Modelli dinamici per le decisioni temi di esame svolti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Modelli dinamici per le decisioni temi di esame svolti"

Transcript

1 Department of Applied Mathematics, University of Venice QUADERNI DI DIDATTICA Francesco Mason Modelli dinamici per le decisioni temi di esame svolti Quaderno di Didattica n. 34/2010 Marzo 2010

2 I Quaderni di Didattica sono pubblicati a cura del Dipartimento di Matematica Applicata dell Università di Venezia. I lavori riflettono esclusivamente le opinioni degli autori e non impegnano la responsabilità del Dipartimento. I Quaderni di Didattica vogliono promuovere la circolazione di appunti e note a scopo didattico. Si richiede di tener conto della loro natura provvisoria per eventuali citazioni o ogni altro uso. Quaderno di Didattica n. 34/2010 Marzo 2010

3 Francesco Mason MODELLI DINAMICI PER LE DECISIONI TEMI DI ESAME SVOLTI 1

4 PREMESSA Ogni esercizio, salvo poche eccezioni, è contenuto in una pagina, e sono riportati tutti i calcoli indispensabili per arrivare alla soluzione, con qualche dettaglio, per certi versi superfluo, quando lo spazio lo consente. La possibilità di ricavare sempre una soluzione numerica esplicita è subordinata, in parecchi casi, alla disponibilità di una calcolatrice tascabile (tipicamente per radici quadrate e logaritmi), ma questo è un aspetto del tutto secondario. Fondamentale è arrivare a scrivere correttamente le relazioni in gioco. Quando un valore è ottenibile solo con procedimenti un tantino sofisticati (logaritmi con basi particolari, diseguaglianze di terzo grado, ecc.) lo si è indicato tra parentesi. Per contenere il volume del materiale proposto sono stati disegnati solo alcuni grafici, lasciando gli altri alla pazienza del lettore. Altro elemento che potrebbe prestarsi a equivoci sono alcune formule. Per scrivere il più possibile "in linea" è stato adottato sistematicamente il simbolo "/" per indicare la divisione: una adeguata spaziatura indica poi a quali elementi la divisione si riferisce. Così, ad es. (k+3)/5 * 2 k/2 + 8 per maggior chiarezza si sarebbero dovuti scrivere: [(k+3)/5] * 2 (k/2) + 8 con evidente appesantimento, se non altro estetico. Ritengo comunque che un po' di occhio e di... buon senso aiuteranno nei casi specifici. 2

5 teoria delle utilità e teoria delle decisioni 54 esercizi svolti 3

6 U-1 Un individuo possiede una ricchezza w = 5 e ha funzione di utilità u(x) = - 2 -x. Gli viene proposto di partecipare ad una lotteria nella quale può vincere 2 (con probabilità 0.5) oppure niente (con prob. 0.5). Quanto è disposto a pagare? Quale deve essere la probabilità di vittoria affinché sia disposto a pagare l'importo 1? Si noti innanzitutto che la funzione di utilità va interpretata come - (2 ) -x, cioè (-1)/(2 ) x, e perciò assume sempre valori < 0. Il primo quesito richiede in sostanza di valutare un confine per il prezzo di acquisto della lotteria: questo dovrà essere tale da rendere indifferenti le due situazioni "ricchezza iniziale, senza lotteria" e "ricchezza + lotteria - prezzo pagato". Il secondo quesito assume come incognite le probabilità e fissa invece il prezzo che si è disposti a pagare. a) sia p il prezzo che si è disposti a pagare. Se il decisore accetta la lotteria può trovarsi con p (prob. 1/2),oppure p (prob. 1/2). Deve valere: e quindi cioè u(5) = 1/2 * u(7-p) + 1/2 * u(5-p) -1/2 5 = 1/2* (-1/2 7-p ) + 1/2 * (-1/2 5-p ) (I) 1/32 = 1/2 * (2 p / p /32) 1/16 = 2 p (5/128) 2 p = 128/80 = 1.6 e quindi p = log (= 0.68) (è fondamentale scrivere la relazione (I)). b) Procedendo analogamente, ma indicando stavolta con p la probabilità di vincere 2, si ha: u(5) = p * u(5+2-1) + (1-p) * u(5-1), (perché alla lotteria va sottratto l'importo che si paga). 1/32 = p * 1/64 + (1-p) * 1/16, da cui p = 2/3. (Si osservi che per accettare di pagare 1, la probabilità di vincere 2 deve aumentare, rispetto al caso precedente!). 4

7 U-2 Dato il problema di decisione in forma normale: d 1 d 2 d p p - determinare la decisione migliore al variare di p, 0 p 0.5; - determinare se è plausibile pagare, quando p = 0.2, una informazione 15 unità monetarie, se il decisore ha utilità u = x 1/2. (N.B. la tabella esprime le utilità). La seconda domanda fa riferimento al valore atteso della informazione perfetta (che, se la tabella rappresenta utilità, è esso pure una utilità, mentre in questo caso si chiede di riconvertirlo in denaro). Poiché non è specificato diversamente, la ricchezza base del decisore, prima della decisione, va posta eguale a zero. a) u(d 1 ) = 8-6p; u(d 2 ) = 4p + 2.5; u(d 3 ) = 2p + 4. Con opportune diseguaglianze (mettendo a confronto a due a due le utilità delle decisioni, oppure anche per via grafica, disegnando le rette che esprimono le utilità rispetto al parametro p), si vede che d 1 è sempre decisione ottima, salvo che per p=0.5, punto in cui sono ottime sia d 1 che d 3. b) Si calcoli innanzitutto il valore atteso della informazione perfetta per p=0.2. Decisione ottima è d 1, con u=6.8. Il valore atteso delle utilità massime risulta: 8 * * * 0.3 = 8.3 ed il valore atteso della informazione perfetta è = 1.5. Il certo equivalente della decisione ottima (senza informazione) è (6.8) 2 (si tenga presente che x = u 2 ), cioè Il certo equivalente con informazione è (8.3) 2 = L'importo 15 risulta accettabile perché =61.24 < Si osservi come il valore atteso 1.5 non sia direttamente rilevante per il risultato finale: sarebbe scorretto elevarlo al quadrato! 5

8 U-3 Un problema di decisioni con due stati di natura è rappresentato dalla tabella in forma normale: d 1 d 2 d 3 10?? 1-p?? 8 p Tutte le decisioni sono ammissibili. Completare la tabella sapendo che: d 1 è indifferente a d 3 per p=0.6; d 2 è ottima per 0.3 p 0.8; d 2 è indifferente a d 3 per p=0.8, e la utilità attesa in quel punto è 7 (per entrambe). Per una corretta risoluzione del problema occorre utilizzare le informazioni progressivamente in un ordine appropriato. Man mano che si ottengono i vari risultati è utile riportarli su un grafico del tipo "decisioni/segmenti". Si osservi che l'unica informazione che consente da sola di individuare un valore nella tabella è l'ultima (il valore atteso di d 3 per p=0.8). Per d 3 si ha: La tabella risulta ora: u(d 3 ) = 7 = 0.2 * x * 8, da cui x = 3. 10? 3?? 8 Dalla prima informazione (indiff. tra d 1 e d 3 per p=0.6) si ha: 10 * y * 0.6 = 3 * * 0.6 da cui y = 10/3. A questo punto si può osservare che d 1 è preferita a d 3 per p compreso tra 0 e 3/5. Poiché d 2 deve risultare ottima nell'intervallo [0.3, 0.8], occorrerà che nel punto 0.3 essa sia indifferente a d 1 e nel punto 0.8 sia indifferente a d 3 (entro l'intervallo risulterà preferita a entrambe). Diciamo a e b i due valori incogniti delle utilità di d 2, deve essere: Risolvendo si ottiene: 10 * /3 * 0.3 = a * b * * * 0.8 = a * b * a b = a b = 7 e quindi a = 301/35 e b = 231/35 = 33/5. 6

9 U-4 3x, x 2 Un decisore ha ricchezza iniziale w=8 e utilità u(x) = x+4, 2 < x < 6, x/2+7, x 6. Quanto è disposto a pagare per assicurarsi contro una perdita che può essere 4 (prob. 0.2) oppure 7 (prob. 0.1)? Se la compagnia di assicurazioni ha ricchezza w=10 e funzione di utilità 2x, x 4, u(x) = x+4, 4 < x < 7, (x+15)/2, x 7, accetterà di assicurare il decisore? Si tratta di calcolare un premio di assicurazione per il decisore e poi controllare se tale premio è accettabile per la compagnia. Il decisore eguaglia le utilità senza e con assicurazione; la compagnia valuta se la utilità nel caso in cui accetti di assicurare e incassi il prezzo pagato dal decisore è superiore alla utilità nel caso di non assicurazione. Si segnala il fatto che utilità e ricchezze base (di cui occorre tener conto!) sono diverse per i due soggetti. a) Indichiamo con p l'importo che il DM è disposto a pagare. Se non si assicura, ottiene: u(8)*0.7 + u(4)*0.2 + u(1)*0.1 (I) se si assicura ha una utilità certa: u(8-p). Conviene prima calcolare la espressione (I): (8/2 + 7) * (4+4) * (3 * 1) * 0.1 = 9.6. Questo valore deve coincidere con u(8-p).poiché u(x) ha tre espressioni analitiche in altrettanti sottoinsiemi del dominio, occorre individuare quella opportuna. Poiché u(2)=6, mentre u(6)=10, l'importo x corrispondente a u=9.6 va individuato con la seconda espressione. Perciò u(8-p) = (8-p)+4 = 9.6, da cui p=2.4 (importo massimo che il decisore è disposto a pagare). b) per la compagnia: se non assicura ottiene u(10) = (10+15)/2 = 12.5; se assicura ottiene invece: 0.7 * u( ) * u( ) * u( ) = = 0.7 * u(12.4) * u(8.4) * u(5.4) = = 0.7 * ( )/ * (8.4+15)/ * (5.4+4)= 12.87, e pertanto accetterà di assicurare. 7

10 U-5 2x, x 3, Un decisore ha ricchezza iniziale w=5 e utilità u(x) = x+3, 3 < x < 6, x/2+6, x 6. Gli viene proposta una lotteria nella quale può vincere k (prob. 0.6) o perdere k (con prob. 0.4). Determinare il certo equivalente (di w+l) quando k=2.5. Quanto deve essere k affinché il premio di rischio sia >0? Evidentemente k è un parametro positivo. Il testo specifica "certo equivalente di w+l" per evitare ambiguità. E' utile per la risoluzione del problema disegnare il grafico della funzione di utilità e osservare che la funzione stessa risulta lineare a tratti e concava. a) Per k=2.5, il decisore si troverà con ricchezza 2.5 (prob.0.4) e con ricchezza 7.5 (prob. 0.6). L'utilità attesa è: 0.4 * (2 * 2.5) * (7.5/2 + 6) = 7.85 Per invertire tale valore, osserviamo che nei punti ove cambia l'espressione della f. di utilità si ha: u(3) = 6, u(6) = 9 e pertanto il valore va ricercato utilizzando la seconda delle espressioni di u: da cui w + CE + 3 = 7.85 w + CE = 4.85 e CE = b) La risposta non richiede calcoli. Infatti, basta osservare che finché i valori 5-k e 5+k cadono nell'intervallo [3, 6] il decisore è indifferente al rischio (in quel tratto la sua funzione di utilità è un unico segmento di retta). Perché si manifesti la avversione al rischio del decisore, occorre che i valori in questione si riferiscano a segmenti diversi della f. di utilità. Perché ciò accada è necessario e sufficiente che k>1. 8

