Numeri Complessi R 2. P = (x P,y P ) x P. z = (x,y) y P (0,0)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Numeri Complessi R 2. P = (x P,y P ) x P. z = (x,y) y P (0,0)"

Transcript

1 Numeri Complessi Un numero complesso z può essere definito come una coppia ordinata (x,y) di numeri reali x e y. L insieme dei numeri complessi è denotato con C e può essere identificato con il piano cartesiano R 2. y y P P = (x P,y P ) x P R 2 x Im (0,0) y C z = (x,y) x Re x R è detto parte reale di z e si scrive x = Rez y R è detto parte immaginaria di z e si scrive y = Imz c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 14/15 Numeri complessi cap8.pdf 1

2 L insieme A = {z C : z = (x,0), x R}, detto Asse reale può essere identificato con la retta dei numeri reali R, per cui possiamo scrivere R C. replacements Im C y z = (x,y) (0,0) x Re L insieme B = {z C : z = (0,y),y R} è detto Asse immaginario e i numeri di B sono detti immaginari puri. Lo zero di C è la coppia (0,0). c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 14/15 Numeri complessi cap8.pdf 2

3 Operazioni in C Diciamo che due numeri complessi z 1 = (x 1,y 1 ) e z 2 = (x 2,y 2 ) sono uguali se hanno le stesse parti reali e immaginarie, ovvero: z 1 = z 2 x 1 = x 2 e y 1 = y 2 In particolare, un numero complesso z 1 = (x 1,y 1 ) è nullo se z 1 = 0 x 1 = 0 e y 1 = 0 La somma ed il prodotto sono definiti come: z 1 +z 2 = (x 1,y 1 )+(x 2,y 2 ) = (x 1 +x 2,y 1 +y 2 ) z 1 z 2 = (x 1,y 1 )(x 2,y 2 ) = (x 1 x 2 y 1 y 2,x 1 y 2 +x 2 y 1 ) In particolare: (x,0)+(0,y) = (x,y), (0,1)(y,0) = (0,y) e quindi z = (x,y) = (x,0)+(0,1)(y,0) c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 14/15 Numeri complessi cap8.pdf 3

4 Forma cartesiana di un numero complesso 1 Identifichiamo il numero complesso (x, 0) con il numero reale x 2 Definiamo i = (0,1). i è detto unità immaginaria 3 Dalla relazione z = (x,y) = (x,0)+(0,1)(y,0), otteniamo z = x +iy detta forma algebrica o cartesiana del numero complesso z. Osserviamo che i 2 = ii = (0,1)(0,1) = ( 1,0) = 1, ovvero i C è la soluzione dell equazione x 2 = 1 (o x 2 +1 = 0), che invece non ha soluzioni in R. c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 14/15 Numeri complessi cap8.pdf 4

5 Im 3+3i 2i i i 3 Re 2 2.5i Tutti i numeri complessi con parte immaginaria nulla (b = Imz = 0) stanno sull asse reale Re. x = x +0i. Tutti i numeri complessi con parte reale nulla (x = Rez = 0) stanno sull asse immaginario Im. iy = 0+iy = yi. c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 14/15 Numeri complessi cap8.pdf 5

6 Perchè i numeri complessi? Per poter calcolare le radici di equazioni del tipo x 2 +1 = 0, che in R non sono risolubili. I numeri complessi NON servono per misurare distanze, tempi, pesi, forze,... Per poter descrivere e studiare più facilmente la meccanica quantistica, i circuiti elettrici, i campi elettromagnetici, la trasmissione di segnali, la turbolenza di un fluido,... In certe situazioni lavorare con i numeri complessi è più semplice che lavorare con i numeri reali. c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 14/15 Numeri complessi cap8.pdf 6

7 Operazioni in forma cartesiana Somma: (x 1 +iy 1 )+(x 2 +iy 2 ) = (x 1 +x 2 )+i(y 1 +y 2 ) (sommo tra loro le parti reali e le parti immaginarie) Es. (3+i2)+( 2+i) = (3 2)+i(2+1) = 1+i3 = 1+3i Sottrazione (x 1 +iy 1 ) (x 2 +iy 2 ) = (x 1 x 2 )+i(y 1 y 2 ) (sottraggo tra loro le parti reali e le parti immaginarie) Es. (3+i2) ( 2+i) = (3+2)+i(2 1) = 5+i Prodotto (x 1 +iy 1 ) (x 2 +iy 2 ) = x 1 x 2 +ix 1 y 2 +ix 2 y 1 +i 2 y 1 y 2 = x 1 x 2 +ix 1 y 2 +ix 2 y 1 +( 1)y 1 y 2 = (x 1 x 2 y 1 y 2 ) + i(x 1 y 2 +x 2 y 1 ) Es. (3+i2) ( 2+i) = ( 6 2)+i(3 4) = 8 i c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 14/15 Numeri complessi cap8.pdf 7

8 Complesso coniugato e modulo Def. z = x +iy C, il numero complesso z = x iy è detto complesso coniugato di z. Def. z = x +iy C, il numero reale z := x 2 +y 2 è detto PSfrag modulo di z. Rappresenta la distanza del numero complesso dallo zero complesso. Im z z x y y z z Re z ed il suo coniugato z hanno lo stesso modulo, ovvero: z = z. c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 14/15 Numeri complessi cap8.pdf 8

9 Esempi: 1) z = 3 i5, allora z = 3+i5, e z = z = 9+25 = 34 Im z = 3+5i Re z = 3 i5 c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 14/15 Numeri complessi cap8.pdf 9

10 z immaginario puro 2) z = i 2, allora z = i 2, e z = z = 2 Im z = i 2 z = i 2 Re c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 14/15 Numeri complessi cap8.pdf 10

11 z reale 3) z = 2, allora z = 2, e z = z = ( 2) 2 = 2 Im z = z = 2 Re c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 14/15 Numeri complessi cap8.pdf 11

12 Inverso di un numero complesso La divisione tra due numeri è il prodotto del primo per l inverso del secondo. z 1 = z 1 1 z 2 z 2 Per fare la divisione tra due numeri complessi devo saper costruire l inverso 1, z C, z 0+i0. z 1 z = 1 x +iy = 1 x +iy x iy x iy = 1 Es. 3 i2 = 3+i2 13 z z z = x iy x 2 +y 2 = z z 2 c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 14/15 Numeri complessi cap8.pdf 12

13 Cosa rappresenta A = {z C : z (1 2i) = 2}? z è la distanza di z da 0. z (1 2i) è la distanza di z da (1 2i). Im 1 Re i z 2i 1 2i z (1 2i) A è l insieme dei punti z la cui distanza da (1 2i) è uguale a 2, ovvero è la circonferenza dei punti z C di centro z C = (1 2i) e raggio r = 2. c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 14/15 Numeri complessi cap8.pdf 13

