La terapia dell asma bronchiale An Update

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La terapia dell asma bronchiale An Update"

Transcript

1 La terapia dell asma bronchiale An Update Carlo Lombardi Unità ad Alta Specializzazione in Allergologia ed Immunologia Clinica Unità Operativa di Medicina Interna Dipartimento di Scienze Mediche Ospedale Sant Orsola Fatebenefratelli Brescia

2 ASMA BRONCHIALE : definizioni CIBA Foundation Symposium (1959) Diffuso restringimento delle vie aeree, che cambia per severità in un breve periodo di tempo, sia spontaneamente che dopo trattamento,non dovuto a una malattia cardiovascolare.

3 ASMA BRONCHIALE : definizioni American Thoracic Society (1962 ) Aumentata risposta della trachea e dei bronchi a stimoli vari, che si manifesta con ostruzione diffusa delle vie aeree che cambia in severità sia spontaneamente che dopo terapia.

4 ASMA BRONCHIALE : definizioni NHLBI/WHO ( 1995 ) Malattia infiammatoria cronica delle vie aeree Nei soggetti predisposti questa infiammazione provoca episodi ricorrenti di respiro sibilante, dispnea Questi sintomi sono associati a diffusa ma variabile ostruzione del flusso aereo che è almeno parzialmente reversibile spontaneamente o dopo terapia. L infiammazione provoca anche un aumento della responsività delle vie aeree a numerosi stimoli.

5 Definition of Asthma A chronic inflammatory disorder of the airways Many cells and cellular elements play a role Chronic inflammation leads to an increase in airway hyperresponsiveness with recurrent episodes of wheezing, coughing, and shortness of breath Widespread, variable, and often reversible airflow limitation G.I.N.A. ( Global INitiative for Asthma ), 2002

6 Take Home Message 1. short-term change in airway calibre 2. reversible airway limitation 3. bronchial hyperresponsiveness 4. eosinophilic and lymphocitic airway inflammation

7 ASMA BRONCHIALE MALATTIA INFIAMMATORIA CRONICA DELLE VIE AEREE * IPERRESPONSIVITA BRONCHIALE * OSTRUZIONE DEL FLUSSO AEREO * SINTOMI ATOPIA

8 Burden of Asthma Asthma is one of the most common chronic diseases worldwide Prevalence increasing in many countries, especially in children A major cause of school/work absence An overall increase in severity of asthma increases the pool of patients at risk for death

9 Burden of Asthma Health care expenditures very high Developed economies might expect to spend percent of total health care expenditures on asthma. Developing economies likely to face increased demand Poorly controlled asthma is expensive; investment in prevention medication likely to yield cost savings in emergency care

10 Worldwide Variation in Prevalence of Asthma Symptoms International Study of Asthma and Allergies in Children (ISAAC) Lancet 1998;351:1225

11 Increasing Prevalence of Asthma in Children/Adolescents Finland (Haahtela et al) Sweden (Aberg et al) Japan (Nakagomi et al) Scotland (Rona et al) UK (Omran et al) USA (NHIS) New Zealand (Shaw et al) Australia (Peat et al) { { { { { { { { Prevalence (%)

12 Trends in Prevalence of Asthma By Age, U.S., Rate/1,000 Persons Age (years) < Total (All Ages) Year 95 96

13 Death Rates for Asthma By Race, Sex, U.S., Rate/100,000 Persons 5 Black Female 4 3 Black Male White Female White Male Year

14 Host Factors Risk Factors that Lead to Genetic predisposition Atopy Airway hyperresponsiveness Gender Race/Ethnicity Asthma Development Environmental Factors Indoor allergens Outdoor allergens Occupational sensitizers Tobacco smoke Air Pollution Respiratory Infections Parasitic infections Socioeconomic factors Family size Diet and drugs Obesity

15 Factors that Exacerbate Asthma Allergens Air Pollutants Respiratory infections Exercise and hyperventilation Weather changes Sulfur dioxide Food, additives, drugs

16 Bronchial asthma Special Situations Pregnancy Physical activity Rhinitis, sinusitis, and nasal polyps Occupational asthma Respiratory infections Gastroesophageal reflux Aspirin-induced asthma

17 Bronchial mucosa from a subject without asthma (1) Epithelium is intact (2) There is no thickening of the BM (3) There is no cellular infiltrate ( NN Jarjour, N Engl J Med, 2001)

18 Bronchial mucosa from a subject with mild asthma (1) goblet-cell hyperplasia in the epithelium cell lining (2) The sub-basement membrane is thickened with collagen deposition in the submucosal area (3) There is a cellular infiltrate ( NN Jarjour, N Engl J med, 2001 )

19 IL MODELLO DELL ASMA BRONCHIALE ALLERGICO

20 BRONCHIAL ASTHMA The role of eosinophils in allergic inflammation ( Busse WW, RF Lemanske Jr, N Engl J Med, 2001)

21 Linfociti T : citochine e chemochine. Ruolo nella modulazione e orchestrazione della flogosi cronica nell asma bronchiale. fibroblasto basofilo mastcellula IL-3 IL-9 TNFa,b IL-3 GM-CSF MCP-3 IL-8 RANTES MIP-1a macrofago T-cell IL-3 IL-5 RANTES MCP-3 MIP-1a eosinofilo monocito IL-1,3,4,13, IFNg GM-CSF, RANTES, MIP-1a/b,MPC-3 IL-1,2,4,5,6,10,13 IFNg TNFa/b IL-3 IL-8 IL-1,4,6,8,9,10 IFNg,TNFa RANTES, MIP-1a,b neutrofilo B-cell T-cell

22 1) Presence of older siblings 2) Early exposure to day care 3) Tuberculosis, measles, or hepatitis A infection 4) Rural environment 1) Widespread use of antibiotics 2) Western lifestyle 3) Urban environment 4) Diet 5) Sensitization to house-dust mites and cockroaches Th1 Th2 Protective immunity Cytokine balance Allergic diseases Including asthma

23 Modificazioni funzionali (FEV1) dopo challenge allergenico. FEV1 INALAZIONE ALLERGENE REAZIONE ALLERGICA PRECOCE REAZIONE ALLERGICA TARDIVA (0-2 ORE) (3-10 ORE) pluricellularità mastcellula Eos Mo APC B T Fibr

