DISPENSE DI ANALISI MATEMATICA. Indice

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DISPENSE DI ANALISI MATEMATICA. Indice"

Transcript

1 DISPENSE DI ANALISI MATEMATICA ANNAMARIA MONTANARI Indice. Integrle di Riemnn.. Proprietà elementri dell integrle di Riemnn 5.2. Teorem fondmentle del clcolo integrle. Primitive 6.3. Integrle generlizzto secondo Riemnn 0 2. Serie numeriche 2.. Serie termini non negtivi Serie lternte 5 3. Appendice: Alfbeto greco 7 Indice nlitico 8 Riferimenti bibliogrfici 9. Integrle di Riemnn Definizione.. Un prtizione dell intervllo chiuso e limitto [, b] è un insieme ordinto P = {x 0,..., x n } costituito d n+ punti tli che x 0 = < x <... x n < x n = b. Definizione.2. Si f : [, b] R un funzione limitt. Definimo somm inferiore di f reltiv ll prtizione P ( s(f, P ) = k= inf f [x k,x k ] ) (x k x k ) Dte: Mggio, 200.

2 DISPENSE DI ANALISI MATEMATICA 2 Definimo somm superiore di f reltiv ll prtizione P ( ) S(f, P ) = sup f (x k x k ) [x k,x k ] k= Se l funzione f è positiv in [, b] il significto geometrico di s(f, P ) e di S(f, P ) è quello di somm delle ree dei rettngoli inscritti e circoscritti nel sottogrfico di f, rispettivmente. Osservimo che per ogni prtizione P di [, b] vle sempre s(f, P ) S(f, P ). Inoltre è intuitivo riconoscere che umentndo i punti dell prtizione l somm inferiore ument e l somm superiore diminuisce. prtizione di [, b], si h s(f, P ) s(f, R) S(f, R) S(f, P ) Più in generle llor vle il seguente risultto Pertnto, se P R con R Lemm.. Per ogni P, Q prtizioni di [, b], posto R = P Q, si h ( ) ( ) inf f [,b] (b ) s(f, P ) s(f, R) S(f, R) S(f, Q) sup f [,b] (b ). Pertnto gli insiemi {s(f, P ), P prtizione di [, b]} e {S(f, P ), P prtizione di [, b]} sono seprti. Inoltre sono inferiormente e superiormente limitti. Definizione.3. Definimo integrle inferiore di f su [, b] il numero rele s(f) = sup{s(f, P ), P prtizione di [, b]} Definimo integrle superiore di f su [, b] il numero rele In generle vle sempre S(f) = inf{s(f, P ), P prtizione di [, b]} s(f) S(f).

3 DISPENSE DI ANALISI MATEMATICA 3 Definizione.4. Dicimo che l funzione limitt f è integrbile secondo Riemnn su [, b] se s(f) = S(f) e in tl cso chimimo questo numero rele integrle di estremi e b di f e scrivimo f(x)dx = S(f) = s(f) Indichimo con R([, b]) l insieme delle funzioni integrbili secondo Riemnn sull intervllo [, b]. Il seguente teorem fornisce un crtterizzzione delle funzioni integrbili secondo Riemnn su un intervllo [, b]. Teorem.. f R([, b]) se e solo se ɛ > 0 esiste un prtizione P tle che S(f, P ) s(f, P ) < ɛ Dimostrzione. Si f R([, b]). Per definizione S(f) = s(f). Inoltre per l crtterizzzione dell estremo superiore e dell estremo inferiore si h che per ogni ɛ > 0 esistono due prtizioni P e P 2 tli che s(f) ɛ/2 < s(f, P ), S(f) + ɛ/2 > S(f, P 2 ). Si or P = P P 2 si h 0 S(f, P ) s(f, P ) S(f, P 2 ) s(f, P ) < S(f) + ɛ/2 (s(f) ɛ/2) = ɛ. Vicevers, se ɛ > 0 esiste un prtizione P tle che S(f, P ) s(f, P ) < ɛ llor 0 S(f) s(f) S(f, P ) s(f, P ) < ɛ e d questo segue che S(f) = s(f). Inftti, se S(f) > s(f) potremmo scegliere ɛ = S(f) s(f) 2 ottenendo un ssurdo nell disuguglinz precedente.

4 DISPENSE DI ANALISI MATEMATICA 4 Corollrio.. Si P n = {x k = + k (b ), k = 0,,..., n} l prtizione di [, b] n costituit d n + punti di ugul distnz x k x k = b. Allor f R([, b]) se n e solo se lim (S(f, P b n) s(f, P n )) = lim n n n ( k= sup f [x k,x k ] inf f [x k,x k ] Vedimo or lcune condizioni sufficienti perchè un funzione limitt si integrbile secondo Riemnn sull intervllo [, b]. ) = 0 Proposizione.. Se f è monoton e limitt su [, b] llor f R([, b]) Dimostrzione. Supponimo f monoton crescente, llor b lim n n ( k= sup f [x k,x k ] inf f [x k,x k ] Anlogmente, se f monoton decrescente, llor b lim n n ( k= sup f [x k,x k ] inf f [x k,x k ] ) ) = lim n b n (f(x k ) f(x k )) k= = lim n b n (f(x n) f(x 0 )) = 0 = lim n b n (f(x k ) f(x k )) k= = lim n b n (f(x 0) f(x n )) = 0 Proposizione.2. Se f C([, b]) llor f R([, b]) Dimostrzione. Per il Teorem di Cntor (che qui non dimostrimo) vle l seguente condizione di uniforme continuità per f C([, b]) : ɛ > 0 esiste un δ > 0 tle che x, y [, b], tli che x y < δ si h f(x) f(y) < ɛ.

5 DISPENSE DI ANALISI MATEMATICA 5 M llor scelgo n tle che b < δ ed ottengo n ( ) b sup f inf n f [x k,x k ] [x k,x k ] b n k= b n k= sup [x k,x k ] ɛ = (b )ɛ k= f inf f [x k,x k ] Definizione.5. Dicimo che f è continu trtti su [, b] se h l più un numero finito di discontinuità di prim specie. Proposizione.3. Se f è limitt e continu trtti su [, b] llor f R([, b]).. Proprietà elementri dell integrle di Riemnn. Elenchimo or lcune proprietà elementri dell integrle di Riemnn che si dimostrno utilizzndo l definizione. Proposizione.4 (Additività rispetto ll intervllo). Si f R([, b]). Allor per ogni c [, b] f(x)dx = c f(x)dx + c f(x)dx Proposizione.5 (linerità). Sino f, g R([, b]). Allor f + g R([, b]) e per ogni c R, cf R([, b]). Inoltre (f + g)(x)dx = f(x)dx + g(x)dx, Se < b, convenimo di porre d cui segue f(x)dx = b f(x)dx = 0 f(x)dx, (cf)(x)dx = c f(x)dx Proposizione.6 (Teoremi del confronto). Sino f, g R([, b]). Se f 0 llor f(x)dx 0.

6 DISPENSE DI ANALISI MATEMATICA 6 Se f g llor f(x)dx g(x)dx. Se f R([, b]), poichè f f f si h sempre f(x)dx f(x) dx..2. Teorem fondmentle del clcolo integrle. Primitive. Il risultto che segue srà utile nell prov del teorem fondmentle del clcolo integrle Teorem.2 (Teorem dell medi integrle). Si f C([, b]). Allor esiste c [, b] tle che f(c) = f(x)dx b Il termine destr dell uguglinz si chim medi integrle di f ed è l nlogo nel continuo dell medi ritmetic. Dimostrzione. f R([, b]) pertnto si λ = R b f(x)dx b. Per il Teorem di Weierstss m = min [,b] f f(x) mx [,b] f = M e per il precedente Teorem del confronto m = min [,b] f λ mx [,b] f = M. Per il teorem dei vlori intermedi per le funzioni continue possimo concludere che esiste un c [, b] tle che f(c) = λ [m, M]. Il seguente teorem ci fornisce un metodo diretto per il clcolo esplicito di integrli di funzioni continue. Teorem.3 (Teorem fondmentle del clcolo integrle). Si f C([, b]). Allor l funzione integrle () F (x) = x f(t)dt è derivbile in ogni punto di [, b] e F (x) = f(x) per ogni x [, b]

7 DISPENSE DI ANALISI MATEMATICA 7 Dimostrzione. Fccimo il rpporto incrementle per l funzione integrle F nel punto x e usimo l ddittività dell integrle rispetto ll intervllo e il teorem dell medi integrle F (x + h) F (x) h = = x+h x+h x f(t)dt x f(t)dt h f(t)dt h = f(x h ) per un opportuno x h [x, x + h]. Si h lim h 0 x h = x e siccome f è continu lim h 0 f(x h ) = f(x). M llor pssndo l limite per h 0 nell precedente uguglinz si ottiene che esiste F (x) = f(x) per ogni x [, b]. Definizione.6. Un funzione G si dice un primitiv di f se G è derivbile in [, b] e se G (x) = f(x) per ogni x [, b]. Osservzione.. L funzione integrle definit in () è un primitiv di f C([, b]). Inoltre, se G è un ltr primitiv di f llor esiste un costnte c R tle che G(x) = F (x) + c per ogni x [, b]. Inftti deve essere G (x) F (x) 0 e pertnto l funzione F G deve essere costnte su [.b] Abbimo llor l seguente formul Teorem.4 (Formul fondmentle del clcolo integrle). Si f C([, b]) e si G un primitiv di f in [, b]. Allor f(x)dx = [G(x)] b := G(b) G() Dimostrzione. Si F l funzione integrle definit in (). Si h f(t)dt = F (b) F ().

8 DISPENSE DI ANALISI MATEMATICA 8 Si or G un ltr primitiv di f. Per l osservzione. esiste un costnte c R tle che F (x) = G(x) + c per ogni x [, b]. Allor f(t)dt = F (b) F () = (G(b) + c) (G() + c) = G(b) G(). Dll formul fondmentle del clcolo integrle segue che, se conosco G un primitiv di f llor posso clcolre l integrle di f semplicemente vlutndo G gli estremi dell intervllo. Vedimo or lcuni metodi che sono utili nel clcolo di integrli di funzioni di cui non si conosce un primitiv. Teorem.5 (Integrzione per prti). Sino f, g C ([, b]). Allor f (x)g(x)dx = [f(x)g(x)] b f(x)g (x)dx Dimostrzione. Dll formul di derivzione di un prodotto (fg) = f g + g f e dl teorem fondmentle del clcolo integrle segue che [fg] b = (fg) (x)dx = f (x)g(x)dx + g (x)f(x)dx. Esempio.. Il teorem di integrzione per prti è utile per clcolre integrli del seguente tipo: p(x) cos xdx, p(x) sin xdx, p(x) exp xdx, dove p(x) è un polinomio in x, perchè permette di bbssre il grdo del polinomio p. È inoltre utile nel clcolo di integrli notevoli del tipo cos 2 xdx, sin 2 xdx.

9 DISPENSE DI ANALISI MATEMATICA 9 Ad esempio A = cos 2 xdx = =[cos x sin x] b =[cos x sin x] b + =[cos x sin x] b + =[cos x sin x + x] b A cos x(sin x) dx (cos x) sin xdx sin 2 xdx ( cos 2 x)dx d cui ottenimo 2A = [cos x sin x + x] b e pertnto A = 2 [cos x sin x + x]b Teorem.6 (Del cmbimento di vribile). Si f C([, b]) e si φ : [α, β] [, b] un funzione iniettiv, suriettiv, di clsse C e tle che φ 0. Allor f(x)dx = φ (b) φ () f(φ(t))φ (t)dt Dimostrzione. Si F un primitiv di f. Allor F = f, e per l formul di derivzione dell composizione, F φ è un primitiv di (f φ)φ perchè (F φ) (t) = F (φ(t))φ (t) = f(φ(t))φ (t). Pertnto per l formul fondmentle del clcolo integrle φ (b) φ () f(φ(t))φ (t)dt = [F (φ(t)] φ (b) φ () = F (b) F () = f(x)dx. Esempio.2. Il teorem del cmbimento di vribile è utile nel clcolo di integrli del tipo + λ 2 x 2 dx,

10 DISPENSE DI ANALISI MATEMATICA 0 con λ 0. Inftti posto λx = t, x = φ(t) = t λ, φ (t) = λ + λ 2 x dx = λb 2 λ λ + t dt = [rctn 2 t]λb λ λ..3. Integrle generlizzto secondo Riemnn. In quest sezione considerimo funzioni definite su un intervllo illimitto del tipo [, + [ oppure funzioni non limitte definite su un intervllo limitto del tipo [, b]. Definizione.7. Si f : [, + [ R. Dicimo che f è integrbile in senso generlizzto secondo Riemnn sull intervllo [, + [ se f R([, M]) per ogni M > e se esiste, finito o infinito, il limite seguente In tl cso ponimo Esempio.3. + x dx = Si or p > rele + Se invece p < rele perchè p > M lim M + x dx = p x dx = p M lim f(x)dx. M + f(x)dx = x dx = lim M + M lim f(x)dx. M + lim [ln M + x ]M = lim ln M = + M + M M p = lim M + p lim M + M M p = lim M + p [ ] x p M x dx = lim p M + p = p [ ] x p M x dx = lim p M + p = +

11 DISPENSE DI ANALISI MATEMATICA Definizione.8. Si f : [0, b] non limitt in 0. Dicimo che f è integrbile in senso generlizzto secondo Riemnn sull intervllo [0, b] se f R([ε, b]) per ogni 0 < ε < b e se esiste, finito o infinito, il limite seguente In tl cso ponimo 0 lim ε 0 + ε f(x)dx = lim ε 0 + f(x)dx. ε f(x)dx. Esempio.4. dx = lim dx = lim 0 x ε 0 + ε x ε 0 +[ln x ] ε = lim ln ε = + ε 0 + Si or p > rele Se invece p < rele perchè p > [ ] x p dx = lim dx = lim xp ε 0 + ε xp ε 0 + p ε ε p = lim = + ε 0 + p dx = lim xp ε 0 + ε = lim ε 0 + ε p p [ ] x p dx = lim xp ε 0 + p ε = p 2. Serie numeriche Definizione 2.. Si ( n ) n N un successione di numeri reli. Definimo l successione delle somme przili n-esime S n = k = n. k= Se esiste, finito o infinito, il limite dell successione S n, ponimo lim S n = n. n n=

12 DISPENSE DI ANALISI MATEMATICA 2 Dicimo che l serie n= n è convergente se lim n S n = s R e in tl cso dicimo che s è l somm dell serie. Dicimo che l serie n= n è divergente se lim n S n = + (oppure lim n S n = ). In tl cso scriveremo n= n = + (rispettivmente n= n = ). Dicimo che l serie n= n è irregolre se non esiste lim n S n. Esempio 2.. L serie n= ( )n è irregolre perchè S 2n = 0, S 2n+ = e pertnto non esiste lim n S n. Teorem 2. (Condizione necessri per l convergenz di un serie). Se l serie n= n è convergente, llor lim n = 0. n Dimostrzione. Si lim n S n = s. Siccome per definizione S n = S n + n bbimo che n = S n S n n s s = 0 Osservzione 2.. L condizione necessri del Teorem precedente non è sufficiente, come mostr l esempio 2.3 L unic serie di cui si riesce clcolre fcilmente l somm è l serie geometric, ed è molto importnte perchè interviene in molti settori, d esempio in sttistic, in probbilità, in mtemtic finnziri, ecc. Esempio 2.2 (serie geometric). L serie geometric di rgione x R è x n. Se x = bbimo che S n = n + + e pertnto n=0 xn = +. n=0 Se x, moltiplichimo S n per ( x) e ottenimo ( x)s n = ( x)( + x + + x n ) = + x + + x n (x + + x n+ ) = x n+.

13 DISPENSE DI ANALISI MATEMATICA 3 Pertnto S n = xn+ x e pssndo l limite per n ottenimo i seguenti csi, se x < n=0 x n = x. se x > x n = +. n=0 se x l serie n=0 xn è irregolre 2.. Serie termini non negtivi. In quest sezione considerimo serie termini non negtivi, precismente n 0 per ogni n N. Teorem 2.2. Un serie termini non negtivi è divergente o convergente. Dimostrzione. L successione delle somme przili S n = S n + n S n è monoton crescente e pertnto h limite, finito o infinito. Per stbilire se un serie termini non negtivi è convergente o divergente è utile il seguente teorem del confronto Teorem 2.3. Teorem del confronto per le serie Si 0 n b n per ogni n N. Se n= n = + llor n= b n = +. Se n= b n < + llor n= n < +. Dimostrzione. Segue dl teorem del confronto per le successioni delle somme przili

14 DISPENSE DI ANALISI MATEMATICA 4 Esempio 2.3 (Serie Armonic). L serie n= n delle somme przili diverge, inftti S n = k = k k= k+ k= k k+ k= k dx = x dx = k= k n+ è divergente perchè l successione k+ k dx x dx n + Esempio 2.4 (Serie Armonic generlizzt). L serie n= p >, perchè l successione delle somme przili converge, inftti S n = k = + k k dx = + p k p k dx p k= + k=2 k k k=2 k x p dx = + k=2 n k x p dx n + n p + è convergente per dx < + xp Confrontndo un serie numeric termini non negtivi con l serie geometric è possibile dimostrre i seguenti criteri Teorem 2.4 (Criterio del rpporto). Si n 0. Se esiste n+ lim n n = l R {+ } se l <, l serie n= n è convergente se l >, l serie n= n è divergente se l =, il criterio è inefficce Teorem 2.5 (Criterio dell rdice). Si n 0. Se esiste lim n /n = l R {+ } n se l <, l serie n= n è convergente se l >, l serie n= n è divergente se l =, il criterio è inefficce Confrontndo un serie numeric termini non negtivi con l serie rmonic e con l serie rmonic generlizzt è possibile dimostrre il seguente criterio

15 DISPENSE DI ANALISI MATEMATICA 5 Teorem 2.6 (Criterio degli infinitesimi). Si n 0. Se esiste lim n np n = l R {+ } se p >, e l < +, l serie n= n è convergente se p, e l 0, l serie n= n è divergente 2.2. Serie lternte. Per le serie segno lterno i criteri dell precedente sezione sono inefficci. Vle invece il seguente Teorem 2.7 (Criterio di Leibnitz). Se n 0 è un successione monoton decrescente, tle che lim n 0 n = 0, llor ( ) n n < +. n= Dimostrzione. Si S n l successione delle somme przili. Per l monotoni di n si h S 2n+ = S 2n + 2n 2n+ S 2n, S 2n = S 2n 2 + 2n 2n S 2n 2 e siccome n 0 S S 2n S 2n+ = S 2n 2n+ S 2n S 2n 2 S 2 Pertnto S 2n è un successione monoton decrescente inferiormente limitt, e quindi esiste lim n S 2n = s, S 2n+ è un successione monoton crescente superiormente limitt, e quindi esiste lim n S 2n+ = σ. Inoltre deve essere s = σ perchè σ s = lim n (S 2n+ S 2n ) = lim n 2n+ = 0 Pertnto esiste finito il lim n S n e dunque l serie n= ( )n n è convergente. Esempio 2.5. Per ogni p > 0 l serie ( ) n n p n= è convergente perchè l successione n = n p per n. è monoton decrescente e tende zero

16 DISPENSE DI ANALISI MATEMATICA 6 Teorem 2.8 (Convergenz ssolut). Se n= n < + llor n < +. n= Dimostrzione. Siccome 0 n + n 2 n per ogni n N, per il criterio del confronto n + n < + n= Si llor n= ( n + n ) = α e indichimo con β = n= n. Si h k = ( k + k ) k n α β. k= k= Osservzione 2.2. L serie dell esempio 2.5 con p = è convergente, m non è ssolutmente convergente. Pertnto non vle il vicevers del Teorem 2.8. k=

17 DISPENSE DI ANALISI MATEMATICA 7 3. Appendice: Alfbeto greco α lph β bet γ gmm, Γ Gmm δ delt, Delt ɛ ε epsilon ζ zet η et θ ϑ thet, Θ Thet ι iot κ kpp λ lmbd, Λ Lmbd µ mu ν nu ξ xi, Ξ Xi o o π pi, Π Pi ρ ϱ rho σ ς sigm, Σ Sigm τ tu υ upsilon, Υ Upsilon φ ϕ phi, Φ Phi χ chi ψ psi, Ψ Psi ω omeg, Ω Omeg

18 Indice nlitico prtizione somm inferiore somm superiore 2 integrle inferiore 2 integrle superiore 2 funzione integrbile 3 Teorem dell medi integrle 6 Teorem fondmentle del clcolo integrle 6 Teorem fondmentle del clcolo integrle 6 funzione integrle 6 funzione primitiv 7 Formul fondmentle del clcolo integrle 7 Teorem di integrzione per prti 8 Teorem del cmbimento di vribile 9 funzione integrbile in senso generlizzto secondo Riemnn 0 funzione integrbile in senso generlizzto secondo Riemnn Serie numeriche successione delle somme przili serie convergente 2 serie divergente 2 serie irregolre 2 Condizione necessri per l convergenz di un serie 2 serie geometric 2 Serie termini non negtivi 3 teorem del confronto per le serie 3 criterio del rpporto per le serie 4 criterio dell rdice per le serie 4 criterio degli infinitesimi per le serie 5 criterio di Leibnitz per le serie 5 convergenz ssolut per le serie 5 8

19 DISPENSE DI ANALISI MATEMATICA 9 Riferimenti bibliogrfici [] E. Lnconelli. Lezioni di nlisi mtemtic. Bologn. Pitgor Editrice, 994. [2] P. Mrcellini, C. Sbordone. Elementi di nlisi mtemtic uno. Npoli. Liguori Editore, [3] P. Mrcellini, C. Sbordone. Esercitzioni di mtemtic, Vol, prte prim e second. Npoli. Liguori Editore, 995.

1 Integrale delle funzioni a scala

1 Integrale delle funzioni a scala INTEGRALE DELLE FUNZIONI DI UNA VARIABILE Teori di Riemnn 1 Integrle delle funzioni scl (1.1) Definizione Si dice suddivisione di un intervllo chiuso e limitto [, b] un sottoinsieme {,..., n } di [, b]

Dettagli

Capitolo 5. Integrali. 5.1 Integrali di funzioni a gradinata

Capitolo 5. Integrali. 5.1 Integrali di funzioni a gradinata Cpitolo 5 Integrli 5.1 Integrli di funzioni grdint Un concetto molto semplice m di fondmentle importnz per l trttzione dell integrle di Riemnn è quello di divisione di un intervllo [, b]. In sostnz si

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Civile ed Ambientale Prima prova scritta di Analisi Matematica 1 del 10/01/2011 A

Corso di Laurea in Ingegneria Civile ed Ambientale Prima prova scritta di Analisi Matematica 1 del 10/01/2011 A Prim prov scritt di Anlisi Mtemtic 1 del 10/01/2011 A (1) Fornire l definizione di funzione integrbile secondo Riemnn e di integrle di Riemnn. (2) Enuncire e dimostrre il Teorem di Rolle. (3) Dimostrre

Dettagli

Corso di Analisi Matematica. Calcolo integrale

Corso di Analisi Matematica. Calcolo integrale .. 2011/12 Lure triennle in Informtic Corso di Anlisi Mtemtic Clcolo integrle Avvertenz Questi sono ppunti informli delle lezioni, che vengono resi disponibili per comodità degli studenti. Prte del mterile

Dettagli

Corso di Analisi Matematica Calcolo integrale per funzioni di una variabile

Corso di Analisi Matematica Calcolo integrale per funzioni di una variabile Corso di Anlisi Mtemtic Clcolo integrle per funzioni di un vribile Lure in Informtic e Comuniczione Digitle A.A. 2013/2014 Università di Bri ICD (Bri) Anlisi Mtemtic 1 / 40 1 L integrle come limite di

Dettagli

INTEGRALI IMPROPRI. c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 16/17 Integrali impropri cap10.pdf 1

INTEGRALI IMPROPRI. c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 16/17 Integrali impropri cap10.pdf 1 INTEGRALI IMPROPRI c Pol Gervsio - Anlisi Mtemtic - A.A. 6/7 Integrli impropri cp.pdf Abbimo visto che l integrle di Riemnn è definito per funzioni limitte e su intervlli limitti. Si or I R un intervllo

Dettagli

Integrale Improprio. f(x) dx =: Osserviamo che questa definizione ha senso dal momento che per ogni y è ben definito l integrale b

Integrale Improprio. f(x) dx =: Osserviamo che questa definizione ha senso dal momento che per ogni y è ben definito l integrale b Integrle Improprio In queste lezioni riprendimo l teori dell integrzione in un vribile, l ide è di estendere l integrle definito nche in csi in cui l funzione integrnd o l intervllo di integrzione non

Dettagli

Matematica I, Funzione integrale

Matematica I, Funzione integrale Mtemtic I, 24.0.2. Funzione integrle Definizione Sino f : A R, funzione continu su A intervllo, e c in A. L funzione che ssoci d ogni in A l integrle di f sull intervllo [c, ], viene dett funzione integrle

Dettagli

Integrali dipendenti da un parametro e derivazione sotto il segno di integrale.

Integrali dipendenti da un parametro e derivazione sotto il segno di integrale. 1 Integrli dipendenti d un prmetro e derivzione sotto il segno di integrle. Considerimo l funzione f(x, t) : A [, b] R definit nel rettngolo A [, b], essendo A un sottoinsieme perto di R e [, b] un intervllo

Dettagli

INTEGRALI IMPROPRI. c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 17/18 Integrali impropri cap10.pdf 1

INTEGRALI IMPROPRI. c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 17/18 Integrali impropri cap10.pdf 1 INTEGRALI IMPROPRI c Pol Gervsio - Anlisi Mtemtic - A.A. 7/8 Integrli impropri cp.pdf Abbimo visto che l integrle di Riemnn è definito per funzioni limitte e su intervlli limitti. Si or I R un intervllo

Dettagli

1 b a. f(x) dx. Osservazione 1.2. Se indichiamo con µ il valore medio di f su [a, b], abbiamo che. f(x) dx = µ(b a) =

1 b a. f(x) dx. Osservazione 1.2. Se indichiamo con µ il valore medio di f su [a, b], abbiamo che. f(x) dx = µ(b a) = Note ed esercizi di Anlisi Mtemtic - (Fosci) Ingegneri dell Informzione - 28-29. Lezione del 7 novembre 28. Questi esercizi sono reperibili dll pgin web del corso ttp://utenti.unife.it/dmino.fosci/didttic/mii89.tml

Dettagli

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma INTEGRALI IMPROPRI. Integrli impropri su intervlli itti Dt un funzione f() continu in [, b), ponimo ε f() = f() ε + qundo il ite esiste. Se tle ite esiste finito, l integrle improprio si dice convergente

Dettagli

Integrali. Il concetto di integrale nasce per risolvere due classi di problemi:

Integrali. Il concetto di integrale nasce per risolvere due classi di problemi: Integrli Il concetto di integrle nsce per risolvere due clssi di problemi: clcolo delle ree di figure delimitte d curve, clcolo di volumi, clcolo del lvoro di un forz, clcolo dello spzio percorso,... integrle

Dettagli

Integrali. Il concetto di integrale nasce per risolvere due classi di problemi:

Integrali. Il concetto di integrale nasce per risolvere due classi di problemi: Integrli Il concetto di integrle nsce per risolvere due clssi di problemi: clcolo delle ree di figure delimitte d curve, clcolo di volumi, clcolo del lvoro di un forz, clcolo dello spzio percorso,... integrle

Dettagli

Osserviamo che per trovare le costanti A e B possiamo anche ragionare così: se moltiplichiamo l equazione x + 1 (x + 2)(x + 3) = A.

Osserviamo che per trovare le costanti A e B possiamo anche ragionare così: se moltiplichiamo l equazione x + 1 (x + 2)(x + 3) = A. 88 Roberto Turso - Anlisi 2 Osservimo che per trovre le costnti A e B possimo nche rgionre così: se moltiplichimo l equzione + ( + 2)( + 3) = A + 2 + B + 3 per + 2, dopo ver semplificto, ottenimo + + 3

Dettagli

Integrale definito (p.204)

Integrale definito (p.204) Integrle definito (p.4) Trttimo dei cenni sull teori dell integrzione nel cso di funzioni continue (integrle di Cuchy). Gli integrli si estendono l cso di funzioni limitte (integrle di Riemnn). Nel clcolo

Dettagli

Formulario di Analisi Matematica 1

Formulario di Analisi Matematica 1 Formulrio di Anlisi Mtemtic Indice degli rgomenti Punti interni, isolti, di ccumulzione e di frontier Alcune costnti Proprietà delle potenze Proprietà degli esponenzili Proprietà dei logritmi Proprietà

Dettagli

ANALISI REALE E COMPLESSA a.a. 2007-2008

ANALISI REALE E COMPLESSA a.a. 2007-2008 ANALISI REALE E COMPLESSA.. 2007-2008 1 Successioni e serie di funzioni 1.1 Introduzione In questo cpitolo studimo l convergenz di successioni del tipo n f n, dove le f n sono tutte funzioni vlori reli

Dettagli

Un polinomio trigonometrico di grado N nell intervallo [ π, π] è una funzione g(x), periodica di periodo 2π, della forma. c n e inx.

Un polinomio trigonometrico di grado N nell intervallo [ π, π] è una funzione g(x), periodica di periodo 2π, della forma. c n e inx. Cpitolo 6 Serie di Fourier 6.1. Introduzione Un polinomio trigonometrico di grdo N nell intervllo [, π] è un funzione g(x), periodic di periodo, dell form g(x) = N n= N c n e inx per un qulche scelt delle

Dettagli

Il lemma di ricoprimento di Vitali

Il lemma di ricoprimento di Vitali Il lemm di ricoprimento di Vitli Si I = {I} un fmigli di intervlli ciusi contenuti in R. Diremo ce l fmigli I ricopre l insieme E nel senso di Vitli (oppure ce I è un ricoprimento di Vitli di E) se per

Dettagli

Calcolo integrale. Capitolo Primitive ed integrale inde nito

Calcolo integrale. Capitolo Primitive ed integrale inde nito Cpitolo 9 Clcolo integrle 9.1 Primitive ed integrle inde nito De nizione 9.1 Assegnt un funzione f : A! R, si de nisce primitiv di f un qulunque funzione F : A! R derivbile, tle che F 0 (x) = f(x), per

Dettagli

FUNZIONI CONTINUE A TRATTI E LORO INTEGRALI

FUNZIONI CONTINUE A TRATTI E LORO INTEGRALI FUNZIONI CONTINUE A TRATTI E LORO INTEGRALI Considerimo un funzione f : I R, dove I è un intervllo di R. Si c un punto interno I in cui f è discontinu. Diremo che c è un punto di discontinuità di prim

Dettagli

1 Il problema del calcolo dell area di una regione piana limitata

1 Il problema del calcolo dell area di una regione piana limitata Anlisi Mtemtic 2 1 CORSO DI STUDI IN SMID CORSO DI ANALISI MATEMATICA 2 CAPITOLO 1 INTEGRALI DI FUNZIONI DI UNA VARIABILE REALE 1 Il problem del clcolo dell re di un regione pin limitt Se si consider un

Dettagli

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito.

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito. Integrli de niti. Il problem di clcolre l re di un regione pin delimitt d gr ci di funzioni si può risolvere usndo l integrle de nito. L integrle de nito st l problem del clcolo di ree come l equzione

Dettagli

II-8 Integrale di Riemann

II-8 Integrale di Riemann II-8 INTEGRALE DI RIEMANN DEFINIZIONE DI INTEGRALE DI RIEMANN II-8 Integrle di Riemnn Indice Definizione di integrle di Riemnn Condizioni di esistenz dell integrle di Riemnn 3 3 Proprietà dell integrle

Dettagli

1 Integrali generalizzati su intervalli illimitati

1 Integrali generalizzati su intervalli illimitati Lezioni per il corso di Anlisi 2, AA 07-08. Dott.ss Sndr Lucente Argomento: Integrli generlizzti 1 1 Integrli generlizzti su intervlli ilitti Definizione 1.1. Si f : [,[ R un funzione continu. Se esiste

Dettagli

Serie di Potenze. Introduciamo il concetto di convergenza puntuale ed uniforme per successioni. { 0 se 1 < x < 1

Serie di Potenze. Introduciamo il concetto di convergenza puntuale ed uniforme per successioni. { 0 se 1 < x < 1 Serie di Potenze Introducimo il concetto di convergenz puntule ed uniforme per successioni di funzioni. Definizione 1 Si I un intervllo di R. Si dt l vrire di n N l funzione f n : I R. Dicimo che l successione

Dettagli

26/03/2012. Integrale Definito. Calcolo delle Aree. Appunti di analisi matematica: Il concetto d integrale nasce per risolvere due classi di problemi:

26/03/2012. Integrale Definito. Calcolo delle Aree. Appunti di analisi matematica: Il concetto d integrale nasce per risolvere due classi di problemi: ppunti di nlisi mtemtic: Integrle efinito Il concetto d integrle nsce per risolvere due clssi di prolemi: Integrle efinito lcolo delle ree di fig. delimitte d curve clcolo di volumi clcolo del lvoro di

Dettagli

1 Integrali doppi di funzioni a scala su rettangoli

1 Integrali doppi di funzioni a scala su rettangoli INEGRALI DOPPI L prim motivzione per lo studio degli integrli di funzioni di due vribili è il lolo di volumi, in nlogi on l pplizione degli integrli di funzioni di un vribile l lolo di ree. L proedur di

Dettagli

Il problema delle aree. Metodo di esaustione.

Il problema delle aree. Metodo di esaustione. INTEGRALE DEFINITO. DEFINIZIONE E SIGNIFICATO GEOMETRICO. PROPRIETA DELL INTEGRALE DEFINITO. FUNZIONE INTEGRALE. TEOREMA DELLA MEDIA. TEOREMA FONDAMENTALE DEL CALCOLO INTEGRALE. FORMULA DI LEIBNITZ NEWTON.

Dettagli

" Osservazione. 6.1 Integrale indefinito. R Definizione (Primitiva) E Esempio 6.1 CAPITOLO 6

 Osservazione. 6.1 Integrale indefinito. R Definizione (Primitiva) E Esempio 6.1 CAPITOLO 6 CAPITOLO 6 Clcolo integrle 6. Integrle indefinito L nozione fondmentle del clcolo integrle è quell di funzione primitiv di un funzione f (). Tle nozione è in qulche modo speculre ll nozione di funzione

Dettagli

Appunti di Analisi Matematica

Appunti di Analisi Matematica Appunti di Anlisi Mtemtic Stefno Med e Alberto Peretti Appunti per il corso di Mtemtic I I semestre,.. 2001/2002 Fcoltà di Scienze Sttistiche Università di Milno-Bicocc c Stefno Med e Alberto Peretti,

Dettagli

Analisi Matematica: Calcolo Integrale. Francesco Russo

Analisi Matematica: Calcolo Integrale. Francesco Russo Anlisi Mtemtic: Clcolo Integrle Frncesco Russo 2 settembre 200 2 Indice Integrli indefiniti 5. Primitive ed integrli indefiniti................. 5.2 Formule di integrzione..................... 6 2 Integrle

Dettagli

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x Appunti elorti dll prof.ss Biondin Gldi Funzione integrle Si y = f() un funzione continu in un intervllo [; ] e si 0 [; ]; l integrle 0 f()d si definisce Funzione Integrle; si chim funzione integrle in

Dettagli

Pietro Baldi Successioni e serie di funzioni. 1 Convergenza puntuale

Pietro Baldi Successioni e serie di funzioni. 1 Convergenza puntuale Pietro Bldi Successioni e serie di funzioni Testi di riferimento: W. Rudin, Principi di Anlisi Mtemtic, McGrw-Hill Libri Itli; N. Fusco, P. Mrcellini, C. Sbordone, Anlisi Mtemtic Due, Liguori Editore;

Dettagli

In questo capitolo svilupperemo la teoria dell integrazione secondo Riemann per funzioni di una variabile reale.

In questo capitolo svilupperemo la teoria dell integrazione secondo Riemann per funzioni di una variabile reale. Cpitolo 1 Integrle di Riemnn In questo cpitolo svilupperemo l teori dell integrzione secondo Riemnn per funzioni di un vribile rele. 1.1 Motivzioni Considerimo i seguenti problemi. 1. Clcolo di un re.

Dettagli

Pietro Baldi. Analisi matematica I. Programma d esame, anno accademico Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Biomedica, cognomi A-I.

Pietro Baldi. Analisi matematica I. Programma d esame, anno accademico Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Biomedica, cognomi A-I. Pietro Bldi Anlisi mtemtic I Progrmm d esme, nno ccdemico 2012-2013 Corso di Lure Triennle in Ingegneri Biomedic, cognomi A-I. Il libro di testo dottto durnte il corso è Anlisi Mtemtic Uno, P. Mrcellini,

Dettagli

Analisi e Geometria 1

Analisi e Geometria 1 Anlisi e Geometri Esercizi sugli integrli Integrli propri. Clcolre i seguenti integrli immediti: I = I = I 5 = ln e e d I = e + e + 6e + e d I = rtg ln ( + ln ) d I 6 = e e + d d rtg + ( + ) ( + ( + )

Dettagli

Integrazione numerica. I(f) := Non sempre si riesce a trovare la forma esplicita della primitiva.

Integrazione numerica. I(f) := Non sempre si riesce a trovare la forma esplicita della primitiva. Approssimzione numeric di: Motivzioni. Integrzione numeric I(f) = f(x)dx. Non sempre si riesce trovre l form esplicit dell primitiv. Vlutzione costos dell primitiv. L funzione d integrre può essere dt

Dettagli

ANALISI MATEMATICA 2 Anno accademico

ANALISI MATEMATICA 2 Anno accademico ANALISI MATEMATICA 2 Anno ccdemico 27-8 ELENCO delle DEFINIZIONI e TEOREMI del CORSO DISPENSE Principio di sostituzione pg. 5 Integrli impropri pg. Serie numeriche pg. 27 Integrli Doppi pg. 43 SINTESI

Dettagli

Successioni di Funzioni e Serie di Potenze

Successioni di Funzioni e Serie di Potenze Successioni di Funzioni e Serie di Potenze 1 Successioni di Funzioni e Serie di Potenze 1 Successioni di Funzioni Nel corso di nlisi di bse si sono studite le successioni numeriche. Qui considerimo un

Dettagli

Micol Amr ANALISI MATEMATICA I - 999/2000 Dim. Considerimo il cso in cui l successione si crescente; l dimostrzione procede in modo del tutto nlogo, q

Micol Amr ANALISI MATEMATICA I - 999/2000 Dim. Considerimo il cso in cui l successione si crescente; l dimostrzione procede in modo del tutto nlogo, q TEOREMI DIMOSTRATI NEL CORSO. Successioni e serie numeriche. Teorem. (Unicit del ite) Si ( n ) n2in un successione di numeri reli convergente. Allor il suo ite e unico. Dim. Assumimo per ssurdo che n =

Dettagli

Spazi di probabilità generali. Variabili casuali assolutamente continue

Spazi di probabilità generali. Variabili casuali assolutamente continue Cpitolo 4 Spzi di probbilità generli. Vribili csuli ssolutmente continue 4.1 σ-lgebre. Misure di Probbilità Con gli spzi di probbilità discreti, bbimo visto molti spetti importnti del Clcolo delle Probbilità,

Dettagli

1 Definizione di integrale di Riemann 1. 2 Condizioni di esistenza dell integrale di Riemann 3. 3 Proprietà dell integrale di Riemann 4

1 Definizione di integrale di Riemann 1. 2 Condizioni di esistenza dell integrale di Riemann 3. 3 Proprietà dell integrale di Riemann 4 DEFINIZIONE DI INTEGRALE DI RIEMANN Integrle di Riemnn Indice Definizione di integrle di Riemnn Condizioni di esistenz dell integrle di Riemnn 3 3 Proprietà dell integrle di Riemnn 4 4 Clcolo dell integrle

Dettagli

7. Derivate Definizione 1

7. Derivate Definizione 1 7. Derivte Il concetto di derivt è importntissimo e molto nturle. Per vere un esempio concreto, penste l moto di un mcchin: se f(t) è l funzione che esprime qunt strd vete percorso fino d un certo istnte

Dettagli

Integrali curvilinei (integrali di densità) Federico Lastaria, Analisi e Geometria 1. Politecnico di Milano Corso di Analisi e Geometria 1

Integrali curvilinei (integrali di densità) Federico Lastaria, Analisi e Geometria 1. Politecnico di Milano Corso di Analisi e Geometria 1 Politecnico di Milno orso di Anlisi e Geometri 1 Federico Lstri federico.lstri@polimi.it Integrli curvilinei di prim specie (integrli di densità) 15 Dicembre 215 Indice 1 Integrli di line di prim specie

Dettagli

b a 2. Il candidato spieghi, avvalendosi di un esempio, il teorema del valor medio.

b a 2. Il candidato spieghi, avvalendosi di un esempio, il teorema del valor medio. Domnde preprzione terz prov. Considert, come esempio, l funzione nell intervllo [,], il cndidto illustri il concetto di integrle definito. INTEGRALE DEFINITO, prendendo in esme un generic funzione f()

Dettagli

Integrali. all integrale definito all integrale indefinito. Integrali: riepilogo

Integrali. all integrale definito all integrale indefinito. Integrali: riepilogo Integrli ll integrle deinito ll integrle indeinito Indice dell lezione Integrle Deinito Rettngoloide Integrle deinito come re del rettngoloide Esempi e propriet Primitiv Teorem ondmentle del clcolo integrle

Dettagli

[A-E] IST. DI MATEMATICA I. 3. Lezione. giovedì 6 ottobre Massimo e minimo.

[A-E] IST. DI MATEMATICA I. 3. Lezione. giovedì 6 ottobre Massimo e minimo. IST. DI MATEMATICA I [A-E] giovedì 6 ottobre 2016 3. Lezione 3.1. Massimo e minimo. Definizioni di minimo e/o massimo per un insieme E di numeri reali: il numero min si dice minimo dell insieme E se min

Dettagli

CORSO ZERO DI MATEMATICA

CORSO ZERO DI MATEMATICA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO FACOLTÀ DI ARCHITETTURA CORSO ZERO DI MATEMATICA ESPONENZIALI E LOGARITMI Dr. Ersmo Modic ersmo@glois.it www.glois.it POTENZA CON ESPONENTE REALE Definizione: Dti un numero

Dettagli

FUNZIONI IPERBOLICHE

FUNZIONI IPERBOLICHE FUNZIONI IPERBOLICHE Umberto Mrconi Diprtimento di Mtemtic Pur e Applict Pdov Premess Si [, [, fissto. Voglimo cpire cos signific: w dw perché l funzione integrnd è illimitt. Se considerimo, per b [, [,

Dettagli

CAPITOLO 13 INTEGRAZIONE SECONDO RIEMANN PER FUNZIONI REALI (COMPLESSE) DI UNA VARIABILE REALE. 1.L integrale di Riemann.

CAPITOLO 13 INTEGRAZIONE SECONDO RIEMANN PER FUNZIONI REALI (COMPLESSE) DI UNA VARIABILE REALE. 1.L integrale di Riemann. Integrle di Riemnn CAPITOLO 13 INTEGRAZIONE SECONDO RIEMANN PER FUNZIONI REALI (COMPLESSE) DI UNA VARIABILE REALE 1.L integrle di Riemnn. In questo cpitolo ci occuperemo dell teori dell integrzione secondo

Dettagli

Capitolo 7. Integrali doppi. 7.1 Motivazioni

Capitolo 7. Integrali doppi. 7.1 Motivazioni Cpitolo 7 Integrli doppi In questo cpitolo studieremo gli integrli per funzioni di più vribili: più precismente ci occuperemo degli integrli di funzioni di due vribili (dunque integrli doppi), m piccole

Dettagli

PNI SESSIONE SUPPLETIVA QUESITO 1

PNI SESSIONE SUPPLETIVA QUESITO 1 www.mtefili.it PNI 2005 - SESSIONE SUPPLETIVA QUESITO È dto un trpezio rettngolo, in cui le bisettrici degli ngoli dicenti l lto obliquo si intersecno in un punto del lto perpendicolre lle bsi. Dimostrre

Dettagli

lungo la curva. 2 x 2 + y 2 (4p)v- Si calcoli il raggio di curvatura nei vari istanti e in funzione della posizione. =: L.

lungo la curva. 2 x 2 + y 2 (4p)v- Si calcoli il raggio di curvatura nei vari istanti e in funzione della posizione. =: L. Anlisi Mtemtic II, Anno Accdemico 7-8. Ingegneri Edile e Architettur Vincenzo M. Tortorelli 5 Settembre 7: prim prov in itinere. N. mtr./nno iscr. Cognome docente/ crediti Nome Istruzioni l fine dell vlutzione:

Dettagli

Laurea triennale in Scienze della Natura a.a. 2009/2010. Regole di Calcolo

Laurea triennale in Scienze della Natura a.a. 2009/2010. Regole di Calcolo Lure triennle in Scienze dell Ntur.. 2009/200 Regole di Clcolo In queste note esminimo lcune conseguenze degli ssiomi reltivi lle operzioni e ll ordinmento nell insieme R dei numeri reli. L obiettivo principle

Dettagli

POTENZA CON ESPONENTE REALE

POTENZA CON ESPONENTE REALE PRECORSO DI MATEMATICA VIII Lezione ESPONENZIALI E LOGARITMI E. Modic mtemtic@blogscuol.it www.mtemtic.blogscuol.it POTENZA CON ESPONENTE REALE Definizione: Dti un numero rele > 0 ed un numero rele qulunque,

Dettagli

1 Integrali impropri di funzioni continue

1 Integrali impropri di funzioni continue ntegrli impropri di funzioni continue. ntegrli impropri su intervlli semiperti Definizione Dt un funzione continu f : [, b) R, con b +, si dice che f è integrbile se esiste finito il t b f(x) dx ed in

Dettagli

Il calcolo integrale

Il calcolo integrale CAPITOLO 4 Il clcolo integrle Il problem che ffrontimo in questo cpitolo è il clcolo di ree di lcune regioni del pino. Inizimo il cpitolo spiegndo quli regioni pine simo interessti. Questi rgomenti sono

Dettagli

INTEGRAZIONE NUMERICA

INTEGRAZIONE NUMERICA INTEGRAZIONE NUMERICA Frncesc Pelosi Diprtimento di Mtemtic, Università di Rom Tor Vergt CALCOLO NUMERICO.. 008 009 http://www.mt.unirom.it/ pelosi/ INTEGRAZIONE NUMERICA p.1/0 INTEGRAZIONE NUMERICA Dt

Dettagli

SUGLI INSIEMI. 1.Insiemi e operazioni su di essi

SUGLI INSIEMI. 1.Insiemi e operazioni su di essi SUGLI INSIEMI 1.Insiemi e operzioni su di essi Il concetto di insieme è primitivo ed è sinonimo di clsse, totlità. Si A un insieme di elementi qulunque. Per indicre che è un elemento di A scriveremo A.

Dettagli

Siano α(x), β(x) due funzioni continue in un intervallo [a, b] IR tali che. α(x) β(x).

Siano α(x), β(x) due funzioni continue in un intervallo [a, b] IR tali che. α(x) β(x). OMINI NORMALI. efinizione Sino α(), β() due funzioni continue in un intervllo [, b] IR tli che L insieme del pino (figur 5. pg. ) α() β(). = {(, ) [, b] IR : α() β()} si chim dominio normle rispetto ll

Dettagli

Campi. Una funzione F di n variabili reali e a valori in R n è detta campo di vettori. Nel seguito considereremo F : A R n con A aperto di R n.

Campi. Una funzione F di n variabili reali e a valori in R n è detta campo di vettori. Nel seguito considereremo F : A R n con A aperto di R n. Cmpi Ultimo ggiornmento: 18 febbrio 217 Un funzione F di n vribili reli e vlori in R n è dett cmpo di vettori. Nel seguito considereremo F : A R n con A perto di R n. 1. Integrli curvilinei di second specie

Dettagli

Anno 5. Applicazione del calcolo degli integrali definiti

Anno 5. Applicazione del calcolo degli integrali definiti Anno 5 Appliczione del clcolo degli integrli definiti 1 Introduzione In quest lezione vedremo come pplicre il clcolo dell integrle definito per determinre le ree di prticolri figure pine, i volumi dei

Dettagli

Integrale Definito. Appunti di analisi matematica: Il concetto d integrale nasce per risolvere due classi di problemi: Integrale Definito

Integrale Definito. Appunti di analisi matematica: Il concetto d integrale nasce per risolvere due classi di problemi: Integrale Definito Appunti di nlisi mtemtic: Integrle Deinito Il concetto d integrle nsce per risolvere due clssi di prolemi: Integrle Deinito Clcolo delle ree di ig. delimitte d curve clcolo di volumi clcolo del lvoro di

Dettagli

INTEGRAZIONE NUMERICA

INTEGRAZIONE NUMERICA INTEGRAZIONE NUMERICA Frncesc Pelosi Diprtimento di Mtemtic, Università di Rom Tor Vergt CALCOLO NUMERICO e PROGRAMMAZIONE http://www.mt.unirom.it/ pelosi/ INTEGRAZIONE NUMERICA p./33 INTEGRAZIONE NUMERICA

Dettagli

Calcolo Integrale. F (x) = f(x)?

Calcolo Integrale. F (x) = f(x)? 3 Clcolo Integrle Nello studio del clcolo differenzile si è visto come si può ssocire d un funzione l su derivt. Il clcolo integrle si occup del problem inverso: dt un funzione f è possibile determinre

Dettagli

Integrale di Riemann su R n

Integrale di Riemann su R n CAPITOLO 5 Integrle di iemnn su n 1. Funzioni integrbili secondo iemnn In questo cpitolo dremo l definizione di funzione integrbile secondo iemnn su n. Come già ftto nel cso delle funzioni integrbili su,

Dettagli

Modulo o "valore assoluto" Proprietà del Valore Assoluto. Intervalli

Modulo o valore assoluto Proprietà del Valore Assoluto. Intervalli Modulo o "vlore ssoluto" Dto x definimo modulo o vlore ssoluto di x il numero rele positivo x se x 0 x = x se x < 0 Es. 5 è 5. 2.34 è 2.34 Dl punto di vist geometrico x rppresent l distnz di x d 0. x x

Dettagli

Lezione 16 Derivate ed Integrali

Lezione 16 Derivate ed Integrali Lezione 16 Derivte ed Integrli Frnk Sullivn 1 Dicembre 11 1 Prim Or Compiti di letture ed esercizi per 3 Dicembre Durnte l lezione di oggi pplicheremo le regole per differenzire funzioni l clcolo di integrli.

Dettagli

Erasmo Modica. : K K K

Erasmo Modica.  : K K K L insieme dei numeri reli L INSIEME DEI NUMERI REALI Ersmo Modic helthinsurnce@tin.it www.glois.it Per introdurre l insieme dei numeri reli si hnno disposizione diversi modi. Generlmente l iennio si preferisce

Dettagli

Calcolo integrale per funzioni di una variabile

Calcolo integrale per funzioni di una variabile Cpitolo 10 Clcolo integrle per funzioni di un vribile 10.1 Funzioni primitive Abbimo studito il problem di dedurre d un dt funzione l su derivt. Voglimo or occuprci del problem inverso: dt un funzione

Dettagli

Differenziale. Consideriamo la variazione finita, x della variabile indipendente a cui corrisponde una variazione finita della funzione f x, f x y

Differenziale. Consideriamo la variazione finita, x della variabile indipendente a cui corrisponde una variazione finita della funzione f x, f x y Differenzile Considerimo l vrizione finit, dell vriile indipendente cui corrisponde un vrizione finit dell funzione f, f y Δf 1 Δ 2 L vrizione dell vriile dipendente puo' essere molto piccol, infinitesim

Dettagli

Funzioni a variazione limitata

Funzioni a variazione limitata Cpitolo 1 Funzioni vrizione limitt 1.1 Il problem delle primitive di funzioni L 1 Il problem dell ricerc delle primitive di un ssegnt funzione f : I R con I = [, b] intervllo limitto, cioè le soluzioni

Dettagli

Integrale Definito. Appunti di analisi matematica: Il concetto d integrale nasce per risolvere due classi di problemi: Integrale Definito

Integrale Definito. Appunti di analisi matematica: Il concetto d integrale nasce per risolvere due classi di problemi: Integrale Definito Appunti di nlisi mtemtic: Integrle Deinito Il concetto d integrle nsce per risolvere due clssi di prolemi: Integrle Deinito Clcolo delle ree di ig. delimitte d curve clcolo di volumi clcolo del lvoro di

Dettagli

8. Prodotto scalare, Spazi Euclidei.

8. Prodotto scalare, Spazi Euclidei. 8. Prodotto sclre, Spzi Euclidei. Ricordimo l definizione di prodotto sclre di due vettori del pino VO 2 (vle in modo del tutto nlogo nche in VO 3 ). Definizione: Sino v, w VO 2 e si θ l ngolo convesso

Dettagli

CORSO ANALISI MATEMATICA 1 A.A. 2015/2016. Testo consigliato

CORSO ANALISI MATEMATICA 1 A.A. 2015/2016. Testo consigliato Università degli studi di Cgliri CORSO ANALISI MATEMATICA 1 A.A. 2015/2016 Docente: Monic Mrrs 1 Anlisi Mtemtic 1 Testo consiglito con elementi di geometri e lgebr linere. M. Brmnti, C.D. Pgni, S. Sls

Dettagli

Prima parte (Argomenti di Analisi Matematica 1)

Prima parte (Argomenti di Analisi Matematica 1) Registro delle lezioni del corso di Anlisi Mtemtic 2 Università di Firenze - Fcoltà di Ingegneri Corso di Lure in Ingegneri Meccnic M Z.. 20/202 - Prof. M.Ptrizi Per Prim prte (Argomenti di Anlisi Mtemtic

Dettagli

TEORIA ELEMENTARE DEL PROBLEMA DI CAUCHY

TEORIA ELEMENTARE DEL PROBLEMA DI CAUCHY TEORIA ELEMENTARE DEL PROBLEMA DI CAUCHY DANIELE ANDREUCCI DIP. METODI E MODELLI, UNIVERSITÀ LA SAPIENZA VIA A.SCARPA 16, 00161 ROMA, ITALY ndreucci@dmmm.unirom1.it 1. Notzione fondmentle e prime definizioni

Dettagli

Funzioni 1. 3) una legge che ad un elemento x di X associa al più un unico elemento ( x)

Funzioni 1. 3) una legge che ad un elemento x di X associa al più un unico elemento ( x) Funzioni Un funzione f d X in Y è costituit d un tern di elementi ) un insieme X, detto dominio di f 2) un insiemey, detto codominio di f f di Y. Nel cso, in cui X,Y sino sottinsiemi di R, generlmente

Dettagli

Area del Trapezoide. f(x) A f(a) f(b) f(x)

Area del Trapezoide. f(x) A f(a) f(b) f(x) Are del Trpezoide y o A f() trpezoide h B f() f() L're del trpezoide S puo' essere pprossimt dll're del trpezio AB. Per vere un migliore pprossimzione possimo suddividere il trpezio in trpezi piu' piccoli.

Dettagli

Appunti di Analisi Matematica IV M.K.Venkatesha Murthy e Maria Stella Gelli Il Teorema di Gauss-Green

Appunti di Analisi Matematica IV M.K.Venkatesha Murthy e Maria Stella Gelli Il Teorema di Gauss-Green Appunti di Anlisi Mtemtic IV M.K.Venktesh Murthy e Mri Stell Gelli Il Teorem di Guss-Green L nozione di integrle di un form differenzile è di importnz fondmentle in Anlisi ed in Fisic per le sue ppliczioni.

Dettagli

Complementi sull integrazione

Complementi sull integrazione Complementi sull integrzione ( cur di L. Pisni) C.d.L. in Mtemtic Università degli Studi di Bri A.A. 2003/04 Indice Riepilogo dell teori. Integrle di Riemnn........................... Continuità rispetto

Dettagli

5 2d x x >12. con a, b, c e d parametri reali. Il grafico di f (x) passa per l origine del sistema di riferimento

5 2d x x >12. con a, b, c e d parametri reali. Il grafico di f (x) passa per l origine del sistema di riferimento Questionrio Risolvi quttro degli otto quesiti: L Città dello sport è un struttur sportiv progettt dll rchitetto Sntigo Cltrv e mi complett, situt sud di Rom Rispetto l sistem di riferimento indicto in

Dettagli

Successioni di funzioni

Successioni di funzioni Successioni di funzioni 3.1 Introduzione Considerimo l successione (x n ) n0,icuiterminisono 1, x,x 2,x 3,..., x n,... Si trtt dell progressione geometric di termine inizile 1 e rgione x, che bbimo già

Dettagli

Note di Derivate ed Integrali

Note di Derivate ed Integrali 1 Note di Derivte ed Integrli Versione 1.0 Lmberto Lmberti & Corrdo Msci prte II Integrle, derivte, teoremi sulle derivte, nlisi locle, nlisi globle 16 Ottobre 2002 2 Indice 1 L integrle 5 1.1 Aree ed

Dettagli

Appunti di Analisi Matematica 1

Appunti di Analisi Matematica 1 Appunti di Anlisi Mtemtic 1 MASTER IN ECONOMIA DIGITALE & e-business Centro per lo studio dei sistemi complessi Università di Sien Mrzo 2005 Prof. Polo Nistri Un funzione (o ppliczione) tr due insiemi

Dettagli

Esercizi svolti Limiti. Prof. Chirizzi Marco.

Esercizi svolti Limiti. Prof. Chirizzi Marco. Cpitolo II Limiti delle funzioni di un vribile Esercizi svolti Limiti Prof. Chirizzi rco www.elettrone.ltervist.org 1) Verificre che risult: = Dobbimo provre che per ogni ε positivo, rbitrrimente piccolo,

Dettagli

Esercizi su spazi ed operatori lineari

Esercizi su spazi ed operatori lineari Esercizi su spzi ed opertori lineri Corso di Fisic Mtemtic 2,.. 2013-2014 Diprtimento di Mtemtic, Università di Milno 23 Ottobre 2013 1 Spzio L 2 Esercizio 1. Per = 0, b = 1, dire quli delle seguenti funzioni

Dettagli

Calcolo Integrale. F (x) = f(x)?

Calcolo Integrale. F (x) = f(x)? 3 Clcolo Integrle Nello studio del clcolo differenzile si è visto come si può ssocire d un funzione l su derivt. Il clcolo integrle si occup del problem inverso: dt un funzione f è possibile determinre

Dettagli

Metodo degli elementi finiti in una dimensione

Metodo degli elementi finiti in una dimensione Metodo degli elementi finiti in un dimensione Luci Gstldi DICATAM - Sez. di Mtemtic, http://luci-gstldi.unibs.it Indice 1 Problemi di diffusione-rezione del secondo ordine Formulzione debole Metodo di

Dettagli

Analisi matematica. Materiale didattico

Analisi matematica. Materiale didattico Anlisi mtemtic. Mterile didttico Lure triennle F.A.I. Rimini 7 ottobre 23 Indice Linguggio, funzioni elementri 2. Il linguggio degli insiemi.................................... 2.2 Numeri reli, vlore ssoluto,

Dettagli

SPAZI VETTORIALI. 1. Spazi e sottospazi vettoriali

SPAZI VETTORIALI. 1. Spazi e sottospazi vettoriali SPAZI VETTORIALI 1. Spzi e sottospzi vettorili Definizione: Dto un insieme V non vuoto e un corpo K di sostegno si dice che V è un K-spzio vettorile o uno spzio vettorile su K se sono definite un operzione

Dettagli

x = x(t) y = y(t) t [a, b]

x = x(t) y = y(t) t [a, b] Dt un curv continu. Curve ed integrli di line : t [, b] i punti () = (x(), y()) e (b) = (x(b), y(b)) si chimno primo e secondo estremo dell curv, rispettivmente. L curv si dice chius se () = (b). L curv

Dettagli

GLI INTEGRALI DI STIELTJES E DI STIELTJES-LEBESGUE

GLI INTEGRALI DI STIELTJES E DI STIELTJES-LEBESGUE Alm Mter Studiorum Università di Bologn FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Lure in Mtemtic GLI INTEGRALI DI STIELTJES E DI STIELTJES-LEBESGUE Tesi di Lure in Mtemtic Reltore: Chir.mo

Dettagli

1. Elementi di analisi funzionale Esercizi

1. Elementi di analisi funzionale Esercizi . Elementi di nlisi funzionle Esercizi http://www.cirm.unibo.it/~brozzi/mi/pdf/mi-cp.-ese.pdf.. Spzi vettorili.. Spzi vettorili normti.-. Dimostrre l diseguglinz tringolre in C n reltivmente ll norm (

Dettagli

I Teoremi di Green, della divergenza (o di Gauss) e di Stokes

I Teoremi di Green, della divergenza (o di Gauss) e di Stokes I Teoremi di Green, dell divergenz o di Guss e di Stokes In R Si un sottoinsieme limitto di R semplice rispetto d entrmbi gli ssi crtesini con costituit dll unione di un numero finito di sostegni di curve

Dettagli

Complementi di Matematica e Calcolo Numerico A.A Laboratorio 7 - Integrazione numerica

Complementi di Matematica e Calcolo Numerico A.A Laboratorio 7 - Integrazione numerica Complementi di Mtemtic e Clcolo Numerico A.A. 0014-015 Lbortorio 7 - Integrzione numeric Dtunfunzionef vlorireliperclcolre b fornisce l funzione predefinit qud Sintssi: q=qud(f,,b,tol) input: f funzione

Dettagli

Teorema della Divergenza (di Gauss)

Teorema della Divergenza (di Gauss) eorem dell ivergenz (di Guss) i un dominio tridimensionle regolre, l cui frontier è un superficie chius orientt con cmpo normle unitrionˆ uscente d. e F(,,z) F (,,z) i F (,,z) j F (,,z) k è un cmpo vettorile

Dettagli

2 x = 64 (1) L esponente (x) a cui elevare la base (2) per ottenere il numero 64 è detto logaritmo (logaritmo in base 2 di 64), indicato così:

2 x = 64 (1) L esponente (x) a cui elevare la base (2) per ottenere il numero 64 è detto logaritmo (logaritmo in base 2 di 64), indicato così: Considerimo il seguente problem: si vuole trovre il numero rele tle che: = () L esponente () cui elevre l bse () per ottenere il numero è detto ritmo (ritmo in bse di ), indicto così: In prticolre in questo

Dettagli