Calcolo integrale per funzioni di una variabile

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Calcolo integrale per funzioni di una variabile"

Transcript

1 Cpitolo 10 Clcolo integrle per funzioni di un vribile 10.1 Funzioni primitive Abbimo studito il problem di dedurre d un dt funzione l su derivt. Voglimo or occuprci del problem inverso: dt un funzione f() in un certo intervllo A, definire in A un ltr funzione F () che bbi per derivt l f(), vle dire: F () = f(). (10.1) Se esistono funzioni F () che verificno l (10.1), esse si chimno funzioni primitive dell f() I Se l funzione f() mmette, nell intervllo A, un funzione primitiv F (), llor ne mmette infinite, che si ottengono tutte ggiungendo ll F () un costnte rbitrri c II Se l funzione f() mmette in A delle primitive, fr queste ne esiste un e un sol che, in un prefissto punto A, ssum un vlore u ssegnto d rbitrio. Si trtt or di studire sotto quli condizioni per l f() l (10.1) mmett un soluzione F () e, in cso ffermtivo, di drne un procedimento di clcolo. Questo problem, che ffrontto in tutt l su generlità comport difficoltà ssi elevte, srà studito qui nel cso prticolre in cui l funzione f() si continu. Con tle ipotesi si rriv dimostrre l esistenz delle primitive, dndo in pri tempo un metodo per clcolrle. Ciò è fondto sul concetto di integrle Integrle di un funzione continu esteso d un intervllo Si f() un funzione continu in un intervllo A. Fissto un intervllo [, b] A, si oper un decomposizione D di [, b] in un numero rbitrrio n di intervlli przili [ 0, 1 ], [ 1, 2 ],... [ n 2, n 1 ], [ n 1, n ] medinte i punti 1, 2,..., n 1 scelti sotto l sol condizione che risulti = 0 < 1 < 2 <... < n 1 < n = b. Posto δ = m( 1 0, 2 1,..., n 1 n ), tle numero positivo δ b srà chimto l norm dell composizione D. Esistono, evidentemente, infinite decomposizioni D venti un norm ssegnt δ < b. Si fissino or d rbitrio un punto ξ 0 [ 0, 1 ], un punto ξ 1 [ 1, 2 ],..., un punto 95

2 Cpitolo 10. Clcolo integrle per funzioni di un vribile ξ 0 ξ ξ n n 1 n b Figur 10.1: Decomposizione dell intervllo [, b] e scelt dei punti per il clcolo dell somm integrle σ nell (10.2). ξ n 1 [ n 1, n ], come mostrto in figur 10.2, e si clcoli l somm n 1 σ = ( i+1 i )f(ξ i ) (10.2) che srà chimt somm integrle reltiv ll f() ed ll intervllo [, b]. i=0 Conviene osservre due modi prticolri di scegliere i punti ξ i. In ciscuno degli intervlli [ i, i+1 ] l f() è dott di minimo ssoluto m i e di mssimo ssoluto M i e si può scegliere in ciscun [ i, i+1 ] il punto i nel punto (o in uno dei punti) ove l f() ssume il corrispondente minimo vlore m i oppure il corrispondente mssimo vlore M i. Così fcendo si ottengono le due seguenti prticolri somme integrli n 1 n 1 s = ( i+1 i )m i, S = ( i+1 i )M i ; (10.3) i=0 confrontndole con l generic somm (10.2) è evidente che in corrispondenz dell medesim decomposizione D di [, b] risult s σ S. (10.4) Le somme integrli s, S dipendono soltnto dll decomposizione D, mentre un generic σ dipende, oltre che dll D, nche dll scelt dei punti ξ i. Non si può dire che tli somme sino funzioni dell norm δ dell decomposizione D perché, come si è già osservto, esistono infinite decomposizioni D con l medesim norm e quindi d un fissto δ corrispondono in generle infiniti vlori dell somm integrle σ (ed, in prticolre, dell s e dell S). Si può però dire che l σ è un funzione d infiniti vlori dell vribile δ, definit l vrire di δ nell intervllo [0, b ], il qule h il punto 0 come punto di ccumulzione. L definizione di limite, dt per funzioni d un sol vlore, si può immeditmente estendere funzioni più vlori dicendo che, se f() è un funzione più (eventulmente infiniti) vlori, definit in un insieme E vente 0 come punto di ccumulzione, l scrittur lim f() = l 0 signific che, fissto ε > 0, esiste un δ ε > 0 tle che, per ogni punto E che verifichi l 0 < 0 < δ ε, tutti i corrispondenti vlori f() verificno l f() l < ε. Adottndo quest estensione del concetto di limite, si dimostr il seguente risultto. i=0 96

3 10.3. Significto geometrico dell integrle 10.2.I Al tendere zero dell norm δ dell decomposizione D, l somm integrle σ tende d un limite determinto e finito l, nel senso che, ε > 0, δ ε > 0 tle che, in corrispondenz d ogni decomposizione D vente norm δ < δ ε, risult sempre σ l < ε. Il limite l di cui il 10.2.I ssicur l esistenz è un numero che dipende dll funzione continu f() e dll intervllo [, b]; esso si chim l integrle dell funzione f() esteso ll intervllo [, b] e si indic con l notzione b f() d. (10.5) Si h dunque per definizione (e col solito significto dei simboli) ed in prticolre b n 1 f() d = lim σ = lim ( i+1 i )f(ξ i ) (10.6) δ 0 δ 0 i=0 b n 1 f() d = lim s = lim ( i+1 i )m i, δ 0 δ 0 i=0 b n 1 f() d = lim S = lim ( i+1 i )M i. δ 0 δ 0 i=0 Poiché l integrle (10.5) coincide con il numero di seprzione delle due clssi {s}, {S} considerte in precedenz, si può ggiungere: 10.2.II l integrle dell funzione f() esteso ll intervllo [, b] coincide con l estremo superiore dell insieme costituito d tutte le possibili somme s e con l estremo inferiore dell insieme costituito d tutte le possibili somme S. Pertnto le somme s dnno vlori pprossimti per difetto dell integrle, le somme S ne dnno vlori pprossimti per eccesso. Circ il clcolo effettivo dell integrle (10.5) possimo dire per or che, in ogni cso, se ne possono ottenere vlori comunque pprossimti per mezzo delle somme integrli σ, s, S clcolte in corrispondenz decomposizioni di [, b] in intervlli przili molto piccoli. Dllo sviluppo dell teori risulternno però ltri metodi più rpidi Significto geometrico dell integrle All integrle di un funzione continu f() esteso d un intervllo [, b] si può dre un notevole significto geometrico qundo si suppong che nell intervllo [, b] si bbi sempre f() 0. Costruito il grfico dell funzione (situto nel semipino y 0), si può considerre l insieme pino T = {(, y) b, 0 y f()}, cioè l regione limitt dll sse, dll curv y = f() e dlle rette =, = b (figur 10.2). Ess srà chimt rettngoloide vente per bse l intervllo [, b] e reltivo ll funzione f(). 97

4 Cpitolo 10. Clcolo integrle per funzioni di un vribile y y = f() T b Figur 10.2: Are individut dl grfico dell funzione y = f(). Allo scopo di definire in modo preciso che cos debb intendersi per re del rettngoloide T, si effettu un decomposizione D di [, b] e si clcolno le somme s, S considerte in precedenz: s = ( 1 0 ) m 0 + ( 2 1 ) m ( n n 1 ) m n 1, S = ( 1 0 ) M 0 + ( 2 1 ) M ( n n 1 ) M n 1, che or sono certmente non negtive. L espressione s rppresent l somm delle ree dei rettngoli r 0, r 1,..., r n 1 che ricoprono un regione T contenut nel rettngoloide T, dett scloide inscritto in T, mentre l S rppresent l somm delle ree dei rettngoli R 0, R 1,..., R n 1 che ricoprono un regione T contenente il rettngoloide T, dett scloide circoscritto T (figur 10.3). Volendo llor definire l re di T, conviene fre in modo che ess risulti mggiore di s e minore di S e ciò, non soltnto per un prticolre decomposizione D di [, b], m per tutte le possibili decomposizioni. Quest considerzione conduce definire l re di T come il numero di seprzione tr le due clssi contigue {s},{s}. M si s che tle numero di seprzione è proprio l integrle b f() d e perciò si può concludere col seguente enuncito: 10.3.I L re del rettngoloide T definit come numero di seprzione tr le clssi contigue costituite dlle ree degli scloidi inscritti e dlle ree degli scloidi circoscritti, è ugule ll integrle dell f() (continu e non negtiv) esteso ll intervllo [, b]. R 0 r 0 r1 r 2 r 3 R1 R 2 R 3 = = b = = b Figur 10.3: Aree dello scloide inscritto ( sinistr) e di quello circoscritto ( destr) l rettngoloide T. 98