14 A = {z C : z z 0 = r} Assegnato z 0 C, ed assegnato r R +, l insieme A = {z C : z z 0 = r} è l insieme dei punti del piano complesso che distano r da z 0 (circonferenza di centro z 0 e raggio r). Im z Re z 0 z z 0 = r c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 14/15 Numeri complessi cap8.pdf 14

15 A = {z C : z z 0 r} Assegnato z 0 C, ed assegnato r R +, l insieme A = {z C : z z 0 r} è l insieme dei punti del piano complesso che distano da z 0 al piú r (cerchio di centro z 0 e raggio r, bordo incluso). Im z Re z 0 z z 0 = r c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 14/15 Numeri complessi cap8.pdf 15

16 Operazioni e complesso coniugato z C, α R: α z = α z (αz) = αz z 1, z 2, z C: z 1 +z 2 = z 1 +z 2 z 1 z 2 = z 1 z 2 z 1 z 2 = z 1 z 2 z z = (x +iy) (x iy) = x 2 +y 2 = z 2 z 1 = (z) 1 c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 14/15 Numeri complessi cap8.pdf 16

17 z +z = (x +iy)+(x iy) = 2x = 2Rez z z = (x +iy) (x iy) = 2iy = 2iImz z = z z = z z R Infatti: prendo z = x +iy, allora z = x iy e z = z se e solo se x = x (sempre vero) e y = y (vero se e solo se y = Imz = 0), ovvero z R. c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 14/15 Numeri complessi cap8.pdf 17

18 Forma trigonometrica di z C z C è univocamente individuato mediante 2 parametri: la sua parte reale Rez = x e la sua parte immaginaria Imz = y. Im y z ρ x Re ϑ z può essere individuato univocamente anche da altri due parametri: ρ = z modulo di z ϑ = arg(z) argomento di z ρ e ϑ sono dette anche coordinate polari del punto z nel piano complesso. c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 14/15 Numeri complessi cap8.pdf 18

19 Se conosco ρ e θ, allora x = ρcosϑ, y = ρsinϑ. Im y x z Re ϑ+2kπ, k Z Se conosco x e y, allora ρ = x 2 +y 2 e ϑ è calcolabile attraverso l arctangente (pagina successiva). Esistono infiniti angoli che individuano lo stesso numero complesso z: ϑ, ϑ+2π, ϑ+4π, ϑ 2π,..., in genere ϑ+2kπ, con k Z. c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 14/15 Numeri complessi cap8.pdf 19

20 Se si decide di scegliere ϑ ( π,π], si pone: ϑ = arctan(y/x) se x > 0 arctan(y/x)+π se x < 0, y 0 arctan(y/x) π se x < 0, y < 0 π/2 se x = 0, y > 0 π/2 se x = 0, y < 0 Im y x z Re ϑ arg(0) = R, infatti z = 0 = 0(cosϑ+i sinϑ), ϑ R. c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 14/15 Numeri complessi cap8.pdf 20

21 Si ha quindi: z = x +iy = ρcosϑ+iρsinϑ = ρ(cosϑ+i sinϑ) z = x +iy forma algebrica = ρ(cosϑ+i sinϑ) forma trigonometrica c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 14/15 Numeri complessi cap8.pdf 21

22 Esempi. 1) forma cartesiana forma polare 3 Dato z = 2 +i1 2. Rez = x = Im 3 2, Imz = y = 1 2. Im y z y z ϑ = π/6 x Re x Re Allora: ϑ = π 6 e ρ = 3/4+1/4 ( = 1 ) 3 ) Con la regola: ϑ = arctan 1/2 3/2 = arctan( 3 = π 6 c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 14/15 Numeri complessi cap8.pdf 22

23 2) Forma polare forma cartesiana Sono noti ρ = 2 e ϑ = π 2 (. ( z = ρ(cosϑ+i sinϑ) = 2 cos π ) ( +i sin π )) = 2 2 2(0 i) = 2i Im ρ = 2 x = 0 Re ϑ = π/2 z y = 2 c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 14/15 Numeri complessi cap8.pdf 23

24 Esponenziale complesso z C si vuole definire l esponenziale di z, e z C, in modo da rispettare le proprietà classiche delle potenze. e è il numero di Eulero (a volte noto come numero di Nepero) e z = x +iy C si definisce Esempi. e z := e Rez (cos(imz)+i sin(imz)) = e x (cosy +i siny) e (3 i) = e 3 (cos( 1)+i sin( 1)) = e 3 (cos(1) i sin(1)) e 2 = e 2 (cos(0)+i sin(0)) e 2iπ = e 0 (cos(2π)+i sin(2π)) = 1(1+i0) = 1 e iϑ = e 0 (cos(ϑ)+i sin(ϑ)) = cos(ϑ)+i sin(ϑ) c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 14/15 Numeri complessi cap8.pdf 24

25 Formula di Eulero ( ) e iϑ = cosϑ+i sinϑ ϑ R Confrontando la forma trigonometrica di un numero complesso z = ρ(cosϑ+i sinϑ) e la formula di Eulero e iϑ = cosϑ+i sinϑ si ha z = ρe iϑ detta forma esponenziale del numero complesso z. Oss. Per ϑ = π la formula di Eulero diventa: e iπ = cosπ +i sinπ = 1 e iπ +1 = 0 c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 14/15 Numeri complessi cap8.pdf 25

26 Proprietà dell esponenziale in C Dato z = Rez +iimz = x +iy, l esponenziale e z è un numero complesso, lo chiamiamo ad esempio w. Dalla definizione di esponenziale complesso e dalla formula di Eulero abbiamo w = e z = e Rez (cos(imz)+i sin(imz)) = e Rez e iimz = }{{} e x ρ cioè l esponenziale di z è un numero complesso w il cui modulo è ρ = e x (x è la parte reale di z) ed il cui argomento è y (y è la parte immaginaria di z). e iy c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 14/15 Numeri complessi cap8.pdf 26

27 Proprietà dell esponenziale in C Teorema. 1 e z1 e z 2 = e z 1+z 2 z 1, z 2 C 2 e z e z = 1 3 e z = e Rez = ρ 4 e iϑ = cos 2 ϑ+sin 2 ϑ = 1 ϑ R 5 (e z ) n = e nz n Z 6 e z+2kπi = e z k Z 7 e iϑ = e iϑ 8 e z 0 z C c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 14/15 Numeri complessi cap8.pdf 27

