La pubblicità comparativa in Italia: molti numeri e poca ironia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La pubblicità comparativa in Italia: molti numeri e poca ironia"

Transcript

1 La pubblicità comparativa in Italia: molti numri poca ironia Antonio Aillo In Italia, la pubblicità comparativa si è contraddistinta soprattutto pr i suoi noiosi confronti tabllari, fondati su numri dati tcnici di prodotti comparati. La graffiant ironia dll pubblicità comparativ d Oltrocano non ha trovato spazio nll nostr campagn pubblicitari. Chi si aspttava una rivoluzion ngli spot si è dovuto ricrdr. L motivazioni non risidono solo nll limitazioni giuridich, ma anch nlla pculiarità di nostri orintamnti culturali. Introduzion Il fnomno dlla pubblicità comparativa rapprsnta ancora oggi pr i consumatori italiani un oggtto mistrioso prssoché sconosciuto, prlomno dal punto di vista pratico. A dici anni dall ntrata in vigor dl Dlgs n. 67/2000 ch, a conclusion di un lungo tormntato itr lgislativo, ha dato finalmnt vita a una spcifica organica normativa, i casi di comparazion pubblicitaria sono stati rlativamnt pochi tra qusti ancor mno sono stati qulli coinvolgnti di succsso. Chi pnsava a una rivoluzion ni mssaggi ngli spot si è dovuto ricrdr. In Italia, la pubblicità comparativa si è contraddistinta soprattutto pr i suoi toni sussurrati pr i dulli tra gntiluomini: l tabll comparativ fondat su przzi qualità oggttiv di prodotti confrontati sono, infatti, bn lontan dall ironia graffiant dgli slogan pubblicitari comparativi statunitnsi. A tal situazion ha sicuramnt contribuito una normativa proccupata più dagli fftti distorsivi drivanti da un utilizzo irrgolar dl format comparativo, ch dai miglioramnti in trmini di trasparnza d fficinza di mrcati: ngli Stati Uniti, pr smpio, è possibil ffttuar confronti non omogni; sono prmssi annunci di tipo sclusivamnt soggttivo; i tst sui prodotti non dvono ssr obbligatoriamnt crtificati da soggtti trzi indipndnti; il cosiddtto onr dlla prova non è a carico dlla socità insrzionista, ma dl targt brand. Non è un caso s è proprio in un contsto com qullo statunitns ch si sono diffus l cas historis più famos: Datril vs. Tylnol, PpsiCola vs. Coca- Cola, Bud vs. Coors. Tuttavia, oltr ch nll problmatich di ordin giuridico, l motivazioni di una diffusion così dbol dlla pubblicità comparativa nl nostro Pas sono da ricrcarsi anch ni limiti stratgici di una tcnica comunicativa non smpr Antonio Aillo Univrsità dgli Studi di Milano-Bicocca Consumatori, DirittiMrcato Diritti Mrcato 131

2 adguata alla nostra raltà conomica alla spcificità linguistica cultural dlla pubblicità italiana. Né l imprs, né i pubblicitari hanno saputo coglirn i vantaggi gli fftti positivi: i primi prché intimoriti dall vntualità di lungh dispndios battagli lgali, i scondi prché diffidnti di front a una tipologia di comunicazion pubblicitaria difficilmnt adattabil al contsto italiano. La mancanza tra l imprs di una cultura orintata alla prformanc alla comptitività ha crtamnt limitato l utilizzo dlla pubblicità comparativa, ma è stata soprattutto l incapacità di pubblicitari nl rndr i mssaggi coinvolgnti divrtnti a dcrtarn il dfinitivo insuccsso. L difficoltà pr i crativi drivano soprattutto dalla pculiarità dlla cultura pubblicitaria italiana, crsciuta all ombra dl Carosllo, dal consgunt attggiamnto ngativo di consumatori di front all invadnza dlla comunicazion commrcial all su tcnich di prsuasion. Il consumator mdio italiano, com vdrmo, guarda alla pubblicità comparativa con sosptto, più infastidito dal confronto gratuito aggrssivo ch attratto dalla maggior capacità informativa. La scarsa familiarità con la comparazion pubblicitaria gnra, infatti, diffidnza controargomntazioni. Il fort ntusiasmo inizial pr gli annunci comparativi, prvisto dai maggiori studiosi, non ha avuto luogo in un simil quadro tal forma di comunicazion si è diffusa poco, risultando la maggior part dll volt noiosa ragioniristica. Nasc, quindi, l signza di studiar più approfonditamnt l motivazioni di un simil insuccsso, ch non sono solo d sclusivamnt giuridich, capir com la pubblicità comparativa possa convincr gli intrlocutori italiani. L intnto è qullo di sviluppar un approfondimnto su un tma poco trattato dagli studiosi italiani poco sfruttato dagli addtti ai lavori, concntrando l attnzion sull oggtto i limiti di tal innovativa forma di comunicazion, con un occhio di riguardo allo struttural connubio tra diritto markting. I tratti salinti dlla pubblicità comparativa 132 La pubblicità comparativa rapprsnta una dll form di comunicazion più controvrs, allo stsso tmpo, più innovativ ch l imprsa può utilizzar pr gstir l rlazioni con il mrcato di consumatori. Qusta tipologia di comunicazion commrcial, s ffttuata corrttamnt, contribuisc a orintar l sclt conomich in modo più fficint: da una part il consumator possid maggiori informazioni ch possono guidarlo in una sclta consapvol pondrata di prodotti o di srvizi da acquistar, dall altra part la comparazion migliora la trasparnza l fficinza dl mrcato, stimolando una sana comptizion tra imprs concorrnti, l quali sono così indott a proporr offrt migliori a przzi smpr più comptitivi. Consumatori, Diritti DirittiMrcato Mrcato

3 Il maggior asptto qualificant risid, così com la stssa sprssion suggrisc, nlla comparazion, ma ciò non è sufficint a connotar una pubblicità com comparativa. Nonostant l sprssion possa smbrar di facil intuizion, sistono numros incrtzz di carattr dfinitorio. Pr qusto motivo è ncssario in primo luogo stabilir l ambito applicativo dl fnomno, crcando di dissipar i dubbi di carattr intrprtativo gnrati da una normativa non smpr illuminant. Nll attual quadro normativo, l art. 2, ltt. d, dl Dlgs n. 145/2007 dfinisc con il trmin pubblicità comparativa «qualsiasi pubblicità ch idntifica in modo splicito o implicito un concorrnt o bni o srvizi offrti da un concorrnt». È vidnt com il carattr sinttico dlla norma susciti nl lttor prplssità intrrogativi in mrito soprattutto all form con cui il confronto il rifrimnto ai comptitori vin ffttuato. La comparazion è, infatti, un lmnto insito in qualsiasi tipo di comunicazion pubblicitaria; anch la smplic saltazion di prgi di un prodotto può indurr il consumator a ffttuar paragoni ritnr ch dtrminat carattristich non siano prsnti ni prodotti di concorrnti. Nasc, quindi, l signza di dlimitar, in modo prciso inquivocabil, il campo di applicazion dlla pubblicità comparativa, vitando qualsiasi tipo di confusion con altr form di comunicazion ch a ssa vngono assimilat. L fattispci comunicazionali di gnr comparativo sono numros molto spsso rapprsntano catgori aprt non bn dfinit. È possibil imbattrsi in slogan dal basso contnuto comparativo autoclbrativi, com alta qualità, con aggiunta di vitamina C, snza coloranti o ni cosiddtti puffry, carattrizzati dall utilizzo di frasi suprlativ palsmnt iprbolich, com non ci sono paragoni, 10 lod, l unico imbattibil, oppur ni parity claim, così dnominati prché si limitano a sottolinar il livllo ottimal di un prodotto snza scludr la prsnza di altri di pari importanza. Nl caso di pubblicità comparativ indirtt, il confronto divnta più vidnt vin ralizzato attravrso la citazion di un altr gnrico o di una marca fittizia, oppur attravrso il ricorso a formul com un normal dntifricio, il solito dtrsivo, un comun pannolino, o ancora pr mzzo di qulla tcnica di drivazion statunitns ch va sotto il nom di brand x ch consist nl confrontar il prodotto pubblicizzato con prodotti concorrnti il cui nom è spsso sostituito con la lttra x. Il ricorso a simili form di comparazion pubblicitaria è stato quasi smpr tollrato accttato snza problmi dall autorità giudicanti, in virtù dlla prvalnza nl mssaggio pubblicitario di un intnto informativo non dnigratorio dll avvrsario. Un discorso a part mritano i format pubblicitari comparativi più dibattuti, ni quali il confronto con i concorrnti si manifsta in modo più intnso d vidnt: la pubblicità comparativa dirtta implicita la pubblicità comparativa dirtta splicita. Nl primo caso, nonostant il mssaggio pubblicitario non contnga l sprssa mnzion dl nom o dl marchio concorrnt altrui, gli spliciti inquivo- Consumatori, Diritti DirittiMrcato Mrcato 133

4 cabili rifrimnti in sso contnuti il contsto in cui si colloca l iniziativa promozional consntono al consumator di riconoscr facilmnt i concorrnti. L utilizzo di frasi com il principal concorrnt, la maggior compagnia italiana di..., il maggior produttor di... in situazioni di mrcato carattrizzat da un sostanzial duopolio, inducono il consumator a individuar con crtzza l idntità di concorrnti. Nl scondo caso il mssaggio pubblicitario opra un aprto confronto fra imprsa o prodotto/srvizio pubblicizzato una o più imprs o prodotti/srvizi concorrnti sprssamnt nominati. La spcifica mnzion dll imprsa avvrsaria costituisc l lmnto discriminant allo stsso tmpo maggiormnt dibattuto di qusta tipologia pubblicitaria. Nonostant il carattr intrlocutorio dlla lgg abbia contribuito a diffondr intrrogativi, dubbi intrprtazioni diffrnti, alla luc dlla classificazion qui ffttuata è ora possibil dfinir i confini applicativi dlla normativa sulla pubblicità comparativa. Un primo orintamnto di carattr più rstrittivo considra l individuazion dl concorrnt, il rquisito distintivo dcisivo dlla dfinizion normativa: l lmnto fondamntal risidrbb più nlla riconoscibilità dll imprsa comparata, ch nl confronto stsso. La comparazion sarbb solo una condizion ncssaria, ma non sufficint pr dlinar l ambito applicativo dlla norma. In tal snso, il Dlgs n. 145/2007 si rifrirbb non alla pubblicità ch individua i concorrnti in quanto tali, ma a qulla ch li idntifica in modo splicito (pubblicità comparativa dirtta splicita) o implicito (pubblicità comparativa dirtta implicita), nll ambito di un raffronto tra bni srvizi. Il scondo orintamnto, al contrario, attribuisc alla dfinizion di pubblicità comparativa un carattr più ampio, comprndndo prssoché l intra gamma dll divrs tipologi comparativ, quindi anch qull indirtt suprlativ. La cosiddtta idntificazion implicita, richiamata dalla dfinizion normativa, sarbb da attribuirsi non tanto alla comparazion pr rlationm, quanto a tutt l altr form nll quali il concorrnt è solo gnricamnt individuato. Nlla contrapposizion tra i divrsi orintamnti è da ritnr ch l intrprtazion fornita dall Autorità garant dlla concorrnza dl mrcato (Agcm) assuma una rilvanza fondamntal risolutoria. La Rlazion annual dl 30 april 2008 sull attività svolta nl 2007 ai snsi dl Dcrto Lgislativo n. 206/2005 ribadisc il consolidato orintamnto dll Agcm, scondo la qual, nlla nozion di pubblicità comparativa, rintra la sola pubblicità ch ralizza il confronto con uno o più concorrnti dtrminati, qulla cosiddtta dirtta. 1 Qusta prsa di posizion trova sprssa mnzion anch in alcun procdur istruttori, liminando così anch l ultim incrtzz sull ambito applicativo di tal forma di comunicazion pubblicitaria (Provv. Agcm, PI6006, n , in Boll. n. 44/2007) Dal sito Consumatori, DirittiMrcato Diritti Mrcato

5 Nll ambito di qusto articolo, pr pubblicità comparativa si intnd qul tipo di comunicazion commrcial carattrizzata dalla comparazion con uno o più prodotti/srvizi concorrnti, sprssamnt nominati o facilmnt riconoscibili. Limiti giuridici, culturali stratgici dlla pubblicità comparativa italiana Limiti giuridici: l condizioni di licità Com è stato anticipato, alla bas dl mancato sviluppo dlla pubblicità comparativa in Italia nll form ni modi con cui si è sprssa nl mrcato statunitns, c è sicuramnt una rgolamntazion rstrittiva ch ha scoraggiato la grand maggioranza dgli utnti dall adottar qusto tipo di stratgia comunicativa. Il doppio sistma di rgolamntazion fondato sulla disciplina dll pratich commrciali slali (Dlgs n. 146/2007) sulla disciplina gnral dlla pubblicità commrcial (Dlgs n. 145/2007) contrasta in modo vidnt con il prmissivismo dlla rgolamntazion d Oltrocano. Infatti, uno dgli asptti dgni di nota, introdotti dalla Dirttiva 97/55/C poi riprso pdissquamnt nl Dlgs n. 67/2000 nll attual normativa, è stata la prvision nll art. 3-bis di un insim di rgol dnominat, sppur impropriamnt, condizioni di licità (Fusi, Tsta, Cottafavi, 2000). Data l important utilità conomico-social riconosciuta alla pubblicità comparativa, qust condizioni si propongono di disciplinar in modo prciso puntual l ambito applicativo dlla matria, sottrandola così a dubbi incrtzz di carattr intrprtativo. La ncssità di chiarzza crtzza dl diritto, in particolar modo, l signza di conciliar uniformar posizioni molto distanti all intrno dlla Comunità uropa ha dato, prò, luogo a rgol improntat più al divito ch alla libralizzazion. Il risultato è stato un insim di norm poco organico limitativo, frutto di un attggiamnto prudnt dl lgislator dl compromsso tra chi sostnva i vantaggi informativi concorrnziali dlla pubblicità comparativa chi, al contrario, intravdva in ssa soltanto uno strumnto di dnigrazion dl concorrnt di confusion pr il consumator. In Italia, così com ngli altri Pasi uropi, la pubblicità comparativa dv rispttar un lvato numro di rquisiti. Affinché sia consntita, oltr al vincolo dlla non ingannvolzza, dv mttr a confronto bni o srvizi ch prsguono i mdsimi obittivi, dv ssr oggttiva vrificabil, non può rischiar di ingnrar confusion sui nomi, marchi prodotti propri o dl concorrnt, non può trarr indbiti vantaggi dalla notorità dll avvrsario non può in nssun modo ssr dnigratoria. Consumatori, DirittiMrcato Diritti Mrcato 135

6 È ncssario, quindi, ch il mssaggio comparativo sia corrtto, lal non forzatamnt manipolato in modo tal da ingigantir arbitrariamnt gli asptti diffrnziali di prodotti comparati. Così com è ncssario ch i bni a confronto siano qualitativamnt d conomicamnt fungibili ch l informazion fornita sia fdl alla raltà. La pubblicità comparativa dv ssr concrta, fattual, rilvant idona allo scopo pr la qual è stata libralizzata: fornir al consumator gli lmnti utili pr ffttuar intnzionali razionali sclt d acquisto. È bandito, quindi, il format comparativo puramnt suggstivo, basato su confronti privi di contnuti sostanziali oggttivi tipico dll advrtsing comparativo d Oltrocano. Sostanzialità dl confronto vrificabilità di contnuti costituiscono rquisiti ssnziali dlla comparazion pubblicitaria. Così com altrttanto fondamntal risulta la prvision normativa dlla fattispci comparativa dnigratoria, ch ha contribuito a rimuovr l rrono prgiudizio ch il confronto pubblicitario sia di pr s stsso discrditant. La qustion risulta molto dlicata: il confin tra una pubblicità comparativa lcita una dnigrativa è rso ancora più sottil dall innumrvoli modalità sfumatur con l quali la comunicazion si sprim l intrprt italiano si trova di front all arduo compito di valutar singol fattispci difficilmnt standardizzabili. I provvdimnti di valutazion italiani si carattrizzano consguntmnt pr la loro prudnza pr la rigorosa intrprtazion dl dttato normativo. S, da una part, la rigida applicazion dlla lgg ha attribuito maggior crdibilità alla comparazion pubblicitaria, dall altra part ha fortmnt influnzato la prczion l attggiamnto di consumatori vrso tal forma di comunicazion. I prudnti consumatori italiani hanno imparato a intrprtar i mssaggi comparativi sulla bas dll risultanz di provvdimnti amministrativi giudiziari, affidandosi a comunicazioni obittiv formali diffidando ancora di più di qull suggstiv d mozionali. In Italia, il ruolo attivo rprssivo dll autorità garant ha contribuito, molto probabilmnt, a rndr ancora più sospttoso timoroso l approccio di consumatori vrso la pubblicità comparativa. Orintamnti culturali nlla socità italiana 136 I limiti riscontrati dalla pubblicità comparativa nlla socità italiana non dipndono solo d sclusivamnt dal carattr ccssivamnt rstrittivo dlla corrispondnt normativa. Sarbb troppo smplicistico individuar nlla rigorosità dlla lgg la sola causa dl mancato sviluppo di una simil forma di comunicazion nl nostro Pas. Un altra important chiav di lttura di qusta situazion risid sicuramnt nlla spcificità di nostri orintamnti ni confronti dlla comunicazion pubblicitaria. Consumatori, DirittiMrcato Diritti Mrcato

7 La cultura, i valori, la storia di una socità influnzano in modo vidnt il contnuto dll form comunicativ la consgunt risposta a ss da part di consumatori. La dmonizzazion di consumi, dovuta ssnzialmnt a form di moralistico disfavor, ha smpr rapprsntato una costant dl nostro modo di pnsar, alimntata dall radicat conczioni anticonsumistich dll du maggiori idologi politich, qulla cattolica qulla marxista. Il risultato, sbbn ora mno prsnt, è stato un diffuso sntimnto di diffidnza vrso ogni forma di comunicazion pubblicitaria, soprattutto s innovativa, la nascita di una formula comunicativa ch non ha guali nl rsto dl mondo: il Carosllo (Pittri, 2006). L invnzion si risols in una formula ch allggriva l fftto invasivo dlla pubblicità nlla vita dgli italiani, attravrso il collgamnto di uno spttacolo comico o musical al cosiddtto codino pubblicitario. La pubblicità vniva così stmprata all intrno dl normal palinssto tlvisivo somministrata a piccol dosi. S da una part qusta originalità comunicativa ha contribuito a crar una rlazion positiva di fiducia con i consumatori italiani, dall altra part ha condizionato in modo fin troppo vidnt il linguaggio dlla pubblicità italiana, gnrando una sorta di dipndnza sprssiva. La prdominanza dgli lmnti narrativi di dialogo, la comicità dll scntt, la prsnza catalizzatric di prsonaggi famosi i toni gntili dlla comunicazion costituiscono ancora oggi gli asptti ch ricorrono maggiormnt nlla nostra pubblicità ch, a sconda di molti, mal si conciliano con l carattristich - assai mno garbat - dlla comparazion pubblicitaria. La pubblicità nlla sua formula comparativa finisc con il prdr il suo attggiamnto ludico divrtnt, pr divntar una smplic noiosa lncazion di numri a confronto. La comicità dlla comunicazion sparisc, fagocitata dal timor dll imprs di pubblicitari di incorrr nlla dnigrazion dl concorrnt in consgunti vrtnz lgali. Inoltr, l lmnto discorsivo tipico dll pubblicità nostran rapprsnta indubbiamnt un ostacolo pr una stratgia comunicativa, com qulla dlla pubblicità comparativa, ch fa dl mssaggio sinttico allusivo una dll su armi migliori. Infatti, nll comunicazioni pubblicitari comparativ stranir, la parodia all italiana non trova spazio, lasciando campo libro al disincantato gioco dll ironia. L ironia cra condivision, gratifica il pubblico lo prdispon favorvolmnt alla riczion dl mssaggio, stimolando il suo bisogno di partcipazion attiva (Polsana, 2005). Dunqu è da chidrsi: prché mai in un Pas crativo com qullo italiano la pubblicità comparativa continua a mantnr toni bassi poco coinvolgnti? In Italia, uno di luoghi comuni più diffusi è ch il mssaggio ironico, con i suoi giochi ambigui allusivi, rischia di non ssr comprso. Consumatori, DirittiMrcato Diritti Mrcato 137

8 Il timor di non ssr capiti dall intrlocutor italiano induc i pubblicitari a ricorrr a un linguaggio più facilmnt comprnsibil com qullo dlla comicità, affidandosi a formul di comunicazion consrvatrici. Il rischio di fallimnto è rso ancora più lvato dal fatto ch, al giorno d oggi, conquistar un nuovo clint risulta ssr molto più onroso ch mantnrn uno già acquisito. L stratgi di markting ripigano, quindi, su un attggiamnto difnsivo, accontntandosi di incrmntar i volumi d acquisto dlla propria clintla d vitando comunicazioni aggrssiv d conomicamnt rischios com la pubblicità comparativa. S da un lato è indubbiamnt vro ch l ironia non fa part dl nostro patrimonio gntico cultural, dall altro lato è altrttanto vro ch il consumator modrno, comprso qullo italiano, continua a manifstar irritazion vrso una pubblicità invadnt, noiosa strotipata, ricrcando invc in ssa informazion, ma anch intrattnimnto coinvolgimnto. Proprio nl momnto in cui il consumator dimostra, fort dlla lgittimazion dlla consapvolzza dl suo nuovo ruolo, un attggiamnto conciliant vrso la pubblicità divrtnt informativa, qusta smbra non coglir la grand opportunità di rinnovamnto ch l vin offrta, agndo sulla bas dll rrona convinzion ch i suoi intrlocutori non siano in grado di districarsi nl mondo dlla comunicazion ch contnuti informativi allo stsso tmpo mozionali non possano cosistr nl mdsimo mssaggio. È pr qusto motivo ch, in Italia, com affrma il sociologo Giampaolo Fabris, si assist a «un sussguirsi di comunicazioni sostanzialmnt infficaci, ch hanno lo stsso appal dll lnco dl tlfono o dll orario di trni».(fabris, 2003) La comparazion pubblicitaria ha crtamnt contribuito a ridurr l asimmtri informativ pr i consumatori, ma con i suoi annunci asttici poco coinvolgnti ha anch crato disintrss diffidnza. Basti pnsar all uso insistnt di confronti tariffari nll ambito dl sttor dlla tlfonia, ch alla lunga hanno solo dtrminato confusion fastidio tra l utnza. Nlla pubblicità comparativa, la dimnsion informativa ha il sopravvnto: il tono divrtnt accattivant dll comuni pubblicità si dissolv, sostituito da un lnco di dati tcnici di costo. Il mssaggio prd così la sua valnza prsuasiva attrant di consgunza il suo intrlocutor si disintrssa, rivolgndo il suo sguardo vrso altri canali informativi. Il nuovo consumator è smpr più critico, slttivo soprattutto tcnologicamnt comptnt: attravrso il wb ha la facoltà di ottnr l mdsim informazioni fornit dalla pubblicità comparativa snza il filtro dlla comunicazion di part. L applicazion strmamnt rigorosa dl proprio compito informativo divnta così, pr il format comparativo, un arma a doppio taglio: il consumator, conscio dlla parzialità di confronti, dissnt dai toni didascalici poco coinvolgnti ripiga vrso altr fonti comunicativ più obittiv. 138 Consumatori, DirittiMrcato Diritti Mrcato

