Soluzioni classiche dell'equazione di Laplace e di Poisson

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Soluzioni classiche dell'equazione di Laplace e di Poisson"

Transcript

1 Soluzioni classiche dell'equazione di Laplace e di Poisson Antonio Paradies Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Università degli studi di Napoli Federico II Napoli, 25 Febbraio 2009 Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 1/24

2 1 Equazioni di Laplace e di Poisson Problemi con condizioni al contorno Invarianza per rotazioni del Laplaciano Soluzione fondamentale dell'equazione di Poisson 2 Proprietà del valor medio Principio del massimo Analiticità Teoremi di Liouville e Harnack 3 Funzione di Green Soluzione del problema di Dirichlet Soluzione del problema di Laplace-Dirichlet nel semipiano Soluzione del problema di Laplace-Dirichlet nella palla 4 Unicità e principio di Dirichlet Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 2/24

3 Problemi con condizioni al contorno Invarianza per rotazioni del Laplaciano Soluzione fondamentale dell'equazione di Poisson 1 Equazioni di Laplace e di Poisson Problemi con condizioni al contorno Invarianza per rotazioni del Laplaciano Soluzione fondamentale dell'equazione di Poisson 2 Proprietà del valor medio Principio del massimo Analiticità Teoremi di Liouville e Harnack 3 Funzione di Green Soluzione del problema di Dirichlet Soluzione del problema di Laplace-Dirichlet nel semipiano Soluzione del problema di Laplace-Dirichlet nella palla 4 Unicità e principio di Dirichlet Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 3/24

4 Equazione di Laplace e di Poisson Sia U un insieme aperto di R n. Problema di Poisson-Dirichlet { u = f x U u = g x U Problemi con condizioni al contorno Invarianza per rotazioni del Laplaciano Soluzione fondamentale dell'equazione di Poisson Problema di Poisson-Neumann { u = f x U u ν = g x U Se la funzione f è nulla si ottiene l'equazione di Laplace. Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 4/24

5 Equazione di Laplace e di Poisson Sia U un insieme aperto di R n. Problema di Poisson-Dirichlet { u = f x U u = g x U Problemi con condizioni al contorno Invarianza per rotazioni del Laplaciano Soluzione fondamentale dell'equazione di Poisson Problema di Poisson-Neumann { u = f x U u ν = g x U Se la funzione f è nulla si ottiene l'equazione di Laplace. Problemi della sica retti da queste equazioni div(e) = ϱ ɛ 0, grad(φ) = E Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 4/24

6 Equazione di Laplace e di Poisson Sia U un insieme aperto di R n. Problema di Poisson-Dirichlet { u = f x U u = g x U Problemi con condizioni al contorno Invarianza per rotazioni del Laplaciano Soluzione fondamentale dell'equazione di Poisson Problema di Poisson-Neumann { u = f x U u ν = g x U Se la funzione f è nulla si ottiene l'equazione di Laplace. Problemi della sica retti da queste equazioni div(e) = ϱ ɛ 0, grad(φ) = E φ = ϱ ɛ 0 Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 4/24

7 Problemi con condizioni al contorno Invarianza per rotazioni del Laplaciano Soluzione fondamentale dell'equazione di Poisson L'operatore Laplaciano è invariante per rotazioni. Ciò suggerisce l'esistenza di soluzioni del tipo φ(r) con r = x Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 5/24

8 Problemi con condizioni al contorno Invarianza per rotazioni del Laplaciano Soluzione fondamentale dell'equazione di Poisson L'operatore Laplaciano è invariante per rotazioni. Ciò suggerisce l'esistenza di soluzioni del tipo φ(r) con r = x In tutto R n tale soluzione non esiste. In R n \ {0} φ(x) = { 1 2π ln x per n = 2 1 n(n 2)ω n x n 2 per n 3 φ è detta soluzione fondamentale dell'equazione di Laplace: è il potenziale della carica puntiforme. Vale quindi φ = δ 0 che signica Dφ Dϕ dx = ϕ(0) R n per ogni ϕ C 1 c (R n ). Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 5/24

9 Problemi con condizioni al contorno Invarianza per rotazioni del Laplaciano Soluzione fondamentale dell'equazione di Poisson Soluzione in R n dell'equazione di Poisson u = f con f Cc 2 (φ f )(x) = φ(x y)f (y) dy R n Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 6/24

10 Problemi con condizioni al contorno Invarianza per rotazioni del Laplaciano Soluzione fondamentale dell'equazione di Poisson Soluzione in R n dell'equazione di Poisson u = f con f Cc 2 (φ f )(x) = φ(x y)f (y) dy R n (φ f )(x) è detta soluzione fondamentale dell'equazione di Poisson. È l'unica soluzione a meno di funzioni armoniche. Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 6/24

11 Problemi con condizioni al contorno Invarianza per rotazioni del Laplaciano Soluzione fondamentale dell'equazione di Poisson Soluzione in R n dell'equazione di Poisson u = f con f Cc 2 (φ f )(x) = φ(x y)f (y) dy R n (φ f )(x) è detta soluzione fondamentale dell'equazione di Poisson. È l'unica soluzione a meno di funzioni armoniche. Se n 3 per il teorema di Liuoville (φ f )(x) è, a meno di costanti, l'unica soluzione limitata in R n. Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 6/24

12 Dimostrazione (1/3) Problemi con condizioni al contorno Invarianza per rotazioni del Laplaciano Soluzione fondamentale dell'equazione di Poisson Poniamo u(x) = (φ f )(x) = (f φ)(x). Si ha u(x) = φ(z) x f (x z) dz = R n φ(z) z f (x z) dz = R n φ(z) f (x z) dz + φ(z) f (x z) dz = lim ε 0 R n \B(ε) B(ε) Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 7/24

13 Dimostrazione (1/3) Problemi con condizioni al contorno Invarianza per rotazioni del Laplaciano Soluzione fondamentale dell'equazione di Poisson Poniamo u(x) = (φ f )(x) = (f φ)(x). Si ha u(x) = φ(z) x f (x z) dz = R n φ(z) z f (x z) dz = R n φ(z) f (x z) dz + φ(z) f (x z) dz = lim ε 0 R n \B(ε) B(ε) Per ε 0 φ(z) f (x z) dz 0 B(ε) Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 7/24

14 Dimostrazione (2/3) Problemi con condizioni al contorno Invarianza per rotazioni del Laplaciano Soluzione fondamentale dell'equazione di Poisson Integrando per parti si ottiene [ ] = lim Dφ(z)Df (x z) dz + φ(z) f (x z) ds(z) = ε 0 R n \B(ε) B(ε) ν Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 8/24

15 Dimostrazione (2/3) Problemi con condizioni al contorno Invarianza per rotazioni del Laplaciano Soluzione fondamentale dell'equazione di Poisson Integrando per parti si ottiene [ ] = lim Dφ(z)Df (x z) dz + φ(z) f (x z) ds(z) = ε 0 R n \B(ε) B(ε) ν Per ε 0 φ(z) B(ε) φ(z) f (x z) ds(z) 0 ν { ln(ε) per n = 2 1 ε n 2 per n ds(z) ε n 1 3 Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 8/24

16 Dimostrazione (3/3) Problemi con condizioni al contorno Invarianza per rotazioni del Laplaciano Soluzione fondamentale dell'equazione di Poisson Integrando ancora una volta per parti [ ] φ = lim φ(z)f (x z) dz lim (z)f (x z) ds(z) ε 0 R n \B(ε) ε 0 B(ε) ν Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 9/24

17 Dimostrazione (3/3) Problemi con condizioni al contorno Invarianza per rotazioni del Laplaciano Soluzione fondamentale dell'equazione di Poisson Integrando ancora una volta per parti [ ] φ = lim φ(z)f (x z) dz lim (z)f (x z) ds(z) ε 0 R n \B(ε) ε 0 B(ε) ν Il primo termine vale zero dal momento che φ 0. Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 9/24

