Interpolazione. Davide Manca Calcoli di Processo dell Ingegneria Chimica Politecnico di Milano

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Interpolazione. Davide Manca Calcoli di Processo dell Ingegneria Chimica Politecnico di Milano"

Transcript

1 L4 Iterpolazioe L4

2 Prologo Co iterpolazioe si itede il processo di idividuare ua fuzioe, spesso u poliomio, che passi per u isieme dato di puti: (x,y). y x L4 2

3 Fii dell iterpolazioe 1. Sostituire u isieme dato di puti {(x i,y i )} co ua fuzioe aalitica. 2. Approssimare ua fuzioe co ua più semplice. Tipicamete si utilizza u poliomio o ua serie di poliomi a tratti. Ua volta idividuata la fuzioe aalitica passate per l isieme di puti è possibile calcolare il valore della fuzioe stessa i u uovo puto itero all itervallo. Tale azioe è detta: iterpolazioe. Se viceversa si desidera cooscere il valore della fuzioe i u puto estero agli estremi di iterpolazioe tale operazioe viee defiita: estrapolazioe. N.B.: soprattutto quado si lavora co poliomi iterpolati l operazioe di estrapolazioe è molto pericolosa i quato può portare alla stima di valori completamete scorretti. Si pesi ifatti che per valori sufficietemete gradi della variabile idipedete x la fuzioe y tede comuque all ifiito. L4 3

4 Fii dell iterpolazioe 1. Sostituire u isieme dato di puti {(x i,y i )} co ua fuzioe aalitica I dati putuali possoo proveire da ua classe di fuzioi, ad esempio: p( x) = a + ae + a e + + a e x 2x x L obiettivo è quello di idividuare la fuzioe membro della classe summezioata tramite la determiazioe dei coefficieti {a j } basadosi sui puti assegati. Si può desiderare di cooscere il valore di ua fuzioe di cui soo oti dei valori tabulati i u puto diverso o tabulato (vedi look-up tables). Si può desiderare, dato u isieme di puti, di idividuare la curva che passi per tali puti e che sia piacevole alla vista. Vedi il caso della grafica a computer (curve di Bezier, ). L4 4

5 Fii dell iterpolazioe 2. Approssimare ua fuzioe co ua più semplice Avere a disposizioe ua fuzioe più semplice di quella di parteza, tipicamete u poliomio, permette di semplificare certe operazioi quali la derivazioe o l itegrazioe. Ad esempio si pesi di dover calcolare la quatità: I = 1 0 dx 1 si 3 log x 1+ x se però si riesce ad idividuare u poliomio o ua serie di poliomi a tratti i grado di approssimare la fuzioe itegrada tramite iterpolazioe è possibile calcolare aaliticamete il valore approssimato dell itegrale. L4 5

6 Nota storica I primi esempi di iterpolazioe, ella storia dell umaità, datao itoro al 300 A.C.. I babiloesi ed i greci ifatti utilizzavao o solo formule lieari ma ache forme più complicate per l iterpolazioe delle orbite solari, luari e plaetarie. Ipparco di Rodi, el 150 A.C., utilizzò ua iterpolazioe lieare per costruire ua fuzioe corda, simile alla siusoide, per calcolare la posizioe dei corpi celesti. Nel 650 D.C., il matematico ed astroomo Brahmagupta itrodusse u metodo di iterpolazioe del secodo ordie per la fuzioe seo. Successivamete propose ache u metodo per iterpolare puti o equispaziati. La avigazioe oceaica è sempre stata ua delle attività che più ha richiesto gli esiti dell iterpolazioe per la determiazioe della latitudie e logitudie. Newto iiziò a lavorare sulla teoria dell iterpolazioe classica el Nel 1795 Lagrage, pubblicò il metodo sull iterpolazioe che acora oggi prede il suo ome. L4 6

7 Defiizioe: i puti (x i,y i ) utilizzati dalla procedura di iterpolazioe vegoo defiiti puti di supporto. Puti di supporto Spesso per idividuare i parametri di u modello di iterpolazioe f(x,a), si utilizzao N puti di supporto e si risolve il sistema: N icogite a. ( a ) y = f x, i = 1, N elle N.B.: le N codizioi summezioate soo ecessarie ma o sufficieti per idividuare i parametri a. Si pesi, a titolo di esempio, a puti ripetuti (aveti cioè uguali ascisse). Ne cosegue che el metodo di iterpolazioe esatta occorre che: 1. Le gradezze x e y o siao soggette ad errore sperimetale, altrimeti la fuzioe iterpolate seguirebbe l adameto casuale dell errore. 2. I puti x i e la fuzioe iterpolate permettao la risoluzioe del sistema rispetto ai parametri a. i i L4 7

8 Scelta del modello Il modello utilizzato per l iterpolazioe esatta deve godere delle segueti caratteristiche: 1. Deve rappresetare al meglio la fuzioe che si vuole descrivere 2. Deve essere semplice da usare 3. Deve richiedere u ridotto tempo di calcolo per la sua valutazioe 4. I parametri a devoo essere facilmete ed uivocamete calcolabili Coseguetemete la classe di fuzioi che meglio rispode alle specifiche appea citate è quella dei poliomi: ( ) 2 P x = a + a x+ a x + + a x Esistoo i realtà ache altre scelte quali: poliomi di Chebichev, splie, curve di Bezier, serie di fuzioi trigoometriche (Fourier), L4 8

9 Iterpolazioe poliomiale Nel caso si scelga come modello u poliomio, questi avrà come struttura: ( a ) ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) f x P x a f x a f x a f x a f x, = = dove gli f x soo poliomi di grado miore o uguale a. i ( ) Poiché u poliomio di grado ha +1 coefficieti, soo ecessarie +1 codizioi distite per determiare i suoi parametri. Se si cooscoo +1 puti di supporto aveti ascisse tutte distite, i coefficieti a possoo essere ricavati risolvedo u sistema lieare di +1 equazioi: Fa = y N.B.: i poliomi soo facili da maeggiare. La derivazioe e l itegrazioe di u poliomio è u operazioe semplice e veloce. I poliomi trovao ampio uso i problemi umerici quali: il calcolo di itegrali, la soluzioe di equazioi differeziali, l approssimazioe di fuzioi, L4 9

10 Iterpolazioe poliomiale Alcue osservazioi 1. Il poliomio di grado passate per +1 puti di supporto distiti è uico. 2. No è detto che se i puti di supporto soo +1 il poliomio debba essere di grado. Si pesi ad esempio a +1 puti di supporto posti sopra ua parabola. Il poliomio iterpolate è uico e coicide co la parabola stessa. 3. Il poliomio passate per +1 puti di supporto distiti è al più di grado. 4. Qualora i puti di supporto provegao da dati affetti da errore sperimetale, secodo quato già sottolieato, o è opportuo applicare la procedura di iterpolazioe esatta. I tali casi il problema da risolvere è completamete diverso e cade ella sfera delle regressioi (lieari o o lieari). Per maggior dettaglio, dato u modello, l obiettivo della procedura di regressioe è quello di miimizzare la distaza esistete tra i dati sperimetali e il modello proposto. I geerale, ua volta determiati i parametri del modello proposto, questi o passa per i dati sperimetali. L4 10

11 Matrice di Vadermode Se il poliomio P (x) è i forma stadard, P x = a + a x+ a x + + a x, allora il sistema lieare assume la forma: Xa = y co la matrice X pari a: La matrice X èdetta di Vadermode. ( ) Se le ascisse di supporto soo tutte distite fra loro, allora la soluzioe del sistema Xa = y è uica e quidi esiste u solo poliomio che passa esattamete per i puti di supporto. Le +1 codizioi di passaggio per i puti di supporto o soo le uiche utilizzabili per la determiazioe di P (x). I alterativa è possibile assegare delle codizioi relative alle derivate prime, secode, del poliomio. ( 2 ) ( ) ( 2 ) ( ) 1 x0 x0 x 0 1 x1 x1 x 1 X = 2 1 x 1 ( x 1) ( x 1) 2 1 x ( x) ( x) L4 11

12 Iterpolazioe poliomiale È bee sottolieare alcui puti: alcue classi di fuzioi NON vegoo iterpolate bee utilizzado i poliomi. la qualità dell iterpolazioe o migliora i geere aumetado il grado del poliomio iterpolate. Azi si icorre el rischio opposto. N.B. Le classi di fuzioi meo adatte all iterpolazioe poliomiale soo quelle dotate di asitoti (orizzotali, verticali, obliqui). I questi casi si preferisce optare per l iterpolazioe tramite splie di cubiche. L4 12

13 Iterpolazioe poliomiale Isegameto 1. No usare poliomi iterpolati di grado superiore a L iterpolazioe può divetare meo accurata verso i bordi dell itervallo, rispetto alla zoa cetrale. 3. Quado è possibile, scegliere i modo opportuo le ascisse di supporto. 4. L errore può essere molto elevato al di fuori dell itervallo di iterpolazioe. Per questo motivo occorre evitare ogi forma di estrapolazioe. N.B.: spesso le proprietà chimico-fisiche delle sostaze (desità, viscosità, calore specifico, coducibilità termica, ) soo forite dalle bache dati sotto forma poliomiale. Parallelamete, tali bache dati, riportao per ogi proprietà l itervallo all itero del quale è cosetito utilizzare la formula. Occorre evitare qualsiasi forma di estrapolazioe, cioè di allargameto del rage di validità specificato. La fiducia o viee premiata. L4 13

