ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE 25 APRILE di Cuorgnè

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE 25 APRILE di Cuorgnè"

Transcript

1 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUERIORE 25 RILE di Cuorgnè NNO SCOLSTICO CLSSE 3G TTIVIT ESTIV ER LLUNNI CON GIUDIZIO SOSESO MTERI: TOOGRFI DOCENTE: rof. TONIOLO Serena Dopo aver rivisto i contenuti degli argomenti trattati durante l anno con l ausilio degli appunti e del libro di testo, realizzare su un quaderno nuovo un formulario contenente tutte le casistiche svolte affrontare nell anno (risoluzione triangoli rettangoli e non, circonferenze notevoli, poligonali, conversioni di coordinate ecc ) in un altro quaderno rispondere ai quesiti e svolgere gli esercizi riportati nel seguito IL QUDERNO CON LE TTIVIT SVOLTE E I FOGLI ROTOCOLLO NDRNNO CONSEGNTI SCUOL IN ORTINERI ENTRO IL 30 GOSTO 2014 E SRNNO UTILIZZTI ER L VLUTZIONE DEL RECUERO L ROV D ESME CONSISTER NELL RISOLUZIONE DI MSSIMO DUE ESERCIZI FR I TII CONTENUTI NEL RESENTE DOCUMENTO E IN LCUNE DOMNDE SCELTE FR QUELLE RIORTTE NEL SEGUITO otete contattarmi per particolari problemi all indirizzo SISTEMI DI MISUR.1 Unità di misura per lunghezze aree e volumi;.2 Unità di misura per gli angoli;.2.1 Il sistema seggagesimale;.2.2 Il sistema sessadecimale;.2.3 Il sistema centesimale;.2.4 Il sistema assoluto;.3 Conversioni angolari;.4 Uso delle calcolatrici scientifiche 1. In un grado centesimale sono contenuti 60 primi? 2. Quanti primi sono contenuti in un secondo sessagesimale? 3. Con quali differenti simbologie può essere indicato un angolo espresso nel sistema centesimale? 4. In che modo si trasformano i gradi centesimali in secondi centesimali? 5. Come si trasformano i gradi sessagesimali in sessa decimali e viceversa? 6. Il radiante è una parte geometrica dei cerchi? 7. Il sistema sessagesimale è quello più utilizzato in topografia?. CMO OERTIVO.1 Definizione di DTUM;.2 Il mareografo e la definizione del livello medio del mare;.3 Le principali componenti della forza gravitazionale: la forma del geoide;.4 Definizione dell ellissoide di rotazione: parametri geometrici caratterizzanti la superficie;.5 Definizione di longitudine e latitudine geografica e astronomica;.6 La definizione del campo geodetico;.7 La definizione del campo topografico;.7.1 Errore di sfericità nella misura delle distanze (dimostrazione).7.1 Errore di sfericità nella misura dei dislivelli (dimostrazione).8 Definizione di distanza inclinata, distanza orizzontale, distanza topografica, angolo azimutale, angolo di inclinazione o zenitale e angolo di elevazione.9 Sistemi di riferimento globali e locali 8. quale superficie risulta perpendicolare il filo a piombo? 9. Quando è possibile utilizzare come superficie di riferimento la sfera locale? 11. Cosa misura un mareografo? Dove è installato quello di riferimento per l Italia? 12. Cos è il geoide? 13. Cos è il campo geodetico? Quale la sua estensione? 14. Quale valore si può assumere come raggio della sfera locale alle nostre latitudini? 15. Definire longitudine e latitudine geografica e astronomica 16. Quanto vale l errore di sfericità nella misura del dislivello se si considerano due punti posti a 125 m di distanza? (assumere raggio della sfera locale pari a 6377 km) 17. Definire: distanza reale, orizzontale e topografica, angolo zenitale e angolo azimutale 18.Cosa si intende per campo topografico? Quale la sua estensione? erché? C. LICZIONI DELL TRIGONOMETRI C.1 Le funzioni goniometriche agina 1 di 8

2 C.1.1 Significato geometrico delle funzioni seno, coseno, tangente, cotangente, disegno delle funzioni seno e coseno; C.1.2 Le funzioni goniometriche inverse C.2 Risoluzione dei triangoli rettangoli C.2.1 Il teorema di itagora; C.2.2 I teoremi dei triangoli rettangoli; C.3 Il teorema dei seni;(dimostrazione) C.4 Il teorema di Carnot;(dimostrazione) C.5 Risoluzione di triangoli qualunque: C.5.1 Noti due angoli e un lato; C.5.2 Noti due lati e l angolo compreso; C.5.3 Noti due lati e un angolo non compreso; C.5.4 Noti tre lati; C.5.5 rea del triangolo; C Nota base e altezza; C Formula di Erone (noti tre lati); C Noti due lati e l angolo compreso C Noto un lato e due angoli; C.6 Risoluzione di quadrilateri C.6.1 Risoluzione mediante suddivisione in triangoli; C.6.2 Noti tre angoli e due lati opposti; C.6.3 Noti tre lati e due angoli non compresi; C.6.4 Formula del camminamento (dimostrazione) C.7 Circonferenze notevoli dei triangoli: circonferenza inscritta, circoscritta, ex-inscritta; C.8 ltezze, madiane e bisettrici dei triangoli; C.9 Definizione di angolo azimutale, di direzione e azimut; C.10 Contenuti di un libretto delle misure: C.11 Coordinate cartesiane ortogonali totali e parziali; C.12 Le coordinate polari; C.13 Trasformazione da coordinate polari a rettangolari C.14 Trasformazione da coordinate rettangolari a polari: analisi dei quattro casi possibili; C.15 Risoluzione di poligoni mediante le coordinate: la formula di Gauss per la determinazione della superficie; C.16 Definizione di azimut reciproco, legge di propagazione degli azimut, risoluzione di una spezzata piana; 20. In un triangolo rettangolo noto cateto e ipotenusa come è possibile determinare gli angoli interni? 21. Quanti e quali elementi devono essere noti per poter risolvere un triangolo scaleno? 22. Dove si trova il centro della circonferenza inscritta a un triangolo? Come si determina il suo raggio? 23. Quanti elementi e di che tipo è necessario conoscere per poter risolvere un quadrilatero? 24. Da quali elementi è costituito, nel piano, un sistema di riferimento polare? 25. Che cosa rappresenta, in un sistema polare di polo O, l azimut di un punto generico? 26. Rispetto ad un sistema polare di polo O, sono noti gli azimut di due direzioni O e O, rispettivamente di 277 e 142. Quale sarà il valore dell angolo O? 27. Cosa si intende per azimut reciproci? 28. Cosa si deve rilevare per determinare le coordinate dei vertici di una spezzata piana? Esercizio 1 Trovare angoli e lati del triangolo C, rettangolo in C, conoscendo: b=133,35 m β=53,1244gon Disegno in scala 1:2.000 In Esercizio 2 Di un triangolo isoscele C, i lati obliqui misurano 88,90 m e l altezza 69,75 m. Determinare il perimetro del triangolo e gli angoli nel sistema centesimale Esercizio 3 Un appezzamento di terreno quarilatero CD è stato rilevato andando a misurare: = 345,65 m D=308,68 m CD=195,44 m α =95,3852 gon γ= 115,5600 gon Rappresentare in scala opportuna l appezzamento e calcolarne il perimetro e la superficie. Il proprietario del terreno vuole far passare in mezzo al terreno un sentiero che partendo dal vertice sia perpendicolare al lato D. Calcolare la superficie delle due parti in cui l appezzamento risulta suddiviso dal sentiero. (Si consideri il sentiero di larghezza nulla) Esercizio 4 Un terreno di forma quadrilatera è stato rilevato misurando i lati, C e CD nonchè gli angoli nei vertici e. =a=87,55 m C=b=97,38 m CD=c=82,60 m D=α= C=β= Calcolare gli elementi incogniti e l area. Figura in scala 1:2000 agina 2 di 8

