ESERCIZI ESERCIZI. Test di autoverifica Prova strutturata conclusiva ESERCIZI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ESERCIZI ESERCIZI. Test di autoverifica... 206 Prova strutturata conclusiva... 208 ESERCIZI"

Transcript

1 Indice cpitolo Insiemi ed elementi di logic Insiemi... Operzioni con gli insiemi... 8 Introduzione ll logic... 9 Connettivi e tvole di verità... Espressioni proposizionli... 0 Predicti e quntifictori... Insiemi e logic... 9 Complementi di logic... in sintesi... ppliczioni informtiche... 7 cpitolo Relzioni e funzioni Prodotto crtesino... 9 Relzioni inrie... Relzioni di equivlenz... 9 Relzioni di ordine... unzioni... 7 Leggi di composizione... Complementi... 0 in sintesi... ppliczioni informtiche... cpitolo Di numeri nturli i numeri reli L insieme N dei numeri nturli... 0 Le operzioni nell insieme dei numeri nturli L insieme Z dei numeri interi... 9 Le operzioni nell insieme dei numeri interi... L insieme Q dei numeri rzionli... Le operzioni nell insieme dei numeri rzionli.. Rppresentzione decimle dei numeri rzionli Richimi su rpporti, proporzioni, percentuli 9 Introduzione elementre dell insieme R dei numeri reli... 0 Sistemi di numerzione... 9 in sintesi... 7 ppliczioni informtiche... ESERCIZI Insiemi... Operzioni con gli insiemi... Introduzione ll logic Connettivi e tvole di verità... 8 Espressioni proposizionli... 9 Predicti e quntifictori Insiemi e logic Complementi di logic... 0 Test di utoverific... Prov strutturt conclusiv sugli insiemi... sugli elementi di logic... 7 ESERCIZI Prodotto crtesino... 9 Relzioni inrie... Relzioni di equivlenz... 7 Relzioni di ordine unzioni... 8 Leggi di composizione... 0 Test di utoverific... 0 Prov strutturt conclusiv ESERCIZI 7 L insieme N dei numeri nturli... 9 Le operzioni nell insieme dei numeri nturli 70 L insieme Z dei numeri interi Le operzioni nell insieme dei numeri interi L insieme Q dei numeri rzionli Le operzioni nell insieme dei numeri rzionli.. 9 Rppresentzione decimle dei numeri rzionli... 8 Richimi su rpporti, proporzioni, percentuli 0 9 Introduzione elementre dell insieme R dei numeri reli... 0 Sistemi di numerzione... Test di utoverific... Prov strutturt conclusiv... II

2 Indice cpitolo Monomi e polinomi... Generlità sul clcolo letterle... Monomi... 7 Operzioni con i monomi... Polinomi... 7 ddizione e sottrzione di polinomi... Moltipliczione di polinomi... 7 Prodotti notevoli Divisione di polinomi Regol di Ruffini... in sintesi ppliczioni informtiche cpitolo Scomposizione di polinomi e frzioni lgeriche Scomposizione di polinomi in fttori... 7 Mssimo comune divisore e minimo comune multiplo di polinomi rzioni lgeriche... 9 ddizione lgeric di frzioni lgeriche... 9 Moltipliczione, divisione ed elevmento potenz di frzioni lgeriche Espressioni con frzioni lgeriche in sintesi... 0 ppliczioni informtiche... cpitolo Equzioni di primo grdo Generlità sulle equzioni... 8 Principi di equivlenz delle equzioni Risoluzione delle equzioni numeriche intere... 9 Risoluzione delle equzioni numeriche frtte... 9 Risoluzione e discussione delle equzioni letterli intere... 9 Risoluzione di prolemi con equzioni... 0 in sintesi... 0 ppliczioni informtiche... 0 ESERCIZI Generlità sul clcolo letterle... 8 Monomi... 9 Operzioni con i monomi... 9 Polinomi... ddizione e sottrzione di polinomi... Moltipliczione di polinomi Prodotti notevoli... 8 Divisione di polinomi. Regol di Ruffini... 8 Soluzioni degli esercizi... 0 Test di utoverific... Prov strutturt conclusiv... ESERCIZI Scomposizione di polinomi in fttori... 7 Mssimo comune divisore e minimo comune multiplo di polinomi... rzioni lgeriche... ddizione lgeric di frzioni lgeriche... Moltipliczione, divisione ed elevmento potenz di frzioni lgeriche... 7 Espressioni con frzioni lgeriche... 7 Soluzioni degli esercizi Test di utoverific Prov strutturt conclusiv... 8 ESERCIZI Generlità sulle equzioni... 0 Principi di equivlenz delle equzioni... Risoluzione delle equzioni numeriche intere... 9 Risoluzione delle equzioni numeriche frtte... Risoluzione e discussione delle equzioni letterli intere... 9 Risoluzione di prolemi con equzioni... 0 Soluzioni degli esercizi... 7 Test di utoverific... 8 Prov strutturt conclusiv... 9 Sched ppendice Gli lgoritmi... 0 Sched ppendice Il foglio elettronico Excel... Sched ppendice Il softwre mtemtico Derive... 8 Risposte esercizi conclusivi... III

3 cpitolo di Insiemi ed elementi logic prerequisiti Possedere le nozioni fondmentli di multiplo e di divisore nei numeri nturli e di ordinmento dei numeri nturli e interi Conoscere in modo intuitivo le principli figure geometriche conoscenze cquisire l itudine un rgionmento logico Conoscere il linguggio dell teori degli insiemi Cpire il concetto di proposizione e sper ssegnre il vlore di verità Conoscere i metodi di deduzione in mtemtic ilità Sper eseguire le operzioni con gli insiemi Sper utilizzre i connettivi logici e costruire le tvole di verità Sper verificre l vlidità di un rgionmento Sper utilizzre il quntifictore universle e il quntifictore esistenzile percorso INSIEMI LOGIC Operzioni con gli insiemi Predicti Proposizioni Connettivi L deduzione in mtemtic Regole di deduzione

4 cpitolo Insiemi ed elementi di logic edere esercizi pg. Insiemi Nel linguggio comune l prol insieme è utilizzt per indicre rggruppmenti di oggetti reli o strtti. L teori degli insiemi è recente, poiché, mentre nei secoli precedenti l XIII si prlv genericmente di insiemi in modo discorsivo, lo sviluppo dell teori è oper del mtemtico Georg Cntor (8-98). L teori degli insiemi si è rivelt di importnz fondmentle per l mtemtic, si per gli spetti teorici, si per le ppliczioni i prolemi dell lger, dell nlisi, del clcolo delle proilità ecc. edere Geometri, cpitolo Non è possiile definire in modo rigoroso il concetto di insieme, perché nell definizione si dovree fre uso di sinonimi, quli ggregto, collezione, clsse ecc., che loro volt dovreero essere definiti medinte ltri sinonimi, e così vi. Il concetto di insieme è ssunto quindi come concetto primitivo. nlogmente sono ssunti come primitivi i concetti di elemento e di pprtenenz. llo stesso modo si procede in Geometri per i concetti di punto, rett, pino. differenz del linguggio comune si può prlre di insieme in senso mtemtico solo qundo è possiile decidere se un elemento pprtiene o non pprtiene ll insieme. Costituiscono insiemi: i mesi dell nno; le vocli dell lfeto itlino; le utovetture prodotte nell nno 007 dll IT, perché dt un qulsisi utovettur possimo stilire se è un mcchin dell IT e in che nno è stt prodott; i dipendenti di un società, perché possimo stilire se un lvortore è impiegto in un determint società; i numeri nturli, inftti dto un numero qulsisi possimo stilire se è un numero nturle o meno; i numeri dispri; i punti di un rett prefisst. Non costituiscono insiemi: i cittdini utorevoli, inftti non è possiile stilire se un cittdino è utorevole o non lo è perché il giudizio è soggettivo; gli lunni simptici dell ª C: nche in questo cso il giudizio è soggettivo: un lunno può risultre simptico per lcuni m non per ltri; le pietnze gustose, poiché un pitto può risultre gustoso per lcune persone, m non per ltre. prim di continure Esminre se sono insiemi i seguenti rggruppmenti: i giorni dell settimn; i sentori dell Repulic itlin; i mesi di 0 giorni; le città itline più popolte; le montgne lte d Europ; i comuni itlini con più di 000 itnti. Sono insiemi finiti quelli i cui elementi possono essere tutti elencti, come i primi quttro del precedente. Sono insiemi infiniti quelli dei quli non è possiile elencre gli elementi, come gli ultimi tre del precedente.

5 prgrfo Insiemi Nel corso del nostro studio conosceremo lcuni insiemi infiniti che indichimo con i simoli clssici: N Z = = { numeri nturli} = { 0,,,,,,,...} { numeri interi} = {...,,, 0,,,,,...} = = eri che sono il rpporto di due Q numeri rzionli insieme formto di num numeri interi R = { numeri reli} = insieme formto di numeri rzionli e di numeri irrzionli Si è soliti indicre gli insiemi con lettere miuscole dell lfeto, B, C,, e gli elementi pprtenenti essi con lettere minuscole,, c,, x, y, Per esprimere che un elemento pprtiene un insieme si utilizz il simolo, che è detto simolo di pprtenenz. Per esprimere che un elemento non pprtiene un insieme si rr il simolo di pprtenenz e si scrive. Così, dto l insieme delle vocli dell lfeto itlino, si scrive:, e,..., m, p,... Un insieme può essere individuto in due modi: per elenczione, ossi fcendo l list di tutti gli elementi che pprtengono ll insieme e rcchiudendoli fr due prentesi grffe; medinte un proprietà crtteristic, ossi ssegnndo un proprietà soddisftt d tutti e soli gli elementi dell insieme. L insieme dei numeri nturli divisori di può essere indicto: per elenczione: = {,,,,, 8,, } con proprietà crtteristic: = x N x è divisore di che si legge: è l insieme degli x nturli, tli che x è divisore di. L espressione essere divisore di individu un proprietà definit nell insieme dei numeri nturli. L insieme delle potenze di 0 con esponente un numero nturle può essere indicto: per elenczione: B = {, 0, 00, 000,...} dove i puntini stnno indicre che, essendo B un insieme infinito, non si possono elencre tutti i suoi elementi. con proprietà crtteristic: B = x N x = 0 k, con k N prim di continure Trovre due insiemi, uno finito e l ltro infinito, individuti si per elenczione, si medinte proprietà crtteristic. imo detto che per individure un insieme l condizione fondmentle è l possiilità di poter decidere con ssolut sicurezz se un elemento pprtiene, o non pprtiene, ll insieme. tle scopo occorre che l espressione ssegnt per individure l insieme non si migu. RCS Liri S.p.. - Divisione Eduction, Milno

6 cpitolo Insiemi ed elementi di logic L espressione le utomoili veloci non individu lcun insieme perché non è univoco il concetto di velocità ; si dovree precisre, per, le utomoili che possono rggiungere o superre i 80 km/h. L espressione: i numeri fortunti non individu un insieme perché l fortun non è un ttriuto che rigurd i numeri. Per visulizzre meglio gli insiemi si utilizzno rppresentzioni grfiche, dette digrmmi di Eulero-enn, molto note fin dll scuol primri. Si trcci un line chius non intreccit e nell su regione intern si segnno i punti rppresenttivi degli elementi dell insieme. Individuimo per elenczione e medinte l proprietà crtteristic i seguenti insiemi e poi rppresentimoli medinte un digrmm di Eulero-enn. fig. L insieme delle vocli dell lfeto itlino. per elenczione: = {, e, i, o, u } con l proprietà crtteristic: = { x x è vocle dell lfeto itlino } e o i u Rppresentimo l insieme medinte un digrmm di Eulero-enn (fig. ). fig. 7 D 9 L insieme D dei numeri dispri. per elenczione: con l proprietà crtteristic: D = {,,, 7, 9,,...} = { = + } D = x N x è dispri x N x n con n N Rppresentimo l insieme D medinte un digrmm di Eulero-enn (fig. ). Considerimo due prticolri insiemi che semrno in contrsto con il concetto primitivo di insieme: l insieme unitrio, che è formto d un solo elemento; l insieme vuoto, che è privo di elementi. Entrmi questi insiemi sono definiti ssegnndo un proprietà crtteristic. Considerimo l insieme: E = { x N x + = } = { } E = { } è l insieme unitrio perché comprende un solo elemento. Se si ssegn un proprietà crtteristic che non è soddisftt d lcun elemento dell insieme si ottiene l insieme vuoto, che si indic con il simolo, oppure con.

7 prgrfo Insiemi 7 L insieme dei numeri nturli compresi fr e, che si indic: = { x N < x < } = è un insieme vuoto perché è privo di elementi, inftti non vi è nessun numero nturle compreso fr due e tre. L insieme G = { x N x = } = è un insieme vuoto perché nessun numero nturle elevto l qudrto dà un risultto negtivo. prim di continure Determinre medinte l proprietà crtteristic un insieme formto d un solo elemento e un insieme vuoto. Uguglinz di insiemi Si dice che due insiemi sono uguli se sono formti con gli stessi elementi, indipedentemente dll ordine con il qule sono elencti. 8 Si l insieme delle lettere dell prol orso e si B l insieme delle lettere dell prol rosso : = { o, r, s} B = { r, o, s} I due insiemi sono uguli, = B, perché sono formti con gli stessi elementi. Dll si evidenzi che ogni elemento compre un sol volt e non è corretto ripetere lo stesso elemento. fig. B Sottoinsiemi Considerimo l insieme N dei numeri nturli e l insieme P dei numeri primi (cioè quei numeri nturli che mmettono come divisori distinti solo se stessi e uno). L insieme P dei numeri primi si può scrivere: Dll definizione di numero primo si not che ogni numero primo è un numero nturle. In questo cso si dice che P è sottoinsieme dell insieme dei numeri nturli. In generle: = P = x N x è primo,,, 7,,,... ssegnto un insieme, si dice che un insieme B è sottoinsieme di, e si scrive B, se e solo se ogni elemento di B è nche elemento di. Per indicre che B è contenuto in (B potree nche coincidere con ) si utilizz il simolo, detto simolo di inclusione fr i due insiemi. Per indicre che B non è sottoinsieme di si rr il simolo di inclusione:.

8 cpitolo Insiemi ed elementi di logic 9 È dto l insieme Considerimo gli insiemi: = { x x è mese dell nno }. B x x mese dell nno di 0 giorni = C = x x mese dell nno con meno di 0 giorni L insieme B è sottoinsieme dell insieme e si scrive B. L insieme unitrio ferio è sottoinsieme di e si scrive C. C = fig. È ssegnto l insieme: = {,,,,,, 7, 8, 9, 0} C Si possono considerre vri sottoinsiemi di, per : B,,, 8, 0 C,, 9 D,,, 7 = = = Si scrive B, C, D. Rppresentimo grficmente gli insiemi e C (fig. ). 0 L insieme E = {,,, } non è sottoinsieme di perché l elemento pprtiene E, m non pprtiene d e si scrive E. Un sottoinsieme B di un insieme si può individure ssegnndo un proprietà crtteristic soddisftt solo dgli elementi di che pprtengono B. 0 Il sottoinsieme D dei numeri nturli multipli di 0 si può scrivere: = D = x N x è multiplo di 0 0, 0, 0, 0, 0, 0,... r i sottoinsiemi di un insieme vi sono due insiemi prticolri, detti sottoinsiemi impropri e precismente: l insieme è sottoinsieme di se stesso perché soddisf l definizione di sottoinsieme; l insieme è sottoinsieme di ogni insieme perché si può individure medinte un proprietà crtteristic non soddisftt d lcun elemento. I sottoinsiemi P che contengono lcuni elementi di, m non li contengono tutti, sono detti sottoinsiemi propri e si possono nche indicre con l scrittur P, con cui si esclude che P si ugule d. Dto l insieme = { 0,,,, 8, 0} : = il sottoinsieme B = x x è pri è sottoinsieme improprio di ; = il sottoinsieme C = x x è divisore di, perché nessun elemento di è divisore di, quindi C è sottoinsieme improprio di ;

9 prgrfo Insiemi c è un sottoinsieme proprio di e si può scri- Il sottoinsieme D = x x vere D. { è multiplo di } = { 0, } prim di continure d Dto l insieme,, c, d, e, f, g, indicre qulche sottoinsieme di, si proprio si improprio, e rppresentrli con i digrmmi di Eulero-enn. = Non si devono confondere i due simoli e, perché indic l pprtenenz di un elemento un insieme, quindi un relzione fr un elemento e un insieme, mentre indic un relzione fr due insiemi. ssegnto l insieme = {,,,, } è corretto scrivere: per l pprtenenz:, per l inclusione: {, }, { }, {,, } È invece errto scrivere, per :, { }, {,, } Insieme delle prti ssegnto un insieme si possono formre vri sottoinsiemi propri di, oltre i due insiemi impropri (ossi stesso e l insieme vuoto). L insieme formto d tutti i sottoinsiemi di un insieme è detto insieme delle prti di ed è indicto con (). Dto l insieme = {,, c } si possono costruire i seguenti sottoinsiemi con: zero elementi: ; un elemento: due elementi: { }, { }, { c }; {, }, { c, }, { c, }; tre elementi: Perciò si h: { c,, } =. ( ) = { },,, c,,, c,, c,,. fig. c ( ) { } { } {, c } { c } {, } {, c } Con i digrmmi di Eulero-enn si hnno le rppresentzioni riportte in figur. È importnte sottolinere che gli elementi di () sono sottoinsiemi e quindi doimo scrivere: (), {, } (), {c } (), mentre, fcendo riferimento ll insieme, come imo visto sopr, si deve scrivere:, {, }, {c } 7

10 cpitolo Insiemi ed elementi di logic osserv L possiilità di considerre insiemi i cui elementi sono essi stessi degli insiemi è frequente nel linguggio comune. Per, si prl dell insieme delle clssi di un istituto i cui elementi sono le clssi, che sono insiemi di llievi; si prl dell insieme delle squdre di pllvolo di serie, i cui elementi, le squdre, sono insiemi di gioctori ecc. Per determinre il numero dei sottoinsiemi propri e impropri di un insieme finito, inizimo considerndo insiemi di zero, uno, due, tre elementi. Si h: con zero elementi con elemento: 0 con elemento, con elementi: = B, con elementi B,,,, con elementi: = C,, c con elementi = ( ) = { } ( ) = { } ( ) = { } ( ) = { { } C,,, c,,, c,, c,, c,, } con 8 elementi: In generle, se l insieme E è formto d n elementi si può verificre che l insieme (E) h n elementi. edere esercizi pg. Operzioni con gli insiemi Nello studio delle operzioni con gli insiemi, se non è indicto diversmente, si suppone l esistenz di un insieme universo U che i come sottoinsiemi gli insiemi con i quli si oper. Pertnto, le operzioni vengono eseguite sugli elementi dell insieme (U). Insieme complementre ssegnto un insieme e un sottoinsieme B, si definisce complementre di B rispetto d l insieme degli elementi di che non pprtengono B. L insieme complementre di B rispetto d si indic con l scrittur oppure semplicemente B ( B), se dl contesto è chiro qul è l insieme rispetto l qule si consider il complementre. Nell insieme delle lettere dell lfeto itlino: = { x è letter dell lfeto itlino } =,, c,..., v, z il sottoinsieme delle vocli e il suo complementre delle consonnti sono (fig. ): = { x x è vocle } = {, e, i, o, u} = x x nonèvocle, c, d, f,..., z = fig. d i e o u z c f 8

11 prgrfo Operzioni con gli insiemi fig. 7 P P Nell insieme N dei numeri nturli considerimo il sottoinsieme P dei numeri pri: = P = x N x è pri 0,,,, 8,... L insieme formto di numeri nturli non pri, cioè di numeri dispri, è il complementre di P rispetto N: 0 = P = x N x non è pri,,, 7, 9,... È interessnte notre l seguente proprietà: se P è l insieme complementre di P, il complementre di P, cioè dei numeri dispri, è il sottoinsieme P dei numeri pri. N L proprietà rilevt nell vle in generle. Dti un insieme e un suo sottoinsieme B, il complementre rispetto d del complementre del sottoinsieme B è il sottoinsieme B stesso: (B) = B = = B prim di continure Completre le seguenti proposizioni: nell insieme universo degli llievi di un scuol secondri quinquennle il sottoinsieme degli lunni del iennio h come complementre... ; nell insieme universo dei tringoli di un pino il sottoinsieme dei tringoli rettngoli h come complementre il sottoinsieme dei.... osserv Il complementre di rispetto d stesso è l insieme vuoto e il complementre rispetto d dell insieme vuoto è l insieme : () = ( ) = Intersezione fr insiemi ssegnti due insiemi e B si definisce intersezione fr e B, e si indic con B l insieme formto dgli elementi comuni i due insiemi e B. L intersezione fr gli insiemi e B si può esprimere in modo sintetico: B = x x e x B Se gli insiemi e B non hnno elementi in comune l loro intersezione è l insieme vuoto e gli insiemi si dicono disgiunti. 9

12 cpitolo Insiemi ed elementi di logic fig. 8 8 Gli insiemi: = { { N è divisore di 8}= {,,,, 9, 8} = x N x è divisore di,,,,, 8,, } B = x x hnno lcuni elementi in comune. L insieme formto dgli elementi comuni è l intersezione fr gli insiemi e B: B ={,,, }= x N x è divisore di 9 B 8 N Come si può osservre dll figur 8 l intersezione fr due insiemi è rppresentt dll prte colort comune i due insiemi. Gli insiemi: = { x è letter dell prol cne }= { c,, n, e} B = { x è letter dell prol orologio }= o, r, l, g, i fig. 9 e n c r g l o i B U non hnno elementi comuni, pertnto l intersezione fr e B è l insieme vuoto e gli insiemi sono disgiunti: B =. L rppresentzione con i digrmmi di Eulero-enn, dove l insieme U universo è l insieme delle lettere dell lfeto itlino, è riportt in figur 9. c Si considerino gli insiemi: = { x N x è multiplo di }= 0,,,, 8, 0,,,, 8, 0,... B = { x N x è multiplo di }= { 0,, 0,, 0,,...} L intersezione fr gli insiemi e B è l insieme dei multipli si di si di, cioè è l insieme dei multipli di 0: B ={ 0, 0, 0,...}= x N x è multiplo di 0 prim di continure Determinre l intersezione fr le seguenti coppie di insiemi. d = {,,, 8, 0, } e B = {,, 9,, } e = { x N x èmultiplo di } e B = { x N x è minore di } 0

13 prgrfo Operzioni con gli insiemi f Scrivere esempi di due insiemi e B tli che: sino disgiunti; ino come intersezione il sottoinsieme: B = {,, }; l insieme B si sottoinsieme proprio dell insieme. In questo cso, che cos si può dire dell insieme B? Unione fr insiemi ssegnti due insiemi e B si definisce unione fr e B, e si indic con B, l insieme degli elementi che pprtengono lmeno uno degli insiemi. L unione fr gli insiemi e B si può esprimere in modo sintetico: B = { x x o x B} fig B U Dti gli insiemi: B = {,,,, 8} = {,,, 9,, 8 } l unione fr e B è: B = {,,,,, 8, 9,, 8} Nell rppresentzione grfic (fig. 0) l prte in colore rppresent l unione fr gli insiemi e B. Ricordimo che gli elementi di un insieme vnno considerti un sol volt; perciò gli elementi,, comuni gli insiemi e B, non devono essere ripetuti. Nell insieme delle fmiglie di un città sono dti gli insiemi: = x x possiede un computer B = x x possiede un televisore Si h: B = { x x possiede un computer o un televisore } mentre: B = { x x possiede un computer e un televisore } Osservimo che se uno dei due insiemi, B è sottoinsieme dell ltro, per B llor B =, mentre B = B.

14 cpitolo Insiemi ed elementi di logic fig. Sono dti gli insiemi: = { N è multiplo di } = { 0,, 8,,...} = x N x è multiplo di 0,,,, 8, 0,... B = x x B 8 0 Poiché B risult: B = { 0,, 8,,...} = B B = { 0,,,, 8, 0,...} = 0 fig. U Rispetto lle operzioni di intersezione e di unione si possono crtterizzre due insiemi e complementri rispetto un insieme U: = = U come si può osservre nell rppresentzione di Eulero-enn in figur. Dto l insieme N, i sottoinsiemi: P = x N x è pri P x N x è dispri sono due sottoinsiemi di N complementri e risult: P P = P P = N prim di continure Determinre l unione e l intersezione delle seguenti coppie di insiemi. = { } = x N x è un numero dispri minore di 0 B = { x N x è multiplo di minore di 0 } C = { x x è rettngolo del pino α } D = x x è romo del pino α Differenz fr insiemi ssegnti due insiemi e B si definisce differenz fr e B (in questo ordine) l insieme formto dgli elementi di che non pprtengono B. L differenz fr gli insiemi e B si indic con \ B (o nche B) e si può esprimere in modo sintetico: \ B = x x e x B

15 prgrfo Operzioni con gli insiemi Grficmente, l insieme differenz \ B è rppresentto dll zon colort in figur. fig. \B B U Osservndo l figur si può notre che: \ B = B Inftti, per definizione, \ B è formto dgli elementi di che non pprtengono B e che perciò pprtengono l complementre di B. ssegnti gli insiemi: = { x N x è divisore di} = {,,,,, 8,, } B = x N x è divisore di0,,,, 0, 0 = l differenz è: = {,, 8,, } \ B = x N x è divisore di e non è divisore di 0 fig. U B Se B, l differenz \ B è il complementre di B rispetto d. 7 ssegnti gli insiemi: = {,,, 7, 9, } B = {,, 7, } essendo B, risult: \ B = {, 9} = B

16 cpitolo Insiemi ed elementi di logic in sintesi Insiemi ed elementi di logic Insiemi I concetti di insieme, elemento, pprtenenz sono concetti primitivi. Un insieme si dice finito se si possono elencre tutti i suoi elementi, ltrimenti si dice infinito. Un insieme si può individure per elenczione fcendo l list di tutti i suoi elementi; medinte un proprietà crtteristic, ossi ssegnndo un proprietà soddisftt d tutti e soli gli elementi dell insieme. Un insieme si può rppresentre grficmente medinte un digrmm di Eulero-enn. Un insieme individuto medinte un proprietà crtteristic se non è soddisftto d lcun elemento dell insieme si dice insieme vuoto. Due insiemi si dicono uguli se sono formti dgli stessi elementi. ssegnto un insieme si dice che un insieme B è sottoinsieme di, e si indic con l scrittur B se ogni elemento di B è nche elemento di. Sono detti sottoinsiemi impropri di un insieme l insieme vuoto e l insieme stesso, ltrimenti i sottoinsiemi contenenti lcuni elementi di, m non tutti, sono detti sottoinsiemi propri. L insieme formto d tutti i sottoinsiemi di un insieme, propri e impropri, è detto insieme delle prti di, ed è indicto con (). Se l insieme h n elementi l insieme () h n elementi. Operzioni con gli insiemi Se B è sottoinsieme di, si dice complementre di B rispetto d (e si indic con (B) oppure con B ) l insieme degli elementi di che non pprtengono B. Il complementre del complementre di B rispetto d è B stesso. Si definisce intersezione di due insiemi e B, e si indic con B il sottoinsieme formto dgli elementi comuni i due insiemi, cioè: B = {x x ex B } Se e B non hnno elementi comuni l intersezione è l insieme vuoto e gli insiemi e B si dicono disgiunti. Si definisce unione di due insiemi e B, e si indic con B l insieme degli elementi che pprtengono lmeno uno dei due insiemi, cioè: B = {x x o x B } Se B, llor B = B e B =. Si definisce differenz fr due insiemi e B (in questo ordine) e si indic con \ B (oppure B), l insieme formto dgli elementi di che non pprtengono B, cioè: \ B = {x x e x B } Proprietà delle operzioni fr insiemi Proprietà di idempotenz dell intersezione e dell unione: = = Proprietà commuttiv dell intersezione e dell unione: B = B B = B Proprietà ssocitiv dell intersezione e dell unione: ( B) C = (B C) ( B) C = (B C) Proprietà distriutiv dell intersezione rispetto ll unione: (B C) = ( B) ( C) Proprietà distriutiv dell unione rispetto ll intersezione: (B C) = ( B) ( C) Prtizione di un insieme Dto un insieme si definisce prtizione di un insieme un fmigli di n sottoinsiemi B i di tli che: non sino vuoti; ciscuno si disgiunto d ogni ltro; l unione di tutti i B i si l insieme. Elementi di logic Proposizioni Si definisce proposizione un espressione del linguggio cui si poss ttriuire il vlore vero o il vlore flso. Principio di non contrddizione. Un proposizione non può essere contempornemente ver e fls. Principio del terzo escluso. Un proposizione o è ver o è fls, non vi sono ltre possiilità. Un proposizione è dett semplice (o tomic) se è formt d un soggetto, un predicto ed eventulmente d uno o più complementi. Un proposizione è dett compost (o molecolre) se si ottiene collegndo, medinte i connettivi logici, due o più proposizioni semplici. Connettivi e tvole di verità L negzione ( p) di un proposizione p è un proposizione fls se p è ver e vicevers. L congiunzione (p q) di due proposizioni p e q è un proposizione ver solo se entrme le proposizioni p e q sono vere, fls in tutti gli ltri csi.

17 cpitolo Insiemi ed elementi di logic L disgiunzione inclusiv (p q) di due proposizioni p e q è un proposizione ver se lmeno un delle proposizioni componenti è ver, fls se entrme sono flse. L disgiunzione esclusiv (p q) di due proposizioni p e q è un proposizione ver se un sol delle due proposizioni è ver, fls negli ltri csi. Il connettivo se llor (in simoli ) oper su due proposizioni: p, dett ntecedente, e q dett conseguente. L impliczione mterile (o condizionle) fr due proposizioni è un proposizione fls solo se l ntecedente è vero e il conseguente è flso, mentre è ver in tutti gli ltri csi. Il connettivo: se e solo se (in simoli ) oper su due proposizioni. L doppi impliczione fr due proposizioni è ver se entrme hnno lo stesso vlore di verità, fls negli ltri csi. Tvole di verità p p p q p q p q p q p q p q Due proposizioni venti l stess tvol di verità si dicono logicmente equivlenti. Proprietà delle operzioni logiche Proprietà di idempotenz: p p = p p p = p Proprietà commuttiv: p q = q p p q = q p Proprietà ssocitiv: (p q) r = p (q r) (p q) r = p (q r) Proprietà distriutiv dell congiunzione rispetto ll disgiunzione: p (q r) = (p q) (p r) Proprietà distriutiv dell disgiunzione rispetto ll congiunzione: p (q r) = (p q) (p r) Prim legge di de Morgn: (p q) = p q Second legge di de Morgn: (p q) = p q Proprietà dell impliczione: p q = p q Proprietà dell doppi impliczione: p q = (p q) (q p) nlisi delle proposizioni composte Un proposizione compost è dett tutologi se è sempre ver, qulunque sino i vlori di verità delle proposizioni componenti. Un proposizione compost è dett contrddizione se è sempre fls, qulunque sino i vlori di verità delle proposizioni componenti. Predicti e quntifictori Si dice form proposizionle un vriile definit in un insieme universo U, ogni espressione contenente un vriile x che divent un proposizione per tutti i vlori ssegnti d x dell universo U. Il sottoinsieme dei vlori di U che rendono ver l proposizione, è detto insieme di verità. lle forme proposizionli si possono pplicre i connettivi definiti per le proposizioni, ossi: p(x) negzione dell form proposizionle p(x); p(x) q(x) congiunzione delle forme proposizionli p(x) e q(x); p(x) q(x) disgiunzione delle forme proposizionli p(x) e q(x). I quntifictori sono locuzioni che trsformno un form proposizionle in un proposizione e indicno qunti elementi di U posseggono l proprietà. Si distinguono due tipi di quntifictori: il quntifictore universle (che signific tutti, ogni ecc.) è seguito d un proprietà possedut d tutti gli elementi dell insieme universo U; il quntifictore esistenzile (che signific lcuni, esiste lmeno un ) è seguito d un proprietà possedut d lmeno un elemento dell insieme universo U. Logic e Operzioni insiemi fr forme proposizionli Negzione: p (x) Congiunzione: p (x) q (x) Disgiunzione: p (x) q (x) Operzioni fr insiemi Complementzione: Intersezione: B Unione: B

18 ppliczioni informtiche Proposte di lortorio ) un ppliczione in Derive per eseguire operzioni sugli insiemi ) un ppliczione in Derive per eseguire operzioni sulle proposizioni logiche c) un foglio elettronico per elorre le tvole di verità ) ppliczione in Derive per eseguire operzioni sugli insiemi L miente Derive, in qulità di softwre specilistico di mtemtic, esegue si il clcolo numerico che quello letterle e permette di usre opertori di tutti i tipi: ritmetici, insiemistici e logici. In questo mito è possiile: utilizzre le lettere miuscole per indicre gli insiemi specificndo con il comndo Dichir le Impostzioni di input Miuscole/minuscole Sensiile ; definire l insieme medinte l elenco degli elementi con l sintssi <nome insieme>:= {elem, elem,, elemk}, come indicto nelle prime quttro righe per gli insiemi, B, C, D; utilizzre i simoli opportuni per indicre le operzioni. Presentimo le modlità opertive delle funzioni specifiche dell lireri di Derive fornendo lcuni esempi: dimensione dell insieme con l funzione DIM (nome_insieme) (righe e dell schermt riportt pgin seguente); verific dell pprtenenz di un elemento un insieme medinte l funzione specific di sintssi MEMBER? (nome_elemento, nome_insieme) che restituisce il vlore di verità ERO /LSO (righe 7 e 8); 7

19 cpitolo Insiemi ed elementi di logic verific dell inclusione tr insiemi in modo nlogo (righe 9 e 0); risultto delle operzioni tr insiemi (righe -) per l intersezione, l unione e l differenz. Oltre risolvere operzioni insiemistiche è nche possiile verificre l vlidità delle proprietà con il pulsnte oppure il comndo Semplific. nche in questo cso proponimo lcuni esempi reltivi ll: proprietà commuttiv per l intersezione, l unione e l differenz (righe -); proprietà ssocitiv delle tre operzioni (righe 7-); proprietà distriutiv dell intersezione rispetto ll unione (righe -), dell differenz rispetto ll intersezione (righe 7-9), dell differenz rispetto ll unione (righe 0-). Si può osservre come non in tutti i csi le proprietà sino soddisftte. Elorre ltre ppliczioni in Derive per eseguire esercizi sugli insiemi presenti nel liro oppure ltri scelt. 8

20 ESERCIZI cpitolo Insiemi ed elementi di logic Insiemi erificre le conoscenze Scegliere l rispost corrett i seguenti quesiti e, in cso di difficoltà, consultre il prgrfo corrispondente dell prte teoric. ) Come si può ssegnre e rppresentre un insieme? Un insieme si può ssegnre per elenczione oppure medinte un proprietà crtteristic e si può rppresentre medinte un digrmm di Eulero-enn. Un insieme si può ssegnre medinte un espressione del linguggio e rppresentre con un grfico crtesino. ) Che cos si intende per insieme vuoto? Un insieme è vuoto se è privo di elementi ed è definito medinte un proprietà crtteristic. Un insieme vuoto è un insieme che non esiste. ) Qundo due insiemi sono uguli? Due insiemi sono uguli se contengono lo stesso numero di elementi. Due insiemi sono uguli se sono formti con gli stessi elementi. ) Come si definisce un sottoinsieme di un insieme? Si dice che un insieme B è sottoinsieme di un insieme se ogni elemento di B è nche elemento di. Si dice che un insieme B è sottoinsieme di un insieme se contiene si elementi di, si elementi di ltri insiemi. ) Che cos si intende per sottoinsieme proprio di un insieme non vuoto? Un sottoinsieme è detto proprio se soddisf ll definizione di sottoinsieme. Un sottoinsieme è detto proprio se non è vuoto e contiene lcuni elementi di, m non tutti. ) Qunti sono i sottoinsiemi propri di un insieme non vuoto? I sottoinsiemi propri di un insieme di n elementi sono n. I sottoinsiemi propri di un insieme di n elementi sono n.

21 prgrfo Insiemi ESERCIZI 7) Che cos si intende per insieme delle prti di un insieme? L insieme delle prti di è l insieme i cui elementi sono tutti i sottoinsiemi di. L insieme delle prti di è l insieme dei sottoinsiemi ottenuti dividendo in prti uguli. B Rispondere per iscritto lle seguenti domnde perte consultndo l teori per l verific dell correttezz. ) Enuncire quli sono i concetti ssunti come primitivi nell teori degli insiemi giustificndone il motivo. ) Dre le definizioni di insieme finito e di insieme infinito illustrndole con opportuni esempi. ) Esporre con esempi che cos signific che l insieme è incluso nell insieme B. ) Spiegre l differenz fr sottoinsiemi propri e sottoinsiemi impropri di un insieme. C Indicre se le seguenti proposizioni sono vere o sono flse. ) Un insieme può essere individuto per elenczione o medinte un proprietà crtteristic. ) L scrittur I signific che è un elemento dell insieme I. ) Un insieme B è sottoinsieme di un insieme se lcuni elementi di B pprtengono ll insieme, m non tutti vi pprtengono. ) L insieme {0} è un insieme vuoto. ) Se B è sottoinsieme proprio di esiste lmeno un elemento di che non pprtiene B. ) Due insiemi e B sono uguli se ogni elemento di pprtiene B e ogni elemento di B pprtiene d. 7) Gli insiemi = {x x è letter dell prol cos } e l insieme B = {x x è letter dell prol scco } non sono uguli. 8) L insieme vuoto è sottoinsieme di ogni insieme. 9) Un insieme non può essere sottoinsieme di se stesso. 0) Il numero dei sottoinsiemi propri di un insieme di n elementi è n. ) Ogni insieme è un elemento del suo insieme delle prti (). ) L insieme vuoto è un elemento dell insieme delle prti di qulsisi insieme. Sviluppre le ilità Esercizi di primo livello [. ) ; ) ; ) ; ) ; ) ; ) ; 7). C. ) vero; ) vero; ) flso; ) flso; ) vero; ) vero; 7) flso; 8) vero; 9) flso; 0) flso; ) vero; ) vero] Dire se le seguenti espressioni individuno un insieme o non lo individuno. I giornli quotidini stmpti in Itli. RCS Liri S.p.. - Divisione Eduction, Milno

22 cpitolo Insiemi ed elementi di logic ESERCIZI c d e f g h Le città itline con più di itnti. Le Regioni itline più densmente popolte. Gli studenti simptici dell mi clsse. Gli elementi chimici. Le lettere dell lfeto greco. I dipendenti dell industri utomoilistic itlin. I mri pescosi. [Le espressioni c, d, h non individuno un insieme] Dire se le seguenti espressioni individuno un insieme o non lo individuno. c d e f g h Le rette di un pino prefissto. I lti di un esgono regolre. I numeri primi. I numeri grndi. I numeri minori di. I numeri nturli divisori di 00. I tringoli venti un perimetro grnde. I numeri interi negtivi mggiori di. [Le espressioni d, e, g non individuno un insieme] Dti gli insiemi = {,,, 7} e B = {,,,, } inserire correttmente i simoli di pprtenenz e di non pprtenenz.... e B f 8... B c... g... d... B h 0... Dti gli insiemi: = {,, c} B = {x N x è divisiile per } esminre se le seguenti scritture sono corrette e in cso contrrio correggerle. c B e g B e d d f B h 00 B [Non sono corrette le scritture c, e, f] Scrivere in form simolic le seguenti espressioni dte in linguggio nturle. è un numero nturle d non è un numero intero non è un numero nturle e 0 è un numero nturle c è un numero intero f 0 è un numero intero ) N; ) N; c) Z; d) Z; e) 0 N; f) 0 Z Scrivere in linguggio nturle le seguenti relzioni espresse in form simolic. N Z c N d Z e Z ) è un numero nturle ;... d) non è u n numero intero...

23 prgrfo Insiemi ESERCIZI Esercizio guid Dto l insieme dei numeri nturli multipli di non superiori 0, dre l rppresentzione per elenczione, medinte l proprietà crtteristic e grficmente con un digrmm di Eulero-enn. Per elenczione: si scrivono gli elementi fr prentesi grffe: = {0,, 0,, 0}. Medinte l proprietà crtteristic: si indic con x un elemento generico dell insieme e dopo l rrett si scrivono le condizioni: = {x N x = h, h N e x 0 }. Con un digrmm di Eulero-enn: Rppresentre medinte elenczione i seguenti insiemi. Le prime lettere dell lfeto itlino e Le lettere dell prol csett Le note musicli f I multipli di 7 compresi fr e 0 c I numeri primi minori di 0 g I numeri nturli divisori di 0 d I mesi dell nno con 0 giorni h Le consonnti dell prol nonno [) {,, c, d, e, f}; ) {do, re, mi, f, sol, l, si}; c) {,,, 7,,, 7, 9}; d) {prile, giugno, settemre, novemre}; e) {c,, s, e, t}; f) {7,,, 8,,, 9}; g) {,,,,, 0,, 0}; h) {n}] 8 Rppresentre medinte un proprietà crtteristic i seguenti insiemi dti per elenczione e rppresentrli grficmente medinte i digrmmi di Eulero-enn. = {0,, 0,, 0,,...} B = {,,,, 0, 0} C = {,,, 8,, } D = {,,, 7, 9,,, } E = {, e, n, p} = {, } [ = {x N x è multiplo di }; B = {x N x è divisore di 0 }; C = {x N x è un potenz di }; D = {x N x è un numero dispri }; E = {x è letter dell prol pne }; = {x Z x = } ] 9 Scrivere per elenczione i seguenti insiemi dti medinte un proprietà crtteristic e rppresentrli medinte i digrmmi di Eulero-enn. = x N xèpri C = x Z < x + { N } B = x x = x D = x Z x 9

3. Funzioni iniettive, suriettive e biiettive (Ref p.14)

3. Funzioni iniettive, suriettive e biiettive (Ref p.14) . Funzioni iniettive, suriettive e iiettive (Ref p.4) Dll definizione di funzione si ricv che, not un funzione y f( ), comunque preso un vlore di pprtenente l dominio di f( ) esiste un solo vlore di y

Dettagli

SUGLI INSIEMI. 1.Insiemi e operazioni su di essi

SUGLI INSIEMI. 1.Insiemi e operazioni su di essi SUGLI INSIEMI 1.Insiemi e operzioni su di essi Il concetto di insieme è primitivo ed è sinonimo di clsse, totlità. Si A un insieme di elementi qulunque. Per indicre che è un elemento di A scriveremo A.

Dettagli

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n.

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n. AUTOVALORI ED AUTOVETTORI Si V uno spzio vettorile di dimensione finit n. Dicesi endomorfismo di V ogni ppliczione linere f : V V dello spzio vettorile in sé. Se f è un endomorfismo di V in V, considert

Dettagli

IL CALCOLO LETTERALE: I MONOMI Conoscenze. per a = - 2 vale:

IL CALCOLO LETTERALE: I MONOMI Conoscenze. per a = - 2 vale: IL CALCOLO LETTERALE: I MONOMI Conoscenze. Complet.. Un espressione letterle è.... Per clcolre il vlore numerico di un espressione letterle isogn...... c. Non si possono ssegnre lle lettere che compiono

Dettagli

IL CALCOLO LETTERALE: I MONOMI Conoscenze. per a = - 2 vale:

IL CALCOLO LETTERALE: I MONOMI Conoscenze. per a = - 2 vale: IL CALCOLO LETTERALE: I MONOMI Conoscenze. Complet.. Un espressione letterle è un scrittur in cui compiono operzioni tr numeri rppresentti, tutti o in prte, d lettere. Per clcolre il vlore numerico di

Dettagli

Corso di Analisi Matematica Calcolo integrale per funzioni di una variabile

Corso di Analisi Matematica Calcolo integrale per funzioni di una variabile Corso di Anlisi Mtemtic Clcolo integrle per funzioni di un vribile Lure in Informtic e Comuniczione Digitle A.A. 2013/2014 Università di Bri ICD (Bri) Anlisi Mtemtic 1 / 40 1 L integrle come limite di

Dettagli

La parabola. Fuoco. Direttrice y

La parabola. Fuoco. Direttrice y L prol Definizione: si definise prol il luogo geometrio dei punti del pino equidistnti d un punto fisso detto fuoo e d un rett fiss dett direttrie. Un rppresentzione grfi inditiv dell prol nel pino rtesino

Dettagli

Aritmetica Definizioni di concetti, regole e proprietà per il 1 anno della scuola media

Aritmetica Definizioni di concetti, regole e proprietà per il 1 anno della scuola media Aritmetic Definizioni di concetti, regole e proprietà per il nno dell scuol medi ) INSIEMI Concetto primitivo Un concetto primitivo è un concetto che non viene definito con precisione, m solo descritto

Dettagli

Ing. Alessandro Pochì

Ing. Alessandro Pochì Dispense di Mtemtic clsse quint -Gli integrli Quest oper è distriuit con: Licenz Cretive Commons Attriuzione - Non commercile - Non opere derivte. Itli Ing. Alessndro Pochì Appunti di lezione svolti ll

Dettagli

13. EQUAZIONI ALGEBRICHE

13. EQUAZIONI ALGEBRICHE G. Smmito, A. Bernrdo, Formulrio di mtemti Equzioni lgerihe F. Cimolin, L. Brlett, L. Lussrdi. EQUAZIONI ALGEBRICHE. Prinipi di equivlenz Si die identità un'uguglinz tr due espressioni ontenenti un o più

Dettagli

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito.

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito. Integrli de niti. Il problem di clcolre l re di un regione pin delimitt d gr ci di funzioni si può risolvere usndo l integrle de nito. L integrle de nito st l problem del clcolo di ree come l equzione

Dettagli

Il volume del cilindro è dato dal prodotto della superficie di base per l altezza, quindi

Il volume del cilindro è dato dal prodotto della superficie di base per l altezza, quindi Mtemtic per l nuov mturità scientific A. Bernrdo M. Pedone 3 Questionrio Quesito 1 Provre che un sfer è equivlente i /3 del cilindro circoscritto. r 4 3 Il volume dell sfer è 3 r Il volume del cilindro

Dettagli

ANALISI REALE E COMPLESSA a.a. 2007-2008

ANALISI REALE E COMPLESSA a.a. 2007-2008 ANALISI REALE E COMPLESSA.. 2007-2008 1 Successioni e serie di funzioni 1.1 Introduzione In questo cpitolo studimo l convergenz di successioni del tipo n f n, dove le f n sono tutte funzioni vlori reli

Dettagli

Il lemma di ricoprimento di Vitali

Il lemma di ricoprimento di Vitali Il lemm di ricoprimento di Vitli Si I = {I} un fmigli di intervlli ciusi contenuti in R. Diremo ce l fmigli I ricopre l insieme E nel senso di Vitli (oppure ce I è un ricoprimento di Vitli di E) se per

Dettagli

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x Appunti elorti dll prof.ss Biondin Gldi Funzione integrle Si y = f() un funzione continu in un intervllo [; ] e si 0 [; ]; l integrle 0 f()d si definisce Funzione Integrle; si chim funzione integrle in

Dettagli

MATEMATICA Classe Prima

MATEMATICA Classe Prima Liceo Clssico di Treiscce Esercizi per le vcnze estive 0 MATEMATICA Clsse Prim Cpitolo Numeri nturli Primi ogni pgin del cpitolo Cpitolo Numeri nturli Primi ogni pgin del cpitolo Per gli llievi promossi

Dettagli

Erasmo Modica. : K K K

Erasmo Modica.  : K K K L insieme dei numeri reli L INSIEME DEI NUMERI REALI Ersmo Modic helthinsurnce@tin.it www.glois.it Per introdurre l insieme dei numeri reli si hnno disposizione diversi modi. Generlmente l iennio si preferisce

Dettagli

{ 1, 2,3, 4,5,6,7,8,9,10,11,12, }

{ 1, 2,3, 4,5,6,7,8,9,10,11,12, } Lezione 01 Aritmetic Pgin 1 di 1 I numeri nturli I numeri nturli sono: 0,1,,,4,5,6,7,8,,10,11,1, L insieme dei numeri nturli viene indicto col simbolo. } { 0,1,,, 4,5,6,7,8,,10,11,1, } L insieme dei numeri

Dettagli

" Osservazione. 6.1 Integrale indefinito. R Definizione (Primitiva) E Esempio 6.1 CAPITOLO 6

 Osservazione. 6.1 Integrale indefinito. R Definizione (Primitiva) E Esempio 6.1 CAPITOLO 6 CAPITOLO 6 Clcolo integrle 6. Integrle indefinito L nozione fondmentle del clcolo integrle è quell di funzione primitiv di un funzione f (). Tle nozione è in qulche modo speculre ll nozione di funzione

Dettagli

lim lim lim + Nome.Cognome Classe 4D 7 Aprile 2011 Verifica di matematica Problema (punti 3) Sono date le funzioni: f ( x)

lim lim lim + Nome.Cognome Classe 4D 7 Aprile 2011 Verifica di matematica Problema (punti 3) Sono date le funzioni: f ( x) Nome.Cognome Clsse D 7 Aprile 0 Verific di mtemtic Problem (punti ) Sono dte le funzioni: f ( ) =, g ( ) = ( ) ) determinre il dominio di f() e di g() b) determinre, senz l uso dell clcoltrice f ( ) c)

Dettagli

SPAZI VETTORIALI. 1. Spazi e sottospazi vettoriali

SPAZI VETTORIALI. 1. Spazi e sottospazi vettoriali SPAZI VETTORIALI 1. Spzi e sottospzi vettorili Definizione: Dto un insieme V non vuoto e un corpo K di sostegno si dice che V è un K-spzio vettorile o uno spzio vettorile su K se sono definite un operzione

Dettagli

] + [ ] [ ] def. ] e [ ], si ha subito:

] + [ ] [ ] def. ] e [ ], si ha subito: OPE OPERAZIONI BINARIE Definizione di operzione inri Dto un insieme A non vuoto, si him operzione (inri) su A ogni pplizione di A in A In generle, un'operzione su A viene indit on il simolo Se (x, y) è

Dettagli

Facoltà di Economia - Università di Sassari Anno Accademico 2004-2005. Dispense Corso di Econometria Docente: Luciano Gutierrez.

Facoltà di Economia - Università di Sassari Anno Accademico 2004-2005. Dispense Corso di Econometria Docente: Luciano Gutierrez. Fcoltà di Economi - Università di Sssri Anno Accdemico 2004-2005 Dispense Corso di Econometri Docente: Lucino Gutierrez Algebr Linere Progrmm: 1.1 Definizione di mtrice e vettore 1.2 Addizione e sottrzione

Dettagli

Sezione Esercizi ; ; ; 1 4. f ) 13 + g ) , 100, 125; f ) 216; 8 27 ; ; e ) g ) 0; h )

Sezione Esercizi ; ; ; 1 4. f ) 13 + g ) , 100, 125; f ) 216; 8 27 ; ; e ) g ) 0; h ) Sezione Esercizi Esercizi Esercizi dei singoli prgrfi - Rdici Determin le seguenti rdici qudrte rzionli (qundo è possiile clcolrle) 00 l ) m ) n ) o ) 0,0 0,0 0,000 0, Determin le seguenti rdici qudrte

Dettagli

Liceo Scientifico E. Majorana Guidonia Quaderno di lavoro estivo Matematica

Liceo Scientifico E. Majorana Guidonia Quaderno di lavoro estivo Matematica Liceo Scientifico E. Mjorn Guidoni Numeri Nturli Sintesi dell teori Domnde Risposte Esempi Come si indic l insieme dei numeri nturli {0,,,,, }? L insieme dei numeri nturli si indic con l letter N. Quli

Dettagli

Salvatore Loris Pelella. Corso di. Matematica RCS LIBRI EDUCATION SPA

Salvatore Loris Pelella. Corso di. Matematica RCS LIBRI EDUCATION SPA Slvtore Loris Pelell Corso di Mtemtic RCS LIBRI EDUCATION SPA ISBN 88-45-084-3 004 RCS Libri S.p.A.- Milno Prim edizione: gennio 004 Ristmpe 004 005 006 3 4 5 Stmp: V. Bon, Torino Coordinmento editorile

Dettagli

COME SOPRAVVIVERE ALLA MATEMATICA. 1. La funzione matematica e la sua utilità in economia

COME SOPRAVVIVERE ALLA MATEMATICA. 1. La funzione matematica e la sua utilità in economia COME SOPRAVVIVERE ALLA MATEMATICA di Giuli Cnzin e Dominique Cppelletti Come potrete notre inoltrndovi nel corso di Introduzione ll economi, l interpretzione dell teori economic non presuppone conoscenze

Dettagli

Liceo Scientifico Sperimentale anno 2002-2003 Problema 1 Bernardo Pedone. ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE PNI anno 2002-2003

Liceo Scientifico Sperimentale anno 2002-2003 Problema 1 Bernardo Pedone. ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE PNI anno 2002-2003 Liceo Scientifico Sperimentle nno - Problem Bernrdo Pedone ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE PNI nno - PROBLEMA Nel pino sono dti: il cerchio γ di dimetro OA =, l rett t tngente γ

Dettagli

Elettronica dei Sistemi Digitali Il test nei sistemi elettronici: guasti catastrofici e modelli di guasto (parte I)

Elettronica dei Sistemi Digitali Il test nei sistemi elettronici: guasti catastrofici e modelli di guasto (parte I) Elettronic dei Sistemi Digitli Il test nei sistemi elettronici: gusti ctstrofici e modelli di gusto (prte I) Vlentino Lierli Diprtimento di Tecnologie dell Informzione Università di Milno, 26013 Crem e-mil:

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2003

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2003 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. Il cndidto risolv uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si rticol il questionrio. PROBLEMA Nel pino sono dti: il cerchio di dimetro OA,

Dettagli

CORSO ANALISI MATEMATICA 1 A.A. 2015/2016. Testo consigliato

CORSO ANALISI MATEMATICA 1 A.A. 2015/2016. Testo consigliato Università degli studi di Cgliri CORSO ANALISI MATEMATICA 1 A.A. 2015/2016 Docente: Monic Mrrs 1 Anlisi Mtemtic 1 Testo consiglito con elementi di geometri e lgebr linere. M. Brmnti, C.D. Pgni, S. Sls

Dettagli

POTENZA CON ESPONENTE REALE

POTENZA CON ESPONENTE REALE PRECORSO DI MATEMATICA VIII Lezione ESPONENZIALI E LOGARITMI E. Modic mtemtic@blogscuol.it www.mtemtic.blogscuol.it POTENZA CON ESPONENTE REALE Definizione: Dti un numero rele > 0 ed un numero rele qulunque,

Dettagli

CORSO ZERO DI MATEMATICA

CORSO ZERO DI MATEMATICA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO FACOLTÀ DI ARCHITETTURA CORSO ZERO DI MATEMATICA ESPONENZIALI E LOGARITMI Dr. Ersmo Modic ersmo@glois.it www.glois.it POTENZA CON ESPONENTE REALE Definizione: Dti un numero

Dettagli

Unità 3 Metodi particolari per il calcolo di reti

Unità 3 Metodi particolari per il calcolo di reti Unità 3 Metodi prticolri per il clcolo di reti 1 Cos c è nell unità Metodi prticolri per il clcolo di reti con un solo genertore Prtitore di tensione Prtitore di corrente Metodi di clcolo di reti con più

Dettagli

Nome.Cognome classe 5D 18 Marzo 2014. Verifica di matematica

Nome.Cognome classe 5D 18 Marzo 2014. Verifica di matematica Nome Cognome cls 5D 18 Mrzo 01 Problem Verific di mtemtic In un sistem di riferimento crtesino Oy, si consideri l funzione: ln f ( > 0 0 e si determini il vlore del prmetro rele in modo tle che l funzione

Dettagli

Anno 1. Numeri reali: proprietà e applicazioni di uso comune

Anno 1. Numeri reali: proprietà e applicazioni di uso comune Anno Numeri reli: proprietà e ppliczioni di uso comune Introduzione L insieme dei numeri rzionli è composto d numeri che si ottengono dl rpporto tr due numeri interi. Tle rpporto, o frzione, è sempre ssociile

Dettagli

, x 2. , x 3. è un equazione nella quale le incognite appaiono solo con esponente 1, ossia del tipo:

, x 2. , x 3. è un equazione nella quale le incognite appaiono solo con esponente 1, ossia del tipo: Sistemi lineri Un equzione linere nelle n incognite x 1, x 2, x,, x n è un equzione nell qule le incognite ppiono solo con esponente 1, ossi del tipo: 1 x 1 + 2 x 2 + x +!+ n x n = b con 1, 2,,, n numeri

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione straordinaria

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione straordinaria ESAME DI STAT DI LICE SCIENTIFIC CRS DI RDINAMENT 00 Sessione strordinri Il cndidto risolv uno dei due problemi e 5 dei 0 quesiti in cui si rticol il questionrio. PRBLEMA Con riferimento un sistem monometrico

Dettagli

Siano α(x), β(x) due funzioni continue in un intervallo [a, b] IR tali che. α(x) β(x).

Siano α(x), β(x) due funzioni continue in un intervallo [a, b] IR tali che. α(x) β(x). OMINI NORMALI. efinizione Sino α(), β() due funzioni continue in un intervllo [, b] IR tli che L insieme del pino (figur 5. pg. ) α() β(). = {(, ) [, b] IR : α() β()} si chim dominio normle rispetto ll

Dettagli

30 quesiti. 1 Febbraio 2011. Scuola... Classe... Alunno... Copyright 2011 Zanichelli Editore SpA, Bologna

30 quesiti. 1 Febbraio 2011. Scuola... Classe... Alunno... Copyright 2011 Zanichelli Editore SpA, Bologna verso LA RILEVAZIONE INVALSI SCUOLA SECONDARIA DI secondo GRADO PROVA DI Mtemtic 30 quesiti Febbrio 0 Scuol... Clsse... Alunno... e b sono numeri reli che verificno quest uguglinz: Qunto vle il loro prodotto?

Dettagli

Calcolo letterale. 1) Operazioni con i monomi. a) La moltiplicazione. b) La divisione. c) Risolvi le seguenti espressioni con i monomi.

Calcolo letterale. 1) Operazioni con i monomi. a) La moltiplicazione. b) La divisione. c) Risolvi le seguenti espressioni con i monomi. Clcolo letterle. ) Operzioni con i monomi. ) L moltipliczione. ) L divisione. c) Risolvi le seguenti espressioni con i monomi. ) I polinomi. ) Clcol le seguenti somme di polinomi. ) Applic l proprietà

Dettagli

Introduzione all algebra

Introduzione all algebra Introduzione ll lgebr E. Modic ersmo@glois.it Liceo Scientifico Sttle S. Cnnizzro Corso P.O.N. Modelli mtemtici e reltà A.S. 2010/2011 Premess Codificre e Decodificre Nell vit quotidin ci cpit spesso di

Dettagli

Teoria in sintesi ESPONENZIALI. Potenze con esponente reale. La potenza. Sono definite: Non sono definite: Casi particolari :

Teoria in sintesi ESPONENZIALI. Potenze con esponente reale. La potenza. Sono definite: Non sono definite: Casi particolari : Teori in sintesi ESPONENZIALI Potenze con esponente rele L potenz è definit: se >, per ogni R se, per tutti e soli gli R se

Dettagli

INTERVALLI NELL INSIEME R

INTERVALLI NELL INSIEME R INTEVALLI NELL INSIEME Lo studio dell topologi (1) (dl greco "nlysis situs" ossi "studio del luogo") dell'insieme è di fondmentle importnz per gli rgomenti e i prolemi di nlisi infinitesimle. Il "luogo"

Dettagli

Numeri razionali COGNOME... NOME... Classe... Data...

Numeri razionali COGNOME... NOME... Classe... Data... I numeri rzionli Cpitolo Numeri rzionli Verifi per l lsse prim COGNOME............................... NOME............................. Clsse.................................... Dt...............................

Dettagli

b a 2. Il candidato spieghi, avvalendosi di un esempio, il teorema del valor medio.

b a 2. Il candidato spieghi, avvalendosi di un esempio, il teorema del valor medio. Domnde preprzione terz prov. Considert, come esempio, l funzione nell intervllo [,], il cndidto illustri il concetto di integrle definito. INTEGRALE DEFINITO, prendendo in esme un generic funzione f()

Dettagli

Introduzione alla Fisica. Ripasso di matematica Grandezze fisiche Vettori

Introduzione alla Fisica. Ripasso di matematica Grandezze fisiche Vettori Introduzione ll Fisic Ripsso di mtemtic Grndezze fisiche Vettori L fisic come scienz sperimentle Studio di un fenomeno OSSERVAZIONI SPERIMENTALI MISURA DI GRANDEZZE FISICHE IPOTESI VERIFICA LEGGI FISICHE

Dettagli

1 b a. f(x) dx. Osservazione 1.2. Se indichiamo con µ il valore medio di f su [a, b], abbiamo che. f(x) dx = µ(b a) =

1 b a. f(x) dx. Osservazione 1.2. Se indichiamo con µ il valore medio di f su [a, b], abbiamo che. f(x) dx = µ(b a) = Note ed esercizi di Anlisi Mtemtic - (Fosci) Ingegneri dell Informzione - 28-29. Lezione del 7 novembre 28. Questi esercizi sono reperibili dll pgin web del corso ttp://utenti.unife.it/dmino.fosci/didttic/mii89.tml

Dettagli

Contenuti di matematica classe prima liceo scientifico di ordinamento e delle scienze applicate.

Contenuti di matematica classe prima liceo scientifico di ordinamento e delle scienze applicate. Contenuti di mtemtic clsse prim liceo scientifico di ordinmento e delle scienze pplicte. SAPERE Sper definire, rppresentre e operre con gli insiemi. Conoscere gli insiemi numerici N, Z, Q e sperci operre

Dettagli

2 x = 64 (1) L esponente (x) a cui elevare la base (2) per ottenere il numero 64 è detto logaritmo (logaritmo in base 2 di 64), indicato così:

2 x = 64 (1) L esponente (x) a cui elevare la base (2) per ottenere il numero 64 è detto logaritmo (logaritmo in base 2 di 64), indicato così: Considerimo il seguente problem: si vuole trovre il numero rele tle che: = () L esponente () cui elevre l bse () per ottenere il numero è detto ritmo (ritmo in bse di ), indicto così: In prticolre in questo

Dettagli

( X, Y ) che danno un livello costante di utilità (curva di livello). Fissando per esempio il valore U 0 per

( X, Y ) che danno un livello costante di utilità (curva di livello). Fissando per esempio il valore U 0 per Funzioni di utilità (finlmente un po di geroglifici, dopo i grffiti) NB: non fte leggere queste pgine un mtemtico, ltrimenti mi msscr!. Definizione e proprietà Considerimo due eni e di interesse per un

Dettagli

dr Valerio Curcio Le affinità omologiche Le affinità omologiche

dr Valerio Curcio Le affinità omologiche Le affinità omologiche 1 Le ffinità omologiche 2 Tringoli omologici: Due tringoli si dicono omologici se le rette congiungenti i punti omologhi dei due tringoli si incontrno in un medesimo punto. Principio dei tringoli omologici

Dettagli

a con base a maggiore di 1 Dominio Codominio Crescenza/decrescenza Funz Crescente in Concavità/convessità Strettamente convessa in

a con base a maggiore di 1 Dominio Codominio Crescenza/decrescenza Funz Crescente in Concavità/convessità Strettamente convessa in Funzione esponenzile Dto un numero rele >0, l funzione si chim funzione esponenzile di bse e f prte dell fmigli delle funzioni elementri. Il suo ndmento (crescenz o decrescenz) è strettmente legto l vlore

Dettagli

26/03/2012. Integrale Definito. Calcolo delle Aree. Appunti di analisi matematica: Il concetto d integrale nasce per risolvere due classi di problemi:

26/03/2012. Integrale Definito. Calcolo delle Aree. Appunti di analisi matematica: Il concetto d integrale nasce per risolvere due classi di problemi: ppunti di nlisi mtemtic: Integrle efinito Il concetto d integrle nsce per risolvere due clssi di prolemi: Integrle efinito lcolo delle ree di fig. delimitte d curve clcolo di volumi clcolo del lvoro di

Dettagli

1 Espressioni polinomiali

1 Espressioni polinomiali 1 Espressioni polinomili Un monomio è un espressione letterle in un vribile x che contiene un potenz inter (non negtiv, cioè mggiori o uguli zero) di x moltiplict per un numero rele: x n AD ESEMPIO: sono

Dettagli

TEST DI MATEMATICA. Funzioni in una, Funzioni in due variabili Integrali Equazioni differenziali. 1) Il valore del limite seguente. e e. e 1.

TEST DI MATEMATICA. Funzioni in una, Funzioni in due variabili Integrali Equazioni differenziali. 1) Il valore del limite seguente. e e. e 1. TEST DI MATEMATICA Funzioni in un, Funzioni in due vriili Integrli Equzioni differenzili ) Il vlore del limite seguente e e e lim è ) Il vlore del limite seguente 5 lim 5 è : ) L derivt prim dell funzione

Dettagli

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma INTEGRALI IMPROPRI. Integrli impropri su intervlli itti Dt un funzione f() continu in [, b), ponimo ε f() = f() ε + qundo il ite esiste. Se tle ite esiste finito, l integrle improprio si dice convergente

Dettagli

VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE

VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE Soluzioni di quesiti e prolemi trtti dl Corso Bse Blu di Mtemti volume 5 [] (Es. n. 8 pg. 9 V) Dell prol f ( ) si hnno le seguenti informzioni, tutte

Dettagli

24 y. 6. ( 5 A. 1 B. 5 4 C D. 50 Applicando le proprietà delle potenze

24 y. 6. ( 5 A. 1 B. 5 4 C D. 50 Applicando le proprietà delle potenze Alunno/.. Alunno/ Pgin Esercitzione in preprzione ll PROVA d ESAME Buon Lvoro Prof.ss Elen Sper. Il piccolo fermcrte dell figur è relizzto nel seguente modo. Si prende un cubo di lto cm e su un fcci si

Dettagli

Appunti di Analisi Matematica 1

Appunti di Analisi Matematica 1 Appunti di Anlisi Mtemtic 1 MASTER IN ECONOMIA DIGITALE & e-business Centro per lo studio dei sistemi complessi Università di Sien Mrzo 2005 Prof. Polo Nistri Un funzione (o ppliczione) tr due insiemi

Dettagli

ESPONENZIALI E LOGARITMI

ESPONENZIALI E LOGARITMI ESPONENZIALI E LOGARITMI 1 se 0, per ogni R ; Teori in sintesi ESPONENZIALI Potenze con esponente rele L potenz è definit: se >0: Sono definite: se >0: Non sono definite: Csi prticolri: Le proprietà delle

Dettagli

Stabilità dei sistemi di controllo in retroazione

Stabilità dei sistemi di controllo in retroazione Stbilità dei sistemi di controllo in retrozione Criterio di Nyquist Il criterio di Nyquist Estensione G (s) con gudgno vribile Appliczione sistemi con retrozione positiv 2 Criterio di Nyquist Stbilità

Dettagli

Il problema delle aree. Metodo di esaustione.

Il problema delle aree. Metodo di esaustione. INTEGRALE DEFINITO. DEFINIZIONE E SIGNIFICATO GEOMETRICO. PROPRIETA DELL INTEGRALE DEFINITO. FUNZIONE INTEGRALE. TEOREMA DELLA MEDIA. TEOREMA FONDAMENTALE DEL CALCOLO INTEGRALE. FORMULA DI LEIBNITZ NEWTON.

Dettagli

I radicali. Cos è un radicale? ESERCIZIO 2.1. Determina le C.E. dei seguenti radicali e delle seguenti espressioni contenenti radicali.

I radicali. Cos è un radicale? ESERCIZIO 2.1. Determina le C.E. dei seguenti radicali e delle seguenti espressioni contenenti radicali. I rdicli Cos è un rdicle? Il simbolo si chim rdicle e si legge rdice ennesim di. - n si chim indice dell rdice e deve essere un numero nturle mggiore di zero. Qundo l indice si sottintende e il rdicle

Dettagli

Equazioni 1 grado. Definizioni Classificazione Risoluzione Esercizi

Equazioni 1 grado. Definizioni Classificazione Risoluzione Esercizi Equzioni grdo Definizioni Clssificzione Risoluzione Esercizi Mteri: Mtemtic Autore: Mrio De Leo Definizioni Prendimo in esme le due espressioni numeriche 8 entrmbe sono uguli 7, e l scrittur si chim uguglinz

Dettagli

fattibile con le tecniche elementari che imparerai in seguito. Ad esempio il polinomio

fattibile con le tecniche elementari che imparerai in seguito. Ad esempio il polinomio Scomposizione di un polinomio in fttori Scomporre in fttori primi un polinomio signific esprimerlo come il prodotto di due più polinomi non più scomponibili Ad esempio 9 = ( 3) fttore 1 ( + 3) fttore +

Dettagli

Si noti che da questa definizione segue che il punto C è il punto medio del segmento PP'. Figura 1

Si noti che da questa definizione segue che il punto C è il punto medio del segmento PP'. Figura 1 APITOLO 3 LE SIMMETRIE 3. Richimi di teori Definizione. Si dto un punto del pino; si chim simmetri centrle di centro (che si indic con il simbolo s ) l corrispondenz dl pino in sé che d ogni punto P del

Dettagli

La statistica nei test Invalsi

La statistica nei test Invalsi L sttisti nei test Invlsi 1) Osserv il grfio seguente he rppresent l distriuzione perentule di fmiglie per numero di omponenti, in se l ensimento 2001.. Qul è l perentule di fmiglie on 2 omponenti? Rispost:..%.

Dettagli

Lezione 1 Insiemi e numeri

Lezione 1 Insiemi e numeri Lezione Insiemi e numeri. Nozione di insieme, sottoinsieme, pprtenenz Con l prol insieme intendimo un collezione di oggetti detti suoi elementi. Ogni insieme è denotto con lettere miuscole e i suoi elementi

Dettagli

Osserviamo che per trovare le costanti A e B possiamo anche ragionare così: se moltiplichiamo l equazione x + 1 (x + 2)(x + 3) = A.

Osserviamo che per trovare le costanti A e B possiamo anche ragionare così: se moltiplichiamo l equazione x + 1 (x + 2)(x + 3) = A. 88 Roberto Turso - Anlisi 2 Osservimo che per trovre le costnti A e B possimo nche rgionre così: se moltiplichimo l equzione + ( + 2)( + 3) = A + 2 + B + 3 per + 2, dopo ver semplificto, ottenimo + + 3

Dettagli

Meccanica dei Solidi. Vettori

Meccanica dei Solidi. Vettori Meccnic dei Solidi Prof. Ing. Stefno Avers Università di Npoli Prthenope.. 2005-06 Lezione 2 Vettori Definizione: Un grndezz vettorile (o un vettore) è un grndezz fisic crtterizzt oltre che d un numero

Dettagli

1) In una equazione differenziale del tipo y (t)=a y(t), con a > 0, il tempo di raddoppio, cioè il tempo T tale che y(t+t)=2y(t) è:

1) In una equazione differenziale del tipo y (t)=a y(t), con a > 0, il tempo di raddoppio, cioè il tempo T tale che y(t+t)=2y(t) è: 1) In un equzione differenzile del tipo y (t)= y(t), con > 0, il tempo di rddoppio, cioè il tempo T tle che y(t+t)=y(t) è: A) T = B) 1 T = log e C) 1 T = log e ** D) 1 T = E) T = log e ) L equzione differenzile

Dettagli

Corso di Laurea in Chimica Regolamento Didattico

Corso di Laurea in Chimica Regolamento Didattico Corso di Lure in Chimic Regolmento Didttico Art.. Il Corso di Lure in Chimic h come finlità l formzione di lureti con competenze nei diversi settori dell chimic per qunto rigurd si gli spetti teorici che

Dettagli

ESERCIZI IN PIÙ ESERCIZI DI FINE CAPITOLO

ESERCIZI IN PIÙ ESERCIZI DI FINE CAPITOLO L RLZIONI L FUNZIONI serizi in più SRIZI IN PIÙ SRIZI I FIN PITOLO TST Nell insieme ell figur, l relzione rppresentt goe ell o elle proprietà: TST L relzione «essere isenente i», efinit nell insieme egli

Dettagli

ESPONENZIALI LOGARITMI

ESPONENZIALI LOGARITMI ESPONENZIALI LOGARITMI Prerequisiti: Conoscere e sper operre con potenze con esponente nturle e rzionle. Conoscere e sper pplicre le proprietà delle potenze. Sper risolvere equzioni e disequzioni. Sper

Dettagli

Appunti di Analisi matematica 1. Paolo Acquistapace

Appunti di Analisi matematica 1. Paolo Acquistapace Appunti di Anlisi mtemtic Polo Acquistpce 23 febbrio 205 Indice Numeri 4. Alfbeto greco................................. 4.2 Insiemi..................................... 4.3 Funzioni....................................

Dettagli

Elementi grafici per Matematica

Elementi grafici per Matematica Elementi grfici per Mtemtic Sommrio: Sistemi di coordinte crtesine... Grfici di funzioni... 4. Definizione... 4. Esempi... 5.3 Verificre iniettività e suriettività dl grfico... 8.4 L rett... 9.5 Esempi

Dettagli

10. Completare la seguente tabella, in cui sono riportate le produzioni assolute e relative di tre colture altamente diffuse in Italia.

10. Completare la seguente tabella, in cui sono riportate le produzioni assolute e relative di tre colture altamente diffuse in Italia. ESERCIZI DI BASE 1. I soci proprietri di un piccol compgni gricol sono tre: i signori A, B, C. Mentre i signori A e C hnno l stess quot di prtecipzione ll ziend, il signor B h solo il 50% dell quot degli

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2005 Sessione suppletiva

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2005 Sessione suppletiva ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 005 Sessione suppletiv Il cndidto risolv uno dei due problemi e 5 dei 0 quesiti in cui si rticol il questionrio. PROBLEMA Sono dti un pirmide

Dettagli

X X Y 2 1 0,5 0,25 Y 0,25 1 2,25 4. Disegna i grafici delle rette rappresentate dalle seguenti equazioni

X X Y 2 1 0,5 0,25 Y 0,25 1 2,25 4. Disegna i grafici delle rette rappresentate dalle seguenti equazioni Funzioni Consider le seguenti telle e stilisci se e sono direttmente proporzionli, inversmente proporzionli o se vi è un proporzionlità qudrtic. Scrivi l espressione nlitic delle funzioni e rppresentle

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO A. S. 2014/ 2015

PROGRAMMA SVOLTO A. S. 2014/ 2015 A. S. 4/ Nome docente Borgn Giorgio Mteri insegnt Mtemtic Clsse Previsione numero ore di insegnmento IV G mnutenzione e ssistenz tecnic ore complessive di insegnmento settimne X 4 ore = ore Nome Ins. Tecn.

Dettagli

La rappresentazione per elencazione consiste nell elencare tutte le coppie ordinate che verificano la relazione

La rappresentazione per elencazione consiste nell elencare tutte le coppie ordinate che verificano la relazione RELAZIONI E FUNZIONI Relzioni inrie Dti ue insiemi non vuoti e (he possono eventulmente oiniere), si ie relzione tr e un qulsisi legge he ssoi elementi elementi. L insieme A è etto insieme i prtenz. L

Dettagli

Scheda Sei ESPONENZIALI E LOGARITMI. 0,+. Inoltre valgono le

Scheda Sei ESPONENZIALI E LOGARITMI. 0,+. Inoltre valgono le Sched Sei ESPONENZIALI E LOGARITMI L funzione esponenzile Assegnto un numero rele >0, si dice funzione esponenzile in bse l funzione Grfici dell funzione esponenzile Se = l funzione esponenzile è costnte:

Dettagli

Anno 5. Applicazione del calcolo degli integrali definiti

Anno 5. Applicazione del calcolo degli integrali definiti Anno 5 Appliczione del clcolo degli integrli definiti 1 Introduzione In quest lezione vedremo come pplicre il clcolo dell integrle definito per determinre le ree di prticolri figure pine, i volumi dei

Dettagli

Teoria in pillole: logaritmi

Teoria in pillole: logaritmi Teori in pillole: logritmi EQUAZIONI ESPONENZIALI Un'equzione si dice esponenzile qundo l'incognit compre soltnto nell'esponente di un o più potenze. L'equzione esponenzile più semplice (elementre) è del

Dettagli

3. Il calcolo a scuola (2): l uso della calcolatrice 1

3. Il calcolo a scuola (2): l uso della calcolatrice 1 Didttic 3. Il clcolo scuol (2): l uso dell clcoltrice 1 Ginfrnco Arrigo 57 1. Clcoli con un sol operzione L prim cos d insegnre d un giovne llievo che voglimo educre ll uso corretto dei moderni mezzi di

Dettagli

Anno 2. Potenze di un radicale e razionalizzazione

Anno 2. Potenze di un radicale e razionalizzazione Anno Potenze di un rdicle e rzionlizzzione Introduzione In quest lezione impreri utilizzre le ultime due tipologie di operzioni sui rdicli, cioè l potenz di un rdicle e l rdice di un rdicle. Successivmente

Dettagli

Consideriamo la seguente tabella di numeri presi da un estrazione del lotto:

Consideriamo la seguente tabella di numeri presi da un estrazione del lotto: MAICI E DEEMINANI. LE MAICI Considerimo l seguente tbell di numeri presi d un estrzione del lotto: 7 8 > 8 7 H. 8 8 9 I numeri presenti sono disposti su righe e colonne. Essi costituiscono un insieme ordinto

Dettagli

B8. Equazioni di secondo grado

B8. Equazioni di secondo grado B8. Equzioni di secondo grdo B8.1 Legge di nnullmento del prodotto Spendo che b0 si può dedurre che 0 oppure b0. Quest è l legge di nnullmento del prodotto. Pertnto spendo che (-1) (+)0 llor dovrà vlere

Dettagli

Introduciamo il concetto di trasformazione geometrica prendendo come esempio una rotazione.

Introduciamo il concetto di trasformazione geometrica prendendo come esempio una rotazione. Le trsformzioni geometriche ITL 7 TERI Letture llo specchio! Ingegni, ossesso, nilin: tre esempi di plindromi, ovvero di prole che si possono leggere si d sinistr verso destr, si d destr verso sinistr.

Dettagli

RADICALI. Q (insieme dei razionali relativi) = numeri che possono essere messi sotto forma di frazioni es: 0,+3;

RADICALI. Q (insieme dei razionali relativi) = numeri che possono essere messi sotto forma di frazioni es: 0,+3; RADICALI In quest sched ti vengono riproposti lcuni concetti ed esercizi che ti dovreero essere fmiliri e che sono indispensili per ffrontre con successo gli studi futuri. INSIEMI NUMERICI Ripsso insiemi

Dettagli

Strutture algebriche

Strutture algebriche Strutture lgeriche Leggi di composizione L operzione di ddizione nell insieme dei nturli ssoci ogni coppi (m; n) di numeri nturli ncor un numero nturle s, risultto dell operzione. L ddizione costituisce

Dettagli

Acidi Deboli. Si definisce acido debole un acido con K a < 1 che risulta perciò solo parzialmente dissociato in soluzione. Esempi di acidi deboli:

Acidi Deboli. Si definisce acido debole un acido con K a < 1 che risulta perciò solo parzialmente dissociato in soluzione. Esempi di acidi deboli: Acidi Deboli Si definisce cido debole un cido con < 1 che risult perciò solo przilmente dissocito in soluzione. Esempi di cidi deboli: Acido cetico (H OOH) 1.75 1-5 Acido scorbico (vitmin ) 1 6.76 1-5.5

Dettagli

SCOMPOSIZIONE IN FATTORI

SCOMPOSIZIONE IN FATTORI Sintesi di Mtemtic cur di Griell Grzino SCOMPOSIZIONE IN FATTORI ) Rccoglimento fttore comune ( Applicile d un polinomio di un numero qulunque di termini purchè i termini presentino lmeno un letter o un

Dettagli

Il calcolo integrale: intro

Il calcolo integrale: intro Il clcolo integrle: intro Le ppliczioni del clcolo integrle sono svrite: esistono, inftti, molti cmpi, dll fisic ll ingegneri, dll iologi ll economi, in cui si f lrgo uso degli integrli. Per fornire l

Dettagli

Il Primo Principio della Termodinamica non fornisce alcuna indicazione riguardo ad alcuni aspetti pratici.

Il Primo Principio della Termodinamica non fornisce alcuna indicazione riguardo ad alcuni aspetti pratici. Il Primo Principio dell Termodinmic non fornisce lcun indiczione rigurdo d lcuni spetti prtici. l evoluzione spontne delle trsformzioni; non individu cioè il verso in cui esse possono vvenire. Pistr cld

Dettagli

UDA N 2 Scienze e Tecnologie Applicate: Indirizzo INFORMATICA

UDA N 2 Scienze e Tecnologie Applicate: Indirizzo INFORMATICA Sch ed di pro gettzion e d elle Un ità d i App rend imento nu mero 1 UDA N 1 Scienze e Tecnologie Applicte: Indirizzo INFORMATICA UdA N 1 Disciplin Riferimento Titolo The incredibile mchine! informtic

Dettagli

Integrale Definito. Appunti di analisi matematica: Il concetto d integrale nasce per risolvere due classi di problemi: Integrale Definito

Integrale Definito. Appunti di analisi matematica: Il concetto d integrale nasce per risolvere due classi di problemi: Integrale Definito Appunti di nlisi mtemtic: Integrle Deinito Il concetto d integrle nsce per risolvere due clssi di prolemi: Integrle Deinito Clcolo delle ree di ig. delimitte d curve clcolo di volumi clcolo del lvoro di

Dettagli

Equazioni di 2 grado. Definizioni Equazioni incomplete Equazione completa Relazioni tra i coefficienti della equazione e le sue soluzioni Esercizi

Equazioni di 2 grado. Definizioni Equazioni incomplete Equazione completa Relazioni tra i coefficienti della equazione e le sue soluzioni Esercizi Equzioni di grdo Definizioni Equzioni incomplete Equzione complet Relzioni tr i coefficienti dell equzione e le sue soluzioni Esercizi Mteri: Mtemtic Autore: Mrio De Leo Definizioni Un equzione è: Un uguglinz

Dettagli

Proiettività della Retta e del Piano.

Proiettività della Retta e del Piano. Introduzione. In queste note proponimo l clssificzione delle proiettività per l rett proiettiv ed il pino proiettivo su un corpo lgebricmente chiuso. Nel cso dell rett studieremo nche il cso del corpo

Dettagli