3. Progetto di reti di comunicazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "3. Progetto di reti di comunicazione"

Transcript

1 3. Progetto di reti di comuicazioe

2 66 ROC-00/01 Capitolo Alberi di costo miimo e alberi di costo miimo co capacità Come acceato el paragrafo 2.1.2, i questo corso affroteremo solo due aspetti del progetto di reti: la localizzazioe dei odi e il progetto dei caali di comuicazioe. Questo secodo aspetto è molto vasto: i geerale si vuole idividuare quali caali di comuicazioe progettare affiché i caali siao correttamete dimesioati (i portata, capacità, affidabilità e velocità di trasmissioe), permettao il reistradameto dei messaggi i caso di malfuzioameto e il cui costo di istallazioe sia coteuto. Ioltre vegoo teuti i coto ache gli aspetti legati all'autocotrollo sul fuzioameto, alla flessibilità di aggiorameto della rete attraverso l'itroduzioe di tecologie future, al costo di gestioe della rete stessa. Noi affrotiamo il problema più semplice: itercoettere i odi della rete attraverso u albero di copertura, cioè itroducedo il mimio umero di caali di comuicazioe che garatiscao la coettività della rete stessa. La progettazioe fiale della rete avverrà sull'albero di copertura determiato (a guisa di scheletro della rete fiale) aggiugedo ulteriori caali al fie di garatire il fuzioameto a diversi livelli di utilizzo della rete stessa o i caso di guasti o malfuzioameti. Durate il corso di Programmazioe Matematica e el paragrafo 1.4 è stato descritto il problema di determiare u albero di copertura di costo miimo di u grafo o orietato G = (N, A) e soo stati foriti due diversi algoritmi per risolvere tale problema, oltre a elemeti per ua loro implemetazioe efficiete. Foriamo ora diverse formulazioi di Programmazioe Lieare a variabili Itere (i seguito, PLI) del problema dell'albero di copertura di costo miimo. Durate il corso di Programmazioe Matematica abbiamo mostrato ua formulazioe basata sui tagli (qui usiamo la variabile decisioale y ij per selezioare gli archi che formerao l'albero T = (N, A T )): (P) Mi w ij y ij (3.1.1) y ij = -1 y ij 1 (N', N") (N',N") y ij {0,1} (i,j) A. Ache se ridodate el caso w ij > 0, (i,j) A, abbiamo aggiuto il vicolo: y ij = -1. Il problema (3.1.1) è descritto mediate u umero espoeziale di vicoli. Alterativamete si possoo itrodurre ella formulazioe le variabili di flusso x ij, (i,j) A, e i relativi vicoli di flusso tipici del problema dell'albero dei cammii miimi, si veda il paragrafo 1.2.1; si sceglie ua radice r e si itroduce il vettore b = [b i ]: -(-1), se i = r, b i = 1, altrimeti; i vicoli di coservazioe di flusso, Ex = b, garatiscoo che il grafo parziale formato dagli archi aveti flusso positivo è coesso. Si oti che per utilizzare i flussi sul grafo o orietato, lo si dovrà trasformare i u grafo orietato utilizzado due archi co orietameto opposto,

3 67 ROC-00/01 Capitolo 3 (i,j) e (j,i), per ciascu arco o orietato (i,j); sia le variabili decisioali che quelle di flusso soo defiite sugli archi orietati. Per formulare il problema si deve imporre che il flusso possa essere positivo solo sugli -1 archi selezioati mediate le variabili decisioali y; a tal fie è sufficiete porre per ciascu arco (i,j) le segueti limitazioi: (3.1.2) 0 x ij (-1)y ij ; ifatti, se y ij = 0, il flusso x ij è vicolato al valore 0, metre esso può assumere qualuque valore (che sicuramete o eccede -1) se y ij = 1. La formulazioe è pertato: (P) Mi w ij y ij (3.1.3) y ij = -1 x ji - x ij = b i i N j S(i) 0 x ij (-1)y ij (i,j) A y ij {0,1} (i,j) A. Nel progetto di reti, l'albero ottimo che si vuole idividuare deve rispettare ulteriori vicoli aggiutivi, legati alla tecologia per la costruzioe della rete e alle previsioi di traffico su di essa. A titolo esemplificativo, suppoiamo di dover progettare ua rete locale ad albero di persoal computer da coettere ad u uico server (o cocetratore) che sarà la radice dell'albero; ua specifica progettuale è che ogi caale (i,j) sia utilizzato da o più di u ij persoal per comuicare col server. Abbiamo pertato u limite superiore al valore del flusso lugo l'arco (i,j); ifatti il valore di x ij forisce proprio il umero di persoal che utilizzerao l'arco (i,j) per comuicare co il server. Per adattare la formulazioe (3.1.3) a tale problema, è sufficiete modificare i vicoli di capacità (3.1.2) el seguete modo: 0 x ij u ij y ij. Aalogo è il caso i cui si coosca la quatità media di comuicazioe, ell'uità di tempo, tra il server e ciascu pc e si abbiao delle limitazioi sui caali di trasmissioe sulla quatità globale di comuicazioe ell'uità di tempo. Più formalmete, sia data per ogi odo i r la quatità b i di comuicazioe tra i e r; sia data ioltre per ogi arco (i,j) A la massima quatità di comuicazioe u ij. L'offerta globale del odo sorgete r è data da: b r = b i. i N\{r} I flussi relativi alle offerte e alle domade rappresetao ora le quatità di iformazioe lugo gli archi del grafo. La formulazioe di tale problema è: (P) Mi c ij y ij (3.1.4) y ij = -1 x ji - x ij = b i i N j S(i) 0 x ij u ij y ij (i,j) A y ij {0,1} (i,j) A.

4 3. 2 Ricerca locale per l'albero di costo miimo co capacità Studiamo ora u problema particolare di capacità; per ogi arco del grafo è defiita ua capacità costate u ij = u che rappreseta il massimo umero di pc che possoo essere collegati a valle di ciascu arco. Ciò serve per costruire ua rete a stella attoro al server r, i cui ciascu caale di comuicazioe icidete i r serva o più di u persoal computer, vedi figura 3.1. r Figura Ua rete locale co capacità Il cocetratore r è collegato mediate dei caali a due livelli gerarchici di switch (pallii eri) e al terzo livello soo collegati i pc. La limitazioe, ad esempio u = 10, può essere posta solo per i caali di primo livello (quelli icideti i r) i quato, se essi soo rispettati, a maggior ragioe soo rispettati per i caali dei livelli successivi. Si oti che il caale di destra viola tale limitazioe i quato ad esso soo collegati = 12 pc. Il problema quidi diviee ua riorgaizzazioe di collegameti sul grafo dei collegameti possibili, al fie di rispettare i vicoli di capacità. Ad esempio, si veda la figura 3.2. r Figura La rete dei possibili collegameti 68

5 La rete poteziale è orgaizzata a più livelli, gli switch di primo livello soo collegati al server e agli switch di secodo livello; questi ultimi soo collegati ai persoal computer. I possibili collegameti di questi ultimi agli switch di secodo livello rispettao determiati vicoli fisici legati alla forma dell'edificio i cui deve essere stesa la rete locale (che fisicamete sarà ua cocateazioe di aelli, o rig, ai diversi livelli). Nel progetto della rete o è ecessario utilizzare tutti gli switch di primo e secodo livello; azi, coviee risparmiare semplificado al massimo la rete (u albero) pur di rispettare le capacità relative agli archi icideti i r. I particolare, gli evetuali costi di istallazioe degli switch soo addebitati agli archi icideti i essi (proveieti da r o dagli switch di primo livello) Siao P l'isieme dei pc co P = p e S l'isieme degli switch co S = s, si ha che = p + s + 1. Per formulare il problema, ridefiiamo il bilacio dei odi: b r = -p; b i = 1 per ogi i P e b i = 0 per ogi i S. Idichiamo co A S1 l'isieme degli archi tra r e gli switch di primo livello, co A S2 l'isieme degli archi tra gli switch di primo e secodo livello (A S = A S1 A S2 ); co A P idichiamo l'isieme degli archi icideti ei pc; associamo la capacità u ad ogi arco (i,j) A S1. Sia A = A S1 A S2 A P l'isieme di tutti i possibili collegameti. Co c ij idichiamo il costo di istallazioe della coessioe relativa all'arco (i,j) A. Itroduciamo delle uove variabili z ij associate agli archi (i,j) A S ; z ij = 1 se a valle di essi soo collegati dei pc e z ij = 0 altrimeti. Affiché tali variabili assumao il valore corretto è sufficiete imporre i segueti vicoli: z ij x ij uz ij (i,j) A S ; ifatti, x ij = 0 impoe z ij = 0, metre x ij 1 impoe z ij = 1. La formulazioe completa è pertato: (P) Mi c ij z ij + c ij y ij S P (3.1.5) y ij = -1 x ji - x ij = b i i N j S(i) 0 x ij uy ij (i,j) A z ij x ij pz ij (i,j) A S y ij {0,1} (i,j) A z ij {0,1} (i,j) A S. La tecica di risoluzioe si basa iizialmete sulla determiazioe dell'albero di copertura di costo miimo (utilizzado uo dei due algoritmi descritti el paragrafo 2.2). Si oti che sull'albero di copertura vi possoo essere switch a cui o soo collegati pc. Tali rami, se restao iutilizzati ache ella soluzioe fiale, possoo essere rimossi otteedo ua semplificazioe della rete e ua relativa dimiuzioe di costo. Nella risoluzioe dell'albero di copertura di costo miimo o si tiee coto, oltre agli switch che o servoo alcu pc, ache della capacità u lugo gli archi icideti i r. Pertato la soluzioe potrebbe essere o ammissibile. Sia T r l'albero di copertura così otteuto. Su esso è facile ricostruire il flusso x sugli archi dovuti alle domade da r ai odi i P. 69

6 Vi soo due tipi di iterveto per modificare l'albero spostado le coessioi dei pc da uo switch di secodo livello all'altro: per soddisfare i vicoli di capacità e per elimiare coessioi a switch che i seguito possoo essere rimossi. Si vuole pertato costruire u algoritmo di ricerca locale che permetta di modificare la soluzioe correte. Nell'itoro di u albero di copertura vi soo gli alberi di copertura otteuti dal precedete mediate la sostituzioe di al più u arco co u altro. Più formalmete: - sia S(i) l'isieme degli switch di secodo livello collegati allo switch i S 1 ; - sia P(i) l'isieme dei pc collegati allo switch i S, co p(i) = P(i) ; vale la seguete relazioe: P(i) = j S(i) P(j), i S 1 ; - sia T l'isieme degli alberi di copertura e T u l'isieme degli alberi di copertura che rispettao i vicoli di capacità: T u = {T T: p(i) u, i S 1 }; - l'itoro di u albero T T è: I(T) = {T' T: T' è otteuto da T per la sostituzioe di al più u arco}. metre l'itoro di u albero T T u è: I u (T) = {T' T u : T' è otteuto da T per la sostituzioe di al più u arco}. Sia T = (N, A T ) l'albero correte; se T T u (cioè è u albero di copertura o ammissibile i quato soo violati i vicoli di capacità) si applicherà ua procedura di ricerca locale sull'itoro I(T) sio ad otteere u albero T T u. Aalizziamo la fuzioe di trasformazioe σ(t); dovedo dimiuire la o ammissibilità dell'albero, defiiamo come misura w(t) il umero globale di pc eccedeti le capacità. Più formalmete, idichiamo co U = {i S 1 : p(i) > u}; allora w(t) è dato da: w(t) = (p(i) - u) = p(i) - U u. i U i U La fuzioe di trasformazioe T' = σ(t) forisce u albero T' tale che w(t') < w(t). Per realizzare σ(t) si opera iizialmete sugli archi (i,j) A S2, per cambiare la coessioe di uo switch di secodo livello secodo lo schema algoritmico i figura 3.3 he descrive σ1. Il processo ha termie se si ottiee u albero T T u oppure se, applicado σ1, si soo aalizzati tutti i possibili cambi di archi seza modificare l'albero. I tal caso si può effettuare ua politica di cambio aaloga a quella descritta i figura 3.3 sugli archi (i,j) A P (cioè si sposta u pc alla volta tra due switch di secodo livello). Esercizio 3.1 Descrivere la procedura σ2 per l'aalisi degli archi (i,j) A P. Appea otteuto u albero T T u si applica la secoda defiizioe di itoro, σ2, al fie di trasformare T i u albero che richiede meo switch. L'obiettivo i tal caso è di modificare l'assegazioe dei pc agli switch (e degli switch di secodo livello a quelli di primo livello) fio ad otteere uo switch i (possibilmete di primo livello) per cui p(i) = 0. Ache questa secoda fase può essere effettuata mediate ua procedura σ3 di spostameto di switch di secodo 70

7 livello alterata co ua procedura σ4 di spostameto di pc. Si oti che i ciascua delle quattro procedure suggerite si può mateere ache il cotrollo sull'aumeto di costo che la soluzioe comporta; basta ifatti idividuare uo scambio di archi che migliori la soluzioe (dimiuedo la o ammissibilità per σ1 e σ2 e riducedo l'utilizzo di switch che si itede rimuovere per σ3 e σ4) ma che comporti il miimo aggravio di costi. Procedure σ1(t, w(t), U, P, p, u): begi for each i U do {cotrollo switch o ammissibili} for each (i,j) A S2 A T such that p(j) > 0 do {switch j di secodo livello} begi value := u; ode := il; for each (k,j) A S2 do {ricerca dello switch ode di primo if p(k) < value the livello più scarico} begi value := p(k); ode := k ed; if ode il ad p(ode) + p(j) < p(i) the {cotrollo di migliorameto della begi della soluzioe} cambia i T (i,j) co (ode,j); P(i) := P(i) \ P(j); P(ode) := P(ode) P(j); {aggiorameto della soluzioe} p(i) := p(i) - p(j); p(ode) := p(ode) + p(j); if p(i) < u the U := U \ {i}; if p(ode) > u the U := U {ode}; ricalcola w(t), retur T ed ed ed. Esercizio 3.2 Descrivere le procedure σ3 e σ4. Figura La procedura σ Localizzazioe dei odi della rete Studiamo ora il problema di determiare la dislocazioe di odi itermedi di ua rete. Proseguiamo sull'esempio di ua rete locale formata da u server, u uico livello di switch e m diversi persoal computer da collegare al server tramite gli switch. U'aalisi delle caratteristiche fisiche della località i cui si deve progettare la rete ha permesso l'idividuazioe di diversi siti i cui si possoo collocare gli switch. Lo switch i = 1,,, ha u costo fisso di istallazioe c i ed è i grado di servire M i pc; l'isieme di pc che possoo essere collegati allo switch i (se viee istallato) è idicato co P(i); aalogamete, idichiamo co S(j) l'isieme degli switch a cui può essere collegato il pc j, j = 1,, m. Il costo di gestioe dipede dai pc assegati e dalla loro distaza dallo switch: se il pc j è assegato allo switch i il costo di gestioe è d ij. Si vuole stabilire quali (e quati) switch istallare i modo che tutti i pc siao collegati e che il costo complessivo di istallazioe e di gestioe sia miimo. Idichiamo co: y i = 1, se lo switch i è istallato, i = 1,, ; 0, altrimeti; 1, se il pc j è collegato allo switch i, x ij = 0, altrimeti. i = 1,,, j P(i); 71

8 Il problema (P) può essere formulato come segue: Mi i=1 c i y i + i=1 d ij x ij a) i S(j) b) -M i y i + y i {0,1}, x ij {0,1}, x ij = 1, x ij 0, j = 1,,m, i = 1,,, i = 1,,, i = 1,,, j P(i). I vicoli di semiassegameto a) stabiliscoo che u pc sia collegato ad uo ed u solo switch; pertato essi implicao ache che tutti i pc siao collegati. I vicoli b) stabiliscoo che se viee istallato lo switch i (y i = 1) allora ad esso possoo essere collegati al più M i pc, metre se o viee istallato (y i = 0) allora ad esso o può essere collegato alcu pc. Al problema si possoo aggiugere altri vicoli per particolari problemi. Ad esempio, se si vuole istallare o più di s switch (s < ) è sufficiete aggiugere il seguete vicolo: y i s. i=1 Se si vuole imporre che lo switch i viee istallato solo se ad esso soo collegati almeo L i pc (0 < L i < M i ) è sufficiete aggiugere per ciascuo switch i, i = 1,,, il seguete vicolo: x ij L i y i ; ifatti, se y i = 1 il umero di pc collegati ad esso deve essere o iferiore a L i, metre il vicolo diviee ridodate quado y i = 0. Toriamo al problema origiario (P) seza l'aggiuta di vicoli ulteriori. Studiamo il suo rilassameto cotiuo (P C ), cioè il problema che si ottiee permettedo che le variabili y i, i = 1,,, e x ij, i = 1,,, j P(i), possao assumere qualsiasi valore ell'itervallo [0,1]. Il valore della soluzioe ottima di (P C ), che idicheremo co z C, è u'approssimazioe per difetto (lower boud) del valore z della soluzioe ottima di (P). Operiamo u cambiameto di variabile: si poe y i ' = M i y i e c i ' = c i / M i, i =1,,. Si ottiee il seguete problema rilassato (P C ): Mi i=1 c i 'y i '+ i=1 - y i ' d ij x ij x ij = 1, j = 1,, m, i S(j) x ij 0, i = 1,,, 0 y i ' M i, i = 1,,, 0 x ij 1, i = 1,,, j P(i). È facile osservare che (P C ) è u problema di flusso di costo miimo (si veda la figura 3.4). I pc, gli switch e il server soo i odi e i possibili collegameti tra pc e switch e i collegameti tra switch e server soo gli archi. La variabile x ij rappreseta il flusso sull'arco 72

9 dallo switch i al pc j metre la variabile y i ' rappreseta il flusso dal server allo switch i. Il geerico arco (r,i) tra il server r e lo switch i ha come capacità u ij = M i, cioè il massimo umero di pc che può essere collegato a i, e ha come costo uitario il costo c i ', cioè il costo di istallazioe dello switch i diviso il massimo umero di pc collegabili ad esso (costo uitario per pc collegabile); il geerico arco (i,j) dallo switch i al pc j ha capacità u ij = 1 e costo d ij, cioè il costo di gestioe del pc j se collegato allo switch i. I primi due isiemi di vicoli rappresetao i vicoli di coservazioe di flusso; il primo isieme è relativo ai odi che rappresetao i pc, cosiderati come odi pozzo di u'uità di flusso, metre il secodo isieme è relativo ai odi che rappresetao gli switch, cosiderati come odi di puro trasferimeto. Il vicolo relativo al server r, cosiderato come sorgete di m uità di flusso è omesso i quato liearmete dipedete dagli altri. pc switch j (, 1) dij i ( c' i, Mi) r -m 1 m Fig. 3.4 Il grafo risultate G = (N, A) ha N = + m +1 e A = + Σ i P(i) (m+1). Utilizzado uo degli algoritmi del simplesso su reti, descritti el paragrafo 1.1.6, si ottiee la soluzioe ottima ( x _, y _ '). Essedo le domade e le capacità itere, tale soluzioe è itera; i particolare x _ ij potrà assumere solo i valori 0 o 1 foredo l'assegazioe dei pc agli switch. Il valore itero della variabile y _ i' rappreseta il umero di pc collegati allo switch i. Se y _ i' = 0, allora o si istallerà l'i-esimo switch; se y _ i' = M i, esso verrà istallato e sarà utilizzato al massimo della propria capacità. Ogi altro valore itero di y _ i' (0 < y _ i' < M i ) forisce ua valutazioe del tasso di utilizzo dello switch i-esimo (ifatti y _ i = y _ i' / M i forisce il valore del tasso di utilizzo) che permette di decidere se istallarlo o meo (i effetti è spesso utile istallare uo switch o utilizzato al massimo della propria capacità di utilizzo per far frote a futuri sviluppi della rete). Dopo aver deciso di o istallare uo o più switch, si rimuovoo dal problema i dati relativi ad essi per ua successiva ottimizzazioe (o riottimizzazioe) al fie di idividuare la uova assegazioe dei pc agli switch. I ogi caso il valore ottimo z C del problema rilassato (P C ) forisce ua valutazioe per difetto di z. Ciò permette di valutare la botà di soluzioi prodotte co algoritmi approssimati. Ifatti, suppoiamo di avere già il progetto della rete, o di avere prodotto uo mediate u'euristica; idichiamo co z A il valore della fuzioe obiettivo per tale soluzioe. Essedo z C z, si ha che lerrore relativo della soluzioe attuale (o euristica) è dato da: 73

10 R A = z A - z z z A - z C z z A - z C z C. Pertato (z A - z C )/z C forisce ua approssimazioe superiore dell'errore relativo che si commette adottado la rete correte (o quella otteuta co l'euristica) rispetto alla rete ottima pur o cooscedo é la rete ottima é il suo valore ottimo z. Cocludiamo questa parte torado al problema della rete locale a due livelli. Il modello appea descritto può essere esteso al problema a due livelli; oppure si può studiare la rete separatamete per sottoreti i cui ciascuo switch di primo livello svolge il ruolo di server e, dopo aver stabilito ciascua sottorete, si può studiare la rete formata dal server, dagli switch di primo livello e dai pc come se questi fossero collegati direttamete agli switch di primo livello (si elimiao gli switch di secodo livello). Si lasciao come esercizi la formulazioe di tali problemi e l'idividuazioe delle teciche di soluzioe più adatte Il problema delle reti multicommodity Nel paragrafo 1.5 abbiamo affrotato il problema della determiazioe dei flussi di costo miimo multicommodity. Ache el progetto di reti, spesso, si deve teere coto che ella rete stessa viaggiao commodities diverse. Si pesi alla rete itegrata, che si sta otteedo i questo periodo, tra rete telefoica per sistemi mobili, rete telefoica per sistemi fissi, rete di commutazioe di dati, reti televisive sia a terra che su satelliti, reti locali i fibra ottica, ecc. Su tali reti ifatti viaggiao iformazioi molto accurate ma di miima dimesioe (trasmissioe della voce), iformazioi meo importati (messaggii), pacchetti di dati, dati di immagii i movimeto, che richiedoo ua garazia di trasmissioe, ecc. Il problema del progetto della rete si complica perché ella decisioe della costruzioe di u arco etrao i gioco fattori tecologici che foriscoo sia capacità per le sigole commodities, sia capacità globali. Ioltre spesso il traffico o è del tutto additivo (messagi come la posta elettroica e i messaggii vegoo trasmesso ei piccoli iterstizi di o trasmissioe che si creao aturalmete tra i grossi pacchetti di dati. La fase di progetto, spesso, riguarda o solo la decisioe se costruire l'arco (i,j) e quale tecologia verrà utilizzata per realizzarlo (e che forirà la capacità globale dell'arco), ma ache la decisioe di quale porzioe della capacità viee assegata (e, alle volte, riservata) a specifiche commodities (si pesi alle comuicazioi co priorità, a quelle di cui si deve garatire ua grade affidabilità, ecc.). I modelli risultati o si discostao di molto dal problema (3.1.3), i cui le variabili di flusso soo però di tipo multicommodity e le capacità di commodity soo itrodotte i parte come dati i parte come variabili. Co questo si coclude la parte relativa alle reti di comuicazioe. Come descritto el paragrafo 2.1, i problemi reali soo sigificativamete più complessi; co questo corso abbiamo voluto forire solo alcui degli strumeti che possoo essere utilizzati per modellizzare problemi di reti di comuicazioe e trovare delle soluzioi. Nella realtà be difficilmete il problema, globalmete iteso, viee studiato e risolto; molto spesso esso viee suddiviso i sottoproblemi e ciascuo (separatamete dagli altri, ache se esistoo delle itercoessioi) viee studiato e risolto. I modelli studiati i questi due ultimi capitoli soo i effetti molto vicii ai modelli che vegoo realmete affrotati per risolvere i sigoli sottoproblemi. 74

8. Quale pesa di più?

8. Quale pesa di più? 8. Quale pesa di più? Negli ultimi ai hao suscitato particolare iteresse alcui problemi sulla pesatura di moete o di pallie. Il primo problema di questo tipo sembra proposto da Tartaglia el 1556. Da allora

Dettagli

SUCCESSIONI E SERIE NUMERICHE

SUCCESSIONI E SERIE NUMERICHE SUCCESSIONI E SERIE NUMERICHE. Successioi umeriche a. Defiizioi: successioi aritmetiche e geometriche Cosideriamo ua sequeza di umeri quale ad esempio:,5,8,,4,7,... Tale sequeza è costituita mediate ua

Dettagli

52. Se in una città ci fosse un medico ogni 500 abitanti, quale sarebbe la percentuale di medici? A) 5 % B) 2 % C) 0,2 % D) 0,5% E) 0,02%

52. Se in una città ci fosse un medico ogni 500 abitanti, quale sarebbe la percentuale di medici? A) 5 % B) 2 % C) 0,2 % D) 0,5% E) 0,02% RISPOSTE MOTIVATE QUIZ D AMMISSIONE 2000-2001 MATEMATICA 51. L espressioe log( 2 ) equivale a : A) 2log B) log2 C) 2log D) log E) log 2 Dati 2 umeri positivi a e b (co a 1), si defiisce logaritmo i base

Dettagli

Campi vettoriali conservativi e solenoidali

Campi vettoriali conservativi e solenoidali Campi vettoriali coservativi e soleoidali Sia (x,y,z) u campo vettoriale defiito i ua regioe di spazio Ω, e sia u cammio, di estremi A e B, defiito i Ω. Sia r (u) ua parametrizzazioe di, fuzioe della variabile

Dettagli

V Tutorato 6 Novembre 2014

V Tutorato 6 Novembre 2014 1. Data la successioe V Tutorato 6 Novembre 01 determiare il lim b. Data la successioe b = a = + 1 + 1 8 6 + 1 80 + 18 se 0 se < 0 scrivere i termii a 0, a 1, a, a 0 e determiare lim a. Data la successioe

Dettagli

Esercizi riguardanti limiti di successioni

Esercizi riguardanti limiti di successioni Esercizi riguardati iti di successioi Davide Boscaii Queste soo le ote da cui ho tratto le esercitazioi del gioro 27 Ottobre 20. Come tali soo be lugi dall essere eseti da errori, ivito quidi chi e trovasse

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagia Giovaa Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 2 per la Scuola secodaria di secodo grado UNITÀ CAMPIONE Edizioi del Quadrifoglio à t i U 2 Radicali I questa Uità affrotiamo

Dettagli

Appunti sulla MATEMATICA FINANZIARIA

Appunti sulla MATEMATICA FINANZIARIA INTRODUZIONE Apputi sulla ATEATIA FINANZIARIA La matematica fiaziaria si occupa delle operazioi fiaziarie. Per operazioe fiaziaria si itede quella operazioe ella quale avviee uo scambio di capitali, itesi

Dettagli

Interesse e formule relative.

Interesse e formule relative. Elisa Battistoi, Adrea Frozetti Collado Iteresse e formule relative Esercizio Determiare quale somma sarà dispoibile fra 7 ai ivestedo oggi 0000 ad u tasso auale semplice del 5% Soluzioe Il diagramma del

Dettagli

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Defiire lo strumeto matematico ce cosete di studiare la cresceza e la decresceza di ua fuzioe Si comicia col defiire cosa vuol dire ce ua fuzioe è crescete. Defiizioe:

Dettagli

Foglio di esercizi N. 1 - Soluzioni

Foglio di esercizi N. 1 - Soluzioni Foglio di esercizi N. - Soluzioi. Determiare il domiio della fuzioe f) = log 3 + log 3 3)). Deve essere + log 3 3) > 0, ovvero log 3 3) >, ovvero prededo l espoeziale i base 3 di etrambi i membri) 3 >

Dettagli

Matematica II: Calcolo delle Probabilità e Statistica Matematica

Matematica II: Calcolo delle Probabilità e Statistica Matematica Matematica II: Calcolo delle Probabilità e Statistica Matematica ELT A-Z Docete: dott. F. Zucca Esercitazioe # 4 1 Distribuzioe Espoeziale Esercizio 1 Suppoiamo che la durata della vita di ogi membro di

Dettagli

Capitolo Terzo. rappresenta la rata di ammortamento del debito di un capitale unitario. Si tratta di risolvere un equazione lineare nell incognita R.

Capitolo Terzo. rappresenta la rata di ammortamento del debito di un capitale unitario. Si tratta di risolvere un equazione lineare nell incognita R. 70 Capitolo Terzo i cui α i rappreseta la rata di ammortameto del debito di u capitale uitario. Si tratta di risolvere u equazioe lieare ell icogita R. SIANO NOTI IL MONTANTE IL TASSO E IL NUMERO DELLE

Dettagli

Numerazione binaria Pagina 2 di 9 easy matematica di Adolfo Scimone

Numerazione binaria Pagina 2 di 9 easy matematica di Adolfo Scimone Numerazioe biaria Pagia di 9 easy matematica di Adolfo Scimoe SISTEMI DI NUMERAZIONE Sistemi di umerazioe a base fissa Facciamo ormalmete riferimeto a sistemi di umerazioe a base fissa, ad esempio el sistema

Dettagli

LE MISURE DI VARIABILITÀ DI CARATTERI QUANTITATIVI

LE MISURE DI VARIABILITÀ DI CARATTERI QUANTITATIVI Apputi di Statistica Sociale Uiversità ore di Ea LE MISURE DI VARIABILITÀ DI CARATTERI QUATITATIVI La variabilità di u isieme di osservazioi attiee all attitudie delle variabili studiate ad assumere modalità

Dettagli

Anno 5 Successioni numeriche

Anno 5 Successioni numeriche Ao 5 Successioi umeriche Itroduzioe I questa lezioe impareremo a descrivere e calcolare il limite di ua successioe. Ma cos è ua successioe? Come si calcola il suo limite? Al termie di questa lezioe sarai

Dettagli

DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE

DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE DI UN GRUPPO DI OSSERVAZIONI O DI ESPERIMENTI, SI PERVIENE A CERTE CONCLUSIONI, LA CUI VALIDITA PER UN COLLETTIVO Più AMPIO E ESPRESSA

Dettagli

SUCCESSIONI NUMERICHE

SUCCESSIONI NUMERICHE SUCCESSIONI NUMERICHE Ua fuzioe reale di ua variabile reale f di domiio A è ua legge che ad ogi x A associa u umero reale che deotiamo co f(x). Se A = N, la f è detta successioe di umeri reali. Se co si

Dettagli

DISTRIBUZIONI DOPPIE

DISTRIBUZIONI DOPPIE DISTRIBUZIONI DOPPIE Fio ad ora abbiamo visto teciche di aalisi dei dati per il solo caso i cui ci si occupi di u solo carattere rilevato su u collettivo (distribuzioi semplici). I termii formali fio ad

Dettagli

Parte 2. Problemi con macchine parallele

Parte 2. Problemi con macchine parallele Parte 2 Problemi co macchie arallele Esemio job 1 2 3 4 5 j 2 3 5 1 4 2macchie Assegado{2,3,5}aM1e{1,4}aM2 M2 M1 4 1 1 3 3 2 5 5 8 12 Assegado{1,4,5}aM1e{2,3}aM2 M2 3 2 M1 4 1 5 1 3 5 7 8 R m //C Algoritmo

Dettagli

Successioni. Grafico di una successione

Successioni. Grafico di una successione Successioi Ua successioe di umeri reali è semplicemete ua sequeza di ifiiti umeri reali:, 2, 3,...,,... dove co idichiamo il termie geerale della successioe. Ad esempio, discutedo il sigificato fiaziario

Dettagli

Problemi di turnistica del personale nei trasporti. Pianificazione dei turni. Tecniche di ottimizzazione. Programma. Paolo Toth e Daniele Vigo

Problemi di turnistica del personale nei trasporti. Pianificazione dei turni. Tecniche di ottimizzazione. Programma. Paolo Toth e Daniele Vigo Problemi di turistica del persoale ei trasporti Paolo Toth e Daiele Vigo DEIS, Uiversità di Bologa http://promet4.deis.uibo.it/ Piaificazioe dei turi Dati: u isieme di servizi da effettuare i u determiato

Dettagli

PARTE QUARTA Teoria algebrica dei numeri

PARTE QUARTA Teoria algebrica dei numeri Prerequisiti: Aelli Spazi vettoriali Sia A u aello commutativo uitario PARTE QUARTA Teoria algebrica dei umeri Lezioe 7 Cei sui moduli Defiizioe 7 Si dice modulo (siistro) su A (o semplicemete, A-modulo)

Dettagli

Calcolo della risposta di un sistema lineare viscoso a più gradi di libertà con il metodo dell Analisi Modale

Calcolo della risposta di un sistema lineare viscoso a più gradi di libertà con il metodo dell Analisi Modale Calcolo della risposta di u sistema lieare viscoso a più gradi di libertà co il metodo dell Aalisi Modale Lezioe 2/2 Prof. Adolfo Satii - Diamica delle Strutture 1 La risposta a carichi variabili co la

Dettagli

VAIO-Link Guida Cliente

VAIO-Link Guida Cliente VAIO-Lik Guida Cliete "Cosideriamo ogi sigola domada del cliete co la massima attezioe e il dovuto rispetto e facciamo del ostro meglio perché il cliete abbia u'ottima impressioe del cetro di assisteza

Dettagli

IL CALCOLO COMBINATORIO

IL CALCOLO COMBINATORIO IL CALCOLO COMBINATORIO Calcolo combiatorio è il termie che deota tradizioalmete la braca della matematica che studia i modi per raggruppare e/o ordiare secodo date regole gli elemeti di u isieme fiito

Dettagli

Sintassi dello studio di funzione

Sintassi dello studio di funzione Sitassi dello studio di fuzioe Lavoriamo a perfezioare quato sapete siora. D ora iazi pretederò che i risultati che otteete li SCRIVIATE i forma corretta dal puto di vista grammaticale. N( x) Data la fuzioe:

Dettagli

Progressioni aritmetiche

Progressioni aritmetiche Progressioi aritmetiche Comiciamo co due esempi: Esempio Cosideriamo la successioe di umeri:, 7,, 5, 9, +4 +4 +4 +4 +4 La successioe è tale che si passa da u termie al successivo aggiugedo sempre +4. Si

Dettagli

5. Le serie numeriche

5. Le serie numeriche 5. Le serie umeriche Ricordiamo che ua successioe reale è ua fuzioe defiita da N, evetualmete privato di u umero fiito di elemeti, a R. Solitamete si idica ua successioe co la lista dei suoi valori: (a

Dettagli

STATISTICA INFERENZIALE SCHEDA N. 2 INTERVALLI DI CONFIDENZA PER IL VALORE ATTESO E LA FREQUENZA

STATISTICA INFERENZIALE SCHEDA N. 2 INTERVALLI DI CONFIDENZA PER IL VALORE ATTESO E LA FREQUENZA Matematica e statistica: dai dati ai modelli alle scelte www.dima.uige/pls_statistica Resposabili scietifici M.P. Rogati e E. Sasso (Dipartimeto di Matematica Uiversità di Geova) STATISTICA INFERENZIALE

Dettagli

Le onde elettromagnetiche. Origine e natura, spettro delle onde e.m., la polarizzazione

Le onde elettromagnetiche. Origine e natura, spettro delle onde e.m., la polarizzazione Le ode elettromagetiche Origie e atura, spettro delle ode e.m., la polarizzazioe Origie e atura delle ode elettromagetiche: Ua carica elettrica che oscilla geera u campo elettrico E che oscilla e a questo

Dettagli

Calcolo Combinatorio (vers. 1/10/2014)

Calcolo Combinatorio (vers. 1/10/2014) Calcolo Combiatorio (vers. 1/10/2014 Daiela De Caditiis modulo CdP di teoria dei segali Igegeria dell Iformazioe - sede di Latia, CALCOLO COMBINATORIO Pricipio Fodametale del Calcolo Combiatorio: Si realizzio

Dettagli

Strumenti di indagine per la valutazione psicologica

Strumenti di indagine per la valutazione psicologica Strumeti di idagie per la valutazioe psicologica 1.2 - Richiami di statistica descrittiva Davide Massidda davide.massidda@gmail.com Descrivere i dati Dovedo scegliere u esame opzioale, uo studete ha itezioe

Dettagli

STATISTICA DESCRITTIVA

STATISTICA DESCRITTIVA STATISTICA DESCRITTIVA La statistica descrittiva serve per elaborare e sitetizzare dati. Tipicamete i dati si rappresetao i tabelle. Esempio. Suppoiamo di codurre u idagie per cooscere gli iscritti al

Dettagli

Terzo appello del. primo modulo. di ANALISI 18.07.2006

Terzo appello del. primo modulo. di ANALISI 18.07.2006 Terzo appello del primo modulo di ANALISI 18.7.26 1. Si voglioo ifilare su u filo delle perle distiguibili tra loro solo i base alla dimesioe: si hao a disposizioe perle gradi di diametro di 2 cetimetri

Dettagli

Il test parametrico si costruisce in tre passi:

Il test parametrico si costruisce in tre passi: R. Lombardo I. Cammiatiello Dipartimeto di Ecoomia Secoda Uiversità degli studi Napoli Facoltà di Ecoomia Ifereza Statistica La Verifica delle Ipotesi Obiettivo Verifica (test) di u ipotesi statistica

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA ALGEBRA \ ARITMETICA \ NUMERI NATURALI (1)

APPUNTI DI MATEMATICA ALGEBRA \ ARITMETICA \ NUMERI NATURALI (1) ALGEBRA \ ARITMETICA \ NUMERI NATURALI (1) I umeri aturali hao u ordie; ogi umero aturale ha u successivo (otteuto aggiugedo 1), e ogi umero aturale diverso da zero ha u precedete (otteuto sottraedo 1).

Dettagli

1 Limiti di successioni

1 Limiti di successioni Esercitazioi di matematica Corso di Istituzioi di Matematica B Facoltà di Architettura Ao Accademico 005/006 Aa Scaramuzza 4 Novembre 005 Limiti di successioi Esercizio.. Servedosi della defiizioe di ite

Dettagli

ANALISI MATEMATICA 1 Area dell Ingegneria dell Informazione. Appello del 5.02.2013 TEMA 1. f(x) = arcsin 1 2 log 2 x.

ANALISI MATEMATICA 1 Area dell Ingegneria dell Informazione. Appello del 5.02.2013 TEMA 1. f(x) = arcsin 1 2 log 2 x. ANALISI MATEMATICA Area dell Igegeria dell Iformazioe Appello del 5.0.0 TEMA Esercizio Si cosideri la fuzioe f(x = arcsi log x. Determiare il domiio di f e discutere il sego. Discutere brevemete la cotiuità

Dettagli

Soluzione La media aritmetica dei due numeri positivi a e b è data da M

Soluzione La media aritmetica dei due numeri positivi a e b è data da M Matematica per la uova maturità scietifica A. Berardo M. Pedoe 6 Questioario Quesito Se a e b soo umeri positivi assegati quale è la loro media aritmetica? Quale la media geometrica? Quale delle due è

Dettagli

Corso di Elementi di Impianti e macchine elettriche Anno Accademico 2014-2015

Corso di Elementi di Impianti e macchine elettriche Anno Accademico 2014-2015 Corso di Elemeti di Impiati e mahie elettriche Ao Aademico 014-015 Esercizio.1 U trasformatore moofase ha i segueti dati di targa: Poteza omiale A =10 kva Tesioe omiale V 1 :V =480:10 V Frequeza omiale

Dettagli

SERIE NUMERICHE Esercizi risolti. 2 b) n=1. n n 2 +n

SERIE NUMERICHE Esercizi risolti. 2 b) n=1. n n 2 +n SERIE NUMERICHE Esercizi risolti. Applicado la defiizioe di covergeza di ua serie stabilire il carattere delle segueti serie, e, i caso di covergeza, trovare la somma: = + b) = + +. Verificare utilizzado

Dettagli

Lezione n 19-20. Lezioni di Ricerca Operativa. Corso di Laurea in Informatica Università di Salerno. Prof. Cerulli Dott. Carrabs

Lezione n 19-20. Lezioni di Ricerca Operativa. Corso di Laurea in Informatica Università di Salerno. Prof. Cerulli Dott. Carrabs Lezioi di Riera Operativa Corso di Laurea i Iformatia Uiversità di Salero Lezioe 9- - Problema del trasporto Prof. Cerulli Dott. Carrabs Problema del Flusso a osto Miimo FORMULAZIONE mi ( i, ) A o violi

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2006

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2006 ESAME DI STAT DI LICE SCIENTIFIC CRS DI RDINAMENT 006 Il cadidato risolva uo dei due problemi e 5 dei 0 quesiti i cui si articola il questioario. PRBLEMA U filo metallico di lughezza l viee utilizzato

Dettagli

CAPITOLO 5 TEORIA DELLA SIMILITUDINE

CAPITOLO 5 TEORIA DELLA SIMILITUDINE CAPITOLO 5 TEORIA DELLA SIMILITUDINE 5.. Itroduzioe La Teoria della Similitudie ha pricipalmete due utilizzi: Estedere i risultati otteuti testado ua sigola macchia ad altre codizioi operative o a ua famiglia

Dettagli

che sono una l inversa dell altra; l insieme dei messaggi cifrati C i cui elementi sono indicati con la lettera c.

che sono una l inversa dell altra; l insieme dei messaggi cifrati C i cui elementi sono indicati con la lettera c. I LEZIONE Il ostro iteto è aalizzare i dettaglio i metodi di cifratura che si soo susseguiti el corso della storia prestado particolare attezioe all impiato matematico che e cosete la realizzazioe Iiziamo

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2006

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2006 ESAME DI STAT DI LICE SCIENTIFIC CRS SPERIMENTALE P.N.I. 006 Il cadidato risolva uo dei due problemi e 5 dei 0 quesiti i cui si articola il questioario. PRBLEMA U filo metallico di lughezza l viee utilizzato

Dettagli

La matematica finanziaria

La matematica finanziaria La matematica fiaziaria La matematica fiaziaria forisce gli strumeti ecessari per cofrotare fatti fiaziari che avvegoo i mometi diversi Esempio: Come posso cofrotare i ricavi e i costi legati all acquisto

Dettagli

Analisi statistica dell Output

Analisi statistica dell Output Aalisi statistica dell Output IL Simulatore è u adeguata rappresetazioe della Realtà! E adesso? Come va iterpretato l Output? Quado le Osservazioi soo sigificative? Quati Ru del Simulatore è corretto effettuare?

Dettagli

ESEMPIO 1. Immaginiamo come si distribuirebbero le stime campionarie se l operazione di campionamento venisse ripetuta più volte.

ESEMPIO 1. Immaginiamo come si distribuirebbero le stime campionarie se l operazione di campionamento venisse ripetuta più volte. ESEMPIO Prima dell esplosioe di ua cetrale ucleare, i terrei di ua certa regioe avevao ua produzioe media di grao pari a 00 quitali co uo scarto di 5. Dopo la catastrofe si selezioao 00 uità di superficie

Dettagli

Problemi di Scheduling Definizioni. Problemi di Scheduling Definizioni. Problemi di Scheduling Definizioni. Problemi di Scheduling Definizioni

Problemi di Scheduling Definizioni. Problemi di Scheduling Definizioni. Problemi di Scheduling Definizioni. Problemi di Scheduling Definizioni Problemi di Schedulig Defiizioi I problemi di schedulig soo caratterizzati da tre isiemi: Attività (Task) T {T,T 2, T } macchie (Machies) P {P,P 2, P m } Risorse R {R,R 2, R s } Schedulig: assegare m Macchie

Dettagli

SUCCESSIONI NUMERICHE

SUCCESSIONI NUMERICHE SUCCESSIONI NUMERICHE LORENZO BRASCO. Teoremi di Cesaro Teorema di Stolz-Cesaro. Siao {a } N e {b } N due successioi umeriche, co {b } N strettamete positiva, strettamete crescete e ilitata. Se esiste

Dettagli

Successioni. Capitolo 2. 2.1 Definizione

Successioni. Capitolo 2. 2.1 Definizione Capitolo 2 Successioi 2.1 Defiizioe Ua prima descrizioe, più ituitiva che rigorosa, di quel che itediamo per successioe cosiste i: Ua successioe è ua lista ordiata di oggetti, avete u primo ma o u ultimo

Dettagli

Risposte. f v = φ dove φ(x,y) = e x2. f(x) = e x2 /2. +const. Soluzione. (i) Scriviamo v = (u,w). Se f(x) è la funzione richiesta, si deve avere

Risposte. f v = φ dove φ(x,y) = e x2. f(x) = e x2 /2. +const. Soluzione. (i) Scriviamo v = (u,w). Se f(x) è la funzione richiesta, si deve avere Eserciio 1 7 puti. Dato il campo vettoriale v, + 1,, i si determii ua fuioe f > i modo tale che il campo vettoriale f v sia irrotaioale, cioè abbia le derivate icrociate uguali; ii si spieghi se i risultati

Dettagli

Corso di Laurea in Ing. Edile Politecnico di Bari A.A. 2008-2009 Prof. ssa Letizia Brunetti DISPENSE DEL CORSO DI GEOMETRIA

Corso di Laurea in Ing. Edile Politecnico di Bari A.A. 2008-2009 Prof. ssa Letizia Brunetti DISPENSE DEL CORSO DI GEOMETRIA Corso di Laurea i Ig Edile Politecico di Bari AA 2008-2009 Prof ssa Letizia Bruetti DISPENSE DEL CORSO DI GEOMETRIA 2 Idice Spazi vettoriali Cei sulle strutture algebriche 4 2 Defiizioe di spazio vettoriale

Dettagli

Le carte di controllo

Le carte di controllo Le carte di cotrollo Dott.ssa Bruella Caroleo 07 dicembre 007 Variabilità ei processi produttivi Le caratteristiche di qualsiasi processo produttivo soo caratterizzate da variabilità Le cause di variabilità

Dettagli

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE Esercizi di Fodameti di Iformatica 1 EQUAZIONI ALLE RICORRENZE 1.1. Metodo di ufoldig 1.1.1. Richiami di teoria Il metodo detto di ufoldig utilizza lo sviluppo dell equazioe alle ricorreze fio ad u certo

Dettagli

Formula per la determinazione della Successione generalizzata di Fibonacci.

Formula per la determinazione della Successione generalizzata di Fibonacci. Formula per la determiazioe della uccessioe geeralizzata di Fiboacci. A cura di Eugeio Amitrao Coteuto dell articolo:. Itroduzioe......... uccessioe di Fiboacci....... 3. Formula di Biet per la successioe

Dettagli

Scambiatore e recupero calore da ''ATM 2005/06

Scambiatore e recupero calore da ''ATM 2005/06 Scambiatore e recupero calore da ''ATM 2005/06 Foto Foto estera estera scambiatore i i fuzioe fuzioe 20/01/2006 Pagia 1 Iformazioi geerali Impiato dedicato al recupero calore a valle del filtro a maiche.

Dettagli

Successioni ricorsive di numeri

Successioni ricorsive di numeri Successioi ricorsive di umeri Getile Alessadro Laboratorio di matematica discreta A.A. 6/7 I queste pagie si voglioo predere i esame alcue tra le più famose successioi ricorsive, presetadoe alcue caratteristiche..

Dettagli

Limiti di successioni

Limiti di successioni Argometo 3s Limiti di successioi Ua successioe {a : N} è ua fuzioe defiita sull isieme N deiumeriaturaliavalori reali: essa verrà el seguito idicata più brevemeteco{a } a èdettotermie geerale della successioe

Dettagli

Analisi Fattoriale Discriminante

Analisi Fattoriale Discriminante Aalisi Fattoriale Discrimiate Bibliografia Lucidi (materiale reperibile via Iteret) Lauro C.N. Uiversità di Napoli Gherghi M. Uiversità di Napoli D Ambra L. Uiversità di Napoli Keeth M. Portier Uiversity

Dettagli

1 Successioni 1 1.1 Limite di una successione... 2. 2 Serie 3 2.1 La serie armonica... 6 2.2 La serie geometrica... 6

1 Successioni 1 1.1 Limite di una successione... 2. 2 Serie 3 2.1 La serie armonica... 6 2.2 La serie geometrica... 6 SUCCESSIONI Successioi e serie Idice Successioi. Limite di ua successioe........................................... Serie 3. La serie armoica................................................ 6. La serie

Dettagli

19 31 43 55 67 79 91 103 870,5 882,5 894,5 906,5 918,5 930,5 942,5 954,5

19 31 43 55 67 79 91 103 870,5 882,5 894,5 906,5 918,5 930,5 942,5 954,5 Il 16 dicembre 015 ero a Napoli. Ad u agolo di Piazza Date mi soo imbattuto el "matematico di strada", come egli si defiisce, Giuseppe Poloe immerso el suo armametario di tabelle di umeri. Il geiale persoaggio

Dettagli

LA VERIFICA DELLE IPOTESI SUI PARAMETRI

LA VERIFICA DELLE IPOTESI SUI PARAMETRI LA VERIFICA DELLE IPOTESI SUI PARAMETRI E u problema di ifereza per molti aspetti collegato a quello della stima. Rispode ad u esigeza di carattere pratico che spesso si preseta i molti campi dell attività

Dettagli

Sistemi e Tecnologie della Comunicazione

Sistemi e Tecnologie della Comunicazione Sistemi e ecologie della Comuicazioe Lezioe 4: strato fisico: caratterizzazioe del segale i frequeza Lo strato fisico Le pricipali fuzioi dello strato fisico soo defiizioe delle iterfacce meccaiche (specifiche

Dettagli

SERIE NUMERICHE Con l introduzione delle serie vogliamo estendere l operazione algebrica di somma ad un numero infinito di addendi.

SERIE NUMERICHE Con l introduzione delle serie vogliamo estendere l operazione algebrica di somma ad un numero infinito di addendi. Serie SERIE NUMERICHE Co l itroduzioe delle serie vogliamo estedere l operazioe algebrica di somma ad u umero ifiito di addedi. Def. Data la successioe {a }, defiiamo la successioe {s } poedo s = a k.

Dettagli

Economia Internazionale - Soluzioni alla IV Esercitazione

Economia Internazionale - Soluzioni alla IV Esercitazione Ecoomia Iterazioale - Soluzioi alla IV Esercitazioe 25/03/5 Esercizio a) Cosa soo le ecoomie di scala? Come cambia la curva di oerta i preseza di ecoomie di scala? Perchè queste oroo u icetivo al commercio

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica A.A. 2014/15. Complementi di Probabilità e Statistica. Prova scritta del del 23-02-15

Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica A.A. 2014/15. Complementi di Probabilità e Statistica. Prova scritta del del 23-02-15 Corso di Laurea Magistrale i Igegeria Iformatica A.A. 014/15 Complemeti di Probabilità e Statistica Prova scritta del del 3-0-15 Puteggi: 1. 3+3+4;. +3 ; 3. 1.5 5 ; 4. 1 + 1 + 1 + 1 + 3.5. Totale = 30.

Dettagli

5 ln n + ln. 4 ln n + ln. 6 ln n + ln

5 ln n + ln. 4 ln n + ln. 6 ln n + ln DOMINIO FUNZIONE Determiare il domiio della fuzioe f = l e e + e + e Deve essere e e + e + e >, posto e = t si ha t e + t + e = per t = e e per t = / Il campo di esisteza è:, l, + Determiare il domiio

Dettagli

II-9 Successioni e serie

II-9 Successioni e serie SUCCESSIONI II-9 Successioi e serie Idice Successioi. Limite di ua successioe........................................... Serie 3. La serie armoica................................................ 6. La

Dettagli

I appello - 29 Giugno 2007

I appello - 29 Giugno 2007 Facoltà di Igegeria - Corso di Laurea i Ig. Iformatica e delle Telecom. A.A.6/7 I appello - 9 Giugo 7 ) Studiare la covergeza putuale e uiforme della seguete successioe di fuzioi: [ ( )] f (x) = cos (

Dettagli

Una funzione è una relazione che ad ogni elemento del dominio associa uno e un solo elemento del codominio

Una funzione è una relazione che ad ogni elemento del dominio associa uno e un solo elemento del codominio Radicali Per itrodurre il cocetto di radicali che già avete icotrato alle medie quado avete imparato a calcolare la radice quadrata e cubica dei umeri iteri, abbiamo bisogo di rivedere il cocetto di uzioe

Dettagli

Serie numeriche: esercizi svolti

Serie numeriche: esercizi svolti Serie umeriche: esercizi svolti Gli esercizi cotrassegati co il simbolo * presetao u grado di difficoltà maggiore. Esercizio. Dopo aver verificato la covergeza, calcolare la somma delle segueti serie:

Dettagli

evohome RISPARMIO ENERGETICO E NON SOLO Un obiettivo comune a milioni di famiglie: risparmiare energia senza rinunciare al comfort.

evohome RISPARMIO ENERGETICO E NON SOLO Un obiettivo comune a milioni di famiglie: risparmiare energia senza rinunciare al comfort. evohome RISPARMIO ENERGETICO E NON SOLO U obiettivo comue a milioi di famiglie: risparmiare eergia seza riuciare al comfort. evohome Risparmiare eergia o è mai stato così Esistoo molte soluzioi per otteere

Dettagli

SISTEMA D'IMPRESA GESTIONE GESTIONE SISTEMA DELLE OPERAZIONI SIMULTANEE E SUCCESSIVE SI DISPIEGANO DINAMICAMENTE

SISTEMA D'IMPRESA GESTIONE GESTIONE SISTEMA DELLE OPERAZIONI SIMULTANEE E SUCCESSIVE SI DISPIEGANO DINAMICAMENTE SISTEMA D'IMPRESA ORGAIZZAZIOE GESTIOE 1 GESTIOE SISTEMA DELLE OPERAZIOI SIMULTAEE E SUCCESSIVE SI DISPIEGAO DIAMICAMETE PER IL RAGGIUGIMETO DEI FII DELL IMPRESA 2 ORGAIZZAZIOE I SESO AMPIO LA RIUIOE DI

Dettagli

Selezione avversa e razionamento del credito

Selezione avversa e razionamento del credito Selezioe avversa e razioameto del credito Massimo A. De Fracesco Dipartimeto di Ecoomia politica e statistica, Uiversità di Siea May 3, 013 1 Itroduzioe I questa lezioe presetiamo u semplice modello del

Dettagli

SUCCESSIONI e LIMITI DI SUCCESSIONI. c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 15/16 Successioni cap3b.pdf 1

SUCCESSIONI e LIMITI DI SUCCESSIONI. c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 15/16 Successioni cap3b.pdf 1 SUCCESSIONI e LIMITI DI SUCCESSIONI c Paola Gervasio - Aalisi Matematica 1 - A.A. 15/16 Successioi cap3b.pdf 1 Successioi Def. Ua successioe è ua fuzioe reale (Y = R) a variabile aturale, ovvero X = N:

Dettagli

2.1. CONSIDERAZIONI GENERALI SULLA TEORIA DEL METODO AGLI ELEMENTI FINITI PER LA SIMULAZIONE DEI PROCESSI DI LAMIERA

2.1. CONSIDERAZIONI GENERALI SULLA TEORIA DEL METODO AGLI ELEMENTI FINITI PER LA SIMULAZIONE DEI PROCESSI DI LAMIERA Politecico di Torio Sistemi di Produzioe... CONSIDERAZIONI GENERALI SULLA TEORIA DEL METODO AGLI ELEMENTI FINITI PER LA SIMULAZIONE DEI PROCESSI DI LAMIERA... Equazioe di govero Negli ultimi ai il metodo

Dettagli

1. Considerazioni generali

1. Considerazioni generali . osiderazioi geerali Il processaeto di ob su acchie parallele è iportate sia dal puto di vista teorico che pratico. Dal puto di vista teorico questo caso è ua geeralizzazioe dello schedulig su acchia

Dettagli

Modelli multiperiodali discreti. Strategie di investimento

Modelli multiperiodali discreti. Strategie di investimento Modelli multiperiodali discreti Cosideriamo ora modelli discreti cioè co u umero fiito di stati del modo multiperiodali, cioè apputo co più periodi. Il prototipo di questa classe di modelli è il modello

Dettagli

STIMA DEL FONDO RUSTCO

STIMA DEL FONDO RUSTCO STIMA DEL FONDO RUSTCO 1) Quali soo gli aspetti ecoomici che possoo essere presi i cosiderazioe ella stima dei fodi rustici? La stima di u fodo rustico può essere fatta applicado i segueti aspetti ecoomici:

Dettagli

Introduzione all assicurazione. (Dispensa per il corso di Microeconomia per manager. Prima versione, marzo 2013; versione aggiornata, marzo 2014)

Introduzione all assicurazione. (Dispensa per il corso di Microeconomia per manager. Prima versione, marzo 2013; versione aggiornata, marzo 2014) Itroduzioe all assicurazioe. (Dispesa per il corso di Microecoomia per maager. Prima versioe, marzo 2013; versioe aggiorata, marzo 2014) Massimo A. De Fracesco Uiversità di Siea March 14, 2014 1 Prezzo

Dettagli

Complementi di Matematica e Statistica

Complementi di Matematica e Statistica Uiversità di Bologa Sede di Forlì Ao Accademico 009-00 Complemeti di Matematica e Statistica (Alessadro Lubisco) Aalisi delle compoeti pricipali INDICE Idice... i Aalisi delle compoeti pricipali... Premessa...

Dettagli

Teorema 13. Se una sere converge assolutamente, allora converge:

Teorema 13. Se una sere converge assolutamente, allora converge: Apputi sul corso di Aalisi Matematica complemeti (a) - prof. B.Bacchelli Apputi 03: Riferimeti: R.Adams, Calcolo Differeziale.- Si cosiglia vivamete di fare gli esercizi del testo. Covergeza assoluta e

Dettagli

La sicurezza sul lavoro: obblighi e responsabilità

La sicurezza sul lavoro: obblighi e responsabilità La sicurezza sul lavoro: obblighi e resposabilità Il Testo uico sulla sicurezza, Dlgs 81/08 è il pilastro della ormativa sulla sicurezza sul lavoro. I sostaza il Dlgs disciplia tutte le attività di tutti

Dettagli

Approfondimenti di statistica e geostatistica

Approfondimenti di statistica e geostatistica Approfodimeti di statistica e geostatistica APAT Agezia per la Protezioe dell Ambiete e per i Servizi Tecici Cos è la geostatistica? Applicazioe dell aalisi di Rischio ai siti Cotamiati Geostatistica La

Dettagli

Introduzione all assicurazione. (Dispensa per il corso di Microeconomia)

Introduzione all assicurazione. (Dispensa per il corso di Microeconomia) Itroduzioe all assicurazioe. (Dispesa per il corso di Microecoomia) Massimo A. De Fracesco Uiversità di Siea December 18, 2013 1 ichiami su utilità attesa e avversioe al rischio Prima di cosiderare il

Dettagli

Navigazione tramite numeri e divertimento

Navigazione tramite numeri e divertimento 60 Chapter 6 Navigazioe tramite umeri e divertimeto Vladimir Georgiev Itroduzioe La ovità pricipale el ostro approccio e l avviciameto del lavoro dei ostri Lab ai problemi della vita reale tramite la parte

Dettagli

Rendita perpetua con rate crescenti in progressione aritmetica

Rendita perpetua con rate crescenti in progressione aritmetica edita perpetua co rate cresceti i progressioe aritmetica iprediamo l'esempio visto ella scorsa lezioe di redita perpetua co rate cresceti i progressioe arimetica: Questa redita può ache essere vista come

Dettagli

Statistica 1 A.A. 2015/2016

Statistica 1 A.A. 2015/2016 Corso di Laurea i Ecoomia e Fiaza Statistica 1 A.A. 2015/2016 (8 CFU, corrispodeti a 48 ore di lezioe frotale e 24 ore di esercitazioe) Prof. Luigi Augugliaro 1 / 19 Iterdipedeza lieare fra variabili quatitative

Dettagli

Probabilità e Statistica I

Probabilità e Statistica I Probabilità e Statistica I Elvira Di Nardo (Dipartimeto di Matematica) Uiversità degli Studi della Basilicata e-mail:diardo@uibas.it http://www.uibas.it/uteti/diardo/home.html Tel:097/05890 Prerequisiti:

Dettagli

FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE. nuove iniziative d impresa

FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE. nuove iniziative d impresa regioe puglia il lavoro e l iovazioe PO FESR 2007-2013 Asse VI Azioe 6.1.5. idi uove iiziative d impresa Regioe Puglia cosa trovo i questa scheda? Questa scheda cotiee alcue iformazioi sulla Misura Nidi

Dettagli

Equazioni e contrazioni: un punto fisso //

Equazioni e contrazioni: un punto fisso // * 010 Equazioi e cotrazioi: u puto fisso // Nicola Chiriao Docete al Liceo Scietifico L. Siciliai di Catazaro [Nicola Chiriao] Nicola Chiriao è docete di Matematica e Fisica al Liceo Scietifico Siciliai

Dettagli

Scritto da Per. Ind. Bruno Orsini Venerdì 21 Giugno 2013 17:41 - Ultimo aggiornamento Domenica 23 Giugno 2013 08:55

Scritto da Per. Ind. Bruno Orsini Venerdì 21 Giugno 2013 17:41 - Ultimo aggiornamento Domenica 23 Giugno 2013 08:55 La Norma CEI 0-21, la uova regola tecica di coessioe BT Per quato riguarda gli impiati elettrici, oltre alle prescrizioi della Norma CEI 64-8 e successive variati, occorre teere i cosiderazioe u ulteriore

Dettagli

CARATTERISTICHE MECCANICHE DI PIETRE NATURALI PER FACCIATE VENTILATE. Di seguito verranno utilizzati i seguenti simboli:

CARATTERISTICHE MECCANICHE DI PIETRE NATURALI PER FACCIATE VENTILATE. Di seguito verranno utilizzati i seguenti simboli: PROPOSTA DI UN PROTOCOLLO DI PROVE PER IL CONTROLLO DELLE CARATTERISTICHE MECCANICHE DI PIETRE NATURALI PER FACCIATE VENTILATE FINALITÀ Nel campo edile l utilizzo di rivestimeti esteri da riportare sulle

Dettagli

Capitolo 27. Elementi di calcolo finanziario EEE 2015-2016

Capitolo 27. Elementi di calcolo finanziario EEE 2015-2016 Capitolo 27 Elemeti di calcolo fiaziario EEE 205-206 27. Le diverse forme dell iteresse Si defiisce capitale (C) uo stock di moeta dispoibile i u determiato mometo. Si defiisce iteresse (I) il prezzo d

Dettagli

CAPITOLO SETTIMO GLI INDICI DI FORMA 1. INTRODUZIONE

CAPITOLO SETTIMO GLI INDICI DI FORMA 1. INTRODUZIONE CAPITOLO SETTIMO GLI INDICI DI FORMA SOMMARIO: 1. Itroduzioe. - 2. Asimmetria. - 3. Grafico a scatola (box plot). - 4. Curtosi. - Questioario. 1. INTRODUZIONE Dopo aver aalizzato gli idici di posizioe

Dettagli

APPUNTI DI ECONOMIA ELEMENTARE. (tratti da A. MONTE Elementi di Impianti Industriali Cortina)

APPUNTI DI ECONOMIA ELEMENTARE. (tratti da A. MONTE Elementi di Impianti Industriali Cortina) ITIS OMAR Dipartimeto di Meccaica APPUNTI DI ECONOMIA ELEMENTARE (tratti da A. MONTE Elemeti di Impiati Idustriali Cortia) Si defiisce iteresse il dearo pagato per l'uso di u capitale otteuto i prestito

Dettagli

IMPLICAZIONE TRA VARIABILI BINARIE: L Implicazione di Gras

IMPLICAZIONE TRA VARIABILI BINARIE: L Implicazione di Gras IMPLICAZIONE TRA VARIABILI BINARIE: L Implicazioe di Gras Date due variabili biarie a e b, i quale misura posso assicurare che i ua popolazioe da ogi osservazioe di a segue ecessariamete quella di b? E

Dettagli