Terremoti: intervento pubblico e/o assicurazione privata 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Terremoti: intervento pubblico e/o assicurazione privata 1"

Transcript

1 Argomnti Trrmoti: intrvnto pubblico /o assicurazion privata 1 Luigi Buzzacchi Marcllo Pagnini 2 La prassi italiana basata su intrvnti x post da part dllo Stato nl caso di catastrofi naturali prsnta asptti positivi sul front dgli fftti solidaristici. Emrgono tuttavia difficoltà dal lato dagli incntivi distorti ch ssa può gnrar. Inoltr, la sua sostnibilità in futuro è mssa in discussion dall signz di contnimnto dlla spsa pubblica. Il sisma dl maggio 2012 Il trrmoto ch ha intrssato di rcnt l Emilia Romagna, in misura minor, anch alcun ar dlla Lombardia dl Vnto (l ara è rapprsntata in Fig. 1) ha avuto una rilvanza social d conomica di assoluto rilivo. 3 S si considrano solo l scoss di magnitudo più lvata, i comuni dll Emilia Romagna ch ricadono all intrno di un raggio di 20 km dagli picntri di divrsi pisodi sismici sono 37; di qusti, 17 sono situati ntro un raggio di 10 km. La zona colpita ha una suprfici di oltr km 2 con una popolazion di 550mila rsidnti (230mila famigli), il 12,6% dl total dlla rgion. La dnsità dlla popolazion nll ara è di 245 abitanti pr km 2. Fig. 1 Localizzazion dl sisma dl maggio 2012 L ar vidnziat sono qull intrssat dai trrmoti dl maggio 2012 Comuni nlla fascia km dagli picntri dl trrmoto Comuni nl raggio di 10 km dagli picntri dl trrmoto Font: Banca d Italia (2012). 74 Luigi Buzzacchi Digp Politcnico di Torino Marcllo Pagnini Banca d Italia, sd di Bologna 1 Cfr. Luigi Buzzacchi Gilbrto Turati, Rischi catastrofali intrvnto pubblico, in qusta rivista 2/ L opinioni sprss sono qull dgli autori non impgnano in alcun modo l istituzioni di appartnnza. 3 La prima part di qusto articolo atting ai dati dlla Banca d Italia (2012). numro 3/2012 Argomnti Mrcato

2 Una carattristica dl sisma miliano-romagnolo ch lo rnd pculiar risptto ai prcdnti fnomni sismici ch hanno intrssato l Italia è il fatto di avr coinvolto ar, oltr ch dnsamnt popolat, anch a lvata dnsità di attività conomica: gli occupati pr chilomtro quadrato sono in mdia pari a 37 nll ar intrssat contro 17 dlla mdia nazional. I dati pr sistma local dl lavoro (Sll, in Tab. 1), cioè qull ar gografich a prvalnt grado di auto-contnimnto di domanda offrta di lavoro, consntono di apprzzar gli fftti di propagazion dl sisma pr i sistmi conomici intrssati, in particolar, individuano ni Sll di Cnto, Mirandola, Carpi Frrara qulli più dirttamnt colpiti. Tab. 1 Comuni popolazion di comuni colpiti dal sisma pr Sll di appartnnza Sll # Comuni ntro 10 km dagli picntri # Comuni tra km dagli picntri Popolazion di comuni ntro 10 km Popolazion di comuni tra km Quota dlla popolazion sul total dl Sll (1) Bologna (Bo) ,9% Carpi (Mo) ,5% Cnto (F) % Frrara (F) ,1% Guastalla (R) ,7% Mirandola (Mo) % Modna (Mo) ,4% Suzzara (Mn) ,2% Total ,6% Font: Banca d Italia (2012). (1) Rapporto tra la somma dlla popolazion di comuni intrssati la popolazion total dl Sll (Sistma local dl lavoro). Tra qust ar figurano tra l altro alcuni di distrtti storici dlla rgion: qullo di Mirandola spcializzato nl biomdical, qullo di Carpi concntrato sulla magliria qullo di Cnto con un lvata intnsità di attività mccanich. Quindi, gli fftti dl trrmoto non solo si sono scaricati su ar con un alta prsnza di unità produttiv occupati, ma hanno colpito anch filir organizzat in distrtti industriali quindi carattrizzat da profondi intrcci di rlazioni produttiv capaci di propagar facilmnt shock ngativi ch colpiscano anch solo un sottoinsim dll imprs dll ara. Scondo i dati laborati dlla Rgion Emilia Romagna è stato autorizzato il trattamnto di cassa intgrazion in droga pr la sospnsion o la riduzion di attività lavorativa pr azind lavoratori. Più in gnral, a causa dl trrmoto sono stati attivati ammortizzatori sociali pr azind lavoratori. Scondo l stim propost dalla Rgion Emilia Romagna a fin agosto, i danni conomici complssivi (trascurando qulli alla salut) ammontrbbro a 13,2 miliardi di uro, 11,5 di quali pr la sola Emilia. Tra qusti, 117 milio- numro 3/2012 Argomnti Mrcato 75

3 ni sarbbro rifriti all rti infrastrutturali (rt viaria frroviaria, sistma idraulico, rt idrica, fognatur, gas rifiuti), 732 milioni agli difici pubblici, circa 2,7 miliardi al patrimonio storico artistico, 3,5 miliardi agli difici privati (in gran part pr uso abitativo). Infin, nl complsso, i danni all apparato produttivo suprrbbro i 5 miliardi, di cui circa 2 pr danni all struttur 3 pr mancati introiti. Ai danni lncati vanno aggiunt l sps di prima mrgnza, ch ammontano a circa 700 milioni. Chi paga i danni causati dall catastrofi naturali? In assnza di qualsivoglia mccanismo riallocativo, il costo di una calamità natural 4 colpisc i soggtti (cittadini imprs) ch vivono oppur oprano in una spcifica ara gografica, in quanto subiscono danni all propri cos, prdono opportunità di rddito comunqu subiscono limitazioni pr i danni ai bni all infrastruttur pubblich. I moltplici mccanismi pr riallocar gli onri di un vnto sismico vanno da qullo assicurativo, nll ambito dl qual i soggtti sottoposti a un rischio volontariamnt lo trasfriscono a un assicurator a front dl pagamnto di un prmio crto, fino al caso sopra citato dlla cassa intgrazion, ch pr l appunto consnt di ripartir i costi lgati a una prdita tmporana dl lavoro tra tutti i contribunti. Ciò ch risulta vidnt è ch normalmnt il dsign dlla complssa architttura di mccanismi ch dfiniscono l allocazion tra i mmbri di una collttività di danni causati da una catastrof natural è congiuntamnt dfinito da mccanismi di mrcato volontari da una varità di strumnti di intrvnto pubblico. Tornrmo fra poco a parlar dll ragioni dll finalità dll intrvnto pubblico: pr il momnto ci smbra util sottolinar - in particolar alla luc dll carattristich spcifich dll vnto in sam - com l sclt di policy pr l allocazion di costi lgati agli vnti sismici dbbano opportunamnt considrar, oltr a qulli pur rilvanti rlativi al patrimonio abitativo pr usi civili, anch qulli rifriti ai bni pubblici all attività conomica, non solo in trmini di asst fisici prsnti sul trritorio colpito, ma anch di strnalità ch si gnrano lungo tutt l filir produttiv. In qusto snso, gli fftti sul tssuto produttivo possono crar strnalità ngativ almno altrttanto rilvanti complss di qull associat all abitazioni civili. Si pnsi, pr citarn solo alcuni, agli fftti occupazionali, alla possibilità ch un intrruzion tmporana dll attività produttiva abbia consgunz duratur sull prformanc dll imprs locali, all 76 4 Il focus di qusto articolo è sugli vnti sismici. In raltà, i principi conomici ch orintano l intrvnto pubblico in caso di calamità naturali ( spsso anch pr qull artificiali, ammsso ch sia smpr smplic distingurl) non fanno diffrnza, a livllo gnral, tra l vari tipologi di calamità. Altrttanto dicasi pr i problmi assicurativi ch sorgono pr la coprtura di rischi da calamità naturali. In qusto snso, l riflssioni ch sguono ( gli smpi ch vrranno proposti) si rifriscono più o mno a tutt l tipologi di catastrofi. numro 3/2012 Argomnti Mrcato