3 Esercizio 5 Il quadrilatero CD possiede le seguenti misure: =86,40 m C=67,80 m CD=92,10 m β=125,3046 gon γ=96,5529 gon Considerando i due triangoli C e CD generati dalla diagonale C, determinare la distanza tra i centri O 1 e O 2 dei cerchi inscitti a questi triangoli. Esercizio 6 - Di una particella di terreno CD a forma quadrilatera sono noti i seguenti elementi: D= m C= m DC= m α= gon β= gon Determinare: - tutti gli elementi incogniti del quadrilatero, perimetro e aerea - raggi delle circonferenze inscritte e circoscritta al triangolo C - la distanza OM in cui O è il centro del cerchio inscritto a C e M il punto medio del lato Disegno in scala 1:5000 Esercizio 7- Di una particella di terreno CD a forma quadrilatera sono noti i seguenti elementi: D= m C=44.05 m α= gon β= gon γ= gon Determinare: - tutti gli elementi incogniti del quadrilatero, perimetro e aerea - raggi delle circonferenze inscritte ai triangoli C e CD - la distanza O in cui O è il centro del cerchio inscritto a C Esercizio 8 -Di un appezzamento quadrilatero CD si conoscono le coordinate cartesiane: (-149,84;-27,73)m (-10,87;-114,61)m C(+117,32;-92,33)m D(0,00;0,00)m Calcolare l area, le diagonali C, D e le coordinate della loro intersezione Esercizio 9 Del quadrilatero CD si conoscono: =72,856 m D=124,426 m CD=54,268 m α=73,7518 gon δ=72,5333 gon Riferire la figura a un sistema di assi con origine in e asse delle ascisse orientato positivamente secondo D. I vertici,, C, D si susseguono in senso orario. Calcolare le coordinate cartesiane dei vertici e gli elementi incogniti. Si determinino quindi le coordinate dei vertici dell appezzamento rispetto a un nuovo sistema di assi cartesiani avente origine nel punto O di coordinate (54,000;15,000) m e con gli assi ruotati in senso orario di 18,5400 gon rispetto a quelli di partenza Determinare inoltre le coordinate del baricentro G del triangolo CD Disegno in scala 1:2.000 Esercizio 10 Di un appezzamento quadrilatero CD si conoscono: =125,70 m C=106,30 m CD=185,40 m β=120,5926 gon γ=84,7222 gon Riferire il quadrilatero a un sistema di assi cartesiani con origine in D e l asse delle ascisse diretto positivamente al punto C. I vertici,, C, D, si susseguono in senso orario. Su lato C è fissato un punto E alla distanza di 29,05 m da ; sulla diagonale C un punto F alla distanza di 99,40 m da e sul lato D un punto G alla distanza di 39,78 m da. Calcolare le coordinate dei vertici del quadrilatero e quelle dei punti E, F e G. Calcolare inoltre l area dell appezzamento e quella del pentagono EFG Esercizio 11 Un appezzamento quadrilatero CD, i cui vertici si susseguono in senso orario, è stato rilevato misurando D=124,67 m =122,38 m C=185,65 m C= 59,0972 gon CD=69,3456 gon Con riferimento ad un sistema di assi cartesiani avente origine in e asse delle ascisse orientato positivamente secondo il lato D si determinino: 1- le coordinate dei vertici dell appezzamento 2- i lati C e CD 3- la superficie determinata mediante la formula di Gauss 4- le coordinate dell ortocentro K del triangolo C 5- la distanza fra il punto K e il punto M punto medio del lato Disegno in scala 1:1.000 Esercizio 12 Di una spezzata piana CDE si sono misurati i seguenti elementi:: C= gon = m CD= gon C= m CDE= gon CD= m DE= m Determinare 1. la distanza tra gli estremi e E 2. l area racchiusa nella spezzata CDE 3. le coordinate cartesiane del punto T intersezione la congiungente e E e la perpendicolare a E uscente da C 0 agina 3 di 8

