Teoria dell integrazione elementare

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Teoria dell integrazione elementare"

Transcript

1 [versione del 5 mggio 29] Teori dell integrzione elementre Andre Crpignni Diprtimento di Mtemtic Applict Università di Pis Per tre cose vle l pen vivere: l mtemtic, l music, l more. Rento Cccioppoli Introduzione Misurre le lunghezze, le ree, i volumi, le msse e le densità dei corpi, sono problemi di grnde importnz prtic che richiedono lcune conoscenze mtemtiche non del tutto bnli. L inizio dello studio mtemtico di questi problemi risle precchie miglii di nni f. Sppimo che un orfo imbroglione fu pizzicto d Archimede, che misurò con precisione il titolo dell leg con cui er stt confeziont un coron d oro, determinndone (senz smontrl) l densità. Sppimo che l estensione dei cmpi veniv misurt con grnde cur, e compriv nei contrtti di comprvendit degli Assiro Bbilonesi. Insomm gli ntichi vevno bbstnz strumentzione e conoscevno bbstnz geometri pin e dello spzio per dre definizioni precise ed ccurte delle lunghezze, delle ree e dei volumi: sufficienti comunque per tutti gli usi prtici. Mentre, per fre un confronto con un problem in un certo senso simile, per un misur ccurt del tempo, necessri per le grndi nvigzioni e per lo sviluppo dell cinemtic, si dovette spettre molto più trdi: mncvno, inftti, si gli strumenti di misur (i cronometri) che le tecniche mtemtiche (il clcolo differenzile). All inizio del secolo scorso, un serie di problemi mtemtici riproposero il problem dell misur e dell integrzione, che d ess è strettissimmente legt, in contesti più generli. D un lto l Anlisi sentiv il bisogno di costruire un definizione di integrle che si potesse pplicre vste clssi di funzioni e che poi si comportsse bene rispetto l pssggio l limite. Dll ltro lto, l nscit di nuove brnche dell Mtemtic, come il Clcolo delle Probbilità, l Sttistic Mtemtic e lo studio dei Processi Stocstici, vevno bisogno di un definizione generle di misur per costruire i loro fondmenti. Noi ci limiteremo costruire un teori dell integrzione ristrett d un clsse piuttosto pover di funzioni, m che h il vntggio di essere più molto intuitiv e priv di dimostrzioni troppo strtte. Studieremo dunque, in modo rigoroso, il clcolo delle ree delle figure pine costruite come sottogrfico di un funzione ssegnt. A questo scopo occorrerà scegliere un clsse di funzioni, si pur pover, m sufficientemente mpi d permettere di clcolre esplicitmente l re in tutti i csi che hnno un cert rilevnz nelle ppliczioni; dimostreremo quindi lcuni teoremi che permettono di clcolre effettivmente l re di quest regione pin o, equivlentemente, che ci permettno di clcolre gli integrli.

2 . L integrle delle funzioni elementri Si A un prte non vuot di R. Si denoterà con I A e si chimerà l funzione indictrice (o, semplicemente, l indictrice) di A l funzione rele che vle su tutti i punti di A e che vle ltrove. In simboli: { se x A, I A (x) = se x / A, In prticolre, si riconosce immeditmente che l indictrice dell rett rele coincide con l funzione costnte mentre l indictrice dell insieme vuoto coincide con l funzione costnte. Se T è un intervllo dell rett rele R, i cui estremi possimo indicre con e b (con b), ponimo m(t) = b che chimeremo l misur dell intervllo T. È bbstnz evidente che l funzione m, che d ogni intervllo ssoci un numero rele (eventulmente se l intervllo è ridotto d un punto), gode dell proprietà di dditività nel senso che se T è un intervllo e se (T,...,T n ) è un prtizione finit di T costituit d intervlli, llor risult m(t) = i m(t i). (Ricordimo che un prtizione di un dto insieme è un insieme di prti di quell insieme due due disgiunte, l cui riunione coincide con l insieme dto.) L dimostrzione di questo ftto è immedit e, del resto, fcilmente intuibile dll figur sottostnte: T T 2 T Chimeremo un prtizione elementre ogni prtizione finit (T,T,...,T n ) di R costituit dgli intervlli limitti T,...,T n e dl complementre T dell loro riunione. Nel cso dell figur si trtt di un prtizione elementre pur di chimre T il complementre di T. È fcile riconoscere che, dte due prtizioni di questi tipo, ne esiste sempre un terz più fine delle ltre due, nel senso che esiste un prtizione i cui intervlli srnno tutti intervlli contenuti negli intervlli delle due prtizioni elementri di prtenz. Diremo che un funzione rele f è un funzione elementre se esiste un prtizione elementre (T,T,...,T n ) che si comptibile con l funzione f, nel senso che f risult null su T e costnte su ciscuno degli intervlli T,...,T n. T n T n b È fcile riconoscere che un sifftt funzione f si poss scrivere nell form f(x) = i I Ti (x) (.) pur di denotre con i il vlore costnte che l funzione f ssume sull intervllo T i. È evidente che se f è un funzione elementre, tli sono nche cf (qulunque si il numero rele c) e l stess cos vle per f. Se, poi, f e g sono due funzioni elementri, e se sceglimo due prtizioni elementri con esse rispettivmente comptibili, ogni prtizione elementre più fine di entrmbe le prtizioni scelte è comptibile simultnemente con l funzione f e con l funzione g, dunque nche con l funzione f + g. Ciò mostr che l clsse E costituit d tutte 2

3 le funzioni elementri form uno spzio vettorile. Grzie ll relzione (.) questo spzio vettorile (di dimensione infinit) può nche essere crtterizzto come lo spzio vettorile generto dlle tutte le funzioni indictrici degli intervlli limitti. Un ltr proprietà di questo spzio vettorile è che esso è reticolto nel senso che, se f e g sono due funzioni elementri, se bbimo scelto un prtizione elementre (T,T,...,T n ) comptibile con entrmbe le funzioni, e se i e b i denotno rispettivmente i vlori costnti che f e g ssumono su quest prtizione elementre, llor sono semplici nche le funzioni f g e f g definite d f g = ( i b i )I Ti, f g = ( i b i )I Ti. Assegnt or un funzione elementre f dell form (.), si chim l integrle di f il numero rele L(f) così definito: L(f) = i m(t i ). (.2) È fcile ricnoscere che l precedente definizione non è mbigu, cioè che il vlore del secondo membro dell espressione (.2) dipende soltnto d f e non dll scelt dell prtizione elementre (T,T,...,T n ). Per riconoscere questo ftto bst osservre che tle vlore non mut qundo si pssi d un prtizione più fine e ciò è dovuto ll proprietà di dditività di m. Se, in prticolre, T è un intervllo limitto di R, pplicndo l precedente definizione ll funzione indictrice di T, per l qule un prtizione elementre comptibile è l prtizione (T,T c ), si trov: L(I T ) = m(t). Geometricmente, questo signific che il numero L(I T ) rppresent l re del rettngolo vente come bse T ed ltezz egule d. Quest osservzione può essere generlizzt d un qulsisi funzione elementre positiv: il numero L(f) rppresent l re dell regione delimitt dll sse rele e dll funzione elementre f. L figur sottostnte evidenzi proprio quest crtteristic geometric. L(f) L integrle di un funzione elementre gode delle proprietà seguenti: (.) Per ogni funzione elementre f, risult f L(f). (.2) Per ogni numero rele c e ogni funzione elementre f, si h L(cf) = cl(f). (.3) Per ogni coppi f, g di funzioni elementri, si h L(f + g) = L(f) + L(g). Le prime due di queste proprietà sono ovvie. Per dimostrre l terz, bst considerre un prtizione elementre (T,T,...,T n ) che si simultnemente comptibile con f e con g in modo d poter fre l somm su ciscun intervllo dell prtizione elementre. Osservimo che, dlle proprietà ppen elencte, discende l seguente proprietà di isotoni dell integrle, dll qule si può considerre l (.) come cso prticolre: f g L(f) L(g). 3

4 2. L integrle superiore e l integrle inferiore Ciscun delle funzioni f considerte nel seguito s intenderà, oltre che essere definit su tutt l rett rele R, nche limitt e null l di fuori di un opportuno intervllo limitto T (dipendente d f). È chiro che un sifftt funzione è compres tr due funzioni dell form I T, e quindi tr due funzioni dell clsse E delle funzioni elementri. Dt un funzione f l estremo inferiore dei numeri dell form L(g), l vrire di g nell insieme di tutte le funzioni dell clsse E mggiornti l funzione f, si chimerà l integrle superiore di f e si denoterà con L (f). Anlogmente, si chimerà l integrle inferiore di f, e si denoterà con L (f), l estremo superiore dei numeri dell form L(g), l vrire di g nell insieme delle funzioni dell clsse E minornti f. In simboli: L (f) = inf { L(g) : g E f g }, L (f) = sup { L(g) : g E g f }. Dll proprietà di isotoni dell integrle per le funzioni elementri discende l diseguglinz: L (f) L (f). Sussiste inoltre l relzione L (f) = L ( f) (2.) l qule consente di ricondurre le proprietà dell integrle inferiore quelle dell integrle superiore. Per dimostrrl, bst osservre che, l vrire di g nell insieme delle funzioni dell clsse E minornti f, l funzione g descrive l insieme delle funzioni, sempre dell clsse E, mggiornti f, e che, per ogni funzione g dell clsse E, risult L( g) = L(g). Proprietà dell integrle superiore. Sino f, g due funzioni, e c un numero rele positivo. Vlgono llor le seguenti relzioni: () f g L (f) L (g) (b) L (cf) = cl (f) (c) L (f + g) L (f) + L (g) Proprietà dell integrle inferiore. Sino f,g due funzioni, e c un numero rele positivo. Vlgono llor le seguenti relzioni: () f g L (f) L (g) (b) L (cf) = cl (f) (c) L (f + g) L (f) + L (g) Dimostrzione. Grzie ll eguglinz (2.), bsterà dimostrre le proprietà soltnto per l integrle superiore. È un verific semplicissim, inftti, notre che le proprietà dell integrle inferiore si deducono d quelle dell integrle superiore pplicndo l (2.). Incomincimo dunque con l osservre che l proprietà () (dett di isotoni) è un conseguenz immedit dell definizione di integrle superiore. Qunto ll proprietà (b), ess è evidente nel cso in cui si c =. Supposto dunque che si c >, bst osservre che, l vrire di φ nell insieme delle funzioni dell clsse E mggiornti f, l funzione cφ descrive l insieme delle funzioni dell clsse E mggiornti cf e che, per ogni funzione φ dell clsse E, risult L(cφ) = cl(φ). Dimostrimo infine l proprietà (c). Per questo, fissimo rbitrrimente due numeri reli, dicimo e b, con L (f) < e L (g) < b, e provimo che risult L (f +g) < +b. Inftti, per l definizione d integrle superiore, esistono due funzioni φ e ψ entrmbe pprtenenti ll clsse E, mggiornti f e g rispettivmente, e verificnti l relzione L(φ) < e L(ψ) < b. Poiché l funzione φ+ψ pprtiene ll clsse E e mggior f +g, si h L (f + g) L(φ + ψ) = L(φ) + L(ψ) < + b. L rbitrrietà di e di b, permette llor di concludere. 4

5 3. Le funzioni integrbili Rimnimo nelle ipotesi del prgrfo precedente e considerimo un funzione f, definit su tutto R, limitt e null l di fuori di un opportuno intervllo limitto. Diremo che f è integrbile se ccde che il suo integrle superiore coincide con il suo integrle inferiore, ossi se ccde che L (f) = L (f). In tl cso, il comune vlore dell integrle superiore e dell integrle inferiore si chim l integrle di f e si denot con uno dei simboli seguenti: L(f), f(x)dx, f(x)dx. R Osservimo subito che, nell scrittur f(x)dx, l vribile x è mut, nel senso che può essere scelt libermente ed, eventulmente, sostituit con un simbolo più pproprito l contesto in esme. L prim di queste notzioni è coerente con quell dottt per l integrle delle funzioni elementri (cioè dell clsse E), inftti, è chiro che ogni funzione elementre f è integrbile e che il comune vlore del suo integrle superiore e del suo integrle inferiore è null ltro che l integrle di f definito d (.2). Adotteremo quindi l notzione più comune f(x)dx nche per le funzioni di quest clsse non correndo ssolutmente il rischio d incorrere in mbiguità. Dlle proprietà dell integrle superiore e dell integrle inferiore discendono semplicemente le proprietà delle funzioni integrbili e dell integrle. Proprietà dell integrle. Se f, g sono due funzioni integrbili, tli sono cf (per ogni numero rele c) e f + g. Inoltre, risult: () L(cf) = cl(f) (b) L(f + g) = L(f) + L(g) (c) f g L(f) L(g) Dimostrzione. Dll proprietà (b) dell integrle superiore e dell integrle inferiore discende subito che, per ogni numero rele c positivo si h L (cf) = cl(f) = L (cf). D quest relzione, unit ll eguglinz L ( f) = L(f) = L ( f) discende che, qulunque si il numero rele c, l funzione cf è integrbile ed h come integrle cl(f). Dll proprietà (c) dell integrle superiore e dll stess per l integrle inferiore discende poi immeditmente l diseguglinz L (f + g) L(f) + L(g) L (f + g) che dimostr che l funzione f + g è integrbile ed h, come si volev, integrle egule L(f + g) = L(f) + L(g). Infine, l proprietà (c) discende semplicemente dll nlog proprietà di isotoni dell integrle superiore e dell integrle inferiore. Geometricmente, l definizione di funzione integrbile h un interpretzione interessnte in termini di re. Supponimo che f si un funzione integrbile positiv. Ciò vuol dire che il suo integrle f(x)dx è pprossimto dll lto dll integrle di un opportun funzione elementre ψ, e dl bsso dll integrle di un ltr funzione elementre φ. Senz ledere l generlità, possimo supporre che le due funzioni elementri in esme sino simultnemente comptibili con un prtizione elementre dell intervllo in cui f è generlmente non null e che esse sino positive. Gli integrli di queste due funzioni elementri, come bbimo già detto, rppresentno l re sottes dl loro grfico e quindi pprossimno per eccesso e per difetto l re sottes dll funzione positiv f. L figur seguente dovrebbe chirire quest interpretzione. f Z L(ψ) = ψ(x) dx Z L(φ) = φ(x) dx 5

6 Fino questo momento bbimo soltnto definito qundo un funzione è integrbile. Adesso però occorre costruire dei criteri per riconoscere qundo un funzione è integrbile senz dover clcolre gli estremi superiori ed inferiori degli integrli di funzioni elementri. A questo proposito è utile il seguente risultto che, perltro, fornisce come corollrio l integrbilità di un clsse bbstnz vst di funzioni integrbili. Criterio fondmentle d integrbilità. Si f un funzione rele, limitt e null l di fuori di un intervllo T. Condizione necessri e sufficiente ffinché f si integrbile è che, per ogni numero rele ε strettmente positivo esistno due funzioni elementri ψ e φ, con φ f ψ tli che risulti L(ψ) L(φ) < ε. Dimostrzione. Che l condizione si necessri è evidente: inftti, per definizione di estremo superiore e di estremo inferiore, se risult L (f) = L (f), comunque si scelg un numero rele ε strettmente positivo, esistono due funzioni elementri φ e ψ, con φ f ψ e tli che si L(ψ) ε/2 < L(f) < L(φ) + ε/2. Vicevers, se sussiste l condizione del teorem, llor, fissto un numero rele ε strettmente positivo, per le proprietà di isotoni dell integrle superiore e dell integrle inferiore, si h L (f) L(φ) e L (f) L(ψ). D ltro cnto, sottrendo membro membro si ottiene L (f) L (f) < L(ψ) L(φ) < ε e dunque, per l rbitrrietà di ε, si ottiene L (f) = L (f) cioè che f è integrbile. Il criterio è così dimostrto. Possimo or utilizzre questo criterio per dimostrre che ogni funzione continu definit su un intervllo limitto e chiuso è integrbile. Nturlmente, per le ipotesi che bbimo ftto, supporremo che l funzione si in reltà definit su tutt l rett rele, prolungndol zero l di fuori dell intervllo di definizione (e ciò ne distrugge l continuità globle). Teorem sull integrbilità delle funzioni continue. Si f un funzione rele, definit su R, continu su un intervllo limitto e chiuso T e null l di fuori di tle intervllo. Allor f è integrbile. Dimostrzione. Fissimo un numero rele ε strettmente positivo. Poiché f è continu in un intervllo limitto e chiuso ess è, in prticolre, uniformemente continu. Esiste dunque un numero rele δ strettmente positivo tle che, per ogni coppi x, y di elementi dell intervllo T, con x y < δ, si f(x) f(y) < ε. Sfruttimo quest proprietà per costruire due funzioni elementri che soddisfino l criterio fondmentle d integrbilità. A questo scopo, fissimo un prtizione di R con T = T c e tle che gli elementi dell prtizione T,...,T n bbino misur m(t i ) egule l minimo tr δ e /n. Per ciscun indice i denotimo con i il mssimo vlore di f su T i e con b i il minimo vlore di f su T i. Per l proprietà di uniforme continuità, llor, si può scegliere δ in mnier tle che si i b i < ε. Definimo dunque le funzioni elementri ψ = i I Ti, φ = b i I Ti. L differenz degli integrli, llor, è tle che risulti L(ψ) L(φ) = n ( i b i )m(t i ) < ε. Il criterio fondmentle d integrbilità ci permette llor di concludere che f è integrbile. Concludimo il prgrfo osservndo che, se f è un funzione rele, definit su R, l qule si divers d zero soltnto in un numero finito di punti, llor ess è combinzione linere finit di indictrici di intervlli degeneri (ridotti d un sol punto); pertnto f è un funzione elementre ed h integrle nullo. Come conseguenz di questo ftto, due funzioni che differiscono soltnto in un numero finito di punti hnno lo stesso integrle. 6

7 4. Integrle esteso d un insieme Si f un funzione rele, definit in un prte non vuot T di R e si A un insieme contenuto in T. L funzione I A f si potrà dunque pensre come d un funzione definit su tutt l rett rele, generlmente non null nell insieme A e null ltrove. Se quest nuov funzione è integrbile, si dice che f è integrbile sull intervllo A. In tl cso, l integrle dell funzione I A f si denot con f(x)dx e si chim l integrle di f esteso ll insieme A. È A chiro che, per le proprietà dell funzione indictrice, se A e B sono due insiemi disgiunti entrmbi contenuti nell insieme T di definizione di f, llor risult I A B f = I A f + I B f. Pertnto se l funzione è integrbile su ciscuno dei due insiemi A e B, ess è integrbile sull loro riunione e risult f(x)dx = f(x)dx + f(x)dx. B A B A In prticolre, se A è un intervllo limitto, e se e b (con b) ne designno gli estremi, in luogo dell notzione A f(x)dx, si us di preferenz l notzione più comod e usule f(x)dx. Quest ultim notzione potrebbe pprire mbigu, non permettendo d esempio di distinguere tr l integrle esteso ll intervllo chiuso [, b] d quello esteso ll intervllo perto (, b). M poiché le funzioni I [,b] f e I (,b) f differiscono l più in due punti, nessun confusione è in reltà possibile. Si or f un funzione rele definit su un intervllo T di R, e integrbile su ogni intervllo limitto e chiuso contenuto in T. Se, b, c sono tre elementi di T, con c b, si h (per le proprietà dell funzione indictrice) f(x)dx = c f(x)dx + Se,b sono elementi di T, con > b, ponimo per definizione f(x)dx = b c f(x)dx. (4.) f(x)dx. (4.2) Si riconosce fcilmente che, con quest definizione, l (4.) sussiste per ogni tern,b,c di elementi di T. 5. Il teorem fondmentle del clcolo integrle Dt un funzione rele f, definit su un intervllo T di R, si chim un su primitiv ogni funzione rele, definit sullo stesso intervllo, che l mmett come propri derivt. Si riconosce immeditmente che, se F è un primitiv per f, tle è nche ogni funzione dell form F + c con c R. (Bst per questo ricordre che l derivt di un funzione costnte è null.) Vicevers, il teorem del vlor medio di Lgrnge permette di ffermre che, se F e G sono due primitive di f, esse differiscono per un costnte. Inftti, posto H = G F, si riconosce immeditmente che l derivt di H è identicmente null. Applicndo or il teorem di Lgrnge ll funzione H nel sottointervllo [x,x ] di T, si tre H(x) H(x ) x x = H (ξ) = con x < ξ < x, e tnto bst per concludere che H(x) = H(x ). Per l rbitrrietà di x e di x ne consegue che H(x) è un costnte. In ltri termini: l ppliczione derivt d/dx vist come un ppliczione di C (T) in C (T) non è iniettiv ed il suo nucleo ker(d/dx), essendo costituito dlle funzioni costnti, è isomorfo l corpo dei numeri reli. Pssndo dunque llo spzio quoziente C (T)/R l derivt può essere definit ssocindo ll clsse d equivlenz [F] l derivt di un su rppresentnte d df [F] =. In questo cso, mmesso che l derivt si dx dx 7

8 suriettiv (cos che dimostreremo tr poco) si può invertire nello spzio quoziente. L clsse d equivlenz [F] le cui rppresentnti soddisfno ll equzione df/dx = f si chim tlvolt l integrle indefinito di f e si denot, seppur con un buso di notzione, con f(x)dx. Qundo si eseguono i clcoli, dunque, occorre stre ben ttenti cos s intende con il simbolo f(x)dx perché second dei csi esso può voler dire l integrle f(x)dx oppure l R clsse d equivlenz di tutte le primitive di f. Ciò premesso, simo in grdo di dimostrre questo celebre risultto. Teorem fondmentle del clcolo integrle. Si f un funzione rele definit su un intervllo T (non ridotto d un sol punto) ed ivi continu. Si x un qulsisi elemento di T e ponimo F(x) = x x f(t)dt. Allor l funzione F è un primitiv di f. Dimostrzione. Si x un elemento di T. Dimostrimo che F è derivbile in x ed h per derivt il numero f(x). A questo scopo osservimo che il rpporto incrementle di F nel punto x si può scrivere, grzie ll definizione (4.2) e ll proprietà (4.), nell form F(x + h) F(x) h = h x+h x f(t)dt. (5.) Siccome f è per ipotesi continu nel punto x, comunque si prend un numero rele ε strettmente positivo, esiste un numero rele δ nch esso strettmente positivo, tle che, per ogni numero rele t, con < t x < δ si bbi f(x) ε < f(t) < f(x) + ε. (5.2) Ne segue che, per ogni numero rele h, con < h < δ, se t è compreso tr x e x + h, si h nche < t x < h < δ e dunque vle l (5.2). Per l isotoni dell integrle, llor, risult f(x) ε < h x+h x f(t)dt < f(x) + ε o, ciò ch è lo stesso, per definizione di limite, il rpporto incrementle (5.) converge verso il numero f(x) l tendere di h verso zero. Ciò bst per concludere che F è derivbile nel punto x ed h il numero f(x) come derivt, proprio come volevmo dimostrre. L importnz del teorem fondmentle del clcolo integrle è che esso mette in relzione due concetti pprentemente distnti (quello di integrle e quello di primitiv) e mostr, tr l ltro, l esistenz (per ogni funzione rele, continu su un intervllo di R) di un primitiv. In ltri termini il teorem fondmentle del clcolo integrle fferm che l ppliczione d/dx di C (T) in C (T) è suriettiv. Nell prtic, comunque, il teorem fondmentle è utilizzto soprttutto per clcolre un integrle qundo si conosc già un primitiv dell funzione d integrre. Il modo con cui esso viene usto è riposto nel seguente corollrio di dimostrzione immedit. Corollrio. Nelle stesse ipotesi del teorem fondmentle del clcolo integrle, sino e b due punti pprtenenti ll intervllo T. Si poi G un qulsisi primitiv di f. Si h llor f(x)dx = G(b) G(). Nell pplicre questo corollrio, l differenz G(b) G() si suole indicre un l notzione seguente (dove, l solito, l letter x h l ufficio di un vribile mut): [ G(x) ] x=b x=. 8

9 Inoltre, l insieme di tutte le primitive dell funzione f, come bbimo già osservto, è l clsse d equivlenz di un primitiv modulo R. Or, per il teorem fondmentle del clcolo esiste un primitiv privilegit cioè quell scritt come integrle dell funzione f(x). Si h dunque che il cosiddetto integrle indefinito è l insieme delle funzioni F c (x) = x x f(t)dt + c con c R. È utile, questo punto riportre in un tbell un primitiv delle funzioni di uso più comune. Il metodo con cui si ricv l tbell è semplicissimo: si utilizz l già not tbell delle derivte d uso comune, e si cerc di risolvere l equzione df/dx = f(x) tenendo conto del ftto che l funzione d/dx è linere. Tbell rissuntiv delle primitive più importnti f(x) F(x) c x n con n intero x con rele x n+ n + x + + /x ln x e x sen x e x cos x cos x sen x + x 2 rctg x senhx cosh x cosh x senh x 6. Teorem di integrzione per prti e teorem d integrzione per sostituzione Dl teorem fondmentle del clcolo discendono l regol di integrzione dett per prti e l regol di integrzione per sostituzione (o per cmbimento di vribili ) che risultno molto utili nel clcolo prtico degli integrli e che sono espresse di due teoremi seguenti. Teorem d integrzione per prti. Sino f e g due funzioni reli, continue, definite nell intervllo T, mmettenti rispettivmente F e G come primitive. Per ogni coppi, b di elementi di T, si h llor f(x)g(x)dx + F(x)g(x)dx = [ F(x)G(x) ] x=b x=. (6.) Dimostrzione. Dll regol di derivzione di un prodotto (regol di Leibniz) discende: (FG) = fg + Fg. L funzione continu fg + Fg mmette dunque come primitiv l funzione FG. L tesi si ottiene llor pplicndo il corollrio del teorem fondmentle del clcolo. 9

10 Osservimo che, nell prtic, l relzione (6.), scritt nell form F(x)g(x)dx = [ F(x)G(x) ] x=b x= f(x)g(x)dx consente di clcolre l integrle dell funzione Fg qulor: ) si conosc un primitiv G dell funzione g; 2) si sppi clcolre l integrle dell funzione fg; sostituendo il primo fttore con l su derivt f ed il secondo fttore con l su primitiv G. Esempio. Si vogli clcolre l integrle 2 ln xdx. Esso si può mettere nell form richiest dl teorem d integrzione per prti, ovvero nell form 2 F(x)g(x)dx, pur di porre: F(x) = ln x e g(x) =. Poiché l derivt dell funzione F è l funzione f(x) = /x, mentre un primitiv dell funzione g è l funzione G(x) = x, l integrle proposto è fcilmente clcolbile, in qunto riconducibile ll integrle dell funzione f(x)g(x) = x /x =. Fcendo i debiti conti, si trov, precismente: 2 ln xdx = [ xln x ] 2 x=2 x= dx = 2ln 2. Teorem d integrzione per sostituzione. Sino T e S due intervlli dell rett rele R, e si ϕ un ppliczione di S in T, derivbile, con derivt continu. Per ogni funzione rele f, definit su T, continu, e per ogni coppi α,β di elementi di S risult f(x)dx = β dove bbimo posto = ϕ(α) e b = ϕ(β). α f(ϕ(t))ϕ (t)dt (6.2) Dimostrzione. Si F un primitiv dell funzione continu f. L funzione F ϕ è llor un primitiv dell funzione continu (f ϕ)ϕ. Applicndo due volte il corollrio del teorem fondmentle si ottiene dunque: β α f(ϕ(t))ϕ (t)dt = [ (F ϕ)(t) ] t=β t=α = F(b) F() = f(x)dx. Tnto bst per concludere. Osservimo che, nell prtic, l relzione (6.2) si pplic in entrmbi i sensi: cioè per clcolre il primo membro riconducendolo l secondo, oppure, vicevers, per clcolre il secondo membro riconducendolo l primo. Esempio. Si vogli clcolre l integrle x2 dx. Ponimo ϕ(t) = sen t, quindi risult ϕ (t) = cos t. Inoltre, per gli estremi d integrzione, bbimo = sen = e b = sen(π/2). Dunque risult x2 dx = = 2 π/2 π/2 π/2 sen2 t cos t dt = cos 2 t dt ( cos 2t)dt = [t ] t=π/2 2 2 sen2t = π t= 4

11 Esempio. Si vogli clcolre l integrle π/2 sen 3 t cos t dt. Ponimo ϕ(t) = sent e quindi ϕ (t) = cos t. Ne ricvimo π/2 sen 3 t cos t dt = sen π/2 sen x 3 dx = [ x x 3 4 dx = 4 Giov forse fr notre l lettore un form, si pur errt formlmente, molto semplice per ricordrsi il cmbimento di vribili. Se si conviene di porre x = ϕ(t), llor si potrà scrivere nche dx = ϕ (t)dt. Inoltre, ricordimolo, le vribili x e t sono mute e possono essere rimpizzte con ltre vribili qulsisi purché stndo ttenti non utilizzre delle vribili che non sono mute e che, d ltr prte, fnno già prte dell formul. A prtire dl teorem d integrzione per sostituzione, si può crere un ltr formul piuttosto utile qundo si h che fre con gli integrli delle funzioni inverse delle funzioni note. A questo scopo, supponimo che f si un funzione rele definit e derivbile su T e supponimo che ess si invertibile nell intervllo [,b]. Ponimo nche = f(α) e b = f(β). Per sostituzione, llor, ponendo ϕ(t) = f(t), si dimostr immeditmente l formul: f (x)dx = β α tf (t)dt. ] x= x= = 4. Quest formul può essere ulteriormente migliort se utilizzimo nche il teorem d integrzione per prti: f (x)dx = [ tf(t) ] t=β t=α β Si vogli clcolre l integrle α f(t)dt. rctg xdx Evidentemente si trtt di clcolre l integrle dell funzione invers di f(x) = tg x. Per questo scopo, volendo utilizzre l formul ppen scritt, osservimo che si h = tg(π/4) e = tg, dunque rctg xdx = [ t tg t ] t=π/4 t= = π 4 π/4 π/4 sen t cos t dt tg t dt = π 4 + [ ln cos t ] t=π/4 t= = π 4 + ln = π 2 4 ln 2. 2

1 Integrale delle funzioni a scala

1 Integrale delle funzioni a scala INTEGRALE DELLE FUNZIONI DI UNA VARIABILE Teori di Riemnn 1 Integrle delle funzioni scl (1.1) Definizione Si dice suddivisione di un intervllo chiuso e limitto [, b] un sottoinsieme {,..., n } di [, b]

Dettagli

Corso di Analisi Matematica Calcolo integrale per funzioni di una variabile

Corso di Analisi Matematica Calcolo integrale per funzioni di una variabile Corso di Anlisi Mtemtic Clcolo integrle per funzioni di un vribile Lure in Informtic e Comuniczione Digitle A.A. 2013/2014 Università di Bri ICD (Bri) Anlisi Mtemtic 1 / 40 1 L integrle come limite di

Dettagli

Integrali dipendenti da un parametro e derivazione sotto il segno di integrale.

Integrali dipendenti da un parametro e derivazione sotto il segno di integrale. 1 Integrli dipendenti d un prmetro e derivzione sotto il segno di integrle. Considerimo l funzione f(x, t) : A [, b] R definit nel rettngolo A [, b], essendo A un sottoinsieme perto di R e [, b] un intervllo

Dettagli

b a 2. Il candidato spieghi, avvalendosi di un esempio, il teorema del valor medio.

b a 2. Il candidato spieghi, avvalendosi di un esempio, il teorema del valor medio. Domnde preprzione terz prov. Considert, come esempio, l funzione nell intervllo [,], il cndidto illustri il concetto di integrle definito. INTEGRALE DEFINITO, prendendo in esme un generic funzione f()

Dettagli

Integrali. Il concetto di integrale nasce per risolvere due classi di problemi:

Integrali. Il concetto di integrale nasce per risolvere due classi di problemi: Integrli Il concetto di integrle nsce per risolvere due clssi di problemi: clcolo delle ree di figure delimitte d curve, clcolo di volumi, clcolo del lvoro di un forz, clcolo dello spzio percorso,... integrle

Dettagli

Integrale Improprio. f(x) dx =: Osserviamo che questa definizione ha senso dal momento che per ogni y è ben definito l integrale b

Integrale Improprio. f(x) dx =: Osserviamo che questa definizione ha senso dal momento che per ogni y è ben definito l integrale b Integrle Improprio In queste lezioni riprendimo l teori dell integrzione in un vribile, l ide è di estendere l integrle definito nche in csi in cui l funzione integrnd o l intervllo di integrzione non

Dettagli

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito.

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito. Integrli de niti. Il problem di clcolre l re di un regione pin delimitt d gr ci di funzioni si può risolvere usndo l integrle de nito. L integrle de nito st l problem del clcolo di ree come l equzione

Dettagli

" Osservazione. 6.1 Integrale indefinito. R Definizione (Primitiva) E Esempio 6.1 CAPITOLO 6

 Osservazione. 6.1 Integrale indefinito. R Definizione (Primitiva) E Esempio 6.1 CAPITOLO 6 CAPITOLO 6 Clcolo integrle 6. Integrle indefinito L nozione fondmentle del clcolo integrle è quell di funzione primitiv di un funzione f (). Tle nozione è in qulche modo speculre ll nozione di funzione

Dettagli

Integrali. Il concetto di integrale nasce per risolvere due classi di problemi:

Integrali. Il concetto di integrale nasce per risolvere due classi di problemi: Integrli Il concetto di integrle nsce per risolvere due clssi di problemi: clcolo delle ree di figure delimitte d curve, clcolo di volumi, clcolo del lvoro di un forz, clcolo dello spzio percorso,... integrle

Dettagli

1 Il problema del calcolo dell area di una regione piana limitata

1 Il problema del calcolo dell area di una regione piana limitata Anlisi Mtemtic 2 1 CORSO DI STUDI IN SMID CORSO DI ANALISI MATEMATICA 2 CAPITOLO 1 INTEGRALI DI FUNZIONI DI UNA VARIABILE REALE 1 Il problem del clcolo dell re di un regione pin limitt Se si consider un

Dettagli

Il problema delle aree. Metodo di esaustione.

Il problema delle aree. Metodo di esaustione. INTEGRALE DEFINITO. DEFINIZIONE E SIGNIFICATO GEOMETRICO. PROPRIETA DELL INTEGRALE DEFINITO. FUNZIONE INTEGRALE. TEOREMA DELLA MEDIA. TEOREMA FONDAMENTALE DEL CALCOLO INTEGRALE. FORMULA DI LEIBNITZ NEWTON.

Dettagli

CORSO ZERO DI MATEMATICA

CORSO ZERO DI MATEMATICA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO FACOLTÀ DI ARCHITETTURA CORSO ZERO DI MATEMATICA ESPONENZIALI E LOGARITMI Dr. Ersmo Modic ersmo@glois.it www.glois.it POTENZA CON ESPONENTE REALE Definizione: Dti un numero

Dettagli

DISPENSE DI ANALISI MATEMATICA. Indice

DISPENSE DI ANALISI MATEMATICA. Indice DISPENSE DI ANALISI MATEMATICA ANNAMARIA MONTANARI Indice. Integrle di Riemnn.. Proprietà elementri dell integrle di Riemnn 5.2. Teorem fondmentle del clcolo integrle. Primitive 6.3. Integrle generlizzto

Dettagli

POTENZA CON ESPONENTE REALE

POTENZA CON ESPONENTE REALE PRECORSO DI MATEMATICA VIII Lezione ESPONENZIALI E LOGARITMI E. Modic mtemtic@blogscuol.it www.mtemtic.blogscuol.it POTENZA CON ESPONENTE REALE Definizione: Dti un numero rele > 0 ed un numero rele qulunque,

Dettagli

Il lemma di ricoprimento di Vitali

Il lemma di ricoprimento di Vitali Il lemm di ricoprimento di Vitli Si I = {I} un fmigli di intervlli ciusi contenuti in R. Diremo ce l fmigli I ricopre l insieme E nel senso di Vitli (oppure ce I è un ricoprimento di Vitli di E) se per

Dettagli

7. Derivate Definizione 1

7. Derivate Definizione 1 7. Derivte Il concetto di derivt è importntissimo e molto nturle. Per vere un esempio concreto, penste l moto di un mcchin: se f(t) è l funzione che esprime qunt strd vete percorso fino d un certo istnte

Dettagli

Calcolo integrale. Capitolo Primitive ed integrale inde nito

Calcolo integrale. Capitolo Primitive ed integrale inde nito Cpitolo 9 Clcolo integrle 9.1 Primitive ed integrle inde nito De nizione 9.1 Assegnt un funzione f : A! R, si de nisce primitiv di f un qulunque funzione F : A! R derivbile, tle che F 0 (x) = f(x), per

Dettagli

Area del Trapezoide. f(x) A f(a) f(b) f(x)

Area del Trapezoide. f(x) A f(a) f(b) f(x) Are del Trpezoide y o A f() trpezoide h B f() f() L're del trpezoide S puo' essere pprossimt dll're del trpezio AB. Per vere un migliore pprossimzione possimo suddividere il trpezio in trpezi piu' piccoli.

Dettagli

1 b a. f(x) dx. Osservazione 1.2. Se indichiamo con µ il valore medio di f su [a, b], abbiamo che. f(x) dx = µ(b a) =

1 b a. f(x) dx. Osservazione 1.2. Se indichiamo con µ il valore medio di f su [a, b], abbiamo che. f(x) dx = µ(b a) = Note ed esercizi di Anlisi Mtemtic - (Fosci) Ingegneri dell Informzione - 28-29. Lezione del 7 novembre 28. Questi esercizi sono reperibili dll pgin web del corso ttp://utenti.unife.it/dmino.fosci/didttic/mii89.tml

Dettagli

Osserviamo che per trovare le costanti A e B possiamo anche ragionare così: se moltiplichiamo l equazione x + 1 (x + 2)(x + 3) = A.

Osserviamo che per trovare le costanti A e B possiamo anche ragionare così: se moltiplichiamo l equazione x + 1 (x + 2)(x + 3) = A. 88 Roberto Turso - Anlisi 2 Osservimo che per trovre le costnti A e B possimo nche rgionre così: se moltiplichimo l equzione + ( + 2)( + 3) = A + 2 + B + 3 per + 2, dopo ver semplificto, ottenimo + + 3

Dettagli

Corso di Analisi Matematica. Calcolo integrale

Corso di Analisi Matematica. Calcolo integrale .. 2011/12 Lure triennle in Informtic Corso di Anlisi Mtemtic Clcolo integrle Avvertenz Questi sono ppunti informli delle lezioni, che vengono resi disponibili per comodità degli studenti. Prte del mterile

Dettagli

ANALISI REALE E COMPLESSA a.a. 2007-2008

ANALISI REALE E COMPLESSA a.a. 2007-2008 ANALISI REALE E COMPLESSA.. 2007-2008 1 Successioni e serie di funzioni 1.1 Introduzione In questo cpitolo studimo l convergenz di successioni del tipo n f n, dove le f n sono tutte funzioni vlori reli

Dettagli

Modulo o "valore assoluto" Proprietà del Valore Assoluto. Intervalli

Modulo o valore assoluto Proprietà del Valore Assoluto. Intervalli Modulo o "vlore ssoluto" Dto x definimo modulo o vlore ssoluto di x il numero rele positivo x se x 0 x = x se x < 0 Es. 5 è 5. 2.34 è 2.34 Dl punto di vist geometrico x rppresent l distnz di x d 0. x x

Dettagli

Anno 5. Applicazione del calcolo degli integrali definiti

Anno 5. Applicazione del calcolo degli integrali definiti Anno 5 Appliczione del clcolo degli integrli definiti 1 Introduzione In quest lezione vedremo come pplicre il clcolo dell integrle definito per determinre le ree di prticolri figure pine, i volumi dei

Dettagli

, x 2. , x 3. è un equazione nella quale le incognite appaiono solo con esponente 1, ossia del tipo:

, x 2. , x 3. è un equazione nella quale le incognite appaiono solo con esponente 1, ossia del tipo: Sistemi lineri Un equzione linere nelle n incognite x 1, x 2, x,, x n è un equzione nell qule le incognite ppiono solo con esponente 1, ossi del tipo: 1 x 1 + 2 x 2 + x +!+ n x n = b con 1, 2,,, n numeri

Dettagli

Differenziale. Consideriamo la variazione finita, x della variabile indipendente a cui corrisponde una variazione finita della funzione f x, f x y

Differenziale. Consideriamo la variazione finita, x della variabile indipendente a cui corrisponde una variazione finita della funzione f x, f x y Differenzile Considerimo l vrizione finit, dell vriile indipendente cui corrisponde un vrizione finit dell funzione f, f y Δf 1 Δ 2 L vrizione dell vriile dipendente puo' essere molto piccol, infinitesim

Dettagli

SPAZI VETTORIALI. 1. Spazi e sottospazi vettoriali

SPAZI VETTORIALI. 1. Spazi e sottospazi vettoriali SPAZI VETTORIALI 1. Spzi e sottospzi vettorili Definizione: Dto un insieme V non vuoto e un corpo K di sostegno si dice che V è un K-spzio vettorile o uno spzio vettorile su K se sono definite un operzione

Dettagli

Esercizi svolti Limiti. Prof. Chirizzi Marco.

Esercizi svolti Limiti. Prof. Chirizzi Marco. Cpitolo II Limiti delle funzioni di un vribile Esercizi svolti Limiti Prof. Chirizzi rco www.elettrone.ltervist.org 1) Verificre che risult: = Dobbimo provre che per ogni ε positivo, rbitrrimente piccolo,

Dettagli

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x Appunti elorti dll prof.ss Biondin Gldi Funzione integrle Si y = f() un funzione continu in un intervllo [; ] e si 0 [; ]; l integrle 0 f()d si definisce Funzione Integrle; si chim funzione integrle in

Dettagli

Serie di Potenze. Introduciamo il concetto di convergenza puntuale ed uniforme per successioni. { 0 se 1 < x < 1

Serie di Potenze. Introduciamo il concetto di convergenza puntuale ed uniforme per successioni. { 0 se 1 < x < 1 Serie di Potenze Introducimo il concetto di convergenz puntule ed uniforme per successioni di funzioni. Definizione 1 Si I un intervllo di R. Si dt l vrire di n N l funzione f n : I R. Dicimo che l successione

Dettagli

FUNZIONI CONTINUE A TRATTI E LORO INTEGRALI

FUNZIONI CONTINUE A TRATTI E LORO INTEGRALI FUNZIONI CONTINUE A TRATTI E LORO INTEGRALI Considerimo un funzione f : I R, dove I è un intervllo di R. Si c un punto interno I in cui f è discontinu. Diremo che c è un punto di discontinuità di prim

Dettagli

26/03/2012. Integrale Definito. Calcolo delle Aree. Appunti di analisi matematica: Il concetto d integrale nasce per risolvere due classi di problemi:

26/03/2012. Integrale Definito. Calcolo delle Aree. Appunti di analisi matematica: Il concetto d integrale nasce per risolvere due classi di problemi: ppunti di nlisi mtemtic: Integrle efinito Il concetto d integrle nsce per risolvere due clssi di prolemi: Integrle efinito lcolo delle ree di fig. delimitte d curve clcolo di volumi clcolo del lvoro di

Dettagli

Esponenziali e logaritmi

Esponenziali e logaritmi Esponenzili e ritmi ESPONENZIALI Potenze con esponente rele L potenz è definit: se > 0, per ogni R se 0, per tutti e soli gli R se < 0, per tutti e soli gli Z Sono definite: ( ) ( ) ( ) 7 7 Non sono definite:

Dettagli

SUGLI INSIEMI. 1.Insiemi e operazioni su di essi

SUGLI INSIEMI. 1.Insiemi e operazioni su di essi SUGLI INSIEMI 1.Insiemi e operzioni su di essi Il concetto di insieme è primitivo ed è sinonimo di clsse, totlità. Si A un insieme di elementi qulunque. Per indicre che è un elemento di A scriveremo A.

Dettagli

1 Integrali generalizzati su intervalli illimitati

1 Integrali generalizzati su intervalli illimitati Lezioni per il corso di Anlisi 2, AA 07-08. Dott.ss Sndr Lucente Argomento: Integrli generlizzti 1 1 Integrli generlizzti su intervlli ilitti Definizione 1.1. Si f : [,[ R un funzione continu. Se esiste

Dettagli

LEZIONE 20. è lineare. Per la commutatività del prodotto scalare segue anche la linearità dell applicazione

LEZIONE 20. è lineare. Per la commutatività del prodotto scalare segue anche la linearità dell applicazione LEZIONE 20 20.1. Prodotti sclri. Definizione 20.1.1. Si V uno spzio vettorile su R. Un prodotto sclre su V è un ppliczione tle che:, : V V R (v 1, v 2 ) v 1, v 2 (PS1) per ogni v 1, v 2 V si h v 1, v 2

Dettagli

Siano α(x), β(x) due funzioni continue in un intervallo [a, b] IR tali che. α(x) β(x).

Siano α(x), β(x) due funzioni continue in un intervallo [a, b] IR tali che. α(x) β(x). OMINI NORMALI. efinizione Sino α(), β() due funzioni continue in un intervllo [, b] IR tli che L insieme del pino (figur 5. pg. ) α() β(). = {(, ) [, b] IR : α() β()} si chim dominio normle rispetto ll

Dettagli

Pietro Baldi Successioni e serie di funzioni. 1 Convergenza puntuale

Pietro Baldi Successioni e serie di funzioni. 1 Convergenza puntuale Pietro Bldi Successioni e serie di funzioni Testi di riferimento: W. Rudin, Principi di Anlisi Mtemtic, McGrw-Hill Libri Itli; N. Fusco, P. Mrcellini, C. Sbordone, Anlisi Mtemtic Due, Liguori Editore;

Dettagli

Successioni di Funzioni e Serie di Potenze

Successioni di Funzioni e Serie di Potenze Successioni di Funzioni e Serie di Potenze 1 Successioni di Funzioni e Serie di Potenze 1 Successioni di Funzioni Nel corso di nlisi di bse si sono studite le successioni numeriche. Qui considerimo un

Dettagli

Erasmo Modica. : K K K

Erasmo Modica.  : K K K L insieme dei numeri reli L INSIEME DEI NUMERI REALI Ersmo Modic helthinsurnce@tin.it www.glois.it Per introdurre l insieme dei numeri reli si hnno disposizione diversi modi. Generlmente l iennio si preferisce

Dettagli

1 Equazioni e disequazioni di secondo grado

1 Equazioni e disequazioni di secondo grado UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA - Fcoltà di Frmci e Medicin - Corso di Lure in CTF 1 Equzioni e disequzioni di secondo grdo Sino 0, b e c tre numeri reli noti, risolvere un equzione di secondo

Dettagli

Integrali. all integrale definito all integrale indefinito. Integrali: riepilogo

Integrali. all integrale definito all integrale indefinito. Integrali: riepilogo Integrli ll integrle deinito ll integrle indeinito Indice dell lezione Integrle Deinito Rettngoloide Integrle deinito come re del rettngoloide Esempi e propriet Primitiv Teorem ondmentle del clcolo integrle

Dettagli

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma INTEGRALI IMPROPRI. Integrli impropri su intervlli itti Dt un funzione f() continu in [, b), ponimo ε f() = f() ε + qundo il ite esiste. Se tle ite esiste finito, l integrle improprio si dice convergente

Dettagli

Integrale definito. Introduzione: il problema delle aree

Integrale definito. Introduzione: il problema delle aree Integrle definito Introduzione: il prolem delle ree Il prolem delle ree è uno dei tre grndi prolemi che ci sono stti trmndti dgli ntichi, che lo definivno come il prolem dell qudrtur del cerchio: trovre,

Dettagli

II-8 Integrale di Riemann

II-8 Integrale di Riemann II-8 INTEGRALE DI RIEMANN DEFINIZIONE DI INTEGRALE DI RIEMANN II-8 Integrle di Riemnn Indice Definizione di integrle di Riemnn Condizioni di esistenz dell integrle di Riemnn 3 3 Proprietà dell integrle

Dettagli

Appunti di Analisi Matematica 1

Appunti di Analisi Matematica 1 Appunti di Anlisi Mtemtic 1 MASTER IN ECONOMIA DIGITALE & e-business Centro per lo studio dei sistemi complessi Università di Sien Mrzo 2005 Prof. Polo Nistri Un funzione (o ppliczione) tr due insiemi

Dettagli

Il volume del cilindro è dato dal prodotto della superficie di base per l altezza, quindi

Il volume del cilindro è dato dal prodotto della superficie di base per l altezza, quindi Mtemtic per l nuov mturità scientific A. Bernrdo M. Pedone 3 Questionrio Quesito 1 Provre che un sfer è equivlente i /3 del cilindro circoscritto. r 4 3 Il volume dell sfer è 3 r Il volume del cilindro

Dettagli

Integrali curvilinei (integrali di densità) Federico Lastaria, Analisi e Geometria 1. Politecnico di Milano Corso di Analisi e Geometria 1

Integrali curvilinei (integrali di densità) Federico Lastaria, Analisi e Geometria 1. Politecnico di Milano Corso di Analisi e Geometria 1 Politecnico di Milno orso di Anlisi e Geometri 1 Federico Lstri federico.lstri@polimi.it Integrli curvilinei di prim specie (integrli di densità) 15 Dicembre 215 Indice 1 Integrli di line di prim specie

Dettagli

Campi. Una funzione F di n variabili reali e a valori in R n è detta campo di vettori. Nel seguito considereremo F : A R n con A aperto di R n.

Campi. Una funzione F di n variabili reali e a valori in R n è detta campo di vettori. Nel seguito considereremo F : A R n con A aperto di R n. Cmpi Ultimo ggiornmento: 18 febbrio 217 Un funzione F di n vribili reli e vlori in R n è dett cmpo di vettori. Nel seguito considereremo F : A R n con A perto di R n. 1. Integrli curvilinei di second specie

Dettagli

1 Definizione di integrale di Riemann 1. 2 Condizioni di esistenza dell integrale di Riemann 3. 3 Proprietà dell integrale di Riemann 4

1 Definizione di integrale di Riemann 1. 2 Condizioni di esistenza dell integrale di Riemann 3. 3 Proprietà dell integrale di Riemann 4 DEFINIZIONE DI INTEGRALE DI RIEMANN Integrle di Riemnn Indice Definizione di integrle di Riemnn Condizioni di esistenz dell integrle di Riemnn 3 3 Proprietà dell integrle di Riemnn 4 4 Clcolo dell integrle

Dettagli

2 x = 64 (1) L esponente (x) a cui elevare la base (2) per ottenere il numero 64 è detto logaritmo (logaritmo in base 2 di 64), indicato così:

2 x = 64 (1) L esponente (x) a cui elevare la base (2) per ottenere il numero 64 è detto logaritmo (logaritmo in base 2 di 64), indicato così: Considerimo il seguente problem: si vuole trovre il numero rele tle che: = () L esponente () cui elevre l bse () per ottenere il numero è detto ritmo (ritmo in bse di ), indicto così: In prticolre in questo

Dettagli

INTEGRAZIONE NUMERICA

INTEGRAZIONE NUMERICA INTEGRAZIONE NUMERICA Frncesc Pelosi Diprtimento di Mtemtic, Università di Rom Tor Vergt CALCOLO NUMERICO.. 008 009 http://www.mt.unirom.it/ pelosi/ INTEGRAZIONE NUMERICA p.1/0 INTEGRAZIONE NUMERICA Dt

Dettagli

1 Espressioni polinomiali

1 Espressioni polinomiali 1 Espressioni polinomili Un monomio è un espressione letterle in un vribile x che contiene un potenz inter (non negtiv, cioè mggiori o uguli zero) di x moltiplict per un numero rele: x n AD ESEMPIO: sono

Dettagli

Calcolo integrale per funzioni di una variabile

Calcolo integrale per funzioni di una variabile Cpitolo 10 Clcolo integrle per funzioni di un vribile 10.1 Funzioni primitive Abbimo studito il problem di dedurre d un dt funzione l su derivt. Voglimo or occuprci del problem inverso: dt un funzione

Dettagli

PNI SESSIONE SUPPLETIVA QUESITO 1

PNI SESSIONE SUPPLETIVA QUESITO 1 www.mtefili.it PNI 2005 - SESSIONE SUPPLETIVA QUESITO È dto un trpezio rettngolo, in cui le bisettrici degli ngoli dicenti l lto obliquo si intersecno in un punto del lto perpendicolre lle bsi. Dimostrre

Dettagli

Micol Amr ANALISI MATEMATICA I - 999/000 rispettivmente, hnno entrmbe come sostegno l circonferenz unitri di centro l'origine, m sono due curve distin

Micol Amr ANALISI MATEMATICA I - 999/000 rispettivmente, hnno entrmbe come sostegno l circonferenz unitri di centro l'origine, m sono due curve distin CURVE IN IR N. Denizione e prime propriet. Si I un intervllo contenuto in IR. Dt un N-pl di funzioni f i : I! IR, i =;:::;N, indicheremo con f : I! IR N l funzione che d ogni punto x I ssoci l N-pl fx)

Dettagli

Integrale Definito. Appunti di analisi matematica: Il concetto d integrale nasce per risolvere due classi di problemi: Integrale Definito

Integrale Definito. Appunti di analisi matematica: Il concetto d integrale nasce per risolvere due classi di problemi: Integrale Definito Appunti di nlisi mtemtic: Integrle Deinito Il concetto d integrle nsce per risolvere due clssi di prolemi: Integrle Deinito Clcolo delle ree di ig. delimitte d curve clcolo di volumi clcolo del lvoro di

Dettagli

Scheda Sei ESPONENZIALI E LOGARITMI. 0,+. Inoltre valgono le

Scheda Sei ESPONENZIALI E LOGARITMI. 0,+. Inoltre valgono le Sched Sei ESPONENZIALI E LOGARITMI L funzione esponenzile Assegnto un numero rele >0, si dice funzione esponenzile in bse l funzione Grfici dell funzione esponenzile Se = l funzione esponenzile è costnte:

Dettagli

8. Prodotto scalare, Spazi Euclidei.

8. Prodotto scalare, Spazi Euclidei. 8. Prodotto sclre, Spzi Euclidei. Ricordimo l definizione di prodotto sclre di due vettori del pino VO 2 (vle in modo del tutto nlogo nche in VO 3 ). Definizione: Sino v, w VO 2 e si θ l ngolo convesso

Dettagli

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n.

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n. AUTOVALORI ED AUTOVETTORI Si V uno spzio vettorile di dimensione finit n. Dicesi endomorfismo di V ogni ppliczione linere f : V V dello spzio vettorile in sé. Se f è un endomorfismo di V in V, considert

Dettagli

2. Teoremi per eseguire operazioni con i limiti in forma determinata

2. Teoremi per eseguire operazioni con i limiti in forma determinata . Teoremi per eseguire operzioni con i iti in form determint Vedimo dunque i teoremi che consentono il clcolo dei iti, ttrverso i quli si riconducono le situzioni rticolte semplici operzioni lgebriche

Dettagli

In questo capitolo svilupperemo la teoria dell integrazione secondo Riemann per funzioni di una variabile reale.

In questo capitolo svilupperemo la teoria dell integrazione secondo Riemann per funzioni di una variabile reale. Cpitolo 1 Integrle di Riemnn In questo cpitolo svilupperemo l teori dell integrzione secondo Riemnn per funzioni di un vribile rele. 1.1 Motivzioni Considerimo i seguenti problemi. 1. Clcolo di un re.

Dettagli

FUNZIONI IPERBOLICHE

FUNZIONI IPERBOLICHE FUNZIONI IPERBOLICHE Umberto Mrconi Diprtimento di Mtemtic Pur e Applict Pdov Premess Si [, [, fissto. Voglimo cpire cos signific: w dw perché l funzione integrnd è illimitt. Se considerimo, per b [, [,

Dettagli

ESPONENZIALI E LOGARITMI

ESPONENZIALI E LOGARITMI ESPONENZIALI E LOGARITMI RICHIAMI DI TEORIA dom f Im f grfico Funzioni esponenzili y=^ con > Funzioni esponenzili y=^ con

Dettagli

Sessione Suppletiv PNI 006 Sessione Suppletiv PNI 006 Sessione Suppletiv PNI 006 PROBLEMA ) L prbol di equzione V ' (0,0). y h sse di simmetri prllelo ll sse delle ordinte e vertice in L prbol di equzione

Dettagli

INTEGRALI IMPROPRI. c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 16/17 Integrali impropri cap10.pdf 1

INTEGRALI IMPROPRI. c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 16/17 Integrali impropri cap10.pdf 1 INTEGRALI IMPROPRI c Pol Gervsio - Anlisi Mtemtic - A.A. 6/7 Integrli impropri cp.pdf Abbimo visto che l integrle di Riemnn è definito per funzioni limitte e su intervlli limitti. Si or I R un intervllo

Dettagli

dr Valerio Curcio Le affinità omologiche Le affinità omologiche

dr Valerio Curcio Le affinità omologiche Le affinità omologiche 1 Le ffinità omologiche 2 Tringoli omologici: Due tringoli si dicono omologici se le rette congiungenti i punti omologhi dei due tringoli si incontrno in un medesimo punto. Principio dei tringoli omologici

Dettagli

Si noti che da questa definizione segue che il punto C è il punto medio del segmento PP'. Figura 1

Si noti che da questa definizione segue che il punto C è il punto medio del segmento PP'. Figura 1 APITOLO 3 LE SIMMETRIE 3. Richimi di teori Definizione. Si dto un punto del pino; si chim simmetri centrle di centro (che si indic con il simbolo s ) l corrispondenz dl pino in sé che d ogni punto P del

Dettagli

Lezione 16 Derivate ed Integrali

Lezione 16 Derivate ed Integrali Lezione 16 Derivte ed Integrli Frnk Sullivn 1 Dicembre 11 1 Prim Or Compiti di letture ed esercizi per 3 Dicembre Durnte l lezione di oggi pplicheremo le regole per differenzire funzioni l clcolo di integrli.

Dettagli

TEORIA ELEMENTARE DEL PROBLEMA DI CAUCHY

TEORIA ELEMENTARE DEL PROBLEMA DI CAUCHY TEORIA ELEMENTARE DEL PROBLEMA DI CAUCHY DANIELE ANDREUCCI DIP. METODI E MODELLI, UNIVERSITÀ LA SAPIENZA VIA A.SCARPA 16, 00161 ROMA, ITALY ndreucci@dmmm.unirom1.it 1. Notzione fondmentle e prime definizioni

Dettagli

INTERVALLI NELL INSIEME R

INTERVALLI NELL INSIEME R INTEVALLI NELL INSIEME Lo studio dell topologi (1) (dl greco "nlysis situs" ossi "studio del luogo") dell'insieme è di fondmentle importnz per gli rgomenti e i prolemi di nlisi infinitesimle. Il "luogo"

Dettagli

Equazioni 1 grado. Definizioni Classificazione Risoluzione Esercizi

Equazioni 1 grado. Definizioni Classificazione Risoluzione Esercizi Equzioni grdo Definizioni Clssificzione Risoluzione Esercizi Mteri: Mtemtic Autore: Mrio De Leo Definizioni Prendimo in esme le due espressioni numeriche 8 entrmbe sono uguli 7, e l scrittur si chim uguglinz

Dettagli

Analisi e Geometria 1

Analisi e Geometria 1 Anlisi e Geometri Esercizi sugli integrli Integrli propri. Clcolre i seguenti integrli immediti: I = I = I 5 = ln e e d I = e + e + 6e + e d I = rtg ln ( + ln ) d I 6 = e e + d d rtg + ( + ) ( + ( + )

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione straordinaria

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione straordinaria ESAME DI STAT DI LICE SCIENTIFIC CRS DI RDINAMENT 00 Sessione strordinri Il cndidto risolv uno dei due problemi e 5 dei 0 quesiti in cui si rticol il questionrio. PRBLEMA Con riferimento un sistem monometrico

Dettagli

5. Funzioni elementari trascendenti

5. Funzioni elementari trascendenti ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 5. Funzioni elementri trscendenti A. A. 2013-2014 1 FUNZIONI ESPONENZIALI Le più semplici funzioni esponenzili sono le funzioni f: R R definite

Dettagli

Maturità scientifica, corso di ordinamento, sessione ordinaria 2000-2001

Maturità scientifica, corso di ordinamento, sessione ordinaria 2000-2001 Mtemtic per l nuov mturità scientific A. Bernrdo M. Pedone Mturità scientific, corso di ordinmento, sessione ordinri 000-001 PROBLEMA 1 Si consideri l seguente relzione tr le vribili reli x, y: 1 1 1 +

Dettagli

Integrale Definito. Appunti di analisi matematica: Il concetto d integrale nasce per risolvere due classi di problemi: Integrale Definito

Integrale Definito. Appunti di analisi matematica: Il concetto d integrale nasce per risolvere due classi di problemi: Integrale Definito Appunti di nlisi mtemtic: Integrle Deinito Il concetto d integrle nsce per risolvere due clssi di prolemi: Integrle Deinito Clcolo delle ree di ig. delimitte d curve clcolo di volumi clcolo del lvoro di

Dettagli

Prima parte (Argomenti di Analisi Matematica 1)

Prima parte (Argomenti di Analisi Matematica 1) Registro delle lezioni del corso di Anlisi Mtemtic 2 Università di Firenze - Fcoltà di Ingegneri Corso di Lure in Ingegneri Meccnic M Z.. 20/202 - Prof. M.Ptrizi Per Prim prte (Argomenti di Anlisi Mtemtic

Dettagli

Ing. Alessandro Pochì

Ing. Alessandro Pochì Dispense di Mtemtic clsse quint -Gli integrli Quest oper è distriuit con: Licenz Cretive Commons Attriuzione - Non commercile - Non opere derivte. Itli Ing. Alessndro Pochì Appunti di lezione svolti ll

Dettagli

Liceo Scientifico Sperimentale anno 2002-2003 Problema 1 Bernardo Pedone. ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE PNI anno 2002-2003

Liceo Scientifico Sperimentale anno 2002-2003 Problema 1 Bernardo Pedone. ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE PNI anno 2002-2003 Liceo Scientifico Sperimentle nno - Problem Bernrdo Pedone ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE PNI nno - PROBLEMA Nel pino sono dti: il cerchio γ di dimetro OA =, l rett t tngente γ

Dettagli

TEST DI MATEMATICA. Funzioni in una, Funzioni in due variabili Integrali Equazioni differenziali. 1) Il valore del limite seguente. e e. e 1.

TEST DI MATEMATICA. Funzioni in una, Funzioni in due variabili Integrali Equazioni differenziali. 1) Il valore del limite seguente. e e. e 1. TEST DI MATEMATICA Funzioni in un, Funzioni in due vriili Integrli Equzioni differenzili ) Il vlore del limite seguente e e e lim è ) Il vlore del limite seguente 5 lim 5 è : ) L derivt prim dell funzione

Dettagli

1. Elementi di analisi funzionale Esercizi

1. Elementi di analisi funzionale Esercizi . Elementi di nlisi funzionle Esercizi http://www.cirm.unibo.it/~brozzi/mi/pdf/mi-cp.-ese.pdf.. Spzi vettorili.. Spzi vettorili normti.-. Dimostrre l diseguglinz tringolre in C n reltivmente ll norm (

Dettagli

I Teoremi di Green, della divergenza (o di Gauss) e di Stokes

I Teoremi di Green, della divergenza (o di Gauss) e di Stokes I Teoremi di Green, dell divergenz o di Guss e di Stokes In R Si un sottoinsieme limitto di R semplice rispetto d entrmbi gli ssi crtesini con costituit dll unione di un numero finito di sostegni di curve

Dettagli

B8. Equazioni di secondo grado

B8. Equazioni di secondo grado B8. Equzioni di secondo grdo B8.1 Legge di nnullmento del prodotto Spendo che b0 si può dedurre che 0 oppure b0. Quest è l legge di nnullmento del prodotto. Pertnto spendo che (-1) (+)0 llor dovrà vlere

Dettagli

Unità 3 Metodi particolari per il calcolo di reti

Unità 3 Metodi particolari per il calcolo di reti Unità 3 Metodi prticolri per il clcolo di reti 1 Cos c è nell unità Metodi prticolri per il clcolo di reti con un solo genertore Prtitore di tensione Prtitore di corrente Metodi di clcolo di reti con più

Dettagli

Integrazione numerica. I(f) := Non sempre si riesce a trovare la forma esplicita della primitiva.

Integrazione numerica. I(f) := Non sempre si riesce a trovare la forma esplicita della primitiva. Approssimzione numeric di: Motivzioni. Integrzione numeric I(f) = f(x)dx. Non sempre si riesce trovre l form esplicit dell primitiv. Vlutzione costos dell primitiv. L funzione d integrre può essere dt

Dettagli

Esponenziali e logaritmi

Esponenziali e logaritmi Teori in sintesi ESPONENZIALI Potenze con esponente rele Esponenzili e ritmi L potenz è definit: se, per ogni R se, per tutti e soli gli R se, per tutti e soli gli Z. Sono definite: 7 7. Non sono definite:.

Dettagli

1 Integrali impropri di funzioni continue

1 Integrali impropri di funzioni continue ntegrli impropri di funzioni continue. ntegrli impropri su intervlli semiperti Definizione Dt un funzione continu f : [, b) R, con b +, si dice che f è integrbile se esiste finito il t b f(x) dx ed in

Dettagli

Richiami sui vettori. A.1 Segmenti orientati e vettori

Richiami sui vettori. A.1 Segmenti orientati e vettori A Richimi sui vettori Richimimo lcune definizioni e proprietà dei vettori, senz ssolutmente pretendere di drne un trttzione mtemticmente complet. Lvoreremo sempre in uno spzio crtesino (euclideo) tre dimensioni,

Dettagli

Teorema della Divergenza (di Gauss)

Teorema della Divergenza (di Gauss) eorem dell ivergenz (di Guss) i un dominio tridimensionle regolre, l cui frontier è un superficie chius orientt con cmpo normle unitrionˆ uscente d. e F(,,z) F (,,z) i F (,,z) j F (,,z) k è un cmpo vettorile

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione ordinaria

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione ordinaria ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO Sessione ordinri Il cndidto risolv uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si rticol il questionrio. PROBLEMA In un pino, riferito d un sistem

Dettagli

Il dominio della funzione, cioè l'insieme dei valori che si possono attribuire a x è tutto R ;

Il dominio della funzione, cioè l'insieme dei valori che si possono attribuire a x è tutto R ; CAPITOLO ESPONENZIALI E LOGARITMI ESPONENZIALI Teori in sintesi Potenze con esponente rele L potenz è definit: se > 0, per ogni R se 0, per tutti e soli gli R se < 0, per tutti e soli gli Z. + Sono definite:

Dettagli

Esponenziali e logaritmi

Esponenziali e logaritmi Prof Emnuele ANDRISANI Teori in sintesi ESPONENZIALI Potenze con esponente rele L potenz è definit: se 0, per ogni R se 0, per tutti e soli gli R se 0, per tutti e soli gli Z Esponenzili e ritmi Sono definite:

Dettagli

{ 1, 2,3, 4,5,6,7,8,9,10,11,12, }

{ 1, 2,3, 4,5,6,7,8,9,10,11,12, } Lezione 01 Aritmetic Pgin 1 di 1 I numeri nturli I numeri nturli sono: 0,1,,,4,5,6,7,8,,10,11,1, L insieme dei numeri nturli viene indicto col simbolo. } { 0,1,,, 4,5,6,7,8,,10,11,1, } L insieme dei numeri

Dettagli

Complementi sull integrazione

Complementi sull integrazione Complementi sull integrzione ( cur di L. Pisni) C.d.L. in Mtemtic Università degli Studi di Bri A.A. 2003/04 Indice Riepilogo dell teori. Integrle di Riemnn........................... Continuità rispetto

Dettagli

Equazioni parametriche di primo grado

Equazioni parametriche di primo grado Polo Sivigli Equzioni prmetriche di primo grdo Premess Come si s dll lgebr elementre, si chim equzione un uguglinz fr due espressioni letterli che si verific soltnto ttribuendo prticolri vlori lle lettere,

Dettagli

Formulario di Analisi Matematica 1

Formulario di Analisi Matematica 1 Formulrio di Anlisi Mtemtic Indice degli rgomenti Punti interni, isolti, di ccumulzione e di frontier Alcune costnti Proprietà delle potenze Proprietà degli esponenzili Proprietà dei logritmi Proprietà

Dettagli

Funzioni a variazione limitata

Funzioni a variazione limitata Cpitolo 1 Funzioni vrizione limitt 1.1 Il problem delle primitive di funzioni L 1 Il problem dell ricerc delle primitive di un ssegnt funzione f : I R con I = [, b] intervllo limitto, cioè le soluzioni

Dettagli

Esercizi su spazi ed operatori lineari

Esercizi su spazi ed operatori lineari Esercizi su spzi ed opertori lineri Corso di Fisic Mtemtic 2,.. 2013-2014 Diprtimento di Mtemtic, Università di Milno 23 Ottobre 2013 1 Spzio L 2 Esercizio 1. Per = 0, b = 1, dire quli delle seguenti funzioni

Dettagli

Minimi quadrati e problemi di distanza minima

Minimi quadrati e problemi di distanza minima Minimi qudrti e problemi di distnz minim Considerimo un mtrice rettngolre B, con elementi b ij, i 1,..., n, j 1,..., m, con m < n (quindi, più righe che colonne. Voglimo risolvere il sistem linere (1 Bx

Dettagli