Appendice A. Elementi di Algebra Matriciale

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Appendice A. Elementi di Algebra Matriciale"

Transcript

1 ppedice. Elemeti di lgebra Matriciale Defiizioi Matrice quadrata Matrice diagoale Matrice triagolare Matrice riga e matrice coloa Matrice simmetrica e emisimmetrica Operazioi elemetari su matrici Uguagliaza Moltiplicazioe per uo scalare Somma Differeza rasposta Decomposizioe di ua matrice quadrata ella somma di ua matrice simmetrica ed ua emisimmetrica Prodotto di matrici rasposta di prodotto Prodotto di ua matrice per la sua trasposta Prodotto di vettori Prodotto di ua matrice per u vettore Forma quadratica Determiate di ua matrice quadrata Matrice di dimesioe Matrice di dimesioe Matrici diagoali e triagolari... - Proprietà... - Esempi Matrice sigolare Miori di ua matrice Matrice iversa Esempio Sottomatrici Partizioe di matrice Operazioi su matrici partizioate Somma Prodotto... 6 appedix_a

2 ppedice. Elemeti di lgebra Matriciale. Defiizioi Si defiisce matrice u isieme di elemeti, umerici ma o solo, ordiati secodo righe e coloe. Ciascu elemeto della matrice è idividuato dalla posizioe che assume ella riga e ella coloa di apparteeza, attraverso 2 idici; ad esempio, l elemeto a rappreseta u elemeto apparteete alla riga i e alla coloa j della matrice che si idica co la lettera maiuscola i grassetto,, o sottolieata. Detto m il umero di righe e il umero di coloe, la matrice si dirà di dimesioi (m x ). Si idica come segue: a a a a a2 a22 a23 a 24 a a a a Matrice quadrata Se m, la matrice si defiisce quadrata di ordie ( x ).. Gli elemeti aii caratterizzati da idici uguali defiiscoo la diagoale pricipale della matrice La somma degli elemeti apparteeti alla diagoale pricipale è detta traccia della matrice tr a i..2 Matrice diagoale i I ua matrice quadrata, se tutti gli elemeti fuori diagoale pricipale soo ulli ( a 0 per j), la matrice si dice diagoale. a a a 22 Data ua matrice diagoale, se risulta aii i, co a 0 per i j (ovvero a δ dove δ è il simbolo di Kroecker), essa è detta matrice idetità o matrice uità di ordie e si idica co I. Ua matrice i cui elemeti soo tutti ideticamete ulli appedix_a 2

3 a 0 i,, m j,, si dice matrice ulla di dimesioi (m x ) e si idica co O...3 Matrice triagolare Si defiisce matrice triagolare alta ua matrice quadrata i cui elemeti posti al di sotto della diagoale pricipale soo tutti ulli. Viceversa, si dice triagolare bassa se soo uguali a zero tutti gli elemeti al di sopra della diagoale pricipale. a a a a 0 a a a 0 0 a a a triagolare alta..4 Matrice riga e matrice coloa Per m, ( x ) è detta matrice riga. 44 a a2 a a3 a32 a33 0 a4 a42 a43 a44 triagolare bassa Per, (m x ) è detta matrice riga o vettore coloa. Il termie vettore, cui i geerale viee associato ua lettera miuscola i grassetto v o co sottolieatura v, sta ad idicare ua matrice coloa. ale omeclatura si associa alla circostaza che u vettore geometrico v può essere rappresetato ordiado per righe le sue compoeti secodo gli assi coordiati v ve + ve + ve x x y y z z viee rappresetato ache come vx v vy v z..5 Matrice simmetrica e emisimmetrica Si defiisce matrice simmetrica ua matrice quadrata i cui elemeti fuori diagoale risultao uguali a a i, j ji Si defiisce matrice emisimmetrica (o atisimmetrica) ua matrice quadrata i cui elemeti fuori diagoale risultao opposti a a i, j Gli elemeti apparteeti alla diagoale pricipali soo tutti ulli. ji appedix_a 3

4 .2 Operazioi elemetari su matrici.2. Uguagliaza Date due matrici e B, queste si dicoo uguali se e solo se soo dello stesso ordie (m x ) e risulta a b i,, m j,, L operazioe di uguagliaza gode delle segueti proprietà: Proprietà trasitiva Se B e B, segue C.2.2 Moltiplicazioe per uo scalare Data ua matrice, si defiisce prodotto di per uo scalare λ, la matrice stesso ordie (m x ), i cui elemeti risultao b λ a i,, m j,, B λ dello Per λ, B defiisce la matrice opposta della matrice..2.3 Somma Date due matrici e B, dello stesso ordie (m x ), si defiisce somma delle due matrici la matrice C + B, i cui elemeti soo defiiti come somma dei corrispodeti elemeti di e di B, ovvero c a + b i,, m j,, La somma di matrici è defiita pertato solo per matrici di uguali dimesioi. L operazioe di somma gode delle segueti proprietà, aaloghe a quelle di cui gode la somma di scalari: Proprietà commutativa + B B+ ovvero, i termii di elemeti delle matrici a + b b + a i,, m j,, Proprietà associativa + B+ C ( + B) + C + ( B+ C ) Proprietà associativa, rispetto al prodotto per uo scalare λ+ λb λ( + B ) Proprietà distributiva, rispetto al prodotto per uo scalare ( ) λ + B λ+ λb appedix_a 4

5 L operazioe di somma possiede ioltre l elemeto eutro che è costituito dalla matrice ulla O di dimesioi (m x ) opportue..2.4 Differeza Date due matrici e B, dello stesso ordie (m x ), si defiisce differeza la somma di e dell opposta di B, ovvero i cui elemeti risultao pertato C B + ( ) B c a b i,, m j,,.2.5 rasposta Data ua matrice di dimesioi (m x ), si defiisce matrice trasposta di e si idica co, la matrice di ordie ( x m) che si ottiee scambiado le righe co le coloe,ovvero B ove Esempio: b a i,, m j,, ji Si osservi che l operazioe di trasposizioe di ua matrice trasposta ricoduce alla matrice di parteza ( ) Nel caso di matrice simmetrica risulta, i quato, per defiizioe di matrice simmetrica risulta a a i, j ji Nel caso di matrice emisimmetrica risulta ivece..2.6 Decomposizioe di ua matrice quadrata ella somma di ua matrice simmetrica ed ua emisimmetrica Data ua matrice quadrata di ordie ( x ), la si può sempre scrivere come somma di ua matrice simmetrica ed ua emisimmetrica così defiite: e tali che risulti S Sym s ( a + aji ) 2 E Skew e ( a aji ) 2 appedix_a 5

6 S + E l fie di verificare la validità di tale affermazioe si scriva: s + e ( a + a ) + ( a a ) a 2 2 ji ji s ( a + a ) ( a + a ) s 2 2 ji ji ji e ( a a ) ( a a ) e 2 2 ji ji ji..le matrici S ed E si dicoo rispettivamete parte simmetrica di e parte emisimmetrica di.2.7 Prodotto di matrici Date ua matrici di dimesioe ( mx ) ed ua matrice B di dimesioe ( mb x B), si defiisce prodotto delle due matrici, la matrice C B i cui elemeti soo dati dalla somma dei prodotti degli elemeti della i-esima riga per i corrispodeti elemeti delle j-esima coloa c a b ih hj h State la defiizioe stessa, il prodotto di due matrici è defiito se e solo se il umero di coloe della prima matrice eguaglia il umero di righe della secoda, ovvero mb. La matrice prodotto sarà di dimesioi ( m x ) Si osservi pertato che le dimesioi della matrice prodotto si possoo idividuare dalle dimesioi estere, avedo scritto B Esempio: B C ( mx ) ( mb x B) dove mb Sviluppado ciascu prodotto: B 2 2 (3x 2) (2 x 4) B C (3x 2) (2 x 4) (3x 4) c a b + a2 b ( ) 2 c2 a b2 + a2 b c3 a b3 + a2 b c4 a b4 + a2 b ( 2) 5 appedix_a 6

7 c2 a2 b + a22 b ( ) 2 c22 a2 b2 + a22 b c23 a2 b3 + a22 b c24 a2 b4 + a22 b ( 2) 4 c3 a3 b + a32 b2 3 + ( ) 4 c32 a3 b2 + a32 b c33 a3 b3 + a32 b c44 a4 b4 + a42 b ( 2) 7 si ottiee: C Date due matrici qualsiasi, il prodotto tra matrici o è i geere defiito, a meo che o risulti mb. Il prodotto tra matrici o gode della proprietà commutativa, azi, i geere, dato il prodotto B, B o risulta emmeo defiito, i quato, metre l esisteza del prodotto B implica la relazioe m B, ulla è detto di u evetuale legame tra B e m, ed i geere risulta m B Ifatti metre B implica ( m x ) ( m x ) B B B implica ( m x ) ( m x ) B B che qualora risultasse B me pertato esistesse B, i geerale sarà B B, addirittura i dimesioi. Esempio: B (2x3) (3x 2) Esempio: B 7 5 B (2 x 2) (3x 3) B 2 (2 x 2) (2 x 2) appedix_a 7

8 2 2 B B 0 5 (2 x 2) (2 x 2) B B Risulta pertato rilevate l ordie i cui viee operato il prodotto e pertato si parla di premoltiplicare o post-moltiplicare per idividuare la posizioe della matrice per la quale si vuole moltiplicare ua matrice data. Se risulta B B le matrici si dicoo permutabili. Questo accade solo se le matrici soo quadrate e per casi particolari, quale il caso di matrici etrambi diagoali (il cui prodotto è acora ua matrice diagoale i cui elemeti soo i particolare i prodotti degli elemeti lugo le corrispodeti diagoali pricipali, c ii a ii b ii e c 0 i j), la moltiplicazioe di ua geerica matrice quadrata ( x ) per ua matrice idetità (ovviamete di ordie, altrimeti il prodotto o sarebbe defiito) e per ua matrice ulla, ach essa di ordie ( x ). La matrice idetità I XX e la matrice ulla l operazioe di moltiplicazioe. Il prodotto tra matrici gode delle segueti proprietà: proprietà distributiva rispetto alla somma proprietà associativa rispetto alla somma O costituiscoo l elemeto eutro e lo zero per ( + B) C C + BC ( B+ C) B + C C + BC ( + B) C B + C ( B+ C ) proprietà distributiva proprietà associativa ( B ) C BC BC ( B ) C - rasposta di prodotto L operazioe di trasposta di u prodotto di matrice forisce ( ) B B - Prodotto di ua matrice per la sua trasposta Data ua matrice di dimesioi (m x ), il prodotto simmetrica. Ifatti risulta è ua matrice quadrata appedix_a 8

9 - Prodotto di vettori ( ) ( ) U caso iteressate è il prodotto tra 2 vettori che si defiisce come prodotto del trasposto del primo per il secodo c a b a b Si osservi che il risultato è uo scalare e la precedete espressioe corrispode alla scrittura i termii matriciali del prodotto scalare di due vettori. Se si idica co r il vettore coteete le compoeti del versore e r della retta r, si può scrivere la compoete v r di v secodo r come avedo i precedeza scritto v v v r r r v v e e v r r r - Prodotto di ua matrice per u vettore Forma quadratica Data ua matrice (m x ) ed u vettore x ( x ), il prodotto x è u vettore y di ordie m, i cui elemeti si esprimoo come: y a x i,, m i j j Se è ua matrice quadrata ( x ), e c u secodo vettore, ach esso di ordie il prodotto c x forisce uo scalare c x i j ca x i j I geerale, c x x c, i quato e pertato c x x c, se e solo se ( ) ( ) x c x c c x c x I particolare si defiisce forma quadratica il prodotto ovvero, il polimoio omogeeo, ovvero se la matrice è simmetrica. F (,, ) x x F x x a xx i j i j La matrice viee detta matrice della forma quadratica. appedix_a 9

10 .2.8 Determiate di ua matrice quadrata d ogi matrice quadrata è possibile associare ua quatità scalare (u umero), che viee idicato co det oppure co, determiata come det a j (dove i idica aver scelto la i esima riga per lo sviluppo del determiate), somma dei prodotti degli elemeti della i esima riga a (o j-esima coloa) per i corrispodeti completameti algebrici. Il complemeto algebrico dell elemeto matrice, che chiameremo a è dato dal determiate di ordie - della, otteuta elimiado la riga i-esima e la coloa j-esima idividuate dall elemeto a, moltiplicato per ( ) i+ j, ovvero per + se la somma degli idici è pari e per (-) se la somma degli idici è dispari: - Matrice di dimesioe 2 ( ) i+j - det U caso particolare di calcolo di determiate si ha per 2. I tal caso, il determiate si calcola sommado il prodotto degli elemeti posti sulla diagoale pricipale meo il prodotto dei due rimaeti elemeti: - Matrice di dimesioe 3 a Nel caso di matrice di dimesioe 3, a 2 a2 a det aa22 a2 a2 22 a a a 2 3 a2 a22 a 23 a a a il determiate può essere calcolato sommado i prodotti delle diagoali a 3 elemeti che si ottegoo da siistra a destra, immagiado di affiacare alla matrice, le prime due coloe della matrice stessa e sottraedo i prodotti che si ottegoo cosiderado le diagoali da destra a siistra (regola di Sarrus) a a a a a a a a a a a a a a a det a a a + a a a + a a a a a a a a a a a a appedix_a 0

11 - Matrici diagoali e triagolari Il determiate di ua matrice diagoale o di ua matrice triagolare (alta o bassa) è dato dal prodotto degli elemeti apparteeti alla diagoale pricipale. - Proprietà Il determiate gode delle segueti proprietà: Se ha due righe (o coloe) uguali, oppure ua riga (o coloa) di zero, allora det 0. Se ' è la matrice otteuta da scambiado di posto due coloe o due righe, allora det ' det Il determiate di ua matrice trasposta è uguale al determiate della matrice di parteza det det Il determiate o cambia se i sommiamo ad ua riga (o ad ua coloa) ua combiazioe lieari delle altre righe (o coloe) Il determiate del prodotto di due matrici è uguale al prodotto dei determiati: det ( B ) det ( ) det ( B ) Il determiate del prodotto di ua matrice i cui ua riga è moltiplicata per uo scalare è uguale al prodotto dello scalare per il determiate della matrice a a a a det λai λa i λdet ai a i a a a a m m m m - Esempi Matrice di dimesioe 2 Matrice di dimesioe det ( ) Questo determiate può essere calcolato o attraverso la regola di Sarrus o attraverso la sua defiizioe det 2 0 ( 2) ( ) ( ) 2 45 appedix_a

12 det (0 4) 3 (2 20) + ( 0) I questo secodo caso, poteva risultare più coveiete scegliere di sviluppare secodo la 2 a riga ivece che secodo la a, evitado così il calcolo di u miore i quato moltiplicato per 0: det ( ) 0 4 ( 6 ) 4 (2 5) Matrice sigolare Ua matrice si dice sigolare se ha determiate ullo.2.0 Miori di ua matrice- det 0 Si defiiscoo miori di ordie p di ua matrice di geeriche dimesioi (m x ) i determiati delle matrici di ordie p mi( m, ) che è possibile estrarre dalla matrice. U miore si dice pricipale se è estratto sulla diagoale pricipale. Si defiisce rago di ua matrice l ordie più elevato i corrispodeza del quale la matrice possiede almeo u miore o ullo. Ua matrice o sigolare di ordie si dice avere rago massimo pari ad. Ua matrice quadrata si dice defiita positiva se det > 0 e risultao maggiori di zero tutti i miori pricipali..2. Matrice iversa Si defiisce iversa di ua matrice quadrata, e si idica co moltiplicata per la matrice di parteza forisce la matrice idetità. I quella matrice tale che Si osservi che ua matrice quadrata e la sua iversa soo permutabili. La matrice iversa è data pertato da co gli elemeti α della matrice iversa soo defiiti dalla seguete relazioe ji α det appedix_a 2

13 dove gli elemeti ( ) i+j - det soo i complemeti algebrici dell elemeto α. Si osservi che la matrice iversa è defiita se è solo se la matrice è quadrata e o sigolare. L iversa di ua matrice diagoale è acora ua matrice diagoale i cui elemeti soo gli iversi dei corrispodeti elemeti : ii α ii det L iversa di ua matrice triagolare alta (o bassa) è data da ua matrice triagolare alta (o bassa) è data da ua matrice triagolare bassa (o alta) i cui elemeti soo gli iversi degli elemeti della diagoale pricipale della matrice data. Risulta ioltre L iversa di ua matrice iversa forisce la matrice di parteza ( ) La iversa di u prodotto di due matrici è pari al prodotto delle matrici iverse scambiate di posto ( ) B B La iversa di ua trasposta è pari alla trasposta dell iversa - - ( ) ( ) - Ua matrice tale che la trasposta sia uguale all iversa si dice ortogoale - Esempio Calcolare la matrice iversa di Si calcoli il determiate di : I 2 3 det ( ) 2 ( 3) 5 Poiché tale determiate risulta diverso da zero è possibile calcolare la matrice iversa. Determiiamo i complemeti algebrici: ( ) ( + ) ( ) ( + ) det a 22 ( ) ( + 2) ( ) ( + 2) det a ( ) ( 2 + ) ( ) ( 2 + ) det a appedix_a 3

14 ( ) ( 2 + 2) ( ) ( 2 + 2) det a Coseguetemete gli elemeti della matrice iversa risultao La matrice iversa risulta pertato Per verifica sviluppiamo il prodotto det 5 α 2 det 5 2 α 2 3 det 5 2 α 2 det 5 22 α appedix_a 4

15 .3 Sottomatrici Data ua matrice di dimesioi (m x ), si dice sottomatrice di dimesioi (r x s), ua matrice otteuta da quella di parteza estraedo gli elemeti apparteeti cotemporaeamete alle r righe ed s coloe di. d esempio, se dalla matrice estraiamo gli elemeti apparteeti cotemporaeamete alla a e 3 a riga ed alla 2 a e 4 a coloa otteiamo la matrice B a a2 a3 a4 a a a a a3 a32 a33 a 34 a4 a42 a43 a44 a a a a B a a 2 4 a32 a Partizioe di matrice Data ua matrice di dimesioi (m x ), si defiisce partizioe la suddivisioe della matrice data i sottomatrici, o come si usa dire a blocchi. Le sottomatrici vegoo idicate co la medesima simbologia delle matrici, cui vegoo apposti idici di riga e coloa ad idicare la posizioe della sottomatrice all itero della matrice di parteza. a a a a a2 a2s a a a a a a a a a a a a s, s+ r rs r, s+ r, r+. r+, s r+, s+ r+, m ms m, s+ m,.3.2 Operazioi su matrici partizioate s coloe s coloe } } r righe m r righe - Somma Sia data la somma di due matrici C + B. Data partizioata secodo r righe ed s coloe, la somma delle due matrici, per defiizioe di somma, delle medesime dimesioi può essere scritta come + B 2 + B2 + B 2 + B B22 dove B è stata partizioata i sottomatrici delle medesime dimesioi delle sottomatrici di. La somma è pertato defiita cosiderado le sigole sottomatrici alla stregua di elemeti. appedix_a 5

16 - Prodotto alogamete può essere scritto il prodotto di due matrici e B di dimesioi opportue, (m x ) ed (m B x B ) co m B, ove, ua volta defiita la partizioe su, la matrice B vega partizioata opportuamete B ( m x ) ( m x ) 2 B B2 ( r x s) ( r x ( s )) ( s x q) ( s x ( B q )) B B m r x s m r x s s x q s x q B B ( ) (( ) ) ( ) ( ) ( ) (( ) ) ( ) ( ) B B + 2B2 B2 + 2B22 ( r x q) ( r x ( B q )) 2B + 22B2 2B2 + 22B 22 (( m r) x q) (( m r) x ( B q) ) ( m x ) Il prodotto i termii di sottomatrici si scrive formalmete cosiderado le sigole sottomatrici quali elemeti della matrice stessa. C B appedix_a 6

Algebra delle matrici

Algebra delle matrici Algebra delle matrici Prodotto di ua matrice per uo scalare Data ua matrice A di tipo m, e dato uo scalare r R, moltiplicado r per ciascu elemeto di A si ottiee ua uova matrice di tipo m, detta matrice

Dettagli

Preparazione al corso di statistica Prof.ssa Cerbara

Preparazione al corso di statistica Prof.ssa Cerbara Preparazioe al corso di statistica Prof.ssa Cerbara Esistoo molti isiemi umerici, ciascuo co caratteristiche be precise. Alcui importatissimi isiemi umerici soo: N: isieme dei umeri aturali, cioè tutti

Dettagli

Insiemi numerici. Sono noti l insieme dei numeri naturali: N = {1, 2, 3, }, l insieme dei numeri interi relativi:

Insiemi numerici. Sono noti l insieme dei numeri naturali: N = {1, 2, 3, }, l insieme dei numeri interi relativi: Isiemi umerici Soo oti l isieme dei umeri aturali: N {1,, 3,, l isieme dei umeri iteri relativi: Z {0, ±1, ±, ±3, N {0 ( N e, l isieme dei umeri razioali: Q {p/q : p Z, q N. Si ottiee questo ultimo isieme,

Dettagli

DETERMINANTI (SECONDA PARTE). NOTE DI ALGEBRA LINEARE

DETERMINANTI (SECONDA PARTE). NOTE DI ALGEBRA LINEARE DETERMINANTI (SECONDA PARTE). NOTE DI ALGEBRA LINEARE 2010-11 MARCO MANETTI: 21 DICEMBRE 2010 1. Sviluppi di Laplace Proposizioe 1.1. Sia A M, (K), allora per ogi idice i = 1,..., fissato vale lo sviluppo

Dettagli

Sottospazi associati a matrici e forma implicita. Sottospazi associati a una matrice Dimensione e basi con riduzione Sottospazi e sistemi. Pag.

Sottospazi associati a matrici e forma implicita. Sottospazi associati a una matrice Dimensione e basi con riduzione Sottospazi e sistemi. Pag. Spazi vettoriali Sottospazi associati a ua matrice Dimesioe e basi co riduzioe Sottospazi e sistemi 2 Pag. 1 2006 Politecico di Torio 1 Spazi delle righe e delle coloe Sia A M m, ua matrice m x. Allora

Dettagli

PROPRIETÀ DELLE POTENZE IN BASE 10

PROPRIETÀ DELLE POTENZE IN BASE 10 PROPRIETÀ DELLE POTENZE IN BASE Poteze i base co espoete itero positivo Prediamo u umero qualsiasi che deotiamo co la lettera a e u umero itero positivo che deotiamo co la lettera Per defiizioe (cioè per

Dettagli

0 a 22 a 2n A n n = 0 0 a nn Se una matrice quadrata è triangolare superiore, la sua trasposta è triangolare inferiore e viceversa a

0 a 22 a 2n A n n = 0 0 a nn Se una matrice quadrata è triangolare superiore, la sua trasposta è triangolare inferiore e viceversa a Defiizioe Defiizioe La matrice è u isieme di N umeri reali o complessi orgaizzata i m righe e coloe, co m = N a 11 a 12 a 1 A = a 21 a 22 a 2 [ ] a i j i = 1,,m j = 1,, a m1 a m2 a m Ua matrice viee sempre

Dettagli

Appendice 2. Norme di vettori e matrici

Appendice 2. Norme di vettori e matrici Appedice 2. Norme di vettori e matrici La ozioe esseziale per poter defiire il cocetto di distaza e lughezza i uo spazio vettoriale lieare è quello di orma. Il cocetto di orma è ua geeralizzazioe del cocetto

Dettagli

Unità Didattica N 32 Grandezze geometriche omogenee e loro misura

Unità Didattica N 32 Grandezze geometriche omogenee e loro misura Uità Didattica N 3 Uità Didattica N 3 01) Classi di gradezze omogeee 0) Multipli e sottomultipli di ua gradezza geometrica 03) Gradezze commesurabili ed icommesurabili 04) Rapporto di due gradezze 05)

Dettagli

Lezione 4. Gruppi di permutazioni

Lezione 4. Gruppi di permutazioni Lezioe 4 Prerequisiti: Applicazioi tra isiemi Lezioi e Gruppi di permutazioi I questa lezioe itroduciamo ua classe ifiita di gruppi o abeliai Defiizioe 41 ia X u isieme o vuoto i dice permutazioe su X

Dettagli

,5 882,5 894,5 906,5 918,5 930,5 942,5 954,5

,5 882,5 894,5 906,5 918,5 930,5 942,5 954,5 Il 16 dicembre 015 ero a Napoli. Ad u agolo di Piazza Date mi soo imbattuto el "matematico di strada", come egli si defiisce, Giuseppe Poloe immerso el suo armametario di tabelle di umeri. Il geiale persoaggio

Dettagli

2,3, (allineamenti decimali con segno, quindi chiaramente numeri reali); 4 ( = 1,33)

2,3, (allineamenti decimali con segno, quindi chiaramente numeri reali); 4 ( = 1,33) Defiizioe di umero reale come allieameto decimale co sego. Numeri reali positivi. Numeri razioali: defiizioe e proprietà di desità Numeri reali Defiizioe: U umero reale è u allieameto decimale co sego,

Dettagli

ALGEBRA I MODULO PROF. VERARDI - ESERCIZI. Sezione 1 NUMERI NATURALI E INTERI

ALGEBRA I MODULO PROF. VERARDI - ESERCIZI. Sezione 1 NUMERI NATURALI E INTERI ALGEBRA I MODULO PROF. VERARDI - ESERCIZI Sezioe 1 NUMERI NATURALI E INTERI 2 1.1. Si dimostri per iduzioe la formula: N, k 2 "1( * " 3 ) " 3k +1(. 3 1.2. A) Si dimostri che per ogi a,b N +, N +, se a

Dettagli

Precorso di Matematica, aa , (IV)

Precorso di Matematica, aa , (IV) Precorso di Matematica, aa 01-01, (IV) Poteze, Espoeziali e Logaritmi 1. Nel campo R dei umeri reali, il umero 1 e caratterizzato dalla proprieta che 1a = a, per ogi a R; per ogi umero a 0, l equazioe

Dettagli

SUCCESSIONI DI FUNZIONI

SUCCESSIONI DI FUNZIONI SUCCESSIONI DI FUNZIONI LUCIA GASTALDI 1. Defiizioi ed esempi Sia I u itervallo coteuto i R, per ogi N si cosideri ua fuzioe f : I R. Il simbolo f } =1 idica ua successioe di fuzioi, cioè l applicazioe

Dettagli

Campionamento casuale da popolazione finita (caso senza reinserimento )

Campionamento casuale da popolazione finita (caso senza reinserimento ) Campioameto casuale da popolazioe fiita (caso seza reiserimeto ) Suppoiamo di avere ua popolazioe di idividui e di estrarre u campioe di uità (co < ) Suppoiamo di studiare il carattere X che assume i valori

Dettagli

Il Teorema di Markov. 1.1 Analisi spettrale della matrice di transizione. Il teorema di Markov afferma che

Il Teorema di Markov. 1.1 Analisi spettrale della matrice di transizione. Il teorema di Markov afferma che 1 Il Teorema di Marov 1.1 Aalisi spettrale della matrice di trasizioe Il teorema di Marov afferma che Teorema 1.1 Ua matrice di trasizioe regolare P su u isieme di stati fiito E ha ua uica distribuzioe

Dettagli

Geometria analitica: rette e piani

Geometria analitica: rette e piani Geometria aalitica: rette e piai Coordiate polari Cambiameti di riferimeto el piao Cambiameti di riferimeto i geerale Isometrie Simmetrie Isometrie el piao Isometrie ello spazio 2 2006 Politecico di Torio

Dettagli

Elementi di calcolo combinatorio

Elementi di calcolo combinatorio Appedice A Elemeti di calcolo combiatorio A.1 Disposizioi, combiazioi, permutazioi Il calcolo combiatorio si occupa di alcue questioi iereti allo studio delle modalità secodo cui si possoo raggruppare

Dettagli

a'. a' e b n y se e solo se x, y, divisi per n danno lo stesso resto.

a'. a' e b n y se e solo se x, y, divisi per n danno lo stesso resto. E.5. Cogrueze Nella sezioe D. (esempio (d)) abbiamo itrodotto la relazioe di cogrueza modulo : dati due umeri iteri x, y e u umero itero positivo diciamo che x è cogruo a y modulo (i formula x y se è u

Dettagli

1. a n = n 1 a 1 = 0, a 2 = 1, a 3 = 2, a 4 = 3,... Questa successione cresce sempre piú al crescere di n e vedremo che {a n } diverge.

1. a n = n 1 a 1 = 0, a 2 = 1, a 3 = 2, a 4 = 3,... Questa successione cresce sempre piú al crescere di n e vedremo che {a n } diverge. Le successioi A parole ua successioe é u isieme ifiito di umeri disposti i u particolare ordie. Piú rigorosamete, ua successioe é ua legge che associa ad ogi umero aturale u altro umero (ache o aturale):

Dettagli

Lezione 10 - Tensioni principali e direzioni principali

Lezione 10 - Tensioni principali e direzioni principali Lezioe 10 - Tesioi pricipali e direzioi pricipali ü [A.a. 2011-2012 : ultima revisioe 23 agosto 2011] I questa lezioe si studiera' cio' che avviee alla compoete ormale di tesioe s, al variare del piao

Dettagli

Cenni di topologia di R

Cenni di topologia di R Cei di topologia di R. Sottoisiemi dei umeri reali Studieremo le proprietà dei sottoisiemi dei umeri reali, R, che hao ad esempio la forma: = (, ) (,) 6 8 = [,] { ;6;8} { } = (, ) (,) [, + ) Defiizioe:

Dettagli

Appunti complementari per il Corso di Statistica

Appunti complementari per il Corso di Statistica Apputi complemetari per il Corso di Statistica Corsi di Laurea i Igegeria Edile e Tessile Ilia Negri 24 settembre 2002 1 Schemi di campioameto Co il termie campioameto si itede l operazioe di estrazioe

Dettagli

CALCOLO COMBINATORIO

CALCOLO COMBINATORIO CALCOLO COMBINATORIO Che cosa sigifica cotare Tutti coosciamo la successioe dei umeri iteri Naturali N = {0, 1,,, } si tratta di ua struttura metale fodametale, chiaramete presete alla ostra ituizioe che

Dettagli

3.1 Rappresentazione dello stato tensionale nel piano di Mohr: circoli di Mohr.

3.1 Rappresentazione dello stato tensionale nel piano di Mohr: circoli di Mohr. DIDATTICA DI PROGETTAZIONE DELLE COSTRUZIONI PROF. CARMELO MAJORANA MODULO TRE I CONCETTI FONDAMENTALI NELL ANALISI DELLA TENSIONE PARTE B) MODULO PER LO SPECIALIZZANDO Modulo. Rappresetazioe dello stato

Dettagli

Progetto Matematica in Rete - Numeri naturali - I numeri naturali

Progetto Matematica in Rete - Numeri naturali - I numeri naturali I umeri aturali Quali soo i umeri aturali? I umeri aturali soo : 0,1,,3,4,5,6,7,8,9,,11 I umeri aturali hao u ordie cioè dati due umeri aturali distiti a e b si può sempre stabilire qual è il loro ordie

Dettagli

LICEO delle SCIENZE UMANE B. PASCAL

LICEO delle SCIENZE UMANE B. PASCAL LICEO delle SCIENZE UMANE B. PASCAL Prof. Loredaa Maario INDICE 1. Scomposizioe di poliomi 1.1 Raccoglimeto totale a fattor comue..3 1. Raccoglimeto parziale a fattor comue 3 1.3 Triomio scompoibile el

Dettagli

Consideriamo un insieme di n oggetti di natura qualsiasi. Indicheremo questi oggetti con

Consideriamo un insieme di n oggetti di natura qualsiasi. Indicheremo questi oggetti con Calcolo Combiatorio Adolfo Scimoe pag 1 Calcolo combiatorio Cosideriamo u isieme di oggetti di atura qualsiasi. Idicheremo questi oggetti co a1 a2... a. Co questi oggetti si voglioo formare dei gruppi

Dettagli

TEOREMA DELLA PROIEZIONE, DISUGUAGLIANZA DI BESSEL E COMPLEMENTI SULLE SERIE DI FOURIER

TEOREMA DELLA PROIEZIONE, DISUGUAGLIANZA DI BESSEL E COMPLEMENTI SULLE SERIE DI FOURIER TEOREMA DELLA PROIEZIONE, DISUGUAGLIANZA DI BESSEL E COMPLEMENTI SULLE SERIE DI FOURIER I uo spazio euclideo di dimesioe fiita, ad esempio R 3, cosideriamo u sottospazio, ad esempio u piao passate per

Dettagli

Radici, potenze, logaritmi in campo complesso.

Radici, potenze, logaritmi in campo complesso. SOMMARIO NUMERI COMPLESSI... Formula di Eulero... Coiugato di u umero complesso... 3 Poteza -esima di u umero complesso z (formula di De Moivre... 3 Radice -esima di z... 3 Osservazioi... Logaritmo di

Dettagli

Spazio vettoriale Euclideo

Spazio vettoriale Euclideo Spazio vettoriale Eclideo Nell isieme R delle ple ordiate, o vettori ad compoeti, di meri reali abbiamo defiito la somma + v di de vettori e il prodotto αv di o scalare per vettore; la strttra cosi otteta

Dettagli

La dinamica dei sistemi - intro

La dinamica dei sistemi - intro La diamica dei sistemi - itro Il puto materiale rappreseta ua schematizzazioe utile o solo per descrivere situazioi di iteresse diretto ma è ache il ecessario presupposto alla meccaica dei sistemi materiali

Dettagli

Cerchi di Mohr - approfondimenti

Cerchi di Mohr - approfondimenti Comportameto meccaico dei materiali Cerchi di Mohr - approfodimeti Stato di tesioe e di deformazioe Cerchi di Mohr - approfodimeti L algebra dei cerchi di Mohr Proprietà di estremo dei cerchi di Mohr Costruzioe

Dettagli

Tutorato di Probabilità 1, foglio I a.a. 2007/2008

Tutorato di Probabilità 1, foglio I a.a. 2007/2008 Tutorato di Probabilità, foglio I a.a. 2007/2008 Esercizio. Siao A, B, C, D eveti.. Dimostrare che P(A B c ) = P(A) P(A B). 2. Calcolare P ( A (B c C) ), sapedo che P(A) = /2, P(A B) = /4 e P(A B C) =

Dettagli

Qual è il numero delle bandiere tricolori a righe verticali che si possono formare con i 7 colori dell iride?

Qual è il numero delle bandiere tricolori a righe verticali che si possono formare con i 7 colori dell iride? Calcolo combiatorio sempi Qual è il umero delle badiere tricolori a righe verticali che si possoo formare co i 7 colori dell iride? Dobbiamo calcolare il umero delle disposizioi semplici di 7 oggetti di

Dettagli

Statistica 1 A.A. 2015/2016

Statistica 1 A.A. 2015/2016 Corso di Laurea i Ecoomia e Fiaza Statistica 1 A.A. 2015/2016 (8 CFU, corrispodeti a 48 ore di lezioe frotale e 24 ore di esercitazioe) Prof. Luigi Augugliaro 1 / 21 Misura della dipedeza di u carattere

Dettagli

Aritmetica 2016/2017 Esercizi svolti in classe Seconda lezione

Aritmetica 2016/2017 Esercizi svolti in classe Seconda lezione Aritmetica 06/07 Esercizi svolti i classe Secoda lezioe Dare ua formula per 3 che o coivolga sommatorie Dato che sappiamo che ( + e ( + ( + 6 vogliamo esprimere 3 mediate, e poliomi i U idea possibile

Dettagli

SULLE PARTIZIONI DI UN INSIEME

SULLE PARTIZIONI DI UN INSIEME Claudia Motemurro Ricordiamo la SULLE PRTIZIONI DI UN INSIEME Defiizioe: Ua partizioe di u isieme è ua famiglia { sottoisiemi o vuoti di X tali che: - X è l uioe degli isiemi X i (i I ), cioè X = U i X

Dettagli

x n (1.1) n=0 1 x La serie geometrica è un esempio di serie di potenze. Definizione 1 Chiamiamo serie di potenze ogni serie della forma

x n (1.1) n=0 1 x La serie geometrica è un esempio di serie di potenze. Definizione 1 Chiamiamo serie di potenze ogni serie della forma 1 Serie di poteze È stato dimostrato che la serie geometrica x (1.1) coverge se e solo se la ragioe x soddisfa la disuguagliaza 1 < x < 1. I realtà c è covergeza assoluta i ] 1, 1[. Per x 1 la serie diverge

Dettagli

GLI INSIEMI NUMERICI

GLI INSIEMI NUMERICI GLI INSIEMI NUMERICI R 2 π 2, _ -,8 2,89 Q Z N -2 2 28-87 -87 _, 7,76267 7 - e 2,7-7 -,6 _ -,627 7 6 R Numeri Reali Q Numeri Razioali Z Numeri Iteri Relativi N Numeri Naturali Dal diagramma di Eulero-Ve

Dettagli

Le successioni: intro

Le successioni: intro Le successioi: itro Si cosideri la seguete sequeza di umeri:,, 2, 3, 5, 8, 3, 2, 34, 55, 89, 44, 233, detti di Fiboacci. Essa rappreseta il umero di coppie di coigli preseti ei primi 2 mesi i u allevameto!

Dettagli

3. Calcolo letterale

3. Calcolo letterale Parte Prima. Algera 1) Moomi Espressioe algerica letterale 42 Isieme di umeri relativi, talui rappresetati da lettere, legati fra loro da segi di operazioi. Moomio Espressioe algerica che o cotiee le operazioi

Dettagli

LE MISURE DI TENDENZA CENTRALE

LE MISURE DI TENDENZA CENTRALE STATISTICA DESCRITTIVA LE MISURE DI TENDENZA CENTRALE http://www.biostatistica.uich.itit OBIETTIVO Esempio: Nella tabella seguete soo riportati i valori del tasso glicemico rilevati su 0 pazieti: Idividuare

Dettagli

Caso studio 9. Distribuzioni doppie. Esempi

Caso studio 9. Distribuzioni doppie. Esempi 7/3/16 Caso studio 9 Si cosideri la seguete tabella che riporta i dati dei Laureati el 4 dei tre pricipali gruppi di corsi di laurea, per codizioe occupazioale a tre ai dalla laurea (Fote: ISTAT, Idagie

Dettagli

Radicali. Esistenza delle radici n-esime: Se n è pari: ogni numero reale non negativo (cioè positivo o nullo) ha esattamente una radice n-esima in R.

Radicali. Esistenza delle radici n-esime: Se n è pari: ogni numero reale non negativo (cioè positivo o nullo) ha esattamente una radice n-esima in R. Radicali Radici quadrate Si dice radice quadrata di u umero reale a, e si idica co a, il umero reale positivo o ullo (se esiste) che, elevato al quadrato, dà come risultato a. Esisteza delle radici quadrate:

Dettagli

Ricerca di un elemento in una matrice

Ricerca di un elemento in una matrice Ricerca di u elemeto i ua matrice Sia data ua matrice xm, i cui gli elemeti di ogi riga e di ogi coloa soo ordiati i ordie crescete. Si vuole u algoritmo che determii se u elemeto x è presete ella matrice

Dettagli

( 4) ( ) ( ) ( ) ( ) LE DERIVATE ( ) ( ) (3) D ( x ) = 1 derivata di un monomio con a 0 1. GENERALITÀ

( 4) ( ) ( ) ( ) ( ) LE DERIVATE ( ) ( ) (3) D ( x ) = 1 derivata di un monomio con a 0 1. GENERALITÀ LE DERIVATE. GENERALITÀ Defiizioe A) Ituitiva. La derivata, a livello ituitivo, è u operatore tale che: a) ad ua fuzioe f associa u altra fuzioe; b) obbedisce alle segueti regole di derivazioe: () D a

Dettagli

Esercizi di Analisi II

Esercizi di Analisi II Esercizi di Aalisi II Ao Accademico 008-009 Successioi e serie di fuzioi. Serie di poteze. Studiare la covergeza della successioe di fuzioi (f ) N, dove f : [, ] R è defiita poedo f (x) := x +.. Studiare

Dettagli

Corso di Laurea Triennale in Matematica Calcolo delle Probabilità I (docenti G. Nappo, F. Spizzichino)

Corso di Laurea Triennale in Matematica Calcolo delle Probabilità I (docenti G. Nappo, F. Spizzichino) Corso di Laurea Trieale i Matematica Calcolo delle Probabilità I doceti G. Nappo, F. Spizzichio Prova di martedì luglio tempo a disposizioe: 3 ore. Scrivere su ogi foglio NOME e COGNOME. Le risposte devoo

Dettagli

(1 2 3) (1 2) Lezione 10. I gruppi diedrali.

(1 2 3) (1 2) Lezione 10. I gruppi diedrali. Lezioe 0 Prerequisiti: Simmetrie di poligoi regolari. Gruppi di permutazioi. Cetro di u gruppo. Cetralizzate di u elemeto di u gruppo. Riferimeto al testo: [PC] Sezioe 5.4 I gruppi diedrali. Ogi simmetria

Dettagli

Precorso di Matematica. Parte IV : Funzioni e luoghi geometrici

Precorso di Matematica. Parte IV : Funzioni e luoghi geometrici Facoltà di Igegeria Precorso di Matematica 1. Equazioi e disequazioi Parte IV : Fuzioi e luoghi geometrici Richiamiamo brevemete la ozioe di fuzioe, che sarà utilizzato i quest ultima parte del precorso.

Dettagli

1 Congruenze. Definizione 1.1. Siano a, b, n Z con n 2, definiamo a b (mod n) se n a b.

1 Congruenze. Definizione 1.1. Siano a, b, n Z con n 2, definiamo a b (mod n) se n a b. 1 Cogrueze Defiizioe 1.1. Siao a, b, Z co 2, defiiamo a b (mod ) se a b. Proposizioe 1.2. 2 la cogrueza mod è ua relazioe di equivaleza su Z. a a () perché a a a b () b a () a b () b c () a b b c a c =

Dettagli

Definizione 1. Data una successione (a n ) alla scrittura formale. 1) a 1 + a a n +, si dà il nome di serie.

Definizione 1. Data una successione (a n ) alla scrittura formale. 1) a 1 + a a n +, si dà il nome di serie. SERIE NUMERICHE Defiizioe. Data ua successioe (a ) alla scrittura formale ) a + a 2 + + a +, si dà il ome di serie. I umeri a, a 2,, a, rappresetao i termii della serie, i particolare a è il termie geerale

Dettagli

Materiale didattico relativo al corso di Matematica generale Prof. G. Rotundo a.a.2009/10

Materiale didattico relativo al corso di Matematica generale Prof. G. Rotundo a.a.2009/10 Materiale didattico relativo al corso di Matematica geerale Prof. G. Rotudo a.a.2009/10 ATTENZIONE: questo materiale cotiee i lucidi utilizzati per le lezioi. NON sostituisce il libro, che deve essere

Dettagli

Sperimentazioni di Fisica I mod. A Lezione 2

Sperimentazioni di Fisica I mod. A Lezione 2 La Rappresetazioe dei Numeri Sperimetazioi di Fisica I mod. A Lezioe 2 Alberto Garfagii Marco Mazzocco Cizia Sada Dipartimeto di Fisica e Astroomia G. Galilei, Uiversità degli Studi di Padova Lezioe II:

Dettagli

Lezioni di Matematica 1 - I modulo

Lezioni di Matematica 1 - I modulo Lezioi di Matematica 1 - I modulo Luciao Battaia 4 dicembre 2008 L. Battaia - http://www.batmath.it Mat. 1 - I mod. Lez. del 04/12/2008 1 / 28 -2 Sottosuccessioi Grafici Ricorreza Proprietà defiitive Limiti

Dettagli

T n = f n log n = log n. 1 ] 1 ] 1 = sono verificate le disuguaglianze c 1

T n = f n log n = log n. 1 ] 1 ] 1 = sono verificate le disuguaglianze c 1 A.A. 00 05 Esame di Algoritmi e strutture dati luglio 005 Esercizio (6 puti) Risolvere co almeo due metodi diversi la seguete relazioe di ricorreza T = T =T Master Theorem a= b= per cui log b a = log /

Dettagli

Serie di Fourier / Esercizi svolti

Serie di Fourier / Esercizi svolti Serie di Fourier / Esercizi svolti ESERCIZIO. da Si cosideri la fuzioe f : R R, periodica di periodo e data ell itervallo (, ] se

Dettagli

min z wz sub F(z) = y (3.1)

min z wz sub F(z) = y (3.1) 37 LA FUNZIONE DI COSTO 3.1 Miimizzazioe dei costi Riprediamo il problema della massimizzazioe dei profitti del capitolo precedete e suppoiamo ora che l'impresa coosca il livello di output che deve produrre;

Dettagli

STATISTICA 1 ESERCITAZIONE 4

STATISTICA 1 ESERCITAZIONE 4 STATISTICA 1 ESERCITAZIONE 4 Dott. Giuseppe Padolfo 21 Ottobre 2013 Percetili: i valori che dividoo la distribuzioe i ceto parti di uguale umerosità. Esercizio 1 La seguete tabella riporta la distribuzioe

Dettagli

1. I numeri naturali. 2. Confronto degli interi naturali. 3. Il sistema di numerazione decimale

1. I numeri naturali. 2. Confronto degli interi naturali. 3. Il sistema di numerazione decimale umeri aturali Scrivere il precedete e il successivo dei segueti umeri Milleciquecetoovatacique ottomilasettecetoottatuo Diecimilioisettecetoottatuomilaciquecetoveti Zero umiliardosettecetomilioiciquecetomila

Dettagli

SERIE DI POTENZE Esercizi risolti. Esercizio 1 Determinare il raggio di convergenza e l insieme di convergenza della serie di potenze. x n.

SERIE DI POTENZE Esercizi risolti. Esercizio 1 Determinare il raggio di convergenza e l insieme di convergenza della serie di potenze. x n. SERIE DI POTENZE Esercizi risolti Esercizio x 2 + 2)2. Esercizio 2 + x 3 + 2 3. Esercizio 3 dove a è u umero reale positivo. Esercizio 4 x a, 2x ) 3 +. Esercizio 5 x! = x + x 2 + x 6 + x 24 + x 20 +....

Dettagli

1 + 1 ) n ] n. < e nα 1 n

1 + 1 ) n ] n. < e nα 1 n Esercizi preparati e i parte svolti martedì 0.. Calcolare al variare di α > 0 Soluzioe: + ) α Per α il ite è e; se α osserviamo che da + /) < e segue che α + ) α [ + ) ] α < e α Per α > le successioi e

Dettagli

MATEMATICA DEL DISCRETO elementi di calcolo combinatorio. anno acc. 2009/2010

MATEMATICA DEL DISCRETO elementi di calcolo combinatorio. anno acc. 2009/2010 elemeti di calcolo combiatorio ao acc. 2009/2010 Cosideriamo u isieme fiito X. Chiamiamo permutazioe su X u applicazioe biuivoca di X i sè. Ad esempio, se X = {a, b, c}, le permutazioi distite soo 6 e

Dettagli

STUDIO DEL LANCIO DI 3 DADI

STUDIO DEL LANCIO DI 3 DADI Leoardo Latella STUDIO DEL LANCIO DI 3 DADI Il calcolo delle probabilità studia gli eveti casuali probabili, cioè quegli eveti che possoo o o possoo verificarsi e che dipedoo uicamete dal caso. Tale studio

Dettagli

MEDIE STATISTICHE. Media aritmetica, Media quadratica, Media Geometrica, Media Armonica

MEDIE STATISTICHE. Media aritmetica, Media quadratica, Media Geometrica, Media Armonica MEDIE STATISTICHE La raccolta dei dati e la successiva loro elaborazioe permettoo di trarre alcue coclusioi su u dato feomeo oggetto di studio. A questo fie si assume che u valore calcolato a partire dai

Dettagli

PROBLEMI DINAMICI. 6.1 Equazioni di equilibrio dinamico. L'equazione di equilibrio dinamico di un corpo discretizzato in n elementi finiti è:

PROBLEMI DINAMICI. 6.1 Equazioni di equilibrio dinamico. L'equazione di equilibrio dinamico di un corpo discretizzato in n elementi finiti è: Corso 202/203 Atoio Patao - Dipartimeto di Meccaica, iversità di Palermo 6. Equazioi di equilibrio diamico L'equazioe di equilibrio diamico di u corpo discretizzato i elemeti fiiti è: 6.)... M C K F dove:

Dettagli

ESERCIZI SULLE SERIE

ESERCIZI SULLE SERIE ESERCIZI SULLE SERIE. Dimostrare che la serie seguete è covergete: =0 + + A questa serie applichiamo il criterio del cofroto. Dovedo quidi dimostrare che la serie è covergete si tratterà di maggiorare

Dettagli

1 Congruenze. Definizione 1.1. a, b, n Z n 2, allora definiamo a b (mod n) se n a b.

1 Congruenze. Definizione 1.1. a, b, n Z n 2, allora definiamo a b (mod n) se n a b. 1 Cogrueze Defiizioe 1.1. a, b, Z 2, allora defiiamo a b (mod ) se a b. Proposizioe 1.2. 2 la cogrueza mod è ua relazioe di equivaleza su Z. a a () perché a a a b () b a () a b () b c () a b b c a c =

Dettagli

16 - Serie Numeriche

16 - Serie Numeriche Uiversità degli Studi di Palermo Facoltà di Ecoomia CdS Statistica per l Aalisi dei Dati Apputi del corso di Matematica 6 - Serie Numeriche Ao Accademico 03/04 M. Tummiello, V. Lacagia, A. Cosiglio, S.

Dettagli

Problem solving elementare su dati scalari. Esercizi risolti

Problem solving elementare su dati scalari. Esercizi risolti 1 Esercizio: Fattoriale Esercizi risolti Si realizzi u programma che, letto u umero, stampi il valore del fattoriale per tutti i umeri da 0 a. Si ricordi che 0!=1. void mai (void) it i,, fatt; pritf ("Valore

Dettagli

Tracce di soluzioni di alcuni esercizi di matematica 1 - gruppo 42-57

Tracce di soluzioni di alcuni esercizi di matematica 1 - gruppo 42-57 Tracce di soluzioi di alcui esercizi di matematica - gruppo 42-57 4. Limiti di successioi Soluzioe dell Esercizio 42.. Osserviamo che a = a +6 e duque la successioe prede valori i {a,..., a 6 } e ciascu

Dettagli

Stima della media di una variabile X definita su una popolazione finita

Stima della media di una variabile X definita su una popolazione finita Stima della media di ua variabile X defiita su ua popolazioe fiita otazioi: popolazioe, campioe e strati Popolazioe. umerosità popolazioe; Ω {ω,..., ω } popolazioe X variabile aleatoria defiita sulla popolazioe

Dettagli

Richiami sulle potenze

Richiami sulle potenze Richiami sulle poteze Dopo le rette, le fuzioi più semplici soo le poteze: Distiguiamo tra: - poteze co espoete itero - poteze co espoete frazioario (razioale) - poteze co espoete reale = Domiio delle

Dettagli

1.6 Serie di potenze - Esercizi risolti

1.6 Serie di potenze - Esercizi risolti 6 Serie di poteze - Esercizi risolti Esercizio 6 Determiare il raggio di covergeza e l isieme di covergeza della serie Soluzioe calcolado x ( + ) () Per la determiazioe del raggio di covergeza utilizziamo

Dettagli

Congruenze in ; l insieme quoziente / n

Congruenze in ; l insieme quoziente / n Cogrueze i ; l isieme quoziete / Per ogi, si cosideri i la relazioe, che per il mometo deoteremo co ( ), così defiita: a ( ) b divide a-b Esempio: 5 (7 ) 19, perché 7 5-19=-14, metre 4 o è ella relazioe

Dettagli

17. Funzioni implicite

17. Funzioni implicite 17. Fuzioi implicite 17.a Fuzioi defiite implicitamete Sia data l equazioe lieare implicita i R 2 ax + by = 0. Se b 0, si puo ricavare la variabile y i fuzioe della x come y = ( a/b)x. Equivaletemete possiamo

Dettagli

Le matrici. Sia K un campo con elemento neutro dell addizione 0 ed elemento neutro della moltiplicazione 1.

Le matrici. Sia K un campo con elemento neutro dell addizione 0 ed elemento neutro della moltiplicazione 1. Le matrici Sia K un campo con elemento neutro dell addizione 0 ed elemento neutro della moltiplicazione 1. Siano m, n N\{0}. Una matrice m n a coefficienti in K è una tabella di m n elementi di K disposti

Dettagli

1 Esponenziale e logaritmo.

1 Esponenziale e logaritmo. Espoeziale e logaritmo.. Risultati prelimiari. Lemma a b = a b Lemma Disuguagliaza di Beroulli per ogi α e per ogi ln a k b k. k=0 + α + α Teorema Disuguagliaza delle medie Per ogi ln, per ogi upla {a

Dettagli

Esercitazioni di Statistica Dott. Danilo Alunni Fegatelli

Esercitazioni di Statistica Dott. Danilo Alunni Fegatelli Esercitazioi di Statistica Dott. Dailo Alui Fegatelli dailo.aluifegatelli@uiroma.it Esercizio. Su 0 idividui soo stati rilevati la variabile X (geere) e (umero di auto possedute) X F F M F M F F M F M

Dettagli

1 Progressioni aritmetiche e geometriche

1 Progressioni aritmetiche e geometriche Corso di Combiatoria A Machì Dispesa I Progressioi aritmetiche e geometriche Sia u 0,u,u,,u k,u k+,,u, ( ua successioe di umeri Se la differeza u k+ u k tra due termii successivi è costate la ( prede il

Dettagli

Calcolo combinatorio

Calcolo combinatorio Calcolo combiatorio Il pricipio fodametale del calcolo combiatorio Il pricipio fodametale del calcolo combiatorio può essere euciato così: Se dobbiamo fare N scelte e la prima scelta può essere fatta i

Dettagli

In linguaggio analitico parlare di tre tagli equivale ad individuare le equazioni di tre rette che intersecano il triangolo in questione.

In linguaggio analitico parlare di tre tagli equivale ad individuare le equazioni di tre rette che intersecano il triangolo in questione. Tre tagli... sette parti Dividere u triagolo dato o tre tagli rettiliei i sette parti di ui quattro siao triagoli (e le rimaeti tre, petagoi). Ua delle parti triagolari è limitata dai tre tagli, iasua

Dettagli

IL CALCOLO COMBINATORIO

IL CALCOLO COMBINATORIO IL CALCOLO COMBINATORIO 0. Itroduzioe Oggetto del calcolo combiatorio è quello di determiare il umero dei modi mediate i quali possoo essere associati, secodo prefissate regole, gli elemeti di uo stesso

Dettagli

1. Tra angoli e rettangoli

1. Tra angoli e rettangoli . Tra agoli e rettagoli Attività : il foglio A4 e le piegature Predi u foglio di carta A4 e piegalo a metà. Cota di volta i volta quati rettagoli si ottegoo piegado a metà più volte il foglio. Immagia

Dettagli

Capitolo 4 - Parte I Sistemi regolari a dimensioni finite lineari tempo-continui

Capitolo 4 - Parte I Sistemi regolari a dimensioni finite lineari tempo-continui Apputi di Teoria dei sistemi apitolo 4 - Parte I Sistemi regolari a dimesioi fiite lieari tempo-cotiui Itroduzioe... Sistemi (diamici) a dimesioi fiite... Esempio: sistema idraulico... 3 Esempio: Ritardo

Dettagli

Matematica. Corso integrato di. per le scienze naturali ed applicate. Materiale integrativo. Paolo Baiti 1 Lorenzo Freddi 1

Matematica. Corso integrato di. per le scienze naturali ed applicate. Materiale integrativo. Paolo Baiti 1 Lorenzo Freddi 1 Corso itegrato di Matematica per le scieze aturali ed applicate Materiale itegrativo Paolo Baiti Lorezo Freddi Dipartimeto di Matematica e Iformatica, Uiversità di Udie, via delle Scieze 206, 3300 Udie,

Dettagli

Dimostrazione. σ σ. Quesito: esistono giaciture che hanno solo tensione normale?

Dimostrazione. σ σ. Quesito: esistono giaciture che hanno solo tensione normale? Caitolo5 DREZON E TENON PRNCPAL 5. DREZON E TENON PRNCPAL Nel uto P, su ua geerica giacitura di ormale agisce ua tesioe che, i geerale, ha ua comoete ormale e ua comoete tageiale. P Quesito: esistoo giaciture

Dettagli

NUMERICI QUESITI FISICA GENERALE

NUMERICI QUESITI FISICA GENERALE UMERICI (Aalisi Dimesioale). Utilizzado le iformazioi ricavabili dalla gradezza fisica che ci si aspetta come risultato e dai valori umerici foriti, idividuare, tra le espressioi riportate, quella/e dimesioalmete

Dettagli

Se l'ordine non è intero la soluzione generale della (E. I) può essere posta nella forma

Se l'ordine non è intero la soluzione generale della (E. I) può essere posta nella forma "" E Fuzioi di Bessel I questa appedice soo elecate alcue proprietà delle fuzioi di Bessel. Per u 'elecazioe molto più ampia si veda: Abramowitz-Stegu, Hadbook ofmathematical Fuctios, Dover PubI., N.Y.

Dettagli

Approfondimento 2.1 Scaling degli stimoli mediante il metodo del confronto a coppie

Approfondimento 2.1 Scaling degli stimoli mediante il metodo del confronto a coppie Approfodimeto 2.1 Scalig degli stimoli mediate il metodo del cofroto a coppie Il metodo del cofroto a coppie di Thurstoe (Thurstoe, 1927) si basa sull assuzioe che la valutazioe di u oggetto o di uo stimolo

Dettagli

Calcolo I - Corso di Laurea in Fisica - 31 Gennaio 2018 Soluzioni Scritto

Calcolo I - Corso di Laurea in Fisica - 31 Gennaio 2018 Soluzioni Scritto Calcolo I - Corso di Laurea i Fisica - Geaio 08 Soluzioi Scritto Data la fuzioe f = 8 + / a Calcolare il domiio, puti di o derivabilità ed asitoti; b Calcolare, se esistoo, estremi relativi ed assoluti.

Dettagli

Esercitazione n 3. 1 Successioni di funzioni. Esercizio 1: Studiare la convergenza in (0, 1) della successione {f n } dove f n (x) =

Esercitazione n 3. 1 Successioni di funzioni. Esercizio 1: Studiare la convergenza in (0, 1) della successione {f n } dove f n (x) = Esercitazioe 3 Successioi di fuzioi Esercizio : Studiare la covergeza i (0, ) della successioe {f } dove f (x) = metre Sol.: Si verifica facilmete che lim f (x) = 0 x (0, ) lim sup f (x) = lim = + (0,)

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica Corso di Iformatica Codifica dell Iformazioe Sistemi Numerici Per rappresetare ua certo quatità di oggetti è ecessaria ua covezioe o sistema umerico che faccia corrispodere ad ua sequeza di ua o più cifre,

Dettagli

Esercizi sulle successioni

Esercizi sulle successioni Esercizi sulle successioi 1 Verificare, attraverso la defiizioe, che la successioe coverge a 2 3. a := 2 + 3 3 7 2 Verificare, attraverso la defiizioe, che la successioe coverge a 0. a := 4 + 3 3 5 + 7

Dettagli

Esercitazione parte 1 Medie e medie per dati raggruppati. Esercitazione parte 2 - Medie per dati raggruppati

Esercitazione parte 1 Medie e medie per dati raggruppati. Esercitazione parte 2 - Medie per dati raggruppati Esercitazioe parte Medie e medie per dati raggruppati el file dati0.xls soo coteute alcue distribuzioi di dati. Calcolare di ogua. Media aritmetica o Mostrare, co u calcolo automatico, che la somma degli

Dettagli

Alcuni concetti di statistica: medie, varianze, covarianze e regressioni

Alcuni concetti di statistica: medie, varianze, covarianze e regressioni A Alcui cocetti di statistica: medie, variaze, covariaze e regressioi Esistoo svariati modi per presetare gradi quatità di dati. Ua possibilità è presetare la cosiddetta distribuzioe, raggruppare cioè

Dettagli

Soluzioni. 2 2n+1 3 2n. n=1. 3 2n 9. n=1. Il numero 2 può essere raccolto fuori dal segno di sommatoria: = 2. n=1 = = 8 5.

Soluzioni. 2 2n+1 3 2n. n=1. 3 2n 9. n=1. Il numero 2 può essere raccolto fuori dal segno di sommatoria: = 2. n=1 = = 8 5. 60 Roberto Tauraso - Aalisi Calcolare la somma della serie Soluzioi + 3 R La serie può essere riscritta el modo seguete: + 4 3 9 Il umero può essere raccolto fuori dal sego di sommatoria: + 4 3 9 Si tratta

Dettagli

Matematica I, Limiti di successioni (II).

Matematica I, Limiti di successioni (II). Matematica I, 05102012 Limiti di successioi II) 1 Le successioi elemetari, cioe α, = 0, 1, 2, α R), b, = 0, 1, 2, b R), log b, = 1, 2, b > 0, b 1), si, = 0, 1, 2,, cos, = 0, 1, 2,, per + hao il seguete

Dettagli