11 U-6 Partecipando ad una lotteria L si può vincere un premio di 2, estratto a sorte tra tre biglietti. Un decisore possiede una ricchezza di 4 unità monetarie e ha già uno dei biglietti della lotteria: la sua funzione di utilità è u(x) = -2 -x. Qual è il certo equivalente della sua posizione finanziaria? Quanto è disposto a pagare per avere un secondo biglietto della lotteria? E' da osservare che il primo biglietto del decisore non va acquistato (fa già parte del suo patrimonio!). Pertanto la sua posizione iniziale (ricchezza + biglietto) non ha nulla a che fare con esborsi monetari: c'è solo la possibilità di vincere alla lotteria. Nel secondo caso, invece, per avere un altro biglietto occorre pagare, ma in compenso cambia la probabilità di vincere (aumenta, se si possiedono due biglietti su tre!). Per "certo equivalente della posizione finanziaria" si deve intendere la somma della ricchezza e del certo equivalente della lotteria. a) Il certo equivalente si ricava dalla eguaglianza: u(w + CE) = 2/3 * u(4) + 1/3 * u(4+2) = = 2/3 * (-1/16) + 1/3 * (-1/64) = -3/64 da cui il CE risulta: -1/2 w + CE = -3/64 w + CE = log 2 64/3 ( = = 4.4) b) Se acquista un secondo biglietto, dovrà pagare un prezzo p. La situazione di equilibrio (indifferenza tra acquisto o meno) è data da: u(w + CE) = -3/64 = 1/3 * u(4-p) + 2/3 * u(4+2-p) (se si acquista, la probabilità di vincere passa a 2/3). Si ha Si ricava -3/64 = 1/3 (-2 p /2 4 ) + 2/3 * (-2 p /2 6 ). 2 p = 3/2 da cui p = log 2 3/2 (= 0.6). 9

12 U-7 Un decisore ha la matrice delle utilità dei risultati seguente: d 1 d 2 d 3 k k Determinare il valore atteso della informazione perfetta al variare di k. Determinare quanto è disposto a pagare (in denaro) l'informazione perfetta per k=8 e u(x) = x 1/2. Occorre risolvere il primo quesito per k reale (positivo, negativo o nullo), evitando di procedere per tentativi (che possono servire, se mai, come verifica). Nella seconda parte si tratta di risalire dall'incremento di utilità attesa dovuta alla informazione all'incremento di denaro corrispondente. Poiché non è specificata, la ricchezza base del decisore va considerata nulla. Valori critici di k sono quelli per cui cambiano i massimi per riga (7 e 10) e quelli per i quali cambia la decisione ottima. Poiché u(d 1 ) = 0.2k u(d 2 ) = 0.3k u(d 3 ) = 4.9, le decisioni ottime risultano: d 3 per k -1; d 1 per -1 k 23; d 2 per k 23. Il valore atteso delle utilità massime risulta: 0.2 * k * k * * 9 = 0.5k + 4.1, per k 10; 0.2 * k * * * 9 = 0.2k + 7.1, per 7<k<10; 0.2 * * * * 9 = 8.5, per k 7. Il valore atteso della informazione perfetta è: 0.5k (0.3k + 2.8) = 0.2k + 1.3, per k 23; 0.5k (0.2k + 5.1) = 0.3k - 1, per 10 k k (0.2k + 5.1) = 2, per 7 k (0.2k + 5.1) = k, per -1 k = 3.6, per k -1. Per k=8, si ha: d* = d 1 ; u(d 1 ) = 6.7; val. atteso utilità massime = 8.7. I corrispondenti importi sono: (8.7) 2 = 75.69; (6.7) 2 = 44.89, e quindi il valore monetizzato della informazione perfetta è di =

13 U-8 Dato il problema di decisione d 1 d 2 d 3 d k risolvere con i criteri del regret e delle eccedenze, quando k= 7; trovare poi per quali valori k la decisione d 4 è ammissibile (NB: q 3 = 1 - q 1 - q 2 ). Il suggerimento ha lo scopo di indicare una possibilità generale di soluzione di problemi di ammissibilità anche quando vi sono tre stati di natura, per via geometrica: si tratta di individuare la regione del piano q 1 q 2 dove sono verificate certe diseguaglianze. Nel caso specifico la cosa è superabile del tutto se si osserva che in realtà la decisione d 2 è dominata dalla decisione d 1 e quindi può essere esclusa a priori dalle decisioni miste che potrebbero dominare d 4. a) Le matrici dei regret e delle eccedenze risultano rispettivamente: d 1 d 2 d 3 d 4 d 1 d 2 d 3 d max * 13 * min *, e pertanto vi sono due decisioni ottime (regret), d 3 e d 4, mentre con il criterio delle eccedenze è ottima d 4. b) Conviene individuare quando d 4 è dominata da decisioni miste formate da d 1 e d 3. Posto q 2 = 0, e q 3 = 1 - q 1, si ha il sistema: k 4q (1-q 1 ); 8 15q 1 + 2(1-q 1 ); 12 6q (1- q 1 ). Dalla seconda e dalla terza condizione si ottiene: 6/13 q 1 13/19 mentre dalla prima risulta q 1 k - 3. Affinché d 4 sia ammissibile, cioè non dominata da decisioni miste, occorre che k-3>13/19, cioè k > 70/19 (in questo modo il sistema non ha soluzioni: se k-3<13/19 ne avrebbe sempre!). 11

14 U-9 Un decisore ha ricchezza iniziale w=10; funzione di utilità u(x) = log(x+k) ed è titolare di una lotteria in cui può vincere 3 (prob. 1/2) e perdere 3 (prob. 1/2). Qual è il certo equivalente quando k=5? Quanto deve essere k affinché il premio di rischio sia eguale a 1? Si sottolinea come non sia indispensabile, e anzi sia da evitare, il calcolo dei valori numerici dei logaritmi e ricorrere piuttosto a proprietà ben note degli stessi, come si vedrà nella risoluzione. a) per k=5 occorre impostare l'eguaglianza: cioè: u(w + CE) = 1/2 * u(10-3) + 1/2 * u(10+3) log (w + CE + 5) = 1/2 * log (7+5) + 1/2 * log (13+5) da cui, per note proprietà dei logaritmi: e infine: log (w + CE + 5) = log (12 * 18) 1/2 w + CE = (216) 1/2-5 = 9.7, e CE = b) Il valore atteso della lotteria è 0, per cui il valore atteso di w + L risulta eguale a 10. Se il premio di rischio è 1, il certo equivalente aumentato della ricchezza risulta 10-1=9. Occorre risolvere: log (w + CE + k) = log (9+k) = 1/2 log (13+k) + 1/2 log (7+k) cioè, procedendo come sopra, eguagliando gli argomenti: 9+k = [(13+k)(7+k)] 1/2 9+k = ( k + k 2 ) 1/ k + k 2 = k + k 2 da cui k = -5. Il valore finale va sottoposto ad una verifica, perché non sarebbe accettabile determinare il logaritmo di quantità negative (cosa che nel caso non succede). 12

15 U-10 Un decisore ha ricchezza iniziale w = 5; funzione di utilità u(x) = kx - x 2 ed è titolare di una lotteria in cui può vincere 2 (prob. 0.4) e perdere 2 (prob. 0.6). Qual è il certo equivalente quando k=20? Quanto deve essere k affinché il premio di rischio sia eguale a 1? Si tratta di una variante del problema precedente, al quale si rimanda per la impostazione complessiva. Occorre questa volta tenere conto del fatto che il valore atteso della lotteria non è 0. a) (k=20). u(w + CE) = 0.4 * u(7) * u(3) Posto per brevità w + CE = y, si deve risolvere: 20 y - y 2 = 0.4 (20 * 7-49) (20 * 3-9), 20 y - y 2 = 67. La equazione di secondo grado che ne risulta ha le soluzioni: y' = 4.26 y" = delle quali la seconda va scartata perché si riferisce ad un importo superiore a tutti i valori monetari in gioco! Pertanto il certo equivalente è = (Si noti come il valore w + CE sia compreso tra 3 e 7). b) Il valore atteso della lotteria è 0.4 * * (-2) = Se il premio di rischio è 1, il certo equivalente è Si tratta allora di calcolare per quale k si ha: cioè da cui u(w + CE) = u(5-1.4) = u(3.6) = = 0.4 * u(7) * u(3), k * = 0.4(k * 7-49) + 0.6(k * 3-9) = 4.6k - 25 k =

16 U-11 Un decisore A ha ricchezza w = 10 ed è titolare di una lotteria che, con probabilità 0.6 gli fa vincere 4; con probabilità 0.4 gli farà perdere 3. La sua funzione di utilità è u A (x)(v. sotto). Individuare il suo certo equivalente. Un secondo decisore B ha funzione di utilità u B (x) (v. sotto) e ricchezza iniziale r = 16. Determinare se, e con quale contropartita A è disposto a cedere la lotteria a B, e B è disposto ad accettarla. 2 x, x 9 x, x 15 u A (x) = x + 9, 9 < x < 12 u B (x) = x/ , 15 < x <19 x/2 + 15, x 12 x/3 + 32/3 x 19 Il senso della domanda sta nel fatto che può capitare che nella compravendita di una lotteria il venditore (in questo caso A) pretenda una contropartita superiore al massimo che è ritenuto equo da B (a causa delle funzioni di utilità) e quindi non è detto che il prezzo minimo richiesto da uno dei due sia accettabile per l'altro decisore. a) Il decisore A ottiene: 14, (prob. 0.6) e 7 (prob. 0.4). Il suo certo equivalente soddisfa la relazione: u(w + CE) = 0.6 * (14/2 + 15) * (2 * 7) = Poiché u(9)=18 e u(12)=21, l'utilità 18.8 si riferisce alla seconda delle espressioni (x+9) e quindi si ha: u(w + CE) = (10+CE+9) = 18.8; CE = Pertanto il decisore A è disposto a cedere la lotteria stessa pagando in aggiunta un importo di 0.2. b) Il decisore B, se accetta di ricevere sia la lotteria che l'importo 0.2 ha una utilità attesa: 0.6 * u( ) * u( ) = 0.6 u(20.2) u(13.2) Sostituendo si ottiene u(r + L + 0.2) = D'altra parte, la ricchezza r=16 gli comporta una utilità di u(16) = 16/2 + 15/2 = 15.5 e pertanto B, per l'importo 0.2, è disposto a ricevere anche la lotteria. 14

17 U-12 Un decisore (di ricchezza iniziale convenzionalmente nulla) ha la matrice delle utilità, corrispondenti a tre decisioni, seguente: d 1 d 2 d 3 s s s Un intervento della Pubblica Amministrazione ha l'effetto di raddoppiare le utilità dei risultati corrispondenti al terzo stato di natura. Supposto che la funzione di utilità sia u = x 1/2, trovare: il certo equivalente della decisione ottima (nella tabella originaria); il guadagno medio monetario (incrementale) derivante dalla nuova normativa. Si tratta di valutare di quanto aumenta il certo equivalente con la nuova normativa: in generale, cambiando le utilità di s 3 cambia anche la decisione ottima e quindi ci sarà un nuovo certo equivalente. Tale nuovo valore va confrontato con quello che si aveva in precedenza. a) Le utilità attese per le varie decisioni risultano: u(d 1 ) = = 6; u(d 2 ) = = 5.8; u(d 3 ) = = 7; e pertanto la decisione ottima è d 3 con un certo equivalente di 7 2 = 49. b) Dopo il cambiamento dei valori delle utilità nella terza riga, le utilità delle tre decisioni sono: u(d 1 ) = = 8; u(d 2 ) = = 6.4; u(d 3 ) = = 7.2; e pertanto la decisione ottima è stavolta la prima, con utilità 8 e certo equivalente 64. Il miglioramento in termini monetari equivalenti è =

18 U-13 Due decisori, A e B, hanno entrambi utilità u(x) = log x. A possiede una ricchezza iniziale w=10 e una lotteria L A che con probabilità 1/2 gli fa vincere 4, mentre con probab. 1/2 non vince nulla; B ha w = 8 e una lotteria L B che gli fa vincere 2 (prob. 1/2) oppure 0 (prob. 1/2). Trovare i certi equivalenti per A e per B. Trovare i certi equivalenti se A cede a B metà della eventuale vincita e B cede ad A metà della propria (supporre L A e L B indipendenti). Tutto il problema, come si vedrà, può essere risolto senza calcolare i valori numerici dei logaritmi. Supponendo le lotterie indipendenti, si potranno avere quattro combinazioni di risultati: vincono sia A che B; nessuno dei due vince; vince A, ma non B; vince B ma non A. Ogni caso si presenta ovviamente con probabilità 1/4. Dai risultati finali si può osservare che A non ottiene vantaggi dallo scambio, a causa della minore vincita che si ha nella lotteria di B: in generale, invece, se le vincite sono eguali, per decisori avversi al rischio la ripartizione reciproca di lotterie è conveniente. a) Certo equivalente di A: log (w + CE A ) = 1/2 log (10+4) + 1/2 log (10) = 1/2 log 14 * 10, da cui w + CE A = (140) 1/2 = 11.83, e CE A = Certo equivalente per B: log (w + CE B ) = 1/2 log (8+2) + 1/2 log 8 = 1/2 log 80 da cui w+ CE B = (80) 1/2 = 8.94, e CE B = b) I risultati possibili (sia per A che per B) sono: +3, +2, +1, 0; tutti con prob. 1/4. Il certo equivalente per A si ricava ora dalla equazione: log(w + CE A ) = 1/4 (log 13 + log 12 + log 11 + log 10) = 1/4 log 17160, e quindi si ottiene: w+ CE A = (17160) 1/4 = 11.45, cioè CE A = Il certo equivalente per B si ottiene invece da: log (w + CE B ) = 1/4 (log 11 + log 10 + log 9 + log 8) = 1/4 log 7920, e quindi: w+ CE B = (7920) 1/4 = 9.43, cioè CE B =

19 U-14 Un decisore ha ricchezza iniziale w=10 e funzione di utilità u(x) = (x + k) 1/2. a) per k=0, quale prezzo è disposto a pagare per ottenere la lotteria L con cui perde 2 (prob. 0.5) e vince 3 (prob. 0.5)? b) supponendo che egli sia già titolare della lotteria, quanto deve valere k affinché il premio di rischio sia 0.1? Si noti la diversità delle due situazioni. Se il decisore deve entrare in possesso della lotteria, dovrà confrontare la ricchezza 10 con 10 + lotteria - prezzo che paga; se è già titolare, deve individuare il certo equivalente di ricchezza + lotteria, come punto di partenza per fissare il premio di rischio. a) k = 0. Diciamo p il prezzo. Deve valere: u(10) = 0.5 * u(10+3-p) * u(10-2-p) e quindi (10) 1/2 = 0.5 (13-p) 1/ (8-p) 1/2. Elevando al quadrato una prima volta si ottiene: 40 = 21-2p + 2 [(13-p)(8-p)] 1/2. Isolando a secondo membro la radice ed elevando ancora al quadrato, si ottiene: da cui p = 55/160 = p p = 4(p 2-21p + 104), b) Calcoliamo innanzitutto il valore atteso della lotteria: E(L) = 3 * (-2) * 0.5 = 0.5. Poiché il premio di rischio deve essere 0.1, il certo equivalente della lotteria è 0.4, che, aumentato della ricchezza iniziale dà w + CE = Deve essere allora: u(10.4) = 0.5 * u(13) * u(8), cioè ( k) 1/2 = 0.5 [ (13 + k) 1/2 + (8 + k) 1/2 ]. Un primo elevamento al quadrato porta a k = 2 [(13 + k)*(8+k)] 1/2. Con un secondo elevamento al quadrato: k + 4k 2 = k + 4k 2. Infine si ottiene: k =

20 U-15 Un decisore ha ricchezza iniziale w=5; perde 6 con prob. 0.2, perde 4 con prob. 0.3, vince 3 con prob La sua funzione di utilità è u(x) = x 1/3. Trovare certo equivalente e premio di rischio. Dire qual è l'atteggiamento verso il rischio nel caso della lotteria specificata e, più in generale, considerata la funzione di utilità nel suo complesso. La funzione di utilità u(x) = x 1/3 risulta concava per valori positivi della x, ma convessa per valori negativi (v. grafico seguente): questo ha evidenti conseguenze sull'atteggiamento del decisore (v. la risoluzione). a) Il DM, tra ricchezza e lotteria, ottiene nel complesso: -1 (prob. 0.2); 1 (prob. 0.3); 8 (prob. 0.5). Il valore atteso del risultato finale è: = 4.1; l'utilità attesa è invece: u(w + L) = 0.2 * (-1) * * 2 = 1.1 e l'importo w + CE corrispondente è = Pertanto il premio di rischio risulta: = b) Poiché il premio di rischio della lotteria proposta è positivo, il decisore si manifesta quale avverso al rischio, nella circostanza specifica. Poiché la funzione di utilità è concava per x > 0 e convessa per x < 0, più in generale, il decisore è localmente avverso al rischio per importi positivi e propenso al rischio per importi negativi. 18

21 U-16 Un problema di decisione con due stati di natura ammette la rappresentazione geometrica seguente: d 3 d d 1-2 d 2-1 p a) Scrivere la tabella in forma normale; b) costruire una decisione mai ottima che domini d 4 ; c) trovare il valore atteso della informazione perfetta al variare di p. Il secondo quesito non ha risposta univoca (e pertanto se ne proporrà una, ribadendo che non si tratta della sola possibile); il terzo quesito va riferito alla sola situazione iniziale (a prescindere quindi dalla soluzione alla seconda domanda). a) d 1 d 2 d 3 d 4 s p s p b) Una possibile decisione d 5 è: (6,2). c) Le utilità attese delle varie decisioni sono: u(d 1 ) = 4-5p; u(d 2 ) = 10p - 2; u(d 3 ) = 5p + 2; u(d 4 ) = irrilevante (perché dominata!). La decisione ottima risulta (dal grafico, ad es.!): d 1, per 0 p 0.2; d 3, per 0.2 p 0.8; d 2, per 0.8 p 1. Il valore atteso delle utilità massime (per ogni stato di natura) è: 8p + 4(1-p) = 4p

22 Il valore atteso della informazione perfetta è: - per p compreso tra 0 e 0.2: 4p p = 9p; - per p compreso tra 0.2 e 0.8: 4p + 4-5p-2 = 2-p; - per p compreso tra 0.8 e 1: 4p p +2 = 6-6p. (negli estremi comuni agli intervalli, p = 0.2 e p = 0.8 le due espressioni corrispondenti si equivalgono). 20

23 U-17 Dato il problema di decisione con due stati di natura: d 1 d 2 d 3 d A a) risolvere con il metodo del regret al variare di A; b) supposti gli stati di natura equiprobabili, dire per quali valori di A il criterio mediavarianza con k=1 fa preferire d 4. Si tratta di calcolare la matrice dei regret a seconda dei vari valori che può assumere il parametro A. Per il secondo quesito, si osserva che, a priori, d 4 può non risultare mai ottima. a) Occorre distinguere due casi: A>9 e A 9. Per A > 9 si ha la matrice dei regret: b) A-3 A-9 A Il max per colonna (tenuto conto che A>9) è: A-3 max(a-9, 4) A-6 8. Si tratta di individuare ora il minimo tra tali valori. Occorre stabilire, per prima cosa, quanto vale max(a-9, 4). Esso risulta: A-9, se A>13; 4 se A 13. Dato poi che A-3 > A-6, qualunque sia A, nella ricerca del minimo tra i massimi, la prima decisione può essere sempre trascurata. Perciò: - per A > 13, occorre individuare il min tra A-9, A-6, e 8, (cioè tra A-9 e 8): questi è 8, quando A>17; è A-9, per A 17; - per 9 < A 13 occorre individuare il minimo tra A-3, 4, A-6, e 8, cioè, in pratica, tra 4 e A-6: esso sarà 4, per A compreso tra 10 e 13, sarà invece A-6 per A compreso tra 9 e 10. In conclusione, la decisione ottima può essere indicata come segue: d 3 d 2 d 2 d 4 Per A 9 la matrice dei regret risulta: il massimo (per colonna) risulta: A max (9-A,8) 21

24 Il max tra 9-A e 8 risulta: 9-A, per A<1, 8 per 1 A 9. In ogni caso, però, il minimo dei massimi è sempre 3 e la decisione ottima è d 3. b) per applicare il criterio media-varianza, calcoliamo i valori attesi delle utilità delle decisioni e le varianze: Eu(d 1 ) = 5.5; σ 2 (d 1 ) = 6.25; Eu(d 2 ) = 6.5; σ 2 (d 2 ) = 6.25; Eu(d 3 ) = 6.5; σ 2 (d 3 ) = 0.25; Eu(d 4 ) = A/2; σ 2 (d 4 ) = A 2 /4. Le valutazioni delle decisioni sono, nell'ordine: -0.75; 0.25; 6.25; A/2-A 2 /4. Si constata che la decisione d 4 non è mai ottima in quanto non risulta mai migliore della d 3 (che è la migliore tra le rimanenti). 22

25 U-18 Dato il problema di decisione: d 1 d 2 d 3 3+M risolvere con il criterio media/varianza per k=1 e valore del parametro M=2; trovare per M=2 il valore atteso della informazione perfetta; dire se esistono M per i quali il valore atteso della informazione perfetta è eguale a 0. In generale, il terzo quesito può avere anche risposta negativa (che va, ovviamente, giustificata!) a) Per applicare il criterio media - varianza, calcoliamo i valori attesi delle utilità delle decisioni e le varianze: u(d 1 ) = 6.3; u(d 2 ) = 4.1; u(d 3 ) = 5.4; σ 2 (d 1 )= 15.61; σ 2 (d 2 )= 1.09; σ 2 (d 3 )= Le valutazioni delle decisioni sono, nell'ordine: -9.31; 3.01; La decisione ottima è quindi d 2. b) Per calcolare il valore atteso della informazione perfetta, individuiamo il valore atteso delle utilità massime per ogni riga. Questo è: 6 * * * 0.3 = 7.7. Pertanto il V.A.I.P. è = 1.4. c) Il valore atteso della informazione perfetta è 0 se e solo se il massimo delle utilità compare sempre nella stessa colonna (quando una decisione domina tutte le altre). Poiché il massimo sulla seconda e terza riga cade in colonne diverse, non vi è alcun valore di M per il quale si verifichi quanto richiesto. 23

26 U-19 Dato il problema di decisione d 1 d 2 d a) determinare se d 3 è dominata da decisioni miste tra d 1 e d 2 ; b) supponendo che il valore 8 sia stimato con un margine del ± 25%,dire se ciò è rilevante ai fini della scelta in base al criterio della utilità attesa. Il secondo quesito richiede di esaminare due casi estremi: un errore del 25% in eccesso ed un errore in difetto di altrettanto. A seconda dei risultati di queste due valutazioni, si potranno fare poi considerazioni ulteriori. a) Per studiare la dominanza, impostiamo il sistema: 4 2q + 10(1-q) = 10-8q 2 4q + 8(1-q) = 8-4q 6 7q -5(1-q) = 12q - 5. Le tre condizioni risultano incompatibili: dalla prima, q 3/4; dalla seconda q 6/4, cosa sempre vera essendo q una probabilità, mentre dalla terza q 11/12. Perciò d 3 non è mai dominata da decisioni miste. c) Nei due casi estremi (vero valore 6, cioè il 25% in meno, oppure vero valore 10, il 25% in più) si ha che u(d 2 ) varia da 3.5 a 5.5. Essendo u(d 1 ) = 4.5 u(d 3 ) = 3.6 si può concludere che la scelta ottimale in effetti cambia. 24

27 U-20 Un decisore A ha ricchezza iniziale 10 e deve subire una lotteria L che gli fa ottenere 2 (prob. 0.2), oppure perdere 4 (prob. 0.8). La sua funzione di utilità è: u(x) = x, x 8 x/2 + 4, x > 8. Trovare l'importo p che A è disposto a pagare per evitare L. Un secondo decisore B ha ricchezza 16 e utilità u(x) = x 1/2. Stabilire se B è disposto ad accettare la lotteria L insieme con la ricompensa p che gli propone A. Il problema è in sostanza una questione di convenienza di assicurazione, dove l'assicurato A stabilisce il premio di assicurazione, mentre B funge da compagnia assicuratrice. (Dovrebbe essere evidente che la ricompensa p del secondo quesito è il valore determinato nella prima domanda!) Si noti poi che l'utilità coincide con l'importo monetario, per x 8; per x > 8 rimane crescente ma con un tasso di crescita inferiore. a) importo di assicurazione di A: il decisore A ottiene complessivamente 12 (prob. 0.2) e 6 (prob. 0.8) e una utilità attesa di: u(w+l) = 0.2*u(12) + 0.8*u(6) = 0.2*(12/2 + 4) + 0.8*6 = 6.8. Poiché il valore della utilità è inferiore a 8, esso coincide con l'importo monetario, e quindi il certo equivalente complessivo (ricchezza + lotteria) è 6.8. Se A si assicura, non ha né vincite né perdite, ma deve pagare p. Deve essere allora u(10-p) = u(w + CE) = 6.8, da cui si ricava p = 3.2. b) Se B accetta la lotteria, egli ottiene: (prob. 0.2); (prob. 0.8) mentre se non accetta rimane con la ricchezza 16. Occorre vedere quale situazione gli procura maggiore utilità (attesa). Nel primo caso si ha: u = 0.2 * (21.2) 1/ * (15.2) 1/2 = = 4.04, mentre nel secondo la utilità è 4. Pertanto B accetta la lotteria. 25

28 U-21 Un decisore ha funzione di utilità: x, per x k; u(x) = x/2 + k/2, per x>k. Determinare k in modo che il certo equivalente della lotteria: avere 6 (prob. 0.5) oppure 12 (prob. 0.5) sia 8.5. Fissato k=7, supponendo ricchezza iniziale 10, quanto è disposto a pagare per assicurarsi contro una perdita di 5 (prob. 0.1)? La funzione di utilità è lineare a tratti, rappresentata graficamente da due semirette aventi un punto in comune. Occorre a questo punto tenere presente che se i valori di una lotteria si collocano tutti in corrispondenza della stessa semiretta, il decisore è indifferente al rischio. Poiché invece, il certo equivalente (8.5) è inferiore al valore atteso di L (che è 9), il decisore manifesta avversione al rischio: questo significa che i valori 6 e 12 devono corrispondere ciascuno ad una diversa semiretta e che quindi k deve essere compreso tra 6 e 12. a) Deve essere u(8.5)=0.5*u(6)+0.5*u(12)=0.5* *(12+k)/2, cioè Si distinguono due casi: u(8.5) = *k. k 8.5: u(8.5) = 8.5 = *k da cui k = 10; k < 8.5: u(8.5) = (8.5 + k)/2 = *k da cui k=7. Entrambe le soluzioni sono accettabili. d) Per k = 7 e non assicurandosi, il decisore si ritrova con la lotteria L: Se non la cede, la sua utilità attesa è: 10 (prob. 0.9) 5 (prob. 0.1). u(l) = 0.1* *(10+7)/2 = Se paga una assicurazione p ottiene 10-p con certezza; il valore massimo di p è individuato da: u(l) = 8.15 = u(10-p) = (10-p+7)/2, da cui p =

29 U-22 Un decisore ha funzione di utilità 1-1/x e capitale iniziale 20 che investe con rendimento: 10% (prob. 0.6), 20% (prob. 0.4). Trovare il premio di rischio. Individuare inoltre il rendimento (tasso) certo equivalente. Evidentemente occorre aggiungere i rendimenti alla ricchezza (capitale iniziale) e valutare valore atteso e certo equivalente della lotteria che ne risulta. Si consiglia di calcolare con un adeguato numero di cifre le utilità, perché altrimenti i risultati perdono di significato, in quanto i valori numerici in gioco differiscono assai poco tra di loro! a) Il decisore deve valutare, in sostanza, una lotteria L nella quale ottiene 22 con prob. 0.6 mentre ottiene 24 con prob Il valore atteso di L è Il valore atteso dell'utilità risulta: u(l) = 0.6*(1-1/22) + 0.4*(1-1/24) = = Pertanto il certo equivalente di L si ricava risolvendo l'equazione: Il premio di rischio è allora b) Il tasso equivalente risulta 1-1/x = , che fornisce x = = (2.7583/20)*100 =

30 U-23 Per un decisore D il certo equivalente della lotteria L 1 : avere 10 (prob. 1-p) oppure 20 (prob. p) è 13, per p = 0.6, mentre è 16, per p = 0.8. Trovare per quale valore di q la lotteria L 2 : avere 13 (prob. 1-q) oppure 20 (prob. q) è indifferente alla lotteria L 3 : avere 10 (prob. 0.2) oppure 16 (prob. 0.8). Anche se non essenziale per la risoluzione del problema, è utile per semplificare i calcoli imporre due valori di utilità (è assai comoda la posizione u(10)=0 e u(20)=1). Questo è sempre fattibile perché le utilità (cardinali) sono definite a meno di una trasformazione lineare crescente. Posto u(10)=0 e u(20)=1, (vedi il ) la prima lotteria L 1 ha valore atteso delle utilità (1-p)*0+p*1 = p. Per p=0.6, si ha: u(13) = u(l 1 ) = p = 0.6. Per p=0.8, invece: u(16) = u(l 1 ) = p = 0.8. Ciò consente di scrivere (eguagliando le utilità delle ultime due lotterie L 2 ed L 3 del testo): da cui: Si ricava infine, (1-q)*u(13) + q*u(20) = 0.2*u(10) + 0.8*u(16) (1-q)*0.6 + q*1 = 0.2* *0.8 = q =

31 U-24 Un decisore dotato di ricchezza iniziale nulla e con u(x) = x 1/2, deve scegliere tra le decisioni d 1, d 2 e d 3 della tabella delle utilità dei risultati che segue: d 1 d 2 d k Determinare il valore atteso della informazione perfetta al variare di k. Dire quanto è disposto a pagare l'informazione perfetta quando k = 10. Va tenuto presente che la matrice del testo contiene delle utilità e che quindi, nella risposta al secondo quesito, occorrerà risalire a importi monetari (solo allora interviene la espressione della funzione di utilità u(x)). a) Le utilità attese delle tre decisioni sono: u(d 1 ) = = 9.6; u(d 2 ) = = 7.3; u(d 3 ) = k * La decisione ottima dipende dal valore di k, ma va scelta comunque tra d 1 e d 3. Si tratta di risolvere la disequazione: k* che dà k 16. Pertanto la decisione ottima è d 1 per k 16; è invece d 3 per k 16. Il valore atteso delle utilità massime è: 8* * *0.4 = 10.5, per k 7; 8*0.3 + k* *0.4 = k*0.3, per k 7. Il valore atteso della informazione perfetta risulta: k*0.3 - k* = 3.6, per k 16; k* = k* , per 7 k 16; = 0.9, per k 7. b) Per k = 10 la decisione ottima è d 1, con utilità 9.6; l'importo certo equivalente è = Con l'informazione perfetta, l'utilità complessiva è k*0.3 = = *0.3 = 11.4, con un equivalente certo di = Il vantaggio equivalente monetario è =

32 U-25 Un decisore ha funzione di utilità -2 -x e ricchezza iniziale 4. Con probabilità 0.2 subisce un danno di 1; con prob. 0.1, invece, la perdita è di 2. Quanto è disposto a pagare per evitare qualsiasi perdita? Quanto è disposto a pagare per essere risarcito solo del danno più elevato (quello di 2 unità)? I termini "danno" e "perdita" vanno intesi come sinonimi. Si tratta di risolvere un problema di assicurazione totale (primo quesito) o parziale (secondo quesito). La probabilità di non subire danni (perdite) è 0.7. a) Dai dati del problema, il decisore, considerata la ricchezza iniziale, può avere tre risultati: 4 (prob. 0.7); 3 (prob. 0.2); 2 (prob. 0.1). Nel caso di assicurazione totale deve valere: u(4-p) =0.7*u(4) + 0.2*u(3) + 0.1*u(2) = -(7/ /80 + 1/40) = -1.5/16. Il valore monetario corrispondente a -1.5/16 si trova risolvendo -2 -x = -1.5/16 da cui x = log 2 16/1.5 (= 3.415). L'importo p è dunque 4 - log 2 16/1.5 (= = 0.585). b) Se il DM si assicura solo contro la perdita più elevata, indicando con p l'importo pagato, egli ottiene: 4-p, con prob =0.8; 3-p, con prob Per individuare p occorre risolvere: 0.8 * u(4-p) * u(3-p) = 0.7 * u(4) * u(3) * u(2), cioè (-2 -(4-p) * 0.8) + (-2 -(3-p) * 0.2) = -1.5/16. Semplificando si ottiene: 2 p * (0.8/ /8) = 2 p *3/40 = 1.5/16. Si ricava infine: 2 p = (1.5/16)*(40/3) = 5/4. (Si può specificare, proseguendo nei calcoli, p = log 2 5/4 = 0.322). 30

33 U-26 Si consideri la lotteria L =(4, p; 12, (1-p)). Sia u(4) = 2 e u(12) = 6. Si chiede: a) per quale p il CE di L è 8, se u(8) = 5? b) quali devono essere i valori di p e di u(8) affinché il premio di rischio π sia 1 (essendo ancora 8 il CE di L)? Il problema è ricollegabile alla tecnica atta a individuare la funzione di utilità di un decisore, mediante domande sulle preferenze di esiti collegati ad una particolare lotteria. Si noti poi che nella prima domanda u(8) è un dato noto (vale 5), mentre nella seconda domanda si tratta di un'incognita, da determinare! a) Se 8 è il Certo Equivalente CE della lotteria L, vale la eguaglianza: u(8) = p*u(4) + (1-p)*u(12). Sostituendo i valori delle varie utilità si ottiene: 5 = p*2 + (1-p)*6, da cui 4*p = 1, e quindi p = 1/4. b) Se il premio di rischio è 1, il certo equivalente è inferiore di una unità rispetto al valore atteso della lotteria, E(L). Calcoliamo intanto quest'ultimo valore E(L) = 4*p + 12*(1-p) = 12-8*p. Poiché il certo equivalente è 8, allora dalla relazione si ricava Infine, dalla relazione 8 = CE = E(L) - π = 12-8*p - 1 = 11-8*p, p = 3/8. u(8) = p*u(4) + (1-p)*u(12), sostituendo ancora le utilità note e il valore p=3/8 appena trovato si ottiene: u(8) = p*2 + (1-p)*6 = 6-4*p = 6-3/2 =

34 U-27 Data la tabella di decisioni: d 1 d 2 d 3 s 1 3+k 5 7-k/2 p s 2 4-k 3 4-k/2 1-p individuare la decisione migliore per k = -1 e p = 0.05; determinare, al variare di k, quando d 2 è ammissibile, non ammissibile, dominata. Per rispondere alla seconda domanda, conviene individuare su di un grafico le traiettorie percorse dalle decisioni d 1 e d 3 al variare di k (grafico decisioni / punti), mettendo in evidenza alcuni valori di k (in particolare k = 0) e studiare innanzitutto le dominanze, in modo da ridurre l'insieme di valori k per cui esaminare l'ammissibilità. Per individuare i casi di non ammissibilità, tra i vari procedimenti, si suggerisce (e viene seguito nella risoluzione) quello che sfrutta il fatto che se una decisione d' cade al di sotto del segmento congiungente altre due decisioni d A e d B, con d A situata alla sinistra di d B (vedi la figura che segue), allora la retta congiungente d A con d' ha un coefficiente angolare inferiore a quello della retta congiungente d' con d B. Si noti che entrambi i coefficienti angolari sono < 0 per i valori di k per i quali non si ha dominanza tra decisioni pure. d A d B d m 2 m 1 < m 2 (< 0) m 1 a) Le utilità attese delle decisioni, per k = -1 e p = 0.05, sono: u(d 1 ) = 4.85; u(d 2 ) = 3.10; u(d 3 ) = 4.65; e quindi la decisione migliore risulta la prima. b) Individuiamo i valori di k per i quali d 2 è dominata. Per confrontare d 2 con d 1, si può risolvere il sistema (di diseguaglianze): 3 + k k 3 32

35 che ha come soluzioni i valori per cui, simultaneamente, k 2 e k 1: il sistema quindi risulta impossibile; viceversa, risolvendo il sistema ottenuto da quello appena scritto sostituendo ' ' al posto di ' ', si vede che per 1 k 2 d 2 domina d 1. Per confrontare d 2 con d 3, impostiamo il sistema: k/ k/2. Da questo si deduce che: per k 2 d 3 domina d 2 ; per k 4 d 2 domina d 3. Si può concludere, per adesso, che d 2 è dominata per k<2, mentre è certamente ammissibile per k>4. Per 2<k<4, in corrispondenza ad s 2 le utilità delle decisioni d 1 e d 3 (4-k e 4-k/2) sono sempre a quella della decisione d 2, che è 3 (ciò si vede facilmente, ad es, per via grafica). Quindi non è possibile che in tale intervallo d 2 sia dominata da decisioni miste: è una decisione ammissibile. 33

36 U-28 Data la tabella di decisioni: d 1 d 2 d 3 s 1 3+k 5 8-k/2 p s 2 4+k 5 4+k/2 1-p individuare la decisione migliore per k = 2 e p = 0.1; determinare, al variare di k, quando d 2 è ammissibile, non ammissibile, dominata. Questo problema, variante numerica del precedente, viene riportato per illustrare una situazione con caratteristiche in parte differenti. Per il resto, valgono le osservazioni già presentate per U-27. a) Le utilità attese delle decisioni per k = 2 e p = 0.1 sono: u(d 1 ) = 5.9; u(d 2 ) = 5; u(d 3 ) = 5.2; e quindi la decisione migliore risulta la prima. b) Individuiamo i valori di k per i quali d 2 è dominata. Confrontandola con d 1, si tratta di risolvere il sistema: 3 + k k 5 che fornisce k 1 e k 2: per k 2, d 2 è dominata da d 1, mentre per k 1 d 2 domina d 1. Confrontandola con d 3 : k/ k/2. Se ne ricava che per 2 k 6 d 2 è dominata da d 3. Pertanto, per k 1 d 2 è ammissibile; per k 2 è dominata: resta da studiare l'intervallo 1 < k < 2. Perché d 2 sia ammissibile occorre (v. commento U-27) che i coefficienti angolari delle rette (d 1, d 2 ), m 12, e (d 2, d 3 ), m 23, soddisfino la relazione m 12 m 23 : [(4+k)-5]/[(3+k)-5] [5-(4+k/2)]/[5-(8-k/2)]. Si ottiene: (k-1)/(k-2) (2-k)/(k-6) da cui, sapendo che 1<k<2, si ha: 2k 2-11k , che ha soluzioni k e k Pertanto, anche per 1 < k la decisione d 2 è ammissibile. 34

37 U-29 Un decisore D ha funzione di utilità u = x 1/2. Può incorrere in una perdita di 10 con prob Quale importo p è disposto a pagare se la sua ricchezza è 100? Quale deve essere la ricchezza della società assicuratrice, che ha utilità u = log x, perché essa accetti di assicurare il decisore ricevendo l'importo p? E' un classico problema di assicurazione, nel quale il secondo quesito, anziché riguardare se la compagnia accetta o meno, ha a che vedere con quale deve essere la sua ricchezza per poter accettare: è evidente che deve trattarsi di una ricchezza sufficientemente elevata (ma non è detto a priori sia > 100, dato che la compagnia ha una funzione di utilità diversa da quella del decisore). a) Il decisore deve confrontare le due possibili decisioni: non assicurarsi e assicurarsi pagando un premio. L'indifferenza si ha quando: cioè quando da cui u(100-p) = 0.5*u(100) + 0.5*u(90), (100-p) 1/2 = 0.5* *9.487 = p = = b) Diciamo w la ricchezza della compagnia assicuratrice. Quest'ultima confronta le due situazioni: w, con certezza; Passando ai logaritmi, deve valere: w (prob. 0.5), w (prob. 0.5). cioè log w = 1/2 [log (w ) + log (w )] w = [(w ) * (w )] 1/2. Si ricava, elevando al quadrato e semplificando: cioè 5.074w w = w =

38 U-30 Due decisori, A e B, entrambi con ricchezza iniziale nulla, devono risolvere un problema di decisione ciascuno. Sono date le due matrici dei risultati in forma normale e le funzioni di utilità di A e B, nell'ordine: d 1 d 2 d 3 d 1 d 2 d / / / / / /3 u 1 (x)= x 1/2 u 2 (x)=x 2 Stati di natura e probabilità coincidono per i due decisori. Essi si coalizzano per ottenere informazioni dallo stesso esperto, pagando, insieme, 5. Calcolare: il valore atteso della informazione perfetta di ciascuno; l'incremento del risultato monetario atteso di ciascuno; come ripartire la spesa in proporzione al vantaggio che si ottiene. Occorre passare dalle matrici dei risultati in forma normale alle matrici delle utilità dei risultati, per calcolare a partire da queste il valore atteso della informazione perfetta. a) Le matrici delle utilità dei risultati sono, rispettivamente: d 1 d 2 d 3 d 1 d 2 d / / / / / /3 Le decisioni ottime sono: d 1, per il decisore A, con utilità 5; d 2 per il decisore B, con utilità 89/3. Il valore atteso delle utilità massime risulta: 17/3, per A; 125/3 per B. Il valore atteso della informazione perfetta risulta quindi 17/3-5 = 2/3 (per A); 125/3-89/3 = 12 (per B). b) L'incremento monetario equivalente risulta (monetizzando le utilità attese prima e dopo l'informazione perfetta): (17/3) = (per A); [125/3] 1/2 - [89/3] 1/2 = (per B) c) Poiché il vantaggio complessivo equivalente dei due è = 8.109, la spesa andrebbe divisa: (5 * 7.111)/8.109 = per A, (cioè il complemento a 5) per B. 36

39 U-31 Dato il problema di decisione d 1 d 2 d determinare se la decisione d 2 è ammissibile. Determinare quindi il valore atteso della informazione perfetta supponendo i tre stati di natura equiprobabili. Si tratta di applicare la definizione di ammissibilità, cioè verificare se vi è dominanza da parte di decisioni miste, anche se non è possibile (o comunque agevole) una rappresentazione geometrica del problema. a) d 2 non è dominata né da d 1, né da d 3. La decisione d 2 è dominata da decisioni miste tra d 1 e d 3 se ha soluzioni il sistema: 6 5q + 8(1-q) 3 7q - 2(1-q) 2 4q + 1(1-q) con almeno una diseguaglianza verificata in senso stretto. Dal sistema si ottengono le tre condizioni: q 2/3; q 5/9; q 1/3. Pertanto il sistema ha per soluzione 5/9 q 2/3, e quindi si può concludere che d 2 è non ammissibile, perché dominata appunto dalle decisioni miste corrispondenti a 5/9 q 2/3. b) Le utilità attese delle varie decisioni risultano: u(d 1 ) = 16/3, u(d 2 ) = 11/3, u(d 3 ) = 7/3, mentre il valore atteso delle utilità massime risulta 19/3. Pertanto il valore atteso della informazione perfetta è VAIP = 19/3-16/3 = 1. 37

40 U-32 Si considerino le due funzioni di utilità u 1 (w) = w 1/2 e u 2 (w) = log w ed il gioco L = {4, prob. 1/2; 9, prob. 1/2}. Confrontando i certi equivalenti, dire quale funzione di utilità rappresenta un comportamento maggiormente avverso al rischio. Il paragone tra due funzioni di utilità si può condurre anche attraverso la funzione di avversione al rischio (r(w) = -u"/u'), ma in ogni caso si può controllare per una specifica lotteria, come in questo caso, per quale delle due funzioni di utilità il premio di rischio è maggiore (o il certo equivalente inferiore): si tratta allora della f. di utilità che presenta avversione al rischio maggiore, almeno localmente, cioè per gli importi interessati dalla lotteria. Si osservi, inoltre, che la ricchezza iniziale si presuppone nulla. Calcoliamo i certi equivalenti, attraverso le utilità, con la relazione: Nei due casi, rispettivamente, si ha: u(ce) = 0.5 u(4) u(9). da cui e: da cui CE 1/2 = 0.5 * * 3 = 2.5, CE = 6.25; log CE = 0.5 * log * log 9 = 0.5 log 36 CE = 6. La funzione di utilità più avversa al rischio è quella che presenta il CE più piccolo, e quindi si tratta della funzione u(x) = log x. 38

41 U-33 Dato il problema di decisione d 1 d 2 d 3 d p k 5-k p p 3 risolvere con il criterio del regret e delle eccedenze per k=-1; discutere poi con il criterio della utilità attesa per k variabile da -2 a 2 e p 1 = 0.2, p 2 = 0.5, p 3 = 0.3. Il secondo quesito è impostato secondo una logica di analisi di sensitività (supponendo che il parametro k indichi una qualche forma di incertezza sui dati del problema). Si tratta di confrontare delle espressioni in k solo per un limitato campo di variazione di k stesso. a) Per k = -1 le matrici dei regret e delle eccedenze risultano: (regret) (eccedenze) max min La decisione migliore con entrambi i criteri è d 4. b) Le utilità delle varie decisioni risultano: min max = 2 max min = 3 u(d 1 ) = 4.3; u(d 2 ) = 3.5; u(d 3 ) = *k; u(d 4 ) = *k. Innanzitutto è da scartare d 2 (sempre peggiore di d 1 ); per quanto riguarda invece le altre decisioni, confrontandole a due a due, si ha: u(d 1 ) > u(d 3 ) per 4.3 > *k, cioè per k < 1/5; u(d 1 ) > u(d 4 ) per 4.3 > *k, cioè per k > 4; u(d 3 ) > u(d 4 ) per *k > *k, cioè per k > 2.1. Complessivamente, nell'intervallo [-2, 2] si constata che la decisione migliore è sempre d 4. 39

Scelte in condizione di incertezza

Scelte in condizione di incertezza Scelte in condizione di incertezza Tutti i problemi di decisione che abbiamo considerato finora erano caratterizzati dal fatto che ogni possibile scelta dei decisori portava a un esito certo. In questo

Dettagli

Scelte in condizioni di rischio e incertezza

Scelte in condizioni di rischio e incertezza CAPITOLO 5 Scelte in condizioni di rischio e incertezza Esercizio 5.1. Tizio ha risparmiato nel corso dell anno 500 euro; può investirli in obbligazioni che rendono, in modo certo, il 10% oppure in azioni

Dettagli

Esercizi di Ricerca Operativa II

Esercizi di Ricerca Operativa II Esercizi di Ricerca Operativa II Raffaele Pesenti January 12, 06 Domande su utilità 1. Determinare quale è l utilità che un giocatore di roulette assegna a 100,00 Euro, nel momento che gioca tale cifra

Dettagli

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza 23.1: Introduzione In questo capitolo studiamo la scelta ottima del consumatore in condizioni di incertezza, vale a dire in situazioni tali che il consumatore

Dettagli

La Programmazione Lineare

La Programmazione Lineare 4 La Programmazione Lineare 4.1 INTERPRETAZIONE GEOMETRICA DI UN PROBLEMA DI PROGRAMMAZIONE LINEARE Esercizio 4.1.1 Fornire una rappresentazione geometrica e risolvere graficamente i seguenti problemi

Dettagli

Decisioni in condizioni di rischio. Roberto Cordone

Decisioni in condizioni di rischio. Roberto Cordone Decisioni in condizioni di rischio Roberto Cordone Decisioni in condizioni di rischio Rispetto ai problemi in condizioni di ignoranza, oltre all insieme Ω dei possibili scenari, è nota una funzione di

Dettagli

Utilità scontata (US) attiene alla scelta/allocazione tra oggi e domani (i.e. risparmio ottimo). Elemento psicologico: propensione alla parsimonia.

Utilità scontata (US) attiene alla scelta/allocazione tra oggi e domani (i.e. risparmio ottimo). Elemento psicologico: propensione alla parsimonia. Richiami essenziali: Utilità scontata (US) attiene alla scelta/allocazione tra oggi e domani (i.e. risparmio ottimo). Elemento psicologico: propensione alla parsimonia. Tasso di sconto intertemporale soggettivo

Dettagli

0. Piano cartesiano 1

0. Piano cartesiano 1 0. Piano cartesiano Per piano cartesiano si intende un piano dotato di due assi (che per ragioni pratiche possiamo scegliere ortogonali). Il punto in comune ai due assi è detto origine, e funziona da origine

Dettagli

TEORIA DELL UTILITÀ E DECISION PROCESS

TEORIA DELL UTILITÀ E DECISION PROCESS TEORIA DELL UTILITÀ E DECISION PROCESS 1 UTILITÀ Classicamente sinonimo di Desiderabilità Fisher (1930):... uno degli elementi che contribuiscono ad identificare la natura economica di un bene e sorge

Dettagli

Le scelte del consumatore in condizione di incertezza (cap.5)

Le scelte del consumatore in condizione di incertezza (cap.5) Le scelte del consumatore in condizione di incertezza (cap.5) Che cos è il rischio? Come possiamo indicare le preferenze del consumatore riguardo al rischio? C è chi acquista assicurazione (non ama il

Dettagli

La teoria dell utilità attesa

La teoria dell utilità attesa La teoria dell utilità attesa 1 La teoria dell utilità attesa In un contesto di certezza esiste un legame biunivoco tra azioni e conseguenze: ad ogni azione corrisponde una e una sola conseguenza, e viceversa.

Dettagli

LEZIONE 4. Il Capital Asset Pricing Model. Professor Tullio Fumagalli Corso di Finanza Aziendale Università degli Studi di Bergamo.

LEZIONE 4. Il Capital Asset Pricing Model. Professor Tullio Fumagalli Corso di Finanza Aziendale Università degli Studi di Bergamo. LEZIONE 4 Il Capital Asset Pricing Model 1 Generalità 1 Generalità (1) Il Capital Asset Pricing Model è un modello di equilibrio dei mercati che consente di individuare una precisa relazione tra rendimento

Dettagli

Studio di una funzione ad una variabile

Studio di una funzione ad una variabile Studio di una funzione ad una variabile Lo studio di una funzione ad una variabile ha come scopo ultimo quello di pervenire a un grafico della funzione assegnata. Questo grafico non dovrà essere preciso

Dettagli

Microeconomia, Esercitazione 3 Effetto reddito, sostituzione, variazione compensativa, domanda di mercato, surplus del consumatore.

Microeconomia, Esercitazione 3 Effetto reddito, sostituzione, variazione compensativa, domanda di mercato, surplus del consumatore. Microeconomia, Esercitazione 3 Effetto reddito, sostituzione, variazione compensativa, domanda di mercato, surplus del consumatore. Dott. Giuseppe Francesco Gori Domande a risposta multipla ) Se nel mercato

Dettagli

5.4 Solo titoli rischiosi

5.4 Solo titoli rischiosi 56 Capitolo 5. Teoria matematica del portafoglio finanziario II: analisi media-varianza 5.4 Solo titoli rischiosi Suppongo che sul mercato siano presenti n titoli rischiosi i cui rendimenti aleatori sono

Dettagli

Un modello matematico di investimento ottimale

Un modello matematico di investimento ottimale Un modello matematico di investimento ottimale Tiziano Vargiolu 1 1 Università degli Studi di Padova Liceo Scientifico Benedetti Venezia, giovedì 30 marzo 2011 Outline 1 Preliminari di calcolo delle probabilità

Dettagli

In laboratorio si useranno fogli di carta millimetrata con scale lineari oppure logaritmiche.

In laboratorio si useranno fogli di carta millimetrata con scale lineari oppure logaritmiche. GRAFICI Servono per dare immediatamente e completamente le informazioni, che riguardano l andamento di una variabile in funzione dell altra. La Geometria Analitica c insegna che c è una corrispondenza

Dettagli

EQUAZIONI DIFFERENZIALI. 1. Trovare tutte le soluzioni delle equazioni differenziali: (a) x = x 2 log t (d) x = e t x log x (e) y = y2 5y+6

EQUAZIONI DIFFERENZIALI. 1. Trovare tutte le soluzioni delle equazioni differenziali: (a) x = x 2 log t (d) x = e t x log x (e) y = y2 5y+6 EQUAZIONI DIFFERENZIALI.. Trovare tutte le soluzioni delle equazioni differenziali: (a) x = x log t (d) x = e t x log x (e) y = y 5y+6 (f) y = ty +t t +y (g) y = y (h) xy = y (i) y y y = 0 (j) x = x (k)

Dettagli

Introduzione. Margine di ampiezza... 2 Margine di fase... 5 Osservazione... 6 Margini di stabilità e diagrammi di Bode... 6

Introduzione. Margine di ampiezza... 2 Margine di fase... 5 Osservazione... 6 Margini di stabilità e diagrammi di Bode... 6 ppunti di Controlli utomatici Capitolo 7 parte II Margini di stabilità Introduzione... Margine di ampiezza... Margine di fase... 5 Osservazione... 6 Margini di stabilità e diagrammi di ode... 6 Introduzione

Dettagli

La scelta in condizioni di incertezza

La scelta in condizioni di incertezza La scelta in condizioni di incertezza 1 Stati di natura e utilità attesa. L approccio delle preferenza per gli stati Il problema posto dall incertezza riformulato (state-preference approach). L individuo

Dettagli

ESERCIZI DI ALGEBRA LINEARE E GEOMETRIA

ESERCIZI DI ALGEBRA LINEARE E GEOMETRIA ESERCIZI DI ALGEBRA LINEARE E GEOMETRIA Francesco Bottacin Padova, 24 febbraio 2012 Capitolo 1 Algebra Lineare 1.1 Spazi e sottospazi vettoriali Esercizio 1.1. Sia U il sottospazio di R 4 generato dai

Dettagli

I mercati assicurativi

I mercati assicurativi I mercati NB: Questi lucidi presentano solo parzialmente gli argomenti trattati ttati in classe. In particolare non contengono i modelli economici per i quali si rinvia direttamente al libro di testo e

Dettagli

Funzioni reali di più variabili reali

Funzioni reali di più variabili reali Funzioni reali di più variabili reali Generalità. Indichiamo con R n il prodotto cartesiano di R per sé stesso, n volte: R n = {(, 2,, n ) ;! R,, n!r}. Quando n = 2 oppure n = 3 indicheremo le coordinate

Dettagli

RICERCA OPERATIVA. Questi due tipi di costi contribuiscono a determinare il costo totale di produzione così definito:

RICERCA OPERATIVA. Questi due tipi di costi contribuiscono a determinare il costo totale di produzione così definito: RICERCA OPERATIVA Prerequisiti Rappresentazione retta Rappresentazione parabola Equazioni e disequazioni Ricerca Operativa Studio dei metodi e delle strategie al fine di operare scelte e prendere decisioni

Dettagli

Economia pubblica. Alberto Zanardi

Economia pubblica. Alberto Zanardi Università di Bologna Scuola di Economia, Management e Statistica Corso di laurea CLEF Economia pubblica a.a. 2013-14 14 (8 crediti, 60 ore insegnamento) Le asimmetrie informative Alberto Zanardi Carenze

Dettagli

Teoria in sintesi 10. Attività di sportello 1, 24 - Attività di sportello 2, 24 - Verifica conclusiva, 25. Teoria in sintesi 26

Teoria in sintesi 10. Attività di sportello 1, 24 - Attività di sportello 2, 24 - Verifica conclusiva, 25. Teoria in sintesi 26 Indice L attività di recupero 6 Funzioni Teoria in sintesi 0 Obiettivo Ricerca del dominio e del codominio di funzioni note Obiettivo Ricerca del dominio di funzioni algebriche; scrittura del dominio Obiettivo

Dettagli

Esercizi di Macroeconomia per il corso di Economia Politica

Esercizi di Macroeconomia per il corso di Economia Politica Esercizi di Macroeconomia per il corso di Economia Politica (Gli esercizi sono suddivisi in base ai capitoli del testo di De Vincenti) CAPITOLO 3. IL MERCATO DEI BENI NEL MODELLO REDDITO-SPESA Esercizio.

Dettagli

Serie numeriche. 1 Definizioni e proprietà elementari

Serie numeriche. 1 Definizioni e proprietà elementari Serie numeriche Definizioni e proprietà elementari Sia { } una successione, definita per ogni numero naturale n n. Per ogni n n, consideriamo la somma s n degli elementi della successione di posto d s

Dettagli

Incertezza, assicurazioni, deterrenza

Incertezza, assicurazioni, deterrenza Incertezza, assicurazioni, deterrenza (anche questo è adattato da altri pezzi per mancanza di tempo) Scelta sotto incertezza come scelta tra lotterie L esperienza ci insegna che in generale le conseguenze

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 4

Economia monetaria e creditizia. Slide 4 Economia monetaria e creditizia Slide 4 Le teorie diverse che spiegano come di determina la domanda di moneta possono essere ricondotte alle due funzioni di mezzo di pagamento e di riserva di valore la

Dettagli

Note di matematica per microeconomia

Note di matematica per microeconomia Note di matematica per microeconomia Luigi Balletta Funzioni di una variabile (richiami) Una funzione di variabile reale ha come insieme di partenza un sottoinsieme di R e come insieme di arrivo un sottoinsieme

Dettagli

Un modello matematico di investimento ottimale

Un modello matematico di investimento ottimale Un modello matematico di investimento ottimale Tiziano Vargiolu 1 1 Università degli Studi di Padova Liceo Scientifico Benedetti Venezia, giovedì 30 marzo 2011 Outline 1 Investimento per un singolo agente

Dettagli

PROGRAMMAZIONE LINEARE:

PROGRAMMAZIONE LINEARE: PROGRAMMAZIONE LINEARE: Definizione:la programmazione lineare serve per determinare l'allocazione ottimale di risorse disponibili in quantità limitata, per ottimizzare il raggiungimento di un obiettivo

Dettagli

( x) ( x) 0. Equazioni irrazionali

( x) ( x) 0. Equazioni irrazionali Equazioni irrazionali Definizione: si definisce equazione irrazionale un equazione in cui compaiono uno o più radicali contenenti l incognita. Esempio 7 Ricordiamo quanto visto sulle condizioni di esistenza

Dettagli

Discuteremo di. Domanda individuale e domanda di mercato. Scelta razionale

Discuteremo di. Domanda individuale e domanda di mercato. Scelta razionale Discuteremo di. La determinazione dell insieme delle alternative all interno del quale sceglie il consumatore La descrizione e la rappresentazione delle sue preferenze Come si determina la scelta ottima

Dettagli

DUE PROPOSTE ANALISI MATEMATICA. Lorenzo Orio

DUE PROPOSTE ANALISI MATEMATICA. Lorenzo Orio DUE PROPOSTE DI ANALISI MATEMATICA Lorenzo Orio Introduzione Il lavoro propone argomenti di analisi matematica trattati in maniera tale da privilegiare l intuizione e con accorgimenti nuovi. Il tratta

Dettagli

Guida pratica per la prova scritta di matematica della maturità scientifica

Guida pratica per la prova scritta di matematica della maturità scientifica Giulio Donato Broccoli Guida pratica per la prova scritta di matematica della maturità scientifica Comprende: Metodi matematici fondamentali per affrontare i temi assegnati Esercizi interamente svolti

Dettagli

I punteggi zeta e la distribuzione normale

I punteggi zeta e la distribuzione normale QUINTA UNITA I punteggi zeta e la distribuzione normale I punteggi ottenuti attraverso una misurazione risultano di difficile interpretazione se presi in stessi. Affinché acquistino significato è necessario

Dettagli

Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni

Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni 25.1: Introduzione In questo capitolo la teoria economica discussa nei capitoli 23 e 24 viene applicata all analisi dello scambio del rischio nel

Dettagli

Richiami di microeconomia

Richiami di microeconomia Capitolo 5 Richiami di microeconomia 5. Le preferenze e l utilità Nell analisi microeconomica si può decidere di descrivere ogni soggetto attraverso una funzione di utilità oppure attraverso le sue preferenze.

Dettagli

Funzioni. Capitolo 6. 6.1 Concetto di funzione e definizioni preliminari

Funzioni. Capitolo 6. 6.1 Concetto di funzione e definizioni preliminari Capitolo 6 Funzioni 6. Concetto di funzione e definizioni preliminari Definizione 6. Dati due insiemi non vuoti D e C, si dice applicazione o funzione una qualsiasi legge (relazione) che associa ad ogni

Dettagli

CAPITOLO IX 9. - PROGRAMMAZIONE LINEARE INTERA

CAPITOLO IX 9. - PROGRAMMAZIONE LINEARE INTERA CAPITOLO IX 9. - PROGRAMMAZIONE LINEARE INTERA Molto spesso i risultati che si desidera ottenere come soluzione di un problema di programmazione lineare sono numeri interi, ad es. il numero di vagoni ferroviari

Dettagli

Corso di Analisi Matematica. Successioni e serie numeriche

Corso di Analisi Matematica. Successioni e serie numeriche a.a. 2011/12 Laurea triennale in Informatica Corso di Analisi Matematica Successioni e serie numeriche Avvertenza Questi sono appunti informali delle lezioni, che vengono resi disponibili per comodità

Dettagli

Capitolo II Le reti elettriche

Capitolo II Le reti elettriche Capitolo II Le reti elettriche Fino ad ora abbiamo immaginato di disporre di due soli bipoli da collegare attraverso i loro morsetti; supponiamo ora, invece, di disporre di l bipoli e di collegarli tra

Dettagli

Massimi e minimi vincolati di funzioni in due variabili

Massimi e minimi vincolati di funzioni in due variabili Massimi e minimi vincolati di funzioni in due variabili I risultati principali della teoria dell ottimizzazione, il Teorema di Fermat in due variabili e il Test dell hessiana, si applicano esclusivamente

Dettagli

Raccolta degli Scritti d Esame di ANALISI MATEMATICA U.D. 1 assegnati nei Corsi di Laurea di Fisica, Fisica Applicata, Matematica

Raccolta degli Scritti d Esame di ANALISI MATEMATICA U.D. 1 assegnati nei Corsi di Laurea di Fisica, Fisica Applicata, Matematica DIPARTIMENTO DI MATEMATICA Università degli Studi di Trento Via Sommarive - Povo (TRENTO) Raccolta degli Scritti d Esame di ANALISI MATEMATICA U.D. 1 assegnati nei Corsi di Laurea di Fisica, Fisica Applicata,

Dettagli

La condivisione del rischio e la sua ripartizione su ampia scala

La condivisione del rischio e la sua ripartizione su ampia scala La condivisione del rischio e la sua ripartizione su ampia scala 1 ARGOMENTI DI QUESTA LEZIONE Questa lezione propone esplora due problemi fondamentali: Se esiste un rischio in una transazione chi lo deve

Dettagli

Elementi di topologia della retta

Elementi di topologia della retta Elementi di topologia della retta nome insieme definizione l insieme è un concetto primitivo che si accetta come intuitivamente noto secondo George Cantor, il padre della teoria degli insiemi: Per insieme

Dettagli

COME MASSIMIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ

COME MASSIMIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ icroeconomia Douglas Bernheim, ichael Whinston Copyright 009 The cgraw-hill Companies srl COE ASSIIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ Supponiamo che il reddito mensile di Elena sia pari a Y e sia interamente

Dettagli

Serie numeriche e serie di potenze

Serie numeriche e serie di potenze Serie numeriche e serie di potenze Sommare un numero finito di numeri reali è senza dubbio un operazione che non può riservare molte sorprese Cosa succede però se ne sommiamo un numero infinito? Prima

Dettagli

1 Massimi e minimi liberi 1. 2 Massimi e minimi vincolati 7. 3 Soluzioni degli esercizi 12

1 Massimi e minimi liberi 1. 2 Massimi e minimi vincolati 7. 3 Soluzioni degli esercizi 12 UNIVR Facoltà di Economia Sede di Vicenza Corso di Matematica 1 Massimi e minimi delle funzioni di più variabili Indice 1 Massimi e minimi liberi 1 Massimi e minimi vincolati 7 3 Soluzioni degli esercizi

Dettagli

Ipotesi sulle preferenze

Ipotesi sulle preferenze La teoria delle scelte del consumatore La teoria delle scelte del consumatore Descrive come i consumatori distribuiscono i propri redditi tra differenti beni e servizi per massimizzare il proprio benessere.

Dettagli

Progetto costo I. O. I.A. A 5 9 4 B 8 15 9 C 4 3 3 D 9 7 1

Progetto costo I. O. I.A. A 5 9 4 B 8 15 9 C 4 3 3 D 9 7 1 Tecniche di Valutazione Economica Processo di aiuto alla decisione lezione 13.04.2005 Modello di valutazione Dobbiamo riuscire a mettere insieme valutazioni che sono espresse con dimensioni diverse. Abbiamo

Dettagli

= 8.000 + 2.000 = 5.000.

= 8.000 + 2.000 = 5.000. Esercizio 1 Consideriamo il mercato delle barche usate e supponiamo che esse possano essere di due tipi, di buona qualità e di cattiva qualità. Il valore di una barca di buona qualità è q = 8000, mentre

Dettagli

Marco Tolotti - Corso di Esercitazioni di Matematica 12 Cfu - A.A. 2010/2011 1

Marco Tolotti - Corso di Esercitazioni di Matematica 12 Cfu - A.A. 2010/2011 1 Marco Tolotti - Corso di Esercitazioni di Matematica 1 Cfu - A.A. 010/011 1 Esercitazione 1: 4/09/010 1. Determinare il dominio delle seguenti funzioni: log a) f() = 5 ( 1). b) g() = log 3 (3 6) log 13.

Dettagli

Esercizi svolti sui numeri complessi

Esercizi svolti sui numeri complessi Francesco Daddi - ottobre 009 Esercizio 1 Risolvere l equazione z 1 + i = 1. Soluzione. Moltiplichiamo entrambi i membri per 1 + i in definitiva la soluzione è z 1 + i 1 + i = 1 1 + i z = 1 1 i. : z =

Dettagli

5. La teoria astratta della misura.

5. La teoria astratta della misura. 5. La teoria astratta della misura. 5.1. σ-algebre. 5.1.1. σ-algebre e loro proprietà. Sia Ω un insieme non vuoto. Indichiamo con P(Ω la famiglia di tutti i sottoinsiemi di Ω. Inoltre, per ogni insieme

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

No (questo accadrebbe, all incirca, se l elasticità fosse pari a -2) 1.5.3. FALSO. Un aumento del prezzo dell 1%

No (questo accadrebbe, all incirca, se l elasticità fosse pari a -2) 1.5.3. FALSO. Un aumento del prezzo dell 1% Facoltà di Economia Test intermedio di Microeconomia A-K del 7/04/011 Turno A-C SOLUZIONI 1. Attenzione: in questo prototipo l ordine delle domande è diverso da quello di ciascuno dei vostri compiti; inoltre,

Dettagli

Introduzione. Consideriamo la classica caratteristica corrente-tensione di un diodo pn reale: I D. V γ

Introduzione. Consideriamo la classica caratteristica corrente-tensione di un diodo pn reale: I D. V γ Appunti di Elettronica Capitolo 3 Parte II Circuiti limitatori di tensione a diodi Introduzione... 1 Caratteristica di trasferimento di un circuito limitatore di tensione... 2 Osservazione... 5 Impiego

Dettagli

Studio di funzioni ( )

Studio di funzioni ( ) Studio di funzioni Effettuare uno studio qualitativo e tracciare un grafico approssimativo delle seguenti funzioni. Si studi in particolare anche la concavità delle funzioni e si indichino esplicitamente

Dettagli

Le operazioni di assicurazione

Le operazioni di assicurazione Le operazioni di assicurazione Giovanni Zambruno e Asmerilda Hitaj Bicocca, 2014 Outline 1 Lezione 1: Le operazioni di assicurazione Condizione di indifferenza Condizione di equità 2 Premio equo, premio

Dettagli

Teoria dei Giochi non Cooperativi

Teoria dei Giochi non Cooperativi Politecnico di Milano Descrizione del gioco Egoismo Razionalità 1 L insieme dei giocatori 2 La situazione iniziale 3 Le sue possibili evoluzioni 4 I suoi esiti finali I Giochi della teoria Perché studiare

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

Appunti sulle disequazioni

Appunti sulle disequazioni Premessa Istituto d Istruzione Superiore A. Tilgher Ercolano (Na) Appunti sulle disequazioni Questa breve trattazione non vuole costituire una guida completa ed esauriente sull argomento, ma vuole fornire

Dettagli

1 Grafico di una funzione reale 1. 2 Funzioni elementari 2 2.1 Funzione potenza... 2 2.2 Funzione esponenziale... 3 2.3 Funzione logaritmica...

1 Grafico di una funzione reale 1. 2 Funzioni elementari 2 2.1 Funzione potenza... 2 2.2 Funzione esponenziale... 3 2.3 Funzione logaritmica... UNIVR Facoltà di Economia Sede di Vicenza Corso di Matematica Funzioni reali di variabile reale Indice Grafico di una funzione reale 2 Funzioni elementari 2 2. Funzione potenza................................................

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Funzioni di trasferimento: stabilità, errore a regime e luogo delle radici Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 0532 974839 E-mail:

Dettagli

Geometria analitica di base (prima parte)

Geometria analitica di base (prima parte) SAPERE Al termine di questo capitolo, avrai appreso: come fissare un sistema di riferimento cartesiano ortogonale il significato di equazione di una retta il significato di coefficiente angolare di una

Dettagli

Dimensione di uno Spazio vettoriale

Dimensione di uno Spazio vettoriale Capitolo 4 Dimensione di uno Spazio vettoriale 4.1 Introduzione Dedichiamo questo capitolo ad un concetto fondamentale in algebra lineare: la dimensione di uno spazio vettoriale. Daremo una definizione

Dettagli

09 - Funzioni reali di due variabili reali

09 - Funzioni reali di due variabili reali Università degli Studi di Palermo Facoltà di Economia CdS Sviluppo Economico e Cooperazione Internazionale Appunti del corso di Matematica 09 - Funzioni reali di due variabili reali Anno Accademico 2013/2014

Dettagli

EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE PROF. MATTIA LETTIERI

EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE PROF. MATTIA LETTIERI EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE PROF. MATTIA LETTIERI Indice 1 EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE ------------------------------------------------------------------------------ 3 2 L EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE

Dettagli

Corrispondenze e funzioni

Corrispondenze e funzioni Corrispondenze e funzioni L attività fondamentale della mente umana consiste nello stabilire corrispondenze e relazioni tra oggetti; è anche per questo motivo che il concetto di corrispondenza è uno dei

Dettagli

Coordinate Cartesiane nel Piano

Coordinate Cartesiane nel Piano Coordinate Cartesiane nel Piano O = (0,0) origine degli assi ascissa, y ordinata sistemi monometrici: stessa unità di misura sui due assi, y sistemi dimetrici: unità di misura diverse sui due assi (spesso

Dettagli

Microeconomia A-K, Prof Giorgio Rampa a.a. 2011-2012. Svolgimento della prova scritta di Microeconomia AK del 19 settembre 2012

Microeconomia A-K, Prof Giorgio Rampa a.a. 2011-2012. Svolgimento della prova scritta di Microeconomia AK del 19 settembre 2012 Svolgimento della prova scritta di Microeconomia AK del 19 settembre 2012 A DEFINIZIONI - Si definiscano sinteticamente i termini anche con l ausilio, qualora necessario, di formule e grafici. 1. Beni

Dettagli

Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni

Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni 25.1: Introduzione In questo capitolo la teoria economica discussa nei capitoli 23 e 24 viene applicata all analisi dello scambio del rischio nel

Dettagli

Master della filiera cereagricola. Impresa e mercati. Facoltà di Agraria Università di Teramo. Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa

Master della filiera cereagricola. Impresa e mercati. Facoltà di Agraria Università di Teramo. Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa Master della filiera cereagricola Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa Facoltà di Agraria Università di Teramo Impresa e mercati Parte prima L impresa L impresa e il suo problema economico L economia studia

Dettagli

PROBLEMI DI SCELTA. Problemi di. Scelta. Modello Matematico. Effetti Differiti. A Carattere Continuo. A più variabili d azione (Programmazione

PROBLEMI DI SCELTA. Problemi di. Scelta. Modello Matematico. Effetti Differiti. A Carattere Continuo. A più variabili d azione (Programmazione 1 PROBLEMI DI SCELTA Problemi di Scelta Campo di Scelta Funzione Obiettivo Modello Matematico Scelte in condizioni di Certezza Scelte in condizioni di Incertezza Effetti Immediati Effetti Differiti Effetti

Dettagli

Indicando con x i minuti di conversazione effettuati in un mese, con la spesa totale nel mese e con il costo medio al minuto:

Indicando con x i minuti di conversazione effettuati in un mese, con la spesa totale nel mese e con il costo medio al minuto: PROBLEMA 1. Il piano tariffario proposto da un operatore telefonico prevede, per le telefonate all estero, un canone fisso di 10 euro al mese, più 10 centesimi per ogni minuto di conversazione. Indicando

Dettagli

Correzione dell Esame di Statistica Descrittiva (Mod. B) 1 Appello - 28 Marzo 2007 Facoltà di Astronomia

Correzione dell Esame di Statistica Descrittiva (Mod. B) 1 Appello - 28 Marzo 2007 Facoltà di Astronomia Correzione dell Esame di Statistica Descrittiva (Mod. B) 1 Appello - 8 Marzo 007 Facoltà di Astronomia ESERCIZIO 1 La seguente tabella riporta la distribuzione congiunta della situazione lavorativa e dello

Dettagli

Esponenziali elogaritmi

Esponenziali elogaritmi Esponenziali elogaritmi Potenze ad esponente reale Ricordiamo che per un qualsiasi numero razionale m n prendere n>0) si pone a m n = n a m (in cui si può sempre a patto che a sia un numero reale positivo.

Dettagli

I appello - 26 Gennaio 2007

I appello - 26 Gennaio 2007 Facoltà di Ingegneria - Corso di Laurea in Ing. Informatica e delle Telecom. A.A.006/007 I appello - 6 Gennaio 007 Risolvere gli esercizi motivando tutte le risposte. (N.B. il quesito teorico è obbligatorio)

Dettagli

RICERCA OPERATIVA GRUPPO B prova scritta del 22 marzo 2007

RICERCA OPERATIVA GRUPPO B prova scritta del 22 marzo 2007 RICERCA OPERATIVA GRUPPO B prova scritta del 22 marzo 2007 Rispondere alle seguenti domande marcando a penna la lettera corrispondente alla risposta ritenuta corretta (una sola tra quelle riportate). Se

Dettagli

Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali

Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali 22.1: Introduzione In questo capitolo analizziamo lo scambio nel mercato dei capitali, dove si incontrano la domanda di prestito e l offerta di credito.

Dettagli

Economia Applicata ai sistemi produttivi. 06.05.05 Lezione II Maria Luisa Venuta 1

Economia Applicata ai sistemi produttivi. 06.05.05 Lezione II Maria Luisa Venuta 1 Economia Applicata ai sistemi produttivi 06.05.05 Lezione II Maria Luisa Venuta 1 Schema della lezione di oggi Argomento della lezione: il comportamento del consumatore. Gli economisti assumono che il

Dettagli

Funzioni. Parte prima. Daniele Serra

Funzioni. Parte prima. Daniele Serra Funzioni Parte prima Daniele Serra Nota: questi appunti non sostituiscono in alcun modo le lezioni del prof. Favilli, né alcun libro di testo. Sono piuttosto da intendersi a integrazione di entrambi. 1

Dettagli

Tasso di interesse e capitalizzazione

Tasso di interesse e capitalizzazione Tasso di interesse e capitalizzazione Tasso di interesse = i = somma che devo restituire dopo un anno per aver preso a prestito un euro, in aggiunta alla restituzione dell euro iniziale Quindi: prendo

Dettagli

ESERCIZI DI MATEMATICA FINANZIARIA DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT UNIFE A.A. 2015/2016. 1. Esercizi: lezione 24/11/2015

ESERCIZI DI MATEMATICA FINANZIARIA DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT UNIFE A.A. 2015/2016. 1. Esercizi: lezione 24/11/2015 ESERCIZI DI MATEMATICA FINANZIARIA DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT UNIFE A.A. 2015/2016 1. Esercizi: lezione 24/11/2015 Valutazioni di operazioni finanziarie Esercizio 1. Un operazione finanziaria

Dettagli

Anno 4 Grafico di funzione

Anno 4 Grafico di funzione Anno 4 Grafico di funzione Introduzione In questa lezione impareremo a disegnare il grafico di una funzione reale. Per fare ciò è necessario studiare alcune caratteristiche salienti della funzione che

Dettagli

Equilibrio di mercato e analisi di statica comparata

Equilibrio di mercato e analisi di statica comparata CAPITOLO 1 Equilibrio di mercato e analisi di statica comparata Esercizio 1.1. Si consideri un mercato per un determinato bene. La curva di offerta delle imprese è Q S = 60 + p, quella di domanda dei consumatori

Dettagli

Assicurazione e contratto assicurativo

Assicurazione e contratto assicurativo Teoria dei giochi, A.A. 2002/03 c Fioravante Patrone 1 Assicurazione e contratto assicurativo Consideriamo il problema di assicurarsi contro un sinistro. Vediamo le ragioni per cui può verificarsi il fatto

Dettagli

Funzione Una relazione fra due insiemi A e B è una funzione se a ogni elemento di A si associa uno e un solo elemento

Funzione Una relazione fra due insiemi A e B è una funzione se a ogni elemento di A si associa uno e un solo elemento TERIA CAPITL 9. ESPNENZIALI E LGARITMI. LE FUNZINI Non si ha una funzione se anche a un solo elemento di A non è associato un elemento di B, oppure ne sono associati più di uno. DEFINIZINE Funzione Una

Dettagli

Capitolo IV. I mercati finanziari

Capitolo IV. I mercati finanziari Capitolo IV. I mercati finanziari 2 I MERCATI FINANZIARI OBIETTIVO: SPIEGARE COME SI DETERMINANO I TASSI DI INTERESSE E COME LA BANCA CENTRALE PUO INFLUENZARLI LA DOMANDA DI MONETA DETERMINAZIONE DEL TASSO

Dettagli

La scelta di portafoglio

La scelta di portafoglio La scelta di portafoglio 1 La scelta di portafoglio La scelta di portafoglio: il modo in cui un individuo decide di allocare la propria ricchezza tra più titoli Il mercato dei titoli è un istituzione che

Dettagli

Compito di SISTEMI E MODELLI. 19 Febbraio 2015

Compito di SISTEMI E MODELLI. 19 Febbraio 2015 Compito di SISTEMI E MODELLI 9 Febbraio 5 Non é ammessa la consultazione di libri o quaderni. Le risposte vanno giustificate. Saranno rilevanti per la valutazione anche l ordine e la chiarezza di esposizione.

Dettagli

La Massimizzazione del profitto

La Massimizzazione del profitto La Massimizzazione del profitto Studio del comportamento dell impresa, soggetto a vincoli quando si compiono scelte. Ora vedremo un modello per analizzare le scelte di quantità prodotta e come produrla.

Dettagli

L avversione al rischio e l utilità attesa

L avversione al rischio e l utilità attesa L avversione al rischio e l utilità attesa Kreps: "Microeconomia per manager" 1 ARGOMENTI DI QUESTA LEZIONE In questa lezione introdurremo il modello dell utilità attesa, che descrive le scelte individuali

Dettagli

MODULO O VALORE ASSOLUTO

MODULO O VALORE ASSOLUTO Modulo o valore assoluto F. Bonaldi C. Enrico 1 MODULO O VALORE ASSOLUTO Questo concetto risulta spesso di difficile comprensione. Per capirlo, occorre applicare rigorosamente la definizione di modulo.

Dettagli

Applicazioni del calcolo differenziale allo studio delle funzioni

Applicazioni del calcolo differenziale allo studio delle funzioni Capitolo 9 9.1 Crescenza e decrescenza in piccolo; massimi e minimi relativi Sia y = f(x) una funzione definita nell intervallo A; su di essa non facciamo, per ora, alcuna particolare ipotesi (né di continuità,

Dettagli

Modellazione delle preferenze

Modellazione delle preferenze Modellazione delle preferenze Roberto Cordone 1 1 Sono debitore delle dispense di B. Simeone e F. Patrone Sistemazione assiomatica Dato un insieme non vuoto di impatti F, esprimere una preferenza fra due

Dettagli

ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA. 2. Insiemi numerici. A. A. 2014-2015 L.Doretti

ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA. 2. Insiemi numerici. A. A. 2014-2015 L.Doretti ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 2. Insiemi numerici A. A. 2014-2015 L.Doretti 1 INSIEMI NUMERICI rappresentano la base su cui la matematica si è sviluppata costituiscono le tappe

Dettagli