2. LA DIFFUSIONE - CONCETTI BASE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "2. LA DIFFUSIONE - CONCETTI BASE"

Transcript

1 LA DIFFUSIONE

2 . LA DIFFUSIONE - CONCETTI BASE Molte reazioni e molti procei di rilevante importanza nel trattamento dei materiali i baano ul traporto di maa. Queto traporto può avvenire o all interno di un determinato olido (in generale a livello microcopico) o di un liquido, o in un ga. Ciò neceariamente avviene per diffuione. Con queto termine i deigna il fenomeno di traporto di materia mediante movimento di atomi. In queto capitolo i dicutono meccanimi atomici mediante i quali avviene la diffuione, la matematica della diffuione, l' influenza della temperatura e delle otanze (o pecie ) diffondenti. Il fenomeno della diffuione può eere dimotrato mediante l impiego di una coppia di diffuione, formata unendo due barre di metalli diveri in modo che via ia uno tretto contatto tra le due facce, come illutrato per il rame ed il nichel nella figura.. Nella tea figura i riporta una rappreentazione chematica delle poizioni degli atomi e delle compoizioni attravero l interfaccia. Immaginiamo che queta coppia venga ricaldata ad una temperatura elevata, ma comunque minore della temperatura di fuione dei due metalli, per un periodo prolungato, e venga poi fatta raffreddare fino a temperatura ambiente. L analii chimica rivelerà una condizione imile a quella rappreentata nella figura.3c cioè i troveranno rame e nichel puro alle due etremità della coppia, mentre la regione centrale arà cotituita da una lega Ni-Cu, la cui compoizione dipenderà dalla ditanza dai due etremi. Le concentrazioni di entrambi i metalli variano dunque con la poizione, come motrato nella figura.3c. Queto riultato indica che gli atomi di rame ono migrati, cioè ono diffui, nel nichel e, vicevera, che gli atomi di nichel ono diffui nel rame. Queto proceo, in cui gli atomi di un metallo diffondono in un altro, viene chiamato interdiffuione o diffuione mutua di otanze divere. L' interdiffuione può eere rilevata, in una cala macrocopica, mediante delle variazioni nella concentrazione che i verificano nel tempo, come nell eempio della coppia di diffuione rame-nichel. Per effetto della diffuione avviene uno potamento o traporto di atomi dalle regioni ad alta concentrazione a quelle a baa concentrazione. Queto traporto è miurabile. La diffuione avviene anche per i metalli puri, ma, in queto cao, tutti gli atomi che cambiano poizione ono dello teo tipo. Queto proceo i chiama auto-diffuione. Naturalmente, L auto-diffuione non può eere oervata e eguita mediante variazioni nella compoizione. Figura. -(a) Una coppia di diffuione rame-nichel prima di un trattamento termico ad alta temperatura. (b) Rappreentazioni chematiche di poizioni degli atomi di Cu (cerchi colorati) e Ni (cerchi neri) all interno della coppia di diffuione. (c) Concentrazione di rame e nichel come funzione di poizione attravero la coppia..1i MECCANISMI DELLA DIFFUSIONE Se i conidera il fenomeno a livello atomico, la diffuione è olamente la migrazione graduale degli atomi da una determinata poizione reticolare ad un altra poizione reticolare. Gli atomi nei materiali olidi, infatti, ono in movimento cotante e variano rapidamente le loro poizioni. Perché un atomo compia un tale movimento devono verificari due condizioni: 1

3 innanzitutto deve eitere un ito adiacente vuoto, e econdariamente l atomo deve avere una energia vibrazionale ufficiente a rompere i legami con gli atomi vicini e a deformare il reticolo durante il uo potamento. Ad una temperatura pecifica, date le grandezze delle loro energie vibrazionali, olo una piccola frazione del numero totale degli atomi è capace di movimenti diffuivi. Queta frazione aumenta all aumentare della temperatura 1. Per queto tipo di movimento atomico ono tati propoti numeroi modelli. Tra quete poibilità, due riultano predominanti nel cao della diffuione dei metalli: la diffuione di vacanze e la diffuione intertiziale. Figura.3 - Una coppia di diffuione rame-nichel dopo trattamento termico ad una temperatura elevata. Nella zona intereata alla diffuione è avvenuta formazione di lega. (b) Rappreentazioni chematiche delle poizioni degli atomi di Cu (cerchi colorati) e di Ni (cerchi neri) nella coppia. (c) Concentrazioni di rame e nichel come funzione della poizione attravero la coppia..1.1 Diffuione di vacanze In queto meccanimo, coì come chematicamente rappreentato nella Fig..4a, avviene il paaggio di un atomo da una poizione del reticolo critallino ad una adiacente che precedentemente era vuota. Le poizioni vuote prendono il nome di vacanze. Queto meccanimo è definito più propriamente con l epreione di diffuione di vacanze. Ovviamente, queto proceo può avvenire olo e nel reticolo ono preenti delle vacanze. L intenità della diffuione di vacanze è ovviamente una funzione crecente ripetto alla concentrazione delle vacanza nel reticolo. Concentrazioni ignificative di vacanze poono eitere in metalli ad alte temperature. Poiché nel proceo diffuivo i ha otanzialmente uno cambio di poto fra un atomo e una vacanza, alla diffuione di atomi in una certa direzione corriponde il movimento (o fluo) di vacanze nella direzione oppota. Sia l au todiffuione che l interdiffuione avvengono mediante queto meccanimo. Nel econdo ca o, gli atomi del econdo elemento vanno a otituire gli atomi del metallo bae, e vengono perciò detti otituzionali..1. Diffuione intertiziale II econdo tipo di diffuione è quello degli atomi che migrano da una poizione intertiziale ad una vicina vuota. Queto meccanimo riguarda la diffuione di elementi quali l idrogeno, il carbonio, l azoto e l oigeno, che hanno atomi abbatanza piccoli da poteri inerire nelle poizioni intertiziali del reticolo del metallo bae. A caua delle loro maggiori dimenioni gli atomi del metallo bae e le impurezze otituzionali difficilmente riecono a occupare iti intertiziali, e quindi olitamente non diffondono econdo queto meccanimo. Queto fenomeno viene appropriatamente definito diffuione intertiziale (Figura.4b). 1 Si ricordi che l energia vibrazionale media degli atomi di un reticolo è funzione della temperatura. Vale la pena di accennare che le vacanze in un reticolo ono dei coiddetti difetti di equilibrio, ovvero dato un certo materiale a una certa temperatura eite una certa denità di vacanze che rende minima l energia del reticolo critallino a quella temperatura.

4 In molte leghe metalliche la diffuione intertiziale avviene molto più rapidamente della diffuione di vacanze, poiché gli atomi di tipo intertiziale ono più piccoli, e quindi più mobili. Inoltre, eitono molte più poizioni intertiziali libere che non vacanze, di coneguenza, la probabilità di movimenti atomici intertiziali è più elevata ripetto alla diffuione di vacanze. Movimento di un atomo opite o otituzionale Vacanza Vacanza Poizione di un atomo intertiziale prima della diffuione Poizione di un atomo intertiziale dopo la diffuione Figura.4. a - Rappreentazione chematica della diffuione di vacanza (a) e della diffuione intertiziale (b). Diffuione tazionaria (a regime cotante) La diffuione è un proceo dipendente dal tempo, cioè, in eno macrocopico, la quantità di un elemento che viene traportato nella maa di un altro è una funzione del tempo. Speo, è neceario apere quanto ia veloce la diffuione, cioè la velocità del traporto di maa. Queta velocità è frequentemente definita come fluo di diffuione (J). Eo è dato dalla maa (o, in modo equivalente, dal numero di atomi) M che diffonde attravero l unità di ezione del olido, perpendicolarmente a queta, nell unità di tempo. In termini matematici, ciò può eere rappreentato mediante la formula M J = (.1) At nella quale A denota l area attravero la quale avviene la diffuione, t è il tempo nel quale è avvenuta la diffuione. In forma differenziate queta epreione diventa 3

5 J dm = 1 (.) A dt Se il fluo di diffuione non varia con il tempo i dice che il itema coniderato i trova in condizione tazionaria o a regime. Un eempio comune di diffuione tazionaria è cotituito dalla diffuione di atomi di un ga attravero una piatra di metallo di peore ottile. In queto cao le concentrazioni ( o preioni) delle pecie diffondenti vengono mantenute cotanti u entrambe le uperfici della piatra. Queto proceo viene rappreentato chematicamente nella figura.5a. Quando la concentrazione C viene diagrammata in funzione della poizione x (o ditanza) entro il olido, la curva riultante viene definita profilo di concentrazione. La pendenza (o inclinazione) in un particolare punto u queta curva è il gradiente di concentrazione Gradiente di concentrazione dc = dx Nella preente trattazione, relativa a condizioni tazionarie, il profilo di concentrazione deve eere lineare, come illutrato nella Figura.5b. Pertanto, in formula, i ha dc Gradiente di concentrazione = dx C = x = C X A A C X B B Per problemi di diffuione, è di olito più conveniente eprimere la concentrazione in termini di maa di pecie che diffondono per unità di volume di olido (kg/m 3 o g/cm 3 ). La matematica della diffuione in condizioni di regime e con una ola direzione di diffuione è relativamente emplice. In queto cao, infatti, il fluo è proporzionale al gradiente di concentrazione econdo l epreione dc J = D (.3) dx La cotante di proporzionalità D i chiama coefficiente di diffuione e viene dimenionalmente epreo in metri quadri al econdo. Il egno negativo in queta epreione indica che la direzione della diffuione è oppota a quella del gradiente di concentrazione, ovvero i ha banalmente che gli atomi tendono a muoveri da zone dove la loro concentrazione è alta vero zone in cui la loro concentrazione è baa. L equazione (.3) è nota come la Prima Legge di Fick. Talvolta i ua il temine di forza motrice (driving force in inglee) per indicare la differenza di potenziale chimico che fa avvenire una reazione. Per reazioni di diffuione è poibile riconocere parecchie di quete forze; ma quando la diffuione è in accordo con l equazione (.3.), la forza motrice è icuramente da individuari nella preenza di un gradiente di concentrazione. Un eempio pratico di diffuione in condizioni tazionarie è rappreentato dalla purificazione del ga idrogeno, in cui una faccia di una latrina di palladio metallico viene epota ad una micela cotituita da idrogeno ed altre pecie gaoe, quali ad eempio azoto, oigeno e vapor d acqua. A caua delle ue piccole dimenioni l idrogeno diffonde elettivamente, 4

6 attravero la piatrina, fino a raggiungere la faccia oppota. Per mantenere attivo il proceo è neceario regolare le preioni parziali di idrogeno in modo conervare un opportuno gradiente di concentrazione fra le due facce della piatrina. 3 P A cotante e maggiore di P B Sottile lamina metallica Ga a preione P B Ga a preione P A Direzione della diffuione delle pecie gaoe Area, A Poizione Figura. 5 - (a) Diffuione a regime cotante (tazionaria) attravero una piatra ottile. (b) Profilo di concentrazione lineare per la ituazione di diffuione raffigurata in (a). PROBLEMA RISOLTO.1 Una piatra di ferro è epota u una faccia ad un atmofera carburante (ovvero ricca di carbonio) e ull altra faccia ad un atmofera decarburante (ovvero povera di carbonio) e la temperatura ia di C. Se viene raggiunta una condizione di regime, calcolate il fluo di diffuione del carbonio attravero la piatra apendo che le concentrazioni di carbonio a ditanza di 5 e 10mm (5 x 10-3 m e 10 - m) dalla uperficie u cui arriva il carbonio ono ripettivamente 1, e 0,8 kg/m 3. Si auma che a 700 C il coefficiente di diffuione del carbonio nel ferro ia pari a 3x10-11 m /. SOLUZIONE Per determinare il fluo di diffuione i utilizza la prima legge di Fick, equazione (5.3). Dall inerimento in queta epreione dei valori opra riportati i ottiene J C = D X A A C X B B = m ( 1, 0.8) kg 3 m =,4 10 kg 9 3 ( ) m m 3 Se la preione di idrogeno ulla econda faccia della piatrina uguagliae la preione parziale dell idrogeno nella micela di ga il fluo i arreterebbe. 5

7 .3 DIFFUSIONE NON A REGIME Nella pratica i cai più frequenti di diffuione ono quelli non a regime. In quete condizioni il fluo di diffuione e il gradiente di concentrazione in un certo punto di un olido variano con il tempo, con il riultato di una accumulazione netta o di un decremento continuo delle pecie diffondenti. Ciò viene illutrato nella figura.6, nella quale i motrano dei profili di concentrazione in tre tempi diveri. Figura.6 Profili di concentrazione relativi alla diffuione non cotante prei in tre tempi diveri, t 1, t, t 3. In condizioni di diffuione non a regime, l uo dell equazione (.3) non è più ripondente alta ituazione reale. In queto cao i deve uare l equazione differenziale C t = C D x x (.4a) nota come Second Legge di Fick. Se il coefficiente di diffuione è indipendente dalla compoizione (il che dovrebbe eere verificato per ogni particolare ituazione di diffuione), l equazione (.4) i emplifica ed aume la forma C t C = D x (.4b) Soluzioni di queta epreione (concentrazione eprea in termini della poizione e del tempo) ono poibili quando i poono tabilire con preciione le condizioni al contorno 4. 4 Un equazione differenziale come la (.4b) è un epreione matematica che eprime un legame fra i vari ordini delle derivate di una certa funzione (funzione che può dipendere anche da più variabili come ad eempio pazio e tempo). Un equazione differenziale non è riolta da una ola funzione, benì da una clae di funzioni. Per trovare 6

8 Raccolte eaurienti di quete condizioni al contorno vengono fomite da Crank, Cartaw e Jaeger (Crank, J. The Mathematic of Difji:ion, Seconda Ediz., Clarendon Pre, Oxford, 1975; Carlaw, H.S. e J.C. Jaeger, Conduction of Heat in Solid, Clarendon Pre, Oxford, 1959). Una oluzione importante per le implicazioni pratiche è quella relativa ad un olido emiinfinito 5 in cui la concentrazione u una uperficie viene mantenuta cotante. Frequentemente, la orgente delle pecie diffondenti è una fae gaoa, la cui preione parziale viene mantenuta ad un valore cotante. Inoltre, vengono fatte le eguenti aunzioni: 1. prima della diffuione, tutti gli atomi del oluto ono uniformemente ditribuiti nel olido con concentrazione C 0.. il valore di x alla uperficie è 0 ed aumenta con la ditanza all interno del olido; 3. i aume come tempo zero quello di inizio del proceo di diffuione. Tabella.I Tabulazione di valore della funzione di errore Z ERF(Z) Z ERF(Z) Z ERF(Z) Quete condizioni ai limiti vengono emplicemente definite come egue: Per t = 0, C x = C 0 x: 0 x Per t > 0, C = C S (Ia concentrazione uperficiale cotante) per x = 0 C = C 0 per x = L applicazione di quete condizioni ai limiti all equazione (.4b) porta alla oluzione C C x C0 x = 1 erf (.5) C0 Dt la funzione C(x,t) che realmente riolve il notro problema arà quindi neceario pecificare anche delle condizioni al contorno, che decrivano in modo compiuto il itema in eame. 7

9 dove C x rappreenta la concentrazione alla profondità x dopo il tempo t. L epreione ( Dt ) erf 1 è la funzione di errore econdo Gau. Ea è definita dalla formula erf z y 0 ( z) = e dy π nella quale il termine z otituice la variabile ( x Dt ) x ono riportati in tabelle matematiche. Una erie parziale di valori della funzione parziale è riportata nella Tabella.I. I parametri di concentrazione che appaiono nell equazione (.5) vengono motrati nella figura.7, nella quale i riporta un profilo di concentrazione preo in un itante di tempo determinato. L equazione (.5) tabilice quindi la relazione tra la concentrazione, la poizione ed il tempo. In altri termini ea indica che C x, che è una funzione del parametro adimenionale I valori di queta funzione per valori diveri del termine ( Dt ) ( Dt ) x, può eere determinata in qualiai momento e per qualiai poizione e in conocono i parametri C 0, C e D. Supponiamo che i deideri raggiungere una pecifica concentrazione del oluto, C 1 in una lega, enza per ora pecificare a che profondità dalla uperficie e in quanto tempo. Il primo termine dell equazione.5. diventa allora C C 1 C C 0 0 = cotante In queto cao, anche la parte detra di queta tea epreione è cotante e quindi i ha x Dt = cotante (.6a) oppure x = Dt cotante (.6b) 5 Una barra di olido viene coniderata emiinfinita e neuno degli atomi diffondenti raggiunge l etremità della barra nel tempo entro il quale avviene la diffuione. Una barra a ezione circolare di diametro D e di lunghezza l viene coniderata emiinfinita quando è l > 10D 8

10 Sulla bae di queta relazione, come dimotrato nel Problema riolto.3, è facile riolvere alcuni problemi riguardanti l applicazione dei fenomeni diffuivi ai procei tecnologici. Figura. 7 Profilo di concentrazione nel cao di diffuione di tipo non cotante (non a regime). I parametri di concentrazione ono relativi all equazione (. 5.) PROBLEMA RISOLTO. Per determinate applicazioni è neceario indurire le zone uperficiali di un acciaio (o di una lega ferro/carbonio) ripetto alle zone interne. Per ottenere ciò i può aumentare la concentrazione di carbonio in uperficie mediante un proceo noto come carbocementazione. In queto proceo il pezzo di acciaio viene epoto, ad una temperatura elevata, ad un atmofera arricchita con un idrocarburo gaoo, quale ad eempio il metano (CH 4 ). Conideriamo ora una certa lega che inizialmente abbia una concentrazione uniforme di carbonio dello 0,5 % (in peo) e che debba eere trattata a C. Se la concentrazione di carbonio in uperficie viene improvviamente portata e mantenuta a 1,0%, apendo che il coefficiente di diffuione del carbonio nel ferro, a queta temperatura, vale 1,6 x m /, e aumendo che il pezzo d acciaio ia valida l approimazione di olido emiinfinito, quanto tempo occorrerà per raggiungere un contenuto di carbonio dello 0,80% ad una profondità di 0,5 mm dalla uperficie? SOLUZIONE Poiché queto è un problema ulla diffuione non a regime in cui però la compoizione ulla uperficie viene mantenuta cotante, i utilizza l equazione (.5.) I valori per tutti i parametri in queta epreione, eccetto il tempo t, vengono pecificati nel problema come egue: C 0 = 0,5%C C = 1,0% C C X = 0,80% C x = 0,50 mm = 5 x 10-4 m D = 1.6 x m / 9

11 C C x C C = = 1 erf ,5 0,41 = erf t ,6 10 m 11 m t Dobbiamo adeo determinare dalla Tabella.I il valore di z per il quale la funzione di errore econdo Gau vale 0,410. Per far ciò è neceario interpolare localmente la funzione di errore con una funzione lineare 6 Z Erf(z) Z z 0,35 0,410 0,3794 = 0,40 0,35 0,484 0,3794 Da cui i ricava Perciò Z = 0,39 6,5 t 1 = 0,39 E riolvendo per t PROBLEMA RISOLTO t = = = 7. 1h 0,39 I coefficienti di diffuione del rame nell alluminio a 500 e C ono ripettivamente di 4,8 x e 5,3 x La funzione d errore non è una funzione lineare, tuttavia, per due valori Z 1 e Z molto vicini tra loro, è poibile approimarla con il egmento di retta che congiunge erf(z 1 ) con erf(z ). Coì facendo i può calcolare in modo emplice e con una buona approimazione ia il valore di erf(z 3 ) dato un Z 1 < Z 3 < Z che il valore Z 3 a cui corriponde un erf(z 3 ) fiato. 10

12 Determinate il tempo approimativo che a C e a parità di C 0 e C produrrà lo teo effetto di diffuione (in termini di concentrazione di Cu in un punto pecifico nell Al) di un trattamento di 10 ore a 600 C. SOLUZIONE Si tratta di un problema di diffuione in cui può eere applicata l equazione (.6b). In entrambe le ituazioni di diffuione la compoizione arà uguale alla tea poizione (cioè x è anche cotante). Pertanto deve eere Dt = cotante (.7) ad entrambe le temperature. Ciò ignifica che deve eere anche (Dt) 500 = (Dt) 600 oppure 13 m 5, h ( Dt) 600 t500 = = = 110, 4h D m 4,8 10.4FATTORI CHE INFLUENZANO LA DIFFUSIONE.4.1 Specie diffondenti La grandezza del coefficiente di diffuione D è indicativa della velocità con cui gli atomi diffondono. I coefficienti, di autodiffuione e di interdiffuione, per parecchi itemi metallici, ono elencati nella tabella.11. Le pecie diffondenti, come pure il materiale di bae, influicono ul coefficiente di diffuione. Per eempio, c è una differenza ignificativa di grandezza tra l autodiffuione (del ferro nel ferro in fae ) e l interdiffuione del carbonio nel ferro alfa a C. Il valore di D è nettamente maggiore per l interdiffuione di carbonio (1,1 x l0-0 contro,3x 10-1 m /). Queto paragone da anche un idea della differenza tra le velocità di diffuione a mezzo di vacanze e quella intertiziale, come dicuo in precedenza. L autodiffuione avviene attravero un meccanimo di diffuione di vacanze, mentre la diffuione del carbonio nel ferro è di tipo intertiziale..4. Temperatura La temperatura ha una profonda influenza ulle velocità e coefficienti di diffuione. Per eempio, per l autodiffuione di Fe in fae alfa il coefficiente di diffuione aumenta approimativamente di circa cinque ordini di grandezza (da 1,1 x 10-0 a 3,9 x m /) e la temperatura aumenta da C a C (Tabella.11). La dipendenza dalla temperatura dei coefficienti di diffuione è data da una relazione del tipo Q = d D D0 exp (.8) RT 11

13 dove D 0 è un coefficiente indipendente dalla temperatura (m /), Q d è l energia di attivazione della diffuione (J/mole, cal/mole, o ev/atomo), R è la cotante dei ga, che vale 8,31 J/(mole K), oppure 1,987 cal/(mole K), o infine 8,6 x 10-5 ev/atomo, T è la temperatura aoluta, cioè eprea in gradi Kelvin. L energia di attivazione i può coniderare come l energia necearia a produrre il moto diffuivo di una mole di atomi. Una grande energia di attivazione i traduce in un coefficiente di diffuione relativamente piccolo. La Tabella.II contiene inoltre un elenco di valori di D 0 e Q d per diveri itemi di diffuione. Se i coniderano i logaritmi naturali, dall equazione (.8) i ottiene Qd 1 ln( D) = ln( D0 ) (.9) R T Poiché D 0, Q d e R ono 0 tutte grandezze cotanti, queta epreione può prendere la forma dell equazione di una retta: y = b + mx dove y e x ono analoghe, ripettivamente, alle variabili ln(d) e 1/T. Allora, e ln(d) viene diagrammato in funzione del reciproco della temperatura aoluta i otterrà una linea retta. Queta retta è caratterizzata da una pendenza pari a Q d /R e da un intercetta pari a ln(d 0 ). Riportando u un diagramma del tipo decritto dei dati perimentali raccolti per diveri itemi di lega (vedi fig..8), i ricava che eite una relazione lineare per tutti i cai coniderati. A partire da tali grafici è inoltre poibile rialire ai valori di Q d e di D 0. Figura Diagramma del logaritmo del coefficiente di diffuione di alcuni metalli in funzione del reciproco della temperatura aoluta. [dati tratti da C. J. Smithell e E.A. Brande, Metal Reference Book, 5 edizione, Butterworth, Londra, 1976.] 1

14 PROBLEMA RISOLTO.4 Uando i dati della tabella.11. calcolate il coefficiente di diffuione del magneio nell alluminio, a C. SOLUZIONE Queto coefficiente di diffuione può eere determinato applicando l equazione (.8.) I valori di D 0 e Q d ricavati dalla Tabella.II ono 1, x 10-4 m / e 131 kj/mole, ripettivamente, perciò i ottiene J m D = 1, 10 exp mol = 8,1 10 J 8.31 ( 400K + 73K) mol K 15 m Tabella.II Alcuni dati di coefficienti di diffuione e di energia di attivazione Specie diffonden Metalli D 0 (m /) kj/mole kcal/mole ev/atomo T (C) D 0 (m /) ti Fe α-fe (BCC),0 x ,1 x ,5, ,9 x Fe γ-fe (FCC) 5,0 x ,1 x ,9, ,8 x C α-fe 6, x ,3 x , 0, ,6 x C γ-fe 1,0 x , x ,4 1, ,0 x Cu Cu 7,8 x ,4, ,4 x Zn Cu 3,4 x ,6 1, ,3 x Al Al 1,7 x ,0 1, ,1 x Cu Al 6,5 x ,3 1, ,8 x Mg Al 1, x , 1, ,8 x Cu Ni,7 x ,0, ,5 x ALTRI PERCORSI DI DIFFUSIONE Finora i è empre penato alla diffuione come a un fenomeno che avviene all interno del volume del materiale 7, tuttavia la migrazione atomica può avvenire anche eguendo dei percori preferenziali, quali le dilocazioni, i bordi dei grani e ulle uperfici eterne. In quete regioni infatti il cui il reticolo critallino perde la ua regolarità, rendendo più emplice lo 7 Molti autori, per indicare i fenomeni e le proprietà che riguardano l intero volume di un materiale, tendono a uare una terminologia inglee, parlando di fenomeni che avvengono nel bulk o di proprietà di bulk. 13

15 potamento degli atomi. Queti meccanimi ono talvolta chiamati percori di diffuione in corto circuito per tener conto del fatto che le velocità ono molto più elevate della diffuione nella maa. Comunque, nella maggior parte delle ituazioni i contributi dei meccanimi di corto circuito al fluo di diffuione globale ono inignificanti, poiché le ezioni attravero le quali queti percori poono avvenire ono etremamente eigue, e quindi coinvolgono olo un numero molto limitato di atomi..6 TRATTAMENTI DEl MATERIALI E DIFFUSIONE Alcune proprietà dei materiali ono oggette ad alterazioni o a miglioramenti come riultato di procei e di traformazioni che implicano la diffuione atomica. Per il verificari di quete traformazioni in periodi di tempo ragionevoli (olitamente dell ordine delle ore), quete ultime vengono effettuate a temperature elevate, in modo da operare in condizioni in cui le velocità di diffuione iano ufficientemente elevate (i veda ad eempio il problema.3, in cui una diminuzione di temperatura di 100 C comportava il decuplicari del tempo neceario a ottenere le medeime condizioni di diffuione). Queti procei ad alta temperatura, peo denominati trattamenti termici, vengono utilizzati almeno una volta durante la produzione di quai tutti i metalli comuni, delle ceramiche e dei polimeri. La reitenza degli acciai, per eempio, dipende moltiimo dall eecuzione di appropriati trattamenti termici. Dalla cor rettezza dei trattamenti termici dipende anche l integrità meccanica di molte ceramiche..7 RIASSUNTO La diffuione alto tato olido è un mezzo di traporto di maa all interno di materiali olidi, che avviene mediante movimenti atomici a alti. Il termine autodiffuione i riferice alla migrazione di atomi del metallo bae nello teo metallo bae. Per la migrazione di atomi diveri da quelli del materiale di bae i ua il termine interdiffuione. I meccanimi poibili ono due: diffuione di vacanze e diffuione intertiziale. Dato un metallo bae, le pecie atomiche intertiziali generalmente diffondono con maggior rapidità. Per la diffuione a regime, il profilo di concentrazione delle pecie diffondenti è indipendente dal tempo, e il fluo o velocità riulta proporzionate al gradiente di concentrazione preo con il egno negativo (prima legge di Fick). La trattazione matematica della diffuione non a regime (o non tazionaria ) è invece decritta in bae alla econda legge di Fick, che è un equazione differenziale alle derivate parziali. La oluzione per la condizione limite di compoizione cotante u una uperficie implica l utilizzazione della funzione di errore econdo Gau. La grandezza del coefficiente di diffuione è indicativa della velocità del movimento atomico. Queto dipende dalla temperatura ed aumenta con queta con legge eponenziale.. TERMINI E CONCETTI IMPORTANTI Auto-diffuione Carbocementazione Coefficiente di diffuione Diffuione Diffuione a regime cotante Diffuione a regime non cotante Diffuione di vacanze Diffuione intertiziale Energia di attivazione Fluo diffondente Forza guida Gradiente di concentrazione Interdiffuione (diffuione di impurezze) Prima e Seconda legge di Fick Profilo di concentrazione 14

16

Diagramma circolare di un motore asincrono trifase

Diagramma circolare di un motore asincrono trifase Diagramma circolare di un motore aincrono trifae l diagramma circolare è un diagramma che permette di leggere tutte le grandezze del motore aincrono trifae (potenza rea, perdite nel ferro, coppia motrice,

Dettagli

Note su alcuni principi fondamentali di macroeconomia Versione parziale e provvisoria. Claudio Sardoni Sapienza Università di Roma

Note su alcuni principi fondamentali di macroeconomia Versione parziale e provvisoria. Claudio Sardoni Sapienza Università di Roma Note u alcuni principi fondamentali di macroeconomia Verione parziale e provvioria Claudio Sardoni Sapienza Univerità di Roma Anno accademico 2010-2011 ii Indice Premea v I Il breve periodo 1 1 Il fluo

Dettagli

3. Catene di Misura e Funzioni di Trasferimento

3. Catene di Misura e Funzioni di Trasferimento 3.. Generalità 3. Catene di Miura e Funzioni di Traferimento 3.. Generalità Il egnale che rappreenta la grandezza da miurare viene trattato in modo da poter eprimere quet ultima con uno o più valori numerici

Dettagli

Capitolo IV L n-polo

Capitolo IV L n-polo Capitolo IV L n-polo Abbiamo oervato che una qualiai rete, vita da due nodi, diventa, a tutti gli effetti eterni, un bipolo unico e queto è in qualche miura ovvio e abbiamo anche motrato come cotruire

Dettagli

Teorema del Limite Centrale

Teorema del Limite Centrale Teorema del Limite Centrale Una combinazione lineare W = a 1 X + a Y + a 3 Z +., di variabili aleatorie indipendenti X,Y,Z, ciacuna avente una legge di ditribuzione qualiai ma con valori attei comparabili

Dettagli

Le ipotesi di base che si utilizzano sono le stesse quattro già viste con riferimento al caso della flessione semplice e cioè:

Le ipotesi di base che si utilizzano sono le stesse quattro già viste con riferimento al caso della flessione semplice e cioè: LEZIONI N 44 E 45 CALCOLO A ROTTURA DELLA SEZIONE PRESSOINFLESSA PROBLEMI DI VERIFICA La procedura di verifica dei pilatri di c.a., ottopoti a forzo normale e momento flettente, è baata ulla cotruzione

Dettagli

Circuito Simbolico. Trasformazione dei componenti

Circuito Simbolico. Trasformazione dei componenti Circuito Simbolico Principio di bae E poibile applicare a tutte le leggi matematiche che regolano un circuito la traformata di Laplace, in modo da ottenere un nuovo circuito con delle proprietà differenti.

Dettagli

Lezione 12. Regolatori PID

Lezione 12. Regolatori PID Lezione 1 Regolatori PD Legge di controllo PD Conideriamo un regolatore che eercita un azione di controllo dipendente dall errore attravero la eguente legge: t ut = K et K e d K de t P + τ τ+ D. dt La

Dettagli

6) Stati di cedimento 6.1) Introduzione all analisi delle costruzioni in muratura nel loro stato attuale

6) Stati di cedimento 6.1) Introduzione all analisi delle costruzioni in muratura nel loro stato attuale 6) tati di cedimento 6.1) Introduzione all analii delle cotruzioni in muratura nel loro tato attuale Nel conteto del modello di materiale rigido non reitente a trazione, la valutazione delle capacità portanti

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico-Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico-Tecnologico Progetto Brocca Eame di tato 00 ESAME D STATO D LCEO SCENTFCO 00 ndirizzo Scientifico-Tecnologico rogetto Brocca Tema di: FSCA tracrizione del teto e redazione oluzione di Quintino d Annibale Secondo tema L'etto oule

Dettagli

Controllore Processo. Le principali componenti del sistema sono: il rivelatore di errore, il controllore che ha il compito di trasformare il segnale

Controllore Processo. Le principali componenti del sistema sono: il rivelatore di errore, il controllore che ha il compito di trasformare il segnale CONTROLLORI DI TIO ID rincipi di funzionamento Il termine controllo definice l azione volta per portare e mantenere ad un valore prefiato un parametro fiico di un impianto o di un proceo (ad eempio, la

Dettagli

Le Misure. 2 ottobre 2007

Le Misure. 2 ottobre 2007 Le Miure ottobre 007 In tutte le oluzioni i farà ricoro alla notazione cientifica dei numeri, baata ul ignificato del itema decimale e poizionale. (piegare il ignificato) 1 Lunghezza 1.0.1 Una navetta

Dettagli

Ing. Mariagrazia Dotoli Controlli Automatici NO (9 CFU) Antitrasformata di Laplace PROCEDIMENTI DI ANTITRASFORMAZIONE

Ing. Mariagrazia Dotoli Controlli Automatici NO (9 CFU) Antitrasformata di Laplace PROCEDIMENTI DI ANTITRASFORMAZIONE PROCEDIMENTI DI ANTITRASFORMAZIONE L'operazione di paaggio invero dal dominio della frequenza complea al dominio del tempo F() f(t) è detta antitraformata o traformazione invera di Laplace. Data una funzione

Dettagli

Esercitazione di Meccanica dei fluidi con Fondamenti di Ingegneria Chimica. Scambio di materia (II)

Esercitazione di Meccanica dei fluidi con Fondamenti di Ingegneria Chimica. Scambio di materia (II) Eercitazione di Meccanica dei fluidi con Fondaenti di Ingegneria hiica Eercitazione 5 Gennaio 3 Scabio di ateria (II) Eercizio Evaporazione di acqua da una picina Stiare la perdita giornaliera di acqua

Dettagli

11. LO SCAMBIO TERMICO PER CONDUZIONE

11. LO SCAMBIO TERMICO PER CONDUZIONE . LO SCAMBIO ERMICO PER CONDUZIONE. Premea: i meccanimi di tramiione del calore In ermodinamica i è definito il calore come la forma aunta dall energia in tranito uando la ua tramiione da un corpo ad un

Dettagli

AUTODIFFUSIONE Autodiffusione

AUTODIFFUSIONE Autodiffusione DIFFUSIONE ATOMICA La diffusione è un processo importante che influenza il comportamento di un materiale alle alte temperature (creep, trattamenti termici superficiali, tempra chimica del vetro, ricristallizzazione,

Dettagli

Capitolo. Il comportamento dei sistemi di controllo in regime permanente. 6.1 Classificazione dei sistemi di controllo. 6.2 Errore statico: generalità

Capitolo. Il comportamento dei sistemi di controllo in regime permanente. 6.1 Classificazione dei sistemi di controllo. 6.2 Errore statico: generalità Capitolo 6 Il comportamento dei itemi di controllo in regime permanente 6. Claificazione dei itemi di controllo 6. Errore tatico: generalità 6. Calcolo dell errore a regime 6.4 Eercizi - Errori a regime

Dettagli

1 Generalità sui sistemi di controllo

1 Generalità sui sistemi di controllo 1 Generalità ui itemi di controllo Col termine proceo nell impiantitica chimica i intende un inieme di operazioni eeguite u una certa quantità di materia allo copo di modificarne in tutto o in parte alcune

Dettagli

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Il problema Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Docenti: M. Goldwurm, S. Aguzzoli Appello del 5 Aprile 005 Progetto Recinti Conegna entro il Aprile 005 Si tudia la reitenza di alcune pecie di piante

Dettagli

Esercizi sul moto del proiettile

Esercizi sul moto del proiettile Eercizi ul moto del proiettile Riolvi li eercizi ul quaderno utilizzando la oluzione olo per controllare il tuo riultato. 1 Un fucile è puntato orizzontalmente contro un beralio alla ditanza di 30 m. Il

Dettagli

Definizione delle specifiche per un sistema di controllo a retroazione unitaria

Definizione delle specifiche per un sistema di controllo a retroazione unitaria Definizione delle pecifiche per un itema di controllo a retroazione unitaria Obiettivi del controllo Il itema di controllo deve eere progettato in modo da garantire un buon ineguimento dei egnali di riferimento

Dettagli

Cinematica: soluzioni. Scheda 4. Ripetizioni Cagliari di Manuele Atzeni - 3497702002 - info@ripetizionicagliari.it

Cinematica: soluzioni. Scheda 4. Ripetizioni Cagliari di Manuele Atzeni - 3497702002 - info@ripetizionicagliari.it Cinematica: oluzioni Problema di: Cinematica - C0015ban Teto [C0015ban] Eercizi banali di Cinematica: 1. Moto rettilineo uniforme (a) Quanto pazio percorre in un tempo t = 70 un oggetto che i muove con

Dettagli

d y d u + u y des C(s) F(s) Esercizio 1 Si consideri lo schema di controllo riportato in figura:

d y d u + u y des C(s) F(s) Esercizio 1 Si consideri lo schema di controllo riportato in figura: Eercizio Si conideri lo chema di controllo riportato in figura: y de e C() d u u F() d y y Applicando le regole di algebra dei blocchi, calcolare le eguenti funzioni di traferimento: y() a) W y,dy() =

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2003

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2003 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 003 Il candidato riolva uno dei due problemi e 5 dei 0 queiti in cui i articola il quetionario. PROLEMA Si conideri un tetraedro regolare T di vertici

Dettagli

Sezioni in c.a. La flessione composta. Catania, 16 marzo 2004 Marco Muratore

Sezioni in c.a. La flessione composta. Catania, 16 marzo 2004 Marco Muratore Sezioni in c.a. La fleione compota Catania, 16 marzo 004 arco uratore Per chi non c era 1. Compreione: verifica Tenioni ammiibili α cd Ac f 1.5 f yd A 0.7 σ ( A max c c n A ) Riultati comparabili per il

Dettagli

0. RICHIAMI PRELIMINARI

0. RICHIAMI PRELIMINARI 0. RICHIAMI PRELIMINARI 0.1 RIEPILOGO SULLE UNITÀ DI MISURA DEL SISTEMA INTERNAZIONALE E FATTORI DI CONVERSIONE Le unità fondamentali e upplementari del Sitema Internazionale (SI), noncé le unità derivate

Dettagli

Stato limite ultimo di sezioni in c.a. soggette. SLU per sezioni rettangolari in c.a. con. determinazione del campo di rottura

Stato limite ultimo di sezioni in c.a. soggette. SLU per sezioni rettangolari in c.a. con. determinazione del campo di rottura Univerità degli Studi di Roma Tre Coro di Progetto di trutture - A/A 2008-0909 Stato limite ultimo di ezioni in c.a. oggette a preoleione SLU per ezioni rettangolari in c.a. con doppia armatura determinazione

Dettagli

La popolazione di gatti urbani sul territorio del Comune di Firenze

La popolazione di gatti urbani sul territorio del Comune di Firenze Relazione di Teoria dei Sitemi La popolazione di gatti urbani ul territorio del Comune di Firenze Modelli per lo tudio ed il controllo Docente: Aleandro Caavola Studenti: Leonardo Profeti, Manfredi Toraldo,

Dettagli

Poiché la retta è definita dall equazione: y = a + bx. Capitolo 4. Regressione e Correlazione.

Poiché la retta è definita dall equazione: y = a + bx. Capitolo 4. Regressione e Correlazione. Diaz - Appunti di tatitica - AA 1/ - edizione 9/11/1 Cap. 4 - Pag. 1 Capitolo 4. Regreione e Correlazione. Regreione Il termine regreione ha un'origine antica ed un ignificato molto particolare. L inventore

Dettagli

Corso di Microonde II

Corso di Microonde II POITECNICO DI MIANO Coro di Microonde II ezi n. 3: Generalità ugli amplificatori ineari Coro di aurea pecialitica in Ingegneria delle Telecomunicazi Circuiti attivi a microonde (Amplificatori) V in Z g

Dettagli

Lamiere grecate semplici in acciaio e alluminio

Lamiere grecate semplici in acciaio e alluminio Capitolo 1 Lamiere grecate emplici in acciaio e alluminio Sommario: 1.1 Generalità 1.1.1 Norme di riferimento 1.1. Tipologie, materiali e campi di applicazione 1.1.3 Definizione della ezione efficace 1.

Dettagli

Prova di verifica parziale N. 1 20 Ott 2008

Prova di verifica parziale N. 1 20 Ott 2008 Prova di verifica parziale N. 1 20 Ott 2008 Eercizio 1 Nel uo tato naturale un campione di terreno umido di volume pari a 0.01 m 3 ha un peo di 18 kg. Lo teo campione eiccato in tufa ha un peo di 15.6

Dettagli

Strumenti della Teoria dei Giochi per l Informatica A.A. 2009/10. Lecture 11: 13-14 Maggio 2010. Meccanismi per la Condivisione dei Costi

Strumenti della Teoria dei Giochi per l Informatica A.A. 2009/10. Lecture 11: 13-14 Maggio 2010. Meccanismi per la Condivisione dei Costi Strumenti della Teoria dei Giochi per l Informatica A.A. 2009/0 Lecture : 3-4 Maggio 200 Meccanimi per la Condiviione dei Coti Docente Paolo Penna Note redatte da: Paolo Penna Primo Eempio Vogliamo vendere

Dettagli

SERS (surface enhanced raman scattering)

SERS (surface enhanced raman scattering) a pettrocopia aman tradizionale SS (urface enhanced raman cattering) a pettrocopia aman è una tecnica di indagine uperficiale che i baa ul principio di eccitazione dei livelli energetici della materia.

Dettagli

Il moto dei fluidi reali nelle condotte IV parte

Il moto dei fluidi reali nelle condotte IV parte Il moto dei fluidi reali nelle condotte IV parte. erdite di carico concentrate. Il moto dei fluidi reali nelle condotte è nella uai totalità uniforme: il carico idraulico della corrente, fatta eccezione

Dettagli

Indice. 1 Le misure, 4. 3 Le forze e il moto, 118 2 Le forze e l equilibrio, 40 III. Unità 5 Equilibrio del corpo rigido, 80

Indice. 1 Le misure, 4. 3 Le forze e il moto, 118 2 Le forze e l equilibrio, 40 III. Unità 5 Equilibrio del corpo rigido, 80 III Indice Premea, V Introduzione, Un po di curioità..., Il metodo perimentale, 3 Le miure, Unità Miure ed errori, 6. Le miure, 6. L incertezza della miura, 0.3 L errore relativo,. Il Sitema Internazionale

Dettagli

Reologia 4.3. 4.3.1 Introduzione. con ġ ed è anche detto velocità di deformazione di taglio. La relazione

Reologia 4.3. 4.3.1 Introduzione. con ġ ed è anche detto velocità di deformazione di taglio. La relazione 4. Reologia 4.. Introduzione La reologia è una delle poche branche della cienza alla quale i poa attribuire una ben precia data di nacita, il 9 aprile 99, giorno in cui, a Columbu in Ohio, fu fondata la

Dettagli

LA GESTIONE DELLO STRESS

LA GESTIONE DELLO STRESS LA GESTIONE DELLO STRESS Stre è enza alcun dubbio una delle parole più uate (o abuate) nel mondo, almeno in quello occidentale. Vi ono molti ignificati dati a queto termine, alcuni ne ottolineano primariamente

Dettagli

Facoltà di Ingegneria Prova scritta di Fisica I 13 Febbraio 2006 Compito A

Facoltà di Ingegneria Prova scritta di Fisica I 13 Febbraio 2006 Compito A Facoltà di Ingegneria Prova critta di Fiica I 13 Febbraio 6 Copito A Eercizio n.1 Un blocco, aiilabile ad un punto ateriale di aa, partendo da fero, civola da un altezza h lungo un piano inclinato cabro

Dettagli

ANOMALIE DI FUNZIONAMENTO DEL GENERATORE ACICLICO OMOPOLARE (PARADOSSO DI FARADAY)

ANOMALIE DI FUNZIONAMENTO DEL GENERATORE ACICLICO OMOPOLARE (PARADOSSO DI FARADAY) ANOMALIE DI FUNZIONAMENTO DEL GENERATORE ACICLICO OMOPOLARE (PARADOSSO DI FARADAY) dr. ing. Alberto Sacchi ing.acchi@alice.it ex Preidente Cofim pa gruppo Akro BPM Sviluppo Progetti Avanzati a SINTESI

Dettagli

Slide del corso di. Controllo digitale

Slide del corso di. Controllo digitale Slide del coro di Controllo digitale Coro di Laurea in Ingegneria Informatica e dell Informazione Univerità di Siena, Dip. Ing. dell Informazione e Sc. Matematiche Parte III Sitemi a dati campionati Gianni

Dettagli

Lezione 11. Equilibrio dei mercati del credito e della moneta bancaria. domanda di credito delle imprese = offerta delle banche;

Lezione 11. Equilibrio dei mercati del credito e della moneta bancaria. domanda di credito delle imprese = offerta delle banche; Lezione 11. Equilibrio dei mercati del credito e della moneta bancaria L E d = L domanda di credito delle impree = offerta delle banche; M d H = M M domanda di moneta (legale e bancaria) delle famiglie

Dettagli

Lezione 2. Campionamento e Aliasing. F. Previdi - Controlli Automatici - Lez. 2 1

Lezione 2. Campionamento e Aliasing. F. Previdi - Controlli Automatici - Lez. 2 1 Lezione 2. Campionamento e Aliaing F. Previdi - Controlli Automatici - Lez. 2 1 Schema della lezione 1. Introduzione 2. Il campionatore ideale 3. Traformata di un egnale campionato 4. Teorema del campionamento

Dettagli

Esempio 1 Si consideri la sezione di un solaio latero-cementizio (1 m) di caratteristiche geometriche:

Esempio 1 Si consideri la sezione di un solaio latero-cementizio (1 m) di caratteristiche geometriche: Si riporta di eguito la rioluzione di alni eercizi riguardanti il calcolo del momento reitente e del dominio di preoleione di ezioni in cemento armato. In tutte le applicazioni ucceive i è utilizzato per

Dettagli

22 - Il principio dei lavori virtuali

22 - Il principio dei lavori virtuali - Il principio dei lavori virtuali ü [.a. 0-0 : ultima reviione 5 aprile 0] Eempio n. Si conideri il portale di Figura, emplicemente ipertatico. Si vuole applicare il principio dei lavori virtuali per

Dettagli

Sintesi tramite il luogo delle radici

Sintesi tramite il luogo delle radici Sintei tramite il luogo delle radici Può eere utilizzata anche per progettare itemi di controllo per itemi intabili Le pecifiche devono eere ricondotte a opportuni limiti u %, ta, t di W(), oltre quelle

Dettagli

ERRORE STATICO. G (s) H(s) Y(s) E(s) X (s) YRET(s)

ERRORE STATICO. G (s) H(s) Y(s) E(s) X (s) YRET(s) Preciione a regime: errore tatico ERRORE STATICO Alimentazione di potenza E() YRET() G() Y() H() Per errore tatico i intende lo cotamento, a regime, della variabile controllata Y() dal valore deiderato.

Dettagli

La macchina sincrona (3 parte): raffreddamento, eccitatrici, impedenza sincrona, curve di prestazione limite, motore sincrono

La macchina sincrona (3 parte): raffreddamento, eccitatrici, impedenza sincrona, curve di prestazione limite, motore sincrono La macchina incrona (3 parte): raffreddamento, eccitatrici, impedenza incrona, curve di pretazione limite, motore incrono Lucia FROSINI Dipartimento di Ingegneria Indutriale e dell Informazione Univerità

Dettagli

Obiettivi. Fondamenti di Grafica Tridimensionale. Strumenti. Corsi collegati. Paolo Cignoni p.cignoni@isti.cnr.it http://vcg.isti.cnr.

Obiettivi. Fondamenti di Grafica Tridimensionale. Strumenti. Corsi collegati. Paolo Cignoni p.cignoni@isti.cnr.it http://vcg.isti.cnr. Obiettivi Fondamenti di Grafica Tridimenionale Paolo Cignoni p.cignoni@iti.cnr.it http://vcg.iti.cnr.it/~cignoni 1 Conocere gli apetti fondamentali riguardo alle nozioni teoriche e algoritmiche per la

Dettagli

ELETTRONICA ANALOGICA INDUSTRIALE PARTE 4. Retroazione

ELETTRONICA ANALOGICA INDUSTRIALE PARTE 4. Retroazione Retroazione Eetto della retroazione ul guadagno Riduzione della ditorione Impedenze di ingreo e di ucita Reti di retroazione Ripota in requenza Eetto della retroazione ui poli Margini di guadagno e di

Dettagli

2. In un mercato concorrenziale senza intervento pubblico non si ha perdita di benessere sociale netto.

2. In un mercato concorrenziale senza intervento pubblico non si ha perdita di benessere sociale netto. Beanko & Breautigam Microeconomia Manuale elle oluzioni Capitolo 10 Mercati concorrenziali: applicazioni Soluzioni elle Domane i ripao 1. In corriponenza ell equilibrio i lungo perioo, un mercato concorrenziale

Dettagli

Trasformata di Laplace ESEMPI DI MODELLIZZAZIONE

Trasformata di Laplace ESEMPI DI MODELLIZZAZIONE Traformata di Laplace ESEMPI DI MODELLIZZAZIONE Introduzione La traformata di Laplace i utilizza nel momento in cui è tata individuata la funzione di traferimento La F.d.T è una equazione differenziale

Dettagli

IL TEOREMA DI UNICITA PER 1 FLUIDI INCOMPRESSIBILI, PERFETTI,ETEROGENEI

IL TEOREMA DI UNICITA PER 1 FLUIDI INCOMPRESSIBILI, PERFETTI,ETEROGENEI IL TEOREMA DI UNICITA PER 1 FLUIDI INCOMPRESSIBILI, PERFETTI,ETEROGENEI di DARIO GRAFFI, Bologna (Italia) 1. In una Nota pubblicata due anni fa (1) ho tabilito il teorema di unicitil per le'equazioni dei

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEI MATERIALI GEOTECNICI

CLASSIFICAZIONE DEI MATERIALI GEOTECNICI CLASSIFICAZIONE DEI MATERIALI GEOTECNICI 1.1 Rocce lapidee e rocce ciolte I geomateriali ono uddivii nell Ingegneria Civile (ia pure in modo alquanto arbitrario) in rocce e terreni. Rocce lapidee Aggregato

Dettagli

2 I METODI DI ANALISI DEI SISTEMI DI CONTROLLO AD ANELLO CHIUSO LINEARI 12

2 I METODI DI ANALISI DEI SISTEMI DI CONTROLLO AD ANELLO CHIUSO LINEARI 12 COSO DI SISTEMI Sommario 1 I SISTEMI DI CONTOLLO...4 1.1 Introduzione...4 1.1.1 Sitemi di controllo ad anello aperto...5 1.1.2 Sitemi di controllo a previione...7 1.1.3 Sitemi di controllo ad anello chiuo

Dettagli

L interpolazione areale: una soluzione al problema del confronto fra dati riferiti a sistemi spaziali differenti

L interpolazione areale: una soluzione al problema del confronto fra dati riferiti a sistemi spaziali differenti L interpolazione areale: una oluzione al problema del confronto fra dati riferiti a itemi paziali differenti Maria Michela Dickon, Giueppe Epa, Diego Giuliani e Emanuele Taufer 1. Introduzione Accade di

Dettagli

Università di Firenze Corso di Laurea in Ingegneria per l'ambiente e il Territorio. Corso di TECNICA DELLE COSTRUZIONI

Università di Firenze Corso di Laurea in Ingegneria per l'ambiente e il Territorio. Corso di TECNICA DELLE COSTRUZIONI Univerità di Firenze Coro di Laurea in Ingegneria per l'ambiente e il Territorio Coro di TECNICA DELLE COSTRUZIONI APPUNTI DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI ( prof. Gianno Bartoli e prof. Maurizio Orlando)

Dettagli

CHAPTER 1 CINEMATICA. 1.1. Moto Rettilineo

CHAPTER 1 CINEMATICA. 1.1. Moto Rettilineo ESERCIZI DI FISICA CHAPTER 1 CINEMATICA 1.1. Moto Rettilineo Velocità media: vettoriale e calare. Exercie 1. Carl Lewi ha coro i 100m piani in circa 10, e Bill Rodger ha vinto la maratona (circa 4km)

Dettagli

corso di formazione ed aggiornamento

corso di formazione ed aggiornamento coro di ormazione ed aggiornamento NUOVE NORME TECNICHE IN ZONA SISMICA di cui all ordinanza n. 374 del P.C.M. del 0.03.003 pubblicata ulla Gazzetta Uiciale in data 08.05.003 ARGOMENTO DELLA LEZIONE: LA

Dettagli

FORZE DI ATTRITO. a cura di Gianfranco Metelli

FORZE DI ATTRITO. a cura di Gianfranco Metelli ORZE DI ATTRITO a cura i Gianfranco Metelli L attrito è una forza che i eercita tra ue corpi poti a contatto e che, in generale, i oppone al loro moto reciproco. Una forza i attrito è, per eempio, quella

Dettagli

Fig. 9.72 - Prisma di Saint Venant soggetto a torsione

Fig. 9.72 - Prisma di Saint Venant soggetto a torsione 9.6 orione del prima di Saint Venant La trattazione del problema di de Saint Venant volta inora ha ecluo la preenza della torione, coa per la quale era neceario che la retta di azione del taglio paae per

Dettagli

La manutenzione. Definizioni. Evoluzione storica. Manutenzione: Manutenibilità: Dott.ssa Brunella Caroleo

La manutenzione. Definizioni. Evoluzione storica. Manutenzione: Manutenibilità: Dott.ssa Brunella Caroleo La Dott.a Brunella Caroleo Definizioni Manutenzione: È il controllo cotante degli impianti e l inieme dei lavori di riparazione e otituzione neceari ad aicurare il funzionamento regolare e a mantenere

Dettagli

FISICA Lavoro, Potenza, Energia

FISICA Lavoro, Potenza, Energia Lavoro, Potenza, Energia. Il Lavoro Supponiamo di applicare una forza F ad un corpo materiale per un determinato intervallo di tempo, con l effetto di far potare il corpo teo dalla ua poizione iniziale

Dettagli

Obiettivi in Alta Definizione e gestione delle Aberrazioni Cromatiche 1 parte

Obiettivi in Alta Definizione e gestione delle Aberrazioni Cromatiche 1 parte HD ACADEMY a cura dell Ing. Sergio Brighel* Obiettivi in Alta Definizione e getione delle Aberrazioni Cromatiche 1 parte Il fenomeno delle aberrazioni cromatiche è tra le caue più importanti di decadimento

Dettagli

6.5. La compressione

6.5. La compressione 6.5. La comreione rofondimenti 6.5.1. I materiali iotroi Mentre alcuni materiali (come l acciaio) hanno un uguale comortamento a trazione e a comreione (ono cioè «materiali iotroi») altri (come le ghie,

Dettagli

STAFFE ROTANTI. Programma generale. Pressione d esercizio fino a 500 bar. A semplice e doppio effetto. 7 differenti tipi di corpo

STAFFE ROTANTI. Programma generale. Pressione d esercizio fino a 500 bar. A semplice e doppio effetto. 7 differenti tipi di corpo Programma generale STAFFE ROTANTI Preione d eercizio fino a A emplice e doppio effetto 7 differenti tipi di corpo Forza di bloccaggio maima da 0,6 a 41 kn Cora di bloccaggio maima da 7 a 50 mm Sicurezza

Dettagli

ALU STAFFE IN ALLUMINIO SENZA FORI

ALU STAFFE IN ALLUMINIO SENZA FORI ALU STAFFE IN ALLUMINIO SENZA FORI Giunzione a compara in lega di alluminio per utilizzo in ambienti interni ed eterni (cl. di erv. 2) Preforata con ditanze ottimizzate per giunzioni ia u legno (chiodi

Dettagli

6 Lezione. STATI LIMITE: Esempi di progetto/verifica

6 Lezione. STATI LIMITE: Esempi di progetto/verifica 6 Lezione STATI LIMITE: Eempi di progetto/veriica SLU Applicazioni Progetto della ezione in c.a. PROBLEMA N. 1 40 Determinare: 1) Il valore dell armatura bilanciata. ) Il momento ultimo a leione emplice

Dettagli

Unità Didattica 1. Le unità di misura

Unità Didattica 1. Le unità di misura Unità Didattica 1. Le unità di iura Pria di addentrarci nella ateria, è bene fare un rapido riaunto delle tecniche di converione e delle più iportanti unità di iura nel capo dell aeronautica, perché capiterà

Dettagli

Paolo Rocco. Automatica

Paolo Rocco. Automatica Paolo Rocco Dipene ad uo degli tudenti del Politecnico di Milano per i cori da cinque crediti didattici Automatica Ingegneria Aeropaziale E vietato l uo commerciale di queto materiale Avvertenza Queta

Dettagli

SISTEMI DI ACCUMULO DI IDROGENO AD IDRURI DI MAGNESIO: VERIFICA SPERIMENTALE DEGLI EFFETTI DI SCALA

SISTEMI DI ACCUMULO DI IDROGENO AD IDRURI DI MAGNESIO: VERIFICA SPERIMENTALE DEGLI EFFETTI DI SCALA SISTEMI DI ACCUMULO DI IDROGENO AD IDRURI DI MAGNESIO: VERIFICA SPERIMENTALE DEGLI EFFETTI DI SCALA M. Verga, C. Guardamagna, C. Valli, G. Principi, B. Molina CESI RICERCA ha in coro un programma di ricerca

Dettagli

Ottica. LEYBOLD Schede di fisica P5.6.2.1

Ottica. LEYBOLD Schede di fisica P5.6.2.1 Ottica LEYBOLD Schede di fiica Velocità della luce Miura eeguita ediante ipuli luinoi di breve durata LEYBOLD Schede di fiica Deterinazione della velocità della luce nell aria eeguita ediante il tepo di

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TERAMO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TERAMO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TERAMO CORSO DI LAUREA IN TUTELA E BENESSERE ANIMALE Coro di : FISICA MEDICA A.A. 2015 /2016 Docente: Dott. Chiucchi Riccardo ail:rchiucchi@unite.it Medicina Veterinaria: CFU

Dettagli

Il grigliato Keller, nelle realizzazioni di piani di lavoro, offre il più elevato rapporto tra carico sopportabile e peso proprio, oltre ad una

Il grigliato Keller, nelle realizzazioni di piani di lavoro, offre il più elevato rapporto tra carico sopportabile e peso proprio, oltre ad una Il grigliato Keller, nelle realizzazioni di piani di lavoro, offre il più elevato rapporto tra carico opportabile e peo proprio, oltre ad una elevata permeabilità alla luce e all aria. Tali caratteritice

Dettagli

Teoria delle decisioni in condizione di certezza e rischio

Teoria delle decisioni in condizione di certezza e rischio Teoria delle deciioni in condizione di certezza e richio Appunti di Fioravante PATRONE http://www.fioravante.patrone.name/default.htm Deciori (razionali) interagenti verione del 16 giugno 2010 Indice 1

Dettagli

Errori di misura. è ragionevole assumere che una buona stima del valore vero sia la media

Errori di misura. è ragionevole assumere che una buona stima del valore vero sia la media Errori di miura Se lo trumento di miura è abbatanza enibile, la miura rietuta della tea grandezza fiica darà riultati diveri fra loro e fluttuanti in modo caratteritico. E l effetto di errori cauali, o

Dettagli

Messa a punto avanzata più semplice utilizzando Funzione Load Observer

Messa a punto avanzata più semplice utilizzando Funzione Load Observer Mea a punto avanzata più emplice utilizzando Funzione Load Oberver EMEA Speed & Poition CE Team AUL 34 Copyright 0 Rockwell Automation, Inc. All right reerved. Co è l inerzia? Tutti comprendiamo il concetto

Dettagli

APPLICAZIONI DELLA TRASFORMATA DI LAPLACE

APPLICAZIONI DELLA TRASFORMATA DI LAPLACE C A P I T O L O 7 APPLICAZIONI DELLA TRASFORMATA DI LAPLACE 7. INTRODUZIONE Ora che è tata introdotta la traformata di Laplace, è poibile paare a eaminare che coa i può fare con ea. La traformata di Laplace

Dettagli

RISCHIO PER LA SALUTE UMANA DOVUTO A RILASCI ACUTI DI SOSTANZE CHIMICHE NEL SUOLO GENERATI DA EVENTI INCIDENTALI: PROCEDURE E METODOLOGIE DI CALCOLO

RISCHIO PER LA SALUTE UMANA DOVUTO A RILASCI ACUTI DI SOSTANZE CHIMICHE NEL SUOLO GENERATI DA EVENTI INCIDENTALI: PROCEDURE E METODOLOGIE DI CALCOLO RISCHIO PER LA SALUTE UMANA DOVUTO A RILASCI ACUTI DI SOSTANZE CHIMICHE NEL SUOLO GENERATI DA EVENTI INCIDENTALI: PROCEDURE E METODOLOGIE DI CALCOLO R. Baciocchi (*), S. Berardi (**), C. Mariotti (***),

Dettagli

Diffusione e membrane

Diffusione e membrane Eercizi di fiica per Medicina C.Patrignani, Univ. Genova (rev: 9 Ottobre 2003) 1 Diffuione e membrane 1) Calcolare il fluo avvettivo di oluto in un tubicino di ezione 0.1 mm 2 in cui corrono 0.2 ml al

Dettagli

RELAZIONE DI CALCOLO MURO SI SOSTEGNO H. 2 M

RELAZIONE DI CALCOLO MURO SI SOSTEGNO H. 2 M RELAZIONE DI CALCOLO MURO SI SOSTEGNO H. M 1. PREMESSA Oggetto della preente relazione è il dimenionamento e la verifica di un muro di otegno controterra in c.a. relativo al progetto: S.R. 34 BRIANTEA

Dettagli

SISTEMA DI FISSAGGIO EDILFIX

SISTEMA DI FISSAGGIO EDILFIX SISTEM I ISSGGIO EILIX Il itema i fiaggio EILIX offre una oluzione rapia e veratile a ogni problema i ancoraggio tra elementi i calcetruzzo, quali: pannelli/travi, parapetti/olette, ecc. e in carpenteria

Dettagli

Descrizione generale di Spice

Descrizione generale di Spice Decrizione generale di Spice SPIE A/D (Simulation Program with Integrated ircuit Emphai Analog/Digital) Ppice è un imulatore circuitale di uo generale, prodotto dalla ADENE Il imulatore Spice è uno dei

Dettagli

Alcuni appunti per il corso di METODI PROBABILISTICI PER LE EQUAZIONI ALLE DERIVATE PARZIALI Giovanna Nappo A.A. 2008/2009

Alcuni appunti per il corso di METODI PROBABILISTICI PER LE EQUAZIONI ALLE DERIVATE PARZIALI Giovanna Nappo A.A. 2008/2009 Univerità degli Studi di Roma La Sapienza Anno Accademico 27-28 Facoltà di Scienze Matematiche Fiiche e Naturali Dottorato in Matematica Alcuni appunti per il coro di METODI PROBABILISTICI PER LE EQUAZIONI

Dettagli

E opportuno fare precedere questa lezione e quelle che seguiranno da tre considerazioni.

E opportuno fare precedere questa lezione e quelle che seguiranno da tre considerazioni. Capitolo 6 Teorie e modelli di crecita economica E opportuno fare precedere queta lezione e quelle che eguiranno da tre coniderazioni. 1. Qui affronteremo dei modelli teorici che i rifericono oprattutto

Dettagli

BOZZA. Lezione n. 20. Stati limite nel cemento armato Stato limite ultimo per tensioni normali

BOZZA. Lezione n. 20. Stati limite nel cemento armato Stato limite ultimo per tensioni normali Lezione n. Stati limite nel cemento armato Stato limite ultimo per tenioni normali Determinazione elle configurazioni i rottura per la ezione Una volta introotti i legami cotitutivi, è poibile eterminare

Dettagli

SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE PER L INSEGNAMENTO SECONDARIO DELLA TOSCANA. Sede di Pisa VII CICLO I ANNO AREA 2 DISCIPLINARE MACCHINE ELETTRICHE

SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE PER L INSEGNAMENTO SECONDARIO DELLA TOSCANA. Sede di Pisa VII CICLO I ANNO AREA 2 DISCIPLINARE MACCHINE ELETTRICHE SCUOLA D SPECALZZAZONE PER L NSEGNAMENTO SECONDARO DELLA TOSCANA Sede di Pia V CCLO ANNO AREA DSCPLNARE MACCHNE ELETTRCHE LA MACCHNA ASNCRONA Specializzando: Bernardo Murru ndirizzo: Scientifico Tecnologico

Dettagli

La macchina a ciclo Rankine

La macchina a ciclo Rankine Lezione XIV - 7/0/00 ora 8:0-0:0 - Maine a vapore, ilo Rankine ed eerizi - Originale di Amoretti Miele. La maina a ilo Rankine Il problema di realizzare un ilo termodinamio e produa la maima uantità di

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO

POLITECNICO DI MILANO POLITECNICO DI MILANO Facoltà di Ingegneria dell Informazione Coro di Laurea Magitrale in Ingegneria Elettronica MODELLISTICA E SIMULAZIONE DI SENSORI AMR DI CAMPO MAGNETICO Relatore: Correlatore: Prof.

Dettagli

CENTRO LIBRI AREA RISERVATA: ISTRUZIONI PERL USO

CENTRO LIBRI AREA RISERVATA: ISTRUZIONI PERL USO CENTRO LIBRI AREA RISERVATA: ISTRUZIONI PERL USO 1. IL TUO PROFILO 2. RICERCA A CATALOGO SEMPLICE 3. RICERCA A CATALOGO AVANZATA 4. I RISULTATI DELLA RICERCA 5. PROMOZIONI IN CORSO E OFFERTE IN ESCLUSIVA

Dettagli

1 I prodotti finanziari di riferimento

1 I prodotti finanziari di riferimento UN MODELLO PER L ANALISI DELLO STILE DI GESTIONE DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO Domenico Vitocco 1+, Claudio Converano 1 1 Dipartimento di Economia e Territorio, Univerità di Caino, Via Mazzaroppi, I-03043

Dettagli

UNITA' 21 SOMMARIO U.21 LE MODALITÀ DI TRASMISSIONE DEL CALORE ATTENZIONE

UNITA' 21 SOMMARIO U.21 LE MODALITÀ DI TRASMISSIONE DEL CALORE ATTENZIONE U.21/0 UNITA' 21 SOMMARIO U.21 LE MODALITÀ DI TRASMISSIONE DEL CALORE 21.1. Introduzione 21.2. Conduzione 21.3. Convezione 21.4. Irraggiamento 21.5. Modalità imultanee di tramiione del calore ATTENZIONE

Dettagli

Corrosione. Memorie >> L. Bertolini, E. Redaelli

Corrosione. Memorie >> L. Bertolini, E. Redaelli Memorie >> Corroione VALUTAZIONE DEL POTERE PENETRANTE DELLA PREVENZIONE CATODICA APPLICATA MEDIANTE ANODI SACRIFIZIALI A COLONNE IN CALCESTRUZZO ARMATO PARZIALMENTE IMMERSE IN ACQUA DI MARE L. Bertolini,

Dettagli

CAE Computer-Aided Engineering. Simulazione numerica: i vantaggi. Dominio tecnologico. CAD/CAM Computer-Aided Design and Manufacturing

CAE Computer-Aided Engineering. Simulazione numerica: i vantaggi. Dominio tecnologico. CAD/CAM Computer-Aided Design and Manufacturing CAD/CAM Computer-Aided Deign and Manufacturing CAE Computer-Aided Engineering Simulazione Numerica: BEM Boundary Element Method SIMULAZIONE NUMERICA: FEM Finite Element Method FVM Finite Volume Method

Dettagli

SVILUPPO DI UNA MACCHINA PER PROVE DI TRAZIONE VELOCE

SVILUPPO DI UNA MACCHINA PER PROVE DI TRAZIONE VELOCE Memorie >> Prove meccaniche SVILUPPO DI UNA MACCHINA PER PROVE DI TRAZIONE VELOCE M. Anghileri, L.-M. L. Catelletti, A. Milanee, G. Moretti I materiali metallici ottopoti a carichi di natura dinamica vanno

Dettagli

Appunti ed esercitazioni di Microonde 2

Appunti ed esercitazioni di Microonde 2 Appunti ed eercitazioni di Microonde Studio di una linea priva di perdite in regime impulivo di impedenza caratteritica =5Ω, chiua u di un carico R erie avente R==5Ω, =mh, =nf. Si aume come velocità di

Dettagli

IL CONTROLLO DEI GNSS SYSTEMS IN REAL TIME KINEMATIC CON LE NUOVE NORME ISO 17123-8:2007

IL CONTROLLO DEI GNSS SYSTEMS IN REAL TIME KINEMATIC CON LE NUOVE NORME ISO 17123-8:2007 IL CONTROLLO DEI GNSS SYSTEMS IN REAL TIME KINEMATIC CON LE NUOVE NORME ISO 17123-8:2007 Lorenzo LEONE (*), Daniela LAUDANI FICHERA (**) Marco LEONE (***), Giueppe PULVIRENTI (****) (*) Dipartimento di

Dettagli

Nessun, altra risparmia più acqua. Nessun, altra è così veloce. speedmatic: la nuova generazione di lavastoviglie Siemens.

Nessun, altra risparmia più acqua. Nessun, altra è così veloce. speedmatic: la nuova generazione di lavastoviglie Siemens. Neun, altra riparmia più acqua. Neun, altra è coì veloce. peedmatic: la nuova generazione di lavatoviglie Siemen. NOVITA MONDIALE peedmatic. La nuova generazione di lavatoviglie. The future moving in.

Dettagli

Controlli automatici

Controlli automatici Controlli automatici Proetto del controllore nel dominio della frequenza Prof. Paolo Rocco (paolo.rocco@polimi.it) Politecnico di Milano Dipartimento di Elettronica, Informazione e Bioineneria Introduzione

Dettagli

Il CONCIME da pollice verde? Non sempre è il più CARO

Il CONCIME da pollice verde? Non sempre è il più CARO Il Salvagente 1- maggio 201 Conumi Tet 21 Il CONCIME da pollice verde? n empre è il più CARO Marta Strinati è tato lungo e faticoo anche per le piante. Freddo, pioggia e mancanza di cu- L inverno re hanno

Dettagli