28 Dimostrazione di 3. e z = e Rez = ρ Per definizione di esponenziale di un numero complesso si ha: e z = e Rez (cos(imz)+i sin(imz)) Poichè cos(imz)+i sin(imz)) = cos(ϑ)+i sin(ϑ) = 1, il modulo di e z è: e z = e Rez (cos(imz)+i sin(imz)) = e Rez cos(imz)+i sin(imz) = e Rez = ρ. Dimostrazione di 4. e iϑ = 1 e iθ = cos(θ)+i sin(θ) = cos 2 (θ)+sin 2 (θ) = 1. Dimostrazione di 6. e z+2kπi = e z k Z Per la proprietà 1.: e z+2kπi = e z e 2kπi Quanto vale e 2kπi? e 2kπi = e 0 (cos(2π)+i sin(2π)) = 1(1+0) = 1 Quindi e z+2kπi = e z 1 = e z. c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 14/15 Numeri complessi cap8.pdf 28

29 Un numero complesso z può essere espresso in una delle tre seguenti forme, tutte equivalenti fra di loro: z = x + iy forma cartesiana = ρ(cosϑ+i sinϑ) forma trigonometrica = ρe iϑ forma esponenziale A seconda del contesto in cui si lavora, si usa la forma piú adatta: per somma e sottrazione: forma cartesiana per prodotto, divisione e potenza: forma esponenziale. c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 14/15 Numeri complessi cap8.pdf 29

30 Operazioni con la forma esponenziale La forma esponenziale dei numeri complessi è molto comoda per svolgere prodotti, divisioni e potenze di numeri complessi. Siano z 1 = ρ 1 e iϑ 1 e z 2 = ρ 2 e iϑ 2, si ha: z 1 z 2 = ρ 1 ρ 2 e i(ϑ 1+ϑ 2 ) z 1 = ρ 1 e i(ϑ 1 ϑ 2 ) z 2 ρ 2 (z 1 ) n = ρ n 1 einϑ 1 (cos(θ)+i sin(θ)) n = cos(nθ)+i sin(nθ),formula di de Moivre Es. Calcolare (1+i) 6. 1 si trasforma z = 1+i in forma trigonometrica e poi esponenziale 2 si calcola z 6, utilizzando la forma esponenziale 3 si trasforma il risultato nella forma cartesiana. c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 14/15 Numeri complessi cap8.pdf 30

31 Passo 1.: (z = x +iy = ρ(cosϑ+i sinϑ) = ρe iϑ ) z = (1+i) = 2( 2 2 +i 2 2 ) = 2 ( cos π 4 +i sin π 4 = 2 e i π 4 ) Im z = 1+i ρ = 2 ϑ = π/4 Re Passo 2.: z 6 = (1+i) 6 = ( 2e i π 4) 6 = ( 2) 6 e i 3 2 π = 8 e i 3 2 π Passo 3.: 8 e i 3 2 π = 8i. Quindi (1+i) 6 = 8i c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 14/15 Numeri complessi cap8.pdf 31

32 Radice n-sima di un numero complesso Dato w C e n N, vogliamo calcolare tutti i numeri z C per cui vale z n = w Def. Diciamo che z C è radice n-sima di w C se vale z n = w. L obiettivo è calcolare le radici n sime di un numero complesso w assegnato o, equivalentemente, risolvere l equazione z n w = 0. N.B. Non utilizziamo il simbolo per rappresentare le radici complesse, perchè il risultato non è univoco. Se x R, allora la radice n sima di x è un unico numero reale positivo e il simbolo n x individua un unico numero. Se z C, allora le radici n sime di z sono n e non possiamo utilizzare un solo simbolo per rappresentarle tutte. c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 14/15 Numeri complessi cap8.pdf 32

33 Teorema. Ogni numero complesso non nullo w ha esattamente n radici complesse n-sime distinte, ovvero l equazione z n = w ha n soluzioni distinte complesse. Inoltre, se w = ρe iϑ, le n radici n-sime di w hanno la forma: z k = r e iϕ k, dove r = n ρ e ϕ k = ϑ+2kπ, con k = 0,1,...,n 1. n Osservazione. Le radici n-sime di w sono i vertici di un poligono regolare di n lati inscritto nella circonferenza di centro 0 e raggio r. Ogni radice è ottenuta dalla precedente incrementando l argomento ϕ k di un angolo 2π/n. z 3 Im z 2 z 1 z 4 z 5 π 3 z 0 Re c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 14/15 Numeri complessi cap8.pdf 33

34 Esercizio d esempio Risolvere l equazione z 3 +8 = 0 in C. (Equivale a calcolare le radici terze di w = 8, cioè calcolare gli z C tali che z 3 = 8.) N.B. L equazione x 3 +8 = 0 in R ha una sola soluzione reale: x = 2. L equazione z 3 +8 = 0 in C ha 3 soluzioni distinte complesse. Procedimento: 1. Si trasforma w = 8 in forma esponenziale 2. Si calcolano le radici complesse z 0, z 1,..., z n 1 3. Si trasformano in forma algebrica gli z k trovati. c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 14/15 Numeri complessi cap8.pdf 34

35 Passo 1.: (w = x +iy = ρ(cosϑ+i sinϑ) = ρe iϑ ) Im w = 8 = 8+0i = 8( 1+0i) = 8 (cosπ +i sinπ) = 8e iπ Quindi: ρ = 8, ϑ = π w = 8 ρ = 8 ϑ = π Passo 2.: Calcolo r = n ρ (ricordo che ρ R + ) e gli angoli ϕ k = ϑ+2kπ n per k = 0,...,n 1: r = 3 8 = 2 e Im ϕ 0 = ϑ n = π 3, ϕ 1 = ϑ+2π = π +2π = π, n 3 ϕ 2 = ϑ+4π = π +4π = 5π n 3 3 z 2 c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 14/15 Numeri complessi cap8.pdf 35 z 1 z 0 Re r = 2 Re

36 Quindi: z 0 = 2e iπ/3, z 1 = 2e iπ, z 2 = 2e i5π/3 Passo 3.: z 0 = 2e iπ/3 = 1+ 3i, z 1 = 2e iπ = 2, z 2 = 2e i5π/3 = 1 3i c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 14/15 Numeri complessi cap8.pdf 36

37 Dimostrazione del teorema Parto da w in forma esponenziale ed utilizzo la proprietà n. 6 dell esponenziale (quella che dice e z+2kπi = e z k Z) w = ρe iϑ = ρe iϑ+2kπi k Z = r n e i(ϑ+2kπ) = r n (e i(ϑ+2kπ)/n ) n = (r e i(ϑ+2kπ)/n ) n = (r e iϕ k) n = z n k Avrei infinite z k, tante quante sono i numeri interi, ma quelle distinte sono solo n: z 0,...,z n 1. Infatti abbiamo: z n = r e iϕn = r e i(ϑ+2nπ)/n = r e iϑ/n+2πi = r e iϑ/n = z 0 In maniera analoga si dimostra che z n+k = z k. c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 14/15 Numeri complessi cap8.pdf 37