4 D. TEORI DEGLI ERRORI D.1 - Classificazione degli errori: grossolani, sistematici e accidentali; D.2 Il concetto di probabilità e frequenza; D.3 nalisi del significato della curva di Gauss; D.4 Trattamento statistico di una serie di misure dirette e omogenee D.5 Trattamento statistico di una serie di misure dirette di diversa precisione 29. Illustrare come possono essere classificati gli errori corredando la spiegazione con opportuni esempi. 30. cosa è uguale lo scarto quadratico medio? Quali informazioni fornisce e quali altri parametri permette di determinare? 31. Spiegare quali misure e per quale motivo devono essere escluse da una serie relativa alla misura diretta di una grandezza 32. In una serie di misure di precisione diversa, cos è il peso di una misura? cosa serve? E. STRUMENTI SEMLICI, METODI DI MISUR DI NGOLI E DISTNZE, METODI DI RILIEVO E.1 Il filo a piombo; E.2 La livella sferica e la livella torica: struttura, condizioni di rettifica, condizioni di centramento, utilizzo; E.3 Lo squadro agrimensorio: descrizione, procedure operative per il tracciamento di allineamenti E.4 Strumenti per la segnalizzazione dei punti: E.4.1 Definizione di segnali e mire; E.4.2 Dimensionamento di una mira in base all acuità visiva; E.4.3 Definizione di segnali provvisori e permanenti; E.4.4 ilastrini, picchetti, chiodi, paline, biffe E.5 Il goniometro: parti costituenti, la messa in stazione, condizioni di costruzione, verifica e rettifica; E.6 Strumenti per la misura diretta delle distanze: longimetri flessibili (rotelle), rigidi (triplometri) E.7 Metodi per la misura indiretta delle distanza:misura con angolo parallattico costante e variabile e stadia verticale E.8 Errori nella misura diretta delle distanze E.9 Misura delle distanze mediante distanziometri laser E.10 La misura delle distanze per coltellazione E.11 Metodi di rilievo: E.11.1 Rilievo per intersezione E Rilievo per allineamenti liberi e per allineamenti e squadri; E.11.3 Il rilievo per irraggiamento o coordinate polari; E.12 Organizzazione del rilievo topografico, rilievo di inquadramento, di dettaglio, scelta dei punti di dettaglio, eidotipo, libretto delle misure 33. Descrivere forme, dimensioni, materiali e funzioni dei picchetti. 34. Illustrare, sottolineandone le differenze le funzioni di segnali e mire 35. er quale operazione è stata concepita la livella torica? 36. Cosa sono e come sono fatti i pilastrini? Cosa indicano? 37. Quando una livella si dice rettificata? Come si verifica? 38. In quale condizione i valori della distanza inclinata, della distanza topografica e della distanza orizzontale, coincidono? 39. Cosa si intende per misura diretta e indiretta di una grandezza? 40. Nella misura diretta di distanze eseguita su terreni in forte pendio, quale strumento risulta più idoneo? 41.Da quali parti essenziali è costituito un goniometro? Quali sono i suoi assi? Quali condizioni devono rispettare? 42. Elencare le condizioni intrinseche o di costruzione dei goniometri 43. Elencare le condizioni di verifica e rettifica dei goniometri 44. Come si ottinene la verticalità dell asse primario di un teodolite? 45. Nella misura delle distanze si suole parlare di longimetri e distanziometri. Quali caratteristiche posseggono le due categorie di strumenti? 46. Quali sono gli errori da cui bisogna guardarsi nel caso di misura diretta delle distanze? 47. Cos è la stadia? Come si utilizza nella misura indiretta delle distanze con angolo parallattico costante e variabile? Quale altro strumento è necessario avere per effettuare questa misura? 48. Cosa si intende per rilievo di inquadramento e rilievo di dettaglio? 49. Come si procede operativamente in un rilievo per allineamenti liberi? 50. Come si procede operativamente in un rilievo per allineamenti e squadri? 51. Da quali parti è composto uno squadro? Quali le condizioni di esattezza? 52. Come si realizza operativamente un rilievo per coordinate polari o irradiamento? 53. Quando si utilizza il rilievo per intersezione? 54.Che cosa sono il libretto delle misure e l eidotipo? Esercizio 13 Dal punto si è rilevato l appezzamento di terreno CDEF mediante un teodolite centesimale misurando i seguenti elementi agina 4 di 8

5 STZIONE.TO CERCHIO COLLIMTO ORIZZONTLE DISTNZ C D E F Dopo aver disegnato la planimetria in scala opportuna, con riferimento a un sistema di assi cartesiani avente origine in e asse positivo delle y diretto lungo determinare: 1. le coordinate dei vertici dell appezzamento 2. l area dell appezzamento 3. la lunghezza di una nuova strada che da vada a F in modo rettilineo ll interno dell appezzamento è stato rilevato un fabbricato per allineamenti e squadri utilizzando come allineamenti principali C e E. I vertici del fabbricato sono stati numerati da 1 a 6 e le misure raccolte nel seguente libretto: unti llineamento Squadri C (X) (Y) 0, llineamento Squadri unti E (X) (Y) 0, Disegnare il fabbricato e determinarne 4. superficie e perimetro sapendo che i muri perimetrali formano tra di loro tutti angoli retti Esercizio 14 Si conoscono le coordinate di due punti e : X = +2410,70 m Y =-1074,36m X =-675,30m Y =+1871,40 m er trovare le coordinate di un punto C si è fatta stazione in e in e sono state fatte le seguenti letture: l C =5,5640 gon l =81,7618 gon l =358,1944 gon l C =15,5980 gon Calcolare le coordinate di C facendo riferimento al punto. Il punto C si trova alla sinistra di un osservatore che dal punto guarda verso Disegno in scala opportuna Esercizio 15. L appezzamento di terreno di forma quadrilatera CD è stato rilevato mediante allineamenti e squadri, effettuando l allineamento principale lungo il lato, e determinando la posizione dei due vertici C e D e il relativo squadro. Le misure rilevate sono, essendo D e C le proiezioni dei vertici D e C sul lato llineamento : D =8.454 m = m C = m Squadri: D D= m CC = m (D e C a sinistra di ) Si calcoli il perimetro e l area del quadrilatero Esercizio 16 Da due punti e, situati sul piazzale di una chiesa, si è collimata la cima di un campanile con un goniometri, rilevando gli angoli riportati nel seguente specchietto. Si è quindi misurato con un nastro metallico la distanza tra i punti e : m.to CERCHIO STZIONE COLLIMTO ORIZZONTLE gon gon gon gon Determinare le coordinate cartesiane della cima del campanile rispetto a un sistema di riferimento cartesiano opportunamente scelto dal candidato Esercizio 17 Un appezzamento quadrilatero è stato rilevato per coordinate polari facendo stazione nel suo vertice e misurando le grandezze raccolte nel seguente libretto delle misure. agina 5 di 8