18 Dimostrazione (3/3) Problemi con condizioni al contorno Invarianza per rotazioni del Laplaciano Soluzione fondamentale dell'equazione di Poisson Integrando ancora una volta per parti [ ] φ = lim φ(z)f (x z) dz lim (z)f (x z) ds(z) ε 0 R n \B(ε) ε 0 B(ε) ν Il primo termine vale zero dal momento che φ 0. Per ε 0 Il secondo termine è pari a f (x) in quanto ds(z) ε n 1, φ ν (z) εn 1 Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 9/24

19 Dimostrazione (3/3) Problemi con condizioni al contorno Invarianza per rotazioni del Laplaciano Soluzione fondamentale dell'equazione di Poisson Integrando ancora una volta per parti [ ] φ = lim φ(z)f (x z) dz lim (z)f (x z) ds(z) ε 0 R n \B(ε) ε 0 B(ε) ν Il primo termine vale zero dal momento che φ 0. Per ε 0 Il secondo termine è pari a f (x) in quanto ds(z) ε n 1, Inne si ottiene u(x) = f (x) in R n φ ν (z) εn 1 Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 9/24

20 Proprietà del valor medio Principio del massimo Analiticità Teoremi di Liouville e Harnack 1 Equazioni di Laplace e di Poisson Problemi con condizioni al contorno Invarianza per rotazioni del Laplaciano Soluzione fondamentale dell'equazione di Poisson 2 Proprietà del valor medio Principio del massimo Analiticità Teoremi di Liouville e Harnack 3 Funzione di Green Soluzione del problema di Dirichlet Soluzione del problema di Laplace-Dirichlet nel semipiano Soluzione del problema di Laplace-Dirichlet nella palla 4 Unicità e principio di Dirichlet Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 10/24

21 Proprietà del valor medio Principio del massimo Analiticità Teoremi di Liouville e Harnack Teorema (Formule del valore medio) Dato un aperto U, la funzione u C 2 (U) è armonica in U se e solo se u(x) = u ds = u dy B(x,r) B(x,r) per qualunque palla B(x, r) U Il simbolo u indica il rapporto tra l'integrale di u su un insieme e la misura dell'insieme stesso, ovvero la media di u. Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 11/24

22 Proprietà del valor medio Principio del massimo Analiticità Teoremi di Liouville e Harnack Armonicità Media Fissato un x U ed un r R, r > 0 deniamo la funzione γ(r) := u(y) ds(y). B(x,r) Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 12/24

23 Proprietà del valor medio Principio del massimo Analiticità Teoremi di Liouville e Harnack Armonicità Media Fissato un x U ed un r R, r > 0 deniamo la funzione γ(r) := B(x,r) u(y) ds(y). Con il cambiamento di variabili y = x + rz si ha γ(r) = B(0,1) u(x + rz) ds(z) Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 12/24

24 Proprietà del valor medio Principio del massimo Analiticità Teoremi di Liouville e Harnack Armonicità Media Fissato un x U ed un r R, r > 0 deniamo la funzione γ(r) := B(x,r) u(y) ds(y). Con il cambiamento di variabili y = x + rz si ha γ(r) = B(0,1) u(x + rz) ds(z) La derivata di γ(r) rispetto a r è γ (r) = Du(x + rz) z ds(z) = Du(x + rz) y x ds(y) = B(0,1) B(x,r) r = r n u dy = 0 B(x,r) Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 12/24

25 Proprietà del valor medio Principio del massimo Analiticità Teoremi di Liouville e Harnack Armonicità Media Fissato un x U ed un r R, r > 0 deniamo la funzione γ(r) := B(x,r) u(y) ds(y). Con il cambiamento di variabili y = x + rz si ha γ(r) = B(0,1) u(x + rz) ds(z) La derivata di γ(r) rispetto a r è γ (r) = Du(x + rz) z ds(z) = Du(x + rz) y x ds(y) = B(0,1) B(x,r) r = r n u dy = 0 γ(r) è costante e quindi: γ(r) = lim B(x,r) r 0 B(x,r) u(y) ds(y) = u(x) Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 12/24

26 Proprietà del valor medio Principio del massimo Analiticità Teoremi di Liouville e Harnack Armonicità Media e Media Armonicità Fissato un x U ed un r R, r > 0 deniamo la funzione γ(r) := B(x,r) u(y) ds(y). Con il cambiamento di variabili y = x + rz si ha γ(r) = B(0,1) u(x + rz) ds(z) La derivata di γ(r) rispetto a r è γ (r) = Du(x + rz) z ds(z) = Du(x + rz) y x ds(y) = B(0,1) B(x,r) r = r n u dy = 0 γ(r) è costante e quindi: γ(r) = lim B(x,r) r 0 B(x,r) u(y) ds(y) = u(x) Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 12/24

27 Proprietà del valor medio Principio del massimo Analiticità Teoremi di Liouville e Harnack Conseguenze del teorema della media Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 13/24

28 Proprietà del valor medio Principio del massimo Analiticità Teoremi di Liouville e Harnack Conseguenze del teorema della media Teorema (Principio del massimo forte) Data una funzione u C 2 (U) C(Ū) armonica in U con U aperto connesso, se u assume il valore maxū(u) in un punto di U, allora u è costante in tutto Ū. Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 13/24

29 Proprietà del valor medio Principio del massimo Analiticità Teoremi di Liouville e Harnack Conseguenze del teorema della media Teorema (Principio del massimo forte) Data una funzione u C 2 (U) C(Ū) armonica in U con U aperto connesso, se u assume il valore maxū(u) in un punto di U, allora u è costante in tutto Ū. Teorema (Principio del massimo) Data una funzione u C 2 (U) C(Ū) armonica in U vale che max Ū cioè il massimo di u cade sulla frontiera di U. u = max u (1) U Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 13/24

30 Proprietà del valor medio Principio del massimo Analiticità Teoremi di Liouville e Harnack Conseguenze del teorema della media Teorema (Principio del massimo forte) Data una funzione u C 2 (U) C(Ū) armonica in U con U aperto connesso, se u assume il valore maxū(u) in un punto di U, allora u è costante in tutto Ū. Teorema (Principio del massimo) Data una funzione u C 2 (U) C(Ū) armonica in U vale che max Ū cioè il massimo di u cade sulla frontiera di U. u = max u (1) U Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 13/24

31 Proprietà del valor medio Principio del massimo Analiticità Teoremi di Liouville e Harnack Teorema (Regolarità) Se u C(U), con U aperto, verica la proprietà del valor medio in ogni palla B(x, r) U, allora u C (U). Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 14/24

32 Proprietà del valor medio Principio del massimo Analiticità Teoremi di Liouville e Harnack Teorema (Regolarità) Se u C(U), con U aperto, verica la proprietà del valor medio in ogni palla B(x, r) U, allora u C (U). In particolare ogni funzione armonica in U è C (U). Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 14/24

33 Proprietà del valor medio Principio del massimo Analiticità Teoremi di Liouville e Harnack Teorema (Regolarità) Se u C(U), con U aperto, verica la proprietà del valor medio in ogni palla B(x, r) U, allora u C (U). In particolare ogni funzione armonica in U è C (U). Teorema (Stima delle derivate) Sia data una funzione u armonica in U, sottoinsieme aperto di R n. Per ogni palla B(x 0, r) U e per ogni multiindice α di ordine α = k vale dove D α u(x 0 ) C k r n+k u L 1 (B(x 0,r)) (2) C 0 = 1 ω n e C k = (2n+1 nk) k e ω n è la misura della palla di raggio unitario in R n ω n (k = 1, 2,...) (3) Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 14/24

34 Proprietà del valor medio Principio del massimo Analiticità Teoremi di Liouville e Harnack Teorema (Analiticità) Se la funzione u è armonica nell'aperto U, allora è analitica in U. Fissato un punto x 0 U, u può essere rappresentata come una serie di potenze convergente in qualche intorno di x 0. α D α u(x 0 ) (x x 0 ) α (4) α! dove la somma è estesa a tutti i multi-indici di ordine n. Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 15/24

35 Proprietà del valor medio Principio del massimo Analiticità Teoremi di Liouville e Harnack Teorema (Analiticità) Se la funzione u è armonica nell'aperto U, allora è analitica in U. Fissato un punto x 0 U, u può essere rappresentata come una serie di potenze convergente in qualche intorno di x 0. α D α u(x 0 ) (x x 0 ) α (4) α! dove la somma è estesa a tutti i multi-indici di ordine n. Nella dimostrazione si utilizzano le stime delle derivate del teorema precedente. Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 15/24