5 10.4. Proprietà dell integrle 10.4 Proprietà dell integrle Esponimo or le proprietà fondmentli dell integrle di un funzione continu f(), esteso d un intervllo [, b]. Osservimo nzitutto che se è f() = c (costnte) in [, b], si h n 1 n 1 σ = ( i+1 i ) c = c ( i+1 i ) = c (b ). i=0 i=0 Le somme integrli hnno il vlore fisso c (b ) e perciò il loro limite per δ 0, cioè l integrle, vrà quel medesimo vlore; dunque b c d = c (b ). (10.7) 10.4.I (Teorem dell medi) Sino f(), g() C 0 [, b] e si sempre g() 0. Allor, detti m, M il minimo ed il mssimo vlore di f() in [, b], si h: m b g() d b ed esiste lmeno un punto ξ [, b] tle d versi b f()g() d M f()g() d = f(ξ) b b Nel cso prticolre g() = 1, il teorem dell medi divent 10.4.II g() d (10.8) g() d. (10.9) Detti m, M il minimo ed il mssimo vlore di f() in [, b], si h: m(b ) b ed esiste lmeno un punto ξ [, b] tle d versi b f() d M(b ) (10.10) f() d = (b )f(ξ). (10.11) Se f() 0 l (10.11) h l seguente interpretzione geometric: il rettngoloide T di bse [, b] e reltivo ll f() h l medesim re del rettngolo che h l stess bse ed ltezz f(ξ). Ciò suggerisce di chimre f(ξ) il vlore medio dell funzione f() nell intervllo [, b]. Quest definizione si dott in ogni cso (nche se non è sempre f() 0), si pone cioè vlore medio di f() in [, b] = 1 b b f() d. (10.12) 99

6 Cpitolo 10. Clcolo integrle per funzioni di un vribile 10.4.III (Teorem dell dditività) Se c è un punto interno ll intervllo [, b], si h: b f() d = c f() d + b c f() d. (10.13) 10.4.IV (Teorem dell distributività) Se f 1 (), f 2 (),..., f n () sono funzioni continue in [, b], llor, comunque si ssegnino le costnti c 1, c 2,..., c n, si h: b n c i f i () d = i=1 n b c i i=1 f i () d. (10.14) D questo teorem segue in prticolre che l integrle dell somm di due o più funzioni è ugule ll somm degli integrli delle singole funzioni: segue inoltre, ponendo uguli zero tutte le funzioni trnne un e ricordndo l (10.7): b c f() d = c ossi che un fttore costnte si può portre fuori dl segno di integrle. b f() d (10.15) Aggiungimo ltri tre teoremi di cui il primo risult ben evidente qundo si pensi l significto geometrico dell integrle V Se in [, b] risult f() 0, si h b ed inoltre, se [α, β] è un qulsisi intervllo contenuto in [, b]: b f() d f() d 0 (10.16) β α f() d. (10.17) Nell (10.16) vle il segno di uguglinz soltnto se f() è identicmente null in [, b]; nell (10.17) soltnto se f() è identicmente null in [, b] [α, β] VI Se f(), g() C 0 [, b] e si h f() g(), risult b f() d b g() d (10.18) il segno di uguglinz vlendo nel solo cso che si identicmente f() = g() VII Sussiste l disuguglinz b b f() d f() d. (10.19) 100

7 10.4. Proprietà dell integrle Abbimo mostrto in precedenz il significto geometrico dell integrle, supponendo f() 0. Se fosse f() 0, poiché l (10.15) ci permette di scrivere b f() d = b [ f()] d, [con f() 0] è chiro che l integrle viene rppresentre l re del rettngoloide T di figur 10.4 cmbit di segno. y b T y = f() Figur 10.4: Are individut dl grfico dell funzione y = f(), con f() < 0 in [, b]. Supponimo or che l f() cmbi di segno un numero finito di volte nell intervllo [, b], riferendoci per esempio ll figur y T 1 y = f() T 2 T 3 T 4 b Figur 10.5: Are individut dl grfico dell funzione y = f(), che cmbi segno in [, b]. Possimo scrivere per il 10.4.III: b f() d = α f() d + β α γ f() d + β b f() d + f() d γ 101

8 Cpitolo 10. Clcolo integrle per funzioni di un vribile e quindi, per qunto già sppimo b f() d = re T 1 re T 2 + re T 3 re T 4. L integrle rppresent dunque l differenz fr l somm delle ree dei rettngoloidi situti l di sopr dell sse e l somm dei rettngoloidi situti l di sotto Integrli definiti Abbimo già definito l integrle esteso d un intervllo [, b]; si è dunque implicitmente supposto < b. Conviene or llrgre il significto dell integrle per includere nche i csi > b, = b. Precismente porremo per definizione b f() d = b f() d, se > b, (10.20) e dremo or l simbolo b f() d = 0 (10.21) f() d con b il nome di integrle definito dell funzione continu f(), fr i punti e b, i quli si chimno rispettivmente limite inferiore e limite superiore di integrzione. Osservimo che il simbolo b f() d indic un numero che dipende soltnto dll funzione f e di limiti di integrzione e b; in tle simbolo non h dunque lcun importnz l letter con l qule si design l vribile d cui dipende l funzione f, onde si può scrivere per esempio b f() d = b f(t) dt = b f(u) du =.... Non tutte le proprietà degli integrli estesi d intervlli, viste in precedenz, si estendono gli integrli definiti; in generle vengono cdere, oppure vnno modificte, le proprietà espresse d disuguglinze. Ad ogni modo, per evitre errori, elenchimo qui ppresso le proprietà degli integrli definiti. 102

9 10.6. Esistenz delle primitive di un funzione continu 10.5.I (Teorem dell dditività) Comunque sino scelti i tre punti, b, c, si h: b f() d = c f() d + b c f() d. (10.22) 10.5.II (Teorem dell distributività) Se c 1, c 2,..., c n sono delle costnti, si h: b n c i f i () d = i=1 n b c i i=1 f i () d. (10.23) 10.5.III (Teorem dell medi) Se g() non cmbi segno fr i punti e b, si h: b f()g() d = f(ξ) b g() d (10.24) ove ξ è un opportuno punto dell intervllo che h per estremi i punti e b. Nel cso prticolre g() = 1 il teorem dell medi divent: 10.5.IV Si h: b f() d = (b )f(ξ) (10.25) ove ξ è un opportuno punto dell intervllo che h per estremi i punti e b V Sussiste l disuguglinz b b f() d f() d. (10.26) 10.6 Esistenz delle primitive di un funzione continu Si f() C 0 (A). Stbilito il concetto di integrle definito dell f() fr due punti, b A, ritornimo l problem delle funzioni primitive. Dimostrimo che sussiste il seguente fondmentle teorem: 10.6.I (Teorem di Torricelli-Brrow) Ogni funzione f() C 0 (A) è in A dott di funzione primitiv. Dett c un costnte rbitrri ed un punto comunque fissto nell intervllo A, tutte le primitive di f() sono dte dll formul F () = c + f(t) dt. (10.27) 103

10 Cpitolo 10. Clcolo integrle per funzioni di un vribile Dim. Bst provre che F () = f(). Si h inftti, tenendo conto del 10.5.I: [ + ] [ ] F = F ( + ) F () = c + f(t) dt c + f(t) dt ovvero, pplicndo il 10.5.IV: = + f(t) dt F = f(ξ) f(t) dt = + f(t) dt ove ξ è un punto opportuno dell intervllo che h per estremi i due punti, +. Ne segue F/ = f(ξ). Si f or tendere zero; il punto ξ tende ovvimente l punto, onde si può scrivere, tenendo nche conto che f() è un funzione continu: F lim 0 = lim f(ξ) = lim f(ξ) = f(). 0 ξ Osservimo nzitutto che in (10.27) si è indict con t l vribile di integrzione per non confonderl con l che nell stess formul indic il limite superiore di integrzione. È chiro che f(t)dt risult vere un vlore che dipende dll scelt di A; è dunque un funzione di definit in A. Se nell (10.27) si sostituisce l punto un ltro punto α A, l formul rimne sostnzilmente inltert, poiché si può scrivere c + α f(t) dt = c + α f(t) dt + f(t) dt ed osservre che quest ultim espressione coincide con il secondo membro dell (10.27), in qunto c + f(t) dt è un costnte rbitrri l pri di c. α Dll (10.27) è fcile dedurre che l integrle definito di un funzione continu f() può essere immeditmente clcolto qundo si conosc un primitiv dell f() (cioè senz fr ricorso l limite delle somme integrli). Supponimo, inftti, di voler clcolre b f() d e di conoscere un primitiv F () dell funzione f(). Per il 10.6.I tle F () deve necessrimente essere del tipo (10.27) cioè deve esistere un costnte c tle d poter scrivere: F () = c + Ponendo dpprim = b e poi =, si ottengono le F (b) = c + b f(t) dt, f(t) dt F () = c 104

