6 ANNO LAUREA MAGISTRALE IN MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI GENETICA MEDICA Prof.ssa A. Ferlini- M.Neri

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "6 ANNO LAUREA MAGISTRALE IN MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI GENETICA MEDICA Prof.ssa A. Ferlini- Do@.ssa M.Neri"

Transcript

1 6 ANNO LAUREA MAGISTRALE IN MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI GENETICA MEDICA Prof.ssa A. Ferlini- M.Neri CALENDARIO LEZIONI 8 OTTOBRE Marcella Neri CONSULENZA GENETICA E ANALISI DEL PEDIGREE 15 OTTOBRE Prof.ssa Alessandra Ferlini BIOETICA IN GENETICA MEDICA 22 OTTOBRE Marcella Neri ANALISI CITOGENETICA 18 NOVEMBRE Neri STRATEGIE DELLA DIAGNOSI MOLECOLARE 25 NOVEMBRE Marcella Neri ONCOGENETICA E NEOPLASIA EREDITARIE 2 DICEMBRE Prof.ssa Alessandra Ferlini TERAPIE IN GENETICA MEDICA 9 DICEMBRE Marcella Neri BIOINFORMATICA E DATABASE GENETICI 15 DICEMEMBRE Prof.ssa Alessandra Ferlini LE MALATTIE RARE GENETICHE

2 STRATEGIE DELLA DIAGNOSI MOLECOLARE 18 NOVEMBRE 2014 MARCELLA NERI

3 MOLECULAR DIAGNOSIS OF HUMAN DISORDERS IS THE DETECTION OF THE VARIOUS PATHOGENIC MUTATIONS IN DNA AND /OR RNA SAMPLES IN ORDER TO FACILITATE DIAGNOSIS, SUB-CLASSIFICATION, PROGNOSIS, AND MONITORING RESPONSE TO THERAPY THE AIMS OF MOLECULAR DIAGNOSIS ARE - CONFIRM THE CLINICAL DIAGNOSIS - PREDICT THE CLINICAL COURSE OF THE DISEASE ( GENOTYPE/ PHENOTYPE RELATIONS) - IDENTIFY OTHER FAMILY MEMBER AT RISK - PERFORM PRENATAL DIAGNOSIS - PLAN A SPECIFIC TERAPHY IF AVAILABLE

4 MOLECULAR ANALYSIS ON.

5

6 1% EXOME Protein-coding regions constitute 1% of the human genome or 30 megabases (Mb), split across 165,637 exons 27.9Mb of coding sequence defined by CCDS (the NCBI Consensus Coding Sequence database) CcdsBrowse.cgi

7 ESTRAZIONE DNA da sangue La figura illustra gli step di estrazione con fenolo-cloroformio (A), la successiva precipitazione con etanolo assoluto (B), il lavaggio con etanolo (C) del pellet ottenuto dopo centrifugazione, l essiccamento all aria (D) e la risospensione in acqua o TE (E)

8 History of Molecular Diagnos3cs The Molecular Biology Timeline 1865 Gregor Mendel, Law of Heredity 1866 Johann Miescher, Purification of DNA Sickle Cell Anemia Mutation Watson and Crick, Structure of DNA 1970 Recombinant DNA Technology 1977 DNA sequencing 1985 In Vitro Amplification of DNA (PCR) 2001 The Human Genome Project

9

10 PCR (POLYMERASE CHAIN REACTION) Pipe?e Tips Thermal cycler Buffer DNTP MgCl2 Taq Polimerase Eppendorf

11 Step 1. Denaturation Raise temperature to 94 o C to separate the duplex form of DNA into single strands

12 Design primers To perform PCR, a 10-20bp sequence on either side of the sequence to be amplified must be known because DNA pol requires a primer to synthesize a new strand of DNA

13 Anneal primers at o C Step 2. Annealing

14 Step 3.Extension Extend primers: raise temp to 72 o C, allowing Taq pol to at each priming site and extend a new DNA strand

15 Repeat Repeat the Denature, Anneal, Extension steps at their respective temperatures

16 DNA ANALYSIS PCR-BASED TECHNIQUES PCR AND DIRECT SEQUENCING PCR REPEATED REGIONS (MICROSATELLITES, TRIPLETS) REAL TIME PCR MLPA POINT MUTATIONS/ SMALL DEL-DUP VNTR/ DINAMIC MUTATIONS DELETIONS/ DUPLICATIONS

17 mutazioni I daz di sequenziamento totale del genoma provano che almeno 10-8 sosztuzioni geniche per base si verificano nella prole de novo, cioè senza essere ereditate dai genitori meno dell 1% cadono negli esoni codificanz dei geni mutazioni silenz, quando l aminoacido non cambia mutazioni missenso quando un aminoacido è sosztuito da un altro aminoacido mutazioni nonsenso quando un aminoacido è sosztuito da un codone prematuro di terminazione mutazioni nonstop quando al contrario un codone di terminazione è sosztuito da un codone di un aminoacido

18 classificazione delle mutazioni 1. sosztuzioni 2. piccole inserzioni, delezioni o inserzioni + delezioni contemporaneamente (indels) 3. riarrangiamenz genomici a due (delezioni, duplicazioni) o più punz di (traslocazioni, inversioni ecc.) 4. copy number variazons (CNV) a queste classi appartengono in modo indisznguibile tanto le variazioni innocue quanto le mutazioni causazve di malaha

19 PCR AND DIRECT SEQUENCING POINT MUTATIONS/ SMALL DEL-DUP SANGER SEQUENCING ( 1st generation)

20 Wild-type Mutato

21 ins TTAA het

22 DNA ANALYSIS PCR-BASED TECHNIQUES PCR AND DIRECT SEQUENCING PCR REPEATED REGIONS REAL TIME PCR MLPA POINT MUTATIONS STR-VNTR/ DINAMIC MUTATIONS DELETIONS/ DUPLICATIONS

23 VNTR (variable number tandem repeats) STR (short tandem repeats) Location in a genome where a short nucleotide is organized as a tandem repeat These can be found on many chromosomes and often show variations in length Each variant acts as an inherited allele allowing used for identification Useful in genetics, biology research, forensics and DNA fingerprinting - Occurs when a pattern of TWO or more nucleotides are repeated and the repeated sequences are adjacent to each other. Pattern can range in length from 2 to 10 bp Typically in non-coding intron region Count how many repeats of a specific STR at a given locus can create unique genetic profile Currently over 10,000 published STR sequences in human genome Prevalent method for determining genetic profiles in forensic cases.

24

25

26 REQUISITI per l ANALISI DI LINKAGE DI CARATTERI MENDELIANI MARCATORI GENETICI Polimorfici -> presenza di 2 o + alleli alternativi Allele più raro con frequenza di almeno 1% nella popolaz. Facilmente tipizzabili e stabili di generazione in generazione Posizione nota nel genoma Gli individui delle famiglie vengono tipizzati per un set di marcatori polimorfici distribuiti su tutto il genoma o in particolari regioni candidate Per tutti i cromosomi sono state create mappe genetiche di marcatori polimorfici 26

27 Mental Retardation Seizu res Osteopor osis

28 Mutazioni dinamiche

29 Malahe da ripetute Disease Gene Locus/Protein Repeat LocaZon Fragile X syndrome Fragile XE syndrome Friedreich ataxia Myotonic dystrophy 1 Myotonic dystrophy 2 Spinobulbar muscular atrophy HunZngton disease Dentatorubralpallidoluysian atrophy SCA type 1 SCA type 2 SCA type 3 (Machado- Joseph disease) SCA type 6 SCA type 7 SCA type 8 SCA type 12 Xq27.3/FMR- 1 protein Xq28/FMR- 2 protein 9q13-9q21.1/frataxin 19q13/myotonic dystrophy protein kinase 3q21 Xq13- Xq21/androgen receptor 4p16.3/hunZngton 12p13.31/atrophin- 1 6p23/ataxin- 1 12q24/ataxin- 2 14q32.1/ataxin- 3 19p13/α- 1A (voltage- ependent calcium channel subunit) 3p12-3p13/ataxin- 7 13q12/none idenzfied 5q31-5q33 CGG GCC GAA CTG CCTG CAG CAG CAG CAG CAG CAG CAG CAG CTG CAG Noncoding Noncoding Noncoding Noncoding Noncoding Coding Coding Coding Coding Coding Coding Coding Coding? Noncoding

30 Malahe da ripetute non codificanz

31 Circa il 2% della popolazione ha un IQ<70 (ritardo mentale) il 15-20% di tuh I ritardi mentali sono a geni del cromosoma X Il ritardo mentale legato al cromosoma X (XLMR) è genezcamente eterogeneo con 202 loci responsabili di forme che si sovrappongono clinicamente 46 geni sono staz a oggi idenzficaz il locus che contribuisce alla frazione maggiore causa la sindrome di MarZn- Bell, oggi nota come sindrome dell X fragile

32 X fragile ritardo mentale: IQ tra 20 e 70 deficit di memoria a breve termine di informazioni complesse ritardo nel linguaggio abilità visuo- spaziali ipersensibilità agli szmoli iperahvità con deficit di comportamento auzszco Macrocefalia con fronte, mento e orecchie sporgenz Macroorchidismo (<30ml) dopo la pubertà Anomalie connehvali: prolasso della mitrale, lassità arzcolare, piede Disfunzioni ipotalamiche?

33 Nel 1969 Lubs osservò una costrizione (marker X) sul braccio lungo del cromosoma X in maschi affeh e tre carriers obbligate della stessa famiglia

34 Il sito fragile a Xq27.3 o costrizione dei cromosomi in metafase che insorge quando le cellule sono esposte ad una perturbazione della replicazione del DNA siz fragili sono su tuh i cromosomi e prendono il nome della banda cromosomica, es fra(x)(q27.3) la nomenclatura HUGO chiama questo sito FRAXA, cioè il primo sito fragile idenzficato sul cromosoma X

35 Segregazione, paradosso di Sherman Il 20% dei maschi che portano l allele mutato sono normali (NTM) I Il 30% delle carrier presenta ritardo mentale perché è 1 perché non è II III 1 IV

36 Il gene FMR

37 EcoRI CpG island/5 UTR FMR1 gene Eag I probe EcoRI 2.4kb 2.8kb (CGG) ~ 6 to 50 (CGG) 59 to ~ 200 Normal alleles : Stable in the family and in the individual Unstable in the populazon (Polymorphism) PremutaZon : Unstable in the family Stable in the individual (CGG) > 250 MethylaZon Full mutazon : Unstable in the individual (somazc mutazons) Repress FMR1 transcripzon

38 Premutazioni e mutazioni Le premutazioni si espandono quando sono trasmesse dalla madre La donna con premutazioni ha un maggiore rischio di menopausa precoce POF (premature ovarian failure) Il più corto allele che in una sola generazione è diventato mutazione piena è di 59 Espansione stabile (CGG)9- AGG- (CGG)9- AGG- (CGG)9 Ha almeno 2 A che interrompono la serie di 9 triple4e Espansione instabile (CGG)9- (CGG)9- (CGG)9- (CGG)9 NON ha A che interrompono la serie

39 COSA FA FMR1? FMRP una RNA-binding protein selettiva associata con i poliribosomi ed espressa nei neuroni nelle spine dendritiche regola la traduzione degli mrna, funzione cruciale per la plasticità sinaptica e la maturazione neuronale interagisce con gli mrna e con il pathway dei mirna Nell X fragile le spine dendritiche sono immature e lunghe Cerebral Cortex, Vol. 10, No. 10, , October 2000

40 distrofia miotonica DM1 fenomeno miotonico, difficoltà al rilasciamento muscolare dopo una contrazione ipotonia al volto, non debolezza importante precoce alterazioni ritmo cardiaco disfunzione Zroidea trasmissione autosomica dominante (1/8000) forma congenita con grave ipotonia neonatale

41 distrofia miotonica DM1 Steinert è la più comune distrofia muscolare dell adulto è causata da un espansione CTG nel 3 UTR del gene DMPK (nell RNA CUG) a 19q13.3 presenta eredità autosomica dominante con anzcipazione sono state idenzficate RNA binding proteins che interagiscono con l espansione CUG

42 distrofia miotonica DM2 cromosoma 3p21 un espansione simile nell introne 1 di un repeat CCUG nel gene ZNF9 (zinc finger protein 9) causa la distrofia miotonica 2 la DM2 è anche distrofia miotonica prossimale

43 Malahe da ripetute di poliglutammina

44 Còrea di HunZngton da George HunZngton nel 1872, è anche còrea che in greco indica la danza alla base vi è una degenerazione programmata genezcamente dei neuroni dei gangli basali (nuclei caudato e pallido) e della corteccia prevalenza di 1/10,000 e presenta il fenomeno dell'anzcipazione si nel 97% dei casi come autosomico dominante associato al gene hunzngzna sul cromosoma 4p16.3 solo il 3% dei casi è dovuto a nuove mutazioni un'espansione dinamica della CAG che codifica per la glutammina

45 quante glutammine? fino a 28 = numero max di CAG per un non a rischio CAG la malaha si potrebbe presentare alla generazione successiva (premutazione) oltre 39 CAG il è considerato anche se la patologia non si è ancora manifestata il test è in grado di prevedere che la patologia si manifesterà in futuro l'esecuzione in soggeh sani solleva problemi di natura ezca

46 la Huntingtina con poliglutammina forma aggregati nei neuroni causandone la morte all'inizio sintomi psichiatrici quali depressione, irritabilità, difficoltà a prendere decisioni, poi presenta movimenti incontrollati simili a una danza e demenza pur con una grande variabilità individuale, la malattia avanza inesorabilmente fino alla morte tentativi terapeutici sono in corso con la cistamina che inibisce la transglutaminasi coinvolta nella formazione degli aggregati

47 DNA ANALYSIS PCR-BASED TECHNIQUES PCR AND DIRECT SEQUENCING PCR REPEATED REGIONS (MICROSATELLITES, TRIPLETS) POINT MUTATIONS VNTR/ DINAMIC MUTATIONS REAL TIME PCR MLPA DELETIONS/ DUPLICATIONS

48 REAL-TIME PCR Misura l'amplificazione in tempo reale durante la fase esponenziale della PCR, quando cioè l'efficienza di amplificazione è influenzata minimamente dalle variabili di reazione, permettendo di ottenere risultati molto più accurati rispetto alla PCR tradizionale "end point"

49 Primer R Q Primer La sonda di tipo TaqMan è un oligonucleotide che, come i primers della PCR, viene disegnato per essere complementare alla sequenza bersaglio da amplificare

50

51 Sonde Taqman Le sonde di idrolisi o sonde Taqman sono costituite da oligonucleotidi marcati in 5' con un fluoroforo reporter (donatore) e in 3', o internamente, con un quencher (accettore); vengono disegnate in modo che si leghino ad una sequenza specifica del bersaglio compresa tra i primers forward e reverse. Le sonde intatte non emettono fluorescenza perché la vicinanza del quencher al reporter induce una soppressione della fluorescenza del reporter. Nella fase di estensione dei primers, la sonda Taqman, complementare alla sequenza dell'amplicone, si lega al prodotto PCR e, quando viene raggiunta dalla polimerasi, subisce l'idrolisi da parte dello stesso enzima (attività 5 3 esonucleolitica). A questo punto, il fluoroforo (dye), allontanato dal quencher, se eccitato, emette fluorescenza. No fluorescenza Emissione di fluorescenza

52 Nella Real-Time PCR, i primi cicli, in cui non è misurabile la variazione nel segnale della fluorescenza, definiscono un importante parametro: la linea base (baseline) della curva. Linea soglia Un aumento della fluorescenza oltre la linea base indica il rilevamento del prodotto di PCR in fase di accumulo. Linea di base Ct Un secondo parametro importante è la linea-soglia: tale linea, parallela alla linea di base, deve tagliare le curve dei campioni nella loro fase di crescita esponenziale. La curva di amplificazione di ogni campione taglia la linea-soglia in un punto, chiamato ciclosoglia (threshold cycle) definibile come il numero del ciclo (o frazione di questo numero) in cui la curva di amplificazione del campione in fase esponenziale taglia la linea-soglia. Il ciclo-soglia, al contrario di un valore misurato alla fine dell'amplificazione, è un indicatore fedele della quantità iniziale di DNA.

