Qualche considerazione sul linguaggio universale della Matematica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Qualche considerazione sul linguaggio universale della Matematica"

Transcript

1 Qualche considerazione sul linguaggio universale della Matematica Alessia Ascanelli Introduzione Scopo di queste brevi note è lanciare uno sguardo, all inizio volutamente elementare ed ingenuo, al linguaggio unificante della Matematica. Si vuole far riflettere sul fatto che, esaminando alcuni concetti primitivi, si incontrano subito punti delicati assieme ad applicazioni. Un primo assaggio di questo lo si vede dalla applicazione del concetto di biezione al protocollo della firma digitale. Si prosegue poi col cercare di illustrare che il concetto di biezione altri non è che il concetto elementare del contare: al finito, che porta lo spunto per qualche rudimento di calcolo combinatorio, ed all infinito che porta a considerare il concetto di vari ordini di infinito. Un secondo modulo riguarda i primi rudimenti del calcolo differenziale con applicazioni a semplici problemi di ottimizzazione (massimi e minimi). C è ovviamente una discontinuità tra i due moduli. Questo non vuol essere un corso di Analisi Uno ma un presentazione di alcune parti di questa materia attraverso problemi ed applicazioni. In futuro verranno aggiunti altri moduli, fino a rappresentare un possibile precorso simile ai corsi di accoglienza che la Facoltá organizza nel mese di Settembre 1

2 DAL CONTARE ALLA FIRMA DIGITALE Il contare La matematica comincia con l esperienza del contare: il contare fu infatti con ogni probabilità il primo processo matematico che l uomo sviluppò. Uno dei più antichi reperti che ci sono rimasti è costituito da un osso con cinquantacinque tacche, trovato nel 1937 a Vestonice (Repubblica Ceca), e che risale a anni fa. Scultura ossea con tacche rinvenuta nel sito archeologoco di Dolni Vestonice. Intuitivamente, tutti sappiamo che contare vuol dire numerare oggetti. Tale processo coinvolge il concetto di funzione, che è quindi alla base della matematica, che ora introduciamo brevemente seppur probabilmente noto alla maggior parte degli utenti (e ad alcuni tra loro in forma anche più rigorosa). Funzioni tra insiemi Insiemi. Un insieme è una collezione di oggetti che soddisfano una certa proprietà, detta proprietà caratteristica. Ad esempio, la collezione delle squadre di calcio che giocano in serie A nella stagione costituisce un insieme, mentre la collezione dei ragazzi belli della mia classe non è un insieme, infatti non si puo stabilire oggettivamente quali elementi appartengano alla collezione e quali no. Se x è un elemento dell insieme X, scriveremo x X per indicare che l elemento x appartiene all insieme X. Si dice che un insieme Y è un sottoinsieme di X, e si scrive Y X se tutti gli elementi di Y sono anche elementi di X. La teoria degli insiemi, una delle piú grandi rivoluzioni del pensiero matematico, si sviluppó nella seconda metá dell Ottocento, introdotta soprattutto ad opera di Georg Cantor ( ); essa è alla base di tutta la matematica del Novecento. La matematica si occupa principalmente di insiemi numerici; i principali insiemi numerici che incontreremo in quanto segue sono: l insieme dei numeri naturali N = {0; 1;... ; n;...}; l insieme dei numeri interi Z = {0; ±1;... ; ±n;...}, che contiene tutti i numeri naturali e tutti i loro opposti; 1

3 2 DAL CONTARE ALLA FIRMA DIGITALE Georg Cantor l insieme dei numeri razionali Q = {m/n m Z, n N, n 0}, che contiene tutti i quozienti m/n di numeri interi e naturali. Si ricordi che ogni numero razionale puó essere rappresentato come numero decimale finito o come numero decimale periodico. l insieme dei numeri reali R, che in modo informale può essere definito come l insieme di tutti i numeri (positivi, negativi o nulli) aventi uno sviluppo decimale finito o infinito. R contiene in particolare i numeri la cui rappresentazione decimale è infinita e non periodica, ad esempio 2 = 1, , π = 3, , e = 2, Questi ultimi sono chiamati numeri irrazionali; l insieme dei numeri irrazionali si indica con R Q. Il termine numero reale fu inventato da Cantor nel 1883, in contrapposizione al numero immaginario del quale qui non discuteremo. gli intervalli di R: dati a, b R, a b si chiamano intervalli di estremi a, b gli insiemi di numeri reali: [a, b] = {x R a x b} (intervallo chiuso), (a, b) = {x R a < x < b} (intervallo aperto), [a, b) = {x R a x < b}, (a, b] = {x R a < x b}. Si chiamano invece intervalli illimitati gli insiemi [a, + ) = {x R a x}, (a, + ) = {x R a < x}, (, a] = {x R x a}, (, a) = {x R x < a}.

4 DAL CONTARE ALLA FIRMA DIGITALE 3 Funzioni. Siano X, Y due insiemi. Una funzione definita su X a valori in Y è una corrispondenza tra gli elementi di X e di Y, stabilita mediante una legge che ad ogni elemento x in X associa uno ed un solo elemento y = f(x) in Y. Si scrive f : X Y e si ha: x X!y Y tale che y = f(x). Ad esempio: se X è l insieme di tutti i triangoli del piano ed Y è l insieme di tutti i cerchi del piano, la legge che a ogni triangolo del piano associa il cerchio inscritto in tale triangolo definisce una funzione, in quanto per ogni triangolo esiste uno e un solo cerchio inscritto; se X = N, la legge che ad ogni x N associa il suo doppio, ovvero f(x) = 2x definisce una funzione; se X è l insieme delle case costruttrici delle monoposto che partecipano al mondiale 2006 di Formula 1, Y è l insieme di piloti che partecipano al mondiale 2006 di Formula 1, la legge che ad ogni casa associa il suo pilota non definisce una funzione: ad ogni casa corrispondono infatti due piloti. Funzioni iniettive. Una funzione f : X Y si dice iniettiva quando, dati due qualsiasi elementi x 1, x 2 X con x 1 x 2, si ha che f(x 1 ) f(x 2 ). Ad esempio: se X = Y = R, la funzione f(x) = x 3 è iniettiva; se X = Z, Y = N, la funzione f(x) = x 2 non è iniettiva, perchè ad esempio 1 1 ma f( 1) = 1 = f(1). Funzioni suriettive. Una funzione f : X Y si dice suriettiva quando per ogni y Y esiste almeno un x X tale che y = f(x). Ad esempio: se X = Y = N, la funzione f(x) = x 1, che ad ogni n N associa il suo antecedente è suriettiva; se X = Y = Z + = {x Z x 0}, la funzione f(x) = x non è suriettiva, perchè ad esempio non esiste alcun x Z + tale che x = 2. Biezioni. Una funzione f : X Y si dice una biezione o funzione biunivoca quando è sia iniettiva che suriettiva. Ad esempio: X = Y = R, f(x) = x 1 è una biezione; se X è l insieme dei calciatori del Milan della stagione 2006/2007, ed Y l insieme dei numeri delle loro maglie, la funzione che ad ogni giocatore associa il suo numero di maglia è una biezione. Cosa significa allora contare? Definizione. Contare gli elementi di un insieme significa stabilire una biezione tra gli elementi di tale insieme ed un insieme numerico.

5 4 DAL CONTARE ALLA FIRMA DIGITALE Ad esempio: la funzione che ad ogni calciatore associa il suo numero di maglia permette di contare i giocatori della squadra; la funzione che ad ogni alunno della classe associa il suo numero sul registro permette di contare gli alunni di quella classe. Nell osso di Vestonice, le cinquantacinque tacche sono disposte a gruppi di cinque. Le prime venticinque sono seguite da un intaccatura lunga il doppio delle altre. Nel reperto è già presente (senza che i primitivi ne avessero coscienza) il concetto fondamentale del contare: la corrispondenza biunivoca tra la rappresentazione usata (insieme delle tacche) e l insieme di oggetti a cui si riferisce. Dietro la biezione sta il processo di astrazione che permette di vedere un oggetto come essere unitario : una serie di tacche può dunque ugualmente rappresentare un certo numero di tigri, o lo stesso numero di capanne, o altro. Funzione inversa. Data una funzione f : X Y, possiamo considerare la corrispondenza inversa f 1 : Y X, la quale opera da Y ad X. La funzione f si dice funzione invertibile se tale inversa è anch essa una funzione. Basta ragionare sulla definizione di funzione invertibile per avere il seguente risultato: f è invertibile se e soltanto se f è una biezione. Ad esempio: f : R R, f(x) = x 1 è invertibile con inversa f 1 (y) = y + 1; f : R R, f(x) = x 3 è invertibile con inversa f 1 (y) = 3 y; f : R (0, + ), f(x) = e x è invertibile, la sua inversa f 1 (y) = ln y si chiama funzione logaritmo naturale; f : R [ 1, 1], f(x) = sin x non è invertibile perchè non è iniettiva; ma f : [ π/2, π/2] [ 1, 1], f(x) = sin x è invertibile, e la sua inversa f 1 (y) = arcsin y si chiama funzione arcoseno. Le biezioni non sono solo utili per contare, ma si usano anche per comparare tra loro il numero degli elementi di due insiemi. Inoltre, grazie alla proprietà di invertibilità che le caratterizza, esse sono largamente usate in vari ambiti della fisica, dell ingegneria, delle scienze in genere. Ad esempio, la crittografia fa ampio uso delle funzioni invertibili. La crittografia al tempo degli antichi romani. Tra i primi crittografi della storia vi fu Giulio Cesare; lo storico Svetonio ci racconta di come, durante le spedizioni in Gallia, egli dovesse inviare messaggi ai suoi luogotenenti, non fidandosi dei messaggeri; egli inventò quindi un metodo per codificare quei messaggi: numerò le lettere dell alfabeto, associando: A 1, B 2,..., Z 21. Ad ogni lettera, corrispondente ad un numero n, sostituì la lettera corrispondente al numero n + 3, scrivendo ad esempio FNDR in luogo di CIAO. Solo il destinatario prestabilito, che conosceva il metodo per decodificare il messaggio, poteva leggerli, sostituendo ad ogni lettera che vedeva, corrispondente ad un certo numero m, la lettera corrispondente al numero m 3. In