24 Asma lieve 6 ore dopo challenge allergenico Colorazione specifica per ECP ( Djukanovic R & Holgate ST : An atlas of asthma, 1999 )

25 ALLERGENE AMBIENTALE stimolo fibromiocellule bronchiali cellule infiammatorie vie bronchiali effetto proteine matrice extracellulare fattori di crescita miocellule bronchiali mediatori broncocostrizione proteinetossiche calibro membrana basale fibromiocellule bronchiali stravaso di plasma e broncocostrizione danno epiteliale conseguenze Iperreattività bronchiale

26 ASMA ALLA BASE LA FLOGOSI CRONICA La flogosi cronica, caratteristica dell asma, persiste anche nei periodi asintomatici ed è responsabile della ipereattività delle vie aeree. Se non adeguatamente controllata, da una terapia continuativa, determina alterazioni strutturali con conseguente rimodellamento delle vie aeree. Progetto Mondiale Asma NIH, OMS 1998 Redington AE et al: Thorax 1997;52:310-12

27 Inflammation processes in asthma consequences about the remodelling EOS EOS (1) Source of fibrotic growth factors (2) Syntesis and secretion of metalloproteinases (MMP)

28 The Actions of Eosinophil Mediators Major Basic Protein Can directly damage airway epithelium Intensify bronchial Responsiveness Cause degranulation of basophils and Mast cells Contracts airway Smooth muscle Rich source of Leukotrienes (LTC4) Increases vascular Permeability May recruit more EOSs to the airway

29 basal 6-months later Effect of inhaled steroid therapy on airway inflammatory changes in asthmatics ( Laitinen, 1996 )

30 New Zealand (period : ) Siussa and Ernst, J Allergy Clin Immunol, 2001

31 Sistema simpatico (ß2-recettori) NA-NC NC Fibrocellula muscolare liscia bronchiale Sistema parasimpatico (recettori M3)

32 Nervi sensitivi afferenti M1 M2 M3 SNC M3 Nervo vago ganglio M1 Nervo postgangliare M2 M3 Ghiandola sottomucosa M1 M3 M1 Alveoli polmonari Muscolo liscio

33 Beta2-agonista Bronco dilatazione Adenil ciclasi Proteina G stimolatrice Proteina G stimolatrice Fosfoinositidi di membrana Proteinchinasi G Proteinchinasi A Chinasi catena leggera della miosina

34 Effects of cytokines on ß-adrenergic responses of airway smooth muscle cytokine IL-1 beta TNF-alfa TGF-beta IL-13 IL-5 IL-10 GM-CSF IL-4,IL-2, IFNγ species Human,guinea pig, rabbit, rat Human, guinea pig, rabbit, dog Human Human, rabbit Rabbit Rabbit Rabbit Human,guinea pig, rabbit Response to isoproterenol High decrease No effect or mild decrease Mild decrease Mild decrease Mild decrease Mild decrease Mild decrease No effect (Shore S, Cytokine regulation of beta-adrenergic responses in airway smoot muscle, JACI, 2002)

35 L ossido di azoto (NO) rappresenta un importante mediatore della neurotrasmissione a livello delle vie aeree enos = NO-sintetasi endoteliale (endotelio epitelio) nnos = NO-sintetasi neuronale (nervi colinergici) inos = NO-sintetasi inducibile (epitelio cellule infiammatorie)

36 L ossido di azoto (NO) rappresenta un importante mediatore della neurotrasmissione a livello delle vie aeree Terminazione nervosa Muscolo liscio bronchiale NO NO NO Nitriti Nitrati perossinitriti Stimolazione elettrica di campo/depolarizzazione Ca2+

37 L ossido di azoto (NO) rappresenta nell uomo il più importante mediatore della trasmissione i-nanc ( nitrergica ) a livello delle vie aeree presenza di fibre NOS costitutive nei nervi periferici possibilità di attivare NOS aumentando entrata di Ca++ mediante depolarizzazione prove in vitro (tessuti umani, cavia, gatto, maiale) prove in vivo mediante stimolazione elettrica diretta del n. vago cervicale o riflessa eccitando vie nervose sensitive del laringe aumento progressivo delle concentrazioni di cgmp

38 L ossido di azoto (NO) rappresenta nell uomo il più importante mediatore della trasmissione i-nanc ( nitrergica ) a livello delle vie aeree NO derived from airway nerves acts as an endogenous bronchodilator NO generated by enos may also play a role in suppressing neural responses to cholinergic stimulation and regulate baseline smooth muscle tone NOS inhibitors augment bronchoconstriction to inhaled ( Spina D & Page CP, 2002 )

39 ( Pamela T. Manning, et al., 2001) Role of Nitric oxide in the pathophysiology of pulmonary diseases, including asthma At low levels : NO acts as a bronchodilator and a stimulator of ciliary activity At sustained high level production : NO produces disruption of the airway epithelium, diminished ciliary function, shift the balance from Th1 to Th2, acts as chemoattractant for eosinophils

40 Fattori potenzialmente responsabili dell incremento della morbilità e mortalità per asma mancato riconoscimento malattia 1) inadeguata percezione dei sintomi (pazienti) 2) assenza o genericità della diagnosi (medici) inadeguata valutazione gravità malattia 1) sottostima sintomi (pazienti) 2) inadeguato uso delle scale di valutazione (medici) inadeguato trattamento antinfiammatorio 1) scarsa compliance, non uso dei devices (pazienti) 2) prescrizioni improprie

41 Asthma Diagnosis History and patterns of symptoms Physical examination Measurements of lung function Measurements of allergic status to identify risk factors

42 Algoritmo per la diagnosi di asma bronchiale OSTRUZIONE BRONCHIALE P. F. R. SINTOMATOLOGIA ANAMNESI TEST DI REVERSIBILITA POSITIVO NORMALE VALUTAZIONE MISURE PEF NORMALE TEST DI PBA ASMA BRONCHIALE POSITIVO VARIABILITA GIORNALIERA > 20% MORNING DEEP NORMALE ASMA BRONCHIALE IMPROBABILE

43 Typical Spirometric (FEV 1 ) Tracings Volume Normal Subject FEV 1 Asthmatic (After Bronchodilator) Asthmatic (Before Bronchodilator) Time (sec) Note: Each FEV 1 curve represents the highest of three repeat measurements

