Target terapeutici:linee guida, utilizzo delle insuline, dalla terapia basale alla terapia intensificata

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Target terapeutici:linee guida, utilizzo delle insuline, dalla terapia basale alla terapia intensificata"

Transcript

1 Target terapeutici:linee guida, utilizzo delle insuline, dalla terapia basale alla terapia intensificata Alessandra De Bellis Sezione di Diabetologia Ospedale di Pistoia Il trattamento insulinico nel paziente diabetico Pistoia, 13 dicembre 2008

2 Glucose (mmol/l) DM2 una malattia progressiva La storia naturale del DM Obesity IFG/ IGT Diabetes Post-prandial glucose Uncontrolled hyperglycaemia Fasting glucose Relative function (%) Clinical diagnosis Insulin resistance Insulin secretion Years of diabetes Burger HG, et al Diabetes Mellitus, Carbohydrate Metabolism, and Lipid Disorders. In Endocrinology. 4 th ed. Edited by LJ DeGroot and JL Jameson. Philadelphia: W.B. Saunders Co., Originally published in Type 2 Diabetes BASICS. (International Diabetes Center, Minneapolis, 2000).

3 50% dei Diabetici Tipo II hanno complicanze già al momento della Diagnosi MICROVASCULAR Retinopathy, glaucoma or cataracts Nephropathy MACROVASCULAR Cerebrovascular disease Coronary heart disease Neuropathy Peripheral vascular disease UK Prospective Diabetes Study Group. UKPDS 33. Lancet 1998; 352:

4 La lezione dello UKPDS: controllo migliore, meno complicanze OGNI 1% di riduzione dell HbA1c RIDUZIONE DEL RISCHIO* Morte per diabete -21% Attacchi cardiaci -14% Complicanze microvascolari -37% 1% Malattia vascolare periferica -43% *p < UKPDS 35. BMJ 2000; 321:

5 Peggioramento della retinopatia, nefropatia ed indici di controllo glicemico HbA1c (%) Glicemia basale (mg/dl) Glicemia post-prandiale 2 ora (mg/dl) Velocità di peggioramento della retinopatia Velocità di peggioramento della nefropatia (per 100 pazienti-anno) Shichiri M, et al. Diabetes Care 2000: 23, B21-9.

6 UKPDS: aumento del rischio di complicanze legate al diabete rapportato ad un aumento 1%di HbA1c Percentage increase in relative risk corresponding to a 1% rise in HbA 1c Observational analysis from UKPDS study data ** 21% Any diabetesrelated endpoint ** 21% ** Diabetesrelated death 14% All cause mortality ** 14% Myocardial infarction * 12% Stroke ** 43% Peripheral vascular disease ** 37% Microvascular disease ** 19% Cataract extraction Lower extremity amputation or fatal peripheral vascular disease *P = 0.035; **P < Adapted from Stratton IM, et al. UKPDS 35. BMJ 2000; 321:

7 La maggior parte dei pazienti diabetici di tipo 2 in USA e in Europa non è in adeguato controllo glicemico Percentuale di soggetti % US 1 64% Percentuale di soggetti % EU 2 69% 0 < 7% 7% 0 6.5% >6.5% HbA 1c (%) HbA 1c (%) 1 Koro CE, et al. Diabetes Care 2004; 27: Liebl A. Diabetologia 2002; 45:S23 S28.

8

9 Contributo relativo dell iperglicemia a digiuno e post-prandiale al valore di HbA 1c nel DMT2 Mod. da Monnier L, Diabetes Care 2003;26 9

10 Inadeguato Controllo Glicemico Perche? Incapacita di seguire costantemente regime dietetico Compliance farmacologica limitata Fallimento della terapia orale Necessita di multipli farmaci Resistenza del paziente all uso di insulina Burn out del paziente e.. del medico

11 Obbiettivi di un trattamento IDEALE del diabete Prevenire il DM intervenendo sui soggetti a rischio Preservare la funzione pancreatica Controllare il peso, assetto lipidico e PA

12 Obbiettivi di un trattamento ideale del diabete Preservare la funzione pancreatica Potenziali meccanismi di riduzione della secrezione insulinica: riduzione della massa beta cellulare riduzione della secrezione di ciascuna beta cellula (glucotossicita, lipotossicita )

13 Insulin resistance and β-cell dysfunction adipose tissue increased lipolysis and release of free fatty acids elevated circulating free fatty acids lipotoxicity insulin resistance high insulin demand β-cell dysfunction muscle and adipose tissue reduced glucose uptake liver increased glucose output hyperglycaemia glucotoxicity type 2 diabetes Turner RC. Baill Clin End Met 1998; 2:

14 Factors that may drive the progressive decline of β-cell function Hyperglycaemia (glucose toxicity) Insulin Resistance β-cell Elevated FFA* (lipotoxicity) * FFA = free fatty acids Adapted from Kahn SE. J Clin Endocrinol Metab 2001; 86: Ludwig DS. JAMA 2002; 287:

15 The UKPDS demonstrated progressive decline of β-cell function over time 100 -cell function (%) β Start of treatment P < HOMA model, diet-treated n = Time from diagnosis (years) Adapted from Holman RR. Diabetes Res Clin Pract 1998; 40 (Suppl.):S21 S25.

16 Cosa dicono i trials clinici? Potenziali approcci per preservare la funzione beta cellulare e rallentare la progressione del DM2 - modifica dello stile di vita (DPS, DPP) - 58% riduzione RR - Farmaci glitazoni (Dream, Tripod, Pipod) % riduzione RR - Metformina (DPP) - 31% riduzione RR

17 Evidence for early intervention: reduced risk of cardiometabolic risk factors or CVD events? Lifestyle Non-thiazolidinediones Thiazolidinediones DPS Da Qing DPP FHSG DPP IDPP IDPP STOP- NIDDM Gliclazide Met Met Met + Acarbose lifestyle XENDOS Orlistat + lifestyle DPP TRIPOD Troglitazone DREAM 1 Rosiglitazone 0% 58%* 42%* 58% No increase in Incident hypertension 31% 26%* 28%* 25% Reduced rate of 37% Increase of IMT & 49% RR reduction composite CVD 75% 50% Reduced rate of Increase of IMT 62% Reduction in blood pressure

18 Interventi per preservare o ricostituire le beta cellule Terapia insulinica intensiva nei pazienti neodiagnosticati Farmaci anti apoptotici: glitazoni incretinomimetici inibitori di DPP-IV

19 Obbiettivi di un trattamento IDEALE del diabete Controllare il peso, assetto lipidico e PA

20 Definire gli obiettivi glicemici nel DMT2 Controllo glicemico sani ADA 1 AACE 2/ IDF SID/AMD 3 HbA 1c (%) <6 < Glicemia a digiuno media (mg/dl) Glicemia postprandiale media(mg/dl) (<100) (90 130) (<110) (80-120) (<140) (<180) (<140) (<160) *1 2 ore post-prandiale; **2 ore post-prandiale. FPG=fasting plasma glucose 1. American Diabetes Association. Diabetes Care 2005;28(suppl 1):S American Association of Clinical Endocrinologists. Endocr Pract 2002;8(suppl 1): Linee guida italiane SID-AMD-SIMG 2000

21 Raggiungere i targets terapeutici Decremento HbA1c (%) Metformina 1.5 TZDs Sulfaniluree 1.5 Glinidi Inibitori alfa-glucosidasi Analoghi del GLP-1 1 Inibitori DPP-IV Insulina

22 2006 Consensus statement congiunto ADA EASD

23 Indicazioni classiche all uso dell insulina in DM2 1.Diabete scompensato 2. Insufficienza renale 3.Insufficienza epatica 4.Interventi chirurgici (5. Fallimento della terapia orale)

24 INTENSIVE INSULIN THERAPHY IN CRITICALLY ILL PATIENTS van den Berghe G, Wouters P, Weekers F, Verwaest C, Bruyninckx F, Schetz M, Vlasselaers D, Ferdinande P, Lauwers P, Bouillon R. Department of Intensive Care Medicine, Catholic University of Leuven,, Belgium. be N Engl J Med 2001 Nov 8;345(19):

25 Cumulative survival of patients who received intensive insulin treatment or conventional treatment in the Intensive Care Unit (ICU) 4.6% -42% -34% 8.0% Van den Berghe,, N Engl J Med;2001

26 L iperglicemia è un reperto frequente nei pazienti ricoverati in ospedale. L iperglicemia è un importante marker di outcome clinico e mortalità intraospedaliera, sia nei pazienti diabetici che nei non- diabetici. Esistono indiscutibili evidenze che legano l iperglicemia con una peggiore prognosi nei pazienti ospedalizzati (soprattutto con IMA e ictus).

