Interpolazione. Davide Manca Calcoli di Processo dell Ingegneria Chimica Politecnico di Milano

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Interpolazione. Davide Manca Calcoli di Processo dell Ingegneria Chimica Politecnico di Milano"

Transcript

1 L4 Iterpolazioe L4

2 Prologo Co iterpolazioe si itede il processo di idividuare ua fuzioe, spesso u poliomio, che passi per u isieme dato di puti: (x,y). y x L4 2

3 Fii dell iterpolazioe 1. Sostituire u isieme dato di puti {(x i,y i )} co ua fuzioe aalitica. 2. Approssimare ua fuzioe co ua più semplice. Tipicamete si utilizza u poliomio o ua serie di poliomi a tratti. Ua volta idividuata la fuzioe aalitica passate per l isieme di puti è possibile calcolare il valore della fuzioe stessa i u uovo puto itero all itervallo. Tale azioe è detta: iterpolazioe. Se viceversa si desidera cooscere il valore della fuzioe i u puto estero agli estremi di iterpolazioe tale operazioe viee defiita: estrapolazioe. N.B.: soprattutto quado si lavora co poliomi iterpolati l operazioe di estrapolazioe è molto pericolosa i quato può portare alla stima di valori completamete scorretti. Si pesi ifatti che per valori sufficietemete gradi della variabile idipedete x la fuzioe y tede comuque all ifiito. L4 3

4 Fii dell iterpolazioe 1. Sostituire u isieme dato di puti {(x i,y i )} co ua fuzioe aalitica I dati putuali possoo proveire da ua classe di fuzioi, ad esempio: p( x) = a + ae + a e + + a e x 2x x L obiettivo è quello di idividuare la fuzioe membro della classe summezioata tramite la determiazioe dei coefficieti {a j } basadosi sui puti assegati. Si può desiderare di cooscere il valore di ua fuzioe di cui soo oti dei valori tabulati i u puto diverso o tabulato (vedi look-up tables). Si può desiderare, dato u isieme di puti, di idividuare la curva che passi per tali puti e che sia piacevole alla vista. Vedi il caso della grafica a computer (curve di Bezier, ). L4 4

5 Fii dell iterpolazioe 2. Approssimare ua fuzioe co ua più semplice Avere a disposizioe ua fuzioe più semplice di quella di parteza, tipicamete u poliomio, permette di semplificare certe operazioi quali la derivazioe o l itegrazioe. Ad esempio si pesi di dover calcolare la quatità: I = 1 0 dx 1 si 3 log x 1+ x se però si riesce ad idividuare u poliomio o ua serie di poliomi a tratti i grado di approssimare la fuzioe itegrada tramite iterpolazioe è possibile calcolare aaliticamete il valore approssimato dell itegrale. L4 5

6 Nota storica I primi esempi di iterpolazioe, ella storia dell umaità, datao itoro al 300 A.C.. I babiloesi ed i greci ifatti utilizzavao o solo formule lieari ma ache forme più complicate per l iterpolazioe delle orbite solari, luari e plaetarie. Ipparco di Rodi, el 150 A.C., utilizzò ua iterpolazioe lieare per costruire ua fuzioe corda, simile alla siusoide, per calcolare la posizioe dei corpi celesti. Nel 650 D.C., il matematico ed astroomo Brahmagupta itrodusse u metodo di iterpolazioe del secodo ordie per la fuzioe seo. Successivamete propose ache u metodo per iterpolare puti o equispaziati. La avigazioe oceaica è sempre stata ua delle attività che più ha richiesto gli esiti dell iterpolazioe per la determiazioe della latitudie e logitudie. Newto iiziò a lavorare sulla teoria dell iterpolazioe classica el Nel 1795 Lagrage, pubblicò il metodo sull iterpolazioe che acora oggi prede il suo ome. L4 6

7 Defiizioe: i puti (x i,y i ) utilizzati dalla procedura di iterpolazioe vegoo defiiti puti di supporto. Puti di supporto Spesso per idividuare i parametri di u modello di iterpolazioe f(x,a), si utilizzao N puti di supporto e si risolve il sistema: N icogite a. ( a ) y = f x, i = 1, N elle N.B.: le N codizioi summezioate soo ecessarie ma o sufficieti per idividuare i parametri a. Si pesi, a titolo di esempio, a puti ripetuti (aveti cioè uguali ascisse). Ne cosegue che el metodo di iterpolazioe esatta occorre che: 1. Le gradezze x e y o siao soggette ad errore sperimetale, altrimeti la fuzioe iterpolate seguirebbe l adameto casuale dell errore. 2. I puti x i e la fuzioe iterpolate permettao la risoluzioe del sistema rispetto ai parametri a. i i L4 7

8 Scelta del modello Il modello utilizzato per l iterpolazioe esatta deve godere delle segueti caratteristiche: 1. Deve rappresetare al meglio la fuzioe che si vuole descrivere 2. Deve essere semplice da usare 3. Deve richiedere u ridotto tempo di calcolo per la sua valutazioe 4. I parametri a devoo essere facilmete ed uivocamete calcolabili Coseguetemete la classe di fuzioi che meglio rispode alle specifiche appea citate è quella dei poliomi: ( ) 2 P x = a + a x+ a x + + a x Esistoo i realtà ache altre scelte quali: poliomi di Chebichev, splie, curve di Bezier, serie di fuzioi trigoometriche (Fourier), L4 8

9 Iterpolazioe poliomiale Nel caso si scelga come modello u poliomio, questi avrà come struttura: ( a ) ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) f x P x a f x a f x a f x a f x, = = dove gli f x soo poliomi di grado miore o uguale a. i ( ) Poiché u poliomio di grado ha +1 coefficieti, soo ecessarie +1 codizioi distite per determiare i suoi parametri. Se si cooscoo +1 puti di supporto aveti ascisse tutte distite, i coefficieti a possoo essere ricavati risolvedo u sistema lieare di +1 equazioi: Fa = y N.B.: i poliomi soo facili da maeggiare. La derivazioe e l itegrazioe di u poliomio è u operazioe semplice e veloce. I poliomi trovao ampio uso i problemi umerici quali: il calcolo di itegrali, la soluzioe di equazioi differeziali, l approssimazioe di fuzioi, L4 9

10 Iterpolazioe poliomiale Alcue osservazioi 1. Il poliomio di grado passate per +1 puti di supporto distiti è uico. 2. No è detto che se i puti di supporto soo +1 il poliomio debba essere di grado. Si pesi ad esempio a +1 puti di supporto posti sopra ua parabola. Il poliomio iterpolate è uico e coicide co la parabola stessa. 3. Il poliomio passate per +1 puti di supporto distiti è al più di grado. 4. Qualora i puti di supporto provegao da dati affetti da errore sperimetale, secodo quato già sottolieato, o è opportuo applicare la procedura di iterpolazioe esatta. I tali casi il problema da risolvere è completamete diverso e cade ella sfera delle regressioi (lieari o o lieari). Per maggior dettaglio, dato u modello, l obiettivo della procedura di regressioe è quello di miimizzare la distaza esistete tra i dati sperimetali e il modello proposto. I geerale, ua volta determiati i parametri del modello proposto, questi o passa per i dati sperimetali. L4 10

11 Matrice di Vadermode Se il poliomio P (x) è i forma stadard, P x = a + a x+ a x + + a x, allora il sistema lieare assume la forma: Xa = y co la matrice X pari a: La matrice X èdetta di Vadermode. ( ) Se le ascisse di supporto soo tutte distite fra loro, allora la soluzioe del sistema Xa = y è uica e quidi esiste u solo poliomio che passa esattamete per i puti di supporto. Le +1 codizioi di passaggio per i puti di supporto o soo le uiche utilizzabili per la determiazioe di P (x). I alterativa è possibile assegare delle codizioi relative alle derivate prime, secode, del poliomio. ( 2 ) ( ) ( 2 ) ( ) 1 x0 x0 x 0 1 x1 x1 x 1 X = 2 1 x 1 ( x 1) ( x 1) 2 1 x ( x) ( x) L4 11

12 Iterpolazioe poliomiale È bee sottolieare alcui puti: alcue classi di fuzioi NON vegoo iterpolate bee utilizzado i poliomi. la qualità dell iterpolazioe o migliora i geere aumetado il grado del poliomio iterpolate. Azi si icorre el rischio opposto. N.B. Le classi di fuzioi meo adatte all iterpolazioe poliomiale soo quelle dotate di asitoti (orizzotali, verticali, obliqui). I questi casi si preferisce optare per l iterpolazioe tramite splie di cubiche. L4 12

13 Iterpolazioe poliomiale Isegameto 1. No usare poliomi iterpolati di grado superiore a L iterpolazioe può divetare meo accurata verso i bordi dell itervallo, rispetto alla zoa cetrale. 3. Quado è possibile, scegliere i modo opportuo le ascisse di supporto. 4. L errore può essere molto elevato al di fuori dell itervallo di iterpolazioe. Per questo motivo occorre evitare ogi forma di estrapolazioe. N.B.: spesso le proprietà chimico-fisiche delle sostaze (desità, viscosità, calore specifico, coducibilità termica, ) soo forite dalle bache dati sotto forma poliomiale. Parallelamete, tali bache dati, riportao per ogi proprietà l itervallo all itero del quale è cosetito utilizzare la formula. Occorre evitare qualsiasi forma di estrapolazioe, cioè di allargameto del rage di validità specificato. La fiducia o viee premiata. L4 13

14 Forma prodotto di radici Per il teorema fodametale dell algebra, u poliomio di grado ha radici (reali o complesse). Coseguetemete u poliomio di grado può sempre essere scritto ella forma prodotto di radici: ( ) ( )( ) ( ) { } P x = a x w x w x w w 1 2 i N.B.: la forma prodotto di radici è sempre be codizioata. Algoritmo calcolo previsioe per poliomio ella forma prodotto Iput: grado, a, radici w(i), puto z per la previsioe Output: previsioe p p = a for i = 1 to p = p * (z w(i)) ext i L algoritmo è stabile e richiede flop. L4 14

15 Forma stadard È la forma più utilizzata per descrivere u poliomio: ( ) 2 P x = a + a x+ a x + + a x N.B.: la forma stadard può essere mal codizioata. Esempio: il poliomio ( ) = ( )( )( ) ( )( ) P20 x x 1 x 2 x 3 x 19 x 20 trasformato i forma stadard diviee: ( ) P20 x = x 210x ! Se il secodo coefficiete: 210 viee modificato di u fattore 10 7, alcue delle radici del poliomio divegoo complesse e coiugate ache se il loro calcolo avviee i modo aalitico (precisioe ifiita). Oltre al fatto che la forma stadard può essere mal codizioata, la stessa matrice di Vadermode (per la determiazioe dei coefficieti a) è malcodizioata. Il malcodizioameto cresce co l ordie del poliomio. Ciò sigifica che i coefficieti a i possoo essere molto imprecisi. Ioltre, la risoluzioe del sistema di Vadermode richiede 3 /3 flop. L4 15

16 Forma stadard Qualora il poliomio sia dato i forma stadard, per calcolare u suo valore o occorre eseguire la valutazioe seguedo la sua rappresetazioe. Al cotrario è dato l algoritmo, del tutto geerale, di Horer. ( ( ( ))) ( ) = ( + ) P x a x a x a x x a a x Algoritmo di Horer (detto ache a cipolla) Iput: grado, coefficieti a(i), i=0,, ascissa z per la previsioe Output: previsioe p p = a() for i = -1 to 0 step -1 p = p * z + a(i) ext i L algoritmo richiede flop. N.B.: se la forma stadard è malcodizioata, essu algoritmo è i grado di migliorare le cose, quidi eppure quello di Horer. L4 16

17 Il metodo di Lagrage permette di evitare di risolvere il sistema caratterizzato dalla matrice di Vadermode. Il poliomio di grado viee scritto come combiazioe lieare di +1 poliomi oguo di grado : P( x) = a0l0( x) + a1l1( x) + + al( x) = al i i( x) I poliomi L i (x) vegoo scelti i modo da redere la matrice F, del sistema Fa = y, uguale alla matrice idetità I. I poliomi di Lagrage L i (x) hao formula: L ( x) Caratteristiche dei poliomi di Lagrage: 1. Soo di grado i = Metodo di Lagrage 2. Si aullao elle ascisse x j dei puti di supporto diversi da x i 3. Assumoo valore uitario ei puti: x i i= 0 ( x x0)( x x1) ( x xi 1)( x xi+ 1) ( x x) ( x x )( x x ) ( x x )( x x ) ( x x ) i 0 i 1 i i 1 i i+ 1 i L4 17

18 Metodo di Lagrage Dato che il sistema Fa = y si trasforma i Ia = y è possibile determiare i coefficieti a i modo baale: a i = y i. Quidi i coefficieti moltiplicativi dei poliomi di Lagrage corrispodoo alle ordiate dei puti di supporto. Perciò: P ( x) yl ( x) = i i i= 0 Joseph-Louis Lagrage ( ) Cosiderazioi sul metodo di Lagrage: Il umero di calcoli ecessario per ua previsioe i u puto z èelevato Dovedo effettuare delle previsioi i corrispodeza di più valori di z o si sfruttao i calcoli comui. Il metodo o permette di sfruttare i calcoli già effettuati se si desidera itrodurre u uovo puto di supporto. Esistoo coseguetemete formulazioi più efficieti del metodo di Lagrage classico iteressati per u implemetazioe a calcolatore. L4 18

19 Metodo di Lagrage Algoritmo per la previsioe co il metodo di Lagrage Iput: grado del poliomio, puti di supporto (x(i),y(i)) i=0,, ascissa z per la previsioe Output: previsioe p p = 0. for i = 0 to L algoritmo o è ottimizzato r = y(i) for k = 0 to if(i k)r = r*(z-x(k))/(x(i)-x(k)) ext k p = p + r ext i L4 19

20 Metodo di Newto Nel metodo di Newto il poliomio di grado che passa per +1 puti ha la seguete forma (forma di Newto): ( ) = + ( ) + ( )( ) + + ( )( ) ( )( ) P x a a x x a x x x x a x x x x x x x x e gode delle segueti proprietà: 1. Il poliomio di grado k può essere otteuto da quello di grado k 1 2. Il umero di calcoli ecessari per costruire il poliomio e per valutare ua previsioe è limitato 3. Gli errori di arrotodameto durate i calcoli di previsioe soo ridotti 4. È possibile stimare l errore che si commette utilizzado il poliomio al posto della fuzioe L4 20

21 Metodo di Newto Per determiare i coefficieti a del poliomio ella forma di Newto occorre risolvere il sistema lieare Fa = y che assume ello specifico la struttura: a y 0 0 ( ) a + a x x = y = ( ) ( ) ( ) a + a x x + + a x x x x = y Sir Isaac Newto ( ) La soluzioe è immediata i quato la struttura del sistema è triagolare. Soo richiesti perciò 2 /2 flop (cui occorre sommare le operazioi ecessarie per determiare i coefficieti del sistema lieare elle icogite a). L4 21

22 Metodo di Newto Esiste u metodo più efficiete, i termie di umero di operazioi da effettuare, per la determiazioe dei coefficieti del poliomio ella forma di Newto. Tale metodo è basato sulle differeze fratte. Algoritmo per determiazioe coefficieti ella forma di Newto Iput: grado del poliomio, ascisse x(i) ed ordiate y(i) di supporto, co i=0, Output: coefficieti a(i) della forma di Newto, co i=0, Flops: (+1)/2 for i = 0 to d(i) = y(i) ext i a(0) = d(0) for k = 1 to for i = 0 to (-k) ext i d(i) = (d(i+1) d(i)) / (x(i+k)-x(i)) a(k) = d(0) ext k L4 22

23 Metodo di Newto Ua volta oti i coefficieti a del poliomio ella forma di Newto, la previsioe viee effettuata applicado l algoritmo di Horer: Algoritmo per la previsioe co la forma di Newto Iput: grado del poliomio, ascisse di supporto x(i) e coefficieti a(i) co i=0,, ascissa z per la previsioe Output: previsioe p Flops: p = a() for i = -1 to 0 step -1 p = a(i) + p*(z - x(i)) ext i L4 23

24 Iterpolazioe di Hermite Nell iterpolazioe di Hermite vegoo acora utilizzati dei poliomi ma aziché assegare le sole codizioi di passaggio per i puti di sostego vegoo aggiute ache delle codizioi sulle derivate prime. Defiizioe: si defiisce poliomio di Hermite H 2+1 (x) quel poliomio che per ogi ascissa di supporto x i, i=0,, passa per i puti y i e ha come derivata prima y i. Charles Hermite ( ) N.B.: se le ascisse di supporto soo distite, vi è garazia che il poliomio di Hermite esiste ed è uico. L4 24

25 Iterpolazioe co fuzioi razioali Ua fuzioe che sia data dal rapporto tra due poliomi è detta razioale. R m, ( x) ( ) ( ) P x a0 + a1x+ + ax P x b + bx+ + b x = = 0 1 Defiizioe: la seguete relazioe è detta forma stadard P ( x) a0 a1x ax Rm, ( x) = m P x = bx + + b x m m ( ) Se soo oti m++1 puti di supporto (x i,y i ), i=0,, m+ i parametri a e b possoo essere ricavati dal sistema o lieare: R,m (x i ) = y i. Tale sistema può essere liearizzato moltiplicado etrambi i membri per il deomiatore (operazioe corretta se e solo se il deomiatore è diverso da zero). Il sistema lieare da risolvere risulta quidi essere: m ( ) a + a x + + a x = 1+ bx + + b x y i= 0,, + m 0 1 i i 1 i m i i Quest ultima codizioe è ecessaria per il soddisfacimeto della forma stadard ma o altrettato sufficiete. 1 m m m L4 25

26 Iterpolazioe co fuzioi razioali PRO 1. Le fuzioi razioali soo molto più poteti ell approssimare fuzioi per la loro capacità di simulare comportameti asitotici (orizzotali, verticali) CONTRO 1. La fuzioe razioale che passa esattamete per i puti di supporto assegati può o esistere 2. Il deomiatore della fuzioe razioale può aullarsi all itero dell itervallo di iteresse 3. Le fuzioi razioali soo molto più difficili da maeggiare quado occorre calcolare itegrali o derivate L4 26

27 Iterpolazioe a tratti Come detto i precedeza o è opportuo utilizzare poliomi iterpolati di ordie maggiore a 3 5. Se però i puti di supporto soo umerosi e si utilizza u solo poliomio i tutto l itervallo il suo grado cresce ievitabilmete. Ua valida alterativa è quella di utilizzare dei sotto-itervalli ed al loro itero iterpolare co poliomi di grado iferiore. Si ottiee i questo caso ua iterpolazioe a tratti. Iterpolazioe co poliomio di 6 grado Iterpolazioe lieare a tratti L4 27

28 Iterpolazioe a tratti Nell esempio sottostate è riportata ua iterpolazioe a tratti co parabole. Ogi parabola sottede tre puti di supporto aveti ciascuo ascisse distite. L esempio si presta bee a rappresetare l iterpolazioe a tratti co parabole i quato i puti di supporto soo 7 e quidi suddivisibili i tre itervalli co ogi itervallo caratterizzato da tre puti. Si oti che la sola codizioe di passaggio per i puti di supporto o assicura la morbidezza della curva totale risultate. È cioè assicurata soltato la cotiuità della fuzioe ma o quella delle derivate. Iterpolazioe quadratica a tratti L4 28

29 Iterpolazioe a tratti morbida e o oscillate Il desiderio di disporre di ua iterpolazioe a tratti, co poliomi di grado o elevato, che sia moderatamete oscillate e che produca alla vista u seso di morbidezza, si traduce matematicamete i: Dati puti di supporto (x i,y i ) aveti ascisse i ordie crescete, si desidera idetificare delle fuzioi s(x) tali che: s(x i ) = y i co i = 1,, s(x), s (x), s (x) cotiue i [x 1,x ] ioltre tra le fuzioi che soddisfao le proprietà precedeti, si desidera x 2 idetificare quelle che miimizzao l itegrale: s x dx Il cocetto sotteso dall itegrale qui riportato è quello di disporre di ua fuzioe che abbia ua derivata prima che o cambi velocemete (evitado i questo modo di itrodurre fuzioi eccessivamete ervose ). È possibile dimostrare che esiste ua sola soluzioe al problema posto. Tale soluzioe è detta: splie aturale di cubiche. x 1 ( ) L4 29

30 Splie di cubiche Idicado la splie cubica geerica come: 3 2 ( ) ( ) ( ) ( ) s x = a x x + b x x + c x x + d i= 1,, 1 i i i i i i i i dati puti di supporto, per determiare le sigole splie, vegoo imposte le codizioi: s x = y i = 1, 1 ( ) ( + 1) + 1 ( + 1) + 1( + 1) ( ) ( ) i i i s x = y i = 1, 1 i i i s x = s x i = 1, 2 i i i i s x = s x i = 1, 2 i i+ 1 i+ 1 i+ 1 N.B.: il umero di parametri icogiti è 4( 1) metre le codizioi fiora imposte soo: = 4 6. Quidi per determiare tutti i parametri delle splie di cubiche aggiugere altre due codizioi. occorre L4 30

31 Splie di cubiche y s 3 s 1 s 2 x 1 x 2 x 3 x 4 x Esempio di assegazioe delle 4 6 codizioi: ( ) ( ) ( ) s x = y s x = y s x = y ( ) ( ) ( ) s x = y s x = y s x = y ( ) = ( ) ( ) = ( ) s x s x s x s x ( ) = ( ) ( ) = ( ) s x s x s x s x L4 31

32 Splie di cubiche È possibile soddisfare le ultime due codizioi i modo differete. Splie aturale: derivate secode ulle egli estremi: ( ) ( ) s = s x = 0 s = s x = Valore assegato delle derivate secode egli estremi: ( ) ( ) s = s x = d s = s x = d Valore delle derivate secode agli estremi proporzioale alla derivata secoda el puto adiacete: ( ) ( ) ( ) ( ) s = s x = α s x = αs s = s x = βs x = βs spesso si adottao come valori per α e β 1.0 o 0.5. L4 32

33 Splie di cubiche Utilizzado le 4 6 codizioi precedetemete idicate più le due codizioi aggiutive agli estremi, si ottiee: s s a = h = x x i = 1,, 1 i+ 1 i i i i+ 1 i 6hi s i bi = i = 1,, 1 2 y y h ( s + 2s ) = = 1,, 1 i+ 1 i i i+ 1 i ci i hi 6 d = y i = 1,, 1 Le icogite s devoo risolvere il sistema i ( ) i i ( ) ( ) s i xi+ 1 = s i+ 1 xi+ 1 i = 1, 2 ( y y ) ( y y ) 6 6 h s h h s hs i i+ 1 i i i 1 i 1 i 1+ 2 i 1+ i i + i i+ 1 = = 2,, 1 hi hi 1 che è u sistema lieare tridiagoale elle icogite s i. Ua volta risolto il sistema lieare è possibile determiare esplicitamete i coefficieti a i, b i, c i, d i delle splie. L4 33

34 Splie di cubiche L4 34

35 Joseph Louis Lagrage Letture aggiutive Bor i Turi, Italy o Jauary 25, 1736, to Giuseppe Fracesco Lodovico Lagragia ad Teresa Grosso, Joseph Louis Lagrage would become a mathematical prodigy i his lifetime. Although Lagrage was the eldest of eleve childre, he was oly oe of two that would survive to adulthood. Growig up, Lagrage atteded the College of Turi, pursuig a career as a lawyer plaed by his father. Lagrage s first mathematic ecouter was Greek geometry a subject he foud quite borig. After readig Edmod Halley s 1693 paper o the use of algebra i optics ad beig exposed to the excellet physics teachig of Beccaria, Lagrage decided to take up his career i mathematics. Lagrage s first publicatio was put out o July 23, 1754, o the biomial theorem. Lagrage discovered soo after that Beroulli ad Leibiz were already addressig the issue. To avoid beig accused of usig the work of others, he bega studyig the tautochroe, the curve o which a weighted particle will always arrive at a fixed poit i the same time idepedet of its iitial positio. After sedig the results of his work o August 12, 1755, Euler s respose, set o September 6, stated how impressed he was with Lagrage s ew ideas o maxima ad miima. Thus, Lagrage had made his first splash i the lake of mathematics. O September 28, Lagrage became the professor of mathematics at the Royal Artillery School i Turi. Soo after, i 1756, Lagrage set Euler a copy of his work o the Calculus of Variatios. Euler, who had bee workig o the subject himself, foud that Lagrage s results were more geeralized tha his. Oce agai impressed with the work of this remarkable youg mathematicia, Euler had a positio arraged for him that promised to be far more prestigious tha the oe he held i Turi. Lagrage did ot seek fame ad saw o reaso to come to Prussia while Euler, who he had much respect for, already had the positio of director of mathematics at the Berli Academy. I 1758, Lagrage helped foud ad was a major cotributor to the scietific society of Turi, which would become the Royal Academy of Sciece of Turi. A mai objective of this society was their joural, the Mélages de Turi. Lagrage s work, which icluded subjects such as the calculus of variatios, probabilities, the priciple of least actio, kietic eergy, ad propagatio of soud, appears i the first three volumes, published i 1759, 62, ad 66. I the third volume, his famous Lagragia fuctio is itroduced, ad he uses a characteristic value of liear substitutio for differetial equatios for the first time. I 1764, Lagrage wo the prize competitio from the Académie des Scieces i Paris o the subject of the libratio, or wobble, of the moo. After aother offer for a positio at the Berli Academy, Lagrage discovered that Euler would be movig to St. Petersburg. L4 35

36 Joseph Louis Lagrage He fially accepted the offer ad succeeded Euler as the Director of Mathematics o November 6, Lagrage cotiued work i Berli for 20 years, where he completed may of his importat publicatios. I 1770, he itroduced Réflexios sur la résolutio algébrique des equatios, i which he showed why equatios of up to degree four could be solved with radicals. Lagrage probably made his greatest cotributios i workig o the subject of the mechaics of the uiverse. Writig to Laplace i 1782, he described his progress o a comprehesive publicatio o mechaics. However, the death of his wife ad of Frederick II, his patro at the Academy, created a less-tha-desirable situatio to remai i Berli. Offers were made from may cities to obtai this valuable mathematicia. He accepted a offer from Paris at the Académie des Scieces ad left Berli o May 18, His work, Mécaique Aalytique, which cotaied geeral equatios that could solve all problems i mechaics, was published i He was pleased that the work cotaied o borig geometric diagrams. Lagrage survived the Frech Revolutio, ad i May 1790, became a part of the committee of the Académie des Scieces that would evetually create the metric system. He remarried i 1792 his ew wife was the daughter of a astroomy colleague. O August 8, 1793, the Reig of Terror, which had already suppressed all leared societies icludig the Académie des Scieces, kicked Lavoisier, Borda, Laplace, Coulomb, Brisso ad Delambre off the commissio, makig Lagrage the chairma. Lavoisier, a good fried of Lagrage, had saved him from a law orderig the arrest of all foreigers from eemy coutries. O May 8, 1794, Lavoisier ad 27 others were codemed to death after a trial characteristic of the presumptuous period ( lasted less tha a day ). Lagrage wrote o the death of Lavoisier, It took oly a momet to cause this head to fall ad a hudred years will ot suffice to produce its like. I 1797, Lagrage became the Professor of Mathematics at École Normale, where he istigated the cocept of the thorough traiig of teachers. I the same year, he published Théorie des foctios aalytique, i which he tried to establish a calculus without ifiitesimals or Newtoia limits. Although the work did ot suffice i achievig such a goal, he ispired Cauchy, Abel, ad Weierstrass i the ext cetury with his search for foudatios ad geeralizatios. Napoleo amed Lagrage to his Legio of Hoor ad made him a cout of the Empire i A week after beig amed grad croix of the Ordre Impérial de la Réuio, he passed away. May of Lagrage s fidigs are still employed today o the cuttig edge of techology. A Lagragia poit, a regio where a small body ca remai i equilibrium if it ad two other objects form a equilateral triagle i space, ivolvig the Earth ad the Moo has bee suggested as a locatio for a future permaet space coloy. L4 36

37 Isaac Newto Isaac Newto Sir Isaac Newto ( ) has log bee regarded as oe of the most brilliat scietist who ever lived, as well as oe of greatest mathematicias i Eglad's history. However, Newto's character ad life was oe made of log flashes of brilliace ad followed by uexplaiable eccetric behavior. Isaac was bor o Christmas day i a village i Licolshire, Eglad. His mother described Isaac as beig so tiy he could fit ito a quart jar, while his father hoped that his ew so would grow to maage the farm someday. Growig up Isaac barely maitaied average grades ad ofte lacked attetio i school. Villagers looked upo his daydreamig, habits of readig for hours at a time, ad keepig records of his iterests as mere eccetricity. However, the first hits of Newto's brilliace could be foud i his boyhood ivetios. He as resposible for creatig sudials, a accurate woode clock, water wheels, ad eve a kite with a eclosed later, which fooled the locals ito seeig ghosts! Oe of his most practical adolescet ivetios was a mill, which mechaically groud wheat ito flour via mouse power. Newto's father died whe he tured fiftee. Luckily, Newto's ucle saw the potetial of his ephew's scietific talets, ad erolled him i Cambridge Uiversity. It was here that Newto was first exposed to the world of mathematics. Havig come across Euclid's Elemets i a bookstore, Newto was able to quickly follow the work, although he had little mathematical backgroud to begi with. Havig foud the work easy readig, Newto became fasciated by mathematics ad he quickly mastered Descartes' difficult work, Geometry. From this poit o, havig bee exposed to just the surface of the worlds of sciece ad math, Newto's appetite for both exploded expoetially. Newto quickly eared the respect of his peers ad professors at Cambridge. For istace, at the ed of his secod year, Newto had take the place of his professor, Dr. Isaac Barrow, who resiged i recogitio of Newto's superior mathematical skills. I 1664, the Great Plague struck Eglad ad the uiversity closed for a period to allow studets ad professors retur home to prevet a outbreak at school. From 1664 to 1666, Isaac made his greatest cotributios to mathematics. Relyig o the works of Galileo, Kepler, ad Descartes, Newto iveted calculus, discovered the law of uiversal gravitatio, ad he did extesive work o spectrums. The creatio ad developmet of his calculus was said to be the first achievemet of mathematics, however, Newto would ot publish his calculus util much later i his life. This was a mistake that would repeat itself cotiuously throughout Newto's works ad writigs. For the ext twety years, he cotiued to lecture o mathematics. L4 37

38 Isaac Newto So advaced was his mathematics that other mathematicias spet early fifty years tryig to uderstad it all. Fially, i 1684, Newto bega writig Pricipia or Mathematical Priciples of Natural Philosophy, to help summarize his discoveries about the physical world. I this work, Newto placed a emphasis o motio. I it, he formulated the three laws of motio, the third of which is essetial to the uderstadig of moder rocket power ad jet propulsio. Furthermore, he discussed the motio of bodies i free space, the motio of bodies i a resistig medium, ad the solar system ad celestial movemets. This work cosumed Newto util its completio. He wrote ofte for 18 to 19 hours daily, while igorig meals ad havig little sleep. I additio to Pricipia, Newto wrote The Uiversal Arithmetic, which help to substatiate ad advace his theory of equatios. He also wrote papers cocerig calculus, curves, optics, ad aalytical geometry. Agai, may of these works wet upublished util log after they were writte. Newto, who was ofte reluctat to publish his writig, was fially coaxed ito pritig up his work with the urgig of his mathematicia frieds. This proved too little too late for his most beloved creatio, calculus. Although he had discovered calculus i 1666, he did ot publish its descriptio util the year Durig that time, a Germa mathematicia amed Leibiiz had created a idetical mathematical work to calculus ad published these results i Germay i As a result, Leibiiz was referred to as calculus' creator, ad whe this ews came to Eglad Newto was eraged. While the debate raged o ad both sides about who hoestly claimed the rights to calculus, all commuicatios broke dow betwee Germay's mathematicias ad Eglad's mathematicias. As a result Frace used the work doe by Newto ad Leibiz ad perfected calculus ad advaced mathematics i their coutry. Newto refused to give up his fight ad cotiued to believe that Eglad would evetually be victorious util his death. Newto cotiued however, remaiig the humble professor, but with icreasig absetmidedess. Frieds laughed at him whe visitig his home whe they saw the sight of his frot door. He had cut two holes i his frot door, oe for a cat ad oe for the cat's kitte. Ofte he would wader off from dier guests after forgettig what day it was or after his thoughts had drifted away upo mathematics. He ever married ad lived well thaks to several wise busiess ivestmets he made durig his life. I 1699, he was appoited Master of the Mit by Eglad, i hoor of his service to the coutry. Newto took this job as well as other public service edeavors i the twilight of his career. Fially, Newto spet the remaider of his life ad career tacklig mathematical problems that had log baffled other mathematicias. Ofte solvig these problems i a matter of hours, he would sed the aswers aoymously to his peers, such as Beroulli as a form of professioal humor. Newto died at the age of 85 i Lodo ad was buried i Westmister Abbey. L4 38

Sintassi dello studio di funzione

Sintassi dello studio di funzione Sitassi dello studio di fuzioe Lavoriamo a perfezioare quato sapete siora. D ora iazi pretederò che i risultati che otteete li SCRIVIATE i forma corretta dal puto di vista grammaticale. N( x) Data la fuzioe:

Dettagli

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Defiire lo strumeto matematico ce cosete di studiare la cresceza e la decresceza di ua fuzioe Si comicia col defiire cosa vuol dire ce ua fuzioe è crescete. Defiizioe:

Dettagli

DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE

DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE DI UN GRUPPO DI OSSERVAZIONI O DI ESPERIMENTI, SI PERVIENE A CERTE CONCLUSIONI, LA CUI VALIDITA PER UN COLLETTIVO Più AMPIO E ESPRESSA

Dettagli

8. Quale pesa di più?

8. Quale pesa di più? 8. Quale pesa di più? Negli ultimi ai hao suscitato particolare iteresse alcui problemi sulla pesatura di moete o di pallie. Il primo problema di questo tipo sembra proposto da Tartaglia el 1556. Da allora

Dettagli

Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI

Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI SUCCESSIONI DI FUNZIONI I cocetti di successioe e di serie possoo essere estesi i modo molto aturale al caso delle fuzioi DEFINIZIONE Sia E u sottoisieme di  e, per ogi

Dettagli

Soluzione La media aritmetica dei due numeri positivi a e b è data da M

Soluzione La media aritmetica dei due numeri positivi a e b è data da M Matematica per la uova maturità scietifica A. Berardo M. Pedoe 6 Questioario Quesito Se a e b soo umeri positivi assegati quale è la loro media aritmetica? Quale la media geometrica? Quale delle due è

Dettagli

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE Esercizi di Fodameti di Iformatica 1 EQUAZIONI ALLE RICORRENZE 1.1. Metodo di ufoldig 1.1.1. Richiami di teoria Il metodo detto di ufoldig utilizza lo sviluppo dell equazioe alle ricorreze fio ad u certo

Dettagli

CONCETTI BASE DI STATISTICA

CONCETTI BASE DI STATISTICA CONCETTI BASE DI STATISTICA DEFINIZIONI Probabilità U umero reale compreso tra 0 e, associato a u eveto casuale. Esso può essere correlato co la frequeza relativa o col grado di credibilità co cui u eveto

Dettagli

IL CALCOLO COMBINATORIO

IL CALCOLO COMBINATORIO IL CALCOLO COMBINATORIO Calcolo combiatorio è il termie che deota tradizioalmete la braca della matematica che studia i modi per raggruppare e/o ordiare secodo date regole gli elemeti di u isieme fiito

Dettagli

I numeri complessi. Pagine tratte da Elementi della teoria delle funzioni olomorfe di una variabile complessa

I numeri complessi. Pagine tratte da Elementi della teoria delle funzioni olomorfe di una variabile complessa I umeri complessi Pagie tratte da Elemeti della teoria delle fuzioi olomorfe di ua variabile complessa di G. Vergara Caffarelli, P. Loreti, L. Giacomelli Dipartimeto di Metodi e Modelli Matematici per

Dettagli

Capitolo 8 Le funzioni e le successioni

Capitolo 8 Le funzioni e le successioni Capitolo 8 Le fuzioi e le successioi Prof. A. Fasao Fuzioe, domiio e codomiio Defiizioe Si chiama fuzioe o applicazioe dall isieme A all isieme B ua relazioe che fa corrispodere ad ogi elemeto di A u solo

Dettagli

Il confronto tra DUE campioni indipendenti

Il confronto tra DUE campioni indipendenti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Cofroto tra due medie I questi casi siamo iteressati a cofrotare il valore medio di due camioi i cui i le osservazioi i u camioe soo

Dettagli

Metodi statistici per l'analisi dei dati

Metodi statistici per l'analisi dei dati Metodi statistici per l aalisi dei dati due Motivazioi Obbiettivo: Cofrotare due diverse codizioi (ache defiiti ) per cui soo stati codotti gli esperimeti. Metodi tatistici per l Aalisi dei Dati due Esempio

Dettagli

( ) ( ) ( ) ( ) ( ) CAPITOLO VII DERIVATE. (3) D ( x ) = 1 derivata di un monomio con a 0

( ) ( ) ( ) ( ) ( ) CAPITOLO VII DERIVATE. (3) D ( x ) = 1 derivata di un monomio con a 0 CAPITOLO VII DERIVATE. GENERALITÀ Defiizioe.) La derivata è u operatore che ad ua fuzioe f associa u altra fuzioe e che obbedisce alle segueti regole: () D a a a 0 0 0 derivata di u moomio D 6 D 0 D ()

Dettagli

3.4 Tecniche per valutare uno stimatore

3.4 Tecniche per valutare uno stimatore 3.4 Teciche per valutare uo stimatore 3.4. Il liguaggio delle decisioi statistiche, stimatori corretti e stimatori cosisteti La teoria delle decisioi forisce u liguaggio appropriato per discutere sulla

Dettagli

Sistemi LTI descrivibile mediante SDE (Equazioni alle Differenze Standard)

Sistemi LTI descrivibile mediante SDE (Equazioni alle Differenze Standard) Sistemi LTI descrivibile mediate SDE (Equazioi alle Differeze Stadard) Nella classe dei sistemi LTI ua sottoclasse è quella dei sistemi defiiti da Equazioi Stadard alle Differeze Fiite (SDE), dette così

Dettagli

1 Metodo della massima verosimiglianza

1 Metodo della massima verosimiglianza Metodo della massima verosimigliaza Estraedo u campioe costituito da variabili casuali X i i.i.d. da ua popolazioe X co fuzioe di probabilità/desità f(x, θ), si costruisce la fuzioe di verosimigliaza che

Dettagli

SERIE NUMERICHE. (Cosimo De Mitri) 1. Definizione, esempi e primi risultati... pag. 1. 2. Criteri per serie a termini positivi... pag.

SERIE NUMERICHE. (Cosimo De Mitri) 1. Definizione, esempi e primi risultati... pag. 1. 2. Criteri per serie a termini positivi... pag. SERIE NUMERICHE (Cosimo De Mitri. Defiizioe, esempi e primi risultati... pag.. Criteri per serie a termii positivi... pag. 4 3. Covergeza assoluta e criteri per serie a termii di sego qualsiasi... pag.

Dettagli

1. MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ. 1 Alcune definizioni preliminari

1. MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ. 1 Alcune definizioni preliminari . MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ Alcue defiizioi prelimiari I sistemi vibrati possoo essere lieari o o lieari: el primo caso vale il pricipio di sovrapposizioe degli effetti el secodo o. I geerale

Dettagli

ESERCIZI DI ANALISI I. Prof. Nicola Fusco 1. Determinare l insieme in cui sono definite le seguenti funzioni:

ESERCIZI DI ANALISI I. Prof. Nicola Fusco 1. Determinare l insieme in cui sono definite le seguenti funzioni: N. Fusco ESERCIZI DI ANALISI I Prof. Nicola Fusco Determiare l isieme i cui soo defiite le segueti fuzioi: ) log/ arctg π ) 4 ) log π 6 arcse ) ) tg log π + ) 4) 4 se se se tg 5) se cos tg 6) [ 6 + 8 π

Dettagli

8) Sia Dato un mazzo di 40 carte. Supponiamo che esso sia mescolato in modo

8) Sia Dato un mazzo di 40 carte. Supponiamo che esso sia mescolato in modo ESERCIZI DI CALCOLO DELLE PROBABILITÁ ) Qual e la probabilita che laciado dadi a facce o esca essu? Studiare il comportameto asitotico di tale probabilita per grade. ) I u sacchetto vi soo 0 pallie biache;

Dettagli

Supponiamo, ad esempio, di voler risolvere il seguente problema: in quanti modi quattro persone possono sedersi l una accanto all altra?

Supponiamo, ad esempio, di voler risolvere il seguente problema: in quanti modi quattro persone possono sedersi l una accanto all altra? CALCOLO COMBINATORIO 1.1 Necessità del calcolo combiatorio Accade spesso di dover risolvere problemi dall'appareza molto semplice, ma che richiedoo calcoli lughi e oiosi per riuscire a trovare delle coclusioi

Dettagli

LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE

LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI Dipartimeto di Sieze Eoomihe Uiversità di Veroa VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE Lezioi di Matematia per

Dettagli

4. Metodo semiprobabilistico agli stati limite

4. Metodo semiprobabilistico agli stati limite 4. Metodo seiprobabilistico agli stati liite Tale etodo cosiste el verificare che le gradezze che ifluiscoo i seso positivo sulla, valutate i odo da avere ua piccolissia probabilità di o essere superate,

Dettagli

Test non parametrici. sono uguali a quelle teoriche. (probabilità attesa), si calcola la. , cioè che le frequenze empiriche

Test non parametrici. sono uguali a quelle teoriche. (probabilità attesa), si calcola la. , cioè che le frequenze empiriche est o parametrici Il test di Studet per uo o per due campioi, il test F di Fisher per l'aalisi della variaza, la correlazioe, la regressioe, isieme ad altri test di statistica multivariata soo parte dei

Dettagli

Esame di Matematica 2 Mod.A (laurea in Matematica) prova di accertamento del 4 novembre 2005

Esame di Matematica 2 Mod.A (laurea in Matematica) prova di accertamento del 4 novembre 2005 Esame di Matematica 2 ModA (laurea i Matematica prova di accertameto del 4 ovembre 25 ESERCIZIO Si poga a 3 5 + 9 e b 2 4 6 + 6 ( (a Si determii d MCD(a, b e gli iteri m, Z tali che d ma + b co m < b ed

Dettagli

Motori maxon DC e maxon EC Le cose più importanti

Motori maxon DC e maxon EC Le cose più importanti Motori maxo DC e maxo EC Il motore come trasformatore di eergia Il motore elettrico trasforma la poteza elettrica P el (tesioe U e correte I) i poteza meccaica P mech (velocità e coppia M). Le perdite

Dettagli

Materia: INGLESE Data: 24/10/2004

Materia: INGLESE Data: 24/10/2004 ! VERBI CHE TERMINANO IN... COME COSTRUIRE IL SIMPLE PAST ESEMPIO e aggiungere -d live - lived date - dated consonante + y 1 vocale + 1 consonante (ma non w o y) cambiare y in i, poi aggiungere -ed raddoppiare

Dettagli

Appunti di Statistica Matematica Inferenza Statistica Multivariata Anno Accademico 2014/15

Appunti di Statistica Matematica Inferenza Statistica Multivariata Anno Accademico 2014/15 Apputi di Statistica Matematica Ifereza Statistica Multivariata Ao Accademico 014/15 November 19, 014 1 Campioi e modelli statistici Siao Ω, A, P uo spazio di probabilità e X = X 1,..., X u vettore aleatorio

Dettagli

I was not you were not he was not she was not it was not we were not you were not they were not. Was I not? Were you not? Was she not?

I was not you were not he was not she was not it was not we were not you were not they were not. Was I not? Were you not? Was she not? Il passato Grammar File 12 Past simple Il past simple inglese corrisponde al passato prossimo, al passato remoto e, in alcuni casi, all imperfetto italiano. Con l eccezione del verbo be, la forma del past

Dettagli

CARATTERISTICHE GENERALI / GENERAL FEATURES

CARATTERISTICHE GENERALI / GENERAL FEATURES OPZIONI» otori i versioe flagia;» Coessioi laterali o posteriori;» Albero: cilidrico o scaalato;» Coessioi metriche o BSPP;» Altre caratteristiche speciali OPTIONS» Flage mout;» Side ad rear ports;» Shafts-

Dettagli

ESERCITAZIONE L adsorbimento su carbone attivo

ESERCITAZIONE L adsorbimento su carbone attivo ESERCITAZIONE adsorbimeto su carboe attivo ezioi di riferimeto: Processi basati sul trasferimeto di materia Adsorbimeto su carboi attivi Testi di riferimeto: Water treatmet priciples ad desi, WH Pricipi

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA

MATEMATICA FINANZIARIA Capializzazioe semplice e composa MATEMATICA FINANZIARIA Immagiiamo di impiegare 4500 per ai i ua operazioe fiaziaria che frua u asso del, % auo. Quao avremo realizzao alla fie dell operazioe? I u coeso

Dettagli

Sommario lezioni di Probabilità versione abbreviata

Sommario lezioni di Probabilità versione abbreviata Sommario lezioi di Probabilità versioe abbreviata C. Frachetti April 28, 2006 1 Lo spazio di probabilità. 1.1 Prime defiizioi I possibili risultati di u esperimeto costituiscoo lo spazio dei campioi o

Dettagli

La sicurezza sul lavoro: obblighi e responsabilità

La sicurezza sul lavoro: obblighi e responsabilità La sicurezza sul lavoro: obblighi e resposabilità Il Testo uico sulla sicurezza, Dlgs 81/08 è il pilastro della ormativa sulla sicurezza sul lavoro. I sostaza il Dlgs disciplia tutte le attività di tutti

Dettagli

PRESENT SIMPLE. Indicativo Presente = Presente Abituale. Tom s everyday life

PRESENT SIMPLE. Indicativo Presente = Presente Abituale. Tom s everyday life PRESENT SIMPLE Indicativo Presente = Presente Abituale Prerequisiti: - Pronomi personali soggetto e complemento - Aggettivi possessivi - Esprimere l ora - Presente indicativo dei verbi essere ed avere

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

INTRODUZIONE ALLE SUCCESSIONI E SERIE: ALCUNI ESEMPI NOTEVOLI

INTRODUZIONE ALLE SUCCESSIONI E SERIE: ALCUNI ESEMPI NOTEVOLI INTRODUZIONE ALLE SUCCESSIONI E SERIE: ALCUNI ESEMPI NOTEVOLI Mirta Debbia LS A. F. Formiggii di Sassuolo (MO) - debbia.m@libero.it Maria Cecilia Zoboli - LS A. F. Formiggii di Sassuolo (MO) - cherubii8@libero.it

Dettagli

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti Gorgo Lambert Pag. Dmostrazoe della Formula per la determazoe del umero d dvsor-test d prmaltà, d Gorgo Lambert Eugeo Amtrao aveva proposto l'dea d ua formula per calcolare l umero d dvsor d u umero, da

Dettagli

l = 0, 1, 2, 3,,, n-1n m = 0, ±1,

l = 0, 1, 2, 3,,, n-1n m = 0, ±1, NUMERI QUANTICI Le autofuzioi soo caratterizzate da tre parametri chiamati NUMERI QUANTICI e soo completamete defiite dai loro valori: : umero quatico pricipale l : umero quatico secodario m : umero quatico

Dettagli

PENSIONI INPDAP COME SI CALCOLANO

PENSIONI INPDAP COME SI CALCOLANO Mii biblioteca de Il Giorale Ipdap per rederci coto e sapere di piu Mii biblioteca de Il Giorale Ipdap per rederci coto e sapere di piu PENSIONI INPDAP COME SI CALCOLANO I tre sistemi I cique pilastri

Dettagli

L OFFERTA DI LAVORO 1

L OFFERTA DI LAVORO 1 L OFFERTA DI LAVORO 1 La famiglia come foritrice di risorse OFFERTA DI LAVORO Notazioe utile: T : dotazioe di tempo (ore totali) : ore dedicate al tempo libero l=t- : ore dedicate al lavoro : cosumo di

Dettagli

Indagini sui coregoni del Lago Maggiore: Analisi sui pesci catturati nel 2010

Indagini sui coregoni del Lago Maggiore: Analisi sui pesci catturati nel 2010 Idagii sui coregoi del Lago Maggiore: Aalisi sui pesci catturati el 1 Rapporto commissioato dal Dipartimeto del territorio, Ufficio della caccia e della pesca, Via Stefao Frascii 17 51 Bellizoa Aprile

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI . L'INSIEME DEI NUMERI REALI. I pricipli isiemi di umeri Ripredimo i pricipli isiemi umerici N, l'isieme dei umeri turli 0; ; ; ; ;... L'ide ituitiv di umero turle è ssocit l prolem di cotre e ordire gli

Dettagli

Comportamento delle strutture in C.A. in Zona Sismica

Comportamento delle strutture in C.A. in Zona Sismica Comportameto delle strutture i c.a. i zoa sismica Pagia i/161 Comportameto delle strutture i C.A. i Zoa Sismica Prof. Paolo Riva Dipartimeto di Progettazioe e ecologie Facoltà di Igegeria Uiversità di

Dettagli

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Sede di Rappresentanza: Castello di San Donato in Perano 53013 Gaiole in Chianti (Si) Tel. 0577-744121 Fax 0577-745024 www.castellosandonato.it

Dettagli

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici Stm e putual Probabltà e Statstca I - a.a. 04/05 - Stmator Vocabolaro Popolazoe: u seme d oggett sul quale s desdera avere Iformazo. Parametro: ua caratterstca umerca della popolazoe. E u Numero fssato,

Dettagli

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D Present Perfect Affirmative Forma intera I have played we have played you have played you have played he has played

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA IL PRIMO GIORNO CON LA FAMIGLIA OSPITANTE FIRST DAY WITH THE HOST FAMILY Questa serie di domande, a cui gli studenti risponderanno insieme alle loro famiglie, vuole aiutare

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Under the Patronage of Comune di Portofino Regione Liguria 1ST INTERNATIONAL OPERA SINGING COMPETITION OF PORTOFINO from 27th to 31st July 2015 MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Direzione artistica

Dettagli

Dall atomo di Bohr alla costante di struttura fine

Dall atomo di Bohr alla costante di struttura fine Dall atomo di Bohr alla ostate di struttura fie. INFORMAZIONI SPETTROSCOPICHE SUGLI ATOMI E be oto he ogi sostaza opportuamete eitata emette radiazioi elettromagetihe. Co uo spettrosopio, o strumeti aaloghi,

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 04 1/28 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene la disciplina relativa ai limiti di variazione

Dettagli

LEZIONE 4: PRESENT SIMPLE / PRESENT CONTINUOUS

LEZIONE 4: PRESENT SIMPLE / PRESENT CONTINUOUS LEZIONE 4: PRESENT SIMPLE / PRESENT CONTINUOUS TEMPO PRESENTE In italiano non vi sono differenze particolari tra le due frasi: MANGIO UNA MELA e STO MANGIANDO UNA MELA Entrambe le frasi si possono riferire

Dettagli

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import definizione L operazione presuppone l emissione di una lettera di credito IMPORT in favore dell esportatore estero, con termine di pagamento differito (es. 180 gg dalla data di spedizione con documenti

Dettagli

Verifica d Ipotesi. Se invece che chiederci quale è il valore di una media in una popolazione (stima. o falsa? o falsa?

Verifica d Ipotesi. Se invece che chiederci quale è il valore di una media in una popolazione (stima. o falsa? o falsa? Verifica d Iotesi Se ivece che chiederci quale è il valore ua mea i ua oolazioe (stima utuale Se ivece e itervallo che chiederci cofideza) quale è il avessimo valore u idea ua mea su quello i ua che oolazioe

Dettagli

40 motivi per cui le puttane sono le mie eroine

40 motivi per cui le puttane sono le mie eroine 40 motivi per cui le puttane sono le mie eroine Le puttane sanno condividere le parti più private e delicate del corpo con perfetti sconosciuti. Le puttane hanno accesso a luoghi inaccessibili. Le puttane

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

SOL terra Marco Zanuso Jr, Christophe Mathieu 2014

SOL terra Marco Zanuso Jr, Christophe Mathieu 2014 SOL terra Marco Zanuso Jr, Christophe Mathieu 2014 MADE IN ITALY SOL - Marco Zanuso Jr, Christophe Mathieu 2013 Sol è un sistema basato interamente sull interpretazione di innovativi principi di calcolo

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari Narrare i gruppi Etnografia dell interazione quotidiana Prospettive cliniche e sociali ISSN: 2281-8960 Narrare i gruppi. Etnografia dell'interazione quotidiana. Prospettive cliniche e sociali è una Rivista

Dettagli

L OPPORTUNITÀ DEL RECUPERO DI EFFICIENZA OPERATIVA PUÒ NASCONDERSI NEI DATI DELLA TUA AZIENDA?

L OPPORTUNITÀ DEL RECUPERO DI EFFICIENZA OPERATIVA PUÒ NASCONDERSI NEI DATI DELLA TUA AZIENDA? OSSERVATORIO IT GOVERNANCE L OPPORTUNITÀ DEL RECUPERO DI EFFICIENZA OPERATIVA PUÒ NASCONDERSI NEI DATI DELLA TUA AZIENDA? A cura del Professor Marcello La Rosa, Direttore Accademico (corporate programs

Dettagli

USUFRUTTO. 5) Quali sono le spese a carico dell usufruttuario

USUFRUTTO. 5) Quali sono le spese a carico dell usufruttuario USUFRUTTO 1) Che cos è l sfrtto e come si pò costitire? L sfrtto è il diritto di godimeto ( ovvero di possesso) di bee altri a titolo gratito ; viee chiamato sfrttario chi esercita tale diritto, metre

Dettagli

DOMINI DI CURVATURA DI SEZIONI IN C.A. IN PRESSOFLESSIONE DEVIATA. PARTE II: VALUTAZIONE SEMPLIFICATA

DOMINI DI CURVATURA DI SEZIONI IN C.A. IN PRESSOFLESSIONE DEVIATA. PARTE II: VALUTAZIONE SEMPLIFICATA Valutazioe e riduzioe della vulerailità sismia di ediii esisteti i.a. Roma, 9-0 maggio 00 DOMINI DI CURVATURA DI SEZIONI IN C.A. IN PRESSOFLESSIONE DEVIATA. PARTE II: VALUTAZIONE SEMPLIFICATA Di Ludovio

Dettagli

Official Announcement Codice Italia Academy

Official Announcement Codice Italia Academy a c a d e m y Official Announcement Codice Italia Academy INITIATIVES FOR THE BIENNALE ARTE 2015 PROMOTED BY THE MIBACT DIREZIONE GENERALE ARTE E ARCHITETTURA CONTEMPORANEE E PERIFERIE URBANE cured by

Dettagli

Esercizi Le leggi dei gas. Lo stato gassoso

Esercizi Le leggi dei gas. Lo stato gassoso Esercizi Le lei dei as Lo stato assoso Ua certa quatità di as cloro, alla pressioe di,5 atm, occupa il volume di 0,58 litri. Calcola il volume occupato dal as se la pressioe viee portata a,0 atm e se la

Dettagli

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI statistica, Università Cattaneo-Liuc, AA 006-007, lezione del 08.05.07 IDICE (lezione 08.05.07 PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIAZA DELLE QUATITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIOE CO I DATI OSSERVATI 3.1 Valore

Dettagli

Per i primi tempi era davvero stridente la differenza tra una grande città affollata come Milano, e la

Per i primi tempi era davvero stridente la differenza tra una grande città affollata come Milano, e la Ci sono molti ricordi che rimangono impressi nella memoria, quegli eventi che rappresentano una parte importante della propria vita e di cui non ci si dimentica mai. Tra i miei c è questo viaggio, che

Dettagli

PRESENT PERFECT CONTINUOS

PRESENT PERFECT CONTINUOS PRESENT PERFECT CONTINUOS 1. Si usa il Present Perfect Continuous per esprimere un'azione che è appena terminata, che si è prolungata per un certo tempo e la cui conseguenza è evidente in questo momento.

Dettagli

Valutazione delle prestazioni termiche di sistemi con solai termoattivi in regime non stazionario

Valutazione delle prestazioni termiche di sistemi con solai termoattivi in regime non stazionario Valutazioe delle prestazioi termiche di sistemi co solai termoattivi i regime o stazioario MICHELE DE CARLI, Ph.D., Ricercatore, Dipartimeto di Fisica Tecica, Uiversità degli Studi di Padova, Padova, Italia.

Dettagli

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam.

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam. Laurea in INFORMATICA INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 Dynamic Host Configuration Protocol fausto.marcantoni@unicam.it Prima di iniziare... Gli indirizzi IP privati possono essere

Dettagli

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR MANUALE DI ISTRUZIONI ACCENSIONE / SPEGNERE DEL TAG HOUND Finder GPS Il TAG HOUND

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C. del 27/05/2015

Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C. del 27/05/2015 Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C del 27/05/2015 Istituto d Istruzione Superiore Liceo Classico Statale G. Garibaldi Via Roma, 164 87012 Castrovillari ( CS ) Tel. e fax 0981.209049 Anno

Dettagli

unoperatore@nellospaziodihilberth e sia z un numero complesso tale che z1-a,da==)rr_néh - 0 impli-chi l:= -1 (21-A) : R- n ==) Dn L- \

unoperatore@nellospaziodihilberth e sia z un numero complesso tale che z1-a,da==)rr_néh - 0 impli-chi l:= -1 (21-A) : R- n ==) Dn L- \ 3,6 56 3,6 TEOR I A SPETTRALE La teoria spettrale degli operatori lieari- eo spazio di Hilbert é f odata, coe per gi spazi f i-ito-dimes ioal j-, sula defiizioe di- risolvete di u operatole' Sia (A,DA)

Dettagli

Le operazioni fondamentali in N Basic Arithmetic Operations in N

Le operazioni fondamentali in N Basic Arithmetic Operations in N Operzioi fodetli i - 1 Le operzioi fodetli i Bsic Arithetic Opertios i I geerle u operzioe è u procedieto che due o più ueri, dti i u certo ordie e detti terii dell'operzioe, e ssoci u ltro, detto risultto

Dettagli

trovando in loro, veramente ma non pomposamente, le leggi principali della nostra natura:

trovando in loro, veramente ma non pomposamente, le leggi principali della nostra natura: From : The principal object - To : notions in simple and unelaborated expressions. The principal object, then, proposed in these Poems was to choose incidents L oggetto principale, poi, proposto in queste

Dettagli

PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS

PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS La domanda di partecipazione deve essere compilata e

Dettagli

VERBI MODALI: ASPETTI GRAMMATICALI E PRAGMATICI

VERBI MODALI: ASPETTI GRAMMATICALI E PRAGMATICI MODAL VERBS PROF. COLOMBA LA RAGIONE Indice 1 VERBI MODALI: ASPETTI GRAMMATICALI E PRAGMATICI ----------------------------------------------- 3 2 di 15 1 Verbi modali: aspetti grammaticali e pragmatici

Dettagli

Mario Sbriccoli, Ercole Sori. Alberto Grohmann, Giacomina Nenci, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO CENTRO SAMMARINESE

Mario Sbriccoli, Ercole Sori. Alberto Grohmann, Giacomina Nenci, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO CENTRO SAMMARINESE copertina univ. 21 11-04-2005 16:30 Pagina 1 A State and its history in the volumes 1-20 (1993-1999) of the San Marino Center for Historical Studies The San Marino Centre for Historical Studies came into

Dettagli

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI LUCIA GASTALDI 1. Metodi iterativi classici Sia A R n n una matrice non singolare e sia b R n. Consideriamo il sistema (1) Ax = b. Un metodo iterativo per la soluzione

Dettagli

Metodi d integrazione di Montecarlo

Metodi d integrazione di Montecarlo Metodi d itegrzioe di Motecrlo Simulzioe l termie simulzioe ell su ccezioe scietific h u sigificto diverso dll ccezioe correte. Nell uso ordirio è sioimo si fizioe; ell uso scietifico è sioimo di imitzioe,

Dettagli

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Versione 12.6.05 Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche 1 Il contesto del discorso (dalla lezione introduttiva)

Dettagli

PRESENT PERFECT, FIRST/SECOND CONDITIONAL,COMPARATIVI, SUPERLATIVI

PRESENT PERFECT, FIRST/SECOND CONDITIONAL,COMPARATIVI, SUPERLATIVI PRESENT PERFECT, FIRST/SECOND CONDITIONAL,COMPARATIVI, SUPERLATIVI PROF. COLOMBA LA RAGIONE Indice 1 IL PRESENT PERFECT -----------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

USO DEL PRESENT PERFECT TENSE

USO DEL PRESENT PERFECT TENSE USO DEL PRESENT PERFECT TENSE 1: Azioni che sono cominciate nel passato e che continuano ancora Il Present Perfect viene spesso usato per un'azione che è cominciata in qualche momento nel passato e che

Dettagli

BOSCH EDC16/EDC16+/ME9

BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 pag. 16 di 49 BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 Identificare la zona dove sono poste le piazzole dove andremo a saldare il connettore. Le piazzole sono situate in tutte le centraline Bosch

Dettagli

CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 1

CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 1 CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 1 CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 2 BUFALO MEDITERRANEO ITALIANO Mediterranean Italian Buffalo RICONOSCIUTO

Dettagli

I radicali 1. Claudio CANCELLI (www.claudiocancelli.it)

I radicali 1. Claudio CANCELLI (www.claudiocancelli.it) I rdicli Cludio CANCELLI (www.cludioccelli.it) Ed..0 www.cludioccelli.it Dec. 0 I rdicli INDICE DEI CONTENUTI. I RADICALI... INDICE DI RADICE PARI...4 INDICE DI RADICE DISPARI...5 RADICALI SIMILI...6 PROPRIETA

Dettagli

CARATTERISTICHE GENERALI / GENERAL FEATURES

CARATTERISTICHE GENERALI / GENERAL FEATURES OPZON» odello co distribuzioe a disco geroller» otori i versioe flagia o ruota» otori corti» Attacchi tubazioi laterali e posteriori» Alberi cilidrici, coici e detati» Altre caratteristiche speciali OPTONS»

Dettagli

U.O.C. di Chirurgia Endoscopica

U.O.C. di Chirurgia Endoscopica Congresso Nazionale Palermo 28/30 Ottobre 2010 Azienda Ospedaliera Universitaria Policlinico Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Chirurgia generale e specialistica U.O.C. di Chirurgia

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

RIF 101 TECNA, MECA MULTINEEDLE ROTATIVE HOOK LOCK STITCH QUILTER

RIF 101 TECNA, MECA MULTINEEDLE ROTATIVE HOOK LOCK STITCH QUILTER RIF 101 TECNA, MECA MULTINEEDLE ROTATIVE HOOK LOCK STITCH QUILTER Price ExWorks Gallarate 60.000,00euro 95 needles, width of quilting 240cm, 64 rotative hooks, Pegasus software, year of production 1999

Dettagli

La teoria dei vantaggi comparati. La teoria dei vantaggi comparati

La teoria dei vantaggi comparati. La teoria dei vantaggi comparati La teoria dei vantaggi comparati La teoria dei vantaggi comparati fu elaborata dall economista inglese David Ricardo (1772-1823) nella sua opera principale: On the Principles of Political Economy and Taxation

Dettagli

Approssimazione polinomiale di funzioni e dati

Approssimazione polinomiale di funzioni e dati Approssimazione polinomiale di funzioni e dati Approssimare una funzione f significa trovare una funzione f di forma più semplice che possa essere usata al posto di f. Questa strategia è utilizzata nell

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi.

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi. Iroduzioe () Ua defiizioe (geerale) del ermie qualià: qualià è l isieme delle caraerisiche di u eià (bee o servizio) che e deermiao la capacià di soddisfare le esigeze espresse ed implicie di chi la uilizza.

Dettagli