Esempi. La successione {cos n} è limitata; {n ¾ } è limitata inferiormente ma non è limitata superiormente, quindi non è limitata.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Esempi. La successione {cos n} è limitata; {n ¾ } è limitata inferiormente ma non è limitata superiormente, quindi non è limitata."

Transcript

1 Analisi 2 Successioni numeriche -1- ÔÔÙÒØ Ô Ö Ð ÓÖ Ó Ò Ð ¾ º ËÙ ÓÒ ÒÙÑ Ö Proposizione (unicità del limite). Se {a n } è convergente, allora il limite è unico. Dimostrazione. Supponiamo che la tesi sia falsa e che quindi a n converga verso due limiti distinti l e l ¾ con l < l ¾. Scelto ǫ = l ¾ l esisteranno due numeri N ¾ ed N ¾ tali che n N a n l < ǫ e n N ¾ a n l ¾ < ǫ. In particolare, posto N = max{n, N ¾ }, per ogni n N si ha a n < l + ǫ = l + l ¾ l 2 = l + l ¾, 2 ma anche a n > l ¾ ǫ = l ¾ l ¾ l 2 = l + l ¾, 2 abbiamo così trovato una contraddizione. Ciò conclude la dimostrazione. Ö Þ Óº Dimostrare che una successione non può essere contemporaneamente convergente e divergente. Definizione (successioni limitate). {a n } si dice limitata superiormente (risp. limitata inferiormente) se esiste M IR tale che a n M (risp. a n M) per ogni n. {a n } si dice limitata se è contemporaneamente limitata sia inferiormente che superiormente. Esempi. La successione {cos n} è limitata; {n ¾ } è limitata inferiormente ma non è limitata superiormente, quindi non è limitata. Á ÔÖ ÒØ ÔÔÙÒØ Ó Ø ØÙ ÓÒÓ ÙÒ³ ÒØ Ö Þ ÓÒ Ð Ð ÖÓ Ø ØÓ ÓØØ ØÓº

2 Analisi 2 Successioni numeriche -2- Proposizione. Se {a n } è convergente, allora è limitata. Dimostrazione. Sia lim a n = l IR. Allora, scelto ǫ = 1 esisterà un numero N tale che per ogni n N si ha a n l < 1. Posto K = max{ a ¼, a, a ¾,..., a N, l +1}, dalla disuguaglianza triangolare segue a n K n. Dunque {a n } è limitata. Osservazione. Non vale il viceversa: {( 1) n } è limitata ma non ammette limite. Proposizione (permanenza del segno). Se {a n } ha limite l > 0 (risp. l < 0) allora esiste un numero N tale che per ogni n N si ha a n > 0 (risp. a n < 0). Dimostrazione. Sia l > 0. Scelto ǫ = l/2 esisterà un indice N tale che n N l l 2 < a n < l + l 2, in particolare a n > l/2 > 0 per ogni n N. Nel caso l < 0 si sceglie ǫ = l/2. Corollario. Se {a n } ha limite l e a n > 0 (risp. a n < 0) per ogni n, allora l 0 (risp. l 0). Dimostrazione. Assumendo l < 0 (risp. l > 0) si giunge facilmente ad una contraddizione. Teorema (confronto). Siano date le successioni {a n }, {b n } e {c n }. Valgono le seguenti affermazioni: i) se a n l, c n l (con l IR) e a n b n c n n allora b n l; ii) se a n + e a n b n n allora b n + ; iii) se c n e b n c n n allora b n. Dimostrazione. Consideriamo il primo caso. Per ogni ǫ > 0 esistono due numeri N ed N ¾ tali che n N l ǫ < a n < l + ǫ; n N ¾ l ǫ < c n < l + ǫ.

3 Analisi 2 Successioni numeriche -3- Per ogni n N = max{n, N ¾ } avremo l ǫ < a n b n c n < l + ǫ. In altri termini n N b n l < ǫ, cioè lim b n = l. Si ragiona analogamente nel secondo e nel terzo caso. Osservazione. Le affermazioni i), ii) e iii) del teorema precedente sono ancora vere se n viene sostituito da N tale che n N. In tal caso, si dice che le disuguaglianze in i), ii) e iii) valgono definitivamente. Esempio. Grazie al punto i) la relazione 0 n + 10 n ¾ 2 n, n 10 implica n + 10 n ¾ 0. Definizione (successioni monotone). Una successione {a n } si dice i) crescente se a n a n per ogni n; ii) strettamente crescente se a n < a n per ogni n. Analogamente si definiscono le successioni decrescenti e strettamente decrescenti. In tutti questi casi la successione è detta monotona. Teorema (carattere delle successioni monotone). Sia {a n } una successione monotona. Allora {a n } ammette limite. Più precisamente si ha i) lim a n = sup{a n : n 0} ¾ se {a n } è crescente; ii) lim a n = inf{a n : n 0} se {a n } è decrescente. Dimostrazione. Proviamo il primo caso, il secondo si dimostra in modo analogo. Sia sup a n = l un numero reale. Per ogni ǫ > 0 si ha n ¼ ¾ Ò a n º n ¼ ÁÐ ÕÙ Ð ÔÙ Ó Ö Ò ØÓ Ó Ò Ò ØÓº Í Ù ÐÑ ÒØ ÔÓÒ Ô Ù ÓÒ Ñ ÒØ ÙÔ{an n ¼} ÙÔ a n Ò {a n n ¼} n ¼

4 Analisi 2 Successioni numeriche a n l < l + ǫ n; 2. l ǫ non è un maggiorante dell insieme {a n : n 0}, quindi esisterà un indice N = N ǫ tale che a N > l ǫ. Poiché {a n } è crescente, per ogni n N si avrà l ǫ < a N a n < l + ǫ. A causa dell arbitrarietà di ǫ segue che a n l. Sia ora l = +. Per ogni K IR esisterà N = N K tale che a N > K. Poiché {a n } è crescente, per ogni n N si avrà a n a N > K. Per l arbitrarietà di K segue che a n +. Osservazione. Il teorema precedente è ancora valido se la successione {a n } è monotona solo da un certo indice in poi, cioè se esiste un numero N ¼ tale che {a n } n N¼ è monotona. In tal caso l enunciato si modifica sostituendo a n (risp. inf a n ) con sup a n (risp. inf a n ). Una tale successione è n ¼ n N ¼ n N ¼ detta definitivamente monotona. sup n ¼ Ö Þ Óº Provare l osservazione precedente. Proposizione (limiti e operazioni). Sia a n l e b n l ¾ con l, l ¾ IR. Allora si ha: i) c a n c l c IR; ii) a n + b n l + l ¾ ; iii) a n b n l l ¾ ; v) a n bn l l ¾ l ¾ 0. iv) a n l l 0; Proposizione. Si hanno le seguenti implicazioni: i) a n + a n 0; ii) a n 0 e a n > 0 definitivamente a n + ; iii) a n + e b n M > 0 definitivamente ¾ a n b n + ; iv) a n 0 e b n limitata a n b n 0; v) a n + e b n limitata inferiormente a n + b n +. an > ¼ Ò Ø Ú Ñ ÒØ Ò N n N a n > ¼º ¾ bn M Ò Ø Ú Ñ ÒØ Ò N n N b n Mº

5 Analisi 2 Successioni numeriche -5- Osservazioni. Le ipotesi in ii) non possono essere sostituite dalla condizione a n 0, infatti ( 1) n n 0 ma n ( 1) n non ammette limite. La condizione b n M > 0 definitivamente in iii) è soddisfatta quando, per esempio, b n l > 0. Una proposizione analoga alla precedente vale nel caso di successioni divergenti a. Proposizione. Sia {a n } una successione. Supponiamo che esista il limite lim a n = l IR {+, }. Allora, per qualunque sottosuccessione {a kn } di {a n }, si ha lim a k n = l. Dimostrazione. Si osservi che, poiché {k n } è strettamente crescente, risulta k n n per ogni n. Sia l IR. Per ogni ǫ > 0 esiste N = N ǫ tale che se n N allora a n l < ǫ. Dunque se n N si avrà anche a kn l < ǫ; a causa dell arbitrarietà di ǫ ciò implica a kn l. Si ragiona in modo simile nel caso in cui l è infinito. Teorema (sottosuccessioni di successioni limitate). Sia {a n } una successione limitata. Allora esiste almeno una sottosuccessione di {a n } convergente. Dimostrazione. Se l insieme {a n : n 0} è finito, allora almeno uno dei suoi elementi si ripete nella successione infinite volte. Si può dunque estrarre una sottosuccessione costante. Sia ora {a n : n 0} infinito. Grazie al teorema di Bolzano-Weierstrass l insieme {a n : n 0} possiede almeno un punto di accumulazione. Sia l tale punto. Esisterà allora k N tale che a k l < 1 (ogni intorno di l contiene infiniti elementi di {a n : n 0}). Allo stesso modo è possibile trovare un indice k ¾ N tale che k ¾ > k e a k¾ l < 1/2. Procedendo in questo modo si costruisce una successione strettamente crescente k < k ¾ < k < < k m < di interi positivi tale che a km l < 1/m per ogni m = 1, 2, 3,.... La sottosuccessione così individuata è chiaramente convergente a l.

6 Analisi 2 Successioni numeriche -6- Proposizione. Sia E IR e y un punto di accumulazione di E. Allora esiste una successione di elementi di E distinti da y e convergente a y. Dimostrazione. Per ipotesi, fissato un intero n 1, l insieme (y n, y + n ) \ {y} contiene infiniti punti di E. Si scelga uno di questi punti e lo si denoti con a n. Al variare di n si ottiene la successione cercata. Proposizione. Sia E IR e y IR. Allora y E se e solo se esiste una successione {a n } tale che a n E per ogni n e a n y. Dimostrazione. Ricordando che E = E E e facendo uso della proposizione precedente si conclude facilmente che se y E allora esiste una successione che soddisfa la tesi del teorema. Il viceversa si può dimostrare ragionando per assurdo. Supponiamo che esista una successione di elementi di E convergente a y. Si osservi che ciò implica che ogni intorno di y contiene elementi di E. Se y E allora y CE. Ma questo è un insieme aperto e quindi esiste un intorno di y interamente contenuto in CE. Evidentemente, tale intorno di non contiene elementi di E. Siamo giunti ad una contraddizione, quindi si dovrà necessariamente avere y E. Ö Þ Óº Dato E IR, dimostrare che, posto L = sup E, esiste una successione a valori in E che tende a L. Definizione (compattezza per successioni). K IR si dice compatto per successioni (oppure sequenzialmente compatto) se da ogni successione a valori in K si può estrarre una sottosuccessione convergente a un elemento di K. Teorema. K è compatto (per coperture) se e solo se è compatto per successioni. Dimostrazione. Grazie al teorema di Heine-Borel K è compatto (per coperture) se e solo se è chiuso e limitato. Sia K chiuso e limitato. Ogni successione a valori in K è limitata e quindi possiede una sottosuccessione convergente. Inoltre, per il teorema precedente, il limite di tale successione appartiene a K il quale coincide con K (essendo K chiuso). Dunque K è compatto per successioni. Viceversa, sia K compatto per successioni. Se K non fosse chiuso allora si avrebbe K \K e quindi esisterebbe una successione a valori in K e convergente verso un

7 Analisi 2 Successioni numeriche -7- elemento non appartenente a K. Similmente, se K non fosse limitato si potrebbe costruire una successione a valori in K e divergente. Ciascuna delle precedenti eventualità contraddice la compattezza per successioni di K, quindi K dovrà essere chiuso e limitato. Definizione. Sia {a n } una successione. Un elemento l IR {+, } si dice valore limite di {a n } se esiste una sottosuccessione di {a n } che ammette come limite l. L insieme dei valori limite di {a n } si dice classe limite di {a n }. Osservazione. Nel seguito la classe limite di {a n } sarà indicata con Λ({a n }). Si noti che Λ({a n }) IR {+, }. Esempi. Λ({( 1) n }) = { 1,+1}; Λ({ n}) = {0}; Λ({( 2) n }) = {,+ }. Proposizione. L insieme Λ({a n }) è sempre non vuoto e inoltre possiede l elemento massimo e l elemento minimo. Tali elementi si dicono rispettivamente massimo limite e minimo limite di {a n } e si indicano come segue: lim a n = max Λ({a n }), lim a n = min Λ({a n }). Osservazione. Evidentemente si ha sempre lim a n lim a n. Esempi. lim tan nπ 3 = 3, lim tan nπ 3 = 3; lim (1 cos nπ) n = 0, lim (1 cos nπ) n = +. Ì Ð Ð Ñ ÒØ ÔÓ ÓÒÓ Ú ÒØÙ ÐÑ ÒØ Ö Ò Ò Ø º

8 Analisi 2 Successioni numeriche -8- Proposizione. Data la successione {a n } e l IR {+, } si ha lim a n = l lim a n = lim a n = l. Proposizione. Sia assegnata {a n }. Allora { lim lim a n = (sup{a k : k n}), +, { lim lim a n = (inf{a k : k n}),, se {a n } è limitata superiormente; se {a n } è illimitata superiormente; se {a n } è limitata inferiormente; se {a n } è illimitata inferiormente. Proposizione. Siano {a n } e {b n } due successioni tali che a n b n per ogni n. Allora lim a n lim b n e lim a n lim b n.

9 Analisi 2 Integrale di Riemann -9- ¾º ÁÒØ Ö Ð Ê Ñ ÒÒ Lemma. Sia f : [a, b] IR limitata. Allora, posto M = sup f, M = sup f, a,b a,b M = sup f, a,b m = inf f, m = inf f, a,b a,b m = inf f, a,b si ha M m M m e M m M m. Dimostrazione. Proviamo la prima disuguaglianza, la seconda si dimostra in maniera analoga. Sia ǫ > 0. Esisteranno due elementi x, x ¾ [a, b] tali che f (x ) > M ǫ e f (x ¾ ) < m + ǫ. Si ha M m 2ǫ < f (x ) f (x ¾ ) = 1 2 (f(x ) f(x ¾ ) + f(x ) f(x ¾ ) ) 1 2 ( f(x ) f(x ¾ ) + f(x ) f(x ¾ ) ) = f(x ) f(x ¾ ) M m. Facendo tendere ǫ a zero si trova M m M m. Ö Þ Óº Completare la dimostrazione del lemma precedente. Proposizione. Siano g(x) e h(x) due funzioni definite in (a, b). Supponiamo che h(x) sia una primitiva di g(x). Allora una funzione k(x) è una primitiva di g(x) se e solo se è della forma k(x) = h(x) + c con c IR. Dimostrazione. Ogni funzione della forma h(x) + c con c IR è chiaramente una primitiva di g(x). Viceversa, assumiamo che k(x) sia una primitiva di g(x). Allora si avrà (k h) (x) = k (x) h (x) = 0 e quindi la funzione differenza k(x) h(x) sarà costante in (a, b). In altri termini avremo k(x) = h(x) + c per un opportuno numero reale c. Ê ÓÖ Ò Ó f f f ¾, a a a IR, a b a b a, b IRº

10 Analisi 2 Integrale di Riemann -10- Definizione. Sia f R(a, b). La funzione F : [a, b] IR definita come F(x) = x a f(t) dt è detta funzione integrale di f relativa al punto a. Teorema (Teorema fondamentale del calcolo integrale). Sia f continua in [a, b]. Allora la sua funzione integrale F(x) è derivabile in [a, b] e si ha F (x) = f(x) per ogni x [a, b]. Dimostrazione. La tesi del teorema equivale alla relazione F(x + h) F(x) lim = f(x), x [a, b]. h ¼ h Sia x [a, b] fissato. Dalla definizione di F segue che il precedente rapporto incrementale è uguale a Z 1 x h f(t) dt. h x Ora, se h > 0 (risp. h < 0), il teorema della media afferma l esistenza di un elemento ξ h [x, x + h] (risp. ξ h [x + h, x]) tale che Z x h x f(t) dt = h f(ξ h ). In ogni caso (qualunque sia il segno di h), si può asserire che esiste un numero reale ξ h [x h, x+ h ] tale che sia valida l uguaglianza precedente. Osserviamo che, se h tende a zero allora ξ h tende a x; quindi, grazie alla continuità di f, si ha In conclusione troviamo che F(x + h) F(x) 1 lim = lim h ¼ h h ¼ h lim f(ξ h ) = f(x). h ¼ Z x h x f(t) dt = lim h ¼ f(ξ h ) = f(x).

11 Analisi 2 Integrale di Riemann -11- Ö Þ Óº Sia f continua in [a, b]. Ragionando come nella dimostrazione precedente provare che d dx b x f(t) dt = f(x), x [a, b]. Inoltre, fissato c [a, b], dedurre che d dx x c f(t) dt = f(x), x [a, b]. Proposizione (Formula di Taylor con resto in forma integrale). Sia f derivabile n + 1 volte in (a, b) con f n µ continua. Siano x ¼, x (a, b), allora vale lo sviluppo f(x) = n f kµ (x ¼ ) (x x ¼ ) k + 1 x (x t) n f n µ (t) dt. k! n! x ¼ Dimostrazione. Grazie al teorema fondamentale del calcolo e integrando per parti si ricava f(x) = f(x ¼ ) + f(x) f(x ¼ ) = f(x ¼ ) + = f(x ¼ ) (x t)f (t) x Z x + x ¼ Z x = f(x ¼ ) + f (x ¼ )(x x ¼ ) + Z x x ¼ f (t) dt x ¼ (x t)f (t) dt x ¼ (x t)f (t) dt = f(x ¼ ) + f (x ¼ )(x x ¼ ) + f (x ¼ ) (x x ¼ ) ¾ = = f(x ¼ ) + f µ (x ¼ )(x x ¼ ) + + f nµ (x ¼ ) n! Z x (x x ¼ ) n + 1 n! Z x x ¼ (x t) ¾ f (t) dt x ¼ (x t) n f n µ (t) dt.

12 Analisi 2 Integrale di Riemann -12- Esempi. Sviluppando attorno all origine e x e sin x si trova e x = sinx = x n x k k! + 1 (x t) n e t dt, n! ¼ n ( 1) k x ¾k ( 1)n (2k + 1)! + (2n + 2)! x ¼ (x t) ¾n ¾ cos t dt. Ö Þ Óº Verificare le espressioni dei due resti nell esempio precedente.

13 Analisi 2 Serie numeriche -13- º Ë Ö ÒÙÑ Ö Proposizione. Condizione necessaria affinché la serie a n converga è che lim a n = 0. P Dimostrazione. Sia s n = n a k la somma parziale n-esima. Per ipotesi si ha s n S IR. Allora, poiché a n = s n s n per ogni n, risulta lim a n = lim (s n s n ) = S S = 0. Osservazione. La precedente condizione di convergenza non è sufficiente; le serie che seguono la verificano ma sono divergenti. n 1 n, n ln n + 1 n. Definizione. Sia n N. Si dice serie resto n-esimo della serie a k la serie Proposizione. a k e k n k n a k è convergente vale la relazione lim a k. a k hanno lo stesso carattere. Inoltre, se k n Dimostrazione. Per ogni h > n si ha hx k n a k = a k = 0. hx a k nx a k ; ( )

14 Analisi 2 Serie numeriche -14- da cui segue la prima parte della proposizione. P Sia ora a k convergente. Allora per h che tende all infinito la precedente uguaglianza diventa X k n a k = X a k nx a k. Si osservi che l ultima relazione ottenuta è valida per ogni n; facendo tendere n all infinito si ricava ( ). Teorema (Criterio del confronto). Siano a n e b n a termini non negativi e tali che per ogni n valga a n b n. ( ) Allora i) se b n è convergente anche a n è convergente; ii) se a n è divergente anche b n è divergente. Dimostrazione. i) Poniamo A n = a ¼ + + a n, B n = b ¼ + + b n. Dalla ( ) segue che A n B n per ogni n. Se P b n converge allora {B n } è pure convergente e quindi limitata. Ma allora anche A n è limitata e quindi, essendo monotona, convergente. ii) Segue da i) ragionando per assurdo. Osservazioni. 1) Nel caso i) vale anche la relazione a n b n. n ¼ n ¼ ( ) 2) Sia N un intero fissato. Ricordando che la serie resto N-esimo ha il medesimo carattere della serie originale si deduce che le affermazioni i) e ii) rimangono valide anche se ( ) è verificata soltanto per n > N (anche la ( ) è ancora valida, a patto che la sommatoria inizi dall indice N + 1).

15 Analisi 2 Serie numeriche -15- Corollario (Criterio del confronto asintotico). Sia a n a termini non negativi e b n a termini positivi. Supponiamo che esista il limite a n lim = l. b n Allora: 1. se 0 < l < + allora a n e b n hanno il medesimo carattere; 2. se l = 0 e b n è convergente allora anche a n è convergente; 3. se l = + e b n è divergente allora anche a n è divergente. Dimostrazione. Proviamo il primo punto. Dalle ipotesi segue l esistenza di un indice N tale che l 2 < a n < 3l n N. b n 2 Grazie alle relazioni precedenti e al teorema del confronto segue la tesi. Analogamente si dimostrano il secondo e il terzo punto. Ö Þ Óº Completare la dimostrazione precedente. Proposizione (Criterio della radice). Sia a n a termini non negativi. Si supponga che esista il limite lim n an = l, dove l [0,+ ) {+ }. Allora la serie converge se l < 1, diverge se l > 1. Dimostrazione. Sia l < 1. Per n maggiore di un opportuno indice N (dipendente da ǫ = l ¾ ) si ha n a n < l ; dunque a n < ( l ¾ )n per ogni n > N. Si noti che l < 1. Dalla convergenza ¾ della serie P ( l ¾ )n e dal criterio del confronto segue la tesi. Sia l > 1 finito. Scelto ǫ = l esisterà un indice N tale che per ogni n > N ¾ n an > l > 1; in particolare a n > 1 per ogni n > N, cioè definitivamente (si noti che quest ultima asserzione si ricava anche quando l = + ). Quindi la serie non può essere convergente.

16 Analisi 2 Serie numeriche -16- Osservazioni. 1) Se l = 1 il criterio non fornisce alcuna informazione sul carattere della serie in esame, infatti n 1 n = +, n 1 n ¾ < +, e per entrambe le serie si trova l = 1. 2) Si può dimostrare che il criterio è ancora valido se si sostituisce lim con n an. lim n an Proposizione (Criterio del rapporto). Sia a n a termini positivi. Si supponga che esista il limite a n lim = l, a n dove l [0,+ ) {+ }. Allora la serie converge se l < 1, diverge se l > 1. Dimostrazione. Sia l < 1. Scelto ǫ = l, esisterà un intero N tale che, se ¾ k N, si avrà a k < l + 1 a k 2. ( ) Si ponga p = l e sia n > N. La ( ) per k = N, N +1,..., n 2, n 1 fornisce ¾ le n N relazioni seguenti a n < a n p; Quindi a n < a n ¾ p;. a N < a N p. a n < a n p < a n ¾ p ¾ < < a N p n N, n > N. Poiché la serie P a N p n converge (notare che p < 1), grazie al criterio del confronto, p N convergerà anche P a n. Sia l > 1 finito. In tal caso, scegliendo ǫ = l, si determina un intero N tale che ¾ a k > l + 1 > 1, k N. a k 2

17 Analisi 2 Serie numeriche -17- Da ciò segue che la successione {a k } è definitivamente crescente. Si giunge alla medesima conclusione se l = +. Poiché una successione crescente e a termini positivi non può tendere a zero segue che P a n diverge. Osservazioni. 1) Vale l osservazione 1) fatta a proposito del criterio della radice. 2) Si può dimostrare che, nella parte dell enunciato relativa alla convergenza, è possibile sostituire lim a n a n con lim a n a n : se lim serie converge. Tuttavia ciò risulta falso nel caso della divergenza, cioè se non si può concludere che la serie diverge. a n a n < 1 allora la a lim n a n > 1

18 Analisi 2 Integrali impropri -18- º ÁÒØ Ö Ð ÑÔÖÓÔÖ Proposizione (Criterio del confronto asintotico). Siano f, g definite in [a, + ) e integrabili secondo Riemann in ogni intervallo della forma [a, ω] con ω > a. Sia inoltre f non negativa e g positiva. Supponiamo che esista il limite f(x) lim x g(x) = l. Allora: 1. se 0 < l < + allora gli integrali f(x) dx e g(x) dx hanno a a il medesimo carattere; 2. se l = 0 e g(x) dx è convergente allora anche f(x) dx è a a convergente; 3. se l = + e g(x) dx è divergente allora anche f(x) dx è a a divergente. Dimostrazione. Proviamo il primo punto. Dalle ipotesi segue l esistenza di un punto x ¼ > a tale che l 2 < f(x) g(x) < 3l x > x ¼. 2 Grazie alle relazioni precedenti e al teorema del confronto segue la tesi. Analogamente si dimostrano il secondo e il terzo punto. Per gli integrali di seconda specie vale un criterio del tutto simile (con analoga dimostrazione). Proposizione (Criterio del confronto asintotico). Siano f, g definite in (a, b] e integrabili secondo Riemann in ogni intervallo della forma [a+δ, b] con δ > 0 abbastanza piccolo. Sia inoltre f non negativa e g positiva. Supponiamo che esista il limite f(x) lim x a g(x) = l. Allora: 1. se 0 < l < + allora gli integrali b a f(x) dx e b a Ú Ö ÒØ º g(x) dx hanno il ËÓØØÓ ÕÙ Ø ÔÓØ Ð ÒØ Ö Ð ÑÔÖÓÔÖ Ò Ó ØØÓ ÓÒÓ Ò Ö Ñ ÒØ ÓÒÚ Ö ÒØ Ó

19 Analisi 2 Integrali impropri -19- medesimo carattere; 2. se l = 0 e b a g(x) dx è convergente allora anche b f(x) dx è convergente; a 3. se l = + e b a g(x) dx è divergente allora anche b f(x) dx è divergente. a Proposizione (Criterio dell integrale). Sia f : [1, + ) IR non negativa e decrescente. Allora la serie f(n) e l integrale f(x) dx hanno n il medesimo carattere. Dimostrazione. Si noti innanzitutto che f(x), essendo monotona, è integrabile secondo Riemann in ogni intervallo della forma [1, ω] per ogni ω > 1. Inoltre, poiché f(x) è non negativa, sia la serie che l integrale non possono essere irregolari. Dalla decrescenza di f(x) segue che, per ogni n = 1, 2, 3,... e per ogni n x n+1, valgono le disuguaglianze f(n+1) f(x) f(n). Integrando tra n e n+1 si trova f(n + 1) Z n n f(x) dx f(n), n = 1, 2, 3,.... Sommando termine a termine le relazioni che si ottengono per n = 1, 2, 3,..., k si deduce k X Z k kx f(n) f(x) dx f(n). n ¾ Da quest ultima relazione, valida per ogni k = 1, 2, 3,..., segue che la serie ha il medesimo carattere dell integrale improprio. Esempio. Applicando il criterio precedente alla funzione 1 x α (con α > 0) si deduce il carattere della serie armonica generalizzata. Definizione. Sia f : [a,+ ) IR integrabile secondo Riemann in ogni intervallo della forma [a, ω] con ω > a. L integrale f(x) dx si dice a assolutamente convergente se è convergente l integrale a f(x) dx. Sia f : (a, b] IR integrabile secondo Riemann in ogni intervallo della forma [a + δ, b] con δ > 0 abbastanza piccolo. L integrale b f(x) dx si a n

20 Analisi 2 Integrali impropri -20- dice assolutamente convergente se è convergente l integrale b a f(x) dx. Esempio. I due integrali ¼ sin(x ¾ ) dx, ¼ cos(x ¾ ) dx sono detti integrali di Fresnel. Si tratta di integrali convergenti. Consideriamo il primo. È sufficiente dimostrare la convergenza dell integrale sin(x ¾ ) dx. Sia ω > 1, si ha Poiché ω ω 2xsin(x ¾ ) sin(x ¾ ) dx = 2x = cos(x¾ ω ) 2x = cos 1 2 cos(ω¾ ) 2ω ω ω (cos(x ¾ )) dx = dx 2x cos(x ¾ ) dx 2x ¾ ω cos(ω ¾ ) lim = 0, ω 2ω cos(x ¾ ) 2x ¾ dx è conver- per concludere rimane da provare che l integrale gente; ma ciò segue dalla relazione cos(x ¾ ) 2x ¾ 1 2x. ¾ dx. Ó x ¾ µ ¾x ¾ Si osservi che, nonostante l integrale sin(x ¾ ) dx sia convergente, il limite ¼ lim x sin(x¾ ) non esiste. Ö Þ Óº Dimostrare che anche il secondo integrale di Fresnel è convergente.

Dimostrazione. Indichiamo con α e β (finiti o infiniti) gli estremi dell intervallo I. Poniamo

Dimostrazione. Indichiamo con α e β (finiti o infiniti) gli estremi dell intervallo I. Poniamo C.6 Funzioni continue Pag. 114 Dimostrazione del Corollario 4.25 Corollario 4.25 Sia f continua in un intervallo I. Supponiamo che f ammetta, per x tendente a ciascuno degli estremi dell intervallo, iti

Dettagli

Alcuni Teoremi sulle funzioni continue e uniforme continuità

Alcuni Teoremi sulle funzioni continue e uniforme continuità Alcuni Teoremi sulle funzioni continue e uniforme continuità Teorema 0. Una funzione f(x) è continua in x 0 se e solo se per ogni sucessione {x n } dom(f) con x n x 0 dom(f), risulta f(x n ) f(x 0 ). (Non

Dettagli

Massimo limite e minimo limite di una funzione

Massimo limite e minimo limite di una funzione Massimo limite e minimo limite di una funzione Sia f : A R una funzione, e sia p DA). Per ogni r > 0, l insieme ) E f p r) = { fx) x A I r p) \ {p} } è non vuoto; inoltre E f p r ) E f p r ) se 0 < r r.

Dettagli

ANALISI 1 - Teoremi e dimostrazioni vari

ANALISI 1 - Teoremi e dimostrazioni vari ANALISI 1 - Teoremi e dimostrazioni vari Sommario Proprietà dell estremo superiore per R... 2 Definitivamente... 2 Successioni convergenti... 2 Successioni monotone... 2 Teorema di esistenza del limite

Dettagli

11. Misure con segno.

11. Misure con segno. 11. Misure con segno. 11.1. Misure con segno. Sia Ω un insieme non vuoto e sia A una σ-algebra in Ω. Definizione 11.1.1. (Misura con segno). Si chiama misura con segno su A ogni funzione ϕ : A R verificante

Dettagli

SUCCESSIONI E SERIE NUMERICHE E DI FUNZIONI

SUCCESSIONI E SERIE NUMERICHE E DI FUNZIONI SERIE NUMERICHE Si consideri una successione di elementi. Si definisce serie associata ad la somma Per ogni indice della successione, si definisce successione delle somme parziali associata a la somma

Dettagli

Pag. 151 Dimostrazioni dei criteri per lo studio della convergenza di serie numeriche

Pag. 151 Dimostrazioni dei criteri per lo studio della convergenza di serie numeriche C.7 Serie Pag. 151 Dimostrazioni dei criteri per lo studio della convergenza di serie numeriche Teorema 5.29 (Criterio del confronto) Siano e due serie numeriche a termini positivi e si abbia 0, per ogni

Dettagli

SERIE NUMERICHE FAUSTO FERRARI

SERIE NUMERICHE FAUSTO FERRARI SERIE NUMERICHE FAUSTO FERRARI Materiale propedeutico alle lezioni di Complementi di Analisi Matematica ed Elementi di Calcolo delle probabilità per il corso di Laurea in Ingegneria per la parte di Elementi

Dettagli

Massimo e minimo limite di successioni

Massimo e minimo limite di successioni Massimo e minimo limite di successioni 1 Premesse Definizione 1.1. Definiamo R esteso l insieme R = R { } {+ }. In R si estende l ordinamento tra numeri reali ponendo < a < +, a R. In base a tale definizione,

Dettagli

SERIE NUMERICHE FAUSTO FERRARI

SERIE NUMERICHE FAUSTO FERRARI SERIE NUMERICHE FAUSTO FERRARI Materiale propedeutico alle lezioni di Analisi Matematica per i corsi di Laurea in Ingegneria Energetica e Meccanica N-Z dell Università di Bologna. Anno Accademico 2003/2004.

Dettagli

Tracce di soluzioni di alcuni esercizi di matematica 1 - gruppo 76-93

Tracce di soluzioni di alcuni esercizi di matematica 1 - gruppo 76-93 Tracce di soluzioni di alcuni esercizi di matematica 1 - gruppo 76-93 5. Funzioni continue Soluzione dell Esercizio 76. Osserviamo che possiamo scrivere p() = n (a n + u()) e q() = m (b m + v()) con lim

Dettagli

Raccolta degli Scritti d Esame di ANALISI MATEMATICA U.D. 2 assegnati nei Corsi di Laurea di Fisica, Fisica Applicata, Matematica

Raccolta degli Scritti d Esame di ANALISI MATEMATICA U.D. 2 assegnati nei Corsi di Laurea di Fisica, Fisica Applicata, Matematica DIPARTIMENTO DI MATEMATICA Università degli Studi di Trento Via Sommarive - Povo (TRENTO) Raccolta degli Scritti d Esame di ANALISI MATEMATICA U.D. 2 assegnati nei Corsi di Laurea di Fisica, Fisica Applicata,

Dettagli

IL TEOREMA DEGLI ZERI Una dimostrazione di Ezio Fornero

IL TEOREMA DEGLI ZERI Una dimostrazione di Ezio Fornero IL TEOREMA DEGLI ZERI Una dimostrazione di Ezio Fornero Il teorema degli zeri è fondamentale per determinare se una funzione continua in un intervallo chiuso [ a ; b ] si annulla in almeno un punto interno

Dettagli

Analisi Matematica 1. Serie numeriche. (Parte 2) Dott. Ezio Di Costanzo.

Analisi Matematica 1. Serie numeriche. (Parte 2) Dott. Ezio Di Costanzo. Facoltà di Ingegneria Civile e Industriale Analisi Matematica 1 Serie numeriche (Parte 2) Dott. Ezio Di Costanzo ezio.dicostanzo@sbai.uniroma1.it Definizione Data la serie + n=0 a n si definisce resto

Dettagli

CORSO DI ANALISI MATEMATICA 2 SOLUZIONI ESERCIZI PROPOSTI 15/04/2013

CORSO DI ANALISI MATEMATICA 2 SOLUZIONI ESERCIZI PROPOSTI 15/04/2013 CORSO DI ANALISI MATEMATICA SOLUZIONI ESERCIZI PROPOSTI 5/04/03 D.BARTOLUCCI, D.GUIDO. Integrali Impropri Esercizio. (CRITERIO DEL CONFRONTO). Dimostrare che se f : (a, b] R e g(x) : (a, b] R sono integrabili

Dettagli

3. Successioni di insiemi.

3. Successioni di insiemi. 3. Successioni di insiemi. Per evitare incongruenze supponiamo, in questo capitolo, che tutti gli insiemi considerati siano sottoinsiemi di un dato insieme S (l insieme ambiente ). Quando occorrerà considerare

Dettagli

CLASSE LIMITE DI UNA SUCCESSIONE DI NUMERI REALI C. MADERNA, G. MOLTENI, M. VIGNATI

CLASSE LIMITE DI UNA SUCCESSIONE DI NUMERI REALI C. MADERNA, G. MOLTENI, M. VIGNATI CLASSE LIMITE DI UNA SUCCESSIONE DI NUMERI REALI C. MADERNA, G. MOLTENI, M. VIGNATI Consideriamo l insieme R = R {, + } ottenuto aggiungendo all insieme dei numeri reali i simboli e +. Introduciamo in

Dettagli

Laurea in Informatica e Tecnologie per la Produzione del Software Corso di Analisi Matematica Successioni e loro limiti

Laurea in Informatica e Tecnologie per la Produzione del Software Corso di Analisi Matematica Successioni e loro limiti Laurea in Informatica e Tecnologie per la Produzione del Software Corso di Analisi Matematica Successioni e loro limiti Docente: Anna Valeria Germinario Università di Bari A.V.Germinario (Università di

Dettagli

COMPLETEZZA DELL INSIEME DEI NUMERI REALI R.

COMPLETEZZA DELL INSIEME DEI NUMERI REALI R. COMPLETEZZA DELL INSIEME DEI NUMERI REALI R. FABIO CIPRIANI 1. Completezza dell insieme dei numeri reali R. Nell insieme dei numeri reali R la condizione di Cauchy e necessaria e sufficiente per la convergenza

Dettagli

Successioni, massimo e minimo limite e compattezza in R

Successioni, massimo e minimo limite e compattezza in R Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie per i Media Successioni, massimo e minimo limite e compattezza in R Massimo A. Picardello BOZZA 10.11.2011 21:24 i CAPITOLO 1 Successioni

Dettagli

1 Successioni di funzioni

1 Successioni di funzioni Analisi Matematica 2 Successioni di funzioni CORSO DI STUDI IN SMID CORSO DI ANALISI MATEMATICA 2 CAPITOLO 6 SERIE DI POTENZE Supponiamo di associare ad ogni n N (rispettivamente ad ogni n p, per qualche

Dettagli

NOTE SULLE FUNZIONI CONVESSE DI UNA VARIABILE REALE

NOTE SULLE FUNZIONI CONVESSE DI UNA VARIABILE REALE NOTE SULLE FUNZIONI CONVESSE DI UNA VARIABILE REALE ROBERTO GIAMBÒ 1. DEFINIZIONI E PRIME PROPRIETÀ In queste note saranno presentate alcune proprietà principali delle funzioni convesse di una variabile

Dettagli

non solo otteniamo il valore cercato per la validità della (1.4), ma anche che tale valore non dipende da

non solo otteniamo il valore cercato per la validità della (1.4), ma anche che tale valore non dipende da NOTE INTEGRATIVE PER IL CORSO DI ANALISI MATEMATICA 2 ANNO ACCADEMICO 2012/13 NOTE SULLA CONTINUITÀ UNIFORME D.BARTOLUCCI, D.GUIDO Sia f(x) = x 3, x [ 1, 1]. Si ha 1. La continuità uniforme x 3 y 3 = x

Dettagli

Analisi Matematica 1+2

Analisi Matematica 1+2 Università degli Studi di Genova Facoltà di Ingegneria - Polo di Savona via Cadorna 7-700 Savona Tel. +39 09 264555 - Fax +39 09 264558 Ingegneria Gestionale Analisi Matematica +2 A.A 998/99 - Prove parziali

Dettagli

Soluzioni dello scritto di Analisi Matematica II - 10/07/09. C.L. in Matematica e Matematica per le Applicazioni

Soluzioni dello scritto di Analisi Matematica II - 10/07/09. C.L. in Matematica e Matematica per le Applicazioni Soluzioni dello scritto di Analisi Matematica II - /7/9 C.L. in Matematica e Matematica per le Applicazioni Proff. K. Payne, C. Tarsi, M. Calanchi Esercizio. a La funzione f è limitata e essendo lim fx

Dettagli

Corso di Analisi Matematica Successioni e loro limiti

Corso di Analisi Matematica Successioni e loro limiti Corso di Analisi Matematica Successioni e loro limiti Laurea in Informatica e Comunicazione Digitale A.A. 2013/2014 Università di Bari ICD (Bari) Analisi Matematica 1 / 30 1 Definizione di successione

Dettagli

INTEGRALI Test di autovalutazione

INTEGRALI Test di autovalutazione INTEGRALI Test di autovalutazione. L integrale ln 6 è uguale a (a) vale 5 2 (b) (c) (d) 4 5 vale ln 256 2 è negativo 2 5 + 4 5 2 5 + 4 5 d d 2. È data la funzione = e 2. Allora: (a) se F() è una primitiva

Dettagli

Esercitazione di Analisi Matematica I Esercizi e soluzioni 19/04/2013 TOPOLOGIA

Esercitazione di Analisi Matematica I Esercizi e soluzioni 19/04/2013 TOPOLOGIA Esercitazione di Analisi Matematica I Esercizi e soluzioni 9/04/203 TOPOLOGIA Mostrare che uno spazio infinito con la metrica discreta non può essere compatto Soluzione: Per la metrica discreta d : X X

Dettagli

k=0 a k k=0 a k, quando si voglia precisare qual è l indice iniziale: si possono infatti considerare anche serie del tipo k=1 a k, k=50 a k,

k=0 a k k=0 a k, quando si voglia precisare qual è l indice iniziale: si possono infatti considerare anche serie del tipo k=1 a k, k=50 a k, 2.2 Serie Le serie numeriche sono semplicemente successioni reali o complesse di tipo particolare, che però, per la loro importanza pratica e teorica, meritano una trattazione a parte. Data una successione

Dettagli

1 Successioni di funzioni

1 Successioni di funzioni Successioni di Esercizio.. Studiare la convergenza puntuale ed uniforme della seguente successione di (.) f n (x) = n x Osserviamo che fissato x R f n(x) = + n x x R. x ( n + x ) = pertanto la successione

Dettagli

Limiti e continuità Test di autovalutazione

Limiti e continuità Test di autovalutazione Test di autovalutazione 1. Sia A R tale che sup A = 2 e inf A = 0. Allora, necessariamente 2 A (b) esiste x A tale che 0 < x < 2 (c) esiste x A tale che x > 1 0 A 2. Il prodotto delle funzioni x e ln x

Dettagli

LIMITI. 1. Definizione di limite.

LIMITI. 1. Definizione di limite. LIMITI 1. Definizione di limite. Sia A un sottoinsieme di IR; se il numero reale x 0 è di accumulazione per A in ogni intorno di x 0 si trovano elementi di A distinti da x 0. Allora ha senso chiedersi

Dettagli

14. Confronto tra l integrale di Lebesgue e l integrale di Riemann.

14. Confronto tra l integrale di Lebesgue e l integrale di Riemann. 4. Confronto tra l integrale di Lebesgue e l integrale di Riemann. Lo scopo di questo capitolo è quello di mettere a confronto i vari tipi di integrale (di Riemann, generalizzato e improprio) di funzioni

Dettagli

PROGRAMMA di Analisi Matematica 1 A.A , canale 3, prof.: Francesca Albertini Ingegneria area dell Informazione

PROGRAMMA di Analisi Matematica 1 A.A , canale 3, prof.: Francesca Albertini Ingegneria area dell Informazione PROGRAMMA di Analisi Matematica A.A. 204-205, canale 3, prof.: Francesca Albertini Ingegneria area dell Informazione Testo Consigliato: - Analisi Matematica, Teoria e Applicazioni, A. Marson, P. Baiti,

Dettagli

CORSO DI ANALISI MATEMATICA 2 SOLUZIONI ESERCIZI PROPOSTI 18/03/2013

CORSO DI ANALISI MATEMATICA 2 SOLUZIONI ESERCIZI PROPOSTI 18/03/2013 CORSO DI ANALISI MATEMATICA SOLUZIONI ESERCIZI PROPOSTI 8/03/03 D.BARTOLUCCI, D.GUIDO. La continuità uniforme I ESERCIZIO: Dimostrare che la funzione f(x) = x 3, x A = (, ] non è uniformemente continua

Dettagli

Analisi Matematica. Serie numeriche, serie di potenze, serie di Taylor

Analisi Matematica. Serie numeriche, serie di potenze, serie di Taylor a.a. 2014/2015 Laurea triennale in Informatica Analisi Matematica Serie numeriche, serie di potenze, serie di Taylor Avvertenza Questi sono appunti informali delle lezioni, che vengono resi disponibili

Dettagli

Analisi 2. Roberto Monti. Appunti del Corso - Versione 5 Ottobre 2012

Analisi 2. Roberto Monti. Appunti del Corso - Versione 5 Ottobre 2012 Analisi 2 Roberto Monti Appunti del Corso - Versione 5 Ottobre 212 Indice Capitolo 1. Programma 5 Capitolo 2. Convergenza uniforme 7 1. Convergenza uniforme e continuità 7 2. Criterio di Abel Dirichlet

Dettagli

Definizione (Derivata come limite del rapporto incrementale) Se esiste finito (cioè, non + o ) il limite del rapporto incrementale

Definizione (Derivata come limite del rapporto incrementale) Se esiste finito (cioè, non + o ) il limite del rapporto incrementale Funzione derivabile. La derivata. Dati: f I R funzione; I R intervallo aperto ; x 0 I. Definizione (Derivata come ite del rapporto incrementale) Se esiste finito (cioè, non + o ) il ite del rapporto incrementale

Dettagli

Corso di laurea: Ingegneria Civile Programma di Fondamenti di Analisi Matematica I a.a. 2011/2012 Docenti: Fabio Paronetto e Fabio Ancona

Corso di laurea: Ingegneria Civile Programma di Fondamenti di Analisi Matematica I a.a. 2011/2012 Docenti: Fabio Paronetto e Fabio Ancona Corso di laurea: Ingegneria Civile Programma di Fondamenti di Analisi Matematica I a.a. 2011/2012 Docenti: Fabio Paronetto e Fabio Ancona Gli argomenti denotati con un asterisco tra parentesi sono stati

Dettagli

Esercizi sulle equazioni differenziali a cura di Sisto Baldo, Elisabetta Ossanna e Sandro Innocenti

Esercizi sulle equazioni differenziali a cura di Sisto Baldo, Elisabetta Ossanna e Sandro Innocenti Esercizi sulle equazioni differenziali a cura di Sisto Baldo, Elisabetta Ossanna e Sandro Innocenti 1. Verifica che y(t) = 1 t + e t è una soluzione dell equazione y (t) = y(t) + t.. Scrivi un equazione

Dettagli

ANALISI MATEMATICA 1. (Ingegneria Industriale, corsi A e B) Esempi di prove scritte

ANALISI MATEMATICA 1. (Ingegneria Industriale, corsi A e B) Esempi di prove scritte ANALISI MATEMATICA 1 (Ingegneria Industriale, corsi A e B) Esempi di prove scritte Rispondere ai quesiti a risposta multipla Qi, risolvere gli esercizi Ei, enunciare le definizioni Di e svolgere le dimostrazioni

Dettagli

Politecnico di Milano Corso di Analisi e Geometria 1. Federico Lastaria Formule di Taylor Ottobre 2012

Politecnico di Milano Corso di Analisi e Geometria 1. Federico Lastaria Formule di Taylor Ottobre 2012 Politecnico di Milano Corso di Analisi e Geometria 1 Federico Lastaria federico.lastaria@polimi.it Formule di Taylor Ottobre 2012 Indice 1 Formule di Taylor 1 1.1 Il polinomio di Taylor...............................

Dettagli

(2) se A A, allora A c A; (3) se {A n } A, allora +

(2) se A A, allora A c A; (3) se {A n } A, allora + 1. Spazi di misura In questo paragrafo accenneremo alla nozione di spazio di misura. Definizione 1. Sia X un insieme non vuoto. Una famiglia A di sottoinsiemi di X è una σ-algebra se : (1) A; (2) se A

Dettagli

Proprietà globali delle funzioni continue

Proprietà globali delle funzioni continue Limiti e continuità Teorema di esistenza degli zeri Teorema dei valori intermedi Teorema di Weierstrass Teoremi sulla continuità della funzione inversa 2 2006 Politecnico di Torino 1 Data una funzione

Dettagli

DERIVATA DI UNA FUNZIONE REALE. In quanto segue denoteremo con I un intervallo di IR e con f una funzione di I in IR.

DERIVATA DI UNA FUNZIONE REALE. In quanto segue denoteremo con I un intervallo di IR e con f una funzione di I in IR. DERIVATA DI UNA FUNZIONE REALE 1. Definizioni. In quanto segue denoteremo con I un intervallo di IR e con f una funzione di I in IR. DEFINIZIONE 1. Sia x 0 un elemento di I. Per ogni x (I \ {x 0 }) consideriamo

Dettagli

Prove scritte di Analisi I - Informatica

Prove scritte di Analisi I - Informatica Prove scritte di Analisi I - Informatica Prova scritta del 3 gennaio Esercizio Stabilire il comportamento delle seguenti serie: n= n + 3 sin n, n= ( ) n n + 3 sin n, n= (n)! (n!), n= n + n 9 n + n. Esercizio

Dettagli

Appunti di ANALISI MATEMATICA II Corso di Laurea Triennale in Matematica

Appunti di ANALISI MATEMATICA II Corso di Laurea Triennale in Matematica Appunti di ANALISI MATEMATICA II Corso di Laurea Triennale in Matematica Umberto Massari Anno accademico 3-4 SUCCESSIONI E SERIE DI FUNZIONI. Successioni di funzioni: convergenza puntuale ed uniforme Sia

Dettagli

Analisi Matematica. Alcune dimostrazioni e verifiche relative al capitolo Limiti di successioni numeriche e di funzioni

Analisi Matematica. Alcune dimostrazioni e verifiche relative al capitolo Limiti di successioni numeriche e di funzioni a.a. 204/205 Laurea triennale in Informatica Analisi Matematica Alcune dimostrazioni e verifiche relative al capitolo Limiti di successioni numeriche e di funzioni Avvertenza Per comodità degli studenti

Dettagli

Topologia, continuità, limiti in R n

Topologia, continuità, limiti in R n Topologia, continuità, limiti in R n Ultimo aggiornamento: 18 febbraio 2017 1. Preliminari Prima di iniziare lo studio delle funzioni di più variabili, in generale funzioni di k variabili e a valori in

Dettagli

Un paio di esempi su serie e successioni di funzioni

Un paio di esempi su serie e successioni di funzioni Un paio di esempi su serie e successioni di funzioni 29 novembre 2010 1 Successione di funzioni Ricordiamo innanzitutto un po di definizioni. Definizione 1. Una successione di funzioni è una corrispondenza

Dettagli

PROGRAMMA. Capitolo 1 : Concetti di base: numeri reali, funzioni, funzioni reali di variabile reale.

PROGRAMMA. Capitolo 1 : Concetti di base: numeri reali, funzioni, funzioni reali di variabile reale. PROGRAMMA Capitolo 1 : Concetti di base: numeri reali, funzioni, funzioni reali di variabile reale. Gli insiemi numerici oggetto del corso: numeri naturali, interi relativi, razionali. Operazioni sui numeri

Dettagli

Esercitazioni di Matematica

Esercitazioni di Matematica Università degli Studi di Udine Anno Accademico 009/00 Facoltà di Agraria Corsi di Laurea in VIT e STAL Esercitazioni di Matematica novembre 009 Trovare le soluzioni della seguente disequazione: x + +

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria, Settore Informazione (gruppi 2-3), A.A. 2007/2008 Docente: Antonio Ponno

Corso di Laurea in Ingegneria, Settore Informazione (gruppi 2-3), A.A. 2007/2008 Docente: Antonio Ponno Programma del Corso di Matematica A Corso di Laurea in Ingegneria, Settore Informazione (gruppi 2-3), A.A. 2007/2008 Docente: Antonio Ponno Premessa (D) dopo un teorema o una proposizione citati sta ad

Dettagli

Continuità di funzioni

Continuità di funzioni Continuità di funzioni Annalisa Cesaroni, Paola Mannucci e Alvise Sommariva Università degli Studi di Padova Dipartimento di Matematica 2 novembre 2015 Annalisa Cesaroni, Paola Mannucci e Alvise Sommariva

Dettagli

Diario del Corso Analisi Matematica I

Diario del Corso Analisi Matematica I Diario del Corso Analisi Matematica I 1. Martedì 1 ottobre 2013 Presentazione del corso. Nozioni di Teoria degli Insiemi. Numeri Naturali, loro proprietà, rappresentazione geometrica, sommatoria, principio

Dettagli

8. Completamento di uno spazio di misura.

8. Completamento di uno spazio di misura. 8. Completamento di uno spazio di misura. 8.1. Spazi di misura. Spazi di misura completi. Definizione 8.1.1. (Spazio misurabile). Si chiama spazio misurabile ogni coppia ordinata (Ω, A), dove Ω è un insieme

Dettagli

ANALISI DI FOURIER. 2πk. è periodica di periodo T. Più precisamente, essendo. T x + 2π = cos. s(x) = s x + T ) T +α. f(x) dx

ANALISI DI FOURIER. 2πk. è periodica di periodo T. Più precisamente, essendo. T x + 2π = cos. s(x) = s x + T ) T +α. f(x) dx ANALISI DI FOURIER Sia >. Una funzione f, definita per x R, si dice periodica di periodo, se f(x + = f(x, x R. ( Se una funzione è periodica di periodo, essa è anche periodica di periodo, 3,..., k,....

Dettagli

ARGOMENTI NECESSARI DI ANALISI MATEMATICA I

ARGOMENTI NECESSARI DI ANALISI MATEMATICA I 0.SIMBOLOGIA ARGOMENTI NECESSARI DI ANALISI MATEMATICA I t (tau) (x; y.z) = teorema a pagina x; numero y punto z. d (delta) (x; y.z) = dimostrazione del teorema a pagina x; numero y punto z. l (lambda)

Dettagli

Serie Borlini Alex

Serie Borlini Alex Serie numerica >> Prefazione Progressione lista ordinata e finita di elementi. Successione lista ordinata e infinita di elementi (numeri reali chiamati termini), {a n }=a 1, a 2, a 3 Successione di Fibonacci:

Dettagli

Limiti e continuità. Teoremi sui limiti. Teorema di unicità del limite Teorema di permanenza del segno Teoremi del confronto Algebra dei limiti

Limiti e continuità. Teoremi sui limiti. Teorema di unicità del limite Teorema di permanenza del segno Teoremi del confronto Algebra dei limiti Limiti e continuità Teorema di unicità del ite Teorema di permanenza del segno Teoremi del confronto Algebra dei iti 2 2006 Politecnico di Torino 1 Se f(x) =` ` è unico Per assurdo, siano ` 6= `0 con f(x)

Dettagli

Ricorrendo alle definizioni di limite, si dimostrano importanti risultati. Vedremo: che, se esiste, il limite lim

Ricorrendo alle definizioni di limite, si dimostrano importanti risultati. Vedremo: che, se esiste, il limite lim Teoremi sui limiti Ricorrendo alle definizioni di limite, si dimostrano importanti risultati. Vedremo: che, se esiste, il limite lim f () può dare informazioni locali (= che valgono nell intorno di c)

Dettagli

Completezza e compattezza

Completezza e compattezza 1 Completezza e compattezza Spazi metrici completi Data una successione x : N X, j x j, una sua sottosuccessione è la composizione x ν, ove ν : N N è strettamente crescente. Data una successione (x j )

Dettagli

Limiti di successioni

Limiti di successioni Capitolo 5 Limiti di successioni 5.1 Successioni Quando l insieme di definizione di una funzione coincide con l insieme N costituito dagli infiniti numeri naturali 1, 2, 3,... talvolta si considera anche

Dettagli

Analisi Matematica 1 (Modulo) Prove Parziali A.A. 1999/2008

Analisi Matematica 1 (Modulo) Prove Parziali A.A. 1999/2008 Analisi 1 Polo di Savona Analisi Matematica 1 (Modulo) Prove Parziali A.A. 1999/2008 1- PrA1.TEX [] Analisi 1 Polo di Savona Prima prova Parziale 21/10/1998 Prima prova Parziale 21/10/1998 Si consideri

Dettagli

PARTE 1: Elementi di base. Simboli e operazioni sugli insiemi. Simboli logici. Prodotto cartesiano.

PARTE 1: Elementi di base. Simboli e operazioni sugli insiemi. Simboli logici. Prodotto cartesiano. PROGRAMMA di Analisi Matematica 1 A.A. 2008-2009, canale 1, prof.: Francesca Albertini, Claudio Marchi Ingegneria gestionale, meccanica e meccatronica, Vicenza Testo Consigliato: Analisi Matematica, M.

Dettagli

Complementi di Analisi Matematica Ia. Carlo Bardaro

Complementi di Analisi Matematica Ia. Carlo Bardaro Complementi di Analisi Matematica Ia Carlo Bardaro Capitolo 1 Elementi di topologia della retta reale 1.1 Intorni, punti di accumulazione e insiemi chiusi Sia x 0 IR un fissato punto di IR. Chiameremo

Dettagli

1 prof. Claudio Saccon, Dipartimento di Matematica Applicata, () December 30, / 26

1 prof. Claudio Saccon, Dipartimento di Matematica Applicata, () December 30, / 26 ANALISI 1 1 UNDICESIMA LEZIONE DODICESIMA LEZIONE TREDICESIMA LEZIONE Derivata - definizione e teoremi di calcolo delle derivate Massimi e minimi relativi e teorema di Fermat Teorema di Lagrange Monotonia

Dettagli

Serie numeriche. 1 Nozioni generali

Serie numeriche. 1 Nozioni generali Serie numeriche Nozioni generali Con il concetto di serie si affronta il problema di dare un senso alla somma di infiniti addendi ordinati in successione. Data una successione (a k ) k N di numeri reali,

Dettagli

Insiemi numerici. Definizioni

Insiemi numerici. Definizioni 1 Insiemi numerici Gli insiemi numerici sono insiemi i cui elementi sono numeri, cioè appartengono all'insieme N dei naturali, degli interi Z, dei razionali Q, dei reali R o dei complessi C ( es.: A =

Dettagli

Ingegneria civile - ambientale - edile

Ingegneria civile - ambientale - edile Ingegneria civile - ambientale - edile Analisi - Prove scritte dal 7 Prova scritta del 9 giugno 7 Esercizio Determinare i numeri complessi z che risolvono l equazione Esercizio (i) Posto a n = n i z z

Dettagli

Corso di Analisi Matematica

Corso di Analisi Matematica Corso di Laurea in Ingegneria Edile Corso di TEOREMI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE Lucio Demeio Dipartimento di Ingegneria Industriale e delle Scienze Matematiche Teorema di Estremi locali Richiamiamo la

Dettagli

Università degli Studi di Palermo Facoltà di Economia. CdS Sviluppo Economico e Cooperazione Internazionale. Appunti del corso di Matematica

Università degli Studi di Palermo Facoltà di Economia. CdS Sviluppo Economico e Cooperazione Internazionale. Appunti del corso di Matematica Università degli Studi di Palermo Facoltà di Economia CdS Sviluppo Economico e Cooperazione Internazionale Appunti del corso di Matematica 02 - I Numeri Reali Anno Accademico 2013/2014 D. Provenzano, M.

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio - sede distaccata di Latina Corso di Analisi Matematica (1 modulo) - a.a.

Corso di Laurea in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio - sede distaccata di Latina Corso di Analisi Matematica (1 modulo) - a.a. Corso di Laurea in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio - sede distaccata di Latina Corso di Analisi Matematica ( modulo) - a.a. 00/04 APPUNTI INTEGRATIVI SUI CRITERI DI CONVERGENZA PER LE SERIE Serie

Dettagli

1) Applicando la definizione di derivata, calcolare la derivata in x = 0 delle funzioni: c) x + 1 d)x sin x.

1) Applicando la definizione di derivata, calcolare la derivata in x = 0 delle funzioni: c) x + 1 d)x sin x. Funzioni derivabili Esercizi svolti 1) Applicando la definizione di derivata, calcolare la derivata in x = 0 delle funzioni: a)2x 5 b) x 3 x 4 c) x + 1 d)x sin x. 2) Scrivere l equazione della retta tangente

Dettagli

Gli insiemi N, Z e Q. I numeri naturali

Gli insiemi N, Z e Q. I numeri naturali Università Roma Tre L. Chierchia 1 Gli insiemi N, Z e Q Il sistema dei numeri reali (R, +,, ) può essere definito tramite sedici assiomi: quindici assiomi algebrici (si veda ad esempio 2.3 in [Giusti,

Dettagli

Il teorema di Lagrange e la formula di Taylor

Il teorema di Lagrange e la formula di Taylor Il teorema di Lagrange e la formula di Taylor Il teorema del valor medio di Lagrange, valido per funzioni reali di una variabile reale, si estende alle funzioni reali di più variabili. Come si vedrà, questo

Dettagli

Principali insiemi di numeri

Principali insiemi di numeri Principali insiemi di numeri N = {0,1,2,...} insieme dei numeri naturali o anche interi non negativi Z = N { 1, 2, 3,...} insieme dei numeri interi Q = { n m } : n,m Z, m 0 insieme dei numeri razionali

Dettagli

SOLUZIONI COMPITO del 1/02/2013 ANALISI MATEMATICA I - 9 CFU INGEGNERIA MECCANICA - INGEGNERIA ENERGETICA INGEGNERIA AMBIENTE e TERRITORIO TEMA A

SOLUZIONI COMPITO del 1/02/2013 ANALISI MATEMATICA I - 9 CFU INGEGNERIA MECCANICA - INGEGNERIA ENERGETICA INGEGNERIA AMBIENTE e TERRITORIO TEMA A SOLUZIONI COMPITO del /0/0 ANALISI MATEMATICA I - 9 CFU INGEGNERIA MECCANICA - INGEGNERIA ENERGETICA INGEGNERIA AMBIENTE e TERRITORIO TEMA A Esercizio Osserviamo che la serie proposta è a termini di segno

Dettagli

Alcune nozioni di calcolo differenziale

Alcune nozioni di calcolo differenziale Alcune nozioni di calcolo differenziale G. Mastroeni, M. Pappalardo 1 Limiti per funzioni di piu variabili Supporremo noti i principali concetti algebrici e topologici relativi alla struttura dello spazio

Dettagli

La convergenza uniforme

La convergenza uniforme La convergenza uniforme 1. Il tubo Sia {f n (x)} una successione convergente a f(x) per x E: disegniamo il grafico della funzione limite f(x) assegnato ε > 0 disegniamo la striscia - il tubo - intorno

Dettagli

Forme indeterminate e limiti notevoli

Forme indeterminate e limiti notevoli Forme indeterminate e iti notevoli Limiti e continuità Forme indeterminate e iti notevoli Forme indeterminate Teorema di sostituzione Limiti notevoli Altre forme indeterminate 2 2006 Politecnico di Torino

Dettagli

Esistenza ed unicità per equazioni differenziali

Esistenza ed unicità per equazioni differenziali Esistenza ed unicità per equazioni differenziali Per concludere queste lezioni sulle equazioni differenziali vogliamo dimostrare il teorema esistenza ed unicità per il problema di Cauchy. Faremo la dimostrazione

Dettagli

Complemento 1 Gli insiemi N, Z e Q

Complemento 1 Gli insiemi N, Z e Q AM110 Mat, Univ. Roma Tre (AA 2010/11 L. Chierchia) 30/9/10 1 Complemento 1 Gli insiemi N, Z e Q Il sistema dei numeri reali (R, +,, ) può essere definito tramite sedici assiomi: quindici assiomi algebrici

Dettagli

Elementi di Analisi Matematica. Prova in itinere del 19 dicembre 2011

Elementi di Analisi Matematica. Prova in itinere del 19 dicembre 2011 Elementi di Analisi Matematica Prove in itinere dal 211 Prova in itinere del 19 dicembre 211 Esercizio 1 Si consideri la serie n= (2n)! (n!) 2 xn, x R. (i) Stabilire per quali x R la serie è assolutamente

Dettagli

Università degli Studi di Palermo Facoltà di Economia. Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali e Statistiche. Appunti del corso di Matematica

Università degli Studi di Palermo Facoltà di Economia. Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali e Statistiche. Appunti del corso di Matematica Università degli Studi di Palermo Facoltà di Economia Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali e Statistiche Appunti del corso di Matematica 03 - I Numeri Reali Anno Accademico 2015/2016 M. Tumminello,

Dettagli

1. Scrivere il termine generale a n delle seguenti successioni e calcolare lim n a n:

1. Scrivere il termine generale a n delle seguenti successioni e calcolare lim n a n: Serie numeriche.6 Esercizi. Scrivere il termine generale a n delle seguenti successioni e calcolare a n: a),, 4, 4 5,... b), 9, 4 7, 5 8,... c) 0,,,, 4,.... Studiare il comportamento delle seguenti successioni

Dettagli

Concentriamo la nostra attenzione sull insieme dei numeri razionali Q. In Q sono definite

Concentriamo la nostra attenzione sull insieme dei numeri razionali Q. In Q sono definite Lezioni del 22 e 24 settembre. Numeri razionali. 1. Operazioni, ordinamento. Indichiamo con N, Z, Q gli insiemi dei numeri naturali, interi relativi, e razionali: N = {0, 1, 2,...} Z = {0, ±1, ±2,...}

Dettagli

DIARIO DELLE LEZIONI DI ANALISI PER FISICA (Pb-Z) a.a. 2016/2017

DIARIO DELLE LEZIONI DI ANALISI PER FISICA (Pb-Z) a.a. 2016/2017 DIARIO DELLE LEZIONI DI ANALISI PER FISICA (Pb-Z) a.a. 2016/2017 27 settembre.(2 ore) Introduzione e informazioni. Linguaggio matematico. Insiemi numerici e loro proprietà : N, Z, Q. 2 non è un numero

Dettagli

Corso di Analisi Matematica I numeri reali

Corso di Analisi Matematica I numeri reali Corso di Analisi Matematica I numeri reali Laurea in Informatica e Comunicazione Digitale A.A. 2013/2014 Università di Bari ICD (Bari) Analisi Matematica 1 / 57 1 Insiemi e logica 2 Campi ordinati 3 Estremo

Dettagli

Successioni Numeriche

Successioni Numeriche Successioni Numeriche 1. Siano ( ) e (b n ) due successioni positive tali che lim = lim b n = l IR. A. log log b n per n +. B. e an e bn per n +. 2. Sia ( ) una successione convergente e (b n ) una successione

Dettagli

Osservazione 1.1 Si verifica facilmente che esiste un unica relazione d ordine totale su Q che lo renda un campo ordinato.

Osservazione 1.1 Si verifica facilmente che esiste un unica relazione d ordine totale su Q che lo renda un campo ordinato. 1 Numeri reali Definizione 1.1 Un campo ordinato è un campo K munito di una relazione d ordine totale, compatibile con le operazioni di somma e prodotto nel senso seguente: 1. a, b, c K, a b = a + c b

Dettagli

Insiemi, Numeri, Terminologia. Prof. Simone Sbaraglia

Insiemi, Numeri, Terminologia. Prof. Simone Sbaraglia Insiemi, Numeri, Terminologia Prof. Simone Sbaraglia Corso Rapido di Logica Matematica La logica formale definisce le regole cui deve obbedire qualsiasi teoria deduttiva. Una proposizione e` una affermazione

Dettagli

Metodi per il calcolo degli zeri di funzioni non lineari

Metodi per il calcolo degli zeri di funzioni non lineari Metodi per il calcolo degli zeri di funzioni non lineari N. Del Buono 1 Introduzione Le radici di un equazione non lineare f(x) = 0 non possono, in generale, essere espresse esplicitamente e anche quando

Dettagli

Complemento 5 Coseno, seno, e pi greco

Complemento 5 Coseno, seno, e pi greco AM110 Mat, Univ. Roma Tre (AA 010/11 L. Chierchia 6/1/10 1 Complemento 5 Coseno, seno, e pi greco Definizione 1 Per ogni x R poniamo cos x := ( 1 k xk (k! = 1 x + x4 4 x6 70 + x8 4030 sen x := k=0 ( 1

Dettagli

Esercizi proposti 4 (capitolo 8)

Esercizi proposti 4 (capitolo 8) Esercizi proposti 4 capitolo 8). [8., #5 p. 9] Calcolare i possibili punti di estremo di gx) = x ln x, per x 0, + ). Soluzione. Ricordiamo che un punto di estremo è un punto del dominio della funzione

Dettagli

Criterio di Monotonia

Criterio di Monotonia Criterio di Monotonia Criterio di monotonia: se f è una funzione derivabile in (a,b), si ha: f (x) 0 x (a,b) f è debolmente crescente in (a,b) f (x) 0 x (a,b) f è debolmente decrescente in (a,b) Nota:

Dettagli

Funzioni derivabili (V. Casarino)

Funzioni derivabili (V. Casarino) Funzioni derivabili (V. Casarino) Esercizi svolti 1) Applicando la definizione di derivata, calcolare la derivata in = 0 delle funzioni: a) 5 b) 3 4 c) + 1 d) sin. ) Scrivere l equazione della retta tangente

Dettagli

Corsi di Laurea in Ingegneria Elettronica e Telecomunicazioni.

Corsi di Laurea in Ingegneria Elettronica e Telecomunicazioni. Corsi di Laurea in Ingegneria Elettronica e Telecomunicazioni. Università di Pisa. Primo Compitino di Analisi Matematica I. Soluzioni. Esercizio. Si consideri la successione a k k N definita dalla relazione

Dettagli

COMPLEMENTI DI ANALISI MATEMATICA DI BASE. Prova scritta del 26 gennaio 2005

COMPLEMENTI DI ANALISI MATEMATICA DI BASE. Prova scritta del 26 gennaio 2005 Prova scritta del 26 gennaio 2005 Esercizio 1. Posto B = x R 2 : x 2 2}, sia f n } una successione di funzioni (misurabili e) integrabili in B tali che f n f q.o. in B e, per ogni n N, f n (x) 2 x 3 per

Dettagli

x x x f(x) 5-f(x) Approccio Intuitivo Man mano il valore di x si avvicina a x 0 il valore di f(x) si avvicina a L

x x x f(x) 5-f(x) Approccio Intuitivo Man mano il valore di x si avvicina a x 0 il valore di f(x) si avvicina a L Deinizione imite Approccio Intuitivo ( ) Man mano il valore di si avvicina a il valore di () si avvicina a ( 2 22 2 ) Possiamo precisare meglio: 5 ( 2 ) 5 () 5-(),968377 4,87459,2549,99 4,96,399,996838

Dettagli