Numeri Complessi R 2. P = (x P,y P ) x P. z = (x,y) y P (0,0)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Numeri Complessi R 2. P = (x P,y P ) x P. z = (x,y) y P (0,0)"

Transcript

1 Numeri Complessi Un numero complesso z può essere definito come una coppia ordinata (x,y) di numeri reali x e y. L insieme dei numeri complessi è denotato con C e può essere identificato con il piano cartesiano R 2. y y P P = (x P,y P ) x P R 2 x Im (0,0) y C z = (x,y) x Re x R è detto parte reale di z e si scrive x = Rez y R è detto parte immaginaria di z e si scrive y = Imz c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 14/15 Numeri complessi cap8.pdf 1

2 L insieme A = {z C : z = (x,0), x R}, detto Asse reale può essere identificato con la retta dei numeri reali R, per cui possiamo scrivere R C. replacements Im C y z = (x,y) (0,0) x Re L insieme B = {z C : z = (0,y),y R} è detto Asse immaginario e i numeri di B sono detti immaginari puri. Lo zero di C è la coppia (0,0). c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 14/15 Numeri complessi cap8.pdf 2

3 Operazioni in C Diciamo che due numeri complessi z 1 = (x 1,y 1 ) e z 2 = (x 2,y 2 ) sono uguali se hanno le stesse parti reali e immaginarie, ovvero: z 1 = z 2 x 1 = x 2 e y 1 = y 2 In particolare, un numero complesso z 1 = (x 1,y 1 ) è nullo se z 1 = 0 x 1 = 0 e y 1 = 0 La somma ed il prodotto sono definiti come: z 1 +z 2 = (x 1,y 1 )+(x 2,y 2 ) = (x 1 +x 2,y 1 +y 2 ) z 1 z 2 = (x 1,y 1 )(x 2,y 2 ) = (x 1 x 2 y 1 y 2,x 1 y 2 +x 2 y 1 ) In particolare: (x,0)+(0,y) = (x,y), (0,1)(y,0) = (0,y) e quindi z = (x,y) = (x,0)+(0,1)(y,0) c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 14/15 Numeri complessi cap8.pdf 3

4 Forma cartesiana di un numero complesso 1 Identifichiamo il numero complesso (x, 0) con il numero reale x 2 Definiamo i = (0,1). i è detto unità immaginaria 3 Dalla relazione z = (x,y) = (x,0)+(0,1)(y,0), otteniamo z = x +iy detta forma algebrica o cartesiana del numero complesso z. Osserviamo che i 2 = ii = (0,1)(0,1) = ( 1,0) = 1, ovvero i C è la soluzione dell equazione x 2 = 1 (o x 2 +1 = 0), che invece non ha soluzioni in R. c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 14/15 Numeri complessi cap8.pdf 4

5 Im 3+3i 2i i i 3 Re 2 2.5i Tutti i numeri complessi con parte immaginaria nulla (b = Imz = 0) stanno sull asse reale Re. x = x +0i. Tutti i numeri complessi con parte reale nulla (x = Rez = 0) stanno sull asse immaginario Im. iy = 0+iy = yi. c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 14/15 Numeri complessi cap8.pdf 5

6 Perchè i numeri complessi? Per poter calcolare le radici di equazioni del tipo x 2 +1 = 0, che in R non sono risolubili. I numeri complessi NON servono per misurare distanze, tempi, pesi, forze,... Per poter descrivere e studiare più facilmente la meccanica quantistica, i circuiti elettrici, i campi elettromagnetici, la trasmissione di segnali, la turbolenza di un fluido,... In certe situazioni lavorare con i numeri complessi è più semplice che lavorare con i numeri reali. c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 14/15 Numeri complessi cap8.pdf 6

7 Operazioni in forma cartesiana Somma: (x 1 +iy 1 )+(x 2 +iy 2 ) = (x 1 +x 2 )+i(y 1 +y 2 ) (sommo tra loro le parti reali e le parti immaginarie) Es. (3+i2)+( 2+i) = (3 2)+i(2+1) = 1+i3 = 1+3i Sottrazione (x 1 +iy 1 ) (x 2 +iy 2 ) = (x 1 x 2 )+i(y 1 y 2 ) (sottraggo tra loro le parti reali e le parti immaginarie) Es. (3+i2) ( 2+i) = (3+2)+i(2 1) = 5+i Prodotto (x 1 +iy 1 ) (x 2 +iy 2 ) = x 1 x 2 +ix 1 y 2 +ix 2 y 1 +i 2 y 1 y 2 = x 1 x 2 +ix 1 y 2 +ix 2 y 1 +( 1)y 1 y 2 = (x 1 x 2 y 1 y 2 ) + i(x 1 y 2 +x 2 y 1 ) Es. (3+i2) ( 2+i) = ( 6 2)+i(3 4) = 8 i c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 14/15 Numeri complessi cap8.pdf 7

8 Complesso coniugato e modulo Def. z = x +iy C, il numero complesso z = x iy è detto complesso coniugato di z. Def. z = x +iy C, il numero reale z := x 2 +y 2 è detto PSfrag modulo di z. Rappresenta la distanza del numero complesso dallo zero complesso. Im z z x y y z z Re z ed il suo coniugato z hanno lo stesso modulo, ovvero: z = z. c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 14/15 Numeri complessi cap8.pdf 8

9 Esempi: 1) z = 3 i5, allora z = 3+i5, e z = z = 9+25 = 34 Im z = 3+5i Re z = 3 i5 c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 14/15 Numeri complessi cap8.pdf 9

10 z immaginario puro 2) z = i 2, allora z = i 2, e z = z = 2 Im z = i 2 z = i 2 Re c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 14/15 Numeri complessi cap8.pdf 10

11 z reale 3) z = 2, allora z = 2, e z = z = ( 2) 2 = 2 Im z = z = 2 Re c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 14/15 Numeri complessi cap8.pdf 11

12 Inverso di un numero complesso La divisione tra due numeri è il prodotto del primo per l inverso del secondo. z 1 = z 1 1 z 2 z 2 Per fare la divisione tra due numeri complessi devo saper costruire l inverso 1, z C, z 0+i0. z 1 z = 1 x +iy = 1 x +iy x iy x iy = 1 Es. 3 i2 = 3+i2 13 z z z = x iy x 2 +y 2 = z z 2 c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 14/15 Numeri complessi cap8.pdf 12

13 Cosa rappresenta A = {z C : z (1 2i) = 2}? z è la distanza di z da 0. z (1 2i) è la distanza di z da (1 2i). Im 1 Re i z 2i 1 2i z (1 2i) A è l insieme dei punti z la cui distanza da (1 2i) è uguale a 2, ovvero è la circonferenza dei punti z C di centro z C = (1 2i) e raggio r = 2. c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 14/15 Numeri complessi cap8.pdf 13

14 A = {z C : z z 0 = r} Assegnato z 0 C, ed assegnato r R +, l insieme A = {z C : z z 0 = r} è l insieme dei punti del piano complesso che distano r da z 0 (circonferenza di centro z 0 e raggio r). Im z Re z 0 z z 0 = r c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 14/15 Numeri complessi cap8.pdf 14

15 A = {z C : z z 0 r} Assegnato z 0 C, ed assegnato r R +, l insieme A = {z C : z z 0 r} è l insieme dei punti del piano complesso che distano da z 0 al piú r (cerchio di centro z 0 e raggio r, bordo incluso). Im z Re z 0 z z 0 = r c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 14/15 Numeri complessi cap8.pdf 15

16 Operazioni e complesso coniugato z C, α R: α z = α z (αz) = αz z 1, z 2, z C: z 1 +z 2 = z 1 +z 2 z 1 z 2 = z 1 z 2 z 1 z 2 = z 1 z 2 z z = (x +iy) (x iy) = x 2 +y 2 = z 2 z 1 = (z) 1 c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 14/15 Numeri complessi cap8.pdf 16