44 ASMA e iperreattività bronchiale

45 TEST DI BRONCOPROVOCAZIONE indicazioni e finalità diagnosi di asma studi epidemiologici studio meccanismi della iperreattività bronchiale controllo evoluzione asma effetto farmaci su IBA

46 METACOLINA farmacologia agonista muscarinico non-selettivo agisce sui recettori M1,M2,M3 prevalente azione sui recettori M3 minima azione su M1 e M3 delle ghiandole submucosali

47 Tipiche curve dose-risposta all istamina e alla metacolina in pazienti affetti da asma e BPCO comparati con soggetti normali istamina metacolina Woolcock AJ et al., Am Rev Respir Dis, 1991

48 Test di reversibilità della broncoostruzione (prova di broncodilatazione) Reversibilità FEV1post - FEV1pre x100 FEV1pre Test significativo se aumento del FEV1 almeno del 12 %

49 Normale < 10% Variabilità quotidiana PEF BPCO 10-20% Asma >/= 20%

50 Classification of Severity (GINA 2002) CLASSIFY SEVERITY Clinical Features Before Treatment STEP 4 Severe Persistent STEP 3 Moderate Persistent Symptoms Continuous Limited physical activity Daily Attacks affect activity Nocturnal Symptoms Frequent > 1 time week FEV 1 or PEF 60% predicted Variability > 30% 60-80% predicted Variability > 30% STEP 2 Mild Persistent > 1 time a week but < 1 time a day > 2 times a month 80% predicted Variability 20-30% STEP 1 Intermittent < 1 time a week Asymptomatic and normal PEF between attacks 2 times a month 80% predicted Variability < 20% The presence of one feature of severity is sufficient to place patient in that category.

51 Educate Patients to Develop a Partnership Educate continually Include the family Provide information about asthma Provide training on self-management skills Emphasize a partnership among health care providers, the patient, and the patient s family

52 Goals of Long-term Management Achieve and maintain control of symptoms Prevent asthma episodes or attacks Maintain pulmonary function as close to normal levels as possible Maintain normal activity levels, including exercise Avoid adverse effects from asthma medications Prevent development of irreversible airflow limitation Prevent asthma mortality

53 Control of Asthma Minimal (ideally no) chronic symptoms Minimal (infrequent) exacerbations No emergency visits Minimal (ideally no) need for as needed use of ß2-agonist No limitations on activities, including exercise PEF circadian variation of less than 20 percent (Near) normal PEF Minimal (or no) adverse effects from medicine

54 IL RUOLO DEL PAZIENTE La compliance alla terapia antiasmatica (in particolare corticosteroidea) è spesso scarsa: - la percentuale di giorni di insufficiente utilizzo dei corticosteroidi inalatori è mediamente pari al 69% - più di 1/3 dei pazienti asmatici in Italia dichiara di non assumere tutte le terapie prescritte dal medico La mancata adesione alla terapia è determinante per il mancato controllo della patologia. Cochrane G: Chest 2000, 117:542-50; Cerveri I et al: Eur Respir J 1997;10:

55 GLI EFFETTI DELLA SCARSA ADERENZA LA SCARSA ADESIONE ALLA TERAPIA CONTRIBUISCE AL MANCATO CONTROLLO NEL 50% DEI PAZIENTI CON ASMA Bradley C et al: Prescr J 1999, 39(1):4551

56 Asthma

57 Storia della farmacologia dell asma bronchiale Estratto Ephedra sinica (Ma Huang,, Cina) (3.000 a.c.).) estratto di Datura (India) giusquiamo (Egizi) 1698 : Sir John Floyer A treatise of the Asthma (scilla e ossimele) 1860 : Henry Salter On asthma: its pathology and treatment (stramonio, xantine,belladonna, ecc.) 1900 : atropina 1903 : adrenalina 1911 : immunoterapia specifica (Noon( Noon)

58 Timeline of asthma pharmacology ADRENALINA 1900 ISOPROTERENOLO 1930 CORTISOLO IDROSSICORTISONE TERBUTALINA ANNI 60/ 70 BECLOMETASONE SALBUTAMOLO TRIAMCINOLONE SALMETEROLO ANNI FORMOTEROLO 90 FLUTICASONE BUDESONIDE Anti-citochine 2000 Anti-IgE

59 Asthma therapy. Key points The most effective management is to prevent airway inflammation by eliminating the causal factors Asthma can be effectively controlled in most patients, although it can not be cured The major factors contributing to asthma morbidity and mortality are underdiagnosis and inappropriate treatment

60 CONTROLLO DELL ASMA LE STRATEGIE LA TERAPIA DOVREBBE ESSERE IL PIU POSSIBILE CONTINUATIVA PUR SEGUENDO L ANDAMENTO VARIABILE DELLA PATOLOGIA: ridurre od aumentare la posologia in funzione dello stato clinico del paziente NON CONSIDERARE SOLO L ASMA, MA ANCHE IL PAZIENTE ASMATICO Progetto Mondiale Asma NIH, OMS 1998

61 Sintomi, broncospasmo normalità??? terapia Ciò che tende a fare il paziente / Ciò che spesso fa il medico

62 Sintomi, broncospasmo normalità Terapia antiasmatica La terapia antiasmatica ideale

63 Farmaco ideale

64 Avoid Exposure to Risk Factors Reduce exposure to indoor allergens Avoid tobacco smoke Avoid vehicle emission Identify irritants in the workplace Explore role of infections on asthma development, especially in children and young infants

65 relievers Farmaci anti asmatici controllers

66 Pharmacologic Therapy Reliever Medications: Rapid-acting inhaled ß 2 -agonists Systemic glucocorticosteroids Anticholinergics Methylxanthines Short-acting oral ß 2 -agonists

67 Pharmacologic Therapy Controller Medications: Inhaled glucocorticosteroids Systemic glucocorticosteroids Cromones Methylxanthines Long-acting inhaled ß 2 -agonists Long-acting oral ß 2 -agonists Leukotriene modifiers

68 ASMA BRONCHIALE Malattia infiammatoria cronica delle vie aeree.. Episodi di broncospasmo reversibile Trattare l infiammazione CORTICOSTEROIDI Risolvere il broncospasmo BRONCODILATATORI

69 Stepwise Approach to Asthma Therapy - Adults 2002 Outcome: Asthma Control Outcome: Best Possible Results Controller: None Reliever: STEP 1: Intermittent Controller: Daily inhaled corticosteroid Controller: Daily inhaled corticosteroid Daily longacting inhaled ß 2 -agonist Rapid-acting inhaled ß 2 -agonist prn STEP 2: Mild Persistent STEP 3: Moderate Persistent Controller: Daily inhaled corticosteroid Daily long acting inhaled ß- agonist plus (if needed) -Theophylline-SR -Leukotriene -Long-acting inhaled ß 2 - agonist -Oral corticosteroid STEP 4: Severe Persistent When asthma is controlled, reduce therapy Monitor STEP Down Alternative controller and reliever medications may be considered (see text).

