Soluzioni classiche dell'equazione di Laplace e di Poisson

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Soluzioni classiche dell'equazione di Laplace e di Poisson"

Transcript

1 Soluzioni classiche dell'equazione di Laplace e di Poisson Antonio Paradies Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Università degli studi di Napoli Federico II Napoli, 25 Febbraio 2009 Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 1/24

2 1 Equazioni di Laplace e di Poisson Problemi con condizioni al contorno Invarianza per rotazioni del Laplaciano Soluzione fondamentale dell'equazione di Poisson 2 Proprietà del valor medio Principio del massimo Analiticità Teoremi di Liouville e Harnack 3 Funzione di Green Soluzione del problema di Dirichlet Soluzione del problema di Laplace-Dirichlet nel semipiano Soluzione del problema di Laplace-Dirichlet nella palla 4 Unicità e principio di Dirichlet Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 2/24

3 Problemi con condizioni al contorno Invarianza per rotazioni del Laplaciano Soluzione fondamentale dell'equazione di Poisson 1 Equazioni di Laplace e di Poisson Problemi con condizioni al contorno Invarianza per rotazioni del Laplaciano Soluzione fondamentale dell'equazione di Poisson 2 Proprietà del valor medio Principio del massimo Analiticità Teoremi di Liouville e Harnack 3 Funzione di Green Soluzione del problema di Dirichlet Soluzione del problema di Laplace-Dirichlet nel semipiano Soluzione del problema di Laplace-Dirichlet nella palla 4 Unicità e principio di Dirichlet Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 3/24

4 Equazione di Laplace e di Poisson Sia U un insieme aperto di R n. Problema di Poisson-Dirichlet { u = f x U u = g x U Problemi con condizioni al contorno Invarianza per rotazioni del Laplaciano Soluzione fondamentale dell'equazione di Poisson Problema di Poisson-Neumann { u = f x U u ν = g x U Se la funzione f è nulla si ottiene l'equazione di Laplace. Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 4/24

5 Equazione di Laplace e di Poisson Sia U un insieme aperto di R n. Problema di Poisson-Dirichlet { u = f x U u = g x U Problemi con condizioni al contorno Invarianza per rotazioni del Laplaciano Soluzione fondamentale dell'equazione di Poisson Problema di Poisson-Neumann { u = f x U u ν = g x U Se la funzione f è nulla si ottiene l'equazione di Laplace. Problemi della sica retti da queste equazioni div(e) = ϱ ɛ 0, grad(φ) = E Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 4/24

6 Equazione di Laplace e di Poisson Sia U un insieme aperto di R n. Problema di Poisson-Dirichlet { u = f x U u = g x U Problemi con condizioni al contorno Invarianza per rotazioni del Laplaciano Soluzione fondamentale dell'equazione di Poisson Problema di Poisson-Neumann { u = f x U u ν = g x U Se la funzione f è nulla si ottiene l'equazione di Laplace. Problemi della sica retti da queste equazioni div(e) = ϱ ɛ 0, grad(φ) = E φ = ϱ ɛ 0 Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 4/24

7 Problemi con condizioni al contorno Invarianza per rotazioni del Laplaciano Soluzione fondamentale dell'equazione di Poisson L'operatore Laplaciano è invariante per rotazioni. Ciò suggerisce l'esistenza di soluzioni del tipo φ(r) con r = x Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 5/24

8 Problemi con condizioni al contorno Invarianza per rotazioni del Laplaciano Soluzione fondamentale dell'equazione di Poisson L'operatore Laplaciano è invariante per rotazioni. Ciò suggerisce l'esistenza di soluzioni del tipo φ(r) con r = x In tutto R n tale soluzione non esiste. In R n \ {0} φ(x) = { 1 2π ln x per n = 2 1 n(n 2)ω n x n 2 per n 3 φ è detta soluzione fondamentale dell'equazione di Laplace: è il potenziale della carica puntiforme. Vale quindi φ = δ 0 che signica Dφ Dϕ dx = ϕ(0) R n per ogni ϕ C 1 c (R n ). Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 5/24

9 Problemi con condizioni al contorno Invarianza per rotazioni del Laplaciano Soluzione fondamentale dell'equazione di Poisson Soluzione in R n dell'equazione di Poisson u = f con f Cc 2 (φ f )(x) = φ(x y)f (y) dy R n Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 6/24

10 Problemi con condizioni al contorno Invarianza per rotazioni del Laplaciano Soluzione fondamentale dell'equazione di Poisson Soluzione in R n dell'equazione di Poisson u = f con f Cc 2 (φ f )(x) = φ(x y)f (y) dy R n (φ f )(x) è detta soluzione fondamentale dell'equazione di Poisson. È l'unica soluzione a meno di funzioni armoniche. Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 6/24

11 Problemi con condizioni al contorno Invarianza per rotazioni del Laplaciano Soluzione fondamentale dell'equazione di Poisson Soluzione in R n dell'equazione di Poisson u = f con f Cc 2 (φ f )(x) = φ(x y)f (y) dy R n (φ f )(x) è detta soluzione fondamentale dell'equazione di Poisson. È l'unica soluzione a meno di funzioni armoniche. Se n 3 per il teorema di Liuoville (φ f )(x) è, a meno di costanti, l'unica soluzione limitata in R n. Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 6/24

12 Dimostrazione (1/3) Problemi con condizioni al contorno Invarianza per rotazioni del Laplaciano Soluzione fondamentale dell'equazione di Poisson Poniamo u(x) = (φ f )(x) = (f φ)(x). Si ha u(x) = φ(z) x f (x z) dz = R n φ(z) z f (x z) dz = R n φ(z) f (x z) dz + φ(z) f (x z) dz = lim ε 0 R n \B(ε) B(ε) Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 7/24

13 Dimostrazione (1/3) Problemi con condizioni al contorno Invarianza per rotazioni del Laplaciano Soluzione fondamentale dell'equazione di Poisson Poniamo u(x) = (φ f )(x) = (f φ)(x). Si ha u(x) = φ(z) x f (x z) dz = R n φ(z) z f (x z) dz = R n φ(z) f (x z) dz + φ(z) f (x z) dz = lim ε 0 R n \B(ε) B(ε) Per ε 0 φ(z) f (x z) dz 0 B(ε) Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 7/24

14 Dimostrazione (2/3) Problemi con condizioni al contorno Invarianza per rotazioni del Laplaciano Soluzione fondamentale dell'equazione di Poisson Integrando per parti si ottiene [ ] = lim Dφ(z)Df (x z) dz + φ(z) f (x z) ds(z) = ε 0 R n \B(ε) B(ε) ν Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 8/24

15 Dimostrazione (2/3) Problemi con condizioni al contorno Invarianza per rotazioni del Laplaciano Soluzione fondamentale dell'equazione di Poisson Integrando per parti si ottiene [ ] = lim Dφ(z)Df (x z) dz + φ(z) f (x z) ds(z) = ε 0 R n \B(ε) B(ε) ν Per ε 0 φ(z) B(ε) φ(z) f (x z) ds(z) 0 ν { ln(ε) per n = 2 1 ε n 2 per n ds(z) ε n 1 3 Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 8/24

