INTRODUZIONE ALL ANALISI DEI DATI DI SOPRAVVIVENZA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INTRODUZIONE ALL ANALISI DEI DATI DI SOPRAVVIVENZA"

Transcript

1 INTRODUZIONE ALL ANALISI DEI DATI DI SOPRAVVIVENZA Dott. Simone Accordini Sezione di Epidemiologia & Statistica Medica Università degli Studi di Verona DISEGNO DI COORTE ESPOSTI (D 1 OUTCOME NON ESPOSTI (D 0 OUTCOME momento dello studio direzione dello studio 1. selezione di soggetti che non hanno l outcome sulla base dello status di esposizione (D 2. misurazione prospettica dell occorrenza dell outcome confronto degli esposti e dei non esposti rispetto alla distribuzione dell outcome 1

2 DISEGNO DI COORTE: DATI COME PERSONE-TEMPO i soggetti possono entrare nello studio in momenti diversi alcuni soggetti vengono persi al follow-up POICHE... un soggetto è effettivamente a rischio solo fino a quando non sviluppa la malattia PERSONE-TEMPO: somma di tutti i tempi di osservazione dei soggetti a rischio Esempio: 1/1/ /1/ Sviluppo della malattia Persone- = = 26 persone-anno 2

3 TASSO DI INCIDENZA (I: misura della velocità media di comparsa dei nuovi eventi di malattia in una popolazione I = r PT -1 PT = persone- r = numero di nuovi casi nel periodo tra t 0 e t 1 Tra t 0 e t 1 : PT = 26 persone-anno numero di nuovi casi = 3 1/1/ /1/ Sviluppo della malattia I = 3/26 persone-anno = casi per anno -1 Il tasso: è espresso come numero di casi per -1 viene generalmente moltiplicato per una costante di convenienza (100; 1000; I 3 1 = *1000 = 115 (x 1000 anni casi ogni 1000 persone osservate per un anno 3

4 l unità di è arbitraria: il tasso può essere espresso in giorni -1, mesi -1, anni -1,... I 3 1 = *1000 = 115 (x 1000 anni 26 anni 115 casi ogni 1000 persone osservate per un anno I 3 1 = *1000 = 9.6 (x 1000 mesi 312mesi 9.6 casi ogni 1000 persone osservate per un mese Esempio: In uno studio sulla relazione tra l utilizzo di ormoni nella post-menopausa e l insorgenza di CHD, si sono evidenziati 90 nuovi casi tra donne in menopausa, per un periodo totale di follow-up di persone-anno. I = 90 = x anni casi per 100 persone all anno oppure 8.5 casi per 1000 persone all anno oppure 85 casi per persone all anno 4

5 Esercizio: Calcolate il tasso di incidenza sulla base dell esperienza di malattia dei 14 soggetti tra l 1/1/1986 e l 1/1/1989 rappresentata nel seguente grafico. OUTCOME DICOTOMICO DATI COME PERSONE-TEMPO Esposti (D 1 Non Esposti (D 0 Totale num. di casi r 1 r 0 r persone- PT 1 PT 0 PT 5

6 Esempio: Studio di coorte sulla relazione tra la somministrazione ripetuta di esami radiografici al torace e l occorrenza del tumore al seno in donne con la tubercolosi (Boice & Monson. J Natl Cancer Inst 1977;59: Radiazioni SI (D 1 NO (D 0 Totale Casi di tumore al seno Persone-anno INFERENZA SU TASSI DI INCIDENZA Esempio (continua: Radiazioni SI (D 1 NO (D 0 Totale Casi di tumore al seno Persone-anno I 1 = 41 / persone-anno = casi per persona-anno = 146 casi per persone-anno I 0 = 15 / persone-anno = casi per persona-anno = 79 casi per persone-anno 6

7 MISURA DELL EFFETTO RELATIVO rischio relativo (RR = I 1 / I 0 RR > 1 RR < 1 RR = 1 l esposizione è un fattore di rischio l esposizione è un fattore protettivo l esposizione non è un determinante Esempio (continua: Radiazioni SI (D 1 NO (D 0 Totale Casi di tumore al seno Persone-anno RR = I 1 / I 0 = 1.86 Una malata di tubercolosi esposta a ripetuti esami radiografici al torace ha un rischio di sviluppare un tumore al seno superiore dell 86% del rischio per una malata di tubercolosi non esposta. 7

8 DISEGNO DI COORTE: ANALISI DELLA SOPRAVVIVENZA esposizione ad un potenziale determinante trattamento survival time (durata della sopravvivenza failure time ( di insuccesso OUTCOME EVENTO INIZIALE EVENTO CRITICO DI INTERESSE (ENDPOINT SURVIVAL TIME EVENTO INIZIALE: studi clinici diagnosi, randomizzazione, inizio trattamento studi epidemiologici esposizione ENDPOINT: morte per qualsiasi causa overall survival morte per causa specifica survival progressione della malattia, mancata risposta, remissione parziale, recidiva locale e/o metastasi a distanza, grave tossicità, morte event free survival ricorrenza della malattia (se in remissione all inizio del follow-up disease free survival 8

9 TEMPO DI CALENDARIO TEMPO DI OSSERVAZIONE PAZIENTE PAZIENTE 1/1/ /12/ /12/ mesi INIZIO DELLO STUDIO FINE DEL RECLUTAMENTO FINE DELLO STUDIO TEMPO DI ENTRATA TEMPO MASSIMO DI OSSERVAZIONE DROP-OUT PERIODO DI RECLUTAMENTO WITHDRAWN ALIVE PERIODO MINIMO DI OSSERVAZIONE EVENTO Censura informativa vs non informativa: MECCANISMO DI CENSURA DROP OUT INTERRUZIONE DELLA TERAPIA ASSEGNATA FINE DELLO STUDIO potenzialmente informativa probabilmente non informativa 9

10 CARATTERISTICHE DEI DATI DI SOPRAVVIVENZA: coppia di variabili (T, δ T = dall entrata nello studio 1 T 0 2 T ha distribuzione con asimmetria positiva δ = indicatore di occorrenza dell evento critico (1 = evento osservato, 0 = censurato CENSURA A DESTRA: sappiamo soltanto che il di sopravvivenza supera una certa durata esempio: studio di mortalità per cancro (durata = 5 anni tempi di sopravvivenza censurati a destra per: - pazienti vivi al termine dei 5 anni (withdrawn alive - pazienti persi durante il follow-up (drop out - pazienti morti per altre cause durante lo studio Esempio (Freireich et al, 1963: trial clinico multicentrico, 42 bambini con leucemia linfoblastica acuta in remissione completa, assegnazione randomizzata di 6-mercaptopurina o placebo, endpoint = ricorrenza della leucemia Tempo di ricaduta per pazienti con placebo (settimane Tempo di ricaduta per pazienti con 6-MP (settimane

11 T δ evento (δ=1 censura (δ=0 DISTRIBUZIONE DEL TEMPO DI INSUCCESSO (T: 1. funzione distribuzione: F(t = Prob(T t probabilità che il di insuccesso sia t F(0 = 0 e lim t F(t = 1 2. funzione sopravvivenza: S(t = 1 - F(t = Prob(T > t probabilità di sopravvivenza al t S(0 = 1 e lim t S(t = 0 3. funzione rischio: λ(t = [df(t/dt] / S(t tasso istantaneo di insuccesso nell intervallo infinitesimale (t,t+dt 11

12 OBIETTIVI DELL ANALISI DELLA SOPRAVVIVENZA: stimare la distribuzione del di insuccesso confrontare la sopravvivenza tra gruppi diversi di soggetti valutare l effetto di differenti variabili (caratteristiche demografiche, cliniche, patologiche, fattori di rischio, trattamenti sulla sopravvivenza ASSUNZIONI DELL ANALISI DELLA SOPRAVVIVENZA: indipendenza delle N osservazioni {(t i,δ i, i=1,..,n} censura non informativa i soggetti censurati hanno la stessa probabilità d insuccesso dei soggetti non censurati 1. STIMARE LA DISTRIBUZIONE DEL TEMPO DI INSUCCESSO: MODELLI PARAMETRICI assumere una particolare forma funzionale per la distribuzione del di insuccesso stimare i parametri della distribuzione 12

