica 3T06

Dettagli

Traguardi degli ultimi 10 anni. Sezione 1.2

Traguardi degli ultimi 10 anni. Sezione 1.2 Traguardi degli ultimi 10 anni Sezione 1.2 Ricavi bancari raddoppiati e diversificati Ricavi di Gruppo ( mln) Ricavi bancari ( mln) 1.800 1.50 1.10 870 Ricavi bancari CAGR +7% 870 Credito Consumer al consumo

Dettagli

BNP Paribas. Corporate & Investment Banking in Italia. Nicola D Anselmo. Responsabile CIB Italia. Roma, 1 Dicembre 2006

BNP Paribas. Corporate & Investment Banking in Italia. Nicola D Anselmo. Responsabile CIB Italia. Roma, 1 Dicembre 2006 BNP Paribas Corporate & Investment Banking in Italia Nicola D Anselmo Responsabile CIB Italia Roma, 1 Dicembre 2006 Sommario BNP Paribas CIB in Italia prima di BNL Nuove prospettive per CIB Implementazione

Dettagli

per BNP PARIBAS ITALIA Il Gruppo a livello mondiale Pag. 1 La presenza in Italia Pag. 2 II 4 poli funzionali Pag. 3

per BNP PARIBAS ITALIA Il Gruppo a livello mondiale Pag. 1 La presenza in Italia Pag. 2 II 4 poli funzionali Pag. 3 BNP PARIBAS ITALIA Il Gruppo a livello mondiale Pag. 1 La presenza in Italia Pag. 2 II 4 poli funzionali Pag. 3 Milano, 7 febbraio 2006 1 IL GRUPPO A LIVELLO MONDIALE Prima banca francese per totale attivo

Dettagli

LEASEPLAN CORPORATION LEASEPLAN AUTORENTING & LEASEPLAN RENTING

LEASEPLAN CORPORATION LEASEPLAN AUTORENTING & LEASEPLAN RENTING LEASEPLAN CORPORATION LEASEPLAN AUTORENTING & LEASEPLAN RENTING INDICE LeasePlan Corporation in sintesi la storia i numeri nel mondo Il Gruppo LeasePlan in Italia le società la storia Mercato del Noleggio

Dettagli

Convegno Finanza e Responsabilità Sociale - Tavola rotonda su Condizioni di sviluppo del Socially Responsible Investment

Convegno Finanza e Responsabilità Sociale - Tavola rotonda su Condizioni di sviluppo del Socially Responsible Investment Conferenza Nazionale Responsabilità Sociale e l Impresa per il Futuro Convegno Finanza e Responsabilità Sociale - Tavola rotonda su Condizioni di sviluppo del Socially Responsible Investment Davide Dal

Dettagli

Rapporto ABI 2010 sul settore bancario in Italia. Roma, 24 maggio 2010. Giovanni Sabatini

Rapporto ABI 2010 sul settore bancario in Italia. Roma, 24 maggio 2010. Giovanni Sabatini Rapporto ABI 2010 sul settore bancario in Italia Roma, 24 maggio 2010 Giovanni Sabatini Agenda 1. Scenario operativo nei mercati bancari 2. Redditività 3. Analisi comparata dei risultati economici di bilancio

Dettagli

Linee Guida del Piano Strategico 2016-2019 Conferenza Stampa

Linee Guida del Piano Strategico 2016-2019 Conferenza Stampa Linee Guida del Piano Strategico 2016-2019 Conferenza Stampa Milano, 30 marzo 2016 ore 11,30 Mittel oggi IL GRUPPO MITTEL CONFERMA UNA FORTE SOLIDITÀ PATRIMONIALE REGISTRANDO UN PATRIMONIO NETTO DI CA.

Dettagli

Le banche LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO ITALIANO LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO

Le banche LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO ITALIANO LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO ITALIANO Banche Intermediari creditizi non bancari Intermediari della securities industry Assicurazioni LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO Fonte Banca d Italia, Relazione

Dettagli

La concentrazione Banca di Roma Bipop Carire

La concentrazione Banca di Roma Bipop Carire La concentrazione Banca di Bipop Carire New Economy! New economy: : irrational exuberance 60000 50000 40000 30000 20000 10000 0 17/10/94 17/1/95 17/4/95 17/7/95 17/10/95 17/1/96 17/4/96 17/7/96 17/10/96

Dettagli

Indirizzo Internet: http://www.dt.tesoro.it Per informazioni contattare: dt.gruppo.info@tesoro.it Dir.II - Uff. VIII

Indirizzo Internet: http://www.dt.tesoro.it Per informazioni contattare: dt.gruppo.info@tesoro.it Dir.II - Uff. VIII Indirizzo Internet: http://www.dt.tesoro.it Per informazioni contattare: dt.gruppo.info@tesoro.it Dir.II - Uff. VIII Indice Composizione dei titoli di Stato all emisione pag. 1 Composizione dei titoli

Dettagli

Lo sviluppo di un sistema automatico di valutazione del merito creditizio per l erogazione dei mutui: aspetti critici e opportunità strategiche.

