5. Il lavoro di un gas perfetto

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "5. Il lavoro di un gas perfetto"

Transcript

1 5. Il lavoro d un gas perfetto ome s esprme l energa nterna d un gas perfetto? Un gas perfetto è l sstema pù semplce che possamo mmagnare: le nterazon a dstanza fra le molecole sono così debol da essere neffcac, qund l energa nterna è tutta cnetca. otendo trascurare l secondo termne, l espressone d E dventa: nt E nt gas perfetto Energa cnetca Energa potenzale dovuta all'agtazone termca dovuta alle nterazon fra delle partcelle tutte le possbl coppe 3 NE c N k T dove, supposto l gas monoatomco, l energa cnetca complessva è stata ottenuta moltplcando l valore medo per molecola 3 Ec kt dell energa cnetca dovuta all agtazone termca, per l R numero N delle molecole. Rcordando che k, rsulta: N ENERGI INTERN EI GS ERFETTI 3 3 MONOTOMIO E = nrt = nt 5 5 ITOMIO E = nrt = nt 3 R 3 3 E N T nrt N nt gas perfetto OLITOMIO E n t = 3 n R T = 3 con l numero d mol N n N, ed avendo anche sfruttato anche l equazone d stato nrt. Espresson analoghe s ottengono per gas perfett batomc e polatomc. Osservamo nfne che la quanttà ha le dmenson d un energa: N 3 m Nm m Se s esprme la pressone n atmosfere ed l volume n ltr: 3 5 l atm. rsultato che useremo negl esercz e da cu s ha anche : 8.3 R.8 l atm / mol K Esste un sstema al quale sa semplce applcare l prmo prncpo? llo scopo d comprendere meccansm energetc del prmo prncpo, s concepsce un sstema termodnamco molto semplfcato, come quello costtuto da un clndro dotato d un pstone moble e rpeno d gas perfetto. Le semplfcazon rspetto ad un sstema reale sono: 3

2 ext () L FILITÀ I ONTROLLO delle varazon d volume del sstema per effetto dell apporto d calore, poché la dlatazone può avvenre uncamente n una drezone () L SSENZ I UN ONTRIUTO OTENZILE NELL ENERGI INTERN come accade per tutt gas deal, dove le nterazon fra le molecole s possono trascurare (3) LE GRNI RIZIONI I OLUME d cu le sostanze allo stato gassoso sono capac e, qund, la loro abltà nel compere del lavoro termodnamco n manera pù agevole che non quando s trovano n fase solda. s he tpo d trasformazon può subre l gas nel clndro? Qual che sano le trasformazon, anche rreversbl, l prmo prncpo ha n ogn caso pena valdtà. Tuttava l calcolo delle grandezze termodnamche convolte è molto facltato se durante le varazon d volume, temperatura o pressone l sstema segue una successone d stat d equlbro. ggungamo qund come ultma condzone che l gas subsca solamente trasformazon reversbl. ome s calcola l lavoro svolto da questo sstema? La quanttà L che fgura nell espressone del prmo prncpo ndca l lavoro che l sstema n oggetto compe sull ambente a spese sa della propra energa nterna sa del calore Q che scamba con l esterno. Se tuttava l sstema è vncolato a rmanere n condzon quasstatche, può compere o subre del lavoro solamente attraverso varazon d volume. Una varazone d volume mplca un moto ordnato delle molecole nella drezone della espansone o della contrazone, così che forze che l sstema esercta sull ambente spostano l loro punto d applcazone. er uno spostamento s del pstone così pccolo da poter consderare costante la forza che l gas esercta su d esso, vene computo dal gas un lavoro elementare L dato da: L F s Fs s F F coè l lavoro è par alla lunghezza s dello spostamento del punto d applcazone della forza, per la componente F della forza lungo la drezone dello spostamento. Il lavoro eseguto dal gas è postvo se l pstone s muove nel verso della forza eserctata dal gas, negatvo se lo spostamento è n verso opposto. s s L OSITIO s L NEGTIO ome possamo esprmere la forza che l gas esercta sul pstone? Se l gas sta seguendo una trasformazone reversble, n ogn stante s trova sempre n equlbro e qund possamo defnrne la pressone nterna. La forza F s che l gas esercta nella drezone d s è l prodotto della pressone per la msura dell area a contatto con l gas, e coè: Fs Se non s dovessero rspettare le condzon d quas statctà potremmo far compere lavoro, ad esempo ad un gas, per effetto de mot convettv al suo nterno. Tal mot sarebbero però orgnat da dfferenze d T e qund la trasformazone n oggetto non sarebbe reversble n quanto non s potrebbe defnre unvocamente T S rcord che la scrttura d prodotto scalare fra quest due vettor vale F Δs cosα e sgnfca, ndfferentemente, o Δs per la componente d F lungo Δs, oppure F per la componente d Δs lungo F. 4

3 er un espansone rreversble non possamo adoperare la formula sopra n quanto l valore della pressone del gas non è ndvduable. Tuttava, nella stuazone comunemente verfcata n cu l gas s espande contro una pressone costante esterna (che nclude sa pressone atmosferca sa l ext contrbuto del peso del pstone) poché la forza che l ambente esercta sul gas: F ext ha la stessa ntenstà d quella che l gas esercta sull ambente, (come prevsto dalla terza legge della dnamca), s può utlzzare questa seconda espressone per l calcolo del lavoro computo dal gas. he lavoro compe l gas sull ambente se la pressone s mantene constante? Il calcolo del lavoro termodnamco, anche nel caso semplce d un clndro con gas perfetto che compa trasformazon reversbl è un procedmento complesso perché, n generale, l valore della pressone camba durante la varazone d volume. alcolamo ora l lavoro termodnamco che l gas compe sull ambente n relazone all nnalzamento d una lunghezza s del pstone, nel caso pù semplce, quello d una trasformazone sòbara, durante la quale la pressone s mantene costante. Nel caso d una trasformazone rreversble, se costante l lavoro computo dal gas vale: ext L F s s rr s ext Essendo ora s la varazone d volume subta per lo spostamento del pstone, ottenamo, n questo semplce caso, l espressone per l lavoro termodnamco d un gas: L ( ) rr ext ext dove con abbamo ndcato l volume nzale e con quello fnale, come n fgura. Se nvece la trasformazone è reversble, s può adoperare la pressone nterna costante del gas e s ottene: L ( ) rev Il lavoro svolto ha una nterpretazone geometrca sul pano pressone-volume? Se la trasformazone è rreversble la rsposta è no, n quanto non è nemmeno possble rappresentarla. Nel caso reversble nvece, l lavoro termodnamco s presta ad una facle nterpretazone geometrca sul pano d lapeyron. S abba un gas perfetto che s espande reversblmente, a pressone costante, da un volume ad un volume. Esso compe sull ambente un lavoro L ( ). La quanttà ( ) rappresenta l area compresa fra la retta orzzontale costante, equazone dell sobara, l asse delle ascsse, e le due rette vertcal e. Se la trasformazone è percorsa dallo stato a volume verso lo stato a volume s tratta d una espansone, ed l gas compe lavoro sull ambente essendo lo spostamento del pstone equverso alla forza che l gas esercta sul pstone. In questo caso s avrà: TRSFORMZIONE ISÒR = costante v L = ( - ) v v 5

4 L ( ) Se nvece s tratta d una compressone, percorsa qund dallo stato a volume maggore verso quello a volume mnore, lo spostamento del pstone sarà n verso contraro alla forza che l gas esercta su d esso e dremo che l gas compe l lavoro negatvo (o resstente) L ( ) oppure che l sstema compe lavoro sul gas. E se l espansone non avvene n una sola drezone? La formula rcavata ha una valdtà generale, nel senso che anche per un contentore a forma rregolare che subsse una varazone d volume s potrebbe calcolare l lavoro termodnamco relatvo a tale trasformazone dvdendo la superfce che s espande n tant element regolar e calcolando l lavoro attraverso la sommatora de contrbut d cascuno d ess, come schematzzato n fgura. sono de cas n cu non questa formula non vale? haramente a formula L cessa d valere n tutt que cas n cu non c s trov n condzon d quas statctà, perché se così fosse non s potrebbe nemmeno defnre un valore unvoco per la pressone da nserre n essa. al la pena d rmarcare che n generale l lavoro termodnamco dpende dal percorso che le varabl fsche seguono, e che, ad esempo, una espansone turbolenta che raddopp l volume d un gas comporta un lavoro molto dverso da quello d una espansone reversble che conduca al medesmo stato fnale. Qual è l lavoro del gas sull ambente se l volume resta constante? Nel caso d una trasformazone socòra, durante la quale l volume non vara, l lavoro che un gas perfetto compe è, con tutta evdenza, sempre zero, dato che s ha, per defnzone, par a zero la varazone d volume. La rappresentazone d una socòra reversble sul pano d lapeyron è un tratto vertcale. s TRSFORMZIONE ISOTERM ISÒRE L = TRSFORMZIONE ISOÒR ISOÒRE ROORZIONLI / = costante he lavoro compe l gas sull ambente se la temperatura s mantene constante? 6

5 onsderamo ora l caso d un gas perfetto che esegua una trasformazone soterma fra due stat e. Sul pano d lapeyron punt seguranno l arco d perbole equlatera nrt costante. Il valore della pressone camba contnuamente durante l processo e n questo caso la formula L non può essere adoperata. Tuttava, avendo a che fare con una trasformazone quasstatca, possamo mmagnare d suddvdere la varazone d pressone complessva n tant salt elementar durante le qual l suo valore s mantene costante. Successvamente raccordamo queste trasformazon sòbare con delle socòre durante la qual s compe lavoro nullo perché. In questo modo abbamo approssmato la trasformazone con una scaletta d sobare ed socore, come llustrato n fgura. Il lavoro può essere calcolato come somma de lavor d queste trasformazon elementar e conserva la sua nterpretazone geometrca d area sottesa dalla curva che rappresenta la trasformazone: costante (area evdenzata n fgura). Indchamo con W l lavoro computo durante l -esma sobara, ed esprmamolo, tramte la formula gà trovata, come L. Il lavoro complessvo s ottene addzonando contrbut d tutte le sobare elementar costrute. Tale somma rappresenta l area sottesa dal plurrettangolo d bas ed altezze. Sfruttando l equazone d nrt stato l espressone L del lavoro durante ogn sobara dvene: L nrt Sommando s ottene l lavoro complessvo: L nrt nrt avendo raccolto nrt a fattore comune, n quanto non dpende dall ndce ma è solo un prodotto d costant che moltplca tutt termn. ome mostramo nella scheda matematca, la nuova somma ottenuta è l area sottesa dall perbole equlatera y fra l valore nzale e quello fnale, area che s ottene tramte la funzone logartmo naturale: ln. Sosttuendo: L nrt ln che è la formula che consente d calcolare l lavoro durante una trasformazone soterma. Qual è l segno del lavoro computo da una gas perfetto che segue un soterma? Se s tratta d un espansone avremo l rsultato che l sstema compe un lavoro postvo. Infatt se s espande l volume fnale è maggore d quello nzale, coè 7

6 e qund, essendo l argomento del logartmo d, rsulta un numero maggore ln. Se nvece s tratta d una compressone l lavoro sarà negatvo essendo n questo caso l argomento del logartmo mnore d. Esempo ue mol d gas perfetto compono l cclo n fgura dove: 3 atm, atm, 4 l, 4 l alcolare: a) Il lavoro eseguto dal sstema durante l cclo e durante tre tratt ntermed b) Il calore scambato durante l cclo stesso c) La temperatura n = = Osservamo che l energa nterna E d un sstema è una funzone del suo nt stato, e qund n un processo cclco, dove, partendo dallo stato s rtorna n, e le varabl termodnamche rassumono loro valor nzal, E non può nt essere cambata. Qund applcando l prmo prncpo con E abbamo nt per l ntero cclo: E Q L Q L nt Il lavoro è svolto uncamente nel tratto sobaro ed n quello. S ha: L ( ) (4 4) 6 l atm 66 area L ( ) 36 l atm 3636 sottesa L Q L L cclo cclo er l calcolo della temperatura applchamo l equazone de gas perfett nello stato ( R 8.3 /mol K.8 l atm/mol K ): T 4 44 K nr.8 Esempo ue mol d gas perfetto compono l cclo reversble nel verso ndcato n fgura. Il cclo è formato dalle due soterme e e dalle due socore e. Essendo: 4. l ; 8. l ; T T ; T T ; s calcolno al termne del cclo: 8

7 a) Il lavoro totale fatto dal gas e la sua varazone d energa nterna b) Il calore scambato nel tratto c) La varazone d energa nterna nel tratto d) La pressone massma che s è avuta durante l cclo a) Il lavoro vene svolto solo ne due tratt soterm, postvo nell espansone, negatvo nella compressone. Trasformando n Kelvn le temperature date s ha: L L L nrt ln nrt ln R 373 ln 93 ln 9. l atm Nel tratto s ha charamente E Nk T essendo T. nt b) pplcando l prmo prncpo al tratto ottenamo: 8. E Q L Q L nrt ln 497 nt 4. un calore postvo, qund entrante. c) obbamo applcare la relazone: E Nk T nr T nr nt T T R 6R 33 d) La massma pressone s ha n. all equazone d stato: nrt atm 4. Esempo 3 Un gas perfetto può trplcare l propro volume da 3. m a 6. m passando per due cammn dfferent, oppure 3 =, come mostrato n fgura. Il calore ceduto al gas lungo l 5 cammno è Q 5. Sapendo noltre che 5. N/m e. N/m, calcolare: 5 a) Il lavoro computo dal gas durante l cammno b) Il calore Q che l gas ha scambato se la trasformazone è avvenuta lungo l cammno Il lavoro svolto lungo è l area del rettangolo compreso fra l segmento e l asse delle ascsse: 5 5 L ( ). (6..) 8. Il lavoro svolto lungo l camno è dato dall area sotto alla spezzata, evdenzata n gallo. Questa s ottene sottraendo l area del trangolo al lavoro L gà trovato. nche se l non è noto l volume, l area del 9

8 trangolo è comunque determnata perché sono date la sua base e la sua altezza. Rsulta: L L ( )( ) 8.. (4.) 6. er trovare Q applchamo l prmo prncpo alla trasformazone : E Q L. Essendo l energa nterna una funzone d stato, nt E nt s può calcolare anche al termne del percorso, che ha n comune con gl stat nzale e fnale. bbamo: E Q L nt da cu nfne: Q E L nt Esempo 4 Un gas perfetto monoatomco s trova ad volume nzale 4.l e ad una pressone nzale. atm. Esso segue una trasformazone che nel pano d lapeyron è rappresentata dal segmento d una retta passante per l orgne, al termne della quale ha raddoppato l suo volume.s calcolno: a) La varazone d energa nterna b) Il lavoro eseguto dal gas ed l calore scambato La conoscenza del coeffcente angolare m della retta permette d rcavare la pressone fnale: m. atm er la varazone d energa nterna s ha: E 8l atm.8 nt L area sottesa dal segmento fornsce l lavoro eseguto dal gas. Trattandola come un trapezo d bas e ed altezza s ha: L ( )( ) 3. atm 4.l 6.l atm 6. mentre dal prmo prncpo s ha l calore scambato: 3 3 Q E L nt Esempo 5 S hanno tre mol d gas perfetto che compono l cclo ndcato con E n fgura, smmetrco rspetto al punto. Sapendo che: 5. atm, 3. atm, E = l, 3 l E alcolare:. Il lavoro eseguto dal sstema durante l cclo =E E =E =

9 . Il calore scambato durante l cclo stesso 3. La temperatura degl stat e Il lavoro eseguto durante l ntero cclo è nullo per la smmetra del percorso. urante le due socore E e non vene computo lavoro, mentre l lavoro postvo svolto nel tratto d espansone, è uguale e contraro al lavoro subto, negatvo, nella contrazone E. Rsulta qund: E nt( cclo) Q cclo L Q cclo cclo Essendo n qualunque cclo E ne segue anche Q. nt( ) cclo cclo er l calcolo d T usamo l equazone d stato de gas perfett: 5.3 T 69K nr 3.8 Il punto ha volume e pressone ntermed: 3 E l 4.atm er cu dall equazone d stato: 4.5 T 46 K nr 3.8 Esempo 6 ue mol d gas perfetto s trovano a T 3 K sono post n un clndro dotato d pstone moble. Il sstema vene rscaldato fnché la lunghezza della parte d clndro occupata dal gas non raddoppa, po vene bloccato l pstone ed l gas è raffreddato fnché la pressone non è rdotta alla metà d quella nzale. S calcol la varazone d energa nterna del gas ed l calore complessvamente scambato con l ambente. Raddoppo della lunghezza del clndro sgnfca raddoppo del volume occupato, vsto che la superfce d base non camba. Osservamo che, se ndchamo lo stato nzale con, e T, quello fnale sarà, e T. f alla formula per l energa nterna d un gas perfetto mono-atomco s vede che l contenuto energetco non è cambato: 3 3 Ed l rsultato è analogo se s tratta d gas b-atomco o pol-atomco. all equazone d stato s rcava noltre che la temperatura fnale è uguale a quella nzale: T T T f nr nr al prmo prncpo ottenamo che l calore scambato è par al lavoro computo E Q L Q L ( ) nt Q nrt calore postvo qund assorbto dal gas.

10 Esempo 7 7. mol d gas perfetto sono contenute n un clndro dotato d pstone scorrevole sul quale è posta una massa m, e tutto l sstema s trova n equlbro alla temperatura d 7. Un certo quanttatvo d calore Q vene fornto al gas fnché questo non raddoppa l propro volume. Relatvamente a questa trasformazone s trovno l calore rcevuto dal gas, l lavoro che l gas ha svolto e la sua varazone d energa nterna. s ex m m In mancanza d altre specfcazon dobbamo rtenere che s tratt d una trasformazone rreversble, qund non rappresentable sul pano - se non per gl stat nzale e fnale. Il lavoro sarà calcolable graze alla pressone dall esterno. Rsulta qund: L e urante la trasformazone, date le turbolenze, non esste un valore d pressone nterna, tuttava negl stat d equlbro nzale e fnale la pressone nterna s sarà stablzzata attorno al valore esterno qund possamo applcare l equazone de gas perfett: nrt nrt e e f e f Sottraendo membro a membro: nr T T nr T e e e f E rcordando che è pure nrt s trova: e nrt nrt T T 3 K T T T 6 K Il lavoro computo sarà: f L nrt e e f e la varazone d energa nterna: 5 E nrt nt da cu s rcava subto l calore scambato dal gas: E Q L Q E L nt nt postvo n quanto rcevuto dal gas. Esempo 8 8. mol d gas perfetto sono contenute n un clndro n equlbro alla temperatura dell ambente T 3 K. Sul pstone gravano sa la pressone atmosferca che l propro peso. Un flo tra lentamente l pstone verso l alto, n modo che la trasformazone sa soterma reversble, fno a che l volume del gas non è raddoppato. S calcol l lavoro svolto dalla tensone del flo. h Il sstema segue una trasformazone reversble, qund è sempre n equlbro durante l processo, che consste d una espansone soterma. Il pstone non vara la propra energa cnetca essendo fermo n equlbro sa all nzo che alla fne, qund deve essere nullo l lavoro complessvamente svolto su d esso. Esplctando segn negatv de lavor resstent, quell coè n cu le forze

11 contrastano lo spostamento del punto d applcazone dovuto al movmento del pstone: L L L L L L L L gas flo peso atm flo peso atm gas er l lavoro del gas s può far uso della formula per l soterma reversble: f L nrt ln ln 384 gas Indcando con m la massa del pstone, con la sua superfce e con h lo spostamento vertcale, l lavoro della forza peso e quello della forza dovuta alla pressone atmosferca s scrvono complessvamente: L L mgh h mg h peso atm atm atm Tenendo conto che l pstone è nzalmente n equlbro, la forza rsultante eserctata su d esso deve essere nulla: mg mg gas atm gas atm da cu, essendo poché l volume raddoppa: n L L h nrt peso atm gas gas gas n Facendo la dfferenza s ottene l lavoro della tensone del flo: L L L L flo peso atm gas Esempo 9 lcune mol d gas perfetto sono contenute n un clndro dotato d pstone scorrevole sul quale è posta una coppa d masse ugual m 5 Kg. l d sopra delle masse c è l vuoto, e tutto l sstema s trova n equlbro alla temperatura dell ambente, essendo h.4 m l altezza del uoto uoto m clndro occupata. Levando una delle masse l gas s espande a temperatura costante. Relatvamente a questa trasformazone s trovno l calore scambato dal gas, l lavoro che l gas ha svolto e la sua varazone d energa nterna. h m m In assenza d ndcazon, dobbamo rtenere che s tratt d una trasformazone rreversble, qund non rappresentable sul pano -. Non è qund lecto usare l equazone dell soterma reversble, ma l lavoro sarà calcolable graze alla conoscenza della pressone dall esterno, che, detta la superfce del pstone, è sempre uguale a mg Rsulta qund: mg L e f durante la trasformazone. er trovare osservamo che sebbene durante la trasformazone, date le f turbolenze, non essta un valore d pressone nterna, negl stat d equlbro nzale e fnale la pressone nterna s sarà stablzzata attorno al valore esterno qund possamo applcare l equazone de gas perfett: nrt nrt f f f Rguardo alle presson nzale e fnale, s ha: 3

12 mg mg f da cu s rcava. Il lavoro computo vale dunque: f f mg mg L e f h mgh 5 Kg 9.8 m/s.4 m 98 llo stesso rsultato s pervene applcando l teorema dell energa cnetca ed osservando che l lavoro sul pstone deve essere uguale e contraro a quello mgh svolto dalla gravtà, vsto che l corpo non vara la sua energa cnetca nel processo, essendo fermo all nzo ed alla fne. Esempo lcune mol d gas perfetto batomco seguono le trasformazone reversbl n fgura. rma lungo dmezzano l propro volume a pressone costante, po lungo, trplcano l volume a temperatura costante, ed nfne lungo raddoppano la pressone a volume costante. Sapendo che m 3 e 5.5 a s dca quanto valgono l lavoro complessvamente svolto, l calore complessvamente scambato e la varazone totale d energa nterna. 3 3 Il lavoro vene svolto soltanto lungo l sobara e l soterma, mentre durante l socòra s ha L. er l sobara abbamo: 5 6 L ( ) 3 ( ) lavoro negatvo, subto dal gas, che nfatt s contrae dmezzando l propro volume. Lungo l soterma nvece s ha nvece: L nrt ln occorre qund calcolare la temperatura T utlzzando l equazone d stato n : 3 T nr nr Sosttuendo: 3 3 L nr ln 3 ln nr Il lavoro complessvol vale allora: L L L La varazone d energa nterna che compete a tutta la trasformazone è: E nt 3 3 ed applcando l prmo prncpo, l caloreq complessvamente scambato rsulta: E Q L Q L 8 nt 5 4

7. TERMODINAMICA RICHIAMI DI TEORIA

7. TERMODINAMICA RICHIAMI DI TEORIA 7. ERMODINMI RIHIMI DI EORI Introduzone ermodnamca: è lo studo delle trasformazon dell energa da un sstema all altro e da una forma all altra. Sstema termodnamco: è una defnta e dentfcable quanttà d matera

Dettagli

Macchine. 5 Esercitazione 5

Macchine. 5 Esercitazione 5 ESERCITAZIONE 5 Lavoro nterno d una turbomacchna. Il lavoro nterno massco d una turbomacchna può essere determnato not trangol d veloctà che s realzzano all'ngresso e all'uscta della macchna stessa. Infatt

Dettagli

Trasformazioni termodinamiche - I parte

Trasformazioni termodinamiche - I parte Le trasormazon recproche tra le energe d tpo meccanco e l calore, classcato da tempo come una delle orme nelle qual avvene lo scambo d energa, sono l oggetto d studo su cu s onda la Termodnamca, una mportante

Dettagli

Condensatori e resistenze

Condensatori e resistenze Condensator e resstenze Lucano attaa Versone del 22 febbrao 2007 Indce In questa nota presento uno schema replogatvo relatvo a condensator e alle resstenze, con partcolare rguardo a collegament n sere

Dettagli

Capitolo 7. La «sintesi neoclassica» e il modello IS-LM. 2. La curva IS

Capitolo 7. La «sintesi neoclassica» e il modello IS-LM. 2. La curva IS Captolo 7 1. Il modello IS-LM La «sntes neoclassca» e l modello IS-LM Defnzone: ndvdua tutte le combnazon d reddto e saggo d nteresse per le qual l mercato de ben (curva IS) e l mercato della moneta (curva

Dettagli

STATISTICA DESCRITTIVA - SCHEDA N. 5 REGRESSIONE LINEARE

STATISTICA DESCRITTIVA - SCHEDA N. 5 REGRESSIONE LINEARE Matematca e statstca: da dat a modell alle scelte www.dma.unge/pls_statstca Responsabl scentfc M.P. Rogantn e E. Sasso (Dpartmento d Matematca Unverstà d Genova) STATISTICA DESCRITTIVA - SCHEDA N. REGRESSIONE

Dettagli

Trigger di Schmitt. e +V t

Trigger di Schmitt. e +V t CORSO DI LABORATORIO DI OTTICA ED ELETTRONICA Scopo dell esperenza è valutare l ampezza dell steres d un trgger d Schmtt al varare della frequenza e dell ampezza del segnale d ngresso e confrontarla con

Dettagli

ESERCIZI ESERCIZI. La termodinamica Stati termodinamici e trasformazioni

ESERCIZI ESERCIZI. La termodinamica Stati termodinamici e trasformazioni La termodnamca Stat termodnamc e trasormazon QUNTO? Gl stat e rappresentat nel dagramma sono relatv a n mol d gas peretto. Quanto vale l rapporto T T ra le temperature de due stat? 6@ 40 4 P =,4 $ 0 Pa,

Dettagli

Corrente elettrica e circuiti

Corrente elettrica e circuiti Corrente elettrca e crcut Generator d forza elettromotrce Intenstà d corrente Legg d Ohm esstenza e resstvtà esstenze n sere e n parallelo Effetto termco della corrente Legg d Krchhoff Corrente elettrca

Dettagli

Forme di energia energia accumulata energia interna, energia esterna energia in transito calore, lavoro

Forme di energia energia accumulata energia interna, energia esterna energia in transito calore, lavoro Forme d energa energa accumulata energa nterna, energa esterna energa n transto calore, lavoro Calore denzone operatva, capactà termca, calor specc Lavoro lavoro d congurazone, lavoro dsspatvo Equvalenza

Dettagli

Induzione elettromagnetica

Induzione elettromagnetica Induzone elettromagnetca L esperenza d Faraday L'effetto d produzone d corrente elettrca n un crcuto prvo d generatore d tensone fu scoperto dal fsco nglese Mchael Faraday nel 83. Egl studò la relazone

Dettagli

Metodi e Modelli per l Ottimizzazione Combinatoria Progetto: Metodo di soluzione basato su generazione di colonne

Metodi e Modelli per l Ottimizzazione Combinatoria Progetto: Metodo di soluzione basato su generazione di colonne Metod e Modell per l Ottmzzazone Combnatora Progetto: Metodo d soluzone basato su generazone d colonne Lug De Govann Vene presentato un modello alternatvo per l problema della turnazone delle farmace che

Dettagli

Calcolo della caduta di tensione con il metodo vettoriale

Calcolo della caduta di tensione con il metodo vettoriale Calcolo della caduta d tensone con l metodo vettorale Esempo d rete squlbrata ed effett del neutro nel calcolo. In Ampère le cadute d tensone sono calcolate vettoralmente. Per ogn utenza s calcola la caduta

Dettagli

MODELLISTICA DI SISTEMI DINAMICI

MODELLISTICA DI SISTEMI DINAMICI CONTROLLI AUTOMATICI Ingegnera Gestonale http://www.automazone.ngre.unmore.t/pages/cors/controllautomatcgestonale.htm MODELLISTICA DI SISTEMI DINAMICI Ing. Federca Gross Tel. 059 2056333 e-mal: federca.gross@unmore.t

Dettagli

Moduli su un dominio a ideali principali Maurizio Cornalba versione 15/5/2013

Moduli su un dominio a ideali principali Maurizio Cornalba versione 15/5/2013 Modul su un domno a deal prncpal Maurzo Cornalba versone 15/5/2013 Sa A un anello commutatvo con 1. Indchamo con A k l modulo somma dretta d k cope d A. Un A-modulo fntamente generato M s dce lbero se

Dettagli

Capitolo 3 Covarianza, correlazione, bestfit lineari e non lineari

Capitolo 3 Covarianza, correlazione, bestfit lineari e non lineari Captolo 3 Covaranza, correlazone, bestft lnear e non lnear ) Covaranza e correlazone Ad un problema s assoca spesso pù d una varable quanttatva (es.: d una persona possamo determnare peso e altezza, oppure

Dettagli

CAPITOLO IV CENNI SULLE MACCHINE SEQUENZIALI

CAPITOLO IV CENNI SULLE MACCHINE SEQUENZIALI Cenn sulle macchne seuenzal CAPITOLO IV CENNI SULLE MACCHINE SEQUENZIALI 4.) La macchna seuenzale. Una macchna seuenzale o macchna a stat fnt M e' un automatsmo deale a n ngress e m uscte defnto da: )

Dettagli

Modelli di base per la politica economica

Modelli di base per la politica economica Marcella Mulno Modell d base per la poltca economca Corso d Poltca economca a.a. 22-23 Captolo 2 Modello - e poltche scal e monetare In questo captolo rchamamo brevemente l modello macroeconomco a prezz

Dettagli

MODELLI DI SISTEMI. Principi di modellistica. Considerazioni energetiche. manca

MODELLI DI SISTEMI. Principi di modellistica. Considerazioni energetiche. manca ONTOI UTOMTII Ingegnera della Gestone Industrale e della Integrazone d Impresa http://www.automazone.ngre.unmore.t/pages/cors/ontrollutomatcgestonale.htm MODEI DI SISTEMI Ing. ug Bagott Tel. 05 0939903

Dettagli

Simulazione seconda prova Tema assegnato all esame di stato per l'abilitazione alla professione di geometra, 2006

Simulazione seconda prova Tema assegnato all esame di stato per l'abilitazione alla professione di geometra, 2006 Smulazone seconda prova Tema assegnato all esame d stato per l'abltazone alla professone d geometra, 006 roposte per lo svolgmento pubblcate sul ollettno SIFET (Socetà Italana d Fotogrammetra e Topografa)

Dettagli

Principi di ingegneria elettrica. Lezione 6 a. Analisi delle reti resistive

Principi di ingegneria elettrica. Lezione 6 a. Analisi delle reti resistive Prncp d ngegnera elettrca Lezone 6 a Anals delle ret resste Anals delle ret resste L anals d una rete elettrca (rsoluzone della rete) consste nel determnare tutte le corrent ncognte ne ram e tutt potenzal

Dettagli

Risoluzione quesiti I esonero 2011

Risoluzione quesiti I esonero 2011 Rsoluzone quest I esonero 011 1) Compto 1 Q3 Un azenda a a dsposzone due progett d nvestmento tra d loro alternatv. Il prmo prevede l pagamento d un mporto par a 100 all epoca 0 e fluss par a 60 all epoca

Dettagli

MACROECONOMIA A.A. 2014/2015

MACROECONOMIA A.A. 2014/2015 MACROECONOMIA A.A. 2014/2015 ESERCITAZIONE 2 MERCATO MONETARIO E MODELLO /LM ESERCIZIO 1 A) Un economa sta attraversando un perodo d profonda crs economca. Le banche decdono d aumentare la quota d depost

Dettagli

Lezione 10. L equilibrio del mercato finanziario: la struttura dei tassi d interesse

Lezione 10. L equilibrio del mercato finanziario: la struttura dei tassi d interesse Lezone 1. L equlbro del mercato fnanzaro: la struttura de tass d nteresse Ttol con scadenza dversa hanno prezz (e tass d nteresse) dfferent. Due ttol d durata dversa emess dallo stesso soggetto (stesso

Dettagli

Unità Didattica N 25. La corrente elettrica

Unità Didattica N 25. La corrente elettrica Untà Ddattca N 5 : La corrente elettrca 1 Untà Ddattca N 5 La corrente elettrca 01) Il problema dell elettrocnetca 0) La corrente elettrca ne conduttor metallc 03) Crcuto elettrco elementare 04) La prma

Dettagli

Verifica termoigrometrica delle pareti

Verifica termoigrometrica delle pareti Unverstà Medterranea d Reggo Calabra Facoltà d Archtettura Corso d Tecnca del Controllo Ambentale A.A. 2009-200 Verfca termogrometrca delle paret Prof. Marna Mstretta ANALISI IGROTERMICA DEGLI ELEMENTI

Dettagli

Elettricità e circuiti

Elettricità e circuiti Elettrctà e crcut Generator d forza elettromotrce Intenstà d corrente Legg d Ohm esstenza e resstvtà Effetto termco della corrente esstenze n sere e n parallelo Legg d Krchoff P. Maestro Elettrctà e crcut

Dettagli

Il modello markoviano per la rappresentazione del Sistema Bonus Malus. Prof. Cerchiara Rocco Roberto. Materiale e Riferimenti

Il modello markoviano per la rappresentazione del Sistema Bonus Malus. Prof. Cerchiara Rocco Roberto. Materiale e Riferimenti Il modello marovano per la rappresentazone del Sstema Bonus Malus rof. Cercara Rocco Roberto Materale e Rferment. Lucd dstrbut n aula. Lemare 995 (pag.6- e pag. 74-78 3. Galatoto G. 4 (tt del VI Congresso

Dettagli

E. Il campo magnetico

E. Il campo magnetico - 64 - - 65 - E. Il campo magnetco V è un mportante effetto che accompagna sempre la presenza d una corrente elettrca e s manfesta sa all nterno del conduttore sa al suo esterno: alla corrente elettrca

Dettagli

PARENTELA e CONSANGUINEITÀ di Dario Ravarro

PARENTELA e CONSANGUINEITÀ di Dario Ravarro Introduzone PARENTELA e CONSANGUINEITÀ d Daro Ravarro 1 gennao 2010 Lo studo della genealoga d un ndvduo è necessaro al fne d valutare la consangunetà dell ndvduo stesso e la sua parentela con altr ndvdu

Dettagli

Analisi di mercurio in matrici solide mediante spettrometria di assorbimento atomico a vapori freddi

Analisi di mercurio in matrici solide mediante spettrometria di assorbimento atomico a vapori freddi ESEMPIO N. Anals d mercuro n matrc solde medante spettrometra d assorbmento atomco a vapor fredd 0 Introduzone La determnazone del mercuro n matrc solde è effettuata medante trattamento termco del campone

Dettagli

Adattamento di una relazione funzionale ai dati sperimentali

Adattamento di una relazione funzionale ai dati sperimentali Adattamento d una relazone 1 funzonale a dat spermental Sno ad ora abbamo vsto come può essere stmato, con un certo lvello d confdenza, l valore vero d una grandezza fsca (dretta o dervata) con l suo ntervallo

Dettagli

Capitolo 33 TRASPORTO IN PRESSIONE

Capitolo 33 TRASPORTO IN PRESSIONE Captolo 33 TRASPORTO IN PRESSIONE 1 INTRODUZIONE I sstem d condotte n pressone destnat all'approvvgonamento drco comprendono: - gl acquedott estern, che adducono l'acqua dalle font d'almentazone alle zone

Dettagli

Ricerca Operativa e Logistica Dott. F.Carrabs e Dott.ssa M.Gentili. Modelli per la Logistica: Single Flow One Level Model Multi Flow Two Level Model

Ricerca Operativa e Logistica Dott. F.Carrabs e Dott.ssa M.Gentili. Modelli per la Logistica: Single Flow One Level Model Multi Flow Two Level Model Rcerca Operatva e Logstca Dott. F.Carrabs e Dott.ssa M.Gentl Modell per la Logstca: Sngle Flow One Level Model Mult Flow Two Level Model Modell d localzzazone nel dscreto Modell a Prodotto Sngolo e a Un

Dettagli

Lavoro, Energia e stabilità dell equilibrio II parte

Lavoro, Energia e stabilità dell equilibrio II parte Lavoro, Energa e stabltà dell equlbro II parte orze conservatve e non conservatve Il concetto d Energa potenzale s aanca per mportanza a quello d Energa cnetca, perché c permette d passare dallo studo

Dettagli

Ministero della Salute D.G. della programmazione sanitaria --- GLI ACC - L ANALISI DELLA VARIABILITÀ METODOLOGIA

Ministero della Salute D.G. della programmazione sanitaria --- GLI ACC - L ANALISI DELLA VARIABILITÀ METODOLOGIA Mnstero della Salute D.G. della programmazone santara --- GLI ACC - L ANALISI DELLA VARIABILITÀ METODOLOGIA La valutazone del coeffcente d varabltà dell mpatto economco consente d ndvduare gl ACC e DRG

Dettagli

Studio grafico-analitico di una funzioni reale in una variabile reale

Studio grafico-analitico di una funzioni reale in una variabile reale Studo grafco-analtco d una funzon reale n una varable reale f : R R a = f ( ) n Sequenza de pass In pratca 1 Stablre l tpo d funzone da studare es. f ( ) Determnare l domno D (o campo d esstenza) della

Dettagli

Ottica geometrica. Capitolo. 1. Come si riflette la luce? Cosa è la luce? Come possiamo classificare le sorgenti luminose?

Ottica geometrica. Capitolo. 1. Come si riflette la luce? Cosa è la luce? Come possiamo classificare le sorgenti luminose? Captolo 8 Ottca geometrca 1. Come s rflette la luce? Cosa è la luce? Spacente: per l momento non rsponderemo a questa domanda. Invece d dre cosa la luce sa, ne analzzeremo dapprma l comportamento, utlzzando

Dettagli

La retroazione negli amplificatori

La retroazione negli amplificatori La retroazone negl amplfcator P etroazonare un amplfcatore () sgnfca sottrarre (o sommare) al segnale d ngresso (S ) l segnale d retroazone (S r ) ottenuto dal segnale d uscta (S u ) medante un quadrpolo

Dettagli

Rotazione di un corpo rigido intorno ad un asse fisso

Rotazione di un corpo rigido intorno ad un asse fisso INGEGNERIA GESTIONALE corso d Fsca Generale Prof. E. Puddu LEZIONE DEL 14 15 OTTOBRE 2008 Rotazone d un corpo rgdo ntorno ad un asse fsso 1 Cnematca rotazonale y Supponamo d osservare un corpo rgdo sul

Dettagli

2 Modello IS-LM. 2.1 Gli e etti della politica monetaria

2 Modello IS-LM. 2.1 Gli e etti della politica monetaria 2 Modello IS-LM 2. Gl e ett della poltca monetara S consderun modello IS-LM senzastatocon seguent datc = 0:8, I = 00( ), L d = 0:5 500, M s = 00 e P =. ) S calcolno valor d equlbro del reddto e del tasso

Dettagli

Economie di scala, concorrenza imperfetta e commercio internazionale

Economie di scala, concorrenza imperfetta e commercio internazionale Sanna-Randacco Lezone n. 14 Econome d scala, concorrenza mperfetta e commerco nternazonale Non v è vantaggo comparato (e qund non v è commerco nter-ndustrale). S vuole dmostrare che la struttura d mercato

Dettagli

Valore attuale di una rendita. Valore attuale in Excel: funzione VA

Valore attuale di una rendita. Valore attuale in Excel: funzione VA Valore attuale d una rendta Nella scorsa lezone c samo concentrat sul problema del calcolo del alore attuale d una rendta S che è dato n generale da V ( S) { R ; t, 0,,,..., n,... } n 0 R ( t ), doe (t

Dettagli

Analisi ammortizzata. Illustriamo il metodo con due esempi. operazioni su di una pila Sia P una pila di interi con le solite operazioni:

Analisi ammortizzata. Illustriamo il metodo con due esempi. operazioni su di una pila Sia P una pila di interi con le solite operazioni: Anals ammortzzata Anals ammortzzata S consdera l tempo rchesto per esegure, nel caso pessmo, una ntera sequenza d operazon. Se le operazon costose sono relatvamente meno frequent allora l costo rchesto

Dettagli

Dipartimento di Statistica Università di Bologna. Matematica Finanziaria aa 2012-2013 Esercitazione: 4 aprile 2013

Dipartimento di Statistica Università di Bologna. Matematica Finanziaria aa 2012-2013 Esercitazione: 4 aprile 2013 Dpartmento d Statstca Unverstà d Bologna Matematca Fnanzara aa 2012-2013 Eserctazone: 4 aprle 2013 professor Danele Rtell www.unbo.t/docent/danele.rtell 1/41? Aula "Ranzan B" 255 post 1 2 3 4 5 6 7 8 9

Dettagli

Dai circuiti ai grafi

Dai circuiti ai grafi Da crcut a graf Il grafo è una schematzzazone grafca semplfcata che rappresenta le propretà d nterconnessone del crcuto ad esso assocato Il grafo è costtuto da un nseme d nod e d lat Se lat sono orentat

Dettagli

TORRI DI RAFFREDDAMENTO PER L ACQUA

TORRI DI RAFFREDDAMENTO PER L ACQUA TORRI DI RAFFREDDAMENTO PER ACQUA Premessa II funzonamento degl mpant chmc rchede generalmente gross quanttatv d acqua: questa, oltre ad essere utlzzata drettamente n alcune lavorazon, come lavagg, dssoluzon,

Dettagli

Algebra 2. 6 4. Sia A un anello commutativo. Si ricorda che in un anello commutativo vale il teorema binomiale, cioè. (a + b) n = a i b n i i.

Algebra 2. 6 4. Sia A un anello commutativo. Si ricorda che in un anello commutativo vale il teorema binomiale, cioè. (a + b) n = a i b n i i. Testo Fac-smle 2 Durata prova: 2 ore 8 1. Un gruppo G s dce semplce se suo unc sottogrupp normal sono 1 e G stesso. Sa G un gruppo d ordne pq con p e q numer prm tal che p < q. (a) Il gruppo G può essere

Dettagli

Il diagramma PSICROMETRICO

Il diagramma PSICROMETRICO Il dagramma PSICROMETRICO I dagramm pscrometrc vengono molto utlzzat nel dmensonamento degl mpant d condzonamento dell ara, n quanto consentono d determnare n modo facle e rapdo le grandezze d stato dell

Dettagli

A. AUMENTO DELLA SPESA PUBBLICA FINANZIATO ESCLUSIVAMENTE TRAMITE INDEBITAMENTO

A. AUMENTO DELLA SPESA PUBBLICA FINANZIATO ESCLUSIVAMENTE TRAMITE INDEBITAMENTO 4. SCHMI ALTRNATIVI DI FINANZIAMNTO DLLA SPSA PUBBLICA. Se l Governo decde d aumentare la Spesa Pubblca G (o Trasferment TR), allora deve anche reperre fond necessar per fnanzare questa sua maggore spesa.

Dettagli

Antonio Licciulli, Antonio Greco Corso di scienza e ingegneria dei materiali. Microstrutture, equilibrio e diagrammi di fase

Antonio Licciulli, Antonio Greco Corso di scienza e ingegneria dei materiali. Microstrutture, equilibrio e diagrammi di fase Antono Lccull, Antono Greco Corso d scenza e ngegnera de materal Mcrostrutture, equlbro e dagramm d fase 1 Fase Fase d un sstema è una parte d esso nella quale la composzone (natura e concentrazone delle

Dettagli

Relazione funzionale e statistica tra due variabili Modello di regressione lineare semplice Stima puntuale dei coefficienti di regressione

Relazione funzionale e statistica tra due variabili Modello di regressione lineare semplice Stima puntuale dei coefficienti di regressione 1 La Regressone Lneare (Semplce) Relazone funzonale e statstca tra due varabl Modello d regressone lneare semplce Stma puntuale de coeffcent d regressone Decomposzone della varanza Coeffcente d determnazone

Dettagli

Allegato A. Modello per la stima della produzione di una discarica gestita a bioreattore

Allegato A. Modello per la stima della produzione di una discarica gestita a bioreattore Modello per la stma della produzone d una dscarca gestta a boreattore 1 Produzone d Bogas Nella letteratura tecnca sono stat propost dvers modell per stmare la produzone d bogas sulla base della qualtà

Dettagli

Corso di laurea in Ingegneria Meccatronica. DINAMICI CA - 04 ModiStabilita

Corso di laurea in Ingegneria Meccatronica. DINAMICI CA - 04 ModiStabilita Automaton Robotcs and System CONTROL Unverstà degl Stud d Modena e Reggo Emla Corso d laurea n Ingegnera Meccatronca MODI E STABILITA DEI SISTEMI DINAMICI CA - 04 ModStablta Cesare Fantuzz (cesare.fantuzz@unmore.t)

Dettagli

Variabili statistiche - Sommario

Variabili statistiche - Sommario Varabl statstche - Sommaro Defnzon prelmnar Statstca descrttva Msure della tendenza centrale e della dspersone d un campone Introduzone La varable statstca rappresenta rsultat d un anals effettuata su

Dettagli

Prova di verifica n.0 Elettronica I (26/2/2015)

Prova di verifica n.0 Elettronica I (26/2/2015) Proa d erfca n.0 lettronca I (26/2/2015) OUT he hfe + L OUT - Fgura 1 Con rfermento alla rete elettrca d Fg.1, determnare: OUT / OUT / la resstenza sta dal generatore ( V ) la resstenza sta dall uscta

Dettagli

Fotogrammetria. O centro di presa. fig.1 Geometria della presa fotogrammetrica

Fotogrammetria. O centro di presa. fig.1 Geometria della presa fotogrammetrica Fotogrammetra Scopo della fotogrammetra è la determnazone delle poszon d punt nello spazo fsco a partre dalla msura delle poszon de punt corrspondent su un mmagne fotografca. Ovvamente, affnché questo

Dettagli

Fondamenti di meccanica classica: simmetrie e leggi di conservazione

Fondamenti di meccanica classica: simmetrie e leggi di conservazione Fondament d meccanca classca: smmetre e legg d conservazone d Marco Tulu A. A. 2005/2006 1 Introduzone Un corpo s dce omogeneo se ha n ogn suo punto ugual propretà fsche e chmche, ed è sotropo se n ogn

Dettagli

La rappresentazione dei numeri. La rappresentazione dei numeri. Aritmetica dei calcolatori. La rappresentazione dei numeri

La rappresentazione dei numeri. La rappresentazione dei numeri. Aritmetica dei calcolatori. La rappresentazione dei numeri Artmetca de calcolator Rappresentazone de numer natural e relatv Addzone e sommator: : a propagazone d rporto, veloce, con segno Moltplcazone e moltplcator: senza segno, con segno e algortmo d Booth Rappresentazone

Dettagli

Analisi del moto pre e post urto del veicolo

Analisi del moto pre e post urto del veicolo Captolo Anals del moto pre e post urto del vecolo 3.1 Moto rettlneo p. xx 3.1.1 Accelerazone unforme p. xx 3.1. Dstanza per l arresto del vecolo ed evtabltà p. xx 3.1.3 Dagramm veloctà-tempo e dstanza

Dettagli

Università degli Studi di Urbino Facoltà di Economia

Università degli Studi di Urbino Facoltà di Economia Unverstà degl Stud d Urbno Facoltà d Economa Lezon d Statstca Descrttva svolte durante la prma parte del corso d corso d Statstca / Statstca I A.A. 004/05 a cura d: F. Bartolucc Lez. 8/0/04 Statstca descrttva

Dettagli

Cenni di matematica finanziaria Unità 61

Cenni di matematica finanziaria Unità 61 Prerequst: - Rsolvere equazon algebrche d 1 grado ed equazon esponenzal Questa untà è rvolta al 2 benno del seguente ndrzzo dell Isttuto Tecnco, settore Tecnologco: Agrara, Agroalmentare e Agrondustra.

Dettagli

Unità Didattica N 29. Campo magnetico variabile

Unità Didattica N 29. Campo magnetico variabile Untà Ddattca N 29 Campo magnetco varable 1) Il flusso del vettore B 2) Esperenze d Faraday sulle corrent ndotte 3) Legge d Faraday-Newmann-Lenz 4) Corrent d Foucoult 5) Il fenomeno dell'autonduzone 6)

Dettagli

Corso di Statistica (canale P-Z) A.A. 2009/10 Prof.ssa P. Vicard

Corso di Statistica (canale P-Z) A.A. 2009/10 Prof.ssa P. Vicard Corso d Statstca (canale P-Z) A.A. 2009/0 Prof.ssa P. Vcard VALORI MEDI Introduzone Con le dstrbuzon e le rappresentazon grafche abbamo effettuato le prme sntes de dat. E propro osservando degl stogramm

Dettagli

Grafico di una serie di dati sperimentali in EXCEL

Grafico di una serie di dati sperimentali in EXCEL Grafco d una sere d dat spermental n EXCEL 1. Inseramo sulla prma rga l ttolo che defnsce l contenuto del foglo. Po nseramo su un altra rga valor spermental della x e su quella successva valor della y.

Dettagli

Il pendolo di torsione

Il pendolo di torsione Unverstà degl Stud d Catana Facoltà d Scenze MM.FF.NN. Corso d aurea n FISICA esna d ABORAORIO DI FISICA I Il pendolo d torsone (sezone costante) Moreno Bonaventura Anno Accademco 005/06 Introduzone. I

Dettagli

Dipartimento di Statistica Università di Bologna. Matematica finanziaria aa 2012-2013 lezione 13: 24 aprile 2013

Dipartimento di Statistica Università di Bologna. Matematica finanziaria aa 2012-2013 lezione 13: 24 aprile 2013 Dpartmento d Statstca Unverstà d Bologna Matematca fnanzara aa 2012-2013 lezone 13: 24 aprle 2013 professor Danele Rtell www.unbo.t/docent/danele.rtell 1/23? reammortamento uò accadere che, dopo l erogazone

Dettagli

LA COMPATIBILITA tra due misure:

LA COMPATIBILITA tra due misure: LA COMPATIBILITA tra due msure: 0.4 Due msure, supposte affette da error casual, s dcono tra loro compatbl quando la loro dfferenza può essere rcondotta ad una pura fluttuazone statstca attorno al valore

Dettagli

Questo è il secondo di una serie di articoli, di

Questo è il secondo di una serie di articoli, di DENTRO LA SCATOLA Rubrca a cura d Fabo A. Schreber Il Consglo Scentfco della rvsta ha pensato d attuare un nzatva culturalmente utle presentando n ogn numero d Mondo Dgtale un argomento fondante per l

Dettagli

Tutti gli strumenti vanno tarati

Tutti gli strumenti vanno tarati L'INCERTEZZA DI MISURA Anta Calcatell I.N.RI.M S eseguono e producono msure per prendere delle decson sulla base del rsultato ottenuto, come per esempo se bloccare l traffco n funzone d msure d lvello

Dettagli

Lezione n.13. Regime sinusoidale

Lezione n.13. Regime sinusoidale Lezone 3 Regme snusodale Lezone n.3 Regme snusodale. Rcham sulle funzon snusodal. etodo de fasor e fasor. mpedenza ed ammettenza. Dagramm fasoral 3. Potenza n regme snusodale 3. Potenza attva e reattva

Dettagli

Norma UNI CEI ENV 13005: Guida all'espressione dell'incertezza di misura

Norma UNI CEI ENV 13005: Guida all'espressione dell'incertezza di misura orma UI CEI EV 3005: Guda all'espressone dell'ncertezza d msura L obettvo d una msurazone è quello d determnare l valore del msurando, n altre parole della grandezza da msurare. In generale, però, l rsultato

Dettagli

Capitolo 6 Risultati pag. 468. a) Osmannoro. b) Case Passerini c) Ponte di Maccione

Capitolo 6 Risultati pag. 468. a) Osmannoro. b) Case Passerini c) Ponte di Maccione Captolo 6 Rsultat pag. 468 a) Osmannoro b) Case Passern c) Ponte d Maccone Fgura 6.189. Confronto termovalorzzatore-sorgent dffuse per l PM 10. Il contrbuto del termovalorzzatore alle concentrazon d PM

Dettagli

3. Esercitazioni di Teoria delle code

3. Esercitazioni di Teoria delle code 3. Eserctazon d Teora delle code Poltecnco d Torno Pagna d 33 Prevsone degl effett d una decsone S ndvduano due tpologe d problem: statc: l problema non vara nel breve perodo dnamc: l problema vara Come

Dettagli

9.6 Struttura quaternaria

9.6 Struttura quaternaria 9.6 Struttura quaternara L'ultmo lvello strutturale é la struttura quaternara. Non per tutte le protene è defnble una struttura quaternara. Infatt l esstenza d una struttura quaternara é condzonata alla

Dettagli

SU UNA CLASSE DI EQUAZIONI CONSERVATIVE ED IPERBOLICHE COMPLETAMENTE ECCEZIONALI E COMPATIBILI CON UNA LEGGE DI CONSERVAZIONE SUPPLEMENTARE

SU UNA CLASSE DI EQUAZIONI CONSERVATIVE ED IPERBOLICHE COMPLETAMENTE ECCEZIONALI E COMPATIBILI CON UNA LEGGE DI CONSERVAZIONE SUPPLEMENTARE SU UNA CLASSE DI EQUAZIONI CONSERVATIVE ED IPERBOLICHE COMPLETAMENTE ECCEZIONALI E COMPATIBILI CON UNA LEGGE DI CONSERVAZIONE SUPPLEMENTARE GIOVANNI CRUPI, ANDREA DONATO SUMMARY. We characterze a set of

Dettagli

Metastability, Nonextensivity and Glassy Dynamics in a Class of Long Range Hamiltonian Models

Metastability, Nonextensivity and Glassy Dynamics in a Class of Long Range Hamiltonian Models Alessandro Pluchno Metastablty, Nonextensvty and Glassy Dynamcs n a Class of Long Range Hamltonan Models Dscussone Tes per l consegumento del ttolo Febbrao 2005 Tutor: Prof.A.Rapsarda E-mal: alessandro.pluchno@ct.nfn.t

Dettagli

PROCEDURA INFORMATIZZATA PER LA COMPENSAZIONE DELLE RETI DI LIVELLAZIONE. (Metodo delle Osservazioni Indirette) - 1 -

PROCEDURA INFORMATIZZATA PER LA COMPENSAZIONE DELLE RETI DI LIVELLAZIONE. (Metodo delle Osservazioni Indirette) - 1 - PROCEDURA INFORMATIZZATA PER LA COMPENSAZIONE DELLE RETI DI LIVELLAZIONE (Metodo delle Osservazon Indrette) - - SPECIFICHE DI CALCOLO Procedura software per la compensazone d una rete d lvellazone collegata

Dettagli

Fondamenti di Fisica Acustica

Fondamenti di Fisica Acustica Fondament d Fsca Acustca Pro. Paolo Zazzn - DSSARR Archtettura Pescara Anals n requenza de segnal sonor, bande d ottava e terz d ottava. Rumore banco e rumore rosa. Lvello equvalente. Fsologa dell apparato

Dettagli

Fig.1.2.1 Schema a blocchi di un PMSM isotropo con ingressi ed uscite del controllo digitale.

Fig.1.2.1 Schema a blocchi di un PMSM isotropo con ingressi ed uscite del controllo digitale. . ll metodo del fattore d scala globale Il progetto d un sstema d controllo dgtale può avvalers del cosddetto metodo del fattore d scala globale (FSG), attraverso l quale è possble stablre una corrspondenza

Dettagli

Valutazione delle opzioni col modello di Black e Scholes

Valutazione delle opzioni col modello di Black e Scholes Valutazone delle opzon col modello d Black e Scholes Rosa Mara Mnnn a.a. 2014-2015 1 Introduzone L applcazone del moto Brownano all economa é stata nnescata prncpalmente da due cause. Attorno agl ann 70,

Dettagli

7 Verifiche di stabilità

7 Verifiche di stabilità 7 Verfche d stabltà 7.1 Generaltà Note tutte le azon agent sul manufatto, vanno effettuate le verfche d stabltà dell opera d sostegno. Le azon da consderare sono fornte dalla spnta del terrapeno a monte,

Dettagli

Progetto Lauree Scientifiche. La corrente elettrica

Progetto Lauree Scientifiche. La corrente elettrica Progetto Lauree Scentfche La corrente elettrca Conoscenze d base Forza elettromotrce Corrente Elettrca esstenza e resstvtà Legge d Ohm Crcut 2 Una spra d rame n equlbro elettrostatco In un crcuto semplce

Dettagli

Fondamenti di Visione Artificiale (Seconda Parte) Corso di Robotica Prof.ssa Giuseppina Gini Anno Acc.. 2006/2007

Fondamenti di Visione Artificiale (Seconda Parte) Corso di Robotica Prof.ssa Giuseppina Gini Anno Acc.. 2006/2007 Fondament d Vsone Artfcale (Seconda Parte PhD. Ing. Mchele Folgherater Corso d Robotca Prof.ssa Guseppna Gn Anno Acc.. 006/007 Caso Bdmensonale el caso bdmensonale, per ndvduare punt d contorno degl oggett

Dettagli

Calcolo della potenza e dell energia necessaria per la climatizzazione di un edificio

Calcolo della potenza e dell energia necessaria per la climatizzazione di un edificio Calcolo della potenza e dell energa necessara per la clmatzzazone d un edfco Rcambo d ara Ø dsperson Rcambo d ara φ φ dsperson + φ rcambo d'ara φ dsperson ΣUS (t nt t est ) φ rcambo d'ara Σn V ρ ara c

Dettagli

ENERGIA CINETICA. T := 1 2 mv2. (1) T := N 1 2 m ivi 2. (2) i=1

ENERGIA CINETICA. T := 1 2 mv2. (1) T := N 1 2 m ivi 2. (2) i=1 ENERGIA CINETICA Teorema de energa cnetca Defnzone Per un punto P dotato d massa m e veoctà v, s defnsce energa cnetca a seguente quanttà scaare non negatva T := mv. () Defnzone Per un sstema dscreto d

Dettagli

VA TIR - TA - TAEG Introduzione

VA TIR - TA - TAEG Introduzione VA TIR - TA - TAEG Introduzone La presente trattazone s pone come obettvo d analzzare due prncpal crter d scelta degl nvestment e fnanzament per valutare la convenenza tra due o pù operazon fnanzare. S

Dettagli

Strutture deformabili torsionalmente: analisi in FaTA-E

Strutture deformabili torsionalmente: analisi in FaTA-E Strutture deformabl torsonalmente: anals n FaTA-E Il comportamento dsspatvo deale è negatvamente nfluenzato nel caso d strutture deformabl torsonalmente. Nelle Norme Tecnche cò vene consderato rducendo

Dettagli

Statistica e calcolo delle Probabilità. Allievi INF

Statistica e calcolo delle Probabilità. Allievi INF Statstca e calcolo delle Probabltà. Allev INF Proff. L. Ladell e G. Posta 06.09.10 I drtt d autore sono rservat. Ogn sfruttamento commercale non autorzzato sarà perseguto. Cognome e Nome: Matrcola: Docente:

Dettagli

Riflessione, diffusione e rifrazione

Riflessione, diffusione e rifrazione LUCE E VISIONE I COLOI APPUNTI DI FISICA lessone, dusone e rrazone Per meglo capre prncìp della vsone è necessaro conoscere come s propaga la luce e come s comporta quando ncontra un ostacolo Una prma

Dettagli

PARTE II LA CIRCOLAZIONE IDRICA

PARTE II LA CIRCOLAZIONE IDRICA PARTE II LA CIRCOLAZIONE IDRICA La acque d precptazone atmosferca che gungono al suolo scorrono n superfce o penetrano n profondtà dando orgne alla crcolazone, la quale subsce l nfluenza d molt fattor

Dettagli

Determinazione delle tensioni tangenziali massime di taglio nei bulloni e della pressione specifica nei fori della piastra d attacco alla fusoliera.

Determinazione delle tensioni tangenziali massime di taglio nei bulloni e della pressione specifica nei fori della piastra d attacco alla fusoliera. SCOO DEL ROGETTO Determnazone delle tenson tangenzal massme d taglo ne ullon e della pressone specfca ne for della pastra d attacco alla fusolera. 183 11 R15 35 6 7 1 1 60 5 5 R38 R15 15 5 3 R17 155 30

Dettagli

Introduzione al Machine Learning

Introduzione al Machine Learning Introduzone al Machne Learnng Note dal corso d Machne Learnng Corso d Laurea Magstrale n Informatca aa 2010-2011 Prof Gorgo Gambos Unverstà degl Stud d Roma Tor Vergata 2 Queste note dervano da una selezone

Dettagli

Dati di tipo video. Indicizzazione e ricerca video

Dati di tipo video. Indicizzazione e ricerca video Corso d Laurea n Informatca Applcata Unverstà d Urbno Dat d tpo vdeo I dat vdeo sono generalmente rcch dal punto d vsta nformatvo. Sottottol (testo) Colonna sonora (audo parlato e/o musca) Frame (mmagn

Dettagli

Calibrazione. Lo strumento idealizzato

Calibrazione. Lo strumento idealizzato Calbrazone Come possamo fdarc d uno strumento? Abbamo bsogno d dentfcare l suo funzonamento n condzon controllate. L dentfcazone deve essere razonalmente organzzata e condvsa n termn procedural: s tratta

Dettagli

Esercitazioni del corso di Relazioni tra variabili. Giancarlo Manzi Facoltà di Sociologia Università degli Studi di Milano-Bicocca

Esercitazioni del corso di Relazioni tra variabili. Giancarlo Manzi Facoltà di Sociologia Università degli Studi di Milano-Bicocca Eserctazon del corso d Relazon tra varabl Gancarlo Manz Facoltà d Socologa Unverstà degl Stud d Mlano-Bcocca e-mal: gancarlo.manz@statstca.unmb.t Terza eserctazone Mlano, 8 febbrao 7 SOMMARIO TERZA ESERCITAZIONE

Dettagli

31/03/2012. Collusione (Cabral cap.8 PRN capp. 13-14) Il modello standard. Collusione nel modello di Bertrand. Collusione nel modello di Bertrand

31/03/2012. Collusione (Cabral cap.8 PRN capp. 13-14) Il modello standard. Collusione nel modello di Bertrand. Collusione nel modello di Bertrand Collusone (Cabral cap.8 PRN capp. 13-14) Accord tact o esplct per aumentare l potere d mercato e pratcare prezz pù elevat rspetto all equlbro non cooperatvo corrspondente Esste un vantaggo dalla collusone

Dettagli

2. Le soluzioni elettrolitiche

2. Le soluzioni elettrolitiche . Le soluzon elettroltche Classfcazone degl elettrolt: 1) soluzon elettroltche ) solvent onc: a) sal fus b) lqud onc 3) elettrolt sold Struttura del solvente Interazone one/solvente Interazone one/one

Dettagli

Amplificatori operazionali

Amplificatori operazionali mplfcator operazonal Parte www.e.ng.unbo.t/pers/mastr/attca.htm (ersone el 9-5-0) mplfcatore operazonale L amplfcatore operazonale è un sposto, normalmente realzzato come crcuto ntegrato, otato tre termnal

Dettagli