Analisi Matematica: Calcolo Integrale. Francesco Russo

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Analisi Matematica: Calcolo Integrale. Francesco Russo"

Transcript

1 Anlisi Mtemtic: Clcolo Integrle Frncesco Russo 2 settembre 200

2 2

3 Indice Integrli indefiniti 5. Primitive ed integrli indefiniti Formule di integrzione Integrle di Riemnn 7 2. Il metodo di esustione Integrle definito e le sue proprietà Teorem fondmentle del clcolo integrle 3 3. Conseguenze del teorem fondmentle Aree e volumi 5 4. Are del sottogrfico di un funzione non negtiv Clcolo di volumi con il metodo delle fette Volume di solidi di rotzione Formul di Tylor 7 5. Polinomio e formul di Tylor Resto in form integrle, di Lgrnge e Peno Appliczioni dell formul di Tylor Integrli impropri Definizione ed esempi Teorem del confronto Serie numeriche 3 7. Criteri D Alembert Convergenz ssolut e criterio di Leibnitz Equzioni differenzili Equzioni differenzili lineri del ordine Equzioni differenzili lineri del 2 ordine

4 4 INDICE

5 Cpitolo Integrli indefiniti. Primitive ed integrli indefiniti PRIMITIVA - Un funzione F (x), derivbile nell intervllo [, b], è un primitiv di f(x) se F (x) = f(x), x [, b]. CARATTERIZZAZIONE DELLE PRIMITIVE DI UNA FUNZIONE IN UN INTERVALLO - Se F (x) e G(x) sono due primitive di un stess funzione f(x) in un intervllo [, b], esiste un costnte c t.c. G(x) = F (x) + c, x [, b] (.) Dimostrzione - Ponimo H(x) = F (x) G(x); risult H (x) = F (x) G (x) = f(x) f(x) = 0, x [, b]. H(x) = c, x [, b] quindi H (x) 0 H(x) crescente; H (x) 0 H(x) decrescente; H (x) = 0 H(x) costnte. INTEGRALE INDEFINITO - Si f un funzione continu in un intervllo [, b]. L insieme di tutte le primitive F di f in [, b] si chim intergrle indefinito di f e si indic col simbolo f(x) dx. L integrle indefinito è, l pri dell derivt, un operzione linere: risult cioè [αf(x) + βg(x)] dx = α f(x)dx + β g(x) dx 5

6 6 CAPITOLO. INTEGRALI INDEFINITI In effetti se F (x) è un primitiv di f(x) e G(x) lo è di g(x), l funzione αf (x) + βg(x) è un primiiv di αf(x) + βg(x) dto che [αf (x) + βg(x)] = αf (x) + βg (x) = αf(x) + βg(x). Ne segue che [αf(x) + βg(x)]dx = αf (x) + βg(x) + c, c R. Si h quindi α f(x) dx + β g(x) dx = αf (x) + βg(x).2 Formule di integrzione FORMULA DI INTEGRAZIONE PER PARTI - Se in un intervllo, f e g sono due funzioni derivbili con derivt continu, risult f(x)g (x) dx = f(x)g(x) f (x)g(x) dx. Chimeremo f(x) fttore finito, mentre g(x) fttore differenzile. Dimostrzione - Prtimo dll formul di derivzione del prodotto [f(x)g(x)] = f (x)g(x) + f(x)g (x). Clcolndo gli integrli indefiniti di entrmbi i membri e utilizzndo l linerità [f(x)g(x)] = f (x)g(x) dx + f(x)g (x) dx. L tesi si ottiene osservndo che l funzione f g è un primitiv dell su derivt [f g]. FORMULA DI INTEGRAZIONE PER SOSTITUZIONE - Si f un funzione continu e g un funzione derivbile con derivt continu; risult [ ] f(x) dx = f(g(t))g (t) dt. x=g(t) Dimostrzione - Consiste nell osservre che F (g(t))+c = f(g(t))g (t) dt; ciò è conseguenz del teorem di derivzione delle funzioni composte. Inftti dto che d dt F (g(t)) = F (g(t))g (t) = f(g(t))g (t) bbimo verificto che F (g(t)) è un primitiv di f(g(t))g (t).

7 Cpitolo 2 Integrle di Riemnn 2. Il metodo di esustione Clcolimo col metodo dell esustione l re di un settore di prbol, cioè l re dell regione S compres fr l sse x, f(x) = x 2 e l rett x = b. Dividimo [0, b] in n N intervlli, [x k, x k ] ciscuno di mpiezz b n. L re totle è dt dll somm dei rettngoli componenti: f(x k )(x k x k ) = k= f(x k )(x k x k ) = k= k= k= x 2 k x 2 k b n = b n b n = b n k= k= x 2 k x 2 k (pprossimzione per difetto) (pprossimzione per eccesso). In questi due csi i rettngoli (prtizioni) hnno l stess bse, m ltezze diverse; d esempio, un generico rettngolo vente per bse l intervllo [x k, x k ] h nel primo cso ltezz x 2 k mentre nel secondo x2 k. Dunque b n x 2 k < re k= S < b n in cui l somm l primo membro è dett somm integrle inferiore e quell l secondo somm integrle superiore. Si f(x) un funzione limitt nell intervllo chiuso [, b] di R. Un prtizione P di [, b] è un insieme ordinto costituito d n + punti distinti (che individuno n intervlli) x 0, x,..., x n con n N t.c. P di [, b] ponimo k= x 2 k = x 0 <... < x k <... < x n = b. m k = inf{f(x) : x [x k, x k ]} M k = sup{f(x) : x [x k, x k ]}. 7

8 8 CAPITOLO 2. INTEGRALE DI RIEMANN Definimo poi le somme (integrli) inferiori e superiori: s(p ) = m k (x k x k ) S(P ) = k= Definimo or due insiemi A e B t.c. M k (x k x k ). k= A = {s(p )} B = {S(P )}. Essi srnno seprti, m dll ssiom di completezz segue che esisterà lmeno un c R t.c. b B c A. 2.2 Integrle definito e le sue proprietà INTEGRALE DEFINITO - Se vi è un unico elemento di seprzione c tr A e B, llor si dice che f(x) è integrbile in [, b] secondo Riemnn e l elemento c si indic con f(x) dx e si chim integrle definito di f in [,b]. In ltre prole (con P generic prtizione di [, b]), posto s(f) = sup{s(p )} S(f) = inf{s(p )} se risult s(f) = S(f) llor f(x) è integrbile secondo Riemnn in [, b]. ADDITIVITÁ DELL INTEGRALE RISPETTO ALL INTERVALLO - Se, b, c sono tre punti in un intervllo dove f(x) è integrbile, llor f(x) dx = c f(x) dx + c f(x) dx. LINEARITÁ DELL INTEGRALE - Se f, g sono funzioni integrbili in [, b] e se c è un numero rele, nche f + g e c f sono integrbili in [, b] e risult [f(x) + g(x)] dx = c f(x) dx = c f(x) dx + g(x) dx; (2.) f(x) dx. (2.2)

9 2.2. INTEGRALE DEFINITO E LE SUE PROPRIETÀ 9 MONOTONIA (CONFRONTO TRA INTEGRALI) - Se f, g sono funzioni integrbili in [, b] e se f(x) g(x), x [, b], llor In prticolre f(x) dx g(x) dx. f(x) dx f(x) dx. Dto che l integrle definito dell funzione identicmente null è 0, dll linerità (2.) si deduce che f(x) 0 f(x) dx 0 ( < b) e utilizzndo l disuguglinz f(x) f(x) f(x), x [, b], dll linerità (2.2) si h f(x) dx f(x) dx f(x) dx, ( < b) che in bse ll equivlenz del vlore ssoluto si scrive nche nell form f(x) dx f(x) dx, ( < b) Dimostrzione - Dto che h(x) = f(x) g(x) 0, x [, b], si dimostr che dto che, per l linerità dell integrle f(x) dx h(x) dx 0, g(x) dx = [f(x) g(x)] dx. Se h(x) 0 in [, b], llor, pres un prtizione P = {x 0, x,..., x n } di [, b], si h che m k = inf h 0, k =,..., n [x k,x k ] e quindi Dunque s(h, P ) = m k (x k x k ) 0. k= 0 s(h, P ) sup s(h, P ) = p h(x) dx.

10 0 CAPITOLO 2. INTEGRALE DI RIEMANN (PRIMO) TEOREMA DELLA MEDIA INTEGRALE - Si f un funzione limitt ed integrbile secondo Riemnnn in [, b]. Allor m(b ) f(x) dx M(b ), con m = inf{f(x) : x [, b]} e M = sup{f(x) : x [, b]}. Dimostrzione - Si h che m f(x) M, x [, b] e quindi, per l monotoni dell integrle bbimo che m(b ) = cioè l tesi di prtenz. m dx f(x) M dx = M(b ) (SECONDO) TEOREMA DELLA MEDIA INTEGRALE - Se f(x) è continu in [, b], x 0 t.c. Dimostrzione - Si or f(x) dx = f(x 0 )(b ). y = b f(x) dx. Il precedente teorem implic che m y M. Se f è continu in [, b], per il teorem dei vlori intermedi, x 0 [, b] t.c. f(x 0 ) = y; l tesi segue quindi fcilmente. CRITERIO DI INTEGRABILITÁ - Un funzione f limitt in [, b] è ivi integrbile secondo Riemnn sse, ε > 0, un prtizione P di [, b] t.c. S(P ) s(p ) < ε. Dimostrzione - Se f è integrbile secondo Riemnn in [, b] llor s(f) = S(f); in bse lle definizioni di sup e inf, ε > 0 esistono due prtizioni P e P t.c. s(f) ε 2 < s(p ), S(f) + ε 2 > S(P ). Posto P = P P si h che s(f) ε 2 < s(p ) s(p ) S(P ) S(P ) < S(f) + ε 2 d cui, essendo s(f) = S(f), S(P ) s(p ) < S(f) + ε ( 2 s(f) ε ) = ε. 2

11 2.2. INTEGRALE DEFINITO E LE SUE PROPRIETÀ INTEGRABILITÁ DELLE FUNZIONI MONOTONE - Si f(x) un funzione monoton in [, b]. Allor f(x) è integrbile secondo Riemnn in [, b]. Dimostrzione - Considerimo l prtizione P {x 0, x,..., x n } di [, b] t.c. x 0 =, x = + b n,... x k = + k b n, x n = b. Vlutimo l differenz tr l somm superiore e quell inferiore; dto che x k x k = (b ) n, risult: S(P n ) s(p n ) = M k (x k x k ) k= = b n ( M k k= m k (x k x k ) = k= ) m k. Per ipotesi f(x) è monoton in [, b]; supponimo si crescente in [, b]. In questo cso il suo mssimo in [x k, x k ] è ssunto ll estremo destro, mentre il minimo è ssunto ll estremo sinistro, cioè M k = f(x k ) e m k = f(x k ). Ottenimo quindi: M k m k = k= = f(x ) + f(x 2 ) f(x n ) [f(x 0 ) + f(x ) f(x n )] = k= k= = f(x n ) f(x 0 ) = f(b) f(). Abbimo quindi dimostrto che n N esiste un prtizione P n in [, b] t.c. S(P n ) s(p n ) = (b )[f(b) f()] ; n dto che il 2 membro converge 0 per n +, ε 0, v t.c. S(P n ) s(p n ) < ε, n > v. Quindi per il teorem del criterio di integrbilità visto precedentemente, f(x) è integrbile secondo Riemnn in [, b]. INTEGRABILITÁ DELLE FUNZIONI CONTINUE - Si f(x) un funzione continu in [, b]. Allor f(x) è integrbile secondo Riemnn in [, b].

12 2 CAPITOLO 2. INTEGRALE DI RIEMANN

13 Cpitolo 3 Teorem fondmentle del clcolo integrle TEOREMA FONDAMENTALE DEL CALCOLO INTEGRALE - Si f[, b] definit in R e continu. Si F l funzione definit F (x) = x f(t) dt, x [, b]. Allor i) F è derivbile in [, b] e F (x) = f(x) x [, b]; ii) Se G è un primitiv di f in [, b] llor G(x) = F (x) + c, x [, b]; iii) (FORMULA FONDAMENTALE) primitiv G di f b f(t) dt = G(b) G() := G. Dimostrzione - (i) x [, b], x + h [, b]. Rpporto incrementle: F (x + h) F (x) = [ x+h x ] f(t) dt f(t) dt = h h = [ x x+h x ] f(t) dt + f(t) dt f(t) dt = x+h f(t) dt. h x h x Per l proprietà dell medi x h [x, x + h] t.c. f(x h ) = x+h h x f(t) dt. lim x F (x + h) F (x) h = x, lim = lim f(x h ) = f(x) h 0 h 0 h h 0 perchè f è continu in x. (ii) già dimostrto (crtterizzzione delle primitive di funzione in un intervllo -.). (iii) Se G è un primitiv qulunque di f, dll (ii) c t.c. G(x) = F (x) + c. b G = G(b) G() = F (b) + c (F () + c) = 3

14 4CAPITOLO 3. TEOREMA FONDAMENTALE DEL CALCOLO INTEGRALE = f(t) dt f(t) dt = f(t) dt 3. Conseguenze del teorem fondmentle INTEGRAZIONE PER PARTI DI INTEGRALI DEFINITI - u(x)v b (x) dx = u(x)v(x) u (x)v(x) dx. INTEGRAZIONE PER SOSTITUZIONE DI INTEGRALI DEFINITI - Si g : [c, d] in [, b] t.c. = g(c) e b = g(d); llor f(x) dx = d c f(g(t))g (t) dt.

15 Cpitolo 4 Aree e volumi 4. Are del sottogrfico di un funzione non negtiv Se f : [, b] R è integrbile e non negtiv, llor l integrle definito f(x) dx h significto di re dell regione pin In tl cso quindi risult A = (x, y) : x b, 0 y f(x). re di A = f(x) dx. Per clcolre l re dell regione compres tr due funzioni f(x) e g(x), definit dlle limitzioni A = (x, y) : x b, g(x) y f(x) si us l formul re di A = [f(x) g(x)]. 4.2 Clcolo di volumi con il metodo delle fette Considerimo un solido V e fissimo un rett che lo ttrvers, sse delle x, ed un sistem di scisse su di ess. Se considerimo l insieme dei pini perpendicolri d ess, possimo ssocire d ogni x il pino che è perpendicolre ll rett dt e che l incontr nel punto di sciss x. x [, b], ogni pino rppresent un sezione S(x) del solido V. 5

16 6 CAPITOLO 4. AREE E VOLUMI Dto che S(x) è un regione pin, possimo supporre di conoscere l re in bse l metodo del prgrfo precedente; quindi: A(x) = re dell sezione S(x). Supponendo che A(x) si continu in [, b] possimo considerre le sue somme integrli. Fissimo un prtizione P di [, b], e si [x k, x k ] un generico intervllo di P. All fett di re A(x k )(x k x k ) corrisponde il cilindro che h per bse un cerchio di A(x k ) e l cui ltezz vle (x k x k ). Cioè d ogni rettngolo (fett) di un cert re corrisponde un cilindro in V di pri volume. Si h quindi che il volume di V è ugule ll integrle dell funzione A(x) nell intervllo [, b], cioè: volume di V = A(x) dx. 4.3 Volume di solidi di rotzione Nel cso in cui V è un solido di rotzione, il suo contorno è ottenuto fcendo ruotre ttorno ll sse delle x il grfico di un funzione f(x). In questo cso l regione pin S(x) è un cerchio di rggio f(x), quindi l re di S(x) è dt d: A(x) = π[f(x)] 2 ; in definitiv: volume di un solido di rotzione = π [f(x)] 2 dx.

17 Cpitolo 5 Formul di Tylor 5. Polinomio e formul di Tylor Il problem di pprossimre un qulsisi funzione per mezzo di un polinomio non h ovvimente un unic soluzione, m dipende dl modo in cui definimo buon un pprossimzione, ovvero dlle condizioni imposte. L scelt più semplice è di intendere come polinomio P (x) di grdo n che meglio pprossim l funzione f(x) quello che h lo stesso vlore di f(x) e di tutte le derivte fino ll ennesim, in un dto punto x 0. L situzione che cerchimo è quindi per x vicino x 0 ; più precismene f(x) = f(x 0 ) + f (x 0 )(x x 0 ), f(x) = f(x 0 ) + f (x 0 )(x x 0 ) + R (x). POLINOMIO DI TAYLOR DI GRADO n DI f IN x 0 - P (x, x 0 ) = f(x 0 ) + f (x 0 )(x x 0 ) f (n) (x 0 )(x x 0 ) n n! = P n (x, x 0 ). Dove P = f(x 0 ) e P n (x, x 0 ) = f (k) (x 0 ), con k = 0,,.., n. FORMULA DI TAYLOR - Si f(x) un funzione derivbile n volte in x 0. Risult:. f(x) = k=0 f (k) (x 0 ) (x x 0 ) k + R n, k! 7

18 8 CAPITOLO 5. FORMULA DI TAYLOR 2. lim x x 0 R n (x) (x x 0 ) n = 0 APPROSSIMAZIONE DI UNA FUNZIONE CON IL SUO POLINOMIO DI TAYLOR - Considerimo un polinomio p(x) di grdo n coefficienti reli p(x) = 0 + x + 2 x n x n. (5.) L funzione p(x) è indefinitivmente derivbile in N e le sue derivte di ordine mggiore di n sono tutte nulle. Inoltre si veric che p(0) = 0, e p (k) (0) = k! k, k n. Ricvndo i vlori dei coefficienti k, possimo riscrivere il polinomio (5.) nell form p(x) = p(0) + p (0)! x + p (0) 2! x p(n) (0) x n. n! In ltre prole un polinomio di grdo n è noto solo un volt che sino noti il suo vlore e quelo delle sue derivte in 0. Sostituendo il ruolo dello 0 con quello di un generico x 0 R si h: p(x) = p(x 0 )+ p (x 0 )! (x x 0 )+ p (x 0 ) 2! (x x 0 ) p(n) (x 0 ) (x x 0 ) n. (5.2) n! D quest ultim segue che un polinomio di grdo n è univocmente determinto un volt che sino noti i vlori che esso e le sue prime n derivte ssumono in x 0. Si f(x) derivbile n volte in un punto x 0, cerchimo di determinre un polinomio p n (x) di grdo n che verifichi le uguglinze p n (x 0 ) = f(x 0 ), p n(x 0 ) = f (x 0 ),... p (n) n (x 0 ) = f (n) (x 0 ). (5.3) Tle polinomio deve vere per l (5.2) l espressione: p n (x) = = f(x 0 ) + f (x 0 )! (x x 0 ) + f (x 0 ) 2! (x x 0 ) f (n) (x 0 ) (x x 0 ) n. (5.4) n! Le condizioni (5.3) sono verificte d p n ; perciò il polinomio di grdo n che soddisf le (5.3) esiste, è unico, ed è rppresentto in (5.4): tle polinomio prende il nome di polinomio di Tylor, di ordine n e centro x 0, dell funzione f(x). Definimo infine l funzione resto, che rppresent l errore commesso qundo in x si sostituisce f(x) il suo polinomio di Tylor di centro x 0 e di ordine n: R n (x) = f(x) p n (x). (5.5)

19 5.2. RESTO IN FORMA INTEGRALE, DI LAGRANGE E PEANO Resto in form integrle, di Lgrnge e Peno FORMULA DI TAYLOR CON IL RESTO IN FORMA INTEGRALE - Se f è derivbile n + volte in [, b], con derivt f (n+) continu, si h l formul f (k) (x 0 ) f(x) = (x x 0 ) k + R n (x 0, x), k! k=0 con R n (x 0, x) il resto n-esimo in form integrle dell form: R n (x 0, x) = x x 0 (x t) n f (n+) (t) dt. n! Dimostrzione - Per deinizione di funzione resto si h R n (x) = f(x) p n (x) R n (x) = f(x) k=0 bisogn quindi dimostrre (per induzione) che x [, b] x x 0 (x t) n f (n+) (t) dt = f(x) n! k=0 f (k) (x 0 ) (x x 0 ) k ; k! f (k) (x 0 ) (x x 0 ) k. (5.6) k! Per n = 0 quet uguglinz è conseguenz dell formul fondmentle del clcolo integrle, inftti: x x 0 f (t) dt = [f(t)] x x 0 = f(x) f(x 0 ) = R 0 (x). Nell ipotesi che f(x) mmett derivt (n+2)-esim continu in [, b], ssumimo per induzione che vlg l (5.6); integrndo per prti ottenimo: R n (x) = n! {[ ] t=x (x x t)n+ f (n+) (t) + n + t=x 0 (x t) n+ x 0 n + = f (n+) (x 0 ) x (x x 0 ) n+ (x t) n+ + f (n+2) (t) dt, (n + )! x 0 (n + )! che equivle ll tesi, con n + l posto di n: R n+ (x 0, x) = x (x t) n+ f (n+2) (t) dt. x 0 (n + )! } f (n+2) (t) dt =

20 20 CAPITOLO 5. FORMULA DI TAYLOR FORMULA DI TAYLOR CON IL RESTO IN FORMA DI LAGRANGE - Se f è derivbile n + volte in [, b], con derivt f (n+) continu, x [, b], x, compreso fr x 0 e x, t.c. R n (x) = f (n+) (x ) (x x 0 ) n+. (n + )! Dimostrzione - Dto che f (n+) (t) è continu, possimo vlutre il suo mssimo e minimo: m(x 0, x) = min f (n+) (t); t [x 0,x] M(x 0, x) = mx t [x 0,x] f (n+) (t). Sppimo che x > x 0, quindi: m(x 0, x) x x 0 Clcolimo l integrle: x x 0 Si h: (x t) n dt = n! n! (x t) n dt R n (x 0, x) M(x 0, x) n! x x m(x 0, x) x 0 (x t) n dt = n! x 0 (x t) n n! x (x t) n M(x 0, x) x 0 n! [ x x 0 ] t=x (x t)n+ = n + t=x 0 dt m(x 0, x) (x x 0) n+ ; (n + )! dt M(x 0, x) (x x 0) n+. (n + )! (x t) n dt. n! (x x0)n+. (n + )! Perciò: (n + )! m(x 0, x) R n (x 0, x) = R n(x 0, x) (x x 0 ) n+ M(x (x x 0 ) n+ 0, x). (n+)! Quindi per il teorem dell esistenz dei vlori intermedi x (x 0, x) t.c. che dimostr l tesi. Segue che: (n + )! R n (x 0, x) (x x 0 ) n+ = f (n+) (x ), lim x x 0 R n (x, x 0 ) (x x 0 ) = lim x x 0 (x x 0 ) (x + )! f (n+) (x ) = 0.

21 5.2. RESTO IN FORMA INTEGRALE, DI LAGRANGE E PEANO 2 FORMULA DI TAYLOR CON IL RESTO IN FORMA DI PEANO - Se f è derivbile n volte in x 0, il resto R n (x) è un infinitesimo in x 0 di ordine superiore (x x 0 ) n, ossi: lim x x 0 R n (x) = 0. (5.7) (x x 0 ) n Dimostrzione - Utilizzndo l deinizione di funzione resto (5.5), v dimostrto che: lim x x 0 R n (x) (x x 0 ) n = lim x x 0 f(x) p n (x) (x x 0 ) n = f(x) [f(x 0 ) + f (x 0 )(x x 0 ) f (n) (x 0 )(x x 0 ) n /(n!)] lim x x 0 (x x 0 ) n = 0. Applicndo n volte il teorem di l Hopitl (il precedente limite è un form indetermint 0 0 ) si trov: f (n ) (x) [f (n ) (x 0 ) + f (n) (x 0 )(x x 0 )] lim = x x 0 n!(x x 0 ) = { f (n ) (x) f (n ) } (x 0 ) lim f (n) (x 0 ) = n! x x 0 x x 0 = { } f (n) (x 0 ) f (n) (x 0 ) = 0. n! DEFINIZIONE DI o piccolo - Sino f(x), g(x) funzioni definite in un intorno di x 0 (con l eventule eccezione di x 0 ), non nulle per x x 0. Si dice che f(x) è per x x 0 un infinitesimo di ordine superiore g(x), oppure che f(x) è un o piccolo di g(x), e si scrive f(x) = o(g(x)) (per x x 0 ) se g(x) è un funzione infinitesim per x x 0 e f(x) lim x x 0 g(x) = 0. Con tle definizione il resto di Peno in (5.5), (5.7) si rppresent nche così: R n (x) = o((x x 0 ) n ) (per x x 0 );

22 22 CAPITOLO 5. FORMULA DI TAYLOR tenendo presenti le espressioni di resto (5.5) e del polinomio di Tylor in (5.4), si può scrivere l formul di Tylor con il resto di Peno nell form: f(x) = k=0 f (k) (x 0 ) (x x 0 ) k + o((x x 0 ) n ). k! Si utilizz spesso l formul di Tylor con centro x 0 = 0, ed in tl cso si chim formul di Mc Lurin: f(x) = f(0) + f (0)x + f (0) 2 Ecco lcune formule per le funzioni elementri: x f (n) (0) x n + o(x n ). n! e x = + x + x2 2 + x3 xn ! n! + o(xn ); log( + x) = x x2 2 + x3 xn... + ( )n+ 3 n + o(xn ); sin x = x x3 3! + x5 x2n ( )n 5! (2n + )! + o(x2n+2 ); cos x = x2 2 + x4 x2n... + ( )n 4! (2n)! + o(x2n+ ); rctn x = x x3 3 + x5 x2n ( )n+ 5 2n + + o(x2n+2 ); PROPRIETÁ DEGLI o piccoli - Le seguenti proprietà sono utili i fini del clcolo dei limiti (m, n N): o(x n ) + o(x n ) = o(x n ); c o(x n ) = o(cx n ) = o(x n ) c = costnte 0; o(x n ) o(x n ) = o(x n ); x m o(x n ) = o(x m+n ); o(x m ) o(x n ) = o(x m+n ); o(o(x n )) = o(x n ); o(x n + o(x n )) = o(x n ).

23 5.3. APPLICAZIONI DELLA FORMULA DI TAYLOR Appliczioni dell formul di Tylor APPROSSIMAZIONE DEL NUMERO e - Il numero e viene definito con l seguente formul, che offre un buon pprossimzione: ( e = lim + n. n n) Con l formul di Tylor simo in grdo di vere un pprossimzione migliore di e. Sfruttimo il ftto che e = f(), dove f(t) = e t ; supponimo inoltre di spere che e t è crescente e che 0 < e < 3. Nell pplicre l formul di Tylor ci conviene che i numeri f (k) (x 0 ) sino i più semplici possibili. Scegliendo x 0 = 0 bbimo: dove e = f() = k=0 R n (0, ) = f (k) ( 0)n (x 0 ) + R n (0, ), n! Dto che f (k) (t) = e t, k N, ottenimo: dove e = 0 k=0 R n (0, ) = ( t) n f (n+) (t) dt. n! k! + R n(0, ), Dto che e t è crescente bbimo che: = 0 ( t) n e t dt n! 0 0 < R n (0, ) = 0 ( t) n e t dt. n! ( t) n e ( t) n dt < 3 dt = n! 0 n! 3 = (n + )!. Possimo concludere che, se pprossimimo e n k=0 k!, commettimo un 3 errore che non super il numero (n+)!. Ad esempio se sceglimo n = 5: dove e = ε 5, 0 < ε 5 = R n (0, ) < 3 6! = 240 =

24 24 CAPITOLO 5. FORMULA DI TAYLOR Dunque e = 2, ε 5. Se volessimo clcolre e con un pprossimzione fisst, d esempio con errore più piccolo di 0 4 3, dovremmo cercre n t.c. (n+)! < 0 4, dto che ε n < 3 (n+)!. Ciò si ottiene scegliendo (n + )! > e cioè con n = 7; dunque 7 e = k! + ε 7 e quindi 2, 7825 < e < 2, k=0 CALCOLARE 0 CON UN ERRORE INFERIORE A x = g(x) pprossimre l funzione x0 = 9 0 = 9 + = 9 ( + ) = f(x) = + 9 f( 9 ) polinomio di Tylor x 0 = 0 f(0) = f (0) = 2 f (x) = 2 (+x) 2 f (x) = 2 ( ) ( 3 ) ( + x) f (x) = 2 ( ) ( ) ( f (n) = 2 ( ) R n 9, 0 = f (n+) (c) (n + )! 9 ( n! n+ n+ (n + )! 9 = 9) Svolto in form di Lgrnge: f (n+) (c) = ( 2 2 n+ ) (n ) ( + x) 2 n ( ) (+x) 3 2 2? per or possimo dire che n! n + 0 n + R n(x, 0) x n+ n + ) ( 2 2 ) ( n ) ( + c) 2 n+ n! 2 0 = 3 + ( ) 9 = 3(f ) = 9 ( ) ( ) ( ) ( ) = 3(P n 9, 0 + R n 9, 0 ) = 3P n 9, 0 + 3R n 9, 0 Bisogn scegliere n in modo che 3R n ( 9, 0), cioè l errore, si < n+ n + < 0 3 vle dire n = 3

25 5.3. APPLICAZIONI DELLA FORMULA DI TAYLOR 25 USO DI TAYLOR PER IL CALCOLO DEI LIMITI INDETERMINATI - L formul di Tylor con resto di Peno si dimostr utile nel clcolo dei limiti di forme indeterminte. Anlizzimo il seguente esempio lim x 0 ( x 2 x sin x Il limite si present sotto form indetermint + (+ ). Utilizzndo l formul di Tylor dell funzione sin x centro x 0 = 0 (mostrt negli esempi reltivi ll definizione di o piccolo con n = ): ). sin x = x x3 3! + o(x4 ); si ottiene: ( lim x 0 x 2 ) sin x x = lim x sin x x 0 x 2 sin x = lim x x3 3! + o(x 4 ) x x 0 x 2 (x x3 3! + o(x 4 )) = x3 6 = lim + o(x4 ) x 0 x 3 x5 6 + o(x6 )). Dividendo numertore e denomintore per x 3 e tenendo presente che o(x 4 ) x 3 = x o(x4 ) x 4 0 per x 0, come pure o(x 6 )/x 3 0 per x 0 si ottiene infine il limite euivlente lim x o(x4 ) x 3 x2 6 + o(x6 ) x 3 = 6.

26 26 CAPITOLO 5. FORMULA DI TAYLOR

27 Cpitolo 6 Integrli impropri 6. Definizione ed esempi INTEGRALE IMPROPRIO - Si R e f : [, + ) R t.c.. f è integrbile in [, b], b > ; 2. lim b f(x) dx esiste ed è finito Allor si dice che f è integrbile in [, + ) e si pone + f(x) dx = lim b f(x) dx; tle numero si dice integrle improprio di f in [, + ). Se il limite (2) converge, l integrle improprio converge; se il limite diverge (se lim è + ), l integrle improprio diverge. In modo nlogo definimo l integrle improprio di un funzione continu e non negtiv in un intervllo illimitto del tipo (, ], o (, + ); d esempio: + f(x) dx = lim f(x) dx b + b ESEMPIO IMPORTANTE: integrbilità di x in [, + ) l vrire di - Per ogni possimo considerre l integrle: + x dx = Si conclude che: + lim b + x dx = x dx = [ ] x b ( b lim = lim b + b + + ). { /( ) se > (converge) + se < (diverge) 27

28 28 CAPITOLO 6. INTEGRALI IMPROPRI Anche nel cso = l integrle diverge in qunto x = log x b = log b log. INTEGRALE IMPROPRIO PER FUNZIONI NON LIMITATE - Si f : (, b] R non limitt per x +, se f è integrbile in ogni [+ε, b], ε > 0, si pone f(x) dx = lim f(x) dx ε 0 + +ε se questo limite esiste. ESEMPIO IMPORTANTE: integrbilità di x in (0, ] l vrire di - Per ogni clcolimo l integrle: 0 dx = lim x h 0 + Si conclude che: 0 h x dx = [ ] x x ( ) dx = lim = lim h 0 + h h h. { /( ) se < (converge) + se > (diverge) ESEMPIO IMPORTANTE: integrbilità di /(x(logx) β ) in [2, + ) (o più in generle in [, + ) con > ) l vrire di β (con β > 0) - Dto che { x[log x] β dx = β [log x] β b se β log log x b se β = l integrle converge se e solo se b >. 6.2 Teorem del confronto TEOREMA DEL CONFRONTO - Sino f, g : [, + ) R due funzioni integrbili in [, b], b > e t.c. 0 f(x) g(x), x [, + ). Allor se se + + g(x) dx f(x) dx converge diverge + + f(x) dx g(x) dx converge; diverge.

29 6.2. TEOREMA DEL CONFRONTO 29 Dimostrzione - Poichè f, g 0, le funzioni F (b) = f(x) dx G(b) = g(x) dx sono crescenti e vle F (x) G(x), b >. Perciò i loro limiti in b + sono finiti o infiniti e + f(x) dx = lim b + f(x) dx lim b + g(x) dx = + g(x) dx. Trmite quest uguglinz si verific l tesi, in qunto se il limite del secondo membro è finito, lo srà nche quello del primo membro; se non è finito quello del primo membro, non lo srà nche quello del secondo. TEOREMA DEL CONFRONTO ASINTOTICO - Sino f, g : [, + ) R due funzioni integrbili in [, b], b >, e supponimo che f(x) 0 e g(x) > 0, x [, + ). Si se < l < + llor: l = f(x) lim x + g(x) ; + f(x) dx converge sse + g(x) dx converge. Dimostrzione - Preso ε = l 2 > 0, k t.c. f(x) g(x) l < l 2, x > k e quindi o per meglio dire l 2 = l l 2 < f(x) g(x) < l + l 2 = 3l 2, x > k l 3l g(x) < f(x) < g(x), x > k. 2 2 Applicndo il teorem precedente prim lle funzioni l 2g(x) ed f(x), poi f(x) e 3l 2 g(x), si conclude che + k f(x) dx converge sse + k g(x) dx converge. L tesi si ottiene osservndo che k 0 f(x) dx e k 0 g(x) dx convergono per ipotesi.

30 30 CAPITOLO 6. INTEGRALI IMPROPRI

31 Cpitolo 7 Serie numeriche Si n un successione di numeri reli. dell succesione, cioè l espressione Definimo l somm dei termini n +... Introducimo con s n l somm dei primi n termini dell succesione (somm przile o ridott n-esim): s n = n = k. Se il limite per n di s n esiste ed è un numero finito, si dice che l serie è convergente; è divergente se il limite vle ±. Un serie convergente o divergente si dice regolre; è indetermint se non esiste il limite per n di s n. Il crttere di un serie è l su proprietà di essere convergente, divergente o indetermint. CONDIZIONE NECESSARIA PER LA CONVERGENZA DI UNA SE- RIE - Se l serie k= k è convergente, llor l successione n tende 0 per n +. Dimostrzione - Indichimo con s n l successione di somme przili e con s R l somm dell serie. Essendo s n+ = s n + n+, n R, risult lim n+ = n + k= lim s n+ lim s n = s s = 0. n + n + SERIE GEOMETRICA - Si q R; l seie n=0 qn si dice geometric di regione q. Se q =, s n = + } + {{... + } = n + n volte 3

32 32 CAPITOLO 7. SERIE NUMERICHE e quindi il suo limite per n + diverge +. Se q : ( q)s n = s n qs n = ( + q + q q n ) (q + q q n+ ) = q n+ (o per mezzo dell formul che esprime l somm di un progressione geometric con x : + x x n = ( x n+ )/( x)) e quindi: s n = qn+ q q n+ lim n + q = { q se q < + se q > se q L serie geometric di regione q converge sse < q < nel qul cso l su somm è q, diverge + se q ed è indetermint se q. SERIE TELESCOPICA - L seie + n= (b n b n+ ) si dice serie telescopic. Dto che s n = b b 2 + b 2 b b n b n+ = b b n+ tle serie converge sse l successione {b n } n N converge; in tl cso + n= (b n b n+ ) = b lim b n. n SERIE ARMONICA - Un seie del tipo n= n si dice rmonic. In questo cso lim n n = 0. L serie non converge, inftti s 2n s n = ( n + n n ) ( n ) = = n n > 2n }{{ 2n} n volte = n 2n = 2. Se l serie convergesse, llor s n s e s 2n s, cioè (s 2n s n ) s s = 0, contro il ftto che s 2n s n > 2, n N. TEOREMA SULLE SERIE A TERMINI NON NEGATIVI - Un serie termini non negtivi (se n N risult n 0) non può essere indetermint; è quindi convergente, o diverge positivmente. Per le serie termini tutti positivi (se n N risult n > 0) è vlido il criterio del confronto come per gli integrli impropri di funzioni positive. SERIE RESTO - Dt un serie n= n ed un intero N, l serie n=n+ n

33 33 si dice un serie resto dell serie originri. OSSERVAZIONE [7.] - Sino {s n } n N e {t n } n N le successioni per le somme przili e e cioè s n = n= n k e t n = k= k=n+ n=n+ n k per n N +. Allor s n = s N + t n, n N + e quindi s n converge sse t n converge. Vle dire che un serie converge (diverge) sse ogni su serie resto converge (diverge). CRITERIO DEL CONFRONTO TRA SERIE A TERMINI POSITIVI - Sino { n } n N e {b n } n N due successioni t.c. 0 n b n, n N llor: Se Se b n < + (converge) n= n = + (diverge) n= n < + (converge); (7.) n= b n = + (diverge). (7.2) Dimostrzione - Sino s n e t n le somme przili (o ridotte n-esime) delle successioni n e b n. Risult che n= s n = n b b n = t n n N. Inoltre, dto che le serie sono terini positivi, se il limite di t n è finito llor nche quello di s n lo è, cioè vle l (7.); se il limite di s n è + llor nche t n diverge, cioè vle l (7.2). Se per ssurdo n= n non convergesse, essendo termini posivi, divergerebbe + e quindi nche n= b n divergerebbe, contrddicendo l ipotesi. CRITERIO DEL CONFRONTO ASINTOTICO TRA SERIE A TERMINI POSITIVI - Si n > 0, b n > 0, n N. Ponimo Allor l = n lim. n + b n i) se 0 < l < + l serie n= n converge sse converge n= b n;

34 34 CAPITOLO 7. SERIE NUMERICHE ii) se l = 0, n= b n convergente n= n convergente; iii) se l = +, n= n convergente n= b n convergente; Dimostrzione (i) - Preso ε = l 2 > 0, dto che l = n lim, n + b n N N t.c. n l b n < l 2, n N + e cioè l 2 = l l 2 < n < l + l b n 2 = 3l 2, n N + e quindi l 2 b n < n < 3l 2 b n, n N +. Quest disuguglinz ed il teorem precedente implicno che l serie converge sse converge b n. n=n+ n Dll osservzione [7.] si deduce l tesi. (ii) - Preso ε =, N N t.c. 0 n b n < ε =, n N + n=n+ e quindi 0 < n < b n, n N +. Anche qui, si conclude llor con il teorem precedente e l osservzione [7.]. (iii) - In questo cso si vrà b n lim = 0. n n Bst quindi pplicre il (ii) di questo teorem. TEOREMA DI MCLAURIN - Si f : [, + ) R un funzione decrescente e t.c. lim f(x) = 0. x + Allor l serie n= f(n) converge sse converge l integrle imporoprio + f(x) dx. Dimostrzione - Dto che f(x) è decrescente ed è quindi infinitesim ll infinito, si h che f(x) 0, x [, + ). Considerimo or f nell intervllo [k, k + ) con k N. Dto che f decresce risult che f(k + ) f(x) f(k), x [k, k + ) e quindi f(k+) = k+ k f(k+) dx k+ k f(x) dx k+ k f(k) dx = f(k). (7.3)

35 35 Geometricmente, l re sotto f e sopr ll sse delle scisse, tr i punti k e k + ( o tr le funzioni y = k e y = k + ) è compres tr le ree dei rettngoli con bsi [k, k + ) ed ltezze f(k + ) e f(k), rispettivmente. Sommndo i termini in (7.3) tr k = e k = n ottenimo: f(k + ) k= k= k+ k f(x) dx = Abbimo perciò dimostrto l formul s n+ f() n+ n+ f(x) dx f(x) dx s n, f(k). dove s n = f() + f(2) f(n) è l ridott n-esim dell serie n= f(n). É chiro llor che: se tle serie converge llor {s n } n N converge d un numero s e quindi: k= n+ lim n + f(x) dx s, dunque + f(x) dx converge; se tle serie divergesse llor il limite per n tentende d di s n+ divergerebbe + e quindi n+ lim n + f(x) dx = +, dunque + f(x) dx diverge. LA SERIE ARMONICA GENERALIZZATA - Un seie del tipo n= n p si dice rmonic generlizzt. Cerchimo di studirne il crttere. Considerimo un intervllo [k, k + ] t.c. k x k + ; riuslt che (k + ) p x p, x [k, k + ]. kp Integrndo nell intervllo [k, k + ] e sommndo rispetto k, si h: s n+ = k= n+ (k + ) p dx x p k= k p = s n, x [k, k + ]. A questo punto, il cso p = coincide con quello dell serie rmonic. Se p < : s n n+ [ ] dx x p n+ x p = (n + ) p = p p p ; dto che p > 0, l ultimo membro tende + per n +, quindi che l successione s n tende +.

36 36 CAPITOLO 7. SERIE NUMERICHE Se p > : n+ dx (n + ) p s n+ + = + xp p p ; dto che p < 0, per n + l successione (n + ) p tende 0 e quindi l successione s n+ (che h limite perchè è termini positivi) è convergente. Rissumendo, l serie rmonic generlizzt è convergente se p > ed è divergente se 0 < p. Inoltre è divergente se p 0 in qunto il suo termine n-esimo non tende Criteri D Alembert CRITERIO DELLA RADICE - Si n 0, n N (succesione termini non negtivi) e si l = n n. Allor, l serie i) converge se 0 l < ; ii) diverge se l >. lim n + n= Dimostrzione (i) - Si q N t.c. l < q <. Dto che n n l, preso ε = q l > 0, N N t.c. n n l < ε = q l, n N + e quindi n n < ε + l = q, n N +. Perciò risult 0 n q n, n N +. Dto che n n=n+ è un serie geometric (di cui conoscimo il crttere), essendo q <, per il criterio del confronto nche l serie n=n+ n converge e quindi nche n= n. (ii) - Preso ε = l > 0, N N t.c = l ε < n n, n N + ossi < n ; quindi n non può tendere 0 e dunque n= n diverge. Inoltre nel cso l = non è possibile giungere d un conclusione. CRIETERIO DEL RAPPORTO - Si n 0, n N e si l = q n n+ lim. n + n

37 7.2. CONVERGENZA ASSOLUTA E CRITERIO DI LEIBNITZ 37 Allor, l serie i) converge se 0 l < ; n= n ii) diverge se l >. Dimostrzione - (i) - Si l < q <, come prim, N N t.c n+ n < q quindi n+ < q n, n N +. Dto che n N + si h: n < q n < q 2 n 2 <... < q n N+ N+ = N+ q N+ qn. Dto che l seguente serie converge (essendo q < ) n=n+ N+ qn qn+ llor, sempre per il criterio del confronto, converge nche l serie n=n+ n, e quindi nche n= n. (ii) - Come prim, N N t.c n+ n >, n N +. M llor n N+, n N +, quindi n non può tendere 0. ESEMPIO - L seguente serie converge x > 0: Inftti, x > 0, vle: l = lim n x n+ (n+)! x n n! n=0 x n n!. x = lim n n + = 0 <. 7.2 Convergenz ssolut e criterio di Leibnitz CONVERGENZA ASSOLUTA - Un serie n +... si dice ssolutmente convergente se risult convergente n Un serie ssolutmente convergente è convergente, m non è necessrimente vero il contrrio (si pensi lle serie lternte).

38 38 CAPITOLO 7. SERIE NUMERICHE Un criterio simile è vlido per gli integrli impropri: + f(x) dx converge + f(x) dx converge. CRIETERIO DI LEIBNITZ PER SERIE A SEGNO ALTERATO - Si consideri l serie ( ) n+ n n= dove n 0, n N. Se { n } n N è decrescente e n 0, per n, llor l serie originri converge. Dimostrzione - Considerimo l ridott n-esim s n = ( ) n n. Ponimo t k = s 2k ed u k = s 2k ; si osserv che: t k+ = s 2k+2 = s 2k 2k+ + 2k+2 s 2k = t k dto che 2k+2 2k+, essendo l successione { n } n N decrescente. Allo stesso modo si h: u k+ = s 2k+ = s 2k + 2k 2k+ s 2k = u k. Abbimo quindi dimostrto che {t k } k N decresce e {u k } k N cresce. Inoltre t k = s 2k = s 2k + 2k s 2k = u k, k N. Dto che t k t e u k u, k N, le due successioni convergono rispettivmente i due membri t e u. Inftti {t k } k N decresce ed è limitt inferiormente d u (t k u k u ), mentre {u k } k N cresce ed è limitt superiormente d t (u k t k t ). Inoltre si h t u = lim k (t k u k ) = lim k 2k = 0 cioè t = u. Ponimo llor s = t = u. Osservimo che se n è pri (= 2k) llor s n s = t k t = t k t = t k u t k u k+ = 2k+ = u n+ ; invece, se n = 2k bbimo s n s = u u k = t u k t k u k = 2k = n+. Quindi in ogni cso si h s n s n+, n N. Dto che n+ 0 per n, nche s n s per n, cioè l serie converge.

39 Cpitolo 8 Equzioni differenzili EQUAZIONI DIFFERENZIALI ORDINARIE - Un equzione differenzile ord. di ordine n in form generle si scrive così: F (x, y, y, y,..., y (n) ) = 0. (8.) F è un funzione di n + 2 vribili che vincol l vribile indipendente x, un funzione y e le sue derivte. Un soluzione di (8.) è un funzione φ = φ(x) definit in un intervlli [, b] ed in esso continu insieme tutte le sue derivte fino ll ordine n, t.c. F (x, φ, φ, φ,..., φ (n) ) = 0 x (, b). 8. Equzioni differenzili lineri del ordine EQUAZIONI DIFFERENZIALI LINEARI DEL ORDINE - Un equzione differenzile linere del ordine è del tipo y = (x)y + b(x), (8.2) con (x) e b(x) funzioni continue in un intervllo fissto. L funzione y = y(x) è l incognit dell equzione differenzile; y(x) è soluzione dell equzione dt se è derivbile e se y(x), y (x) soddisfno l equzione dt x nell intervllo. Se l funzione b(x) è identicmente null, l equzione si dice omogene. L ide per risovere (8.2) consiste nel cercre un funzione m(x) (il cosiddetto fttore integrnte) t.c. d dx [m(x)y(x)] = m(x)[y (x) A(x)y(x)]. (8.3) Se trovimo tle fnzione, llor dll (8.2) ottenimo d [m(x)y(x)] = m(x)b(x), dx 39

40 40 CAPITOLO 8. EQUAZIONI DIFFERENZIALI e quindi integrndo: ossi m(x)y(x) = L equzione (8.3) implic che x x 0 m(t)b(t) dt + c { x } y(x) = m(x) m(t)b(t) dt + c. (8.4) x 0 m (x)y(x) + m(x)y (x) = m(x)y (x) m(x)a(x)y(x) cioè m (x) = A(x)m(x) se supponimo che y(x) non si sempre null. D quest ultim ricvimo l soluzione { x } m(x) = exp A(t) dt ; x 0 mentre dll (8.4) ottenimo l formul risolutiv: x x } y(x) = e x A(t) 0 dt{ t B(t)e x A(s) ds 0 dt + c. x 0 Dto che y(x 0 ) = c, possimo riscrivere l formul rislutiv con l sostizuine ppen enuncit. TEOREMA - Tutte le soluzioni dell equzione diferenzile linere del ordiene sono espresse d y(x) = e A(x) e A(x) b(x) dx, dove A(x) è un primitiv dell funzione (x). EQUAZIONI DI BERNOULLI - Si dicono di Bernoulli le equzioni differenzili del ordine del tipo: y = (x)y + b(x)y α con (x) e b(x) funzioni continue in uno stesso intervllo e α un numero rele che supporremo diverso d 0 e d (per non ricdere nel cso delle eq. lineri). Se α > 0, l funzione y(x) identicmente null è soluzione dell equzione dt. Se α > 0 e y(x) non si nnull per lcun vlore di x, o se α < 0, vnno divisi entrmbi i membri per y α : y y α = (x)y α + b(x).

41 8.2. EQUAZIONI DIFFERENZIALI LINEARI DEL 2 ORDINE 4 EQUAZIONI A VARIABILI SEPARABILI - Si dicono vribili seprbili le equzioni differenzili del ordine del tipo: y = f(x) g(y) con f(x) e g(y) funzioni continue. Se g(y 0 ) = 0 per qulche vlore rele y 0, llor l funzione costnte y(x) = y 0 è soluzione dell equzione propost. Se g(y) non si nnull possimo dividere entrmbi i membri per g(y) ed integrre rispetto x: y (x) g(y(x)) dx = f(x) dx. Indichimo con F (x) un primitiv dell funzione f(x) e con G(y) un primitiv di g(y), pensndo y come vribile indipendente. L relzione precedente si può scrivere nell form G(y(x)) = F (x) + c. Se G è un funzione invertibile, si ricv l espressione dell soluzione. 8.2 Equzioni differenzili lineri del 2 ordine EQUAZIONI DIFFERENZIALI LINEARI DEL 2 ORDINE - Un eq. diff. lin. del 2 ord. è un equzione nell qule, oltre ll incognit y(x), compiono nche l derivt prim y (x) e l derivt second y (x). Un eq. diff. lin. del 2 ord. coefficienti costnti è del tipo y + y + by = f(x), dove le costnti e b si dicono coefficienti dell equzione, mentre f(x), funzione continu in un intervllo fissto, è il termine noto. L equzione si dice omogene se f(x) 0, ltrimenti si dice non omogene. Un funzione y = y(x) è soluzione dell eq. diff. dt se è derivbile due volte e se y(x), y (x) e y (x) soddisfno l eq. di prtenz, x nell intervllo fissto. L insieme di tutte le soluzioni si chim integrle generle. Introducimo il simbolo L(y) (detto opertore): L(y) = y + y + by. Possimo dunque riscrivere l equzione differenzile nell form L(y) = f, con L(y) = 0 equzione omogene ssocit d ess. Per trovre tutte le soluzioni di L(y) = f si cerc prim un soluzione y(x) di tle equzione, poi si cercno tutte le soluzioni y 0 (x) dell equzione

42 42 CAPITOLO 8. EQUAZIONI DIFFERENZIALI omogene ssocit. Infine, l integrle generle (y(x)) di L(y) = f si ottiene sommndo y(x) e y 0 (x). SOLUZIONI DELL EQUAZIONE OMOGENEA - Tutte le soluzioni dell equzione del 2 ordine linere omogene si descrivono nel seguente modo: se > 0: y(x) = c e λ x + c 2 e λ 2x ; se = 0: y(x) = c e λ x + c 2 e λ x ; se < 0: y(x) = c e αx cos βx + c 2 e αx sin βx. Dove: e λ = 2 4b, λ = + 2 4b 2 2 α = 4b 2, β = 2 =. 2 2 METODO DELLA RIDUZIONE DELL ORDINE A COEFFICIENTI COSTAN- TI - Dt l equzione differenzile linere del 2 ordine y + (x)y + b(x)y = f(x); (8.5) suponimo che, b, f sino continue in (α, β). Quest equzione si può sempre integrre non ppen si conosc un soluzione y (x) dell eq. omogene ssocit. L ide è quell di supporre che ogni soluzione y(x) si dell form y(x) = u(x)y (x), dove u(x) è un funzione incognit. Un volt clcolte le derivte di y(x): sostituimole nell (8.): y = u y + uy y = u y + 2u y + uy f = y + y + by = u y + 2u y + uy + (u y + uy ) + buy = = u y + u (2y + y ) + u(y + y + by ) = u y + u (2y + y ). L ultimo pssggio si h in qunto y è soluzione dell eq. omogene ssocit. Ottenimo dunque l equzione: y (x)u + [2y (x) + (x)y (x)]u = f(x); in cui non c è dipendenz d u. Ponendo z = u : [ z + 2 y (x) ] y(x) + (x) z = f(x) y (x)

43 8.2. EQUAZIONI DIFFERENZIALI LINEARI DEL 2 ORDINE 43 che è un eq. linere del ordine, per cui si us l formul z(x) = e { } A(x) dx B(x)e A(x) dx dx + c dove A(x) = 2 y (x) f(x) y (x) + (x) e B(x) = y (x). Dto che u = z(x), integrndo ottenimo: [ u(x) = e ] A(x) dx A(x) dx B(x)e dx + c 2 e A(x) dx dx + c }. In conclusione, dto che y = uy, si h y(x) = ȳ(x) + c y (x) + c 2 y 2 (x) con [ ȳ(x) = y (x) e A(x) dx y 2 (x) = y (x) ] A(x) dx B(x)e dx ; e A(x) dx dx; dove ȳ(x) è un soluzione prticolre di (8.) e y (x), y 2 (x) sono due soluzioni dell eq. omogene ssoit. METODO DELLA VARIAZIONE DELLE COSTANTI - Sino y (x), y 2 (x) due soluzioni dell equzione omogene ssocit d un dt equzione difrenzile linere coefficienti costnti del 2 ordine.

1 Integrale delle funzioni a scala

1 Integrale delle funzioni a scala INTEGRALE DELLE FUNZIONI DI UNA VARIABILE Teori di Riemnn 1 Integrle delle funzioni scl (1.1) Definizione Si dice suddivisione di un intervllo chiuso e limitto [, b] un sottoinsieme {,..., n } di [, b]

Dettagli

Corso di Analisi Matematica Calcolo integrale per funzioni di una variabile

Corso di Analisi Matematica Calcolo integrale per funzioni di una variabile Corso di Anlisi Mtemtic Clcolo integrle per funzioni di un vribile Lure in Informtic e Comuniczione Digitle A.A. 2013/2014 Università di Bri ICD (Bri) Anlisi Mtemtic 1 / 40 1 L integrle come limite di

Dettagli

Integrale Improprio. f(x) dx =: Osserviamo che questa definizione ha senso dal momento che per ogni y è ben definito l integrale b

Integrale Improprio. f(x) dx =: Osserviamo che questa definizione ha senso dal momento che per ogni y è ben definito l integrale b Integrle Improprio In queste lezioni riprendimo l teori dell integrzione in un vribile, l ide è di estendere l integrle definito nche in csi in cui l funzione integrnd o l intervllo di integrzione non

Dettagli

Capitolo 5. Integrali. 5.1 Integrali di funzioni a gradinata

Capitolo 5. Integrali. 5.1 Integrali di funzioni a gradinata Cpitolo 5 Integrli 5.1 Integrli di funzioni grdint Un concetto molto semplice m di fondmentle importnz per l trttzione dell integrle di Riemnn è quello di divisione di un intervllo [, b]. In sostnz si

Dettagli

Corso di Analisi Matematica. Calcolo integrale

Corso di Analisi Matematica. Calcolo integrale .. 2011/12 Lure triennle in Informtic Corso di Anlisi Mtemtic Clcolo integrle Avvertenz Questi sono ppunti informli delle lezioni, che vengono resi disponibili per comodità degli studenti. Prte del mterile

Dettagli

Integrali. Il concetto di integrale nasce per risolvere due classi di problemi:

Integrali. Il concetto di integrale nasce per risolvere due classi di problemi: Integrli Il concetto di integrle nsce per risolvere due clssi di problemi: clcolo delle ree di figure delimitte d curve, clcolo di volumi, clcolo del lvoro di un forz, clcolo dello spzio percorso,... integrle

Dettagli

INTEGRALI IMPROPRI. c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 16/17 Integrali impropri cap10.pdf 1

INTEGRALI IMPROPRI. c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 16/17 Integrali impropri cap10.pdf 1 INTEGRALI IMPROPRI c Pol Gervsio - Anlisi Mtemtic - A.A. 6/7 Integrli impropri cp.pdf Abbimo visto che l integrle di Riemnn è definito per funzioni limitte e su intervlli limitti. Si or I R un intervllo

Dettagli

Osserviamo che per trovare le costanti A e B possiamo anche ragionare così: se moltiplichiamo l equazione x + 1 (x + 2)(x + 3) = A.

Osserviamo che per trovare le costanti A e B possiamo anche ragionare così: se moltiplichiamo l equazione x + 1 (x + 2)(x + 3) = A. 88 Roberto Turso - Anlisi 2 Osservimo che per trovre le costnti A e B possimo nche rgionre così: se moltiplichimo l equzione + ( + 2)( + 3) = A + 2 + B + 3 per + 2, dopo ver semplificto, ottenimo + + 3

Dettagli

Integrali. Il concetto di integrale nasce per risolvere due classi di problemi:

Integrali. Il concetto di integrale nasce per risolvere due classi di problemi: Integrli Il concetto di integrle nsce per risolvere due clssi di problemi: clcolo delle ree di figure delimitte d curve, clcolo di volumi, clcolo del lvoro di un forz, clcolo dello spzio percorso,... integrle

Dettagli

DISPENSE DI ANALISI MATEMATICA. Indice

DISPENSE DI ANALISI MATEMATICA. Indice DISPENSE DI ANALISI MATEMATICA ANNAMARIA MONTANARI Indice. Integrle di Riemnn.. Proprietà elementri dell integrle di Riemnn 5.2. Teorem fondmentle del clcolo integrle. Primitive 6.3. Integrle generlizzto

Dettagli

INTEGRALI IMPROPRI. c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 17/18 Integrali impropri cap10.pdf 1

INTEGRALI IMPROPRI. c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 17/18 Integrali impropri cap10.pdf 1 INTEGRALI IMPROPRI c Pol Gervsio - Anlisi Mtemtic - A.A. 7/8 Integrli impropri cp.pdf Abbimo visto che l integrle di Riemnn è definito per funzioni limitte e su intervlli limitti. Si or I R un intervllo

Dettagli

Integrali dipendenti da un parametro e derivazione sotto il segno di integrale.

Integrali dipendenti da un parametro e derivazione sotto il segno di integrale. 1 Integrli dipendenti d un prmetro e derivzione sotto il segno di integrle. Considerimo l funzione f(x, t) : A [, b] R definit nel rettngolo A [, b], essendo A un sottoinsieme perto di R e [, b] un intervllo

Dettagli

1 b a. f(x) dx. Osservazione 1.2. Se indichiamo con µ il valore medio di f su [a, b], abbiamo che. f(x) dx = µ(b a) =

1 b a. f(x) dx. Osservazione 1.2. Se indichiamo con µ il valore medio di f su [a, b], abbiamo che. f(x) dx = µ(b a) = Note ed esercizi di Anlisi Mtemtic - (Fosci) Ingegneri dell Informzione - 28-29. Lezione del 7 novembre 28. Questi esercizi sono reperibili dll pgin web del corso ttp://utenti.unife.it/dmino.fosci/didttic/mii89.tml

Dettagli

Il problema delle aree. Metodo di esaustione.

Il problema delle aree. Metodo di esaustione. INTEGRALE DEFINITO. DEFINIZIONE E SIGNIFICATO GEOMETRICO. PROPRIETA DELL INTEGRALE DEFINITO. FUNZIONE INTEGRALE. TEOREMA DELLA MEDIA. TEOREMA FONDAMENTALE DEL CALCOLO INTEGRALE. FORMULA DI LEIBNITZ NEWTON.

Dettagli

Appunti di calcolo integrale

Appunti di calcolo integrale prte II Integrle definito Liceo Scientifico A. Volt - Milno 23 mrzo 2017 Integrle definito Si y = f (x) un funzione continu in I = [, b]. Si chim trpezoide l figur curviline pin delimitt: dl grfico dell

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Civile ed Ambientale Prima prova scritta di Analisi Matematica 1 del 10/01/2011 A

Corso di Laurea in Ingegneria Civile ed Ambientale Prima prova scritta di Analisi Matematica 1 del 10/01/2011 A Prim prov scritt di Anlisi Mtemtic 1 del 10/01/2011 A (1) Fornire l definizione di funzione integrbile secondo Riemnn e di integrle di Riemnn. (2) Enuncire e dimostrre il Teorem di Rolle. (3) Dimostrre

Dettagli

Matematica I, Funzione integrale

Matematica I, Funzione integrale Mtemtic I, 24.0.2. Funzione integrle Definizione Sino f : A R, funzione continu su A intervllo, e c in A. L funzione che ssoci d ogni in A l integrle di f sull intervllo [c, ], viene dett funzione integrle

Dettagli

1 Il problema del calcolo dell area di una regione piana limitata

1 Il problema del calcolo dell area di una regione piana limitata Anlisi Mtemtic 2 1 CORSO DI STUDI IN SMID CORSO DI ANALISI MATEMATICA 2 CAPITOLO 1 INTEGRALI DI FUNZIONI DI UNA VARIABILE REALE 1 Il problem del clcolo dell re di un regione pin limitt Se si consider un

Dettagli

" Osservazione. 6.1 Integrale indefinito. R Definizione (Primitiva) E Esempio 6.1 CAPITOLO 6

 Osservazione. 6.1 Integrale indefinito. R Definizione (Primitiva) E Esempio 6.1 CAPITOLO 6 CAPITOLO 6 Clcolo integrle 6. Integrle indefinito L nozione fondmentle del clcolo integrle è quell di funzione primitiv di un funzione f (). Tle nozione è in qulche modo speculre ll nozione di funzione

Dettagli

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito.

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito. Integrli de niti. Il problem di clcolre l re di un regione pin delimitt d gr ci di funzioni si può risolvere usndo l integrle de nito. L integrle de nito st l problem del clcolo di ree come l equzione

Dettagli

Formulario di Analisi Matematica 1

Formulario di Analisi Matematica 1 Formulrio di Anlisi Mtemtic Indice degli rgomenti Punti interni, isolti, di ccumulzione e di frontier Alcune costnti Proprietà delle potenze Proprietà degli esponenzili Proprietà dei logritmi Proprietà

Dettagli

Integrale definito (p.204)

Integrale definito (p.204) Integrle definito (p.4) Trttimo dei cenni sull teori dell integrzione nel cso di funzioni continue (integrle di Cuchy). Gli integrli si estendono l cso di funzioni limitte (integrle di Riemnn). Nel clcolo

Dettagli

7. Derivate Definizione 1

7. Derivate Definizione 1 7. Derivte Il concetto di derivt è importntissimo e molto nturle. Per vere un esempio concreto, penste l moto di un mcchin: se f(t) è l funzione che esprime qunt strd vete percorso fino d un certo istnte

Dettagli

Esercizi svolti Limiti. Prof. Chirizzi Marco.

Esercizi svolti Limiti. Prof. Chirizzi Marco. Cpitolo II Limiti delle funzioni di un vribile Esercizi svolti Limiti Prof. Chirizzi rco www.elettrone.ltervist.org 1) Verificre che risult: = Dobbimo provre che per ogni ε positivo, rbitrrimente piccolo,

Dettagli

Serie di Potenze. Introduciamo il concetto di convergenza puntuale ed uniforme per successioni. { 0 se 1 < x < 1

Serie di Potenze. Introduciamo il concetto di convergenza puntuale ed uniforme per successioni. { 0 se 1 < x < 1 Serie di Potenze Introducimo il concetto di convergenz puntule ed uniforme per successioni di funzioni. Definizione 1 Si I un intervllo di R. Si dt l vrire di n N l funzione f n : I R. Dicimo che l successione

Dettagli

Anno 5. Applicazione del calcolo degli integrali definiti

Anno 5. Applicazione del calcolo degli integrali definiti Anno 5 Appliczione del clcolo degli integrli definiti 1 Introduzione In quest lezione vedremo come pplicre il clcolo dell integrle definito per determinre le ree di prticolri figure pine, i volumi dei

Dettagli

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma INTEGRALI IMPROPRI. Integrli impropri su intervlli itti Dt un funzione f() continu in [, b), ponimo ε f() = f() ε + qundo il ite esiste. Se tle ite esiste finito, l integrle improprio si dice convergente

Dettagli

1 Espressioni polinomiali

1 Espressioni polinomiali 1 Espressioni polinomili Un monomio è un espressione letterle in un vribile x che contiene un potenz inter (non negtiv, cioè mggiori o uguli zero) di x moltiplict per un numero rele: x n AD ESEMPIO: sono

Dettagli

26/03/2012. Integrale Definito. Calcolo delle Aree. Appunti di analisi matematica: Il concetto d integrale nasce per risolvere due classi di problemi:

26/03/2012. Integrale Definito. Calcolo delle Aree. Appunti di analisi matematica: Il concetto d integrale nasce per risolvere due classi di problemi: ppunti di nlisi mtemtic: Integrle efinito Il concetto d integrle nsce per risolvere due clssi di prolemi: Integrle efinito lcolo delle ree di fig. delimitte d curve clcolo di volumi clcolo del lvoro di

Dettagli

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x Appunti elorti dll prof.ss Biondin Gldi Funzione integrle Si y = f() un funzione continu in un intervllo [; ] e si 0 [; ]; l integrle 0 f()d si definisce Funzione Integrle; si chim funzione integrle in

Dettagli

Il lemma di ricoprimento di Vitali

Il lemma di ricoprimento di Vitali Il lemm di ricoprimento di Vitli Si I = {I} un fmigli di intervlli ciusi contenuti in R. Diremo ce l fmigli I ricopre l insieme E nel senso di Vitli (oppure ce I è un ricoprimento di Vitli di E) se per

Dettagli

1 Equazioni e disequazioni di secondo grado

1 Equazioni e disequazioni di secondo grado UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA - Fcoltà di Frmci e Medicin - Corso di Lure in CTF 1 Equzioni e disequzioni di secondo grdo Sino 0, b e c tre numeri reli noti, risolvere un equzione di secondo

Dettagli

b a 2. Il candidato spieghi, avvalendosi di un esempio, il teorema del valor medio.

b a 2. Il candidato spieghi, avvalendosi di un esempio, il teorema del valor medio. Domnde preprzione terz prov. Considert, come esempio, l funzione nell intervllo [,], il cndidto illustri il concetto di integrle definito. INTEGRALE DEFINITO, prendendo in esme un generic funzione f()

Dettagli

, x 2. , x 3. è un equazione nella quale le incognite appaiono solo con esponente 1, ossia del tipo:

, x 2. , x 3. è un equazione nella quale le incognite appaiono solo con esponente 1, ossia del tipo: Sistemi lineri Un equzione linere nelle n incognite x 1, x 2, x,, x n è un equzione nell qule le incognite ppiono solo con esponente 1, ossi del tipo: 1 x 1 + 2 x 2 + x +!+ n x n = b con 1, 2,,, n numeri

Dettagli

1 Integrali generalizzati su intervalli illimitati

1 Integrali generalizzati su intervalli illimitati Lezioni per il corso di Anlisi 2, AA 07-08. Dott.ss Sndr Lucente Argomento: Integrli generlizzti 1 1 Integrli generlizzti su intervlli ilitti Definizione 1.1. Si f : [,[ R un funzione continu. Se esiste

Dettagli

FUNZIONI CONTINUE A TRATTI E LORO INTEGRALI

FUNZIONI CONTINUE A TRATTI E LORO INTEGRALI FUNZIONI CONTINUE A TRATTI E LORO INTEGRALI Considerimo un funzione f : I R, dove I è un intervllo di R. Si c un punto interno I in cui f è discontinu. Diremo che c è un punto di discontinuità di prim

Dettagli

Integrali. all integrale definito all integrale indefinito. Integrali: riepilogo

Integrali. all integrale definito all integrale indefinito. Integrali: riepilogo Integrli ll integrle deinito ll integrle indeinito Indice dell lezione Integrle Deinito Rettngoloide Integrle deinito come re del rettngoloide Esempi e propriet Primitiv Teorem ondmentle del clcolo integrle

Dettagli

SUGLI INSIEMI. 1.Insiemi e operazioni su di essi

SUGLI INSIEMI. 1.Insiemi e operazioni su di essi SUGLI INSIEMI 1.Insiemi e operzioni su di essi Il concetto di insieme è primitivo ed è sinonimo di clsse, totlità. Si A un insieme di elementi qulunque. Per indicre che è un elemento di A scriveremo A.

Dettagli

Calcolo integrale. Capitolo Primitive ed integrale inde nito

Calcolo integrale. Capitolo Primitive ed integrale inde nito Cpitolo 9 Clcolo integrle 9.1 Primitive ed integrle inde nito De nizione 9.1 Assegnt un funzione f : A! R, si de nisce primitiv di f un qulunque funzione F : A! R derivbile, tle che F 0 (x) = f(x), per

Dettagli

Analisi e Geometria 1

Analisi e Geometria 1 Anlisi e Geometri Esercizi sugli integrli Integrli propri. Clcolre i seguenti integrli immediti: I = I = I 5 = ln e e d I = e + e + 6e + e d I = rtg ln ( + ln ) d I 6 = e e + d d rtg + ( + ) ( + ( + )

Dettagli

Trasformate di Laplace nel campo reale

Trasformate di Laplace nel campo reale Trsformte di Lplce nel cmpo rele Funzioni generlmente continue Definizione. Un funzione f si dice generlmente continu in (, b) se esistono un numero finito di punti x = < x < < x n = b tli che f è definit

Dettagli

PNI SESSIONE SUPPLETIVA QUESITO 1

PNI SESSIONE SUPPLETIVA QUESITO 1 www.mtefili.it PNI 2005 - SESSIONE SUPPLETIVA QUESITO È dto un trpezio rettngolo, in cui le bisettrici degli ngoli dicenti l lto obliquo si intersecno in un punto del lto perpendicolre lle bsi. Dimostrre

Dettagli

Differenziale. Consideriamo la variazione finita, x della variabile indipendente a cui corrisponde una variazione finita della funzione f x, f x y

Differenziale. Consideriamo la variazione finita, x della variabile indipendente a cui corrisponde una variazione finita della funzione f x, f x y Differenzile Considerimo l vrizione finit, dell vriile indipendente cui corrisponde un vrizione finit dell funzione f, f y Δf 1 Δ 2 L vrizione dell vriile dipendente puo' essere molto piccol, infinitesim

Dettagli

Area del Trapezoide. f(x) A f(a) f(b) f(x)

Area del Trapezoide. f(x) A f(a) f(b) f(x) Are del Trpezoide y o A f() trpezoide h B f() f() L're del trpezoide S puo' essere pprossimt dll're del trpezio AB. Per vere un migliore pprossimzione possimo suddividere il trpezio in trpezi piu' piccoli.

Dettagli

Pietro Baldi Successioni e serie di funzioni. 1 Convergenza puntuale

Pietro Baldi Successioni e serie di funzioni. 1 Convergenza puntuale Pietro Bldi Successioni e serie di funzioni Testi di riferimento: W. Rudin, Principi di Anlisi Mtemtic, McGrw-Hill Libri Itli; N. Fusco, P. Mrcellini, C. Sbordone, Anlisi Mtemtic Due, Liguori Editore;

Dettagli

TEST DI MATEMATICA. Funzioni in una, Funzioni in due variabili Integrali Equazioni differenziali. 1) Il valore del limite seguente. e e. e 1.

TEST DI MATEMATICA. Funzioni in una, Funzioni in due variabili Integrali Equazioni differenziali. 1) Il valore del limite seguente. e e. e 1. TEST DI MATEMATICA Funzioni in un, Funzioni in due vriili Integrli Equzioni differenzili ) Il vlore del limite seguente e e e lim è ) Il vlore del limite seguente 5 lim 5 è : ) L derivt prim dell funzione

Dettagli

Un polinomio trigonometrico di grado N nell intervallo [ π, π] è una funzione g(x), periodica di periodo 2π, della forma. c n e inx.

Un polinomio trigonometrico di grado N nell intervallo [ π, π] è una funzione g(x), periodica di periodo 2π, della forma. c n e inx. Cpitolo 6 Serie di Fourier 6.1. Introduzione Un polinomio trigonometrico di grdo N nell intervllo [, π] è un funzione g(x), periodic di periodo, dell form g(x) = N n= N c n e inx per un qulche scelt delle

Dettagli

Equazioni di 2 grado. Definizioni Equazioni incomplete Equazione completa Relazioni tra i coefficienti della equazione e le sue soluzioni Esercizi

Equazioni di 2 grado. Definizioni Equazioni incomplete Equazione completa Relazioni tra i coefficienti della equazione e le sue soluzioni Esercizi Equzioni di grdo Definizioni Equzioni incomplete Equzione complet Relzioni tr i coefficienti dell equzione e le sue soluzioni Esercizi Mteri: Mtemtic Autore: Mrio De Leo Definizioni Un equzione è: Un uguglinz

Dettagli

Siano α(x), β(x) due funzioni continue in un intervallo [a, b] IR tali che. α(x) β(x).

Siano α(x), β(x) due funzioni continue in un intervallo [a, b] IR tali che. α(x) β(x). OMINI NORMALI. efinizione Sino α(), β() due funzioni continue in un intervllo [, b] IR tli che L insieme del pino (figur 5. pg. ) α() β(). = {(, ) [, b] IR : α() β()} si chim dominio normle rispetto ll

Dettagli

Equazioni 1 grado. Definizioni Classificazione Risoluzione Esercizi

Equazioni 1 grado. Definizioni Classificazione Risoluzione Esercizi Equzioni grdo Definizioni Clssificzione Risoluzione Esercizi Mteri: Mtemtic Autore: Mrio De Leo Definizioni Prendimo in esme le due espressioni numeriche 8 entrmbe sono uguli 7, e l scrittur si chim uguglinz

Dettagli

Laurea triennale in Scienze della Natura a.a. 2009/2010. Regole di Calcolo

Laurea triennale in Scienze della Natura a.a. 2009/2010. Regole di Calcolo Lure triennle in Scienze dell Ntur.. 2009/200 Regole di Clcolo In queste note esminimo lcune conseguenze degli ssiomi reltivi lle operzioni e ll ordinmento nell insieme R dei numeri reli. L obiettivo principle

Dettagli

CORSO ZERO DI MATEMATICA

CORSO ZERO DI MATEMATICA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO FACOLTÀ DI ARCHITETTURA CORSO ZERO DI MATEMATICA ESPONENZIALI E LOGARITMI Dr. Ersmo Modic ersmo@glois.it www.glois.it POTENZA CON ESPONENTE REALE Definizione: Dti un numero

Dettagli

POTENZA CON ESPONENTE REALE

POTENZA CON ESPONENTE REALE PRECORSO DI MATEMATICA VIII Lezione ESPONENZIALI E LOGARITMI E. Modic mtemtic@blogscuol.it www.mtemtic.blogscuol.it POTENZA CON ESPONENTE REALE Definizione: Dti un numero rele > 0 ed un numero rele qulunque,

Dettagli

ANALISI REALE E COMPLESSA a.a. 2007-2008

ANALISI REALE E COMPLESSA a.a. 2007-2008 ANALISI REALE E COMPLESSA.. 2007-2008 1 Successioni e serie di funzioni 1.1 Introduzione In questo cpitolo studimo l convergenz di successioni del tipo n f n, dove le f n sono tutte funzioni vlori reli

Dettagli

Modulo o "valore assoluto" Proprietà del Valore Assoluto. Intervalli

Modulo o valore assoluto Proprietà del Valore Assoluto. Intervalli Modulo o "vlore ssoluto" Dto x definimo modulo o vlore ssoluto di x il numero rele positivo x se x 0 x = x se x < 0 Es. 5 è 5. 2.34 è 2.34 Dl punto di vist geometrico x rppresent l distnz di x d 0. x x

Dettagli

FUNZIONI IPERBOLICHE

FUNZIONI IPERBOLICHE FUNZIONI IPERBOLICHE Umberto Mrconi Diprtimento di Mtemtic Pur e Applict Pdov Premess Si [, [, fissto. Voglimo cpire cos signific: w dw perché l funzione integrnd è illimitt. Se considerimo, per b [, [,

Dettagli

Integrale Definito. Appunti di analisi matematica: Il concetto d integrale nasce per risolvere due classi di problemi: Integrale Definito

Integrale Definito. Appunti di analisi matematica: Il concetto d integrale nasce per risolvere due classi di problemi: Integrale Definito Appunti di nlisi mtemtic: Integrle Deinito Il concetto d integrle nsce per risolvere due clssi di prolemi: Integrle Deinito Clcolo delle ree di ig. delimitte d curve clcolo di volumi clcolo del lvoro di

Dettagli

In questo capitolo svilupperemo la teoria dell integrazione secondo Riemann per funzioni di una variabile reale.

In questo capitolo svilupperemo la teoria dell integrazione secondo Riemann per funzioni di una variabile reale. Cpitolo 1 Integrle di Riemnn In questo cpitolo svilupperemo l teori dell integrzione secondo Riemnn per funzioni di un vribile rele. 1.1 Motivzioni Considerimo i seguenti problemi. 1. Clcolo di un re.

Dettagli

Il calcolo integrale

Il calcolo integrale CAPITOLO 4 Il clcolo integrle Il problem che ffrontimo in questo cpitolo è il clcolo di ree di lcune regioni del pino. Inizimo il cpitolo spiegndo quli regioni pine simo interessti. Questi rgomenti sono

Dettagli

Calcolo Integrale. F (x) = f(x)?

Calcolo Integrale. F (x) = f(x)? 3 Clcolo Integrle Nello studio del clcolo differenzile si è visto come si può ssocire d un funzione l su derivt. Il clcolo integrle si occup del problem inverso: dt un funzione f è possibile determinre

Dettagli

{ 3 x y=4. { x=2. Sistemi di equazioni

{ 3 x y=4. { x=2. Sistemi di equazioni Sistemi di equzioni Definizione Un sistem è un insieme di equzioni che devono essere verificte contempornemente, cioè devono vere contempornemente le stesse soluzioni. Definimo grdo di un sistem il prodotto

Dettagli

Esponenziali e logaritmi

Esponenziali e logaritmi Esponenzili e ritmi ESPONENZIALI Potenze con esponente rele L potenz è definit: se > 0, per ogni R se 0, per tutti e soli gli R se < 0, per tutti e soli gli Z Sono definite: ( ) ( ) ( ) 7 7 Non sono definite:

Dettagli

Micol Amr ANALISI MATEMATICA I - 999/2000 Dim. Considerimo il cso in cui l successione si crescente; l dimostrzione procede in modo del tutto nlogo, q

Micol Amr ANALISI MATEMATICA I - 999/2000 Dim. Considerimo il cso in cui l successione si crescente; l dimostrzione procede in modo del tutto nlogo, q TEOREMI DIMOSTRATI NEL CORSO. Successioni e serie numeriche. Teorem. (Unicit del ite) Si ( n ) n2in un successione di numeri reli convergente. Allor il suo ite e unico. Dim. Assumimo per ssurdo che n =

Dettagli

II-8 Integrale di Riemann

II-8 Integrale di Riemann II-8 INTEGRALE DI RIEMANN DEFINIZIONE DI INTEGRALE DI RIEMANN II-8 Integrle di Riemnn Indice Definizione di integrle di Riemnn Condizioni di esistenz dell integrle di Riemnn 3 3 Proprietà dell integrle

Dettagli

ANALISI MATEMATICA 2 Anno accademico

ANALISI MATEMATICA 2 Anno accademico ANALISI MATEMATICA 2 Anno ccdemico 27-8 ELENCO delle DEFINIZIONI e TEOREMI del CORSO DISPENSE Principio di sostituzione pg. 5 Integrli impropri pg. Serie numeriche pg. 27 Integrli Doppi pg. 43 SINTESI

Dettagli

INTEGRALE INDEFINITO. Saper calcolare l integrale indefinito di una funzione utilizzando i diversi metodi

INTEGRALE INDEFINITO. Saper calcolare l integrale indefinito di una funzione utilizzando i diversi metodi INTEGRLE INDEFINITO OIETTIVI MINIMI: Sper definire l integrle indefinito di un funzione. onoscere le proprietà dell integrle indefinito. Sper clcolre l integrle indefinito di un funzione utilizzndo i diversi

Dettagli

Scheda Sei ESPONENZIALI E LOGARITMI. 0,+. Inoltre valgono le

Scheda Sei ESPONENZIALI E LOGARITMI. 0,+. Inoltre valgono le Sched Sei ESPONENZIALI E LOGARITMI L funzione esponenzile Assegnto un numero rele >0, si dice funzione esponenzile in bse l funzione Grfici dell funzione esponenzile Se = l funzione esponenzile è costnte:

Dettagli

U.D. N 15 Funzioni e loro rappresentazione grafica

U.D. N 15 Funzioni e loro rappresentazione grafica 54 Unità Didttic N 5 Funzioni e loro rppresentzione grfic U.D. N 5 Funzioni e loro rppresentzione grfic ) Le coordinte crtesine ) L distnz tr due punti 3) Coordinte del punto medio di un segmento 4) Le

Dettagli

Corso di Analisi: Algebra di Base. 4^ Lezione. Radicali. Proprietà dei radicali. Equazioni irrazionali. Disequazioni irrazionali. Allegato Esercizi.

Corso di Analisi: Algebra di Base. 4^ Lezione. Radicali. Proprietà dei radicali. Equazioni irrazionali. Disequazioni irrazionali. Allegato Esercizi. Corso di Anlisi: Algebr di Bse ^ Lezione Rdicli. Proprietà dei rdicli. Equzioni irrzionli. Disequzioni irrzionli. Allegto Esercizi. RADICALI : Considerto un numero rele ed un numero intero positivo n,

Dettagli

Integrali curvilinei (integrali di densità) Federico Lastaria, Analisi e Geometria 1. Politecnico di Milano Corso di Analisi e Geometria 1

Integrali curvilinei (integrali di densità) Federico Lastaria, Analisi e Geometria 1. Politecnico di Milano Corso di Analisi e Geometria 1 Politecnico di Milno orso di Anlisi e Geometri 1 Federico Lstri federico.lstri@polimi.it Integrli curvilinei di prim specie (integrli di densità) 15 Dicembre 215 Indice 1 Integrli di line di prim specie

Dettagli

Sessione Suppletiv PNI 006 Sessione Suppletiv PNI 006 Sessione Suppletiv PNI 006 PROBLEMA ) L prbol di equzione V ' (0,0). y h sse di simmetri prllelo ll sse delle ordinte e vertice in L prbol di equzione

Dettagli

Integrazione numerica. I(f) := Non sempre si riesce a trovare la forma esplicita della primitiva.

Integrazione numerica. I(f) := Non sempre si riesce a trovare la forma esplicita della primitiva. Approssimzione numeric di: Motivzioni. Integrzione numeric I(f) = f(x)dx. Non sempre si riesce trovre l form esplicit dell primitiv. Vlutzione costos dell primitiv. L funzione d integrre può essere dt

Dettagli

Minimi quadrati e problemi di distanza minima

Minimi quadrati e problemi di distanza minima Minimi qudrti e problemi di distnz minim Considerimo un mtrice rettngolre B, con elementi b ij, i 1,..., n, j 1,..., m, con m < n (quindi, più righe che colonne. Voglimo risolvere il sistem linere (1 Bx

Dettagli

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n.

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n. AUTOVALORI ED AUTOVETTORI Si V uno spzio vettorile di dimensione finit n. Dicesi endomorfismo di V ogni ppliczione linere f : V V dello spzio vettorile in sé. Se f è un endomorfismo di V in V, considert

Dettagli

Nome.Cognome classe 5D 18 Marzo 2014. Verifica di matematica

Nome.Cognome classe 5D 18 Marzo 2014. Verifica di matematica Nome Cognome cls 5D 18 Mrzo 01 Problem Verific di mtemtic In un sistem di riferimento crtesino Oy, si consideri l funzione: ln f ( > 0 0 e si determini il vlore del prmetro rele in modo tle che l funzione

Dettagli

5 2d x x >12. con a, b, c e d parametri reali. Il grafico di f (x) passa per l origine del sistema di riferimento

5 2d x x >12. con a, b, c e d parametri reali. Il grafico di f (x) passa per l origine del sistema di riferimento Questionrio Risolvi quttro degli otto quesiti: L Città dello sport è un struttur sportiv progettt dll rchitetto Sntigo Cltrv e mi complett, situt sud di Rom Rispetto l sistem di riferimento indicto in

Dettagli

Determinanti e caratteristica di una matrice (M.S. Bernabei & H. Thaler

Determinanti e caratteristica di una matrice (M.S. Bernabei & H. Thaler Determinnti e crtteristic di un mtrice (M.S. Bernbei & H. Thler Determinnte Il determinnte può essere definito solmente nel cso di mtrici qudrte Per un mtrice qudrt 11 (del primo ordine) il determinnte

Dettagli

Unità 3 Metodi particolari per il calcolo di reti

Unità 3 Metodi particolari per il calcolo di reti Unità 3 Metodi prticolri per il clcolo di reti 1 Cos c è nell unità Metodi prticolri per il clcolo di reti con un solo genertore Prtitore di tensione Prtitore di corrente Metodi di clcolo di reti con più

Dettagli

Calcolo Integrale. F (x) = f(x)?

Calcolo Integrale. F (x) = f(x)? 3 Clcolo Integrle Nello studio del clcolo differenzile si è visto come si può ssocire d un funzione l su derivt. Il clcolo integrle si occup del problem inverso: dt un funzione f è possibile determinre

Dettagli

Integrale Definito. Appunti di analisi matematica: Il concetto d integrale nasce per risolvere due classi di problemi: Integrale Definito

Integrale Definito. Appunti di analisi matematica: Il concetto d integrale nasce per risolvere due classi di problemi: Integrale Definito Appunti di nlisi mtemtic: Integrle Deinito Il concetto d integrle nsce per risolvere due clssi di prolemi: Integrle Deinito Clcolo delle ree di ig. delimitte d curve clcolo di volumi clcolo del lvoro di

Dettagli

SPAZI VETTORIALI. 1. Spazi e sottospazi vettoriali

SPAZI VETTORIALI. 1. Spazi e sottospazi vettoriali SPAZI VETTORIALI 1. Spzi e sottospzi vettorili Definizione: Dto un insieme V non vuoto e un corpo K di sostegno si dice che V è un K-spzio vettorile o uno spzio vettorile su K se sono definite un operzione

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione ordinaria

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione ordinaria ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO Sessione ordinri Il cndidto risolv uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si rticol il questionrio. PROBLEMA In un pino, riferito d un sistem

Dettagli

1. Elementi di analisi funzionale Esercizi

1. Elementi di analisi funzionale Esercizi . Elementi di nlisi funzionle Esercizi http://www.cirm.unibo.it/~brozzi/mi/pdf/mi-cp.-ese.pdf.. Spzi vettorili.. Spzi vettorili normti.-. Dimostrre l diseguglinz tringolre in C n reltivmente ll norm (

Dettagli

INTEGRAZIONE NUMERICA

INTEGRAZIONE NUMERICA INTEGRAZIONE NUMERICA Frncesc Pelosi Diprtimento di Mtemtic, Università di Rom Tor Vergt CALCOLO NUMERICO.. 008 009 http://www.mt.unirom.it/ pelosi/ INTEGRAZIONE NUMERICA p.1/0 INTEGRAZIONE NUMERICA Dt

Dettagli

B8. Equazioni di secondo grado

B8. Equazioni di secondo grado B8. Equzioni di secondo grdo B8.1 Legge di nnullmento del prodotto Spendo che b0 si può dedurre che 0 oppure b0. Quest è l legge di nnullmento del prodotto. Pertnto spendo che (-1) (+)0 llor dovrà vlere

Dettagli

a monometriche Oxy, l equazione cartesiana di Γ è: y =

a monometriche Oxy, l equazione cartesiana di Γ è: y = Y557 - ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. Tem di: MATEMATICA Il cndidto risolv uno dei due problemi e 5 dei quesiti del questionrio. PROBLEMA Nel pino sono dti: il cerchio γ

Dettagli

Seconda prova maturita 2016 soluzione secondo problema di matematica scientifico

Seconda prova maturita 2016 soluzione secondo problema di matematica scientifico Second prov mturit 06 soluzione secondo problem di mtemtic scientifico Skuol.net June, 06 Primo Problem Le tre funzioni proposte sono f () ( ) k f () 6 + 9k + f () cos( π k ). Punto Affinche l funzione

Dettagli

Prima parte (Argomenti di Analisi Matematica 1)

Prima parte (Argomenti di Analisi Matematica 1) Registro delle lezioni del corso di Anlisi Mtemtic 2 Università di Firenze - Fcoltà di Ingegneri Corso di Lure in Ingegneri Meccnic M Z.. 20/202 - Prof. M.Ptrizi Per Prim prte (Argomenti di Anlisi Mtemtic

Dettagli

Campi. Una funzione F di n variabili reali e a valori in R n è detta campo di vettori. Nel seguito considereremo F : A R n con A aperto di R n.

Campi. Una funzione F di n variabili reali e a valori in R n è detta campo di vettori. Nel seguito considereremo F : A R n con A aperto di R n. Cmpi Ultimo ggiornmento: 18 febbrio 217 Un funzione F di n vribili reli e vlori in R n è dett cmpo di vettori. Nel seguito considereremo F : A R n con A perto di R n. 1. Integrli curvilinei di second specie

Dettagli

Calcolo integrale per funzioni di una variabile

Calcolo integrale per funzioni di una variabile Cpitolo 10 Clcolo integrle per funzioni di un vribile 10.1 Funzioni primitive Abbimo studito il problem di dedurre d un dt funzione l su derivt. Voglimo or occuprci del problem inverso: dt un funzione

Dettagli

Erasmo Modica. : K K K

Erasmo Modica.  : K K K L insieme dei numeri reli L INSIEME DEI NUMERI REALI Ersmo Modic helthinsurnce@tin.it www.glois.it Per introdurre l insieme dei numeri reli si hnno disposizione diversi modi. Generlmente l iennio si preferisce

Dettagli

lungo la curva. 2 x 2 + y 2 (4p)v- Si calcoli il raggio di curvatura nei vari istanti e in funzione della posizione. =: L.

lungo la curva. 2 x 2 + y 2 (4p)v- Si calcoli il raggio di curvatura nei vari istanti e in funzione della posizione. =: L. Anlisi Mtemtic II, Anno Accdemico 7-8. Ingegneri Edile e Architettur Vincenzo M. Tortorelli 5 Settembre 7: prim prov in itinere. N. mtr./nno iscr. Cognome docente/ crediti Nome Istruzioni l fine dell vlutzione:

Dettagli

Pietro Baldi. Analisi matematica I. Programma d esame, anno accademico Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Biomedica, cognomi A-I.

Pietro Baldi. Analisi matematica I. Programma d esame, anno accademico Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Biomedica, cognomi A-I. Pietro Bldi Anlisi mtemtic I Progrmm d esme, nno ccdemico 2012-2013 Corso di Lure Triennle in Ingegneri Biomedic, cognomi A-I. Il libro di testo dottto durnte il corso è Anlisi Mtemtic Uno, P. Mrcellini,

Dettagli

1 Integrali doppi di funzioni a scala su rettangoli

1 Integrali doppi di funzioni a scala su rettangoli INEGRALI DOPPI L prim motivzione per lo studio degli integrli di funzioni di due vribili è il lolo di volumi, in nlogi on l pplizione degli integrli di funzioni di un vribile l lolo di ree. L proedur di

Dettagli

Note di Derivate ed Integrali

Note di Derivate ed Integrali 1 Note di Derivte ed Integrli Versione 1.0 Lmberto Lmberti & Corrdo Msci prte II Integrle, derivte, teoremi sulle derivte, nlisi locle, nlisi globle 16 Ottobre 2002 2 Indice 1 L integrle 5 1.1 Aree ed

Dettagli

LEZIONE 20. è lineare. Per la commutatività del prodotto scalare segue anche la linearità dell applicazione

LEZIONE 20. è lineare. Per la commutatività del prodotto scalare segue anche la linearità dell applicazione LEZIONE 20 20.1. Prodotti sclri. Definizione 20.1.1. Si V uno spzio vettorile su R. Un prodotto sclre su V è un ppliczione tle che:, : V V R (v 1, v 2 ) v 1, v 2 (PS1) per ogni v 1, v 2 V si h v 1, v 2

Dettagli

Maturità scientifica, corso di ordinamento, sessione ordinaria 2000-2001

Maturità scientifica, corso di ordinamento, sessione ordinaria 2000-2001 Mtemtic per l nuov mturità scientific A. Bernrdo M. Pedone Mturità scientific, corso di ordinmento, sessione ordinri 000-001 PROBLEMA 1 Si consideri l seguente relzione tr le vribili reli x, y: 1 1 1 +

Dettagli

SIMULAZIONE TEST ESAME - 1

SIMULAZIONE TEST ESAME - 1 SIMULAZIONE TEST ESAME - 1 1. Il dominio della funzione f(x) = log (x2 + 1)(4 x 2 ) (x 2 2x + 1) è: (a) ( 2, 2) (b) ( 2, 1) (1, 2) (c) (, 2) (2, + ) (d) [ 2, 1) (1, 2] (e) R \{1} 2. La funzione f : R R

Dettagli

2 x = 64 (1) L esponente (x) a cui elevare la base (2) per ottenere il numero 64 è detto logaritmo (logaritmo in base 2 di 64), indicato così:

2 x = 64 (1) L esponente (x) a cui elevare la base (2) per ottenere il numero 64 è detto logaritmo (logaritmo in base 2 di 64), indicato così: Considerimo il seguente problem: si vuole trovre il numero rele tle che: = () L esponente () cui elevre l bse () per ottenere il numero è detto ritmo (ritmo in bse di ), indicto così: In prticolre in questo

Dettagli

Successioni di Funzioni e Serie di Potenze

Successioni di Funzioni e Serie di Potenze Successioni di Funzioni e Serie di Potenze 1 Successioni di Funzioni e Serie di Potenze 1 Successioni di Funzioni Nel corso di nlisi di bse si sono studite le successioni numeriche. Qui considerimo un

Dettagli