Manuale delle Segnalazioni Statistiche e di Vigilanza per gli Intermediari del Mercato Mobiliare

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Manuale delle Segnalazioni Statistiche e di Vigilanza per gli Intermediari del Mercato Mobiliare"

Transcript

1 Manuale delle Segnalazon Statstche e d Vglanza per gl Intermedar del Mercato Moblare Crcolare n. 148 del 2 luglo aggornamento del 16 dcembre 2009

2

3 VIGILANZA CREDITIZIA E FINANZIARIA Manuale delle Segnalazon Statstche e d Vglanza per gl Intermedar del Mercato Moblare Crcolare n. 148 del 2 luglo 1991 Aggornament (*): 1 Aggornamento del 18 novembre 1991: Rstampa ntegrale. 2 Aggornamento del 25 gugno 1992: Rstampa ntegrale. 3 Aggornamento del 1 aprle 1993: Avvertenze general, pag 14. Abrogat captol V e VI. 4 Aggornamento del 31 maggo 1994: Avvertenze general, pagg. 13 e 14; Cap. III, pagg. da 1 a Aggornamento del 17 febbrao 1995: Rstampa ntegrale. 6 Aggornamento del 16 maggo 1996: Abrogata la Parte Seconda (decorrenza gennao 1997). 7 Aggornamento del 30 luglo 1997: Rstampa ntegrale (decorrenza gennao 1998). 8 Aggornamento del 24 luglo 1998: Utlzzo dell Euro nelle segnalazon d vglanza (Indce, pagg. 1 e 2; Avvertenze general, pagg. da 1 a 8, da 11 a 16, 19 e 20, da 25 a 28, 33 e 34; Schem d segnalazone, pagg. da 23 a 30, da 37 a 40; Sezone III, pagg. 1.1 e 1.2, 1.7 e 1.8; Sezone V, pagg. da 5.1 a 5.3, 7.3 e 7.4, 8.7 e 8.8, da 10.5 a 10.8; Sezone VI, pagg. da 1 a 6; Sezone VII, pagg. 3 e 4; Allegat, pagg. 1.7 e 1.8, 4.1 e 4.2; decorrenza gennao 1999). 9 Aggornamento del 6 agosto 1999: Segnalazon d vglanza degl agent d cambo che detengono valor della clentela (Indce, pagg. da 1 a 4; Avvertenze general, pagg. da 34 a 37; Agent d cambo, pagg. da 1 a 10. Decorrenza gennao 2000). 10 Aggornamento del 25 maggo 2000: Attvtà d gestone d patrmon svolta con delega a terz ovvero su delega d terz (Indce, pagg. da 1 a 3; Avvertenze general, pagg. 7, da 35 a 39; Schem d segnalazone, pagg. 7 e 8, da 24 a 48; Sezone II, pagg. II.1.1, II.1.3, II.2.1, II.2.3, II.3.5; Sez. V, pag. V.8.5; Sezone VI, pagg. VI.1, VI.2, VI.8; Sezone VII, pagg. da VII.1 a VII.18). 11 Aggornamento del 29 novembre 2001: Passaggo all euro (Indce, pag. 3, Avvertenze general, pagg. 11 e 15; Sezone III, pag. 1.2; Sezone V, pag. 5.2; abrogazone Allegat pagg. da 1.1 a 6.2; decorrenza 1 gennao 2002). 12 Aggornamento del 25 febbrao 2002: Rstampa ntegrale della Parte prma. 13 Aggornamento del 15 maggo 2007: Rstampa ntegrale della Parte prma. 14 Aggornamento del 16 dcembre 2009: Modfche alle segnalazon delle SIM (Avvertenze General, Schem, Sezone I Sottosezz. 1 e 2, Sezone II, Sezone IV, Sezone V e Sezone VI). (*) Accanto a cascun aggornamento vengono ndcate tutte le nuove pagne a stampa recant le ndcazon del mese e dell anno d emanazone dell aggornamento stesso.

4

5 I N D I C E PARTE I SIM AVVERTENZE GENERALI pag. 1 Defnzon Premessa Obblgh d segnalazone Termn e modaltà d trasmssone delle segnalazon Segnalazone semestrale de dat d conto economco Attvtà per conto terz Segno algebrco degl mport Valuta d segnalazone ed arrotondament Crter d classfcazone Canal dstrbutv Categora controparte Categora emttent Categora valor moblar Clentela MIFID Codce censto Codce ISIN Depostaro Dvsa Durata fnanzara modfcata Esposzon deterorate Indcatore d quotazone Lnee d busness Mercato d negozazone Provnca Rapporto con l emttente Resdenza

6 27 Servzo d consulenza Stato emttente Tempo d nadempmento Tpo gestone Tpo mporto Tpo poszone Tpo soggetto delegante/delegato Tpo tasso Tpologa operazon Valuta Vta resdua...29 Allegato A: Modulo d comuncazone nzo e fne operatvtà Allegato B: FAC-SIMILE d lettera d attestazone SCHEMI DI SEGNALAZIONE Schem d segnalazone ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE Sezone I. Dat patrmonal Sottosezone 1 Attvo...I.1.1 Sottosezone 2 Passvo...I.2.1 Sottosezone 3 Altre nformazon...i.3.1 Sottosezone 4 Rapport con socetà del gruppo...i.4.1 Sottosezone 5 Valor d terz...i.5.1 Sottosezone 6 Valor propr...i.6.1 Sezone II. Dat d conto economco e altre nformazon Sottosezone 1 Component negatve d reddto... II.1.1 Sottosezone 2 Component postve d reddto... II.2.1 Sottosezone 3 Altre nformazon... II.3.1 2

7 Sezone III. Strument fnanzar n portafoglo e pront contro termne Sottosezone 1 Strument fnanzar n portafoglo... III.1.1 Sottosezone 2 Operazon n essere su strument fnanzar... III.2.1 Sottosezone 3 Pront contro termne e operazon assmlate... III.3.1 Sezone IV. Patrmono d vglanza...iv.1 Sezone V. Coeffcent patrmonal Premessa.... V.1 Sottosezone 1 Rscho gen. su tt. d debto metodo basato sulla scadenza... V.1.1 Sottosezone 2 Rscho gen. su tt. d debto metodo basato sulla durata fnanzara. V.2.1 Sottosezone 3 Rscho specfco su ttol d debto... V.3.1 Sottosezone 4 Rscho generco e specfco su ttol d captale... V.4.1 Sottosezone 5 Rscho d poszone su part d o..c.r... V.5.1 Sottosezone 6 Rscho d cambo... V.6.1 Sottosezone 7 Rscho d regolamento... V.7.1 Sottosezone 8 Rscho d credto e controparte... V.8.1 Sottosezone 9 Rscho d concentrazone... V.9.1 Sottosezone 10 Trattamento delle opzon... V.10.1 Sottosezone 11 Altr rsch... V.11.1 Sottosezone 12 Rscho operatvo... V.12.1 Sottosezone 13 Replogo coperture patrmonal... V.13.1 Sezone VI. Segnalazon statstche...vi.1 Sezone VII. Blanco consoldato... VII.1 3