11 10.7. Integrli indefiniti che, sottrtte membro membro, dnno F (b) F () = Si h dunque il seguente risultto: b f(t) dt 10.6.II Dett F () un qulsisi primitiv dell funzione continu f(), si h b f() d = F (b) F (),, b A, (10.28) cioè l integrle definito fr i limiti, b è ugule ll incremento dell primitiv F () nel pssggio dl punto l punto b. Si suole nche scrivere b f() d = [F ()] b. (10.29) L (10.28) costituisce l formul fondmentle per il clcolo degli integrli definiti Integrli indefiniti Un qulsisi funzione primitiv dell f() si chim un integrle indefinito dell f() e si indic col simbolo f() d, (10.30) che è d considerrsi equivlente : c + f(t) dt. L integrle indefinito (10.30) rppresent quindi un funzione di vente come derivt f(); tle funzione è determint soltnto meno di un costnte rbitrri. Si h cioè per definizione, A, D f() d = f(), oppure d f() d = f() d. (10.31) e sussiste inoltre l f () d = f() + c, oppure df() = f() + c. (10.32) Per qunto detto, risult immedito trrre dll tbell delle derivte fondmentli propost l cpitolo 8 l seguente tbell degli integrli indefiniti immediti. 105

12 Cpitolo 10. Clcolo integrle per funzioni di un vribile Prim tbell degli integrli indefiniti immediti α d = α+1 + c (per α 1) α d = log + c cos d = sin + c sin d = cos + c 1 cos 2 d = tn + c 1 sin 2 d = cot + c e d = e + c cosh d = sinh + c sinh d = cosh + c 1 cosh 2 d = tnh + c 1 sinh 2 d = coth + c 1 d = rcsin + c d = rctn + c Dll precedente tbell si può dedurre l seguente, più generle, in cui f() indic un qulsisi funzione di clsse C 1 : Second tbell degli integrli indefiniti immediti [f()] α df() = [f()]α+1 α c (per α 1) df() = log f() + c f() cos f() df() = sin f() + c sin f() df() = cos f() + c df() cos 2 = tn f() + c df() sin 2 = cot f() + c e f() df() = e f() + c cosh f() df() = sinh f() + c sinh f() df() = cosh f() + c df() cosh 2 = tnh f() + c f() df() sinh 2 d = coth f() + c f() df() 1 f() 2 = rcsin f() + c df() = rctn f() + c 1 + f() 2 Queste formule si dimostrno tutte immeditmente pplicndo l (10.31), ossi fcendo vedere che il differenzile del secondo membro coincide con qunto st scritto l primo membro sotto il segno di integrle. 106

13 10.8. Integrzione per prti. Integrzione per sostituzione Con lo stesso criterio si dimostrno pure subito le seguenti proprietà degli integrli indefiniti (bst fr vedere che il differenzile del primo membro è ugule l differenzile del secondo membro): c f() d = c f() d (c = costnte) (10.33) n n c i f i () d = c i f i () d (c 1,... c n costnti) (10.34) i=1 i=1 u()v () d = u()v() v()u () d (10.35) [ ] f() d = f[ϕ(t)]ϕ (t) dt (10.36) =ϕ(t) Dlle formule dell second tbell e dll (10.33) segue già l possibilità di clcolre vri integrli indefiniti, operndo delle semplici trsformzioni sull funzione integrnd. Dimo lcuni esempi. 1 n d = 1 1 n +1 n d = 1 n c = n n 1 n n 1 + c ; d d( α) α = = log( α) + c ; α Vlendosi nche dell (10.34), si può tentre di decomporre l funzione integrnd nell somm di funzioni fcilmente integrbili. Alcuni esempi. ( 0 n + 1 n n 1 + n ) d = 0 n+1 cos 2 d = 1 + cos 2 2 d = 1 2 d n n n n n + c ; cos 2 d(2) = 1 ( + sin cos ) + c Integrzione per prti. Integrzione per sostituzione L (10.35) esprime l cosiddett regol di integrzione per prti. brevemente udv = uv vdu Ess si può scrivere 107

14 Cpitolo 10. Clcolo integrle per funzioni di un vribile e riconduce il clcolo di un integrle indefinito l clcolo di un ltro integrle indefinito; se quest ultimo risult essere un integrle immedito, l regol permette di ottenere il clcolo del primo. Ecco lcuni esempi. cos d = d(sin ) = sin sin d = sin + cos + c ; log d = log d(log ) = log d = log + c. L formul (10.36) fornisce l cosiddett regol di integrzione per sostituzione l qule riconduce il clcolo dell integrle indefinito f() d quello dell integrle f[ϕ(t)]ϕ (t) dt. Può drsi che, con opportun scelt dell funzione ϕ(t), quest ultimo si fcilmente clcolbile. Posto llor f[ϕ(t)]ϕ (t) dt = G(t)+c, se l funzione = ϕ(t) mmette un funzione invers t = ψ(), si otterrà in definitiv per l integrle richiesto f() d = G[ψ()] + c. Alcuni esempi. 2 2 d. Si dott l sostituzione = sin t, con d = cos tdt; e l invers t = rcsin ottenendo 2 2 d = 2 2 sin 2 t cos t dt = 2 tn 3 d. cos t dt = (t + sin t cos t) + c ; Si dott l sostituzione ottenendo tn 3 d = = rctn t, con d = dt ; e l invers t = tn 1 + t2 t t 2 dt = t2 1 2 log(1 + t2 ) + c = tn2 + log cos + c ; Regole per il clcolo degli integrli definiti Come bbimo visto, l regol fondmentle per il clcolo degli integrli definiti è fornit dll formul b f() d = [F ()] b = F (b) F () (10.37) ove F () indic un primitiv di f(). Nei csi in cui quest primitiv si debb clcolre per mezzo di un integrzione per prti o per sostituzione, il clcolo può essere bbrevito tenendo conto dei due risultti seguenti: 108

15 10.9. Regole per il clcolo degli integrli definiti 10.9.I (Integrzione definit per prti) Se in un certo intervllo A le due funzioni u(), v() sono di clsse C 1, llor, comunque si prendno, b A risult b b u()v () d = [u()v()] b v()u () d. (10.38) Dim. Inftti si h per l (10.37) m il primo membro vle b b [u()v()] d = [u()v()] b, u()v () d + b v()u () d e ne segue l (10.38) II (Integrzione definit per sostituzione) Si f() un funzione continu nell intervllo A dell sse e = ϕ(t) un funzione di clsse C 1 nell intervllo B dell sse t. Se, l vrire di t in B, l = ϕ(t) ssume sempre vlori A, llor, comunque si fissino t 1, t 2 B, si h: ϕ(t2 ) ϕ(t 1 ) f() d = t2 t 1 f[ϕ(t)]ϕ (t) dt. (10.39) Dim. Inftti se F () è un primitiv di f() nell intervllo A, di conseguenz F [ϕ(t)] è un primitiv di f[ϕ(t)]ϕ (t) nell intervllo B. Dl primo ftto segue per l (10.37) ϕ(t2 ) ϕ(t 1 ) f() d = [F ()] ϕ(t 2 ) ϕ(t 1 ) = F [ϕ(t 2 )] F [ϕ(t 1 )], t2 t 1 f[ϕ(t)]ϕ (t) dt = {F [ϕ(t)]} t 2 t 1 = F [ϕ(t 2 )] F [ϕ(t 1 )], e dlle due relzioni scritte si tre l (10.39). L (10.39) esprime in sostnz che qundo si oper un sostituzione = ϕ(t) in un integrle definito b f() d occorre, non solo cmbire f() in f[ϕ(t)], d in ϕ (t) dt (come negli integrli indefiniti), m è necessrio nche cmbire i limiti di integrzione sostituendo d un qulunque vlore t 1 tle che ϕ(t 1 ) = ed b un qulunque vlore t 2 tle che ϕ(t 2 ) = b. Si noti che non è fftto necessrio che = ϕ(t) si dott di funzione invers. Per mostrre un significtiv ppliczione di qunto visto in questo cpitolo, ed in prticolre dell regol ppen propost, tornimo ll formul di Tylor. 109