27

28

29 Iniziare la terapia insulinica in DM2 OSTACOLI SOLUZIONI Paura della Puntura Paura della irreversibilita della terapia insulinica Ipoglicemia Aumento di peso Rischio CV Utilizzo aghi sottili da penna Automonitoraggio,uso di analoghi,aggiustamenti terapeutici Aumentare attivita fisica, controllo alimentazione Associazione con insulinosensibilizzanti

30 Contributo relativo dell iperglicemia a digiuno e post-prandiale al valore di HbA 1c nel DMT2 Mod. da Monnier L, Diabetes Care 2003;26 30

31 La necessità di terapia insulinica basale nel DMT2 Il DMT2 è una malattia progressiva 1 L insulina potrebbe essere necessaria nel tempo per raggiungere e mantenere gli obiettivi glicemici 2 Un primo passo è quello di trattare l iperglicemia a digiuno aggiungendo l insulina basale agli ipoglicemizzanti orali per migliorare il controllo glicemico3(es.associazione insulina a metformino otzd) 1. UKPDS Group. Diabetes 1995;44: Wright A, et al. Diabetes Care 2002;25: Hirsch I, et al. Clin Diabetes 2005;23:78 86.

32 1 passo:l aggiunta di Insulina glargine monosomministrazione riduce l HbA 1c a 7% in vari vari studi T1-basal bolus T2-basal bolus 8 T2-Lantus + OADs HbA1c(%) 7 6 6,60 6,96 6,96 6,96 6,80 6,60 5 Porcellati INSIGHT Treat-totarget 12 mesi (n=60) p<0.05 vs NPH 24 settimane (n=206) p= vs terapia convenzionale 24 settimane (n=367) NS vs NPH APOLLO INITIATE CHO Yki-Jarvinen counting 44 settimane (n=174) NS vs 3 lispro 24 setttimane (n=58) 24 settimane (n=273) Porcellati F, et al. Diabet Med 2004;21: INSIGHT study. Gerstein H, et al. Diabet Med 2006;23(7): Treat-to-target study. Riddle M, et al. Diabetes Care 2003;26: APOLLO study. Bretzel RG. Diabetes 2006;55(Suppl 1): Abstract 326-OR INITIATE study. Yki-Jarvinen H, Diabetes 2006;55(Suppl 1): Abstract 125-OR CHO counting study. Bergenstal R, et al. Diabetes 2006;55(Suppl 1): 441-P

33

34 2 Passo Insulina basale e ai pasti Insulina Basale Sopprime la produzione di glucosio tra I pasti e durante la notte Livelli abbastanza costanti 50% del bisogno giornaliero Va titolata fino al raggiungimento di glicemia digiuno di 100mg\ml Bolo (ai pasti) Limita l iperglicemia dopo I pasti Immediato incremento e picco veloce ad 1 ora 10% to 20% del fabbisogno totale di insulina ad ogni pasto

35 Inizio e titolazione della insulina glargine: consigli pratici 1 Si titola nel tempo la dose secondo uno degli algoritmi che presenteremo Obiettivo per la glicemia basale <100 mg/dl conserva la terapia OAD precedente: se presente, considera se lasciare solo metformina Assicurare appropriato automonitoraggio ed incoraggiare l auto aggiustamento della dose di insulina Mantenere un adeguato follow-up del paziente 1. Davies M, et al. Diabetes Care 2005;28: Riddle M, et al. Diabetes Care 2003;26: Yki-Jarvinen H, et al. Diabetes 2004;53(suppl 2). Abstract 2181-PO.

36 Inizio e titolazione della insulina glargine: consigli pratici 2 Pazienti che già assumevano NPH in unica dose/die: si parte dalla stessa dose di Lantus Pazienti che già assumevano NPH in più dosi/die: si parte dall 80% della dose complessiva Titolazionemediantel usodiunodeisuccessivialgoritmi conserva la terapia OAD precedente: se presente, considera se lasciare solo metformina Assicurare appropriato automonitoraggio ed incoraggiare l auto aggiustamento della dose di insulina Mantenere un adeguato follow-up del paziente 1. Davies M, et al. Diabetes Care 2005;28: Riddle M, et al. Diabetes Care 2003;26: Yki-Jarvinen H, et al. Diabetes 2004;53(suppl 2). Abstract 2181-PO.

37 Tre tattiche di aggiustamento della dose di insulina Lantus Treat-to-Target Trial - Titola ogni settimana glicemia media a digiuno di 3 giorni consecutivi >180 mg/dl (10 mm) 8 unità (7.8-10) ( ) ( ) 2 LANMET Trial At.Lantus trial - Titola ogni 3 giorni glicemia media a digiuno di 3 gg consecutivi >100 mg/dl (5.6 mm) 2 unità >180 mg/dl (10 mm) 4 unità Studio INSIGHT (cardiologi) - Titola ogni giorno se glicemia a digiuno >100 mg/dl (5.6 mm) 1 unità

38 Terapia basal plus e basal bolus nel DMT2 già in terapia con insulina glargine Si valuta la PPG più elevata e si inizia con una inezione di Analogo rapido in corrispondenza del pasto relativo, successivamente se necessario si potrà somministrare anche agli altri pasti dosaggio iniziale 0,05-0,1IU/Kg al pasto

39 L aggiustamento della dose di Analogo rapido nello schema con Lantus La dose di Analogo rapido: inizia con 0,05-0,1IU/Kg al pasto successivamente in generale un criterio pratico è : Glicemia prima del pasto Glicemia 2h dopo il pasto < 140 eccellente >140<180 ottimo > 180 Devi aumentare la dose +2IU

40 Principio attivo Nome commerciale Classe farmacologica composizione Inizio d azione d picco Durata Lispro Humalog, Liprolog A10 C1 100% lispro 5-15 min 1-22 h 4-66 h Aspart Novorapid A10 C1 100%aspart 5-15 min 1-22 h 4-6h Glulisina Apidra A 10 C1 100% glulisina 5-15 min 1-2h 4-6h Umana regolare Actrapid, humulin R, Bioinsulin R A 10 C1 100% umana regolare min 2-44 h 6-10 h NPH Protaphane, Humulin I, Bioinsulin I A 10 C 2 Umana regolare + protamina 1-22 h 4-88 h h NPL Humalog NPL ND Lispro +protamina 1-2h 4-88 h h Umana regolare + zn Monotard; Humulin L, Bioinsulin L A 10 C4 Umana regolare + zinco 1-22 h 4-88 h h Umana regolare + NPH Actraphane, Humulin I 30/70-20/80 20/80-10/90 A10 C3 30,20,10% umana regolare+ 70,80,90 NPH 1-22 h 4-8h h Lispro + NPL Humalog Mix 25 Humalog Mix 50 A 10 C3 25, 50 lispro +75,50 NPL min 1-88 h h Aspart + NPA Novomix 30 ND 30 % aspart + 70% NPA min 1-88 h h Glargine Lantus, Optisulin ND 100% glargine 1-22 h no h detemir Levemir ND 100% detemir 1-22 h 6-8h 14-16h 16h

41

42 Algoritmo per il controllo del diabete tipo 2 + insulina basale Più efficace Diagnosi Modifica dello stile di vita + metformina No HbA1c >7% SolfanilUrea Meno costosa S i + glitazone No ipoglicemia * agon GLP1 Inibitori DPP4????? No HbA1c >7% S i No S HbA1c >7% No HbA1c >7% i S i Intensificare insulina + glitazone * + insulina basale + SolfanilUrea No HbA1c >7% S i No HbA1c >7% + insulina basale o intensificareinsulina S i intensificare il trattamento insulinico + metformina +/- glitazone * * associato con ritenzione liquidi, insufficienza cardiaca,fratture L associazione di tre ADO è possibile,ma non consigliata. Controllare emoglobina glicata ogni 3 mesi fino a che non è inferiore a 7, poi ogni 6 mesi Nathan DM et al. Diabetologia. 2008;51:8-11

43 ADA/EASD Consensus per il trattamento del DMT2: aggiornamento

44 DM 2 malattia che progredisce nel tempo= terapia che progredisce nel tempo Mod. da Raccah D et al., Diabetes Metab Res Rev 2007;23:257-64

45 E fondamentale individualizzazione della terapia: paziente giovane con diabete di recente insorgenza ( recluta ): obbiettivo: HbA1c=6-7%: ( no( mercy ) paziente con diabete che data da tempo, senza CVD ( veterano ):obbiettivo: HbA1c = 6,5-7,5% ( smooth( decline ) paziente con diabete che data da tempo, con CVD ( veterano con ferite ):obbiettivo HbA1c =7-8% ( handle( with care )

46

47 Caso clinico 1 Soggetto maschio (ST), 52 anni APR: ndn eccetto ulcera gasrica trattata con tp medica Diagnosi di diabete :1996 Patologie associate: vitiligo

48 Esame obbiettivo e dati di laboratorio Altezza 175 cm, peso 66 Kg Esami di routine : nella norma Alla diagnosi :glicemia a digiuno 158 mg/dl, Hba1c 7,5%, C-peptide 1,32 pg/ml Dal momento della diagnosi al momento della ns osservazione: terapia dietetica e saltuariamente sulfanilurea (intollerante alla metformina anche a dosi basse) Nessuna complicanza micro/macrovascolare Giunge alla ns osservazione con glicemia a digiuno 185 mg/dl, HbA1c 8,3%, peso 67 Kg

49 Quale terapia instaurare? Pioglitazone: mg/die e Repaglinide 1 mg x 3 Hba1c per 2 anni si mantiene a 7-7,2%, C- peptide 1,73 pg/ml, peso 72 Kg 2006:frattura di femore: glicemie elevate a digiuno e post prandiali: HbA1c 8,9% Si inserisce Lantus e analogo rapido 3 volte al di Attuale buon compenso: HbA1c 6,9%,glicemia a digiuno 134 mg/dl, peso 73 Kg

50 Caso clinico 2 (PO) Soggetto maschio 51 anni, cuoco APR: ndn Altezza165 cm, peso 82 Kg Diagnosi di diabete :2007, glicemia 384 mg/dl, Hba1C 17%, C-peptide 2,28 mg/dl,colesterolo 228 mg/dl, trigliceridi 360 mg/dl Patologie associate: ipertensione arteriosa trattata e in buon compenso Inviato dal mmg

51 Quale terapia instaurare? Insulina: Lantus e analogo rapido ai pasti Dopo 3 mesi: glicemia a digiuno 102 mg/dl,hba1c 7,2%, peso 76 Kg, colesterolo tot 202 mg/dl, trigliceridi 150 mg/dl Dopo 6 mesi: glicemia a digiuno 94 mg/dl, HbA1c 5,4%, peso 65 Kg Automonitoraggio mostra ipoglicemie postprandiali Si toglie l analogo rapido, lasciando lantus e introducendo pioglitazone 30 mg

52 Dopo 2 mesi glicemie ottimali Si sospende anche lantus e si mantiene pioglitazone 30 mg/die Glicemia a digiuno dopo 3 mesi 97 mg/dl, emoglobina glicata 6,3%, C-peptide 2,4 pg/ml, peso 67 Kg, assetto lipidico nella norma

53 Caso clinico 3 (MP) Soggetto femmina 60 anni, sarda Altezza 159 cm, peso 64 Kg APR: multiple ernie discali Diagnosi di diabete :2005 mai trattato Giunge alla ns osservazione con glicemia a digiuno 285 mg/dl, HbA1c 12,9%, C-peptide 2,28 mg/dl,colesterolo 189 mg/dl, trigliceridi 84 mg/dl Inviato dal mmg

54 Quale terapia? Insulina: Lantus e analogo rapido ai pasti Dopo 3 mesi: glicemia a digiuno 155mg/dl,HbA1c 8,2%, peso 68 Kg, Dopo 6 mesi: glicemia a digiuno 110 mg/dl, HbA1c 5, 8%, peso 64 Kg Automonitoraggio mostra ipoglicemie postprandiali Si toglie l analogo rapido, lasciando lantus e introducendo metformina 500 mg 1 x 3

55 Dopo 3 mesi glicemie ottimali, si sospende la lantus e si mantiene la metformina 500 mg 1 x3 Glicemia a digiuno attuale 122 mg/dl, emoglobina glicata 6,3%, c peptide 2,6 pg/ml

56 Caso clinico 4 (CC) Soggetto maschio 63 anni Altezza 168 cm, peso 59 Kg APR: ndn Diagnosi di diabete : 1996 trattato con associazione SU-metformina Giunge alla ns osservazione con glicemia a digiuno 169 mg/dl, HbA1c 9,7%, C-peptide 1,55 mg/dl,colesterolo 231 mg/dl, trigliceridi 127 mg/dl Inviato dal mmg

57 Quale terapia? Rifiuta terapia con 4 iniezioni Insulina: Mix 50/50 ai pasti Dopo 4 mesi: glicemia a digiuno 155mg/dl,HbA1c 8,2%, peso 68 Kg, Dopo 6 mesi: glicemia a digiuno 128 mg/dl, HbA1c 7,4%, peso 62 Kg Dopo 12 mesi :glicemia a digiuno 139 mg/dl, HbA1c 6,4%

58 Caso clinico 5 (PC) Soggetto maschio 64 anni Altezza 180 cm, peso,106kg APR: cardiopatia ischemica (angina instabile, trattata con PTCA), ipertensione in terapia farmacologica Diagnosi di diabete : 1999 trattato con : glibenclamide 1 x 3, Metformina x 3, acarbosio 50 mg 1x3 Giunge alla ns osservazione con glicemia a digiuno 165 mg/dl, HbA1c 10,9%, C-peptide 3,64,,colesterolo 170 mg/dl, trigliceridi 430

59 Quale terapia? Rifiuta terapia con 4 iniezioni Insulina: lantus e metformina 850 mg 1 x3 ai pasti Opzione terapeutica: agonista GLP-1??

60 Grazie per l attenzione

61 ADA/EASD Consensus per il trattamento del DMT2 61

62 ADA/EASD Consensus per il trattamento del DMT2: aggiornamento 62

63 Studio Treat-to-Target (TTT) controllo glicemico 756 pazienti con DMT2 trattati in precedenza con 1-2 OAD BMI medio 32 kg/m 2 ; HbA 1c basale >7,5% Mod. da Riddle M et al., Diabetes Care 2003;26:

La Gestione del Paziente Diabetico in Area Critica. Cinzia Barletta, MD,PhD MCAU S Eugenio, Roma Segretario Nazionale SIMEU

La Gestione del Paziente Diabetico in Area Critica. Cinzia Barletta, MD,PhD MCAU S Eugenio, Roma Segretario Nazionale SIMEU La Gestione del Paziente Diabetico in Area Critica Cinzia Barletta, MD,PhD MCAU S Eugenio, Roma Segretario Nazionale SIMEU Stretto controllo glicemia nei pazienti Critici Intensive insulin therapy in critically

Dettagli

AMD IV Convegno Nazionale Centro Studi e Ricerche Fondazione

AMD IV Convegno Nazionale Centro Studi e Ricerche Fondazione AMD IV Convegno Nazionale Centro Studi e Ricerche Fondazione La Clinical Governance in Diabetologia Cernobbio 8 10 ottobre 2008 Target glicemico e outcomes cardiovascolari: lo studio QUASAR e le evidenze

Dettagli

Il valore dell autocontrollo glicemico come strumento gestionale nell ottimizzazione degli schemi di terapia insulinica nel diabete di tipo 2

Il valore dell autocontrollo glicemico come strumento gestionale nell ottimizzazione degli schemi di terapia insulinica nel diabete di tipo 2 Il valore dell autocontrollo glicemico come strumento gestionale nell ottimizzazione degli schemi di terapia insulinica nel diabete di tipo 2 Presentazione del caso MR, uomo di 60 anni, è ricoverato in

Dettagli

AUTOCONTROLLO ED AUTOGESTIONE DEL DIABETE MELLITO

AUTOCONTROLLO ED AUTOGESTIONE DEL DIABETE MELLITO AUTOCONTROLLO ED AUTOGESTIONE DEL DIABETE MELLITO Prof. Paolo Brunetti Parte I Montepulciano, 23 Febbraio 2008 Complicanze microangiopatiche del diabete Nefropatia -Prevalenza:20-30% -Contributo alla dialisi/tx:

Dettagli

La gestione dell iperglicemia nel DEU. Gabriele Forlani SSD Malattie del Metabolismo e Dietetica Clinica

La gestione dell iperglicemia nel DEU. Gabriele Forlani SSD Malattie del Metabolismo e Dietetica Clinica La gestione dell iperglicemia nel DEU Gabriele Forlani SSD Malattie del Metabolismo e Dietetica Clinica Studio retrospettivo su 1886 pz. ricoverati in Medicina o Chirurgia (Umpierrez GE, J Clin Endocrinol

Dettagli

Prevenzione e trattamento dell ipoglicemia. Dr.ssa P.Stefanoni

Prevenzione e trattamento dell ipoglicemia. Dr.ssa P.Stefanoni Prevenzione e trattamento dell ipoglicemia Dr.ssa P.Stefanoni Definizione Si parla di ipoglicemia quando la concentrazione ematica di glucosio è inferiore a 70 mg/dl AMD-SID, 2009-2010 L ipoglicemia è..

Dettagli

La fenotipizzazione e la stratificazione dei pazienti diabetici Un nuovo modello di approccio gestionale per migliorare l assistenza

La fenotipizzazione e la stratificazione dei pazienti diabetici Un nuovo modello di approccio gestionale per migliorare l assistenza La fenotipizzazione e la stratificazione dei pazienti diabetici Un nuovo modello di approccio gestionale per migliorare l assistenza Gerardo Medea Area Metabolica SIMG Brescia Pz diabetici complessità

Dettagli

Complicanze macroangiopatiche nel diabete

Complicanze macroangiopatiche nel diabete Complicanze macroangiopatiche nel diabete Diabete mellito e mortalità cardiovascolare Framingham Study: 20 anni di follow-up 18 Mortalità cardiaca ogni 1000 persone 16 14 12 10 8 6 4 2 17 8 17 4 DM No-DM

Dettagli

Per una gestione globale è fondamentale

Per una gestione globale è fondamentale REGIONE SICILIANA AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE N 7 RAGUSA Centro di diabetologia Vittoria La gestione globale del paziente diabetico Dott.ssa A. Garofalo Inf.prof F. Vitale Per una gestione globale è

Dettagli

Il futuro del diabete mellito tipo 2. Matteo Bernasconi Cittiglio, 17 maggio 2014

Il futuro del diabete mellito tipo 2. Matteo Bernasconi Cittiglio, 17 maggio 2014 Il futuro del diabete mellito tipo 2 UN PAZIENTE, UNA TERAPIA Matteo Bernasconi Cittiglio, 17 maggio 2014 Metformina: 1 a scelta Metformina: farmaco preferito dalle linee-guida efficacia sul compenso

Dettagli

INCRETINO- MIMETICI INSERIMENTO NELLA STORIA NATURALE DELLA MALATTIA. Hotel NH Jolly Hotel Palermo 18 settembre 2010. Dott. A.

INCRETINO- MIMETICI INSERIMENTO NELLA STORIA NATURALE DELLA MALATTIA. Hotel NH Jolly Hotel Palermo 18 settembre 2010. Dott. A. INCRETINO- MIMETICI INSERIMENTO NELLA STORIA NATURALE DELLA MALATTIA Hotel NH Jolly Hotel Palermo 18 settembre 2010 Dott. A. Burgio Responsabile Unità Operativa Malattie endocrine e metaboliche Divisione

Dettagli

Alcune considerazioni Sul diabete. Anna Carla Babini

Alcune considerazioni Sul diabete. Anna Carla Babini Alcune considerazioni Sul diabete Anna Carla Babini Quali argomenti Assolutamente pratici Criteri diagnostici metformina come utilizzarla insulina basale? QUALE VOI VORRETE HbA1c 6,5% il cut-point diagnostico

Dettagli

L audit come strumento di implementazione. diabetico in Medicina Generale. Criticità nella gestione del paziente diabetico in Medicina Generale

L audit come strumento di implementazione. diabetico in Medicina Generale. Criticità nella gestione del paziente diabetico in Medicina Generale L audit come strumento di implementazione delle linee guida sulla gestione del paziente diabetico in Medicina Generale Criticità nella gestione del paziente diabetico in Medicina Generale Storia naturale

Dettagli

Seconda giornata 24 gennaio 2004 Lavoro in piccoli gruppi

Seconda giornata 24 gennaio 2004 Lavoro in piccoli gruppi Seconda giornata 24 gennaio 2004 Lavoro in piccoli gruppi L esercitazione è stata volta ad evidenziare vantaggi e criticità collegati al trasferimento nella pratica di quanto raccomandato dalla linea guida,

Dettagli

DIABETE MELLITO DIABETE MELLITO: EPIDEMIOLOGIA

DIABETE MELLITO DIABETE MELLITO: EPIDEMIOLOGIA HOME DIABETE MELLITO Dr. Alessandro Bernardini DIABETE MELLITO: EPIDEMIOLOGIA DIABETE MELLITO Il diabete di tipo 1 si può manifestare a qualsiasi età, ma c'è un netto aumento nel periodo della pubertà

Dettagli

Come fare una scelta terapeutica personalizzata nel paziente con diabete mellito tipo 2 CASO CLINICO

Come fare una scelta terapeutica personalizzata nel paziente con diabete mellito tipo 2 CASO CLINICO Come fare una scelta terapeutica personalizzata nel paziente con diabete mellito tipo 2 CASO CLINICO CASO CLINICO P.M., uomo, 59 anni Anamnesi familiare Familiarità di primo grado per diabete mellito e

Dettagli

PARLIAMO DI DIABETE 4

PARLIAMO DI DIABETE 4 ASSOCIAZIONE DIABETICI TORINO 2000 Via San Domenico, 18 Torino Tel. 011.436.2269 Presidente Sig.ra M. Bono e-mail assdiato2000@email.it Alberto BRUNO U.O.A. DIABETOLOGIA ASO San Giovanni Battista Torino

Dettagli

della secrezione di insulina, la soppressione della secrezione di glucagone, il rallentamento dello svuotamento gastrico, la riduzione dell

della secrezione di insulina, la soppressione della secrezione di glucagone, il rallentamento dello svuotamento gastrico, la riduzione dell Introduzione Il diabete mellito di tipo 2 rappresenta un problema medico estremamente rilevante per l ampia diffusione della patologia e per la morbilità a essa associata. Mentre si è affermata la necessità

Dettagli

Costruiamo la Clinical Governance Il Diabete Mellito. S.C. di Endocrinologia Ospedale SS. Annunziata - Taranto

Costruiamo la Clinical Governance Il Diabete Mellito. S.C. di Endocrinologia Ospedale SS. Annunziata - Taranto Costruiamo la Clinical Governance Il Diabete Mellito SIMG Puglia LA TERAPIA INSULINICA quando e come nei pazienti gestiti insieme al MMG Stefano Albano S.C. di Endocrinologia Ospedale SS. Annunziata -

Dettagli

L anziano. Terapia del diabete tipo 2: un algoritmo basato su efficacia e farmaco-economia

L anziano. Terapia del diabete tipo 2: un algoritmo basato su efficacia e farmaco-economia Terapia del diabete tipo 2: un algoritmo basato su efficacia e farmaco-economia L anziano Edoardo Guastamacchia Università degli Studi di Bari A. Moro I diabetici over 65 sono oltre 1.5 milioni, entro

Dettagli

Indicazioni per la appropriata condotta terapeutica del Diabete Mellito. La terapia del Diabete Mellito

Indicazioni per la appropriata condotta terapeutica del Diabete Mellito. La terapia del Diabete Mellito Indicazioni per la appropriata condotta terapeutica del Diabete Mellito La terapia del Diabete Mellito Arezzo 25 Settembre 2010 Dott. M. Aimi Definizione del Diabete Mellito Il D.M. è una malattia metabolica

Dettagli

La gestione dell iperglicemia nel paziente ospedalizzato non critico

La gestione dell iperglicemia nel paziente ospedalizzato non critico La gestione dell iperglicemia nel paziente ospedalizzato non critico IPERGLICEMIA IN OSPEDALE La gestione del diabete e in genere dell iperglicemia in ospedale è considerata spesso di secondaria importanza

Dettagli

Presentazione progetto Farmaci ad alto costo approvato e finanziato dalla Regione ER (Programma Regione-Universit

Presentazione progetto Farmaci ad alto costo approvato e finanziato dalla Regione ER (Programma Regione-Universit Presentazione progetto Farmaci ad alto costo approvato e finanziato dalla Regione ER (Programma Regione-Universit Università) Ivana Zavaroni DAI Medico Polispecialistico 1 Azienda Ospedaliero-Universitaria

Dettagli

www.monitoraggio-farmaci.agenziafarmaco.it

www.monitoraggio-farmaci.agenziafarmaco.it Exenatide (Byetta ) Protocollo di lavoro sul monitoraggio d uso di exenatide per profilo di efficacia, tollerabilità e sicurezza nella normale pratica clinica. a) Background: Il documento della Commissione

Dettagli

IL PAZIENTE DIABETICO / IPERGLICEMICO ALL INGRESSO IN OSPEDALE

IL PAZIENTE DIABETICO / IPERGLICEMICO ALL INGRESSO IN OSPEDALE IL PAZIENTE DIABETICO / IPERGLICEMICO ALL INGRESSO IN OSPEDALE Classificazione dell Iperglicemia in Ospedale 1) Diabete mellito noto diabete diagnosticato e trattato prima del ricovero 2) Diabete mellito

Dettagli

Cause del cattivo controllo glicemico negli ospedalizzati. Dott.ssa D. Piccolo

Cause del cattivo controllo glicemico negli ospedalizzati. Dott.ssa D. Piccolo Cause del cattivo controllo glicemico negli ospedalizzati Dott.ssa D. Piccolo Come mai il cattivo controllo glicemico è tanto frequente tra i pazienti ospedalizzati? Le informazioni disponibili sul grado

Dettagli

Studio Re.mo.te "A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type

Studio Re.mo.te A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type Studio Re.mo.te "A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type 2 diabetes" Protocollo di Studio:durata e campione La

Dettagli

Lo specchio degli Annali AMD: come sono trattati i diabetici (target e farmaci utilizzati)

Lo specchio degli Annali AMD: come sono trattati i diabetici (target e farmaci utilizzati) LA PERSONAL CARE FARMACOLOGICA DEL DMT2: L aderenza agli standard di cura Lo specchio degli Annali AMD: come sono trattati i diabetici (target e farmaci utilizzati) A. Cimino U.O. Diabetologia Spedali

Dettagli

SINOPSI DELLO STUDIO. Outcomes secondari:

SINOPSI DELLO STUDIO. Outcomes secondari: SINOPSI DELLO STUDIO EFFETTI SULL INCIDENZA DI EVENTI CARDIOVASCOLARI DELL AGGIUNTA DI PIOGLITAZONE O DI UNA SULFONILUREA ALLA METFORMINA IN PAZIENTI CON DIABETE MELLITO TIPO 2 IN MONOTERAPIA NON ADEGUATAMENTE

Dettagli

LO STILE DI VITA PER IL DIABETE MELLITO TIPO 2. Andrea Pizzini

LO STILE DI VITA PER IL DIABETE MELLITO TIPO 2. Andrea Pizzini LO STILE DI VITA PER IL DIABETE MELLITO TIPO 2 Andrea Pizzini STORIA DEL DIABETE TIPO 2 Funzione della β-cellula (%) 100 80 60 40 20 0 IFG - IGT -12-10 -8-6 -4 Anni dalla diagnosi Diagnosi di Diabete -2

Dettagli

Piano terapeutico per la prescrizione di Vildagliptin/metformina per il trattamento del diabete mellito di tipo 2

Piano terapeutico per la prescrizione di Vildagliptin/metformina per il trattamento del diabete mellito di tipo 2 Allegato 1 (GU 272 del 20 vembre 2013) Piano terapeutico per la prescrizione di Vildagliptin/metformina per il trattamento del diabete mellito di tipo 2 Aziende Sanitarie, individuate dalle Regioni e dalle

Dettagli

Condizioni e fattori di rischio di DMT2

Condizioni e fattori di rischio di DMT2 Condizioni e fattori di rischio di DMT2 IFG o IGT o pregresso diabete gestazionale Età >45 anni, specie se con BMI >25 od obesità centrale Età 25) e una o più fra le seguenti

Dettagli

CONTROLLO GLICEMICO E ANTIDIABETICI ORALI. Lucia Ricci

CONTROLLO GLICEMICO E ANTIDIABETICI ORALI. Lucia Ricci CONTROLLO GLICEMICO E SICUREZZA DEI FARMACI ANTIDIABETICI ORALI Lucia Ricci Trattamento all esordio Definizione TARGET Educazione Stile di vita Monitorizzazione TRATTAMENTO ALL ESORDIO: MEMORIA PERSEGUIRE

Dettagli

Il nuovo algoritmo terapeutico del diabete mellito tipo 2 step by step per una terapia sempre più semplice ed efficace

Il nuovo algoritmo terapeutico del diabete mellito tipo 2 step by step per una terapia sempre più semplice ed efficace Decision making Il nuovo algoritmo terapeutico del diabete mellito tipo 2 step by step per una terapia sempre più semplice ed efficace Gerardo Medea Area metabolica SIMG Brescia Diabete e iperglicemia

Dettagli

Tabella 1 Effetto sul controllo glicemico dell uso di un analogo rapido al posto di insulina umana regolare. Analogo vs Regolare.

Tabella 1 Effetto sul controllo glicemico dell uso di un analogo rapido al posto di insulina umana regolare. Analogo vs Regolare. Analoghi dell insulina Solo quando servono Gabriele Riccardi, Michele Iaccarino, Patrizia Massaro Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale, Università Federico II, Napoli Analoghi rapidi Studi di

Dettagli

Il target di HBA1c nella terapia del paziente diabetico Bibbiena 2012

Il target di HBA1c nella terapia del paziente diabetico Bibbiena 2012 Il target di HBA1c nella terapia del paziente diabetico Bibbiena 2012 Quando i fatti cambiano, io cambio il mio modo di pensare e voi cosa fate?. (Keines) Una delle prime cose da fare nella gestione del

Dettagli

Il calcolatore di bolo nella gestione dei pazienti con diabete mellito

Il calcolatore di bolo nella gestione dei pazienti con diabete mellito Il calcolatore di bolo nella gestione dei pazienti con diabete mellito Presentazione del caso (1) Il counting dei carboidrati 1 si conferma componente essenziale nel contesto della terapia medico-nutrizionale

Dettagli

Terapie nel DM2 non. Reggio Emilia 2009

Terapie nel DM2 non. Reggio Emilia 2009 Terapie nel DM2 non Ipoglicemizzanti Reggio Emilia 2009 Ipertensione: obiettivi Il trattamento anti-ipertensivo nei pazienti con diabete ha come obiettivo il raggiungimento di valori di pressione sistolica

Dettagli

Quali nuove opzioni terapeutiche dai Farmaci antiiperglicemizzanti

Quali nuove opzioni terapeutiche dai Farmaci antiiperglicemizzanti Quali nuove opzioni terapeutiche dai Farmaci antiiperglicemizzanti tradizionali? Valeria Manicardi Direttore Dipartimento Internistico Ospedale di Montecchio AUSL di Reggio Emilia Gli antidiabetici orali

Dettagli

DIABETE MELLITO TIPO 2 Presentazione PDTA ULSS 6 Vicenza. Vicenza 20 Maggio 2014

DIABETE MELLITO TIPO 2 Presentazione PDTA ULSS 6 Vicenza. Vicenza 20 Maggio 2014 DIABETE MELLITO TIPO 2 Presentazione PDTA ULSS 6 Vicenza Vicenza 20 Maggio 2014 Percorso Diagnostico Terapeutico tra MMG delle MGI dell ULSS 6 Vicenza e la Diabetologia Gli Obiettivi HbA1c < 53 mmol/mol

Dettagli

GESTIONE INTEGRATA DEL PAZIENTE CON DIABETE MELLITO TIPO 2

GESTIONE INTEGRATA DEL PAZIENTE CON DIABETE MELLITO TIPO 2 1 GESTIONE INTEGRATA DEL PAZIENTE CON DIABETE MELLITO TIPO 2 Revisione ed aggiornamento del documento: Gestione integrata del Paziente Diabetico di Tipo 2 nell ULSS n 9, Treviso, 2006 pubblicazione: Marzo

Dettagli

venerdì 12 Settembre 2014 Associazione Diabetici Roma G www.associazionediabeticiromag.org Seguici su:

venerdì 12 Settembre 2014 Associazione Diabetici Roma G www.associazionediabeticiromag.org Seguici su: SELEZIONE EZIONE RASSEGNA A STAMPA venerdì 12 Settembre 2014 Associazione Diabetici Roma G www.associazionediabeticiromag.org Seguici su: 1 settembre 2014 3 settembre 2014 2 settembre 2014 Una nuova formulazione

Dettagli

Dalla Letteratura - GIS Gruppo Giovani Internisti SIMI

Dalla Letteratura - GIS Gruppo Giovani Internisti SIMI Dalla Letteratura - GIS Gruppo Giovani Internisti SIMI 11 febbraio 2013 A cura di Paola Ilaria Bianchi, Andrea Denegri, Alessandro Grembiale Insulina da sola o mantenendo la metformina? Hemmingsen B,Christensen

Dettagli

PREDITTORI DELLA DISFUNZIONE BETA CELLULARE NEL DIABETE MELLITO DI TIPO 2: LO STUDIO BETADECLINE

PREDITTORI DELLA DISFUNZIONE BETA CELLULARE NEL DIABETE MELLITO DI TIPO 2: LO STUDIO BETADECLINE PREDITTORI DELLA DISFUNZIONE BETA CELLULARE NEL DIABETE MELLITO DI TIPO 2: LO STUDIO BETADECLINE - Giuseppina T. Russo 1, Adolfo Arcangeli 2, Stefania Cercone 3, Angelo Corda 4, Domenico Cucinotta 1, Salvatore

Dettagli

PROFADIA ASL di MILANO

PROFADIA ASL di MILANO PROFADIA ASL di MILANO Background La patologia diabetica mostra una chiara tendenza, in tutti i paesi industrializzati, ad un aumento sia dell incidenza sia della prevalenza. L accresciuta prevalenza nel

Dettagli

CASO CLINICO Alessandro Ciresi

CASO CLINICO Alessandro Ciresi Nuovi orientamenti terapeutici nel fallimento secondario agli ipoglicemizzanti orali: Analoghi dell insulina CASO CLINICO Alessandro Ciresi Università degli Studi di Palermo Facoltà di Medicina e Chirurgia

Dettagli

L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO IN GRAVIDANZA DR.SSA PATRIZIA LENTINI

L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO IN GRAVIDANZA DR.SSA PATRIZIA LENTINI L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO IN GRAVIDANZA DR.SSA PATRIZIA LENTINI ESISTE UNO STRETTO RAPPORTO TRA CONTROLLO GLICOMETABOLICO E OUTCOME MATERNO FETALE. L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO

Dettagli

Possibili benefici dell uso dell Ambulatory Glucose Profile (AGP) in paziente diabetico tipo 1 complicato

Possibili benefici dell uso dell Ambulatory Glucose Profile (AGP) in paziente diabetico tipo 1 complicato Possibili benefici dell uso dell Ambulatory Glucose Profile (AGP) in paziente diabetico tipo 1 complicato Valeria Grancini, Emanuela Orsi Servizio di Diabetologia e Malattie Metaboliche, UO Endocrinologia

Dettagli

Nuovi standard di cura del diabete mellito di tipo 2

Nuovi standard di cura del diabete mellito di tipo 2 DIABETE E PRESSIONE ARTERIOSA: MANAGEMENT DEI PRICIPALI PROBLEMI CORRELATI TRANI, 27-28 GENNAIO 2012 Auditorium S. Luigi Nuovi standard di cura del diabete mellito di tipo 2 Salvatore A. De Cosmo Dipartimento

Dettagli

Bambini con diabete. Francesco, Elisa e il diabete: a scuola fra nuove opportunità terapeutiche e bisogni inevasi

Bambini con diabete. Francesco, Elisa e il diabete: a scuola fra nuove opportunità terapeutiche e bisogni inevasi Bambini con diabete Francesco, Elisa e il diabete: a scuola fra nuove opportunità terapeutiche e bisogni inevasi La storia di Francesco Francesco è un bimbo valdostano affetto da Diabete Mellito tipo 1,

Dettagli

Piano terapeutico per la prescrizione di Exenatide per il trattamento del diabete mellito di tipo 2

Piano terapeutico per la prescrizione di Exenatide per il trattamento del diabete mellito di tipo 2 Allegato 1 (GU 272 del 20 vembre 2013) Piano terapeutico per la prescrizione di Exenatide per il trattamento del diabete mellito di tipo 2 Aziende Sanitarie, individuate dalle Regioni e dalle Province

Dettagli

Diabete Mellito (prevalentemente Diabete tipo II)

Diabete Mellito (prevalentemente Diabete tipo II) OSSERVATORIO PER IL BUON USO 4 DEL FARMACO Indicazioni per la appropriata condotta terapeutica del Diabete Mellito (prevalentemente Diabete tipo II) Evidenze e Raccomandazioni (tratto da: Standard Italiani

Dettagli

Le ipoglicemie e le complicanze acute in rapporto alle nuove classi farmacologiche

Le ipoglicemie e le complicanze acute in rapporto alle nuove classi farmacologiche Convegno SID-AMD Lazio 2014 Le ipoglicemie e le complicanze acute in rapporto alle nuove classi farmacologiche Roma Eventi Fontana di Trevi, 26-27 settembre 2014 Daniela Bracaglia Centro di Diabetologia

Dettagli

Gestione della terapia insulinica in ospedale Schemi ed esempi di terapia insulinica. Conegliano Dr. G. L. Gidoni Guarnieri

Gestione della terapia insulinica in ospedale Schemi ed esempi di terapia insulinica. Conegliano Dr. G. L. Gidoni Guarnieri Gestione della terapia insulinica in ospedale Schemi ed esempi di terapia insulinica Conegliano Dr. G. L. Gidoni Guarnieri IL CONTESTO OSPEDALIERO I DIABETICI IN OSPEDALE SONO IL 30 % DEI RICOVERATI SONO

Dettagli

Le curve di sopravvivenza, 1849-1980, rivelano che la nostra aspettativa di vita si è grandemente accresciuta ma la lunghezza della nostra vita (life

Le curve di sopravvivenza, 1849-1980, rivelano che la nostra aspettativa di vita si è grandemente accresciuta ma la lunghezza della nostra vita (life Il Diabete Mellito, conoscerlo per prevenire e curare la malattia e le possibili complicanze Giorgio Grassi Endocrinologia, Diabetologia e Metabolismo Citta della Scienza e della Salute Torino Le curve

Dettagli

Incidenza dell ipoglicemia nei pazienti della SOS di Diabetologia di Udine

Incidenza dell ipoglicemia nei pazienti della SOS di Diabetologia di Udine Incidenza dell ipoglicemia nei pazienti della SOS di Diabetologia di Udine Agus S, Tonutti L, Pellegrini MA, Venturini G, Cannella S, Toffoletti V, Vidotti F, Sartori C, Boscariol C, Pellarini L, Rutigliano

Dettagli

IL DIABETE MELLITO NON INSULINODIPENDENTE (NIDDM) GESTIONE DA PARTE DEL MMG

IL DIABETE MELLITO NON INSULINODIPENDENTE (NIDDM) GESTIONE DA PARTE DEL MMG IL DIABETE MELLITO NON INSULINODIPENDENTE (NIDDM) GESTIONE DA PARTE DEL MMG A cura di Marco Pietro Mazzi e Maria Chiara Cressoni (SIMG-FIMMG ASL 22) PREMESSA Nella gestione del paziente diabetico l obiettivo

Dettagli

Piano Sanitario Regionale 2008-2010 LA SANITA DI INIZIATIVA IN AMBITO TERRITORIALE

Piano Sanitario Regionale 2008-2010 LA SANITA DI INIZIATIVA IN AMBITO TERRITORIALE Piano Sanitario Regionale 2008-2010 LA SANITA DI INIZIATIVA IN AMBITO TERRITORIALE PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO ASSISTENZIALE PER PAZIENTI CON DIABETE MELLITO TIPO II Versione III Maggio 2013 1 FASE

Dettagli

Diagnosi e trattamento precoce del diabete: il nuovo messaggio dalla diabetologia

Diagnosi e trattamento precoce del diabete: il nuovo messaggio dalla diabetologia Diagnosi e trattamento precoce del diabete: il nuovo messaggio dalla diabetologia Franco Tuccinardi Scuola di Endocrinologia UOC Diabetologia ed Endocrinologia P.O.Gaeta Gestione della cronicità I modelli

Dettagli

La gestione integrata della malattia diabetica centrata sulla persona

La gestione integrata della malattia diabetica centrata sulla persona La gestione integrata della malattia diabetica centrata sulla persona L assistenza integrata alla persona con diabete tra Ospedale e Territorio: il punto di vista del diabetologo Valeria Manicardi UIMD

Dettagli

Diabetologi per curare e diabetologi per risparmiare

Diabetologi per curare e diabetologi per risparmiare Diabetologi per curare e diabetologi per risparmiare Enzo Bonora Endocrinologia, Diabetologia e Metabolismo Università e Azienda Ospedaliera Universitaria Integrata di Verona Società Italiana di Diabetologia

Dettagli

limitata efficacia clinica nel migliorare il controllo glicemico in pazienti con DMT2 in terapia con ipoglicemizzanti orali

limitata efficacia clinica nel migliorare il controllo glicemico in pazienti con DMT2 in terapia con ipoglicemizzanti orali Six randomised controlled trials were included in the review. Because of the differences in patient characteristics, interventions and outcomes between the studies, it was not possible to perform a meta-analysis.

Dettagli

DATASET (cosa registra il MMG partecipante a CGDM):

DATASET (cosa registra il MMG partecipante a CGDM): DATASET (cosa registra il MMG partecipante a CGDM): diagnosi di diabete mellito (codificata ICD9): Diabete mellito (non altrimenti specificato): cod. 250.0 Diabete mellito di tipo 1: cod. 250.01 (non considerato

Dettagli

Nella buona e nella cattiva sorte. Gli anniversari da non dimenticare quando si cura un diabetico tipo 2

Nella buona e nella cattiva sorte. Gli anniversari da non dimenticare quando si cura un diabetico tipo 2 Nella buona e nella cattiva sorte Gli anniversari da non dimenticare quando si cura un diabetico tipo 2 Formazione OMCT-19.1.12 Dr. med. E. Andreani Safwan Diagnosi di diabete tipo 2 Una diagnosi per la

Dettagli

I RISULTATI DELUDENTI DELLO STUDIO ACCORD NELLA PREVENZIONE CARDIOVASCOLARE DEL DIABETICO

I RISULTATI DELUDENTI DELLO STUDIO ACCORD NELLA PREVENZIONE CARDIOVASCOLARE DEL DIABETICO Rel. 14/2011 27-01-2011 16:59 Pagina 117 I RISULTATI DELUDENTI DELLO STUDIO ACCORD NELLA PREVENZIONE CARDIOVASCOLARE DEL DIABETICO P. Brunetti Dipartimento di Medicina Interna Università degli Studi di

Dettagli

Attualità in tema di diabete: Iperglicemia post-prandiale Resistenza insulinica Dott. Piero Vasapollo Area Endocrinologia e metabolismo della

Attualità in tema di diabete: Iperglicemia post-prandiale Resistenza insulinica Dott. Piero Vasapollo Area Endocrinologia e metabolismo della Ridurre i fattori di rischio cardiovascolari : il diabete Attualità in tema di diabete: Iperglicemia post-prandiale Resistenza insulinica Dott. Piero Vasapollo Area Endocrinologia e metabolismo della Società

Dettagli

MONITORAGGIO CLINICO E BIOUMORALE DEL DIABETE E DELLE SUE COMPLICANZE IN RSA. Sandro Inchiostro

MONITORAGGIO CLINICO E BIOUMORALE DEL DIABETE E DELLE SUE COMPLICANZE IN RSA. Sandro Inchiostro Formazione continua Medici Coordinatori RSA 2010 MONITORAGGIO CLINICO E BIOUMORALE DEL DIABETE E DELLE SUE COMPLICANZE IN RSA Sandro Inchiostro Medicina II e Centro Diabetologico Dipartimento di Medicina

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA GESTIONE INTEGRATA E CONDIVISA DEL PAZIENTE CON DIABETE MELLITO TIPO 2

LINEE GUIDA PER UNA GESTIONE INTEGRATA E CONDIVISA DEL PAZIENTE CON DIABETE MELLITO TIPO 2 LINEE GUIDA PER UNA GESTIONE INTEGRATA E CONDIVISA DEL PAZIENTE CON DIABETE MELLITO TIPO 2 Distretto Socio-Sanitario n 1-Direttore dr. Stefano Vianello UOC Cure Primarie- Direttore dr.ssa Vania Noventa

Dettagli

AGD LECCO ONLUS ASSOCIAZIONE LECCHESE PER L AIUTO AI GIOVANI CON DIABETE ONLUS

AGD LECCO ONLUS ASSOCIAZIONE LECCHESE PER L AIUTO AI GIOVANI CON DIABETE ONLUS AGD LECCO ONLUS ASSOCIAZIONE LECCHESE PER L AIUTO AI GIOVANI CON DIABETE ONLUS SENIOR CAMP 2014 QUESTIONARIO MEDICO INFORMAZIONI GENERALI Dati del partecipante Cognome.. Nome Nato il.. Luogo di nascita

Dettagli

Il Diabete Mellito. Mariarosaria Cristofaro UOC Diabetologia-Endocrinologia ASReM Campobasso. Campobasso 19 marzo 2014

Il Diabete Mellito. Mariarosaria Cristofaro UOC Diabetologia-Endocrinologia ASReM Campobasso. Campobasso 19 marzo 2014 Il Diabete Mellito Mariarosaria Cristofaro UOC Diabetologia-Endocrinologia ASReM Campobasso Campobasso 19 marzo 2014 DIABETE MELLITO Definizione Il diabete mellito è una malattia cronica caratterizzata

Dettagli

Azienda USL Ferrara. L assistenza integrata al Paziente diabetico nella Provincia di Ferrara da parte dei Medici di Medicina generale

Azienda USL Ferrara. L assistenza integrata al Paziente diabetico nella Provincia di Ferrara da parte dei Medici di Medicina generale Azienda USL Ferrara L assistenza integrata al Paziente diabetico nella Provincia di Ferrara da parte dei Medici di Medicina generale Bo 13 aprile 2007 Mauro Manfredini Composizione Commissione Provinciale

Dettagli

La terapia del diabete in casa di riposo un anno dopo. Luisa Guglielmi Venerdì 30 marzo 2012

La terapia del diabete in casa di riposo un anno dopo. Luisa Guglielmi Venerdì 30 marzo 2012 La terapia del diabete in casa di riposo un anno dopo Luisa Guglielmi Venerdì 30 marzo 2012 Premessa Eterogeneità della popolazione anziana diabetica Scarsi gli studi focalizzati sugli anziani fragili

Dettagli

SPECIALE. Italian Health Policy Brief. Sintesi con commento

SPECIALE. Italian Health Policy Brief. Sintesi con commento Italian Health Policy Brief SPECIALE marzo 2012 Italian Health Policy Brief Due nuove classi di farmaci per il trattamento del diabete tipo 2: differenze farmacologiche e cliniche Sintesi con commento

Dettagli

IL DATA MANAGEMENT NELLA PRATICA CLINICA. Dott.ssa Silvia Acquati U.O. di Endocrinologia e Malattie Metaboliche Direttore Dott. M.

IL DATA MANAGEMENT NELLA PRATICA CLINICA. Dott.ssa Silvia Acquati U.O. di Endocrinologia e Malattie Metaboliche Direttore Dott. M. IL DATA MANAGEMENT NELLA PRATICA CLINICA Dott.ssa Silvia Acquati U.O. di Endocrinologia e Malattie Metaboliche Direttore Dott. M. Nizzoli RUOLO DEL COMPENSO GLICEMICO The Diabetes control and complications

Dettagli

Ruolo dei glitazoni nella terapia del diabete mellito di tipo 2

Ruolo dei glitazoni nella terapia del diabete mellito di tipo 2 Nuove tematiche Ruolo dei glitazoni nella terapia del diabete mellito di tipo 2 Domenico Cucinotta Direttore Dipartimento di Medicina Interna, Università di Messina Inquadramento del problema Sono sempre

Dettagli

L esercizio fisico, un nuovo farmaco: La prevenzione nel diabete di tipo 2

L esercizio fisico, un nuovo farmaco: La prevenzione nel diabete di tipo 2 L esercizio fisico, un nuovo farmaco: La prevenzione nel diabete di tipo 2 Bologna 22 febbraio 2014 Ida Blasi Diabetologia & Metabolismo U.O. C. di Medicina Interna Direttore: Stefano Bombarda Ospedale

Dettagli

UOC MEDICINA 2 - UOS DIABETOLOGIA UOCMEDICINA E CHIRURGIA ACCETTAZIONE URGENZA. Protocollo rispetto qualità della diagnosi secondo criterio APRO3

UOC MEDICINA 2 - UOS DIABETOLOGIA UOCMEDICINA E CHIRURGIA ACCETTAZIONE URGENZA. Protocollo rispetto qualità della diagnosi secondo criterio APRO3 UOC MEDICINA 2 - UOS DIABETOLOGIA UOCMEDICINA E CHIRURGIA ACCETTAZIONE URGENZA Protocollo rispetto qualità della diagnosi secondo criterio APRO3 Diabete Il Diabete Mellito rappresenta uno dei problemi

Dettagli

Nome Cognome: ROBERTO ZELANTE Titolo della Relazione:LINEE GUIDA AZIENDALI-MALATTIA DIABETICA AUSL 7 RAGUSA-

Nome Cognome: ROBERTO ZELANTE Titolo della Relazione:LINEE GUIDA AZIENDALI-MALATTIA DIABETICA AUSL 7 RAGUSA- Nome Cognome: ROBERTO ZELANTE Titolo della Relazione:LINEE GUIDA AZIENDALI-MALATTIA DIABETICA AUSL 7 RAGUSA- 1 PERCORSI DIAGNOSTICO TERAPEUTICI DELLA MALATTIA DIABETICA ruppo di lavoro coordinato dal dr.

Dettagli

INCONTRO CON L ASSOCIAZIONE DEI DIABETICI SANVITESI

INCONTRO CON L ASSOCIAZIONE DEI DIABETICI SANVITESI INCONTRO CON L ASSOCIAZIONE L DEI DIABETICI SANVITESI Dott. Nazzareno Trojan diabetologo ed endocrinologo Ospedale Santa Maria dei Battuti San Vito al Tagliamento DIABETE MELLITO TRANSIZIONE EPIDEMIOLOGICA

Dettagli

Lo Studio QUADRI. Target metabolici non ben controllati. Prevalenza delle complicanze

Lo Studio QUADRI. Target metabolici non ben controllati. Prevalenza delle complicanze Lo Studio QUADRI Target metabolici non ben controllati Insufficiente controllo dei target metabolici, della PA e dell assetto lipidico Mancato raggiungimento del target BMI Prevalenza delle complicanze

Dettagli

Diabete Mellito di tipo 2 e Sindrome Metabolica

Diabete Mellito di tipo 2 e Sindrome Metabolica Cuneo 8-9 ottobre 2004 La Sindrome Metabolica: una sfida per l area endocrino-metabolica Diabete Mellito di tipo 2 e Sindrome Metabolica Luca Monge SOC MM e Diabetologia AO CTO-CRF-ICORMA Torino 1. Contratto

Dettagli

Corso Scienze Tecniche Dietetiche Applicate MED/49 Educazione alimentare Anno Accademico 2010-11 11 Il Diabete Mellito Prof.ssa Maria Luisa Eliana Luisi Diabete Mellito Il diabete mellito è caratterizzata

Dettagli

La telemedicina a supporto del paziente: nuove prospettive di assistenza sanitaria

La telemedicina a supporto del paziente: nuove prospettive di assistenza sanitaria La telemedicina a supporto del paziente: nuove prospettive di assistenza sanitaria Antonio Nicolucci Dipartimento di Farmacologia Clinica e Epidemiologia Consorzio Mario Negri Sud Santa Maria Imbaro (CH)

Dettagli

Quale farmaco per il Diabete 2: efficacia vs farmaco-economia INSULINE. E. Tortato UOC Diabetologia Fermo ASUR Marche

Quale farmaco per il Diabete 2: efficacia vs farmaco-economia INSULINE. E. Tortato UOC Diabetologia Fermo ASUR Marche Quale farmaco per il Diabete 2: efficacia vs farmaco-economia INSULINE E. Tortato UOC Diabetologia Fermo ASUR Marche Natural History of Type 2 Diabetes 350 Obesity IFG* Diabetes Uncontrolled Hyperglycemia

Dettagli

L utilizzo dei nuovi farmaci nella terapia del diabete

L utilizzo dei nuovi farmaci nella terapia del diabete L utilizzo dei nuovi farmaci nella terapia del diabete L uso delle Insuline Arezzo 1 Febbraio 2014 Banting Best Nel 1922 Banting e Best pubblicavano i loro studi che avrebbero cambiato per sempre la vita

Dettagli

Gestione della terapia ipoglicemizzante nel post-operatorio

Gestione della terapia ipoglicemizzante nel post-operatorio Gestione della terapia ipoglicemizzante nel post-operatorio Chiara Dal Prà Clinica Medica III Unità bariatrica Azienda Ospedaliera Padova Padova, 8 marzo 2014 Tecniche chirurgiche bariatriche

Dettagli

IL FITNESS METABOLICO

IL FITNESS METABOLICO Esercizio fisico e fattori di rischio cardiovascolari : dalla teoria alla pratica IL FITNESS METABOLICO Dott.ssa C. Baggiore L'esercizio fisico è parte integrante del piano di trattamento del Diabete Mellito.

Dettagli

ASSISTENZA AL PAZIENTE ANZIANO DIABETICO

ASSISTENZA AL PAZIENTE ANZIANO DIABETICO ASSISTENZA AL PAZIENTE ANZIANO DIABETICO COMO Centro Cardinal Ferrari 14 dicembre 2012 Dottor Cosimo PRETE IL DIABETE MELLITO CONOSCIAMO IL DIABETE DA MOLTISSIMO TEMPO. DA QUANDO NEL LONTANO 1.500 A.C.

Dettagli

LA PREVENZIONE. Campobasso 2 aprile 2014

LA PREVENZIONE. Campobasso 2 aprile 2014 LA PREVENZIONE Campobasso 2 aprile 2014 Antimo Aiello U.O.C. Diabetologia-Endocrinologia ASL CAMPOBASSO Da ARNO - Diabete 2011 Previsioni OMS sulla futura prevalenza del diabete mellito nelle varie regioni

Dettagli

Medicina di Genere in Diabetologia

Medicina di Genere in Diabetologia Medicina di Genere in Diabetologia Valeria Manicardi Direttore Unità Internistica Multidisciplinare Osp. Montecchio. Coordinatore Diabetologia Interaziendale AUSL di Reggio Emilia La Medicina di Genere

Dettagli

Terapia ipoglicemizzante non. Dott.ssa R.Cavani U.O.Diabetologia Sassuolo

Terapia ipoglicemizzante non. Dott.ssa R.Cavani U.O.Diabetologia Sassuolo Terapia ipoglicemizzante non insulinica nel diabete Tipo 2 Dott.ssa R.Cavani U.O.Diabetologia Sassuolo Storia naturale del diabete tipo 2 Obesità IGT Diabete Scompenso Glicemia (mg/dl) 120 Iperglicemia

Dettagli

STENOSI CAROTIDEA. Influenza del controllo glicemico. Este, 29 novembre 2013. giuseppe panebianco

STENOSI CAROTIDEA. Influenza del controllo glicemico. Este, 29 novembre 2013. giuseppe panebianco STENOSI CAROTIDEA Influenza del controllo glicemico Este, 29 novembre 2013 giuseppe panebianco Difficoltà di determinare una correlazione tra correzione terapeutica dell iperglicemia e riduzione delle

Dettagli

IL DIABETE MELLITO DEFINIZIONE DIABETE MELLITO TIPO 1 DA COSA E DETERMINATO L ECCESSIVO AUMENTO DI GLICEMIA? ESISTE UN SOLO TIPO DI DIABETE MELLITO?

IL DIABETE MELLITO DEFINIZIONE DIABETE MELLITO TIPO 1 DA COSA E DETERMINATO L ECCESSIVO AUMENTO DI GLICEMIA? ESISTE UN SOLO TIPO DI DIABETE MELLITO? ASSISTENZA AL PAZIENTE ANZIANO DIABETICO IL DIABETE MELLITO CONOSCIAMO IL DIABETE DA MOLTISSIMO TEMPO. DA QUANDO NEL LONTANO 1.500 A.C. NE E COMPARSA, SU UN PAPIRO EGIZIO, LA PRIMA TRACCIA TRAMANDABILE

Dettagli

Sofferenza miocardica : quanto di patologico, quanto di iatrogeno

Sofferenza miocardica : quanto di patologico, quanto di iatrogeno Il cuore diabetico Sofferenza miocardica : quanto di patologico, quanto di iatrogeno Fabrizio Celeste Centro Cardiologico Monzino IRCCS Milano Il cuore diabetico Esiste il cuore diabetico? La cardiopatia

Dettagli

Insulina degludec. Scheda di valutazione del farmaco. Doc PTR n.254. Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali

Insulina degludec. Scheda di valutazione del farmaco. Doc PTR n.254. Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Scheda di valutazione del farmaco Insulina degludec A cura della Commissione Regionale del Farmaco della Regione Emilia-Romagna Doc PTR n.254 Recepito con determina n.5724 del 8/5/2015 Direzione Generale

Dettagli

Incontro con l esperto lipidi 1 SALA BORA 15 MAGGIO 2015

Incontro con l esperto lipidi 1 SALA BORA 15 MAGGIO 2015 Incontro con l esperto lipidi 1 SALA BORA 15 MAGGIO 2015 Dott.ssa Maria Chantal Ponziani Aou Maggiore della Carita di Novara Consigliere nazionale AMD Rischio relativo vs soggetti non diabetici Rischio

Dettagli

La Gestione Integrata del Diabete tipo 2

La Gestione Integrata del Diabete tipo 2 La Gestione Integrata del Diabete tipo 2 Anna Vittoria Ciardullo Referente Area distrettuale Azienda USL Modena Direttore Sanitario: Andrea Guerzoni Documenti Regione Emilia Romagna (circolare n.14/2003)

Dettagli

L attività motoria per prevenire e controllare il diabete mellito PIERO MELANDRI

L attività motoria per prevenire e controllare il diabete mellito PIERO MELANDRI L attività motoria per prevenire e controllare il diabete mellito PIERO MELANDRI CONOSCENZE STORICHE Non si può mantenersi in salute basandosi soltanto sul tipo di alimentazione, ma a questo bisogna affiancare

Dettagli

ROSIGLITAZONE / METFORMINA

ROSIGLITAZONE / METFORMINA RICHIESTA DI INSERIMENTO IN PTR DI A10BD03 (AVANDAMET ) Presentata da Commissione Terapeutica Provinciale Olbia In data marzo 2008 Per le seguenti motivazioni (sintesi): Nel controllo della patologia diabetica

Dettagli