DIALETTI IN TESI. Concorso per la premiazione delle migliori tesi dedicate alla tutela e alla valorizzazione dei dialetti emiliano-romagnoli. Vol.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DIALETTI IN TESI. Concorso per la premiazione delle migliori tesi dedicate alla tutela e alla valorizzazione dei dialetti emiliano-romagnoli. Vol."

Transcript

1 arżdåura cío scraa IALETTI IN TESI Cocorso per la premiazioe delle migliori tesi dedicate alla tutela e alla valorizzazioe dei dialetti emiliao-romagoli Vol. 1 róssc surèla ciàcri putèia Cristia Fiadri ITALIANO E IALETTO A CONTATTO: ASPETTI EL MUTAMENTO EL IALETTO A SASSUOLO (MOENA) chevra zóig/sóig fòja bicér scazela

2 Istituto per i bei artistici, culturali e aturali della Regioe Emlia-Romaga via Galliera, 21 Bologa pubblicato el mese di marzo 2013 Copyright creative commos

3 ialetti i tesi Cocorso per la premiazioe delle migliori tesi volte alla tutela e valorizzazioe delle realtà dialettali emiliao-romagole Nel quadro del programma regioale auale (2009) di attuazioe degli iterveti coessi alla L.R. 45 del 7 ovembre 1994 Tutela e valorizzazioe dei dialetti dell Emilia-Romaga, l Istituto per i bei artistici culturali e aturali della Regioe Emilia-Romaga (IBACN) ha promosso u bado di cocorso fializzato alla premiazioe delle migliori tesi, scritte i ligua italiaa, dedicate alla dimesioe dialettale emiliao-romagola e discusse tra il 1994, ao di pubblicazioe della legge succitata, e il 2009, ao i cui la Giuta della Regioe Emilia-Romaga, co proprio atto rep del 28 dicembre 2009, ha approvato il programma sopraidicato. Le tesi, come previsto dal bado, potevao approcciare la materia veracolare secodo molteplici prospettive: letterarie, storiche, storico-letterarie e liguistico-filologiche. Le domade di partecipazioe dovevao perveire etro il 15 ottobre L elevato umero di domade perveute -i umero complessivo di quattordiciha cofermato l attezioe profoda e tutt altro che episodica per u tessuto liguistico che, oggi più che mai, abbisoga di u cocorso di forze, proveieti tato dalle istituzioi quato dai sigoli cittadii e da tutti i gruppi variamete costituiti sul territorio, orietato ad u azioe di tutela e rilacio dei dialetti, che rappresetao u sego imprescidibile della ostra idetità. Riportiamo di seguito le tesi presetate: Attraverso la cultura popolare e letteraria del dialetto reggiao: toi, geeri, forme di Maria Teresa Patai; Biliguismo e diglossia a Rimii. U idagie sul campo di Fabrizio Coloa; Biliguismo e dilalia a Sala Bologese. Ua ricerca sul campo di Giacomo Govoi; Folklore e dialetto i Olido Guerrii, Giovai Pascoli, Toio Guerra e Libero Riceputi di Valetia Forlivesi; I dialetti di Satarcagelo e della vallata della Marecchia a mote di Satarcagelo di Rio Molari; Il dialetto di Fiumalbo (MO): descrizioe foetica di ua varietà liguistica di cofie di Michele Colò; Il lessico della caapicoltura el territorio di Sa Cesario s/p (MO) di Chiara Maccaferri; Italiao e dialetto a cotatto: aspetti del mutameto del dialetto a Sassuolo di Cristia Fiadri; L esperieza poetica di Giai Fucci e la tradizioe della poesia romagola di Gabriele ella Balda; La poesia di Raffaello Baldii di Ida Zicari; La variazioe socioliguistica: aalisi degli usi liguistici a Sa Prospero (Modea) di Alice Cavallii; La viceda letteraria di Giuliaa Rocchi di Cizia Lisi;

4 Le Lettere di Lorezo Foresti a Fracesco Cherubii ( ). Edizioe, commeto e studio di Sara Rizzi; Teciche e cultura materiale: tradizioi alimetari a Moterezio di Aalisa Marzaduri. I lavori soo stati esamiati e valutati co parere isidacabile ed iappellabile da ua commissioe appositamete costituita. La commissioe giudicatrice ha valutato gli elaborati sulla base dei segueti criteri: rigore scietifico della ricerca e coereza itera dell elaborato; tutela e valorizzazioe dei dialetti emiliao-romagoli; attezioe allo stile e padroaza dei coteuti e del vocabolario tecico. Le tesi presetate hao mostrato la copertura di ampie zoe del territorio regioale: i particolare, si soo cocetrate sulle provice di Modea, Bologa, Forlì-Cesea e Rimii. Ioltre, le differeti agolature da cui gli autori hao iterrogato la realtà liguistica locale ci mostrao ua ricchezza e u origialità ei percorsi che gettao ua luce vivida sulla complessità e sulle iumerevoli sfaccettature i cui si articola questa realtà. I tre lavori più meritevoli soo stati premiati secodo la seguete graduatoria: 1 posto: Euro 1.000,00; 2 posto: Euro 500,00; 3 posto: Euro 250,00. La commissioe ha esamiato i lavori e alla fie ha deciso per le segueti premiazioi: 1 posto: tesi Italiao e dialetto a cotatto: aspetti del mutameto del dialetto a Sassuolo di Cristia Fiadri: l autrice ha compiuto ua ricerca approfodita e pressoché esaustiva, coiugado l acribia e il rigore scietifico dello studioso ell'idividuazioe e ell'esame dei materiali co la qualità della forma liguistica e stilistica; 2 posto: tesi Biliguismo e dilalia a Sala Bologese. Ua ricerca sul campo di Giacomo Govoi: l'autore ha dimostrato di saper utilizzare le più aggiorate metodologie offerte dalla socioliguistica per tracciare u profilo preciso della situazioe liguistica attuale el territorio di Sala Bologese, offredo al tempo stesso u esempio di ricerca che può essere esteso ad altri territori; 3 posto: tesi La poesia di Raffaello Baldii di Ida Zicari: l'autrice ha illustrato dettagliatamete l'opera di uo dei più importati poeti italiai del secodo Noveceto, evideziado il rapporto tra il dialetto e lo stile orale che caratterizzao l'opera di Baldii e le tematiche da lui trattate.

5 Ioltre, come recita il verbale della commissioe ue delle tesi succitate - quella di Cizia Lisi e quella di Rio Molari- soo state escluse dal cocorso rispettivamete per l arrivo i IBACN oltre la scadeza idicata dal bado, e per la discussioe all uiversità al di fuori dell arco temporale mezioato el bado. Tuttavia meritao di essere segalate, la prima (quella di Cizia Lisi) per aver affrotato lo studio di u'autrice dialettale di estrazioe popolare di sigolare origialità, la secoda (quella di Rio Molari) i quato si tratta di ua tesi di iteresse "storico", che illustra la situazioe dialettale ell'area satarcagiolese egli ai Treta del Noveceto. Co la speraza che l attezioe verso l uiverso dialettale della ostra regioe possa cotiuamete rigeerarsi secodo uove forme stimoli ed idirizzi, vi ivitiamo alla lettura delle tesi vicitrici. Alessadro Zucchii irettore dell IBACN

6

7 Uiversità degli Studi di Bologa FACOLTA I LETTERE E FILOSOFIA Corso di Laurea i Lettere Classiche ITALIANO E IALETTO A CONTATTO: ASPETTI EL MUTAMENTO EL IALETTO A SASSUOLO (MOENA) Tesi di Laurea i ialettologia Italiaa RELATORE: Chiar.mo Prof. Presetata da: Brua Badii Cristia Fiadri Sessioe II Ao Accademico