6 Stazione unto collimato Cerchio orizzontale Distanza (m) D 44,7988 gon ,3560 gon C 385,4532 gon Con riferimento ad un sistema di assi cartesiani avente origine in e asse Y coincidente con lo zero del cerchio orizzontale si determinare: 1. Le coordinate dei vertici dell appezzamento 2. erimetro e area dell appezzamento. Disegno in scala 1:2000 Esercizio 18 l fine di ottenere l area di una particella di terreno a contorno poligonale di vertici CDEF, si sono rilevati gli stessi vertici con il metodo degli allineamenti e squadri utilizzando la congiungente D come allineamento principale, raccogliendo le misure nel seguente registro llineamento unti Squadri (m) base (m) 0, C D E F Determinare l area della particella. Esercizio 19 da due punti e, situati sul piazzale di una chiesa, si sono collimati gli estremi di una finestra posta sul campanile con un goniometro, rilevando gli angoli riportati nel seguente specchietto. Si è quindi misurato con un nastro metallico la distanza tra i punti e : m STZIONE.TO CERCHIO COLLIMTO ORIZZONTLE gon gon Q gon gon gon Q gon Determinare le coordinate cartesiane degli estremi della finestra del campanile rispetto a un sistema di riferimento cartesiano opportunamente scelto dal candidato e la larghezza della finestra. Esercizio 20 La spezzata CDE è stata rilevata con una stazione totale misurando gli elementi contenuti nel seguente libretto. STZIONE UNTI COLLIMTI LETTURE L C.O. DISTNZE ORIZZONTLI C D C C D E Determinare 1. Le coordinate cartesiane dei vertici rispetto a un sistema di riferimento cartesiano con origine in e asse delle ascisse lungo 2. la distanza tra gli estremi e E 3. le coordinate cartesiane del punto H intersezione dei prolungamenti dei lati e DE Disegno in scala 1:2000 Esercizio 21 I vertici di un appezzamento di terreno sono stati determinati col sistema degli allineamenti e squadri, utilizzando come riferimento un lato dell appezzamento stesso. vendo numerati i vertici dell appezamento con i numeri da 1 a 8, disegnare la planimetria in scala 1:500 e determinarne l area agina 6 di 8

7 unti llineamento Squadri base (m) (m) 1 0, F. ELEMENTI DI OTTIC F.1 - Le leggi della riflessione e della rifrazione; F.2 - Definizione dell angolo limite e fenomeno della riflessione totale; F.3 Il fenomeno della rifrazione atmosferica F.4 La lamina pian parallela: determinazione della deviazione del raggio emergente; F.5 I prismi: il percorso dei raggi ottici e l utilizzo dei prismi negli strumenti topografici; F.6 Le lenti sottili, proprietà, legge fondamentale, ingrandimento F.7 Microscopio e cannocchiale, funzionamento, formazione immagine, adattamento alla vista e alla distanza 55. Cos è la rifrazione? Quali sono le leggi della rifrazione? 56. Cos è la riflessione? Quali sono le leggi della riflessione? 57. Cosa si intende per adattamento alla vista e adattamento alla distanza in un cannocchiale? 58. Cos è la distanza della visione distinta? agina 7 di 8

Elementi di topografia parte II

Elementi di topografia parte II Corso di Topografia Istituto Agrario S. Michele Elementi di topografia parte II prof. Maines Fernando Giugno 2010 Elementi di meccanica agraria pag. 164 Maines Fernando Sommario 1 Gli errori e il loro

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Università degli studi di Brescia Facoltà di Ingegneria Corso di Topografia A Nuovo Ordinamento Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Nota bene: Questo documento rappresenta unicamente

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

Renato Cannarozzo Lanfranco Cucchiarini William Meschieri Misure, rilievo, progetto

Renato Cannarozzo Lanfranco Cucchiarini William Meschieri Misure, rilievo, progetto 1 2 3 Idee per il tuo futuro Renato Cannarozzo Lanfranco Cucchiarini William Meschieri Misure, rilievo, progetto per Costruzioni, ambiente e territorio Quarta edizione Il rilievo del territorio con tecniche

Dettagli

a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio x, l arco di circonferenza di π π

a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio x, l arco di circonferenza di π π PROBLEMA Il triangolo rettangolo ABC ha l ipotenusa AB = a e l angolo CAB =. a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio, l arco di circonferenza di estremi P e Q rispettivamente

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

Soluzione Punto 1 Si calcoli in funzione di x la differenza d(x) fra il volume del cono avente altezza AP e base il

Soluzione Punto 1 Si calcoli in funzione di x la differenza d(x) fra il volume del cono avente altezza AP e base il Matematica per la nuova maturità scientifica A. Bernardo M. Pedone 74 PROBLEMA Considerata una sfera di diametro AB, lungo, per un punto P di tale diametro si conduca il piano α perpendicolare ad esso

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014)

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) Le grandezze fisiche. Metodo sperimentale di Galilei. Concetto di grandezza fisica e della sua misura. Il Sistema internazionale di Unità

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Archimede esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA La funzione f

Dettagli

Unità Didattica N 28 Punti notevoli di un triangolo

Unità Didattica N 28 Punti notevoli di un triangolo 68 Unità Didattica N 8 Punti notevoli di un triangolo Unità Didattica N 8 Punti notevoli di un triangolo 0) ircocentro 0) Incentro 03) Baricentro 04) Ortocentro Pagina 68 di 73 Unità Didattica N 8 Punti

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA.

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. Prerequisiti I radicali Risoluzione di sistemi di equazioni di primo e secondo grado. Classificazione e dominio delle funzioni algebriche Obiettivi minimi Saper

Dettagli

LE FUNZIONI MATEMATICHE

LE FUNZIONI MATEMATICHE ALGEBRA LE FUNZIONI MATEMATICHE E IL PIANO CARTESIANO PREREQUISITI l l l l l conoscere il concetto di insieme conoscere il concetto di relazione disporre i dati in una tabella rappresentare i dati mediante

Dettagli

Vediamo ora altre applicazioni dei prismi retti descritti in O1.

Vediamo ora altre applicazioni dei prismi retti descritti in O1. O2 - I PRISMI OTTICI S intende con prisma ottico un blocco di vetro ottico 8 limitato normalmente da superfici piane, di forma spesso prismatica. Un fascio di luce 9 può incidere su una o due delle sue

Dettagli

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d.

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d. 1) Il valore di 5 10 20 è: a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 2) Il valore del rapporto (2,8 10-4 ) / (6,4 10 2 ) è: a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori 3) La quantità

Dettagli

Punti inaccessibili e artifici

Punti inaccessibili e artifici Appunti di Topografia Volume 1 Goso Massimiliano Punti inaccessibili e artifici Punti inaccessibili e Artifici. Revisione 1-06/11/2009 Autore : Massimiliano Goso Email: Copyright (c) 2009 Massimiliano

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO SIMULAZINE DI PRVA D ESAME CRS DI RDINAMENT Risolvi uno dei due problemi e 5 dei quesiti del questionario. PRBLEMA Considera la famiglia di funzioni k ln f k () se k se e la funzione g() ln se. se. Determina

Dettagli

Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 2000-2001

Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 2000-2001 Matematica per la nuova maturità scientifica A. Bernardo M. Pedone Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 000-00 Problema Sia AB un segmento di lunghezza a e il suo punto medio. Fissato un conveniente

Dettagli

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011 1 Trasformazioni Geometriche 1 Roberto etroni, 2011 Trasformazioni Geometriche sul piano euclideo 1) Introduzione Def: si dice trasformazione geometrica una corrispondenza biunivoca che associa ad ogni

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO Una trasformazione geometrica è una funzione che fa corrispondere a ogni punto del piano un altro punto del piano stesso Si può pensare come MOVIMENTO di punti e

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Archimede ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. Sia ABCD un quadrato di

Dettagli

Lezioni ed esercizi di Astronomia

Lezioni ed esercizi di Astronomia Agatino Rifatto INAF- Osservatorio Astronomico di Capodimonte, Napoli Lezioni ed esercizi di Astronomia Ad uso degli studenti del modulo di Astronomia corso di laurea in Fisica - Università di Salerno

Dettagli

TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA. 4. Cenni di topografia e GPS

TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA. 4. Cenni di topografia e GPS Università degli studi di Firenze Facoltà di Lettere e Filosofia TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA a.a. 2010-2011 4. Cenni di topografia e GPS Camillo Berti camillo.berti@gmail.com Argomenti 1. Definizione e scopi

Dettagli

Appunti sull orientamento con carta e bussola

Appunti sull orientamento con carta e bussola Appunti sull orientamento con carta e bussola Indice Materiale necessario... 2 Orientiamo la carta topografica con l'aiuto della bussola... 2 Azimut... 2 La definizione di Azimut... 2 Come misurare l azimut...

Dettagli

6. Moto in due dimensioni

6. Moto in due dimensioni 6. Moto in due dimensioni 1 Vettori er descriere il moto in un piano, in analogia con quanto abbiamo fatto per il caso del moto in una dimensione, è utile usare una coppia di assi cartesiani, come illustrato

Dettagli

Travature reticolari piane : esercizi svolti De Domenico D., Fuschi P., Pisano A., Sofi A.

Travature reticolari piane : esercizi svolti De Domenico D., Fuschi P., Pisano A., Sofi A. Travature reticolari piane : esercizi svolti e omenico., Fuschi., isano., Sofi. SRZO n. ata la travatura reticolare piana triangolata semplice illustrata in Figura, determinare gli sforzi normali nelle

Dettagli

Introduzione alla trigonometria

Introduzione alla trigonometria Introduzione alla trigonometria Angoli e loro misure In questa unità introdurremo e studieremo una classe di funzioni che non hai ancora incontrato, le funzioni goniometriche. Esse sono imortanti sorattutto

Dettagli

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014 Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 14 Problema 1 Punto a) Osserviamo che g (x) = f(x) e pertanto g () = f() = in quanto Γ è tangente all asse delle ascisse,

Dettagli

POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE

POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE IMMATRICOLAZIONI AL PRIMO ANNO DEI CORSI DI LAUREA TRIENNA- LI IN INGEGNERIA DEL POLITECNICO DI BARI - A.A. 2015/2016 Sommario REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE...

Dettagli

Terne pitagoriche e teorema di Pitagora, numeri e triangoli. Riccardo Ricci: Dipartimento di Matematica U.Dini ricci@math.unif.it

Terne pitagoriche e teorema di Pitagora, numeri e triangoli. Riccardo Ricci: Dipartimento di Matematica U.Dini ricci@math.unif.it 3 4 5 Terne pitagoriche e teorema di Pitagora, numeri e triangoli Riccardo Ricci: Dipartimento di Matematica U.Dini ricci@math.unif.it Qualche osservazione preliminare sul Teorema di Pitagora e le terne

Dettagli

Risposta: L area del triangolo è dove sono le misure di due lati e è l ampiezza dell angolo tra essi compreso ;

Risposta: L area del triangolo è dove sono le misure di due lati e è l ampiezza dell angolo tra essi compreso ; 1. Un triangolo ha area 3 e due lati che misurano 2 e 3. Qual è la misura del terzo lato? : L area del triangolo è dove sono le misure di due lati e è l ampiezza dell angolo tra essi compreso ; nel nostro

Dettagli

QUAL È LA DISTANZA TRA ROMA E NEW YORK? UN PO' DI GEOMETRIA ANALITICA SULLA SFERA

QUAL È LA DISTANZA TRA ROMA E NEW YORK? UN PO' DI GEOMETRIA ANALITICA SULLA SFERA QUAL È LA DISTANZA TRA ROMA E NEW YORK? UN PO' DI GEOMETRIA ANALITICA SULLA SFERA Michele Impedovo Bollettino dei Docenti di Matematica del Canton Ticino (CH) n 36, maggio 98. Il problema Il lavoro che

Dettagli

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti Y T T I Numeri Complessi Operazioni di somma e prodotto su Consideriamo, insieme delle coppie ordinate di numeri reali, per cui si ha!"# $&% '( e )("+* Introduciamo in tale insieme una operazione di somma,/0"#123045"#

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

IV-1 Funzioni reali di più variabili

IV-1 Funzioni reali di più variabili IV- FUNZIONI REALI DI PIÙ VARIABILI INSIEMI IN R N IV- Funzioni reali di più variabili Indice Insiemi in R n. Simmetrie degli insiemi............................................ 4 2 Funzioni da R n a R

Dettagli

Le trasformazioni geometriche

Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni affini del piano o affinità Le similitudini Le isometrie Le traslazioni Le rotazioni Le simmetrie assiale e centrale Le omotetie

Dettagli

F U N Z I O N I. E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC "DERIVE")

F U N Z I O N I. E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC DERIVE) F U N Z I O N I E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC "DERIVE") I N D I C E Funzioni...pag. 2 Funzioni del tipo = Kx... 4 Funzioni crescenti e decrescenti...10

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2013/14 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola secondaria di II grado

Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2013/14 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola secondaria di II grado Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2013/14 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola secondaria di II grado I quesiti sono distribuiti negli ambiti secondo la tabella seguente Ambito

Dettagli

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Sequenza dei passi Classificazione In pratica Classifica il tipo di funzione: Funzione razionale: intera / fratta Funzione irrazionale: intera

Dettagli

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito.

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito. INTEGRALI DEFINITI Sia nel campo scientifico che in quello tecnico si presentano spesso situazioni per affrontare le quali è necessario ricorrere al calcolo dell integrale definito. Vi sono infatti svariati

Dettagli

Geometria nel piano complesso

Geometria nel piano complesso Geometria nel piano complesso Giorgio Ottaviani Contents Un introduzione formale del piano complesso 2 Il teorema di Napoleone 5 L inversione circolare 6 4 Le trasformazioni di Möbius 7 5 Il birapporto

Dettagli

Liceo Scientifico G. Galilei Trebisacce

Liceo Scientifico G. Galilei Trebisacce Liceo Scientifico G. Galilei Trebisacce Anno Scolastico 2011-2012 Prova di Matematica : Relazioni + Geometria Alunno: Classe: 1 C 05.06.2012 prof. Mimmo Corrado 1. Dati gli insiemi =2,3,5,7 e =2,4,6, rappresenta

Dettagli

A.1 Definizione e rappresentazione di un numero complesso

A.1 Definizione e rappresentazione di un numero complesso 441 APPENDICE A4 NUMERI COMPLESSI A.1 Definizione e rappresentazione di un numero complesso Si riepilogano i concetti e le operazioni elementari relativi ai numeri complessi. Sia z un numero complesso;

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

Problema n. 1: CURVA NORD

Problema n. 1: CURVA NORD Problema n. 1: CURVA NORD Sei il responsabile della gestione del settore Curva Nord dell impianto sportivo della tua città e devi organizzare tutti i servizi relativi all ingresso e all uscita degli spettatori,

Dettagli

f : A A = f (A) In altre parole f è una funzione che associa a un punto del piano un altro punto del piano e che si può invertire.

f : A A = f (A) In altre parole f è una funzione che associa a un punto del piano un altro punto del piano e che si può invertire. Consideriamo l insieme P dei punti del piano e una f funzione biiettiva da P in P: f : { P P A A = f (A) In altre parole f è una funzione che associa a un punto del piano un altro punto del piano e che

Dettagli

LA MATEMATICA PER LE ALTRE DISCIPLINE. Prerequisiti e sviluppi universitari G. ACCASCINA, G. ANICHINI, G. ANZELLOTTI, F. ROSSO, V. VILLANI, R.

LA MATEMATICA PER LE ALTRE DISCIPLINE. Prerequisiti e sviluppi universitari G. ACCASCINA, G. ANICHINI, G. ANZELLOTTI, F. ROSSO, V. VILLANI, R. LA MATEMATICA PER LE ALTRE DISCIPLINE Prerequisiti e sviluppi universitari a cura di G. ACCASCINA, G. ANICHINI, G. ANZELLOTTI, F. ROSSO, V. VILLANI, R. ZAN Unione Matematica Italiana 2006 Ho continuato

Dettagli

Il concetto di valore medio in generale

Il concetto di valore medio in generale Il concetto di valore medio in generale Nella statistica descrittiva si distinguono solitamente due tipi di medie: - le medie analitiche, che soddisfano ad una condizione di invarianza e si calcolano tenendo

Dettagli

Analisi Matematica di circuiti elettrici

Analisi Matematica di circuiti elettrici Analisi Matematica di circuiti elettrici Eserciziario A cura del Prof. Marco Chirizzi 2011/2012 Cap.5 Numeri complessi 5.1 Definizione di numero complesso Si definisce numero complesso un numero scritto

Dettagli

1 Definizione: lunghezza di una curva.

1 Definizione: lunghezza di una curva. Abstract Qui viene affrontato lo studio delle curve nel piano e nello spazio, con particolare interesse verso due invarianti: la curvatura e la torsione Il primo ci dice quanto la curva si allontana dall

Dettagli

CURVE DI LIVELLO. Per avere informazioni sull andamento di una funzione f : D IR n IR può essere utile considerare i suoi insiemi di livello.

