Gene number 19,000 30,000

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gene number 19,000 30,000"

Transcript

1 Gene number ,000 13,500 30,000 30,000

2

3 MODULI: Nucleotidi (4) Amino acidi (21) Domini proteici/proteine (Domini di interazione proteina-proteina Proteina/DNA o Proteina /RNA Interazione con membrana Funzione enzimatica) RNA (funzione strutturale/enzimatica) Via metabolica ossidazione/riduzione

4 Gene number ,000 13,500 30,000 Numero di moduli e simile 30,000

5

6 La regolazione dell espressione genica Geni housekeeping che devono essere espressi in tutti i tipi cellulari sempre allo stesso livello (es. Fattori di trascrizione generali o GTFs, DNA erna polimerasi, actina, istoni.) Geni specializzati/tessuto-specifici specifici di un certo stadio disviluppo embrionale (es. Recettori di membrana, Immunoglobuline, enzimispecifici) Geni inducibili, tessuto-specifici o meno (es. Fattori di trascrizione, enzimi, mediatori dell infiammazione, ormoni)

7 Attivazione/inattivazione dell espressione genica Procarioti: risposte cellulari all ambiente esterno Eucarioti: Decisioni cellulari durante lo sviluppo -> differenziamento Regolazione del ciclo cellulare Attivazione cellulare in risposta a mediatori esterni quali fattori di crescita, ormoni etc. (reversibile, rapida)

8 La regolazione dell espressione genica avviene a numerosi livelli:

9 Negli eucarioti superiori i geni inattivi da un punto di vista trascrizionale hanno una struttura cromatinica meno accessibile BamHI 4,6 kb BamHI BamHI 4,6 kb BamHI Globina Globina DNAseI Eritroblasto DNAseI Isolamento dei nuclei e digestione con quantità crescente di DnasiI. Estrazione DNA, digestione con BamHI, Southern Blot ed ibridazione con globina MBS DNA Eritroblasto MBS 0 0,01 0,05 0,1 0,5 1 1,5 1,5 DnaseI (µg/ml) 4,6kb Geni attivi da un punto trascrizionale sono più suscettibili di quelli inattivi alla digestione con DNAsiI Sono in una conformazione cromatinica particolare che li rende più accessibili a DNAsiI

10 Pre-attivazione (Induzione di uno stato trascrizionalmente competente) Inizio/re-inizio della trascrizione Fattori di trascrizione legati a specifici promotori/enhancers Co-attivatori (acetilasi degli istoni,attivita che rimodellano la cromatina) Fattori generali di trascrizione (GTFs)e RNA polimerasi Allungamento del trascritto Terminazione del trascritto

11

12 CROMATINA EUCROMATINA -> TRASCRIZIONE POTENZIALE a) geni housekeeping b) geni tessuto-specifici c) espressione ectopica di geni tessuto-specifici (trascrizione illegittima) ETEROCROMATINA FACOLTATIVA -> inattiva quando condensata. Fornisce un meccanismo di compensazione: rapporto geni autosomici/geni X-linked maschi = 2/1 donne = 1/1 ETEROCROMATINA COSTITUTIVA -> sempre inattiva; Localizzata nelle regioni peri - e centromeriche

13 I geni mappano tutti in regioni le cui caratteristiche generali possono essere definite eucromatiche (a parte l eterocromatina facoltativa), tuttavia alcuni geni si eprimono e altri non si esprimono. Ci sono quindi regioni eucromatiche attive e regioni eucromatiche non attive. Qual è la regola?

14 Meccanismi epigenetici Fattori che vengono trasmessi alla progenie, ma che non sono direttamente attribuibili alla sequenza del DNA. Metilazione del DNA; Nelle cellule eucariotiche la metilazione è a carico della C. Solo il 3% delle C sono metilate ed in genere è bersaglio della metilazione la C della doppietta CpG. Modificazioni degli istoni; Acetilazioni, fosforilazioni e metilazioni, responsabili di cambiamenti conformazionali della cromatina.

15 Meccanismi epigenetici: Metilazione del DNA La metilazione del DNA è un processo post-replicativo. L estensione delle modificazioni riguardanti la metilazione del DNA è fondamentalmente decisa durante lo sviluppo. La metilazione del DNA è quindi uno dei meccanismi correlati con il differenziamento cellulare, tramite l inibizione dell espressione genica a livello trascrizionale.

16 Quali regioni sono bersaglio della metilazione? I geni dei vertebrati attivamente trascritti sono marcati da isole CpG al 5. In queste regioni la frequenza di CpG è uguale a quella attesa nel DNA totale (40% GC), nella restante parte del genoma è invece più bassa del 20% rispetto all atteso Nel genoma umano il 56% dei geni sono associati a isole CpG: tutti i geni housekeeping ed il 40% dei geni con espressione tessuto-specifica I geni tessuto-specifici sono metilati in CpG nei tessuti dove non sono espressi

17 Cambiamenti dello stato di metilazione del DNA durante lo sviluppo dei mammiferi Durante la segmentazione si ha subito una fase di demetilazione, seguita da una metilazione de novo dispersa su tutto il genoma, dopo l impianto. La metilazione de novo è rara dopo la gastrulazione, ma è stata vista frequentemente durante la stabilizzazione di colture in vitro e nei tumori.

18

19 Il mantenimento della metilazione di CpG avviene grazie a metilasi specifiche Metilasi che riconoscono le sequenze emi-metilate (Dmt-1) Duplicazione del DNA

20 La metilazione del DNA regola l espressione genica mediante meccanismi diversi La metilazione del DNA può bloccare direttamente l azione dei fattori di trascrizione impedendo legame alle sequenze bersaglio La metilazione del DNA può reprimere l espressione genica attraverso il reclutamento di diverse metil CpG binding proteins (MECPs) che sono in grado di leggere il pattern di metilazione del DNA

21 La metilazione del DNA è solo una delle componenti del vasto programma epigenetico, che include anche altre modificazioni post-sintetiche della cromatina Meccanismi epigenetici: Modificazioni degli Istoni I residui amminoacidici all N-terminale di ciascun istone (20-60 residui) si estendono al di fuori della superficie del nucleosoma. Queste regioni sono particolarmente ricche in lisina (K) che può essere reversibilmente modificata mediante acetilazione, fosforilazione e metilazione."

22

23 Modificazioni degli istoni H3 e H4 La lisina 9 di H3 può essere sia acetilata che metilata. L acetilazione è associata alla cromatina trascrizionalmente attiva. Acetilazione e metilazione di H3K9 sono mutualmente esclusive.

