LE OPERE DI ADDUZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LE OPERE DI ADDUZIONE"

Transcript

1 Erico Piga LE OPERE DI ADDUZIONE Apputi di Costruzioi Idrauliche per gli allievi del uovo ordiameto Uiversità degli Studi di Cagliari Facoltà di Igegeria Dipartimeto di Igegeria del Territorio Sezioe di Idraulica

2 Queste dispese raccolgoo e riordiao il materiale didattico delle lezioi riguardati le opere d adduzioe, co lo scopo di forire agli allievi del uovo ordiameto didattico u riferimeto ed u ausilio allo studio della disciplia. Esse pertato o costituiscoo u testo completo della materia e potrao essere utilmete itegrate cosultado le pricipali opere sugli acquedotti riportate ella bibliografia.

3 . GENERALITA' SUGLI ACQUEDOTTI Prede il ome di ACQUEDOTTO l'isieme delle tubazioi, dei maufatti e delle apparecchiature destiate all'approvvigioameto idrico delle uteze. I dipedeza della atura di queste ultime, gli acquedotti vegoo distiti i acquedotti civili, acquedotti idustriali ed opere d'irrigazioe: gli acquedotti civili soo destiati alla copertura dei fabbisogi idropotabili dei cetri urbai; gli acquedotti idustriali soo destiati all'approvvigioameto idrico delle idustrie; le opere d'irrigazioe soo ifie destiate a soddisfare le ecessità idriche delle colture. I tre tipi di opere codividoo la maggior parte delle problematiche progettuali e costruttive e si differeziao tra loro solamete per alcui aspetti. I particolare, a secoda che l'uteza da servire sia costituita dalla popolazioe di u isediameto urbao, dalle idustrie di ua area idustriale o dalle aziede di u compresorio irriguo, sarao ovviamete differeti le modalità di valutazioe delle portate di dimesioameto, i requisiti di qualità delle acque e la struttura della rete di distribuzioe, che costituisce la parte termiale del sistema. Nell'ambito del corso sarà trattato solamete il problema del dimesioameto degli acquedotti civili; tuttavia, teedo a mete le differeze sopra acceate, l'approccio geerale alla progettazioe, i criteri e le alterative da cosiderare per il dimesioameto idraulico ed il disego dei pricipali maufatti lugo liea soo essezialmete gli stessi per i tre tipi di opere... Schema di u acquedotto civile Prima di procedere all'esame del processo di dimesioameto, coviee illustrare sommariamete le varie opere ed impiati costitueti u acquedotto facedo riferimeto al semplice schema al servizio di u uico cetro urbao riportato el profilo di figura.. Figura. Schema di u acquedotto.

4 LE OPERE DI ADDUZIONE Apputi di Costruzioi Idrauliche a.a Partedo da mote, la prima opera del sistema è l'opera di presa o di captazioe. Essa, come dice lo stesso ome, assolve la fuzioe di captare la risorsa idrica e rederla dispoibile per le successive fasi di trattameto, trasporto, accumulo e distribuzioe. La forma geerale dell'opera di presa dipede dal tipo di risorsa captata: essa è costituita da u sistema di vasche el caso di prese di sorgeti, da pozzi tubolari o da gallerie dreati el caso di captazioe di falde profode o superficiali (figura.), da traverse dotate di derivazioe laterale o di impiati di sollevameto el caso di prese da corsi d'acqua, da torri di presa el caso di acque superficiali derivate da opere d ivaso (figura.3). Figura. Opere di presa di acque sotterraee: presa da sorgete e presa da falda. Figura.3 Opere di presa di acque superficiali: presa da u corso d acqua mediate sollevameto e presa da u ivaso mediate torre di presa.

5 E. Piga Subito a valle dell'opera di presa è usualmete ubicato l'impiato di trattameto che coferisce all'acqua le caratteristiche di potabilità richieste elimiado mediate processi fisici e chimici le sostaze idesiderate preseti ell'acqua grezza. Figura.4 Attraversameto stradale i cuicolo. Dall'impiato di potabilizzazioe origia l'acquedotto estero, costituito usualmete da ua rete aperta di codotte adduttrici i pressioe posate i fossa iterrata che alimetao i serbatoi d'accumulo ubicati elle immediate viciaze dei cetri urbai. Lugo l'adduttrice soo preseti umerose opere d'arte: maufatti d'attraversameto i corrispodeza agli icroci tra la codotta e la rete viaria, la rete ferroviaria ed i corsi d'acqua (figure.4 e.5), evetuali impiati di sollevameto, partitori a pelo libero e i pressioe, vasche di discoessioe oché umerosi piccoli maufatti detti pozzetti, destiati ad ospitare le apparecchiature di maovra e regolazioe (figura.6). Figura.5 Attraversameto aereo di u corso d acqua. Nella maggior parte dei sistemi d approvvigioameto il maufatto termiale dell'acquedotto estero è costituito da u serbatoio di testata, iterrato, semiterrato o pesile (figure.7 e.8), che svolge fuzioi di regolazioe delle portate e di riserva a frote di iterruzioi dell'adduzioe e di prelievi per lo spegimeto degli icedi. Dal serbatoio iizia ifie la rete di distribuzioe, costituita da ua sistema di codotte posate i ogi strada del cetro che assicurao la foritura di acqua potabile a tutti gli uteti. A frote di particolari morfologie del territorio circostate il cetro, al posto del serbatoio di testata viee realizzato u torrio piezometrico metre il maufatto d'accumulo, chiamato i questo caso serbatoio di estremità, è disposto alla periferia opposta del cetro ed è alimetato tramite la stessa rete di distribuzioe. 3

6 LE OPERE DI ADDUZIONE Apputi di Costruzioi Idrauliche a.a Figura.6 Pozzetto di scarico. No tutte le opere sopra idicate soo sempre preseti i ogi acquedotto: esse ifatti dipedoo dalle caratteristiche della risorsa e dei cetri da servire, dalla morfologia e dalla altimetria dei territori attraversati e dalla desità della rete viaria e idrografica, le quali codizioao sostazialmete la soluzioe progettuale adottata. I preseza di acque co buoe caratteristiche potabili, ad esempio, l'impiato di trattameto può cosistere el solo stadio di disifezioe metre, a secoda del territorio iteressato dal tracciato, possoo macare i maufatti di attraversameto, i partitori o le cetrali di sollevameto. Figura.7 Serbatoio iterrato co impiato di sollevameto. 4

7 E. Piga Figura.8 Serbatoio pesile. 5

8 LE OPERE DI ADDUZIONE Apputi di Costruzioi Idrauliche a.a LA QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI.. Le caratteristiche delle acque aturali I tutte le acque aturali soo sovete preseti, i differete misura a secoda della risorsa cosiderata, sostaze solide e gassose i soluzioe, sostaze solide i sospesioe, sostaze orgaiche morte ed orgaismi viveti. Le acque meteoriche cotegoo i soluzioe i gas costitueti l'atmosfera, metre o presetao, se o occasioalmete, sostaze solide ed orgaiche. Esse costituiscoo ua risorsa quatitativamete margiale per l'uso civile e la loro utilizzazioe è limitata a piccoli sistemi di raccolta, talvolta adottati per l'alimetazioe di case isolate. Le acque superficiali hao caratteristiche molto variabili sia el tempo che da sito a sito. Soo i geerale poco mieralizzate ma cotegoo residui orgaici, microrgaismi ache patogei e sostaze iquiati di varia atura derivati dagli scarichi dei cetri urbai o preseti sul suolo. Soprattutto ei periodi più piovosi esse presetao ua forte torbidità ed u alto coteuto di materie i sospesioe. Grazie al processo di filtrazioe cui soo sottoposte lugo il loro percorso, le acque sotterraee soo usualmete povere di sostaze orgaiche metre hao spesso u elevato coteuto di sostaze solide e gassose disciolte, i dipedeza dalla atura dei terrei attraversati. Sovete esse presetao caratteristiche idoee all'uso potabile, richiededo limitati trattameti depurativi e di disifezioe. Tra di esse, i particolare, le acque di sorgete soo state le prime risorse tradizioalmete captate per l'uso potabile. Le pricipali sostaze gassose i soluzioe elle acque superficiali e sotterraee soo l'azoto, l'ossigeo e l'aidride carboica. Esse soo preseti i percetuali differeti da quelle dell'atmosfera, sia per la diversa solubilità i acqua dei gas sia i quato gli strati superficiali del suolo iteressati dal deflusso e dall'ifiltrazioe soo sede di itesi processi biochimici e soo molto ricchi di aidride carboica. La maggior parte di sostaze solide disciolte elle acque aturali è costituita dai bicarboati, dai solfati e dai cloruri di calcio, magesio, sodio e potassio, preseti sia come molecole idissociate che come ioi positivi e egativi. I sali di calcio e di magesio costituiscoo la durezza dell'acqua, che si usa distiguere i durezza temporaea e durezza permaete. La prima è costituita dai bicarboati e viee elimiata mediate riscaldameto, che trasforma i bicarboati i carboati scarsamete solubili che precipitao, metre la secoda è prevaletemete costituita da solfati e, i piccola parte, da cloruri, fosfati ed altri sali. La durezza dell'acqua viee usualmete espressa i gradi fracesi, la cui uità corrispode a 0 mg/l di CaCO 3. Tra le altre sostaze disciolte elle acque aturali rivestoo importaza i sali di ferro e magaese che, pur o essedo i geere i quatità tale da risultare ocivi, coferiscoo all'acqua sapore e colore sgradevoli. Soo ioltre spesso preseti cloruri, solfati, fosfati e floruri i quatità molto variabili da caso a caso, derivati dal dilavameto dei terrei e delle formazioi rocciose iteressate dal deflusso. Il totale dei sali disciolti costituisce il residuo fisso, che si ottiee per riscaldameto ed evaporazioe, ed il residuo 6

9 E. Piga secco, otteibile per ulteriore riscaldameto dopo la completa evaporazioe, per i quali le orme di potabilità fissao dei limiti di accettabilità. Di particolare rilevaza soo ifie i composti dell'azoto, e, i specifico, l'ammoiaca, i itriti ed i itrati, che soo cosiderati idicatori di iquiameto da sostaze orgaiche, di origie recete o remota a secoda del grado di ossidazioe dell azoto. Metre le acque sotterraee o cotegoo di orma sostaze i sospesioe, esse soo ivece sempre preseti elle acque superficiali, ma la loro quatità varia otevolmete el tempo a secoda dello stato di magra o di piea dei corsi d'acqua. Le sostaze i sospesioe vegoo distite i sostaze sedimetabili, che possoo essere elimiate per semplice decatazioe, e sostaze o sedimetabili, come le soluzioi colloidali, che richiedoo l'adozioe di specifici processi chimico-fisici. Le sostaze orgaiche preseti elle acque aturali soo costituite da microrgaismi viveti (flora batterica, microfaua e microflora) e da residui orgaici, cosisteti i parti di tessuto aimale e vegetale e i prodotti del metabolismo di essere viveti. Il coteuto orgaico viee determiato idirettamete mediate misurazioe dell'ossigeo ecessario ad ua completa ossidazioe della sostaza orgaica, itroducedo ell'acqua sostaze come il permagaato di potassio che cede facilmete l'ossigeo. Il coteuto di orgaismi viveti viee determiato mediate aalisi microscopica e, per quato riguarda la flora batterica, mediate coltura e computo delle coloie formatesi. L attuale ormativa italiaa (D.L.. 58 del ) o prevede essu vicolo all'impiego delle acque sotterraee metre classifica le acque superficiali destiate alla produzioe di acqua potabile elle tre categorie deomiate A, A, ed A3, i relazioe alla preseza di ua serie di sostaze idesiderabili o daose. Per il loro utilizzo, le acque che ricadoo ella categoria A devoo essere sottoposte a trattameti fisici e disifezioe, quelle della categoria A a trattameti fisico-chimici ormali e disifezioe metre quelle della categoria A3 a trattameti fisico-chimici spiti, affiazioe e disifezioe. Le acque che o rietrao ei limiti della categoria A3 possoo essere utilizzate solo i via eccezioale per l'uso idropotabile. Nella tabella. soo riportati per le tre categorie i valori guida (G) ed i limiti di accettabilità (I) delle varie sostaze. Tabella. Caratteristiche di qualità per le acque superficiali destiate alla produzioe di acqua potabile. Numero parametro Parametro Uità di misura ph Uità ph 6,5-8,5. 5, ,5-9 - Colore (dopo filtrazioe semplice) A G A I mg/l scala pt 0 0(o) 50 00(o) 50 00(o) 3 Totale materie i sospesioe mg/l MES Temperatura C 5(o) 5(o) 5(o) 5 Coduttività µs/cm a Odore Fattore di diluizioe a 5 C A G A I A3 G * Nitrati mg/l NO3 5 50(o) - 50(o) - 50(o) 8 Fluoruri () mg/l F 0,7/,5 0,7/,7-0,7/,7-9 Cloro orgaico totale estraibile mg/l Cl * Ferro disciolto mg/l Fe 0, 0,3 - * Magaese mg/l M 0,05-0, - - Rame mg/l Cu 0,0 0,05(o) 0, Zico mg/l Z 0, Boro mg/l B Berillio mg/l Be Cobalto mg/l Co A3 I 7

10 LE OPERE DI ADDUZIONE Apputi di Costruzioi Idrauliche a.a Nichelio mg/l Ni Vaadio mg/l V Arseico mg/l As 0,0 0,05-0,05 0,05 0, 0 Cadmio mg/l Cd 0,00 0,005 0,00 0,005 0,00 0,005 Cromo totale mg/l Cr - 0,05-0,05-0,05 Piombo mg/l Pb - 0,05-0,05-0,05 3 Seleio mg/l Se - 0,0-0,0-0,0 4 Mercurio mg/l Hg 0,0005 0,00 0,0005 0,00 0,0005 0,00 5 Bario mg/l Ba - 0, Ciauro mg/l CN - 0,05-0,05-0,05 7 Solfati mg/l SO (o) 50 50(o) 8 Cloruri mg/l Cl Tesioattivi (che reagiscoo al blu di metilee) Mg/L (solfato di laurile) 0, - 0, - 0,5-30* Fosfati () mg/l PO5 0,4-0,7-0,7-3 Feoli (idice feoli) paraitroailia, 4 ammioatipiria 3 Idrocarburi disciolti o emulsioati (dopo estrazioe mediate etere di petrolio) Mg/L C6H5OH - 0,00 0,00 0,005 0,0 0, mg/l - 0,05-0, 0,5 33 Idrocarburi policiclici aromatici mg/l - 0,000-0,000-0,00 34 Atiparassitari-totale (parathio, HCH, dieldrie) 35* Domada chimica Ossigeo (COD) 36* Tasso di saturazioe dell'ossigeo disciolto 37* A 0 C seza itrificazioe domada biochimica di ossigeo (BOD5) 38 Azoto Kjeldaht (trae NO ed NO3) mg/l - 0,00-0,005-0,005 mg/l O % O > 70 - > 50 - > 30 - mg/l O < 3 - < 5 - < 7 - mg/l N Ammoiaca mg/l NH4 0,05 -,5 4(o) 40 Sostaze estraibili al cloroformio mg/l SEC 0, - 0, - 0,5-4 Carboio orgaico totale mg/l C Carboio orgaico residuo (dopo flocculazioe e filtrazioe su membraa da 5µ) TOC mg/l C Coliformi totali /00 ml Coliformi fecali /00 ml Streptococchi fecali /00 ml Salmoella - asseza i 5000 ml Categoria A - Trattameto fisico semplice e disifezioe Categoria A - Trattameto fisico e chimico ormale e disifezioe Categoria A3 - Trattameto fisico e chimico spito, affiazioe e disifezioe I = Imperativo ; G = Guida - asseza i 000 ml Le caratteristiche delle acque destiate al cosumo umao Le caratteristiche delle acque destiate al cosumo umao soo fissate dal D.Lgs.. 7 del.0.00, che recepisce la direttiva comuitaria 98/83/CE. La orma fissa i requisiti miimi per ua serie di parametri microbiologici e chimici, riportati elle tabelle 8

11 E. Piga segueti (Parte A e B), oché ua serie di parametri idicatori (Parte C). I caso di o coformità alle specifiche di quest ultimo eleco, l Autorità d ambito dispoe opportui provvedimeti per il ripristio della qualità. Il Decreto fissa ioltre i parametri da sottoporre al cotrollo di routie e di verifica e la frequeza dei relativi campioameti e specifica ioltre le uità di misura ed il tipo di aalisi co il quale effettuare le determiazioi. PARTE A - Parametri microbiologici Parametro Valore di parametro (umero/00ml) Escherichia coli (E. coli) 0 Eterococchi 0 PARTE B - Parametri chimici Parametro Valore di parametro Uità di misura Note Acrilammide 0,0 µg/l Nota Atimoio 5,0 µg/l Arseico 0 µg/l Bezee,0 µg/l Bezo(a)piree 0,00 µg/l Boro,0 µg/l Bromato 0 µg/l Nota Cadmio 5,0 µg/l Cromo 50 µg/l Rame,0 mg/l Nota 3 Ciauro 50 µg/l, dicloroetao 3,0 µg/l Epicloridria 0,0 µg/l Nota Fluoruro,50 mg/l Piombo 0 µg/l Note 3 e 4 Mercurio,0 µg/l Nichel 0 µg/l Nota 3 Nitrato (come NO i base 3) Nitrito (come NO i base ) 50 mg/l Nota 5 0,50 Mg/l Nota 5 Atiparassitari 0,0 µg/l Note 6 e 7 Atiparassitari-Totale 0,50 µg/l Note 6 e 8 Idrocarburi policiclici aromatici 0,0 µg/l Somma delle cocetrazioi di composti specifici; Nota 9 Seleio 0 µg/l Tetracloroetilee Tricloroetilee 0 µg/l 9 Somma delle cocetrazioi dei parametri specifici

12 LE OPERE DI ADDUZIONE Apputi di Costruzioi Idrauliche a.a Trialometai-Totale 30 µg/l Somma cocetrazioi di composti specifici; Cloruro di viile 0,5 µg/l Nota Clorito 00 µg/l Nota Vaadio 50 µg/l PARTE C - Parametri idicatori Parametro Valore di parametro Uità di misura Note Allumiio 00 µg/l Ammoio 0,50 mg/l Cloruro 50 mg/l Nota Clostridium perfriges (spore comprese) Colore 0 Numero/00 ml Nota Accettabile per i cosumatori e seza variazioi aomale Coduttività 500 µscm - a 0 C Nota Cocetrazioe ioi idrogeo 6,5 e 9,5 Uità ph Note e 3 Ferro 00 µg/l Magaese 50 µg/l Odore Accettabile per i cosumatori e seza variazioi aomale Ossidabilità 5,0 Mg/l O Nota 4 Solfato 50 mg/l Nota Sodio 00 mg/l Sapore Coteggio delle coloie a C Accettabile per i cosumatori e seza variazioi aomale Seza variazioi aomale Batteri coliformi a 37 C 0 Numero/00 ml Nota 5 Carboio orgaico totale (TOC) Seza variazioi aomale Nota 6 Torpidità Durezza * Residuo secco a 80 C ** Accettabile per i cosumatori e seza variazioi aomale Nota 7 Il limite iferiore vale per le acque sottoposte a trattameto di addolcimeto o di dissalazioe Disifettate residuo *** * valori cosigliati: 5-50 F.; ** valore massimo cosigliato: 500 mg/l. ; *** valore cosigliato 0, mg/l (se impiegato). 0

13 E. Piga.3. I trattameti di potabilizzazioe I trattameti di potabilizzazioe ed il dimesioameto dei relativi impiati formao l'oggetto di specifici isegameti faceti parte dell'igegeria saitaria-ambietale. Nell'ambito del presete corso ci si limiterà pertato a brevi cei sull'argometo, riviado per gli approfodimeti all'ampia letteratura tecica esistete. I trattameti fisici semplici hao lo scopo di elimiare dall'acqua grezza le sostaze i sospesioe. I processi più importati soo la grigliatura, la stacciatura e la microstacciatura, la sedimetazioe e la filtrazioe. La grigliatura ha la fuzioe d'itercettare i corpi solidi di maggiore dimesioe ed è spesso modulata i due fasi successive: ua grigliatura grossolaa, co luci libere tra le sbarre di alcui cetimetri ed ua grigliatura fie, co aperture libere di ua decia di millimetri. La pulizia delle griglie, che si itasao progressivamete durate il fuzioameto, viee effettuata meccaicamete mediate dei rastrelli mobili che asportao i modo cotiuo o itermittete il materiale itercettato (vedi figura.). Figura. Griglia muita di rastrello rotate. La stacciatura e la microstacciatura soo dei processi simili alla grigliatura. L'acqua grezza viee fatta passare attraverso delle tele filtrati avvolte su di ua itelaiatura cilidrica (tamburo), parzialmete immersa ella correte. Le dimesioi delle aperture delle tele filtrati è dell'ordie di 0,5 mm egli stacci e di 50 µm ei microstacci. Il tamburo ruota i modo cotiuo itoro ad u asse orizzotale i modo da portare al disopra del pelo libero la parte di tela precedetemete immersa e cosetire la pulizia, che viee effettuata mediate getti d'acqua i pressioe. La sedimetazioe cosiste ell'immettere l'acqua grezza i vasche a pelo libero di dimesioe trasversale tale da determiare bassi valori di velocità e cosetire durate l attraversameto della vasca la sedimetazioe delle particelle sospese. La filtrazioe è u processo utilizzato per elimiare dall'acqua grezza le sostaze o sedimetabili e cosiste el filtrare la portata attraverso u letto filtrate costituito da uo strato di materiale sciolto di piccola graulometria. Metre el caso di piccole portate soo spesso adottati filtri i pressioe, la tecica di filtrazioe più diffusa per gli impiati di

14 LE OPERE DI ADDUZIONE Apputi di Costruzioi Idrauliche a.a medie e gradi dimesioi è quella dei filtri veloci a gravità, ei quali si adottao velocità di filtrazioe ache superiori a 6 m/ora. Essi soo costituiti da ua vasca dotata di u falso fodo muito di ugelli, al di sopra del quale viee disposto il letto filtrate formato da uo stato di sabbia silicea o altro materiale, co spessore dell'ordie di u metro (figura.). La portata da filtrare viee immessa uiformemete i tutta la vasca ed ha ua altezza del pelo libero rispetto al falso fodo di circa metri. Dopo aver attraversato il letto filtrate e gli ugelli del falso fodo, l'acqua raggiuge l'itercapedie sottostate dalla quale viee derivata tramite ua tubazioe muita di u orgao di regolazioe, che determia ua perdita di carico aggiutiva a quella dovuta al filtro. Poiché durate il fuzioameto le perdite di carico el filtro aumetao a causa del progressivo itasameto, per mateere costate il livello ella vasca viee cotemporaeamete ridotta la perdita di carico aggiutiva dell'orgao di regolazioe. Quado il filtro è completamete itasato e l'orgao di regolazioe completamete aperto, la fase di filtrazioe viee iterrotta ed il filtro viee lavato i cotrocorrete. Il lavaggio viee effettuato immettedo dal falso fodo aria ed acqua i pressioe, che hao l'effetto di far espadere il letto, mettere i rapida agitazioe i grai del letto filtrate e rimuovere il materiale tratteuto. L'acqua di lavaggio, carica di materiale i sospesioe, tracima etro u caale di raccolta disposto etro la vasca e viee avviata allo scarico. Figura. Schema di u filtro rapido. La durata della fase di filtrazioe dipede dal carico di sostaze sospese ell'acqua grezza ed è usualmete compresa tre le e le 36 ore metre la fase di lavaggio ad aria ed acqua è dell'ordie di alcue decie di miuti. Per assicurare la cotiuità del trattameto ache a frote di u fuzioameto itermittete dei sigoli filtri, gli impiati prevedoo usualmete più filtri disposti i parallelo. Il pricipale trattameto chimico-fisico semplice è la chiarificazioe (figura.3), adottata per le acque delle categorie A ed A3, che cosete l'abbattimeto delle sostaze preseti sotto forma di sospesioi colloidali. Il processo cosiste ell'additivare all'acqua grezza dei reattivi (flocculati) che formao u precipitato i forma di fiocchi che iglobao le particelle i sospesioe cosetedoe la decatazioe. Negli impiati attuali, la fase di mescolameto dei reattivi, quella di flocculazioe e quella di sedimetazioe avvegoo i uica vasca, spesso di forma circolare, talvolta dotata di setti che covogliao l'acqua grezza elle zoe ove avvegoo i diversi processi.

15 E. Piga I coagulati più diffusi soo i solfati e gli idrossidi di allumiio e ferro ed i polielettroliti orgaici, costituiti da grosse molecole solubili i acqua. La chiarificazioe è di regola associata ad uo stadio di filtrazioe su letto di sabbia, che elimia quella parte di fiocchi rimasti i sospesioe ell'acqua chiarificata. Figura.3 Schema di u chiarificatore. I relazioe alle caratteristiche dell'acqua da trattare soo spesso adottati altri processi di tipo chimico, fializzati all'elimiazioe di specifiche sostaze i soluzioe preseti ell'acqua grezza. Tra di essi citiamo, i particolare, l'addolcimeto, adottato i preseza di acque molto dure, che cosete di ridurre il coteuto di calcio e magesio co l'aggiuta di calce, che trasforma i bicarboati i carboati, e di soda, che trasforma cloruri e solfati i carboati ed idrossidi poco solubili. Altri processi soo la deferrizzazioe e la demagaizzazioe, che elimiao il ferro e il magaese, e la stabilizzazioe, che corregge le caratteristiche icrostati o aggressive dell'acqua grezza. I processi di disifezioe più diffusi soo la clorazioe, l'ozoizzazioe e l'attiizzazioe. Il primo di questi processi cosiste ell'addittivare all'acqua il cloro, sia sotto forma di ipoclorito di sodio che di cloro gas, che ha u elevato potere ossidate e battericida. L'impiego del cloro gas, assai più efficace dell'ipoclorito di sodio, trova tuttavia delle limitazioi legate alla pericolosità della sostaza ed alle ecessarie procedure di sicurezza da adottare per il suo uso. Etrambi i disifettati, ioltre, possoo dar luogo, a secoda delle caratteristiche dell'acqua e particolarmete i preseza di forti coteuti di sostaze orgaiche, a composti tossici. L'ozoizzazioe cosiste ell'immettere ell'acqua dell'ozoo, che viee prodotto sottopoedo a scariche elettriche ua correte d'aria prelimiarmete essiccata. L'aria ricca di ozoo viee quidi isufflata ell'acqua da trattare, ella quale l'ozoo passa i soluzioe esercitado ua efficace azioe battericida. Poiché l'ozoo tede ad ossidare prioritariamete i residui orgaici morti, occorre prevetivamete chiarificare e filtrare l'acqua, i modo da abbattere il coteuto di sostaze orgaiche. L'ozoizzazioe preseta il vataggio di migliorare ache le caratteristiche orgaolettiche dell'acqua, elimiado sapori ed odori sgradevoli. La diffusioe del processo è tuttavia limitata dal suo alto costo di gestioe. U terzo processo di disifezioe, ach'esso di costo elevato, è quello dell'irraggiameto co raggi ultravioletti (attiizzazioe). Esso cosiste ell'irraggiare l'acqua mediate raggi ultravioletti prodotte da lampade a vapori di mercurio. La 3

16 LE OPERE DI ADDUZIONE Apputi di Costruzioi Idrauliche a.a limitazioe ella diffusioe di questa tecica è legata, oltre che al costo elevato, alla ecessità di assicurare ua ottima limpidezza dell'acqua che scorre sotto le lampade, che deve presetare u battete massimo di ua vetia di cetimetri ed essere esposta ai raggi per alcui secodi. 4

17 E. Piga 3. I FABBISOGNI IDROPOTABILI DEI CENTRI URBANI Nella progettazioe di u acquedotto la prima gradezza da determiare è la portata da addurre al cetro urbao, per il cui valore occorre dimesioare le codotte e le varie opere d'arte. Essa sarà ovviamete commisurata al fabbisogo idrico del cetro, che rappreseta il volume gioraliero medio ell arco dell ao, ecessario per la copertura di tutti i differeti usi esisteti el cetro. Il fabbisogo idropotabile di u cetro urbao dipede da molti fattori, tra i quali, pricipalmete: l'etità della popolazioe; l'attività lavorativa prevalete; il livello di beessere della popolazioe; il costo dell'acqua potabile; la tipologia edilizia; il clima; la dispoibilità di acqua; l'efficieza della rete; la pressioe i rete; la preseza di cotatori. Le leggi di dipedeza tra essi ed il fabbisogo idrico o soo però sufficietemete precise e coosciute da cosetire affidabili determiazioi quatitative. E ciò ache perché ella progettazioe di u acquedotto o si fa riferimeto ai fabbisogi attuali, che potrebbero essere direttamete misurati, ma besì ai fabbisogi futuri, che si verificherao dopo ai dalla costruzioe. Questa esigeza asce dal fatto che la durata media dei sistemi di acquedotto è piuttosto luga. Si stima mediamete che le opere possao restare i esercizio circa 40 ai prima che gli oeri di mautezioe divetio così elevati da redere ecoomicamete più coveiete il rifacimeto. Nell'arco di tale periodo i cosumi idrici e quidi la portata da addurre tederao presumibilmete a crescere, come si è verificato el passato, sia perché l'etità della popolazioe servita aumeta i geerale el tempo, sia perché il fabbisogo idrico pro-capite cresce co lo sviluppo ed il beessere ecoomico. Poiché i costi di realizzazioe delle opere o variao proporzioalmete alla portata ma hao u adameto o lieare caratterizzato da u elevato u costo fisso iiziale (figura 3.), risulta coveiete dimesioare le opere per la portata relativa all'ultimo ao della loro vita utile piuttosto che frazioare l'iterveto i provvedimeti parziali che comporterebbero costi complessivi più elevati. 5

18 LE OPERE DI ADDUZIONE Apputi di Costruzioi Idrauliche a.a costo portata Figura 3. - Adameto dei costi di u acquedotto al variare della portata di dimesioameto Da quato sopra esposto emerge co evideza sia la difficoltà di valutare globalmete il fabbisogo di u cetro urbao sia l'aleatorietà che cotrassega qualuque stima vega effettuata. E' quidi ivalsa la procedura di ripartire la determiazioe i due differeti stime: ad ua data di circa 40 ai successiva a quella della progettazioe vegoo valutate separatamete l'etità della popolazioe e la dotazioe uitaria media aua (espressa usualmete i litri/ab gioro), che rappreseta il volume gioraliero medio auo assegato ad ogi abitate per coprire tutti i cosumi che si verificao el cetro. Ovviamete, la dotazioe uitaria o ha lo stesso valore i tutti i cetri, ma viee fatta variare i dipedeza dei pricipali fattori sopra richiamati. Il prodotto del umero di abitati per la dotazioe uitaria forisce il fabbisogo gioraliero del cetro espresso i litri/gioro, da cui è immediato calcolare la portata media aua ecessaria. L'icertezza delle stime sia della presutiva popolazioe che della dotazioe uitaria ha però evideziato la ecessità di fissare dei criteri di valutazioe uiformi delle due gradezze. Questo compito è assolto dai Piai Regolatori Geerali degli Acquedotti, predisposti su base regioale a seguito della legge 9 del , ei quali vegoo stimati, co criteri e metodologie omogeei i tutti i cetri urbai, sia l'etità della popolazioe futura che la dotazioe uitaria. Nei Piai vegoo ioltre assegate le risorse idriche da cui attigere per ogi cetro e vegoo predisposti gli schemi geerali degli acquedotti. I Sardega il primo PRGA è stato stilato el 966. Le proiezioi dell'etità della popolazioe e della dotazioe uitaria effettuate i tale sede hao però mostrato, già ei successivi ai, evideti limiti, per cui si è dovuto procedere ei primi ai 80 alla stesura di u uovo PRGA. Il Piao è stato questa volta dichiaratamete cocepito come uo strumeto diamico, che doveva per sua atura essere sottoposto ad aggiorameti e revisioi, al mutare delle codizioi assute a base delle valutazioi. I particolare, è stata recetemete effettuata ua ulteriore revisioe delle stime delle popolazioi, delle dotazioi e degli schemi acquedottistici proposti el precedete Piao. U cofroto tra le idicazioi degli aggiorameti del PRGA è riportato ei successivi paragrafi. 6

19 E. Piga 3.. Previsioi demografiche 3... Popolazioe residete Esistoo modelli previsioali di varia complessità per la stima dello sviluppo della popolazioe residete: i modelli più elemetari soo basati su drastiche ipotesi semplificative che rappresetao i diversi processi che comadao l'evoluzioe della popolazioe mediate u uico meccaismo di crescita retto da pochi parametri, metre quelli più complessi simulao i dettaglio i sigoli processi e richiedoo corrispodetemete la coosceza di u elevato umero di parametri. Sarebbe tuttavia errato correlare direttamete l'attedibilità delle previsioi al grado di sofisticazioe del modello. L'affidabilità dei risultati, ifatti, dipede ache, e soprattutto, dalla possibilità di disporre di adeguate iformazioi sulle caratteristiche della specifica comuità di cui si studia l'evoluzioe. I macaza di questi dati, l'adozioe di modelli complessi, i cui parametri o fossero desuti dalla popolazioe esamiata ma fossero ricavati dall'aalisi di comuità ipoteticamete "simili", può codurre a risultati meo attedibili di quelli foriti da modelli previsioali più semplici. La scelta del modello da adottare deve quidi essere effettuata sulla base delle iformazioi dispoibili sulla popolazioe esamiata. Il modello più semplice cosiste el riportare i u grafico l etità della popolazioe i fuzioe del tempo e ell'idividuare ua curva di crescita che iterpoli al meglio i valori osservati. Estrapolado il suo adameto sio all'orizzote temporale prescelto si può stimare l'etità presutiva della popolazioe. Al fie di limitare la soggettività isita el procedimeto sopra idicato, è stato proposto, e diffusamete utilizzato ei decei passati, u modello basato sull'ipotesi che l'icremeto auo della popolazioe di ua comuità possa riteersi proporzioale all'etità della popolazioe all'iizio dell'ao: P - P 0 = i. P 0, dove si è idicato co P 0 la popolazioe iiziale, co P la popolazioe dopo u ao e co i il coefficiete di proporzioalità. Se i u periodo di ai il coefficiete i, che rappreseta il tasso auo di crescita, può riteersi costate, la popolazioe P all'eesimo ao risulta dalla relazioe: 0 ( i ) P = P +, aaloga a quella forita dalla matematica fiaziaria per il calcolo del motate di u capitale iiziale ivestito ad u iteresse composto pari ad i. Se ivece il tasso varia el tempo, l'etità della popolazioe dopo ai è data da: 0 ( + i )( + i ) ( i ) P = P +, dove i, i. i soo ora i tassi di crescita ei vari ai. L'applicazioe di questo metodo richiede di determiare l'adameto el futuro del tasso medio auo i. A tal fie, tramite la prima delle due espressioi di P, è immediato calcolare il tasso auo medio i ogi periodo compreso tra due successive rilevazioi di popolazioe. Esso risulta: i = ( P P ) 0 7

20 LE OPERE DI ADDUZIONE Apputi di Costruzioi Idrauliche a.a Riportado i grafico i puti rappresetativi dei tassi aui medi, si può iterpolarli co ua curva (di solito decrescete) che, estrapolata sio all'ao d'iteresse, forisce ua previsioe dell'adameto dei tassi el periodo futuro. Applicado la prima o la secoda delle due relazioi a secoda che i tassi aui rimagao costati o vario el tempo, si ottiee la popolazioe ell ao di riferimeto Popolazioe [M ab] tassi aui [x 0000] Figura 3. Adameto della popolazioe italiaa e dei tassi aui di crescita dal 88. Etrambi questi due procedimeti cosiderao l'evoluzioe della popolazioe i termii globali. I realtà essa dipede fodametalmete da due processi, il processo aturale ed il processo migratorio, così differeti tra loro che o possoo essere correttamete rappresetati da u uico modello complessivo. Sulla base di questa evidete cosiderazioe soo stati proposti modelli previsioali che cercao di simulare separatamete la diamica dei due feomei. A questo proposito, è tuttavia ecessario rilevare subito che, metre esistoo i letteratura proposte metodologiche atte a rappresetare adeguatamete il processo aturale ascita-morte, o soo attualmete diffusi modelli previsioali affidabili per il processo migratorio. Esso dipede ifatti da iumerevoli fattori, soprattutto di tipo ecoomico e sociale (l'offerta di posti di lavoro, livello delle retribuzioi, sviluppo di servizi, dispoibilità di alloggi, costo della vita ecc.), e dalle differeze che essi presetao tra i possibili poli dei flussi di migrazioe. I questa situazioe viee spesso assuta ua ipotesi semplicistica, o giustificata da osservazioi o da cosiderazioi teoriche, che cosete tuttavia di effettuare delle stime. Essa cosiste, semplicemete, ell'ipotizzare che le autorità preposte al govero delle comuità mettao i atto tutti i possibili provvedimeti, e soprattutto quelli di stimolo dell'ecoomia, atti a ridurre a valori prossimi a zero ell'arco di u periodo di tempo prefissato lo sbilaciameto auale (egativo o positivo) tra le cacellazioi e le uove iscrizioi aagrafiche per trasferimeto di resideza. Le leggi assute a rappresetare l'adameto del feomeo soo usualmete degli espoeziali decresceti. Per quato riguarda il processo aturale, il modello più semplice è acora quello basato sull'espressioe dell'iteresse composto sopra descritta. A differeza dal caso precedete, però, al termie di ogi ao occorre sommare alla popolazioe otteuta dal processo di crescita aturale l'ulteriore icremeto (o decremeto) derivate dal feomeo migratorio, secodo l'espressioe ricorsiva: + = P ( + i ) S P + 8

DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE

DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE DI UN GRUPPO DI OSSERVAZIONI O DI ESPERIMENTI, SI PERVIENE A CERTE CONCLUSIONI, LA CUI VALIDITA PER UN COLLETTIVO Più AMPIO E ESPRESSA

Dettagli

Metodi statistici per l'analisi dei dati

Metodi statistici per l'analisi dei dati Metodi statistici per l aalisi dei dati due Motivazioi Obbiettivo: Cofrotare due diverse codizioi (ache defiiti ) per cui soo stati codotti gli esperimeti. Metodi tatistici per l Aalisi dei Dati due Esempio

Dettagli

La sicurezza sul lavoro: obblighi e responsabilità

La sicurezza sul lavoro: obblighi e responsabilità La sicurezza sul lavoro: obblighi e resposabilità Il Testo uico sulla sicurezza, Dlgs 81/08 è il pilastro della ormativa sulla sicurezza sul lavoro. I sostaza il Dlgs disciplia tutte le attività di tutti

Dettagli

4. Metodo semiprobabilistico agli stati limite

4. Metodo semiprobabilistico agli stati limite 4. Metodo seiprobabilistico agli stati liite Tale etodo cosiste el verificare che le gradezze che ifluiscoo i seso positivo sulla, valutate i odo da avere ua piccolissia probabilità di o essere superate,

Dettagli

Sintassi dello studio di funzione

Sintassi dello studio di funzione Sitassi dello studio di fuzioe Lavoriamo a perfezioare quato sapete siora. D ora iazi pretederò che i risultati che otteete li SCRIVIATE i forma corretta dal puto di vista grammaticale. N( x) Data la fuzioe:

Dettagli

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Defiire lo strumeto matematico ce cosete di studiare la cresceza e la decresceza di ua fuzioe Si comicia col defiire cosa vuol dire ce ua fuzioe è crescete. Defiizioe:

Dettagli

CONCETTI BASE DI STATISTICA

CONCETTI BASE DI STATISTICA CONCETTI BASE DI STATISTICA DEFINIZIONI Probabilità U umero reale compreso tra 0 e, associato a u eveto casuale. Esso può essere correlato co la frequeza relativa o col grado di credibilità co cui u eveto

Dettagli

8. Quale pesa di più?

8. Quale pesa di più? 8. Quale pesa di più? Negli ultimi ai hao suscitato particolare iteresse alcui problemi sulla pesatura di moete o di pallie. Il primo problema di questo tipo sembra proposto da Tartaglia el 1556. Da allora

Dettagli

Test non parametrici. sono uguali a quelle teoriche. (probabilità attesa), si calcola la. , cioè che le frequenze empiriche

Test non parametrici. sono uguali a quelle teoriche. (probabilità attesa), si calcola la. , cioè che le frequenze empiriche est o parametrici Il test di Studet per uo o per due campioi, il test F di Fisher per l'aalisi della variaza, la correlazioe, la regressioe, isieme ad altri test di statistica multivariata soo parte dei

Dettagli

IL CALCOLO COMBINATORIO

IL CALCOLO COMBINATORIO IL CALCOLO COMBINATORIO Calcolo combiatorio è il termie che deota tradizioalmete la braca della matematica che studia i modi per raggruppare e/o ordiare secodo date regole gli elemeti di u isieme fiito

Dettagli

PENSIONI INPDAP COME SI CALCOLANO

PENSIONI INPDAP COME SI CALCOLANO Mii biblioteca de Il Giorale Ipdap per rederci coto e sapere di piu Mii biblioteca de Il Giorale Ipdap per rederci coto e sapere di piu PENSIONI INPDAP COME SI CALCOLANO I tre sistemi I cique pilastri

Dettagli

Indagini sui coregoni del Lago Maggiore: Analisi sui pesci catturati nel 2010

Indagini sui coregoni del Lago Maggiore: Analisi sui pesci catturati nel 2010 Idagii sui coregoi del Lago Maggiore: Aalisi sui pesci catturati el 1 Rapporto commissioato dal Dipartimeto del territorio, Ufficio della caccia e della pesca, Via Stefao Frascii 17 51 Bellizoa Aprile

Dettagli

ESERCITAZIONE L adsorbimento su carbone attivo

ESERCITAZIONE L adsorbimento su carbone attivo ESERCITAZIONE adsorbimeto su carboe attivo ezioi di riferimeto: Processi basati sul trasferimeto di materia Adsorbimeto su carboi attivi Testi di riferimeto: Water treatmet priciples ad desi, WH Pricipi

Dettagli

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE Esercizi di Fodameti di Iformatica 1 EQUAZIONI ALLE RICORRENZE 1.1. Metodo di ufoldig 1.1.1. Richiami di teoria Il metodo detto di ufoldig utilizza lo sviluppo dell equazioe alle ricorreze fio ad u certo

Dettagli

Il confronto tra DUE campioni indipendenti

Il confronto tra DUE campioni indipendenti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Cofroto tra due medie I questi casi siamo iteressati a cofrotare il valore medio di due camioi i cui i le osservazioi i u camioe soo

Dettagli

LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE

LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI Dipartimeto di Sieze Eoomihe Uiversità di Veroa VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE Lezioi di Matematia per

Dettagli

Capitolo 8 Le funzioni e le successioni

Capitolo 8 Le funzioni e le successioni Capitolo 8 Le fuzioi e le successioi Prof. A. Fasao Fuzioe, domiio e codomiio Defiizioe Si chiama fuzioe o applicazioe dall isieme A all isieme B ua relazioe che fa corrispodere ad ogi elemeto di A u solo

Dettagli

Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI

Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI SUCCESSIONI DI FUNZIONI I cocetti di successioe e di serie possoo essere estesi i modo molto aturale al caso delle fuzioi DEFINIZIONE Sia E u sottoisieme di  e, per ogi

Dettagli

Soluzione La media aritmetica dei due numeri positivi a e b è data da M

Soluzione La media aritmetica dei due numeri positivi a e b è data da M Matematica per la uova maturità scietifica A. Berardo M. Pedoe 6 Questioario Quesito Se a e b soo umeri positivi assegati quale è la loro media aritmetica? Quale la media geometrica? Quale delle due è

Dettagli

1 Metodo della massima verosimiglianza

1 Metodo della massima verosimiglianza Metodo della massima verosimigliaza Estraedo u campioe costituito da variabili casuali X i i.i.d. da ua popolazioe X co fuzioe di probabilità/desità f(x, θ), si costruisce la fuzioe di verosimigliaza che

Dettagli

I numeri complessi. Pagine tratte da Elementi della teoria delle funzioni olomorfe di una variabile complessa

I numeri complessi. Pagine tratte da Elementi della teoria delle funzioni olomorfe di una variabile complessa I umeri complessi Pagie tratte da Elemeti della teoria delle fuzioi olomorfe di ua variabile complessa di G. Vergara Caffarelli, P. Loreti, L. Giacomelli Dipartimeto di Metodi e Modelli Matematici per

Dettagli

Motori maxon DC e maxon EC Le cose più importanti

Motori maxon DC e maxon EC Le cose più importanti Motori maxo DC e maxo EC Il motore come trasformatore di eergia Il motore elettrico trasforma la poteza elettrica P el (tesioe U e correte I) i poteza meccaica P mech (velocità e coppia M). Le perdite

Dettagli

SERIE NUMERICHE. (Cosimo De Mitri) 1. Definizione, esempi e primi risultati... pag. 1. 2. Criteri per serie a termini positivi... pag.

SERIE NUMERICHE. (Cosimo De Mitri) 1. Definizione, esempi e primi risultati... pag. 1. 2. Criteri per serie a termini positivi... pag. SERIE NUMERICHE (Cosimo De Mitri. Defiizioe, esempi e primi risultati... pag.. Criteri per serie a termii positivi... pag. 4 3. Covergeza assoluta e criteri per serie a termii di sego qualsiasi... pag.

Dettagli

Valutazione delle prestazioni termiche di sistemi con solai termoattivi in regime non stazionario

Valutazione delle prestazioni termiche di sistemi con solai termoattivi in regime non stazionario Valutazioe delle prestazioi termiche di sistemi co solai termoattivi i regime o stazioario MICHELE DE CARLI, Ph.D., Ricercatore, Dipartimeto di Fisica Tecica, Uiversità degli Studi di Padova, Padova, Italia.

Dettagli

1. MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ. 1 Alcune definizioni preliminari

1. MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ. 1 Alcune definizioni preliminari . MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ Alcue defiizioi prelimiari I sistemi vibrati possoo essere lieari o o lieari: el primo caso vale il pricipio di sovrapposizioe degli effetti el secodo o. I geerale

Dettagli

Supponiamo, ad esempio, di voler risolvere il seguente problema: in quanti modi quattro persone possono sedersi l una accanto all altra?

Supponiamo, ad esempio, di voler risolvere il seguente problema: in quanti modi quattro persone possono sedersi l una accanto all altra? CALCOLO COMBINATORIO 1.1 Necessità del calcolo combiatorio Accade spesso di dover risolvere problemi dall'appareza molto semplice, ma che richiedoo calcoli lughi e oiosi per riuscire a trovare delle coclusioi

Dettagli

l = 0, 1, 2, 3,,, n-1n m = 0, ±1,

l = 0, 1, 2, 3,,, n-1n m = 0, ±1, NUMERI QUANTICI Le autofuzioi soo caratterizzate da tre parametri chiamati NUMERI QUANTICI e soo completamete defiite dai loro valori: : umero quatico pricipale l : umero quatico secodario m : umero quatico

Dettagli

Sistemi LTI descrivibile mediante SDE (Equazioni alle Differenze Standard)

Sistemi LTI descrivibile mediante SDE (Equazioni alle Differenze Standard) Sistemi LTI descrivibile mediate SDE (Equazioi alle Differeze Stadard) Nella classe dei sistemi LTI ua sottoclasse è quella dei sistemi defiiti da Equazioi Stadard alle Differeze Fiite (SDE), dette così

Dettagli

3.4 Tecniche per valutare uno stimatore

3.4 Tecniche per valutare uno stimatore 3.4 Teciche per valutare uo stimatore 3.4. Il liguaggio delle decisioi statistiche, stimatori corretti e stimatori cosisteti La teoria delle decisioi forisce u liguaggio appropriato per discutere sulla

Dettagli

Esercizi Le leggi dei gas. Lo stato gassoso

Esercizi Le leggi dei gas. Lo stato gassoso Esercizi Le lei dei as Lo stato assoso Ua certa quatità di as cloro, alla pressioe di,5 atm, occupa il volume di 0,58 litri. Calcola il volume occupato dal as se la pressioe viee portata a,0 atm e se la

Dettagli

( ) ( ) ( ) ( ) ( ) CAPITOLO VII DERIVATE. (3) D ( x ) = 1 derivata di un monomio con a 0

( ) ( ) ( ) ( ) ( ) CAPITOLO VII DERIVATE. (3) D ( x ) = 1 derivata di un monomio con a 0 CAPITOLO VII DERIVATE. GENERALITÀ Defiizioe.) La derivata è u operatore che ad ua fuzioe f associa u altra fuzioe e che obbedisce alle segueti regole: () D a a a 0 0 0 derivata di u moomio D 6 D 0 D ()

Dettagli

Esame di Matematica 2 Mod.A (laurea in Matematica) prova di accertamento del 4 novembre 2005

Esame di Matematica 2 Mod.A (laurea in Matematica) prova di accertamento del 4 novembre 2005 Esame di Matematica 2 ModA (laurea i Matematica prova di accertameto del 4 ovembre 25 ESERCIZIO Si poga a 3 5 + 9 e b 2 4 6 + 6 ( (a Si determii d MCD(a, b e gli iteri m, Z tali che d ma + b co m < b ed

Dettagli

8) Sia Dato un mazzo di 40 carte. Supponiamo che esso sia mescolato in modo

8) Sia Dato un mazzo di 40 carte. Supponiamo che esso sia mescolato in modo ESERCIZI DI CALCOLO DELLE PROBABILITÁ ) Qual e la probabilita che laciado dadi a facce o esca essu? Studiare il comportameto asitotico di tale probabilita per grade. ) I u sacchetto vi soo 0 pallie biache;

Dettagli

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti Gorgo Lambert Pag. Dmostrazoe della Formula per la determazoe del umero d dvsor-test d prmaltà, d Gorgo Lambert Eugeo Amtrao aveva proposto l'dea d ua formula per calcolare l umero d dvsor d u umero, da

Dettagli

USUFRUTTO. 5) Quali sono le spese a carico dell usufruttuario

USUFRUTTO. 5) Quali sono le spese a carico dell usufruttuario USUFRUTTO 1) Che cos è l sfrtto e come si pò costitire? L sfrtto è il diritto di godimeto ( ovvero di possesso) di bee altri a titolo gratito ; viee chiamato sfrttario chi esercita tale diritto, metre

Dettagli

Comportamento delle strutture in C.A. in Zona Sismica

Comportamento delle strutture in C.A. in Zona Sismica Comportameto delle strutture i c.a. i zoa sismica Pagia i/161 Comportameto delle strutture i C.A. i Zoa Sismica Prof. Paolo Riva Dipartimeto di Progettazioe e ecologie Facoltà di Igegeria Uiversità di

Dettagli

L OFFERTA DI LAVORO 1

L OFFERTA DI LAVORO 1 L OFFERTA DI LAVORO 1 La famiglia come foritrice di risorse OFFERTA DI LAVORO Notazioe utile: T : dotazioe di tempo (ore totali) : ore dedicate al tempo libero l=t- : ore dedicate al lavoro : cosumo di

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA

MATEMATICA FINANZIARIA Capializzazioe semplice e composa MATEMATICA FINANZIARIA Immagiiamo di impiegare 4500 per ai i ua operazioe fiaziaria che frua u asso del, % auo. Quao avremo realizzao alla fie dell operazioe? I u coeso

Dettagli

Sommario lezioni di Probabilità versione abbreviata

Sommario lezioni di Probabilità versione abbreviata Sommario lezioi di Probabilità versioe abbreviata C. Frachetti April 28, 2006 1 Lo spazio di probabilità. 1.1 Prime defiizioi I possibili risultati di u esperimeto costituiscoo lo spazio dei campioi o

Dettagli

3M Prodotti per la protezione al fuoco. Building & Commercial Services

3M Prodotti per la protezione al fuoco. Building & Commercial Services 3M Prodotti per la protezioe al fuoco Buildig & Commercial Services Idice Sviluppi e treds...4-5 3M e le soluzioi aticedio...6-7 Dispositivi di attraversameto...8-19 Giuti di costruzioe...20-21 Sistemi

Dettagli

INTRODUZIONE ALLE SUCCESSIONI E SERIE: ALCUNI ESEMPI NOTEVOLI

INTRODUZIONE ALLE SUCCESSIONI E SERIE: ALCUNI ESEMPI NOTEVOLI INTRODUZIONE ALLE SUCCESSIONI E SERIE: ALCUNI ESEMPI NOTEVOLI Mirta Debbia LS A. F. Formiggii di Sassuolo (MO) - debbia.m@libero.it Maria Cecilia Zoboli - LS A. F. Formiggii di Sassuolo (MO) - cherubii8@libero.it

Dettagli

Appunti di Statistica Matematica Inferenza Statistica Multivariata Anno Accademico 2014/15

Appunti di Statistica Matematica Inferenza Statistica Multivariata Anno Accademico 2014/15 Apputi di Statistica Matematica Ifereza Statistica Multivariata Ao Accademico 014/15 November 19, 014 1 Campioi e modelli statistici Siao Ω, A, P uo spazio di probabilità e X = X 1,..., X u vettore aleatorio

Dettagli

ATTIVATORE STABILIZZATO PER BOBINE DI SGANCIO A LANCIO DI CORRENTE.

ATTIVATORE STABILIZZATO PER BOBINE DI SGANCIO A LANCIO DI CORRENTE. Compatibilità totale con ogni apparato. Si usa con pulsanti normalmente chiusi. ella linea dei pulsanti c'è il 24Vcc. Insensibile alle interruzioni di rete. Insensibile agli sbalzi di tensione. Realizzazione

Dettagli

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI . L'INSIEME DEI NUMERI REALI. I pricipli isiemi di umeri Ripredimo i pricipli isiemi umerici N, l'isieme dei umeri turli 0; ; ; ; ;... L'ide ituitiv di umero turle è ssocit l prolem di cotre e ordire gli

Dettagli

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi.

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi. Iroduzioe () Ua defiizioe (geerale) del ermie qualià: qualià è l isieme delle caraerisiche di u eià (bee o servizio) che e deermiao la capacià di soddisfare le esigeze espresse ed implicie di chi la uilizza.

Dettagli

Tavola 1 - Popolazione italiana residente alle date dei censimenti generali, riportata ai confini attuali - Anni 1861-2001 (migliaia di unità)

Tavola 1 - Popolazione italiana residente alle date dei censimenti generali, riportata ai confini attuali - Anni 1861-2001 (migliaia di unità) 4 Quai eravamo, quai siamo, quai saremo Che cosa si impara el capiolo 4 er cooscere le caraerisiche e l evoluzioe della popolazioe ialiaa araverso u lugo arco di empo uilizziamo il asso di icremeo medio

Dettagli

Verifica d Ipotesi. Se invece che chiederci quale è il valore di una media in una popolazione (stima. o falsa? o falsa?

Verifica d Ipotesi. Se invece che chiederci quale è il valore di una media in una popolazione (stima. o falsa? o falsa? Verifica d Iotesi Se ivece che chiederci quale è il valore ua mea i ua oolazioe (stima utuale Se ivece e itervallo che chiederci cofideza) quale è il avessimo valore u idea ua mea su quello i ua che oolazioe

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

ESERCIZI DI ANALISI I. Prof. Nicola Fusco 1. Determinare l insieme in cui sono definite le seguenti funzioni:

ESERCIZI DI ANALISI I. Prof. Nicola Fusco 1. Determinare l insieme in cui sono definite le seguenti funzioni: N. Fusco ESERCIZI DI ANALISI I Prof. Nicola Fusco Determiare l isieme i cui soo defiite le segueti fuzioi: ) log/ arctg π ) 4 ) log π 6 arcse ) ) tg log π + ) 4) 4 se se se tg 5) se cos tg 6) [ 6 + 8 π

Dettagli

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici Stm e putual Probabltà e Statstca I - a.a. 04/05 - Stmator Vocabolaro Popolazoe: u seme d oggett sul quale s desdera avere Iformazo. Parametro: ua caratterstca umerca della popolazoe. E u Numero fssato,

Dettagli

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia LIFE+ PROJECT ACRONYM ETA-BETA LIFE09 ENV IT 000105 Scheda n 1 Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia emissioni

Dettagli

Metodi d integrazione di Montecarlo

Metodi d integrazione di Montecarlo Metodi d itegrzioe di Motecrlo Simulzioe l termie simulzioe ell su ccezioe scietific h u sigificto diverso dll ccezioe correte. Nell uso ordirio è sioimo si fizioe; ell uso scietifico è sioimo di imitzioe,

Dettagli

Dall atomo di Bohr alla costante di struttura fine

Dall atomo di Bohr alla costante di struttura fine Dall atomo di Bohr alla ostate di struttura fie. INFORMAZIONI SPETTROSCOPICHE SUGLI ATOMI E be oto he ogi sostaza opportuamete eitata emette radiazioi elettromagetihe. Co uo spettrosopio, o strumeti aaloghi,

Dettagli

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ]

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ] ESERCIZI DI CHIMICA 1. Calcolare:a) le moli di H 2 O e le moli di atomi d idrogeno ed ossigeno contenuti in 10g di H 2 O; b) il numero di molecole di H 2 O e di atomi di idrogeno e di ossigeno. [0,55 moli;

Dettagli

DOMINI DI CURVATURA DI SEZIONI IN C.A. IN PRESSOFLESSIONE DEVIATA. PARTE II: VALUTAZIONE SEMPLIFICATA

DOMINI DI CURVATURA DI SEZIONI IN C.A. IN PRESSOFLESSIONE DEVIATA. PARTE II: VALUTAZIONE SEMPLIFICATA Valutazioe e riduzioe della vulerailità sismia di ediii esisteti i.a. Roma, 9-0 maggio 00 DOMINI DI CURVATURA DI SEZIONI IN C.A. IN PRESSOFLESSIONE DEVIATA. PARTE II: VALUTAZIONE SEMPLIFICATA Di Ludovio

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI La massa dei singoli atomi ha un ordine di grandezza compreso tra 10-22 e 10-24 g. Per evitare di utilizzare numeri così piccoli, essa è espressa relativamente a

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 1) Una certa quantità di solfato di ferro (II), sciolta in una soluzione acquosa di acido solforico, viene trattata con 1.0 10-3 mol di permanganato di potassio. Si ottengono

Dettagli

Trattamenti delle acque di scarico per piccole comunità Pretrattamento di acque reflue domestiche: FOSSE SETTICHE O FOSSE IMHOFF?

Trattamenti delle acque di scarico per piccole comunità Pretrattamento di acque reflue domestiche: FOSSE SETTICHE O FOSSE IMHOFF? Seminario tecnico Monitoraggio degli scarichi civili non in pubblica fognatura: Protocollo di intesa per la realizzazione di trattamenti individuali di depurazione delle acque reflue domestiche Trattamenti

Dettagli

AcidSoft. Le nostre soluzioni. Innovazione

AcidSoft. Le nostre soluzioni. Innovazione AiSoft AiSoft ase alla passioe per l'iformatio teology e si oretizza i ua realtà impreitoriale, ua perfetta reazioe imia tra ooseza teia e reatività per realizzare progetti i grae iovazioe. Le ostre soluzioi

Dettagli

FONDAMENTI DI MECCANICA APPLICATA ALLE MACCHINE

FONDAMENTI DI MECCANICA APPLICATA ALLE MACCHINE DISPENSE DI: FONDAMENTI DI MECCANICA APPLICATA ALLE MACCHINE Testo di riferieto E. Fuaioli ed altri Meccaica applicata alle acchie vol. e - Ed. Patro BOZZA Idice. INTRODUZIONE ALLA MECCANICA APPLICATA

Dettagli

PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ NELL AREA DEL CAVALLINO

PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ NELL AREA DEL CAVALLINO Studio di tecniche innovative per la razionalizzazione dell uso di fertilizzanti abbinato alla razionalizzazione della risorsa idrica PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ

Dettagli

Indici di Posizione. Gli indici si posizione sono misure sintetiche ( valori caratteristici ) che descrivono la tendenza centrale di un fenomeno

Indici di Posizione. Gli indici si posizione sono misure sintetiche ( valori caratteristici ) che descrivono la tendenza centrale di un fenomeno Idc d Poszoe Gl dc s poszoe soo msure stetche ( valor caratterstc ) che descrvoo la tedeza cetrale d u feomeo La tedeza cetrale è, prma approssmazoe, la modaltà della varable verso la quale cas tedoo a

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

CARATTERISTICHE GENERALI / GENERAL FEATURES

CARATTERISTICHE GENERALI / GENERAL FEATURES OPZON» odello co distribuzioe a disco geroller» otori i versioe flagia o ruota» otori corti» Attacchi tubazioi laterali e posteriori» Alberi cilidrici, coici e detati» Altre caratteristiche speciali OPTONS»

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti gli utilizzi tecnici dell acqua in un edificio ACQUA FREDDA SANITARIA

Dettagli

QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI. Elena Pezzetta ARPA FVG Laboratorio Unico Multisito Anna Lutman Laboratorio Unico Multisito - Udine

QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI. Elena Pezzetta ARPA FVG Laboratorio Unico Multisito Anna Lutman Laboratorio Unico Multisito - Udine AMBIENTE, SALUTE E QUALITÀ DELLA VITA 148 QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI La maggior parte dei grandi acquedotti attingono e distribuiscono acqua di elevata qualità (nitrati inferiori a 10 mg/l). Solo alcune

Dettagli

CARATTERISTICHE GENERALI / GENERAL FEATURES

CARATTERISTICHE GENERALI / GENERAL FEATURES OPZIONI» otori i versioe flagia;» Coessioi laterali o posteriori;» Albero: cilidrico o scaalato;» Coessioi metriche o BSPP;» Altre caratteristiche speciali OPTIONS» Flage mout;» Side ad rear ports;» Shafts-

Dettagli

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE Dagli atomi alle rocce I materiali di cui è fatta la crosta terrestre si sono formati a partire dai differenti tipi di atomi, circa una novantina, ricevuti

Dettagli

DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI

DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI Conversione Massa Moli DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI - ESERCIZI GUIDATI - LEGENDA DEI SIMBOLI: M = Peso molecolare m(g) = quantità in g di elemento o di composto n = numero di moli Ricorda che l'unità

Dettagli

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DELL AQUILA Scuola di Specializzazione per la Formazione degli Insegnanti nella Scuola Secondaria Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico Prof. Umberto Buontempo

Dettagli

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI statistica, Università Cattaneo-Liuc, AA 006-007, lezione del 08.05.07 IDICE (lezione 08.05.07 PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIAZA DELLE QUATITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIOE CO I DATI OSSERVATI 3.1 Valore

Dettagli

Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento. Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl

Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento. Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl Via Fanin,, 48 40127 Bologna Tel. 051 4200324 luigi.petta petta@envis.itit

Dettagli

I radicali 1. Claudio CANCELLI (www.claudiocancelli.it)

I radicali 1. Claudio CANCELLI (www.claudiocancelli.it) I rdicli Cludio CANCELLI (www.cludioccelli.it) Ed..0 www.cludioccelli.it Dec. 0 I rdicli INDICE DEI CONTENUTI. I RADICALI... INDICE DI RADICE PARI...4 INDICE DI RADICE DISPARI...5 RADICALI SIMILI...6 PROPRIETA

Dettagli

ARGOMENTO: MISURA DELLA RESISTENZA ELETTRICA CON IL METODO VOLT-AMPEROMETRICO.

ARGOMENTO: MISURA DELLA RESISTENZA ELETTRICA CON IL METODO VOLT-AMPEROMETRICO. elazoe d laboratoro d Fsca corso M-Z Laboratoro d Fsca del Dpartmeto d Fsca e Astrooma dell Uverstà degl Stud d Cataa. Scala Stefaa. AGOMENTO: MSUA DELLA ESSTENZA ELETTCA CON L METODO OLT-AMPEOMETCO. NTODUZONE:

Dettagli

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500 Scheda di sicurezza del 4/12/2009, revisione 2 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Nome commerciale: Codice commerciale: 2544 Tipo di prodotto ed impiego: Agente antimuffa

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

La necessità di trasmettere potenza tra organi in moto rotatorio è un problema frequentissimo e di grande importanza nell ingegneria.

La necessità di trasmettere potenza tra organi in moto rotatorio è un problema frequentissimo e di grande importanza nell ingegneria. La ecessità di tasmettee poteza ta ogai i moto otatoio è u poblema fequetissimo e di gade impotaza ell igegeia. Gli assi di otazioe ta i quali deve essee tasmesso il moto possoo essee paalleli I questo

Dettagli

tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue

tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue Il problema: metalli pesanti nelle acque reflue In numerosi settori ed applicazioni

Dettagli

unoperatore@nellospaziodihilberth e sia z un numero complesso tale che z1-a,da==)rr_néh - 0 impli-chi l:= -1 (21-A) : R- n ==) Dn L- \

unoperatore@nellospaziodihilberth e sia z un numero complesso tale che z1-a,da==)rr_néh - 0 impli-chi l:= -1 (21-A) : R- n ==) Dn L- \ 3,6 56 3,6 TEOR I A SPETTRALE La teoria spettrale degli operatori lieari- eo spazio di Hilbert é f odata, coe per gi spazi f i-ito-dimes ioal j-, sula defiizioe di- risolvete di u operatole' Sia (A,DA)

Dettagli

(omissis) ALLEGATO 5 - NORME TECNICHE GENERALI. (omissis)

(omissis) ALLEGATO 5 - NORME TECNICHE GENERALI. (omissis) Deliberazione Comitato per la tutela delle acque dall'inquinamento 04.02.1977 Criteri, metodologie e norme tecniche generali di cui all'art. 2, lettere b), d) ed e), della legge 10 maggio 1976, n. 319,

Dettagli

Esse sono utilizzate per i controlli di legge oppure per la migliore gestione e l automazione delle operazioni di trattamento delle acque.

Esse sono utilizzate per i controlli di legge oppure per la migliore gestione e l automazione delle operazioni di trattamento delle acque. Settori di intervento ed esigenze La disponibilità e la qualità delle acque sono riconosciute strategicamente come fattori primari e fondamentali per una politica di sviluppo sostenibile per il progresso

Dettagli

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Chi Siamo Hygeia Lab S.r.l. nasce nel 2011 dalla passione e dal desiderio di giovani laureati di continuare la crescita e la formazione scientifica. E una Start-Up

Dettagli

DOSSIER ACQUA DI RETE, ACQUA MINERALE DOV E LA DIFFERENZA?

DOSSIER ACQUA DI RETE, ACQUA MINERALE DOV E LA DIFFERENZA? DOSSIER ACQUA DI RETE, ACQUA MINERALE DOV E LA DIFFERENZA? MARZO 2007 TESTI ED ELABORAZIONE DATI: GIORGIA BUSINARO ELABORAZIONE GRAFICA: LISA CHERUBIN 2 Indice: Introduzione 3 Cap. I. La situazione mondiale

Dettagli

Benvenuti in Ontario. Guida ai programmi e ai servizi per i nuovi arrivati in Ontario

Benvenuti in Ontario. Guida ai programmi e ai servizi per i nuovi arrivati in Ontario Beveuti i Otario Guida ai programmi e ai servizi per i uovi arrivati i Otario Idice Vivere i Otario........................................... 2 Come otteere l aiuto di cui avete bisogo.....................................

Dettagli

PULIZIA IN-SITU PULIZIA DIFFUSORI MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO DEL MODULO KUBOTA ESTRAZIONE PERMEATO PER ASPIRAZIONE ESTRAZIONE PERMEATO PER GRAVITÀ

PULIZIA IN-SITU PULIZIA DIFFUSORI MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO DEL MODULO KUBOTA ESTRAZIONE PERMEATO PER ASPIRAZIONE ESTRAZIONE PERMEATO PER GRAVITÀ MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO DEL MODULO KUBOTA Il modulo a membrana piana Kubota utilizza la tecnologia di microfiltrazione detta cross flow. Insufflando aria sul fondo del modulo, si crea un flusso ascensionale

Dettagli

Riferimenti Normativi. D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq.

Riferimenti Normativi. D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq. Riferimenti Normativi - D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq. reflue) Acque reflue domestiche: acque reflue provenienti da insediamenti

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione Andrea Mariani Pulizia delle vasche volano e di prima pioggia LE ACQUE PIOVANE: Contengono SEDIMENTI - DEPOSITI in vasca; - Riduzione

Dettagli

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI:

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI: COMUNE DI FINALE EMILIA (Provincia di Modena) P.zza Verdi, 1 41034 Finale Emilia (Mo) Tel. 0535-788111 fa 0535-788130 Sito Internet: www.comunefinale.net SERVIZIO URBANISTICA E EDILIZIA PRIVATA AUTOCALCOLO

Dettagli

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO A.Romano*, C. Gaslini*, L.Fiorentini, S.M. Scalpellini^, Comune di Rho # * T R R S.r.l.,

Dettagli

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO 2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO L aria è una miscela eterogenea formata da gas e particelle di varia natura e dimensioni. La sua composizione si modifica nello spazio e nel tempo per cause naturali e non,

Dettagli

Appendice A: tabelle descrittive residenti

Appendice A: tabelle descrittive residenti Appendice A: tabelle descrittive residenti 1. PARAMETRI EMATOCHIMICI DI BASE Nelle tabelle 1-12 sono riportati in dettaglio i risultati delle analisi descrittive riguardanti i parametri ematochimici di

Dettagli

Interpolazione. Davide Manca Calcoli di Processo dell Ingegneria Chimica Politecnico di Milano

Interpolazione. Davide Manca Calcoli di Processo dell Ingegneria Chimica Politecnico di Milano L4 Iterpolazioe L4 Prologo Co iterpolazioe si itede il processo di idividuare ua fuzioe, spesso u poliomio, che passi per u isieme dato di puti: (x,y). y x L4 2 Fii dell iterpolazioe 1. Sostituire u isieme

Dettagli

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici 12 Giugno 2014 Stefano Bonfanti Product Manager - Cillichemie Italiana S.r.l. L azienda n.2 Sedi n.47 Agenti

Dettagli

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 Pag. 1 di 5 REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO, DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA 1.1 Identificazione della sostanza

Dettagli

L EQUILIBRIO CHIMICO

L EQUILIBRIO CHIMICO EQUIIBRIO CHIMICO Molte reazioni chimiche possono avvenire in entrambe i sensi: reagenti e prodotti possono cioè scambiarsi fra di loro; le reazioni di questo tipo vengono qualificate come reazioni reversibili.

Dettagli