Verifica di Matematica Classe V

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Verifica di Matematica Classe V"

Transcript

1 Liceo Scientifico Paritario R. Bruni Padova, loc. Ponte di Brenta, 22/03/2016 Verifica di Matematica Classe V Soluzione Problemi. Risolvi uno dei due problemi: 1. Sei stato assunto come economo da una nota ditta di calcolatrici scientifiche, la Shasio. Il tuo compito è quello di ottimizzare la produzione in modo tale che l azienda ottenga il massimo profitto. L economo precedente ha rivelato che il costo settimanale per produrre q centinaia di calcolatrici è ben modellizzato dalla relazione C ( q ) = q 3 3q 2 +6, dove la funzione esprime il costo in migliaia di euro. Il primo problema che ti è chiesto di affrontare è minimizzare i costi. i. Determina quante centinaia di calcolatrici deve produrre la Shasio in modo da minimizzare i costi settimanali. Un secondo problema che ti è chiesto di affrontare è di capire qual è l espressione analitica che rappresenta il costo unitario, ovvero il costo per produrre una calcolatrice. A tal fine chiedi aiuto a tre collaboratori i quali ti propongono le tre seguenti soluzioni: U ( q ) = 3q 2 6q U ( q ) = q3 3q 2 +6 q U ( q ) = q 3 3q 2 q+6 ii. Sapendo che una sola delle soluzioni proposte è corretta, individuala e motiva la tua scelta al CDA dell azienda. ( ) iii. Studia la funzione y =U q in un piano cartesiano Oqy. scelta al punto precedente e tracciane il grafico qualitativo Il CDA decide di vendere ogni calcolatrice a 20 l una. Vieni a conoscenza che il 90% delle calcolatrici prodotte in una settimana viene venduto. iv. Determina il numero di calcolatrici da vendere ogni settimana in modo che la Shasio abbia il massimo guadagno. [inventato] 1 di 12

2 Risoluzione. i. Determina quante centinaia di calcolatrici deve produrre la Shasio in modo da minimizzare i costi settimanali. ( ) ammette minimo. { }, questo perché: Il problema chiede semplicemente di determinare a quale numero di calcolatrici corrisponde il minimo costo settimanale, ovvero per quale q la funzione C q Il dominio della funzione sarà D = q q R 0 q q MAX 100 q N Ora, non ha senso produrre un numero di calcolatrici q < 0 ; ci sarà un valore massimo finito q MAX =100 Q MAX, Q MAX N, di calcolatrici che si possono produrre in una settimana, però dai dati non si può dedurne il valore, che comunque immaginiamo sia grande abbastanza da non influire sull analisi della situazione; non ha senso produrre frazioni di calcolatrici, per cui i valori accettabili sono tali che 100 q N visto che q rappresenta le centinaia di calcolatrici prodotte. Cʹ q ( ) = 3q 2 6q Cʹ ( q ) = 3q( q 2). Dalla tabella della crescenza osservo che la funzione ammette un minimo in corrispondenza di q = 2, quindi per minimizzare i costi è necessario produrre due centinaia di calcolatrici. Il costo minimo corrisponde a ii. Sapendo che una sola delle soluzioni proposte è corretta, individuala e motiva la tua scelta al CDA dell azienda. La prima soluzione rappresenta la derivata della funzione C ( q ), quindi la velocità di variazione dei costi settimanali. La terza funzione è C ( q ) q che non rappresenta nulla di particolare. La seconda funzione è il rapporto C ( q ) q, ovvero quanto spendo per produrre q centinaia di calcolatrici diviso il numero di centinaia di calcolatrici q prodotto. Essa rappresenta quindi il costo unitario, espresso in migliaia di euro. iii. Studia la funzione ( ) y =U q in un piano cartesiano Oqy. scelta al punto precedente e tracciane il grafico qualitativo Il problema chiede di studiare la funzione U q posti dal problema. ( ) = C ( q ) 2 di 12 q = q3 3q 2 +6, chiaramente dentro i limiti q

3 dominio: D = { q q R 0 < q q MAX 100 q N}. parità: U ( q ) U( q) U ( q ). ( ) : N 0 q 3 3q q D per quanto visto nel punto i: la funzione segno di U q ammette un minimo relativo ( 2; 2). Tale minimo, in accordo con il Teorema di Weierstrass, è anche assoluto in 0; q MAX. Questo significa che N 2 per q 0; q MAX e da qui la tesi. D > 0 q > 0. In definitiva, U ( q ) > 0 q D. limiti significativi ed eventuali asintoti: non ce ne sono. crescenza di U ( q ) : U ( q ) = q 2 3q+ 6 q Uʹ ( q ) = 2q 3 6 q Uʹ ( q ) = 2q3 3q q 2. Nʹ 0 2q 3 3q Poiché non riesco a scomporre il polinomio, provo a dedurne il segno attraverso un confronto tra grafici; siano g 1 ( q ) = 2q 3 e g 2 ( q ) = 3q 2 6. Devo verificare quando 2q 3 3q q 3 3q 2 +6 g 1 ( q ) g 2 ( q ). Dal grafico sotto riportato, osservo che g 1 q e che g q 1 ( ) = g 2 ( q ) per uno z 2; 3 ( ) g 2 ( q ) per q z. Utilizzando il metodo della bisezione, riesco a determinare con precisione il valore di z: poiché Nʹ( 2,1) = 0,708 e Nʹ 2,2 poiché Nʹ 2,14 N 2,15 ; ( ) = 0,776, per il Teorema di esistenza degli zeri z 2,1; 2,2 ( ) = 0, e ʹ( ) = 0,00925, z 2,14; 2,15 ; 3 di 12

4 ne consegue che la funzione U q ( ) ammette un minimo o per q = 2,14 o per q = 2,15 (il denomina- ( ) 0,9633 > 0,9632 U( 2,15), si ha che N ʹ = 0 quando pro- tore è ininfluente); ora, poiché U 2,14 duco 215 calcolatrici. In definitiva, Nʹ 0 q 2,15. Si conclude che U q D ʹ> 0 q 2 > 0 q D. ( ) è crescente per q > 2,15 ed ammette un punto di minimo relativo (che è anche assoluto) per q = 2,15 (produco 215 calcolatrici al prezzo di circa 9,63 cadauna). grafico di U ( q ) : iv. Determina il numero di calcolatrici da vendere ogni settimana in modo che la Shasio abbia il massimo guadagno. Sapendo che il 90% delle calcolatrici prodotte sarà venduto, il ricavo (in migliaia di euro) dalla vendita di q centinaia di calcolatrici prodotte al prezzo p = 20 l una (che corrisponde a un prezzo P =100p = 2000 = 2 k per ogni centinaio di calcolatrici prodotte) è R q (ricavo in migliaia di euro). La funzione guadagno risulterà quindi essere G q ( ) = R ( q ) C ( q ) = q 3 +3q 2 +1,8q 6. Per determi- Gʹ ( q ) : Gʹ ( q ) = 3q 2 +6q+1,8 e Gʹ ( q ) 0 per nare il massimo guadagno, al solito, studio il segno di ( ) = P 0,9q R ( q ) =1,8q 0 q 1+ 1,6 2,26. La Shasio otterrà il guadagno massimo producendo 226 calcolatrici alla settimana. Tale guadagno è di circa di 12

