Comunità Europea (CE) International Accounting Standards, n. 17

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Comunità Europea (CE) International Accounting Standards, n. 17"

Transcript

1 Scopo contnuto dl documnto Comunità Europa (CE) Intrnational Accounting Standards, n. 17 Lasing Lasing Finalità SOMMARIO Paragrafi 1 Ambito di applicazion 2-3 Dfinizioni 4-6 Classificazion dll oprazioni di lasing L oprazioni di lasing nl bilancio di locatari Lasing finanziari Rilvazion inizial Valutazion succssiva Lasing oprativi L oprazioni di lasing nl bilancio di locatori Lasing finanziari Rilvazion inizial Valutazioni succssiv Lasing oprativi Oprazion di vndita rtrolocazion Disposizioni transitori Data di ntrata in vigor Sostituzion dllo IAS 17 (rivisto nlla sostanza nl 1997) Il prsnt Principio sostituisc lo IAS 17 (rivisto nlla sostanza nl 1997) Lasing dovrbb ssr applicato ai bilanci dgli srcizi ch hanno inizio dal 1 gnnaio 2005 o da data succssiva. E' incoraggiata una applicazion anticipata. FINALITA'

2 1. La finalità dl prsnt Principio è qulla di dfinir, pr locatari locatori, il trattamnto contabil appropriato l'informazion intgrativa pr l oprazioni di lasing. AMBITO DI APPLICAZIONE 2. Il prsnt Principio dv ssr applicato pr la contabilizzazion di tutt l oprazioni di lasing diffrnti da: (a) lasing pr l'splorazion o pr l'strazion di minrali, ptrolio, gas naturali risors non rignrativ similari; (b) contratti di concssion di licnza pr bni quali film, rgistrazioni vido, spttacoli, manoscritti, brvtti copyright. Tuttavia, il prsnt Principio non dv ssr applicato com la bas di valutazion pr: (a) immobili possduti da locatari ch sono contabilizzati com invstimnti immobiliari (vdr IAS 40 Invstimnti immobiliari); (b) invstimnti immobiliari concssi dai locatori tramit lasing oprativi (vdr IAS 40); (c) attività biologich utilizzat da locatari tramit lasing finanziari (vdr IAS 41 Agricoltura); o (d) attività biologich concss dai locatori tramit lasing oprativi (vdr IAS 41); 3. Il prsnt Principio si applica a contratti ch trasfriscono il diritto di utilizzo di bni, anch s al locator possono ssr richisti rilvanti srvizi in rlazion all'utilizzo o alla manutnzion di tali bni. Il prsnt Principio non si applica a contratti pr srvizi ch non trasfriscono il diritto all'utilizzo di bni da una part contrant all'altra. DEFINIZIONI 4. I trmini sgunti sono usati nl prsnt Principio con i significati indicati: Il lasing è un contratto pr mzzo dl qual il locator trasfrisc al locatario, in cambio di un pagamnto o di una sri di pagamnti, il diritto all'utilizzo di un bn pr un priodo di tmpo stabilito. Il lasing finanziario è un lasing ch trasfrisc sostanzialmnt tutti i rischi i bnfici drivanti dalla proprità dl bn. Il diritto di proprità può ssr trasfrito o mno al trmin dl contratto. Il lasing oprativo è un lasing diffrnt dal lasing finanziario. Il lasing non annullabil è un lasing ch può ssr annullato solo: (a) al vrificarsi di alcun rmot vntualità; (b) con l'autorizzazion dl locator; (c) s il locatario stipula con il mdsimo locator un nuovo lasing pr lo stsso bn o pr un bn quivalnt; o (d) a sguito dl pagamnto da part dl locatario di un ultrior ammontar tal ch, dl lasing la sua continuazion sia ragionvolmnt crta fin dall'inizio.

3 L'inizio dl lasing coincid con la data antrior tra qulla dl contratto di lasing qulla dll'impgno dll parti sull principali clausol dl lasing. A qusta data: (a) un lasing è classificato com un lasing oprativo o finanziario; (b) nl caso di un lasing finanziario, sono dtrminati gli importi da rilvar all'inizio dlla dcorrnza dl lasing. L'inizio dlla dcorrnza dl lasing è la data dalla qual il locatario è autorizzato all'srcizio dl suo diritto all'utilizzo dl bn locato. E' la data dlla rilvazion inizial dl lasing (ossia la rilvazion ni modi appropriati dll attività, passività, ricavi costi risultanti dal lasing). La durata dl lasing è il priodo non annullabil pr il qual il locatario ha prso in lasing il bn insim a vntuali ultriori priodi pr i quali il locatario ha il diritto di opzion pr continuar nl lasing dl bn, con o snza ultriori pagamnti, -quando all'inizio dl contratto- è ragionvolmnt crto ch il locatario srcitrà l'opzion. I pagamnti minimi dovuti pr il lasing sono i pagamnti richisti o ch possono ssr richisti al locatario nl corso dlla durata dl lasing sclusi i canoni potnziali di locazion, costi pr srvizi impost ch dvono ssr pagati dal locator d ssr a lui rimborsati, insim a: (a) con rifrimnto al locatario, qualsiasi importo garantito dal locatario o da un trzo a lui collgato; o (b) con rifrimnto al locator, qualsiasi valor rsiduo garantito al locator da: (i) il locatario; (ii) un trzo collgato al locatario; o (iii) una trza part non collgata al locator avnt la capacità finanziaria di soddisfar gli impgni in garanzia. Tuttavia, s il locatario ha un'opzion di acquisto dl bn a un przzo ch si ritin sarà, sufficintmnt infrior al fair valu (valor quo) alla data in cui l'opzion sarà srcitabil, cosicché all'inizio dl lasing è ragionvolmnt crto ch ssa sarà srcitata, i pagamnti minimi dovuti pr il lasing comprndono i canoni minimi da pagar durant la durata dl lasing fino alla data prvista di srcizio dll'opzion di acquisto il pagamnto richisto pr srcitarla. Il fair valu (valor quo) è il corrispttivo al qual un'attività potrbb ssr scambiata, o una passività stinta, in una libra transazion fra parti consapvoli indipndnti. La vita conomica è altrnativamnt: (a) il priodo di tmpo nl qual ci si attnd ch un bn sia utilizzabil conomicamnt da uno o più utilizzatori; o (b) la quantità di prodotti o unità similari ch uno o più utilizzatori si attndono di ottnr dal suo utilizzo. La vita util è il priodo rstant stimato, dalla dcorrnza dl lasing, snza limitazioni nlla durata dl

4 lasing, nl qual ci si attnd ch i bnfici conomici incorporati nl bn siano utilizzati dall'ntità. Il valor rsiduo garantito è: (a) con rifrimnto al locatario, la part dl valor rsiduo garantita dal locatario o da un trzo collgato al locatario (il valor dlla garanzia corrispond all'ammontar massimo ch, in qualsiasi situazion, può divnir sigibil); (b) con rifrimnto al locator, la part dl valor rsiduo garantita dal locatario o da una part trza non collgata al locator ch sia finanziariamnt in grado di stingur l'obbligazion. Il valor rsiduo non garantito è la part dl valor rsiduo dl bn locato il cui ralizzo da part dl locator non è crto o è garantito unicamnt da un trzo collgato con il locator. I costi dirtti iniziali sono costi addizionali ch sono dirttamnt attribuibili alla ngoziazion al prfzionamnto di un'oprazion di lasing ad cczion di costi sostnuti dai locatori ch siano produttori o commrcianti. L'invstimnto lordo nl lasing è la sommatoria di: (a) i pagamnti minimi dovuti pr il lasing sigibili dal locator nl contsto di un lasing finanziario, (b) qualsiasi valor rsiduo non garantito spttant al locator. L'invstimnto ntto nl lasing è l'invstimnto lordo nl lasing attualizzato al tasso di intrss implicito dl lasing. L'util finanziario diffrito è la diffrnza tra: (a) l'invstimnto lordo nl lasing, (b) l'invstimnto ntto nl lasing. Il tasso di intrss implicito dl lasing è il tasso di attualizzazion ch, all'inizio dl lasing, fa si ch il valor attual complssivo di (a) i pagamnti minimi drivanti dal lasing (b) il valor rsiduo non garantito sia ugual alla somma di (i) il fair valu (valor quo) dl bn locato (ii) gli vntuali costi dirtti iniziali dl locator. Il tasso di finanziamnto marginal dl locatario è il tasso di intrss ch il locatario dovrbb pagar pr un lasing similar o, s qusto non è dtrminabil, il tasso ch, all'inizio dl lasing, il locatario dovrbb pagar pr un prstito con una durata con garanzi simili ncssario pr acquistar il bn. Il canon potnzial di locazion è la part di canoni ch non è prfissata nll'ammontar ma ch è basata sul valor futuro di un paramtro ch cambia pr motivi divrsi dal passar dl tmpo (qual una prcntual di futur vndit, un ammontar d'utilizzo futuro, indici di przzo futuri, tassi di intrss di mrcato futuri). 5. Un contratto o un impgno di lasing può includr una clausola pr rttificar i pagamnti dlla locazion in sguito a cambiamnti ni costi di costruzion o acquisto dll'immobil locato o a cambiamnti di altri paramtri dl costo o valor, quali il tasso di inflazion o costi di finanziamnto dl lasing pr il locator, durant il priodo tra l'inizio dl lasing l'inizio dlla dcorrnza dl contratto di lasing. Pr l finalità dl prsnt Principio, s ciò si

