COMUNE DI CAMPONOGARA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI CAMPONOGARA"

Transcript

1

2 REGIONE DEL VENETO PROVINCIA DI VENEZIA COMUNE DI CAMPONOGARA PIANO DELLE ACQUE COMUNALE RELAZIONE IDROLOGICA E IDRAULICA INDICE 1 PREMESSE VERIFICA DELLA RETE SCOLANTE GENERALITÀ IL FUNZIONAMENTO DELLA RETE DI BONIFICA CONSORTILE DESCRIZIONE DELLA MODELLAZIONE IDRAULICA DEFINIZIONE DELL EVENTO PLUVIOMETRICO DI PROGETTO IL MODELLO DI CALCOLO UTILIZZATO GENERALITÀ DESCRIZIONE MATEMATICA DEL MODELLO DI CALCOLO EQUAZIONI GENERALI SOLUZIONE GENERICA PER I TRATTI CALCOLO DELLE CARATTERISTICHE MEDIE DEI TRATTI DESCRIZIONE DEL PROCESSO FISICO DI FORMAZIONE DEI DEFLUSSI MECCANISMO DI GENERAZIONE DEI DEFLUSSI SUPERFICIALI FORMULAZIONE DEL MODELLO MATEMATICO I PARAMETRI UTILIZZATI

3 4 SCHEMATIZZAZIONI IDRAULICHE BACINO VII PRESA SUPERIORE BACINO VI PRESA

4 1 PREMESSE I Comuni di Campagna Lupia, Campolongo Maggiore e Camponogara (Provincia di Venezia), inendono fornirsi come srumeno di programmazione, dei Piani delle Acque dei loro erriori e del relaivo Piano delle Acque Inercomunale. A al fine le Amminisrazioni hanno incaricao la scrivene Ingegneria 2P & associai per la redazione dei Piani. La redazione del Piano nasce dall analisi approfondia del erriorio indagao, sia da un puno di visa geomorfologico ed idrografico, che amminisraivo, normaivo e programmaico, condoo mediane la documenazione e la carografia esisene, i sopralluoghi, le indagini sul poso e le opporune verifiche idrauliche e l analisi delle conoscenze pregresse messe a disposizione dai Consorzi, dai Gesori e dagli Eni compeeni; in paricolare, i Consorzi di Bonifica Bacchiglione Brena e Sinisra Medio Brena, che gesiscono la ree idrica di bonifica, Verias S.p.a. che gesisce la ree di fognaura nera e misa ed i Comuni che pianificano l aivià urbanisica. Il Piano si aricola in quaro pari fondamenali: 1. Prima pare conosciiva: viene formulao il quadro di riferimeno conosciivo in ermini legislaivi e programmaici e si verificano le conoscenze disponibili quali il censimeno del parimonio delle acque superficiali a cielo apero e ubae, l indicazione delle compeenze amminisraive, ec. 2. Seconda pare di analisi dello sao di fao: vengono idenificae ue le criicià del sisema, idenificando mediane srumeni di modellazione maemaica le aree a rischio di allagameno e le cause che le generano; 3. Nella erza pare si analizzano i progei in fase di auazione o programmai per la soluzione delle criicià idrauliche, nonché le variani urbanisiche in ao e la loro influenza sul regime idraulico auale; 4. Nella quara pare del Piano, infine, si racciano le linee guida di inerveno per la risoluzione delle criicià idrauliche e le azioni di gesione per la correa manuenzione dei corsi d acqua. La presene Relazione idrologica e idraulica raa gli aspei ecnici riguardani principalmene le ipoesi assune, i parameri idrologici di riferimeno e la descrizione dei programmi di calcolo uilizzai per la modellazione. 3

5 2 VERIFICA DELLA RETE SCOLANTE 2.1 GENERALITÀ Parendo sulla base delle conoscenze acquisie mediane la analisi della documenazione esisene e con i rilievi in campo effeuai, è sao possibile simulare, a mezzo di opporuni srumeni maemaici, il funzionameno delle rei idriche a cielo apero e ubae. Tale analisi, confronae con le care degli allagameni, permeono di definire scienificamene il grado di rischio idraulico del erriorio, associando alle aree allagabili un empo di riorno saisico dell eveno. Inolre lo srumeno implemenao permeerà di simulare il comporameno della ree idrica negli scenari fuuri con la realizzazione di inerveni per la miigazione idraulica delle sofferenze. Per i deagli sugli srumeni uilizzai e per la compiua analisi idraulica si rimanda alla Relazione Idrologica e d Idraulica allegaa; nel presene capiolo si descriveranno sineicamene i risulai oenui. 2.2 IL FUNZIONAMENTO DELLA RETE DI BONIFICA CONSORTILE DESCRIZIONE DELLA MODELLAZIONE IDRAULICA Per la simulazione idraulica delle rei si è uilizzao il modello EPA SWMM 5.14, che risolvendo le equazioni di De Sain Venan a moo vario, consene di verificare il comporameno dei canali e delle condoe a seguio di un eveno pluviomerico di progeo. A al scopo la ree è saa schemaizzaa come una sequenza di nodi e ronchi. Le caraerisiche geomeriche dei canali sono sae ricavae dai sopralluoghi compiui in campagna che hanno permesso di assegnare quoe e sezioni rasversali medie agli elemeni della schemaizzazione maemaica. I bacini imbriferi affereni ai diversi ronchi e nodi della ree sono sai anch essi schemaizzai, caraerizzandoli in base alla forma, alle dimensioni, alla percenuale di erriorio urbanizzao ed alla ipologia del suolo. L effeo della marea è sao simulao imponendo una variabilià dei livelli in Laguna ra 0,0 e +1,0 m s.m.m.; è sao inolre simulao l effeo indoo dalla realizzazione delle dighe mobili alle bocche lagunari (MOSE) con livello di marea cosane a +1,20 m s.m.m.. 4

6 2.2.2 DEFINIZIONE DELL EVENTO PLUVIOMETRICO DI PROGETTO In corrispondenza al erriorio oggeo di indagine, poso a sud-oves di Venezia-Mesre, si regisra un precipiazione media annua pari a circa 700 mm, con il mese mediamene più piovoso Oobre con 100 mm, menre quello più secco Febbraio con 28 mm. Recenemene uavia, in daa Seembre 2006, Seembre 2007 e Maggio 2008, si sono verificai nell area del veneziano e paricolarmene nell inorno di Mesre, degli eveni climaici paricolarmene inensi. Tra ui, l eveno maggiormene criico che ha deerminao la messa in crisi di ui i sisemi di fognaura e di bonifica è quello di Seembre 2007, caraerizzao da un empo di riorno superiore a 200 anni. Per lo sudio del erriorio e la definizione degli inerveni, supporai dall uilizzo degli srumeni di simulazione maemaica, si sono uilizzai gli sudi predisposi dal Commissario Delegao per l Emergenza concernene gli eveni meeorologici che hanno colpio pare del erriorio della Regione Veneo nel Seembre 2007 (OPCM n del ). Facendo riferimeno ad esse ed assumendo per il dimensionameno delle opere di miigazione un empo di riorno di 50 anni, gli sudi propongono la seguene curva di possibilià pluviomerica: a h = c ( + b) (con in minui) Tale equazione fornisce l alezza di precipiazione che può essere uguagliaa o superaa per precipiazioni di duraa mediamene una vola ogni Tr (empo di riorno) anni. Si ripora nella abella seguene i parameri della curva segnalarice a re parameri: Tr a b c