Lo sviluppo di un sistema automatico di valutazione del merito creditizio per l erogazione dei mutui: aspetti critici e opportunità strategiche. Lo sviluppo di un sistema automatico di valutazione del merito creditizio per l erogazione dei mutui: aspetti critici e opportunità strategiche. L esperienza Alessandro Quadrelli, UniCredito Italiano Pietro

Dettagli

MEDIA KIT K FINANCE DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NEL MEDIA KIT: COMPANY PROFILE

MEDIA KIT K FINANCE DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NEL MEDIA KIT: COMPANY PROFILE MEDIA KIT K FINANCE DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NEL MEDIA KIT: COMPANY PROFILE La società, i soci, la mission pag. 2 Come operiamo, dove siamo, Clairfield International pag. 3 La partnership, le Associazioni,

Dettagli

Rapporto ABI 2013 sul settore bancario in Italia. Roma, 21 maggio 2013. Giovanni Sabatini

Rapporto ABI 2013 sul settore bancario in Italia. Roma, 21 maggio 2013. Giovanni Sabatini Rapporto ABI 2013 sul settore bancario in Italia Roma, 21 maggio 2013 Giovanni Sabatini Lo scenario di riferimento macro La dinamica del mercato del credito Risultati 2012 Primo trimestre 2013 Prospettive

Dettagli

Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring

Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring La finanza delle imprese tra crisi e ripresa Mario Valletta Università degli Studi

Dettagli

Generali Immobiliare Italia SGR

Generali Immobiliare Italia SGR Generali Immobiliare Italia SGR Investitori Istituzionali e Settore Residenziale 25 novembre 2009 Giovanni Maria Paviera Amministratore Delegato e Direttore Generale Agenda 2 Investitori istituzionali

Dettagli

L impatto di Basilea 3 sull industria del factoring

L impatto di Basilea 3 sull industria del factoring L impatto di Basilea 3 sull industria del factoring Rony Hamaui AD&DG Mediofactoring Torino, 25 gennaio, 2011 Agenda Basilea 3: obiettivi e strumenti Implicazioni delle nuove regole prudenziali sulle banche

Dettagli

RAFFORZATE SOLIDITA PATRIMONIALE E LIQUIDITA ; LA GESTIONE OPERATIVA TRAINA LA REDDITIVITA (+23%): UTILE NETTO 2013: 150 MILIONI

RAFFORZATE SOLIDITA PATRIMONIALE E LIQUIDITA ; LA GESTIONE OPERATIVA TRAINA LA REDDITIVITA (+23%): UTILE NETTO 2013: 150 MILIONI RAFFORZATE SOLIDITA PATRIMONIALE E LIQUIDITA ; LA GESTIONE OPERATIVA TRAINA LA REDDITIVITA (+23%): UTILE NETTO 2013: 150 MILIONI In un contesto ancora debole, il esprime una redditività in crescita continuando

Dettagli

Le scelte per la media impresa tra debito e capitale

Le scelte per la media impresa tra debito e capitale IFFI 10 edizione VALORIZZARE L IMPRESA E ATTRARRE GLI INVESTITORI La liquidità dei mercati finanziari per lo sviluppo delle imprese Le scelte per la media impresa tra debito e capitale MILANO, 11 Novembre

Dettagli

AIFI. Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital. Prospettive di sviluppo per il private equity in Italia

AIFI. Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital. Prospettive di sviluppo per il private equity in Italia AIFI Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital Prospettive di sviluppo per il private equity in Italia Il ruolo degli investitori istituzionali Anna Gervasoni Direttore Generale AIFI Roma,

Dettagli

Sommario. Presentazione Giancarlo Forestieri. Introduzione Vincenzo Cupizzi

Sommario. Presentazione Giancarlo Forestieri. Introduzione Vincenzo Cupizzi Presentazione Giancarlo Forestieri Introduzione Vincenzo Cupizzi 1. Il settore dei servizi di investment banking in Italia: confini, dimensione e trend di mercato 1.1 Premessa 1.2 I1 settore dell investment

Dettagli

BNP Paribas. MTA International Le nuove opportunità per i traders. Patrice Ménard. Marco Peyron

BNP Paribas. MTA International Le nuove opportunità per i traders. Patrice Ménard. Marco Peyron BNP Paribas MTA International Le nuove opportunità per i traders Patrice Ménard BNP Paribas - Relazioni con gli Investitori e Informazione Finanziaria Marco Peyron BNL - Relazioni con gli Investitori Milano,

Dettagli

FIRST CAPITAL 2.0 RISULTATI 2013 E PIANO STRATEGICO 2014-2017. Milano, 3 aprile 2014

FIRST CAPITAL 2.0 RISULTATI 2013 E PIANO STRATEGICO 2014-2017. Milano, 3 aprile 2014 FIRST CAPITAL 2.0 RISULTATI 2013 E PIANO STRATEGICO 2014-2017 Milano, 3 aprile 2014 FIRST CAPITAL OGGI (1/2) First Capital è un operatore italiano specializzato in Private Investment in Public Equity (

Dettagli

IL WELFARE AZIENDALE. L ESPERIENZA DEL GRUPPO CARIPARMA. Bologna 04 Novembre 2014

IL WELFARE AZIENDALE. L ESPERIENZA DEL GRUPPO CARIPARMA. Bologna 04 Novembre 2014 IL WELFARE AZIENDALE. L ESPERIENZA DEL GRUPPO CARIPARMA. Bologna 04 Novembre 2014 HSBC (BG) BNP Paribas (FR) Groupe Crédit Agricole (FR) Deutsche Bank (DE) Barclays (GB) Societé Générale (FR) RB Scotland