70 BRONCODILATATORI beta2-agonisti : Short-acting (salbutamolo) Long acting (salmeterolo) LA-SA (formoterolo) anticolinergici : ipratropio / oxitropio teofillinici Modificatori dei canali del K+ Analoghi del VIP Inibitori selettivi delle fosfodiesterasi

71 Rapid-acting inhaled ß 2 - agonists are the most effective reliever therapy for children and adults These medications are the most effective bronchodilators available and are the treatment of choice for acute asthma symptoms

72 ß2-ADRENOCETTORI : non solo sulle fibrocellule muscolari lisce bronchiali CELLULA FUNZIONE Mast-cell riduzione rilascio mediatori Eosinofilo riduzione rilascio mediatori aumento sopravvivenza (?) Epitelio aumento battito ciliare incremento trasporto ioni Endotelio riduzione stravaso vascolare T-linfociti riduzione rilascio citochine Macrofagi nessun effetto noto

73 Te o f i l l i n i c i : Molecole principali aminofillina bamifillina doxofillina teofillina

74 I teofillinici si caratterizzano per 1) effetti clinici tendenzialmente inferiori a quelli dei beta2-agonisti 2) effetti ancillari (contrattilità muscolare, emodinamica polmonare) di rilevanza clinica modesta e dubbia) 3) scarsa maneggevolezza per : ristretto indice terapeutico farmacocinetica influenzata da molti fattori (farmaci,età,ecc.) necessità di misurare i livelli plasmatici di teofillina effetti collaterali : cardiaci, gastrointestinali, cefalea, convulsioni

75 Teofillinici : la finestra terapeutica effetti tossici 15 ug/ml effetti terapeutici 5 ug/ml assenza di effetti terapeutici

76 ANTINFIAMMATORI CORTICOSTEROIDI ANTIMETABOLITI STABILIZZATORI DI MEMBRANA Beclometasone antileucotrieni disodiocromoglicato Budesonide antiendotelina nedocromil Flunisolide Fluticasone antineurochinine inibitori COX IMMUNOMODULATORI Mometasone inibitori inos Triamcinolone Ciclosporina / MTX / Tacrolimo rapamicina / micofenolato Mabs anti IgE Mabs anti IL-4 Mabs anti IL-5

77 Principali steroidi inalatori utilizzati nell asma bronchiale beclometasone budesonide flunisolide fluticasone mometasone

78 Steroids and asthma (mechanisms of action)

79 Corticosteroids actions on effector cells (EOSs) 1. Reduce secretion and expression of IL-5 (which stimulates EOSs) 2. Reduce expression of ICAM-1 and VCAM-1 (which decreases EOS adhesion) 3. Reduce production of RANTES (chemokines that traffic EOSs to airways) 4. Promote apoptosis of EOSs 5. Reduce degranulation of EOSs

80 IL RUOLO DEGLI ANTIINFIAMMATORI I corticosteroidi inalatori, assunti in modo continuativo, sono i farmaci di scelta per il controllo della flogosi cronica caratteristica dell asma. La loro azione determina: - riduzione dell iperresponsività delle vie aeree - prevenzione e riduzione delle alterazioni strutturali irreversibili (remodelling) con conseguente miglioramento del quadro clinico. Progetto Mondiale Asma NIH, OMS 1998 WHO: Bronchial Fact Sheet 2000

81 Long-term treatment with inhaled glucocorticosteroids has not been shown to be associated with any increase in osteoporosis or bone fracture Studies including a total of over 3,500 children treated for periods of 1 13 years have found no sustained adverse effect of inhaled glucocorticosteroids on growth

82 Terapia con corticosteroidi 1) la via inalatoria ottiene risultati superiori rispetto alla sistemica, con un importante riduzione degli effetti collaterali 2) anche nei pazienti con asma grave è in grado di ridurre i ricoveri e i costi di gestione della patologia

83 CONTROLLO DELL ASMA: ASSOCIAZIONE CORTICOSTEROIDI E LABA UNA TERAPIA DI SCELTA Le Linee Guida Internazionali raccomandano l associazione tra corticosteroidi inalatori e β 2 - agonisti long-acting come terapia di scelta nei pazienti non controllati dai soli steroidi. L aggiunta di un LABA alla terapia con corticosteroidi determina un migliore controllo rispetto all aumento della dose degli steroidi. Progetto Mondiale Asma NIH, OMS 1998 Greening et al: Lancet 1994;344:219-24

84 ASSOCIAZIONE CORTICOSTEROIDI E LABA : UN AZIONE SINERGICA LE DUE CLASSI DI FARMACI INTERAGISCONO A LIVELLO CELLULARE: I corticosteroidi inalatori, come la budesonide, aumentano il numero di recettori beta-2 a livello della mucosa bronchiale Il formoterolo, beta-2-agonista long-acting attiva i recettori per i corticosteroidi: Induce la traslocazione all interno del nucleo del recettore per i corticosteroidi (GR) in modo tempo-dipendente Aumenta l affinità di legame del complesso recettore-steroide agli elementi responsivi del gene Aumenta l espressione di m- RNA per il recettore GR

85 AZIONE DI BUDESONIDE SUI RECETTORI BETA- 2 Budesonide Recettore-ß 2 GR=recettore corticosteroidi Nucleo mrna GRE (elementi responsivi ai glucocorticoidi) Gene dei Recettori-ß2 Barnes PJ

86 AZIONE DI FORMOTEROLO SUI RECETTORI CORTICOSTEROIDEI Budesonide Formoterolo Recettore-ß 2 GR + AMP-ciclico PKA MAPK proteine Nucleo mrna GRE GRE GRE Gene responsivo agli steroidi Barnes PJ

