VALVOLE TERMOSTATICHE: SONO TUTTE UGUALI?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VALVOLE TERMOSTATICHE: SONO TUTTE UGUALI?"

Transcript

1 VALVOLE TERMOSTATICHE: SONO TUTTE UGUALI? a parte di Russo Gaetao Fabio Premessa Nell articolo precedete soo state messe i evideza le caratteristiche prestazioali delle testie termostatiche, i uesta secoda parte verrao evideziate le caratteristiche prestazioali dei corpi valvola a cui le testie termostatiche vegoo accoppiate, soffermadosi su u aspetto acora trascurato che è uello della possibilità di bilaciameto dei sigoli radiatori. Nel prossimo articolo verrao ivece evideziati alcui aspetti legati al rumore dovuto al flusso turboleto el corpo valvola regolato dalla testia termostatica. Il problema: lo sbilaciameto idraulico dei radiatori Acora oggi ella stragrade maggioraza degli impiati di riscaldameto esisteti i cui si operao iterveti di risparmio eergetico, ci si limita ad istallare (come previsto dall art. 9 del DM 19/0/007) caldaie a codesazioe, circolatori a velocità variabile e valvole termostatiche su tutti i radiatori. Purtroppo però, o essedo obbligatori per legge, è d'uso istallare isieme alle testie termostatiche corpi valvola privi di regolazioe del Kv, riteedo erroeamete che la testia termostatica sia già idoea a compesare durate il fuzioameto gli errori di bilaciameto dell impiato. D altrode la maggior parte degli impiati termici esisteti, privi di ualsiasi dispositivo di bilaciameto, dimostrao che la regolazioe della portata o fa parte del bagaglio culturale dell impiatista italiao il uale, aziché adeguare l effettiva portata alla poteza ecessaria, preferisce per coveieza ecoomica realizzare impiati co elevate portate e prevaleze, lasciado ai posteri i problemi di gestioe dello sbilaciameto delle temperature, dei rumori e degli esorbitati cosumi elettrici delle pompe. Queste problematiche, trascurabili fiché i corpi valvola erao sprovvisti di testie termostatiche, divetao ora gravi problemi da o sottovalutare. Ifatti co l impiego dei circolatori a velocità variabile la portata dei radiatori viee ievitabilmete ridotta al miimo e su uesti uovi valori di portata l impiato deve ecessariamete risultare adattato se si voglioo risolvere i problemi sopracceati. La soluzioe è più semplice di uato possa sembrare: sarebbe sufficiete che le uove testie termostatiche risultio accoppiate a corpi valvola dotati di limitatore di portata, ovvero si abbia u Kv regolabile su ciascu radiatore. Ifatti dal puto di vista idraulico i radiatori avedo ampi passaggi presetao Kv elevati (ovvero perdite di carico trascurabili) uidi i preseza di corpi valvola ordiari sprovvisti di Kv variabile si avrebbero extraflussi sui radiatori più favoriti che i preseza di circolatori a velocità variabile accetuao i difetti di sottoflussi sui radiatori più sfavoriti. Per promemoria ricordo che il Kv è u coefficiete caratteristico che idica la portata fluete a valvola aperta e alla pressioe differeziale covezioalmete assuta pari a 1 bar. Nelle varie uità di misura utilizzate dai Costruttori si avrao le segueti relazioi: Portata i m 3 /h m 3 /h l/h l/h Perdita di carico i bar kpa bar kpa Coefficiete Kv Kv Kv 10 Kv Kv 3 p p p p Perdita di carico p p Kv p 100 Kv p 6 10 Kv p 4 10 Kv Portata Kv p 3 0, 1Kv p 10 Kv p 100Kv p pagia1di7

2 Valori tipici dei Kv delle valvole da 1/ completamete aperte variao da 1,8 a,4 m 3 /h bar. Alle ormali pressioi differeziali preseti sui corpi valvola (circa 5-0kPa) vedremo che tale valore può essere oltre 10 volte superiore a uello ecessario per u radiatore da 1000W. La preregolazioe per il bilaciameto dei radiatori Si è acceato al fatto che sembrerebbe o ravvisabile alcu vataggio bilaciare la portata dei sigoli radiatori, soprattutto se dotati di valvole termostatiche: essedo la loro fuzioe uella di correlare il flusso di calore emesso dal radiatore co la temperatura ambiete regolata, potrebbe coseguire che il bilaciameto idraulico si ottiee co l approssimarsi della chiusura della valvola al raggiugimeto della temperatura voluta. Ifatti è pur vero che la valvola termostatica tede idirettamete a livellare le differeze di portata ei radiatori uado, per l'eccesso di temperatura ambiete ei locali sovrariscaldati, la chiusura delle termostatiche crea u aumeto della perdita di carico el radiatore iteressato e uidi u maggior flusso si rede dispoibile ache ai radiatori idraulicamete sfavoriti che risultao acora freddi. Questa proprietà è vera ma purtroppo si verifica solamete uado la temperatura ambiete ei locali favoriti supera il valore di set poit e della bada proporzioale (tolleraza di regolazioe della valvola). Se ivece la temperatura ambiete risulta iferiore a uesto valore la valvola sarà completamete aperta o esplicado così alcua azioe di bilaciameto. Questi casi soo più umerosi di uato si possa pesare e o si limitao al solo avviameto a freddo del mattio (morig start up) ma si verificao ache i preseza di regime itermittete o atteuato, di errori comportametali (termostatiche tarate oltre i C, apertura prolugata delle fiestre,...) oché durate le cotiue pedolazioi all'itero della bada proporzioale che si hao co il ormale fuzioameto della valvola termostatica. I ogi caso dover attedere che il bilaciameto vega effettuato solo alla chiusura della termostatica, codizioe che potrebbe ache o verificarsi mai (tate soo le valvole termostatiche che vegoo lasciate dagli uteti al massimo della taratura), sigifica mateere codizioi di fuzioameto suilibrate che producoo maggiori cosumi di eergia elettrica da parte delle pompe ed isufficieza di portata (e uidi di temperatura ambiete) ei radiatori idraulicamete più sfavoriti. I sostaza tutti uei casi che provocao perturbazioi locali della temperatura ambiete, determiao la completa apertura della valvola termostatica e uidi ecessitao di ua limitazioe della portata al valore limite corrispodete alla poteza massima erogabile dal radiatore. Erogare ua portata maggiore del limite massimo ecessario crea solo problemi ed aumeta i cosumi eergetici. Fig. 1 Rappresetazioe tempo di messa a regime tra impiato sbilaciato e bilaciato Come vedremo dettagliatamete uesti problemi possoo essere risolti efficacemete e i modo semplice prevededo valvole termostatiche dotate del dispositivo di preregolazioe della portata. pagiadi7