53 MLPA (multiple ligation probe amplification) DELETIONS/ DUPLICATIONS identification

54 HybridizaZon 1. The MLPA probemix is added to denatured genomic DNA 2. The two parts of each probe hybridise to adjacent target sequences

55 3. Probes are ligated by a thermostable ligase ligazon

56 PCR amplificazon 4. A universal primer pair is used to amplify all ligated probes The PCR product of each probe has a unique length ( bp)

57 separazon and quanzficazon by capillary electrophoresis Each peak is the amplificazon product of a specific probe. Samples are compared to a control sample. A difference in relazve peak height or peak area indicates a copy number change of the probe target sequence

58 deteczon of Chr X copy number X Male Female Triple X 283 bp 346 bp

59 OMIC analysis next generation sequencing CGH array

60 SANGER SEQUENCING 30 years NEXT GENERATION SEQUENCING Frederick Sanger 1975 DNA sequencing 454 ROCHE 2005 SOLID APPLIED Modello del DNA human genome project SOLEXA/ILLUMINA 2006 ION TORRENT 2010 Watson & Crick Francis Collins Craig Venter

61 DIFFERENCES BETWEEN NGS AND CONVENTIONAL SANGER SEQUENCING Sanger sequencing of candidate genes is directed to a specific target. NGS as such is based on sequencing clonally amplified single molecules of DNA. Sanger sequencing generates long reads, meaning that one reaction deciphers bases allowing easy sequence assembly. In principle, one sequence suffices to identify homozygous and heterozygous sequence variants because every reaction contains and determines both possible alleles. Sanger sequencing always follows the same technical principle; NGS uses a number of different technical approaches. NGS needs between 10 and 50 reads of the same base to reliably identify heterozygous sequence variants, because every read shows only one of the possible two alleles in a stochastic distribution (coverage). The main advantage of NGS is the massive amount of generated sequence data : between 400 and 3000 megabases can be generated in one run of the instrument.

62 WORKFLOW del SEQUENZIAMENTO Library preparation Clonal amplification Cyclic array sequencing 1 Library preparation Emulsion PCR 2 Clonal amplification Solid-phase amplificatio n 3 Cyclic array sequencing pyrosequencing Sequencing by ligation semiconducto r sequencing Sequencing by reversible termination 454 SOLID ION TORRENT ILLUMINA

63 5. Bionforma3cs analysis IMAGE ACQUISITION QUALITY CONTROL DATA FILTERING REFERENCE SEQUENCE ALIGNMENT (BWA, SAMtool, SOAP) VARIANT CALLING (SAMtool, GATK, SOAP, Annovar) ANNOTATION (GATK, Annovar) TAQ COUNTING DATA REPORTING

64 6. Biological interpreta3on and iden3fica3on of causal muta3on WHY IS AN IMPORTANT STEP Number of variants per sequenced exome: Filtering for: quality criteria non coding variants synonymous variant Marian et al Potential disease causing variants: 5000 Filtering for: Known polymorphic variants Private, non-synonymous, splicesite variants Glissen et al. 2012

65 NEXT GENERATION METHODS FOR AN EXHAUSTIVE STUDY OF GENETIC DISEASES WHOLE EXOME SEQUENCING TO IDENTIFY NOVEL CAUSATIVE GENES CLINICAL EXOME INTERROGATING KNOWN GENES ON A WHOLE EXOME SEQUENCING OUTPUT TARGETED RESEQUENCING FOR THE DETECTION OF VARIANTS IN WELL-KNOWN DISEASE GENES WHOLE GENOME SEQUENCING (3 BILLIONS OF BASES SEQUENCED) TARGETED RNA SEQUENCING FOR THE DETECTION AND CHARACTERIZATION OF MUTATIONAL EFFECTS ON MRNA EXPRESSION AND ON ITS SPLICING

66

67 Comparative genomic hybridization (CGH) as originally configured is a molecular technique based on DNA hybridisation that allows detection of DNA sequence copy number variations (CNVs) and genome imbalance with high throughput potential (244K probes, covering intervals of 12 Kb-whole genome)

68 Cy5 Cy3

69 RNA PHENOTYPE (RIBOTYPE) THE VAST MAJORITY OF THE DNA MUTATIONS DOES HAVE EFFECT ON THE mrna MOLECULES

70 MOLECULAR ANALYSIS ON.

71 GENE STRUCTURE

72 PROCESSING THE GENETIC CODE After making a pre-mrna, the introns are removed and the exons are joined together to make a mature message (mrna), which is then read in 3 letter words (codons). iiiiiiiithe iiiiiiiibad AND iiiiiiiold DiiiiiOG ATETiiiiiiiiiiiHE FATiiiiii CAT ENDiiiii THE BAD AND OLD DOG ATE THE FAT CAT END

73 WHEN IS INDICATED TO EXPL0RE THE RNA CONFIGURATION? TISSUE-SPECIFIC PATHOLOGY SPLICING PATHOLOGY HETEROGENEOUS MUTATIONS IN LARGE GENES, UBIQUITOUSLY EXPRESSED PREREQUISITE PATIENTS TISSUE/CELLS

74

75 RNA ANALYSIS: METHODS RT-PCR RACE-PCR Real-time PCR NORTHERN BLOTTING MICROARRAYS

76 RT-PCR Extraction of total RNA from tissues Reverse transcription from RNA to cdna (complementary DNA) PCR analysis on the artificially synthesized cdna

77 mrna 5 AAAAA 3 Primer 1 3 TTTTT 5 mrna cdna cdna 3 Primer reverse transcriptase (RNA-dependent DNA polymerase) 5 AAAAA 3 TTTTT 5 3 Remove RNA (RNase A) Add PCR primers 3 TTTTT 5 TTTTT 5 Primer 3 Add Taq polymerase. Run PCR

Genetica Medica corsi di laurea triennali

Genetica Medica corsi di laurea triennali Genetica Medica corsi di laurea triennali Prof. Vincenzo Nigro Genetica Medica 1 anno, II semestre Dipartimento di Patologia Generale, Seconda Università degli Studi di Napoli programma del corso di genetica

Dettagli

Patologie da mutazioni dinamiche

Patologie da mutazioni dinamiche Patologie da mutazioni dinamiche Mutazioni dinamiche mutazioni progressive, nei tessuti e nelle generazioni, di ripetizioni instabili Alleli normali Pre-mutazioni Mutazioni Le alterazioni fenotipiche (patologia)

Dettagli

PCR - Polymerase Chain Reaction. ideata nel 1983 da Kary B. Mullis il quale ottenne, per questo, il premio Nobel per la chimica (1993).