24 La metilazione delle CpG, richiama delle CpG binding protein che a loro volta, sono associate a delle metil transferasi istoniche in grado di metilare gli istoni e delle deacetilasi che rimuovono i gruppi acetile. Il risultato è la condensazione della cromatina.

25 Alcune modificazioni si rinforzano mutuamente, altre si contrastano. I risultati assicurano la stabilizzazione dei domini cromatinici nello stato di attività trascrizionale o di silenziamento trascrizionale. La repressione delle sequenze CpG metilate nei promotori è legata a due proteine che, riconoscendo e legandosi a CpG metilati, attivano la deacetilazione degli istoni.

26 1) Chromatin ImmunoPrecipitation (ChIP) 2) Chromatin ImmunoPrecipitation combinata con microarray a DNA (ChIP on CHIP) 3) Sequenziamento del materiale immnunoprecipitato (ChIP-Seq)

27 1) Chromatin ImmunoPrecipitation (ChIP) Anti-K9H ARTKQTARKSTGGKAPRKQLATKAARKSAP H SGRGKGGKGLGKGGAKRHRKVLRDNIQGIT H4

28 Immunoprecipitazione della Cromatina (ChIP) Crosslinking Sonicazione Immunoprecipitazione Reverse Crossilink Estrazione DNA e analisi

29 H H C O H H C O H H C O H H C O H H C O

30 Sonicazione

31 Controllo Sonicazione Gel controllo sonicazione

32 Immunoprecipitazione Sepharose Beads IgG Proteina A TAFs TAG Sito di Inizio TBP

33

34 Reverse Crosslink Proteinasi K 65 C

35 Estrazione DNA e analisi DNA Immunoprecipitato PCR ChIP Chip PCR Quantitativa Studi sull intero genoma Determinazione del grado di occupanza di una proteina su una sequenza nota

36

37 Input 2) ChIP on CHIP permette di isolare ed identificare le sequenze di DNA occupate da specifiche DNA binding protein. I siti di legame identificati possono essere usati come base per annotare elementi funzionali nel genoma (promotori, enhancers ecc.)

38 3) ChIP-Seq

39 STUDIO DELLA METILAZIONE DELLE CITOSINE (Metiloma) : 1) ENZIMI DI RESTRIZIONE 2) BISULFITE SEQUENCING 3) MeDIP

40 1) ENZIMI DI RESTRIZIONE: Frazionamento di porzioni metilate e non metilate del genoma da parte di enzimi di restrizione sensibili alla metilazione, seguito da analisi basate su microarray, ibridazione o sequenziamento

41 1) ENZIMI DI RESTRIZIONE: Vantaggi : permette di avere un profilo di metilazione per regioni estese di DNA Svantaggi: studia la metilazione solo delle regioni in cui è presente il sito di restrizione

42 2) BISULFITE SEQUENCING DNA trattato con bisulfito di sodio per convertire le citosine non metilate a uracile. Successivamente analisi mediante classico sequenziamento.

43

44

45 2) Bisulfite treatment: Vantaggi : molto accurato Svantaggi: difficile da applicare su analisi high throughput

46 3) MeDIP (mdip, mcip) Arricchimento di frazioni di DNA metilato mediante immunoprecipitazione del DNA con anticorpi anti 5-metilcitosina

47 MeDIP Metodica che può essere facilmente applicata ad indagini high troughtput mediante l utilizzo di microarray ad alta densità

48 Eucromatina aperta o chiusa? Figure 7-47 Molecular Biology of the Cell ( Garland Science 2008)

49 Controllo Trascrizionale Il punto principale responsabile del controllo dell espressione genica negli eucarioti è la trascrizione. Una trascrizione selettiva si ottiene grazie a specifiche DNA binding proteins, che sono in grado di rimodellare la cromatina.

50 Affinché la RNA polimerasi si possa attaccare a un promotore, una serie di fattori di trascrizione si deve prima a sua volta attaccare. Se la RNA polimerasi potrà iniziare la trascrizione dipenderà anche dal legame di proteine regolative, proteine attivatrici e di repressione. Elementi distali Elementi prossimali Promotore basale

51 Gli attivatori trascrizionali sono proteine modulari composte da distinti domini funzionali

52 La struttura eterodimerica di molti fattori trascrizionali aumenta le possibilità di controllo dei geni

53 Repressori e attivatori possono dirigere la deacetilazione degli istoni a livello di specifici geni"

54

55

56 CONTROLLO A DISTANZA DELL ESPRESSIONE GENICA La struttura della cromatina può svolgere un controllo a distanza sull espressione genica EFFETTO DI POSIZIONE la vicinanza a regioni eterocromatiche può sopprimere l espressione genica presumibilmente per alterazione della struttura di un ampio dominio cromatinico (distrofia fascio-scapolo-omerale FSHD) COMPETIZIONE l espressione di alcuni geni (geni umani delle globine) è coordinata da una regione di controllo dominante LCR localizzata a monte dei geni delle globine

57 ζ 2 ε 2, Emoglobina Embrionale (espressione nel sacco vitellino) α 2 γ 2 HbF Emoglobina fetale (espressione nel fegato e nella milza) α 2 δ 2 HbA 2 Emoglobina dell adulto α 2 β 2 HbA Le LCR funzionano da enhancer per la trascrizione dei geni globinici Altri siti ipersensibili nella regione dei promotori dei singoli geni -> specificità dello stadio di sviluppo. Siti ipersensibili a DNAsi I Eritroide-specifici (enhancer) Siti ipersensibili del fegato fetale Siti ipersensibili nel midollo osseo adulto

58 CARATTERISTICHE DELLA CROMATINA Caratteristica Cromatina attiva Cromatina inattiva Conformazione della cromatina Estesa, aperta Condensata Metilazione del DNA Acetilazione degli istoni Poco metilata specialmente nelle regioni del promotore Istoni acetilati Metilata Istoni non acetilati

59 Controllo post-trascrizionale

60 L uso di promotori alternativi, di splicing alternativi, di poliadenilazioni alternative e di editing, può dare luogo a isoforme diverse con proprietà differenti quali : Isoforme tessuto-specifiche. Gene DMD presenta otto promotori diversi a seconda del tessuto, che danno origine a 8 diverse proteine Isoforme stadio di sviluppo specifiche Isoforme transmembrana o solubili Diversa localizzazione cellulare Funzione cambiata -> isoforme di fattori trascrizionali che agiscono da attivatori o repressori a seconda dei domini contenuti Lo splicing alternativo è controllato da proteine che si legano alle molecole di premrna e fanno in modo che alcuni siti di splicing non vengano utilizzati e altri siano invece attivati.

61 La stabilità dell mrna citoplasmatico è variabile"

62 Il promotore del gene umano dell insulina Nero: fattori ubiquitari Rossi: fattori specifici delle cellule beta pancreatiche

63 corteccia muscolo Purkinje Promotori alternativi: Il gene della distrofina retina Schwann Generale Tessuto-specificità Diverso stadio di sviluppo Differente localizzazione sub-cellulare regolazione genica sesso-specifica

64 Splicing Alternativo

65

66 Splycing alternativo delle tropomiosine

67 Gene del Tumore di Wilms: sono possibili 24 isoforme grazie a tre diversi codoni di inizio nell esone 1, un RNA editing U-->C, nell esone 6 e due splicing alternativi, Una omissione variabile (skipping) dell esone 5 e una variazione di lunghezza dell esone 9 dovuta alla competizione di un sito di splicing 5. (3X2X2X2) Gene Dscam di drosofila: sono possibili isoforme (12X48X33X2) selezionando Varianti mutualmente escusive da ciascuno degli esono 4, 6 e 9.

68 RNA editing: il gene ApoB

69 Controllo traduzionale

70 Translation of some mrnas is regulated by specific RNA-binding proteins" Iron-dependent regulation of translation of ferritin mrna! +Fe -Fe La proteina che si lega a IRE (IRE-BP) inibisce la produzione della catena pesante della ferritina legandosi agli elementi di risposta al ferro (IRE) che si trovano nelle regioni non tradotte al 5

71 An RNA-Centric View of Gene Expression RNA DNA Protein

72 Non Coding RNAs: RiboRegulators (~97% of RNAs Present in Human Cells are Non-Coding) rrna trna Vault Y RNAs 7SK snrnas snornas Guide RNA Introns 5 UTR 3 UTR Catalytic: Ribozymes Telomerase MicroRNAs Viral RNAs Xist, H19 Retrotransposons

73 Ruolo dell RNA nella regolazione dell espressione genica

74 RNA-Mediated Gene Silencing Transcriptional Gene Silencing (TGS) (RNA-dependent DNA Methylation) Post-transcriptional Gene Silencing (PTGS) or RNA Interference (RNAi) Gene Silencing By MicroRNAs

75 MicroRNAs: Expanding Family of RiboRegulators lin-4 and let-7 RNAs (from worm) were first examples Also known as strnas (small temporal RNAs) Regulate expression of proteins and developmental timing Tip of the iceberg..micrornas are everywhere!

76 sirna and Silent Chromatin - Model 1) RNA homologous to centromeric repeats are processed -> sirnas 2) sirnas may recruit Clr4 histone H3 methylase result in meth. of H3 Lys9 3) Swi6 binds chromatin 4) Gene silencing Dicer = RNasi Ago1 =Argonaute gene family Swi6 = heterochromatic protein 1 Rdp1 = RNA dependent RNA polimerase 1

77 RNAi by sirnas " Developmental regulation" by strnas (µ RNAs) " ~22nt! sirnas" processing" ~22nt! lin-4! processing" ~22nt! let-7! mrna! target" recognition" lin-14! mrna! lin-41! mrna! target" recognition" 3ʼUTR! 3ʼUTR! degradation" Translational repression"

78 Proposed Biologic Roles Immune System of the Genome Antiviral Defense Suppress Transposon Activity Response to Aberrant RNAs Gene Regulation (e.g. MicroRNAs)

79 La quasi totalità dei geni è biallelica espressione di entrambi gli alleli o di nessuno dei due alleli ECCEZIONI AUTOSOMI -IMPRINTING GENOMICO (emizigosi funzionale). L allele che si esprime dipende dal genitore da cui deriva -ESCLUSIONE ALLELICA in seguito a riarrangiamento programmato del DNA nei linfociti B -> Ig e nei linfociti T-> TCR (emizigosi funzionale) CROMOSOMI DEL SESSO -XY emizigosi costitutiva -XX inattivazione X (corpo di barr), emizigosi funzionale (compensazione di dose)

80

81 Diploidie uniparentali sono letali SVILUPPO NORMALE Nell uomo, 46XX di origine esclusivamente paterna origina moli idatiformi, spesso si trasformano in coriocarcinoma. I teratomi ovarici sono invece il risultato di una diploidia uniparentale materna. LETALE LETALE LO SVILUPPO NORMALE RICHIEDE LA PRESENZA DI UN GENOMA MATERNO E DI UN GENOMA PATERNO CHE FUNZIONANO IN MODO DIVERSO. L ATTIVITA DI ALCUNI GENI NELL EMBRIONE DIPENDE DAL GENITORE DI ORIGINE

82 DISOMIA UNIPARENTALE UPD ORGANISMO DIPLOIDE CON PRESENZA DI DUE COPIE DI UN CROMOSOMA (O DI UNA PARTE DI UN CROMOSOMA) DERIVATE DALLO STESSO GENITORE M P Non Disgiunzione Zigote

83 Le UPD possono essere isodisomie in cui entrambi gli omologhi sono identici, o eterodisomie quando derivano da entrambi gli omologhi di un genitore. Si pensa che la causa più comune delle UPD sia il recupero di una trisomia: un prodotto del concepimento che sia trisomico e che quindi morirebbe, occasionalmente perde da una cellula ancora totipotente uno dei cromosomi, per non disgiunzione mitotica o per ritardo anafasico. La progenie euploide di questa cellula forma l embrione, mentre tutte le altre cellule muoiono. Molte UPD nell uomo non vengono normalmente diagnosticate, in quanto non sono causa di alcuna patologia.