8 PARTE II AGENTI DI CAMBIO 1 Premessa Termn e modaltà d nvo delle segnalazon Schema d segnalazone Istruzon per la complazone...4 4

9 SIM AVVERTENZE GENERALI

10

11 Avvertenze general 1. DEFINIZIONI Nel presente manuale sono adottate le seguent defnzon. Banche : mprese avent sede legale n Itala autorzzate dalla Banca d Itala all attvtà bancara a sens dell art. 14 del decreto legslatvo n. 385 del 1 settembre 1993 (T.U. delle legg n matera bancara e credtza); banche comuntare e extracomuntare d cu all art. 1, comma 2, lett. b) e c) del predetto T.U. autorzzate dalle competent autortà del Paese d orgne dell attvtà bancara così come defnta a sens dell art. 10 del T.U.. Sono ncluse anche le loro succursal all estero, coè le sed d attvtà, sprovvste d personaltà gurdca, costtute n paes dvers da quello d nsedamento della casa madre, v ncluse le succursal n Itala; Banche multlateral d svluppo : l elenco aggornato d tal banche è reperble presso le font uffcal (Banca de regolament nternazonal, Fondo Monetaro Internazonale), eventualmente accedendo a relatv st nternet; Consob : la Commssone Nazonale per le Socetà e la Borsa; Imprese d nvestmento estere : mprese comuntare ed extracomuntare, dverse dalle banche, autorzzate a svolgere n Itala le attvtà prevste dall art. 1, comma 5 del D.Lgs. 24 febbrao 1998, n. 58 (Testo Unco delle dsposzon n matera d ntermedazone fnanzara); Isttuzon dell Unone Europea : l elenco aggornato d tal sttuzon è reperble presso le font uffcal (es. Unone Europea), eventualmente accedendo a relatv st nternet; Istruzon d Vglanza : l fasccolo Intermedar del Mercato Moblare Regolamento applcatvo emanato dalla Banca d Itala e Istruzon d Vglanza, d cu alla Crcolare n. 164 del 25 gugno 1992 della Banca d Itala, come modfcate da Regolament della Banca d Itala del 4 agosto 2000 e del 24 ottobre 2007 e dal Regolamento congunto Banca d'itala Consob del ; Manuale tecnco : l fasccolo Segnalazon d vglanza delle sttuzon credtze. Schem d rlevazone e struzon per l noltro de fluss nformatv, curato dal Servzo Rlevazon ed Elaborazon Statstche, d cu alla Crcolare n. 154 del 22 novembre 1991 della Banca d Itala; O.I.C.R. : fond comun d nvestmento e le socetà d nvestmento a captale varable (SICAV); Paes della zona A : Paes che sono membr a peno ttolo dell OCSE e quell che hanno concluso specal accord d prestto con l Fondo Monetaro Internazonale e sono assocat agl accord general d prestto del Fondo (GAB). L elenco aggornato d tal paes è reperble presso le font uffcal (OCSE, Fondo Monetaro Internazonale), eventualmente accedendo a relatv st nternet.; Paes della zona B : Paes dvers da quell della zona A; 1

12 Avvertenze general SIM : le socetà d ntermedazone moblare scrtte all albo d cu all art. 20 del D.Lgs. 24 febbrao 1998, n. 58 (Testo Unco delle dsposzon n matera d ntermedazone fnanzara); UEM : l Unone Economca e Monetara. 2. PREMESSA Il presente manuale contene gl schem e le regole per la complazone delle segnalazon d vglanza delle SIM. Le regole d complazone sono orentate a strutturare dat n manera conforme alle esgenze nformatve della Banca d Itala e non devono necessaramente condzonare la struttura del pano de cont azendale, le modaltà d tenuta della contabltà e la redazone del blanco d eserczo, che sono rmesse ad autonome decson della socetà nel rspetto della normatva vgente. In ogn caso, tutte le segnalazon, anche quando non assumono veste d stuazon contabl, devono essere raccordabl con le rlevazon analtco-sstematche azendal. La sgnfcatvtà de dat presuppone che, nell ambto del sstema nformatvo nterno e, segnatamente, nell ordnamento contable, gl att gestonal sano rlevat n modo tempestvo e puntuale. In assenza d specfche struzon, le segnalazon d cu alle sezon I, II e IV dovranno essere complate utlzzando crter segut nella redazone del blanco d eserczo. Tranne che non sa dversamente ndcato, tutte le nformazon devono essere rferte alla stuazone n essere alla data d rfermento (anche se gorno festvo o non lavoratvo) delle segnalazon. 3. OBBLIGHI DI SEGNALAZIONE Segnalazon Gl obblgh segnaletc sono dfferenzat a seconda delle attvtà eserctate dalle socetà. Crca termn e le modaltà d trasmssone delle segnalazon s osservano le dsposzon d cu al successvo paragrafo 4. Le SIM che eserctano le attvtà d negozazone n conto propro e/o d collocamento con assunzone d garanza redgono: con perodctà mensle, le sezon III, IV e V; 2

13 Avvertenze general con perodctà trmestrale, le sezon I e VI ( 1 ); con perodctà semestrale, la sezone II. Le SIM che eserctano le attvtà d gestone d sstem multlateral d negozazone redgono: con perodctà trmestrale, le sezon I, IV, V e VI ( 1 ); con perodctà semestrale, la sezone II. Le SIM che eserctano l attvtà d consulenza e/o d raccolta ordn (senza detenzone) redgono: con perodctà trmestrale, le sezon I, IV e VI ( 1 ); con perodctà semestrale, la sezone II. Le rmanent SIM redgono: con perodctà trmestrale, le sezon I, IV, V, lmtatamente alle sottosezon 6, 8, 9, 10, 11 e 13, e VI ( 1 ); con perodctà semestrale, la sezone II. L obblgo d nvo delle sezon dalla III alla VI sorge dal mese o dal trmestre n cu l ntermedaro nza l operatvtà d almeno una delle attvtà per le qual è stato autorzzato. A tal fne l ntermedaro medesmo comunca alla Banca d Itala con un congruo preavvso, la data d nzo o d fne operatvtà d cascuna delle attvtà autorzzate, complando lo schema d comuncazone d cu all allegato A ( 2 ). Tutte le socetà, v comprese quelle non operatve, redgono le sezon I, II e VII ( 1 ). Allo scopo d attestare la rspondenza de dat segnalat a quell della contabltà azendale, le socetà trasmettono alla Banca d Itala una comuncazone sottoscrtta dal presdente del consglo d ammnstrazone, dal presdente del collego sndacale e dal drettore generale, redatta secondo l fac-smle d cu all allegato B. Tale comuncazone, che va rnnovata soltanto nel caso d cessazone dalla carca d uno de predett esponent, deve essere fatta tenere entro 10 gorn dalla data d nomna del successore. 1 2 I dat della Sezone VI devono essere tuttava rfert a cascun mese del trmestre (cfr. successvo paragrafo 4). Il modulo deve essere nvato all Unta organzzatva della Banca d'itala responsable della vglanza sull ntermedaro (Flale terrtoralmente competente ovvero Ammnstrazone Centrale -Servzo Intermedar specalzzat o Servzo Supervsone Grupp bancar) 3