5 2. Lo studio di design ForMa è stato incaricato di realizzare uno scivolo per l immissione in una piscina. Il responsabile del progetto produce la forma indicata in figura. Il profilo della faccia anteriore dello scivolo, in un opportuno sistema di riferimento monometrico Oy di unità di metro, risulta essere quanto disegnato dal designer responsabile del progetto: Note le tue doti in materia, il designer ti chiede di determinare una possibile espressione analitica della funzione il cui grafico rappresenti il profilo in figura, con il vincolo che i grafici di tali funzioni passino per i punti A 0; 6 C. ( ), B( 4; 3) e C ( 8; 0) e abbiano tangenti orizzontali in A e in i. Un primo modello che ti viene in mente è quello formato da due archi di parabola nell intervallo 0; 8. Determinane l espressione analitica da far vedere al designer. Al designer non piace la tua idea, la trova troppo tonda (??VK!!N). 5 di 12

6 ii. Cerchi un secondo modello del profilo, tramite una funzione polinomiale di terzo grado, nell intervallo 0; 8. Determinane l espressione analitica y e studia tale funzione in modo da verificare che effettivamente, nel tratto interessato, rappresenti un buon modello. Al designer piace la tua idea! Ti fa però notare che per norme di sicurezza la pendenza dello scivolo non può essere maggiore di 50. iii. Verifica se il modello scelto dal designer rispetta la condizione di sicurezza. Infine il designer ti chiede di stimare il costo totale per dipingere le due pareti laterali dello scivolo, che stima essere proprio l area racchiusa tra il grafico rappresentante il profilo e i due assi cartesiani. Il designer ti informa che la vernice scelta ha un costo di 15 al metro quadrato. iv. Non sapendo calcolare l area di poligoni mistilinei, decidi di approssimarla suddividendo l intervallo 0; 8 sull asse in parti tutte uguali (ottenendo quindi rettan- n goli di base 1 cm e altezza y). Ricordi che k 2 = n n+1 6 ( ) 2 n k 3 = n2 n+1 k=0 4 2 k=0 ( )( 2n+1) n = k, relazioni che ti sembrano poter risultare utili k=1 e che [tratto da Simulazione 1 Tema N - LA matematica a colori] Risoluzione. i. Un primo modello che ti viene in mente è quello formato da due archi di parabola nell intervallo 0; 8. Determinane l espressione analitica da far vedere al designer. Le due parabole 1 e 2, per osservare tutte le indicazioni date, devono entrambe passare per il punto B( 4; 3) e avere vertice rispettivamente in A( 0; 6) e C ( 8; 0). 1 : y 6 = a 1 ( 0) 2 ; B = a : y 0 = a 2 ( 8) 2 ; B = a ( ) 2 a 1 = 3 ( ) 2 a 2 = 3 L espressione analitica della funzione risulta essere: 16. Quindi : y = Quindi : y = di 12

7 ( ) = f se se 4 < 8. Si osserva che la funzione è continua in 0; 8 ed anche derivabile al suo interno (in 0; 8 \ 4 perché polinomiale e in 4 perché lim fʹ 4 ( ) = lim = 3 2 = lim = lim fʹ 4 + ( ) ). { } ii. Cerchi un secondo modello del profilo, tramite una funzione polinomiale di terzo grado, nell intervallo 0; 8. Determinane l espressione analitica y e studia tale funzione in modo da verificare che effettivamente, nel tratto interessato, rappresenti un buon modello. Considero la funzione g ( ) = a 3 +b 2 +c +d, a, b, c e d parametri reali, a 0. Per rispettare le osservazioni del designer tale funzione deve: Poiché gʹ ammettere un massimo relativo in A; avere il grafico passante per B; ammettere un minimo relativo in C. ( ) = 3a 2 +2b +c, le tre condizioni appena esposte diventano: c = 0 d = 6 ; 64a+16b+ 4c +d = 3 ; 192a+16b+c = 0 512a+64b+8c +d = 0. In pratica basta risolvere il seguente sistema: 64a+16b+ 4c +d = 3 64a+16b+3 = 0 64a 192a+3 = 0 a = a = a+16b+c = 0 12a+b = 0 b = 12a b = 9 32 b = 9 32 c = 0 c = 0 c = 0 c = 0. d = 6 d = 6 d = 6 d = 6 c = 0 d = 6 512a+64b+8c +d = 0 256a+32b+3 = 0 256a+32b+3 = = 0 Quindi y = g ( ) = = 3 ( ), 0; 8 dominio: D = 0; 8. parità: g ( ) g( ) g ( ). 7 di 12.

8 segno di g ( ) : La funzione dovrebbe ammettere uno zero per = 8: in effetti g ( 8 ) = 3 ( ) = 0. Applicando il Metodo di Ruffini ottengo ovvero g ( ) = 3 ( )( ) g ( ) = 3 ( )( 8) ( + 4) g ( ) = 3 Quindi g ( ) > 0 per 0; 8 e g ( ) = 0 per = 8. ( ) 2 ( + 4) limiti significativi: non ce ne sono. crescenza: poiché gʹ ( ) = ( ), la funzione risulterà essere decrescente in 0; 8. grafico: coincide con quello dato dal testo. Quindi lo studio appena effettuato conferma la bontà del modello. iii. Verifica se il modello scelto dal designer rispetta la condizione di sicurezza. La pendenza di una retta tangente al grafico di una funzione g è rappresentata da g ʹ. Per capire qual è la pendenza massima, devo trovare il massimo di g ʹ in 0; 8 e verificare che tale valore in valore assoluto * sia minore di tan50 1,192. ( g ʹ ( ))ʹ = gʹʹ ( ) = 9 ( ) e quindi la pendenza massima si ha in corrispondenza del punto B (per ; 4 la funzione g ʹ cresce e per 4; 8 la funzione g ʹ decresce). La massima pendenza sarà quindi gʹ ( 4 ) = 9 = 1,125 e, poiché 1,125 =1,125 <1,192, la condizione di sicurezza è ri- 8 spettata (corrisponde a una pendenza di circa 48,4 ). * Bisogna tener conto che la funzione è decrescente e che quindi i coefficienti angolari delle rette tangenti al grafico della funzione fanno riferimento ad angoli ottusi, rispetto al verso positivo dell asse. 8 di 12