36 Proprietà del valor medio Principio del massimo Analiticità Teoremi di Liouville e Harnack Teorema (Liouville) Sia data una funzione u armonica su R n e limitata. Allora u è costante su R n. Teorema (diseguaglianza di Harnack) Detta u una funzione armonica in U e non negativa e detto V un compatto tale che V U, esiste una costante positiva C, dipendente solo da V e da U, per cui vale sup u C inf u (5) V V Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 16/24

37 Funzione di Green Soluzione del problema di Dirichlet Soluzione del problema di Laplace-Dirichlet nel semipiano Soluzione del problema di Laplace-Dirichlet nella palla 1 Equazioni di Laplace e di Poisson Problemi con condizioni al contorno Invarianza per rotazioni del Laplaciano Soluzione fondamentale dell'equazione di Poisson 2 Proprietà del valor medio Principio del massimo Analiticità Teoremi di Liouville e Harnack 3 Funzione di Green Soluzione del problema di Dirichlet Soluzione del problema di Laplace-Dirichlet nel semipiano Soluzione del problema di Laplace-Dirichlet nella palla 4 Unicità e principio di Dirichlet Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 17/24

38 Funzione di Green Soluzione del problema di Dirichlet Soluzione del problema di Laplace-Dirichlet nel semipiano Soluzione del problema di Laplace-Dirichlet nella palla Per ogni funzione u C 2( U ) e per ogni x U con U aperto limitato vale la seguente identità Identità di Green u(x) = U Φ(y x) u ν (y) u(y) Φ(y x) ds(y)+ ν Φ(y x) u dy U dove φ è la soluzione fondamentale dell'equazione di Laplace. Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 18/24

39 Funzione di Green Soluzione del problema di Dirichlet Soluzione del problema di Laplace-Dirichlet nel semipiano Soluzione del problema di Laplace-Dirichlet nella palla Per ogni funzione u C 2( U ) e per ogni x U con U aperto limitato vale la seguente identità Identità di Green u(x) = U Φ(y x) u ν (y) u(y) Φ(y x) ds(y)+ ν Φ(y x) u dy U dove φ è la soluzione fondamentale dell'equazione di Laplace. L'identità di Green lega il valore in x di u, ai valori che u e Du assumono sulla frontiera di U ed al valore u su tutto U. Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 18/24

40 Funzione di Green Soluzione del problema di Dirichlet Soluzione del problema di Laplace-Dirichlet nel semipiano Soluzione del problema di Laplace-Dirichlet nella palla Introduciamo la funzione ϕ x (y) C 2 (U) tale che { ϕ x (y) = 0 in U ϕ x (y) = Φ(y x) su U con x U. ϕ x (y) è detta funzione correttrice. Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 19/24

41 Funzione di Green Soluzione del problema di Dirichlet Soluzione del problema di Laplace-Dirichlet nel semipiano Soluzione del problema di Laplace-Dirichlet nella palla Introduciamo la funzione ϕ x (y) C 2 (U) tale che { ϕ x (y) = 0 in U ϕ x (y) = Φ(y x) su U con x U. ϕ x (y) è detta funzione correttrice. Denizione (Funzione di Green per il problema di Dirichlet) La funzione di Green per l'insieme U è data da G(x, y) := Φ(y x) ϕ x (y) (x U, y U y x) (6) Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 19/24

42 Funzione di Green Soluzione del problema di Dirichlet Soluzione del problema di Laplace-Dirichlet nel semipiano Soluzione del problema di Laplace-Dirichlet nella palla Introduciamo la funzione ϕ x (y) C 2 (U) tale che { ϕ x (y) = 0 in U ϕ x (y) = Φ(y x) su U con x U. ϕ x (y) è detta funzione correttrice. Denizione (Funzione di Green per il problema di Dirichlet) La funzione di Green per l'insieme U è data da G(x, y) := Φ(y x) ϕ x (y) (x U, y U y x) (6) La funzione di y G(x, y) è armonica in U tranne che per y = x. Inoltre per ogni y U risulta G(x, y) = Φ(y x) ϕ x (y) = Φ(y x) Φ(y x) = 0 Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 19/24

43 Funzione di Green Soluzione del problema di Dirichlet Soluzione del problema di Laplace-Dirichlet nel semipiano Soluzione del problema di Laplace-Dirichlet nella palla Si ottiene Formula di rappresentazione di Green u(x) = u(y) y G (x, y) ds(y) ν U U G(x, y) u dy Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 20/24

44 Funzione di Green Soluzione del problema di Dirichlet Soluzione del problema di Laplace-Dirichlet nel semipiano Soluzione del problema di Laplace-Dirichlet nella palla Si ottiene Formula di rappresentazione di Green u(x) = u(y) y G (x, y) ds(y) ν U U G(x, y) u dy Si potrebbe denire in maniera analoga una funzione di Green per il problema di Neumann Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 20/24

45 Funzione di Green Soluzione del problema di Dirichlet Soluzione del problema di Laplace-Dirichlet nel semipiano Soluzione del problema di Laplace-Dirichlet nella palla Si ottiene Formula di rappresentazione di Green u(x) = u(y) y G (x, y) ds(y) ν U U G(x, y) u dy Si potrebbe denire in maniera analoga una funzione di Green per il problema di Neumann La funzione di Green è simmetrica, cioè G(x, y) = G(y, x) per ogni x y. Inoltre, per il principio del massimo, G(x, y) > 0 per ogni y U, y x. Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 20/24

46 Funzione di Green Soluzione del problema di Dirichlet Soluzione del problema di Laplace-Dirichlet nel semipiano Soluzione del problema di Laplace-Dirichlet nella palla Consideriamo il problema alle condizioni al contorno { u = 0 in R n + u = g su R n + Dato x = (x 1,..., x n 1, x n ) R n +, si denisce la sua riessione rispetto al piano R n + il punto x = (x 1,..., x n 1, x n ). Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 21/24

47 Funzione di Green Soluzione del problema di Dirichlet Soluzione del problema di Laplace-Dirichlet nel semipiano Soluzione del problema di Laplace-Dirichlet nella palla Consideriamo il problema alle condizioni al contorno { u = 0 in R n + u = g su R n + Dato x = (x 1,..., x n 1, x n ) R n +, si denisce la sua riessione rispetto al piano R n + il punto x = (x 1,..., x n 1, x n ). Si ha G(x, y) = Φ(y x) Φ(y x) Formula di Poisson per il semispazio Sia g una funzione C(R n 1 ) L (R n 1 ) e u(x) = 2x n nω n R n + g(y) ds(y) (7) y x n per ogni x R n +. Allora u(x) è soluzione del problema di Laplace per il semispazio Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 21/24

48 Funzione di Green Soluzione del problema di Dirichlet Soluzione del problema di Laplace-Dirichlet nel semipiano Soluzione del problema di Laplace-Dirichlet nella palla Se x ( R n \ {0} ), il punto x = rispetto alla sfera B(1). x x 2 è detto punto duale di x La mappa x x è chiamata inversione attraverso la sfera unitaria B(1). Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 22/24

49 Funzione di Green Soluzione del problema di Dirichlet Soluzione del problema di Laplace-Dirichlet nel semipiano Soluzione del problema di Laplace-Dirichlet nella palla Se x ( R n \ {0} ), il punto x = rispetto alla sfera B(1). x x 2 è detto punto duale di x La mappa x x è chiamata inversione attraverso la sfera unitaria B(1). La funzione di Green per la palla B(1) è G(x, y) = Φ(y x) Φ( x (y x)). Inne si ottiene Formula risolutiva per la palla B(1) u(x) = 1 x 2 g(y) nω n B(1) y x ds(y) n Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 22/24