13 DISTRIBUZIONE ESPONENZIALE λ(t = λ S(t = exp(- λt DISTRIBUZIONE DI WEIBULL λ(t = λγ (λt γ-1 S(t = exp[- (λt γ ] λ(t 2 1,5 1 0,5 λ = 1 λ(t γ = 0.5 λ = 1 γ = 1.5 γ = S(t 1 0,75 0,5 0, S(t 1 0,75 0,5 0, STIMARE LA DISTRIBUZIONE DEL TEMPO DI INSUCCESSO: METODO NON PARAMETRICO funzione sopravvivenza: S(t = Prob(T > t probabilità di sopravvivenza al t STIMATORE NON-PARAMETRICO DI S(t: KAPLAN-MEIER assenza/scarsità di informazioni a priori sulla forma di S(t 13

14 STIMATORE NON-PARAMETRICO DI S(t: KAPLAN-MEIER (dati non censurati N soggetti k ( N tempi di insuccesso ordinati: t (1, t (2,, t (k d i = numero di eventi in t (i n i = numero di soggetti a rischio in t (i d 1 d 2 d 3 0 t (1 t (2 t (3 t (k n 1 = N n 3 = n 2 - d 2 = N - d 1 - d 2 n 2 = n 1 - d 1 = N - d 1 S(0 = 1 S(t (1 = Prob(T > t (1 = (N - d 1 / N prob. condizionale S(t(2 = Prob(T > t (2 = Prob(T > t (1 * Prob(T > t (2 T > t (1 = [(N - d 1 / N] * [(N - d 1 - d 2 / (N - d 1 ] = (N - d 1 - d 2 / N S(t (3 = Prob(T > t (3 sogg. a rischio: n 2 = Prob(T > t (1 * Prob(T > t (2 T > t (1 * Prob(T > t (3 T > t (2 = [(N - d 1 - d 2 / N] * [(N - d 1 - d 2 - d 3 / (N - d 1 - d 2 ] = (N - d 1 - d 2 - d 3 / N sogg. a rischio: n 3 S(t (k = Prob(T > t (k = (N - d 1 - d d k-1 - d k / N se N eventi S(t (k = 0 14

15 Esempio: gruppo con placebo DATI NON CENSURATI Tempo (settimane No. eventi No. soggetti a rischio Prob. condizionale di remissione Prob. cumulativa di remissione: S(t /21 = /19 = * = /17 = * = /16 = * = /14 = * = /12 = * = /8 = * = /6 = * = /4 = * = /3 = * = /2 = * = /1 = * = S(t ,75 0,5 0, (settimane STIMATORE NON-PARAMETRICO DI S(t: KAPLAN-MEIER (dati censurati N soggetti k ( N tempi di insuccesso ordinati: t (1, t (2,, t (k c i = numero di soggetti con censura tra t (i-1 e t (i d i = numero di eventi in t (i n i = numero di soggetti a rischio in t (i c 1 c 2 c 3 c k d 1 d 2 d 3 d k 0 t (1 t (2 t (3 t (k n 1 = N - c 1 n 3 = n 2 - d 2 - c 3 = N - c 1 - d 1 - c 2 - d 2 - c 3 n 2 = n 1 - d 1 - c 2 n k = n k-1 - d k-1 - c k = N - c 1 - d 1 - c 2 15

16 S(0 = 1 S(t (1 = Prob(T > t (1 = (n 1 - d 1 / n 1 S(t (2 = Prob(T > t (2 = Prob(T > t (1 * Prob(T > t (2 T > t (1 = [(n 1 - d 1 / n 1 ] * [(n 2 - d 2 / n 2 ] S(t (3 = Prob(T > t (3 = Prob(T > t (1 * Prob(T > t (2 T > t (1 * Prob(T > t (3 T > t (2 = [(n 1 - d 1 / n 1 ] * [(n 2 - d 2 / n 2 ] * [(n 3 - d 3 / n 3 ] S(t (k = Prob(T > t (k = [(n 1 - d 1 / n 1 ] * [(n 2 - d 2 / n 2 ] * * [(n k - d k / n k ] se l ultimo osservato è di insuccesso n k = d k S(t (k = 0 Esempio: gruppo con 6-MP S(t 1 Tempo (settimane No. dati censurati No. eventi No. soggetti a rischio Prob. condizionale di remissione Prob. cumulativa di remissione: S(t /21 = /17 = * = /15 = * = /12 = * = /11 = * = /7 = * = /6 = * = ,75 0,5 0, (settimane 16

17 MODELLO PARAMETRICO VS STIMA NON PARAMETRICA gruppo con placebo gruppo con 6-MP Kaplan-Meier survival estimate 12 8 n soggetti a rischio analysis time gruppo con placebo n soggetti a rischio all inizio dell intervallo di gruppo con 6-MP Kaplan-Meier survival estimate analysis time

18 VARIABILITA DELLE STIME DI KAPLAN-MEIER stime soggette a variazione casuale associare a ciascuna stima della probabilità cumulativa di sopravvivenza S(t una misura di precisione intervallo di confidenza (formula di Greenwood S(16 = %CI = [0.42, 0.79] TEMPO DI SOPRAVVIVENZA MEDIANO (t 0.5 in corrispondenza del quale si ha S(t = 0.5 stima il fino al quale il 50% dei soggetti è atteso sopravvivere S(t 1 0,75 0,5 0, (settimane t 0.5 = 8 settimane 95%CI = [4,11] non è calcolabile se S(t è sempre >0.5 può essere molto inaccurato se S(t non decresce rapidamente 18

19 2. CONFRONTARE LA SOPRAVVIVENZA TRA GRUPPI DIVERSI DI SOGGETTI: TEST DI MANTEL-HAENZEL (LOG-RANK TEST confronto tra due (o più gruppi permette di verificare il sistema di ipotesi H 0 : λ 1 (t = λ 0 (t H 1 : λ 1 (t = θ λ 0 (t uguale sopravvivenza (rischi proporzionali se θ < 1 migliore sopravvivenza nel gruppo esposto se θ > 1 migliore sopravvivenza nel gruppo non esposto RISCHI PROPORZIONALI S(t RISCHI NON PROPORZIONALI S(t statistica test di Mantel-Haenzel: { Σ [d 1i - E(d 1i ] } 2 Q M-H = Σ VAR(d 1i numero di eventi attesi sotto H 0 nel gruppo esposto al t (i numero di eventi osservati nel gruppo esposto al t (i sotto H 0 (se è vera H 0, Q M-H ha distribuzione chi-quadrato con 1 grado di libertà Kaplan-Meier survival estimates, by tratt analysis time tratt = placebo tratt = 6-MP Q M-H = 16.8 p<0.001 efficacia del farmaco 6-MP 19

20 3. ANALISI MULTIVARIATA MEDIANTE MODELLI DI REGRESSIONE SCOPI: valutare l effetto di più variabili sulla durata della sopravvivenza valutare l interazione tra due o più variabili (i.e., modificazione di effetto controllare il confondimento sbilanciamento di fattori rilevanti per la durata della sopravvivenza nei gruppi di interesse DATI DI SOPRAVVIVENZA: coppia di variabili (T, δ (X 1, X 2,, X r = covariate N osservazioni {(t i,δ i,x 1i,x 2i,,x ri, i=1,..,n} T δ X 1 variabile dummy placebo (X 1 =0 6-MP (X 1 =1 20