14 Forma prodotto di radici Per il teorema fodametale dell algebra, u poliomio di grado ha radici (reali o complesse). Coseguetemete u poliomio di grado può sempre essere scritto ella forma prodotto di radici: ( ) ( )( ) ( ) { } P x = a x w x w x w w 1 2 i N.B.: la forma prodotto di radici è sempre be codizioata. Algoritmo calcolo previsioe per poliomio ella forma prodotto Iput: grado, a, radici w(i), puto z per la previsioe Output: previsioe p p = a for i = 1 to p = p * (z w(i)) ext i L algoritmo è stabile e richiede flop. L4 14

15 Forma stadard È la forma più utilizzata per descrivere u poliomio: ( ) 2 P x = a + a x+ a x + + a x N.B.: la forma stadard può essere mal codizioata. Esempio: il poliomio ( ) = ( )( )( ) ( )( ) P20 x x 1 x 2 x 3 x 19 x 20 trasformato i forma stadard diviee: ( ) P20 x = x 210x ! Se il secodo coefficiete: 210 viee modificato di u fattore 10 7, alcue delle radici del poliomio divegoo complesse e coiugate ache se il loro calcolo avviee i modo aalitico (precisioe ifiita). Oltre al fatto che la forma stadard può essere mal codizioata, la stessa matrice di Vadermode (per la determiazioe dei coefficieti a) è malcodizioata. Il malcodizioameto cresce co l ordie del poliomio. Ciò sigifica che i coefficieti a i possoo essere molto imprecisi. Ioltre, la risoluzioe del sistema di Vadermode richiede 3 /3 flop. L4 15

16 Forma stadard Qualora il poliomio sia dato i forma stadard, per calcolare u suo valore o occorre eseguire la valutazioe seguedo la sua rappresetazioe. Al cotrario è dato l algoritmo, del tutto geerale, di Horer. ( ( ( ))) ( ) = ( + ) P x a x a x a x x a a x Algoritmo di Horer (detto ache a cipolla) Iput: grado, coefficieti a(i), i=0,, ascissa z per la previsioe Output: previsioe p p = a() for i = -1 to 0 step -1 p = p * z + a(i) ext i L algoritmo richiede flop. N.B.: se la forma stadard è malcodizioata, essu algoritmo è i grado di migliorare le cose, quidi eppure quello di Horer. L4 16

17 Il metodo di Lagrage permette di evitare di risolvere il sistema caratterizzato dalla matrice di Vadermode. Il poliomio di grado viee scritto come combiazioe lieare di +1 poliomi oguo di grado : P( x) = a0l0( x) + a1l1( x) + + al( x) = al i i( x) I poliomi L i (x) vegoo scelti i modo da redere la matrice F, del sistema Fa = y, uguale alla matrice idetità I. I poliomi di Lagrage L i (x) hao formula: L ( x) Caratteristiche dei poliomi di Lagrage: 1. Soo di grado i = Metodo di Lagrage 2. Si aullao elle ascisse x j dei puti di supporto diversi da x i 3. Assumoo valore uitario ei puti: x i i= 0 ( x x0)( x x1) ( x xi 1)( x xi+ 1) ( x x) ( x x )( x x ) ( x x )( x x ) ( x x ) i 0 i 1 i i 1 i i+ 1 i L4 17

18 Metodo di Lagrage Dato che il sistema Fa = y si trasforma i Ia = y è possibile determiare i coefficieti a i modo baale: a i = y i. Quidi i coefficieti moltiplicativi dei poliomi di Lagrage corrispodoo alle ordiate dei puti di supporto. Perciò: P ( x) yl ( x) = i i i= 0 Joseph-Louis Lagrage ( ) Cosiderazioi sul metodo di Lagrage: Il umero di calcoli ecessario per ua previsioe i u puto z èelevato Dovedo effettuare delle previsioi i corrispodeza di più valori di z o si sfruttao i calcoli comui. Il metodo o permette di sfruttare i calcoli già effettuati se si desidera itrodurre u uovo puto di supporto. Esistoo coseguetemete formulazioi più efficieti del metodo di Lagrage classico iteressati per u implemetazioe a calcolatore. L4 18

19 Metodo di Lagrage Algoritmo per la previsioe co il metodo di Lagrage Iput: grado del poliomio, puti di supporto (x(i),y(i)) i=0,, ascissa z per la previsioe Output: previsioe p p = 0. for i = 0 to L algoritmo o è ottimizzato r = y(i) for k = 0 to if(i k)r = r*(z-x(k))/(x(i)-x(k)) ext k p = p + r ext i L4 19

20 Metodo di Newto Nel metodo di Newto il poliomio di grado che passa per +1 puti ha la seguete forma (forma di Newto): ( ) = + ( ) + ( )( ) + + ( )( ) ( )( ) P x a a x x a x x x x a x x x x x x x x e gode delle segueti proprietà: 1. Il poliomio di grado k può essere otteuto da quello di grado k 1 2. Il umero di calcoli ecessari per costruire il poliomio e per valutare ua previsioe è limitato 3. Gli errori di arrotodameto durate i calcoli di previsioe soo ridotti 4. È possibile stimare l errore che si commette utilizzado il poliomio al posto della fuzioe L4 20

21 Metodo di Newto Per determiare i coefficieti a del poliomio ella forma di Newto occorre risolvere il sistema lieare Fa = y che assume ello specifico la struttura: a y 0 0 ( ) a + a x x = y = ( ) ( ) ( ) a + a x x + + a x x x x = y Sir Isaac Newto ( ) La soluzioe è immediata i quato la struttura del sistema è triagolare. Soo richiesti perciò 2 /2 flop (cui occorre sommare le operazioi ecessarie per determiare i coefficieti del sistema lieare elle icogite a). L4 21

22 Metodo di Newto Esiste u metodo più efficiete, i termie di umero di operazioi da effettuare, per la determiazioe dei coefficieti del poliomio ella forma di Newto. Tale metodo è basato sulle differeze fratte. Algoritmo per determiazioe coefficieti ella forma di Newto Iput: grado del poliomio, ascisse x(i) ed ordiate y(i) di supporto, co i=0, Output: coefficieti a(i) della forma di Newto, co i=0, Flops: (+1)/2 for i = 0 to d(i) = y(i) ext i a(0) = d(0) for k = 1 to for i = 0 to (-k) ext i d(i) = (d(i+1) d(i)) / (x(i+k)-x(i)) a(k) = d(0) ext k L4 22

23 Metodo di Newto Ua volta oti i coefficieti a del poliomio ella forma di Newto, la previsioe viee effettuata applicado l algoritmo di Horer: Algoritmo per la previsioe co la forma di Newto Iput: grado del poliomio, ascisse di supporto x(i) e coefficieti a(i) co i=0,, ascissa z per la previsioe Output: previsioe p Flops: p = a() for i = -1 to 0 step -1 p = a(i) + p*(z - x(i)) ext i L4 23

24 Iterpolazioe di Hermite Nell iterpolazioe di Hermite vegoo acora utilizzati dei poliomi ma aziché assegare le sole codizioi di passaggio per i puti di sostego vegoo aggiute ache delle codizioi sulle derivate prime. Defiizioe: si defiisce poliomio di Hermite H 2+1 (x) quel poliomio che per ogi ascissa di supporto x i, i=0,, passa per i puti y i e ha come derivata prima y i. Charles Hermite ( ) N.B.: se le ascisse di supporto soo distite, vi è garazia che il poliomio di Hermite esiste ed è uico. L4 24

25 Iterpolazioe co fuzioi razioali Ua fuzioe che sia data dal rapporto tra due poliomi è detta razioale. R m, ( x) ( ) ( ) P x a0 + a1x+ + ax P x b + bx+ + b x = = 0 1 Defiizioe: la seguete relazioe è detta forma stadard P ( x) a0 a1x ax Rm, ( x) = m P x = bx + + b x m m ( ) Se soo oti m++1 puti di supporto (x i,y i ), i=0,, m+ i parametri a e b possoo essere ricavati dal sistema o lieare: R,m (x i ) = y i. Tale sistema può essere liearizzato moltiplicado etrambi i membri per il deomiatore (operazioe corretta se e solo se il deomiatore è diverso da zero). Il sistema lieare da risolvere risulta quidi essere: m ( ) a + a x + + a x = 1+ bx + + b x y i= 0,, + m 0 1 i i 1 i m i i Quest ultima codizioe è ecessaria per il soddisfacimeto della forma stadard ma o altrettato sufficiete. 1 m m m L4 25

26 Iterpolazioe co fuzioi razioali PRO 1. Le fuzioi razioali soo molto più poteti ell approssimare fuzioi per la loro capacità di simulare comportameti asitotici (orizzotali, verticali) CONTRO 1. La fuzioe razioale che passa esattamete per i puti di supporto assegati può o esistere 2. Il deomiatore della fuzioe razioale può aullarsi all itero dell itervallo di iteresse 3. Le fuzioi razioali soo molto più difficili da maeggiare quado occorre calcolare itegrali o derivate L4 26