50 Funzione di Green Soluzione del problema di Dirichlet Soluzione del problema di Laplace-Dirichlet nel semipiano Soluzione del problema di Laplace-Dirichlet nella palla Se x ( R n \ {0} ), il punto x = rispetto alla sfera B(1). x x 2 è detto punto duale di x La mappa x x è chiamata inversione attraverso la sfera unitaria B(1). La funzione di Green per la palla B(1) è G(x, y) = Φ(y x) Φ( x (y x)). Inne si ottiene Formula risolutiva per la palla B(1) u(x) = 1 x 2 g(y) nω n B(1) y x ds(y) n Formula risolutiva per la palla B(r) u(x) = r 2 x 2 g(y) nω n r B(r) y x ds(y) n Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 22/24

51 Unicità e principio di Dirichlet 1 Equazioni di Laplace e di Poisson Problemi con condizioni al contorno Invarianza per rotazioni del Laplaciano Soluzione fondamentale dell'equazione di Poisson 2 Proprietà del valor medio Principio del massimo Analiticità Teoremi di Liouville e Harnack 3 Funzione di Green Soluzione del problema di Dirichlet Soluzione del problema di Laplace-Dirichlet nel semipiano Soluzione del problema di Laplace-Dirichlet nella palla 4 Unicità e principio di Dirichlet Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 23/24

52 Unicità e principio di Dirichlet Data una funzione w armonica in U aperto e connesso, tale che su U valga o u = 0 o w ν = 0, si ha 0 = U w w dx = U Dw Dw dx + wdw ν ds = U U Dw Dw dx = U Dw 2 dx La formula appena vista permette di dedurre l'unicità della soluzione per i problemi di Poisson-Neumann e Poisson-Dirichlet in aperti limitati a frontiera C 1. Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 24/24

53 Unicità e principio di Dirichlet Data una funzione w armonica in U aperto e connesso, tale che su U valga o u = 0 o w ν = 0, si ha 0 = U w w dx = U Dw Dw dx + wdw ν ds = U U Dw Dw dx = U Dw 2 dx La formula appena vista permette di dedurre l'unicità della soluzione per i problemi di Poisson-Neumann e Poisson-Dirichlet in aperti limitati a frontiera C 1. Deniamo il funzionale E come E[w] := 1 U 2 Dw 2 wf dx dove w A insieme delle funzioni ammissibili. Teorema (Principio di Dirichlet) u C 2 (U) è soluzione del problema di Poisson-Dirichlet in U se e solo se E[u] = min w A E[w] Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 24/24

SPAZI METRICI. Uno spazio metrico X con metrica d si indica con il simbolo (X, d). METRICI 1

SPAZI METRICI. Uno spazio metrico X con metrica d si indica con il simbolo (X, d). METRICI 1 SPAZI METRICI Nel piano R 2 o nello spazio R 3 la distanza fra due punti è la lunghezza, o norma euclidea, del vettore differenza di questi due punti. Se p = (x, y, z) è un vettore in coordinate ortonormali,

Dettagli

Sulle funzioni di W 1,p (Ω) a traccia nulla

Sulle funzioni di W 1,p (Ω) a traccia nulla Sulle funzioni di W 1,p () a traccia nulla Sia u W 1,p (R n ) e supponiamo che il supp u, essendo un aperto di R n. Possiamo approssimare u con una successione di funzioni C il cui supporto è contenuto

Dettagli

4 Quarta lezione: Spazi di Banach e funzionali lineari. Spazio duale

4 Quarta lezione: Spazi di Banach e funzionali lineari. Spazio duale 4 Quarta lezione: Spazi di Banach e funzionali lineari. Spazio duale Spazi Metrici Ricordiamo che uno spazio metrico è una coppia (X, d) dove X è un insieme e d : X X [0, + [ è una funzione, detta metrica,

Dettagli

Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme

Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme 1. L insieme R. Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme R = R {, + }, detto anche retta reale estesa, che si ottiene aggiungendo all insieme dei numeri reali R

Dettagli

Prove d'esame a.a. 20082009

Prove d'esame a.a. 20082009 Prove d'esame aa 008009 Andrea Corli settembre 0 Sono qui raccolti i testi delle prove d'esame assegnati nell'aa 00809, relativi al Corso di Analisi Matematica I (trimestrale, 6 crediti), Laurea in Ingegneria

Dettagli

I appello - 24 Marzo 2006

I appello - 24 Marzo 2006 Facoltà di Ingegneria - Corso di Laurea in Ing. Energetica e Gestionale A.A.2005/2006 I appello - 24 Marzo 2006 Risolvere gli esercizi motivando tutte le risposte. I.) Studiare la convergenza puntuale,

Dettagli

10. Insiemi non misurabili secondo Lebesgue.

10. Insiemi non misurabili secondo Lebesgue. 10. Insiemi non misurabili secondo Lebesgue. Lo scopo principale di questo capitolo è quello di far vedere che esistono sottoinsiemi di R h che non sono misurabili secondo Lebesgue. La costruzione di insiemi

Dettagli

3 GRAFICI DI FUNZIONI

3 GRAFICI DI FUNZIONI 3 GRAFICI DI FUNZIONI Particolari sottoinsiemi di R che noi studieremo sono i grafici di funzioni. Il grafico di una funzione f (se non è specificato il dominio di definizione) è dato da {(x, y) : x dom

Dettagli

Michela Eleuteri ESERCIZIARIO DI ANALISI MATEMATICA I

Michela Eleuteri ESERCIZIARIO DI ANALISI MATEMATICA I Michela Eleuteri ESERCIZIARIO DI ANALISI MATEMATICA I Università degli Studi di Verona, Facoltà di Scienze MM.FF.NN. Corso di Laurea in Informatica e Bioinformatica a.a. / A Giulia con la speranza che

Dettagli

CAMPI E LORO PROPRIETÀ

CAMPI E LORO PROPRIETÀ CMPI E LORO PROPRIETÀ 1.1 Introduzione ia una regione nello spazio in cui, in ogni suo punto, sia definita una grandezza g. La regione si dice allora soggetta ad un campo. Un campo può essere scalare,

Dettagli

x (x i ) (x 1, x 2, x 3 ) dx 1 + f x 2 dx 2 + f x 3 dx i x i

x (x i ) (x 1, x 2, x 3 ) dx 1 + f x 2 dx 2 + f x 3 dx i x i NA. Operatore nabla Consideriamo una funzione scalare: f : A R, A R 3 differenziabile, di classe C (2) almeno. Il valore di questa funzione dipende dalle tre variabili: Il suo differenziale si scrive allora:

Dettagli

Durata della prova: 3h. 2 +y 4. tan y sin y lim = 1. (x 4 +y 2 )y 3

Durata della prova: 3h. 2 +y 4. tan y sin y lim = 1. (x 4 +y 2 )y 3 Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea in Matematica Analisi Matematica II (Gruppo ), A.A. 22/3 Prova scritta del 28 gennaio 23 Durata della prova: 3h. sercizio (8 punti). Si consideri

Dettagli

Metodi Numerici per Equazioni Ellittiche

Metodi Numerici per Equazioni Ellittiche Metodi Numerici per Equazioni Ellittiche Vediamo ora di descrivere una tecnica per la risoluzione numerica della più semplice equazione ellittica lineare, l Equazione di Laplace: u xx + u yy = 0, (x, y)

Dettagli

SIMULAZIONE TEST ESAME - 1

SIMULAZIONE TEST ESAME - 1 SIMULAZIONE TEST ESAME - 1 1. Il dominio della funzione f(x) = log (x2 + 1)(4 x 2 ) (x 2 2x + 1) è: (a) ( 2, 2) (b) ( 2, 1) (1, 2) (c) (, 2) (2, + ) (d) [ 2, 1) (1, 2] (e) R \{1} 2. La funzione f : R R

Dettagli

Funzioni Armoniche: Un Primo Assaggio

Funzioni Armoniche: Un Primo Assaggio Funzioni Armoniche: Un Primo Assaggio Kevin R. Payne Appunti per il Corso Avanzato di Analisi Matematica III CCD in Matematica e Matematica per le Applicazioni Università degli Studi di Milano Introduzione.