84 In alcuni casi le UPD sono alla base di patologie CROMOSOMA 11 piccolo entrambi materni normale uno paterno e uno materno grande entrambi paterni

85 Imprinting genomico

86 Nell uomo due regioni, rispettivamente dei cromosomi 11 e 15 sono associate a patologie se presenti in UPD. Queste regioni contengono diversi loci con espressione differenziale: loci imprinted loci responsabili di Beckwith-Wiedemann loci responsabili di AS e PWS

87 EREDITARIETA NON TRADIZIONALE Mendel: i geni trasmessi da un genitore o dall altro hanno lo stesso effetto fenotipico: l espressione di un gene è la stessa indipendentemente da quale genitore l abbia trasmesso. Dimostrazioni recenti: l espressione di alcuni geni dipende dal genitore di origine. GENOMIC O PARENTAL IMPRINTING: diversa espressione di un gene o di parti di cromosomi a seconda del genitore che l ha trasmesso. IMPRINTING MATERNO o IMPRINTING PATERNO: la gametogenesi in un sesso marca un gene in modo da renderlo diverso dalla controparte fornita dal genitore dell altro sesso. Durante la gametogenesi alcuni geni sono inattivati in modo differenziale nei due sessi, per cui la loro espressione dipende da quale genitore l ha trasmesso.

88 Loci AS e PW

89 Perché i geni imprinted sono spesso organizzati in clusters? I diversi geni sottostanno al controllo di elementi in cis, imprint control elements, che agiscono su grande distanza. All interno di ciascun cluster è facile trovare sia geni che mostrano espressione paterna che geni con espressione materna. Elementi di controllo specifici per l espressione paterna o materna, IC (responsabili dell imprinting e del suo mantenimento) sono presenti nelle immediate vicinanze.

90

91

92

93 S. di PRADER-Willi Delezione UPD Mutazione Mutazione a carico del IC paterno Traslocazione bilanciata M P X 70% 25% 0% <5% 0.1% IMPRINTING PATERNO S. di ANGELMAN Delezione UPD Mutazione Mutazione a carico del IC materno Traslocazione bilanciata M P X 70% 2% 20% <5% <0.1% IMPRINTING MATERNO

94 Gli spermatozoi e gli oociti possono contenere cromosomi che presentano un imprinting differenziale. L effetto fenotipico sulla progenie di un determinato allele dipenderà dal fatto che derivi dal padre o dalla madre. In ogni generazione al momento della gametogenesi tutti gli imprint vengono azzerati ed i cromosomi subiranno un nuovo imprinting a seconda del sesso dell individuo.

95 INATTIVAZIONE DEL CROMOSOMA X

96

97 Nelle prime fasi dello zigote femminile le due X sono attive, segue poi l inattivazione random

98

99 L inizio del processo di inattivazione del cromosoma X avviene nelle prime fasi dell embriogenesi e richiede una inattivazione in cis XIC XIST trascrizione INATTIVAZIONE XIST RNA Chr X Attivo XIST met. No trascrizione Il mantenimento dell inattivazione è probabilmente dovuto alla successiva metilazione del DNA

100

101 Il processo di silenziamento dell X, mediato da Xist può essere diviso in tre fasi: a) inizio, b) stabilizzazione, c) mantenimento. Sia la fase di inizio sia quella di stabilizzazione sono caratterizzate dalla dipendenza di Xist. La fase di mantenimento è invece Xist-indipendente ed irreversibile.

102

103

104 Il differenziamento

105

106 Figure Molecular Biology of the Cell ( Garland Science 2008)

107 Figure 7-75 Molecular Biology of the Cell ( Garland Science 2008)

108 Figure 23-5 Molecular Biology of the Cell ( Garland Science 2008)

109 21_01.jpg

110 La clonazione animale dimostra che si può tornare indietro

111 Data questa differenziazione è possibile prendere una qualsiasi cellula e ottenere da essa un organismo completo? 1975-J.Gurdon

112 E possibile anche con cellule di mammifero? Fino al 1997, la clonazione era stata possibile solo utilizzando nuclei provenienti da embrioni precoci. Nasce Dolly 1997-I.Wilmut

113 Principi chiave: Cellule animali differenziate non sono in grado di svilupparsi in animali adulti completi, tuttavia la maggior parte dei loro nuclei mantiene tutta l informazione genetica necessaria per farlo. E quindi possibile trasferire il nucleo di una cellula differenziata in una cellula uovo il cui nucleo sia stato rimosso. L ambiente della cellula uovo riprogramma il nucleo e permette il pieno sviluppo di un animale vitale e geneticamente identico all individuo donatore della cellula somatica. Ricerche recenti suggeriscono che animali prodotti mediante clonazione a partire da cellule adulte invecchiano precocemente. Sono tuttavia necessarie ulteriori ricerche.

114 Fifty years of animal cloning. 1952: Cloning by nuclear transfer first demonstrated in animals. Source of nuclei was the very early embryo of the frog Rana pipens. 1956: Animal cloning in toads (Xenopus laevis) achieved by nuclear transfer from tadpoles : Cloning first achieved in mammals (rabbits, sheep, cows) by nuclear transfer from very early embryos. 1995: Cloning first achieved by nuclear transfer from cultured mammalian cell line, resulting in the sheep Megan and Morag. 1997: Cloning first achieved using adult sheep cell, resulting in Dolly. 1997: Cloning first achieved using a transgenic sheep, Polly : Cloning achieved using adult cells in mice, cows, pigs, goats and monkeys. 2001: Cloning first achieved following gene knockout in sheep.

115 Prima la Rana, poi Dolly, infine...?

116 According to the simplest model, in which each gene is either ON or OFF, a genome with N genes can (theoretically) encode 2 N states.

117 ON Gene Unspliced RNA Spliced RNA Protein

118 OFF Gene

119 Hypothetical organism with 2 genes in the genome Hi!

120 Gene 1 Gene 2 Gene 1 Gene 2 ON ON ON OFF 2 2 states Gene 1 Gene 2 Gene 1 Gene 2 ON OFF OFF OFF

121 Gene 1 Gene 2 Gene 3 Gene ON ON OFF OFF Fibroblast Gene 1 Gene 2 Gene 3 Gene ON OFF OFF ON Lymphoblast

122 According to Claverie s model, the human species appears 2 30,000 /2 20,000 = 2 10,000 = more complex than the nematode species. This very big number (much bigger than the total number of elementary particles in the known universe) x = 2 20, ,000

123 Non solo...

124 Ma gli altri primati?

125 Settembre 2005: The Chimpanzee genome

126 The Power of Comparative Genomics Approx. same number of genes, 98,8% sequence identity

127 COSA CI RENDE UMANI? Chiaramente la risposta deve essere collegata all effettivo utilizzo dei singoli geni, piuttosto che al loro numero. IPOTESI: un migliore utilizzo delle potenzialità già esistenti: mutazioni in punti strategici, regolazione genica, efficienza di splicing, interazioni proteina-proteina

128 Overlapping transcriptional units Alternative promoters Noncoding RNAs Conserved non-coding sequences Alternative splicing

129

130

131 Naturally occurring antisense transcripts found in the mouse transcriptome Sense-antisense transcript pair (cdna sequences overlapping) Number Percentage Highest Lowest % chr 19; 19.7% X chr; 6.4% Non-antisense bidirectional transcription pair (cdna sequences not overlapping) Number Percentage Highest Lowest % chr 6; 6.9% chr 3; 3.6% H. Kiyosawa et al. Cytogenet Genome Res 99: (2002)

132 Geni dentro i geni NF1 Filamento di senso esone 26 Introne 26 esone Filamento antisenso 3 5 OGMP 2.2KB EVI2B 10 KB EVI2A 4 KB F8 CpG F8B F8C F8A

133 Universal Declaration on the Human Genome and Human Rights. (http://www.unesco.org/human_rights/hrbc.htm) The human genome underlies the fundamental unity of all members of the human family, as well as the recognition of their inherent dignity and diversity. In a symbolic sense, it is the heritage of humanity

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma.

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna è caratteristico degli eucarioti: Sequenze codificanti 1.5% del genoma umano Introni in media 95-97%

Dettagli

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA)

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA Il DNA cellulare contiene porzioni geniche e intergeniche, entrambe necessarie per le funzioni vitali della

Dettagli

La trascrizione negli eucarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie

La trascrizione negli eucarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie La trascrizione negli eucarioti Il promotore eucariotico L inizio della trascrizione negli eucarioti necessita della RNA polimerasi e dei fattori di trascrizione. Qualsiasi proteina sia necessaria per

Dettagli

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie La trascrizione nei procarioti Concetti base Nucleoside base purinica o pirimidinica legata alla posizione 1 dell anello pentoso Nucleotide base azotata-pentoso-fosfato Concetti base La trascrizione comporta

Dettagli

Il ciclo cellulare e la sua regolazione

Il ciclo cellulare e la sua regolazione Il ciclo cellulare e la sua regolazione Le cellule possono essere classificate in base alla loro capacità di crescere e di dividersi: Cellule che hanno perso la capacità di dividersi (cellule neuronali,

Dettagli

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI LEZIONE 16 Sistemi di regolazione SISTEMI DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI In che modo un batterio sente e risponde a specifici segnali provenienti dall ambiente? Per esempio, nel caso dell operone lac

Dettagli

Le pr p in i c n ip i ali ali st s rategie ie i d regola zio i n o e n d e d ll esp s re p ss s ion ion g ni n c i a n e n i i pr p oc o ariot i i

Le pr p in i c n ip i ali ali st s rategie ie i d regola zio i n o e n d e d ll esp s re p ss s ion ion g ni n c i a n e n i i pr p oc o ariot i i Le principali strategie di regolazione dell espressione genica nei procarioti Regolazione metabolica Nel genoma di un microorganismo sono presenti migliaia di geni (3000-6000). Alcuni geni vengono espressi

Dettagli

unità C3. Le cellule crescono e si riproducono

unità C3. Le cellule crescono e si riproducono unità 3. Le cellule crescono e si riproducono Durante l interfase la cellula aumenta di dimensioni sintetizza nuove proteine e nuovi organuli duplica il DN al termine di questi processi la cellula compie

Dettagli

1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici

1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici 1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici La maturazione consiste in una serie di eventi che avvengono negli organi linfoidi generativi o primari:

Dettagli

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA (1) Dato il genotipo AaBb: quali sono i geni e quali gli alleli? Disegnate schematicamente questo genotipo con i geni concatenati

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP I mitocondri sono gli organuli responsabili della produzione di energia necessaria alla cellula per crescere e riprodursi. Queste reazioni, che nel loro insieme costituiscono il processo di "respirazione

Dettagli

Acidi nucleici non codificanti

Acidi nucleici non codificanti Vol. Giacca 4bozza 17-02-2011 11:05 Pagina 19 Acidi nucleici non codificanti 19 maniera controllata in modo da non favorire la crescita di eventuali tumori presenti in sedi lontane da quella in cui sono

Dettagli

Introduzione ai Microarray

Introduzione ai Microarray Introduzione ai Microarray Anastasios Koutsos Alexandra Manaia Julia Willingale-Theune Versione 2.3 Versione italiana ELLS European Learning Laboratory for the Life Sciences Anastasios Koutsos, Alexandra

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

Citochine dell immunità specifica

Citochine dell immunità specifica Citochine dell immunità specifica Proprietà biologiche delle citochine Sono proteine prodotte e secrete dalle cellule in risposta agli antigeni Attivano le risposte difensive: - infiammazione (immunità

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

La struttura dell RNA Struttura dell RNA mediante analisi comparativa Predizione della struttura secondaria: L algoritmo di Nussinov Predizione della

La struttura dell RNA Struttura dell RNA mediante analisi comparativa Predizione della struttura secondaria: L algoritmo di Nussinov Predizione della La struttura dell RNA Struttura dell RNA mediante analisi comparativa Predizione della struttura secondaria: L algoritmo di Nussinov Predizione della struttura secondaria: Minimizzazione dell energia Un

Dettagli

(es.: AA, aa, BB, bb ) 2 Alleli: si tratta di geni che si trovano su cromosomi omologhi e che controllano lo stesso carattere in modo eguale (alleli

(es.: AA, aa, BB, bb ) 2 Alleli: si tratta di geni che si trovano su cromosomi omologhi e che controllano lo stesso carattere in modo eguale (alleli 1 ELEMENTI DI GENETICA LA GENETICA È: LA DISCIPLINA (= LA SCIENZA) CHE INDAGA SUI MECCANISMI DELLA TRASMISSIONE DEI CARATTERI DA UNA GENERAZIONE ALL ALTRA. RICORDIAMO 2 CONCETTI FONDAMENTALI: A) GENOTIPO:

Dettagli

Presentando le cellule staminali

Presentando le cellule staminali Presentando le cellule staminali 1 Alcune note prima di iniziare Questa presentazione va considerata come uno strumento flessibile per scienziati, divulgatori scientifici ed insegnanti. Non tutte le diapositive

Dettagli

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali:

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali: Gli enzimi Nel metabolismo energetico le cellule producono notevoli quantità di CO 2 che deve essere eliminata con l apparato respiratorio. Il trasferimento della CO 2 dalle cellule al sangue e da esso

Dettagli

I I SEGNALI COSTIMOLATORI DEI LINFOCITI T FEDERICA COLLINO

I I SEGNALI COSTIMOLATORI DEI LINFOCITI T FEDERICA COLLINO I I SEGNALI COSTIMOLATORI DEI LINFOCITI T FEDERICA COLLINO ATTIVAZIONE DEI LINFOCITI T L attivazione dei linfociti T vergini richiede la presenza di una particolare regione di contatto tra le cellule T

Dettagli

Le leggi di Mendel esposte in modo ragionato e critico di Luciano Porta

Le leggi di Mendel esposte in modo ragionato e critico di Luciano Porta Le leggi di Mendel esposte in modo ragionato e critico di Luciano Porta Le tre leggi di Mendel, che descrivono la trasmissione dei caratteri ereditari da una generazione all altra, segnano l inizio della

Dettagli

FONDAMENTI DI BIOLOGIA DELLO SVILUPPO

FONDAMENTI DI BIOLOGIA DELLO SVILUPPO FONDAMENTI DI BIOLOGIA DELLO SVILUPPO Grazyna Ptak, PhD, DSc Dipartimento di Scienze Biomediche Comparate Università degli Studi di Teramo Il ciclo della vita: gli stadi dello sviluppo animale 1. specificazione

Dettagli

Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico

Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico Le NIPT utilizzano DNA libero. Campione di sangue materno DNA

Dettagli

Differenziamento = Creazione cellule specializzate. Il tuo corpo ha bisogno delle cellule staminali

Differenziamento = Creazione cellule specializzate. Il tuo corpo ha bisogno delle cellule staminali Differenziamento = Creazione cellule specializzate Cos è una cellula staminale? Cosa mostra la foto Un pezzo di metallo e molti diversi tipi di viti. Dare origine a diversi tipi di cellule è un processo

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

SVILUPPO EMBRIONALE (PARTE PRIMA)

SVILUPPO EMBRIONALE (PARTE PRIMA) SVILUPPO EMBRIONALE (PARTE PRIMA) Lo sviluppo embrionale è il processo che, per successive mitosi porta dallo zigote all'individuo completo. Lo sviluppo embrionale comprende in realtà vari aspetti, che

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Elettroforesi su gel. L elettroforesi è definita come la migrazione di particelle sotto l influenza di un campo elettrico.

Elettroforesi su gel. L elettroforesi è definita come la migrazione di particelle sotto l influenza di un campo elettrico. Elettroforesi su gel L elettroforesi è definita come la migrazione di particelle sotto l influenza di un campo elettrico. La mobilità della particella dipende dalla forza elettrostatica netta che agisce

Dettagli

13. Anticorpi. (vedi singoli sottocapitoli) I edizione. 13. Anticorpi...1

13. Anticorpi. (vedi singoli sottocapitoli) I edizione. 13. Anticorpi...1 1 13. Anticorpi I edizione (vedi singoli sottocapitoli) 13. Anticorpi...1 13.1. STRUTTURA DEGLI ANTICORPI ED I GENI DELLE IMMUNOGLOBULINE...3 13.1.1. Struttura/funzione degli anticorpi...4 13.1.2. Dominii

Dettagli

Gli enzimi. Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica

Gli enzimi. Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica Gli enzimi Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica En-zima εν ζυμη nel lievito Enzima termine generico per definire un catalizzatore biologico Tranne che diversamente indicato,

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

Diversità tra i viventi

Diversità tra i viventi Diversità tra i viventi PROPRIETÀ della VITA La CELLULA CLASSIFICAZIONE dei VIVENTI Presentazione sintetica Alunni OIRM Torino Tutti i viventi possiedono delle caratteristiche comuni Ciascun vivente nasce,

Dettagli

unità B3. Le teorie sull evoluzione

unità B3. Le teorie sull evoluzione documentazione fossile è provata da embriologia comparata anatomia comparata biologia molecolare L evoluzione avviene per selezione naturale microevoluzione può essere macroevoluzione speciazione allopatrica

Dettagli

Attivazione dei linfociti T

Attivazione dei linfociti T Attivazione dei linfociti T Attivazione linfociti T: caratteristiche generali Eventi extracellulari - Riconoscimento dell antigene - Interazione dei recettori costimolatori Eventi intracellulari - Trasduzione

Dettagli

Luc Montagnier IL DNA TRA FISICA E BIOLOGIA ONDE ELETTROMAGNETICHE DAL DNA E ACQUA

Luc Montagnier IL DNA TRA FISICA E BIOLOGIA ONDE ELETTROMAGNETICHE DAL DNA E ACQUA IL PRESENTE TESTO E UNA SINTESI DEL TESTO COMPLETO EDITO DA LA MEDICINA BIOLOGICA, n.4, 2010, WWW.MEDIBIO.IT Luc Montagnier IL DNA TRA FISICA E BIOLOGIA ONDE ELETTROMAGNETICHE DAL DNA E ACQUA Lo sviluppo

Dettagli

Una proteina nella rete: Caccia al tesoro bioinformatica

Una proteina nella rete: Caccia al tesoro bioinformatica Una proteina nella rete: Caccia al tesoro bioinformatica Nel corso di questa attivita utilizzeremo alcune delle piu importanti banche dati disponibili in rete per cercare informazioni su una proteina.

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

DAI GENI AI SEMI. genetica e biotecnologie in agricoltura. Simona Baima e Giorgio Morelli

DAI GENI AI SEMI. genetica e biotecnologie in agricoltura. Simona Baima e Giorgio Morelli DAI GENI AI SEMI genetica e biotecnologie in agricoltura Simona Baima e Giorgio Morelli Copyright 2010 Editori: Simona Baima e Giorgio Morelli Copertina e disegni: Franco Marchiolli [www.francomarchiolli.com]

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca PROVA DI AMMISSIONE AL CORSO DI LAUREA IN MEDICINA VETERINARIA Anno Accademico 2010/2011 Test di Biologia 1. Quale dei seguenti composti NON è di natura lipidica? A) Chitina B) Tripalmitina C) Vitamina

Dettagli

Test di logica e cultura generale. 6. Quale di queste parole è estranea alle altre?

Test di logica e cultura generale. 6. Quale di queste parole è estranea alle altre? Test di logica e cultura generale 1. Tre amici Carlo, Piero e Nicola acquistano della frutta al mercato. Ognuno di loro sceglie un diverso tipo di frutta e spende una somma differente. Sapendo che: - Carlo

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

IL SISTEMA DELL INTERFERON: CENNI GENERALI.

IL SISTEMA DELL INTERFERON: CENNI GENERALI. IL SISTEMA DELL INTERFERON: CENNI GENERALI. Marco De Andrea, Raffaella Ravera, Daniela Gioia, Marisa Gariglio e Santo Landolfo Torino, Novara - Italia Riassunto Gli interferoni sono una famiglia di proteine

Dettagli

Cinquant anni dalla scoperta del DNA

Cinquant anni dalla scoperta del DNA Poste Italiane S.p.A. - Spedizione in abbonamento postale articolo 2 comma 20/c legge 662/96 - Roma Cinquant anni dalla scoperta del DNA Alcune ricerche dell Istituto Superiore di Sanità Un contributo

Dettagli

I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN)

I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN) I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN) VALUTAZIONE DELLA TERAPIA FARMACOLOGICA PER LA CURA DEI COMPORTAMENTI PROBLEMATICI IN SOGGETTI CON SINDROME DI PRADER WILLI State per compilare un questionario sull'utilizzo

Dettagli

OMEOSTASI DEL Ca 2+ e FOSFORO

OMEOSTASI DEL Ca 2+ e FOSFORO OMEOSTASI DEL Ca 2+ e FOSFORO Metabolismo del calcio Il calcio è il minerale più rappresentato nell organismo umano (1000-1200 gr) Il 99% del Ca corporeo si trova nello scheletro e nei denti, per lo più

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Messa a punto dell analisi della

Messa a punto dell analisi della SSMT Locarno 2012/2013 Lavoro di diploma per il corso di Tecnici in Analisi Biomediche Presso l Istituto Cantonale di Patologia di Locarno Messa a punto dell analisi della traslocazione RET/PTC Lavoro

Dettagli

IL SISTEMA NERVOSO. Organizzazione e struttura

IL SISTEMA NERVOSO. Organizzazione e struttura IL SISTEMA NERVOSO Organizzazione e struttura IL SISTEMA NERVOSO. è costituito due tipi cellulari: il neurone (cellula nervosa vera e propria) e le cellule gliali (di supporto, di riempimento: astrociti,

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

Corso di Laurea Specialistica in Biotecnologie Biomolecolari. Corso di Immunologia Molecolare

Corso di Laurea Specialistica in Biotecnologie Biomolecolari. Corso di Immunologia Molecolare Corso di Laurea Specialistica in Biotecnologie Biomolecolari ANTONELLA GROSSO Corso di Immunologia Molecolare ILAN RIESS LA MOLECOLA Interleukin 4 From Wikipedia, the free encyclopedia Interleukin-4, abbreviated

Dettagli

Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide

Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide Il clonaggio molecolare è una delle basi dell ingegneria genetica. Esso consiste nell inserire un frammento di DNA (chiamato inserto) in un vettore appropriato

Dettagli

2. Stress ossidativo & bilancio nutrizionale

2. Stress ossidativo & bilancio nutrizionale 2.1 Vitamine & antiossidanti 2.2 Elementi in traccia ed enzimi STRESS OSSIDATIVO & BILANCIO NUTRIZIONALE R Alimentazione : vitamine e carotenoidi, Antiossidanti : lipofilici Vitamine & antiossidanti ZVIT

Dettagli

Antiossidanti endogeni. fotoprotezione

Antiossidanti endogeni. fotoprotezione Pietro Santoianni Professore Emerito di Dermatologia Docente nel Dottorato di Ricerca in Dermatologia Sperimentale Dipartimento di Patologia sistematica, Sezione di Dermatologia Università di Napoli Federico

Dettagli

Flavescenza dorata (FD) Diffusione epidemica Vettore: cicalina Scaphoideus

Flavescenza dorata (FD) Diffusione epidemica Vettore: cicalina Scaphoideus L AVANZAMENTO DELLA RICERCA SULLA RESISTENZA ALLA FLAVESCENZA DORATA Elisa Angelini CRA-VIT Centro di Ricerca per la Viticoltura, Conegliano (TV) DUE GIALLUMI IMPORTANTI IN EUROPA ED ITALIA Flavescenza

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

Vitamina D: passato, presente e futuro. Dott. Giuliano Bucciardini MMG

Vitamina D: passato, presente e futuro. Dott. Giuliano Bucciardini MMG Vitamina D: passato, presente e futuro Dott. Giuliano Bucciardini MMG Un po' di storia Nel 1650 l'inglese Francis Glisson descrive accuratamente il rachitismo (peraltro noto sin dall'antichità) in De rachitade.

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

Il giardino nella macchina

Il giardino nella macchina Idee per una rilettura Il giardino nella macchina La nuova scienza della vita artificiale Claus Emmeche Bollati Boringhieri, 1996 È possibile la vita artificiale? In che modo gli strumenti offerti dalla

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

Teorie dell invecchiamento

Teorie dell invecchiamento G GERONTOL 2005;53:57-74 Società Italiana di Gerontologia e Geriatria EDITORIALE EDITORIAL Teorie dell invecchiamento The aging theories N. FERRARA * **, G. CORBI ** ***, D. SCARPA ****, G. RENGO **, G.

Dettagli

Finalmente chiarezza sull'originale fermentato da Carica papaya studiato da Luc Montagnier

Finalmente chiarezza sull'originale fermentato da Carica papaya studiato da Luc Montagnier RICERCA APPLICATA / Stress ossidativo, invecchiamento e malattie degenerative Finalmente chiarezza sull'originale fermentato da Carica papaya studiato da Luc Montagnier A cura del Dipartimento Scientifico

Dettagli

ANEMIE MEGALOBLASTICHE II GRUPPO

ANEMIE MEGALOBLASTICHE II GRUPPO ANEMIE MEGALOBLASTICHE II GRUPPO SONO DOVUTE A ESALTATA ERITROPOIESI INEFFICACE CON ERITROBLASTOLISI INTRAMIDOLLARE IL MIDOLLO E RICCHISSIMO DI ERITROBLASTI CHE NON RIESCONO A MATURARE E MUOIONO NEL MIDOLLO

Dettagli

LE RACCOMANDAZIONI 2007 DELL ICRP: esame e applicazione

LE RACCOMANDAZIONI 2007 DELL ICRP: esame e applicazione LE RACCOMANDAZIONI 2007 DELL ICRP: esame e applicazione Stime di rischio stocastico e detrimento sanitario G. Trenta, AIRM, Roma L IPOTESI PORTANTE: LNT Ancorché ci siano riconosciute eccezioni, per i

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Si parla di "sterilità" quando dopo un anno di rapporti sessuali regolari non è ancora intervenuta una gravidanza. Le cause di una mancanza di figli non

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

TERZA LEZIONE: anemie carenziali ferro vit B12 ac folico

TERZA LEZIONE: anemie carenziali ferro vit B12 ac folico TERZA LEZIONE: anemie carenziali ferro vit B12 ac folico sanguinamento (acuto/cronico) iporigenerativa progenitori eritroidi (anemia aplastica, CDA, PRCA) sintesi Hb (carenza Fe, talassemia) sintesi di

Dettagli

L'EMBRIONE UMANO NELLA FASE DEL PREIMPIANTO

L'EMBRIONE UMANO NELLA FASE DEL PREIMPIANTO Pontificia Accademia per la Vita L'EMBRIONE UMANO NELLA FASE DEL PREIMPIANTO Aspetti scientifici e considerazioni bioetiche 8 giugno 2006 PRESENTAZIONE Nei giorni 27-28 febbraio 2006 la Pontificia Accademia

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Federico II Dottorato in Biologia Avanzata - 22 ciclo -

Università degli Studi di Napoli Federico II Dottorato in Biologia Avanzata - 22 ciclo - Università degli Studi di Napoli Federico II Dottorato in Biologia Avanzata - 22 ciclo - Effetti citogenetici indotti in cellule umane da ioni pesanti relativistici Candidata: Diana Pignalosa Tutor: Prof.

Dettagli

Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso

Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso miotatico fasico e riflesso miotatico tonico. Inibizione dell

Dettagli

SINDROME DA RESISTENZA AGLI ORMONI TIROIDEI (THR) o SINDROME DI REFETOFF

SINDROME DA RESISTENZA AGLI ORMONI TIROIDEI (THR) o SINDROME DI REFETOFF SINDROME DA RESISTENZA AGLI ORMONI TIROIDEI (THR) o SINDROME DI REFETOFF Dr. Vincenzo Piazza La Sindrome da resistenza agli ormoni tiroidei,descritta per la prima volta da Refetoff, è una patologia molto

Dettagli

DIFETTI VISIVI NEI BAMBINI AFFETTI DALLA SINDROME DOWN

DIFETTI VISIVI NEI BAMBINI AFFETTI DALLA SINDROME DOWN DIFETTI VISIVI NEI BAMBINI AFFETTI DALLA SINDROME DOWN DADDY FADEL OPTOMETRISTA Nel 1866 John Langdon Down ha descritto per la prima volta la sindrome che porta il suo nome. Nel 1959 Lejeune et al. hanno

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

Biochimica della Nutrizione

Biochimica della Nutrizione Università di Roma Tor Vergata - Scienze della Nutrizione Umana Biochimica della Nutrizione Prof.ssa Luciana Avigliano 2011 VITAMINA C VITAMINA E VITAMINA C: FUNZIONA DA AGENTE RIDUCENTE Donatore monoelettronico

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

Catene Leggere Libere nel Siero

Catene Leggere Libere nel Siero Conoscere e capire il dosaggio delle Catene Leggere Libere nel Siero International Myeloma Foundation 12650 Riverside Drive, Suite 206 North Hollywood, CA 91607 USA Telephone: 800-452-CURE (2873) (USA

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale.

Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale. Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale. Sequenza di eventi patogenetici (seconda metà anni 70 seconda metà anni 90) IRC deficit di attivazione ridotta escrezione della vitamina D di

Dettagli

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die);

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); VITAMINE Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); hanno funzioni specifiche e funzioni comuni, tra cui: - agiscono

Dettagli

-uno o più IONI INORGANICI

-uno o più IONI INORGANICI Coenzimi e vitamine Alcuni enzimi, per svolgere la loro funzione, hanno bisogno di componenti chimici addizionali, i COFATTORI APOENZIMA + COFATTORE = OLOENZIMA = enzima cataliticamente attivo Il cofattore

Dettagli

Le malattie genetiche

Le malattie genetiche Le malattie genetiche Anderlini Beatrice Classe 3^ - Sez. C Liceo Scientifico R. Casimiri Introduzione alle malattie genetiche Tutti gli esseri viventi sono formati da cellule in ogni cellula è presente

Dettagli

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale?

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Questo vecchio slogan pubblicitario riconduce ad una parziale verità scientifica, oggi più che attuale. E risaputo che parlare di zucchero

Dettagli

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione Disinfezione Il ricorso a disinfettanti e disinfestanti, se unito ad altre misure tese a minimizzare

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

Test per portatori sani

Test per portatori sani 16 Test per portatori sani Tutti i nomi originali in questo opuscolo sono stati cambiati per proteggere l'identità degli intervistati. Queste informazioni sono state elaborate dal Genetic Interest Group.

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

Il sistema endocrino Il sistema endocrino sistema ormonale ghiandole cellule proteiche lipidiche organismo umano sistema nervoso

Il sistema endocrino Il sistema endocrino sistema ormonale ghiandole cellule proteiche lipidiche organismo umano sistema nervoso Il sistema endocrino Il sistema endocrino o sistema ormonale è rappresentato da un insieme di ghiandole e cellule (dette ghiandole endocrine e cellule endocrine) le quali secernono delle sostanze proteiche

Dettagli

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale ORGAN ON A CHIP Un promettente sostituto alla sperimentazione animale 1 1.Fasi di sviluppo di un farmaco La ricerca e lo sviluppo di un farmaco sono indirizzate al processo dell identificazione di molecole

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

LOGICA CULTURA GENERALE

LOGICA CULTURA GENERALE LOGICA 22 [M] Se affermo nessun elefante ha tre zampe, allora deduco che: A. tutti gli elefanti hanno quattro zampe B. almeno un elefante ha un numero di zampe diverso da tre C. \\tutti gli elefanti hanno

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 04 1/28 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene la disciplina relativa ai limiti di variazione

Dettagli

LA MEMBRANA PLASMATICA

LA MEMBRANA PLASMATICA LA MEMBRANA PLASMATICA 1. LE FUNZIONI DELLA MEMBRANA PLASMATICA La membrana plasmatica svolge le seguenti funzioni: 1. tenere concentrate tutte le sostanze indispensabili alla vita: è proprio la membrana

Dettagli