27 Iterpolazioe a tratti Come detto i precedeza o è opportuo utilizzare poliomi iterpolati di ordie maggiore a 3 5. Se però i puti di supporto soo umerosi e si utilizza u solo poliomio i tutto l itervallo il suo grado cresce ievitabilmete. Ua valida alterativa è quella di utilizzare dei sotto-itervalli ed al loro itero iterpolare co poliomi di grado iferiore. Si ottiee i questo caso ua iterpolazioe a tratti. Iterpolazioe co poliomio di 6 grado Iterpolazioe lieare a tratti L4 27

28 Iterpolazioe a tratti Nell esempio sottostate è riportata ua iterpolazioe a tratti co parabole. Ogi parabola sottede tre puti di supporto aveti ciascuo ascisse distite. L esempio si presta bee a rappresetare l iterpolazioe a tratti co parabole i quato i puti di supporto soo 7 e quidi suddivisibili i tre itervalli co ogi itervallo caratterizzato da tre puti. Si oti che la sola codizioe di passaggio per i puti di supporto o assicura la morbidezza della curva totale risultate. È cioè assicurata soltato la cotiuità della fuzioe ma o quella delle derivate. Iterpolazioe quadratica a tratti L4 28

29 Iterpolazioe a tratti morbida e o oscillate Il desiderio di disporre di ua iterpolazioe a tratti, co poliomi di grado o elevato, che sia moderatamete oscillate e che produca alla vista u seso di morbidezza, si traduce matematicamete i: Dati puti di supporto (x i,y i ) aveti ascisse i ordie crescete, si desidera idetificare delle fuzioi s(x) tali che: s(x i ) = y i co i = 1,, s(x), s (x), s (x) cotiue i [x 1,x ] ioltre tra le fuzioi che soddisfao le proprietà precedeti, si desidera x 2 idetificare quelle che miimizzao l itegrale: s x dx Il cocetto sotteso dall itegrale qui riportato è quello di disporre di ua fuzioe che abbia ua derivata prima che o cambi velocemete (evitado i questo modo di itrodurre fuzioi eccessivamete ervose ). È possibile dimostrare che esiste ua sola soluzioe al problema posto. Tale soluzioe è detta: splie aturale di cubiche. x 1 ( ) L4 29

30 Splie di cubiche Idicado la splie cubica geerica come: 3 2 ( ) ( ) ( ) ( ) s x = a x x + b x x + c x x + d i= 1,, 1 i i i i i i i i dati puti di supporto, per determiare le sigole splie, vegoo imposte le codizioi: s x = y i = 1, 1 ( ) ( + 1) + 1 ( + 1) + 1( + 1) ( ) ( ) i i i s x = y i = 1, 1 i i i s x = s x i = 1, 2 i i i i s x = s x i = 1, 2 i i+ 1 i+ 1 i+ 1 N.B.: il umero di parametri icogiti è 4( 1) metre le codizioi fiora imposte soo: = 4 6. Quidi per determiare tutti i parametri delle splie di cubiche aggiugere altre due codizioi. occorre L4 30

31 Splie di cubiche y s 3 s 1 s 2 x 1 x 2 x 3 x 4 x Esempio di assegazioe delle 4 6 codizioi: ( ) ( ) ( ) s x = y s x = y s x = y ( ) ( ) ( ) s x = y s x = y s x = y ( ) = ( ) ( ) = ( ) s x s x s x s x ( ) = ( ) ( ) = ( ) s x s x s x s x L4 31

32 Splie di cubiche È possibile soddisfare le ultime due codizioi i modo differete. Splie aturale: derivate secode ulle egli estremi: ( ) ( ) s = s x = 0 s = s x = Valore assegato delle derivate secode egli estremi: ( ) ( ) s = s x = d s = s x = d Valore delle derivate secode agli estremi proporzioale alla derivata secoda el puto adiacete: ( ) ( ) ( ) ( ) s = s x = α s x = αs s = s x = βs x = βs spesso si adottao come valori per α e β 1.0 o 0.5. L4 32

33 Splie di cubiche Utilizzado le 4 6 codizioi precedetemete idicate più le due codizioi aggiutive agli estremi, si ottiee: s s a = h = x x i = 1,, 1 i+ 1 i i i i+ 1 i 6hi s i bi = i = 1,, 1 2 y y h ( s + 2s ) = = 1,, 1 i+ 1 i i i+ 1 i ci i hi 6 d = y i = 1,, 1 Le icogite s devoo risolvere il sistema i ( ) i i ( ) ( ) s i xi+ 1 = s i+ 1 xi+ 1 i = 1, 2 ( y y ) ( y y ) 6 6 h s h h s hs i i+ 1 i i i 1 i 1 i 1+ 2 i 1+ i i + i i+ 1 = = 2,, 1 hi hi 1 che è u sistema lieare tridiagoale elle icogite s i. Ua volta risolto il sistema lieare è possibile determiare esplicitamete i coefficieti a i, b i, c i, d i delle splie. L4 33

34 Splie di cubiche L4 34

35 Joseph Louis Lagrage Letture aggiutive Bor i Turi, Italy o Jauary 25, 1736, to Giuseppe Fracesco Lodovico Lagragia ad Teresa Grosso, Joseph Louis Lagrage would become a mathematical prodigy i his lifetime. Although Lagrage was the eldest of eleve childre, he was oly oe of two that would survive to adulthood. Growig up, Lagrage atteded the College of Turi, pursuig a career as a lawyer plaed by his father. Lagrage s first mathematic ecouter was Greek geometry a subject he foud quite borig. After readig Edmod Halley s 1693 paper o the use of algebra i optics ad beig exposed to the excellet physics teachig of Beccaria, Lagrage decided to take up his career i mathematics. Lagrage s first publicatio was put out o July 23, 1754, o the biomial theorem. Lagrage discovered soo after that Beroulli ad Leibiz were already addressig the issue. To avoid beig accused of usig the work of others, he bega studyig the tautochroe, the curve o which a weighted particle will always arrive at a fixed poit i the same time idepedet of its iitial positio. After sedig the results of his work o August 12, 1755, Euler s respose, set o September 6, stated how impressed he was with Lagrage s ew ideas o maxima ad miima. Thus, Lagrage had made his first splash i the lake of mathematics. O September 28, Lagrage became the professor of mathematics at the Royal Artillery School i Turi. Soo after, i 1756, Lagrage set Euler a copy of his work o the Calculus of Variatios. Euler, who had bee workig o the subject himself, foud that Lagrage s results were more geeralized tha his. Oce agai impressed with the work of this remarkable youg mathematicia, Euler had a positio arraged for him that promised to be far more prestigious tha the oe he held i Turi. Lagrage did ot seek fame ad saw o reaso to come to Prussia while Euler, who he had much respect for, already had the positio of director of mathematics at the Berli Academy. I 1758, Lagrage helped foud ad was a major cotributor to the scietific society of Turi, which would become the Royal Academy of Sciece of Turi. A mai objective of this society was their joural, the Mélages de Turi. Lagrage s work, which icluded subjects such as the calculus of variatios, probabilities, the priciple of least actio, kietic eergy, ad propagatio of soud, appears i the first three volumes, published i 1759, 62, ad 66. I the third volume, his famous Lagragia fuctio is itroduced, ad he uses a characteristic value of liear substitutio for differetial equatios for the first time. I 1764, Lagrage wo the prize competitio from the Académie des Scieces i Paris o the subject of the libratio, or wobble, of the moo. After aother offer for a positio at the Berli Academy, Lagrage discovered that Euler would be movig to St. Petersburg. L4 35

36 Joseph Louis Lagrage He fially accepted the offer ad succeeded Euler as the Director of Mathematics o November 6, Lagrage cotiued work i Berli for 20 years, where he completed may of his importat publicatios. I 1770, he itroduced Réflexios sur la résolutio algébrique des equatios, i which he showed why equatios of up to degree four could be solved with radicals. Lagrage probably made his greatest cotributios i workig o the subject of the mechaics of the uiverse. Writig to Laplace i 1782, he described his progress o a comprehesive publicatio o mechaics. However, the death of his wife ad of Frederick II, his patro at the Academy, created a less-tha-desirable situatio to remai i Berli. Offers were made from may cities to obtai this valuable mathematicia. He accepted a offer from Paris at the Académie des Scieces ad left Berli o May 18, His work, Mécaique Aalytique, which cotaied geeral equatios that could solve all problems i mechaics, was published i He was pleased that the work cotaied o borig geometric diagrams. Lagrage survived the Frech Revolutio, ad i May 1790, became a part of the committee of the Académie des Scieces that would evetually create the metric system. He remarried i 1792 his ew wife was the daughter of a astroomy colleague. O August 8, 1793, the Reig of Terror, which had already suppressed all leared societies icludig the Académie des Scieces, kicked Lavoisier, Borda, Laplace, Coulomb, Brisso ad Delambre off the commissio, makig Lagrage the chairma. Lavoisier, a good fried of Lagrage, had saved him from a law orderig the arrest of all foreigers from eemy coutries. O May 8, 1794, Lavoisier ad 27 others were codemed to death after a trial characteristic of the presumptuous period ( lasted less tha a day ). Lagrage wrote o the death of Lavoisier, It took oly a momet to cause this head to fall ad a hudred years will ot suffice to produce its like. I 1797, Lagrage became the Professor of Mathematics at École Normale, where he istigated the cocept of the thorough traiig of teachers. I the same year, he published Théorie des foctios aalytique, i which he tried to establish a calculus without ifiitesimals or Newtoia limits. Although the work did ot suffice i achievig such a goal, he ispired Cauchy, Abel, ad Weierstrass i the ext cetury with his search for foudatios ad geeralizatios. Napoleo amed Lagrage to his Legio of Hoor ad made him a cout of the Empire i A week after beig amed grad croix of the Ordre Impérial de la Réuio, he passed away. May of Lagrage s fidigs are still employed today o the cuttig edge of techology. A Lagragia poit, a regio where a small body ca remai i equilibrium if it ad two other objects form a equilateral triagle i space, ivolvig the Earth ad the Moo has bee suggested as a locatio for a future permaet space coloy. L4 36

37 Isaac Newto Isaac Newto Sir Isaac Newto ( ) has log bee regarded as oe of the most brilliat scietist who ever lived, as well as oe of greatest mathematicias i Eglad's history. However, Newto's character ad life was oe made of log flashes of brilliace ad followed by uexplaiable eccetric behavior. Isaac was bor o Christmas day i a village i Licolshire, Eglad. His mother described Isaac as beig so tiy he could fit ito a quart jar, while his father hoped that his ew so would grow to maage the farm someday. Growig up Isaac barely maitaied average grades ad ofte lacked attetio i school. Villagers looked upo his daydreamig, habits of readig for hours at a time, ad keepig records of his iterests as mere eccetricity. However, the first hits of Newto's brilliace could be foud i his boyhood ivetios. He as resposible for creatig sudials, a accurate woode clock, water wheels, ad eve a kite with a eclosed later, which fooled the locals ito seeig ghosts! Oe of his most practical adolescet ivetios was a mill, which mechaically groud wheat ito flour via mouse power. Newto's father died whe he tured fiftee. Luckily, Newto's ucle saw the potetial of his ephew's scietific talets, ad erolled him i Cambridge Uiversity. It was here that Newto was first exposed to the world of mathematics. Havig come across Euclid's Elemets i a bookstore, Newto was able to quickly follow the work, although he had little mathematical backgroud to begi with. Havig foud the work easy readig, Newto became fasciated by mathematics ad he quickly mastered Descartes' difficult work, Geometry. From this poit o, havig bee exposed to just the surface of the worlds of sciece ad math, Newto's appetite for both exploded expoetially. Newto quickly eared the respect of his peers ad professors at Cambridge. For istace, at the ed of his secod year, Newto had take the place of his professor, Dr. Isaac Barrow, who resiged i recogitio of Newto's superior mathematical skills. I 1664, the Great Plague struck Eglad ad the uiversity closed for a period to allow studets ad professors retur home to prevet a outbreak at school. From 1664 to 1666, Isaac made his greatest cotributios to mathematics. Relyig o the works of Galileo, Kepler, ad Descartes, Newto iveted calculus, discovered the law of uiversal gravitatio, ad he did extesive work o spectrums. The creatio ad developmet of his calculus was said to be the first achievemet of mathematics, however, Newto would ot publish his calculus util much later i his life. This was a mistake that would repeat itself cotiuously throughout Newto's works ad writigs. For the ext twety years, he cotiued to lecture o mathematics. L4 37

38 Isaac Newto So advaced was his mathematics that other mathematicias spet early fifty years tryig to uderstad it all. Fially, i 1684, Newto bega writig Pricipia or Mathematical Priciples of Natural Philosophy, to help summarize his discoveries about the physical world. I this work, Newto placed a emphasis o motio. I it, he formulated the three laws of motio, the third of which is essetial to the uderstadig of moder rocket power ad jet propulsio. Furthermore, he discussed the motio of bodies i free space, the motio of bodies i a resistig medium, ad the solar system ad celestial movemets. This work cosumed Newto util its completio. He wrote ofte for 18 to 19 hours daily, while igorig meals ad havig little sleep. I additio to Pricipia, Newto wrote The Uiversal Arithmetic, which help to substatiate ad advace his theory of equatios. He also wrote papers cocerig calculus, curves, optics, ad aalytical geometry. Agai, may of these works wet upublished util log after they were writte. Newto, who was ofte reluctat to publish his writig, was fially coaxed ito pritig up his work with the urgig of his mathematicia frieds. This proved too little too late for his most beloved creatio, calculus. Although he had discovered calculus i 1666, he did ot publish its descriptio util the year Durig that time, a Germa mathematicia amed Leibiiz had created a idetical mathematical work to calculus ad published these results i Germay i As a result, Leibiiz was referred to as calculus' creator, ad whe this ews came to Eglad Newto was eraged. While the debate raged o ad both sides about who hoestly claimed the rights to calculus, all commuicatios broke dow betwee Germay's mathematicias ad Eglad's mathematicias. As a result Frace used the work doe by Newto ad Leibiz ad perfected calculus ad advaced mathematics i their coutry. Newto refused to give up his fight ad cotiued to believe that Eglad would evetually be victorious util his death. Newto cotiued however, remaiig the humble professor, but with icreasig absetmidedess. Frieds laughed at him whe visitig his home whe they saw the sight of his frot door. He had cut two holes i his frot door, oe for a cat ad oe for the cat's kitte. Ofte he would wader off from dier guests after forgettig what day it was or after his thoughts had drifted away upo mathematics. He ever married ad lived well thaks to several wise busiess ivestmets he made durig his life. I 1699, he was appoited Master of the Mit by Eglad, i hoor of his service to the coutry. Newto took this job as well as other public service edeavors i the twilight of his career. Fially, Newto spet the remaider of his life ad career tacklig mathematical problems that had log baffled other mathematicias. Ofte solvig these problems i a matter of hours, he would sed the aswers aoymously to his peers, such as Beroulli as a form of professioal humor. Newto died at the age of 85 i Lodo ad was buried i Westmister Abbey. L4 38

Sintassi dello studio di funzione

Sintassi dello studio di funzione Sitassi dello studio di fuzioe Lavoriamo a perfezioare quato sapete siora. D ora iazi pretederò che i risultati che otteete li SCRIVIATE i forma corretta dal puto di vista grammaticale. N( x) Data la fuzioe:

Dettagli

Selezione avversa e razionamento del credito

Selezione avversa e razionamento del credito Selezioe avversa e razioameto del credito Massimo A. De Fracesco Dipartimeto di Ecoomia politica e statistica, Uiversità di Siea May 3, 013 1 Itroduzioe I questa lezioe presetiamo u semplice modello del

Dettagli

5. Le serie numeriche

5. Le serie numeriche 5. Le serie umeriche Ricordiamo che ua successioe reale è ua fuzioe defiita da N, evetualmete privato di u umero fiito di elemeti, a R. Solitamete si idica ua successioe co la lista dei suoi valori: (a

Dettagli

DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE

DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE DI UN GRUPPO DI OSSERVAZIONI O DI ESPERIMENTI, SI PERVIENE A CERTE CONCLUSIONI, LA CUI VALIDITA PER UN COLLETTIVO Più AMPIO E ESPRESSA

Dettagli

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Defiire lo strumeto matematico ce cosete di studiare la cresceza e la decresceza di ua fuzioe Si comicia col defiire cosa vuol dire ce ua fuzioe è crescete. Defiizioe:

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2006

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2006 ESAME DI STAT DI LICE SCIENTIFIC CRS DI RDINAMENT 006 Il cadidato risolva uo dei due problemi e 5 dei 0 quesiti i cui si articola il questioario. PRBLEMA U filo metallico di lughezza l viee utilizzato

Dettagli

52. Se in una città ci fosse un medico ogni 500 abitanti, quale sarebbe la percentuale di medici? A) 5 % B) 2 % C) 0,2 % D) 0,5% E) 0,02%

52. Se in una città ci fosse un medico ogni 500 abitanti, quale sarebbe la percentuale di medici? A) 5 % B) 2 % C) 0,2 % D) 0,5% E) 0,02% RISPOSTE MOTIVATE QUIZ D AMMISSIONE 2000-2001 MATEMATICA 51. L espressioe log( 2 ) equivale a : A) 2log B) log2 C) 2log D) log E) log 2 Dati 2 umeri positivi a e b (co a 1), si defiisce logaritmo i base

Dettagli

LE MISURE DI VARIABILITÀ DI CARATTERI QUANTITATIVI

LE MISURE DI VARIABILITÀ DI CARATTERI QUANTITATIVI Apputi di Statistica Sociale Uiversità ore di Ea LE MISURE DI VARIABILITÀ DI CARATTERI QUATITATIVI La variabilità di u isieme di osservazioi attiee all attitudie delle variabili studiate ad assumere modalità

Dettagli

ANALISI MATEMATICA 1 Area dell Ingegneria dell Informazione. Appello del 5.02.2013 TEMA 1. f(x) = arcsin 1 2 log 2 x.

ANALISI MATEMATICA 1 Area dell Ingegneria dell Informazione. Appello del 5.02.2013 TEMA 1. f(x) = arcsin 1 2 log 2 x. ANALISI MATEMATICA Area dell Igegeria dell Iformazioe Appello del 5.0.0 TEMA Esercizio Si cosideri la fuzioe f(x = arcsi log x. Determiare il domiio di f e discutere il sego. Discutere brevemete la cotiuità

Dettagli

Campi vettoriali conservativi e solenoidali

Campi vettoriali conservativi e solenoidali Campi vettoriali coservativi e soleoidali Sia (x,y,z) u campo vettoriale defiito i ua regioe di spazio Ω, e sia u cammio, di estremi A e B, defiito i Ω. Sia r (u) ua parametrizzazioe di, fuzioe della variabile

Dettagli

8. Quale pesa di più?

8. Quale pesa di più? 8. Quale pesa di più? Negli ultimi ai hao suscitato particolare iteresse alcui problemi sulla pesatura di moete o di pallie. Il primo problema di questo tipo sembra proposto da Tartaglia el 1556. Da allora

Dettagli

Analisi statistica dell Output

Analisi statistica dell Output Aalisi statistica dell Output IL Simulatore è u adeguata rappresetazioe della Realtà! E adesso? Come va iterpretato l Output? Quado le Osservazioi soo sigificative? Quati Ru del Simulatore è corretto effettuare?

Dettagli

Approfondimenti di statistica e geostatistica

Approfondimenti di statistica e geostatistica Approfodimeti di statistica e geostatistica APAT Agezia per la Protezioe dell Ambiete e per i Servizi Tecici Cos è la geostatistica? Applicazioe dell aalisi di Rischio ai siti Cotamiati Geostatistica La

Dettagli

PARTE QUARTA Teoria algebrica dei numeri

PARTE QUARTA Teoria algebrica dei numeri Prerequisiti: Aelli Spazi vettoriali Sia A u aello commutativo uitario PARTE QUARTA Teoria algebrica dei umeri Lezioe 7 Cei sui moduli Defiizioe 7 Si dice modulo (siistro) su A (o semplicemete, A-modulo)

Dettagli

5 ln n + ln. 4 ln n + ln. 6 ln n + ln

5 ln n + ln. 4 ln n + ln. 6 ln n + ln DOMINIO FUNZIONE Determiare il domiio della fuzioe f = l e e + e + e Deve essere e e + e + e >, posto e = t si ha t e + t + e = per t = e e per t = / Il campo di esisteza è:, l, + Determiare il domiio

Dettagli

I appello - 29 Giugno 2007

I appello - 29 Giugno 2007 Facoltà di Igegeria - Corso di Laurea i Ig. Iformatica e delle Telecom. A.A.6/7 I appello - 9 Giugo 7 ) Studiare la covergeza putuale e uiforme della seguete successioe di fuzioi: [ ( )] f (x) = cos (

Dettagli

V Tutorato 6 Novembre 2014

V Tutorato 6 Novembre 2014 1. Data la successioe V Tutorato 6 Novembre 01 determiare il lim b. Data la successioe b = a = + 1 + 1 8 6 + 1 80 + 18 se 0 se < 0 scrivere i termii a 0, a 1, a, a 0 e determiare lim a. Data la successioe

Dettagli

Successioni ricorsive di numeri

Successioni ricorsive di numeri Successioi ricorsive di umeri Getile Alessadro Laboratorio di matematica discreta A.A. 6/7 I queste pagie si voglioo predere i esame alcue tra le più famose successioi ricorsive, presetadoe alcue caratteristiche..

Dettagli

Esercitazioni di Statistica

Esercitazioni di Statistica Esercitazioi di Statistica Il modello di Regressioe Prof. Livia De Giovai statistica@dis.uiroma.it Esercizio Solitamete è accertato che aumetado il umero di uità prodotte, u idustria possa ridurre i costi

Dettagli

Calcolo Combinatorio (vers. 1/10/2014)

Calcolo Combinatorio (vers. 1/10/2014) Calcolo Combiatorio (vers. 1/10/2014 Daiela De Caditiis modulo CdP di teoria dei segali Igegeria dell Iformazioe - sede di Latia, CALCOLO COMBINATORIO Pricipio Fodametale del Calcolo Combiatorio: Si realizzio

Dettagli

1 Successioni 1 1.1 Limite di una successione... 2. 2 Serie 3 2.1 La serie armonica... 6 2.2 La serie geometrica... 6

1 Successioni 1 1.1 Limite di una successione... 2. 2 Serie 3 2.1 La serie armonica... 6 2.2 La serie geometrica... 6 SUCCESSIONI Successioi e serie Idice Successioi. Limite di ua successioe........................................... Serie 3. La serie armoica................................................ 6. La serie

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA ALGEBRA \ ARITMETICA \ NUMERI NATURALI (1)

APPUNTI DI MATEMATICA ALGEBRA \ ARITMETICA \ NUMERI NATURALI (1) ALGEBRA \ ARITMETICA \ NUMERI NATURALI (1) I umeri aturali hao u ordie; ogi umero aturale ha u successivo (otteuto aggiugedo 1), e ogi umero aturale diverso da zero ha u precedete (otteuto sottraedo 1).

Dettagli

SUCCESSIONI e LIMITI DI SUCCESSIONI. c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 15/16 Successioni cap3b.pdf 1

SUCCESSIONI e LIMITI DI SUCCESSIONI. c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 15/16 Successioni cap3b.pdf 1 SUCCESSIONI e LIMITI DI SUCCESSIONI c Paola Gervasio - Aalisi Matematica 1 - A.A. 15/16 Successioi cap3b.pdf 1 Successioi Def. Ua successioe è ua fuzioe reale (Y = R) a variabile aturale, ovvero X = N:

Dettagli

SUCCESSIONI E SERIE NUMERICHE

SUCCESSIONI E SERIE NUMERICHE SUCCESSIONI E SERIE NUMERICHE. Successioi umeriche a. Defiizioi: successioi aritmetiche e geometriche Cosideriamo ua sequeza di umeri quale ad esempio:,5,8,,4,7,... Tale sequeza è costituita mediate ua

Dettagli

II-9 Successioni e serie

II-9 Successioni e serie SUCCESSIONI II-9 Successioi e serie Idice Successioi. Limite di ua successioe........................................... Serie 3. La serie armoica................................................ 6. La

Dettagli

Foglio di esercizi N. 1 - Soluzioni

Foglio di esercizi N. 1 - Soluzioni Foglio di esercizi N. - Soluzioi. Determiare il domiio della fuzioe f) = log 3 + log 3 3)). Deve essere + log 3 3) > 0, ovvero log 3 3) >, ovvero prededo l espoeziale i base 3 di etrambi i membri) 3 >

Dettagli

Successioni. Grafico di una successione

Successioni. Grafico di una successione Successioi Ua successioe di umeri reali è semplicemete ua sequeza di ifiiti umeri reali:, 2, 3,...,,... dove co idichiamo il termie geerale della successioe. Ad esempio, discutedo il sigificato fiaziario

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2006

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2006 ESAME DI STAT DI LICE SCIENTIFIC CRS SPERIMENTALE P.N.I. 006 Il cadidato risolva uo dei due problemi e 5 dei 0 quesiti i cui si articola il questioario. PRBLEMA U filo metallico di lughezza l viee utilizzato

Dettagli

Le carte di controllo

Le carte di controllo Le carte di cotrollo Dott.ssa Bruella Caroleo 07 dicembre 007 Variabilità ei processi produttivi Le caratteristiche di qualsiasi processo produttivo soo caratterizzate da variabilità Le cause di variabilità

Dettagli

STATISTICA INFERENZIALE SCHEDA N. 2 INTERVALLI DI CONFIDENZA PER IL VALORE ATTESO E LA FREQUENZA

STATISTICA INFERENZIALE SCHEDA N. 2 INTERVALLI DI CONFIDENZA PER IL VALORE ATTESO E LA FREQUENZA Matematica e statistica: dai dati ai modelli alle scelte www.dima.uige/pls_statistica Resposabili scietifici M.P. Rogati e E. Sasso (Dipartimeto di Matematica Uiversità di Geova) STATISTICA INFERENZIALE

Dettagli

SUCCESSIONI NUMERICHE

SUCCESSIONI NUMERICHE SUCCESSIONI NUMERICHE LORENZO BRASCO. Teoremi di Cesaro Teorema di Stolz-Cesaro. Siao {a } N e {b } N due successioi umeriche, co {b } N strettamete positiva, strettamete crescete e ilitata. Se esiste

Dettagli

Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI

Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI SUCCESSIONI DI FUNZIONI I cocetti di successioe e di serie possoo essere estesi i modo molto aturale al caso delle fuzioi DEFINIZIONE Sia E u sottoisieme di  e, per ogi

Dettagli

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE Esercizi di Fodameti di Iformatica 1 EQUAZIONI ALLE RICORRENZE 1.1. Metodo di ufoldig 1.1.1. Richiami di teoria Il metodo detto di ufoldig utilizza lo sviluppo dell equazioe alle ricorreze fio ad u certo

Dettagli

Esercizi riguardanti limiti di successioni

Esercizi riguardanti limiti di successioni Esercizi riguardati iti di successioi Davide Boscaii Queste soo le ote da cui ho tratto le esercitazioi del gioro 27 Ottobre 20. Come tali soo be lugi dall essere eseti da errori, ivito quidi chi e trovasse

Dettagli

Soluzione La media aritmetica dei due numeri positivi a e b è data da M

Soluzione La media aritmetica dei due numeri positivi a e b è data da M Matematica per la uova maturità scietifica A. Berardo M. Pedoe 6 Questioario Quesito Se a e b soo umeri positivi assegati quale è la loro media aritmetica? Quale la media geometrica? Quale delle due è

Dettagli

Strumenti di indagine per la valutazione psicologica

Strumenti di indagine per la valutazione psicologica Strumeti di idagie per la valutazioe psicologica 1.2 - Richiami di statistica descrittiva Davide Massidda davide.massidda@gmail.com Descrivere i dati Dovedo scegliere u esame opzioale, uo studete ha itezioe

Dettagli

Calcolo della risposta di un sistema lineare viscoso a più gradi di libertà con il metodo dell Analisi Modale

Calcolo della risposta di un sistema lineare viscoso a più gradi di libertà con il metodo dell Analisi Modale Calcolo della risposta di u sistema lieare viscoso a più gradi di libertà co il metodo dell Aalisi Modale Lezioe 2/2 Prof. Adolfo Satii - Diamica delle Strutture 1 La risposta a carichi variabili co la

Dettagli

LA VERIFICA DELLE IPOTESI SUI PARAMETRI

LA VERIFICA DELLE IPOTESI SUI PARAMETRI LA VERIFICA DELLE IPOTESI SUI PARAMETRI E u problema di ifereza per molti aspetti collegato a quello della stima. Rispode ad u esigeza di carattere pratico che spesso si preseta i molti campi dell attività

Dettagli

Tutti i diritti di sfruttamento economico dell opera appartengono alla Esselibri S.p.A. (art. 64, D.Lgs. 10-2-2005, n. 30)

Tutti i diritti di sfruttamento economico dell opera appartengono alla Esselibri S.p.A. (art. 64, D.Lgs. 10-2-2005, n. 30) Copyright 2005 Esselibri S.p.A. Via F. Russo, 33/D 8023 Napoli Azieda co sistema qualità certificato ISO 400: 2003 Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzioe ache parziale e co qualsiasi mezzo

Dettagli

CONCETTI BASE DI STATISTICA

CONCETTI BASE DI STATISTICA CONCETTI BASE DI STATISTICA DEFINIZIONI Probabilità U umero reale compreso tra 0 e, associato a u eveto casuale. Esso può essere correlato co la frequeza relativa o col grado di credibilità co cui u eveto

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagia Giovaa Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 2 per la Scuola secodaria di secodo grado UNITÀ CAMPIONE Edizioi del Quadrifoglio à t i U 2 Radicali I questa Uità affrotiamo

Dettagli

Capitolo Terzo. rappresenta la rata di ammortamento del debito di un capitale unitario. Si tratta di risolvere un equazione lineare nell incognita R.

Capitolo Terzo. rappresenta la rata di ammortamento del debito di un capitale unitario. Si tratta di risolvere un equazione lineare nell incognita R. 70 Capitolo Terzo i cui α i rappreseta la rata di ammortameto del debito di u capitale uitario. Si tratta di risolvere u equazioe lieare ell icogita R. SIANO NOTI IL MONTANTE IL TASSO E IL NUMERO DELLE

Dettagli

Una funzione è una relazione che ad ogni elemento del dominio associa uno e un solo elemento del codominio

Una funzione è una relazione che ad ogni elemento del dominio associa uno e un solo elemento del codominio Radicali Per itrodurre il cocetto di radicali che già avete icotrato alle medie quado avete imparato a calcolare la radice quadrata e cubica dei umeri iteri, abbiamo bisogo di rivedere il cocetto di uzioe

Dettagli

STATISTICA DESCRITTIVA

STATISTICA DESCRITTIVA STATISTICA DESCRITTIVA La statistica descrittiva serve per elaborare e sitetizzare dati. Tipicamete i dati si rappresetao i tabelle. Esempio. Suppoiamo di codurre u idagie per cooscere gli iscritti al

Dettagli

Metodi statistici per l analisi dei dati

Metodi statistici per l analisi dei dati Metodi statistici per l aalisi dei dati due ttameti Motivazioi ttameti Obbiettivo: Cofrotare due diverse codizioi (ache defiiti ttameti) per cui soo stati codotti gli esperimeti. due ttameti Esempio itroduttivo

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica A.A. 2014/15. Complementi di Probabilità e Statistica. Prova scritta del del 23-02-15

Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica A.A. 2014/15. Complementi di Probabilità e Statistica. Prova scritta del del 23-02-15 Corso di Laurea Magistrale i Igegeria Iformatica A.A. 014/15 Complemeti di Probabilità e Statistica Prova scritta del del 3-0-15 Puteggi: 1. 3+3+4;. +3 ; 3. 1.5 5 ; 4. 1 + 1 + 1 + 1 + 3.5. Totale = 30.

Dettagli

Appunti sulla MATEMATICA FINANZIARIA

Appunti sulla MATEMATICA FINANZIARIA INTRODUZIONE Apputi sulla ATEATIA FINANZIARIA La matematica fiaziaria si occupa delle operazioi fiaziarie. Per operazioe fiaziaria si itede quella operazioe ella quale avviee uo scambio di capitali, itesi

Dettagli

Random walk classico. Simulazione di un random walk

Random walk classico. Simulazione di un random walk Radom walk classico Il radom walk classico) è il processo stocastico defiito da co prob. S = S0 X k, co X k = k= co prob. e le X soo tra di loro idipedeti. k Si tratta di u processo a icremeti idipedeti

Dettagli

CAPITOLO 5 TEORIA DELLA SIMILITUDINE

CAPITOLO 5 TEORIA DELLA SIMILITUDINE CAPITOLO 5 TEORIA DELLA SIMILITUDINE 5.. Itroduzioe La Teoria della Similitudie ha pricipalmete due utilizzi: Estedere i risultati otteuti testado ua sigola macchia ad altre codizioi operative o a ua famiglia

Dettagli

19 31 43 55 67 79 91 103 870,5 882,5 894,5 906,5 918,5 930,5 942,5 954,5

19 31 43 55 67 79 91 103 870,5 882,5 894,5 906,5 918,5 930,5 942,5 954,5 Il 16 dicembre 015 ero a Napoli. Ad u agolo di Piazza Date mi soo imbattuto el "matematico di strada", come egli si defiisce, Giuseppe Poloe immerso el suo armametario di tabelle di umeri. Il geiale persoaggio

Dettagli

Teorema 13. Se una sere converge assolutamente, allora converge:

Teorema 13. Se una sere converge assolutamente, allora converge: Apputi sul corso di Aalisi Matematica complemeti (a) - prof. B.Bacchelli Apputi 03: Riferimeti: R.Adams, Calcolo Differeziale.- Si cosiglia vivamete di fare gli esercizi del testo. Covergeza assoluta e

Dettagli

che sono una l inversa dell altra; l insieme dei messaggi cifrati C i cui elementi sono indicati con la lettera c.

che sono una l inversa dell altra; l insieme dei messaggi cifrati C i cui elementi sono indicati con la lettera c. I LEZIONE Il ostro iteto è aalizzare i dettaglio i metodi di cifratura che si soo susseguiti el corso della storia prestado particolare attezioe all impiato matematico che e cosete la realizzazioe Iiziamo

Dettagli

Corso di Elementi di Impianti e macchine elettriche Anno Accademico 2014-2015

Corso di Elementi di Impianti e macchine elettriche Anno Accademico 2014-2015 Corso di Elemeti di Impiati e mahie elettriche Ao Aademico 014-015 Esercizio.1 U trasformatore moofase ha i segueti dati di targa: Poteza omiale A =10 kva Tesioe omiale V 1 :V =480:10 V Frequeza omiale

Dettagli

Successioni. Capitolo 2. 2.1 Definizione

Successioni. Capitolo 2. 2.1 Definizione Capitolo 2 Successioi 2.1 Defiizioe Ua prima descrizioe, più ituitiva che rigorosa, di quel che itediamo per successioe cosiste i: Ua successioe è ua lista ordiata di oggetti, avete u primo ma o u ultimo

Dettagli

Capitolo 27. Elementi di calcolo finanziario EEE 2015-2016

Capitolo 27. Elementi di calcolo finanziario EEE 2015-2016 Capitolo 27 Elemeti di calcolo fiaziario EEE 205-206 27. Le diverse forme dell iteresse Si defiisce capitale (C) uo stock di moeta dispoibile i u determiato mometo. Si defiisce iteresse (I) il prezzo d

Dettagli

Analisi Fattoriale Discriminante

Analisi Fattoriale Discriminante Aalisi Fattoriale Discrimiate Bibliografia Lucidi (materiale reperibile via Iteret) Lauro C.N. Uiversità di Napoli Gherghi M. Uiversità di Napoli D Ambra L. Uiversità di Napoli Keeth M. Portier Uiversity

Dettagli

Metodi statistici per l'analisi dei dati

Metodi statistici per l'analisi dei dati Metodi statistici per l aalisi dei dati due Motivazioi Obbiettivo: Cofrotare due diverse codizioi (ache defiiti ) per cui soo stati codotti gli esperimeti. Metodi tatistici per l Aalisi dei Dati due Esempio

Dettagli

IL CALCOLO COMBINATORIO

IL CALCOLO COMBINATORIO IL CALCOLO COMBINATORIO Calcolo combiatorio è il termie che deota tradizioalmete la braca della matematica che studia i modi per raggruppare e/o ordiare secodo date regole gli elemeti di u isieme fiito

Dettagli

SERIE NUMERICHE Esercizi risolti. 2 b) n=1. n n 2 +n

SERIE NUMERICHE Esercizi risolti. 2 b) n=1. n n 2 +n SERIE NUMERICHE Esercizi risolti. Applicado la defiizioe di covergeza di ua serie stabilire il carattere delle segueti serie, e, i caso di covergeza, trovare la somma: = + b) = + +. Verificare utilizzado

Dettagli

Introduzione all assicurazione. (Dispensa per il corso di Microeconomia)

Introduzione all assicurazione. (Dispensa per il corso di Microeconomia) Itroduzioe all assicurazioe. (Dispesa per il corso di Microecoomia) Massimo A. De Fracesco Uiversità di Siea December 18, 2013 1 ichiami su utilità attesa e avversioe al rischio Prima di cosiderare il

Dettagli

Introduzione all assicurazione. (Dispensa per il corso di Microeconomia per manager. Prima versione, marzo 2013; versione aggiornata, marzo 2014)

Introduzione all assicurazione. (Dispensa per il corso di Microeconomia per manager. Prima versione, marzo 2013; versione aggiornata, marzo 2014) Itroduzioe all assicurazioe. (Dispesa per il corso di Microecoomia per maager. Prima versioe, marzo 2013; versioe aggiorata, marzo 2014) Massimo A. De Fracesco Uiversità di Siea March 14, 2014 1 Prezzo

Dettagli

Modelli multiperiodali discreti. Strategie di investimento

Modelli multiperiodali discreti. Strategie di investimento Modelli multiperiodali discreti Cosideriamo ora modelli discreti cioè co u umero fiito di stati del modo multiperiodali, cioè apputo co più periodi. Il prototipo di questa classe di modelli è il modello

Dettagli

I numeri complessi. Pagine tratte da Elementi della teoria delle funzioni olomorfe di una variabile complessa

I numeri complessi. Pagine tratte da Elementi della teoria delle funzioni olomorfe di una variabile complessa I umeri complessi Pagie tratte da Elemeti della teoria delle fuzioi olomorfe di ua variabile complessa di G. Vergara Caffarelli, P. Loreti, L. Giacomelli Dipartimeto di Metodi e Modelli Matematici per

Dettagli

3.1 Il principio di inclusione-esclusione

3.1 Il principio di inclusione-esclusione Capitolo 3 Calcolo combiatorio 3.1 Il pricipio di iclusioe-esclusioe Il calcolo combiatorio prede i cosiderazioe degli isiemi fiiti particolari e e cota il umero di elemeti. Questo può dar luogo ad iteressati

Dettagli

CARATTERISTICHE MECCANICHE DI PIETRE NATURALI PER FACCIATE VENTILATE. Di seguito verranno utilizzati i seguenti simboli:

CARATTERISTICHE MECCANICHE DI PIETRE NATURALI PER FACCIATE VENTILATE. Di seguito verranno utilizzati i seguenti simboli: PROPOSTA DI UN PROTOCOLLO DI PROVE PER IL CONTROLLO DELLE CARATTERISTICHE MECCANICHE DI PIETRE NATURALI PER FACCIATE VENTILATE FINALITÀ Nel campo edile l utilizzo di rivestimeti esteri da riportare sulle

Dettagli

SERIE NUMERICHE Con l introduzione delle serie vogliamo estendere l operazione algebrica di somma ad un numero infinito di addendi.

SERIE NUMERICHE Con l introduzione delle serie vogliamo estendere l operazione algebrica di somma ad un numero infinito di addendi. Serie SERIE NUMERICHE Co l itroduzioe delle serie vogliamo estedere l operazioe algebrica di somma ad u umero ifiito di addedi. Def. Data la successioe {a }, defiiamo la successioe {s } poedo s = a k.

Dettagli

Appunti su rendite e ammortamenti

Appunti su rendite e ammortamenti Corso di Matematica I Facoltà di Ecoomia Dipartimeto di Matematica Applicata Uiversità Ca Foscari di Veezia Fuari Stefaia, fuari@uive.it Apputi su redite e ammortameti 1. Redite Per redita si itede u isieme

Dettagli

DISTRIBUZIONI DOPPIE

DISTRIBUZIONI DOPPIE DISTRIBUZIONI DOPPIE Fio ad ora abbiamo visto teciche di aalisi dei dati per il solo caso i cui ci si occupi di u solo carattere rilevato su u collettivo (distribuzioi semplici). I termii formali fio ad

Dettagli

Numerazione binaria Pagina 2 di 9 easy matematica di Adolfo Scimone

Numerazione binaria Pagina 2 di 9 easy matematica di Adolfo Scimone Numerazioe biaria Pagia di 9 easy matematica di Adolfo Scimoe SISTEMI DI NUMERAZIONE Sistemi di umerazioe a base fissa Facciamo ormalmete riferimeto a sistemi di umerazioe a base fissa, ad esempio el sistema

Dettagli

Anno 5 Successioni numeriche

Anno 5 Successioni numeriche Ao 5 Successioi umeriche Itroduzioe I questa lezioe impareremo a descrivere e calcolare il limite di ua successioe. Ma cos è ua successioe? Come si calcola il suo limite? Al termie di questa lezioe sarai

Dettagli

Corsi di Laurea in Ingegneria Edile e Architettura Prova scritta di Analisi Matematica 1 del 6/02/2010. sin( x) log((1 + x 2 ) 1/2 ) = 1 3.

Corsi di Laurea in Ingegneria Edile e Architettura Prova scritta di Analisi Matematica 1 del 6/02/2010. sin( x) log((1 + x 2 ) 1/2 ) = 1 3. Corsi di Laurea i Igegeria Edile e Architettura Prova scritta di Aalisi Matematica del 6// ) Mostrare che + si( ) cos () si( ) log(( + ) / ) = 3. Possibile soluzioe: Cosiderado dapprima il deomiatore otiamo

Dettagli

Serie numeriche e serie di potenze

Serie numeriche e serie di potenze Serie umeriche e serie di poteze Sommare u umero fiito di umeri reali è seza dubbio u operazioe che o può riservare molte sorprese Cosa succede però se e sommiamo u umero ifiito? Prima di dare delle defiizioi

Dettagli

SUCCESSIONI NUMERICHE

SUCCESSIONI NUMERICHE SUCCESSIONI NUMERICHE Ua fuzioe reale di ua variabile reale f di domiio A è ua legge che ad ogi x A associa u umero reale che deotiamo co f(x). Se A = N, la f è detta successioe di umeri reali. Se co si

Dettagli

cerchiamo di convincerci che ha senso sommare infiniti numeri! INSIEME INFINITO non INSIEME ILLIMITATO maggiorante limitato B 1/4 + 1/16 + 1/64

cerchiamo di convincerci che ha senso sommare infiniti numeri! INSIEME INFINITO non INSIEME ILLIMITATO maggiorante limitato B 1/4 + 1/16 + 1/64 By Luca Torchio Prima di defiire i modo rigoroso ua somma di ifiiti umeri, che tra l altro i matematici chiamao Serie, cerchiamo di covicerci che ha seso sommare ifiiti umeri! La cosa, i effetti, fa u

Dettagli

Serie numeriche: esercizi svolti

Serie numeriche: esercizi svolti Serie umeriche: esercizi svolti Gli esercizi cotrassegati co il simbolo * presetao u grado di difficoltà maggiore. Esercizio. Dopo aver verificato la covergeza, calcolare la somma delle segueti serie:

Dettagli

Terzo appello del. primo modulo. di ANALISI 18.07.2006

Terzo appello del. primo modulo. di ANALISI 18.07.2006 Terzo appello del primo modulo di ANALISI 18.7.26 1. Si voglioo ifilare su u filo delle perle distiguibili tra loro solo i base alla dimesioe: si hao a disposizioe perle gradi di diametro di 2 cetimetri

Dettagli

Statistica I, Laurea triennale in Ing. Gestionale, a.a. 2011/12 Registro delle lezioni

Statistica I, Laurea triennale in Ing. Gestionale, a.a. 2011/12 Registro delle lezioni Statistica I, Laurea trieale i Ig. Gestioale, a.a. 2011/12 Registro delle lezioi Lezioe 1 (28/9, ore 11:30). Vedere la registrazioe di Barsati, dispoibile alla pagia http://users.dma.uipi.it/barsati/statistica_2011/idex.html.

Dettagli

Problemi di Scheduling Definizioni. Problemi di Scheduling Definizioni. Problemi di Scheduling Definizioni. Problemi di Scheduling Definizioni

Problemi di Scheduling Definizioni. Problemi di Scheduling Definizioni. Problemi di Scheduling Definizioni. Problemi di Scheduling Definizioni Problemi di Schedulig Defiizioi I problemi di schedulig soo caratterizzati da tre isiemi: Attività (Task) T {T,T 2, T } macchie (Machies) P {P,P 2, P m } Risorse R {R,R 2, R s } Schedulig: assegare m Macchie

Dettagli

STIME E LORO AFFIDABILITA

STIME E LORO AFFIDABILITA TIME E LORO AFFIDABILITA L idea chiave su cui si basa l aalisi statistica è che si ossoo eseguire osservaioi su u camioe di soggetti e che da questo si ossoo comiere iferee sulla oolaioe raresetata da

Dettagli

Il confronto tra DUE campioni indipendenti

Il confronto tra DUE campioni indipendenti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Cofroto tra due medie I questi casi siamo iteressati a cofrotare il valore medio di due camioi i cui i le osservazioi i u camioe soo

Dettagli

( ) n > n. Ora osserviamo che 2 1. ( ) è vera. ( ) una proposizione riguardante il numero intero n. Se avviene che:

( ) n > n. Ora osserviamo che 2 1. ( ) è vera. ( ) una proposizione riguardante il numero intero n. Se avviene che: ARITMETICA 1 U importate ramo della matematica è l aritmetica, o teoria dei umeri, qui itesi come umeri iteri. Ci si poe il problema di stabilire se certe relazioi possao essere soddisfatte da umeri iteri,

Dettagli

1 Limiti di successioni

1 Limiti di successioni Esercitazioi di matematica Corso di Istituzioi di Matematica B Facoltà di Architettura Ao Accademico 005/006 Aa Scaramuzza 4 Novembre 005 Limiti di successioi Esercizio.. Servedosi della defiizioe di ite

Dettagli

Capitolo 6 Teoremi limite classici

Capitolo 6 Teoremi limite classici Capitolo 6 Teoremi limite classici Abstract I Teoremi limite classici, la legge dei gradi umeri e il teorema limite cetrale, costituiscoo il ucleo del Calcolo delle Probabilità, per la loro portata sia

Dettagli

Progressioni aritmetiche

Progressioni aritmetiche Progressioi aritmetiche Comiciamo co due esempi: Esempio Cosideriamo la successioe di umeri:, 7,, 5, 9, +4 +4 +4 +4 +4 La successioe è tale che si passa da u termie al successivo aggiugedo sempre +4. Si

Dettagli

Complessità Computazionale

Complessità Computazionale Uiversità degli studi di Messia Facoltà di Igegeria Corso di Laurea i Igegeria Iformatica e delle Telecomuicazioi Fodameti di Iformatica II Prof. D. Brueo Complessità Computazioale La Nozioe di Algoritmo

Dettagli

Metodi Iterativi Generalità e convergenza Metodi di base Cenni sui metodi basati sul gradiente Cenni sui metodi multigriglia

Metodi Iterativi Generalità e convergenza Metodi di base Cenni sui metodi basati sul gradiente Cenni sui metodi multigriglia Itroduzioe Metodi diretti Elimiazioe di Gauss Decomposizioe LU Casi particolari Metodi Iterativi Geeralità e covergeza Metodi di base Cei sui metodi basati sul gradiete Cei sui metodi multigriglia 1 Itroduzioe

Dettagli

Alcuni parametri statistici di base

Alcuni parametri statistici di base Alcui parametri statistici di base Misure di tedeza cetrale: media mediaa moda Misure di dispersioe: itervallo di variazioe scarto medio variaza deviazioe stadard coefficiete di variazioe Popolazioe di

Dettagli

, l'insieme dei numeri interi relativi: 0, 1, 1, 2, 2, infinito. m dove m e n sono elementi di. Le frazioni hanno tre

, l'insieme dei numeri interi relativi: 0, 1, 1, 2, 2, infinito. m dove m e n sono elementi di. Le frazioni hanno tre Uiversità Boccoi. Ao accademico 00 00 Corso di Matematica Geerale Prof. Fabrizio Iozzi email: fabrizio.iozzi@ui-boccoi.it Lezioi / Gli isiemi umerici Gli isiemi umerici co i quali lavoreremo soo:, l'isieme

Dettagli

Esercitazione 2 Progetto e realizzazione di un semplice sintetizzatore musicale basato su FPGA

Esercitazione 2 Progetto e realizzazione di un semplice sintetizzatore musicale basato su FPGA Architetture dei sistemi itegrati digitali Alessadro Bogliolo Esercitazioe 2 Progetto e realizzazioe di u semplice sitetizzatore musicale basato su FPGA (A) Defiizioe della specifica ed esperimeti prelimiari

Dettagli

Elementi di matematica finanziaria

Elementi di matematica finanziaria Elemeti di matematica fiaziaria 18.X.2005 La matematica fiaziaria e l estimo Nell ambito di umerosi procedimeti di stima si rede ecessario operare co valori che presetao scadeze temporali differeziate

Dettagli

PARAMETRI DEL MOTO SISMICO

PARAMETRI DEL MOTO SISMICO PARAMETRI DEL MOTO SISMICO Attività microsismica: caratterizzata da vibrazioi di debole ampiezza e periodi molto gradi tali da o essere percepiti dai più comui strumeti di registrazioe (importate soprattutto

Dettagli

Formula per la determinazione della Successione generalizzata di Fibonacci.

Formula per la determinazione della Successione generalizzata di Fibonacci. Formula per la determiazioe della uccessioe geeralizzata di Fiboacci. A cura di Eugeio Amitrao Coteuto dell articolo:. Itroduzioe......... uccessioe di Fiboacci....... 3. Formula di Biet per la successioe

Dettagli

Limiti di successioni

Limiti di successioni Argometo 3s Limiti di successioi Ua successioe {a : N} è ua fuzioe defiita sull isieme N deiumeriaturaliavalori reali: essa verrà el seguito idicata più brevemeteco{a } a èdettotermie geerale della successioe

Dettagli

Navigazione tramite numeri e divertimento

Navigazione tramite numeri e divertimento 60 Chapter 6 Navigazioe tramite umeri e divertimeto Vladimir Georgiev Itroduzioe La ovità pricipale el ostro approccio e l avviciameto del lavoro dei ostri Lab ai problemi della vita reale tramite la parte

Dettagli

2.1. CONSIDERAZIONI GENERALI SULLA TEORIA DEL METODO AGLI ELEMENTI FINITI PER LA SIMULAZIONE DEI PROCESSI DI LAMIERA

2.1. CONSIDERAZIONI GENERALI SULLA TEORIA DEL METODO AGLI ELEMENTI FINITI PER LA SIMULAZIONE DEI PROCESSI DI LAMIERA Politecico di Torio Sistemi di Produzioe... CONSIDERAZIONI GENERALI SULLA TEORIA DEL METODO AGLI ELEMENTI FINITI PER LA SIMULAZIONE DEI PROCESSI DI LAMIERA... Equazioe di govero Negli ultimi ai il metodo

Dettagli

Equazioni e contrazioni: un punto fisso //

Equazioni e contrazioni: un punto fisso // * 010 Equazioi e cotrazioi: u puto fisso // Nicola Chiriao Docete al Liceo Scietifico L. Siciliai di Catazaro [Nicola Chiriao] Nicola Chiriao è docete di Matematica e Fisica al Liceo Scietifico Siciliai

Dettagli

Corso di Laurea in Ing. Edile Politecnico di Bari A.A. 2008-2009 Prof. ssa Letizia Brunetti DISPENSE DEL CORSO DI GEOMETRIA

Corso di Laurea in Ing. Edile Politecnico di Bari A.A. 2008-2009 Prof. ssa Letizia Brunetti DISPENSE DEL CORSO DI GEOMETRIA Corso di Laurea i Ig Edile Politecico di Bari AA 2008-2009 Prof ssa Letizia Bruetti DISPENSE DEL CORSO DI GEOMETRIA 2 Idice Spazi vettoriali Cei sulle strutture algebriche 4 2 Defiizioe di spazio vettoriale

Dettagli

Capitolo 8 Le funzioni e le successioni

Capitolo 8 Le funzioni e le successioni Capitolo 8 Le fuzioi e le successioi Prof. A. Fasao Fuzioe, domiio e codomiio Defiizioe Si chiama fuzioe o applicazioe dall isieme A all isieme B ua relazioe che fa corrispodere ad ogi elemeto di A u solo

Dettagli

( ) ( ) ( ) ( ) ( ) CAPITOLO VII DERIVATE. (3) D ( x ) = 1 derivata di un monomio con a 0

( ) ( ) ( ) ( ) ( ) CAPITOLO VII DERIVATE. (3) D ( x ) = 1 derivata di un monomio con a 0 CAPITOLO VII DERIVATE. GENERALITÀ Defiizioe.) La derivata è u operatore che ad ua fuzioe f associa u altra fuzioe e che obbedisce alle segueti regole: () D a a a 0 0 0 derivata di u moomio D 6 D 0 D ()

Dettagli

Capitolo uno STATISTICA DESCRITTIVA BIVARIATA

Capitolo uno STATISTICA DESCRITTIVA BIVARIATA Capitolo uo STATISTICA DESCRITTIVA BIVARIATA La statistica bidimesioale o bivariata si occupa dello studio del grado di dipedeza di due caratteri distiti della stessa uità statistica. E possibile, ad esempio,

Dettagli