Dettagli

LE FUNZIONI A DUE VARIABILI

LE FUNZIONI A DUE VARIABILI Capitolo I LE FUNZIONI A DUE VARIABILI In questo primo capitolo introduciamo alcune definizioni di base delle funzioni reali a due variabili reali. Nel seguito R denoterà l insieme dei numeri reali mentre

Dettagli

Esercizi svolti e assegnati su integrali doppi e tripli

Esercizi svolti e assegnati su integrali doppi e tripli Esercizi svolti e assegnati su integrali doppi e tripli Esercizio. ove R R xy x + y + x + y dxdy } x, y R : x, y, x x + y x Svolgimento. Passo : per disegnare R, studiamo C : x + y x, C : x + y x Completando

Dettagli

Teoremi di rigidità per funzioni di Sobolev e applicazioni.

Teoremi di rigidità per funzioni di Sobolev e applicazioni. Università degli Studi di Roma La Sapienza A.A. 01-013 Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Corso di Laurea Specialistica in Matematica Teoremi di rigidità per funzioni di Sobolev e applicazioni.

Dettagli

Corso di Analisi Matematica. Funzioni reali di variabile reale

Corso di Analisi Matematica. Funzioni reali di variabile reale a.a. 2011/12 Laurea triennale in Informatica Corso di Analisi Matematica Funzioni reali di variabile reale Avvertenza Questi sono appunti informali delle lezioni, che vengono resi disponibili per comodità

Dettagli

Analisi Matematica 2 per Matematica Esempi di compiti, primo semestre 2011/2012

Analisi Matematica 2 per Matematica Esempi di compiti, primo semestre 2011/2012 Analisi Matematica 2 per Matematica Esempi di compiti, primo semestre 211/212 Ricordare: una funzione lipschitziana tra spazi metrici manda insiemi limitati in insiemi limitati; se il dominio di una funzione

Dettagli

Integrali di superficie: esercizi svolti

Integrali di superficie: esercizi svolti Integrali di superficie: esercizi svolti Gli esercizi contrassegnati con il simbolo * presentano un grado di difficoltà maggiore. Esercizio. Calcolare i seguenti integrali superficiali sulle superfici

Dettagli

Funzioni reali di più variabili reali

Funzioni reali di più variabili reali Funzioni reali di più variabili reali Generalità. Indichiamo con R n il prodotto cartesiano di R per sé stesso, n volte: R n = {(, 2,, n ) ;! R,, n!r}. Quando n = 2 oppure n = 3 indicheremo le coordinate

Dettagli

Funzioni in più variabili

Funzioni in più variabili Funzioni in più variabili Corso di Analisi 1 di Andrea Centomo 27 gennaio 2011 Indichiamo con R n, n 1, l insieme delle n-uple ordinate di numeri reali R n4{(x 1, x 2,,x n ), x i R, i =1,,n}. Dato X R

Dettagli

1.1. Spazi metrici completi

1.1. Spazi metrici completi SPAZI METRICI: COMPLETEZZA E COMPATTEZZA Note informali dalle lezioni 1.1. Spazi metrici completi La nozione di convergenza di successioni è centrale nello studio degli spazi metrici. In particolare è

Dettagli

8 - Analisi della deformazione

8 - Analisi della deformazione 8 - Analisi della deformazione ü [A.a. - : ultima revisione 6 ottobre ] Esercizio n. Si supponga di voler conoscere sperimentalmente lo stato di deformazione in un punto M di un solido. A tal fine, si

Dettagli

SULLE FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE E LORO GRAFICI

SULLE FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE E LORO GRAFICI SULLE FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE E LORO GRAFICI.Definizioni e insieme di definizione. Una funzione o applicazione f è una legge che ad ogni elemento di un insieme D ( dominio )fa corrispondere un

Dettagli

2. Differenze Finite. ( ) si

2. Differenze Finite. ( ) si . Differenze Finite In questa Nota tratteremo della soluzione numerica di equazioni a derivate parziali scalari attraverso il metodo delle differenze finite. In particolare, affronteremo il problema della

Dettagli

Funzione reale di variabile reale

Funzione reale di variabile reale Funzione reale di variabile reale Siano A e B due sottoinsiemi non vuoti di. Si chiama funzione reale di variabile reale, di A in B, una qualsiasi legge che faccia corrispondere, a ogni elemento A x A

Dettagli

d 2 dx ψ + 2 m E V x ψ = 0 V x = V x + a. ψ(x+a) = Q ψ(x). ψ x = e " i k x u k ψ x + a = e " i k x + a u k x + a = e " i k a e " i k x u k

d 2 dx ψ + 2 m E V x ψ = 0 V x = V x + a. ψ(x+a) = Q ψ(x). ψ x = e  i k x u k ψ x + a = e  i k x + a u k x + a = e  i k a e  i k x u k Teorema di Bloch Introduzione (vedi anche Ascroft, dove c è un approccio alternativo) Cominciamo col considerare un solido unidimensionale. Il modello è quello di una particella (l elettrone) in un potenziale

Dettagli

Programma di Matematica

Programma di Matematica Programma di Matematica Modulo 1. Topologia in R 2. Funzioni in R 3. Limite e continuità di una funzione Unità didattiche Struttura algebrica di R Insiemi reali limitati e illimitati Intorno di un punto

Dettagli

Capitolo Sedicesimo CENNO SULLE SUPERFICI

Capitolo Sedicesimo CENNO SULLE SUPERFICI Capitolo Sedicesimo CENNO SULLE SUPERFICI 1. L A N O Z I O N E D I S U P E R F I C I E In tutto il Capitolo, chiameremo dominio un sottoinsieme di  2 che sia la chiusura di un aperto connesso. Sono tali,

Dettagli

Per studio di funzione intendiamo un insieme di procedure che hanno lo scopo di analizzare le proprietà di una funzione f ( x) R R

Per studio di funzione intendiamo un insieme di procedure che hanno lo scopo di analizzare le proprietà di una funzione f ( x) R R Studio di funzione Per studio di funzione intendiamo un insieme di procedure che hanno lo scopo di analizzare le proprietà di una funzione f ( x) R R : allo scopo di determinarne le caratteristiche principali.

Dettagli

Esercizi svolti di analisi reale e complessa

Esercizi svolti di analisi reale e complessa UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE FACOLTÀ DI SCIENZE M.F.N. DIPARTIMENTO DI MATEMATICA Esercizi svolti di analisi reale e complessa a cura del Dr. Alfonso Sorrentino Esercizi assegnati nei tutorati di AM3,

Dettagli

Sistema dinamico a tempo continuo

Sistema dinamico a tempo continuo Sistema dinamico a tempo continuo Un sistema è un modello matematico di un fenomeno fisico: esso comprende le cause e gli effetti relativi al fenomeno, nonché la relazione matematica che li lega. X INGRESSO

Dettagli

Sono definite in sottoinsiemi di R n (n N), a valori in R Ci si limiterà al caso di R 2 o di R 3

Sono definite in sottoinsiemi di R n (n N), a valori in R Ci si limiterà al caso di R 2 o di R 3 1 FUNZIONI DI PIÙ VARIABILI 1 1 Funzioni di più variabili Sono definite in sottoinsiemi di R n (n N), a valori in R Ci si limiterà al caso di R 2 o di R 3 Definizione 1.1 Dati D R 2 e f : D R, l insieme

Dettagli

Energia potenziale L. P. Maggio 2007. 1. Campo di forze

Energia potenziale L. P. Maggio 2007. 1. Campo di forze Energia potenziale L. P. Maggio 2007 1. Campo di forze Consideriamo un punto materiale di massa m che si muove in una certa regione dello spazio. Si dice che esso è soggetto a un campo di forze, se ad

Dettagli

Verica di Matematica su dominio e segno di una funzione [COMPITO 1]

Verica di Matematica su dominio e segno di una funzione [COMPITO 1] Verica di Matematica su dominio e segno di una funzione [COMPITO 1] Esercizio 1. Determinare il dominio delle seguenti funzioni: 1. y = 16 x ;. y = e 1 x +4 + x + x + 1; 3. y = 10 x x 3 4x +3x; 4. y =

Dettagli

TOPOLOGIE. Capitolo 2. 2.1 Spazi topologici

TOPOLOGIE. Capitolo 2. 2.1 Spazi topologici Capitolo 2 TOPOLOGIE Ogni spazio che si considera in gran parte della matematica e delle sue applicazioni è uno spazio topologico di qualche tipo: qui introduciamo in generale le nozioni di base della

Dettagli

Università di Trieste Facoltà d Ingegneria. Esercitazioni per la preparazione della prova scritta di Matematica 3 Dott.

Università di Trieste Facoltà d Ingegneria. Esercitazioni per la preparazione della prova scritta di Matematica 3 Dott. Università di Trieste Facoltà d Ingegneria. Esercitazioni per la preparazione della prova scritta di Matematica 3 Dott. Franco Obersnel Lezione 19: campi vettoriali e formule di Gauss-Green nel piano.

Dettagli

Esistenza di funzioni continue non differenziabili in alcun punto

Esistenza di funzioni continue non differenziabili in alcun punto UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA Esistenza di funzioni continue non differenziabili in alcun punto Relatore Prof. Andrea

Dettagli

Problemi di Analisi matematica elementare ma non troppo

Problemi di Analisi matematica elementare ma non troppo Problemi di Analisi matematica elementare ma non troppo Gianni Gilardi Collegio Ghislieri, primavera 2013 Queste pagine costituiscono il materiale che ho preparato in vista di un corso tenuto presso il

Dettagli

1 Insiemi in R n 1 1.1 Simmetrie degli insiemi... 5

1 Insiemi in R n 1 1.1 Simmetrie degli insiemi... 5 UNIVR Facoltà di Economia Sede di Vicenza Corso di Matematica Funzioni reali di più variabili Indice Insiemi in R n. Simmetrie degli insiemi............................................ 5 2 Funzioni da

Dettagli

Elementi di topologia della retta

Elementi di topologia della retta Elementi di topologia della retta nome insieme definizione l insieme è un concetto primitivo che si accetta come intuitivamente noto secondo George Cantor, il padre della teoria degli insiemi: Per insieme

Dettagli

Tutorato di Analisi 2 - AA 2014/15

Tutorato di Analisi 2 - AA 2014/15 Tutorato di Analisi - AA /5 Emanuele Fabbiani 5 marzo 5 Integrali doppi. La soluzione più semplice... Come per gli integrali in una sola variabile, riconoscere eventuali simmetrie evita di sprecare tempo

Dettagli

Teoria dei Fenomeni Aleatori 1

Teoria dei Fenomeni Aleatori 1 Integrale Doppio Sia g( x,y ) una funzione continua nel piano ( x,y ) o D è un dominio sul piano ( x,y ) o P è una sua partizione che ricopre il dominio D: ( ) P D D... D... = 1,1 1,2 i,j, con Di,j = ΔxiΔ

Dettagli

I polinomi 1; x;x 2 ;x 3 sono linearmente indipendenti; infatti. 0= 1 1+ 2 x+ 3 x 2 + 4 x 3 =) 1 = 2 == 4 =0

I polinomi 1; x;x 2 ;x 3 sono linearmente indipendenti; infatti. 0= 1 1+ 2 x+ 3 x 2 + 4 x 3 =) 1 = 2 == 4 =0 ASPETTI TEORICI Spazio vettoriale Un insieme qualunque di inniti elementi V = fv i g si dice uno spazio vettoriale sull'insieme dei numeri reali R se: { E possibile denire un'operazione binaria fra gli

Dettagli

LP. Lavoro e potenziale

LP. Lavoro e potenziale Lavoro e potenziale LP. Lavoro e potenziale Forza In questa sezione dobbiamo introdurre un nuovo concetto che assumiamo come primitivo dalla fisica: è il concetto di forza. Ci occuperemo anzitutto di una

Dettagli

Calcolo integrale per funzioni di più variabili reali

Calcolo integrale per funzioni di più variabili reali CAPITOLO 4 Calcolo integrale per funzioni di più variabili reali La definizione di integrale definito per funzioni di una variabile reale è motivato dal problema del calcolo delle aree: si desidera calcolare

Dettagli

Note del corso di SISTEMI DINAMICI. Massimiliano Berti

Note del corso di SISTEMI DINAMICI. Massimiliano Berti Note del corso di SISTEMI DINAMICI Massimiliano Berti 16 Dicembre 2011 Versione preliminare Introduzione Va sotto il nome Sistemi Dinamici la teoria delle equazioni differenziali ordinarie, cioè di equazioni

Dettagli

Raccolta degli Scritti d Esame di ANALISI MATEMATICA U.D. 1 assegnati nei Corsi di Laurea di Fisica, Fisica Applicata, Matematica

Raccolta degli Scritti d Esame di ANALISI MATEMATICA U.D. 1 assegnati nei Corsi di Laurea di Fisica, Fisica Applicata, Matematica DIPARTIMENTO DI MATEMATICA Università degli Studi di Trento Via Sommarive - Povo (TRENTO) Raccolta degli Scritti d Esame di ANALISI MATEMATICA U.D. 1 assegnati nei Corsi di Laurea di Fisica, Fisica Applicata,

Dettagli

METODI MATEMATICI PER LA FISICA

METODI MATEMATICI PER LA FISICA Si svolgano cortesemente i seguenti esercizi ESERCIZIO (6 PUNTI) METODI MATEMATICI PER LA FISICA PROVA SCRITTA - 2 GENNAIO 25 Una volta identificato, nel piano complesso α, il dominio di convergenza della

Dettagli

Fondamenti di FISICA MATEMATICA II: Introduzione alla Teoria delle Equazioni alle Derivate Parziali del Secondo Ordine

Fondamenti di FISICA MATEMATICA II: Introduzione alla Teoria delle Equazioni alle Derivate Parziali del Secondo Ordine Valter Moretti Dipartimento di Matematica Università di Trento Fondamenti di FISICA MATEMATICA II: Introduzione alla Teoria delle Equazioni alle Derivate Parziali del Secondo Ordine Corso di Fondamenti

Dettagli

Prova parziale di Geometria e Topologia I - 5 mag 2008 (U1-03, 13:30 16:30) 1/8. Cognome:... Nome:... Matricola:...

Prova parziale di Geometria e Topologia I - 5 mag 2008 (U1-03, 13:30 16:30) 1/8. Cognome:... Nome:... Matricola:... Prova parziale di Geometria e Topologia I - 5 mag 2008 (U1-03, 13:30 16:30) 1/8 Cognome:................ Nome:................ Matricola:................ (Dare una dimostrazione esauriente di tutte le

Dettagli

Limiti e continuità di funzioni reali di una variabile

Limiti e continuità di funzioni reali di una variabile di funzioni reali di una variabile Corso di Analisi Matematica - capitolo VI Facoltà di Economia, UER Maria Caterina Bramati Université Libre de Bruxelles ECARES 22 Novembre 2006 Intuizione di ite di funzione

Dettagli

IV-1 Funzioni reali di più variabili

IV-1 Funzioni reali di più variabili IV- FUNZIONI REALI DI PIÙ VARIABILI INSIEMI IN R N IV- Funzioni reali di più variabili Indice Insiemi in R n. Simmetrie degli insiemi............................................ 4 2 Funzioni da R n a R

Dettagli

CAPITOLO 3 FONDAMENTI DI ANALISI DELLA STABILITA' DI SISTEMI NON LINEARI

CAPITOLO 3 FONDAMENTI DI ANALISI DELLA STABILITA' DI SISTEMI NON LINEARI 31 CAPITOLO 3 FONDAMENTI DI ANALISI DELLA STABILITA' DI SISTEMI NON LINEARI INTRODUZIONE L'obbiettivo di questo capitolo è quello di presentare in modo sintetico ma completo, la teoria della stabilità

Dettagli

Catene di Misura. Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/

Catene di Misura. Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/ Catene di Misura Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/ Piero Malcovati Dipartimento di Ingegneria Industriale e dell Informazione Università di Pavia piero.malcovati@unipv.it Piero Malcovati

Dettagli

Note integrative ed Esercizi consigliati

Note integrative ed Esercizi consigliati - a.a. 2006-07 Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Civile (CIS) Note integrative ed consigliati Laura Poggiolini e Gianna Stefani Indice 0 1 Convergenza uniforme 1 2 Convergenza totale 5 1 Numeri

Dettagli

Analisi Complessa. Prova intermedia del 7 novembre 2002 - Soluzioni. (z 11 1) 11 1 = 0.

