5. Il lavoro di un gas perfetto

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "5. Il lavoro di un gas perfetto"

Transcript

1 5. Il lavoro d un gas perfetto ome s esprme l energa nterna d un gas perfetto? Un gas perfetto è l sstema pù semplce che possamo mmagnare: le nterazon a dstanza fra le molecole sono così debol da essere neffcac, qund l energa nterna è tutta cnetca. otendo trascurare l secondo termne, l espressone d E dventa: nt E nt gas perfetto Energa cnetca Energa potenzale dovuta all'agtazone termca dovuta alle nterazon fra delle partcelle tutte le possbl coppe 3 NE c N k T dove, supposto l gas monoatomco, l energa cnetca complessva è stata ottenuta moltplcando l valore medo per molecola 3 Ec kt dell energa cnetca dovuta all agtazone termca, per l R numero N delle molecole. Rcordando che k, rsulta: N ENERGI INTERN EI GS ERFETTI 3 3 MONOTOMIO E = nrt = nt 5 5 ITOMIO E = nrt = nt 3 R 3 3 E N T nrt N nt gas perfetto OLITOMIO E n t = 3 n R T = 3 con l numero d mol N n N, ed avendo anche sfruttato anche l equazone d stato nrt. Espresson analoghe s ottengono per gas perfett batomc e polatomc. Osservamo nfne che la quanttà ha le dmenson d un energa: N 3 m Nm m Se s esprme la pressone n atmosfere ed l volume n ltr: 3 5 l atm. rsultato che useremo negl esercz e da cu s ha anche : 8.3 R.8 l atm / mol K Esste un sstema al quale sa semplce applcare l prmo prncpo? llo scopo d comprendere meccansm energetc del prmo prncpo, s concepsce un sstema termodnamco molto semplfcato, come quello costtuto da un clndro dotato d un pstone moble e rpeno d gas perfetto. Le semplfcazon rspetto ad un sstema reale sono: 3

2 ext () L FILITÀ I ONTROLLO delle varazon d volume del sstema per effetto dell apporto d calore, poché la dlatazone può avvenre uncamente n una drezone () L SSENZ I UN ONTRIUTO OTENZILE NELL ENERGI INTERN come accade per tutt gas deal, dove le nterazon fra le molecole s possono trascurare (3) LE GRNI RIZIONI I OLUME d cu le sostanze allo stato gassoso sono capac e, qund, la loro abltà nel compere del lavoro termodnamco n manera pù agevole che non quando s trovano n fase solda. s he tpo d trasformazon può subre l gas nel clndro? Qual che sano le trasformazon, anche rreversbl, l prmo prncpo ha n ogn caso pena valdtà. Tuttava l calcolo delle grandezze termodnamche convolte è molto facltato se durante le varazon d volume, temperatura o pressone l sstema segue una successone d stat d equlbro. ggungamo qund come ultma condzone che l gas subsca solamente trasformazon reversbl. ome s calcola l lavoro svolto da questo sstema? La quanttà L che fgura nell espressone del prmo prncpo ndca l lavoro che l sstema n oggetto compe sull ambente a spese sa della propra energa nterna sa del calore Q che scamba con l esterno. Se tuttava l sstema è vncolato a rmanere n condzon quasstatche, può compere o subre del lavoro solamente attraverso varazon d volume. Una varazone d volume mplca un moto ordnato delle molecole nella drezone della espansone o della contrazone, così che forze che l sstema esercta sull ambente spostano l loro punto d applcazone. er uno spostamento s del pstone così pccolo da poter consderare costante la forza che l gas esercta su d esso, vene computo dal gas un lavoro elementare L dato da: L F s Fs s F F coè l lavoro è par alla lunghezza s dello spostamento del punto d applcazone della forza, per la componente F della forza lungo la drezone dello spostamento. Il lavoro eseguto dal gas è postvo se l pstone s muove nel verso della forza eserctata dal gas, negatvo se lo spostamento è n verso opposto. s s L OSITIO s L NEGTIO ome possamo esprmere la forza che l gas esercta sul pstone? Se l gas sta seguendo una trasformazone reversble, n ogn stante s trova sempre n equlbro e qund possamo defnrne la pressone nterna. La forza F s che l gas esercta nella drezone d s è l prodotto della pressone per la msura dell area a contatto con l gas, e coè: Fs Se non s dovessero rspettare le condzon d quas statctà potremmo far compere lavoro, ad esempo ad un gas, per effetto de mot convettv al suo nterno. Tal mot sarebbero però orgnat da dfferenze d T e qund la trasformazone n oggetto non sarebbe reversble n quanto non s potrebbe defnre unvocamente T S rcord che la scrttura d prodotto scalare fra quest due vettor vale F Δs cosα e sgnfca, ndfferentemente, o Δs per la componente d F lungo Δs, oppure F per la componente d Δs lungo F. 4

3 er un espansone rreversble non possamo adoperare la formula sopra n quanto l valore della pressone del gas non è ndvduable. Tuttava, nella stuazone comunemente verfcata n cu l gas s espande contro una pressone costante esterna (che nclude sa pressone atmosferca sa l ext contrbuto del peso del pstone) poché la forza che l ambente esercta sul gas: F ext ha la stessa ntenstà d quella che l gas esercta sull ambente, (come prevsto dalla terza legge della dnamca), s può utlzzare questa seconda espressone per l calcolo del lavoro computo dal gas. he lavoro compe l gas sull ambente se la pressone s mantene constante? Il calcolo del lavoro termodnamco, anche nel caso semplce d un clndro con gas perfetto che compa trasformazon reversbl è un procedmento complesso perché, n generale, l valore della pressone camba durante la varazone d volume. alcolamo ora l lavoro termodnamco che l gas compe sull ambente n relazone all nnalzamento d una lunghezza s del pstone, nel caso pù semplce, quello d una trasformazone sòbara, durante la quale la pressone s mantene costante. Nel caso d una trasformazone rreversble, se costante l lavoro computo dal gas vale: ext L F s s rr s ext Essendo ora s la varazone d volume subta per lo spostamento del pstone, ottenamo, n questo semplce caso, l espressone per l lavoro termodnamco d un gas: L ( ) rr ext ext dove con abbamo ndcato l volume nzale e con quello fnale, come n fgura. Se nvece la trasformazone è reversble, s può adoperare la pressone nterna costante del gas e s ottene: L ( ) rev Il lavoro svolto ha una nterpretazone geometrca sul pano pressone-volume? Se la trasformazone è rreversble la rsposta è no, n quanto non è nemmeno possble rappresentarla. Nel caso reversble nvece, l lavoro termodnamco s presta ad una facle nterpretazone geometrca sul pano d lapeyron. S abba un gas perfetto che s espande reversblmente, a pressone costante, da un volume ad un volume. Esso compe sull ambente un lavoro L ( ). La quanttà ( ) rappresenta l area compresa fra la retta orzzontale costante, equazone dell sobara, l asse delle ascsse, e le due rette vertcal e. Se la trasformazone è percorsa dallo stato a volume verso lo stato a volume s tratta d una espansone, ed l gas compe lavoro sull ambente essendo lo spostamento del pstone equverso alla forza che l gas esercta sul pstone. In questo caso s avrà: TRSFORMZIONE ISÒR = costante v L = ( - ) v v 5