Dettagli

Star Conference 2006. Milano, 1 Marzo 2006

Star Conference 2006. Milano, 1 Marzo 2006 Star Conference 2006 Milano, 1 Marzo 2006 1 AGENDA IL GRUPPO BANCA FINNAT E LE PROSPETTIVE DI SVILUPPO Arturo Nattino LE PRINCIPALI GRANDEZZE ECONOMICHE Gian Franco Traverso Guicciardi 2 Il Gruppo Banca

Dettagli

WITHDRAWAL FROM FINANCIAL INSTRUMENT TRADING AND DELISTING

WITHDRAWAL FROM FINANCIAL INSTRUMENT TRADING AND DELISTING NOTICE n. 157 8 October 2014 EuroTLX Sender: EuroTLX SIM Target Company: --- Object: WITHDRAWAL FROM FINANCIAL INSTRUMENT TRADING AND DELISTING Text EuroTLX informs the withdrawal from financial instrument

Dettagli

ECONOMIA DEI SISTEMI INDUSTRIALI

ECONOMIA DEI SISTEMI INDUSTRIALI ECONOMIA DEI SISTEMI INDUSTRIALI Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it 0776/2994353 XII LEZIONE 22/10/2012 Perche le imprese si diversificano? La diversificazione può avvenire a beneficio dei proprietari

Dettagli

Tabella 1/ Campione d indagine per analisi indicatori redditività

Tabella 1/ Campione d indagine per analisi indicatori redditività Tabella 1/ Campione d indagine per analisi indicatori redditività Gruppi Banche Reti Gruppo Unicredit Gruppo ISP Gruppo MPS Gruppo Banco Popolare Gruppo Ubi Gruppo BNL Gruppo Cariparma Credit Agricole

Dettagli

Corso di Analisi degli Equilibri Gestionali della Banca Project work Enrico Baesso Matteo Chiavegato Fabio Fanini Edoardo Sartori

Corso di Analisi degli Equilibri Gestionali della Banca Project work Enrico Baesso Matteo Chiavegato Fabio Fanini Edoardo Sartori Impairment Test dell'avviamento di 4 Banche Europee Corso di Analisi degli Equilibri Gestionali della Banca Project work Enrico Baesso Matteo Chiavegato Fabio Fanini Edoardo Sartori 1 Campione analizzato

Dettagli

OSSFIN Osservatorio sugli intermediari finanziari specializzati nel leasing, factoring e credito al consumo

OSSFIN Osservatorio sugli intermediari finanziari specializzati nel leasing, factoring e credito al consumo r OSSFIN Osservatorio sugli intermediari finanziari specializzati nel leasing, factoring e credito al consumo Settore: Factoring Rapporto 2010 Divisione Ricerche Claudio Dematté Copyright 2010 SDA Bocconi

Dettagli

La Gestione delle Risorse Critiche in Azienda: il quadro di riferimento europeo e intersettoriale

La Gestione delle Risorse Critiche in Azienda: il quadro di riferimento europeo e intersettoriale Roma, Palazzo Altieri 15 e 16 maggio 2006 La Gestione delle Risorse Critiche in Azienda: il quadro di riferimento europeo e intersettoriale Francesco Miggiani Amministratore Delegato, Hay Group 2 Il contesto

Dettagli

Alcuni spunti di discussione

Alcuni spunti di discussione Strategie M&A domestiche e cross border: determinanti ed ostacoli nell attuale fase di consolidamento del sistema finanziario europeo Dr Barbara Casu University of Wales, Bangor b.casu@bangor.ac.uk FINMONITOR

Dettagli

Overview del settore Wealth Management Luca Caramaschi Università di Parma. 6 maggio 2015

Overview del settore Wealth Management Luca Caramaschi Università di Parma. 6 maggio 2015 Overview del settore Wealth Management Università di Parma 6 maggio 2015 Overview e trend del settore Wealth Management 2 Overview del settore Wealth Management - Università di Parma - 06.05.2015 Il Mercato

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL MERCATO BANCARIO E CREDITO ALL ECONOMIA. (CLUB finanza d impresa)

L EVOLUZIONE DEL MERCATO BANCARIO E CREDITO ALL ECONOMIA. (CLUB finanza d impresa) L EVOLUZIONE DEL MERCATO BANCARIO E CREDITO ALL ECONOMIA (CLUB finanza d impresa) Gianfranco Torriero Vice Direttore Generale ABI GENOVA 24 FEBBRAIO 2015 2 Agenda 1. Brevi cenni sullo scenario macroeconomico,

Dettagli

ROAD SHOW 2008 Company Results

ROAD SHOW 2008 Company Results ROAD SHOW 2008 Company Results Milano, 24 marzo 2009 1 Relatori Luca Bronchi Direttore Generale Ugo Borgheresi Investor Relator 2 Agenda Company Highlights 31 Dicembre 2008 Linee Guida Piano Industriale

Dettagli

Star Conference 2011 Incontro con la Comunità Finanziaria. Milano, 23.03.2011

Star Conference 2011 Incontro con la Comunità Finanziaria. Milano, 23.03.2011 Star Conference 2011 Incontro con la Comunità Finanziaria Milano, 23.03.2011 Presentazione Banca Finnat Dinamica operativa Principali grandezze economiche 2010 Scenario, opportunità e sfide da affrontare

Dettagli

Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali

Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali Comunicato stampa RISULTATI DEL 1 SEMESTRE DEL GRUPPO CARIPARMA FRIULADRIA Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali Utile Netto

Dettagli

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A.

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. 1. PREMESSE La presente politica di investimento è stata approvata dall assemblea

Dettagli

Paolo Cappugi Gli investimenti nella previdenza integrativa: filosofia di gestione e orizzonte temporale

Paolo Cappugi Gli investimenti nella previdenza integrativa: filosofia di gestione e orizzonte temporale 1 Paolo Cappugi Gli investimenti nella previdenza integrativa: filosofia di gestione e orizzonte temporale Indice Parte 1 Premessa Parte 2 Quadro generale Parte 3 Struttura degli investimenti e orizzonte

Dettagli

Rischi e sfide per le Banche Italiane

Rischi e sfide per le Banche Italiane Rischi e sfide per le Banche Italiane Basilea 3 e la nuova definizione di Capitale CAREFIN Milano 2 dicembre 2010 Cristiano Zazzara, Ph.D. Global Head of Banking Business Morgan Stanley Capital International

Dettagli

Gennaio 2014 IN ITALIA

Gennaio 2014 IN ITALIA Gennaio 2014 IN ITALIA BNP PARIBAS IN ITALIA BNP Paribas è leader nei servizi bancari e finanziari in Europa e nel Mondo, presente in 78 Paesi con circa 190.000 collaboratori. Opera in 3 settori chiave

Dettagli

IL PIANO STRATEGICO DELLA BANCA

IL PIANO STRATEGICO DELLA BANCA IL PIANO STRATEGICO DELLA BANCA 1 IL PIANO INDUSTRIALE STRUMENTO DI GOVERNO DELLA STRATEGIA AZIENDALE ORIZZONTE PLURIENNALE OBIETTIVI STRUTTURA E CONTENUTI MODALITA DI COSTRUZIONE E DI LETTURA 2 1 PIANO

Dettagli

Presentato oggi alla comunità finanziaria il Piano Industriale 2003-2005 GRUPPO GENERALI

Presentato oggi alla comunità finanziaria il Piano Industriale 2003-2005 GRUPPO GENERALI Presentato oggi alla comunità finanziaria il Piano Industriale 2003-2005 GRUPPO GENERALI OBIETTIVO: LEADERSHIP EUROPEA PER PROFITTABILITÀ E SVILUPPO IN SELEZIONATI PAESI AD ALTO POTENZIALE FOCUS SU CREAZIONE

Dettagli

Listed Private Equity vs investimento diretto: valutazioni e confronto. Luigi Introzzi Duemme SGR

Listed Private Equity vs investimento diretto: valutazioni e confronto. Luigi Introzzi Duemme SGR STRESA, 28-29 NOVEMBRE 2012 - GRAND HOTEL DES ILES BORROMÉES Listed Private Equity vs investimento diretto: valutazioni e confronto Luigi Introzzi Duemme SGR Indice Parte 1 Premessa Parte 2 Investimenti

Dettagli

Indice. Prefazione, di Tancredi Bianchi XIII. Presentazione della seconda edizione, di Giancarlo Forestieri XVII

Indice. Prefazione, di Tancredi Bianchi XIII. Presentazione della seconda edizione, di Giancarlo Forestieri XVII Prefazione, di Tancredi Bianchi Presentazione della seconda edizione, di Giancarlo Forestieri XIII XVII Parte prima Il mercato, le istituzioni e gli strumenti di valutazione 1 Il sistema finanziario e

Dettagli

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business I risultati della survey Workshop Milano,12 giugno 2012 Il campione 30 SGR aderenti, rappresentative di circa il 75% del patrimonio

Dettagli

23. Fondi del personale

23. Fondi del personale 23. Fondi del personale La voce comprende: 382 PIRELLI & C. S.p.A. MILANO Fondi pensione: - finanziati 157.368 118.234 - non finanziati 88.752 88.050 TFR (società italiane) 56.783 74.559 Piani di assistenza

Dettagli

COMUNICATO STAMPA RISULTATO OPERATIVO COMPRENSIVO DEI PROVENTI DA PARTECIPAZIONI: 47,3 MLN DI EURO (+22%)

COMUNICATO STAMPA RISULTATO OPERATIVO COMPRENSIVO DEI PROVENTI DA PARTECIPAZIONI: 47,3 MLN DI EURO (+22%) COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CDA I DATI AL 31 MARZO 2007: RICAVI AGGREGATI PRO-QUOTA E RISULTATO OPERATIVO COMPRENSIVO DEI PROVENTI DA PARTECIPAZIONI IN FORTE CRESCITA RICAVI AGGREGATI PRO-QUOTA * :

Dettagli

Business Plan 14-16 - Indirizzi strategici e target di Gruppo. Sezione 1.4

Business Plan 14-16 - Indirizzi strategici e target di Gruppo. Sezione 1.4 Business Plan 14-16 - Indirizzi strategici e target di Gruppo Sezione 1.4 Business Plan 2014/2016 - obiettivi e avanzamento G O A L S Modello di business più semplice, comprensibile e valutabile Focus

Dettagli

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più importanti banche del Paese (In Italia: 5.809 sportelli, 11,4 mln.