Analisi Complessa. Prova intermedia del 7 novembre 2002 - Soluzioni. (z 11 1) 11 1 = 0. Analisi Complessa Prova intermedia del 7 novembre 2002 - Soluzioni Esercizio. Si consideri l equazione z 0. Quante soluzioni distinte esistono in C? Quante di esse sono contenute all interno del disco

Dettagli

f il sottoinsieme D f di A dei valori che può assumere la variabile indipendente x. Talvolta indicheremo il dominio della funzione f con dom (f).

f il sottoinsieme D f di A dei valori che può assumere la variabile indipendente x. Talvolta indicheremo il dominio della funzione f con dom (f). Liceo Scientico Paritario Ven. A. Luzzago di Brescia. Classe 5A - Anno Scolastico 2014/2015 - Prof. Simone Alghisi 1 Le funzioni (1.1) Denizione Siano A e B due insiemi. Una funzione f : A B é una legge

Dettagli

FUNZIONE REALE DI UNA VARIABILE

FUNZIONE REALE DI UNA VARIABILE FUNZIONE REALE DI UNA VARIABILE Funzione: legge che ad ogni elemento di un insieme D (Dominio) tale che D R, fa corrispondere un elemento y R ( R = Codominio ). f : D R : f () = y ; La funzione f(): A

Dettagli

CAPITOLO 16 SUCCESSIONI E SERIE DI FUNZIONI

CAPITOLO 16 SUCCESSIONI E SERIE DI FUNZIONI CAPITOLO 16 SUCCESSIONI E SERIE DI FUNZIONI Abbiamo studiato successioni e serie numeriche, ora vogliamo studiare successioni e serie di funzioni. Dato un insieme A R, chiamiamo successione di funzioni

Dettagli

EQUAZIONI DIFFERENZIALI DELLA FISICA MATEMATICA

EQUAZIONI DIFFERENZIALI DELLA FISICA MATEMATICA Università degli studi di Firenze Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali LAUREA SPECIALISTICA IN FISICA EQUAZIONI DIFFERENZIALI DELLA FISICA MATEMATICA A. FASANO Indice 1 Qualche considerazione

Dettagli

1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione.

1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione. 1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione. 1.1. Intorni circolari. Assumiamo come distanza di due numeri reali x e y il numero non negativo x y (che, come sappiamo, esprime la distanza tra i punti

Dettagli

FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMICA

FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMICA FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMICA DEFINIZIONE: Dato un numero reale a che sia a > 0 e a si definisce funzione esponenziale f(x) = a x la relazione che ad ogni valore di x associa uno e un solo

Dettagli

Valori caratteristici di distribuzioni

Valori caratteristici di distribuzioni Capitolo 3 Valori caratteristici di distribuzioni 3. Valori attesi di variabili e vettori aleatori In molti casi è possibile descrivere adeguatamente una distribuzione di probabilità con pochi valori di

Dettagli

A i è un aperto in E. i=1

A i è un aperto in E. i=1 Proposizione 1. A è aperto se e solo se A c è chiuso. Dimostrazione. = : se x o A c, allora x o A = A o e quindi esiste r > 0 tale che B(x o, r) A; allora x o non può essere di accumulazione per A c. Dunque

Dettagli

Capitolo 4. Funzioni di Più Variabili: Primi Elementi. 4.1 Coordinate Cartesiane in Tre Dimensioni.

Capitolo 4. Funzioni di Più Variabili: Primi Elementi. 4.1 Coordinate Cartesiane in Tre Dimensioni. Capitolo 4 Funzioni di Più Variabili: Primi Elementi L analisi delle funzioni di una singola variabile è fatta sostanzialmente sulla retta R enelpianor. Questi sono gli ambienti naturali per lo studio

Dettagli

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1.

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1. Capitolo 6 Integrali curvilinei In questo capitolo definiamo i concetti di integrali di campi scalari o vettoriali lungo curve. Abbiamo bisogno di precisare le curve e gli insiemi che verranno presi in

Dettagli

.y 6. .y 4. .y 5. .y 2.y 3 B C C B. B f A B f -1

.y 6. .y 4. .y 5. .y 2.y 3 B C C B. B f A B f -1 Funzioni FUNZIONI Una funzione è una relazione fra due insiemi non vuoti e, che associa ad ogni elemento uno e un solo elemento. In simboli si scrive: = oppure. x 1. x..y B C.y 5 x 4..y 4 L elemento è

Dettagli

EQUAZIONI DIFFERENZIALI Esercizi svolti. y = xy. y(2) = 1.

EQUAZIONI DIFFERENZIALI Esercizi svolti. y = xy. y(2) = 1. EQUAZIONI DIFFERENZIALI Esercizi svolti 1. Determinare la soluzione dell equazione differenziale (x 2 + 1)y + y 2 =. y + x tan y = 2. Risolvere il problema di Cauchy y() = 1 2 π. 3. Risolvere il problema

Dettagli

EQUAZIONI non LINEARI

EQUAZIONI non LINEARI EQUAZIONI non LINEARI Francesca Pelosi Dipartimento di Matematica, Università di Roma Tor Vergata CALCOLO NUMERICO e PROGRAMMAZIONE http://www.mat.uniroma2.it/ pelosi/ EQUAZIONI non LINEARI p.1/44 EQUAZIONI

Dettagli

Problema n. 1: CURVA NORD

Problema n. 1: CURVA NORD Problema n. 1: CURVA NORD Sei il responsabile della gestione del settore Curva Nord dell impianto sportivo della tua città e devi organizzare tutti i servizi relativi all ingresso e all uscita degli spettatori,

Dettagli

ESERCITAZIONI DI ANALISI 1 FOGLIO 1 FOGLIO 2 FOGLIO 3 FOGLIO 4 FOGLIO 5 FOGLIO 6 FOGLIO 7 SVOLTI. Marco Pezzulla

ESERCITAZIONI DI ANALISI 1 FOGLIO 1 FOGLIO 2 FOGLIO 3 FOGLIO 4 FOGLIO 5 FOGLIO 6 FOGLIO 7 SVOLTI. Marco Pezzulla ESERCITAZIONI DI ANALISI FOGLIO FOGLIO FOGLIO 3 FOGLIO 4 FOGLIO 5 FOGLIO 6 FOGLIO 7 SVOLTI Marco Pezzulla gennaio 05 FOGLIO. Determinare il dominio e il segno della funzione ( ) f(x) arccos x x + π/3.

Dettagli

Prerequisiti didattici

Prerequisiti didattici Università degli Studi di Ferrara 2014-2015 Corso TFA - A048 Matematica applicata Didattica della matematica applicata all economia e alla finanza 18 marzo 2015 Appunti di didattica della matematica applicata

Dettagli

Capitolo 1. Integrali multipli. 1.1 Integrali doppi su domini normali. Definizione 1.1.1 Si definisce dominio normale rispetto all asse

Capitolo 1. Integrali multipli. 1.1 Integrali doppi su domini normali. Definizione 1.1.1 Si definisce dominio normale rispetto all asse Contenuti 1 Integrali multipli 2 1.1 Integralidoppisudomininormali... 2 1.2 Cambiamento di variabili in un integrale doppio. 6 1.3 Formula di Gauss-Green nel piano e conseguenze. 7 1.4 Integralitripli...

Dettagli

LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO

LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO APPUNTI PER IL CORSO DI ANALISI MATEMATICA I G. MAUCERI Indice 1. Introduzione 1 2. La funzione esponenziale 2 3. Il numero e di Nepero 9 4. L irrazionalità di e

Dettagli

Analisi Mat. 1 - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 23-3-06

Analisi Mat. 1 - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 23-3-06 Analisi Mat. - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 3-3-6 Sia p il polinomio di quarto grado definito da pz = z 4. Sia S il settore circolare formato dai numeri complessi che hanno modulo minore o

Dettagli

Insiemi di livello e limiti in più variabili

Insiemi di livello e limiti in più variabili Insiemi di livello e iti in più variabili Insiemi di livello Si consideri una funzione f : A R, con A R n. Un modo per poter studiare il comportamento di una funzione in più variabili potrebbe essere quello

Dettagli

Le applicazioni degli integrali al calcolo di aree e volumi nelle prove di maturità

Le applicazioni degli integrali al calcolo di aree e volumi nelle prove di maturità Le applicazioni degli integrali al calcolo di aree e volumi nelle prove di maturità Angelo Ambrisi Ne plus ultra. Non si va oltre! Gli integrali costituiscono le colonne d Ercole dell insegnamento della

Dettagli

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito.

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito. INTEGRALI DEFINITI Sia nel campo scientifico che in quello tecnico si presentano spesso situazioni per affrontare le quali è necessario ricorrere al calcolo dell integrale definito. Vi sono infatti svariati

Dettagli

Esercizi di Analisi Matematica I

Esercizi di Analisi Matematica I Esercizi di Analisi Matematica I Andrea Corli e Alessia Ascanelli gennaio 9 Indice Introduzione iii Nozioni preliminari. Fattoriali e binomiali..................................... Progressioni..........................................

Dettagli

Esponenziali e logaritmi

Esponenziali e logaritmi Esponenziali e logaritmi Corso di accompagnamento in matematica Lezione 4 Sommario 1 La funzione esponenziale Proprietà Grafico 2 La funzione logaritmo Grafico Proprietà 3 Equazioni / disequazioni esponenziali

Dettagli

x 2 + y2 4 = 1 x = cos(t), y = 2 sin(t), t [0, 2π] Al crescere di t l ellisse viene percorsa in senso antiorario.

x 2 + y2 4 = 1 x = cos(t), y = 2 sin(t), t [0, 2π] Al crescere di t l ellisse viene percorsa in senso antiorario. Le soluzioni del foglio 2. Esercizio Calcolare il lavoro compiuto dal campo vettoriale F = (y + 3x, 2y x) per far compiere ad una particella un giro dell ellisse 4x 2 + y 2 = 4 in senso orario... Soluzione.

Dettagli

1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc.

1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc. Classi Numeriche 1 1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc. In questo breve capitolo richiamiamo le definizioni delle classi numeriche fondamentali, già note al lettore,

Dettagli

CONCETTO DI LIMITE DI UNA FUNZIONE REALE

CONCETTO DI LIMITE DI UNA FUNZIONE REALE CONCETTO DI LIMITE DI UNA FUNZIONE REALE Il limite di una funzione è uno dei concetti fondamentali dell'analisi matematica. Tramite questo concetto viene formalizzata la nozione di funzione continua e

Dettagli

Definisci il Campo di Esistenza ( Dominio) di una funzione reale di variabile reale e, quindi, determinalo per la funzione:

Definisci il Campo di Esistenza ( Dominio) di una funzione reale di variabile reale e, quindi, determinalo per la funzione: Verso l'esame di Stato Definisci il Campo di Esistenza ( Dominio) di una funzione reale di variabile reale e, quindi, determinalo per la funzione: y ln 5 6 7 8 9 0 Rappresenta il campo di esistenza determinato

Dettagli

FUNZIONI LINEARI. FUNZIONE VALORE ASSOLUTO. Si chiama funzione lineare (o funzione affine) una funzione del tipo = +

FUNZIONI LINEARI. FUNZIONE VALORE ASSOLUTO. Si chiama funzione lineare (o funzione affine) una funzione del tipo = + FUNZIONI LINEARI. FUNZIONE VALORE ASSOLUTO Si chiama funzione lineare (o funzione affine) una funzione del tipo = + dove m e q sono numeri reali fissati. Il grafico di tale funzione è una retta, di cui

Dettagli

PROVA N 1. 1. Elencare gli elementi che conviene esaminare per tracciare il grafico di una funzione y=f(x) PROVA N 2. è monotona in R?

PROVA N 1. 1. Elencare gli elementi che conviene esaminare per tracciare il grafico di una funzione y=f(x) PROVA N 2. è monotona in R? PROVA N 1 1. Elencare gli elementi che conviene esaminare per tracciare il grafico di una funzione y=f(). Studiare la funzione f()= 8+ 7 9 (Sono esclusi i flessi) 3. Data la funzione f()= 1 6 3 - +5-6

Dettagli

La Funzione Caratteristica di una Variabile Aleatoria

La Funzione Caratteristica di una Variabile Aleatoria La Funzione Caratteristica di una Variabile Aleatoria La funzione caratteristica Φ densità di probabilità è f + Φ ω = ω di una v.a., la cui x, è definita come: jωx f x e dx E e j ω Φ ω = 1 La Funzione

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Analisi armonica e metodi grafici Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 053 974839 E-mail: marcello.bonfe@unife.it pag. Analisi

Dettagli

Esponenziali e logaritmi

Esponenziali e logaritmi Istituto d Istruzione Superiore A Tilgher Ercolano (Na) Prof Amendola Alfonso Premessa Esponenziali e logaritmi Questa breve trattazione non vuole costituire una guida completa ed esauriente sull argomento,

Dettagli

Stabilità di Lyapunov

Stabilità di Lyapunov Stabilità di Lyapunov Flaviano Battelli Dipartimento di Scienze Matematiche Università Politecnica delle Marche Ancona Introduzione. In queste note presentiamo i primi elementi della teoria della stabilità

Dettagli

Numeri reali. Funzioni e loro grafici

Numeri reali. Funzioni e loro grafici Argomento Numeri reali. Funzioni e loro grafici Parte B - Funzioni e loro grafici Funzioni reali di variabile reale Definizioni. Supponiamo che A sia un sottoinsieme di R e che esista una legge che ad

Dettagli

Registro di Analisi Matematica II c.l. IIn a.a. 2006/2007 M. Furi

Registro di Analisi Matematica II c.l. IIn a.a. 2006/2007 M. Furi Registro delle lezioni di Analisi Matematica II (6 CFU) Università di Firenze - Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica A.A. 2006/2007 - Prof. Massimo Furi Testo di riferimento:

Dettagli

Appunti sulle disequazioni

Appunti sulle disequazioni Premessa Istituto d Istruzione Superiore A. Tilgher Ercolano (Na) Appunti sulle disequazioni Questa breve trattazione non vuole costituire una guida completa ed esauriente sull argomento, ma vuole fornire

Dettagli

Note di matematica per microeconomia

Note di matematica per microeconomia Note di matematica per microeconomia Luigi Balletta Funzioni di una variabile (richiami) Una funzione di variabile reale ha come insieme di partenza un sottoinsieme di R e come insieme di arrivo un sottoinsieme

Dettagli

09 - Funzioni reali di due variabili reali

09 - Funzioni reali di due variabili reali Università degli Studi di Palermo Facoltà di Economia CdS Sviluppo Economico e Cooperazione Internazionale Appunti del corso di Matematica 09 - Funzioni reali di due variabili reali Anno Accademico 2013/2014

Dettagli

Controlli Automatici T. Trasformata di Laplace e Funzione di trasferimento. Parte 3 Aggiornamento: Settembre 2010. Prof. L.

Controlli Automatici T. Trasformata di Laplace e Funzione di trasferimento. Parte 3 Aggiornamento: Settembre 2010. Prof. L. Parte 3 Aggiornamento: Settembre 2010 Parte 3, 1 Trasformata di Laplace e Funzione di trasferimento Prof. Lorenzo Marconi DEIS-Università di Bologna Tel. 051 2093788 Email: lmarconi@deis.unibo.it URL:

Dettagli

SPERIMENTAZIONI TIPO "BROCCA" Indirizzo CLASSICO, LINGUISTICO, SOCIO-PEDAGOGICO, Tipologia A - Trattazione sintetica di argomenti

SPERIMENTAZIONI TIPO BROCCA Indirizzo CLASSICO, LINGUISTICO, SOCIO-PEDAGOGICO, Tipologia A - Trattazione sintetica di argomenti SPERIMENTAZIONI TIPO "BROCCA" Indirizzo CLASSICO, LINGUISTICO, SOCIO-PEDAGOGICO, Tipologia A - Trattazione sintetica di argomenti. Scrivere in modo corretto la seguente definizione. Spiegare perché così

Dettagli