4 L ( ) Se nvece s tratta d una compressone, percorsa qund dallo stato a volume maggore verso quello a volume mnore, lo spostamento del pstone sarà n verso contraro alla forza che l gas esercta su d esso e dremo che l gas compe l lavoro negatvo (o resstente) L ( ) oppure che l sstema compe lavoro sul gas. E se l espansone non avvene n una sola drezone? La formula rcavata ha una valdtà generale, nel senso che anche per un contentore a forma rregolare che subsse una varazone d volume s potrebbe calcolare l lavoro termodnamco relatvo a tale trasformazone dvdendo la superfce che s espande n tant element regolar e calcolando l lavoro attraverso la sommatora de contrbut d cascuno d ess, come schematzzato n fgura. sono de cas n cu non questa formula non vale? haramente a formula L cessa d valere n tutt que cas n cu non c s trov n condzon d quas statctà, perché se così fosse non s potrebbe nemmeno defnre un valore unvoco per la pressone da nserre n essa. al la pena d rmarcare che n generale l lavoro termodnamco dpende dal percorso che le varabl fsche seguono, e che, ad esempo, una espansone turbolenta che raddopp l volume d un gas comporta un lavoro molto dverso da quello d una espansone reversble che conduca al medesmo stato fnale. Qual è l lavoro del gas sull ambente se l volume resta constante? Nel caso d una trasformazone socòra, durante la quale l volume non vara, l lavoro che un gas perfetto compe è, con tutta evdenza, sempre zero, dato che s ha, per defnzone, par a zero la varazone d volume. La rappresentazone d una socòra reversble sul pano d lapeyron è un tratto vertcale. s TRSFORMZIONE ISOTERM ISÒRE L = TRSFORMZIONE ISOÒR ISOÒRE ROORZIONLI / = costante he lavoro compe l gas sull ambente se la temperatura s mantene constante? 6

5 onsderamo ora l caso d un gas perfetto che esegua una trasformazone soterma fra due stat e. Sul pano d lapeyron punt seguranno l arco d perbole equlatera nrt costante. Il valore della pressone camba contnuamente durante l processo e n questo caso la formula L non può essere adoperata. Tuttava, avendo a che fare con una trasformazone quasstatca, possamo mmagnare d suddvdere la varazone d pressone complessva n tant salt elementar durante le qual l suo valore s mantene costante. Successvamente raccordamo queste trasformazon sòbare con delle socòre durante la qual s compe lavoro nullo perché. In questo modo abbamo approssmato la trasformazone con una scaletta d sobare ed socore, come llustrato n fgura. Il lavoro può essere calcolato come somma de lavor d queste trasformazon elementar e conserva la sua nterpretazone geometrca d area sottesa dalla curva che rappresenta la trasformazone: costante (area evdenzata n fgura). Indchamo con W l lavoro computo durante l -esma sobara, ed esprmamolo, tramte la formula gà trovata, come L. Il lavoro complessvo s ottene addzonando contrbut d tutte le sobare elementar costrute. Tale somma rappresenta l area sottesa dal plurrettangolo d bas ed altezze. Sfruttando l equazone d nrt stato l espressone L del lavoro durante ogn sobara dvene: L nrt Sommando s ottene l lavoro complessvo: L nrt nrt avendo raccolto nrt a fattore comune, n quanto non dpende dall ndce ma è solo un prodotto d costant che moltplca tutt termn. ome mostramo nella scheda matematca, la nuova somma ottenuta è l area sottesa dall perbole equlatera y fra l valore nzale e quello fnale, area che s ottene tramte la funzone logartmo naturale: ln. Sosttuendo: L nrt ln che è la formula che consente d calcolare l lavoro durante una trasformazone soterma. Qual è l segno del lavoro computo da una gas perfetto che segue un soterma? Se s tratta d un espansone avremo l rsultato che l sstema compe un lavoro postvo. Infatt se s espande l volume fnale è maggore d quello nzale, coè 7

6 e qund, essendo l argomento del logartmo d, rsulta un numero maggore ln. Se nvece s tratta d una compressone l lavoro sarà negatvo essendo n questo caso l argomento del logartmo mnore d. Esempo ue mol d gas perfetto compono l cclo n fgura dove: 3 atm, atm, 4 l, 4 l alcolare: a) Il lavoro eseguto dal sstema durante l cclo e durante tre tratt ntermed b) Il calore scambato durante l cclo stesso c) La temperatura n = = Osservamo che l energa nterna E d un sstema è una funzone del suo nt stato, e qund n un processo cclco, dove, partendo dallo stato s rtorna n, e le varabl termodnamche rassumono loro valor nzal, E non può nt essere cambata. Qund applcando l prmo prncpo con E abbamo nt per l ntero cclo: E Q L Q L nt Il lavoro è svolto uncamente nel tratto sobaro ed n quello. S ha: L ( ) (4 4) 6 l atm 66 area L ( ) 36 l atm 3636 sottesa L Q L L cclo cclo er l calcolo della temperatura applchamo l equazone de gas perfett nello stato ( R 8.3 /mol K.8 l atm/mol K ): T 4 44 K nr.8 Esempo ue mol d gas perfetto compono l cclo reversble nel verso ndcato n fgura. Il cclo è formato dalle due soterme e e dalle due socore e. Essendo: 4. l ; 8. l ; T T ; T T ; s calcolno al termne del cclo: 8

7 a) Il lavoro totale fatto dal gas e la sua varazone d energa nterna b) Il calore scambato nel tratto c) La varazone d energa nterna nel tratto d) La pressone massma che s è avuta durante l cclo a) Il lavoro vene svolto solo ne due tratt soterm, postvo nell espansone, negatvo nella compressone. Trasformando n Kelvn le temperature date s ha: L L L nrt ln nrt ln R 373 ln 93 ln 9. l atm Nel tratto s ha charamente E Nk T essendo T. nt b) pplcando l prmo prncpo al tratto ottenamo: 8. E Q L Q L nrt ln 497 nt 4. un calore postvo, qund entrante. c) obbamo applcare la relazone: E Nk T nr T nr nt T T R 6R 33 d) La massma pressone s ha n. all equazone d stato: nrt atm 4. Esempo 3 Un gas perfetto può trplcare l propro volume da 3. m a 6. m passando per due cammn dfferent, oppure 3 =, come mostrato n fgura. Il calore ceduto al gas lungo l 5 cammno è Q 5. Sapendo noltre che 5. N/m e. N/m, calcolare: 5 a) Il lavoro computo dal gas durante l cammno b) Il calore Q che l gas ha scambato se la trasformazone è avvenuta lungo l cammno Il lavoro svolto lungo è l area del rettangolo compreso fra l segmento e l asse delle ascsse: 5 5 L ( ). (6..) 8. Il lavoro svolto lungo l camno è dato dall area sotto alla spezzata, evdenzata n gallo. Questa s ottene sottraendo l area del trangolo al lavoro L gà trovato. nche se l non è noto l volume, l area del 9