5 vrifica, si dv prsumr ch l'fftto di tali cambiamnti sia avvnuto all'inizio dl lasing. 6. Nlla dfinizion di lasing sono inclusi i contratti pr la locazion di un bn avnti una clausola ch attribuisc al conduttor l'opzion pr l'acquisto dlla proprità dl bn all'admpimnto dll condizioni stabilit. Qusti contratti sono talvolta noti com hir purchas contract contratti nolggio/acquisto. CLASSIFICAZIONE DELLE OPERAZIONI DI LEASING 7. La classificazion dll oprazioni di lasing adottata nl prsnt Principio si basa sulla attribuzion al locator o al locatario di rischi di bnfici drivanti dalla proprità di un bn locato. I rischi comprndono l possibilità di prdit drivanti da capacità inutilizzata o da obsolscnza tcnologica di variazioni nl rndimnto dovut a cambiamnti nll condizioni conomich. I bnfici possono ssr rapprsntati da un rdditizio utilizzo attso durant la vita conomica dl bn da utili connssi alla rivalutazion o al ralizzo dl valor rsiduo. 8. Un lasing è classificato com finanziario s trasfrisc, sostanzialmnt, tutti i rischi i bnfici connssi alla proprità. Un lasing è classificato com oprativo s non trasfrisc, sostanzialmnt, tutti i rischi i bnfici drivanti dalla proprità. 9. Poiché l'oprazion tra un locator un locatario si basa su un contratto di lasing tra l parti, è opportuno utilizzar dfinizioni uniformi. L'applicazion di qust dfinizioni all diffrnti situazioni dl locator locatario possono avr com consgunza ch il mdsimo contratto di lasing sia classificato in modo diffrnt dal locator dal locatario. Pr smpio, qusto si potrbb vrificar s il locator god di una garanzia sul valor rsiduo prstata da una part non collgata al locatario. 10. La classificazion di un lasing com finanziario od oprativo dipnd dalla sostanza dll'oprazion piuttosto ch dalla forma dl contratto [*]. Esmpi di situazioni ch individualmnt, o congiuntamnt potrbbro di norma portar a classificar un lasing com finanziario sono: (a) il lasing trasfrisc la proprità dl bn al locatario al trmin dl contratto di lasing; (b) il locatario ha l'opzion di acquisto dl bn a un przzo ch ci si attnd sia sufficintmnt infrior al fair valu (valor quo) alla data alla qual si può srcitar l'opzion cosicché all'inizio dl lasing, è ragionvolmnt crto, ch, ssa sarà srcitata; (c) la durata dl lasing copr la maggior part dlla vita conomica dl bn anch s la proprità non è trasfrita; (d) all'inizio dl lasing il valor attual di pagamnti minimi dovuti pr il lasing quival almno al fair valu (valor quo) dl bn locato; () i bni locati sono di natura così particolar ch solo il locatario può utilizzarli snza importanti modifich. [*] Si vda anch il SIC-27 La valutazion dlla sostanza dll oprazioni nlla forma lgal dl lasing. 11. Indicatori di situazioni ch individualmnt o congiuntamnt potrbbro anch condurr a classificar un lasing com finanziario, sono: (a) ov il locatario può risolvr il lasing, l prdit dl locator rlativ alla risoluzion sono sostnut dal locatario; (b) gli utili o prdit drivanti dall variazioni dl fair valu (valor quo) dl valor rsiduo ricadono sul locatario (pr smpio sotto forma di rstituzion di canoni quivalnti alla maggior part di ricavi di vndita al trmin dl lasing);

6 (c) il locatario ha la possibilità di continuar il lasing pr un ultrior priodo a un canon sostanzialmnt infrior a qullo di mrcato. 12. Gli smpi gli indicatori ni paragrafi non sono smpr conclusivi. S risulta chiaro da altr carattristich ch il lasing non trasfrisc sostanzialmnt tutti i rischi bnfici drivanti dalla proprità, il lasing è classificato com lasing oprativo. Qusto potrbb vrificarsi pr smpio s la proprità dl bn vniss trasfrita alla fin dl lasing pr un pagamnto variabil pari al suo fair valu (valor quo) a qul tmpo, o s ci fossro canoni potnziali tali pr cui il locatario non ha sostanzialmnt tutti i rischi i bnfici. 13. La classificazion dl lasing vin fatta all'inizio dl lasing stsso. S in qualsiasi momnto il locatario il locator dcidono di modificar l clausol dl lasing, scludndo il rinnovo dl lasing, in modo tal ch, s la modifica foss avvnuta all'inizio dl lasing, avrbb dtrminato una sua diffrnt classificazion in bas ai critri di paragrafi da 7-12, il contratto modificato è considrato com un nuovo contratto pr la sua durata. Tuttavia, modifich nll stim (pr smpio, modifich nlla stima dlla vita conomica o dl valor rsiduo dl bn locato) o modifich nll situazioni (pr smpio, inadmpinza dl locatario) non danno origin, ai fini contabili, a una nuova classificazion dl lasing. 14. L oprazioni di lasing di trrni fabbricati dvono ssr classificat com oprativ o finanziari allo stsso modo dll oprazioni di lasing di altri bni. Tuttavia, una carattristica di trrni ch ssi hanno, di norma, una vita conomica indfinita, s non ci si attnd ch la proprità sia trasfrita al locatario ntro la scadnza dl lasing, il locatario di norma non acquisisc, sostanzialmnt, tutti i rischi i bnfici inrnti alla proprità, nl qual caso il lasing di trrni sarà classificato com lasing oprativo. Un pagamnto ffttuato alla stipula o all'acquisto di diritti di uso di immobili "lashold" ch è contabilizzato com un lasing oprativo rapprsnta un pagamnto di canoni anticipati ch è ammortizzato nl corso dl lasing in sincronia con i bnfici forniti. 15. Gli lmnti di trrni fabbricati di un contratto di lasing di trrni fabbricati sono considrati sparatamnt ai fini dlla classificazion dl lasing. S ci si attnd ch la proprità pr ntrambi gli lmnti passi al locatario ntro la fin dl lasing, ntrambi gli lmnti sono classificati com lasing finanziario, indipndntmnt dal fatto ch qusti siano analizzati com un unico lasing ovvro com du lasing, a mno ch sia vidnt da altr carattristich ch il lasing sostanzialmnt non trasfrisca tutti i rischi i bnfici drivanti dalla proprità di uno o ntrambi gli lmnti. Quando il trrno ha una vita conomica indfinita, l'lmnto trrno è normalmnt classificato com lasing oprativo, a mno ch la proprità sia prvista ch passi al locatario ntro la fin dl lasing scondo quanto prvisto dal paragrafo 14. L'lmnto fabbricato è classificato com un lasing finanziario o oprativo ai snsi di quanto prvisto ai paragrafi Ogni qualvolta risulti ncssario classificar contabilizzar un lasing di trrni fabbricati, i pagamnti minimi dovuti pr il lasing (incluso qualsiasi pagamnto anticipato in un'unica soluzion) sono suddivisi tra gli lmnti trrno fabbricato in proporzion ai rlativi fair valu (valori qui) di diritti di posssso in lasing dgli immobili locati dgli lmnti trrno fabbricato dl lasing all'inizio dl contratto di lasing. S non è possibil suddividr attndibilmnt i pagamnti di canoni tra qusti du lmnti, l'intro lasing è classificato com un lasing finanziario, a mno ch non sia vidnt ch ntrambi gli lmnti sono lasing oprativi, nl qual caso l'intro lasing è classificato com lasing oprativo. 17. Pr un lasing di trrni fabbricati in cui il valor ch inizialmnt sarbb rilvato pr l'lmnto trrno, scondo quanto prvisto dal paragrafo 20, è irrilvant, il trrno il fabbricato possono ssr trattati com un'unità singola ai fini dlla classificazion dl lasing ssr classificati com finanziario od oprativo scondo quanto prvisto dai paragrafi In tal caso, la vita conomica dl fabbricato è considrata com la durata conomica dll'intro bn locato. 18. La valutazion sparata dgli lmnti trrno fabbricato non è richista quando il diritto dl locatario sia ni trrni sia ni fabbricati è classificato com invstimnto immobiliar scondo quanto prvisto dallo IAS 40 d è adottato il critrio dl fair valu (valor quo). I calcoli dttagliati pr qusta valutazion sono richisti soltanto s la classificazion di uno o ntrambi gli lmnti è incrta. 19. Scondo quanto prvisto dallo IAS 40, un locatario può classificar un diritto immobiliar possduto con un lasing oprativo com un invstimnto immobiliar. In tal caso, il diritto immobiliar è contabilizzato com s foss un lasing finanziario, inoltr, il modllo di fair valu (valor quo) è utilizzato pr l'attività iscritta. Il locatario dv continuar a contabilizzar il lasing com un lasing finanziario, anch s un vnto succssivo cambia la natura dl diritto immobiliar dl locatario in modo da non classificarlo più com un invstimnto immobiliar. Qusto si