21 3. ANALISI MULTIVARIATA MEDIANTE MODELLI DI REGRESSIONE: MODELLO DI COX (A RISCHI PROPORZIONALI λ(t,x i = λ 0 (t exp(β 1 x 1i + β 2 x 2i β r x ri funzione non esplicitata del t uguale per tutti i soggetti modello semi-parametrico X quantità che dipende dal valore delle covariate attraverso i coefficienti di regressione (β 1,β 2,..,β r, ma che non dipende dal ASSUNZIONI: 1. proporzionalità dei rischi 2. covariate costanti nel 3. effetto moltiplicativo sul rischio di covariate indipendenti RISCHI PROPORZIONALI: X 1 = trattamento (0 = standard (A, 1 = sperimentale (B X 2 = sesso (0 = femmina, 1 = maschio soggetto 1 (tratt. B, maschio (x 11, x 21 = (1,1 λ(t,x 1 = λ 0 (t exp(β 1 x 11 + β 2 x 21 = λ 0 (t exp(β 1 + β 2 soggetto 2 (tratt. A, maschio (x 12, x 22 = (0,1 λ(t,x 2 = λ 0 (t exp(β 1 x 12 + β 2 x 22 = λ 0 (t exp(β 2 21

22 λ(t,x 1 λ 0 (t exp(β 1 x 11 + β 2 x 21 = λ(t,x 2 λ 0 (t exp(β 1 x 12 + β 2 x 22 = exp(β 1 (x 11 - x 12 + β 2 (x 21 - x 22 = exp(β 1 (1-0 + β 2 (1-1 = exp(β 1 non dipende da t soggetto 3 (tratt. A, femmina (x 13, x 23 = (0,0 λ(t,0 = λ 0 (t exp(β β 2 0 = λ 0 (t exp(0 = λ 0 (t funzione rischio baseline SIGNIFICATO DEI PARAMETRI: Gruppo X 1 λ(t,x 1 = λ 0(t exp(β 1x 1 lnλ(t,x 1 = lnλ 0(t + β 1x 1 A 0 λ(t,0 = λ 0(t lnλ(t,0 = lnλ 0(t B 1 λ(t,1 = λ 0(t exp(β 1 lnλ(t,1 = lnλ 0(t + β 1 Hazard Ratio (HR exp(β 1 = λ(t,1 / λ(t,0 β 1 = lnλ(t,1 - lnλ 0(t β 1 < 0 β 1 > 0 HR (B vs A = exp(β 1 > 1 ( peggiore sopravvivenza in B β 1 < 0 0 < HR (B vs A = exp(β 1 < 1 ( migliore sopravvivenza in B β 1 = 0 HR (B vs A = exp(β 1 = 1 ( uguale sopravvivenza 22

23 Gruppo (X 1,X 2 λ(t,x = λ 0 (t exp(β 1 x 1 + β 2 x 2 lnλ(t,x = lnλ 0 (t + β 1 x 1 + β 2 x 2 A,F (0,0 λ 0 (t lnλ 0 (t B,F (1,0 λ 0 (t exp(β 1 lnλ 0 (t + β 1 A,M (0,1 λ 0 (t exp(β 2 lnλ 0 (t + β 2 B,M (1,1 λ 0 (t exp(β 1 + β 2 = λ 0 (t exp(β 1 exp(β 2 lnλ 0 (t + β 1 + β 2 effetto moltiplicativo effetto additivo HR (B vs A = exp(β 1 = effetto del trattamento, al netto dell effetto del sesso HR (M vs F = exp(β 2 = effetto del sesso, al netto dell effetto del trattamento β 1 < 0 β 2 > 0 Esempio (Iacono et al, 2001: studio clinico osservazionale, 25 pazienti con adenocarcinoma duttale pancreatico in R0, confronto tra pancreaticoduodenectomia standard (SPD ed estesa (EPD Evento iniziale: trattamento (intervento chirurgico Endpoint: morte HR Std. Err. P-value [95% Conf. Interval] Treatment (SPD vs EPD Grading of tumor differentiation (poor vs moderate Type of resection (pylorus-preserving vs hemigastrectomy H 0 : β = 0 H 1 : β 0 H 0 : exp(β = 1 H 1 : exp(β 1 23

24 3. ANALISI MULTIVARIATA MEDIANTE MODELLI DI REGRESSIONE: MODELLI PARAMETRICI (A RISCHI PROPORZIONALI λ(t,x i = λ 0 (t exp(β 1 x 1i + β 2 x 2i β r x ri funzione esplicitata del t uguale per tutti i soggetti ESPONENZIALE: λ 0 (t = λ WEIBULL: λ 0 (t = λγ (λt γ-1 HR = ,75 1,5 1,25 1 0,75 0,5 0,25 0 λ = 1 λ 0 (t*exp(β λ 0 (t = λ = 1 γ = 1.5 λ 0 (t*exp(β λ 0 (t = 1.5 t

ANALISI DELLA SOPRAVVIVENZA

ANALISI DELLA SOPRAVVIVENZA ANALISI DELLA SOPRAVVIVENZA Prof. Giuseppe Verlato Sezione di Epidemiologia e Statistica Medica Università degli Studi di Verona OBIETTIVI DELL ANALISI DELLA SOPRAVVIVENZA 1) STIMARE la funzione di sopravvivenza

Dettagli

Misure della relazione di occorrenza

Misure della relazione di occorrenza Misure della relazione di occorrenza (associazione tra un determinante e l outcome) Misure di effetto (teoriche) Misure di associazione (stime empiriche delle precedenti) EFFETTO: quantità di cambiamento

Dettagli

METODI NON PARAMETRICI PER LA STIMA E IL CONFRONTO DELLA SOPRAVVIVENZA TRA GRUPPI

METODI NON PARAMETRICI PER LA STIMA E IL CONFRONTO DELLA SOPRAVVIVENZA TRA GRUPPI METODI NON PARAMETRICI PER LA STIMA E IL CONFRONTO DELLA SOPRAVVIVENZA TRA GRUPPI ESEMPIO 1: I dati sono riportati nel libro E. Marubini, M.G. Valsecchi. Analysing survival data from clinical trials and

Dettagli

XXXIX CONGRESSO ANNUALE AIE Milano, 28-31 ottobre 2015. La sopravvivenza dei pazienti dializzati incidenti in Regione Veneto:

XXXIX CONGRESSO ANNUALE AIE Milano, 28-31 ottobre 2015. La sopravvivenza dei pazienti dializzati incidenti in Regione Veneto: XXXIX CONGRESSO ANNUALE AIE Milano, 28-31 ottobre 2015 La sopravvivenza dei pazienti dializzati incidenti in Regione Veneto: analisi della coorte 2007-2010 del Registro Veneto Dialisi e Trapianti (RVDT)

Dettagli

ANALISI DEI DATI EPIDEMIOLOGICI

ANALISI DEI DATI EPIDEMIOLOGICI ANALISI DEI DATI EPIDEMIOLOGICI Cenni di statistica Che cosa è la statistica Statistica descrittiva e statistica inferenziale Test statistici di ipotesi Intervalli di confidenza Analisi stratificata TEST

Dettagli

SINOSSI DELLO STUDIO EUDRACT N. 2012-001028-36 COORDINAMENTO E RESPONSABILE DELLO STUDIO

SINOSSI DELLO STUDIO EUDRACT N. 2012-001028-36 COORDINAMENTO E RESPONSABILE DELLO STUDIO SINOSSI DELLO STUDIO TITOLO EUDRACT N. 2012-001028-36 COORDINAMENTO E RESPONSABILE DELLO STUDIO SPONSOR Sequenza ottimale di ormonoterapia in pazienti con carcinoma mammario metastatico ricadute dopo terapia

Dettagli

Trials clinici. Disegni di studio

Trials clinici. Disegni di studio Trials Clinici Dott.ssa Pamela Di Giovanni Studi descrittivi Disegni di studio Popolazioni Individui Studi analitici Osservazionali Sperimentali Studi di correlazione o ecologici Case report - Case series

Dettagli

Università del Piemonte Orientale. Corsi di Laurea Triennale. Corso di Statistica e Biometria. Elementi di Epidemiologia

Università del Piemonte Orientale. Corsi di Laurea Triennale. Corso di Statistica e Biometria. Elementi di Epidemiologia Università del Piemonte Orientale Corsi di Laurea Triennale Corso di Statistica e Biometria Elementi di Epidemiologia Corsi di Laurea Triennale Corso di Statistica e Biometria: Elementi di epidemiologia

Dettagli

Rischio di mesotelioma dopo radioterapia esterna: uno studio longitudinale basato sui dati SEER

Rischio di mesotelioma dopo radioterapia esterna: uno studio longitudinale basato sui dati SEER Rischio di mesotelioma dopo radioterapia esterna: uno studio longitudinale basato sui dati SEER Andrea Farioli a, Marta Ottone a, Alessio Giuseppe Morganti b, Gaetano Compagnone c, Fabrizio Romani c, Silvia

Dettagli

Metodologia per l analisi dei dati sperimentali L analisi di studi con variabili di risposta multiple: Regressione multipla

Metodologia per l analisi dei dati sperimentali L analisi di studi con variabili di risposta multiple: Regressione multipla Il metodo della regressione può essere esteso dal caso in cui si considera la variabilità della risposta della y in relazione ad una sola variabile indipendente X ad una situazione più generale in cui

Dettagli

Disegno, misure di efficacia ed analisi dei trials clinici. 30-3-2005 Medicina e chirurgia, V anno, mod.ebm 1

Disegno, misure di efficacia ed analisi dei trials clinici. 30-3-2005 Medicina e chirurgia, V anno, mod.ebm 1 Disegno, misure di efficacia ed analisi dei trials clinici 30-3-2005 Medicina e chirurgia, V anno, mod.ebm 1 Check-list per la lettura di un protocollo di trial clinico Protocollo Definizione degli obiettivi

Dettagli

Igiene. Dott. Pamela Di Giovanni. Definizione

Igiene. Dott. Pamela Di Giovanni. Definizione Igiene Dott. Pamela Di Giovanni Definizione Disciplina medica che ha come obiettivo la tutela e la promozione della salute umana, intendendo per salute umana un completo stato di benessere psichico, fisico

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

Trial clinici in oncologia. Corrado Magnani

Trial clinici in oncologia. Corrado Magnani Trial clinici in oncologia Corrado Magnani Check-list Protocollo Definizione degli obiettivi Chiarezza Aggiornamento rispetto alle conoscenze scientifiche Non replicazione / giustificazione Formulazione

Dettagli

ANALISI DELLA SOPRAVVIVENZA: IL MODELLO DI COX (parte I)

ANALISI DELLA SOPRAVVIVENZA: IL MODELLO DI COX (parte I) ANALISI DELLA SOPRAVVIVENZA: IL MODELLO DI COX (parte I) ESEMPIO 1 (continua): La costruzione del modello di Cox viene effettuata tramite un unico comando. Poiché il modello contiene una covariata categoriale

Dettagli

Sopravvivenza e mortalità: come interpretare correttamente i dati degli studi

Sopravvivenza e mortalità: come interpretare correttamente i dati degli studi Sopravvivenza e mortalità: come interpretare correttamente i dati degli studi Alessandro Battaggia, Luca Puccetti e Renato Rossi (in ordine alfabetico) I concetti di mortalità e sopravvivenza possono essere

Dettagli

Università del Piemonte Orientale. Master per data manager. Epidemiologia dei tumori. Screening in oncologia

Università del Piemonte Orientale. Master per data manager. Epidemiologia dei tumori. Screening in oncologia Università del Piemonte Orientale Master per data manager Epidemiologia dei tumori Screening in oncologia Epidemiologia Che cos è l epidemiologia Metodi e strumenti La descrizione epidemiologica di una

Dettagli

Incidenza, mortalità e sopravvivenza per tumore in Italia nel 2015

Incidenza, mortalità e sopravvivenza per tumore in Italia nel 2015 I numeri del cancro in Italia 2015 Ministero della Salute - Roma 24 Settembre 2015 Incidenza, mortalità e sopravvivenza per tumore in Italia nel 2015 Carmine Pinto Presidente Nazionale AIOM I quesiti per

Dettagli

Università del Piemonte Orientale. Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia. Corso di Statistica Medica. I modelli di studio

Università del Piemonte Orientale. Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia. Corso di Statistica Medica. I modelli di studio Università del Piemonte Orientale Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia Corso di Statistica Medica I modelli di studio Corso di laurea in medicina e chirurgia - Statistica Medica Disegno dello studio

Dettagli

Rischio di ospedalizzazione successiva alla prima dialisi nel Lazio: differenze per titolo di studio, età e genere.

Rischio di ospedalizzazione successiva alla prima dialisi nel Lazio: differenze per titolo di studio, età e genere. Rischio di ospedalizzazione successiva alla prima dialisi nel Lazio: differenze per titolo di studio, età e genere. Claudia Marino, Nera Agabiti, Anna Maria Bargagli, Laura Cacciani, Salvatore Di Giulio,

Dettagli

Epidemiologia generale

Epidemiologia generale Epidemiologia Da un punto di vista etimologico, epidemiologia è una parola di origine greca, che letteralmente significa «discorso riguardo alla popolazione» Epidemiologia generale Disciplina che ha come

Dettagli

A.A. 2014-2015. Obiettivi formativi del CI di Metodologia epidemiologica OBIETTIVO GENERALE

A.A. 2014-2015. Obiettivi formativi del CI di Metodologia epidemiologica OBIETTIVO GENERALE A.A. 2014-2015 Obiettivi formativi del CI di Metodologia epidemiologica OBIETTIVO GENERALE Utilizzare gli strumenti epidemiologici e statistici appropriati per ridurre l'area dell'incertezza nella rilevazione

Dettagli

Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Italia

Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Italia Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Sintesi L incidenza e la mortalità per il tumore del polmone stimate in nel periodo 197-215 mostrano andamenti differenti tra uomini e donne:

Dettagli

STUDI EPIDEMIOLOGICI. Giuseppe Gorini ISPO, Firenze g.gorini@ispo.toscana.it

STUDI EPIDEMIOLOGICI. Giuseppe Gorini ISPO, Firenze g.gorini@ispo.toscana.it STUDI EPIDEMIOLOGICI Giuseppe Gorini ISPO, Firenze g.gorini@ispo.toscana.it EPIDEMIOLOGIA DESCRITTIVA Studi sulla distribuzione di malattie nella popolazione in esame Tempo, luogo, persone affette da malattie

Dettagli

Misure di Associazione

Misure di Associazione Misure di Associazione Prof. Tommaso Staniscia Introduzione Esposizione e Malattia Esposizione (E) = variabile esplicativa Qualsiasi agente, ospite, o fattore ambientale che può avere un effetto sulla

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA DEL TUMORE DELLA MAMMELLA NELLE DONNE GIOVANI IN VENETO. PERIODO 2005-2008 E ANDAMENTI TEMPORALI DAL 1990.