16 Dimostrazione (3/3) Problemi con condizioni al contorno Invarianza per rotazioni del Laplaciano Soluzione fondamentale dell'equazione di Poisson Integrando ancora una volta per parti [ ] φ = lim φ(z)f (x z) dz lim (z)f (x z) ds(z) ε 0 R n \B(ε) ε 0 B(ε) ν Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 9/24

17 Dimostrazione (3/3) Problemi con condizioni al contorno Invarianza per rotazioni del Laplaciano Soluzione fondamentale dell'equazione di Poisson Integrando ancora una volta per parti [ ] φ = lim φ(z)f (x z) dz lim (z)f (x z) ds(z) ε 0 R n \B(ε) ε 0 B(ε) ν Il primo termine vale zero dal momento che φ 0. Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 9/24

18 Dimostrazione (3/3) Problemi con condizioni al contorno Invarianza per rotazioni del Laplaciano Soluzione fondamentale dell'equazione di Poisson Integrando ancora una volta per parti [ ] φ = lim φ(z)f (x z) dz lim (z)f (x z) ds(z) ε 0 R n \B(ε) ε 0 B(ε) ν Il primo termine vale zero dal momento che φ 0. Per ε 0 Il secondo termine è pari a f (x) in quanto ds(z) ε n 1, φ ν (z) εn 1 Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 9/24

19 Dimostrazione (3/3) Problemi con condizioni al contorno Invarianza per rotazioni del Laplaciano Soluzione fondamentale dell'equazione di Poisson Integrando ancora una volta per parti [ ] φ = lim φ(z)f (x z) dz lim (z)f (x z) ds(z) ε 0 R n \B(ε) ε 0 B(ε) ν Il primo termine vale zero dal momento che φ 0. Per ε 0 Il secondo termine è pari a f (x) in quanto ds(z) ε n 1, Inne si ottiene u(x) = f (x) in R n φ ν (z) εn 1 Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 9/24

20 Proprietà del valor medio Principio del massimo Analiticità Teoremi di Liouville e Harnack 1 Equazioni di Laplace e di Poisson Problemi con condizioni al contorno Invarianza per rotazioni del Laplaciano Soluzione fondamentale dell'equazione di Poisson 2 Proprietà del valor medio Principio del massimo Analiticità Teoremi di Liouville e Harnack 3 Funzione di Green Soluzione del problema di Dirichlet Soluzione del problema di Laplace-Dirichlet nel semipiano Soluzione del problema di Laplace-Dirichlet nella palla 4 Unicità e principio di Dirichlet Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 10/24

21 Proprietà del valor medio Principio del massimo Analiticità Teoremi di Liouville e Harnack Teorema (Formule del valore medio) Dato un aperto U, la funzione u C 2 (U) è armonica in U se e solo se u(x) = u ds = u dy B(x,r) B(x,r) per qualunque palla B(x, r) U Il simbolo u indica il rapporto tra l'integrale di u su un insieme e la misura dell'insieme stesso, ovvero la media di u. Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 11/24

22 Proprietà del valor medio Principio del massimo Analiticità Teoremi di Liouville e Harnack Armonicità Media Fissato un x U ed un r R, r > 0 deniamo la funzione γ(r) := u(y) ds(y). B(x,r) Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 12/24

23 Proprietà del valor medio Principio del massimo Analiticità Teoremi di Liouville e Harnack Armonicità Media Fissato un x U ed un r R, r > 0 deniamo la funzione γ(r) := B(x,r) u(y) ds(y). Con il cambiamento di variabili y = x + rz si ha γ(r) = B(0,1) u(x + rz) ds(z) Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 12/24

24 Proprietà del valor medio Principio del massimo Analiticità Teoremi di Liouville e Harnack Armonicità Media Fissato un x U ed un r R, r > 0 deniamo la funzione γ(r) := B(x,r) u(y) ds(y). Con il cambiamento di variabili y = x + rz si ha γ(r) = B(0,1) u(x + rz) ds(z) La derivata di γ(r) rispetto a r è γ (r) = Du(x + rz) z ds(z) = Du(x + rz) y x ds(y) = B(0,1) B(x,r) r = r n u dy = 0 B(x,r) Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 12/24

25 Proprietà del valor medio Principio del massimo Analiticità Teoremi di Liouville e Harnack Armonicità Media Fissato un x U ed un r R, r > 0 deniamo la funzione γ(r) := B(x,r) u(y) ds(y). Con il cambiamento di variabili y = x + rz si ha γ(r) = B(0,1) u(x + rz) ds(z) La derivata di γ(r) rispetto a r è γ (r) = Du(x + rz) z ds(z) = Du(x + rz) y x ds(y) = B(0,1) B(x,r) r = r n u dy = 0 γ(r) è costante e quindi: γ(r) = lim B(x,r) r 0 B(x,r) u(y) ds(y) = u(x) Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 12/24

26 Proprietà del valor medio Principio del massimo Analiticità Teoremi di Liouville e Harnack Armonicità Media e Media Armonicità Fissato un x U ed un r R, r > 0 deniamo la funzione γ(r) := B(x,r) u(y) ds(y). Con il cambiamento di variabili y = x + rz si ha γ(r) = B(0,1) u(x + rz) ds(z) La derivata di γ(r) rispetto a r è γ (r) = Du(x + rz) z ds(z) = Du(x + rz) y x ds(y) = B(0,1) B(x,r) r = r n u dy = 0 γ(r) è costante e quindi: γ(r) = lim B(x,r) r 0 B(x,r) u(y) ds(y) = u(x) Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 12/24

27 Proprietà del valor medio Principio del massimo Analiticità Teoremi di Liouville e Harnack Conseguenze del teorema della media Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 13/24

28 Proprietà del valor medio Principio del massimo Analiticità Teoremi di Liouville e Harnack Conseguenze del teorema della media Teorema (Principio del massimo forte) Data una funzione u C 2 (U) C(Ū) armonica in U con U aperto connesso, se u assume il valore maxū(u) in un punto di U, allora u è costante in tutto Ū. Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 13/24

29 Proprietà del valor medio Principio del massimo Analiticità Teoremi di Liouville e Harnack Conseguenze del teorema della media Teorema (Principio del massimo forte) Data una funzione u C 2 (U) C(Ū) armonica in U con U aperto connesso, se u assume il valore maxū(u) in un punto di U, allora u è costante in tutto Ū. Teorema (Principio del massimo) Data una funzione u C 2 (U) C(Ū) armonica in U vale che max Ū cioè il massimo di u cade sulla frontiera di U. u = max u (1) U Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 13/24

30 Proprietà del valor medio Principio del massimo Analiticità Teoremi di Liouville e Harnack Conseguenze del teorema della media Teorema (Principio del massimo forte) Data una funzione u C 2 (U) C(Ū) armonica in U con U aperto connesso, se u assume il valore maxū(u) in un punto di U, allora u è costante in tutto Ū. Teorema (Principio del massimo) Data una funzione u C 2 (U) C(Ū) armonica in U vale che max Ū cioè il massimo di u cade sulla frontiera di U. u = max u (1) U Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 13/24