8 INICE CAP. 1: IL CONTATTO IACRONICO TRA ITALIANO E IALETTO 1.1 Osservazioi teoriche prelimiari sulle ozioi di "ligua" e dialetto,, Lo status dell'italiao e dei dialetti italiai Evoluzioe e modificazioe del rapporto italiao e dialetto dall'uità d'italia ad oggi...4 CAP. 2: LA FENOMENOLOGIA EL CONTATTO ITALIANO E IALETTO IN SINCRONIA 2.1 Varietà di italiao e dialetto ella zoa di cotatto: modelli di repertorio La dialettizzazioe e le varietà "basse" dell'italiao L'ibridazioe tra forme italiae e dialettali e la legittimità dell'itroduzioe del cocetto di varietà ibride Le varietà alte del dialetto La koieizzazioe L'italiaizzazioe Variabilità sociale e italiaizzazioe Variabilità strutturale e italiaizzazioe Livello lessicale Livello sematico Livello foetico Livello morfologico e sitattico...32 I

9 CAP. 3: ANALISI EL PUNTO LINGUISTICO 3.1 Aspetti storico-topografici e socio-ecoomici della città di Sassuolo Evoluzioe liguistica di Sassuolo dal opoguerra ad oggi Il dialetto sassolese e il dialetto modeese CAP. 4: L'INCHIESTA 4.1 Obbiettivi e motivazioi dell'ichiesta Modalità dell'ichiesta Il questioario "sassolese" La scelta degli iformatori Le iterviste Trascrizioe e schedatura CAP. 5: CLASSIFICAZIONE E ANALISI EL MATERIALE RACCOLTO 5.1 Osservazioi prelimiari Gruppo A: italiaizzazioe lessicale e sematica...83 Glossario...83 Commeto Gruppo B: italiaizzazioe foetica..164 Glossario Commeto Gruppo C: italiaizzazioe morfologica Glossario II

10 Commeto CAP. 6 NOTE CONCLUSIVE INICE EI NOMI BIBLIOGRAFIA III

11 CAPITOLO PRIMO IL CONTATTO IACRONICO TRA ITALIANO E IALETTO 1.1 Osservazioi teoriche prelimiari sulle ozioi di "ligua" e "dialetto" Prima di affrotare l'aalisi della feomeologia del cotatto tra ligua e dialetti, ci sembra opportuo chiederci i base a quali criteri, i uo stesso repertorio, costituito da due sistemi o varietà liguistiche i relazioe tra di loro, si assegi lo status 1 di ligua e quello di dialetto. Berruto afferma che (1995:224) "i base alle sole caratteristiche liguistiche, o è possibile dire se u certo sistema liguistico o varietà liguistica X è ua ligua o u dialetto (azi la questioe dal puto di vista liguistico itero, o ha seso)". a questo puto d'osservazioe, ifatti, i due codici si equivalgoo, essedo etrambi sistemi liguistici completi ed autoomi co u loro sistema foetico/foematico, delle regole morfologiche e sitattiche be precise, ed u loro lessico esclusivo; ioltre, come evidezia acora Berruto (1995:224), "o vi soo differeze di atura; essi codividoo i uguale misura le proprietà semiologiche costitutive di ogi sistema i quato tale". I criteri di domiaza" (secodo l'accezioe di Weireich 1974) che qualificao le varietà i gioco, assegado ad ua varietà lo status di "ligua" e alle altre quello di "dialetti", soo ecessariamete di atura extra liguistica e soo costituiti dalle fuzioi sociali el tempo assegate a quella particolare varietà. Esse si ricavao dalla defiizioe che del termie ligua è data da Berruto (1995:215): "Ua ligua è ogi sistema liguistico socialmete sviluppato, che sia ligua ufficiale o azioale i qualche paese, che svolga u'ampia gamma di fuzioi ella società, che sia stadardizzata e sia sovraordiata ad altri sistemi 1 Lo status di u sistema liguistico è determiato da ciò che co esso si può fare, dal puto di vista pratico, legale, culturale, ecoomico, politico, sociale, ecc., all'itero di ua certa etità di riferimeto. Per fuzioe si itede ivece ciò che effettivamete co u co u certo sistema liguistico viee fatto, ciò a cui u sistema liguistico serve i ua società; status e fuzioe soo 1

12 liguistici subordiati evetualmete preseti ell'uso della comuità (che se soo imparetati geeticamete co essi sarao i suoi 'dialetti')". I base alla defiizioe ua ligua deve essere iazitutto u codice "socialmete sviluppato'' cioè deve essere parlato ed utilizzato da tutte le classi sociali e i particolare dalle classi più alte così da porsi come codice di prestigio a cui le classi più basse aspirao per otteere promozioe e ricooscimeto sociale. I secodo luogo deve essere "ligua ufficiale e azioale co u'ampia gamma di fuzioi ella società", co tutto ciò che e deriva: la legittimazioe politica, la stadardizzazioe attraverso mauali di riferimeto, la diffusioe scolastica, l'altissimo valore comuicativo (la ligua ricopre e raggiuge u raggio demografico molto ampio), la fuzioe di modello di riferimeto, la fuzioe uificatrice (i quato veicolo di comuicazioe sovraregioale) e ello stesso tempo separatrice (perché strumeto i cui u membro di ua azioe si idetifica, uedosi co altri coazioali e ello stesso tempo si distigue da altri stati azioali). Ifie, la defiizioe afferma che u codice i quato ligua è sovraordiato ad altri sistemi liguistici co u mior raggio fuzioale e ua miore risoaza. Si etra così el merito della ozioe di dialetto: i via prelimiare si possoo defiire dialetti (Berruto 1995:223) "le varietà liguistiche defiite ella dimesioe diatopica (geografica) tipiche e tradizioali di ua certa regioe, area o località". Il tratto peculiare che li cotraddistigue è l'uso limitato ad aree geografiche particolari; i quato tali o soo mai varietà stadard pur potedo godere di u certo grado di stadardizzazioe e codificazioe, hao ua diffusioe limitata ello spazio, soo etità liguistiche ecessariamete legate all'esisteza di ua ligua, quidi eteroome e fuzioalmete subordiate. Questo o sigifica però che ua proprietà defiitoria della ozioe di dialetto sia quella di essere parlato da gruppi socialmete iferiori. Si tratta i effetti di uo dei caratteri che spesso i molte comuità co-occorroo co la dialettofoia, come risultato di ragioi storiche e diamiche socioliguistiche, ma che o hao strettamete iterrelati, ma si cofigurao più precisamete l'uo come poteziale dell altro (o de iure) e l'altra come attuazioe (de facto). (Berruto 1995:202) 2

13 pertieza per distiguere cocettualmete la ozioe di dialetto. Allo stesso modo vegoo corretemete attribuiti al dialetto, come proprietà defiitorie, ache altri due caratteri dello stesso geere i quali i realtà, o costituiscoo altro che "cocrezioi esteriori veutesi ad idetificare col dialetto i quelle particolari codizioi storico sociali" (Berruto 1995:225);essi soo da ua parte, la atura orale del dialetto e la sua limitazioe ai soli usi parlati e, dall'altra, la sfera prevaletemete o esclusivamete familiare e cofideziale del suo impiego. Questi elemeti cofermao la relatività del cocetto di dialetto, i cui valori assuti di volta i volta ei sigoli repertori, i rapporto alle altre varietà che vi coesistoo, soo multiformi e variegati e, come putualizza acora Berruto "possoo variare ache di molto rededo così impossibile ua cocezioe uitaria a questo livello di geeralizzazioe" (1995:225). I coclusioe, rispodedo al quesito che ci siamo posti all'iizio, soo le effettive codizioi dell'uso fatto dei due codici che e saciscoo lo status e la domiaza: i base a questi criteri i ua situazioe di cotatto è la ligua che si poe come codice domiate 2 sui dialetti che sarao sempre irreversibilmete 3 subordiati ad essa. 1.2 Lo status dell'italiao e dei dialetti italiai Cosiderado queste defiizioi e cocetti teorici i riferimeto alla situazioe attuale italiaa, possiamo rilevare che l'italiao oggi si poe certamete come codice domiate rispetto ai dialetti i quato possiede tutti i caratteri e il prestigio propri di ua ligua comue: gode di uo status socio politico culturale ricoosciuto dallo stato, ha ua codificazioe affermata ed ua tradizioe letteraria cosolidata, e u raggio di fruizioe a livello azioale. E' la storia stessa, come ricorda Grassi, che si fa garate di questi requisiti i quato l'italiao asce per 2 Si veda per u discorso più approfodito mi sistemi liguistici i cotatto e le situazioi di domiaza, Weireich 1974, e l'ampio uso, i riferimeto al rapporto italiao e dialetto, che e fao Grassi 1992 e Berruto Come fao otare Grassi-Sobrero-Telmo (1997:17) "i tetativi di fare del dialetto ua ligua accato o, addirittura i sostituzioe di quella già esistete per cosolidato coseso sociale soo regolarmete falliti": esemplare i tal seso il tetativo di Mazoi di imporre il dialetto fioretio parlato come ligua comue italiaa. 3