38 Esercizio. Calcolare le radici complesse seste dell unità. Si ha w = 1, n = 6. Devo calcolare n = 6 numeri complessi z 0,z 1,...,z 5 della forma z k = r e iϕ k, con r = 6 ρ e ϕ k = ϑ+2kπ, con k = 0,1,...,5. 6 Passo 1. Individuo ρ e ϑ: w = 1 = ρe i 0, quindi ρ = 1 e ϑ = 0 Passo 2. Calcolo: r = 6 ρ = 1 Passo3. Calcolo gli angoli ϕ k, con k = 0,...,5 ϕ 0 = 0+0 2π 6 ϕ 2 = 0+2 2π 6 ϕ 4 = 0+4 2π 6 = 0, ϕ 1 = 0+1 2π 6 = 2π 3, ϕ 3 = 0+3 2π 6 = 4π 3, ϕ 5 = 0+5 2π 6 = π 3, = π, = 5π 3. c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 14/15 Numeri complessi cap8.pdf 38

39 Le radici seste dell unità sono: z 0 = e iϕ 0 = e i0 = 1, z 1 = e iϕ 1 = e iπ/3 = 1 2 +i 3 2 z 2 = e iϕ 2 = e i2π/3 = 1 2 +i 3 2, z 3 = e iϕ 3 = e iπ = 1 z 4 = e iϕ 4 = e i4π/3 = 1 2 i 3 2, z 5 = e iϕ 5 = e i5π/3 = 1 2 i 3 2 Im w 2 w 1 π 3 w 3 w 0 Re w 4 w 5 c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 14/15 Numeri complessi cap8.pdf 39

40 Polinomi in campo complesso Def. Una funzione p : C C è un polinomio a variabile complessa z se si può scrivere come p(z) = a n z n +a n 1 z n 1 + +a 1 z +a 0, dove a 0,a 1,...,a n sono numeri complessi assegnati detti coefficienti del polinomio. Se a n 0, allora si dice che il polinomio è di grado n. Es. p(z) = (3+i)z 3 iz Questo polinomio ha grado n = 3 e i coefficienti sono: a 3 = 3+i, a 2 = i, a 1 = 0, a 0 = 2 Def. Si chiama radice di p ogni numero complesso w tale che p(w) = 0. Es. p(z) = z 2 7z +(1 7i), w = i è una radice di p(z). Infatti, andando a sostituire z = i nel polinomio e facendo i conti si ha: p( i) = ( i) 2 7( i)+(1 7i) = 1+7i +1 7i = 0 c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 14/15 Numeri complessi cap8.pdf 40

41 Proposizione. (Principio di identità dei polinomi) Due polinomi p(z) e q(z) sono uguali se e solo se sono uguali i coefficienti delle potenze omologhe dei due. Es. p(z) = (3+i)z 3 iz 2 +2 e q(z) = (3+i)z 3 z 2 +2 non sono uguali. Infatti a 2 = i per p, mentre a 2 = 1 per q. c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 14/15 Numeri complessi cap8.pdf 41

42 Teorema (fondamentale dell algebra). Ogni polinomio p(z) a coefficienti complessi di grado n 1 ammette almeno una radice in C. Il Teorema fondamentale dell algebra garantisce che esistano m n numeri complessi distinti z 1,...,z m e m numeri interi µ 1,...,µ m tali che µ 1 + +µ m = n per cui p(z) = a n (z z 1 ) µ 1 (z z 2 ) µ 2...(z z m ) µm. z k è detta radice del polinomio p(z) e µ k la sua molteplicità. Es. 1 z 2 +1 = (z i)(z +i). Si ha z 1 = i, z 2 = i. Ho 2 radici distinte semplici (ovvero con molteplicità 1); z 5 +2z 3 = z 3 (z 2 +2) = z z z (z i 2) (z +i 2). z 1 = 0 con molteplicità 3, z 2 = i 2 semplice, z 3 = i 2 semplice. Si ha m = 3, µ 1 = 3, µ 2 = µ 3 = 1, e µ 1 +µ 2 +µ 3 = n = 5. c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 14/15 Numeri complessi cap8.pdf 42

43 Proposizione. Si consideri un polinomio p(z) con coefficienti a i R. Se w è una radice (non reale), anche w è una radice, con la stessa molteplicità. Inoltre, se il grado del polinomio è dispari, vi è almeno una radice reale. N.B. z 3 = z 4 (ovvero z 3 z 4 = 0) NON è una equazione di tipo polinomiale (in un polinomio compaiono solo potenze di z, qui invece c è anche un modulo). c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 14/15 Numeri complessi cap8.pdf 43

44 Osservazioni su sin e cos Considero la formula di Eulero: e iϑ = cosϑ+i sinϑ, con ϑ R. Riscrivo la formula con ϑ al posto di ϑ: e iϑ = cos( ϑ)+i sin( ϑ) = cosϑ i sinϑ y P cosϑ sinϑ ϑ x ϑ cos( ϑ) = cosϑ, sin( ϑ) = sinϑ. c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 14/15 Numeri complessi cap8.pdf 44

45 Osservazioni su sin e cos Considero la formula di Eulero: e iϑ = cosϑ+i sinϑ, con ϑ R, e iϑ = cosϑ i sinϑ Sommo le due formule: e iϑ +e iϑ = 2cosϑ, ovvero cosϑ = eiϑ +e iϑ Sottraggo le due formule: e iϑ e iϑ = 2i sinϑ, ovvero sinϑ = eiϑ e iϑ 2 2i c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 14/15 Numeri complessi cap8.pdf 45

46 Sin e Cos in campo complesso Si estendono le formule date prima per ϑ R ad un qualsiasi z C. Diventano le definizioni di sin e cos su una variabile complessa. cosz := eiz +e iz 2 sinz := eiz e iz 2i c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 14/15 Numeri complessi cap8.pdf 46

47 Riferimento bibliografico Per il piano cartesiano: Canuto-Tabacco, sez. 1.5, pag Per i numeri complessi: Canuto-Tabacco, sez. 8.3, pag Esercizi: - n del cap. 8 del libro Canuto-Tabacco. - esercizi nei temi d esame Esercizio Risolvere l equazione z 2 = z 4, con z C. c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 14/15 Numeri complessi cap8.pdf 47

NUMERI COMPLESSI. Esercizi svolti., e) i 34, f) i 7. 10 i

NUMERI COMPLESSI. Esercizi svolti., e) i 34, f) i 7. 10 i NUMERI COMPLESSI Esercizi svolti 1. Calcolare le seguenti potenze di i: a) i, b) i, c) i 4, d) 1 i, e) i 4, f) i 7. Semplificare le seguenti espressioni: a) ( i) i(1 ( 1 i), b) ( + i)( i) 5 + 1 ) 10 i,

Dettagli

1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc.