3 Per focalizzare il problema prediamo i cosiderazioe due radiatori ello stesso appartameto: uo piccolo co P =500 W e l'altro grade co P = 000 W, se poessimo u t=15 C (sarebbe auspicabile u t=0 C) le portate omiali ( ) massime, ovvero a piea poteza, risultao essere: P 1,163 t per il radiatore piccolo da 500W: 9 litri/h P 1,163t per il radiatore grade da 000W: 115 litri/h pagia3di7 Fig. Portate omiali tra due radiatori di differete poteza Suppoiamo di trascurare le perdite di carico delle tubazioi e del corpo del radiatore cocetradosi solo sul Kv delle valvole di madata e ritoro dei radiatori, le uali a valvole completamete aperte presetao ormalmete ciascua u Kv=,. Dato che il Kv complessivo di u circuito co valvole iserite i serie si calcola co: Kv tot 1 Kv Kv Kv 1... co le valvole i serie avremo per ciascu radiatore u Kv complessivo pari a: Kv tot 1 0.5,, , 56 valv det ipotizzado agli attacchi ua pressioe differeziale di 15kPa si avrà ua portata reale ( R ): R 100 Kv p l/h per ciascu radiatore. E' bee osservare che la portata è la stessa per etrambi i radiatori, idipedetemete dalla loro poteza, essedo di fatto idetica la perdita di carico valvola-radiatore. R I ueste codizioi l'errore E 100, ovvero l esuberaza della portata effettiva % rispetto a uella omiale ecessaria, risulta essere: per il radiatore piccolo da 500W: E % ecessario; % per il radiatore grade da 000W: E % ecessario. % ovvero uasi 0 volte il ovvero oltre 4 volte il A titolo idicativo si evidezia che la portata di 60 l/h co t di 0 C è talmete esuberate al puto che potrebbe da sola soddisfare u impiato co poteza omiale di: P 1,163 t W ovvero u solo radiatore è attraversato da ua portata ormalmete richiesta da u itero appartameto ubicato i zoa climatica D avete ua superficie di circa 00m! Questo sovraflusso catastrofico i gergo viee defiito "corto circuito idraulico".

4 Ma uesto sovraflusso ha aumetato della stessa proporzioe ache la poteza emessa? Assolutamete o! La maggior portata costituisce solo ua poteza termica "spedibile" ovvero poteziale, l'effettiva poteza termica emessa dipede dalle caratteristiche costruttive del radiatore e riassumibili dalla formula caoica dello scambio termico: P U S t dove U= trasmittaza di scambio termico (radiatori i aria calma U 6-8W/m K), S=superficie i m e t è la differeza tra la temperatura del radiatore e la temperatura ambiete, ovvero: tm tr t ta Siccome é U e é S possoo aumetare e cosegue che ua maggior portata coduce uicamete ad u aumeto del t del radiatore. Ache ammesso per assurdo che la differeza tm,tr diveti ulla, ovvero tm=tr=80 C (e uidi si avrà u t=60 C aziché di 50 C) l'icremeto di poteza (pe % ) che e cosegue è modesto e o certo proporzioale all'esubero di portata, ifatti ipotizzado ua ualsiasi poteza P: P60 P pe% % P Ciò sigifica che a frote di aumeti impressioati della portata si ottiee solo u modesto icremeto della poteza (max 0%), ioltre u sovraflusso i ua parte dell'impiato, se o viee adeguatamete compesato dalla pompa, sigifica ievitabilmete u sottoflusso da u'altra parte dell impiato. I sottoflussi hao ua icideza sulla poteza otevolmete superiore ai sovraflussi, uesto fatto è messo i evideza dalla fig. 3 se si ota la diversa icliazioe che assumoo le curve prima e dopo il puto ottimale del 100% di portata e poteza. Fig. 3: Variazioe % della poteza emessa (P%) i fuzioe della variazioe di portata (%) per diversi salti termici e riferiti ad u comue radiatore (=1.3) e co ambiete a 0 C. Come se ciò o bastasse a creare problemi i u impiato, altre distorsioi se e aggiugoo. Ad esempio, valvole termostatiche regolate oltre la massima temperatura ambiete o adrao mai i chiusura: i uesto caso è come se la testia termostatica o esistesse. Se la portata massima ei circuiti favoriti o viee adeguatamete limitata, uesti extra flussi ridurrao la portata dispoibile ad altre parti dell'impiato creado disagi soprattutto ai piai alti, i uali avedo tubazioi co maggior percorso hao perdite di carico maggiori e uidi la portata dispoibile sarà iferiore. Dispositivi di preregolazioe dei radiatori Nel paragrafo precedete soo stati evideziati gli effetti disastrosi del macato bilaciameto dei radiatori e abbiamo acceato al fatto che per porvi rimedio è sufficiete che i corpi valvola delle testie termostatiche siao dotate di limitatore di portata ovvero di Kv regolabile. pagia4di7

5 Da teer presete che dal puto di vista ecoomico u corpo valvola co Kv variabile ha u costo di circa il 10% i più rispetto ad u corpo valvola ordiario, maggiorazioe di costo di circa 1 che o giustifica la preseza sul mercato di valvole a kv fisso salvo che per due motivi: 1. il Costruttore o dispoe di risorse atte a modificare la produzioe;. il Costruttore matiee la produzioe i attesa di ua evoluzioe del mercato acora legato al costo e o alle prestazioi. Ma come fuzioa il limitatore di portata, ovvero la preregolazioe del Kv? Nella pratica costruttiva è sufficiete che l iserto stelo-otturatore all itero del corpo valvola abbia uo scotro che limiti la corsa di apertura dello stelo. U altro metodo è uello di dotare il gruppo otturatore di u cilidro co vari orifizi aveti differeti sezioi di passaggio selezioabili mediate semplice rotazioe. Siccome gli iserti stelo-valvola soo pezzi smotabili dal corpo valvola è spesso possibile la sostituzioe di u iserto comue co altro dello stesso tipo avete la regolazioe della corsa di massima apertura. I ogi caso per poter effettuare la preregolazioe della portata massima basta svitare la ghiera della testia termostatica e agire co cacciavite o apposita chiave sulla vite di preselezioe umerata regoladola al corrispodete valore di portata rilevabile dal diagramma del Costruttore. A B Fig. 4 Vista estera (A) ed itera (B) di u tipico corpo valvola co iserto di regolazioe del Kv. Fig. 5 Tipico diagramma di regolazioe della portata per valvola termostatizzabile co Kv regolabile. pagia5di7

6 Per u corretto fuzioameto è uidi ecessario che i fase di istallazioe delle valvole termostatiche l'istallatore sappia, cosultado i diagrammi del Costruttore, il limite di massima apertura da impostare su ogi radiatore. Ad esempio impiegado ua valvola co caratteristica idraulica come da diagramma di fig.5 possiamo otare che per u radiatore da 1000W co t=0 C, che richiede ua portata omiale di 43l/h, è ecessario impostare la corsa massima dell'otturatore sulla tacca 3 se si ha u p =15kPa oppure sulla tacca 4 se si ha u p =7kPa. Se o diversamete idicato tali diagrammi riferiscoo le regolazioi ad ua bada proporzioale, ovvero ad u errore rispetto al set-poit, di ±K. Nel caso sia ecessaria ua bada di ±1K (preferibile), ovvero ua maggior precisioe di regolazioe, è ecessario u aumeto dell'autorità della valvola, ovvero la corsa va limitata ulteriormete secodo le istruzioi del Costruttore. Molto importate è teer presete che i diagrammi dei Costruttori si riferiscoo alla sola valvola termostatizzabile e o all'accoppiameto valvola+detetore che, pur avedo uest'ultima u Kv relativamete grade (i geere,), è comuue u ulteriore elemeto resistivo i serie che riduce il valore della portata attraversate il radiatore e uidi, a rigore, il riferimeto esatto del Kv sarebbe da calcolarsi co la formuletta del Kv i serie ma, essedo l'errore miore dell' 1%, ella pratica uesto calcolo può essere omesso. Errore molto più sesibile, che modifica la taratura del diagramma di circa il 10%, è ivece apportato dalla "rigidezza" della testia termostatica che viee accoppiata allo stelo. I uesto caso i Costruttori soo soliti idicare la maggiorazioe della perdita di carico da cosiderare per il tipo di testia termostatica. Per semplificare le operazioi di regolazioe effettuate da persoale o esperto i regolazioi può essere utile predisporre ua tabella riepilogativa del tipo seguete: Dimesioi e Regolazioe Radiatore Gradezza P (Watt) REG. Piccolo P< Medio 1000<P<000 1 Grade P> Note per la taratura Co u cacciavite, ruotare i seso orario la vite di pre-selezioe fio al suo arresto (valvola chiusa). Cotrassegare uesta posizioe come riferimeto di parteza. Ruotare i apertura fio al riferimeto idicato i REG (tacca 10 = 1 giro). Dato che la pressioe differeziale dispoibile el circuito dimiuisce co l aumetare delle resisteze el circuito stesso, simili prospetti rappresetao ua approssimazioe di uo specifico caso i cui il valore di p assuto rappreseta ua particolare zoa dell impiato avete la pressioe residua cosiderata. Il diagramma di fig. 6 rappreseta graficamete uesta codizioe. Fig. 6 Rappresetazioe perdite di carico e prevaleza residua pagia6di7

7 Dal diagramma di fig. 6 si può otare che la perdita di carico dei radiatori (A), si può cosiderare u valore costate, metre la perdita delle tubazioi (B) è i geere proporzioale allo sviluppo della rete. Ciascu radiatore avrà uidi dispoibile ua prevaleza residua data dalla differeza, el puto cosiderato, tra la prevaleza massima agli attacchi della pompa (liea verde C) sottratte le perdite di carico totali del circuito (liea rossa B). Il valore di riferimeto della prevaleza residua da utilizzare per la regolazioe del Kv è uidi u valore variabile (mi-max) che dipede dal puto cosiderato el circuito (dal primo all' ultimo radiatore). Negli impiati esisteti, macado le predisposizioi degli attacchi per le misure di pressioe, o risulta possibile misurare la prevaleza residua ei vari puti e uidi si tede ad effettuare ua prima regolazioe i eccesso, che evetualmete può essere corretta i fase di esercizio rilevado le temperature effettivamete dispoibili ai radiatori e affiado al coltempo u'esperieza utile a suggerire la migliore approssimazioe elle istallazioi successive. I ogi caso si tega presete che ualsiasi approssimazioe i eccesso produrrà comuue ua riduzioe di uell'errore catastrofico della portata che altrimeti si avrebbe co le valvole termostatiche completamete aperte e prive di Kv regolabile. E' ache utile osservare che o è ecessaria ua eccessiva precisioe dato che la fuzioe della preregolazioe del Kv è uella di correggere i trasitori termici. Ad eccezioe di uesti casi, ovvero co impiato be regolato e a regime, sarà la stessa testia termostatica a posizioare l'otturatore sotto la corsa massima del Kv prefissato, dovedo di fatto ridurre la poteza del radiatore al valore di compesazioe delle sole dispersioi termiche. Si coclude osservado che ua regolazioe della portata massima potrebbe essere operata parzializzado la chiusura dei detetori, ovvero iterveedo sulla valvola (priva di maopola) posta sul ritoro dei radiatori. Sebbee il pricipio sia lo stesso (realizzare ua perdita di carico addizioale atta a ridurre la portata i eccesso) uesta soluzioe o è miimamete paragoabile all'impiego di u corpo valvola co Kv regolabile, o tato per il fatto che il Costruttore forisce diagrammi ad hoc e ua scala di regolazioe visibile sul corpo valvola, uato per il fatto che u ualsiasi iterveto ell'impiato che richieda la chiusura di valvole e detetori dei radiatori fa perdere uelle codizioi di taratura che magari soo state faticosamete raggiute. Tale problema o può verificarsi elle valvole predisposte co Kv regolabile essedo uesta ua taratura idipedete sia dall'azioe della valvola termostatica sia dall'azioe mauale di chiusura del radiatore. pagia7di7

Corso di Elementi di Impianti e macchine elettriche Anno Accademico 2014-2015

Corso di Elementi di Impianti e macchine elettriche Anno Accademico 2014-2015 Corso di Elemeti di Impiati e mahie elettriche Ao Aademico 014-015 Esercizio.1 U trasformatore moofase ha i segueti dati di targa: Poteza omiale A =10 kva Tesioe omiale V 1 :V =480:10 V Frequeza omiale

Dettagli

SUCCESSIONI E SERIE NUMERICHE

SUCCESSIONI E SERIE NUMERICHE SUCCESSIONI E SERIE NUMERICHE. Successioi umeriche a. Defiizioi: successioi aritmetiche e geometriche Cosideriamo ua sequeza di umeri quale ad esempio:,5,8,,4,7,... Tale sequeza è costituita mediate ua

Dettagli

Numerazione binaria Pagina 2 di 9 easy matematica di Adolfo Scimone

Numerazione binaria Pagina 2 di 9 easy matematica di Adolfo Scimone Numerazioe biaria Pagia di 9 easy matematica di Adolfo Scimoe SISTEMI DI NUMERAZIONE Sistemi di umerazioe a base fissa Facciamo ormalmete riferimeto a sistemi di umerazioe a base fissa, ad esempio el sistema

Dettagli

Scritto da Per. Ind. Bruno Orsini Venerdì 21 Giugno 2013 17:41 - Ultimo aggiornamento Domenica 23 Giugno 2013 08:55

Scritto da Per. Ind. Bruno Orsini Venerdì 21 Giugno 2013 17:41 - Ultimo aggiornamento Domenica 23 Giugno 2013 08:55 La Norma CEI 0-21, la uova regola tecica di coessioe BT Per quato riguarda gli impiati elettrici, oltre alle prescrizioi della Norma CEI 64-8 e successive variati, occorre teere i cosiderazioe u ulteriore

Dettagli

PROGRAMMA RISPARMIO ENERGETICO EFFICIENTAMENTO ENERGETICO DEGLI EDIFICI PRIVATI

PROGRAMMA RISPARMIO ENERGETICO EFFICIENTAMENTO ENERGETICO DEGLI EDIFICI PRIVATI COMUNE DI VIGGIANO Provicia di Poteza 0975 61142 Fax 0975 61137 Partita IVA 00182930768 C.C.P. 14378855 PROGRAMMA RISPARMIO ENERGETICO EFFICIENTAMENTO ENERGETICO DEGLI EDIFICI PRIVATI Azioe A2 BANDO PER

Dettagli

Metodi statistici per l analisi dei dati

Metodi statistici per l analisi dei dati Metodi statistici per l aalisi dei dati due ttameti Motivazioi ttameti Obbiettivo: Cofrotare due diverse codizioi (ache defiiti ttameti) per cui soo stati codotti gli esperimeti. due ttameti Esempio itroduttivo

Dettagli

Economia Internazionale - Soluzioni alla IV Esercitazione

Economia Internazionale - Soluzioni alla IV Esercitazione Ecoomia Iterazioale - Soluzioi alla IV Esercitazioe 25/03/5 Esercizio a) Cosa soo le ecoomie di scala? Come cambia la curva di oerta i preseza di ecoomie di scala? Perchè queste oroo u icetivo al commercio

Dettagli

Analisi statistica dell Output

Analisi statistica dell Output Aalisi statistica dell Output IL Simulatore è u adeguata rappresetazioe della Realtà! E adesso? Come va iterpretato l Output? Quado le Osservazioi soo sigificative? Quati Ru del Simulatore è corretto effettuare?