EPIDEMIOLOGIA DEL TUMORE DELLA MAMMELLA NELLE DONNE GIOVANI IN VENETO. PERIODO 2005-2008 E ANDAMENTI TEMPORALI DAL 1990. agosto 2015 EPIDEMIOLOGIA DEL TUMORE DELLA MAMMELLA NELLE DONNE GIOVANI IN VENETO. PERIODO 2005-2008 E ANDAMENTI TEMPORALI DAL 1990. Registro Tumori del Veneto Baracco M, Baracco S, Bovo E, Cesco G, Dal

Dettagli

Fattori prognostici del carcinoma gastrico nell anziano

Fattori prognostici del carcinoma gastrico nell anziano DIPARTIMENTO DI SCIENZE MEDICHE E CHIRURGICHE. CLINICA GERIATRICA UNIVERSITà DEGLI STUDI DI PADOVA Fattori prognostici del carcinoma gastrico nell anziano G.Gasparini, C. Santoro, ED. Toffannello, E. Faccioli,

Dettagli

Metodi Statistici in Biomedicina

Metodi Statistici in Biomedicina Dipartimento di Fisica SMID a.a. 2004/2005 Metodi Statistici in Biomedicina Prof. Sandro Squarcia tel. 010 353 6207 squarcia@ge.infn.it www.ge.infn.it/~squarcia Laboratorio di Fisica e Statistica Medica

Dettagli

ESERCITAZIONE 2. TRATTO E MODIFICATO DA: Esercizi di epidemiologia - MORO, DAVOLI, PIRASTU Il pensiero scientifico editore

ESERCITAZIONE 2. TRATTO E MODIFICATO DA: Esercizi di epidemiologia - MORO, DAVOLI, PIRASTU Il pensiero scientifico editore ESERCITAZIONE 2 TRATTO E MODIFICATO DA: Esercizi di epidemiologia - MORO, DAVOLI, PIRASTU Il pensiero scientifico editore Modalità di lettura della tabella di contingenza 2x2 sull associazione tra l esposizione

Dettagli

Esposizione ed effetto

Esposizione ed effetto Esposizione ed effetto In epidemiologia, si è spesso interessati a conoscere quale sia l effetto di una determinata esposizione. - Es. 1. qual è l effetto di una dieta vegetariana sulla salute? La dieta

Dettagli

SMID a.a. 2004/2005 Corso di Metodi Statistici in Biomedicina Tassi di incidenza 9/2/2005

SMID a.a. 2004/2005 Corso di Metodi Statistici in Biomedicina Tassi di incidenza 9/2/2005 SMID a.a. 2004/2005 Corso di Metodi Statistici in Biomedicina Tassi di incidenza 9/2/2005 Ricerca epidemiologica Gli epidemiologi sono interessati a conoscere l incidenza delle malattie per prevedere i

Dettagli

Il corso si colloca nell ambito del corso integrato di scienze quantitative, al secondo anno, primo semestre.

Il corso si colloca nell ambito del corso integrato di scienze quantitative, al secondo anno, primo semestre. Corso di Statistica Medica 2004-2005 Il corso si colloca nell ambito del corso integrato di scienze quantitative, al secondo anno, primo semestre. Sono previste 30 ore di lezione di statistica e 12 di

Dettagli

I programmi di screening colorettale in Italia: aggiornamenti

I programmi di screening colorettale in Italia: aggiornamenti Padova, 31 gennaio 2012 I programmi di screening colorettale in Italia: aggiornamenti Manuel Zorzi Registro Tumori del Veneto Programmi di screening colorettale per anno di attivazione Popolazione

Dettagli

Epidemiologia. Prof. Tommaso Staniscia

Epidemiologia. Prof. Tommaso Staniscia Epidemiologia Prof. Tommaso Staniscia È la branca dell Igiene che studia l andamento di tutte le entità morbose nelle comunità e lo stato di salute delle popolazioni IGIENE EPIDEMIOLOGIA PROFILASSI EDUCAZIONE

Dettagli

IL DISEGNO DELLO STUDIO

IL DISEGNO DELLO STUDIO IL DISEGNO DELLO STUDIO Le strategie dell epidemiologia clinica Epidemiologia osservazionale Studi descrittivi Case-report Case-series Studi costruttivi Trasversali Caso-controllo Coorte Epidemiologia

Dettagli

STUDIO OSSERVAZIONALE SULLA TERAPIA DELLA PATOLOGIA MAMMARIA INDOTTA DALLA MONOTERAPIA CON ANTIANDROGENO PURO PER ADENOCARCINOMA PROSTATICO

STUDIO OSSERVAZIONALE SULLA TERAPIA DELLA PATOLOGIA MAMMARIA INDOTTA DALLA MONOTERAPIA CON ANTIANDROGENO PURO PER ADENOCARCINOMA PROSTATICO STUDIO OSSERVAZIONALE SULLA TERAPIA DELLA PATOLOGIA MAMMARIA INDOTTA DALLA MONOTERAPIA CON ANTIANDROGENO PURO PER ADENOCARCINOMA PROSTATICO FAX: 0916552413 SITO WEB: www.gstu.it E-MAIL: gstu@gstu.it CRITERI

Dettagli

Scelta del soggetto. Sviluppo del protocollo. Pretest e revisione del protocollo. Effettuazione dello studio. Analisi dei risultati

Scelta del soggetto. Sviluppo del protocollo. Pretest e revisione del protocollo. Effettuazione dello studio. Analisi dei risultati Ciclo della ricerca Scelta del soggetto Sviluppo del protocollo Pretest e revisione del protocollo Effettuazione dello studio Analisi dei risultati Conclusioni e loro pubblicazione ANATOMIA DELLA RICERCA:

Dettagli

La dimensione del tumore è predittiva della sopravvivenza nel tumore del polmone non a piccole cellule in stadio IA*

La dimensione del tumore è predittiva della sopravvivenza nel tumore del polmone non a piccole cellule in stadio IA* La dimensione del tumore è predittiva della sopravvivenza nel tumore del polmone non a piccole cellule in stadio IA* Jeffrey L. Port, MD; Michael S. Kent, MD; Robert J. Korst, MD, FCCP; Daniel Libby, MD,

Dettagli

Classificazione degli studi epidemiologici

Classificazione degli studi epidemiologici Classificazione degli studi epidemiologici STUDI DESCRITTIVI - DI CORRELAZIONE O ECOLOGICI - CASE REPORT/SERIES - DI PREVALENZA O TRASVERSALI STUDI ANALITICI O OSSERVAZIONALI - A COORTE - CASO-CONTROLLO

Dettagli

METODOLOGIA CLINICA Necessita di: Quantificazione Formalizzazione matematica

METODOLOGIA CLINICA Necessita di: Quantificazione Formalizzazione matematica METODOLOGIA CLINICA Necessita di: Quantificazione Formalizzazione matematica EPIDEMIOLOGIA Ha come oggetto lo studio della distribuzione delle malattie in un popolazione e dei fattori che la influenzano

Dettagli

Gli errori e i bias negli studi epidemiologici osservazionali e sperimentali

Gli errori e i bias negli studi epidemiologici osservazionali e sperimentali CdLM Classe LM-67 - Scienze e tecniche delle attività motorie preventive ed adattate C.I. Epidemiologia e valutazione degli stili di vita sulla salute Modulo: Metodologia epidemiologica Gli errori e i

Dettagli

Albero dei guasti DOTT. ING. KONSTANTINOS MILONOPOULOS 1

Albero dei guasti DOTT. ING. KONSTANTINOS MILONOPOULOS 1 Albero dei guasti E uno strumento di analisi dei guasti che si affianca all FMECA. L FMECA e un analisi di tipo bottom-up, perche si parte da un componente e si risale agli effetti di un suo guasto L Albero

Dettagli

Nella provincia di Latina sono diagnosticati in media ogni anno 98 casi ogni 100.000 uomini e 27 ogni 100.000 donne.