4 ricadut sulla solvibilità solidità dl sistma bancario, particolarmnt rilvanti quando si tratta di intrmdiari locali fortmnt sposti ni confronti di produttori dll ara. Com già rilvato, qust strnalità ngativ sono amplificat dalla prsnza dll rti distrttuali sul trritorio. Vnndo ora ai fatti dll intrvnto pubblico succssivi agli vnti di maggio 2012, il Govrno italiano ha approvato dapprima la costituzion di un fondo pr la ricostruzion di 2,5 miliardi, cui si è aggiunto con un mndamnto al dcrto sulla spnding rviw un contributo di 6 miliardi ( alcun altr vari misur di sostgno pr importi minori). Qusti fondi sono disponibili pr finanziar fino all 80% a fondo prduto la ricostruzion l adguamnto all norm anti-sismich dll abitazioni civili principali dgli immobili impianti a uso produttivo. Qust risors saranno rprit in primo luogo attravrso la riduzion dll principali voci di spsa dlla Pubblica amministrazion in part dall aumnto dll accis dal Fondo di solidarità dll U. 5 Non va dimnticato, inoltr, ch l sps di prima mrgnza sono stat finanziat dal fondo di dotazion dlla Protzion civil. Risors spcifich sono stat poi mss a disposizion dall amministrazioni locali pr garantir l offrta di srvizi pubblici (pr smpio, la Rgion Emilia Romagna ha dlibrato uno stanziamnto straordinario di 167 milioni pr gli difici scolastici). Quanto ai risarcimnti provninti dall compagni assicurativ, l informazioni circa il grado di coprtura dai rischi sismici in Italia sono alquanto frammntari. Ania (2011) stima ch nl nostro Pas siano assicurat circa 30mila unità abitativ (su 27,3 milioni), cioè una proporzion trascurabil. Non è nota la distribuzion gografica di tali coprtur: in gnral l assicurazion dgli immobili prsnta un grado di coprtura più alto nll rgioni più ricch. Allo stsso modo ci si asptta una diffusion suprior dll coprtur da rischio sismico nll ar dov tal rischio è più alto, tra l quali non figuravano l zon intrssat dai rcnti vnti. 6 Stim dll Ania 7 valutano in circa 700 milioni i danni dl sisma coprti dal mrcato assicurativo riassicurativo, quasi sclusivamnt rlativi a danni subiti dall imprs. In conclusion, i rcnti fatti sismici hanno causato danni conomici di ntità rilvant ch sono stati in misura quasi sclusiva mutualizzati tra tutti i cittadini italiani ( in part anch tra qulli comunitari). Qusto è il modllo ricorrnt di allocazion di danni dll calamità naturali in Italia, anch s va rimarcato ch nl nostro Pas non è prvisto alcun diritto al risarcimnto di danni ai bni di privati causati dall catastrofi naturali, quindi qusto mccanismo di mutualità è smplicmnt una consutudin solidal smpr rinnovata. Vnndo a qualch misura di valori di rifrimnto, un documnto rdatto dal Dipartimnto dlla Protzion civil (2010) spcifica com «I trrmoti ch hanno colpito la Pnisola hanno causato danni conomici consistnti, valutati 5 Il Fondo di solidarità dll U - istituito nl è rivolto a intgrar gli sforzi dgli Stati colpiti da vnti calamitosi facilitar il rapido ritorno all normali condizioni di vita nll ara colpita. 6 L Istituto nazional di gofisica vulcanologia misura la rischiosità sismica dl trritorio italiano su quattro livlli (da 1 a 4 con rischiosità dcrscnt). All ara colpita dal rcnt sisma ra attribuito un livllo di rischio pari a 3. 7 Aldo Minucci, prsidnt Ania, ad ADNKronos il 3 luglio numro 3/2012 Argomnti Mrcato 77

5 pr gli ultimi quaranta anni in circa 135 miliardi di uro (a przzi 2005), ch sono stati impigati pr il ripristino la ricostruzion post-vnto. A ciò si dvono aggiungr l consgunz non traducibili in valor conomico sul patrimonio storico, artistico, monumntal». A qusto valor corrispondono quindi danni causati da vnti sismici in Italia pr un valor mdio annuo pari a 3,7 miliardi. Smpr con rifrimnto all mdi dgli ultimi quaranta anni, Casucci Librator (2012) stimano una mdia annua di 5,1 miliardi (a przzi 2005) di danni all cos alla salut causati da trrmoti, fran alluvioni in Italia. All Ania (2011) utilizzando tcnich di simulazion vin fissato in 2,8 miliardi 0,2 miliardi il danno annuo attso al patrimonio abitativo italiano causato rispttivamnt da rischio sismico rischio alluvional. Pur nll approssimazion di qust stim, l ammontar di danni causati da vnti calamitosi sul trritorio italiano può ssr vidntmnt msso a confronto con il livllo di risarcimnti a carico dlla collttività. Una nota dlla Commission tcnica pr la spsa pubblica (1995) misura la spsa pubblica annua mdia pr la coprtura di danni da alluvioni, fran fnomni tllurici tra il 1970 il 1994 in circa 3,5 miliardi di uro (a przzi 1995). L calamità naturali in Italia hanno quindi psato ngli scorsi dcnni in misura prpondrant sul bilancio pubblico scondo un modllo di mutualizzazion solidal di rischi, nl qual i cittadini più fortunati hanno di fatto sussidiato qulli mno fortunati L ragioni dll intrvnto pubblico Il modllo scondo il qual l amministrazion cntral intrvin a sguito di una catastrof natural risarcisc più o mno a piè di lista i danni subiti nll ara colpita dall vnto è da tmpo criticato. Almno a partir dalla già citata nota dlla Commission tcnica pr la spsa pubblica (1995) si è invocato - con nfasi particolar ni priodi immdiatamnt succssivi al vrificarsi di un vnto sismico - il passaggio a un rgim diffrnt, ssnzialmnt fondato su principi assicurativi. 8 Qusti richiami un po gnrici talvolta accompagnati da qualch fraintndimnto circa la natura dlla soluzion assicurativa (ricordiamo ch - in trmini attsi - il costo di una coprtura assicurativa è pr dfinizion suprior al risarcimnto, quindi il modllo assicurativo privato è, ctris paribus, più costoso pr i cittadini), colgono comunqu i du principali diftti dl modllo corrnt: 1) il ricorso alla spsa pubblica risulta discrzional imprvdibil a front dll alatorità dgli vnti sinistrosi 2) l incondizionato intrvnto pubblico x post gnra incntivi prvrsi (ciò ch gli conomisti dfiniscono charity hazard) Argomnti simili rano già stati proposti a sguito dgli vnti sismici in Abruzzo dl 2010 (si vda, pr smpio, Buzzacchi Turati, 2010). numro 3/2012 Argomnti Mrcato

6 Quanto al primo punto, ciò ch avvin oggi è smplar: la spsa pr i risarcimnti dl trrmoto miliano si colloca proprio nl priodo di massimo sforzo pr la riduzion dlla spsa pubblica in corrispondnza dlla crisi finanziaria, quando cioè il rprimnto di risors aggiuntiv attravrso un aumnto dlla prssion fiscal risulta problmatico particolarmnt onroso. Quanto al scondo punto, l aspttativa di un intrvnto dllo Stato spiga ovviamnt il trascurabil ricorso al mrcato assicurativo privato, anch il disincntivo a invstir in prvnzion, sia da part di cittadini imprs sia da part dll amministrazioni locali. Qusto è a nostro parr l asptto più grav dl modllo di gstion solidal x post ch ha carattrizzato l intrvnto pubblico dal dopogurra: nssuno di coloro ch hanno partcipato al dibattito pubblico auspica l abbandono di un modllo di sussidiazion di cittadini più sfortunati da part di qulli più fortunati, 9 tutti prò concordano sul fatto ch dbbano ssr introdotti robusti incntivi in grado di stimolar gli invstimnti pr ridurr la vulnrabilità dl Pas ai fnomni catastrofici naturali. In Italia, pr smpio, si stima ch il 70% dgli difici (privati pubblici) non sarbb in grado di rggr ai trrmoti ch dovssro intrssarli, 10 il ch ci pon in una condizion di rischio comparabil con qullo di ar gografich, quali Giappon California, ov prò la pricolosità di sismi è assai maggior. In sintsi, l intrvnto x post dll amministrazion cntral può ssr considrato quo, ma non crto fficint. A front di qust istanz, l propost rcntmnt avanzat sono stat du: la prima, contnuta nl D.L n. 59 Disposizioni urgnti pr il riordino dlla Protzion civil, all art. 2 dichiarava «l sclusion dll intrvnto statal... pr i danni subiti da fabbricati» in caso di calamità naturali, contmporanamnt l auspicio di una prvasiva diffusion dll coprtur assicurativ privat tramit «stnsion dlla coprtura assicurativa dl rischio calamità naturali nll polizz ch garantiscono i fabbricati privati contro qualsiasi danno» favorita da «incntivazioni di natura fiscal... dl prmio dalla bas imponibil ai fini Irpf Irs». Si noti ch il dcrto ra stato dlibrato prima dl sisma di maggio scorso. In fas di convrsion tal articolo è stato sopprsso; la sconda è stata prsntata da un gruppo di lavoro composto da rapprsntanti di Ena altr associazioni prvd l istituzion di un assicurazion obbligatoria. Qusta assicurazion potrbb ssr dll ordin di uro all anno pr unità abitativa consntirbb di raccoglir qui Si considri tuttavia ch il sntimnto collttivo ch pur in Italia non ha mai msso in discussion la partcipazion dl Pas intro nl ristoro di danni causati da disastri naturali, potrbb prima o poi incrinarsi soprattutto ni casi in cui foss prcpito ch la sfortuna potva in qualch modo ssr vitata. Ngli Stati Uniti, pr smpio, l opinion pubblica ha cominciato a criticar gli intrvnti fdrali pr la ricostruzion dll abitazioni sulla costa caraibica a sguito di uragani alluvioni, infatti smpr più frquntmnt gli aiuti forniti dall Amministrazion cntral vngono rogati solo a patto ch la ricostruzion avvnga in zon mno rischios. Analogh prplssità potrbbro ssr facilmnt sollvat anch in Italia, in particolar considrando il disssto idrogologico di alcun ar dl Pas, sistmaticamnt colpit da fnomni alluvionali. 10 Alssandro Martlli Paolo Clmnt, sprti dll Ena, in audizion in commission Ambint alla Camra. numro 3/2012 Argomnti Mrcato 79

7 miliardi (si ricordi ch l unità abitativ sono un po più di 27 milioni) ch sono l ammontar annuo attso di danni drivanti da fnomni sismici, a rgim sollvrbb lo Stato dalla ncssità di raccoglir nuov risors a front di vnti imprvisti. La proposta prvd gnricamnt ch il prmio dll assicurazion possa variar in funzion dlla rischiosità dll immobil. Pr valutar nl mrito l du propost (o più in gnral gli opposti principi ch in qualch misura ss rapprsntano) è fors util discutr innanzitutto prgi diftti di una soluzion assicurativa di mrcato pura. Immaginiamo ch foss crdibil una promssa dllo Stato di non intrvnir in nssun modo in caso di catastrof natural. In qusto caso, l incntivo pr imprs cittadini di crcar coprtur assicurativ privat ovviamnt aumntrbb. Il mrcato assicurativo, s fficint, fissrbb prmi prfttamnt commisurati al rischio di ciascun assicurato, cioè paghrbbro molto, pr smpio, i propritari di immobili in ar sismicamnt critich ancor di più, in qull ar, i propritari di immobili sismicamnt fragili. Qusto ovviamnt incntivrbb anch gli invstimnti in prvnzion anti-sismica fors fnomni migratori dall ar più rischios a qull mno rischios. Tutti fftti fficinti, insomma. Tuttavia qusto mccanismo ha costi supriori pr i soggtti più rischiosi, inoltr, punisc i soggtti più disagiati, ch hanno la sfortuna di abitar/oprar nll ar più rischios, ma non possono prmttrsi invstimnti coprtur. In un mrcato assicurativo volontario snza rgolazion di przzi, l compagni non possono far prmi uniformi - ni quali cioè i soggtti mno rischiosi sussidiano solidalmnt qulli più rischiosi - prché altrimnti i soggtti mno rischiosi non si assicurrbbro. 11 D altro canto, un prmio uniform pr tutti i cittadini, commisurato a un rischio mdio imposto con l obbligatorità dlla coprtura, prdrbb gran part dll su virtuos proprità di incntivar fficintmnt i comportamnti prvntivi. Ora, la prima ipotsi, qulla ch ra contnuta nl D.L. di riordino dlla Protzion civil, è più vicina alla soluzion di mrcato sopra dscritta, con qualch corrzion in snso mutualistico grazi alla prsnza dgli sgravi fiscali pr chi si assicura. In poch parol: molto poco onrosa, rispttivamnt, pr i soggtti più mno rischiosi, quindi modratamnt solidal, fficint in trmini di incntivi, ma solo pr chi può prmttrsi di invstir in prvnzion. La sconda ipotsi, al contrario, non è poi così divrsa dallo status quo: smplicmnt prvd ch lo Stato, invc ch intrvnir a sguito dll vnto sinistroso, raccolga risrv ngli anni fortunati pr avr a disposizion i fondi ncssari ngli anni sfortunati. Una soluzion crto miglior di qulla corrnt in trmini di imprvdibilità dlla spsa pubblica (ch infatti vin distribuita uniformmnt nl tmpo), ma non tanto dissimil in trmini di scarsa fficacia nll incntivar la prvnzion. Qust ultima affrmazion è naturalmnt Gnrando il cosiddtto fnomno di slzion avvrsa, ch comporta prdit pr l assicurator. numro 3/2012 Argomnti Mrcato

8 tanto mno vra quanto maggior è la diffrnziazion dl przzo dll assicurazion tra soggtti più mno rischiosi. Si vidnzia in qusto snso un classico trad off tra fficinza d quità: tanto maggiori sono i sussidi incrociati tra i soggtti sottoposti a divrsi livlli di rischio tanto più solidal, ma anch mno fficint, è la soluzion. 12 L sprinz intrnazionali di coprtura di rischi catastrofali Ora, ribadndo la prmssa ch è urgnt ridurr la vulnrabilità dl Pas, ma ch è altrsì ncssario ch qusto obittivo sia raggiunto con uno sforzo collttivo solidal, qual sia il mix ottimal di fficinza solidarità è una sclta ch appartin alla sfra dlla politica, più ch dll conomia. Corntmnt, l sprinz intrnazionali nll ambito dlla coprtura di rischi da catastrofi naturali mostrano soluzioni alquanto vari. Tuttavia, alcuni lmnti in comun possono ssr riconosciuti in molt soluzioni di succsso, o comunqu alcun propost tndnz comuni lasciano intravdr quali saranno in futuro l sclt prvalnti. In particolar, ni programmi nazionali di coprtura di rischi catastrofali: la coprtura è spsso obbligatoria (in Nuova Zlanda, pr smpio), o smiobbligatoria (i rischi da catastrofi naturali sono un stnsion obbligatoria pr qualsiasi polizza proprty, il ch si vrifica pr smpio in Francia - dov praltro la polizza proprty è obbligatoria pr i propritari immobiliari -, Spagna Blgio); non è così nl Rgno Unito, in Giappon in Turchia ngli Stati Uniti, dov la coprtura è facoltativa; 13 l obbligatorità è lo strumnto principal pr ralizzar un livllo più o mno lvato di sussidiazion tra cittadini; la coprtura è abitualmnt offrta in partnrship da soggtti pubblici privati; il sttor privato ha comptnz di valutazion di rischi di danni, rti di distribuzion di liquidazion ch sarbb inutilmnt costoso duplicar pr il soggtto pubblico ch possono ssr utilizzat (rmunrandol) anch qualora il sttor privato non si facss carico di alcun rischio: qusto è qul ch succd pr smpio in Spagna (dov l compagni distribuiscono smplicmnt l coprtur trattnndo il 5% dl prmio) ngli Stati Uniti 12 Qualch numro pr ssr più concrti. In Ania (2011) vin riportata una stima di danni annui attsi da vnti sismici a livllo di provincia, data ovviamnt la qualità corrnt dl costruito. Pr un valor assicurato di 100mila uro, si va dal rischio maggior d L Aquila Rggio Calabria con danni attsi di uro rispttivamnt, fino ai rischi minori in Sardgna, con danni attsi a Cagliari di 0,4 uro. La mdia italiana prvd danni attsi di 73 uro. Assumndo pr smplicità ch l unica opportunità di prvnzion sia offrta dalla migrazion, s fossro richisti 73 uro a ogni propritario di unità immobiliar in qualsiasi provincia d Italia i cagliaritani sussidirbbro solidalmnt rggini aquilani, i scondi non avrbbro alcun incntivo a trasfrirsi in Sardgna. Al contrario, s i rggini pagassro 240 uro pr assicurarsi avrbbro uno stimolo a trasfrirsi a Cagliari dov si paga mno di un uro pr l assicurazion, riducndo in qusto modo la rischiosità mdia italiana. 13 In California prò la coprtura di rischi sismici è obbligatoria pr tutt l imprs. numro 3/2012 Argomnti Mrcato 81

9 con il programma fdral contro il rischio alluvional (Nfip). D altro canto il sttor assicurativo privato non ha mai la capacità finanziaria ncssaria pr coprir tutti i danni causati dall calamità naturali, si rivolgrbb comunqu al mrcato riassicurativo o a qullo di capitali (in particolar ci si rifrisc alla missioni di c.d. catastroph-bonds). 14 Sia prché qusti mrcati sono smpr mno liquidi (anch a front dlla crscnt frqunza dgli vnti calamitosi), sia pr vitar doppi marginalizzazioni, lo Stato si accolla abitualmnt i rischi dll calamità naturali, quantomno oltr una crta soglia; 15 anch quando il rischio è a carico dl soggtto pubblico, la coprtura ha tndnzialmnt una forma assimilabil a un contratto assicurativo ha - vro o figurato - un przzo : ciò migliora la prczion l ducazion alla gstion dl rischio di cittadini; il przzo dlla coprtura può anch gravar in modo non uniform tra i soggtti sottoposti al rischio, ma tndnzialmnt in misura mno ch proporzional risptto all ffttivo diffrnzial di rischio cui ssi sono sottoposti; 16 qui l intrvnto pubblico è indispnsabil pr dfinir il dsidrato livllo di solidarità. 17 Si può comunqu idntificar com sussidiat anch qull situazioni nll quali il przzo dll coprtur è fissato sattamnt proporzional al rischio, ma vngono forniti sussidi spliciti (vouchr) o impliciti (sgravi fiscali) ai soggtti più rischiosi /o mno abbinti. Naturalmnt, quando la coprtura è volontaria si è in prsnza di sussidi ch alzano i prmi pr i mno a rischio, l coprtur finiscono pr avr una fort diffusion solo tra i soggtti più a rischio: nll ultimo dcnnio la lttratura riporta una diffusion di coprtur antisismich in misura solo dl 20% in Giappon, dll 11% in California (abitazioni privat) dl 19,6% in Turchia; chi invst in prvnzion è prmiato da un onr di coprtura ridotto (ciò ch dovrbb ralizzarsi anch in una soluzion di mrcato pura ), ma i mccanismi ch incntivano la prvnzion non si sauriscono con Spsso, inoltr, i programmi con partnrship pubblico-privata pr la coprtura di rischi catastrofali prvdono la prsnza obbligatoria in pool di tutti l compagni opranti nl Pas, pr aumntarn la capacità assicurativa non crar trattamnti diffrnziati tra gli assicuratori. Qusto è ciò ch si è ralizzato, pr smpio, nl Rgno Unito pr la coprtura da vnti trroristici, con la costituzion di Pool R. 15 Pr smpio, in Florida la coprtura assicurativa di rischi catastrofali pr l abitazioni privat è offrta dal mrcato assicurativo d è volontaria, ma i przzi sono rgolati. Dopo l uragano Andrw nl 1993, molti assicuratori dcisro di uscir da qusto sgmnto dl mrcato. Ciò conduss alla formazion dl fondo pubblico Florida Hurrican Catastroph Fund, ch si fa carico di danni oltr una crta soglia aggrgata. Analogo modllo si riscontra in Francia, in Blgio in Giappon (dov lo Stato si assum l 80% di rischi) California (dov nl 1996 fu fondata la California Earthquak Authority a sguito dl Northridg Earthquak) pr i rischi sismici. 16 A titolo puramnt smplificativo, con rifrimnto ai dati prsntati nlla nota 11, si potrbb imporr alla mtà di Italia più rischiosa un przzo dlla coprtura di 100 uro alla mtà mno rischiosa, un przzo dlla coprtura di 50 uro: in qusto modo i soggtti più a rischio pagano di più, ma rimangono pur smpr sussidiati dai soggtti mno a rischio. 17 Il Nfip, pr smpio, fissa przzi supriori, ma comunqu sussidiati, pr i propritari di unità immobiliari localizzat in ar particolarmnt rischios. In Giappon la coprtura da rischi sismici varia limitatamnt in funzion dlla localizzazion dlla data di costruzion dll immobil. In Francia Nuova Zlanda, invc, la coprtura di rischi catastrofali è offrta a przzi costanti pr tutto il Pas. numro 3/2012 Argomnti Mrcato

10 mccanismi di przzo : pr smpio, il Nfip fornisc coprtura dai rischi idrogologici all comunità locali solo s ralizzano programmi di prvnzion concordati; 18 in Francia il soggtto pubblico impon all compagni di fissar franchigi crscnti (cioè più rischio a carico di cittadini) nll municipalità nll quali non sono stati intraprsi opportuni programmi di invstimnto in prvnzion; l fficacia di qusti strumnti è naturalmnt condizionata all ossrvabilità dgli invstimnti in prvnzion, cosa non scontata; 19 in molti contsti si snt proporr o è già stata tradotta in provvdimnti l ipotsi di una comprhnsiv disastr insuranc, ch può ssr obbligatoria o mno, ma ch comprnd inscindibilmnt un portafoglio composto di molti rischi catastrofici diffrnti: in qusto modo è più facil ottnr prmi ragionvolmnt proporzionali al rischio complssivo, ma allo stsso tmpo rlativamnt accssibili pr la maggior part di cittadini, prché normalmnt ogni soggtto è più vulnrabil pr un rischio mno pr un altro, il przzo dlla coprtura complssiva può ssr immaginato com risultant di una somma di sussidi incrociati di sgno opposto ch si mdiano quindi tra loro. Di una polizza comprhnsiv si parla da tmpo ngli Stati Uniti (si vda Kunruthr, 2006), un modllo simil è stato introdotto, pr smpio in Blgio, Spagna Francia. In Spagna il Consorcio d Compnsation d Sguros, nato inizialmnt pr offrir coprtura pubblica di rischi agricoli, offr ora una coprtura congiunta pr rischi straordinari naturali (trrmoti, marmoti, uragani, caduta di mtoriti, alluvioni d ruzioni vulcanich) sociali (atti trroristici, sommoss, ribllioni d vnti militari in tmpo di pac) ch è obbligatoriamnt associata a qualunqu polizza vnduta da compagni privat ni rami di danni all cos, infortuni vita. Analogamnt in Francia la polizza obbligatoria pr i propritari di immobili copr congiuntamnt una varità di rischi da calamità naturali da atti trroristici. Considrazioni conclusiv In sintsi, l attual prassi italiana basata su intrvnti x post a piè di lista da part dllo Stato nl caso di catastrofi naturali, in particolar di vnti sismici, prsnta asptti positivi sul front dgli asptti solidaristici. Emrgono, tuttavia, difficoltà dal lato dll fficinza dagli incntivi distorti ch sso può gnrar. Inoltr, la sua sostnibilità in futuro è mssa in discussion dai piani di rintro dal dbito pubblico dall consgunti signz di contnimnto 18 Il Nfip non riconosc il sussidio citato alla nota prcdnt nppur s la costruzion dll immobil è avvnuta dopo ch l la spcifica ara è stata formalmnt insrita in una black list di ar particolarmnt rischios. 19 È agvol vrificar, pr smpio, la costruzion di un argin, assai mno la qualità dl cmnto utilizzato pr l fondamnta di un immobil. numro 3/2012 Argomnti Mrcato 83

11 dlla spsa pubblica. Si pon, quindi, la ncssità di un ripnsamnto ch può bnficiar anch dll sprinz str nll quali si combinano in modi misura divrsi asptti lgati alla mutualità con qulli più prttamnt ispirati ai contratti assicurativi di natura privatistica. Nl valutar i trmini dl trad off tra mutualità d fficinza nl caso dl trrmoto ch ha colpito di rcnt l Emilia Romagna c è da tnr prsnt l lvata capacità di propagazion dgli fftti dl sisma, ch dipnd a sua volta dall forti intrconnssioni di sistmi produttivi locali intrssati. Da qusto punto di vista, vrrbb da chidrsi com l propost dscritt sopra potrbbro attagliarsi al caso di vnti sismici ch colpiscono attività produttiv capaci di gnrar forti strnalità sul rsto dl sistma conomico. In scondo luogo, anch s nll articolo non è stato trattato, è altrttanto vidnt com la sclta dl mix tra lmnti di mrcato di intrvnto pubblico dipnda fortmnt anch dall altr dimnsioni dll politich di rgolamntazion pubblica. Pr smpio, i critri di dificabilità di suoli, l imposizion pr via lgislativa di critri antisismici pr l costruzioni sistnti nuov la capacità dllo Stato di disgnar in modo razional tali normativ così com di farl rispttar sono tutti lmnti ch condizionano la bontà l fficinza dll vari soluzioni propost. Rifrimnti bibliografici Ania, Danni da vnti sismici alluvionali al patrimonio abitativo italiano: studio quantitativo possibili schmi assicurativi, giugno Banca d Italia, Il rcnt sisma in L conomia dll Emilia Romagna, Bologna, giugno Buzzacchi, L., Turati, G., Rischi catastrofali intrvnto pubblico, Consumatori, Diritti Mrcato, 2/2010, pp Dipartimnto dlla Protzion civil, Costo di trrmoti dgli ultimi 40 anni, TERREMOTI.ppt.pdf, sttmbr Casucci, S., Librator, P., Una valutazion conomica di danni causati dai disastri naturali, ddyburgh.it, 29 maggio Commission Tcnica pr la Spsa Pubblica, Calamità naturali: intrvnto pubblico coprtura assicurativa. Not raccomandazioni, Economia Pubblica, pp , Kunruthr H., Rflctions on U.S. disastr insuranc Policy for th 21st cntury, NBER Working Papr 12449, august numro 3/2012 Argomnti Mrcato

Le politiche per l equilibrio della bilancia dei pagamenti

Le politiche per l equilibrio della bilancia dei pagamenti L politich pr l quilibrio dlla bilancia di pagamnti Politich pr ottnr l quilibrio dlla bilancia di pagamnti (BP = + MK = 0) nl lungo priodo BP 0 non è sostnibil prchè In cambi fissi S BP0 si sauriscono

Dettagli

Provvedimento di Predisposizione del Programma Annuale dell'esercizio finanziario 2014. Il Dsga

Provvedimento di Predisposizione del Programma Annuale dell'esercizio finanziario 2014. Il Dsga Provvdimnto di Prdisposizion dl Programma Annual dll'srcizio finanziario 2014 Il Dsga Visto Il Rgolamnto crnnt l istruzioni gnrali sulla gstion amministrativotabil dll Istituzioni scolastich Dcrto 01 Fbbraio

Dettagli

Parcheggi e altre rendite aeroportuali

Parcheggi e altre rendite aeroportuali Argomnti Parchggi altr rndit aroportuali Marco Ponti Elna Scopl La rgolamntazion dl sistma aroportual italiano fino al 2007 non ha vitato la formazion di rndit ingiustificat. In particolar l attività non-aviation,

Dettagli

REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA

REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA CONCORSO DI PROGETTAZIONE UNA NUOVA VIVIBILITA PER IL CENTRO DI NONANTOLA PROCESSO PARTECIPATIVO INTEGRATO CENTRO ANCH IO! REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA ESITO DELLE VOTAZIONI RACCOLTE DURANTE LE

Dettagli

Comunità Europea (CE) International Accounting Standards, n. 36. Riduzione durevole di valore delle attività

Comunità Europea (CE) International Accounting Standards, n. 36. Riduzione durevole di valore delle attività Scopo contnuto dl documnto Comunità Europa (CE) Intrnational Accounting Standards, n. 36 Riduzion durvol di valor dll attività Riduzion durvol di valor dll attività SOMMARIO Finalità 1 Ambito di applicazion

Dettagli

Progetto I CARE Progetto CO.L.O.R.