31 Proprietà del valor medio Principio del massimo Analiticità Teoremi di Liouville e Harnack Teorema (Regolarità) Se u C(U), con U aperto, verica la proprietà del valor medio in ogni palla B(x, r) U, allora u C (U). Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 14/24

32 Proprietà del valor medio Principio del massimo Analiticità Teoremi di Liouville e Harnack Teorema (Regolarità) Se u C(U), con U aperto, verica la proprietà del valor medio in ogni palla B(x, r) U, allora u C (U). In particolare ogni funzione armonica in U è C (U). Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 14/24

33 Proprietà del valor medio Principio del massimo Analiticità Teoremi di Liouville e Harnack Teorema (Regolarità) Se u C(U), con U aperto, verica la proprietà del valor medio in ogni palla B(x, r) U, allora u C (U). In particolare ogni funzione armonica in U è C (U). Teorema (Stima delle derivate) Sia data una funzione u armonica in U, sottoinsieme aperto di R n. Per ogni palla B(x 0, r) U e per ogni multiindice α di ordine α = k vale dove D α u(x 0 ) C k r n+k u L 1 (B(x 0,r)) (2) C 0 = 1 ω n e C k = (2n+1 nk) k e ω n è la misura della palla di raggio unitario in R n ω n (k = 1, 2,...) (3) Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 14/24

34 Proprietà del valor medio Principio del massimo Analiticità Teoremi di Liouville e Harnack Teorema (Analiticità) Se la funzione u è armonica nell'aperto U, allora è analitica in U. Fissato un punto x 0 U, u può essere rappresentata come una serie di potenze convergente in qualche intorno di x 0. α D α u(x 0 ) (x x 0 ) α (4) α! dove la somma è estesa a tutti i multi-indici di ordine n. Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 15/24

35 Proprietà del valor medio Principio del massimo Analiticità Teoremi di Liouville e Harnack Teorema (Analiticità) Se la funzione u è armonica nell'aperto U, allora è analitica in U. Fissato un punto x 0 U, u può essere rappresentata come una serie di potenze convergente in qualche intorno di x 0. α D α u(x 0 ) (x x 0 ) α (4) α! dove la somma è estesa a tutti i multi-indici di ordine n. Nella dimostrazione si utilizzano le stime delle derivate del teorema precedente. Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 15/24

36 Proprietà del valor medio Principio del massimo Analiticità Teoremi di Liouville e Harnack Teorema (Liouville) Sia data una funzione u armonica su R n e limitata. Allora u è costante su R n. Teorema (diseguaglianza di Harnack) Detta u una funzione armonica in U e non negativa e detto V un compatto tale che V U, esiste una costante positiva C, dipendente solo da V e da U, per cui vale sup u C inf u (5) V V Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 16/24

37 Funzione di Green Soluzione del problema di Dirichlet Soluzione del problema di Laplace-Dirichlet nel semipiano Soluzione del problema di Laplace-Dirichlet nella palla 1 Equazioni di Laplace e di Poisson Problemi con condizioni al contorno Invarianza per rotazioni del Laplaciano Soluzione fondamentale dell'equazione di Poisson 2 Proprietà del valor medio Principio del massimo Analiticità Teoremi di Liouville e Harnack 3 Funzione di Green Soluzione del problema di Dirichlet Soluzione del problema di Laplace-Dirichlet nel semipiano Soluzione del problema di Laplace-Dirichlet nella palla 4 Unicità e principio di Dirichlet Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 17/24

38 Funzione di Green Soluzione del problema di Dirichlet Soluzione del problema di Laplace-Dirichlet nel semipiano Soluzione del problema di Laplace-Dirichlet nella palla Per ogni funzione u C 2( U ) e per ogni x U con U aperto limitato vale la seguente identità Identità di Green u(x) = U Φ(y x) u ν (y) u(y) Φ(y x) ds(y)+ ν Φ(y x) u dy U dove φ è la soluzione fondamentale dell'equazione di Laplace. Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 18/24

39 Funzione di Green Soluzione del problema di Dirichlet Soluzione del problema di Laplace-Dirichlet nel semipiano Soluzione del problema di Laplace-Dirichlet nella palla Per ogni funzione u C 2( U ) e per ogni x U con U aperto limitato vale la seguente identità Identità di Green u(x) = U Φ(y x) u ν (y) u(y) Φ(y x) ds(y)+ ν Φ(y x) u dy U dove φ è la soluzione fondamentale dell'equazione di Laplace. L'identità di Green lega il valore in x di u, ai valori che u e Du assumono sulla frontiera di U ed al valore u su tutto U. Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 18/24

40 Funzione di Green Soluzione del problema di Dirichlet Soluzione del problema di Laplace-Dirichlet nel semipiano Soluzione del problema di Laplace-Dirichlet nella palla Introduciamo la funzione ϕ x (y) C 2 (U) tale che { ϕ x (y) = 0 in U ϕ x (y) = Φ(y x) su U con x U. ϕ x (y) è detta funzione correttrice. Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 19/24

41 Funzione di Green Soluzione del problema di Dirichlet Soluzione del problema di Laplace-Dirichlet nel semipiano Soluzione del problema di Laplace-Dirichlet nella palla Introduciamo la funzione ϕ x (y) C 2 (U) tale che { ϕ x (y) = 0 in U ϕ x (y) = Φ(y x) su U con x U. ϕ x (y) è detta funzione correttrice. Denizione (Funzione di Green per il problema di Dirichlet) La funzione di Green per l'insieme U è data da G(x, y) := Φ(y x) ϕ x (y) (x U, y U y x) (6) Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 19/24

42 Funzione di Green Soluzione del problema di Dirichlet Soluzione del problema di Laplace-Dirichlet nel semipiano Soluzione del problema di Laplace-Dirichlet nella palla Introduciamo la funzione ϕ x (y) C 2 (U) tale che { ϕ x (y) = 0 in U ϕ x (y) = Φ(y x) su U con x U. ϕ x (y) è detta funzione correttrice. Denizione (Funzione di Green per il problema di Dirichlet) La funzione di Green per l'insieme U è data da G(x, y) := Φ(y x) ϕ x (y) (x U, y U y x) (6) La funzione di y G(x, y) è armonica in U tranne che per y = x. Inoltre per ogni y U risulta G(x, y) = Φ(y x) ϕ x (y) = Φ(y x) Φ(y x) = 0 Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 19/24

43 Funzione di Green Soluzione del problema di Dirichlet Soluzione del problema di Laplace-Dirichlet nel semipiano Soluzione del problema di Laplace-Dirichlet nella palla Si ottiene Formula di rappresentazione di Green u(x) = u(y) y G (x, y) ds(y) ν U U G(x, y) u dy Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 20/24

44 Funzione di Green Soluzione del problema di Dirichlet Soluzione del problema di Laplace-Dirichlet nel semipiano Soluzione del problema di Laplace-Dirichlet nella palla Si ottiene Formula di rappresentazione di Green u(x) = u(y) y G (x, y) ds(y) ν U U G(x, y) u dy Si potrebbe denire in maniera analoga una funzione di Green per il problema di Neumann Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 20/24

45 Funzione di Green Soluzione del problema di Dirichlet Soluzione del problema di Laplace-Dirichlet nel semipiano Soluzione del problema di Laplace-Dirichlet nella palla Si ottiene Formula di rappresentazione di Green u(x) = u(y) y G (x, y) ds(y) ν U U G(x, y) u dy Si potrebbe denire in maniera analoga una funzione di Green per il problema di Neumann La funzione di Green è simmetrica, cioè G(x, y) = G(y, x) per ogni x y. Inoltre, per il principio del massimo, G(x, y) > 0 per ogni y U, y x. Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 20/24

46 Funzione di Green Soluzione del problema di Dirichlet Soluzione del problema di Laplace-Dirichlet nel semipiano Soluzione del problema di Laplace-Dirichlet nella palla Consideriamo il problema alle condizioni al contorno { u = 0 in R n + u = g su R n + Dato x = (x 1,..., x n 1, x n ) R n +, si denisce la sua riessione rispetto al piano R n + il punto x = (x 1,..., x n 1, x n ). Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 21/24

47 Funzione di Green Soluzione del problema di Dirichlet Soluzione del problema di Laplace-Dirichlet nel semipiano Soluzione del problema di Laplace-Dirichlet nella palla Consideriamo il problema alle condizioni al contorno { u = 0 in R n + u = g su R n + Dato x = (x 1,..., x n 1, x n ) R n +, si denisce la sua riessione rispetto al piano R n + il punto x = (x 1,..., x n 1, x n ). Si ha G(x, y) = Φ(y x) Φ(y x) Formula di Poisson per il semispazio Sia g una funzione C(R n 1 ) L (R n 1 ) e u(x) = 2x n nω n R n + g(y) ds(y) (7) y x n per ogni x R n +. Allora u(x) è soluzione del problema di Laplace per il semispazio Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 21/24

48 Funzione di Green Soluzione del problema di Dirichlet Soluzione del problema di Laplace-Dirichlet nel semipiano Soluzione del problema di Laplace-Dirichlet nella palla Se x ( R n \ {0} ), il punto x = rispetto alla sfera B(1). x x 2 è detto punto duale di x La mappa x x è chiamata inversione attraverso la sfera unitaria B(1). Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 22/24

49 Funzione di Green Soluzione del problema di Dirichlet Soluzione del problema di Laplace-Dirichlet nel semipiano Soluzione del problema di Laplace-Dirichlet nella palla Se x ( R n \ {0} ), il punto x = rispetto alla sfera B(1). x x 2 è detto punto duale di x La mappa x x è chiamata inversione attraverso la sfera unitaria B(1). La funzione di Green per la palla B(1) è G(x, y) = Φ(y x) Φ( x (y x)). Inne si ottiene Formula risolutiva per la palla B(1) u(x) = 1 x 2 g(y) nω n B(1) y x ds(y) n Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 22/24

50 Funzione di Green Soluzione del problema di Dirichlet Soluzione del problema di Laplace-Dirichlet nel semipiano Soluzione del problema di Laplace-Dirichlet nella palla Se x ( R n \ {0} ), il punto x = rispetto alla sfera B(1). x x 2 è detto punto duale di x La mappa x x è chiamata inversione attraverso la sfera unitaria B(1). La funzione di Green per la palla B(1) è G(x, y) = Φ(y x) Φ( x (y x)). Inne si ottiene Formula risolutiva per la palla B(1) u(x) = 1 x 2 g(y) nω n B(1) y x ds(y) n Formula risolutiva per la palla B(r) u(x) = r 2 x 2 g(y) nω n r B(r) y x ds(y) n Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 22/24

51 Unicità e principio di Dirichlet 1 Equazioni di Laplace e di Poisson Problemi con condizioni al contorno Invarianza per rotazioni del Laplaciano Soluzione fondamentale dell'equazione di Poisson 2 Proprietà del valor medio Principio del massimo Analiticità Teoremi di Liouville e Harnack 3 Funzione di Green Soluzione del problema di Dirichlet Soluzione del problema di Laplace-Dirichlet nel semipiano Soluzione del problema di Laplace-Dirichlet nella palla 4 Unicità e principio di Dirichlet Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 23/24

52 Unicità e principio di Dirichlet Data una funzione w armonica in U aperto e connesso, tale che su U valga o u = 0 o w ν = 0, si ha 0 = U w w dx = U Dw Dw dx + wdw ν ds = U U Dw Dw dx = U Dw 2 dx La formula appena vista permette di dedurre l'unicità della soluzione per i problemi di Poisson-Neumann e Poisson-Dirichlet in aperti limitati a frontiera C 1. Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 24/24

53 Unicità e principio di Dirichlet Data una funzione w armonica in U aperto e connesso, tale che su U valga o u = 0 o w ν = 0, si ha 0 = U w w dx = U Dw Dw dx + wdw ν ds = U U Dw Dw dx = U Dw 2 dx La formula appena vista permette di dedurre l'unicità della soluzione per i problemi di Poisson-Neumann e Poisson-Dirichlet in aperti limitati a frontiera C 1. Deniamo il funzionale E come E[w] := 1 U 2 Dw 2 wf dx dove w A insieme delle funzioni ammissibili. Teorema (Principio di Dirichlet) u C 2 (U) è soluzione del problema di Poisson-Dirichlet in U se e solo se E[u] = min w A E[w] Antonio Paradies Classic solutions of Laplace and Poisson PDE 24/24

4 Quarta lezione: Spazi di Banach e funzionali lineari. Spazio duale

4 Quarta lezione: Spazi di Banach e funzionali lineari. Spazio duale 4 Quarta lezione: Spazi di Banach e funzionali lineari. Spazio duale Spazi Metrici Ricordiamo che uno spazio metrico è una coppia (X, d) dove X è un insieme e d : X X [0, + [ è una funzione, detta metrica,

Dettagli

Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme

Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme 1. L insieme R. Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme R = R {, + }, detto anche retta reale estesa, che si ottiene aggiungendo all insieme dei numeri reali R

Dettagli

Verica di Matematica su dominio e segno di una funzione [COMPITO 1]

Verica di Matematica su dominio e segno di una funzione [COMPITO 1] Verica di Matematica su dominio e segno di una funzione [COMPITO 1] Esercizio 1. Determinare il dominio delle seguenti funzioni: 1. y = 16 x ;. y = e 1 x +4 + x + x + 1; 3. y = 10 x x 3 4x +3x; 4. y =

Dettagli

10. Insiemi non misurabili secondo Lebesgue.

10. Insiemi non misurabili secondo Lebesgue. 10. Insiemi non misurabili secondo Lebesgue. Lo scopo principale di questo capitolo è quello di far vedere che esistono sottoinsiemi di R h che non sono misurabili secondo Lebesgue. La costruzione di insiemi

Dettagli

Note integrative ed Esercizi consigliati

Note integrative ed Esercizi consigliati - a.a. 2006-07 Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Civile (CIS) Note integrative ed consigliati Laura Poggiolini e Gianna Stefani Indice 0 1 Convergenza uniforme 1 2 Convergenza totale 5 1 Numeri