CURVE DI LIVELLO. Per avere informazioni sull andamento di una funzione f : D IR n IR può essere utile considerare i suoi insiemi di livello. CURVE DI LIVELLO Per avere informazioni sull andamento di una funzione f : D IR n IR può essere utile considerare i suoi insiemi di livello. Definizione. Si chiama insieme di livello k della funzione f

Dettagli

Anno 5 Funzioni inverse e funzioni composte

Anno 5 Funzioni inverse e funzioni composte Anno 5 Funzioni inverse e funzioni composte 1 Introduzione In questa lezione impareremo a definire e ricercare le funzioni inverse e le funzioni composte. Al termine di questa lezione sarai in grado di:

Dettagli

QUADERNI DI MATEMATICA RICREATIVA

QUADERNI DI MATEMATICA RICREATIVA Carmelo Di Stefano QUADERNI DI MATEMATICA RICREATIVA Vol. Geometria Simbologia = Indica il fatto che due oggetti geometrici (Segmenti, poligoni, ) sono isometrici, ossia sono sovrapponibili mediante un

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

O 6 - GLI SPECCHI. Fig. 85

O 6 - GLI SPECCHI. Fig. 85 O 6 - GLI SPECCHI Quando un fascio di luce (radiazione ottica) incide sulla superficie di separazione fra due materiali diversi, possono avvenire tre cose, generalmente tutte e tre allo stesso tempo, in

Dettagli

CNC. Linguaggio ProGTL3. (Ref. 1308)

CNC. Linguaggio ProGTL3. (Ref. 1308) CNC 8065 Linguaggio ProGTL3 (Ref. 1308) SICUREZZA DELLA MACCHINA È responsabilità del costruttore della macchina che le sicurezze della stessa siano abilitate, allo scopo di evitare infortuni alle persone

Dettagli

Altezza del sole sull orizzonte nel corso dell anno

Altezza del sole sull orizzonte nel corso dell anno Lucia Corbo e Nicola Scarpel Altezza del sole sull orizzonte nel corso dell anno 2 SD ALTEZZA DEL SOLE E LATITUDINE Per il moto di Rivoluzione che la Terra compie in un anno intorno al Sole, ad un osservatore

Dettagli

Introduzione alla Teoria degli Errori

Introduzione alla Teoria degli Errori Introduzione alla Teoria degli Errori 1 Gli errori di misura sono inevitabili Una misura non ha significato se non viene accompagnata da una ragionevole stima dell errore ( Una scienza si dice esatta non

Dettagli

ESEMPI DIDATTICI CON CABRI Jr. A cura di P. Accomazzo C. Dané N. Nolli

ESEMPI DIDATTICI CON CABRI Jr. A cura di P. Accomazzo C. Dané N. Nolli ESEMPI DIDATTICI CON CABRI Jr. A cura di P. Accomazzo C. Dané N. Nolli I tasti utilizzati con Cabri Jr. [Y=] [WINDOW] [ZOOM] [TRACE] [GRAPH] [2ND] [DEL] [CLEAR] [ALPHA] [ENTER] Apre il menu File (F1).

Dettagli

Stazionamento di una montatura equatoriale

Stazionamento di una montatura equatoriale Stazionamento di una montatura equatoriale Autore: Focosi Stefano Strumentazione: Celestron SCT C8 su Vixen SP (Super Polaris) Sistema di puntamento: Vixen SkySensor 2000 Sito osservativo: Loc. Molin Nuovo,

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

Nel triangolo disegnato a lato, qual è la misura, in gradi e primi sessagesimali, di α?

Nel triangolo disegnato a lato, qual è la misura, in gradi e primi sessagesimali, di α? QUESITO 1 Nel triangolo disegnato a lato, qual è la misura, in gradi e primi sessagesimali, di α? Applicando il Teorema dei seni si può determinare il valore di senza indeterminazione, in quanto dalla

Dettagli

Rette e piani con le matrici e i determinanti

Rette e piani con le matrici e i determinanti CAPITOLO Rette e piani con le matrici e i determinanti Esercizio.. Stabilire se i punti A(, ), B(, ) e C(, ) sono allineati. Esercizio.. Stabilire se i punti A(,,), B(,,), C(,, ) e D(4,,0) sono complanari.

Dettagli

Calcolo differenziale Test di autovalutazione

Calcolo differenziale Test di autovalutazione Test di autovalutazione 1. Sia f : R R iniettiva, derivabile e tale che f(1) = 3, f (1) = 2, f (3) = 5. Allora (a) (f 1 ) (3) = 1 5 (b) (f 1 ) (3) = 1 2 (c) (f 1 ) (1) = 1 2 (d) (f 1 ) (1) = 1 3 2. Sia

Dettagli

CS. Cinematica dei sistemi

CS. Cinematica dei sistemi CS. Cinematica dei sistemi Dopo aver esaminato la cinematica del punto e del corpo rigido, che sono gli schemi più semplificati con cui si possa rappresentare un corpo, ci occupiamo ora dei sistemi vincolati.

Dettagli

I Grafici. La creazione di un grafico

I Grafici. La creazione di un grafico I Grafici I grafici servono per illustrare meglio un concetto o per visualizzare una situazione di fatto e pertanto la scelta del tipo di grafico assume notevole importanza. Creare grafici con Excel è

Dettagli

1) IL MOMENTO DI UNA FORZA

1) IL MOMENTO DI UNA FORZA 1) IL MOMENTO DI UNA FORZA Nell ambito dello studio dei sistemi di forze, diamo una definizione di momento: il momento è un ente statico che provoca la rotazione dei corpi. Le forze producono momenti se

Dettagli

Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado

Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado I quesiti dal N. 1 al N. 10 valgono 3 punti ciascuno 1. Angela è nata nel 1997,

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

Ottica. 1 p + 1 q = 2 R

Ottica. 1 p + 1 q = 2 R - - I amosi specchi ustori usati da rchimede per bruciare le navi nemiche erano specchi serici. Sapendo che la distanza delle alture, dove erano posti gli specchi, dal mare era di 00 m, dite uale doveva

Dettagli

LE ISOMETRIE: OSSERVA, COSTRUISCI E SCOPRI

LE ISOMETRIE: OSSERVA, COSTRUISCI E SCOPRI LE ISOMETRIE: OSSERVA, COSTRUISCI E SCOPRI Biennio scuola secondaria di 2 o grado Paola Nanetti Maria Cristina Silla 37 38 Indice 1. Note sul percorso: presentazione, bibliografia 2. Introduzione a Cabri

Dettagli

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata libera e vincolata Generalità. Limiti e continuità per funzioni di 2 o Piano tangente. Derivate successive Formula di Taylor libera vincolata Lo ordinario è in corrispondenza biunivoca con i vettori di

Dettagli

LE FUNZIONI E LE LORO PROPRIETÀ

LE FUNZIONI E LE LORO PROPRIETÀ LE FUNZIONI E LE LORO PROPRIETÀ LE FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE COSA SONO LE FUNZIONI Dati due sottoinsiemi A e B non vuoti di R, una FUNZIONE da A a B è una relazione che associa ad ogni numero reale

Dettagli

TIMSS 2007 Quadro di riferimento di matematica. dal volume: "TIMSS 2007 Assessment Frameworks"

TIMSS 2007 Quadro di riferimento di matematica. dal volume: TIMSS 2007 Assessment Frameworks Capitolo Uno TIMSS 2007 Quadro di riferimento di matematica dal volume: "TIMSS 2007 Assessment Frameworks" a cura di Anna Maria Caputo, Cristiano Zicchi Copyright 2005 IEA International Association for

Dettagli

ED. Equazioni cardinali della dinamica

ED. Equazioni cardinali della dinamica ED. Equazioni cardinali della dinamica Dinamica dei sistemi La dinamica dei sistemi di punti materiali si può trattare, rispetto ad un osservatore inerziale, scrivendo l equazione fondamentale della dinamica

Dettagli

Esercitazioni di Meccanica Applicata alle Macchine

Esercitazioni di Meccanica Applicata alle Macchine Università degli Studi di Roma La Sapienza Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Meccanica ed Aeronautica Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Meccanica Esercitazioni di Meccanica Applicata alle Macchine

Dettagli

FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE e CONTINUITA Roberto Argiolas

FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE e CONTINUITA Roberto Argiolas FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE e CONTINUITA Roberto Argiolas.8.6.. - -.5.5 -. In questa dispensa ricordiamo la classificazione delle funzioni elementari e il dominio di esistenza delle stesse. Inoltre

Dettagli

Le Geometrie non euclidee

Le Geometrie non euclidee Le Geometrie non euclidee Un introduzione elementare Riccardo Dossena Liceo Scientifico G. Novello Codogno (LO) 12 marzo 2015 Euclide di Alessandria Euclide (circa 300 a.c.) Euclide di Alessandria 1 Epoca:

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

Fig. 2 - Spiegazione della rifrazione. Fig. 1 - La rifrazione

Fig. 2 - Spiegazione della rifrazione. Fig. 1 - La rifrazione O1 - LA RIFRAZIONE La luce, si sa, viaggia in linea retta. Detto così, sembra ovvio. Ma Prima di tutto, cos è la luce? In secondo luogo, come viaggia? In terzo luogo, proprio sempre in linea retta? Vediamo.

Dettagli

Sistemi materiali e quantità di moto

Sistemi materiali e quantità di moto Capitolo 4 Sistemi materiali e quantità di moto 4.1 Impulso e quantità di moto 4.1.1 Forze impulsive Data la forza costante F agente su un punto materiale per un intervallo di tempo t, si dice impulso

Dettagli

Costruzioni con riga e compasso. Fabio Stumbo Dipartimento di Matematica Università di Ferrara Ferrara, I f.stumbo@unife.it

Costruzioni con riga e compasso. Fabio Stumbo Dipartimento di Matematica Università di Ferrara Ferrara, I f.stumbo@unife.it ostruzioni con riga e compasso Fabio Stumbo Dipartimento di Matematica Università di Ferrara Ferrara, I f.stumbo@unife.it INDIE 2 Indice 1 Note storiche 3 2 ostruzioni fondamentali 8 2.1 Definizione e

Dettagli

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0 1 ) Un veicolo che viaggia inizialmente alla velocità di 1 Km / h frena con decelerazione costante sino a fermarsi nello spazio di m. La sua decelerazione è di circa: A. 5 m / s. B. 3 m / s. C. 9 m / s.

Dettagli

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Microeconomia venerdì 29 febbraio 2008 La struttura della lezione

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Problema 1 Due carrelli A e B, di massa m A = 104 kg e m B = 128 kg, collegati da una molla di costante elastica k = 3100

Dettagli

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze Misure di base su una carta Calcoli di distanze Per calcolare la distanza tra due punti su una carta disegnata si opera nel modo seguente: 1. Occorre identificare la scala della carta o ricorrendo alle

Dettagli

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI statistica, Università Cattaneo-Liuc, AA 006-007, lezione del 08.05.07 IDICE (lezione 08.05.07 PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIAZA DELLE QUATITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIOE CO I DATI OSSERVATI 3.1 Valore

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

I numeri complessi. Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli

I numeri complessi. Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli I numeri complessi Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli 1 Introduzione Studiare i numeri complessi può sembrare inutile ed avulso dalla realtà;

Dettagli

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1.

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1. Capitolo 6 Integrali curvilinei In questo capitolo definiamo i concetti di integrali di campi scalari o vettoriali lungo curve. Abbiamo bisogno di precisare le curve e gli insiemi che verranno presi in

Dettagli