9 iv. Stima il costo della vernice per dipingere le due pareti laterali dello scivolo. L idea è quella di sommare le aree di tutti i rettangoli che hanno come base Δ =1 100 m =1 cm e come altezza il corrispondente valore di g ( ), il tutto moltiplicato per 2 visto che le superfici da dipingere sono due. La somma di tutti i rettangoli è R = 100 g g 2 +! g 1, ov g vero R = 100 g i 1 3 i 3 i2 = = i i ( ) 3 sommatoria si può ulteriormente suddividere come R = i 3 9 i Utilizzando le relazioni date nel testo trovo che l area totale da dipingere sarà: 3 A = 2 R = i 3 9 i = = = 48, , = 47,94 m 2. Poiché la vernice costa 15 al metro quadrato, il costo totale della vernice è ricavabile dalla proporzione 15:1 = : 47,94 = 719,10. Osservazione: si poteva stimare, in modo apparentemente grossolano, anche calcolando l area del triangolo OAC, dove O indica l origine degli assi: in questo caso l area da verniciare viene = 48 m2, equivalente a un costo di 720,00.. La 9 di 12

10 Questionario. Risolvi tre dei sei quesiti: 1. Si determini il dominio della funzione f ʹ( ) sapendo che ( ) = 2sin 2 1 ( ) = Risoluzione. fʹ D = R cos( 2) < 0 ( ) = 1 4sincos fʹ 2 2sin 2 1 ( ) ( ) sin 2 { }= π 4 +πk; 3 4 π +πk con k Z. cos 2 f. [inventato]. Il suo dominio è 2. Che cos è la derivata di una funzione in un punto? Che cosa rappresenta geometricamente? Si determini l equazione della retta normale al grafico di f ( ) = ln ( +1) nel suo punto di ascissa 0. [inventato]! Risoluzione. La derivata di una funzione f di dominio D in un punto P D è il limite del rapporto f ( P +h) f ( P ) incrementale calcolato da quel punto: lim, dove h rappresenta l incremento sulle h 0 h. Da un punto di vista geometrico rappresenta la pendenza (il coefficiente angolare) della retta tangente al grafico della funzione f nel suo punto di ascissa P. Per quanto riguarda la funzione data, D = 1; + e fʹ 1. Il punto del grafico della funzio- +1 f 0 ne da considerare è P 0; 0 ( ) ( ). Per la retta normale n si avrà m n = 1 ʹ ( ) = 1 e q n = 0. L equazione della retta richiesta è quindi n: y =. 3. Quando una funzione reale è continua in un punto P? E quando è derivabile nello stesso punto? Si determinino i parametri reali a e b affinché la funzione sia derivabile su tutto R. [L.T. Biotecnologia 2007] $ &( )e +1!!!!!se! 0 f %.!! ( ) = a '& 2 +b 1 2!!!!!!!!!!se! > 0 Risoluzione. Sia f una funzione di dominio D e sia P D. f si dice essere continua in P quando! lim f P ( ) = f ( P ). Quando P D tale definizione è equivalente alla seguente: f si dice essere continua in P quando lim P f ( ) = f P, f si dice essere derivabile in P quando lim fʹ P ( ) = lim + ( ) = lim + P P! ( ). Sempre nel caso in cui P D f ( ) e sono entrambi finiti. fʹ 10 di 12

11 La funzione data è continua e derivabile in R \{ 0} a,b R per note proposizioni. ( ) = ae = 1 2 = lim Impongo la continuità in 0: lim f f Determino l espressione analitica della derivata di f: ( ) = fʹ Impongo la derivabilità in 0: lim fʹ 0 Per a = 1 ( ) a = 1 2e. ( a) e+1 se < 0 2 +b se > 0 ( ) = 1 2 +a e = b = lim fʹ 0 + ( ) b = 1 2 +a ( 2e) e b = ( e 1) 2 la funzione è derivabile in R come richiesto.. e n 4. Determina il carattere della seguente serie telescopica:. [inventato] n 4 2n 3 +n n 1 2n 1 Risoluzione. = = n 4 2n 3 +n 2 n=2 n 2 ( n 1) 2 n=2 n 1 2 n=2 n 1 1 ( n 1) 1 2 ( n 2) n ( n 1) 2 +!= 1+ lim n + n = 1. 2 ( ) 2 n=2 = ! Sia data la retta r di equazioni parametriche " = t $ # y = 2t. $ % z = 4 3t Si determinino le coordinate del punto P sulla retta r che si trova alla minima distanza della superficie sferica di centro l origine O( 0;#0;#0) e raggio 2. [inventato] Risoluzione. La situazione è rappresentata in figura. Il punto P richiesto si può determinare riconoscendo che la distanza minima di una retta da una superficie sferica che non interseca la retta è la distanza PQ, dove Q è l intersezione della retta s, passante per O e perpendicolare alla retta r data, con la superficie sferica data. Il punto P quindi risulterà essere il punto di intersezione della retta r con la retta s o, equivalentemente, l intersezione del piano Γ:a +by +cz +d = 0, passante per il centro O della sfera e perpendicolare alla retta r, con la retta r stessa. Γ r a =1, b = 2 e c = 3; O Γ d = 0. Quindi Γ: +2y 3z = di 12

12 Resta da intersecare r con Γ: t + 4t 3 4 3t ( ) = 0 t = 6 7, quindi P 6 7 ;12 7 ; La legge oraria di un corpo è data dalla relazione s( t) = e t τ 2t, dove s è espresso in metri, t in secondi e τ = 2 s. Nell intervallo 2; 4 esiste un istante in cui la velocità del corpo è uguale alla sua velocità media nell intervallo considerato? Qual è questo istante? [Tratto da Es. 10 pag. 374 Tema N LA matematica a colori] Risoluzione. Il Teorema di Lagrange assicura l esistenza di tale punto nell intervallo dato, visto che la funzione s è continua in 2; 4 e derivabile al suo interno (somma algebrica di funzioni continue e derivabili). Per determinare l istante richiesto applico il Teorema di Lagrange: esiste c 2; 4 tale che sʹ ( c ) = s ( 4 ) s ( 2 ) ( = e2 8) ( e 4 ) = e2 e 4. Ora, sʹ( t) = τ et τ 2, quindi ec 2 4 = e2 e 4, da 2 2 cui c = 2+ln e 1 ( ) 2 3,08 2; 4. NOTE: i. È ammesso l uso del calcolatore elettronico o di tavole numeriche; ii. Punteggio massimo 15 p.ti. Per la sufficienza è necessario raggiungere il punteggio di 10 p.ti. 12 di 12