14 Avvertenze general 4. TERMINI E MODALITÀ DI TRASMISSIONE DELLE SEGNALAZIONI I termn entro qual devono pervenre le segnalazon cu cascun ente è tenuto sono seguent: Data/perodo d rfermento della segnalazone Termne ultmo d rcezone SEZIONE I - DATI PATRIMONIALI: 31 marzo 25 aprle 30 gugno 25 agosto 30 settembre 25 ottobre 31 dcembre 25 febbrao dell anno successvo SEZIONE II - DATI DI CONTO ECONOMICO E ALTRE INFORMAZIONI: semestre dal 1 gennao al 30 gugno 25 agosto eserczo dal 1 gennao al 31 dcembre 25 febbrao dell anno successvo SEZIONE III STRUMENTI FINANZIARI IN PORTAFOGLIO E PRONTI CONTRO TERMINE: ultmo gorno d calendaro d cascun mese gorno 25 del mese successvo SEZIONE IV - PATRIMONIO DI VIGILANZA: ultmo gorno d calendaro d cascun mese gorno 25 del mese successvo ( 2 ) SEZIONE V - COEFFICIENTI PATRIMONIALI: ultmo gorno d calendaro d cascun mese gorno 25 del mese successvo ( 3 ) SEZIONE VI - SEGNALAZIONI STATISTICHE: mes d gennao, febbrao e marzo mes d aprle, maggo e gugno mes d luglo, agosto e settembre mes d ottobre, novembre e dcembre SEZIONE VII BILANCIO CONSOLIDATO: eserczo socale 25 aprle 25 luglo 25 ottobre 25 gennao dell anno successvo gorno 25 del mese successvo a quello n cu è approvato l blanco Le socetà non operatve segnalano le sezon I e II solo con rfermento a dat d fne eserczo. Per gl ent che redgono tale sezone a cadenza trmestrale (cfr. paragrafo 3) termn d rcezone sono: 25 aprle, 25 luglo, 25 ottobre e 25 gennao dell anno successvo. Per gl ent che redgono tale sezone a cadenza trmestrale (cfr. paragrafo 3) termn d rcezone sono: 25 aprle, 25 luglo, 25 ottobre e 25 gennao dell anno successvo. 4

15 Avvertenze general Gl ent segnalant che chudono l blanco n data dversa dal 31 dcembre dovranno nvare le segnalazon d cu alle Sezon I e II con rfermento all anno solare e non all eserczo socale. Le segnalazon devono pervenre ne termn sopra ndcat alla Banca d Itala secondo le modaltà stablte dal Manuale Tecnco. Per tutt gl error ed omsson accertat d nzatva ovvero a seguto d comuncazone della Banca d Itala, le SIM sono tenute a produrre con la massma tempestvtà le dovute segnalazon d rettfca (cfr. Manuale tecnco). I quest sulle struzon contenute nel presente manuale, che dscplnano la complazone delle segnalazon delle SIM, vanno post alla Banca d Itala - Servzo Normatva e Poltche d Vglanza Va Nazonale, Roma. I quest sulle struzon d tpo tecnco-nformatco per l nvo e per l trattamento de dat sono ndrzzat alla Banca d Itala Servzo Rlevazon ed Elaborazon Statstche. 5. SEGNALAZIONE SEMESTRALE DEI DATI DI CONTO ECONOMICO A fn della complazone della Sezone II Dat d conto economco e altre nformazon s fa presente che la segnalazone relatva al prmo semestre e alla chusura dell eserczo deve contenere anche l rsultato economco conseguto, rspettvamente, nel semestre e nell ntero eserczo. A fn del calcolo del rsultato economco del perodo, gl ammnstrator procedono, tra l altro, alla valutazone delle attvtà azendal, alla quantfcazone degl ammortament d competenza e alla determnazone de fond. Pertanto, l crtero da segure per la determnazone de cost e de rcav relatv a perod d rfermento è quello della competenza economca, a prescndere dal momento sa della loro manfestazone fnanzara, sa del recepmento nella contabltà azendale. Eventual varazon che dovessero essere successvamente apportate (ad esempo, n sede d approvazone del blanco) sono tempestvamente comuncate alla Banca d Itala secondo le modaltà rchamate al precedente paragrafo 4. Per gl ent l cu eserczo socale s chude n data dversa dal 31 dcembre, le present dsposzon s applcano con rfermento alle date del 30 gugno e 31 dcembre. 6. ATTIVITÀ PER CONTO TERZI Le attvtà acquste n nome e per conto d terz, nonché quelle acquste n nome propro e per conto terz, non fgurano tra dat patrmonal dell ente segnalante

16 Avvertenze general Inoltre, nella complazone della sezone V, a fn del calcolo de coeffcent patrmonal per l rscho d credto e d concentrazone rlevano anche le garanze rlascate e gl mpegn rrevocabl assunt nell eserczo dell attvtà d esecuzone d ordn per conto de clent e d raccolta d ordn. Gl strument fnanzar e le dsponbltà lqude d terz depostat presso l ente segnalante ovvero presso altr depostar devono essere ndcat nella sezone I, sottosezone SEGNO ALGEBRICO DEGLI IMPORTI Tutt gl mport delle segnalazon devono essere ndcat con segno postvo, ad eccezone delle seguent che possono assumere sa l segno postvo sa quello negatvo, a seconda delle crcostanze: Sezone I: Adeguamento d valore delle attvtà oggetto d copertura generca Adeguamento d valore delle passvtà oggetto d copertura generca Azon propre Altre rserve Rserve da valutazone: attvtà fnanzare dsponbl per la vendta Rserve da valutazone: attvtà materal Rserve da valutazone: attvtà mmateral Rserve da valutazone: copertura de fluss fnanzar Rserve da valutazone: copertura d nvestment ester Rserve da valutazone: dfferenze d cambo Rserve da valutazone: attvtà non corrent e grupp d attvtà n va d dsmssone Rserve da valutazone: utl/perdte attuaral relatve a pan prevdenzal a benefc defnt Rserve da valutazone: quota delle rserve da valutazone relatve a partecpazon valutate al patrmono netto Sezone II: Spese ammnstratve: altro personale Imposte sul reddto dell eserczo dell operatvtà corrente Imposte relatve a grupp d attvtà n va d dsmssone Sezone III: Ttol obblgazonar n portafoglo Ttol provvst d codc ISIN: valore d mercato Ttol obblgazonar n portafoglo Ttol prv d codc ISIN: valore d mercato Ttol azonar n portafoglo Ttol provvst d codc ISIN: valore d mercato Ttol azonar n portafoglo Ttol prv d codc ISIN: valore d mercato - 6 -