Dettagli

Introduzione all attività bancaria

Introduzione all attività bancaria Università Bicocca - Milano Anno Accademico 2007 / 2008 Introduzione all attività bancaria Corso di Risk Management Milano, 27 Febbraio 2008 1 Organizzazione Lezioni nella fascia oraria 16,45-19,00 Ricevimenti

Dettagli

Banca d Italia Rapporto sulla stabilità finanziaria Novembre 2014. Commenti di Elena Carletti Università Bocconi

Banca d Italia Rapporto sulla stabilità finanziaria Novembre 2014. Commenti di Elena Carletti Università Bocconi Banca d Italia Rapporto sulla stabilità finanziaria Novembre 2014 Commenti di Elena Carletti Università Bocconi Il rapporto in breve Bassa crescita e bassa inflazione rimangono i problemi principali nell

Dettagli

DATI CUMULATIVI DELLE PRINCIPALI BANCHE INTERNAZIONALI 2015

DATI CUMULATIVI DELLE PRINCIPALI BANCHE INTERNAZIONALI 2015 DATI CUMULATIVI DELLE PRINCIPALI BANCHE INTERNAZIONALI 2015 grafici a cura di R&S Il metodo dell'indagine Obiettivo: un indagine sui conti aggregati delle banche più grandi del mondo; aggiornata al 2014

Dettagli

La redditività e l efficienza delle Sgr immobiliari

La redditività e l efficienza delle Sgr immobiliari 37 La redditività e l efficienza delle Sgr immobiliari The challenge of efficiency for Italian real estate fund management companies Claudio Giannotti, Università Lum Jean Monnet di Casamassima Gianluca

Dettagli

CRESCITA A DUE CIFRE DEI RICAVI E DELL EBITDA NEL 4 TRIMESTRE DEL 2012

CRESCITA A DUE CIFRE DEI RICAVI E DELL EBITDA NEL 4 TRIMESTRE DEL 2012 CRESCITA A DUE CIFRE DEI RICAVI E DELL EBITDA NEL 4 TRIMESTRE DEL 2012 RICAVI, REDDITO OPERATIVO, EBITDA E UTILE NETTO IN CRESCITA ANNO SU ANNO NEL 4 TRIMESTRE 2012 E NELL INTERO ESERCIZIO 2012 Il gruppo

Dettagli

ALLEGATO (1) ALLA EXECUTION E TRANSMISSION POLICY: SEDI DI ESECUZIONE PER CATEGORIE DI STRUMENTI FINANZIARI E NEGOZIATORI INDIVIDUATI AI SENSI DELLA

ALLEGATO (1) ALLA EXECUTION E TRANSMISSION POLICY: SEDI DI ESECUZIONE PER CATEGORIE DI STRUMENTI FINANZIARI E NEGOZIATORI INDIVIDUATI AI SENSI DELLA ALLEGATO (1) ALLA EXECUTION E TRANSMISSION POLICY: SEDI DI ESECUZIONE PER CATEGORIE DI STRUMENTI FINANZIARI E NEGOZIATORI INDIVIDUATI AI SENSI DELLA SEZIONE 7 A. Azioni, ETF, titoli di Stato, obbligazioni,

Dettagli

Mediobanca a sostegno della media impresa

Mediobanca a sostegno della media impresa Premio Mediobanca alle imprese dinamiche Seconda Edizione 22 Maggio 2008 Il nostro focus strategico sulle medie imprese italiane p Mediobanca ha ulteriormente rafforzato il proprio focus sulle imprese

Dettagli

Gestione Finanziaria delle Imprese Lezione 2

Gestione Finanziaria delle Imprese Lezione 2 GESTIONE FINANZIARIA DELLE IMPRESE 1 L EVOLUZIONE DEL SISTEMA BANCARIO Lezione 2 Gli strumenti finanziari a disposizione di un impresa 2 Apertura di credito Sconto di effetti Contratti bancari Anticipo

Dettagli

EMU=EBU e la morte del BTP. Lunga vita all'italia

EMU=EBU e la morte del BTP. Lunga vita all'italia IFFI 10 edizione VALORIZZARE L IMPRESA E ATTRARRE GLI INVESTITORI La liquidità dei mercati finanziari per lo sviluppo delle imprese EMU=EBU e la morte del BTP. Lunga vita all'italia MILANO, 11 Novembre

Dettagli

Business Plan 14-16 - Indirizzi strategici e target di Gruppo. Sezione 1.4

Business Plan 14-16 - Indirizzi strategici e target di Gruppo. Sezione 1.4 Business Plan 14-16 - Indirizzi strategici e target di Gruppo Sezione 1.4 Linee guida Piano Strategico 2014-16 1 Semplificare il modello di business, ridurre l esposizione al comparto azionario 2 Confermare

Dettagli

Corporate e Private Banking. Sezione 2

Corporate e Private Banking. Sezione 2 Corporate e Private Banking Sezione 2 CIB Mediobanca : punti di forza Marchio affermato, forte identità aziendale Modello di business in linea con le nuove normative Approccio integrato orientato al cliente