Dettagli

x (x i ) (x 1, x 2, x 3 ) dx 1 + f x 2 dx 2 + f x 3 dx i x i

x (x i ) (x 1, x 2, x 3 ) dx 1 + f x 2 dx 2 + f x 3 dx i x i NA. Operatore nabla Consideriamo una funzione scalare: f : A R, A R 3 differenziabile, di classe C (2) almeno. Il valore di questa funzione dipende dalle tre variabili: Il suo differenziale si scrive allora:

Dettagli

Integrali di superficie: esercizi svolti

Integrali di superficie: esercizi svolti Integrali di superficie: esercizi svolti Gli esercizi contrassegnati con il simbolo * presentano un grado di difficoltà maggiore. Esercizio. Calcolare i seguenti integrali superficiali sulle superfici

Dettagli

Fondamenti di FISICA MATEMATICA II: Introduzione alla Teoria delle Equazioni alle Derivate Parziali del Secondo Ordine

Fondamenti di FISICA MATEMATICA II: Introduzione alla Teoria delle Equazioni alle Derivate Parziali del Secondo Ordine Valter Moretti Dipartimento di Matematica Università di Trento Fondamenti di FISICA MATEMATICA II: Introduzione alla Teoria delle Equazioni alle Derivate Parziali del Secondo Ordine Corso di Fondamenti

Dettagli

IV-1 Funzioni reali di più variabili

IV-1 Funzioni reali di più variabili IV- FUNZIONI REALI DI PIÙ VARIABILI INSIEMI IN R N IV- Funzioni reali di più variabili Indice Insiemi in R n. Simmetrie degli insiemi............................................ 4 2 Funzioni da R n a R

Dettagli

Funzioni in più variabili

Funzioni in più variabili Funzioni in più variabili Corso di Analisi 1 di Andrea Centomo 27 gennaio 2011 Indichiamo con R n, n 1, l insieme delle n-uple ordinate di numeri reali R n4{(x 1, x 2,,x n ), x i R, i =1,,n}. Dato X R

Dettagli

Problema n. 1: CURVA NORD

Problema n. 1: CURVA NORD Problema n. 1: CURVA NORD Sei il responsabile della gestione del settore Curva Nord dell impianto sportivo della tua città e devi organizzare tutti i servizi relativi all ingresso e all uscita degli spettatori,

Dettagli

Funzione reale di variabile reale

Funzione reale di variabile reale Funzione reale di variabile reale Siano A e B due sottoinsiemi non vuoti di. Si chiama funzione reale di variabile reale, di A in B, una qualsiasi legge che faccia corrispondere, a ogni elemento A x A

Dettagli

Esistenza di funzioni continue non differenziabili in alcun punto

Esistenza di funzioni continue non differenziabili in alcun punto UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA Esistenza di funzioni continue non differenziabili in alcun punto Relatore Prof. Andrea

Dettagli

1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione.

1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione. 1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione. 1.1. Intorni circolari. Assumiamo come distanza di due numeri reali x e y il numero non negativo x y (che, come sappiamo, esprime la distanza tra i punti

Dettagli

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo Energia e Lavoro Finora abbiamo descritto il moto dei corpi (puntiformi) usando le leggi di Newton, tramite le forze; abbiamo scritto l equazione del moto, determinato spostamento e velocità in funzione

Dettagli

Equazioni differenziali alle derivate parziali: un introduzione.

Equazioni differenziali alle derivate parziali: un introduzione. Capitolo 2 Equazioni differenziali alle derivate parziali: un introduzione. 2.1 Considerazioni preliminari Data una funzione f:ω R N R, con N un numero naturale sufficientemente grande, diremo equazione

Dettagli

FUNZIONI LINEARI. FUNZIONE VALORE ASSOLUTO. Si chiama funzione lineare (o funzione affine) una funzione del tipo = +

FUNZIONI LINEARI. FUNZIONE VALORE ASSOLUTO. Si chiama funzione lineare (o funzione affine) una funzione del tipo = + FUNZIONI LINEARI. FUNZIONE VALORE ASSOLUTO Si chiama funzione lineare (o funzione affine) una funzione del tipo = + dove m e q sono numeri reali fissati. Il grafico di tale funzione è una retta, di cui

Dettagli

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito.

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito. INTEGRALI DEFINITI Sia nel campo scientifico che in quello tecnico si presentano spesso situazioni per affrontare le quali è necessario ricorrere al calcolo dell integrale definito. Vi sono infatti svariati

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1.

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1. Capitolo 6 Integrali curvilinei In questo capitolo definiamo i concetti di integrali di campi scalari o vettoriali lungo curve. Abbiamo bisogno di precisare le curve e gli insiemi che verranno presi in

Dettagli

Analisi Mat. 1 - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 23-3-06

Analisi Mat. 1 - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 23-3-06 Analisi Mat. - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 3-3-6 Sia p il polinomio di quarto grado definito da pz = z 4. Sia S il settore circolare formato dai numeri complessi che hanno modulo minore o

Dettagli

Limiti e continuità di funzioni reali di una variabile

Limiti e continuità di funzioni reali di una variabile di funzioni reali di una variabile Corso di Analisi Matematica - capitolo VI Facoltà di Economia, UER Maria Caterina Bramati Université Libre de Bruxelles ECARES 22 Novembre 2006 Intuizione di ite di funzione

Dettagli

TEORIA DELL UTILITÀ E DECISION PROCESS

TEORIA DELL UTILITÀ E DECISION PROCESS TEORIA DELL UTILITÀ E DECISION PROCESS 1 UTILITÀ Classicamente sinonimo di Desiderabilità Fisher (1930):... uno degli elementi che contribuiscono ad identificare la natura economica di un bene e sorge

Dettagli

LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO

LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO APPUNTI PER IL CORSO DI ANALISI MATEMATICA I G. MAUCERI Indice 1. Introduzione 1 2. La funzione esponenziale 2 3. Il numero e di Nepero 9 4. L irrazionalità di e

Dettagli

Appunti sulle disequazioni

Appunti sulle disequazioni Premessa Istituto d Istruzione Superiore A. Tilgher Ercolano (Na) Appunti sulle disequazioni Questa breve trattazione non vuole costituire una guida completa ed esauriente sull argomento, ma vuole fornire

Dettagli

Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli. 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti.

Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli. 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti. Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti. Def. Si dice equazione differenziale lineare del secondo ordine

Dettagli

Numeri reali. Funzioni e loro grafici

Numeri reali. Funzioni e loro grafici Argomento Numeri reali. Funzioni e loro grafici Parte B - Funzioni e loro grafici Funzioni reali di variabile reale Definizioni. Supponiamo che A sia un sottoinsieme di R e che esista una legge che ad

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Sequenza dei passi Classificazione In pratica Classifica il tipo di funzione: Funzione razionale: intera / fratta Funzione irrazionale: intera

Dettagli

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI LUCIA GASTALDI 1. Metodi iterativi classici Sia A R n n una matrice non singolare e sia b R n. Consideriamo il sistema (1) Ax = b. Un metodo iterativo per la soluzione

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014 Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 14 Problema 1 Punto a) Osserviamo che g (x) = f(x) e pertanto g () = f() = in quanto Γ è tangente all asse delle ascisse,

Dettagli

SISTEMI LINEARI QUADRATI: METODI ITERATIVI

SISTEMI LINEARI QUADRATI: METODI ITERATIVI SISTEMI LINEARI QUADRATI: METODI ITERATIVI CALCOLO NUMERICO e PROGRAMMAZIONE SISTEMI LINEARI QUADRATI:METODI ITERATIVI p./54 RICHIAMI di ALGEBRA LINEARE DEFINIZIONI A R n n simmetrica se A = A T ; A C

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

A i è un aperto in E. i=1

A i è un aperto in E. i=1 Proposizione 1. A è aperto se e solo se A c è chiuso. Dimostrazione. = : se x o A c, allora x o A = A o e quindi esiste r > 0 tale che B(x o, r) A; allora x o non può essere di accumulazione per A c. Dunque

Dettagli

EQUAZIONI non LINEARI

EQUAZIONI non LINEARI EQUAZIONI non LINEARI Francesca Pelosi Dipartimento di Matematica, Università di Roma Tor Vergata CALCOLO NUMERICO e PROGRAMMAZIONE http://www.mat.uniroma2.it/ pelosi/ EQUAZIONI non LINEARI p.1/44 EQUAZIONI

Dettagli

1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc.

1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc. Classi Numeriche 1 1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc. In questo breve capitolo richiamiamo le definizioni delle classi numeriche fondamentali, già note al lettore,

Dettagli

Il luogo delle radici (ver. 1.0)

Il luogo delle radici (ver. 1.0) Il luogo delle radici (ver. 1.0) 1 Sia dato il sistema in retroazione riportato in Fig. 1.1. Il luogo delle radici è uno strumento mediante il quale è possibile valutare la posizione dei poli della funzione

Dettagli

2/4 OPERATORI NEGLI SPAZI DI HILBERT INFINITODIMENSIONALI 08/09 1 INTRODUZIONE

2/4 OPERATORI NEGLI SPAZI DI HILBERT INFINITODIMENSIONALI 08/09 1 INTRODUZIONE 2/4 OPERATORI NEGLI SPAZI DI HILBERT INFINITODIMENSIONALI 08/09 INTRODUZIONE Il problema agli autovalori di un operatore La trattazione del problema agli autovalori di un operatore fatta negli spazi finitodimensionali

Dettagli

0. Funzioni di variabile complessa

0. Funzioni di variabile complessa . Funzioni di variabile complessa In questo capitolo esporremo le linee essenziali della teoria delle funzioni di variabile complessa. Questa teoria è una tra le più compiutamente sviluppate da un puntodivista

Dettagli

FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMICA

FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMICA FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMICA DEFINIZIONE: Dato un numero reale a che sia a > 0 e a si definisce funzione esponenziale f(x) = a x la relazione che ad ogni valore di x associa uno e un solo

Dettagli

Le trasformazioni geometriche

Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni affini del piano o affinità Le similitudini Le isometrie Le traslazioni Le rotazioni Le simmetrie assiale e centrale Le omotetie

Dettagli

La Funzione Caratteristica di una Variabile Aleatoria

La Funzione Caratteristica di una Variabile Aleatoria La Funzione Caratteristica di una Variabile Aleatoria La funzione caratteristica Φ densità di probabilità è f + Φ ω = ω di una v.a., la cui x, è definita come: jωx f x e dx E e j ω Φ ω = 1 La Funzione

Dettagli

Equazioni differenziali ordinarie

Equazioni differenziali ordinarie Capitolo 2 Equazioni differenziali ordinarie 2.1 Formulazione del problema In questa sezione formuleremo matematicamente il problema delle equazioni differenziali ordinarie e faremo alcune osservazioni

Dettagli

CS. Cinematica dei sistemi

CS. Cinematica dei sistemi CS. Cinematica dei sistemi Dopo aver esaminato la cinematica del punto e del corpo rigido, che sono gli schemi più semplificati con cui si possa rappresentare un corpo, ci occupiamo ora dei sistemi vincolati.

Dettagli

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE Sia I un intervallo di R e siano a = inf(i) R { } e b = sup(i) R {+ }; i punti di I diversi dagli estremi a e b, ( e quindi appartenenti all intervallo aperto

Dettagli

Consideriamo due polinomi

Consideriamo due polinomi Capitolo 3 Il luogo delle radici Consideriamo due polinomi N(z) = (z z 1 )(z z 2 )... (z z m ) D(z) = (z p 1 )(z p 2 )... (z p n ) della variabile complessa z con m < n. Nelle problematiche connesse al

Dettagli

L. Pandolfi. Lezioni di Analisi Matematica 2

L. Pandolfi. Lezioni di Analisi Matematica 2 L. Pandolfi Lezioni di Analisi Matematica 2 i Il testo presenta tre blocchi principali di argomenti: A Successioni e serie numeriche e di funzioni: Cap., e 2. B Questa parte consta di due, da studiarsi

Dettagli

TECNICHE DI SIMULAZIONE

TECNICHE DI SIMULAZIONE TECNICHE DI SIMULAZIONE MODELLI STATISTICI NELLA SIMULAZIONE Francesca Mazzia Dipartimento di Matematica Università di Bari a.a. 2004/2005 TECNICHE DI SIMULAZIONE p. 1 Modelli statistici nella simulazione

Dettagli

Funzioni tra insiemi niti Numeri di Stirling e Bell. Davide Penazzi

Funzioni tra insiemi niti Numeri di Stirling e Bell. Davide Penazzi Funzioni tra insiemi niti Numeri di Stirling e Bell Davide Penazzi 2 Funzioni tra insiemi niti: i numeri di Stirling e Bell 1 Contare il numero delle funzioni tra insiemi 1.1 Denizioni e concetti preliminari

Dettagli

La funzione è continua nel suo dominio perchè y = f(x) è composizione di funzioni continue. Il punto x = 0 è un punto isolato per D f.

La funzione è continua nel suo dominio perchè y = f(x) è composizione di funzioni continue. Il punto x = 0 è un punto isolato per D f. FUNZIONI CONTINUE - ALCUNI ESERCIZI SVOLTI SIMONE ALGHISI 1. Continuità di una funzione Dati un insieme D R, una funzione f : D R e x 0 R, si è detto che f è continua in x 0 se sono soddisfatte le seguenti

Dettagli

Calcolo differenziale Test di autovalutazione

Calcolo differenziale Test di autovalutazione Test di autovalutazione 1. Sia f : R R iniettiva, derivabile e tale che f(1) = 3, f (1) = 2, f (3) = 5. Allora (a) (f 1 ) (3) = 1 5 (b) (f 1 ) (3) = 1 2 (c) (f 1 ) (1) = 1 2 (d) (f 1 ) (1) = 1 3 2. Sia

Dettagli

Guido Corbò Note di relatività

Guido Corbò Note di relatività Guido Corbò Note di relatività Generalità Il principio di relatività di Einstein consiste nell'aermare che le leggi della sica sono le stesse in qualsiasi sistema di riferimento inerziale. Ciò implica

Dettagli

Sistemi ed equazioni ellittiche totalmente non lineari del second ordine

Sistemi ed equazioni ellittiche totalmente non lineari del second ordine Università di Pisa Dipartimento di Matematica Leonida Tonelli Sistemi ed equazioni ellittiche totalmente non lineari del second ordine Dispense per il Corso di Elementi di Analisi Superiore 2 Antonio Tarsia

Dettagli

QUADERNI DI DIDATTICA

QUADERNI DI DIDATTICA Department of Applied Mathematics, University of Venice QUADERNI DI DIDATTICA Tatiana Bassetto, Marco Corazza, Riccardo Gusso, Martina Nardon Esercizi sulle funzioni di più variabili reali con applicazioni

Dettagli

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO SIMULAZINE DI PRVA D ESAME CRS DI RDINAMENT Risolvi uno dei due problemi e 5 dei quesiti del questionario. PRBLEMA Considera la famiglia di funzioni k ln f k () se k se e la funzione g() ln se. se. Determina

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

FORME DIFFERENZIALI IN R 3 E INTEGRALI

FORME DIFFERENZIALI IN R 3 E INTEGRALI FORME DIFFERENZIALI IN R 3 E INTEGRALI CLADIO BONANNO Contents 1. Spazio duale di uno spazio vettoriale 1 1.1. Esercizi 3 2. Spazi tangente e cotangente 4 2.1. Esercizi 6 3. Le forme differenziali e i

Dettagli

Dipendenza dai dati iniziali

Dipendenza dai dati iniziali Dipendenza dai dati iniziali Dopo aver studiato il problema dell esistenza e unicità delle soluzioni dei problemi di Cauchy, il passo successivo è vedere come le traiettorie di queste ultime dipendono

Dettagli

ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI

ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI 1. CONFRONTO DI CARDINALITÀ E chiaro a tutti che esistono insiemi finiti cioè con un numero finito di elementi) ed insiemi infiniti. E anche chiaro che ogni insieme infinito

Dettagli

Lezioni di Matematica 1 - I modulo

Lezioni di Matematica 1 - I modulo Lezioni di Matematica 1 - I modulo Luciano Battaia 16 ottobre 2008 Luciano Battaia - http://www.batmath.it Matematica 1 - I modulo. Lezione del 16/10/2008 1 / 13 L introduzione dei numeri reali si può

Dettagli

Soluzione numerica di problemi alle derivate parziali

Soluzione numerica di problemi alle derivate parziali Soluzione numerica di problemi alle derivate parziali Metodi alle differenze finite Prof. LAURA GORI Anno Accademico 1998-99 1. Generalità sulle equazioni alle derivate parziali Un equazione differenziale

Dettagli

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata libera e vincolata Generalità. Limiti e continuità per funzioni di 2 o Piano tangente. Derivate successive Formula di Taylor libera vincolata Lo ordinario è in corrispondenza biunivoca con i vettori di

Dettagli

+ P a n n=1 + X. a n = a m 3. n=1. m=4. Per poter dare un significato alla somma (formale) di infiniti termini, ricorriamo al seguente procedimento:

+ P a n n=1 + X. a n = a m 3. n=1. m=4. Per poter dare un significato alla somma (formale) di infiniti termini, ricorriamo al seguente procedimento: Capitolo 3 Serie 3. Definizione Sia { } una successione di numeri reali. Ci proponiamo di dare significato, quando possibile, alla somma a + a 2 +... + +... di tutti i termini della successione. Questa

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

I numeri reali. Note per il corso di Analisi Matematica 1. G. Mauceri. a.a. 2003-04

I numeri reali. Note per il corso di Analisi Matematica 1. G. Mauceri. a.a. 2003-04 I numeri reali Note per il corso di Analisi Matematica 1 G. Mauceri a.a. 2003-04 2 I numeri reali Contents 1 Introduzione 3 2 Gli assiomi di campo 3 3 Gli assiomi dell ordine 4 4 Valore assoluto 5 5 I

Dettagli

Cristian Secchi Pag. 1

Cristian Secchi Pag. 1 CONTROLLI DIGITALI Laurea Magistrale in Ingegneria Meccatronica SISTEMI A TEMPO DISCRETO Ing. Tel. 0522 522235 e-mail: cristian.secchi@unimore.it http://www.dismi.unimo.it/members/csecchi Richiami di Controlli

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO Una trasformazione geometrica è una funzione che fa corrispondere a ogni punto del piano un altro punto del piano stesso Si può pensare come MOVIMENTO di punti e

Dettagli

LA FUNZIONE INTEGRALE

LA FUNZIONE INTEGRALE LA FUNZIONE INTEGRALE MAGLIOCURIOSO & CAMILLO magliocurioso@hotmail.it Sommario. In questa breve dispensa ho semplicementrascritto in L A TEX il contenuto di questa discussione: http://www.matematicamente.it/forum/

Dettagli

Appunti di Analisi Matematica 1. Docente:Fabio Camilli. SAPIENZA, Università di Roma A.A. 2014/15. http://www.dmmm.uniroma1.it/~fabio.

Appunti di Analisi Matematica 1. Docente:Fabio Camilli. SAPIENZA, Università di Roma A.A. 2014/15. http://www.dmmm.uniroma1.it/~fabio. Appunti di Analisi Matematica Docente:Fabio Camilli SAPIENZA, Università di Roma A.A. 4/5 http://www.dmmm.uniroma.it/~fabio.camilli/ (Versione del 9 luglio 5) Note scritte in collaborazione con il prof.

Dettagli

Richiami: funzione di trasferimento e risposta al gradino

Richiami: funzione di trasferimento e risposta al gradino Richiami: funzione di trasferimento e risposta al gradino 1 Funzione di trasferimento La funzione di trasferimento di un sistema lineare è il rapporto di due polinomi della variabile complessa s. Essa

Dettagli

Equazioni non lineari

Equazioni non lineari Dipartimento di Matematica tel. 011 0907503 stefano.berrone@polito.it http://calvino.polito.it/~sberrone Laboratorio di modellazione e progettazione materiali Trovare il valore x R tale che f (x) = 0,

Dettagli

Flusso a costo minimo e simplesso su reti

Flusso a costo minimo e simplesso su reti Flusso a costo minimo e simplesso su reti La particolare struttura di alcuni problemi di PL può essere talvolta utilizzata per la progettazione di tecniche risolutive molto più efficienti dell algoritmo

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

SPECIFICHE DI UN SISTEMA IN ANELLO CHIUSO

SPECIFICHE DI UN SISTEMA IN ANELLO CHIUSO SPECIFICHE DI UN SISTEMA IN ANELLO CHIUSO Consideriamo il classico esempio di compensazione in cascata riportato in figura, comprendente il plant o sistema controllato con funzione di trasferimento G P

Dettagli

Analisi Matematica I

Analisi Matematica I Analisi Matematica I Fabio Fagnani, Gabriele Grillo Dipartimento di Matematica Politecnico di Torino Queste dispense contengono il materiale delle lezioni del corso di Analisi Matematica I rivolto agli

Dettagli

Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia

Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia La diversità tra gli agenti economici è alla base della nascita dell attività economica e, in generale, lo scambio di beni e servizi ha

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Il problema della fattorizzazione nei domini di Dedekind

Il problema della fattorizzazione nei domini di Dedekind Il problema della fattorizzazione nei domini di Dedekind Stefania Gabelli Dipartimento di Matematica, Università degli Studi Roma Tre Note per i corsi di Algebra Commutativa a.a. 2010/2011 1 Indice 1 Preliminari