17 Avvertenze general Strument fnanzar dervat n portafoglo Dervat provvst d codc ISIN: valore d mercato Strument fnanzar dervat n portafoglo Dervat prv d codc ISIN: valore d mercato Strument fnanzar da consegnare Strument provvst d codc ISIN: valore d mercato Strument fnanzar da consegnare Strument prv d codc ISIN: valore d mercato Strument fnanzar da rcevere Strument provvst d codc ISIN: valore d mercato Strument fnanzar da rcevere Strument prv d codc ISIN: valore d mercato Sezone IV: Rserve Provent/perdte nett da negozazone Plus/mnusvalenze nette Totale patrmono d base Totale patrmono supplementare d terzo lvello Patrmono d vglanza Patrmono rettfcato d secondo lvello Altre poste d natura patrmonale Composzone de provent/perdte nett e delle plus/mnusvalenze nette relatv all eserczo n corso Sezone VI: Attvtà d gestone d portafogl: Geston propre portafoglo d fne perodo: ttol Attvtà d gestone d portafogl: Geston propre portafoglo d fne perodo: altr strument fnanzar Attvtà d gestone d portafogl: Geston delegate da terz portafoglo d fne perodo: ttol Attvtà d gestone d portafogl: Geston delegate da terz portafoglo d fne perodo: altr strument fnanzar Attvtà d gestone d portafogl: Geston propre delegate a terz portafoglo d fne perodo: ttol Attvtà d gestone d portafogl: Geston propre delegate a terz portafoglo d fne perodo: altr strument fnanzar Sezone VII: Adeguamento d valore delle attvtà oggetto d copertura generca Adeguamento d valore delle passvtà oggetto d copertura generca Rserve Rserve da valutazone Imposte sul reddto dell eserczo dell operatvtà corrente Imposte relatve a grupp d attvtà n va d dsmssone - 7 -

18 Avvertenze general 8. VALUTA DI SEGNALAZIONE E ARROTONDAMENTI Fatta eccezone per le nformazon che prevedono l ndcazone d ammontar espress n untà (es. numero dpendent, numero sed, ecc.), dat oggetto d segnalazone vanno espress n untà d euro. Le partte n valuta vanno ndcate nel loro controvalore n euro, utlzzando, d norma, l tasso d cambo a pront alla data d rfermento della segnalazone. I dat n euro vanno arrotondat trascurando decmal par o nferor a 50 centesm ed elevando all untà superore decmal maggor d 50 centesm. 9. CRITERI DI CLASSIFICAZIONE Negl schem d segnalazone vengono specfcat gl attrbut n base a qual occorre rpartre dat relatv a cascuna voce e sottovoce, secondo la seguente smbologa: X nformazone rchesta; X1 nformazone rchesta con lvello d dettaglo analtco; X2 nformazone rchesta con lvello d dettaglo sntetco. Nelle pagne seguent s fornsce la descrzone degl attrbut utlzzat; per la codfca de valor che possono essere assunt da dvers attrbut s rmanda al Manuale tecnco. 10. CANALI DISTRIBUTIVI Il presente attrbuto descrve le modaltà e canal d dstrbuzone e collocamento d prodott e servz utlzzat dall ente segnalante. I valor che detto attrbuto può assumere sono: - n sede - fuor sede - canale telefonco - nternet - altr collegament telematc - banche - altre SIM - altr canal dstrbutv

19 Avvertenze general 11. CATEGORIA CONTROPARTE La categora controparte fa rfermento alla tpologa della controparte, v compresa la clentela ordnara, delle operazon segnalate. Per la dstnzone tra resdent e non resdent, s fa rfermento alla normatva valutara talana. Sono prevst due lvell d segnalazone, uno sntetco (n neretto) e l altro analtco : Categora controparte A Stato/Governo Italano, Banca d Itala Stat/Govern/Banche central d altr Paes zona A e Isttuzon dell Unone Europea Categora controparte B banche talane banche d altr Paes zona A SIM mprese d nvestmento d altr paes UE e G-10 nonché altr paes della zona A dove sussstono regole d vglanza prudenzale gudcate dalla Banca d Itala equvalent a quelle vgent nell UE. borse valor, mercat regolamentat e organsm d compensazone nazonal ed ester rconoscut dalla Consob ent del settore pubblco( 1 ) d Paes della zona A altre contropart qualfcate Categora controparte C Stat/Govern/Banche Central d Paes della zona B banche d Paes della zona B altre mprese d nvestmento altre borse valor, mercat regolamentat e organsm d compensazone nazonal ed ester ent del settore pubblco ( 1 ) d Paes della zona B 1 Relatvamente all ammnstrazone pubblca talana rentrano nella categora seguent soggett: ent pubblc terrtoral; ent pubblc, nazonal o local, che svolgono n va prncpale attvtà ammnstratva o d erogazone d servz senza scopo d lucro; altr organsm pubblc, nazonal o local, prv d personaltà gurdca. Non rentrano nella categora gl organsm con personaltà gurdca pubblca che svolgono attvtà d produzone d ben e servz destnabl alla vendta, sa pure per obblgo d legge o a condzon non remuneratve. Per paes ester s fa rfermento n va analogca a crter stablt per la Pubblca Ammnstrazone talana

20 Avvertenze general socetà d gestone del rsparmo e SICAV talane altre sttuzon fnanzare socetà d asscurazone socetà e quas socetà non fnanzare ( 2 ) agent d cambo famgle (consumatrc e produttrc) ( 3 ) altr non applcable struttura d negozazone struttura d gestone d portafogl altro ( 4 ) non applcable 12. CATEGORIA EMITTENTI La categora emttent fa rfermento alla tpologa dell emttente de valor moblar oggetto d segnalazone ( 5 ). Per la dstnzone tra resdent e non resdent, s fa rfermento alla normatva valutara talana. Sono prevst due lvell d segnalazone, uno sntetco (n neretto) e l altro analtco : Cfr. nota precedente. Sono consderat quas socetà non fnanzare gl organsm senza personaltà gurdca che dspongono d una contabltà completa e che producono ben e servz non fnanzar destnabl alla vendta. Sono rcomprese nell ambto delle quas socetà : - le socetà n nome collettvo e n accomandta semplce - le socetà semplc, le socetà d fatto, le mprese ndvdual, sempre che abbano un numero d addett superor alle cnque untà. Indvdu e grupp d ndvdu la cu funzone prncpale consste nel consumare; socetà semplc, socetà d fatto, mprese ndvdual la cu funzone prncpale sa produrre ben e servz non fnanzar destnabl alla vendta con numero d addett fno a cnque untà; gl auslar fnanzar non organzzat n forma d socetà qualora non abbano alcun addetto; gl organsm senza scopo d lucro al servzo delle famgle non dotat d personaltà gurdca oppure dotat d personaltà gurdca ma che non mpegano nessun addetto. Cassa, rate, attvtà materal, partecpazon, attvtà subordnate, strument brd d patrmonalzzazone, valor moblar se non dedott dal patrmono d vglanza e non sottopost al calcolo d requst per rsch d mercato. Per futures, gl swaps e FRAs va ndcato l valore non applcable. Per le optons s fa rfermento al soggetto che ha emesso l opzone. Ove le stesse sano trattate su mercat regolamentat n cu operano meccansm d compensazone e garanza s fa rfermento alla cassa d compensazone e garanza stessa