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.GALILEI CATANIA A.S. 2006/2007 SIMULAZIONE DI II PROVA - A

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.GALILEI CATANIA A.S. 2006/2007 SIMULAZIONE DI II PROVA - A LICEO SCIENTIFICO STATALE G.GALILEI CATANIA A.S. 6/7 SIMULAZIONE DI II PROVA - A Tempo a disposizione: cinque ore E consentito l uso della calcolatrice non programmabile. Non è consentito uscire dall aula

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione suppletiva

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione suppletiva ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 00 Sessione suppletiva Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 0 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA Se il polinomio

Dettagli

Nicola De Rosa, Liceo scientifico di ordinamento sessione suppletiva 2011, matematicamente.it

Nicola De Rosa, Liceo scientifico di ordinamento sessione suppletiva 2011, matematicamente.it Nicola De Rosa, Liceo scientifico di ordinamento sessione suppletiva, matematicamente.it PROBLEMA Data una semicirconferenza di diametro AB =, si prenda su di essa un punto P e sia M la proiezione di P

Dettagli

Corso di ordinamento Sessione straordinaria - a.s. 2009-2010 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO SESSIONE STRAORDINARIA

Corso di ordinamento Sessione straordinaria - a.s. 2009-2010 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO SESSIONE STRAORDINARIA Sessione straordinaria - a.s. 9- ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO SESSIONE STRAORDINARIA Tema di: MATEMATICA a.s. 9- Svolgimento a cura di Nicola De Rosa Il candidato risolva uno

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2002 Sessione suppletiva

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2002 Sessione suppletiva ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. Sessione suppletiva Il candidato risolva uno dei due problemi e dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA Nel piano riferito

Dettagli

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014 Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 14 Problema 1 Punto a) Osserviamo che g (x) = f(x) e pertanto g () = f() = in quanto Γ è tangente all asse delle ascisse,

Dettagli

PROBLEMI TRADIZIONALI SIMULAZIONE DELLA PROVA DI MATEMATICA

PROBLEMI TRADIZIONALI SIMULAZIONE DELLA PROVA DI MATEMATICA Simulazione 01/15 ANNO SCOLASTICO 01/15 PROBLEMI TRADIZIONALI SIMULAZIONE DELLA PROVA DI MATEMATICA DELL ESAME DI STATO PER IL LICEO SCIENTIFICO Il candidato risolva uno dei due problemi Problema 1 Nella

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2011

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2011 ESAME DI STAT DI LICE SCIENTIFIC CRS DI RDINAMENT Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PRBLEMA Si considerino le funzioni f e g definite, per tutti

Dettagli

Soluzione Punto 1 Si calcoli in funzione di x la differenza d(x) fra il volume del cono avente altezza AP e base il

Soluzione Punto 1 Si calcoli in funzione di x la differenza d(x) fra il volume del cono avente altezza AP e base il Matematica per la nuova maturità scientifica A. Bernardo M. Pedone 74 PROBLEMA Considerata una sfera di diametro AB, lungo, per un punto P di tale diametro si conduca il piano α perpendicolare ad esso

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2003 Sessione straordinaria

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2003 Sessione straordinaria ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 3 Sessione straordinaria Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA È assegnata

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ODINAMENTO 2011. Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti scelti nel questionario 1.

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ODINAMENTO 2011. Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti scelti nel questionario 1. ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ODINAMENTO 11 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 1 quesiti scelti nel questionario 1. PROBLEMA 1 Si considerino le funzioni f e g definite, per

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

Lezione 6 (16/10/2014)

Lezione 6 (16/10/2014) Lezione 6 (16/10/2014) Esercizi svolti a lezione Esercizio 1. La funzione f : R R data da f(x) = 10x 5 x è crescente? Perché? Soluzione Se f fosse crescente avrebbe derivata prima (strettamente) positiva.

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA.

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. Prerequisiti I radicali Risoluzione di sistemi di equazioni di primo e secondo grado. Classificazione e dominio delle funzioni algebriche Obiettivi minimi Saper

Dettagli

Teoria in sintesi 10. Attività di sportello 1, 24 - Attività di sportello 2, 24 - Verifica conclusiva, 25. Teoria in sintesi 26

Teoria in sintesi 10. Attività di sportello 1, 24 - Attività di sportello 2, 24 - Verifica conclusiva, 25. Teoria in sintesi 26 Indice L attività di recupero 6 Funzioni Teoria in sintesi 0 Obiettivo Ricerca del dominio e del codominio di funzioni note Obiettivo Ricerca del dominio di funzioni algebriche; scrittura del dominio Obiettivo

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2008

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2008 PRVA SPERIMENTALE P.N.I. 8 ESAME DI STAT DI LICE SCIENTIFIC CRS SPERIMENTALE P.N.I. 8 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PRBLEMA Nel piano riferito

Dettagli

Competenze. -Saper semplificare le frazioni algebriche -Saper eseguire le operazioni con le frazioni algebriche

Competenze. -Saper semplificare le frazioni algebriche -Saper eseguire le operazioni con le frazioni algebriche Disciplina MATEMATICA Secondo biennio e anno conclusivo Liceo Economico sociale Classe terza Finalità Conoscenze Obiettivi minimi Finalità della matematica nel corso del secondo biennio è di proseguire

Dettagli

Coordinate Cartesiane nel Piano

Coordinate Cartesiane nel Piano Coordinate Cartesiane nel Piano O = (0,0) origine degli assi ascissa, y ordinata sistemi monometrici: stessa unità di misura sui due assi, y sistemi dimetrici: unità di misura diverse sui due assi (spesso

Dettagli

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO SIMULAZINE DI PRVA D ESAME CRS DI RDINAMENT Risolvi uno dei due problemi e 5 dei quesiti del questionario. PRBLEMA Considera la famiglia di funzioni k ln f k () se k se e la funzione g() ln se. se. Determina

Dettagli

Massimi e minimi vincolati di funzioni in due variabili

Massimi e minimi vincolati di funzioni in due variabili Massimi e minimi vincolati di funzioni in due variabili I risultati principali della teoria dell ottimizzazione, il Teorema di Fermat in due variabili e il Test dell hessiana, si applicano esclusivamente

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Archimede ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. Sia ABCD un quadrato di

Dettagli

b) Il luogo degli estremanti in forma cartesiana è:

b) Il luogo degli estremanti in forma cartesiana è: Soluzione della simulazione di prova del 9/5/ PROBLEMA È data la funzione di equazione: k f( ). a) Determinare i valori di k per cui la funzione ammette punti di massimo e minimo relativi. b) Scrivere

Dettagli

PROVA DI AMMISIONE AI CORSI DI LAUREA DI SCIENZE (10 SETTEMBRE 2013)

PROVA DI AMMISIONE AI CORSI DI LAUREA DI SCIENZE (10 SETTEMBRE 2013) PROVA DI AMMISIONE AI CORSI DI LAUREA DI SCIENZE (10 SETTEMBRE 2013) Linguaggio matematico di base 1. Qual è l area del triangolo avente i vertici nei punti di coordinate (0,2), (4,0) e (7,6)? A 10 B 30

Dettagli

SEGNO DELLA FUNZIONE. Anche in questo caso, per lo studio del segno della funzione, occorre risolvere la disequazione: y > 0 Ne segue:

SEGNO DELLA FUNZIONE. Anche in questo caso, per lo studio del segno della funzione, occorre risolvere la disequazione: y > 0 Ne segue: CAMPO DI ESISTENZA. Poiché la funzione data è una razionale fratta, essa risulta definita su tutto l asse reale tranne che nei punti in cui il denominatore della frazione si annulla, cioè: C.E. { R: 0}

Dettagli

SOLUZIONE DEL PROBLEMA 1 CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2014

SOLUZIONE DEL PROBLEMA 1 CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2014 SOLUZIONE DEL PROBLEMA 1 CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 01 1. Determiniamo l espressione analitica di g() dividendo il suo dominio in intervalli. La circonferenza di diametro AO ha equazione (+) + = + + = 0

Dettagli

PROVA N 1. 1. Elencare gli elementi che conviene esaminare per tracciare il grafico di una funzione y=f(x) PROVA N 2. è monotona in R?

PROVA N 1. 1. Elencare gli elementi che conviene esaminare per tracciare il grafico di una funzione y=f(x) PROVA N 2. è monotona in R? PROVA N 1 1. Elencare gli elementi che conviene esaminare per tracciare il grafico di una funzione y=f(). Studiare la funzione f()= 8+ 7 9 (Sono esclusi i flessi) 3. Data la funzione f()= 1 6 3 - +5-6

Dettagli

Verifica di Matematica Classe V

Verifica di Matematica Classe V Liceo Scientifico Paritario R Bruni Padova, loc Ponte di Brenta, /4/5 Verifica di Matematica Classe V Soluzione Problemi Risolvi uno dei due problemi: Problema Curva nord Sei il responsabile della gestione

Dettagli

LE FUNZIONI MATEMATICHE

LE FUNZIONI MATEMATICHE ALGEBRA LE FUNZIONI MATEMATICHE E IL PIANO CARTESIANO PREREQUISITI l l l l l conoscere il concetto di insieme conoscere il concetto di relazione disporre i dati in una tabella rappresentare i dati mediante

Dettagli

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Archimede esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA La funzione f

Dettagli

Studio di funzioni ( )

Studio di funzioni ( ) Studio di funzioni Effettuare uno studio qualitativo e tracciare un grafico approssimativo delle seguenti funzioni. Si studi in particolare anche la concavità delle funzioni e si indichino esplicitamente

Dettagli

3. Sia g(x) = 4. Si calcoli l area del triangolo mistilineo ROS, ove l arco RS appartiene al grafico di f(x) o, indifferentemente, di g(x).

3. Sia g(x) = 4. Si calcoli l area del triangolo mistilineo ROS, ove l arco RS appartiene al grafico di f(x) o, indifferentemente, di g(x). Esame liceo Scientifico : ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMI Problema. Sia ABCD un quadrato di lato, P un punto di AB e γ la circonferenza

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO - CLASSE PRIMA sez. R - ITT. ALGAROTTI - A.S. 2014/15. Insegnante: Roberto Bottazzo Materia: FISICA

PROGRAMMA SVOLTO - CLASSE PRIMA sez. R - ITT. ALGAROTTI - A.S. 2014/15. Insegnante: Roberto Bottazzo Materia: FISICA PROGRAMMA SVOLTO - CLASSE PRIMA sez. R - ITT. ALGAROTTI - A.S. 2014/15 Materia: FISICA 1) INTRODUZIONE ALLA SCIENZA E AL METODO SCIENTIFICO La Scienza moderna. Galileo ed il metodo sperimentale. Grandezze

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2001 Sessione suppletiva

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2001 Sessione suppletiva ESME DI STT DI LICE SCIENTIFIC CRS DI RDINMENT 1 Sessione suppletiva Il candidato risolva uno dei due problemi e dei 1 quesiti in cui si articola il questionario. PRBLEM 1 Si consideri la funzione reale

Dettagli

DIPARTIMENTO DI MATEMATICA ED INFORMATICA 1

DIPARTIMENTO DI MATEMATICA ED INFORMATICA 1 SEDE LEGALE: Via Roma, 125-04019 - Terracina (LT) - Tel. +39 0773 70 28 77 - +39 0773 87 08 98 - +39 331 18 22 487 SUCCURSALE: Via Roma, 116 - Tel. +39 0773 70 01 75 - +39 331 17 45 691 SUCCURSALE: Via

Dettagli

ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE A. MOTTI PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014 /2015

ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE A. MOTTI PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014 /2015 ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE A. MOTTI PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014 /2015 A047 MATEMATICA CLASSE PRIMA PROFESSIONALE DOCENTI : CARAFFI ALESSANDRA, CORREGGI MARIA GRAZIA, FAZIO ANGELA,

Dettagli

G6. Studio di funzione

G6. Studio di funzione G6 Studio di funzione G6 Come tracciare il grafico di una funzione data Nei capitoli precedenti si sono svolti tutti gli argomenti necessari per tracciare il grafico di una funzione In questo capitolo

Dettagli

Docente: DI LISCIA F. CLASSE 1T MODULO 1: GLI INSIEMI NUMERICI

Docente: DI LISCIA F. CLASSE 1T MODULO 1: GLI INSIEMI NUMERICI Docente: DI LISCIA F. Materia: MATEMATICA CLASSE 1T MODULO 1: GLI INSIEMI NUMERICI Insiemi numerici: numeri naturali, proprietà delle operazioni aritmetiche; Potenze e loro proprietà; Criteri di divisibilità;

Dettagli

Liceo G.B. Vico Corsico

Liceo G.B. Vico Corsico Liceo G.B. Vico Corsico Classe: 3A Materia: MATEMATICA Insegnante: Nicola Moriello Testo utilizzato: Bergamini Trifone Barozzi: Manuale blu.0 di Matematica Moduli S, L, O, Q, Beta ed. Zanichelli 1) Programma

Dettagli

Esame di Stato 2015 - Tema di Matematica

Esame di Stato 2015 - Tema di Matematica Esame di Stato 5 - Tema di Matematica PROBLEMA Il piano tariffario proposto da un operatore telefonico prevede, per le telefonate all estero, un canone fisso di euro al mese, più centesimi per ogni minuto

Dettagli

LEZIONE 7. Esercizio 7.1. Quale delle seguenti funzioni è decrescente in ( 3, 0) e ha derivata prima in 3 che vale 0? x 3 3 + x2. 2, x3 +2x +3.