17 z +z = (x +iy)+(x iy) = 2x = 2Rez z z = (x +iy) (x iy) = 2iy = 2iImz z = z z = z z R Infatti: prendo z = x +iy, allora z = x iy e z = z se e solo se x = x (sempre vero) e y = y (vero se e solo se y = Imz = 0), ovvero z R. c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 14/15 Numeri complessi cap8.pdf 17

18 Forma trigonometrica di z C z C è univocamente individuato mediante 2 parametri: la sua parte reale Rez = x e la sua parte immaginaria Imz = y. Im y z ρ x Re ϑ z può essere individuato univocamente anche da altri due parametri: ρ = z modulo di z ϑ = arg(z) argomento di z ρ e ϑ sono dette anche coordinate polari del punto z nel piano complesso. c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 14/15 Numeri complessi cap8.pdf 18

19 Se conosco ρ e θ, allora x = ρcosϑ, y = ρsinϑ. Im y x z Re ϑ+2kπ, k Z Se conosco x e y, allora ρ = x 2 +y 2 e ϑ è calcolabile attraverso l arctangente (pagina successiva). Esistono infiniti angoli che individuano lo stesso numero complesso z: ϑ, ϑ+2π, ϑ+4π, ϑ 2π,..., in genere ϑ+2kπ, con k Z. c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 14/15 Numeri complessi cap8.pdf 19

20 Se si decide di scegliere ϑ ( π,π], si pone: ϑ = arctan(y/x) se x > 0 arctan(y/x)+π se x < 0, y 0 arctan(y/x) π se x < 0, y < 0 π/2 se x = 0, y > 0 π/2 se x = 0, y < 0 Im y x z Re ϑ arg(0) = R, infatti z = 0 = 0(cosϑ+i sinϑ), ϑ R. c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 14/15 Numeri complessi cap8.pdf 20

21 Si ha quindi: z = x +iy = ρcosϑ+iρsinϑ = ρ(cosϑ+i sinϑ) z = x +iy forma algebrica = ρ(cosϑ+i sinϑ) forma trigonometrica c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 14/15 Numeri complessi cap8.pdf 21

22 Esempi. 1) forma cartesiana forma polare 3 Dato z = 2 +i1 2. Rez = x = Im 3 2, Imz = y = 1 2. Im y z y z ϑ = π/6 x Re x Re Allora: ϑ = π 6 e ρ = 3/4+1/4 ( = 1 ) 3 ) Con la regola: ϑ = arctan 1/2 3/2 = arctan( 3 = π 6 c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 14/15 Numeri complessi cap8.pdf 22

23 2) Forma polare forma cartesiana Sono noti ρ = 2 e ϑ = π 2 (. ( z = ρ(cosϑ+i sinϑ) = 2 cos π ) ( +i sin π )) = 2 2 2(0 i) = 2i Im ρ = 2 x = 0 Re ϑ = π/2 z y = 2 c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 14/15 Numeri complessi cap8.pdf 23

24 Esponenziale complesso z C si vuole definire l esponenziale di z, e z C, in modo da rispettare le proprietà classiche delle potenze. e è il numero di Eulero (a volte noto come numero di Nepero) e z = x +iy C si definisce Esempi. e z := e Rez (cos(imz)+i sin(imz)) = e x (cosy +i siny) e (3 i) = e 3 (cos( 1)+i sin( 1)) = e 3 (cos(1) i sin(1)) e 2 = e 2 (cos(0)+i sin(0)) e 2iπ = e 0 (cos(2π)+i sin(2π)) = 1(1+i0) = 1 e iϑ = e 0 (cos(ϑ)+i sin(ϑ)) = cos(ϑ)+i sin(ϑ) c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 14/15 Numeri complessi cap8.pdf 24

25 Formula di Eulero ( ) e iϑ = cosϑ+i sinϑ ϑ R Confrontando la forma trigonometrica di un numero complesso z = ρ(cosϑ+i sinϑ) e la formula di Eulero e iϑ = cosϑ+i sinϑ si ha z = ρe iϑ detta forma esponenziale del numero complesso z. Oss. Per ϑ = π la formula di Eulero diventa: e iπ = cosπ +i sinπ = 1 e iπ +1 = 0 c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 14/15 Numeri complessi cap8.pdf 25

26 Proprietà dell esponenziale in C Dato z = Rez +iimz = x +iy, l esponenziale e z è un numero complesso, lo chiamiamo ad esempio w. Dalla definizione di esponenziale complesso e dalla formula di Eulero abbiamo w = e z = e Rez (cos(imz)+i sin(imz)) = e Rez e iimz = }{{} e x ρ cioè l esponenziale di z è un numero complesso w il cui modulo è ρ = e x (x è la parte reale di z) ed il cui argomento è y (y è la parte immaginaria di z). e iy c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 14/15 Numeri complessi cap8.pdf 26

27 Proprietà dell esponenziale in C Teorema. 1 e z1 e z 2 = e z 1+z 2 z 1, z 2 C 2 e z e z = 1 3 e z = e Rez = ρ 4 e iϑ = cos 2 ϑ+sin 2 ϑ = 1 ϑ R 5 (e z ) n = e nz n Z 6 e z+2kπi = e z k Z 7 e iϑ = e iϑ 8 e z 0 z C c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 14/15 Numeri complessi cap8.pdf 27

28 Dimostrazione di 3. e z = e Rez = ρ Per definizione di esponenziale di un numero complesso si ha: e z = e Rez (cos(imz)+i sin(imz)) Poichè cos(imz)+i sin(imz)) = cos(ϑ)+i sin(ϑ) = 1, il modulo di e z è: e z = e Rez (cos(imz)+i sin(imz)) = e Rez cos(imz)+i sin(imz) = e Rez = ρ. Dimostrazione di 4. e iϑ = 1 e iθ = cos(θ)+i sin(θ) = cos 2 (θ)+sin 2 (θ) = 1. Dimostrazione di 6. e z+2kπi = e z k Z Per la proprietà 1.: e z+2kπi = e z e 2kπi Quanto vale e 2kπi? e 2kπi = e 0 (cos(2π)+i sin(2π)) = 1(1+0) = 1 Quindi e z+2kπi = e z 1 = e z. c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 14/15 Numeri complessi cap8.pdf 28

29 Un numero complesso z può essere espresso in una delle tre seguenti forme, tutte equivalenti fra di loro: z = x + iy forma cartesiana = ρ(cosϑ+i sinϑ) forma trigonometrica = ρe iϑ forma esponenziale A seconda del contesto in cui si lavora, si usa la forma piú adatta: per somma e sottrazione: forma cartesiana per prodotto, divisione e potenza: forma esponenziale. c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 14/15 Numeri complessi cap8.pdf 29

30 Operazioni con la forma esponenziale La forma esponenziale dei numeri complessi è molto comoda per svolgere prodotti, divisioni e potenze di numeri complessi. Siano z 1 = ρ 1 e iϑ 1 e z 2 = ρ 2 e iϑ 2, si ha: z 1 z 2 = ρ 1 ρ 2 e i(ϑ 1+ϑ 2 ) z 1 = ρ 1 e i(ϑ 1 ϑ 2 ) z 2 ρ 2 (z 1 ) n = ρ n 1 einϑ 1 (cos(θ)+i sin(θ)) n = cos(nθ)+i sin(nθ),formula di de Moivre Es. Calcolare (1+i) 6. 1 si trasforma z = 1+i in forma trigonometrica e poi esponenziale 2 si calcola z 6, utilizzando la forma esponenziale 3 si trasforma il risultato nella forma cartesiana. c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 14/15 Numeri complessi cap8.pdf 30

31 Passo 1.: (z = x +iy = ρ(cosϑ+i sinϑ) = ρe iϑ ) z = (1+i) = 2( 2 2 +i 2 2 ) = 2 ( cos π 4 +i sin π 4 = 2 e i π 4 ) Im z = 1+i ρ = 2 ϑ = π/4 Re Passo 2.: z 6 = (1+i) 6 = ( 2e i π 4) 6 = ( 2) 6 e i 3 2 π = 8 e i 3 2 π Passo 3.: 8 e i 3 2 π = 8i. Quindi (1+i) 6 = 8i c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 14/15 Numeri complessi cap8.pdf 31

32 Radice n-sima di un numero complesso Dato w C e n N, vogliamo calcolare tutti i numeri z C per cui vale z n = w Def. Diciamo che z C è radice n-sima di w C se vale z n = w. L obiettivo è calcolare le radici n sime di un numero complesso w assegnato o, equivalentemente, risolvere l equazione z n w = 0. N.B. Non utilizziamo il simbolo per rappresentare le radici complesse, perchè il risultato non è univoco. Se x R, allora la radice n sima di x è un unico numero reale positivo e il simbolo n x individua un unico numero. Se z C, allora le radici n sime di z sono n e non possiamo utilizzare un solo simbolo per rappresentarle tutte. c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 14/15 Numeri complessi cap8.pdf 32

33 Teorema. Ogni numero complesso non nullo w ha esattamente n radici complesse n-sime distinte, ovvero l equazione z n = w ha n soluzioni distinte complesse. Inoltre, se w = ρe iϑ, le n radici n-sime di w hanno la forma: z k = r e iϕ k, dove r = n ρ e ϕ k = ϑ+2kπ, con k = 0,1,...,n 1. n Osservazione. Le radici n-sime di w sono i vertici di un poligono regolare di n lati inscritto nella circonferenza di centro 0 e raggio r. Ogni radice è ottenuta dalla precedente incrementando l argomento ϕ k di un angolo 2π/n. z 3 Im z 2 z 1 z 4 z 5 π 3 z 0 Re c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 14/15 Numeri complessi cap8.pdf 33

34 Esercizio d esempio Risolvere l equazione z 3 +8 = 0 in C. (Equivale a calcolare le radici terze di w = 8, cioè calcolare gli z C tali che z 3 = 8.) N.B. L equazione x 3 +8 = 0 in R ha una sola soluzione reale: x = 2. L equazione z 3 +8 = 0 in C ha 3 soluzioni distinte complesse. Procedimento: 1. Si trasforma w = 8 in forma esponenziale 2. Si calcolano le radici complesse z 0, z 1,..., z n 1 3. Si trasformano in forma algebrica gli z k trovati. c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 14/15 Numeri complessi cap8.pdf 34

35 Passo 1.: (w = x +iy = ρ(cosϑ+i sinϑ) = ρe iϑ ) Im w = 8 = 8+0i = 8( 1+0i) = 8 (cosπ +i sinπ) = 8e iπ Quindi: ρ = 8, ϑ = π w = 8 ρ = 8 ϑ = π Passo 2.: Calcolo r = n ρ (ricordo che ρ R + ) e gli angoli ϕ k = ϑ+2kπ n per k = 0,...,n 1: r = 3 8 = 2 e Im ϕ 0 = ϑ n = π 3, ϕ 1 = ϑ+2π = π +2π = π, n 3 ϕ 2 = ϑ+4π = π +4π = 5π n 3 3 z 2 c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 14/15 Numeri complessi cap8.pdf 35 z 1 z 0 Re r = 2 Re

36 Quindi: z 0 = 2e iπ/3, z 1 = 2e iπ, z 2 = 2e i5π/3 Passo 3.: z 0 = 2e iπ/3 = 1+ 3i, z 1 = 2e iπ = 2, z 2 = 2e i5π/3 = 1 3i c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 14/15 Numeri complessi cap8.pdf 36

37 Dimostrazione del teorema Parto da w in forma esponenziale ed utilizzo la proprietà n. 6 dell esponenziale (quella che dice e z+2kπi = e z k Z) w = ρe iϑ = ρe iϑ+2kπi k Z = r n e i(ϑ+2kπ) = r n (e i(ϑ+2kπ)/n ) n = (r e i(ϑ+2kπ)/n ) n = (r e iϕ k) n = z n k Avrei infinite z k, tante quante sono i numeri interi, ma quelle distinte sono solo n: z 0,...,z n 1. Infatti abbiamo: z n = r e iϕn = r e i(ϑ+2nπ)/n = r e iϑ/n+2πi = r e iϑ/n = z 0 In maniera analoga si dimostra che z n+k = z k. c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 14/15 Numeri complessi cap8.pdf 37

38 Esercizio. Calcolare le radici complesse seste dell unità. Si ha w = 1, n = 6. Devo calcolare n = 6 numeri complessi z 0,z 1,...,z 5 della forma z k = r e iϕ k, con r = 6 ρ e ϕ k = ϑ+2kπ, con k = 0,1,...,5. 6 Passo 1. Individuo ρ e ϑ: w = 1 = ρe i 0, quindi ρ = 1 e ϑ = 0 Passo 2. Calcolo: r = 6 ρ = 1 Passo3. Calcolo gli angoli ϕ k, con k = 0,...,5 ϕ 0 = 0+0 2π 6 ϕ 2 = 0+2 2π 6 ϕ 4 = 0+4 2π 6 = 0, ϕ 1 = 0+1 2π 6 = 2π 3, ϕ 3 = 0+3 2π 6 = 4π 3, ϕ 5 = 0+5 2π 6 = π 3, = π, = 5π 3. c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 14/15 Numeri complessi cap8.pdf 38

39 Le radici seste dell unità sono: z 0 = e iϕ 0 = e i0 = 1, z 1 = e iϕ 1 = e iπ/3 = 1 2 +i 3 2 z 2 = e iϕ 2 = e i2π/3 = 1 2 +i 3 2, z 3 = e iϕ 3 = e iπ = 1 z 4 = e iϕ 4 = e i4π/3 = 1 2 i 3 2, z 5 = e iϕ 5 = e i5π/3 = 1 2 i 3 2 Im w 2 w 1 π 3 w 3 w 0 Re w 4 w 5 c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 14/15 Numeri complessi cap8.pdf 39

40 Polinomi in campo complesso Def. Una funzione p : C C è un polinomio a variabile complessa z se si può scrivere come p(z) = a n z n +a n 1 z n 1 + +a 1 z +a 0, dove a 0,a 1,...,a n sono numeri complessi assegnati detti coefficienti del polinomio. Se a n 0, allora si dice che il polinomio è di grado n. Es. p(z) = (3+i)z 3 iz Questo polinomio ha grado n = 3 e i coefficienti sono: a 3 = 3+i, a 2 = i, a 1 = 0, a 0 = 2 Def. Si chiama radice di p ogni numero complesso w tale che p(w) = 0. Es. p(z) = z 2 7z +(1 7i), w = i è una radice di p(z). Infatti, andando a sostituire z = i nel polinomio e facendo i conti si ha: p( i) = ( i) 2 7( i)+(1 7i) = 1+7i +1 7i = 0 c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 14/15 Numeri complessi cap8.pdf 40

41 Proposizione. (Principio di identità dei polinomi) Due polinomi p(z) e q(z) sono uguali se e solo se sono uguali i coefficienti delle potenze omologhe dei due. Es. p(z) = (3+i)z 3 iz 2 +2 e q(z) = (3+i)z 3 z 2 +2 non sono uguali. Infatti a 2 = i per p, mentre a 2 = 1 per q. c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 14/15 Numeri complessi cap8.pdf 41

42 Teorema (fondamentale dell algebra). Ogni polinomio p(z) a coefficienti complessi di grado n 1 ammette almeno una radice in C. Il Teorema fondamentale dell algebra garantisce che esistano m n numeri complessi distinti z 1,...,z m e m numeri interi µ 1,...,µ m tali che µ 1 + +µ m = n per cui p(z) = a n (z z 1 ) µ 1 (z z 2 ) µ 2...(z z m ) µm. z k è detta radice del polinomio p(z) e µ k la sua molteplicità. Es. 1 z 2 +1 = (z i)(z +i). Si ha z 1 = i, z 2 = i. Ho 2 radici distinte semplici (ovvero con molteplicità 1); z 5 +2z 3 = z 3 (z 2 +2) = z z z (z i 2) (z +i 2). z 1 = 0 con molteplicità 3, z 2 = i 2 semplice, z 3 = i 2 semplice. Si ha m = 3, µ 1 = 3, µ 2 = µ 3 = 1, e µ 1 +µ 2 +µ 3 = n = 5. c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 14/15 Numeri complessi cap8.pdf 42

43 Proposizione. Si consideri un polinomio p(z) con coefficienti a i R. Se w è una radice (non reale), anche w è una radice, con la stessa molteplicità. Inoltre, se il grado del polinomio è dispari, vi è almeno una radice reale. N.B. z 3 = z 4 (ovvero z 3 z 4 = 0) NON è una equazione di tipo polinomiale (in un polinomio compaiono solo potenze di z, qui invece c è anche un modulo). c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 14/15 Numeri complessi cap8.pdf 43

44 Osservazioni su sin e cos Considero la formula di Eulero: e iϑ = cosϑ+i sinϑ, con ϑ R. Riscrivo la formula con ϑ al posto di ϑ: e iϑ = cos( ϑ)+i sin( ϑ) = cosϑ i sinϑ y P cosϑ sinϑ ϑ x ϑ cos( ϑ) = cosϑ, sin( ϑ) = sinϑ. c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 14/15 Numeri complessi cap8.pdf 44

45 Osservazioni su sin e cos Considero la formula di Eulero: e iϑ = cosϑ+i sinϑ, con ϑ R, e iϑ = cosϑ i sinϑ Sommo le due formule: e iϑ +e iϑ = 2cosϑ, ovvero cosϑ = eiϑ +e iϑ Sottraggo le due formule: e iϑ e iϑ = 2i sinϑ, ovvero sinϑ = eiϑ e iϑ 2 2i c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 14/15 Numeri complessi cap8.pdf 45

46 Sin e Cos in campo complesso Si estendono le formule date prima per ϑ R ad un qualsiasi z C. Diventano le definizioni di sin e cos su una variabile complessa. cosz := eiz +e iz 2 sinz := eiz e iz 2i c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 14/15 Numeri complessi cap8.pdf 46

47 Riferimento bibliografico Per il piano cartesiano: Canuto-Tabacco, sez. 1.5, pag Per i numeri complessi: Canuto-Tabacco, sez. 8.3, pag Esercizi: - n del cap. 8 del libro Canuto-Tabacco. - esercizi nei temi d esame Esercizio Risolvere l equazione z 2 = z 4, con z C. c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 14/15 Numeri complessi cap8.pdf 47

NUMERI COMPLESSI. Esercizi svolti., e) i 34, f) i 7. 10 i

NUMERI COMPLESSI. Esercizi svolti., e) i 34, f) i 7. 10 i NUMERI COMPLESSI Esercizi svolti 1. Calcolare le seguenti potenze di i: a) i, b) i, c) i 4, d) 1 i, e) i 4, f) i 7. Semplificare le seguenti espressioni: a) ( i) i(1 ( 1 i), b) ( + i)( i) 5 + 1 ) 10 i,

Dettagli

1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc.

1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc. Classi Numeriche 1 1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc. In questo breve capitolo richiamiamo le definizioni delle classi numeriche fondamentali, già note al lettore,

Dettagli

Esercizi svolti sui numeri complessi

Esercizi svolti sui numeri complessi Francesco Daddi - ottobre 009 Esercizio 1 Risolvere l equazione z 1 + i = 1. Soluzione. Moltiplichiamo entrambi i membri per 1 + i in definitiva la soluzione è z 1 + i 1 + i = 1 1 + i z = 1 1 i. : z =

Dettagli

e l insieme delle soluzioni, dopo le analoghe riduzioni del caso n = 2, si scrive come

e l insieme delle soluzioni, dopo le analoghe riduzioni del caso n = 2, si scrive come Numeri complessi 9 Da questi esempi si può osservare che, facendo le successive potene di un numero complesso, i punti corrispondenti girano attorno all origine. Se inoltre > allora i punti si allontanano

Dettagli

Analisi Matematica di circuiti elettrici

Analisi Matematica di circuiti elettrici Analisi Matematica di circuiti elettrici Eserciziario A cura del Prof. Marco Chirizzi 2011/2012 Cap.5 Numeri complessi 5.1 Definizione di numero complesso Si definisce numero complesso un numero scritto

Dettagli

LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO

LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO APPUNTI PER IL CORSO DI ANALISI MATEMATICA I G. MAUCERI Indice 1. Introduzione 1 2. La funzione esponenziale 2 3. Il numero e di Nepero 9 4. L irrazionalità di e

Dettagli

Numeri complessi. x 2 = 1.

Numeri complessi. x 2 = 1. 1 Numeri complessi Nel corso dello studio della matematica si assiste ad una progressiva estensione del concetto di numero. Dall insieme degli interi naturali N si passa a quello degli interi relativi

Dettagli

A.1 Definizione e rappresentazione di un numero complesso

A.1 Definizione e rappresentazione di un numero complesso 441 APPENDICE A4 NUMERI COMPLESSI A.1 Definizione e rappresentazione di un numero complesso Si riepilogano i concetti e le operazioni elementari relativi ai numeri complessi. Sia z un numero complesso;

Dettagli

Geometria nel piano complesso

Geometria nel piano complesso Geometria nel piano complesso Giorgio Ottaviani Contents Un introduzione formale del piano complesso 2 Il teorema di Napoleone 5 L inversione circolare 6 4 Le trasformazioni di Möbius 7 5 Il birapporto

Dettagli

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti Y T T I Numeri Complessi Operazioni di somma e prodotto su Consideriamo, insieme delle coppie ordinate di numeri reali, per cui si ha!"# $&% '( e )("+* Introduciamo in tale insieme una operazione di somma,/0"#123045"#

Dettagli

Analisi Complessa. Prova intermedia del 7 novembre 2002 - Soluzioni. (z 11 1) 11 1 = 0.

Analisi Complessa. Prova intermedia del 7 novembre 2002 - Soluzioni. (z 11 1) 11 1 = 0. Analisi Complessa Prova intermedia del 7 novembre 2002 - Soluzioni Esercizio. Si consideri l equazione z 0. Quante soluzioni distinte esistono in C? Quante di esse sono contenute all interno del disco

Dettagli

METODI MATEMATICI PER LA FISICA

METODI MATEMATICI PER LA FISICA Si svolgano cortesemente i seguenti esercizi ESERCIZIO (6 PUNTI) METODI MATEMATICI PER LA FISICA PROVA SCRITTA - 2 GENNAIO 25 Una volta identificato, nel piano complesso α, il dominio di convergenza della

Dettagli

I numeri complessi. Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli

I numeri complessi. Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli I numeri complessi Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli 1 Introduzione Studiare i numeri complessi può sembrare inutile ed avulso dalla realtà;

Dettagli

Equazioni alle differenze finite (cenni).

Equazioni alle differenze finite (cenni). AL 011. Equazioni alle differenze finite (cenni). Sia a n } n IN una successione di numeri reali. (Qui usiamo la convenzione IN = 0, 1,,...}). Diremo che è una successione ricorsiva o definita per ricorrenza

Dettagli

NUMERI COMPLESSI Esercizi svolti. d) (1 i) 3. b) (1 + i)(1 i)(1 + 3 i) c) 1 i 1

NUMERI COMPLESSI Esercizi svolti. d) (1 i) 3. b) (1 + i)(1 i)(1 + 3 i) c) 1 i 1 Calcolare le seguenti potenze di i: NUMERI COMPLESSI Esercizi svolti a) i b) i 7 c) i d) i e) i f) i 9 Semplificare le seguenti espressioni: a) i) i i) b) + i) i) + ) 0 i c) i) i) i) d) i) Verificare che

Dettagli

Esercizi svolti. 1 Numeri complessi. 1.1 Forma cartesiana. Esercizio 1.1 Dato il numero complesso. z = 4 3 4i,

Esercizi svolti. 1 Numeri complessi. 1.1 Forma cartesiana. Esercizio 1.1 Dato il numero complesso. z = 4 3 4i, Numeri complessi Esercizi svolti 1 Numeri complessi 1.1 Forma cartesiana Esercizio 1.1 Dato il numero complesso z = 4 3 4i, a) determinare la parte reale x di z: x = Re z, b) determinare la parte immaginaria

Dettagli

Soluzioni. 1. Calcolare la parte reale e immaginaria del numero complesso. z = i i. 3 (2 + i) = i i = i.

Soluzioni. 1. Calcolare la parte reale e immaginaria del numero complesso. z = i i. 3 (2 + i) = i i = i. 20 Roberto Tauraso - Analisi 2 Soluzioni 1. Calcolare la parte reale e immaginaria del numero complesso R. z = i + 3 2 i. z = i + 3 2 i 2 i = 6 5 + ( 1 + 3 5 3 (2 + i) = i + 2 4 + 1 ) i = 6 5 + 8 5 i.

Dettagli

LE FUNZIONI A DUE VARIABILI

LE FUNZIONI A DUE VARIABILI Capitolo I LE FUNZIONI A DUE VARIABILI In questo primo capitolo introduciamo alcune definizioni di base delle funzioni reali a due variabili reali. Nel seguito R denoterà l insieme dei numeri reali mentre

Dettagli

Corrispondenze e funzioni

Corrispondenze e funzioni Corrispondenze e funzioni L attività fondamentale della mente umana consiste nello stabilire corrispondenze e relazioni tra oggetti; è anche per questo motivo che il concetto di corrispondenza è uno dei

Dettagli

0. Piano cartesiano 1

0. Piano cartesiano 1 0. Piano cartesiano Per piano cartesiano si intende un piano dotato di due assi (che per ragioni pratiche possiamo scegliere ortogonali). Il punto in comune ai due assi è detto origine, e funziona da origine

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

Ripasso delle matematiche elementari: esercizi svolti

Ripasso delle matematiche elementari: esercizi svolti Ripasso delle matematiche elementari: esercizi svolti I Equazioni e disequazioni algebriche 3 Esercizi su equazioni e polinomi di secondo grado.............. 3 Esercizi sulle equazioni di grado superiore

Dettagli

Appunti di Analisi Matematica 1. Docente:Fabio Camilli. SAPIENZA, Università di Roma A.A. 2014/15. http://www.dmmm.uniroma1.it/~fabio.

Appunti di Analisi Matematica 1. Docente:Fabio Camilli. SAPIENZA, Università di Roma A.A. 2014/15. http://www.dmmm.uniroma1.it/~fabio. Appunti di Analisi Matematica Docente:Fabio Camilli SAPIENZA, Università di Roma A.A. 4/5 http://www.dmmm.uniroma.it/~fabio.camilli/ (Versione del 9 luglio 5) Note scritte in collaborazione con il prof.

Dettagli

Analisi Mat. 1 - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 23-3-06

Analisi Mat. 1 - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 23-3-06 Analisi Mat. - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 3-3-6 Sia p il polinomio di quarto grado definito da pz = z 4. Sia S il settore circolare formato dai numeri complessi che hanno modulo minore o

Dettagli

Corso di Analisi Matematica. Funzioni continue

Corso di Analisi Matematica. Funzioni continue a.a. 203/204 Laurea triennale in Informatica Corso di Analisi Matematica Funzioni continue Avvertenza Questi sono appunti informali delle lezioni, che vengono resi disponibili per comodità degli studenti.

Dettagli

Numeri complessi e polinomi

Numeri complessi e polinomi Numeri complessi e polinomi 1 Numeri complessi L insieme dei numeri reali si identifica con la retta della geometria: in altri termini la retta si può dotare delle operazioni + e e divenire un insieme

Dettagli

1.2 Funzioni, dominio, codominio, invertibilità elementare, alcune identità trigonometriche

1.2 Funzioni, dominio, codominio, invertibilità elementare, alcune identità trigonometriche . Funzioni, dominio, codominio, invertibilità elementare, alcune identità trigonometriche Per le definizioni e teoremi si fa riferimento ad uno qualsiasi dei libri M.Bertsch - R.Dal Passo Lezioni di Analisi

Dettagli

( a ) ( ) ( Circuiti elettrici in corrente alternata. I numeri complessi. I numeri complessi in rappresentazione cartesiana

( a ) ( ) ( Circuiti elettrici in corrente alternata. I numeri complessi. I numeri complessi in rappresentazione cartesiana I numeri complessi I numeri complessi in rappresentazione cartesiana Un numero complesso a è una coppia ordinata di numeri reali che possono essere pensati come coordinate di un punto nel piano P(a,a,

Dettagli

Alcune note sulle serie di potenze 1

Alcune note sulle serie di potenze 1 Alcune note sulle serie di potenze Contents G. Falqui Preliminari 2 Serie di potenze 3 3 Rappresentazione di funzioni mediante serie di potenze 7 3. Esempi notevoli........................... 9 3.2 Formula

Dettagli

Coordinate Cartesiane nel Piano

Coordinate Cartesiane nel Piano Coordinate Cartesiane nel Piano O = (0,0) origine degli assi ascissa, y ordinata sistemi monometrici: stessa unità di misura sui due assi, y sistemi dimetrici: unità di misura diverse sui due assi (spesso

Dettagli

FUNZIONE REALE DI UNA VARIABILE

FUNZIONE REALE DI UNA VARIABILE FUNZIONE REALE DI UNA VARIABILE Funzione: legge che ad ogni elemento di un insieme D (Dominio) tale che D R, fa corrispondere un elemento y R ( R = Codominio ). f : D R : f () = y ; La funzione f(): A

Dettagli

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni.

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni. MATEMATICA. Sistemi lineari in due equazioni due incognite. Date due equazioni lineari nelle due incognite x, y come ad esempio { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un

Dettagli

Esempio di test di ingresso per i Corsi di Laurea della classe L-31 Scienze e tecnologie informatiche

Esempio di test di ingresso per i Corsi di Laurea della classe L-31 Scienze e tecnologie informatiche Esempio di test di ingresso per i Corsi di Laurea della classe L-31 Scienze e tecnologie informatiche Il tempo a disposizione per la risoluzione dei quesiti è di 90 minuti. Il test si ritiene superato

Dettagli

z = i 4 2i 3. a)z = (1 + i) 6 e b)w = i 17. 4) Scrivere in forma trigonometrica i seguenti numeri complessi: a)8 b)6i c)( cos( π 3 ) i sin(π 3 ))7.

z = i 4 2i 3. a)z = (1 + i) 6 e b)w = i 17. 4) Scrivere in forma trigonometrica i seguenti numeri complessi: a)8 b)6i c)( cos( π 3 ) i sin(π 3 ))7. NUMERI COMPLESSI Esercizi svolti. 1 Calcolare la parte reale e la parte immaginaria di z = i i. Determinare il valore assoluto e il coniugato di az = 1 + i 6 e bw = i 17. Scrivere in forma cartesiana i

Dettagli

Consideriamo due polinomi

Consideriamo due polinomi Capitolo 3 Il luogo delle radici Consideriamo due polinomi N(z) = (z z 1 )(z z 2 )... (z z m ) D(z) = (z p 1 )(z p 2 )... (z p n ) della variabile complessa z con m < n. Nelle problematiche connesse al

Dettagli

Matematica di base. Marco Di Francesco. October 28, 2015

Matematica di base. Marco Di Francesco. October 28, 2015 Matematica di base Marco Di Francesco October 28, 2015 2 Chapter 1 Insiemi, numeri e introduzione alle funzioni 1.1 Insiemi La teoria degli insiemi permette di definire in modo sintetico e generale i problemi

Dettagli

CLASSE 4B LICEO SCIENTIFICO PROGRAMMA SVOLTO A.S. 2011-12. Disciplina : MATEMATICA. Docente Prof.ssa Paola Perego

CLASSE 4B LICEO SCIENTIFICO PROGRAMMA SVOLTO A.S. 2011-12. Disciplina : MATEMATICA. Docente Prof.ssa Paola Perego CONVITTO NAZIONALE MARIA LUIGIA di Parma CLASSE 4B LICEO SCIENTIFICO PROGRAMMA SVOLTO A.S. 2011-12 Disciplina : MATEMATICA Docente Prof.ssa Paola Perego COMPETENZE CONOSCENZE Funzione esponenziale e logaritmica

Dettagli

09 - Funzioni reali di due variabili reali

09 - Funzioni reali di due variabili reali Università degli Studi di Palermo Facoltà di Economia CdS Sviluppo Economico e Cooperazione Internazionale Appunti del corso di Matematica 09 - Funzioni reali di due variabili reali Anno Accademico 2013/2014

Dettagli

Analysis for Brixen. Corso Estivo A.A. 2011/12. Paolo Guiotto

Analysis for Brixen. Corso Estivo A.A. 2011/12. Paolo Guiotto Analysis for Brien Corso Estivo A.A. 0/ Paolo Guiotto Avvertenze Questa avvertenze sono rivolte direttamente all allievo/a, con la speranza di fornirgli/le qualche utile indicazione per un utilizzo proficuo

Dettagli

L unità immaginaria si indica con la lettera i oppure con la lettera j

L unità immaginaria si indica con la lettera i oppure con la lettera j I s t i t u t o P r o f e s s i o n a l e d i S t a t o p e r l I n d u s t r i a e l A r t i g i a n a t o CAVOUR-MARCONI Loc. Piscille Via Assisana, 40/d-06154 PERUGIA Tel. 075/5838322 Fax 075/32371

Dettagli

Insiemi di livello e limiti in più variabili

Insiemi di livello e limiti in più variabili Insiemi di livello e iti in più variabili Insiemi di livello Si consideri una funzione f : A R, con A R n. Un modo per poter studiare il comportamento di una funzione in più variabili potrebbe essere quello

Dettagli

CAPITOLO 1. I numeri complessi

CAPITOLO 1. I numeri complessi CAPITOLO 1 I numeri complessi È noto che l equazione x 2 + 1 = 0 non ha soluzioni reali. Costruiamo un ampliamento dell insieme dei numeri reali in modo che anche questa equazione possa avere soluzione.

Dettagli

Funzione Una relazione fra due insiemi A e B è una funzione se a ogni elemento di A si associa uno e un solo elemento

Funzione Una relazione fra due insiemi A e B è una funzione se a ogni elemento di A si associa uno e un solo elemento TERIA CAPITL 9. ESPNENZIALI E LGARITMI. LE FUNZINI Non si ha una funzione se anche a un solo elemento di A non è associato un elemento di B, oppure ne sono associati più di uno. DEFINIZINE Funzione Una

Dettagli

DOMINIO E LIMITI. Esercizio 3 Studiare gli insiemi di livello della funzione f, nei seguenti casi: 1) f(x,y) = y2 x 2 + y 2.

DOMINIO E LIMITI. Esercizio 3 Studiare gli insiemi di livello della funzione f, nei seguenti casi: 1) f(x,y) = y2 x 2 + y 2. FUNZIONI DI DUE VARIABILI 1 DOMINIO E LIMITI Domini e disequazioni in due variabili. Insiemi di livello. Elementi di topologia (insiemi aperti, chiusi, limitati, convessi, connessi per archi; punti di

Dettagli

Teoria in sintesi 10. Attività di sportello 1, 24 - Attività di sportello 2, 24 - Verifica conclusiva, 25. Teoria in sintesi 26

Teoria in sintesi 10. Attività di sportello 1, 24 - Attività di sportello 2, 24 - Verifica conclusiva, 25. Teoria in sintesi 26 Indice L attività di recupero 6 Funzioni Teoria in sintesi 0 Obiettivo Ricerca del dominio e del codominio di funzioni note Obiettivo Ricerca del dominio di funzioni algebriche; scrittura del dominio Obiettivo

Dettagli

Docente: DI LISCIA F. CLASSE 1T MODULO 1: GLI INSIEMI NUMERICI

Docente: DI LISCIA F. CLASSE 1T MODULO 1: GLI INSIEMI NUMERICI Docente: DI LISCIA F. Materia: MATEMATICA CLASSE 1T MODULO 1: GLI INSIEMI NUMERICI Insiemi numerici: numeri naturali, proprietà delle operazioni aritmetiche; Potenze e loro proprietà; Criteri di divisibilità;

Dettagli

Capitolo 1 ANALISI COMPLESSA

Capitolo 1 ANALISI COMPLESSA Capitolo 1 ANALISI COMPLESSA 1 1.4 Serie in campo complesso 1.4.1 Serie di potenze Una serie di potenze è una serie del tipo a k (z z 0 ) k. Per le serie di potenze in campo complesso valgono teoremi analoghi

Dettagli

Capitolo I STRUTTURE ALGEBRICHE ELEMENTARI

Capitolo I STRUTTURE ALGEBRICHE ELEMENTARI Capitolo I STRUTTURE ALGEBRICHE ELEMENTARI In matematica, per semplificare la stesura di un testo, si fa ricorso ad un linguaggio specifico. In questo capitolo vengono fornite in maniera sintetica le nozioni

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO - CLASSE PRIMA sez. R - ITT. ALGAROTTI - A.S. 2014/15. Insegnante: Roberto Bottazzo Materia: FISICA

PROGRAMMA SVOLTO - CLASSE PRIMA sez. R - ITT. ALGAROTTI - A.S. 2014/15. Insegnante: Roberto Bottazzo Materia: FISICA PROGRAMMA SVOLTO - CLASSE PRIMA sez. R - ITT. ALGAROTTI - A.S. 2014/15 Materia: FISICA 1) INTRODUZIONE ALLA SCIENZA E AL METODO SCIENTIFICO La Scienza moderna. Galileo ed il metodo sperimentale. Grandezze

Dettagli

Numeri complessi. x 2 = 1.

Numeri complessi. x 2 = 1. 1 Numeri complessi Nel corso dello studio della matematica si assiste ad una progressiva estensione del concetto di numero. Dall insieme degli interi naturali N si passa a quello degli interi relativi

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TERAMO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TERAMO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TERAMO CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA BANCARIA FINANZIARIA ED ASSICURATIVA (Classe 7) Corso di Matematica per l Economia (Prof. F. Eugeni) TEST DI INGRESSO Teramo, ottobre 00 SEZIONE

Dettagli

Corso di Analisi Matematica. Funzioni reali di variabile reale

Corso di Analisi Matematica. Funzioni reali di variabile reale a.a. 2011/12 Laurea triennale in Informatica Corso di Analisi Matematica Funzioni reali di variabile reale Avvertenza Questi sono appunti informali delle lezioni, che vengono resi disponibili per comodità

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate Via G. Verdi, 1 85025 MELFI (PZ) Tel. 097224434/35 Cod. Min.: PZIS02700B

Dettagli

Guida pratica per la prova scritta di matematica della maturità scientifica

Guida pratica per la prova scritta di matematica della maturità scientifica Giulio Donato Broccoli Guida pratica per la prova scritta di matematica della maturità scientifica Comprende: Metodi matematici fondamentali per affrontare i temi assegnati Esercizi interamente svolti

Dettagli

DOMINIO di FUNZIONI. PREREQUISITI: Grafici delle funzioni elementari. Calcolo di EQUAZIONI e DISEQUAZIONI, intere e fratte.

DOMINIO di FUNZIONI. PREREQUISITI: Grafici delle funzioni elementari. Calcolo di EQUAZIONI e DISEQUAZIONI, intere e fratte. DOMINIO di FUNZIONI PREREQUISITI: Grafici delle funzioni elementari. Calcolo di EQUAZIONI e DISEQUAZIONI, intere e fratte. Tutorial di Barberis Paola - 2009 Definizioni: FUNZIONE e DOMINIO LA FUNZIONE

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

31/10/2012. Lo studio delle funzioni permette di interpretare la variazione di due grandezze, l una rispetto l altra, quando

31/10/2012. Lo studio delle funzioni permette di interpretare la variazione di due grandezze, l una rispetto l altra, quando FUNZIONI MATEMATICHE Introduzione Lo studio delle funzioni permette di interpretare la variazione di due grandezze, l una rispetto l altra, quando tra le due esiste un legame di tipo matematico. La teoria

Dettagli

Catene di Misura. Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/

Catene di Misura. Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/ Catene di Misura Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/ Piero Malcovati Dipartimento di Ingegneria Industriale e dell Informazione Università di Pavia piero.malcovati@unipv.it Piero Malcovati

Dettagli

Studio di funzioni ( )

Studio di funzioni ( ) Studio di funzioni Effettuare uno studio qualitativo e tracciare un grafico approssimativo delle seguenti funzioni. Si studi in particolare anche la concavità delle funzioni e si indichino esplicitamente

Dettagli

ESERCITAZIONI PROPEDEUTICHE DI MATEMATICA. A. Concetti e proprietà di base del sistema dei numeri della matematica ( ) + 64 7 10 :5

ESERCITAZIONI PROPEDEUTICHE DI MATEMATICA. A. Concetti e proprietà di base del sistema dei numeri della matematica ( ) + 64 7 10 :5 ESERCITAZIONI PROPEDEUTICHE DI MATEMATICA PER IL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA Ana Millán Gasca Luigi Regoliosi La lettura e lo studio del libro Pensare in matematica da parte degli

Dettagli

Introduzione. Margine di ampiezza... 2 Margine di fase... 5 Osservazione... 6 Margini di stabilità e diagrammi di Bode... 6

Introduzione. Margine di ampiezza... 2 Margine di fase... 5 Osservazione... 6 Margini di stabilità e diagrammi di Bode... 6 ppunti di Controlli utomatici Capitolo 7 parte II Margini di stabilità Introduzione... Margine di ampiezza... Margine di fase... 5 Osservazione... 6 Margini di stabilità e diagrammi di ode... 6 Introduzione

Dettagli

Università degli studi di Brescia Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica. Corso propedeutico di Matematica e Informatica

Università degli studi di Brescia Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica. Corso propedeutico di Matematica e Informatica Università degli studi di Brescia Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica a.a. 2006/2007 Docente Ing. Andrea Ghedi Lezione 2 IL PIANO CARTESIANO 1 Il piano cartesiano In un piano

Dettagli

I PROBLEMI ALGEBRICI

I PROBLEMI ALGEBRICI I PROBLEMI ALGEBRICI La risoluzione di problemi è una delle attività fondamentali della matematica. Una grande quantità di problemi è risolubile mediante un modello algebrico costituito da equazioni e

Dettagli

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte)

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte) Corso di Geometria I (seconda parte) anno acc. 2009/2010 Cambiamento del sistema di riferimento in E 3 Consideriamo in E 3 due sistemi di riferimento ortonormali R e R, ed un punto P (x, y, z) in R. Lo

Dettagli

Scheda I. 3 La non possibilità di duplicare il cubo con riga e compasso.

Scheda I. 3 La non possibilità di duplicare il cubo con riga e compasso. Scheda I. La non possibilità di duplicare il cubo con riga e compasso. Dopo Menecmo, Archita, Eratostene molti altri, sfidando gli dei hanno trovato interessante dedicare il loro tempo per trovare una

Dettagli

Controlli Automatici T. Trasformata di Laplace e Funzione di trasferimento. Parte 3 Aggiornamento: Settembre 2010. Prof. L.

Controlli Automatici T. Trasformata di Laplace e Funzione di trasferimento. Parte 3 Aggiornamento: Settembre 2010. Prof. L. Parte 3 Aggiornamento: Settembre 2010 Parte 3, 1 Trasformata di Laplace e Funzione di trasferimento Prof. Lorenzo Marconi DEIS-Università di Bologna Tel. 051 2093788 Email: lmarconi@deis.unibo.it URL:

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione suppletiva

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione suppletiva ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 00 Sessione suppletiva Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 0 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA Se il polinomio

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2011

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2011 ESAME DI STAT DI LICE SCIENTIFIC CRS DI RDINAMENT Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PRBLEMA Si considerino le funzioni f e g definite, per tutti

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2003 Sessione straordinaria

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2003 Sessione straordinaria ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 3 Sessione straordinaria Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA È assegnata

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

IL CONCETTO DI FUNZIONE

IL CONCETTO DI FUNZIONE IL CONCETTO DI FUNZIONE Il concetto di funzione è forse il concetto più importante per la matematica: infatti la matematica e' cercare le cause, le implicazioni, le conseguenze e l'utilità di una funzione

Dettagli

NUMERI COMPLESSI. Test di autovalutazione

NUMERI COMPLESSI. Test di autovalutazione NUMERI COMPLESSI Test di autovalutazione 1. Se due numeri complessi z 1 e z 2 sono rappresentati nel piano di Gauss da due punti simmetrici rispetto all origine: (a) sono le radici quadrate di uno stesso

Dettagli

Programma precorso di matematica

Programma precorso di matematica Programma precorso di matematica a.a. 015/16 Quello che segue è il programma dettagliato del precorso. Si fa riferimento al testo [MPB] E. Acerbi, G. Buttazzo: Matematica Preuniversitaria di Base, Pitagora

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

I numeri complessi. Pagine tratte da Elementi della teoria delle funzioni olomorfe di una variabile complessa

I numeri complessi. Pagine tratte da Elementi della teoria delle funzioni olomorfe di una variabile complessa I umeri complessi Pagie tratte da Elemeti della teoria delle fuzioi olomorfe di ua variabile complessa di G. Vergara Caffarelli, P. Loreti, L. Giacomelli Dipartimeto di Metodi e Modelli Matematici per

Dettagli

(V) (FX) Z 6 è un campo rispetto alle usuali operazioni di somma e prodotto.

(V) (FX) Z 6 è un campo rispetto alle usuali operazioni di somma e prodotto. 29 giugno 2009 - PROVA D ESAME - Geometria e Algebra T NOME: MATRICOLA: a=, b=, c= Sostituire ai parametri a, b, c rispettivamente la terzultima, penultima e ultima cifra del proprio numero di matricola

Dettagli

Complementi di Analisi per Informatica *** Capitolo 1. Numeri Complessi. Sergio Benenti. 7 settembre I(z) P n (z)

Complementi di Analisi per Informatica *** Capitolo 1. Numeri Complessi. Sergio Benenti. 7 settembre I(z) P n (z) Complementi di Analisi per Informatica *** Capitolo 1 Numeri Complessi Sergio Benenti 7 settembre 2013 I(z) P n (z) Γ P n(z 0 ) R(z) Indice 1 Numeri complessi 1 11 Numeri complessi, somma e prodotto 1

Dettagli

L esigenza di introdurre i numeri complessi è dovuta al fatto che diverse operazioni sui numeri reali R non sempre sono possibili.

L esigenza di introdurre i numeri complessi è dovuta al fatto che diverse operazioni sui numeri reali R non sempre sono possibili. 1 I Numeri Complessi L esigenza di introdurre i numeri complessi è dovuta al fatto che diverse operazioni sui numeri reali R non sempre sono possibili. x 2 + 1 = 0? log( 10)? log 2 3? 1? Allo scopo di

Dettagli

Esponenziali e logaritmi

Esponenziali e logaritmi Capitolo 9 Esponenziali e logaritmi... Capitolo 0 Funzioni circolari 0. Descrizione di fenomeni periodici Tra le funzioni elementari ne esistono due atte a descrivere fenomeni che si ripetono periodicamente

Dettagli

Applicazioni lineari

Applicazioni lineari Applicazioni lineari Esempi di applicazioni lineari Definizione. Se V e W sono spazi vettoriali, una applicazione lineare è una funzione f: V W tale che, per ogni v, w V e per ogni a, b R si abbia f(av

Dettagli

EQUAZIONI DIFFERENZIALI Esercizi svolti. y = xy. y(2) = 1.

EQUAZIONI DIFFERENZIALI Esercizi svolti. y = xy. y(2) = 1. EQUAZIONI DIFFERENZIALI Esercizi svolti 1. Determinare la soluzione dell equazione differenziale (x 2 + 1)y + y 2 =. y + x tan y = 2. Risolvere il problema di Cauchy y() = 1 2 π. 3. Risolvere il problema

Dettagli

NOME:... MATRICOLA:... Scienza dei Media e della Comunicazione, A.A. 2007/2008 Analisi Matematica 1, Esame scritto del 08.02.2008. x 1.

NOME:... MATRICOLA:... Scienza dei Media e della Comunicazione, A.A. 2007/2008 Analisi Matematica 1, Esame scritto del 08.02.2008. x 1. NOME:... MATRICOLA:.... Scienza dei Media e della Comunicazione, A.A. 007/008 Analisi Matematica, Esame scritto del 08.0.008 Indicare per quali R vale la seguente diseguaglianza : + >. Se y - - è il grafico

Dettagli

MATEMATICA SCUOLE DELL INFANZIA

MATEMATICA SCUOLE DELL INFANZIA MATEMATICA SCUOLE DELL INFANZIA CAMPO DI ESPERIENZA: LA CONOSCENZA DEL MONDO (ordine, misura, spazio, tempo, natura) È l'ambito relativo all'esplorazione, scoperta e prima sistematizzazione delle conoscenze

Dettagli

Esercizi di Analisi Matematica

Esercizi di Analisi Matematica Esercizi di Analisi Matematica CAPITOLO 1 LE FUNZIONI Exercise 1.0.1. Risolvere le seguenti disuguaglianze: (1) x 1 < 3 () x + 1 > (3) x + 1 < 1 (4) x 1 < x + 1 x 1 < 3 x + 1 < 3 x < 4 Caso: (a): x 1

Dettagli

Programmazione per competenze del corso Matematica, Secondo biennio

Programmazione per competenze del corso Matematica, Secondo biennio Programmazione per del corso Matematica, Secondo biennio Competenze di area Traguardi per lo sviluppo delle degli elementi del calcolo algebrico algebriche di primo e secondo grado di grado superiore al

Dettagli

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO SIMULAZINE DI PRVA D ESAME CRS DI RDINAMENT Risolvi uno dei due problemi e 5 dei quesiti del questionario. PRBLEMA Considera la famiglia di funzioni k ln f k () se k se e la funzione g() ln se. se. Determina

Dettagli

Andrea Pagano, Laura Tedeschini Lalli

Andrea Pagano, Laura Tedeschini Lalli 3.5 Il toro 3.5.1 Modelli di toro Modelli di carta Esempio 3.5.1 Toro 1 Il modello di toro finito che ciascuno può costruire è ottenuto incollando a due a due i lati opposti di un foglio rettangolare.

Dettagli

Analisi in regime sinusoidale (parte I)

Analisi in regime sinusoidale (parte I) Appunti di Elettrotecnica Analisi in regime sinusoidale (parte I) Introduzione sul regime sinusoidale... Generalità sulle funzioni periodiche e sulle grandezze alternate...3 Esempio...4 Richiami sui numeri

Dettagli

LICEO ARTISTICO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA

LICEO ARTISTICO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA Anno Scolastico 2014/15 LICEO ARTISTICO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA : MATEMATICA PRIMO BIENNIO L asse matematico ha l obiettivo di far acquisire allo studente saperi e competenze

Dettagli

Elenco Ordinato per Materia Chimica

Elenco Ordinato per Materia Chimica ( [B,25404] Perché le ossa degli uccelli sono pneumatiche, cioè ripiene di aria? C (A) per consentire i movimenti angolari (B) per immagazzinare come riserva di ossigeno X(C) per essere più leggere onde

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

Elementi di topologia della retta

Elementi di topologia della retta Elementi di topologia della retta nome insieme definizione l insieme è un concetto primitivo che si accetta come intuitivamente noto secondo George Cantor, il padre della teoria degli insiemi: Per insieme

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

Corso di ordinamento Sessione straordinaria - a.s. 2009-2010 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO SESSIONE STRAORDINARIA

Corso di ordinamento Sessione straordinaria - a.s. 2009-2010 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO SESSIONE STRAORDINARIA Sessione straordinaria - a.s. 9- ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO SESSIONE STRAORDINARIA Tema di: MATEMATICA a.s. 9- Svolgimento a cura di Nicola De Rosa Il candidato risolva uno

Dettagli

Alcune applicazioni delle equazioni differenziali ordinarie alla teoria dei circuiti elettrici

Alcune applicazioni delle equazioni differenziali ordinarie alla teoria dei circuiti elettrici Alcune applicazioni delle equazioni differenziali ordinarie alla teoria dei circuiti elettrici Attilio Piana, Andrea Ziggioto 1 egime variabile in un circuito elettrico. Circuito C. 1.1 Carica del condensatore

Dettagli

MATEMATICA. PRIMO ANNO (Liceo Classico e Liceo delle Scienze Umane)

MATEMATICA. PRIMO ANNO (Liceo Classico e Liceo delle Scienze Umane) 1/7 PRIMO ANNO Testo consigliato: BERGAMINI TRIFONE BAROZZI, Matematica.azzurro, vol. 1, Zanichelli Obiettivi minimi. Acquisire il linguaggio specifico della disciplina; sviluppare espressioni algebriche

Dettagli

CURRICOLO MATEMATICA ABILITA COMPETENZE

CURRICOLO MATEMATICA ABILITA COMPETENZE CURRICOLO MATEMATICA 1) Operare con i numeri nel calcolo aritmetico e algebrico, scritto e mentale, anche con riferimento a contesti reali. Per riconoscere e risolvere problemi di vario genere, individuando

Dettagli

Matematica e Statistica

Matematica e Statistica Matematica e Statistica Prova d esame (0/07/03) Università di Verona - Laurea in Biotecnologie - A.A. 0/3 Matematica e Statistica Prova di MATEMATICA (0/07/03) Università di Verona - Laurea in Biotecnologie

Dettagli

STRUTTURE ALGEBRICHE

STRUTTURE ALGEBRICHE STRUTTURE ALGEBRICHE Operazioni in un insieme Sia A un insieme non vuoto; una funzione f : A A A si dice operazione binaria (o semplicemente operazione), oppure legge di composizione interna. Per definizione

Dettagli