21 Avvertenze general Categora A Stato/Governo Italano, Banca d Itala Stat/Govern/Banche central d altr Paes zona A e Isttuzon dell Unone Europea Categora B banche talane banche d altr Paes zona A SIM mprese d nvestmento d altr paes UE e G-10 nonché altr paes della zona A dove sussstono regole d vglanza prudenzale gudcate dalla Banca d Itala equvalent a quelle vgent nell UE borse valor, mercat regolamentat e organsm d compensazone nazonal ed ester rconoscut dalla Consob ent del settore pubblco d Paes della zona A ( 1 ) altr emttent qualfcat Categora C Stat/Govern/Banche Central d Paes della zona B banche d Paes della zona B altre mprese d nvestmento altre borse valor, mercat regolamentat e organsm d compensazone nazonal ed ester ent del settore pubblco ( 2 ) d Paes della zona B socetà d gestone del rsparmo e SICAV talane altre sttuzon fnanzare talane altre sttuzon fnanzare estere mprese d asscurazone e fond pensone talan mprese d asscurazone e fond pensone ester 1 2 Relatvamente all ammnstrazone pubblca talana rentrano nella categora seguent soggett: ent pubblc terrtoral; ent pubblc, nazonal o local, che svolgono n va prncpale attvtà ammnstratva o d erogazone d servz senza scopo d lucro; altr organsm pubblc, nazonal o local, prv d personaltà gurdca. Non rentrano nella categora gl organsm con personaltà gurdca pubblca che svolgono attvtà d produzone d ben e servz destnabl alla vendta, sa pure per obblgo d legge o a condzon non remuneratve. Per paes ester s fa rfermento n va analogca a crter stablt per la Pubblca Ammnstrazone talana. Cfr. nota precedente

22 Avvertenze general socetà non fnanzare talane socetà non fnanzare estere holdng fnanzare pubblche ( 1 ) holdng pubblche ( 2 ) mprese partecpate dallo Stato ( 3 ) altr Non applcable non applcable 13. CATEGORIA VALORI MOBILIARI I ttol e gl altr valor moblar s dstnguono sulla base della seguente classfcazone; sono prevst due lvell d segnalazone, uno sntetco (n neretto) e l altro analtco : TITOLI ttol dello Stato talano ( 4 ) bot cct (a cedola varable) btp cte cto 1 2 Holdng pubblche - con natura gurdca pubblca o controllate drettamente o ndrettamente dallo Stato o da altro ente dell ammnstrazone pubblca - che controllano e drgono socetà che operano prncpalmente nell ambto de servz d ntermedazone fnanzara e/o n quello delle attvtà fnanzare auslare. Holdng pubblche - con natura gurdca pubblca o controllate drettamente o ndrettamente dallo Stato o da altro ente dell ammnstrazone pubblca - che controllano e drgono socetà la cu attvtà prevalente è la produzone d ben o servz non fnanzar. 3 Untà sttuzonal che svolgono attvtà non fnanzara, per le qual s verfcano le seguent condzon: - l 50% o pù del captale appartenga allo Stato, a ent d gestone delle partecpazon statal, ad altra socetà a partecpazone statale; - ndpendentemente dall ammontare della partecpazone al captale, la nomna d almeno la metà de component l CdA della socetà spett d drtto o d fatto allo Stato, a ent d gestone delle partecpazon statal, a socetà d questo settore anch esse a partecpazone statale. 4 Sono esclus ttol garantt dallo Stato talano

23 Avvertenze general bte cartelle della Cassa DD.PP. BTP oggetto d operazon d coupon strppng mantello cedola altr ttol dello Stato talano ttol d debto ( 1 ) certfcat d deposto d durata orgnara fno a 18 mes compres altr ttol d mercato monetaro ( 2 ) certfcat d deposto d durata orgnara oltre 18 mes obblgazon ordnare obblgazon convertbl obblgazon con opzon Reverse convertble Ttol emess per operazon d cartolarzzazone: senor mezzanne junor Ttol d debto oggetto d operazon d coupon strppng mantello cedola ttol strutturat (senza scomposzone) ( 3 ) ttol strutturat (componente obblgazonara) ( 4 ) altr ttol d debto ( 5 ) ttol d captale azon e quote altr ttol d captale Sono compres ttol d Stat ester e d Ammnstrazon pubblche talane ed estere. Vengono consderat ttol d mercato monetaro quell d durata orgnara fno a 18 mes compres. Sono nclus n tale categora, tra l altro, le cambal fnanzare, la carta commercale, le polzze d credto commercale e le accettazon bancare. S fa rfermento a ttol strutturat l cu far value è calcolato senza scomporre tra la componente obblgazonara e quella dervatva. S fa rfermento a ttol strutturat l cu far value è calcolato scomponendo la componente obblgazonara da quella dervatva Sono compres n tale categora gl altr ttol d debto d durata orgnara oltre 18 mes

24 Avvertenze general part d organsm collettv d nvestmento del rsparmo (o..c.r.) O.I.C.R. d drtto talano armonzzat apert non armonzzat apert chus rservat speculatv O.I.C.R. d altr stat UE armonzzat apert non armonzzat apert non armonzzat chus O.I.C.R. d stat no UE apert chus altr ttol altr ttol CONTRATTI DERIVATI futures ( 1 ) su ttol dello Stato talano su ttol d debto su ttol d captale su tass d nteresse su ndc d borsa su merc su valute altr swaps e Fras Interest Rate Swaps (IRS) tasso fsso/tasso varable ( 2 ) IRS tasso varable/tasso varable ( 3 ) IRS cross-currency ( 1 ) I futures su ttol nozonal (es. MIF) sono da nserre nella categora corrspondente al tpo d ttolo nozonale. Con captal d rfermento denomnat nella medesma valuta. Bass swaps

25 Avvertenze general Currency Swaps euro/valuta ( 2 ) Currency Swaps valuta/valuta ( 3 ) Domestc Currency Swaps (DCS) ( 4 ) altr swaps Forward rate agreements (Fras) opzon su ttol ( 5 ) opzon call su ttol dello Stato talano opzon put su ttol dello Stato talano opzon call su ttol d debto opzon put su ttol d debto opzon call su ttol d captale opzon put su ttol d captale altre opzon su ttol d captale opzon su altr ttol opzon su futures ( 6 ) opzon call su futures su ttol dello Stato talano opzon put su futures su ttol dello Stato talano opzon call su futures su ttol d debto o tass opzon put su futures su ttol d debto o tass opzon call su futures su ndc d borsa opzon put su futures su ndc d borsa opzon su altr futures opzon su valute opzon call opzon put Consstono nello scambo d un tasso d nteresse n una valuta con un altro tasso d nteresse n una valuta dfferente. Consstono nello scambo d un ammontare prefssato d euro contro un altro d valuta. Consstono nello scambo d due ammontar prefssat d valute dfferent. Consstono nello scambo, ad una data prestablta, d un mporto determnato n base al dfferenzale tra l tasso d cambo contrattuale e quello corrente alla data d scadenza dell operazone. Sono nclus warrant e drtt. Le opzon su un ttolo nozonale sono da nserre nella categora corrspondente al tpo del ttolo nozonale. Le opzon su futures su un ttolo nozonale sono da nserre nella categora corrspondente al tpo del ttolo nozonale

