1. LA STRUTTURA DI RELAZIONI TRA MANIFATTURA E SERVIZI ALLE IMPRESE IN UN CONTESTO EUROPEO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1. LA STRUTTURA DI RELAZIONI TRA MANIFATTURA E SERVIZI ALLE IMPRESE IN UN CONTESTO EUROPEO"

Transcript

1 1. La struttura di rlazioni tra manifattura srvizi all imprs in un contsto uropo LA STRUTTURA DI RELAZIONI TRA MANIFATTURA E SERVIZI ALLE IMPRESE IN UN CONTESTO EUROPEO La quota di srvizi sul commrcio mondial è aumntata in occasion dlla crisi dl 2009, pr poi ritornar sui livlli prvalnti dllo scorso dcnnio (circa il 20 pr cnto). Tuttavia, l unico cambiamnto nlla composizion dlla bilancia commrcial di srvizi, tra il 2007 il 2013, è dato dal miglioramnto dl saldo rlativo al comparto dgli altri srvizi all imprs (srvizi tcnici, di consulnza profssional gstional di qulli connssi al commrcio). Il miglioramnto non è attribuibil sclusivamnt alla flssion dll importazioni di srvizi all imprs, ma anch a un incrmnto dll sportazioni dl sttor di srvizi profssionali. L tavol intrsttoriali intrnazionali mostrano com il nolggio di macchinari gli altri srvizi all imprs rapprsntano ovunqu la quota di costo prpondrant sul total di srvizi acquistati; comunicazion logistica hanno invc un pso minor. L Italia (insim alla Spagna) spicca pr la maggior rilvanza dlla spsa in srvizi di trasporto. Un srcizio svolto sulla bas dll tavol intrsttoriali prmtt di dtrminar gli fftti ch un aumnto dlla produzion dl comparto manifatturiro gnra sull ammontar di produzion di srvizi all imprs. Fatto cnto l incrmnto dlla domanda di manifatturiri, la variazion incrmntal complssiva di srvizi all imprs risulta comprsa fra il 29,3 pr cnto dlla Grmania il 10,9 pr cnto dl Rgno Unito. L Italia, con il 27,3 pr cnto, si colloca al di sopra di Spagna (25,9 pr cnto) Francia (25,0 pr cnto). Inoltr, la capacità tdsca di attivazion dlla domanda stra di bni industriali risulta nttamnt suprior a qulla italiana: 100 uro di aumnto dlla domanda stra di manifatturiri attivano 14,5 uro di srvizi in Grmania 8,6 uro in Italia. Vi sono diffrnz anch tra i sttori attivanti : i mzzi di trasporto ricoprono in Grmania il pso maggior, sguiti dalla chimica farmacutica; in Italia, macchinari mtallurgia si confrmano invc com i comparti manifatturiri da cui provin il maggior impulso.

2 12 Rapporto sulla comptitività di sttori produttivi - Edizion Manifattura srvizi nlla fas di caduta dl commrcio intrnazional La crisi rcssiva dl 2009 è stata carattrizzata da un improvviso, violnto sincronizzato crollo dl commrcio mondial. 1 Bnché si siano vrificati altri pisodi di forti flssioni di flussi di scambio nl passato, l intnsità ch ha carattrizzato la crisi dl 2009 è stata snza prcdnti. Il crollo dl valor dgli scambi commrciali ha coinvolto simultanamnt tutti i pasi, sia avanzati sia mrgnti, tutti i sttori. Il commrcio di srvizi è stato colpito dalla crisi con minor intnsità risptto a quanto avvnuto nl caso dgli scambi di bni. 2 D altra part, ngli anni succssivi al 2009, l immdiata riprsa di flussi commrciali ha intrssato il comparto di srvizi con intnsità infrior (Figura 1.1); tali andamnti appaiono cornti con l vidnza storica rlativa alla minor lasticità alla domanda di srvizi risptto ai sttori produttori di bni. Di consgunza, la quota di srvizi su commrcio mondial è crsciuta nttamnt nl 2009 pr poi tornar sui valori prvalnti dalla mtà dgli anni novanta (circa il 20 pr cnto). Figura Dinamica dl commrcio mondial di bni di srvizi (indici di valori a przzi corrnti, 2000=100) Quot srvizi su commrcio mondial (scala dx) Bni 29,0 27,0 25,0 23,0 21,0 19,0 17, ,0 Font: laborazioni su dati Unctad In prcdnza, tra gli anni 80 90, gli scambi di srvizi rano crsciuti a tassi supriori risptto al commrcio di bni: la frammntazion dlla produzion, rsa possibil dai progrssi tcnologici dalla flssion di costi di trasporto, avva infatti favorito l stnsion dl procsso di globalizzazion anch ai srvizi, in particolar a qulli più strttamnt connssi con la produzion lo scambio di bni (trasporti srvizi finanziari). Praltro, il grado di aprtura intrnazional dl sttor trziario (calcolato in trmini di quota dll sportazioni sul prodotto intrno lordo), nonostant la continua crscita appna ricordata, rsta infrior a qullo dl sttor manifatturiro; 1 Si vda Baldwin (2009). 2 Com spigazion di qusta diffrnt dinamica occorr considrar ch la domanda pr srvizi è mno sposta a fluttuazioni ciclich l imprs produttrici di srvizi sono mno dipndnti dalla finanza strna (Borchrt Mattoo, 2009).

3 1. La struttura di rlazioni tra manifattura srvizi all imprs in un contsto uropo 13 pr l rogazion di alcuni srvizi è ncssaria la prossimità fisica gografica tra il produttor il consumator, rndndo più complssa la fornitura transfrontalira. Nl corso dlla crisi, la contrazion dgli scambi con l stro rgistrata pr l divrs catgori di srvizi è stata assai mno diffusa risptto a quanto vrificatosi nll ambito di bni (Figura 1.2). Nl 2009, risptto al 2007, solo i trasporti (una attività ch risnt dirttamnt dll andamnto dgli scambi di mrci) i srvizi finanziari (sttor da cui si è originata la crisi conomica intrnazional) hanno sgnato una contrazion dll sportazioni a livllo mondial. Il comparto dll costruzioni, anch sso fortmnt colpito dal crollo dl sttor immobiliar da una caduta dgli invstimnti, ha invc rgistrato la flssion dgli scambi con un crto ritardo d è poi prosguita snza intrruzioni. Allo stsso tmpo, i flussi commrciali rlativi all altr tipologi di srvizi sono progrssivamnt aumntati, a cczion di qulli dll assicurazioni, ch nl 2013 hanno mostrato una flssion. Sono invc risultati particolarmnt dinamici i srvizi informatici, gli scambi di royaltis licnz gli altri srvizi all imprs. Figura Esportazioni mondiali di srvizi commrciali pr catgoria, sclusi i viaggi (indici di valori a przzi corrnti, 2000=100) Trasporti Comunicazioni Costruzioni Assicurazioni finanziari informatici Royaltis licnz Altri srvizi all imprs Font: laborazioni su dati WTO I pasi avanzati rapprsntano ancora i principali protagonisti nll attività di produzion scambio di srvizi. Gli Stati Uniti l Union uropa rstano i maggiori sportatori mondiali, bnché la loro quota si sia ridotta tra il 2000 il Ngli scorsi anni è crsciuto anch il pso di pasi mrgnti, sbbn in misura minor risptto a quanto avvnuto pr la produzion lo scambio di bni; in particolar, la Cina è divnuta uno di principali sportatori mondiali di srvizi una rapidissima spansion ha intrssato l India (la cui quota è triplicata dall 1,1 pr cnto al 3,3 pr cnto). Nl 2013, tra i pasi uropi, Italia, Francia, Grmania, Rgno Unito Spagna hanno rcuprato il calo rgistrato nl rapporto tra sportazioni di bni prodotto intrno lordo durant gli anni dlla crisi (Tavola 1.1); pr quanto riguarda i srvizi, invc, l Italia è l unica conomia (tra qull citat in prcdnza) a non avr ancora rcuprato i livlli dl Rlativamnt al rapporto tra importazioni Pil, Italia Spagna hanno rgistrato una quota ancora infrior a qulla pr-crisi, sia ni bni, sia ni srvizi, a confrma dll maggiori difficoltà dlla domanda intrna.

4 14 Rapporto sulla comptitività di sttori produttivi - Edizion 2015 Tavola Esportazioni di bni su Pil (rapporti prcntuali, valori concatnati a przzi 2010) ESPORTAZIONI PAESI Bni Grmania 36,0 31,9 37,4 38,8 5,9 6,6 6,6 7,1 Spagna (a) 18,5 16,7 20,9 23,6 8,7 8,2 9,2 9,6 Francia 20,2 18,1 20,2 20,7 6,4 6,3 7,1 7,3 Italia 21,7 18,5 21,6 23,0 5,3 4,4 4,7 5,1 Rgno Unito 16,7 16,0 18,3 17,6 11,6 11,6 11,5 12,2 Ara dll Euro (18 pasi) 29,8 26,6 31,1 32,7 9,0 9,0 9,6 10,3 IMPORTAZIONI Bni Grmania 27,7 26,8 30,6 30,8 7,6 7,4 7,8 8,6 Spagna (a) 27,3 21,5 24,2 23,5 6,8 6,2 6,1 6,0 Francia 21,7 20,1 22,4 22,2 6,0 6,0 6,7 6,9 Italia 21,5 19,3 21,9 20,2 5,8 5,2 5,2 5,1 Rgno Unito 23,3 21,5 23,6 23,9 8,1 7,7 7,2 7,7 Ara dll Euro (18 pasi) 28,8 26,1 29,4 29,4 8,6 8,7 9,1 9,6 Font: Elaborazioni su dati Eurostat (a) Pr la Spagna non sono ancora disponibili i dati in bas 2010 sono stati usati i dati in bas al Sc a przzi Qust tndnz hanno influito solo parzialmnt sulla posizion ntta sull stro (Figura 1.3). In particolar, dal 2012 l Italia prsnta un saldo attivo ngli scambi con l stro di srvizi, condividndo la posizion di sportator ntto di srvizi con gli altri maggiori pasi dll Union uropa, a cczion dlla Grmania ch mantin un dficit. Risptto al 2007, tuttavia, non si ossrvano sostanziali mutamnti nlla posizion crditoria o dbitoria dll Italia pr l principali tipologi di srvizi, con la rilvant cczion dgli altri srvizi all imprs: in qusto insim di attività, ch comprnd srvizi tcnici, di consulnza profssional gstional qulli connssi al commrcio, nl 2013 l Italia è passata da un dficit di 7,3 miliardi di uro a un surplus di 1,5 miliardi. Il miglioramnto dl saldo non è attribuibil sclusivamnt a fattori di natura congiuntural, lgati alla flssion dll importazioni di srvizi all imprs ngli anni di maggior caduta dlla produzion industrial, ma anch a un incrmnto dll sportazioni dl sttor di srvizi profssionali. 3 Scondo i dati più rcnti, rlativi al 2013, il saldo attivo dl nostro Pas ha raggiunto 2,6 miliardi di uro continua in larga misura ad ssr dtrminato dal surplus nl sttor dl turismo ( viaggi all stro ) ch compnsa i saldi in passivo rgistrati pr la quasi totalità dll altr voci. Il sttor di trasporti continua a prsntar la più ampia posizion dficitaria, in pggioramnto risptto al 2007, così com in ntto dtrioramnto sono risultati gli scambi di srvizi finanziari, in cui il saldo è passato da una posizion di avanzo a una di disavan- 3 Si vda in proposito Annuario statistico Istat (2014c), tavola 3.2.1, intrscambio di srvizi pr tipologia, in cui sono disponibili i dati di Bilancia di pagamnti con un maggior dttaglio.

5 1. La struttura di rlazioni tra manifattura srvizi all imprs in un contsto uropo 15 zo. È inoltr pggiorato il passivo dl saldo rlativo a royaltis licnz srvizi informatici confrmando il ritardo dll Italia ni sttori a più lvato contnuto di tcnologia innovazion. Figura Italia: saldi di srvizi pr tipologia (miliardi di uro a przzi corrnti) Trasporti finanziari informatici pr il govrno Royaltis licnz Assicurazioni prsonali, culturali ricrativi Costruzioni Comunicazioni Altri srvizi all imprs Viaggi Total Font: laborazioni su dati Eurostat Con rifrimnto agli altri pasi, è da rimarcar l ntità dl saldo attivo dl Rgno Unito ni srvizi finanziari, nll assicurazioni, ngli altri srvizi all imprs; nl 2013 l attivo di qust ultimo comparto è risultato rilvant anch in Francia, in misura minor, in Grmania. In sintsi, l voluzion dgli scambi intrnazionali ha dtrminato ngli ultimi dcnni un pso crscnt di srvizi, di pari passo con l accrsciuta importanza di qusti ultimi nlla dtrminazion dl valor aggiunto all intrno dll singol conomi. La crscita conomica di un pas dipnd quindi in misura crscnt dalla capacità di sviluppo di srvizi, ch a loro volta, pr una quota rilvant, sono dirttamnt connssi all attività dlla manifattura. Ni prossimi paragrafi si intnd quindi mttr in luc l intrrlazioni tra manifattura srvizi, con lo scopo di valutar s, in quali comparti in ch misura, sia possibil individuar un trnd comun nlla loro voluzion congiuntural. 1.2 Domanda industrial attivazion di srvizi: un confronto uropo Com visto in prcdnza, il pso dl comparto di srvizi sull intra conomia è rilvant in tutti i pasi avanzati: nl 2011 in Italia ha gnrato circa i tr quarti dl valor aggiunto dl sistma produttivo, mntr l acquisto di srvizi ha rapprsntato poco mno dlla mtà dl total di consumi intrmdi dll imprs dlla spsa pr consumi finali dll famigli. Più in particolar, i sttori affrnti ai cosiddtti srvizi all imprs (trasporti logistica, comunicazion, intrmdiazion finanziaria, srvizi immobiliari, altri srvizi all imprs ch includono, tra gli altri, il lasing di macchinari l attività profssionali) hanno ralizzato poco mno dl 40 pr cnto dl valor aggiunto complssivo, con un incidnza simil sull ammontar di consumi intrmdi dl sistma produttivo.

6 16 Rapporto sulla comptitività di sttori produttivi - Edizion 2015 Una classificazion di srvizi all imprsa Una vasta gamma di attività di srvizi risulta, dirttamnt o indirttamnt, lgata alla fornitura di bni manufatti. Analogamnt a rcnti studi mpirici sulla rlazion tra manifattura srvizi (si vda ad smpio ECSIP Rport 2014), in qusto lavoro si adotta la classificazion proposta da Kox Rubalcaba (2007): i srvizi alla produzion (vdi Prosptto 1) sono suddivisi tra i cosiddtti srvizi businss rlatd, a loro volta distinti in srvizi di rt (ad smpio la distribuzion, trasporti logistica, srvizi finanziari, tlcomunicazioni, nrgia) srvizi all imprs in snso strtto. Qusti ultimi includono una sri di attività ch, attravrso il proprio uso com input intrmdi, influnzano la qualità l fficinza dll attività produttiv, compltando o sostitundo l funzioni di srvizio svolt /o prodott all intrno dll imprsa stssa (Kox Rubalcaba, 2007). All intrno dlla catgoria di businss srvics vngono inoltr distinti ultriormnt i srvizi oprativi, ch consistono in attività rlativamnt standardizzat (ad smpio, sicurzza, pulizia, amministrazion) i srvizi spcifici ad alto contnuto di conoscnza (KIBS, knowldg-intnsiv businss srvics ), quali produzion di softwar, computr, ricrca sviluppo, markting. Qusti ultimi sono anch qulli maggiormnt in grado di dtrminar fftti di spillovr di produttività pr la manifattura, in ultima analisi, pr l intro sistma conomico. 4 Prosptto 1 - Classificazion di srvizi alla produzion SERVIZI ALLA PRODUZIONE businss rlatd all imprs in snso strtto di rt (SR) ad alto contnuto di conoscnza (KIBS) oprativi (SO) - Softwar, consulnza informatica - Dirzion azindal di consulnza gstional - Attività lgali contabilità - Pubblicità ricrch di mrcato - Studi di architttura d inggnria; collaudi d analisi tcnich - Ricrca sviluppo - Ricrca, slzion, fornitura di prsonal - Vigilanza invstigazion - Pulizia disinfstazion - Agnzi di lavoro tmporano - Call cntr - Attività immobiliari - Nolggio lasing oprativo - Commrcio all ingrosso al dttaglio - Trasporto magazzinaggio (sclusi i srvizi postali) - finanziari assicurativi - Tlcomunicazioni, srvizi postali attività di corrir - Fornitura di nrgia lttrica, gas, vapor aria condizionata alla prsona parzialmnt utilizzati dall imprs ( Agnzi di viaggio, srvizi sanitari nll imprs, assicurazioni sociali) Font: adattamnto da Kox Rubalcaba (2007) Dal punto di vista funzional, ai srvizi di rt è associata la massima gnralità (cioè mancanza di carattristich spcifich dl clint), mntr i srvizi oprativi sbbn più standardizzati risultano più spcializzati in trmini di spcifich funzioni di supporto; i KIBS, infin, prsntano il più alto grado di spcificità dl clint (Viitamo 2007). In qusto Rapporto, la natura di dati disponibili ai fini di comparazion intrnazional la ncssità di rapprsntazion dll spcificità dl sistma produttivo italiano dtrminano livlli di aggrgazion divrsi da qulli prvisti dalla classificazion appna citata. In particolar, nl paragrafo sgunt, nl qual si intnd fornir un analisi dlla intrdipndnza fra i sttori manifatturiri qulli di srvizi all imprs tra i principali pasi uropi, è ncssario ricorrr a un livllo di aggrgazion lvato, soprattutto pr i srvizi all imprs. Al contrario, ni paragrafi succssivi, dov si samina più in dttaglio la prformanc di comparti di manifattura srvizi in Italia, si è sfruttata la disponibilità di un maggior livllo di disaggrgazion. 4 Si vda ad smpio Fostr t alii (2012), Wolfmayr (2008), Evanglista t alii (2014).

7 1. La struttura di rlazioni tra manifattura srvizi all imprs in un contsto uropo 17 Il pso complssivo di srvizi sull conomia ra analogo anch in Grmania Francia. Nl 2011, nl primo pas ha rapprsntato circa il 70 pr cnto dl valor aggiunto complssivo (circa il 35 pr cnto pr il sottoinsim di srvizi all imprs), mntr in Francia il valor aggiunto gnrato dall attività affrnti ai srvizi ha inciso pr l 80 pr cnto (40 pr cnto pr i businss srvics). In ntrambi i pasi, il pso di tali srvizi sul complsso di consumi intrmdi ra in lina con qullo riscontrato pr l Italia. I srvizi all imprs, dunqu, oltr a gnrar una part rilvant di valor aggiunto, rapprsntano un important input produttivo pr il comparto manifatturiro. Di sguito si intnd dlinar il ruolo ch l intrazion fra srvizi manifattura ricopr all intrno dl sistma produttivo italiano dgli altri principali pasi uropi (Grmania, Francia, Spagna, Rgno Unito). In primo luogo, utilizzando l informazioni fornit dall matrici di costi intrmdi, 5 si ralizza una mappatura dlla rlazion tra i du comparti attravrso l analisi dll incidnza di srvizi all imprs nlla struttura di costi dll imprs manifatturir. In scondo luogo, sulla bas dll informazioni fornit dall tavol dll intrdipndnz sttoriali (input-output), 6 si dfinisc il grado di attivazion ch la produzion manifatturira gnra sui sttori di srvizi all imprs. La quota dl complsso di srvizi di origin intrna importata sul total di costi intrmdi dl comparto manifatturiro (sttori industriali al ntto dll Costruzioni) si colloca fra il 16,2 pr cnto di Italia Gran Brtagna d il 21,1 pr cnto dlla Francia (Tavola 1.2). In tutti i pasi si riscontra una ntta prpondranza di acquisto di srvizi nazionali: l Italia prsnta l incidnza più lvata con oltr il 93,5 pr cnto, a front dl 87,4 pr cnto dlla Spagna, il pas dov il pso dll importazioni è maggior, 7 Grmania Rgno Unito si attstano su una quota di srvizi domstici di poco suprior al 90 pr cnto. Tavola Quota di costi pr acquisti di srvizi all imprs dlla manifattura (valori prcntuali) Italia Grmania Francia Spagna Rgno Unito Total Intrno Importato Intrno Importato Intrno Importato Intrno Importato Intrno Importato di trasporto 4,1 3,9 0,2 2,5 0,6 1,5 0,2 3,7 0,3 2,9 0,3 Magazzinaggio attività di supporto ai trasporti 0,9 0,8 0,1 1,3 0,2 1,6 0,2 1,5 0,1 0,4 0,0 Post tlcomunicazioni 0,6 0,5 0,0 0,5 0,1 0,4 0,0 1,0 0,1 0,7 0,1 Intrmdiazion finanziaria 1,9 1,8 0,1 1,5 0,1 2,3 0,1 1,8 0,2 2,8 0,4 Attività immobiliari 1,3 1,3 0,0 2,3 0,1 0,8 0,0 1,2 0,0 0,8 0,0 Altr attività di srvizi all imprs 7,5 6,8 0,6 10,9 0,9 13,2 1,0 7,4 1,6 7,1 0,7 Total 16,2 15,2 1,1 19,1 1,9 19,6 1,5 16,5 2,4 14,7 1,5 Font: Elaborazioni su dati WIOD 5 L matrici di costi intrmdi (il cosiddtto quadro intrmdio dlla matric dgli impighi) l tavol dll intrdipndnz sttoriali (dall quali si ricavano l matrici di cofficinti di attivazion) utilizzat pr l analisi sono tratt dalla bas di dati WIOD, ch contin informazioni intgrat sull principali matrici di Contabilità Nazional pr il complsso dll conomia mondial, con un dttaglio pr 40 pasi. 6 La tavola Input/Output o SIOT (Symmtric Input Output Tabls) vin costruita dall Istat, a partir dall tavol dll risors (Supply) dgli impighi (Us) sprss a przzi bas, in cornza con gli aggrgati dlla Contabilità Nazional. L tavol dll risors dgli impighi dscrivono un quadro dttagliato, rispttivamnt, dll offrta di bni srvizi (sia di produzion intrna sia di importazion) dl loro utilizzo pr usi intrmdi o finali, mostrando, inoltr, il valor aggiunto ( l su componnti) gnrato dall branch di attività conomica. La classificazion utilizzata pr l branch è la Atco Rv 2. 7 L lvata prcntual di srvizi nazionali attivata dalla domanda manifatturira discnd da divrsi fattori, affrnti all carattristich strutturali di sttori produttivi, quali l diffrnz nlla tcnologia prvalnt ni singoli sttori manifatturiri, il grado di concorrnza (sia nlla manifattura, sia ni srvizi), la spcificità di srvizi strnalizzati dall imprs.

8 18 Rapporto sulla comptitività di sttori produttivi - Edizion 2015 Nllo spcifico, la carta, la gomma plastica gli altri minrali non mtallifri sono i sttori ch prsntano la maggior incidnza di costi rlativi all acquisto di srvizi all imprs. La minor intrrlazion è invc mostrata dalla raffinazion dal comparto nrgtico. Con rifrimnto ai srvizi all imprs di origin intrna, l incidnza di costi pr il sistma manifatturiro italiano risulta più lvata pr il sttor dlla locazion di macchinari pr qullo dgli altri srvizi all imprs (ch rapprsntano il 6,8 pr cnto dl total di costi dl comparto manifatturiro), sguito dai srvizi di trasporto (3,9 pr cnto). Una minor intnsità ha carattrizzato invc la rlazion fra sttor industrial i srvizi di intrmdiazion finanziaria (1,8 pr cnto) qulli immobiliari (1,3 pr cnto), mntr la quota di costi complssivi connssi all acquisto di srvizi di logistica di comunicazion è infrior all 1 pr cnto. In trmini comparativi, s gli altri srvizi all imprs la locazion di macchinari rapprsntano in tutti i pasi la quota di costo prpondrant (arrivando fino al 13,2 pr cnto in Francia), la spsa pr srvizi di trasporto è particolarmnt intnsa solo in Italia d in Spagna (3,6 pr cnto), mntr ngli altri pasi si attsta al di sotto di du punti prcntuali. Pr qul ch attin ai srvizi di intrmdiazion finanziaria, l incidnza maggior si riscontra nl Rgno Unito (2,8 pr cnto) d in Francia (2,3 pr cnto); in Grmania si rgistra la quota più lvata (2,3 pr cnto) di acquisto di srvizi immobiliari. I srvizi di comunicazion la logistica prsntano in tutti i sistmi produttivi l incidnza minor, sppur si attstino ad una quota suprior al punto prcntual in Grmania, Francia Spagna. La mappatura dll rlazioni fra comparto manifatturiro srvizi all imprs dlinata finora attin alla struttura di costi. Pr approfondir ultriormnt il quadro, si sono tnut in considrazion l matrici dll intrdipndnz sttoriali (input-output) pr i divrsi pasi. In qusto modo, l rlazioni possono ssr studiat tnndo conto dlla spcificità tcnologica di sttori 8 dlla struttura produttiva di ciascun pas. In particolar, è possibil dtrminar gli fftti di attivazion ch un aumnto dlla produzion dl comparto manifatturiro gnra sull ammontar di produzion di srvizi all imprs. Fatto cnto l incrmnto dlla domanda di manifatturiri, i risultati riportati nlla Tavola 1.3 mostrano la variazion prcntual ch si gnrbb, qual somma dgli fftti dirtti d indirtti, sul volum di produzion intrna di sttori di srvizi all imprs in ciascun pas. Tavola Grado di attivazion dirtta indirtta dlla produzion dl trziario dtrminato da un aumnto dlla domanda di manifatturiri ni pasi uropi, anno 2011 (valori prcntuali) Italia Grmania Francia Spagna Rgno Unito di trasporto 35,8 34,4 17,1 35,5 17,7 Magazzinaggio attività di supporto ai trasporti 32,0 40,0 40,5 33,5 17,5 Post tlcomunicazioni 22,9 18,6 17,6 25,3 9,8 Intrmdiazion finanziaria 24,3 18,8 24,4 22,1 7,6 Attività immobiliari 11,4 15,1 6,4 11,1 4,7 Altr attività di srvizi all imprs 38,1 42,8 37,7 33,4 13,8 Total 27,3 29,3 25,0 25,9 10,9 Font: Elaborazioni su dati WIOD 8 L ipotsi dlla invarianza dlla tcnologia è una dll principali assunzioni alla bas dlla costruzion dll tavol input/output, insim a qulla dlla invarianza di przzi rlativi dll prfrnz di consumatori (ch implica la assnza di sostituzion tra l catgori di spsa pr consumi finali dll famigli).

9 1. La struttura di rlazioni tra manifattura srvizi all imprs in un contsto uropo 19 L srcizio vidnzia com l Italia sia, dopo la Grmania, il pas con la maggior attivazion di svizi all imprs da part dlla manifattura. La variazion incrmntal complssiva di srvizi all imprs è comprsa fra il 29,3 pr cnto dlla Grmania il 10,9 pr cnto dl Rgno Unito. In qusto contsto l Italia, con il 27,3 pr cnto si colloca appna al di sopra di Spagna (25,9 pr cnto) Francia (25,0 pr cnto). In gnral, dunqu, un incrmnto dlla produzion manifatturira provochrbb una risposta positiva di srvizi all imprs comprsa fra poco più di un quarto poco mno di un trzo dl loro volum di produzion. Una cczion è rapprsntata dal Rgno Unito. 9 Essndo tnut in considrazion l intrdipndnz intrn, il livllo di attivazion (risptto all analisi dlla struttura di costi) risnt dlla quota di srvizi all imprs importati, dlla composizion sttorial dll produzioni scondari di divrsi pasi dlla magnitudo conomica di sttori attivati attivanti. I risultati appaiono più divrsificati s si considra la composizion sttorial di srvizi attivati. L Italia si carattrizza pr un grado più lvato di attivazion di srvizi di trasporto, la Grmania pr l altr attività di srvizio all imprs, la Francia pr i srvizi di magazzinaggio post. Il ranking di sttori manifatturiri ch dtrminano i maggiori incrmnti di produzion ni comparti di srvizi all imprs appar sostanzialmnt simil ni pasi considrati: i raggruppamnti di alimntari bvand tabacco (cctto ch pr la Grmania), la mtallurgia i macchinari prsntano, infatti, in tutti i pasi ossrvati, l più lvat capacità di attivazion pr quasi tutti i srvizi all imprs. La prsnza di tal capacità di attivazion sia in sttori tradizionali (com gli alimntari), sia in qulli carattrizzati da un più lvato contnuto tcnologico (com i macchinari) è spigabil alla luc dgli obittivi dll stratgi d imprsa. Ni sttori di macchinari di mzzi di trasporto, la quota di costo di srvizi è crsciuta nl tmpo grazi alla ncssità di impostar più fficinti procssi di sviluppo; la crscnt complssità di l intgrazion di divrs tcnologi ha condotto all outsourcing di srvizi di ricrca sviluppo di inggnria, motivato sia da obittivi di risparmio, sia dalla ncssità di accsso a comptnz spcifich. Al contrario, ni comparti a bassa mdia tcnologia, gli sforzi pr aumntar l fficinza l fficacia dlla gstion dlla catna dl valor rapprsntano il drivr di crscita più important nll utilizzo dgli input di srvizi. I produttori prsguono un miglior posizionamnto comptitivo ni rispttivi mrcati di sbocco attravrso l utilizzo di srvizi a vall dl procsso di produzion, com la ricrca di mrcato la pubblicità, oltr all offrta di srvizi aggiuntivi (markting srvizi post-vndita) ai propri clinti. Qust industri low-tch, inoltr, prsntano gnralmnt lvat quot di costo pr srvizi di trasporto di distribuzion, a causa dlla loro rilvanza nlla produzion di bni di consumo. 9 Il minor grado di attivazion di srvizi da part dlla manifattura nl Rgno Unito è spigabil sulla bas dl minor pso rlativo dlla manifattura risptto ai srvizi in qusto pas. La manifattura rapprsntava nl 2011 il 18,2 pr cnto dl volum di produzion total dll conomia, a front dl 35 pr cnto di srvizi all imprs; ngli altri pasi considrati il pso dlla manifattura risultava invc assai più lvato (ad smpio il 33,6 pr cnto in Grmania o il 29,1 pr cnto in Italia).

10 20 Rapporto sulla comptitività di sttori produttivi - Edizion 2015 Qualch diffrnza è comunqu riscontrabil nlla capacità di attivazion di srvizi. In Grmania, ad smpio, la fabbricazion di cok di dalla raffinazion dl ptrolio prsnta una capacità di attivazion di srvizi di trasporto magazzinaggio nttamnt più lvata risptto a qulla dgli altri comparti dlla manifattura (Tavola 3), anch con rifrimnto all Italia agli altri pasi uropi (non riportati nlla tavola). Diffrnz significativ nlla capacità di attivazion di ciascuna dll branch di srvizi all imprs considrat mrgono anch con rifrimnto all industria di mzzi di trasporto. A intgrazion di qusti risultati, la Tavola 4 prsnta l incrmnto di produzion di srvizi gnrato da un aumnto pari a cnto dlla domanda stra di bni manufatti (limitatamnt alla Grmania all Italia). Si ossrva, in primo luogo, ch la capacità di attivazion di srvizi indotta dall xport manifatturiro dlla Grmania risulta nttamnt suprior a qulla dll Italia (14,5 contro l 8,6 pr cnto). Inoltr, pur con l dovut diffrnz in trmini quantitativi, i srvizi ch maggiormnt bnficiano dll incrmnto di produzion manifatturira sono gli stssi pr ntrambi i pasi: altri srvizi all imprs, trasporti magazzinaggio. Diffrnz, invc, mrgono dal lato di sttori industriali attivanti : mzzi di trasporto, chimica farmacutica in Grmania, macchinari mtallurgia in Italia. Tavola Grado di attivazion dirtta indirtta dlla produzion dl trziario dtrminato da un aumnto dlla domanda di manifatturiri, Italia Grmania, Anno 2011 (valori prcntuali) Alimntari bvand tabacco Industria tssil tssili Articoli in pll scarp Industria dl lgno, in lgno sughro Carta, in carta, ditoria Fabbricazion di cok raffinazion ptrolio Chimica chmici ITALIA Articoli in Gomm plastica Altri lavorazion minrali non mtallifri Mtallurgia in mtallo Macchinari Mzzi di trasporto Elttricità, gas acqua di trasporto 21,6 8,3 4,4 1,9 5,2 0,5 9,8 4,3 4,4 15,4 13,5 8,9 1,8 Magazzinaggio attività di supporto ai trasporti 21,8 8,8 4,5 1,6 5,8 0,9 10,0 4,5 4,1 14,5 13,8 8,0 1,7 Post tlcomunicazioni 17,8 8,0 3,2 1,7 6,3 1,2 8,5 4,1 4,3 16,5 14,7 7,8 5,8 Intrmdiazion finanziaria 15,8 8,0 3,3 1,7 4,8 1,1 8,4 3,7 3,8 20,8 17,0 7,8 3,8 Attività immobiliari 18,3 10,3 4,0 2,0 6,7 0,6 7,6 4,3 4,2 17,0 14,7 6,8 3,5 Altr attività di srvizi all imprs 16,3 8,1 3,6 1,4 6,4 0,6 8,7 4,5 4,3 17,9 16,2 9,1 2,7 GERMANIA di trasporto 9,1 0,9 0,1 1,4 4,6 14,6 8,8 3,4 4,4 14,7 10,6 20,2 7,2 Magazzinaggio attività di supporto ai trasporti 14,1 0,9 0,1 1,2 3,0 16,2 7,6 3,7 3,4 10,9 12,3 22,2 4,4 Post tlcomunicazioni 8,8 1,3 0,1 1,2 9,4 9,0 10,1 4,0 2,5 12,7 14,9 19,5 6,4 Intrmdiazion finanziaria 10,4 1,0 0,1 1,6 5,6 8,4 9,7 4,0 2,8 13,0 12,3 21,5 9,6 Attività immobiliari 10,8 1,3 0,1 1,4 6,0 8,7 9,1 3,7 2,6 12,2 12,6 25,1 6,2 Altr attività di srvizi all imprs 11,4 0,9 0,1 1,1 6,2 6,2 13,3 3,9 3,0 11,2 14,0 21,6 7,3 Font: Elaborazioni su dati WIOD Riassumndo, ni pasi considrati, i srvizi all imprs rapprsntano una quota important dl valor aggiunto dl sistma conomico. Tuttavia si rgistrano diffrnz non trascurabili nlla struttura sttorial dll rlazioni con la manifattura, di consgunza, nlla misura in cui la domanda pr l industria si trasmtt

11 1. La struttura di rlazioni tra manifattura srvizi all imprs in un contsto uropo 21 all intra conomia. I sistmi produttivi francs tdsco mostrano un grado di connssion fra srvizi all imprs comparto industrial snsibilmnt suprior a qullo riscontrato pr Italia, Spagna Rgno Unito. L incidnza dll importazioni di srvizi all imprs risulta molto contnuta in tutti i pasi. L tavol intrsttoriali rivlano com Italia Spagna prsntino profili simili in trmini dgli fftti di attivazion dll attività di srvizi da part dlla manifattura; n bnficrbbro i srvizi di trasporto in maggior misura risptto ai comparti dgli altri srvizi all imprs, com accad invc in Francia Grmania. Guardando più nl dttaglio ai sttori attivanti, mrg una sostanzial omognità nl sistma di rlazioni tra manifattura srvizi tra i pasi considrati: con l cczion dlla Grmania, alimntari bvand tabacco, la mtallurgia i macchinari rapprsntano i comparti con la maggior capacità di stimolar la produzion in tutti i sttori di srvizi all imprs. La pculiarità dlla struttura tdsca mrg anch considrando un impulso alla produzion provnint da un incrmnto di domanda stra: sbbn com ngli altri pasi considrati, trasporti magazzinaggio gli altri srvizi all imprs risultino l attività maggiormnt attivat, mrg un ruolo diffrnt nlla capacità di attivazion di comparti manifatturiri, dov i mzzi di trasporto, la chimica la farmacutica riflttono l importanza rivstita da qusti sttori all intrno dlla struttura industrial tdsca. Tavola Grado di attivazion dirtta indirtta dlla produzion dl trziario dtrminato da un aumnto dlla domanda stra di manifatturiri, Italia Grmania, Anno 2011 (valori prcntuali) Total Alimntari, bvand tabacco Tssil abbigliamnto Pll articoli in pll Lgno in lgno Carta, stampa d ditoria Raffinazion Chimici farmacutici Gomma plastica Minrali non mtallifri Mtallurgia in mtallo Macchinari Mzzi di trasporto Enrgia ITALIA di trasporto 11,1 12,7 8,8 6,7 1,3 3,2 0,2 10,9 4,4 2,9 17,1 20,1 11,6 0,0 Magazzinaggio attività di supporto ai trasporti 9,9 12,9 9,5 6,9 1,1 3,6 0,4 11,1 4,6 2,7 16,2 20,7 10,4 0,0 Post tlcomunicazioni 6,9 10,9 8,8 5,0 1,2 4,0 0,5 9,8 4,4 3,0 19,1 22,6 10,6 0,2 Intrmdiazion finanziaria 7,7 9,2 8,4 4,9 1,1 2,9 0,4 9,2 3,8 2,4 22,8 24,8 10,0 0,1 Attività immobiliari 3,5 10,9 11,1 6,2 1,4 4,2 0,2 8,6 4,4 2,8 19,2 22,1 8,9 0,1 Altr attività di srvizi all imprs 12,0 9,4 8,5 5,3 0,9 3,9 0,3 9,5 4,5 2,8 19,5 23,7 11,6 0,1 Total 8,6 GERMANIA di trasporto 16,0 7,8 1,7 0,2 0,9 4,3 6,8 15,8 4,3 3,4 13,8 13,6 25,8 1,4 Magazzinaggio attività di supporto ai trasporti 18,9 11,8 1,9 0,2 0,8 2,8 7,5 13,5 4,5 2,6 10,1 15,5 28,0 0,8 Post tlcomunicazioni 9,3 7, 0 2,4 0,3 0,7 8,3 3,9 17, 1 4,7 1,8 11,2 17, 9 23,4 1,2 Intrmdiazion finanziaria 9,1 8,5 2,1 0,2 1,0 5,1 3,8 16,9 4,9 2,1 11,8 15,3 26,5 1,8 Attività immobiliari 7, 5 8,6 2,6 0,2 0,9 5,2 3,8 15,3 4,3 1,9 10,8 15,1 30,1 1,1 Altr attività di srvizi all imprs 21,8 8,8 1,6 0,1 0,6 5,3 2,7 21,8 4,4 2,1 9,6 16,4 25,2 1,3 Total 14,5 Font: Elaborazioni su dati WIOD

Le politiche per l equilibrio della bilancia dei pagamenti

Le politiche per l equilibrio della bilancia dei pagamenti L politich pr l quilibrio dlla bilancia di pagamnti Politich pr ottnr l quilibrio dlla bilancia di pagamnti (BP = + MK = 0) nl lungo priodo BP 0 non è sostnibil prchè In cambi fissi S BP0 si sauriscono

Dettagli

Progetto I CARE Progetto CO.L.O.R.

Progetto I CARE Progetto CO.L.O.R. Attori in rt pr la mobilità di risultati dll apprndimnto Dirtta WEB, 6 dicmbr 2011 Progtto I CARE Progtto CO.L.O.R. Elmnti distintivi complmntarità Michla Vcchia Fondazion CEFASS gli obittivi Facilitar

Dettagli

REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA

REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA CONCORSO DI PROGETTAZIONE UNA NUOVA VIVIBILITA PER IL CENTRO DI NONANTOLA PROCESSO PARTECIPATIVO INTEGRATO CENTRO ANCH IO! REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA ESITO DELLE VOTAZIONI RACCOLTE DURANTE LE

Dettagli

Comunità Europea (CE) International Accounting Standards, n. 36. Riduzione durevole di valore delle attività

Comunità Europea (CE) International Accounting Standards, n. 36. Riduzione durevole di valore delle attività Scopo contnuto dl documnto Comunità Europa (CE) Intrnational Accounting Standards, n. 36 Riduzion durvol di valor dll attività Riduzion durvol di valor dll attività SOMMARIO Finalità 1 Ambito di applicazion

Dettagli

Parcheggi e altre rendite aeroportuali

Parcheggi e altre rendite aeroportuali Argomnti Parchggi altr rndit aroportuali Marco Ponti Elna Scopl La rgolamntazion dl sistma aroportual italiano fino al 2007 non ha vitato la formazion di rndit ingiustificat. In particolar l attività non-aviation,

Dettagli

Provvedimento di Predisposizione del Programma Annuale dell'esercizio finanziario 2014. Il Dsga

Provvedimento di Predisposizione del Programma Annuale dell'esercizio finanziario 2014. Il Dsga Provvdimnto di Prdisposizion dl Programma Annual dll'srcizio finanziario 2014 Il Dsga Visto Il Rgolamnto crnnt l istruzioni gnrali sulla gstion amministrativotabil dll Istituzioni scolastich Dcrto 01 Fbbraio

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÁ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI SALERNO PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÁ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI SALERNO PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO Distrtto Scolastico N 53 Nocra Infrior (SA) SCUOLA MEDIA STATALE Frsa- Pascoli Vial Europa ~ 84015 NOCERA SUPERIORE (SA) Tl. 081 933111-081 931395- fax: 081 936230 C.F.: 94041550651 Cod: Mcc.: SAMM28800N

Dettagli

GUIDE ITALIA Un confronto sulle ultime tendenze a supporto della semplificazione e dell efficienza

GUIDE ITALIA Un confronto sulle ultime tendenze a supporto della semplificazione e dell efficienza GUIDE ITALIA Un confronto sull ultim tndnz a supporto dlla smplificazion dll fficza L voluzion dll architttur IT Sogi RELATORE: Francsco GERBINO 16 novmbr 2010 Agnda Prsntazion dlla Socità Architttur IT

Dettagli

Esercizi sullo studio di funzione

Esercizi sullo studio di funzione Esrcizi sullo studio di funzion Prima part Pr potr dscrivr una curva, data la sua quazion cartsiana splicita f () occorr procdr scondo l ordin sgunt: 1) Dtrminar l insim di sistnza dlla f () ) Dtrminar

Dettagli

- Radioattività - - 1 - 1 Ci = 3,7 1010 dis / s. ln 2 T 2T = e ln 2 2 = e 2ln 2 = 1 4

- Radioattività - - 1 - 1 Ci = 3,7 1010 dis / s. ln 2 T 2T = e ln 2 2 = e 2ln 2 = 1 4 Radioattività - Radioattività - - - Un prparato radioattivo ha un attività A 0 48 04 dis / s. A quanti μci (microcuri) si riduc l attività dl prparato dopo du tmpi di dimzzamnto? Sapndo ch: ch un microcuri

Dettagli

PROGETTAZIONE DIDATTICA PER COMPETENZE

PROGETTAZIONE DIDATTICA PER COMPETENZE ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE G. M. MONTANI CONVITTO ANNESSO AZIENDA AGRARIA 63900 FERMO Via Montani n. 7 - Tl. 0734-622632 Fax 0734-622912 www.istitutomontani.it -mail aptf010002@istruzion.it Coc

Dettagli

Guida allʼesecuzione di prove con risultati qualitativi

Guida allʼesecuzione di prove con risultati qualitativi TitoloTitl Guida allʼscuzion di prov con risultati qualitativi Guid to prform tsts with qualitativ rsults SiglaRfrnc DT-07-DLDS RvisionRvision 00 DataDat 0602203 Rdazion pprovazion utorizzazion allʼmission

Dettagli

CORSO. FIM Via. associazione geometri liberi professionisti. della provincia di Modena. Sede. Costi. Colleg. 2 Pia. rispettivi tecnica.

CORSO. FIM Via. associazione geometri liberi professionisti. della provincia di Modena. Sede. Costi. Colleg. 2 Pia. rispettivi tecnica. CORSO MASTER associazion gomtri libri profssionisti dlla provincia Modna novmbr, cmbr 2014 gnnaio, fbbraio PERCORSO FORMATIVO DI 48 ORE Sd Il corsoo è organizzato prsso la sala convgni dl Collg io Gomm

Dettagli

Art. 1. - Campo di applicazione e definizioni Art. 2. - Classificazione di reazione al fuoco

Art. 1. - Campo di applicazione e definizioni Art. 2. - Classificazione di reazione al fuoco DM 10 marzo 2005 Classi di razion al fuoco pr i prodotti da costruzion da impigarsi nll opr pr l quali ' prscritto il rquisito dlla sicurzza in caso d'incndio. (GU n. 73 dl 30-3-2005) IL MINISTRO DELL'INTERNO

Dettagli

Poteri/ funzioni attribuiti dalla norma

Poteri/ funzioni attribuiti dalla norma Compiti funzioni attribuiti dalla tiva all nazional Lgg Art. 6, comma 5 Art. 6, comma 7, ltt.a Art. 6, comma 7, ltt.b Potri/ funzioni attribuiti dalla Vigilanza su tutti i contratti pubblici (lavori, srvizi

Dettagli

IL NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO SULL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI

IL NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO SULL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI IL NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO SULL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI D.Lgs. 192/2005 + D.Lgs. 311/2006 Vincnzo Corrado, Matto Srraino Dipartimnto di Enrgtica Politcnico Di Torino un progtto di:

Dettagli

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino:

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino: Prof. Emnul ANDRISANI Studio di funzion Funzioni rzionli intr n n o... n n Crttristich: sono funzioni continu drivbili in tutto il cmpo rl D R quindi non sistono sintoti vrticli D R quindi non sistono

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA BUSINESS PROCESS MODELING NOTATION (BPMN) 1

INTRODUZIONE ALLA BUSINESS PROCESS MODELING NOTATION (BPMN) 1 ITRODUZIOE ALLA BUSIESS PROCESS MODELIG OTATIO (BPM) 1 1. Prsntazin La ntazin BPM (http://www.bpn.rg) è sviluppata dalla Businss Prcss Managnt Initiativ dall Objct Managnt Grup (http://www.g.rg), assciazini

Dettagli

Corso di ordinamento - Sessione suppletiva - a.s. 2009-2010

Corso di ordinamento - Sessione suppletiva - a.s. 2009-2010 Corso di ordinmnto - Sssion suppltiv -.s. 9- PROBLEMA ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO SESSIONE SUPPLETIA Tm di: MATEMATICA. s. 9- Dt un circonrnz di cntro O rggio unitrio, si prndno

Dettagli

T13 Oneri per Indennita' e Compensi Accessori

T13 Oneri per Indennita' e Compensi Accessori T13 Oneri per Indennita e Compensi Accessori Qualifiche per le Voci di Spesa di Tipo I IND. IND RZ. INDNNITÀ VACANZA STRUTT. ART. 42, D MARIA PROFSSION CONTRATTU COMP. SCLUSIVITA POSIZION POSIZION - RISULTATO

Dettagli

T13 Oneri per Indennita' e Compensi Accessori

T13 Oneri per Indennita' e Compensi Accessori T13 Oneri per Indennita e Compensi Accessori Qualifiche per le Voci di Spesa di Tipo I IND. IND RZ. INDNNITÀ VACANZA STRUTT. ART. 42, D MARIA PROFSSION CONTRATTU COMP. SCLUSIVITA POSIZION POSIZION - RISULTATO

Dettagli

Il presente Regolamento Particolare di Gara. è stato approvato in data con numero di approvazione RM / CR /2015.

Il presente Regolamento Particolare di Gara. è stato approvato in data con numero di approvazione RM / CR /2015. Vrsion 5 3 Agosto Valità 2015 la Manifstazion : Campionato Italiano Rally Assoluto Campionato Italiano Rally Junior Campionato Italiano Rally Costruttori Coppa ACI-SPORT Rally CIR Equipaggi Inpndnti Coppa

Dettagli

2.1 Proprietà fondamentali dei numeri reali. 1. Elenchiamo separatamente le proprietà dell addizione, moltiplicazione e relazione d ordine.

2.1 Proprietà fondamentali dei numeri reali. 1. Elenchiamo separatamente le proprietà dell addizione, moltiplicazione e relazione d ordine. Capitolo 2 Numri rali In qusto capitolo ci occuprmo dll insim di numri rali ch indichrmo con il simbolo R: lfunzionidfinitsutaliinsimiavaloriralisonol oggttodistudiodll analisi matmatica in una variabil.

Dettagli

L ELLISSOIDE TERRESTRE

L ELLISSOIDE TERRESTRE L ELLISSOIDE TERRESTRE Fin dll scond mtà dl XVII scolo (su propost di Nwton) l suprfici più dtt ssr ssunt com suprfici di rifrimnto pr l Trr è stt individut in un ELLISSOIDE DI ROTAZIONE. E l suprfici

Dettagli

LA TRASFORMATA DI LAPLACE

LA TRASFORMATA DI LAPLACE LA RASFORMAA DI LAPLACE Pr dcrivr l voluzion di un itma in rgim tranitorio, oia durant il paaggio dll ucit da un rgim tazionario ad un altro, è ncario ricorrr ad un modllo più gnral riptto al modllo tatico,

Dettagli

Lo strato limite PARTE 11. Indice

Lo strato limite PARTE 11. Indice PARTE 11 a11-stralim-rv1.doc Rl. /5/1 Lo strato limit Indic 1. Drivazion dll qazioni indfinit di Prandtl pr lo strato limit sottil pag. 3. Intgrazion nmrica dll qazioni indfinit di Prandtl. 11 3. Lo strato

Dettagli

10. Risorse umane coinvolte nella prima fase del progetto Ceis comunità.

10. Risorse umane coinvolte nella prima fase del progetto Ceis comunità. 0. Risrs uman cinvl nlla prima fas dl prg Cis cmunià. funzini n. n. r Oprari di Prg Prgazin, pianificazin dl prg O p r a ri d l p r g prari di bas prari cnici cn qualifica prfssinal prari spcializzai Op.

Dettagli

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014 Indice 1 2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 214 RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI EDIZIONE 214 ISBN 978-88-458-1784-7 214 Istituto nazionale di statistica

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

chiarezza delle aspettative dell organizzazione verso l individuo e chiara esplicitazione all individuo di tali aspettative

chiarezza delle aspettative dell organizzazione verso l individuo e chiara esplicitazione all individuo di tali aspettative FORMA 3: Valutazione dei comportamenti organizzativi Nozioni di base 1. LA VALUAZION DLL COMPNZ INDIVIDUALI 1.1 L COMPNZ INDIVIDUALI In base ai recenti contributi di numerosi autori, possiamo intendere

Dettagli

SOMMARIO. I Motori in Corrente Continua

SOMMARIO. I Motori in Corrente Continua SOMMARIO Gralità sull Macchi i Corrt Cotiua...2 quazio dlla forza lttromotric...2 Circuito quivalt...2 Carattristica di ccitazio...3 quazio dlla vlocità...3 quazio dlla Coppia rsa all'albro motor:...3

Dettagli

COMUNICAZIONE INTERNA, SISTEMA INFORMATIVO, CONSIGLIO COMUNALE, SPORTELLO DEL CITTADINO

COMUNICAZIONE INTERNA, SISTEMA INFORMATIVO, CONSIGLIO COMUNALE, SPORTELLO DEL CITTADINO Nm prcmnt Dscrizin Fasi (dscrizin sinttica da input ad utput) Nrm rifrimnt rspnsabil istruttria Rspnsabil prcmnt mcgmmatricla richista infrmazini prcmnt incar tlf, fax pc inrizz Trmin cnclusi n prcm nt

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Alberi di copertura minimi

Alberi di copertura minimi Albr d coprtur mnm Sommro Albr d coprtur mnm pr grf pst Algortmo d Kruskl Algortmo d Prm Albro d coprtur mnmo Un problm d notvol mportnz consst nl dtrmnr com ntrconnttr fr d loro dvrs lmnt mnmzzndo crt

Dettagli

Linee Guida per la Redazione del Bilancio Sociale delle Organizzazioni Non Profit. lo studio è stato realizzato in collaborazione con ALTIS

Linee Guida per la Redazione del Bilancio Sociale delle Organizzazioni Non Profit. lo studio è stato realizzato in collaborazione con ALTIS Linee Guida per la Redazione del Bilancio Sociale delle Organizzazioni Non Profit lo studio è stato realizzato in collaborazione con ALTIS 1 INDIC INDIC...2 PRFAZION...4 RINGRAZIAMNTI...6 PRSNTAZION...7

Dettagli

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Università degli Studi di Perugia, Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline

Dettagli

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii . 2011-2014: il bilancio della crisi Il volume è stato realizzato a cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

( D) =,,,,, (11.1) = (11.3)

( D) =,,,,, (11.1) = (11.3) G. Ptrucci Lzioni di Cotruzion di Macchin. CRITERI DI RESISTENZA La vrifica di ritnza ha o copo di tabiir o tato tniona d mnto truttura anaizzato è ta da provocarn i cdimnto into com rottura o nrvamnto.

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

Conservatorio di Musica Giuseppe Tartini Trieste NUCLEO DI VALUTAZIONE

Conservatorio di Musica Giuseppe Tartini Trieste NUCLEO DI VALUTAZIONE Cnsrvari Musica Giuspp Tartini Trist NUCLEO DI VALUTAZIONE RELAZIONE ANNUALE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE sull dll a.a.2010/11 (DPR 28/2/03 n.132, art.10 cmma 2 ltt. b) Nucl valutazin Waltr Grbin Prsidnt

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA CAPITOLO 11 USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA Introduzione La conoscenza delle quantità di risorse utilizzate in un dato sistema socio-economico e più in generale di quelle necessarie al suo funzionamento

Dettagli

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO AMBASCIATA D ITALIA BERLINO ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO PRINCIPALI DATI MACROECONOMICI (Fonti: Istat, Destatis, Ministero federale delle Finanze, Ministero Economia e Finanze, Ministero

Dettagli

ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI

ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI ARMONIZZAZION DI SISTMI CONTABILI D. Lgs. 118/2011 Maggio 2014 Le origini: il federalismo fiscale Legge 5/5/2009 n. 42 Delega al Governo in materia di FDRALISMO FISCAL in attuazione dell art. 119 della

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Anno 2013 Tipologia Istituzione U - UNITA' SANITARIE LOCALI. Istituzione 9565 - ASL VENEZIA - MESTRE 12 Contratto SSNA - SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE

Anno 2013 Tipologia Istituzione U - UNITA' SANITARIE LOCALI. Istituzione 9565 - ASL VENEZIA - MESTRE 12 Contratto SSNA - SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE nno 213 Tipologia Istituzione U - UNIT' SNIT LCLI Istituzione 9565 - SL VNZI - MSTR 12 Contratto SSN - SRVIZI SNIT NZINL Fase/Stato Rilevazione: pprovazione/ttiva Data Creazione Stampa: 19/6/215 14:15:25

Dettagli

Stima degli impatti sull economia italiana derivanti dall accordo di libero scambio USA-UE

Stima degli impatti sull economia italiana derivanti dall accordo di libero scambio USA-UE Stima degli impatti sull economia italiana derivanti dall accordo di libero scambio USA-UE giugno 2013 Il presente rapporto è stato elaborato con le informazioni disponibili al 14 giugno 2013 da: Giulia

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

10s CATENA 1 - SPECIFICHE TECNICHE 2 - COMPATIBILITA ATTENZIONE! ATTENZIONE! HD-LINK ULTRA-NARROW CN-RE400 CX 10 ULTRA NARROW

10s CATENA 1 - SPECIFICHE TECNICHE 2 - COMPATIBILITA ATTENZIONE! ATTENZIONE! HD-LINK ULTRA-NARROW CN-RE400 CX 10 ULTRA NARROW CATNA 10s ULTRA NARROW 1 - SPCIFICH TCNICH 2 - COMPATIBILITA CX 10 HD-LINK ULTRA-NARROW CN-R400 L utilizzo di pignoni e ingranaggi non "Campagnolo" può danneggiare la catena. Una catena danneggiata può

Dettagli

JOHANN SEBASTIAN BACH Invenzioni a due voci

JOHANN SEBASTIAN BACH Invenzioni a due voci JOH EBTI BCH Invnzon a u voc BWV 772 7 cura Lug Catal trascrzon ttuata con UP htt//ckngmuscarchvorg/ c 200 Lug Catal (lucatal@ntrrt) Ths ag s ntntonally lt ut urchtg nltung Wormt nn Lbhabrn s Clavrs, bsonrs

Dettagli

LINGUAGGI'CREATIVITA 'ESPRESSIONE' '

LINGUAGGI'CREATIVITA 'ESPRESSIONE' ' LINGUAGGICREATIVITA ESPRESSIONE 3 4ANNI 5ANNI Mniplrmtrilidivritipin finlizzt. Fmilirizzrindivrtntcnil cmputr Ricnsclmntidl mnd/rtificilcglindn diffrnzprfrmmtrili Distingugliggttinturlidqulli rtificili.

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI

RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI TRA L ITALIA E I PAESI DEL NORD AFRICA MAROCCO TUNISIA ALGERIA LIBIA EGITTO L Italia, grazie anche alla prossimità geografica ed a storici rapporti politici e culturali,

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte IMPORT & EXPORT DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA 1 semestre 2013 A cura di: Vania Corazza Ufficio Statistica e Studi Piazza Mercanzia, 4 40125 - Bologna Tel. 051/6093421 Fax 051/6093467 E-mail: statistica@bo.camcom.it

Dettagli

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania)

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) Capitolo 8 Le imprese nell economia globale: esportazioni, outsourcing e multinazionali [a.a. 2012/13] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) 8-1 Struttura della

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 6 luglio 2010 Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 L Istat presenta un quadro sintetico del sistema energetico italiano nel 2009 e con riferimento all ultimo decennio. L analisi

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE2014. La situazione del Paese

RAPPORTO ANNUALE2014. La situazione del Paese RAPPORTO ANNUALE2014 La situazione del Paese Rapporto annuale 2014. La situazione del Paese. Presentato mercoledì 28 maggio 2014 a Roma presso la Sala della Regina di Palazzo Montecitorio RAPPORTO ANNUALE2014

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

OSSERVATORIO CONGIUNTURALE SULL'INDUSTRIA DELLE COSTRUZIONI. a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi

OSSERVATORIO CONGIUNTURALE SULL'INDUSTRIA DELLE COSTRUZIONI. a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi OSSERVATORIO CONGIUNTURALE SULL'INDUSTRIA DELLE COSTRUZIONI a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi Luglio 2014 L Osservatorio congiunturale sull industria delle costruzioni è curato dalla

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

TECO 13 Il Tavolo per la crescita

TECO 13 Il Tavolo per la crescita Componenti TECO 13 Il Tavolo per la crescita Assiot, Assofluid e Anie Automazione, in rappresentanza di un macro-settore che in Italia vale quasi 40 miliardi di euro, hanno deciso di fare un percorso comune

Dettagli

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili «Pas du pétrole mais des idées..» Lucio IPPOLITO Fisciano, 12 maggio 2011 L. IPPOLITO 2011

Dettagli

aleatoria; se è nota la sua densità di probabilità ad essa si può associare una valore medio statistico. La grandezza così definita: (III.1.

aleatoria; se è nota la sua densità di probabilità ad essa si può associare una valore medio statistico. La grandezza così definita: (III.1. Caitolo III VALORI MEDI. SAZIONARIEÀ ED ERGODICIÀ III. - Mdi tatitich dl rimo ordi. Sia f( ) ua fuzio cotiua i aoci al gal alatorio (, t ζ ) la uatità dfiita dalla y f[(, t ζ )]. Ea idividua, a ua volta,

Dettagli

TRASPORTO MERCI SU STRADA

TRASPORTO MERCI SU STRADA TRASPORTO MERCI SU STRADA Analisi economico-statistica delle potenzialità e criticità di un settore strategico per lo sviluppo sostenibile Trasporto merci su strada è una pubblicazione a cura di: ANFIA

Dettagli

Il trattamento completo che la tua Azienda merita

Il trattamento completo che la tua Azienda merita Il trattamento completo che la tua Azienda merita Chi siamo Omnia è un Consorzio il cui Management è formato da professionisti dalla consolidata esperienza nel campo della fornitura dei servizi alle aziende;

Dettagli

VERSO LA GREEN ECONOMY LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI E FONTI RINNOVABILI:

VERSO LA GREEN ECONOMY LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI E FONTI RINNOVABILI: VERSO LA GREEN ECONOMY LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI E FONTI RINNOVABILI: Gli Investimenti, le Ricadute Occupazionali, le Nuove Professionalità Rapporto di Ricerca - Bozza N. 04/2010 1 Responsabile Scientifico

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI

Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI Roberta Mosca (settembre 2008) 1 - L impennata dei prezzi delle materie prime La stabilità e la crescita dell economia globale è stata di recente

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo

Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo G ennaio 2015 L ACE L articolo 1 del decreto Salva Italia (D.L. n. 201 del 6 dicembre 2011, convertito con modificazioni nella L. n. 214 del 2011) ha

Dettagli

CONFEDERAZIONE ITALIANA DELLA PICCOLA E MEDIA INDUSTRIA PRIVATA. Roma, 6 Febbraio 2008

CONFEDERAZIONE ITALIANA DELLA PICCOLA E MEDIA INDUSTRIA PRIVATA. Roma, 6 Febbraio 2008 CONFEDERAZIONE ITALIANA DELLA PICCOLA E MEDIA INDUSTRIA PRIVATA IL SISTEMA CONFAPI Costituita nel 1947, Confapi è cresciuta insieme alla PMI italiana ed è oggi uno dei protagonisti della vita economica

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

L ANDAMENTO DELL ECONOMIA LOCALE I DATI STATISTICI

L ANDAMENTO DELL ECONOMIA LOCALE I DATI STATISTICI 13 L ANDAMENTO DELL ECONOMIA LOCALE I DATI STATISTICI RAPPORTO ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI FOGGIA INDICE PREMESSA 3 IL SISTEMA DELLE IMPRESE 5 IL MERCATO DEL LAVORO 18 IL COMMERCIO INTERNAZIONALE 24 IL

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo Politica fiscale Politica fiscale è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo polit fiscale 2 Saldo complessivo B s Entrate

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

Direttive della CAV PP D 02/2013

Direttive della CAV PP D 02/2013 italiano Commissione di alta vigilanza della previdenza professionale CAV PP Direttive della CAV PP D 02/2013 Indicazione delle spese di amministrazione del patrimonio Edizione del: 23.04.2013 Ultima modifica:

Dettagli

Redazione a cura della Direzione Generale della Programmazione unitaria e della Statistica regionale Via XXIX Novembre 1847, 23-09123 Cagliari

Redazione a cura della Direzione Generale della Programmazione unitaria e della Statistica regionale Via XXIX Novembre 1847, 23-09123 Cagliari 2011 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Redazione a cura della Direzione Generale della Programmazione unitaria e della Statistica regionale Via XXIX Novembre 1847, 23-09123 Cagliari Coordinamento generale:

Dettagli

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1 Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali Economia dei tributi_polin 1 Allocazione internazionale del capitale Si possono definire due principi di neutralità della tassazione del capitale

Dettagli

CAPITOLO 10 RIFIUTI. Coordinatore statistico: Cristina FRIZZA 1. Coordinatore tematico: Rosanna LARAIA 1 con il contributo di Andrea LANZ 1) ISPRA

CAPITOLO 10 RIFIUTI. Coordinatore statistico: Cristina FRIZZA 1. Coordinatore tematico: Rosanna LARAIA 1 con il contributo di Andrea LANZ 1) ISPRA 10. RIFIUTI CAPITOLO 10 RIFIUTI Autori: Letteria ADELLA 1, Gabriella ARAGONA 1, Patrizia D ALESSANDRO 1, Valeria FRITTELLONI 1, Cristina FRIZZA 1, Andrea Massimiliano LANZ 1, Rosanna LARAIA 1, Irma LUPICA

Dettagli

CIRCOLARE N. 28/E. Roma, 17 luglio 2015. Oggetto: Studi di settore periodo di imposta 2014. Direzione Centrale Accertamento

CIRCOLARE N. 28/E. Roma, 17 luglio 2015. Oggetto: Studi di settore periodo di imposta 2014. Direzione Centrale Accertamento CIRCOLARE N. 28/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 17 luglio 2015 Oggetto: Studi di settore periodo di imposta 2014. 2 SOMMARIO 1. PREMESSA... 3 1.1 CAUSE DI INAPPLICABILITÀ... 5 2. PRINCIPALI NOVITÀ...

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Progetto IMPORT STRATEGICO 2015. Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali

Progetto IMPORT STRATEGICO 2015. Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali Progetto IMPORT STRATEGICO 2015 Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali Milano, 10 febbraio 2015 IRAN - dati macroeconomici 2013 2014

Dettagli

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012 DIPARTIMENTO PER L'ENERGIA Direzione generale per la sicurezza dell'approvvigionamento e le infrastrutture energetiche DIV. VII - Statistiche ed analisi energetiche e minerarie BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

Patrimonio della PA. Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011

Patrimonio della PA. Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011 Patrimonio della PA Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011 Dicembre 2013 INDICE 1 Premessa e sintesi 3 2 La rilevazione delle partecipazioni detenute

Dettagli

Capitolo 17. Commercio con l estero e internazionalizzazione

Capitolo 17. Commercio con l estero e internazionalizzazione Capitolo 17 Commercio con l estero e internazionalizzazione 17. Commercio con l estero e internazionalizzazione Le statistiche sul commercio con l estero e sulle attività internazionali delle imprese

Dettagli

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT LEAR ITALIA MES/LES PROJECT La peculiarità del progetto realizzato in Lear Italia da Hermes Reply è quello di integrare in un unica soluzione l execution della produzione (con il supporto dell RFID), della

Dettagli