Fattori prognostici clinicopatologici. dopo resezione per colangiocarcinoma ilare. Analisi univariata e multivariata

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Fattori prognostici clinicopatologici. dopo resezione per colangiocarcinoma ilare. Analisi univariata e multivariata"

Transcript

1 CHIRURGIA ITALIANA VOL. 56 N. 6 PP Fttori prognostici clinicoptologici e risultti distnz dopo resezione per colngiocrcinom ilre. Anlisi unirit e multirit GIOVANNI RAMACCIATO, FABRIZIO DI BENEDETTO b, NICOLA CAUTERO b, MICHELE MASETTI b, PAOLO MERCANTINI, NICOLA CORIGLIANO, GIUSEPPE NIGRI, AUGUSTO LAURO c, GIORGIO ERCOLANI c,massimo DEL GAUDIO c, NICOLA DE RUVO c, ANTONIO DANIELE PINNA c Uniersità di Rom L Spienz - II Fcoltà di Medicin e Chirurgi - Ospedle Snt Andre - UOC di Chirurgi Epto-Bilio-Pncretic b Uniersità di Moden e Reggio Emili - Diprtimento Chirurgi dei Trpinti di Fegto e Multiorgno c Uniersità degli Studi di Bologn - Policlinico S. Orsol-Mlpighi - UOC Chirurgi dei Trpinti di Fegto e Multiorgno Rissunto In questo studio è stto nlizzto il trttmento chirurgico del colngiocrcinom (CC) dell i bilire (VB) ilre e i reltii risultti lungo termine. Tr il gennio 2001 e il dicembre 2003, sono stti osserti 33 pzienti con CC dei quli 23 sono stti sottoposti interento resettio. È stt eseguit l sol resezione dell VB nei pzienti con CC tipo I e nei pzienti non dtti l trttmento resettio del fegto. Inece, l resezione dell VB è stt ssocit eptectomi destr o sinistr negli ltri csi. Un resezione eptic mggiore è stt eseguit in 19 (82%) pzienti. In 5 pzienti è stt eseguit un eptectomi destr llrgt l IV segmento; l è stt condott in 14 pzienti. L resezione del lobo cudto è stt eseguit in 7 (30%) pzienti. Non i è stt mortlità, mentre l morbilità è stt del 43%. L soprienz 1 nno è stt pri l 63.2%, con un medin di 19 mesi. Le recidie neoplstiche si sono mnifestte in 12 pzienti (52%). Tr i fttori lutti, il liello di lbumin (p = 0.006), i mrgini di resezione positii (p = 0.003) e il fttore T dell neoplsi (p = 0.02) sono in relzione con un ridott soprienz medin. Il trttmento chirurgico del CC ilre rimne l unic possibilità di ottenere un trttmento curtio in queste forme neoplstiche. Bssi lielli di lbumin e mrgini di resezione positii insieme con l T del tumore sono i fttori che mggiormente influenzno l prognosi. Prole chie: colngiocrcinom dell ilo eptico, resezioni eptiche Corrispondenz : Prof. Gionni Rmccito - Direttore UOC di Chirurgi Epto-Bilio-Pncretic - Uniersità di Rom L Spienz - II Fcoltà di Medicin e Chirurgi - Aziend Ospedlier Snt Andre - Vi di Grottross, Rom.

2 750 FATTORI PROGNOSTICI CLINICO-PATOLOGICI E RISULTATI A DISTANZA DOPO RESEZIONE PER COLANGIOCARCINOMA ILARE Summry Prognostic fctors nd long term outcome fter surgery for hilr cholngiocrcinom. Unirite nd multirite nlysis. G. Rmccito, F. Di Benedetto, N. Cutero, M. Msetti, P. Mercntini, N. Coriglino, G. Nigri, A. Luro, G. Ercolni, M. Del Gudio, N. De Ruo, A.D. Pinn Aim of the study ws to elute the surgicl strtegy for the tretment of the hilr cholngiocrcinom, focusing on the clinicopthologicl fctors influencing the outcome. Between Jnury 2001 nd December ptients out of 33 underwent surgery for hilr cholngiocrcinom. All ptients underwent resection of the extrheptic biliry duct. This ws the only tretment in ptients with Bismuth-Corlette type I cholngiocrcinom, or in ptients not suitble for heptic resection. In the other cses, resection of extrheptic bile duct ws ssocited to right or left heptectomy. The unirite nd multirite nlysis eluted multiple clinicopthologicl fctors in order to ssess long term suril. Mjor heptic resection ws crried out in 19 (82%) ptients. Heptic resection extended to the segment 4 ws performed in 5 ptients. Also, left heptectomy ws crried out in 14 ptients, while resection of the cudte lobe in 7 (30%) ptients. No hospitl mortlity ws recorded, while the oerll morbidity ws 43%. The 1 yer suril rte ws 63.2%, nd the medin suril rte 19 months. Recurrencies showed up in 12 ptients (52%). Among the other fctors, low leel of lbumin (p = 0.006), positie resection mrgins (p = 0.003) nd T (p = 0.02) mostly ffected the long term suril. Surgery is the gold stndrd for chieing curtie tretment of hilr cholngiocrcinom. The bile duct resection, long with heptic resection, the best option to increse long term suril of these ptients. The unirite nd multirite nlysis showed tht low lbumin leels, positie resection mrgins nd T re the most importnt fctors influencing long term suril. Key words: hilr cholngiocrcinom; heptic resections Chir Itl 2004; 56, 6: Introduzione Il colngiocrcinom (CC) che origin dll i bilre (VB) ilre è un rr neoplsi che rppresent il 6% di tutte le neoformzioni eptobiliri. Tutti, tr le neoplsie mligne dell VB, esso risult essere l neoplsi più comune, endo un incidenz del 40-60% di tutti i CC 1-3. L sede del tumore, l modlità di crescit e l insione del tessuto periduttle, perineurle e linftico costituiscono le cuse principli che rendono difficile eseguire, dl punto di ist tecnico, un resezione complet dell neoplsi. Tutti, oggi l resezione chirurgic rppresent l unic possibilità di cur che può essere offert l pziente. Vri Autori hnno sottolineto che, per ottenere un migliore soprienz distnz è necessrio eseguire un resezione i cui mrgini risultino indenni d infiltrzione neoplstic. A tle scopo spesso è necessrio eseguire un eptectomi mggiore, un resezione del lobo cudto ccompgnt d un resezione in blocco dell i bilire extreptic con un linfodenectomi regionle. Molti Autori, inoltre, hnno sottolineto l necessità di dottre un trttmento ggressio nche nei csi ccompgnti d insione dell en port o dell rteri eptic. Tutti, è ncor oggetto di dibttito l utilità dell esecuzione di estese resezioni eptiche, in prticolr modo nei pzienti con neoplsie del tipo I e II secondo l clssificzione di Bismuth-Corlette, lddoe un resezione con mrgini negtii può essere ottenut con l sol escissione dell VB. Lo scopo di questo studio è di lutre l nostr esperienz nel corso di 2 nni, i fttori di rischio che hnno influenzto l morbilità e mortlità, e l soprienz distnz dei pzienti sottoposti trttmento chirurgico. Pzienti e metodi Scelt dei pzienti e tecnic chirurgic È stto eseguito uno studio retrospettio su 33 pzienti ffetti d CC dell VB ilre. Tli pzienti sono giunti l trttmento, tr il gennio 2001 e il di-

3 CHIRURGIA ITALIANA VOL. 56 N. 6 PP cembre 2003, presso l U.O.C. di Chirurgi Epto- Bilio-Pncretic dell Ospedle Snt Andre dell Uniersità di Rom L Spienz, dirett dl Prof. G. Rmccito e presso l U.O.C. Chirurgi dei Trpinti di Fegto e Multiorgno del Policlinico S. Orsol dell Uniersità di Bologn, dirett dl Prof. A.D. Pinn. I csi di CC intreptico sono stti esclusi dllo studio poiché l crtteristic i di diffusione e l prognosi dei pzienti ffetti d questo tipo di neoplsi sono molto differenti d quelli del CC dell VB ilre. Sono stti, inoltre, esclusi dl trttmento chirurgico i pzienti con estes linfodenopti regionle o prortic o con metstsi peritoneli o distnz. Il gruppo dei pzienti comprende 24 uomini (72.7%) e 9 donne (27.3%), con un età medi di 58 nni. Il follow-up medio è stto di 11 mesi. L dignosi preopertori di CC è stt bst sull lutzione dei lielli sierici di CA 19-9 e CEA; i lielli di CA 19-9 e CEA sono stti lutti in 27 pzienti (82%) e in 30 pzienti (91%) rispettimente. Un ecogrfi ddominle (EA), l tomogrfi computerizzt (TC) e l risonnz mgnetic (RMN) sono stte eseguite di routine in tutti i csi. I pzienti con sospetto coinolgimento scolre d prte dell neoplsi, dimostrto dll TC, sono stti sottoposti ecogrfi Doppler o esme ngiogrfico. L ngio-rmn è stt utilizzt per ottenere ulteriori informzioni sull estensione locle dell neoplsi. Più recentemente, l TC spirle è stt utilizzt per meglio definire il coinolgimento scolre, riducendo l necessità di eseguire procedure dignostiche più complesse. L estensione extr e intr-eptic del tumore è stt lutt ttrerso l colngiogrfi percutne trnseptic o l colngiopncretogrfi retrogrd endoscopic. Il drenggio bilire preopertorio, in cso di ittero ostruttio, è stto eseguito nei pzienti con eleti lielli di bilirubinemi (> 10 g/dl) ssociti un funzionlità eptic compromess o scdute condizioni generli del pziente. L estensione dell neoplsi è stt lutt secondo l clssificzione di Bismuth-Corlette. Lo scopo principle del trttmento chirurgico eseguito dl nostro Gruppo è stto quello di ottenere un resezione curti. L sol VB sorpncretic è stt resect nei csi di neoplsie tipo I secondo l clssificzione di Bismuth-Corlette, e in quei pzienti non cndidti un resezione eptic. In cso di neoplsie tipo II, III e IV secondo Bismuth-Corlette, ll resezione dell VB è stt ssocit un eptectomi destr llrgt. Nei csi di neoplsie tipo IIIb è stt ssocit un. L resezione eptic è stt considert mggiore se comprende tre o più segmenti eptici, secondo l clssificzione di Couinud. L presenz di coinolgimento unilterle dell en port e/o dell rteri eptic non è stt considert un controindiczione ll resezione eptic. I linfonodi del legmento eptoduodenle, dell rteri eptic e del tripode celico sono stti sportti in tutti i pzienti. L resezione dei linfonodi posteriori ll porzione superiore dell test pncretic non è stt eseguit routinrimente. In tutti i pzienti, per ricostruire l continuità digesti dopo resezione, è stt eseguit un epticodigiunostomi su ns ll Roux. Vlutzione istologic L lutzione istologic estemporne dei mrgini di resezione è stt eseguit routinrimente. Qulor l lutzione istologic estemporne bbi rileto l infiltrzione neoplstic dei mrgini, è stt eseguit un ulteriore resezione. L resezione è stt considert curti (R0) qundo non sono stte rilete trcce di infiltrzione neoplstic nel mrgine di resezione. Lo stging del tumore è stto eseguito in ccordo con l Interntionl Union Aginst Cncer (UICC, 5 th Edition 1997). Follow-up Le informzioni reltie ogni singolo pziente e l suo follow-up sono stte inserite in un dtbse regolrmente ggiornto sulle eentuli recidie neoplstiche e lo stto dell soprienz del pziente. L mortlità ospedlier è stt definit come il decesso del pziente entro 30 giorni dll interento, includendo nche il decesso intr-opertorio. Le recidie neoplstiche sono stte definite come l mnifestzione di lesioni tumorli eptiche dopo un resezione curti. Tutti i pzienti dimessi sono stti sottoposti follow-up ogni 3 mesi durnte il primo nno, e successimente ogni 6 mesi. Il follow-up è consistito in un esme obiettio, esmi emtochimici, esmi di funzionlità eptic, i lielli di CA 19-9 e CEA, ecogrfi eptic o TC ddominle. Anlisi sttistic I dti consecutii sono stti espressi come lore medio. Le cure di soprienz sono stte clcolte con il metodo di Kpln-Meier e comprte usndo il test log-rnk. Per comprre le cure di so-

4 752 FATTORI PROGNOSTICI CLINICO-PATOLOGICI E RISULTATI A DISTANZA DOPO RESEZIONE PER COLANGIOCARCINOMA ILARE prienz, le ribili continue sono stte dicotomizzte usndo le medine rispettie come lori di riferimento. Solo le ribili risultte significtie ll nlisi unirit sono stte introdotte in un modello di regressione secondo Cox per identificre i fttori clinico-ptologici con significto prognostico indipendente. Tutte le nlisi sttistiche sono stte eseguite utilizzndo il progrmm SPSS (SPSS Inc., Chicgo, IL, USA). Le differenze sono stte considerte significtie se p > Risultti Dieci pzienti (30%) su 33 sono stti sottoposti lprotomi esplorti per poi essere giudicti inoperbili cus dell presenz di un mltti neoplstic loclmente nzt. Tutti 23 pzienti sono stti sottoposti resezione (resecbilità: 70%). Questo gruppo di 23 pzienti è stto preso in considerzione per l nlisi retrospetti. Le crtteristiche demogrfiche e clinico-ptologiche di tli pzienti sono mostrte in tbell I. Un clo ponderle inferiore l 20% del peso normle del pziente è stto riscontrto in 15 pzienti (65.2%). Il drenggio bilire preopertorio è stto eseguito in 13 pzienti (56.5%). Il lore medio dell bilirubinemi totle e dell lbumin erno rispettimente di 5.2 mg/dl e 3.4 g/dl. L sol resezione dell VB, comprendente l porzione extreptic sorpncretic dell stess, è stt eseguit con intento curtio in 4 pzienti (18%) con un neoplsi tipo I secondo Bismuth- Corlette. Resezioni eptiche mggiori sono stte eseguite in 19 pzienti (83%). In 5 pzienti è stt eseguit un resezione eptic destr estes l IV segmento. Un (segmenti II, III, IV) è stt eseguit in 14 pzienti. L resezione del lobo cudto è stt eseguit in 7 pzienti (30%). Al fine di ottenere un resezione con mrgini liberi d neoplsi, in 3 pzienti è stt eseguit un resezione con ricostruzione dell rteri eptic destr, mentre in ltri 3 è stt eseguit un resezione e ricostruzione dell en port. In un pziente, sempre per rdiclità, è stto necessrio eseguire un duodenoceflopncresectomi. In tutti i csi l ricostruzione dell en port o dell rteri eptic è stt eseguit prim dell resezione eptic. L esme istologico definitio h mostrto trttrsi, in tutti i csi, di denocrcinom. Fcendo riferimento ll clssificzione di Bismuth-Corlette, i csi sono stti così suddiisi: 4 pzienti tipo I (18%); 5 pzienti tipo III (22%); 12 pzienti tipo IIIb (52%); 2 pzienti tipo IV (9%). Fcendo, inece, riferimento ll clssificzione ptnm, i csi sono stti suddiisi nel seguente modo: 12 pzienti T1 (52%); 9 pzienti Tb. I. Crtteristiche clinico-ptologiche dei 23 pzienti Crtteristiche Vlori Età (in nni) 58 nni (51-67) * Sesso Uomini 18 (78%) Donne 5 (22%) Perdit di peso No 8 (35%) < 20% 15 (65%) Drenggio preopertorio Sì 13 (56%) No 10 (44%) C ng/ml ( ) * CEA 2.0 ng/ml ( ) * Bilirubin 5.2 mg/dl (1-11) * Albumin 3.4 g/dl ( ) * Clssificzione sec. Bismuth-Corlette Type I 4 (18%) Type III 5 (22%) Type IIIb 12 (52%) Type IV 2 (9%) Dimensioni dell neoplsi < 2.5 cm 6 (26%) > 2.5 cm 17 (74%) Trttmento chirugico Resezione dell VBP 4 (17%) VBP + 14 (61%) VBP + eptectomi destr 5 (22%) Compromissione dei mrgini No 11 (48%) Sì 12 (52%) Grding istologico G1 7 (30%) G2 11 (48%) G3 5 (22%) Insione perineurle No 3 (13%) Sì 20 (87%) Insione scolre No 13 (57%) Sì 10 (43%) Compromissione linfonodle No 15 (65%) Sì 8 (35%) Stdio TNM 1997 T1 12 (52%) T2 9 (39%) T3 2 (9%) Chemioterpi Sì 11 (48%) No 12 (52%) AFP = α-fetoprotein; VBP = i bilire principle. * Vlori espressi come medin (interqurtile).

5 CHIRURGIA ITALIANA VOL. 56 N. 6 PP T2 (39%); 2 pzienti T3 (9%). Trcce di insione scolre microscopic sono stte rilete in 10 pzienti (43%), mentre quelle di insione perineurle sono stte rilete in 20 pzienti (87%). Inoltre, 11 (48%) pzienti eno un tumore modertmente differenzito (G2), 7 (30%) G1 e 5 (22%) G3. Le dimensioni medie del tumore erno di 4 cm. In 6 pzienti (26%) il tumore er l di sotto dei 2.5 cm, mentre in 17 pzienti (74%) il tumore super i 2.5 cm. Spesso l esme istologico h rileto cellule neoplstiche nel mrgine di sezione. Pertnto, solo in 11 csi (48%) è stt eseguit un resezione con mrgini completmente liberi d neoplsi (Tb. II). Metstsi linfonodli regionli sono stte riscontrte in 8 (35%) dei pzienti sottoposti resezione. L morbilità totle è stt del 43% (10 pzienti). Tb. II. Tipi di resezioni eseguite. N. Clss. Resezione Procedure ssocite Resezione R UdST Dimensioni Bismuth- scolre del tumore Corlette (cm) 1 IIIb Resezione dell VBP + Resezione segmento VIII No I Resezione dell VBP Resezione segmento VI No IIIb Resezione dell VBP + Resezione segmento I No III Resezione dell VBP + No No eptectomi destr llrgt 5 IV Resezione dell VBP + No No IIIb Resezione dell VBP + Resezione segmento I No IIIb Resezione dell VBP + Resezione segmento I No III Resezione dell VBP + No No eptectomi destr llrgt 9 I Resezione dell VBP No No I Resezione dell VBP No No IIIb Resezione dell VBP + Resezione segmento I No IIIb Resezione dell VBP + No Art. eptic dx e. port 13 III Resezione dell VBP + No No eptectomi destr llrgt 14 IIIb Resezione dell VBP + No No IIIb Resezione dell VBP + No No I Resezione dell VBP No No IIIb Resezione dell VBP + Resezione segmento I Art. eptic dx e. port 18 IIIb Resezione dell VBP + DCP Art. eptic dx e. port 19 IV Resezione dell VBP + No No IIIb Resezione dell VBP + Resezione segmento I No III Resezione dell VBP + No No eptectomi destr llrgt 22 III Resezione dell VBP + No No eptectomi destr llrgt 23 IIIb Resezione dell VBP + Resezione segmento I No 1? 3.9 DCP = duodenoceflopncresectomi; UdST = unità di sngue trsfuse; VBP = i bilire principle.

6 754 FATTORI PROGNOSTICI CLINICO-PATOLOGICI E RISULTATI A DISTANZA DOPO RESEZIONE PER COLANGIOCARCINOMA ILARE Le complicnze più frequenti sono stte il lekge bilire (n = 7; 30.4%), l scesso ddominle con effusione pleuric e polmonite in 2 pzienti, ed emorrgi ddominle in 1 pziente. Tutti questi pzienti, eccezione di 2, sono stti trttti consertimente ttrerso il posizionmento di un drenggio bilire trnseptico trnsnstomotico, che è stto mntenuto in sede per 3-6 settimne. Mlgrdo tle morbilità, non si è uto lcun decesso introspedliero. Fino ll ultimo follow-up, 8 pzienti erno ii e liberi d mltti. L soprienz 1 nno è stt del 63.2%, con un soprienz medin di 19 mesi (Fig. 1). Sebbene l differenz non bbi rggiunto un significtiità sttistic (p = 0.06), forse per il corto follow-up o per il ridotto numero di pzienti, l grn prte dei csi che non sono stti sottoposti interento chirurgico resettio è decedut entro 2 nni (Fig. 2). Le recidie neoplstiche si sono mnifestte in 12 pzienti (52%) e sono stte l principle cus di decesso. L soprienz 1 nno, con pzienti liberi d mltti, è stt del 47.8% (Fig. 2). Qundo i pzienti sono stti suddiisi utilizzndo lo stging dell neoplsi, l soprienz è rit significtimente (p = 0.02) con un medin di 21 ± 11mesi (95% C.I. 0-43) e 19 ± 3 mesi (95% C.I ) per T1 e T2 rispettimente (Fig. 3). L soprienz medin per i csi con mrgine di resezione positio (n = 12) e con mrgine negtio (n = 11) è stt 12 ± 4 (95% C.I. 5-19) e 30 ± 11 mesi rispettimente. Vi è stt un significti differenz dell soprienz tr i due gruppi (p = 0.03) (Fig. 4). S op r i e n z S op r i e n z Fig. 1. Cur tturile di soprienz in relzione ll resecbilità. Fig. 2. Interllo libero d mltti dopo resezione curti. S op r i e n z S op r i e n z Fig. 3. Cur di soprienz tturile dopo resezione in relzione ll T. Fig. 4. Cur di soprienz tturile dopo resezione in relzione i mrgini.

7 CHIRURGIA ITALIANA VOL. 56 N. 6 PP Inoltre, i pzienti resecti, con lielli preopertori di lbumin < 3 g/dl hnno uto un soprienz minore rispetto quelli con lbumin > 3 g/dl (p = 0.006) (Fig. 5). Inoltre, i pzienti con linfonodi negtii non hnno mostrto un migliore soprienz di quelli con linfonodi metsttici (16 ± 4 mesi s 21 ± 5 mesi p = 0.88) (Fig. 6). L Tb. III mostr l influenz delle crtteristiche istoptologiche sull nlisi unirit. Tr i fttori lutti, il liello preopertorio di lbumin (p = 0.06), l presenz di mrgini di resezione negtii (p = 0.03) e l dimensione (T) dell neoplsi (p = 0.02) sono stti messi in relzione con un mggiore soprienz medin. Qundo tli fttori sono stti considerti nell mbito di un nlisi multirit, solmente i lielli preopertori di lbumin e l presenz di mrgini di resezione positii sono stti confermti come fttori prognostici indipendenti (Tb. III). Altre ribili, come l chemioterpi preopertori, l presenz di metstsi intreptiche, le dimensioni del tumore, l insione scolre e perineurle, l presenz di metstsi linfonodli e il grdo di differenzizione dell neoplsi, non hnno influenzto significtimente l soprienz dei pzienti (Tb. IV). Discussione L soprienz distnz per il CC dell VB ilre è strettmente ssocit con l possibilità di eseguire un resezione curti, con mrgini di resezione liberi d neoplsi. Per ottenere dei mrgini negtii, deono essere eseguite delle procedure chirurgiche più estese, che includno resezioni eptiche mggiori, l duodenoceflopncresectomi, o l resezione del lobo cudto 1,2,4. Tutti, tli procedure sono ssocite un rischio chirurgico umentto e un lt mortlità 5,6. Nei centri di chirurgi eptobilire l mortlità ri tr il 2.8% e il 10% 2,4,7,8. L mortlità periopertori è frequentemente legt ll insufficienz eptic che segue le eptectomie mggiori in pzienti con ittero ostruttio. Nell csistic presente, è stt dimostrt l fttibilità dell resezione eptic eseguit per CC dell VB ilre con mortlità null. I risultti possono essere ttribuiti ll ccurt selezione dei pzienti e ll uso di differenti indgini preopertorie finlizzte ll lutzione dell diffusione neoplstic e dell funzionlità eptic. Inftti, per minimizzre il rischio di insufficienz eptic postopertori, è necessrio ridurre l ittero preopertorio e llo stesso tempo tenere sotto controllo un eentule processo colngitico dell VB. V sottolineto che l resezione dell VB, ssocit un resezione eptic mggiore, può essere eseguit in condizioni di sicurezz qundo un drenggio bilire preopertorio bbi determinto un bbssmento dei lielli di bilirubin d lmeno 10 mg/dl. Questo tipo di pproccio ci h permesso di ottenere un eleto indice di resecbilità (70%) con un mortlità pri zero e un morbilità ccettbile (43%). Tutti, l uso routinrio del drenggio bilire è oggetto di numerosi dibttiti 9. Sebbene Cherqui et l. 10 non bbino dimostrto un differenz significti in termini di insufficienz eptic e morbilità ospedlier tr pzienti con e senz ittero, è stto sottolineto che il posizionmento di tle drenggio è estremmente efficce in pzienti con bilirubin > 10 mg/dl sottoposti trttmento chirurgico. S op r i e n z S op r i e n z Fig. 5. Cur di soprienz tturile dopo resezione in relzione i lielli di lbumin plsmtic. Fig. 6. Cur di soprienz tturile dopo resezione in relzione ll interessmento linfonodle.

8 756 FATTORI PROGNOSTICI CLINICO-PATOLOGICI E RISULTATI A DISTANZA DOPO RESEZIONE PER COLANGIOCARCINOMA ILARE Tb. III. Soprienz globle e crtteristiche istoptologiche. Fttore N. Medi ± ES (mesi) 95% CI (mesi) p Età 0.86 < ± > ± CA < ± > ± CEA 0.76 < ± > ± Bilirubin 0.53 < ± > ± Albumin < ± > ± Metstsi intreptiche 0.69 Sì ± No ± Drenggio preopertorio 0.07 Sì ± No ± Chemioterpi 0.42 Sì ± No 12 5 ± (non clcolbile) Non clcolbile Trsfusioni periopertorie 0.15 Sì ± No ± Dimensioni dell neoplsi 0.21 < 2, ± 0 Non clcolbile > 2, ± Mrgini 0.03 Positii ± Negtii ± Insione scolre 0.58 Sì ± No ± Insione perineurle 0.90 Sì ± No 3 16 ± (non clcolbile) Non clcolbile Coinolgimento linfonodle 0.88 Sì 8 21 ± No ± Grdo 0.09 G1 7 Tutti ienti G ± G ± T (TNM) 0.02 T ± T ± T3 2 Tutti deceduti CI = interllo di confidenz.

9 CHIRURGIA ITALIANA VOL. 56 N. 6 PP Tb. IV. Soprienz globle: nlisi multirit. Fttori Hzrd 95% p rtio interllo di confidenz Albumin Mrgini T (TNM) L lettertur riport mpimente come l compromissione dei mrgini di resezione influenzi in mnier determinnte l prognosi 2,4,8. L prognosi dei pzienti con mrgini di resezione negtii (R0) è decismente migliore 2-4,11,12. L soprienz 5 nni dopo resezione curti è compres tr il 20% e il 51.6%, ed è significtimente più lt di quell di pzienti sottoposti resezione R1 (0-12.6%). Solmente Seym 9 non h troto un significti differenz tr l soprienz dei pzienti sottoposti resezioni R0 e R1. Lo studio presente, inece, h mostrto che l soprienz medin dei pzienti sottoposti resezione R0 è significtimente migliore di quell dei pzienti sottoposti R1 (30 ± 11 mesi s 12 ± 4 mesi; p = 0.03), confermndo così l importnz di ottenere sempre dei mrgini di resezione prii di infiltrzione neoplstic. Nel nostro studio i mrgini di resezione sono risultti positii in 12 pzienti (52%). Per tle motio è stto necessrio ricorrere delle resezioni eptiche llrgte per umentre le possibilità di ottenere un resezione curti. Tutti, non è ncor stto chirito qule tipo di resezione debb essere eseguit per ere l mggiore possibilità di ottenere un resezione curti. Bismuth et l. 13 hnno dimostrto che l resezione dell i bilire extreptic d sol può essere giustifict solo nei tumori tipo I sec. Bismuth-Corlette, e consiglino un eptectomi destr o sinistr con resezione di routine del lobo cudto nei csi di tumori tipo III e IIIb. In un recente csistic di Nehus 2, tutti i pzienti con tumori tipo I e II sono stti trttti con l sol resezione dell VB. Tutti, questo comportmento h mostrto un minore rdiclità chirurgic se confrontto ll resezione eptic (29% s 61%; p = 0.05). Nell nostr esperienz l sol resezione dell VB è stt eseguit in 4 pzienti con tumore tipo I, 2 R0 (50%) e 2 R1 (50%). Il bree periodo nel qule è stto compiuto lo studio e l esiguo numero dei pzienti, non ci hnno permesso di trrre delle chire conclusioni rigurdo il trttmento dei tumori tipo I e II. Ulteriori studi sono necessri per lutre l necessità di eseguire delle resezioni eptiche in questo tipo di tumori. Rimne inftti difficile lutre correttmente, nche in corso di interento, l diffusione neoplstic lungo l VB. L esme istologico estemporneo rimne, tutt oggi, l unico fttore in grdo di permettere di lutre il tipo di resezione d eseguire. V comunque sottolineto che l resezione dell sol VB è giustifict in tutti quei pzienti con un funzione eptic scdut e che sono mggiormnte rischio di complicnze postopertorie. È ncor oggetto di discussione l necessità di un resezione del lobo cudto. Kwrd et l. 14 hnno dimostrto che che il lobo cudto è spesso (42.3%) sede di insione neoplstic d prte del CC. Nimur et l. 15 hnno rileto un infiltrzione neoplstic del lobo cudto in 44 dei 45 pzienti trttti. Tutti, se in ltre csitiche l resezione del lobo cudto non h portto migliormenti dei risultti distnz 7,16,17, ltri Autori hnno dimostrto il contrrio Bsndosi sui risultti ottenuti dl nostro studio, è consiglibile eseguire l resezione del lobo cudto per le lesioni loclizzte sinistr. L resezione del lobo cudto, ssocit un, è stt eseguit in 7 pzienti (30%); in questi csi i mrgini dell resezione sono risultti negtii (R0) con un migliormento dei risultti distnz. Inece, per tutte le lesioni loclizzte destr, un eptectomi destr llrgt senz resezione del lobo cudto (4 su 5 pzienti) h ssicurto dei mrgini di resezione liberi d mltti. Il fttore pt è stto considerto come un ribile prognostic in ssocizione con l soprienz. È stto dimostrto, d lcuni Autori, che l T dell neoplsi è un fttore predittio significtio 4,12. Tutti, ltre csistiche non hnno dimostrto tle correlzione 9,11. Questo studio h dimostrto un differenz significti in soprienz nel momento in cui i csi sono stti strtificti in bse ll T; l soprienz medin è rit in modo significtio (p = 0.02) per T1, T2 e T3 (Fig. 2). Tutti, l nlisi multirit condott h dimostrto che l infiltrzione dei mrgini di resezione dorebbe essere considert come il fttore prognostico più importnte se comprto ll T. Per tle motio è necessrio sottolinere l necessità di resezioni eptiche llrgte, nche qundo engono troti tumori con un T più foreole. Numerosi studi hnno dimostrto l significtiità prognostic dell interessmento linfonodle. Inece, Jrngin et l. 12 non hnno osserto differenze significtie tr pzienti con o senz interessmento linfonodle, riportndo un soprienz medin ssolutmente sorpponibile (42 s 39 mesi rispettimente, p = 0.3). Altri Autori hnno osserto risultti simili 4,7,18,21-23 m lcuni studi hn-

10 758 FATTORI PROGNOSTICI CLINICO-PATOLOGICI E RISULTATI A DISTANZA DOPO RESEZIONE PER COLANGIOCARCINOMA ILARE no riportto un soprienz mggiore in pzienti con linfonodi negtii 8,11,17,24. Nel nostro studio, i pzienti con coinolgimento linfonodle hnno uto un soprienz distnz simile quell dei pzienti con linfonodi negtii. Tutti, considerndo l tendenz di tle neoplsi indere i linfonodi locoregionli, è consiglibile ssocire l linfodenectomi ll resezione dell i bilire o lle resezioni eptiche mggiori l fine di ottenere un resezione curti. Nel presente studio, i pzienti con lielli preopertori di lbumin superiori 3 g/dl hnno uto un soprienz migliore rispetto i pzienti con lielli inferiori 3 g/dl (soprienz medin 21 ± 3 s 8 ±2 mesi, rispettimente; p = 0.006). Questo può essere douto l ftto che i pzienti con deficit di lbumin, e quindi con mlnutrizione, si trono nche in uno stto di immunodepressione che forirebbe l diffusione tumorle. Tle dto, che non è stto inestigto in precedenz, necessit di ulteriori pprofondimenti. Conclusioni I risultti di questo studio sostengono l ipotesi che un pproccio chirurgico ggressio in cso di CC dell VB ilre si l unic possibilità di ottenere un trttmento curtio. L resezione dell i bilire ssocit un eptectomi mggiore dà un migliore soprienz distnz. V tle proposito, ricordto che nei centri di riferimento di chirurgi eptobilire le resezioni eptiche llrgte possono essere eseguite con un bss morbilità. Bssi lielli di lbumin preopertori, l presenz di mrgini di resezione positii e l T del tumore risultno essere correlti un minore soprienz medin. Bibliogrfi 1. Miyzki M, Ito H, Nkgw K, Ambiru S, Shimizu H, Shimizu Y, Kto A, Nkmur S, Omoto H, Nkjim N, Kimur F, Suw T. Aggressie surgicl pproches to hilr cholngiocrcinom: heptic or locl resection? Surgery 1998; 123: Neuhus P, Jons S, Bechstein WO, Lohmnn R, Rdke C, Kling N, Wex C, Lobeck H, Hintze R. Extended resections for hilr cholngiocrcinom. Ann Surg 1999; 230: ; discussion Kondo S, Hirno S, Ambo Y, Tnk E, Okushib S, Morikw T, Ktoh H. Forty consecutie resections of hilr cholngiocrcinom with no postopertie mortlity nd no positie ductl mrgins: results of prospectie study. Ann Surg 2004; 240: Kosuge T, Ymmoto J, Shimd K, Ymski S, Mkuuchi M. Improed surgicl results for hilr cholngiocrcinom with procedures including mjor heptic resection. Ann Surg 1999; 230: Mdrig JR, Iwtsuki S, Todo S, Lee RG, Irish W, Strzl TE. Lier resection for hilr nd peripherl cholngiocrcinoms: study of 62 cses. Ann Surg 1998; 227: Gerhrds MF, n Gulik TM, Bosm A, Hoopen-Neumnn H, Verbeek PC, Gonzlez Gonzlez D, de Wit LT, Goum DJ. Long-term suril fter resection of proximl bile duct crcinom (Kltskin tumors). World J Surg 1999; 23: Cpussotti L, Murtore A, Polstri R, Ferrero A, Mssucco P. Lier resection for hilr cholngiocrcinom: in-hospitl mortlity nd longterm suril. J Am Coll Surg 2002; 195: Todoroki T, Kwmoto T, Koike N, Tkhshi H, Yoshid S, Kshiwgi H, Tkd Y, Otsuk M, Fuko K. Rdicl resection of hilr bile duct crcinom nd predictors of suril. Br J Surg 2000; 87: Seym Y, Kubot K, Sno K, Noie T, Tkym T, Kosuge T, Mkuuchi M. Long-term outcome of extended hemiheptectomy for hilr bile duct cncer with no mortlity nd high suril rte. Ann Surg 2003; 238: Cherqui D, Benoist S, Mlssgne B, Humeres R, Rodriguez V, Fgniez PL. Mjor lier resection for crcinom in jundiced ptients without preopertie biliry dringe. Arch Surg 2000; 135: Kwski S, Immur H, Kobyshi A, Noike T, Miw S, Miygw S. Results of surgicl resection for ptients with hilr bile duct cncer: ppliction of extended heptectomy fter biliry dringe nd hemiheptic portl ein emboliztion. Ann Surg 2003; 238:

11 CHIRURGIA ITALIANA VOL. 56 N. 6 PP Jrngin WR, Fong Y, DeMtteo RP, Gonen M, Burke EC, Bodniewicz BJ, Youssef BM, Klimstr D, Blumgrt LH. Stging, resectbility, nd outcome in 225 ptients with hilr cholngiocrcinom. Ann Surg 2001; 234: ; discussion Bismuth H, Nkche R, Dimond T. Mngement strtegies in resection for hilr cholngiocrcinom. Ann Surg 1992; 215: Kwrd Y, Ds BC, Ngnum T, Tbt M, Tok H. Surgicl tretment of hilr bile duct crcinom: experience with 25 consecutie heptectomies. J Gstrointest Surg 2002; 6: Nimur Y, Hykw N, Kmiy J, Kondo S, Shionoy S. Heptic segmentectomy with cudte lobe resection for bile duct crcinom of the heptic hilus. World J Surg 1990; 14: ; discussion Su CH, Tsy SH, Wu CC, Shyr YM, King KL, Lee CH, Lui WY, Liu TJ, P Eng F K. Fctors influencing postopertie morbidity, mortlity, nd suril fter resection for hilr cholngiocrcinom. Ann Surg 1996; 223: Klempnuer J, Ridder GJ, on Wsielewski R, Werner M, Weimnn A, Pichlmyr R. Resectionl surgery of hilr cholngiocrcinom: multirite nlysis of prognostic fctors. J Clin Oncol 1997; 15: Sugiur Y, Nkmur S, Iid S, Hosod Y, Ikeuchi S, Mori S, Sugiok A, Tsuzuki T. Extensie resection of the bile ducts combined with lier resection for cncer of the min heptic duct junction: coopertie study of the Keio Bile Duct Cncer Study Group. Surgery 1994; 115: Tshiro S, Tsuji T, Knemitsu K, Kmimoto Y, Hirok T, Miyuchi Y. Prolongtion of suril for crcinom t the heptic duct confluence. Surgery 1993; 113: Ogur Y, Mizumoto R, Tbt M, Mtsud S, Kusud T. Surgicl tretment of crcinom of the heptic duct confluence: nlysis of 55 resected crcinoms. World J Surg 1993; 17: 85-92; discussion Lunois B, Terblnche J, Lkehl M, Ctheline JM, Brdxoglou E, Lnden S, Cmpion JP, Sutherlnd F, Meunier B. Proximl bile duct cncer: high resectbility rte nd 5-yer suril. Ann Surg 1999; 230: Kuroski I, Tsukd K, Htkeym K, Muto T. The mode of lymphtic spred in crcinom of the bile duct. Am J Surg 1996; 172: Kitgw Y, Ngino M, Kmiy J, Uesk K, Sno T, Ymmoto H, Hykw N, Nimur Y. Lymph node metstsis from hilr cholngiocrcinom: udit of 110 ptients who underwent regionl nd prortic node dissection. Ann Surg 2001; 233: Iwtsuki S, Todo S, Mrsh JW, Mdrig JR, Lee RG, Dorchik I, Fung JJ, Strzl TE. Tretment of hilr cholngiocrcinom (Kltskin tumors) with heptic resection or trnsplnttion. J Am Coll Surg 1998; 187:

12 107 CONGRESSO SOCIETÀ ITALIANA DI CHIRURGIA Presidente: Lucino DE MARTINO Cgliri, 9-12 Ottobre 2005 Centro Cultur Congressi Fier Cmpionri

Imparare: cosa, come, perché.

Imparare: cosa, come, perché. GIOCO n. 1 Imprre: cos, come, perché. L pprendimento scolstico non è solo questione di metodo di studio, m di numerose situzioni di tipo personle e di gruppo, oppure legte l contesto in cui pprendimo.

Dettagli

LCA e prevenzione dei rifiuti: caso di studio sull acqua da bere

LCA e prevenzione dei rifiuti: caso di studio sull acqua da bere Anlisi del ciclo di vit del sistem di gestione rifiuti in Lombrdi Milno 8 Mggio 212 LCA e prevenzione dei rifiuti: cso di studio sull cqu d bere S. Nessi Politecnico di Milno DIIAR Sezione mbientle Obiettivo

Dettagli

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n.

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n. AUTOVALORI ED AUTOVETTORI Si V uno spzio vettorile di dimensione finit n. Dicesi endomorfismo di V ogni ppliczione linere f : V V dello spzio vettorile in sé. Se f è un endomorfismo di V in V, considert

Dettagli

Original studies/studi originali General topics/argomenti generali

Original studies/studi originali General topics/argomenti generali Eur. J. Oncol., vol. 11, n. 1, pp. 00-00, 2006 Originl studies/studi originli Generl topics/argomenti generli Imptto delle cure pllitive sull ssistenz dei pzienti oncologici in fse terminle in provinci

Dettagli

Radiofrequenza dei tumori renali: CEUS vs TC spirale nella valutazione di efficacia terapeutica

Radiofrequenza dei tumori renali: CEUS vs TC spirale nella valutazione di efficacia terapeutica Rdiofrequenz dei tumori renli: CEUS vs TC spirle nell vlutzione di efficci terpeutic M.F. Meloni, T. Livrghi, F. Cllid, M. Csti, R. Cterini, L. Innocenti Servizio di Rdiologi, Diprtimento di Chirurgi,

Dettagli

Oggetto: SOGGETTI IRES - LA RILEVAZIONE CONTABILE DELLE IMPOSTE DI ESERCIZIO

Oggetto: SOGGETTI IRES - LA RILEVAZIONE CONTABILE DELLE IMPOSTE DI ESERCIZIO Ai gentili Clienti Loro sedi Oggetto: SOGGETTI IRES - LA RILEVAZIONE CONTABILE DELLE IMPOSTE DI ESERCIZIO Al termine di ciscun periodo d impost, dopo ver effettuto le scritture di ssestmento e rettific,

Dettagli

Linee guida per la valutazione preoperatoria del rischio cardiaco e la gestione perioperatoria del paziente cardiopatico nella chirurgia non cardiaca

Linee guida per la valutazione preoperatoria del rischio cardiaco e la gestione perioperatoria del paziente cardiopatico nella chirurgia non cardiaca LINEE GUIDA Linee guid per l vlutzione preopertori del rischio crdico e l gestione periopertori del pziente crdioptico nell chirurgi non crdic Tsk Force per l Vlutzione Preopertori del Rischio Crdico e

Dettagli

Conversione A/D e D/A. Quantizzazione

Conversione A/D e D/A. Quantizzazione Conversione A/D e D/A Per il trttmento dei segnli sempre più vengono preferite soluzioni di tipo digitle. È quindi necessrio, in fse di cquisizione, impiegre dispositivi che convertno i segnli nlogici

Dettagli

Facoltà di Economia - Università di Sassari Anno Accademico 2004-2005. Dispense Corso di Econometria Docente: Luciano Gutierrez.

Facoltà di Economia - Università di Sassari Anno Accademico 2004-2005. Dispense Corso di Econometria Docente: Luciano Gutierrez. Fcoltà di Economi - Università di Sssri Anno Accdemico 2004-2005 Dispense Corso di Econometri Docente: Lucino Gutierrez Algebr Linere Progrmm: 1.1 Definizione di mtrice e vettore 1.2 Addizione e sottrzione

Dettagli

Il Pensiero Scientifico Editore downloaded by GIUSEPPE MUSUMECI IP 82.115.173.17 Mon, 09 Jul 2012, 10:23:58 DOCUMENTO DI CONSENSO

Il Pensiero Scientifico Editore downloaded by GIUSEPPE MUSUMECI IP 82.115.173.17 Mon, 09 Jul 2012, 10:23:58 DOCUMENTO DI CONSENSO Il Pensiero Scientifico Editore downloded by GIUSEPPE MUSUMECI IP 82.115.173.17 Mon, 09 Jul 2012, 10:23:58 DOCUMENTO DI CONSENSO Stent coronrico e chirurgi: l gestione periopertori dell terpi ntiggregnte

Dettagli

Il Database Topografico Regionale

Il Database Topografico Regionale Il Dtbse Topogrfico Regionle Stefno Olivucci Stefno Bonretti Servizio Sttistic ed Informzione Geogrfic Il Dtbse Topogrfico Regionle Rppresent il nucleo portnte dell infrstruttur regionle reltiv i dti territorili

Dettagli

Desk CSS-KPMG Innovare la PA. Presentazione del progetto di ricerca Organization Review. Luciano Hinna

Desk CSS-KPMG Innovare la PA. Presentazione del progetto di ricerca Organization Review. Luciano Hinna Desk CSS-KPMG Innovre l PA Presentzione del progetto di ricerc Orgniztion Review Lucino Hinn Obiettivo del progetto Mettere punto un nuov metodologi, intes come strumento d consegnre lle pubbliche mministrzioni

Dettagli

Modulo 6. La raccolta bancaria e il rapporto di conto corrente. Unità didattiche che compongono il modulo. Tempo necessario

Modulo 6. La raccolta bancaria e il rapporto di conto corrente. Unità didattiche che compongono il modulo. Tempo necessario 58 Modulo 6 L rccolt bncri e il rpporto di conto corrente I destintri del Modulo sono gli studenti del quinto nno che, dopo ver nlizzto e ppreso le crtteristiche fondmentli dell ttività delle ziende di

Dettagli

ASSENZE PER ASSISTENZA PORTATORI DI HANDICAP

ASSENZE PER ASSISTENZA PORTATORI DI HANDICAP NORMATIVA ASSENZE PER ASSISTENZA PORTATORI DI HANDICAP A cur di Libero Tssell d Scuol&Scuol del 21/10/2003 Riferimenti normtivi: rt. 21 e 33 5.2.1992 n. 104 e successive modifiche ed integrzioni, Dlgs.

Dettagli

10. Completare la seguente tabella, in cui sono riportate le produzioni assolute e relative di tre colture altamente diffuse in Italia.

10. Completare la seguente tabella, in cui sono riportate le produzioni assolute e relative di tre colture altamente diffuse in Italia. ESERCIZI DI BASE 1. I soci proprietri di un piccol compgni gricol sono tre: i signori A, B, C. Mentre i signori A e C hnno l stess quot di prtecipzione ll ziend, il signor B h solo il 50% dell quot degli

Dettagli

" Osservazione. 6.1 Integrale indefinito. R Definizione (Primitiva) E Esempio 6.1 CAPITOLO 6

 Osservazione. 6.1 Integrale indefinito. R Definizione (Primitiva) E Esempio 6.1 CAPITOLO 6 CAPITOLO 6 Clcolo integrle 6. Integrle indefinito L nozione fondmentle del clcolo integrle è quell di funzione primitiv di un funzione f (). Tle nozione è in qulche modo speculre ll nozione di funzione

Dettagli

STUDIO COMMERCIALE TRIBUTARIO TOMASSETTI & PARTNERS Corso Trieste 88 00198 Roma Tel. 06/8848666 (RA) Fax 068844588 info@mt-partners.

STUDIO COMMERCIALE TRIBUTARIO TOMASSETTI & PARTNERS Corso Trieste 88 00198 Roma Tel. 06/8848666 (RA) Fax 068844588 info@mt-partners. CIRCOLARE INFORMATIVA NR. 14 del 30/11/2012 ARGOMENTO: IMPOSTA SOSTITUIVA TFR 2013 Scde il prossimo 16 dicembre il termine per pgre l impost sostitutiv sul TFR. Tle impost rppresent l nticipo di tsse dovute

Dettagli

Corso di Laurea in Chimica Regolamento Didattico

Corso di Laurea in Chimica Regolamento Didattico Corso di Lure in Chimic Regolmento Didttico Art.. Il Corso di Lure in Chimic h come finlità l formzione di lureti con competenze nei diversi settori dell chimic per qunto rigurd si gli spetti teorici che

Dettagli

Variazioni di sviluppo del lobo frontale nell'uomo

Variazioni di sviluppo del lobo frontale nell'uomo Istituto di Antropologi dell Regi Università di Rom Vrizioni di sviluppo del lobo frontle nell'uomo pel Dott. SERGIO SERGI Libero docente ed iuto ll cttedr di Antropologi. Il problem dei rpporti di sviluppo

Dettagli

3. Funzioni iniettive, suriettive e biiettive (Ref p.14)

3. Funzioni iniettive, suriettive e biiettive (Ref p.14) . Funzioni iniettive, suriettive e iiettive (Ref p.4) Dll definizione di funzione si ricv che, not un funzione y f( ), comunque preso un vlore di pprtenente l dominio di f( ) esiste un solo vlore di y

Dettagli

Manuale Generale Sintel Guida alle formule di aggiudicazione

Manuale Generale Sintel Guida alle formule di aggiudicazione MANUALE DI SUPPOTO ALL UTILIZZO DELLA PIATTAFOMA SINTEL GUIDA ALLE FOMULE DI AGGIUDICAZIONE Pgin 1 di 21 AGENZIA EGIONALE CENTALE ACQUISTI Indice 1 INTODUZIONE... 3 1.1 Cso di studio... 4 2 FOMULE DI CUI

Dettagli

Apporto della colangio-rm nella diagnostica delle vie biliari

Apporto della colangio-rm nella diagnostica delle vie biliari Apporto dell colngio-rm nell dignostic delle vie iliri LORETTA CALDERAN,ALEXIA ROSSI,MARINA BORTUL,FULVIO STACUL,STEFANIA GAVA,MARIA COVA UCO di Rdiologi - Ospedle di Cttinr - Università degli Studi di

Dettagli

Tumori mesenchimali gastrici (GIST) Aspetti clinici e revisione critica delle metodologie diagnostiche

Tumori mesenchimali gastrici (GIST) Aspetti clinici e revisione critica delle metodologie diagnostiche Tumori mesenchimli gstrici (GIST) Aspetti clinici e revisione critic delle metodologie dignostiche ARRIGO SPIVACH, MARGHERITA FEZZI, ALBERTO SARTORI, MANUEL BELGRANO, ALESSANDRA RIMONDINI, ROBERTO CUTTIN-ZERNICH,

Dettagli

PRESENTAZIONE AL QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE DELLA MEMORIA (Everyday Memory Questionnaire - EMQ)

PRESENTAZIONE AL QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE DELLA MEMORIA (Everyday Memory Questionnaire - EMQ) PRESENTAZIONE AL QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE DELLA MEMORIA (Everydy Memory Questionnire - EMQ) Drio Slmso e Giuseppin Viol CNR-Psicologi, Vile Mrx 15-00137 ROMA) L'EMQ (Sunderlnd et l., 1983) si propone

Dettagli

I costi dell impresa. Litri di benzene per unità di tempo. Linea di isocosto

I costi dell impresa. Litri di benzene per unità di tempo. Linea di isocosto 7 I costi dell impres 7.1. Per l combinzione di equilibrio dei due input, si ved il grfico successivo. L pendenz dell line di isocosto e` pri ll opposto del rpporto tr i prezzi dei fttori: -10 = 2 = -5.

Dettagli

COME SOPRAVVIVERE ALLA MATEMATICA. 1. La funzione matematica e la sua utilità in economia

COME SOPRAVVIVERE ALLA MATEMATICA. 1. La funzione matematica e la sua utilità in economia COME SOPRAVVIVERE ALLA MATEMATICA di Giuli Cnzin e Dominique Cppelletti Come potrete notre inoltrndovi nel corso di Introduzione ll economi, l interpretzione dell teori economic non presuppone conoscenze

Dettagli

DEBITI VERSO BANCHE 1 PREMESSA 2 CONTENUTO DELLA VOCE. Passivo SP D.4. Prassi Documento OIC n. 12; Documento OIC n. 19 2.

DEBITI VERSO BANCHE 1 PREMESSA 2 CONTENUTO DELLA VOCE. Passivo SP D.4. Prassi Documento OIC n. 12; Documento OIC n. 19 2. Cp. 49 - Debiti verso bnche 49 DEBITI VERSO BANCHE Pssivo SP D.4 Prssi Documento OIC n. 12; Documento OIC n. 19 1 PREMESSA I debiti verso bnche ricomprendono tutti quei debiti in cui l controprte è un

Dettagli

L04AB04. Riassunto delle. del prodotto

L04AB04. Riassunto delle. del prodotto L04AB04 Rissunto delle crtteristiche del prodotto L04AB04 1. Denominzione del medicinle Humir 40 mg soluzione iniettbile in penn pre-riempit. 2. Composizione qulittiv e quntittiv Ciscun penn pre-riempit

Dettagli

Comparazione delle performance di 6 cloni di Gamay ad altitudine elevata

Comparazione delle performance di 6 cloni di Gamay ad altitudine elevata Comprzione delle performnce di 6 cloni di Gmy d ltitudine elevt 1 / 46 Motivzioni Selezione clonle IAR-4 Lo IAR-4 è stto selezionto in mbiente montno d un prticolre popolzione di mterile stndrd, dll qule

Dettagli

RIChIestA di BORsA di studio UNIVeRsItà O IstItUtI equipollenti

RIChIestA di BORsA di studio UNIVeRsItà O IstItUtI equipollenti prot. Istituto di Previdenz e Assistenz RIChIestA di BORsA di studio UNIVeRsItà O IstItUtI equipollenti SpzIo RISeRVTo ll Ip Cndidto punteggio esito Il sottoscritto (iscritto ll Ip) nto/ il residente in

Dettagli

Stabilità dei sistemi di controllo in retroazione

Stabilità dei sistemi di controllo in retroazione Stbilità dei sistemi di controllo in retrozione Criterio di Nyquist Il criterio di Nyquist Estensione G (s) con gudgno vribile Appliczione sistemi con retrozione positiv 2 Criterio di Nyquist Stbilità

Dettagli

8 Controllo di un antenna

8 Controllo di un antenna 8 Controllo di un ntenn L ntenn prbolic di un rdr mobile è montt in modo d consentire un elevzione compres tr e =2. Il momento d inerzi dell ntenn, Je, ed il coefficiente di ttrito viscoso, f e, che crtterizzno

Dettagli

Le spese di ricerca e sviluppo: gestione contabile ed iscrizione in bilancio *

Le spese di ricerca e sviluppo: gestione contabile ed iscrizione in bilancio * www.solmp.it Le : gestione contbile ed iscrizione in bilncio * Piero Pisoni, Fbrizio Bv, Dontell Busso e Alin Devlle ** 1. Premess Le sono esminte nei seguenti spetti: Il presente elborto è trtto d: definizione

Dettagli

Convenzione sull'unificazione di taluni elementi del diritto dei brevetti d'invenzione

Convenzione sull'unificazione di taluni elementi del diritto dei brevetti d'invenzione Serie dei Trttti Europei - n 47 Convenzione sull'unificzione di tluni elementi del diritto dei revetti d'invenzione Strsurgo, 27 novemre 1963 Trduzione ufficile dell Cncelleri federle dell Svizzer Gli

Dettagli

LE RETTIFICHE DI STORNO

LE RETTIFICHE DI STORNO Cpitolo 11 LE RETTIFICHE DI STORNO cur di Alfredo Vignò Le scritture di rettific di fine esercizio Sono composte l termine del periodo mministrtivo per inserire nel sistem vlori stimti e congetturti di

Dettagli

Ricostruzione della cresta in zona 1.1. e 2.1 con lembo palatino a scorrimento coronale e posizionamento di due impianti Prima di Keystone Dental

Ricostruzione della cresta in zona 1.1. e 2.1 con lembo palatino a scorrimento coronale e posizionamento di due impianti Prima di Keystone Dental CASO CLINICO Riostruzione dell rest in zon 1.1. e 2.1 on lemo pltino sorrimento oronle e posizionmento di due impinti Prim di Keystone Dentl Andre Grssi, Odontoitr e liero professionist in Reggio Emili

Dettagli

Ordinanza concernente la legge sul credito al consumo

Ordinanza concernente la legge sul credito al consumo Ordinnz concernente l legge sul credito l consumo (OLCC) 221.214.11 del 6 novemre 2002 (Stto 1 mrzo 2006) Il Consiglio federle svizzero, visti gli rticoli 14, 23 cpoverso 3 e 40 cpoverso 3 dell legge federle

Dettagli

Test immunoenzimatico della fi bronectina fetale e Rapid ffn per il sistema TLi IQ

Test immunoenzimatico della fi bronectina fetale e Rapid ffn per il sistema TLi IQ Test immunoenzimtico dell fi ronectin fetle e Rpid ffn per il sistem TLi IQ INFORMAZIONI PER OPERATORI SANITARI UN TEST CHE AIUTA NELLA VALUTAZIONE DEL RISCHIO DI PARTO PRETERMINE Questo opuscolo è stto

Dettagli

La statistica nei test Invalsi

La statistica nei test Invalsi L sttisti nei test Invlsi 1) Osserv il grfio seguente he rppresent l distriuzione perentule di fmiglie per numero di omponenti, in se l ensimento 2001.. Qul è l perentule di fmiglie on 2 omponenti? Rispost:..%.

Dettagli

Febbraio 2014. PROGETTO: Studio di Architettura e Urbanistica Dott. Arch. Guido Leoni Via Affò, 4 - Parma - tel. 0521.233423

Febbraio 2014. PROGETTO: Studio di Architettura e Urbanistica Dott. Arch. Guido Leoni Via Affò, 4 - Parma - tel. 0521.233423 Comune di Poviglio Provinci di Reggio Emili Relzione illustrtiv dell Delierzione Consilire di pprovzione, dei coefficienti e prmetri di conversione che ssicurno l equivlenz tr le definizioni e le modlità

Dettagli

Il Primo Principio della Termodinamica non fornisce alcuna indicazione riguardo ad alcuni aspetti pratici.

Il Primo Principio della Termodinamica non fornisce alcuna indicazione riguardo ad alcuni aspetti pratici. Il Primo Principio dell Termodinmic non fornisce lcun indiczione rigurdo d lcuni spetti prtici. l evoluzione spontne delle trsformzioni; non individu cioè il verso in cui esse possono vvenire. Pistr cld

Dettagli

10. L accessibilità dei servizi

10. L accessibilità dei servizi 10. L ccessibilità dei servizi L ccessibilità dei servizi può essere interprett come un specificzione del principio di universlità, richimto nel Libro Binco sui servizi di interesse generle 1. All nozione

Dettagli

riqualificazione energetica degli edifici

riqualificazione energetica degli edifici riqulificzione energetic degli edifici Riqulificzione energetic degli edifici ostenibilità L impiego di risorse non rinnovbili e l produzione di inquinnti hnno superto l sogli dei limiti sostenibili dll

Dettagli

ANALISI REALE E COMPLESSA a.a. 2007-2008

ANALISI REALE E COMPLESSA a.a. 2007-2008 ANALISI REALE E COMPLESSA.. 2007-2008 1 Successioni e serie di funzioni 1.1 Introduzione In questo cpitolo studimo l convergenz di successioni del tipo n f n, dove le f n sono tutte funzioni vlori reli

Dettagli

Tumori stromali gastrointestinali Un ampio spettro di presentazioni cliniche

Tumori stromali gastrointestinali Un ampio spettro di presentazioni cliniche Tumori stromli gstrointestinli Un mpio spettro di presentzioni cliniche FABIO PACELLI,FAUSTO ROSA,VALERIO PAPA,ANTONIO PIO TORTORELLI,ALEJANDRO MARTIN SANCHEZ, MARCELLO COVINO,LUIGI SOFO,GIOVANNI BATTISTA

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA CONCESSIONE DELLA PROTEZIONE GIURIDICA

REGOLAMENTO SULLA CONCESSIONE DELLA PROTEZIONE GIURIDICA REGOLAMENTO SULLA CONCESSIONE DELLA PROTEZIONE GIURIDICA Il Comitto centrle decret il regolmento seguente conformemente ll rt. 57 e ll rt. 9, cpv. 4 lett. i degli sttuti dell ASI del 5 novemre 00 Tutte

Dettagli

ATTI Giornate Fitopatologiche, 2012, 1, 413-420

ATTI Giornate Fitopatologiche, 2012, 1, 413-420 ATTI Giornte Fitoptologiche, 2012, 1, 413-420 ANALISI DI UN DECENNIO DI VOLI DI LOBESIA BOTRANA NELLA REGIONE ABRUZZO: RELAZIONI TRA SOMMATORIE TERMICHE E DINAMICA DEI VOLI A. ZINNI, D. GIULIANI, B. DI

Dettagli

La metodologia di calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC) degli operatori di rete mobile

La metodologia di calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC) degli operatori di rete mobile Allegto C ll Deliber n. 509/10/CONS L metodologi di clcolo del costo medio ponderto del cpitle (WACC) degli opertori di rete mobile 1. Introduzione 1. In bse ll rt. 50 del Codice delle Comuniczioni, l

Dettagli

LE SOLLECITAZIONI. Gli ingranaggi face gear, o a denti frontali (figura DEGLI INGRANAGGI A DENTI FRONTALI

LE SOLLECITAZIONI. Gli ingranaggi face gear, o a denti frontali (figura DEGLI INGRANAGGI A DENTI FRONTALI SANDRO BARONE, PAOLA FORTE LE SOLLECITAZIONI DEGLI INGRANAGGI A DENTI FRONTALI Un ingrnggio denti frontli (Fce Ger) offre vntggi si in termini di peso si in termini di riprtizione dei crichi sui denti,

Dettagli

Elettronica dei Sistemi Digitali Il test nei sistemi elettronici: guasti catastrofici e modelli di guasto (parte I)

Elettronica dei Sistemi Digitali Il test nei sistemi elettronici: guasti catastrofici e modelli di guasto (parte I) Elettronic dei Sistemi Digitli Il test nei sistemi elettronici: gusti ctstrofici e modelli di gusto (prte I) Vlentino Lierli Diprtimento di Tecnologie dell Informzione Università di Milno, 26013 Crem e-mil:

Dettagli

Numero 3 /2013 La tutela assicurativa dei tumori professionali in Europa.

Numero 3 /2013 La tutela assicurativa dei tumori professionali in Europa. Numero 3 /2013 L tutel ssicurtiv dei tumori professionli in Europ. (Relzione INCA l IX Convegno Nzionle di Medicin legle previdenzile INAIL) Un pprofondit dismin dei dti sttistici rilev che i lvortori

Dettagli

Linee guida per la diagnosi e il trattamento dell ipertensione polmonare

Linee guida per la diagnosi e il trattamento dell ipertensione polmonare LINEE GUIDA Linee guid per l dignosi e il trttmento dell ipertensione polmonre Tsk Force per l Dignosi e il Trttmento dell Ipertensione Polmonre dell Società Europe di Crdiologi (ESC) e dell Società Europe

Dettagli

METODO VOLTAMPEROMETRICO

METODO VOLTAMPEROMETRICO METODO OLTAMPEOMETCO Tle etodo consente di isrre indirettente n resistenz elettric ed ipieg l definizione stess di resistenz : doe rppresent l tensione i cpi dell resistenz e l corrente che l ttrers coe

Dettagli

5. Il servizio di illuminazione pubblica

5. Il servizio di illuminazione pubblica 5. Il servizio di illuminzione pubblic L illuminzione delle ree urbne rppresent un servizio di pubblic utilità vente rilevnz economic, soggetto obblighi di continuità, sicurezz e universlità. L normtiv

Dettagli

( P r o v i n c i a d i F i r e n z e )

( P r o v i n c i a d i F i r e n z e ) C O M U N E D I F U C E C C H I O ( P r o v i n c i d i F i r e n z e ) SETTORE ASSETTO DEL TERRITORIO E AMBIENTE ALLEGATO A VERBALE DI ASSEGNAZIONE AUTORIZZAZIONI RELATIVE AL PER IL RILASCIO DI N. 4 AUTORIZZAZIONI

Dettagli

RIChIestA di BORsA di studio UNIVeRsItà O IstItUtI equipollenti

RIChIestA di BORsA di studio UNIVeRsItà O IstItUtI equipollenti prot. Istituto di Previdenz e Assistenz RIChIestA di BORsA di studio UNIVeRsItà O IstItUtI equipollenti SpzIo RISeRVTo ll Ip Cndidto punteggio esito Il sottoscritto (iscritto ll Ip) residente in vi /pizz

Dettagli

-STRUTTURE DI LEWIS SIMBOLI DI LEWIS

-STRUTTURE DI LEWIS SIMBOLI DI LEWIS STRUTTURE DI LEWIS SIMBLI DI LEWIS ELETTRI DI VALEZA: sono gli elettroni del guscio esterno, i responsbili principli delle proprietà chimiche di un tomo e quindi dell ntur dei legmi chimici che vengono

Dettagli

Salvatore Loris Pelella. Corso di. Matematica RCS LIBRI EDUCATION SPA

Salvatore Loris Pelella. Corso di. Matematica RCS LIBRI EDUCATION SPA Slvtore Loris Pelell Corso di Mtemtic RCS LIBRI EDUCATION SPA ISBN 88-45-084-3 004 RCS Libri S.p.A.- Milno Prim edizione: gennio 004 Ristmpe 004 005 006 3 4 5 Stmp: V. Bon, Torino Coordinmento editorile

Dettagli

Stima speditiva degli scenari di danno sismico atteso per edifici in muratura mediante l utilizzo di curve di Probit

Stima speditiva degli scenari di danno sismico atteso per edifici in muratura mediante l utilizzo di curve di Probit Stim speditiv degli scenri di dnno sismico tteso per edifici in murtur medinte l utilizzo di curve di obit Fusto Brzz, Stefno Grimz, Petr Mlisn, Enrico Del Pin Diprtimento di Georisorse e Territorio, Università

Dettagli

Borse di studio per i figli studenti e provvidenze a favore dei Dipendenti studenti. Ambito: Tutti

Borse di studio per i figli studenti e provvidenze a favore dei Dipendenti studenti. Ambito: Tutti Circolre n. 36 del 16 settembre 2014 Oggetto: Borse di studio per i figli studenti e provvidenze fvore dei Dipendenti studenti Serie: PERSONALE Argomento: Società interesste: Ambito: CONDIZIONI CONTRATTUALI

Dettagli

Il volume del cilindro è dato dal prodotto della superficie di base per l altezza, quindi

Il volume del cilindro è dato dal prodotto della superficie di base per l altezza, quindi Mtemtic per l nuov mturità scientific A. Bernrdo M. Pedone 3 Questionrio Quesito 1 Provre che un sfer è equivlente i /3 del cilindro circoscritto. r 4 3 Il volume dell sfer è 3 r Il volume del cilindro

Dettagli

Da 9.500,01 a 15.000,00 > 15.000,01 9.500,00 COSTO PASTO 1,15 2,30 3,45 4,60

Da 9.500,01 a 15.000,00 > 15.000,01 9.500,00 COSTO PASTO 1,15 2,30 3,45 4,60 Per l Anno Scolstico 2015/2016 l Deliber di Giunt Comunle n.25 del 16.04.2015 d oggetto: Determinzione dei criteri e ppliczione delle triffe dei servizi comunli introitti dl Comune nno 2015. Ricognizione

Dettagli

PROBLEMATICHE LEGATE ALL ENERGIA

PROBLEMATICHE LEGATE ALL ENERGIA Fcoltà di Architettur Ing. Luc Srto Le regole per l efficienz l energetic livello nzionle e l più recente disciplin dell Regione Lombrdi. L certificzione energetic degli edifici: stto dell rte e prospettive

Dettagli

La scelta di equilibrio del consumatore. Integrazione del Cap. 21 del testo di Mankiw 1

La scelta di equilibrio del consumatore. Integrazione del Cap. 21 del testo di Mankiw 1 M.Blconi e R.Fontn, Disense di conomi: 3) quilirio del consumtore L scelt di equilirio del consumtore ntegrzione del C. 21 del testo di Mnkiw 1 Prte 1 l vincolo di ilncio Suonimo che il reddito di un consumtore

Dettagli

Questionario customer satisfaction Career Day 2014

Questionario customer satisfaction Career Day 2014 Questionrio customer stisfction Creer Dy 2014 INTRODUZIONE Attrverso il softwre Survey System è stto sottoposto un questionrio gli/lle studenti/studentesse e lureti/e dell'università di Mcert che hnno

Dettagli

Post-chirurgia toracica e cardiaca

Post-chirurgia toracica e cardiaca Rdiol med (2010) 115[Suppl]:S45 S61 DOI 10.1007/s11547-000-0000-0 COME INTERPRETARE L IMAGING TORACICO Post-chirurgi torcic e crdic B. Ferglli C. Mntini M. Mereu A. Trvglini M.L. Storto Diprtimento di

Dettagli

Risultati della chirurgia per cancro gastrico

Risultati della chirurgia per cancro gastrico Azienda Ospedaliera di Rilievo Nazionale e di Alta Specializzazione San Giuseppe Moscati Avellino - Italy Struttura Complessa di Chirurgia Generale Dir. prof. F. Caracciolo Risultati della chirurgia per

Dettagli

15.1 L evoluzione nella gestione del servizio e alcuni dati quantitativi

15.1 L evoluzione nella gestione del servizio e alcuni dati quantitativi 15. I servizi cimiterili nel Comune di Rom Nell mbito degli pprofondimenti temtici nel settore socile, in questo cpitolo vengono esminti, dl punto di vist quntittivo e qulittivo, i servizi cimiterili nel

Dettagli

Takodjou Junior, 1 anno

Takodjou Junior, 1 anno Report del Crdic Center di Shisong mggio 2014 1 Tkodjou Junior, 1 nno Il 14 mggio 2014 è stto operto l cuore il piccolo Tkodjou Junior che soffriv di un grve mlformzione crdic. L intervento h vuto esito

Dettagli

Trattamento disciplinantetm energetico

Trattamento disciplinantetm energetico L luce dell bellezz Trttmento disciplinntetm energetico Mettiti in luce Fotoringiovnimento Trttmento delle rughe Trttmento dei cheloidi Acne in fse ttiv Cictrici d cne Lssità cutne Lssità muscolri Disciplin

Dettagli

Più intelligenza nella rete grazie all analisi in tempo reale dei dati provenienti da sistemi SCADA Mariano Marciano IBM GBS Senior Consultant

Più intelligenza nella rete grazie all analisi in tempo reale dei dati provenienti da sistemi SCADA Mariano Marciano IBM GBS Senior Consultant Più intelligenz nell rete grzie ll nlisi in tempo rele dei dti provenienti d sistemi SCADA Mrino Mrcino IBM GBS Senior Consultnt Novembre 2013 L Soluzione SmrtGridIntelligence L SoluzioneSmrt GridIntelligence

Dettagli

9. Il sistema delle biblioteche comunali a Roma

9. Il sistema delle biblioteche comunali a Roma 9. Il sistem delle biblioteche comunli Rom Il ptrimonio bibliogrfico pubblico rppresent un importnte ricchezz collettiv e il compito delle mministrzioni locli che lo gestiscono è quello di conservre i

Dettagli

PROVVEDIMENTO del Funzionario delegato DAL DIRETTORE

PROVVEDIMENTO del Funzionario delegato DAL DIRETTORE ISTITUZIONE SERVIZI EDUCATIVI SCOLASTICI CULTURALI E SPORTIVI DEL COMUNE DI CORREGGIO Vile dell Repubblic, 8 - Correggio (RE) 42015 tel. 0522/73.20.64-fx 0522/63.14.06 P.I. / C.F. n. 00341180354 PROVVEDIMENTO

Dettagli

FASCICOLO TECNICO PRESTAZIONI ENERGETICHE SOLAI

FASCICOLO TECNICO PRESTAZIONI ENERGETICHE SOLAI Pgin di 7 Rel. ermic soli Fscicolo tecnico per il clcolo delle prestzioni energetiche di soli lstre trliccite ( predlles ) IN ACCORDO ALLA NORMA UNI EN ISO 6946:008 0 07.0.00 Rev. Dt Descrizione Redtto

Dettagli

1) In una equazione differenziale del tipo y (t)=a y(t), con a > 0, il tempo di raddoppio, cioè il tempo T tale che y(t+t)=2y(t) è:

1) In una equazione differenziale del tipo y (t)=a y(t), con a > 0, il tempo di raddoppio, cioè il tempo T tale che y(t+t)=2y(t) è: 1) In un equzione differenzile del tipo y (t)= y(t), con > 0, il tempo di rddoppio, cioè il tempo T tle che y(t+t)=y(t) è: A) T = B) 1 T = log e C) 1 T = log e ** D) 1 T = E) T = log e ) L equzione differenzile

Dettagli

«ECOFILLER» Iniezione diretta di cariche minerali o di poliuretano riciclato. Eraldo Greco. Guido Podrecca. Commercial Director.

«ECOFILLER» Iniezione diretta di cariche minerali o di poliuretano riciclato. Eraldo Greco. Guido Podrecca. Commercial Director. «ECOFILLER» Iniezione dirett di criche minerli o di poliuretno riciclto Erldo Greco Commercil Director Guido Podrecc R&D Mnger ANPE - 2 2 Conferenz Conferenz Nzionle Nzionle Premess Nei vri processi produttivi

Dettagli

Inclinazione del ramo e posizione del frutto: le basi per migliorare la qualità

Inclinazione del ramo e posizione del frutto: le basi per migliorare la qualità Tecnic DOSSIER POTATURA Inclinzione del rmo e posizione del frutto: le si per migliorre l qulità Giorgio Murri - Irene Medori - Frncesc Mssetni - Dvide Neri Diprtimento di Scienze Agrrie, Alimentri ed

Dettagli

Università di Bologna Facoltà di Medicina e Chirurgia Master in Evidence-Based Practice e Metodologia della Ricerca Clinicoassistenziale

Università di Bologna Facoltà di Medicina e Chirurgia Master in Evidence-Based Practice e Metodologia della Ricerca Clinicoassistenziale Università di Bologn Fcoltà di Medicin e Chirurgi Mster in Evidence-Bsed Prctice e Metodologi dell Ricerc Clinicossistenzile AUDIT CLINICO L gestione dell ipotermi periopertori involontri negli dulti:

Dettagli

8. MOVIMENTAZIONE DI MAGAZZINO: LE PRINCIPALI SCRITTURE CONTABILI

8. MOVIMENTAZIONE DI MAGAZZINO: LE PRINCIPALI SCRITTURE CONTABILI 8. MOVIMENTAZIONE DI MAGAZZINO: LE PRINCIPALI SCRITTURE CONTABILI Movimentzione di mgzzino: le principli scritture contbili 8. Le rilevzioni contbili 8.1. 8.1. LE RILEVAZIONI CONTABILI Le rilevzioni ttinenti

Dettagli

avast! Pro Antivirus Funzioni chiave Tecnologie cloud ibride Maggiore usabilità Funzioni di protezione

avast! Pro Antivirus Funzioni chiave Tecnologie cloud ibride Maggiore usabilità Funzioni di protezione Pro Pro include tutte le funzioni del nostro completo Internet Security, prte il firewll e il filtro ntispm. Un lvorzione dei dti su bse cloud migliort, un interfcci utente semplifict e i nuovi tool Softwre

Dettagli

BOZZA. 1 2a S/2 S/2. Lezione n. 27. Le strutture in acciaio Le unioni bullonate Le unioni saldate

BOZZA. 1 2a S/2 S/2. Lezione n. 27. Le strutture in acciaio Le unioni bullonate Le unioni saldate Lezione n. 7 Le strutture in cciio Le unioni bullonte Le unioni sldte Unioni Le unioni nelle strutture in cciio devono grntire un buon funzionmento dell struttur e l derenz dell stess llo schem sttico

Dettagli

Esercizi sulle serie di Fourier

Esercizi sulle serie di Fourier Esercizi sulle serie di Fourier Corso di Fisic Mtemtic,.. 3- Diprtimento di Mtemtic, Università di Milno Novembre 3 Sviluppo in serie di Fourier (esponenzile) In questi esercizi, si richiede di sviluppre

Dettagli

Liceo Scientifico Sperimentale anno 2002-2003 Problema 1 Bernardo Pedone. ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE PNI anno 2002-2003

Liceo Scientifico Sperimentale anno 2002-2003 Problema 1 Bernardo Pedone. ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE PNI anno 2002-2003 Liceo Scientifico Sperimentle nno - Problem Bernrdo Pedone ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE PNI nno - PROBLEMA Nel pino sono dti: il cerchio γ di dimetro OA =, l rett t tngente γ

Dettagli

Appunti di Analisi Matematica 1

Appunti di Analisi Matematica 1 Appunti di Anlisi Mtemtic 1 MASTER IN ECONOMIA DIGITALE & e-business Centro per lo studio dei sistemi complessi Università di Sien Mrzo 2005 Prof. Polo Nistri Un funzione (o ppliczione) tr due insiemi

Dettagli

Problemi di collegamento delle strutture in acciaio

Problemi di collegamento delle strutture in acciaio 1 Problemi di collegmento delle strutture in cciio Unioni con bulloni soggette tglio Le unioni tglio vengono generlmente utilizzte negli elementi compressi, quli esempio le unioni colonn-colonn soggette

Dettagli

30 quesiti. 1 Febbraio 2011. Scuola... Classe... Alunno... Copyright 2011 Zanichelli Editore SpA, Bologna

30 quesiti. 1 Febbraio 2011. Scuola... Classe... Alunno... Copyright 2011 Zanichelli Editore SpA, Bologna verso LA RILEVAZIONE INVALSI SCUOLA SECONDARIA DI secondo GRADO PROVA DI Mtemtic 30 quesiti Febbrio 0 Scuol... Clsse... Alunno... e b sono numeri reli che verificno quest uguglinz: Qunto vle il loro prodotto?

Dettagli

Due classi dell Istituto Comprensivo Carano - Mazzini diretto dal professor Antonio Pavone - 5 e la 4. C, e nel corso della premiazione anche la 5

Due classi dell Istituto Comprensivo Carano - Mazzini diretto dal professor Antonio Pavone - 5 e la 4. C, e nel corso della premiazione anche la 5 Scritto d Dlil Bellcicco Lunedì 25 Mrzo 2013 07:15 Due clssi dell Istituto Comprensivo Crno - Mzzini diretto dl professor Antonio Pvone - 5 e l 4 C, e nel corso dell premizione nche l 5 C - hnno prtecipto

Dettagli

Facoltà di Ingegneria

Facoltà di Ingegneria UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI Fcoltà di Ingegneri Corso di Lure Specilistic in Ingegneri per l Ambiente e il Territorio TESINA DI CALCOLO NUMERICO Anlisi dell errore nei metodi di risoluzione dei

Dettagli

COMUNICAZIONE PER VARIAZIONE BIVACCHI FISSI (Legge regionale 18 febbraio 2010, n. 8)

COMUNICAZIONE PER VARIAZIONE BIVACCHI FISSI (Legge regionale 18 febbraio 2010, n. 8) COMUNICAZIONE PER VARIAZIONE BIVACCHI FISSI (Legge regionle 18 febbrio 2010, n. 8) N Prot. VARIAZIONE...del (d compilrsi cur dell ufficio competente) Al Comune di.. Il/L sottoscritto/: Cognome Nome Dt

Dettagli

Introduzione all algebra

Introduzione all algebra Introduzione ll lgebr E. Modic ersmo@glois.it Liceo Scientifico Sttle S. Cnnizzro Corso P.O.N. Modelli mtemtici e reltà A.S. 2010/2011 Premess Codificre e Decodificre Nell vit quotidin ci cpit spesso di

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 5/2013. OGGETTO : Le novità delle perdite su crediti: aspetti civilistici, contabili e fiscali.

NOTA OPERATIVA N. 5/2013. OGGETTO : Le novità delle perdite su crediti: aspetti civilistici, contabili e fiscali. NOTA OPERATIVA N. 5/2013 OGGETTO : Le novità delle perdite su crediti: spetti civilistici, contbili e fiscli. - Introduzione Il Decreto Crescit (D.L. 83/2012), h introdotto rilevnti novità per qunto rigurd

Dettagli

MAURIZIO MARTINI ENZO DRAPELLI partners

MAURIZIO MARTINI ENZO DRAPELLI partners MAURIZIO MARTINI ENZO DRAPELLI prtners rgionieri commercilisti economisti d impres vldgno (vi) vi l. festri,15 tel. 0445/406758/408999 - fx 0445/408485 dueville (vi) - vi g. rossi, 26 tel. 0444/591846

Dettagli

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma INTEGRALI IMPROPRI. Integrli impropri su intervlli itti Dt un funzione f() continu in [, b), ponimo ε f() = f() ε + qundo il ite esiste. Se tle ite esiste finito, l integrle improprio si dice convergente

Dettagli

1 b a. f(x) dx. Osservazione 1.2. Se indichiamo con µ il valore medio di f su [a, b], abbiamo che. f(x) dx = µ(b a) =

1 b a. f(x) dx. Osservazione 1.2. Se indichiamo con µ il valore medio di f su [a, b], abbiamo che. f(x) dx = µ(b a) = Note ed esercizi di Anlisi Mtemtic - (Fosci) Ingegneri dell Informzione - 28-29. Lezione del 7 novembre 28. Questi esercizi sono reperibili dll pgin web del corso ttp://utenti.unife.it/dmino.fosci/didttic/mii89.tml

Dettagli

Tecniche innovative per la gestione del vigneto : la defogliazione pre-fioritura e l allevamento a Siepe

Tecniche innovative per la gestione del vigneto : la defogliazione pre-fioritura e l allevamento a Siepe Tecniche innovtive per l gestione del vigneto : l defoglizione pre-fioritur e l llevmento Siepe Ilri Filippetti e Cesre Intrieri Diprtimento di Colture Aroree Università di Bologn - morfologi del grppolo

Dettagli

ESERCIZI RELATIVI AL CAP. 8 GLI INVESTIMENTI E I DISINVESTIMENTI IN TITOLI E PARTECIPAZIONI a cura di Daniela Corbetta

ESERCIZI RELATIVI AL CAP. 8 GLI INVESTIMENTI E I DISINVESTIMENTI IN TITOLI E PARTECIPAZIONI a cura di Daniela Corbetta ESERCIZI RELATIVI AL CAP. 8 GLI INVESTIMENTI E I DISINVESTIMENTI IN TITOLI E PARTECIPAZIONI cur di Dniel Corbett P.S.: l fine di trttre in modo esustivo l rgomento, si precis che nei seguenti esercizi

Dettagli

- Ufficio Unico PIT2 - Progetto Integrato Territoriale NORD BARESE

- Ufficio Unico PIT2 - Progetto Integrato Territoriale NORD BARESE - Ufficio Unico PIT2 - Progetto Integrto Territorile NORD BARESE Andri Brlett Bisceglie Bitonto Cnos di Pugli Corto Giovinzzo Mrgherit di Svoi Molfett Ruvo di Pugli Sn Ferdinndo di Pugli Terlizzi Trni

Dettagli

Fornitori 1.000,00 200,00. Crediti per contributi a Altri ricavi e proventi 400,00. Banca c/c a Crediti per contributi 400,00

Fornitori 1.000,00 200,00. Crediti per contributi a Altri ricavi e proventi 400,00. Banca c/c a Crediti per contributi 400,00 CONTRIBUTI I contributi, in bse ll loro motivzione e destinzione possono suddividersi in: - contributi in conto esercizio - seguono il principio di competenz; - contributi in conto impinti - seguono il

Dettagli

La Logica BAN. Formalismo

La Logica BAN. Formalismo Network Security Elements of pplied Cryptogrphy nlisi e progetto di protocolli crittogrfici L logic N Principi di progettzione Csi di studio: Needhm-Schroeder, Otwy- Rees; SSL (old version); 509; GSM Il

Dettagli