Dettagli

LE MAGGIORI BANCHE EUROPEE NEL 1 SEMESTRE 2011

LE MAGGIORI BANCHE EUROPEE NEL 1 SEMESTRE 2011 LE MAGGIORI BANCHE EUROPEE NEL 1 SEMESTRE 2011 Copyright by Ricerche e Studi R & S, Foro Buonaparte 10, 20121 Milano, Italy www.mbres.it LE MAGGIORI BANCHE EUROPEE NEL 1 SEMESTRE 2011 Premessa In questa

Dettagli

Lo scenario di cambiamento del Private Banking in Italia: MIFID, processi di ipercompetizione e nuovi modelli di consulenza

Lo scenario di cambiamento del Private Banking in Italia: MIFID, processi di ipercompetizione e nuovi modelli di consulenza Lo scenario di cambiamento del Private Banking in Italia: MIFID, processi di ipercompetizione e nuovi modelli di consulenza Angelo DEIANA Responsabile Mercato Private Gruppo Monte dei Paschi di Siena Scenario

Dettagli

Una nuova asset class per investitori qualificati. Nuovi valori per un rapporto virtuoso tra industria, finanza e investitori

Una nuova asset class per investitori qualificati. Nuovi valori per un rapporto virtuoso tra industria, finanza e investitori Nuovi valori per un rapporto virtuoso tra industria, finanza e investitori Mercato delle fonti energetiche rinnovabili INVESTIMENTI CAPITALE / CREDITO? INVESTITORI QUALIFICATI PLAYER INDUSTRIALI CARATTERIZZATI

Dettagli

L ANALISI PER INDICI

L ANALISI PER INDICI Obiettivo dell analisi per indici è la valutazione delle scelte dell imprenditore attraverso la misurazione degli effetti economici, finanziari e patrimoniale prodotti dalle stesse. La corretta misurazione

Dettagli

Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 30.06.2015 Il Piano Industriale 2015-2017. Roma, 23.09.2015

Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 30.06.2015 Il Piano Industriale 2015-2017. Roma, 23.09.2015 Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 30.06.2015 Il Piano Industriale 2015-2017 Roma, 23.09.2015 Agenda I Profilo del Gruppo II Dinamica delle attività III Risultati di esercizio al 30.06.2015

Dettagli

Intervista. Intervista a Wolfgang Mader e Olga Braun-Cangl: Gli investimenti nel private market sono adatti a tutti i portafogli istituzionali?

Intervista. Intervista a Wolfgang Mader e Olga Braun-Cangl: Gli investimenti nel private market sono adatti a tutti i portafogli istituzionali? Intervista Intervista a Wolfgang Mader e Olga Braun-Cangl: Gli investimenti nel private market sono adatti a tutti i portafogli istituzionali? 34 Update I/2014 Marty-Jörn Klein, Redattore capo, intervista

Dettagli

2014 RAPPORTO SUL LEASING

2014 RAPPORTO SUL LEASING RAPPORTO SUL LEASING INDICE PREMESSA Leasing motore dell economia I numeri che contano di più 1. ll leasing nell attuale contesto economico di riferimento 1.1 Le dinamiche di PIL e investimenti Focus:

Dettagli

L evoluzione dal Private Banking al Global Wealth Management come fattore critico di successo

L evoluzione dal Private Banking al Global Wealth Management come fattore critico di successo L evoluzione dal Private Banking al Global Wealth Management come fattore critico di successo Valerio Pacelli Vice Direttore Generale 1 Chi è Banca Steinhauslin Banca Steinhauslin & C. rappresenta uno

Dettagli

I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo

I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo No. 5 - Settembre 2013 2 I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo Con il mercato obbligazionario

Dettagli

Operazioni di Private Equity nel settore Energy in Italia (anno 2011) Indagine Equiron

Operazioni di Private Equity nel settore Energy in Italia (anno 2011) Indagine Equiron Operazioni di Private Equity nel settore Energy in Italia (anno 2011) Indagine Equiron Giugno 2012 Operazioni di Private Equity nel settore Energy in Italia (anno 2011) Nel 2011 gli investimenti dei fondi

Dettagli

Agenda. Chi siamo. I nostri servizi. Contatti. Pag. 2. 1.1 Società, valori di fondo e approccio. 1.2 Partner. Pag. 3. 2.1 Aree di attività. Pag.

Agenda. Chi siamo. I nostri servizi. Contatti. Pag. 2. 1.1 Società, valori di fondo e approccio. 1.2 Partner. Pag. 3. 2.1 Aree di attività. Pag. Agenda Chi siamo 1.1 Società, valori di fondo e approccio 1.2 Partner Pag. 2 Pag. 3 I nostri servizi 2.1 Aree di attività 2.2 Servizi Pag. 4 Pag. 5 Contatti 3.1 Contatti Pag. 8 1 Chi siamo 1.1 Società,

Dettagli

COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CDA I DATI AL 30 SETTEMBRE 2007:

COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CDA I DATI AL 30 SETTEMBRE 2007: COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CDA I DATI AL 30 SETTEMBRE 2007: RICAVI AGGREGATI PRO-QUOTA * : 1.071,9 MLN DI EURO (+17%) RISULTATO OPERATIVO COMPRENSIVO DEI PROVENTI DA PARTECIPAZIONI: 164 MLN DI EURO;

