Laboratorio di Elettrotecnica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Laboratorio di Elettrotecnica"

Transcript

1 1 Laboratorio di Elettrotecnica Rappresentazione armonica dei Segnali Prof. Pietro Burrascano - Università degli Studi di Perugia Polo Scientifico Didattico di Terni

2 2 SEGNALI: ANDAMENTI ( NEL TEMPO, NELLO SPAZIO,..) DELLE GRANDEZZE SCELTE PER RAPPRESENTARE IL FENOMENO POSSIBILI PIU RAPPRESENTAZIONI DI UN SEGNALE ESEMPIO: RAPPRESENTAZIONI DI UN SEGNALE SINUSOIDALE E SINUSOIDALE, HA FREQUENZA f, FASE NULLA ED AMPIEZZA A s(t) = A sin(2πf t)

3 3 UNA SPECIFICA RAPPRESENTAZIONE SEGNALI SCELTA PER: evidenziarne aspetti rilevanti; darne rappresentazione parsimoniosa (con pochi parametri) Sistemi lineari => rappresentazione additiva s(t) = i a i b i (t) DUE ASPETTI RILEVANTI: 1. SCELTA dei segnali di base b i (t) 2. INDIVIDUAZIONE dei relativi coefficienti a i

4 4 ASPETTO 1 ASPETTO 1: SCELTA dei segnali di base b i (t) NOTE STORICHE ISACCO NEWTON (Principia, 1687) Espansione di un raggio luminoso che attraversa un prisma. La luce bianca è somma di raggi a tutte le lunghezze d onda. DANIEL BERNOULLI (1738) Soluzione dell equazione delle onde per corde vibranti u(x,t ) = sin(kx)(aκ cos(κct ) + Bκsin(κct )) k =1 LEONARDO EULERO (1755) Calcolo integrale dei coefficienti A k e B k JOSEPH FOURIER (1822) Estensione dei risultati dell equazione delle onde ad una funzione arbitraria u(x) anche contenente discontinuità WILLIAM THOMSON (1866) Applicazione analisi armonica alla predizione delle maree

5 5 ASPETTO 1 ESPERIMENTI DI FOURIER SULLA PROPAGAZIONE DEL CALORE FUNZIONE PERIODICA IN Θ Andamento della temperatura sempre più dolce fino alla continua T 1.8 tempo Θ MOTIVAZIONE FISICA CONSEGUENZA MATEMATICA Qualunque funzione, ANCHE NON ANALITICA, è scomponibile nella somma di infinite funzioni analitiche COEFFICIENTI: Eulero - Lagrange

6 6 ASPETTO 1 AUTOFUNZIONI DI SISTEMI LTI

7 7 ASPETTO 1 ASPETTO 1: SCELTA dei segnali di base b i (t) Scelta basata su SEGNALI CARATTERISTICI RISPOSTA SISTEMI LTI IL SISTEMA E LINEARE E PERMANENTE E DESCRIVIBILE MEDIANTE EQUAZIONI DIFFERENZIALI LINEARI A COEFFICIENTI COSTANTI LA RISPOSTA LIBERA : COMBINAZIONE LINEARE DI ESPONENZIALI COMPLESSI (radici semplici eq. caratt.) DEL TIPO C(s) = Ae -st = Ae -(α+jβ)t α,β R Esponenziali complessi Legati alla natura LP dei sistemi >>>

8 8 ASPETTO 1 Osserviamo inoltre che: Qualunque risposta ad Exp Complesso E ANCORA Exp Complesso 1,5 1,,5 Caratteristica dei SOLI Exp Complessi, t t Ae st Sistema Lineare H1(s) Sistema Lineare H2(s) Sistema Lineare H(s), t Funzioni con queste caratteristiche sono dette AUTOFUNZIONI del sistema 2, 1,5 1,,5 ( Ae st ) H ESPONENZIALI COMPLESSI AUTOFUNZIONI DEI SISTEMI LTI Due modi per verificare analiticamente questa caratteristica: METODO 1: dalla convoluzione con h(t) di sistemi LTI METODO 2: direttamente dalle proprietà di linearità e permanenza >>>

9 9 ASPETTO 1 SFRUTTANDO LE RELAZIONI DI EULERO C jβt e + e 2 jβt αt αt ( α, β ) = Ae = Ae cos( βt) GRAFICAMENTE => OSSERVAZIONE Per α= e ϕ non nullo => sinusoide C ( α, β ) ( βt+ ϕ ) j( βt+ ϕ ) e + e 2 j αt = Ae = Acos t + α = α= ( β ϕ) Sinusoidi combinazione di esponenziali complessi >>>

10 1 ASPETTO 1 Uscita: convoluzione fra risposta impulsiva ed ingresso METODO 1 y(t) = h τ ( ) x t - τ ( ) dτ Nel caso di esponenziale complesso come ingresso si ha: ( x(t) = e α + jβ ) t = e st dove s = α + jβ ( y(t) = h( τ ) e α + jβ ) ( t -τ ) dτ = h( τ ) e s ( t -τ ) dτ = = e st h τ ( ) e sτ dτ = e st H s ( ) = x(t)h ( s) L uscita è pari all ingresso moltiplicato per una quantità dipendente da α e β >>>

11 11 ASPETTO 1 Per ciascuna coppia α; β (per ciascun s) gli esponenziali complessi sono autofunzioni dei sistemi LTI; H(s) corrispondente autovalore associato H(s) direttamente legato alla h(t) attraverso la: H s ( ) = h( τ ) e sτ dτ y(t) st = e h sτ ( τ ) e dτ = x(t) H( s) che definiremo Trasformata di Laplace della risposta impulsiva se α= (s puramente immaginario) la H(s) diviene H s ( ) s= jω = H( ω) = F h(t) { } che definiremo Trasformata di Fourier della risposta impulsiva

12 12 ASPETTO 1 ESEMPIO Calcolare la risposta all exp complesso exp(j2t) del sistema caratterizzato dalla relazione ingresso-uscita y(t)=x(t-3) -semplice ritardo di tre secondi- Evidentemente ho h( t) = δ ( t 3) Di conseguenza H sτ = e dτ sτ ( s) h( τ ) e dτ = δ ( τ 3) τ 3 L integrale è nullo per per cui si ottiene ( ) s H s = e 3 L uscita sarà ( ) j 2t 3s j2t j6 j2( t-3) s = e e = e e e u ( t) = x( t) H = s= j2 s= j 2 Cioè, come atteso, una translazione di tre secondi dell ingresso

13 13 ASPETTO 1 ESPONENZIALI COMPLESSI AUTOFUNZIONI DI SISTEMI LTI: METODO 2 Sia P un sistema lineare e permanente: y(t)=p-[x(t)] Se x(t)=e st =e (α+jβ)t ho che y(t)=p-[e (α+jβ)t ] Dalle proprietà di linearità e permanenza ho: permanenza [ ( ) [ t +τ ] ] y(t + τ) = P e α + jβ Linearità, essendo costante la quantità τ ( α + jβ) ( y(t + τ) = e α + jβ ) τ P e α + jβ [ ( ) t ] = e α + jβ ( ) τ y(t) Ad una translazione di τ della eccitazione corrisponde, in uscita, una alterazione secondo una costante complessa Tale costante complessa è pari all eccitazione calcolata in t = τ >>>

14 14 ASPETTO 1 e ( α + jβ y(t ) ) τ + τ = y(t) L espressione può vedersi come funzione del tempo t e del ritardo τ Fissando t = ho, in funzione di τ e ricordando che x(t)=e st =e (α+jβ)t y( τ ) = y( + τ ) = y()e ( α + jβ ) τ = y()x( τ ) La risposta di un sistema LTI ad un exp complesso è proporzionale all exp complesso stesso. La costante di proporzionalità è pari all uscita allo stesso exp complesso calcolata, per quella coppia s=(α; β), per valore zero della variabile temporale La costante di proporzionalità H=y() sarà in generale: complessa; dipendente da s=(α; β): H(s)

15 15 ASPETTO 1 Sinusoide smorzata ed autofunzioni dei sistemi lineari

16 16 ASPETTO 1 Esponenziali complessi AUTOFUNZIONI dei sistemi lineari: SE il sistema è lineare e SE l eccitazione è un exp complesso ALLORA l uscita è pari all ingresso moltiplicato per una quantità complessa H(s) dipendente da s: ( ) t se x(t) = e α + jβ = e st dove s = α + jβ y(t) = [ x(t) ] x(t)= e st = e st H( s) = x(t)h ( s) Se h(t) è la risposta impulsiva del sistema ho trovato che (lucido 1) H s = e τ dτ ( s) h( τ ) Voglio mostrare le conseguenze di tale proprietà quando in ingresso al sistema lineare ho segnali sinusoidali, eventualmente smorzati.

17 17 ASPETTO 1 Sappiamo che una sinusoide smorzata può esprimersi come somma di esponenziali complessi (relazioni di Eulero) e jβt + e jβt Ae αt cos(βt) = Ae αt = 2 = A 2 e ( α + jβ ) t + e ( ) ( ( α jβ ) t ) = A 2 est + e s* t

18 18 ASPETTO 1 Per la linearità del sistema, la risposta ad una sinusoide smorzata sarà combinazione lineare delle risposte agli esponenziali complessi nei quali può scomporsi [ ] = A 2 est + e s* t Ae αt cos(βt) ( ) = A 2 est ( [ ] + [ e s* t ] ) = { ( ) [ e st ] + H( s* ) [ e s* t ] } = A 2 H s ma essendo h(t) reale, ho che H(s*)=H*(s) H * s ( ) = h( τ ) e sτ dτ ( ) e s*τ dτ * = h τ = H s* = h * ( τ )e s*τ dτ ( ) >>>

19 19 ASPETTO 1 Segue che la risposta al segnale è: A 2 H s { ( ) [ e st ] + H( s* ) [ e s* t ] } = A 2 H ( s ) e st = A 2 H s = A 2 H s = A 2 H s { [ ( ) ] [ e st ] + e jarg[ H ( s) ] [ e s* t ] } = ( ) e jarg H s ( ) e jarg H s [ ] + e jarg H s { [ ] + H * ( s) [ e s* t ] } = [ ] { [ ( ) ] e ( α + jβ ) t [ ( ) ] α jβ e ( ) t } = ( ) e αt e = A H s α Ae t cos( βt) { [ j ( βt +Arg [ H ( s) ] ) ] βt +Arg H ( s) + [ ( [ ] ) ] } e-j = ( [ ] ) ( ) e αt cos βt + Arg H( s) risposta dello stesso tipo dell ingresso, a meno di un alterazione dell ampiezza H(s) e della fase Arg[H(s)]

20 2 ASPETTO 1 La risposta di un sistema lineare e permanente ad una sinusoide smorzata è un segnale dello stesso tipo, caratterizzato dalla stessa pulsazione, alterato per un fattore moltiplicativo di ampiezza H(s) e di uno additivo di fase Arg[H(s)] α Ae t cos( βt) A αt ( s) e cos( βt Arg[ H( s) ]) H Sistema Lineare H(s)

21 21 ASPETTO 1 ESEMPIO Calcolare tramite H(s) la risposta dello stesso sistema -semplice ritardo di tre secondi- al segnale x(t)=cos(4t)+cos(7t) Essendo lo stesso sistema dell es. di pg 12 ho per h(t) ancora: h(t) = δ(t 3) L ingresso questa volta vale: x(t) = 1 [ ( 2 e j4t + e -j4t ) + ( e j7t + e -j7t ) ] y(t) = x(t)h(s) = [ ( ) + ( H(s) s= j7 e j7t + H(s) s= j7 e -j7t ) ] = = 1 2 H(s) e j4t + H(s) s= j4 s= j4 e -j4t = 1 2 [ ( j4 e-3 ( ) + j4t + e -3( -j4 ) -j4t ) -3 j7 + ( e ( ) + j7t + e -3( j7) -j7t ) ] = ( ) + e j7(t -3) -j7(t -3) ( + e ) [ ] = cos 4(t - 3) = 1 2 e j4(t -3) -j4(t -3) + e [ ] + cos[ 7(t - 3) ] Il calcolo tramite H(s) conferma quanto prevedibile in questo caso elementare: l uscita è una translazione di tre secondi dell ingresso

22 22 ASPETTO 1 Quella trovata è una caratteristica propria della sola sinusoide smorzata fra i segnali reali t Sistema Lineare H1(s) 2, 1,5 1,,5, t Sistema Lineare H2(s) 1,5 1,,5, t

23 23 ASPETTO 2 CALCOLO DEI COEFFICIENTI DELLO SVILUPPO ADDITIVO

24 24 ASPETTO 2 ASPETTO 2: INDIVIDUAZIONE dei coefficienti a i Approssimazione funzione s(t) tramite combinazione funzioni di base b i (t) note: ˆ s (t) = a i b i (t) = a 1 b 1 (t) + a 2 b 2 (t) + a 3 b 3 (t) +... i Per ogni scelta degli a i diversa forma della s ˆ (t)-e diversa distribuzione delle componenti di errore- PROBLEMA: definire gli a i minimizzando una MISURA GLOBALE dell errore >>>

25 25 ASPETTO 2 Possibile misura globale dell errore in un intervallo [a;b] Al crescere di n cresce il peso delle componenti di errore più elevate: per n=2 effettuiamo una media quadratica delle componenti di errore. Misura globale: errore quadratico medio e.q.m. n=2 b e ab = a b e(t) n dt e qmab = e(t) 2 dt = s(t) a i b i (t) a b a i=1 2 dt Si mantiene l operatore modulo anche nel caso quadratico per tenere conto del caso di segnali complessi >>>

26 26 ASPETTO 2 Scelta a i per minimizzare e.q.m.: per ogni k impongo [s(t) reale] eqm a k = a k = a k b a b a s t ( ) a i b i ( t) i=1 [ s( t) ] 2 + a i b i ( t) i=1 2 dt = a j b j t j=1 ( ) b = + 2b k ( t) a i b i ( t) 2b k ( t) s( t) dt = a i=1 2s t ( ) a i b i ( t) i=1 dt = b = 2 s( t) a i b i ( t) b k ( t) dt = a i=1 b s( t ) b k ( t ) a k b 2 k ( t) a i b i ( t) b k ( t) dt = k =1,2, 3,... a i k Sistema lineare di infinite equazioni (una per ogni k) eqm a k = >>>

27 27 ASPETTO 2 MA scegliendo funzioni di base ortogonali in [a,b] b [ b i ( t) b k ( t) ] dt = a (k i) CIASCUNA DELLE EQUAZIONI DIVENTA: b [ s( t) b k ( t) ] dt a k b 2 k ( t) dt = k =1,2,3,... a [ ] Ciascun coefficiente può calcolarsi indipendentemente dagli altri (completo disaccoppiamento del sistema) b [ s( t) b k ( t) ] dt a a k = b k =1,2,3,... b 2 k t dt a b a [ ( ) ]

28 28 RAPPRESENTAZIONE ARMONICA DEI SEGNALI PERIODICI

29 Rappresentazioni additive Autofunzioni sistemi LTI Calcolo coefficienti Rappresent. armonica 29 FUNZIONI DI BASE SINUSOIDALI (sviluppo armonico): consideriamo inizialmente un segnale s(t) periodico di periodo T =2 π. Osserviamo che sia le funzioni sinusoidali di pari periodo (pulsazione ω =(2 π /T )=1) che quelle con periodo pari ad un sottomultiplo intero di T (pulsazione multipla intera di ω ) se sommate fra loro in qualunque numero danno luogo ad un segnale di periodo T. La famiglia di funzioni sinusoidali di pulsazione k ω candidata come base per la rappresentazione additiva b =1;b 1A = sin(t);b 1B = cos(t);b 2A = sin(2t);b 2B = cos(2t);......; b ka = cos(kt);b kb = sin(kt);... s(t) = a + k=1 [ a cos k cos( kω t) + a sin k sin( kω t) ]

30 3 LE FUNZIONI SONO FRA LORO ORTOGONALI IN[ π,π] (è nullo l integrale nell intervallo di due funzioni diverse) π π π π π π π π sin( mt)sin( nt) dt = π cos( mt)cos( nt) dt = π sin( mt)cos( nt) dt 1 dt = 2π = m n m = 1,2, m = n n = 1,2, m n NO per m = n m = n m qualunque = n = m ed = n Le sinusoidi di pulsazione multipla intera di quella di s(t) adatte ad una rappresentazione additiva

31 31 Nella rappresentazione armonica del segnale s(t) ciascun coefficiente assuma la forma: a κ sin = a κ cos = π sin s(t)b π κ (t)dt π ( sin b ) 2 κ (t)dt = π π cos s(t)b π κ (t)dt π ( cos b ) 2 κ (t)dt = π Dove il numeratore deve essere di volta in volta calcolato, ed il denominatore vale: π 2 b π κ (t)dt = 2π π π π π s(t)sin(kt)dt sin 2 π π π π k = k =1,2, (kt)dt s(t)cos(kt)dt cos 2 π (kt)dt

32 32 Nel caso s(t) abbia periodo generico T considereremo la base ortogonale di rappresentazione: b =1;b 1A = sin(ω t);b 1B = cos(ω t);b 2A = sin(2ω t);b 2B = cos(2ω t);......; b ka = cos(kω t);b kb = sin(kω t);... dove ω = 2π In questo caso: T

33 33 In questo caso avremo per i coefficienti, calcolati nel periodo - T : a sin κ = a cos κ = T sin s(t)b κ (t)dt T ( sin b ) 2 κ (t)dt = T cos s(t)b κ (t)dt T ( cos b ) 2 κ (t)dt = s(t)sin(kω t)dt Dove il denominatore vale, in entrambi i casi: T T T sin 2 (kω t)dt s(t)cos(kω t)dt T cos 2 (kω t)dt T 2 b κ (t)dt = T /2 T k = k =1,2,

34 34 un segnale s(t) periodico di pulsazione fondamentale ω =2π/T (T = periodo) rappresentabile come combinazione lineare di infinite sinusoidi e cosinusoidi caratterizzate da: Frequenze multiple intere di ω (periodo sottomultiplo intero di T ) Sulla base di quanto visto: S E R I E D I F O U R I E R. Ampiezze a sin k acos k calcolate come indicato CONDIZIONI DI DIRICHLET: in ciascun periodo Massimi e minimi in numero finito e di ampiezza finita Numero finito di discontinuità Τ.. s(t) dt s(t) = a + < k=1 [ a cos k cos( kω t ) + a sin k sin( kω t ) ]

35 35 La serie di Fourier: rappresenta s(t) periodico -periodo T- k=1 dove ω = 2π ed i coefficienti possono calcolarsi come: s(t) = a + a = 1 T T s(t) dt T a k cos = 2 T [ a cos cos( kω t) + a sin sin( kω t) ] k k T s(t)cos( kω t) SEGNALE PERIODICO (periodo T ) espresso come SOMMA PESATA DI INFINITE FUNZIONI SENO E COSENO di frequenze f k =k/t E FASI NULLE dt a k sin = 2 T T ( ) s(t)sin kω t dt

36 36 Rappresentazione aletrnativa per la serie di Fourier: combinando le funzioni seno e coseno di stassa frequenza scrivo: s(t) = a + [ d k cos( kω t + ϕ ) ] k k=1 ω = 2π T dove i coefficienti possono calcolarsi come: a = 1 s(t) dt T cos d k = ( a ) 2 sin k + ( a ) 2 sin a k ϕ k = tan 1 k cos a k SEGNALE PERIODICO SOMMA PESATA DI INFINITE FUNZIONI COSENO di frequenze f k =k/t E FASI OPPORTUNE T

37 37 USI della SERIE DI FOURIER: ANALISI di s(t) per evidenziarne PERIODICITA

38 38 USI della SERIE DI FOURIER: DAGLI a κ (o dai d κ e Φ κ ) POSSO RICOSTRUIRE L s(t) PERIODICO I coefficienti dello sviluppo sono una RAPPRESENTAZIONE ALTERNATIVA DI s(t) 1 bk 1,4 a k,9 1,2,8,7 1,6,8,5,4,6,3,4,2,2, kw kw LA CONOSCENZA DELLA SEQUENZA DI COEFFICIENTI a κ PER LE DIVERSE PULSAZIONI κω EQUIVALE A QUELLA DI s(t)

39 39 FORMA ALTERNATIVA DELLA SERIE DI FOURIER s(t) = Infatti [ c e jkω t ] k k= [ ] s(t) = a + a cos k cos( kω t) + a sin k sin( kω t) = k=1 cos e jkω t + e jkω t sin e jkω t e jkω t = a + a k + a k = c k e jkω t 2 2 j dove k=1 c k = a cos sin k ja k 2 = 1 T T s(t)e jkω t dt = ω 2π S kω c k = 1 T ( ) s(t)e jkω t dt = ω 2π S kω k= [ ] I coefficienti complessi c κ dello sviluppo sono una RAPPRESENTAZIONE ESPONENZIALE DI s(t) T ( )

40 4 I coefficienti dello sviluppo sono una RAPPRESENTAZIONE ALTERNATIVA DI s(t) Abs[S(kw)] Arg[S(kw)] 1,4 15 1,2 1 1,8 5,6,4,2-5 kw kw kw LA CONOSCENZA DELLA SEQUENZA DI COEFFICIENTI a κ PER LE DIVERSE PULSAZIONI κω EQUIVALE A QUELLA DI s(t)

41 41 Esempi di sviluppo in SERIE DI FOURIER di segnali tempo continui Riportiamo alcuni esempi di sviluppo di segnali periodici in serie di Fourier, secondo la rappresentazione s(t) = a + k=1 [ a cos( kω t) + b sin( kω t ) ] k k ω = 2π T a = 1 T T s(t) dt a k = a k cos = 2 T T ( ) s(t)cos kω t dt b k = a k sin = 2 T T ( ) s(t)sin kω t dt

42 42 Esempi di sviluppoin SERIE DI FOURIERdi segnali tempo continui 1 Tempo Frequenza _

43 43 Esempi di sviluppoin SERIE DI FOURIERdi segnali tempo continui 2 Tempo Frequenza _ =

44 44 Esempi di sviluppoin SERIE DI FOURIERdi segnali tempo continui 3 Tempo Frequenza _ +T + s i n ω t CONSIDERATO COME SVILUPPO DI, QUINDI DI PERIODO T DOPPIO => f metà, AVREBBE NULLE TUTTE LE ARMONICHE DISPARI (portando in pratica allo stesso risultato) +- T- +

45 45 PROPRIETA SERIE DI FOURIER DI SEGNALI TEMPO CONTINUI 1 Segnale periodico Coefficienti serie x(t) periodo T y(t) pulsazione ω = 2 π / T X c k Y c k Linearità translazione nel tempo Ax(t) + By(t) x(t - t ) Ac k X + Bc k Y c X k e jkω t = c X jk ( 2π /T ) t k e inversione temporale x( t) c -k X

46 46 PROPRIETA SERIE DI FOURIER DI SEGNALI TEMPO CONTINUI 2 Segnale periodico Coefficienti serie x(t) periodo T y(t) pulsazione ω = 2 π / T X c k Y c k Simmetria coniugata x * (t) ( c X * ) -k Simmetria coniugata nel caso di segnali reali x * (t) = x(t) c X k = c X * X Re c k X Im c k c X X k = c -k X Arg c k ( ) -k X { } = Re{ c-k } X { } = Im{ c -k } X { } = Arg{ c -k }

47 47 PROPRIETA SERIE DI FOURIER DI SEGNALI TEMPO CONTINUI 3 Segnale periodico Coefficienti serie x(t) periodo T y(t) pulsazione ω = 2 π / T X c k Y c k Segnali reali e pari x(t) reale e pari [ X c ] k reale e pari ovvero a k sin cos cos [ ] nulli; [ a k ] = [ a-k ] sviluppo in soli coseni; coefficienti in sequenza pari Segnali reali e dispari x(t) reale e dispari [ X c ] k puramente ovvero a k cos immaginaria e dispari sin sin [ ] nulli; [ a k ] = [ -a-k ] sviluppo in soli seni; coefficienti in sequenza dispari

48 48 PROPRIETA SERIE DI FOURIER DI SEGNALI TEMPO CONTINUI 4 Relazione di Parseval per segnali periodici Segnale Potenza media in un periodo 1 c X k e jkω t Osserviamo che 2 dt T T periodico x(t) periodo T y(t) pulsazione ω = 2 1 T = 1 T x(t) 2 X dt = c 2 k T π / T X c 2 X k dt = c 2 k T k= Il Teorema di Parseval stabilisce che Coefficienti serie Potenza media di una componente armonica in un periodo la potenza media di un segnale periodico è pari alla somma delle potenze medie delle componenti del suo sviluppo armonico c k X c k Y

49 49 BANDA DEL SEGNALE

50 5 s(t) PERIODICO RAPPRESENTATO DA INFIN ITE SINUSOIDI COSA SUCCEDE LIMITANDO IL NUMERO DI COMPONENTI ARMONICHE CONSIDERATE? ESEMPIO: ONDA QUADRA,9,8,7,6,5,4,3,2,1 Abs[F(kw )] 1 AL CRESCERE DELLA FREQUENZA DECRESCE LA RILEVANZA DELLA CORRISPONDENTE COMPONENTE ARMONICA kw

51 51 EFFETTO DELLA ELIMINAZIONE DI UN NUMERO CRESCENTE DI COMPONENTI NON NULLE e , 3 e 5 1, 3, 5 e BANDA DEL SEGNALE Gamma di frequenze le cui ampiezze d k sono non trascurabili ai fini di interesse

52 52 TRASFORMATA DI FOURIER s(t) = 1 T ( ) [ S kω ] e jkω t = ω 2π k= k= S( kω ) [ ] e jkω t PER T ω DIVIENE INFINITESIMO LO SVILUPPO IN SERIE DI s(t) TENDE AD UNO SVILUPPO INTEGRALE s(t) = 1 2π ( ) e jωt dω S ω dove S ω ( ) = s(t)e jωt dt S(ω): TRASFORMATA DI FOURIER DEL SEGNALE s(t) RAPPRESENTAZIONE ARMONICA DI UN SEGNALE NON PERIODICO

La funzione di risposta armonica

La funzione di risposta armonica 0.0. 3.1 1 La funzione di risposta armonica Se ad un sistema lineare stazionario asintoticamente stabile si applica in ingresso un segnale sinusoidale x(t) = sen ωt di pulsazione ω: x(t) = sin ωt (s) =

Dettagli

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER Cenni Storici (Wikipedia) Jean Baptiste Joseph Fourier ( nato a Auxerre il 21 marzo 1768 e morto a Parigi il 16 maggio 1830 ) è stato un matematico e fisico, ma è conosciuto

Dettagli

Richiami: funzione di trasferimento e risposta al gradino

Richiami: funzione di trasferimento e risposta al gradino Richiami: funzione di trasferimento e risposta al gradino 1 Funzione di trasferimento La funzione di trasferimento di un sistema lineare è il rapporto di due polinomi della variabile complessa s. Essa

Dettagli

Forma d onda rettangolare non alternativa.

Forma d onda rettangolare non alternativa. Forma d onda rettangolare non alternativa. Lo studio della forma d onda rettangolare è utile, perché consente di conoscere il contenuto armonico di un segnale digitale. FIGURA 33 Forma d onda rettangolare.

Dettagli

Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli. 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti.

Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli. 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti. Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti. Def. Si dice equazione differenziale lineare del secondo ordine

Dettagli

ANALISI DI SEGNALI BIOLOGICI

ANALISI DI SEGNALI BIOLOGICI ANALISI DI SEGNALI BIOLOGICI A.Accardo accardo@units.it LM Neuroscienze A.A. 2010-11 Parte II 1 Analisi in frequenza di un segnale l analisi in frequenza di un segnale o analisi di Fourier descrive il

Dettagli

LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO

LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO APPUNTI PER IL CORSO DI ANALISI MATEMATICA I G. MAUCERI Indice 1. Introduzione 1 2. La funzione esponenziale 2 3. Il numero e di Nepero 9 4. L irrazionalità di e

Dettagli

Cristian Secchi Pag. 1

Cristian Secchi Pag. 1 CONTROLLI DIGITALI Laurea Magistrale in Ingegneria Meccatronica SISTEMI A TEMPO DISCRETO Ing. Tel. 0522 522235 e-mail: cristian.secchi@unimore.it http://www.dismi.unimo.it/members/csecchi Richiami di Controlli

Dettagli

Dinamica e Misura delle Vibrazioni

Dinamica e Misura delle Vibrazioni Dinamica e Misura delle Vibrazioni Prof. Giovanni Moschioni Politecnico di Milano, Dipartimento di Meccanica Sezione di Misure e Tecniche Sperimentali giovanni.moschioni@polimi.it VibrazionI 2 Il termine

Dettagli

Introduzione. Classificazione delle non linearità

Introduzione. Classificazione delle non linearità Introduzione Accade spesso di dover studiare un sistema di controllo in cui sono presenti sottosistemi non lineari. Alcuni di tali sottosistemi sono descritti da equazioni differenziali non lineari, ad

Dettagli

Risposta temporale: esercizi

Risposta temporale: esercizi ...4 Risposta temporale: esercizi Esercizio. Calcolare la risposta al gradino del seguente sistema: G(s) X(s) = s (s+)(s+) Y(s) Per ottenere la risposta al gradino occorre antitrasformare la seguente funzione:

Dettagli

Equazioni differenziali ordinarie

Equazioni differenziali ordinarie Capitolo 2 Equazioni differenziali ordinarie 2.1 Formulazione del problema In questa sezione formuleremo matematicamente il problema delle equazioni differenziali ordinarie e faremo alcune osservazioni

Dettagli

TRAVE SU SUOLO ELASTICO

TRAVE SU SUOLO ELASTICO Capitolo 3 TRAVE SU SUOLO ELASTICO (3.1) Combinando la (3.1) con la (3.2) si ottiene: (3.2) L equazione differenziale può essere così riscritta: (3.3) La soluzione dell equazione differenziale di ordine

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante Circuiti Elettrici Schema riassuntivo Leggi fondamentali dei circuiti elettrici lineari Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante La conseguenza

Dettagli

Note integrative ed Esercizi consigliati

Note integrative ed Esercizi consigliati - a.a. 2006-07 Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Civile (CIS) Note integrative ed consigliati Laura Poggiolini e Gianna Stefani Indice 0 1 Convergenza uniforme 1 2 Convergenza totale 5 1 Numeri

Dettagli

Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08. Alberto Perotti, Roberto Garello

Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08. Alberto Perotti, Roberto Garello Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08 Alberto Perotti, Roberto Garello DELEN-DAUIN Processi casuali Sono modelli probabilistici

Dettagli

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Obiettivi - Descrivere il comportamento quantistico di un elettrone in un cristallo unidimensionale - Spiegare l origine delle bande di

Dettagli

Analisi dei sistemi nel dominio del tempo

Analisi dei sistemi nel dominio del tempo Appunti di Teoria dei Segnali a.a. 010/011 L.Verdoliva In questa sezione studieremo i sistemi tempo continuo e tempo discreto nel dominio del tempo. Li classificheremo in base alle loro proprietà e focalizzeremo

Dettagli

Dispensa sulle funzioni trigonometriche

Dispensa sulle funzioni trigonometriche Sapienza Universita di Roma Dipartimento di Scienze di Base e Applicate per l Ingegneria Sezione di Matematica Dispensa sulle funzioni trigonometriche Paola Loreti e Cristina Pocci A. A. 00-0 Dispensa

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Risposte canoniche e sistemi elementari Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 0532 974839 E-mail: marcello.bonfe@unife.it pag. 1

Dettagli

Compito di SISTEMI E MODELLI. 19 Febbraio 2015

Compito di SISTEMI E MODELLI. 19 Febbraio 2015 Compito di SISTEMI E MODELLI 9 Febbraio 5 Non é ammessa la consultazione di libri o quaderni. Le risposte vanno giustificate. Saranno rilevanti per la valutazione anche l ordine e la chiarezza di esposizione.

Dettagli

Corso di Analisi Matematica. Polinomi e serie di Taylor

Corso di Analisi Matematica. Polinomi e serie di Taylor a.a. 2013/14 Laurea triennale in Informatica Corso di Analisi Matematica Polinomi e serie di Taylor Avvertenza Questi sono appunti informali delle lezioni, che vengono resi disponibili per comodità degli

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

Equazioni non lineari

Equazioni non lineari Dipartimento di Matematica tel. 011 0907503 stefano.berrone@polito.it http://calvino.polito.it/~sberrone Laboratorio di modellazione e progettazione materiali Trovare il valore x R tale che f (x) = 0,

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

Analisi Matematica di circuiti elettrici

Analisi Matematica di circuiti elettrici Analisi Matematica di circuiti elettrici Eserciziario A cura del Prof. Marco Chirizzi 2011/2012 Cap.5 Numeri complessi 5.1 Definizione di numero complesso Si definisce numero complesso un numero scritto

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

In base alla definizione di limite, la definizione di continuità può essere data come segue:

In base alla definizione di limite, la definizione di continuità può essere data come segue: Def. Sia f una funzione a valori reali definita in un intervallo I (itato o ilitato) e sia un punto interno all intervallo I. Si dice che f è continua nel punto se: ( )= ( ) Una funzione f è continua in

Dettagli

ED. Equazioni cardinali della dinamica

ED. Equazioni cardinali della dinamica ED. Equazioni cardinali della dinamica Dinamica dei sistemi La dinamica dei sistemi di punti materiali si può trattare, rispetto ad un osservatore inerziale, scrivendo l equazione fondamentale della dinamica

Dettagli

Sistemi e modelli matematici

Sistemi e modelli matematici 0.0.. Sistemi e modelli matematici L automazione è un complesso di tecniche volte a sostituire l intervento umano, o a migliorarne l efficienza, nell esercizio di dispositivi e impianti. Un importante

Dettagli

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata libera e vincolata Generalità. Limiti e continuità per funzioni di 2 o Piano tangente. Derivate successive Formula di Taylor libera vincolata Lo ordinario è in corrispondenza biunivoca con i vettori di

Dettagli

Corso di Matematica finanziaria

Corso di Matematica finanziaria Corso di Matematica finanziaria modulo "Fondamenti della valutazione finanziaria" Eserciziario di Matematica finanziaria Università degli studi Roma Tre 2 Esercizi dal corso di Matematica finanziaria,

Dettagli

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO Capitolo 14 EORIA PERURBAIVA DIPENDENE DAL EMPO Nel Cap.11 abbiamo trattato metodi di risoluzione dell equazione di Schrödinger in presenza di perturbazioni indipendenti dal tempo; in questo capitolo trattiamo

Dettagli

Esercizi svolti sui numeri complessi

Esercizi svolti sui numeri complessi Francesco Daddi - ottobre 009 Esercizio 1 Risolvere l equazione z 1 + i = 1. Soluzione. Moltiplichiamo entrambi i membri per 1 + i in definitiva la soluzione è z 1 + i 1 + i = 1 1 + i z = 1 1 i. : z =

Dettagli

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti Y T T I Numeri Complessi Operazioni di somma e prodotto su Consideriamo, insieme delle coppie ordinate di numeri reali, per cui si ha!"# $&% '( e )("+* Introduciamo in tale insieme una operazione di somma,/0"#123045"#

Dettagli

GRANDEZZE SINUSOIDALI

GRANDEZZE SINUSOIDALI GRANDEE SINUSOIDALI INDICE -Grandezze variabili. -Grandezze periodiche. 3-Parametri delle grandezze periodiche. 4-Grandezze alternate. 5-Grandezze sinusoidali. 6-Parametri delle grandezze sinusoidali.

Dettagli

1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc.

1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc. Classi Numeriche 1 1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc. In questo breve capitolo richiamiamo le definizioni delle classi numeriche fondamentali, già note al lettore,

Dettagli

Deviazione standard delle misure : dove è la varianza e sono gli scarti quadratici

Deviazione standard delle misure : dove è la varianza e sono gli scarti quadratici ELEMENTI DI PROBABILITA Media : migliore stima del valore vero in assenza di altre info. Aumentare il numero di misure permette di approssimare meglio il valor medio e quindi ridurre l influenza degli

Dettagli

I numeri complessi. Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli

I numeri complessi. Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli I numeri complessi Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli 1 Introduzione Studiare i numeri complessi può sembrare inutile ed avulso dalla realtà;

Dettagli

Materiale originale prodotto dal Centro Didattico della Matematica - www.cedima.it - Tel. 0229408552

Materiale originale prodotto dal Centro Didattico della Matematica - www.cedima.it - Tel. 0229408552 Materiale originale prodotto dal Centro Didattico della Matematica - www.cedima.it - Tel. 0940855 La funzione: y = cos x DEFINIZIONE Si dice funzione coseno di un angolo nel cerchio trigonometrico, la

Dettagli

Problema n. 1: CURVA NORD

Problema n. 1: CURVA NORD Problema n. 1: CURVA NORD Sei il responsabile della gestione del settore Curva Nord dell impianto sportivo della tua città e devi organizzare tutti i servizi relativi all ingresso e all uscita degli spettatori,

Dettagli

Geometria nel piano complesso

Geometria nel piano complesso Geometria nel piano complesso Giorgio Ottaviani Contents Un introduzione formale del piano complesso 2 Il teorema di Napoleone 5 L inversione circolare 6 4 Le trasformazioni di Möbius 7 5 Il birapporto

Dettagli

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI LUCIA GASTALDI 1. Metodi iterativi classici Sia A R n n una matrice non singolare e sia b R n. Consideriamo il sistema (1) Ax = b. Un metodo iterativo per la soluzione

Dettagli

2/4 OPERATORI NEGLI SPAZI DI HILBERT INFINITODIMENSIONALI 08/09 1 INTRODUZIONE

2/4 OPERATORI NEGLI SPAZI DI HILBERT INFINITODIMENSIONALI 08/09 1 INTRODUZIONE 2/4 OPERATORI NEGLI SPAZI DI HILBERT INFINITODIMENSIONALI 08/09 INTRODUZIONE Il problema agli autovalori di un operatore La trattazione del problema agli autovalori di un operatore fatta negli spazi finitodimensionali

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014)

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) Le grandezze fisiche. Metodo sperimentale di Galilei. Concetto di grandezza fisica e della sua misura. Il Sistema internazionale di Unità

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

Appunti di Analisi Matematica 1. Docente:Fabio Camilli. SAPIENZA, Università di Roma A.A. 2014/15. http://www.dmmm.uniroma1.it/~fabio.

Appunti di Analisi Matematica 1. Docente:Fabio Camilli. SAPIENZA, Università di Roma A.A. 2014/15. http://www.dmmm.uniroma1.it/~fabio. Appunti di Analisi Matematica Docente:Fabio Camilli SAPIENZA, Università di Roma A.A. 4/5 http://www.dmmm.uniroma.it/~fabio.camilli/ (Versione del 9 luglio 5) Note scritte in collaborazione con il prof.

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

Nota su Crescita e Convergenza

Nota su Crescita e Convergenza Nota su Crescita e Convergenza S. Modica 28 Ottobre 2007 Nella prima sezione si considerano crescita lineare ed esponenziale e le loro proprietà elementari. Nella seconda sezione si spiega la misura di

Dettagli

Funzione reale di variabile reale

Funzione reale di variabile reale Funzione reale di variabile reale Siano A e B due sottoinsiemi non vuoti di. Si chiama funzione reale di variabile reale, di A in B, una qualsiasi legge che faccia corrispondere, a ogni elemento A x A

Dettagli

Consideriamo due polinomi

Consideriamo due polinomi Capitolo 3 Il luogo delle radici Consideriamo due polinomi N(z) = (z z 1 )(z z 2 )... (z z m ) D(z) = (z p 1 )(z p 2 )... (z p n ) della variabile complessa z con m < n. Nelle problematiche connesse al

Dettagli

. analisi teorica (studio di esistenza, unicità della soluzione, sensitività rispetto ai dati, regolarità, comportamento qualitativo).

. analisi teorica (studio di esistenza, unicità della soluzione, sensitività rispetto ai dati, regolarità, comportamento qualitativo). 1 Modelli matematici Un modello è un insieme di equazioni e altre relazioni matematiche che rappresentano fenomeni fisici, spiegando ipotesi basate sull osservazione della realtà. In generale un modello

Dettagli

Funzioni in più variabili

Funzioni in più variabili Funzioni in più variabili Corso di Analisi 1 di Andrea Centomo 27 gennaio 2011 Indichiamo con R n, n 1, l insieme delle n-uple ordinate di numeri reali R n4{(x 1, x 2,,x n ), x i R, i =1,,n}. Dato X R

Dettagli

FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE e CONTINUITA Roberto Argiolas

FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE e CONTINUITA Roberto Argiolas FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE e CONTINUITA Roberto Argiolas.8.6.. - -.5.5 -. In questa dispensa ricordiamo la classificazione delle funzioni elementari e il dominio di esistenza delle stesse. Inoltre

Dettagli

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Valentino Liberali Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano valentino.liberali@unimi.it Elettronica Circuiti nel dominio del tempo 14 aprile 211

Dettagli

POLITECNICO di BARI - A.A. 2012/2013 Corso di Laurea in INGEGNERIA Informatica e dell Automazione

POLITECNICO di BARI - A.A. 2012/2013 Corso di Laurea in INGEGNERIA Informatica e dell Automazione POLITECNICO di BARI - A.A. 0/03 Corso di Laurea in INGEGNERIA Informatica e dell Automazione Problema Sia f :[0, +[! R una funzione continua. La funzione composta g() =f(kk) è c o n t i n u a? Problema

Dettagli

Numeri Complessi R 2. P = (x P,y P ) x P. z = (x,y) y P (0,0)

Numeri Complessi R 2. P = (x P,y P ) x P. z = (x,y) y P (0,0) Numeri Complessi Un numero complesso z può essere definito come una coppia ordinata (x,y) di numeri reali x e y. L insieme dei numeri complessi è denotato con C e può essere identificato con il piano cartesiano

Dettagli

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA 1 esercizi in corrente continua completamente svolti ESERCIZI DI ELETTROTECNICA IN CORRENTE CONTINUA ( completamente svolti ) a cura del Prof. Michele ZIMOTTI 1 2 esercizi in corrente continua completamente

Dettagli

bipolari, quando essi, al variare del tempo, assumono valori sia positivi che negativi unipolari, quando essi non cambiano mai segno

bipolari, quando essi, al variare del tempo, assumono valori sia positivi che negativi unipolari, quando essi non cambiano mai segno Parametri dei segnali periodici I segnali, periodici e non periodici, si suddividono in: bipolari, quando essi, al variare del tempo, assumono valori sia positivi che negativi unipolari, quando essi non

Dettagli

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1)

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1) 10 - La voce umana Lo strumento a fiato senz altro più importante è la voce, ma è anche il più difficile da trattare in modo esauriente in queste brevi note, a causa della sua complessità. Vediamo innanzitutto

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Un conduttore ideale all equilibrio elettrostatico ha un campo elettrico nullo al suo interno. Cosa succede se viene generato un campo elettrico diverso da zero al suo

Dettagli

Analisi Mat. 1 - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 23-3-06

Analisi Mat. 1 - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 23-3-06 Analisi Mat. - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 3-3-6 Sia p il polinomio di quarto grado definito da pz = z 4. Sia S il settore circolare formato dai numeri complessi che hanno modulo minore o

Dettagli

GRANDEZZE ALTERNATE SINUSOIDALI

GRANDEZZE ALTERNATE SINUSOIDALI GRANDEZZE ALTERNATE SINUSOIDALI 1 Nel campo elettrotecnico-elettronico, per indicare una qualsiasi grandezza elettrica si usa molto spesso il termine di segnale. L insieme dei valori istantanei assunti

Dettagli

La Funzione Caratteristica di una Variabile Aleatoria

La Funzione Caratteristica di una Variabile Aleatoria La Funzione Caratteristica di una Variabile Aleatoria La funzione caratteristica Φ densità di probabilità è f + Φ ω = ω di una v.a., la cui x, è definita come: jωx f x e dx E e j ω Φ ω = 1 La Funzione

Dettagli

TEORIA DELL UTILITÀ E DECISION PROCESS

TEORIA DELL UTILITÀ E DECISION PROCESS TEORIA DELL UTILITÀ E DECISION PROCESS 1 UTILITÀ Classicamente sinonimo di Desiderabilità Fisher (1930):... uno degli elementi che contribuiscono ad identificare la natura economica di un bene e sorge

Dettagli

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014 Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 14 Problema 1 Punto a) Osserviamo che g (x) = f(x) e pertanto g () = f() = in quanto Γ è tangente all asse delle ascisse,

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

EQUAZIONI non LINEARI

EQUAZIONI non LINEARI EQUAZIONI non LINEARI Francesca Pelosi Dipartimento di Matematica, Università di Roma Tor Vergata CALCOLO NUMERICO e PROGRAMMAZIONE http://www.mat.uniroma2.it/ pelosi/ EQUAZIONI non LINEARI p.1/44 EQUAZIONI

Dettagli

Le misure di energia elettrica

Le misure di energia elettrica Le misure di energia elettrica Ing. Marco Laracca Dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell Informazione Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale Misure di energia elettrica La misura

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

Il simbolo. è è = = = In simboli: Sia un numero naturale diverso da zero, il radicale. Il radicale. esiste. esiste 0 Il radicale

Il simbolo. è è = = = In simboli: Sia un numero naturale diverso da zero, il radicale. Il radicale. esiste. esiste 0 Il radicale Radicali 1. Radice n-esima Terminologia Il simbolo è detto radicale. Il numero è detto radicando. Il numero è detto indice del radicale. Il numero è detto coefficiente del radicale. Definizione Sia un

Dettagli

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Sequenza dei passi Classificazione In pratica Classifica il tipo di funzione: Funzione razionale: intera / fratta Funzione irrazionale: intera

Dettagli

FUNZIONI LINEARI. FUNZIONE VALORE ASSOLUTO. Si chiama funzione lineare (o funzione affine) una funzione del tipo = +

FUNZIONI LINEARI. FUNZIONE VALORE ASSOLUTO. Si chiama funzione lineare (o funzione affine) una funzione del tipo = + FUNZIONI LINEARI. FUNZIONE VALORE ASSOLUTO Si chiama funzione lineare (o funzione affine) una funzione del tipo = + dove m e q sono numeri reali fissati. Il grafico di tale funzione è una retta, di cui

Dettagli

CALCOLO FRAZIONARIO & VISCOELASTICITÀ

CALCOLO FRAZIONARIO & VISCOELASTICITÀ CALCOLO FRAZIONARIO & VISCOELASTICITÀ Mario Di Paola, Francesco Paolo Pinnola Dipartimento di Ingegneria Civile Ambientale e Aerospaziale Università degli Studi di Palermo Viale delle Scienze - 90128 Palermo

Dettagli

Macchine rotanti. Premessa

Macchine rotanti. Premessa Macchine rotanti Premessa Sincrono, asincrono, a corrente continua, brushless sono parecchi i tipi di motori elettrici. Per ognuno teoria e formule diverse. Eppure la loro matrice fisica è comune. Unificare

Dettagli

MACCHINA SINCRONA TRIFASE

MACCHINA SINCRONA TRIFASE MACCHIA SICROA TRIFASE + + + + + + + + + + + + + + + + + + L avvolgimento di eccitazione, percorso dalla corrente continua i e, crea una f.m.m. al traferro e quindi un campo magnetico in modo tale che

Dettagli

Esercizi di Algebra Lineare. Claretta Carrara

Esercizi di Algebra Lineare. Claretta Carrara Esercizi di Algebra Lineare Claretta Carrara Indice Capitolo 1. Operazioni tra matrici e n-uple 1 1. Soluzioni 3 Capitolo. Rette e piani 15 1. Suggerimenti 19. Soluzioni 1 Capitolo 3. Gruppi, spazi e

Dettagli

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni.

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni. MATEMATICA. Sistemi lineari in due equazioni due incognite. Date due equazioni lineari nelle due incognite x, y come ad esempio { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un

Dettagli

Numeri complessi e polinomi

Numeri complessi e polinomi Numeri complessi e polinomi 1 Numeri complessi L insieme dei numeri reali si identifica con la retta della geometria: in altri termini la retta si può dotare delle operazioni + e e divenire un insieme

Dettagli

Se x* e punto di minimo (locale) per la funzione nell insieme Ω, Ω = { x / g i (x) 0 i I, h j (x)= 0 j J } lo e anche per F(x) = f o (x) + c x x 2

Se x* e punto di minimo (locale) per la funzione nell insieme Ω, Ω = { x / g i (x) 0 i I, h j (x)= 0 j J } lo e anche per F(x) = f o (x) + c x x 2 NLP -OPT 1 CONDIZION DI OTTIMO [ Come ricavare le condizioni di ottimo. ] Si suppone x* sia punto di ottimo (minimo) per il problema min f o (x) con vincoli g i (x) 0 i I h j (x) = 0 j J la condizione

Dettagli

Descrizione matematica della propagazione Consideriamo una funzione ξ = f(x) rappresenatata in figura.

Descrizione matematica della propagazione Consideriamo una funzione ξ = f(x) rappresenatata in figura. ONDE Quando suoniamo un campanello oppure accendiamo la radio, il suono è sentito in punti distanti. Il suono si trasmette attraverso l aria. Se siamo sulla spiaggia e una barca veloce passa ad una distanza

Dettagli

Può la descrizione quantomeccanica della realtà fisica considerarsi completa?

Può la descrizione quantomeccanica della realtà fisica considerarsi completa? Può la descrizione quantomeccanica della realtà fisica considerarsi completa? A. Einstein, B. Podolsky, N. Rosen 25/03/1935 Abstract In una teoria completa c è un elemento corrispondente ad ogni elemento

Dettagli

L. Pandolfi. Lezioni di Analisi Matematica 2

L. Pandolfi. Lezioni di Analisi Matematica 2 L. Pandolfi Lezioni di Analisi Matematica 2 i Il testo presenta tre blocchi principali di argomenti: A Successioni e serie numeriche e di funzioni: Cap., e 2. B Questa parte consta di due, da studiarsi

Dettagli

Corrente elettrica (regime stazionario)

Corrente elettrica (regime stazionario) Corrente elettrica (regime stazionario) Metalli Corrente elettrica Legge di Ohm Resistori Collegamento di resistori Generatori di forza elettromotrice Metalli Struttura cristallina: ripetizione di unita`

Dettagli

SPECIFICHE DI UN SISTEMA IN ANELLO CHIUSO

SPECIFICHE DI UN SISTEMA IN ANELLO CHIUSO SPECIFICHE DI UN SISTEMA IN ANELLO CHIUSO Consideriamo il classico esempio di compensazione in cascata riportato in figura, comprendente il plant o sistema controllato con funzione di trasferimento G P

Dettagli

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo Energia e Lavoro Finora abbiamo descritto il moto dei corpi (puntiformi) usando le leggi di Newton, tramite le forze; abbiamo scritto l equazione del moto, determinato spostamento e velocità in funzione

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

Metodi numerici per la risoluzione di equazioni. Equazioni differenziali ordinarie

Metodi numerici per la risoluzione di equazioni. Equazioni differenziali ordinarie Metodi numerici per la risoluzione di equazioni differenziali ordinarie Dipartimento di Matematica, http://dm.ing.unibs.it/gastaldi/ Lezione 5-31 ottobre 2005 Outline 1 Il problema di Cauchy Il problema

Dettagli

Analisi in regime sinusoidale (parte V)

Analisi in regime sinusoidale (parte V) Appunti di Elettrotecnica Analisi in regime sinusoidale (parte ) Teorema sul massimo trasferimento di potenza attiva... alore della massima potenza attiva assorbita: rendimento del circuito3 Esempio...3

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d.

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d. 1) Il valore di 5 10 20 è: a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 2) Il valore del rapporto (2,8 10-4 ) / (6,4 10 2 ) è: a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori 3) La quantità

Dettagli

Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 2000-2001

Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 2000-2001 Matematica per la nuova maturità scientifica A. Bernardo M. Pedone Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 000-00 Problema Sia AB un segmento di lunghezza a e il suo punto medio. Fissato un conveniente

Dettagli

Politecnico di Bari Facoltà di Ingegneria

Politecnico di Bari Facoltà di Ingegneria Politecnico di Bari Facoltà di Ingegneria Dispensa per il Corso di Controlli Automatici I Uso del software di calcolo Matlab 4. per lo studio delle risposte nel tempo dei sistemi lineari tempoinvarianti

Dettagli

Cosa sono gli esoneri?

Cosa sono gli esoneri? Cosa sono gli esoneri? Per superare l esame di Istituzioni di Matematiche è obbligatorio superare una prova scritta. Sono previsti due tipi di prova scritta: gli esoneri e gli appelli. Gli esoneri sono

Dettagli

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Definizione 1. Un sistema lineare di m equazioni in n incognite, in forma normale, è del tipo a 11 x 1 + + a 1n x n = b 1 a 21 x 1 + + a 2n x n = b 2 (1) = a m1 x 1 + +

Dettagli