1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc. Classi Numeriche 1 1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc. In questo breve capitolo richiamiamo le definizioni delle classi numeriche fondamentali, già note al lettore,

Dettagli

Analisi Matematica di circuiti elettrici

Analisi Matematica di circuiti elettrici Analisi Matematica di circuiti elettrici Eserciziario A cura del Prof. Marco Chirizzi 2011/2012 Cap.5 Numeri complessi 5.1 Definizione di numero complesso Si definisce numero complesso un numero scritto

Dettagli

LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO

LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO APPUNTI PER IL CORSO DI ANALISI MATEMATICA I G. MAUCERI Indice 1. Introduzione 1 2. La funzione esponenziale 2 3. Il numero e di Nepero 9 4. L irrazionalità di e

Dettagli

A.1 Definizione e rappresentazione di un numero complesso

A.1 Definizione e rappresentazione di un numero complesso 441 APPENDICE A4 NUMERI COMPLESSI A.1 Definizione e rappresentazione di un numero complesso Si riepilogano i concetti e le operazioni elementari relativi ai numeri complessi. Sia z un numero complesso;

Dettagli

Esercizi svolti sui numeri complessi

Esercizi svolti sui numeri complessi Francesco Daddi - ottobre 009 Esercizio 1 Risolvere l equazione z 1 + i = 1. Soluzione. Moltiplichiamo entrambi i membri per 1 + i in definitiva la soluzione è z 1 + i 1 + i = 1 1 + i z = 1 1 i. : z =

Dettagli

e l insieme delle soluzioni, dopo le analoghe riduzioni del caso n = 2, si scrive come

e l insieme delle soluzioni, dopo le analoghe riduzioni del caso n = 2, si scrive come Numeri complessi 9 Da questi esempi si può osservare che, facendo le successive potene di un numero complesso, i punti corrispondenti girano attorno all origine. Se inoltre > allora i punti si allontanano

Dettagli

Numeri complessi. x 2 = 1.

Numeri complessi. x 2 = 1. 1 Numeri complessi Nel corso dello studio della matematica si assiste ad una progressiva estensione del concetto di numero. Dall insieme degli interi naturali N si passa a quello degli interi relativi

Dettagli

Geometria nel piano complesso

Geometria nel piano complesso Geometria nel piano complesso Giorgio Ottaviani Contents Un introduzione formale del piano complesso 2 Il teorema di Napoleone 5 L inversione circolare 6 4 Le trasformazioni di Möbius 7 5 Il birapporto

Dettagli

I numeri complessi. Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli

I numeri complessi. Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli I numeri complessi Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli 1 Introduzione Studiare i numeri complessi può sembrare inutile ed avulso dalla realtà;

Dettagli

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti Y T T I Numeri Complessi Operazioni di somma e prodotto su Consideriamo, insieme delle coppie ordinate di numeri reali, per cui si ha!"# $&% '( e )("+* Introduciamo in tale insieme una operazione di somma,/0"#123045"#

Dettagli

Appunti di Analisi Matematica 1. Docente:Fabio Camilli. SAPIENZA, Università di Roma A.A. 2014/15. http://www.dmmm.uniroma1.it/~fabio.

Appunti di Analisi Matematica 1. Docente:Fabio Camilli. SAPIENZA, Università di Roma A.A. 2014/15. http://www.dmmm.uniroma1.it/~fabio. Appunti di Analisi Matematica Docente:Fabio Camilli SAPIENZA, Università di Roma A.A. 4/5 http://www.dmmm.uniroma.it/~fabio.camilli/ (Versione del 9 luglio 5) Note scritte in collaborazione con il prof.

Dettagli

Numeri complessi e polinomi

Numeri complessi e polinomi Numeri complessi e polinomi 1 Numeri complessi L insieme dei numeri reali si identifica con la retta della geometria: in altri termini la retta si può dotare delle operazioni + e e divenire un insieme

Dettagli

I numeri complessi. Pagine tratte da Elementi della teoria delle funzioni olomorfe di una variabile complessa

I numeri complessi. Pagine tratte da Elementi della teoria delle funzioni olomorfe di una variabile complessa I umeri complessi Pagie tratte da Elemeti della teoria delle fuzioi olomorfe di ua variabile complessa di G. Vergara Caffarelli, P. Loreti, L. Giacomelli Dipartimeto di Metodi e Modelli Matematici per

Dettagli

Analisi Mat. 1 - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 23-3-06

Analisi Mat. 1 - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 23-3-06 Analisi Mat. - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 3-3-6 Sia p il polinomio di quarto grado definito da pz = z 4. Sia S il settore circolare formato dai numeri complessi che hanno modulo minore o

Dettagli

Consideriamo due polinomi

Consideriamo due polinomi Capitolo 3 Il luogo delle radici Consideriamo due polinomi N(z) = (z z 1 )(z z 2 )... (z z m ) D(z) = (z p 1 )(z p 2 )... (z p n ) della variabile complessa z con m < n. Nelle problematiche connesse al

Dettagli

Analisi Complessa. Prof. Sebastiano Seatzu. Università degli Studi di Cagliari Dipartimento di Matematica. 29 settembre 2010

Analisi Complessa. Prof. Sebastiano Seatzu. Università degli Studi di Cagliari Dipartimento di Matematica. 29 settembre 2010 Università degli Studi di agliari Dipartimento di Matematica Prof. Sebastiano Seatzu Analisi omplessa 9 settembre Facoltà di Ingegneria orso di laurea in Ingegneria Elettronica 3 Indice ANALISI OMPLESSA

Dettagli

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni.

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni. MATEMATICA. Sistemi lineari in due equazioni due incognite. Date due equazioni lineari nelle due incognite x, y come ad esempio { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un

Dettagli

Equazioni alle differenze finite (cenni).

Equazioni alle differenze finite (cenni). AL 011. Equazioni alle differenze finite (cenni). Sia a n } n IN una successione di numeri reali. (Qui usiamo la convenzione IN = 0, 1,,...}). Diremo che è una successione ricorsiva o definita per ricorrenza

Dettagli

Analisi Matematica I

Analisi Matematica I Analisi Matematica I Fabio Fagnani, Gabriele Grillo Dipartimento di Matematica Politecnico di Torino Queste dispense contengono il materiale delle lezioni del corso di Analisi Matematica I rivolto agli

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2 Indice generale Modulo 1 Algebra 2 Capitolo 1 Scomposizione in fattori. Equazioni di grado superiore al primo 1.1 La scomposizione in fattori 2 1.2 Raccoglimento a fattor comune 3 1.3 Raccoglimenti successivi

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

In base alla definizione di limite, la definizione di continuità può essere data come segue:

In base alla definizione di limite, la definizione di continuità può essere data come segue: Def. Sia f una funzione a valori reali definita in un intervallo I (itato o ilitato) e sia un punto interno all intervallo I. Si dice che f è continua nel punto se: ( )= ( ) Una funzione f è continua in

Dettagli

Note integrative ed Esercizi consigliati

Note integrative ed Esercizi consigliati - a.a. 2006-07 Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Civile (CIS) Note integrative ed consigliati Laura Poggiolini e Gianna Stefani Indice 0 1 Convergenza uniforme 1 2 Convergenza totale 5 1 Numeri

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014)

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) Le grandezze fisiche. Metodo sperimentale di Galilei. Concetto di grandezza fisica e della sua misura. Il Sistema internazionale di Unità

Dettagli

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata libera e vincolata Generalità. Limiti e continuità per funzioni di 2 o Piano tangente. Derivate successive Formula di Taylor libera vincolata Lo ordinario è in corrispondenza biunivoca con i vettori di

Dettagli

0. Funzioni di variabile complessa

0. Funzioni di variabile complessa . Funzioni di variabile complessa In questo capitolo esporremo le linee essenziali della teoria delle funzioni di variabile complessa. Questa teoria è una tra le più compiutamente sviluppate da un puntodivista

Dettagli

Cristian Secchi Pag. 1

Cristian Secchi Pag. 1 CONTROLLI DIGITALI Laurea Magistrale in Ingegneria Meccatronica SISTEMI A TEMPO DISCRETO Ing. Tel. 0522 522235 e-mail: cristian.secchi@unimore.it http://www.dismi.unimo.it/members/csecchi Richiami di Controlli

Dettagli

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d.

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d. 1) Il valore di 5 10 20 è: a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 2) Il valore del rapporto (2,8 10-4 ) / (6,4 10 2 ) è: a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori 3) La quantità

Dettagli

(V) (FX) Z 6 è un campo rispetto alle usuali operazioni di somma e prodotto.

(V) (FX) Z 6 è un campo rispetto alle usuali operazioni di somma e prodotto. 29 giugno 2009 - PROVA D ESAME - Geometria e Algebra T NOME: MATRICOLA: a=, b=, c= Sostituire ai parametri a, b, c rispettivamente la terzultima, penultima e ultima cifra del proprio numero di matricola

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO SIMULAZINE DI PRVA D ESAME CRS DI RDINAMENT Risolvi uno dei due problemi e 5 dei quesiti del questionario. PRBLEMA Considera la famiglia di funzioni k ln f k () se k se e la funzione g() ln se. se. Determina

Dettagli

Funzioni in più variabili

Funzioni in più variabili Funzioni in più variabili Corso di Analisi 1 di Andrea Centomo 27 gennaio 2011 Indichiamo con R n, n 1, l insieme delle n-uple ordinate di numeri reali R n4{(x 1, x 2,,x n ), x i R, i =1,,n}. Dato X R

Dettagli

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte)

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte) Corso di Geometria I (seconda parte) anno acc. 2009/2010 Cambiamento del sistema di riferimento in E 3 Consideriamo in E 3 due sistemi di riferimento ortonormali R e R, ed un punto P (x, y, z) in R. Lo

Dettagli

Esponenziali elogaritmi

Esponenziali elogaritmi Esponenziali elogaritmi Potenze ad esponente reale Ricordiamo che per un qualsiasi numero razionale m n prendere n>0) si pone a m n = n a m (in cui si può sempre a patto che a sia un numero reale positivo.

Dettagli

Sulla teoria delle funzioni di una variabile complessa

Sulla teoria delle funzioni di una variabile complessa Capitolo Sulla teoria delle funzioni di una variabile complessa Funzioni olomorfe e Teorema di Cauchy Consideriamo il piano complesso C, con coordinata complessa z Vogliamo studiare le funzioni f : U C,

Dettagli

Raccolta di Esercizi di Matematica. Capitolo 8 : Modalità CAS (Computer Algebra S ystem)

Raccolta di Esercizi di Matematica. Capitolo 8 : Modalità CAS (Computer Algebra S ystem) Raccolta di Esercizi di Matematica Capitolo 8 : Modalità CAS (Computer Algebra S ystem) Contenuti: 8-1. L ordine Algebrico delle Operazioni 8-2. Problemi sulle Percentuali 8-3. Le Forme Standard e Point-Slope

Dettagli

IV-1 Funzioni reali di più variabili

IV-1 Funzioni reali di più variabili IV- FUNZIONI REALI DI PIÙ VARIABILI INSIEMI IN R N IV- Funzioni reali di più variabili Indice Insiemi in R n. Simmetrie degli insiemi............................................ 4 2 Funzioni da R n a R

Dettagli

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Archimede ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. Sia ABCD un quadrato di

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

STUDIO DEL SEGNO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DEL SEGNO DI UNA FUNZIONE STUDIO DEL SEGNO DI UNA FUNZIONE Quando si studia una funzione! " #$%&' (funzione reale di variabile reale) è fondamentale conoscere il segno, in altre parole sapere per quali valori di &( #$%&'$è positiva,

Dettagli

Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 2000-2001

Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 2000-2001 Matematica per la nuova maturità scientifica A. Bernardo M. Pedone Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 000-00 Problema Sia AB un segmento di lunghezza a e il suo punto medio. Fissato un conveniente

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

GRANDEZZE SINUSOIDALI

GRANDEZZE SINUSOIDALI GRANDEE SINUSOIDALI INDICE -Grandezze variabili. -Grandezze periodiche. 3-Parametri delle grandezze periodiche. 4-Grandezze alternate. 5-Grandezze sinusoidali. 6-Parametri delle grandezze sinusoidali.

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

I NUMERI DECIMALI. che cosa sono, come si rappresentano

I NUMERI DECIMALI. che cosa sono, come si rappresentano I NUMERI DECIMALI che cosa sono, come si rappresentano NUMERI NATURALI per contare bastano i numeri naturali N i numeri naturali cominciano con il numero uno e vanno avanti con la regola del +1 fino all

Dettagli

Corso di Analisi Matematica. Polinomi e serie di Taylor

Corso di Analisi Matematica. Polinomi e serie di Taylor a.a. 2013/14 Laurea triennale in Informatica Corso di Analisi Matematica Polinomi e serie di Taylor Avvertenza Questi sono appunti informali delle lezioni, che vengono resi disponibili per comodità degli

Dettagli

Il simbolo. è è = = = In simboli: Sia un numero naturale diverso da zero, il radicale. Il radicale. esiste. esiste 0 Il radicale

Il simbolo. è è = = = In simboli: Sia un numero naturale diverso da zero, il radicale. Il radicale. esiste. esiste 0 Il radicale Radicali 1. Radice n-esima Terminologia Il simbolo è detto radicale. Il numero è detto radicando. Il numero è detto indice del radicale. Il numero è detto coefficiente del radicale. Definizione Sia un

Dettagli

LE FUNZIONI E LE LORO PROPRIETÀ

LE FUNZIONI E LE LORO PROPRIETÀ LE FUNZIONI E LE LORO PROPRIETÀ LE FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE COSA SONO LE FUNZIONI Dati due sottoinsiemi A e B non vuoti di R, una FUNZIONE da A a B è una relazione che associa ad ogni numero reale

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

Equazioni differenziali ordinarie

Equazioni differenziali ordinarie Capitolo 2 Equazioni differenziali ordinarie 2.1 Formulazione del problema In questa sezione formuleremo matematicamente il problema delle equazioni differenziali ordinarie e faremo alcune osservazioni

Dettagli

GRANDEZZE ALTERNATE SINUSOIDALI

GRANDEZZE ALTERNATE SINUSOIDALI GRANDEZZE ALTERNATE SINUSOIDALI 1 Nel campo elettrotecnico-elettronico, per indicare una qualsiasi grandezza elettrica si usa molto spesso il termine di segnale. L insieme dei valori istantanei assunti

Dettagli

EQUAZIONI non LINEARI

EQUAZIONI non LINEARI EQUAZIONI non LINEARI Francesca Pelosi Dipartimento di Matematica, Università di Roma Tor Vergata CALCOLO NUMERICO e PROGRAMMAZIONE http://www.mat.uniroma2.it/ pelosi/ EQUAZIONI non LINEARI p.1/44 EQUAZIONI

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

Funzione reale di variabile reale

Funzione reale di variabile reale Funzione reale di variabile reale Siano A e B due sottoinsiemi non vuoti di. Si chiama funzione reale di variabile reale, di A in B, una qualsiasi legge che faccia corrispondere, a ogni elemento A x A

Dettagli

POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE

POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE IMMATRICOLAZIONI AL PRIMO ANNO DEI CORSI DI LAUREA TRIENNA- LI IN INGEGNERIA DEL POLITECNICO DI BARI - A.A. 2015/2016 Sommario REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE...

Dettagli

LA MATEMATICA PER LE ALTRE DISCIPLINE. Prerequisiti e sviluppi universitari G. ACCASCINA, G. ANICHINI, G. ANZELLOTTI, F. ROSSO, V. VILLANI, R.

LA MATEMATICA PER LE ALTRE DISCIPLINE. Prerequisiti e sviluppi universitari G. ACCASCINA, G. ANICHINI, G. ANZELLOTTI, F. ROSSO, V. VILLANI, R. LA MATEMATICA PER LE ALTRE DISCIPLINE Prerequisiti e sviluppi universitari a cura di G. ACCASCINA, G. ANICHINI, G. ANZELLOTTI, F. ROSSO, V. VILLANI, R. ZAN Unione Matematica Italiana 2006 Ho continuato

Dettagli

Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli. 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti.

Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli. 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti. Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti. Def. Si dice equazione differenziale lineare del secondo ordine

Dettagli

Risposta: L area del triangolo è dove sono le misure di due lati e è l ampiezza dell angolo tra essi compreso ;

Risposta: L area del triangolo è dove sono le misure di due lati e è l ampiezza dell angolo tra essi compreso ; 1. Un triangolo ha area 3 e due lati che misurano 2 e 3. Qual è la misura del terzo lato? : L area del triangolo è dove sono le misure di due lati e è l ampiezza dell angolo tra essi compreso ; nel nostro

Dettagli

Rette e piani con le matrici e i determinanti

Rette e piani con le matrici e i determinanti CAPITOLO Rette e piani con le matrici e i determinanti Esercizio.. Stabilire se i punti A(, ), B(, ) e C(, ) sono allineati. Esercizio.. Stabilire se i punti A(,,), B(,,), C(,, ) e D(4,,0) sono complanari.

Dettagli

Teoria degli insiemi

Teoria degli insiemi Teoria degli insiemi pag 1 Easy Matematica di dolfo Scimone Teoria degli insiemi Il concetto di insieme si assume come primitivo, cioè non riconducibile a concetti precedentemente definiti. Sinonimi di

Dettagli

Numeri naturali numeri naturali minore maggiore Operazioni con numeri naturali

Numeri naturali numeri naturali minore maggiore Operazioni con numeri naturali 1 Numeri naturali La successione di tutti i numeri del tipo: 0,1, 2, 3, 4,..., n,... forma l'insieme dei numeri naturali, che si indica con il simbolo N. Tale insieme si può disporre in maniera ordinata

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

LE FUNZIONI MATEMATICHE

LE FUNZIONI MATEMATICHE ALGEBRA LE FUNZIONI MATEMATICHE E IL PIANO CARTESIANO PREREQUISITI l l l l l conoscere il concetto di insieme conoscere il concetto di relazione disporre i dati in una tabella rappresentare i dati mediante

Dettagli

SEGNO DELLA FUNZIONE. Anche in questo caso, per lo studio del segno della funzione, occorre risolvere la disequazione: y > 0 Ne segue:

SEGNO DELLA FUNZIONE. Anche in questo caso, per lo studio del segno della funzione, occorre risolvere la disequazione: y > 0 Ne segue: CAMPO DI ESISTENZA. Poiché la funzione data è una razionale fratta, essa risulta definita su tutto l asse reale tranne che nei punti in cui il denominatore della frazione si annulla, cioè: C.E. { R: 0}

Dettagli

FUNZIONI CONVESSE. + e x 0

FUNZIONI CONVESSE. + e x 0 FUNZIONI CONVESSE Sia I un intervallo aperto di R (limitato o illimitato) e sia f(x) una funzione definita in I. Dato x 0 I, la retta r passante per il punto P 0 (x 0, f(x 0 )) di equazione y = f(x 0 )

Dettagli

FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE e CONTINUITA Roberto Argiolas

FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE e CONTINUITA Roberto Argiolas FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE e CONTINUITA Roberto Argiolas.8.6.. - -.5.5 -. In questa dispensa ricordiamo la classificazione delle funzioni elementari e il dominio di esistenza delle stesse. Inoltre

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE FUNZIONI ALESSANDRO BOCCONI

APPUNTI DI MATEMATICA LE FUNZIONI ALESSANDRO BOCCONI APPUNTI DI MATEMATICA LE FUNZIONI ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 Le funzioni nel discreto 3 1.1 Le funzioni nel discreto.................................. 3 1.1.1 La rappresentazione grafica............................

Dettagli

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011 1 Trasformazioni Geometriche 1 Roberto etroni, 2011 Trasformazioni Geometriche sul piano euclideo 1) Introduzione Def: si dice trasformazione geometrica una corrispondenza biunivoca che associa ad ogni

Dettagli

Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2013/14 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola secondaria di II grado

Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2013/14 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola secondaria di II grado Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2013/14 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola secondaria di II grado I quesiti sono distribuiti negli ambiti secondo la tabella seguente Ambito

Dettagli

Appunti sulle disequazioni

Appunti sulle disequazioni Premessa Istituto d Istruzione Superiore A. Tilgher Ercolano (Na) Appunti sulle disequazioni Questa breve trattazione non vuole costituire una guida completa ed esauriente sull argomento, ma vuole fornire

Dettagli

Esercizi di Algebra Lineare. Claretta Carrara

Esercizi di Algebra Lineare. Claretta Carrara Esercizi di Algebra Lineare Claretta Carrara Indice Capitolo 1. Operazioni tra matrici e n-uple 1 1. Soluzioni 3 Capitolo. Rette e piani 15 1. Suggerimenti 19. Soluzioni 1 Capitolo 3. Gruppi, spazi e

Dettagli

Approssimazione polinomiale di funzioni e dati

Approssimazione polinomiale di funzioni e dati Approssimazione polinomiale di funzioni e dati Approssimare una funzione f significa trovare una funzione f di forma più semplice che possa essere usata al posto di f. Questa strategia è utilizzata nell

Dettagli

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito.

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito. INTEGRALI DEFINITI Sia nel campo scientifico che in quello tecnico si presentano spesso situazioni per affrontare le quali è necessario ricorrere al calcolo dell integrale definito. Vi sono infatti svariati

Dettagli

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014 Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 14 Problema 1 Punto a) Osserviamo che g (x) = f(x) e pertanto g () = f() = in quanto Γ è tangente all asse delle ascisse,

Dettagli

I numeri relativi. Il calcolo letterale

I numeri relativi. Il calcolo letterale Indice Il numero unità I numeri relativi VIII Indice L insieme R Gli insiemi Z e Q Confronto di numeri relativi Le operazioni fondamentali in Z e Q 0 L addizione 0 La sottrazione La somma algebrica La

Dettagli

Ing. Alessandro Pochì

Ing. Alessandro Pochì Lo studio di unzione Ing. Alessandro Pochì Appunti di analisi Matematica per la Classe VD (a.s. 011/01) Schema generale per lo studio di una unzione Premessa Per Studio unzione si intende, generalmente,

Dettagli

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice Pseudo codice Pseudo codice Paolo Bison Fondamenti di Informatica A.A. 2006/07 Università di Padova linguaggio testuale mix di linguaggio naturale ed elementi linguistici con sintassi ben definita e semantica

Dettagli

Metodi risolutivi per le disequazioni algebriche

Metodi risolutivi per le disequazioni algebriche Metodi risolutivi per le disequazioni algebriche v.scudero Una disequazioni algebrica si presenta in una delle quattro forme seguenti: () P( () P( (3) P( () P( essendo P( un polinomio in. Noi studieremo

Dettagli

1 Definizione: lunghezza di una curva.

1 Definizione: lunghezza di una curva. Abstract Qui viene affrontato lo studio delle curve nel piano e nello spazio, con particolare interesse verso due invarianti: la curvatura e la torsione Il primo ci dice quanto la curva si allontana dall

Dettagli

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Definizione 1. Un sistema lineare di m equazioni in n incognite, in forma normale, è del tipo a 11 x 1 + + a 1n x n = b 1 a 21 x 1 + + a 2n x n = b 2 (1) = a m1 x 1 + +

Dettagli

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA.

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. Prerequisiti I radicali Risoluzione di sistemi di equazioni di primo e secondo grado. Classificazione e dominio delle funzioni algebriche Obiettivi minimi Saper

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

Laboratorio di Elettrotecnica

Laboratorio di Elettrotecnica 1 Laboratorio di Elettrotecnica Rappresentazione armonica dei Segnali Prof. Pietro Burrascano - Università degli Studi di Perugia Polo Scientifico Didattico di Terni 2 SEGNALI: ANDAMENTI ( NEL TEMPO, NELLO

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMICA

FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMICA FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMICA DEFINIZIONE: Dato un numero reale a che sia a > 0 e a si definisce funzione esponenziale f(x) = a x la relazione che ad ogni valore di x associa uno e un solo

Dettagli

+ P a n n=1 + X. a n = a m 3. n=1. m=4. Per poter dare un significato alla somma (formale) di infiniti termini, ricorriamo al seguente procedimento:

+ P a n n=1 + X. a n = a m 3. n=1. m=4. Per poter dare un significato alla somma (formale) di infiniti termini, ricorriamo al seguente procedimento: Capitolo 3 Serie 3. Definizione Sia { } una successione di numeri reali. Ci proponiamo di dare significato, quando possibile, alla somma a + a 2 +... + +... di tutti i termini della successione. Questa

Dettagli

5 Radici primitive dell unità e congruenze del tipo

5 Radici primitive dell unità e congruenze del tipo 5 Radici primitive dell unità e congruenze del tipo X m a (mod n ) Oggetto di questo paragrafo è lo studio della risolubilità di congruenze del tipo: X m a (mod n) con m, n, a Z ed m, n > 0. Per l effettiva

Dettagli

4 FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMO

4 FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMO 4 FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMO 4.0. Esponenziale. Nella prima sezione abbiamo definito le potenze con esponente reale. Vediamo ora in dettaglio le proprietà della funzione esponenziale a,

Dettagli

1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione.

1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione. 1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione. 1.1. Intorni circolari. Assumiamo come distanza di due numeri reali x e y il numero non negativo x y (che, come sappiamo, esprime la distanza tra i punti

Dettagli

Le trasformazioni geometriche

Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni affini del piano o affinità Le similitudini Le isometrie Le traslazioni Le rotazioni Le simmetrie assiale e centrale Le omotetie

Dettagli

Costruzioni con riga e compasso. Fabio Stumbo Dipartimento di Matematica Università di Ferrara Ferrara, I f.stumbo@unife.it

Costruzioni con riga e compasso. Fabio Stumbo Dipartimento di Matematica Università di Ferrara Ferrara, I f.stumbo@unife.it ostruzioni con riga e compasso Fabio Stumbo Dipartimento di Matematica Università di Ferrara Ferrara, I f.stumbo@unife.it INDIE 2 Indice 1 Note storiche 3 2 ostruzioni fondamentali 8 2.1 Definizione e

Dettagli

Richiami: funzione di trasferimento e risposta al gradino

Richiami: funzione di trasferimento e risposta al gradino Richiami: funzione di trasferimento e risposta al gradino 1 Funzione di trasferimento La funzione di trasferimento di un sistema lineare è il rapporto di due polinomi della variabile complessa s. Essa

Dettagli

B9. Equazioni di grado superiore al secondo

B9. Equazioni di grado superiore al secondo B9. Equazioni di grado superiore al secondo Le equazioni di terzo grado hanno una, due o tre soluzioni, risolvibili algebricamente con formule molto più complesse di quelle dell equazione di secondo grado.

Dettagli