Dettagli

Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive

Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive Advisory Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive Ricerca di efficienza, gestione del capitale e dei crediti non performing Esercizio kpmg.com/it Indice Executive Summary 4 Approccio metodologico

Dettagli

Risparmio gestito e stili di gestione Dott. Sergio Paris - Università degli Studi di Bergamo

Risparmio gestito e stili di gestione Dott. Sergio Paris - Università degli Studi di Bergamo Economia dei mercati mobiliari e finanziamenti di aziende Risparmio gestito e stili di gestione Dott. Sergio Paris - Università degli Studi di Bergamo Gli stili di gestione Stile di gestione come espressione

Dettagli

2. L Annuario 2011. 2.2 Le caratteristiche organizzative e le aree di operatività delle banche estere in Italia

2. L Annuario 2011. 2.2 Le caratteristiche organizzative e le aree di operatività delle banche estere in Italia 2. L Annuario 2011 2.1 Obiettivi e presentazione L obiettivo dell Annuario è quello di fornire alcune informazioni sintetiche e strutturate circa le Filiali di Banche Estere (FBE) attive in Italia e associate

Dettagli

Evoluzione del mercato dei Paperoni

Evoluzione del mercato dei Paperoni PricewaterhouseCoopers Advisory Osservatorio sul Private Banking Milano, 1 ottobre 2010 Giacomo Neri Partner in Charge Financial Services Practice PricewaterhouseCoopers Advisory Professore di Strategia

Dettagli

Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio

Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio Glossario Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio (nell accezione accolta nella Relazione e con esclusione dei termini entrati nel lessico comune italiano oppure inseriti in un contesto

Dettagli

Deutsche Bank Spa - Divisione Private & Business Clients

Deutsche Bank Spa - Divisione Private & Business Clients Deutsche Bank Spa - Divisione Private & Business Clients Modelli Organizzativi e Sistemi Informatici a Supporto del Segmento Private Banking - L Esperienza Deutsche Bank Italia Milano, 14 Ottobre 2004

Dettagli

Business Integration Partners

Business Integration Partners Business Integration Partners Innovation in Consulting La competizione nella comunicazione finanziaria assicurativa indotta da Solvency II Seconda parte: Survey BIP Comunicazione finanziaria del Risk Report

Dettagli

Approvati i risultati del primo trimestre 2007 GRUPPO MPS: UTILE NETTO A 253,6 MILIONI DI EURO

Approvati i risultati del primo trimestre 2007 GRUPPO MPS: UTILE NETTO A 253,6 MILIONI DI EURO COMUNICATO STAMPA Approvati i risultati del primo trimestre 2007 GRUPPO MPS: UTILE NETTO A 253,6 MILIONI DI EURO In forte accelerazione i flussi commerciali, 56.000 nuovi clienti nei primi quattro mesi

Dettagli

Carta, Editoria, Stampa e Trasformazione: i trend e le proposte per la crescita

Carta, Editoria, Stampa e Trasformazione: i trend e le proposte per la crescita Carta, Editoria, Stampa e Trasformazione: i trend e le proposte per la crescita Alessandro Nova Università L. Bocconi Roma, 18 febbraio 2014 Filiera della carta 2014 - Alessandro Nova 1 La Filiera della

Dettagli

Does Social Responsible Investing charge costs fairly? Evidences from Europe Alberto Lanzavecchia Stefania Arrigoni

Does Social Responsible Investing charge costs fairly? Evidences from Europe Alberto Lanzavecchia Stefania Arrigoni Does Social Responsible Investing charge costs fairly? Evidences from Europe Alberto Lanzavecchia Stefania Arrigoni Staffetta SRI delle Università italiane: @Parma, 6 novembre 2013 Mercato Europeo Euro

Dettagli

BOND TARGET GIUGNO 2016

BOND TARGET GIUGNO 2016 BOND TARGET GIUGNO 2016 Fausto Artoni, Stefano Mach, Luca Lionetti Prima dell adesione leggere il prospetto informativo Febbraio 2012 1 BOND TARGET GIUGNO 2016: CHE COSA E? Bond Target Giugno 2016 è un

Dettagli

BOND TARGET DICEMBRE 2016

BOND TARGET DICEMBRE 2016 BOND TARGET DICEMBRE 2016 Fausto Artoni, Stefano Mach, Luca Lionetti Prima dell adesione leggere il prospetto informativo Settembre 2012 1 BOND TARGET DICEMBRE 2016: CHE COSA E? Bond Target Dicembre 2016

Dettagli

Nethi Partners. Company Profile. Febbraio 2010

Nethi Partners. Company Profile. Febbraio 2010 Nethi Partners Company Profile Febbraio 2010 Chi siamo Missione Nethi Partners, azienda di consulenza ed advisory, nasce come evoluzione e sviluppo di Thuban Partners, sorta alla fine del 2007 per opera

Dettagli

Bureau van Dijk. BvD: alcuni dati. 31 uffici. >600 dipendenti. >5000 clienti. >50 prodotti. Partnership con >100 IP. Dati su >120mln di aziende

Bureau van Dijk. BvD: alcuni dati. 31 uffici. >600 dipendenti. >5000 clienti. >50 prodotti. Partnership con >100 IP. Dati su >120mln di aziende Bureau van Dijk BvD rappresenta uno dei leader mondiali nella distribuzione dell informazione economico-finanziaria; grazie alla sua presenza internazionale e alla collaborazione coi principali IP mondiali