8 trangolo è comunque determnata perché sono date la sua base e la sua altezza. Rsulta: L L ( )( ) 8.. (4.) 6. er trovare Q applchamo l prmo prncpo alla trasformazone : E Q L. Essendo l energa nterna una funzone d stato, nt E nt s può calcolare anche al termne del percorso, che ha n comune con gl stat nzale e fnale. bbamo: E Q L nt da cu nfne: Q E L nt Esempo 4 Un gas perfetto monoatomco s trova ad volume nzale 4.l e ad una pressone nzale. atm. Esso segue una trasformazone che nel pano d lapeyron è rappresentata dal segmento d una retta passante per l orgne, al termne della quale ha raddoppato l suo volume.s calcolno: a) La varazone d energa nterna b) Il lavoro eseguto dal gas ed l calore scambato La conoscenza del coeffcente angolare m della retta permette d rcavare la pressone fnale: m. atm er la varazone d energa nterna s ha: E 8l atm.8 nt L area sottesa dal segmento fornsce l lavoro eseguto dal gas. Trattandola come un trapezo d bas e ed altezza s ha: L ( )( ) 3. atm 4.l 6.l atm 6. mentre dal prmo prncpo s ha l calore scambato: 3 3 Q E L nt Esempo 5 S hanno tre mol d gas perfetto che compono l cclo ndcato con E n fgura, smmetrco rspetto al punto. Sapendo che: 5. atm, 3. atm, E = l, 3 l E alcolare:. Il lavoro eseguto dal sstema durante l cclo =E E =E =

9 . Il calore scambato durante l cclo stesso 3. La temperatura degl stat e Il lavoro eseguto durante l ntero cclo è nullo per la smmetra del percorso. urante le due socore E e non vene computo lavoro, mentre l lavoro postvo svolto nel tratto d espansone, è uguale e contraro al lavoro subto, negatvo, nella contrazone E. Rsulta qund: E nt( cclo) Q cclo L Q cclo cclo Essendo n qualunque cclo E ne segue anche Q. nt( ) cclo cclo er l calcolo d T usamo l equazone d stato de gas perfett: 5.3 T 69K nr 3.8 Il punto ha volume e pressone ntermed: 3 E l 4.atm er cu dall equazone d stato: 4.5 T 46 K nr 3.8 Esempo 6 ue mol d gas perfetto s trovano a T 3 K sono post n un clndro dotato d pstone moble. Il sstema vene rscaldato fnché la lunghezza della parte d clndro occupata dal gas non raddoppa, po vene bloccato l pstone ed l gas è raffreddato fnché la pressone non è rdotta alla metà d quella nzale. S calcol la varazone d energa nterna del gas ed l calore complessvamente scambato con l ambente. Raddoppo della lunghezza del clndro sgnfca raddoppo del volume occupato, vsto che la superfce d base non camba. Osservamo che, se ndchamo lo stato nzale con, e T, quello fnale sarà, e T. f alla formula per l energa nterna d un gas perfetto mono-atomco s vede che l contenuto energetco non è cambato: 3 3 Ed l rsultato è analogo se s tratta d gas b-atomco o pol-atomco. all equazone d stato s rcava noltre che la temperatura fnale è uguale a quella nzale: T T T f nr nr al prmo prncpo ottenamo che l calore scambato è par al lavoro computo E Q L Q L ( ) nt Q nrt calore postvo qund assorbto dal gas.

10 Esempo 7 7. mol d gas perfetto sono contenute n un clndro dotato d pstone scorrevole sul quale è posta una massa m, e tutto l sstema s trova n equlbro alla temperatura d 7. Un certo quanttatvo d calore Q vene fornto al gas fnché questo non raddoppa l propro volume. Relatvamente a questa trasformazone s trovno l calore rcevuto dal gas, l lavoro che l gas ha svolto e la sua varazone d energa nterna. s ex m m In mancanza d altre specfcazon dobbamo rtenere che s tratt d una trasformazone rreversble, qund non rappresentable sul pano - se non per gl stat nzale e fnale. Il lavoro sarà calcolable graze alla pressone dall esterno. Rsulta qund: L e urante la trasformazone, date le turbolenze, non esste un valore d pressone nterna, tuttava negl stat d equlbro nzale e fnale la pressone nterna s sarà stablzzata attorno al valore esterno qund possamo applcare l equazone de gas perfett: nrt nrt e e f e f Sottraendo membro a membro: nr T T nr T e e e f E rcordando che è pure nrt s trova: e nrt nrt T T 3 K T T T 6 K Il lavoro computo sarà: f L nrt e e f e la varazone d energa nterna: 5 E nrt nt da cu s rcava subto l calore scambato dal gas: E Q L Q E L nt nt postvo n quanto rcevuto dal gas. Esempo 8 8. mol d gas perfetto sono contenute n un clndro n equlbro alla temperatura dell ambente T 3 K. Sul pstone gravano sa la pressone atmosferca che l propro peso. Un flo tra lentamente l pstone verso l alto, n modo che la trasformazone sa soterma reversble, fno a che l volume del gas non è raddoppato. S calcol l lavoro svolto dalla tensone del flo. h Il sstema segue una trasformazone reversble, qund è sempre n equlbro durante l processo, che consste d una espansone soterma. Il pstone non vara la propra energa cnetca essendo fermo n equlbro sa all nzo che alla fne, qund deve essere nullo l lavoro complessvamente svolto su d esso. Esplctando segn negatv de lavor resstent, quell coè n cu le forze