PCR - Polymerase Chain Reaction. ideata nel 1983 da Kary B. Mullis il quale ottenne, per questo, il premio Nobel per la chimica (1993). End point PCR vs quantitative Real-Time PCR PCR - Polymerase Chain Reaction ideata nel 1983 da Kary B. Mullis il quale ottenne, per questo, il premio Nobel per la chimica (1993). Questa tecnica, utilizzando

Dettagli

AMPLIFICAZIONE IN VITRO DEL DNA REAZIONE A CATENA DELLA POLIMERASI (PCR)

AMPLIFICAZIONE IN VITRO DEL DNA REAZIONE A CATENA DELLA POLIMERASI (PCR) AMPLIFICAZIONE IN VITRO DEL DNA REAZIONE A CATENA DELLA POLIMERASI (PCR) PCR: reazione polimerasica a catena Inventata da Kary Mullis negli anni 80 (premio Nobel 1993) Serve per ottenere una grande quantita

Dettagli

Si può ottenere un a grande quantità di copie di DNA a partire da una singola molecola di DNA stampo La reazione è semplice ed automatizzabile E

Si può ottenere un a grande quantità di copie di DNA a partire da una singola molecola di DNA stampo La reazione è semplice ed automatizzabile E Si può ottenere un a grande quantità di copie di DNA a partire da una singola molecola di DNA stampo La reazione è semplice ed automatizzabile E possibile scegliere selettivamente cosa amplificare (specificità)

Dettagli

PCR - Polymerase Chain Reaction

PCR - Polymerase Chain Reaction PCR - Polymerase Chain Reaction ideata nel 1983 da Kary B. Mullis il quale ottenne, per questo, il premio Nobel per la chimica (1993). Questa tecnica, utilizzando i principi della duplicazione del DNA,

Dettagli

di Milazzo Gabriele Mangiagli Graziella Paternò Valentina Lomagno Valeria Mangione Enza Prof. C. Di Pietro

di Milazzo Gabriele Mangiagli Graziella Paternò Valentina Lomagno Valeria Mangione Enza Prof. C. Di Pietro di Milazzo Gabriele Mangiagli Graziella Paternò Valentina Lomagno Valeria Mangione Enza Prof. C. Di Pietro Polymerase Chain Reaction Inventata a metà degli anni 80 da Kary Mullis, è a tutt oggi uno strumento

Dettagli

Strumenti della Genetica Molecolare Umana (3) Capitoli 6-7-8

Strumenti della Genetica Molecolare Umana (3) Capitoli 6-7-8 Strumenti della Genetica Molecolare Umana (3) Capitoli 6-7-8 PCR allele specifica-arms (equivalente a ASO) Trova applicazione per individuare specifiche e NOTE mutazioni patogene in un sistema che nel

Dettagli

I marcatori molecolari. Dipartimento di Scienze Agronomiche e Genetica Vegetale Agraria Corso di Genetica Agraria Giovanna Attene

I marcatori molecolari. Dipartimento di Scienze Agronomiche e Genetica Vegetale Agraria Corso di Genetica Agraria Giovanna Attene I marcatori molecolari Dipartimento di Scienze Agronomiche e Genetica Vegetale Agraria Corso di Genetica Agraria Giovanna Attene Marcatori molecolari del DNA I marcatori molecolari sono sequenze di DNA

Dettagli

I marcatori genetici e loro applicazioni nelle produzioni animali. Dott.ssa Chiara Targhetta

I marcatori genetici e loro applicazioni nelle produzioni animali. Dott.ssa Chiara Targhetta I marcatori genetici e loro applicazioni nelle produzioni animali Dott.ssa Chiara Targhetta LOCUS localizzazione genomica unica all interno di un cromosoma; permette di definire la posizione di un gene

Dettagli

PRINCIPALI TIPI DI PCR a) PRINCIPALI TIPI DI PCR b)

PRINCIPALI TIPI DI PCR a) PRINCIPALI TIPI DI PCR b) PRINCIPALI TIPI DI PCR a) RT-PCR: serve a valutare l espressione di un gene tramite l amplificazione dell mrna da esso trascritto PCR COMPETITIVA: serve a valutare la concentrazione iniziale di DNA o RNA

Dettagli

Diagnostica Biomolecolare: Tecnologie e Applicazioni

Diagnostica Biomolecolare: Tecnologie e Applicazioni Diagnostica Biomolecolare: Tecnologie e Applicazioni Preparazione dei campioni: (Estrazione del DNA o dell RNA dal tessuto di interesse) Analisi delle mutazioni: SSCP DHPLC Dot blot - Southern - PCR (ARMS

Dettagli

Next Generation Sequencing nelle malattie non emopatiche

Next Generation Sequencing nelle malattie non emopatiche Next Generation Sequencing nelle malattie non emopatiche Vilma Mantovani 1,2 & Tommaso Pipucci 2 1 Centro Ricerca Biomedica Applicata - CRBA 2 U.O. Genetica Medica Bologna, 11 maggio 2012 Gene discovery

Dettagli

DNA - DENATURAZIONE E RIASSOCIAZIONE

DNA - DENATURAZIONE E RIASSOCIAZIONE DNA - DENATURAZIONE E RIASSOCIAZIONE Il doppio strand della molecola di DNA può denaturarsi dando due singoli strand ad alte temperature (>90 C). Due strand di DNA complementari possono accoppiarsi dando

Dettagli

Sequenziamento del DNA: strutture dei nucleotidi

Sequenziamento del DNA: strutture dei nucleotidi Sequenziamento del DNA: strutture dei nucleotidi il metodo di Sanger 2-3 DIDEOSSINUCLEOTIDI Il contenuto di ciascuna provetta viene caricato in 4 pozzetti separati di un gel di poliacrilammide * Indica

Dettagli

Biologia Molecolare. CDLM in CTF 2010-2011 L analisi del genoma

Biologia Molecolare. CDLM in CTF 2010-2011 L analisi del genoma Biologia Molecolare CDLM in CTF 2010-2011 L analisi del genoma L analisi del genoma n La tipizzazione del DNA n La genomica e la bioinformatica n La genomica funzionale La tipizzazione del DNA DNA Fingerprinting

Dettagli

Lezione 4. Il sequenziamento del DNA, Sanger

Lezione 4. Il sequenziamento del DNA, Sanger Lezione 4 Il sequenziamento del DNA, Sanger Schema della lezione Polymerase chain reaction (PCR) Dal prodotto di PCR al sequenziamento di Sanger Lettura dei prodotti di sequenziamento con sequenziatori

Dettagli

Seminari di Specialità di Genetica Medica 22 novembre 2011 EXOME SEQUENCING. dott.ssa Alessandra Cuccurullo

Seminari di Specialità di Genetica Medica 22 novembre 2011 EXOME SEQUENCING. dott.ssa Alessandra Cuccurullo Seminari di Specialità di Genetica Medica 22 novembre 2011 EXOME SEQUENCING dott.ssa Alessandra Cuccurullo EXOME SEQUENCING Anche noto come targeted exome capture. Strategia per sequenziare selettivamente

Dettagli

Applicazioni biotecnologiche in systems biology

Applicazioni biotecnologiche in systems biology Applicazioni biotecnologiche in systems biology Lezione #2 Dr. Marco Galardini AA 2012/2013 Contatti Dr. Marco Galardini Dip. Di Biologia Via Madonna del Piano 6, Polo Scientifico S. Fiorentino (c/o Incubatore

Dettagli

Il primer utilizzato può essere specifico per il gene che si intende amplificare oppure aspecifico (oligo (dt) oppure random esameri).

Il primer utilizzato può essere specifico per il gene che si intende amplificare oppure aspecifico (oligo (dt) oppure random esameri). Retrotrascrizione l mrna viene convertito in cdna per mezzo dell enzima trascrittasi inversa (DNA polimerasi RNAdipendenti ricavate dai virus della mieloblastosi aviaria AMV o della leucemia murina di

Dettagli

Protocollo di Real-Time RT-PCR per la diagnosi del fitoplasma della Moria del Pero. Claudio Ratti, Chiara Lanzoni e Carlo Poggi Pollini

Protocollo di Real-Time RT-PCR per la diagnosi del fitoplasma della Moria del Pero. Claudio Ratti, Chiara Lanzoni e Carlo Poggi Pollini Protocollo di Real-Time RT-PCR per la diagnosi del fitoplasma della Moria del Pero Claudio Ratti, Chiara Lanzoni e Carlo Poggi Pollini Moria del pero (Candidatus Phytoplasma pyri) Fitoplasmi: Microrganismi

Dettagli

Mutation screening mediante PCR

Mutation screening mediante PCR Mutation screening mediante PCR Denaturing High-Perfomance Liquid Chromatography (DHPLC) E una tecnica di analisi cromatografica ad alta pressione che consente di discriminare tra homoduplex ed heteroduplex

Dettagli

Tecniche molecolari per lo studio degli acidi nucleici

Tecniche molecolari per lo studio degli acidi nucleici Tecniche molecolari per lo studio degli acidi nucleici Prof.ssa Flavia Frabetti aa. 2010-11 Estrazione acidi nucleici (DNA o RNA) Verifica tramite elettroforesi su gel di agarosio Amplificazione o clonaggio

Dettagli

Introduzione al corso di bioinformatica e analisi dei genomi AA 2015-2016. Docente: Silvia Fuselli fss@unife.it

Introduzione al corso di bioinformatica e analisi dei genomi AA 2015-2016. Docente: Silvia Fuselli fss@unife.it Introduzione al corso di bioinformatica e analisi dei genomi AA 2015-2016 Docente: Silvia Fuselli fss@unife.it Possibili testi di riferimento Introduction to Genomics, A.M. Lesk, Oxford Capitoli 1, 3,

Dettagli

ABI-7700 User Bulletin #5

ABI-7700 User Bulletin #5 ABI-7700 User Bulletin #5 1. halogen tungsten lamp 2b. emission filters 3. intensifier 5. ccd detector 350,000 pixels 2a. excitation filters 4. sample plate www.biorad.com 3 Real-time qpcr - La fluorescenza

Dettagli

Polimorfismi LEZIONE 6. By NA 1

Polimorfismi LEZIONE 6. By NA 1 Polimorfismi LEZIONE 6 By NA 1 * Polimorfismo Variazione presente nella popolazione con una frequenza superiore a 1% Variazioni nell aspetto By NA 2 Polimorfismo proteico Variazione presente nella popolazione

Dettagli

Esercitazioni di Genomica

Esercitazioni di Genomica Esercitazioni di Genomica Bioinformatica ai tempi del NGS, PhD CRIBI Biotechnology Center, University of Padua BMR Genomics srl, Spin-Off Giovanni Birolo, PhD CRIBI Biotechnology Center, University of

Dettagli

a.a. 2012-2013 31/10/2012 Lezioni 25 e 26 I polimorfismi del DNA

a.a. 2012-2013 31/10/2012 Lezioni 25 e 26 I polimorfismi del DNA CORSO INTEGRATO di Genetica e Biologia Molecolare GENETICA a.a. 2012-2013 31/10/2012 Lezioni 25 e 26 I polimorfismi del DNA Dott.ssa Elisabetta Trabetti POLIMORFISMO La presenza nella popolazione di due

Dettagli

Metodiche Molecolari

Metodiche Molecolari Metodiche Molecolari La rivelazione degli acidi nucleici virali è un altro saggio che può essere utilizzato sia per verificare la presenza di un virus in un determinato campione biologico, sia per studiare

Dettagli

Metodica fu ideata nel 1983

Metodica fu ideata nel 1983 Metodica fu ideata nel 1983 PCR - Polymerase Chain Reaction ideata nel 1983 da Kary B. Mullis il quale ottenne, per questo, il premio Nobel per la chimica (1993). Questa tecnica, utilizzando i principi

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Indagini Biologico-Molecolari per Accertamento di Paternità

RELAZIONE TECNICA. Indagini Biologico-Molecolari per Accertamento di Paternità RELAZIONE TECNICA Indagini Biologico-Molecolari per Accertamento di Paternità PROSPETTO RIASSUNTIVO DELL'ANALISI ANALISI INDAGINE DI PATERNITA' PERSONE SOTTOPOSTE AL TEST QUESITO Campione Biologico Tampone

Dettagli

DEMENZE RARE E MALATTIE DEL MOTONEURONE

DEMENZE RARE E MALATTIE DEL MOTONEURONE CORSO DI FORMAZIONE 2011 DEMENZE RARE E MALATTIE DEL MOTONEURONE UP TO DATE SULLE SINDROMI ATASSICHE JOURNAL CLUB Lamezia terme 30/05/2011 Dott.ssa Maria Anfossi Le mutazioni nel gene Fragile X Mental

Dettagli

LEZIONE X FUNZIONAMENTO E APPLICAZIONI DELLA PCR. Dott. Paolo Cascio

LEZIONE X FUNZIONAMENTO E APPLICAZIONI DELLA PCR. Dott. Paolo Cascio LEZIONE X FUNZIONAMENTO E APPLICAZIONI DELLA PCR Dott. Paolo Cascio Tecnica della reazione a catena della DNA polimerasi o PCR (Polymerase Chain Reaction) 1) Introdotta da Kary Mullis alla metà degli anni

Dettagli

Analisi del genoma umano: possibilità e limiti. Francesca Lugani, MD, PhD U.O.C. Nefrologia, dialisi e trapianto IRCCS G. Gaslini

Analisi del genoma umano: possibilità e limiti. Francesca Lugani, MD, PhD U.O.C. Nefrologia, dialisi e trapianto IRCCS G. Gaslini Analisi del genoma umano: possibilità e limiti Francesca Lugani, MD, PhD U.O.C. Nefrologia, dialisi e trapianto IRCCS G. Gaslini What is DNA? It's a history book - a narrative of the journey of our species

Dettagli

Next-generation sequencing, annotazione, ed espressione genica. Giulio Pavesi Dip. Bioscienze Università di Milano giulio.pavesi@unimi.

Next-generation sequencing, annotazione, ed espressione genica. Giulio Pavesi Dip. Bioscienze Università di Milano giulio.pavesi@unimi. Next-generation sequencing, annotazione, ed espressione genica Giulio Pavesi Dip. Bioscienze Università di Milano giulio.pavesi@unimi.it Il primo passo... Abbiamo la sequenza completa del DNA di un organismo:

Dettagli

ANALISI POST-GENOMICHE TRASCRITTOMA: CONTENUTO DI RNA DI UNA CELLULA.

ANALISI POST-GENOMICHE TRASCRITTOMA: CONTENUTO DI RNA DI UNA CELLULA. TECNICHE PER L ANALISI DELL ESPRESSIONE GENICA RT-PCR REAL TIME PCR NORTHERN BLOTTING ANALISI POST-GENOMICHE Conoscere la sequenza genomica di un organismo non è che l inizio di una serie di esperimenti

Dettagli

Il Ruolo della Genetica Clinica in Genomica e Sanità Pubblica. Corrado Romano cromano@oasi.en.it

Il Ruolo della Genetica Clinica in Genomica e Sanità Pubblica. Corrado Romano cromano@oasi.en.it Il Ruolo della Genetica Clinica in Genomica e Sanità Pubblica Corrado Romano cromano@oasi.en.it Genetica Clinica secondo Wikipedia La genetica clinica o medica si occupa dello studio e della diagnosi delle

Dettagli

Array-CGH(Comparative Genomic Hybridisation) e diagnosi prenatale. Dalla citogenetica convenzionale alla citogenetica molecolare!

Array-CGH(Comparative Genomic Hybridisation) e diagnosi prenatale. Dalla citogenetica convenzionale alla citogenetica molecolare! Array-CGH(Comparative Genomic Hybridisation) e diagnosi prenatale Dalla citogenetica convenzionale alla citogenetica molecolare! CARIOTIPO STANDARD Identifica anomalie strutturali bilanciate e sbilanciate

Dettagli

Diagnosi genetiche molecolari

Diagnosi genetiche molecolari Diagnosi genetiche molecolari INDICAZIONI per la diagnosi genetica Ricorrenza nella famiglia di una malattia genetica - identificazione dei portatori - confermare la diagnosi basata sul quadro clinico

Dettagli

Ibridazione degli acidi nucleici

Ibridazione degli acidi nucleici Ibridazione degli acidi nucleici L ibridazione consiste nel porre a contatto acidi nucleici a singolo filamento provenienti da fonti diverse: Sonda di solito una popolazione omogenea di molecole note.

Dettagli

CORSO DI GENETICA. Roberto Piergentili. Università di Urbino Carlo Bo INGEGNERIA GENETICA

CORSO DI GENETICA. Roberto Piergentili. Università di Urbino Carlo Bo INGEGNERIA GENETICA CORSO DI GENETICA INGEGNERIA GENETICA Tecniche di DNA ricombinante: gli enzimi di restrizione Le tecniche di base del DNA ricombinante fanno prevalentemente uso degli enzimi di restrizione. Gli enzimi

Dettagli

PRODA Istituto di Diagnostica Clinica

PRODA Istituto di Diagnostica Clinica Caratterizzazione molecolare delle Distrofie Muscolari di Duchenne (DMD) e di Becker (BMD): diagnosi di malattia e studi familari L Proda esegue le indagini molecolari per le Distrofie muscolari di Duchenne

Dettagli

Variazioni del genoma possono determinare:

Variazioni del genoma possono determinare: Variazioni del genoma possono determinare: Insorgenza di malattie genetiche Differente predisposizione a determinate patologie Differente risposta a specifiche terapie Differente risposta a stress ambientali,

Dettagli

ATASSIA SPINOCEREBELLARE 17 (SCA17) (OMIM #607136)

ATASSIA SPINOCEREBELLARE 17 (SCA17) (OMIM #607136) ATASSIA SPINOCEREBELLARE 17 (SCA17) (OMIM #607136) Il gene implicato nella SCA17 è il gene TATA box-binding protein (TBP) che fa parte del complesso della RNA polimerasi II ed è essenziale per dare inizio

Dettagli

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma.

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna è caratteristico degli eucarioti: Sequenze codificanti 1.5% del genoma umano Introni in media 95-97%

Dettagli

Quantitative Real-time PCR

Quantitative Real-time PCR Quantitative Real-time PCR Tecnica che consente la simultanea amplificazione e quantificazione del DNA target AMPLIFICAZIONE: prevede essenzialmente gli step di una classica PCR QUANTIFICAZIONE: effettuata

Dettagli

PRINCIPALI APPLICAZIONI DELLA PCR. PRINCIPALI TIPI DI PCR a) PRINCIPALI TIPI DI PCR b) PRINCIPALI TIPI DI PCR a)

PRINCIPALI APPLICAZIONI DELLA PCR. PRINCIPALI TIPI DI PCR a) PRINCIPALI TIPI DI PCR b) PRINCIPALI TIPI DI PCR a) EAZIONE A CATENA DELLA POLIMEASI (PC) PINCIPALI APPLICAZIONI DELLA PC UPPE primer LOWE primer GENE X 1. Identificazione di agenti patogeni nell uomo, negli animali o negli alimenti (batteri e virus) 2.

Dettagli

Il genoma umano. Cosa significa genoma? Ditelo con parole vostre

Il genoma umano. Cosa significa genoma? Ditelo con parole vostre Il genoma umano Cosa significa genoma? Ditelo con parole vostre Cos è il genoma umano? 22 coppie di autosomi + una coppia di cromosomi sessuali (XX o XY) http://www.molecularstation.com/molecular-biology-images/data/502/human-genome-gene.png

Dettagli

eaction A very efficient method for IN VITRO REPLICATION of DNA

eaction A very efficient method for IN VITRO REPLICATION of DNA 1 olymerase hain What is it? eaction A very efficient method for IN VITRO REPLICATION of DNA What is for? Synthesis of several million copies of a specific DNA sequence within a few hours 2 PCR INGREDIENTS

Dettagli

RIATTIVAZIONE EPIGENETICA DEL GENE FMR1

RIATTIVAZIONE EPIGENETICA DEL GENE FMR1 RIATTIVAZIONE EPIGENETICA DEL GENE FMR1 Pietro Chiurazzi Istituto di Genetica Medica Università Cattolica del Sacro Cuore Sindrome X Fragile (OMIM #300624) La FXS è la causa più comune di ritardo psicomotorio

Dettagli

La reazione a catena della polimerasi (PCR) di Ofelia Leone e Vincenzo Mandarino

La reazione a catena della polimerasi (PCR) di Ofelia Leone e Vincenzo Mandarino La reazione a catena della polimerasi (PCR) di Ofelia Leone e Vincenzo Mandarino La Polymerase Chain Reaction (PCR) o reazione di amplificazione a catena è una tecnica che permette di amplificare una specifica

Dettagli

Unità Operativa di GENETICA MEDICA. Azienda Ospedaliera Universitaria S.Anna AOSPFE, Ferrara. Prestazioni richieste

Unità Operativa di GENETICA MEDICA. Azienda Ospedaliera Universitaria S.Anna AOSPFE, Ferrara. Prestazioni richieste Unità Operativa di GENETICA MEDICA Azienda Ospedaliera Universitaria S.Anna AOSPFE, Ferrara Direttore: Prof.ssa Alessandra Ferlini www.ospfe.it/geneticamedica LABORATORIO DI GENETICA MOLECOLARE Responsabile:

Dettagli

CATCH 22 e altre indagini genetiche nel counseling dopo diagnosi di malformazioni fetali

CATCH 22 e altre indagini genetiche nel counseling dopo diagnosi di malformazioni fetali CATCH 22 e altre indagini genetiche nel counseling dopo diagnosi di malformazioni fetali Milano Marittima 05/06/2010 Dr. Francesco Pigliapoco Lab. Citogenetica A.O.U.-Salesi- Ancona Le sindromi DiGeorge

Dettagli

PCR. PCR o reazione di polimerizzazione a catena. Amplificazione esponenziale di DNA. Puo amplificare un tratto di DNA per piu di 1 milione di volte

PCR. PCR o reazione di polimerizzazione a catena. Amplificazione esponenziale di DNA. Puo amplificare un tratto di DNA per piu di 1 milione di volte PCR Prof.ssa Flavia Frabetti PCR o reazione di polimerizzazione a catena Fine anni 80 Amplificazione esponenziale di DNA. Puo amplificare un tratto di DNA per piu di 1 milione di volte Permette di estrarre

Dettagli

I geni marker sono necessari per l'isolamento di piante transgeniche (efficienza di trasf. non ottimale), ma poi non servono più.

I geni marker sono necessari per l'isolamento di piante transgeniche (efficienza di trasf. non ottimale), ma poi non servono più. Piante transgeniche prive di geni marker I geni marker sono necessari per l'isolamento di piante transgeniche (efficienza di trasf. non ottimale), ma poi non servono più. Possibili problemi una volta in

Dettagli

Identificazione dei microrganismi mediante tecniche di biologia molecolare Esercitazione n 3. Criteri di identificazione

Identificazione dei microrganismi mediante tecniche di biologia molecolare Esercitazione n 3. Criteri di identificazione Identificazione dei microrganismi mediante tecniche di biologia molecolare Esercitazione n 3 Criteri di identificazione Tradizionale (fenotipo) Tecniche di biologia molecolare Il livello di risoluzione

Dettagli

Come identificare i Cromosomi

Come identificare i Cromosomi Come identificare i Cromosomi Fino al 1970, i cromosomi sono stati classificati in base alle dimensioni ed alla posizione del centromero. A I più grandi (metacentrici) B Grandi (submetacentrici) C Medi

Dettagli

IL MIGLIORAMENTO GENETICO ANIMALE E LA GENETICA MOLECOLARE

IL MIGLIORAMENTO GENETICO ANIMALE E LA GENETICA MOLECOLARE IL MIGLIORAMENTO GENETICO ANIMALE E LA GENETICA MOLECOLARE Il miglioramento genetico delle produzioni animali, realizzato sino ad ora, è frutto dell elaborazione elaborazione e applicazioni della teoria

Dettagli

Lezione XLI-XLII martedì 17-1-2012

Lezione XLI-XLII martedì 17-1-2012 Lezione XLI-XLII martedì 17-1-2012 corso di genomica aula 8 orario : Martedì ore 14.00-16.00 Giovedì ore 13.00-15.00 Esami 31- gennaio 2012 7- febbraio 2012 28 - febbraio 2012 D. Frezza Esercitazione II

Dettagli

Dissezione del fenotipo

Dissezione del fenotipo Clinica molecolare (molecular medicine):come utilizzare le informazioni del genoma per studiare le patologie genetiche Clinica molecolare Nuova branca della medicina che nasce 2.400 anni fa con Democrito

