Appunti di Elettrotecnica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Appunti di Elettrotecnica"

Transcript

1 Appunti di Elettrotecnic

2 Premess Il presente opuscolo non può e non vuole essere considerto sostitutivo del libro di testo, vuole semplicemente essere un supporto, per rmmentre gli studenti lcuni degli rgomenti trttti durnte le lezioni. sommrio ESISTIVITÀ DEI MATEIALI... LEGGE DI OHM... ELEMENTI DI UN CICUITO... Nodi... mi... Mglie... PINCIPI DI KICHHOFF...3 Primo principio...3 Secondo principio...3 ESISTOI IN PAALLELO...4 PINCIPIO DI SOVAPPOSIIONE DEGLI EFFETTI...5 TEOEMA DI THÈVENIN...6 TEOEMA DI NOTON...7 POTENA ELETTICA LEGGE DI JOULE...8 CONVESIONE TIANGOLO STELLA...9 CAMPO DI FOE...0 LINEE DI FOA...0 CAMPO ELETTICO...0 Legge di Coulomb...0 Differenz di potenzile...0 CONDENSATOI...0 Condenstori in serie...3 Condenstori in prllelo...3 Cmpi mgnetici nell mteri...4 Cmpo mgnetico prodotto dll corrente elettric...4 Cmpo mgnetico prodotto d un solenoide...4 Induzione mgnetic...5 Flusso di induzione mgnetic...5 Flusso prodotto d un solenoide...5 INDUTTANE...5 INDUIONE ELETTOMAGNETICA...5 Le principli operzioni in coordinte crtesine...7 Le principli operzioni in coordinte polri...7 APPESENTAIONE DI UNA GANDEA ALTENATA SINUSOIDALE...8 APPESENTAIONE VETTOIALE DEI SEGNALI SINUSOIDALI...9 Segnle vettorile...9 Comportmento regime con segnli sinusoidli...9 IMPEDENE IN SEIE...0 IMPEDENE IN PAALLELO... POTENA ELETTICA LEGGE DI JOULE... TASFOMATOE IDEALE... SEIE VALOI NOMALIATI...3 Codice dei colori esistori commercili...4 Codice dei Condenstori...5 Crmelo ing. Pple Appunti pg. ii

3 esistività dei mterili Se un prllelepipedo, di sezione S e di lunghezz l, è sottoposto d un differenz di potenzile U, viene percorso d un corrente Elettric I. Il prllelepipedo present un resistenz dt dll legge di Ohm. Dett resistenz è ugule ll resistività specific del mterile per l lunghezz l del prllelepipedo diviso l sezione S. L resistività specific del mterile è un crtteristic intrinsec del mterile e vri l vrire di esso. ( per fre un nlogi il peso specifico vri l vrire del mterile. Mterile esistività elettric 0 C (Ω mm / m Argento 0,064 me ricotto 0,07 Bronzo fosforoso 0,08 Oro 0,044 Alluminio 0,078 Ferro 0,0 Stgno 0, Argentn (60%Cu-5%n-5%Ni 0,35 Costntn (60%Cu-40%Ni 0,49 Mngnin (84%Cu-%Mn-4%Ni 0,497 Mercurio 0,958 s.c. Silicio puro ( Crt 0 4 Vetro 0 5 Polistirolo 0 conduttori isolnti (Per esempio un filo di costntn lungo 3 m e di sezione,5 mm present un U I S S [ Ω ] [ ] resistenz pri 0,49 mm 3 m m [ mm ] 0, 98 S,5 [ Ω ] Crmelo ing. Pple Appunti pg.

4 Legge di Ohm U I L cdut di potenzile, i cpi di un resistore percorso d un corrente elettric, è ugule l vlore dell resistenz, del resistore, per il vlore dell corrente che l ttrvers. Quindi fcendo riferimento llo schem qui lto disegnto L formul divent U AB I. Cioè l cdut di potenzile U AB i cpi del resistore è pri ll esistenz del resistore per l corrente I b che ttrvers il resistore Elementi di un circuito Nodi mi Mglie Si dice nodo il punto di unione di due o più trtti di circuito. I nodi si possono suddividere in propri ed impropri Si dicono nodi impropri quelli che uniscono solo due trtti di circuito (E,F,G. Si dicono propri i nodi che uniscono tre o più trtti di circuito. ( A,B,C,D Si dicono rmi i trtti di circuito che uniscono due nodi propri. Tutti i componenti pprtenente d un rmo si dicono in serie. In qunto sono percorsi dll stess corrente. Nel circuito di esempio sono presenti 6 rmi evidenziti con colori diversi. Si dice mgli chius l unione dei rmi contigui che formno un percorso chiuso. Si dice mgli pert l unione di trtti contigui di rmi che non formino un percorso chiuso. Crmelo ing. Pple Appunti pg.

5 Principi di Kirchhoff Dto un circuito elettrico generico si ssegni un nome ed un verso rbitrrio tutte le correnti (un per rmo, su questo circuito vlgono i seguenti principi: Primo principio In un nodo, generico, l somm delle correnti entrnti è pri ll somm delle correnti uscenti. I e I u In un circuito elettrico si possono scrivere tnte equzioni indipendenti esttmente qunti sono i rmi che lo compongno. Perciò un circuito present un ed un sol soluzione se e solo se non vi è più di un incognit per rmo. Le equzioni srnno cosi formte: Il numero di equzione i nodi srà pri l numero dei nodi propri - N eq N nodi - Equzioni lle mglie M eq rmi (N nodi - Secondo principio In un mgli chius l somm lgebric delle F.E.M. (Forze Elettro-Motrici presenti nell mgli è pri ll somm lgebric delle cdute di potenzile sui componenti pssivi presenti sull stess. E U ( U I ( legge di ohm Scelto un verso di percorrenz rbitrrio si considerno: positive le F.E.M. che si incontrno il cui verso è concorde con il senso di percorrenz dell mgli; cioè si incontr il genertore ( dl morsetto l morsetto. Negtive quelle opposte. Le cdute di potenzile srnno positive se il verso di percorrenz è concorde con il verso dell corrente, (ssegnto in modo rbitrrio, negtive se il verso è discorde. nodi propri sono segnti in miuscolo i nodo impropri in minuscolo Equzione l nodo A I I b I e I c I f Equzione ll mgli evidenzit (percors in verso orrio U Cr U qp U pa U AB U BC E (I 9 (I 3 ( I (-I c 5 ( I d 8 E Crmelo ing. Pple Appunti pg. 3

6 esistori collegti in serie Due o più resistori si dicono collegti in serie se pprtengno llo stesso rmo. Se si vuole sostituire un resistore l posto di più resistori in serie, (tr e b in modo tle che il resto del circuito non si ccorg dell sostituzione, llor si deve grntire che l cdut di potenzile U b deve rimnere inltert, come pure l corrente che trvers dell serie. esistori in prllelo U b U c U cd U db s 3 3 I I I I I Essendo U c /I U cd / I U db 3 / I Dll formul si evince che il resistore s deve vere un resistenz pri ll somm delle resistenze dei resistori: S 3 Due o più resistori si dicono in prllelo se gli estremi confluiscono sugli stessi nodi propri. (il resistore deve essere l unico componente del rmo. Se si vuole sostituire un resistore l posto di più resistori in prllelo in modo tle che in resto del circuito non si ccorg dell sostituzione, llor si deve grntire che l cdut di potenzile U b deve rimnere inltert come pure l corrente in ingresso del prllelo. Applico in principio di K. l nodo A I I b I c I Essendo d I b U AB / U AB U AB U AB U AB U I c U AB / AB p 3 3 I d U AB / 3 D cui si deduce che il resistore p deve vere l conduttnz (/ p pri ll somm dell conduttnze dei resistori: P 3 nel cso prticolre di due resistori si h: P p Crmelo ing. Pple Appunti pg. 4

7 Prtitore di tensione Se un rmo, composto d soli resistori, è sottotosto d un d.d.p. L tensione i cpi del singolo resistore è direttmente proporzionle ll resistenz del resistore stesso ed inversmente proporzionle ll somm delle resistenze ed è pri: p.e. Principio di sovrpposizione degli effetti Si dto un circuito relizzto esclusivmente con componenti lineri (resistori, genertori di corrente o di tensione, in cui giscono diversi genertori; l effetto che si h su un trtto del circuito (corrente e tensione, è pri ll effetto prodotto sullo stesso, dll somm lgebric degli effetti (corrente e tensione prodotti di singoli genertori qundo tutti gli ltri genertori indipendenti sono posti zero. (cioè si sostituisce con un filo i genertori di tensione e con un circuito perto i genertori di corrente.. Esempio: l corrente che circol sul resistore 3 del circuito è ugule ll somm: dell corrente sul resistore 3 clcolt nel circuito dell corrente sul resistore 3 clcolt nel 3 circuito. } I b I b I b Lo stesso vle per le tensioni : Ue Ue Ue Crmelo ing. Pple Appunti pg. 5

8 Teorem di Thèvenin Un dipolo comunque complesso, relizzto con componenti lineri, (resistori, genertori di corrente o di tensione può sempre essere considerto come relizzto con un genertore idele di tensione con in serie un resistore. Il vlore del genertore equivlente secondo Thèvenin è pri ll tensione vuoto tr i punti A e B in cui si è effettuto il tglio del circuito. Il vlore del resistore secondo Thèvenin è pri ll resistenz vuoto vist tr i punti A e B un volt che si sono zzerti i genertori indipendenti. ( cioè sostituiti con un filo i genertori di tensione e con un circuito perto i genertori di corrente. Crmelo ing. Pple Appunti pg. 6

9 Teorem di Norton Un dipolo comunque complesso, relizzto con componenti lineri, ( resistori, genertori di corrente o di tensione può sempre essere considerto come relizzto con un genertore idele di corrente con in prllelo un resistore. Il vlore del genertore equivlente secondo Norton è pri ll corrente di cortocircuito tr i punti A e B in cui si è effettuto il tglio del circuito. Il vlore del resistore secondo Norton è pri ll resistenz vuoto vist tr i punti A e B un volt che si sono zzerti i genertori indipendenti. ( cioè sostituiti con un filo i genertori di tensione e con un circuito perto i genertori di corrente. Crmelo ing. Pple Appunti pg. 7

10 Potenz elettric legge di Joule In un componente elettrico l potenz genert o dissipt dipendono esclusivmente dll differenz di potenzile i suoi cpi e dll corrente che l ttrvers PU I L potenz è genert se l corrente che esce dl morsetto potenzile più lto, dissipt in cso contrrio. Nel cso di componenti pssivi quest è sicurmente dissipt. Nel cso di più genertori bisogn vlutre cso per cso. L somm di tutte le potenze dissipte è ugule ll somm delle potenze generte. Per l potenz dissipt su componenti pssivi si possono utilizzre nche le seguenti formule che derivno dll precedente pplicndo l legge di ohm. icord: P I PU / U I I U / Crmelo ing. Pple Appunti pg. 8

11 Conversione tringolo stell Un tripolo costituito d tre resistori posti tringolo e connesso d un rete medinte tre nodi A, B, C, può essere sostituito con un equivlente tripolo costituito d tre resistori posti stell tr gli stessi nodi. O vicevers Tle sostituzione srà del tutto indifferente per il resto del circuito. 3 * A 3 3 * B 3 3 * C C B A B A * B C A C A * A C B C B * 3 Crmelo ing. Pple Appunti pg. 9

12 Cmpo di forze Si definisce cmpo di forze un regione dello spzio con proprietà e crtteristiche fisiche tli d modificre lo stto di quiete o di moto di un opportuno elemento esplortore. Linee di forz Le linee di forz sono le triettorie che un prticell esplortiv (senz mss liber di muoversi compirebbe se bbndont se stess. Cmpo elettrico Il cmpo di forze generto d un o più criche elettriche si dice cmpo elettrico. F E q Legge di Coulomb Le forze ttrttive o repulsive che si mnifestno tr due criche elettriche dipendono in modo direttmente proporzionle dl prodotto delle due criche ed inversmente proporzionli l qudrto dell loro distnz F Q Q k d dove k π ε 4 Differenz di potenzile L differenz di potenzile è il lvoro che le forze del cmpo compirebbero per portre un cric unitri positiv d un punto d un ltro velocità 0. Dl punto di vist dimensionle U J/C. Condenstori Il condenstore superfici pine e prllele è un componente costituito d due superfici conduttrici prllele tr loro (dette rmture, poste d un distnz d, in cui ci sono libere di muoversi diversi elettroni. Se pplichimo un tensione elettric tr le rmture queste criche elettriche dopo un certo tempo fluirnno d un rmtur ll ltr fino stbilizzrsi; si definisce cpcità di un condenstore l quntità di cric che si spost per ogni volt di differenz di potenzile Crmelo ing. Pple Appunti pg. 0

13 L cpcità di un condenstore pino (rmture pine e prllele è proporzionle l rpporto tr l superficie A di un delle rmture e l loro distnz d. A C ε d L costnte di proporzionlità ε è un crtteristic dell'isolnte interposto e si chim costnte dielettric ssolut e si misur in frd/m. Or, poiché l costnte dielettric è un numero molto piccolo. in genere per semplicità si f riferimento l rpporto tr l costnte dielettric ssolut di un isolnte e quell del vuoto è un numero puro chimto costnte dielettric reltiv. ε r ε ε 0 Costnte dielettric ssolut del vuoto Mezzo dielettrico Costnte dielettric igidità dielettric reltiv [KV/mm] Ari secc (ll pressione di [br], Acqu pur 8,07 5 Olio minerle,,5 7,5 6 Bchelite 5,5 8,5 0 Crt comune 6 Vetro L cpcità di un condenstore pino fcce prllele è quindi: (similitudine idrulic Un condenstore si comport in modo simile d un contenitore stgno relizzto con due prllelepipedi uguli comunicnti tr loro solo sull sommità; detti prllelepipedi sono di ltezz infinit riempiti per metà con un liquido mentre l prte sovrstnte contiene un gs incomprimibile. Similitudini Contenitori Armture Lmin di seprzione Dielettrico Quntità di liquido l Quntità di cric elettric Q [m 3 ] [Coulomb] Portt l /s [m 3 /s] Corrente I Q / s [ A ] Differenz di pressione ΔP [ Pscl ] Differenz di potenzile ΔU [Volt] Cpcità C l / ΔP [ m 3 /Pscl ] Cpcità C Q / ΔU [ Frd ] Prevlenz dell pomp Tensione del genertore elettrico I due prllelepipedi rppresentno le due rmture, il liquido le criche elettriche, l prete di seprzione il dielettrico, l resistenz offert di tubi l fluire del liquido l Crmelo ing. Pple Appunti pg.

14 resistenz elettric e l pomp il genertore elettrico. Anlizzimo or l cric del condenstore. Definimo cpcità l quntità di liquido che fluisce d un comprtimento ll ltro, qundo il contenitore è sottoposto d un differenz di pressione di un Pscl prodotto dll pomp. (Si noti che l quntità di liquido ll interno del sistem non vri m si spost d un rmtur ll ltr Il trnsitorio è direttmente proporzionle ll resistenz dell condott ed ll cpcità del condenstore (trscurndo l inerzi del liquido. Come si vede dll figur i grfici dell pressione (potenzile e dell portt (corrente elettric, hnno un ndmento esponenzile. egolto dlle seguenti leggi: t t. ( U f U i u( t U ( ( τ τ i U f U i e i( t e dove τ dett costnte di tempo h come vlore τ C Ciò signific che il condenstore non si cric ne si scric istntnemente m impieg un tempo teoricmente infinito, gli effetti prtici come si può vedere dl grfico il tempo necessrio corrisponde poche costnti di tempo di 3 i 5 τ Crmelo ing. Pple Appunti pg.

15 Condenstori in serie I condenstori in serie sono ttrversti dll stess quntità di liquido che erog l pomp; per cui, prità di liquido spostto si vede che l differenz di pressione è inversmente proporzionle ll cpcità se si vuole sostituire i due condenstori con un solo condenstore equivlente ffinché il resto del circuito non se né ccorg Δp litri litri litri s Δp Δp Cs C C CS C C C C C C s C Condenstori in prllelo I condenstori in prllelo sono sottoposti ll stess pressione, quindi l quntità di liquido su ciscuno di essi è direttmente proporzionle ll cpcità. se si vogliono sostituire i due condenstori con un solo condenstore equivlente ffinché il resto del circuito non se né ccorg litri pomp litri c litri c P C P C P (C C P C P C p C C. Crmelo ing. Pple Appunti pg. 3

16 Cmpo mgnetico Dicesi cmpo mgnetico quel cmpo di forze in grdo di mettere in movimento dipoli mgnetici. Un cmpo mgnetico può essere generto o d sostnze mgnetiche permnenti o dl fluire dell corrente elettric F d Cmpi mgnetici nell mteri L permebilità mgnetic μ indic l ttitudine di un mterile lscirsi mgnetizzre d un cmpo mgnetico pplicto. Le sostnze sottoposte cmpi mgnetici possono essere divise in tre ctegorie in bse l comportmento rispetto l vuoto μ μ r μ μ o, H/m o dimgnetiche: μ r < sono quelle sostnze che se sottoposte d un cmpo mgnetico non si mgnetizzno m vengono debolmente respinte verso zone il cui cmpo mgnetico è più debole ( rme, oro, piombo, prmgnetiche: μ r > sono quelle sostnze che se sottoposte d un cmpo mgnetico si mgnetizzno debolmente ed l cessre del cmpo mgnetico esterno cess l mgnetizzzione queste sostnze sono debolmente ttrtte dl cmpo mgnetico (lluminio, titnio,tungsteno, ferromgnetiche: μ r >> quelle sostnze che mnifestno un mgnetizzzione forte e permnente qundo sono sottoposte d un cmpo mgnetico esterno, e sono fortemente ttrtte dl cmpo mgnetico (ferro, nichel, coblto, Cmpo mgnetico prodotto dll corrente elettric L corrente elettric che percorre un filo conduttore produce un cmpo mgnetico ortogonle l verso di percorrenz ed in ogni punto è proporzionle ll su intensità ed inversmente proporzionle ll distnz. H I π d Cmpo mgnetico prodotto d un solenoide Si può dimostrre che nel cso di un solenoide lungo di lunghezz l, composto d N spire e percorso d un corrente I, il cmpo mgnetico H, ll interno del solenoide vle: H N I l Crmelo ing. Pple Appunti pg. 4

17 Induzione mgnetic L induzione mgnetic B è l grndezz vettorile che esprime lo stto mgnetico di un sostnz sottopost d un cmpo mgnetico. Flusso di induzione mgnetic B μ H μ o μ r H Indic l quntità delle linee di forz del vettore induzione mgnetic che ttrversno un superficie S ( portt. Φ B S B S cos(φ Nell grn prte delle ppliczioni prtiche il cos(φ è ugule Flusso prodotto d un solenoide Il flusso conctento con un singol spir ll interno di un solenoide è pri N I Φ B S μ H S μ S l e moltiplicto per in numero delle spire che formno il solenoide f N N I Φ μ S l N N S μ I l L I Induttnze Induttnz L rppresent l relzione tr il flusso conctento in un solenoide e l corrente che l h generto Induzione elettromgnetic Leggi di Frdy-Neumnn e Lenz L Φ I L forz elettromotrice indott in un spir in movimento entro un cmpo mgnetico, è proporzionle ll velocità dell vrizione del flusso. L forz elettro motrice indott segno tle d opporsi ll vrizione di flusso che l h genert h e ΔΦ Δt Crmelo ing. Pple Appunti pg. 5

18 I Numeri Complessi I numeri complessi sono nti l fine di dre sempre n soluzioni lle equzioni di grdo n. Si definisce il numero immginrio j come quel numero il cui qudrto è ugule -. I numeri immginri gicciono su un rett llo stesso modo in cui gicciono i numeri reli. Le due rette quell dei numeri immginri e quell dei numeri reli sono ortogonli ed individuno il pino di Guss o pino dei numeri complessi. I numeri complessi essendo un punto del pino possono essere individuti univocmente in due modi ben distinti: in notzione crtesin j b (sciss e ordint ( p.es. 3 j4. in notzione polre e jθ ( modulo e fse. ( p.es. 5 e j 0,6435. (L fse, θ, è normlmente espress in rdinti m null viet di esprimerl in grdi relzioni per pssre d un numero in notzione crtesin d un numero in notzione polre ( p.es. 3 j4 5 e j 0,6435 o 5 e j 53,3. Conversione d coordinte crtesine in coordinte polri j b e jθ e jθ j b b cos (θ Se è positiv Se è negtiv b sen (θ b Not: θ rctn π b θ rctn b θ rctn 80 Conversione d coordinte polri in coordinte crtesine Il numero e è il numero di Neper ed è pri, , Un numero si dice che è il complesso coniugto di un ltro se h l stess prte rele ed h prte immginri oppost (p.es. 5 j 37 ed 5 j 37 0 (p.es. 6 e j, ed 6 e -j, Crmelo ing. Pple Appunti pg. 6

19 Le principli operzioni in coordinte crtesine ( j b ( j b ( j ( b b (somm ( j b - ( j b ( - j ( b - b (sottrzione ( j b * ( j b ( * - b * b j ( * b * b (moltipliczione b b b j b b b jb ( jb ( jb ( jb ( jb jb (divisione Le principli operzioni in coordinte polri θ θ j( jθ jθ e ( e ( e ( (moltipliczione θ θ j( jθ jθ e / ( e /( e ( (divisione e ( e ( e ( e ( π θ j( jθ jθ θ j (sottrzione jθ t t jθ jθ e e ( e ( (somm dove t e θ t sono trtte di teoremi di Crnot e di Eulero: cos( θ θ t θ θ θ θ t t sen rcsen ( Vist l complessità delle formule si evince che è in genere più conveniente effetture le operzioni di somm e sottrzione in coordinte crtesine e le operzioni di prodotto e divisione in coordinte polri. (Si noti che il prodotto o l somm di due numeri complessi e coniugti dà, come risultto, sempre un numero rele. Crmelo ing. Pple Appunti pg. 7

20 ppresentzione di un grndezz lternt sinusoidle Con riferimento ll figur lto l seguente espressione u( t U M sen( ωt φ esprime il vlore, istnte per istnte, di un tensione sinusoidle. Dove U M rppresent il vlore mssimo del vettore rotnte che gener l funzione ω rppresent l velocità ngolre del vettore t il tempo φ l ngolo che il vettore form con l sse rele l tempo zero detto nche sfsmento inizile Termini comunemente usti e reltive unità di misur Il periodo T si misur in secondi [ s ] ed è il tempo dopo il qule l funzione si ripete cioè U M sen( ωt φ U M sen( ω(tt φ Frequenz è il numero di periodi l secondo f /T si misur in hertz [hz] o [s - ] L pulszione ngolre o velocità ngolre ω πf si misur in rdinti l secondo [rd/s] o ( ω 360 f grdi l secondo o [ /s] Vlore efficce è quel vlore che, in regime continuo, produce lo stesso effetto Termico ssocito ll grndezz lternt. Questo vlore per il regime sinusoidle U mx I mx corrisponde U eff o I eff. Comunemente, qundo non si specific ltro, questo è il vlore cui si f riferimento. Crmelo ing. Pple Appunti pg. 8

21 ppresentzione vettorile dei segnli sinusoidli U M e jωt U M cos(ωt j U M sen(ωt Segnle vettorile L f.e.m. U M sen(ωt può essere considert come l prte immginri di un f.e.m. fittizi espress dll relzione U M e jωt ; quindi, in un sistem linere, tutte le operzioni che effettueremo sull funzione esponenzile si ripercuoternno implicitmente in nloghe operzioni effettute sull componente sinusoidle. I risultti che si otterrnno sotto form vettorile possono essere quindi legittimmente interpretrti in termini di mpiezz e fse di grndezze sinusoidli. Comportmento regime con segnli sinusoidli Il termine X si chim rettnz e rppresent in generle l componente immginri dell impedenz prede il come di rettnz induttiv se positiv e cpcitiv se negtiv. Crmelo ing. Pple Appunti pg. 9

22 Legge di Ohm L cdut di potenzile, i cpi di un impedenz percors d un corrente, è ugule l vlore dell impedenz, del componente, per il vlore dell corrente che l ttrvers. Dove: u è il vettore tensione i cpi del componente rppresent l impedenz come numero complesso del componente i è il vettore corrente che ttrvers il componente. N.B. Sono vlidi nche in lternt I principi di Kirchhoff, l sovrpposizione degli effetti, il teorem di Thèvenin, il teorem Norton, l conversione tringolo stell. ecc ecc. Sostituendo nelle definizioni dte precedentemente le prole: resistore con componente resistenz con impedenz. Nelle formule con Impedenze in serie Due o più impedenze si dicono in serie se pprtengno llo stesso rmo. Se si vuole sostituire un impedenz l posto di più impedenze in serie in modo tle che in resto del circuito non si ccorg dell sostituzione llor si deve grntire che l cdut di potenzile U b deve rimnere inltert come pure l corrente in ingresso dell serie. u b u c u cd u db s 3 i i D cui si deduce che l impedenz s deve vere un impedenz pri ll somm delle impedenze: i i S 3 Crmelo ing. Pple Appunti pg. 0

23 Impedenze in prllelo Due o più impedenze si dicono in prllelo se gli estremi confluiscono sugli stessi nodi propri. Se si vuole sostituire un impedenz l posto di più impedenze in prllelo in modo tle che in resto del circuito non si ccorg dell sostituzione llor si deve grntire che l cdut di potenzile U b deve rimnere inltert come pure l corrente in ingresso del prllelo. u b p u u b b b 3 i i b i c i d u D cui si deduce che il componente p deve vere l mmettenz Y p / p pri ll somm delle mmettenze dei componenti: P 3 nel cso prticolre di due impedenze si h: p Prtitore di tensione Se un rmo, composto d sole impedenze, è sottotosto d un d.d.p. L tensione i cpi dell singol impedenz è direttmente proporzionle ll impedenz del componente stesso ed inversmente proporzionle ll somm delle impedenze del rmo u zx x rmo u b p.e u cd 3 u b Crmelo ing. Pple Appunti pg.

24 Potenz elettric legge di Joule In un componente elettrico l potenz dipende esclusivmente dll impedenz e dl qudrto dell corrente che l ttrvers P i eff P i eff ( jx potenz pprente i eff u eff [VA] P i eff i eff i eff cos( θ u eff i eff cos( θ [W] potenz ttiv Q i eff X i eff i eff sen( θ u eff i eff sen( θ [VA]potenz rettiv Trsformtore idele. Il trsformtore è un mcchin sttic che serve d innlzre o d bbssre un tensione in bse l rpporto spire U p i p u s i s. u p / u s N p / N s funzion solo in regime vribile ( non funzion in corrente continu. Nel cso idele (un trsformtore senz perdite l potenz res è pri ll potenz fornit. Trsformtore utilizzto come dtttore di impedenz Un trsformtore può essere utilizzto nche come un dtttore di impedenz; diftti il circuito primrio vede il bipolo costituito dl trsformtore e dl crico come un resistore pri : ci U I p p N N s p c Crmelo ing. Pple Appunti pg.

25 Serie Vlori normlizzti In ccordo lle norme IEC sono stte fisste delle serie normlizzte di vlori compresi d 0. Tutti gli ltri vlori sono multipli o sottomultipli di 0. L serie E6 h 6 vlori, l E h vlori e così vi. L serie d E6 è utilizzt per resistenze di bss precisione 0%, Le serie E e E4 sono utilizzte per resistenze di bss e medi precisione 0% e 5%. Le serie E48 e E96 vengono utilizzte per resistenze di precisione %, %, 0,5%, 0,5%, 0,%. Di seguito vengono riportte le tbelle reltive gli stndrd E6, E, E4, E48, E96. E6 E E4 SEIE E48,0,0,0,00,47,5 3,6 4,64 6,8,,05,54,6 3,3 4,87 7,5,,,0,6,37 3,48 5, 7,50,3,5,69,49 3,65 5,36 7,87,5,5,5,,78,6 3,83 5,6 8,5,6,7,87,74 4,0 5,90 8,66,8,8,33,96,87 4, 6,9 9,09,,,,0,40,05 3,0 4,4 6,49 9,53,4,7,7 3,0 SEIE E96 3,3 3,3 3,3,00,33,78,37 3,6 4, 5,6 7,50 3,6,0,37,8,43 3,4 4,3 5,76 7,68 3,9 3,9,05,40,87,49 3,3 4,4 5,90 7,87 4,3,07,43,9,55 3,40 4,53 6,04 8,06 4,7 4,7 4,7,0,47,96,6 3,48 4,64 6,9 8,5 5,,3,50,00,67 3,57 4,75 6,34 8,45 5,6 5,6,5,54,05,74 3,65 4,87 6,49 8,66 6,,8,58,0,80 3,74 4,99 6,65 8,87 6,8 6,8 6,8,,6,5,87 3,83 5, 6,8 9,09 7,5,4,65,,94 3,9 5,3 6,98 9,3 8, 8,,7,69,6 3,0 4,0 5,36 7,5 9,53 9,,30,74,3 3,08 4, 5,49 7,3 9,76 Crmelo ing. Pple Appunti pg. 3

26 Codice dei colori esistori commercili colore Cifre significtive moltiplictore tollernz Coefficiente di tempertur (0-6 / C Nessuno ±0% --- Argento ±0% Oro ±5% Nero ±00 Mrrone 0 ±% ±00 osso 0 ±% ±50 Arncio ±5 Gillo ±5 Verde ±0,5% ±0 Blu ±0,5% ±0 Viol ±0,% ±5 Grigio ± Binco I vlori ohmici nominli di resistori di piccole dimensioni vengono stmpti sul corpo di questi componenti medinte bnde colorte. Crmelo ing. Pple Appunti pg. 4

27 Codice dei Condenstori Codice lfnumerico: (Codice Europeo Letter dell'unità di misur, l posto dell virgol, quindi: p signific,pf p signific pf, m si può indicre nche soltnto "" n signific 0,nF 0pF n signific,nf n signific nf 0n signific 0nF Codice numerico tre cifre: (Codice Asitico Il discorso è come il precedente, solo che l cifr moltiplictrice è dopo i due numeri che indicno il vlore nominle signific.00pf,nf signific 0pF 0 signific pf. signific,pf 3 signific.000pf nf 54 signific pF 50nF 5 signific pf,μf Codice con puntino inizile (solo per cpcità dell'ordine del nf (Codice Americno Il puntino, signific che il vlore è espresso in μf, e il puntino corrisponde ll virgol..00 signific 0,00μF,nF.0 signific 0,0μF nf. signific 0,μF 0nF,0 μf 0% 00V 50 nf 0 nf 63V Tollernze e tensioni di lvoro. In tutti i condenstori possono comprire le seguenti lettere: M - K - J. Queste tre lettere stnno d indicre l TOLLEANA che è l seguente: M Tollernz inferiore l 0%; K Tollernz l 0% ; J Tollernz l 5%. Dopo un di queste tre lettere, compiono due o più numeri che indicno l TENSIONE DI LAVOO. Se, per esempio, leggete 00, signific che l tensione di lvoro è 00 VOLT DC. Se invece leggete 450 V.AC. signific che l su tensione di lvoro mssim è di 450 VOLT COENTE ALTENATA. Se, infine, leggete 3,5K, signific che l tensione mssim di lvoro è di Volt. Crmelo ing. Pple Appunti pg. 5

28 Codice dei colori Crmelo ing. Pple Appunti pg. 6

Macchine elettriche in corrente continua

Macchine elettriche in corrente continua cchine elettriche in corrente continu Generlità Può essere definit mcchin un dispositivo che convert energi d un form un ltr. Le mcchine elettriche in prticolre convertono energi elettric in energi meccnic

Dettagli

Compitino di Fisica II del 14/6/2006

Compitino di Fisica II del 14/6/2006 Compitino di Fisic II del 14/6/2006 Ingegneri Elettronic Un solenoide ssimilbile d un solenoide infinito è percorso d un corrente I(t) = I 0 +kt con k > 0. Se il solenoide h un lunghezz H, rggio, numero

Dettagli

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n.

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n. AUTOVALORI ED AUTOVETTORI Si V uno spzio vettorile di dimensione finit n. Dicesi endomorfismo di V ogni ppliczione linere f : V V dello spzio vettorile in sé. Se f è un endomorfismo di V in V, considert

Dettagli

Meccanica dei Solidi. Vettori

Meccanica dei Solidi. Vettori Meccnic dei Solidi Prof. Ing. Stefno Avers Università di Npoli Prthenope.. 2005-06 Lezione 2 Vettori Definizione: Un grndezz vettorile (o un vettore) è un grndezz fisic crtterizzt oltre che d un numero

Dettagli

8 Controllo di un antenna

8 Controllo di un antenna 8 Controllo di un ntenn L ntenn prbolic di un rdr mobile è montt in modo d consentire un elevzione compres tr e =2. Il momento d inerzi dell ntenn, Je, ed il coefficiente di ttrito viscoso, f e, che crtterizzno

Dettagli

Problemi di collegamento delle strutture in acciaio

Problemi di collegamento delle strutture in acciaio 1 Problemi di collegmento delle strutture in cciio Unioni con bulloni soggette tglio Le unioni tglio vengono generlmente utilizzte negli elementi compressi, quli esempio le unioni colonn-colonn soggette

Dettagli

Acidi Deboli. Si definisce acido debole un acido con K a < 1 che risulta perciò solo parzialmente dissociato in soluzione. Esempi di acidi deboli:

Acidi Deboli. Si definisce acido debole un acido con K a < 1 che risulta perciò solo parzialmente dissociato in soluzione. Esempi di acidi deboli: Acidi Deboli Si definisce cido debole un cido con < 1 che risult perciò solo przilmente dissocito in soluzione. Esempi di cidi deboli: Acido cetico (H OOH) 1.75 1-5 Acido scorbico (vitmin ) 1 6.76 1-5.5

Dettagli

30 quesiti. 1 Febbraio 2011. Scuola... Classe... Alunno... Copyright 2011 Zanichelli Editore SpA, Bologna

30 quesiti. 1 Febbraio 2011. Scuola... Classe... Alunno... Copyright 2011 Zanichelli Editore SpA, Bologna verso LA RILEVAZIONE INVALSI SCUOLA SECONDARIA DI secondo GRADO PROVA DI Mtemtic 30 quesiti Febbrio 0 Scuol... Clsse... Alunno... e b sono numeri reli che verificno quest uguglinz: Qunto vle il loro prodotto?

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione straordinaria

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione straordinaria ESAME DI STAT DI LICE SCIENTIFIC CRS DI RDINAMENT 00 Sessione strordinri Il cndidto risolv uno dei due problemi e 5 dei 0 quesiti in cui si rticol il questionrio. PRBLEMA Con riferimento un sistem monometrico

Dettagli

, x 2. , x 3. è un equazione nella quale le incognite appaiono solo con esponente 1, ossia del tipo:

, x 2. , x 3. è un equazione nella quale le incognite appaiono solo con esponente 1, ossia del tipo: Sistemi lineri Un equzione linere nelle n incognite x 1, x 2, x,, x n è un equzione nell qule le incognite ppiono solo con esponente 1, ossi del tipo: 1 x 1 + 2 x 2 + x +!+ n x n = b con 1, 2,,, n numeri

Dettagli

Siano α(x), β(x) due funzioni continue in un intervallo [a, b] IR tali che. α(x) β(x).

Siano α(x), β(x) due funzioni continue in un intervallo [a, b] IR tali che. α(x) β(x). OMINI NORMALI. efinizione Sino α(), β() due funzioni continue in un intervllo [, b] IR tli che L insieme del pino (figur 5. pg. ) α() β(). = {(, ) [, b] IR : α() β()} si chim dominio normle rispetto ll

Dettagli

BOZZA. 1 2a S/2 S/2. Lezione n. 27. Le strutture in acciaio Le unioni bullonate Le unioni saldate

BOZZA. 1 2a S/2 S/2. Lezione n. 27. Le strutture in acciaio Le unioni bullonate Le unioni saldate Lezione n. 7 Le strutture in cciio Le unioni bullonte Le unioni sldte Unioni Le unioni nelle strutture in cciio devono grntire un buon funzionmento dell struttur e l derenz dell stess llo schem sttico

Dettagli

CLASSI PRIME 2013/14

CLASSI PRIME 2013/14 LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B. GRASSI CLASSI PRIME 2013/14 INDICAZIONI DI LAVORO PER LA SOSPENSIONE DEL GIUDIZIO IN FISICA Liceo scientifico e liceo delle scienze pplicte In relzione lle esigenze del secondo

Dettagli

Strumenti Matematici per la Fisica

Strumenti Matematici per la Fisica Strumenti Mtemtici per l Fisic Strumenti Mtemtici per l Fisic Approssimzioni Notzione scientific (o esponenzile) Ordine di Grndezz Sistem Metrico Decimle Equivlenze Proporzioni e Percentuli Relzioni fr

Dettagli

COME SOPRAVVIVERE ALLA MATEMATICA. 1. La funzione matematica e la sua utilità in economia

COME SOPRAVVIVERE ALLA MATEMATICA. 1. La funzione matematica e la sua utilità in economia COME SOPRAVVIVERE ALLA MATEMATICA di Giuli Cnzin e Dominique Cppelletti Come potrete notre inoltrndovi nel corso di Introduzione ll economi, l interpretzione dell teori economic non presuppone conoscenze

Dettagli

Il Primo Principio della Termodinamica non fornisce alcuna indicazione riguardo ad alcuni aspetti pratici.

Il Primo Principio della Termodinamica non fornisce alcuna indicazione riguardo ad alcuni aspetti pratici. Il Primo Principio dell Termodinmic non fornisce lcun indiczione rigurdo d lcuni spetti prtici. l evoluzione spontne delle trsformzioni; non individu cioè il verso in cui esse possono vvenire. Pistr cld

Dettagli

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma INTEGRALI IMPROPRI. Integrli impropri su intervlli itti Dt un funzione f() continu in [, b), ponimo ε f() = f() ε + qundo il ite esiste. Se tle ite esiste finito, l integrle improprio si dice convergente

Dettagli

3. Funzioni iniettive, suriettive e biiettive (Ref p.14)

3. Funzioni iniettive, suriettive e biiettive (Ref p.14) . Funzioni iniettive, suriettive e iiettive (Ref p.4) Dll definizione di funzione si ricv che, not un funzione y f( ), comunque preso un vlore di pprtenente l dominio di f( ) esiste un solo vlore di y

Dettagli

Nome.Cognome classe 5D 18 Marzo 2014. Verifica di matematica

Nome.Cognome classe 5D 18 Marzo 2014. Verifica di matematica Nome Cognome cls 5D 18 Mrzo 01 Problem Verific di mtemtic In un sistem di riferimento crtesino Oy, si consideri l funzione: ln f ( > 0 0 e si determini il vlore del prmetro rele in modo tle che l funzione

Dettagli

Generatore di Forza Elettromotrice

Generatore di Forza Elettromotrice CIRCUITI ELETTRICI Corrente Elettrica 1. La corrente elettrica è un flusso ordinato di carica elettrica. 2. L intensità di corrente elettrica (i) è definita come la quantità di carica che attraversa una

Dettagli

Definizioni fondamentali

Definizioni fondamentali Definizioni fondmentli Sistem scisse su un rett 1 Un rett si ce orientt qundo su ess è fissto un verso percorrenz Dti due punti qulsisi A e B un rett orientt r, il segmento AB che può essere percorso d

Dettagli

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito.

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito. Integrli de niti. Il problem di clcolre l re di un regione pin delimitt d gr ci di funzioni si può risolvere usndo l integrle de nito. L integrle de nito st l problem del clcolo di ree come l equzione

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2003

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2003 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. Il cndidto risolv uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si rticol il questionrio. PROBLEMA Nel pino sono dti: il cerchio di dimetro OA,

Dettagli

Introduzione e strumenti

Introduzione e strumenti Controlli utomtici Introduzione e strumenti Convenzioni generli ed elementi di bse Dll equzione ll rppresentzione grfic L lgebr dei blocchi Clcolo di funzioni di trsferimento di schemi interconnessi 2

Dettagli

Teoria in sintesi ESPONENZIALI. Potenze con esponente reale. La potenza. Sono definite: Non sono definite: Casi particolari :

Teoria in sintesi ESPONENZIALI. Potenze con esponente reale. La potenza. Sono definite: Non sono definite: Casi particolari : Teori in sintesi ESPONENZIALI Potenze con esponente rele L potenz è definit: se >, per ogni R se, per tutti e soli gli R se

Dettagli

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x Appunti elorti dll prof.ss Biondin Gldi Funzione integrle Si y = f() un funzione continu in un intervllo [; ] e si 0 [; ]; l integrle 0 f()d si definisce Funzione Integrle; si chim funzione integrle in

Dettagli

I Teoremi di Green, della divergenza (o di Gauss) e di Stokes

I Teoremi di Green, della divergenza (o di Gauss) e di Stokes I Teoremi di Green, dell divergenz o di Guss e di Stokes In R Si un sottoinsieme limitto di R semplice rispetto d entrmbi gli ssi crtesini con costituit dll unione di un numero finito di sostegni di curve

Dettagli

Controlli Automatici. Trasformate L e Z e schemi a blocchi. Esercizi sulle trasformate L e Z

Controlli Automatici. Trasformate L e Z e schemi a blocchi. Esercizi sulle trasformate L e Z Controlli Automtici Trsformte L e Z e schemi blocchi Esercizi sulle trsformte L e Z Esercizi sulle trsformte L e Z Proposte di esercizi e soluzioni in tempo rele trsformt L di y(t) dt trsformt Z di y(i)

Dettagli

Liceo Scientifico Sperimentale anno 2002-2003 Problema 1 Bernardo Pedone. ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE PNI anno 2002-2003

Liceo Scientifico Sperimentale anno 2002-2003 Problema 1 Bernardo Pedone. ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE PNI anno 2002-2003 Liceo Scientifico Sperimentle nno - Problem Bernrdo Pedone ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE PNI nno - PROBLEMA Nel pino sono dti: il cerchio γ di dimetro OA =, l rett t tngente γ

Dettagli

1) In una equazione differenziale del tipo y (t)=a y(t), con a > 0, il tempo di raddoppio, cioè il tempo T tale che y(t+t)=2y(t) è:

1) In una equazione differenziale del tipo y (t)=a y(t), con a > 0, il tempo di raddoppio, cioè il tempo T tale che y(t+t)=2y(t) è: 1) In un equzione differenzile del tipo y (t)= y(t), con > 0, il tempo di rddoppio, cioè il tempo T tle che y(t+t)=y(t) è: A) T = B) 1 T = log e C) 1 T = log e ** D) 1 T = E) T = log e ) L equzione differenzile

Dettagli

Titolazione Acido Debole Base Forte. La reazione che avviene nella titolazione di un acido debole HA con una base forte NaOH è:

Titolazione Acido Debole Base Forte. La reazione che avviene nella titolazione di un acido debole HA con una base forte NaOH è: Titolzione Acido Debole Bse Forte L rezione che vviene nell titolzione di un cido debole HA con un bse forte NOH è: HA(q) NOH(q) N (q) A (q) HO Per quest rezione l costnte di equilibrio è: 1 = = >>1 w

Dettagli

ELEMENTI DI DINAMICA DEI FLUIDI

ELEMENTI DI DINAMICA DEI FLUIDI Corso di Fisic tecnic e mbientle.. 011/01 - Docente: Prof. Crlo Isetti ELEMENTI DI DINAMICA DEI FLUIDI 6.1 GENERALITÀ Il moto più semplice cui si f riferimento è in genere il moto stzionrio, che è crtterizzto

Dettagli

CORRENTE ELETTRICA. La grandezza fisica che descrive la corrente elettrica è l intensità di corrente.

CORRENTE ELETTRICA. La grandezza fisica che descrive la corrente elettrica è l intensità di corrente. CORRENTE ELETTRICA Si definisce CORRENTE ELETTRICA un moto ordinato di cariche elettriche. Il moto ordinato è distinto dal moto termico, che è invece disordinato, ed è sovrapposto a questo. Il moto ordinato

Dettagli

POTENZA CON ESPONENTE REALE

POTENZA CON ESPONENTE REALE PRECORSO DI MATEMATICA VIII Lezione ESPONENZIALI E LOGARITMI E. Modic mtemtic@blogscuol.it www.mtemtic.blogscuol.it POTENZA CON ESPONENTE REALE Definizione: Dti un numero rele > 0 ed un numero rele qulunque,

Dettagli

{ 1, 2,3, 4,5,6,7,8,9,10,11,12, }

{ 1, 2,3, 4,5,6,7,8,9,10,11,12, } Lezione 01 Aritmetic Pgin 1 di 1 I numeri nturli I numeri nturli sono: 0,1,,,4,5,6,7,8,,10,11,1, L insieme dei numeri nturli viene indicto col simbolo. } { 0,1,,, 4,5,6,7,8,,10,11,1, } L insieme dei numeri

Dettagli

" Osservazione. 6.1 Integrale indefinito. R Definizione (Primitiva) E Esempio 6.1 CAPITOLO 6

 Osservazione. 6.1 Integrale indefinito. R Definizione (Primitiva) E Esempio 6.1 CAPITOLO 6 CAPITOLO 6 Clcolo integrle 6. Integrle indefinito L nozione fondmentle del clcolo integrle è quell di funzione primitiv di un funzione f (). Tle nozione è in qulche modo speculre ll nozione di funzione

Dettagli

F (r(t)), d dt r(t) dt

F (r(t)), d dt r(t) dt Cmpi vettorili Un cmpo vettorile è un funzione vlori vettorili F : A R, con A R n, ove in questo cso l imensione el ominio e el coominio è l stess. F ( 1, 2,..., n ) (f 1 ( 1, 2,..., n ), f 2 ( 1, 2,...,

Dettagli

www.scuolainweb.altervista.org Problemi di Fisica La Cinematica Moti unidimensionali Moti nel piano 1. Moti unidimensionali

www.scuolainweb.altervista.org Problemi di Fisica La Cinematica Moti unidimensionali Moti nel piano 1. Moti unidimensionali Problemi di Fisic Moti unidimensionli Moti nel pino. Moti unidimensionli Problem N. Rppresentre grficmente le seguenti leggi del moto rettilineo uniforme e commentrle: ) S 0 -t ) S 5t 3) S -0 + 3t 4) S

Dettagli

Conversione A/D e D/A. Quantizzazione

Conversione A/D e D/A. Quantizzazione Conversione A/D e D/A Per il trttmento dei segnli sempre più vengono preferite soluzioni di tipo digitle. È quindi necessrio, in fse di cquisizione, impiegre dispositivi che convertno i segnli nlogici

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI FISICA PRIMO BIENNIO CLASSI SECONDE

PROGRAMMAZIONE DI FISICA PRIMO BIENNIO CLASSI SECONDE PROGRAMMAZIONE DI FISICA PRIMO BIENNIO CLASSI SECONDE Nel pino di lvoro sono indicte con i numeri d 1 5 le competenze di bse che ciscun unit' didttic concorre sviluppre, secondo l legend riportt di seguito.

Dettagli

Problema 1. Una distribuzione continua di carica vale, in coordinate cilindriche,

Problema 1. Una distribuzione continua di carica vale, in coordinate cilindriche, Corso i Lure in Mtemtic Prim prov in itinere i Fisic 2 (Prof. E. Sntovetti) 18 novemre 2016 Nome: L rispost numeric eve essere scritt nell pposito riquro e giustifict cclueno i clcoli reltivi. Prolem 1.

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

ESPONENZIALI E LOGARITMI

ESPONENZIALI E LOGARITMI ESPONENZIALI E LOGARITMI 1 se 0, per ogni R ; Teori in sintesi ESPONENZIALI Potenze con esponente rele L potenz è definit: se >0: Sono definite: se >0: Non sono definite: Csi prticolri: Le proprietà delle

Dettagli

Equazioni di 2 grado. Definizioni Equazioni incomplete Equazione completa Relazioni tra i coefficienti della equazione e le sue soluzioni Esercizi

Equazioni di 2 grado. Definizioni Equazioni incomplete Equazione completa Relazioni tra i coefficienti della equazione e le sue soluzioni Esercizi Equzioni di grdo Definizioni Equzioni incomplete Equzione complet Relzioni tr i coefficienti dell equzione e le sue soluzioni Esercizi Mteri: Mtemtic Autore: Mrio De Leo Definizioni Un equzione è: Un uguglinz

Dettagli

Facoltà di Ingegneria

Facoltà di Ingegneria UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI Fcoltà di Ingegneri Corso di Lure Specilistic in Ingegneri per l Ambiente e il Territorio TESINA DI CALCOLO NUMERICO Anlisi dell errore nei metodi di risoluzione dei

Dettagli

Stabilità dei sistemi di controllo in retroazione

Stabilità dei sistemi di controllo in retroazione Stbilità dei sistemi di controllo in retrozione Criterio di Nyquist Il criterio di Nyquist Estensione G (s) con gudgno vribile Appliczione sistemi con retrozione positiv 2 Criterio di Nyquist Stbilità

Dettagli

Attuatori pneumatici 1400, 2800 e 2 x 2800 cm² Tipo 3271 Comando manuale Tipo 3273

Attuatori pneumatici 1400, 2800 e 2 x 2800 cm² Tipo 3271 Comando manuale Tipo 3273 Attutori pneumtici 00, 00 e x 00 cm² Tipo Comndo mnule Tipo Appliczione Attutore linere per il montggio su vlvole di regolzione Serie 0, 0 e 0 Dimensione: 00 e 00 cm² Cors: fino 0 mm Gli ttutori pneumtici

Dettagli

5. Funzioni elementari trascendenti

5. Funzioni elementari trascendenti ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 5. Funzioni elementri trscendenti A. A. 2013-2014 1 FUNZIONI ESPONENZIALI Le più semplici funzioni esponenzili sono le funzioni f: R R definite

Dettagli

Equivalenza tra equazioni di Lagrange e problemi variazionali

Equivalenza tra equazioni di Lagrange e problemi variazionali Equivlenz tr equzioni di Lgrnge e problemi AM Cherubini 20 Aprile 2007 1 / 21 Problemi Mostrimo or come si possono ricvre sistemi di equzioni con struttur lgrngin in un mbito diverso: prim si er crtterizzt

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2005 Sessione suppletiva

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2005 Sessione suppletiva ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 005 Sessione suppletiv Il cndidto risolv uno dei due problemi e 5 dei 0 quesiti in cui si rticol il questionrio. PROBLEMA Sono dti un pirmide

Dettagli

Accoppiamento pompa e sistema

Accoppiamento pompa e sistema Accoppimento pomp e sistem 1/9 Considerimo il sistem idrulico dell Fig. 1 costituito d due bcini, mbedue soggetti ll pressione tmosferic e collegti tr loro d un tubzione: si vuole portre l cqu dl bcino

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO. FACOLTA DI INGEGNERIA Corso di laurea in Ingegneria Meccanica. Tesina del corso di

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO. FACOLTA DI INGEGNERIA Corso di laurea in Ingegneria Meccanica. Tesina del corso di UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO FACOLTA DI INGEGNERIA Corso di lure in Ingegneri Meccnic Tesin del corso di TRASMISSIONE DEL CALORE Docente Prof. Ing. Gennro Cuccurullo Tesin n.7a Effetti termici del

Dettagli

Carica positiva e carica negativa

Carica positiva e carica negativa Elettrostatica Fin dal 600 a.c. si erano studiati alcuni effetti prodotti dallo sfregamento di una resina fossile, l ambra (dal cui nome in greco electron deriva il termine elettricità) con alcuni tipi

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica Lampadina Ferro da stiro Altoparlante Moto di cariche elettrice Nei metalli i portatori di carica sono gli elettroni Agitazione termica - moto caotico velocità media 10 5 m/s Non costituiscono una corrente

Dettagli

Elementi grafici per Matematica

Elementi grafici per Matematica Elementi grfici per Mtemtic Sommrio: Sistemi di coordinte crtesine... Grfici di funzioni... 4. Definizione... 4. Esempi... 5.3 Verificre iniettività e suriettività dl grfico... 8.4 L rett... 9.5 Esempi

Dettagli

Robotica industriale. Motori a magneti permanenti. Prof. Paolo Rocco (paolo.rocco@polimi.it)

Robotica industriale. Motori a magneti permanenti. Prof. Paolo Rocco (paolo.rocco@polimi.it) Rooti industrile Motori mgneti permnenti Prof. Polo Roo (polo.roo@polimi.it) Generzione di oppi L legge di Lorentz i die he un ri elettri q in moto on veloità v in un mpo mgnetio di intensità B è soggett

Dettagli

Attuatori pneumatici fino 700 cm 2 Tipo 3271 e Tipo 3277 per montaggio integrato del posizionatore

Attuatori pneumatici fino 700 cm 2 Tipo 3271 e Tipo 3277 per montaggio integrato del posizionatore Attutori pneumtici fino cm Tipo e Tipo per montggio integrto del posiziontore Appliczione Attutore linere per il montggio su vlvole di regolzione, soprttutto per l Serie,, e vlvol microflusso Tipo dimensione

Dettagli

Il Corso di Fisica per Scienze Biologiche

Il Corso di Fisica per Scienze Biologiche Il Corso di Fisica per Scienze Biologiche Ø Prof. Attilio Santocchia Ø Ufficio presso il Dipartimento di Fisica (Quinto Piano) Tel. 075-585 2708 Ø E-mail: attilio.santocchia@pg.infn.it Ø Web: http://www.fisica.unipg.it/~attilio.santocchia

Dettagli

Corso di Analisi Matematica Calcolo integrale per funzioni di una variabile

Corso di Analisi Matematica Calcolo integrale per funzioni di una variabile Corso di Anlisi Mtemtic Clcolo integrle per funzioni di un vribile Lure in Informtic e Comuniczione Digitle A.A. 2013/2014 Università di Bri ICD (Bri) Anlisi Mtemtic 1 / 40 1 L integrle come limite di

Dettagli

UNITÀ DI GUIDA E SLITTE

UNITÀ DI GUIDA E SLITTE UNITÀ DI GUIDA E SLITTE TIPOLOGIE L gmm di unità di guid e di slitte proposte è molto mpi. Rggruppimo le guide in fmiglie: Unità di guid d ccoppire cilindri stndrd Si trtt di unità indipendenti, cui viene

Dettagli

Il volume del cilindro è dato dal prodotto della superficie di base per l altezza, quindi

Il volume del cilindro è dato dal prodotto della superficie di base per l altezza, quindi Mtemtic per l nuov mturità scientific A. Bernrdo M. Pedone 3 Questionrio Quesito 1 Provre che un sfer è equivlente i /3 del cilindro circoscritto. r 4 3 Il volume dell sfer è 3 r Il volume del cilindro

Dettagli

GRANDEZZE ELETTRICHE E COMPONENTI

GRANDEZZE ELETTRICHE E COMPONENTI Capitolo3:Layout 1 17-10-2012 15:33 Pagina 73 CAPITOLO 3 GRANDEZZE ELETTRICHE E COMPONENTI OBIETTIVI Conoscere le grandezze fisiche necessarie alla trattazione dei circuiti elettrici Comprendere la necessità

Dettagli

I costi dell impresa. Litri di benzene per unità di tempo. Linea di isocosto

I costi dell impresa. Litri di benzene per unità di tempo. Linea di isocosto 7 I costi dell impres 7.1. Per l combinzione di equilibrio dei due input, si ved il grfico successivo. L pendenz dell line di isocosto e` pri ll opposto del rpporto tr i prezzi dei fttori: -10 = 2 = -5.

Dettagli

La parabola. Fuoco. Direttrice y

La parabola. Fuoco. Direttrice y L prol Definizione: si definise prol il luogo geometrio dei punti del pino equidistnti d un punto fisso detto fuoo e d un rett fiss dett direttrie. Un rppresentzione grfi inditiv dell prol nel pino rtesino

Dettagli

ATTUATORE A VITE TRAPEZIA DIMENSIONI DI INGOMBRO. Lunghezza con Attacco A1 Attacco A2 Lc [mm] 142 + Corsa 150 + Corsa T [mm] 129 + Corsa 136 + Corsa

ATTUATORE A VITE TRAPEZIA DIMENSIONI DI INGOMBRO. Lunghezza con Attacco A1 Attacco A2 Lc [mm] 142 + Corsa 150 + Corsa T [mm] 129 + Corsa 136 + Corsa ATTUATORE A VITE TRAPEZIA CLA 20 DIMENSIONI DI INGOMBRO Cors L =Lc + Cors Lc T L =Lc + Cors Lc T Supporto posteriore SP Perno Interruttori FC e potenziometro Attcco A1 Attcco A2 Lunghezz cvo motore 0.3

Dettagli

2 x = 64 (1) L esponente (x) a cui elevare la base (2) per ottenere il numero 64 è detto logaritmo (logaritmo in base 2 di 64), indicato così:

2 x = 64 (1) L esponente (x) a cui elevare la base (2) per ottenere il numero 64 è detto logaritmo (logaritmo in base 2 di 64), indicato così: Considerimo il seguente problem: si vuole trovre il numero rele tle che: = () L esponente () cui elevre l bse () per ottenere il numero è detto ritmo (ritmo in bse di ), indicto così: In prticolre in questo

Dettagli

Problemi di massimo e minimo in Geometria Solida Problemi su poliedri. Indice dei problemi risolti

Problemi di massimo e minimo in Geometria Solida Problemi su poliedri. Indice dei problemi risolti Problemi di mssimo e minimo in Geometri olid Problemi su poliedri Indice dei problemi risolti In generle, un problem si riferisce un figur con crtteristice specifice (p.es., il numero dei lti dell bse)

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE

VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE Soluzioni di quesiti e prolemi trtti dl Corso Bse Blu di Mtemti volume 5 [] (Es. n. 8 pg. 9 V) Dell prol f ( ) si hnno le seguenti informzioni, tutte

Dettagli

Ing. Alessandro Pochì

Ing. Alessandro Pochì Dispense di Mtemtic clsse quint -Gli integrli Quest oper è distriuit con: Licenz Cretive Commons Attriuzione - Non commercile - Non opere derivte. Itli Ing. Alessndro Pochì Appunti di lezione svolti ll

Dettagli

ELEMENTI DI STABILITA

ELEMENTI DI STABILITA tbilità Per stbilità di un nve si intende, in generle, l fcoltà di conservre l su posizione di equilibrio, cioè l su ttitudine resistere lle forze che tendono inclinrl e l cpcità di rddrizzrsi spontnemente

Dettagli

( X, Y ) che danno un livello costante di utilità (curva di livello). Fissando per esempio il valore U 0 per

( X, Y ) che danno un livello costante di utilità (curva di livello). Fissando per esempio il valore U 0 per Funzioni di utilità (finlmente un po di geroglifici, dopo i grffiti) NB: non fte leggere queste pgine un mtemtico, ltrimenti mi msscr!. Definizione e proprietà Considerimo due eni e di interesse per un

Dettagli

Progettazione strutturale per elementi finiti Sergio Baragetti

Progettazione strutturale per elementi finiti Sergio Baragetti Progettzione strutturle per elementi finiti Sergio Brgetti Fcoltà di Ingegneri Università degli Studi di Bergmo Il metodo degli Elementi Finiti permette di risolvere il problem dell determinzione dello

Dettagli

-STRUTTURE DI LEWIS SIMBOLI DI LEWIS

-STRUTTURE DI LEWIS SIMBOLI DI LEWIS STRUTTURE DI LEWIS SIMBLI DI LEWIS ELETTRI DI VALEZA: sono gli elettroni del guscio esterno, i responsbili principli delle proprietà chimiche di un tomo e quindi dell ntur dei legmi chimici che vengono

Dettagli

COGNOME..NOME CLASSE.DATA

COGNOME..NOME CLASSE.DATA COGNOME..NOME CLASSE.DATA FUNZIONE ESPONENZIALE - VERIFICA OBIETTIVI Sper definire un funzione esponenzile. Sper rppresentre un funzione esponenzile. Sper individure le crtteristiche del grfico di un funzione

Dettagli

Facoltà di Economia - Università di Sassari Anno Accademico 2004-2005. Dispense Corso di Econometria Docente: Luciano Gutierrez.

Facoltà di Economia - Università di Sassari Anno Accademico 2004-2005. Dispense Corso di Econometria Docente: Luciano Gutierrez. Fcoltà di Economi - Università di Sssri Anno Accdemico 2004-2005 Dispense Corso di Econometri Docente: Lucino Gutierrez Algebr Linere Progrmm: 1.1 Definizione di mtrice e vettore 1.2 Addizione e sottrzione

Dettagli

Esponenziali e logaritmi

Esponenziali e logaritmi Esponenzili e ritmi ESPONENZIALI Potenze con esponente rele L potenz è definit: se > 0, per ogni R se 0, per tutti e soli gli R se < 0, per tutti e soli gli Z Sono definite: ( ) ( ) ( ) 7 7 Non sono definite:

Dettagli

Calcolo letterale. 1) Operazioni con i monomi. a) La moltiplicazione. b) La divisione. c) Risolvi le seguenti espressioni con i monomi.

Calcolo letterale. 1) Operazioni con i monomi. a) La moltiplicazione. b) La divisione. c) Risolvi le seguenti espressioni con i monomi. Clcolo letterle. ) Operzioni con i monomi. ) L moltipliczione. ) L divisione. c) Risolvi le seguenti espressioni con i monomi. ) I polinomi. ) Clcol le seguenti somme di polinomi. ) Applic l proprietà

Dettagli

MATEMATICA Classe Prima

MATEMATICA Classe Prima Liceo Clssico di Treiscce Esercizi per le vcnze estive 0 MATEMATICA Clsse Prim Cpitolo Numeri nturli Primi ogni pgin del cpitolo Cpitolo Numeri nturli Primi ogni pgin del cpitolo Per gli llievi promossi

Dettagli

MACCHINE ELETTRICHE. Macchine Asincrone. Stefano Pastore. Dipartimento di Ingegneria e Architettura Corso di Elettrotecnica (IN 043) a.a.

MACCHINE ELETTRICHE. Macchine Asincrone. Stefano Pastore. Dipartimento di Ingegneria e Architettura Corso di Elettrotecnica (IN 043) a.a. MACCHNE ELETTCHE Mcchine Aincrone Stefno Ptore Diprtimento di ngegneri e Architettur Coro di Elettrotecnic (N 043).. 0-3 ntroduzione Sono dette Mcchine d nduzione (trife) otore gbbi o rotore vvolto Sttore

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA

LA CORRENTE ELETTRICA L CORRENTE ELETTRIC H P h Prima che si raggiunga l equilibrio c è un intervallo di tempo dove il livello del fluido non è uguale. Il verso del movimento del fluido va dal vaso a livello maggiore () verso

Dettagli

FLESSIONE E TAGLIO (prof. Elio Sacco)

FLESSIONE E TAGLIO (prof. Elio Sacco) Cpitolo FLESSIONE E TALIO (prof. Elio Scco). Sollecitzione di flessione e tglio Si esmin il cso in cui l risultnte delle tensioni genti sull bse dell trve x = L consist in un forz tglinte V, tlechev e

Dettagli

1 COORDINATE CARTESIANE

1 COORDINATE CARTESIANE 1 COORDINATE CARTESIANE In un sistem di ssi crtesini (,) un punto P è identificto dll su sciss e dll su ordint : Asciss : distnz di P dll sse delle ordinte Ordint :distnz di P dll sse delle scisse P(-4,4)

Dettagli

Esame di stato Seconda prova 17 giugno 2004 ESAME DI STATO DI ISTITUTO PROFESSIONALE CORSO DI ORDINAMENTO

Esame di stato Seconda prova 17 giugno 2004 ESAME DI STATO DI ISTITUTO PROFESSIONALE CORSO DI ORDINAMENTO Impinto ESAME DI STATO DI ISTITUTO PROFESSIONALE CORSO DI ORDINAMENTO Indirizzo: TECNICO INDUSTRIE ELETTRICHE Tem di: ELETTROTECNICA, ELETTRONICA ED APPLICAZIONI Soluzione di Ruggero Giometti L impinto

Dettagli

LE RETTIFICHE DI STORNO

LE RETTIFICHE DI STORNO Cpitolo 11 LE RETTIFICHE DI STORNO cur di Alfredo Vignò Le scritture di rettific di fine esercizio Sono composte l termine del periodo mministrtivo per inserire nel sistem vlori stimti e congetturti di

Dettagli

24 y. 6. ( 5 A. 1 B. 5 4 C D. 50 Applicando le proprietà delle potenze

24 y. 6. ( 5 A. 1 B. 5 4 C D. 50 Applicando le proprietà delle potenze Alunno/.. Alunno/ Pgin Esercitzione in preprzione ll PROVA d ESAME Buon Lvoro Prof.ss Elen Sper. Il piccolo fermcrte dell figur è relizzto nel seguente modo. Si prende un cubo di lto cm e su un fcci si

Dettagli

Progettazione strutturale per elementi finiti Sergio Baragetti

Progettazione strutturale per elementi finiti Sergio Baragetti Progettzione strutturle per elementi finiti Sergio Brgetti Fcoltà di Ingegneri Università degli Studi di Bergmo Il metodo degli Elementi Finiti permette di risolvere il problem dell determinzione dello

Dettagli

Pareti verticali Cappotto esterno

Pareti verticali Cappotto esterno Preti verticli Cppotto esterno L isolmento termico dei fbbricti dll esterno, comunemente detto cppotto, h vuto le sue prime ppliczioni lcuni decenni f e ncor oggi costituisce uno dei sistemi di isolmento

Dettagli

ESPONENZIALI LOGARITMI

ESPONENZIALI LOGARITMI ESPONENZIALI LOGARITMI Prerequisiti: Conoscere e sper operre con potenze con esponente nturle e rzionle. Conoscere e sper pplicre le proprietà delle potenze. Sper risolvere equzioni e disequzioni. Sper

Dettagli

Dati elettrici Tensione nominale AC/DC 24 V Frequenza della tensione nominale 50/60 Hz. Nota riguardante il segnale di comando Y Impedenza 100 kω

Dati elettrici Tensione nominale AC/DC 24 V Frequenza della tensione nominale 50/60 Hz. Nota riguardante il segnale di comando Y Impedenza 100 kω Sched ecnic NV4A-SR-PC Attutore modulnte per vlvole gloo -vie e 3-vie Forz di zionmento 000 N ensione nominle AC/DC 4 V Comndo: modulnte DC (0) V...0 V Cors nominle 0 mm Dti tecnici Note di sicurezz Dti

Dettagli

Il moto rettilineo uniformemente accelerato è un moto che avviene su una retta con accelerazione costante. a = costante

Il moto rettilineo uniformemente accelerato è un moto che avviene su una retta con accelerazione costante. a = costante Prof.. Di Muro Moto rettilineo uniformemente ccelerto ( m.r.u.. ) Il moto rettilineo uniformemente ccelerto è un moto che iene su un rett con ccelerzione costnte. Dll definizione di ccelerzione t t t t

Dettagli

Università del Salento Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Industriale Appello di FISICA GENERALE 2 del 27/01/15

Università del Salento Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Industriale Appello di FISICA GENERALE 2 del 27/01/15 Università del Salento Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Industriale Appello di FISICA GENERALE 2 del 27/01/15 Esercizio 1 (9 punti): Una distribuzione di carica è costituita da un guscio sferico

Dettagli

Introduzione all elettronica

Introduzione all elettronica Introduzione all elettronica L elettronica nacque agli inizi del 1900 con l invenzione del primo componente elettronico, il diodo (1904) seguito poi dal triodo (1906) i cosiddetti tubi a vuoto. Questa

Dettagli

INTERVALLI NELL INSIEME R

INTERVALLI NELL INSIEME R INTEVALLI NELL INSIEME Lo studio dell topologi (1) (dl greco "nlysis situs" ossi "studio del luogo") dell'insieme è di fondmentle importnz per gli rgomenti e i prolemi di nlisi infinitesimle. Il "luogo"

Dettagli

lim lim lim + Nome.Cognome Classe 4D 7 Aprile 2011 Verifica di matematica Problema (punti 3) Sono date le funzioni: f ( x)

lim lim lim + Nome.Cognome Classe 4D 7 Aprile 2011 Verifica di matematica Problema (punti 3) Sono date le funzioni: f ( x) Nome.Cognome Clsse D 7 Aprile 0 Verific di mtemtic Problem (punti ) Sono dte le funzioni: f ( ) =, g ( ) = ( ) ) determinre il dominio di f() e di g() b) determinre, senz l uso dell clcoltrice f ( ) c)

Dettagli

Superfici di Riferimento (1/4)

Superfici di Riferimento (1/4) Superfici di Riferimento (1/4) L definizione di un superficie di riferimento nsce dll necessità di vere un supporto mtemtico su cui sviluppre il rilievo eseguito sull superficie terrestre. Tle superficie

Dettagli

Introduzione all algebra

Introduzione all algebra Introduzione ll lgebr E. Modic ersmo@glois.it Liceo Scientifico Sttle S. Cnnizzro Corso P.O.N. Modelli mtemtici e reltà A.S. 2010/2011 Premess Codificre e Decodificre Nell vit quotidin ci cpit spesso di

Dettagli

dr Valerio Curcio Le affinità omologiche Le affinità omologiche

dr Valerio Curcio Le affinità omologiche Le affinità omologiche 1 Le ffinità omologiche 2 Tringoli omologici: Due tringoli si dicono omologici se le rette congiungenti i punti omologhi dei due tringoli si incontrno in un medesimo punto. Principio dei tringoli omologici

Dettagli

Temi speciali di bilancio

Temi speciali di bilancio Università degli Studi di Prm Temi specili di bilncio Le imposte (3) Il consolidto fiscle nzionle RIFERIMENTI Normtiv Artt. 117 129 del TUIR Art. 96 del TUIR Prssi contbile Documento OIC n. 25 Documento

Dettagli

a. Sulla base dei dati riportati nel grafico indica se ciascuna delle seguenti affermazioni è vera (V) o falsa (F).

a. Sulla base dei dati riportati nel grafico indica se ciascuna delle seguenti affermazioni è vera (V) o falsa (F). scicolo 3 D. Il polinomio x 3 8 è divisibile per A. x 2 B. x + 8 C. x 4 D. x + 4 D2. Osserv il grfico che riport lcuni dti rccolti dll stzione meteorologic di Udine.. Sull bse dei dti riportti nel grfico

Dettagli