87 AZIONE SINERGICA DI BUDESONIDE E FORMOTEROLO NELLA TERAPIA DI ASSOCIAZIONE LABA Recettore-β steroide Membrana cellulare Fattore di trascrizione GR inattivo Complesso recettore-steroide attivo GR primed Aumento sintesi recettori β 2 Formazione dimero Aumento attività antiinfiammatoria DNA Legame al gene

88 AZIONE SINERGICA DI BUDESONIDE E FORMOTEROLO: GLI EFFETTI Budesonide Formoterolo Recettore-ß 2 Recettore steroideo SUPERIORE EFFETTO ANTIINFIAMMATORIO MIGLIORE BRONCODILATAZIONE

89 LASA /LABA + Inhaled steroids Best therapy for asthma?

90 In conclusion, combination therapy will probably be the optimal treatment for bronchial asthma during the next ten years Even in the case we will find a more effective treatment, it will take many years to be fully developed and applied (Barnes PJ, AAAI Congress,2001, New Orleans)

91 Gli antileucotrieni nella terapia dell asma Cellula LTB4 LTC4 Neutrofili + Monociti + + Eosinofili + Mastcellule + Eritrociti + Cellule endoteliali + + Linfociti T + Piastrine +

92

93 Overview schematica dei recettori dei LTs RECETTORE AGONISTA EFFETTI Recettore BLT LTB4 attivazione leucocitaria secrezione citochine sintesi IgE trascrizione nucleare Recettore CysLT1 LTC4, LTD4 broncospasmo LTE4, lipoxinaa4 essudazione plasmatica vasocostrizione reclutazione eosinofila secrezione muco cardiodepressione proliferazione miocellule lisce Recettore CysLT2 LTC4, LTD4 vasocostrizione e dilatazioned contrazione miocellula liscia

94 Antagonisti recettoriali: montelukast Anti Leuco trieni zafirlukast pranlukast Inibitori 5-LO: 5 zileuton

95 Recommended Asthma Medications Step 1: Adults Severity Step 1: Intermittent Daily Controller Medications None Other Options (in order of cost) None Reliever Medication: Rapid-acting inhaled ß 2 - agonist prn, not more than 3-4 times a day. Once control is achieved and maintained for at least 3 months, gradual reduction of therapy should be tried.

96 Recommended Asthma Medications Step 2: Adults Severity Step 2: Mild Persistent Daily Controller Medications Inhaled glucocorticosteroid (< 500 µg BDP or equivalent) Other Options (in order of cost) Sustained-release theophylline, or Cromone, or Leukotriene antagonists Reliever Medication: Rapid-acting acting inhaled ß 2 - agonist prn,, not more than times a day. Once control is achieved and maintained for at least 3 months, gradual reduction of therapy should be tried.

97 Recommended Asthma Medications Step 3: Adults Severity Step 3: Moderate persistent Daily Controller Medications Inhaled glucocorticosteroid ( µg g BDP or equivalent) plus long-acting inhaled ß 2 - agonist Other Options (in order of cost) Inhaled glucocorticosteroid ( µg g BDP or equivalent) plus sustained- release theophylline, or Inhaled glucocorticosteroid ( µg g BDP or equivalent) plus long-acting inhaled ß 2 - agonist, or Inhaled glucocorticosteroid at higher doses (> 1000 µg g BDP or equivalent), or Inhaled glucocorticosteroid ( µg g BDP or equivalent) plus leukotriene modifier Reliever Medication: Rapid-acting acting inhaled ß 2 - agonist prn,, not more than times a day. Once control is achieved and maintained for at least 3 months, gradual reduction of therapy should be tried.

98 Recommended Asthma Medications Step 4: Adults Severity Step 4 Severe persistent Daily Controller Medications Inhaled glucocorticosteroid ( > 1000 µg g BDP or equivalent) plus long-acting inhaled ß 2 - agonist plus one or more of the following, if needed: - Sustained-release theophylline - Leukotriene modifier - Long-acting inhaled ß 2 - agonist - Oral glucocorticosteroid Other Options Reliever Medication: Rapid-acting acting inhaled ß 2 - agonist prn,, not more than times a day. Once control is achieved and maintained for at least 3 months, gradual reduction of therapy should be tried.

99 Allergen-specific Immunotherapy Greatest benefit of specific immunotherapy using allergen extracts has been obtained in the treatment of allergic rhinitis A number of questions must be addressed regarding the role of specific immunotherapy in asthma therapy Specific immunotherapy should be considered only after strict environmental avoidance and pharmacologic intervention, including inhaled glucocorticosteroids, have failed to control asthma Perform only by trained physician

100 TERAPIA DELL ASMA il futuro prossimo

101 1- SMC B2 Agonists (long short) Theophylline Anticholinergics M3, M1 camp modulators (VIP, CGRP) PDE s (Type 4 Type 3) cgmp Ca antagonist (ROC s) Potassium Channel Openers B2D2 agonist 2- Mediators Ant-histamines-H1, H3 receptor Leukotriene Receptor Antag 5 Lipoxygenase inhibitors FLAP Inhibitors Thromboxane S Inhibitors PLA2 inhibitors COX2 Inhibitors PAF antagonists Bradykinin receptor antag Adenosine receptor-a1, A2, A3 Endothelin Receptor Antag inos inhibitors TNFA/IL-1 Cathepsin Inhibitors Asparaginase Endopeptidase CCR7 Antagonist Dendritic cells NK- NK1/NK2 5- T Cell 3- Antigen 4- Neuro Cyclosporin A Vaccination (SRL-172, CpG) CD4 Antibodies Transcription factors Chemokine receptor Antagonist -(CCR4 CRTH2 CCR7) Antisense Oligonucleotides Co stimulation inhibition-b7 B7-2 IL Anti Inflammatories Steroids- Soft, Dissociated Transcript Factors (NFkB( NFkB,, AP-1) MIF 7-Eos IL-5 Receptor Antagonists IL-5 Antibodies Chemokine Rec Antagonists Eotaxin Expression regulation MAP Kinase Inhibitors Apoptosis regulation Adhesion Molecule Inhibitors VLA-4, VLA-5 ICAM Selectin 8-B B cell IL-4 Receptor Antagonist IL-4 signal transduction IL-13 receptor Antagonist IL-13 Expression inhibitors IL-4 Antibodies IgE Antibodies-E25 CD23 inhibitors 9 Growth factors release PG D2 Receptor antagonist Chemokine expression Inhib Remodelling Genomics 10 Gene Therapy-Antisense

102 NEW ANTI-INFLAMMATORY INFLAMMATORY TREATMENTS FOR ALLERGIC DISEASES New steroids Soft steroids Dissociated steroids Non-steroidal anti-inflammatory inflammatory agents PDE4 inhibitors NF-κB B inhibitors p38 MAP kinase inhibitors Anti-eosinophil drugs IL-5 5 inhibition VLA4 inhibitors CCR3 antagonists Anti-allergic drugs Anti-IgE Anti-IL IL-4 IL-12, IL-18, IFN-γ

103 Y Y Y Y Y Y IL-4, IL-13 ε B lymphocyte IgE AND ITS INHIBITION IN ATOPY Y Y Y Y Y Y IgE Y Y FcεRI Y Y Y Mast cell FcεRII (CD23) Macrophage Histamine Cys-LTs PGD 2 Chronic inflammation rhumab-e25, omalizumab T lymphocyte Eosinophil

104 Xolair (omalizumab) anti-ige monoclonal antibody IgG1 kappa human framework containing 5% murine antibody complementarity-determining regions (M W ~150kD) Binds circulating free IgE Prevents IgE binding to high- nd low-affinity receptors Forms small, biologically inert omalizumab:ige complexes

105 Serum free IgE after anti-ige administration Median free IgE (ng/ml) mg administered once monthly for 48 weeks to patients with moderate-to-severe asthma 100 Day 1 post-dose Days (not to scale) Source: Extension Study Report 8C

106 The clinical response is dose-related Free IgE (ng/ml) mg 150mg mg 1.0 Mean symptom score Placebo ** Dose [mg/kg/ige (IU/mL)] Dose (mg)

107 Anti IgE dosing schedule Baseline IgEi Body weight (IU/mL) >30 40 >40 50 >50 60 >60 70 >70 80 >80 90 > > > > > > > > > > >900 1,000 > > > mg: every 4 wks mg: every 2 wks

108 ANTI-IgE IgE IN STEROID-DEPENDENT DEPENDENT ASTHMA omalizumab: iv. 2x weekly x 12 weeks then reduction over 8 weeks 80 Oral steroids Placebo Anti-IgE (low dose) % Patients Anti-IgE (high dose) L 0 L >50% reduction Discontinuing Milgrom H et al: NEJM 1999

Corso di Laurea Specialistica in Biotecnologie Biomolecolari. Corso di Immunologia Molecolare

Corso di Laurea Specialistica in Biotecnologie Biomolecolari. Corso di Immunologia Molecolare Corso di Laurea Specialistica in Biotecnologie Biomolecolari ANTONELLA GROSSO Corso di Immunologia Molecolare ILAN RIESS LA MOLECOLA Interleukin 4 From Wikipedia, the free encyclopedia Interleukin-4, abbreviated

Dettagli

Citochine dell immunità specifica

Citochine dell immunità specifica Citochine dell immunità specifica Proprietà biologiche delle citochine Sono proteine prodotte e secrete dalle cellule in risposta agli antigeni Attivano le risposte difensive: - infiammazione (immunità

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

SNLG. Regioni LINEA GUIDA. Linee guida sull asma bronchiale. Consiglio Sanitario Regionale

SNLG. Regioni LINEA GUIDA. Linee guida sull asma bronchiale. Consiglio Sanitario Regionale SNLG Regioni 10 Linee guida sull asma bronchiale LINEA GUIDA Consiglio Sanitario Regionale Data di pubblicazione: agosto 2010 Data di aggiornamento: agosto 2014 Estensori delle linee guida sull asma bronchiale

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Grazia D Onofrio 1, Daniele Sancarlo 1, Francesco Paris 1, Leandro Cascavilla 1, Giulia Paroni 1,

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA

PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA 2 La SINDROME DI BRUGADA è una malattia generalmente ereditaria, a trasmissione autosomica dominante, che coinvolge esclusivamente

Dettagli

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana 2.760.000.000 Euro 14.4% della spesa farmaceutica 32.8% della spesa farmaceutica ospedaliera

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

I I SEGNALI COSTIMOLATORI DEI LINFOCITI T FEDERICA COLLINO

I I SEGNALI COSTIMOLATORI DEI LINFOCITI T FEDERICA COLLINO I I SEGNALI COSTIMOLATORI DEI LINFOCITI T FEDERICA COLLINO ATTIVAZIONE DEI LINFOCITI T L attivazione dei linfociti T vergini richiede la presenza di una particolare regione di contatto tra le cellule T

Dettagli

SCHEDE INFORMATIVE SUI POLMONI www.european-lung-foundation.org

SCHEDE INFORMATIVE SUI POLMONI www.european-lung-foundation.org Lo scopo di questa scheda informativa è illustrare alle persone affette da broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) e ai loro amici e familiari il modo migliore per poter vivere una vita normale con

Dettagli

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga Le basi anatomiche del sistema nervoso autonomo Reazioni connesse alla digestione

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

Attivazione dei linfociti T

Attivazione dei linfociti T Attivazione dei linfociti T Attivazione linfociti T: caratteristiche generali Eventi extracellulari - Riconoscimento dell antigene - Interazione dei recettori costimolatori Eventi intracellulari - Trasduzione

Dettagli

NE e Disfagia:Terapia farmacologica per os, come fare?

NE e Disfagia:Terapia farmacologica per os, come fare? NE e Disfagia:Terapia farmacologica per os, come fare? Marica Carughi Servizio Farmaceutico Nutrizionale A.O Sant Anna Como Milano, 21 maggio 2014 WHAT EVIDENCE SAYS? LINEE GUIDA: SI Making the best

Dettagli

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN Stelvio Sestini, MD, PhD Unità di Medicina Nucleare - USL4 Prato Università degli Studi di Firenze Concetto 1. Le M. Neurodegenerative sono in aumento Concetto 2. Le

Dettagli

U.O.C. di Chirurgia Endoscopica

U.O.C. di Chirurgia Endoscopica Congresso Nazionale Palermo 28/30 Ottobre 2010 Azienda Ospedaliera Universitaria Policlinico Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Chirurgia generale e specialistica U.O.C. di Chirurgia

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale ORGAN ON A CHIP Un promettente sostituto alla sperimentazione animale 1 1.Fasi di sviluppo di un farmaco La ricerca e lo sviluppo di un farmaco sono indirizzate al processo dell identificazione di molecole

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo Roberto Carloni Claudio Culotta Le politiche internazionali: l OMS World Declaration and Plan of Action on Nutrition Health for all

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma.