7 vrifichrà s, pr smpio, il locatario: (a) impiga a fini propri l'immobil, il qual rintra quindi nlla catgoria dgli immobili ad uso dl propritario d è iscritto al sostituto dl costo pari al rlativo fair valu (valor quo) alla data dl cambiamnto d'uso; ovvro (b) concd un sub-lasing ch trasfrisc sostanzialmnt tutti i rischi bnfici drivanti dalla proprità dl diritto a trzi non corrlati. Tal sub-lasing è contabilizzato dal locatario com un lasing finanziario a trzi, sbbn possa ssr contabilizzato com un lasing oprativo dal trzo. LE OPERAZIONI DI LEASING NEL BILANCIO DEI LOCATARI Lasing finanziari Rilvazion inizial 20. All'inizio dlla dcorrnza dl lasing, i locatari dvono rilvar l oprazioni di lasing finanziario com attività passività ni loro stati patrimoniali a valori pari al fair valu (valor quo) dl bn locato o, s infrior, al valor attual di pagamnti minimi dovuti pr il lasing, ciascuno dtrminato all'inizio dl lasing. Nl dtrminar il valor attual di pagamnti minimi dovuti pr il lasing il tasso di attualizzazion da utilizzar è il tasso di intrss implicito dl lasing, s è possibil dtrminarlo; s non è possibil, dv ssr utilizzato il tasso di intrss dl finanziamnto marginal dl locatario. Evntuali costi dirtti iniziali dl locatario sono aggiunti all'importo rilvato com attività. 21. L oprazioni gli altri fatti dvono ssr contabilizzati d sposti tnndo conto dlla loro natura sostanzial finanziaria non smplicmnt dlla loro forma giuridica. Sbbn la forma giuridica di un contratto di lasing stabilisc ch il locatario possa non acquisir la proprità dl bn locato, nl caso di lasing finanziario la raltà sostanzial finanziaria è tal ch il locatario acquisisca i bnfici conomici drivanti dall'uso dl bn locato pr la maggior part dlla sua vita conomica in cambio dll'impgno a pagar un corrispttivo ch all'inizio dl lasing approssima il fair valu (valor quo) dl bn i rlativi costi finanziari. 22. S tali oprazioni di lasing non vngono riflss nllo stato patrimonial dl locatario, l risors conomich il livllo dgli obblighi di un'ntità sono sottostimati, distorcndo così gli indici finanziari. Quindi è corrtto ch un lasing finanziario sia rilvato nllo stato patrimonial dl locatario sia com attività sia com obbligazion a sostnr futuri pagamnti pr il lasing. All'inizio dlla dcorrnza dl lasing, l'attività la passività pr i pagamnti futuri pr il lasing sono rilvati nllo stato patrimonial con gli stssi importi ad cczion di costi dirtti iniziali dl locatario ch sono aggiunti all'importo rilvato com attività. 23. Non è corrtto sporr nl bilancio l passività pr i bni prsi in locazion com dduzion dall attività. S vin fatta una distinzion tra passività corrnti non corrnti nll'sposizion nllo stato patrimonial, la stssa distinzion dv ssr fatta pr l passività dll oprazioni di lasing. 24. In rlazion a spcifich oprazioni di lasing sono spsso sostnuti costi dirtti iniziali, com i costi di ngoziazion di prfzionamnto dll'oprazion di lasing. I costi idntificati com dirttamnt attribuibili all attività svolt dal locatario pr un lasing finanziario sono aggiunti al valor rilvato com attività. Valutazion succssiva 25. I pagamnti minimi dovuti pr il lasing dvono ssr suddivisi tra costi finanziari riduzion dl dbito rsiduo. I costi finanziari dvono ssr ripartiti tra gli srcizi nl corso dl lasing in modo da ottnr un tasso d'intrss costant sulla passività rsidua. I canoni potnziali di locazion dvono ssr rilvati com costi ngli srcizi ni quali sono sostnuti. 26. Nlla pratica, pr ripartir il costo finanziario sulla durata dl lasing, un locatario può utilizzar alcun form di approssimazion, pr smplificar il calcolo. 27. Un lasing finanziario comporta una quota di ammortamnto dll attività ammortizzabili onri finanziari pr ciascun srcizio. Il critrio di ammortamnto usato pr i bni ammortizzabili in locazion dv ssr cornt con qullo adottato pr i bni ammortizzabili di proprità, l'ammortamnto da