Dettagli

QUAL È LA DISTANZA TRA ROMA E NEW YORK? UN PO' DI GEOMETRIA ANALITICA SULLA SFERA

QUAL È LA DISTANZA TRA ROMA E NEW YORK? UN PO' DI GEOMETRIA ANALITICA SULLA SFERA QUAL È LA DISTANZA TRA ROMA E NEW YORK? UN PO' DI GEOMETRIA ANALITICA SULLA SFERA Michele Impedovo Bollettino dei Docenti di Matematica del Canton Ticino (CH) n 36, maggio 98. Il problema Il lavoro che

Dettagli

Esercizi svolti sui numeri complessi

Esercizi svolti sui numeri complessi Francesco Daddi - ottobre 009 Esercizio 1 Risolvere l equazione z 1 + i = 1. Soluzione. Moltiplichiamo entrambi i membri per 1 + i in definitiva la soluzione è z 1 + i 1 + i = 1 1 + i z = 1 1 i. : z =

Dettagli

Equazione della Circonferenza - Grafico di una Circonferenza - Intersezione tra Circonferenza e Retta

Equazione della Circonferenza - Grafico di una Circonferenza - Intersezione tra Circonferenza e Retta Equazione della Circonferenza - Grafico di una Circonferenza - Intersezione tra Circonferenza e Retta Francesco Zumbo www.francescozumbo.it http://it.geocities.com/zumbof/ Questi appunti vogliono essere

Dettagli

F U N Z I O N I. E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC "DERIVE")

F U N Z I O N I. E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC DERIVE) F U N Z I O N I E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC "DERIVE") I N D I C E Funzioni...pag. 2 Funzioni del tipo = Kx... 4 Funzioni crescenti e decrescenti...10

Dettagli

Laboratorio di Elettrotecnica

Laboratorio di Elettrotecnica 1 Laboratorio di Elettrotecnica Rappresentazione armonica dei Segnali Prof. Pietro Burrascano - Università degli Studi di Perugia Polo Scientifico Didattico di Terni 2 SEGNALI: ANDAMENTI ( NEL TEMPO, NELLO

Dettagli

I numeri complessi. Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli

I numeri complessi. Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli I numeri complessi Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli 1 Introduzione Studiare i numeri complessi può sembrare inutile ed avulso dalla realtà;

Dettagli

Note di fisica. Mauro Saita e-mail: maurosaita@tiscalinet.it Versione provvisoria, luglio 2012. 1 Quantità di moto.

Note di fisica. Mauro Saita e-mail: maurosaita@tiscalinet.it Versione provvisoria, luglio 2012. 1 Quantità di moto. Note di fisica. Mauro Saita e-mail: maurosaita@tiscalinet.it Versione provvisoria, luglio 2012. Indice 1 Quantità di moto. 1 1.1 Quantità di moto di una particella.............................. 1 1.2 Quantità

Dettagli

Anello commutativo. Un anello è commutativo se il prodotto è commutativo.

Anello commutativo. Un anello è commutativo se il prodotto è commutativo. Anello. Un anello (A, +, ) è un insieme A con due operazioni + e, dette somma e prodotto, tali che (A, +) è un gruppo abeliano, (A, ) è un monoide, e valgono le proprietà di distributività (a destra e

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

NUMERI COMPLESSI. Esercizi svolti., e) i 34, f) i 7. 10 i

NUMERI COMPLESSI. Esercizi svolti., e) i 34, f) i 7. 10 i NUMERI COMPLESSI Esercizi svolti 1. Calcolare le seguenti potenze di i: a) i, b) i, c) i 4, d) 1 i, e) i 4, f) i 7. Semplificare le seguenti espressioni: a) ( i) i(1 ( 1 i), b) ( + i)( i) 5 + 1 ) 10 i,

Dettagli

Nota su Crescita e Convergenza

Nota su Crescita e Convergenza Nota su Crescita e Convergenza S. Modica 28 Ottobre 2007 Nella prima sezione si considerano crescita lineare ed esponenziale e le loro proprietà elementari. Nella seconda sezione si spiega la misura di

Dettagli

Geometria nel piano complesso

Geometria nel piano complesso Geometria nel piano complesso Giorgio Ottaviani Contents Un introduzione formale del piano complesso 2 Il teorema di Napoleone 5 L inversione circolare 6 4 Le trasformazioni di Möbius 7 5 Il birapporto

Dettagli

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti 4. Insiemi numerici 4.1 Insiemi numerici Insieme dei numeri naturali = {0,1,,3,,} Insieme dei numeri interi relativi = {..., 3,, 1,0, + 1, +, + 3, } Insieme dei numeri razionali n 1 1 1 1 = : n, m \{0}

Dettagli

Progetto di un sistema di controllo di sospensioni attive in ambiente Matlab

Progetto di un sistema di controllo di sospensioni attive in ambiente Matlab Università di Padova FACOLTÀ DI INGEGNERIA Corso di Laurea in Ing. dell' Informazione Progetto di un sistema di controllo di sospensioni attive in ambiente Matlab Relatore: Prof. Alessandro Beghi Presentata

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

Approssimazione polinomiale di funzioni e dati

Approssimazione polinomiale di funzioni e dati Approssimazione polinomiale di funzioni e dati Approssimare una funzione f significa trovare una funzione f di forma più semplice che possa essere usata al posto di f. Questa strategia è utilizzata nell

Dettagli

175 CAPITOLO 14: ANALISI DEI PROBLEMI GEOTECNICI IN CONDIZIONI LIMITE

175 CAPITOLO 14: ANALISI DEI PROBLEMI GEOTECNICI IN CONDIZIONI LIMITE 175 ntroduzione all analisi dei problemi di collasso. L analisi del comportamento del terreno potrebbe essere fatta attraverso dei modelli di comportamento elasto plastici, ma questo tipo di analisi richiede

Dettagli

Integrazione numerica

Integrazione numerica Integrazione numerica Lucia Gastaldi Dipartimento di Matematica, http://dm.ing.unibs.it/gastaldi/ Lezione 6-20-26 ottobre 2009 Indice 1 Formule di quadratura semplici e composite Formule di quadratura

Dettagli

Anno 5 Funzioni inverse e funzioni composte

Anno 5 Funzioni inverse e funzioni composte Anno 5 Funzioni inverse e funzioni composte 1 Introduzione In questa lezione impareremo a definire e ricercare le funzioni inverse e le funzioni composte. Al termine di questa lezione sarai in grado di:

Dettagli

MODELLI MATEMATICI: I TANTI VOLTI DELLA REALT A 1 Introduzione La nozione di modello risale al sec. VI a.c. quando Pitagora tento di denire la struttura dell'universo attraverso l'analisi di numeri che

Dettagli

1 Definizione: lunghezza di una curva.

1 Definizione: lunghezza di una curva. Abstract Qui viene affrontato lo studio delle curve nel piano e nello spazio, con particolare interesse verso due invarianti: la curvatura e la torsione Il primo ci dice quanto la curva si allontana dall

Dettagli