APPUNTI SU TRASFORMATE DI LAPLACE E TRASFORMATE Z ERRATA CORRIGE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "APPUNTI SU TRASFORMATE DI LAPLACE E TRASFORMATE Z ERRATA CORRIGE"

Transcript

1 APPUNTI SU TRASFORMATE DI LAPLACE E TRASFORMATE Z ERRATA CORRIGE Proprietà 2.: L[y(t)] (2.29): u( + ) (2.65): n j= j i Prima della (2.69): A = lim s W (s) Nella Seione 2.6, usa sia t che k per indicare il tempo discreto (2.46): Z[u(t + )] Proprietà 2.4: Sostituire Traslaione nel dominio di con Cambio di scala nel dominio di Dimostraione della (2.6): Si ottiene facilmente a partire dalla trasformata di a t,... Titolo della Seione 2.6.4:... : calcolo delle potene di una matrice e... (2.89): w(t) = q j= A,j δ(t j + ) + q r i i=2 j= ( A i,j p t j+ i t j )

2 Capitolo 2: Analisi [Draft; 2/3; N.O.; UniPG] La trasformata di Laplace Lo studio dei sistemi lineari staionari a tempo continuo, ed in particolare lo studio dei legami ingresso uscita di tali sistemi, è di solito condotto facendo uso delle strumento formale simbolico trasformata della di Laplace. In queste note la trasformata di Laplace viene presentata in modo estremamente sintetico ed operativo. Per tutti gli aspetti formali, di esistena della trasformata, e per i legami con altre trasformate ed integrali, ad esempio con la trasformata di Fourier, si rimanda a testi specifici. Si consideri una funione del tempo f( ), a valori complessi, nulla per t <, e maggiorata da Me γt, per qualche valore di M > e γ > : f : R C, f(t) =, t <, f(t) < Me γt, t >. La trasformata di Laplace della funione f( ), indicata (sia pure impropriamente) con la notaione: F (s) := L[f(t)], (2.23) è definita dall integrale (supposto che esista): F (s) := f(t)e st dt. (2.24) Se l integrale (2.24) esiste per un certo valore complesso s = σ + jω, allora esiste per tutti i valori s tali che Re(s) σ. Infine, il pi` u piccolo valore di σ tale che, per ogni s con Re(s) > σ l integrale (2.24) converge, è detto ascissa di convergena, e sar` a indicato con α; la regione del piano complesso E := s C : Re(s) > α è detta regione di esistena. La funione F (s) ha lo stesso contenuto informativo del segnale di origine f(t); pi` u precisamente, F (s) ed f(t) sono due diverse rappresentaioni dello stesso segnale: F (s) è la rappresentaione nel dominio del tempo, mentre f(t) è la rappresentaione dello stesso segnale nel dominio del tempo. Nota la trasformata di Laplace F (s) di un segnale, la sua rappresentaione nel dominio del tempo, f(t), può essere ricostruita a partire dalla trasformata inversa di Laplace o antitrasformata di Laplace, definita dall integrale di linea: cioè: f(t) = L [F (s)] = σ+j F (s)e st ds, t (2.25) 2πj σ j f(t) = L [F (s)] = F (σ + jω)e (σ+jω)t dω, t (2.26) 2π ove σ è un qualunque numero reale maggiore dell ascissa di convergena α. Si noti che l integrale è calcolato lungo una retta del piano complesso parallela all asse immaginario. Di norma, tale integrale si calcola tramite il teorema dei residui, considerando il percorso chiuso costituito dalla retta verticale s = σ + jω e da un arco di cerchio antiorario di raggio infinito. La trasformata di Laplace ha interesse perchè le due trasformaioni (2.24) e (2.25) rappresentano una relaione biunivoca tra funioni del tempo e corrispondenti trasformate, nel senso meglio precisato dalla seguente propriet` a di unicit` a Proprietà della trasformata di Laplace Le seguenti proprietà della trasformata di Laplace sono di fondamentale importana. Propriet`a 2. (Propriet` a di unicit`a) Se L[x(t)] = LL [y(t)] lungo una qualche linea s = σ + jω, con σ > max{α x, α y }, allora le due funioni del tempo coincidono, cio`e x(t) = y(t), t (quasi ovunque). Propriet`a 2.2 (Linearit` a) Siano u(t) e y(t) due funioni del tempo, con trasformata U(s) ed Y (s), rispettivamente. Allora, vale la seguente propriet`a di linearit` a: L[c u(t) + c 2 y(t)] = c U(s) + c 2 Y (s), c, c 2 R. (2.27) Pi` u rigorosamente, la trasformata di Laplace e definita ` dal seguente integrale F (s) := lim f(t)e st dt. >

3 Capitolo 2: Analisi [Draft; 2/3; N.O.; UniPG] 2 4 Proprietà 2.3 (Ritardo finito) Siano u(t) ed U(s) un segnale del tempo e la sua trasformata, con ascissa di convergena α u. Allora, dato un reale T >, la funione traslata nel tempo u(t T ) ha trasformata ed ascissa di convergena pari a: L[u(t T )] = e st U(s), α = α u. (2.28) Dimostraione. L[u(t T )] = u(t T )e st dt = u(τ)e s(τ+t ) dτ = e st u(τ)e sτ dτ = e st U(s), Re(s) > α u. T Proprietà 2.4 (Trasformata di una derivata) Siano u(t) ed U(s) un segnale del tempo e la sua trasformata. Allora, la derivata temporale u (t) della funione u(t) ha trasformata pari a: u(t) L = su(s) u( ). (2.29) dt Dimostraione. Integrando per parti si trova: d d L u(t) = u(t)e st dt = u(t)e st + s u(t)e st dt = u() + su(s). dt dt Proprietà 2.5 (Trasformata di una derivata seconda) Siano u(t) ed U(s) un segnale del tempo e la sua d 2 trasformata. Allora, la derivata temporale seconda u(t) della funione u(t) ha trasformata pari a: dt 2 d 2 L u(t) = s 2 U(s) su() d u(t) t=. (2.3) dt 2 dt Proprietà 2.6 (Trasformata di un integrale) Siano u(t) ed U(s) un segnale del tempo e la sua trasformata. Allora, l integrale t u(τ)dτ ha trasformata pari a: t L u(τ)dτ = U(s). (2.3) s Dimostraione. Integrando per parti si trova: t t t L u(τ)dτ = u(τ)dτ e st dt = u(τ)dτe st + u(t)e st dt = U(s). s s s Proprietà 2.7 (Traslaione nel dominio di s (traslaione complessa)) Siano u(t) ed U(s) un segnale del tempo e la sua trasformata. Allora, la funione e at u(t) ha trasformata pari a: L[e at u(t)] = U(s a). (2.32) Proprietà 2.8 (Trasformata di un integrale di convoluione) Siano u(t) ed y(t) due funioni del tempo, U(s) ed Y (s) le loro trasformate. Allora, l integrale di convoluione delle due funioni del tempo, se esiste, ha trasformata pari a: t L u(t τ)y(τ)dτ = U(s)Y (s). (2.33) Proprietà 2.9 (Antitrasformata della derivata rispetto ad s) Siano u(t) ed U(s) un segnale del tempo d e la sua trasformata. Allora, la funione U(s) ha antitrasformata pari a: ds d L U(s) = tu(t). (2.34) ds

4 Capitolo 2: Analisi [Draft; 2/3; N.O.; UniPG] Trasformata di Laplace di segnali notevoli Si danno ora le trasformate di alcuni segnali elementari, di interesse nello studio di sistemi dinamici. Gradino unitario. Sia δ (t) la funione gradino unitario: t < δ (t) = t, (2.35) la sua trasformata di Laplace e la corrispondente ascissa di convergena α sono date da: Dimostraione L [δ (t)] = L[δ (t)] =, α =. (2.36) s e st e st dt = = lim e st lim e st =, Re(s) >. s t s t s Rampa unitaria. Sia δ 2 (t) una rampa con pendena unitaria: t < δ 2 (t) = t t, (2.37) la sua trasformata di Laplace e la corrispondente ascissa di convergena sono: L [δ 2 (t)] =, α =. (2.38) s 2 Dimostraione. Si ottiene facilmente a partire dalla trasformata di un gradino, applicando la proprietà (2.6) di trasformaione di un integrale. Si noti che δ 2 (t) = tδ (t). Si noti inoltre che per il calcolo della trasformata (2.38) si potrebbe applicare anche la propriet` a 2.9, riscritta come: d L [tu(t)] = ds U(s). (2.39) Segnale esponeniale. Sia u(t) un segnale esponeniale con costante a positiva: t < u(t) = e at, (2.4) t la sua trasformata di Laplace ed ascissa di convergena sono: L[e at δ (t)] =, α = a. (2.4) s a Dimostraione. Innanitutto, si noti che la funione u(t) definita sopra coincide con la funione at δe (t). Data una generica funione del tempo f(t), la notaione f(t)δ (t) è usata per indicare il fatto che la funione in esame è nulla per tempi negativi. at δ (t) L = e at e st (s a)t e e dt = = s a = lim e (s a)t lim e (s a)t =, Re(s) > a. s a t t s a A scopo esemplificativo, la tabella 2. raccoglie le trasformate dirette ed inverse di alcune funioni di uso comune. Di norma, tali trasformate si ottengono facilmente a partire da quelle riportate sopra, tramite le proprietà descritte in precedena.

5 Capitolo 2: Analisi [Draft; 2/3; N.O.; UniPG] Alcuni teoremi Nello studio dei sistemi dinamici sono utili alcuni teoremi sui legami tra i valori limite di un segnale del tempo e della corrispondente trasformata di Laplace. Teorema 2. (Valore finale) Sia u(t) una funione del tempo, con trasformata U(s). Allora, il limite per t che tende ad infinito di tale funione, se esiste ed `e finito, `e dato da: lim u(t) = lim su(s). (2.42) t s + Si noti che il teorema è applicabile solo se il punto s = è interno alla regione di convergena, cioè solo se l ascissa di convergena è nel semipiano complesso sinistro. In effetti, l esistena del limite di interesse, cioè lim t u(t), garantisce tale posiione dell ascissa di convergena. Il teorema del valore finale e utile ` nel calcolo del guadagno a regime di una funione di trasferimento. Teorema 2.2 (Valore iniiale) Sia u(t) una funione del tempo, con trasformata U(s). iniiale per t che tende a ero da destra di tale funione, se esiste ed `e finito, `e dato da: Allora il valore lim u(t) = lim su(s). (2.43) t + s Teorema 2.3 (Valore dell integrale) Sia u(t) una funione del tempo, con trasformata U(s). l integrale u(t)dt esiste, il suo valore è dato da: Allora, se u(t)dt = lim U(s). (2.44) s Sistemi a tempo continuo: calcolo dell esponeniale di matrice e della matrice di trasferimento Si consideri il sistema dinamico: ẋ = F x, x() = x. (2.45) E ` noto che la soluione di tale equaione differeniale omogenea, cioè la risposta libera nello stato, è descritta dall esponeniale di matrice: F t x(t) = e x, t R +. (2.46) F Per il calcolo dell esponeniale di matrice t esi può far uso alla trasformata di Laplace. Infatti, per la propriet` a della trasformata di una funione derivata, il sistema precedente, nel dominio di Laplace, o essere pu` scritto come: sx(s) x() = F X(s), (2.47) da cui segue facilmente: (si F )X(s) = x(). (2.48) Nel campo delle funioni raionali (e non, si badi bene, nel campo dei reali o dei complessi), la matrice (si F ) è non singolare, infatti il suo determinante è il polinomio caratteristico del sistema, per cui l equaione precedente può essere risolta rispetto alla trasformata dello stato, trovando: da cui, antitrasformando, segue: e quindi, dal confronto con (2.46), segue: X(s) = (si F ) x(), (2.49) x(t) = L (si F ) x(), (2.5) e F t = L (si F ). (2.5) Per quanto riguarda invece l analisi di un sistema lineare a tempo continuo, il metodo della trasformata di Laplace consente di determinare in modo semplice il legame ingresso uscita, e e la cio` matrice di trasferimento, di tale sistema. Si consideri allora il sistema: ẋ = F x + Gu, x R n, u R m, (2.52) y = Hx + Du, y R p. (2.53)

6 Capitolo 2: Analisi [Draft; 2/3; N.O.; UniPG] 2 7 Nel dominio di Laplace il sistema è quindi descritto da: sx(s) x() = F X(s) + GU(s) (2.54) Y (s) = HX(s) + DU(s), (2.55) e quindi, tenendo conto della non singolarità della matrice si ( F ) nel campo delle funioni raionali, si trova: X(s) = (si F ) GU(s) + (si F ) x(), (2.56a) Y (s) = H(sI F ) GU(s) + DU(s) + H(sI F ) x(). (2.56b) Le due equaioni (2.56) descrivono completamente il sistema. La (2.56a) descrive il legame tra la coppia stato iniiale ingresso e lo stato, mentre la seconda descrive il legame tra le stesse grandee e la funione di uscita. I termini delle (2.56) che descrivono l effetto delle condiioni iniiali sullo stato e sull uscita sono dette risposte libere, nello stato e nell uscita, rispettivamente: X (s) = (si F ) x(), (2.57) Y (s) = H(sI F ) x() (2.58) mentre i termini che descrivono l effetto del segnale (vettoriale) di ingresso sullo stato e sull uscita sono dette risposte forate, nello stato e nell uscita, rispettivamente: Infine, la matrice di funioni raionali X f (s) = (si F ) GU(s), (2.59) Y f (s) = H(sI F ) GU(s) + DU(s). (2.6) W (s) = H(sI F ) G + D, (2.6) che descrive completamente il legame tra il segnale di ingresso e quello di uscita (nel caso di condiioni iniiali nulle), è detta matrice di trasferimento del sistema. Nel caso in cui sia il segnale di ingresso che quello di uscita siano scalari, e cioè nel caso m = e p =, si parla di funione di trasferimento Antitrasformata di funioni raionali proprie Il legame ingresso uscita di un sistema lineare staionario a tempo continuo è rappresentabile con una matrice di funioni raionali proprie nella variabile s. Tenendo conto della forma della trasformata di segnali esponeniali e polinomiali, anche l uscita di un sistema lineare, in risposta a segnali di questo tipo, è descritta, nel dominio di s, da una funione raionale. ` E quindi di notevole importana vedere come antitrasformare una funione raionale. Si consideri allora la seguente funione Y (s), propria e con denominatore monico: + β s + β Y (s) = β ns n + β n s n +, (2.62) s n + α n s n + + α s + α e si assuma, per semplicit` a, che le radici del denominatore siano tutte distinte (e complesse coniugate a coppia, se non reali), cio` e: n n s n + α n s + + α s + α = (s p i ), p i = p j, i = j. (2.63) Per ben noti risultati sulle funioni raionali, la funione Y (s) può essere scomposta in fraioni pariali: A 2 i= A Y (s) = A , (2.64) s p s p 2 s p n con A = lim s Y (s) ed inoltre A i = lim s pi (s p i )Y (s), per il teorema dei residui. Il calcolo dei residui A i, i =, 2,..., n puù essere verificato in modo immediato. Infatti dalla (2.63) si ha, per il generico Aresiduo i : n Aj (s p i )Y (s) = (s p i )A + (s p i ) + A i (2.65) s p j j = j i A n

7 Capitolo 2: Analisi [Draft; 2/3; N.O.; UniPG] 2 8 A partire dalla scomposiione in fraioni pariali (2.64), tenendo conto della propriet` a di linearit` della trasformata di segnali elementari, si vede immediatamente che il segnale y(t) è dato da: a (2.8) e y(t) = A e p nt δ(t) + A e pt + A 2 e p2t + + A n. (2.66) Per inciso, l equaione (2.66) consente di studiare in modo immediato risposta la permanente di un sistema lineare a tempo continuo. Nel caso in cui alcuni degli eri del denominatore della funione raionale da anti trasformare, (cioè alcuni poli della funione), abbiano molteplicità maggiore di uno, il procedimento è analogo, salvo la forma della espansione in fraioni pariali. Sia allora W (s) una generica funione raionale propria, W (s) può essere espansa in fraioni pariali nella forma: + β s + β W (s) = β ns n + β n s n +. (2.67) s n + α n s n + + α s + α W (s) = A + r q i A i,j (s p i ) j, (2.68) i= j= dove r indica il numero di eri distinti del denominatore della W (s), q i indica la molteplicit` a di p i come ero di tale denominatore, A indica il legame diretto, cioè A = lim t W (s), ed il generico residuo A i,j è calcolato come: d q i j A lim. (q i j)! ds q i j [(s p i) q i i,j = W (s)] (2.69) s pi In tal caso, tenendo conto delle varie proprietà della trasformata di Laplace, si ha: r q i t j w(t) = L [W (s)] = A Ai,j (j )! e pit δ(t) +. (2.7) i= j=

8 Capitolo 2: Analisi [Draft; 2/3; N.O.; UniPG] Funione del tempo Trasformata di Laplace δ(t) (impulso di Dirac) δ (t) (gradino unitario) δ 2 (t) = tδ (t) (rampa unitaria) δ (t a) (gradino unitario con iniio in t = a) e at (esponeniale) t n (n )! e at (esponeniale polinomiale) sin(ωt) (sinusoide) cos(ωt) (cosinusoide) ω n ζ 2 e ζω nt sin(ω n ζ2 t) e at cos(ωt) e at sin(ωt) ẋ(t) s s 2 s e as s a (s a) n ω s 2 + ω 2 s s 2 + ω 2 s 2 + 2ζω n s + ω 2 n s + a (s + a) 2 + ω 2 ω (s + a) 2 + ω 2 s X(s) - x() (fattore trinomio) t x(τ)dτ s X(s) x(t T ), T > e st X(s) e at x(t) X(s a) t x (t τ)x 2 (τ)dτ X (s)x 2 (s) tx(t) d X(s) (derivata nel dominio di s) ds Tabella 2.: Trasformate ed antitrasformate di Laplace di uso comune

9 TdS [Draft; 2/3; n.o.; UniPG] La trasformata Z Lo studio dei sistemi lineari staionari a tempo discreto, ed in particolare lo studio dei legami ingresso-uscita di tali sistemi, è di solito condotto facendo uso delle strumento formale-simbolico della trasformata Z. In queste note la trasformata Z viene presentata in modo estremamente sintetico ed operativo. Per tutti gli aspetti formali e di esistena della trasformata si rimanda a testi specifici. Si consideri una sequena f : Z + C, {f(t) = f t, t =,, 2,...}. La trasformata Z è un operatore dallo spaio di tali sequene allo spaio di funioni di variabile complessa, ed associa ad ogni sequena f( ) una funione, indicata (impropriamente) con F () = Z[f(t)], e definita dalla serie: F () := f(t) t, (2.37) t= ammesso che tale serie converga. Tenendo conto del fatto che F () è definita a partire da una serie in, la convergena sarà ottenuta all esterno di un cerchio centrato nel origine del piano complesso e di raggio R sufficientemente grande. Il valore di tale raggio è detto raggio di convergena della trasformata U(), e dipende dalla specifica sequena considerata. La regione del piano complesso esterna al cerchio di raggio R centrato nell origine è detta regione di convergena o dominio di convergena. Ad esempio, si consideri la funione (a tempo discreto) impulso unitario, definito da: δ(k) = { t = t (2.38) La trasformata Z di u(k) = δ(t) è data da: infatti, dalla definiione, segue immediatamente: U() = Z[u(t)] =, (2.39) U() = u() + u() + u(2) 2 + = u() =. (2.4) Da quanto precede, segue facilmente che il raggio di convergena è R =. Nota la trasformata Z di una sequena, sia essa X(), la sua rappresentaione nel dominio del tempo può essere ottenuta tramite la anti-trasformata Z, o trasformata inversa, definita dal seguente integrale di inversione: x(t) = Z [X()] = 2πj Γ t X()d, t Z +, (2.4) dove l integrale di linea è calcolato lungo una circonferena Γ interna alla regione di convergena e con centro nell origine del piano. L uso della trasformata Z, analogamente a quanto visto per la trasformata di Laplace, è reso particolarmente agevole da alcune proprietà fondamentali, che consentono di ricavare la trasformata della maggior parte dei segnali di interesse a partire da quella di pochi segnali notevoli (si veda le seguente tabella 2.3) Proprietà della trasformata Zeta Le seguenti proprietà della trasformata Zeta sono di fondamentale importana. Proprietà 2. (Proprietà di unicità) Data una funione olomorfa U(), definita nella regione di piano complesso esterna ad un cerchio di raggio ρ, esiste ed è unica una funione x(t), t Z +, che soddisfa la condiione: U() = Z[x(t)], (2.42) e che può essere calcolata per meo dell integrale (2.4), con Γ cerchio di raggio maggiore di ρ. Proprietà 2. (Linearità) Siano u(t) e y(t), t Z +, due sequene temporali, con trasformata Zeta U() ed Y (), rispettivamente. Allora, vale la seguente proprietà di linearità: Z[c u(t) + c 2 y(t)] = c U() + c 2 Y (), c, c 2 R. (2.43)

10 TdS [Draft; 2/3; n.o.; UniPG] Proprietà 2.2 (Ritardo (Scorrimento a destra)) Siano u(t) ed U() una sequena temporale e la sua trasformata. Allora, dato un intero h >, la funione traslata nel tempo u(t h) ha trasformata: Dimostraione. Z[u(t h)] = u(t h) t = t= k= h Z[u(t h)] = h U(). (2.44) u(k) (k+h) = h k= h u(k) k = h k= u(k) k = h U(). Proprietà 2.3 (Anticipo (Scorrimento a sinistra)) Siano u(t) ed U() una sequena temporale e la sua trasformata. Allora, dato un intero h >, la funione traslata nel tempo a sinistra (anticipata) u(t + h) ha trasformata: ] h Z[u(t + h)] = [U() h u(t) t. (2.45) Nel caso particolarmente importante in cui lo scorrimento è di un solo passo, si ha: Dimostraione. La trasformata di interesse è data da: Z [x(t + h)] = x(t + h) t = x(k) (k h) = h t= k=h h = h x(k) k ± h x(k) k = h k=h k= t= Z[x(t + )] = U() u(). (2.46) k=h k= x(k) k h h x(k) k h x(k) k = h X() h x(k) k Proprietà 2.4 (Traslaione nel dominio di (traslaione complessa)) Siano u(t), t Z +, ed U() un segnale del tempo e la sua trasformata. Allora, la funione a t u(t) ha trasformata pari a: k= k= Z[a t u(t)] = U( ). (2.47) a Proprietà 2.5 (Convoluione) Siano u(t) ed y(t) due sequene del tempo, t Z +, U() ed Y () le loro trasformate. Allora, la convoluione delle due sequene, definita da: u(t) y(t) := t u(t τ)y(τ) = τ= t u(τ)y(t τ) (2.48) τ= ha trasformata pari a: Z [u(t) y(t)] = U()Y (). (2.49) Proprietà 2.6 (Differeniaione rispetto a ) Siano u(t), t Z, ed U() un segnale del tempo e la sua trasformata. Allora, la funione tu(t) ha trasformata Zeta pari a: Z [tu(t)] = d U(). (2.5) d

11 TdS [Draft; 2/3; n.o.; UniPG] Trasformata Zeta di segnali notevoli Si danno ora le trasformate di alcuni segnali elementari, di interesse nello studio di sistemi dinamici. Gradino unitario. Sia δ (t), t Z la funione gradino unitario: { t Z, t < δ (t) = t Z, t, (2.5) la sua trasformata Zeta è data da: Z[δ (t)] = ( ). (2.52) Dimostraione. In questo caso la serie formale che definisce la trasformata Zeta diviene: e tale serie converge, per tutti i valori con >, ed ha come somma: u(t) t = t, (2.53) t= t= =. (2.54) Rampa unitaria. Sia δ 2 (t) una rampa con pendena unitaria: { t Z, t < δ 2 (t) = t t Z, t, (2.55) la sua trasformata Zeta è data da: Z [δ 2 (t)] = ( ) 2. (2.56) Dimostraione. Si ottiene facilmente a partire dalla trasformata di un gradino, applicando la proprietà (2.6) di differeniaione rispetto a. Segnale esponeniale. Sia u(t) un segnale esponeniale (a tempo discreto) con costante a: { t Z, t < u(t) = a t t Z, t, (2.57) la sua trasformata Zeta è data da: Z[a t δ (t)] = a. (2.58) Dimostraione. Il risultato si può dimostrare a partire dalla trasformata di un gradino, tenendo conto della proprietà 2.4 di traslaione nel dominio di. Segnale esponeniale-rampa. Sia u(t) il prodotto di un esponeniale per una rampa: { t Z, t < u(t) = ta t t Z, t, (2.59) la sua trasformata Zeta è data da: Z[ta t ] = a ( a) 2. (2.6) Dimostraione. Si ottiene facilmente a partire dalla trasformata di un gradino, applicando la proprietà (2.6) di differeniaione rispetto a. A scopo esemplificativo, la tabella 2.3 raccoglie le trasformate dirette ed inverse di alcune funioni di uso comune. Di norma, tali trasformate si ottengono facilmente a partire da quelle riportate sopra, tramite le proprietà descritte in precedena.

12 TdS [Draft; 2/3; n.o.; UniPG] Alcuni teoremi Nello studio dei sistemi dinamici sono utili alcuni teoremi sui legami tra i valori limite di un segnale del tempo e della corrispondente trasformata Zeta. Teorema 2.4 (Valore finale) Sia u(t), t Z +, una funione del tempo, con trasformata U(). Allora, il limite per t che tende ad infinito di tale funione, se esiste ed è finito, è dato da: lim u(t) = lim U(). (2.6) t + Si noti che il teorema è applicabile solo se il raggio di convergena è minore di uno, cioè solo se il cerchio unitario è tutto interno alla regione di convergena. Teorema 2.5 (Valore iniiale) Sia u(t), t Z +, una funione del tempo, con trasformata U(). Allora il valore iniiale della sequena, u(), è dato da: u() = lim U(). (2.62) (2.63) Sistemi a tempo discreto: calcolo dell esponeniale di matrice e della matrice di trasferimento Si consideri il sistema dinamico: x(t + ) = F x(t), x() = x, t Z + (2.64) È noto che la soluione di tale equaione omogenea alle differene finite, cioè la risposta nello stato del sistema alla data condiione iniiale, la risposta libera nello stato, è descritta dall esponeniale di matrice (a tempo discreto): x(t) = F t x, t Z +. (2.65) Per il calcolo di tale esponeniale di matrice si può far uso della trasformata Zeta. Infatti, per la proprietà della trasformata di una funione traslata nel tempo, il sistema precedente, nel dominio della variabile, può essere scritto come: X() x = F X(), (2.66) da cui segue facilmente: (I F )X() = x. (2.67) Nel campo raionale (e non, si badi bene, nel campo dei reali o dei complessi), la matrice (I F ) è non singolare, infatti il suo determinante è il polinomio caratteristico del sistema, per cui l equaione precedente può essere risolta rispetto alla trasformata dello stato, trovando: da cui, antitrasformando, segue: e quindi, dal confronto con (2.65), segue: X() = (I F ) x, (2.68) x(t) = Z [ (I F ) ] x, (2.69) F t = Z [ (I F ) ]. (2.7) Per quanto riguarda invece l analisi di un sistema lineare a tempo discreto, il metodo della trasformata Zeta consente di determinare in modo semplice il legame ingresso-uscita, e cioè la matrice di trasferimento, di tale sistema. Si consideri allora il sistema: x(t + ) = F x(t) + Gu(t), x R n, u R m, t Z + (2.7) Nel dominio della variabile il sistema è quindi descritto da: y(t) = Hx(t) + Du(t), y R p. (2.72) X() x = F X() + GU() (2.73) Y () = HX() + DU(), (2.74)

13 TdS [Draft; 2/3; n.o.; UniPG] e quindi, tenendo conto della non-singolarità della matrice (I F ) nel campo delle funioni raionali, si trova: X() = (I F ) GU() + (I F ) x, (2.75a) Y () = H(I F ) GU() + DU() + H(I F ) x. (2.75b) Le due equaioni (2.75) descrivono completamente il sistema. La (2.75a) descrive l effetto delle condiioni iniiali e dell ingresso sullo stato, mentre la seconda descrive il legame tra le stesse grandee e la funione di uscita. I termini delle (2.75) che descrivono l effetto delle condiioni iniiali sullo stato e sull uscita sono dette risposte libere, nello stato e nell uscita, rispettivamente: X l () = (I F ) x, (2.76) Y l () = H(I F ) x (2.77) mentre i termini che descrivono l effetto del segnale (vettoriale) di ingresso sullo stato e sull uscita sono dette risposte forate, nello stato e nell uscita, rispettivamente: Infine, la matrice di funioni raionali X f () = (I F ) GU(), (2.78) Y f () = H(I F ) GU() + DU(). (2.79) W () = H(I F ) G + D, (2.8) che descrive completamente il legame tra il segnale di ingresso e quello di uscita (nel caso di condiioni iniiali nulle), è detta matrice di trasferimento del sistema. Nel caso in cui sia il segnale di ingresso che quello di uscita siano scalari, e cioè nel caso m = e p =, si parla di funione di trasferimento Antitrasformata di funioni raionali proprie Il legame ingresso-uscita di un sistema lineare staionario a tempo discreto è rappresentabile con una matrice di funioni raionali proprie nella variabile. Tenendo conto della forma della trasformata di segnali esponeniali e polinomiali, anche l uscita di un sistema lineare, in risposta a segnali di questo tipo, è descritta, nel dominio di, da una funione raionale. È quindi di notevole importana vedere come calcolare la trasformata inversa di una data funione raionale Y (). Si procede esattamente come nel caso dei sistemi a tempo continuo, salvo l opportunità di lavorare con la funione Y () := Y (). Si noti che la funione Y () è propria, o strettamente propria, e quindi la funione Y () è sempre strettamente propria. Si consideri allora la seguente funione Y (), propria e con denominatore monico: Y () = β n n + β n n + + β + β n + α n n + + α + α, (2.8) e si assuma, per semplicità, che le radici del denominatore siano tutte distinte (e complesse coniugate a coppia, se non reali), e non sia presente un polo nell origine (perchè introdotto artificialmente nel seguito), cioè: n + α n n + + α + α = n ( p i ), p i p j, i j, p i. (2.82) i= Per ben noti risultati sulle funioni raionali, la funione Y () = Y (), che è sempre strettamente propria, può essere scomposta in fraioni pariali: Y () = A + A + A A n, (2.83) p p 2 p n ( p i ) con A = lim Y () = lim Y () ed inoltre A i = lim pi ( p i )Y () = A i = lim pi Y (). A partire dalla scomposiione in fraioni pariali (2.83), la funione originale Y () può essere riscritta come: Y () = A + A + A A n, (2.84) p p 2 p n

14 TdS [Draft; 2/3; n.o.; UniPG] e quindi, tenendo conto della proprietà 2. di linearità e delle trasformate di segnali notevoli, si vede immediatamente che il segnale y(t) è dato da: y(t) = A δ(t) + A p t + A 2 p t A n p t n. (2.85) Nel caso in cui alcuni poli del sistema abbiano molteplicità maggiore di uno, il procedimento è analogo, salvo la forma della espansione in fraioni pariali. In questo caso, possono essere presenti un numero qualsiasi di poli nell origine. Sia allora W () una generica funione raionale propria, W () = β n n + β n n + + β + β n + α n n + + α + α. (2.86) e si consideri la funione W () = W (), che è strettamente propria. fraioni pariali nella forma: W () = r q i i= j= Tale funione può essere espansa in A i,j ( p i ) j, (2.87) dove r indica il numero di poli distinti della W (), compreso il polo nell origine, sicuramente presente, q i indica la molteplicità del polo p i, ed il generico residuo A i,j è calcolato come: { A i,j = lim pi (q i j)! d qi j d q i j [ ( pi ) qi W () ]} { = lim pi (q i j)! d qi j d q i j [ ( pi ) qi ] } W (). (2.88) In tal caso, tenendo conto delle varie proprietà della trasformata Zeta, ed assumendo che p indica il polo nell origine (p = ), si ha: w(t) = Z [W ()] = q j= A,j δ(t j) + r q i ( t A i,j j i=2 j= ) p i t j. (2.89) Un modo alternativo per tenere conto di possibili poli nell origine nella funione raionale da trattare consiste nel notare che un fattore ν a denominatore corrisponde ad un ritardo di ν passi della corrispondente funione del tempo. Si possono quindi trascurare tali poli nulli, calcolare la trasformata inversa della funione Ŷ () = ν Y (), e poi traslare a destra (ritardare) di ν passi il segnale così ottenuto.

15 Tabella 2.3: trasformate Z notevoli Funione del tempo (k Z + ) Descriione Trasformata Z δ (k) impulso unitario δ (k) k gradino unitario rampa unitaria ( ) 2 δ (k h) gradino unitario con iniio in k = h h a k potena a k a k a ( a) 2 a k ( k h ) potena-polinomio a h ( a) h+ sin(kθ) cos(kθ) u(k h) sinusoide cosinusoide sin(θ) 2 2 cos(θ) + [ cos(θ)] 2 2 cos(θ) + h U() u(k + ) U() u() a k u(k) U( a ) k u(k h)y(h) h= U()Y () ku(k) d d U()

6. Trasformate e Funzioni di Trasferimento

6. Trasformate e Funzioni di Trasferimento 6. Trasformate e Funzioni di Trasferimento 6.3 Richiami sulla Trasformata di Laplace Definizione La trasformata di Laplace di f(t) è la funzione di variabile complessa s C, (s = σ + jω), F (s) = e st f(t)dt

Dettagli

Fondamenti di Automatica. Unità 2 Calcolo del movimento di sistemi dinamici LTI

Fondamenti di Automatica. Unità 2 Calcolo del movimento di sistemi dinamici LTI Fondamenti di Automatica Unità 2 Calcolo del movimento di sistemi dinamici LTI Calcolo del movimento di sistemi dinamici LTI Soluzione delle equazioni di stato per sistemi dinamici LTI a tempo continuo

Dettagli

Sistemi LSTD: rappresentazione esplicita

Sistemi LSTD: rappresentazione esplicita Trasformata Zeta Outline Sistemi LSTD: rappresentazione esplicita x(k+1) = Ax(k)+Bu(k), x R n, u R m, k Z y(k) = Cx(k)+Du(k), y R p x R n : vettore delle variabili di stato; u R m : vettore dei segnali

Dettagli

Catene di Misura. Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/

Catene di Misura. Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/ Catene di Misura Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/ Piero Malcovati Dipartimento di Ingegneria Industriale e dell Informazione Università di Pavia piero.malcovati@unipv.it Piero Malcovati

Dettagli

Brevi appunti di Fondamenti di Automatica 1. prof. Stefano Panzieri Dipartimento di Informatica e Automazione Universitá degli Studi ROMA TRE

Brevi appunti di Fondamenti di Automatica 1. prof. Stefano Panzieri Dipartimento di Informatica e Automazione Universitá degli Studi ROMA TRE Brevi appunti di Fondamenti di Automatica prof. Dipartimento di Informatica e Automazione Universitá degli Studi ROMA RE ROMA RE UNIVERSIÀ DEGLI SUDI 4 marzo 05 Rev. 0. INDICE Indice La rasfomata di Laplace.0.

Dettagli

stabilità BIBO La stabilità di tipo BIBO di un sistema LTI impone che la risposta all impulso h(n) sia sommabile in modulo, vale a dire:

stabilità BIBO La stabilità di tipo BIBO di un sistema LTI impone che la risposta all impulso h(n) sia sommabile in modulo, vale a dire: ELABORAZIONE NUMERICA DEI SEGNALI AA. 2007-2008 sistemi LTI e trasformata eta Francesca Gasparini http://www.ivl.disco.unimib.it/teaching.html errore nelle slide della settimana scorsa!!!! R ( )... ( M

Dettagli

Controlli Automatici T. Trasformata di Laplace e Funzione di trasferimento. Parte 3 Aggiornamento: Settembre 2010. Prof. L.

Controlli Automatici T. Trasformata di Laplace e Funzione di trasferimento. Parte 3 Aggiornamento: Settembre 2010. Prof. L. Parte 3 Aggiornamento: Settembre 2010 Parte 3, 1 Trasformata di Laplace e Funzione di trasferimento Prof. Lorenzo Marconi DEIS-Università di Bologna Tel. 051 2093788 Email: lmarconi@deis.unibo.it URL:

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Funzioni di trasferimento Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 0532 974839 E-mail: marcello.bonfe@unife.it pag. 1 Funzioni di trasferimento

Dettagli

Prova scritta di Controlli Automatici

Prova scritta di Controlli Automatici Prova scritta di Controlli Automatici Corso di Laurea in Ingegneria Meccatronica, AA 2011 2012 10 Settembre 2012 Domande a Risposta Multipla Per ognuna delle seguenti domande a risposta multipla, indicare

Dettagli

Numeri complessi. x 2 = 1.

Numeri complessi. x 2 = 1. 1 Numeri complessi Nel corso dello studio della matematica si assiste ad una progressiva estensione del concetto di numero. Dall insieme degli interi naturali N si passa a quello degli interi relativi

Dettagli

SISTEMI DIGITALI DI CONTROLLO

SISTEMI DIGITALI DI CONTROLLO Sistemi Digitali di Controllo A.A. 2009-2010 p. 1/45 SISTEMI DIGITALI DI CONTROLLO Prof. Alessandro De Luca DIS, Università di Roma La Sapienza deluca@dis.uniroma1.it Lucidi tratti dal libro C. Bonivento,

Dettagli

Sistemi Trifase. 1 Sistemi trifase : definizioni e proprietà fondamentali 2. 2 Schema di alimentazione di un sistema trifase 5

Sistemi Trifase. 1 Sistemi trifase : definizioni e proprietà fondamentali 2. 2 Schema di alimentazione di un sistema trifase 5 Sistemi Trifase Sistemi trifase : definiioni e proprietà fondamentali Schema di alimentaione di un sistema trifase 5 Utiliatori trifase 7 4 antaggi dei sistemi trifase 6 5 Teorema di equivalena 7 Sistemi

Dettagli

Cristian Secchi Pag. 1

Cristian Secchi Pag. 1 CONTROLLI DIGITALI Laurea Magistrale in Ingegneria Meccatronica SISTEMI A TEMPO DISCRETO Ing. Tel. 0522 522235 e-mail: cristian.secchi@unimore.it http://www.dismi.unimo.it/members/csecchi Richiami di Controlli

Dettagli

Prova scritta di Controlli Automatici - Compito A

Prova scritta di Controlli Automatici - Compito A Prova scritta di Controlli Automatici - Compito A 21 Marzo 27 Domande a Risposta Multipla Per ognuna delle seguenti domande a risposta multipla, indicare quali sono le affermazioni vere. 1. Si consideri

Dettagli

La funzione di risposta armonica

La funzione di risposta armonica 0.0. 3.1 1 La funzione di risposta armonica Se ad un sistema lineare stazionario asintoticamente stabile si applica in ingresso un segnale sinusoidale x(t) = sen ωt di pulsazione ω: x(t) = sin ωt (s) =

Dettagli

Cristian Secchi Pag. 1

Cristian Secchi Pag. 1 INGEGNERIA E TECNOLOGIE DEI SISTEMI DI CONTROLLO Laurea Specialistica in Ingegneria Meccatronica STRUMENTI MATEMATICI PER L ANALISI DEI SISTEMI DISCRETI Ing. Tel. 0522 522235 e-mail: secchi.cristian@unimore.it

Dettagli

e l insieme delle soluzioni, dopo le analoghe riduzioni del caso n = 2, si scrive come

e l insieme delle soluzioni, dopo le analoghe riduzioni del caso n = 2, si scrive come Numeri complessi 9 Da questi esempi si può osservare che, facendo le successive potene di un numero complesso, i punti corrispondenti girano attorno all origine. Se inoltre > allora i punti si allontanano

Dettagli

Nome: Nr. Mat. Firma:

Nome: Nr. Mat. Firma: Fondamenti di Controlli Automatici - A.A. 7/8 4 Dicembre 7 - Esercizi Compito A Nr. Nome: Nr. Mat. Firma: a) Determinare la trasformata di Laplace X i (s) dei seguenti segnali temporali x i (t): x (t)

Dettagli

7. Trasformata di Laplace

7. Trasformata di Laplace 7. Trasformata di Laplace Pierre-Simon de Laplace (1749-1827) Trasformata di Fourier e segnali causali In questa lezione ci occuperemo principalmente di segnali causali: Definizione 7.1 (Segnali causali)

Dettagli

Segnali e Sistemi. Dispensa integrativa per l insegnamento di Elementi di Controlli Automatici. Gianni Borghesan e Giovanni Marro

Segnali e Sistemi. Dispensa integrativa per l insegnamento di Elementi di Controlli Automatici. Gianni Borghesan e Giovanni Marro Segnali e Sistemi Dispensa integrativa per l insegnamento di Elementi di Controlli Automatici Gianni Borghesan e Giovanni Marro Indice Introduzione 2. Notazione............................. 2 2 Classificazione

Dettagli

Ingegneria dei Sistemi Elettrici_3d

Ingegneria dei Sistemi Elettrici_3d Ingegneria dei Sistemi Elettrici_3d Soluioni di problemi elettrostatici I problemi elettrostatici riguardano lo studio degli effetti delle cariche elettriche fisse. I principi dei campi elettrostatici

Dettagli

Trasformate di Laplace

Trasformate di Laplace TdL 1 TdL 2 Trasformate di Laplace La trasformata di Laplace e un OPERATORE funzionale Importanza dei modelli dinamici Risolvere equazioni differenziali (lineari a coefficienti costanti) Tempo t Dominio

Dettagli

Studio dei segnali nel dominio della frequenza. G. Traversi

Studio dei segnali nel dominio della frequenza. G. Traversi Studio dei segnali nel dominio della frequenza G. Traversi Segnali periodici e serie di Fourier Una funzione periodica f(t) di periodo T (purché integrabile) è esprimibile con una serie del tipo: f (t)

Dettagli

Sistema dinamico a tempo continuo

Sistema dinamico a tempo continuo Sistema dinamico a tempo continuo Un sistema è un modello matematico di un fenomeno fisico: esso comprende le cause e gli effetti relativi al fenomeno, nonché la relazione matematica che li lega. X INGRESSO

Dettagli

LEZIONI DEL CORSO DI SISTEMI DEL QUINTO ANNO

LEZIONI DEL CORSO DI SISTEMI DEL QUINTO ANNO LEZIONI DEL CORSO DI SISTEMI DEL QUINTO ANNO MOD. 1 Sistemi di controllo e di regolazione. Si tratta di un ripasso di una parte di argomenti effettuati l anno scorso. Introduzione. Schemi a blocchi di

Dettagli

Capitolo. La funzione di trasferimento. 2.1 Funzione di trasferimento di un sistema. 2.2 L-trasformazione dei componenti R - L - C

Capitolo. La funzione di trasferimento. 2.1 Funzione di trasferimento di un sistema. 2.2 L-trasformazione dei componenti R - L - C Capitolo La funzione di trasferimento. Funzione di trasferimento di un sistema.. L-trasformazione dei componenti R - L - C. Determinazione delle f.d.t. di circuiti elettrici..3 Risposta al gradino . Funzione

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Analisi dei sistemi dinamici Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 0532 974839 E-mail: marcello.bonfe@unife.it pag. 1 Analisi dei

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Risposte canoniche e sistemi elementari Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 0532 974839 E-mail: marcello.bonfe@unife.it pag. 1

Dettagli

DINAMICA DEGLI INQUINANTI A.A. 2012 2013 TRASPORTO DEI CONTAMINANTI NEL MEZZO INSATURO PROF. RENATO BACIOCCHI

DINAMICA DEGLI INQUINANTI A.A. 2012 2013 TRASPORTO DEI CONTAMINANTI NEL MEZZO INSATURO PROF. RENATO BACIOCCHI DINAMICA DEGLI INQUINANTI A.A. 2012 2013 TRASPORTO DEI CONTAMINANTI NEL MEZZO INSATURO PROF. RENATO BACIOCCHI SUOLO (Zona Satura e Insatura) Energia e moti di filtraione I moti di filtraione si verificano

Dettagli

Risposta temporale: esercizi

Risposta temporale: esercizi ...4 Risposta temporale: esercizi Esercizio. Calcolare la risposta al gradino del seguente sistema: G(s) X(s) = s (s+)(s+) Y(s) Per ottenere la risposta al gradino occorre antitrasformare la seguente funzione:

Dettagli

A.S. 2008/2009 CLASSE 5BEA SISTEMI AUTOMATICI SINTESI DEL CORSO

A.S. 2008/2009 CLASSE 5BEA SISTEMI AUTOMATICI SINTESI DEL CORSO A.S. 2008/2009 CLASSE 5BEA SISTEMI AUTOMATICI SINTESI DEL CORSO Sono stati trattati gli elementi base per l'analisi e il dimensionamento dei sistemi di controllo nei processi continui. E' quindi importante:

Dettagli

Differenziazione sistemi dinamici

Differenziazione sistemi dinamici Il controllo di sistemi ad avanzamento temporale si basa sulle tecniche di controllo in retroazione, ovvero, elabora le informazione sullo stato del processo (provenienti dai sensori) in modo sa inviare

Dettagli

Criteri di stabilità (ver. 1.2)

Criteri di stabilità (ver. 1.2) Criteri di stabilità (ver. 1.2) 1 1.1 Il concetto di stabilità Il concetto di stabilità è piuttosto generale e può essere definito in diversi contesti. Per i problemi di interesse nell area dei controlli

Dettagli

La trasformata Zeta. Marco Marcon

La trasformata Zeta. Marco Marcon La trasformata Zeta Marco Marcon ENS Trasformata zeta E l estensione nel caso discreto della trasformata di Laplace. Applicata all analisi dei sistemi LTI permette di scrivere in modo diretto la relazione

Dettagli

FONDAMENTI DI AUTOMATICA / CONTROLLI AUTOMATICI

FONDAMENTI DI AUTOMATICA / CONTROLLI AUTOMATICI FONDAMENTI DI AUTOMATICA / CONTROLLI AUTOMATICI Guida alla soluzione degli esercizi d esame Dott. Ing. Marcello Bonfè Esercizi sulla scomposizione di modelli nello spazio degli stati: Gli esercizi nei

Dettagli

Elettronica e Telecomunicazioni Classe Quinta. La trasformata di Laplace

Elettronica e Telecomunicazioni Classe Quinta. La trasformata di Laplace Elettronica e Telecomunicazioni Classe Quinta La trasformata di Laplace ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONI CLASSE QUINTA A INFORMATICA INDICE Segnali canonici Trasformata di Laplace Teoremi sulla trasformata

Dettagli

1. INTRODUZIONE AL CORSO E RICHIAMI TEORICI

1. INTRODUZIONE AL CORSO E RICHIAMI TEORICI . INRODUZIONE AL CORSO E RICHIAMI EORICI. Problematiche dei Sistemi di Controllo reali Lo studio dei Controlli Automatici, sia nella loro versione "classica" che nella più moderna eoria dei Sistemi, ha

Dettagli

LA FUNZIONE DI TRASFERIMENTO

LA FUNZIONE DI TRASFERIMENTO LA FUNZIONE DI TRASFERIMENTO Può essere espressa sia nel dominio della s che nel dominio della j Definizione nel dominio della s. è riferita ai soli sistemi con un ingresso ed un uscita 2. ha per oggetto

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Analisi armonica e metodi grafici Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 053 974839 E-mail: marcello.bonfe@unife.it pag. Analisi

Dettagli

Principi di Automazione e Controllo

Principi di Automazione e Controllo Principi di Automazione e Controllo Ing. Fabio Piedimonte Corso IFTS per Tecnico Superiore di Produzione Ver 1.0 Indice 1 Introduzione al problema dell automazione 4 1.1 I processi..................................

Dettagli

Diagrammi di Bode. I Diagrammi di Bode sono due: 1) il diagramma delle ampiezze rappresenta α = ln G(jω) in funzione

Diagrammi di Bode. I Diagrammi di Bode sono due: 1) il diagramma delle ampiezze rappresenta α = ln G(jω) in funzione 0.0. 3.2 Diagrammi di Bode Possibili rappresentazioni grafiche della funzione di risposta armonica F (ω) = G(jω) sono: i Diagrammi di Bode, i Diagrammi di Nyquist e i Diagrammi di Nichols. I Diagrammi

Dettagli

EQUAZIONI DIFFERENZIALI. 1. Trovare tutte le soluzioni delle equazioni differenziali: (a) x = x 2 log t (d) x = e t x log x (e) y = y2 5y+6

EQUAZIONI DIFFERENZIALI. 1. Trovare tutte le soluzioni delle equazioni differenziali: (a) x = x 2 log t (d) x = e t x log x (e) y = y2 5y+6 EQUAZIONI DIFFERENZIALI.. Trovare tutte le soluzioni delle equazioni differenziali: (a) x = x log t (d) x = e t x log x (e) y = y 5y+6 (f) y = ty +t t +y (g) y = y (h) xy = y (i) y y y = 0 (j) x = x (k)

Dettagli

Controlli automatici

Controlli automatici Controlli atomatici Sistemi a tempo discreto Prof. Paolo Rocco (paolo.rocco@polimi.it) Politecnico di Milano Dipartimento di Elettronica, Informaione e Bioingegneria Introdione Un sistema dinamico a tempo

Dettagli

Laboratorio di Elaborazione di Dati, Segnali e Immagini Biomediche (Parte 3)

Laboratorio di Elaborazione di Dati, Segnali e Immagini Biomediche (Parte 3) Università degli Studi di Padova - Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Biomedica A.A. 7-8 Laboratorio di Elaboraione di Dati, Segnali e Immagini Biomediche (Parte 3) Prof. Giovanni Sparacino

Dettagli

Corso di. Matematica per l Economia. - Appunti -

Corso di. Matematica per l Economia. - Appunti - Corso di Matematica per l Economia - Appunti - Università Ca Foscari di Veneia Dipartimento di Economia Appunti per un corso di Matematica per l Economia Luciano Battaia Versione del febbraio 5 Quest

Dettagli

Come visto precedentemente l equazione integro differenziale rappresentativa dell equilibrio elettrico di un circuito RLC è la seguente: 1 = (1)

Come visto precedentemente l equazione integro differenziale rappresentativa dell equilibrio elettrico di un circuito RLC è la seguente: 1 = (1) Transitori Analisi nel dominio del tempo Ricordiamo che si definisce transitorio il periodo di tempo che intercorre nel passaggio, di un sistema, da uno stato energetico ad un altro, non è comunque sempre

Dettagli

Funzioni di trasferimento. Lezione 14 2

Funzioni di trasferimento. Lezione 14 2 Lezione 14 1 Funzioni di trasferimento Lezione 14 2 Introduzione Lezione 14 3 Cosa c è nell Unità 4 In questa sezione si affronteranno: Introduzione Uso dei decibel e delle scale logaritmiche Diagrammi

Dettagli

Modellistica delle linee di trasmissione

Modellistica delle linee di trasmissione Modellistica delle linee di trasmissione PARTE I Modelli equivalenti nel dominio del tempo e della frequenza prof. Antonio Maffucci A. Maffucci, Modellistica delle linee di trasmissione parte 1 [pag. 1/81]

Dettagli

2.5 Stabilità dei sistemi dinamici 20. - funzioni di trasferimento, nella variabile di Laplace s, razionali fratte del tipo:

2.5 Stabilità dei sistemi dinamici 20. - funzioni di trasferimento, nella variabile di Laplace s, razionali fratte del tipo: .5 Stabilità dei sistemi dinamici 9 Risulta: 3 ( s(s + 4).5 Stabilità dei sistemi dinamici Si è visto come un sistema fisico può essere descritto tramite equazioni differenziali o attraverso una funzione

Dettagli

Capitolo 4. Sistemi lineari tempo-invarianti: analisi nel dominio della frequenza

Capitolo 4. Sistemi lineari tempo-invarianti: analisi nel dominio della frequenza Capitolo 4 Sistemi lineari tempo-invarianti: analisi nel dominio della frequenza 1. Introduzione In questo capitolo ci occuperemo dell analisi nel dominio della frequenza di sistemi dinamici lineari tempo-invarianti.

Dettagli

Nome: Nr. Mat. Firma:

Nome: Nr. Mat. Firma: Controlli Automatici - A.A. 1/11 Ingegneria Gestionale 13 Settembre 11 - Esercizi Nome: Nr. Mat. Firma: Rispondere alle seguenti domande. a) Calcolare la trasformata di Laplace X(s) dei seguenti segnali

Dettagli

9 Metodo della trasformata di Laplace per l analisi delle linee di trasmissione

9 Metodo della trasformata di Laplace per l analisi delle linee di trasmissione 9 Metodo della trasformata di Laplace per l analisi delle linee di trasmissione Introduzione Nei paragrafi precedenti sono state illustrate le tecniche di analisi per esaminare il comportamento di circuiti

Dettagli

Revisione dei concetti fondamentali dell analisi in frequenza

Revisione dei concetti fondamentali dell analisi in frequenza Revisione dei concetti fondamentali dell analisi in frequenza rgomenti: trasformazione in frequenza: significato e funzionamento; schemi di rappresentazione; trasformata discreta. 1 Rappresentazione dei

Dettagli

Laboratorio di Elettrotecnica

Laboratorio di Elettrotecnica 1 Laboratorio di Elettrotecnica Rappresentazione armonica dei Segnali Prof. Pietro Burrascano - Università degli Studi di Perugia Polo Scientifico Didattico di Terni 2 SEGNALI: ANDAMENTI ( NEL TEMPO, NELLO

Dettagli

Elettronica II Proprietà e applicazioni della trasformata di Fourier; impedenza complessa; risposta in frequenza p. 2

Elettronica II Proprietà e applicazioni della trasformata di Fourier; impedenza complessa; risposta in frequenza p. 2 Elettronica II Proprietà e applicazioni della trasformata di Fourier; impedenza complessa; risposta in frequenza Valentino Liberali Dipartimento di Tecnologie dell Informazione Università di Milano, 26013

Dettagli

Compito di SISTEMI E MODELLI. 19 Febbraio 2015

Compito di SISTEMI E MODELLI. 19 Febbraio 2015 Compito di SISTEMI E MODELLI 9 Febbraio 5 Non é ammessa la consultazione di libri o quaderni. Le risposte vanno giustificate. Saranno rilevanti per la valutazione anche l ordine e la chiarezza di esposizione.

Dettagli

Trasformate integrali

Trasformate integrali Trasformate integrali Gianni Gilardi Pavia, 12 dicembre 1997 Siano I e J due intervalli di R, limitati o meno, e K : I J C una funzione fissata. Data ora una generica funzione u : I R, consideriamo, per

Dettagli

FONDAMENTI DI AUTOMATICA. Michele Basso, Luigi Chisci e Paola Falugi

FONDAMENTI DI AUTOMATICA. Michele Basso, Luigi Chisci e Paola Falugi FONDAMENTI DI AUTOMATICA Michele Basso, Luigi Chisci e Paola Falugi 22 novembre 26 2 Indice 1 Analisi in frequenza di sistemi LTI 5 1.1 Introduzione............................. 5 1.2 Analisi armonica..........................

Dettagli

Richiami: funzione di trasferimento e risposta al gradino

Richiami: funzione di trasferimento e risposta al gradino Richiami: funzione di trasferimento e risposta al gradino 1 Funzione di trasferimento La funzione di trasferimento di un sistema lineare è il rapporto di due polinomi della variabile complessa s. Essa

Dettagli

Consideriamo due polinomi

Consideriamo due polinomi Capitolo 3 Il luogo delle radici Consideriamo due polinomi N(z) = (z z 1 )(z z 2 )... (z z m ) D(z) = (z p 1 )(z p 2 )... (z p n ) della variabile complessa z con m < n. Nelle problematiche connesse al

Dettagli

Politecnico di Milano. Fondamenti di Automatica (CL Ing. Gestionale) a.a.2014-15 Prof. Silvia Strada Prima prova intermedia 28 Novembre 2014 SOLUZIONE

Politecnico di Milano. Fondamenti di Automatica (CL Ing. Gestionale) a.a.2014-15 Prof. Silvia Strada Prima prova intermedia 28 Novembre 2014 SOLUZIONE Politecnico di Milano Fondamenti di Automatica (CL Ing. Gestionale) a.a.014-15 Prof. Silvia Strada Prima prova intermedia 8 Novembre 014 SOLUZIONE ESERCIZIO 1 punti: 8 su 3 Si consideri il sistema dinamico

Dettagli

Differenziazione sistemi dinamici

Differenziazione sistemi dinamici Obiettivo: analisi e sintesi dei sistemi di controllo in retroazione in cui è presente un calcolatore digitale Il controllo digitale è ampiamente usato, grazie alla diffusione di microprocessori e microcalcolatori,

Dettagli

Centro di proiezione. Figura 4.1 Proiezione prospettica e parallela di un segmento.

Centro di proiezione. Figura 4.1 Proiezione prospettica e parallela di un segmento. Capitolo 4 Proieioni Il trattamento di dati tridimensionali, siano essi modelli grafici sintetici o dati reali, è più complesso rispetto al caso bidimensionale, sia perchè c è una dimensione in più, sia

Dettagli

Introduzione. Margine di ampiezza... 2 Margine di fase... 5 Osservazione... 6 Margini di stabilità e diagrammi di Bode... 6

Introduzione. Margine di ampiezza... 2 Margine di fase... 5 Osservazione... 6 Margini di stabilità e diagrammi di Bode... 6 ppunti di Controlli utomatici Capitolo 7 parte II Margini di stabilità Introduzione... Margine di ampiezza... Margine di fase... 5 Osservazione... 6 Margini di stabilità e diagrammi di ode... 6 Introduzione

Dettagli

CORSO DI TOPOGRAFIA A A.A. 2006-2007

CORSO DI TOPOGRAFIA A A.A. 2006-2007 CORSO DI TOPOGRAFIA A A.A. 6-7 APPUNTI LEIONI GPS PARTE II Documento didattico ad uso interno - www.rilevamento.it 1 1 Inserimento di un rilievo GPS in cartografia. Problemi di trasformaione di coordinate

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Funzioni di trasferimento: stabilità, errore a regime e luogo delle radici Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 0532 974839 E-mail:

Dettagli

Diagrammi di Bode. delle

Diagrammi di Bode. delle .. 3.2 delle Diagrammi di Bode La funzione di risposta armonica F(ω) = G(jω) può essere rappresentata graficamente in tre modi diversi: i Diagrammi di Bode, i Diagrammi di Nyquist e i Diagrammi di Nichols.

Dettagli

LA TRASFORMATA DI FOURIER: PROPRIETA ED ESEMPI

LA TRASFORMATA DI FOURIER: PROPRIETA ED ESEMPI LA TRASFORMATA DI FOURIER: PROPRIETA ED ESEMPI Fondamenti di segnali Fondamenti e trasmissione TLC Proprieta della () LINEARITA : la della combinazione lineare (somma pesata) di due segnali e uguale alla

Dettagli

ALGORITMO PER GENERARE COSTANTI MATEMATICHE

ALGORITMO PER GENERARE COSTANTI MATEMATICHE ALGORITMO PER GENERARE COSTANTI MATEMATICHE di Zino Magri ino.magri@libero.it Copyright ZINO MAGRI 03 Vorrei porre alla vostra attenione un algoritmo in grado di generare una π quantità illimitata di costanti

Dettagli

Proprieta` dei sistemi in retroazione

Proprieta` dei sistemi in retroazione Proprieta` dei sistemi in retroazione Specifiche di controllo: errore a regime in risposta a disturbi costanti errore di inseguimento a regime quando il segnale di riferimento e` di tipo polinomiale sensibilita`

Dettagli

Controllori PID, metodi di taratura e problemi d implementazione

Controllori PID, metodi di taratura e problemi d implementazione Controllori PID, metodi di taratura e problemi d implementazione Prof. Luigi Glielmo Università del Sannio L. Glielmo 1 / 23 Contenuto della presentazione Controllori PID Metodi di taratura in anello aperto

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO fino al 22-06-2015 Fine del corso

PROGRAMMA SVOLTO fino al 22-06-2015 Fine del corso PROGRAMMA SVOLTO fino al 22-06-2015 Fine del corso Prof. Bruno Picasso LEZIONI: Introduzione al corso. Introduzione ai sistemi dinamici. I sistemi dinamici come sistemi di equazioni differenziali; variabili

Dettagli

Modellazione e Analisi di Reti Elettriche

Modellazione e Analisi di Reti Elettriche Modellazione e Analisi di eti Elettriche Modellazione e Analisi di eti Elettriche Davide Giglio Introduzione alle eti Elettriche e reti elettriche costituite da resistori, condensatori e induttori (bipoli),

Dettagli

Complementi di Analisi per Informatica *** Capitolo 2. Numeri Complessi. e Circuiti Elettrici. a Corrente Alternata. Sergio Benenti 7 settembre 2013

Complementi di Analisi per Informatica *** Capitolo 2. Numeri Complessi. e Circuiti Elettrici. a Corrente Alternata. Sergio Benenti 7 settembre 2013 Complementi di Analisi per nformatica *** Capitolo 2 Numeri Complessi e Circuiti Elettrici a Corrente Alternata Sergio Benenti 7 settembre 2013? ndice 2 Circuiti elettrici a corrente alternata 1 21 Circuito

Dettagli

LUOGO DELLE RADICI. G(s) H(s) 1+KG(s)H(s)=0

LUOGO DELLE RADICI. G(s) H(s) 1+KG(s)H(s)=0 LUOGO DELLE RADICI Il progetto accurato di un sistema di controllo richiede la conoscenza dei poli del sistema in anello chiuso e dell influenza che su di essi hanno le variazioni dei più importanti parametri

Dettagli

Esempi di funzione. Scheda Tre

Esempi di funzione. Scheda Tre Scheda Tre Funzioni Consideriamo una legge f che associa ad un elemento di un insieme X al più un elemento di un insieme Y; diciamo che f è una funzione, X è l insieme di partenza e X l insieme di arrivo.

Dettagli

COMPITO DI SEGNALI E SISTEMI 18 Dicembre 2004

COMPITO DI SEGNALI E SISTEMI 18 Dicembre 2004 COMPIO DI SEGNALI E SISEMI 8 Dicembre 4 Esercizio Si consideri il modello di stato a tempo discreto descritto dalle seguenti equazioni: x(k + = Ax(k + Bu(k = x(k + u(k, v(k = Cx(k = [ ] x(k, k Z + i Si

Dettagli

4. Funzioni elementari

4. Funzioni elementari ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 4. Funzioni elementari A. A. 2014-2015 L.Doretti 1 Funzioni elementari Sono dette elementari un insieme di funzioni dalle quali si ottengono, mediante

Dettagli

Appunti del corso di Controllo Digitale

Appunti del corso di Controllo Digitale Università degli Studi di Siena Sede di Arezzo Corso di Laurea triennale in Ingegneria dell Automazione Appunti del corso di Controllo Digitale A cura di Gianni Bianchini Indice Glossario, abbreviazioni

Dettagli

Revisione dei concetti fondamentali

Revisione dei concetti fondamentali Revisione dei concetti fondamentali dell analisi in frequenza Argomenti: trasformazione in frequenza: significato e funzionamento; schemi di rappresentazione; trasformata discreta. 1 Rappresentazione dei

Dettagli

Stabilità dei sistemi di controllo in retroazione

Stabilità dei sistemi di controllo in retroazione Stabilità dei sistemi di controllo in retroazione Margini di stabilità Indicatori di robustezza della stabilità Margine di guadagno Margine di fase Stabilità regolare e marginale ed estensioni delle definizioni

Dettagli

LABORATORY OF AUTOMATION SYSTEMS ADAPTIVE CONTROLLERS

LABORATORY OF AUTOMATION SYSTEMS ADAPTIVE CONTROLLERS Laboratory of Automation Systems p. 1/46 LABORATORY OF AUTOMATION SYSTEMS ADAPTIVE CONTROLLERS Prof. Claudio Bonivento CASY-DEIS, University of Bologna claudio.bonivento@unibo.it Laboratory of Automation

Dettagli

Ing. Mariagrazia Dotoli Controlli Automatici NO (9 CFU) Antitrasformata di Laplace PROCEDIMENTI DI ANTITRASFORMAZIONE

Ing. Mariagrazia Dotoli Controlli Automatici NO (9 CFU) Antitrasformata di Laplace PROCEDIMENTI DI ANTITRASFORMAZIONE PROCEDIMENTI DI ANTITRASFORMAZIONE L'operazione di paaggio invero dal dominio della frequenza complea al dominio del tempo F() f(t) è detta antitraformata o traformazione invera di Laplace. Data una funzione

Dettagli

FEDELTÀ DELLA RISPOSTA DEI SISTEMI DI CONTROLLO IN RETROAZIONE: ANALISI DELLA PRECISIONE IN REGIME PERMANENTE

FEDELTÀ DELLA RISPOSTA DEI SISTEMI DI CONTROLLO IN RETROAZIONE: ANALISI DELLA PRECISIONE IN REGIME PERMANENTE FEDELTÀ DELLA RISPOSTA DEI SISTEMI DI CONTROLLO IN RETROAZIONE: ANALISI DELLA PRECISIONE IN REGIME PERMANENTE Nello studio dei sistemi di controllo in retroazione spesso si richiede che l uscita segua

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA RISONANZA MAGNETICA NUCLEARE

INTRODUZIONE ALLA RISONANZA MAGNETICA NUCLEARE INTRODUZIONE ALLA RISONANZA AGNETICA NUCLEARE PARTE Corso di Tecniche Chimico fisiche in ambito sanitario dr.ssa Isabella Nicotera L'osservabile fisica macroscopica è la magnetiaione, definita come il

Dettagli

Fenomeni di trasporto

Fenomeni di trasporto Fenomeni di trasporto Generalità sui fenomeni di trasporto Viscosità Conduione del calore Diffusione Regimi di flusso del gas Portata e portata volumetrica Conduttana egge di Ohm della fluidodinamica Generalità

Dettagli

REGOLATORI STANDARD O PID

REGOLATORI STANDARD O PID REGOLATORI STANDARD O ID Consideriamo il classico esempio di compensazione in cascata riportato in figura, comprendente il plant o sistema controllato con funzione di trasferimento G (s), il regolatore

Dettagli

Inversione stabile ingresso-uscita per sistemi lineari e non lineari. 2 Esempio del pendolo sul carrello

Inversione stabile ingresso-uscita per sistemi lineari e non lineari. 2 Esempio del pendolo sul carrello Inversione stabile ingresso-uscita per sistemi lineari e non lineari Alcuni appunti per la Scuola avanzata Giovanni Zappa su tecniche di controllo e identificazione Udine 14-15 Novembre 28 Luca Consolini,

Dettagli

ELETTROTECNICA Ingegneria Industriale

ELETTROTECNICA Ingegneria Industriale LTTROTCNCA ngegneria ndustriale SSTM TRFAS Stefano astore Dipartimento di ngegneria e Architettura Corso di lettrotecnica (04N) a.a. 0-4 Generatore trifase Un generatore trifase equilibrato è composto

Dettagli

Complementi sui filtri

Complementi sui filtri Elaborazione numerica dei segnali Appendice ai capitoli 4 e 5 Complementi sui filtri Introduzione... Caratteristiche dei filtri ideali... Filtri passa-basso...4 Esempio...7 Filtri passa-alto...8 Filtri

Dettagli

09 - Funzioni reali di due variabili reali

09 - Funzioni reali di due variabili reali Università degli Studi di Palermo Facoltà di Economia CdS Sviluppo Economico e Cooperazione Internazionale Appunti del corso di Matematica 09 - Funzioni reali di due variabili reali Anno Accademico 2013/2014

Dettagli

Comportamento a regime dei sistemi di controllo in retroazione Appunti di Controlli Automatici

Comportamento a regime dei sistemi di controllo in retroazione Appunti di Controlli Automatici Comportamento a regime dei sistemi di controllo in retroazione Appunti di Controlli Automatici Versione 1.0 Ing. Alessandro Pisano SOMMARIO Introduzione 3 1. Stabilità a ciclo chiuso e teorema del valore

Dettagli

Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche. Analisi dei segnali A.A. 2008-09.

Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche. Analisi dei segnali A.A. 2008-09. Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Analisi dei segnali A.A. 2008-09 Alberto Perotti DELEN-DAUIN Segnali continui e discreti Un segnale tempo-continuo è

Dettagli

CAMPI E LORO PROPRIETÀ

CAMPI E LORO PROPRIETÀ CMPI E LORO PROPRIETÀ 1.1 Introduzione ia una regione nello spazio in cui, in ogni suo punto, sia definita una grandezza g. La regione si dice allora soggetta ad un campo. Un campo può essere scalare,

Dettagli

Analisi dei sistemi nel dominio del tempo

Analisi dei sistemi nel dominio del tempo Appunti di Teoria dei Segnali a.a. 010/011 L.Verdoliva In questa sezione studieremo i sistemi tempo continuo e tempo discreto nel dominio del tempo. Li classificheremo in base alle loro proprietà e focalizzeremo

Dettagli

RICHIAMI SULLE MATRICI. Una matrice di m righe e n colonne è rappresentata come

RICHIAMI SULLE MATRICI. Una matrice di m righe e n colonne è rappresentata come RICHIAMI SULLE MATRICI Una matrice di m righe e n colonne è rappresentata come A = a 11 a 12... a 1n a 21 a 22... a 2n............ a m1 a m2... a mn dove m ed n sono le dimensioni di A. La matrice A può

Dettagli

MATLAB Analisi di Sistemi LTI

MATLAB Analisi di Sistemi LTI Esercitazione 1/30 MATLAB Analisi di Sistemi LTI Vincenzo LIPPIELLO PRISMA Lab Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università di Napoli Federico II vincenzo.lippiello@unina.it www.prisma.unina.it

Dettagli

La funzione di trasferimento

La funzione di trasferimento Sommario La funzione di trasferimento La funzione di trasferimento Poli e zeri della funzione di trasferimento I sistemi del primo ordine Esempi La risposta a sollecitazioni La funzione di trasferimento

Dettagli

Regolatori PID. Corso di Controllo Digitale. a cura di Simona Onori s.onori@disp.uniroma2.it

Regolatori PID. Corso di Controllo Digitale. a cura di Simona Onori s.onori@disp.uniroma2.it Regolatori PID Corso di Controllo Digitale a cura di Simona Onori s.onori@disp.uniroma2.it Novembre 2005 Introduzione I regolatori lineari più usati in ambito industriale sono certamente i PID, o regolatori

Dettagli