7 Per la definizione del rischio idraulico del erriorio si sono indagai re eveni meeorologici correlai ai empi di riorno di 2, 20 e 50 anni. Uilizzando le curve di possibilià pluviomerica esrapolae dagli sudi saisici eseguii dal Commissario Delegao per l Emergenza concernene gli eveni meeorologici che hanno colpio pare del erriorio della Regione Veneo nel Seembre 2007, si oengono i segueni valori: Tempo di riorno dell eveno Alezza di pioggia (mm) con duraa 1 ora Alezza di pioggia (mm) con duraa 3 ore Inensià di pioggia (mm/h) con duraa 3 ore 2 anni 36,37 48,77 16,25 20 anni 64,03 88,84 29,61 50 anni 74,21 104,6 34,87 Per simulare un reale eveno pluviomerico con un picco inermedio di inensià, anziché supporre uno ieogramma cosane durane l eveno meeorico, si è cosruio uno ieogramma sineico di progeo. 6

8 E infai chiaro come, fermo resando un valore complessivo di mm di pioggia in un deerminao empo (ad esempio 88,84 mm in 3 ore con un empo di riorno di 20 anni), vi sono infinie combinazioni di variazioni dell inensià meeorica all inerno del empo di pioggia. Usualmene si uilizza uno ieogramma con inensià cosane (ad esempio 29,61 mm/h per 3 ore nel caso di eveni con Tr 20 anni). Ciò però ende a soosimare gli effei sulle rei idriche specialmene se compose da sisemi ubai e sisemi di bonifica, in quano i picchi di precipiazione possono risulare criici per alcune pari del sisema (soprauo quelle più disani dal recapio finale. Si è perano opao per la cosruzione degli isogrammi sineici, assegnando una precipiazione di inensià variabile nel empo di pioggia secondo la seguene formulazione: - Da inizio dell eveno fino a 1/3 della sua duraa: inensià = inensià media - Da 1/3 a 2/3 della duraa dell eveno: picco di inensià = inensià media * 1,5 - Da 2/3 della duraa fino all esaurimeno: coda di inensià = inensià media *0,5. La duraa della precipiazione è saa scela pari a 3 ore, ovvero al empo di corrivazione del sisema. Tale duraa risula la più criica per il sisema della ree idrografica. Per la verifica delle condoe fognarie si sono eseguie simulazioni anche con un empo di pioggia di 1 ora, con inensià cosane, maggiormene criico per i sisemi ubai. Infine per si è assegnaa una precipiazione di 5 mm/ora per le 6 ore precedeni l eveno in modo da simulare una condizione di saurazione del erreno prima del verificarsi della precipiazione criica. Numericamene gli ieogrammi di progeo con duraa 3 ore sono i segueni: Tempo j (mm/h) - Tr=2 anni j (mm/h) - Tr=20 anni j (mm/h) - Tr=50 anni ,25 29,61 34, ,375 44,415 52, , , ,1525 7

9 Eveni pluviomerici di progeo 60 Inensià di pioggia (mm/h) Tempo (ore) j (mm/h) - Tr=2 anni j (mm/h) - Tr=20 anni j (mm/h) - Tr=50 anni Per le verifiche sulle rei fognarie si sono uilizzai ieogrammi di duraa 1 ora ed inensià cosane. 8

10 3 IL MODELLO DI CALCOLO UTILIZZATO 3.1 GENERALITÀ L EPA Sorm Waer Managemen Model (SWMM) è un modello dinamico di simulazione idraulica di afflussi in deflussi usao per lo sudio di un singolo eveno o la simulazione (coninua) di lunga duraa della quanià e della qualià del deflusso. La componene di deflusso SWMM funziona sull idenificaivo di alcune zone denominae subcachmen (soobacini) che ricevono la precipiazione e generano i carichi della sosanza inquinane e di precipiazione. Il modello raspora i carichi araverso un sisema di condoe, canali, disposiivi di raameno e di invaso, impiani di sollevameno, luci di fondo e sramazzi. SWMM rinraccia la quanià e la qualià di deflusso generae all'inerno di ogni subcachmen, la poraa, la profondià di flusso e la qualià di acqua in ogni condoa e canale durane il periodo di simulazione formao da passi emporali definii. SWMM inizialmene è sao sviluppao nel 1971 e da allora ha subio parecchi aggiornameni imporani. Coninua ad essere ampiamene usao per la progeazione e analisi di eveni di precipiazione eccezionale, fognaure mise, fognaure saniarie ed alre rei di fognaura nelle aree urbane, con mole applicazioni nelle zone non-urbane per rei di canali. SWMM 5 fornisce un ambiene inegrao per la pubblicazione dei dai di inpu di zona di sudio, le simulazioni di qualià idrologica, idraulica e dell'acqua e dell'esame dei risulai in una varieà di disposizioni. Quesi includono i programmi color-coded del sisema di zona e del rasporo di drenaggio, grafici e abelle di serie cronologiche, diagrammi di profilo ed analisi di frequenza saisiche. SWMM rappresena i vari processi idrologici che producono il deflusso dalle aree urbane. Quesi includono: - precipiazioni; - evaporazione d acqua; - accumulo e scioglimeno della neve; - infilrazione di pioggia negli srai insauri del erreno; - percolazione di acqua infilraa negli srai dell'acqua freaica; - inerflow fra acqua freaica e la ree di fognaura; 9

11 La variabilià spaziale di quesi processi è realizzaa dividendo la zona di sudio in soobacini, subcachmen, ognuna delle quali sarà divisa sulla base dell area permeabile ed impermeabile. Il flusso erresre può essere direo fra i subcachmens, o nei puni di enraa di una ree di fognaura. SWMM inolre coniene un insieme flessibile di possibilià per la modellazione idraulica usae per dirigere le porae e le affluenze eserne araverso la ree di fognaura delle condoe, dei canali, delle unià di raameno e di invaso e delle sruure di diversione. Quesi includono: - ree di drenaggio con numero di maglie illimiao; - impiego di un'ampia varieà di figure chiuse sandard ed apere delle condoe come pure per canali naurali; - elemeni speciali di modello quali le unià raameno/di invaso, i divisori di flusso, le pompe, gli sramazzi e luci di fondo; - applicare i flussi e gli inpu eserni di qualià dell'acqua alle acque di superficie, dal inerflow dell'acqua freaica, dall'infilrazione pioggia-dipendene/dall'affluenza, dal flusso saniario del empo asciuo e dalle affluenze presabilie dall'uene; - uilizzare l'onda cinemaica o i meodi di percorso dinamici complei di flusso dell'onda; - modellare i vari regimi di flusso, come lo sagno, il sovraccarico, il flusso d'inversione ed accumulazione di superficie; - applicare le regole dinamiche presabilie dall'uene di conrollo per simulare il funzionameno delle pompe, delle aperure dell'orifizio e dei livelli della sommià degli sbarrameni; Olre che alla modellazione, generazione e rasporo dei flussi, SWMM può anche valuare la produzione dei carichi inquinani connessi al deflusso. SWMM è sao impiegao in numerosi sudi relaivi a precipiazioni inense. Le applicazioni ipiche includono: - disegno dei componeni della ree di fognaura e di canali per conrollo dell'inondazione; - racciao normale dell'inondazione dei sisemi naurali della scanalaura (SWMM 5 è un modello FEMA-approvao per gli sudi di NFPI); - progeazione delle sraegie di conrollo per la minimizzazione dei rabocchi della ree fognaria. 10

12 3.2 DESCRIZIONE MATEMATICA DEL MODELLO DI CALCOLO EQUAZIONI GENERALI Il meodo dell onda dinamica risolve le equazioni monodimensionali di De Sain Venan. Quese equazioni consisono nell equazione di coninuià e dei momeni, espresse nel seguene modo: A Q + T x = 0; equazione di coninuià; (1) 2 Q ( Q / A) H + + ga x x + gas f + gah L = 0; equazione dei momeni; (2) dove, x è la disanza lungo la condoa, è la variabile emporale, A l area liquida rasversale nella condoa, Q la poraa defluia, H è il livello idraulico dell acqua nella condoa (ermine poenziale più evenuale ermine di pressione), Sf la pendenza d ario, hl è la locale perdia di energia per unià di lunghezza della condoa, e g l accelerazione di gravià. Daa la geomeria della condoa, l area A risula funzione del irane idrico y il quale può essere oenuo dall alezza H. Perano le variabili dipendeni in quese equazioni sono la poraa Q e l alezza H, a sua vola funzioni della disanza x e del empo. Il ermine Sf viene espresso in ermini delle equazione di Manning come: S f = n k 2 2 V V R 4 / 3 ; Dove n è il coefficiene di scabrezza secondo Manning, V la velocià di flusso (pari al rapporo ra la poraa Q e la sezione di area liquida rasversale A, R è il raggio idraulico della sezione di flusso, e k=1,49 nell unià US e 1,0 nel sisema merico. Il ermine che iene cono della normale perdia di energia hl può essere espresso come 2 K V 2 g L dove K è il coefficiene di perdia in corrispondenza della posizione x e L la lunghezza della condoa. Per risolvere le equazioni (1) e (2), su una singola condoa, sono richiese una serie di condizioni iniziali per H e Q al empo 0 come condizioni al conorno per x=0 e x=l per la duraa della simulazione. Quando si analizza una ree di condoe, è necessario inserire una relazione aggiuniva di coninuià per i nodi che conneono due o più condoe In SWMM la coninuià del pelo libero si presume che esisa ra il irane al nodo e quello corrispondee alla condoa in ingresso e uscia 11

13 (ad eccezione dei nodi a cadua libera). Il cambiameno nel pelo libero H al nodo al variare del empo può essere espresso come segue : H = Q + A sore A s ; (3) Dove A sore è l area liquida al nodo, As è la somma delle superficie liquide delle condoe connesse al nodo, e Q è la poraa nea all inerno del nodo (porae in arrivo porae rilasciae), conribuo di ue le condoe connesse al nodo ed evenuali conribui eserni imposi. Il irane idrico alla fine di una condoa connessa ad un nodo può essere compuao come differenza ra la grandezza H al nodo e la quoa della condoa SOLUZIONE GENERICA PER I TRATTI Le equazioni (1), (2) e (3) sono risole in SWMM converendole in una serie esplicia alle differenze finie che compuano il flusso in ogni condoa ed il livello al nodo al empo come funzioni del valore noo al empo. Le equazioni risole per il flusso in ogni rao (condoa) sono: Q + ΔQgraviy + ΔQin ernal Q + Δ = ; (4) 1+ ΔQ + ΔQ fricion losses I ermini individuali ΔQ sono sai così nominai per il ipo di forze che rappresenano e sono dai dalle segueni espressioni: dove: ΔQ ΔQ ΔQ ΔQ graviy inerial fricion losses = g A ( H = 2V ( A A ) + V 2 g n V Δ = ; 2 4 / 3 k R K i Vi Δ i = ; 2L 1 H 2 ) Δ / L; 2 ( A 2 A ) Δ / L; 1 A area liquida media nella condoa; R Raggio idraulico medio nella condoa; V Velocià di flusso medio all inerno della condoa; V i Velocià di flusso locale alla posizione i lungo la condoa; 12

14 K i coefficiene di perdia locale alla posizione i lungo la condoa; H 1 livello al nodo di mone della condoa; H 2 livello al nodo di valle nella condoa; A 1 area rasversale all esremià di mone della condoa; A 2 area rasversale all esremià di valle della condoa. L equazione risola per il livello in ogni nodo è la seguene: ΔVol H +Δ = H + ; (5) ( Asore + As ) + Δ Dove Δ Vol rappresena il volume neo defluio araverso il nodo erminao il passo emporale e dao dalla seguene relazione: ΔVol = 0,5[ ] Δ; ( Q) + ( Q) +Δ Il modello SWMM risolve l equazioni (4) e (5) usando un meodo di approssimazioni successive di seguio discusse. - Una prima sima del flusso in ogni condoa al empo + Δ è svola dalla soluzione dell equazione (4) usando i livelli, le aree e le velocià rovae al empo correne. Successivamene lo sesso viene fao per livelli mediane la valuazione dell espressione (5) usando le porae appena compuae. Quese soluzioni sono denominae come Q las e H las. - L espressione (4) viene risola nuovamene, inserendo livelli, aree e velocià che apparengono ai valori Q las e H las appena compuai. Un faore Ω è impiegao per combinare il nuovo flusso simao Q new, con la sima precedene Q las secondo l equazione Q new = Ω) Q + Ω Q las new ( 1 per la produzione del valore aggiornao di Q new ; - L espressione (5) è risola nuovamene per livelli impiegai per la sima di Q new. Come per le porae, quesa nuova soluzione per il livello, Hn ew è pesao con H las per produrre una sima aggiornaa per i livelli H new = Ω) H + Ω H las new ( 1 ; - Se H new è abbasanza vicino a H las il processo si arresa con Q new e H new come soluzioni al empo + Δ. Diversamene, H las e Q las sono sosiuii rispeivamene con Q new e H new, ed il procedimeno riorna al puno 2. Nell implemenare quesa procedura, il programma impiega un faore di relazione cosane Ω di 0,5, una olleranza di convergenza di 0,005 ai nodi, e limie il numero di ierazioni a quaro. 13

15 3.2.3 CALCOLO DELLE CARATTERISTICHE MEDIE DEI TRATTI La valuazione della poraa, aggiornaa mediane l eq. (4), richiede valori per l area media ( A ), raggio idraulico ( R ), e velocià ( V ) dall inizio alla fine di ogni rao (condoa) in quesione. Il programma calcola quesi valori usando i livelli H1 e H2, dai quali possono essere derivai i corrispondeni valori dei irani idrici y 1 e y 2. La profondià media y è dunque calcolaa sulla base di quesi valori ed è impiegao nella sezione rasversale della condoa per il calcolo del valore medio di ( A ) e raggio idraulico ( ) Il valore medio di velocià ( V ) è deerminao da rapporo ra il flusso correne e l area media. Il programma limia quesa velocià a valori non superiori a 50 f/sec in valore assoluo, ale da non permeere alla frazione di flusso conenua nell eq. (4) di divenare illimiaa. Quando la condoa è a cadua libera all inerno di uno dei nodi (significa che il livello dell acqua nel nodo è soo la quoa di fondo della condoa), la profondià alla fine della condoa è equivalene al più piccolo ra la profondià criica e la profondià in condizioni di moo uniforme per la correne araverso la condoa. R. 3.3 DESCRIZIONE DEL PROCESSO FISICO DI FORMAZIONE DEI DEFLUSSI Per simare l idrogramma di piena, ovvero la successione cronologica dei valori di poraa che si verificano alla sezione di chiusura di un bacino con il relaivo valore di colmo a parire dalla conoscenza della precipiazione di progeo, è necessario uilizzare un modello di rasformazione afflussi-deflussi. La simulazione mediane modelli maemaici del processo di rasformazione delle precipiazioni in deflussi, che si verifica in un bacino idrografico, per la complessià dei fenomeni fisici coinvoli, rende necessaria l inroduzione di semplificazioni che riguardano sia le leggi che governano le varie fasi del processo che la rappresenazione geomorfologica ed idrografica del bacino sesso. Il modello, di ipo conceuale, uilizzao nel presene lavoro verrà descrio nei segueni paragrafi Per meglio comprendere il modello afflussi-deflussi, occorre descrivere sineicamene i processi che avvengono all inerno del bacino quando si verifica su di esso un eveno di precipiazione di una cera enià. 14

16 Quando l acqua meeorica raggiunge il erreno (dopo un evenuale processo di inerceazione da pare della vegeazione) pare di essa evapora e riorna nell amosfera; ale processo risula però rascurabile nel caso di precipiazioni inense di breve duraa. L acqua sul erreno in pare si infilra nel suolo, inizialmene in quanià elevaa e con velocià sempre più ridoa al procedere della precipiazione fino a quando l inensià della pioggia supera la capacià di infilrazione del erreno; a queso puno l acqua che cade non riesce più ua ad infilrarsi per cui il surplus rimane sulla superficie del erreno risagnando o dando luogo ad uno scorrimeno sui versani del bacino. Si formano quindi dei rigagnoli ad andameno irregolare che si raccolgono in una ree di rigagnoli di maggiori dimensioni al procedere dello scorrimeno fino ad immeersi nella ree drenane vera e propria, qui si forma un onda di piena che rasferisce la propria forma nella ree collerice con un processo di propagazione MECCANISMO DI GENERAZIONE DEI DEFLUSSI SUPERFICIALI Nel modello uilizzao i meccanismi di generazione dei deflussi superficiali risulano diversi a seconda che il suolo su cui cade l acqua meeorica sia impermeabilizzao (nel caso cioè di zone urbanizzae) o meno. Qui di seguio vengono descrii i modelli di filrazione e deenzione superficiali assuni alla base delle simulazioni effeuae. Aree permeabili Per quano concerne le aree non impermeabilizzae dall inerveno anropico, si è uilizzao il modello horoniano di generazione dei deflussi superficiali. Si è quindi ipoizzao che l acqua di precipiazione in pare si accumuli nelle depressioni superficiali del erreno ed in pare si infilri nel erreno fino a saurarlo, a queso puno l acqua meeorica si infilra solamene in minima pare e praicamene ua scorre in superficie fino a raggiungere la ree drenane. La formulazione maemaica del processo di infilrazione sopra descrio è riassumibile nella curva di Horon: ( ) f()= f + f f e C 0 C k dove: f() è la capacià di infilrazione nel empo espressa in mm/h; fo è l infilrazione massima che si verifica al empo = 0; fc è il valore di infilrazione raggiuno asinoicamene ad un empo infinio; 15

17 k è una cosane che qualifica la velocià dell esaurimeno, cioè del passaggio dal valore fo al valore fc. Ogni suolo è quindi caraerizzao da quaro parameri fo, fc e k e la deenzione superficiale ds. Dai dai disponibili in leeraura e dai es di validià del modello effeuai con misure sperimenali e ramie confrono con alri modelli maemaici, si può rienere che il coefficiene k può assumersi pari 4.14 h -1. Aree impermeabili Per le aree impermeabilizzae dagli insediameni anropici, la pioggia nea efficace è saa oenua mediane la sola sorazione della deenzione superficiale simaa, secondo valori di leeraura, pari a 1.57 mm FORMULAZIONE DEL MODELLO MATEMATICO Il modello uilizzao è un modello conceuale che si basa sulla schemaizzazione separaa delle aree permeabili e di quelle impermeabili come due serbaoi lineari in parallelo. Dao uno ieogramma efficace qualsiasi è possibile per ogni pare del bacino (permeabile ed impermeabile) deerminare per convoluzione l idrogramma dei deflussi superficiali corrispondeni per poi sommarli ed oenere quindi l idrogramma di piena della oalià del bacino. La precipiazione elemenare avene un volume: dv = I(τ) d genera un idrogramma che si oiene da quello dell idrogramma uniario (generao da una precipiazione nea di volume uniario) moliplicando le ordinae per dv. L ordinaa dell idrogramma al empo sarà daa dalla somma dei conribui delle precipiazioni elemenari di duraa dτ compresa ra 0 e, ovvero dal seguene inegrale denominao inegrale di convoluzione: Q () = u ( τ) I( τ) dτ. 0 Per la deerminazione dell idrogramma uniario, si ricorre alla schemaizzazione separaa degli appori provenieni dalle aree permeabili ed impermeabili del bacino che vengono schemaizzae mediane due serbaoi lineari aveni cioè la seguene relazione ra poraa uscene e volume invasao: V = K. Q. Si consideri l equazione di coninuià dei serbaoi: 16

18 dv I () Q () = = K dq, d d k moliplicando enrambi i membri per e si oiene: e I e Q e K dq d k k k k () = () + = e K Q() d d e quindi inegrando ra 0 e si oiene: d k k k e I ( τ ) dτ = e K Q d e K Q d () = (). 0 0 Si oiene perciò: τ k e Q () = K I ( τ) d τ 0 che confronaa con l inegrale di convoluzione fornisce: u ()= K e K. Il valore del coefficiene di invaso K per enrambi i serbaoi (che simulano l area impermeabile e quella permeabile rispeivamene) si oiene dalla seguene relazione basaa sulla eoria dell onda cinemaica: K = a L 06. n 06. dove: I S MAX K L Imax n S a è il coefficiene di invaso; è la lunghezza del bacino; è l inensià massima della pioggia nea; è il coefficiene di scabrezza superficiale di Manning assuno pari a 0.25 per le aree permeabili e pari a per quelle impermeabilizzae; è la pendenza del bacino; è un faore 17

19 3.4 I PARAMETRI UTILIZZATI I principali parameri di simulazione idraulica uilizzai sono i segueni: - Scabrezza canali: s/m^(1/3) - Scabrezza ubazioni: s/m^(1/3) - Coefficiene di perdia di carico imbocco ombinameni: Coefficiene di perdia di carico sbocco ombinameni: Massima infilrazione Horon: 100 mm/h - Minima infilrazione Horon: 15 mm/h - Cosane decadimeno Horon: 4 - Invasi superficiali aree pavimenae: 3 mm - Invasi superficiali aree permeabili: 15 mm 18

20 4 SCHEMATIZZAZIONI IDRAULICHE Nel presene capiolo si riporano le schemaizzazioni idrauliche uilizzae, rimandando alla relazione Tecnica per la sinesi dei risulai oenui. 4.1 BACINO VII PRESA SUPERIORE Figura 1: schemaizzazione ree 19

21 Figura 2: aribuzione dei bacini imbriferi ai nodi 20

22 4.2 BACINO VI PRESA Figura 3: schemaizzazione ree 21

23 Figura 4: aribuzione dei bacini imbriferi ai nodi 22

Lezione n.7. Variabili di stato

Lezione n.7. Variabili di stato Lezione n.7 Variabili di sao 1. Variabili di sao 2. Funzione impulsiva di Dirac 3. Generaori impulsivi per variabili di sao disconinue 3.1 ondizioni iniziali e generaori impulsivi In quesa lezione inrodurremo

Dettagli

Struttura dei tassi per scadenza

Struttura dei tassi per scadenza Sruura dei assi per scadenza /45-Unià 7. Definizione del modello ramie gli -coupon bonds preseni sul mercao Ipoesi di parenza Sul mercao sono preseni all isane ZCB che scadono fra,2,,n periodi Periodo:

Dettagli

COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE

COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE Durane un erreoo, le oscillazioni del erreno di fondazione provocano nelle sovrasani sruure delle oscillazioni forzae. Quando il erreoo si arresa, i ovieni della sruura

Dettagli

Il condensatore. Carica del condensatore: tempo caratteristico

Il condensatore. Carica del condensatore: tempo caratteristico Il condensaore IASSUNTO: apacia ondensaori a geomeria piana, cilindrica, sferica La cosane dielerica ε r ondensaore ceramico, a cara, eleroliico Il condensaore come elemeno di circuio: ondensaori in serie

Dettagli

TEMPORIZZATORE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A. GARRO ) SCHEMA A BLOCCHI : NE555 1 T. reset (4) VCC R6 10K. C5 10uF

TEMPORIZZATORE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A. GARRO ) SCHEMA A BLOCCHI : NE555 1 T. reset (4) VCC R6 10K. C5 10uF TEMPOIZZATOE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A GAO ) SCHEMA A BLOCCHI : M (8) NE555 00K C7 00uF STAT S 4 K C6 0uF (6) (5) () TH C T A B 0 0 Q S Q rese T DIS (7) OUT () 0 T T09*()*C7 (sec) GND () (4) 6

Dettagli

7 I convertitori Analogico/Digitali.

7 I convertitori Analogico/Digitali. 7 I converiori Analogico/Digiali. 7 1. Generalià Un volmero numerico, come si evince dal nome, è uno srumeno che effeua misure di ensione mediane una conversione analogicodigiale della grandezza in ingresso

Dettagli

Gestione della produzione MRP e MRPII

Gestione della produzione MRP e MRPII Sommario Gesione della produzione e Inroduzione Classificazione Misure di presazione La Disina Base Logica Lo Sizing in II Inroduzione Inroduzione Def: Gesire la produzione significa generare e sfruare

Dettagli

NOTA METODOLOGICA SUL MODELLO PREVISIVO EXCELSIOR PER GLI ANNI 2013-2017

NOTA METODOLOGICA SUL MODELLO PREVISIVO EXCELSIOR PER GLI ANNI 2013-2017 NOTA METODOLOGICA SUL MODELLO PREVISIVO EXCELSIOR PER GLI ANNI 2013-2017 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 1. IL MODELLO ECONOMETRICO PER LA STIMA DEGLI STOCK SETTORIALI... 3 Foni... 3 Meodologia... 3 La formulazione

Dettagli

VALORE EFFICACE DEL VOLTAGGIO

VALORE EFFICACE DEL VOLTAGGIO Fisica generale, a.a. /4 TUTOATO 8: ALO EFFC &CCUT N A.C. ALOE EFFCE DEL OLTAGGO 8.. La leura con un mulimero digiale del volaggio ai morsei di un generaore fornisce + in coninua e 5.5 in alernaa. Tra

Dettagli

Lezione 4. Risposte canoniche dei sistemi del primo e del secondo ordine

Lezione 4. Risposte canoniche dei sistemi del primo e del secondo ordine Lezione 4 Ripoe canoniche dei iemi del primo e del econdo ordine Parameri caraeriici della ripoa allo calino Per ripoe canoniche i inendono le ripoe dei iemi dinamici ai egnali coiddei canonici (impulo,

Dettagli

Lezione 11. Inflazione, produzione e crescita della moneta

Lezione 11. Inflazione, produzione e crescita della moneta Lezione 11 (BAG cap. 10) Inflazione, produzione e crescia della monea Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Universià di Pavia Tre relazioni ra produzione, disoccupazione e inflazione Legge di Okun

Dettagli

CONSULTAZIONE PUBBLICA IN MATERIA DI REGOLAZIONE TARIFFARIA DEI

CONSULTAZIONE PUBBLICA IN MATERIA DI REGOLAZIONE TARIFFARIA DEI DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 356/2013/R/IDR CONSULTAZIONE PUBBLICA IN MATERIA DI REGOLAZIONE TARIFFARIA DEI SERVIZI IDRICI Documeno per la consulazione nell ambio del procedimeno avviao con la deliberazione

Dettagli

Principi di ingegneria elettrica. Lezione 19 a. Conversione elettromeccanica dell'energia Trasmissione e distribuzione dell'energia elettrica

Principi di ingegneria elettrica. Lezione 19 a. Conversione elettromeccanica dell'energia Trasmissione e distribuzione dell'energia elettrica Principi di ingegneria elerica Lezione 19 a Conversione eleromeccanica dell'energia Trasmissione e disribuzione dell'energia elerica acchina elerica elemenare Una barra condurice di lunghezza l immersa

Dettagli

MODELLI PER LA STRUTTURA A TERMINE DEI TASSI

MODELLI PER LA STRUTTURA A TERMINE DEI TASSI Alma Maer Sudiorum Universià di Bologna FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Maemaica Maeria di Tesi: Maemaica per le applicazioni economiche e finanziarie MODELLI PER

Dettagli

Esercizi svolti di teoria dei segnali

Esercizi svolti di teoria dei segnali Esercizi svoli di eoria dei segnali Alessia De Rosa Mauro Barni Novembre Indice Inroduzione ii Caraerisiche dei segnali deerminai Sviluppo in Serie di Fourier di segnali periodici Trasformaa di Fourier

Dettagli

Problema 1: Una collisione tra meteoriti

Problema 1: Una collisione tra meteoriti Problema : Una colliione ra meeorii Problemi di imulazione della econda prova di maemaica Eami di ao liceo cienifico 5 febbraio 05 Lo udene deve volgere un olo problema a ua cela Tempo maimo aegnao alla

Dettagli

TELEGESTIONE E CONTROLLO DI QUALUNQUE TIPO DI CALDAIE E BRUCIATORI PER QUALUNQUE TIPO DI IMPIANTO

TELEGESTIONE E CONTROLLO DI QUALUNQUE TIPO DI CALDAIE E BRUCIATORI PER QUALUNQUE TIPO DI IMPIANTO NUMERO 2 del 23.04.08 COSER COSER IME Applicazioni Apparecchiature Numero 2 del 23-04-08 APPLICAZIONI APPARECCHIAURE E IMPIANI LE VARIE SOLUZIONI SARANNO ELENCAE NEL MODO PIÙ SINEICO POSSIBILE. ROVAA LA

Dettagli

seguendo un trend di costante crescita, ciò grazie ad un assiduo impegno nella progettazione, nello sviluppo e nella produzione di motori elettrici

seguendo un trend di costante crescita, ciò grazie ad un assiduo impegno nella progettazione, nello sviluppo e nella produzione di motori elettrici OTORI A ORRENTE ONTINUA OTORIDUTTORI W W W.DAGU.IT cerificazioni Dagu s.r.l. è un azienda che si è sviluppaa negli anni con discrea rapidià, seguendo un rend di cosane crescia, ciò grazie ad un assiduo

Dettagli

Esercizio 1 ( es 1 lez 11) La matrice è diagonalizzabile: verificare, trovando la matrice diagonalizzante, che A è simile a A.

Esercizio 1 ( es 1 lez 11) La matrice è diagonalizzabile: verificare, trovando la matrice diagonalizzante, che A è simile a A. Eserciio ( es le La marice è diagonaliabile: verificare, rovando la marice diagonaliane, che è simile a. Esisono re auovalori: mol.alg(- dim V - ; mol.alg( dim V ; mol.alg(- dim V -. Esise una marice simile

Dettagli

Circuiti del primo ordine

Circuiti del primo ordine Circuii del primo ordine Un circuio del primo ordine è caraerizzao da un equazione differenziale del primo ordine I circuii del primo ordine sono di due ipi: L o C Teoria dei Circuii Prof. Luca Perregrini

Dettagli

Lampade: MASTER SON-T PIA Plus

Lampade: MASTER SON-T PIA Plus 13, Seembre 10 Lampade: Plus Lampade ai vapori di sodio ad ala pressione di ala qualià realizzae con ecnologia PIA (Philips Inegraed Anenna). Vanaggi La ecnologia PIA aumena l'affidabilià e riduce il asso

Dettagli

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Laboraorio di Algorimi e Sruure Dai Aniello Murano hp://people.na.infn.i people.na.infn.i/ ~murano/ 1 Algorimi per il calcolo di percori minimi u un grafo 1 Un emplice problema Pr oblema: Supponiamo che

Dettagli

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi.

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi. Iroduzioe () Ua defiizioe (geerale) del ermie qualià: qualià è l isieme delle caraerisiche di u eià (bee o servizio) che e deermiao la capacià di soddisfare le esigeze espresse ed implicie di chi la uilizza.

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA

MATEMATICA FINANZIARIA Capializzazioe semplice e composa MATEMATICA FINANZIARIA Immagiiamo di impiegare 4500 per ai i ua operazioe fiaziaria che frua u asso del, % auo. Quao avremo realizzao alla fie dell operazioe? I u coeso

Dettagli

Raduno precampionato. 7/8 Se'embre 2013 Praca2nat. Il referto di gara. Indicazioni per la corre1a compilazione

Raduno precampionato. 7/8 Se'embre 2013 Praca2nat. Il referto di gara. Indicazioni per la corre1a compilazione Raduno precampionato 7/8 Se'embre 2013 Praca2nat Il referto di gara Indicazioni per la corre1a compilazione Il referto di gara Il referto di gara rappresenta il documento che completa l incarico arbitrale:

Dettagli

INTERAZIONI TRA ATMOSFERA E IDROSFERA

INTERAZIONI TRA ATMOSFERA E IDROSFERA INTERAZIONI TRA ATMOSFERA E IDROSFERA PIETRO CALOI Isiuo Naionale di Geofisica - Roma. RIASSUNTO: Fra i legami che vincolano i movimeni di pari della idrosfera mari, laghi a quelli dell'amosfera, si prendono

Dettagli

Le perdite d'acqua si definiscono con riferimento al deflusso superficiale (opportunamente definito) alla sezione di chiusura del bacino.

Le perdite d'acqua si definiscono con riferimento al deflusso superficiale (opportunamente definito) alla sezione di chiusura del bacino. Il bacino può essere inteso come volume di controllo che appoggia sulla superficie del suolo oppure sullo strato impermeabile sottostante agli acquiferi. I fenomeni di trasporto di acqua attraverso il

Dettagli

Tavola 1 - Popolazione italiana residente alle date dei censimenti generali, riportata ai confini attuali - Anni 1861-2001 (migliaia di unità)

Tavola 1 - Popolazione italiana residente alle date dei censimenti generali, riportata ai confini attuali - Anni 1861-2001 (migliaia di unità) 4 Quai eravamo, quai siamo, quai saremo Che cosa si impara el capiolo 4 er cooscere le caraerisiche e l evoluzioe della popolazioe ialiaa araverso u lugo arco di empo uilizziamo il asso di icremeo medio

Dettagli

La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future.

La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future. La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future. Massimo Castagnaro Coordinatore AVA - Consiglio Direttivo ANVUR massimo.castagnaro@anvur.org Roma, 11.11.2014

Dettagli

Valore di costo procedimen+ sinte+ci

Valore di costo procedimen+ sinte+ci Corso di valutazione es+ma+va del proge5o Clasa a.a. 2012/13 Valore di costo procedimen+ sinte+ci Docente Collaboratore prof. Stefano Stanghellini arch. Pietro Bonifaci Il mercato delle costruzioni LE

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

DIODO E RADDRIZZATORI DI PRECISIONE

DIODO E RADDRIZZATORI DI PRECISIONE OO E AZZATO PECSONE raddrzzar ( refcar) sn crcu mpega per la rasfrmazne d segnal bdreznal n segnal undreznal. Usand, però, dd per raddrzzare segnal, s avrà l svanagg d nn per raddrzzare segnal la cu ampezza

Dettagli

Buon appetito 3. comunicazione. grammatica. vocabolario Espresso. bene / buono

Buon appetito 3. comunicazione. grammatica. vocabolario Espresso. bene / buono Buon appeio comunicazione Cosa desidera? Vorrei solo un primo Che cosa avee oggi? Prende un caffè? Scusi, mi pora ancora un po di pane? Il cono, per coresia È possibile prenoare un avolo? grammaica I verbi

Dettagli

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t;

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t; CAPITOLO CIRCUITI IN CORRENTE CONTINUA Definizioni Dato un conduttore filiforme ed una sua sezione normale S si definisce: Corrente elettrica i Q = (1) t dove Q è la carica che attraversa la sezione S

Dettagli

Il sistema AVA e la VQR: la Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD)

Il sistema AVA e la VQR: la Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) Il sistema AVA e la VQR: la Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) Massimo Castagnaro Coordinatore AVA - Consiglio Direttivo ANVUR massimo.castagnaro@anvur.org Lecce, 19.02.2014 La

Dettagli

Una proposta per la matematica del Secondo Biennio e per il quinto anno tra contenuti e attività

Una proposta per la matematica del Secondo Biennio e per il quinto anno tra contenuti e attività XXXII CONVEGNO UMI-CIIM IL VALORE FORMATIVO DELLA MATEMATICA NELLA SCUOLA DI OGGI dedicato a Federigo Enriques Livorno, 16-18 ottobre 2014 Una proposta per la matematica del Secondo Biennio e per il quinto

Dettagli

VASCHE DI PRIMA PIOGGIA

VASCHE DI PRIMA PIOGGIA Criteri di progettazione, realizzazione e gestione VASCHE DI PRIMA PIOGGIA e VASCHE DI LAMINAZIONE nell ambito dei sistemi fognari GETTO FINALE gno - 1d disegno - 5d disegno - 4d GETTO FINALE ASPIRAZIONE

Dettagli

Problema n. 1: CURVA NORD

Problema n. 1: CURVA NORD Problema n. 1: CURVA NORD Sei il responsabile della gestione del settore Curva Nord dell impianto sportivo della tua città e devi organizzare tutti i servizi relativi all ingresso e all uscita degli spettatori,

Dettagli

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Un conduttore ideale all equilibrio elettrostatico ha un campo elettrico nullo al suo interno. Cosa succede se viene generato un campo elettrico diverso da zero al suo

Dettagli

PROGETTO DI UNA RETE FOGNARIA Roma Castellaccio comparto 2

PROGETTO DI UNA RETE FOGNARIA Roma Castellaccio comparto 2 Oggetto Corso Docente PROGETTO DI UNA RETE FOGNARIA Roma Castellaccio comparto 2 PROTEZIONE IDRAULICA DEL TERRITORIO (2 MODULO) Ingegneria Civile Prof. Corrado Paolo Mancini Berti Andrea Campolese Mattia

Dettagli

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013 Implementazione di un modello dinamico 3D densità a dipendente all'interno di un sistema Web-GIS per la gestione e il monitoraggio della qualità delle acque di falda per un comparto di discariche Prof.

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n..

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n.. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE CHE NON RECAPITANO NELLA RETE FOGNARIA (La domanda dovrà essere compilata su carta legale o resa legale). Al Signor Sindaco del Comune

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DEL DISTACCAMENTO COMUNALE DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DEL DISTACCAMENTO COMUNALE DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DEL DISTACCAMENTO COMUNALE DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 13 dell 8.04.2013 INDICE ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO...

Dettagli

PROCESSI CASUALI. Segnali deterministici e casuali

PROCESSI CASUALI. Segnali deterministici e casuali POCESSI CASUALI POCESSI CASUALI Segnal deermnsc e casual Un segnale () s dce DEEMIISICO se è una funzone noa d, coè se, fssao un qualunque sane d empo o, l valore ( o ) assuno dal segnale è noo con esaezza

Dettagli

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura GEOTECNICA 13. OPERE DI SOSTEGNO DEFINIZIONI Opere di sostegno rigide: muri a gravità, a mensola, a contrafforti.. Opere di sostegno flessibili: palancole metalliche, diaframmi in cls (eventualmente con

Dettagli

Università degli studi di Firenze

Università degli studi di Firenze Università degli studi di Firenze Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per la Tutela dell Ambiente e il Territorio Anno Accademico 2010-2011 Progettazione preliminare di un sistema di casse di laminazione

Dettagli

LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI

LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI Dott. Renato Angheben dei fiumi Isonzo, Tagliamento, DIRETTIVA 2007/60/CE del 23 OTTOBRE 2007 istituisce un quadro per la valutazione e gestione dei

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 74 del 30.11.2009 ESECUTIVO DAL 28.12.2009

Dettagli

1 n. Intero frazionato. Frazione

1 n. Intero frazionato. Frazione Consideriamo un intero, prendiamo un rettangolo e dividiamolo in sei parti uguali, ciascuna di queste parti rappresenta un sesto del rettangolo, cioè una sola delle sei parti uguali in cui è stato diviso.

Dettagli

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO Capitolo 14 EORIA PERURBAIVA DIPENDENE DAL EMPO Nel Cap.11 abbiamo trattato metodi di risoluzione dell equazione di Schrödinger in presenza di perturbazioni indipendenti dal tempo; in questo capitolo trattiamo

Dettagli

Università degli studi di Pavia Facoltà di Economia a.a. 2014-2015

Università degli studi di Pavia Facoltà di Economia a.a. 2014-2015 Università degli studi di Pavia Facoltà di Economia a.a. 2014-2015 Corso di Economia Aziendale II modulo Capitolo 4 Lo scambio monetario e i valori scaturenti da esso 1 Stru%ura del corso Introduzione

Dettagli

TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE Una trasformazione geometrica del piano in sé è una corrispondenza biunivoca tra i punti del piano: ( ) , :,

TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE Una trasformazione geometrica del piano in sé è una corrispondenza biunivoca tra i punti del piano: ( ) , :, TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE Un rsforzione geoeric del pino in sé è un corrispondenz iunivoc r i puni del pino P P, P P P è l igine di P rispeo ll rsforzione. Ad ogni puno P(,) corrisponde uno ed un solo

Dettagli

Tegola portoghese in cotto AA OMEGA 10. Tegole e coppi in cotto. IMERYS Toiture PER VOI, LA SCELTA MIGLIORE.

Tegola portoghese in cotto AA OMEGA 10. Tegole e coppi in cotto. IMERYS Toiture PER VOI, LA SCELTA MIGLIORE. Tegola portoghese in cotto AA IMERYS Toiture PER VOI, LA SCELTA MIGLIORE. Tegola di punta nella gamma Imerys-copertura, la sua onda molto pronunciata offre un compromesso ideale per i clienti alla ricerca

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

IMPIANTI DI PRIMA PIOGGIA. Divisione Depurazione E DISSABBIATORI DEGRASSATORI VASCHE BIOLOGICHE TIPO IMHOFF VASCHE SETTICHE FANGHI ATTIVI IMPIANTI A

IMPIANTI DI PRIMA PIOGGIA. Divisione Depurazione E DISSABBIATORI DEGRASSATORI VASCHE BIOLOGICHE TIPO IMHOFF VASCHE SETTICHE FANGHI ATTIVI IMPIANTI A DI PRIMA PIOGGIA Divisione Depurazione 87 1. - TRATT TTAMENTO DELLE ACQUE IN ACCUMULO (DA 500 A 12.000 M 2 ) 2. IPC - TRATT TTAMENTO DELLE ACQUE DI PIOGGIA IN CONTINUO (DA 270 A 7.200 M 2 ) 88 Divisione

Dettagli

PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ NELL AREA DEL CAVALLINO

PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ NELL AREA DEL CAVALLINO Studio di tecniche innovative per la razionalizzazione dell uso di fertilizzanti abbinato alla razionalizzazione della risorsa idrica PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO A.Romano*, C. Gaslini*, L.Fiorentini, S.M. Scalpellini^, Comune di Rho # * T R R S.r.l.,

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

Riferimenti Normativi. D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq.

Riferimenti Normativi. D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq. Riferimenti Normativi - D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq. reflue) Acque reflue domestiche: acque reflue provenienti da insediamenti

Dettagli

RefWorks Guida rapida VERSIONE 6.0

RefWorks Guida rapida VERSIONE 6.0 RefWorks Guida rapida VERSIONE 6.0 ISTRUZIONI DI ACCESSO Accedere a www.refworks.com/refworks e imme ere il proprio nome (Login Name) e la password. (Gli uten che accedono al sistema per la prima volta

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione Andrea Mariani Pulizia delle vasche volano e di prima pioggia LE ACQUE PIOVANE: Contengono SEDIMENTI - DEPOSITI in vasca; - Riduzione

Dettagli

Circuiti Elettrici. Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale

Circuiti Elettrici. Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale Circuiti Elettrici Corrente elettrica Legge di Ohm Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale Leggi di Kirchhoff Elementi di circuito: voltmetri, amperometri, condensatori

Dettagli

1 Definizione: lunghezza di una curva.

1 Definizione: lunghezza di una curva. Abstract Qui viene affrontato lo studio delle curve nel piano e nello spazio, con particolare interesse verso due invarianti: la curvatura e la torsione Il primo ci dice quanto la curva si allontana dall

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze Misure di base su una carta Calcoli di distanze Per calcolare la distanza tra due punti su una carta disegnata si opera nel modo seguente: 1. Occorre identificare la scala della carta o ricorrendo alle

Dettagli

COMUNE DI MASSAFRA. Analisi del rischio idraulico nel bacino del canale Patemisco e dei suoi principali affluenti

COMUNE DI MASSAFRA. Analisi del rischio idraulico nel bacino del canale Patemisco e dei suoi principali affluenti COMUNE DI MASSAFRA Analisi del rischio idraulico nel bacino del canale Patemisco e dei suoi principali affluenti II Parte Tratto di monte del Patemisco e Gravine Madonna della Scala, Colombato e San Marco

Dettagli

Nuovi strumenti modellistici applicati alla gestione e tutela della risorsa idrica PROGETTO TRUST (LIFE + 2007)

Nuovi strumenti modellistici applicati alla gestione e tutela della risorsa idrica PROGETTO TRUST (LIFE + 2007) IV CONVEGNO NAZIONALE DI IDRAULICA URBANA ACQUA E CITTA 2011 21-24 Giugno 2011, Venezia Nuovi strumenti modellistici applicati alla gestione e tutela della risorsa idrica PROGETTO TRUST (LIFE + 2007) M.

Dettagli

Collettori solari termici

Collettori solari termici Collettori solari termici 1 VELUX Collettori solari. Quello che cerchi. massima durabilità, facile installazione Estetica e integrazione A fferenza degli altri collettori solari termici presenti sul mercato,

Dettagli

DEGLI GAZIONE SASSI. Civile. - Numerical BARBARA. da: MARIN. Laureand. RELATORE Carniello Luca CORRELAC ATORE

DEGLI GAZIONE SASSI. Civile. - Numerical BARBARA. da: MARIN. Laureand. RELATORE Carniello Luca CORRELAC ATORE U UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Ambientale Corsoo di Laurea Magistrale in Ingegneria Civile Tesi di Laurea MODELLAZIONE NUMERICA DELLA PROPAG GAZIONE DELL'

Dettagli

15 Aggiornamento Circolare 263/2006: Esternalizzazione di funzioni aziendali

15 Aggiornamento Circolare 263/2006: Esternalizzazione di funzioni aziendali Informa(on and Communica(on Technology supply chain security 15 Aggiornamento Circolare 263/2006: Esternalizzazione di funzioni aziendali Luca Lazzaretto Rosangela D'Affuso Padova, 29 aprile 2015 1 15

Dettagli

General Linear Model. Esercizio

General Linear Model. Esercizio Esercizio General Linear Model Una delle molteplici applicazioni del General Linear Model è la Trend Surface Analysis. Questa tecnica cerca di individuare, in un modello di superficie, quale tendenza segue

Dettagli

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 SISTEMA CIRCOLATORIO Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2, sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 e cataboliti, per mantenere costante la composizione del liquido

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 Le frazioni algebriche 1.1 Il minimo comune multiplo e il Massimo Comun Divisore fra polinomi........ 1. Le frazioni algebriche....................................

Dettagli

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA ANALISI EDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA arco BOZZA * * Ingegnere Strutturale, già Direttore della Federazione regionale degli Ordini degli Ingegneri del Veneto (FOIV), Amministratore di ADEPRON DINAICA

Dettagli

La do&rina del precedente

La do&rina del precedente La do&rina del precedente I Stare Decisis Lo stare decisis è invece una tecnica decisionale elaborata dai giudici per garan6re stabilità, una sorta di «gerarchia» tra le fon6 giurisprudenziali. Esprime

Dettagli

CIRCOLARE DEL MINISTERO DEI LAVORI PUBBLICI, N. 11633. (Pres. Cons. Sup. - Serv. Tecn. Centrale, 7 gennaio 1974)

CIRCOLARE DEL MINISTERO DEI LAVORI PUBBLICI, N. 11633. (Pres. Cons. Sup. - Serv. Tecn. Centrale, 7 gennaio 1974) CIRCOLARE DEL MINISTERO DEI LAVORI PUBBLICI, N. 11633 (Pres. Cons. Sup. - Serv. Tecn. Centrale, 7 gennaio 1974) Istruzioni per la progettazione delle fognature e degli impianti di trattamento delle acque

Dettagli

Si sa che la via più breve tra due punti è la linea retta. Ma vi siete mai chiesti, Qual è la via più breve tra tre punti? o tra quattro punti?

Si sa che la via più breve tra due punti è la linea retta. Ma vi siete mai chiesti, Qual è la via più breve tra tre punti? o tra quattro punti? Dov'è Moriart? Cerchiamo la via più breve con Mathcad Potete determinare la distanza più breve da tre punti e trovare Moriart? Si sa che la via più breve tra due punti è la linea retta. Ma vi siete mai

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

Corrente elettrica (regime stazionario)

Corrente elettrica (regime stazionario) Corrente elettrica (regime stazionario) Metalli Corrente elettrica Legge di Ohm Resistori Collegamento di resistori Generatori di forza elettromotrice Metalli Struttura cristallina: ripetizione di unita`

Dettagli

Calcolo delle linee elettriche a corrente continua

Calcolo delle linee elettriche a corrente continua Calcolo delle linee elettriche a corrente continua Il calcolo elettrico delle linee a corrente continua ha come scopo quello di determinare la sezione di rame della linea stessa e la distanza tra le sottostazioni,

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

REGIMAZIONE DELLE ACQUE IN ECCESSO

REGIMAZIONE DELLE ACQUE IN ECCESSO REGIMAZIONE DELLE ACQUE IN ECCESSO Interventi tecnici per regolare il deflusso della massa idrica eccedente (senza compromettere la costituzione di adeguate riserve idriche) Problemi In pianura: flussi

Dettagli

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL'ALLACCIAMENTO ED AMMISSIONE AL SERVIZIO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE PER SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NELLA RETE FOGNARIA PROVENIENTI DA UN INSEDIAMENTO RESIDENZIALE (La

Dettagli

Fisica delle Particelle: esperimenti. Fabio Bossi (LNF-INFN) fabio.bossi@lnf.infn.it

Fisica delle Particelle: esperimenti. Fabio Bossi (LNF-INFN) fabio.bossi@lnf.infn.it Fisica delle Particelle: esperimenti Fabio Bossi (LNF-INFN) fabio.bossi@lnf.infn.it Il processo scientifico di conoscenza Esperimento Osservazione quantitativa di fenomeni riguardanti alcune particelle

Dettagli

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Dipartimento di Ingegneria Strutturale, Aerospaziale e Geotecnica Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Prof. Ing. L.Cavaleri L amplificazione locale: gli aspetti matematici u=spostamentoin

Dettagli

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser Manuale d Istruzioni Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser MODELLO 42545 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato il Termometro IR Modello 42545. Il 42545 può effettuare

Dettagli

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE IG 01.001 IG 01.002 IG 01.003a Approntamento dell' attrezzatura di perforazione a rotazione compreso il carico e lo scarico e la revisione a fine lavori. Per ogni approntamento dellattrezzatura cad 667,35

Dettagli

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar Pozzoli depurazione s.r.l. via M.Quadrio 11, 23022 Chiavenna SO P.IVA: 01263260133, REA: 61186, Telefono 0343 37475 (3

Dettagli

La risorsa idrica sotterranea tra pressione antropica e salvaguardia ambientale

La risorsa idrica sotterranea tra pressione antropica e salvaguardia ambientale La risorsa idrica sotterranea tra pressione Marco Petitta Società Geologica Italiana Dipartimento di Scienze della Terra Università di Roma La Sapienza Compiti del geologo (idrogeologo) sul tema acqua

Dettagli

MODENA E IL SUO CLIMA

MODENA E IL SUO CLIMA Comune di Modena - SERVIZIO STATISTICA: note divulgative Pagina 1 di 2 MODENA E IL SUO CLIMA Modena, pur non essendo estranea al fenomeno del riscaldamento generalizzato, continua ad essere caratterizzata

Dettagli

ALLEGATO "C" ALLA DELIBERAZIONE 7/12/2011 N 10

ALLEGATO C ALLA DELIBERAZIONE 7/12/2011 N 10 ALLEGATO "C" ALLA DELIBERAZIONE 7/12/2011 N 10 ARTICOLAZIONE TARIFFARIA DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO NELL'AMBITO TERRITORIALE OTTIMALE N. 7 RAVENNA IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2012 COMUNE DI RAVENNA BACINO

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

n 9 di mercoledì 10/06/2015 Sommario settimana dal 10/06/2015 al 16/06/2015 Riassunto

n 9 di mercoledì 10/06/2015 Sommario settimana dal 10/06/2015 al 16/06/2015 Riassunto Fattori comprensoriali comuni Fonti di approvvigionamento idriche Sommario settimana dal 10/06/2015 al 16/06/2015 Riassunto Fiume PO portata presso località Pontelagoscuro - Fiume PO livello presso opera

Dettagli