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2020

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2020 COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2020 VALORIZZATO IL RUOLO DI BANCA COMMERCIALE RADICATA SUL TERRITORIO, PUNTO DI

Dettagli

Le sofferenze del credito in Italia Convegno IPE La gestione delle sofferenze bancarie. Napoli, 10 Dicembre 2015

Le sofferenze del credito in Italia Convegno IPE La gestione delle sofferenze bancarie. Napoli, 10 Dicembre 2015 Le sofferenze del credito in Italia Convegno IPE La gestione delle sofferenze bancarie Napoli, 10 Dicembre 2015 Crescita delle sofferenze con importanti impatti su sistema bancario, investimenti e PIL

Dettagli

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy 1. INTRODUZIONE Il presente documento definisce e formalizza le modalità ed i criteri adottati da Banca Popolare di Spoleto S.p.A. (di seguito, la Banca

Dettagli

LE DETERMINANTI DELLA REDDITIVITÀ DELLE SOCIETA OPERANTI NEL COMPARTO TESSILE ABBIGLIAMENTO IN ITALIA

LE DETERMINANTI DELLA REDDITIVITÀ DELLE SOCIETA OPERANTI NEL COMPARTO TESSILE ABBIGLIAMENTO IN ITALIA LE DETERMINANTI DELLA REDDITIVITÀ DELLE SOCIETA OPERANTI NEL COMPARTO TESSILE ABBIGLIAMENTO IN ITALIA Il metodo CVRP per l analisi delle maggiori società tessili italiane Stefano Cordero di Montezemolo

Dettagli

RISULTATI AL 31 DICEMBRE 2013

RISULTATI AL 31 DICEMBRE 2013 RISULTATI AL 31 DICEMBRE 2013 COMUNICATO STAMPA Parigi, 13 febbraio 2014 RESISTENZA DEI RICAVI IN UN DIFFICILE CONTESTO EUROPEO MARGINE DI INTERMEDIAZIONE DELLE DIVISIONI OPERATIVE: -1,6%* / 2012 COSTANTE

Dettagli

Manelli Capitolo 00:Manelli Cap 0 21-09-2009 9:11 Pagina V. Indice. Introduzione

Manelli Capitolo 00:Manelli Cap 0 21-09-2009 9:11 Pagina V. Indice. Introduzione Manelli Capitolo 00:Manelli Cap 0 21-09-2009 9:11 Pagina V Indice XI Introduzione 3 CAPITOLO 1 Il valore come sintesi degli obiettivi aziendali 3 1.1 Evoluzione e contenuti della funzione finanziaria d

Dettagli

i dossier SECONDA PUNTATA Tutto quello che avreste voluto sapere su spread, aste, Btp e nessuno vi ha mai detto www.freefoundation.

i dossier SECONDA PUNTATA Tutto quello che avreste voluto sapere su spread, aste, Btp e nessuno vi ha mai detto www.freefoundation. 43 i dossier www.freefoundation.com SECONDA PUNTATA Tutto quello che avreste voluto sapere su spread, aste, Btp e nessuno vi ha mai detto 5 marzo 2012 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Il mercato primario

Dettagli

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon Valore Cedola Globale - 09/2015 A chi si rivolge

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon Valore Cedola Globale - 09/2015 A chi si rivolge info Prodotto è un Comparto del fondo comune di diritto lussemburghese Investment Solutions by Epsilon, istituito da Eurizon Capital S.A. e gestito da Epsilon SGR. Il Comparto mira ad ottenere un rendimento

Dettagli

9.583 6.006 7.463 +24% Premi Diretti. Quota di mercato. Ranking 2.228 6.979. Raccolta Diretta Raccolta Indiretta 15.928 11.461 29,4 +11 % 17,7

9.583 6.006 7.463 +24% Premi Diretti. Quota di mercato. Ranking 2.228 6.979. Raccolta Diretta Raccolta Indiretta 15.928 11.461 29,4 +11 % 17,7 GRUPPO UNIPOL Presentazione Aprile 2005 IL GRUPPO UNIPOL AL 31/12/2004 Eur/mln 2002 2003 2004 Comparto Assicurativo Premi Diretti 6.006 +23% 7.463 +24% 9.583 +28% dei quali Vita 3.717 +34% 4.650 +25 %

Dettagli

PMI e mercato dei capitali:

PMI e mercato dei capitali: PMI e mercato dei capitali: Focus su AIM Italia e programma ELITE Barbara Lunghi Head of Mid & Small Caps - Primary Markets Borsa Italiana London Stock Exchange Group L offerta di Borsa Italiana per le

Dettagli

LE MAGGIORI BANCHE EUROPEE NEL 1 SEMESTRE 2013

LE MAGGIORI BANCHE EUROPEE NEL 1 SEMESTRE 2013 LE MAGGIORI BANCHE EUROPEE NEL 1 SEMESTRE 2013 Copyright 2013 by Ricerche e Studi R & S, Foro Buonaparte 10, 20121 Milano, Italy www.mbres.it LE MAGGIORI BANCHE EUROPEE NEL 1 SEMESTRE 2013 In questa nota

Dettagli