6 DAL CONTARE ALLA FIRMA DIGITALE 5 crittografia, il messaggio originale e chiamato testo in chiaro, ed il messaggio codificato e chiamato testo cifrato. Per codificare un messaggio si usa la procedura di cifratura (una funzione f); viceversa, per rendere leggibile un messaggio, si usa il procedimento opposto, chiamato decifratura (la funzione f 1 ). Cesare usava f(x) = x + 3, invertibile con inversa f 1 (y) = y 3. La chiave di lettura dei suoi messaggi cifrati era molto semplice; oggi la crittografia usa sistemi molto più complicati e sicuri, come quelli descritti a grandi linee dal seguente esempio. Il disco creato da Leon Battista Alberti per cifrare messaggi con un notevole raffinamento del metodo elementare di Cesare. Una applicazione del concetto di funzione invertibile: messaggi criptati e firma digitale. In un sistema per inviare messaggi criptati a chiave pubblica con possibilità di firma digitale, ogni utente mette in un file accessibile a chiunque (simile ad un elenco telefonico presso un ente di certificazione) una procedura E per criptare messaggi M. Questa procedura altri non è che una biezione dall insieme M di tutti i possibili messaggi ad M stesso. L utente tiene segreta la propria chiave privata D per decriptare i messaggi ricevuti. Queste procedure hanno le seguenti proprietà: (1) decifrando il messaggio criptato E(M) si riottiene il messaggio originale M, ovvero D(E(M)) = M; (2) se un messaggio M viene prima decifrato e poi criptato M è il risultato: E(D(M)) = M; (3) con la rivelazione pubblica di E, l utente non fornisce alcun elemento per un facile calcolo di D. In pratica, solo lui conosce la procedura D. Le proprietà 1 e 2 significano che D è la funzione inversa di E. La proprità 1 consente all utente di leggere i messaggi criptati che gli sono stati inviati

7 6 DAL CONTARE ALLA FIRMA DIGITALE mentre 2 è essenziale per messaggi firmati. La proprietà 3 risponde alle esigenze di sicurezza. In transazioni d affari per via elettronica, è necessario poter firmare elettronicamente un messaggio. Il destinatario spesso necessita la prova che il messaggio viene da un preciso mittente. Questo è molto di più che essere personalmente certi del mittente: il destinatario deve poter provare ad un giudice l identità del mittente. In particolare deve poter provare ad un giudice che egli non può aver falsificato una firma. Il punto centrale è che non solo deve essere certo dell identità del mittente ma deve essere in grado di provare questo fatto. Una firma digitale deve essere sia messaggio-dipendente che mittente-dipendente. Altrimenti il destinatario potrebbe modificare il messaggio prima di mostrare la coppia (messaggio, firma) ad un giudice. Oppure potrebbe apporre la firma del mittente in un qualunque altro messaggio con una semplice azione di copia-incolla. Ora supponiamo che A e B siano due utenti con chiavi pubbliche per criptare e chiavi private per decifrare E A, D A e E B, D B rispettivamente. Supponiamo che B voglia spedire ad A un messaggio firmato M. Per prima cosa determina la propria firma F per il messaggio M usando D B come segue: F = D B (M). Poi egli cripta F usando E A e spedisce ad A il risultato T = E A (F ). Ricevuto T, A per prima cosa decifra T con D A ottenendo F : D A (T ) = D A (E A (F )) = F. Egli conosce il mittente (in questo caso, B): questa informazione, se necessaria, può essere allegata a F con un messaggio in chiaro. Egli può quindi applicare E B a F ottenendo E B (F ) = E B (D B (M)) = M. Ora A possiede una coppia messaggio-firma (M,F ) con proprietà simili ad un messaggio cartaceo firmato a mano. B non può negare di aver spedito ad A questo messaggio perchè nessun altro potrebbe aver creato la firma F = D B (M). A può far vedere ad un giudice che E B (F ) = M e questa è la prova che B ha firmato il messaggio. Inoltre, A non può modificare M in una differente versione M dal momento che gli servirebbe anche la firma F = D B (M ) ma non conosce D B. Quindi A ha ricevuto un messaggio firmato (M, F ) da B potendo provare questo fatto. Però non può modificarne il testo M nè può usare la firma F ad esso collegata per apporla ad altri messaggi.

8 CONTARE AL FINITO: IL CALCOLO COMBINATORIO Insiemi finiti. Si dice che un insieme Ω è finito con n elementi se si può costruire una biezione dall insieme di numeri naturali {1, 2,..., n} all insieme Ω. Sia dunque Ω un insieme finito non vuoto con n elementi e sia k un numero naturale, 1 k n. In quanti e quali modi diversi si possono combinare a gruppi di k gli elementi dell insieme Ω? A questa domanda risponde il calcolo combinatorio, che dunque è un calcolo su insiemi finiti. Regola fondamentale del calcolo combinatorio. Il numero di oggetti che si può formare con una sequenza di k scelte, sapendo che vi sono n 1 possibilità per la prima scelta, n 2 per la seconda,..., n k per la k-esima, è dato dal prodotto n 1 n 2 n k. Ad esempio: In un gruppo di amici ci sono 3 ragazze e 4 ragazzi. Quante diverse coppie maschio-femmina si possono formare? Dovendo formare delle coppie, si ha k = 2. Per la prima scelta (scelta della ragazza) ho n 1 = 3 possibilità, per la seconda scelta (scelta del ragazzo) ne ho n 2 = 4. Posso quindi formare 3 4 = 12 coppie diverse. In un ristorante si può scegliere tra 6 primi piatti, 7 secondi, 5 dessert. Quale è il numero dei pranzi completi (primo, secondo, dessert) fra cui si può scegliere? Dovendo formare delle terne, si ha k = 3. Per la scelta del primo vi sono n 1 = 6 possibilità, per la scelta del secondo ve ne sono n 2 = 7, per il dessert n 3 = 5. Si può quindi scegliere tra = 210 diversi pasti completi. Disposizioni semplici. Una disposizione semplice di k elementi presi dagli n di Ω è una lista ordinata di k elementi distinti di Ω. Si osservi che, secondo tale definizione, due liste sono diverse tra loro se e solo se differiscono per gli elementi o per l ordine in cui questi vengono presentati. Quante sono le possibili disposizioni semplici di k elementi di Ω? Pensando al numero di scelte possibili per occupare successivamente ciascuna posizione in lista a partire dalla prima, si ottiene che il numero D n,k di tali disposizioni è D n,k = n(n 1) (n k + 1). Ad esempio: Ad un torneo di calcio con girone all italiana si iscrivono 20 squadre. Quante partite avranno luogo? 1

9 2 CONTARE AL FINITO: IL CALCOLO COMBINATORIO Si devono formare delle coppie (k = 2) con n = 20 elementi tra cui scegliere. Le coppie devono essere ordinate perché la partita di andata (squadra A contro squadra B) è differente dalla partita di ritorno (B contro A). Si tratta dunque di disposizioni semplici il cui numero è dato da D 20,2 = = 380. In una stanza vi sono 5 persone e 4 sedie. In quanti modi diversi le persone possono disporsi sulle sedie? Si devono disporre n = 5 persone in quaterne ordinate (k = 4). Le possibilità sono D 5,4 = = 120. Permutazioni. Quando k = n, una disposizione semplice di tutti gli n elementi di Ω si chiama permutazione su Ω. Il numero delle possibili permutazioni degli n elementi di Ω è dunque Ad esempio: D n,n = n (n 1) = n!. In una stanza vi sono 4 persone e 4 sedie. In quanti modi diversi le persone possono disporsi sulle sedie? Differentemente dall esempio precedente, qui non posso cambiare gli elementi (le persone, che sono tante quante le sedie da occupare), ma posso solo cambiarli di posizione. Ho 4! = = 24 possibilità. Contare possibili ordinamenti o collocazioni di oggetti Combinazioni semplici. Una combinazione semplice di k elementi presi dagli n di Ω è un sottoinsieme di Ω con k elementi. Per creare una combinazione si scelgono quindi k elementi da n e l ordine delle scelte è ininfluente. Quante sono le possibili combinazioni semplici di k elementi di Ω? Il numero C n,k di tali combinazioni si può ottenere dal numero di disposizioni D n,k, basta contare una volta sola tutte le liste di k elementi che differiscono tra loro solo per l ordine. poichè il numero delle permutazioni su k elementi è k!, abbiamo C n,k = D n,k k! = n(n 1) (n k + 1). k!

10 CONTARE AL FINITO: IL CALCOLO COMBINATORIO 3 Moltiplicando numeratore e denominatore per (n k)! si ha anche C n,k = n! k!(n k)!. Si noti che il secondo membro è definito anche per k = 0. Il valore 0! = 1 è coerente con C n,0 = C n,n = 1, infatti abbiamo un solo sottoinsieme con 0 elementi (il vuoto) ed un solo sottoinsieme con n elementi (Ω stesso). Ad esempio: Un gruppo di 8 ragazzi esce la sera per andare a ballare. I ragazzi hanno due macchine, ognuna omologata per 4 passeggeri. Quanti diversi gruppi si possono fare? Si devono costruire sottoinsiemi contenenti 4 elementi da un insieme di 8 elementi. L ordine è ininfluente. I gruppi possibili sono C 8,4 = ( )/4! = 70. Quanti sono in tutto gli ambi che si possono fare giocando al lotto? Quante le cinquine? Il numero di ambi possibili è il numero di tutti i possibili sottoinsiemi di k = 2 elementi presi dall insieme degli n = 90 numeri del lotto, ovvero C 90,2 = (90 89)/2! = Il numero di cinquine è invece il numero di tutti i possibili sottoinsiemi di k = 5 elementi presi dai 90 numeri del lotto, cioè C 90,5 = ( )/5! = Si osservi che, essendo gli ambi possibili molti meno delle cinquine possibili, è molto più facile azzeccare un ambo che una cinquina! Una applicazione del calcolo combinatorio: il gioco del poker. Nel gioco del poker, da un mazzo di 32 carte si distribuiscono 5 carte ad ogni giocatore. Calcolare quante sono le possibilità di avere servito: i). una scala reale ii). un poker iii). colore ma non scala reale iv). un full v). una scala non reale vi). un tris vii). una doppia coppia. Nel mazzo vi sono 4 segni, e per ogni segno 8 carte: 7, 8, 9, 10, J, Q, K, A. i). Fissato un segno, per fare una scala reale di quel segno ho 5 possibilità (partendo dalla scala minima ed arrivando a quella massima). I segni sono 4, perciò il numero si scale reali possibili è 5 4 = 20. ii). Ci sono 8 diversi tipi di poker (dal poker di 7 al poker di assi). Supposto di avere un poker, per la quinta carta mi rimangono 32-4=28 possibilità. Il numero dei poker possibili è allora 8 28 = 224. iii). Posso fare colore con 4 segni. Fissato un segno, le possibilità di avere colore di quel segno sono date dal numero di combinazioni semplici di 5 elementi tra gli 8 di quel colore, ovvero C 8,5 = 56. A queste devo sottrarre il numero di scale reali possibili per quel segno, cioè 5. Ho 51 possibilità per ogni colore, in totale dunque le possibilità sono 51 4=204.

11 4 CONTARE AL FINITO: IL CALCOLO COMBINATORIO iv)-vii). Le possibilità si calcolano con ragionamenti simili ai precedenti. Coefficienti binomiali. Per 0 k n si denota ( n ) n! = k k!(n k)! ; ( n ) ogni numero così definito si chiama coefficiente binomiale. Osserviamo k che ( n ) = k e in particolare (0 ) ( n = = 1, 0 n) ( n ) n k ( n ) = 1 ( ) n = n. n 1 Vale inoltre la seguente proprietà, che si usa per determinare ( ) successivamente tutti i coefficienti per ogni n e k partendo da = = ( ) : ) ( n + 1 ( n ) ( n + k k 1 k Su tale proprietà si fonda il triangolo di Tartaglia, un semplicissimo metodo per il calcolo dei coefficienti binomiali. = ). Tartaglia Qui sotto ne vediamo le prime righe (il vertice 1 è ( 0 0) ):

12 CONTARE AL FINITO: IL CALCOLO COMBINATORIO 5 Per costruirlo si parte dal numero generatore 1 (il vertice del triangolo) e si derivano tutti gli altri numeri sommando i due numeri sovrastanti. Ai bordi si trova sempre 1, perchè i due numeri sovrastanti sono, in questo caso, da una parte 1 e dall altra nessun numero, cioé zero. Il livello n a partire dal vertice contiene tutti i coefficienti binomiali ( n) k per k = 0,..., n. Il triangolo, presentato dal matematico Tartaglia in un suo libro del 1556, era in realtá giá noto agli indiani e ai cinesi: lo si trova anche in un libro cinese del 1303, e si dice che si tratta di un vecchio metodo. Il triangolo di Tartaglia è di ausilio per sviluppare le potenze dei binomi; infatti la riga n-ma contiene i coefficienti dello sviluppo di (a + b) n ordinati secondo le potenze decrescenti di a (o crescenti di b), come si puó verificare agevolmente almeno per n = 0, 1, 2, 3. Da qui deriva il nome coefficienti binomiali dato agli elementi del triangolo. Per gli n molto grandi, ad esempio per n = 75, sviluppare il binomio (a+b) 75 col triangolo di Tartaglia richiederebbe troppo tempo di calcolo. In questo caso si applica una formula ancora piú immediata, la quale permette di controllare qualunque binomio di qualsiasi esponente: la formula del binomio di Newton ( ). Sir Isaac Newton Teorema. (del binomio di Newton)Per ogni a, b R ed ogni n N, n 0, si ha n ( n ) (a + b) n = a k b n k. k k=0 Dimostrazione. Consideriamo il prodotto di n fattori identici (a + b) (a + b).

13 6 CONTARE AL FINITO: IL CALCOLO COMBINATORIO Sviluppandolo, si deve scegliere un fattore tra a e b in ciascuna posizione da 1 fino ad n. Scegliendo in k posizioni a nelle rimanenti n k si prende b: si crea così il monomio a k b n k. Scegliere k posizioni da n significa creare un sottoinsieme con ( k elementi di uno che ne ha n. Il coefficiente di a k b n k è n ) quindi C n,k =. k Il Teorema del binomio si presta a diverse applicazioni nell ambito del contare, ad esempio: Quanti sono i sottoinsiemi di un insieme Ω con n elementi (includendo e Ω)? Essi sono esattamente ( 2 n. Infatti, i sottoinsiemi di Ω con k elementi n ) sono C n,k =. Sommando su k = 0,..., n ed utilizzando il Teo- k rema del binomio con a = b = 1 si ottiene che il numero di tutti i sottoinsiemi possibili è (1 + 1) n = 2 n. Una proprietá del triangolo di Tartaglia: la somma dei coefficienti della riga n-ma del triangolo vale sempre 2 n : ora sai spiegare perché?

14 CONTARE GLI INFINITI Quando si lavora con insiemi infiniti, ed in particolare si utilizzano funzioni su insiemi infiniti, si possono presentare situazioni apparentemente contrastanti rispetto alle idee che ci si è fatti operando al finito. Ad esempio, se Ω è un insieme finito, è abbastanza intuitivo il fatto che non si possa costruire una biezione tra Ω ed una sua parte. Con gli insiemi infiniti questo non accade; consiederiamo il triangolo in figura: proiettando ogni punto P Un segmento ha tanti punti quanto una sua parte propria del lato AC sulla base AB si ottiene una biezione tra il segmento AC ed il segmento AH. Dunque, due segmenti di diverse lunghezze si possono porre in corrispondenza biunivoca. Ovvero, è possibile costruire una biezione tra un segmento ed una sua parte! Questa, a metà dell 800, fu una scoperta eccezionale, che contrastava con uno dei principi fondamentali della matematica dell epoca: il tutto è maggiore della parte (Euclide). Trattando con insiemi infiniti tale affermazione non è piú valida; il matematico Richard Dedekind ( ) alla fine dellottocento usó proprio questo fatto per dare la seguente definizione: Insiemi infiniti. Si dice che un insieme X è infinito (ha infiniti elementi) se puó essere messo in biezione con una parte di se stesso. Dalla definizione segue che: un segmento è un insieme infinito; N è un insieme infinito: consideriamo infatti (ad esempio) l insieme P dei numeri pari, che è una parte di N. La funzione f : N P definita da f(n) = 2n è una biezione di N in P. 1

15 2 CONTARE GLI INFINITI Ci domandiamo ora: dati due insiemi infiniti, posso confrontare il numero dei loro (infiniti) elementi? Ovvero, posso dire quale dei due è più numeroso, o stabilire se hanno un ugual numero di elementi? Insomma, ci sono degli infiniti più grandi degli altri o gli infiniti sono tutti grandi uguali? Per farci un idea studiamo l esempio che segue. L albergo di N. C è un albergo che possiede una quantità infinita di stanze, nelle quali alloggiano i numeri naturali: il numero 1 nella stanza 1, 2 nella stanza 2, e così via. L albergo è dunque completo. Una sera si presentano nella hall dell albergo i numeri interi negativi: -1,-2,-3,..., che cercano alloggio per la notte. Il numero 0, che è il portiere dell albergo, li fa accomodare tutti e trova posto per ognuno di loro quella notte nell albergo. Come fa? Risposta: 0 chiede ad ogni numero naturale n di spostarsi per quella notte nella stanza 2n. In questa maniera si liberano infinite camere nell albergo (tante quanti i numeri dispari), e 0 le assegna ai numeri interi negativi con il seguente criterio: ogni m Z prende possesso della stanza numero 2m 1. Dunque -1 occupa la stanza 1, -2 la stanza 3, e così via. L albergo è nuovamente completo, ma ospita il doppio dei clienti che ospitava prima!!! Cosa ha fatto, matematicamente parlando, il portiere? Egli ha costruito la biezione f : Z N, definita da 2x se x > 0 f(x) = 0 se x = 0 2x 1 se x < 0. Questo esempio ci dimostra che Z è un insieme infinito (perché è in biezione con una sua parte, N), ma ci dice anche qualcosa in più: il numero di elementi di N e di Z è lo stesso, eppure dal punto di vista insiemistico N è soltanto una parte di Z! Insiemi equipotenti. Dati due insiemi (finiti o infiniti) X ed Y, si dice che essi sono equipotenti (o che hanno la stessa cardinalità) se esiste una biezione f : X Y. Insiemi numerabili. Se un insieme X è equipotente ad N, allora si dice che X è numerabile. Il termine numerabile significa che gli elementi si possono enumerare, cioé disporre in una lista numerata. Ad esempio: Z è numerabile perché equipotente ad N. N N = {(m, n) m, n N} è numerabile. Possiamo numerare i suoi elementi per diagonali come nella tabella all inizio della pagina seguente. Q è numerabile (che Q sia infinito è evidente, dal momento che m N Q). Per provarlo, pensiamo gli elementi n Q non come frazioni ma come coppie ordianate (m, n). Il sottoinsieme Q + di Q (costituito dai numeri razionali non negativi) può essere pensato allora come l insieme N N al quale sono stati tolti la coppia (0, 0) (che non può essere pensata come elemento di Q) e le coppie (m, n)

16 CONTARE GLI INFINITI 3 Numerare per diagonali di elementi m, n non primi tra loro. Siccome N N è numerabile, lo è anche Q +, e lo è pure Q (basta ragionare come si è fatto con Z ed N.) Potremmo essere dunque portati a pensare che tutti gli insiemi infiniti siano numerabili, e che in matematica l infinito sia uno solo ; ciò è falso, come andiamo a dimostrare di seguito. Teorema. L intervallo [0, 1] non è numerabile. Dimostrazione. Ragioniamo per assurdo, cioé neghiamo la tesi e, tramite deduzioni successive, otteniamo un assurdità. Supponiamo dunque che [0, 1] sia numerabile, e per ogni n N indichiamo con x n = 0, a 1n a 2n... l elemento di [0, 1] che nella biezione corrisponde ad n. Sia poi y = 0, c 1 c 2... un numero reale in [0, 1] le cui cifre decimali non contengono il periodo 9 e tale che c 1 a 11, c 2 a 22, c k a kk,.... Visto che y [0, 1], y dovrebbe essere uno degli x n, cioé dovrebbe esistere un n N tale che y = x n. Ma allora dovrebbe essere c n = a n, n per tutti gli n, in particolare per n = n: c n = a n n, il che è assurdo per come abbiamo definito y. L assurdo è nato dall aver supposto falsa la tesi del teorema; dunque la tesi è vera. Tutti gli intervalli di R sono equipotenti. Si dimostra per passi:

17 4 CONTARE GLI INFINITI (1) Dato un qualsiasi intervallo chiuso [a, b], a < b, si ha che [0, 1] ed [a, b] sono equipotenti. Per provarlo, basta costruire la biezione f che ad ogni x in [0, 1] associa f(x) = a + (b a)x. Ne segue che tutti gli intervalli chiusi di R sono tra loro equipotenti. (2) [0, 1] e (0, 1) sono equipotenti. Per dimostrarlo, consideriamo Q [0, 1], cioé l insieme di tutti gli x Q tali che 0 x 1. Tale insieme è numerabile, essendo un sottoinsieme di Q che lo è. Allora Q [0, 1] = {x 0 ; x 1 ; x 2 ; ; x n ; }, e supponiamo che x 0 = 0 ed x 1 = 1. La funzione che ad ogni x in [0, 1] associa { x se x / Q f(x) = x n+2 se x = x n Q [0, 1] è una biezione. Ne segue che tutti gli intervalli chiusi e tutti gli intervalli aperti di R sono tra loro equipotenti. (3) Si puó costruire (esercizio) una biezione anche tra [0, 1] e [0, 1), oppure tra [0, 1] e (0, 1], oppure tra [0, 1] e [0, + ), oppure tra [0, 1] e (0, + ) ottenendo cosí che tutti gli intervalli di R (aperti, chiusi, aperti a destra, aperti a sinistra, limitati ed illimitati) sono equipotenti tra loro. R non è numerabile. Abbiamo provato che gli intervalli di R non vuoti e che non si riducono ad un solo elemento sono tutti equipotenti a [0, 1]. Di conseguenza, nessun intervallo non vuoto e che non si riduce ad un unico elemento è numerabile. Quindi R stesso non è numerabile. D altronde R contiene N, dunque la cardinalità di R (cioé il numero di elementi di R) è maggiore di quella di N. La cardinalità di R prende il nome di potenza del continuo. Anche l insieme R Q dei numeri irrazionali non è numerabile. In questo senso si puó affermare che i numeri irrazionali sono di più dei razionali. Ci sono dunque vari livelli di infinito e, tra questi, il più semplice è quello degli insiemi numerabili. Ha senso allora domandarsi: quanti e quali elementi contiene l insieme degli infiniti? Numeri trasfiniti. L insieme dei numeri trasfiniti è l insieme delle cardinalità degli insiemi infiniti. Esempi di suoi elementi sono: la cardinalità degli insiemi numerabili, che si chiama ℵ 0 (aleph-zero); la cardinalità del continuo (quella di R), indicata con ℵ 1 (aleph-uno). È evidente che ℵ 0 < ℵ 1, cioé il numerabile è minore del continuo: infatti N è equipotente ad un sottoinsieme di R (N stesso). Il concetto di cardinalità fu introdotto da Georg Cantor nel 1883: egli per primo usó le biezioni per classificare gli insiemi infiniti in base al numero dei loro elementi, e trattó i livelli di infinito come nuovi numeri, detti numeri cardinali o numeri trasfiniti. Si narra che Cantor stesso, riferendosi ai suoi risultati sui numeri trasfiniti, disse: Lo vedo, ma non ci credo. La teoria di Cantor degli insiemi infiniti fu infatti rivoluzionaria, ma lo rese anche oggetto di molte critiche; egli dovette parlare di numeri trasfiniti (e

18 CONTARE GLI INFINITI 5 Georg Cantor non infiniti ) per non incorrere nelle ostilità della Chiesa, per la quale l Infinito è uno ed unico; inoltre, gli altri matematici dell epoca tentarono di sminuire il suo lavoro, e non gli consentirono di raggiungere una posizione accademica prestigiosa, che egli credeva di meritare. Tutto ció lo spinse alla depressione e all isolamento; morí in una clinica psichiatrica nel Quanti sono i numeri trasfiniti? Abbiamo visto nel paragrafo 2 che se un insieme Ω ha n elementi, l insieme di tutti i suoi sottoinsiemi (compresi il vuoto ed Ω stesso) possiede 2 n elementi. Tale insieme si chiama insieme delle parti o insieme potenza di Ω e si denota P(Ω). Per insiemi infiniti si deduce che, ad esempio, se Ω è numerabile, allora P(ω) avrà 2 ℵ 0 elementi, che sono molti piú di quelli di Ω! Fu ancora Cantor a dimostrare che, tanto per Ω finito quanto per Ω infinito, P(Ω) non mai equipotente ad Ω; quindi l operazione di formare l insieme delle parti genera una catena senza fine di insiemi infiniti crescenti e non equipotenti. Dunque i numeri trasfiniti sono una quantità infinita. Ipotesi del continuo. Si puó facilmente dimostrare che, se Ω = N, P(N) è equipotente ad R, dunque possiede la cardinalità del continuo. Si puó dimostrare inoltre che ogni sottoinsieme infinito di R che non ha la potenza del numerabile ha la potenza del continuo. Dopo aver provato tali affermazioni, Cantor si domandó: esiste un insieme infinito la cui potenza è compresa tra ℵ 0 ed ℵ 1? Egli non riuscí a costruire un insieme con tali caratteristiche, e formuló dunque la seguente ipotesi:

19 6 CONTARE GLI INFINITI tra ℵ 0 ed ℵ 1 non esistono altri numeri trasfiniti intermedi. A questa ipotesi di Cantor, risalente al 1874, fu dato il nome di ipotesi del continuo. Ad oggi, l ipotesi del continuo non è ancora stata dimostrata; recentemente (1940) Kurt Gödel ha dimostrato che tale ipotesi è coerente con la teoria degli insiemi che noi conosciamo; nel 1963 Paul Cohen ha invece dimostrato che anche la negazione dell ipotesi del continuo è coerente con la stessa teoria (piú precisamente: sia l ipotesi che la sua negazione sono coerenti con gli altri altri assiomi della teoria degli insiemi di Zermelo - Fraenkel). Il risultato finale è che l ipotesi del continuo non è né dimostrabile, né rifiutabile.

20 CALCOLO DIFFERENZIALE Limiti Il calcolo infinitesimale è un corpo di conoscenze matematiche che studia il comportamento locale di una funzione tramite la nozione di limite. I suoi confini non sono nettamente definiti. Utilizzando la nozione di limite, il calcolo infinitesimale definisce e studia le nozioni di convergenza di una successione o di una serie, continuità, derivata e integrale. Il calcolo infinitesimale è alla base dell analisi matematica ed è uno strumento usato in quasi tutti i campi della matematica e della fisica e della scienza in generale. Noi vogliamo qui parlare brevemente del calcolo differenziale, un settore del calcolo infinitesimale particolarmente ricco di applicazioni. Per proseguire nella lettura di questo fascicolo è necessario perciò che il lettore conosca la teoria dei limiti ed i principali teoremi sulle funzioni continue, cui qui si farà spesso riferimento. Purtroppo, una trattazione esaustiva della teoria dei limiti renderebbe troppo pesante la lettura di questo fascicolo, che vuole solamente dare un idea di come il calcolo differenziale si possa applicare allo studio dei massimi e minini di una funzione. In questa introduzione diamo solamente la definizione di limite al finito e di funzione continua in un punto, che ci sembrano essenziali. Rimandiamo quindi a testi di scuola superiore o di Analisi matematica 1 per tutto quanto viene qui omesso. Limite al finito. Molte volte si ha a che fare con funzioni f(x) i cui valori risultano prossimi quanto si vuole ad un numero reale l (oppure a ± ) a patto di prendere x abbastanza vicino ad un punto x 0 nel quale la funzione non è necessariamente definita. Si pensi ad esempio alla funzione f(x) = sin x/x con x 0 = 0: calcolandone valori per x abbastanza vicino a 0 si ottengono valori prossimi quanto si vuole ad 1 (provare per credere). Limite finito al finito. Consideriamo una funzione f : A R, A R, e sia x 0 un punto di accumulazione di A, cioè un punto o che appartiene ad A, oppure che non appartiene ad A ma al quale ci si può avvicinare finchè si vuole sempre restando all interno dell insieme A. Si dice che f(x) ha limite l R per x x 0 e si scrive lim x x 0 f(x) = l se per ogni ε > 0 esiste δ > 0 tale che x A, 0 < x x 0 < δ f(x) l < ε. 1

ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 7. DERIVATE. A. A. 2014-2015 L. Doretti

ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 7. DERIVATE. A. A. 2014-2015 L. Doretti ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 7. DERIVATE A. A. 2014-2015 L. Doretti 1 Il concetto di derivata di una funzione è uno dei più importanti e fecondi di tutta la matematica sia per

Dettagli

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE Sia I un intervallo di R e siano a = inf(i) R { } e b = sup(i) R {+ }; i punti di I diversi dagli estremi a e b, ( e quindi appartenenti all intervallo aperto

Dettagli

Funzioni. Lorenzo Pareschi. Dipartimento di Matematica & Facoltá di Architettura Universitá di Ferrara

Funzioni. Lorenzo Pareschi. Dipartimento di Matematica & Facoltá di Architettura Universitá di Ferrara Funzioni Lorenzo Pareschi Dipartimento di Matematica & Facoltá di Architettura Universitá di Ferrara http://utenti.unife.it/lorenzo.pareschi/ lorenzo.pareschi@unife.it Lorenzo Pareschi (Univ. Ferrara)

Dettagli

Dispense di Matematica Analisi Matematica. Riccarda Rossi

Dispense di Matematica Analisi Matematica. Riccarda Rossi Dispense di Matematica Analisi Matematica Riccarda Rossi Corso di Laurea in Disegno Industriale Università degli Studi di Brescia Anno Accademico 2009/2010 2 Capitolo 1 Nozioni preliminari 4 Riccarda Rossi

Dettagli

Le derivate versione 4

Le derivate versione 4 Le derivate versione 4 Roberto Boggiani 2 luglio 2003 Riciami di geometria analitica Dalla geometria analitica sulla retta sappiamo ce dati due punti del piano A(x, y ) e B(x 2, y 2 ) con x x 2 la retta

Dettagli

Esercizi di Analisi Matematica I

Esercizi di Analisi Matematica I Esercizi di Analisi Matematica I Andrea Corli e Alessia Ascanelli gennaio 9 Indice Introduzione iii Nozioni preliminari. Fattoriali e binomiali..................................... Progressioni..........................................

Dettagli

Svolgimento di alcuni esercizi del libro Matematica di Angelo Guerraggio

Svolgimento di alcuni esercizi del libro Matematica di Angelo Guerraggio Svolgimento di alcuni esercizi del libro Matematica di Angelo Guerraggio. Funzioni e insiemi numerici.4 Verificare che (A B) (A B) = (A A ) B. ) Sia (a, b) (A B) (A B). Allora a (A A ) e b B, da cui (a,

Dettagli

Corso di Analisi Matematica. Funzioni reali di variabile reale

Corso di Analisi Matematica. Funzioni reali di variabile reale a.a. 2011/12 Laurea triennale in Informatica Corso di Analisi Matematica Funzioni reali di variabile reale Avvertenza Questi sono appunti informali delle lezioni, che vengono resi disponibili per comodità

Dettagli

Programma di Matematica

Programma di Matematica Programma di Matematica Modulo 1. Topologia in R 2. Funzioni in R 3. Limite e continuità di una funzione Unità didattiche Struttura algebrica di R Insiemi reali limitati e illimitati Intorno di un punto

Dettagli

CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi risolti

CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi risolti CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi risolti. Determinare kπ/ [cos] al variare di k in Z. Ove tale ite non esista, discutere l esistenza dei iti laterali. Identificare i punti di discontinuità della funzione

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

Applicazioni del calcolo differenziale allo studio delle funzioni

Applicazioni del calcolo differenziale allo studio delle funzioni Capitolo 9 9.1 Crescenza e decrescenza in piccolo; massimi e minimi relativi Sia y = f(x) una funzione definita nell intervallo A; su di essa non facciamo, per ora, alcuna particolare ipotesi (né di continuità,

Dettagli

Osservazione 2 L elemento di arrivo ( output) deve essere unico corrispondenza univoca da A e B. f : A B

Osservazione 2 L elemento di arrivo ( output) deve essere unico corrispondenza univoca da A e B. f : A B FUNZIONI Definizione 1 Dati due insiemi A e B, si chiama funzione da A a B una legge che ad ogni elemento di A associa un (solo) elemento di B. L insieme A si chiama dominio della funzione e l insieme

Dettagli

Funzione reale di variabile reale

Funzione reale di variabile reale Funzione reale di variabile reale Siano A e B due sottoinsiemi non vuoti di. Si chiama funzione reale di variabile reale, di A in B, una qualsiasi legge che faccia corrispondere, a ogni elemento A x A

Dettagli

ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI

ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI 1. CONFRONTO DI CARDINALITÀ E chiaro a tutti che esistono insiemi finiti cioè con un numero finito di elementi) ed insiemi infiniti. E anche chiaro che ogni insieme infinito

Dettagli

Coordinate Cartesiane nel Piano

Coordinate Cartesiane nel Piano Coordinate Cartesiane nel Piano O = (0,0) origine degli assi ascissa, y ordinata sistemi monometrici: stessa unità di misura sui due assi, y sistemi dimetrici: unità di misura diverse sui due assi (spesso

Dettagli

CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi proposti. 1. Determinare lim M(sinx) (M(t) denota la mantissa di t)

CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi proposti. 1. Determinare lim M(sinx) (M(t) denota la mantissa di t) CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi proposti 1. Determinare lim M(sin) (M(t) denota la mantissa di t) kπ/ al variare di k in Z. Ove tale limite non esista, discutere l esistenza dei limiti laterali. Identificare

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (MB) PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo: LICEO SCIENTIFICO MATERIA: MATEMATICA ANNO SCOLASTICO: 2014-2015 PROF: MASSIMO BANFI

Dettagli

09 - Funzioni reali di due variabili reali

09 - Funzioni reali di due variabili reali Università degli Studi di Palermo Facoltà di Economia CdS Sviluppo Economico e Cooperazione Internazionale Appunti del corso di Matematica 09 - Funzioni reali di due variabili reali Anno Accademico 2013/2014

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Civile Analisi Matematica I

Corso di Laurea in Ingegneria Civile Analisi Matematica I Corso di Laurea in Ingegneria Civile Analisi Matematica I Lezioni A.A. 2003/2004, prof. G. Stefani primo semiperiodo 22/9/03-8/11/03 Testo consigliato: Robert A. Adams - Calcolo differenziale 1 - Casa

Dettagli

Funzioni. Capitolo 6. 6.1 Concetto di funzione e definizioni preliminari

Funzioni. Capitolo 6. 6.1 Concetto di funzione e definizioni preliminari Capitolo 6 Funzioni 6. Concetto di funzione e definizioni preliminari Definizione 6. Dati due insiemi non vuoti D e C, si dice applicazione o funzione una qualsiasi legge (relazione) che associa ad ogni

Dettagli

Politecnico di Milano Corso di Analisi e Geometria 1. Federico Lastaria federico.lastaria@polimi.it

Politecnico di Milano Corso di Analisi e Geometria 1. Federico Lastaria federico.lastaria@polimi.it Politecnico di Milano Corso di Analisi e Geometria 1 Federico Lastaria federico.lastaria@poi.it Primi teoremi di caclolo differenziale Ottobre 2010. Indice 1 Funzioni derivabili su un intervallo 1 1.1

Dettagli

Calcolo differenziale Test di autovalutazione

Calcolo differenziale Test di autovalutazione Test di autovalutazione 1. Sia f : R R iniettiva, derivabile e tale che f(1) = 3, f (1) = 2, f (3) = 5. Allora (a) (f 1 ) (3) = 1 5 (b) (f 1 ) (3) = 1 2 (c) (f 1 ) (1) = 1 2 (d) (f 1 ) (1) = 1 3 2. Sia

Dettagli

0 ) = lim. derivata destra di f in x 0. Analogamente, diremo che la funzione f è derivabile da sinistra in x 0 se esiste finito il limite

0 ) = lim. derivata destra di f in x 0. Analogamente, diremo che la funzione f è derivabile da sinistra in x 0 se esiste finito il limite Questo breve file è dedicato alle questioni di derivabilità di funzioni reali di variabile reale. Particolare attenzione viene posta alla classificazione dei punti di non derivabilità delle funzioni definite

Dettagli

ESERCITAZIONI DI ANALISI 1 FOGLIO 1 FOGLIO 2 FOGLIO 3 FOGLIO 4 FOGLIO 5 FOGLIO 6 FOGLIO 7 SVOLTI. Marco Pezzulla

ESERCITAZIONI DI ANALISI 1 FOGLIO 1 FOGLIO 2 FOGLIO 3 FOGLIO 4 FOGLIO 5 FOGLIO 6 FOGLIO 7 SVOLTI. Marco Pezzulla ESERCITAZIONI DI ANALISI FOGLIO FOGLIO FOGLIO 3 FOGLIO 4 FOGLIO 5 FOGLIO 6 FOGLIO 7 SVOLTI Marco Pezzulla gennaio 05 FOGLIO. Determinare il dominio e il segno della funzione ( ) f(x) arccos x x + π/3.

Dettagli

Continuità e derivabilità

Continuità e derivabilità Continuità e derivabilità Indicazioni operative Versione del 17 febbraio 2007 In questa nota propongo alcune indicazioni operative per controllare la continuità e derivabilità di funzioni elementari, o

Dettagli

b) Il luogo degli estremanti in forma cartesiana è:

b) Il luogo degli estremanti in forma cartesiana è: Soluzione della simulazione di prova del 9/5/ PROBLEMA È data la funzione di equazione: k f( ). a) Determinare i valori di k per cui la funzione ammette punti di massimo e minimo relativi. b) Scrivere

Dettagli

EQUAZIONI non LINEARI

EQUAZIONI non LINEARI EQUAZIONI non LINEARI Francesca Pelosi Dipartimento di Matematica, Università di Roma Tor Vergata CALCOLO NUMERICO e PROGRAMMAZIONE http://www.mat.uniroma2.it/ pelosi/ EQUAZIONI non LINEARI p.1/44 EQUAZIONI

Dettagli

RDefinizione (Funzione) . y. . x CAPITOLO 2

RDefinizione (Funzione) . y. . x CAPITOLO 2 CAPITOLO 2 Funzioni reali di variabile reale Nel capitolo precedente è stata introdotta la nozione generale di funzione f : A B, con A e B insiemi arbitrari. Nel presente capitolo si analizzeranno più

Dettagli

6) f(x, y) = xy 1 log(5 2x 2y) x + y. 2x x 2 y 2 z 2 x 2 + y 2 + z 2 x Esercizio 2. Studiare gli insiemi di livello delle seguenti funzioni:

6) f(x, y) = xy 1 log(5 2x 2y) x + y. 2x x 2 y 2 z 2 x 2 + y 2 + z 2 x Esercizio 2. Studiare gli insiemi di livello delle seguenti funzioni: FUNZIONI IN PIÙ VARIABILI 1. Esercizi Esercizio 1. Determinare il dominio delle seguenti funzioni, specificando se si tratta di un insieme aperto o chiuso: 1) f(x, ) = log(x x ) ) f(x, ) = x + 3) f(x,

Dettagli

Lezione 8. 8 Ottobre 2014 2 ore (La derivata, la tangente, calcolo delle derivate, massimi e minimi.)

Lezione 8. 8 Ottobre 2014 2 ore (La derivata, la tangente, calcolo delle derivate, massimi e minimi.) Laurea in Scienze e Tecnologie Biomolecolari, anno accademico 2014/15 Corso di Matematica e Statistica I Lezione 8. 8 Ottobre 2014 2 ore (La derivata, la tangente, calcolo delle derivate, massimi e minimi.)

Dettagli

Note di matematica per microeconomia

Note di matematica per microeconomia Note di matematica per microeconomia Luigi Balletta Funzioni di una variabile (richiami) Una funzione di variabile reale ha come insieme di partenza un sottoinsieme di R e come insieme di arrivo un sottoinsieme

Dettagli

SIMULAZIONE TEST ESAME - 1

SIMULAZIONE TEST ESAME - 1 SIMULAZIONE TEST ESAME - 1 1. Il dominio della funzione f(x) = log (x2 + 1)(4 x 2 ) (x 2 2x + 1) è: (a) ( 2, 2) (b) ( 2, 1) (1, 2) (c) (, 2) (2, + ) (d) [ 2, 1) (1, 2] (e) R \{1} 2. La funzione f : R R

Dettagli

LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO

LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO APPUNTI PER IL CORSO DI ANALISI MATEMATICA I G. MAUCERI Indice 1. Introduzione 1 2. La funzione esponenziale 2 3. Il numero e di Nepero 9 4. L irrazionalità di e

Dettagli

Alcune note sulle serie di potenze 1

Alcune note sulle serie di potenze 1 Alcune note sulle serie di potenze Contents G. Falqui Preliminari 2 Serie di potenze 3 3 Rappresentazione di funzioni mediante serie di potenze 7 3. Esempi notevoli........................... 9 3.2 Formula

Dettagli

Funzioni reali di più variabili reali

Funzioni reali di più variabili reali Funzioni reali di più variabili reali Generalità. Indichiamo con R n il prodotto cartesiano di R per sé stesso, n volte: R n = {(, 2,, n ) ;! R,, n!r}. Quando n = 2 oppure n = 3 indicheremo le coordinate

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ODINAMENTO 2011. Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti scelti nel questionario 1.

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ODINAMENTO 2011. Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti scelti nel questionario 1. ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ODINAMENTO 11 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 1 quesiti scelti nel questionario 1. PROBLEMA 1 Si considerino le funzioni f e g definite, per

Dettagli

Generalità sulle funzioni

Generalità sulle funzioni Capitolo Concetto di funzione Generalità sulle funzioni Definizione di funzione Definizione Dato un sottoinsieme non vuoto D di R, si chiama funzione reale di variabile reale, una relazione che ad ogni

Dettagli

1 Grafico di una funzione reale 1. 2 Funzioni elementari 2 2.1 Funzione potenza... 2 2.2 Funzione esponenziale... 3 2.3 Funzione logaritmica...

1 Grafico di una funzione reale 1. 2 Funzioni elementari 2 2.1 Funzione potenza... 2 2.2 Funzione esponenziale... 3 2.3 Funzione logaritmica... UNIVR Facoltà di Economia Sede di Vicenza Corso di Matematica Funzioni reali di variabile reale Indice Grafico di una funzione reale 2 Funzioni elementari 2 2. Funzione potenza................................................

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

Cos è una funzione? (x,y) Є f o y=f(x)

Cos è una funzione? (x,y) Є f o y=f(x) Cos è una funzione? Dati gli insiemi X e Y non vuoti, si chiama funzione da in una relazione f tale che per ogni x Є X esiste uno ed un solo elemento y Є Y tale che (x,y) Є f. Data la funzione f:x->r,

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

Geometria analitica di base (prima parte)

Geometria analitica di base (prima parte) SAPERE Al termine di questo capitolo, avrai appreso: come fissare un sistema di riferimento cartesiano ortogonale il significato di equazione di una retta il significato di coefficiente angolare di una

Dettagli

Quesiti di Analisi Matematica A

Quesiti di Analisi Matematica A Quesiti di Analisi Matematica A Presentiamo una raccolta di quesiti per la preparazione alla prova orale del modulo di Analisi Matematica A. Per una buona preparazione é consigliabile rispondere ad alta

Dettagli

Elementi di topologia della retta

Elementi di topologia della retta Elementi di topologia della retta nome insieme definizione l insieme è un concetto primitivo che si accetta come intuitivamente noto secondo George Cantor, il padre della teoria degli insiemi: Per insieme

Dettagli

Strumenti matematici SOMMARIO. A.1. Alcuni concetti fondamentali A.2. Relazioni lineari A.3. Relazioni non lineari A.4. Integrali A.5.

Strumenti matematici SOMMARIO. A.1. Alcuni concetti fondamentali A.2. Relazioni lineari A.3. Relazioni non lineari A.4. Integrali A.5. A Strumenti matematici SOMMARIO A.1. Alcuni concetti fondamentali A.2. Relazioni lineari A.3. Relazioni non lineari A.4. Integrali A.5. Esercizi A2 Appendice A. Strumenti matematici c 978-88-08-17530-4

Dettagli

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Archimede ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. Sia ABCD un quadrato di

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

Studio del grafico di una funzione reale

Studio del grafico di una funzione reale Capitolo 1 Studio del grafico di una funzione reale Questo testo è una guida per lo studio del grafico di una funzione. Non è un testo completo ma solo una bozza che servirà agli studenti per arrivare

Dettagli

2 FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE

2 FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE 2 FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE 2.1 CONCETTO DI FUNZIONE Definizione 2.1 Siano A e B due insiemi. Una funzione (o applicazione) f con dominio A a valori in B è una legge che associa ad ogni elemento

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

Liceo scientifico Albert Einstein. Anno scolastico 2009-2010. Classe V H. Lavoro svolto dalla prof.ssa Irene Galbiati. Materia: MATEMATICA

Liceo scientifico Albert Einstein. Anno scolastico 2009-2010. Classe V H. Lavoro svolto dalla prof.ssa Irene Galbiati. Materia: MATEMATICA Liceo scientifico Albert Einstein Anno scolastico 2009-2010 Classe V H Lavoro svolto dalla prof.ssa Irene Galbiati Materia: MATEMATICA PROGRAMMA DI MATEMATICA CLASSE V H Contenuti Ripasso dei prerequisiti

Dettagli

I quesiti dal 2008 al 2012 a cura di Daniela Valenti

I quesiti dal 2008 al 2012 a cura di Daniela Valenti I quesiti dal 2008 al 2012 a cura di Daniela Valenti Geometria del piano e dello spazio, trigonometria [2008, ORD] Si consideri la seguente proposizione: Se due solidi hanno uguale volume, allora, tagliati

Dettagli

Dipartimento di Scienze Biomediche, Sperimentali e Cliniche «Mario Serio»

Dipartimento di Scienze Biomediche, Sperimentali e Cliniche «Mario Serio» PRECORSO 2014 Problemi di Matematica Giovanni Romano Dipartimento di Scienze Biomediche, Sperimentali e Cliniche «Mario Serio» PRECORSO 2014: ciclo formativo di orientamento alle prove di ammissione ai

Dettagli

Corso PAS Anno 2014. ESEMPIO. Per n = 3, Z 3 contiene 3 elementi:

Corso PAS Anno 2014. ESEMPIO. Per n = 3, Z 3 contiene 3 elementi: Corso PAS Anno 2014 Matematica e didattica 3 Correzione esercizi 1. Definizione. Sia n un fissato intero maggiore di 1. Dati due interi a, b si dice che a è congruo a b modulo n, e si scrive a b (mod n),

Dettagli

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014 Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 14 Problema 1 Punto a) Osserviamo che g (x) = f(x) e pertanto g () = f() = in quanto Γ è tangente all asse delle ascisse,

Dettagli

Le derivate 1. Introduzione

Le derivate 1. Introduzione 1. Introduzione I due fondamentali capitoli dell Analisi Matematica sono il calcolo differenziale e il calcolo integrale. Il calcolo differenziale nacque nel XVII secolo ad opera di Newton e Leibnitz.

Dettagli

Pre Test 2008... Matematica

Pre Test 2008... Matematica Pre Test 2008... Matematica INSIEMI NUMERICI Gli insiemi numerici (di numeri) sono: numeri naturali N: insieme dei numeri interi e positivi {1; 2; 3; 4;...} numeri interi relativi Z: insieme dei numeri

Dettagli

CONCETTO DI LIMITE DI UNA FUNZIONE REALE

CONCETTO DI LIMITE DI UNA FUNZIONE REALE CONCETTO DI LIMITE DI UNA FUNZIONE REALE Il limite di una funzione è uno dei concetti fondamentali dell'analisi matematica. Tramite questo concetto viene formalizzata la nozione di funzione continua e

Dettagli

Se ad ogni elemento di A la relazione R associa un solo elemento di B, allora essa prende il nome di applicazione (funzione) di A in B.

Se ad ogni elemento di A la relazione R associa un solo elemento di B, allora essa prende il nome di applicazione (funzione) di A in B. 6. APPLICAZIONI o FUNZIONI Dati due insiemi A e B, sia R A B una relazione di A in B. Fissato un elemento x A può capitare che ad esso la relazione R associ un solo elemento di B, o che ne associ più di

Dettagli

G. Pareschi GENERALITÀ SULLE FUNZIONI. CARDINALITÀ

G. Pareschi GENERALITÀ SULLE FUNZIONI. CARDINALITÀ G. Pareschi GENERALITÀ SULLE FUNZIONI. CARDINALITÀ 1. Definizione di funzione Definizione 1.1. Siano X e Y due insiemi. Una funzione f da X a Y è un sottoinsieme del prodotto cartesiano: f X Y, tale che

Dettagli

4. Funzioni elementari algebriche

4. Funzioni elementari algebriche ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 4. Funzioni elementari algebriche A. A. 2013-2014 1 Funzioni elementari Sono dette elementari un insieme di funzioni dalle quali si ottengono, mediante

Dettagli

3. Sia g(x) = 4. Si calcoli l area del triangolo mistilineo ROS, ove l arco RS appartiene al grafico di f(x) o, indifferentemente, di g(x).

3. Sia g(x) = 4. Si calcoli l area del triangolo mistilineo ROS, ove l arco RS appartiene al grafico di f(x) o, indifferentemente, di g(x). Esame liceo Scientifico : ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMI Problema. Sia ABCD un quadrato di lato, P un punto di AB e γ la circonferenza

Dettagli

Corso di Analisi Matematica. Funzioni continue

Corso di Analisi Matematica. Funzioni continue a.a. 203/204 Laurea triennale in Informatica Corso di Analisi Matematica Funzioni continue Avvertenza Questi sono appunti informali delle lezioni, che vengono resi disponibili per comodità degli studenti.

Dettagli

Capitolo I STRUTTURE ALGEBRICHE ELEMENTARI

Capitolo I STRUTTURE ALGEBRICHE ELEMENTARI Capitolo I STRUTTURE ALGEBRICHE ELEMENTARI In matematica, per semplificare la stesura di un testo, si fa ricorso ad un linguaggio specifico. In questo capitolo vengono fornite in maniera sintetica le nozioni

Dettagli

PROBLEMI TRADIZIONALI SIMULAZIONE DELLA PROVA DI MATEMATICA

PROBLEMI TRADIZIONALI SIMULAZIONE DELLA PROVA DI MATEMATICA Simulazione 01/15 ANNO SCOLASTICO 01/15 PROBLEMI TRADIZIONALI SIMULAZIONE DELLA PROVA DI MATEMATICA DELL ESAME DI STATO PER IL LICEO SCIENTIFICO Il candidato risolva uno dei due problemi Problema 1 Nella

Dettagli

CLASSE terza SEZIONE E A.S. 2014-15 PROGRAMMA SVOLTO

CLASSE terza SEZIONE E A.S. 2014-15 PROGRAMMA SVOLTO CLASSE terza SEZIONE E A.S. 2014-15 L insieme dei numeri razionali. Equazioni e disequazioni di primo grado Sistemi di equazioni e disequazioni di primo grado.. IL PIANO CARTESIANO Il piano cartesiano.

Dettagli

1 Limiti e continuità per funzioni di una variabile

1 Limiti e continuità per funzioni di una variabile 1 Limiti e continuità per funzioni di una variabile Considerazioni introduttive Consideriamo la funzione f() = sin il cui dominio naturale è

Dettagli

FUNZIONI ELEMENTARI - ESERCIZI SVOLTI

FUNZIONI ELEMENTARI - ESERCIZI SVOLTI FUNZIONI ELEMENTARI - ESERCIZI SVOLTI 1) Determinare il dominio delle seguenti funzioni di variabile reale: (a) f(x) = x 4 (c) f(x) = 4 x x + (b) f(x) = log( x + x) (d) f(x) = 1 4 x 5 x + 6 ) Data la funzione

Dettagli

Esercitazione del 16-11-11 Analisi I

Esercitazione del 16-11-11 Analisi I Esercitazione del 6-- Analisi I Dott.ssa Silvia Saoncella silvia.saoncella 3[at]studenti.univr.it a.a. 00-0 Esercizio. Determinare se la funzione f() è continua nel suo dominio sin se 0 f() = 0 se = 0

Dettagli

DUE PROPOSTE ANALISI MATEMATICA. Lorenzo Orio

DUE PROPOSTE ANALISI MATEMATICA. Lorenzo Orio DUE PROPOSTE DI ANALISI MATEMATICA Lorenzo Orio Introduzione Il lavoro propone argomenti di analisi matematica trattati in maniera tale da privilegiare l intuizione e con accorgimenti nuovi. Il tratta

Dettagli

STRUTTURE ALGEBRICHE

STRUTTURE ALGEBRICHE STRUTTURE ALGEBRICHE Operazioni in un insieme Sia A un insieme non vuoto; una funzione f : A A A si dice operazione binaria (o semplicemente operazione), oppure legge di composizione interna. Per definizione

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

Prof. Gabriele Vezzosi... Settore Inquadramento MAT03...

Prof. Gabriele Vezzosi... Settore Inquadramento MAT03... UNIVERSITÀ DEGLI STUDI Registro dell insegnamento Anno Accademico 2014/2015 Facoltà Ingegneria....................................... Insegnamento Matematica................................ Settore Mat03............................................

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

Indicando con x i minuti di conversazione effettuati in un mese, con la spesa totale nel mese e con il costo medio al minuto:

Indicando con x i minuti di conversazione effettuati in un mese, con la spesa totale nel mese e con il costo medio al minuto: PROBLEMA 1. Il piano tariffario proposto da un operatore telefonico prevede, per le telefonate all estero, un canone fisso di 10 euro al mese, più 10 centesimi per ogni minuto di conversazione. Indicando

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :MATEMATICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :MATEMATICA Istituto Istruzione Superiore A. Venturi Modena Liceo artistico - Istituto Professionale Grafica Via Rainusso, 66-41124 MODENA Sede di riferimento (Via de Servi, 21-41121 MODENA) tel. 059-222156 / 245330

Dettagli

FUNZIONI CONVESSE. + e x 0

FUNZIONI CONVESSE. + e x 0 FUNZIONI CONVESSE Sia I un intervallo aperto di R (limitato o illimitato) e sia f(x) una funzione definita in I. Dato x 0 I, la retta r passante per il punto P 0 (x 0, f(x 0 )) di equazione y = f(x 0 )

Dettagli

Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria Industriale. Corso di Analisi e Geometria 2. Sezione D-G. (Docente: Federico Lastaria).

Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria Industriale. Corso di Analisi e Geometria 2. Sezione D-G. (Docente: Federico Lastaria). Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria Industriale. Corso di Analisi e Geometria 2. Sezione D-G. (Docente: Federico Lastaria). Aprile 20 Indice Serie numeriche. Serie convergenti, divergenti, indeterminate.....................

Dettagli

Analisi Mat. 1 - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 23-3-06

Analisi Mat. 1 - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 23-3-06 Analisi Mat. - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 3-3-6 Sia p il polinomio di quarto grado definito da pz = z 4. Sia S il settore circolare formato dai numeri complessi che hanno modulo minore o

Dettagli

Docente: DI LISCIA F. CLASSE 1T MODULO 1: GLI INSIEMI NUMERICI

Docente: DI LISCIA F. CLASSE 1T MODULO 1: GLI INSIEMI NUMERICI Docente: DI LISCIA F. Materia: MATEMATICA CLASSE 1T MODULO 1: GLI INSIEMI NUMERICI Insiemi numerici: numeri naturali, proprietà delle operazioni aritmetiche; Potenze e loro proprietà; Criteri di divisibilità;

Dettagli

1. I limiti delle funzioni.

1. I limiti delle funzioni. 1. I iti delle funzioni. 1.1. Considerazioni introduttive. La nozione di ite di una funzione reale di variabile reale costituisce una naturale generalizzazione della nozione di ite di una successione.

Dettagli

Algebra e Geometria. Ingegneria Meccanica e dei Materiali Sez (2) Ingegneria dell Automazione Industriale Sez (2)

Algebra e Geometria. Ingegneria Meccanica e dei Materiali Sez (2) Ingegneria dell Automazione Industriale Sez (2) Algebra e Geometria Ingegneria Meccanica e dei Materiali Sez (2) Ingegneria dell Automazione Industriale Sez (2) Traccia delle lezioni che saranno svolte nell anno accademico 2012/13 I seguenti appunti

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2001 Sessione suppletiva

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2001 Sessione suppletiva ESME DI STT DI LICE SCIENTIFIC CRS DI RDINMENT 1 Sessione suppletiva Il candidato risolva uno dei due problemi e dei 1 quesiti in cui si articola il questionario. PRBLEM 1 Si consideri la funzione reale

Dettagli

I.I.S. "MARGHERITA DI SAVOIA" a.s. 20014-2015 LICEO LINGUISTICO classe I BL Programma di MATEMATICA

I.I.S. MARGHERITA DI SAVOIA a.s. 20014-2015 LICEO LINGUISTICO classe I BL Programma di MATEMATICA classe I BL Numeri naturali L insieme dei numeri naturali e le quattro operazioni aritmetiche. Le potenze. Espressioni. Divisibilità, numeri primi. M.C.D. e m.c.m. Numeri interi relativi L insieme dei

Dettagli

Matematica e Statistica

Matematica e Statistica Matematica e Statistica Prova d esame (0/07/03) Università di Verona - Laurea in Biotecnologie - A.A. 0/3 Matematica e Statistica Prova di MATEMATICA (0/07/03) Università di Verona - Laurea in Biotecnologie

Dettagli

Funzioni trascendenti

Funzioni trascendenti Funzioni trascendenti Lucia Perissinotto I.T.I.S. V.Volterra San Donà di Piave Beatrice Hitthaler I.T.I.S. V.Volterra San Donà di Piave 17 novembre 007 Sommario Esponiamo la teoria fondamentale delle funzioni

Dettagli

La geometria analitica in breve III

La geometria analitica in breve III 2008/ 2009 La geometria analitica in breve III Di Giacomo Bergami Funzioni, Limiti, Integrali e Derivate. Giacomo Bergami 2008/2009 Attenzione: L autore non si assume nessuna responsabilità dell uso che

Dettagli

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE 1 DIPENDENZA E INDIPENDENZA LINEARE Se ho alcuni vettori v 1, v 2,, v n in uno spazio vettoriale V, il sottospazio 1 W = v 1,, v n di V da loro generato è

Dettagli

Una ricetta per il calcolo dell asintoto obliquo. Se f(x) è asintotica a mx+q allora abbiamo f(x) mx q = o(1), da cui (dividendo per x) + o(1), m =

Una ricetta per il calcolo dell asintoto obliquo. Se f(x) è asintotica a mx+q allora abbiamo f(x) mx q = o(1), da cui (dividendo per x) + o(1), m = Una ricetta per il calcolo dell asintoto obliquo Se f() è asintotica a m+q allora abbiamo f() m q = o(1), da cui (dividendo per ) m = f() q + 1 f() o(1) = + o(1), mentre q = f() m = o(1). Dunque si ha

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione suppletiva

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione suppletiva ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 00 Sessione suppletiva Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 0 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA Se il polinomio

Dettagli

1 Insiemi in R n 1 1.1 Simmetrie degli insiemi... 5

1 Insiemi in R n 1 1.1 Simmetrie degli insiemi... 5 UNIVR Facoltà di Economia Sede di Vicenza Corso di Matematica Funzioni reali di più variabili Indice Insiemi in R n. Simmetrie degli insiemi............................................ 5 2 Funzioni da

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO - CLASSE PRIMA sez. R - ITT. ALGAROTTI - A.S. 2014/15. Insegnante: Roberto Bottazzo Materia: FISICA

PROGRAMMA SVOLTO - CLASSE PRIMA sez. R - ITT. ALGAROTTI - A.S. 2014/15. Insegnante: Roberto Bottazzo Materia: FISICA PROGRAMMA SVOLTO - CLASSE PRIMA sez. R - ITT. ALGAROTTI - A.S. 2014/15 Materia: FISICA 1) INTRODUZIONE ALLA SCIENZA E AL METODO SCIENTIFICO La Scienza moderna. Galileo ed il metodo sperimentale. Grandezze

Dettagli

LA FUNZIONE INTEGRALE

LA FUNZIONE INTEGRALE LA FUNZIONE INTEGRALE MAGLIOCURIOSO & CAMILLO magliocurioso@hotmail.it Sommario. In questa breve dispensa ho semplicementrascritto in L A TEX il contenuto di questa discussione: http://www.matematicamente.it/forum/

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE I.T.C. GEOMETRI L. EINAUDI - MURAVERA - CLASSE 4A AFM

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE I.T.C. GEOMETRI L. EINAUDI - MURAVERA - CLASSE 4A AFM ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE I.T.C. GEOMETRI L. EINAUDI - MURAVERA - CLASSE 4A AFM MATEMATICA DOCENTI Marina Pilia Enrico Sedda PROGRAMMA A.S. 2014/2015 PROGRAMMA DI MATEMATICA CLASSE 4A AFM ANNO SCOLASTICO

Dettagli

Appunti di Analisi Matematica 1. Docente: Klaus Engel. Università degli Studi dell Aquila Facoltà di Ingegneria A.A. 2011/12

Appunti di Analisi Matematica 1. Docente: Klaus Engel. Università degli Studi dell Aquila Facoltà di Ingegneria A.A. 2011/12 Appunti di Analisi Matematica Docente: Klaus Engel Università degli Studi dell Aquila Facoltà di Ingegneria A.A. / http://univaq.it/~engel ( = %7E) (Versione del 4 dicembre ) Note scritte in collaborazione

Dettagli

Appunti sulle disequazioni

Appunti sulle disequazioni Premessa Istituto d Istruzione Superiore A. Tilgher Ercolano (Na) Appunti sulle disequazioni Questa breve trattazione non vuole costituire una guida completa ed esauriente sull argomento, ma vuole fornire

Dettagli

Numeri reali. Funzioni e loro grafici

Numeri reali. Funzioni e loro grafici Argomento Numeri reali. Funzioni e loro grafici Parte B - Funzioni e loro grafici Funzioni reali di variabile reale Definizioni. Supponiamo che A sia un sottoinsieme di R e che esista una legge che ad

Dettagli

Richiami su alcuni concetti di base

Richiami su alcuni concetti di base PARTE I FUNZIONI DI UNA VARIABILE Capitolo Richiami su alcuni concetti di base Questo capitolo preliminare contiene una sintesi estremamente succinta delle principali nozioni e dei simboli matematici che

Dettagli