8 rilvar dv ssr calcolato scondo quanto prvisto dallo IAS 16 Immobili, impianti macchinari dallo IAS 38 attività immatriali. S non sist una ragionvol crtzza ch il locatario acquisirà la proprità dl bn al trmin dl lasing, il bn dv ssr compltamnt ammortizzato nlla più brv fra la durata dl lasing la sua vita util. 28. Il valor ammortizzabil di un bn in locazion è imputato a ciascun srcizio dl priodo nl qual ci si attnd di utilizzarlo, con un critrio sistmatico, uniform con il critrio di ammortamnto ch il locatario impiga pr i bni di proprità. S sist una ragionvol crtzza ch il locatario acquisirà la proprità al trmin dl lasing, il priodo attso di utilizzo coincid con la vita util dl bn; altrimnti il bn è ammortizzato nl tmpo più brv fra la durata dl lasing la sua vita util. 29. La somma dlla quota di ammortamnto di un bn dl costo finanziario pr l'srcizio è raramnt quivalnt ai canoni di lasing dovuti con rifrimnto all'srcizio; prciò non è corrtta la mra rilvazion al conto conomico com costo di canoni di lasing. E' improbabil, quindi, ch il bn la passività rlativa abbiano lo stsso valor dopo l'inizio dl lasing. 30. Pr dtrminar s un bn acquisito in lasing ha subito una prdita pr riduzion di valor, l'ntità applica lo IAS 36 Riduzion di valor dll attività. 31. I locatari, oltr a quanto prvisto dall disposizioni dllo IAS 32 Strumnti finanziari: Esposizion nl bilancio informazioni intgrativ, forniscono l sgunti informazioni pr il lasing finanziario: (a) pr ciascuna catgoria di bni, il valor contabil ntto alla data di rifrimnto dl bilancio. (b) una riconciliazion tra il total di pagamnti minimi futuri dovuti pr il lasing alla data di rifrimnto dl bilancio il loro valor attual. L'ntità dv indicar anch il total di pagamnti minimi futuri dovuti pr il lasing alla data di rifrimnto dl bilancio, il loro valor attual, pr ciascuno di sgunti priodi: (i) ntro un anno; (ii) tra uno cinqu anni; (iii) oltr cinqu anni. (c) i canoni potnziali di locazion rilvati com spsa nll'srcizio. (d) il total di pagamnti minimi futuri drivanti da un sublasing ch ci si attnd di ricvr pr sublasing non annullabili alla data di rifrimnto dl bilancio. () una dscrizion gnral di contratti significativi di lasing dl locatario inclusi, ma non solo, i sgunti: (i) il critrio con il qual sono dtrminati i canoni potnziali da pagar; (ii) l'sistnza l clausol di opzion di rinnovo o di acquisto l clausol di indicizzazion; (iii) l rstrizioni impost da contratti di lasing, quali qull riguardanti dividndi, nuovo indbitamnto ultriori oprazioni di lasing. 32. Inoltr, l disposizioni sull informazioni intgrativ prvist dagli IAS 16, IAS 36, IAS 38, IAS 40 IAS 41, si applicano ai locatari pr i bni acquisiti tramit lasing finanziari. Lasing oprativi 33. I pagamnti pr un lasing oprativo dvono ssr rilvati com costo a quot costanti lungo la durata dl lasing a mno ch vi sia un altro critrio sistmatico più rapprsntativo dll modalità

9 tmporali di godimnto di bnfici da part dll'utilizzator [*]. [*] Si vda anch l'intrprtazion SIC-15, Lasing oprativo. Incntivi. 34. Pr l oprazioni di lasing oprativo, i pagamnti pr tali oprazioni (sclusi i costi pr srvizi quali l'assicurazion la manutnzion) dvono ssr rilvati com costo con un critrio a quot costanti a mno ch vi sia un altro critrio sistmatico più rapprsntativo dll modalità tmporali di godimnto di bnfici da part dll'utilizzator, anch s i pagamnti non sono sguiti sulla bas di qul critrio. 35. Il locatario, oltr quanto prvisto dall disposizioni dllo IAS 32, dv fornir l sgunti informazioni intgrativ pr l oprazioni di lasing oprativo: (a) il total di futuri pagamnti minimi dovuti pr l oprazioni di lasing oprativo non annullabili pr ciascuno di sgunti priodi: (i) ntro un anno; (ii) tra uno cinqu anni; (iii) oltr cinqu anni. (b) il total di futuri pagamnti minimi drivanti da un sublasing ch ci si attnd di ricvr pr sublasing non annullabili alla data di rifrimnto dl bilancio. (c) i pagamnti pr lasing sublasing rilvati com costo nll'srcizio, con valori distinti pr i pagamnti minimi dovuti pr il lasing, i canoni potnziali di locazion i pagamnti da sublasing. (d) una dscrizion gnral di contratti di lasing significativi dl locatario inclusi, ma non solo, i sgunti: (i) il critrio con il qual sono dtrminati i canoni potnziali di lasing; (ii) l'sistnza l clausol di opzion di rinnovo o di acquisto l clausol di indicizzazion; (iii) l rstrizioni impost da contratti di lasing, quali qull riguardanti dividndi, nuovo indbitamnto ultriori oprazioni di lasing. LE OPERAZIONI DI LEASING NEL BILANCIO DEI LOCATORI Lasing finanziari Rilvazion inizial 36. I locatori dvono rilvar nl loro stato patrimonial i bni concssi in lasing finanziario d sporli com crdito a un valor ugual all'invstimnto ntto nl lasing. 37. In un lasing finanziario tutti i rischi i bnfici drivanti dalla proprità vngono, sostanzialmnt, trasfriti dal locator, di consgunza, i canoni drivanti dal lasing dvono ssr trattati dal locator com rimborso dl capital com provnto finanziario al fin di rimborsar rmunrar il locator pr il suo invstimnto pr i srvizi prstati. 38. Costi dirtti iniziali sono spsso sostnuti dai locatori includono somm quali l commissioni, l sps lgali i costi intrni ch sono ad incrmnto dirttamnt attribuibili alla ngoziazion al prfzionamnto di un lasing. Qusti scludono l sps gnrali di gstion quali l sps di vndita markting. Pr i lasing finanziari divrsi da

10 qulli in cui il locator produttor o commrciant, i costi dirtti iniziali sono inclusi nlla valutazion inizial di crditi impliciti dl lasing finanziario riducono il valor di provnti rilvati nl corso dl lasing. Il tasso di intrss implicito dl lasing è dfinito in modo tal ch i costi dirtti iniziali siano inclusi automaticamnt ni crditi impliciti dl lasing finanziario; non è ncssario aggiungrli sparatamnt. I costi sostnuti dai locatori produttori o commrcianti attribuibili alla ngoziazion al prfzionamnto di un lasing sono sclusi dalla dfinizion di costi dirtti iniziali. Di consgunza ssi sono sclusi dall'invstimnto ntto nl lasing sono rilvati com una spsa quando l'util commrcial drivant dalla vndita rilvato, cosa ch pr un contratto di lasing finanziario normalmnt si vrifica all'inizio dlla dcorrnza dl lasing. Valutazioni succssiv 39. Con rifrimnto al lasing finanziario, la rilvazion di provnti finanziari dv ssr basata su modalità ch riflttano un tasso di rndimnto priodico costant sull'invstimnto ntto dl locator. 40. Un locator dv tndr a ripartir i provnti finanziari sulla durata dl lasing con un critrio sistmatico razional. Qusta ripartizion di provnti si dv basar su modalità ch riflttano un rndimnto priodico costant sull'invstimnto ntto dl locator. I canoni di lasing rlativi al priodo, sclusi i costi pr srvizi, sono attribuiti all'invstimnto lordo dl lasing pr ridurr sia l'importo capital sia l'util finanziario diffrito. 41. L stim di valori rsidui non garantiti utilizzat nl calcolo dll'invstimnto lordo dl locator in un lasing dvono ssr priodicamnt rivist. S c'è stata una riduzion nlla stima dl valor rsiduo non garantito, la ripartizion di provnti nl corso dl lasing è rivista qualsiasi riduzion rlativa a importi già imputati è immdiatamnt rilvata. 42. I locatori produttori o commrcianti dvono rilvar l'util o la prdita commrcial nll'srcizio, scondo quanto prvisto dal critrio sguito dall'ntità pr l normali vndit. S sono applicati tassi di intrss artificiosamnt bassi, l'util commrcial dv ssr limitato a qullo ch risultrbb s foss applicato un tasso di intrss di mrcato. I costi sostnuti dai locatori, ch siano produttori o commrcianti finalizzati alla ngoziazion al prfzionamnto di un lasing, dvono ssr rilvati com un costo quando l'util drivant dalla vndita è rilvato. 43. Produttori commrcianti spsso offrono ai clinti la sclta tra l'acquisto la locazion di un bn. Il lasing finanziario di un bn da part di un locator ch sia produttor o commrciant gnra du tipi di provnti: (a) l'util o la prdita quivalnt all'util o alla prdita drivant da una vndita dl bn locato nl caso in cui ssa non sia finanziata con un lasing, ai normali przzi di vndita, tnndo conto di vntuali sconti quantità o commrciali; (b) i provnti finanziari sulla durata dl lasing. 44. Il ricavo dlla vndita rilvato all'inizio dlla dcorrnza di un lasing da un locator ch sia produttor o commrciant è rapprsntato dal fair valu (valor quo) dl bn o, s infrior, dal valor attual di pagamnti minimi dovuti pr il lasing ch comptono al locator, calcolato a un tasso d'intrss di mrcato. Il costo dl vnduto rilvato all'inizio dlla dcorrnza dl lasing è il costo o, s diffrnt, il valor contabil, dl bn locato mno il valor attual dl valor rsiduo non garantito. La diffrnza tra i ricavi dlla vndita il costo dl vnduto è l'util dlla vndita, ch è rilvato con il critrio adottato dall'ntità pr l normali vndit. 45. I locatori produttori o commrcianti applicano, a volt, tassi d'intrss artificiosamnt bassi allo scopo di attirar i clinti. Al momnto dlla vndita l'utilizzo di tali tassi può gnrar la rilvazion di una part ccssiva risptto ai provnti totali drivanti dall'oprazion. S sono applicati tassi di intrss artificiosamnt bassi, l'util dlla vndita è limitato a qullo ch si sarbb ottnuto s si foss applicato un tasso di intrss di mrcato. 46. I costi sostnuti dai locatori ch siano produttori o commrcianti finalizzati alla ngoziazion al prfzionamnto di un contratto di lasing sono rilvati com costo all'inizio dlla dcorrnza dl lasing prché sono principalmnt corrlati alla ralizzazion dll'util dlla vndita da part dl produttor o dl commrciant. 47. I locatori, oltr a quanto prvisto dall disposizioni dllo IAS 32, dvono fornir l sgunti