Nella provincia di Latina sono diagnosticati in media ogni anno 98 casi ogni 100.000 uomini e 27 ogni 100.000 donne. TUMORE DEL POLMONE Nel periodo 27-211 sono stati registrati complessivamente in provincia di Latina 172 nuovi casi di tumore del polmone. E risultato al 1 posto in termini di frequenza fra le neoplasie

Dettagli

L analisi di sopravvivenza con il metodo di Kaplan-Meier

L analisi di sopravvivenza con il metodo di Kaplan-Meier Giornale Italiano di Nefrologia / Anno 21 n. 6, 2004 / pp. 540-546 REFRESH / Rassegna L analisi di sopravvivenza con il metodo di Kaplan-Meier G. Tripepi, F. Catalano CNR-IBIM, Consiglio Nazionale delle

Dettagli

HIV e infezioni tropicali concorrenti: uno studio caso-controllo

HIV e infezioni tropicali concorrenti: uno studio caso-controllo HIV e infezioni tropicali concorrenti: uno studio caso-controllo Declich S a, Francesconi P a, Okwey R b, Ouma J b, Ochakachon R b, Dente MG a and Fabiani M a a Reparto Malattie Infettive, Laboratorio

Dettagli

LA VALUTAZIONE EPIDEMIOLOGICA

LA VALUTAZIONE EPIDEMIOLOGICA LA VALUTAZIONE EPIDEMIOLOGICA IN SANITÀ OBIETTIVI DIDATTICI Definire il ruolo dell epidemiologia nella valutazione dei bisogni sanitari e nell allocazione delle risorse Acquisire le conoscenze sulle principali

Dettagli

Classificazione degli studi epidemiologici

Classificazione degli studi epidemiologici Classificazione degli studi epidemiologici STUDI DESCRITTIVI - DI CORRELAZIONE O ECOLOGICI - CASE REPORT/SERIES - DI PREVALENZA O TRASVERSALI STUDI ANALITICI O OSSERVAZIONALI - A COORTE - CASO-CONTROLLO

Dettagli

Corso: Statistica e Metodologia Epidemiologica 1

Corso: Statistica e Metodologia Epidemiologica 1 Università degli Studi di Padova Scuola di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia - A.A. 2014-15 Corso: Statistica e Metodologia Epidemiologica 1 Docenti: prof.ssa Anna Chiara Frigo

Dettagli

Gli studi epidemiologici

Gli studi epidemiologici Gli studi epidemiologici STUDI OSSERVAZIONALI descrittivi STUDI OSSERVAZIONALI analitici: Ecologici Trasversali Caso-controllo Di coorte STUDI SPERIMENTALI : Trial controllati randomizzati Trial sul campo

Dettagli

GRAVIDANZA DOPO CANCRO: QUANDO? Giovanna Scarfone - Stefania Noli Fondazione IRCCS Ca Granda Opsedale Maggiore Policlinico, Milano

GRAVIDANZA DOPO CANCRO: QUANDO? Giovanna Scarfone - Stefania Noli Fondazione IRCCS Ca Granda Opsedale Maggiore Policlinico, Milano GRAVIDANZA DOPO CANCRO: QUANDO? Giovanna Scarfone - Stefania Noli Fondazione IRCCS Ca Granda Opsedale Maggiore Policlinico, Milano Timing e outcome della gravidanza dopo carcinoma Inquadramento ed Entità

Dettagli

Impatto dei programmi di screening del carcinoma colorettale

Impatto dei programmi di screening del carcinoma colorettale Padova, 3 novembre 2010 Impatto dei programmi di screening del carcinoma colorettale Manuel Zorzi Istituto Oncologico Veneto IRCCS Registro Tumori del Veneto Programmi di screening colorettale attivi in

Dettagli

Statistiche campionarie

Statistiche campionarie Statistiche campionarie Sul campione si possono calcolare le statistiche campionarie (come media campionaria, mediana campionaria, varianza campionaria,.) Le statistiche campionarie sono stimatori delle

Dettagli

Sviluppo di un tumore

Sviluppo di un tumore TUMORI I tumori Si tratta di diversi tipi di malattie, che hanno cause diverse e che colpiscono organi e tessuti differenti Caratteristica di tutti i tumori è la proliferazione incontrollata di cellule

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

IMAGE GUIDED RADIATION THERAPY-IGRT DEL TUMORE DELLA PROSTATA CON IPOFRAZIONAMENTO DELLA DOSE

IMAGE GUIDED RADIATION THERAPY-IGRT DEL TUMORE DELLA PROSTATA CON IPOFRAZIONAMENTO DELLA DOSE Versione 2 15.01.13 PROTOCOLLO DI STUDIO IMAGE GUIDED RADIATION THERAPY-IGRT DEL TUMORE DELLA PROSTATA CON IPOFRAZIONAMENTO DELLA DOSE COORDINATORE PROGETTO DI RICERCA REGIONE-UNIVERSITA REGIONE EMILIA

Dettagli

ORGANIZZAZIONE E CONDUZIONE DI UNO STUDIO CLINICO. Ettore Beghi Laboratorio di Malattie Neurologiche

ORGANIZZAZIONE E CONDUZIONE DI UNO STUDIO CLINICO. Ettore Beghi Laboratorio di Malattie Neurologiche ORGANIZZAZIONE E CONDUZIONE DI UNO STUDIO CLINICO Ettore Beghi Laboratorio di Malattie Neurologiche COME FURMULARE UN DISEGNO SPERIMENTALE Tradurre un quesito in una precisa ipotesi scientifica da verificare

Dettagli

METODOLOGIA DELLA RICERCA 4 Scelta del disegno

METODOLOGIA DELLA RICERCA 4 Scelta del disegno METODOLOGIA DELLA RICERCA 4 Scelta del disegno Prof. Paolo Chiari Dipartimento di Scienze Mediche e Chirurgiche Università di Bologna STUDIO CLINICO STUDIO CLINICO: esperimento rigorosamente controllato

Dettagli

Università del Piemonte Orientale. Corsi di Laurea Triennale di area tecnica. Corso di Statistica Medica

Università del Piemonte Orientale. Corsi di Laurea Triennale di area tecnica. Corso di Statistica Medica Università del Piemonte Orientale Corsi di Laurea Triennale di area tecnica Corso di Statistica Medica Campionamento e distribuzione campionaria della media Corsi di laurea triennale di area tecnica -

Dettagli

Uso di farmaci antipsicotici e rischio di embolia polmonare: uno studio caso-controllo innestato

Uso di farmaci antipsicotici e rischio di embolia polmonare: uno studio caso-controllo innestato XXXVIII Congresso dell Associazione Italiana di Epidemiologia Uso di farmaci antipsicotici e rischio di embolia polmonare: uno studio caso-controllo innestato Valentino Conti, Mauro Venegoni, Alfredo Cocci,

Dettagli

I TUMORI PER SINGOLE SEDI

I TUMORI PER SINGOLE SEDI I TUMORI PER SINGOLE SEDI MAMMELLA Età, la probabilità di ammalarsi aumenta esponenzialmente sino agli anni della menopausa (50 55) e poi rallenta, per riprendere a crescere dopo i 60 anni Familiarità

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA DEL TUMORE DEL POLMONE IN VENETO

EPIDEMIOLOGIA DEL TUMORE DEL POLMONE IN VENETO EPIDEMIOLOGIA DEL TUMORE DEL POLMONE IN VENETO Registro Tumori del Veneto settembre 2013 Baracco M, Bovo E, Dal Cin A, Fiore AR, Greco A, Guzzinati S, Monetti D, Rosano A, Stocco CF, Tognazzo S, Zorzi

Dettagli

Indice. 1 Che cos è l epidemiologia? ------------------------------------------------------------------------------- 3

Indice. 1 Che cos è l epidemiologia? ------------------------------------------------------------------------------- 3 LEZIONE RICERCA EMPIRICA IN AMBITO EPIDEMIOLOGICO (PRIMA PARTE) PROF. PAOLO PASETTI Indice 1 Che cos è l epidemiologia? ------------------------------------------------------------------------------- 3

Dettagli

RELAZIONE CAUSALE IN EPIDEMOLOGIA

RELAZIONE CAUSALE IN EPIDEMOLOGIA RELAZIONE CAUSALE IN EPIDEMOLOGIA Docente: Prof. Giuseppe Verlato Sezione di Epidemiologia e Statistica Medica, Università di Verona A) Relazione descrittiva determinante Ad esempio: dita gialle mungitura

Dettagli

Comparabilità fra le somministrazioni successive effetto di trascinamento ( carry-over ) effetto di periodo

Comparabilità fra le somministrazioni successive effetto di trascinamento ( carry-over ) effetto di periodo Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 2 Gli studi crossover Periodo 1 Periodo 2 R A N D O M A B A B Valutazione Tempo 1 0 1 1 2 0 2 1 Gli studi crossover Metodo epidemiologici per la clinica

Dettagli

1.4 Rete nazionale dei registri tumori: indicatori e controllo del cancro in Italia

1.4 Rete nazionale dei registri tumori: indicatori e controllo del cancro in Italia 1.4 Rete nazionale dei registri tumori: indicatori e controllo del cancro in Italia Coordinatori: R. Capocaccia (ISS Roma) M. Vercelli (IST Genova) E. Paci (Registro Tumori Toscano) P. Picci (IOR Bologna)

Dettagli

Corso di metodologia III Esempi di quiz di Epidemiologia utilizzati all esame

Corso di metodologia III Esempi di quiz di Epidemiologia utilizzati all esame Corso di metodologia III Esempi di quiz di Epidemiologia utilizzati all esame ATTENZIONE: IN QUESTA ESERCITAZIONE PIÙ DI UNA RISPOSTA PUÒ ESSERE CORRETTA 1) Un fattore di rischio: a) E' una causa necessaria

Dettagli

Indagine per stimare l incidenza relativa di mesotelioma e cancro del polmone nella Regione Friuli Venezia Giulia. Fabio Barbone

Indagine per stimare l incidenza relativa di mesotelioma e cancro del polmone nella Regione Friuli Venezia Giulia. Fabio Barbone Indagine per stimare l incidenza relativa di mesotelioma e cancro del polmone nella Regione Friuli Venezia Giulia Fabio Barbone Dip. di Scienze Mediche e Biologiche Università di Udine SOC Igiene ed Epidemiologia

Dettagli

Statistica nelle applicazioni sanitarie

Statistica nelle applicazioni sanitarie Dipartimento di Fisica Scuola di Specializzazione in Fisica Medica A.A. 0/03 Statistica nelle applicazioni sanitarie Maria Roberta Monge: Roberta.Monge@ge.infn.it Epidemiologia Classica: studia le origini

Dettagli

Insegnamento di STATISTICA MEDICA

Insegnamento di STATISTICA MEDICA Università degli Studi di Padova Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea triennale Tecniche della Prevenzione PERCORSO STRAORDINARIO 2007/08 Docente:Dott.ssa Egle Perissinotto 1) Il processo di

Dettagli

GLOSSARIO EBM http://aifa.clinev.it/metodologia.php?let=v

GLOSSARIO EBM http://aifa.clinev.it/metodologia.php?let=v GLOSSARIO EBM http://aifa.clinev.it/metodologia.php?let=v Analisi di regressione L analisi di regressione è una tecnica statistica che studia l eventuale presenza di una relazione tra una variabile definita

Dettagli

OGGETTO: Ricoveri ospedalieri per patologie respiratorie nel quartiere S. Polo nel periodo 2004-2008

OGGETTO: Ricoveri ospedalieri per patologie respiratorie nel quartiere S. Polo nel periodo 2004-2008 OGGETTO: Ricoveri ospedalieri per patologie respiratorie nel quartiere S. Polo nel periodo 2004-2008 Introduzione A seguito dei risultati ottenuti con lo studio di mortalità nel quartiere S. Polo del comune

Dettagli

I percorsi assistenziali riabilitativi degli anziani con frattura di femore

I percorsi assistenziali riabilitativi degli anziani con frattura di femore La chirurgia dell anca Strumenti e metodi di valutazione della qualità dell assistenza Firenze, 4 aprile 2006 I percorsi assistenziali riabilitativi degli anziani con frattura di femore Paolo Francesconi

Dettagli

PRINCìPI DI SPERIMENTAZIONE CLINICA

PRINCìPI DI SPERIMENTAZIONE CLINICA università degli studi di padova CICLO DI LEZIONI SCIENZE DI BASE PER I DOTTORATI DI RICERCA DELL AREA MEDICA anno accademico 2005/2006 PRINCìPI DI SPERIMENTAZIONE CLINICA Francesco Grigoletto Lo sviluppo

Dettagli

Sinossi di studio clinico Codice: GECP06/01 Pag. 1 di 5

Sinossi di studio clinico Codice: GECP06/01 Pag. 1 di 5 Codice: GECP06/01 Pag. 1 di 5 Studio aperto randomizzato multicentrico di fase III di confronto tra il trattamento con Erlotinib (Tarceva ) e la chemioterapia nei pazienti affetti da carcinoma non a piccole

Dettagli

Concetto di potenza statistica

Concetto di potenza statistica Calcolo della numerosità campionaria Prof. Giuseppe Verlato Sezione di Epidemiologia e Statistica Medica, Università di Verona Concetto di potenza statistica 1 Accetto H 0 Rifiuto H 0 Ipotesi Nulla (H

Dettagli

Valutazione dell appropriatezza dei ricoveri dei malati oncologici terminali in Provincia di Ragusa

Valutazione dell appropriatezza dei ricoveri dei malati oncologici terminali in Provincia di Ragusa AZIENDA REGIONALE DI RIFERIMENTO per l emergenza di 2 livello OSPEDALI CIVILE MARIA PATERNO AREZZO RAGUSA REGISTRO DEI TUMORI DELLA PROVINCIA DI RAGUSA Responsabile: Dr Rosario Tumino Via Dante n. 109

Dettagli

Progetti di ricerca e collaborazioni

Progetti di ricerca e collaborazioni 2 Congresso Nazionale Firenze 12 14 Giugno 2014 Progetti di ricerca e collaborazioni La valutazione degli esiti nella pratica reale in oncologia: studio di sopravvivenza nel carcinoma del colon retto metastatico

Dettagli

Igiene nelle Scienze motorie

Igiene nelle Scienze motorie Igiene nelle Scienze motorie Cause di malattia e fattori di rischio per la salute Misurare l incidenza di malattia equivale a valutare la probabilità (ossia il rischio) di avere nuovi casi di malattia

Dettagli

Titolo. Background. Obiettivi. Metodi Tipo di studio (disegno) Centro/i partecipante/i Popolazione

Titolo. Background. Obiettivi. Metodi Tipo di studio (disegno) Centro/i partecipante/i Popolazione La SIFC promuove la ricerca clini ca nel campo della Fibrosi Cistica in Italia mediante la valutazione di progetti scientifici multicentrici e m ultidisciplinari. La Commissione Permanente Ricerca e Sviluppo

Dettagli

Danni somatici si manifestano direttamente a carico dell individuo irradiato. Si dividono in A) Effetti Stocastici B) Effetti Deterministici

Danni somatici si manifestano direttamente a carico dell individuo irradiato. Si dividono in A) Effetti Stocastici B) Effetti Deterministici LEZIONE 7 EFFETTI BIOLOGICI DELLE RADIAZIONI IONIZZANTI Danni somatici si manifestano direttamente a carico dell individuo irradiato. Si dividono in A) Effetti Stocastici B) Effetti Deterministici Effetti

Dettagli

S.Terrazzino 1, L.Deantonio 2,3, S.Cargnin 1, L.Donis 3, C.Pisani 3, L.Masini 3, G.Gambaro 3, P.L.Canonico 1, A.A. Genazzani 1, M.

S.Terrazzino 1, L.Deantonio 2,3, S.Cargnin 1, L.Donis 3, C.Pisani 3, L.Masini 3, G.Gambaro 3, P.L.Canonico 1, A.A. Genazzani 1, M. Azienda Ospedaliera Maggiore della Carità Università degli studi del Piemonte Orientale Divisione Universitaria di Radioterapia Direttore Prof. Marco Krengli Ruolo dei polimorfismi del DNA mitocondriale

Dettagli

L ospedalizzazione ed i percorsi assistenziali riabilitativi degli anziani con ictus in Toscana

L ospedalizzazione ed i percorsi assistenziali riabilitativi degli anziani con ictus in Toscana Volterra, 17 maggio 2007 L ospedalizzazione ed i percorsi assistenziali riabilitativi degli anziani con ictus in Toscana Paolo Francesconi ARS Osservatorio Epidemiologia 1. L Ospedalizzazione nella fase

Dettagli

Nuove prospettive per la diagnosi precoce del tumore al polmone!!!! Ugo Pastorino! Chirurgia Toracica, Istituto Nazionale Tumori, Milano!

Nuove prospettive per la diagnosi precoce del tumore al polmone!!!! Ugo Pastorino! Chirurgia Toracica, Istituto Nazionale Tumori, Milano! GIORNATA MONDIALE SENZA TABACCO! WORLD NO -TOBACCO DAY 2015! ISS - Roma, 29 maggio 2015! Nuove prospettive per la diagnosi precoce del tumore al polmone!!!! Ugo Pastorino! Chirurgia Toracica, Istituto

Dettagli

Figura 1 Dati di incidenza del tumore al polmone. Banca dati Associazione Italiana Registri Tumori

Figura 1 Dati di incidenza del tumore al polmone. Banca dati Associazione Italiana Registri Tumori Impatto del fumo sui tumori del polmone in provincia di Sondrio In Italia la neoplasia del polmone è il terzo tumore più comune nei maschi, dopo quello della prostata e quelli non melanomatosi delle cute,

Dettagli

Fondazione Ordine degli Ingegneri

Fondazione Ordine degli Ingegneri Istituto Nazionale B. Ramazzini Centro di Ricerca sul Cancro Cesare Maltoni Effetti sulla salute dei campi elettromagnetici ad alta frequenza Fondazione Ordine degli Ingegneri Milano, 16 maggio 2014 Dott.

Dettagli

LA VALIDITÀ DEGLI STUDI E IL CONTROLLO DEL CONFONDIMENTO

LA VALIDITÀ DEGLI STUDI E IL CONTROLLO DEL CONFONDIMENTO LA VALIDITÀ DEGLI STUDI E IL CONTROLLO DEL CONFONDIMENTO Accuratezza degli studi Miettinen, nel 1985, afferma che : la accuratezza di uno studio epidemiologico consiste nel grado di - assenza di errori

Dettagli

Tabella iniziale con i dati. Malattia Malati Non malati Totale Test Positivo 183 Negativo 280 Totale 199 512. Calcolo i valori mancanti per differenza

Tabella iniziale con i dati. Malattia Malati Non malati Totale Test Positivo 183 Negativo 280 Totale 199 512. Calcolo i valori mancanti per differenza ESERCIZIO DI STATISTICA D.U. / simulazione di esame Esercizio 1: Per una malattia particolarmente grave viene sperimentato l utilizzo di una nuova tecnica radiologica allo scopo di identificare correttamente

Dettagli

Statistica multivariata. Statistica multivariata. Analisi multivariata. Dati multivariati. x 11 x 21. x 12 x 22. x 1m x 2m. x nm. x n2.

Statistica multivariata. Statistica multivariata. Analisi multivariata. Dati multivariati. x 11 x 21. x 12 x 22. x 1m x 2m. x nm. x n2. Analisi multivariata Statistica multivariata Quando il numero delle variabili rilevate sullo stesso soggetto aumentano, il problema diventa gestirle tutte e capirne le relazioni. Cercare di capire le relazioni

Dettagli

Epidemiologia dei tumori A. Spitale

Epidemiologia dei tumori A. Spitale Epidemiologia dei tumori A. Spitale 03 aprile 2007 Che cos è l Epidemiologia? Kleinbaum et al. (1982): L Epidemiologia è la scienza che studia lo stato di salute o di malattia nelle popolazioni umane I

Dettagli

Potenza dello studio e dimensione campionaria. Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1

Potenza dello studio e dimensione campionaria. Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1 Potenza dello studio e dimensione campionaria Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1 Introduzione Nella pianificazione di uno studio clinico randomizzato è fondamentale determinare in modo

Dettagli

Il confronto fra proporzioni

Il confronto fra proporzioni L. Boni Il rapporto Un rapporto (ratio), attribuendo un ampio significato al termine, è il risultato della divisione di una certa quantità a per un altra quantità b Il rapporto Spesso, in maniera più specifica,

Dettagli

Prefazione all edizione originale. Prefazione all edizione italiana

Prefazione all edizione originale. Prefazione all edizione italiana Indice Prefazione all edizione originale Prefazione all edizione italiana xiii xv 1 Il miglioramento della qualità nel moderno ambiente produttivo 1 1.1 Significato dei termini qualità e miglioramento

Dettagli

Dr. Vittorio Ferrari U.O. Oncologia Medica A. Spedali Civili, Brescia

Dr. Vittorio Ferrari U.O. Oncologia Medica A. Spedali Civili, Brescia Dr. Vittorio Ferrari U.O. Oncologia Medica A. Spedali Civili, Brescia La crescita tumorale Classification Evoluzione dei trattamenti RR OS Sites of therapy STAGE II In colon cancer patients

Dettagli

Università del Piemonte Orientale. Corso di Laurea in Biotecnologie Mediche. Corso di Statistica Medica. I modelli di studio

Università del Piemonte Orientale. Corso di Laurea in Biotecnologie Mediche. Corso di Statistica Medica. I modelli di studio Università del Piemonte Orientale Corso di Laurea in Biotecnologie Mediche Corso di Statistica Medica I modelli di studio Corso di laurea magistrale in biotecnologie mediche - Statistica Medica Disegno

Dettagli

Un test di espressione genica per predire l aggressività del carcinoma prostatico. Il test Prolaris può orientare le decisioni mediche e chirurgiche

Un test di espressione genica per predire l aggressività del carcinoma prostatico. Il test Prolaris può orientare le decisioni mediche e chirurgiche Un test di espressione genica per predire l aggressività del carcinoma prostatico Il test Prolaris può orientare le decisioni mediche e chirurgiche Che cos è Prolaris? Una misura molecolare diretta della

Dettagli

Milano, 28-30 Ottobre 2015. Carlotta Buzzoni 1, Donella Puliti 1, Alessandro Barchielli 1, Marco Zappa 1 e Jonas Hugosson 2 per ERSPC Working2 Group

Milano, 28-30 Ottobre 2015. Carlotta Buzzoni 1, Donella Puliti 1, Alessandro Barchielli 1, Marco Zappa 1 e Jonas Hugosson 2 per ERSPC Working2 Group Approccio Incidence based mortality per la valutazione della riduzione di mortalità per carcinoma prostatico nello studio randomizzato europeo sullo screening per tumore della prostata (ERSPC) Milano,

Dettagli

1) Si consideri un esperimento che consiste nel lancio di 5 dadi. Lo spazio campionario:

1) Si consideri un esperimento che consiste nel lancio di 5 dadi. Lo spazio campionario: Esempi di domande risposta multipla (Modulo II) 1) Si consideri un esperimento che consiste nel lancio di 5 dadi. Lo spazio campionario: 1) ha un numero di elementi pari a 5; 2) ha un numero di elementi

Dettagli

SIT Sistema Informativo Trapianti

SIT Sistema Informativo Trapianti VII SESSIONE I risultati dei trapianti risultano uniformi in Italia ma ogni regione ha sviluppato modelli organizzativi diversi e centri di trapianto eterogenei per caratteristiche e volumi di attività:

Dettagli

METODOLOGIA EPIDEMIOLOGICA E IGIENE CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN MEDICINA E CHIRURGIA PROF. PAOLA RIVOSECCHI

METODOLOGIA EPIDEMIOLOGICA E IGIENE CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN MEDICINA E CHIRURGIA PROF. PAOLA RIVOSECCHI METODOLOGIA EPIDEMIOLOGICA E IGIENE CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN MEDICINA E CHIRURGIA PROF. PAOLA RIVOSECCHI EPIDEMIOLOGIA Analizza i metodi per lo studio della FREQUENZA e della DISTRIBUZIONE delle

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA STATISTICA MEDICA. Prof.ssa Donatella Siepi donatella.siepi@unipg.it tel: 075 5853525

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA STATISTICA MEDICA. Prof.ssa Donatella Siepi donatella.siepi@unipg.it tel: 075 5853525 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA STATISTICA MEDICA Prof.ssa Donatella Siepi donatella.siepi@unipg.it tel: 075 5853525 2 LEZIONE Statistica descrittiva STATISTICA DESCRITTIVA Rilevazione dei dati Rappresentazione

Dettagli