Dettagli

C. I. di Genetica e Biol. Mol. GENETICA

C. I. di Genetica e Biol. Mol. GENETICA C. I. di Genetica e Biol. Mol. GENETICA a.a.2013-2014 Prof. Pier Franco Pignatti 17.10.2013 Lezioni N. 17-18 Malattie da mutazioni dinamiche (Neri-Genuardi cap. 15) Espansione di triplette, premutazioni,

Dettagli

malattie genetiche da mutazione in 1 allele

malattie genetiche da mutazione in 1 allele malattie genetiche da mutazione in 1 allele Le mutazioni monoalleliche possono causare disordini a trasmissione dominante o recessiva legata all X negli uomini Se la malattia a trasmissione dominante è

Dettagli

Metodi di analisi mutazionale

Metodi di analisi mutazionale Metodi di analisi mutazionale I metodi impiegati per l analisi di mutazioni o polimorfismi nel DNA genomico possono essere suddivise in due principali categorie: (1) metodi per individuare mutazioni note,

Dettagli

Bioinformatica (modulo bioinf. dei genomi moderni )

Bioinformatica (modulo bioinf. dei genomi moderni ) Bioinformatica (modulo bioinf. dei genomi moderni ) Dr. Marco Fondi Lezione # 5 Corso di Laurea in Scienze Biologiche, AA 2011-2012 giovedì 3 novembre 2011 1 Sequenziamento ed analisi di genomi: la genomica

Dettagli

Aggiornamenti di biologia molecolare nella diagnostica microbiologica. Pier Sandro Cocconcelli

Aggiornamenti di biologia molecolare nella diagnostica microbiologica. Pier Sandro Cocconcelli Aggiornamenti di biologia molecolare nella diagnostica microbiologica Pier Sandro Cocconcelli Istituto di Microbiologia Centro Ricerche Biotecnologiche Università Cattolica del Sacro Cuore Piacenza-Cremona

Dettagli

Lezione 5. Next Generation Sequencing

Lezione 5. Next Generation Sequencing Lezione 5 Next Generation Sequencing Perchè Next Generation Sequencing Si possono generare centinaia di milioni di corte sequenze (35bp-250bp) in una sola corsa in un tempo breve con un basso prezzo per

Dettagli

Isolamento e purificazione di DNA e RNA. -Separare gli acidi nucleici da altri componenti cellulari (lipidi e proteine)

Isolamento e purificazione di DNA e RNA. -Separare gli acidi nucleici da altri componenti cellulari (lipidi e proteine) Isolamento e purificazione di DNA e RNA -Rompere la membrana cellulare -Separare gli acidi nucleici da altri componenti cellulari (lipidi e proteine) -Separare gli acidi nucleici tra loro -Rompere la membrana

Dettagli

EREDITARIETÀ E TUMORE MAMMARIO. U.O. Genetica Medica

EREDITARIETÀ E TUMORE MAMMARIO. U.O. Genetica Medica EREDITARIETÀ E TUMORE MAMMARIO Dott.ssa M.Neri U.O. Genetica Medica Responsabile Consulenza Oncogenetica Prof.ssa A. Ferlini Direttore U.O. Genetica Medica I TUMORI AL SENO EREDITARI : L IMPORTANZA DELLA

Dettagli

Real Time PCR. La PCR Real Time è in grado di misurare in tempo reale la concentrazione iniziale di una sequenza target in un campione biologico.

Real Time PCR. La PCR Real Time è in grado di misurare in tempo reale la concentrazione iniziale di una sequenza target in un campione biologico. eal Time PC La PC eal Time è in grado di misurare in tempo reale la concentrazione iniziale di una sequenza target in un campione biologico. Gli strumenti per PC eal Time, oltre a fungere da termociclatori,

Dettagli

L analisi di SNP mediante AB7900

L analisi di SNP mediante AB7900 QUALITA DELL ASSISTENZA: LE TECNICHE ISTOLOGICHE: DALLA FORMAZIONE DI BASE ALLA SPECIALIZZAZIONE NEL LABORATORIO DI ANATOMIA PATOLOGICA L analisi di SNP mediante AB7900 Emanuele Porcu Laboratorio di Genetica

Dettagli

Diversità. Variabilità genetica. Selezione naturale

Diversità. Variabilità genetica. Selezione naturale E vecchia esperienza che attraverso i suoi errori la Natura ci offre spesso possibilità inattese di intuire i suoi segreti che sarebbero altrimenti impenetrabili A.Loewy e C. Neuberg Evoluzione Variabilità

Dettagli

Polymerase chain reaction (PCR)

Polymerase chain reaction (PCR) Polymerase chain reaction (PCR) La reazione a catena della polimerasi (PCR) ha di fatto rivoluzionato la genetica molecolare, con la possibilità di analizzare e clonare velocemente il DNA. E un metodo

Dettagli

PRODA Istituto di Diagnostica Clinica

PRODA Istituto di Diagnostica Clinica PRODA Istituto di Diagnostica Clinica Sezione di Citogenetica e Genetica molecolare Responsabile: Dott. Guglielmo Sabbadini Specialista in Genetica Medica Informazioni per la diagnosi molecolare di sordita

Dettagli

TEST GENETICI INDIRETTI. per la diagnosi di patologie genetiche ereditarie

TEST GENETICI INDIRETTI. per la diagnosi di patologie genetiche ereditarie TEST GENETICI INDIRETTI per la diagnosi di patologie genetiche ereditarie Diagnosi molecolare indiretta Quando non è nota la mutazione malattia, la diagnosi molecolare di quella malattia in una data famiglia

Dettagli

Biotecnologie Mediche. Cinzia Di Pietro 0953782055 dipietro@unict.it http://www.bgbunict.it/

Biotecnologie Mediche. Cinzia Di Pietro 0953782055 dipietro@unict.it http://www.bgbunict.it/ Biotecnologie Mediche Cinzia Di Pietro 0953782055 dipietro@unict.it http://www.bgbunict.it/ Biotecnologie Mediche Tecnologie da applicare per la salute dell uomo Biotecnologie Mediche Prevenzione Diagnostica

Dettagli

via Santena, 19-10126 Torino - Italy UNIVERSITÀ DEGLI STUDI Tel: +39 011 6334480 Fax: +39 011 6706582 DI TORINO

via Santena, 19-10126 Torino - Italy UNIVERSITÀ DEGLI STUDI Tel: +39 011 6334480 Fax: +39 011 6706582 DI TORINO Associazione Un Vero Sorriso Onlus via Morghen, 5 10143 Torino Torino, 21/02/2011 Progetto di ricerca: Utilizzo di oligonucleotidi antisenso per correggere l effetto di mutazioni di splicing in pazienti

Dettagli

Progetto sulle esostosi multiple

Progetto sulle esostosi multiple Progetto sulle esostosi multiple PROGETTO SULLE ESOSTOSI MULTIPLE EREDITARIE Dott. Leonardo D Agruma Servizio di Genetica Medica - Dipartimento dell Età Evolutiva IRCCS Ospedale Casa Sollievo della Sofferenza

Dettagli

Types of Mutations Tested

Types of Mutations Tested Types of Mutations Tested Disease Point mutations? Few recurrent mutations? Many unique mutations? Other mutations? Deletions & duplications? Whole gene? Some exons? Also with point mutations? Esempi di

Dettagli

Bell, Nature 421: 414, 2003. Tratta da lezioni di genetica Prof. PF Pignatti

Bell, Nature 421: 414, 2003. Tratta da lezioni di genetica Prof. PF Pignatti La scoperta della doppia elica mezzo secolo fa ha coinvolto la pratica medica con lentezza, ma sono probabili trasformazioni significative nei prossimi 50 anni. Bisogna cambiare la pratica medica e la

Dettagli

Amplificazione del DNA tramite reazione a catena della polimerasi (POLYMERASE CHAIN REACTION; PCR) e sue applicazioni in ambito biomedico

Amplificazione del DNA tramite reazione a catena della polimerasi (POLYMERASE CHAIN REACTION; PCR) e sue applicazioni in ambito biomedico Amplificazione del DNA tramite reazione a catena della polimerasi (POLYMERASE CHAIN REACTION; PCR) e sue applicazioni in ambito biomedico Dottoressa Camerin Consuelo Laboratorio Oncoematologia Pediatrica

Dettagli

SCHEDA DEL DOCENTE - CV

SCHEDA DEL DOCENTE - CV Studi di Cagliari Corso di laurea INFORMAZIONI ANAGRAFICHE Nome: FEDERICA Cognome: INCANI Nato a:cagliari Il 19/10/1975 Indirizzo di Residenza: VIA BERNINI 6 CAGLIARI Tel.: Mail: feincani@yahoo.it Cell.:3284494008

Dettagli

Corso integrato di Genetica e Biologia Molecolare GENETICA

Corso integrato di Genetica e Biologia Molecolare GENETICA Corso integrato di Genetica e Biologia Molecolare GENETICA a.a.2014-2015 Pier Franco Pignatti 21.10.2014 Lezioni N. 17-18 Malattie da mutazioni dinamiche (Neri-Genuardi cap. 17) Espansione di triplette,

Dettagli

Tecniche biofisiche basate su nanopori

Tecniche biofisiche basate su nanopori Tecniche biofisiche basate su nanopori -Pori di dimensione nanometrica -Attraverso membrane lipidiche o inorganiche -Di natura proteica o scavati con tecnologie top-down Possono essere impiegati per -Studiare

Dettagli

Introduction. scaricato da www.sunhope.it. The choice of materials to test. Three possible questions: DNA RNA Protein

Introduction. scaricato da www.sunhope.it. The choice of materials to test. Three possible questions: DNA RNA Protein Introduction The choice of materials to test DNA RNA Protein Three possible questions: Gene testing has to be targeted. Does the patient have any mutation in this particular gene that may cause disease.

Dettagli

A IFE F G 16 1-17 1 7 O

A IFE F G 16 1-17 1 7 O Colorectal Cancer in a young patient with Partial Androgen Insensitivity Syndrome (PAIS) Stefano Signoroni Unit of Hereditary Digestive Tract Tumours, Department of Preventive and Predictive Medicine,

Dettagli

Mutazioni. Basi molecolari della variabilità

Mutazioni. Basi molecolari della variabilità Mutazioni Basi molecolari della variabilità Il DNA non è un entità statica ma è soggetto a cambiamenti ereditari (mutazioni) che insorgono casualmente e che sono alla base del PROCESSO EVOLUTIVO ALLELE

Dettagli

Gene Mutations and Disease

Gene Mutations and Disease Gene Mutations and Disease Mutazioni somatiche: Nuove mutazioni che insorgono casualmente nelle cellule somatiche o nella linea germinale di singoli individui. Le mutazioni germinali possono essere trasmesse

Dettagli

La diagnostica biomolecolare a supporto dei controlli ufficiali per le api regine d importazione

La diagnostica biomolecolare a supporto dei controlli ufficiali per le api regine d importazione La diagnostica biomolecolare a supporto dei controlli ufficiali per le api regine d importazione Raniero Lorenzetti Biotecnologie Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana PREMESSA

Dettagli

Come si traccia un alimento di origine animale? Dalle lasagne con carne di cavallo. alla realtà di ogni giorno

Come si traccia un alimento di origine animale? Dalle lasagne con carne di cavallo. alla realtà di ogni giorno Editoriale n.10 Newsletter aprile 2013 Come si traccia un alimento di origine animale? Dalle lasagne con carne di cavallo alla realtà di ogni giorno Identificare la specie, un obiettivo fondamentale quando

Dettagli

Analisi dei marcatori molecolari della pluripotenza e del differenziamento delle cellule embrionali staminali (ES) murine

Analisi dei marcatori molecolari della pluripotenza e del differenziamento delle cellule embrionali staminali (ES) murine Training Course 2010 Stem Cell Differentiation Napoli, 9-12 Novembre Analisi dei marcatori molecolari della pluripotenza e del differenziamento delle cellule embrionali staminali (ES) murine Cristina D

Dettagli

DAI TEST GENETICI AL RISCHIO DI MALATTIA

DAI TEST GENETICI AL RISCHIO DI MALATTIA DAI TEST GENETICI AL RISCHIO DI MALATTIA Conosciamo il nostro Genoma Varese, 20 aprile 2013 Elisabetta Lenzini LE TAPPE DELLA 1953 Watson and Crick Struttura del DNA 1956 Tijo e Levan Cariotipo 46 cr 1959

Dettagli

Analisi molecolare dei geni

Analisi molecolare dei geni Analisi molecolare dei geni Denaturazione e rinaturazione di una molecola di DNA Si rompono i legami idrogeno 100 C Denaturazione del DNA Rinaturazione per riassociazione delle sequenze complementari Ogni

Dettagli

lezione 19-20 martedi 13 aprile 2010 aula 2 ore 9:00 corso integrato di Biologia Applicata (BU) ed Ingegneria Genetica (BCM)

lezione 19-20 martedi 13 aprile 2010 aula 2 ore 9:00 corso integrato di Biologia Applicata (BU) ed Ingegneria Genetica (BCM) lezione 19-20 martedi 13 aprile 2010 aula 2 ore 9:00 corso integrato di Biologia Applicata (BU) ed Ingegneria Genetica (BCM) AFLP Amplified restriction fragment lenght polymorphisms Ogni genoma ha un certo

Dettagli

La possibilita di conoscere i geni deriva dalla capacita di manipolarli:

La possibilita di conoscere i geni deriva dalla capacita di manipolarli: La possibilita di conoscere i geni deriva dalla capacita di manipolarli: -isolare un gene (enzimi di restrizione) -clonaggio (amplificazione) vettori -sequenziamento -funzione Il gene o la sequenza

Dettagli

Lezione 2 Capitolo 18 del testo

Lezione 2 Capitolo 18 del testo Test genetico Lezione 2 Capitolo 18 del testo Cos e un test genetico/diagnostico M Il test genetico di per se non e solo utilizzato in diagnostica: sono un insieme di tecniche che vengono utilizzate per

Dettagli

Un caso di pubertà precoce familiare causato da una nuova mutazione nel gene MKRN3

Un caso di pubertà precoce familiare causato da una nuova mutazione nel gene MKRN3 Un caso di pubertà precoce familiare causato da una nuova mutazione nel gene MKRN3 Grazia Cantelmi, AIF SUN Napoli Prof.ssa L.Perrone, Dipartimento della donna, del bambino, di chirurgia generale e specialistica

Dettagli

Metodi di analisi di OGM

Metodi di analisi di OGM Metodi di analisi di OGM Roberta Onori Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale per la Qualità degli Alimenti e per i Rischi Alimentari Quadro normativo Attività Pre-marketing Indag ini sulla esposizione

Dettagli

Corso di Genetica per la Facoltà di Medicina e Chirurgia Alberto Piazza

Corso di Genetica per la Facoltà di Medicina e Chirurgia Alberto Piazza Rilevanza clinica delle malattie genetiche Caratteri monofattoriali Corso di Genetica per la Facoltà di Medicina e Chirurgia Alberto Piazza circa il 25% di tutti i pazienti in età pediatrica manifestano

Dettagli

Genetica dell autismo: il percorso diagnostico e le nuove tecnologie di indagine molecolare

Genetica dell autismo: il percorso diagnostico e le nuove tecnologie di indagine molecolare Genetica dell autismo: il percorso diagnostico e le nuove tecnologie di indagine molecolare Dr.Rosario Casalone SSD Genetica Azienda Ospedaliera Universitaria Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi Varese

Dettagli

Sfrutta subito i Vantaggi! Validità 1 Aprile 30 Giugno 2005. Scopri la qualità e il risparmio!

Sfrutta subito i Vantaggi! Validità 1 Aprile 30 Giugno 2005. Scopri la qualità e il risparmio! www.eppendorf.com/advantage/32 Get Eppendorf quality today! Validità 1 Aprile 30 Giugno 2005 Sfrutta subito i Vantaggi! Scopri la qualità e il risparmio! www.eppendorf.com/advantage/32 Get Eppendorf quality

Dettagli