Fattori prognostici clinicopatologici. dopo resezione per colangiocarcinoma ilare. Analisi univariata e multivariata

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Fattori prognostici clinicopatologici. dopo resezione per colangiocarcinoma ilare. Analisi univariata e multivariata"

Transcript

1 CHIRURGIA ITALIANA VOL. 56 N. 6 PP Fttori prognostici clinicoptologici e risultti distnz dopo resezione per colngiocrcinom ilre. Anlisi unirit e multirit GIOVANNI RAMACCIATO, FABRIZIO DI BENEDETTO b, NICOLA CAUTERO b, MICHELE MASETTI b, PAOLO MERCANTINI, NICOLA CORIGLIANO, GIUSEPPE NIGRI, AUGUSTO LAURO c, GIORGIO ERCOLANI c,massimo DEL GAUDIO c, NICOLA DE RUVO c, ANTONIO DANIELE PINNA c Uniersità di Rom L Spienz - II Fcoltà di Medicin e Chirurgi - Ospedle Snt Andre - UOC di Chirurgi Epto-Bilio-Pncretic b Uniersità di Moden e Reggio Emili - Diprtimento Chirurgi dei Trpinti di Fegto e Multiorgno c Uniersità degli Studi di Bologn - Policlinico S. Orsol-Mlpighi - UOC Chirurgi dei Trpinti di Fegto e Multiorgno Rissunto In questo studio è stto nlizzto il trttmento chirurgico del colngiocrcinom (CC) dell i bilire (VB) ilre e i reltii risultti lungo termine. Tr il gennio 2001 e il dicembre 2003, sono stti osserti 33 pzienti con CC dei quli 23 sono stti sottoposti interento resettio. È stt eseguit l sol resezione dell VB nei pzienti con CC tipo I e nei pzienti non dtti l trttmento resettio del fegto. Inece, l resezione dell VB è stt ssocit eptectomi destr o sinistr negli ltri csi. Un resezione eptic mggiore è stt eseguit in 19 (82%) pzienti. In 5 pzienti è stt eseguit un eptectomi destr llrgt l IV segmento; l è stt condott in 14 pzienti. L resezione del lobo cudto è stt eseguit in 7 (30%) pzienti. Non i è stt mortlità, mentre l morbilità è stt del 43%. L soprienz 1 nno è stt pri l 63.2%, con un medin di 19 mesi. Le recidie neoplstiche si sono mnifestte in 12 pzienti (52%). Tr i fttori lutti, il liello di lbumin (p = 0.006), i mrgini di resezione positii (p = 0.003) e il fttore T dell neoplsi (p = 0.02) sono in relzione con un ridott soprienz medin. Il trttmento chirurgico del CC ilre rimne l unic possibilità di ottenere un trttmento curtio in queste forme neoplstiche. Bssi lielli di lbumin e mrgini di resezione positii insieme con l T del tumore sono i fttori che mggiormente influenzno l prognosi. Prole chie: colngiocrcinom dell ilo eptico, resezioni eptiche Corrispondenz : Prof. Gionni Rmccito - Direttore UOC di Chirurgi Epto-Bilio-Pncretic - Uniersità di Rom L Spienz - II Fcoltà di Medicin e Chirurgi - Aziend Ospedlier Snt Andre - Vi di Grottross, Rom.

2 750 FATTORI PROGNOSTICI CLINICO-PATOLOGICI E RISULTATI A DISTANZA DOPO RESEZIONE PER COLANGIOCARCINOMA ILARE Summry Prognostic fctors nd long term outcome fter surgery for hilr cholngiocrcinom. Unirite nd multirite nlysis. G. Rmccito, F. Di Benedetto, N. Cutero, M. Msetti, P. Mercntini, N. Coriglino, G. Nigri, A. Luro, G. Ercolni, M. Del Gudio, N. De Ruo, A.D. Pinn Aim of the study ws to elute the surgicl strtegy for the tretment of the hilr cholngiocrcinom, focusing on the clinicopthologicl fctors influencing the outcome. Between Jnury 2001 nd December ptients out of 33 underwent surgery for hilr cholngiocrcinom. All ptients underwent resection of the extrheptic biliry duct. This ws the only tretment in ptients with Bismuth-Corlette type I cholngiocrcinom, or in ptients not suitble for heptic resection. In the other cses, resection of extrheptic bile duct ws ssocited to right or left heptectomy. The unirite nd multirite nlysis eluted multiple clinicopthologicl fctors in order to ssess long term suril. Mjor heptic resection ws crried out in 19 (82%) ptients. Heptic resection extended to the segment 4 ws performed in 5 ptients. Also, left heptectomy ws crried out in 14 ptients, while resection of the cudte lobe in 7 (30%) ptients. No hospitl mortlity ws recorded, while the oerll morbidity ws 43%. The 1 yer suril rte ws 63.2%, nd the medin suril rte 19 months. Recurrencies showed up in 12 ptients (52%). Among the other fctors, low leel of lbumin (p = 0.006), positie resection mrgins (p = 0.003) nd T (p = 0.02) mostly ffected the long term suril. Surgery is the gold stndrd for chieing curtie tretment of hilr cholngiocrcinom. The bile duct resection, long with heptic resection, the best option to increse long term suril of these ptients. The unirite nd multirite nlysis showed tht low lbumin leels, positie resection mrgins nd T re the most importnt fctors influencing long term suril. Key words: hilr cholngiocrcinom; heptic resections Chir Itl 2004; 56, 6: Introduzione Il colngiocrcinom (CC) che origin dll i bilre (VB) ilre è un rr neoplsi che rppresent il 6% di tutte le neoformzioni eptobiliri. Tutti, tr le neoplsie mligne dell VB, esso risult essere l neoplsi più comune, endo un incidenz del 40-60% di tutti i CC 1-3. L sede del tumore, l modlità di crescit e l insione del tessuto periduttle, perineurle e linftico costituiscono le cuse principli che rendono difficile eseguire, dl punto di ist tecnico, un resezione complet dell neoplsi. Tutti, oggi l resezione chirurgic rppresent l unic possibilità di cur che può essere offert l pziente. Vri Autori hnno sottolineto che, per ottenere un migliore soprienz distnz è necessrio eseguire un resezione i cui mrgini risultino indenni d infiltrzione neoplstic. A tle scopo spesso è necessrio eseguire un eptectomi mggiore, un resezione del lobo cudto ccompgnt d un resezione in blocco dell i bilire extreptic con un linfodenectomi regionle. Molti Autori, inoltre, hnno sottolineto l necessità di dottre un trttmento ggressio nche nei csi ccompgnti d insione dell en port o dell rteri eptic. Tutti, è ncor oggetto di dibttito l utilità dell esecuzione di estese resezioni eptiche, in prticolr modo nei pzienti con neoplsie del tipo I e II secondo l clssificzione di Bismuth-Corlette, lddoe un resezione con mrgini negtii può essere ottenut con l sol escissione dell VB. Lo scopo di questo studio è di lutre l nostr esperienz nel corso di 2 nni, i fttori di rischio che hnno influenzto l morbilità e mortlità, e l soprienz distnz dei pzienti sottoposti trttmento chirurgico. Pzienti e metodi Scelt dei pzienti e tecnic chirurgic È stto eseguito uno studio retrospettio su 33 pzienti ffetti d CC dell VB ilre. Tli pzienti sono giunti l trttmento, tr il gennio 2001 e il di-

3 CHIRURGIA ITALIANA VOL. 56 N. 6 PP cembre 2003, presso l U.O.C. di Chirurgi Epto- Bilio-Pncretic dell Ospedle Snt Andre dell Uniersità di Rom L Spienz, dirett dl Prof. G. Rmccito e presso l U.O.C. Chirurgi dei Trpinti di Fegto e Multiorgno del Policlinico S. Orsol dell Uniersità di Bologn, dirett dl Prof. A.D. Pinn. I csi di CC intreptico sono stti esclusi dllo studio poiché l crtteristic i di diffusione e l prognosi dei pzienti ffetti d questo tipo di neoplsi sono molto differenti d quelli del CC dell VB ilre. Sono stti, inoltre, esclusi dl trttmento chirurgico i pzienti con estes linfodenopti regionle o prortic o con metstsi peritoneli o distnz. Il gruppo dei pzienti comprende 24 uomini (72.7%) e 9 donne (27.3%), con un età medi di 58 nni. Il follow-up medio è stto di 11 mesi. L dignosi preopertori di CC è stt bst sull lutzione dei lielli sierici di CA 19-9 e CEA; i lielli di CA 19-9 e CEA sono stti lutti in 27 pzienti (82%) e in 30 pzienti (91%) rispettimente. Un ecogrfi ddominle (EA), l tomogrfi computerizzt (TC) e l risonnz mgnetic (RMN) sono stte eseguite di routine in tutti i csi. I pzienti con sospetto coinolgimento scolre d prte dell neoplsi, dimostrto dll TC, sono stti sottoposti ecogrfi Doppler o esme ngiogrfico. L ngio-rmn è stt utilizzt per ottenere ulteriori informzioni sull estensione locle dell neoplsi. Più recentemente, l TC spirle è stt utilizzt per meglio definire il coinolgimento scolre, riducendo l necessità di eseguire procedure dignostiche più complesse. L estensione extr e intr-eptic del tumore è stt lutt ttrerso l colngiogrfi percutne trnseptic o l colngiopncretogrfi retrogrd endoscopic. Il drenggio bilire preopertorio, in cso di ittero ostruttio, è stto eseguito nei pzienti con eleti lielli di bilirubinemi (> 10 g/dl) ssociti un funzionlità eptic compromess o scdute condizioni generli del pziente. L estensione dell neoplsi è stt lutt secondo l clssificzione di Bismuth-Corlette. Lo scopo principle del trttmento chirurgico eseguito dl nostro Gruppo è stto quello di ottenere un resezione curti. L sol VB sorpncretic è stt resect nei csi di neoplsie tipo I secondo l clssificzione di Bismuth-Corlette, e in quei pzienti non cndidti un resezione eptic. In cso di neoplsie tipo II, III e IV secondo Bismuth-Corlette, ll resezione dell VB è stt ssocit un eptectomi destr llrgt. Nei csi di neoplsie tipo IIIb è stt ssocit un. L resezione eptic è stt considert mggiore se comprende tre o più segmenti eptici, secondo l clssificzione di Couinud. L presenz di coinolgimento unilterle dell en port e/o dell rteri eptic non è stt considert un controindiczione ll resezione eptic. I linfonodi del legmento eptoduodenle, dell rteri eptic e del tripode celico sono stti sportti in tutti i pzienti. L resezione dei linfonodi posteriori ll porzione superiore dell test pncretic non è stt eseguit routinrimente. In tutti i pzienti, per ricostruire l continuità digesti dopo resezione, è stt eseguit un epticodigiunostomi su ns ll Roux. Vlutzione istologic L lutzione istologic estemporne dei mrgini di resezione è stt eseguit routinrimente. Qulor l lutzione istologic estemporne bbi rileto l infiltrzione neoplstic dei mrgini, è stt eseguit un ulteriore resezione. L resezione è stt considert curti (R0) qundo non sono stte rilete trcce di infiltrzione neoplstic nel mrgine di resezione. Lo stging del tumore è stto eseguito in ccordo con l Interntionl Union Aginst Cncer (UICC, 5 th Edition 1997). Follow-up Le informzioni reltie ogni singolo pziente e l suo follow-up sono stte inserite in un dtbse regolrmente ggiornto sulle eentuli recidie neoplstiche e lo stto dell soprienz del pziente. L mortlità ospedlier è stt definit come il decesso del pziente entro 30 giorni dll interento, includendo nche il decesso intr-opertorio. Le recidie neoplstiche sono stte definite come l mnifestzione di lesioni tumorli eptiche dopo un resezione curti. Tutti i pzienti dimessi sono stti sottoposti follow-up ogni 3 mesi durnte il primo nno, e successimente ogni 6 mesi. Il follow-up è consistito in un esme obiettio, esmi emtochimici, esmi di funzionlità eptic, i lielli di CA 19-9 e CEA, ecogrfi eptic o TC ddominle. Anlisi sttistic I dti consecutii sono stti espressi come lore medio. Le cure di soprienz sono stte clcolte con il metodo di Kpln-Meier e comprte usndo il test log-rnk. Per comprre le cure di so-

4 752 FATTORI PROGNOSTICI CLINICO-PATOLOGICI E RISULTATI A DISTANZA DOPO RESEZIONE PER COLANGIOCARCINOMA ILARE prienz, le ribili continue sono stte dicotomizzte usndo le medine rispettie come lori di riferimento. Solo le ribili risultte significtie ll nlisi unirit sono stte introdotte in un modello di regressione secondo Cox per identificre i fttori clinico-ptologici con significto prognostico indipendente. Tutte le nlisi sttistiche sono stte eseguite utilizzndo il progrmm SPSS (SPSS Inc., Chicgo, IL, USA). Le differenze sono stte considerte significtie se p > Risultti Dieci pzienti (30%) su 33 sono stti sottoposti lprotomi esplorti per poi essere giudicti inoperbili cus dell presenz di un mltti neoplstic loclmente nzt. Tutti 23 pzienti sono stti sottoposti resezione (resecbilità: 70%). Questo gruppo di 23 pzienti è stto preso in considerzione per l nlisi retrospetti. Le crtteristiche demogrfiche e clinico-ptologiche di tli pzienti sono mostrte in tbell I. Un clo ponderle inferiore l 20% del peso normle del pziente è stto riscontrto in 15 pzienti (65.2%). Il drenggio bilire preopertorio è stto eseguito in 13 pzienti (56.5%). Il lore medio dell bilirubinemi totle e dell lbumin erno rispettimente di 5.2 mg/dl e 3.4 g/dl. L sol resezione dell VB, comprendente l porzione extreptic sorpncretic dell stess, è stt eseguit con intento curtio in 4 pzienti (18%) con un neoplsi tipo I secondo Bismuth- Corlette. Resezioni eptiche mggiori sono stte eseguite in 19 pzienti (83%). In 5 pzienti è stt eseguit un resezione eptic destr estes l IV segmento. Un (segmenti II, III, IV) è stt eseguit in 14 pzienti. L resezione del lobo cudto è stt eseguit in 7 pzienti (30%). Al fine di ottenere un resezione con mrgini liberi d neoplsi, in 3 pzienti è stt eseguit un resezione con ricostruzione dell rteri eptic destr, mentre in ltri 3 è stt eseguit un resezione e ricostruzione dell en port. In un pziente, sempre per rdiclità, è stto necessrio eseguire un duodenoceflopncresectomi. In tutti i csi l ricostruzione dell en port o dell rteri eptic è stt eseguit prim dell resezione eptic. L esme istologico definitio h mostrto trttrsi, in tutti i csi, di denocrcinom. Fcendo riferimento ll clssificzione di Bismuth-Corlette, i csi sono stti così suddiisi: 4 pzienti tipo I (18%); 5 pzienti tipo III (22%); 12 pzienti tipo IIIb (52%); 2 pzienti tipo IV (9%). Fcendo, inece, riferimento ll clssificzione ptnm, i csi sono stti suddiisi nel seguente modo: 12 pzienti T1 (52%); 9 pzienti Tb. I. Crtteristiche clinico-ptologiche dei 23 pzienti Crtteristiche Vlori Età (in nni) 58 nni (51-67) * Sesso Uomini 18 (78%) Donne 5 (22%) Perdit di peso No 8 (35%) < 20% 15 (65%) Drenggio preopertorio Sì 13 (56%) No 10 (44%) C ng/ml ( ) * CEA 2.0 ng/ml ( ) * Bilirubin 5.2 mg/dl (1-11) * Albumin 3.4 g/dl ( ) * Clssificzione sec. Bismuth-Corlette Type I 4 (18%) Type III 5 (22%) Type IIIb 12 (52%) Type IV 2 (9%) Dimensioni dell neoplsi < 2.5 cm 6 (26%) > 2.5 cm 17 (74%) Trttmento chirugico Resezione dell VBP 4 (17%) VBP + 14 (61%) VBP + eptectomi destr 5 (22%) Compromissione dei mrgini No 11 (48%) Sì 12 (52%) Grding istologico G1 7 (30%) G2 11 (48%) G3 5 (22%) Insione perineurle No 3 (13%) Sì 20 (87%) Insione scolre No 13 (57%) Sì 10 (43%) Compromissione linfonodle No 15 (65%) Sì 8 (35%) Stdio TNM 1997 T1 12 (52%) T2 9 (39%) T3 2 (9%) Chemioterpi Sì 11 (48%) No 12 (52%) AFP = α-fetoprotein; VBP = i bilire principle. * Vlori espressi come medin (interqurtile).

5 CHIRURGIA ITALIANA VOL. 56 N. 6 PP T2 (39%); 2 pzienti T3 (9%). Trcce di insione scolre microscopic sono stte rilete in 10 pzienti (43%), mentre quelle di insione perineurle sono stte rilete in 20 pzienti (87%). Inoltre, 11 (48%) pzienti eno un tumore modertmente differenzito (G2), 7 (30%) G1 e 5 (22%) G3. Le dimensioni medie del tumore erno di 4 cm. In 6 pzienti (26%) il tumore er l di sotto dei 2.5 cm, mentre in 17 pzienti (74%) il tumore super i 2.5 cm. Spesso l esme istologico h rileto cellule neoplstiche nel mrgine di sezione. Pertnto, solo in 11 csi (48%) è stt eseguit un resezione con mrgini completmente liberi d neoplsi (Tb. II). Metstsi linfonodli regionli sono stte riscontrte in 8 (35%) dei pzienti sottoposti resezione. L morbilità totle è stt del 43% (10 pzienti). Tb. II. Tipi di resezioni eseguite. N. Clss. Resezione Procedure ssocite Resezione R UdST Dimensioni Bismuth- scolre del tumore Corlette (cm) 1 IIIb Resezione dell VBP + Resezione segmento VIII No I Resezione dell VBP Resezione segmento VI No IIIb Resezione dell VBP + Resezione segmento I No III Resezione dell VBP + No No eptectomi destr llrgt 5 IV Resezione dell VBP + No No IIIb Resezione dell VBP + Resezione segmento I No IIIb Resezione dell VBP + Resezione segmento I No III Resezione dell VBP + No No eptectomi destr llrgt 9 I Resezione dell VBP No No I Resezione dell VBP No No IIIb Resezione dell VBP + Resezione segmento I No IIIb Resezione dell VBP + No Art. eptic dx e. port 13 III Resezione dell VBP + No No eptectomi destr llrgt 14 IIIb Resezione dell VBP + No No IIIb Resezione dell VBP + No No I Resezione dell VBP No No IIIb Resezione dell VBP + Resezione segmento I Art. eptic dx e. port 18 IIIb Resezione dell VBP + DCP Art. eptic dx e. port 19 IV Resezione dell VBP + No No IIIb Resezione dell VBP + Resezione segmento I No III Resezione dell VBP + No No eptectomi destr llrgt 22 III Resezione dell VBP + No No eptectomi destr llrgt 23 IIIb Resezione dell VBP + Resezione segmento I No 1? 3.9 DCP = duodenoceflopncresectomi; UdST = unità di sngue trsfuse; VBP = i bilire principle.

6 754 FATTORI PROGNOSTICI CLINICO-PATOLOGICI E RISULTATI A DISTANZA DOPO RESEZIONE PER COLANGIOCARCINOMA ILARE Le complicnze più frequenti sono stte il lekge bilire (n = 7; 30.4%), l scesso ddominle con effusione pleuric e polmonite in 2 pzienti, ed emorrgi ddominle in 1 pziente. Tutti questi pzienti, eccezione di 2, sono stti trttti consertimente ttrerso il posizionmento di un drenggio bilire trnseptico trnsnstomotico, che è stto mntenuto in sede per 3-6 settimne. Mlgrdo tle morbilità, non si è uto lcun decesso introspedliero. Fino ll ultimo follow-up, 8 pzienti erno ii e liberi d mltti. L soprienz 1 nno è stt del 63.2%, con un soprienz medin di 19 mesi (Fig. 1). Sebbene l differenz non bbi rggiunto un significtiità sttistic (p = 0.06), forse per il corto follow-up o per il ridotto numero di pzienti, l grn prte dei csi che non sono stti sottoposti interento chirurgico resettio è decedut entro 2 nni (Fig. 2). Le recidie neoplstiche si sono mnifestte in 12 pzienti (52%) e sono stte l principle cus di decesso. L soprienz 1 nno, con pzienti liberi d mltti, è stt del 47.8% (Fig. 2). Qundo i pzienti sono stti suddiisi utilizzndo lo stging dell neoplsi, l soprienz è rit significtimente (p = 0.02) con un medin di 21 ± 11mesi (95% C.I. 0-43) e 19 ± 3 mesi (95% C.I ) per T1 e T2 rispettimente (Fig. 3). L soprienz medin per i csi con mrgine di resezione positio (n = 12) e con mrgine negtio (n = 11) è stt 12 ± 4 (95% C.I. 5-19) e 30 ± 11 mesi rispettimente. Vi è stt un significti differenz dell soprienz tr i due gruppi (p = 0.03) (Fig. 4). S op r i e n z S op r i e n z Fig. 1. Cur tturile di soprienz in relzione ll resecbilità. Fig. 2. Interllo libero d mltti dopo resezione curti. S op r i e n z S op r i e n z Fig. 3. Cur di soprienz tturile dopo resezione in relzione ll T. Fig. 4. Cur di soprienz tturile dopo resezione in relzione i mrgini.

7 CHIRURGIA ITALIANA VOL. 56 N. 6 PP Inoltre, i pzienti resecti, con lielli preopertori di lbumin < 3 g/dl hnno uto un soprienz minore rispetto quelli con lbumin > 3 g/dl (p = 0.006) (Fig. 5). Inoltre, i pzienti con linfonodi negtii non hnno mostrto un migliore soprienz di quelli con linfonodi metsttici (16 ± 4 mesi s 21 ± 5 mesi p = 0.88) (Fig. 6). L Tb. III mostr l influenz delle crtteristiche istoptologiche sull nlisi unirit. Tr i fttori lutti, il liello preopertorio di lbumin (p = 0.06), l presenz di mrgini di resezione negtii (p = 0.03) e l dimensione (T) dell neoplsi (p = 0.02) sono stti messi in relzione con un mggiore soprienz medin. Qundo tli fttori sono stti considerti nell mbito di un nlisi multirit, solmente i lielli preopertori di lbumin e l presenz di mrgini di resezione positii sono stti confermti come fttori prognostici indipendenti (Tb. III). Altre ribili, come l chemioterpi preopertori, l presenz di metstsi intreptiche, le dimensioni del tumore, l insione scolre e perineurle, l presenz di metstsi linfonodli e il grdo di differenzizione dell neoplsi, non hnno influenzto significtimente l soprienz dei pzienti (Tb. IV). Discussione L soprienz distnz per il CC dell VB ilre è strettmente ssocit con l possibilità di eseguire un resezione curti, con mrgini di resezione liberi d neoplsi. Per ottenere dei mrgini negtii, deono essere eseguite delle procedure chirurgiche più estese, che includno resezioni eptiche mggiori, l duodenoceflopncresectomi, o l resezione del lobo cudto 1,2,4. Tutti, tli procedure sono ssocite un rischio chirurgico umentto e un lt mortlità 5,6. Nei centri di chirurgi eptobilire l mortlità ri tr il 2.8% e il 10% 2,4,7,8. L mortlità periopertori è frequentemente legt ll insufficienz eptic che segue le eptectomie mggiori in pzienti con ittero ostruttio. Nell csistic presente, è stt dimostrt l fttibilità dell resezione eptic eseguit per CC dell VB ilre con mortlità null. I risultti possono essere ttribuiti ll ccurt selezione dei pzienti e ll uso di differenti indgini preopertorie finlizzte ll lutzione dell diffusione neoplstic e dell funzionlità eptic. Inftti, per minimizzre il rischio di insufficienz eptic postopertori, è necessrio ridurre l ittero preopertorio e llo stesso tempo tenere sotto controllo un eentule processo colngitico dell VB. V sottolineto che l resezione dell VB, ssocit un resezione eptic mggiore, può essere eseguit in condizioni di sicurezz qundo un drenggio bilire preopertorio bbi determinto un bbssmento dei lielli di bilirubin d lmeno 10 mg/dl. Questo tipo di pproccio ci h permesso di ottenere un eleto indice di resecbilità (70%) con un mortlità pri zero e un morbilità ccettbile (43%). Tutti, l uso routinrio del drenggio bilire è oggetto di numerosi dibttiti 9. Sebbene Cherqui et l. 10 non bbino dimostrto un differenz significti in termini di insufficienz eptic e morbilità ospedlier tr pzienti con e senz ittero, è stto sottolineto che il posizionmento di tle drenggio è estremmente efficce in pzienti con bilirubin > 10 mg/dl sottoposti trttmento chirurgico. S op r i e n z S op r i e n z Fig. 5. Cur di soprienz tturile dopo resezione in relzione i lielli di lbumin plsmtic. Fig. 6. Cur di soprienz tturile dopo resezione in relzione ll interessmento linfonodle.

8 756 FATTORI PROGNOSTICI CLINICO-PATOLOGICI E RISULTATI A DISTANZA DOPO RESEZIONE PER COLANGIOCARCINOMA ILARE Tb. III. Soprienz globle e crtteristiche istoptologiche. Fttore N. Medi ± ES (mesi) 95% CI (mesi) p Età 0.86 < ± > ± CA < ± > ± CEA 0.76 < ± > ± Bilirubin 0.53 < ± > ± Albumin < ± > ± Metstsi intreptiche 0.69 Sì ± No ± Drenggio preopertorio 0.07 Sì ± No ± Chemioterpi 0.42 Sì ± No 12 5 ± (non clcolbile) Non clcolbile Trsfusioni periopertorie 0.15 Sì ± No ± Dimensioni dell neoplsi 0.21 < 2, ± 0 Non clcolbile > 2, ± Mrgini 0.03 Positii ± Negtii ± Insione scolre 0.58 Sì ± No ± Insione perineurle 0.90 Sì ± No 3 16 ± (non clcolbile) Non clcolbile Coinolgimento linfonodle 0.88 Sì 8 21 ± No ± Grdo 0.09 G1 7 Tutti ienti G ± G ± T (TNM) 0.02 T ± T ± T3 2 Tutti deceduti CI = interllo di confidenz.

9 CHIRURGIA ITALIANA VOL. 56 N. 6 PP Tb. IV. Soprienz globle: nlisi multirit. Fttori Hzrd 95% p rtio interllo di confidenz Albumin Mrgini T (TNM) L lettertur riport mpimente come l compromissione dei mrgini di resezione influenzi in mnier determinnte l prognosi 2,4,8. L prognosi dei pzienti con mrgini di resezione negtii (R0) è decismente migliore 2-4,11,12. L soprienz 5 nni dopo resezione curti è compres tr il 20% e il 51.6%, ed è significtimente più lt di quell di pzienti sottoposti resezione R1 (0-12.6%). Solmente Seym 9 non h troto un significti differenz tr l soprienz dei pzienti sottoposti resezioni R0 e R1. Lo studio presente, inece, h mostrto che l soprienz medin dei pzienti sottoposti resezione R0 è significtimente migliore di quell dei pzienti sottoposti R1 (30 ± 11 mesi s 12 ± 4 mesi; p = 0.03), confermndo così l importnz di ottenere sempre dei mrgini di resezione prii di infiltrzione neoplstic. Nel nostro studio i mrgini di resezione sono risultti positii in 12 pzienti (52%). Per tle motio è stto necessrio ricorrere delle resezioni eptiche llrgte per umentre le possibilità di ottenere un resezione curti. Tutti, non è ncor stto chirito qule tipo di resezione debb essere eseguit per ere l mggiore possibilità di ottenere un resezione curti. Bismuth et l. 13 hnno dimostrto che l resezione dell i bilire extreptic d sol può essere giustifict solo nei tumori tipo I sec. Bismuth-Corlette, e consiglino un eptectomi destr o sinistr con resezione di routine del lobo cudto nei csi di tumori tipo III e IIIb. In un recente csistic di Nehus 2, tutti i pzienti con tumori tipo I e II sono stti trttti con l sol resezione dell VB. Tutti, questo comportmento h mostrto un minore rdiclità chirurgic se confrontto ll resezione eptic (29% s 61%; p = 0.05). Nell nostr esperienz l sol resezione dell VB è stt eseguit in 4 pzienti con tumore tipo I, 2 R0 (50%) e 2 R1 (50%). Il bree periodo nel qule è stto compiuto lo studio e l esiguo numero dei pzienti, non ci hnno permesso di trrre delle chire conclusioni rigurdo il trttmento dei tumori tipo I e II. Ulteriori studi sono necessri per lutre l necessità di eseguire delle resezioni eptiche in questo tipo di tumori. Rimne inftti difficile lutre correttmente, nche in corso di interento, l diffusione neoplstic lungo l VB. L esme istologico estemporneo rimne, tutt oggi, l unico fttore in grdo di permettere di lutre il tipo di resezione d eseguire. V comunque sottolineto che l resezione dell sol VB è giustifict in tutti quei pzienti con un funzione eptic scdut e che sono mggiormnte rischio di complicnze postopertorie. È ncor oggetto di discussione l necessità di un resezione del lobo cudto. Kwrd et l. 14 hnno dimostrto che che il lobo cudto è spesso (42.3%) sede di insione neoplstic d prte del CC. Nimur et l. 15 hnno rileto un infiltrzione neoplstic del lobo cudto in 44 dei 45 pzienti trttti. Tutti, se in ltre csitiche l resezione del lobo cudto non h portto migliormenti dei risultti distnz 7,16,17, ltri Autori hnno dimostrto il contrrio Bsndosi sui risultti ottenuti dl nostro studio, è consiglibile eseguire l resezione del lobo cudto per le lesioni loclizzte sinistr. L resezione del lobo cudto, ssocit un, è stt eseguit in 7 pzienti (30%); in questi csi i mrgini dell resezione sono risultti negtii (R0) con un migliormento dei risultti distnz. Inece, per tutte le lesioni loclizzte destr, un eptectomi destr llrgt senz resezione del lobo cudto (4 su 5 pzienti) h ssicurto dei mrgini di resezione liberi d mltti. Il fttore pt è stto considerto come un ribile prognostic in ssocizione con l soprienz. È stto dimostrto, d lcuni Autori, che l T dell neoplsi è un fttore predittio significtio 4,12. Tutti, ltre csistiche non hnno dimostrto tle correlzione 9,11. Questo studio h dimostrto un differenz significti in soprienz nel momento in cui i csi sono stti strtificti in bse ll T; l soprienz medin è rit in modo significtio (p = 0.02) per T1, T2 e T3 (Fig. 2). Tutti, l nlisi multirit condott h dimostrto che l infiltrzione dei mrgini di resezione dorebbe essere considert come il fttore prognostico più importnte se comprto ll T. Per tle motio è necessrio sottolinere l necessità di resezioni eptiche llrgte, nche qundo engono troti tumori con un T più foreole. Numerosi studi hnno dimostrto l significtiità prognostic dell interessmento linfonodle. Inece, Jrngin et l. 12 non hnno osserto differenze significtie tr pzienti con o senz interessmento linfonodle, riportndo un soprienz medin ssolutmente sorpponibile (42 s 39 mesi rispettimente, p = 0.3). Altri Autori hnno osserto risultti simili 4,7,18,21-23 m lcuni studi hn-

10 758 FATTORI PROGNOSTICI CLINICO-PATOLOGICI E RISULTATI A DISTANZA DOPO RESEZIONE PER COLANGIOCARCINOMA ILARE no riportto un soprienz mggiore in pzienti con linfonodi negtii 8,11,17,24. Nel nostro studio, i pzienti con coinolgimento linfonodle hnno uto un soprienz distnz simile quell dei pzienti con linfonodi negtii. Tutti, considerndo l tendenz di tle neoplsi indere i linfonodi locoregionli, è consiglibile ssocire l linfodenectomi ll resezione dell i bilire o lle resezioni eptiche mggiori l fine di ottenere un resezione curti. Nel presente studio, i pzienti con lielli preopertori di lbumin superiori 3 g/dl hnno uto un soprienz migliore rispetto i pzienti con lielli inferiori 3 g/dl (soprienz medin 21 ± 3 s 8 ±2 mesi, rispettimente; p = 0.006). Questo può essere douto l ftto che i pzienti con deficit di lbumin, e quindi con mlnutrizione, si trono nche in uno stto di immunodepressione che forirebbe l diffusione tumorle. Tle dto, che non è stto inestigto in precedenz, necessit di ulteriori pprofondimenti. Conclusioni I risultti di questo studio sostengono l ipotesi che un pproccio chirurgico ggressio in cso di CC dell VB ilre si l unic possibilità di ottenere un trttmento curtio. L resezione dell i bilire ssocit un eptectomi mggiore dà un migliore soprienz distnz. V tle proposito, ricordto che nei centri di riferimento di chirurgi eptobilire le resezioni eptiche llrgte possono essere eseguite con un bss morbilità. Bssi lielli di lbumin preopertori, l presenz di mrgini di resezione positii e l T del tumore risultno essere correlti un minore soprienz medin. Bibliogrfi 1. Miyzki M, Ito H, Nkgw K, Ambiru S, Shimizu H, Shimizu Y, Kto A, Nkmur S, Omoto H, Nkjim N, Kimur F, Suw T. Aggressie surgicl pproches to hilr cholngiocrcinom: heptic or locl resection? Surgery 1998; 123: Neuhus P, Jons S, Bechstein WO, Lohmnn R, Rdke C, Kling N, Wex C, Lobeck H, Hintze R. Extended resections for hilr cholngiocrcinom. Ann Surg 1999; 230: ; discussion Kondo S, Hirno S, Ambo Y, Tnk E, Okushib S, Morikw T, Ktoh H. Forty consecutie resections of hilr cholngiocrcinom with no postopertie mortlity nd no positie ductl mrgins: results of prospectie study. Ann Surg 2004; 240: Kosuge T, Ymmoto J, Shimd K, Ymski S, Mkuuchi M. Improed surgicl results for hilr cholngiocrcinom with procedures including mjor heptic resection. Ann Surg 1999; 230: Mdrig JR, Iwtsuki S, Todo S, Lee RG, Irish W, Strzl TE. Lier resection for hilr nd peripherl cholngiocrcinoms: study of 62 cses. Ann Surg 1998; 227: Gerhrds MF, n Gulik TM, Bosm A, Hoopen-Neumnn H, Verbeek PC, Gonzlez Gonzlez D, de Wit LT, Goum DJ. Long-term suril fter resection of proximl bile duct crcinom (Kltskin tumors). World J Surg 1999; 23: Cpussotti L, Murtore A, Polstri R, Ferrero A, Mssucco P. Lier resection for hilr cholngiocrcinom: in-hospitl mortlity nd longterm suril. J Am Coll Surg 2002; 195: Todoroki T, Kwmoto T, Koike N, Tkhshi H, Yoshid S, Kshiwgi H, Tkd Y, Otsuk M, Fuko K. Rdicl resection of hilr bile duct crcinom nd predictors of suril. Br J Surg 2000; 87: Seym Y, Kubot K, Sno K, Noie T, Tkym T, Kosuge T, Mkuuchi M. Long-term outcome of extended hemiheptectomy for hilr bile duct cncer with no mortlity nd high suril rte. Ann Surg 2003; 238: Cherqui D, Benoist S, Mlssgne B, Humeres R, Rodriguez V, Fgniez PL. Mjor lier resection for crcinom in jundiced ptients without preopertie biliry dringe. Arch Surg 2000; 135: Kwski S, Immur H, Kobyshi A, Noike T, Miw S, Miygw S. Results of surgicl resection for ptients with hilr bile duct cncer: ppliction of extended heptectomy fter biliry dringe nd hemiheptic portl ein emboliztion. Ann Surg 2003; 238:

11 CHIRURGIA ITALIANA VOL. 56 N. 6 PP Jrngin WR, Fong Y, DeMtteo RP, Gonen M, Burke EC, Bodniewicz BJ, Youssef BM, Klimstr D, Blumgrt LH. Stging, resectbility, nd outcome in 225 ptients with hilr cholngiocrcinom. Ann Surg 2001; 234: ; discussion Bismuth H, Nkche R, Dimond T. Mngement strtegies in resection for hilr cholngiocrcinom. Ann Surg 1992; 215: Kwrd Y, Ds BC, Ngnum T, Tbt M, Tok H. Surgicl tretment of hilr bile duct crcinom: experience with 25 consecutie heptectomies. J Gstrointest Surg 2002; 6: Nimur Y, Hykw N, Kmiy J, Kondo S, Shionoy S. Heptic segmentectomy with cudte lobe resection for bile duct crcinom of the heptic hilus. World J Surg 1990; 14: ; discussion Su CH, Tsy SH, Wu CC, Shyr YM, King KL, Lee CH, Lui WY, Liu TJ, P Eng F K. Fctors influencing postopertie morbidity, mortlity, nd suril fter resection for hilr cholngiocrcinom. Ann Surg 1996; 223: Klempnuer J, Ridder GJ, on Wsielewski R, Werner M, Weimnn A, Pichlmyr R. Resectionl surgery of hilr cholngiocrcinom: multirite nlysis of prognostic fctors. J Clin Oncol 1997; 15: Sugiur Y, Nkmur S, Iid S, Hosod Y, Ikeuchi S, Mori S, Sugiok A, Tsuzuki T. Extensie resection of the bile ducts combined with lier resection for cncer of the min heptic duct junction: coopertie study of the Keio Bile Duct Cncer Study Group. Surgery 1994; 115: Tshiro S, Tsuji T, Knemitsu K, Kmimoto Y, Hirok T, Miyuchi Y. Prolongtion of suril for crcinom t the heptic duct confluence. Surgery 1993; 113: Ogur Y, Mizumoto R, Tbt M, Mtsud S, Kusud T. Surgicl tretment of crcinom of the heptic duct confluence: nlysis of 55 resected crcinoms. World J Surg 1993; 17: 85-92; discussion Lunois B, Terblnche J, Lkehl M, Ctheline JM, Brdxoglou E, Lnden S, Cmpion JP, Sutherlnd F, Meunier B. Proximl bile duct cncer: high resectbility rte nd 5-yer suril. Ann Surg 1999; 230: Kuroski I, Tsukd K, Htkeym K, Muto T. The mode of lymphtic spred in crcinom of the bile duct. Am J Surg 1996; 172: Kitgw Y, Ngino M, Kmiy J, Uesk K, Sno T, Ymmoto H, Hykw N, Nimur Y. Lymph node metstsis from hilr cholngiocrcinom: udit of 110 ptients who underwent regionl nd prortic node dissection. Ann Surg 2001; 233: Iwtsuki S, Todo S, Mrsh JW, Mdrig JR, Lee RG, Dorchik I, Fung JJ, Strzl TE. Tretment of hilr cholngiocrcinom (Kltskin tumors) with heptic resection or trnsplnttion. J Am Coll Surg 1998; 187:

12 107 CONGRESSO SOCIETÀ ITALIANA DI CHIRURGIA Presidente: Lucino DE MARTINO Cgliri, 9-12 Ottobre 2005 Centro Cultur Congressi Fier Cmpionri

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n.

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n. AUTOVALORI ED AUTOVETTORI Si V uno spzio vettorile di dimensione finit n. Dicesi endomorfismo di V ogni ppliczione linere f : V V dello spzio vettorile in sé. Se f è un endomorfismo di V in V, considert

Dettagli

3. Funzioni iniettive, suriettive e biiettive (Ref p.14)

3. Funzioni iniettive, suriettive e biiettive (Ref p.14) . Funzioni iniettive, suriettive e iiettive (Ref p.4) Dll definizione di funzione si ricv che, not un funzione y f( ), comunque preso un vlore di pprtenente l dominio di f( ) esiste un solo vlore di y

Dettagli

Variazioni di sviluppo del lobo frontale nell'uomo

Variazioni di sviluppo del lobo frontale nell'uomo Istituto di Antropologi dell Regi Università di Rom Vrizioni di sviluppo del lobo frontle nell'uomo pel Dott. SERGIO SERGI Libero docente ed iuto ll cttedr di Antropologi. Il problem dei rpporti di sviluppo

Dettagli

Le spese di ricerca e sviluppo: gestione contabile ed iscrizione in bilancio *

Le spese di ricerca e sviluppo: gestione contabile ed iscrizione in bilancio * www.solmp.it Le : gestione contbile ed iscrizione in bilncio * Piero Pisoni, Fbrizio Bv, Dontell Busso e Alin Devlle ** 1. Premess Le sono esminte nei seguenti spetti: Il presente elborto è trtto d: definizione

Dettagli

Comparazione delle performance di 6 cloni di Gamay ad altitudine elevata

Comparazione delle performance di 6 cloni di Gamay ad altitudine elevata Comprzione delle performnce di 6 cloni di Gmy d ltitudine elevt 1 / 46 Motivzioni Selezione clonle IAR-4 Lo IAR-4 è stto selezionto in mbiente montno d un prticolre popolzione di mterile stndrd, dll qule

Dettagli

ANALISI REALE E COMPLESSA a.a. 2007-2008

ANALISI REALE E COMPLESSA a.a. 2007-2008 ANALISI REALE E COMPLESSA.. 2007-2008 1 Successioni e serie di funzioni 1.1 Introduzione In questo cpitolo studimo l convergenz di successioni del tipo n f n, dove le f n sono tutte funzioni vlori reli

Dettagli

La scelta di equilibrio del consumatore. Integrazione del Cap. 21 del testo di Mankiw 1

La scelta di equilibrio del consumatore. Integrazione del Cap. 21 del testo di Mankiw 1 M.Blconi e R.Fontn, Disense di conomi: 3) quilirio del consumtore L scelt di equilirio del consumtore ntegrzione del C. 21 del testo di Mnkiw 1 Prte 1 l vincolo di ilncio Suonimo che il reddito di un consumtore

Dettagli

METODO VOLTAMPEROMETRICO

METODO VOLTAMPEROMETRICO METODO OLTAMPEOMETCO Tle etodo consente di isrre indirettente n resistenz elettric ed ipieg l definizione stess di resistenz : doe rppresent l tensione i cpi dell resistenz e l corrente che l ttrers coe

Dettagli

Definizioni fondamentali

Definizioni fondamentali Definizioni fondmentli Sistem scisse su un rett 1 Un rett si ce orientt qundo su ess è fissto un verso percorrenz Dti due punti qulsisi A e B un rett orientt r, il segmento AB che può essere percorso d

Dettagli

Il volume del cilindro è dato dal prodotto della superficie di base per l altezza, quindi

Il volume del cilindro è dato dal prodotto della superficie di base per l altezza, quindi Mtemtic per l nuov mturità scientific A. Bernrdo M. Pedone 3 Questionrio Quesito 1 Provre che un sfer è equivlente i /3 del cilindro circoscritto. r 4 3 Il volume dell sfer è 3 r Il volume del cilindro

Dettagli

Esercizi sulle serie di Fourier

Esercizi sulle serie di Fourier Esercizi sulle serie di Fourier Corso di Fisic Mtemtic,.. 3- Diprtimento di Mtemtic, Università di Milno Novembre 3 Sviluppo in serie di Fourier (esponenzile) In questi esercizi, si richiede di sviluppre

Dettagli

1 b a. f(x) dx. Osservazione 1.2. Se indichiamo con µ il valore medio di f su [a, b], abbiamo che. f(x) dx = µ(b a) =

1 b a. f(x) dx. Osservazione 1.2. Se indichiamo con µ il valore medio di f su [a, b], abbiamo che. f(x) dx = µ(b a) = Note ed esercizi di Anlisi Mtemtic - (Fosci) Ingegneri dell Informzione - 28-29. Lezione del 7 novembre 28. Questi esercizi sono reperibili dll pgin web del corso ttp://utenti.unife.it/dmino.fosci/didttic/mii89.tml

Dettagli

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma INTEGRALI IMPROPRI. Integrli impropri su intervlli itti Dt un funzione f() continu in [, b), ponimo ε f() = f() ε + qundo il ite esiste. Se tle ite esiste finito, l integrle improprio si dice convergente

Dettagli

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito.

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito. Integrli de niti. Il problem di clcolre l re di un regione pin delimitt d gr ci di funzioni si può risolvere usndo l integrle de nito. L integrle de nito st l problem del clcolo di ree come l equzione

Dettagli

11. Attività svolta dall Agenzia, risorse e aspetti organizzativi

11. Attività svolta dall Agenzia, risorse e aspetti organizzativi 11. Attività svolt dll Agenzi, risorse e spetti orgnizztivi 11.1 Attività istituzionle svolt i sensi dell Deliberzione istitutiv In un vlutzione complessiv delle ttività svolte dll Agenzi i sensi dell

Dettagli

Corso di Analisi Matematica Calcolo integrale per funzioni di una variabile

Corso di Analisi Matematica Calcolo integrale per funzioni di una variabile Corso di Anlisi Mtemtic Clcolo integrle per funzioni di un vribile Lure in Informtic e Comuniczione Digitle A.A. 2013/2014 Università di Bri ICD (Bri) Anlisi Mtemtic 1 / 40 1 L integrle come limite di

Dettagli

Macchine elettriche in corrente continua

Macchine elettriche in corrente continua cchine elettriche in corrente continu Generlità Può essere definit mcchin un dispositivo che convert energi d un form un ltr. Le mcchine elettriche in prticolre convertono energi elettric in energi meccnic

Dettagli

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x Appunti elorti dll prof.ss Biondin Gldi Funzione integrle Si y = f() un funzione continu in un intervllo [; ] e si 0 [; ]; l integrle 0 f()d si definisce Funzione Integrle; si chim funzione integrle in

Dettagli

Ing. Alessandro Pochì

Ing. Alessandro Pochì Dispense di Mtemtic clsse quint -Gli integrli Quest oper è distriuit con: Licenz Cretive Commons Attriuzione - Non commercile - Non opere derivte. Itli Ing. Alessndro Pochì Appunti di lezione svolti ll

Dettagli

Titolazione Acido Debole Base Forte. La reazione che avviene nella titolazione di un acido debole HA con una base forte NaOH è:

Titolazione Acido Debole Base Forte. La reazione che avviene nella titolazione di un acido debole HA con una base forte NaOH è: Titolzione Acido Debole Bse Forte L rezione che vviene nell titolzione di un cido debole HA con un bse forte NOH è: HA(q) NOH(q) N (q) A (q) HO Per quest rezione l costnte di equilibrio è: 1 = = >>1 w

Dettagli

Appunti di Analisi matematica 1. Paolo Acquistapace

Appunti di Analisi matematica 1. Paolo Acquistapace Appunti di Anlisi mtemtic Polo Acquistpce 23 febbrio 205 Indice Numeri 4. Alfbeto greco................................. 4.2 Insiemi..................................... 4.3 Funzioni....................................

Dettagli

07 GUIDA ALLA PROGETTAZIONE. Guida alla progettazione

07 GUIDA ALLA PROGETTAZIONE. Guida alla progettazione 07 Guid ll progettzione Scelt tubzioni e giunti 2 tubi di misur [mm] Dimetro tubzioni unità esterne (A) Giunti 12Hp 1Hp 1Hp Selezionre il dimetro delle unità esterne dll seguente tbell Giunto Y tr unità

Dettagli

13. EQUAZIONI ALGEBRICHE

13. EQUAZIONI ALGEBRICHE G. Smmito, A. Bernrdo, Formulrio di mtemti Equzioni lgerihe F. Cimolin, L. Brlett, L. Lussrdi. EQUAZIONI ALGEBRICHE. Prinipi di equivlenz Si die identità un'uguglinz tr due espressioni ontenenti un o più

Dettagli

Domanda n. del Pensione n. cat. abitante a Prov. CAP. via n. DICHIARA, sotto la propria responsabilità, che per gli anni:

Domanda n. del Pensione n. cat. abitante a Prov. CAP. via n. DICHIARA, sotto la propria responsabilità, che per gli anni: Mod. RED Sede di Domnd n. del Pensione n. ct. nto il stto civile bitnte Prov. CAP vi n. DICHIARA, sotto l propri responsbilità, che per gli nni: A B (brrre l csell reltiv ll propri situzione) NON POSSIEDE

Dettagli

EQUILIBRI IN SOLUZIONE ACQUOSA

EQUILIBRI IN SOLUZIONE ACQUOSA Dispense CHIMICA GENERALE E ORGANICA (STAL) 010/11 Prof. P. Crloni EQUILIBRI IN SOLUZIONE ACQUOSA Qundo si prl di rezioni di equilirio dei composti inorgnici, un considerzione prticolre viene rivolt lle

Dettagli

VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE

VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE Soluzioni di quesiti e prolemi trtti dl Corso Bse Blu di Mtemti volume 5 [] (Es. n. 8 pg. 9 V) Dell prol f ( ) si hnno le seguenti informzioni, tutte

Dettagli

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma duttale in situ: : si,no, forse Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it Definizione Il carcinoma duttale in situ della mammella è una

Dettagli

INTERCONNESSIONE CONNETTIVITÀ

INTERCONNESSIONE CONNETTIVITÀ EMC VMA AX 10K EMC VMAX 10K fornisce e un'rchitettu ur scle-out multi-controlller Tier 1 rele e che nsolidmento ed efficienz. EMC VMAX 10 0K utilizz l stess s grntisce lle ziende con stemi VMAX 20 0K e

Dettagli

10 Progetto con modelli tirante-puntone

10 Progetto con modelli tirante-puntone 0 Progetto con modelli tirnte-puntone 0. Introduzione I modelli tirnte-puntone (S&T Strut nd Tie) sono utilizzti per l progettzione delle membrture in c.. che non possono essere schemtizzte come solidi

Dettagli

Problemi di massimo e minimo in Geometria Solida Problemi su poliedri. Indice dei problemi risolti

Problemi di massimo e minimo in Geometria Solida Problemi su poliedri. Indice dei problemi risolti Problemi di mssimo e minimo in Geometri olid Problemi su poliedri Indice dei problemi risolti In generle, un problem si riferisce un figur con crtteristice specifice (p.es., il numero dei lti dell bse)

Dettagli

Esercizi della 8 lezione sulla Geomeria Linere ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA ESERCIZI SULLA PARABOLA ESERCIZI SULL' ELLISSE ERCIZI SULL' IPERBOLE

Esercizi della 8 lezione sulla Geomeria Linere ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA ESERCIZI SULLA PARABOLA ESERCIZI SULL' ELLISSE ERCIZI SULL' IPERBOLE Eserizi dell lezione sull Geomeri Linere ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA ESERCIZI SULLA PARABOLA ESERCIZI SULL' ELLISSE ES ERCIZI SULL' IPERBOLE ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA. Determinre l equzione dell ironferenz

Dettagli

Cuscinetti ad una corona di sfere a contatto obliquo

Cuscinetti ad una corona di sfere a contatto obliquo Cuscinetti d un coron di sfere conttto obliquo Cuscinetti d un coron di sfere conttto obliquo 232 Definizione ed ttitudini 232 Serie 233 Vrinti 233 Tollernze e giochi 234 Elementi di clcolo 236 Crtteristiche

Dettagli

LA PREVISIONE DELLE TEMPERATURE MINIME IN TEMPO REALE:

LA PREVISIONE DELLE TEMPERATURE MINIME IN TEMPO REALE: LA PREVISIONE DELLE TEMPERATURE MINIME IN TEMPO REALE: DAI MODELLI TRADIZIONALI AI NUOVI APPROCCI REAL-TIME TEMPERATURE MINIMUM PREDICTION: FROM TRADITIONAL MODELS TO NEW APPROACHES Stefno Dll Nor 1, Emnuele

Dettagli

Fatturiamo. Versione 5. Manuale per l utente. Active Software Corso Italia 149-34170 Gorizia email info@activeweb.it

Fatturiamo. Versione 5. Manuale per l utente. Active Software Corso Italia 149-34170 Gorizia email info@activeweb.it Ftturimo Versione 5 Mnule per l utente Active Softwre Corso Itli 149-34170 Gorizi emil info@ctiveweb.it Se questo documento ppre nell finestr del vostro browser Internet di defult, richimte il comndo Registr

Dettagli

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI . L'INSIEME DEI NUMERI REALI. I pricipli isiemi di umeri Ripredimo i pricipli isiemi umerici N, l'isieme dei umeri turli 0; ; ; ; ;... L'ide ituitiv di umero turle è ssocit l prolem di cotre e ordire gli

Dettagli

Le operazioni fondamentali in N Basic Arithmetic Operations in N

Le operazioni fondamentali in N Basic Arithmetic Operations in N Operzioi fodetli i - 1 Le operzioi fodetli i Bsic Arithetic Opertios i I geerle u operzioe è u procedieto che due o più ueri, dti i u certo ordie e detti terii dell'operzioe, e ssoci u ltro, detto risultto

Dettagli

I vettori. a b. 180 α B A. Un segmento orientato è un segmento su cui è stato fissato un verso. di percorrenza, da verso oppure da verso.

I vettori. a b. 180 α B A. Un segmento orientato è un segmento su cui è stato fissato un verso. di percorrenza, da verso oppure da verso. I vettor B Un segmento orentto è un segmento su cu è stto fssto un verso B d percorrenz, d verso oppure d verso. A A Il segmento orentto d verso è ndcto con l smolo. Due segment orentt che hnno l stess

Dettagli

Esempio Data la matrice E estraiamo due minori di ordine 3 differenti:

Esempio Data la matrice E estraiamo due minori di ordine 3 differenti: Minori di un mtrice Si A K m,n, si definisce minore di ordine p con p N, p

Dettagli

ESERCITAZIONI. I. 1)Una coppia ha già due figlie. Se pianificassero di avere 6 figli, con quale probabilità avranno una famiglia di tutte figlie?

ESERCITAZIONI. I. 1)Una coppia ha già due figlie. Se pianificassero di avere 6 figli, con quale probabilità avranno una famiglia di tutte figlie? ESERCITZIONI. I 1)Un coppi h già due figlie. Se pinificssero di vere 6 figli, con qule probbilità vrnno un fmigli di tutte figlie? ) 1/4 b)1/8 c)1/16 d)1/32 e)1/64 2)In un fmigli con 3 bmbini, qul e l

Dettagli

ISTRUZIONI OPERATIVE PER GLI INTERVENTI SULLE TARIFFE INCENTIVANTI RELATIVE AGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI ai sensi dell art. 26 della Legge 116/2014

ISTRUZIONI OPERATIVE PER GLI INTERVENTI SULLE TARIFFE INCENTIVANTI RELATIVE AGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI ai sensi dell art. 26 della Legge 116/2014 ISTRUZIONI OPERATIVE PER GLI INTERVENTI SULLE TARIFFE INCENTIVANTI RELATIVE AGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI i sensi dell rt. 26 dell Legge 116/2014 (c.d. Legge Copetitività ) Ro, 3 novebre 2014 Indice 1. Contesto

Dettagli

Corso di ordinamento - Sessione suppletiva - a.s. 2009-2010

Corso di ordinamento - Sessione suppletiva - a.s. 2009-2010 Corso di ordinmnto - Sssion suppltiv -.s. 9- PROBLEMA ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO SESSIONE SUPPLETIA Tm di: MATEMATICA. s. 9- Dt un circonrnz di cntro O rggio unitrio, si prndno

Dettagli

LE INTERSEZIONI Dispense didattiche di TOPOGRAFIA

LE INTERSEZIONI Dispense didattiche di TOPOGRAFIA lsse qurt Docente: In. Ntt MODULO I: IL RILIEVO TOOGRFIO UD I: L INQUDRMENTO ON LE RETI - INTERSEZIONI LE INTERSEZIONI Dispense didttiche di TOOGRFI r M unto di ollins O s θ 00 O d O d 00 θ θ ω ' ω θ c'

Dettagli

STUD FOTOVOLTAICO 16 LED 1.2W CW

STUD FOTOVOLTAICO 16 LED 1.2W CW Cod. 1879.185M STUD FOTOVOLTAICO 16 LED 1.2W CW Crtteristiche tecniche Corpo in lluminio pressofuso Portello di chiusur vno cblggio/btterie in termoindurente Riflettore in lluminio vernicito binco Diffusore

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

4. Trasporto pubblico non di linea: taxi e noleggio con conducente (NCC)

4. Trasporto pubblico non di linea: taxi e noleggio con conducente (NCC) 4. Trsporto pubblico non di line: txi e noleggio con conducente (NCC) L domnd di mobilità dei cittdini incontr un corrispondente offert delle diverse modlità di trsporto, sull bse delle crtteristiche degli

Dettagli

Epigrafe. Premessa. D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 (1).

Epigrafe. Premessa. D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 (1). D.Lgs. 29-12-2006 n. 311 Disposizioni correttive ed integrtive l D.Lgs. 19 gosto 2005, n. 192, recnte ttuzione dell direttiv 2002/91/CE, reltiv l rendimento energetico nell'edilizi. Pubblicto nell Gzz.

Dettagli

Grazie. Normativa sulle emissioni dell'epa. Avviso relativo alla garanzia. Servizio "Mercury Premier"

Grazie. Normativa sulle emissioni dell'epa. Avviso relativo alla garanzia. Servizio Mercury Premier Grzie per vere cquistto uno dei migliori motori fuoribordo sul mercto che si rivelerà un ottimo investimento per l nutic d diporto. Il fuoribordo è stto fbbricto d Mercury Mrine, leder internzionle nel

Dettagli

VERIFICA DI UN CIRCUITO RESISTIVO CONTENENTE PIÙ GENERATORI CON UN TERMINALE COMUNE E SENZA TERMINALE COMUNE.

VERIFICA DI UN CIRCUITO RESISTIVO CONTENENTE PIÙ GENERATORI CON UN TERMINALE COMUNE E SENZA TERMINALE COMUNE. FCA D UN CCUTO SSTO CONTNNT PÙ GNATO CON UN TMNAL COMUN SNZA TMNAL COMUN. Si verifino quttro iruiti on due genertori: genertori on polrità onorde e un terminle omune genertori on polrità disorde e un terminle

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO IN EUROPA

IL DIRIGENTE SCOLASTICO IN EUROPA n u m e r o m o n o g r f i c o IL DIRIGENTE SCOLASTICO IN EUROPA PREMESSA Nell Comuniczione dell Commissione Europe del 3 luglio 2008, intitolt Migliorre le competenze per il 21 secolo: un ordine del

Dettagli

GUIDA INCENTIVI all ASSUNZIONE e alla CREAZIONE d IMPRESA AGEVOLAZIONI SU DISPOSIZIONI NAZIONALI, REGIONALI E PROVINCIALI

GUIDA INCENTIVI all ASSUNZIONE e alla CREAZIONE d IMPRESA AGEVOLAZIONI SU DISPOSIZIONI NAZIONALI, REGIONALI E PROVINCIALI GUIDA ll ASSUNZIONE e ll CREAZIONE d IMPRESA AGEVOLAZIONI SU DISPOSIZIONI NAZIONALI, REGIONALI E PROVINCIALI Aggiornt l 31 gennio 2015 PROGRAMMA POT Pinificzione Territorile Opertiv PROGRAMMA POT Pinificzione

Dettagli

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino:

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino: Prof. Emnul ANDRISANI Studio di funzion Funzioni rzionli intr n n o... n n Crttristich: sono funzioni continu drivbili in tutto il cmpo rl D R quindi non sistono sintoti vrticli D R quindi non sistono

Dettagli

YOGURT. Dosi per. 150 più secondo il. fermenti. eccezionalee. il nostroo lavorare. intestino. forma. Alla fine

YOGURT. Dosi per. 150 più secondo il. fermenti. eccezionalee. il nostroo lavorare. intestino. forma. Alla fine YOGURT FATTO IN CASAA CON YOGURTIERA Lo yogurt ftto in cs è senz ltro un modoo sno per crere un limento eccezionlee per l nostr slute. Ricco di ltticii iut intestino fermenti il nostroo lvorre meglioo

Dettagli

a Crediamo nel concetto di cucina a chilometro zero e nei prodotti di stagione, crediamo nel rispetto dell ambiente e delle tradizioni.

a Crediamo nel concetto di cucina a chilometro zero e nei prodotti di stagione, crediamo nel rispetto dell ambiente e delle tradizioni. Credimo nel concetto di cucin chilometro zero e nei prodotti di stgione, credimo nel rispetto dell mbiente e delle trdizioni. L nostr propost enogstronomic è bst sull riscopert delle ricette più semplici

Dettagli

I radicali 1. Claudio CANCELLI (www.claudiocancelli.it)

I radicali 1. Claudio CANCELLI (www.claudiocancelli.it) I rdicli Cludio CANCELLI (www.cludioccelli.it) Ed..0 www.cludioccelli.it Dec. 0 I rdicli INDICE DEI CONTENUTI. I RADICALI... INDICE DI RADICE PARI...4 INDICE DI RADICE DISPARI...5 RADICALI SIMILI...6 PROPRIETA

Dettagli

PERDITE SU CREDITI E SVALUTAZIONE CREDITI

PERDITE SU CREDITI E SVALUTAZIONE CREDITI PERDITE SU CREDITI E SVALUTAZIONE CREDITI Codice civile: I crediti devono essere iscritti secondo il vlore presumibile di relizzzione; quindi già l netto dell svlutzione derivnte dl monitorggio di ciscun

Dettagli

NOME BUBBICO ROCCO LUIGI CODICE FISCALE

NOME BUBBICO ROCCO LUIGI CODICE FISCALE Riservto ll Poste itline Sp N. Protocollo t di presentzione UNI CONORME AL PROVVEIMENTO AGENZIA ELLE ENTRATE EL 000 E SUCCESSIVI PROVVEIMENTI Periodo d'impost 0 COGNOME COICE ISCALE Informtiv sul trttmento

Dettagli

Codici bifissi ed insiemi Sturmiani

Codici bifissi ed insiemi Sturmiani Università degli Studi di Plermo Fcoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Lure Specilistic in Mtemtic Codici ifissi ed insiemi Sturmini Studente Frncesco Dolce Reltore Prof. Antonio Restivo Anno Accdemico

Dettagli

TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE Una trasformazione geometrica del piano in sé è una corrispondenza biunivoca tra i punti del piano: ( ) , :,

TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE Una trasformazione geometrica del piano in sé è una corrispondenza biunivoca tra i punti del piano: ( ) , :, TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE Un rsforzione geoeric del pino in sé è un corrispondenz iunivoc r i puni del pino P P, P P P è l igine di P rispeo ll rsforzione. Ad ogni puno P(,) corrisponde uno ed un solo

Dettagli

INDURIMENTO SUPERFICIALE DI LEGHE DI TITANIO MEDIANTE TRATTAMENTI TERMICI DI DIFFUSIONE DI Ni

INDURIMENTO SUPERFICIALE DI LEGHE DI TITANIO MEDIANTE TRATTAMENTI TERMICI DI DIFFUSIONE DI Ni Memorie >> Titnio e ue leghe INDURIMENTO SUPERFICIALE DI LEGHE DI TITANIO MEDIANTE TRATTAMENTI TERMICI DI DIFFUSIONE DI Ni I. Rmpin, K. Brunelli, M. Dlà In queto lvoro ono tti ottenuti rivetimenti di Ni

Dettagli

La radio-chemioterapia neoadiuvante (CRT) è un trattamento largamente diffuso e applicato nel tratta- CLINICAL RESEARCH

La radio-chemioterapia neoadiuvante (CRT) è un trattamento largamente diffuso e applicato nel tratta- CLINICAL RESEARCH CLINICAL RESEARCH Osp Ital Chir CD-ROM 3-2005 La terapia del cancro del retto: analisi dei risultati e dei fattori prognostici di un protocollo neoadiuvante radio-chemioterapico associato alla chirurgia

Dettagli

Sommario GIOVANI... 5 DONNE... 7. iscritti nelle liste. di mobilità IRAP... 24. Basilicataa. Piemontee Sicilia Toscana.

Sommario GIOVANI... 5 DONNE... 7. iscritti nelle liste. di mobilità IRAP... 24. Basilicataa. Piemontee Sicilia Toscana. lle ASSUN ZIONI AGEVOLAZIONI SU DISPOSIZIO NI NAZIONALI, REGIONALI E PROVINCIALII Guid 2013 PROGRAMMAA POT Pinificzione territorile opertiv Aggiornt l 31 dicembre 20133 Sommrio PRINCIPI GENERALI... 4 GIOVANI...

Dettagli

IL LIBRO DI MORMON UN ALTRO TESTAMENTO DI GESÙ CRISTO

IL LIBRO DI MORMON UN ALTRO TESTAMENTO DI GESÙ CRISTO IL LIBRO DI MORMON UN ALTRO TESTAMENTO DI GESÙ CRISTO IL LIBRO DI MORMON UN ALTRO TESTAMENTO DI GESÙ CRISTO IL Libro di Mormon RACCONTO SCRITTO SU TAVOLE PER MANO DI MORMON TRATTO DALLE TAVOLE DI NEFI

Dettagli

MATRICI SIMILI E MATRICI DIAGONALIZZABILI

MATRICI SIMILI E MATRICI DIAGONALIZZABILI MATRICI SIMILI E MATRICI DIAGONALIZZABILI DEFINIZIONE: Due mtici qudte A e B, dello stesso odine n, si dicono simili se esiste un mtice non singole S, tle che isulti: B S A S L mtice S si chim nche mtice

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

Numeri razionali COGNOME... NOME... Classe... Data...

Numeri razionali COGNOME... NOME... Classe... Data... I numeri rzionli Cpitolo Numeri rzionli Verifi per l lsse prim COGNOME............................... NOME............................. Clsse.................................... Dt...............................

Dettagli

Deceduti Regione LOMBARDIA

Deceduti Regione LOMBARDIA Tumore della vescica Di maggior rilievo nei maschi (più di 3/4 dei casi), presenta variazioni geografiche di entità modestissima, minori di ogni altro tipo di carcinoma. Il 9-95% circa è costituito da

Dettagli

U.O.C. di Chirurgia Endoscopica

U.O.C. di Chirurgia Endoscopica Congresso Nazionale Palermo 28/30 Ottobre 2010 Azienda Ospedaliera Universitaria Policlinico Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Chirurgia generale e specialistica U.O.C. di Chirurgia

Dettagli

I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO

I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO Università degli studi di Modena e Reggio Emilia I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO Domati F., Maffei S., Kaleci S., Di Gregorio C., Pedroni M., Roncucci

Dettagli

La rappresentazione per elencazione consiste nell elencare tutte le coppie ordinate che verificano la relazione

La rappresentazione per elencazione consiste nell elencare tutte le coppie ordinate che verificano la relazione RELAZIONI E FUNZIONI Relzioni inrie Dti ue insiemi non vuoti e (he possono eventulmente oiniere), si ie relzione tr e un qulsisi legge he ssoi elementi elementi. L insieme A è etto insieme i prtenz. L

Dettagli

Il modello relazionale. Il Modello Relazionale. Il modello relazionale. Relazione. Dominio. Esempio

Il modello relazionale. Il Modello Relazionale. Il modello relazionale. Relazione. Dominio. Esempio Il Moello elzionle Proposto E. F. o nel 1970 per vorire l inipenenz ei ti e reso isponiile ome moello logio in DM reli nel 1981 si s sul onetto mtemtio i relzione, questo ornise l moello un se teori he

Dettagli

Metodi d integrazione di Montecarlo

Metodi d integrazione di Montecarlo Metodi d itegrzioe di Motecrlo Simulzioe l termie simulzioe ell su ccezioe scietific h u sigificto diverso dll ccezioe correte. Nell uso ordirio è sioimo si fizioe; ell uso scietifico è sioimo di imitzioe,

Dettagli

ALLA RICERCA DI UNA DIDATTICA ALTERNATIVA THE SQUARE VISUAL LEARNING PROGETTO VINCITORE LABEL EUROPEO 2009 SETTORE FORMAZIONE

ALLA RICERCA DI UNA DIDATTICA ALTERNATIVA THE SQUARE VISUAL LEARNING PROGETTO VINCITORE LABEL EUROPEO 2009 SETTORE FORMAZIONE LL RICERC DI UN DIDTTIC LTERNTIV THE SQURE VISUL LERNING PROGETTO VINCITORE LBEL EUROPEO 2009 SETTORE FORMZIONE L utilizzo di: mappe concettuali intelligenti evita la frammentazione, gli incastri illogici

Dettagli

Vietata la pubblicazione, la riproduzione e la divulgazione a scopo di lucro.

Vietata la pubblicazione, la riproduzione e la divulgazione a scopo di lucro. Viett l pubbliczione, l riprouzione e l ivulgzione scopo i lucro. GA00001 Qul è l mpiezz ell ngolo che si ottiene ) 95 b) 275 c) 265 ) 5 b sottreno 85 un ngolo giro? GA00002 Due ngoli ll circonferenz che

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica

I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica I Edizione 28 Settembre 2012 II Edizione 23 Novembre 2012 Martinengo - Sala Congressi Diapath L evento è stato

Dettagli

a) Dopo che avrò dormito starò meglio

a) Dopo che avrò dormito starò meglio SA00001 Qul è il complemento predictivo del soggetto nell frse: Mrio scoltv silenzioso, ffscinto dlle prole del professore? SA00002 Qule delle seguenti frsi contiene un predicto SA00003 Qul è l ttributo

Dettagli

catalogo generale SPAZZATRICI AND URBAN POWER SWEEPERS PROFESSIONAL E URBANE

catalogo generale SPAZZATRICI AND URBAN POWER SWEEPERS PROFESSIONAL E URBANE cataogo generae genera cataogue SPAZZATRICI PROFESSIONALI E URBANE PROFESSIONAL AND URBAN POWER SWEEPERS Operatore a terra Wak behind modes SM Spazzatrice manuae a spinta Manua pushing sweeper con a soa

Dettagli

Monitoraggio quantitativo della risorsa idrica superficiale Anno 2012

Monitoraggio quantitativo della risorsa idrica superficiale Anno 2012 Regione Toscana Giunta Regionale Direzione Generale Politiche mbientali, nergia e Cambiamenti Climatici Settore Servizio Idrologico Regionale Centro Funzionale della Regione Toscana M Monitoraggio quantitativo

Dettagli

telefono: 0917076129 3299045149 e-mail: agri1.utenzasian@regione.sicilia.it

telefono: 0917076129 3299045149 e-mail: agri1.utenzasian@regione.sicilia.it REPUBBLIC ITLIN Regione Siciliana SSESSORTO GRICOLTUR E FORESTE DIPRTIMENTO REGIONLE INTERVENTI STRUTTURLI Servizio XXI Monitoraggio e controllo dei fondi comunitari U.O.B. n 254 Gestione utenze SIN Viale

Dettagli

T12 Oneri per Competenze Stipendiali

T12 Oneri per Competenze Stipendiali T12 Oneri per Competenze Stipendiali Qualifica MENSLT' STPENO..S. R.../ PROGR. TRECESM MENSLT' RRETRT NNO RRETRT PER NN RECUPER PER RTR mporto Totale ECONOMC CORRENTE PRECEDENT SSENZE ECC. NZNT' N Mesi

Dettagli

L ELLISSOIDE TERRESTRE

L ELLISSOIDE TERRESTRE L ELLISSOIDE TERRESTRE Fin dll scond mtà dl XVII scolo (su propost di Nwton) l suprfici più dtt ssr ssunt com suprfici di rifrimnto pr l Trr è stt individut in un ELLISSOIDE DI ROTAZIONE. E l suprfici

Dettagli

La valutazione degli effetti dei Programmi: il progetto PQM e altre indagini sui dati acquisiti

La valutazione degli effetti dei Programmi: il progetto PQM e altre indagini sui dati acquisiti Seminario Valutazione PON Roma, 29 marzo 2012 La valutazione degli effetti dei Programmi: il progetto PQM e altre indagini sui dati acquisiti Elena Meroni - Università di Padova e INVALSI Daniele Vidoni

Dettagli

The Directed Closure Process in Hybrid Social-Information Networks

The Directed Closure Process in Hybrid Social-Information Networks The Directed Closure Process in Hybrid Social-Information Networks with an Analysis of Link Formation on Twitter Dario Nardi Seminario Sistemi Complessi 15 Aprile 2014 Dario Nardi (CAS) 15/4/14 1 / 20

Dettagli

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A.

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A. Alessandro Acocella comunque ci sono solo studi con un follow-up follow up non ancora elevato e comunque i casi vanno accuratamente selezionati evitando parafunzioni e ricordando che gli impianti corti

Dettagli

Pinza da coagulazione e da taglio Duo CLICKLINE sec. SHAWKI GYN 50-3 07/2014/EW-IT

Pinza da coagulazione e da taglio Duo CLICKLINE sec. SHAWKI GYN 50-3 07/2014/EW-IT Pinza da coagulazione e da taglio Duo CLICKLINE sec. SHAWKI GYN 50-3 07/2014/EW-IT Introduzione Per eseguire un attenta dissezione nella maggior parte delle fasi operative in laparoscopia, si utilizza

Dettagli

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Grazia D Onofrio 1, Daniele Sancarlo 1, Francesco Paris 1, Leandro Cascavilla 1, Giulia Paroni 1,

Dettagli

v999999999 Italià (més grans de 25 anys) Aferrau una etiqueta identificativa Convocatòri a 2015 de codi de barres Model 1

v999999999 Italià (més grans de 25 anys) Aferrau una etiqueta identificativa Convocatòri a 2015 de codi de barres Model 1 Aferru un etiquet identifictiv v999999999 de codi de brres Itlià (més grns de 25 nys) Model 1 Not 1ª Not 2ª Aferru l cpçler d exmen un cop cbt l exercici Puntució: preguntes vertder/fls: 1 punt; preguntes

Dettagli

Curriculum Vitae. Titoli di Studio e Professionali ed Esperienze Lavorative

Curriculum Vitae. Titoli di Studio e Professionali ed Esperienze Lavorative Curriculum Vitae Nome Da Campo Gianluigi Data di nascita 07.12.1958 Qualifica Dirigente di 1 livello Amministrazione Azienda 12 Veneziana Incarico attuale Responsabile di struttura semplice in chirurgia

Dettagli

Il PatentDuctusArteriosuse il trattamento di legatura chirurgica come fattori di rischio di outcome sfavorevoli.

Il PatentDuctusArteriosuse il trattamento di legatura chirurgica come fattori di rischio di outcome sfavorevoli. Università degli Studi di Verona Il PatentDuctusArteriosuse il trattamento di legatura chirurgica come fattori di rischio di outcome sfavorevoli. M.Ventola, M.Magnani, L.Pecoraro, B.Ficial, E. Bonafiglia,

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Under the Patronage of Comune di Portofino Regione Liguria 1ST INTERNATIONAL OPERA SINGING COMPETITION OF PORTOFINO from 27th to 31st July 2015 MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Direzione artistica

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per le Marche - Direzione Generale

Ufficio Scolastico Regionale per le Marche - Direzione Generale Classe di concorso AB77 - CHITARRA Cognome e nome Fasc Tit. 1) MONINA MARCO (AN 11/12/69) 3 Z 71,85 36,00 14,40 2007 122,25 2) GIORDANO EUGENIO (NA 21/12/82) * 3 L 6,00 11,00 1,20 2009 18,20 * Il docente

Dettagli

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com VIOLENZE NEI LUOGHI DI LAVORO: COSA SONO? any action, incident or behaviour, that departs from reasonable conduct in which a person

Dettagli

TEORIA DELLA PROBABILITÀ II

TEORIA DELLA PROBABILITÀ II TEORIA DELLA PROBABILITÀ II Diprtimento di Mtemti ITIS V.Volterr Sn Donà di Pive Versione [14-15] Indie 1 Clolo omintorio 1 1.1 Introduzione............................................ 1 1.2 Permutzioni...........................................

Dettagli

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO Lo Spallanzani (2007) 21: 5-10 C. Beggi e Al. Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO IL GRADIMENTO DEI DISCENTI, INDICATORE DI SODDISFAZIONE DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

Dettagli

I linfomi non-hodgkin

I linfomi non-hodgkin LINFOMA NON HODGKIN I linfomi non-hodgkin (LNH) sono un eterogeneo gruppo di malattie neoplastiche che tendono a riprodurre le caratteristiche morfologiche e immunofenotipiche di una o più tappe dei processi

Dettagli

ATTREZZATURE A TEMPERATURA POSITIVA

ATTREZZATURE A TEMPERATURA POSITIVA ANUGA COLONIA 05-09 OTTOBRE 2013 Ragione Sociale Inviare a : all'attenzione di : Padiglione Koelnmesse Srl Giulia Falchetti/Alessandra Cola Viale Sarca 336 F tel. 02/86961336 Stand 20126 Milano fax 02/89095134

Dettagli

DUVRI Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

DUVRI Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali DUVRI Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali i sensi del D.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e ss.mm.ii. TESTO UNICO SULL SLUTE E SICUREZZ SUL LVORO ttuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto

Dettagli

Gli indicatori socio-sanitari. sanitari

Gli indicatori socio-sanitari. sanitari Gli indicatori socio-sanitari sanitari 1 1 INDICATORI SOCIO-SANITARI Misurare: EFFICACIA (rispetto degli obiettivi prefissati) EFFICIENZA (rispetto delle azioni e risorse impegnate) del sistema ospedaliero

Dettagli

SISMO. Storia sismica di sito di ManOppello

SISMO. Storia sismica di sito di ManOppello SISMO Storia sismica di sito di ManOppello Rapporto tecnico per conto del: Dr. Luciano D Alfonso, Sindaco Comune di Pescara (PE) Eseguito da: Umberto Fracassi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia

Dettagli

Momento di una forza rispettto ad un punto

Momento di una forza rispettto ad un punto Momento di un fo ispettto d un punto Rihimimo lune delle definiioni e popietà sui vettoi già disusse ll iniio del oso Podotto vettoile: ϑ ϑ sin sin θ Il vettoe è dietto lungo l pependiole l pino individuto

Dettagli