14 assolvere questa fuzioe uificate "accato alle parlate locali e i sostituzioe dei volgari proprio per cosetire gli scambi culturali ed ecoomici tra comuità sociali distaziate geograficamete e come strumeto idispesabile all'assetto ammiistrativo delle uove etità territoriali che i epoca modera si soo costituite itoro agli Stati azioali "(1993:280). all'altra parte 'i dialetti italiai' (e o dell'italiao' secodo quato afferma Coseriu, perché rietrao ella categoria dei cosiddetti dialetti primari 4 rimagoo oggi il codice di mior prestigio e co miore peso sociale e il loro uso è limitato alla comuicazioe primaria, quella quotidiaa e ai cotesti più iformali. E' importate evideziare, i ogi modo, che tra italiao e dialetti a partire dal mometo storico i cui si è avuta ua etta assegazioe di fuzioi all'ua e agli altri, si soo istaurati rapporti diamici di cotatto e di subordiazioe spesso uovi che hao portato a diverse modificazioi ed evoluzioi el repertorio liguistico della comuità italiaa. 1.3 Evoluzioe e modificazioe del rapporto italiao e dialetto dall'uità d'italia ad oggi Come abbiamo già fatto otare, italiao e dialetto el loro plurisecolare cotatto o hao mai creato rapporti fissi, moolitici ed immobili ma hao dato luogo, el tempo, a sempre diverse cofigurazioi qualitative di collocazioe reciproca el repertorio, a causa della loro evoluzioe ello status e elle fuzioi ( 4 Berruto (1995:223), riprededo la classificazioe operata da Coseriu distigue i dialetti i dialetti primari e dialetti secodari e terziari: "i primi soo le varietà geografiche sorelle, coetaee, del dialetto da cui si è sviluppata la varietà stadard di quella ligua e che esistevao prima della promozioe e costituzioe di questa a stadard "( i questo gruppo quidi si trovao i vari dialetti italo romazi che hao ua storia parallela a quella del toscao su cui si è formato l'italiao stadard); "i dialetti secodari e terziari soo ivece le varietà geografiche formatesi per differeziazioe diatopica, locale della ligua comue -el primo caso-o della ligua stadard, dopo la sua diffusioe- el secodo caso- (tra questi, per esempio, si possoo iserire varietà stadard di quella ligua e che esistevao prima della promozioe e costituzioe di questa a stadard "( i questo gruppo quidi si trovao i vari dialetti italo romazi che hao ua storia parallela a quella del toscao su cui si è formato l'italiao stadard); "i dialetti secodari e terziari soo ivece le varietà geografiche formatesi per differeziazioe diatopica, locale della ligua comue -el primo caso-o della ligua stadard, dopo la sua diffusioe- el secodo caso- (tra 4

15 a loro volta codizioate dalle differeti codizioi e istaze sociali ed ecoomiche del paese). Voledo partire dal periodo dell'uità d'italia, possiamo brevemete tracciare co urate (1979) e Sobrero (1992:28-29) le tappe diacroiche fodametali del rapporto e idividuare i vari tipi di repertorio i cui i due codici via via si soo orgaizzati secodo liee direttrici che si ripetoo co ua certa costaza el paese, seza dimeticare che i realtà, a secoda della diversa distribuzioe socioliguistica delle aree italiae, le situazioi da luogo a luogo si soo evolute autoomamete. Nell'arco croologico idicato soo state distite quattro fasi successive: (a) prima dell'uità d'italia, (b) tra la fie dell'ottoceto e i primi del Noveceto, (c) la metà del Noveceto, (d) il periodo attuale. a) La situazioe dell Italia liguistica prima dell'uità d'italia (all'itero di u cotesto politico molto frammetato ed eterogeeo e u quadro ecoomicoculturale molto scofortate), si può defiire di geeralizzata diglossia: co questo cocetto, mutuato dalla socioliguistica, si vuole idicare "ua situazioe liguistica relativamete stabile i cui, oltre ai dialetti pricipali della ligua c'è ua varietà sovrapposta assai divergete, altamete codificata (spesso grammaticalmete più complessa), veicolo di ua letteratura scritta ampia e prestigiosa, di u periodo precedete o di u'altra comuità liguistica, che è appresa ampiamete co l'educazioe formale ed è usata per la maggior parte di situazioi scritte e parlate formali, ma o è usata da alcu settore della comuità per la coversazioe ordiaria" (Soricola 1977:45) 5. Persoalizzado e adattado la defiizioe alla realtà ostraa, il repertorio della comuità liguistica italiaa, i questa fase, è costituito da ua parte dall'italiao, varietà alta, e ligua sovrapposta, dotata di maggior prestigio, che, al di là della Toscaa e del Lazio, è appreso solo a scuola da u esiguo umero di persoe apparteeti alla classi sociali più elevate ed è utilizzato quasi esclusivamete come strumeto della comuicazioe scritta e egli ambiti più formalizzati della comuicazioe orale. questi, per esempio, si possoo iserire gli attuali italiai regioali che rappresetao le differeti forme i cui l'italiao si maifesta elle diverse regioi). 5 La studiosa qui traduce la defiizioe data da Ferguso el suo articolo classico su questo argometo che risale al Per ua prospettiva più ampia, si veda ache Berruto 1995:

16 all'altra parte, ivece, il dialetto locale (o meglio i diversi dialetti locali) rappreseta la varietà bassa, coosciuta dall'itera comuità, e adottata ella comuicazioe primaria propria quidi "della famiglia e della strada, del lavoro e dell'osteria, del muicipio e della filada"(sobrero 1992:28). A causa di questa etta compartimetazioe degli usi e delle fuzioi e del differete peso sociale che essi sostegoo e,che è ad essi attribuito, i due codici hao pochi motivi e possibilità di veire i cotatto reciproco; per questo raramete e solamete i base a specifiche coordiate socioliguistiche, si icrociao o si ifluezao a viceda. b) Tra la fie dell'ottoceto e la prima metà del Noveceto, il quadro della comuità liguistica italiaa comicia a cambiare: si può parlare ifatti, di ua compreseza di biliguismo e diglossia; come ci ha illustrato per primo e Mauro (19670) 6 : si verificao, i questo periodo, fodametali cambiameti della società italiaa che hao altrettati fodametali ripercussioi sulla distribuzioe delle competeze liguistiche: la diffusioe dell'alfabetizzazioe, l'itesificazioe degli scambi e delle comuicazioi tra regioi sia a livello ecoomico sia culturale, il servizio militare obbligatorio, l'idustrializzazioe, il commercio. "Fodametale poi -secodo urate (1979:21-22)-, è la crescita di ua classe di impreditori, tecici, commerciati, burocrati, isomma la media borghesia, che già da secoli aveva u ruolo prepoderate i altre azioi europee. La borghesia, ache se pratica il dialetto ei rapporti cofideziali, abbisoga di ua ligua media di più vasta portata, sia per i suoi traffici, sia per otteere ua patete di rispettabilità sociale". Co l'accesso del ceto medio all'italiao si riduce la distaza tra ligua e dialetto poiché l'italiao o è più ligua elitaria e riservata ad argometi elevati ma diveta codice utilizzato ache i cotesti iformali e più quotidiai privadosi di quella patia letteraria e dell'aloe che tato lo distigueva; tutti questi elemeti, che agiscoo i siergia, si rivelao determiati per la diffusioe dell'italiao i tutto il territorio azioale e elle differeti classi sociali. Ifatti aumeta il umero 6 Ormai umerosa e luga è la bibliografia sui fattori extraliguistici che hao favorito la diffusioe dell italiao: Migliorii 1961, e Mauro 1963, Brui 1984, Seriai-Trifoe 1994, Grassi/ Sobrero/Teimo

17 dei parlati biligui co competeza attiva di italiao e dialetto che alterao a secoda delle situazioi e delle circostaze acora fortemete istituzioalizzate e covezioalizzate (ad esempio, il dialetto i famiglia, l'italiao co il sidaco, il dialetto parlado di sé e l'italiao discorredo di politica.). La percetuale di dialettofoi, i ogi modo, o arretra di molto ache se ora questi parlati comiciao ad attivare l'uso dell'italiao: il dialetto è acora diffusissimo specialmete ei cetri più piccoli, e elle aree di campaga dove il processo di italiaizzazioe è più leto e difficoltoso. c) Itoro alla metà del Noveceto, cotiua elle diverse regioi e ei diversi strati sociali, ma co ritmi differeti, il processo dell'età precedete. urate (1979) sostiee che è questo il mometo i cui si colloca, specialmete elle gradi città e i particolari strati della popolazioe, la svolta decisiva el rapporto tra la ligua azioale e il dialetto; i questi ai ifatti si iescao alcui meccaismi che accelerao eormemete la diffusioe della ligua azioale: il mezzo televisivo propaga ell'itimità delle famiglie u italiao di tipo medio, i città come i campaga; la meccaizzazioe dell'agricoltura porta uove codizioi di vita el ceto cotadio, che prede ad esempio i costumi della città, quado o si urbaizza, co la cosegueza che i veracoli rustici vao livelladosi; l'obbligo scolastico, protratto al livello della scuola media, debella il feomeo dell'aalfabetismo di ritoro, ifie la diffusioe di tematiche d'iteresse azioale quali la politica, la cotroversie sidacali, le uove tecologie, l'automobilismo, lo sport spigoo all'impiego della termiologia italiaa. Come diretta cosegueza dell'azioe di questi fattori, si verifica ioltre u feomeo di grade valore sociale (oltre che liguistico) che sega il regresso ormai iarrestabile dei dialetti e rivoluzioa ua cosuetudie millearia: l'italiao viee a costituire sempre più frequetemete la ligua matera, quella della socializzazioe primaria (appresa cioè fi dalla ascita) metre il dialetto viee recuperato i varia misura attraverso i rapporti co i coetaei. Il uovo paorama socio-culturale così delieatosi coduce i due sistemi i cotatto ad orgaizzarsi i ua uova forma che può defiirsi di "biliguismo seza diglossia". Ifatti la maggioraza della popolazioe coosce e usa sia italiao che il dialetto, ma la scelta dell'uo o dell'altra o è più 7

18 stabilita da criteri estriseci (cioè legati a covezioi sociali), besì è lasciata al parlate i base alla situazioe specifica i cui si trova e ai fattori co cui di volta i volta iteragisce. I due codici vegoo frequetemete i cotatto ifluezadosi a viceda: subiscoo modificazioi sigificative elle loro strutture (co l'itesificarsi dei feomei di dialettizzazioe dell'italiao e di italiaizzazioe del dialetto) e ache el corso della stessa coversazioe, essi si alterao e si icrociao a volte così itimamete da creare formazioi ibride ed euciati mistiligui. L'italiao guadaga spazio specialmete ei cotesti iformali i cui il dialetto aveva sempre deteuto il primato, metre egli usi formali domia ormai largamete. Gli studiosi cocordao sul fatto che questa situazioe si respira acor oggi i Italia, soprattutto i quei cetri miori dove il dialetto possiede acora u ampio raggio fuzioale ed è acora vivo come codice della socializzazioe primaria. d ) Per quato riguarda lo sceario attuale, acora ua volta o si idividua ua situazioe uitaria ma ci troviamo davati ad u diversa distribuzioe dei comportameti tra regioe e regioe, provicia e provicia e città e città. Se elle metropoli e ei cetri molto gradi si sta assistedo al feomeo dell'abbadoo della dialettofoia e ci si avvia a percorrere la strada del mooliguismo italiao, ei cetri piccoli, e soprattutto elle campage, e elle classi sociali iferiori, si sta percorredo la fase del biliguismo seza diglossia. Ed esistoo acora i quella che Sobrero (1993:29) defiisce "la solita Italia a più velocità", zoe particolarmete coservative caratterizzate da permaeza di ua situazioe di diglossia. Potremmo quidi cocludere, cocordado co Grassi (1993) i particolare, che la storia liguistica del ostro paese ha visto lo spostameto graduale da ua prevalete diglossia a u prevalete biliguismo e ci si avvia a percorrere l'ultima fase che sarebbe, come detto, quella, o del tutto augurabile, del mooliguismo italiao. Tuttavia proprio perché tale processo o ha u adameto uiforme e geeralizzato, alcui, come Trumper (1977; 1984; 1989), aalizzado l'attuale cofigurazioe socioliguistica del rapporto tra italiao e dialetto, hao riteuto di 8

19 dover adattare alla specificità italiaa il cocetto di diglossia suddividedola i due sottocategorie: quella di "macrodiglossia" e "microdiglossia" per desigare due tipi diversi di situazioi fodametalmete diglottiche così caratterizzate: Macrodiglossia Etrambi i codici soo distribuiti su u ampio umero di domii Formazioe di ua koiè dialettale Ampia sovrapposizioe tra codici i cotesti fuzioalmete ambigui Euciati mistiligui comui ell'iterazioe quotidiaa I dialetti soo socialmete stratificati Microdiglossia U codice è usato i pochissimi domii Asseza di koiè dialettale Netta separazioe fuzioale tra i due codici Le varietà di solito o si mescolao I dialetti soo socialmete idiffereziati Il criterio fodametale su cui si basa Trumper è la "forza" della varietà B, cioè il dialetto: la situazioe di macrodiglossia è quella i cui il dialetto è socioliguisticamete assai vitale, etra tuttora i cocorreza co la ligua (varietà A) i molti domii, si articola i varietà itere e dà luogo a mescolaze co la ligua all'itero della stessa produzioe liguistica; e sarebbe tipica di regioi come il Veeto e la Campaia. Al cotrario elle situazioi di microdiglossia, il dialetto ha poco peso sociale, è relegato ad usi e fuzioi limitate seza mai etrare i sovrapposizioe fuzioale co la ligua, é all'itero del discorso i atto vi soo possibilità di iterfereze reciproche: questa è per molti la situazioe che si registra i Emilia Romaga 7 7 I realtà, secodo Foresti all'itero della regioe esistevao acora ua decia di ai fa microaree i cui il dialetto aveva acora gradissima iflueza e si poe da pari,i molti domii, co le varietà dell'italiao: egli afferma ifatti che molti soo gli idizi che documetao " ella regioe, la compreseza di più orme dialettali (ache all'itero di ua medesima provicia), sorrette da processi di adeguameto e di stadardizzazioe micro-territoriali che, pur ecessitado di ampi approfodimeti riviao ad u impiego diffuso e a ua forte vitalità dei 9

20 Lo stesso Berruto (1995:246),ifie, ha itrodotto, per descrivere la situazioe italiaa, il cocetto di "dilalia" che "si differezia sostazialmete dalla diglossia perché il codice A (quello domiate -el ostro caso l'italiao-) è usato, almeo da ua parte della comuità, ache el parlato coversazioale usuale, e perché pur essedo chiara la distizioe fuzioale di ambiti di spettaza di A e di B (il codice domiato -el ostro caso i diversi dialetti locali-) rispettivamete, vi soo impieghi e domii i cui vegoo usati di fatto, ed è ormale usare, sia l'ua che l'altra varietà alterativamete o cogiutamete". I base a questa categoria cocettuale, la situazioe media attuale delle regioi italiae sarebbe allora caratterizzata da "biliguismo edogeo a bassa distaza strutturale co dilalia", cioè dalla compreseza egli usi (almeo di ua parte cosistete della popolazioe, essedo oggi ua u'altra parte mooglotta italiao e ua piccolissima mioraza mooglotta dialetto) di italiao e dialetto (questo spiega l'etichetta di biliguismo), che, per essere varietà strettamete imparetate (carattere edogeo), hao ua differeza strutturale o sesibile (rispetto ad altre realtà biligui), soo impiegate tutte e due el parlato quotidiao, svolgoo fuzioi be diverse (alte l'italiao, basse il dialetto), e codividoo classi di situazioi i cui c'è sovrapposizioe fuzioale (dilalia). dialetti e cotrastao co l'iterpretazioe diglossica"(1988:571). 10

21 CAPITOLO SECONO LA FENOMENOLOGIA EL CONTATTO TRA ITALIANO E IALETTO IN SINCRONIA 2.1 Varietà di italiao e dialetto ella zoa di cotatto: modelli di repertorio Ormai è be oto che il repertorio liguistico medio della comuità italiaa 8 comprede essezialmete varietà dell'italiao e varietà del dialetto 9 ; esse o si collocao i ua struttura a scala i cui ogi varietà è etità discreta e autooma ma, o esistedo cofii etti tra l'ua e l'altra 10, costituiscoo u cotiuum 11 di varietà itermedie che va dal polo dell'italiao stadard (il quale o riflette e o risete di essu iflusso dal dialetto ma azi ora si sta riormativizzado), al polo del dialetto arcaico o rustico, o toccato da essu codizioameto dell'italiao. No voledo qui aalizzare il paorama di tutte le varietà liguistiche che lo compogoo, quato piuttosto le varietà che si formao,che si "addesao", ella zoa di cotatto diretto tra i due codici, ai fii della ostra trattazioe ci limiteremo ad esamiare solo tale zoa di maggiore e più stretto cotatto tra italiao e dialetto, e i particolare il versate che riguarda le varietà del dialetto più vicie all'italiao. Le osservazioi che seguoo riguarderao perciò: (1) l'italiao regioale e la dialettizzazioe dell'italiao, (2) le varietà ibride e il feomeo dell'ibridazioe, (3) le varietà italiaizzate di dialetto, la koieizzazioe e l'italiaizzazioe: come già sottolieato questo sarà l'ambito da oi direttamete approfodito ella ostra ricerca. 8 Iteso come l'isieme delle varietà di italiao e dialetto simultaeamete dispoibili ai parlati della comuità italiao attuale. 9 I altre parole la maggioraza degli italiai coosce, o almeo capisce, alcue varietà dell'italiao, e molti italiai cooscoo, o capiscoo, ua o più varietà dialettali. 10 Bisoga comuque segalare come alcui studiosi preferiscoo questa iterpretazioe: cfr,stehl 1987, Telmo "Il cocetto di cotiuum è d'origie sociologica, e idica u rapporto di cotiuità fra due fatti o situazioi sociali, i cui o si può stabilire ua polarità assoluta, u cofie preciso: si passa dal primo al secodo attraverso ua gamma di varietà itermedie, che sfumao letamete dall'ua all altra"(grassi/sobrero /Telmo 1997:174). 11

DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE

DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE DI UN GRUPPO DI OSSERVAZIONI O DI ESPERIMENTI, SI PERVIENE A CERTE CONCLUSIONI, LA CUI VALIDITA PER UN COLLETTIVO Più AMPIO E ESPRESSA

Dettagli

8. Quale pesa di più?

8. Quale pesa di più? 8. Quale pesa di più? Negli ultimi ai hao suscitato particolare iteresse alcui problemi sulla pesatura di moete o di pallie. Il primo problema di questo tipo sembra proposto da Tartaglia el 1556. Da allora

Dettagli

IL CALCOLO COMBINATORIO

IL CALCOLO COMBINATORIO IL CALCOLO COMBINATORIO Calcolo combiatorio è il termie che deota tradizioalmete la braca della matematica che studia i modi per raggruppare e/o ordiare secodo date regole gli elemeti di u isieme fiito

Dettagli

Metodi statistici per l'analisi dei dati

Metodi statistici per l'analisi dei dati Metodi statistici per l aalisi dei dati due Motivazioi Obbiettivo: Cofrotare due diverse codizioi (ache defiiti ) per cui soo stati codotti gli esperimeti. Metodi tatistici per l Aalisi dei Dati due Esempio

Dettagli

Il confronto tra DUE campioni indipendenti

Il confronto tra DUE campioni indipendenti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Cofroto tra due medie I questi casi siamo iteressati a cofrotare il valore medio di due camioi i cui i le osservazioi i u camioe soo

Dettagli

CONCETTI BASE DI STATISTICA

CONCETTI BASE DI STATISTICA CONCETTI BASE DI STATISTICA DEFINIZIONI Probabilità U umero reale compreso tra 0 e, associato a u eveto casuale. Esso può essere correlato co la frequeza relativa o col grado di credibilità co cui u eveto

Dettagli

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE Esercizi di Fodameti di Iformatica 1 EQUAZIONI ALLE RICORRENZE 1.1. Metodo di ufoldig 1.1.1. Richiami di teoria Il metodo detto di ufoldig utilizza lo sviluppo dell equazioe alle ricorreze fio ad u certo

Dettagli

Test non parametrici. sono uguali a quelle teoriche. (probabilità attesa), si calcola la. , cioè che le frequenze empiriche

Test non parametrici. sono uguali a quelle teoriche. (probabilità attesa), si calcola la. , cioè che le frequenze empiriche est o parametrici Il test di Studet per uo o per due campioi, il test F di Fisher per l'aalisi della variaza, la correlazioe, la regressioe, isieme ad altri test di statistica multivariata soo parte dei

Dettagli

Sintassi dello studio di funzione

Sintassi dello studio di funzione Sitassi dello studio di fuzioe Lavoriamo a perfezioare quato sapete siora. D ora iazi pretederò che i risultati che otteete li SCRIVIATE i forma corretta dal puto di vista grammaticale. N( x) Data la fuzioe:

Dettagli

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Defiire lo strumeto matematico ce cosete di studiare la cresceza e la decresceza di ua fuzioe Si comicia col defiire cosa vuol dire ce ua fuzioe è crescete. Defiizioe:

Dettagli

SERIE NUMERICHE. (Cosimo De Mitri) 1. Definizione, esempi e primi risultati... pag. 1. 2. Criteri per serie a termini positivi... pag.

SERIE NUMERICHE. (Cosimo De Mitri) 1. Definizione, esempi e primi risultati... pag. 1. 2. Criteri per serie a termini positivi... pag. SERIE NUMERICHE (Cosimo De Mitri. Defiizioe, esempi e primi risultati... pag.. Criteri per serie a termii positivi... pag. 4 3. Covergeza assoluta e criteri per serie a termii di sego qualsiasi... pag.

Dettagli

Indagini sui coregoni del Lago Maggiore: Analisi sui pesci catturati nel 2010

Indagini sui coregoni del Lago Maggiore: Analisi sui pesci catturati nel 2010 Idagii sui coregoi del Lago Maggiore: Aalisi sui pesci catturati el 1 Rapporto commissioato dal Dipartimeto del territorio, Ufficio della caccia e della pesca, Via Stefao Frascii 17 51 Bellizoa Aprile

Dettagli

La sicurezza sul lavoro: obblighi e responsabilità

La sicurezza sul lavoro: obblighi e responsabilità La sicurezza sul lavoro: obblighi e resposabilità Il Testo uico sulla sicurezza, Dlgs 81/08 è il pilastro della ormativa sulla sicurezza sul lavoro. I sostaza il Dlgs disciplia tutte le attività di tutti

Dettagli

Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI

Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI SUCCESSIONI DI FUNZIONI I cocetti di successioe e di serie possoo essere estesi i modo molto aturale al caso delle fuzioi DEFINIZIONE Sia E u sottoisieme di  e, per ogi

Dettagli

Soluzione La media aritmetica dei due numeri positivi a e b è data da M

Soluzione La media aritmetica dei due numeri positivi a e b è data da M Matematica per la uova maturità scietifica A. Berardo M. Pedoe 6 Questioario Quesito Se a e b soo umeri positivi assegati quale è la loro media aritmetica? Quale la media geometrica? Quale delle due è

Dettagli

Capitolo 8 Le funzioni e le successioni

Capitolo 8 Le funzioni e le successioni Capitolo 8 Le fuzioi e le successioi Prof. A. Fasao Fuzioe, domiio e codomiio Defiizioe Si chiama fuzioe o applicazioe dall isieme A all isieme B ua relazioe che fa corrispodere ad ogi elemeto di A u solo

Dettagli

Supponiamo, ad esempio, di voler risolvere il seguente problema: in quanti modi quattro persone possono sedersi l una accanto all altra?

Supponiamo, ad esempio, di voler risolvere il seguente problema: in quanti modi quattro persone possono sedersi l una accanto all altra? CALCOLO COMBINATORIO 1.1 Necessità del calcolo combiatorio Accade spesso di dover risolvere problemi dall'appareza molto semplice, ma che richiedoo calcoli lughi e oiosi per riuscire a trovare delle coclusioi

Dettagli

I numeri complessi. Pagine tratte da Elementi della teoria delle funzioni olomorfe di una variabile complessa

I numeri complessi. Pagine tratte da Elementi della teoria delle funzioni olomorfe di una variabile complessa I umeri complessi Pagie tratte da Elemeti della teoria delle fuzioi olomorfe di ua variabile complessa di G. Vergara Caffarelli, P. Loreti, L. Giacomelli Dipartimeto di Metodi e Modelli Matematici per

Dettagli

4. Metodo semiprobabilistico agli stati limite

4. Metodo semiprobabilistico agli stati limite 4. Metodo seiprobabilistico agli stati liite Tale etodo cosiste el verificare che le gradezze che ifluiscoo i seso positivo sulla, valutate i odo da avere ua piccolissia probabilità di o essere superate,

Dettagli

LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE

LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI Dipartimeto di Sieze Eoomihe Uiversità di Veroa VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE Lezioi di Matematia per

Dettagli

1 Metodo della massima verosimiglianza

1 Metodo della massima verosimiglianza Metodo della massima verosimigliaza Estraedo u campioe costituito da variabili casuali X i i.i.d. da ua popolazioe X co fuzioe di probabilità/desità f(x, θ), si costruisce la fuzioe di verosimigliaza che

Dettagli

L OFFERTA DI LAVORO 1

L OFFERTA DI LAVORO 1 L OFFERTA DI LAVORO 1 La famiglia come foritrice di risorse OFFERTA DI LAVORO Notazioe utile: T : dotazioe di tempo (ore totali) : ore dedicate al tempo libero l=t- : ore dedicate al lavoro : cosumo di

Dettagli

1. MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ. 1 Alcune definizioni preliminari

1. MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ. 1 Alcune definizioni preliminari . MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ Alcue defiizioi prelimiari I sistemi vibrati possoo essere lieari o o lieari: el primo caso vale il pricipio di sovrapposizioe degli effetti el secodo o. I geerale

Dettagli

3.4 Tecniche per valutare uno stimatore

3.4 Tecniche per valutare uno stimatore 3.4 Teciche per valutare uo stimatore 3.4. Il liguaggio delle decisioi statistiche, stimatori corretti e stimatori cosisteti La teoria delle decisioi forisce u liguaggio appropriato per discutere sulla

Dettagli

Motori maxon DC e maxon EC Le cose più importanti

Motori maxon DC e maxon EC Le cose più importanti Motori maxo DC e maxo EC Il motore come trasformatore di eergia Il motore elettrico trasforma la poteza elettrica P el (tesioe U e correte I) i poteza meccaica P mech (velocità e coppia M). Le perdite

Dettagli

PENSIONI INPDAP COME SI CALCOLANO

PENSIONI INPDAP COME SI CALCOLANO Mii biblioteca de Il Giorale Ipdap per rederci coto e sapere di piu Mii biblioteca de Il Giorale Ipdap per rederci coto e sapere di piu PENSIONI INPDAP COME SI CALCOLANO I tre sistemi I cique pilastri

Dettagli

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti Gorgo Lambert Pag. Dmostrazoe della Formula per la determazoe del umero d dvsor-test d prmaltà, d Gorgo Lambert Eugeo Amtrao aveva proposto l'dea d ua formula per calcolare l umero d dvsor d u umero, da

Dettagli

( ) ( ) ( ) ( ) ( ) CAPITOLO VII DERIVATE. (3) D ( x ) = 1 derivata di un monomio con a 0

( ) ( ) ( ) ( ) ( ) CAPITOLO VII DERIVATE. (3) D ( x ) = 1 derivata di un monomio con a 0 CAPITOLO VII DERIVATE. GENERALITÀ Defiizioe.) La derivata è u operatore che ad ua fuzioe f associa u altra fuzioe e che obbedisce alle segueti regole: () D a a a 0 0 0 derivata di u moomio D 6 D 0 D ()

Dettagli

Valutazione delle prestazioni termiche di sistemi con solai termoattivi in regime non stazionario

Valutazione delle prestazioni termiche di sistemi con solai termoattivi in regime non stazionario Valutazioe delle prestazioi termiche di sistemi co solai termoattivi i regime o stazioario MICHELE DE CARLI, Ph.D., Ricercatore, Dipartimeto di Fisica Tecica, Uiversità degli Studi di Padova, Padova, Italia.

Dettagli

Sistemi LTI descrivibile mediante SDE (Equazioni alle Differenze Standard)

Sistemi LTI descrivibile mediante SDE (Equazioni alle Differenze Standard) Sistemi LTI descrivibile mediate SDE (Equazioi alle Differeze Stadard) Nella classe dei sistemi LTI ua sottoclasse è quella dei sistemi defiiti da Equazioi Stadard alle Differeze Fiite (SDE), dette così

Dettagli

l = 0, 1, 2, 3,,, n-1n m = 0, ±1,

l = 0, 1, 2, 3,,, n-1n m = 0, ±1, NUMERI QUANTICI Le autofuzioi soo caratterizzate da tre parametri chiamati NUMERI QUANTICI e soo completamete defiite dai loro valori: : umero quatico pricipale l : umero quatico secodario m : umero quatico

Dettagli

8) Sia Dato un mazzo di 40 carte. Supponiamo che esso sia mescolato in modo

8) Sia Dato un mazzo di 40 carte. Supponiamo che esso sia mescolato in modo ESERCIZI DI CALCOLO DELLE PROBABILITÁ ) Qual e la probabilita che laciado dadi a facce o esca essu? Studiare il comportameto asitotico di tale probabilita per grade. ) I u sacchetto vi soo 0 pallie biache;

Dettagli

Esame di Matematica 2 Mod.A (laurea in Matematica) prova di accertamento del 4 novembre 2005

Esame di Matematica 2 Mod.A (laurea in Matematica) prova di accertamento del 4 novembre 2005 Esame di Matematica 2 ModA (laurea i Matematica prova di accertameto del 4 ovembre 25 ESERCIZIO Si poga a 3 5 + 9 e b 2 4 6 + 6 ( (a Si determii d MCD(a, b e gli iteri m, Z tali che d ma + b co m < b ed

Dettagli

Comportamento delle strutture in C.A. in Zona Sismica

Comportamento delle strutture in C.A. in Zona Sismica Comportameto delle strutture i c.a. i zoa sismica Pagia i/161 Comportameto delle strutture i C.A. i Zoa Sismica Prof. Paolo Riva Dipartimeto di Progettazioe e ecologie Facoltà di Igegeria Uiversità di

Dettagli

INTRODUZIONE ALLE SUCCESSIONI E SERIE: ALCUNI ESEMPI NOTEVOLI

INTRODUZIONE ALLE SUCCESSIONI E SERIE: ALCUNI ESEMPI NOTEVOLI INTRODUZIONE ALLE SUCCESSIONI E SERIE: ALCUNI ESEMPI NOTEVOLI Mirta Debbia LS A. F. Formiggii di Sassuolo (MO) - debbia.m@libero.it Maria Cecilia Zoboli - LS A. F. Formiggii di Sassuolo (MO) - cherubii8@libero.it

Dettagli

ESERCITAZIONE L adsorbimento su carbone attivo

ESERCITAZIONE L adsorbimento su carbone attivo ESERCITAZIONE adsorbimeto su carboe attivo ezioi di riferimeto: Processi basati sul trasferimeto di materia Adsorbimeto su carboi attivi Testi di riferimeto: Water treatmet priciples ad desi, WH Pricipi

Dettagli

Sommario lezioni di Probabilità versione abbreviata

Sommario lezioni di Probabilità versione abbreviata Sommario lezioi di Probabilità versioe abbreviata C. Frachetti April 28, 2006 1 Lo spazio di probabilità. 1.1 Prime defiizioi I possibili risultati di u esperimeto costituiscoo lo spazio dei campioi o

Dettagli

Verifica d Ipotesi. Se invece che chiederci quale è il valore di una media in una popolazione (stima. o falsa? o falsa?

Verifica d Ipotesi. Se invece che chiederci quale è il valore di una media in una popolazione (stima. o falsa? o falsa? Verifica d Iotesi Se ivece che chiederci quale è il valore ua mea i ua oolazioe (stima utuale Se ivece e itervallo che chiederci cofideza) quale è il avessimo valore u idea ua mea su quello i ua che oolazioe

Dettagli

Appunti di Statistica Matematica Inferenza Statistica Multivariata Anno Accademico 2014/15

Appunti di Statistica Matematica Inferenza Statistica Multivariata Anno Accademico 2014/15 Apputi di Statistica Matematica Ifereza Statistica Multivariata Ao Accademico 014/15 November 19, 014 1 Campioi e modelli statistici Siao Ω, A, P uo spazio di probabilità e X = X 1,..., X u vettore aleatorio

Dettagli

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI . L'INSIEME DEI NUMERI REALI. I pricipli isiemi di umeri Ripredimo i pricipli isiemi umerici N, l'isieme dei umeri turli 0; ; ; ; ;... L'ide ituitiv di umero turle è ssocit l prolem di cotre e ordire gli

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA

MATEMATICA FINANZIARIA Capializzazioe semplice e composa MATEMATICA FINANZIARIA Immagiiamo di impiegare 4500 per ai i ua operazioe fiaziaria che frua u asso del, % auo. Quao avremo realizzao alla fie dell operazioe? I u coeso

Dettagli

Dall atomo di Bohr alla costante di struttura fine

Dall atomo di Bohr alla costante di struttura fine Dall atomo di Bohr alla ostate di struttura fie. INFORMAZIONI SPETTROSCOPICHE SUGLI ATOMI E be oto he ogi sostaza opportuamete eitata emette radiazioi elettromagetihe. Co uo spettrosopio, o strumeti aaloghi,

Dettagli

Tavola 1 - Popolazione italiana residente alle date dei censimenti generali, riportata ai confini attuali - Anni 1861-2001 (migliaia di unità)

Tavola 1 - Popolazione italiana residente alle date dei censimenti generali, riportata ai confini attuali - Anni 1861-2001 (migliaia di unità) 4 Quai eravamo, quai siamo, quai saremo Che cosa si impara el capiolo 4 er cooscere le caraerisiche e l evoluzioe della popolazioe ialiaa araverso u lugo arco di empo uilizziamo il asso di icremeo medio

Dettagli

USUFRUTTO. 5) Quali sono le spese a carico dell usufruttuario

USUFRUTTO. 5) Quali sono le spese a carico dell usufruttuario USUFRUTTO 1) Che cos è l sfrtto e come si pò costitire? L sfrtto è il diritto di godimeto ( ovvero di possesso) di bee altri a titolo gratito ; viee chiamato sfrttario chi esercita tale diritto, metre

Dettagli

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi.

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi. Iroduzioe () Ua defiizioe (geerale) del ermie qualià: qualià è l isieme delle caraerisiche di u eià (bee o servizio) che e deermiao la capacià di soddisfare le esigeze espresse ed implicie di chi la uilizza.

Dettagli

ESERCIZI DI ANALISI I. Prof. Nicola Fusco 1. Determinare l insieme in cui sono definite le seguenti funzioni:

ESERCIZI DI ANALISI I. Prof. Nicola Fusco 1. Determinare l insieme in cui sono definite le seguenti funzioni: N. Fusco ESERCIZI DI ANALISI I Prof. Nicola Fusco Determiare l isieme i cui soo defiite le segueti fuzioi: ) log/ arctg π ) 4 ) log π 6 arcse ) ) tg log π + ) 4) 4 se se se tg 5) se cos tg 6) [ 6 + 8 π

Dettagli

ARGOMENTO: MISURA DELLA RESISTENZA ELETTRICA CON IL METODO VOLT-AMPEROMETRICO.

ARGOMENTO: MISURA DELLA RESISTENZA ELETTRICA CON IL METODO VOLT-AMPEROMETRICO. elazoe d laboratoro d Fsca corso M-Z Laboratoro d Fsca del Dpartmeto d Fsca e Astrooma dell Uverstà degl Stud d Cataa. Scala Stefaa. AGOMENTO: MSUA DELLA ESSTENZA ELETTCA CON L METODO OLT-AMPEOMETCO. NTODUZONE:

Dettagli

3M Prodotti per la protezione al fuoco. Building & Commercial Services

3M Prodotti per la protezione al fuoco. Building & Commercial Services 3M Prodotti per la protezioe al fuoco Buildig & Commercial Services Idice Sviluppi e treds...4-5 3M e le soluzioi aticedio...6-7 Dispositivi di attraversameto...8-19 Giuti di costruzioe...20-21 Sistemi

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici Stm e putual Probabltà e Statstca I - a.a. 04/05 - Stmator Vocabolaro Popolazoe: u seme d oggett sul quale s desdera avere Iformazo. Parametro: ua caratterstca umerca della popolazoe. E u Numero fssato,

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

Metodi d integrazione di Montecarlo

Metodi d integrazione di Montecarlo Metodi d itegrzioe di Motecrlo Simulzioe l termie simulzioe ell su ccezioe scietific h u sigificto diverso dll ccezioe correte. Nell uso ordirio è sioimo si fizioe; ell uso scietifico è sioimo di imitzioe,

Dettagli

Esercizi Le leggi dei gas. Lo stato gassoso

Esercizi Le leggi dei gas. Lo stato gassoso Esercizi Le lei dei as Lo stato assoso Ua certa quatità di as cloro, alla pressioe di,5 atm, occupa il volume di 0,58 litri. Calcola il volume occupato dal as se la pressioe viee portata a,0 atm e se la

Dettagli

AcidSoft. Le nostre soluzioni. Innovazione

AcidSoft. Le nostre soluzioni. Innovazione AiSoft AiSoft ase alla passioe per l'iformatio teology e si oretizza i ua realtà impreitoriale, ua perfetta reazioe imia tra ooseza teia e reatività per realizzare progetti i grae iovazioe. Le ostre soluzioi

Dettagli

Le operazioni fondamentali in N Basic Arithmetic Operations in N

Le operazioni fondamentali in N Basic Arithmetic Operations in N Operzioi fodetli i - 1 Le operzioi fodetli i Bsic Arithetic Opertios i I geerle u operzioe è u procedieto che due o più ueri, dti i u certo ordie e detti terii dell'operzioe, e ssoci u ltro, detto risultto

Dettagli

DOMINI DI CURVATURA DI SEZIONI IN C.A. IN PRESSOFLESSIONE DEVIATA. PARTE II: VALUTAZIONE SEMPLIFICATA

DOMINI DI CURVATURA DI SEZIONI IN C.A. IN PRESSOFLESSIONE DEVIATA. PARTE II: VALUTAZIONE SEMPLIFICATA Valutazioe e riduzioe della vulerailità sismia di ediii esisteti i.a. Roma, 9-0 maggio 00 DOMINI DI CURVATURA DI SEZIONI IN C.A. IN PRESSOFLESSIONE DEVIATA. PARTE II: VALUTAZIONE SEMPLIFICATA Di Ludovio

Dettagli

per lo Spettacolo masp CANDIDATI 2014 MASP X Sotto l Alto Patronato del Presidente della Repubblica

per lo Spettacolo masp CANDIDATI 2014 MASP X Sotto l Alto Patronato del Presidente della Repubblica Milao Italy Master i Maagemet per lo Spettacolo masp CANDIDATI 2014 MASP X Sotto l Alto Patroato del Presidete della Repubblica Lettera del Direttore Il Maestro Bertolt Brecht diceva che lo spettacolo

Dettagli

FONDAMENTI DI MECCANICA APPLICATA ALLE MACCHINE

FONDAMENTI DI MECCANICA APPLICATA ALLE MACCHINE DISPENSE DI: FONDAMENTI DI MECCANICA APPLICATA ALLE MACCHINE Testo di riferieto E. Fuaioli ed altri Meccaica applicata alle acchie vol. e - Ed. Patro BOZZA Idice. INTRODUZIONE ALLA MECCANICA APPLICATA

Dettagli

unoperatore@nellospaziodihilberth e sia z un numero complesso tale che z1-a,da==)rr_néh - 0 impli-chi l:= -1 (21-A) : R- n ==) Dn L- \

unoperatore@nellospaziodihilberth e sia z un numero complesso tale che z1-a,da==)rr_néh - 0 impli-chi l:= -1 (21-A) : R- n ==) Dn L- \ 3,6 56 3,6 TEOR I A SPETTRALE La teoria spettrale degli operatori lieari- eo spazio di Hilbert é f odata, coe per gi spazi f i-ito-dimes ioal j-, sula defiizioe di- risolvete di u operatole' Sia (A,DA)

Dettagli

Benvenuti in Ontario. Guida ai programmi e ai servizi per i nuovi arrivati in Ontario

Benvenuti in Ontario. Guida ai programmi e ai servizi per i nuovi arrivati in Ontario Beveuti i Otario Guida ai programmi e ai servizi per i uovi arrivati i Otario Idice Vivere i Otario........................................... 2 Come otteere l aiuto di cui avete bisogo.....................................

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

La necessità di trasmettere potenza tra organi in moto rotatorio è un problema frequentissimo e di grande importanza nell ingegneria.

La necessità di trasmettere potenza tra organi in moto rotatorio è un problema frequentissimo e di grande importanza nell ingegneria. La ecessità di tasmettee poteza ta ogai i moto otatoio è u poblema fequetissimo e di gade impotaza ell igegeia. Gli assi di otazioe ta i quali deve essee tasmesso il moto possoo essee paalleli I questo

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

IL CONTATTO INTERLINGUISTICO : TRA BILINGUISMO E DIGLOSSIA IN ITALIA

IL CONTATTO INTERLINGUISTICO : TRA BILINGUISMO E DIGLOSSIA IN ITALIA Ingeborga BESZTERDA & Beata SZPINGIER Università Adam Mickiewicz di Poznań IL CONTATTO INTERLINGUISTICO : TRA BILINGUISMO E DIGLOSSIA IN ITALIA Il contatto fra lingue e dialetti rappresenta un caso particolare

Dettagli

Indici di Posizione. Gli indici si posizione sono misure sintetiche ( valori caratteristici ) che descrivono la tendenza centrale di un fenomeno

Indici di Posizione. Gli indici si posizione sono misure sintetiche ( valori caratteristici ) che descrivono la tendenza centrale di un fenomeno Idc d Poszoe Gl dc s poszoe soo msure stetche ( valor caratterstc ) che descrvoo la tedeza cetrale d u feomeo La tedeza cetrale è, prma approssmazoe, la modaltà della varable verso la quale cas tedoo a

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

Analisi dei segnali nel dominio del tempo

Analisi dei segnali nel dominio del tempo Appui di Teoria dei Segali a.a. / Aalisi dei segali el domiio del empo L.Verdoliva I quesa prima pare del corso sudieremo come rappreseare i segali empo coiuo e discreo el domiio del empo e defiiremo le

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 La linguistica e i suoi settori 2 2 La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica 2 3 Le componenti della

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

aleatoria; se è nota la sua densità di probabilità ad essa si può associare una valore medio statistico. La grandezza così definita: (III.1.

aleatoria; se è nota la sua densità di probabilità ad essa si può associare una valore medio statistico. La grandezza così definita: (III.1. Caitolo III VALORI MEDI. SAZIONARIEÀ ED ERGODICIÀ III. - Mdi tatitich dl rimo ordi. Sia f( ) ua fuzio cotiua i aoci al gal alatorio (, t ζ ) la uatità dfiita dalla y f[(, t ζ )]. Ea idividua, a ua volta,

Dettagli

ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA

ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA Quado s vuole valutare u parametro θ ad esempo: meda, varaza, proporzoe, oeffete d regressoe leare, oeffete d orrelazoe leare, e) d ua popolazoe medate u ampoe asuale,

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI statistica, Università Cattaneo-Liuc, AA 006-007, lezione del 08.05.07 IDICE (lezione 08.05.07 PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIAZA DELLE QUATITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIOE CO I DATI OSSERVATI 3.1 Valore

Dettagli

Interpolazione. Davide Manca Calcoli di Processo dell Ingegneria Chimica Politecnico di Milano

Interpolazione. Davide Manca Calcoli di Processo dell Ingegneria Chimica Politecnico di Milano L4 Iterpolazioe L4 Prologo Co iterpolazioe si itede il processo di idividuare ua fuzioe, spesso u poliomio, che passi per u isieme dato di puti: (x,y). y x L4 2 Fii dell iterpolazioe 1. Sostituire u isieme

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

I radicali 1. Claudio CANCELLI (www.claudiocancelli.it)

I radicali 1. Claudio CANCELLI (www.claudiocancelli.it) I rdicli Cludio CANCELLI (www.cludioccelli.it) Ed..0 www.cludioccelli.it Dec. 0 I rdicli INDICE DEI CONTENUTI. I RADICALI... INDICE DI RADICE PARI...4 INDICE DI RADICE DISPARI...5 RADICALI SIMILI...6 PROPRIETA

Dettagli

APPROFONDIMENTI SUI NUMERI

APPROFONDIMENTI SUI NUMERI APPROFONDIMENTI SUI NUMERI. Il sistem di umerzioe deimle Be presto, ll operzioe turle del otre, si è ggiut l esigez di «rppresetre» i umeri. I sistemi di umerzioe possiili soo molti; per or i limitimo

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE La Sala consultazione della Biblioteca Provinciale P. Albino è organizzata secondo il principio dell accesso diretto da parte dell utenza al materiale

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO Art. 1 Disposizioni generali 1.1. Per gli anni scolastici 1997-98, 1998-99 e 1999-2000, nell'autorizzazione al funzionamento

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana CRITERI DI VALUTAZIONE PER LE PROVE SCRITTE L obiettivo del valutatore, nella correzione delle prove

Dettagli