11 contrastano lo spostamento del punto d applcazone dovuto al movmento del pstone: L L L L L L L L gas flo peso atm flo peso atm gas er l lavoro del gas s può far uso della formula per l soterma reversble: f L nrt ln ln 384 gas Indcando con m la massa del pstone, con la sua superfce e con h lo spostamento vertcale, l lavoro della forza peso e quello della forza dovuta alla pressone atmosferca s scrvono complessvamente: L L mgh h mg h peso atm atm atm Tenendo conto che l pstone è nzalmente n equlbro, la forza rsultante eserctata su d esso deve essere nulla: mg mg gas atm gas atm da cu, essendo poché l volume raddoppa: n L L h nrt peso atm gas gas gas n Facendo la dfferenza s ottene l lavoro della tensone del flo: L L L L flo peso atm gas Esempo 9 lcune mol d gas perfetto sono contenute n un clndro dotato d pstone scorrevole sul quale è posta una coppa d masse ugual m 5 Kg. l d sopra delle masse c è l vuoto, e tutto l sstema s trova n equlbro alla temperatura dell ambente, essendo h.4 m l altezza del uoto uoto m clndro occupata. Levando una delle masse l gas s espande a temperatura costante. Relatvamente a questa trasformazone s trovno l calore scambato dal gas, l lavoro che l gas ha svolto e la sua varazone d energa nterna. h m m In assenza d ndcazon, dobbamo rtenere che s tratt d una trasformazone rreversble, qund non rappresentable sul pano -. Non è qund lecto usare l equazone dell soterma reversble, ma l lavoro sarà calcolable graze alla conoscenza della pressone dall esterno, che, detta la superfce del pstone, è sempre uguale a mg Rsulta qund: mg L e f durante la trasformazone. er trovare osservamo che sebbene durante la trasformazone, date le f turbolenze, non essta un valore d pressone nterna, negl stat d equlbro nzale e fnale la pressone nterna s sarà stablzzata attorno al valore esterno qund possamo applcare l equazone de gas perfett: nrt nrt f f f Rguardo alle presson nzale e fnale, s ha: 3

12 mg mg f da cu s rcava. Il lavoro computo vale dunque: f f mg mg L e f h mgh 5 Kg 9.8 m/s.4 m 98 llo stesso rsultato s pervene applcando l teorema dell energa cnetca ed osservando che l lavoro sul pstone deve essere uguale e contraro a quello mgh svolto dalla gravtà, vsto che l corpo non vara la sua energa cnetca nel processo, essendo fermo all nzo ed alla fne. Esempo lcune mol d gas perfetto batomco seguono le trasformazone reversbl n fgura. rma lungo dmezzano l propro volume a pressone costante, po lungo, trplcano l volume a temperatura costante, ed nfne lungo raddoppano la pressone a volume costante. Sapendo che m 3 e 5.5 a s dca quanto valgono l lavoro complessvamente svolto, l calore complessvamente scambato e la varazone totale d energa nterna. 3 3 Il lavoro vene svolto soltanto lungo l sobara e l soterma, mentre durante l socòra s ha L. er l sobara abbamo: 5 6 L ( ) 3 ( ) lavoro negatvo, subto dal gas, che nfatt s contrae dmezzando l propro volume. Lungo l soterma nvece s ha nvece: L nrt ln occorre qund calcolare la temperatura T utlzzando l equazone d stato n : 3 T nr nr Sosttuendo: 3 3 L nr ln 3 ln nr Il lavoro complessvol vale allora: L L L La varazone d energa nterna che compete a tutta la trasformazone è: E nt 3 3 ed applcando l prmo prncpo, l caloreq complessvamente scambato rsulta: E Q L Q L 8 nt 5 4

Corrente elettrica e circuiti

Corrente elettrica e circuiti Corrente elettrca e crcut Generator d forza elettromotrce Intenstà d corrente Legg d Ohm esstenza e resstvtà esstenze n sere e n parallelo Effetto termco della corrente Legg d Krchhoff Corrente elettrca

Dettagli

Unità Didattica N 25. La corrente elettrica

Unità Didattica N 25. La corrente elettrica Untà Ddattca N 5 : La corrente elettrca 1 Untà Ddattca N 5 La corrente elettrca 01) Il problema dell elettrocnetca 0) La corrente elettrca ne conduttor metallc 03) Crcuto elettrco elementare 04) La prma

Dettagli

Corso di laurea in Ingegneria Meccatronica. DINAMICI CA - 04 ModiStabilita

Corso di laurea in Ingegneria Meccatronica. DINAMICI CA - 04 ModiStabilita Automaton Robotcs and System CONTROL Unverstà degl Stud d Modena e Reggo Emla Corso d laurea n Ingegnera Meccatronca MODI E STABILITA DEI SISTEMI DINAMICI CA - 04 ModStablta Cesare Fantuzz (cesare.fantuzz@unmore.t)

Dettagli

Relazione funzionale e statistica tra due variabili Modello di regressione lineare semplice Stima puntuale dei coefficienti di regressione

Relazione funzionale e statistica tra due variabili Modello di regressione lineare semplice Stima puntuale dei coefficienti di regressione 1 La Regressone Lneare (Semplce) Relazone funzonale e statstca tra due varabl Modello d regressone lneare semplce Stma puntuale de coeffcent d regressone Decomposzone della varanza Coeffcente d determnazone

Dettagli

La rappresentazione dei numeri. La rappresentazione dei numeri. Aritmetica dei calcolatori. La rappresentazione dei numeri

La rappresentazione dei numeri. La rappresentazione dei numeri. Aritmetica dei calcolatori. La rappresentazione dei numeri Artmetca de calcolator Rappresentazone de numer natural e relatv Addzone e sommator: : a propagazone d rporto, veloce, con segno Moltplcazone e moltplcator: senza segno, con segno e algortmo d Booth Rappresentazone

Dettagli

Progetto Lauree Scientifiche. La corrente elettrica

Progetto Lauree Scientifiche. La corrente elettrica Progetto Lauree Scentfche La corrente elettrca Conoscenze d base Forza elettromotrce Corrente Elettrca esstenza e resstvtà Legge d Ohm Crcut 2 Una spra d rame n equlbro elettrostatco In un crcuto semplce

Dettagli

LA COMPATIBILITA tra due misure:

LA COMPATIBILITA tra due misure: LA COMPATIBILITA tra due msure: 0.4 Due msure, supposte affette da error casual, s dcono tra loro compatbl quando la loro dfferenza può essere rcondotta ad una pura fluttuazone statstca attorno al valore

Dettagli

Strutture deformabili torsionalmente: analisi in FaTA-E

Strutture deformabili torsionalmente: analisi in FaTA-E Strutture deformabl torsonalmente: anals n FaTA-E Il comportamento dsspatvo deale è negatvamente nfluenzato nel caso d strutture deformabl torsonalmente. Nelle Norme Tecnche cò vene consderato rducendo

Dettagli

Leggere i dati da file

Leggere i dati da file Esempo %soluzon d una equazone d secondo grado dsp('soluzon d a^+b+c') anput('damm l coeffcente a '); bnput('damm l coeffcente b '); cnput('damm l coeffcente c '); deltab^-4*a*c; f delta0 dsp('soluzon

Dettagli

Relazioni tra variabili: Correlazione e regressione lineare

Relazioni tra variabili: Correlazione e regressione lineare Dott. Raffaele Casa - Dpartmento d Produzone Vegetale Modulo d Metodologa Spermentale Febbrao 003 Relazon tra varabl: Correlazone e regressone lneare Anals d relazon tra varabl 6 Produzone d granella (kg

Dettagli

Misura della distanza focale. di una lente convergente. Metodo di Bessel

Misura della distanza focale. di una lente convergente. Metodo di Bessel Zuccarello Francesco Laboratoro d Fsca II Msura della dstanza focale d una lente convergente Metodo d Bessel A.A. 003-004 Indce Introduzone..pag. 3 Presuppost Teorc.pag. 4 Anals de dat.pag. 8. Modo d operare...pag.

Dettagli

UNA RASSEGNA SUI METODI DI STIMA DEL VALUE

UNA RASSEGNA SUI METODI DI STIMA DEL VALUE UNA RASSEGNA SUI METODI DI STIMA DEL VALUE at RISK (VaR) Chara Pederzol - Costanza Torrcell Dpartmento d Economa Poltca - Unverstà degl Stud d Modena e Reggo Emla Marzo 999 INDICE Introduzone. Il concetto

Dettagli

I vettori. a b. 180 α B A. Un segmento orientato è un segmento su cui è stato fissato un verso. di percorrenza, da verso oppure da verso.

I vettori. a b. 180 α B A. Un segmento orientato è un segmento su cui è stato fissato un verso. di percorrenza, da verso oppure da verso. I vettor B Un segmento orentto è un segmento su cu è stto fssto un verso B d percorrenz, d verso oppure d verso. A A Il segmento orentto d verso è ndcto con l smolo. Due segment orentt che hnno l stess

Dettagli

Argomenti. Misure di corrente elettrica continua, di differenza di potenziale e di resistenza elettrica.

Argomenti. Misure di corrente elettrica continua, di differenza di potenziale e di resistenza elettrica. ppunt per l corso d Laboratoro d Fsca per le Scuole Superor rgoent Msure d corrente elettrca contnua, d dfferenza d potenzale e d resstenza elettrca. Struent d sura: prncp d funzonaento. Coe s effettuano

Dettagli

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Problema 1 Due carrelli A e B, di massa m A = 104 kg e m B = 128 kg, collegati da una molla di costante elastica k = 3100

Dettagli

CIRCUITI DI IMPIEGO DEI DIODI

CIRCUITI DI IMPIEGO DEI DIODI UT D MPEGO DE DOD addrzzare ad na seonda. l crcto pù seplce, che pega l dodo coe raddrzzatore d na tensone alternata, è rappresentato n Fg.. n esso n generatore deale d tensone alternata l c valore stantaneo

Dettagli

PROCESSI CASUALI. Segnali deterministici e casuali

PROCESSI CASUALI. Segnali deterministici e casuali POCESSI CASUALI POCESSI CASUALI Segnal deermnsc e casual Un segnale () s dce DEEMIISICO se è una funzone noa d, coè se, fssao un qualunque sane d empo o, l valore ( o ) assuno dal segnale è noo con esaezza

Dettagli

Lorenzo Pistocchini RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO. Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile

Lorenzo Pistocchini RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO. Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile Agenza Nazonale per le Nuove Tecnologe, l Energa e lo Svluppo Economco Sostenble RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO Ottmzzazone termofludodnamca e dmensonamento d uno scambatore d calore n controcorrente con

Dettagli

CINEMATICA DEL CORPO RIGIDO

CINEMATICA DEL CORPO RIGIDO INEMTI DE ORPO RIGIDO o tudo della geometra degl potament de punt d un tema materale potzzato come rgdo rentra n quella parte della Meccanca laca che è la nematca. a cnematca tuda pobl movment d un corpo

Dettagli

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici Stm e putual Probabltà e Statstca I - a.a. 04/05 - Stmator Vocabolaro Popolazoe: u seme d oggett sul quale s desdera avere Iformazo. Parametro: ua caratterstca umerca della popolazoe. E u Numero fssato,

Dettagli

ARGOMENTO: MISURA DELLA RESISTENZA ELETTRICA CON IL METODO VOLT-AMPEROMETRICO.

ARGOMENTO: MISURA DELLA RESISTENZA ELETTRICA CON IL METODO VOLT-AMPEROMETRICO. elazoe d laboratoro d Fsca corso M-Z Laboratoro d Fsca del Dpartmeto d Fsca e Astrooma dell Uverstà degl Stud d Cataa. Scala Stefaa. AGOMENTO: MSUA DELLA ESSTENZA ELETTCA CON L METODO OLT-AMPEOMETCO. NTODUZONE:

Dettagli

Esercizi e Problemi di Termodinamica.

Esercizi e Problemi di Termodinamica. Esercizi e Problemi di Termodinamica. Dr. Yves Gaspar March 18, 2009 1 Problemi sulla termologia e sull equilibrio termico. Problema 1. Un pezzetto di ghiaccio di massa m e alla temperatura di = 250K viene

Dettagli

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti Gorgo Lambert Pag. Dmostrazoe della Formula per la determazoe del umero d dvsor-test d prmaltà, d Gorgo Lambert Eugeo Amtrao aveva proposto l'dea d ua formula per calcolare l umero d dvsor d u umero, da

Dettagli

Nadia Garbellini. L A TEX facile. Guida all uso

Nadia Garbellini. L A TEX facile. Guida all uso Nada Garbelln L A TEX facle Guda all uso 2010 Nada Garbelln L A TEX facle Guda all uso seconda edzone rveduta e corretta 2010 PRESENTAZIONE L amca e brava Nada Garbelln, autrce d questa bella e semplce

Dettagli

6 DINAMICA DEI SISTEMI DI PUNTI MATERIALI

6 DINAMICA DEI SISTEMI DI PUNTI MATERIALI 6 DINAMICA DEI SISTEMI DI PUNTI MATERIALI Consdeao un sstea d n unt ateal con n > nteagent ta loo e con l esto dell unveso. Nello studo d un tale sstea sulta convenente scooe la foza agente ( et) sull

Dettagli

come si tiene conto della limitazione d ampiezza e di velocità come si tiene conto della limitazione di frequenza come si tiene conto degli offset

come si tiene conto della limitazione d ampiezza e di velocità come si tiene conto della limitazione di frequenza come si tiene conto degli offset 8a resentazone della lezone 8 /6 Obettv come s tene conto della lmtazone d ampezza e d veloctà come s tene conto della lmtazone d reqenza come s tene conto degl oset 8a saper preved. col calcolo l nlenza

Dettagli

Indici di Posizione. Gli indici si posizione sono misure sintetiche ( valori caratteristici ) che descrivono la tendenza centrale di un fenomeno

Indici di Posizione. Gli indici si posizione sono misure sintetiche ( valori caratteristici ) che descrivono la tendenza centrale di un fenomeno Idc d Poszoe Gl dc s poszoe soo msure stetche ( valor caratterstc ) che descrvoo la tedeza cetrale d u feomeo La tedeza cetrale è, prma approssmazoe, la modaltà della varable verso la quale cas tedoo a

Dettagli

Metodologia di controllo. AUTORIMESSE (III edizione) Codice attività: 63.21.0. Indice

Metodologia di controllo. AUTORIMESSE (III edizione) Codice attività: 63.21.0. Indice Metodologa d controllo AUTORIMESSE (III edzone) Codce attvtà: 63.21.0 Indce 1. PREMESSA... 2 2. ATTIVITÀ PREPARATORIA AL CONTROLLO... 3 2.1 Interrogazon dell Anagrafe Trbutara... 3 2.2 Altre nterrogazon

Dettagli

COMUNICAZIONE AI GRUPPI DI LAVORO SIDEA (13/09/02) LE CONDIZIONI DI OTTIMALITÀ PER LA DETERMINAZIONE DELLE CATTURE DI PESCE

COMUNICAZIONE AI GRUPPI DI LAVORO SIDEA (13/09/02) LE CONDIZIONI DI OTTIMALITÀ PER LA DETERMINAZIONE DELLE CATTURE DI PESCE COMUNICAZIONE AI GRUPPI DI LAVORO SIDEA (13/9/2) ECONOMIA E POLITICA DEL SETTORE ITTICO 1.INTRODUZIONE. LE CONDIZIONI DI OTTIMALITÀ PER LA DETERMINAZIONE DELLE CATTURE DI PESCE (una applcazone ad un contesto

Dettagli

CONTO CONSUNTIVO PER L'ESERCIZIO FINANZIARIO 2012 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO

CONTO CONSUNTIVO PER L'ESERCIZIO FINANZIARIO 2012 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO DIREZIONE DIDATTICA DEL 4 CIRCOLO DI FORLI' Va Gorgna Saff, n.12 Tel 0543/33345 fax 0543/458861 C.F. 80004560407 CM FOEE00400B e-mal foee00400b@struzone.t - posta cert.: foee00400b@pec.struzone.t sto web:

Dettagli

ELABORAZIONE DI SEGNALI E IMMAGINI

ELABORAZIONE DI SEGNALI E IMMAGINI Fltraggo d un segnale EABORAZIOE DI SEGAI E IAGII. Bertero P. Boccacc bertero@ds.unge.t boccacc@ds.unge.t Al ne d glorare la qualtà d un segnale dgtale una tecnca d prara portanza è l ltraggo. Con l quale

Dettagli

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo Energia e Lavoro Finora abbiamo descritto il moto dei corpi (puntiformi) usando le leggi di Newton, tramite le forze; abbiamo scritto l equazione del moto, determinato spostamento e velocità in funzione

Dettagli

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli

Esercitazione VIII - Lavoro ed energia II

Esercitazione VIII - Lavoro ed energia II Esercitazione VIII - Lavoro ed energia II Forze conservative Esercizio Una pallina di massa m = 00g viene lanciata tramite una molla di costante elastica = 0N/m come in figura. Ammesso che ogni attrito

Dettagli

Corrente elettrica (regime stazionario)

Corrente elettrica (regime stazionario) Corrente elettrica (regime stazionario) Metalli Corrente elettrica Legge di Ohm Resistori Collegamento di resistori Generatori di forza elettromotrice Metalli Struttura cristallina: ripetizione di unita`

Dettagli

PREFAZIONE. di Giuseppe Berto

PREFAZIONE. di Giuseppe Berto , PREFAZIONE d Guseppe Berto RICORDO DEL TERRAGLIO Quand'ero govane, e la vogla d grare l mondo m spngeva n terre lontane, a ch m chedeva notze del mo paese, rspondevo: l mo paese è una strada. In effett,

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA

ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA Quado s vuole valutare u parametro θ ad esempo: meda, varaza, proporzoe, oeffete d regressoe leare, oeffete d orrelazoe leare, e) d ua popolazoe medate u ampoe asuale,

Dettagli

LE FUNZIONI MATEMATICHE

LE FUNZIONI MATEMATICHE ALGEBRA LE FUNZIONI MATEMATICHE E IL PIANO CARTESIANO PREREQUISITI l l l l l conoscere il concetto di insieme conoscere il concetto di relazione disporre i dati in una tabella rappresentare i dati mediante

Dettagli

Precorsi 2014. Fisica. parte 1

Precorsi 2014. Fisica. parte 1 Precorsi 2014 Fisica parte 1 Programma ministeriale per il test Grandezze fisiche Una grandezza fisica è una caratteristica misurabile di un entità fisica. Sono grandezze fisiche: velocità, energia di

Dettagli

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0 L entropia e il secondo principio della termodinamica La maggior parte delle reazioni esotermiche risulta spontanea ma esistono numerose eccezioni. In laboratorio, ad esempio, si osserva come la dissoluzione

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

1. Integrazione di funzioni razionali fratte

1. Integrazione di funzioni razionali fratte . Integazone d fnzon azonal fatte P S songa d vole calcolae n ntegale del to: d Q ove P e Q sono olno nell ndetenata d gado assegnato. Sonao ce: P a n n a n n a a Q b b b b oleent s etod d ntegazone I

Dettagli

CORPO GIREVOLE ATTORNO AD UN ASSE E MOMENTI. TORNA ALL'INDICE

CORPO GIREVOLE ATTORNO AD UN ASSE E MOMENTI. TORNA ALL'INDICE CORPO GIREVOLE ATTORNO AD UN ASSE E MOMENTI. TORNA ALL'INDICE Consideriamo adesso un corpo esteso, formato da più punti, e che abbia un asse fisso, attorno a cui il corpo può ruotare. In questo caso l

Dettagli

FUNZIONI LINEARI. FUNZIONE VALORE ASSOLUTO. Si chiama funzione lineare (o funzione affine) una funzione del tipo = +

FUNZIONI LINEARI. FUNZIONE VALORE ASSOLUTO. Si chiama funzione lineare (o funzione affine) una funzione del tipo = + FUNZIONI LINEARI. FUNZIONE VALORE ASSOLUTO Si chiama funzione lineare (o funzione affine) una funzione del tipo = + dove m e q sono numeri reali fissati. Il grafico di tale funzione è una retta, di cui

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

CURVE DI LIVELLO. Per avere informazioni sull andamento di una funzione f : D IR n IR può essere utile considerare i suoi insiemi di livello.

CURVE DI LIVELLO. Per avere informazioni sull andamento di una funzione f : D IR n IR può essere utile considerare i suoi insiemi di livello. CURVE DI LIVELLO Per avere informazioni sull andamento di una funzione f : D IR n IR può essere utile considerare i suoi insiemi di livello. Definizione. Si chiama insieme di livello k della funzione f

Dettagli

Il MINISTRO DELLA GIUSTIZIA di concerto con IL MINISTRO DEI LAVORI PUBBLICI

Il MINISTRO DELLA GIUSTIZIA di concerto con IL MINISTRO DEI LAVORI PUBBLICI Corrispettivi delle attività di progettazione e delle altre attività ai sensi dell articolo 17, comma 14 bis, della legge 11 febbraio 1994 n.109 e successive modifiche. l MNSTRO DELLA GUSTZA di concerto

Dettagli

Seconda Legge DINAMICA: F = ma

Seconda Legge DINAMICA: F = ma Seconda Legge DINAMICA: F = ma (Le grandezze vettoriali sono indicate in grassetto e anche in arancione) Fisica con Elementi di Matematica 1 Unità di misura: Massa m si misura in kg, Accelerazione a si

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La termodinamica è quella branca della fisica che descrive le trasformazioni subite da un sistema (sia esso naturale o costruito dall uomo), in seguito

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO SIMULAZINE DI PRVA D ESAME CRS DI RDINAMENT Risolvi uno dei due problemi e 5 dei quesiti del questionario. PRBLEMA Considera la famiglia di funzioni k ln f k () se k se e la funzione g() ln se. se. Determina

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d.

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d. 1) Il valore di 5 10 20 è: a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 2) Il valore del rapporto (2,8 10-4 ) / (6,4 10 2 ) è: a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori 3) La quantità

Dettagli

ISOTOPI LA SICUREZZA NON VA VISTA COME UN IMPEDIMENTO A SVOLGERE LA PROPRIA ATTIVITA, MA DIVENTA PARTE INTEGRANTE DELL ATTIVITA STESSA

ISOTOPI LA SICUREZZA NON VA VISTA COME UN IMPEDIMENTO A SVOLGERE LA PROPRIA ATTIVITA, MA DIVENTA PARTE INTEGRANTE DELL ATTIVITA STESSA LA SCUREZZA NON VA VSTA COME UN MPEDMENTO A SVOLGERE LA PROPRA ATTVTA, MA DVENTA PARTE NTEGRANTE DELL ATTVTA STESSA Dott.ssa Benedetta Persechino - SPESL - DML 1895 SCOPERTA DE RAGG X RADOATTVTA PROPRETA

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0 1 ) Un veicolo che viaggia inizialmente alla velocità di 1 Km / h frena con decelerazione costante sino a fermarsi nello spazio di m. La sua decelerazione è di circa: A. 5 m / s. B. 3 m / s. C. 9 m / s.

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg.

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg. Spingete per 4 secondi una slitta dove si trova seduta la vostra sorellina. Il peso di slitta+sorella è di 40 kg. La spinta che applicate F S è in modulo pari a 60 Newton. La slitta inizialmente è ferma,

Dettagli

Liste di specie e misure di diversità

Liste di specie e misure di diversità Lte d pece e mure d dvertà Carattertche delle lte d pece I dat ono par, coè hanno molt valor null (a volte la maggoranza!) La gran parte delle pece preent è rara. I fattor ambental che nfluenzano la dtrbuzone

Dettagli

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011 1 Trasformazioni Geometriche 1 Roberto etroni, 2011 Trasformazioni Geometriche sul piano euclideo 1) Introduzione Def: si dice trasformazione geometrica una corrispondenza biunivoca che associa ad ogni

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO Una trasformazione geometrica è una funzione che fa corrispondere a ogni punto del piano un altro punto del piano stesso Si può pensare come MOVIMENTO di punti e

Dettagli

CS. Cinematica dei sistemi

CS. Cinematica dei sistemi CS. Cinematica dei sistemi Dopo aver esaminato la cinematica del punto e del corpo rigido, che sono gli schemi più semplificati con cui si possa rappresentare un corpo, ci occupiamo ora dei sistemi vincolati.

Dettagli

Sistemi materiali e quantità di moto

Sistemi materiali e quantità di moto Capitolo 4 Sistemi materiali e quantità di moto 4.1 Impulso e quantità di moto 4.1.1 Forze impulsive Data la forza costante F agente su un punto materiale per un intervallo di tempo t, si dice impulso

Dettagli

DIODO E RADDRIZZATORI DI PRECISIONE

DIODO E RADDRIZZATORI DI PRECISIONE OO E AZZATO PECSONE raddrzzar ( refcar) sn crcu mpega per la rasfrmazne d segnal bdreznal n segnal undreznal. Usand, però, dd per raddrzzare segnal, s avrà l svanagg d nn per raddrzzare segnal la cu ampezza

Dettagli

f : A A = f (A) In altre parole f è una funzione che associa a un punto del piano un altro punto del piano e che si può invertire.

f : A A = f (A) In altre parole f è una funzione che associa a un punto del piano un altro punto del piano e che si può invertire. Consideriamo l insieme P dei punti del piano e una f funzione biiettiva da P in P: f : { P P A A = f (A) In altre parole f è una funzione che associa a un punto del piano un altro punto del piano e che

Dettagli

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t;

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t; CAPITOLO CIRCUITI IN CORRENTE CONTINUA Definizioni Dato un conduttore filiforme ed una sua sezione normale S si definisce: Corrente elettrica i Q = (1) t dove Q è la carica che attraversa la sezione S

Dettagli

M P = PA^V. Il risultante e denito semplicemente come la somma dei vettori di a

M P = PA^V. Il risultante e denito semplicemente come la somma dei vettori di a VETTORI APPLICATI Sistema di vettori applicati L'ente matematico costituito da un punto P e da un vettore (libero) V, si dice vettore applicato in P e si denota con (P;V). E comodo rappresentare il vettore

Dettagli

GRANDEZZE ALTERNATE SINUSOIDALI

GRANDEZZE ALTERNATE SINUSOIDALI GRANDEZZE ALTERNATE SINUSOIDALI 1 Nel campo elettrotecnico-elettronico, per indicare una qualsiasi grandezza elettrica si usa molto spesso il termine di segnale. L insieme dei valori istantanei assunti

Dettagli

Guida Rapida. Guida Rapida. Telefoni. Progetto. Collegati ai sistemi Progetto. PROMELIT Meglio comunicare meglio.

Guida Rapida. Guida Rapida. Telefoni. Progetto. Collegati ai sistemi Progetto. PROMELIT Meglio comunicare meglio. Guida Rapida Guida Rapida Progetto Telefoni N e x t Collegati ai sistemi Progetto 35 PROMELT Meglio comunicare meglio. Telefoni PROGETTO NEXT Telefono ntercomunicante PROGETTO NEXT l Vs. apparecchio ha

Dettagli

Unità 2 Inviluppo di volo secondo le norme F.A.R. 23

Unità 2 Inviluppo di volo secondo le norme F.A.R. 23 Untà Invlupp d vl secnd le nrme F.A.R. 3.1 Il dgrmm d mnvr Cn rferment qunt rprtt nel prgrf 1.4 dell precedente Untà s può scrvere: n f z L 1 ρscl 1 ρs CL v ( cs t) C v L uest sgnfc che per un dt qut (ρ)

Dettagli

La funzione è continua nel suo dominio perchè y = f(x) è composizione di funzioni continue. Il punto x = 0 è un punto isolato per D f.

La funzione è continua nel suo dominio perchè y = f(x) è composizione di funzioni continue. Il punto x = 0 è un punto isolato per D f. FUNZIONI CONTINUE - ALCUNI ESERCIZI SVOLTI SIMONE ALGHISI 1. Continuità di una funzione Dati un insieme D R, una funzione f : D R e x 0 R, si è detto che f è continua in x 0 se sono soddisfatte le seguenti

Dettagli

Soluzione Punto 1 Si calcoli in funzione di x la differenza d(x) fra il volume del cono avente altezza AP e base il

Soluzione Punto 1 Si calcoli in funzione di x la differenza d(x) fra il volume del cono avente altezza AP e base il Matematica per la nuova maturità scientifica A. Bernardo M. Pedone 74 PROBLEMA Considerata una sfera di diametro AB, lungo, per un punto P di tale diametro si conduca il piano α perpendicolare ad esso

Dettagli

Analisi Matematica di circuiti elettrici

Analisi Matematica di circuiti elettrici Analisi Matematica di circuiti elettrici Eserciziario A cura del Prof. Marco Chirizzi 2011/2012 Cap.5 Numeri complessi 5.1 Definizione di numero complesso Si definisce numero complesso un numero scritto

Dettagli

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze Misure di base su una carta Calcoli di distanze Per calcolare la distanza tra due punti su una carta disegnata si opera nel modo seguente: 1. Occorre identificare la scala della carta o ricorrendo alle

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Archimede esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA La funzione f

Dettagli

IV-1 Funzioni reali di più variabili

IV-1 Funzioni reali di più variabili IV- FUNZIONI REALI DI PIÙ VARIABILI INSIEMI IN R N IV- Funzioni reali di più variabili Indice Insiemi in R n. Simmetrie degli insiemi............................................ 4 2 Funzioni da R n a R

Dettagli

Unità Didattica N 28 Punti notevoli di un triangolo

Unità Didattica N 28 Punti notevoli di un triangolo 68 Unità Didattica N 8 Punti notevoli di un triangolo Unità Didattica N 8 Punti notevoli di un triangolo 0) ircocentro 0) Incentro 03) Baricentro 04) Ortocentro Pagina 68 di 73 Unità Didattica N 8 Punti

Dettagli

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti Y T T I Numeri Complessi Operazioni di somma e prodotto su Consideriamo, insieme delle coppie ordinate di numeri reali, per cui si ha!"# $&% '( e )("+* Introduciamo in tale insieme una operazione di somma,/0"#123045"#

Dettagli

TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA

TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA INTRODUZIONE Lo scopo dell esperienza è ricavare le grandezze termodinamiche per la reazione che avviene in una cella galvanica, attraverso misure di f.e.m. effettuate

Dettagli

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito.

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito. INTEGRALI DEFINITI Sia nel campo scientifico che in quello tecnico si presentano spesso situazioni per affrontare le quali è necessario ricorrere al calcolo dell integrale definito. Vi sono infatti svariati

Dettagli

Forze Conservative. Il lavoro eseguito da una forza conservativa lungo un qualunque percorso chiuso e nullo.

Forze Conservative. Il lavoro eseguito da una forza conservativa lungo un qualunque percorso chiuso e nullo. Lavoro ed energia 1. Forze conservative 2. Energia potenziale 3. Conservazione dell energia meccanica 4. Conservazione dell energia nel moto del pendolo 5. Esempio: energia potenziale gravitazionale 6.

Dettagli

w w w. a x i o s i t a l i a. c o m

w w w. a x i o s i t a l i a. c o m w w w. a x o t a l a. c o m SISSIWEB AXIOS SIDI INVIO SMS INVIO EMAIL ACQUISIZIONE ASSENZE - DA SCANNER - DA PALMARE C/C POSTALE E BANCARIO DICHIARAZIONE DEI SERVIZI GESTIONE ORARIA DEL PERSONALE PRIVACY

Dettagli

Associazione per l Insegnamento della Fisica Giochi di Anacleto 2014 - Soluzioni a Domande e Risposte

Associazione per l Insegnamento della Fisica Giochi di Anacleto 2014 - Soluzioni a Domande e Risposte 9ik8ujm Quesito 1 Risposta B Associazione per l Insegnamento della Fisica La formazione di una stella è dovuta alla contrazione gravitazionale di una nube di gas e polveri Da una stessa nube generalmente

Dettagli

Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 2000-2001

Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 2000-2001 Matematica per la nuova maturità scientifica A. Bernardo M. Pedone Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 000-00 Problema Sia AB un segmento di lunghezza a e il suo punto medio. Fissato un conveniente

Dettagli

F U N Z I O N I. E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC "DERIVE")

F U N Z I O N I. E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC DERIVE) F U N Z I O N I E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC "DERIVE") I N D I C E Funzioni...pag. 2 Funzioni del tipo = Kx... 4 Funzioni crescenti e decrescenti...10

Dettagli

IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento.

IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento. 1 IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento. Quando un corpo è in movimento? Osservando la figura precedente appare chiaro che ELISA è ferma rispetto a DAVIDE, che è insieme a lei sul treno; mentre

Dettagli

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 0/0 - Docente: Prof. Carlo Isetti LAVORO D NRGIA 5. GNRALITÀ In questo capitolo si farà riferimento a concetto quali lavoro ed energia termini che hanno nella

Dettagli

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Marco Robutti October 13, 2014 Lo sviluppo in serie di Taylor di una funzione è uno strumento matematico davvero molto utile, e viene spesso utilizzato in

Dettagli

6. Moto in due dimensioni

6. Moto in due dimensioni 6. Moto in due dimensioni 1 Vettori er descriere il moto in un piano, in analogia con quanto abbiamo fatto per il caso del moto in una dimensione, è utile usare una coppia di assi cartesiani, come illustrato

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

Rexroth Pneumatics. Cilindro senz asta Cilindri senza stelo. Pressione di esercizio min/max Temperatura ambiente min./max.

Rexroth Pneumatics. Cilindro senz asta Cilindri senza stelo. Pressione di esercizio min/max Temperatura ambiente min./max. Rexroth Pneumatics 1 Pressione di esercizio min/max 2 bar / 8 bar Temperatura ambiente min./max. -10 C / +60 C Fluido Aria compressa Dimensione max. particella 5 µm contenuto di olio dell aria compressa

Dettagli