Raffinamenti dell equilibrio di Nash

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Raffinamenti dell equilibrio di Nash"

Transcript

1 Raffinamenti dell equilibrio di Nah equilibri perfetti nei ottogiohi (SPE) ed altro Appunti a ura di Fioravante PATRONE verione del: maggio ndie Equilibri perfetti nei ottogiohi (SPE) SPE problematii 4 3 Famoi SPE problematii: hain tore paradox e entipede 4 Equilibri perfetti e propri: enni 4 Vengono introdotti gli equilibri perfetti nei ottogiohi (he indiherò brevemente ome SPE, uando l aronimo inglee... ), derivendo anhe eempi problematii. Viene fatto un breve enno anhe ad altri raffinamenti (equilibri perfetti e propri). ink vari: Fioravante PATRONE ASD Suderia a Bellaria Deiori (razionali) interagenti Equazioni differenziali e urang-utang

2 Raffinamenti dell equilibrio di Nah Fioravante Patrone Equilibri perfetti nei ottogiohi (SPE) Si onideri il gioo (dovuto a Selten ) in forma etea di figura. (, ) T R (, ) B (, ) Figura : l gioo di Selten Quale riultato i i può attendere? Tenendo onto dei preuppoti di razionalità ed intelligenza dei gioatori, poiamo penare he giohi T. Perhè prevede he, quando toa a egliere, egli eglierà, vito he gli dà un riultato migliore he R (infatti ottiene un payoff pari ad e gioa, mentre e eglie R ottiene ). Vito he il payoff he ottiene dalle elte T ed è addirittura il migliore be lui poa avere in queto gioo, i poiamo davvero attendere he egli elga T. iò he abbiamo fatto non è tato altro he appliare il metodo dell induzione a ritroo: la hiave per riolvere il problema di oa gioare è tata l idea di andare a vedere oa avviene all ultimo nodo e da lì rialire ai nodi preedenti. Poiamo, omunque, rivere la forma trategia del gioo e vedere di trovarne gli equilibri di Nah: R T,, B,, Per la preiione, il gioo analizzato da Selten avrebbe ome payoff, da initra a detra, (3, ), (, ) e (, ). Dal punto di vita dell analii, non fa differenza. l gioo è tato oniderato da Selten, a pag. 37, in Spieltheoretihe Behandlung eine Oligopolmodell mit Nahfrageträgheit. Teil : Betimmung de dynamihen preigleihgewiht, Zeithrift für die geamte Staatwienhaft,, 3-34, 965. Ringrazio Pier Angelo Mori per avermi prourato queto famoo ontributo di Selten, diffiilmente rintraiabile nelle bibliotehe italiane.

3 Raffinamenti dell equilibrio di Nah Fioravante Patrone 3 Si vede immediatamente he queto gioo ha due equilibri (in trategie pure): (T, ) e (B, R). Quale è il eno del nuovo equlibrio he abbiamo trovato, ovvero (B, R)? Poiamo interpretarlo ome riultato di una minaia (di ritorione ) da parte di : e non gioa B (he dà a il riultato migliore poibile), allora per ritorione gioherà R, punendo il gioatore. Va notato, tuttavia, he punie anhe e teo! a elta di R non è infatti ottimale per, he ottiene un payoff migliore gioando. ome è poibile he un equilibrio di Nah preveda per un gioatore una elta ub-ottimale? a ripota è faile: in realtà, l equilibrio (B, R) non prevede affatto he giohi davvero R; la elta di B fa terminare il gioo e quindi non deve effettivamente fare queta elta. Più in generale, un equilibrio di Nah può prevedere delle elte non ottimali da parte dei gioatori, ma quete elte riguardano nodi dell albero he non vengono raggiunti, e viene appunto gioato quanto previto dall equilibrio. D altro anto, l equilibrio (B, R) embra omunque eere meno attendibile di quanto non lo foe (T, ). n effetti, la minaia da parte di di gioare R è ben poo attendibile: e lo ignora e gioa T, a queto punto, per la ua tea razionalità, gioherà. nomma, abbiamo operto he non tutti gli equilibri di Nah ono uguali. E queto lo abbiamo vito hiaramente utilizzando la forma etea. Tutto iò i porta alla definizione di equilibrio perfetto nei ottogiohi (SPE: ubgame perfet equilibrium), he è dovuto a Selten (965). Se i limitiamo, per empliità, ai giohi ad informazione perfetta, la ondizione he imponiamo è he non olo i abbia un equilibrio, ma he tale reti anhe quando retringiamo le trategie ai ottogiohi del gioo dato. Per un gioo ad informazione perfetta la definizione di ottogioo è empliiima: i tratta di oniderare un generio nodo e prenderlo ome radie del gioo. Oerviamo he il metodo della induzione a ritroo per trovare un equilibrio di Nah in un gioo ad informazione perfetta fornie, in realtà, un equilibrio perfetto nei ottogiohi. Se abbiamo un gioo ad informazione imperfetta, non è alun problema ad etendere la definizione di ottogioo. Eo arà individuato da un ottoinieme dei vertii dell albero dato, on la proprietà he e un nodo appartiene a queto ottoinieme, allora tutto l inieme di informazione individuato da queto nodo vi appartiene. l metodo di induzione a ritroo non può, però, eere generalmente appliato ai giohi a informazione imperfetta.

4 Raffinamenti dell equilibrio di Nah Fioravante Patrone 4 SPE problematii Se l idea di equilibrio perfetto nei ottogiohi permette di eliminare aluni equilibri di Nah, per oì dire inferiori, non i i deve però apettare he ompaiano tutti i problemi. Bata oniderare gli eempi delle figure, 3 e 4: provate a trovare gli SPE. E, oprattutto, erate di immaginare oa farete voi, e fote il gioatore. (, ) T R (, ) B l r (, ) (, ) Figura : Siete ottimiti o peimiti? (, ) T R (, ) B l r (, ) (, ) Figura 3: E qui, iete ottimiti o peimiti?

5 Raffinamenti dell equilibrio di Nah Fioravante Patrone 5 (, ) T R (, ) B l r (, ) (, ) Figura 4: E, infine, qui iete empre ottimiti?

6 Raffinamenti dell equilibrio di Nah Fioravante Patrone 6 Su una falariga analoga (ma non identia) ai tre eempi appena itati, i potrebbe anhe oniderare il gioo di figura 5, he poiamo aimilare all idea di ultimatum game. Si noti he in queto eempio è un unio equilibrio perfetto nei ottogiohi. T (, ) R (, ) B l r (5, 5) (, 5) Figura 5: Un ulteriore eempio ul tema dell ottimimo/peimimo

7 Raffinamenti dell equilibrio di Nah Fioravante Patrone 7 Un altro eempio è dato dalla figura 6. n queto ao è un unio SPE. Ma erto il gioatore potrebbe eere inattivito e fa la elta previta dal SPE. n effetti, queto gioo aomiglia al oiddetto ultimatum game, he è fore il più tudiato a livello della Teoria dei Giohi perimentale. l gioo dell ultimatum avviene oì: u un tavolo i ono monete T (, ) R (, ) B (, ) Figura 6: Una elta deliata? da euro. l gioatore deve fare una propota di partizione, indiando quante monete lui vuole prendere (da a 99). Dopo di he toa a, he può egliere tra due opzioni: aetta la propota di partizione di oppure rifiuta. Nel ao in ui rifiuti, entrambi i gioatori non prendono nulla. Nella figura 7 è diegnato (in parte: per ovvi motivi molti rami ono tati omei) il gioo in forma etea. E immediato verifiare he il SPE prevede he elga 99 monete per é e he aetti. Nella realtà effettiva, la probabilità he aetti, qualora tenga per é più di una ettantina di monete, è molto baa. Una prima piegazione di queti riultati è he non ono difformi dalle predizioni della Teoria dei Giohi: empliemente, le preferenze del gioatore non tengono onto olo dei oldi. Ma potrebbero (poono!) inorporare altri fattori: apetti di giutizia, o di rivala, od altro. Una ulteriore diffioltà he i ha on gli equilibri perfetti nei ottogiohi è legata al fatto he un ottogioo potrebbe avere due equilibri di Nah. Tenendo onto di queto, per un gioatore può aadere he una ua elta ia ottimale e viene gioato nel ottogioo un equilibrio di Nah, ma queta non lo ia più e invee venie gioato l altro. Bata vedere l eempio di Figura 8.

8 Raffinamenti dell equilibrio di Nah Fioravante Patrone 8 S 99 N 99 S 98 N q q q q q q q q q S 97 N S 98 N S 99 N Figura 7: ultimatum game l gioo ha due ottogiohi: é teo (ome empre), ed un ottogioo proprio. Nel ottogioo proprio i gioatori e affrontano la laia battaglia dei ei he ha due equilibri: (T, ) e (B, R). Se viene elto (T, ), queto omporta un payoff pari a 3 per he quindi eglierebbe S (vito he D gli dà un payoff pari a ). Se invee viene elto (B, R), a onviene l alternativa D he, ome già notato, gli dà un payoff pari a, invee he S he lo porterebbe ad ottenere. nomma, vi ono due SPE: (T,, S) e (B, R, D). l guaio è he non i apie ome poa apere quale arà la elta di e. nomma, ritroviamo anhe on gli SPE il problema della non rettangolarità. Analogo al gioo di Figura 8 è il gioo di Figura 9, ul quale non faio troppi ommenti, in quanto è, per l appunto, una emplie variante. (T t, l, S) e (Bb, Rr, D) ono due equilibri di Nah perfetti nei ottogiohi. Ei preuppongono he nei due ottogiohi iano gioati: nel primo ao, (T, ) e (t, l); nel eondo (B, R) e (b, r). Non è però faile omprendere da dove provengano tali doti divinatorie del gioatore. Solo per urioità, vediamo in Tabella la forma trategia del gioo di Figura 9:

9 Raffinamenti dell equilibrio di Nah Fioravante Patrone 9 S D T B.5.5 R R 3 Figura 8: Diffioltà a oordinare le apettative S D T B t b R R l r l r Figura 9: Diffioltà a oordinare le apettative

10 Raffinamenti dell equilibrio di Nah Fioravante Patrone l r Rl Rr Tt Tb Bt Bb eglie S l r Rl Rr Tt Tb Bt Bb eglie D Tabella : a forma trategia del gioo in Figura 9 3 Famoi SPE problematii: hain tore paradox e entipede Vi ono altri eempi in ui un SPE riulta eere problematio. Un paio ono molto famoi: il hain tore paradox (Selten, Theory and Deiion, 978) e il entipede (Roenthal, Journal of Eonomi Theory, 98). Nel ao del hain tore paradox, abbiamo un gioatore (la atena di upermerati) he i onfronta in equenza on vari gioatori (nell eempio di Selten ono, iauno in una ittà divera). iauno dei quali può deidere e aprire oppure no un upermerato. Rinvio alla lettura del lavoro originario di Selten per i dettagli e per le molte ed intereanti oniderazioni he fa. l gioo è otituito da una orta di ripetizioni di una truttura omponente (he è analoga all eempio he abbiamo uato per introdurre gli SPE), he è riportata in figura. idea è he il gioatore può deidere e aprire un upermerato (N) oppure no (OUT). Se non lo apre, ovveroia e non fa onorrenza alla atena di upermerati S, la atena S guadagna 5 (perhè non trova onorrenza) mentre lui reta on il apitale he aveva, ioè. Se uno apre il upermerato, la reazione di S può eere di due tipi diveri: A (A ta per aggreiva ), oppure ( ta per oniliante ). a elta A potrebbe orripondere, ad eempio, ad una guerra di prezzi, he porta di fatto ia he S a non guadagnare nulla (anzi, perde anhe il apitale he aveva). Se invee la elta è, di fatto i due i partiono il merato. È evidente he l equilibrio perfetto nei ottogiohi è (N,). Nel ao di due potenziali onorrenti per S, l albero è rappreentato in figura. equilibrio perfetto nei ottogiohi è indiato dalle free. l riultato è

11 Raffinamenti dell equilibrio di Nah Fioravante Patrone N OUT S (, 5) A (, ) (, ) payoff di S payoff di payoff di Figura : l gioo dell entrante N S A N OUT N S S A A 4 7 OUT 5 OUT Figura : l gioo dell entrante a due tadi N OUT S A 7 5 per i due potenziali rivali (he di fatto aprono entrambi il upermerato), e di 4 per la atena S. Si noti he S potrebbe ottenere un payoff pari a, e

12 Raffinamenti dell equilibrio di Nah Fioravante Patrone potee onvinere i due potenziali onorrenti a tare fuori dal merato. Se i potenziali rivali, anzihé eere due, ono venti (ome nell eempio originale di Selten), S riaverebbe un guadagno ben maggiore ( 5 anzihè ) e riuie a onvinerli he lui adotterebbe una trategia aggreiva. nomma, l idea di SPE non ontempla l utilità he può avere per un gioatore otruiri una reputazione : lo obbliga, e oì i può dire, a fare delle elte miopi, pur e razionali. eempio di Roenthal motra aluni apetti intereanti. Uno è he l eito di un SPE può eere ineffiiente. Ma queto non è erto una novità. Motra anh eo una orta di miopia nelle trategie he i gioatori vengono obbligati a gioare e i aetta l idea di SPE. apetto però più intereante riguarda un problema di ontraddittorietà nelle argomentazioni he tanno alla bae dell idea di SPE. l gioo è diegnato in figura (volendo, lo i può allungare a piaimento, per rendere anora più tridenti le diffioltà he emergono). (4, 4) D D D D D D D D (, ) (, ) (, ) (, 3) (, ) (, 4) (3, 3) (, 5) Figura : l entipede di Roenthal Sono già tate mee in evidenza (on free) le elte he orripondono al SPE. ome i vede, il riultato è ineffiiente. Ed un po di apaità di vedere lontano dovrebbe portare i gioatori a non defezionare ubito dal gioo. Ma è un problema anor più grave. Si peni al ragionamento he fa quando defeziona la terza volta in ui toa a lui gioare. Perhè defezionare? Perhè ritiene (da induzione a ritroo) he nella moa ueiva defezionerebbe. Ma e i trova davvero a dover gioare la ua terza moa, iò è olo perhé ha deio per ben tre volte di omportari in modo divero da ome prerive lo SPE (ed anhe teo, i noti!). Appare quindi un po urioo he defezioni ipotizzando un omportamento futuro di razionalità da parte di, he e foe tato adottato in paato non avrebbe ertamente portato a dover gioare!

13 Raffinamenti dell equilibrio di Nah Fioravante Patrone 3 Ritorniamo un momento ul gioo del entipede, di ui riporto otto una verione un po più orta per omodità (per avere una matrie un po più piola, enza perdere nulla di eenziale). Ho anhe indiato on imboli diveri le alternative diponibili in orripondenza dei vari nodi: quindi, D vuol dire he il gioatore defeziona alla prima moa, mentre ad eempio vuol dire he il gioatore ontinua alla eonda moa. 3 3 (3, 3) D d D d D 3 d 3 (, ) (, ) (, ) (, 3) (, ) (, 4) Abbiamo vito he è un unio SPE, ed abbiamo vito la problematiità he preenta la ua giutifiazione in queto gioo. Potremmo hiederi oa avvenga per gli equilibri di Nah. Preto detto. Poiamo rivere la forma normale del gioo, deritta dalla tabella eguente: d d d 3 d d 3 d d 3 d 3 d d 3 d 3 d 3 3 D D D 3 (, ) (, ) (, ) (, ) (, ) (, ) (, ) (, ) D D 3 (, ) (, ) (, ) (, ) (, ) (, ) (, ) (, ) D D 3 (, ) (, ) (, ) (, ) (, ) (, ) (, ) (, ) D 3 (, ) (, ) (, ) (, ) (, ) (, ) (, ) (, ) D D 3 (, ) (, ) (, ) (, ) (, ) (, ) (, ) (, ) D 3 (, ) (, ) (, ) (, ) (, ) (, ) (, ) (, ) D 3 (, ) (, ) (, ) (, ) (, 3) (, 3) (, ) (, ) 3 (, ) (, ) (, ) (, ) (, 3) (, 3) (, 4) (3, 3) Si vede failmente ome queto gioo abbia 6 equilibri di Nah, orripondenti alle oppie di trategie per ui i gioatori utilizzano la moa D (ripettivamente d ), e he individuano le 6 aelle del quadrante in alto e a initra della matrie del gioo in forma trategia.

14 Raffinamenti dell equilibrio di Nah Fioravante Patrone 4 Si noti ome l eito previto, omunque, dall equilibrio di Nah ia uguale a quello previto dal SPE. Per entrambi queti onetti di oluzione, i prevede he i gioatori defezionino alla prima moa. a differenza tra la predizione dell equilibrio di Nah e quella del SPE, è he l equilibrio di Nah non offre neuna retrizione al omportamento dei gioatori nei nodi eguenti, mentre il SPE è molto più rigido. Tanto è vero he di SPE e n è uno olo. Già he tiamo parlando di entipedi, vorrei itare un gioo he ha alune aratteritie imili al entipede. Si tratta del gioo prendere o laiare dovuto a Reny. Ne derivo qui otto la forma etea. Anhe qui, ome nel entipede, i arebbe la onvenienza a raggiungere l ultimo nodo. Eito he arebbe failmente prevedibile e foe poibile ottorivere aordi vinolanti (ovvero, nel onteto dei giohi ooperativi). ome nel entipede, ad ogni tadio la oluzione preferita è la deviazione. A differenza del entipede, più i proede ol gioo, e quindi più i i avviina all eito ooperativo più forti diventano gli inentivi a deviare. (n/, n/) D D D D D D (, ) (, ) (3, ) (, 4) (n, ) (, n) 4 Equilibri perfetti e propri: enni SPE ono un oiddetto raffinamento degli equilibri di Nah he frutta la forma etea. Sono però tati propoti altri raffinamenti he utilizzano olo la forma trategia. Mi limito a itare due nomi: gli equilibri perfetti (introdotti da Selten nel 975) e gli equilibri propri (dovuti a Myeron, 978). Vediamo un paio di eempi. Nel primo ao abbiamo due equilibri di Nah (in trategie pure): (T, ) e (B, R). Ma olo (T, ) è perfetto. Una oì ompleta libertà di omportamento non i ha empre! Ad eempio, nel Dilemma del Prigioniero ripetuto due volte non è he i gioatori poano fare quello he vogliono nei nodi dell albero non raggiunti dal gioo in equilibrio.

15 Raffinamenti dell equilibrio di Nah Fioravante Patrone 5 Nel gioo: R T,, B,, R T,, 9, 9 M,, 7, 7 B 9, 9 7, 7 7, 7 n queto gioo ia (T, ) he (M, ) ono equilibri perfetti, mentre olo (T, ) è proprio. idea di equilibrio perfetto è baata ul fatto he il gioatore non è in grado di evitare errori. E quindi un equilibrio dovrebbe eere, per oì dire, limite di equilibri he i ottengono obbligando i gioatori ad effettuare errori (il limite i fa faendo tendere a zero gli errori). idea di equilibrio proprio è imile, olo he i aume he un gioatore metta, per oì dire, più impegno ad evitare gli errori he per lui ono più otoi. Per una definizione formale, i rinvia ai manuali (ad e., Gibbon. Oppure Fudenberg e Tirole, ad anhe Myeron).

CHAPTER 1 CINEMATICA. 1.1. Moto Rettilineo

CHAPTER 1 CINEMATICA. 1.1. Moto Rettilineo ESERCIZI DI FISICA CHAPTER 1 CINEMATICA 1.1. Moto Rettilineo Velocità media: vettoriale e calare. Exercie 1. Carl Lewi ha coro i 100m piani in circa 10, e Bill Rodger ha vinto la maratona (circa 4km)

Dettagli

Errori di misura. è ragionevole assumere che una buona stima del valore vero sia la media

Errori di misura. è ragionevole assumere che una buona stima del valore vero sia la media Errori di miura Se lo trumento di miura è abbatanza enibile, la miura rietuta della tea grandezza fiica darà riultati diveri fra loro e fluttuanti in modo caratteritico. E l effetto di errori cauali, o

Dettagli

+ t v. v 3. x = p + tv, t R. + t. 3 2 e passante per il punto p =

+ t v. v 3. x = p + tv, t R. + t. 3 2 e passante per il punto p = 5. Rette e piani in R 3 ; sfere. In questo paragrafo studiamo le rette, i piani e le sfere in R 3. Ci sono due modi per desrivere piani e rette in R 3 : mediante equazioni artesiane oppure mediante equazioni

Dettagli

Problema 1: Una collisione tra meteoriti

Problema 1: Una collisione tra meteoriti Problema : Una colliione ra meeorii Problemi di imulazione della econda prova di maemaica Eami di ao liceo cienifico 5 febbraio 05 Lo udene deve volgere un olo problema a ua cela Tempo maimo aegnao alla

Dettagli

Teoria dei giochi Gioco Interdipendenza strategica

Teoria dei giochi Gioco Interdipendenza strategica Teoria dei giochi Gioco Interdipendenza strategica soggetti decisionali autonomi con obiettivi (almeno parzialmente) contrapposti guadagno di ognuno dipende dalle scelte sue e degli altri Giocatori razionali

Dettagli

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Laboraorio di Algorimi e Sruure Dai Aniello Murano hp://people.na.infn.i people.na.infn.i/ ~murano/ 1 Algorimi per il calcolo di percori minimi u un grafo 1 Un emplice problema Pr oblema: Supponiamo che

Dettagli

Liste di specie e misure di diversità

Liste di specie e misure di diversità Lte d pece e mure d dvertà Carattertche delle lte d pece I dat ono par, coè hanno molt valor null (a volte la maggoranza!) La gran parte delle pece preent è rara. I fattor ambental che nfluenzano la dtrbuzone

Dettagli

Impianti VAV di ultima generazione

Impianti VAV di ultima generazione PANORAMICA Impianti VAV di ultima generazione Prodotti all'avanguardia per la ventilazione regolabile u richieta! www.wegon.com La ventilazione regolabile u richieta garantice grande comfort e coti di

Dettagli

Messa a punto avanzata più semplice utilizzando Funzione Load Observer

Messa a punto avanzata più semplice utilizzando Funzione Load Observer Mea a punto avanzata più emplice utilizzando Funzione Load Oberver EMEA Speed & Poition CE Team AUL 34 Copyright 0 Rockwell Automation, Inc. All right reerved. Co è l inerzia? Tutti comprendiamo il concetto

Dettagli

Figura 2.1. A sottoinsieme di B

Figura 2.1. A sottoinsieme di B G Sammito, ernardo, Formulario di matematia Insiemi F Cimolin, L arletta, L Lussardi Insiemi Generalità Un insieme è una ollezione distinguibile di oggetti, detti elementi dell'insieme Quando un elemento

Dettagli

Controllo di Gestione (CdG)

Controllo di Gestione (CdG) Controllo di Gestione (CdG) Controllo di gestione (CdG) Controllo dei risultati a. Condizioni di fattiilità ed effiaia. Elementi. Grado di rigidità d. Potenzialità e. Svantaggi f. Profili istituzionali

Dettagli

GUIDA DELL UTENTE CARATTERISTICHE PRINCIPALI

GUIDA DELL UTENTE CARATTERISTICHE PRINCIPALI DORO Analisi e verifia di sezioni in.a., preompresso/post-teso e miste aiaio-alestruzzo v. 3.01.29 del 17 marzo 2015 dott. ing. FERRARI Alberto www.ferrarialberto.it GUIDA DELL UTENTE CARATTERISTICHE PRINCIPALI

Dettagli

Lezione 4. Risposte canoniche dei sistemi del primo e del secondo ordine

Lezione 4. Risposte canoniche dei sistemi del primo e del secondo ordine Lezione 4 Ripoe canoniche dei iemi del primo e del econdo ordine Parameri caraeriici della ripoa allo calino Per ripoe canoniche i inendono le ripoe dei iemi dinamici ai egnali coiddei canonici (impulo,

Dettagli

BOZZA. Lezione n. 20. Stati limite nel cemento armato Stato limite ultimo per tensioni normali

BOZZA. Lezione n. 20. Stati limite nel cemento armato Stato limite ultimo per tensioni normali Lezione n. Stati limite nel cemento armato Stato limite ultimo per tenioni normali Determinazione elle configurazioni i rottura per la ezione Una volta introotti i legami cotitutivi, è poibile eterminare

Dettagli

Il linguaggio Pascal. Piero Gallo Fabio Salerno

Il linguaggio Pascal. Piero Gallo Fabio Salerno Il linguaggio Pasal Piero Gallo Fabio Salerno Introduzione alla programmazione in Pasal In ogni momento della nostra vita siamo hiamati a risolvere dei problemi. A volte operiamo senza riflettere, spinti

Dettagli

1 2-6 7-74 Commento * Continuazione riga! Viene ignorato tutto quello che viene scritto dopo questo carattere [etichett a]

1 2-6 7-74 Commento * Continuazione riga! Viene ignorato tutto quello che viene scritto dopo questo carattere [etichett a] La programmazione è l'arte di far ompiere al omputer una suessione di operazioni atte ad ottenere il risultato voluto. Srivere un programma è un po' ome dialogare ol omputer, dobbiamo fornirgli delle informazioni

Dettagli

ALU STAFFE IN ALLUMINIO SENZA FORI

ALU STAFFE IN ALLUMINIO SENZA FORI ALU STAFFE IN ALLUMINIO SENZA FORI Giunzione a compara in lega di alluminio per utilizzo in ambienti interni ed eterni (cl. di erv. 2) Preforata con ditanze ottimizzate per giunzioni ia u legno (chiodi

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA PSICOGERIATRIA. anni di AIP. Relazione del Presidente in occasione del 10 Congresso Nazionale

ASSOCIAZIONE ITALIANA PSICOGERIATRIA. anni di AIP. Relazione del Presidente in occasione del 10 Congresso Nazionale ASSOCIAZIONE ITALIANA PSICOGERIATRIA anni di AIP Relazione del Preidente in occaione del 10 Congreo Nazionale Gardone Riviera (BS), 15 aprile 2010 Preidenti Onorari Mario Barucci Lodovico Frattola Pat

Dettagli

Gli uni e gli altri. Strategie in contesti di massa

Gli uni e gli altri. Strategie in contesti di massa Gli uni e gli altri. Strategie in contesti di massa Alessio Porretta Universita di Roma Tor Vergata Gli elementi tipici di un gioco: -un numero di agenti (o giocatori): 1,..., N -Un insieme di strategie

Dettagli

ONDE ESERCIZI SVOLTI DAL PROF. TRIVIA GIANLUIGI

ONDE ESERCIZI SVOLTI DAL PROF. TRIVIA GIANLUIGI ONDE ESERCIZI SVOLTI DAL PROF. TRIVIA GIANLUIGI 1. Tipi di Onde Exercie 1. Un onda viaggia lungo una corda tea. La ditanza verticale dalla creta al ventre è di 13 c e la ditanza orizzontale dalla creta

Dettagli

MACCHINE ELETTRICHE. Stefano Pastore. Macchine in Corrente Continua

MACCHINE ELETTRICHE. Stefano Pastore. Macchine in Corrente Continua MACCHINE ELETTRICHE Mahine in Corrente Continua Stefano Pastore Dipartiento di Ingegneria e Arhitettura Corso di Elettrotenia (IN 043) a.a. 2012-13 Statore Sistea induttore (Statore): anello in ghisa o

Dettagli

VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE

VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE Soluzioni di quesiti e prolemi trtti dl Corso Bse Blu di Mtemti volume 5 [] (Es. n. 8 pg. 9 V) Dell prol f ( ) si hnno le seguenti informzioni, tutte

Dettagli

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI statistica, Università Cattaneo-Liuc, AA 006-007, lezione del 08.05.07 IDICE (lezione 08.05.07 PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIAZA DELLE QUATITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIOE CO I DATI OSSERVATI 3.1 Valore

Dettagli

Travature reticolari piane : esercizi svolti De Domenico D., Fuschi P., Pisano A., Sofi A.

Travature reticolari piane : esercizi svolti De Domenico D., Fuschi P., Pisano A., Sofi A. Travature reticolari piane : esercizi svolti e omenico., Fuschi., isano., Sofi. SRZO n. ata la travatura reticolare piana triangolata semplice illustrata in Figura, determinare gli sforzi normali nelle

Dettagli

EQUAZIONI CON VALORE ASSOLUTO

EQUAZIONI CON VALORE ASSOLUTO VALORE AOLUTO EQUAZIONI CON VALORE AOLUTO Esercizi DIEQUAZIONI CON VALORE AOLUTO Esercizi Prof. Giulia Cagnetta ITI Marconi Domodossola (VB) *EQUAZIONI CON VALORE AOLUTO Data una qualsiasi espressione

Dettagli

LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE

LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI Dipartimeto di Sieze Eoomihe Uiversità di Veroa VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE Lezioi di Matematia per

Dettagli

La rappresentazione per elencazione consiste nell elencare tutte le coppie ordinate che verificano la relazione

La rappresentazione per elencazione consiste nell elencare tutte le coppie ordinate che verificano la relazione RELAZIONI E FUNZIONI Relzioni inrie Dti ue insiemi non vuoti e (he possono eventulmente oiniere), si ie relzione tr e un qulsisi legge he ssoi elementi elementi. L insieme A è etto insieme i prtenz. L

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

Se si insiste non si vince

Se si insiste non si vince Se si insiste non si vince Livello scolare: 2 biennio Abilità interessate Valutare la probabilità in diversi contesti problematici. Distinguere tra eventi indipendenti e non. Valutare criticamente le informazioni

Dettagli

Guida agli strumenti etwinning

Guida agli strumenti etwinning Guida agli strumenti etwinning Registrarsi in etwinning Prima tappa: Dati di chi effettua la registrazione Seconda tappa: Preferenze di gemellaggio Terza tappa: Dati della scuola Quarta tappa: Profilo

Dettagli

SEGNO DELLA FUNZIONE. Anche in questo caso, per lo studio del segno della funzione, occorre risolvere la disequazione: y > 0 Ne segue:

SEGNO DELLA FUNZIONE. Anche in questo caso, per lo studio del segno della funzione, occorre risolvere la disequazione: y > 0 Ne segue: CAMPO DI ESISTENZA. Poiché la funzione data è una razionale fratta, essa risulta definita su tutto l asse reale tranne che nei punti in cui il denominatore della frazione si annulla, cioè: C.E. { R: 0}

Dettagli

13. EQUAZIONI ALGEBRICHE

13. EQUAZIONI ALGEBRICHE G. Smmito, A. Bernrdo, Formulrio di mtemti Equzioni lgerihe F. Cimolin, L. Brlett, L. Lussrdi. EQUAZIONI ALGEBRICHE. Prinipi di equivlenz Si die identità un'uguglinz tr due espressioni ontenenti un o più

Dettagli

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Rosa Maria Mininni a.a. 2014-2015 1 Introduzione ai modelli binomiali La valutazione degli strumenti finanziari derivati e, in particolare, la valutazione

Dettagli

APPUNTI PER UN VIAGGIO SULLA TERRA D'AMERICA

APPUNTI PER UN VIAGGIO SULLA TERRA D'AMERICA APPUNTI PER UN VIAGGIO SULLA TERRA D'AMERICA 1. Forse è meglio osì azione arbitraria dominio della nona asa nell'in/ontro on/torto tra/verso e fortuito Ameria sulla via delle Indie nasere vibrazioni-vapore

Dettagli

Capitolo 7. Circuiti magnetici

Capitolo 7. Circuiti magnetici Capitolo 7. Circuiti magnetici Esercizio 7.1 Dato il circuito in figura 7.1 funzionante in regime stazionario, sono noti: R1 = 7.333 Ω, R2 = 2 Ω, R3 = 7 Ω δ1 = 1 mm, δ2 = 1.3 mm, δ3 = 1.5 mm Α = 8 cm 2,

Dettagli

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti Y T T I Numeri Complessi Operazioni di somma e prodotto su Consideriamo, insieme delle coppie ordinate di numeri reali, per cui si ha!"# $&% '( e )("+* Introduciamo in tale insieme una operazione di somma,/0"#123045"#

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

Ridefiniamo l Integrazione Verticale

Ridefiniamo l Integrazione Verticale Certifiazioni Ridefiniamo l Integrazione Vertiale Siliio Cristallino Siliio di prima selta garantise la qualità superiore dei prodotti finiti Certifiazioni Internazionali per la Siurezza del Prodotto Oggi

Dettagli

Il luogo delle radici (ver. 1.0)

Il luogo delle radici (ver. 1.0) Il luogo delle radici (ver. 1.0) 1 Sia dato il sistema in retroazione riportato in Fig. 1.1. Il luogo delle radici è uno strumento mediante il quale è possibile valutare la posizione dei poli della funzione

Dettagli

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione METODO DELLE FORZE CORSO DI PROGETTZIONE STRUTTURLE a.a. 010/011 Prof. G. Salerno ppunti elaborati da rch. C. Provenzano 1. METODO DELLE FORZE PER L SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTTICHE 1.1 Introduzione

Dettagli

Manuale di riferimento

Manuale di riferimento Manuale di riferimento Copyright 2011 2014 JetLab S.r.l. Tutti i diritti riservati è un marhio di JetLab S.r.l. Mirosoft, Windows, Windows NT, Windows XP, Windows Vista, Windows 7 e il logo di Windows

Dettagli

LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO

LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO APPUNTI PER IL CORSO DI ANALISI MATEMATICA I G. MAUCERI Indice 1. Introduzione 1 2. La funzione esponenziale 2 3. Il numero e di Nepero 9 4. L irrazionalità di e

Dettagli

B9. Equazioni di grado superiore al secondo

B9. Equazioni di grado superiore al secondo B9. Equazioni di grado superiore al secondo Le equazioni di terzo grado hanno una, due o tre soluzioni, risolvibili algebricamente con formule molto più complesse di quelle dell equazione di secondo grado.

Dettagli

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4 I SUSSIDI ALLE ESPORTAZIONI NELL AGRICOLTURA E NEI SETTORI AD ALTA TECNOLOGIA 10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole

Dettagli

Problema n. 1: CURVA NORD

Problema n. 1: CURVA NORD Problema n. 1: CURVA NORD Sei il responsabile della gestione del settore Curva Nord dell impianto sportivo della tua città e devi organizzare tutti i servizi relativi all ingresso e all uscita degli spettatori,

Dettagli

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI:

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: APPROFONDIMENTI In data 18 ottobre 2012, dopo un lungo iter parlamentare, il Senato ha approvato il maxi-emendamento al Disegno di Legge recante Disposizioni per la prevenzione

Dettagli

Teoria dei giochi ed evoluzione delle norme morali

Teoria dei giochi ed evoluzione delle norme morali Etica & Politica / Ethics & Politics, IX, 2007, 2, pp. 148-181 Teoria dei giochi ed evoluzione delle norme morali ROBERTO FESTA Dipartimento di filosofia Università di Trieste festa@units.it ABSTRACT Mathematical

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

Momento di una forza rispettto ad un punto

Momento di una forza rispettto ad un punto Momento di un fo ispettto d un punto Rihimimo lune delle definiioni e popietà sui vettoi già disusse ll iniio del oso Podotto vettoile: ϑ ϑ sin sin θ Il vettoe è dietto lungo l pependiole l pino individuto

Dettagli

La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3)

La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3) La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3) L'INSIEME OPPORTUNITÁ E IL VINCOLO DI BILANCIO Un paniere di beni rappresenta una combinazione di beni o servizi Il vincolo di bilancio o retta

Dettagli

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche (versione provvisoria) Marisa Faggini Università di Salerno mfaggini@unisa.it I beni pubblici rappresentano un esempio

Dettagli

LA TRASFORMATA DI LAPLACE

LA TRASFORMATA DI LAPLACE LA RASFORMAA DI LAPLACE Pr dcrivr l voluzion di un itma in rgim tranitorio, oia durant il paaggio dll ucit da un rgim tazionario ad un altro, è ncario ricorrr ad un modllo più gnral riptto al modllo tatico,

Dettagli

Introduzione alla Teoria dei Giochi

Introduzione alla Teoria dei Giochi Introduzione alla Teoria dei Giochi A. Agnetis Questi appunti presentano alcuni concetti introduttivi fondamentali di Teoria dei Giochi. Si tratta di appunti pensati per studenti di Ingegneria Gestionale

Dettagli

VERIFICA DI UN CIRCUITO RESISTIVO CONTENENTE PIÙ GENERATORI CON UN TERMINALE COMUNE E SENZA TERMINALE COMUNE.

VERIFICA DI UN CIRCUITO RESISTIVO CONTENENTE PIÙ GENERATORI CON UN TERMINALE COMUNE E SENZA TERMINALE COMUNE. FCA D UN CCUTO SSTO CONTNNT PÙ GNATO CON UN TMNAL COMUN SNZA TMNAL COMUN. Si verifino quttro iruiti on due genertori: genertori on polrità onorde e un terminle omune genertori on polrità disorde e un terminle

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

aleatoria; se è nota la sua densità di probabilità ad essa si può associare una valore medio statistico. La grandezza così definita: (III.1.

aleatoria; se è nota la sua densità di probabilità ad essa si può associare una valore medio statistico. La grandezza così definita: (III.1. Caitolo III VALORI MEDI. SAZIONARIEÀ ED ERGODICIÀ III. - Mdi tatitich dl rimo ordi. Sia f( ) ua fuzio cotiua i aoci al gal alatorio (, t ζ ) la uatità dfiita dalla y f[(, t ζ )]. Ea idividua, a ua volta,

Dettagli

Brochure La verità sull inchiostro

Brochure La verità sull inchiostro Brochure La verità sull inchiostro Sommario Fai clic sui collegamenti per vederne i paragrafi 1 mito: Le cartucce non originali HP sono affidabili tanto quanto le cartucce originali HP. 2 mito: La resa

Dettagli

Introduzione all elettronica

Introduzione all elettronica Introduzione all elettronica L elettronica nacque agli inizi del 1900 con l invenzione del primo componente elettronico, il diodo (1904) seguito poi dal triodo (1906) i cosiddetti tubi a vuoto. Questa

Dettagli

Un'altra difesa è possibile

Un'altra difesa è possibile Un'altra difesa è possibile Campagna per il disarmo e la difesa civile. Se vuoi la PACE prepara la PACE... fiscale in sede di dichiarazione dei redditi. Obiettivo L obiettivo è quello della costituzione

Dettagli

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys.

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys. METODO DEI MINIMI QUADRATI GIUSEPPE GIUDICE Sommario Il metodo dei minimi quadrati è trattato in tutti i testi di statistica e di elaborazione dei dati sperimentali, ma non sempre col rigore necessario

Dettagli

1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione.

1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione. 1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione. 1.1. Intorni circolari. Assumiamo come distanza di due numeri reali x e y il numero non negativo x y (che, come sappiamo, esprime la distanza tra i punti

Dettagli

Va, pensiero Chorus of Hebrew Slaves from Verdi s Nabucco

Va, pensiero Chorus of Hebrew Slaves from Verdi s Nabucco a, pensiero Chorus of Hebre Slaves from erdi s Nabuo a, pensiero, sull ali dorate; a, ti posa sui livi, sui olli, Ove olezzano tepide e molli L aure doli del suolo natal! Del Giordano le rive saluta, Di

Dettagli

Esercizi Capitolo 5 - Alberi

Esercizi Capitolo 5 - Alberi Esercizi Capitolo 5 - Alberi Alberto Montresor 19 Agosto, 2014 Alcuni degli esercizi che seguono sono associati alle rispettive soluzioni. Se il vostro lettore PDF lo consente, è possibile saltare alle

Dettagli

QUELL ATTIMO INFINITAMENTE SIMMETRICO

QUELL ATTIMO INFINITAMENTE SIMMETRICO QUELL ATTIMO INFINITAMENTE SIMMETRICO Illustrazione di Matteo Pericoli 2002 Lui. Onroignoub! Lei. Come dice, scusi? Lui. Ouroignoub. Ah, mi perdoni. Buongiorno. Credevo che si fosse tutti d accordo a parlare

Dettagli

ATTREZZATURE A TEMPERATURA POSITIVA

ATTREZZATURE A TEMPERATURA POSITIVA ANUGA COLONIA 05-09 OTTOBRE 2013 Ragione Sociale Inviare a : all'attenzione di : Padiglione Koelnmesse Srl Giulia Falchetti/Alessandra Cola Viale Sarca 336 F tel. 02/86961336 Stand 20126 Milano fax 02/89095134

Dettagli

FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE e CONTINUITA Roberto Argiolas

FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE e CONTINUITA Roberto Argiolas FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE e CONTINUITA Roberto Argiolas.8.6.. - -.5.5 -. In questa dispensa ricordiamo la classificazione delle funzioni elementari e il dominio di esistenza delle stesse. Inoltre

Dettagli

Consideriamo due polinomi

Consideriamo due polinomi Capitolo 3 Il luogo delle radici Consideriamo due polinomi N(z) = (z z 1 )(z z 2 )... (z z m ) D(z) = (z p 1 )(z p 2 )... (z p n ) della variabile complessa z con m < n. Nelle problematiche connesse al

Dettagli

Elettronica delle Telecomunicazioni Esercizi cap 2: Circuiti con Ampl. Oper. 2.1 Analisi di amplificatore AC con Amplificatore Operazionale reale

Elettronica delle Telecomunicazioni Esercizi cap 2: Circuiti con Ampl. Oper. 2.1 Analisi di amplificatore AC con Amplificatore Operazionale reale 2. Analisi di amplificatore AC con Amplificatore Operazionale reale Un amplificatore è realizzato con un LM74, con Ad = 00 db, polo di Ad a 0 Hz. La controreazione determina un guadagno ideale pari a 00.

Dettagli

Flusso a costo minimo e simplesso su reti

Flusso a costo minimo e simplesso su reti Flusso a costo minimo e simplesso su reti La particolare struttura di alcuni problemi di PL può essere talvolta utilizzata per la progettazione di tecniche risolutive molto più efficienti dell algoritmo

Dettagli

Svolgimento del gioco. Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni

Svolgimento del gioco. Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni Anno 1413 Il nuovo re d'inghilterra, Enrico V di Lancaster persegue gli ambiziosi progetti di unificare l'inghilterra e di conquistare la corona

Dettagli

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1 Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali Economia dei tributi_polin 1 Allocazione internazionale del capitale Si possono definire due principi di neutralità della tassazione del capitale

Dettagli

UN NUOVO ASSETTO DELLE APERTURE A LIVELLO 2

UN NUOVO ASSETTO DELLE APERTURE A LIVELLO 2 Lezione 14 LE APERTURE A LIVELLO 2 UN NUOVO ASSETTO DELLE APERTURE A LIVELLO 2 Tutto parte da una considerazione statistica: 4 aperture (da a ) per descrivere mani di 21+ Punti rappresenta uno spreco in

Dettagli

Slide con esempi di prezzi di Futures e opzioni quotate su Borsa Italiana sulle azioni di Unicredit.

Slide con esempi di prezzi di Futures e opzioni quotate su Borsa Italiana sulle azioni di Unicredit. Slide con esempi di prezzi di Futures e opzioni quotate su Borsa Italiana sulle azioni di Unicredit. http://www.borsaitaliana.it/borsa/azioni/scheda.html?isin=it0004781412&lang=en http://www.borsaitaliana.it/borsa/derivati/idem-stock-futures/lista.html?underlyingid=ucg&lang=en

Dettagli

Cronaca e intervista. Invito. linguistica. La cronaca è un articolo di giornale in cui sono narrati fatti pubblici e privati

Cronaca e intervista. Invito. linguistica. La cronaca è un articolo di giornale in cui sono narrati fatti pubblici e privati Invito INVITO alla ALLA LINGUISTICA linguistica Torna indietro David Strathairn in una scena del film Good Night, and Good Luck (2005). Regia di George Clooney. (Foto Webphoto) Cronaca e intervista La

Dettagli

TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA

TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA INTRODUZIONE Lo scopo dell esperienza è ricavare le grandezze termodinamiche per la reazione che avviene in una cella galvanica, attraverso misure di f.e.m. effettuate

Dettagli

COME MASSIMIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ

COME MASSIMIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ icroeconomia Douglas Bernheim, ichael Whinston Copyright 009 The cgraw-hill Companies srl COE ASSIIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ Supponiamo che il reddito mensile di Elena sia pari a Y e sia interamente

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

IL CLASSICO NEL PENSIERO E NELLE FORME

IL CLASSICO NEL PENSIERO E NELLE FORME - CEREA, VERONA IL CLASSICO NEL PENSIERO E NELLE FORME DALL AGNELLO F.LLI & C. s.n.c. di Dall Agnello Luigi Via Muselle, 377-37050 ISOLA RIZZA (VR) Tel. +39 045 6970644 - +39 045 7135697 - Fax +39 045

Dettagli

Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale

Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo Scelta

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

Filtri attivi del primo ordine

Filtri attivi del primo ordine Filtri attivi del primo ordine Una sintesi non esaustiva degli aspetti essenziali (*) per gli allievi della 4 A A T.I.E. 08-09 (pillole per il ripasso dell argomento, da assumere in forti dosi) (*) La

Dettagli

VBA. Il Visual Basic for Application. Funz ioni

VBA. Il Visual Basic for Application. Funz ioni VBA Il Visual Basic for Application Le funz ioni Le procedure Funz ioni µ E pos s ibile (e cons igliato) s comporre un problema i n sotto- problemi e combinar e poi assieme le s oluz i oni per ottenere

Dettagli

MINIMI QUADRATI. REGRESSIONE LINEARE

MINIMI QUADRATI. REGRESSIONE LINEARE MINIMI QUADRATI. REGRESSIONE LINEARE Se il coefficiente di correlazione r è prossimo a 1 o a -1 e se il diagramma di dispersione suggerisce una relazione di tipo lineare, ha senso determinare l equazione

Dettagli

APPUNTI DI MACCHINE ELETTRICHE versione 0.7

APPUNTI DI MACCHINE ELETTRICHE versione 0.7 APPUNTI DI MACCHINE ELETTRICHE versione 0.7 11 settembre 2007 2 Indice 1 ASPETTI GENERALI 7 1.1 Introduzione........................................ 7 1.2 Classificazione delle macchine elettriche........................

Dettagli

CINEMATICA DEL CORPO RIGIDO

CINEMATICA DEL CORPO RIGIDO INEMTI DE ORPO RIGIDO o tudo della geometra degl potament de punt d un tema materale potzzato come rgdo rentra n quella parte della Meccanca laca che è la nematca. a cnematca tuda pobl movment d un corpo

Dettagli

Collettori solari termici

Collettori solari termici Collettori solari termici 1 VELUX Collettori solari. Quello che cerchi. massima durabilità, facile installazione Estetica e integrazione A fferenza degli altri collettori solari termici presenti sul mercato,

Dettagli

VARIABILI ALEATORIE CONTINUE

VARIABILI ALEATORIE CONTINUE VARIABILI ALEATORIE CONTINUE Se X è una variabile aleatoria continua, la probabilità che X assuma un certo valore x fissato è in generale zero, quindi non ha senso definire una distribuzione di probabilità

Dettagli

Costruire una pila in classe

Costruire una pila in classe Costruire una pila in classe Angela Turricchia, Grazia Zini e Leopoldo Benacchio Considerazioni iniziali Attualmente, numerosi giocattoli utilizzano delle pile. I bambini hanno l abitudine di acquistarle,

Dettagli

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo.

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo. DALLE PESATE ALL ARITMETICA FINITA IN BASE 2 Si è trovato, partendo da un problema concreto, che con la base 2, utilizzando alcune potenze della base, operando con solo addizioni, posso ottenere tutti

Dettagli

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8 Creare e ripristinare immagine di con Windows 8 La versione Pro di Windows 8 offre un interessante strumento per il backup del computer: la possibilità di creare un immagine completa del, ovvero la copia

Dettagli

Lezioni di Matematica 1 - I modulo

Lezioni di Matematica 1 - I modulo Lezioni di Matematica 1 - I modulo Luciano Battaia 16 ottobre 2008 Luciano Battaia - http://www.batmath.it Matematica 1 - I modulo. Lezione del 16/10/2008 1 / 13 L introduzione dei numeri reali si può

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI INDIRETTI NEI SISTEMI TT

PROTEZIONE DAI CONTATTI INDIRETTI NEI SISTEMI TT POTEZONE DA CONTATT NDETT NE SSTEM TT Appunti a cura dell ng. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d ngegneria dell Università degli

Dettagli

Capitolo 5. Il mercato della moneta

Capitolo 5. Il mercato della moneta Capitolo 5 Il mercato della moneta 5.1 Che cosa è moneta In un economia di mercato i beni non si scambiano fra loro, ma si scambiano con moneta: a fronte di un flusso reale di prodotti e di servizi sta

Dettagli

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA ANDREA USAI Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Andrea Usai (D.I.S. Antonio Ruberti ) Laboratorio di Automatica

Dettagli

CS. Cinematica dei sistemi

CS. Cinematica dei sistemi CS. Cinematica dei sistemi Dopo aver esaminato la cinematica del punto e del corpo rigido, che sono gli schemi più semplificati con cui si possa rappresentare un corpo, ci occupiamo ora dei sistemi vincolati.

Dettagli

EQUAZIONI non LINEARI

EQUAZIONI non LINEARI EQUAZIONI non LINEARI Francesca Pelosi Dipartimento di Matematica, Università di Roma Tor Vergata CALCOLO NUMERICO e PROGRAMMAZIONE http://www.mat.uniroma2.it/ pelosi/ EQUAZIONI non LINEARI p.1/44 EQUAZIONI

Dettagli

DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO

DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO 92 Generazione dei concetti di prodotto Individuazione dei bisogni dei clienti Eseguire l analisi economica Analizzare i prodotti della concorrenza Costruire e collaudare

Dettagli