Dettagli

la climatizzazione professionale: refrigeratori aria-acqua

la climatizzazione professionale: refrigeratori aria-acqua la climatizzazioe professioale: refrigeratori aria-acqua 20 REFRIGERATORI ARIA-ACQUA IN POMPA DI CALORE JFP E, JFP E-P CON VENTILATORI ASSIALI 22 REFRIGERATORI ARIA-ACQUA IN POMPA DI CALORE JFM E, JFM

Dettagli

CAPITOLO 5 TEORIA DELLA SIMILITUDINE

CAPITOLO 5 TEORIA DELLA SIMILITUDINE CAPITOLO 5 TEORIA DELLA SIMILITUDINE 5.. Itroduzioe La Teoria della Similitudie ha pricipalmete due utilizzi: Estedere i risultati otteuti testado ua sigola macchia ad altre codizioi operative o a ua famiglia

Dettagli

Metodi statistici per l'analisi dei dati

Metodi statistici per l'analisi dei dati Metodi statistici per l aalisi dei dati due Motivazioi Obbiettivo: Cofrotare due diverse codizioi (ache defiiti ) per cui soo stati codotti gli esperimeti. Metodi tatistici per l Aalisi dei Dati due Esempio

Dettagli

LE MISURE DI VARIABILITÀ DI CARATTERI QUANTITATIVI

LE MISURE DI VARIABILITÀ DI CARATTERI QUANTITATIVI Apputi di Statistica Sociale Uiversità ore di Ea LE MISURE DI VARIABILITÀ DI CARATTERI QUATITATIVI La variabilità di u isieme di osservazioi attiee all attitudie delle variabili studiate ad assumere modalità

Dettagli

Campi vettoriali conservativi e solenoidali

Campi vettoriali conservativi e solenoidali Campi vettoriali coservativi e soleoidali Sia (x,y,z) u campo vettoriale defiito i ua regioe di spazio Ω, e sia u cammio, di estremi A e B, defiito i Ω. Sia r (u) ua parametrizzazioe di, fuzioe della variabile

Dettagli

CARATTERISTICHE MECCANICHE DI PIETRE NATURALI PER FACCIATE VENTILATE. Di seguito verranno utilizzati i seguenti simboli:

CARATTERISTICHE MECCANICHE DI PIETRE NATURALI PER FACCIATE VENTILATE. Di seguito verranno utilizzati i seguenti simboli: PROPOSTA DI UN PROTOCOLLO DI PROVE PER IL CONTROLLO DELLE CARATTERISTICHE MECCANICHE DI PIETRE NATURALI PER FACCIATE VENTILATE FINALITÀ Nel campo edile l utilizzo di rivestimeti esteri da riportare sulle

Dettagli

DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE

DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE DI UN GRUPPO DI OSSERVAZIONI O DI ESPERIMENTI, SI PERVIENE A CERTE CONCLUSIONI, LA CUI VALIDITA PER UN COLLETTIVO Più AMPIO E ESPRESSA

Dettagli

V Tutorato 6 Novembre 2014

V Tutorato 6 Novembre 2014 1. Data la successioe V Tutorato 6 Novembre 01 determiare il lim b. Data la successioe b = a = + 1 + 1 8 6 + 1 80 + 18 se 0 se < 0 scrivere i termii a 0, a 1, a, a 0 e determiare lim a. Data la successioe

Dettagli

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Defiire lo strumeto matematico ce cosete di studiare la cresceza e la decresceza di ua fuzioe Si comicia col defiire cosa vuol dire ce ua fuzioe è crescete. Defiizioe:

Dettagli

Scambiatore e recupero calore da ''ATM 2005/06

Scambiatore e recupero calore da ''ATM 2005/06 Scambiatore e recupero calore da ''ATM 2005/06 Foto Foto estera estera scambiatore i i fuzioe fuzioe 20/01/2006 Pagia 1 Iformazioi geerali Impiato dedicato al recupero calore a valle del filtro a maiche.

Dettagli

Capitolo 27. Elementi di calcolo finanziario EEE 2015-2016

Capitolo 27. Elementi di calcolo finanziario EEE 2015-2016 Capitolo 27 Elemeti di calcolo fiaziario EEE 205-206 27. Le diverse forme dell iteresse Si defiisce capitale (C) uo stock di moeta dispoibile i u determiato mometo. Si defiisce iteresse (I) il prezzo d

Dettagli

LA VERIFICA DELLE IPOTESI SUI PARAMETRI

LA VERIFICA DELLE IPOTESI SUI PARAMETRI LA VERIFICA DELLE IPOTESI SUI PARAMETRI E u problema di ifereza per molti aspetti collegato a quello della stima. Rispode ad u esigeza di carattere pratico che spesso si preseta i molti campi dell attività

Dettagli

Approfondimenti di statistica e geostatistica

Approfondimenti di statistica e geostatistica Approfodimeti di statistica e geostatistica APAT Agezia per la Protezioe dell Ambiete e per i Servizi Tecici Cos è la geostatistica? Applicazioe dell aalisi di Rischio ai siti Cotamiati Geostatistica La

Dettagli

52. Se in una città ci fosse un medico ogni 500 abitanti, quale sarebbe la percentuale di medici? A) 5 % B) 2 % C) 0,2 % D) 0,5% E) 0,02%

52. Se in una città ci fosse un medico ogni 500 abitanti, quale sarebbe la percentuale di medici? A) 5 % B) 2 % C) 0,2 % D) 0,5% E) 0,02% RISPOSTE MOTIVATE QUIZ D AMMISSIONE 2000-2001 MATEMATICA 51. L espressioe log( 2 ) equivale a : A) 2log B) log2 C) 2log D) log E) log 2 Dati 2 umeri positivi a e b (co a 1), si defiisce logaritmo i base

Dettagli

Selezione avversa e razionamento del credito

Selezione avversa e razionamento del credito Selezioe avversa e razioameto del credito Massimo A. De Fracesco Dipartimeto di Ecoomia politica e statistica, Uiversità di Siea May 3, 013 1 Itroduzioe I questa lezioe presetiamo u semplice modello del

Dettagli

La stima per capitalizzazione dei redditi

La stima per capitalizzazione dei redditi La stima per capitalizzazioe dei redditi 24.X.2005 La stima per capitalizzazioe La capitalizzazioe dei redditi è l operazioe matematico-fiaziaria che determia l ammotare del capitale - il valore di mercato

Dettagli

Calcolo della risposta di un sistema lineare viscoso a più gradi di libertà con il metodo dell Analisi Modale

Calcolo della risposta di un sistema lineare viscoso a più gradi di libertà con il metodo dell Analisi Modale Calcolo della risposta di u sistema lieare viscoso a più gradi di libertà co il metodo dell Aalisi Modale Lezioe 2/2 Prof. Adolfo Satii - Diamica delle Strutture 1 La risposta a carichi variabili co la

Dettagli

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE Esercizi di Fodameti di Iformatica 1 EQUAZIONI ALLE RICORRENZE 1.1. Metodo di ufoldig 1.1.1. Richiami di teoria Il metodo detto di ufoldig utilizza lo sviluppo dell equazioe alle ricorreze fio ad u certo

Dettagli

8. Quale pesa di più?

8. Quale pesa di più? 8. Quale pesa di più? Negli ultimi ai hao suscitato particolare iteresse alcui problemi sulla pesatura di moete o di pallie. Il primo problema di questo tipo sembra proposto da Tartaglia el 1556. Da allora

Dettagli

Il test parametrico si costruisce in tre passi:

Il test parametrico si costruisce in tre passi: R. Lombardo I. Cammiatiello Dipartimeto di Ecoomia Secoda Uiversità degli studi Napoli Facoltà di Ecoomia Ifereza Statistica La Verifica delle Ipotesi Obiettivo Verifica (test) di u ipotesi statistica

Dettagli

Successioni ricorsive di numeri

Successioni ricorsive di numeri Successioi ricorsive di umeri Getile Alessadro Laboratorio di matematica discreta A.A. 6/7 I queste pagie si voglioo predere i esame alcue tra le più famose successioi ricorsive, presetadoe alcue caratteristiche..

