Capitolo 1 CRITERI DI VALUTAZIONE IN CONDIZIONI DI INCERTEZZA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Capitolo 1 CRITERI DI VALUTAZIONE IN CONDIZIONI DI INCERTEZZA"

Transcript

1 Capitolo 1 CRITERI DI VALUTAZIONE IN CONDIZIONI DI INCERTEZZA 1.1 Introduzione Fino ad ora abbiamo esaminato prevalentemente criteri di valutazione e scelte di investimenti nell ipotesi di operare in condizione di certezza, ossia nel caso in cui siano note, o supposte tali, le caratteristiche delle operazioni di investimento. In tali casi si è implicitamente assunto che un operatore agisca sempre come individuo razionale, per individuo razionale si intende, a parità di altre condizioni, colui che preferisce tanto a poco, volto alla massimizzazione della sua soddisfazione (misurata con una certa funzione di utilità) derivante da una specifica situazione. In generale, una funzione di utilità rappresenta un: indicatore del benessere che un individuo trae da una certa situazione; un modo di descrivere le preferenze dell individuo. Per esempio, nel caso che l individuo sia un consumatore che misura la sua soddisfazione in base alle quantità q = (q 1,,q n ) di ogni possibile paniere di consumi, si userà una funzione di utilitàu q, ossiau(q 1,,q n ), in modo tale da associare un numero ad ogni realizzazione q nell insieme delle opportunità (o dominio, o regione di ammissibilità), che indichiamo con D. q 1,q 2 D, si dirà che: Ad esempio un investimento in titoli di stato è considerato un investimento certo in quanto si conosce a priori il rendimento lordo finale. Tuttavia abbiamo visto che anche tali investimenti non sono del tutto esenti da rischi, ad esempio se il tasso di inflazione durante l orizzonte dell investimento cambia, il rendimento netto dell investimento cambia anch esso.

2 2 Criteri di Valutazione in Condizioni di Incertezza q 1 è preferito aq 2 u q 1 >u q 2 (in simboliq 1 q 2 ) q 1 è indifferente aq 2 u q 1 =u q 2 (in simboliq 1 q 2 ). Si osserva anche che in generale non è importante il valore assoluto della funzioneu, in quanto il suo uso (o scopo, o obiettivo) è quello di ordinare delle preferenze, sono quindi le curve di livello della funzione di utilità che caratterizzano in modo univoco le preferenze, dando un ordinamento fra tutte le possibili scelte, e non i valori diusu tali curve (che possono anche cambiare). Si ritiene, quindi, che una funzione di utilità sia determinata a meno di una trasformazione monotona crescente. Ossia seu q è una funzione di utilità e h(x) una funzione monotona, strettamente crescente, allora u(q)=(h u) q =h u q (1.1) è una funzione di utilità equivalente adu q, nel senso che determina le stesse preferenze, infatti q 1 q 2 u q 1 u q 2 h u q 1 h u q 2 ossia u(q 1 ) u(q 2 ) u q 1 u q 2 Le ipotesi che vengono solitamente fatte sulla funzione u sono: i u= u q i >0 u concava (1.2) Nel caso di due beni, le(1.2) implicano curve di livello convesse e decrescenti del tipo riportato in fig. 5.1.

3 Introduzione 3 q2 Figura 5.1. Curvedi livello della u q :u(q 1,q 2 )=k(costante). k 1 <k 2 <k 3. q1 u q =k du= 1 udq udq 2 =0 dq 2 dq 1 = 1u 2 u <0 Per un investitore che basa il suo criterio di scelta sulla quantità di denaro, o ricchezza x che percepisce in un fissato intervallo di tempo (che assumiamo unitario), avremo cheu(x) è una funzione monotona crescente dix, del tipo riportato nelle figure 5.2 e 5.3. U(x) Figura 5.2. Utilità della ricchezza x. Figura 5.3. Utilità della ricchezza x. x

4 4 Criteri di Valutazione in Condizioni di Incertezza Come misura della ricchezza si può assumere, per esempio, il rendimento di una certa attività finanziaria: 1 (1+i(0,1))=r(0,1) 0 1 x=r(0,1) Ad esempio, una funzione di utilità spesso utilizzata è la funzione di utilità quadratica u(r)=u(x)=ax(1 bx); a,b>0 (1.3) considerata per0<x< 1 2b, in modo da garantireu (x) 0, così che u (x)=a(1 2bx)>0 per la quale si ha u (x)= 2ab<0 (u è il ramo crescente di una parabola concava). Invece di assumere come indicatore della ricchezza il rendimento r(0, 1) potremmo decidere di assumere il tasso effettivo di rendimento i(0, 1) e considerare, al posto di una funzione di utilità del denarou(r), una funzioneu(i). Per e- sempio, nel caso della funzione quadratica, possiamo effettuare il cambiamento di variabilex=1+i ed ottenere u(i) = u(x(i))=a(1+i)(1 b(1+i)) = a (1 b)+(1 2b)i bi 2 (1.4) con il vincolox=1+i< 1 2b che diventai< 1 2b 1. La u è una funzione equivalente ad u e rappresenta gli stessi ordinamenti, essendo sempre una funzione monotona crescente e concava, è solo cambiata la variabile indipendente assunta come rappresentativa della ricchezza. O ancora, visto che l eliminazione di una costante non cambia l ordinamento, eliminando dalla(1.4) il terminea(1 b) otteniamo u(i)=ai(1 2b bi) per i< 1 2b 1

5 Criterio del Valor Medio 5 che rappresenta sempre la medesima funzione di preferenza (fig. 5.4.). U(x) Figura 5.4. Funzione di utilità concava. Se un investitore dovesse decidere in quale titolo di puro sconto investire il suo denaro oggi, t = 0, fra quanti sono disponibili e scadenti in t = 1, usare il criterio della massima utilità porta ad una medesima scelta quando l utilità è una funzione monotona crescente. Ossia, massimizzare il rendimento, o il tasso di rendimento, o altro, è lo stesso, in quanto se la funzione di utilitàudipende da una sola variabile indipendente, x, ed è monotona crescente, allora l utilità massima si ha in corrispondenza del massimo valore assunto dalla variabile indipendente x. Ad esempio, consideriamo il titolo A k che presenta un tasso di rendimento i k, l investitore sceglierà di investire tutto il suo capitale nel titolo A j, avente i j =max{i 1,,i n }. Osserviamo ancora che se l investitore sceglie fra diversi tipi di investimenti in base alcriteriodelrea o del valore attuale, si riferisce sostanzialmente al medesimo criterio, in quanto assumiamo implicitamente che a maggior valore attuale corrisponda una maggior utilità. 1.2 Criterio del Valor Medio Introduciamo ora elementi di incertezza, supponendo che gli investitori sappiano attribuire specifiche probabilità al verificarsi degli eventi. Ad esempio, nel caso dei titoli azionari, sappiamo assegnare le probabilità con cui si veri-

6 6 Criteri di Valutazione in Condizioni di Incertezza ficano certi rendimenti. Nei casi più semplici, ciò si può fare basandosi sulle serie storiche passate e assumendo i valori equiprobabili. Abbiamo già visto nel caso di titoli obbligazionari che una possibile tecnica per arrivare alla condizione di incertezza consiste nel sostituire una variabile casuale, o variabile aleatoria (spesso abbreviata con v.c. oppure v.a.), x, che assume le determinazionix k con probabilitàp k, perk=1,...,n ( k p k=1), con il suo valor atteso n E(X)= x k p k. (1.5) Questo è ilcriterio del valor atteso o delvalore medio. Ossia si assume che il valore da attribuire ad una variabile causalex (X={x k,p k })sia uguale al suo valor attesoe(x). Tuttavia il criterio del valor atteso non è molto adatto per valutare il rendimento dell investimento considerato. Un esempio che mette in evidenza i limiti di tale criterio è il paradosso di S. Pietroburgo, formulato da Bernoulli più di duecento anni fa. Lo stesso autore, Bernuolli, presentò anche una tecnica alternativa che risolveva gli incovenienti evidenziati. Ricordiamo che sex è una variabile casuale con realizzazioni{x k,p k } k = 1,...,n, il valor medio E(X) = n k=1 x kp k non è in genere una delle possibili realizzazioni. Per esempio, consideriamo la v.c. uscite nel lancio di un dado che assumano le possibili realizzazioni x k = k per k = 1,,6 ciascuna con probabilitàp k = 1. Il valor atteso è quindi 6 k=1 E(X)= n k=1 k 1 6 = 21 6 =3.5 che non è una realizzazione possibile. Tuttavia il significato di E(X) è importante in senso statistico, ossia, se l esperimento viene ripetuto un gran numero di volte allora la media aritmetica dei valori ottenuti (cioè le uscite, o realizzazioni, negli esperimenti) tende al valore atteso E(X). Il valore atteso è anche il valore utilizzato nella teoria dei giochi per calcolare il prezzo equo per la parteciapzione ad un gioco, o lotteria. Per esempio, qual è il valore da attribuire alla partecipazione di una lotteria nella quale si abbia la possibilità di vincerex 1 =$.10 milioni con probabilità p 1 = 1 = ex =$.0 con probabilitàp 2 =1 p 1? Si hae(x)=p 1 x 1 +0=1000.