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna è caratteristico degli eucarioti: Sequenze codificanti 1.5% del genoma umano Introni in media 95-97%

Dettagli

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA IL PRIMO GIORNO CON LA FAMIGLIA OSPITANTE FIRST DAY WITH THE HOST FAMILY Questa serie di domande, a cui gli studenti risponderanno insieme alle loro famiglie, vuole aiutare

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 04 1/28 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene la disciplina relativa ai limiti di variazione

Dettagli

L asma bronchiale nel bambino raccomandazioni per la pratica clinica

L asma bronchiale nel bambino raccomandazioni per la pratica clinica L asma bronchiale nel bambino raccomandazioni per la pratica clinica Un modello per introdurre cambiamenti nel percorso diagnostico-assistenziale della malattia cronica Modena, Giugno 2004 Raccomandazioni

Dettagli

Rilascio dei Permessi Volo

Rilascio dei Permessi Volo R E P U B L I C O F S A N M A R I N O C I V I L A V I A T I O N A U T H O R I T Y SAN MARINO CIVIL AVIATION REGULATION Rilascio dei Permessi Volo SM-CAR PART 5 Approvazione: Ing. Marco Conti official of

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE

NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE AUDIZIONE PRESSO UFFICIO DI PRESIDENZA 7ª COMMISSIONE (Istruzione) SULL'AFFARE ASSEGNATO DISABILITÀ NELLA SCUOLA E CONTINUITÀ DIDATTICA DEGLI INSEGNANTI DI SOSTEGNO (ATTO N. 304)

Dettagli

BANCA BIOLOGICA ISS: proposta di utilizzo per le stime di prevalenza. Istituto Superiore di Sanità

BANCA BIOLOGICA ISS: proposta di utilizzo per le stime di prevalenza. Istituto Superiore di Sanità BANCA BIOLOGICA ISS: proposta di utilizzo per le stime di prevalenza Simona Giampaoli, Anna Rita Ciccaglione Istituto Superiore di Sanità Prevalenza e carico dell infezione cronica da virus dell epatite

Dettagli

Terapia a lungo termine con i bisfosfonati

Terapia a lungo termine con i bisfosfonati Raffaella Michieli 1, Antonella Toselli 2 1 Responsabile Area Salute Donna SIMG; 2 Area Osteomioarticolare SIMG Focus on Terapia a lungo termine con i bisfosfonati L osteoporosi è un difetto sistemico

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx. Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.com Avvertenza di Rischio: Il Margin Trading su forex e/o CFD comporta

Dettagli

Come si prepara una presentazione

Come si prepara una presentazione Analisi Critica della Letteratura Scientifica 1 Come si prepara una presentazione Perché? 2 Esperienza: Si vedono spesso presentazioni di scarsa qualità Evidenza: Un lavoro ottimo, presentato in modo pessimo,

Dettagli

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica Pasquale Parisi, MD PhD et. al. Outpatience Service of Paediatric Neurology Child Neurology, Chair

Dettagli

A ST H M A LINEE GUIDA TASCABILI PER IL TRATTAMENTO, LA PREVENZIONE E LA GESTIONE DELL ASMA NELL ADULTO

A ST H M A LINEE GUIDA TASCABILI PER IL TRATTAMENTO, LA PREVENZIONE E LA GESTIONE DELL ASMA NELL ADULTO Adattamento Italiano delle Linee Guida internazionali Global Initiative for Asthma (GINA) reso possibile grazie al supporto educazionale al Progetto LIBRA (Linee Guida Italiane BPCO, Rinite, Asma) di:

Dettagli

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014 Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti Un case report è una dettagliata narrazione di sintomi, segni, diagnosi, trattamento e follow up di uno o più pazienti. Sebbene nell era della

Dettagli

Straumann Emdogain PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI

Straumann Emdogain PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI Straumann Emdogain PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI CONSERVAZIONE DEL DENTE CON STRAUMANN EMDOGAIN Dal 5 al 15 % della popolazione soffre di gravi forme di parodontite, che possono portare alla caduta dei

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969. Staff - STRUTTURA COMPLESSA DI CARDIOLOGIA

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969. Staff - STRUTTURA COMPLESSA DI CARDIOLOGIA INFORMAZIONI PERSONALI Nome GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA OSPEDALIERA VALTELLINA E VALCHIAVENNA

Dettagli

PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS

PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS La domanda di partecipazione deve essere compilata e

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona Istologia: diagnosi e gradi della CIN biopsia cervicale o escissione maturazione cell stratificazione cell anormalità

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

Principali prove meccaniche su materiali polimerici

Principali prove meccaniche su materiali polimerici modulo: Proprietà viscoelastiche e proprietà meccaniche dei polimeri Principali prove meccaniche su materiali polimerici R. Pantani Scheda tecnica di un materiale polimerico Standard per prove meccaniche

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Under the Patronage of Comune di Portofino Regione Liguria 1ST INTERNATIONAL OPERA SINGING COMPETITION OF PORTOFINO from 27th to 31st July 2015 MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Direzione artistica

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica ANESTETICI GENERALI ENDOVENOSI Proprietà: -Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica -Risveglio rapido :questo è possibile quando

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE APPLICATION FORM Thank you for your interest in our project. We would like to understand better your motivation in taking part in this specific project. So please, read carefully the form, answer the questions

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI LEZIONE 16 Sistemi di regolazione SISTEMI DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI In che modo un batterio sente e risponde a specifici segnali provenienti dall ambiente? Per esempio, nel caso dell operone lac

Dettagli

DIFETTO INTERVENTRICOLARE

DIFETTO INTERVENTRICOLARE DIFETTO INTERVENTRICOLARE Divisione di Cardiologia Pediatrica Cattedra di Cardiologia Seconda Università di Napoli A.O. Monaldi Epidemiologia 20% di tutte le CC Perimembranoso: 80% Muscolare: 5-20% Inlet:

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

Numero 7. L allergia alle muffe L esperto informa che

Numero 7. L allergia alle muffe L esperto informa che Numero 7. L allergia alle muffe L esperto informa che Le muffe fanno parte, insieme ai lieviti e ai funghi a cappello sia mangerecci sia velenosi, di un vastissimo quanto eterogeneo gruppo di organismi,

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tipo: Type: 5 cabine (1 main deck+ 4 lower deck) 5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tessuti: Dedar Fanfara, Paola Lenti Fabrics: Dedar Fanfara,

Dettagli

Caso clinico 1. Simulazioni cliniche interattive. Caso clinico 1 - step 1. Domanda 1 - Televoto

Caso clinico 1. Simulazioni cliniche interattive. Caso clinico 1 - step 1. Domanda 1 - Televoto SESSIONE 4 Follo w-up del p aziente BPC O e int egrazio ne funzionale centro sp ecialistico- med icina gen erale Simulazioni cliniche interattive Caso clinico 1 Caso clinico 1 - step 1 Caso clinico 1 -

Dettagli

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam.

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam. Laurea in INFORMATICA INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 Dynamic Host Configuration Protocol fausto.marcantoni@unicam.it Prima di iniziare... Gli indirizzi IP privati possono essere

Dettagli

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR MANUALE DI ISTRUZIONI ACCENSIONE / SPEGNERE DEL TAG HOUND Finder GPS Il TAG HOUND

Dettagli

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza Commissione Nazionale dei Corsi di Laurea in Infermieristica La valutazione dei risultati dell apprendimento e qualità formativa dei Corsi di laurea in Infermieristica Milano, 10 giugno 2011 Realtà e problematiche

Dettagli

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM 65 1 2 VS/AM 65 STANDARD VS/AM 65 CON RACCORDI VS/AM 65

Dettagli

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Filippo Festini Università di Firenze, Dipartimento di Pediatria,

Dettagli

Presentazione per. «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto»

Presentazione per. «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto» Presentazione per «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto» Pascal Jansen pascal.jansen@inspearit.com Evento «Agile Project Management» Firenze, 6 Marzo 2013 Agenda Due parole su inspearit

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA report tecnico nr. 03/08 v. 1 indice dei contenuti 1. Utilità delle RSL Pag. 1 2. Principali metodi Pag. 2 3. Esempi di RSL Pag. 3 4. Protocollo

Dettagli

DIAGNOSTICA DI LABORATORIO NELL ARTRITE REUMATOIDE

DIAGNOSTICA DI LABORATORIO NELL ARTRITE REUMATOIDE DIAGNOSTICA DI LABORATORIO NELL ARTRITE REUMATOIDE Dr.ssa ANNALISA BIANO ASL 2 SAVONESE S.S.D. LABORATORIO DI PATOLOGIA CLINICA P.O. CAIRO MONTENOTTE GRUPPO LIGURE di AUTOIMMUNITA ARTRITE REUMATOIDE: PROBLEMATICHE

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO Lo Spallanzani (2007) 21: 5-10 C. Beggi e Al. Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO IL GRADIMENTO DEI DISCENTI, INDICATORE DI SODDISFAZIONE DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

Farmaci psicoattivi. Farmaci stimolanti o sedativi capaci di influenzare la psiche

Farmaci psicoattivi. Farmaci stimolanti o sedativi capaci di influenzare la psiche Farmaci psicoattivi Farmaci stimolanti o sedativi capaci di influenzare la psiche Farmaci psicoattivi eurolettici (antipsicotici) Trovano impiego nel trattamento delle psicosi Rappresentativi della classe

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA Approccio razionale dal territorio al PS Dr. Giorgio Bonari 118 LIVORNO LA RESPIRAZIONE CO2 O2 LA RESPIRAZIONE 1) Pervietà delle vie aeree 2) Ventilazione 3) Scambio Alveolare

Dettagli

LABORATORIO DI INGEGNERIA DEL SISTEMA NEUROMUSCOLARE (LISiN) Via Cavalli 22H, 10138 Torino

LABORATORIO DI INGEGNERIA DEL SISTEMA NEUROMUSCOLARE (LISiN) Via Cavalli 22H, 10138 Torino Compagnia di San Paolo LABORATORIO DI INGEGNERIA DEL SISTEMA NEUROMUSCOLARE (LISiN) Via Cavalli 22H, 10138 Torino Comunità Europea European Space Agency Attività extraveicolare sulla Stazione Spaziale

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie Coagulazione 1 Bilancia emostatica Ipercoagulabilità Ipocoagulabilità Normale Trombosi Emorragie 2 emostasi primaria emostasi secondaria Fattori coinvolti nell emostasi Vasi + endotelio Proteine della

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

Informazioni per i pazienti e le famiglie

Informazioni per i pazienti e le famiglie Che cos è l MRSA? (What is MRSA? Italian) Reparto Prevenzione e controllo delle infezioni UHN Informazioni per i pazienti e le famiglie Patient Education Improving Health Through Education L MRSA è un

Dettagli

La nucleoplastica percutanea a coblazione nel trattamento dell ernia discale lombare e cervicale

La nucleoplastica percutanea a coblazione nel trattamento dell ernia discale lombare e cervicale La nucleoplastica percutanea a coblazione nel trattamento dell ernia discale lombare e cervicale G.Bonaldi Neuroradiologia Osp. P. Giovanni XXIII - Bergamo Storia della chirurgia miniinvasiva del disco

Dettagli

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo U.O. di Neurochirurgia Ospedale S. Maria di Loreto Nuovo ASL Napoli 1 Direttore: dr. M. de Bellis XLIX Congresso Nazionale SNO Palermo 13 16

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma duttale in situ: : si,no, forse Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it Definizione Il carcinoma duttale in situ della mammella è una

Dettagli

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL Kosten Th., O'Connor P.: Management of drug and alcohol with drawal, The New England Journal of Medicine, 348: 1786-95, 2003 Tenendo conto della prevalenza dei

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Sede di Rappresentanza: Castello di San Donato in Perano 53013 Gaiole in Chianti (Si) Tel. 0577-744121 Fax 0577-745024 www.castellosandonato.it

Dettagli

Linee Guida pratiche basate sull evidenza sull uso dei distanziatori nel trattamento dell asma bronchiale infantile edizione 2008

Linee Guida pratiche basate sull evidenza sull uso dei distanziatori nel trattamento dell asma bronchiale infantile edizione 2008 Linee Guida pratiche basate sull evidenza sull uso dei distanziatori nel trattamento dell asma bronchiale infantile edizione 2008 Coordinatore: Daniele Radzik, U.O. di Pediatria, Ospedale San Giacomo,

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli