6.2 Caratteristica meccanica coppia - velocità

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "6.2 Caratteristica meccanica coppia - velocità"

Transcript

1 6 ONTROLLO DI ELOITÀ DEL MOTORE IN Intoduzion L compnsion dll modlità di contollo dll vlocità dl moto in cont continu è bst sull nlisi dll cttistich di funzionmnto sttich, vl di l cuv ch, gim, mttono in lzion l gndzz lttich (tnsioni conti), l coppi sviluppt l vlocità di otzion. Nl sguito si fà ifimnto l cso dl moto in cont continu d ccitzion indipndnt, il cui schm lttico gim è illustto in Fig I R R E I Fig. 6.1 Moto d ccitzion indipndnt gim L quzioni d consid nl funzionmnto gim sono: = R I = L I Φ tnsion/flusso di ccitzion (6.1) = E R I tnsion di mtu (6.2) E = Φ ω tnsion indott (6.3) k = k Φ I coppi (6.4) = quilibio dinmico 1 (6.5) 6.2 ttistic mccnic coppi - vlocità L cttistic mccnic spim l ndmnto - ω dll coppi sviluppt dl moto in funzion dll vlocità di otzion. Nl cso dl moto in c.c. d ccitzion indipndnt, icvndo l cont di mtu I dll (6.2) si ottin: dll qul, tnndo conto dll (6.3), si h: I E = R 1 Qui ppsnt l somm di tutt l coppi sistnti. p.6 ontollo vlocità M (21) 22/4/

2 82 p. 6 ontollo di vlocità dl moto in c.c. Sostitundo l (6.6) nll (6.4) si ottin: I kφω = (6.6) R kφ ω kφ k Φ = kφ = ω (6.7) R R R L (6.7) fonisc l funzion = (ω), vl di popio l cttistic mccnic. Nll ipotsi di flusso di ccitzion tnsion di mtu costnt, tl cttistic è tipicmnt un tt con pndnz ngtiv, dll fom: con ( ω ) bω 2 2 = (6.8) = kφ ο = k 2 Φ 2 b R R = (6.9) com ppsntto in Fig Il punto di funzionmnto gim dl moto è individuto dll intszion t l su cttistic mccnic l cttistic di coppi sistnt. In Fig. 6.3 è illustto il cso di funzionmnto coppi nominl. In pticol, dll (6.7) è immdito icv l vlocità vuoto ω, ll qul si pot il moto qundo l coppi sistnt è null : ο ω ο = (6.1) k Φ L vlocità vuoto isult ss dittmnt popozionl ll tnsion di mtu d invsmnt popozionl l flusso. Nll spssion (6.8) l costnti b ppsntno ispttivmnt l coppi di spunto ( ο ) l pndnz dll cttistic; ntmb qust quntità sono, in gn, molto gndi. Ptnto l cttistic mccnic di motoi in c.c. d ccitzion indipndnt d luogo d un funzionmnto vlocità pssoché costnt l vi dl cico (l vizion di vlocità nl funzionmnto d vuoto l cico nominl è, tipicmnt, dll odin dl 5%, com illustto in Fig E impotnt ossv ch, ffinché l coppi vi linmnt con l vlocità, gli lti tmini nll (6.7) dvono imn costnti l vi dl cico 2. 2 In pticol si dv ipotizz ch l umnto di cont di mtu ch si h l csc dl cico non dv gn fftti di stuzion (ch iducono il flusso di ccitzion) né vizion p suiscldmnto dll sistnz di mtu.

3 ontollo di vlocità di motoi in c.c. 83 ο = P n n ωn 5% ω ο ω ω n ω ο ω Fig. 6.2 ttistic mccnic Fig. 6.3 Punto di lvoo coppi nominl 6.3 ontollo di vlocità di motoi in c.c. Rgionndo sull cttistic mccnic (6.7) è possibil individu l sgunti modlità di contollo dll vlocità di un moto c.c.: - contollndo l tnsion di mtu ; - contollndo il flusso di ccitzion Φ ; - contollndo l sistnz d mtu R ontollo dll tnsion di mtu In qusto mtodo di contollo dll vlocità, l tnsion di mtu vin vit, tnndo costnti l sistnz R dl cicuito d mtu l cont di ccitzion I, qust ultim, in gn, l suo vlo nominl in modo d gnti l mssim cpcità di coppi. In Fig. 6.4 è mostt un possibil soluzion lizztiv nll qul l vvolgimnto di ccitzion è limntto dll sognt in continu tnsion costnt (), mnt l mtu è limntt in plllo ttvso un ppcchitu, tipicmnt un convtito sttico, in gdo di tsfom potnz in c.c. tnsion costnt in potnz in c.c. tnsion vibil 3. Dll (6.8), (6.9) (6.1) si ossv ch l tnsion di mtu dtmin il vlo dll vlocità vuoto dl moto, snz influnz l pndnz dll cttistic mccnic. Quindi un vizion dll tnsion cus un tslzion scondo l ss ω dll cttistic. S d un condizion di gim vin, d smpio, umntt l tnsion, si h un umnto dll cont d mtu, ( ) = k Φ ( I ) umnto dll f..m. indott, E Φ ( ω ) I = E R dll coppi lttomgntic,, ch dtmin un umnto dll vlocità. oispondntmnt si h un K, ch cus un diminuzion dll cont = d mtu; ciò compot un iduzion dll coppi motic fino ch, nll nuov condizion di gim, si h = p un vlocità supio qull di ptnz. L fftto di un umnto dll tnsion d mtu sull cttistic - ω è mostto in Fig Si ttt di un convtito cc/cc, il chopp, succssivmnt dscitto l p

4 84 p. 6 ontollo di vlocità dl moto in c.c. R E I contollo di tnsion I I R L > 1 ω ο2 ω ο1 ω Fig. 6.4 ontollo dll tnsion di mtu Fig. 6.5 Efftto dll vizion dll tnsion di mtu sull cttistic mccnic L lzion ch lg l umnto di vlocità con qullo dll tnsion di mtu è ppsntto dll (6.6), qui iscitt com: = R I k Φ ω (6.11) onsidndo l lzion di popozionlità sistnt, flusso di ccitzion costnt, t l cont di mtu l coppi (cioè il cico): l (6.11) può nch scivsi: = k Φ I = (6.12) = k k Φ ω (6.13) Tl lzion spim un lgm lin t l tnsion di mtu l vlocità. In pticol, vuoto ( = I = ) si ttt di un tt pssnt p l oigin, mnt cico si h un tnsion vlocità null pi ll cdut R I nll sistnz dll vvolgimnto. Tl cdut è tipicmnt tscubil isptto l tnsion di mtu nominl ( n ), com illustto in Fig n I n P n I = I ( ) R I ω n ω Fig. 6.6 Andmnto tnsion di mtu vlocità 4 Nll figu è illustto nch il punto di funzionmnto nominl dll mcchin, cttizzto d flusso (cont) di ccitzion, tnsion di mtu cont di mtu nominli.

5 ontollo di vlocità di motoi in c.c ontollo dll ccitzion Il contollo dll ccitzion è più smplic d lizz d è mno costoso, poiché vvin d un livllo di potnz notvolmnt infio. Tuttvi, cus dll lvto vlo dll induttnz dll vvolgimnto di ccitzion, l vizion dll cont di ccitzion, quindi dll coppi, vvin lntmnt, cusndo un lnt ispost nll vizion dll vlocità. In qusto mtodo di contollo dll vlocità, l sistnz d mtu R l tnsion i mostti di mcchin imngono costnti. L vlocità è contollt vindo l cont d ccitzion I. Un soluzion clssic è illustt in Fig. 6.7: l vvolgimnto di mtu è limntto dll sognt in continu tnsion costnt (), l vvolgimnto di ccitzion è limntto in plllo ttvso un ostto dtto di cmpo R c, gndo sul qul è possibil vi l cont di ccitzion indipndntmnt dll cont di mtu 5. R Rc I L R E I I Fig. 6.7 ontollo dll cont di ccitzion Tscundo l fftto dll stuzion, il flusso Φ può itnsi popozionl ll cont di ccitzion I scondo l quzion (6.1). onsidndo ptnto l intszioni dll cttistic coppi vlocità con gli ssi, ispttivmnt l coppi llo spunto ο (6.9) l vlocità vuoto ω ο (6.1), è fcil vific com l pim umnt popozionlmnt l csc di Φ mnt l scond diminuisc in modo invsmnt popozionl, com indicto in fig. Fig Di consgunz, l pndnz dll cttistic - ω csc con il qudto dl flusso (cont) di ccitzion, com confmto dll (6.9). L fftto isultnt dll vizion dll sistnz dll vvolgimnto di cmpo, quindi dll cont di ccitzion, sull cttistic coppi vlocità è illustto in Fig ω ο (I,min ) R c,mx I (I,mx ) R c = I ω Fig. 6.8 Andmnto dll vlocità vuoto in funzion dll cont di ccitzion Fig. 6.9 Efftto dll vizion dll cont di ccitzion sull cttistic mccnic 5 Un soluzion più modn pvd l uso di un chopp p l limntzion dll vvolgimnto di ccitzion. 6 Si noti ch s si p il cicuito di ccitzion ( ovvo I ), l vlocità può divnt ccssiv quindi picolos.

6 86 p. 6 ontollo di vlocità dl moto in c.c. Ptnto, p un fissto vlo costnt di coppi sistnt, un iduzion dl flusso (cont) di ccitzion povoc quindi un umnto di vlocità coispondntmnt un umnto dll cont di mtu p soddisf l quzion di coppi. Il mccnismo tnsitoio è il sgunt: s d un condizion di gim vin idotto il flusso E = Φ ω, ch cus un umnto di ccitzion si h un iduzion dll f..m. indott ( ) dll cont d mtu I ( E ) R dll coppi, dll iduzion dl flusso, p cui l coppi umnt k ( )( I ) k = ; tl umnto è più impotnt, nll spssion = Φ dtmin un umnto dll vlocità. Di consgunz si h un umnto dll tnsion indott, un iduzion dll cont di mtu dll coppi motic fino ch, nll nuov condizion di gim, si h = p un vlocità supio qull di ptnz. Evidntmnt, l idusi dl flusso di ccitzion, l mcchin pd in cpcità di coppi bss vlocità, mnt è possibil funzion, con bss coppi, vlocità più lt mpi di funzionmnto con contollo dll tnsion di mtu con contollo dll ccitzion I du mtodi di golzion di vlocità illustti hnno ppliczion in diffnti cmpi di vlocità. Nl contollo dll ccitzion, qunto più bss è l cont d ccitzion, tnto più lt è l vlocità di otzion vicvs. Poiché un umnto dll cont di ccitzion cus un iduzion dll vlocità, sist un vlo minimo limit di vlocità, coispondnt ll mssim cont di ccitzion. Nl contollo dll tnsion di mtu, poiché l csc dll tnsion coispond un umnto dll vlocità, sist un vlo mssimo limit di vlocità, coispondnt l vlo nominl dll tnsion. S il moto lvo in coispondnz di vloi nominli di tnsion d mtu, di cont di mtu di cont d ccitzion, sso uotà ll vlocità nominl, not nch com "vlocità bs". Il contollo sull cont di ccitzion può ss impigto p ottn vlocità mggioi dll vlocità bs, m non p vlocità l di sotto di ss, in qunto in qust ultimo cso l cont di ccitzion dovbb sup il suo vlo mssimo consntito. Il contollo sull tnsion, l contio, può ss impigto p vlocità minoi di qull bs, m non p qull mggioi, p l quli sbb ncssi un tnsion mggio dll nominl. Qust tcnich di contollo dll vlocità sono quindi complmnti, in pticol: - il contollo dll tnsion d mtu vin ttuto p vlocità l di sotto dll vlocità bs; - il contollo dll ccitzion p vlocità l di sop dll vlocità bs. ombinndo in uno stsso moto l du tcnich di contollo, è possibil ottn un mpio cmpo di golzion dll vlocità. È impotnt dtmin gli ndmnti in funzion dll vlocità di vloi mssimi di coppi di potnz, imposti dl mssimo vlo dll cont di mtu. Nl contollo dll tnsion d mtu, il flusso nl moto è costnt l coppi mssim vl:

7 ontollo di vlocità di motoi in c.c. 87 = k Φ I (6.14) mx,mx L coppi mssim è quindi costnt indipndntmnt dll vlocità dl moto. Dto ch l potnz ll ss dl moto è dt d P = ω, l potnz mssim dl moto, p vloi di vlocità minoi di qull bs, è pi : Pmx = mx ω (6.21) cioè è dittmnt popozionl ll vlocità. In conclusion, con il contollo sull mtu il moto lvo coppi mssim costnt potnz mssim vibil linmnt con l vlocità, Fig Nl contollo dll ccitzion, l umnto di vlocità è ottnuto iducndo il flusso, mnt l tnsion di mtu è costnt pi l vlo nominl. Assumndo l cont di mtu mssim, dll (6.11) si icv: Φ = n R I k ω,mx 1 ω (6.15) ch indic l lgg di iduzion dl flusso di ccitzion l di sop dll vlocità nominl. Sostitundo il flusso dll (6.15) nll spssion dll coppi, smp ssumndo cont di mtu mssim, si tov: mx 1 ω In tl modo si ottin, p vlocità mggioi di qull bs, un funzionmnto mssim potnz mccnic costnt; si h inftti: P = ω = K (6.16) mx mx In dfinitiv nl contollo dll ccitzion l potnz mssim fonit dl moto è costnt, mnt l coppi mssim è invsmnt popozionl ll vlocità, Fig P mx mx P mx P mx contollo mtu ω b contollo ccitzion ω Fig. 6.1 Andmnto dll potnz mccnic mssim dll coppi mssim in funzion dll vlocità

8 88 p. 6 ontollo di vlocità dl moto in c.c izion dll sistnz d mtu In qusto mtodo, l tnsion i mostti dl moto l cont di ccitzion I ( quindi il flusso) sono tnuti costnti i loo vloi nominli. L vlocità è contollt vindo l sistnz post in si l cicuito d mtu, Fig Dll q. (6.6), tnndo conto dll sistnz R i, si ottin: S Φ sono costnti l (6.23) si sciv: ( R R ) ( R R ) i 2 kφ kφ = ω (6.17) i = ( R R ) ( R R ) K ' 1 i K ' 2 i ω (6.18) L fftto dll sistnz ggiuntiv R i è qullo di vi buscmnt l pndnz dll cttistic - ω d il vlo dll coppi di spunto, lscindo inltto il vlo dll vlocità vuoto, (Fig. 6.12). Il contollo dll sistnz d mtu è smplic d lizz, m isult ss poco fficint cus dll pdit p fftto Joul ch sso compot; p tl motivo è mnt impigto. R I L R E I I R i R i ω Fig izion dll sistnz d mtu Fig Efftto dll vizion dll sistnz di mtu sull cttistic mccnic 6.4 Azionmnti p contollo di vlocità di motoi in c.c. i sono numos ppliczioni in cui si ichid il contollo dll vlocità, com ni lmintoi, gu, mcchin utnsili, scnsoi, sollvtoi ni vicoli lttici. I motoi c.c. sono tutto impigti in molt dll suddtt ppliczioni. L tcnologi dl contollo dll vlocità di motoi c.c. nll ultimo quto di scolo si è considvolmnt volut. Pim dll vvnto dll lttonic di potnz il sistm usto p contoll l vlocità il clssico mtodo Wd-Lond.

9 Azionmnti p contollo di vlocità di motoi in c.c Mtodo Wd-Lond Il sistm Wd-Lond p il contollo dll vlocità di motoi c.c. fu intodotto nl lontno 189. Tl sistm, illustto in Fig. 6.13, ichid bn du mcchin usilii: un moto sincono un dinmo. Il moto sincono, limntto d un t tifs tnsion fqunz costnt, uot vlocità costnt. indo l cont di ccitzion I g dl gnto c.c., si vi l tnsion di uscit ch v d limnt il moto c.c. Il sistm consnt di gol l vlocità l di sotto l di sop dll vlocità bs, com indic l Fig E g R g E R cico P I g I ω contollo sull ω b contollo sull I ω Fig Mtodo Wd-Lond p il contollo dll vlocità Fig Rgolzion dll vlocità con il mtodo Wd-Lond ontollo tmit convtitoi sttici L vvnto, succssivmnt, l diffusion dll lttonic di potnz hnno consntito l sostituzion dl sistm Wd-Lond p il contollo dll vlocità dl moto c.c.; l Fig most lo schm blocchi di un sistm ch f uso di convtitoi sttici 7. I convtitoi più impigti sono i ddizztoi contollti d i chopp. limntzion convtito sttico sgnl di contollo v c v moto c.c. I convtito sttico ω cico Fig Schm blocchi dl contollo dll vlocità tmit convtitoi sttici Rddizztoi contollti S l limntzion è cont ltnt, il ddizzto contollto può ss utilizzto p convti un tnsion ltnt di mpizz fqunz costnt in un tnsion continu vibil 8. S il ddizzto è lizzto d componnti tutti contollti, com d smpio i tiistoi, si dic ch è totl contollto. S lcuni dispositivi sono contollti lti sono diodi, il ddizzto si dic smi contollto. 7 Si ttt di uno schm di contollo in ctn pt, nl qul non è ffttut l misu dll gndzz d contoll. 8 onvtito c.. c.c. contollto.

10 9 p. 6 ontollo di vlocità dl moto in c.c. L ngolo di ccnsion di tiistoi (indicto con α ) dtmin il vlo mdio dll tnsion d uscit v (t), Fig L tnsion di contollo v c dtmin l ngolo α quindi l tnsion. on l ipotsi ch l i si smp divs d zo (conduzion continu), l lzioni t il vlo mdio dll tnsion d uscit l ngolo di ccnsion α sono l sgunti ˆ f pont monofs totl contollto = cos α = cos α (6.19) π π 2 ˆ (6.2) π π f pont monofs smi contollto = ( 1 cos α) = ( 1 cos α) pont tifs totl contollto 3 6 3ˆ l = cosα = cos α (6.21) π π 3 6 3ˆ l pont tifs smi contollto = [ 1 cos α] = [ 1 cos α] (6.22) 2π 2π dov ppsnt il vlo fficc dll tnsion di fs dll limntzion in cont ltnt, ˆ f ˆ l l mpizz ispttivmnt dll ltnt monofs dll tnsion conctnt tifs. v (t) v (t) 2 α π 2π ωt ) pont monofs totl contollto v (t) v (t) 2 α π 2π ωt b) pont monofs smi contollto v (t) v (t) 6 α π 2π ωt c) pont tifs totl contollto

11 Azionmnti p contollo di vlocità di motoi in c.c. 91 v (t) v (t) 6 α π 2π ωt d) pont tifs smi contollto Fig icuiti ddizztoi smi totl contollti ltiv fom d ond dll tnsioni di uscit mx smi-contollto totl-contollto π/2 π α mx Fig lo mdio dll tnsion di uscit di ponti in funzion di α L vizion di, in funzion dll ngolo di ccnsion α, è mostt in Fig si p i ddizztoi totl contollti ch smi contollti 9. è d ossv ch, sbbn i vloi istntni dll tnsion d mtu v (t) dll cont i (t) non sino costnti m vibili nl tmpo, in tmini di vloi mdi vlgono nco l quzioni in continu: = E RI E = k Φ ω k Φ I = (6.23) Dll pim dll (6.23), s si tscu l cdut di tnsion R I, l tnsion di limntzion è ugul ll f..m indott ( E ); ptnto, l cuv di Fig. 6.17, ssndo E popozionl d ω, mostno, in un lt scl, nch l vizion di vlocità con l ngolo α hopp Un chopp è un convtito sttico in gdo di tsfom potnz in c.c. tnsion costnt in potnz in c.c. tnsion vibil. Il chopp può ss considto un intutto ch commut d lvt fqunz, com schmticmnt indicto in Fig Il vlo mssimo è fcilmnt icvbil dll (6.19) (6.22).

12 92 p. 6 ontollo di vlocità dl moto in c.c. d d S D i v L R E d T on T p v i t Fig Schm di pincipio dl contollo dll tnsion tmit chopp Fig Fom d ond dll tnsion dll cont di mtu L intutto monodizionl S è lizzto tipicmnt con dispositivi comndbili in chiusu d in ptu (ttvso il comndo d), quli i GTO 1 o i tnsisto di potnz 11. Qundo il dispositivo conduc, cioè è ON, v = d l cont nl moto umnt; qundo è OFF, cioè S è pto, l cont i si ichiud ttvso il diodo di icicolo D, ssndo v =, dcd. L fom d ond dll tnsion dll cont d mtu sono mostt in Fig L tnsion mdi, ll qul è popozionl l vlocità dl moto, è dt d: ton = d = δd (6.24) T in cui: T on è il piodo di conduzion dl chopp; T p è il piodo di pulszion ( o chopping ); δ = T on / T è il ppoto di utilizzzion ( duty cycl ) dl chopp. L (6.24) indic ch l tnsion mdi i mostti d mtu dl moto vi in modo dittmnt popozionl l ppoto di utilizzzion δ ontollo d nllo chiuso In ppliczioni in cui si ichid un vlocità costnt, il funzionmnto dl moto c.c. d nllo pto può non ss soddisfcnt, in qunto l vlocità isnt dll vntuli vizioni di cico. In un sistm di contollo d nllo chiuso l vlocità può ss mntnut costnt golndo l tnsion d mtu l vi dl cico. Lo schm di pincipio di un tl sistm di contollo è ppsntto in Fig Esso è cttizzto dll misu dl sgnl di vlocità ( n ) ttvso un oppotuno tsdutto, dl confonto con il vlo dsidto ( n *) dll cozion dll o mdint un oppotuno golto. Ipotizzndo, d smpio, un umnto dll coppi di cico, momntnmnt l vlocità dl moto diminuisc; ciò compot un umnto dll o di vlocità ε ω, cui coispond un umnto dll tnsion di contollo v c ch, gndo sull ngolo di ccnsion dl convtito, umnt (in tmini di vlo mdio) l tnsion di uscit. 1 Gt Tun-Off Thyisto. 11 Può ss un BJT ( Bipol Junction Tnsisto ) un MOSFET ( Mtl-Oxid-Smiconducto Fild Effct Tnsisto ) o un IGBT ( Insultd Gt Bipol Tnsisto ).

13 Tst di ppndimnto 93 limntzion n * Σ n ε ω golto v c convtito sttico moto ω cico tsdutto Fig. 6.2 Schm blocchi di un contollo di vlocità d nllo chiuso. Tl umnto di tnsion dtmin un umnto dll coppi sviluppt dl moto, il qul si ipot ll vlocità coispondnt qull dl ifimnto n *. Il sistm si compot in modo tl d nnull l o di vlocità ε ω. Il contollo ciclo chiuso h lti vntggi com un mggio pcision, un ispost dinmic miglio mggio stbilità. Tst di ppndimnto 1) Ricv disgn l cttistic mccnic coppi vlocità dl moto in cont continu d ccitzion indipndnt. 2) Dfini l coppi llo sputo, l vlocità vuoto d il gnico punto di funzionmnto cico. 3) Ricv, ptndo dll cttistic mccnic, l modlità di contollo dll vlocità ttvso l tnsion di mtu. 4) Disgn lo schm di pincipio dl contollo di mtu. 5) Ricv l cttistic tnsion di mtu vlocità d ccitzion costnt. Indic l fftto dl cico. 6) Ricv, ptndo dll cttistic mccnic, l modlità di contollo dll vlocità ttvso l ccitzion. 7) Disgn lo schm di contollo dll ccitzion ttvso ostto di cmpo. 8) Dfini l zon di funzionmnto coppi potnz costnt dl moto in c.c. d ccitzion indipndnt. 9) Ricv, ptndo dll cttistic mccnic, l modlità di contollo dll vlocità ttvso l sistnz di mtu. 1) Disgn lo schm di pincipio dl contollo di vlocità ttvso sistnz di mtu. 11) Illust lo schm Wd-Lond p il contollo di vlocità di un moto in c.c. 12) Disgn discut lo schm di pincipio dl contollo di vlocità ttvso convtitoi sttici. 13) Dfini il ddizzto contollto. 14) Dfini l ngolo di ccnsion di un ddizzto contollto. 15) Disgn gli schmi di ddizztoi monofsi contollti l fom d ond dll tnsion d uscit. 16) Disgn gli schmi di ddizztoi tifsi contollti l fom d ond dll tnsion d uscit. 17) Disgn l ndmnto dl vlo mdio dll tnsion di uscit di ddizztoi contollti monofsi tifsi in funzion dll ngolo di ccnsion.

14 94 p. 6 ontollo di vlocità dl moto in c.c. 18) Dfini il chopp disgnn lo schm di pincipio. 19) Dfini il piodo di pulszion d il duty cycl. 2) Disgn l fom d ond dll tnsion dll cont d uscit dl chopp. 21) Disgn discut l modlità di contollo dll vlocità d nllo chiuso. Indic dll figu Fig. 6.1 Moto d ccitzion indipndnt gim Fig. 6.2 ttistic mccnic Fig. 6.3 Punto di lvoo coppi nominl Fig. 6.4 ontollo dll tnsion di mtu Fig. 6.5 Efftto dll vizion dll tnsion di mtu sull cttistic mccnic Fig. 6.6 Andmnto tnsion di mtu vlocità Fig. 6.7 ontollo dll cont di ccitzion Fig. 6.8 Andmnto dll vlocità vuoto in funzion dll cont di ccitzion Fig. 6.9 Efftto dll vizion dll cont di ccitzion sull cttistic mccnic Fig. 6.1 Andmnto dll potnz mccnic mssim dll coppi mssim in funzion dll vlocità Fig izion dll sistnz d mtu Fig Efftto dll vizion dll sistnz di mtu sull cttistic mccnic Fig Mtodo Wd-Lond p il contollo dll vlocità Fig Rgolzion dll vlocità con il mtodo Wd-Lond Fig Schm blocchi dl contollo dll vlocità tmit convtitoi sttici Fig icuiti ddizztoi smi totl contollti ltiv fom d ond dll tnsioni di uscit Fig lo mdio dll tnsion di uscit di ponti in funzion di α Fig Schm di pincipio dl contollo dll tnsion tmit chopp Fig Fom d ond dll tnsion dll cont di mtu Fig. 6.2 Schm blocchi di un contollo di vlocità d nllo chiuso

15 INDIE 95 INDIE 6 ontollo di vlocità dl moto in c.c Intoduzion ttistic mccnic coppi - vlocità ontollo di vlocità di motoi in c.c ontollo dll tnsion di mtu ontollo dll ccitzion mpi di funzionmnto con contollo dll tnsion di mtu con contollo dll ccitzion izion dll sistnz d mtu Azionmnti p contollo di vlocità di motoi in c.c Mtodo Wd-Lond ontollo tmit convtitoi sttici Rddizztoi contollti hopp ontollo d nllo chiuso...92 Tst di ppndimnto Indic dll figu INDIE... 95

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino:

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino: Prof. Emnul ANDRISANI Studio di funzion Funzioni rzionli intr n n o... n n Crttristich: sono funzioni continu drivbili in tutto il cmpo rl D R quindi non sistono sintoti vrticli D R quindi non sistono

Dettagli

Corso di ordinamento - Sessione suppletiva - a.s. 2009-2010

Corso di ordinamento - Sessione suppletiva - a.s. 2009-2010 Corso di ordinmnto - Sssion suppltiv -.s. 9- PROBLEMA ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO SESSIONE SUPPLETIA Tm di: MATEMATICA. s. 9- Dt un circonrnz di cntro O rggio unitrio, si prndno

Dettagli

L ELLISSOIDE TERRESTRE

L ELLISSOIDE TERRESTRE L ELLISSOIDE TERRESTRE Fin dll scond mtà dl XVII scolo (su propost di Nwton) l suprfici più dtt ssr ssunt com suprfici di rifrimnto pr l Trr è stt individut in un ELLISSOIDE DI ROTAZIONE. E l suprfici

Dettagli

MATRICI SIMILI E MATRICI DIAGONALIZZABILI

MATRICI SIMILI E MATRICI DIAGONALIZZABILI MATRICI SIMILI E MATRICI DIAGONALIZZABILI DEFINIZIONE: Due mtici qudte A e B, dello stesso odine n, si dicono simili se esiste un mtice non singole S, tle che isulti: B S A S L mtice S si chim nche mtice

Dettagli

ANALISI REALE E COMPLESSA a.a. 2007-2008

ANALISI REALE E COMPLESSA a.a. 2007-2008 ANALISI REALE E COMPLESSA.. 2007-2008 1 Successioni e serie di funzioni 1.1 Introduzione In questo cpitolo studimo l convergenz di successioni del tipo n f n, dove le f n sono tutte funzioni vlori reli

Dettagli

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma INTEGRALI IMPROPRI. Integrli impropri su intervlli itti Dt un funzione f() continu in [, b), ponimo ε f() = f() ε + qundo il ite esiste. Se tle ite esiste finito, l integrle improprio si dice convergente

Dettagli

Esercizi sullo studio di funzione

Esercizi sullo studio di funzione Esrcizi sullo studio di funzion Prima part Pr potr dscrivr una curva, data la sua quazion cartsiana splicita f () occorr procdr scondo l ordin sgunt: 1) Dtrminar l insim di sistnza dlla f () ) Dtrminar

Dettagli

Momento di una forza rispettto ad un punto

Momento di una forza rispettto ad un punto Momento di un fo ispettto d un punto Rihimimo lune delle definiioni e popietà sui vettoi già disusse ll iniio del oso Podotto vettoile: ϑ ϑ sin sin θ Il vettoe è dietto lungo l pependiole l pino individuto

Dettagli

La scelta di equilibrio del consumatore. Integrazione del Cap. 21 del testo di Mankiw 1

La scelta di equilibrio del consumatore. Integrazione del Cap. 21 del testo di Mankiw 1 M.Blconi e R.Fontn, Disense di conomi: 3) quilirio del consumtore L scelt di equilirio del consumtore ntegrzione del C. 21 del testo di Mnkiw 1 Prte 1 l vincolo di ilncio Suonimo che il reddito di un consumtore

Dettagli

Problemi di massimo e minimo in Geometria Solida Problemi su poliedri. Indice dei problemi risolti

Problemi di massimo e minimo in Geometria Solida Problemi su poliedri. Indice dei problemi risolti Problemi di mssimo e minimo in Geometri olid Problemi su poliedri Indice dei problemi risolti In generle, un problem si riferisce un figur con crtteristice specifice (p.es., il numero dei lti dell bse)

Dettagli

- Radioattività - - 1 - 1 Ci = 3,7 1010 dis / s. ln 2 T 2T = e ln 2 2 = e 2ln 2 = 1 4

- Radioattività - - 1 - 1 Ci = 3,7 1010 dis / s. ln 2 T 2T = e ln 2 2 = e 2ln 2 = 1 4 Radioattività - Radioattività - - - Un prparato radioattivo ha un attività A 0 48 04 dis / s. A quanti μci (microcuri) si riduc l attività dl prparato dopo du tmpi di dimzzamnto? Sapndo ch: ch un microcuri

Dettagli

Provvedimento di Predisposizione del Programma Annuale dell'esercizio finanziario 2014. Il Dsga

Provvedimento di Predisposizione del Programma Annuale dell'esercizio finanziario 2014. Il Dsga Provvdimnto di Prdisposizion dl Programma Annual dll'srcizio finanziario 2014 Il Dsga Visto Il Rgolamnto crnnt l istruzioni gnrali sulla gstion amministrativotabil dll Istituzioni scolastich Dcrto 01 Fbbraio

Dettagli

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito.

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito. Integrli de niti. Il problem di clcolre l re di un regione pin delimitt d gr ci di funzioni si può risolvere usndo l integrle de nito. L integrle de nito st l problem del clcolo di ree come l equzione

Dettagli

REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA

REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA CONCORSO DI PROGETTAZIONE UNA NUOVA VIVIBILITA PER IL CENTRO DI NONANTOLA PROCESSO PARTECIPATIVO INTEGRATO CENTRO ANCH IO! REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA ESITO DELLE VOTAZIONI RACCOLTE DURANTE LE

Dettagli

Forza centripeta e gravitazione

Forza centripeta e gravitazione pitolo 6 Foz centipet e gitzione 1. Il oto cicole Quli sono le ctteistiche del oto cicole? Un pticell si dice nit di oto cicole qundo l su tiettoi è un ciconfeenz. Lo studio di questo tipo di oto iene

Dettagli

Progetto I CARE Progetto CO.L.O.R.

Progetto I CARE Progetto CO.L.O.R. Attori in rt pr la mobilità di risultati dll apprndimnto Dirtta WEB, 6 dicmbr 2011 Progtto I CARE Progtto CO.L.O.R. Elmnti distintivi complmntarità Michla Vcchia Fondazion CEFASS gli obittivi Facilitar

Dettagli

www.scuolainweb.altervista.org Problemi di Fisica La Dinamica

www.scuolainweb.altervista.org Problemi di Fisica La Dinamica www.suolinweb.ltevist.og L Dinmi Poblemi di isi L Dinmi PROBLEA N. Un opo di mss m 4 kg viene spostto on un foz ostnte 3 N su un supefiie piv di ttito pe un ttto s,3 m. Supponendo he il opo inizilmente

Dettagli

Macchine elettriche in corrente continua

Macchine elettriche in corrente continua cchine elettriche in corrente continu Generlità Può essere definit mcchin un dispositivo che convert energi d un form un ltr. Le mcchine elettriche in prticolre convertono energi elettric in energi meccnic

Dettagli

Guida allʼesecuzione di prove con risultati qualitativi

Guida allʼesecuzione di prove con risultati qualitativi TitoloTitl Guida allʼscuzion di prov con risultati qualitativi Guid to prform tsts with qualitativ rsults SiglaRfrnc DT-07-DLDS RvisionRvision 00 DataDat 0602203 Rdazion pprovazion utorizzazion allʼmission

Dettagli

PROGETTAZIONE DIDATTICA PER COMPETENZE

PROGETTAZIONE DIDATTICA PER COMPETENZE ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE G. M. MONTANI CONVITTO ANNESSO AZIENDA AGRARIA 63900 FERMO Via Montani n. 7 - Tl. 0734-622632 Fax 0734-622912 www.istitutomontani.it -mail aptf010002@istruzion.it Coc

Dettagli

Le politiche per l equilibrio della bilancia dei pagamenti

Le politiche per l equilibrio della bilancia dei pagamenti L politich pr l quilibrio dlla bilancia di pagamnti Politich pr ottnr l quilibrio dlla bilancia di pagamnti (BP = + MK = 0) nl lungo priodo BP 0 non è sostnibil prchè In cambi fissi S BP0 si sauriscono

Dettagli

3. Funzioni iniettive, suriettive e biiettive (Ref p.14)

3. Funzioni iniettive, suriettive e biiettive (Ref p.14) . Funzioni iniettive, suriettive e iiettive (Ref p.4) Dll definizione di funzione si ricv che, not un funzione y f( ), comunque preso un vlore di pprtenente l dominio di f( ) esiste un solo vlore di y

Dettagli

Titolazione Acido Debole Base Forte. La reazione che avviene nella titolazione di un acido debole HA con una base forte NaOH è:

Titolazione Acido Debole Base Forte. La reazione che avviene nella titolazione di un acido debole HA con una base forte NaOH è: Titolzione Acido Debole Bse Forte L rezione che vviene nell titolzione di un cido debole HA con un bse forte NOH è: HA(q) NOH(q) N (q) A (q) HO Per quest rezione l costnte di equilibrio è: 1 = = >>1 w

Dettagli

Parcheggi e altre rendite aeroportuali

Parcheggi e altre rendite aeroportuali Argomnti Parchggi altr rndit aroportuali Marco Ponti Elna Scopl La rgolamntazion dl sistma aroportual italiano fino al 2007 non ha vitato la formazion di rndit ingiustificat. In particolar l attività non-aviation,

Dettagli

Cuscinetti ad una corona di sfere a contatto obliquo

Cuscinetti ad una corona di sfere a contatto obliquo Cuscinetti d un coron di sfere conttto obliquo Cuscinetti d un coron di sfere conttto obliquo 232 Definizione ed ttitudini 232 Serie 233 Vrinti 233 Tollernze e giochi 234 Elementi di clcolo 236 Crtteristiche

Dettagli

Comunità Europea (CE) International Accounting Standards, n. 36. Riduzione durevole di valore delle attività

Comunità Europea (CE) International Accounting Standards, n. 36. Riduzione durevole di valore delle attività Scopo contnuto dl documnto Comunità Europa (CE) Intrnational Accounting Standards, n. 36 Riduzion durvol di valor dll attività Riduzion durvol di valor dll attività SOMMARIO Finalità 1 Ambito di applicazion

Dettagli

Alberi di copertura minimi

Alberi di copertura minimi Albr d coprtur mnm Sommro Albr d coprtur mnm pr grf pst Algortmo d Kruskl Algortmo d Prm Albro d coprtur mnmo Un problm d notvol mportnz consst nl dtrmnr com ntrconnttr fr d loro dvrs lmnt mnmzzndo crt

Dettagli

Dinamica. Se un corpo non interagisce con altri corpi la sua velocità non cambia.

Dinamica. Se un corpo non interagisce con altri corpi la sua velocità non cambia. Poblema fondamentale: deteminae il moto note le cause (foze) pe oa copi «puntifomi» Dinamica Se un copo non inteagisce con alti copi la sua velocità non cambia. Se inizialmente femo imane in quiete, se

Dettagli

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n.

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n. AUTOVALORI ED AUTOVETTORI Si V uno spzio vettorile di dimensione finit n. Dicesi endomorfismo di V ogni ppliczione linere f : V V dello spzio vettorile in sé. Se f è un endomorfismo di V in V, considert

Dettagli

07 GUIDA ALLA PROGETTAZIONE. Guida alla progettazione

07 GUIDA ALLA PROGETTAZIONE. Guida alla progettazione 07 Guid ll progettzione Scelt tubzioni e giunti 2 tubi di misur [mm] Dimetro tubzioni unità esterne (A) Giunti 12Hp 1Hp 1Hp Selezionre il dimetro delle unità esterne dll seguente tbell Giunto Y tr unità

Dettagli

ELETTROMAGNETI IBK Elettromagneti per l automazione flessibile

ELETTROMAGNETI IBK Elettromagneti per l automazione flessibile INDUCTIVE COMPONENTS I 0 I 0 IBK ELETTROMAGNETI IBK Elettomneti e l utomzione flessibile Ctloo eli elettomneti IBK e l zionmento ei sistemi oscillnti Eizione Mio 2004 www.eoitli.it/ootti/feee.tml Elettomneti

Dettagli

FAST FOURIER TRASFORM-FFT

FAST FOURIER TRASFORM-FFT A p p e n d i c e B FAST FOURIER TRASFORM-FFT La tasfomata disceta di Fouie svolge un uolo molto impotante nello studio, nell analisi e nell implementazione di algoitmi dei segnali in tempo disceto. Come

Dettagli

Anno 2013 Tipologia Istituzione U - UNITA' SANITARIE LOCALI. Istituzione 9565 - ASL VENEZIA - MESTRE 12 Contratto SSNA - SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE

Anno 2013 Tipologia Istituzione U - UNITA' SANITARIE LOCALI. Istituzione 9565 - ASL VENEZIA - MESTRE 12 Contratto SSNA - SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE nno 213 Tipologia Istituzione U - UNIT' SNIT LCLI Istituzione 9565 - SL VNZI - MSTR 12 Contratto SSN - SRVIZI SNIT NZINL Fase/Stato Rilevazione: pprovazione/ttiva Data Creazione Stampa: 19/6/215 14:15:25

Dettagli

Definizioni fondamentali

Definizioni fondamentali Definizioni fondmentli Sistem scisse su un rett 1 Un rett si ce orientt qundo su ess è fissto un verso percorrenz Dti due punti qulsisi A e B un rett orientt r, il segmento AB che può essere percorso d

Dettagli

YOGURT. Dosi per. 150 più secondo il. fermenti. eccezionalee. il nostroo lavorare. intestino. forma. Alla fine

YOGURT. Dosi per. 150 più secondo il. fermenti. eccezionalee. il nostroo lavorare. intestino. forma. Alla fine YOGURT FATTO IN CASAA CON YOGURTIERA Lo yogurt ftto in cs è senz ltro un modoo sno per crere un limento eccezionlee per l nostr slute. Ricco di ltticii iut intestino fermenti il nostroo lvorre meglioo

Dettagli

LE INCERTEZZE E LA LORO PROPAGAZIONE NELLE MISURE INDIRETTE

LE INCERTEZZE E LA LORO PROPAGAZIONE NELLE MISURE INDIRETTE LE INCERTEZZE E LA LORO PROPAGAZIONE NELLE MISURE INDIRETTE Pof. Agelo Ageletti -.s. 006/007 1) COME SI SCRIVE IL RISULTATO DI UNA MISURA Il modo miglioe pe espimee il isultto di u misu è quello di de,

Dettagli

1 b a. f(x) dx. Osservazione 1.2. Se indichiamo con µ il valore medio di f su [a, b], abbiamo che. f(x) dx = µ(b a) =

1 b a. f(x) dx. Osservazione 1.2. Se indichiamo con µ il valore medio di f su [a, b], abbiamo che. f(x) dx = µ(b a) = Note ed esercizi di Anlisi Mtemtic - (Fosci) Ingegneri dell Informzione - 28-29. Lezione del 7 novembre 28. Questi esercizi sono reperibili dll pgin web del corso ttp://utenti.unife.it/dmino.fosci/didttic/mii89.tml

Dettagli

LA TRASFORMATA DI LAPLACE

LA TRASFORMATA DI LAPLACE LA RASFORMAA DI LAPLACE Pr dcrivr l voluzion di un itma in rgim tranitorio, oia durant il paaggio dll ucit da un rgim tazionario ad un altro, è ncario ricorrr ad un modllo più gnral riptto al modllo tatico,

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÁ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI SALERNO PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÁ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI SALERNO PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO Distrtto Scolastico N 53 Nocra Infrior (SA) SCUOLA MEDIA STATALE Frsa- Pascoli Vial Europa ~ 84015 NOCERA SUPERIORE (SA) Tl. 081 933111-081 931395- fax: 081 936230 C.F.: 94041550651 Cod: Mcc.: SAMM28800N

Dettagli

durante lo spostamento infinitesimo dr la quantità data dal prodotto scalare F dr

durante lo spostamento infinitesimo dr la quantità data dal prodotto scalare F dr 4. Lavoo ed enegia Definizione di lavoo di una foza Si considea un copo di massa m in moto lungo una ceta taiettoia. Si definisce lavoo infinitesimo fatto dalla foza F duante lo spostamento infinitesimo

Dettagli

Il volume del cilindro è dato dal prodotto della superficie di base per l altezza, quindi

Il volume del cilindro è dato dal prodotto della superficie di base per l altezza, quindi Mtemtic per l nuov mturità scientific A. Bernrdo M. Pedone 3 Questionrio Quesito 1 Provre che un sfer è equivlente i /3 del cilindro circoscritto. r 4 3 Il volume dell sfer è 3 r Il volume del cilindro

Dettagli

a Crediamo nel concetto di cucina a chilometro zero e nei prodotti di stagione, crediamo nel rispetto dell ambiente e delle tradizioni.

a Crediamo nel concetto di cucina a chilometro zero e nei prodotti di stagione, crediamo nel rispetto dell ambiente e delle tradizioni. Credimo nel concetto di cucin chilometro zero e nei prodotti di stgione, credimo nel rispetto dell mbiente e delle trdizioni. L nostr propost enogstronomic è bst sull riscopert delle ricette più semplici

Dettagli

Le spese di ricerca e sviluppo: gestione contabile ed iscrizione in bilancio *

Le spese di ricerca e sviluppo: gestione contabile ed iscrizione in bilancio * www.solmp.it Le : gestione contbile ed iscrizione in bilncio * Piero Pisoni, Fbrizio Bv, Dontell Busso e Alin Devlle ** 1. Premess Le sono esminte nei seguenti spetti: Il presente elborto è trtto d: definizione

Dettagli

2.1 Proprietà fondamentali dei numeri reali. 1. Elenchiamo separatamente le proprietà dell addizione, moltiplicazione e relazione d ordine.

2.1 Proprietà fondamentali dei numeri reali. 1. Elenchiamo separatamente le proprietà dell addizione, moltiplicazione e relazione d ordine. Capitolo 2 Numri rali In qusto capitolo ci occuprmo dll insim di numri rali ch indichrmo con il simbolo R: lfunzionidfinitsutaliinsimiavaloriralisonol oggttodistudiodll analisi matmatica in una variabil.

Dettagli

Corso di Analisi Matematica Calcolo integrale per funzioni di una variabile

Corso di Analisi Matematica Calcolo integrale per funzioni di una variabile Corso di Anlisi Mtemtic Clcolo integrle per funzioni di un vribile Lure in Informtic e Comuniczione Digitle A.A. 2013/2014 Università di Bri ICD (Bri) Anlisi Mtemtic 1 / 40 1 L integrle come limite di

Dettagli

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x Appunti elorti dll prof.ss Biondin Gldi Funzione integrle Si y = f() un funzione continu in un intervllo [; ] e si 0 [; ]; l integrle 0 f()d si definisce Funzione Integrle; si chim funzione integrle in

Dettagli

Art. 1. - Campo di applicazione e definizioni Art. 2. - Classificazione di reazione al fuoco

Art. 1. - Campo di applicazione e definizioni Art. 2. - Classificazione di reazione al fuoco DM 10 marzo 2005 Classi di razion al fuoco pr i prodotti da costruzion da impigarsi nll opr pr l quali ' prscritto il rquisito dlla sicurzza in caso d'incndio. (GU n. 73 dl 30-3-2005) IL MINISTRO DELL'INTERNO

Dettagli

10 Progetto con modelli tirante-puntone

10 Progetto con modelli tirante-puntone 0 Progetto con modelli tirnte-puntone 0. Introduzione I modelli tirnte-puntone (S&T Strut nd Tie) sono utilizzti per l progettzione delle membrture in c.. che non possono essere schemtizzte come solidi

Dettagli

LINGUAGGI'CREATIVITA 'ESPRESSIONE' '

LINGUAGGI'CREATIVITA 'ESPRESSIONE' ' LINGUAGGICREATIVITA ESPRESSIONE 3 4ANNI 5ANNI Mniplrmtrilidivritipin finlizzt. Fmilirizzrindivrtntcnil cmputr Ricnsclmntidl mnd/rtificilcglindn diffrnzprfrmmtrili Distingugliggttinturlidqulli rtificili.

Dettagli

1. LA STRUTTURA DI RELAZIONI TRA MANIFATTURA E SERVIZI ALLE IMPRESE IN UN CONTESTO EUROPEO

1. LA STRUTTURA DI RELAZIONI TRA MANIFATTURA E SERVIZI ALLE IMPRESE IN UN CONTESTO EUROPEO 1. La struttura di rlazioni tra manifattura srvizi all imprs in un contsto uropo 11 1. LA STRUTTURA DI RELAZIONI TRA MANIFATTURA E SERVIZI ALLE IMPRESE IN UN CONTESTO EUROPEO La quota di srvizi sul commrcio

Dettagli

Ing. Alessandro Pochì

Ing. Alessandro Pochì Dispense di Mtemtic clsse quint -Gli integrli Quest oper è distriuit con: Licenz Cretive Commons Attriuzione - Non commercile - Non opere derivte. Itli Ing. Alessndro Pochì Appunti di lezione svolti ll

Dettagli

Esempio Data la matrice E estraiamo due minori di ordine 3 differenti:

Esempio Data la matrice E estraiamo due minori di ordine 3 differenti: Minori di un mtrice Si A K m,n, si definisce minore di ordine p con p N, p

Dettagli

13. EQUAZIONI ALGEBRICHE

13. EQUAZIONI ALGEBRICHE G. Smmito, A. Bernrdo, Formulrio di mtemti Equzioni lgerihe F. Cimolin, L. Brlett, L. Lussrdi. EQUAZIONI ALGEBRICHE. Prinipi di equivlenz Si die identità un'uguglinz tr due espressioni ontenenti un o più

Dettagli

Esercizi della 8 lezione sulla Geomeria Linere ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA ESERCIZI SULLA PARABOLA ESERCIZI SULL' ELLISSE ERCIZI SULL' IPERBOLE

Esercizi della 8 lezione sulla Geomeria Linere ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA ESERCIZI SULLA PARABOLA ESERCIZI SULL' ELLISSE ERCIZI SULL' IPERBOLE Eserizi dell lezione sull Geomeri Linere ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA ESERCIZI SULLA PARABOLA ESERCIZI SULL' ELLISSE ES ERCIZI SULL' IPERBOLE ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA. Determinre l equzione dell ironferenz

Dettagli

Appunti di Analisi matematica 1. Paolo Acquistapace

Appunti di Analisi matematica 1. Paolo Acquistapace Appunti di Anlisi mtemtic Polo Acquistpce 23 febbrio 205 Indice Numeri 4. Alfbeto greco................................. 4.2 Insiemi..................................... 4.3 Funzioni....................................

Dettagli

IL NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO SULL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI

IL NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO SULL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI IL NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO SULL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI D.Lgs. 192/2005 + D.Lgs. 311/2006 Vincnzo Corrado, Matto Srraino Dipartimnto di Enrgtica Politcnico Di Torino un progtto di:

Dettagli

T13 Oneri per Indennita' e Compensi Accessori

T13 Oneri per Indennita' e Compensi Accessori T13 Oneri per Indennita e Compensi Accessori Qualifiche per le Voci di Spesa di Tipo I IND. IND RZ. INDNNITÀ VACANZA STRUTT. ART. 42, D MARIA PROFSSION CONTRATTU COMP. SCLUSIVITA POSIZION POSIZION - RISULTATO

Dettagli

VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE

VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE Soluzioni di quesiti e prolemi trtti dl Corso Bse Blu di Mtemti volume 5 [] (Es. n. 8 pg. 9 V) Dell prol f ( ) si hnno le seguenti informzioni, tutte

Dettagli

Variazioni di sviluppo del lobo frontale nell'uomo

Variazioni di sviluppo del lobo frontale nell'uomo Istituto di Antropologi dell Regi Università di Rom Vrizioni di sviluppo del lobo frontle nell'uomo pel Dott. SERGIO SERGI Libero docente ed iuto ll cttedr di Antropologi. Il problem dei rpporti di sviluppo

Dettagli

METODO VOLTAMPEROMETRICO

METODO VOLTAMPEROMETRICO METODO OLTAMPEOMETCO Tle etodo consente di isrre indirettente n resistenz elettric ed ipieg l definizione stess di resistenz : doe rppresent l tensione i cpi dell resistenz e l corrente che l ttrers coe

Dettagli

Corso di Informatica Industriale

Corso di Informatica Industriale Corso di Informatica Industriale Prof. Giorgio Buttazzo Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università di Pavia E-mail: buttazzo@unipv.it Informazioni varie Telefono: 0382-505.755 Email: Dispense:

Dettagli

Metodi d integrazione di Montecarlo

Metodi d integrazione di Montecarlo Metodi d itegrzioe di Motecrlo Simulzioe l termie simulzioe ell su ccezioe scietific h u sigificto diverso dll ccezioe correte. Nell uso ordirio è sioimo si fizioe; ell uso scietifico è sioimo di imitzioe,

Dettagli

EQUILIBRI IN SOLUZIONE ACQUOSA

EQUILIBRI IN SOLUZIONE ACQUOSA Dispense CHIMICA GENERALE E ORGANICA (STAL) 010/11 Prof. P. Crloni EQUILIBRI IN SOLUZIONE ACQUOSA Qundo si prl di rezioni di equilirio dei composti inorgnici, un considerzione prticolre viene rivolt lle

Dettagli

( D) =,,,,, (11.1) = (11.3)

( D) =,,,,, (11.1) = (11.3) G. Ptrucci Lzioni di Cotruzion di Macchin. CRITERI DI RESISTENZA La vrifica di ritnza ha o copo di tabiir o tato tniona d mnto truttura anaizzato è ta da provocarn i cdimnto into com rottura o nrvamnto.

Dettagli

Vietata la pubblicazione, la riproduzione e la divulgazione a scopo di lucro.

Vietata la pubblicazione, la riproduzione e la divulgazione a scopo di lucro. Viett l pubbliczione, l riprouzione e l ivulgzione scopo i lucro. GA00001 Qul è l mpiezz ell ngolo che si ottiene ) 95 b) 275 c) 265 ) 5 b sottreno 85 un ngolo giro? GA00002 Due ngoli ll circonferenz che

Dettagli

GUIDE ITALIA Un confronto sulle ultime tendenze a supporto della semplificazione e dell efficienza

GUIDE ITALIA Un confronto sulle ultime tendenze a supporto della semplificazione e dell efficienza GUIDE ITALIA Un confronto sull ultim tndnz a supporto dlla smplificazion dll fficza L voluzion dll architttur IT Sogi RELATORE: Francsco GERBINO 16 novmbr 2010 Agnda Prsntazion dlla Socità Architttur IT

Dettagli

TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE Una trasformazione geometrica del piano in sé è una corrispondenza biunivoca tra i punti del piano: ( ) , :,

TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE Una trasformazione geometrica del piano in sé è una corrispondenza biunivoca tra i punti del piano: ( ) , :, TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE Un rsforzione geoeric del pino in sé è un corrispondenz iunivoc r i puni del pino P P, P P P è l igine di P rispeo ll rsforzione. Ad ogni puno P(,) corrisponde uno ed un solo

Dettagli

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA Mod. 6 Applicazioni dei sistemi di controllo 6.2.1 - Generalità 6.2.2 - Scelta del convertitore di frequenza (Inverter) 6.2.3 - Confronto

Dettagli

Lo strato limite PARTE 11. Indice

Lo strato limite PARTE 11. Indice PARTE 11 a11-stralim-rv1.doc Rl. /5/1 Lo strato limit Indic 1. Drivazion dll qazioni indfinit di Prandtl pr lo strato limit sottil pag. 3. Intgrazion nmrica dll qazioni indfinit di Prandtl. 11 3. Lo strato

Dettagli

SOMMARIO. I Motori in Corrente Continua

SOMMARIO. I Motori in Corrente Continua SOMMARIO Gralità sull Macchi i Corrt Cotiua...2 quazio dlla forza lttromotric...2 Circuito quivalt...2 Carattristica di ccitazio...3 quazio dlla vlocità...3 quazio dlla Coppia rsa all'albro motor:...3

Dettagli

3. La velocità v di un satellite in un orbita circolare di raggio r intorno alla Terra è v = e,

3. La velocità v di un satellite in un orbita circolare di raggio r intorno alla Terra è v = e, Capitolo 10 La gavitazione Domande 1. La massa di un oggetto è una misua quantitativa della sua inezia ed è una popietà intinseca dell oggetto, indipendentemente dal luogo in cui esso si tova. Il peso

Dettagli

Esercizi sulle serie di Fourier

Esercizi sulle serie di Fourier Esercizi sulle serie di Fourier Corso di Fisic Mtemtic,.. 3- Diprtimento di Mtemtic, Università di Milno Novembre 3 Sviluppo in serie di Fourier (esponenzile) In questi esercizi, si richiede di sviluppre

Dettagli

T13 Oneri per Indennita' e Compensi Accessori

T13 Oneri per Indennita' e Compensi Accessori T13 Oneri per Indennita e Compensi Accessori Qualifiche per le Voci di Spesa di Tipo I IND. IND RZ. INDNNITÀ VACANZA STRUTT. ART. 42, D MARIA PROFSSION CONTRATTU COMP. SCLUSIVITA POSIZION POSIZION - RISULTATO

Dettagli

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Un conduttore ideale all equilibrio elettrostatico ha un campo elettrico nullo al suo interno. Cosa succede se viene generato un campo elettrico diverso da zero al suo

Dettagli

INTERCONNESSIONE CONNETTIVITÀ

INTERCONNESSIONE CONNETTIVITÀ EMC VMA AX 10K EMC VMAX 10K fornisce e un'rchitettu ur scle-out multi-controlller Tier 1 rele e che nsolidmento ed efficienz. EMC VMAX 10 0K utilizz l stess s grntisce lle ziende con stemi VMAX 20 0K e

Dettagli

FUNZIONAMENTO DI UN BJT

FUNZIONAMENTO DI UN BJT IL TRANSISTOR BJT Il transistor inventato nel 1947, dai ricercatori Bardeen e Brattain, è il componente simbolo dell elettronica. Ideato in un primo momento, come sostituto delle valvole a vuoto per amplificare

Dettagli

I principi della Dinamica. L azione di una forza è descritta dalle leggi di Newton, possono fare Lavoro e trasferire Energia

I principi della Dinamica. L azione di una forza è descritta dalle leggi di Newton, possono fare Lavoro e trasferire Energia I pincipi della Dinamica Un oggetto si mette in movimento quando viene spinto o tiato o meglio quando è soggetto ad una foza 1. Le foze sono gandezze fisiche vettoiali che influiscono su un copo in modo

Dettagli

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA ANDREA USAI Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Andrea Usai (D.I.S. Antonio Ruberti ) Laboratorio di Automatica

Dettagli

R-402A R-404A R-410A R-507 SIZE COLOR CODE

R-402A R-404A R-410A R-507 SIZE COLOR CODE La temostatica BQ può essee pesonalizzata pe qualsiasi applicazione di efigeazione e condizionamento. Devi solo selezionae il coetto elemento temostatico, la giusta taglia dell oifizio ed il tipo di copo

Dettagli

LE INTERSEZIONI Dispense didattiche di TOPOGRAFIA

LE INTERSEZIONI Dispense didattiche di TOPOGRAFIA lsse qurt Docente: In. Ntt MODULO I: IL RILIEVO TOOGRFIO UD I: L INQUDRMENTO ON LE RETI - INTERSEZIONI LE INTERSEZIONI Dispense didttiche di TOOGRFI r M unto di ollins O s θ 00 O d O d 00 θ θ ω ' ω θ c'

Dettagli

I vettori. a b. 180 α B A. Un segmento orientato è un segmento su cui è stato fissato un verso. di percorrenza, da verso oppure da verso.

I vettori. a b. 180 α B A. Un segmento orientato è un segmento su cui è stato fissato un verso. di percorrenza, da verso oppure da verso. I vettor B Un segmento orentto è un segmento su cu è stto fssto un verso B d percorrenz, d verso oppure d verso. A A Il segmento orentto d verso è ndcto con l smolo. Due segment orentt che hnno l stess

Dettagli

zeus TECNOLOGIA DI GODRONATURA --> GODRONI --> GODRONATORI A RICALCO --> GODRONATORI AD ASPORTAZIONE --> UTENSILI SPECIALI

zeus TECNOLOGIA DI GODRONATURA --> GODRONI --> GODRONATORI A RICALCO --> GODRONATORI AD ASPORTAZIONE --> UTENSILI SPECIALI zus TECNOLOGIA DI GODRONATURA --> GODRONI --> GODRONATORI A RICALCO --> GODRONATORI AD ASPORTAZIONE --> UTENSILI SPECIALI TECNOLOGIA. servizio. passione. BENvENUTI IN HOEL + KELLER präzisionswerkzeuge!

Dettagli

George Frideric Handel. Reduction. From the Deutsche Händelgesellschaft Edition Edited by Frideric Chrysander

George Frideric Handel. Reduction. From the Deutsche Händelgesellschaft Edition Edited by Frideric Chrysander Gorg Fdc Hndl GIULIO CESARE 1724 Rduction From th Dutsch Händlgsllschft Etion Etd by Fdc Chrysndr Copyght 2001-2008 Nis Scux. Licnsd undr th Ctiv Commons Attbution 3.0 Licns 2 3 INDICE 0-1 OUVERTURE 5

Dettagli

Appunti di azionamenti elettrici I Anno accademico 2009/2010 Docente Petrella Vieni a trovarmi sul mio sito: www.ivanbortolin.it.

Appunti di azionamenti elettrici I Anno accademico 2009/2010 Docente Petrella Vieni a trovarmi sul mio sito: www.ivanbortolin.it. Appunti di azionamenti elettrici I Anno accademico 2009/2010 Docente Petrella Vieni a trovarmi sul mio sito: www.ivanbortolin.it Ivan Bortolin 2 Indice 1 Introduzione 7 1.1 Informazioni utili.....................................

Dettagli

Elementi della teoria della diffusione

Elementi della teoria della diffusione Elementi della teoia della diffusione Pe ottenee infomazioni sulla stuttua della mateia, dai nuclei ai solidi, si studia la diffusione scatteing) di paticelle: elettoni, paticelle alfa, potoni, neutoni,

Dettagli

Comparazione delle performance di 6 cloni di Gamay ad altitudine elevata

Comparazione delle performance di 6 cloni di Gamay ad altitudine elevata Comprzione delle performnce di 6 cloni di Gmy d ltitudine elevt 1 / 46 Motivzioni Selezione clonle IAR-4 Lo IAR-4 è stto selezionto in mbiente montno d un prticolre popolzione di mterile stndrd, dll qule

Dettagli

Catalogo generale Process Heat 2014 /15. La soluzione giusta per ogni applicazione. We know how. Versione 4.0

Catalogo generale Process Heat 2014 /15. La soluzione giusta per ogni applicazione. We know how. Versione 4.0 Ctlogo generle Process Het 2014 /15 L soluzione giust per ogni ppliczione. Versione 4.0 We know how. Leister Technologies AG, Corporte Center, Kegiswil, Schweiz Leister Technologies AG, Stilimento di produzione,

Dettagli

I N D I C A Z I O N E D E L L E P R E S T A Z I O N I

I N D I C A Z I O N E D E L L E P R E S T A Z I O N I Srvizio Tnio i Bino Romgn S i Rimini Lvori: 11162_INTERVENTI DI MITIGAZIONE DEL DISSESTO E MESSA IN SICUREZZA DELLA STRADA PROVINCIALE SP. 84 VALPIANO MIRATOIO, IN LOCALITA CA GUIDI LA PETRA, IN COMUNE

Dettagli

Sistemi e modelli matematici

Sistemi e modelli matematici 0.0.. Sistemi e modelli matematici L automazione è un complesso di tecniche volte a sostituire l intervento umano, o a migliorarne l efficienza, nell esercizio di dispositivi e impianti. Un importante

Dettagli

Poteri/ funzioni attribuiti dalla norma

Poteri/ funzioni attribuiti dalla norma Compiti funzioni attribuiti dalla tiva all nazional Lgg Art. 6, comma 5 Art. 6, comma 7, ltt.a Art. 6, comma 7, ltt.b Potri/ funzioni attribuiti dalla Vigilanza su tutti i contratti pubblici (lavori, srvizi

Dettagli

Prof. Antonino Cucinotta LABORATORIO DI ELETTRONICA CIRCUITI RADDRIZZATORI

Prof. Antonino Cucinotta LABORATORIO DI ELETTRONICA CIRCUITI RADDRIZZATORI Materiale e strumenti: Prof. Antonino Cucinotta LABORATORIO DI ELETTRONICA CIRCUITI RADDRIZZATORI -Diodo raddrizzatore 1N4001 (50 V 1A) -Ponte raddrizzatore da 50 V 1 A -Condensatori elettrolitici da 1000

Dettagli

Campo elettrostatico nei conduttori

Campo elettrostatico nei conduttori Campo elettostatico nei conduttoi Consideeemo conduttoi metallici (no gas, semiconduttoi, ecc): elettoni di conduzione libei di muovesi Applichiamo un campo elettostatico: movimento di caiche tansiente

Dettagli

La rappresentazione per elencazione consiste nell elencare tutte le coppie ordinate che verificano la relazione

La rappresentazione per elencazione consiste nell elencare tutte le coppie ordinate che verificano la relazione RELAZIONI E FUNZIONI Relzioni inrie Dti ue insiemi non vuoti e (he possono eventulmente oiniere), si ie relzione tr e un qulsisi legge he ssoi elementi elementi. L insieme A è etto insieme i prtenz. L

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

Unità Didattica N 28 Punti notevoli di un triangolo

Unità Didattica N 28 Punti notevoli di un triangolo 68 Unità Didattica N 8 Punti notevoli di un triangolo Unità Didattica N 8 Punti notevoli di un triangolo 0) ircocentro 0) Incentro 03) Baricentro 04) Ortocentro Pagina 68 di 73 Unità Didattica N 8 Punti

Dettagli

Serie RTC. Prospetto del catalogo

Serie RTC. Prospetto del catalogo Serie RTC Prospetto del catalogo Bosch Rexroth AG Pneumatics Serie RTC Cilindro senza stelo, Serie RTC-BV Ø 16-80 mm; a doppio effetto; con pistone magnetico; guida integrata; Basic Version; Ammortizzamento:

Dettagli

I radicali 1. Claudio CANCELLI (www.claudiocancelli.it)

I radicali 1. Claudio CANCELLI (www.claudiocancelli.it) I rdicli Cludio CANCELLI (www.cludioccelli.it) Ed..0 www.cludioccelli.it Dec. 0 I rdicli INDICE DEI CONTENUTI. I RADICALI... INDICE DI RADICE PARI...4 INDICE DI RADICE DISPARI...5 RADICALI SIMILI...6 PROPRIETA

Dettagli

I motori elettrici più diffusi

I motori elettrici più diffusi I motori elettrici più diffusi Corrente continua Trifase ad induzione Altri Motori: Monofase Rotore avvolto (Collettore) Sincroni AC Servomotori Passo Passo Motore in Corrente Continua Gli avvolgimenti

Dettagli

JOHANN SEBASTIAN BACH Invenzioni a due voci

JOHANN SEBASTIAN BACH Invenzioni a due voci JOH EBTI BCH Invnzon a u voc BWV 772 7 cura Lug Catal trascrzon ttuata con UP htt//ckngmuscarchvorg/ c 200 Lug Catal (lucatal@ntrrt) Ths ag s ntntonally lt ut urchtg nltung Wormt nn Lbhabrn s Clavrs, bsonrs

Dettagli

SOMMARIO. Introduzione pag. 2. Tabella comparativa simboli D.Lgs. 81/2008 con UNI EN ISO 7010:2012 4

SOMMARIO. Introduzione pag. 2. Tabella comparativa simboli D.Lgs. 81/2008 con UNI EN ISO 7010:2012 4 SORIO Introduzione pag. 2 Tabella comparativa simboli D.Lgs. 81/2008 con UNI N ISO 7010:2012 4 Segnali di (solo simbolo) 7 Segnali di (simbolo + testo) 10 Segnali di Divieto (solo simbolo) 16 Segnali di

Dettagli