7 Paradosso di S. Pietroburgo 7 Se la partecipazione al gioco, ov.c. X, ha prezzo fissox 0, il gioco viene detto equo se E(G)=E(X) x 0 =0 ossia se offre una speranza matematica di guadagno complessivo nulla (come si ha in un gioco in cui mediamente si paga quanto si vince). Lav.c. guadagno G ha le uscite(x k x 0 ) con le stesse probabilitàp k e quindi E(G)= k (x k x 0 )p k =E(X) x 0 Il gioco viene detto vantaggioso (risp. svantaggioso) se risulta E(G)>0 (risp. <0) ossia E(X)>x 0 (risp. <0) per cui il prezzo(x 0 ) che paghiamo per la partecipazione al gioco è inferiore (risp. superiore) al suo valor atteso E(X), valor medio delle vincite. 1.3 Paradosso di S. Pietroburgo L esempio formulato da Bernoulli evidenzia i limiti associati all utilizzo del criterio del valor atteso. Consideriamo il gioco che consiste nel fissare una posta inizialem 1elanciare una moneta: i partecipanti accettano di ricevere la posta pagata se esce Testa (T) al primo lancio, di ricevere 2 volte la posta (2M) se escet per la prima volta al secondo lancio, 4 volte la posta se escet al terzo lancio e così via in modo che per ogni lancio aggiuntivo la posta venga raddoppiata fino a che non escet. Assumendo le uscite T e C del lancio di moneta equiprobabili, abbiamo le

8 8 Criteri di Valutazione in Condizioni di Incertezza seguenti realizzazioni di guadagno, con relative probabilità: Lancio in cui esce Probabilità Testa la 1 volta Risultato Risultato Premio k p k x k 1 T p 1 = 1 x 2 1 =1M 2 CT p 2 = 1= x 2 =2M 3 CCT p 3 = 1 8 = 1 x =4M 4 CCCT p 4 = 1 = 1 x =8M.... n C...CT p n = 1 x 2 n n =2 n 1 M ed il valor medio di questav.c. è E(X)= 2 k 1 M 1 2 =M 1 = (1.6) k 2 k=1 In base al criterio del massimo rendimento atteso il valor medio di questo gioco costituirebbe il prezzo massimo che un partecipante sarebbe disposto a pagare per partecipare al gioco. Quindi un individuo sarebbe disposto a pagare qualsiasi sommax 0 pur di partecipare al gioco (essendo sempree(x)>x 0 ), cioè considera il gioco sempre vantaggioso, il che è contro il buon senso (basti pensare a quanto ciascuno di noi sarebbe disposto a pagare per partecipare ad un gioco del genere). Il criterio allora non sembra essere applicabile ai comportamenti realmente osservabili. 1.4 Criterio dell utilità attesa(massimizzazione dell utilità attesa) La teoria dell utilità attesa sembra ovviare alle mancanze del criterio precedente. Già lo stesso Bernoulli osservava che gli individui valutano le grandezze finanziarie, o monetarie, non direttamente e oggettivamente, ma mediando il loro valore tramite il grado di utilità che essi, in modo del tutto soggettivo, attribuiscono al possesso di tale somma. Usando questa impostazione assumiamo che ogni operatore agisca associando alle grandezze finanziarie un valore che ne misuri il grado di soddisfazione, o di desiderabilità individuale. Ogni individuo dispone quindi di una personale funzione di utilità u(x) x u(x), x R + k=1

9 Criterio dell utilità attesa (massimizzazione dell utilità attesa) 9 Per esempio, il paradosso di S. Pietroburgo, venne risolto da Bernoulli ipotizzando che l utilità associata al denaro fosse rappresentata da una funzione logaritmica del tipo u(x)=aln x b a>0, b>0 ossia u(x) è l utilità associata all ammontare x di denaro. Consideriamo, per fissare le idee,a=b=1. Al posto dellav.c.{x k,p k } l individuo considera allora lav.c. U =U(X)={u(x k ),p k }={ln(x k ),p k } e le attribuisce il valore atteso, detto utilità attesa: E(U) = k=1 ln 2 k 1 M 1 2 k = ln 2 k ln(m) 1 k 2 k k k k 1 1 = ln2 +lnm 2 k 2 k k=1 k=1 =1 =1 = ln2+lnm = ln(2m) = u(2m) chiamiamo equivalente certo della v.c. x la quantità x c = 2M la cui utilità u(x c ) è uguale all utilità attesae(u(x))=e(u) ossia E(U(X))=u(x c ) (1.7) k 1 Dimostriamo che le serie k=1 2 e 1 k k=1 sono convergenti. Postoq= 1 2 k 2 k=1 qk è la serie geometrica di primo termineq= 1 e ragioneq= 1, quindi 2 2 convergente con somma S= q 1 1 q = =1 (1.8)

10 10 Criteri di Valutazione in Condizioni di Incertezza Per la serie k=1 qk (k 1) calcoliamo la somma parziales n e poi facciamo il limite pern S n = q 2 + q 3 +q 3 + q 4 +q 4 +q 4 + q n +q n +q n + +q n n 1 volte = q 2 1+q+ +q n 2 +q 3 1+q+ +q n 3 + +q n S = lim S n =q 2 1 n 1 q 1 = q 2 +q q = = q 2 1 q (1+q+ ) q q 1 q = q 2 (1 q) 2 +q q e perq= 1 si has=1. 2 Riassumiamo quindi in cosa consiste il criterio dell utilità attesa. Supponiamo che ogni individuo disponga di una funzione di utilità a valori reali, che rappresenti le scelte o preferenze individuali. Se x rappresenta il valore del capitale, u(x) rappresenta l utilità che ad esso associa l operatore. Si assume generalmente che u(x) sia una funzione monotona crescente: x 1 <x 2 u(x 1 )<u(x 2 ) (1.9) e, supponendo che la funzione u(x) sia derivabile, tale condizione la possiamo ottenere richiedendo che la derivata prima (o utilità marginale) sia positiva u (x)>0 [ (1.9)]

11 Criterio dell utilità attesa (massimizzazione dell utilità attesa) 11 Assumiamo, quindi, che ogni operatore misuri le grandezze finanziarie attraverso la soddisfazione che ne deriva. Se deve valutare unav.c. X ={x k,p k } l utilità che ne deriva all operatore è a sua volta unav.c.u(x)={u(x k ),p k } e chiamiamo utilità attesa (l utilità che l operatore associa al possesso della v.c.x), il valore atteso dellav.c. U(X): U =E(U)=E(U(X))= k u(x k )p k (1.10) Osserviamo che nel caso particolare che X consista di due sole possibili uscite (x 1,p 1 ) e(x 2,p 2 ) conp 2 =1 p 1 allora si ha E(X) = x 1 p 1 +x 2 (1 p 1 ) (1.11) E(U) = u 1 p 1 +u 2 (1 p 1 ) (1.12) conu 1 =u(x 1 ),u 2 =u(x 2 ). Ilpunto(E(X),E(U))appartieneintal casoalla retta congiungente i punti (x 1,u 1 ), (x 2,u 2 ) (indipendentemente dalla forma della funzioneu(x)). Si veda la fig.5.5 e la fig.5.6 Figura 5.5. Figura 5.6. In generale, quando X è una variabile casuale con più di due realizzazioni, il puntob=(e(x),e(u)), che può considerarsi il baricentro della distribuzione{x k,p k } con pesip k, è un punto appartenente alla regione delimitata da segmenti di retta congiungenti i punti(x k,u(x k )) appartenenti al grafico della funzioneu(x) e dalla corda congiungente i punti del grafico di ascissa

12 12 Criteri di Valutazione in Condizioni di Incertezza x min ex max (rispettivamente minimo e massimodell insieme{x k,k=1,...,n}) si veda le figg e 5.8. Figura 5.7. Figura 5.8. Si osserva poi che essendo u(x) una funzione crescente, e quindi invertibile, esiste un unico valorex c tale cheu(x c )=E(U), ossia x c =u 1 (E(U)) (1.13) etalevalorex c vienedetto,equivalentecerto dellav.c.x, inquantorappresenta la somma (certa) il cui livello di soddisfazione è pari a quello che si ha con la v.c. (o somma incerta) X. Il criterio generale di comportamento per l individuo razionale sarà quello di scegliere, fra diverse alternative, quella che procura maggiore utilità, usando la funzione di utilità direttamente, u(x), per valori certi x, ossia per investimenti certi o non rischiosi, ed usando l utilità attesa E(U(X)) per investimenti incerti, o rischiosi, rappresentati da una variabile casuale X. Fra due investimenti rischiosi, l opportunità X sarà preferita ad un altra Y se e solo se l utilità attesa dix è maggiore dell utilità attesa diy (fissata la funzione di utilità u): E(U(X))>E(U(Y)) Tipici investimenti certi, considerati non rischiosi, sono i titoli senza cedole, mentre quelli incerti (considerati rischiosi) sono i titoli con cedole. Infatti,

13 Avversione/Propensione al rischio 13 il ritiro di cedole (che sono generalmente al tasso variabile, ossia cedole non costanti) e conseguenti reinvestimenti fa si che il rendimento effettivo globale (per l intero orizzonte temporale) dipenderà da come saranno i tassi vigenti alle scadenze che intervengono nel titolo e oggi potremo solo stimare le loro possibili uscite con determinate probabilità. 1.5 Avversione/Propensione al rischio Il confronto che possiamo effettuare nel caso di due titoli molto semplici, uno non rischioso ed uno rischioso, ci porta a qualificare il comportamento degli operatori in termini della loro funzione di utilità u(x). Per esempio, supponiamo che un investitore debba scegliere, a parità di impiego di capitale iniziale, frauninvestimentocertoa, checonsistenelricavarex A =$.110 afineperiodo, ed un investimento incertob, che consiste nella variabile aleatoriax B che ha comepossibiliricavix B,1 =105conp 1 = 1 2 ex B,2=115conp 2 = 1 2. Calcolando il valore medio dell investimento B otteniamo: E(X B )= =110 (E(X B)=x A ) In base al criterio del valor medio, i due investimenti sono quindi indifferenti. In realtà è plausibile che i due investimenti non siano del tutto equivalenti per gli investitori. È ragionevole pensare che un investitore avverso al rischio preferirà l investimento certo A (a parità di valor medio non rischierà acquistando il titolob, temendo che possa verificarsi l esitox B,1 ). Mentre se l investitore è propenso al rischio allora preferirà l investimento B (a parità del valormedio sperache si realizzi l eventualitàx B,2 ). Le scelte così formulate non avvengono sulla base del criterio del valor medio ma tengono conto anche delle preferenze degli investitori. Tali scelte si ottengono, usando il criterio dell utilità attesa, assumendo che un investitore avverso (rispettivamente propenso) al rischio abbia una funzione di utilità u(x) concava (rispettivamente convessa). Infatti, assumiamo che un investitore abbia una funzione di utilità u(x) concava (condizioni sufficienti affinchè ciò si verifichi sonou (x)>0eu (x)<0), allora risulta necessariamente (si veda la fig.5.9 e la 5.7) che l equivalente certo x c è minore del valore attesoe(x), ossiax c <E(X)=x A, e quindi, per la monotonia diu(x), x c <E(X)=x A E(U)=u(x c )<u(x A ) (1.14)

14 14 Criteri di Valutazione in Condizioni di Incertezza l utilità attesae(u)=u(x c ) è minore di (e quindi non preferita a)u(x A ) e l operatore opta per l investimento certo, che realizza x A (ossia si comporta come un investitore avverso al rischio). Mentre se un operatore ha una funzione di utilitàu(x) convessa (e condizioni sufficienti affinchè ciò si verifichi sonou (x)>0eu (x)>0) allora (si veda la figura 5.10 e la 5.8) si ha necessariamente l equivalente certox c maggiore del valore medioe(x)=x A quindi l utilità attesae(u)=u(x c ) è maggiore di (e quindi preferita a)u(x A ), x c >E(X)=x A E(U)=u(x c )>u(x A ) (1.15) e l operatore opta per l investimemto aleatorio (che gli procura maggiore utilità attesa) e si comporta quindi come un operatore propenso al rischio. Figura 5.9. Utilità per investitore avverso al rischio

15 Avversione/Propensione al rischio 15 Figura Utilità per investitore propenso al rischio Si può notare che per un investitore avente una funzione di utilità affine (u =0) si ha che l utilità attesae(u) è uguale all utilità calcolata nel valore attesoe(x), ossiae(u)=u(e) e l equivalente certox c coincide con il valore medioe(x). Figura 5.11 Utilità per investitore neutro al rischio x c =E(x) (1.16) In tal caso, il criterio del valor medio ed il criterio dell utilità attesa forniscono quindi la medesima soluzione, e se consideriamo l investitore nell esempio precedente si può dire che l investitore è indifferente o neutrale al

16 16 Criteri di Valutazione in Condizioni di Incertezza rischio, in quanto le due opportunità (titolo certo e titolo incerto) sono per lui equivalenti. La condizione data sopra (u(x) affine) è caratterizzante della neutralità, in quanto vale anche il viceversa, come mostra il seguente Teorema 5.1. Relazione tra criterio del valore medio e criterio dell utilità attesa. L utilità attesa è uguale all utilità del valore medio (che è sinonimo di operatore neutrale) se e solo se la funzione di utilitàu(x) è affine E(U(X)) = u(e(x)) (1.17) u(x) = ax+b (1.18) Da questo teorema segue che il criterio del valor medio può essere considerato come un caso particolare del criterio dell utilità attesa. Dimostrazione. Osserviamo che è E(X)= k x k p k (1.19) E(U)= k u(x k )p k (1.20) e risulta u(e(x)) = E(U) u x k p k k = k u(x k )p k e l uguaglianza qui sopra corrisponde alla definizione di u(x) lineare se i pesi p k sono coefficienti generici, se invece i pesip k sommano a 1, come nel nostro caso, allora l uguaglianza è caratterizzante delle funzioni affini, ossia è vera se e solo se u(x)=ax+b (1.21)

17 Avversione/Propensione al rischio 17 Infatti, considerandou(x)=ax+b si ha: u xk p k = a x k p k +b k = k (ax k )p k +b k p k = k (ax k +b)p k = k u(x k )p k Il viceversa è vero per definizione. Quanto visto sopra motiva la seguente: Definizione: Si dice che un individuo (investitore, decisore,...) è avverso al rischio se vale E(U(X))<u(E(X)) v.c. X (1.22) (ossia se preferisce sempre il valore atteso di una lotteria alla lotteria stessa). Teorema 5.2. Condizione per avversione al rischio. Seu (x)<0 x= l investitore è avverso al rischio. Dimostrazione. u (x) < 0 è condizione sufficiente per la stretta concavità della funzione di utilitàu(x) ed essendo il puntob =(E(X),E(U)) un punto della regione di piano compresa fra il grafico diu(x) e la corda, come mostrato in fig.5.7, si ha che l equivalente certox c soddisfa: x c <E(X) e u(x c )=E(u)<u(E(X)) In questi casi (per colui che stima con una tale funzione di utilità,u <0) le somme incerte (con equivalente certox c <E(X)) valgono meno del loro valore atteso (E(U)<u(E(X))). L incertezza è quindi considerata un elemento negativo, per cui è naturale definire tale individuo come avverso al rischio.

18 18 Criteri di Valutazione in Condizioni di Incertezza Definiamo premio per il rischio la quantità =x c E(X) (1.23) che risulta negativa nel caso di investitori avversi al rischio. Analoghe definizioni e proprietà per la propensione e l indifferenza al rischio. Per un investitore con funzione di utilità convessa (u >0) si avrà propensione al rischio in quanto l equivalente certo x c è maggiore del valor medio E(X) x c >E(X) (1.24) e l utilità attesa E(U) è maggiore dell utilità attribuita al valor medio ed il premioperil rischio risulta ora positivo (fig. 5.8). E(U)>u(E(X)) (1.25) =x c E(X)>0 (1.26) Funzioni di utilità equivalenti nella propensione/avversione al rischio. Si noti che in questi casi, in cui si vuol sostituire un equivalente certo a somme incerte, e si fa esplicito riferimento ai valori della funzione di utilità (e non solo all ordinamento delle preferenze da questa indotto) non possiamo ritenere equivalenti funzioni di utilità (ordinale) che sono determinate a meno di trasformazioni monotone crescenti generiche, perchè, pur non cambiando la monotonia, può cambiare la convessità della funzione di utilità. Infatti, se consideriamoh(x) monotona crescente(assumiamo per esempio,h (x)>0) e la funzione compostau=h(u), si ha u =h (u)u >0 u =h (u)(u ) 2 +h (u)u 0 chepuòesserepositivaonegativa(nelcasoincuih eu abbianosegniopposti). Quindi la funzione u, pur essendo monotona crescente, può cambiare il tipo di convessità.

19 Avversione/Propensione al rischio 19 Nel caso in cui la funzione di utilità sia affine, u(x) = ax+b, (ossia con u (x)=0) se consideriamo per esempioh(x)=αx 2 conα>0 otteniamo u=h(u)=α(ax+b) 2 = αa 2 x 2 +2abαx+αb 2 e quindi u(x) è un utilità quadratica con u > 0, ossia convessa. Questo porterebbe a non poter qualificare l operatore come indifferente o propenso al rischio. E chiaro che si vorrebbero ottenere funzioni di utilità equivalenti che fornissero lo stesso tipo di avversione/propensione al rischio. Dovremo allora considerare la funzione di utilità cosiddetta cardinale (e non più ordinale), determinata a meno di una trasformazione affine crescente, ossia a meno di una funzioneh(x) del tipo h(x)=αx+β conα>0 (1.27) con(h (x)=α>0 eh (x)=0). Osserviamo infatti che in questo caso è equivalente, per selezionare le preferenze, considerare una funzione di utilità u(x) oppure la funzione di utilità che si ottiene da essa mediante una trasformazione affine crescente, ossia con u(x)=h(u(x)) essendoh(x) definita sopra. Infatti, siax ={x k,p k }, la variabile aleatoria che si intende valutare, avente valore medioe(x)= k x kp k, e consideriamo le variabili casuali associate alle funzioni di utilitàu(x) eu(x), sianou e U rispettivamente, per le quali è U = {u(x k ),p k }, E(U)= k U = {u(x k ),p k }, E U = k u(x k )p k u(x k )p k Mostriamo ora che due funzioni di utilità equivalenti u(x) e u(x) determinano le stesse preferenze, ossia hanno le stesse caratteristiche in termini di avversione/propensione al rischio, in quanto risulta E(U) < u(e(x)) E U < u(e(x))

20 20 Criteri di Valutazione in Condizioni di Incertezza Infatti, per definizione di u abbiamo u(e(x))=h(u(e(x))) (1.28) mentre E U = k h(u(x k ))p k = k = k (αu(x k )+β)p k αu(x k )p k +β = α u(x k )p k +β k = αe(u)+β (1.29) = h(e(u)) (1.30) E, quindi E(U) < u(e(x)) (1.31) h(e(u)) < h(u(e(x))) (1.32) E U < u(e(x)) (1.33) dove la prima implicazione si ha per la monotonia dihnella(1.27), la seconda per le uguaglianze nelle(1.28) e(1.30). Visto che è la derivata seconda che qualifica la propensione o avversione al rischio, si può ritenere che la sua entità qualifichi il grado di propensione o avversione. Ossia, quanto più sono incurvate le funzione di utilità, tanto è maggiore la differenza frae(u) eu(e) e quindi maggiore è il grado di avversione o propensione al rischio. L uso diretto delle derivate seconde u (x), o delle curvature geometriche di u(x), non sono misure appropriate di avversione al rischio perchè non sono invarianti per trasformazioni affini di u(x), e

21 Avversione/Propensione al rischio 21 quindi qualificherebbero con diversi gradi di avversione due funzioni di utilità equivalenti (che si ottengono l una dall altra con una trasformazione affine). Vengono introdotti allora altri indicatori del grado di avversione, locali (che dipendono dal punto in cui si valutano). Per esempio, una misura dell influenza del fattore rischio sulle preferenze individuali (associata ad una funzione di utilità u(x)) può farsi attraverso la funzione (introdotta da Arrow-Pratt) indice assoluto di avversione al rischio : r(x)= u (x) u (x) (1.34) oppure con la funzione indice relativo di avversione : ρ(x)=xr(x)= x u (x) u (x) (1.35) Con la misura di avversione al rischio r(x) definita sopra, funzioni di utilità equivalenti hanno la medesima funzione di rischiosità. Infatti, consideriamou(x)=h(u(x)) conh(x)=αx+β allora, essendo si ha u = h (u(x)) u (x)=αu (x) u = αu (x) r u (x)= u (x) u (x) = u (x) u (x) =r u(x) (1.36) Ricordando che èu (x)>0 per ogni funzione di utilità avremo che r(x)>0 u (x)<0 (avversione al rischio) r(x)<0 u (x)>0 (propensione al rischio) r(x)=0 u (x)=0 (indifferenza, utilità affine). La funzione reciproca di r(x), λ(x)= 1 r(x) = u (x) u (x)

22 22 Criteri di Valutazione in Condizioni di Incertezza viene assunta come indice di tolleranza al rischio. Si puo provare che l equivalente certox c di unav.a. X={x k,p k } conx k I k per un individuo avverso al rischio è tanto minore quanto maggiore è la sua avversione al rischio. Ossia, considerando le funzioni di utilitàu 1 edu 2 e gli equivalenti certi di X siano x c,1 =u 1 1 (E(U 1 )), x c,2 =u 1 2 (E(U 2 )) si ha ossia x c,1 <x c,2 u 1 (x) u 1(x) u 2 (x) u 2(x) r 1 (x) r 2 (x) x I 1.6 Alcuni esempi di funzioni di utilità 1. Utilità logaritmica (o di Bernoulli) x u(x) = aln b oppure, equivalentemente, a>0, b>0 = alnx alnb (1.37) u(x)=alnx+β (essendou(x)=u(x)+(alnb+β), affine au(x) e ottenuta mediante la trasformazioneh(y)=y+(alnb+β)). Si ha u (x) = a x >0 e, quindi u (x) = a x 2 <0 r(x)= 1 x (1.38) (funzione monotona descrescente di x).

23 Alcuni esempi di funzioni di utilità Utilità quadratica u(x) = ax bx 2 (1.39) u (x) = a 2bx >0 per x< a 2b (si puo definireu(x)= a2 4b perx a 2b ) u (x) = 2b<0 2b r(x) = a 2bx = 1 a 2b x Figura 5.12 Esempio di utilità quadratica. 3. Utilità esponenziale u(x)=a(1 exp( bx)) a>0,b>0 (1.40) u (x) = abe bx >0 u (x) = ab 2 e bx <0 r(x)=b

24 24 Criteri di Valutazione in Condizioni di Incertezza 4. Funzione potenza u(x) = x 1 α 0<α<1 (1.41) per esempio perα= 1 2 : u(x)= x u (x) = (1 α)x 1 α 1 =(1 α)x α >0 u (x) = (1 α)( α)x α 1 <0 r(x)= α x Esempio 1. Un individuo dotato di funzione di utilità u(x) = lnx deve decidere se optare per un investimentoaob, dove A) è un investimento certo che procurax A =$.1,100 int=1; B) è un investimento incerto che gli procura, int=1: $.1200 con p 1 =1/4 $.1300 con p 2 =1/4 $.1000 con p 3 =1/2 Si ha: mentre u(x A )=ln(1100)=7.003 E(U)= 1 4 ln(1200)+1 4 ln(1300)+1 2 ln(1000)=7.0189>u(x A). Quindi l individuo (avverso al rischio) sceglie l investimento B. L equivalente certo di B è: x c =u 1 (7.0189)=e = Essendo E(X B )= il premio per il rischio è =x c E(X B )= =1125

25 Criterio media-varianza (M-V) 25 Il criterio dell utilità attesa rappresenta, come si è detto, un tentativo di superamento del criterio del valor medio, che può portare anche a scelte opposte. Fra due grandezze aleatorie, non sempre quella avente maggior valor medio è anche quella avente maggior utilità attesa. Per esempio, sia u(x) la funzione di utilità di un individuo avverso al rischio. Tra un investimento aleatorio X={x k,p k } ed un altroy ={y j,q j } può aversie(x)>e(y) e tuttavia come si mostra in figura E(U(X))<E(U(Y)) Figura Confronto fra due investimenti aleatori x ed y. In alternativa al criterio dell utilità attesa sono stati proposti altri criteri che migliorano il criterio del valor medio senza entrare in contrasto con esso, il più famoso ed utilizzato negli ultimi 50 anni è il criterio Media Varianza (M-V) che vedremo di seguito. 1.7 Criterio media-varianza(m-v) Il criterio di scelta fra grandezze aleatorie che ora descriviamo nasce dal tentativo di valutare una v.c. X, nell ambito delle operazioni finanziarie, non solo sulla base del valore attesoe(x) di questa, ma anche tenendo conto di una valutazione del rischio dell operazione.

Le operazioni di assicurazione e la teoria

Le operazioni di assicurazione e la teoria Capitolo 1 Le operazioni di assicurazione e la teoria dell utilità 1.1 Introduzione In questo capitolo si discutono alcuni aspetti di base della teoria delle assicurazioni. In particolare, si formalizza

Dettagli

TEORIA DELL UTILITÀ E DECISION PROCESS

TEORIA DELL UTILITÀ E DECISION PROCESS TEORIA DELL UTILITÀ E DECISION PROCESS 1 UTILITÀ Classicamente sinonimo di Desiderabilità Fisher (1930):... uno degli elementi che contribuiscono ad identificare la natura economica di un bene e sorge

Dettagli

Scelte in condizioni di rischio e incertezza

Scelte in condizioni di rischio e incertezza CAPITOLO 5 Scelte in condizioni di rischio e incertezza Esercizio 5.1. Tizio ha risparmiato nel corso dell anno 500 euro; può investirli in obbligazioni che rendono, in modo certo, il 10% oppure in azioni

Dettagli

La teoria dell utilità attesa

La teoria dell utilità attesa La teoria dell utilità attesa 1 La teoria dell utilità attesa In un contesto di certezza esiste un legame biunivoco tra azioni e conseguenze: ad ogni azione corrisponde una e una sola conseguenza, e viceversa.

Dettagli

Utilità scontata (US) attiene alla scelta/allocazione tra oggi e domani (i.e. risparmio ottimo). Elemento psicologico: propensione alla parsimonia.

Utilità scontata (US) attiene alla scelta/allocazione tra oggi e domani (i.e. risparmio ottimo). Elemento psicologico: propensione alla parsimonia. Richiami essenziali: Utilità scontata (US) attiene alla scelta/allocazione tra oggi e domani (i.e. risparmio ottimo). Elemento psicologico: propensione alla parsimonia. Tasso di sconto intertemporale soggettivo

Dettagli

Scelte in condizione di incertezza

Scelte in condizione di incertezza Scelte in condizione di incertezza Tutti i problemi di decisione che abbiamo considerato finora erano caratterizzati dal fatto che ogni possibile scelta dei decisori portava a un esito certo. In questo

Dettagli

L avversione al rischio e l utilità attesa

L avversione al rischio e l utilità attesa L avversione al rischio e l utilità attesa Kreps: "Microeconomia per manager" 1 ARGOMENTI DI QUESTA LEZIONE In questa lezione introdurremo il modello dell utilità attesa, che descrive le scelte individuali

Dettagli

Università di Milano Bicocca. Esercitazione 6 di Matematica per la Finanza. 14 Maggio 2015

Università di Milano Bicocca. Esercitazione 6 di Matematica per la Finanza. 14 Maggio 2015 Università di Milano Bicocca Esercitazione 6 di Matematica per la Finanza 14 Maggio 2015 Esercizio 1 Un agente presenta una funzione di utilitá u(x) = ln(1 + 6x). Egli dispone di un progetto incerto che

Dettagli

Le scelte del consumatore in condizione di incertezza (cap.5)

Le scelte del consumatore in condizione di incertezza (cap.5) Le scelte del consumatore in condizione di incertezza (cap.5) Che cos è il rischio? Come possiamo indicare le preferenze del consumatore riguardo al rischio? C è chi acquista assicurazione (non ama il

Dettagli

Decisioni in condizioni di rischio. Roberto Cordone

Decisioni in condizioni di rischio. Roberto Cordone Decisioni in condizioni di rischio Roberto Cordone Decisioni in condizioni di rischio Rispetto ai problemi in condizioni di ignoranza, oltre all insieme Ω dei possibili scenari, è nota una funzione di

Dettagli

Esercizi di Ricerca Operativa II

Esercizi di Ricerca Operativa II Esercizi di Ricerca Operativa II Raffaele Pesenti January 12, 06 Domande su utilità 1. Determinare quale è l utilità che un giocatore di roulette assegna a 100,00 Euro, nel momento che gioca tale cifra

Dettagli

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza 23.1: Introduzione In questo capitolo studiamo la scelta ottima del consumatore in condizioni di incertezza, vale a dire in situazioni tali che il consumatore

Dettagli

Metodi quantitativi per la misurazione della performance dei fondi comuni di investimento

Metodi quantitativi per la misurazione della performance dei fondi comuni di investimento La performance dei fondi comuni 1 Metodi quantitativi per la misurazione della performance dei fondi comuni di investimento Paolo PIANCA Dipartimento di Matematica Applicata Università Ca Foscari di Venezia

Dettagli

La scelta in condizioni di incertezza

La scelta in condizioni di incertezza La scelta in condizioni di incertezza 1 Stati di natura e utilità attesa. L approccio delle preferenza per gli stati Il problema posto dall incertezza riformulato (state-preference approach). L individuo

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

Lezione 5. Livello e composizione della ricchezza delle famiglie

Lezione 5. Livello e composizione della ricchezza delle famiglie Lezione 5. Livello e composizione della ricchezza delle famiglie Scelte finanziarie delle famiglie: a determinano i flussi di risparmio che alimentano lo stock di ricchezza; selezionano le attività patrimoniali

Dettagli

Un modello matematico di investimento ottimale

Un modello matematico di investimento ottimale Un modello matematico di investimento ottimale Tiziano Vargiolu 1 1 Università degli Studi di Padova Liceo Scientifico Benedetti Venezia, giovedì 30 marzo 2011 Outline 1 Preliminari di calcolo delle probabilità

Dettagli

Studia lo scambio di importi monetari aleatori, dunque di operazioni che comportano un RISCHIO FINANZIARIO.

Studia lo scambio di importi monetari aleatori, dunque di operazioni che comportano un RISCHIO FINANZIARIO. TEORIA MATEMATICA DEL PORTAFOGLIO FINANZIARIO ELEMENTI DI TEORIA DELL UTILITÀ Studia lo scambio di importi monetari aleatori, dunque di operazioni che comportano un RISCHIO FINANZIARIO. es. Generica operazione

Dettagli

ANALISI DEL RISCHIO NELLA VALUTAZIONE DEGLI INVESTIMENTI. Docente: Prof. Massimo Mariani

ANALISI DEL RISCHIO NELLA VALUTAZIONE DEGLI INVESTIMENTI. Docente: Prof. Massimo Mariani ANALISI DEL RISCHIO NELLA VALUTAZIONE DEGLI INVESTIMENTI Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Analisi del rischio; limiti del VAN in contesti di incertezza; tecniche di descrizione del rischio dei

Dettagli

La scelta di portafoglio

La scelta di portafoglio La scelta di portafoglio 1 La scelta di portafoglio La scelta di portafoglio: il modo in cui un individuo decide di allocare la propria ricchezza tra più titoli Il mercato dei titoli è un istituzione che

Dettagli

Analisi Decisionale. (Decision Analysis) Caratteristiche:

Analisi Decisionale. (Decision Analysis) Caratteristiche: Analisi Decisionale 1 Analisi Decisionale (Decision Analysis) Metodologia che si applica quando un decisore può scegliere tra varie azioni future il cui esito dipende da fattori esterni che non possono

Dettagli

5.4 Solo titoli rischiosi

5.4 Solo titoli rischiosi 56 Capitolo 5. Teoria matematica del portafoglio finanziario II: analisi media-varianza 5.4 Solo titoli rischiosi Suppongo che sul mercato siano presenti n titoli rischiosi i cui rendimenti aleatori sono

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 4

Economia monetaria e creditizia. Slide 4 Economia monetaria e creditizia Slide 4 Le teorie diverse che spiegano come di determina la domanda di moneta possono essere ricondotte alle due funzioni di mezzo di pagamento e di riserva di valore la

Dettagli

Rischio e rendimento degli strumenti finanziari

Rischio e rendimento degli strumenti finanziari Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Rischio e rendimento degli strumenti finanziari Capitolo 15 Indice degli argomenti 1. Analisi dei rendimenti delle principali attività

Dettagli

Valori caratteristici di distribuzioni

Valori caratteristici di distribuzioni Capitolo 3 Valori caratteristici di distribuzioni 3. Valori attesi di variabili e vettori aleatori In molti casi è possibile descrivere adeguatamente una distribuzione di probabilità con pochi valori di

Dettagli

Incertezza, assicurazioni, deterrenza

Incertezza, assicurazioni, deterrenza Incertezza, assicurazioni, deterrenza (anche questo è adattato da altri pezzi per mancanza di tempo) Scelta sotto incertezza come scelta tra lotterie L esperienza ci insegna che in generale le conseguenze

Dettagli

CAPITOLO TERZO LE PREFERENZE DEL CONSUMATORE E LA FUNZIONE DI UTILITÀ

CAPITOLO TERZO LE PREFERENZE DEL CONSUMATORE E LA FUNZIONE DI UTILITÀ CAPITL TERZ LE PREFERENZE DEL CNSUMATRE E LA FUNZINE DI UTILITÀ SMMARI: 3. Le preferenze. - 3. Le curve di indifferenza. - 3.. L inclinazione negativa della curva di indifferenza. - 3.. Altre forme delle

Dettagli

LA VALUTAZIONE DI PORTAFOGLIO. Giuseppe G. Santorsola 1

LA VALUTAZIONE DI PORTAFOGLIO. Giuseppe G. Santorsola 1 LA VALUTAZIONE DI PORTAFOGLIO Giuseppe G. Santorsola 1 Rendimento e rischio Rendimento e rischio di un singolo titolo Rendimento e rischio di un portafoglio Rendimento ex post Media aritmetica dei rendimenti

Dettagli

2 + (σ2 - ρσ 1 ) 2 > 0 [da -1 ρ 1] b = (σ 2. 2 - ρσ1 σ 2 ) = (σ 1

2 + (σ2 - ρσ 1 ) 2 > 0 [da -1 ρ 1] b = (σ 2. 2 - ρσ1 σ 2 ) = (σ 1 1 PORTAFOGLIO Portafoglio Markowitz (2 titoli) (rischiosi) due titoli rendimento/varianza ( μ 1, σ 1 ), ( μ 2, σ 2 ) Si suppone μ 1 > μ 2, σ 1 > σ 2 portafoglio con pesi w 1, w 2 w 1 = w, w 2 = 1- w 1

Dettagli

Richiami di microeconomia

Richiami di microeconomia Capitolo 5 Richiami di microeconomia 5. Le preferenze e l utilità Nell analisi microeconomica si può decidere di descrivere ogni soggetto attraverso una funzione di utilità oppure attraverso le sue preferenze.

Dettagli

2. Leggi finanziarie di capitalizzazione

2. Leggi finanziarie di capitalizzazione 2. Leggi finanziarie di capitalizzazione Si chiama legge finanziaria di capitalizzazione una funzione atta a definire il montante M(t accumulato al tempo generico t da un capitale C: M(t = F(C, t C t M

Dettagli

Utilità Attesa (Cap. 24 Hey)

Utilità Attesa (Cap. 24 Hey) Utilità Attesa (Cap. 24 Hey) Solito preambolo: In Economia le scelte/decisioni vengono distinte in: 1. decisioni in situazioni di certezza 2. decisioni in situazioni di rischio 3. decisioni in situazioni

Dettagli

Note di matematica per microeconomia

Note di matematica per microeconomia Note di matematica per microeconomia Luigi Balletta Funzioni di una variabile (richiami) Una funzione di variabile reale ha come insieme di partenza un sottoinsieme di R e come insieme di arrivo un sottoinsieme

Dettagli

Nella prima parte del corso l attenzione è venuta appuntandosi sui problemi inerenti la valutazione di investimenti aziendali e di strumenti

Nella prima parte del corso l attenzione è venuta appuntandosi sui problemi inerenti la valutazione di investimenti aziendali e di strumenti Nella prima parte del corso l attenzione è venuta appuntandosi sui problemi inerenti la valutazione di investimenti aziendali e di strumenti finanziari in un contesto di flussi finanziari certi, tuttavia

Dettagli

PROBLEMI DI SCELTA. Problemi di. Scelta. Modello Matematico. Effetti Differiti. A Carattere Continuo. A più variabili d azione (Programmazione

PROBLEMI DI SCELTA. Problemi di. Scelta. Modello Matematico. Effetti Differiti. A Carattere Continuo. A più variabili d azione (Programmazione 1 PROBLEMI DI SCELTA Problemi di Scelta Campo di Scelta Funzione Obiettivo Modello Matematico Scelte in condizioni di Certezza Scelte in condizioni di Incertezza Effetti Immediati Effetti Differiti Effetti

Dettagli

Equilibrio Economico Generale ed Economia del Benessere

Equilibrio Economico Generale ed Economia del Benessere Equilibrio Economico Generale ed Economia del enessere lessandro Scopelliti Università di Reggio Calabria e University of Warwick alessandro.scopelliti@unirc.it 1 EQUILIRIO ECONOMICO GENERLE E ECONOMI

Dettagli

Basi di matematica per il corso di micro

Basi di matematica per il corso di micro Basi di matematica per il corso di micro Microeconomia (anno accademico 2006-2007) Lezione del 21 Marzo 2007 Marianna Belloc 1 Le funzioni 1.1 Definizione Una funzione è una regola che descrive una relazione

Dettagli

Operazioni finanziarie. Asset allocation: come ottimizzare un portafoglio di attività finanziarie. di Amedeo De Luca (*)

Operazioni finanziarie. Asset allocation: come ottimizzare un portafoglio di attività finanziarie. di Amedeo De Luca (*) Operazioni Tecniche Asset allocation: come ottimizzare un portafoglio di attività di Amedeo De Luca (*) Attraverso una composizione del portafoglio di attività strategica e ben condotta i gestori finanziari

Dettagli

Le derivate versione 4

Le derivate versione 4 Le derivate versione 4 Roberto Boggiani 2 luglio 2003 Riciami di geometria analitica Dalla geometria analitica sulla retta sappiamo ce dati due punti del piano A(x, y ) e B(x 2, y 2 ) con x x 2 la retta

Dettagli

Capitolo 5: Preferenze

Capitolo 5: Preferenze Capitolo 5: Preferenze 5.1: Introduzione Le preferenze individuali alla base dell analisi dei capitoli 3 e 4 vengono rappresentate graficamente da curve di indifferenza parallele in direzione verticale

Dettagli

RISCHIO E RENDIMENTO DEGLI STRUMENTI FINANZIARI. Docente: Prof. Massimo Mariani

RISCHIO E RENDIMENTO DEGLI STRUMENTI FINANZIARI. Docente: Prof. Massimo Mariani RISCHIO E RENDIMENTO DEGLI STRUMENTI FINANZIARI Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Il rendimento di un attività finanziaria: i parametri rilevanti Rendimento totale, periodale e medio Il market

Dettagli

No (questo accadrebbe, all incirca, se l elasticità fosse pari a -2) 1.5.3. FALSO. Un aumento del prezzo dell 1%

No (questo accadrebbe, all incirca, se l elasticità fosse pari a -2) 1.5.3. FALSO. Un aumento del prezzo dell 1% Facoltà di Economia Test intermedio di Microeconomia A-K del 7/04/011 Turno A-C SOLUZIONI 1. Attenzione: in questo prototipo l ordine delle domande è diverso da quello di ciascuno dei vostri compiti; inoltre,

Dettagli

ESERCITAZIONE 1. 15 novembre 2012

ESERCITAZIONE 1. 15 novembre 2012 ESERCITAZIONE 1 Economia dell Informazione e dei Mercati Finanziari C.d.L. in Economia degli Intermediari e dei Mercati Finanziari (8 C.F.U.) C.d.L. in Statistica per le decisioni finanziarie ed attuariali

Dettagli

Non esiste un investimento perfetto in assoluto, esiste invece un investimento ottimale per ognuno di noi.

Non esiste un investimento perfetto in assoluto, esiste invece un investimento ottimale per ognuno di noi. ANALISI DEGLI INVESTIMENTI Non esiste un investimento perfetto in assoluto, esiste invece un investimento ottimale per ognuno di noi. Come un comodo abito ogni investimento deve essere fatto su misura.

Dettagli

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore 13.1: Introduzione L analisi dei due capitoli precedenti ha fornito tutti i concetti necessari per affrontare l argomento di questo capitolo:

Dettagli

Domanda e offerta di lavoro

Domanda e offerta di lavoro Domanda e offerta di lavoro 1. Assumere (e licenziare) lavoratori Anche la decisione di assumere o licenziare lavoratori dipende dai costi che si devono sostenere e dai ricavi che si possono ottenere.

Dettagli

COSTI, RICAVI E PROFITTI

COSTI, RICAVI E PROFITTI COSTI, RICAVI E PROFITTI L obiettivo dell impresa è la massimizzazione dei profitti. I profitti sono dati dalla differenza tra i ricavi e i costi. Al variare della quantità prodotta, q, variano sia i costi

Dettagli

Convessità e derivabilità

Convessità e derivabilità Convessità e derivabilità Definizione 1 (convessità per funzioni derivabili) Sia f : (a, b) R derivabile su (a, b). Diremo che f è convessa o concava su (a, b) se per ogni 0 (a,b) il grafico di f sta tutto

Dettagli

Ricerca Operativa Dualità e programmazione lineare

Ricerca Operativa Dualità e programmazione lineare Ricerca Operativa Dualità e programmazione lineare L. De Giovanni AVVERTENZA: le note presentate di seguito non hanno alcuna pretesa di completezza, né hanno lo scopo di sostituirsi alle spiegazioni del

Dettagli

DUE PROPOSTE ANALISI MATEMATICA. Lorenzo Orio

DUE PROPOSTE ANALISI MATEMATICA. Lorenzo Orio DUE PROPOSTE DI ANALISI MATEMATICA Lorenzo Orio Introduzione Il lavoro propone argomenti di analisi matematica trattati in maniera tale da privilegiare l intuizione e con accorgimenti nuovi. Il tratta

Dettagli

5.7. Assicurazione e equilibri di separazione.

5.7. Assicurazione e equilibri di separazione. ELORTO DL PR ON LINE DI ECONOMI DEI CONTRTTI 5.7. ssicurazione e equilibri di separazione. In questo paragrafo esaminiamo l attività di screening di una compagnia assicurativa (per definizione neutrale

Dettagli

Decisioni in condizioni di incertezza

Decisioni in condizioni di incertezza Decisioni in condizioni di incertezza Paolo Arcaini Roberto Cordone Programmazione in condizioni di incertezza La programmazione in condizioni di incertezza affronta problemi di decisione nei quali occorre

Dettagli

LEZIONE 4. Il Capital Asset Pricing Model. Professor Tullio Fumagalli Corso di Finanza Aziendale Università degli Studi di Bergamo.

LEZIONE 4. Il Capital Asset Pricing Model. Professor Tullio Fumagalli Corso di Finanza Aziendale Università degli Studi di Bergamo. LEZIONE 4 Il Capital Asset Pricing Model 1 Generalità 1 Generalità (1) Il Capital Asset Pricing Model è un modello di equilibrio dei mercati che consente di individuare una precisa relazione tra rendimento

Dettagli

Indicando con x i minuti di conversazione effettuati in un mese, con la spesa totale nel mese e con il costo medio al minuto:

Indicando con x i minuti di conversazione effettuati in un mese, con la spesa totale nel mese e con il costo medio al minuto: PROBLEMA 1. Il piano tariffario proposto da un operatore telefonico prevede, per le telefonate all estero, un canone fisso di 10 euro al mese, più 10 centesimi per ogni minuto di conversazione. Indicando

Dettagli

Economia Pubblica Rischio e Incertezza

Economia Pubblica Rischio e Incertezza Economia Pubblica Rischio e Incertezza Giuseppe De Feo Università degli Studi di Pavia email: giuseppe.defeo@unipv.it Secondo Semestre 2011-12 Seconda parte del corso di Economia Pubblica I problemi dell

Dettagli

RICERCA OPERATIVA RICERCA OPERATIVA RICERCA OPERATIVA (PROBLEMI

RICERCA OPERATIVA RICERCA OPERATIVA RICERCA OPERATIVA (PROBLEMI RICERCA OPERATIVA RICERCA OPERATIVA (PROBLEMI DI SCELTA) Il termine RICERCA OPERATIVA sembra sia stato usato per la prima volta nel 1939, ma già precedentemente alcuni scienziati si erano occupati di problemi

Dettagli

Funzioni a 2 variabili

Funzioni a 2 variabili Funzioni a 2 variabili z = f(x, y) Relazione che associa ad ogni coppia di valori x,y (variabili indipendenti) uno ed un solo valore di z (variabile dipendente). Esempi: z = x 2y + 4 z = x 2 y 2 2x z =

Dettagli

Numeri reali. Funzioni e loro grafici

Numeri reali. Funzioni e loro grafici Argomento Numeri reali. Funzioni e loro grafici Parte B - Funzioni e loro grafici Funzioni reali di variabile reale Definizioni. Supponiamo che A sia un sottoinsieme di R e che esista una legge che ad

Dettagli

Introduzione alla Teoria degli Errori

Introduzione alla Teoria degli Errori Introduzione alla Teoria degli Errori 1 Gli errori di misura sono inevitabili Una misura non ha significato se non viene accompagnata da una ragionevole stima dell errore ( Una scienza si dice esatta non

Dettagli

Capitolo 6 Economia dell informazione e scelta in condizioni di incertezza

Capitolo 6 Economia dell informazione e scelta in condizioni di incertezza Capitolo 6 Economia dell informazione e scelta in condizioni di incertezza ECONOMIA DELL INFORMAZIONE L informazione è un fattore importante nel processo decisionale di consumatori e imprese Nella realtà,

Dettagli

Scheda n.5: variabili aleatorie e valori medi

Scheda n.5: variabili aleatorie e valori medi Scheda n.5: variabili aleatorie e valori medi October 26, 2008 1 Variabili aleatorie Per la definizione rigorosa di variabile aleatoria rimandiamo ai testi di probabilità; essa è non del tutto immediata

Dettagli

Finanza Aziendale. Lezione 12. Analisi del rischio

Finanza Aziendale. Lezione 12. Analisi del rischio Finanza Aziendale Lezione 12 Analisi del rischio Obiettivi i della lezione I rendimenti e la loro misurazione I rendimenti medi ed il loro rischio La misurazione del rischio e l effetto diversificazione

Dettagli

Geometria analitica di base (prima parte)

Geometria analitica di base (prima parte) SAPERE Al termine di questo capitolo, avrai appreso: come fissare un sistema di riferimento cartesiano ortogonale il significato di equazione di una retta il significato di coefficiente angolare di una

Dettagli

ASIMMETRIE INFORMATIVE. (Cap. 34 di Hey) Eppure si tratta di elementi piuttosto diffusi nella realtà di tutti i giorni:

ASIMMETRIE INFORMATIVE. (Cap. 34 di Hey) Eppure si tratta di elementi piuttosto diffusi nella realtà di tutti i giorni: ASIMMETRIE INFORMATIVE (Cap. 34 di Hey) Tener conto delle asimmetrie informative consente di evidenziare alcuni importanti elementi che la teoria standard - assumendo informazione completa e simmetrica

Dettagli

Ipotesi sulle preferenze

Ipotesi sulle preferenze La teoria delle scelte del consumatore La teoria delle scelte del consumatore Descrive come i consumatori distribuiscono i propri redditi tra differenti beni e servizi per massimizzare il proprio benessere.

Dettagli

QUADERNI DI DIDATTICA

QUADERNI DI DIDATTICA Department of Applied Mathematics, University of Venice QUADERNI DI DIDATTICA Tatiana Bassetto, Marco Corazza, Riccardo Gusso, Martina Nardon Esercizi sulle funzioni di più variabili reali con applicazioni

Dettagli

Modelli di Ottimizzazione

Modelli di Ottimizzazione Capitolo 2 Modelli di Ottimizzazione 2.1 Introduzione In questo capitolo ci occuperemo più nel dettaglio di quei particolari modelli matematici noti come Modelli di Ottimizzazione che rivestono un ruolo

Dettagli

Vincolo di bilancio del consumatore, paniere ottimo

Vincolo di bilancio del consumatore, paniere ottimo Microeconomia, Esercitazione 2 (26/02/204) Vincolo di bilancio del consumatore, paniere ottimo Dott. Giuseppe Francesco Gori Domande a risposta multipla ) Antonio compra solo due beni, sigarette e banane.

Dettagli

Laboratorio di dinamiche socio-economiche

Laboratorio di dinamiche socio-economiche Dipartimento di Matematica Università di Ferrara giacomo.albi@unife.it www.giacomoalbi.com 21 febbraio 2012 Seconda parte: Econofisica La probabilità e la statistica come strumento di analisi. Apparenti

Dettagli

Le obbligazioni: misure di rendimento Tassi d interesse, elementi di valutazione e rischio delle attività finanziarie

Le obbligazioni: misure di rendimento Tassi d interesse, elementi di valutazione e rischio delle attività finanziarie Le obbligazioni: misure di rendimento Tassi d interesse, elementi di valutazione e rischio delle attività finanziarie Economia degli Intermediari Finanziari 29 aprile 2009 A.A. 2008-2009 Agenda 1. Il calcolo

Dettagli

Svolgimento di alcuni esercizi del libro Matematica di Angelo Guerraggio

Svolgimento di alcuni esercizi del libro Matematica di Angelo Guerraggio Svolgimento di alcuni esercizi del libro Matematica di Angelo Guerraggio. Funzioni e insiemi numerici.4 Verificare che (A B) (A B) = (A A ) B. ) Sia (a, b) (A B) (A B). Allora a (A A ) e b B, da cui (a,

Dettagli

Un modello matematico di investimento ottimale

Un modello matematico di investimento ottimale Un modello matematico di investimento ottimale Tiziano Vargiolu 1 1 Università degli Studi di Padova Liceo Scientifico Benedetti Venezia, giovedì 30 marzo 2011 Outline 1 Investimento per un singolo agente

Dettagli

Lezione 5. Argomenti. Premessa Vincolo di bilancio La scelta ottima del consumatore

Lezione 5. Argomenti. Premessa Vincolo di bilancio La scelta ottima del consumatore Lezione 5 Argomenti Premessa Vincolo di bilancio La scelta ottima del consumatore 5.1 PREESSA Nonostante le preferenze portino a desiderare quantità crescenti di beni, nella realtà gli individui non sono

Dettagli

MICROECONOMIA La teoria del consumo: Alcuni Arricchimenti. Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza

MICROECONOMIA La teoria del consumo: Alcuni Arricchimenti. Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza MICROECONOMIA La teoria del consumo: Alcuni Arricchimenti Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza 1 Dotazioni iniziali Il consumatore dispone ora non di un dato reddito monetario ma di un ammontare

Dettagli

Teoria dei Giochi non Cooperativi

Teoria dei Giochi non Cooperativi Politecnico di Milano Descrizione del gioco Egoismo Razionalità 1 L insieme dei giocatori 2 La situazione iniziale 3 Le sue possibili evoluzioni 4 I suoi esiti finali I Giochi della teoria Perché studiare

Dettagli

Coordinate Cartesiane nel Piano

Coordinate Cartesiane nel Piano Coordinate Cartesiane nel Piano O = (0,0) origine degli assi ascissa, y ordinata sistemi monometrici: stessa unità di misura sui due assi, y sistemi dimetrici: unità di misura diverse sui due assi (spesso

Dettagli

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE Sia I un intervallo di R e siano a = inf(i) R { } e b = sup(i) R {+ }; i punti di I diversi dagli estremi a e b, ( e quindi appartenenti all intervallo aperto

Dettagli

Le operazioni di assicurazione

Le operazioni di assicurazione Le operazioni di assicurazione Giovanni Zambruno e Asmerilda Hitaj Bicocca, 2014 Outline 1 Lezione 1: Le operazioni di assicurazione Condizione di indifferenza Condizione di equità 2 Premio equo, premio

Dettagli

La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3)

La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3) La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3) L'INSIEME OPPORTUNITÁ E IL VINCOLO DI BILANCIO Un paniere di beni rappresenta una combinazione di beni o servizi Il vincolo di bilancio o retta

Dettagli

Massimi e minimi vincolati di funzioni in due variabili

Massimi e minimi vincolati di funzioni in due variabili Massimi e minimi vincolati di funzioni in due variabili I risultati principali della teoria dell ottimizzazione, il Teorema di Fermat in due variabili e il Test dell hessiana, si applicano esclusivamente

Dettagli

d 2 dx ψ + 2 m E V x ψ = 0 V x = V x + a. ψ(x+a) = Q ψ(x). ψ x = e " i k x u k ψ x + a = e " i k x + a u k x + a = e " i k a e " i k x u k

d 2 dx ψ + 2 m E V x ψ = 0 V x = V x + a. ψ(x+a) = Q ψ(x). ψ x = e  i k x u k ψ x + a = e  i k x + a u k x + a = e  i k a e  i k x u k Teorema di Bloch Introduzione (vedi anche Ascroft, dove c è un approccio alternativo) Cominciamo col considerare un solido unidimensionale. Il modello è quello di una particella (l elettrone) in un potenziale

Dettagli

Giudizio, decisione e violazione degli assiomi di razionalità

Giudizio, decisione e violazione degli assiomi di razionalità - DPSS - Università degli Studi di Padova http://decision.psy.unipd.it/ Giudizio, decisione e violazione degli assiomi di razionalità Corso di Psicologia del Rischio e della Decisione Facoltà di Scienze

Dettagli

Funzioni in due variabili Raccolta di FAQ by Andrea Prevete

Funzioni in due variabili Raccolta di FAQ by Andrea Prevete Funzioni in due variabili Raccolta di FAQ by Andrea Prevete 1) Cosa intendiamo, esattamente, quando parliamo di funzione reale di due variabili reali? Quando esiste una relazione fra tre variabili reali

Dettagli

La Minimizzazione dei costi

La Minimizzazione dei costi La Minimizzazione dei costi Il nostro obiettivo è lo studio del comportamento di un impresa che massimizza il profitto sia in mercati concorrenziali che non concorrenziali. Ora vedremo la fase della minimizzazione

Dettagli

Capitolo Terzo Valore attuale e costo opportunità del capitale

Capitolo Terzo Valore attuale e costo opportunità del capitale Capitolo Terzo Valore attuale e costo opportunità del capitale 1. IL VALORE ATTUALE La logica di investimento aziendale è assolutamente identica a quella adottata per gli strumenti finanziari. Per poter

Dettagli

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata libera e vincolata Generalità. Limiti e continuità per funzioni di 2 o Piano tangente. Derivate successive Formula di Taylor libera vincolata Lo ordinario è in corrispondenza biunivoca con i vettori di

Dettagli

Teoria del Prospetto: avversione alle perdita, framing e status quo

Teoria del Prospetto: avversione alle perdita, framing e status quo - DPSS - Università degli Studi di Padova http://decision.psy.unipd.it/ Teoria del Prospetto: avversione alle perdita, framing e status quo Corso di Psicologia del Rischio e della Decisione Facoltà di

Dettagli

Corso di Microeconomia - Daniele Checchi

Corso di Microeconomia - Daniele Checchi PERCORSO SUI PRINCIPAI CONCETTI ECONOMICI I CONSUMATORI E OFFERTA DEI FATTORI PRODUTTIVI a DECISIONE DI RISPARMIO ovvero OFFERTA DI CAPITAI AE IMPRESE a decisione di risparmiare coinvolge necessariamente

Dettagli

CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA

CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA SOMMARIO: 2.1 La domanda. - 2.2 Costi, economie di scala ed economie di varietà. - 2.2.1 I costi. - 2.2.2 Le economie di scala. - 2.2.3 Le economie di varietà.

Dettagli

Scelte Rischiose (cap. 23 Hey)

Scelte Rischiose (cap. 23 Hey) Scelte Rischiose (cap. 23 Hey) Solito preambolo: In Economia le scelte/decisioni vengono distinte in: 1. decisioni in situazioni di certezza 2. decisioni in situazioni di rischio 3. decisioni in situazioni

Dettagli

Imposte ed efficienza economica

Imposte ed efficienza economica Imposte ed efficienza economica Imposte ed efficienza economica Nell immediato, ogni aumento delle imposte fa diminuire il benessere dei contribuenti. Nel lungo periodo, tale diminuzione è compensata dai

Dettagli

Capitolo 2 TEORIA DEL PORTAFOGLIO

Capitolo 2 TEORIA DEL PORTAFOGLIO Capitolo 2 TEORIA DEL PORTAFOGLIO La teoria del portafoglio si propone di studiare il modo ottimale di distribuire la ricchezza fra più titoli disponibili tenendo conto del rischio e del rendimento dei

Dettagli

Finanza delle Assicurazioni e della Previdenza

Finanza delle Assicurazioni e della Previdenza Finanza delle Assicurazioni e della Previdenza Francesco Menoncin Le zi one 24 /04/2006 Sommario Si presentano le principali problematiche di gestione dei fondi pensione nei due sistemi Pay-As-You-Go e

Dettagli

Funzioni. Capitolo 6. 6.1 Concetto di funzione e definizioni preliminari

Funzioni. Capitolo 6. 6.1 Concetto di funzione e definizioni preliminari Capitolo 6 Funzioni 6. Concetto di funzione e definizioni preliminari Definizione 6. Dati due insiemi non vuoti D e C, si dice applicazione o funzione una qualsiasi legge (relazione) che associa ad ogni

Dettagli

Parte II - Microeconomia

Parte II - Microeconomia 76 3.3 DL ONETTO DI UTILITÀ RDINLE LL TEORI DEL- L UTILITÀ ORDINLE La teoria economica neoclassica ha sviluppato due diversi approcci per risolvere il problema di scelta del consumatore: l utilità cardinale;

Dettagli

1 Grafico di una funzione reale 1. 2 Funzioni elementari 2 2.1 Funzione potenza... 2 2.2 Funzione esponenziale... 3 2.3 Funzione logaritmica...

1 Grafico di una funzione reale 1. 2 Funzioni elementari 2 2.1 Funzione potenza... 2 2.2 Funzione esponenziale... 3 2.3 Funzione logaritmica... UNIVR Facoltà di Economia Sede di Vicenza Corso di Matematica Funzioni reali di variabile reale Indice Grafico di una funzione reale 2 Funzioni elementari 2 2. Funzione potenza................................................

Dettagli

Entropia. Motivazione. ? Quant è l informazione portata dalla sequenza? Abbiamo una sequenza S di N simboli (campioni audio, pixel, caratteri,...

Entropia. Motivazione. ? Quant è l informazione portata dalla sequenza? Abbiamo una sequenza S di N simboli (campioni audio, pixel, caratteri,... Entropia Motivazione Abbiamo una sequenza S di N simboli (campioni audio, pixel, caratteri,... ) s,s 2,s 3,... ognuno dei quali appartiene ad un alfabeto A di M elementi.? Quant è l informazione portata

Dettagli

Capitolo 6 Economia dell informazione e scelta in condizioni di incertezza

Capitolo 6 Economia dell informazione e scelta in condizioni di incertezza Capitolo 6 Economia dell informazione e scelta in condizioni di incertezza ECONOMIA DELL INFORMAZIONE L informazione è un fattore importante nel processo decisionale di consumatori e imprese Nella realtà,

Dettagli

LE FUNZIONI A DUE VARIABILI

LE FUNZIONI A DUE VARIABILI Capitolo I LE FUNZIONI A DUE VARIABILI In questo primo capitolo introduciamo alcune definizioni di base delle funzioni reali a due variabili reali. Nel seguito R denoterà l insieme dei numeri reali mentre

Dettagli

Marco Tolotti - Corso di Esercitazioni di Matematica 12 Cfu - A.A. 2010/2011 1

Marco Tolotti - Corso di Esercitazioni di Matematica 12 Cfu - A.A. 2010/2011 1 Marco Tolotti - Corso di Esercitazioni di Matematica 1 Cfu - A.A. 010/011 1 Esercitazione 1: 4/09/010 1. Determinare il dominio delle seguenti funzioni: log a) f() = 5 ( 1). b) g() = log 3 (3 6) log 13.

Dettagli