Progetto I CARE Progetto CO.L.O.R. Attori in rt pr la mobilità di risultati dll apprndimnto Dirtta WEB, 6 dicmbr 2011 Progtto I CARE Progtto CO.L.O.R. Elmnti distintivi complmntarità Michla Vcchia Fondazion CEFASS gli obittivi Facilitar

Dettagli

1. LA STRUTTURA DI RELAZIONI TRA MANIFATTURA E SERVIZI ALLE IMPRESE IN UN CONTESTO EUROPEO

1. LA STRUTTURA DI RELAZIONI TRA MANIFATTURA E SERVIZI ALLE IMPRESE IN UN CONTESTO EUROPEO 1. La struttura di rlazioni tra manifattura srvizi all imprs in un contsto uropo 11 1. LA STRUTTURA DI RELAZIONI TRA MANIFATTURA E SERVIZI ALLE IMPRESE IN UN CONTESTO EUROPEO La quota di srvizi sul commrcio

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÁ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI SALERNO PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÁ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI SALERNO PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO Distrtto Scolastico N 53 Nocra Infrior (SA) SCUOLA MEDIA STATALE Frsa- Pascoli Vial Europa ~ 84015 NOCERA SUPERIORE (SA) Tl. 081 933111-081 931395- fax: 081 936230 C.F.: 94041550651 Cod: Mcc.: SAMM28800N

Dettagli

- Radioattività - - 1 - 1 Ci = 3,7 1010 dis / s. ln 2 T 2T = e ln 2 2 = e 2ln 2 = 1 4

- Radioattività - - 1 - 1 Ci = 3,7 1010 dis / s. ln 2 T 2T = e ln 2 2 = e 2ln 2 = 1 4 Radioattività - Radioattività - - - Un prparato radioattivo ha un attività A 0 48 04 dis / s. A quanti μci (microcuri) si riduc l attività dl prparato dopo du tmpi di dimzzamnto? Sapndo ch: ch un microcuri

Dettagli

Esercizi sullo studio di funzione

Esercizi sullo studio di funzione Esrcizi sullo studio di funzion Prima part Pr potr dscrivr una curva, data la sua quazion cartsiana splicita f () occorr procdr scondo l ordin sgunt: 1) Dtrminar l insim di sistnza dlla f () ) Dtrminar

Dettagli

PROGETTAZIONE DIDATTICA PER COMPETENZE

PROGETTAZIONE DIDATTICA PER COMPETENZE ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE G. M. MONTANI CONVITTO ANNESSO AZIENDA AGRARIA 63900 FERMO Via Montani n. 7 - Tl. 0734-622632 Fax 0734-622912 www.istitutomontani.it -mail aptf010002@istruzion.it Coc

Dettagli

GUIDE ITALIA Un confronto sulle ultime tendenze a supporto della semplificazione e dell efficienza

GUIDE ITALIA Un confronto sulle ultime tendenze a supporto della semplificazione e dell efficienza GUIDE ITALIA Un confronto sull ultim tndnz a supporto dlla smplificazion dll fficza L voluzion dll architttur IT Sogi RELATORE: Francsco GERBINO 16 novmbr 2010 Agnda Prsntazion dlla Socità Architttur IT

Dettagli

Poteri/ funzioni attribuiti dalla norma

Poteri/ funzioni attribuiti dalla norma Compiti funzioni attribuiti dalla tiva all nazional Lgg Art. 6, comma 5 Art. 6, comma 7, ltt.a Art. 6, comma 7, ltt.b Potri/ funzioni attribuiti dalla Vigilanza su tutti i contratti pubblici (lavori, srvizi

Dettagli

Guida allʼesecuzione di prove con risultati qualitativi

Guida allʼesecuzione di prove con risultati qualitativi TitoloTitl Guida allʼscuzion di prov con risultati qualitativi Guid to prform tsts with qualitativ rsults SiglaRfrnc DT-07-DLDS RvisionRvision 00 DataDat 0602203 Rdazion pprovazion utorizzazion allʼmission

Dettagli

CORSO. FIM Via. associazione geometri liberi professionisti. della provincia di Modena. Sede. Costi. Colleg. 2 Pia. rispettivi tecnica.

CORSO. FIM Via. associazione geometri liberi professionisti. della provincia di Modena. Sede. Costi. Colleg. 2 Pia. rispettivi tecnica. CORSO MASTER associazion gomtri libri profssionisti dlla provincia Modna novmbr, cmbr 2014 gnnaio, fbbraio PERCORSO FORMATIVO DI 48 ORE Sd Il corsoo è organizzato prsso la sala convgni dl Collg io Gomm

Dettagli

IL NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO SULL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI

IL NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO SULL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI IL NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO SULL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI D.Lgs. 192/2005 + D.Lgs. 311/2006 Vincnzo Corrado, Matto Srraino Dipartimnto di Enrgtica Politcnico Di Torino un progtto di:

Dettagli

Art. 1. - Campo di applicazione e definizioni Art. 2. - Classificazione di reazione al fuoco

Art. 1. - Campo di applicazione e definizioni Art. 2. - Classificazione di reazione al fuoco DM 10 marzo 2005 Classi di razion al fuoco pr i prodotti da costruzion da impigarsi nll opr pr l quali ' prscritto il rquisito dlla sicurzza in caso d'incndio. (GU n. 73 dl 30-3-2005) IL MINISTRO DELL'INTERNO

Dettagli

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino:

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino: Prof. Emnul ANDRISANI Studio di funzion Funzioni rzionli intr n n o... n n Crttristich: sono funzioni continu drivbili in tutto il cmpo rl D R quindi non sistono sintoti vrticli D R quindi non sistono

Dettagli

L ELLISSOIDE TERRESTRE

L ELLISSOIDE TERRESTRE L ELLISSOIDE TERRESTRE Fin dll scond mtà dl XVII scolo (su propost di Nwton) l suprfici più dtt ssr ssunt com suprfici di rifrimnto pr l Trr è stt individut in un ELLISSOIDE DI ROTAZIONE. E l suprfici

Dettagli

LA TRASFORMATA DI LAPLACE

LA TRASFORMATA DI LAPLACE LA RASFORMAA DI LAPLACE Pr dcrivr l voluzion di un itma in rgim tranitorio, oia durant il paaggio dll ucit da un rgim tazionario ad un altro, è ncario ricorrr ad un modllo più gnral riptto al modllo tatico,

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA BUSINESS PROCESS MODELING NOTATION (BPMN) 1

INTRODUZIONE ALLA BUSINESS PROCESS MODELING NOTATION (BPMN) 1 ITRODUZIOE ALLA BUSIESS PROCESS MODELIG OTATIO (BPM) 1 1. Prsntazin La ntazin BPM (http://www.bpn.rg) è sviluppata dalla Businss Prcss Managnt Initiativ dall Objct Managnt Grup (http://www.g.rg), assciazini

Dettagli

Lo strato limite PARTE 11. Indice

Lo strato limite PARTE 11. Indice PARTE 11 a11-stralim-rv1.doc Rl. /5/1 Lo strato limit Indic 1. Drivazion dll qazioni indfinit di Prandtl pr lo strato limit sottil pag. 3. Intgrazion nmrica dll qazioni indfinit di Prandtl. 11 3. Lo strato

Dettagli

Il presente Regolamento Particolare di Gara. è stato approvato in data con numero di approvazione RM / CR /2015.

Il presente Regolamento Particolare di Gara. è stato approvato in data con numero di approvazione RM / CR /2015. Vrsion 5 3 Agosto Valità 2015 la Manifstazion : Campionato Italiano Rally Assoluto Campionato Italiano Rally Junior Campionato Italiano Rally Costruttori Coppa ACI-SPORT Rally CIR Equipaggi Inpndnti Coppa

Dettagli

2.1 Proprietà fondamentali dei numeri reali. 1. Elenchiamo separatamente le proprietà dell addizione, moltiplicazione e relazione d ordine.

2.1 Proprietà fondamentali dei numeri reali. 1. Elenchiamo separatamente le proprietà dell addizione, moltiplicazione e relazione d ordine. Capitolo 2 Numri rali In qusto capitolo ci occuprmo dll insim di numri rali ch indichrmo con il simbolo R: lfunzionidfinitsutaliinsimiavaloriralisonol oggttodistudiodll analisi matmatica in una variabil.

Dettagli

Corso di ordinamento - Sessione suppletiva - a.s. 2009-2010

Corso di ordinamento - Sessione suppletiva - a.s. 2009-2010 Corso di ordinmnto - Sssion suppltiv -.s. 9- PROBLEMA ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO SESSIONE SUPPLETIA Tm di: MATEMATICA. s. 9- Dt un circonrnz di cntro O rggio unitrio, si prndno

Dettagli

SOMMARIO. I Motori in Corrente Continua

SOMMARIO. I Motori in Corrente Continua SOMMARIO Gralità sull Macchi i Corrt Cotiua...2 quazio dlla forza lttromotric...2 Circuito quivalt...2 Carattristica di ccitazio...3 quazio dlla vlocità...3 quazio dlla Coppia rsa all'albro motor:...3

Dettagli

T13 Oneri per Indennita' e Compensi Accessori

T13 Oneri per Indennita' e Compensi Accessori T13 Oneri per Indennita e Compensi Accessori Qualifiche per le Voci di Spesa di Tipo I IND. IND RZ. INDNNITÀ VACANZA STRUTT. ART. 42, D MARIA PROFSSION CONTRATTU COMP. SCLUSIVITA POSIZION POSIZION - RISULTATO

Dettagli

Alberi di copertura minimi

Alberi di copertura minimi Albr d coprtur mnm Sommro Albr d coprtur mnm pr grf pst Algortmo d Kruskl Algortmo d Prm Albro d coprtur mnmo Un problm d notvol mportnz consst nl dtrmnr com ntrconnttr fr d loro dvrs lmnt mnmzzndo crt

Dettagli

COMUNICAZIONE INTERNA, SISTEMA INFORMATIVO, CONSIGLIO COMUNALE, SPORTELLO DEL CITTADINO

COMUNICAZIONE INTERNA, SISTEMA INFORMATIVO, CONSIGLIO COMUNALE, SPORTELLO DEL CITTADINO Nm prcmnt Dscrizin Fasi (dscrizin sinttica da input ad utput) Nrm rifrimnt rspnsabil istruttria Rspnsabil prcmnt mcgmmatricla richista infrmazini prcmnt incar tlf, fax pc inrizz Trmin cnclusi n prcm nt

Dettagli

10. Risorse umane coinvolte nella prima fase del progetto Ceis comunità.

10. Risorse umane coinvolte nella prima fase del progetto Ceis comunità. 0. Risrs uman cinvl nlla prima fas dl prg Cis cmunià. funzini n. n. r Oprari di Prg Prgazin, pianificazin dl prg O p r a ri d l p r g prari di bas prari cnici cn qualifica prfssinal prari spcializzai Op.

Dettagli

T13 Oneri per Indennita' e Compensi Accessori

T13 Oneri per Indennita' e Compensi Accessori T13 Oneri per Indennita e Compensi Accessori Qualifiche per le Voci di Spesa di Tipo I IND. IND RZ. INDNNITÀ VACANZA STRUTT. ART. 42, D MARIA PROFSSION CONTRATTU COMP. SCLUSIVITA POSIZION POSIZION - RISULTATO

Dettagli

Linee Guida per la Redazione del Bilancio Sociale delle Organizzazioni Non Profit. lo studio è stato realizzato in collaborazione con ALTIS

Linee Guida per la Redazione del Bilancio Sociale delle Organizzazioni Non Profit. lo studio è stato realizzato in collaborazione con ALTIS Linee Guida per la Redazione del Bilancio Sociale delle Organizzazioni Non Profit lo studio è stato realizzato in collaborazione con ALTIS 1 INDIC INDIC...2 PRFAZION...4 RINGRAZIAMNTI...6 PRSNTAZION...7

Dettagli

Conservatorio di Musica Giuseppe Tartini Trieste NUCLEO DI VALUTAZIONE

Conservatorio di Musica Giuseppe Tartini Trieste NUCLEO DI VALUTAZIONE Cnsrvari Musica Giuspp Tartini Trist NUCLEO DI VALUTAZIONE RELAZIONE ANNUALE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE sull dll a.a.2010/11 (DPR 28/2/03 n.132, art.10 cmma 2 ltt. b) Nucl valutazin Waltr Grbin Prsidnt

Dettagli

LINGUAGGI'CREATIVITA 'ESPRESSIONE' '

LINGUAGGI'CREATIVITA 'ESPRESSIONE' ' LINGUAGGICREATIVITA ESPRESSIONE 3 4ANNI 5ANNI Mniplrmtrilidivritipin finlizzt. Fmilirizzrindivrtntcnil cmputr Ricnsclmntidl mnd/rtificilcglindn diffrnzprfrmmtrili Distingugliggttinturlidqulli rtificili.

Dettagli

chiarezza delle aspettative dell organizzazione verso l individuo e chiara esplicitazione all individuo di tali aspettative

chiarezza delle aspettative dell organizzazione verso l individuo e chiara esplicitazione all individuo di tali aspettative FORMA 3: Valutazione dei comportamenti organizzativi Nozioni di base 1. LA VALUAZION DLL COMPNZ INDIVIDUALI 1.1 L COMPNZ INDIVIDUALI In base ai recenti contributi di numerosi autori, possiamo intendere

Dettagli

Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese

Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese 16 Annual Assicurazioni de Il Sole 24 Ore Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese Intervento del presidente dell Ania Aldo Minucci Milano, 28 ottobre 2014 1 Sono particolarmente contento

Dettagli

Analisi e proiezioni finanziarie per i singoli Comuni

Analisi e proiezioni finanziarie per i singoli Comuni ALLEGATO 5 Analisi e proiezioni finanziarie per i singoli Comuni Scenario di investimento minimo (progetti di prima priorità) Confronto tra la proiezione finanziaria dei singoli Comuni 2001-2009 e lo scenario

Dettagli

Le alluvioni e la protezione delle abitazioni

Le alluvioni e la protezione delle abitazioni Marzo 2015 Position paper Le alluvioni e la protezione delle abitazioni Le proposte del settore assicurativo per superare l attuale carenza di polizze Executive summary Nella storia umana le alluvioni

Dettagli

( D) =,,,,, (11.1) = (11.3)

( D) =,,,,, (11.1) = (11.3) G. Ptrucci Lzioni di Cotruzion di Macchin. CRITERI DI RESISTENZA La vrifica di ritnza ha o copo di tabiir o tato tniona d mnto truttura anaizzato è ta da provocarn i cdimnto into com rottura o nrvamnto.

Dettagli

ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI

ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI ARMONIZZAZION DI SISTMI CONTABILI D. Lgs. 118/2011 Maggio 2014 Le origini: il federalismo fiscale Legge 5/5/2009 n. 42 Delega al Governo in materia di FDRALISMO FISCAL in attuazione dell art. 119 della

Dettagli

Maggio 2013. A cura di

Maggio 2013. A cura di DOSSIER SUI COMUNI DELL EMILIA ROMAGNA COLPITI DAL SISMA Maggio 2013 A cura di INDICE Premessa: il quadro attuale ad un anno dal terremoto 3 1. I Comuni colpiti dal sisma: alcuni dati 5 2. Analisi comparata

Dettagli

SISMO. Storia sismica di sito di ManOppello

SISMO. Storia sismica di sito di ManOppello SISMO Storia sismica di sito di ManOppello Rapporto tecnico per conto del: Dr. Luciano D Alfonso, Sindaco Comune di Pescara (PE) Eseguito da: Umberto Fracassi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia

Dettagli

Cosa fanno gli altri?

Cosa fanno gli altri? Cosa fanno gli altri? Sig. Morgan Moras broker di riassicurazione INCENDIO (ANIA) Cosa fanno gli altri? rami assicurativi no copertura polizza incendio rischi nominali - rischio non nominato - esplosione,

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Progr.Num. 1388/2013 GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Questo giorno lunedì 30 del mese di settembre dell' anno 2013 si è riunita nella residenza di la Giunta regionale con l'intervento dei Signori:

Dettagli

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 Sommario 1. Inquadramento normativo generale 2. Trasferimenti di fabbricati 3. terreni edificabili 4. terreni agricoli 5. Successioni

Dettagli

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 Disposizioni di carattere finanziario indifferibili, finalizzate a garantire la funzionalità di enti locali, la realizzazione di misure in tema di infrastrutture, trasporti

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

Come leggere la bolletta dell acqua

Come leggere la bolletta dell acqua LE GUIDE DI IREN ACQUA GAS Come leggere la bolletta dell acqua Guida alla bolletta dell acqua a contatore per uso domestico LE GUIDE DI IREN ACQUA GAS La tariffa dell acqua per uso domestico Da quando

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

Anno 2013 Tipologia Istituzione U - UNITA' SANITARIE LOCALI. Istituzione 9565 - ASL VENEZIA - MESTRE 12 Contratto SSNA - SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE

Anno 2013 Tipologia Istituzione U - UNITA' SANITARIE LOCALI. Istituzione 9565 - ASL VENEZIA - MESTRE 12 Contratto SSNA - SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE nno 213 Tipologia Istituzione U - UNIT' SNIT LCLI Istituzione 9565 - SL VNZI - MSTR 12 Contratto SSN - SRVIZI SNIT NZINL Fase/Stato Rilevazione: pprovazione/ttiva Data Creazione Stampa: 19/6/215 14:15:25

Dettagli

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI»

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Avellino a cura del dr. Pasquale Trocchia Dirigente del Ministero dell Interno Responsabile delle

Dettagli

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014 Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della statale A.S. 2013/2014 Premessa In questo Focus viene fornita un anticipazione dei dati relativi all a.s. 2013/2014 relativamente

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Fonti: Eurostat - Regional statistic; Istat - Politiche di Sviluppo e

Dettagli

più credito per la tua impresa

più credito per la tua impresa Sei un impresa che vuole acquistare nuovi macchinari, impianti o attrezzature? più credito per la tua impresa : Agevolazioni anche per i settori di pesca e agricoltura Beni strumentali, l agevolazione

Dettagli

IL MONOPOLIO NATURALE E LA GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI

IL MONOPOLIO NATURALE E LA GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI IL MONOPOLIO NATURALE E LA GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI SOMMARIO 1. COS E IL MONOPOLIO NATURALE 2. LE DIVERSE OPZIONI DI GESTIONE a) gestione diretta b) regolamentazione c) gara d appalto 3. I

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

Ogni volta che un evento naturale come un terremoto, un eruzione

Ogni volta che un evento naturale come un terremoto, un eruzione Ci si può difendere dai terremoti? Sebbene si sappia da molto tempo che l Italia è un paese sismico la storia della classificazione sismica e quindi anche della normativa che avrebbe potuto ridurre i danni

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

Ordinanza n. 27 del 12 marzo 2013

Ordinanza n. 27 del 12 marzo 2013 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 27 del 12 marzo 2013 Controllo dei progetti

Dettagli

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Marzo 2011 2 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Il Dipartimento per le Comunicazioni, uno dei

Dettagli

INSER S.P.A. Ordine di Milano. Giugno 2014. Riservato e Confidenziale Documento non riproducibile

INSER S.P.A. Ordine di Milano. Giugno 2014. Riservato e Confidenziale Documento non riproducibile INSER S.P.A. Proposta di Agevolazione RC Professionale Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili Ordine di Milano Riservato e Confidenziale Documento non riproducibile Giugno 2014 Indice Proposta di

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

All Organismo Pagatore AGEA Via Palestro, 81 00185 ROMA. Via N. Tommaseo, 63-69 35131 PADOVA. Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA

All Organismo Pagatore AGEA Via Palestro, 81 00185 ROMA. Via N. Tommaseo, 63-69 35131 PADOVA. Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA AREA COORDINAMENTO Ufficio Rapporti Finanziari Via Salandra, 13 00187 Roma Tel. 06.49499.1 Fax 06.49499.770 Prot. N. ACIU.2015.140 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 20 marzo 2015 Organismo Pagatore AGEA

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

LEADER EUROPEO. Blocchi e Solai in Legno Cemento. Struttura antisismica testata e collaudata

LEADER EUROPEO. Blocchi e Solai in Legno Cemento. Struttura antisismica testata e collaudata LEADER EUROPEO Blocchi e Solai in Legno Cemento Struttura antisismica testata e collaudata Come da Linee Guida del Ministero LLPP Luglio 2011 TERREMOTO IN EMILIA 2012 Asilo a Ganaceto (MO) Intervento a

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

Ordinanza n.20 dell 8 Maggio 2015

Ordinanza n.20 dell 8 Maggio 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n.20 dell 8 Maggio 2015 Approvazione delle

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

COSTI ANNUI NON PROPORZIONALI ALLA PERCORRENZA

COSTI ANNUI NON PROPORZIONALI ALLA PERCORRENZA CONSIDERAZIONI METODOLOGICHE Per "costo di esercizio del veicolo", è inteso l'insieme delle spese che l'automobilista sostiene per l'uso del veicolo, più le quote di ammortamento (quota capitale e quota

Dettagli

Monitoraggio quantitativo della risorsa idrica superficiale Anno 2012

Monitoraggio quantitativo della risorsa idrica superficiale Anno 2012 Regione Toscana Giunta Regionale Direzione Generale Politiche mbientali, nergia e Cambiamenti Climatici Settore Servizio Idrologico Regionale Centro Funzionale della Regione Toscana M Monitoraggio quantitativo

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

JOHANN SEBASTIAN BACH Invenzioni a due voci

JOHANN SEBASTIAN BACH Invenzioni a due voci JOH EBTI BCH Invnzon a u voc BWV 772 7 cura Lug Catal trascrzon ttuata con UP htt//ckngmuscarchvorg/ c 200 Lug Catal (lucatal@ntrrt) Ths ag s ntntonally lt ut urchtg nltung Wormt nn Lbhabrn s Clavrs, bsonrs

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

aleatoria; se è nota la sua densità di probabilità ad essa si può associare una valore medio statistico. La grandezza così definita: (III.1.

aleatoria; se è nota la sua densità di probabilità ad essa si può associare una valore medio statistico. La grandezza così definita: (III.1. Caitolo III VALORI MEDI. SAZIONARIEÀ ED ERGODICIÀ III. - Mdi tatitich dl rimo ordi. Sia f( ) ua fuzio cotiua i aoci al gal alatorio (, t ζ ) la uatità dfiita dalla y f[(, t ζ )]. Ea idividua, a ua volta,

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

Tutti i nostri viaggi prevedono una copertura assicurativa inclusa nella Quota d Apertura Pratica,

Tutti i nostri viaggi prevedono una copertura assicurativa inclusa nella Quota d Apertura Pratica, ppur Tutti i nstri viggi prvdn un cprtur ssicurtiv clus nl Qut d Aprtur Prtic, grntit d Tutti i nstri viggi prvdn un cprtur ssicurtiv tiv utmticmnt clus nl Qut d iscriz, iz ssicurt t d In clbrz z cn 34

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96

Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96 Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96 Incontro formativo con gli operatori del territorio Lo stato dell arte del Fondo di Garanzia per le PMI Le attività di informazione e formazione operativa per

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI PREMESSA Si assiste sempre più spesso ad andamenti meteorologici imprevedibili e come tali differenti dall ordinario: periodi particolarmente asciutti alternati ad altri particolarmente piovosi. Allo stesso

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

Audizione dell Ufficio parlamentare di bilancio sull attuazione e le prospettive del federalismo fiscale

Audizione dell Ufficio parlamentare di bilancio sull attuazione e le prospettive del federalismo fiscale Audizione dell Ufficio parlamentare di bilancio sull attuazione e le prospettive del federalismo fiscale Tendenze dell autonomia tributaria degli enti territoriali di Alberto Zanardi Consigliere dell Ufficio

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli