Appunti di Elettrotecnica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Appunti di Elettrotecnica"

Transcript

1 Appunti di Elettrotecnic

2 Premess Il presente opuscolo non può e non vuole essere considerto sostitutivo del libro di testo, vuole semplicemente essere un supporto, per rmmentre gli studenti lcuni degli rgomenti trttti durnte le lezioni. sommrio ESISTIVITÀ DEI MATEIALI... LEGGE DI OHM... ELEMENTI DI UN CICUITO... Nodi... mi... Mglie... PINCIPI DI KICHHOFF...3 Primo principio...3 Secondo principio...3 ESISTOI IN PAALLELO...4 PINCIPIO DI SOVAPPOSIIONE DEGLI EFFETTI...5 TEOEMA DI THÈVENIN...6 TEOEMA DI NOTON...7 POTENA ELETTICA LEGGE DI JOULE...8 CONVESIONE TIANGOLO STELLA...9 CAMPO DI FOE...0 LINEE DI FOA...0 CAMPO ELETTICO...0 Legge di Coulomb...0 Differenz di potenzile...0 CONDENSATOI...0 Condenstori in serie...3 Condenstori in prllelo...3 Cmpi mgnetici nell mteri...4 Cmpo mgnetico prodotto dll corrente elettric...4 Cmpo mgnetico prodotto d un solenoide...4 Induzione mgnetic...5 Flusso di induzione mgnetic...5 Flusso prodotto d un solenoide...5 INDUTTANE...5 INDUIONE ELETTOMAGNETICA...5 Le principli operzioni in coordinte crtesine...7 Le principli operzioni in coordinte polri...7 APPESENTAIONE DI UNA GANDEA ALTENATA SINUSOIDALE...8 APPESENTAIONE VETTOIALE DEI SEGNALI SINUSOIDALI...9 Segnle vettorile...9 Comportmento regime con segnli sinusoidli...9 IMPEDENE IN SEIE...0 IMPEDENE IN PAALLELO... POTENA ELETTICA LEGGE DI JOULE... TASFOMATOE IDEALE... SEIE VALOI NOMALIATI...3 Codice dei colori esistori commercili...4 Codice dei Condenstori...5 Crmelo ing. Pple Appunti pg. ii

3 esistività dei mterili Se un prllelepipedo, di sezione S e di lunghezz l, è sottoposto d un differenz di potenzile U, viene percorso d un corrente Elettric I. Il prllelepipedo present un resistenz dt dll legge di Ohm. Dett resistenz è ugule ll resistività specific del mterile per l lunghezz l del prllelepipedo diviso l sezione S. L resistività specific del mterile è un crtteristic intrinsec del mterile e vri l vrire di esso. ( per fre un nlogi il peso specifico vri l vrire del mterile. Mterile esistività elettric 0 C (Ω mm / m Argento 0,064 me ricotto 0,07 Bronzo fosforoso 0,08 Oro 0,044 Alluminio 0,078 Ferro 0,0 Stgno 0, Argentn (60%Cu-5%n-5%Ni 0,35 Costntn (60%Cu-40%Ni 0,49 Mngnin (84%Cu-%Mn-4%Ni 0,497 Mercurio 0,958 s.c. Silicio puro ( Crt 0 4 Vetro 0 5 Polistirolo 0 conduttori isolnti (Per esempio un filo di costntn lungo 3 m e di sezione,5 mm present un U I S S [ Ω ] [ ] resistenz pri 0,49 mm 3 m m [ mm ] 0, 98 S,5 [ Ω ] Crmelo ing. Pple Appunti pg.

4 Legge di Ohm U I L cdut di potenzile, i cpi di un resistore percorso d un corrente elettric, è ugule l vlore dell resistenz, del resistore, per il vlore dell corrente che l ttrvers. Quindi fcendo riferimento llo schem qui lto disegnto L formul divent U AB I. Cioè l cdut di potenzile U AB i cpi del resistore è pri ll esistenz del resistore per l corrente I b che ttrvers il resistore Elementi di un circuito Nodi mi Mglie Si dice nodo il punto di unione di due o più trtti di circuito. I nodi si possono suddividere in propri ed impropri Si dicono nodi impropri quelli che uniscono solo due trtti di circuito (E,F,G. Si dicono propri i nodi che uniscono tre o più trtti di circuito. ( A,B,C,D Si dicono rmi i trtti di circuito che uniscono due nodi propri. Tutti i componenti pprtenente d un rmo si dicono in serie. In qunto sono percorsi dll stess corrente. Nel circuito di esempio sono presenti 6 rmi evidenziti con colori diversi. Si dice mgli chius l unione dei rmi contigui che formno un percorso chiuso. Si dice mgli pert l unione di trtti contigui di rmi che non formino un percorso chiuso. Crmelo ing. Pple Appunti pg.

5 Principi di Kirchhoff Dto un circuito elettrico generico si ssegni un nome ed un verso rbitrrio tutte le correnti (un per rmo, su questo circuito vlgono i seguenti principi: Primo principio In un nodo, generico, l somm delle correnti entrnti è pri ll somm delle correnti uscenti. I e I u In un circuito elettrico si possono scrivere tnte equzioni indipendenti esttmente qunti sono i rmi che lo compongno. Perciò un circuito present un ed un sol soluzione se e solo se non vi è più di un incognit per rmo. Le equzioni srnno cosi formte: Il numero di equzione i nodi srà pri l numero dei nodi propri - N eq N nodi - Equzioni lle mglie M eq rmi (N nodi - Secondo principio In un mgli chius l somm lgebric delle F.E.M. (Forze Elettro-Motrici presenti nell mgli è pri ll somm lgebric delle cdute di potenzile sui componenti pssivi presenti sull stess. E U ( U I ( legge di ohm Scelto un verso di percorrenz rbitrrio si considerno: positive le F.E.M. che si incontrno il cui verso è concorde con il senso di percorrenz dell mgli; cioè si incontr il genertore ( dl morsetto l morsetto. Negtive quelle opposte. Le cdute di potenzile srnno positive se il verso di percorrenz è concorde con il verso dell corrente, (ssegnto in modo rbitrrio, negtive se il verso è discorde. nodi propri sono segnti in miuscolo i nodo impropri in minuscolo Equzione l nodo A I I b I e I c I f Equzione ll mgli evidenzit (percors in verso orrio U Cr U qp U pa U AB U BC E (I 9 (I 3 ( I (-I c 5 ( I d 8 E Crmelo ing. Pple Appunti pg. 3

6 esistori collegti in serie Due o più resistori si dicono collegti in serie se pprtengno llo stesso rmo. Se si vuole sostituire un resistore l posto di più resistori in serie, (tr e b in modo tle che il resto del circuito non si ccorg dell sostituzione, llor si deve grntire che l cdut di potenzile U b deve rimnere inltert, come pure l corrente che trvers dell serie. esistori in prllelo U b U c U cd U db s 3 3 I I I I I Essendo U c /I U cd / I U db 3 / I Dll formul si evince che il resistore s deve vere un resistenz pri ll somm delle resistenze dei resistori: S 3 Due o più resistori si dicono in prllelo se gli estremi confluiscono sugli stessi nodi propri. (il resistore deve essere l unico componente del rmo. Se si vuole sostituire un resistore l posto di più resistori in prllelo in modo tle che in resto del circuito non si ccorg dell sostituzione, llor si deve grntire che l cdut di potenzile U b deve rimnere inltert come pure l corrente in ingresso del prllelo. Applico in principio di K. l nodo A I I b I c I Essendo d I b U AB / U AB U AB U AB U AB U I c U AB / AB p 3 3 I d U AB / 3 D cui si deduce che il resistore p deve vere l conduttnz (/ p pri ll somm dell conduttnze dei resistori: P 3 nel cso prticolre di due resistori si h: P p Crmelo ing. Pple Appunti pg. 4

7 Prtitore di tensione Se un rmo, composto d soli resistori, è sottotosto d un d.d.p. L tensione i cpi del singolo resistore è direttmente proporzionle ll resistenz del resistore stesso ed inversmente proporzionle ll somm delle resistenze ed è pri: p.e. Principio di sovrpposizione degli effetti Si dto un circuito relizzto esclusivmente con componenti lineri (resistori, genertori di corrente o di tensione, in cui giscono diversi genertori; l effetto che si h su un trtto del circuito (corrente e tensione, è pri ll effetto prodotto sullo stesso, dll somm lgebric degli effetti (corrente e tensione prodotti di singoli genertori qundo tutti gli ltri genertori indipendenti sono posti zero. (cioè si sostituisce con un filo i genertori di tensione e con un circuito perto i genertori di corrente.. Esempio: l corrente che circol sul resistore 3 del circuito è ugule ll somm: dell corrente sul resistore 3 clcolt nel circuito dell corrente sul resistore 3 clcolt nel 3 circuito. } I b I b I b Lo stesso vle per le tensioni : Ue Ue Ue Crmelo ing. Pple Appunti pg. 5

8 Teorem di Thèvenin Un dipolo comunque complesso, relizzto con componenti lineri, (resistori, genertori di corrente o di tensione può sempre essere considerto come relizzto con un genertore idele di tensione con in serie un resistore. Il vlore del genertore equivlente secondo Thèvenin è pri ll tensione vuoto tr i punti A e B in cui si è effettuto il tglio del circuito. Il vlore del resistore secondo Thèvenin è pri ll resistenz vuoto vist tr i punti A e B un volt che si sono zzerti i genertori indipendenti. ( cioè sostituiti con un filo i genertori di tensione e con un circuito perto i genertori di corrente. Crmelo ing. Pple Appunti pg. 6

9 Teorem di Norton Un dipolo comunque complesso, relizzto con componenti lineri, ( resistori, genertori di corrente o di tensione può sempre essere considerto come relizzto con un genertore idele di corrente con in prllelo un resistore. Il vlore del genertore equivlente secondo Norton è pri ll corrente di cortocircuito tr i punti A e B in cui si è effettuto il tglio del circuito. Il vlore del resistore secondo Norton è pri ll resistenz vuoto vist tr i punti A e B un volt che si sono zzerti i genertori indipendenti. ( cioè sostituiti con un filo i genertori di tensione e con un circuito perto i genertori di corrente. Crmelo ing. Pple Appunti pg. 7

10 Potenz elettric legge di Joule In un componente elettrico l potenz genert o dissipt dipendono esclusivmente dll differenz di potenzile i suoi cpi e dll corrente che l ttrvers PU I L potenz è genert se l corrente che esce dl morsetto potenzile più lto, dissipt in cso contrrio. Nel cso di componenti pssivi quest è sicurmente dissipt. Nel cso di più genertori bisogn vlutre cso per cso. L somm di tutte le potenze dissipte è ugule ll somm delle potenze generte. Per l potenz dissipt su componenti pssivi si possono utilizzre nche le seguenti formule che derivno dll precedente pplicndo l legge di ohm. icord: P I PU / U I I U / Crmelo ing. Pple Appunti pg. 8

11 Conversione tringolo stell Un tripolo costituito d tre resistori posti tringolo e connesso d un rete medinte tre nodi A, B, C, può essere sostituito con un equivlente tripolo costituito d tre resistori posti stell tr gli stessi nodi. O vicevers Tle sostituzione srà del tutto indifferente per il resto del circuito. 3 * A 3 3 * B 3 3 * C C B A B A * B C A C A * A C B C B * 3 Crmelo ing. Pple Appunti pg. 9

12 Cmpo di forze Si definisce cmpo di forze un regione dello spzio con proprietà e crtteristiche fisiche tli d modificre lo stto di quiete o di moto di un opportuno elemento esplortore. Linee di forz Le linee di forz sono le triettorie che un prticell esplortiv (senz mss liber di muoversi compirebbe se bbndont se stess. Cmpo elettrico Il cmpo di forze generto d un o più criche elettriche si dice cmpo elettrico. F E q Legge di Coulomb Le forze ttrttive o repulsive che si mnifestno tr due criche elettriche dipendono in modo direttmente proporzionle dl prodotto delle due criche ed inversmente proporzionli l qudrto dell loro distnz F Q Q k d dove k π ε 4 Differenz di potenzile L differenz di potenzile è il lvoro che le forze del cmpo compirebbero per portre un cric unitri positiv d un punto d un ltro velocità 0. Dl punto di vist dimensionle U J/C. Condenstori Il condenstore superfici pine e prllele è un componente costituito d due superfici conduttrici prllele tr loro (dette rmture, poste d un distnz d, in cui ci sono libere di muoversi diversi elettroni. Se pplichimo un tensione elettric tr le rmture queste criche elettriche dopo un certo tempo fluirnno d un rmtur ll ltr fino stbilizzrsi; si definisce cpcità di un condenstore l quntità di cric che si spost per ogni volt di differenz di potenzile Crmelo ing. Pple Appunti pg. 0

13 L cpcità di un condenstore pino (rmture pine e prllele è proporzionle l rpporto tr l superficie A di un delle rmture e l loro distnz d. A C ε d L costnte di proporzionlità ε è un crtteristic dell'isolnte interposto e si chim costnte dielettric ssolut e si misur in frd/m. Or, poiché l costnte dielettric è un numero molto piccolo. in genere per semplicità si f riferimento l rpporto tr l costnte dielettric ssolut di un isolnte e quell del vuoto è un numero puro chimto costnte dielettric reltiv. ε r ε ε 0 Costnte dielettric ssolut del vuoto Mezzo dielettrico Costnte dielettric igidità dielettric reltiv [KV/mm] Ari secc (ll pressione di [br], Acqu pur 8,07 5 Olio minerle,,5 7,5 6 Bchelite 5,5 8,5 0 Crt comune 6 Vetro L cpcità di un condenstore pino fcce prllele è quindi: (similitudine idrulic Un condenstore si comport in modo simile d un contenitore stgno relizzto con due prllelepipedi uguli comunicnti tr loro solo sull sommità; detti prllelepipedi sono di ltezz infinit riempiti per metà con un liquido mentre l prte sovrstnte contiene un gs incomprimibile. Similitudini Contenitori Armture Lmin di seprzione Dielettrico Quntità di liquido l Quntità di cric elettric Q [m 3 ] [Coulomb] Portt l /s [m 3 /s] Corrente I Q / s [ A ] Differenz di pressione ΔP [ Pscl ] Differenz di potenzile ΔU [Volt] Cpcità C l / ΔP [ m 3 /Pscl ] Cpcità C Q / ΔU [ Frd ] Prevlenz dell pomp Tensione del genertore elettrico I due prllelepipedi rppresentno le due rmture, il liquido le criche elettriche, l prete di seprzione il dielettrico, l resistenz offert di tubi l fluire del liquido l Crmelo ing. Pple Appunti pg.

14 resistenz elettric e l pomp il genertore elettrico. Anlizzimo or l cric del condenstore. Definimo cpcità l quntità di liquido che fluisce d un comprtimento ll ltro, qundo il contenitore è sottoposto d un differenz di pressione di un Pscl prodotto dll pomp. (Si noti che l quntità di liquido ll interno del sistem non vri m si spost d un rmtur ll ltr Il trnsitorio è direttmente proporzionle ll resistenz dell condott ed ll cpcità del condenstore (trscurndo l inerzi del liquido. Come si vede dll figur i grfici dell pressione (potenzile e dell portt (corrente elettric, hnno un ndmento esponenzile. egolto dlle seguenti leggi: t t. ( U f U i u( t U ( ( τ τ i U f U i e i( t e dove τ dett costnte di tempo h come vlore τ C Ciò signific che il condenstore non si cric ne si scric istntnemente m impieg un tempo teoricmente infinito, gli effetti prtici come si può vedere dl grfico il tempo necessrio corrisponde poche costnti di tempo di 3 i 5 τ Crmelo ing. Pple Appunti pg.

15 Condenstori in serie I condenstori in serie sono ttrversti dll stess quntità di liquido che erog l pomp; per cui, prità di liquido spostto si vede che l differenz di pressione è inversmente proporzionle ll cpcità se si vuole sostituire i due condenstori con un solo condenstore equivlente ffinché il resto del circuito non se né ccorg Δp litri litri litri s Δp Δp Cs C C CS C C C C C C s C Condenstori in prllelo I condenstori in prllelo sono sottoposti ll stess pressione, quindi l quntità di liquido su ciscuno di essi è direttmente proporzionle ll cpcità. se si vogliono sostituire i due condenstori con un solo condenstore equivlente ffinché il resto del circuito non se né ccorg litri pomp litri c litri c P C P C P (C C P C P C p C C. Crmelo ing. Pple Appunti pg. 3

16 Cmpo mgnetico Dicesi cmpo mgnetico quel cmpo di forze in grdo di mettere in movimento dipoli mgnetici. Un cmpo mgnetico può essere generto o d sostnze mgnetiche permnenti o dl fluire dell corrente elettric F d Cmpi mgnetici nell mteri L permebilità mgnetic μ indic l ttitudine di un mterile lscirsi mgnetizzre d un cmpo mgnetico pplicto. Le sostnze sottoposte cmpi mgnetici possono essere divise in tre ctegorie in bse l comportmento rispetto l vuoto μ μ r μ μ o, H/m o dimgnetiche: μ r < sono quelle sostnze che se sottoposte d un cmpo mgnetico non si mgnetizzno m vengono debolmente respinte verso zone il cui cmpo mgnetico è più debole ( rme, oro, piombo, prmgnetiche: μ r > sono quelle sostnze che se sottoposte d un cmpo mgnetico si mgnetizzno debolmente ed l cessre del cmpo mgnetico esterno cess l mgnetizzzione queste sostnze sono debolmente ttrtte dl cmpo mgnetico (lluminio, titnio,tungsteno, ferromgnetiche: μ r >> quelle sostnze che mnifestno un mgnetizzzione forte e permnente qundo sono sottoposte d un cmpo mgnetico esterno, e sono fortemente ttrtte dl cmpo mgnetico (ferro, nichel, coblto, Cmpo mgnetico prodotto dll corrente elettric L corrente elettric che percorre un filo conduttore produce un cmpo mgnetico ortogonle l verso di percorrenz ed in ogni punto è proporzionle ll su intensità ed inversmente proporzionle ll distnz. H I π d Cmpo mgnetico prodotto d un solenoide Si può dimostrre che nel cso di un solenoide lungo di lunghezz l, composto d N spire e percorso d un corrente I, il cmpo mgnetico H, ll interno del solenoide vle: H N I l Crmelo ing. Pple Appunti pg. 4

17 Induzione mgnetic L induzione mgnetic B è l grndezz vettorile che esprime lo stto mgnetico di un sostnz sottopost d un cmpo mgnetico. Flusso di induzione mgnetic B μ H μ o μ r H Indic l quntità delle linee di forz del vettore induzione mgnetic che ttrversno un superficie S ( portt. Φ B S B S cos(φ Nell grn prte delle ppliczioni prtiche il cos(φ è ugule Flusso prodotto d un solenoide Il flusso conctento con un singol spir ll interno di un solenoide è pri N I Φ B S μ H S μ S l e moltiplicto per in numero delle spire che formno il solenoide f N N I Φ μ S l N N S μ I l L I Induttnze Induttnz L rppresent l relzione tr il flusso conctento in un solenoide e l corrente che l h generto Induzione elettromgnetic Leggi di Frdy-Neumnn e Lenz L Φ I L forz elettromotrice indott in un spir in movimento entro un cmpo mgnetico, è proporzionle ll velocità dell vrizione del flusso. L forz elettro motrice indott segno tle d opporsi ll vrizione di flusso che l h genert h e ΔΦ Δt Crmelo ing. Pple Appunti pg. 5

18 I Numeri Complessi I numeri complessi sono nti l fine di dre sempre n soluzioni lle equzioni di grdo n. Si definisce il numero immginrio j come quel numero il cui qudrto è ugule -. I numeri immginri gicciono su un rett llo stesso modo in cui gicciono i numeri reli. Le due rette quell dei numeri immginri e quell dei numeri reli sono ortogonli ed individuno il pino di Guss o pino dei numeri complessi. I numeri complessi essendo un punto del pino possono essere individuti univocmente in due modi ben distinti: in notzione crtesin j b (sciss e ordint ( p.es. 3 j4. in notzione polre e jθ ( modulo e fse. ( p.es. 5 e j 0,6435. (L fse, θ, è normlmente espress in rdinti m null viet di esprimerl in grdi relzioni per pssre d un numero in notzione crtesin d un numero in notzione polre ( p.es. 3 j4 5 e j 0,6435 o 5 e j 53,3. Conversione d coordinte crtesine in coordinte polri j b e jθ e jθ j b b cos (θ Se è positiv Se è negtiv b sen (θ b Not: θ rctn π b θ rctn b θ rctn 80 Conversione d coordinte polri in coordinte crtesine Il numero e è il numero di Neper ed è pri, , Un numero si dice che è il complesso coniugto di un ltro se h l stess prte rele ed h prte immginri oppost (p.es. 5 j 37 ed 5 j 37 0 (p.es. 6 e j, ed 6 e -j, Crmelo ing. Pple Appunti pg. 6

19 Le principli operzioni in coordinte crtesine ( j b ( j b ( j ( b b (somm ( j b - ( j b ( - j ( b - b (sottrzione ( j b * ( j b ( * - b * b j ( * b * b (moltipliczione b b b j b b b jb ( jb ( jb ( jb ( jb jb (divisione Le principli operzioni in coordinte polri θ θ j( jθ jθ e ( e ( e ( (moltipliczione θ θ j( jθ jθ e / ( e /( e ( (divisione e ( e ( e ( e ( π θ j( jθ jθ θ j (sottrzione jθ t t jθ jθ e e ( e ( (somm dove t e θ t sono trtte di teoremi di Crnot e di Eulero: cos( θ θ t θ θ θ θ t t sen rcsen ( Vist l complessità delle formule si evince che è in genere più conveniente effetture le operzioni di somm e sottrzione in coordinte crtesine e le operzioni di prodotto e divisione in coordinte polri. (Si noti che il prodotto o l somm di due numeri complessi e coniugti dà, come risultto, sempre un numero rele. Crmelo ing. Pple Appunti pg. 7

20 ppresentzione di un grndezz lternt sinusoidle Con riferimento ll figur lto l seguente espressione u( t U M sen( ωt φ esprime il vlore, istnte per istnte, di un tensione sinusoidle. Dove U M rppresent il vlore mssimo del vettore rotnte che gener l funzione ω rppresent l velocità ngolre del vettore t il tempo φ l ngolo che il vettore form con l sse rele l tempo zero detto nche sfsmento inizile Termini comunemente usti e reltive unità di misur Il periodo T si misur in secondi [ s ] ed è il tempo dopo il qule l funzione si ripete cioè U M sen( ωt φ U M sen( ω(tt φ Frequenz è il numero di periodi l secondo f /T si misur in hertz [hz] o [s - ] L pulszione ngolre o velocità ngolre ω πf si misur in rdinti l secondo [rd/s] o ( ω 360 f grdi l secondo o [ /s] Vlore efficce è quel vlore che, in regime continuo, produce lo stesso effetto Termico ssocito ll grndezz lternt. Questo vlore per il regime sinusoidle U mx I mx corrisponde U eff o I eff. Comunemente, qundo non si specific ltro, questo è il vlore cui si f riferimento. Crmelo ing. Pple Appunti pg. 8

21 ppresentzione vettorile dei segnli sinusoidli U M e jωt U M cos(ωt j U M sen(ωt Segnle vettorile L f.e.m. U M sen(ωt può essere considert come l prte immginri di un f.e.m. fittizi espress dll relzione U M e jωt ; quindi, in un sistem linere, tutte le operzioni che effettueremo sull funzione esponenzile si ripercuoternno implicitmente in nloghe operzioni effettute sull componente sinusoidle. I risultti che si otterrnno sotto form vettorile possono essere quindi legittimmente interpretrti in termini di mpiezz e fse di grndezze sinusoidli. Comportmento regime con segnli sinusoidli Il termine X si chim rettnz e rppresent in generle l componente immginri dell impedenz prede il come di rettnz induttiv se positiv e cpcitiv se negtiv. Crmelo ing. Pple Appunti pg. 9

22 Legge di Ohm L cdut di potenzile, i cpi di un impedenz percors d un corrente, è ugule l vlore dell impedenz, del componente, per il vlore dell corrente che l ttrvers. Dove: u è il vettore tensione i cpi del componente rppresent l impedenz come numero complesso del componente i è il vettore corrente che ttrvers il componente. N.B. Sono vlidi nche in lternt I principi di Kirchhoff, l sovrpposizione degli effetti, il teorem di Thèvenin, il teorem Norton, l conversione tringolo stell. ecc ecc. Sostituendo nelle definizioni dte precedentemente le prole: resistore con componente resistenz con impedenz. Nelle formule con Impedenze in serie Due o più impedenze si dicono in serie se pprtengno llo stesso rmo. Se si vuole sostituire un impedenz l posto di più impedenze in serie in modo tle che in resto del circuito non si ccorg dell sostituzione llor si deve grntire che l cdut di potenzile U b deve rimnere inltert come pure l corrente in ingresso dell serie. u b u c u cd u db s 3 i i D cui si deduce che l impedenz s deve vere un impedenz pri ll somm delle impedenze: i i S 3 Crmelo ing. Pple Appunti pg. 0

23 Impedenze in prllelo Due o più impedenze si dicono in prllelo se gli estremi confluiscono sugli stessi nodi propri. Se si vuole sostituire un impedenz l posto di più impedenze in prllelo in modo tle che in resto del circuito non si ccorg dell sostituzione llor si deve grntire che l cdut di potenzile U b deve rimnere inltert come pure l corrente in ingresso del prllelo. u b p u u b b b 3 i i b i c i d u D cui si deduce che il componente p deve vere l mmettenz Y p / p pri ll somm delle mmettenze dei componenti: P 3 nel cso prticolre di due impedenze si h: p Prtitore di tensione Se un rmo, composto d sole impedenze, è sottotosto d un d.d.p. L tensione i cpi dell singol impedenz è direttmente proporzionle ll impedenz del componente stesso ed inversmente proporzionle ll somm delle impedenze del rmo u zx x rmo u b p.e u cd 3 u b Crmelo ing. Pple Appunti pg.

24 Potenz elettric legge di Joule In un componente elettrico l potenz dipende esclusivmente dll impedenz e dl qudrto dell corrente che l ttrvers P i eff P i eff ( jx potenz pprente i eff u eff [VA] P i eff i eff i eff cos( θ u eff i eff cos( θ [W] potenz ttiv Q i eff X i eff i eff sen( θ u eff i eff sen( θ [VA]potenz rettiv Trsformtore idele. Il trsformtore è un mcchin sttic che serve d innlzre o d bbssre un tensione in bse l rpporto spire U p i p u s i s. u p / u s N p / N s funzion solo in regime vribile ( non funzion in corrente continu. Nel cso idele (un trsformtore senz perdite l potenz res è pri ll potenz fornit. Trsformtore utilizzto come dtttore di impedenz Un trsformtore può essere utilizzto nche come un dtttore di impedenz; diftti il circuito primrio vede il bipolo costituito dl trsformtore e dl crico come un resistore pri : ci U I p p N N s p c Crmelo ing. Pple Appunti pg.

25 Serie Vlori normlizzti In ccordo lle norme IEC sono stte fisste delle serie normlizzte di vlori compresi d 0. Tutti gli ltri vlori sono multipli o sottomultipli di 0. L serie E6 h 6 vlori, l E h vlori e così vi. L serie d E6 è utilizzt per resistenze di bss precisione 0%, Le serie E e E4 sono utilizzte per resistenze di bss e medi precisione 0% e 5%. Le serie E48 e E96 vengono utilizzte per resistenze di precisione %, %, 0,5%, 0,5%, 0,%. Di seguito vengono riportte le tbelle reltive gli stndrd E6, E, E4, E48, E96. E6 E E4 SEIE E48,0,0,0,00,47,5 3,6 4,64 6,8,,05,54,6 3,3 4,87 7,5,,,0,6,37 3,48 5, 7,50,3,5,69,49 3,65 5,36 7,87,5,5,5,,78,6 3,83 5,6 8,5,6,7,87,74 4,0 5,90 8,66,8,8,33,96,87 4, 6,9 9,09,,,,0,40,05 3,0 4,4 6,49 9,53,4,7,7 3,0 SEIE E96 3,3 3,3 3,3,00,33,78,37 3,6 4, 5,6 7,50 3,6,0,37,8,43 3,4 4,3 5,76 7,68 3,9 3,9,05,40,87,49 3,3 4,4 5,90 7,87 4,3,07,43,9,55 3,40 4,53 6,04 8,06 4,7 4,7 4,7,0,47,96,6 3,48 4,64 6,9 8,5 5,,3,50,00,67 3,57 4,75 6,34 8,45 5,6 5,6,5,54,05,74 3,65 4,87 6,49 8,66 6,,8,58,0,80 3,74 4,99 6,65 8,87 6,8 6,8 6,8,,6,5,87 3,83 5, 6,8 9,09 7,5,4,65,,94 3,9 5,3 6,98 9,3 8, 8,,7,69,6 3,0 4,0 5,36 7,5 9,53 9,,30,74,3 3,08 4, 5,49 7,3 9,76 Crmelo ing. Pple Appunti pg. 3

26 Codice dei colori esistori commercili colore Cifre significtive moltiplictore tollernz Coefficiente di tempertur (0-6 / C Nessuno ±0% --- Argento ±0% Oro ±5% Nero ±00 Mrrone 0 ±% ±00 osso 0 ±% ±50 Arncio ±5 Gillo ±5 Verde ±0,5% ±0 Blu ±0,5% ±0 Viol ±0,% ±5 Grigio ± Binco I vlori ohmici nominli di resistori di piccole dimensioni vengono stmpti sul corpo di questi componenti medinte bnde colorte. Crmelo ing. Pple Appunti pg. 4

27 Codice dei Condenstori Codice lfnumerico: (Codice Europeo Letter dell'unità di misur, l posto dell virgol, quindi: p signific,pf p signific pf, m si può indicre nche soltnto "" n signific 0,nF 0pF n signific,nf n signific nf 0n signific 0nF Codice numerico tre cifre: (Codice Asitico Il discorso è come il precedente, solo che l cifr moltiplictrice è dopo i due numeri che indicno il vlore nominle signific.00pf,nf signific 0pF 0 signific pf. signific,pf 3 signific.000pf nf 54 signific pF 50nF 5 signific pf,μf Codice con puntino inizile (solo per cpcità dell'ordine del nf (Codice Americno Il puntino, signific che il vlore è espresso in μf, e il puntino corrisponde ll virgol..00 signific 0,00μF,nF.0 signific 0,0μF nf. signific 0,μF 0nF,0 μf 0% 00V 50 nf 0 nf 63V Tollernze e tensioni di lvoro. In tutti i condenstori possono comprire le seguenti lettere: M - K - J. Queste tre lettere stnno d indicre l TOLLEANA che è l seguente: M Tollernz inferiore l 0%; K Tollernz l 0% ; J Tollernz l 5%. Dopo un di queste tre lettere, compiono due o più numeri che indicno l TENSIONE DI LAVOO. Se, per esempio, leggete 00, signific che l tensione di lvoro è 00 VOLT DC. Se invece leggete 450 V.AC. signific che l su tensione di lvoro mssim è di 450 VOLT COENTE ALTENATA. Se, infine, leggete 3,5K, signific che l tensione mssim di lvoro è di Volt. Crmelo ing. Pple Appunti pg. 5

28 Codice dei colori Crmelo ing. Pple Appunti pg. 6

Macchine elettriche in corrente continua

Macchine elettriche in corrente continua cchine elettriche in corrente continu Generlità Può essere definit mcchin un dispositivo che convert energi d un form un ltr. Le mcchine elettriche in prticolre convertono energi elettric in energi meccnic

Dettagli

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n.

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n. AUTOVALORI ED AUTOVETTORI Si V uno spzio vettorile di dimensione finit n. Dicesi endomorfismo di V ogni ppliczione linere f : V V dello spzio vettorile in sé. Se f è un endomorfismo di V in V, considert

Dettagli

Definizioni fondamentali

Definizioni fondamentali Definizioni fondmentli Sistem scisse su un rett 1 Un rett si ce orientt qundo su ess è fissto un verso percorrenz Dti due punti qulsisi A e B un rett orientt r, il segmento AB che può essere percorso d

Dettagli

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito.

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito. Integrli de niti. Il problem di clcolre l re di un regione pin delimitt d gr ci di funzioni si può risolvere usndo l integrle de nito. L integrle de nito st l problem del clcolo di ree come l equzione

Dettagli

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma INTEGRALI IMPROPRI. Integrli impropri su intervlli itti Dt un funzione f() continu in [, b), ponimo ε f() = f() ε + qundo il ite esiste. Se tle ite esiste finito, l integrle improprio si dice convergente

Dettagli

3. Funzioni iniettive, suriettive e biiettive (Ref p.14)

3. Funzioni iniettive, suriettive e biiettive (Ref p.14) . Funzioni iniettive, suriettive e iiettive (Ref p.4) Dll definizione di funzione si ricv che, not un funzione y f( ), comunque preso un vlore di pprtenente l dominio di f( ) esiste un solo vlore di y

Dettagli

Titolazione Acido Debole Base Forte. La reazione che avviene nella titolazione di un acido debole HA con una base forte NaOH è:

Titolazione Acido Debole Base Forte. La reazione che avviene nella titolazione di un acido debole HA con una base forte NaOH è: Titolzione Acido Debole Bse Forte L rezione che vviene nell titolzione di un cido debole HA con un bse forte NOH è: HA(q) NOH(q) N (q) A (q) HO Per quest rezione l costnte di equilibrio è: 1 = = >>1 w

Dettagli

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x Appunti elorti dll prof.ss Biondin Gldi Funzione integrle Si y = f() un funzione continu in un intervllo [; ] e si 0 [; ]; l integrle 0 f()d si definisce Funzione Integrle; si chim funzione integrle in

Dettagli

Problemi di massimo e minimo in Geometria Solida Problemi su poliedri. Indice dei problemi risolti

Problemi di massimo e minimo in Geometria Solida Problemi su poliedri. Indice dei problemi risolti Problemi di mssimo e minimo in Geometri olid Problemi su poliedri Indice dei problemi risolti In generle, un problem si riferisce un figur con crtteristice specifice (p.es., il numero dei lti dell bse)

Dettagli

Ing. Alessandro Pochì

Ing. Alessandro Pochì Dispense di Mtemtic clsse quint -Gli integrli Quest oper è distriuit con: Licenz Cretive Commons Attriuzione - Non commercile - Non opere derivte. Itli Ing. Alessndro Pochì Appunti di lezione svolti ll

Dettagli

VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE

VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE Soluzioni di quesiti e prolemi trtti dl Corso Bse Blu di Mtemti volume 5 [] (Es. n. 8 pg. 9 V) Dell prol f ( ) si hnno le seguenti informzioni, tutte

Dettagli

Il volume del cilindro è dato dal prodotto della superficie di base per l altezza, quindi

Il volume del cilindro è dato dal prodotto della superficie di base per l altezza, quindi Mtemtic per l nuov mturità scientific A. Bernrdo M. Pedone 3 Questionrio Quesito 1 Provre che un sfer è equivlente i /3 del cilindro circoscritto. r 4 3 Il volume dell sfer è 3 r Il volume del cilindro

Dettagli

METODO VOLTAMPEROMETRICO

METODO VOLTAMPEROMETRICO METODO OLTAMPEOMETCO Tle etodo consente di isrre indirettente n resistenz elettric ed ipieg l definizione stess di resistenz : doe rppresent l tensione i cpi dell resistenz e l corrente che l ttrers coe

Dettagli

07 GUIDA ALLA PROGETTAZIONE. Guida alla progettazione

07 GUIDA ALLA PROGETTAZIONE. Guida alla progettazione 07 Guid ll progettzione Scelt tubzioni e giunti 2 tubi di misur [mm] Dimetro tubzioni unità esterne (A) Giunti 12Hp 1Hp 1Hp Selezionre il dimetro delle unità esterne dll seguente tbell Giunto Y tr unità

Dettagli

Corso di Analisi Matematica Calcolo integrale per funzioni di una variabile

Corso di Analisi Matematica Calcolo integrale per funzioni di una variabile Corso di Anlisi Mtemtic Clcolo integrle per funzioni di un vribile Lure in Informtic e Comuniczione Digitle A.A. 2013/2014 Università di Bri ICD (Bri) Anlisi Mtemtic 1 / 40 1 L integrle come limite di

Dettagli

1 b a. f(x) dx. Osservazione 1.2. Se indichiamo con µ il valore medio di f su [a, b], abbiamo che. f(x) dx = µ(b a) =

1 b a. f(x) dx. Osservazione 1.2. Se indichiamo con µ il valore medio di f su [a, b], abbiamo che. f(x) dx = µ(b a) = Note ed esercizi di Anlisi Mtemtic - (Fosci) Ingegneri dell Informzione - 28-29. Lezione del 7 novembre 28. Questi esercizi sono reperibili dll pgin web del corso ttp://utenti.unife.it/dmino.fosci/didttic/mii89.tml

Dettagli

ANALISI REALE E COMPLESSA a.a. 2007-2008

ANALISI REALE E COMPLESSA a.a. 2007-2008 ANALISI REALE E COMPLESSA.. 2007-2008 1 Successioni e serie di funzioni 1.1 Introduzione In questo cpitolo studimo l convergenz di successioni del tipo n f n, dove le f n sono tutte funzioni vlori reli

Dettagli

Esercizi sulle serie di Fourier

Esercizi sulle serie di Fourier Esercizi sulle serie di Fourier Corso di Fisic Mtemtic,.. 3- Diprtimento di Mtemtic, Università di Milno Novembre 3 Sviluppo in serie di Fourier (esponenzile) In questi esercizi, si richiede di sviluppre

Dettagli

VERIFICA DI UN CIRCUITO RESISTIVO CONTENENTE PIÙ GENERATORI CON UN TERMINALE COMUNE E SENZA TERMINALE COMUNE.

VERIFICA DI UN CIRCUITO RESISTIVO CONTENENTE PIÙ GENERATORI CON UN TERMINALE COMUNE E SENZA TERMINALE COMUNE. FCA D UN CCUTO SSTO CONTNNT PÙ GNATO CON UN TMNAL COMUN SNZA TMNAL COMUN. Si verifino quttro iruiti on due genertori: genertori on polrità onorde e un terminle omune genertori on polrità disorde e un terminle

Dettagli

13. EQUAZIONI ALGEBRICHE

13. EQUAZIONI ALGEBRICHE G. Smmito, A. Bernrdo, Formulrio di mtemti Equzioni lgerihe F. Cimolin, L. Brlett, L. Lussrdi. EQUAZIONI ALGEBRICHE. Prinipi di equivlenz Si die identità un'uguglinz tr due espressioni ontenenti un o più

Dettagli

Cuscinetti ad una corona di sfere a contatto obliquo

Cuscinetti ad una corona di sfere a contatto obliquo Cuscinetti d un coron di sfere conttto obliquo Cuscinetti d un coron di sfere conttto obliquo 232 Definizione ed ttitudini 232 Serie 233 Vrinti 233 Tollernze e giochi 234 Elementi di clcolo 236 Crtteristiche

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

Appunti di Analisi matematica 1. Paolo Acquistapace

Appunti di Analisi matematica 1. Paolo Acquistapace Appunti di Anlisi mtemtic Polo Acquistpce 23 febbrio 205 Indice Numeri 4. Alfbeto greco................................. 4.2 Insiemi..................................... 4.3 Funzioni....................................

Dettagli

Esercizi della 8 lezione sulla Geomeria Linere ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA ESERCIZI SULLA PARABOLA ESERCIZI SULL' ELLISSE ERCIZI SULL' IPERBOLE

Esercizi della 8 lezione sulla Geomeria Linere ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA ESERCIZI SULLA PARABOLA ESERCIZI SULL' ELLISSE ERCIZI SULL' IPERBOLE Eserizi dell lezione sull Geomeri Linere ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA ESERCIZI SULLA PARABOLA ESERCIZI SULL' ELLISSE ES ERCIZI SULL' IPERBOLE ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA. Determinre l equzione dell ironferenz

Dettagli

10 Progetto con modelli tirante-puntone

10 Progetto con modelli tirante-puntone 0 Progetto con modelli tirnte-puntone 0. Introduzione I modelli tirnte-puntone (S&T Strut nd Tie) sono utilizzti per l progettzione delle membrture in c.. che non possono essere schemtizzte come solidi

Dettagli

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA 1 esercizi in corrente continua completamente svolti ESERCIZI DI ELETTROTECNICA IN CORRENTE CONTINUA ( completamente svolti ) a cura del Prof. Michele ZIMOTTI 1 2 esercizi in corrente continua completamente

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA

LA CORRENTE ELETTRICA L CORRENTE ELETTRIC H P h Prima che si raggiunga l equilibrio c è un intervallo di tempo dove il livello del fluido non è uguale. Il verso del movimento del fluido va dal vaso a livello maggiore () verso

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

Variazioni di sviluppo del lobo frontale nell'uomo

Variazioni di sviluppo del lobo frontale nell'uomo Istituto di Antropologi dell Regi Università di Rom Vrizioni di sviluppo del lobo frontle nell'uomo pel Dott. SERGIO SERGI Libero docente ed iuto ll cttedr di Antropologi. Il problem dei rpporti di sviluppo

Dettagli

LABORATORIO I-A. Cenni sui circuiti elettrici in corrente continua

LABORATORIO I-A. Cenni sui circuiti elettrici in corrente continua 1 UNIVERSITÀ DIGENOVA FACOLTÀDISCIENZEM.F.N. LABORATORIO IA Cenni sui circuiti elettrici in corrente continua Anno Accademico 2001 2002 2 Capitolo 1 Richiami sui fenomeni elettrici Esperienze elementari

Dettagli

EQUILIBRI IN SOLUZIONE ACQUOSA

EQUILIBRI IN SOLUZIONE ACQUOSA Dispense CHIMICA GENERALE E ORGANICA (STAL) 010/11 Prof. P. Crloni EQUILIBRI IN SOLUZIONE ACQUOSA Qundo si prl di rezioni di equilirio dei composti inorgnici, un considerzione prticolre viene rivolt lle

Dettagli

Numeri razionali COGNOME... NOME... Classe... Data...

Numeri razionali COGNOME... NOME... Classe... Data... I numeri rzionli Cpitolo Numeri rzionli Verifi per l lsse prim COGNOME............................... NOME............................. Clsse.................................... Dt...............................

Dettagli

Corso di ordinamento - Sessione suppletiva - a.s. 2009-2010

Corso di ordinamento - Sessione suppletiva - a.s. 2009-2010 Corso di ordinmnto - Sssion suppltiv -.s. 9- PROBLEMA ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO SESSIONE SUPPLETIA Tm di: MATEMATICA. s. 9- Dt un circonrnz di cntro O rggio unitrio, si prndno

Dettagli

Circuiti in Corrente Continua (direct current=dc) RIASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica Il Potenziale Elettrico La legge di Ohm Il

Circuiti in Corrente Continua (direct current=dc) RIASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica Il Potenziale Elettrico La legge di Ohm Il Circuiti in Corrente Continua direct currentdc ASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica l Potenziale Elettrico La legge di Ohm l resistore codice dei colori esistenze in serie ed in parallelo

Dettagli

Le spese di ricerca e sviluppo: gestione contabile ed iscrizione in bilancio *

Le spese di ricerca e sviluppo: gestione contabile ed iscrizione in bilancio * www.solmp.it Le : gestione contbile ed iscrizione in bilncio * Piero Pisoni, Fbrizio Bv, Dontell Busso e Alin Devlle ** 1. Premess Le sono esminte nei seguenti spetti: Il presente elborto è trtto d: definizione

Dettagli

Esempio Data la matrice E estraiamo due minori di ordine 3 differenti:

Esempio Data la matrice E estraiamo due minori di ordine 3 differenti: Minori di un mtrice Si A K m,n, si definisce minore di ordine p con p N, p

Dettagli

PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA

PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA Prerequisiti - Impiego di Multipli e Sottomultipli nelle equazioni - Equazioni lineari di primo grado e capacità di ricavare le formule inverse - nozioni base di fisica

Dettagli

YOGURT. Dosi per. 150 più secondo il. fermenti. eccezionalee. il nostroo lavorare. intestino. forma. Alla fine

YOGURT. Dosi per. 150 più secondo il. fermenti. eccezionalee. il nostroo lavorare. intestino. forma. Alla fine YOGURT FATTO IN CASAA CON YOGURTIERA Lo yogurt ftto in cs è senz ltro un modoo sno per crere un limento eccezionlee per l nostr slute. Ricco di ltticii iut intestino fermenti il nostroo lvorre meglioo

Dettagli

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante Circuiti Elettrici Schema riassuntivo Leggi fondamentali dei circuiti elettrici lineari Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante La conseguenza

Dettagli

I vettori. a b. 180 α B A. Un segmento orientato è un segmento su cui è stato fissato un verso. di percorrenza, da verso oppure da verso.

I vettori. a b. 180 α B A. Un segmento orientato è un segmento su cui è stato fissato un verso. di percorrenza, da verso oppure da verso. I vettor B Un segmento orentto è un segmento su cu è stto fssto un verso B d percorrenz, d verso oppure d verso. A A Il segmento orentto d verso è ndcto con l smolo. Due segment orentt che hnno l stess

Dettagli

Vietata la pubblicazione, la riproduzione e la divulgazione a scopo di lucro.

Vietata la pubblicazione, la riproduzione e la divulgazione a scopo di lucro. Viett l pubbliczione, l riprouzione e l ivulgzione scopo i lucro. GA00001 Qul è l mpiezz ell ngolo che si ottiene ) 95 b) 275 c) 265 ) 5 b sottreno 85 un ngolo giro? GA00002 Due ngoli ll circonferenz che

Dettagli

Introduzione all elettronica

Introduzione all elettronica Introduzione all elettronica L elettronica nacque agli inizi del 1900 con l invenzione del primo componente elettronico, il diodo (1904) seguito poi dal triodo (1906) i cosiddetti tubi a vuoto. Questa

Dettagli

I.T.I. A. MALIGNANI UDINE CLASSI 3 e ELT MATERIA: ELETTROTECNICA PROGRAMMA PREVENTIVO

I.T.I. A. MALIGNANI UDINE CLASSI 3 e ELT MATERIA: ELETTROTECNICA PROGRAMMA PREVENTIVO CORRENTE CONTINUA: FENOMENI FISICI E PRINCIPI FONDAMENTALI - Richiami sulle unità di misura e sui sistemi di unità di misura. - Cenni sulla struttura e sulle proprietà elettriche della materia. - Le cariche

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente Unità G16 - La corrente elettrica continua La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente 1 Lezione 1 - La corrente elettrica

Dettagli

La scelta di equilibrio del consumatore. Integrazione del Cap. 21 del testo di Mankiw 1

La scelta di equilibrio del consumatore. Integrazione del Cap. 21 del testo di Mankiw 1 M.Blconi e R.Fontn, Disense di conomi: 3) quilirio del consumtore L scelt di equilirio del consumtore ntegrzione del C. 21 del testo di Mnkiw 1 Prte 1 l vincolo di ilncio Suonimo che il reddito di un consumtore

Dettagli

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Un conduttore ideale all equilibrio elettrostatico ha un campo elettrico nullo al suo interno. Cosa succede se viene generato un campo elettrico diverso da zero al suo

Dettagli

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t;

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t; CAPITOLO CIRCUITI IN CORRENTE CONTINUA Definizioni Dato un conduttore filiforme ed una sua sezione normale S si definisce: Corrente elettrica i Q = (1) t dove Q è la carica che attraversa la sezione S

Dettagli

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino:

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino: Prof. Emnul ANDRISANI Studio di funzion Funzioni rzionli intr n n o... n n Crttristich: sono funzioni continu drivbili in tutto il cmpo rl D R quindi non sistono sintoti vrticli D R quindi non sistono

Dettagli

Corrente elettrica (regime stazionario)

Corrente elettrica (regime stazionario) Corrente elettrica (regime stazionario) Metalli Corrente elettrica Legge di Ohm Resistori Collegamento di resistori Generatori di forza elettromotrice Metalli Struttura cristallina: ripetizione di unita`

Dettagli

Comparazione delle performance di 6 cloni di Gamay ad altitudine elevata

Comparazione delle performance di 6 cloni di Gamay ad altitudine elevata Comprzione delle performnce di 6 cloni di Gmy d ltitudine elevt 1 / 46 Motivzioni Selezione clonle IAR-4 Lo IAR-4 è stto selezionto in mbiente montno d un prticolre popolzione di mterile stndrd, dll qule

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA (Fenomeno, indipendente dal tempo, che si osserva nei corpi conduttori quando le cariche elettriche fluiscono in essi.) Un conduttore metallico è in equilibrio elettrostatico

Dettagli

Fatturiamo. Versione 5. Manuale per l utente. Active Software Corso Italia 149-34170 Gorizia email info@activeweb.it

Fatturiamo. Versione 5. Manuale per l utente. Active Software Corso Italia 149-34170 Gorizia email info@activeweb.it Ftturimo Versione 5 Mnule per l utente Active Softwre Corso Itli 149-34170 Gorizi emil info@ctiveweb.it Se questo documento ppre nell finestr del vostro browser Internet di defult, richimte il comndo Registr

Dettagli

LE INTERSEZIONI Dispense didattiche di TOPOGRAFIA

LE INTERSEZIONI Dispense didattiche di TOPOGRAFIA lsse qurt Docente: In. Ntt MODULO I: IL RILIEVO TOOGRFIO UD I: L INQUDRMENTO ON LE RETI - INTERSEZIONI LE INTERSEZIONI Dispense didttiche di TOOGRFI r M unto di ollins O s θ 00 O d O d 00 θ θ ω ' ω θ c'

Dettagli

La rappresentazione per elencazione consiste nell elencare tutte le coppie ordinate che verificano la relazione

La rappresentazione per elencazione consiste nell elencare tutte le coppie ordinate che verificano la relazione RELAZIONI E FUNZIONI Relzioni inrie Dti ue insiemi non vuoti e (he possono eventulmente oiniere), si ie relzione tr e un qulsisi legge he ssoi elementi elementi. L insieme A è etto insieme i prtenz. L

Dettagli

TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE Una trasformazione geometrica del piano in sé è una corrispondenza biunivoca tra i punti del piano: ( ) , :,

TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE Una trasformazione geometrica del piano in sé è una corrispondenza biunivoca tra i punti del piano: ( ) , :, TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE Un rsforzione geoeric del pino in sé è un corrispondenz iunivoc r i puni del pino P P, P P P è l igine di P rispeo ll rsforzione. Ad ogni puno P(,) corrisponde uno ed un solo

Dettagli

Circuiti Elettrici. Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale

Circuiti Elettrici. Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale Circuiti Elettrici Corrente elettrica Legge di Ohm Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale Leggi di Kirchhoff Elementi di circuito: voltmetri, amperometri, condensatori

Dettagli

Elementi di analisi delle reti elettriche. Sommario

Elementi di analisi delle reti elettriche. Sommario I.T.I.S. "Antonio Meucci" di Roma Elementi di analisi delle reti elettriche a cura del Prof. Mauro Perotti Anno Scolastico 2009-2010 Sommario 1. Note sulla simbologia...4 2. Il generatore (e l utilizzatore)

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI . L'INSIEME DEI NUMERI REALI. I pricipli isiemi di umeri Ripredimo i pricipli isiemi umerici N, l'isieme dei umeri turli 0; ; ; ; ;... L'ide ituitiv di umero turle è ssocit l prolem di cotre e ordire gli

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

Metodi d integrazione di Montecarlo

Metodi d integrazione di Montecarlo Metodi d itegrzioe di Motecrlo Simulzioe l termie simulzioe ell su ccezioe scietific h u sigificto diverso dll ccezioe correte. Nell uso ordirio è sioimo si fizioe; ell uso scietifico è sioimo di imitzioe,

Dettagli

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DELL AQUILA Scuola di Specializzazione per la Formazione degli Insegnanti nella Scuola Secondaria Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico Prof. Umberto Buontempo

Dettagli

Curve di risonanza di un circuito

Curve di risonanza di un circuito Zuccarello Francesco Laboratorio di Fisica II Curve di risonanza di un circuito I [ma] 9 8 7 6 5 4 3 0 C = 00 nf 0 5 0 5 w [KHz] RLC - Serie A.A.003-004 Indice Introduzione pag. 3 Presupposti Teorici 5

Dettagli

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Valentino Liberali Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano valentino.liberali@unimi.it Elettronica Circuiti nel dominio del tempo 14 aprile 211

Dettagli

nica Cagliari ) m Viene detto (1) Dal sistema dell energia Un possibile

nica Cagliari ) m Viene detto (1) Dal sistema dell energia Un possibile Viene detto sistema polifase un sistema costituito da più tensioni o da più correnti sinusoidali, sfasate l una rispetto all altra. Un sistema polifase è simmetrico quando le grandezze sinusoidali hanno

Dettagli

INTERCONNESSIONE CONNETTIVITÀ

INTERCONNESSIONE CONNETTIVITÀ EMC VMA AX 10K EMC VMAX 10K fornisce e un'rchitettu ur scle-out multi-controlller Tier 1 rele e che nsolidmento ed efficienz. EMC VMAX 10 0K utilizz l stess s grntisce lle ziende con stemi VMAX 20 0K e

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

STUD FOTOVOLTAICO 16 LED 1.2W CW

STUD FOTOVOLTAICO 16 LED 1.2W CW Cod. 1879.185M STUD FOTOVOLTAICO 16 LED 1.2W CW Crtteristiche tecniche Corpo in lluminio pressofuso Portello di chiusur vno cblggio/btterie in termoindurente Riflettore in lluminio vernicito binco Diffusore

Dettagli

Epigrafe. Premessa. D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 (1).

Epigrafe. Premessa. D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 (1). D.Lgs. 29-12-2006 n. 311 Disposizioni correttive ed integrtive l D.Lgs. 19 gosto 2005, n. 192, recnte ttuzione dell direttiv 2002/91/CE, reltiv l rendimento energetico nell'edilizi. Pubblicto nell Gzz.

Dettagli

Le misure di energia elettrica

Le misure di energia elettrica Le misure di energia elettrica Ing. Marco Laracca Dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell Informazione Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale Misure di energia elettrica La misura

Dettagli

Domanda n. del Pensione n. cat. abitante a Prov. CAP. via n. DICHIARA, sotto la propria responsabilità, che per gli anni:

Domanda n. del Pensione n. cat. abitante a Prov. CAP. via n. DICHIARA, sotto la propria responsabilità, che per gli anni: Mod. RED Sede di Domnd n. del Pensione n. ct. nto il stto civile bitnte Prov. CAP vi n. DICHIARA, sotto l propri responsbilità, che per gli nni: A B (brrre l csell reltiv ll propri situzione) NON POSSIEDE

Dettagli

temperatura; Trasporto di massa, calore e quantità di moto, relazioni di bilancio; La viscosità; Cenni di

temperatura; Trasporto di massa, calore e quantità di moto, relazioni di bilancio; La viscosità; Cenni di FISICA-TECNICA Ki Gllucci ki.gllucci@univq.i kgllucci@unie.i Progr del corso Dinic dei fluidi: Regii di oo; Moo szionrio di un fluido idele; Moo szionrio di un fluido rele; Il eore di Bernoulli; Perdie

Dettagli

VERIFICA DEI PRINCIPI DI KIRCHHOFF, DEL PRINCIPIO DI SOVRAPPOSIZIONE DEGLI EFFETTI, DEL TEOREMA DI MILLMAN

VERIFICA DEI PRINCIPI DI KIRCHHOFF, DEL PRINCIPIO DI SOVRAPPOSIZIONE DEGLI EFFETTI, DEL TEOREMA DI MILLMAN FCA D PNCP D KCHHOFF, DL PNCPO D SOAPPOSZON DGL FFTT, DL TOMA D MLLMAN Un qualunque circuito lineare (in cui agiscono più generatori) può essere risolto applicando i due principi di Kirchhoff e risolvendo

Dettagli

Analisi in regime sinusoidale (parte V)

Analisi in regime sinusoidale (parte V) Appunti di Elettrotecnica Analisi in regime sinusoidale (parte ) Teorema sul massimo trasferimento di potenza attiva... alore della massima potenza attiva assorbita: rendimento del circuito3 Esempio...3

Dettagli

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli

Programmazione Modulare

Programmazione Modulare Indirizzo: BIENNIO Programmazione Modulare Disciplina: FISICA Classe: 2 a D Ore settimanali previste: (2 ore Teoria 1 ora Laboratorio) Prerequisiti per l'accesso alla PARTE D: Effetti delle forze. Scomposizione

Dettagli

Esercizi e considerazioni pratiche sulla legge di ohm e la potenza

Esercizi e considerazioni pratiche sulla legge di ohm e la potenza Esercizi e considerazioni pratiche sulla legge di ohm e la potenza Come detto precedentemente la legge di ohm lega la tensione e la corrente con un altro parametro detto "resistenza". Di seguito sono presenti

Dettagli

Statiche se la trasformazione dell energia avviene senza organi in movimento (es. Trasformatori.)

Statiche se la trasformazione dell energia avviene senza organi in movimento (es. Trasformatori.) Macchine elettriche parte Macchine elettriche Generalità Definizioni Molto spesso le forme di energia in natura non sono direttamente utilizzabili, ma occorre fare delle conversioni. Un qualunque sistema

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica La corrente elettrica La corrente elettrica è un movimento di cariche elettriche che hanno tutte lo stesso segno e si muovono nello stesso verso. Si ha corrente quando: 1. Ci sono cariche elettriche; 2.

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

Codici bifissi ed insiemi Sturmiani

Codici bifissi ed insiemi Sturmiani Università degli Studi di Plermo Fcoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Lure Specilistic in Mtemtic Codici ifissi ed insiemi Sturmini Studente Frncesco Dolce Reltore Prof. Antonio Restivo Anno Accdemico

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO. a.s. 2012/2013

PROGRAMMA SVOLTO. a.s. 2012/2013 Liceo Scientifico Statale LEONARDO DA VINCI Via Cavour, 6 Casalecchio di Reno (BO) - Tel. 051/591868 051/574124 - Fax 051/6130834 C. F. 92022940370 E-mail: LSLVINCI@IPERBOLE.BOLOGNA.IT PROGRAMMA SVOLTO

Dettagli

Capitolo 7. Circuiti magnetici

Capitolo 7. Circuiti magnetici Capitolo 7. Circuiti magnetici Esercizio 7.1 Dato il circuito in figura 7.1 funzionante in regime stazionario, sono noti: R1 = 7.333 Ω, R2 = 2 Ω, R3 = 7 Ω δ1 = 1 mm, δ2 = 1.3 mm, δ3 = 1.5 mm Α = 8 cm 2,

Dettagli

I radicali 1. Claudio CANCELLI (www.claudiocancelli.it)

I radicali 1. Claudio CANCELLI (www.claudiocancelli.it) I rdicli Cludio CANCELLI (www.cludioccelli.it) Ed..0 www.cludioccelli.it Dec. 0 I rdicli INDICE DEI CONTENUTI. I RADICALI... INDICE DI RADICE PARI...4 INDICE DI RADICE DISPARI...5 RADICALI SIMILI...6 PROPRIETA

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE Fondo Sociale Europeo "Competenze per lo Sviluppo" Obiettivo C-Azione C1: Dall esperienza alla legge: la Fisica in Laboratorio La corrente elettrica Sommario 1) Corrente elettrica

Dettagli

L ELLISSOIDE TERRESTRE

L ELLISSOIDE TERRESTRE L ELLISSOIDE TERRESTRE Fin dll scond mtà dl XVII scolo (su propost di Nwton) l suprfici più dtt ssr ssunt com suprfici di rifrimnto pr l Trr è stt individut in un ELLISSOIDE DI ROTAZIONE. E l suprfici

Dettagli

negativa Forza repulsiva Forza attrattiva

negativa Forza repulsiva Forza attrattiva 1 Corrente elettrica 1.1 Carica elettrica Sebbene le cariche elettriche siano tra i costituenti fondamentali della materia, l elettricità in natura è un fenomeno relativamente raro, se si eccettuano i

Dettagli

Capitolo 1. Generalità sulle macchine elettriche

Capitolo 1. Generalità sulle macchine elettriche Capitolo 1 Generalità sulle macchine elettriche Scopo di questo capitolo è capire come funziona un motore elettrico, quali i princìpi generali che consentono la trasformazione di energia meccanica in energia

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica Unità didattica 8 La corrente elettrica Competenze Costruire semplici circuiti elettrici e spiegare il modello di spostamento delle cariche elettriche. Definire l intensità di corrente, la resistenza e

Dettagli

Esercitazione N. 1 Misurazione di resistenza con metodo volt-amperometrico

Esercitazione N. 1 Misurazione di resistenza con metodo volt-amperometrico Esercitazione N. 1 Misurazione di resistenza con metodo volt-amperometrico 1.1 Lo schema di misurazione Le principali grandezze elettriche che caratterizzano un bipolo in corrente continua, quali per esempio

Dettagli

Protezione dai contatti indiretti

Protezione dai contatti indiretti Protezione dai contatti indiretti Se una persona entra in contatto contemporaneamente con due parti di un impianto a potenziale diverso si trova sottoposto ad una tensione che può essere pericolosa. l

Dettagli

APPUNTI DI MACCHINE ELETTRICHE versione 0.7

APPUNTI DI MACCHINE ELETTRICHE versione 0.7 APPUNTI DI MACCHINE ELETTRICHE versione 0.7 11 settembre 2007 2 Indice 1 ASPETTI GENERALI 7 1.1 Introduzione........................................ 7 1.2 Classificazione delle macchine elettriche........................

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA CLASSE: V A Corso Ordinario DOCENTE: STEFANO GARIAZZO ( Paola Frau dal 6/02/2015) La corrente

Dettagli

ESERCITAZIONE Rispondi a ciascuna delle seguenti domande in 10 righe

ESERCITAZIONE Rispondi a ciascuna delle seguenti domande in 10 righe ESERCITAZIONE Rispondi a ciascuna delle seguenti domande in 10 righe CAPITOLO 1 La carica elettrica e la legge di Coulomb La carica elettrica e la legge di Coulomb: conduttori ed isolanti. Vari tipi di

Dettagli

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014)

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) Le grandezze fisiche. Metodo sperimentale di Galilei. Concetto di grandezza fisica e della sua misura. Il Sistema internazionale di Unità

Dettagli

GRANDEZZE ALTERNATE SINUSOIDALI

GRANDEZZE ALTERNATE SINUSOIDALI GRANDEZZE ALTERNATE SINUSOIDALI 1 Nel campo elettrotecnico-elettronico, per indicare una qualsiasi grandezza elettrica si usa molto spesso il termine di segnale. L insieme dei valori istantanei assunti

Dettagli

Inizia presentazione

Inizia presentazione Inizia presentazione Che si misura in ampère può essere generata In simboli A da pile dal movimento di spire conduttrici all interno di campi magnetici come per esempio nelle dinamo e negli alternatori

Dettagli

In un collegamento in parallelo ogni lampadina ha. sorgente di energia (pile) del circuito. i elettrici casalinghi, dove tutti gli utilizzatori sono

In un collegamento in parallelo ogni lampadina ha. sorgente di energia (pile) del circuito. i elettrici casalinghi, dove tutti gli utilizzatori sono I CIRCUITI ELETTRICI di CHIARA FORCELLINI Materiale Usato: 5 lampadine Mammut 4 pile da 1,5 volt (6Volt)+Portabatteria Tester (amperometro e voltmetro) I circuiti in Parallelo In un collegamento in parallelo

Dettagli