9 Limiti stratgici d fftti sul consumator italiano Numrosi studiosi, nl tmpo, hanno analizzato l fficacia dl mssaggio pubblicitario comparativo l consgunz sul comportamnto dl consumator. Il dato ch risulta più intrssant consist nl fatto ch il sntimnto di sosptto ch spsso accompagna la pubblicità comparativa dipnd soprattutto dal livllo di sprinza ch l utnt ha acquisito vrso tal forma di comunicazion (Donthu, 1998). Un pubblico, com qullo italiano, non avvzzo alla comparazion pubblicitaria si mostrrà scttico tndrà a produrr maggiori controargomntazioni, limitando in modo considrvol la propria inclinazion alla marca all acquisto dl prodotto. La sfida pr i pubblicitari consist nl capir com la pubblicità comparativa possa convincr prsuadr qusta tipologia di consumatori. Scondo il modllo di grarchia dgli fftti di Ladvig Stinr, l fficacia di un mssaggio pubblicitario dv ssr valutata in funzion dlla sua influnza sull attnzion alla pubblicità, sulla prdisposizion alla marca sulla propnsion all acquisto (Siri, 2004). La maggioranza dgli studiosi di markting concorda nll attribuir alla pubblicità comparativa una maggior capacità di gnrar attnzion intrss vrso il mssaggio pubblicitario risptto alla pubblicità non comparativa. Un simil risultato è dovuto soprattutto a tr fattori: la novità dl tipo di mssaggio pubblicitario (markt novlty), la novità dl prodotto pubblicizzato (brand novlty) la quota di mrcato dlla marca comparata (Ny, Roth, Shimp, 2008). Quando i consumatori sono sposti pr la prima volta a nuovi stimoli tndono a laborar il mssaggio con maggior attnzion. Il tntativo di minimizzar il snso di incrtzza tnsion prodotto dalla nuova forma comunicativa li induc a massimizzar l intrss, la razionalità il ricordo. Infatti, in condizioni di lvata attnzion, il comportamnto dl consumator è influnzato quasi sclusivamnt dai contnuti dl mssaggio la prsnza di fattori, quali il prstigio dlla font dl tstimonial, divntano poco dtrminanti. L attggiamnto razional dl consumator induc così la pubblicità comparativa ad adottar toni mno disincantati, concntrando i propri sforzi sulla qualità dlla comunicazion sulla ralizzazion di campagn ad alto livllo informativo. Un altro lmnto chiav ai fini dlla dtrminazion di un maggior livllo di attnzion nl consumator consist nlla novità dl prodotto rclamizzato. La pubblicità comparativa risulta molto più fficac s utilizzata pr pubblicizzar prodotti in fas di lancio (Baitti, 1999). In qusta situazion, il consumator, alla ricrca di informazioni dati ch forniscano una conoscnza più dttagliata di quanto pubblicizzato, manifsta apprzzamnto ni confronti di mssaggi comparativi dall lvato contnuto informativo. La comparazion pubblicitaria basata su un prodotto nuovo cra intrss nl suo intrlocutor, riducndon i compiti di ricrca l asimmtri informativ. Un discorso divrso val pr la notorità dlla marca comparata: maggior è la quota di mrcato dtnuta dal concorrnt con cui si ffttua il confronto, maggiori saranno i bnfici drivanti dall utilizzo di una pubblicità comparativa. Consumatori, Diritti DirittiMrcato Mrcato 139

10 140 Il markt ladr fung da rifrimnto attira l attnzion, ancora una volta, sui contnuti dl mssaggio. Il prodotto pubblicizzato sfrutta in modo parassitario la notorità di qullo concorrnt, divnndo oggtto di un attnta analisi, proprio in virtù dlla sua rlazion con la marca più conosciuta. Quanto più la pubblicità comparativa, attravrso stratgi di diffrnziazion o associazion, sarà in grado di introdurr la nuova marca nl cosiddtto st vocato dll march ch il consumator considra com altrnativ, tanto più significativa sarà la capacità dlla campagna pubblicitaria di influnzar i procssi dcisionali di propri utnti. Qusta formula comunicativa risulta al contrario controproducnt pr la stratgia pubblicitaria di markt ladr: il consumator è mno intrssato ad acquisir informazioni su prodotti ch già conosc un vntual utilizzo dlla comparazion pubblicitaria da part di una grand imprsa vrrbb prcpito com un sgnal di dbolzza. S complssivamnt il format comparativo, con il suo carico di novità, suscita nl consumator un livllo di attnzion più lvato risptto all formul tradizionali, lo stsso non si può dir pr la prdisposizion vrso la marca. In qusto caso, la sospttosa prplssità dl consumator italiano gioca un ruolo dtrminant: gli individua, infatti, nl format comparativo più un tntativo di prsuasion ch di vasion intrattnimnto. Il fruitor vin posto in una condizion di prda tutto ciò provoca in lui un sntimnto di diffidnza. La consgunza di una simil situazion è rapprsntata dall attivazion, da part dgli intrlocutori, di un fort critico controllo razional di mssaggi. Nl complsso, in condizioni di lvata rilvanza attnzion, gli attggiamnti di consumatori sono influnzati solo dalla qualità dalla prtinnza dll informazion. È stato dimostrato ch, in mrcati in cui la pubblicità comparativa è poco familiar, i mssaggi carattrizzati da informazioni oggttiv confronti obittivi gnrano un attitudin positiva, a diffrnza di qulli basati su contnuti soggttivi d sclusivamnt mozionali. A qusto dato, bisogna aggiungr il fatto ch, molto spsso, il grado di coinvolgimnto indotto ni consumatori varia a sconda dl grado di motività o razionalità alla bas dll dcisioni d acquisto. L utilizzo dlla pubblicità comparativa risulta molto più fficac pr prodotti a valnza razional piuttosto ch pr qulli carattrizzati da un coinvolgimnto motivo. La natura intangibil di alcuni srvizi l impossibilità di vrificar con immdiatzza la loro ffttiva vantaggiosità, l importanza dl prodotto da acquistar, la scarsa prparazion dgli utnti in mrito a bni a lvato contnuto tcnologico fanno crscr nl consumator il dsidrio di maggior trasparnza informativa. Nl caso, invc, di prodotti difficilmnt comparabili sul piano di rquisiti oggttivi, l adozion di una pubblicità comparativa rischia di ricadr nlla fattispci dlla dnigrazion, prdndo crdibilità aumntando ancora di più il livllo di diffidnza ni suoi confronti. Consumatori, Diritti DirittiMrcato Mrcato

11 Vincoli stratgici ambintali limitano fortmnt la portata il campo di azion dlla pubblicità comparativa: il supporto di informazioni dati oggttivi smbra ssr l unico mtodo pr abbattr l barrir di diffidnza aumntar la propnsion dl consumator vrso la marca vrso l acquisto. Nasc, quindi, la ncssità di individuar una stratgia altrnativa ch possa dtrminar attggiamnti più favorvoli vrso la comparazion pubblicitaria, rndndola più crdibil divrtnt snza intaccar il suo grand valor informativo. A tal proposito, risulta molto intrssant lo studio sull fficacia prsuasiva dlla pubblicità comparativa supportata da un mssaggio bilatral (Scafiddi Abbat, Ruggiri, 2006). È stato dimostrato com l utilizzo di un two-way-mssag, carattrizzato cioè da informazioni sia positiv sia ngativ sul prodotto pubblicizzato, possa attnuar il livllo di diffidnza vrso il format comparativo, crando un clima di maggior complicità con il consumator. La prsunta supriorità assoluta di un prodotto su un altro, comunicata dalla classica comparazion pubblicitaria, gnra incrdulità sfiducia. Comunicazioni di qusto tipo vocano facilmnt controargomntazioni vngono prcpit com poco vritir. Divrsamnt, i mssaggi bilatrali aumntano il grado di sincrità prcpito dgli annunci consguntmnt anch la loro corrttzza. L intrlocutor prcpisc il mssaggio com lal sincro, non si snt più un brsaglio da colpir, ma al contrario sviluppa, ni confronti dlla pubblicità comparativa, un sntimnto di accttazion prsino di complicità. Comptnza laltà dlla font crano nl ricvnt una snsazion di maggior crdibilità dl mssaggio: gli acctta l opinioni prsntat dalla comunicazion pubblicitaria, intriorizzandol intgrandol con il proprio sistma di convinzioni. Conclusioni L spcificità dlla socità italiana hanno fortmnt condizionato la diffusion dlla pubblicità comparativa nl nostro Pas: orintamnti giuridici culturali hanno contribuito a limitarn l fficacia, minimizzando in modo vidnt il suo valor informativo propulsivo. Al cosptto dlla pubblicità comparativa, l intrlocutor italiano ragisc con prudnza razionalità, crcando di minimizzar l propri asimmtri informativ l propri incrtzz. Il consumator comptnt ch ricrca nlla pubblicità intrattnimnto divrtimnto rapportandosi a ssa in modo spnsirato ludico, in un contsto di comparazion pubblicitaria, lascia spazio a un soggtto sospttoso d ccssivamnt critico. A un lvato coinvolgimnto cognitivo dl consumator, la pubblicità comparativa si adgua rispond con spot strmamnt didascalici asttici, basati su argomntazioni logich confronti numrici. Consumatori, Diritti DirittiMrcato Mrcato 141

12 L irridnt aggrssività di format comparativi d Oltrocano o la graffiant ironia di qulli anglosassoni non trovano spazio in un contsto in cui gli intrlocutori laborano i mssaggi in modo approfondito, prstando attnzion soprattutto ai contnuti. Nlla formula comparativa, la tradizional cratività dll pubblicità italian si dissolv, schiacciata dalla comun signza di non incorrr nl giudizio ngativo di consumatori. La stratgia dl mssaggio bilatral, suggrita in qust pagin, rapprsnta un valido strumnto pr prmttr di abbattr il muro di diffidnza sctticismo intorno a tal tipologia pubblicitaria. Il livllo di laborazion di mssaggi divnta così mno razional l intrlocutor mostra di apprzzar con più facilità comunicazioni mozionali. La pubblicità comparativa sarbb così in grado di instaurar con il consumator un rapporto ludico di vasion, riappropriandosi di tratti carattristici dll ironia dlla cratività, snza prò prdr di vista la propria valnza informativa. Sicuramnt non assistrmo, pr via soprattutto dll limitazioni normativ, a campagn pubblicitari sul modllo statunitns, ma una simil stratgia potrbb, comunqu, costituir una buona opportunità pr dar nuova linfa a una forma di comunicazion commrcial potnzialmnt fficint ancora tutta da scoprir. Rifrimnti bibliografici 142 Agcm, Politica dlla concorrnza riforma dlla rgolazion: l voluzion dlla normativa nl 2007, Rlazion annual sull attività svolta nl 2007, Agcm, Attività ai snsi dl Dcrto Lgislativo n. 206/2005, Rlazion annual sull attività svolta nl 2007, Baitti, I., La pubblicità comparativa, Ega, Milano, Donthu, N., A cross country invstigation of rcall of and attitud toward comparativ advrtising, Journal of Advrtising, 1998, 27(6), pp Fabris, G., Il nuovo consumator: vrso il post modrno, Franco Angli, Milano, Fusi, M., Tsta, P., Cottafavi, P., L nuov rgol pr la pubblicità comparativa, Marinotti, Milano, Ny, C. W., Roth, M. S., Shimp, T. A., Comparativ advrtising in markts whr brands and comparativ advrtising ar novl, Journal of Intrnational Businss Studis, n. 39, 2008, pp Pittri, A., La pubblicità in Italia: dal dopogurra a oggi, Latrza, Roma-Bari, Polsana, M. A., La pubblicità intllignt. L uso dll ironia in pubblicità, Franco Angli, Milano, Scafiddi Abbat, C., Ruggiri, S., L attggiamnto vrso la pubblicità comparativa: fficacia prsuasiva di mssaggi bilatrali, Giornal Italiano di psicologia, A. XXXIII, n. 4, dicmbr 2006, pp Siri, G., Psicologia dl consumator, McGraw Hill, Milano, Consumatori, DirittiMrcato Diritti Mrcato

Parcheggi e altre rendite aeroportuali

Parcheggi e altre rendite aeroportuali Argomnti Parchggi altr rndit aroportuali Marco Ponti Elna Scopl La rgolamntazion dl sistma aroportual italiano fino al 2007 non ha vitato la formazion di rndit ingiustificat. In particolar l attività non-aviation,

Dettagli

REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA

REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA CONCORSO DI PROGETTAZIONE UNA NUOVA VIVIBILITA PER IL CENTRO DI NONANTOLA PROCESSO PARTECIPATIVO INTEGRATO CENTRO ANCH IO! REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA ESITO DELLE VOTAZIONI RACCOLTE DURANTE LE

Dettagli

1. LA STRUTTURA DI RELAZIONI TRA MANIFATTURA E SERVIZI ALLE IMPRESE IN UN CONTESTO EUROPEO

1. LA STRUTTURA DI RELAZIONI TRA MANIFATTURA E SERVIZI ALLE IMPRESE IN UN CONTESTO EUROPEO 1. La struttura di rlazioni tra manifattura srvizi all imprs in un contsto uropo 11 1. LA STRUTTURA DI RELAZIONI TRA MANIFATTURA E SERVIZI ALLE IMPRESE IN UN CONTESTO EUROPEO La quota di srvizi sul commrcio

Dettagli

Progetto I CARE Progetto CO.L.O.R.

Progetto I CARE Progetto CO.L.O.R. Attori in rt pr la mobilità di risultati dll apprndimnto Dirtta WEB, 6 dicmbr 2011 Progtto I CARE Progtto CO.L.O.R. Elmnti distintivi complmntarità Michla Vcchia Fondazion CEFASS gli obittivi Facilitar

Dettagli

Le politiche per l equilibrio della bilancia dei pagamenti

Le politiche per l equilibrio della bilancia dei pagamenti L politich pr l quilibrio dlla bilancia di pagamnti Politich pr ottnr l quilibrio dlla bilancia di pagamnti (BP = + MK = 0) nl lungo priodo BP 0 non è sostnibil prchè In cambi fissi S BP0 si sauriscono

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÁ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI SALERNO PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÁ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI SALERNO PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO Distrtto Scolastico N 53 Nocra Infrior (SA) SCUOLA MEDIA STATALE Frsa- Pascoli Vial Europa ~ 84015 NOCERA SUPERIORE (SA) Tl. 081 933111-081 931395- fax: 081 936230 C.F.: 94041550651 Cod: Mcc.: SAMM28800N

Dettagli

PROGETTAZIONE DIDATTICA PER COMPETENZE

PROGETTAZIONE DIDATTICA PER COMPETENZE ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE G. M. MONTANI CONVITTO ANNESSO AZIENDA AGRARIA 63900 FERMO Via Montani n. 7 - Tl. 0734-622632 Fax 0734-622912 www.istitutomontani.it -mail aptf010002@istruzion.it Coc

Dettagli

Comunità Europea (CE) International Accounting Standards, n. 36. Riduzione durevole di valore delle attività

Comunità Europea (CE) International Accounting Standards, n. 36. Riduzione durevole di valore delle attività Scopo contnuto dl documnto Comunità Europa (CE) Intrnational Accounting Standards, n. 36 Riduzion durvol di valor dll attività Riduzion durvol di valor dll attività SOMMARIO Finalità 1 Ambito di applicazion

Dettagli

Provvedimento di Predisposizione del Programma Annuale dell'esercizio finanziario 2014. Il Dsga

Provvedimento di Predisposizione del Programma Annuale dell'esercizio finanziario 2014. Il Dsga Provvdimnto di Prdisposizion dl Programma Annual dll'srcizio finanziario 2014 Il Dsga Visto Il Rgolamnto crnnt l istruzioni gnrali sulla gstion amministrativotabil dll Istituzioni scolastich Dcrto 01 Fbbraio

Dettagli

Poteri/ funzioni attribuiti dalla norma

Poteri/ funzioni attribuiti dalla norma Compiti funzioni attribuiti dalla tiva all nazional Lgg Art. 6, comma 5 Art. 6, comma 7, ltt.a Art. 6, comma 7, ltt.b Potri/ funzioni attribuiti dalla Vigilanza su tutti i contratti pubblici (lavori, srvizi

Dettagli

Guida allʼesecuzione di prove con risultati qualitativi

Guida allʼesecuzione di prove con risultati qualitativi TitoloTitl Guida allʼscuzion di prov con risultati qualitativi Guid to prform tsts with qualitativ rsults SiglaRfrnc DT-07-DLDS RvisionRvision 00 DataDat 0602203 Rdazion pprovazion utorizzazion allʼmission

Dettagli

Esercizi sullo studio di funzione

Esercizi sullo studio di funzione Esrcizi sullo studio di funzion Prima part Pr potr dscrivr una curva, data la sua quazion cartsiana splicita f () occorr procdr scondo l ordin sgunt: 1) Dtrminar l insim di sistnza dlla f () ) Dtrminar

Dettagli

CORSO. FIM Via. associazione geometri liberi professionisti. della provincia di Modena. Sede. Costi. Colleg. 2 Pia. rispettivi tecnica.

CORSO. FIM Via. associazione geometri liberi professionisti. della provincia di Modena. Sede. Costi. Colleg. 2 Pia. rispettivi tecnica. CORSO MASTER associazion gomtri libri profssionisti dlla provincia Modna novmbr, cmbr 2014 gnnaio, fbbraio PERCORSO FORMATIVO DI 48 ORE Sd Il corsoo è organizzato prsso la sala convgni dl Collg io Gomm

Dettagli

- Radioattività - - 1 - 1 Ci = 3,7 1010 dis / s. ln 2 T 2T = e ln 2 2 = e 2ln 2 = 1 4

- Radioattività - - 1 - 1 Ci = 3,7 1010 dis / s. ln 2 T 2T = e ln 2 2 = e 2ln 2 = 1 4 Radioattività - Radioattività - - - Un prparato radioattivo ha un attività A 0 48 04 dis / s. A quanti μci (microcuri) si riduc l attività dl prparato dopo du tmpi di dimzzamnto? Sapndo ch: ch un microcuri

Dettagli

GUIDE ITALIA Un confronto sulle ultime tendenze a supporto della semplificazione e dell efficienza

GUIDE ITALIA Un confronto sulle ultime tendenze a supporto della semplificazione e dell efficienza GUIDE ITALIA Un confronto sull ultim tndnz a supporto dlla smplificazion dll fficza L voluzion dll architttur IT Sogi RELATORE: Francsco GERBINO 16 novmbr 2010 Agnda Prsntazion dlla Socità Architttur IT

Dettagli

IL NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO SULL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI

IL NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO SULL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI IL NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO SULL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI D.Lgs. 192/2005 + D.Lgs. 311/2006 Vincnzo Corrado, Matto Srraino Dipartimnto di Enrgtica Politcnico Di Torino un progtto di:

Dettagli

Art. 1. - Campo di applicazione e definizioni Art. 2. - Classificazione di reazione al fuoco

Art. 1. - Campo di applicazione e definizioni Art. 2. - Classificazione di reazione al fuoco DM 10 marzo 2005 Classi di razion al fuoco pr i prodotti da costruzion da impigarsi nll opr pr l quali ' prscritto il rquisito dlla sicurzza in caso d'incndio. (GU n. 73 dl 30-3-2005) IL MINISTRO DELL'INTERNO

Dettagli

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino:

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino: Prof. Emnul ANDRISANI Studio di funzion Funzioni rzionli intr n n o... n n Crttristich: sono funzioni continu drivbili in tutto il cmpo rl D R quindi non sistono sintoti vrticli D R quindi non sistono

Dettagli

L ELLISSOIDE TERRESTRE

L ELLISSOIDE TERRESTRE L ELLISSOIDE TERRESTRE Fin dll scond mtà dl XVII scolo (su propost di Nwton) l suprfici più dtt ssr ssunt com suprfici di rifrimnto pr l Trr è stt individut in un ELLISSOIDE DI ROTAZIONE. E l suprfici

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA BUSINESS PROCESS MODELING NOTATION (BPMN) 1

INTRODUZIONE ALLA BUSINESS PROCESS MODELING NOTATION (BPMN) 1 ITRODUZIOE ALLA BUSIESS PROCESS MODELIG OTATIO (BPM) 1 1. Prsntazin La ntazin BPM (http://www.bpn.rg) è sviluppata dalla Businss Prcss Managnt Initiativ dall Objct Managnt Grup (http://www.g.rg), assciazini

Dettagli

LA TRASFORMATA DI LAPLACE

LA TRASFORMATA DI LAPLACE LA RASFORMAA DI LAPLACE Pr dcrivr l voluzion di un itma in rgim tranitorio, oia durant il paaggio dll ucit da un rgim tazionario ad un altro, è ncario ricorrr ad un modllo più gnral riptto al modllo tatico,

Dettagli

2.1 Proprietà fondamentali dei numeri reali. 1. Elenchiamo separatamente le proprietà dell addizione, moltiplicazione e relazione d ordine.

2.1 Proprietà fondamentali dei numeri reali. 1. Elenchiamo separatamente le proprietà dell addizione, moltiplicazione e relazione d ordine. Capitolo 2 Numri rali In qusto capitolo ci occuprmo dll insim di numri rali ch indichrmo con il simbolo R: lfunzionidfinitsutaliinsimiavaloriralisonol oggttodistudiodll analisi matmatica in una variabil.

Dettagli

SOMMARIO. I Motori in Corrente Continua

SOMMARIO. I Motori in Corrente Continua SOMMARIO Gralità sull Macchi i Corrt Cotiua...2 quazio dlla forza lttromotric...2 Circuito quivalt...2 Carattristica di ccitazio...3 quazio dlla vlocità...3 quazio dlla Coppia rsa all'albro motor:...3

Dettagli

Il presente Regolamento Particolare di Gara. è stato approvato in data con numero di approvazione RM / CR /2015.

Il presente Regolamento Particolare di Gara. è stato approvato in data con numero di approvazione RM / CR /2015. Vrsion 5 3 Agosto Valità 2015 la Manifstazion : Campionato Italiano Rally Assoluto Campionato Italiano Rally Junior Campionato Italiano Rally Costruttori Coppa ACI-SPORT Rally CIR Equipaggi Inpndnti Coppa

Dettagli

Lo strato limite PARTE 11. Indice

Lo strato limite PARTE 11. Indice PARTE 11 a11-stralim-rv1.doc Rl. /5/1 Lo strato limit Indic 1. Drivazion dll qazioni indfinit di Prandtl pr lo strato limit sottil pag. 3. Intgrazion nmrica dll qazioni indfinit di Prandtl. 11 3. Lo strato

Dettagli

Corso di ordinamento - Sessione suppletiva - a.s. 2009-2010

Corso di ordinamento - Sessione suppletiva - a.s. 2009-2010 Corso di ordinmnto - Sssion suppltiv -.s. 9- PROBLEMA ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO SESSIONE SUPPLETIA Tm di: MATEMATICA. s. 9- Dt un circonrnz di cntro O rggio unitrio, si prndno

Dettagli

T13 Oneri per Indennita' e Compensi Accessori

T13 Oneri per Indennita' e Compensi Accessori T13 Oneri per Indennita e Compensi Accessori Qualifiche per le Voci di Spesa di Tipo I IND. IND RZ. INDNNITÀ VACANZA STRUTT. ART. 42, D MARIA PROFSSION CONTRATTU COMP. SCLUSIVITA POSIZION POSIZION - RISULTATO

Dettagli

( D) =,,,,, (11.1) = (11.3)

( D) =,,,,, (11.1) = (11.3) G. Ptrucci Lzioni di Cotruzion di Macchin. CRITERI DI RESISTENZA La vrifica di ritnza ha o copo di tabiir o tato tniona d mnto truttura anaizzato è ta da provocarn i cdimnto into com rottura o nrvamnto.

Dettagli

COMUNICAZIONE INTERNA, SISTEMA INFORMATIVO, CONSIGLIO COMUNALE, SPORTELLO DEL CITTADINO

COMUNICAZIONE INTERNA, SISTEMA INFORMATIVO, CONSIGLIO COMUNALE, SPORTELLO DEL CITTADINO Nm prcmnt Dscrizin Fasi (dscrizin sinttica da input ad utput) Nrm rifrimnt rspnsabil istruttria Rspnsabil prcmnt mcgmmatricla richista infrmazini prcmnt incar tlf, fax pc inrizz Trmin cnclusi n prcm nt

Dettagli

T13 Oneri per Indennita' e Compensi Accessori

T13 Oneri per Indennita' e Compensi Accessori T13 Oneri per Indennita e Compensi Accessori Qualifiche per le Voci di Spesa di Tipo I IND. IND RZ. INDNNITÀ VACANZA STRUTT. ART. 42, D MARIA PROFSSION CONTRATTU COMP. SCLUSIVITA POSIZION POSIZION - RISULTATO

Dettagli

Alberi di copertura minimi

Alberi di copertura minimi Albr d coprtur mnm Sommro Albr d coprtur mnm pr grf pst Algortmo d Kruskl Algortmo d Prm Albro d coprtur mnmo Un problm d notvol mportnz consst nl dtrmnr com ntrconnttr fr d loro dvrs lmnt mnmzzndo crt

Dettagli

Linee Guida per la Redazione del Bilancio Sociale delle Organizzazioni Non Profit. lo studio è stato realizzato in collaborazione con ALTIS

Linee Guida per la Redazione del Bilancio Sociale delle Organizzazioni Non Profit. lo studio è stato realizzato in collaborazione con ALTIS Linee Guida per la Redazione del Bilancio Sociale delle Organizzazioni Non Profit lo studio è stato realizzato in collaborazione con ALTIS 1 INDIC INDIC...2 PRFAZION...4 RINGRAZIAMNTI...6 PRSNTAZION...7

Dettagli

LINGUAGGI'CREATIVITA 'ESPRESSIONE' '

LINGUAGGI'CREATIVITA 'ESPRESSIONE' ' LINGUAGGICREATIVITA ESPRESSIONE 3 4ANNI 5ANNI Mniplrmtrilidivritipin finlizzt. Fmilirizzrindivrtntcnil cmputr Ricnsclmntidl mnd/rtificilcglindn diffrnzprfrmmtrili Distingugliggttinturlidqulli rtificili.

Dettagli

10. Risorse umane coinvolte nella prima fase del progetto Ceis comunità.

10. Risorse umane coinvolte nella prima fase del progetto Ceis comunità. 0. Risrs uman cinvl nlla prima fas dl prg Cis cmunià. funzini n. n. r Oprari di Prg Prgazin, pianificazin dl prg O p r a ri d l p r g prari di bas prari cnici cn qualifica prfssinal prari spcializzai Op.

Dettagli

chiarezza delle aspettative dell organizzazione verso l individuo e chiara esplicitazione all individuo di tali aspettative

chiarezza delle aspettative dell organizzazione verso l individuo e chiara esplicitazione all individuo di tali aspettative FORMA 3: Valutazione dei comportamenti organizzativi Nozioni di base 1. LA VALUAZION DLL COMPNZ INDIVIDUALI 1.1 L COMPNZ INDIVIDUALI In base ai recenti contributi di numerosi autori, possiamo intendere

Dettagli

Conservatorio di Musica Giuseppe Tartini Trieste NUCLEO DI VALUTAZIONE

Conservatorio di Musica Giuseppe Tartini Trieste NUCLEO DI VALUTAZIONE Cnsrvari Musica Giuspp Tartini Trist NUCLEO DI VALUTAZIONE RELAZIONE ANNUALE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE sull dll a.a.2010/11 (DPR 28/2/03 n.132, art.10 cmma 2 ltt. b) Nucl valutazin Waltr Grbin Prsidnt

Dettagli

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO Uno spot pubblicitario è formato da tre elementi principali: IMMAGINI MUSICA PAROLE L INFLUENZA DELLO SPOT SULLO SPETTATORE LE IMMAGINI Possono, anche tramite l'utilizzo

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza

Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza Ovvero: i sette comportamenti a rischio responsabili dei principali infortuni sul lavoro MANUTENZIONE & SICUREZZA Franceso Gittarelli,

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Anno 2013 Tipologia Istituzione U - UNITA' SANITARIE LOCALI. Istituzione 9565 - ASL VENEZIA - MESTRE 12 Contratto SSNA - SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE

Anno 2013 Tipologia Istituzione U - UNITA' SANITARIE LOCALI. Istituzione 9565 - ASL VENEZIA - MESTRE 12 Contratto SSNA - SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE nno 213 Tipologia Istituzione U - UNIT' SNIT LCLI Istituzione 9565 - SL VNZI - MSTR 12 Contratto SSN - SRVIZI SNIT NZINL Fase/Stato Rilevazione: pprovazione/ttiva Data Creazione Stampa: 19/6/215 14:15:25

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Il lavoro per progetti

Il lavoro per progetti Il lavoro per progetti (personalizzati, di attività,, di servizio, ) nei servizi alla persona Gianmaria Gioga Padova, 7 giugno 2013 QUALI SERVIZI ALLA PERSONA? I servizi alla persona devono connotarsi

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Prosegue il percorso di riflessione

Prosegue il percorso di riflessione strategie WEB MARKETING. Strategie di Customer Journey per la creazione di valore Il viaggio del consumatore in rete Come le aziende possono calarsi nell esperienza multicanale del cliente per costruire

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

Corso formazione genitori - FISDE

Corso formazione genitori - FISDE Corso formazione genitori - FISDE FISDE Tutti i diritti sono riservati E vietata la riproduzione diretta o indiretta, totale o parziale, temporanea o permanente. che cosa fa di un problema un problema?

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

Problemi e metodi della ricerca! educativa sperimentale

Problemi e metodi della ricerca! educativa sperimentale Prof. Benedetto Vertecchi che cosa! impareremo? 1-2 Problemi e metodi della ricerca! educativa sperimentale 1 quali apporti concorrono a definire la conoscenza educativa? 3-4 la pedagogia sperimentale!

Dettagli

ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI

ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI ARMONIZZAZION DI SISTMI CONTABILI D. Lgs. 118/2011 Maggio 2014 Le origini: il federalismo fiscale Legge 5/5/2009 n. 42 Delega al Governo in materia di FDRALISMO FISCAL in attuazione dell art. 119 della

Dettagli

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond EBOOK la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond.it indice Capitolo 1 Metodo #1 per aumentare i Mi piace su Facebook: Concorsi 5 Capitolo 5 Metodo #5 per aumentare

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

La teoria storico culturale di Vygotskij

La teoria storico culturale di Vygotskij La teoria storico culturale di Vygotskij IN ACCORDO CON LA TEORIA MARXISTA VEDEVA LA NATURA UMANA COME UN PRODOTTO SOCIOCULTURALE. SAGGEZZA ACCUMULATA DALLE GENERAZIONI Mappa Notizie bibliografiche Concetto

Dettagli

10 errori e-mail da evitare!

10 errori e-mail da evitare! 10 errori e-mail da evitare! Dal sito PILLOLE DI MARKETING WEB Le e-mail sono parte integrante dell attività di business come mezzo di contatto e di relazione e come tali diffondono l immagine di aziende

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

JOHANN SEBASTIAN BACH Invenzioni a due voci

JOHANN SEBASTIAN BACH Invenzioni a due voci JOH EBTI BCH Invnzon a u voc BWV 772 7 cura Lug Catal trascrzon ttuata con UP htt//ckngmuscarchvorg/ c 200 Lug Catal (lucatal@ntrrt) Ths ag s ntntonally lt ut urchtg nltung Wormt nn Lbhabrn s Clavrs, bsonrs

Dettagli

PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI

PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI DIREZIONE GENERALE PER flash 29 L INCLUSIONE E LE POLITICHE SOCIALI PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI Roma, 1 settembre 2014 Il punto di partenza:

Dettagli

Guai a me se non predicassi il Vangelo

Guai a me se non predicassi il Vangelo Guai a me se non predicassi il Vangelo (1 Cor 9,16) Io dunque corro 1 Cor 9,26 La missione del catechista come passione per il Vangelo Viaggio Esperienza L esperienza di Paolo è stata accompagnata da un

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A.

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A. 22 IL CONTROLLO DELLA QUALITA DEL CALCESTRUZZO IN OPERA S e i risultati del controllo di accettazione dovessero non soddisfare una delle disuguaglianze definite dal tipo di controllo prescelto (A o B)

Dettagli

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Michele Pellizzari, Gaetano Basso, Andrea Catania, Giovanna Labartino, Davide Malacrino e Paola Monti 1 Premessa Questo rapporto analizza il settore

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

aleatoria; se è nota la sua densità di probabilità ad essa si può associare una valore medio statistico. La grandezza così definita: (III.1.

aleatoria; se è nota la sua densità di probabilità ad essa si può associare una valore medio statistico. La grandezza così definita: (III.1. Caitolo III VALORI MEDI. SAZIONARIEÀ ED ERGODICIÀ III. - Mdi tatitich dl rimo ordi. Sia f( ) ua fuzio cotiua i aoci al gal alatorio (, t ζ ) la uatità dfiita dalla y f[(, t ζ )]. Ea idividua, a ua volta,

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

[moduli operativi di formazione] Ascolto attivo. Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri.

[moduli operativi di formazione] Ascolto attivo. Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri. [moduli operativi di formazione] Ascolto attivo Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri. ASCOLTO ATTIVO Ogni giorno, passiamo il 49% del nostro tempo ascoltando. Ascoltiamo

Dettagli

Come è fatto un giornale?

Come è fatto un giornale? Come è fatto un giornale? 1. Com'è fatto un giornale? 2. Per iniziare o la testata è il titolo del giornale. o le manchette (manichette) sono dei box pubblicitari che le stanno al lato 3. La prima pagina

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Il dono: le sue ambivalenze e i suoi paradossi. Un dialogo interdisciplinare.

Il dono: le sue ambivalenze e i suoi paradossi. Un dialogo interdisciplinare. CALL FOR PAPERS Il dono: le sue ambivalenze e i suoi paradossi. Un dialogo interdisciplinare. 18-19 settembre 2008 Università di Milano-Bicocca L analisi del dono risulta sempre più presente nel dibattito

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

BAMBINI E ROBOT. Giusy Dompé, Laura Gullino, Lucia Papalia, Luisa Pezzuto

BAMBINI E ROBOT. Giusy Dompé, Laura Gullino, Lucia Papalia, Luisa Pezzuto BAMBINI E ROBOT Giusy Dompé, Laura Gullino, Lucia Papalia, Luisa Pezzuto Docenti di Scuola dell Infanzia e di Scuola Primaria Circolo Didattico Beinasco - Gramsci www.beinascogramsci.it Introduzione La

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

IL MAGGIO DEI LIBRI. Premessa

IL MAGGIO DEI LIBRI. Premessa IL MAGGIO DEI LIBRI Premessa Fino al 2010 esistevano in Italia due iniziative a carattere nazionale per la promozione del libro e dell a lettura, del tutto distinte per patrocinatore, soggetto promotore,

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

Gli anziani e Internet

Gli anziani e Internet Hans Rudolf Schelling Alexander Seifert Gli anziani e Internet Motivi del (mancato) utilizzo delle tecnologie dell informazione e della comunicazione (TIC) da parte delle persone sopra i 65 anni in Svizzera

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli