Lorenzo Pistocchini RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO. Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lorenzo Pistocchini RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO. Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile"

Transcript

1 Agenza Nazonale per le Nuove Tecnologe, l Energa e lo Svluppo Economco Sostenble RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO Ottmzzazone termofludodnamca e dmensonamento d uno scambatore d calore n controcorrente con layer adsorbent e raffreddamento evaporatv ndretto (ECOS) per mpant nnovatv d solar ar-condtonng destnat a utent ndustral e commercal Lorenzo Pstocchn Report RdS/010/16

2 OTTIMIZZAZIONE TERMOFLUIDODINAMICA E DIMENSIONAMENTO DI UNO SCAMBIATORE DI CALORE IN CONTROCORRENTE CON LAYER ADSORBENTI E RAFFREDDAMENTO EVAPORATIVO INDIRETTO (ECOS) PER IMPIANTI INNOVATIVI DI SOLAR AIR-CONDITIONING DESTINATI A UTENTI INDUSTRIALI E COMMERCIALI Lorenzo Pstocchn (Dpartmento d Energa - Poltecnco d Mlano) Settembre 010 Report Rcerca d Sstema Elettrco Accordo d Programma Mnstero dello Svluppo Economco ENEA Area: Us Fnal Tema: Sstem d clmatzzazone estva ed nvernale assstta da font rnnovabl Responsable Tema: Ncolandrea Calabrese, ENEA

3 Ottmzzazone termofludodnamca e dmensonamento d uno scambatore d calore n controcorrente con layer adsorbent e raffreddamento evaporatvo ndretto (ECOS) per mpant nnovatv d solar ar-condtonng destnat a utent ndustral e commercal Relazone tecnca conclusva sullo svluppo e l mplementazone del modello teorco e l ottmzzazone dello scambatore Ing. Pstocchn Lorenzo, Dpartmento d Energa - Poltecnco d Mlano Data 6/08/010

4

5 INDICE Sommaro... Introduzone La deumdfcazone dell ara nella clmatzzazone La tecnologa convenzonale per la deumdfcazone L mpanto convenzonale per la gestone dell ara prmara Il sstema DEC Il sstema ECOS Lo scambatore L mpanto Modellazone teorca e numerca dello scambatore Approcco modulare Parametr concentrat Semplfcazon fludodnamche Ulteror potes alla base del modello monodmensonale Equazon d blanco Dscretzzazone numerca Modellazone della versone non alettata Caratterzzazone del modello Integrazone numerca delle equazon d blanco Implementazone del modello numerco Rsultat e dscussone Verfca della stabltà e convergenza de modell Anals prelmnare de rsultat Modaltà d funzonamento alternatve Ulteror consderazon Dmensonamento ottmale dello scambatore Prestazon attese Concluson e svlupp futur Nomenclatura complessva Bblografa Appendce Fle Matlab de modell numerc allegat alla relazone

6 Sommaro Nel presente studo s è svluppato l modello teorco d un nnovatvo scambatore d calore ara-ara denomnato ECOS, con funzone d deumdfcazone per adsorbmento e contemporaneo raffreddamento evaporatvo ndretto dell ara d mandata, destnato ad applcazon commercal/ndustral d clmatzzazone ambentale (gestone dell ara prmara). Il modello è stato mplementato n ambente Matlab/Smulnk, ed è stata eseguta una campagna d smulazon del funzonamento del componente per analzzarne le prestazon e ottmzzarne desgn, modaltà d funzonamento e scelta de materal. I rsultat dmostrano le potenzaltà applcatve dello scambatore, ma lo studo ha evdenzato problematche legate agl aspett costruttv e d ngombro. Tal rsultat suggerscono qund d nvestgare soluzon tecnche alternatve, che rsolvano le problematche ntrnsecamente legate alla specfca tpologa d scambatore analzzata, ma che permettano d sfruttare lo stesso prncpo fsco, d cu è stata verfcata l effcaca. Introduzone La progressva e capllare dffusone de sstem d clmatzzazone ha determnato nell ultmo decenno l sgnfcatvo aumento de consum elettrc estv, con pcch della domanda nelle ore pù calde della gornata e conseguenze problematche per la gestone delle ret elettrche nazonal. Tale dffusone ha comportato rrnuncabl e comprovat benefc per la salute delle persone s consder solo l mportanza d un corretto rcambo d ara su luogh d lavoro e verosmlmente non potrà essere oggetto d future lmtazon dovute a poltche d rsparmo energetco. Puttosto, lo svluppo d una tecnologa nnovatva, n grado d rdurre tal consum energetc e d sfruttare font d energa alternatve a quella elettrca, deve essere un prmaro obettvo della rcerca nel campo dell effcenza energetca, e un potenzale stmolo per lo svluppo del relatvo settore ndustrale nazonale. In tale contesto s colloca l presente studo, con l obettvo d analzzare le potenzaltà d un nnovatvo componente a elevata effcenza energetca, per sstem d clmatzzazone destnat a utent ndustral/commercal, sulla base d un modello teorco specfcamente svluppato, e d ottmzzarne le prestazon e l desgn per mezzo d una campagna d smulazon numerche.

7 1. La deumdfcazone dell ara nella clmatzzazone Alcune funzon della clmatzzazone, come l rcambo fsologco d ara, la gestone del carco latente (umdtà) e la pulza dell ambente da odor e pulvscolo n sospensone, sono delegate alla cosddetta ara prmara, l cu rcambo, n partcolare n clm cald e umd, comporta sgnfcatv consum elettrc, la cu quota prncpale è relatva alla deumdfcazone La tecnologa convenzonale per la deumdfcazone Ne sstem convenzonal tale funzone s realzza tpcamente tramte un processo d condensazone, schematcamente mostrato nel dagramma pscometrco n fgura 1: l ara esterna, calda e umda, vene raffreddata fno al punto d rugada (1-), e conseguentemente sottoraffreddata (-3) perché ceda una parte del propro contenuto d vapore sotto forma d condensa. Al termne d tale processo l ara necessta d un post-rscaldamento per essere rportata a valor d benessere d temperature e umdtà relatva, prma d essere nvata all ambente (3-4). Tale processo non è energetcamente effcente, poché l passaggo dalla condzone 1 alla 4 rchede un raffreddamento e un successvo post-rscaldamento. Inoltre l sottoraffreddamento dell ara necessta d acqua refrgerata a bassa temperatura (tpcamente 7 C): cò comporta una rduzone delle prestazone del relatvo cclo frgorfero, e un aumento de consum elettrc fgura1: rappresentazone schematca del processo d deumdfcazone per condensazone: DBT ( C) - temperatura dell ara; AH (g/kg) - umdtà specfca dell ara 3

8 1.. L mpanto convenzonale per la gestone dell ara prmara Nella successva fgura è mostrato uno schema tpco d UTA (Untà d Trattamento Ara) convenzonale, dotata d recuperatore statco d calore, nelle modaltà d funzonamento estvo e nvernale. I component dell UTA che nel funzonamento relatvo alla specfca stagone rmangono nattv sono ndcat n gallo. Nel perodo estvo lo scopo del sstema è la rduzone della temperatura e dell umdtà dell ara esterna che vene nvata all ambente. Tale compto è svolto dalla battera fredda (raffreddamento e condensazone) e dalla successva battera calda (post-rscaldamento, che raramente s realzza tramte un secondo recuperatore). Nel funzonamento nvernale s ha l obettvo d scaldare e umdfcare l ara esterna, tramte un prerscaldamento (nel recuperatore e nella battera d prerscaldamento), un umdfcazone adabatca fno a saturazone (che comporta un lvello d umdtà specfca controllable con la temperatura d prerscaldamento) e un post-rscaldamento fno alla temperatura rchesta. fgura : schema d UTA convenzonale 4

9 1.3. Il sstema DEC In alternatva a convenzonal sstem a condensazone, esstono process basat sul fenomeno dell adsorbmento: partcolar materal poros, come gel d slca e le zeolt, hanno la capactà d adsorbre o rlascare vapore acqueo n funzone dell umdtà relatva dell ara con cu sono n contatto. Sfruttando questo fenomeno, abbnato a quello pù noto del raffreddamento evaporatvo, sono stat svluppat sstem denomnat DEC Desccant and Evaporatve Coolng systems a tutt ogg poco dffus nell ambto della clmatzzazone ambentale, e applcat quas esclusvamente n process ndustral e nella clmatzzazone delle pscne. Nelle successve fgure 3 e 4 è mostrato lo schema d un tpco sstema DEC, basato sull utlzzo d una ruota essccante e d un recuperatore d calore rotatvo, l cu funzonamento è d seguto schematcamente descrtto. In modaltà estva, l ara esterna flusce attraverso la ruota essccante, mpregnata d materale adsorbente: cede vapore e accumula l calore rlascato da tale processo, dventando molto calda e secca. Fluendo attraverso l recuperatore rotatvo cede calore all ara d rpresa, ed è successvamente e ulterormente raffreddata tramte l umdfcatore adabatco, n cu l lvello d umdtà specfca dell ara è portato a lvell necessar per la gestone del carco latente. A seconda delle condzon esterne d umdtà e temperatura tale processo può rchedere l ntervento d una battera fredda, per rdurre maggormente la temperatura dell ara prma che venga mmessa nell ambente. L ara d rpresa, che s trova teorcamente alle condzon estve tpche dell ambente clmatzzato (5-6 C, 50% d umdtà relatva), vene raffreddata per umdfcazone adabatca nell umdfcatore d rpresa, allo scopo d favorre la sottrazone d calore all ara esterna nel recuperatore rotatvo. L ara d rpresa flusce qund attraverso la battera d rgenerazone, per essere ulterormente scaldata a temperature che dpendono da lvell d deumdfcazone desderat e dalle caratterstche del materale adsorbente utlzzato (tpcamente >= 70 C), rducendo drastcamente la propra umdtà relatva. fgura 3: schema tpco d UTA DEC a ruote, funzonamento estvo 5

10 L ara d rpresa è a questo punto n grado d rgenerare l materale adsorbente nella ruota essccante, che cede l vapore adsorbto durante l sem-perodo della rotazone n cu s è trovato n contatto con l flusso d ara esterna: l ara d rpresa cede buona parte del calore d rgenerazone a tale processo detto d desorbmento e alla ruota, ncrementa la propra umdtà specfca e vene espulsa all esterno. Nel funzonamento nvernale s utlzza tpcamente solo l recuperatore rotatvo, la battera calda e l umdfcatore d mandata, che n quest sstem è spesso modulable e non necessta percò della battera d post-rscaldamento. Quella descrtta e rappresentata negl schem è una delle possbl confgurazon del sstema DEC a ruote: altr schem pù o meno compless, costos e performant sono stat studat e svluppat, anche dagl stess produttor [1] ma s rmanda a test specfc per un eventuale approfondmento. S vuole però evdenzare la caratterstca che accomuna tal sstem: la possbltà d sfruttare energa termca a bassa temperatura (l cosddetto calore d rgenerazone fornto dalla specfca battera all ara d rpresa) per ottenere l effetto utle d deumdfcazone e raffreddamento, con un duplce vantaggo rspetto a sstem convenzonal: tale energa ha un valore specfco termodnamcamente ed economcamente nferore all energa elettrca consumata dalle macchne frgorfere che almentano le battere fredde ne sstem a condensazone. L energa d rgenerazone può essere reperta da fonte solare, cogenerazone o dal calore d scarto d process ndustral eventualmente gà present, senza ncrementare la domanda d potenza elettrca e l relatvo carco delle ret. Un lmte ntrnseco d tutt sstem DEC a ruota è l progressvo rscaldamento del materale adsorbente durante la fase d deumdfcazone, dovuto al calore rlascato dal processo d adsorbmento, che comporta effett negatv sul processo complessvo: 1. un aumento della temperatura dell ara n contatto con l materale poroso, e la conseguente rduzone d umdtà relatva della stessa, lmta la capactà massma d adsorbmento del materale;. l raggungmento d elevate temperature del materale adsorbente durante la deumdfcazone comporta la necesstà d ncrementare la temperatura d rgenerazone, con una conseguente rduzone del numero d font d calore sfruttabl e della loro effcenza. 6 fgura 4: schema tpco d UTA DEC a ruote, funzonamento nvernale

11 Per charre meglo l sgnfcato d quest effett negatv, s consder l grafco n fgura 5, che rappresenta la curva caratterstca d uno specfco materale adsorbente (slca-gel tpo RD) a due lvell d temperatura. La curva ndca l contenuto specfco d vapore del materale adsorbente (kg/kg) n funzone dell umdtà relatva dell ara n equlbro con l materale stesso, per una determnata e costante temperatura del materale (curve soterme). La sgnfcatva dfferenza tra le temperatura del materale cu fanno rfermento le due curve rappresentate, non sembra comportare dfferenze sgnfcatve nell andamento delle curve stesse, poché è necessaro consderare l effetto che tale varazone ha sul valore dell umdtà relatva dell ara n equlbro col materale adsorbente per comprenderne le real mplcazon. Ad esempo, un flusso d ara con umdtà specfca d 1 g/kg ha un umdtà relatva par a 0.08 a 60 C, che sale a 0.8 a 0 C. Ne derva che per l tpo d slca-gel consderata, l contenuto specfco d vapore all equlbro con tale flusso d ara sarà d crca 0.05 kg/kg se l materale s trova a 60 C, e 0.45 kg/kg, coè nove volte tanto, se l materale è mantenuto a 0 C. Per quanto rguarda gl effett sulla temperatura d rgenerazone, s tenga presente che per asportare l vapore adsorbto, coè spostare l equlbro a un lvello d contenuto d adsorbato nferore, nell potes d avere a dsposzone lo stesso flusso d ara con umdtà specfca d 1 g/kg, sarà necessaro nel prmo caso scaldare tale flusso a temperature elevate (>= 80 C), mentre nel secondo caso basterà teorcamente una temperatura dell ara d 40 C. 0,45 Slca-gel tpo RD: curve soterme a 0 e 60 C Contenuto specfco adsorbato [kg/kg] 0,40 0,35 0,30 0,5 0,0 0,15 0,10 0,05 0 C 60 C 0,00 0 0,1 0, 0,3 0,4 0,5 0,6 0,7 Umdtà relatva ara fgura 5: curva caratterstca della slca-gel tpo RD a due lvell d temperatura: 0 e 60 C. Il sstema ECOS Il presente lavoro mra allo svluppo d un sstema d deumdfcazone nnovatvo rspetto a quell descrtt ne precedent paragraf: per quanto basato sull utlzzo d materal adsorbent come ne sstem DEC a ruota, e qund almentable energetcamente con calore a bassa temperatura, l sstema n esame ha la peculartà d abbnare l processo d deumdfcazone dell ara esterna (esotermco) al processo d raffreddamento evaporatvo dell ara d rpresa (endotermco), con un potenzale mgloramento dell effcenza d entramb process, graze all utlzzo d un partcolare 7

12 scambatore d calore ara-ara denomnato ECOS - ndrect Evaporatve COolng counter-flow heat exchanger wth Sorpton. [] L anals e ottmzzazone d uno scambatore ECOS per applcazon destnate a utent ndustral/commercal, con portate nomnal d ara >= 5000 m 3 /h, costtusce l oggetto della presente rcerca..1. Lo scambatore Lo scambatore ECOS è sostanzalmente smle a un recuperatore statco d calore a pastre n controcorrente, cu canal d mandata (dove flusce l ara esterna da deumdfcare) sano rvestt con materale adsorbente, e canal d rpresa (dove flusce l ara d rpresa) sano rvestt d materale droflo che vene mantenuto bagnato. Il calore rlascato dal processo d adsorbmento del vapore ne canal d mandata vene ceduto attraverso le pastre metallche dello scambatore al materale droflo e all ara d rpresa, ottenendo un doppo rsultato: l contenmento della temperatura del materale adsorbente durante la deumdfcazone, e l potenzamento del processo d evaporazone dell acqua contenuta nel materale droflo. Nella successva fgura sono rappresentat schematcamente lo scambatore e suo canal. Come n tutt sstem basat su materal adsorbent, alla fase d deumdfcazone deve essere alternata la fase d rgenerazone, n cu l vapore vene asportato dal materale adsorbente, rportandolo alle condzon nzal. Nelle UTA DEC convenzonal tale alternanza è garantta dal movmento della ruota, tramte cu l materale essccante è posto n contatto alternatvamente con l ara esterna e l ara d rpresa. fgura 6: schema dello scambatore ECOS 8

13 Nel sstema n esame, che per le sue caratterstche deve essere necessaramente basato su uno scambatore statco, l alternanza delle fas è gestta tramte l controllo de fluss d ara, come charto nella seguente descrzone schematca delle fas del cclo d funzonamento dello scambatore. 1- Fase d deumdfcazone per adsorbmento raffreddato: l ara esterna flusce ne canal d mandata e vene deumdfcata per contatto con l materale adsorbente, l ara d rpresa flusce ne canal d rtorno e vene umdfcata per contatto con l materale droflo bagnato; s ha cessone d calore sensble tra canal d mandata e rpresa. - Rgenerazone: l ara esterna vene scaldata con una battera almentata da acqua calda e flusce ne canal d mandata. La bassssma umdtà relatva dell ara calda permette l desorbmento del vapore dal materale adsorbente. L ara esterna assorbe vapore e cede calore dventando umda e tepda, e vene espulsa. 3- Preraffreddamento: le condzon nzal del materale droflo sono rprstnate tramte un flusso d acqua nebulzzata mscelata con ara prelevata dall esterno, che ne agevola la dstrbuzone lungo canal d rpresa e sottrae calore a canal d mandata precedentemente scaldat nella fase d rgenerazone. Per garantre un funzonamento contnuo del sstema, è necessaro che almeno due scambator operno alternatvamente e n parallelo: la fase d deumdfcazone del prmo scambatore è contemporanea alle fas d rgenerazone e preraffreddamento del secondo. 9

14 .. L mpanto Il potenzale schema d mpanto basato su questa tecnologa è rportato n fgura 7 : nel funzonamento estvo lo scambatore ECOS può sostture la funzone d alcun component de sstem DEC convenzonal: la ruota essccante, l recuperatore rotatvo, l umdfcatore d rpresa e la battera fredda. Nel funzonamento nvernale l sstema può essere bypassato, utlzzando uncamente la battera d rgenerazone come battera calda. In alternatva s può sfruttare la presenza degl scambator ECOS per l recupero del calore dall ara d rpresa: come sarà spegato nel seguto, tal scambator sono caratterzzat da una resstenza termca elevata dovuta a rvestment non metallc, ma essendo scambator n controcorrente con grand superfc d scambo possono garantre un coeffcente d scambo termco complessvo suffcente a tale scopo. fgura 7: schema d UTA DEC con scambatore ECOS 10

15 3. Modellazone teorca e numerca dello scambatore Il calcolo delle prestazon dello scambatore ECOS e l suo dmensonamento ottmale, nonché l anals degl effett che dverse modaltà operatve hanno sull effcenza dello stesso, non può prescndere dalla modellazone teorca de compless fenomen fsc che avvengono all nterno de suo canal. S hanno, contemporaneamente e n manera nterconnessa, trasporto d massa e trasmssone d calore: adsorbmento e desorbmento, evaporazone e condensazone, convezone, conduzone, dffusone Approcco modulare Per analzzare tal fenomen s è scelto d utlzzare un approcco modulare, trascurando gl effett d bordo e potzzando qund che process relatv a una sngola coppa d canal adacent (mandata e rpresa) sano rappresentatv d cò che avvene nell ntero scambatore n controcorrente. S not che nel caso d scambator a fluss ncrocat tale semplfcazone non sarebbe possble. Con l ottmzzazone geometrca della coppa d canal s pervene al dmensonamento dello scambatore nel suo complesso, che a seconda della portata nomnale dell mpanto avrà un determnato numero d canal e una determnata area frontale. Sono state analzzate due potenzal verson d scambatore, che s dfferenzano per la presenza o meno d un alettatura snusodale all nterno de canal, con alette costtute d materale adsorbente o droflo a seconda del tpo d canale n cu sono nserte (mandata o rpresa), come mostrato n fgura 8. fgura 8: rappresentazone schematca delle due verson d scambatore consderate: con alettatura snusodale (a snstra) e standard (a destra) Lo scopo della duplce anals è d verfcare per mezzo del modello numerco l eventuale vantaggo prestazonale fornto dall alettatura, che permette d ncrementare le superfc d scambo con l ara, ma comporta una rduzone de coeffcent convettv d scambo termco e d massa. Sempre sulla base dell potes d modulartà, trascurando anche n questo caso lmtat effett d bordo e consderando una sngola coppa d canal adacent, s potzza che nella drezone perpendcolare al flusso d ara e parallela alle pastre dello scambatore, s abba nel prmo caso (canal alettat) la perodctà spazale de fenomen fsc, e nel secondo caso (canal non alettat) una costanza de valor delle grandezze d nteresse. Sulla base d tal potes, l oggetto della modellazone e ottmzzazone s rduce a un sngolo modulo, rappresentatvo dell ntero scambatore, rportato n fgura 9 con le sgle dentfcatve delle propre dmenson prncpal, e dentfcato con contorn blu, costtuto da poch element: 11

16 Nel caso d canal alettat s hanno l volume d ara d mandata contenuto tra l layer adsorbente pano e mezzo perodo (dmensone b) d snusode d layer adsorbente, l volume d ara d rpresa contenuto tra l layer droflo pano e mezzo perodo (b) d snusode d layer droflo gl element d layer pan, snusodal e lamera che costtuscono l contorno de fluss d ara analzzat Nel caso d canal non alettat s hanno l volume d ara d mandata d larghezza b e altezza par a metà spessore del canale l volume d ara d rpresa d larghezza b e altezza par a metà spessore del canale gl element d layer pan e lamera che separano fluss d ara analzzat La generca coppa d canal adacent è rappresentata nel modello teorco dello scambatore per mezzo d un determnato numero d tal modul, nteragent e post n sere fno a rappresentare l ntera lunghezza de canal. S potzza uno sfasamento tra layer snusodal ne due canal che non modfca la formulazone delle equazon graze all utlzzo d parametr concentrat, come charto nel successvo paragrafo. 1 Fgura 9: modul rappresentatvo delle due verson d canal consderate: con alettatura snusodale (a snstra) e standard (a destra)

17 Nel seguto s descrve n dettaglo l modello teorco relatvo allo scambatore con canal alettat (numercamente pù complesso). In un successvo e specfco paragrafo sono descrtte le modfche necessare per adattare tale modello alla versone non alettata. 3.. Parametr concentrat Un ulterore semplfcazone, dovuta dalla necesstà d rdurre la complesstà computazonale e gustfcata dalle dmenson rdotte del modulo consderato (nell ordne d poch mllmetr) consste nell adottare parametr concentrat: le grandezze caratterstche de fenomen fsc n esame, temperatura e umdtà specfca, sono medate e consderate costant (per ogn elemento del modulo) su tutta la sezone perpendcolare al flusso d ara. S consdera una smmetra d tal grandezze e la relatva condzone d adabatctà n corrspondenza della metà dello spessore de layer snusodal, d cu solo la metà a contatto con l flusso d ara analzzato rentra nella modellazone numerca degl scamb d massa e calore. Ne derva che l modulo n esame è caratterzzata da seguent 13 parametr concentrat: 1. ω am : umdtà specfca meda dell elemento d ara d mandata [kg/kg]. ωar: umdtà specfca meda dell elemento d ara d rpresa [kg/kg] 3. Wzs: contenuto specfco d acqua del layer adsorbente snusodale [kg/kg] 4. Wzp: contenuto specfco d acqua del layer adsorbente pano [kg/kg] 5. Ws: contenuto specfco d acqua del layer droflo snusodale [kg/kg] 6. Wp: contenuto specfco d acqua del layer droflo pano [kg/kg] 7. Tam: temperatura meda dell elemento d ara d mandata [ C] 8. Tar: temperatura meda dell elemento d ara d rpresa [ C] 9. Tmzs: temperatura meda dell elemento d layer adsorbente snusodale [ C] 10. Tmzp: temperatura meda dell elemento d layer adsorbente pano [ C] 11. Tms: temperatura meda dell elemento d layer droflo snusodale [ C] 1. Tmp: temperatura meda dell elemento d layer droflo pano [ C] 13. Tmlm: temperatura meda dell elemento d lamera [ C] 3.3. Semplfcazon fludodnamche Consderando dverse tagle de canal, cu valor del dametro draulco L sono nel range 1-5 mm, e una veloctà meda nomnale dell ara nel range m/s, s ottengono numer d Reynolds sempre e comunque corrspondent a condzon d moto completamente lamnare. S consderano l moto e fenomen d scambo termco e d massa come completamente svluppat, trascurando gl effett della entrance regon (fludodnamca e termca), la cu lunghezza può essere n cert cas percentualmente sgnfcatva rspetto alla lunghezza de canal n esame, ma l cu effetto postvo sul valore de coeffcent d scambo termco e d massa è lmtato al trascurable tratto nzale della stessa [3], ed è completamente compensato dall effetto negatvo dovuto alle tpche dsunformtà nelle dmenson de canal [4]. Nello specfco, la tpologa d scambatore consderato ha comunque un tratto nzale e fnale dove lo scambo termco tra canal è comunque lmtato e qund trascurato. S tratta l flusso come ncomprmble, e s gnorano le varazon d veloctà meda dell ara dovute alle fluttuazon d denstà a seguto d cambament d pressone (causat dalle perdte d carco), temperatura e umdtà specfca: l unca componente d veloctà (assale) è qund costante lungo l canale dello scambatore. 13

18 3.4. Ulteror potes alla base del modello monodmensonale 1. L umdtà adsorbta è n equlbro con l umdtà dell ara all nterfacca ara adsorbato. La stessa condzone vale per l nterfacca ara materale droflo. S assume coè la cosddetta Local Equlbrum Assumpton (LEA) [5] [6], e coè che a scala mcroscopca l processo d adsorbmento raggunga stantaneamente l equlbro. Senza addentrars nella descrzone de compless fenomen fsc che avvengono ne materal mcroporos, s sottolnea come l fenomeno d adsorbmento/desorbmento che avvene nel materale essccante (e analogamente quello d evaporazone/condensazone che avvene nel materale droflo) sa tpcamente descrtto attraverso funzon emprche, dette curve soterme, che caratterzzano l materale, e un relatvo calore sosterco d adsorbmento (o latente d condensazone) [7]. Tal curve, d cu s ha un esempo n fgura 5, fornscono la relazone tra condzon dell ara (temperatura e umdtà relatva) e condzon del materale (temperatura e contenuto specfco d acqua) all nterfacca ara-adsorbato (o condensato, nel caso dell droflo). Sulla base d queste funzon è possble qund determnare l umdtà specfca ω m dell ara all nterfacca con cascun layer, la cu dfferenza dall umdtà specfca meda dell ara costtusce l gradente necessaro alla dffusone del vapore da o verso layer: W = f ( f ); g( T, f ) g( T, f 1 m ωm = m m ωm = m ( W )); W è l contenuto specfco (o frazone massca) d acqua nel layer [kg/kg]; Tm è la temperatura del layer [ C]; f m è l umdtà relatva dell ara all nterfacca con l layer.. Il trasporto d massa e la trasmssone d calore tra layer e ara sono descrtt da coeffcent d scambo complessv. In alcun modell [8] relatv a materal adsorbent s assume che la teora della bassa veloctà d trasporto d massa sa valda, e che l numero d Bot sa suffcentemente pccolo (coè che la resstenza termca nel soldo sa trascurable rspetto a quella nel lato gas). Tal modell sono classfcat come Gas Sde Resstance (GSR), e ndcano che le resstenze al trasporto d massa e trasmssone d calore sono rconducbl a coeffcent relatv al flm tra la massa d ara (bulk) e la superfce d contatto ara-materale. Sotto tal potes, è possble dentfcare coeffcent d scambo complessv utlzzando l numero d Nusselt e l numero d Sherwood per l regme lamnare stazonaro completamente svluppato n condotto corrugato-snusodale. kml Sh = ; h t Nu = L ; D λ t 14 va Dove L : dametro draulco [m] λ a : conduttvtà termca dell ara [W/(m K)] Dva: dffusvtà d matera [m/s] a k m = Coeffcente d trasporto d massa [m/s] h = Coeffcente d scambo termco convettvo [W/(m K)] Nelle potes del caso, numer d Nusselt e Sherwood per condotto corrugato-snusodale sono reperbl n letteratura al varare del rapporto d forma della snusode (ampezza/perodo) [9] [10].

19 Nelle successve equazon l trasporto d massa convettvo è calcolato sulla base della dfferenza d umdtà specfca, s ntroduce qund un coeffcente d trasporto d massa modfcato per garantre la congruenza dmensonale delle equazon: h = ρ k m a m s ha nfatt: N = Akm( C1 C) M = Aρakm( ω1 ω) dove N è una portata massca n mol/s, M è una portata massca n kg/s, C sono concentrazon [mol/m3] e ω ndca l umdtà specfca [kg/kg]. 3. I fenomen d dffusone e conduzone termca assale (coè nella drezone del flusso dell ara) sono trascurabl, eccetto che per la conduzone lungo la lamera. 4. Il materale adsorbente è una mscela omogenea, e l eventuale materale legante o d supporto non ne modfca le caratterstche d adsorbmento. 5. Le varazon d pressone dovute alle perdte d carco sono trascurabl rspetto alla pressone assoluta Equazon d blanco Le equazon utlzzate per rappresentare fenomen fsc sono blanc d massa ed energa applcat a volum fnt rfert agl element del modulo n esame (canal dell ara, layer e lamera) come rappresentat n fgura 9: s applcano coè le equazon d conservazone n forma ntegrale a volum fnt che sono po utlzzat nella dscretzzazone numerca. In tal forme delle equazon d conservazone, termn d accumulo d una grandezza sono la rsultante de fluss della grandezza stessa attraverso la superfce del volume e d eventual sorgent (nel volume o sulla superfce). Sulla base delle potes semplfcatve precedentemente ndcate, s gunge alla formulazone delle seguent equazon, dove parametr concentrat ndcano un valore medo nel volume d controllo, coerentemente con l utlzzo della forma ntegrale delle equazon d conservazone. I termn con pedce n e out ndcano valor med sulla superfce attraverso cu avvene un flusso entrante o uscente della relatva grandezza. Blanco d massa relatvo al vapore Ara d mandata: ωam M am = [ m am ( ωam _ out ωam _ n ) + hm _ amzs Azs( ωam ωmzs ) + hm _ amzp Azp( ωam ωmzp )] 1) Ara d rpresa: ωar M ar = [ m ar ( ωar _ out ωar _ n ) + hm _ ars As( ωar ωms ) + hm _ arp Ap( ωar ωmp )] ) Il termne a snstra delle equazon 1) e ) costtusce l accumulo d vapore nel tempo, che è par all apporto massco dovuto al trasporto assale e allo scambo massco convettvo con due layer (snusodale s e pano p ) 15

20 Layer adsorbente snusodale Wzs M zs = hm _ amzs Azs( ωam ωmzs ) 3) Layer adsorbente pano Wzp M zp = hm _ amzp Azp( ωam ωmzp ) 4) Layer droflo snusodale Ws M s = hm _ ars As( ωar ωms ) 5) Layer droflo pano Wp M p = hm _ arp Ap( ωar ωmp ) 6) La varazone nel tempo d umdtà specfca de layer (termne a snstra delle equazone 3-6) è dovuta uncamente allo scambo massco convettvo con l ara: la dffusone n drezone assale del vapore nel materale è trascurata. Blanco d energa Il blanco entalpco vene espresso drettamente n termn d temperatura e calore specfco, poché quest ultmo è pratcamente costante per le lmtate varazon d temperatura consderate. Ara d mandata T cptot _ amm tot _ am am am am ( T T ) h Azs T T ) h Azp( T T ) = m cp 7) am _ out am _ n t _ amzs ( am mzs t _ amzp am mzp Ara d rpresa ( T T ) h As T T ) h Ap( T T ) Tar cptot _ arm tot _ ar = m arcpar ar _ out ar _ n t _ ars ( ar ms t _ arp ar mp 8) La varazone nel tempo della temperatura dell ara è l rsultato d un termne d trasporto e della trasmssone convettva perpendcolare al flusso. S not che la conduzone assale, così come la trasmssone d calore sensble dovuta al flusso d vapore tra zone a temperatura dversa, sono trascurate. Layer adsorbente snusodale Tmzs cptot _ zsm tot _ zs = Azs q [ h ω ) + h ( T T )] ads _ zs m _ amzs ( am mzs t _ amzs ω 9) am mzs Layer droflo snusodale Tms cptot _ sm tot _ s = As q [ h ω ) + h ( T T )] lat _ s m _ ars( ar ms t _ ars ω 10) ar ms 16

Relazione funzionale e statistica tra due variabili Modello di regressione lineare semplice Stima puntuale dei coefficienti di regressione

Relazione funzionale e statistica tra due variabili Modello di regressione lineare semplice Stima puntuale dei coefficienti di regressione 1 La Regressone Lneare (Semplce) Relazone funzonale e statstca tra due varabl Modello d regressone lneare semplce Stma puntuale de coeffcent d regressone Decomposzone della varanza Coeffcente d determnazone

Dettagli

Strutture deformabili torsionalmente: analisi in FaTA-E

Strutture deformabili torsionalmente: analisi in FaTA-E Strutture deformabl torsonalmente: anals n FaTA-E Il comportamento dsspatvo deale è negatvamente nfluenzato nel caso d strutture deformabl torsonalmente. Nelle Norme Tecnche cò vene consderato rducendo

Dettagli

Corrente elettrica e circuiti

Corrente elettrica e circuiti Corrente elettrca e crcut Generator d forza elettromotrce Intenstà d corrente Legg d Ohm esstenza e resstvtà esstenze n sere e n parallelo Effetto termco della corrente Legg d Krchhoff Corrente elettrca

Dettagli

Corso di laurea in Ingegneria Meccatronica. DINAMICI CA - 04 ModiStabilita

Corso di laurea in Ingegneria Meccatronica. DINAMICI CA - 04 ModiStabilita Automaton Robotcs and System CONTROL Unverstà degl Stud d Modena e Reggo Emla Corso d laurea n Ingegnera Meccatronca MODI E STABILITA DEI SISTEMI DINAMICI CA - 04 ModStablta Cesare Fantuzz (cesare.fantuzz@unmore.t)

Dettagli

Progetto Lauree Scientifiche. La corrente elettrica

Progetto Lauree Scientifiche. La corrente elettrica Progetto Lauree Scentfche La corrente elettrca Conoscenze d base Forza elettromotrce Corrente Elettrca esstenza e resstvtà Legge d Ohm Crcut 2 Una spra d rame n equlbro elettrostatco In un crcuto semplce

Dettagli

LA COMPATIBILITA tra due misure:

LA COMPATIBILITA tra due misure: LA COMPATIBILITA tra due msure: 0.4 Due msure, supposte affette da error casual, s dcono tra loro compatbl quando la loro dfferenza può essere rcondotta ad una pura fluttuazone statstca attorno al valore

Dettagli

Unità Didattica N 25. La corrente elettrica

Unità Didattica N 25. La corrente elettrica Untà Ddattca N 5 : La corrente elettrca 1 Untà Ddattca N 5 La corrente elettrca 01) Il problema dell elettrocnetca 0) La corrente elettrca ne conduttor metallc 03) Crcuto elettrco elementare 04) La prma

Dettagli

La rappresentazione dei numeri. La rappresentazione dei numeri. Aritmetica dei calcolatori. La rappresentazione dei numeri

La rappresentazione dei numeri. La rappresentazione dei numeri. Aritmetica dei calcolatori. La rappresentazione dei numeri Artmetca de calcolator Rappresentazone de numer natural e relatv Addzone e sommator: : a propagazone d rporto, veloce, con segno Moltplcazone e moltplcator: senza segno, con segno e algortmo d Booth Rappresentazone

Dettagli

UNA RASSEGNA SUI METODI DI STIMA DEL VALUE

UNA RASSEGNA SUI METODI DI STIMA DEL VALUE UNA RASSEGNA SUI METODI DI STIMA DEL VALUE at RISK (VaR) Chara Pederzol - Costanza Torrcell Dpartmento d Economa Poltca - Unverstà degl Stud d Modena e Reggo Emla Marzo 999 INDICE Introduzone. Il concetto

Dettagli

5. Il lavoro di un gas perfetto

5. Il lavoro di un gas perfetto 5. Il lavoro d un gas perfetto ome s esprme l energa nterna d un gas perfetto? Un gas perfetto è l sstema pù semplce che possamo mmagnare: le nterazon a dstanza fra le molecole sono così debol da essere

Dettagli

Relazioni tra variabili: Correlazione e regressione lineare

Relazioni tra variabili: Correlazione e regressione lineare Dott. Raffaele Casa - Dpartmento d Produzone Vegetale Modulo d Metodologa Spermentale Febbrao 003 Relazon tra varabl: Correlazone e regressone lneare Anals d relazon tra varabl 6 Produzone d granella (kg

Dettagli

Metodologia di controllo. AUTORIMESSE (III edizione) Codice attività: 63.21.0. Indice

Metodologia di controllo. AUTORIMESSE (III edizione) Codice attività: 63.21.0. Indice Metodologa d controllo AUTORIMESSE (III edzone) Codce attvtà: 63.21.0 Indce 1. PREMESSA... 2 2. ATTIVITÀ PREPARATORIA AL CONTROLLO... 3 2.1 Interrogazon dell Anagrafe Trbutara... 3 2.2 Altre nterrogazon

Dettagli

Misura della distanza focale. di una lente convergente. Metodo di Bessel

Misura della distanza focale. di una lente convergente. Metodo di Bessel Zuccarello Francesco Laboratoro d Fsca II Msura della dstanza focale d una lente convergente Metodo d Bessel A.A. 003-004 Indce Introduzone..pag. 3 Presuppost Teorc.pag. 4 Anals de dat.pag. 8. Modo d operare...pag.

Dettagli

COMUNICAZIONE AI GRUPPI DI LAVORO SIDEA (13/09/02) LE CONDIZIONI DI OTTIMALITÀ PER LA DETERMINAZIONE DELLE CATTURE DI PESCE

COMUNICAZIONE AI GRUPPI DI LAVORO SIDEA (13/09/02) LE CONDIZIONI DI OTTIMALITÀ PER LA DETERMINAZIONE DELLE CATTURE DI PESCE COMUNICAZIONE AI GRUPPI DI LAVORO SIDEA (13/9/2) ECONOMIA E POLITICA DEL SETTORE ITTICO 1.INTRODUZIONE. LE CONDIZIONI DI OTTIMALITÀ PER LA DETERMINAZIONE DELLE CATTURE DI PESCE (una applcazone ad un contesto

Dettagli

Argomenti. Misure di corrente elettrica continua, di differenza di potenziale e di resistenza elettrica.

Argomenti. Misure di corrente elettrica continua, di differenza di potenziale e di resistenza elettrica. ppunt per l corso d Laboratoro d Fsca per le Scuole Superor rgoent Msure d corrente elettrca contnua, d dfferenza d potenzale e d resstenza elettrca. Struent d sura: prncp d funzonaento. Coe s effettuano

Dettagli

Leggere i dati da file

Leggere i dati da file Esempo %soluzon d una equazone d secondo grado dsp('soluzon d a^+b+c') anput('damm l coeffcente a '); bnput('damm l coeffcente b '); cnput('damm l coeffcente c '); deltab^-4*a*c; f delta0 dsp('soluzon

Dettagli

CONTO CONSUNTIVO PER L'ESERCIZIO FINANZIARIO 2012 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO

CONTO CONSUNTIVO PER L'ESERCIZIO FINANZIARIO 2012 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO DIREZIONE DIDATTICA DEL 4 CIRCOLO DI FORLI' Va Gorgna Saff, n.12 Tel 0543/33345 fax 0543/458861 C.F. 80004560407 CM FOEE00400B e-mal foee00400b@struzone.t - posta cert.: foee00400b@pec.struzone.t sto web:

Dettagli

CIRCUITI DI IMPIEGO DEI DIODI

CIRCUITI DI IMPIEGO DEI DIODI UT D MPEGO DE DOD addrzzare ad na seonda. l crcto pù seplce, che pega l dodo coe raddrzzatore d na tensone alternata, è rappresentato n Fg.. n esso n generatore deale d tensone alternata l c valore stantaneo

Dettagli

ELABORAZIONE DI SEGNALI E IMMAGINI

ELABORAZIONE DI SEGNALI E IMMAGINI Fltraggo d un segnale EABORAZIOE DI SEGAI E IAGII. Bertero P. Boccacc bertero@ds.unge.t boccacc@ds.unge.t Al ne d glorare la qualtà d un segnale dgtale una tecnca d prara portanza è l ltraggo. Con l quale

Dettagli

Nadia Garbellini. L A TEX facile. Guida all uso

Nadia Garbellini. L A TEX facile. Guida all uso Nada Garbelln L A TEX facle Guda all uso 2010 Nada Garbelln L A TEX facle Guda all uso seconda edzone rveduta e corretta 2010 PRESENTAZIONE L amca e brava Nada Garbelln, autrce d questa bella e semplce

Dettagli

CINEMATICA DEL CORPO RIGIDO

CINEMATICA DEL CORPO RIGIDO INEMTI DE ORPO RIGIDO o tudo della geometra degl potament de punt d un tema materale potzzato come rgdo rentra n quella parte della Meccanca laca che è la nematca. a cnematca tuda pobl movment d un corpo

Dettagli

ARGOMENTO: MISURA DELLA RESISTENZA ELETTRICA CON IL METODO VOLT-AMPEROMETRICO.

ARGOMENTO: MISURA DELLA RESISTENZA ELETTRICA CON IL METODO VOLT-AMPEROMETRICO. elazoe d laboratoro d Fsca corso M-Z Laboratoro d Fsca del Dpartmeto d Fsca e Astrooma dell Uverstà degl Stud d Cataa. Scala Stefaa. AGOMENTO: MSUA DELLA ESSTENZA ELETTCA CON L METODO OLT-AMPEOMETCO. NTODUZONE:

Dettagli

PREFAZIONE. di Giuseppe Berto

PREFAZIONE. di Giuseppe Berto , PREFAZIONE d Guseppe Berto RICORDO DEL TERRAGLIO Quand'ero govane, e la vogla d grare l mondo m spngeva n terre lontane, a ch m chedeva notze del mo paese, rspondevo: l mo paese è una strada. In effett,

Dettagli

I vettori. a b. 180 α B A. Un segmento orientato è un segmento su cui è stato fissato un verso. di percorrenza, da verso oppure da verso.

I vettori. a b. 180 α B A. Un segmento orientato è un segmento su cui è stato fissato un verso. di percorrenza, da verso oppure da verso. I vettor B Un segmento orentto è un segmento su cu è stto fssto un verso B d percorrenz, d verso oppure d verso. A A Il segmento orentto d verso è ndcto con l smolo. Due segment orentt che hnno l stess

Dettagli

Indici di Posizione. Gli indici si posizione sono misure sintetiche ( valori caratteristici ) che descrivono la tendenza centrale di un fenomeno

Indici di Posizione. Gli indici si posizione sono misure sintetiche ( valori caratteristici ) che descrivono la tendenza centrale di un fenomeno Idc d Poszoe Gl dc s poszoe soo msure stetche ( valor caratterstc ) che descrvoo la tedeza cetrale d u feomeo La tedeza cetrale è, prma approssmazoe, la modaltà della varable verso la quale cas tedoo a

Dettagli

Il MINISTRO DELLA GIUSTIZIA di concerto con IL MINISTRO DEI LAVORI PUBBLICI

Il MINISTRO DELLA GIUSTIZIA di concerto con IL MINISTRO DEI LAVORI PUBBLICI Corrispettivi delle attività di progettazione e delle altre attività ai sensi dell articolo 17, comma 14 bis, della legge 11 febbraio 1994 n.109 e successive modifiche. l MNSTRO DELLA GUSTZA di concerto

Dettagli

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici Stm e putual Probabltà e Statstca I - a.a. 04/05 - Stmator Vocabolaro Popolazoe: u seme d oggett sul quale s desdera avere Iformazo. Parametro: ua caratterstca umerca della popolazoe. E u Numero fssato,

Dettagli

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti Gorgo Lambert Pag. Dmostrazoe della Formula per la determazoe del umero d dvsor-test d prmaltà, d Gorgo Lambert Eugeo Amtrao aveva proposto l'dea d ua formula per calcolare l umero d dvsor d u umero, da

Dettagli

come si tiene conto della limitazione d ampiezza e di velocità come si tiene conto della limitazione di frequenza come si tiene conto degli offset

come si tiene conto della limitazione d ampiezza e di velocità come si tiene conto della limitazione di frequenza come si tiene conto degli offset 8a resentazone della lezone 8 /6 Obettv come s tene conto della lmtazone d ampezza e d veloctà come s tene conto della lmtazone d reqenza come s tene conto degl oset 8a saper preved. col calcolo l nlenza

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

Esercitazione IX - Calorimetria

Esercitazione IX - Calorimetria Esercitazione IX - Calorimetria Esercizio 1 Un blocco di rame di massa m Cu = 5g si trova a una temperatura iniziale T i = 25 C. Al blocco viene fornito un calore Q = 120J. Determinare la temperatura finale

Dettagli

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA 1 Specifiche tecniche WFC-SC 10, 20 & 30 Ver. 03.04 SERIE WFC-SC. SEZIONE 1: SPECIFICHE TECNICHE 1 Indice Ver. 03.04 1. Informazioni generali Pagina 1.1 Designazione

Dettagli

tramite della Segreteria della scuola), trasmissione dei verbali e degli atti al

tramite della Segreteria della scuola), trasmissione dei verbali e degli atti al L verbae n"..8j... Ogg, se marzo duemaqundc, ae ore 13.00, s è runta nea sede d questa sttuzone Scoastca a commssone Eettorae così composta RBEZZO ASSUNTA Presdente; VAL SABNA Segretaro, FATORELLO GAMPETRO

Dettagli

Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE

Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE Sommario Premessa Movimentazione Installazione Manutenzione Avvertenze 2 Premessa 3

Dettagli

PROCESSI CASUALI. Segnali deterministici e casuali

PROCESSI CASUALI. Segnali deterministici e casuali POCESSI CASUALI POCESSI CASUALI Segnal deermnsc e casual Un segnale () s dce DEEMIISICO se è una funzone noa d, coè se, fssao un qualunque sane d empo o, l valore ( o ) assuno dal segnale è noo con esaezza

Dettagli

Liste di specie e misure di diversità

Liste di specie e misure di diversità Lte d pece e mure d dvertà Carattertche delle lte d pece I dat ono par, coè hanno molt valor null (a volte la maggoranza!) La gran parte delle pece preent è rara. I fattor ambental che nfluenzano la dtrbuzone

Dettagli

ISOTOPI LA SICUREZZA NON VA VISTA COME UN IMPEDIMENTO A SVOLGERE LA PROPRIA ATTIVITA, MA DIVENTA PARTE INTEGRANTE DELL ATTIVITA STESSA

ISOTOPI LA SICUREZZA NON VA VISTA COME UN IMPEDIMENTO A SVOLGERE LA PROPRIA ATTIVITA, MA DIVENTA PARTE INTEGRANTE DELL ATTIVITA STESSA LA SCUREZZA NON VA VSTA COME UN MPEDMENTO A SVOLGERE LA PROPRA ATTVTA, MA DVENTA PARTE NTEGRANTE DELL ATTVTA STESSA Dott.ssa Benedetta Persechino - SPESL - DML 1895 SCOPERTA DE RAGG X RADOATTVTA PROPRETA

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

w w w. a x i o s i t a l i a. c o m

w w w. a x i o s i t a l i a. c o m w w w. a x o t a l a. c o m SISSIWEB AXIOS SIDI INVIO SMS INVIO EMAIL ACQUISIZIONE ASSENZE - DA SCANNER - DA PALMARE C/C POSTALE E BANCARIO DICHIARAZIONE DEI SERVIZI GESTIONE ORARIA DEL PERSONALE PRIVACY

Dettagli

Esercizi e Problemi di Termodinamica.

Esercizi e Problemi di Termodinamica. Esercizi e Problemi di Termodinamica. Dr. Yves Gaspar March 18, 2009 1 Problemi sulla termologia e sull equilibrio termico. Problema 1. Un pezzetto di ghiaccio di massa m e alla temperatura di = 250K viene

Dettagli

Trasmissione del suono attraverso una parete. Prof. Ing. Cesare Boffa

Trasmissione del suono attraverso una parete. Prof. Ing. Cesare Boffa Trasmissione del suono attraverso una parete Prof. ng. Cesare offa W t W i scoltatore W r orgente W a La frazione di energia trasmessa dalla parete è data dal fattore di trasmissione t=w t /W i. Più spesso

Dettagli

M A G N E T I C I G E N E R A L I T A'

M A G N E T I C I G E N E R A L I T A' S C H E R M I M A G N E T I C I G E N E R A L I T A' Gli schermi magnetici hanno la funzione di proteggere oggetti sensibili dall'aggressione magnetica esterna. Questi schermi possono essere suddivisi

Dettagli

1. Integrazione di funzioni razionali fratte

1. Integrazione di funzioni razionali fratte . Integazone d fnzon azonal fatte P S songa d vole calcolae n ntegale del to: d Q ove P e Q sono olno nell ndetenata d gado assegnato. Sonao ce: P a n n a n n a a Q b b b b oleent s etod d ntegazone I

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO 1 Impianti di Climatizzazione e Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO Premessa Gli impianti sono realizzati con lo scopo di mantenere all interno degli ambienti confinati condizioni

Dettagli

6 DINAMICA DEI SISTEMI DI PUNTI MATERIALI

6 DINAMICA DEI SISTEMI DI PUNTI MATERIALI 6 DINAMICA DEI SISTEMI DI PUNTI MATERIALI Consdeao un sstea d n unt ateal con n > nteagent ta loo e con l esto dell unveso. Nello studo d un tale sstea sulta convenente scooe la foza agente ( et) sull

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Un conduttore ideale all equilibrio elettrostatico ha un campo elettrico nullo al suo interno. Cosa succede se viene generato un campo elettrico diverso da zero al suo

Dettagli

Impianti di climatizzazione

Impianti di climatizzazione Corso di IPIANTI TECNICI per l EDILIZIAl Impianti di climatizzazione Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it IPIANTI DI CLIATIZZAZIONE Impianti di climatizzazione

Dettagli

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA CENTRIFUGAZIONE La centrifugazione è un processo che permette di separare una fase solida immiscibile da una fase liquida o due liquidi

Dettagli

Corrente elettrica (regime stazionario)

Corrente elettrica (regime stazionario) Corrente elettrica (regime stazionario) Metalli Corrente elettrica Legge di Ohm Resistori Collegamento di resistori Generatori di forza elettromotrice Metalli Struttura cristallina: ripetizione di unita`

Dettagli

LA LEGGE DI OHM La verifica sperimentale della legge di Ohm

LA LEGGE DI OHM La verifica sperimentale della legge di Ohm Laboratorio di.... Scheda n. 2 Livello: Base A.S.... Classe. NOME..... DATA... Prof.... LA LEGGE D OHM La verifica sperimentale della legge di Ohm Conoscenze - Conoscere la legge di Ohm - Conoscere lo

Dettagli

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA 1 esercizi in corrente continua completamente svolti ESERCIZI DI ELETTROTECNICA IN CORRENTE CONTINUA ( completamente svolti ) a cura del Prof. Michele ZIMOTTI 1 2 esercizi in corrente continua completamente

Dettagli

Unità 2 Inviluppo di volo secondo le norme F.A.R. 23

Unità 2 Inviluppo di volo secondo le norme F.A.R. 23 Untà Invlupp d vl secnd le nrme F.A.R. 3.1 Il dgrmm d mnvr Cn rferment qunt rprtt nel prgrf 1.4 dell precedente Untà s può scrvere: n f z L 1 ρscl 1 ρs CL v ( cs t) C v L uest sgnfc che per un dt qut (ρ)

Dettagli

STATISTICA Lezioni ed esercizi

STATISTICA Lezioni ed esercizi Uverstà d Toro QUADERNI DIDATTICI del Dpartmeto d Matematca MARIA GARETTO STATISTICA Lezo ed esercz Corso d Laurea Botecologe A.A. / Quadero # Novembre M. Garetto - Statstca Prefazoe I questo quadero

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata

Università di Roma Tor Vergata Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Corso di: TERMOTECNICA 1 IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE Ing. G. Bovesecchi gianluigi.bovesecchi@gmail.com 06-7259-7127

Dettagli

Cos è una. pompa di calore?

Cos è una. pompa di calore? Cos è una pompa di calore? !? La pompa di calore aria/acqua La pompa di calore (PDC) aria-acqua è una macchina in grado di trasferire energia termica (calore) dall aria esterna all acqua dell impianto

Dettagli

Se il flusso termico specifico fornito dalla resistenza elettrica è

Se il flusso termico specifico fornito dalla resistenza elettrica è Transitorio termico per un Ferro da stiro (esercizio 5.9 di Fundamentals of Heat and Mass Transfer, F.P. Incropera, D.P. Dewitt, T.L. Bergman, A.S. Lavine, 6th Edition, Wiley, 2007. La piastra di un ferro

Dettagli

Dental Buyer Club - Corso Milano 23, 20090 Monza (MB) info@dentalbuyerclub.com - IVA 08937120965 PRIVACY POLICY

Dental Buyer Club - Corso Milano 23, 20090 Monza (MB) info@dentalbuyerclub.com - IVA 08937120965 PRIVACY POLICY PRIVACY POLICY Dental Buyer Club S.r.l. rispeta la privacy dei suoi visitatori. La salvaguardia della riservatezza dei dat personali dei nostri client e delle persone con le quali entriamo in contato è

Dettagli

Isolamento termico dall interno senza barriera al vapore

Isolamento termico dall interno senza barriera al vapore Versione 1 settembre 2013 Isolamento termico dall interno senza barriera al vapore via Savona 1/B, 20144 Milano - tel 02 89415126 - fax 02 58104378 - info@anit.it Tutti i diritti sono riservati. Nessuna

Dettagli

IIIEGIOEE S1(ìrL1.fiNA IL DIRIGENTE GENERALE

IIIEGIOEE S1(ìrL1.fiNA IL DIRIGENTE GENERALE REPBBLCA TALANA Doo. N, 7 gšfl- n.a.r. [../', 1- EGOEE S1(ìrL1.fiNA AS SES SORATO REGONALE DEl..L.'ENERGA E DE SERVZ D PUBBLCA UTLTÀ DPARTMENTO REGONALE DE.,'ACQUA E DE RFUT ui', L DRGENTE GENERALE VSTO

Dettagli

Unità fan coil. Dati Tecnici EEDIT12-400

Unità fan coil. Dati Tecnici EEDIT12-400 Unità fan coil Dati Tecnici EEDIT12-400 FWL-DAT FWM-DAT FWV-DAT FWL-DAF FWM-DAF FWV-DAF Unità fan coil Dati Tecnici EEDIT12-400 FWL-DAT FWM-DAT FWV-DAT FWL-DAF FWM-DAF FWV-DAF Indice Indice Unità tipo

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con gestione remota tramite APP IT 01. Ecoenergia. Idee da installare

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con gestione remota tramite APP IT 01. Ecoenergia. Idee da installare ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con gestione remota tramite APP IT 01 Ecoenergia Idee da installare La pompa di calore Eco Hot Water TEMP La pompa di calore a basamento Eco Hot

Dettagli

ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA

ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA Quado s vuole valutare u parametro θ ad esempo: meda, varaza, proporzoe, oeffete d regressoe leare, oeffete d orrelazoe leare, e) d ua popolazoe medate u ampoe asuale,

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

CAPITOLO 18 STABILITÀ DEI PENDII

CAPITOLO 18 STABILITÀ DEI PENDII Captolo 8 CAPITOLO 8 8. Frae 8.. Fattor e cause de movmet fraos Per fraa s tede u rapdo spostameto d ua massa d rocca o d terra l cu cetro d gravtà s muove verso l basso e verso l estero. I prcpal fattor

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

Recuperatore di calore compatto CRE-R. pag. E-22

Recuperatore di calore compatto CRE-R. pag. E-22 pag. E- Descrizione Recuperatore di calore compatto con configurazione attacchi fissa (disponibili 8 varianti. Cassa autoportante a limitato sviluppo verticale con accesso laterale per operazioni d ispezione/manutenzione.

Dettagli

Curve di risonanza di un circuito

Curve di risonanza di un circuito Zuccarello Francesco Laboratorio di Fisica II Curve di risonanza di un circuito I [ma] 9 8 7 6 5 4 3 0 C = 00 nf 0 5 0 5 w [KHz] RLC - Serie A.A.003-004 Indice Introduzione pag. 3 Presupposti Teorici 5

Dettagli

T12 Oneri per Competenze Stipendiali

T12 Oneri per Competenze Stipendiali T12 Oneri per Competenze Stipendiali Qualifica MENSLT' STPENO..S. R.../ PROGR. ECONOMC NZNT' TRECESM MENSLT' RRETRT NNO CORRENTE RRETRT PER NN PRECEDENT RECUPER PER RTR SSENZE ECC. mporto Totale N Mesi

Dettagli

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H 1. Aria compressa e attacco idraulico Fluido in pressione Azionamento Aria compressa,

Dettagli

Circuiti in Corrente Continua (direct current=dc) RIASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica Il Potenziale Elettrico La legge di Ohm Il

Circuiti in Corrente Continua (direct current=dc) RIASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica Il Potenziale Elettrico La legge di Ohm Il Circuiti in Corrente Continua direct currentdc ASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica l Potenziale Elettrico La legge di Ohm l resistore codice dei colori esistenze in serie ed in parallelo

Dettagli

Calcolo delle linee elettriche a corrente continua

Calcolo delle linee elettriche a corrente continua Calcolo delle linee elettriche a corrente continua Il calcolo elettrico delle linee a corrente continua ha come scopo quello di determinare la sezione di rame della linea stessa e la distanza tra le sottostazioni,

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

Elegant ECM. La serie è composta da 12 modelli: la versione RE-ECM, Condizionatore Pensile

Elegant ECM. La serie è composta da 12 modelli: la versione RE-ECM, Condizionatore Pensile Elegant ECM Condizionatore Pensile I condizionatori Elegant ECM Sabiana permettono, con costi molto contenuti, di riscaldare e raffrescare piccoli e medi ambienti, quali negozi, sale di esposizione, autorimesse,

Dettagli

Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico

Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico Ventilconvettori Cassette Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico Se potessi avere il comfort ideale con metà dei consumi lo sceglieresti? I ventilconvettori Cassette SkyStar

Dettagli

L EQUILIBRIO CHIMICO

L EQUILIBRIO CHIMICO EQUIIBRIO CHIMICO Molte reazioni chimiche possono avvenire in entrambe i sensi: reagenti e prodotti possono cioè scambiarsi fra di loro; le reazioni di questo tipo vengono qualificate come reazioni reversibili.

Dettagli

>> Investimento redditizio >> Fino al 70% di risparmio energetico >> Rispetto dell ambiente

>> Investimento redditizio >> Fino al 70% di risparmio energetico >> Rispetto dell ambiente SOLARE BIOMASSA POMPE DI CALORE CONDENSAZIONE Alezio POMPA DI CALORE ARIA/ACQUA EASYLIFE Facilità di utilizzo: da oggi è possibile! >> Investimento redditizio >> Fino al 70% di risparmio energetico >>

Dettagli

REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA

REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA Unita' di climatizzazione autonoma con recupero calore passivo efficienza di recupero > 50% e recupero di calore attivo riscaldamento, raffrescamento e ricambio aria

Dettagli

Equilibrio Termico tra Due Corpi

Equilibrio Termico tra Due Corpi Equilibrio Termico tra Due Corpi www.lepla.eu OBIETTIVO L attività ha l obiettivo di fare acquisire allo sperimentatore la consapevolezza che: 1 il raggiungimento dell'equilibrio termico non è istantaneo

Dettagli

Sistemi SET FREE 5-8 - 10-16 - 20 -

Sistemi SET FREE 5-8 - 10-16 - 20 - Sistemi SET FREE 5-8 - 10-16 - 20 - La gaa più completa di Sistemi VRF Esclusivo compressore HITACHI SCROLL ad Alta Pressione, garanzia di elevata resa e grande affidabilità nel tempo Scambiatori di calore

Dettagli

REQUISITI DI SICUREZZA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI R. Paciucci E. Ragno Servizio sicurezza e protezione - CNR

REQUISITI DI SICUREZZA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI R. Paciucci E. Ragno Servizio sicurezza e protezione - CNR REQUISITI DI SICUREZZA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI R. P E. R Svz szz pz - CNR L f sh s s mp pph ; p è pps pm pssbà p sss è ss vs, s s mp mq sz, ; s (, svh.) pss ss s z. I sh ss s spsv è sfvm fz m pph s p:

Dettagli

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t;

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t; CAPITOLO CIRCUITI IN CORRENTE CONTINUA Definizioni Dato un conduttore filiforme ed una sua sezione normale S si definisce: Corrente elettrica i Q = (1) t dove Q è la carica che attraversa la sezione S

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

Le prestazioni delle pompe di calore: aspetti normativi e legislativi CENTRALI FRIGORIFERE NUOVE TECNOLOGIE E RISPARMIO ENERGETICO

Le prestazioni delle pompe di calore: aspetti normativi e legislativi CENTRALI FRIGORIFERE NUOVE TECNOLOGIE E RISPARMIO ENERGETICO CENTRALI FRIGORIFERE NUOVE TECNOLOGIE E RISPARMIO ENERGETICO Cagliari 8 maggio 2014 Prof. Ing. Carlo Bernardini SEER e SCOP Metodi di prova, valutazione a carico parziale e calcolo del rendimento stagionale

Dettagli

Cos è uno scaricatore di condensa?

Cos è uno scaricatore di condensa? Cos è uno scaricatore di condensa? Una valvola automatica di controllo dello scarico di condensa usata in un sistema a vapore Perchè si usa uno scaricatore di condensa? Per eliminare la condensa ed i gas

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 MANUALE D ISTRUZIONE SEMPLIFICATO La centralina elettronica FAR art. 9600-9612-9613 è adatta all utilizzo su impianti di riscaldamento dotati di valvola

Dettagli

Protezione dai contatti indiretti

Protezione dai contatti indiretti Protezione dai contatti indiretti Se una persona entra in contatto contemporaneamente con due parti di un impianto a potenziale diverso si trova sottoposto ad una tensione che può essere pericolosa. l

Dettagli

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente Unità G16 - La corrente elettrica continua La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente 1 Lezione 1 - La corrente elettrica

Dettagli

Rexroth Pneumatics. Cilindro senz asta Cilindri senza stelo. Pressione di esercizio min/max Temperatura ambiente min./max.

Rexroth Pneumatics. Cilindro senz asta Cilindri senza stelo. Pressione di esercizio min/max Temperatura ambiente min./max. Rexroth Pneumatics 1 Pressione di esercizio min/max 2 bar / 8 bar Temperatura ambiente min./max. -10 C / +60 C Fluido Aria compressa Dimensione max. particella 5 µm contenuto di olio dell aria compressa

Dettagli

Meteo Varese Moti verticali dell aria

Meteo Varese Moti verticali dell aria Movimento verticale dell aria Le masse d aria si spostano prevalentemente lungo direzioni orizzontali a seguito delle variazioni della pressione atmosferica. I movimenti più importanti sono però quelli

Dettagli

DIODO E RADDRIZZATORI DI PRECISIONE

DIODO E RADDRIZZATORI DI PRECISIONE OO E AZZATO PECSONE raddrzzar ( refcar) sn crcu mpega per la rasfrmazne d segnal bdreznal n segnal undreznal. Usand, però, dd per raddrzzare segnal, s avrà l svanagg d nn per raddrzzare segnal la cu ampezza

Dettagli

12. LO SCAMBIO TERMICO PER CONVEZIONE

12. LO SCAMBIO TERMICO PER CONVEZIONE 12. LO SCAMBIO TERMICO PER CONVEZIONE 12.1 Introduzione Una seconda modalità di trasmissione del calore, detta convezione termica, ha luogo quando almeno uno dei due corpi che si scambiano calore è un

Dettagli

Sistemi di trattamento aria per impianti radianti

Sistemi di trattamento aria per impianti radianti Sistemi di trattamento aria per impianti radianti Da trent anni lavoriamo in un clima ideale. Un clima che ci ha portato ad essere leader in Italia nel riscaldamento e raffrescamento radianti e ad ottenere,

Dettagli

Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici

Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici RISCALDATORI DI ACQUA IBRIDI LOGITEX LX AC, LX AC/M, LX AC/M+K Gamma di modelli invenzione brevettata Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici Catalogo dei prodotti Riscaldatore dell acqua Logitex

Dettagli

Alberi di copertura minimi

Alberi di copertura minimi Albr d coprtur mnm Sommro Albr d coprtur mnm pr grf pst Algortmo d Kruskl Algortmo d Prm Albro d coprtur mnmo Un problm d notvol mportnz consst nl dtrmnr com ntrconnttr fr d loro dvrs lmnt mnmzzndo crt

Dettagli