11 informazioni pr l oprazioni di lasing finanziario: (a) una riconciliazion tra l'invstimnto lordo nl lasing alla data di rifrimnto dl bilancio il valor attual di pagamnti minimi dovuti pr il lasing alla data di rifrimnto dl bilancio. Inoltr, l'ntità dv indicar l'invstimnto lordo total nl lasing il valor attual di crditi pr pagamnti minimi dovuti pr il lasing alla data di rifrimnto dl bilancio pr ciascuno di sgunti priodi: (i) ntro un anno; (ii) tra uno cinqu anni; (iii) oltr cinqu anni. (b) gli utili finanziari diffriti. (c) i valori rsidui non garantiti spttanti al locator. (d) il fondo svalutazion crditi rifribil ai pagamnti minimi di lasing. () i canoni potnziali di locazion rilvati com provnti nll'srcizio. (f) una dscrizion gnral di contratti significativi di lasing dl locator. 48. Com indicator di crscita è spsso util mnzionar anch l'invstimnto lordo mno i provnti diffriti su nuov oprazioni iscritt dll'srcizio, al ntto di valori pr l oprazioni di lasing annullat. Lasing oprativi 49. I locatori dvono sporr i bni oggtto di oprazioni di lasing oprativo ni loro stati patrimoniali scondo la natura dl bn. 50. I provnti dl lasing drivanti da lasing oprativi dvono ssr rilvati a quot costanti pr la durata dl lasing, a mno ch un altro critrio sistmatico sia più rapprsntativo dll modalità tmporali con l quali si riduc il bnficio drivant dall'uso dl bn locato [*]. [*] Si vda anch l'intrprtazion SIC-15 Lasing oprativo. Incntivi. 51. I costi, comprso l'ammortamnto, sostnuti pr ralizzar i provnti dl lasing dvono ssr rilvati a conto conomico. I provnti dl lasing (sclusi i corrispttivi pr srvizi forniti quali l'assicurazion la manutnzion) dvono ssr rilvati a quot costanti pr la durata dl lasing anch s i corrispttivi hanno un divrso andamnto, a mno ch un divrso critrio sistmatico sia più rapprsntativo dll modalità tmporali con l quali si riduc il bnficio drivant dall'uso dl bn locato. 52. I costi dirtti iniziali sostnuti dai locatori nlla ngoziazion prfzionamnto di un lasing oprativo dvono ssr aggiunti al valor contabil dl bn locato rilvati com costo lungo la durata dl lasing con lo stsso critrio di rilvazion di provnti dlla locazion. 53. L'ammortamnto di bni ammortizzabili locati dv ssr ffttuato con un critrio uniform con il critrio di ammortamnto normalmnt utilizzato dal locator pr bni similari, la quota di ammortamnto dv ssr dtrminata con il critrio prvisto dallo IAS 16 dallo IAS Pr dtrminar s un'attività locata ha subito una prdita pr riduzion di valor, l'ntità dv applicar lo IAS Un locator produttor o commrciant non rilva gli utili sulla vndita alla stipula di un lasing oprativo prché qusto non è quivalnt a una vndita.

12 56. I locatori, oltr a quanto prvisto dall disposizioni dllo IAS 32, dvono fornir l sgunti informazioni pr l oprazioni di lasing oprativo: (a) i pagamnti minimi drivanti da un lasing oprativo non annullabil, complssivamnt pr ciascuno di sgunti priodi: (i) ntro un anno; (ii) tra uno cinqu anni; (iii) oltr cinqu anni. (b) i canoni potnziali di locazion rilvati com provnti nll'srcizio. (c) una dscrizion gnral di contratti significativi di lasing dl locator. 57. Inoltr, ai bni concssi dai locatori tramit lasing oprativo si applicano gli IAS 16, IAS 36, IAS 38, IAS 40 IAS 41. OPERAZIONE DI VENDITA E RETROLOCAZIONE 58. Un'oprazion di vndita rtrolocazion comporta la vndita di un bn la rtrolocazion dllo stsso bn. I canoni dll oprazioni di lasing il przzo di vndita sono, di solito, intrdipndnti ssndo ngoziati congiuntamnt. Il trattamnto contabil di un'oprazion di vndita rtrolocazion dipnd dalla rlativa tipologia di lasing. 59. S un'oprazion di vndita rtrolocazion corrispond a un lasing finanziario, vntuali ccdnz dl corrispttivo di vndita risptto al valor contabil non dvono ssr rilvat immdiatamnt com provnti dal vnditor locatario. La loro rilvazion, invc, dv ssr diffrita imputata lungo la durata dl lasing. 60. S la rtrolocazion corrispond a un lasing finanziario, l'oprazion rapprsnta un mzzo con il qual il locator procura mzzi finanziari al locatario, avndo il bn com garanzia. Pr tal motivo non è corrtto considrar com provnto l'ccdnza dl corrispttivo di vndita, risptto al valor contabil. Tal ccdnza dv ssr diffrita è rilvata sulla durata dl lasing. 61. S un'oprazion di vndita rtrolocazion corrispond a un lasing oprativo, d è vidnt ch l'oprazion è ffttuata al fair valu (valor quo), ogni util o prdita dv ssr rilvato immdiatamnt. S il przzo di vndita è infrior al fair valu (valor quo), ogni util o prdita dv ssr rilvato immdiatamnt cctto il caso in cui, la prdita è compnsata da futuri canoni dll oprazioni di lasing non a livlli di mrcato, in tal caso ssa dv ssr diffrita imputata in proporzion ai canoni dll oprazioni di lasing durant il priodo attso di utilizzo dl bn. S il przzo di vndita è maggior dl fair valu (valor quo), l'ccdnza risptto al fair valu (valor quo) dv ssr diffrita rilvata con rifrimnto al mdsimo priodo. 62. S la rtrolocazion corrispond a un lasing oprativo, i canoni dll oprazioni di lasing il przzo di vndita sono a fair valu(valor quo), si è in prsnza di una normal oprazion di vndita qualsiasi util o prdita è rilvato immdiatamnt. 63. Pr l oprazioni di lasing oprativo, s il fair valu (valor quo) al momnto dlla vndita rtrolocazion è minor dl valor contabil pr il bn, la prdita pari alla diffrnza tra il valor contabil il fair valu (valor quo) dv ssr rilvata immdiatamnt. 64. Pr l oprazioni di lasing finanziario, non sono ncssari rttifich di qusto tipo a mno ch ci sia stata una prdita di valor, nl qual caso il valor contabil è ridotto al valor rcuprabil scondo quanto prvisto dallo IAS L disposizioni sull informazioni intgrativ prvist pr locatari locatori si applicano allo stsso modo anch all oprazioni di vndita rtrolocazion. La dscrizion richista di contratti significativi di lasing comporta l'indicazion dll clausol particolari o inusuali dl contratto o dll condizioni dll oprazioni di vndita

13 rtrolocazion. 66. L oprazioni di vndita di rtrolocazion possono comportar il critrio dlla sparata informativa contnuto nllo IAS 1 Prsntazion dl bilancio. DISPOSIZIONI TRANSITORIE 67. Subordinatamnt al paragrafo 68, l'applicazion rtroattiva dl prsnt Principio è incoraggiata ma non richista. S il prsnt Principio non è applicato rtroattivamnt, si ritin ch il saldo dll oprazioni di lasing finanziario prsistnti sia stato corrttamnt dtrminato dal locator succssivamnt sso dv ssr contabilizzato in conformità all disposizioni dl prcdnt Principio. 68. L'ntità ch abbia prcdntmnt applicato lo IAS 17 (rivisto nlla sostanza nl 1997) dv applicar l modifich apportat al prsnt Principio rtroattivamnt pr tutti i contratti di lasing, o s lo IAS 17 (rivisto nlla sostanza nl 1997) non ra stato applicato rtroattivamnt, pr tutti i lasing sottoscritti a partir dalla prima applicazion dl prcdnt Principio. DATA DI ENTRATA IN VIGORE 69. L'ntità dv applicar il prsnt Principio a partir dai bilanci dgli srcizi ch hanno inizio dal 1 gnnaio 2005 o da data succssiva. E' incoraggiata una applicazion anticipata. S l'ntità applica il prsnt Principio pr un srcizio ch ha inizio prima dl 1 gnnaio 2005, tal fatto dv ssr indicato. SOSTITUZIONE DELLO IAS 17 (RIVISTO NELLA SOSTANZA NEL 1997) 70. Il prsnt Principio sostituisc lo IAS 17 Lasing (rivisto nlla sostanza nl 1997).

Comunità Europea (CE) International Accounting Standards, n. 36. Riduzione durevole di valore delle attività

Comunità Europea (CE) International Accounting Standards, n. 36. Riduzione durevole di valore delle attività Scopo contnuto dl documnto Comunità Europa (CE) Intrnational Accounting Standards, n. 36 Riduzion durvol di valor dll attività Riduzion durvol di valor dll attività SOMMARIO Finalità 1 Ambito di applicazion

Dettagli

Provvedimento di Predisposizione del Programma Annuale dell'esercizio finanziario 2014. Il Dsga

Provvedimento di Predisposizione del Programma Annuale dell'esercizio finanziario 2014. Il Dsga Provvdimnto di Prdisposizion dl Programma Annual dll'srcizio finanziario 2014 Il Dsga Visto Il Rgolamnto crnnt l istruzioni gnrali sulla gstion amministrativotabil dll Istituzioni scolastich Dcrto 01 Fbbraio

Dettagli

Parcheggi e altre rendite aeroportuali

Parcheggi e altre rendite aeroportuali Argomnti Parchggi altr rndit aroportuali Marco Ponti Elna Scopl La rgolamntazion dl sistma aroportual italiano fino al 2007 non ha vitato la formazion di rndit ingiustificat. In particolar l attività non-aviation,

Dettagli

1. LA STRUTTURA DI RELAZIONI TRA MANIFATTURA E SERVIZI ALLE IMPRESE IN UN CONTESTO EUROPEO

1. LA STRUTTURA DI RELAZIONI TRA MANIFATTURA E SERVIZI ALLE IMPRESE IN UN CONTESTO EUROPEO 1. La struttura di rlazioni tra manifattura srvizi all imprs in un contsto uropo 11 1. LA STRUTTURA DI RELAZIONI TRA MANIFATTURA E SERVIZI ALLE IMPRESE IN UN CONTESTO EUROPEO La quota di srvizi sul commrcio

Dettagli

REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA

REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA CONCORSO DI PROGETTAZIONE UNA NUOVA VIVIBILITA PER IL CENTRO DI NONANTOLA PROCESSO PARTECIPATIVO INTEGRATO CENTRO ANCH IO! REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA ESITO DELLE VOTAZIONI RACCOLTE DURANTE LE

Dettagli

Esercizi sullo studio di funzione

Esercizi sullo studio di funzione Esrcizi sullo studio di funzion Prima part Pr potr dscrivr una curva, data la sua quazion cartsiana splicita f () occorr procdr scondo l ordin sgunt: 1) Dtrminar l insim di sistnza dlla f () ) Dtrminar

Dettagli

Progetto I CARE Progetto CO.L.O.R.

Progetto I CARE Progetto CO.L.O.R. Attori in rt pr la mobilità di risultati dll apprndimnto Dirtta WEB, 6 dicmbr 2011 Progtto I CARE Progtto CO.L.O.R. Elmnti distintivi complmntarità Michla Vcchia Fondazion CEFASS gli obittivi Facilitar

Dettagli

Le politiche per l equilibrio della bilancia dei pagamenti

Le politiche per l equilibrio della bilancia dei pagamenti L politich pr l quilibrio dlla bilancia di pagamnti Politich pr ottnr l quilibrio dlla bilancia di pagamnti (BP = + MK = 0) nl lungo priodo BP 0 non è sostnibil prchè In cambi fissi S BP0 si sauriscono

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÁ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI SALERNO PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÁ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI SALERNO PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO Distrtto Scolastico N 53 Nocra Infrior (SA) SCUOLA MEDIA STATALE Frsa- Pascoli Vial Europa ~ 84015 NOCERA SUPERIORE (SA) Tl. 081 933111-081 931395- fax: 081 936230 C.F.: 94041550651 Cod: Mcc.: SAMM28800N

Dettagli

PROGETTAZIONE DIDATTICA PER COMPETENZE

PROGETTAZIONE DIDATTICA PER COMPETENZE ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE G. M. MONTANI CONVITTO ANNESSO AZIENDA AGRARIA 63900 FERMO Via Montani n. 7 - Tl. 0734-622632 Fax 0734-622912 www.istitutomontani.it -mail aptf010002@istruzion.it Coc

Dettagli

- Radioattività - - 1 - 1 Ci = 3,7 1010 dis / s. ln 2 T 2T = e ln 2 2 = e 2ln 2 = 1 4

- Radioattività - - 1 - 1 Ci = 3,7 1010 dis / s. ln 2 T 2T = e ln 2 2 = e 2ln 2 = 1 4 Radioattività - Radioattività - - - Un prparato radioattivo ha un attività A 0 48 04 dis / s. A quanti μci (microcuri) si riduc l attività dl prparato dopo du tmpi di dimzzamnto? Sapndo ch: ch un microcuri

Dettagli

Art. 1. - Campo di applicazione e definizioni Art. 2. - Classificazione di reazione al fuoco

Art. 1. - Campo di applicazione e definizioni Art. 2. - Classificazione di reazione al fuoco DM 10 marzo 2005 Classi di razion al fuoco pr i prodotti da costruzion da impigarsi nll opr pr l quali ' prscritto il rquisito dlla sicurzza in caso d'incndio. (GU n. 73 dl 30-3-2005) IL MINISTRO DELL'INTERNO

Dettagli

CORSO. FIM Via. associazione geometri liberi professionisti. della provincia di Modena. Sede. Costi. Colleg. 2 Pia. rispettivi tecnica.