Metodologia di controllo. AUTORIMESSE (III edizione) Codice attività: 63.21.0. Indice

Metodologia di controllo. AUTORIMESSE (III edizione) Codice attività: 63.21.0. Indice Metodologa d controllo AUTORIMESSE (III edzone) Codce attvtà: 63.21.0 Indce 1. PREMESSA... 2 2. ATTIVITÀ PREPARATORIA AL CONTROLLO... 3 2.1 Interrogazon dell Anagrafe Trbutara... 3 2.2 Altre nterrogazon

Dettagli

Relazione funzionale e statistica tra due variabili Modello di regressione lineare semplice Stima puntuale dei coefficienti di regressione

Relazione funzionale e statistica tra due variabili Modello di regressione lineare semplice Stima puntuale dei coefficienti di regressione 1 La Regressone Lneare (Semplce) Relazone funzonale e statstca tra due varabl Modello d regressone lneare semplce Stma puntuale de coeffcent d regressone Decomposzone della varanza Coeffcente d determnazone

Dettagli

Corso di laurea in Ingegneria Meccatronica. DINAMICI CA - 04 ModiStabilita

Corso di laurea in Ingegneria Meccatronica. DINAMICI CA - 04 ModiStabilita Automaton Robotcs and System CONTROL Unverstà degl Stud d Modena e Reggo Emla Corso d laurea n Ingegnera Meccatronca MODI E STABILITA DEI SISTEMI DINAMICI CA - 04 ModStablta Cesare Fantuzz (cesare.fantuzz@unmore.t)

Dettagli

UNA RASSEGNA SUI METODI DI STIMA DEL VALUE

UNA RASSEGNA SUI METODI DI STIMA DEL VALUE UNA RASSEGNA SUI METODI DI STIMA DEL VALUE at RISK (VaR) Chara Pederzol - Costanza Torrcell Dpartmento d Economa Poltca - Unverstà degl Stud d Modena e Reggo Emla Marzo 999 INDICE Introduzone. Il concetto

Dettagli

Strutture deformabili torsionalmente: analisi in FaTA-E

Strutture deformabili torsionalmente: analisi in FaTA-E Strutture deformabl torsonalmente: anals n FaTA-E Il comportamento dsspatvo deale è negatvamente nfluenzato nel caso d strutture deformabl torsonalmente. Nelle Norme Tecnche cò vene consderato rducendo

Dettagli

CONTO CONSUNTIVO PER L'ESERCIZIO FINANZIARIO 2012 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO

CONTO CONSUNTIVO PER L'ESERCIZIO FINANZIARIO 2012 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO DIREZIONE DIDATTICA DEL 4 CIRCOLO DI FORLI' Va Gorgna Saff, n.12 Tel 0543/33345 fax 0543/458861 C.F. 80004560407 CM FOEE00400B e-mal foee00400b@struzone.t - posta cert.: foee00400b@pec.struzone.t sto web:

Dettagli

La rappresentazione dei numeri. La rappresentazione dei numeri. Aritmetica dei calcolatori. La rappresentazione dei numeri

La rappresentazione dei numeri. La rappresentazione dei numeri. Aritmetica dei calcolatori. La rappresentazione dei numeri Artmetca de calcolator Rappresentazone de numer natural e relatv Addzone e sommator: : a propagazone d rporto, veloce, con segno Moltplcazone e moltplcator: senza segno, con segno e algortmo d Booth Rappresentazone

Dettagli

LA COMPATIBILITA tra due misure:

LA COMPATIBILITA tra due misure: LA COMPATIBILITA tra due msure: 0.4 Due msure, supposte affette da error casual, s dcono tra loro compatbl quando la loro dfferenza può essere rcondotta ad una pura fluttuazone statstca attorno al valore

Dettagli

Corrente elettrica e circuiti

Corrente elettrica e circuiti Corrente elettrca e crcut Generator d forza elettromotrce Intenstà d corrente Legg d Ohm esstenza e resstvtà esstenze n sere e n parallelo Effetto termco della corrente Legg d Krchhoff Corrente elettrca

Dettagli

Unità Didattica N 25. La corrente elettrica

Unità Didattica N 25. La corrente elettrica Untà Ddattca N 5 : La corrente elettrca 1 Untà Ddattca N 5 La corrente elettrca 01) Il problema dell elettrocnetca 0) La corrente elettrca ne conduttor metallc 03) Crcuto elettrco elementare 04) La prma

Dettagli

Progetto Lauree Scientifiche. La corrente elettrica

Progetto Lauree Scientifiche. La corrente elettrica Progetto Lauree Scentfche La corrente elettrca Conoscenze d base Forza elettromotrce Corrente Elettrca esstenza e resstvtà Legge d Ohm Crcut 2 Una spra d rame n equlbro elettrostatco In un crcuto semplce

Dettagli

Relazioni tra variabili: Correlazione e regressione lineare

Relazioni tra variabili: Correlazione e regressione lineare Dott. Raffaele Casa - Dpartmento d Produzone Vegetale Modulo d Metodologa Spermentale Febbrao 003 Relazon tra varabl: Correlazone e regressone lneare Anals d relazon tra varabl 6 Produzone d granella (kg

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

Misura della distanza focale. di una lente convergente. Metodo di Bessel

Misura della distanza focale. di una lente convergente. Metodo di Bessel Zuccarello Francesco Laboratoro d Fsca II Msura della dstanza focale d una lente convergente Metodo d Bessel A.A. 003-004 Indce Introduzone..pag. 3 Presuppost Teorc.pag. 4 Anals de dat.pag. 8. Modo d operare...pag.

Dettagli

COMUNICAZIONE AI GRUPPI DI LAVORO SIDEA (13/09/02) LE CONDIZIONI DI OTTIMALITÀ PER LA DETERMINAZIONE DELLE CATTURE DI PESCE

COMUNICAZIONE AI GRUPPI DI LAVORO SIDEA (13/09/02) LE CONDIZIONI DI OTTIMALITÀ PER LA DETERMINAZIONE DELLE CATTURE DI PESCE COMUNICAZIONE AI GRUPPI DI LAVORO SIDEA (13/9/2) ECONOMIA E POLITICA DEL SETTORE ITTICO 1.INTRODUZIONE. LE CONDIZIONI DI OTTIMALITÀ PER LA DETERMINAZIONE DELLE CATTURE DI PESCE (una applcazone ad un contesto

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

tramite della Segreteria della scuola), trasmissione dei verbali e degli atti al

tramite della Segreteria della scuola), trasmissione dei verbali e degli atti al L verbae n"..8j... Ogg, se marzo duemaqundc, ae ore 13.00, s è runta nea sede d questa sttuzone Scoastca a commssone Eettorae così composta RBEZZO ASSUNTA Presdente; VAL SABNA Segretaro, FATORELLO GAMPETRO

Dettagli

w w w. a x i o s i t a l i a. c o m

w w w. a x i o s i t a l i a. c o m w w w. a x o t a l a. c o m SISSIWEB AXIOS SIDI INVIO SMS INVIO EMAIL ACQUISIZIONE ASSENZE - DA SCANNER - DA PALMARE C/C POSTALE E BANCARIO DICHIARAZIONE DEI SERVIZI GESTIONE ORARIA DEL PERSONALE PRIVACY

Dettagli

IIIEGIOEE S1(ìrL1.fiNA IL DIRIGENTE GENERALE

IIIEGIOEE S1(ìrL1.fiNA IL DIRIGENTE GENERALE REPBBLCA TALANA Doo. N, 7 gšfl- n.a.r. [../', 1- EGOEE S1(ìrL1.fiNA AS SES SORATO REGONALE DEl..L.'ENERGA E DE SERVZ D PUBBLCA UTLTÀ DPARTMENTO REGONALE DE.,'ACQUA E DE RFUT ui', L DRGENTE GENERALE VSTO

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

Argomenti. Misure di corrente elettrica continua, di differenza di potenziale e di resistenza elettrica.

Argomenti. Misure di corrente elettrica continua, di differenza di potenziale e di resistenza elettrica. ppunt per l corso d Laboratoro d Fsca per le Scuole Superor rgoent Msure d corrente elettrca contnua, d dfferenza d potenzale e d resstenza elettrca. Struent d sura: prncp d funzonaento. Coe s effettuano

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Nadia Garbellini. L A TEX facile. Guida all uso

Nadia Garbellini. L A TEX facile. Guida all uso Nada Garbelln L A TEX facle Guda all uso 2010 Nada Garbelln L A TEX facle Guda all uso seconda edzone rveduta e corretta 2010 PRESENTAZIONE L amca e brava Nada Garbelln, autrce d questa bella e semplce

Dettagli

5. Il lavoro di un gas perfetto

5. Il lavoro di un gas perfetto 5. Il lavoro d un gas perfetto ome s esprme l energa nterna d un gas perfetto? Un gas perfetto è l sstema pù semplce che possamo mmagnare: le nterazon a dstanza fra le molecole sono così debol da essere

Dettagli

Leggere i dati da file

Leggere i dati da file Esempo %soluzon d una equazone d secondo grado dsp('soluzon d a^+b+c') anput('damm l coeffcente a '); bnput('damm l coeffcente b '); cnput('damm l coeffcente c '); deltab^-4*a*c; f delta0 dsp('soluzon

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

Indici di Posizione. Gli indici si posizione sono misure sintetiche ( valori caratteristici ) che descrivono la tendenza centrale di un fenomeno

Indici di Posizione. Gli indici si posizione sono misure sintetiche ( valori caratteristici ) che descrivono la tendenza centrale di un fenomeno Idc d Poszoe Gl dc s poszoe soo msure stetche ( valor caratterstc ) che descrvoo la tedeza cetrale d u feomeo La tedeza cetrale è, prma approssmazoe, la modaltà della varable verso la quale cas tedoo a

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

CIRCUITI DI IMPIEGO DEI DIODI

CIRCUITI DI IMPIEGO DEI DIODI UT D MPEGO DE DOD addrzzare ad na seonda. l crcto pù seplce, che pega l dodo coe raddrzzatore d na tensone alternata, è rappresentato n Fg.. n esso n generatore deale d tensone alternata l c valore stantaneo

Dettagli

Contratto di Assicurazione Multirischi. Eura Salute Di più

Contratto di Assicurazione Multirischi. Eura Salute Di più Fascicolo nformativo Europ Assistance talia S.p.A. Contratto di Assicurazione Multirischi Eura Salute Di più l presente Fascicolo nformativo, contenente: - Nota nformativa, comprensiva del glossario; -

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

I vettori. a b. 180 α B A. Un segmento orientato è un segmento su cui è stato fissato un verso. di percorrenza, da verso oppure da verso.

I vettori. a b. 180 α B A. Un segmento orientato è un segmento su cui è stato fissato un verso. di percorrenza, da verso oppure da verso. I vettor B Un segmento orentto è un segmento su cu è stto fssto un verso B d percorrenz, d verso oppure d verso. A A Il segmento orentto d verso è ndcto con l smolo. Due segment orentt che hnno l stess

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

ATTO DI MODIFICA DEL REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA

ATTO DI MODIFICA DEL REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA ATTO DI MODIFICA DEL REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA LA BANCA D ITALIA E LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETA E LA

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

ARGOMENTO: MISURA DELLA RESISTENZA ELETTRICA CON IL METODO VOLT-AMPEROMETRICO.

ARGOMENTO: MISURA DELLA RESISTENZA ELETTRICA CON IL METODO VOLT-AMPEROMETRICO. elazoe d laboratoro d Fsca corso M-Z Laboratoro d Fsca del Dpartmeto d Fsca e Astrooma dell Uverstà degl Stud d Cataa. Scala Stefaa. AGOMENTO: MSUA DELLA ESSTENZA ELETTCA CON L METODO OLT-AMPEOMETCO. NTODUZONE:

Dettagli

Il MINISTRO DELLA GIUSTIZIA di concerto con IL MINISTRO DEI LAVORI PUBBLICI

Il MINISTRO DELLA GIUSTIZIA di concerto con IL MINISTRO DEI LAVORI PUBBLICI Corrispettivi delle attività di progettazione e delle altre attività ai sensi dell articolo 17, comma 14 bis, della legge 11 febbraio 1994 n.109 e successive modifiche. l MNSTRO DELLA GUSTZA di concerto

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

ELABORAZIONE DI SEGNALI E IMMAGINI

ELABORAZIONE DI SEGNALI E IMMAGINI Fltraggo d un segnale EABORAZIOE DI SEGAI E IAGII. Bertero P. Boccacc bertero@ds.unge.t boccacc@ds.unge.t Al ne d glorare la qualtà d un segnale dgtale una tecnca d prara portanza è l ltraggo. Con l quale

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.4 1 La Markets

Dettagli

CINEMATICA DEL CORPO RIGIDO

CINEMATICA DEL CORPO RIGIDO INEMTI DE ORPO RIGIDO o tudo della geometra degl potament de punt d un tema materale potzzato come rgdo rentra n quella parte della Meccanca laca che è la nematca. a cnematca tuda pobl movment d un corpo

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi -

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi - Direttiva 2004/39/CE "MIFID" (Markets in Financial Instruments Directive) Direttiva 2006/73/CE - Regolamento (CE) n. 1287/2006 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

PREFAZIONE. di Giuseppe Berto

PREFAZIONE. di Giuseppe Berto , PREFAZIONE d Guseppe Berto RICORDO DEL TERRAGLIO Quand'ero govane, e la vogla d grare l mondo m spngeva n terre lontane, a ch m chedeva notze del mo paese, rspondevo: l mo paese è una strada. In effett,

Dettagli

Lorenzo Pistocchini RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO. Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile

Lorenzo Pistocchini RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO. Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile Agenza Nazonale per le Nuove Tecnologe, l Energa e lo Svluppo Economco Sostenble RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO Ottmzzazone termofludodnamca e dmensonamento d uno scambatore d calore n controcorrente con

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Edizione 20141015 Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (IN VIGORE DAL 1 DICEMBRE 2014) INDICE POLITICA... 1 1 DISPOSIZIONI

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Luglio 2007 Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Indice Preambolo... 3 1. Campo

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Regolamento emittenti TITOLO II CAPO II SEZIONE IV Art. 87 (Comunicazioni dei capigruppo Comunicazioni delle operazioni di compravendita

Dettagli

PRIMO SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE

PRIMO SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE Unione di Banche Italiane S.c.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto, 8 Sedi operative: Brescia e Bergamo Codice Fiscale, Partita IVA ed Iscrizione al Registro delle Imprese

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini SpA Sede Legale : Piazza Ferrari n. 15 47921 RIMINI ITALY Tel.: 0541-701111 Fax 0541-701337 Indirizzo Internet: www.bancacarim.it Capitale Sociale 246.145.545,00

Dettagli

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE BancoPostaFondi SGR BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE del Fondo Comune d Investimento Mobiliare Aperto Armonizzato denominato BancoPosta Obbligazionario

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

._~zio/ei,o, ck//jg~~e~ Y~ CIRCOLARE N. 21. MEF - RGS - Prot. 47613 del 09/06/2015 ID: 382320. Roma.

._~zio/ei,o, ck//jg~~e~ Y~ CIRCOLARE N. 21. MEF - RGS - Prot. 47613 del 09/06/2015 ID: 382320. Roma. D: 382320 MEF - RGS - Prot. 47613 del 09/06/2015 CRCOLARE N. 21 Roma.._~zio/ei,o, ck//jg~~e~ Y~ DPARTMENTO DELLA RAGONERA GENERALE DELLO STATO SPETTORATO GENERALE PER GL ORDNAMENT DEL PERSONALE UFFCO V

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018 Banco Popolare Società Cooperativa - Sede legale in Verona, Piazza Nogara, n. 2 Società capogruppo del Gruppo bancario Banco Popolare Iscritta all albo delle banche al n. 5668 Capitale sociale, al 31 marzo

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

Execution & transmission policy

Execution & transmission policy Banca Popolare dell Alto Adige società cooperativa per azioni Sede Legale in Bolzano, Via Siemens 18 Codice Fiscale - Partita IVA e numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Bolzano 00129730214

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Deliberato dal CdA della BCC di Buccino nella seduta del 07/08/2009 Versione n 3 Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori. Documentazione Informativa e Contrattuale

Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori. Documentazione Informativa e Contrattuale Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori Documentazione Informativa e Contrattuale Sommario INFORMAZIONI GENERALI SULLA BANCA, SUI SERVIZI D INVESTIMENTO E SULLA SALVAGUARDIA

Dettagli

INFORMATIVA PRECONTRATTUALE PER LA CLIENTELA SU SERVIZI E ATTIVITA DI INVESTIMENTO

INFORMATIVA PRECONTRATTUALE PER LA CLIENTELA SU SERVIZI E ATTIVITA DI INVESTIMENTO INFORMATIVA PRECONTRATTUALE PER LA CLIENTELA SU SERVIZI E ATTIVITA DI INVESTIMENTO Aggiornamento n. 13 di Aprile 2015 MMM00589 04/2015 Pag. 1 di 34 INDICE: PREMESSA... 3 INFORMAZIONI GENERALI SULLA BANCA...

Dettagli

TITOLO V - Capitolo 5 ATTIVITÀ DI RISCHIO E CONFLITTI DI INTERESSE NEI CONFRONTI DI SOGGETTI COLLEGATI DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE

TITOLO V - Capitolo 5 ATTIVITÀ DI RISCHIO E CONFLITTI DI INTERESSE NEI CONFRONTI DI SOGGETTI COLLEGATI DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE TITOLO V - Capitolo 5 ATTIVITÀ DI RISCHIO E CONFLITTI DI INTERESSE NEI CONFRONTI DI SOGGETTI COLLEGATI SEZIONE I DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE 1. Premessa La disciplina delle operazioni con parti

Dettagli

Execution-Transmission policy

Execution-Transmission policy Execution-Transmission policy Versione Delibera 1 Delibera del Consiglio di Amministrazione del 13/10/2007 2 Aggiornamento con delibera CdA del 23/02/2008 3 Aggiornamento con delibera CdA del 21/03/2008

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob Approvato con delibera del consiglio di amministrazione del 26 Novembre 2014 Indice

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano (Ultimo aggiornamento:10.04.2013) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale in Viale Umberto I n. 4, 00060 Formello (Rm) Tel. 06/9014301 Fax 06/9089034 Cod.Fiscale 00721840585 Iscrizione Registro Imprese Roma e P.Iva 009260721002 Iscritta all Albo

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI );

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI ); CONVENZIONE TRA il Ministero dello Sviluppo Economico, con sede in Roma, Via Vittorio Veneto 33, Codice fiscale n. 80230390587 (di seguito il Ministero ); E Associazione Bancaria Italiana, con sede in

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane CIRCOLARE N. 12 DEL 20 APRILE 2015 DIRITTO SOCIETARIO MERCATO DEI CAPITALI E SOCIETA QUOTATE L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane www.assonime.it ABSTRACT Nel corso del 2014 si è

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive MiFID - Markets in Financial Instruments Directive STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (EXECUTION & TRANSMISSION POLICY) (documento redatto ai sensi del Regolamento

Dettagli

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale;

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale; CIRCOLARE N. 1276 Condizioni generali per l accesso al credito della gestione separata della Cassa depositi e prestiti società per azioni (CDP), ai sensi dell art. 5 comma 7 lettera a), primo periodo,

Dettagli

TERZO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE

TERZO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE Credito Valtellinese Società Cooperativa Sede in Sondrio Piazza Quadrivio, 8Codice fiscale e Registro Imprese di Sondrio n. 00043260140 Albo delle Banche n. 489 Capogruppo del Gruppo bancario Credito Valtellinese

Dettagli

ISOTOPI LA SICUREZZA NON VA VISTA COME UN IMPEDIMENTO A SVOLGERE LA PROPRIA ATTIVITA, MA DIVENTA PARTE INTEGRANTE DELL ATTIVITA STESSA

ISOTOPI LA SICUREZZA NON VA VISTA COME UN IMPEDIMENTO A SVOLGERE LA PROPRIA ATTIVITA, MA DIVENTA PARTE INTEGRANTE DELL ATTIVITA STESSA LA SCUREZZA NON VA VSTA COME UN MPEDMENTO A SVOLGERE LA PROPRA ATTVTA, MA DVENTA PARTE NTEGRANTE DELL ATTVTA STESSA Dott.ssa Benedetta Persechino - SPESL - DML 1895 SCOPERTA DE RAGG X RADOATTVTA PROPRETA

Dettagli

appartenente al Gruppo Poste Italiane

appartenente al Gruppo Poste Italiane appartenente al Gruppo Poste Italiane Offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 2009/65/CE, denominati: Bancoposta Obbligazionario

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli