INDURIMENTO SUPERFICIALE DI LEGHE DI TITANIO MEDIANTE TRATTAMENTI TERMICI DI DIFFUSIONE DI Ni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDURIMENTO SUPERFICIALE DI LEGHE DI TITANIO MEDIANTE TRATTAMENTI TERMICI DI DIFFUSIONE DI Ni"

Transcript

1 Memorie >> Titnio e ue leghe INDURIMENTO SUPERFICIALE DI LEGHE DI TITANIO MEDIANTE TRATTAMENTI TERMICI DI DIFFUSIONE DI Ni I. Rmpin, K. Brunelli, M. Dlà In queto lvoro ono tti ottenuti rivetimenti di Ni elettrolitico e NiB electrole u cmpioni di titnio puro e ull leg Ti-6Al-4V. Queti cmpioni dopo l depoizione ono tti ottopoti trttmenti termici di diffuione temperture inferiori e uperiori ll tempertur di trformzione llotropic del titnio e dell leg per l durt di 1 h. E tto quindi nlizzto l effetto dell tempertur ull diffuione del Ni e del B ll interno del utrto e ull profondità di indurimento dei cmpioni medinte nlii l SEM, EDS, XRD, GDOS e prove di microdurezz. Dopo il trttmento di 1h tempertur uperiore ll tempertur β-trnu (1000 C) nel cmpione di titnio CP i h l formzione di uno trto di intermetllici NiTi e NiTi 2 per uno peore 20 μm con vlori di durezz di 1000 HV 0,1 ed un zon di diffuione di μm con vlori di durezz di 300 HV 0,1. Per qunto rigurd l leg Ti6Al4V i trttmenti termici l di opr dell β trnu permettono di rggiungere durezze 1000 HV 0,1, dovute ll formzione degli intermetllici NiTi e NiTi 2. I migliori riultti, ottenuti, i per il titnio puro che per l leg, con il trttmento termico effettuto tempertur uperiore ll β trnu, ono d ttriuiri ll mggiore velocità di diffuione indott i dll tempertur che dll truttur ccc che il titnio ume temperture uperiori ll β trnu. PAROLE CHIAVE: titnio e leghe, trtt. uperficili, trtt. termici, intermetllici, metllogrfi, microcopi elettronic INTRODUZIONE Il titnio e le ue leghe offrono proprietà che li rendono competitivi nei confronti degli ccii in qunto hnno un ridotto peo pecifico, uon reitenz meccnic ed eccellente reitenz ll corroione. Per queto vengono uti in vri ettori indutrili, quli eropzile, chimico, utomoilitico e iomedico, ed è in continu evoluzione lo tudio delle potenzilità di quet leg I prolemi legti l titnio e lle ue leghe ono cuti dll durezz uperficile e dll eigu reitenz ll uur, pertnto ono tti perimentti vri trttmenti, dll nitrurzione l PVD, d depoizioni electrole plm pry [1-7]. Negli nni gli pprocci migliori per riolvere tli prolemi i ono dimotrti eere i rivetimenti e i trttmenti termici [8]. L indurimento uperficile può eere coneguito ttrvero l I. Rmpin, K. Brunelli, M. Dlà DIMEG Univerità degli Studi di Pdov Vi Mrzolo Pdov; diffuione nel utrto di elementi in grdo di occupre poizioni intertizili nel reticolo critllino oppure di formre con il titnio compoti intermetllici. Nel preente tudio i è cercto di umentre l durezz uperficile del titnio puro e dell leg Ti-6Al-4V medinte depoizioni e trttmenti termici diffuivi. Si è celto di ure due metodi di depoizione: è tto uto un proceo elettrolitico per l depoizione del nickel, mentre i è celto un metodo chimico per depoitre nickel-oro. Studi precedenti vevno eeguito depoizioni chimiche ed elettrochimiche u cmpioni di leg Ti-6Al-4V che poi venivno trttti termicmente l di otto dell tempertur di trnizione α β del titnio (980 C) per tempi diveri [9,10]. In queto lvoro i vuole tudire l influenz di un trttmento termico condotto l di opr dell β-trnu per un or ull durezz uperficile dei pezzi di leg rivetiti. Lo tudio, inoltre, i occup di nlizzre il comportmento del titnio puro ul qule i effettu l depoizione di nickel o nickeloro e un trttmento termico. In queto co i trttmenti termici ono tti eeguiti i l di otto che l di opr dell β-trnu (882 C) per cpire qule contriuto è ttriuiile ll diffuio- l metllurgi itlin >> novemre-dicemre

2 Titnio e ue leghe << Memorie Bgno electrole Nickel cloruro Sodio idroido Sodium oroidruro Tllio nitrto Etilendimmin Tempertur ph 20 g/l 90 g/l 1 g/l 0,11 g/l 100 g/l 90 C 14 Bgno elettrolitico Nickel ulfto 45 g/l Nickel cloruro 6 g/l Acido orico 30 g/l C 3 Tempertur C ph 3 Fig. 1 Microtruttur del Ti Cp () l microcopio ottico, ttcco Kroll; () immgine SEM. Microtructure of Ti Cp mple () t OM, Kroll etching; () SEM imge. ne dell elemento depoitto e qunto ll vrizione di fe del utrto. PARTE SPERIMENTALE Preprzione dei cmpioni I cmpioni di Titnio Cp con un uperficie di circ 6,4 cm 2 ono tti ricvti d un lmier che, preumiilmente, h uito un trttmento di lminzione cldo eguito d ricottur e d un ulteriore lminzione freddo con ucceivo trttmento termico. I cmpioni dell leg Ti-6Al-4V, invece, ono tti ricvti d un illett in modo tle d vere nche in queto co un re uperficile di 6,4 cm 2. I cmpioni, quindi, ono tti levigti u crte rive l cruro di ilicio di grnulometri progreivmente decrecente: 180, 320, 500, 800, 1200, 2400 meh. L lucidtur finle è tt relizzt undo un openione colloidle di ilice u pnno di ln. In tl modo i è potuto rimuovere lo trto di oido preente ull uperficie e i grffi uperficili, ottenendo uperfici omogenee in grdo di grntire un uon derenz del rivetimento. Sui cmpioni u cui è tto depoitto nichel-oro è tt effettut nche un itur con microfere di llumin di dimenione μm coì d icurre l portzione di tutto T. 1 Compoizione dei gni di depoizione. Compoition of the th. lo trto di oidi ed umentre l uperficie ctlitic. Infine, i cmpioni, prim di eere mei nel gno di depoizione, ono tti immeri per pochi econdi in un oluzione di cido fluoridrico l 6% in peo per ttivre l uperficie [9]. Soluzioni di depoizione Le concentrzioni dei regenti e il volume dell oluzione per l rezione chimic di depoizione ono tti celti eguendo le indiczioni trovte in lettertur. L compoizione del gno di nicheltur e le condizioni di lvoro vengono riportte nell T. 1 [10,11]. I trttmenti termici ono tti eeguiti in un forno tuolre in tmofer inerte. Per il titnio puro ono tti condotti trttmenti i l di otto che l di opr dell β-trnu (880 C), mentre per l leg Ti-6Al-4V ono tti eeguiti l di opr. In entrmi i ci l durt dell prov è di un or. Strumenti di crtterizzzione L microtruttur dei cmpioni, i prim che dopo il trttmento, è tt vlutt l microcopio ottico. A tl fine i cmpioni tgliti in ezione ono tti ingloti in rein epoidic e levigti nell mnier convenzionle u crte rive e pnno di ln, come è già tto illutrto in precedenz. L morfologi uperficile e l microtruttur ono tte crtterizzte medinte i un microcopio ottico Leitz i un Cmridge Stereocn 440 SEM equipggito con un Philip PV9800 EDS. Gli trti di interdiffuione tr l elemento depoitto e il utrto ono tti indgti nche con diffrttometri rggi X condott con un diffrttometro Philip con orgente Cu Kα (λ= Å), configurto econdo lo chem Brgg - Brentno. Medinte LECO GDS 750A ono tti eeguiti profili di concentrzione. Infine, i profili di durezz ono tti eeguiti medinte un teter Leitz con un crico di 100 g. RISULTATI E DISCUSSIONE Titnio CP L microtruttur del mterile di prtenz, ttcct con oluzione Kroll, è tt oervt l microcopio ottico: è cotituit d grni di dimenioni di 1-10 μm, come i può oervre in Fig. 1, formtii durnte i trttmenti di lminzione e ricritllizzzione del mterile [12]. Dl confronto tr le due modlità di depoizione, i è oervto che il proceo di elettrodepoizione di nickel produce uno trto depoto di μm, mentre medinte l depoizione electrole 2 novemre-dicemre 2008 << l metllurgi itlin

3 Memorie >> Titnio e ue leghe Zon Nickel [At%] Titnio [At%] _ T. 2 Compoizione degli trti evidenziti nell fig.3. Micronlyi of lyer oerved in fig.3. Fig. 2 Sezione del cmpione Ti Cp trttto 800 C per 1h. Attcco Kroll. Microtructure of the titnium mple treted t 800 C for 1h. Kroll etching. ppiono decimente ingroti. Queto è dovuto ll diffuione dell zoto e dell oigeno che dnno luogo l coiddetto α-ce. Tle fenomeno è riconduciile l ftto che i due elementi indicti tilizzno l fe α formndo uno trto duro e frgile [15]. D un prim oervzione eeguit l microcopio ottico ul cmpione rivetito con Ni elettrolitico e trttto 800 C per 1 h, i ditinguono lo trto depoitto non diffuo ed un zon di diffuione. Medinte l oervzione l SEM con elettroni retrodiffui ono individute 5 zone, evidenzite in Fig. 3, l cui compoizione è riportt nell T. 2. Lo trto eterno è cotituito olo dl nickel depoitto, non preent trcce di titnio e h uno peore di circ 20 μm. Vi ono poi tre trti di compoti intermetllici divero contenuto di nickel: uno trto eterno di 2 μm con 65 t.% di nickel, l cui percentule nel digrmm di tto indic l formzione di un truttur NiTi-Ni 3 Ti, uno trto intermedio di 3-4 μm con 50 t.% di nickel e quindi formzione di TiNi, infine uno trto di Ti 2 Ni contenente il 36 t.% di Nickel e peo 5 μm [16,17]. Si trov, infine, l zon di diffuione, con uno peore di μm, in cui l percentule di nickel vri tr 8 e 3 t. %. Quet ultim è cotituit d un mtrice di titnio contenente NiTi 2 precipitto. L depoizione nickel-oro eguit dl trttmento termico 800 C port ll formzione di uno trto di intermetllici dello peore di μm cotituito d NiTi 2 e di un zon di diffuione di μm, come i vede nell Fig. 4. Fig. 3 Sezione del cmpione Ti Cp rivetito con Ni dopo trttmento 800 C. Imge of the pecimen coted with Ni fter het tretment t 800 C. i ottiene uno trto peo 10 μm mimo di nickel-oro. L truttur morf del rivetimento di nickel-oro è in ccordo con qunto trovto in tudi precedenti [8,10,13]. Anlii microtrutturle Il trttmento termico comport un modificzione i dell truttur del rivetimento i delle proprietà meccniche del utrto in qunto induce un interdiffuione tr coting e utrto. Il cmpione di titnio di prtenz trttto per un or 800 C (quindi l di otto di β-trnu) h un microtruttur cotituit d grni equiici di fe α primri. Le loro dimenioni ono tnz piccole perché l crecit è iniit dll tempertur non troppo elevt e dll eventule preenz di impurezze che loccno il ordo dei grni [14]. Come i può notre dll Fig. 2, ull zon uperficile i grni Fig. 4 Sezione del cmpione Ti Cp rivetito con Ni-B dopo 1h 800 C. Imge of the nickel-oron coted mple fter het tretment t 800 C for 1h. l metllurgi itlin >> novemre-dicemre

4 Titnio e ue leghe << Memorie Microdurezz Il pezzo rivetito con nickel e trttto 800 C preent un durezz rilevt mim di 350 HV 0,1 d un ditnz di circ 30 μm dll uperficie e quindi ttriuiile llo trto intermetllico. Se i confrontno i dti EDAX con le miure di microdurezz, i not che l mim durezz è rilevt nell zon di intermetlli Ni-Ti. Le prove di microdurezz Vicker eeguite ull ezione dei cmpioni nichelti e trttti 800 C dnno come vlori mimi un durezz di 350 HV 0,1, mentre per i cmpioni trttti 1000 C i ottengo Fig. 6 Sezione del cmpione nichelto e trttto 1h 1000 C. SEM imge of Ni coted pecimen het treted t 1000 C for 1h. Fig. 5 Microtruttur ezione dei cmpioni trttti opr β-trnu () cmpione nichelto; () cmpione con nickel-oro. Microtructure of the mple fter het tretment ove β-trnu () mple with nickel; () mple with nickel nd oron. Il trttmento termico condotto l di opr dell β-trnu port ll tilizzzione nche e temperture dell fe β grzie ll diffuione nel utrto del nickel che è un β-tilizznte. L diffuione del nickel potree eere fvorit dll trformzione del titnio d un truttur egonle comptt d un cuic. Nel co di depoizione Ni-B il oro contrt l zione del nickel in qunto è un α-tilizznte, pertnto le lmelle di fe α ono preenti fin dll uperficie ed è minore l quntità di fe β nell zon uperficile. I pezzi nichelti e trttti per un or 950 C preentno nche in queto co uno trto di nickel non diffuo di circ 20 μm e tre trti di intermetllici che, nell ordine dll uperficie, con nlii EDAX riultno eere: Ni 3 Ti, NiTi, NiTi 2. Il nickel diffonde in percentuli tr 8 e 3 t.% fino 200 μm di profondità. Riultti ncor più interenti ono tti trovti in eguito trttmento termico di un or 1000 C, in qunto i ottengono uno trto di 15 μm di NiTi e uno di 100 μm di NiTi 2. Trcce di nickel ono rilevte fino d oltre 300 μm (Fig. 6). Trttmenti termici temperture più elevte cuno Fig. 7 Sezione del cmpione nichelto trttto 1200 C per 1h. SEM imge of Ni coted pecimen het treted t 1200 C. un przile fuione degli intermetllici e di coneguenz un ecceiv rugoità uperficile. Inoltre, il nickel diffonde ecceivmente ll interno del utrto ed in mnier intergrnulre, come i evidenz in Fig novemre-dicemre 2008 << l metllurgi itlin

5 Memorie >> Titnio e ue leghe no vlori di 1000 HV 0,1. Nel primo co l eiguo peore dell re di interzione tr nickel e titnio non permette di invetigre il ingolo trto intermetllico, pertnto il vlore trovto non è imputile olo ll compoizione di uno trto m d un zon più mpi che comprende tutti gli trti intermedi. A conferm di ciò, è tt eeguit un prov ull uperficie del cmpione dopo ver rimoo il primo trto di nickel non diffuo e i è trovto un durezz ttorno 1000 HV 0,1. L durezz, quindi, è dt dll preenz degli intermetllici che i ono formti durnte il trttmento termico grzie i procei di diffuione [18]. I pezzi rivetiti chimicmente con nickel e oro non preentno trti ufficientemente pei di interdiffuione e il vlore mimo di durezz non uper i 700 HV 0,1. Anche in queto co l umento di durezz è ttriuiile ll formzione di intermetllici. Il oro non h un ruolo importnte dl momento che l durezz torn diminuire non ppen l concentrzione di nickel non è ufficiente per l formzione di compoti con il titnio. Per entrmi i rivetimenti l ndmento è nlogo. Leg Ti-6Al-4V L oervzione l microcopio dell truttur di prtenz del mterile evidenzi l tipic truttur Widmnttten, riportt in Fig. 9. E è cotituit d grni di fe α form di cgli immeri nell fe β. Anche in queto co, come per il titnio CP, i rivetimenti di nickel e nickel-oro preentno un differenz di peore prità di tempo di depoizione. Anlii microtrutturle L microtruttur dell leg di titnio dipende dll velocità di rffreddmento dl cmpo β, in qunto l fe β i può decomporre econdo un proceo diffuionle di nuclezione ed ccrecimento oppure econdo un proceo non diffuivo che port ll formzione di mrtenite [19,20]. In queto co l velocità di rffreddmento permette ll fe α di nuclere ed ccreceri prllel i pini {110}, come i può vedere in Fig. 9. I trttmenti termici che ono tti condotti 1150 C per un or u un pezzo nichelto portno ll formzione di uno trto peo 400 μm di NiTi 2. Quet tempertur, Fig. 8 Profili di microdurezz dei cmpioni rivetiti con () nickel; () di nickel-oro. Hrdne profile of mple () Ni coted ; () NiB coted. Fig. 9 Microtruttur dell leg Ti-6Al-4V () tl qule; () dopo rffreddmento lento dl cmpo β. Microtructure of Ti-6Al-4V lloy () ct; () treted ove β-trnu nd cooling in furnce. l metllurgi itlin >> novemre-dicemre

6 Titnio e ue leghe << Memorie Fig. 10 Sezione dell leg con Ni dopo 1h 1000 C. Ni coted Ti lloy fter het tretment t 1000 C for 1h. Fig. 11 XRD cmpione nichelto trttto 1000 C. XRD pttern of mple coted y nickel. però, comport l fuione dell uperficie, pertnto i è proceduto ll mento dell tempertur del trttmento. Con un ricldmento 1050 C il nickel diffonde fino 250 μm, formndo NiTi e NiTi 2. I cmpioni trttti 1000 C, invece, preentno l trtificzione dell truttur, con uno trto eterno di nickel non diffuo, un re di peore 12 μm di NiTi, uno trto di 6 μm di NiTi 2 ed, infine, uno di 100 μm di e percentuli di nickel. Le nlii medinte diffrzione rggi X confermno l formzione di intermetllici di tipo NiTi 2 (Fig. 11). I cmpioni rivetiti con Ni-B e trttti termicmente ono tti tuditi nche medinte GDOS, grzie l qule i è potuto vere il profilo di concentrzione del oro. Come i può notre dll Fig. 12 il contenuto di oro in uperficie è ttorno l 2% e diffonde fino d un profondità di lmeno 30 μm. Quet ultim nlii conferm l zon di formzione di intermetllici Ni-Ti, già ppurt con microond EDAX. Si evidenzi, inoltre, un ditriuzione non uniforme dell lluminio che è in quntità mggiori in uperficie. Ciò i pieg col ftto che l lluminio è un α-tilizznte e lungo l zon di diffuione del oro, nch eo α-tilizznte, i h l prevlenz di tle fe. Anche in queti cmpioni l nlii i rggi X conferm l formzione di compoti NiTi 2 (fig.13). Microdurezz I vlori trovti con i trttmenti diffuivi ono molto più elevti di qunto rggiunto in precedenti lvori [9-10]. L prov che dà l più lt durezz è quell condott 1150 C ul pezzo nichelto, i è inftti rrivti 1050 HV 0,1. Ciò è ttriuiile ll formzione di uno trto peo di intermetllici Ni-Ti e non ll diffuione del oro dto che queto non rriv più di μm di profondità. Tuttvi il profilo di durezz più interente è quello dell prov 1050 C, in qunto è crtterizzto d un ndmento più dolce (Fig. 14). I cmpioni rivetiti con nickel-oro preentno lo teo ndmento di durezz (Fig. 14), m, nche in queto co, il loro limite conite nell cr depoizione di rivetimento e nell eiguo peore di interdiffuione tr elementi depoitti e utrto. Fig. 12 Profilo GDOS di cmpioni di leg di Ti rivetiti con Ni-B dopo trttmento termico 1000 C. GDOS profile of the Ni-B coted Ti lloy fter het tretment t 1000 C. Fig. 13 XRD cmpioni rivetiti con Ni-B e trttti 1000 C. XRD pttern of mple coted y Ni-B. 6 novemre-dicemre 2008 << l metllurgi itlin

7 Memorie >> Titnio e ue leghe CONCLUSIONI Per il utrto di titnio puro l depoizione con ucceivo trttmento termico di un or l di otto dell β-trnu, port ll formzione di trti di intermetllici, cotituiti principlmente d NiTi e NiTi 2, qui empre inferiori i 10 μm e d un zon di diffuione di preppoco 20 μm. Trttndo il cmpione d un tempertur di poco uperiore ll β-trnu i h l formzione di uno trto di intermetllici di 20 μm con vlori di microdurezz HV 0,1 ed un zon di diffuione di μm con vlori medi di durezz 300 HV 0,1. Ciò può eere imputile ll tempertur più elevt che increment l diffuività, permettendo l formzione di uno trto più peo di intermetllici. Si può, inoltre, upporre che l diffuione degli tomi di Ni ll interno del utrto i fvorit dll trformzione llotropic del titnio d un truttur egonle comptt d un cuic corpo centrto. Nei trttmenti temperture troppo uperiori ll β-trnu (1200 C) i è evidenzito che il Ni diffonde in mnier intergrnulre enz contriuire d un rilevnte umento di durezz. Inoltre l elevt tempertur di trttmento provoc un przile fuione degli intermetllici formtii uperficilmente cundo un ecceiv rugoità uperficile. Si eclude, quindi, l convenienz di trttre il titnio rivetito con nickel temperture troppo uperiori ll β-trnu. Vlutndo l inieme di coniderzioni i può dedurre che i trttmenti termici condotti tr 950 e 1000 C ino quelli che fvoricono l formzione di uno trto di intermetllici e di diffuione con i mggiori vlori di durezz. Per qunto rigurd l leg Ti-6Al-4V i trttmenti termici l di opr dell β-trnu permettono di rggiungere durezze di 1000 HV 0,1, dovute ll formzione degli intermetllici NiTi 2 e NiTi, in tempi molto più rpidi ripetto tudi precedenti. In queto lvoro non i rilev un contriuto prticolrmente ignifictivo del oro nell umento dell durezz. I vlori più lti di durezz ono ttriuiili ll formzione di intermetllici Ni-Ti e lo peore di queti crece ll umentre dell tempertur, fino rggiungere uno peore di 100 μm. [11] ASM Hndook Committee, Metl Hndook, USA, (1982), 9th Edn, 5, 200. [12] Y. B. CHUN, S. L. SEMIATIN, S. K. HWANG, Act Mter., 54, (2006), [13] Q. L. RAO, G. BI, Q.H. LU, H. W. WANG, X. L. FAN, Appl. Surf. Sci., 240 (1), (2005), [14] Y. L. KAO, G. C. TU, C.A. HUANG, T.T. LIU, Mter. Sci. Eng., 2005, 398, (2), [15] ASM Hndook Committee, Metl Hndook, USA, 1982, 9th Edn, 5, [16] H. H. STADELMAIER, B. REINSCH, Intermetllic Compound-Principle nd Prctice, Wetrook nd Fleicher Edit., vol.2, Englnd, 1995, 537. [17] S. KUNDU, S. CHATTERJEE, Mter. Sci. Eng., 2006, A 425, [18] H. HIRAGA, T. INOUE, H. SHIMURA, A. MATSU- NAWA, Wer, 1999, 231, (2), [19] F. J. GIL, M. P. GINEBRA, J. M. MANERO, J. A. PLA- NELL, J. Alloy. Compd., 329, (2001), [20] M. T. JOVANOVIĆ, S. TADIĆ, S. ZEC, Z. MIŠKOVIĆ, I. BOBIĆ, Mter. De., 27, (2006), BIBLIOGRAFIA [1] K. G. BUDINSKI, Wer, 151 (2), (1991), [2] S. YERRAMAREDDY, S. BAHADUR, Wer, 157 (2), (1992), [3] S. YERRAMAREDDY, S. BAHADUR, Wer, 142 (2), (1991), [4] W. BECK, J. F. DANOVICH, Triol., 3 (1), (1970), 56. [5] M. IGNATIEV, E. KOVALEV, I. MELEKHIN, I. YU. SMUROV, S. STURLESE, Wer, 166 (2), (1993), [6] H. DONG, A. BLOYCE, T. BELL, Triol. Int., 32 (9), (1999), [7] A. BLOYCE, P.Y. QI, H. DONG, T. BELL, Surf. Cot. Technol., 107, (1998), [8] Y. W. RIDDLE, T.O. BAILER, JOM, (2005), [9] M. DABALÀ, A. VARIOLA, M. MAGRINI, Surf. Eng., 17 (5), (2001), [10] M. DABALÀ, K. BRUNELLI, R. FRATTINI, M. MA- GRINI, Surf. Eng., 20 (2), (2004), Fig. 14 Profili di microdurezz dei cmpioni dopo trttmento termico () rivetiti con Ni; () rivetiti con Ni-B. Hrdne profile of het treted Ti-6Al-4V () coted y Ni; () coted y Ni-B. l metllurgi itlin >> novemre-dicemre

8 Titnio e ue leghe << Memorie SURFACE HARDENING OF Ti ALLOY BY HEAT TREATMENTS OF Ni DIFFUSION Keyword: titnium lloy, urfce tretment, het tretment, intermetllic, metllogrphy, electron microcopy In thi work electrolytic Ni nd electrole NiB coting on CP Titnium nd Ti-6Al-4V lloy hve een depoited. The coted mple hve een umitted to diffuion het tretment crried out t temperture elow nd ove the et trnu temperture for 1 h. The effect of the het tretment temperture on the diffuion of Ni nd B into the utrte, nd on the depth hrdening of the utrte h een invetigted y SEM, EDS, XRD, GDOS nd micro-hrdne tet. Under the me depoition time, the lyer of Nickel i thicker thn tht of nickel-oron. For the CP titnium the het tretment elow β-trnu temperture (800 C) led to the formtion of intermetllic lyer, NiTi nd NiTi2, tht re thinner thn 10 μm, nd diffuion lyer of out 20 μm (Fig.3). ABSTRACT The mple treted ove β-trnu temperture (1000 C) how n intermetllic lyer of 20 μm with hrdne vlue of HV0,1 nd diffuion zone of μm with hrdne vlue of out 300 HV0,1 (Fig.6, 8). The etter reult, otined t temperture ove the et trnu, cn e ttriuted to the incree of diffuion due oth to the high temperture nd the cuic ody-centred tructure tht Ti ume ove the et trnu. If het tretment re too high (1200 C), the diffuion of nickel i not uniform t higher depth nd the otined tructure doe not improve the hrdne urfce (Fig. 7). Moreover, the urfce ecome irregulr ecue the high temperture induce prtil melting of urfce intermetllic. So the et temperture to improve hrdne i 1000 C. A for the pure titnium utrte, o for Ti-6Al-4V utrte, the het tretment ove β-trnu incree the hrdne vlue (1000 HV0,1) in correpondence of the NiTi nd NiTi2 lyer (Fig.10). The improvement of urfce hrdne i otined y tretment of only 1 hour. In thi work the contriution of oron to the hrdne incree i negligile. The highet hrdne cn e ttriuted to intermetllic Ni-Ti lyer whoe thickne rie the temperture goe up. 8 novemre-dicemre 2008 << l metllurgi itlin

STUDIO SULLA FLUIDITÀ DELLE LEGHE DI ALLUMINIO

STUDIO SULLA FLUIDITÀ DELLE LEGHE DI ALLUMINIO Memorie >> Alluminio e leghe STUDIO SULLA FLUIDITÀ DELLE LEGHE DI ALLUMINIO M. Di Stino L motivzione di queto tudio nce dll eigenz di cpire meglio i vri fttori che influenzno l fluidità delle leghe di

Dettagli

Componenti per l aritmetica binaria. Motivazioni. Sommario. Sommario. M. Favalli

Componenti per l aritmetica binaria. Motivazioni. Sommario. Sommario. M. Favalli Sommrio Componenti per l ritmetic inri M. Fvlli Engineering Deprtment in Ferrr Introduzione 2 3 Appliczioni di n-it dder 4 Sommtore CLA Sommrio (ENDIF) Reti logiche / 27 Introduzione Motivzioni (ENDIF)

Dettagli

Trattamenti di ricottura dell acciaio inossidabile duplex 2205 dopo deformazione plastica

Trattamenti di ricottura dell acciaio inossidabile duplex 2205 dopo deformazione plastica Acciio inossidile Trttmenti di ricottur dell cciio inossidile duplex 2205 dopo deformzione plstic A.F. Mirnd Pérez, I. Clliri, E. Rmous, M. Bred Le uone crtteristiche meccniche e le elevte proprietà di

Dettagli

Effetto dei parametri di trattamento termico sull arricchimento superficiale di rame in un acciaio 20 Mn4

Effetto dei parametri di trattamento termico sull arricchimento superficiale di rame in un acciaio 20 Mn4 Trttmenti termici Effetto dei prmetri di trttmento termico sull rricchimento superficile di rme in un cciio 20 Mn4 M. Dlà, K. Brunelli, V. Zin, F. Toschi Il fenomeno HOT-SHORTNESS ffligge principlmente

Dettagli

Lavorazioni delle materie plastiche

Lavorazioni delle materie plastiche Lvorzioni delle mterie plstiche CONTENUTI Lvorzione delle mterie plstiche con prticolre rigurdo llo stmpggio iniezione PREREQUISITI Conoscenz delle proprietà dei mterili Conoscenz degli elementi costituenti

Dettagli

Acidi Deboli. Si definisce acido debole un acido con K a < 1 che risulta perciò solo parzialmente dissociato in soluzione. Esempi di acidi deboli:

Acidi Deboli. Si definisce acido debole un acido con K a < 1 che risulta perciò solo parzialmente dissociato in soluzione. Esempi di acidi deboli: Acidi Deboli Si definisce cido debole un cido con < 1 che risult perciò solo przilmente dissocito in soluzione. Esempi di cidi deboli: Acido cetico (H OOH) 1.75 1-5 Acido scorbico (vitmin ) 1 6.76 1-5.5

Dettagli

STUDIO DELL EVOLUZIONE MICROSTRUTTURALE INDOTTA DA FRICTION STIR WELDING IN GIUNTI SKIN-STRINGER (2024/T4-7075/T6)

STUDIO DELL EVOLUZIONE MICROSTRUTTURALE INDOTTA DA FRICTION STIR WELDING IN GIUNTI SKIN-STRINGER (2024/T4-7075/T6) STUDIO DELL EVOLUZIONE MICROSTRUTTURALE INDOTTA DA FRICTION STIR WELDING IN GIUNTI SKIN-STRINGER (2024/T4-7075/T6) P.Leo, E.Cerri, L. Frtini, G.Buff Università del Slento, Fcoltà di Ingegneri, Diprtimento

Dettagli

MACCHINE ELETTRICHE. Macchine Asincrone. Stefano Pastore. Dipartimento di Ingegneria e Architettura Corso di Elettrotecnica (IN 043) a.a.

MACCHINE ELETTRICHE. Macchine Asincrone. Stefano Pastore. Dipartimento di Ingegneria e Architettura Corso di Elettrotecnica (IN 043) a.a. MACCHNE ELETTCHE Mcchine Aincrone Stefno Ptore Diprtimento di ngegneri e Architettur Coro di Elettrotecnic (N 043).. 0-3 ntroduzione Sono dette Mcchine d nduzione (trife) otore gbbi o rotore vvolto Sttore

Dettagli

ALCUNE CONSIDERAZIONI SULL'IMPORTANZA RELATIVA TRA EFFETTI CINEMATICI E INERZIALI PER FONDAZIONI PROFONDE

ALCUNE CONSIDERAZIONI SULL'IMPORTANZA RELATIVA TRA EFFETTI CINEMATICI E INERZIALI PER FONDAZIONI PROFONDE ALCUNE CONSIDERAZIONI SULL'IPORTANZA RELATIVA TRA EFFETTI CINEATICI E INERZIALI PER FONDAZIONI PROFONDE Rffele Di Lor Diprtimento di Ingegneri Civile, Second Univerità di Npoli rffele.dilor@un.it Alendro

Dettagli

Direzione e Depositi:

Direzione e Depositi: Sede Legale e Uffici: Via P. Rondoni,1 20146 Milano Tel. 0039 02 42 41 421 Fax 0039 02 47 71 93 72 E-mail: ventemilano@icamtui.com Direzione e Depoiti: Via Marziana, 21 27020 Parona Lomellina (PV) Tel.

Dettagli

Trattamenti termici. L. Cislaghi, D. Mattavelli

Trattamenti termici. L. Cislaghi, D. Mattavelli Trttmenti termici Ricerc del migliore compromesso delle crtteristiche meccniche degli ccii per utensili cldo dopo onific. Comportmento dell tencità per effetto dei tempi prolungti lle temperture dell nitrurzione

Dettagli

-STRUTTURE DI LEWIS SIMBOLI DI LEWIS

-STRUTTURE DI LEWIS SIMBOLI DI LEWIS STRUTTURE DI LEWIS SIMBLI DI LEWIS ELETTRI DI VALEZA: sono gli elettroni del guscio esterno, i responsbili principli delle proprietà chimiche di un tomo e quindi dell ntur dei legmi chimici che vengono

Dettagli

BOZZA. 1 2a S/2 S/2. Lezione n. 27. Le strutture in acciaio Le unioni bullonate Le unioni saldate

BOZZA. 1 2a S/2 S/2. Lezione n. 27. Le strutture in acciaio Le unioni bullonate Le unioni saldate Lezione n. 7 Le strutture in cciio Le unioni bullonte Le unioni sldte Unioni Le unioni nelle strutture in cciio devono grntire un buon funzionmento dell struttur e l derenz dell stess llo schem sttico

Dettagli

ELICHE IN BRONZO ED ALLUMINIO

ELICHE IN BRONZO ED ALLUMINIO ELICHE IN BRONZO ED ALLUMINIO Le eliche di propulione in bronzo che imo in grdo di offrirvi ono progettte e cotruite dll fmo c itlin "RADICE", l qule è not ul mercto come un delle più fmoe ed ffidbili

Dettagli

Indurimento superficiale di acciai. caratterizzazione

Indurimento superficiale di acciai. caratterizzazione Memorie >> Trattamenti uperficiali Indurimento uperficiale di acciai inoidabili autenitici mediante TiN-PVD e Kolterizzazione e loro caratterizzazione G. Ubertalli, G.M.M. Mortarino, F. Roalbino, D. Firrao

Dettagli

Complementi di Chimica

Complementi di Chimica omplementi di himic Prof. Giovnni B. Giovenzn Diprtimento di Scienze del Frmco Univerità del Piemonte Orientle A. Avogdro Tel.: 031-375846 giovenzn@phrm.unipmn.it himic Anlitic Brnc dell chimic che tudi

Dettagli

2a Conferenza Nazionale Poliuretano espanso rigido

2a Conferenza Nazionale Poliuretano espanso rigido 2 Conferenz Nzionle Poliuretno espnso rigido TESI DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CHIMICA E DEI PROCESSI INDUSTRIALI UTILIZZO DI MATERIE PRIME SOSTENIBILI PER LA PREPARAZIONE DI ESPANSI POLIISOCIANURICI

Dettagli

2. LA DIFFUSIONE - CONCETTI BASE

2. LA DIFFUSIONE - CONCETTI BASE LA DIFFUSIONE . LA DIFFUSIONE - CONCETTI BASE Molte reazioni e molti procei di rilevante importanza nel trattamento dei materiali i baano ul traporto di maa. Queto traporto può avvenire o all interno di

Dettagli

Modulo 6. La raccolta bancaria e il rapporto di conto corrente. Unità didattiche che compongono il modulo. Tempo necessario

Modulo 6. La raccolta bancaria e il rapporto di conto corrente. Unità didattiche che compongono il modulo. Tempo necessario 58 Modulo 6 L rccolt bncri e il rpporto di conto corrente I destintri del Modulo sono gli studenti del quinto nno che, dopo ver nlizzto e ppreso le crtteristiche fondmentli dell ttività delle ziende di

Dettagli

Figura 47: i ponti termici possono essere causati da discontinuità dei materiali o da discontinuità geometriche.

Figura 47: i ponti termici possono essere causati da discontinuità dei materiali o da discontinuità geometriche. Prestzioni PONTI TERMICI Normlmente il clcolo delle dispersioni termiche di un edificio viene svolto considerndo che le temperture interne ed esterne sino costnti (Regime Termico tzionrio). Questo signific

Dettagli

a cura di: ing. Ernesto Grande e.grande@unicas.it http://www.docente.unicas.it/ernesto_grande

a cura di: ing. Ernesto Grande e.grande@unicas.it http://www.docente.unicas.it/ernesto_grande Università degli Studi di Cssino Progetto di Strutture Costruzioni i in Acciio i cur di: ing. Ernesto Grnde e.grnde@unics.it http://www.docente.unics.it/ernesto_grnde t it/ t d Testi consigliti 1. G. Bllio,

Dettagli

Controllore Processo. Le principali componenti del sistema sono: il rivelatore di errore, il controllore che ha il compito di trasformare il segnale

Controllore Processo. Le principali componenti del sistema sono: il rivelatore di errore, il controllore che ha il compito di trasformare il segnale CONTROLLORI DI TIO ID rincipi di funzionamento Il termine controllo definice l azione volta per portare e mantenere ad un valore prefiato un parametro fiico di un impianto o di un proceo (ad eempio, la

Dettagli

Microforatura laser di titanio: studio del processo e valutazione del suo effetto sulla microstruttura del materiale

Microforatura laser di titanio: studio del processo e valutazione del suo effetto sulla microstruttura del materiale Titnio e leghe Microfortur lser di titnio: studio del processo e vlutzione del suo effetto sull microstruttur del mterile C.A. Biffi, N. Lecis, B. Previtli, M. Vedni, G. Vimercti Le microlvorzioni effettute

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO. FACOLTA DI INGEGNERIA Corso di laurea in Ingegneria Meccanica. Tesina del corso di

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO. FACOLTA DI INGEGNERIA Corso di laurea in Ingegneria Meccanica. Tesina del corso di UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO FACOLTA DI INGEGNERIA Corso di lure in Ingegneri Meccnic Tesin del corso di TRASMISSIONE DEL CALORE Docente Prof. Ing. Gennro Cuccurullo Tesin n.7a Effetti termici del

Dettagli

EFFECT OF THE HEAT TREATMENT ON THE MECHANICAL PROPERTIES OF A PRECIPITATION HARDENING STEEL FOR LARGE PLASTIC MOLDS

EFFECT OF THE HEAT TREATMENT ON THE MECHANICAL PROPERTIES OF A PRECIPITATION HARDENING STEEL FOR LARGE PLASTIC MOLDS Memorie >> Trttmenti termici EFFECT OF THE HEAT TREATMENT ON THE MECHANICAL PROPERTIES OF A PRECIPITATION HARDENING STEEL FOR LARGE PLASTIC MOLDS D. Firro, P. Mttei, G. M. M. Mortrino, P. Ruo Spen, M.

Dettagli

Macchine elettriche in corrente continua

Macchine elettriche in corrente continua cchine elettriche in corrente continu Generlità Può essere definit mcchin un dispositivo che convert energi d un form un ltr. Le mcchine elettriche in prticolre convertono energi elettric in energi meccnic

Dettagli

2) L acido ipocloroso (HClO) è un acido debole e quindi all equilibrio sarà parzialmente dissociato:

2) L acido ipocloroso (HClO) è un acido debole e quindi all equilibrio sarà parzialmente dissociato: Ordinre econdo il vlore di ph crecente le eguenti oluzioni venti tutte concentrzione - : 1. Nl. HlO (.0-8 ). NOH. Hl 5. NlO 6. NH ( 1.8-5 ) 7. NH l 1) L prim oluzione contiene cloruro di odio che è un

Dettagli

La fertilità del suolo e la qualità della sostanza organica

La fertilità del suolo e la qualità della sostanza organica Dniel Sid-Pullicino, Luisell Celi, Elisbett Brberis DiVPRA Settore di Chimic Agrri e Pedologi, Università degli Studi di Torino L fertilità del suolo e l qulità dell sostnz orgnic Sistemi colturli risicoli

Dettagli

Titolazione Acido Debole Base Forte. La reazione che avviene nella titolazione di un acido debole HA con una base forte NaOH è:

Titolazione Acido Debole Base Forte. La reazione che avviene nella titolazione di un acido debole HA con una base forte NaOH è: Titolzione Acido Debole Bse Forte L rezione che vviene nell titolzione di un cido debole HA con un bse forte NOH è: HA(q) NOH(q) N (q) A (q) HO Per quest rezione l costnte di equilibrio è: 1 = = >>1 w

Dettagli

Attuatori pneumatici fino 700 cm 2 Tipo 3271 e Tipo 3277 per montaggio integrato del posizionatore

Attuatori pneumatici fino 700 cm 2 Tipo 3271 e Tipo 3277 per montaggio integrato del posizionatore Attutori pneumtici fino cm Tipo e Tipo per montggio integrto del posiziontore Appliczione Attutore linere per il montggio su vlvole di regolzione, soprttutto per l Serie,, e vlvol microflusso Tipo dimensione

Dettagli

SOLUZIONI A FIBRE OTTICHE

SOLUZIONI A FIBRE OTTICHE SOLUZIONI A FIBRE OTTICHE INTRODUzione Soluzioni fibre ottiche Con un ppoito ttcco e reltivo figgio meccnico, vengono collegte delle fibre ottiche ul trmettitore e ul ricevitore del enore optoelettronico.

Dettagli

COME SOPRAVVIVERE ALLA MATEMATICA. 1. La funzione matematica e la sua utilità in economia

COME SOPRAVVIVERE ALLA MATEMATICA. 1. La funzione matematica e la sua utilità in economia COME SOPRAVVIVERE ALLA MATEMATICA di Giuli Cnzin e Dominique Cppelletti Come potrete notre inoltrndovi nel corso di Introduzione ll economi, l interpretzione dell teori economic non presuppone conoscenze

Dettagli

ESERCIZI RELATIVI AL CAP. 8 GLI INVESTIMENTI E I DISINVESTIMENTI IN TITOLI E PARTECIPAZIONI a cura di Daniela Corbetta

ESERCIZI RELATIVI AL CAP. 8 GLI INVESTIMENTI E I DISINVESTIMENTI IN TITOLI E PARTECIPAZIONI a cura di Daniela Corbetta ESERCIZI RELATIVI AL CAP. 8 GLI INVESTIMENTI E I DISINVESTIMENTI IN TITOLI E PARTECIPAZIONI cur di Dniel Corbett P.S.: l fine di trttre in modo esustivo l rgomento, si precis che nei seguenti esercizi

Dettagli

F (r(t)), d dt r(t) dt

F (r(t)), d dt r(t) dt Cmpi vettorili Un cmpo vettorile è un funzione vlori vettorili F : A R, con A R n, ove in questo cso l imensione el ominio e el coominio è l stess. F ( 1, 2,..., n ) (f 1 ( 1, 2,..., n ), f 2 ( 1, 2,...,

Dettagli

SERS (surface enhanced raman scattering)

SERS (surface enhanced raman scattering) a pettrocopia aman tradizionale SS (urface enhanced raman cattering) a pettrocopia aman è una tecnica di indagine uperficiale che i baa ul principio di eccitazione dei livelli energetici della materia.

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEI MATERIALI GEOTECNICI

CLASSIFICAZIONE DEI MATERIALI GEOTECNICI CLASSIFICAZIONE DEI MATERIALI GEOTECNICI 1.1 Rocce lapidee e rocce ciolte I geomateriali ono uddivii nell Ingegneria Civile (ia pure in modo alquanto arbitrario) in rocce e terreni. Rocce lapidee Aggregato

Dettagli

Facoltà di Ingegneria

Facoltà di Ingegneria UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI Fcoltà di Ingegneri Corso di Lure Specilistic in Ingegneri per l Ambiente e il Territorio TESINA DI CALCOLO NUMERICO Anlisi dell errore nei metodi di risoluzione dei

Dettagli

LE RETTIFICHE DI STORNO

LE RETTIFICHE DI STORNO Cpitolo 11 LE RETTIFICHE DI STORNO cur di Alfredo Vignò Le scritture di rettific di fine esercizio Sono composte l termine del periodo mministrtivo per inserire nel sistem vlori stimti e congetturti di

Dettagli

Elettronica dei Sistemi Digitali Il test nei sistemi elettronici: guasti catastrofici e modelli di guasto (parte I)

Elettronica dei Sistemi Digitali Il test nei sistemi elettronici: guasti catastrofici e modelli di guasto (parte I) Elettronic dei Sistemi Digitli Il test nei sistemi elettronici: gusti ctstrofici e modelli di gusto (prte I) Vlentino Lierli Diprtimento di Tecnologie dell Informzione Università di Milno, 26013 Crem e-mil:

Dettagli

TRATTAMENTI TERMICI DELLE LEGHE DI TITANIO α+β, CORRELAZIONI FRA MICROSTRUTTURA E COMPORTAMENTO MECCANICO

TRATTAMENTI TERMICI DELLE LEGHE DI TITANIO α+β, CORRELAZIONI FRA MICROSTRUTTURA E COMPORTAMENTO MECCANICO Memorie >> Titanio e leghe TRATTAMENTI TERMICI DELLE LEGHE DI TITANIO α+β, CORRELAZIONI FRA MICROSTRUTTURA E COMPORTAMENTO MECCANICO A. Morri Le leghe di titanio α+β ono largamente utilizzate in campo

Dettagli

UNITÀ DI GUIDA E SLITTE

UNITÀ DI GUIDA E SLITTE UNITÀ DI GUIDA E SLITTE TIPOLOGIE L gmm di unità di guid e di slitte proposte è molto mpi. Rggruppimo le guide in fmiglie: Unità di guid d ccoppire cilindri stndrd Si trtt di unità indipendenti, cui viene

Dettagli

Lamiere grecate semplici in acciaio e alluminio

Lamiere grecate semplici in acciaio e alluminio Capitolo 1 Lamiere grecate emplici in acciaio e alluminio Sommario: 1.1 Generalità 1.1.1 Norme di riferimento 1.1. Tipologie, materiali e campi di applicazione 1.1.3 Definizione della ezione efficace 1.

Dettagli

Ordinanza concernente la legge sul credito al consumo

Ordinanza concernente la legge sul credito al consumo Ordinnz concernente l legge sul credito l consumo (OLCC) 221.214.11 del 6 novemre 2002 (Stto 1 mrzo 2006) Il Consiglio federle svizzero, visti gli rticoli 14, 23 cpoverso 3 e 40 cpoverso 3 dell legge federle

Dettagli

Esiste un luogo in Italia dove le

Esiste un luogo in Italia dove le Eite un luogo in Itli dove le prticolrità dell mbiente hnno permeo ll uomo di inediri e di orgnizzre un ocietà in evoluzione fin dll lb dei tempi. Queto luogo è Mter e l prticolrità è rppreentt dll rocci

Dettagli

a con base a maggiore di 1 Dominio Codominio Crescenza/decrescenza Funz Crescente in Concavità/convessità Strettamente convessa in

a con base a maggiore di 1 Dominio Codominio Crescenza/decrescenza Funz Crescente in Concavità/convessità Strettamente convessa in Funzione esponenzile Dto un numero rele >0, l funzione si chim funzione esponenzile di bse e f prte dell fmigli delle funzioni elementri. Il suo ndmento (crescenz o decrescenz) è strettmente legto l vlore

Dettagli

Problemi di collegamento delle strutture in acciaio

Problemi di collegamento delle strutture in acciaio 1 Problemi di collegmento delle strutture in cciio Unioni con bulloni soggette tglio Le unioni tglio vengono generlmente utilizzte negli elementi compressi, quli esempio le unioni colonn-colonn soggette

Dettagli

Corso di Laurea in Chimica Regolamento Didattico

Corso di Laurea in Chimica Regolamento Didattico Corso di Lure in Chimic Regolmento Didttico Art.. Il Corso di Lure in Chimic h come finlità l formzione di lureti con competenze nei diversi settori dell chimic per qunto rigurd si gli spetti teorici che

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2003

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2003 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 003 Il candidato riolva uno dei due problemi e 5 dei 0 queiti in cui i articola il quetionario. PROLEMA Si conideri un tetraedro regolare T di vertici

Dettagli

2. PROPRIETÀ E TRASFORMAZIONI DELL ARIA

2. PROPRIETÀ E TRASFORMAZIONI DELL ARIA 2. PROPRIETÀ E TRASFORMAZIONI DELL ARIA UMIDA 2.1. Ari Atmosferic L'ri tmosferic é costituit d un insieme di componenti gssosi (N 2, O 2, Ar, CO 2, Ne, He, ) e d ltre sostnze che possono presentrsi in

Dettagli

Fisica Tecnica Ambientale

Fisica Tecnica Ambientale Univerità degli Studi di Perugi Sezione di Fiic ecnic Fiic ecnic Ambientle Lezione del mrzo 5 Ing. Frnceco D Alendro dlendro.unipg@cirif.it Coro di Lure in Ingegneri Edile e Architettur A.A. /5 Argomenti

Dettagli

«ECOFILLER» Iniezione diretta di cariche minerali o di poliuretano riciclato. Eraldo Greco. Guido Podrecca. Commercial Director.

«ECOFILLER» Iniezione diretta di cariche minerali o di poliuretano riciclato. Eraldo Greco. Guido Podrecca. Commercial Director. «ECOFILLER» Iniezione dirett di criche minerli o di poliuretno riciclto Erldo Greco Commercil Director Guido Podrecc R&D Mnger ANPE - 2 2 Conferenz Conferenz Nzionle Nzionle Premess Nei vri processi produttivi

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE "FERMI"

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE FERMI ISTITUTO TECNICO INDUSTIALE STATALE "EMI" TEVISO GAA NAZIONALE DI MECCANICA 212 ropost di soluzione rim rov cur di Benetton rncesco (vincitore edizione 211 unzionmento: L gru bndier girevole sopr riportt

Dettagli

Il Primo Principio della Termodinamica non fornisce alcuna indicazione riguardo ad alcuni aspetti pratici.

Il Primo Principio della Termodinamica non fornisce alcuna indicazione riguardo ad alcuni aspetti pratici. Il Primo Principio dell Termodinmic non fornisce lcun indiczione rigurdo d lcuni spetti prtici. l evoluzione spontne delle trsformzioni; non individu cioè il verso in cui esse possono vvenire. Pistr cld

Dettagli

Eccellente qualità delle immagini

Eccellente qualità delle immagini www. dr wi ng c d. c om/ pr i m p g i n t e r moc me r e. ht ml Eccellente qulità delle immgini Il sensore è il cuore dell termocmer. Testo ttribuisce un enorme vlore ll mssim qulità possibile. Testo 890

Dettagli

TECNOLOGIE PER L ACQUACOLTURA

TECNOLOGIE PER L ACQUACOLTURA Scuol di specilizzzione in: Allevmento, igiene, ptologi delle specie cqutiche e controllo dei prodotti derivti TECNOLOGIE PER L ACUACOLTURA PROF. MASSIMO LAZZARI Anno ccdemico 007-008 L movimentzione meccnic

Dettagli

Imparare: cosa, come, perché.

Imparare: cosa, come, perché. GIOCO n. 1 Imprre: cos, come, perché. L pprendimento scolstico non è solo questione di metodo di studio, m di numerose situzioni di tipo personle e di gruppo, oppure legte l contesto in cui pprendimo.

Dettagli

Il grigliato Keller, nelle realizzazioni di piani di lavoro, offre il più elevato rapporto tra carico sopportabile e peso proprio, oltre ad una

Il grigliato Keller, nelle realizzazioni di piani di lavoro, offre il più elevato rapporto tra carico sopportabile e peso proprio, oltre ad una Il grigliato Keller, nelle realizzazioni di piani di lavoro, offre il più elevato rapporto tra carico opportabile e peo proprio, oltre ad una elevata permeabilità alla luce e all aria. Tali caratteritice

Dettagli

Capitolo IV L n-polo

Capitolo IV L n-polo Capitolo IV L n-polo Abbiamo oervato che una qualiai rete, vita da due nodi, diventa, a tutti gli effetti eterni, un bipolo unico e queto è in qualche miura ovvio e abbiamo anche motrato come cotruire

Dettagli

Oggetto: SOGGETTI IRES - LA RILEVAZIONE CONTABILE DELLE IMPOSTE DI ESERCIZIO

Oggetto: SOGGETTI IRES - LA RILEVAZIONE CONTABILE DELLE IMPOSTE DI ESERCIZIO Ai gentili Clienti Loro sedi Oggetto: SOGGETTI IRES - LA RILEVAZIONE CONTABILE DELLE IMPOSTE DI ESERCIZIO Al termine di ciscun periodo d impost, dopo ver effettuto le scritture di ssestmento e rettific,

Dettagli

Tecniche innovative per la gestione del vigneto : la defogliazione pre-fioritura e l allevamento a Siepe

Tecniche innovative per la gestione del vigneto : la defogliazione pre-fioritura e l allevamento a Siepe Tecniche innovtive per l gestione del vigneto : l defoglizione pre-fioritur e l llevmento Siepe Ilri Filippetti e Cesre Intrieri Diprtimento di Colture Aroree Università di Bologn - morfologi del grppolo

Dettagli

Corrosione. Memorie >> L. Bertolini, E. Redaelli

Corrosione. Memorie >> L. Bertolini, E. Redaelli Memorie >> Corroione VALUTAZIONE DEL POTERE PENETRANTE DELLA PREVENZIONE CATODICA APPLICATA MEDIANTE ANODI SACRIFIZIALI A COLONNE IN CALCESTRUZZO ARMATO PARZIALMENTE IMMERSE IN ACQUA DI MARE L. Bertolini,

Dettagli

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito.

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito. Integrli de niti. Il problem di clcolre l re di un regione pin delimitt d gr ci di funzioni si può risolvere usndo l integrle de nito. L integrle de nito st l problem del clcolo di ree come l equzione

Dettagli

CARATTERIZZAZIONE METALLURGICA E MECCANICA DI GIUNTI SALDATI IN ACCIAIO INOX UNS S32750 OTTENUTI MEDIANTE MATERIALE D APPORTO INNOVATIVO

CARATTERIZZAZIONE METALLURGICA E MECCANICA DI GIUNTI SALDATI IN ACCIAIO INOX UNS S32750 OTTENUTI MEDIANTE MATERIALE D APPORTO INNOVATIVO Memorie >> Acciaio inoidabile CARATTERIZZAZIONE METALLURGICA E MECCANICA DI GIUNTI SALDATI IN ACCIAIO INOX UNS S32750 OTTENUTI MEDIANTE MATERIALE D APPORTO INNOVATIVO F. Bonollo, P. Ferro, R. Cervo, B.

Dettagli

SISTEMA DI FISSAGGIO EDILFIX

SISTEMA DI FISSAGGIO EDILFIX SISTEM I ISSGGIO EILIX Il itema i fiaggio EILIX offre una oluzione rapia e veratile a ogni problema i ancoraggio tra elementi i calcetruzzo, quali: pannelli/travi, parapetti/olette, ecc. e in carpenteria

Dettagli

IRRAGGIAMENTO: APPLICAZIONI ED ESERCIZI

IRRAGGIAMENTO: APPLICAZIONI ED ESERCIZI Elis Gonizzi N mtricol: 3886 Lezione del -- :3-:3 IRRAGGIAMENO: APPLICAZIONI ED EERCIZI E utile l fine di comprendere meglio le ppliczioni e gli esercizi ricordre cos si intend con i termini CORPI NERI

Dettagli

STUDIO DEL TRATTAMENTO TERMICO DI ACCIAI RAPIDI PER CILINDRI DI LAMINAZIONE A CALDO

STUDIO DEL TRATTAMENTO TERMICO DI ACCIAI RAPIDI PER CILINDRI DI LAMINAZIONE A CALDO STUDIO DEL TRATTAMENTO TERMICO DI ACCIAI RAPIDI PER CILINDRI DI LAMINAZIONE A CALDO M. Pellizzari, D. Cecato, G. Straffelini, R. Valentini, A. Solina In queto lavoro i propone lo tudio del trattamento

Dettagli

Teorema del Limite Centrale

Teorema del Limite Centrale Teorema del Limite Centrale Una combinazione lineare W = a 1 X + a Y + a 3 Z +., di variabili aleatorie indipendenti X,Y,Z, ciacuna avente una legge di ditribuzione qualiai ma con valori attei comparabili

Dettagli

3. Funzioni iniettive, suriettive e biiettive (Ref p.14)

3. Funzioni iniettive, suriettive e biiettive (Ref p.14) . Funzioni iniettive, suriettive e iiettive (Ref p.4) Dll definizione di funzione si ricv che, not un funzione y f( ), comunque preso un vlore di pprtenente l dominio di f( ) esiste un solo vlore di y

Dettagli

CA SA A NZIA NI C A S L A NO - 2

CA SA A NZIA NI C A S L A NO - 2 S NZI NI S L NO - 2 LEGEND :. NUOV S NZINI. INGRESSO PRINIPLE. INGRESSO ENTRO DIURNO E NOTTURNO D. PRHEGGI E. INGRESSO VEIOLRE UTORIMESS F. ORTE G. GIRDINO OMUNE H. GIRDINO PROTETTO D + 0.00 H + 6.50 G

Dettagli

Lezione 12. Regolatori PID

Lezione 12. Regolatori PID Lezione 1 Regolatori PD Legge di controllo PD Conideriamo un regolatore che eercita un azione di controllo dipendente dall errore attravero la eguente legge: t ut = K et K e d K de t P + τ τ+ D. dt La

Dettagli

22 - Il principio dei lavori virtuali

22 - Il principio dei lavori virtuali - Il principio dei lavori virtuali ü [.a. 0-0 : ultima reviione 5 aprile 0] Eempio n. Si conideri il portale di Figura, emplicemente ipertatico. Si vuole applicare il principio dei lavori virtuali per

Dettagli

Conversione A/D e D/A. Quantizzazione

Conversione A/D e D/A. Quantizzazione Conversione A/D e D/A Per il trttmento dei segnli sempre più vengono preferite soluzioni di tipo digitle. È quindi necessrio, in fse di cquisizione, impiegre dispositivi che convertno i segnli nlogici

Dettagli

Convenzione sull'unificazione di taluni elementi del diritto dei brevetti d'invenzione

Convenzione sull'unificazione di taluni elementi del diritto dei brevetti d'invenzione Serie dei Trttti Europei - n 47 Convenzione sull'unificzione di tluni elementi del diritto dei revetti d'invenzione Strsurgo, 27 novemre 1963 Trduzione ufficile dell Cncelleri federle dell Svizzer Gli

Dettagli

Note su alcuni principi fondamentali di macroeconomia Versione parziale e provvisoria. Claudio Sardoni Sapienza Università di Roma

Note su alcuni principi fondamentali di macroeconomia Versione parziale e provvisoria. Claudio Sardoni Sapienza Università di Roma Note u alcuni principi fondamentali di macroeconomia Verione parziale e provvioria Claudio Sardoni Sapienza Univerità di Roma Anno accademico 2010-2011 ii Indice Premea v I Il breve periodo 1 1 Il fluo

Dettagli

P O M P E. Per un impianto generico, il cui schema è rappresentato in figura, si adotta la seguente terminologia: H g è la PREVALENZA GEODETICA

P O M P E. Per un impianto generico, il cui schema è rappresentato in figura, si adotta la seguente terminologia: H g è la PREVALENZA GEODETICA O M E Sono cchine IDRULIE OERTRII. Loro coito è quello di trferire l eneri eccnic di cui dionono in eneri idrulic. Quete cchine cedono l fluido incoriiile che le ttrer eneri di reione e/o eneri cinetic.

Dettagli

30 quesiti. 1 Febbraio 2011. Scuola... Classe... Alunno... Copyright 2011 Zanichelli Editore SpA, Bologna

30 quesiti. 1 Febbraio 2011. Scuola... Classe... Alunno... Copyright 2011 Zanichelli Editore SpA, Bologna verso LA RILEVAZIONE INVALSI SCUOLA SECONDARIA DI secondo GRADO PROVA DI Mtemtic 30 quesiti Febbrio 0 Scuol... Clsse... Alunno... e b sono numeri reli che verificno quest uguglinz: Qunto vle il loro prodotto?

Dettagli

STUDIO COMMERCIALE TRIBUTARIO TOMASSETTI & PARTNERS Corso Trieste 88 00198 Roma Tel. 06/8848666 (RA) Fax 068844588 info@mt-partners.

STUDIO COMMERCIALE TRIBUTARIO TOMASSETTI & PARTNERS Corso Trieste 88 00198 Roma Tel. 06/8848666 (RA) Fax 068844588 info@mt-partners. CIRCOLARE INFORMATIVA NR. 14 del 30/11/2012 ARGOMENTO: IMPOSTA SOSTITUIVA TFR 2013 Scde il prossimo 16 dicembre il termine per pgre l impost sostitutiv sul TFR. Tle impost rppresent l nticipo di tsse dovute

Dettagli

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n.

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n. AUTOVALORI ED AUTOVETTORI Si V uno spzio vettorile di dimensione finit n. Dicesi endomorfismo di V ogni ppliczione linere f : V V dello spzio vettorile in sé. Se f è un endomorfismo di V in V, considert

Dettagli

G. Petrucci Lezioni di Costruzione di Macchine

G. Petrucci Lezioni di Costruzione di Macchine G. Petrucci Lezioni di Cotruzione di cchine 0. ASSI E ALBERI L lbero è un eleento rotnte, uulente di ezione circolre, uto per trettere potenz e/o oto di rotzione e/o coppi; eo ornice l e di rotzione o

Dettagli

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Il problema Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Docenti: M. Goldwurm, S. Aguzzoli Appello del 5 Aprile 005 Progetto Recinti Conegna entro il Aprile 005 Si tudia la reitenza di alcune pecie di piante

Dettagli

La statistica nei test Invalsi

La statistica nei test Invalsi L sttisti nei test Invlsi 1) Osserv il grfio seguente he rppresent l distriuzione perentule di fmiglie per numero di omponenti, in se l ensimento 2001.. Qul è l perentule di fmiglie on 2 omponenti? Rispost:..%.

Dettagli

Attuatori pneumatici 1400, 2800 e 2 x 2800 cm² Tipo 3271 Comando manuale Tipo 3273

Attuatori pneumatici 1400, 2800 e 2 x 2800 cm² Tipo 3271 Comando manuale Tipo 3273 Attutori pneumtici 00, 00 e x 00 cm² Tipo Comndo mnule Tipo Appliczione Attutore linere per il montggio su vlvole di regolzione Serie 0, 0 e 0 Dimensione: 00 e 00 cm² Cors: fino 0 mm Gli ttutori pneumtici

Dettagli

DEBITI VERSO BANCHE 1 PREMESSA 2 CONTENUTO DELLA VOCE. Passivo SP D.4. Prassi Documento OIC n. 12; Documento OIC n. 19 2.

DEBITI VERSO BANCHE 1 PREMESSA 2 CONTENUTO DELLA VOCE. Passivo SP D.4. Prassi Documento OIC n. 12; Documento OIC n. 19 2. Cp. 49 - Debiti verso bnche 49 DEBITI VERSO BANCHE Pssivo SP D.4 Prssi Documento OIC n. 12; Documento OIC n. 19 1 PREMESSA I debiti verso bnche ricomprendono tutti quei debiti in cui l controprte è un

Dettagli

LCA e prevenzione dei rifiuti: caso di studio sull acqua da bere

LCA e prevenzione dei rifiuti: caso di studio sull acqua da bere Anlisi del ciclo di vit del sistem di gestione rifiuti in Lombrdi Milno 8 Mggio 212 LCA e prevenzione dei rifiuti: cso di studio sull cqu d bere S. Nessi Politecnico di Milno DIIAR Sezione mbientle Obiettivo

Dettagli

- Ufficio Unico PIT2 - Progetto Integrato Territoriale NORD BARESE

- Ufficio Unico PIT2 - Progetto Integrato Territoriale NORD BARESE - Ufficio Unico PIT2 - Progetto Integrto Territorile NORD BARESE Andri Brlett Bisceglie Bitonto Cnos di Pugli Corto Giovinzzo Mrgherit di Svoi Molfett Ruvo di Pugli Sn Ferdinndo di Pugli Terlizzi Trni

Dettagli

Borse di studio per i figli studenti e provvidenze a favore dei Dipendenti studenti. Ambito: Tutti

Borse di studio per i figli studenti e provvidenze a favore dei Dipendenti studenti. Ambito: Tutti Circolre n. 36 del 16 settembre 2014 Oggetto: Borse di studio per i figli studenti e provvidenze fvore dei Dipendenti studenti Serie: PERSONALE Argomento: Società interesste: Ambito: CONDIZIONI CONTRATTUALI

Dettagli

LE SOLLECITAZIONI. Gli ingranaggi face gear, o a denti frontali (figura DEGLI INGRANAGGI A DENTI FRONTALI

LE SOLLECITAZIONI. Gli ingranaggi face gear, o a denti frontali (figura DEGLI INGRANAGGI A DENTI FRONTALI SANDRO BARONE, PAOLA FORTE LE SOLLECITAZIONI DEGLI INGRANAGGI A DENTI FRONTALI Un ingrnggio denti frontli (Fce Ger) offre vntggi si in termini di peso si in termini di riprtizione dei crichi sui denti,

Dettagli

ASSENZE PER ASSISTENZA PORTATORI DI HANDICAP

ASSENZE PER ASSISTENZA PORTATORI DI HANDICAP NORMATIVA ASSENZE PER ASSISTENZA PORTATORI DI HANDICAP A cur di Libero Tssell d Scuol&Scuol del 21/10/2003 Riferimenti normtivi: rt. 21 e 33 5.2.1992 n. 104 e successive modifiche ed integrzioni, Dlgs.

Dettagli

6) Stati di cedimento 6.1) Introduzione all analisi delle costruzioni in muratura nel loro stato attuale

6) Stati di cedimento 6.1) Introduzione all analisi delle costruzioni in muratura nel loro stato attuale 6) tati di cedimento 6.1) Introduzione all analii delle cotruzioni in muratura nel loro tato attuale Nel conteto del modello di materiale rigido non reitente a trazione, la valutazione delle capacità portanti

Dettagli

EFFETTO DI INCLUSIONI METALLICHE NEI PROCESSI DI ANODIZZAZIONE DI LEGHE DI ALLUMINIO

EFFETTO DI INCLUSIONI METALLICHE NEI PROCESSI DI ANODIZZAZIONE DI LEGHE DI ALLUMINIO Memorie >> Alluminio e leghe EFFETTO DI INCLUSIONI METALLICHE NEI PROCESSI DI ANODIZZAZIONE DI LEGHE DI ALLUMINIO F. Deflorian, S. Roi, L. Maine, M. Fedel La neceità di lavorare mediante aportazione di

Dettagli

Esercizi sulle curve in forma parametrica

Esercizi sulle curve in forma parametrica Esercizi sulle curve in form prmetric Esercizio. L Elic Cilindric. Dt l curv di equzioni prmetriche: xt cos t yt sin t t 0 T ] > 0 b IR zt bt trovre: versore tngente normle binormle vettore curvtur rggio

Dettagli

Le ipotesi di base che si utilizzano sono le stesse quattro già viste con riferimento al caso della flessione semplice e cioè:

Le ipotesi di base che si utilizzano sono le stesse quattro già viste con riferimento al caso della flessione semplice e cioè: LEZIONI N 44 E 45 CALCOLO A ROTTURA DELLA SEZIONE PRESSOINFLESSA PROBLEMI DI VERIFICA La procedura di verifica dei pilatri di c.a., ottopoti a forzo normale e momento flettente, è baata ulla cotruzione

Dettagli

10. Completare la seguente tabella, in cui sono riportate le produzioni assolute e relative di tre colture altamente diffuse in Italia.

10. Completare la seguente tabella, in cui sono riportate le produzioni assolute e relative di tre colture altamente diffuse in Italia. ESERCIZI DI BASE 1. I soci proprietri di un piccol compgni gricol sono tre: i signori A, B, C. Mentre i signori A e C hnno l stess quot di prtecipzione ll ziend, il signor B h solo il 50% dell quot degli

Dettagli

( X, Y ) che danno un livello costante di utilità (curva di livello). Fissando per esempio il valore U 0 per

( X, Y ) che danno un livello costante di utilità (curva di livello). Fissando per esempio il valore U 0 per Funzioni di utilità (finlmente un po di geroglifici, dopo i grffiti) NB: non fte leggere queste pgine un mtemtico, ltrimenti mi msscr!. Definizione e proprietà Considerimo due eni e di interesse per un

Dettagli

1 I prodotti finanziari di riferimento

1 I prodotti finanziari di riferimento UN MODELLO PER L ANALISI DELLO STILE DI GESTIONE DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO Domenico Vitocco 1+, Claudio Converano 1 1 Dipartimento di Economia e Territorio, Univerità di Caino, Via Mazzaroppi, I-03043

Dettagli

Sezioni in c.a. La flessione composta. Catania, 16 marzo 2004 Marco Muratore

Sezioni in c.a. La flessione composta. Catania, 16 marzo 2004 Marco Muratore Sezioni in c.a. La fleione compota Catania, 16 marzo 004 arco uratore Per chi non c era 1. Compreione: verifica Tenioni ammiibili α cd Ac f 1.5 f yd A 0.7 σ ( A max c c n A ) Riultati comparabili per il

Dettagli

Accoppiamento pompa e sistema

Accoppiamento pompa e sistema Accoppimento pomp e sistem 1/9 Considerimo il sistem idrulico dell Fig. 1 costituito d due bcini, mbedue soggetti ll pressione tmosferic e collegti tr loro d un tubzione: si vuole portre l cqu dl bcino

Dettagli

Introduzione... 2 Relazione tra guadagno e larghezza di banda... 2 Limiti all entità della reazione imposti dalla stabilità...

Introduzione... 2 Relazione tra guadagno e larghezza di banda... 2 Limiti all entità della reazione imposti dalla stabilità... unti di Elettronic Citolo 7 Stbilità degli mliictori rezionti Introduzione... Relzione tr gudgno e lrghezz di bnd... Limiti ll entità dell rezione imoti dll tbilità... 6 STUDIO DELL STBILITÀ TRMITE IL

Dettagli

Stabilità dei sistemi di controllo in retroazione

Stabilità dei sistemi di controllo in retroazione Stbilità dei sistemi di controllo in retrozione Criterio di Nyquist Il criterio di Nyquist Estensione G (s) con gudgno vribile Appliczione sistemi con retrozione positiv 2 Criterio di Nyquist Stbilità

Dettagli