16 Cpitolo 10. Clcolo integrle per funzioni di un vribile Avevmo nticipto l esistenz di espressioni lterntive rispetto ll (9.19) per il resto dell formul di Tylor (9.14) che, bsndosi sul concetto di integrle, solo or possono essere formulte. Fccimo su f() l seguente ipotesi, più restrittiv di quelle dottte nel cpitolo 9: γ) l f() è in A di clsse C n+1. Si h llor il seguente risultto: 10.9.III Nell ipotesi γ il resto R n () dell formul di Tylor (9.14) h l espressione seguente: R n () = 0 ( t) n f (n+1) (t) dt. (10.40) Dim. Fccimo vedere che l integrle secondo membro di (10.40) può essere clcolto eseguendo delle successive integrzioni per prti. Eseguendo un prim integrzione per prti si ottiene: [ ] ( t)n ( t) f (n+1) n t= (t) dt = f (n) ( (t) + t)n 1 f (n) (t) dt 0 t= (n 1)! 0 0 = ( 0 )n f (n) ( ( 0 ) + t)n 1 f (n) (t) dt. (n 1)! 0 Ripetimo su quest ultimo l integrzione per prti, ricvndo in tl modo 0 ( t)n e così proseguimo. seguente: 0 ( t)n f (n+1) (t) dt = ( 0 )n f (n) ( 0 ) ( 0 )n 1 (n 1)! ( + t)n 2 f (n 1) (t) dt, (n 2)! 0 f (n 1) ( 0 ) È ovvio che, dopo n integrzioni per prti, rriveremo ll formul f (n+1) (t) dt = ( 0 )n ( 0 )2 2! f (n) ( 0 ) ( 0 )n 1 (n 1)! f ( 0 ) 0 1! M quest ultimo integrle vle f() f( 0 ) e perciò si h in definitiv 0 ( t)n f (n+1) (t) dt = ( 0 )n f (n 1) ( 0 )... f ( 0 ) + f (t) dt. 0 f (n) ( 0 )... ( 0 ) f ( 0 ) f( 0 ) + f(). Allor, ricvndo di qui f() e confrontndo con (9.14) si vede precismente che sussiste l (10.40). 110

17 10.9. Regole per il clcolo degli integrli definiti Dl risultto precedente si possono immeditmente ricvre ltre due notevoli espressioni del resto R n (). Inftti, pplicndo ll integrle secondo membro di (10.40) il teorem dell medi 10.5.IV, si ottiene R n () = ( 0 ) ( ξ)n f (n+1) (ξ) (10.41) ove ξ è un opportuno punto (dipendente d ) dell intervllo individuto di due punti 0 e. L (10.41) fornisce il cosiddetto resto di Cuchy. Tenuto poi conto che nel predetto intervllo l funzione ( t) n / h segno costnte, possimo nche pplicre ll integrle (10.40) il teorem dell medi 10.5.III e scrivere ossi R n () = f (n+1) (ξ) 0 ( t)n R n () = ( 0 )n+1 (n + 1)! dt = f (n+1) (ξ) [ ] t= ( t)n+1 (n + 1)! t= 0 f (n+1) (ξ) (10.42) ove ξ è un opportuno punto dell intervllo che h per estremi 0 e. L (10.42) fornisce il cosiddetto resto di Lgrnge. Per n = 0 l formul di Tylor, con il resto di Lgrnge, si scrive e ci f ritrovre il teorem di Lgrnge 9.1.V. f() = f( 0 ) + ( 0 )f (ξ) Nel cso prticolre che l f() si un polinomio p() di grdo n, l su derivt (n + 1)- esim è identicmente null ed llor l ( ) fornisce R n () = 0; ne segue che l (9.14) si scrive p() = p( 0 ) + p ( 0 )( 0 ) + p ( 0 ) 2! ( 0 ) p(n) ( 0 ) ( 0 ) n (10.43) e perciò fornisce il polinomio p() ordinto rispetto lle potenze del binomio

18

Integrale Improprio. f(x) dx =: Osserviamo che questa definizione ha senso dal momento che per ogni y è ben definito l integrale b

Integrale Improprio. f(x) dx =: Osserviamo che questa definizione ha senso dal momento che per ogni y è ben definito l integrale b Integrle Improprio In queste lezioni riprendimo l teori dell integrzione in un vribile, l ide è di estendere l integrle definito nche in csi in cui l funzione integrnd o l intervllo di integrzione non

Dettagli

Integrali. all integrale definito all integrale indefinito. Integrali: riepilogo

Integrali. all integrale definito all integrale indefinito. Integrali: riepilogo Integrli ll integrle deinito ll integrle indeinito Indice dell lezione Integrle Deinito Rettngoloide Integrle deinito come re del rettngoloide Esempi e propriet Primitiv Teorem ondmentle del clcolo integrle

Dettagli

, x 2. , x 3. è un equazione nella quale le incognite appaiono solo con esponente 1, ossia del tipo:

, x 2. , x 3. è un equazione nella quale le incognite appaiono solo con esponente 1, ossia del tipo: Sistemi lineri Un equzione linere nelle n incognite x 1, x 2, x,, x n è un equzione nell qule le incognite ppiono solo con esponente 1, ossi del tipo: 1 x 1 + 2 x 2 + x +!+ n x n = b con 1, 2,,, n numeri

Dettagli

26/03/2012. Integrale Definito. Calcolo delle Aree. Appunti di analisi matematica: Il concetto d integrale nasce per risolvere due classi di problemi:

26/03/2012. Integrale Definito. Calcolo delle Aree. Appunti di analisi matematica: Il concetto d integrale nasce per risolvere due classi di problemi: ppunti di nlisi mtemtic: Integrle efinito Il concetto d integrle nsce per risolvere due clssi di prolemi: Integrle efinito lcolo delle ree di fig. delimitte d curve clcolo di volumi clcolo del lvoro di

Dettagli

" Osservazione. 6.1 Integrale indefinito. R Definizione (Primitiva) E Esempio 6.1 CAPITOLO 6

 Osservazione. 6.1 Integrale indefinito. R Definizione (Primitiva) E Esempio 6.1 CAPITOLO 6 CAPITOLO 6 Clcolo integrle 6. Integrle indefinito L nozione fondmentle del clcolo integrle è quell di funzione primitiv di un funzione f (). Tle nozione è in qulche modo speculre ll nozione di funzione

Dettagli

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito.

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito. Integrli de niti. Il problem di clcolre l re di un regione pin delimitt d gr ci di funzioni si può risolvere usndo l integrle de nito. L integrle de nito st l problem del clcolo di ree come l equzione

Dettagli

FUNZIONI IPERBOLICHE

FUNZIONI IPERBOLICHE FUNZIONI IPERBOLICHE Umberto Mrconi Diprtimento di Mtemtic Pur e Applict Pdov Premess Si [, [, fissto. Voglimo cpire cos signific: w dw perché l funzione integrnd è illimitt. Se considerimo, per b [, [,

Dettagli

POTENZA CON ESPONENTE REALE

POTENZA CON ESPONENTE REALE PRECORSO DI MATEMATICA VIII Lezione ESPONENZIALI E LOGARITMI E. Modic mtemtic@blogscuol.it www.mtemtic.blogscuol.it POTENZA CON ESPONENTE REALE Definizione: Dti un numero rele > 0 ed un numero rele qulunque,

Dettagli

1 Il problema del calcolo dell area di una regione piana limitata

1 Il problema del calcolo dell area di una regione piana limitata Anlisi Mtemtic 2 1 CORSO DI STUDI IN SMID CORSO DI ANALISI MATEMATICA 2 CAPITOLO 1 INTEGRALI DI FUNZIONI DI UNA VARIABILE REALE 1 Il problem del clcolo dell re di un regione pin limitt Se si consider un

Dettagli

b a 2. Il candidato spieghi, avvalendosi di un esempio, il teorema del valor medio.

b a 2. Il candidato spieghi, avvalendosi di un esempio, il teorema del valor medio. Domnde preprzione terz prov. Considert, come esempio, l funzione nell intervllo [,], il cndidto illustri il concetto di integrle definito. INTEGRALE DEFINITO, prendendo in esme un generic funzione f()

Dettagli

Esercizi svolti Limiti. Prof. Chirizzi Marco.

Esercizi svolti Limiti. Prof. Chirizzi Marco. Cpitolo II Limiti delle funzioni di un vribile Esercizi svolti Limiti Prof. Chirizzi rco www.elettrone.ltervist.org 1) Verificre che risult: = Dobbimo provre che per ogni ε positivo, rbitrrimente piccolo,

Dettagli

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x Appunti elorti dll prof.ss Biondin Gldi Funzione integrle Si y = f() un funzione continu in un intervllo [; ] e si 0 [; ]; l integrle 0 f()d si definisce Funzione Integrle; si chim funzione integrle in

Dettagli

Anno 5. Applicazione del calcolo degli integrali definiti

Anno 5. Applicazione del calcolo degli integrali definiti Anno 5 Appliczione del clcolo degli integrli definiti 1 Introduzione In quest lezione vedremo come pplicre il clcolo dell integrle definito per determinre le ree di prticolri figure pine, i volumi dei

Dettagli

Corso di Analisi Matematica Calcolo integrale per funzioni di una variabile

Corso di Analisi Matematica Calcolo integrale per funzioni di una variabile Corso di Anlisi Mtemtic Clcolo integrle per funzioni di un vribile Lure in Informtic e Comuniczione Digitle A.A. 2013/2014 Università di Bri ICD (Bri) Anlisi Mtemtic 1 / 40 1 L integrle come limite di

Dettagli

B8. Equazioni di secondo grado

B8. Equazioni di secondo grado B8. Equzioni di secondo grdo B8.1 Legge di nnullmento del prodotto Spendo che b0 si può dedurre che 0 oppure b0. Quest è l legge di nnullmento del prodotto. Pertnto spendo che (-1) (+)0 llor dovrà vlere

Dettagli

2 x = 64 (1) L esponente (x) a cui elevare la base (2) per ottenere il numero 64 è detto logaritmo (logaritmo in base 2 di 64), indicato così:

2 x = 64 (1) L esponente (x) a cui elevare la base (2) per ottenere il numero 64 è detto logaritmo (logaritmo in base 2 di 64), indicato così: Considerimo il seguente problem: si vuole trovre il numero rele tle che: = () L esponente () cui elevre l bse () per ottenere il numero è detto ritmo (ritmo in bse di ), indicto così: In prticolre in questo

Dettagli

Integrale Definito. Appunti di analisi matematica: Il concetto d integrale nasce per risolvere due classi di problemi: Integrale Definito

Integrale Definito. Appunti di analisi matematica: Il concetto d integrale nasce per risolvere due classi di problemi: Integrale Definito Appunti di nlisi mtemtic: Integrle Deinito Il concetto d integrle nsce per risolvere due clssi di prolemi: Integrle Deinito Clcolo delle ree di ig. delimitte d curve clcolo di volumi clcolo del lvoro di

Dettagli

1 b a. f(x) dx. Osservazione 1.2. Se indichiamo con µ il valore medio di f su [a, b], abbiamo che. f(x) dx = µ(b a) =

1 b a. f(x) dx. Osservazione 1.2. Se indichiamo con µ il valore medio di f su [a, b], abbiamo che. f(x) dx = µ(b a) = Note ed esercizi di Anlisi Mtemtic - (Fosci) Ingegneri dell Informzione - 28-29. Lezione del 7 novembre 28. Questi esercizi sono reperibili dll pgin web del corso ttp://utenti.unife.it/dmino.fosci/didttic/mii89.tml

Dettagli

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma INTEGRALI IMPROPRI. Integrli impropri su intervlli itti Dt un funzione f() continu in [, b), ponimo ε f() = f() ε + qundo il ite esiste. Se tle ite esiste finito, l integrle improprio si dice convergente

Dettagli

Equazioni di 2 grado. Definizioni Equazioni incomplete Equazione completa Relazioni tra i coefficienti della equazione e le sue soluzioni Esercizi

Equazioni di 2 grado. Definizioni Equazioni incomplete Equazione completa Relazioni tra i coefficienti della equazione e le sue soluzioni Esercizi Equzioni di grdo Definizioni Equzioni incomplete Equzione complet Relzioni tr i coefficienti dell equzione e le sue soluzioni Esercizi Mteri: Mtemtic Autore: Mrio De Leo Definizioni Un equzione è: Un uguglinz

Dettagli

dr Valerio Curcio Le affinità omologiche Le affinità omologiche

dr Valerio Curcio Le affinità omologiche Le affinità omologiche 1 Le ffinità omologiche 2 Tringoli omologici: Due tringoli si dicono omologici se le rette congiungenti i punti omologhi dei due tringoli si incontrno in un medesimo punto. Principio dei tringoli omologici

Dettagli

Siano α(x), β(x) due funzioni continue in un intervallo [a, b] IR tali che. α(x) β(x).

Siano α(x), β(x) due funzioni continue in un intervallo [a, b] IR tali che. α(x) β(x). OMINI NORMALI. efinizione Sino α(), β() due funzioni continue in un intervllo [, b] IR tli che L insieme del pino (figur 5. pg. ) α() β(). = {(, ) [, b] IR : α() β()} si chim dominio normle rispetto ll

Dettagli

INTERVALLI NELL INSIEME R

INTERVALLI NELL INSIEME R INTEVALLI NELL INSIEME Lo studio dell topologi (1) (dl greco "nlysis situs" ossi "studio del luogo") dell'insieme è di fondmentle importnz per gli rgomenti e i prolemi di nlisi infinitesimle. Il "luogo"

Dettagli

Serie di Potenze. Introduciamo il concetto di convergenza puntuale ed uniforme per successioni. { 0 se 1 < x < 1

Serie di Potenze. Introduciamo il concetto di convergenza puntuale ed uniforme per successioni. { 0 se 1 < x < 1 Serie di Potenze Introducimo il concetto di convergenz puntule ed uniforme per successioni di funzioni. Definizione 1 Si I un intervllo di R. Si dt l vrire di n N l funzione f n : I R. Dicimo che l successione

Dettagli

2. Teoremi per eseguire operazioni con i limiti in forma determinata

2. Teoremi per eseguire operazioni con i limiti in forma determinata . Teoremi per eseguire operzioni con i iti in form determint Vedimo dunque i teoremi che consentono il clcolo dei iti, ttrverso i quli si riconducono le situzioni rticolte semplici operzioni lgebriche

Dettagli

ESPONENZIALI E LOGARITMI

ESPONENZIALI E LOGARITMI Esponenzili e logritmi ESPONENZIALI E LOGARITMI Potenze Fino d or si sono definite le potenze d esponenete intero e rzionle (si positivi che negtivi). Ripssimo le definizioni e i concetti che li rigurdno:

Dettagli

Integrale definito. Introduzione: il problema delle aree

Integrale definito. Introduzione: il problema delle aree Integrle definito Introduzione: il prolem delle ree Il prolem delle ree è uno dei tre grndi prolemi che ci sono stti trmndti dgli ntichi, che lo definivno come il prolem dell qudrtur del cerchio: trovre,

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione ordinaria

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione ordinaria ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO Sessione ordinri Il cndidto risolv uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si rticol il questionrio. PROBLEMA In un pino, riferito d un sistem

Dettagli

Il lemma di ricoprimento di Vitali

Il lemma di ricoprimento di Vitali Il lemm di ricoprimento di Vitli Si I = {I} un fmigli di intervlli ciusi contenuti in R. Diremo ce l fmigli I ricopre l insieme E nel senso di Vitli (oppure ce I è un ricoprimento di Vitli di E) se per

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione straordinaria

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione straordinaria ESAME DI STAT DI LICE SCIENTIFIC CRS DI RDINAMENT 00 Sessione strordinri Il cndidto risolv uno dei due problemi e 5 dei 0 quesiti in cui si rticol il questionrio. PRBLEMA Con riferimento un sistem monometrico

Dettagli

{ 3 x y=4. { x=2. Sistemi di equazioni

{ 3 x y=4. { x=2. Sistemi di equazioni Sistemi di equzioni Definizione Un sistem è un insieme di equzioni che devono essere verificte contempornemente, cioè devono vere contempornemente le stesse soluzioni. Definimo grdo di un sistem il prodotto

Dettagli

Teoria in pillole: logaritmi

Teoria in pillole: logaritmi Teori in pillole: logritmi EQUAZIONI ESPONENZIALI Un'equzione si dice esponenzile qundo l'incognit compre soltnto nell'esponente di un o più potenze. L'equzione esponenzile più semplice (elementre) è del

Dettagli

8. Prodotto scalare, Spazi Euclidei.

8. Prodotto scalare, Spazi Euclidei. 8. Prodotto sclre, Spzi Euclidei. Ricordimo l definizione di prodotto sclre di due vettori del pino VO 2 (vle in modo del tutto nlogo nche in VO 3 ). Definizione: Sino v, w VO 2 e si θ l ngolo convesso

Dettagli

Equazioni 1 grado. Definizioni Classificazione Risoluzione Esercizi

Equazioni 1 grado. Definizioni Classificazione Risoluzione Esercizi Equzioni grdo Definizioni Clssificzione Risoluzione Esercizi Mteri: Mtemtic Autore: Mrio De Leo Definizioni Prendimo in esme le due espressioni numeriche 8 entrmbe sono uguli 7, e l scrittur si chim uguglinz

Dettagli

ANALISI REALE E COMPLESSA a.a. 2007-2008

ANALISI REALE E COMPLESSA a.a. 2007-2008 ANALISI REALE E COMPLESSA.. 2007-2008 1 Successioni e serie di funzioni 1.1 Introduzione In questo cpitolo studimo l convergenz di successioni del tipo n f n, dove le f n sono tutte funzioni vlori reli

Dettagli

Calcolo Integrale. F (x) = f(x)?

Calcolo Integrale. F (x) = f(x)? 3 Clcolo Integrle Nello studio del clcolo differenzile si è visto come si può ssocire d un funzione l su derivt. Il clcolo integrle si occup del problem inverso: dt un funzione f è possibile determinre

Dettagli

Lezione 16 Derivate ed Integrali

Lezione 16 Derivate ed Integrali Lezione 16 Derivte ed Integrli Frnk Sullivn 1 Dicembre 11 1 Prim Or Compiti di letture ed esercizi per 3 Dicembre Durnte l lezione di oggi pplicheremo le regole per differenzire funzioni l clcolo di integrli.

Dettagli

Maturità scientifica, corso di ordinamento, sessione ordinaria 2000-2001

Maturità scientifica, corso di ordinamento, sessione ordinaria 2000-2001 Mtemtic per l nuov mturità scientific A. Bernrdo M. Pedone Mturità scientific, corso di ordinmento, sessione ordinri 000-001 PROBLEMA 1 Si consideri l seguente relzione tr le vribili reli x, y: 1 1 1 +

Dettagli

Nome.Cognome. 18 Dicembre 2008 Classe 4G. VERIFICA di MATEMATICA

Nome.Cognome. 18 Dicembre 2008 Classe 4G. VERIFICA di MATEMATICA Nome.Cognome. 8 Dicembre 008 Clsse G VERIFICA di MATEMATICA A) Risolvi le seguenti disequzioni goniometriche sin ) sin + ) 0 6 tn cos + sin ) 0 (punti:0,5) ) tn + tn > 0 sin 5) sin > cos (punti: ) 6) sin

Dettagli

INTEGRAZIONE NUMERICA

INTEGRAZIONE NUMERICA INTEGRAZIONE NUMERICA Frncesc Pelosi Diprtimento di Mtemtic, Università di Rom Tor Vergt CALCOLO NUMERICO.. 008 009 http://www.mt.unirom.it/ pelosi/ INTEGRAZIONE NUMERICA p.1/0 INTEGRAZIONE NUMERICA Dt

Dettagli

Integrazione numerica. I(f) := Non sempre si riesce a trovare la forma esplicita della primitiva.

Integrazione numerica. I(f) := Non sempre si riesce a trovare la forma esplicita della primitiva. Approssimzione numeric di: Motivzioni. Integrzione numeric I(f) = f(x)dx. Non sempre si riesce trovre l form esplicit dell primitiv. Vlutzione costos dell primitiv. L funzione d integrre può essere dt

Dettagli

1 Integrali generalizzati su intervalli illimitati

1 Integrali generalizzati su intervalli illimitati Lezioni per il corso di Anlisi 2, AA 07-08. Dott.ss Sndr Lucente Argomento: Integrli generlizzti 1 1 Integrli generlizzti su intervlli ilitti Definizione 1.1. Si f : [,[ R un funzione continu. Se esiste

Dettagli

Capitolo 7. Integrali doppi. 7.1 Motivazioni

Capitolo 7. Integrali doppi. 7.1 Motivazioni Cpitolo 7 Integrli doppi In questo cpitolo studieremo gli integrli per funzioni di più vribili: più precismente ci occuperemo degli integrli di funzioni di due vribili (dunque integrli doppi), m piccole

Dettagli

Esercizi su spazi ed operatori lineari

Esercizi su spazi ed operatori lineari Esercizi su spzi ed opertori lineri Corso di Fisic Mtemtic 2,.. 2013-2014 Diprtimento di Mtemtic, Università di Milno 23 Ottobre 2013 1 Spzio L 2 Esercizio 1. Per = 0, b = 1, dire quli delle seguenti funzioni

Dettagli

Esponenziali e logaritmi

Esponenziali e logaritmi Teori in sintesi ESPONENZIALI Potenze con esponente rele Esponenzili e ritmi L potenz è definit: se, per ogni R se, per tutti e soli gli R se, per tutti e soli gli Z. Sono definite: 7 7. Non sono definite:.

Dettagli

Esercizi sulle serie di Fourier

Esercizi sulle serie di Fourier Esercizi sulle serie di Fourier Corso di Fisic Mtemtic,.. 3- Diprtimento di Mtemtic, Università di Milno Novembre 3 Sviluppo in serie di Fourier (esponenzile) In questi esercizi, si richiede di sviluppre

Dettagli

ESPONENZIALI E LOGARITMI

ESPONENZIALI E LOGARITMI ESPONENZIALI E LOGARITMI RICHIAMI DI TEORIA dom f Im f grfico Funzioni esponenzili y=^ con > Funzioni esponenzili y=^ con

Dettagli

8. Calcolo integrale.

8. Calcolo integrale. Politenio di Milno - Foltà di Arhitettur Corso di Lure in Edilizi Istituzioni di Mtemtihe - Appunti per le lezioni - Anno Ademio 200/20 26 8 Clolo integrle 8 Signifito geometrio dell integrle definito

Dettagli

IL CALCOLO LETTERALE: I MONOMI Conoscenze. per a = - 2 vale:

IL CALCOLO LETTERALE: I MONOMI Conoscenze. per a = - 2 vale: IL CALCOLO LETTERALE: I MONOMI Conoscenze. Complet.. Un espressione letterle è.... Per clcolre il vlore numerico di un espressione letterle isogn...... c. Non si possono ssegnre lle lettere che compiono

Dettagli

E U Q A U Z A I Z O I N O I N DI SE S C E O C N O DO

E U Q A U Z A I Z O I N O I N DI SE S C E O C N O DO EQUAZIONI DI ECONDO GRADO Riepilogo delle soluzioni in bse l segno di < φ : b > : b b Prof I voi, EQUAZIONI DI ECONDO GRADO EQUAZIONI PURE DI ECONDO GRADO : EEMPI ) ) ) 7 7 ) > φ (impossibile) ) impossibil

Dettagli

Il dominio della funzione, cioè l'insieme dei valori che si possono attribuire a x è tutto R ;

Il dominio della funzione, cioè l'insieme dei valori che si possono attribuire a x è tutto R ; CAPITOLO ESPONENZIALI E LOGARITMI ESPONENZIALI Teori in sintesi Potenze con esponente rele L potenz è definit: se > 0, per ogni R se 0, per tutti e soli gli R se < 0, per tutti e soli gli Z. + Sono definite:

Dettagli

Equazioni parametriche di primo grado

Equazioni parametriche di primo grado Polo Sivigli Equzioni prmetriche di primo grdo Premess Come si s dll lgebr elementre, si chim equzione un uguglinz fr due espressioni letterli che si verific soltnto ttribuendo prticolri vlori lle lettere,

Dettagli

Valore del parametro Tipo di Equazione Soluzioni Equazione di I grado x = 4. Equazione Spuria x 1 = 0 x 2 = 5 Equazione Completa con < 0

Valore del parametro Tipo di Equazione Soluzioni Equazione di I grado x = 4. Equazione Spuria x 1 = 0 x 2 = 5 Equazione Completa con < 0 Equzioni letterli di II grdo Un equzione letterle di II grdo è un equzione che contiene, oltre l letter che rppresent l incognit dell equzione, ltre lettere, dette prmetri, che rppresentno numeri ben determinti,

Dettagli

Il volume del cilindro è dato dal prodotto della superficie di base per l altezza, quindi

Il volume del cilindro è dato dal prodotto della superficie di base per l altezza, quindi Mtemtic per l nuov mturità scientific A. Bernrdo M. Pedone 3 Questionrio Quesito 1 Provre che un sfer è equivlente i /3 del cilindro circoscritto. r 4 3 Il volume dell sfer è 3 r Il volume del cilindro

Dettagli

Liceo Scientifico Sperimentale anno 2002-2003 Problema 1 Bernardo Pedone. ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE PNI anno 2002-2003

Liceo Scientifico Sperimentale anno 2002-2003 Problema 1 Bernardo Pedone. ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE PNI anno 2002-2003 Liceo Scientifico Sperimentle nno - Problem Bernrdo Pedone ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE PNI nno - PROBLEMA Nel pino sono dti: il cerchio γ di dimetro OA =, l rett t tngente γ

Dettagli

Lezione 14. Risoluzione delle equazioni algebriche.

Lezione 14. Risoluzione delle equazioni algebriche. Lezione Prerequisiti: Lezioni 8,. Risoluzione delle equzioni lgebriche. Si F un cmpo, e si K un chiusur lgebric di F. Si f ( ) F[ ] non costnte. Studimo i metodi di risoluzione per l equzione f ( ) = 0,

Dettagli

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n.

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n. AUTOVALORI ED AUTOVETTORI Si V uno spzio vettorile di dimensione finit n. Dicesi endomorfismo di V ogni ppliczione linere f : V V dello spzio vettorile in sé. Se f è un endomorfismo di V in V, considert

Dettagli

LEZIONE 20. è lineare. Per la commutatività del prodotto scalare segue anche la linearità dell applicazione

LEZIONE 20. è lineare. Per la commutatività del prodotto scalare segue anche la linearità dell applicazione LEZIONE 20 20.1. Prodotti sclri. Definizione 20.1.1. Si V uno spzio vettorile su R. Un prodotto sclre su V è un ppliczione tle che:, : V V R (v 1, v 2 ) v 1, v 2 (PS1) per ogni v 1, v 2 V si h v 1, v 2

Dettagli

I radicali. Cos è un radicale? ESERCIZIO 2.1. Determina le C.E. dei seguenti radicali e delle seguenti espressioni contenenti radicali.

I radicali. Cos è un radicale? ESERCIZIO 2.1. Determina le C.E. dei seguenti radicali e delle seguenti espressioni contenenti radicali. I rdicli Cos è un rdicle? Il simbolo si chim rdicle e si legge rdice ennesim di. - n si chim indice dell rdice e deve essere un numero nturle mggiore di zero. Qundo l indice si sottintende e il rdicle

Dettagli

Il calcolo integrale

Il calcolo integrale CAPITOLO 4 Il clcolo integrle Il problem che ffrontimo in questo cpitolo è il clcolo di ree di lcune regioni del pino. Inizimo il cpitolo spiegndo quli regioni pine simo interessti. Questi rgomenti sono

Dettagli

TEORIA ELEMENTARE DEL PROBLEMA DI CAUCHY

TEORIA ELEMENTARE DEL PROBLEMA DI CAUCHY TEORIA ELEMENTARE DEL PROBLEMA DI CAUCHY DANIELE ANDREUCCI DIP. METODI E MODELLI, UNIVERSITÀ LA SAPIENZA VIA A.SCARPA 16, 00161 ROMA, ITALY ndreucci@dmmm.unirom1.it 1. Notzione fondmentle e prime definizioni

Dettagli

IL CALCOLO LETTERALE: I MONOMI Conoscenze. per a = - 2 vale:

IL CALCOLO LETTERALE: I MONOMI Conoscenze. per a = - 2 vale: IL CALCOLO LETTERALE: I MONOMI Conoscenze. Complet.. Un espressione letterle è un scrittur in cui compiono operzioni tr numeri rppresentti, tutti o in prte, d lettere. Per clcolre il vlore numerico di

Dettagli

ELEMENTI DI TEORIA DEI NUMERI

ELEMENTI DI TEORIA DEI NUMERI ELEMENTI DI TEORIA DEI NUMERI 1. Richimi di teori Con Z indichimo l insieme dei numeri reltivi. Comincimo con il ricordre l definizione di quoziente e resto dell divisione di due numeri in Z. Definizione

Dettagli

Ing. Alessandro Pochì

Ing. Alessandro Pochì Dispense di Mtemtic clsse quint -Gli integrli Quest oper è distriuit con: Licenz Cretive Commons Attriuzione - Non commercile - Non opere derivte. Itli Ing. Alessndro Pochì Appunti di lezione svolti ll

Dettagli

Meccanica dei Solidi. Vettori

Meccanica dei Solidi. Vettori Meccnic dei Solidi Prof. Ing. Stefno Avers Università di Npoli Prthenope.. 2005-06 Lezione 2 Vettori Definizione: Un grndezz vettorile (o un vettore) è un grndezz fisic crtterizzt oltre che d un numero

Dettagli

Richiami sui vettori. A.1 Segmenti orientati e vettori

Richiami sui vettori. A.1 Segmenti orientati e vettori A Richimi sui vettori Richimimo lcune definizioni e proprietà dei vettori, senz ssolutmente pretendere di drne un trttzione mtemticmente complet. Lvoreremo sempre in uno spzio crtesino (euclideo) tre dimensioni,

Dettagli

Anno 1. Numeri reali: proprietà e applicazioni di uso comune

Anno 1. Numeri reali: proprietà e applicazioni di uso comune Anno Numeri reli: proprietà e ppliczioni di uso comune Introduzione L insieme dei numeri rzionli è composto d numeri che si ottengono dl rpporto tr due numeri interi. Tle rpporto, o frzione, è sempre ssociile

Dettagli

COGNOME..NOME CLASSE.DATA

COGNOME..NOME CLASSE.DATA COGNOME..NOME CLASSE.DATA FUNZIONE ESPONENZIALE - VERIFICA OBIETTIVI Sper definire un funzione esponenzile. Sper rppresentre un funzione esponenzile. Sper individure le crtteristiche del grfico di un funzione

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2003

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2003 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. Il cndidto risolv uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si rticol il questionrio. PROBLEMA Nel pino sono dti: il cerchio di dimetro OA,

Dettagli

Pietro Baldi Successioni e serie di funzioni. 1 Convergenza puntuale

Pietro Baldi Successioni e serie di funzioni. 1 Convergenza puntuale Pietro Bldi Successioni e serie di funzioni Testi di riferimento: W. Rudin, Principi di Anlisi Mtemtic, McGrw-Hill Libri Itli; N. Fusco, P. Mrcellini, C. Sbordone, Anlisi Mtemtic Due, Liguori Editore;

Dettagli

La parabola LA PARABOLA È IL LUOGO DEI PUNTI DEL PIANO EQUIDI- STANTI DA UN PUNTO DETTO FUOCO E DA UNA RETTA CHE NON LO CONTIENE DETTA DIRETTRICE.

La parabola LA PARABOLA È IL LUOGO DEI PUNTI DEL PIANO EQUIDI- STANTI DA UN PUNTO DETTO FUOCO E DA UNA RETTA CHE NON LO CONTIENE DETTA DIRETTRICE. L prol In figur è trccito il grfico di un prol con sse di simmetri verticle. Si vede suito dl grfico ce: l curv è simmetric rispetto l suo sse di simmetri il suo punto più in sso è il vertice il vertice

Dettagli

LOGICA MATEMATICA PER INFORMATICA (A.A. 12/13)

LOGICA MATEMATICA PER INFORMATICA (A.A. 12/13) LOGICA MATEMATICA PER INFORMATICA (A.A. 12/13) DISPENSA N. 9 Sommrio. Crtterizzimo l equivlenz elementre in termini di sistemi di isomorfismi przili e di giochi di Ehrenfeucht-Frïssé. 1. Giochi di Ehrenfeucht-Frïssé

Dettagli

Appunti di Analisi Matematica 1

Appunti di Analisi Matematica 1 Appunti di Anlisi Mtemtic 1 MASTER IN ECONOMIA DIGITALE & e-business Centro per lo studio dei sistemi complessi Università di Sien Mrzo 2005 Prof. Polo Nistri Un funzione (o ppliczione) tr due insiemi

Dettagli

Successioni di funzioni

Successioni di funzioni Successioni di funzioni 3.1 Introduzione Considerimo l successione (x n ) n0,icuiterminisono 1, x,x 2,x 3,..., x n,... Si trtt dell progressione geometric di termine inizile 1 e rgione x, che bbimo già

Dettagli

Nome.Cognome classe 5D 18 Marzo 2014. Verifica di matematica

Nome.Cognome classe 5D 18 Marzo 2014. Verifica di matematica Nome Cognome cls 5D 18 Mrzo 01 Problem Verific di mtemtic In un sistem di riferimento crtesino Oy, si consideri l funzione: ln f ( > 0 0 e si determini il vlore del prmetro rele in modo tle che l funzione

Dettagli

Proiettività della Retta e del Piano.

Proiettività della Retta e del Piano. Introduzione. In queste note proponimo l clssificzione delle proiettività per l rett proiettiv ed il pino proiettivo su un corpo lgebricmente chiuso. Nel cso dell rett studieremo nche il cso del corpo

Dettagli

Teoria dell integrazione elementare

Teoria dell integrazione elementare [versione del 5 mggio 29] Teori dell integrzione elementre Andre Crpignni Diprtimento di Mtemtic Applict Università di Pis Per tre cose vle l pen vivere: l mtemtic, l music, l more. Rento Cccioppoli Introduzione

Dettagli

Le equazioni di grado superiore al secondo

Le equazioni di grado superiore al secondo Le equzioni di grdo superiore l secondo ITIS Feltrinelli nno scolstico 007-008 R. Folgieri 007-008 1 Teorem fondmentle dell lger Ogni equzione lgeric di grdo n h sempre n soluzioni, che possono essere

Dettagli

FUNZIONI LOGARITMICHE

FUNZIONI LOGARITMICHE FUNZIONI LOGARITMICHE Voglimo vedere come dl grfico δ di un funzione y=f(x) si può pssre l grfico δ dell funzione y = f (x). Dobbimo vere ben presente il grfico dell funzione y = x con x R + e con >0,

Dettagli

Esercitazione di Matematica sulle equazioni di secondo grado (o ad esse riconducibili) nel campo reale

Esercitazione di Matematica sulle equazioni di secondo grado (o ad esse riconducibili) nel campo reale Esercitzione di Mtemtic sulle equzioni di secondo grdo (o d esse riconducibili) nel cmpo rele 1. Risolvere, nel cmpo rele, le seguenti equzioni di secondo grdo: () 81x 0; (b) (x 1) 7x ; (c) 7x x 0; (d)

Dettagli

Superfici di Riferimento (1/4)

Superfici di Riferimento (1/4) Superfici di Riferimento (1/4) L definizione di un superficie di riferimento nsce dll necessità di vere un supporto mtemtico su cui sviluppre il rilievo eseguito sull superficie terrestre. Tle superficie

Dettagli

5. Funzioni elementari trascendenti

5. Funzioni elementari trascendenti ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 5. Funzioni elementri trscendenti A. A. 2013-2014 1 FUNZIONI ESPONENZIALI Le più semplici funzioni esponenzili sono le funzioni f: R R definite

Dettagli

acuradi Luca Cabibbo e Walter Didimo Esercizi di Informatica teorica - Luca Cabibbo e Walter Didimo 1

acuradi Luca Cabibbo e Walter Didimo Esercizi di Informatica teorica - Luca Cabibbo e Walter Didimo 1 curdi Luc Cio e Wlter Didimo Esercizi di Informtic teoric - Luc Cio e Wlter Didimo 1 espressioni regolri e grmmtiche regolri proprietà decidiili dei linguggi regolri teorem di Myhill-Nerode notzioni sul

Dettagli

8 Equazioni parametriche di II grado

8 Equazioni parametriche di II grado Equzioni prmetrihe di II grdo Un equzione he oltre ll inognit (o lle inognite) ontiene ltre lettere (un o più) si die letterri o prmetri e le lettere sono himte, nhe, prmetri; si suppong he l equzione

Dettagli

Rapporti e proporzioni numeriche

Rapporti e proporzioni numeriche Rpporti e proporzioni numeriche Rpporti. Per rpporto tr due numeri e b, di cui il secondo diverso d zero, s intende il quoziente estto dell divisione dei due numeri dti, cioè :b oppure /b. Ad esempio dire

Dettagli

3. Funzioni iniettive, suriettive e biiettive (Ref p.14)

3. Funzioni iniettive, suriettive e biiettive (Ref p.14) . Funzioni iniettive, suriettive e iiettive (Ref p.4) Dll definizione di funzione si ricv che, not un funzione y f( ), comunque preso un vlore di pprtenente l dominio di f( ) esiste un solo vlore di y

Dettagli

RACCOLTA DI ESERCIZI PER I CORSI PRELIMINARI

RACCOLTA DI ESERCIZI PER I CORSI PRELIMINARI RACCOLTA DI ESERCIZI PER I CORSI PRELIMINARI PROPRIETÀ DEI NUMERI INTERI, SCOMPOSIZIONI, ECC.. Se A è ugule e B è ugule, qunto vlgono m.c.m. ed M.C.D. dei numeri A e B? 0 e. Se si moltiplicno due numeri

Dettagli

MATEMATIKA OLASZ NYELVEN

MATEMATIKA OLASZ NYELVEN Mtemtik olsz nyelven középszint 061 É RETTSÉGI VIZSGA 007. október 5. MATEMATIKA OLASZ NYELVEN KÖZÉPSZINTŰ ÍRÁSBELI ÉRETTSÉGI VIZSGA JAVÍTÁSI-ÉRTÉKELÉSI ÚTMUTATÓ OKTATÁSI ÉS KULTURÁLIS MINISZTÉRIUM Indiczioni

Dettagli

( x) a) La simmetrica della parabola rispetto all origine è tale che: La parabola di equazione y = x + ax a ha vertice V = = mentre la parabola y S

( x) a) La simmetrica della parabola rispetto all origine è tale che: La parabola di equazione y = x + ax a ha vertice V = = mentre la parabola y S Sessione ordinri 996 Liceo di ordinmento Soluzione di De Ros Nicol ) In un pino, riferito d un sistem di ssi crtesini ortogonli (O), sono ssegnte le prbole di equzione:, dove è un numero rele positivo.

Dettagli

MATEMATICA Classe Prima

MATEMATICA Classe Prima Liceo Clssico di Treiscce Esercizi per le vcnze estive 0 MATEMATICA Clsse Prim Cpitolo Numeri nturli Primi ogni pgin del cpitolo Cpitolo Numeri nturli Primi ogni pgin del cpitolo Per gli llievi promossi

Dettagli

Un carrello del supermercato viene lanciato con velocità iniziale

Un carrello del supermercato viene lanciato con velocità iniziale Esempio 44 Un utomobile procede lungo l utostrd ll velocità costnte di m/s, ed inizi d ccelerre in vnti di m/s.5 proprio nell istnte in cui super un cmion fermo in un re di sost. In quel preciso momento

Dettagli

ESPONENZIALI E LOGARITMI

ESPONENZIALI E LOGARITMI ESPONENZIALI E LOGARITMI 1 se 0, per ogni R ; Teori in sintesi ESPONENZIALI Potenze con esponente rele L potenz è definit: se >0: Sono definite: se >0: Non sono definite: Csi prticolri: Le proprietà delle

Dettagli

Equazioni e disequazioni logaritmiche ed esponenziali. Guida alla risoluzione di esercizi

Equazioni e disequazioni logaritmiche ed esponenziali. Guida alla risoluzione di esercizi Equzioni e disequzioni rimiche ed esponenzili Guid ll risoluzione di esercizi Esponenzile Definizione: si definisce funzione esponenzile, con come vlori l qunià elev ll poenz. è l rgomeno dell esponenzile,

Dettagli

Teoria di Jourawski. 1. Sezione ad T. Lê2 L Lê2. à Soluzione

Teoria di Jourawski. 1. Sezione ad T. Lê2 L Lê2. à Soluzione eori di Jourwski ü [A.. 0-03 : ultim revisione 4 gennio 03] Si pplic l teori di Jourwski l fine di clcolre l distribuzione di tensioni tngenzili su lcune sezioni soggette sforzo di tglio.. Sezione d ê

Dettagli

Funzioni a variazione limitata

Funzioni a variazione limitata Cpitolo 1 Funzioni vrizione limitt 1.1 Il problem delle primitive di funzioni L 1 Il problem dell ricerc delle primitive di un ssegnt funzione f : I R con I = [, b] intervllo limitto, cioè le soluzioni

Dettagli

lim lim lim + Nome.Cognome Classe 4D 7 Aprile 2011 Verifica di matematica Problema (punti 3) Sono date le funzioni: f ( x)

lim lim lim + Nome.Cognome Classe 4D 7 Aprile 2011 Verifica di matematica Problema (punti 3) Sono date le funzioni: f ( x) Nome.Cognome Clsse D 7 Aprile 0 Verific di mtemtic Problem (punti ) Sono dte le funzioni: f ( ) =, g ( ) = ( ) ) determinre il dominio di f() e di g() b) determinre, senz l uso dell clcoltrice f ( ) c)

Dettagli

Strumenti Matematici per la Fisica

Strumenti Matematici per la Fisica Strumenti Mtemtici per l Fisic Strumenti Mtemtici per l Fisic Approssimzioni Notzione scientific (o esponenzile) Ordine di Grndezz Sistem Metrico Decimle Equivlenze Proporzioni e Percentuli Relzioni fr

Dettagli

I Teoremi di Green, della divergenza (o di Gauss) e di Stokes

I Teoremi di Green, della divergenza (o di Gauss) e di Stokes I Teoremi di Green, dell divergenz o di Guss e di Stokes In R Si un sottoinsieme limitto di R semplice rispetto d entrmbi gli ssi crtesini con costituit dll unione di un numero finito di sostegni di curve

Dettagli

Sia A un sottoinsieme limitato del piano e f ( x, y ) una funzione definita in A e limitata. L integrale doppio

Sia A un sottoinsieme limitato del piano e f ( x, y ) una funzione definita in A e limitata. L integrale doppio Prte secon : Clcolo integrle. Integrle oppio su un rettngolo Si A un sottoinsieme limitto el pino e f ( x, ) un funzione efinit in A e limitt. L integrle oppio A f ( x, ) x è un numero efinito in moo tle

Dettagli

Equivalenza tra equazioni di Lagrange e problemi variazionali

Equivalenza tra equazioni di Lagrange e problemi variazionali Equivlenz tr equzioni di Lgrnge e problemi AM Cherubini 20 Aprile 2007 1 / 21 Problemi Mostrimo or come si possono ricvre sistemi di equzioni con struttur lgrngin in un mbito diverso: prim si er crtterizzt

Dettagli