Dettagli

Le onde elettromagnetiche. Origine e natura, spettro delle onde e.m., la polarizzazione

Le onde elettromagnetiche. Origine e natura, spettro delle onde e.m., la polarizzazione Le ode elettromagetiche Origie e atura, spettro delle ode e.m., la polarizzazioe Origie e atura delle ode elettromagetiche: Ua carica elettrica che oscilla geera u campo elettrico E che oscilla e a questo

Dettagli

Statistica 1 A.A. 2015/2016

Statistica 1 A.A. 2015/2016 Corso di Laurea i Ecoomia e Fiaza Statistica 1 A.A. 2015/2016 (8 CFU, corrispodeti a 48 ore di lezioe frotale e 24 ore di esercitazioe) Prof. Luigi Augugliaro 1 / 19 Iterdipedeza lieare fra variabili quatitative

Dettagli

evohome RISPARMIO ENERGETICO E NON SOLO Un obiettivo comune a milioni di famiglie: risparmiare energia senza rinunciare al comfort.

evohome RISPARMIO ENERGETICO E NON SOLO Un obiettivo comune a milioni di famiglie: risparmiare energia senza rinunciare al comfort. evohome RISPARMIO ENERGETICO E NON SOLO U obiettivo comue a milioi di famiglie: risparmiare eergia seza riuciare al comfort. evohome Risparmiare eergia o è mai stato così Esistoo molte soluzioi per otteere

Dettagli

Teorema 13. Se una sere converge assolutamente, allora converge:

Teorema 13. Se una sere converge assolutamente, allora converge: Apputi sul corso di Aalisi Matematica complemeti (a) - prof. B.Bacchelli Apputi 03: Riferimeti: R.Adams, Calcolo Differeziale.- Si cosiglia vivamete di fare gli esercizi del testo. Covergeza assoluta e

Dettagli

Elementi di matematica finanziaria

Elementi di matematica finanziaria Elemeti di matematica fiaziaria 18.X.2005 La matematica fiaziaria e l estimo Nell ambito di umerosi procedimeti di stima si rede ecessario operare co valori che presetao scadeze temporali differeziate

Dettagli

Interesse e formule relative.

Interesse e formule relative. Elisa Battistoi, Adrea Frozetti Collado Iteresse e formule relative Esercizio Determiare quale somma sarà dispoibile fra 7 ai ivestedo oggi 0000 ad u tasso auale semplice del 5% Soluzioe Il diagramma del

Dettagli

Fluidi non newtoniani

Fluidi non newtoniani Petea Aa matricola: 9603 Lezioe del 0/04/00 0:30-3:30 ossi Giulia matricola: 0878 Fluidi o ewtoiai INDICE DELLA LEZIONE DEL 0/04/00 AGOMENTO:FLUIDI NON NEWTONIANI Comportameto reologico dei fluidi... -

Dettagli

Le carte di controllo

Le carte di controllo Le carte di cotrollo Dott.ssa Bruella Caroleo 07 dicembre 007 Variabilità ei processi produttivi Le caratteristiche di qualsiasi processo produttivo soo caratterizzate da variabilità Le cause di variabilità

Dettagli

DISTRIBUZIONI DOPPIE

DISTRIBUZIONI DOPPIE DISTRIBUZIONI DOPPIE Fio ad ora abbiamo visto teciche di aalisi dei dati per il solo caso i cui ci si occupi di u solo carattere rilevato su u collettivo (distribuzioi semplici). I termii formali fio ad

Dettagli

6,57% MAN EfficientLine 2. Minimo consumo, massimo profitto. in meno di carburante

6,57% MAN EfficientLine 2. Minimo consumo, massimo profitto. in meno di carburante 6,57% i meo di carburate MAN EfficietLie 2. Miimo cosumo, massimo profitto. MAN EfficietLie 2: campioe di efficieza. Idice L'EfficietLie 2 i versioe Euro 6 è acora più ecologico e permette u risparmio

Dettagli

STIMA DEL FONDO RUSTCO

STIMA DEL FONDO RUSTCO STIMA DEL FONDO RUSTCO 1) Quali soo gli aspetti ecoomici che possoo essere presi i cosiderazioe ella stima dei fodi rustici? La stima di u fodo rustico può essere fatta applicado i segueti aspetti ecoomici:

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA ALGEBRA \ ARITMETICA \ NUMERI NATURALI (1)

APPUNTI DI MATEMATICA ALGEBRA \ ARITMETICA \ NUMERI NATURALI (1) ALGEBRA \ ARITMETICA \ NUMERI NATURALI (1) I umeri aturali hao u ordie; ogi umero aturale ha u successivo (otteuto aggiugedo 1), e ogi umero aturale diverso da zero ha u precedete (otteuto sottraedo 1).

Dettagli

Appunti sulla MATEMATICA FINANZIARIA

Appunti sulla MATEMATICA FINANZIARIA INTRODUZIONE Apputi sulla ATEATIA FINANZIARIA La matematica fiaziaria si occupa delle operazioi fiaziarie. Per operazioe fiaziaria si itede quella operazioe ella quale avviee uo scambio di capitali, itesi

Dettagli

Strumenti di indagine per la valutazione psicologica

Strumenti di indagine per la valutazione psicologica Strumeti di idagie per la valutazioe psicologica 1.2 - Richiami di statistica descrittiva Davide Massidda davide.massidda@gmail.com Descrivere i dati Dovedo scegliere u esame opzioale, uo studete ha itezioe

Dettagli

SUCCESSIONI NUMERICHE

SUCCESSIONI NUMERICHE SUCCESSIONI NUMERICHE LORENZO BRASCO. Teoremi di Cesaro Teorema di Stolz-Cesaro. Siao {a } N e {b } N due successioi umeriche, co {b } N strettamete positiva, strettamete crescete e ilitata. Se esiste

Dettagli

L impianto elettrico nei servizi condominiali

L impianto elettrico nei servizi condominiali OBIETTIVO PROFEIONE L impiato elettrico ei servizi codomiiali Il codomiio cosiderato è costituito da quattro piai fuori terra co due scale itere; per ogi scala si hao due appartameti al primo e secodo

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagia Giovaa Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 2 per la Scuola secodaria di secodo grado UNITÀ CAMPIONE Edizioi del Quadrifoglio à t i U 2 Radicali I questa Uità affrotiamo

Dettagli

Calcolo Combinatorio (vers. 1/10/2014)

Calcolo Combinatorio (vers. 1/10/2014) Calcolo Combiatorio (vers. 1/10/2014 Daiela De Caditiis modulo CdP di teoria dei segali Igegeria dell Iformazioe - sede di Latia, CALCOLO COMBINATORIO Pricipio Fodametale del Calcolo Combiatorio: Si realizzio

Dettagli

STATISTICA 1 parte 2/2 STATISTICA INFERENZIALE

STATISTICA 1 parte 2/2 STATISTICA INFERENZIALE STATISTICA parte / U test statistico è ua regola di decisioe Effettuare u test statistico sigifica verificare IPOTESI sui parametri. STATISTICA INFERENZIALE STIMA PUNTUALE STIMA PER INTERVALLI TEST PARAMETRICI

Dettagli

STATISTICA DESCRITTIVA

STATISTICA DESCRITTIVA STATISTICA DESCRITTIVA La statistica descrittiva serve per elaborare e sitetizzare dati. Tipicamete i dati si rappresetao i tabelle. Esempio. Suppoiamo di codurre u idagie per cooscere gli iscritti al

Dettagli

METODO DELLE PIOGGE PER IL CALCOLO DEI VOLUMI DI INVASO PER L INVARIANZA IDRAULICA

METODO DELLE PIOGGE PER IL CALCOLO DEI VOLUMI DI INVASO PER L INVARIANZA IDRAULICA METODO DELLE PIOGGE PER IL CALCOLO DEI OLUMI DI INASO PER L INARIANZA IDRAULICA 1. Premessa I queste brevi ote si preseta il metodo semplificato delle piogge illustradoe l implemetazioe i u foglio di calcolo

Dettagli

APPUNTI DI ECONOMIA ELEMENTARE. (tratti da A. MONTE Elementi di Impianti Industriali Cortina)

APPUNTI DI ECONOMIA ELEMENTARE. (tratti da A. MONTE Elementi di Impianti Industriali Cortina) ITIS OMAR Dipartimeto di Meccaica APPUNTI DI ECONOMIA ELEMENTARE (tratti da A. MONTE Elemeti di Impiati Idustriali Cortia) Si defiisce iteresse il dearo pagato per l'uso di u capitale otteuto i prestito

Dettagli

12 SECONDO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA

12 SECONDO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA SECONDO PRINCIPIO DELL ERMODINMIC Il primo pricipio della termodiamica stabilisce l equivaleza fra calore scambiato e lavoro meccaico e quidi che il calore assorbito o ceduto da u sistema termodiamico

Dettagli

Appunti su rendite e ammortamenti

Appunti su rendite e ammortamenti Corso di Matematica I Facoltà di Ecoomia Dipartimeto di Matematica Applicata Uiversità Ca Foscari di Veezia Fuari Stefaia, fuari@uive.it Apputi su redite e ammortameti 1. Redite Per redita si itede u isieme

Dettagli

SCHEMI DI BILANCIO, TABELLE DELLA NOTA INTEGRATIVA E INDICI

SCHEMI DI BILANCIO, TABELLE DELLA NOTA INTEGRATIVA E INDICI SCHEMI DI BILANCIO, TABELLE DELLA NOTA INTEGRATIVA E INDICI di Massimo FANTINI e Roberto TONELLO MATERIE: ECONOMIA AZIENDALE (classe 5 IT Idirizzo AFM; Articolazioe SIA; Articolazioe RIM; 5 IP Servizi

Dettagli

Motori maxon DC e maxon EC Le cose più importanti

Motori maxon DC e maxon EC Le cose più importanti Motori maxo DC e maxo EC Il motore come trasformatore di eergia Il motore elettrico trasforma la poteza elettrica P el (tesioe U e correte I) i poteza meccaica P mech (velocità e coppia M). Le perdite

Dettagli

Capitolo uno STATISTICA DESCRITTIVA BIVARIATA

Capitolo uno STATISTICA DESCRITTIVA BIVARIATA Capitolo uo STATISTICA DESCRITTIVA BIVARIATA La statistica bidimesioale o bivariata si occupa dello studio del grado di dipedeza di due caratteri distiti della stessa uità statistica. E possibile, ad esempio,

Dettagli

MOTO UNIFORME NEI CANALI A PELO LIBERO

MOTO UNIFORME NEI CANALI A PELO LIBERO Carlo Gregoretti Idraulica capitolo 8 0 Nov. 08 64 MT UNIFRME NEI CANALI A PEL LIBER 8. Leggi di moto uiforme per caali a sezioi compatte Ua correte i u caale di sezioe costate tede ad assumere u regime

Dettagli

Presentazione Convenzione Corpo Volontari Garibaldini e Blu Energy Srl per la promozione delle Energie Rinnovabili www.blu-energy.

Presentazione Convenzione Corpo Volontari Garibaldini e Blu Energy Srl per la promozione delle Energie Rinnovabili www.blu-energy. Presetazioe Covezioe Corpo Volotari Garibaldii e Blu Eergy Srl per la promozioe delle Eergie Riovabili Le pricipali caratteristiche del progetto www.blu-eergy.it Diamo il ostro cotributo Blu Eergy e il

Dettagli

SERIE NUMERICHE Con l introduzione delle serie vogliamo estendere l operazione algebrica di somma ad un numero infinito di addendi.

SERIE NUMERICHE Con l introduzione delle serie vogliamo estendere l operazione algebrica di somma ad un numero infinito di addendi. Serie SERIE NUMERICHE Co l itroduzioe delle serie vogliamo estedere l operazioe algebrica di somma ad u umero ifiito di addedi. Def. Data la successioe {a }, defiiamo la successioe {s } poedo s = a k.

Dettagli

STIMA DEI DANNI 1) Che cosa si intende per danno economico?

STIMA DEI DANNI 1) Che cosa si intende per danno economico? STIMA DEI DANNI 1) Che cosa si itede per dao ecoomico? Per dao ecoomico si itede la perdita o la dimiuzioe di valore che u bee subisce a seguito di u siistro ( eveto o prevedibile) o da u fatto doloso

Dettagli

STATISTICA INFERENZIALE SCHEDA N. 2 INTERVALLI DI CONFIDENZA PER IL VALORE ATTESO E LA FREQUENZA

STATISTICA INFERENZIALE SCHEDA N. 2 INTERVALLI DI CONFIDENZA PER IL VALORE ATTESO E LA FREQUENZA Matematica e statistica: dai dati ai modelli alle scelte www.dima.uige/pls_statistica Resposabili scietifici M.P. Rogati e E. Sasso (Dipartimeto di Matematica Uiversità di Geova) STATISTICA INFERENZIALE

Dettagli

STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA

STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA aa 2009-2010 Operazioi statistiche elemetari Spesso ci si preseta il problema del cofroto tra dati Ad esempio, possiamo voler cofrotare feomei [ecoomici]

Dettagli

Capitolo Terzo. rappresenta la rata di ammortamento del debito di un capitale unitario. Si tratta di risolvere un equazione lineare nell incognita R.

Capitolo Terzo. rappresenta la rata di ammortamento del debito di un capitale unitario. Si tratta di risolvere un equazione lineare nell incognita R. 70 Capitolo Terzo i cui α i rappreseta la rata di ammortameto del debito di u capitale uitario. Si tratta di risolvere u equazioe lieare ell icogita R. SIANO NOTI IL MONTANTE IL TASSO E IL NUMERO DELLE

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2006

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2006 ESAME DI STAT DI LICE SCIENTIFIC CRS DI RDINAMENT 006 Il cadidato risolva uo dei due problemi e 5 dei 0 quesiti i cui si articola il questioario. PRBLEMA U filo metallico di lughezza l viee utilizzato

Dettagli

Prova scritta di Statistica per Biotecnologie. 29 Aprile Programma Cristallo 1

Prova scritta di Statistica per Biotecnologie. 29 Aprile Programma Cristallo 1 Prova scritta di Statistica per Biotecologie 9 Aprile Programma Cristallo. Uo dei processi di purificazioe impiegati i ua certa sostaza chimica prevede di metterla i soluzioe e di filtrarla co ua resia

Dettagli

5. Le serie numeriche

5. Le serie numeriche 5. Le serie umeriche Ricordiamo che ua successioe reale è ua fuzioe defiita da N, evetualmete privato di u umero fiito di elemeti, a R. Solitamete si idica ua successioe co la lista dei suoi valori: (a

Dettagli

Statistica di base. Luca Mari, versione 31.12.13

Statistica di base. Luca Mari, versione 31.12.13 Statistica di base Luca Mari, versioe 31.12.13 Coteuti Moda...1 Distribuzioi cumulate...2 Mediaa, quartili, percetili...3 Sigificatività empirica degli idici ordiali...3 Media...4 Acora sulla media...4

Dettagli

Esercizi riguardanti limiti di successioni

Esercizi riguardanti limiti di successioni Esercizi riguardati iti di successioi Davide Boscaii Queste soo le ote da cui ho tratto le esercitazioi del gioro 27 Ottobre 20. Come tali soo be lugi dall essere eseti da errori, ivito quidi chi e trovasse

Dettagli

9. MACCHINE CON COLLETTORE A LAMELLE (A CORRENTE CONTINUA).

9. MACCHINE CON COLLETTORE A LAMELLE (A CORRENTE CONTINUA). 9. MACCHINE CON COLLETTOE A LAMELLE (A COENTE CONTINUA). 1. Geeralità e caratteristiche costruttive. Itrisecamete più complesse delle macchie sicroe e asicroe, le macchie co collettore a lamelle soo ate

Dettagli

ANALISI MATEMATICA 1 Area dell Ingegneria dell Informazione. Appello del 5.02.2013 TEMA 1. f(x) = arcsin 1 2 log 2 x.

ANALISI MATEMATICA 1 Area dell Ingegneria dell Informazione. Appello del 5.02.2013 TEMA 1. f(x) = arcsin 1 2 log 2 x. ANALISI MATEMATICA Area dell Igegeria dell Iformazioe Appello del 5.0.0 TEMA Esercizio Si cosideri la fuzioe f(x = arcsi log x. Determiare il domiio di f e discutere il sego. Discutere brevemete la cotiuità

Dettagli

Esercitazione 2 Progetto e realizzazione di un semplice sintetizzatore musicale basato su FPGA

Esercitazione 2 Progetto e realizzazione di un semplice sintetizzatore musicale basato su FPGA Architetture dei sistemi itegrati digitali Alessadro Bogliolo Esercitazioe 2 Progetto e realizzazioe di u semplice sitetizzatore musicale basato su FPGA (A) Defiizioe della specifica ed esperimeti prelimiari

Dettagli

19 31 43 55 67 79 91 103 870,5 882,5 894,5 906,5 918,5 930,5 942,5 954,5

19 31 43 55 67 79 91 103 870,5 882,5 894,5 906,5 918,5 930,5 942,5 954,5 Il 16 dicembre 015 ero a Napoli. Ad u agolo di Piazza Date mi soo imbattuto el "matematico di strada", come egli si defiisce, Giuseppe Poloe immerso el suo armametario di tabelle di umeri. Il geiale persoaggio

Dettagli

Progressioni aritmetiche

Progressioni aritmetiche Progressioi aritmetiche Comiciamo co due esempi: Esempio Cosideriamo la successioe di umeri:, 7,, 5, 9, +4 +4 +4 +4 +4 La successioe è tale che si passa da u termie al successivo aggiugedo sempre +4. Si

Dettagli

Anno 5 Successioni numeriche

Anno 5 Successioni numeriche Ao 5 Successioi umeriche Itroduzioe I questa lezioe impareremo a descrivere e calcolare il limite di ua successioe. Ma cos è ua successioe? Come si calcola il suo limite? Al termie di questa lezioe sarai

Dettagli

CAPITOLO SETTIMO GLI INDICI DI FORMA 1. INTRODUZIONE

CAPITOLO SETTIMO GLI INDICI DI FORMA 1. INTRODUZIONE CAPITOLO SETTIMO GLI INDICI DI FORMA SOMMARIO: 1. Itroduzioe. - 2. Asimmetria. - 3. Grafico a scatola (box plot). - 4. Curtosi. - Questioario. 1. INTRODUZIONE Dopo aver aalizzato gli idici di posizioe

Dettagli

Analisi delle Schede di Dimissione Ospedaliera

Analisi delle Schede di Dimissione Ospedaliera Aalisi delle Schede di Dimissioe Ospedaliera ANALISI DELLE SCHEDE DI DIMISSIONE OSPEDALIERA CON DIAGNOSI ALCOL E DROGA CORRELATE Si descrive, per gli ai 2000-2004, il ricorso alle strutture ospedaliere

Dettagli

ESEMPIO 1. Immaginiamo come si distribuirebbero le stime campionarie se l operazione di campionamento venisse ripetuta più volte.

ESEMPIO 1. Immaginiamo come si distribuirebbero le stime campionarie se l operazione di campionamento venisse ripetuta più volte. ESEMPIO Prima dell esplosioe di ua cetrale ucleare, i terrei di ua certa regioe avevao ua produzioe media di grao pari a 00 quitali co uo scarto di 5. Dopo la catastrofe si selezioao 00 uità di superficie

Dettagli

Tecnica delle misurazioni applicate Esame del 4 dicembre 2007

Tecnica delle misurazioni applicate Esame del 4 dicembre 2007 Tecica delle misurazioi applicate Esame del 4 dicembre 7 Problema 1. Il propulsore Mod. WEC viee prodotto da ACME Ic. mediate u processo automatizzato: dati storici cofermao che la lavorazioe di ogi elemeto

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica A.A. 2014/15. Complementi di Probabilità e Statistica. Prova scritta del del 23-02-15

Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica A.A. 2014/15. Complementi di Probabilità e Statistica. Prova scritta del del 23-02-15 Corso di Laurea Magistrale i Igegeria Iformatica A.A. 014/15 Complemeti di Probabilità e Statistica Prova scritta del del 3-0-15 Puteggi: 1. 3+3+4;. +3 ; 3. 1.5 5 ; 4. 1 + 1 + 1 + 1 + 3.5. Totale = 30.

Dettagli

1. Distribuzioni campionarie legate alla distribuzione normale. 3. Intervallo bilatero di confidenza bilatero per la frazione p di una popolazione

1. Distribuzioni campionarie legate alla distribuzione normale. 3. Intervallo bilatero di confidenza bilatero per la frazione p di una popolazione Questi esempi vi potrao essere utili come riferimeto ella ricerca di itervalli di cofideza e test di ipotesi statistiche. Per gli aggiorameti potete visitare i siti www.boch.et o www.feaor.com. Per dubbi

Dettagli

CONCETTI BASE DI STATISTICA

CONCETTI BASE DI STATISTICA CONCETTI BASE DI STATISTICA DEFINIZIONI Probabilità U umero reale compreso tra 0 e, associato a u eveto casuale. Esso può essere correlato co la frequeza relativa o col grado di credibilità co cui u eveto

Dettagli

DISPENSE DI MATEMATICA FINANZIARIA

DISPENSE DI MATEMATICA FINANZIARIA SPENSE MATEMATA FNANZAA 3 Piai di ammortameto. 3. osiderazioi geerali. U piao di ammortameto cosiste ella restituzioe di u importo preso a prestito mediate il versameto d'importi distribuiti el tempo.

Dettagli

Complessità Computazionale

Complessità Computazionale Uiversità degli studi di Messia Facoltà di Igegeria Corso di Laurea i Igegeria Iformatica e delle Telecomuicazioi Fodameti di Iformatica II Prof. D. Brueo Complessità Computazioale La Nozioe di Algoritmo

Dettagli

che sono una l inversa dell altra; l insieme dei messaggi cifrati C i cui elementi sono indicati con la lettera c.

che sono una l inversa dell altra; l insieme dei messaggi cifrati C i cui elementi sono indicati con la lettera c. I LEZIONE Il ostro iteto è aalizzare i dettaglio i metodi di cifratura che si soo susseguiti el corso della storia prestado particolare attezioe all impiato matematico che e cosete la realizzazioe Iiziamo

Dettagli

Capitolo 3 CARATTERIZZAZIONE MECCANICA DELLE FIBRE

Capitolo 3 CARATTERIZZAZIONE MECCANICA DELLE FIBRE Capitoo 3 CARATTERIZZAZIONE MECCANICA DELLE FIBRE 3.1 LA TEORIA DI WEIBULL I comportameto meccaico dee fibre di giestra e di juta è stato caratterizzato mediate o studio dea resisteza a trazioe dee fibre

Dettagli

Esame 2003. 1 - Generalità - Rapporto di riduzione

Esame 2003. 1 - Generalità - Rapporto di riduzione Esae 003 Si deve provvedere all accoppiaeto tra u otore asicroo trifase ed ua popa a vite, ediate u riduttore a ruote detate cilidriche a deti diritti. Cosiderado che: il otore asicroo ha ua sola coppia

Dettagli

Il confronto tra DUE campioni indipendenti

Il confronto tra DUE campioni indipendenti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Cofroto tra due medie I questi casi siamo iteressati a cofrotare il valore medio di due camioi i cui i le osservazioi i u camioe soo

Dettagli

Matematica II: Calcolo delle Probabilità e Statistica Matematica

Matematica II: Calcolo delle Probabilità e Statistica Matematica Matematica II: Calcolo delle Probabilità e Statistica Matematica ELT A-Z Docete: dott. F. Zucca Esercitazioe # 4 1 Distribuzioe Espoeziale Esercizio 1 Suppoiamo che la durata della vita di ogi membro di

Dettagli

IL CALCOLO COMBINATORIO

IL CALCOLO COMBINATORIO IL CALCOLO COMBINATORIO Calcolo combiatorio è il termie che deota tradizioalmete la braca della matematica che studia i modi per raggruppare e/o ordiare secodo date regole gli elemeti di u isieme fiito

Dettagli

INVENTORY CONTROL. Ing. Lorenzo Tiacci

INVENTORY CONTROL. Ing. Lorenzo Tiacci INVENTORY CONTRO Ig. orezo Tiacci Testo di riferimeto: Ivetory Maagemet ad Productio Plaig ad Cotrol - Third Ed. E.A. Silver, D.F. Pyke, R. Peterso Wiley, 998 Idice. POITICA (s, ) (order poit, order quatity)

Dettagli

Sintassi dello studio di funzione

Sintassi dello studio di funzione Sitassi dello studio di fuzioe Lavoriamo a perfezioare quato sapete siora. D ora iazi pretederò che i risultati che otteete li SCRIVIATE i forma corretta dal puto di vista grammaticale. N( x) Data la fuzioe:

Dettagli

PARTE QUARTA Teoria algebrica dei numeri

PARTE QUARTA Teoria algebrica dei numeri Prerequisiti: Aelli Spazi vettoriali Sia A u aello commutativo uitario PARTE QUARTA Teoria algebrica dei umeri Lezioe 7 Cei sui moduli Defiizioe 7 Si dice modulo (siistro) su A (o semplicemete, A-modulo)

Dettagli

PARAMETRI DEL MOTO SISMICO

PARAMETRI DEL MOTO SISMICO PARAMETRI DEL MOTO SISMICO Attività microsismica: caratterizzata da vibrazioi di debole ampiezza e periodi molto gradi tali da o essere percepiti dai più comui strumeti di registrazioe (importate soprattutto

Dettagli

Successioni. Grafico di una successione

Successioni. Grafico di una successione Successioi Ua successioe di umeri reali è semplicemete ua sequeza di ifiiti umeri reali:, 2, 3,...,,... dove co idichiamo il termie geerale della successioe. Ad esempio, discutedo il sigificato fiaziario

Dettagli

5 ln n + ln. 4 ln n + ln. 6 ln n + ln

5 ln n + ln. 4 ln n + ln. 6 ln n + ln DOMINIO FUNZIONE Determiare il domiio della fuzioe f = l e e + e + e Deve essere e e + e + e >, posto e = t si ha t e + t + e = per t = e e per t = / Il campo di esisteza è:, l, + Determiare il domiio

Dettagli

INTERFACCIA COMUNICAZIONE SERIALE PER ESA ESTRO

INTERFACCIA COMUNICAZIONE SERIALE PER ESA ESTRO Bollettio E708 rev0 7/06/0 INTERFACCIA COMUNICAZIONE SERIALE PER SERIE - CARATTERISTICHE Tesioe di alimetazioe: 90 40vac Frequeza di alimetazioe: 40 70 Hz Assorbimeto massimo: 40W Temperatura di fuzioameto:

Dettagli

Terzo appello del. primo modulo. di ANALISI 18.07.2006

Terzo appello del. primo modulo. di ANALISI 18.07.2006 Terzo appello del primo modulo di ANALISI 18.7.26 1. Si voglioo ifilare su u filo delle perle distiguibili tra loro solo i base alla dimesioe: si hao a disposizioe perle gradi di diametro di 2 cetimetri

Dettagli

Esercitazioni di Statistica

Esercitazioni di Statistica Esercitazioi di Statistica Il modello di Regressioe Prof. Livia De Giovai statistica@dis.uiroma.it Esercizio Solitamete è accertato che aumetado il umero di uità prodotte, u idustria possa ridurre i costi

Dettagli

Foglio di esercizi N. 1 - Soluzioni

Foglio di esercizi N. 1 - Soluzioni Foglio di esercizi N. - Soluzioi. Determiare il domiio della fuzioe f) = log 3 + log 3 3)). Deve essere + log 3 3) > 0, ovvero log 3 3) >, ovvero prededo l espoeziale i base 3 di etrambi i membri) 3 >

Dettagli

Campionamento stratificato. Esempio

Campionamento stratificato. Esempio ez. 3 8/0/05 Metodi Statiici per il Marketig - F. Bartolucci Uiversità di Urbio Campioameto ratificato Ua tecica molto diffusa per sfruttare l iformazioe coteuta i ua variabile ausiliaria (o evetualmete

Dettagli