APPUNTI SU TRASFORMATE DI LAPLACE E TRASFORMATE Z ERRATA CORRIGE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "APPUNTI SU TRASFORMATE DI LAPLACE E TRASFORMATE Z ERRATA CORRIGE"

Transcript

1 APPUNTI SU TRASFORMATE DI LAPLACE E TRASFORMATE Z ERRATA CORRIGE Proprietà 2.: L[y(t)] (2.29): u( + ) (2.65): n j= j i Prima della (2.69): A = lim s W (s) Nella Seione 2.6, usa sia t che k per indicare il tempo discreto (2.46): Z[u(t + )] Proprietà 2.4: Sostituire Traslaione nel dominio di con Cambio di scala nel dominio di Dimostraione della (2.6): Si ottiene facilmente a partire dalla trasformata di a t,... Titolo della Seione 2.6.4:... : calcolo delle potene di una matrice e... (2.89): w(t) = q j= A,j δ(t j + ) + q r i i=2 j= ( A i,j p t j+ i t j )

2 Capitolo 2: Analisi [Draft; 2/3; N.O.; UniPG] La trasformata di Laplace Lo studio dei sistemi lineari staionari a tempo continuo, ed in particolare lo studio dei legami ingresso uscita di tali sistemi, è di solito condotto facendo uso delle strumento formale simbolico trasformata della di Laplace. In queste note la trasformata di Laplace viene presentata in modo estremamente sintetico ed operativo. Per tutti gli aspetti formali, di esistena della trasformata, e per i legami con altre trasformate ed integrali, ad esempio con la trasformata di Fourier, si rimanda a testi specifici. Si consideri una funione del tempo f( ), a valori complessi, nulla per t <, e maggiorata da Me γt, per qualche valore di M > e γ > : f : R C, f(t) =, t <, f(t) < Me γt, t >. La trasformata di Laplace della funione f( ), indicata (sia pure impropriamente) con la notaione: F (s) := L[f(t)], (2.23) è definita dall integrale (supposto che esista): F (s) := f(t)e st dt. (2.24) Se l integrale (2.24) esiste per un certo valore complesso s = σ + jω, allora esiste per tutti i valori s tali che Re(s) σ. Infine, il pi` u piccolo valore di σ tale che, per ogni s con Re(s) > σ l integrale (2.24) converge, è detto ascissa di convergena, e sar` a indicato con α; la regione del piano complesso E := s C : Re(s) > α è detta regione di esistena. La funione F (s) ha lo stesso contenuto informativo del segnale di origine f(t); pi` u precisamente, F (s) ed f(t) sono due diverse rappresentaioni dello stesso segnale: F (s) è la rappresentaione nel dominio del tempo, mentre f(t) è la rappresentaione dello stesso segnale nel dominio del tempo. Nota la trasformata di Laplace F (s) di un segnale, la sua rappresentaione nel dominio del tempo, f(t), può essere ricostruita a partire dalla trasformata inversa di Laplace o antitrasformata di Laplace, definita dall integrale di linea: cioè: f(t) = L [F (s)] = σ+j F (s)e st ds, t (2.25) 2πj σ j f(t) = L [F (s)] = F (σ + jω)e (σ+jω)t dω, t (2.26) 2π ove σ è un qualunque numero reale maggiore dell ascissa di convergena α. Si noti che l integrale è calcolato lungo una retta del piano complesso parallela all asse immaginario. Di norma, tale integrale si calcola tramite il teorema dei residui, considerando il percorso chiuso costituito dalla retta verticale s = σ + jω e da un arco di cerchio antiorario di raggio infinito. La trasformata di Laplace ha interesse perchè le due trasformaioni (2.24) e (2.25) rappresentano una relaione biunivoca tra funioni del tempo e corrispondenti trasformate, nel senso meglio precisato dalla seguente propriet` a di unicit` a Proprietà della trasformata di Laplace Le seguenti proprietà della trasformata di Laplace sono di fondamentale importana. Propriet`a 2. (Propriet` a di unicit`a) Se L[x(t)] = LL [y(t)] lungo una qualche linea s = σ + jω, con σ > max{α x, α y }, allora le due funioni del tempo coincidono, cio`e x(t) = y(t), t (quasi ovunque). Propriet`a 2.2 (Linearit` a) Siano u(t) e y(t) due funioni del tempo, con trasformata U(s) ed Y (s), rispettivamente. Allora, vale la seguente propriet`a di linearit` a: L[c u(t) + c 2 y(t)] = c U(s) + c 2 Y (s), c, c 2 R. (2.27) Pi` u rigorosamente, la trasformata di Laplace e definita ` dal seguente integrale F (s) := lim f(t)e st dt. >

3 Capitolo 2: Analisi [Draft; 2/3; N.O.; UniPG] 2 4 Proprietà 2.3 (Ritardo finito) Siano u(t) ed U(s) un segnale del tempo e la sua trasformata, con ascissa di convergena α u. Allora, dato un reale T >, la funione traslata nel tempo u(t T ) ha trasformata ed ascissa di convergena pari a: L[u(t T )] = e st U(s), α = α u. (2.28) Dimostraione. L[u(t T )] = u(t T )e st dt = u(τ)e s(τ+t ) dτ = e st u(τ)e sτ dτ = e st U(s), Re(s) > α u. T Proprietà 2.4 (Trasformata di una derivata) Siano u(t) ed U(s) un segnale del tempo e la sua trasformata. Allora, la derivata temporale u (t) della funione u(t) ha trasformata pari a: u(t) L = su(s) u( ). (2.29) dt Dimostraione. Integrando per parti si trova: d d L u(t) = u(t)e st dt = u(t)e st + s u(t)e st dt = u() + su(s). dt dt Proprietà 2.5 (Trasformata di una derivata seconda) Siano u(t) ed U(s) un segnale del tempo e la sua d 2 trasformata. Allora, la derivata temporale seconda u(t) della funione u(t) ha trasformata pari a: dt 2 d 2 L u(t) = s 2 U(s) su() d u(t) t=. (2.3) dt 2 dt Proprietà 2.6 (Trasformata di un integrale) Siano u(t) ed U(s) un segnale del tempo e la sua trasformata. Allora, l integrale t u(τ)dτ ha trasformata pari a: t L u(τ)dτ = U(s). (2.3) s Dimostraione. Integrando per parti si trova: t t t L u(τ)dτ = u(τ)dτ e st dt = u(τ)dτe st + u(t)e st dt = U(s). s s s Proprietà 2.7 (Traslaione nel dominio di s (traslaione complessa)) Siano u(t) ed U(s) un segnale del tempo e la sua trasformata. Allora, la funione e at u(t) ha trasformata pari a: L[e at u(t)] = U(s a). (2.32) Proprietà 2.8 (Trasformata di un integrale di convoluione) Siano u(t) ed y(t) due funioni del tempo, U(s) ed Y (s) le loro trasformate. Allora, l integrale di convoluione delle due funioni del tempo, se esiste, ha trasformata pari a: t L u(t τ)y(τ)dτ = U(s)Y (s). (2.33) Proprietà 2.9 (Antitrasformata della derivata rispetto ad s) Siano u(t) ed U(s) un segnale del tempo d e la sua trasformata. Allora, la funione U(s) ha antitrasformata pari a: ds d L U(s) = tu(t). (2.34) ds

4 Capitolo 2: Analisi [Draft; 2/3; N.O.; UniPG] Trasformata di Laplace di segnali notevoli Si danno ora le trasformate di alcuni segnali elementari, di interesse nello studio di sistemi dinamici. Gradino unitario. Sia δ (t) la funione gradino unitario: t < δ (t) = t, (2.35) la sua trasformata di Laplace e la corrispondente ascissa di convergena α sono date da: Dimostraione L [δ (t)] = L[δ (t)] =, α =. (2.36) s e st e st dt = = lim e st lim e st =, Re(s) >. s t s t s Rampa unitaria. Sia δ 2 (t) una rampa con pendena unitaria: t < δ 2 (t) = t t, (2.37) la sua trasformata di Laplace e la corrispondente ascissa di convergena sono: L [δ 2 (t)] =, α =. (2.38) s 2 Dimostraione. Si ottiene facilmente a partire dalla trasformata di un gradino, applicando la proprietà (2.6) di trasformaione di un integrale. Si noti che δ 2 (t) = tδ (t). Si noti inoltre che per il calcolo della trasformata (2.38) si potrebbe applicare anche la propriet` a 2.9, riscritta come: d L [tu(t)] = ds U(s). (2.39) Segnale esponeniale. Sia u(t) un segnale esponeniale con costante a positiva: t < u(t) = e at, (2.4) t la sua trasformata di Laplace ed ascissa di convergena sono: L[e at δ (t)] =, α = a. (2.4) s a Dimostraione. Innanitutto, si noti che la funione u(t) definita sopra coincide con la funione at δe (t). Data una generica funione del tempo f(t), la notaione f(t)δ (t) è usata per indicare il fatto che la funione in esame è nulla per tempi negativi. at δ (t) L = e at e st (s a)t e e dt = = s a = lim e (s a)t lim e (s a)t =, Re(s) > a. s a t t s a A scopo esemplificativo, la tabella 2. raccoglie le trasformate dirette ed inverse di alcune funioni di uso comune. Di norma, tali trasformate si ottengono facilmente a partire da quelle riportate sopra, tramite le proprietà descritte in precedena.

5 Capitolo 2: Analisi [Draft; 2/3; N.O.; UniPG] Alcuni teoremi Nello studio dei sistemi dinamici sono utili alcuni teoremi sui legami tra i valori limite di un segnale del tempo e della corrispondente trasformata di Laplace. Teorema 2. (Valore finale) Sia u(t) una funione del tempo, con trasformata U(s). Allora, il limite per t che tende ad infinito di tale funione, se esiste ed `e finito, `e dato da: lim u(t) = lim su(s). (2.42) t s + Si noti che il teorema è applicabile solo se il punto s = è interno alla regione di convergena, cioè solo se l ascissa di convergena è nel semipiano complesso sinistro. In effetti, l esistena del limite di interesse, cioè lim t u(t), garantisce tale posiione dell ascissa di convergena. Il teorema del valore finale e utile ` nel calcolo del guadagno a regime di una funione di trasferimento. Teorema 2.2 (Valore iniiale) Sia u(t) una funione del tempo, con trasformata U(s). iniiale per t che tende a ero da destra di tale funione, se esiste ed `e finito, `e dato da: Allora il valore lim u(t) = lim su(s). (2.43) t + s Teorema 2.3 (Valore dell integrale) Sia u(t) una funione del tempo, con trasformata U(s). l integrale u(t)dt esiste, il suo valore è dato da: Allora, se u(t)dt = lim U(s). (2.44) s Sistemi a tempo continuo: calcolo dell esponeniale di matrice e della matrice di trasferimento Si consideri il sistema dinamico: ẋ = F x, x() = x. (2.45) E ` noto che la soluione di tale equaione differeniale omogenea, cioè la risposta libera nello stato, è descritta dall esponeniale di matrice: F t x(t) = e x, t R +. (2.46) F Per il calcolo dell esponeniale di matrice t esi può far uso alla trasformata di Laplace. Infatti, per la propriet` a della trasformata di una funione derivata, il sistema precedente, nel dominio di Laplace, o essere pu` scritto come: sx(s) x() = F X(s), (2.47) da cui segue facilmente: (si F )X(s) = x(). (2.48) Nel campo delle funioni raionali (e non, si badi bene, nel campo dei reali o dei complessi), la matrice (si F ) è non singolare, infatti il suo determinante è il polinomio caratteristico del sistema, per cui l equaione precedente può essere risolta rispetto alla trasformata dello stato, trovando: da cui, antitrasformando, segue: e quindi, dal confronto con (2.46), segue: X(s) = (si F ) x(), (2.49) x(t) = L (si F ) x(), (2.5) e F t = L (si F ). (2.5) Per quanto riguarda invece l analisi di un sistema lineare a tempo continuo, il metodo della trasformata di Laplace consente di determinare in modo semplice il legame ingresso uscita, e e la cio` matrice di trasferimento, di tale sistema. Si consideri allora il sistema: ẋ = F x + Gu, x R n, u R m, (2.52) y = Hx + Du, y R p. (2.53)

6 Capitolo 2: Analisi [Draft; 2/3; N.O.; UniPG] 2 7 Nel dominio di Laplace il sistema è quindi descritto da: sx(s) x() = F X(s) + GU(s) (2.54) Y (s) = HX(s) + DU(s), (2.55) e quindi, tenendo conto della non singolarità della matrice si ( F ) nel campo delle funioni raionali, si trova: X(s) = (si F ) GU(s) + (si F ) x(), (2.56a) Y (s) = H(sI F ) GU(s) + DU(s) + H(sI F ) x(). (2.56b) Le due equaioni (2.56) descrivono completamente il sistema. La (2.56a) descrive il legame tra la coppia stato iniiale ingresso e lo stato, mentre la seconda descrive il legame tra le stesse grandee e la funione di uscita. I termini delle (2.56) che descrivono l effetto delle condiioni iniiali sullo stato e sull uscita sono dette risposte libere, nello stato e nell uscita, rispettivamente: X (s) = (si F ) x(), (2.57) Y (s) = H(sI F ) x() (2.58) mentre i termini che descrivono l effetto del segnale (vettoriale) di ingresso sullo stato e sull uscita sono dette risposte forate, nello stato e nell uscita, rispettivamente: Infine, la matrice di funioni raionali X f (s) = (si F ) GU(s), (2.59) Y f (s) = H(sI F ) GU(s) + DU(s). (2.6) W (s) = H(sI F ) G + D, (2.6) che descrive completamente il legame tra il segnale di ingresso e quello di uscita (nel caso di condiioni iniiali nulle), è detta matrice di trasferimento del sistema. Nel caso in cui sia il segnale di ingresso che quello di uscita siano scalari, e cioè nel caso m = e p =, si parla di funione di trasferimento Antitrasformata di funioni raionali proprie Il legame ingresso uscita di un sistema lineare staionario a tempo continuo è rappresentabile con una matrice di funioni raionali proprie nella variabile s. Tenendo conto della forma della trasformata di segnali esponeniali e polinomiali, anche l uscita di un sistema lineare, in risposta a segnali di questo tipo, è descritta, nel dominio di s, da una funione raionale. ` E quindi di notevole importana vedere come antitrasformare una funione raionale. Si consideri allora la seguente funione Y (s), propria e con denominatore monico: + β s + β Y (s) = β ns n + β n s n +, (2.62) s n + α n s n + + α s + α e si assuma, per semplicit` a, che le radici del denominatore siano tutte distinte (e complesse coniugate a coppia, se non reali), cio` e: n n s n + α n s + + α s + α = (s p i ), p i = p j, i = j. (2.63) Per ben noti risultati sulle funioni raionali, la funione Y (s) può essere scomposta in fraioni pariali: A 2 i= A Y (s) = A , (2.64) s p s p 2 s p n con A = lim s Y (s) ed inoltre A i = lim s pi (s p i )Y (s), per il teorema dei residui. Il calcolo dei residui A i, i =, 2,..., n puù essere verificato in modo immediato. Infatti dalla (2.63) si ha, per il generico Aresiduo i : n Aj (s p i )Y (s) = (s p i )A + (s p i ) + A i (2.65) s p j j = j i A n

7 Capitolo 2: Analisi [Draft; 2/3; N.O.; UniPG] 2 8 A partire dalla scomposiione in fraioni pariali (2.64), tenendo conto della propriet` a di linearit` della trasformata di segnali elementari, si vede immediatamente che il segnale y(t) è dato da: a (2.8) e y(t) = A e p nt δ(t) + A e pt + A 2 e p2t + + A n. (2.66) Per inciso, l equaione (2.66) consente di studiare in modo immediato risposta la permanente di un sistema lineare a tempo continuo. Nel caso in cui alcuni degli eri del denominatore della funione raionale da anti trasformare, (cioè alcuni poli della funione), abbiano molteplicità maggiore di uno, il procedimento è analogo, salvo la forma della espansione in fraioni pariali. Sia allora W (s) una generica funione raionale propria, W (s) può essere espansa in fraioni pariali nella forma: + β s + β W (s) = β ns n + β n s n +. (2.67) s n + α n s n + + α s + α W (s) = A + r q i A i,j (s p i ) j, (2.68) i= j= dove r indica il numero di eri distinti del denominatore della W (s), q i indica la molteplicit` a di p i come ero di tale denominatore, A indica il legame diretto, cioè A = lim t W (s), ed il generico residuo A i,j è calcolato come: d q i j A lim. (q i j)! ds q i j [(s p i) q i i,j = W (s)] (2.69) s pi In tal caso, tenendo conto delle varie proprietà della trasformata di Laplace, si ha: r q i t j w(t) = L [W (s)] = A Ai,j (j )! e pit δ(t) +. (2.7) i= j=

8 Capitolo 2: Analisi [Draft; 2/3; N.O.; UniPG] Funione del tempo Trasformata di Laplace δ(t) (impulso di Dirac) δ (t) (gradino unitario) δ 2 (t) = tδ (t) (rampa unitaria) δ (t a) (gradino unitario con iniio in t = a) e at (esponeniale) t n (n )! e at (esponeniale polinomiale) sin(ωt) (sinusoide) cos(ωt) (cosinusoide) ω n ζ 2 e ζω nt sin(ω n ζ2 t) e at cos(ωt) e at sin(ωt) ẋ(t) s s 2 s e as s a (s a) n ω s 2 + ω 2 s s 2 + ω 2 s 2 + 2ζω n s + ω 2 n s + a (s + a) 2 + ω 2 ω (s + a) 2 + ω 2 s X(s) - x() (fattore trinomio) t x(τ)dτ s X(s) x(t T ), T > e st X(s) e at x(t) X(s a) t x (t τ)x 2 (τ)dτ X (s)x 2 (s) tx(t) d X(s) (derivata nel dominio di s) ds Tabella 2.: Trasformate ed antitrasformate di Laplace di uso comune

9 TdS [Draft; 2/3; n.o.; UniPG] La trasformata Z Lo studio dei sistemi lineari staionari a tempo discreto, ed in particolare lo studio dei legami ingresso-uscita di tali sistemi, è di solito condotto facendo uso delle strumento formale-simbolico della trasformata Z. In queste note la trasformata Z viene presentata in modo estremamente sintetico ed operativo. Per tutti gli aspetti formali e di esistena della trasformata si rimanda a testi specifici. Si consideri una sequena f : Z + C, {f(t) = f t, t =,, 2,...}. La trasformata Z è un operatore dallo spaio di tali sequene allo spaio di funioni di variabile complessa, ed associa ad ogni sequena f( ) una funione, indicata (impropriamente) con F () = Z[f(t)], e definita dalla serie: F () := f(t) t, (2.37) t= ammesso che tale serie converga. Tenendo conto del fatto che F () è definita a partire da una serie in, la convergena sarà ottenuta all esterno di un cerchio centrato nel origine del piano complesso e di raggio R sufficientemente grande. Il valore di tale raggio è detto raggio di convergena della trasformata U(), e dipende dalla specifica sequena considerata. La regione del piano complesso esterna al cerchio di raggio R centrato nell origine è detta regione di convergena o dominio di convergena. Ad esempio, si consideri la funione (a tempo discreto) impulso unitario, definito da: δ(k) = { t = t (2.38) La trasformata Z di u(k) = δ(t) è data da: infatti, dalla definiione, segue immediatamente: U() = Z[u(t)] =, (2.39) U() = u() + u() + u(2) 2 + = u() =. (2.4) Da quanto precede, segue facilmente che il raggio di convergena è R =. Nota la trasformata Z di una sequena, sia essa X(), la sua rappresentaione nel dominio del tempo può essere ottenuta tramite la anti-trasformata Z, o trasformata inversa, definita dal seguente integrale di inversione: x(t) = Z [X()] = 2πj Γ t X()d, t Z +, (2.4) dove l integrale di linea è calcolato lungo una circonferena Γ interna alla regione di convergena e con centro nell origine del piano. L uso della trasformata Z, analogamente a quanto visto per la trasformata di Laplace, è reso particolarmente agevole da alcune proprietà fondamentali, che consentono di ricavare la trasformata della maggior parte dei segnali di interesse a partire da quella di pochi segnali notevoli (si veda le seguente tabella 2.3) Proprietà della trasformata Zeta Le seguenti proprietà della trasformata Zeta sono di fondamentale importana. Proprietà 2. (Proprietà di unicità) Data una funione olomorfa U(), definita nella regione di piano complesso esterna ad un cerchio di raggio ρ, esiste ed è unica una funione x(t), t Z +, che soddisfa la condiione: U() = Z[x(t)], (2.42) e che può essere calcolata per meo dell integrale (2.4), con Γ cerchio di raggio maggiore di ρ. Proprietà 2. (Linearità) Siano u(t) e y(t), t Z +, due sequene temporali, con trasformata Zeta U() ed Y (), rispettivamente. Allora, vale la seguente proprietà di linearità: Z[c u(t) + c 2 y(t)] = c U() + c 2 Y (), c, c 2 R. (2.43)

10 TdS [Draft; 2/3; n.o.; UniPG] Proprietà 2.2 (Ritardo (Scorrimento a destra)) Siano u(t) ed U() una sequena temporale e la sua trasformata. Allora, dato un intero h >, la funione traslata nel tempo u(t h) ha trasformata: Dimostraione. Z[u(t h)] = u(t h) t = t= k= h Z[u(t h)] = h U(). (2.44) u(k) (k+h) = h k= h u(k) k = h k= u(k) k = h U(). Proprietà 2.3 (Anticipo (Scorrimento a sinistra)) Siano u(t) ed U() una sequena temporale e la sua trasformata. Allora, dato un intero h >, la funione traslata nel tempo a sinistra (anticipata) u(t + h) ha trasformata: ] h Z[u(t + h)] = [U() h u(t) t. (2.45) Nel caso particolarmente importante in cui lo scorrimento è di un solo passo, si ha: Dimostraione. La trasformata di interesse è data da: Z [x(t + h)] = x(t + h) t = x(k) (k h) = h t= k=h h = h x(k) k ± h x(k) k = h k=h k= t= Z[x(t + )] = U() u(). (2.46) k=h k= x(k) k h h x(k) k h x(k) k = h X() h x(k) k Proprietà 2.4 (Traslaione nel dominio di (traslaione complessa)) Siano u(t), t Z +, ed U() un segnale del tempo e la sua trasformata. Allora, la funione a t u(t) ha trasformata pari a: k= k= Z[a t u(t)] = U( ). (2.47) a Proprietà 2.5 (Convoluione) Siano u(t) ed y(t) due sequene del tempo, t Z +, U() ed Y () le loro trasformate. Allora, la convoluione delle due sequene, definita da: u(t) y(t) := t u(t τ)y(τ) = τ= t u(τ)y(t τ) (2.48) τ= ha trasformata pari a: Z [u(t) y(t)] = U()Y (). (2.49) Proprietà 2.6 (Differeniaione rispetto a ) Siano u(t), t Z, ed U() un segnale del tempo e la sua trasformata. Allora, la funione tu(t) ha trasformata Zeta pari a: Z [tu(t)] = d U(). (2.5) d

11 TdS [Draft; 2/3; n.o.; UniPG] Trasformata Zeta di segnali notevoli Si danno ora le trasformate di alcuni segnali elementari, di interesse nello studio di sistemi dinamici. Gradino unitario. Sia δ (t), t Z la funione gradino unitario: { t Z, t < δ (t) = t Z, t, (2.5) la sua trasformata Zeta è data da: Z[δ (t)] = ( ). (2.52) Dimostraione. In questo caso la serie formale che definisce la trasformata Zeta diviene: e tale serie converge, per tutti i valori con >, ed ha come somma: u(t) t = t, (2.53) t= t= =. (2.54) Rampa unitaria. Sia δ 2 (t) una rampa con pendena unitaria: { t Z, t < δ 2 (t) = t t Z, t, (2.55) la sua trasformata Zeta è data da: Z [δ 2 (t)] = ( ) 2. (2.56) Dimostraione. Si ottiene facilmente a partire dalla trasformata di un gradino, applicando la proprietà (2.6) di differeniaione rispetto a. Segnale esponeniale. Sia u(t) un segnale esponeniale (a tempo discreto) con costante a: { t Z, t < u(t) = a t t Z, t, (2.57) la sua trasformata Zeta è data da: Z[a t δ (t)] = a. (2.58) Dimostraione. Il risultato si può dimostrare a partire dalla trasformata di un gradino, tenendo conto della proprietà 2.4 di traslaione nel dominio di. Segnale esponeniale-rampa. Sia u(t) il prodotto di un esponeniale per una rampa: { t Z, t < u(t) = ta t t Z, t, (2.59) la sua trasformata Zeta è data da: Z[ta t ] = a ( a) 2. (2.6) Dimostraione. Si ottiene facilmente a partire dalla trasformata di un gradino, applicando la proprietà (2.6) di differeniaione rispetto a. A scopo esemplificativo, la tabella 2.3 raccoglie le trasformate dirette ed inverse di alcune funioni di uso comune. Di norma, tali trasformate si ottengono facilmente a partire da quelle riportate sopra, tramite le proprietà descritte in precedena.

12 TdS [Draft; 2/3; n.o.; UniPG] Alcuni teoremi Nello studio dei sistemi dinamici sono utili alcuni teoremi sui legami tra i valori limite di un segnale del tempo e della corrispondente trasformata Zeta. Teorema 2.4 (Valore finale) Sia u(t), t Z +, una funione del tempo, con trasformata U(). Allora, il limite per t che tende ad infinito di tale funione, se esiste ed è finito, è dato da: lim u(t) = lim U(). (2.6) t + Si noti che il teorema è applicabile solo se il raggio di convergena è minore di uno, cioè solo se il cerchio unitario è tutto interno alla regione di convergena. Teorema 2.5 (Valore iniiale) Sia u(t), t Z +, una funione del tempo, con trasformata U(). Allora il valore iniiale della sequena, u(), è dato da: u() = lim U(). (2.62) (2.63) Sistemi a tempo discreto: calcolo dell esponeniale di matrice e della matrice di trasferimento Si consideri il sistema dinamico: x(t + ) = F x(t), x() = x, t Z + (2.64) È noto che la soluione di tale equaione omogenea alle differene finite, cioè la risposta nello stato del sistema alla data condiione iniiale, la risposta libera nello stato, è descritta dall esponeniale di matrice (a tempo discreto): x(t) = F t x, t Z +. (2.65) Per il calcolo di tale esponeniale di matrice si può far uso della trasformata Zeta. Infatti, per la proprietà della trasformata di una funione traslata nel tempo, il sistema precedente, nel dominio della variabile, può essere scritto come: X() x = F X(), (2.66) da cui segue facilmente: (I F )X() = x. (2.67) Nel campo raionale (e non, si badi bene, nel campo dei reali o dei complessi), la matrice (I F ) è non singolare, infatti il suo determinante è il polinomio caratteristico del sistema, per cui l equaione precedente può essere risolta rispetto alla trasformata dello stato, trovando: da cui, antitrasformando, segue: e quindi, dal confronto con (2.65), segue: X() = (I F ) x, (2.68) x(t) = Z [ (I F ) ] x, (2.69) F t = Z [ (I F ) ]. (2.7) Per quanto riguarda invece l analisi di un sistema lineare a tempo discreto, il metodo della trasformata Zeta consente di determinare in modo semplice il legame ingresso-uscita, e cioè la matrice di trasferimento, di tale sistema. Si consideri allora il sistema: x(t + ) = F x(t) + Gu(t), x R n, u R m, t Z + (2.7) Nel dominio della variabile il sistema è quindi descritto da: y(t) = Hx(t) + Du(t), y R p. (2.72) X() x = F X() + GU() (2.73) Y () = HX() + DU(), (2.74)

13 TdS [Draft; 2/3; n.o.; UniPG] e quindi, tenendo conto della non-singolarità della matrice (I F ) nel campo delle funioni raionali, si trova: X() = (I F ) GU() + (I F ) x, (2.75a) Y () = H(I F ) GU() + DU() + H(I F ) x. (2.75b) Le due equaioni (2.75) descrivono completamente il sistema. La (2.75a) descrive l effetto delle condiioni iniiali e dell ingresso sullo stato, mentre la seconda descrive il legame tra le stesse grandee e la funione di uscita. I termini delle (2.75) che descrivono l effetto delle condiioni iniiali sullo stato e sull uscita sono dette risposte libere, nello stato e nell uscita, rispettivamente: X l () = (I F ) x, (2.76) Y l () = H(I F ) x (2.77) mentre i termini che descrivono l effetto del segnale (vettoriale) di ingresso sullo stato e sull uscita sono dette risposte forate, nello stato e nell uscita, rispettivamente: Infine, la matrice di funioni raionali X f () = (I F ) GU(), (2.78) Y f () = H(I F ) GU() + DU(). (2.79) W () = H(I F ) G + D, (2.8) che descrive completamente il legame tra il segnale di ingresso e quello di uscita (nel caso di condiioni iniiali nulle), è detta matrice di trasferimento del sistema. Nel caso in cui sia il segnale di ingresso che quello di uscita siano scalari, e cioè nel caso m = e p =, si parla di funione di trasferimento Antitrasformata di funioni raionali proprie Il legame ingresso-uscita di un sistema lineare staionario a tempo discreto è rappresentabile con una matrice di funioni raionali proprie nella variabile. Tenendo conto della forma della trasformata di segnali esponeniali e polinomiali, anche l uscita di un sistema lineare, in risposta a segnali di questo tipo, è descritta, nel dominio di, da una funione raionale. È quindi di notevole importana vedere come calcolare la trasformata inversa di una data funione raionale Y (). Si procede esattamente come nel caso dei sistemi a tempo continuo, salvo l opportunità di lavorare con la funione Y () := Y (). Si noti che la funione Y () è propria, o strettamente propria, e quindi la funione Y () è sempre strettamente propria. Si consideri allora la seguente funione Y (), propria e con denominatore monico: Y () = β n n + β n n + + β + β n + α n n + + α + α, (2.8) e si assuma, per semplicità, che le radici del denominatore siano tutte distinte (e complesse coniugate a coppia, se non reali), e non sia presente un polo nell origine (perchè introdotto artificialmente nel seguito), cioè: n + α n n + + α + α = n ( p i ), p i p j, i j, p i. (2.82) i= Per ben noti risultati sulle funioni raionali, la funione Y () = Y (), che è sempre strettamente propria, può essere scomposta in fraioni pariali: Y () = A + A + A A n, (2.83) p p 2 p n ( p i ) con A = lim Y () = lim Y () ed inoltre A i = lim pi ( p i )Y () = A i = lim pi Y (). A partire dalla scomposiione in fraioni pariali (2.83), la funione originale Y () può essere riscritta come: Y () = A + A + A A n, (2.84) p p 2 p n

14 TdS [Draft; 2/3; n.o.; UniPG] e quindi, tenendo conto della proprietà 2. di linearità e delle trasformate di segnali notevoli, si vede immediatamente che il segnale y(t) è dato da: y(t) = A δ(t) + A p t + A 2 p t A n p t n. (2.85) Nel caso in cui alcuni poli del sistema abbiano molteplicità maggiore di uno, il procedimento è analogo, salvo la forma della espansione in fraioni pariali. In questo caso, possono essere presenti un numero qualsiasi di poli nell origine. Sia allora W () una generica funione raionale propria, W () = β n n + β n n + + β + β n + α n n + + α + α. (2.86) e si consideri la funione W () = W (), che è strettamente propria. fraioni pariali nella forma: W () = r q i i= j= Tale funione può essere espansa in A i,j ( p i ) j, (2.87) dove r indica il numero di poli distinti della W (), compreso il polo nell origine, sicuramente presente, q i indica la molteplicità del polo p i, ed il generico residuo A i,j è calcolato come: { A i,j = lim pi (q i j)! d qi j d q i j [ ( pi ) qi W () ]} { = lim pi (q i j)! d qi j d q i j [ ( pi ) qi ] } W (). (2.88) In tal caso, tenendo conto delle varie proprietà della trasformata Zeta, ed assumendo che p indica il polo nell origine (p = ), si ha: w(t) = Z [W ()] = q j= A,j δ(t j) + r q i ( t A i,j j i=2 j= ) p i t j. (2.89) Un modo alternativo per tenere conto di possibili poli nell origine nella funione raionale da trattare consiste nel notare che un fattore ν a denominatore corrisponde ad un ritardo di ν passi della corrispondente funione del tempo. Si possono quindi trascurare tali poli nulli, calcolare la trasformata inversa della funione Ŷ () = ν Y (), e poi traslare a destra (ritardare) di ν passi il segnale così ottenuto.

15 Tabella 2.3: trasformate Z notevoli Funione del tempo (k Z + ) Descriione Trasformata Z δ (k) impulso unitario δ (k) k gradino unitario rampa unitaria ( ) 2 δ (k h) gradino unitario con iniio in k = h h a k potena a k a k a ( a) 2 a k ( k h ) potena-polinomio a h ( a) h+ sin(kθ) cos(kθ) u(k h) sinusoide cosinusoide sin(θ) 2 2 cos(θ) + [ cos(θ)] 2 2 cos(θ) + h U() u(k + ) U() u() a k u(k) U( a ) k u(k h)y(h) h= U()Y () ku(k) d d U()

Cristian Secchi Pag. 1

Cristian Secchi Pag. 1 CONTROLLI DIGITALI Laurea Magistrale in Ingegneria Meccatronica SISTEMI A TEMPO DISCRETO Ing. Tel. 0522 522235 e-mail: cristian.secchi@unimore.it http://www.dismi.unimo.it/members/csecchi Richiami di Controlli

Dettagli

Numeri complessi. x 2 = 1.

Numeri complessi. x 2 = 1. 1 Numeri complessi Nel corso dello studio della matematica si assiste ad una progressiva estensione del concetto di numero. Dall insieme degli interi naturali N si passa a quello degli interi relativi

Dettagli

e l insieme delle soluzioni, dopo le analoghe riduzioni del caso n = 2, si scrive come

e l insieme delle soluzioni, dopo le analoghe riduzioni del caso n = 2, si scrive come Numeri complessi 9 Da questi esempi si può osservare che, facendo le successive potene di un numero complesso, i punti corrispondenti girano attorno all origine. Se inoltre > allora i punti si allontanano

Dettagli

La funzione di risposta armonica

La funzione di risposta armonica 0.0. 3.1 1 La funzione di risposta armonica Se ad un sistema lineare stazionario asintoticamente stabile si applica in ingresso un segnale sinusoidale x(t) = sen ωt di pulsazione ω: x(t) = sin ωt (s) =

Dettagli

Risposta temporale: esercizi

Risposta temporale: esercizi ...4 Risposta temporale: esercizi Esercizio. Calcolare la risposta al gradino del seguente sistema: G(s) X(s) = s (s+)(s+) Y(s) Per ottenere la risposta al gradino occorre antitrasformare la seguente funzione:

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Risposte canoniche e sistemi elementari Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 0532 974839 E-mail: marcello.bonfe@unife.it pag. 1

Dettagli

Laboratorio di Elettrotecnica

Laboratorio di Elettrotecnica 1 Laboratorio di Elettrotecnica Rappresentazione armonica dei Segnali Prof. Pietro Burrascano - Università degli Studi di Perugia Polo Scientifico Didattico di Terni 2 SEGNALI: ANDAMENTI ( NEL TEMPO, NELLO

Dettagli

Richiami: funzione di trasferimento e risposta al gradino

Richiami: funzione di trasferimento e risposta al gradino Richiami: funzione di trasferimento e risposta al gradino 1 Funzione di trasferimento La funzione di trasferimento di un sistema lineare è il rapporto di due polinomi della variabile complessa s. Essa

Dettagli

Compito di SISTEMI E MODELLI. 19 Febbraio 2015

Compito di SISTEMI E MODELLI. 19 Febbraio 2015 Compito di SISTEMI E MODELLI 9 Febbraio 5 Non é ammessa la consultazione di libri o quaderni. Le risposte vanno giustificate. Saranno rilevanti per la valutazione anche l ordine e la chiarezza di esposizione.

Dettagli

Consideriamo due polinomi

Consideriamo due polinomi Capitolo 3 Il luogo delle radici Consideriamo due polinomi N(z) = (z z 1 )(z z 2 )... (z z m ) D(z) = (z p 1 )(z p 2 )... (z p n ) della variabile complessa z con m < n. Nelle problematiche connesse al

Dettagli

Analisi dei sistemi nel dominio del tempo

Analisi dei sistemi nel dominio del tempo Appunti di Teoria dei Segnali a.a. 010/011 L.Verdoliva In questa sezione studieremo i sistemi tempo continuo e tempo discreto nel dominio del tempo. Li classificheremo in base alle loro proprietà e focalizzeremo

Dettagli

La Funzione Caratteristica di una Variabile Aleatoria

La Funzione Caratteristica di una Variabile Aleatoria La Funzione Caratteristica di una Variabile Aleatoria La funzione caratteristica Φ densità di probabilità è f + Φ ω = ω di una v.a., la cui x, è definita come: jωx f x e dx E e j ω Φ ω = 1 La Funzione

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

Corso di Matematica finanziaria

Corso di Matematica finanziaria Corso di Matematica finanziaria modulo "Fondamenti della valutazione finanziaria" Eserciziario di Matematica finanziaria Università degli studi Roma Tre 2 Esercizi dal corso di Matematica finanziaria,

Dettagli

1 Definizione: lunghezza di una curva.

1 Definizione: lunghezza di una curva. Abstract Qui viene affrontato lo studio delle curve nel piano e nello spazio, con particolare interesse verso due invarianti: la curvatura e la torsione Il primo ci dice quanto la curva si allontana dall

Dettagli

1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc.

1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc. Classi Numeriche 1 1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc. In questo breve capitolo richiamiamo le definizioni delle classi numeriche fondamentali, già note al lettore,

Dettagli

Sistemi e modelli matematici

Sistemi e modelli matematici 0.0.. Sistemi e modelli matematici L automazione è un complesso di tecniche volte a sostituire l intervento umano, o a migliorarne l efficienza, nell esercizio di dispositivi e impianti. Un importante

Dettagli

Per risolvere le equazioni alle differenze si può utilizzare il metodo della Z-trasformata.

Per risolvere le equazioni alle differenze si può utilizzare il metodo della Z-trasformata. 8.. STRUMENTI MATEMATICI 8. Equazini alle differenze. Sn legami statici che legan i valri attuali (all istante k) e passati (negli istanti k, k, ecc.) dell ingress e k e dell uscita u k : u k = f(e 0,

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

Dipendenza dai dati iniziali

Dipendenza dai dati iniziali Dipendenza dai dati iniziali Dopo aver studiato il problema dell esistenza e unicità delle soluzioni dei problemi di Cauchy, il passo successivo è vedere come le traiettorie di queste ultime dipendono

Dettagli

Equazioni differenziali ordinarie

Equazioni differenziali ordinarie Capitolo 2 Equazioni differenziali ordinarie 2.1 Formulazione del problema In questa sezione formuleremo matematicamente il problema delle equazioni differenziali ordinarie e faremo alcune osservazioni

Dettagli

Gli orbitali: modello atomico probabilistico

Gli orbitali: modello atomico probabilistico 1 Approfondimento 2.1 Gli orbitali: modello atomico probabilistico Modello atomico planetario (o a gusci): gli elettroni ruotano intorno al nucleo percorrendo orbite prefissate. Il modello atomico planetario

Dettagli

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata libera e vincolata Generalità. Limiti e continuità per funzioni di 2 o Piano tangente. Derivate successive Formula di Taylor libera vincolata Lo ordinario è in corrispondenza biunivoca con i vettori di

Dettagli

ED. Equazioni cardinali della dinamica

ED. Equazioni cardinali della dinamica ED. Equazioni cardinali della dinamica Dinamica dei sistemi La dinamica dei sistemi di punti materiali si può trattare, rispetto ad un osservatore inerziale, scrivendo l equazione fondamentale della dinamica

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

CAPITOLO 3 PRINCIPIO DELLE TENSIONI EFFICACI

CAPITOLO 3 PRINCIPIO DELLE TENSIONI EFFICACI CAPITOLO 3 Essendo il terreno un materiale multifase, il suo comportamento meccanico (compressibilità, resistena), in seguito all applicaione di un sistema di sollecitaioni esterne o, più in generale,

Dettagli

bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo

bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo Momento di una forza Nella figura 1 è illustrato come forze uguali e contrarie possono non produrre equilibrio, bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo esteso.

Dettagli

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Archimede ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. Sia ABCD un quadrato di

Dettagli

Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08. Alberto Perotti, Roberto Garello

Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08. Alberto Perotti, Roberto Garello Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08 Alberto Perotti, Roberto Garello DELEN-DAUIN Processi casuali Sono modelli probabilistici

Dettagli

Geometria nel piano complesso

Geometria nel piano complesso Geometria nel piano complesso Giorgio Ottaviani Contents Un introduzione formale del piano complesso 2 Il teorema di Napoleone 5 L inversione circolare 6 4 Le trasformazioni di Möbius 7 5 Il birapporto

Dettagli

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI LUCIA GASTALDI 1. Metodi iterativi classici Sia A R n n una matrice non singolare e sia b R n. Consideriamo il sistema (1) Ax = b. Un metodo iterativo per la soluzione

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1.

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1. Capitolo 6 Integrali curvilinei In questo capitolo definiamo i concetti di integrali di campi scalari o vettoriali lungo curve. Abbiamo bisogno di precisare le curve e gli insiemi che verranno presi in

Dettagli

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte)

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte) Corso di Geometria I (seconda parte) anno acc. 2009/2010 Cambiamento del sistema di riferimento in E 3 Consideriamo in E 3 due sistemi di riferimento ortonormali R e R, ed un punto P (x, y, z) in R. Lo

Dettagli

CALCOLO FRAZIONARIO & VISCOELASTICITÀ

CALCOLO FRAZIONARIO & VISCOELASTICITÀ CALCOLO FRAZIONARIO & VISCOELASTICITÀ Mario Di Paola, Francesco Paolo Pinnola Dipartimento di Ingegneria Civile Ambientale e Aerospaziale Università degli Studi di Palermo Viale delle Scienze - 90128 Palermo

Dettagli

Analisi Mat. 1 - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 23-3-06

Analisi Mat. 1 - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 23-3-06 Analisi Mat. - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 3-3-6 Sia p il polinomio di quarto grado definito da pz = z 4. Sia S il settore circolare formato dai numeri complessi che hanno modulo minore o

Dettagli

Introduzione. Classificazione delle non linearità

Introduzione. Classificazione delle non linearità Introduzione Accade spesso di dover studiare un sistema di controllo in cui sono presenti sottosistemi non lineari. Alcuni di tali sottosistemi sono descritti da equazioni differenziali non lineari, ad

Dettagli

IV-1 Funzioni reali di più variabili

IV-1 Funzioni reali di più variabili IV- FUNZIONI REALI DI PIÙ VARIABILI INSIEMI IN R N IV- Funzioni reali di più variabili Indice Insiemi in R n. Simmetrie degli insiemi............................................ 4 2 Funzioni da R n a R

Dettagli

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito.

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito. INTEGRALI DEFINITI Sia nel campo scientifico che in quello tecnico si presentano spesso situazioni per affrontare le quali è necessario ricorrere al calcolo dell integrale definito. Vi sono infatti svariati

Dettagli

Analisi Matematica di circuiti elettrici

Analisi Matematica di circuiti elettrici Analisi Matematica di circuiti elettrici Eserciziario A cura del Prof. Marco Chirizzi 2011/2012 Cap.5 Numeri complessi 5.1 Definizione di numero complesso Si definisce numero complesso un numero scritto

Dettagli

Esercizi svolti sui numeri complessi

Esercizi svolti sui numeri complessi Francesco Daddi - ottobre 009 Esercizio 1 Risolvere l equazione z 1 + i = 1. Soluzione. Moltiplichiamo entrambi i membri per 1 + i in definitiva la soluzione è z 1 + i 1 + i = 1 1 + i z = 1 1 i. : z =

Dettagli

CS. Cinematica dei sistemi

CS. Cinematica dei sistemi CS. Cinematica dei sistemi Dopo aver esaminato la cinematica del punto e del corpo rigido, che sono gli schemi più semplificati con cui si possa rappresentare un corpo, ci occupiamo ora dei sistemi vincolati.

Dettagli

6. Calcolare le derivate parziali prime e seconde, verificando la validità del teorema di Schwarz:

6. Calcolare le derivate parziali prime e seconde, verificando la validità del teorema di Schwarz: FUNZIONI DI PIU VARIABILI Esercizi svolti. Determinare il dominio delle seguenti funzioni e rappresentarlo graficamente : (a) f log( x y ) (b) f log(x + y ) (c) f y x 4 (d) f sin(x + y ) (e) f log(xy +

Dettagli

2/4 OPERATORI NEGLI SPAZI DI HILBERT INFINITODIMENSIONALI 08/09 1 INTRODUZIONE

2/4 OPERATORI NEGLI SPAZI DI HILBERT INFINITODIMENSIONALI 08/09 1 INTRODUZIONE 2/4 OPERATORI NEGLI SPAZI DI HILBERT INFINITODIMENSIONALI 08/09 INTRODUZIONE Il problema agli autovalori di un operatore La trattazione del problema agli autovalori di un operatore fatta negli spazi finitodimensionali

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti Y T T I Numeri Complessi Operazioni di somma e prodotto su Consideriamo, insieme delle coppie ordinate di numeri reali, per cui si ha!"# $&% '( e )("+* Introduciamo in tale insieme una operazione di somma,/0"#123045"#

Dettagli

Problema n. 1: CURVA NORD

Problema n. 1: CURVA NORD Problema n. 1: CURVA NORD Sei il responsabile della gestione del settore Curva Nord dell impianto sportivo della tua città e devi organizzare tutti i servizi relativi all ingresso e all uscita degli spettatori,

Dettagli

Dinamica e Misura delle Vibrazioni

Dinamica e Misura delle Vibrazioni Dinamica e Misura delle Vibrazioni Prof. Giovanni Moschioni Politecnico di Milano, Dipartimento di Meccanica Sezione di Misure e Tecniche Sperimentali giovanni.moschioni@polimi.it VibrazionI 2 Il termine

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

Forma d onda rettangolare non alternativa.

Forma d onda rettangolare non alternativa. Forma d onda rettangolare non alternativa. Lo studio della forma d onda rettangolare è utile, perché consente di conoscere il contenuto armonico di un segnale digitale. FIGURA 33 Forma d onda rettangolare.

Dettagli

Numeri Complessi R 2. P = (x P,y P ) x P. z = (x,y) y P (0,0)

Numeri Complessi R 2. P = (x P,y P ) x P. z = (x,y) y P (0,0) Numeri Complessi Un numero complesso z può essere definito come una coppia ordinata (x,y) di numeri reali x e y. L insieme dei numeri complessi è denotato con C e può essere identificato con il piano cartesiano

Dettagli

Numeri reali. Funzioni e loro grafici

Numeri reali. Funzioni e loro grafici Argomento Numeri reali. Funzioni e loro grafici Parte B - Funzioni e loro grafici Funzioni reali di variabile reale Definizioni. Supponiamo che A sia un sottoinsieme di R e che esista una legge che ad

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

GRANDEZZE SINUSOIDALI

GRANDEZZE SINUSOIDALI GRANDEE SINUSOIDALI INDICE -Grandezze variabili. -Grandezze periodiche. 3-Parametri delle grandezze periodiche. 4-Grandezze alternate. 5-Grandezze sinusoidali. 6-Parametri delle grandezze sinusoidali.

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO Una trasformazione geometrica è una funzione che fa corrispondere a ogni punto del piano un altro punto del piano stesso Si può pensare come MOVIMENTO di punti e

Dettagli

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2 Indice generale Modulo 1 Algebra 2 Capitolo 1 Scomposizione in fattori. Equazioni di grado superiore al primo 1.1 La scomposizione in fattori 2 1.2 Raccoglimento a fattor comune 3 1.3 Raccoglimenti successivi

Dettagli

Esercizi di Algebra Lineare. Claretta Carrara

Esercizi di Algebra Lineare. Claretta Carrara Esercizi di Algebra Lineare Claretta Carrara Indice Capitolo 1. Operazioni tra matrici e n-uple 1 1. Soluzioni 3 Capitolo. Rette e piani 15 1. Suggerimenti 19. Soluzioni 1 Capitolo 3. Gruppi, spazi e

Dettagli

1) IL MOMENTO DI UNA FORZA

1) IL MOMENTO DI UNA FORZA 1) IL MOMENTO DI UNA FORZA Nell ambito dello studio dei sistemi di forze, diamo una definizione di momento: il momento è un ente statico che provoca la rotazione dei corpi. Le forze producono momenti se

Dettagli

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER Cenni Storici (Wikipedia) Jean Baptiste Joseph Fourier ( nato a Auxerre il 21 marzo 1768 e morto a Parigi il 16 maggio 1830 ) è stato un matematico e fisico, ma è conosciuto

Dettagli

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente 1.1 Il motore a corrente continua Il motore a corrente continua, chiamato così perché per funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente costante, è costituito, come gli altri motori da due

Dettagli

Analisi e controllo di uno scambiatore di calore

Analisi e controllo di uno scambiatore di calore Università degli Studi di Roma Tor Vergata FACOLTÀ DI INGNEGNERIA Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria dell automazione Progetto per il corso di controllo dei processi Analisi e controllo di uno scambiatore

Dettagli

Le trasformazioni geometriche

Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni affini del piano o affinità Le similitudini Le isometrie Le traslazioni Le rotazioni Le simmetrie assiale e centrale Le omotetie

Dettagli

GRANDEZZE ALTERNATE SINUSOIDALI

GRANDEZZE ALTERNATE SINUSOIDALI GRANDEZZE ALTERNATE SINUSOIDALI 1 Nel campo elettrotecnico-elettronico, per indicare una qualsiasi grandezza elettrica si usa molto spesso il termine di segnale. L insieme dei valori istantanei assunti

Dettagli

Dimensione di uno Spazio vettoriale

Dimensione di uno Spazio vettoriale Capitolo 4 Dimensione di uno Spazio vettoriale 4.1 Introduzione Dedichiamo questo capitolo ad un concetto fondamentale in algebra lineare: la dimensione di uno spazio vettoriale. Daremo una definizione

Dettagli

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO SIMULAZINE DI PRVA D ESAME CRS DI RDINAMENT Risolvi uno dei due problemi e 5 dei quesiti del questionario. PRBLEMA Considera la famiglia di funzioni k ln f k () se k se e la funzione g() ln se. se. Determina

Dettagli

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys.

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys. METODO DEI MINIMI QUADRATI GIUSEPPE GIUDICE Sommario Il metodo dei minimi quadrati è trattato in tutti i testi di statistica e di elaborazione dei dati sperimentali, ma non sempre col rigore necessario

Dettagli

LA FUNZIONE INTEGRALE

LA FUNZIONE INTEGRALE LA FUNZIONE INTEGRALE MAGLIOCURIOSO & CAMILLO magliocurioso@hotmail.it Sommario. In questa breve dispensa ho semplicementrascritto in L A TEX il contenuto di questa discussione: http://www.matematicamente.it/forum/

Dettagli

MATRICI E DETERMINANTI

MATRICI E DETERMINANTI MATRICI E DETERMINANTI 1. MATRICI Si ha la seguente Definizione 1: Un insieme di numeri, reali o complessi, ordinati secondo righe e colonne è detto matrice di ordine m x n, ove m è il numero delle righe

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

LEZIONE 14. a 1,1 v 1 + a 1,2 v 2 + a 1,3 v 3 + + a 1,n 1 v n 1 + a 1,n v n = w 1

LEZIONE 14. a 1,1 v 1 + a 1,2 v 2 + a 1,3 v 3 + + a 1,n 1 v n 1 + a 1,n v n = w 1 LEZIONE 14 141 Dimensione di uno spazio vettoriale Abbiamo visto come l esistenza di una base in uno spazio vettoriale V su k = R, C, permetta di sostituire a V, che può essere complicato da trattare,

Dettagli

SPECIFICHE DI UN SISTEMA IN ANELLO CHIUSO

SPECIFICHE DI UN SISTEMA IN ANELLO CHIUSO SPECIFICHE DI UN SISTEMA IN ANELLO CHIUSO Consideriamo il classico esempio di compensazione in cascata riportato in figura, comprendente il plant o sistema controllato con funzione di trasferimento G P

Dettagli

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO Capitolo 14 EORIA PERURBAIVA DIPENDENE DAL EMPO Nel Cap.11 abbiamo trattato metodi di risoluzione dell equazione di Schrödinger in presenza di perturbazioni indipendenti dal tempo; in questo capitolo trattiamo

Dettagli

Corso di Analisi Matematica. Polinomi e serie di Taylor

Corso di Analisi Matematica. Polinomi e serie di Taylor a.a. 2013/14 Laurea triennale in Informatica Corso di Analisi Matematica Polinomi e serie di Taylor Avvertenza Questi sono appunti informali delle lezioni, che vengono resi disponibili per comodità degli

Dettagli

Note integrative ed Esercizi consigliati

Note integrative ed Esercizi consigliati - a.a. 2006-07 Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Civile (CIS) Note integrative ed consigliati Laura Poggiolini e Gianna Stefani Indice 0 1 Convergenza uniforme 1 2 Convergenza totale 5 1 Numeri

Dettagli

Analisi Matematica I

Analisi Matematica I Analisi Matematica I Fabio Fagnani, Gabriele Grillo Dipartimento di Matematica Politecnico di Torino Queste dispense contengono il materiale delle lezioni del corso di Analisi Matematica I rivolto agli

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLA SOLLECITAZIONE

CARATTERISTICHE DELLA SOLLECITAZIONE RRISIH D SOIZIO bbiamo visto che la trave uò essere definita come un solido generato da una figura iana S (detta seione retta o seione ortogonale) che si muove nello saio mantenendosi semre ortogonale

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

STUDIO DEL SEGNO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DEL SEGNO DI UNA FUNZIONE STUDIO DEL SEGNO DI UNA FUNZIONE Quando si studia una funzione! " #$%&' (funzione reale di variabile reale) è fondamentale conoscere il segno, in altre parole sapere per quali valori di &( #$%&'$è positiva,

Dettagli

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE 1 DIPENDENZA E INDIPENDENZA LINEARE Se ho alcuni vettori v 1, v 2,, v n in uno spazio vettoriale V, il sottospazio 1 W = v 1,, v n di V da loro generato è

Dettagli

Sistemi materiali e quantità di moto

Sistemi materiali e quantità di moto Capitolo 4 Sistemi materiali e quantità di moto 4.1 Impulso e quantità di moto 4.1.1 Forze impulsive Data la forza costante F agente su un punto materiale per un intervallo di tempo t, si dice impulso

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

Lezione 4: Principi di Conservazione Conservazione della quantità di moto e del momento della quantità di moto

Lezione 4: Principi di Conservazione Conservazione della quantità di moto e del momento della quantità di moto Lezione 4: Principi di Conservazione Conservazione della quantità di moto e del momento della quantità di moto Claudio Tamagnini Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale Università degli Studi di

Dettagli

APPLICAZIONI LINEARI

APPLICAZIONI LINEARI APPLICAZIONI LINEARI 1. Esercizi Esercizio 1. Date le seguenti applicazioni lineari (1) f : R 2 R 3 definita da f(x, y) = (x 2y, x + y, x + y); (2) g : R 3 R 2 definita da g(x, y, z) = (x + y, x y); (3)

Dettagli

Numeri complessi e polinomi

Numeri complessi e polinomi Numeri complessi e polinomi 1 Numeri complessi L insieme dei numeri reali si identifica con la retta della geometria: in altri termini la retta si può dotare delle operazioni + e e divenire un insieme

Dettagli

CORPO GIREVOLE ATTORNO AD UN ASSE E MOMENTI. TORNA ALL'INDICE

CORPO GIREVOLE ATTORNO AD UN ASSE E MOMENTI. TORNA ALL'INDICE CORPO GIREVOLE ATTORNO AD UN ASSE E MOMENTI. TORNA ALL'INDICE Consideriamo adesso un corpo esteso, formato da più punti, e che abbia un asse fisso, attorno a cui il corpo può ruotare. In questo caso l

Dettagli

Deviazione standard delle misure : dove è la varianza e sono gli scarti quadratici

Deviazione standard delle misure : dove è la varianza e sono gli scarti quadratici ELEMENTI DI PROBABILITA Media : migliore stima del valore vero in assenza di altre info. Aumentare il numero di misure permette di approssimare meglio il valor medio e quindi ridurre l influenza degli

Dettagli

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011 1 Trasformazioni Geometriche 1 Roberto etroni, 2011 Trasformazioni Geometriche sul piano euclideo 1) Introduzione Def: si dice trasformazione geometrica una corrispondenza biunivoca che associa ad ogni

Dettagli

0.1 Moto circolare uniforme Un punto materiale si muove su una traiettoria circolare di raggio R=50 cmconaccelerazionenormale a N =1.

0.1 Moto circolare uniforme Un punto materiale si muove su una traiettoria circolare di raggio R=50 cmconaccelerazionenormale a N =1. 0.1 Moto circolare uniforme Un punto materiale si muove su una traiettoria circolare di raggio R=50 cmconaccelerazionenormale a N =1.5 metri sec costanteinmodulo. Sichiedeilperiododelmotoelaleggeorariadellaproiezione

Dettagli

Limiti e forme indeterminate

Limiti e forme indeterminate Limiti e forme indeterminate Edizioni H ALPHA LORENZO ROI c Edizioni H ALPHA. Ottobre 04. H L immagine frattale di copertina rappresenta un particolare dell insieme di Mandelbrot centrato nel punto.5378303507,

Dettagli

Approssimazione polinomiale di funzioni e dati

Approssimazione polinomiale di funzioni e dati Approssimazione polinomiale di funzioni e dati Approssimare una funzione f significa trovare una funzione f di forma più semplice che possa essere usata al posto di f. Questa strategia è utilizzata nell

Dettagli

Le misure di energia elettrica

Le misure di energia elettrica Le misure di energia elettrica Ing. Marco Laracca Dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell Informazione Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale Misure di energia elettrica La misura

Dettagli

Fondamenti di FISICA MATEMATICA II: Introduzione alla Teoria delle Equazioni alle Derivate Parziali del Secondo Ordine

Fondamenti di FISICA MATEMATICA II: Introduzione alla Teoria delle Equazioni alle Derivate Parziali del Secondo Ordine Valter Moretti Dipartimento di Matematica Università di Trento Fondamenti di FISICA MATEMATICA II: Introduzione alla Teoria delle Equazioni alle Derivate Parziali del Secondo Ordine Corso di Fondamenti

Dettagli

Travature reticolari piane : esercizi svolti De Domenico D., Fuschi P., Pisano A., Sofi A.

Travature reticolari piane : esercizi svolti De Domenico D., Fuschi P., Pisano A., Sofi A. Travature reticolari piane : esercizi svolti e omenico., Fuschi., isano., Sofi. SRZO n. ata la travatura reticolare piana triangolata semplice illustrata in Figura, determinare gli sforzi normali nelle

Dettagli

Se x* e punto di minimo (locale) per la funzione nell insieme Ω, Ω = { x / g i (x) 0 i I, h j (x)= 0 j J } lo e anche per F(x) = f o (x) + c x x 2

Se x* e punto di minimo (locale) per la funzione nell insieme Ω, Ω = { x / g i (x) 0 i I, h j (x)= 0 j J } lo e anche per F(x) = f o (x) + c x x 2 NLP -OPT 1 CONDIZION DI OTTIMO [ Come ricavare le condizioni di ottimo. ] Si suppone x* sia punto di ottimo (minimo) per il problema min f o (x) con vincoli g i (x) 0 i I h j (x) = 0 j J la condizione

Dettagli

PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA

PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA Prerequisiti - Impiego di Multipli e Sottomultipli nelle equazioni - Equazioni lineari di primo grado e capacità di ricavare le formule inverse - nozioni base di fisica

Dettagli

(V) (FX) Z 6 è un campo rispetto alle usuali operazioni di somma e prodotto.

(V) (FX) Z 6 è un campo rispetto alle usuali operazioni di somma e prodotto. 29 giugno 2009 - PROVA D ESAME - Geometria e Algebra T NOME: MATRICOLA: a=, b=, c= Sostituire ai parametri a, b, c rispettivamente la terzultima, penultima e ultima cifra del proprio numero di matricola

Dettagli

Progetto di un sistema di controllo di sospensioni attive in ambiente Matlab

Progetto di un sistema di controllo di sospensioni attive in ambiente Matlab Università di Padova FACOLTÀ DI INGEGNERIA Corso di Laurea in Ing. dell' Informazione Progetto di un sistema di controllo di sospensioni attive in ambiente Matlab Relatore: Prof. Alessandro Beghi Presentata

Dettagli

Materiale originale prodotto dal Centro Didattico della Matematica - www.cedima.it - Tel. 0229408552

Materiale originale prodotto dal Centro Didattico della Matematica - www.cedima.it - Tel. 0229408552 Materiale originale prodotto dal Centro Didattico della Matematica - www.cedima.it - Tel. 0940855 La funzione: y = cos x DEFINIZIONE Si dice funzione coseno di un angolo nel cerchio trigonometrico, la

Dettagli

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014 Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 14 Problema 1 Punto a) Osserviamo che g (x) = f(x) e pertanto g () = f() = in quanto Γ è tangente all asse delle ascisse,

Dettagli