LEZIONE 7. Esercizio 7.1. Quale delle seguenti funzioni è decrescente in ( 3, 0) e ha derivata prima in 3 che vale 0? x 3 3 + x2. 2, x3 +2x +3. 7 LEZIONE 7 Esercizio 7.1. Quale delle seguenti funzioni è decrescente in ( 3, 0) e ha derivata prima in 3 che vale 0? x 3 3 + x2 2 6x, x3 +2x 2 6x, 3x + x2 2, x3 +2x +3. Le derivate sono rispettivamente,

Dettagli

la funzione è definita la funzione non è definita Si osservi, infatti, che la radice di un numero negativo non esiste nel campo dei numeri reali.

la funzione è definita la funzione non è definita Si osservi, infatti, che la radice di un numero negativo non esiste nel campo dei numeri reali. 1 y 4 CAMPO DI ESISTENZA. Poiché data è una irrazionale con indice di radice pari, il cui radicando è un polinomio, essa risulta definita solo per i valori della per i quali il radicando è positivo, ovvero

Dettagli

SOLUZIONE DEL PROBLEMA 1 TEMA DI MATEMATICA ESAME DI STATO 2015

SOLUZIONE DEL PROBLEMA 1 TEMA DI MATEMATICA ESAME DI STATO 2015 SOLUZIONE DEL PROBLEMA 1 TEMA DI MATEMATICA ESAME DI STATO 015 1. Indicando con i minuti di conversazione effettuati nel mese considerato, la spesa totale mensile in euro è espressa dalla funzione f()

Dettagli

Esercizi di Matematica. Funzioni e loro proprietà

Esercizi di Matematica. Funzioni e loro proprietà www.pappalardovincenzo.3.it Esercizi di Matematica Funzioni e loro proprietà www.pappalardovincenzo.3.it ESERCIZIO www.pappalardovincenzo.3.it ESERCIZIO ESERCIZIO www.pappalardovincenzo.3.it ESERCIZIO

Dettagli

Indicando con x i minuti di conversazione effettuati in un mese, con la spesa totale nel mese e con il costo medio al minuto:

Indicando con x i minuti di conversazione effettuati in un mese, con la spesa totale nel mese e con il costo medio al minuto: PROBLEMA 1. Il piano tariffario proposto da un operatore telefonico prevede, per le telefonate all estero, un canone fisso di 10 euro al mese, più 10 centesimi per ogni minuto di conversazione. Indicando

Dettagli

Esercizi di Analisi Matematica I

Esercizi di Analisi Matematica I Esercizi di Analisi Matematica I Andrea Corli e Alessia Ascanelli gennaio 9 Indice Introduzione iii Nozioni preliminari. Fattoriali e binomiali..................................... Progressioni..........................................

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2004 ESAME DI STAT DI LICE SCIENTIFIC CRS SPERIMENTALE P.N.I. 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 0 quesiti in cui si articola il questionario. PRBLEMA Sia la curva d equazione: ke ove k e

Dettagli

Svolgimento 1 Scriviamo la funzione f(x) che rappresenta la spesa totale in un mese: Figura 2 Il grafico di f(x).

Svolgimento 1 Scriviamo la funzione f(x) che rappresenta la spesa totale in un mese: Figura 2 Il grafico di f(x). Problema 1 Il piano tariffario proposto da un operatore telefonico prevede, per le telefonate all estero, un canone fisso di euro al mese, più centesimi per ogni minuto di conversazione. Indicando con

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :MATEMATICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :MATEMATICA Istituto Istruzione Superiore A. Venturi Modena Liceo artistico - Istituto Professionale Grafica Via Rainusso, 66-41124 MODENA Sede di riferimento (Via de Servi, 21-41121 MODENA) tel. 059-222156 / 245330

Dettagli

Definisci il Campo di Esistenza ( Dominio) di una funzione reale di variabile reale e, quindi, determinalo per la funzione:

Definisci il Campo di Esistenza ( Dominio) di una funzione reale di variabile reale e, quindi, determinalo per la funzione: Verso l'esame di Stato Definisci il Campo di Esistenza ( Dominio) di una funzione reale di variabile reale e, quindi, determinalo per la funzione: y ln 5 6 7 8 9 0 Rappresenta il campo di esistenza determinato

Dettagli

0. Piano cartesiano 1

0. Piano cartesiano 1 0. Piano cartesiano Per piano cartesiano si intende un piano dotato di due assi (che per ragioni pratiche possiamo scegliere ortogonali). Il punto in comune ai due assi è detto origine, e funziona da origine

Dettagli

B. Vogliamo determinare l equazione della retta

B. Vogliamo determinare l equazione della retta Risoluzione quesiti ordinamento Quesito N.1 Indicata con α la misura dell angolo CAB, si ha che: 1 Area ( ABC ) = AC AB sinα = 3 sinα π 3 sinα = 3 sinα = 1 α = Il triangolo è quindi retto in A. La misura

Dettagli

4. Funzioni elementari algebriche

4. Funzioni elementari algebriche ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 4. Funzioni elementari algebriche A. A. 2013-2014 1 Funzioni elementari Sono dette elementari un insieme di funzioni dalle quali si ottengono, mediante

Dettagli

SOLUZIONI D = (-1,+ ).

SOLUZIONI D = (-1,+ ). SOLUZIONI. Data la funzione f() ( ) ln( ) a) trova il dominio di f b) indica quali sono gli intervalli in cui f() risulta positiva e quelli in cui risulta negativa c) determina le eventuali intersezioni

Dettagli

Metodi Matematici per l Economia A-K Corso di Laurea in Economia - anno acc. 2012/2013 12 febbraio 2013

Metodi Matematici per l Economia A-K Corso di Laurea in Economia - anno acc. 2012/2013 12 febbraio 2013 Tempo massimo 2 ore. Consegnare solamente la bella copia. Metodi Matematici per l Economia A-K Corso di Laurea in Economia - anno acc. 212/213 12 febbraio 213 1. Disegnare il grafico della funzione: [1

Dettagli

CLASSE TERZA - COMPITI DELLE VACANZE A.S. 2014/15 MATEMATICA

CLASSE TERZA - COMPITI DELLE VACANZE A.S. 2014/15 MATEMATICA Risolvere le seguenti disequazioni: 0 ) x x ) x x x 0 CLASSE TERZA - COMPITI DELLE VACANZE A.S. 04/ MATEMATICA x 6 x x x x 4) x x x x x 4 ) 6) x x x ( x) 0 x x x x x x 6 0 7) x x x EQUAZIONI CON I MODULI

Dettagli

Prof. Silvio Reato Valcavasia Ricerche. Il piano cartesiano

Prof. Silvio Reato Valcavasia Ricerche. Il piano cartesiano Il piano cartesiano Per la rappresentazione di grafici su di un piano si utilizza un sistema di riferimento cartesiano. Su questo piano si rappresentano due rette orientate (con delle frecce all estremità

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

PROGRAMMA CLASSE V I. T. C.

PROGRAMMA CLASSE V I. T. C. PROGRAMMA CLASSE V I. T. C. A.S 2009/10 Disciplina: Matematica Generale ed Applicata Titolo modulo Contenuti (suddivisi in unità didattiche) 1 Geometria analitica U.D.1 Equazione retta in forma esplicita

Dettagli

ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 7. DERIVATE. A. A. 2014-2015 L. Doretti

ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 7. DERIVATE. A. A. 2014-2015 L. Doretti ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 7. DERIVATE A. A. 2014-2015 L. Doretti 1 Il concetto di derivata di una funzione è uno dei più importanti e fecondi di tutta la matematica sia per

Dettagli

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Sequenza dei passi Classificazione In pratica Classifica il tipo di funzione: Funzione razionale: intera / fratta Funzione irrazionale: intera

Dettagli

Esempi di funzione. Scheda Tre

Esempi di funzione. Scheda Tre Scheda Tre Funzioni Consideriamo una legge f che associa ad un elemento di un insieme X al più un elemento di un insieme Y; diciamo che f è una funzione, X è l insieme di partenza e X l insieme di arrivo.

Dettagli

Soluzione del tema d esame di matematica, A.S. 2005/2006

Soluzione del tema d esame di matematica, A.S. 2005/2006 Soluzione del tema d esame di matematica, A.S. 2005/2006 Niccolò Desenzani Sun-ra J.N. Mosconi 22 giugno 2006 Problema. Indicando con A e B i lati del rettangolo, il perimetro è 2A + 2B = λ mentre l area

Dettagli

Programma precorso di matematica

Programma precorso di matematica Programma precorso di matematica a.a. 015/16 Quello che segue è il programma dettagliato del precorso. Si fa riferimento al testo [MPB] E. Acerbi, G. Buttazzo: Matematica Preuniversitaria di Base, Pitagora

Dettagli

ESERCIZI CINEMATICA IN UNA DIMENSIONE

ESERCIZI CINEMATICA IN UNA DIMENSIONE ESERCIZI CINEMATICA IN UNA DIMENSIONE ES. 1 - Due treni partono da due stazioni distanti 20 km dirigendosi uno verso l altro rispettivamente alla velocità costante di v! = 50,00 km/h e v 2 = 100,00 km

Dettagli

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata libera e vincolata Generalità. Limiti e continuità per funzioni di 2 o Piano tangente. Derivate successive Formula di Taylor libera vincolata Lo ordinario è in corrispondenza biunivoca con i vettori di

Dettagli

Note di matematica per microeconomia

Note di matematica per microeconomia Note di matematica per microeconomia Luigi Balletta Funzioni di una variabile (richiami) Una funzione di variabile reale ha come insieme di partenza un sottoinsieme di R e come insieme di arrivo un sottoinsieme

Dettagli

21. Studio del grafico di una funzione: esercizi

21. Studio del grafico di una funzione: esercizi 1. Studio del grafico di una funzione: esercizi Esercizio 1.6. Studiare ciascuna delle seguenti funzioni in base allo schema di pagina 194, eseguendo anche il computo della derivata seconda e lo studio

Dettagli

MODULO DI MATEMATICA. di accesso al triennio. Potenze. Proporzioni. Figure piane. Calcolo di aree

MODULO DI MATEMATICA. di accesso al triennio. Potenze. Proporzioni. Figure piane. Calcolo di aree MODULO DI MATEMATICA di accesso al triennio Abilità interessate Utilizzare terminologia specifica. Essere consapevoli della necessità di un linguaggio condiviso. Utilizzare il disegno geometrico, per assimilare

Dettagli

Applicazioni del calcolo differenziale allo studio delle funzioni

Applicazioni del calcolo differenziale allo studio delle funzioni Capitolo 9 9.1 Crescenza e decrescenza in piccolo; massimi e minimi relativi Sia y = f(x) una funzione definita nell intervallo A; su di essa non facciamo, per ora, alcuna particolare ipotesi (né di continuità,

Dettagli

Guida pratica per la prova scritta di matematica della maturità scientifica

Guida pratica per la prova scritta di matematica della maturità scientifica Giulio Donato Broccoli Guida pratica per la prova scritta di matematica della maturità scientifica Comprende: Metodi matematici fondamentali per affrontare i temi assegnati Esercizi interamente svolti

Dettagli

CLASSI PRIME tecnico 4 ORE

CLASSI PRIME tecnico 4 ORE PIANO ANNUALE a.s. 2012/2013 CLASSI PRIME tecnico 4 ORE Settembre Ottobre Novembre dicembre dicembre gennaio- 15 aprile 15 aprile 15 maggio Somministrazione di test di ingresso. Insiemi numerici Operazioni

Dettagli

RDefinizione (Funzione) . y. . x CAPITOLO 2

RDefinizione (Funzione) . y. . x CAPITOLO 2 CAPITOLO 2 Funzioni reali di variabile reale Nel capitolo precedente è stata introdotta la nozione generale di funzione f : A B, con A e B insiemi arbitrari. Nel presente capitolo si analizzeranno più

Dettagli

DUE PROPOSTE ANALISI MATEMATICA. Lorenzo Orio

DUE PROPOSTE ANALISI MATEMATICA. Lorenzo Orio DUE PROPOSTE DI ANALISI MATEMATICA Lorenzo Orio Introduzione Il lavoro propone argomenti di analisi matematica trattati in maniera tale da privilegiare l intuizione e con accorgimenti nuovi. Il tratta

Dettagli

LICEO ARTISTICO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA

LICEO ARTISTICO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA Anno Scolastico 2014/15 LICEO ARTISTICO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA : MATEMATICA PRIMO BIENNIO L asse matematico ha l obiettivo di far acquisire allo studente saperi e competenze

Dettagli

09 - Funzioni reali di due variabili reali

09 - Funzioni reali di due variabili reali Università degli Studi di Palermo Facoltà di Economia CdS Sviluppo Economico e Cooperazione Internazionale Appunti del corso di Matematica 09 - Funzioni reali di due variabili reali Anno Accademico 2013/2014

Dettagli

Funzioni. Capitolo 6. 6.1 Concetto di funzione e definizioni preliminari

Funzioni. Capitolo 6. 6.1 Concetto di funzione e definizioni preliminari Capitolo 6 Funzioni 6. Concetto di funzione e definizioni preliminari Definizione 6. Dati due insiemi non vuoti D e C, si dice applicazione o funzione una qualsiasi legge (relazione) che associa ad ogni

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

Anno 4 Grafico di funzione

Anno 4 Grafico di funzione Anno 4 Grafico di funzione Introduzione In questa lezione impareremo a disegnare il grafico di una funzione reale. Per fare ciò è necessario studiare alcune caratteristiche salienti della funzione che

Dettagli

CLASSE terza SEZIONE E A.S. 2014-15 PROGRAMMA SVOLTO

CLASSE terza SEZIONE E A.S. 2014-15 PROGRAMMA SVOLTO CLASSE terza SEZIONE E A.S. 2014-15 L insieme dei numeri razionali. Equazioni e disequazioni di primo grado Sistemi di equazioni e disequazioni di primo grado.. IL PIANO CARTESIANO Il piano cartesiano.

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi)

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof. Fogli

Dettagli

Funzioni a 2 variabili

Funzioni a 2 variabili Funzioni a 2 variabili z = f(x, y) Relazione che associa ad ogni coppia di valori x,y (variabili indipendenti) uno ed un solo valore di z (variabile dipendente). Esempi: z = x 2y + 4 z = x 2 y 2 2x z =

Dettagli

a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio x, l arco di circonferenza di π π

a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio x, l arco di circonferenza di π π PROBLEMA Il triangolo rettangolo ABC ha l ipotenusa AB = a e l angolo CAB =. a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio, l arco di circonferenza di estremi P e Q rispettivamente

Dettagli

Funzioni reali di più variabili reali

Funzioni reali di più variabili reali Funzioni reali di più variabili reali Generalità. Indichiamo con R n il prodotto cartesiano di R per sé stesso, n volte: R n = {(, 2,, n ) ;! R,, n!r}. Quando n = 2 oppure n = 3 indicheremo le coordinate

Dettagli

matematica per le terze

matematica per le terze istituto professionale versari-macrelli, cesena lorenzo pantieri matematica per le terze Dipartimento di Matematica Anno scolastico 2015-2016 Questo lavoro spiega il programma di matematica agli alun-

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

Le derivate versione 4

Le derivate versione 4 Le derivate versione 4 Roberto Boggiani 2 luglio 2003 Riciami di geometria analitica Dalla geometria analitica sulla retta sappiamo ce dati due punti del piano A(x, y ) e B(x 2, y 2 ) con x x 2 la retta

Dettagli

Funzione reale di variabile reale

Funzione reale di variabile reale Funzione reale di variabile reale Siano A e B due sottoinsiemi non vuoti di. Si chiama funzione reale di variabile reale, di A in B, una qualsiasi legge che faccia corrispondere, a ogni elemento A x A

Dettagli

Svolgimento di alcuni esercizi del libro Matematica di Angelo Guerraggio

Svolgimento di alcuni esercizi del libro Matematica di Angelo Guerraggio Svolgimento di alcuni esercizi del libro Matematica di Angelo Guerraggio. Funzioni e insiemi numerici.4 Verificare che (A B) (A B) = (A A ) B. ) Sia (a, b) (A B) (A B). Allora a (A A ) e b B, da cui (a,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE. Corsi di Laurea in Ingegneria. A cura di Jung Kyu CANCI e Domenico FRENI. Con la collaborazione di

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE. Corsi di Laurea in Ingegneria. A cura di Jung Kyu CANCI e Domenico FRENI. Con la collaborazione di UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE Corsi di Laurea in Ingegneria A cura di Jung Kyu CANCI e Domenico FRENI Con la collaborazione di Luciano BATTAIA e Pier Carlo CRAIGHERO MATEMATICA DI BASE TEMI D ESAME 9

Dettagli

Problema n. 1: CURVA NORD

Problema n. 1: CURVA NORD Problema n. 1: CURVA NORD Sei il responsabile della gestione del settore Curva Nord dell impianto sportivo della tua città e devi organizzare tutti i servizi relativi all ingresso e all uscita degli spettatori,

Dettagli

Programma di MATEMATICA

Programma di MATEMATICA MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Via Silvestri, 301 00164 ROMA - Via Silvestri, 301 Tel. 06/121127660 Fax

Dettagli

PROBLEMI DI SCELTA. Problemi di. Scelta. Modello Matematico. Effetti Differiti. A Carattere Continuo. A più variabili d azione (Programmazione

PROBLEMI DI SCELTA. Problemi di. Scelta. Modello Matematico. Effetti Differiti. A Carattere Continuo. A più variabili d azione (Programmazione 1 PROBLEMI DI SCELTA Problemi di Scelta Campo di Scelta Funzione Obiettivo Modello Matematico Scelte in condizioni di Certezza Scelte in condizioni di Incertezza Effetti Immediati Effetti Differiti Effetti

Dettagli

MATEMATICA TRIENNIO CORSO TURISTICO, AMMINISTRAZIONE FINANZA MARKETING, SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI

MATEMATICA TRIENNIO CORSO TURISTICO, AMMINISTRAZIONE FINANZA MARKETING, SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI MATEMATICA TRIENNIO CORSO TURISTICO, AMMINISTRAZIONE FINANZA MARKETING, SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Obiettivi del triennio: ; elaborando opportune soluzioni; 3) utilizzare le reti e gli strumenti informatici

Dettagli

l insieme Y è detto codominio (è l insieme di tutti i valori che la funzione può assumere)

l insieme Y è detto codominio (è l insieme di tutti i valori che la funzione può assumere) Che cos è una funzione? Assegnati due insiemi X e Y si ha una funzione elemento di X uno e un solo elemento di Y. f : X Y se esiste una corrispondenza che associa ad ogni Osservazioni: l insieme X è detto

Dettagli

Per studio di funzione intendiamo un insieme di procedure che hanno lo scopo di analizzare le proprietà di una funzione f ( x) R R

Per studio di funzione intendiamo un insieme di procedure che hanno lo scopo di analizzare le proprietà di una funzione f ( x) R R Studio di funzione Per studio di funzione intendiamo un insieme di procedure che hanno lo scopo di analizzare le proprietà di una funzione f ( x) R R : allo scopo di determinarne le caratteristiche principali.

Dettagli

CLASSE terza SEZIONE H A.S. 14/ 15 PROGRAMMA SVOLTO

CLASSE terza SEZIONE H A.S. 14/ 15 PROGRAMMA SVOLTO DOCENTE: Laura Marchetto CLASSE terza SEZIONE H A.S. 14/ 15 RIPASSO ARGOMENTI PROPEDEUTICI L insieme dei numeri razionali. Equazioni di primo e di secondo grado Sistemi di disequazioni di primo grado Equazione

Dettagli