Triangoli rettangoli

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Triangoli rettangoli"

Transcript

1 Tringoli rettngoli Teori in sintesi Teoremi sui tringoli rettngoli Teorem In un tringolo rettngolo l misur di un cteto è ugule quell dellipotenus moltiplict per il coseno dellngolo cuto esso dicente o per il seno dellngolo opposto P γ sen β cos γ c cos β sen γ β c H c tg β c ctg γ c tg γ ctg β Teorem In un tringolo rettngolo l misur di un cteto è ugule quell dellltro cteto moltiplict per l tngente dellngolo opposto o per l cotngente dellngolo cuto esso dicente Teorem dellre Lre di un tringolo è ugule l semiprodotto delle misure di due lti per il seno dellngolo tr essi compreso sen γ β c H 0 < γ < γ β < γ < c γ γ H Teorem dell cord L lunghezz di un cord di un circonferenz è ugule l prodotto del dimetro per il seno di uno qulunque degli ngoli ll circonferenz che insistono su uno dei due rchi determinti dll cord stess r sen 65

2 Tringoli rettngoli iettivo Risoluzione dei tringoli rettngoli sercizio risolto Indicndo con l misur dellipotenus, con e c le misure dei cteti, con β e γ le mpiezze degli ngoli opposti e c, risolvere i tringoli di cui sono dti i seguenti elementi: 5 β Utilizzndo l relzione sen β 5 sen si h:, 5 Utilizzndo l relzione c cosβ 5 cos, si h: c 5 Poiché β + γ, si h: γ 6 sercizi guidti Indicndo con l misur dellipotenus, con e c le misure dei cteti, con β e γ le mpiezze degli ngoli opposti e c, risolvere i tringoli di cui sono dti gli elementi indicti 6 Utilizzndo l relzione si h: senβ sen β, d cui: β e cos β Utilizzndo l relzione c cosβ, si h: c Poiché β + γ, si h: γ c 5 Utilizzndo l relzione c tg β, si h: tg β D cos β + sen β si ricv: cos β, sen β, d cui: cos γ, sen γ Utilizzndo il teorem di Pitgor o l relzione sen β, si h: Indicndo con l misur dellipotenus, con e c le misure dei cteti, con β e γ le mpiezze degli ngoli opposti e c, risolvere i tringoli di cui sono dti i seguenti elementi 7 6 γ β c 5 c c tg γ c 5 sen γ 5 66

3 Tringoli rettngoli iettivo Risoluzione di semplici prolemi sui tringoli rettngoli sercizio risolto Determinre lre e il perimetro di un tringolo rettngolo, spendo che lipotenus è lung 0 cm e che senβ, essendo β uno degli ngoli cuti del tringolo Utilizzndo l relzione senβ, si h: 0 0 cm Utilizzndo il teorem di Pitgor o l relzione c cos β 0 5, si h: c 0 5 cm Il perimetro è quindi Lre è cm p cm sercizi guidti Determinre lre di un romo di lto cm, spendo che un ngolo misur Il romo è costituito d tringoli rettngoli uguli di ipotenus lung e con un ngolo cuto β Utilizzndo l relzione sen β, si h: cm Utilizzndo l relzione c cos β, si h: c cm Lre del romo è dt d: c cm In un circonferenz di dimetro 8 cm, trccire l cord D perpendicolre l dimetro e tle che lngolo Determinre l lunghezz dell cord D e il lto del qudrto equivlente l qudriltero D Fcendo riferimento ll figur lto, si h che il tringolo è in Quindi: cos Il tringolo H è in H Quindi: H sen e D Il qudriltero D h re D cm Il lto del qudrto è dto d: l 8 cm D H 67 RS Liri Sp - Divisione Eduction, Milno

4 Tringoli rettngoli 5 Determinre lre e il perimetro di un tringolo rettngolo, spendo che lipotenus è lung 60 cm e che senβ essendo β uno degli ngoli cuti del tringolo 5, 6 Determinre lre e il perimetro di un tringolo rettngolo, spendo che lltezz reltiv l lipotenus è lung cm e che form con uno dei cteti un ngolo di coseno pri 5 7 In un tringolo isoscele lngolo l vertice è e il lto oliquo misur 6 cm Determinre lre e il perimetro del tringolo 8 L proiezione domr di un plo pintto verticlmente sul terreno è cm lcolre lltezz del plo spendo che i rggi cdono 56 con il terreno (utilizzre l clcoltrice) 9 Determinre i cteti di un tringolo rettngolo, spendo che lre vle 5 cm e che l tngente di uno dei suoi ngoli cuti è 0 In un tringolo isoscele, il coseno degli ngoli ll se vle e l se misur 6 cm 5 Determinre le misure delle tre ltezze del tringolo e l su re Determinre l misur delle digonli e il perimetro di un romo D, spendo che lngolo e che il punto di incontro delle digonli dist dl lto 0 cm 6 In un semicirconferenz di dimetro 0 cm e centro, è dt un cord D tle che sen D Trccit l tngente in D ll semicirconferenz, si il punto di incontro tr 5 l tngente e il prolungmento di lcolre il perimetro del tringolo D D In un circonferenz di dimetro cm è inscritto il qudriltero D Lngolo γ è tle che sen γ e il lto D cm Determinre il perimetro e lre del 5 qudriltero un punto mterile sono pplicte le forze di intensità F N e F 8 6 N tr loro perpendicolri Determinre l risultnte in modulo, direzione e verso 68

5 Tringoli rettngoli iettivo lcolre l re di un tringolo sercizio risolto Determinre lre di un prllelogrmm, spendo che le misure di due suoi lti consecutivi sono 5 e cm e che lngolo cuto tr essi compreso h l tngente ugule Per clcolre lre si utilizz l relzione sen γ, poi si moltiplic il vlore ottenuto per Spendo che tg γ 5 e che cos γ + sen γ, si ottiene cos γ e sen γ 5 Quindi lre del prllelogrmm è sen γ 5 0 cm sercizio guidto 5 Determinre lre del dodecgono regolre in funzione del rggio dell circonferenz circoscritt Si consider il dodecgono costituito d tringoli isosceli uguli, di lto r e ngolo l vertice Lre del dodecgono è pri volte lre di ogni tringolo, quindi si h: cm r 6 Determinre lre di un tringolo, spendo che le misure di due suoi lti consecutivi sono 9 e 0 cm e che lngolo cuto tr essi compreso h il coseno ugule 5 7 Determinre lre di un prllelogrmm, spendo che le misure di due suoi lti consecutivi sono e 8 cm e che lngolo tr essi compreso h il coseno ugule 7 8 Determinre in funzione del rggio dell circonferenz circoscritt, lre dellottgono regolre 9 Determinre lre del tringolo, spendo che 5 cm, 8 cm, cos, tg 0 L digonle cm del qudriltero D lo divide nel tringolo, rettngolo in e nel tringolo isoscele D, di se Spendo che D, clcolre lre e il perimetro del qudriltero 6 69

6 Tringoli rettngoli iettivo pplicre il teorem dell cord sercizio risolto In un circonferenz di centro e rggio r sono dte due corde consecutive lcolre lre del tringolo r e 6 r 5 Per clcolre lre, si utilizz l relzione sen γ Si h: sen γ sen ( + ), dove e sono gli ngoli cuti ll circonferenz che insistono sulle due corde ssegnte Utilizzndo l formul invers del teorem dell cord, si h: sen cos r r sen r 5 cos 5 ( ) sen γ sen ( ) ( ) + ( ) Lre è quindi: + 6 r r r Determinre l lunghezz di un cord di un circonferenz di rggio r 5 cm, spendo che sen 7, essendo un punto dell circonferenz 5 In un circonferenz di centro e rggio r è dt l cord 6 r Determinre lngolo ll circonferenz che insiste sull cord 5 In un circonferenz di centro e rggio r è dt l cord 5 r Determinre le funzioni goniometriche dellngolo convesso Determinre il lto del dodecgono regolre inscritto in un circonferenz di rggio 6 cm 5 In un circonferenz di centro e rggio r è dt l cord, sull qule si costruisce un tringolo equiltero, non contenente il centro dell circonferenz, l cui re vle r Determinre lngolo ll circonferenz che insiste sull cord 6 Determinre il perimetro dellottgono regolre in funzione del rggio dell circonferenz circoscritt 7 In un circonferenz di centro e rggio r sono dte due corde consecutive 5 r e r lcolre lre del tringolo 70

7 Tringoli rettngoli iettivo 5 pplicre i teoremi studiti prolemi di geometri pin PRLEMI SVLTI PER PUNTI (D MPLETRE LGERIMENTE) 8 In un semicirconferenz di centro e dimetro r, trccire l tngente condott d e considerre su ess un segmento D r ongiunto D con, si M lintersezione tr il segmento D e l semicirconferenz lcolre il perimetro e lre del tringolo M pplicre il teorem dei tringoli rettngoli per determinre lngolo D sservre che il tringolo M è rettngolo pplicre il teorem dell cord o dei tringoli rettngoli e clcolre M e M lcolre lre e il perimetro D M 9 In un trpezio D si h: D D, cos D 7 e cos D Determinre lre e il perimetro del trpezio 5 5 Ricordre che in un trpezio gli ngoli dicenti i lti oliqui sono due due supplementri Indicre con H e DK le ltezze del trpezio; pplicre il teorem dei tringoli rettngoli d DK e clcolre H DK e K pplicre il teorem dei tringoli rettngoli H e clcolre e H Determinre K + D + H lcolre re e perimetro 0 In un semicirconferenz di centro e dimetro r è inscritto un trpezio isoscele D I lti oliqui sono tli che D r Determinre lre e il perimetro del tringolo D pplicre il teorem dell cord per determinre le funzioni goniometriche di D sservre che il tringolo D è rettngolo e dedurre le funzioni goniometriche di D lcolre l lunghezz dell cord D Indicre con H e DK le ltezze del trpezio; clcolre D r K dopo ver risolto il tringolo rettngolo DK Determinre il perimetro del tringolo D Determinre lre: oppure D D sen D, essendo D D H D In un circonferenz di centro e rggio r sono dte tre corde consecutive r, r, D r Dimostrre che i punti e sono dimetrlmente opposti, clcolre lre del qudriltero D e determinre l lunghezz dell cord 5 D 7

8 Tringoli rettngoli pplicre il teorem dell cord per determinre le funzioni goniometriche degli ngoli in figur indicti con β, β, γ sservre che β è complementre di β e quindi è un dimetro Di conseguenz, γ D è complementre di γ lcolre lre del tringolo, rettngolo in sservre che γ D D perché ngoli ll circonferenz che insistono sull stess cord D lcolre lre del tringolo D con il teorem dellre Determinre D con il teorem dell cord γ γ β β γ D Teori in sintesi Geometri nello spzio Teorem delle tre perpendicolri Si r un rett perpendicolre l pino e si P il suo piede; se d P si conduce l perpendicolre n un qulunque rett s del pino, questultim risult perpendicolre l pino individuto d r e d n s U n Q r R P V Posizione reltiv tr due rette nello spzio incidenti omplnri prllele Non complnri o sgheme Posizione reltiv tr rett e pino Secnti un punto in comune nessun punto in comune Prlleli l rett gice sul pino Posizione reltiv tr due pini Secnti un rett in comune coincidenti Prlleli nessun punto in comune I solidi Principio di vlieri Due solidi sono equivlenti se: ppoggiti llo stesso pino hnno l stess ltezz; le loro sezioni ottenute con pini prlleli quello di ppoggio sono equivlenti 7

9 Tringoli rettngoli Prism Figur solid Prllelepipedo uo Pirmide D E E c v E c E H D H D h V d d D D F G p F r r K H ltezz G Definizione Si chim prism l regione di spzio delimitt di due poligoni D e D, detti si, e di prllelogrmmi,, detti fcce lterli Un prism si dice retto se il vettore v è perpendicolre l pino, regolre se le si sono poligoni regolri Si chim prllelepipedo un prism vente per si due prllelogrmmi Un prllelepipedo retto che h per si due rettngoli si chim prllelepipedo rettngolo Si chim cuo un prllelepipedo rettngolo che h gli spigoli uguli onsiderto su un pino un poligono D e preso un punto V, si definisce pirmide di vertice V e se D l prte dellngoloide VD che, rispetto l pino, gice dll stess prte del vertice V Un pirmide si dice rett se h per se un poligono circoscriviile un cerchio il cui centro coincide con il piede dellltezz S l p h S t S l + S S h S l p h S t S l + S S h S l S t 6 d S l p S t S t + S S h Formule d + + c h + r ilindro r r Dt un rett, dett sse di rotzione, il luogo delle rette prllele d e d ess equidistnti si chim superficie cilindric circolre; ciscun delle rette prllele prende il nome di genertrice e l distnz di tli rette dllsse è il rggio S l r h S t r h + r r h ono V h r p Fisst un semirett di origine V, si chim superficie conic circolre di sse e semipertur (ngolo cuto) il luogo delle semirette uscenti d V che formno con un ngolo h + r S l r h S t r h + r r h Sfer r Si definisce superficie sferic di centro e rggio r il luogo dei punti dello spzio che hnno distnz d ugule r S t r r 7

10 Tringoli rettngoli iettivo 6 pplicre i teoremi studiti prolemi di geometri solid PRLEMI SVLTI PER PUNTI (D MPLETRE LGERIMENTE) È dt un pirmide rett se qudrt D di lto 8 cm e spigolo lterle cm Determinre: le funzioni goniometriche degli ngoli V e V, essendo V il vertice e il centro di se; qule ngolo è mggiore; c il volume e lre dell superficie totle dell pirmide Il tringolo V è rettngolo in pplicre il teorem dei tringoli per clcolre cosv V Si H il punto medio di Si osservi che il tringolo VH è rettngolo in H; clcolre cosv H V onfrontre i vlori ottenuti Determinre lltezz dell pirmide lcolre il volume Determinre lltezz VH dell fcci lterle lcolre lre dell superficie totle È dt un pirmide rett se tringolre equilter di lto 6 cm e spigolo V cm Determinre: le funzioni goniometriche dellngolo V, essendo il centro di se; il vlore dellngolo V; c il volume dell pirmide D V sservre che in un tringolo equiltero si h h, essen- V do h lltezz del tringolo equiltero sservre che il tringolo V è rettngolo in, clcolre V pplicre il teorem dei tringoli per senv V V Dedurre il vlore dellngolo V lcolre il volume È dto un prllelepipedo di dimensioni 0 cm, F cm, FG cm Si G l digonle del prllelepipedo Risolvere il tringolo G Determinre lltezz reltiv ll se G c lcolre il volume di un cuo di lto pri K H G K Il tringolo G è rettngolo in lcolre il vlore di G e di G pplicre il teorem dei tringoli per sen G E F pplicre il teorem dei tringoli l tringolo GK per determinre K D lcolre il volume del cuo 7

11 Tringoli rettngoli 5 In un semisfer è inscritt un pirmide vente per se un tringolo equiltero inscritto nel cerchio mssimo Si h che V 6 cm, essendo V il vertice dell pirmide, e cosv 7, essendo il centro di se 5 Determinre il volume dell pirmide sservre l figur sezione ottenut con un pino ortogonle ll se e pssnte per il vertice Determinre, prtire d cosv 7, le funzioni goniometriche dellngolo ll 5 V circonferenz VE che insiste sull cord V pplicre il teorem dell cord per determinre il rggio dell sfer Determinre il lto del tringolo equiltero pplicndo il teorem dell cord e quindi lre del tringolo di se sservre che il tringolo VE è rettngolo pplicre il teorem dei tringoli l tringolo rettngolo VH, essendo H il piede dellltezz dell pirmide lcolre il volume dell pirmide H E 6 Determinre il volume del solido ottenuto dll rotzione complet del tringolo scleno ; ttorno l lto, spendo che lre del tringolo è S 7 cm, 5 cm e che sen 7 5 pplicre il teorem dellre per determinre pplicre il teorem dei tringoli l tringolo rettngolo H, essendo H il piede dellltezz condott d Determinre l misur del rggio r H Il solido ottenuto è un solido composto d due coni di se coincidente lcolre il volume del solido di rotzione H 75

12 Tringoli rettngoli PRLEMI SVLTI PER PUNTI (D MPLETRE LGERIMENTE) 7 Si P un punto dellrco del qudrnte di centro e rggio r, M il punto medio del rggio e N il punto sul rggio per cui si h N r Studire in funzione di x PM lre del qudriltero MPN Determinre per qule vlore di x tle re è mssim Posto x PM, imporre le limitzioni su x Studire i csi limite pplicre il teorem dellre i tringoli MP e NP ( MPN) Per fcilitrsi, trccire il grfico dell funzione f ( x) r Determinre il mssimo di f(x) 8 Sull semicirconferenz di centro e dimetro r, determinre un punto P tle che, dett H l su proiezione sul dimetro, si i: H + PH r; H + PH k r Posto x P, imporre le limitzioni su x Studire geometricmente i csi limite pplicre il teorem dei tringoli rettngoli d P e PH e determinre H, PH Risolvere lequzione H + PH r Discutere lequzione prmetric H + PH k r 9 Sull semicirconferenz di centro e dimetro r, si conduce l cord Indicte con H l proiezione di sul dimetro e con K l proiezione di sull tngente ll circonferenz condott d, studire in funzione di x il perimetro del rettngolo HK Determinre per qule vlore di x tle perimetro è mssimo iettivo 7 pplicre i teoremi studiti prolemi con grfici, ricerc di mssimo e minimo, discussione Posto x, imporre le limitzioni su x Studire i csi limite pplicre il teorem dell cord per determinre e dei tringoli rettngoli H per determinre H, H lcolre il perimetro p (H + H) e trccirne il gr- Per fcilitrsi, studire l funzione fico Determinre il mssimo di f(x) p r f ( x) H K 76

13 Tringoli rettngoli ttività di sportello iettivi tempo previsto: or e 0 minuti Punti iettivo : risoluzione dei tringoli rettngoli iettivo : risoluzione di semplici prolemi sui tringoli rettngoli iettivo : clcolre lre di un tringolo iettivo : pplicre il teorem dell cord Denotndo con l misur dellipotenus, con e c le misure dei cteti, con β e γ le mpiezze degli ngoli opposti e c, risolvere il tringolo rettngolo per cui si h: 0 sen γ Determinre lre e il perimetro di un tringolo rettngolo spendo che lltezz reltiv llipotenus è lung 0 cm e che un cteto form con lipotenus un ngolo di coseno pri 5 Determinre lre di un tringolo, spendo che le misure di due suoi lti consecutivi sono e 0 cm e che lngolo tr essi compreso h tngente ugule 5 Determinre il rggio dell circonferenz circoscritt l tringolo, spendo che cm e cos 5 / / / / iettivo 5: pplicre i teoremi studiti prolemi di geometri pin 5 Determinre lre e il perimetro del tringolo isoscele cutngolo che h se 8 5 cm e rggio dell circonferenz circoscritt d esso r cm 9 / 77

14 Tringoli rettngoli Verific conclusiv tempo previsto: ore rgomenti Quesiti Punti Risoluzione Dto il tringolo equiltero, di lto l, condurre per, poligono esternmente l tringolo, un rett r tle che, indicte con H e K le proiezioni di e su r e posto K x, si i H + K l / Discussione Generlizzre l relzione precedente e studire H + K kl / Risoluzione onsiderre sul prolungmento del lto D, dll prte di D, poligono del qudrto D di lto l, un punto P tle che cos P Si T il punto di intersezione del segmento P con il lto D lcolre lre e il perimetro del qudriltero TD / ppliczione ll geometri dello spzio Il rettngolo D è tle che l rett che congiunge i punti medi dei lti più lunghi, D, lo divide in due rettngoli simili quello dto Determinre l lunghezz dei lti minori del rettngolo / Sull rett condott perpendicolrmente l pino del rettngolo nel punto medio del lto D, prendere un punto V in modo che il pino dei punti V,, formi con il pino del rettngolo dto un ngolo di coseno lcolre il volume dell pirmide di vertice V e se D / 78

15 Tringoli qulunque Teori in sintesi Teoremi sui tringoli Teorem dei seni In un tringolo le misure dei lti sono proporzionli i seni degli ngoli opposti γ c β c sen senβ sen γ In un tringolo il rpporto tr le misure di due lti è ugule l rpporto tr i seni degli ngoli essi opposti: sen sen β Teorem delle proiezioni In un tringolo qulunque l misur di un lto è ugule ll somm dei prodotti delle misure degli ltri due lti per il coseno dellngolo che ciscuno di questi form con il primo cos γ + c cos β cos γ + c cos c cos β + cos Teorem del coseno o di rnot In un tringolo il qudrto dell misur di un lto è ugule ll somm dei qudrti delle misure degli ltri due, diminuit del doppio prodotto delle misure di questi due lti per il coseno dellngolo d essi compreso + c c cos + c c cos β c + cos γ 79

16 Tringoli qulunque iettivo pplicre il teorem dei seni sercizio risolto Determinre gli elementi incogniti del tringolo, essendo, β, γ le mpiezze rispettive degli ngoli di vertici,,, spendo che: 7 γ cos 5 β β Si ricv sen 5 Si ricv γ ( + β) Si determin cos γ cos ( ( + β) ) cos( + β) cos cos β+ sen senβ Si determin sen γ sen ( ( + β) ) sen ( + β) sen cos β+ cos sen β Si pplic il teorem dei seni per determinre sen γ sen β Si pplic il teorem dei seni per determinre sen γ sen Determinre gli elementi incogniti del tringolo, essendo, β, γ le mpiezze rispettive degli ngoli di vertici,,, spendo che:, cos, β 5 Determinre le funzioni goniometriche dellngolo del tringolo cutngolo, essendo, β, γ le mpiezze rispettive degli ngoli di vertici,,, spendo che:,, β 6 Determinre gli elementi incogniti del tringolo, essendo, β, γ le mpiezze rispettive degli ngoli di vertici,,, spendo che:,, β Determinre gli elementi incogniti del tringolo, essendo, β, γ le mpiezze rispettive degli ngoli di vertici,,, spendo che: +, β, γ 5 Determinre gli elementi incogniti del tringolo ottusngolo, essendo, β, γ le mpiez- ze rispettive degli ngoli di vertici,,, spendo che:,, 6 80

17 Tringoli qulunque iettivo pplicre il teorem del coseno sercizio risolto Determinre l lunghezz del lto e il seno degli ngoli β e γ e del tringolo, essendo, β, γ le mpiezze rispettive degli ngoli di vertici,,, spendo che: γ β Si pplic il teorem del coseno per determinre: + cos Si pplic il teorem dei seni per determinre senβ 7 7 Si pplic il teorem dei seni per determinre sen γ 7 lcuni consigli utili Negli esercizi proposti di seguito potrà cpitre di dover clcolre funzioni goniometriche di ngoli meno noti, d esempio:, 7 In tl cso si ricorre lle formule di isezione, ottenendo: sen nlogmente per gli ltri csi cos Determinre e sen β del tringolo, essendo, β, γ le mpiezze rispettive degli ngoli di vertici,,, spendo che: 0,, 7 Determinre e β del tringolo cutngolo, essendo, β, γ le mpiezze rispettive degli ngoli di vertici,,, spendo che:,, 8 RS Liri Sp - Divisione Eduction, Milno

18 Tringoli qulunque 8 Tenendo conto delle telle reltive gli ngoli, determinre, e β del tringolo, es- sendo, β, γ le mpiezze rispettive degli ngoli di vertici,,, spendo che: 6 +, 6, γ 9 Determinre, e γ del tringolo, essendo, β, γ le mpiezze rispettive degli ngoli di vertici,,, spendo che:, 6, β 7 0 Determinre cos β del tringolo, essendo, β, γ le mpiezze rispettive degli ngoli di vertici,,, spendo che:, 7, 6 PRLEMI SVLTI PER PUNTI (D MPLETRE LGERIMENTE) Si un tringolo tle che, e che Determinre perimetro e re del qudrto costruito sul lto 6 Determinre trmite il teorem del coseno pplicto l tringolo lcolre il perimetro e lre del qudrto di lto Si un tringolo isoscele di se, e tle che e che Si r l rett 6 perpendicolre d condott d, e D il punto in cui tle rett intersec l semirett condott d esternmente l tringolo e formnte con un ngolo D Determinre il perimetro del qudriltero D Determinre gli ngoli ÂD e D Determinre D trmite il teorem dei seni pplicto l tringolo D Determinre D trmite il teorem dei seni pplicto l tringolo D Determinre trmite il teorem sui tringoli rettngoli (tringolo H dove H è lltezz su ), oppure trmite il teorem del coseno pplicto l tringolo lcolre il perimetro del qudriltero D come somm di,, D, D 8 iettivo Risolvere prolemi di geometri pin trmite i teoremi sui tringoli qulunque

19 Tringoli qulunque In un prtit di sell lesterno destro () lnci l pll in prim se () e l prim se ln- ci l pll l ricevitore () Spendo che m, 7 m e che 05 7, determinre qunto vree percorso in meno l pll se lesterno destro () lvesse lncit direttmente l ricevitore () Usre l clcoltrice scientific pprossimndo il risultto meno di 0 Esterno centro Esterno sinistro mpo esterno Esterno destro Interse Second se m Terz se Dimnte Lncitore 8, m Prim se ttitore Ricevitore 7 m Determinre trmite il teorem del coseno pplicto l tringolo lcolre l differenz tr l somm + e Si un tringolo rettngolo in tle che e Determinre il perimetro del 6 tringolo D, dove D è il punto di intersezione del segmento con l semirett condott d e formnte con un ngolo D Determinre D trmite il teorem dei seni pplicto l tringolo D Determinre D trmite il teorem dei seni pplicto l tringolo D lcolre il perimetro del tringolo D come somm di, D, D 8

20 Tringoli qulunque Teori in sintesi Ulteriori teoremi sui tringoli Formule di riggs In un tringolo le funzioni goniometriche degli ngoli si possono ottenere dlle misure dei lti,, c e dl semiperimetro p: sen ( p ) ( p c) cos c β ( p ) ( p c) β sen cos c γ ( p ) ( p ) γ sen cos p ( p ) c p ( p ) c p ( p c) Formul di Erone In un tringolo lre è dt d: γ p ( p ) ( p ) ( p c) c β Rggio dell circonferenz inscritt nel tringolo r ( p ) tg β γ ( p ) tg ( p c ) tg p Rggio dell circonferenz circoscritt l tringolo R c 8

21 Tringoli qulunque iettivo Risolvere prolemi di geometri solid trmite i teoremi sui tringoli qulunque PRLEMI SVLTI PER PUNTI (D MPLETRE LGERIMENTE) 5 Un prism retto h per se un tringolo cutngolo, tle che 6, e Determinre lre dell superficie lterle e il volume, spendo che lltezz del pri- sm è Determinre sen trmite il teorem dei seni pplicto l tringolo Determinre trmite il teorem dei seni pplicto l tringolo lcolre il perimetro del tringolo lcolre lre dell superficie lterle del prism lcolre lre di se pplicndo l formul dellre lcolre il volume del prism 6 Un pirmide rett, di vertice V, h per se il tringolo, rettngolo in, l cui re è, dove è un lunghezz ssegnt Si s inoltre che e che il pino dell fcci V dell 5 pirmide form col pino dell se un ngolo γ tle che sen γ lcolre lltezz dell pirmide Verificto che ess è V, clcolre l distnz del vertice dl pino dell fcci V 5 (Esme di Stto sessione suppletiv 00) Determinre,, trmite il teorem dei tringoli rettngoli e il teorem dellre pplicti l tringolo Ricordre che in un pirmide rett il piede dellltezz cde nel centro dell circonferenz inscritt nel tringolo di se Determinre il rggio di tle circonferenz r p Determinre lltezz dell pirmide V trmite il teorem dei tringoli rettngoli pplicto l tringolo VT, essendo T il punto di tngenz dell circonferenz inscritt con il lto lcolre l distnz del vertice dl pino dell fcci V, d esempio utilizzndo l formul invers del volume: K V ( V) 85

22 Tringoli qulunque iettivo 5 pplicre i teoremi studiti prolemi con studio di funzione PRLEMI SVLTI PER PUNTI (D MPLETRE LGERIMENTE) 7 In un qudrto D vente un lto di lunghezz, considerre sull digonle D un punto P in modo d determinre, posto x ÂP, l funzione f ( x) P + P Studire i csi limite lcolre in prticolre il vlore ssunto dll funzione per x 6 Determinre sen P sen x + sen x + Determinre P trmite il teorem dei seni Determinre trmite il teorem dei seni Studire i csi limite P, P D e determinre i corrispondenti vlori di f(x) Determinre Determinre f ( x) P + P f 6 8 Dopo ver determinto gli elementi incogniti del tringolo, in cui 5,, 6 ctg, clcolre lre ondott l semirett che d incontri il segmento nel pun- to H, posto x H, determinre l funzione f ( x) H + H lcolre il vlore ssunto dll funzione nei csi limite Giustificre l monotoni dell funzione f(x) entro lintervllo di vriilità dellincognit Determinre sen e cos, not ctg Determinre sen sen + sen Determinre trmite il teorem dei seni Determinre trmite il teorem dei seni lcolre lre del tringolo Studire i csi limite H, H e determinre i corrispondenti vlori di f(x) Determinre H trmite il teorem dei seni Determinre H trmite il teorem dei seni Determinre f ( x) H + H Giustificre l monotoni dell funzione f(x) nellintervllo di vriilità dellincognit trmite considerzioni geometriche 86

23 Tringoli qulunque ttività di sportello iettivi tempo previsto: or e 0 minuti Punti Determinre gli elementi incogniti del tringolo, essendo, β, γ le mpiezze rispettive degli ngoli di vertici,,, spendo che: iettivo : pplicre il teorem dei seni β 6 γ γ 7 β / iettivo : pplicre il teorem del coseno Determinre gli elementi incogniti del tringolo, essendo, β, γ le mpiezze rispettive degli ngoli di vertici,,, spendo che: β / iettivo : risolvere prolemi di geometri pin trmite i teoremi sui tringoli qulunque Si un tringolo equiltero di lto cm, D il punto su tle che D cm ed E il punto medio di Determinre il perimetro e lre del tringolo DE Determinre inoltre il rggio dell circonferenz circoscritt l tringolo DE / 87

24 Tringoli qulunque Verific conclusiv tempo previsto: ore rgomenti Quesiti Punti Risoluzione di tringoli Il tringolo h l se 8 cm Inoltre, cos e cos β Stilire se il tringolo è ottusngolo / lcolre lre e il perimetro del tringolo / c Determinre l lunghezz delle medine del tringolo / ppliczione ll geometri solid Il tringolo h il lto 0 cm Inoltre, cos e tgβ lcolre lre dell superficie totle del solido generto dll rotzione complet di intorno d / ppliczione llo studio di funzioni Il tringolo isoscele cutngolo h l se 6 e sen γ Risolvere il tringolo / 5 Si P un punto del lto, M il punto medio di e si P x P + PM + M Determinre l funzione f ( x) Studire i csi limite / c Determinre il vlore di x per cui l funzione ssume vlore minimo / 88

Teoremi di geometria piana

Teoremi di geometria piana l congruenz teoremi sugli ngoli γ teorem sugli ngoli complementri Se due ngoli sono complementri di uno stesso ngolo α β In generle: Se due ngoli sono complementri di due ngoli congruenti α γ β teorem

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO CLASSICO SCIENZE UMANE MARCONI DELPINO

LICEO SCIENTIFICO CLASSICO SCIENZE UMANE MARCONI DELPINO LICEO SCIENTIFICO CLASSICO SCIENZE UMANE MARCONI DELPINO RECUPERO ESTIVO PER LE CLASSI ^D- E SCIENTIFICO Argomenti d rivedere: I QUADRIMESTRE: ) Equzioni di secondo grdo e relzioni tr coefficienti e rdici

Dettagli

LAVORO PER IL RECUPERO DEL DEBITO MATEMATICA CLASSI 3 S.M. DA CONSEGNARE IL PRIMO GIORNO DI ATTIVITA DI SPORTELLO

LAVORO PER IL RECUPERO DEL DEBITO MATEMATICA CLASSI 3 S.M. DA CONSEGNARE IL PRIMO GIORNO DI ATTIVITA DI SPORTELLO LAVORO PER IL RECUPERO DEL DEBITO MATEMATICA CLAI.M. DA CONEGNARE IL PRIMO GIORNO DI ATTIVITA DI PORTELLO DEVI RIOLVERE PRIMA DI TUTTO I PROBLEMI E GLI EERCIZI QUI ELENCATI. TERMINATI QUETI, RIOLVI ALCUNI

Dettagli

COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE DALLA SECONDA ALLA TERZA

COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE DALLA SECONDA ALLA TERZA COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE DALLA SECONDA ALLA TERZA PROBLEMI DI APPLICAZIONE DELL'ALGEBRA ALLA GEOMETRIA ) Inscrivere in un semicirconferenz di dimetro r un rettngolo ABCD vente il lto AB sul dimetro

Dettagli

MATEMATICA Classe Prima

MATEMATICA Classe Prima Liceo Clssico di Treiscce Esercizi per le vcnze estive 0 MATEMATICA Clsse Prim Cpitolo Numeri nturli Primi ogni pgin del cpitolo Cpitolo Numeri nturli Primi ogni pgin del cpitolo Per gli llievi promossi

Dettagli

Si noti che da questa definizione segue che il punto C è il punto medio del segmento PP'. Figura 1

Si noti che da questa definizione segue che il punto C è il punto medio del segmento PP'. Figura 1 APITOLO 3 LE SIMMETRIE 3. Richimi di teori Definizione. Si dto un punto del pino; si chim simmetri centrle di centro (che si indic con il simbolo s ) l corrispondenz dl pino in sé che d ogni punto P del

Dettagli

triangolo equilatero di lato 9 cm. Quanto misura il lato del rombo?

triangolo equilatero di lato 9 cm. Quanto misura il lato del rombo? GB00001 Il perimetro di un rombo è triplo di quello di un ) 24 cm. b) 21 cm. c) 26,5 cm. d) 20,25 cm. d tringolo equiltero di lto 9 cm. Qunto misur il lto del rombo? GB00002 Due segmenti AB e CD sono tli

Dettagli

Problemi e rappresentazione di problemi di geometria dello spazio - Claudio Cereda febbraio 2001 pag. 1

Problemi e rappresentazione di problemi di geometria dello spazio - Claudio Cereda febbraio 2001 pag. 1 Prolemi e rppresentzione di prolemi di geometri dello spzio - ludio ered ferio 00 pg. onvenzioni di disegno e di rppresentzione Nel corso dell trttzione si dotternno le seguenti convenzioni simoliche:

Dettagli

corrispondenza dal piano in sé, che ad ogni punto P del piano fa corrispondere il punto P' in

corrispondenza dal piano in sé, che ad ogni punto P del piano fa corrispondere il punto P' in Cpitolo 5 Le omotetie 5. Richimi di teori Definizione Sino fissti un punto C del pino ed un numero rele. Si chim omoteti di centro C e rpporto ( che si indic con il simolo O, ) l corrispondenz dl pino

Dettagli

( x) a) La simmetrica della parabola rispetto all origine è tale che: La parabola di equazione y = x + ax a ha vertice V = = mentre la parabola y S

( x) a) La simmetrica della parabola rispetto all origine è tale che: La parabola di equazione y = x + ax a ha vertice V = = mentre la parabola y S Sessione ordinri 996 Liceo di ordinmento Soluzione di De Ros Nicol ) In un pino, riferito d un sistem di ssi crtesini ortogonli (O), sono ssegnte le prbole di equzione:, dove è un numero rele positivo.

Dettagli

ipotenusa cateto adiacente ad α cateto opposto ad α ipotenusa cateto adiacente ad α ipotenusa cateto adiacente ad α

ipotenusa cateto adiacente ad α cateto opposto ad α ipotenusa cateto adiacente ad α ipotenusa cateto adiacente ad α Trigonometri I In quest prim prte dell trigonometri denimo le funzioni trigonometriche seno, coseno e tngente e le loro funzioni inverse. Vedremo nche come utilizzrle nell risoluzione dei tringoli. Comincimo

Dettagli

24 y. 6. ( 5 A. 1 B. 5 4 C D. 50 Applicando le proprietà delle potenze

24 y. 6. ( 5 A. 1 B. 5 4 C D. 50 Applicando le proprietà delle potenze Alunno/.. Alunno/ Pgin Esercitzione in preprzione ll PROVA d ESAME Buon Lvoro Prof.ss Elen Sper. Il piccolo fermcrte dell figur è relizzto nel seguente modo. Si prende un cubo di lto cm e su un fcci si

Dettagli

11. Geometria piana ( ) ( ) 1. Formule fondamentali. Rettangolo. A = b = h = = b h. b = base h = altezza. Quadrato

11. Geometria piana ( ) ( ) 1. Formule fondamentali. Rettangolo. A = b = h = = b h. b = base h = altezza. Quadrato 11. Geometri pin 1. Formule fonmentli Rettngolo = h = h = h p = + h p = + h h= p = p h + ( ) = h = h h= = se = igonle p = perimetro h = ltezz = re p = semiperimetro Qurto = l l = = l l = l = lto = igonle

Dettagli

Maturità scientifica, corso di ordinamento, sessione ordinaria 2000-2001

Maturità scientifica, corso di ordinamento, sessione ordinaria 2000-2001 Mtemtic per l nuov mturità scientific A. Bernrdo M. Pedone Mturità scientific, corso di ordinmento, sessione ordinri 000-001 PROBLEMA 1 Si consideri l seguente relzione tr le vribili reli x, y: 1 1 1 +

Dettagli

Classe V E. Geometria

Classe V E. Geometria Postulti di Euclide: Primi postulti: Clsse V E Geometri Lo spzio contiene infiniti punti, infinite rette e infiniti pini, un pino contiene infiniti punti e infinite rette, un rett contiente infiniti punti.

Dettagli

TEOREMI FONDAMENTALI DI GEOMETRIA ELEMENTARE

TEOREMI FONDAMENTALI DI GEOMETRIA ELEMENTARE uthor: Ing, Giulio De Meo GEOMETRIA TEOREMI FONDAMENTALI DI GEOMETRIA ELEMENTARE L somm degli ngoli interni di un poligono di n lti è (n - ) 180. L somm degli ngoli esterni di un qulsisi poligono vle 360.

Dettagli

CONCETTI PRIMITIVI DELLA GEOMETRIA. Punto. Punto. Linea. Piano. La linea retta. Piano PAGINA 1

CONCETTI PRIMITIVI DELLA GEOMETRIA. Punto. Punto. Linea. Piano. La linea retta. Piano PAGINA 1 NTTI PRIMITIVI LL MTRI Il punto è un entità geometric priv di dimensione. Si indic con un letter miuscol dell lfbeto ltino. sso si individu d intersezioni di linee rette o di rchi o nche d mbedue. L line

Dettagli

Lunghezza della circonferenza e area del cerchio

Lunghezza della circonferenza e area del cerchio Unità LA GEOMETRIA Lungezz dell circonferenz e re del cercio Misur dell circonferenz Il rpporto fr l misur c di un circonferenz e l misur d del suo dimetro è costnte ed è ugule π (si legge pi greco) L

Dettagli

Calcolo letterale. 1) Operazioni con i monomi. a) La moltiplicazione. b) La divisione. c) Risolvi le seguenti espressioni con i monomi.

Calcolo letterale. 1) Operazioni con i monomi. a) La moltiplicazione. b) La divisione. c) Risolvi le seguenti espressioni con i monomi. Clcolo letterle. ) Operzioni con i monomi. ) L moltipliczione. ) L divisione. c) Risolvi le seguenti espressioni con i monomi. ) I polinomi. ) Clcol le seguenti somme di polinomi. ) Applic l proprietà

Dettagli

Il problema delle aree. Metodo di esaustione.

Il problema delle aree. Metodo di esaustione. INTEGRALE DEFINITO. DEFINIZIONE E SIGNIFICATO GEOMETRICO. PROPRIETA DELL INTEGRALE DEFINITO. FUNZIONE INTEGRALE. TEOREMA DELLA MEDIA. TEOREMA FONDAMENTALE DEL CALCOLO INTEGRALE. FORMULA DI LEIBNITZ NEWTON.

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione ordinaria

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione ordinaria ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO Sessione ordinri Il cndidto risolv uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si rticol il questionrio. PROBLEMA In un pino, riferito d un sistem

Dettagli

Cap. 4 - Algebra vettoriale

Cap. 4 - Algebra vettoriale Mssimo Bnfi Cp. 4 - Algebr vettorile Cpitolo 4 Algebr vettorile 4.1. Grndezze sclri Si definiscono sclri quelle grndezze fisiche che sono descritte in modo completo d un numero con l reltiv unità di misur.

Dettagli

Problemi di massimo e minimo in Geometria Solida Problemi su poliedri. Indice dei problemi risolti

Problemi di massimo e minimo in Geometria Solida Problemi su poliedri. Indice dei problemi risolti Problemi di mssimo e minimo in Geometri olid Problemi su poliedri Indice dei problemi risolti In generle, un problem si riferisce un figur con crtteristice specifice (p.es., il numero dei lti dell bse)

Dettagli

June 14, 2011. solidi e realtà.notebook. apr 6 17.59. mar 20 12.20. mar 17 18.22. mar 17 18.23

June 14, 2011. solidi e realtà.notebook. apr 6 17.59. mar 20 12.20. mar 17 18.22. mar 17 18.23 solidi e reltà.noteook Un solido è un prte di spzio delimitt d un superficie cius. SOLII E RELT' (immgini per l mtemtic) I solidi delimitti d poligoni vengono cimti poliedri I solidi ce nno superfici curve

Dettagli

Contenuti di matematica classe prima liceo scientifico di ordinamento e delle scienze applicate.

Contenuti di matematica classe prima liceo scientifico di ordinamento e delle scienze applicate. Contenuti di mtemtic clsse prim liceo scientifico di ordinmento e delle scienze pplicte. SAPERE Sper definire, rppresentre e operre con gli insiemi. Conoscere gli insiemi numerici N, Z, Q e sperci operre

Dettagli

Geometria solida Rette e piani nello spazio + poliedri + solidi di rotazione

Geometria solida Rette e piani nello spazio + poliedri + solidi di rotazione Geometri solid ette e pini nello spzio + poliedri + solidi di rotzione ette e pini nello spzio tilisi se le seguenti ffermzioni sono vere o flse. EZ. d e e tre rette nello spzio sono tr loro prllele, llor

Dettagli

Determinanti e caratteristica di una matrice (M.S. Bernabei & H. Thaler

Determinanti e caratteristica di una matrice (M.S. Bernabei & H. Thaler Determinnti e crtteristic di un mtrice (M.S. Bernbei & H. Thler Determinnte Il determinnte può essere definito solmente nel cso di mtrici qudrte Per un mtrice qudrt 11 (del primo ordine) il determinnte

Dettagli

7.5. BARICENTRI 99. Esempio 7.18 (Baricentro di una lamina ellissoidale omogenea). Consideriamo la lamina ellissoidale omogenea in figura.

7.5. BARICENTRI 99. Esempio 7.18 (Baricentro di una lamina ellissoidale omogenea). Consideriamo la lamina ellissoidale omogenea in figura. 7.5. BAICENTI 99 P J Q Gli ssi HJ e PQ (che isecno i lti opposti del rettngolo) sono ssi di simmetri mterile. il ricentro dell lmin coincide con l intersezione dei due ssi: G, G H Esempio 7.18 (Bricentro

Dettagli

Classi IV C IV E ALUNNO CLASSE LEGGI UNO DEI SEGUENTI TESTI. Istituto Professionale di Stato per l Industria e l Artigianato Giancarlo Vallauri

Classi IV C IV E ALUNNO CLASSE LEGGI UNO DEI SEGUENTI TESTI. Istituto Professionale di Stato per l Industria e l Artigianato Giancarlo Vallauri Per informzioni, consigli, problemi robbypit@tin.it Istituto Professionle di Stto per l Industri e l Artiginto Gincrlo Vlluri Clssi IV C IV E.s. 0/0 ALUNNO CLASSE ESEGUI TUTTI GLI ESERCIZI SU UN FOGLIO

Dettagli

c β Figura F2.1 Angoli e lati in un triangolo rettangolo.

c β Figura F2.1 Angoli e lati in un triangolo rettangolo. F. Trigonometri F. Risoluzione dei tringoli rettngoli Risolvere un tringolo rettngolo signifi trovre tutti i suoi lti e tutti i suoi ngoli. Un ngolo lo si onose già ed è l ngolo retto. Le inognite sono

Dettagli

{ } 3 [ ] [ ] [ ] [ ] Esercizi per il precorso ( )( ) Prof. Margherita Fochi. 1.- Esercizi sui polinomi. + x. x R. ( )( ) + R. ( )( )( ) a.

{ } 3 [ ] [ ] [ ] [ ] Esercizi per il precorso ( )( ) Prof. Margherita Fochi. 1.- Esercizi sui polinomi. + x. x R. ( )( ) + R. ( )( )( ) a. Prof. Mrgherit Fochi Esercizi per il precorso.- Esercizi sui polinomi Semplificre le seguenti espressioni utilizzndo i prodotti notevoli:. ) ) ) ) ) 8 [ ] 8. ) ) ) ) ] [. ) ) ) [ ] { } y y y y y [ ] 8

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione straordinaria

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione straordinaria ESAME DI STAT DI LICE SCIENTIFIC CRS DI RDINAMENT 00 Sessione strordinri Il cndidto risolv uno dei due problemi e 5 dei 0 quesiti in cui si rticol il questionrio. PRBLEMA Con riferimento un sistem monometrico

Dettagli

Anno 5. Applicazione del calcolo degli integrali definiti

Anno 5. Applicazione del calcolo degli integrali definiti Anno 5 Appliczione del clcolo degli integrli definiti 1 Introduzione In quest lezione vedremo come pplicre il clcolo dell integrle definito per determinre le ree di prticolri figure pine, i volumi dei

Dettagli

26/03/2012. Integrale Definito. Calcolo delle Aree. Appunti di analisi matematica: Il concetto d integrale nasce per risolvere due classi di problemi:

26/03/2012. Integrale Definito. Calcolo delle Aree. Appunti di analisi matematica: Il concetto d integrale nasce per risolvere due classi di problemi: ppunti di nlisi mtemtic: Integrle efinito Il concetto d integrle nsce per risolvere due clssi di prolemi: Integrle efinito lcolo delle ree di fig. delimitte d curve clcolo di volumi clcolo del lvoro di

Dettagli

a b c Triangolo rettangolo In un triangolo rettangolo : un cateto è uguale al prodotto dell ipotenusa per il seno dell angolo opposto al cateto.

a b c Triangolo rettangolo In un triangolo rettangolo : un cateto è uguale al prodotto dell ipotenusa per il seno dell angolo opposto al cateto. Tringolo rettngolo In un tringolo rettngolo : un teto è ugule l prodotto dell ipotenus per il seno dell ngolo opposto l teto. = sen = sen un teto è ugule l prodotto dell ipotenus per il oseno dell ngolo

Dettagli

LA SIMILITUDINE ( ), ( ) = (, )

LA SIMILITUDINE ( ), ( ) = (, ) Sched di mtemtic Prof. Angelo Angeletti Liceo Scientifico G.Glilei Mcert LA SIMILITUDINE L similitudine è un prticolre trsformzione geometric, nel pino o nello spzio, che conserv i rpporti tr le distnze.

Dettagli

Soluzione. Si consideri la figura sottostante che raffigura la geometria del problema: = =

Soluzione. Si consideri la figura sottostante che raffigura la geometria del problema: = = Sessione suppletiv LS_ORD 00 di De Ros Nicol PROBLEMA Del tringolo ABC si nno le seguenti informzioni: ABcm; ACcm; CAB 60. Si trcci l isettrice di CAB e se ne indici con D lintersezione con il lto BC.

Dettagli

Teoria di Jourawski. 1. Sezione ad T. Lê2 L Lê2. à Soluzione

Teoria di Jourawski. 1. Sezione ad T. Lê2 L Lê2. à Soluzione eori di Jourwski ü [A.. 0-03 : ultim revisione 4 gennio 03] Si pplic l teori di Jourwski l fine di clcolre l distribuzione di tensioni tngenzili su lcune sezioni soggette sforzo di tglio.. Sezione d ê

Dettagli

Istituto Professionale di Stato per l Industria e l Artigianato Giancarlo Vallauri. Classe I H

Istituto Professionale di Stato per l Industria e l Artigianato Giancarlo Vallauri. Classe I H Istituto Professionle di Stto per l Industri e l Artiginto Gincrlo Vlluri Clsse I H ALUNNO CLASSE Ulteriore ripsso e recupero nche nei siti www.vlluricrpi.it (dip. mtemtic recupero). In vcnz si può trovre

Dettagli

, x 2. , x 3. è un equazione nella quale le incognite appaiono solo con esponente 1, ossia del tipo:

, x 2. , x 3. è un equazione nella quale le incognite appaiono solo con esponente 1, ossia del tipo: Sistemi lineri Un equzione linere nelle n incognite x 1, x 2, x,, x n è un equzione nell qule le incognite ppiono solo con esponente 1, ossi del tipo: 1 x 1 + 2 x 2 + x +!+ n x n = b con 1, 2,,, n numeri

Dettagli

Nome.Cognome classe 5D 18 Marzo 2014. Verifica di matematica

Nome.Cognome classe 5D 18 Marzo 2014. Verifica di matematica Nome Cognome cls 5D 18 Mrzo 01 Problem Verific di mtemtic In un sistem di riferimento crtesino Oy, si consideri l funzione: ln f ( > 0 0 e si determini il vlore del prmetro rele in modo tle che l funzione

Dettagli

Geometria. Domande introduttive

Geometria. Domande introduttive PT, 695 noio Geometri si di mtemti per l MPT 3 Tringoli L pdronnz delle rtteristihe e delle proprietà dei tringoli è fondmentle per pire il pitolo dell trigonometri, uno dei pitoli di geometri non trttto

Dettagli

Integrale definito. Introduzione: il problema delle aree

Integrale definito. Introduzione: il problema delle aree Integrle definito Introduzione: il prolem delle ree Il prolem delle ree è uno dei tre grndi prolemi che ci sono stti trmndti dgli ntichi, che lo definivno come il prolem dell qudrtur del cerchio: trovre,

Dettagli

Nome.Cognome. 18 Dicembre 2008 Classe 4G. VERIFICA di MATEMATICA

Nome.Cognome. 18 Dicembre 2008 Classe 4G. VERIFICA di MATEMATICA Nome.Cognome. 8 Dicembre 008 Clsse G VERIFICA di MATEMATICA A) Risolvi le seguenti disequzioni goniometriche sin ) sin + ) 0 6 tn cos + sin ) 0 (punti:0,5) ) tn + tn > 0 sin 5) sin > cos (punti: ) 6) sin

Dettagli

1 COORDINATE CARTESIANE

1 COORDINATE CARTESIANE 1 COORDINATE CARTESIANE In un sistem di ssi crtesini (,) un punto P è identificto dll su sciss e dll su ordint : Asciss : distnz di P dll sse delle ordinte Ordint :distnz di P dll sse delle scisse P(-4,4)

Dettagli

Sessione Suppletiv PNI 006 Sessione Suppletiv PNI 006 Sessione Suppletiv PNI 006 PROBLEMA ) L prbol di equzione V ' (0,0). y h sse di simmetri prllelo ll sse delle ordinte e vertice in L prbol di equzione

Dettagli

Dr`avni izpitni center MATEMATICA. Prova d'esame. Lunedì 31 maggio 2004 / 120 minuti senza interruzioni

Dr`avni izpitni center MATEMATICA. Prova d'esame. Lunedì 31 maggio 2004 / 120 minuti senza interruzioni Codice del cndidto: Dr`vni izpitni center *P041C10111I* I SESSIONE D'ESAME MATEMATICA Prov d'esme Lunedì 31 mggio 004 / 10 minuti senz interruzioni Requisiti consentiti: penn stilogrfic o penn sfer, mtit,

Dettagli

Ellisse riferita al centro degli assi

Ellisse riferita al centro degli assi Appunti delle lezioni tenute in clsse: ellisse e iperole Ellisse riferit l centro degli ssi Dti due punti F ed F detti fuochi, l ellisse è il luogo geometrico dei punti P del pino per cui è costnte l somm

Dettagli

ACCADEMIA NAVALE. Syllabus POLIGRAFICO ACCADEMIA NAVALE LIVORNO

ACCADEMIA NAVALE. Syllabus POLIGRAFICO ACCADEMIA NAVALE LIVORNO ACCADEMIA NAVALE Sllbus POLIGRAFICO ACCADEMIA NAVALE LIVORNO PREFAZIIONE È noto che in tluni ordini dell scuol medi superiore l'insegnmento dell mtemtic non giunge sino ll'ultimo nno, in ltri, lo svolgimento

Dettagli

b a 2. Il candidato spieghi, avvalendosi di un esempio, il teorema del valor medio.

b a 2. Il candidato spieghi, avvalendosi di un esempio, il teorema del valor medio. Domnde preprzione terz prov. Considert, come esempio, l funzione nell intervllo [,], il cndidto illustri il concetto di integrle definito. INTEGRALE DEFINITO, prendendo in esme un generic funzione f()

Dettagli

TEST DI MATEMATICA. Funzioni in una, Funzioni in due variabili Integrali Equazioni differenziali. 1) Il valore del limite seguente. e e. e 1.

TEST DI MATEMATICA. Funzioni in una, Funzioni in due variabili Integrali Equazioni differenziali. 1) Il valore del limite seguente. e e. e 1. TEST DI MATEMATICA Funzioni in un, Funzioni in due vriili Integrli Equzioni differenzili ) Il vlore del limite seguente e e e lim è ) Il vlore del limite seguente 5 lim 5 è : ) L derivt prim dell funzione

Dettagli

PNI SESSIONE SUPPLETIVA QUESITO 1

PNI SESSIONE SUPPLETIVA QUESITO 1 www.mtefili.it PNI 2005 - SESSIONE SUPPLETIVA QUESITO È dto un trpezio rettngolo, in cui le bisettrici degli ngoli dicenti l lto obliquo si intersecno in un punto del lto perpendicolre lle bsi. Dimostrre

Dettagli

c a (seno di alfa); (coseno di alfa); (tangente di alfa).

c a (seno di alfa); (coseno di alfa); (tangente di alfa). Sito Personle di Ettore Limoli Lezioni di Mtemtic Prof. Ettore Limoli Sommrio Elementi di trigonometri... 1 Angoli e loro misur... Funzioni e loro grfici... 4 Usre i grfici... 5 Funzioni inverse delle

Dettagli

Meccanica dei Solidi. Vettori

Meccanica dei Solidi. Vettori Meccnic dei Solidi Prof. Ing. Stefno Avers Università di Npoli Prthenope.. 2005-06 Lezione 2 Vettori Definizione: Un grndezz vettorile (o un vettore) è un grndezz fisic crtterizzt oltre che d un numero

Dettagli

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito.

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito. Integrli de niti. Il problem di clcolre l re di un regione pin delimitt d gr ci di funzioni si può risolvere usndo l integrle de nito. L integrle de nito st l problem del clcolo di ree come l equzione

Dettagli

30 quesiti. 1 Febbraio 2011. Scuola... Classe... Alunno... Copyright 2011 Zanichelli Editore SpA, Bologna

30 quesiti. 1 Febbraio 2011. Scuola... Classe... Alunno... Copyright 2011 Zanichelli Editore SpA, Bologna verso LA RILEVAZIONE INVALSI SCUOLA SECONDARIA DI secondo GRADO PROVA DI Mtemtic 30 quesiti Febbrio 0 Scuol... Clsse... Alunno... e b sono numeri reli che verificno quest uguglinz: Qunto vle il loro prodotto?

Dettagli

Seconda prova maturita 2016 soluzione secondo problema di matematica scientifico

Seconda prova maturita 2016 soluzione secondo problema di matematica scientifico Second prov mturit 06 soluzione secondo problem di mtemtic scientifico Skuol.net June, 06 Primo Problem Le tre funzioni proposte sono f () ( ) k f () 6 + 9k + f () cos( π k ). Punto Affinche l funzione

Dettagli

Sezione Esercizi ; ; ; 1 4. f ) 13 + g ) , 100, 125; f ) 216; 8 27 ; ; e ) g ) 0; h )

Sezione Esercizi ; ; ; 1 4. f ) 13 + g ) , 100, 125; f ) 216; 8 27 ; ; e ) g ) 0; h ) Sezione Esercizi Esercizi Esercizi dei singoli prgrfi - Rdici Determin le seguenti rdici qudrte rzionli (qundo è possiile clcolrle) 00 l ) m ) n ) o ) 0,0 0,0 0,000 0, Determin le seguenti rdici qudrte

Dettagli

Superfici di Riferimento (1/4)

Superfici di Riferimento (1/4) Superfici di Riferimento (1/4) L definizione di un superficie di riferimento nsce dll necessità di vere un supporto mtemtico su cui sviluppre il rilievo eseguito sull superficie terrestre. Tle superficie

Dettagli

Anno 4 I Triangoli rettangoli

Anno 4 I Triangoli rettangoli Anno 4 I Tringoli rettngoli 1 Introduzione In quest lezione esmineremo i tringoli rettngoli, studindo le relzioni metriche tr i lti e gli ngoli di un tringolo. Enunceremo i teoremi sui tringoli rettngoli

Dettagli

IL CALCOLO LETTERALE: I MONOMI Conoscenze. per a = - 2 vale:

IL CALCOLO LETTERALE: I MONOMI Conoscenze. per a = - 2 vale: IL CALCOLO LETTERALE: I MONOMI Conoscenze. Complet.. Un espressione letterle è.... Per clcolre il vlore numerico di un espressione letterle isogn...... c. Non si possono ssegnre lle lettere che compiono

Dettagli

Angoli formati da due rette parallele tagliate da una trasversale (alterni interni ed esterni, corrispondenti, coniugati).

Angoli formati da due rette parallele tagliate da una trasversale (alterni interni ed esterni, corrispondenti, coniugati). ppunti di geometria.s. 013-014 1 Prof. Luigi ai PPUNTI ngoli formati da due rette parallele tagliate da una trasversale (alterni interni ed esterni, corrispondenti, coniugati). In un triangolo l angolo

Dettagli

FUNZIONI IPERBOLICHE

FUNZIONI IPERBOLICHE FUNZIONI IPERBOLICHE Umberto Mrconi Diprtimento di Mtemtic Pur e Applict Pdov Premess Si [, [, fissto. Voglimo cpire cos signific: w dw perché l funzione integrnd è illimitt. Se considerimo, per b [, [,

Dettagli

Nicola De Rosa, Liceo scientifico PNI sessione straordinaria 2010, matematicamente.it. e se ne tracci il grafico nell intervallo 0 x 2

Nicola De Rosa, Liceo scientifico PNI sessione straordinaria 2010, matematicamente.it. e se ne tracci il grafico nell intervallo 0 x 2 Nicol De Ros, Liceo scientifico PNI sessione strordinri, mtemticmente.it PROBLEMA Sono dti: un circonferenz di centro O e dimetro AB e tngente t prllel l dimetro. Si prolungno i rggi OA ed OB di due segmenti

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2003

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2003 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. Il cndidto risolv uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si rticol il questionrio. PROBLEMA Nel pino sono dti: il cerchio di dimetro OA,

Dettagli

Area del Trapezoide. f(x) A f(a) f(b) f(x)

Area del Trapezoide. f(x) A f(a) f(b) f(x) Are del Trpezoide y o A f() trpezoide h B f() f() L're del trpezoide S puo' essere pprossimt dll're del trpezio AB. Per vere un migliore pprossimzione possimo suddividere il trpezio in trpezi piu' piccoli.

Dettagli

dr Valerio Curcio Le affinità omologiche Le affinità omologiche

dr Valerio Curcio Le affinità omologiche Le affinità omologiche 1 Le ffinità omologiche 2 Tringoli omologici: Due tringoli si dicono omologici se le rette congiungenti i punti omologhi dei due tringoli si incontrno in un medesimo punto. Principio dei tringoli omologici

Dettagli

Integrale Definito. Appunti di analisi matematica: Il concetto d integrale nasce per risolvere due classi di problemi: Integrale Definito

Integrale Definito. Appunti di analisi matematica: Il concetto d integrale nasce per risolvere due classi di problemi: Integrale Definito Appunti di nlisi mtemtic: Integrle Deinito Il concetto d integrle nsce per risolvere due clssi di prolemi: Integrle Deinito Clcolo delle ree di ig. delimitte d curve clcolo di volumi clcolo del lvoro di

Dettagli

1) Si ha quindi Un cateto è uguale al prodotto dell ipotenusa per il seno dell angolo opposto.

1) Si ha quindi Un cateto è uguale al prodotto dell ipotenusa per il seno dell angolo opposto. Trigonometri prte esy mtemti Elin pgin TRIANGOLO RETTANGOLO Considerimo i tringoli rettngoli OPQ e OP ' Q A γ C Essi sono simili per ui Q P : QP OP : OP Essendo Q ' P ' QP sin OP OP ottenimo : sen : e

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2005 Sessione suppletiva

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2005 Sessione suppletiva ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 005 Sessione suppletiv Il cndidto risolv uno dei due problemi e 5 dei 0 quesiti in cui si rticol il questionrio. PROBLEMA Sono dti un pirmide

Dettagli

APPUNTI DI TOPOGRAFIA MODULO 1

APPUNTI DI TOPOGRAFIA MODULO 1 APPUNTI DI TOPOGRAFIA MODULO 1 ELEMENTI DI TRIGONOMETRIA PIANA E USO DI MACCHINE CALCOLATRICI PROF. SPADARO EMANUELE UNITA DIDATTICA N 1 UNITA DI MISURA DEGLI ANGOLI E USO DELLE MACCHINE CALCOLATRICI http://spdroemnueletopogrfi.bloog.it/

Dettagli

POTENZA 2 5 =2*2*2*2*2 PROPRIETA PRODOTTO DI POTENZE DI UGUALE BASE 3 2 *3 7 =3 2+7 =3 9 ANGOLO ANGOLI CLASSIFICAZIONI. 2 è la BASE 5 è l ESPONENTE

POTENZA 2 5 =2*2*2*2*2 PROPRIETA PRODOTTO DI POTENZE DI UGUALE BASE 3 2 *3 7 =3 2+7 =3 9 ANGOLO ANGOLI CLASSIFICAZIONI. 2 è la BASE 5 è l ESPONENTE POTENZ 2 5 =2*2*2*2*2 2 è la SE 5 è l ESPONENTE PROPRIET PRODOTTO DI POTENZE DI UGULE SE 3 2 *3 7 =3 2+7 =3 9 QUOZIENTE DI POTENZE DI UGULE SE 3 12 :3 7 =3 12-7 =3 5 POTENZ DI POTENZ (3 2 ) 7 =3 2*7 =3

Dettagli

2 x = 64 (1) L esponente (x) a cui elevare la base (2) per ottenere il numero 64 è detto logaritmo (logaritmo in base 2 di 64), indicato così:

2 x = 64 (1) L esponente (x) a cui elevare la base (2) per ottenere il numero 64 è detto logaritmo (logaritmo in base 2 di 64), indicato così: Considerimo il seguente problem: si vuole trovre il numero rele tle che: = () L esponente () cui elevre l bse () per ottenere il numero è detto ritmo (ritmo in bse di ), indicto così: In prticolre in questo

Dettagli

Differenziale. Consideriamo la variazione finita, x della variabile indipendente a cui corrisponde una variazione finita della funzione f x, f x y

Differenziale. Consideriamo la variazione finita, x della variabile indipendente a cui corrisponde una variazione finita della funzione f x, f x y Differenzile Considerimo l vrizione finit, dell vriile indipendente cui corrisponde un vrizione finit dell funzione f, f y Δf 1 Δ 2 L vrizione dell vriile dipendente puo' essere molto piccol, infinitesim

Dettagli

Lezioni particolari di Matematica : I gialli matematici.

Lezioni particolari di Matematica : I gialli matematici. Lezioni prticolri di Mtemtic : I gilli mtemtici. Per chi vuole prtecipre, nche ttivmente, queste lezioni, l indirizzo e-mil del prof. Di Slvtore Eugenio è il seguente: Prof_dislvtore@rundisium.net 3^ Lezione

Dettagli

Circonferenza e cerchio La circonferenza e il cerchio Poligoni inscritti e circoscritti a una circonferenza

Circonferenza e cerchio La circonferenza e il cerchio Poligoni inscritti e circoscritti a una circonferenza ironferenz e erhio L ironferenz e il erhio Poligoni insritti e irosritti un ironferenz L ironferenz e il erhio Stilisi se le seguenti ffermzioni sono vere o flse. SEZ. M e f g h Il rpporto tr l lunghezz

Dettagli

Definiamo ora alcuni vettori particolarmente importanti detti versori.

Definiamo ora alcuni vettori particolarmente importanti detti versori. Prof. A. Di Mro I versori Definimo or lcni vettori prticolrmente importnti detti versori. Un versore è semplicemente n vettore di modlo nitrio. Normlmente gli ssi, e z vengono ssociti i versori i ˆ, ˆj,

Dettagli

IL CALCOLO LETTERALE: I MONOMI Conoscenze. per a = - 2 vale:

IL CALCOLO LETTERALE: I MONOMI Conoscenze. per a = - 2 vale: IL CALCOLO LETTERALE: I MONOMI Conoscenze. Complet.. Un espressione letterle è un scrittur in cui compiono operzioni tr numeri rppresentti, tutti o in prte, d lettere. Per clcolre il vlore numerico di

Dettagli

Determinare la posizione del centro di taglio della seguente sezione aperta di spessore sottile b << a

Determinare la posizione del centro di taglio della seguente sezione aperta di spessore sottile b << a Determinre l posizione del centro di tglio dell seguente sezione pert di spessore sottile

Dettagli

MATEMATIKA OLASZ NYELVEN

MATEMATIKA OLASZ NYELVEN Mtemtik olsz nyelven középszint 061 É RETTSÉGI VIZSGA 007. október 5. MATEMATIKA OLASZ NYELVEN KÖZÉPSZINTŰ ÍRÁSBELI ÉRETTSÉGI VIZSGA JAVÍTÁSI-ÉRTÉKELÉSI ÚTMUTATÓ OKTATÁSI ÉS KULTURÁLIS MINISZTÉRIUM Indiczioni

Dettagli

5 Geometria analitica

5 Geometria analitica 58 Formulrio di mtemtic 5 eometri nlitic 5.1 Punti e rett distnz di due punti d ( ) + ( y y ) 1 1 distnz tr due punti con ugule sciss d y y1 distnz tr due punti con ugule ordint d 1 punto medio di un segmento

Dettagli

Anno 2. Triangoli rettangoli e teorema delle corde

Anno 2. Triangoli rettangoli e teorema delle corde Anno Tringoli rettngoli e teorem delle orde 1 Introduzione In quest lezione impreri d pplire i teoremi di Eulide e di Pitgor e sopriri quli prtiolrità nsondono i tringoli rettngoli on ngoli prtiolri. Infine,

Dettagli

Teorema della Divergenza (di Gauss)

Teorema della Divergenza (di Gauss) eorem dell ivergenz (di Guss) i un dominio tridimensionle regolre, l cui frontier è un superficie chius orientt con cmpo normle unitrionˆ uscente d. e F(,,z) F (,,z) i F (,,z) j F (,,z) k è un cmpo vettorile

Dettagli

Integrale Definito. Appunti di analisi matematica: Il concetto d integrale nasce per risolvere due classi di problemi: Integrale Definito

Integrale Definito. Appunti di analisi matematica: Il concetto d integrale nasce per risolvere due classi di problemi: Integrale Definito Appunti di nlisi mtemtic: Integrle Deinito Il concetto d integrle nsce per risolvere due clssi di prolemi: Integrle Deinito Clcolo delle ree di ig. delimitte d curve clcolo di volumi clcolo del lvoro di

Dettagli

Elementi di Geometria. Lezione 02

Elementi di Geometria. Lezione 02 Elementi di Geometri Lezione 02 Angoli complementri e supplementri Due ngoli si dicono complementri qundo l loro somm è un ngolo retto. In Figur 15 i due ngoli e sono complementri perché, sommti come descritto

Dettagli

Esercizi sulle curve in forma parametrica

Esercizi sulle curve in forma parametrica Esercizi sulle curve in form prmetric Esercizio. L Elic Cilindric. Dt l curv di equzioni prmetriche: xt cos t yt sin t t 0 T ] > 0 b IR zt bt trovre: versore tngente normle binormle vettore curvtur rggio

Dettagli

UNITA DI MISURA. distanze

UNITA DI MISURA. distanze Unità di misur. ppunti di Topogrfi UNIT DI MISUR distnze L unità di misur bitulmente impiegt per esprimere le distnze è il metro. Per grndezze molto piccole è opportuno ricorrere i sottomultipli, centimetro

Dettagli

MODALITA DIVALUTAZIONE DEGLI STUDENTI CON CARENZE NEL SECONDO QUADRIMESTRE ESITO SOSPESO MATEMATICA BIENNIO. Coordinatrice: Prof. ANTONINA CASTANIOTTO

MODALITA DIVALUTAZIONE DEGLI STUDENTI CON CARENZE NEL SECONDO QUADRIMESTRE ESITO SOSPESO MATEMATICA BIENNIO. Coordinatrice: Prof. ANTONINA CASTANIOTTO LICEO SCIENTICO STATALE LEONARDO DA VINCI GENOVA.s.04-5 MODALITA DIVALUTAZIONE DEGLI STUDENTI CON CARENZE NEL SECONDO QUADRIMESTRE ESITO SOSPESO MATEMATICA BIENNIO Coordintrice: Prof. ANTONINA CASTANIOTTO

Dettagli

5 2d x x >12. con a, b, c e d parametri reali. Il grafico di f (x) passa per l origine del sistema di riferimento

5 2d x x >12. con a, b, c e d parametri reali. Il grafico di f (x) passa per l origine del sistema di riferimento Questionrio Risolvi quttro degli otto quesiti: L Città dello sport è un struttur sportiv progettt dll rchitetto Sntigo Cltrv e mi complett, situt sud di Rom Rispetto l sistem di riferimento indicto in

Dettagli

CORSO ZERO DI MATEMATICA

CORSO ZERO DI MATEMATICA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO FACOLTÀ DI ARCHITETTURA CORSO ZERO DI MATEMATICA ESPONENZIALI E LOGARITMI Dr. Ersmo Modic ersmo@glois.it www.glois.it POTENZA CON ESPONENTE REALE Definizione: Dti un numero

Dettagli

Integrali. all integrale definito all integrale indefinito. Integrali: riepilogo

Integrali. all integrale definito all integrale indefinito. Integrali: riepilogo Integrli ll integrle deinito ll integrle indeinito Indice dell lezione Integrle Deinito Rettngoloide Integrle deinito come re del rettngoloide Esempi e propriet Primitiv Teorem ondmentle del clcolo integrle

Dettagli

INTERVALLI NELL INSIEME R

INTERVALLI NELL INSIEME R INTEVALLI NELL INSIEME Lo studio dell topologi (1) (dl greco "nlysis situs" ossi "studio del luogo") dell'insieme è di fondmentle importnz per gli rgomenti e i prolemi di nlisi infinitesimle. Il "luogo"

Dettagli

8 Controllo di un antenna

8 Controllo di un antenna 8 Controllo di un ntenn L ntenn prbolic di un rdr mobile è montt in modo d consentire un elevzione compres tr e =2. Il momento d inerzi dell ntenn, Je, ed il coefficiente di ttrito viscoso, f e, che crtterizzno

Dettagli

POTENZA CON ESPONENTE REALE

POTENZA CON ESPONENTE REALE PRECORSO DI MATEMATICA VIII Lezione ESPONENZIALI E LOGARITMI E. Modic mtemtic@blogscuol.it www.mtemtic.blogscuol.it POTENZA CON ESPONENTE REALE Definizione: Dti un numero rele > 0 ed un numero rele qulunque,

Dettagli

Vettori - Definizione

Vettori - Definizione Vettori - Definizione z Verso Origine Modulo Direzione V y Form geometri x Form nliti Un vettore è un ente geometrio definito d: - Direzione: rett sull qule gie il vettore, he ne indi l orientmento nello

Dettagli

L IPERBOLE. L iperbole è il luogo geometrico dei punti del piano per i quali è costante la differenza delle distanze da due punti fissi detti fuochi.

L IPERBOLE. L iperbole è il luogo geometrico dei punti del piano per i quali è costante la differenza delle distanze da due punti fissi detti fuochi. prof.ss Cterin Vespi 1 Appunti di geometri nliti L IPERBOLE L iperole è il luogo geometrio dei punti del pino per i quli è ostnte l differenz delle distnze d due punti fissi detti fuohi. Sino F1 e F i

Dettagli

Esponenziali e logaritmi

Esponenziali e logaritmi Esponenzili e ritmi ESPONENZIALI Potenze con esponente rele L potenz è definit: se > 0, per ogni R se 0, per tutti e soli gli R se < 0, per tutti e soli gli Z Sono definite: ( ) ( ) ( ) 7 7 Non sono definite:

Dettagli

Appunti di matematica 3 Indice

Appunti di matematica 3 Indice Appunti di mtemtic Indice. Ripsso di lgebr e geometri del biennio. Geometri nlitic Il pino crtesino Rett Circonferenz Prbol Ellisse Iperbole Complementi di geometri nlitic. Successioni numeriche. Funzione

Dettagli

Liceo Scientifico Sperimentale anno 2002-2003 Problema 1 Bernardo Pedone. ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE PNI anno 2002-2003

Liceo Scientifico Sperimentale anno 2002-2003 Problema 1 Bernardo Pedone. ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE PNI anno 2002-2003 Liceo Scientifico Sperimentle nno - Problem Bernrdo Pedone ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE PNI nno - PROBLEMA Nel pino sono dti: il cerchio γ di dimetro OA =, l rett t tngente γ

Dettagli

Antonella Greco, Rosangela Mapelli. E-Matematica. E-Book di Matematica per il triennio. Volume 1

Antonella Greco, Rosangela Mapelli. E-Matematica. E-Book di Matematica per il triennio. Volume 1 Antonell Greco, Rosngel Mpelli E-Mtemtic E-Book di Mtemtic per il triennio Volume COPIA SAGGIO Cmpione grtuito fuori commercio d esclusivo uso dei docenti Grmond 009 Tutti i diritti riservti Vi Tevere,

Dettagli