CORSO. FIM Via. associazione geometri liberi professionisti. della provincia di Modena. Sede. Costi. Colleg. 2 Pia. rispettivi tecnica. CORSO MASTER associazion gomtri libri profssionisti dlla provincia Modna novmbr, cmbr 2014 gnnaio, fbbraio PERCORSO FORMATIVO DI 48 ORE Sd Il corsoo è organizzato prsso la sala convgni dl Collg io Gomm

Dettagli

Guida allʼesecuzione di prove con risultati qualitativi

Guida allʼesecuzione di prove con risultati qualitativi TitoloTitl Guida allʼscuzion di prov con risultati qualitativi Guid to prform tsts with qualitativ rsults SiglaRfrnc DT-07-DLDS RvisionRvision 00 DataDat 0602203 Rdazion pprovazion utorizzazion allʼmission

Dettagli

Poteri/ funzioni attribuiti dalla norma

Poteri/ funzioni attribuiti dalla norma Compiti funzioni attribuiti dalla tiva all nazional Lgg Art. 6, comma 5 Art. 6, comma 7, ltt.a Art. 6, comma 7, ltt.b Potri/ funzioni attribuiti dalla Vigilanza su tutti i contratti pubblici (lavori, srvizi

Dettagli

IL NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO SULL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI

IL NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO SULL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI IL NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO SULL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI D.Lgs. 192/2005 + D.Lgs. 311/2006 Vincnzo Corrado, Matto Srraino Dipartimnto di Enrgtica Politcnico Di Torino un progtto di:

Dettagli

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino:

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino: Prof. Emnul ANDRISANI Studio di funzion Funzioni rzionli intr n n o... n n Crttristich: sono funzioni continu drivbili in tutto il cmpo rl D R quindi non sistono sintoti vrticli D R quindi non sistono

Dettagli

GUIDE ITALIA Un confronto sulle ultime tendenze a supporto della semplificazione e dell efficienza

GUIDE ITALIA Un confronto sulle ultime tendenze a supporto della semplificazione e dell efficienza GUIDE ITALIA Un confronto sull ultim tndnz a supporto dlla smplificazion dll fficza L voluzion dll architttur IT Sogi RELATORE: Francsco GERBINO 16 novmbr 2010 Agnda Prsntazion dlla Socità Architttur IT

Dettagli

L ELLISSOIDE TERRESTRE

L ELLISSOIDE TERRESTRE L ELLISSOIDE TERRESTRE Fin dll scond mtà dl XVII scolo (su propost di Nwton) l suprfici più dtt ssr ssunt com suprfici di rifrimnto pr l Trr è stt individut in un ELLISSOIDE DI ROTAZIONE. E l suprfici

Dettagli

Corso di ordinamento - Sessione suppletiva - a.s. 2009-2010

Corso di ordinamento - Sessione suppletiva - a.s. 2009-2010 Corso di ordinmnto - Sssion suppltiv -.s. 9- PROBLEMA ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO SESSIONE SUPPLETIA Tm di: MATEMATICA. s. 9- Dt un circonrnz di cntro O rggio unitrio, si prndno

Dettagli

2.1 Proprietà fondamentali dei numeri reali. 1. Elenchiamo separatamente le proprietà dell addizione, moltiplicazione e relazione d ordine.

2.1 Proprietà fondamentali dei numeri reali. 1. Elenchiamo separatamente le proprietà dell addizione, moltiplicazione e relazione d ordine. Capitolo 2 Numri rali In qusto capitolo ci occuprmo dll insim di numri rali ch indichrmo con il simbolo R: lfunzionidfinitsutaliinsimiavaloriralisonol oggttodistudiodll analisi matmatica in una variabil.

Dettagli

LA TRASFORMATA DI LAPLACE

LA TRASFORMATA DI LAPLACE LA RASFORMAA DI LAPLACE Pr dcrivr l voluzion di un itma in rgim tranitorio, oia durant il paaggio dll ucit da un rgim tazionario ad un altro, è ncario ricorrr ad un modllo più gnral riptto al modllo tatico,

Dettagli

Il presente Regolamento Particolare di Gara. è stato approvato in data con numero di approvazione RM / CR /2015.

Il presente Regolamento Particolare di Gara. è stato approvato in data con numero di approvazione RM / CR /2015. Vrsion 5 3 Agosto Valità 2015 la Manifstazion : Campionato Italiano Rally Assoluto Campionato Italiano Rally Junior Campionato Italiano Rally Costruttori Coppa ACI-SPORT Rally CIR Equipaggi Inpndnti Coppa

Dettagli

SOMMARIO. I Motori in Corrente Continua

SOMMARIO. I Motori in Corrente Continua SOMMARIO Gralità sull Macchi i Corrt Cotiua...2 quazio dlla forza lttromotric...2 Circuito quivalt...2 Carattristica di ccitazio...3 quazio dlla vlocità...3 quazio dlla Coppia rsa all'albro motor:...3

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

COMUNICAZIONE INTERNA, SISTEMA INFORMATIVO, CONSIGLIO COMUNALE, SPORTELLO DEL CITTADINO

COMUNICAZIONE INTERNA, SISTEMA INFORMATIVO, CONSIGLIO COMUNALE, SPORTELLO DEL CITTADINO Nm prcmnt Dscrizin Fasi (dscrizin sinttica da input ad utput) Nrm rifrimnt rspnsabil istruttria Rspnsabil prcmnt mcgmmatricla richista infrmazini prcmnt incar tlf, fax pc inrizz Trmin cnclusi n prcm nt

Dettagli

Lo strato limite PARTE 11. Indice

Lo strato limite PARTE 11. Indice PARTE 11 a11-stralim-rv1.doc Rl. /5/1 Lo strato limit Indic 1. Drivazion dll qazioni indfinit di Prandtl pr lo strato limit sottil pag. 3. Intgrazion nmrica dll qazioni indfinit di Prandtl. 11 3. Lo strato

Dettagli

T13 Oneri per Indennita' e Compensi Accessori

T13 Oneri per Indennita' e Compensi Accessori T13 Oneri per Indennita e Compensi Accessori Qualifiche per le Voci di Spesa di Tipo I IND. IND RZ. INDNNITÀ VACANZA STRUTT. ART. 42, D MARIA PROFSSION CONTRATTU COMP. SCLUSIVITA POSIZION POSIZION - RISULTATO

Dettagli

ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI

ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI ARMONIZZAZION DI SISTMI CONTABILI D. Lgs. 118/2011 Maggio 2014 Le origini: il federalismo fiscale Legge 5/5/2009 n. 42 Delega al Governo in materia di FDRALISMO FISCAL in attuazione dell art. 119 della

Dettagli

Alberi di copertura minimi

Alberi di copertura minimi Albr d coprtur mnm Sommro Albr d coprtur mnm pr grf pst Algortmo d Kruskl Algortmo d Prm Albro d coprtur mnmo Un problm d notvol mportnz consst nl dtrmnr com ntrconnttr fr d loro dvrs lmnt mnmzzndo crt

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

T13 Oneri per Indennita' e Compensi Accessori

T13 Oneri per Indennita' e Compensi Accessori T13 Oneri per Indennita e Compensi Accessori Qualifiche per le Voci di Spesa di Tipo I IND. IND RZ. INDNNITÀ VACANZA STRUTT. ART. 42, D MARIA PROFSSION CONTRATTU COMP. SCLUSIVITA POSIZION POSIZION - RISULTATO

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA BUSINESS PROCESS MODELING NOTATION (BPMN) 1

INTRODUZIONE ALLA BUSINESS PROCESS MODELING NOTATION (BPMN) 1 ITRODUZIOE ALLA BUSIESS PROCESS MODELIG OTATIO (BPM) 1 1. Prsntazin La ntazin BPM (http://www.bpn.rg) è sviluppata dalla Businss Prcss Managnt Initiativ dall Objct Managnt Grup (http://www.g.rg), assciazini

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

Linee Guida per la Redazione del Bilancio Sociale delle Organizzazioni Non Profit. lo studio è stato realizzato in collaborazione con ALTIS

Linee Guida per la Redazione del Bilancio Sociale delle Organizzazioni Non Profit. lo studio è stato realizzato in collaborazione con ALTIS Linee Guida per la Redazione del Bilancio Sociale delle Organizzazioni Non Profit lo studio è stato realizzato in collaborazione con ALTIS 1 INDIC INDIC...2 PRFAZION...4 RINGRAZIAMNTI...6 PRSNTAZION...7

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

( D) =,,,,, (11.1) = (11.3)

( D) =,,,,, (11.1) = (11.3) G. Ptrucci Lzioni di Cotruzion di Macchin. CRITERI DI RESISTENZA La vrifica di ritnza ha o copo di tabiir o tato tniona d mnto truttura anaizzato è ta da provocarn i cdimnto into com rottura o nrvamnto.

Dettagli

rilevazione e valutazione) tali che, assicurino, sia al locatore che al locatario, la contabilizzazione nei rispettivi bilanci di un operazione di

rilevazione e valutazione) tali che, assicurino, sia al locatore che al locatario, la contabilizzazione nei rispettivi bilanci di un operazione di RIASSUNTO Nonostante il leasing ha una frequenza di utilizzazione molto elevata, le operazioni di locazione finanziaria non hanno mai avuto una disciplina giuridica e contabile. Il suo sviluppo in termini

Dettagli

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes)

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD OGGETTO, FINALITÀ ED AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA RILEVAZIONE DI IMPOSTE RILEVAZIONE DEGLI EFFETTI

Dettagli

La cedolare secca. Chi, cosa, come, quando e perché

La cedolare secca. Chi, cosa, come, quando e perché La cedolare secca Chi, cosa, come, quando e perché La cedolare secca è una novità di quest anno. Osserviamola più da vicino e scopriamo in cosa consiste. Partiamo dal principio Le regole generali E per

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

10. Risorse umane coinvolte nella prima fase del progetto Ceis comunità.

10. Risorse umane coinvolte nella prima fase del progetto Ceis comunità. 0. Risrs uman cinvl nlla prima fas dl prg Cis cmunià. funzini n. n. r Oprari di Prg Prgazin, pianificazin dl prg O p r a ri d l p r g prari di bas prari cnici cn qualifica prfssinal prari spcializzai Op.

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare Vademecum operativo Marzo 2014 SOMMARIO PREMESSA... 3 1 Abitazioni... 4 1.1 Cessioni... 4 1.1.1 Esercizio dell opzione

Dettagli

IL NUOVO BILANCIO IAS: GLI ADEGUAMENTI PUMA2 (seconda versione)

IL NUOVO BILANCIO IAS: GLI ADEGUAMENTI PUMA2 (seconda versione) GRUPPO INTERBANCARIO PUMA2 IL NUOVO BILANCIO IAS: GLI ADEGUAMENTI PUMA2 (seconda versione) Roma, marzo 2006 BANCA D ITALIA Servizio Informazioni Sistema Creditizio INDICE PREMESSA 3 1. LE INFORMAZIONI

Dettagli

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II Lezione 6 IAS 19: Benefici per i dipendenti Marco Rossi Senior Manager Deloitte & Touche S.p.A. marrossi@deloitte.it Facoltà di Economia anno 2011 2012 24 aprile 2012

Dettagli

Conservatorio di Musica Giuseppe Tartini Trieste NUCLEO DI VALUTAZIONE

Conservatorio di Musica Giuseppe Tartini Trieste NUCLEO DI VALUTAZIONE Cnsrvari Musica Giuspp Tartini Trist NUCLEO DI VALUTAZIONE RELAZIONE ANNUALE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE sull dll a.a.2010/11 (DPR 28/2/03 n.132, art.10 cmma 2 ltt. b) Nucl valutazin Waltr Grbin Prsidnt

Dettagli

JOHANN SEBASTIAN BACH Invenzioni a due voci

JOHANN SEBASTIAN BACH Invenzioni a due voci JOH EBTI BCH Invnzon a u voc BWV 772 7 cura Lug Catal trascrzon ttuata con UP htt//ckngmuscarchvorg/ c 200 Lug Catal (lucatal@ntrrt) Ths ag s ntntonally lt ut urchtg nltung Wormt nn Lbhabrn s Clavrs, bsonrs

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939.

L'associarsi di due o più professionisti in un' Associazione Professionale è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. ASSOCIAZIONE TRA PROFESSIONISTI L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. Con tale associazione,non

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM Il conto economico che abbiamo esaminato fino ad ora si presenta a sezioni contrapposte: nella sezione del DARE vengono rilevati i costi, e nella

Dettagli

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale Tra le parti (per le persone fisiche, riportare: nome e cognome; luogo e data di nascita; domicilio e codice fiscale. Per le persone

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI. Operazioni e partite in moneta estera

PRINCIPI CONTABILI. Operazioni e partite in moneta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e del Consiglio Nazionale dei Ragionieri modificati dall OIC in relazione alla riforma del diritto

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le informazioni fornite nel presente documento hanno esclusivamente scopo informativo

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

Composizione e schemi del bilancio d esercizio

Composizione e schemi del bilancio d esercizio OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Composizione e schemi del bilancio d esercizio Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012 COMUNE DI MORGONGIORI PROVINCIA DI ORISTANO IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA I.M.U. anno 2012 VADEMECUM ILLUSTRATIVO Con l art. 13 del D.L. 6 dicembre 2011, n. 201, convertito in Legge 22 dicembre 2011, n. 214

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in, alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito da in persona di ), e, nato a, il, residente in, alla

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

SETTORE POLITICHE FINANZIARIE BILANCIO E TRIBUTI VADEMECUM TASI

SETTORE POLITICHE FINANZIARIE BILANCIO E TRIBUTI VADEMECUM TASI SETTORE POLITICHE FINANZIARIE BILANCIO E TRIBUTI Che cos'è la TASI VADEMECUM TASI E' il tributo dovuto per la copertura dei servizi indivisibili. Il presupposto E' il possesso o la detenzione a qualsiasi

Dettagli

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere.

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Cos è un gruppoaziendale L evoluzione del processo di armonizzazione contabile Le principali caratteristiche del bilancio IAS/IFRS a seguito

Dettagli

I NUOVI OIC: LA DISCIPLINA DELLE IMMOBILIZZAZIONI

I NUOVI OIC: LA DISCIPLINA DELLE IMMOBILIZZAZIONI S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI OIC: LA DISCIPLINA DELLE IMMOBILIZZAZIONI OIC 16: Immobilizzazioni materiali OIC 24: Immobilizzazioni immateriali OIC 9: Svalutazioni per perdite

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria IMU - che cos'è L IMU si continua a pagare sulle case di lusso (categorie A/1, A/8 e A/9), sulle seconde case e su tutti gli altri immobili (ad esempio laboratori, negozi, capannoni, box non di pertinenza

Dettagli

FASI DI VITA DELL AZIENDA

FASI DI VITA DELL AZIENDA AZIENDA ORGANIZZAZIONE DI PERSONE E BENI CHE SVOLGE ATTIVITA ECONOMICA IN VISTA DEL SODDISFACIMENTO DEI BISOGNI UMANI. Dalla definizione si estraggono le 3 componenti principali dell azienda. Abbiamo ciò

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e del Consiglio Nazionale dei Ragionieri modificati dall OIC in relazione alla riforma del diritto

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

Direttive della CAV PP D 02/2013

Direttive della CAV PP D 02/2013 italiano Commissione di alta vigilanza della previdenza professionale CAV PP Direttive della CAV PP D 02/2013 Indicazione delle spese di amministrazione del patrimonio Edizione del: 23.04.2013 Ultima modifica:

Dettagli

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011 CIRCOLARE N. 26/E Direzione Centrale Normativa Roma, 01 giugno 2011 Oggetto: Cedolare secca sugli affitti Articolo 3 del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23 (Disposizioni in materia di federalismo

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

LINGUAGGI'CREATIVITA 'ESPRESSIONE' '

LINGUAGGI'CREATIVITA 'ESPRESSIONE' ' LINGUAGGICREATIVITA ESPRESSIONE 3 4ANNI 5ANNI Mniplrmtrilidivritipin finlizzt. Fmilirizzrindivrtntcnil cmputr Ricnsclmntidl mnd/rtificilcglindn diffrnzprfrmmtrili Distingugliggttinturlidqulli rtificili.

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

Immobilizzazioni immateriali

Immobilizzazioni immateriali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Immobilizzazioni immateriali Gennaio 2015 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009 RISOLUZIONE N. 13/E Roma, 20 gennaio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11 Legge 27 luglio 2000, n. 212 Gestore dei Servizi Elettrici, SPA Dpr 26 ottobre

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli