). Per i tre casi indicati sarà allora: 1: L L 2

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "). Per i tre casi indicati sarà allora: 1: L L 2"

Transcript

1 apitolo 0 Enegia potenziale elettica Domane. Il lavoo pe spostae una caica ta ue punti è: L 0(! ). Pe i te casi inicati saà alloa: L (50! 00 ) (50 ) : 0 0 : L 0! 0 3: L 0! 0 [5 ( 5 )] (50 ) [ 0 ( 60 )] (50 ) Il lavoo è lo stesso in tutti e te i casi.. Il potenziale nel uato vetice è la somma algebica ei potenziali ceati in uel punto alle alte caiche pesenti. 3 L L L Inicano con il valoe i ogni caica, abbiamo le seguenti possibilità: k k k k e sono positive:! L L L L k k k k! " e 3 sono positive: # L L L L $ # % & ' k k k k e 3 sono positive:! L L L L ome si vee, il potenziale nel uato vetice è sempe positivo. L L 3 L 3. Un enegia potenziale elettica esiste se i ue potoni si tovano a una ceta istanza e è uguale al lavoo fatto alle foze estene pe assemblae la configuazione. Supponiamo i ove assemblae noi il sistema, lavoano con una paticella pe volta. Se nello spazio non ci sono alte caiche non esiste nessun campo elettico, uini pe collocae il potone non occoe nessun lavoo. Quel potone peò pouce un campo elettico che iempie lo spazio cicostante e che, alla istanza, vale E ke /. Lo spazio, aesso, è see i un campo elettico (ovuto al pimo potone) e uini esiste anche un potenziale elettico: pe sistemae il secono potone a una istanza al pimo potone, le foze estene evono spenee un lavoo. L enegia potenziale elettica ella configuazione finale è uguale al lavoo necessaio pe spostae il secono potone all infinito alla istanza al pimo potone. Il potenziale elettico alla istanza al pimo potone è potone ke / e, uini l enegia potenziale elettica ella configuazione finale è: U potone (e) ke Se entambi i potoni vengono sostituiti con elettoni, vale lo stesso agionamento. Tuttavia, l elettone ha una caica negativa e uini il potenziale elettico a istanza al pimo elettone saà elettone! ke /. L enegia potenziale elettica i uesta nuova configuazione saà U elettone (!e)! ke ke (!e) In uesta ipotesi l enegia potenziale elettica imane la stessa. Zanichelli 009

2 apitolo 0 Enegia potenziale elettica Quano si sostituisce un solo potone con un elettone potone! ke " ke U # e $ % # e # & ' In uesto caso, invece, l enegia potenziale elettica iminuisce a ke / a ke /. 4. In ogni punto i un campo elettico, il campo è pepenicolae a una supeficie euipotenziale. Quini la caica, pe muovesi lungo punti con lo stesso potenziale, eve escivee un pecoso pepenicolae al campo elettico. 5. L enegia potenziale elettica è U 0 uini, pe un ato valoe el potenziale, l enegia potenziale elettica ipene al valoe ella caica e non ha lo stesso valoe pe ogni caica posta in uel punto. 6. Le ue paticelle patono a feme, uini hanno enegie cinetiche iniziali nulle. Entambe possieono invece enegia potenziale elettica in vitù elle loo ispettive posizioni all inteno el campo elettico ta le amatue. Le ue paticelle hanno caiche i segno opposto e uini si muovono in iezioni opposte veso le ue amatue el conensatoe. Mente si spostano ta le amatue, le paticelle acuistano enegia cinetica e peono enegia potenziale. Inichiamo con U 0 e U f le enegie potenziali elettiche iniziali e finali ella paticella e, pe il pincipio i consevazione ell enegia, imponiamo U m v U Da cui v f 0 paticella f f #! U U " $ 0 f % m paticella Le ue paticelle copono la stessa istanza ta le amatue el conensatoe e uini la vaiazione i enegia potenziale elettica è la stessa pe entambe. La massa ell elettone peò è minoe ella massa el potone e, uini, la velocità finale ell elettone saà maggioe i uella el potone e l elettone giungeà pe pimo su un amatua el conensatoe. Test D Zanichelli 009

3 apitolo 0 Enegia potenziale elettica Poblemi. L U U (! 9! 0 ) (,6 " 0 )(0,070 )," 0 J 0. Quano l elettone si muove ta la nuvola e il teeno, la vaiazione ella sua enegia potenziale elettica è U U n U t e è anche uguale a 0. La iffeenza i potenziale elettico è, a sua volta, n t,3 0 8, uini (,3#08 ) ",#0" J!U 0! ",60 #0 "9 3. L unica foza che agisce sulla paticella α è la foza elettostatica, che è consevativa: uini l enegia totale ella paticella uano si sposta al punto al punto si conseva mv U mv U Enegia totale nel punto Enegia totale nel punto La velocità iniziale ella paticella è v 0 m/s e il potenziale elettico vale U/. Sostitueno nell espessione peceente, otteniamo mv U! U! La paticella α ha ue potoni e, uini, la sua caica è e 3, 0 9. Infine mv (! ) 3, " 0!9 # $ 50! (!50 ) % & ',8 " 0!6,0 e * J ) (,6 "0!9, J 8,0 " 0 e 4. L Fs U! U! 4 U! U 9,0" 0 J! 3 F 4,5" 0 N s 0,0 m a veso.! 3 F 4,5" 0 N 3 E 6 3,0 " 0 N/! 0,5" 0 ancoa a veso. 5. L 0 (! ) ( 00 )( 90 ) 4 P 5,0 " 0 W t t 7,0 s Zanichelli 009

4 apitolo 0 Enegia potenziale elettica 6. L enegia totale ell elettone imane costante, peché la foza che agisce è consevativa. Quini mv U mv U che, isolta in funzione ella velocità finale, à v v ( U U ) m ove v 0 m/s e U! U (! ). Infine :! 9 (,6 " 0 ) 7 v ( ) (5 000 ) 9,4" 0 m / s m! 3 9," 0 kg 7.!U ml v 0! m 0! L v ( 7,5"0 5 ) ( ),6 "0 5 J/kg 4,0 kg 8. pplicano il pincipio i consevazione ell enegia ta i punti e, otteniamo mv U mv U ove v 0 e U! U (! ). Quini: (! ) mv () E, analogamente, ta i punti e! m v () Divieno membo a membo ueste ue ultime euazioni, avemo 4 a cui 4 4(45 ) k k e Dato che, avemo Zanichelli 009

5 apitolo 0 Enegia potenziale elettica k k 0,43 m a cui, 4 0,8 m 0.! k! k " k! $ # % ' & ( 8,99 (0 9 N ( m / )(!,(0!9 ) " 0,50 m! % $ ' 38 # 0,5 m &. La iffeenza i enegia potenziale elettica ta la situazione in cui elettone e potone vengono potati alla istanza finale 5,9 0 m e la situazione in cui si tovavano a istanza infinita ( iniziale ) è: U finale! U iniziale (!e)ke finale! (!e)ke iniziale $ &! (8,99 "0 9 N " m / ),60 "0!9 5,9 "0! m! ' % # )! 4,35 " 0!8 J * (. Supponiamo, vei figua a lato, che, inizialmente una caica si tovi in e l alta sia fissa nel vetice. La caica viene poi spostata veso il vetice. Il lavoo fatto alle foze elettiche pe uesto spostamento è L (! ), ove k / e k /. Dalla figua, inolte, possiamo veee che. Quini! k L k $ # & k! # " % " $ & % 9! 6 (8,99" 0 N " m / )(3,0" 0 ) # $ 0,500 m % & ' (! 4,7 " 0 J 3. The electic potential at a istance fom a point chage is k /. The total electic potential at location P ue to the six point chages is the algebaic sum of the iniviual potentials P Zanichelli 009

6 apitolo 0 Enegia potenziale elettica Stating at the uppe left cone of the ectangle, we pocee clockwise an a up the six contibutions to the total electic potential at P (see the awing): k ( 7.0 )! $ # & " % k ( 3.0 ) k ( 5.0 )! $ # & " % k ( 7.0 )! $ # & " % k ( '3.0 ) k ( '5.0 )! $ # & " % k ( 4.0 )! $ # & " % Substituting an 0.3 m gives! k ( '0 ) 9 N ' m $ # & 4.0 " %! # $ & ( 0.3 m)! 0.3 m $ # & " % " % 9.0 '0 (6 7.8' Imponiamo che il pimo punto in cui il potenziale totale è nullo si tovi a una istanza x a sinista ella caica negativa. Quini ( ) k k a cui x! x x 3 Imponiamo, oa, che il secono punto in cui il potenziale totale è nullo sia alla istanza x a esta ella caica negativa. lloa k ( ) k a cui x x x 5. Il isegno a fianco mosta te caiche fissate in te vetici el uaato. La istanza ta la caica incognita e il vetice vuoto è L, come anche la istanza ta una elle caiche a,8 µ e il vetice vuoto, mente la istanza ta l alta caica a,8 µ e il vetice vuoto, pe il teoema i Pitagoa, è L. Il potenziale totale nel vetice vuoto vale: totale! ( 6!,8 " 0 ) k(,8 " 0 6 ),8 µ k k,8 µ 0 L L L L L L L Zanichelli 009

7 apitolo 0 Enegia potenziale elettica Possiamo, alloa icavae:! 6! 6,8 " 0,8 " 0 0 a cui! 6 # $! 6!,8 " 0 % &! 3," 0 ' ( 6. L unica foza applicata è consevativa, uini l enegia totale si conseva, pe cui mv U mv U ove v 0. L enegia potenziale può essee espessa come:! k " U # $ % & e! k " U # $ % & ove è la istanza iniziale ta la caica fissa e la caica in movimento e è la istanza ta le paticelle opo che la caica in movimento si è femata. L espessione pe la consevazione ell enegia iventa, alloa: k k mv che può essee isolta in funzione i, con il isultato k mv k (8,99!0 9 N! m / )( 8,00!0 " 6 )("3,00!0 " 6 ) (7,0!0 3 kg)(65,0 m/s) (8,99!09 N! m / )( 8,00!0 " 6 )("3,00!0 " 6 ) 0,0450 m 0,008 m Quini la caica ha pecoso, pima i femasi, una istanza pai a 0,0450 m 0,008 m 0,034 m. 7. onviene costuie il nosto sistema pateno a un estemo ella etta e teminano sull alto. Potemo così eteminae l enegia potenziale elettica confeita al sistema all aggiunta i ogni singola caica e sommae poi i contibuti iniviuali i ogni caica pe ottenee l enegia potenziale totale el sistema. L enegia potenziale elettica ovuta a ogni caica aggiunta è U 0 Totale, ove Totale è il potenziale el punto in cui viene posta la caica e si può ottenee sommano i contibuti elle caiche che si tovavano già in uel punto nel momento in cui viene aggiunta la nuova caica (ciascun contibuto el valoe k/ ). Zanichelli 009

8 apitolo 0 Enegia potenziale elettica Pe la pima caica possiamo così scivee: 0 U 0 Totale,0!0 "6 0 J Quano inseiamo la secona caica, ci saà già un potenziale elettico Totale k (,0!0"6 ) 8,99!0 9 N! m / 0,40 m U 0 Totale (,0!0 "6 ) ( 4,5!04 ) 0,090 J Pe la teza caica avemo: ( 8,99!0 9 N! m / ),0!0"6 Totale 0,80 m ( 8,99!0 9 N! m / )(,0!0"6 ) 0,40 m U 3 0 Totale (,0!0 "6 ) ( 6,7!04 ) 0,3 J E pe la uata: ( 8,99!0 9 N! m / ),0!0"6 Totale, m ( 8,99!0 9 N! m / )(,0!0"6 ) 0,80 m ( 8,99!0 9 N! m / )(,0!0"6 ) 0,40 m U 4 0 Totale (,0!0 "6 ) ( 8,!04 ) 0,6 J L enegia potenziale elettica totale el sistema saà, infine: U Totale U U U 3 U 4 0 J 0,090 J 0,3 J 0,6 J 0,38 J 4,5!0 4 e, uini, l'enegia potenziale saà: 6,7!0 4 e 8,!0 4 e 8. The only foce acting on each poton is the consevative electic foce. Theefoe, the total enegy (kinetic enegies plus electic potential enegy) is conseve at all points along the motion. Fo two points, an, the consevation of enegy is expesse as follows: Zanichelli 009

9 apitolo 0 Enegia potenziale elettica mv mv EPE EPE mv mv Initial kinetic enegies of the two potons Initial electic potential enegy Final kinetic enegies of the two potons 443 Final electic potential enegy The electic potential enegy of two potons (chage on each poton e) that ae sepaate by a istance can be foun by combining the elations EPE e an ke/ to give EPE ke /. y using this expession fo EPE in the consevation of enegy elation, we will be able to etemine the istance of closest appoach. When the potons ae vey fa apat ( ), so that EPE 0 J. t the istance of closest appoach, the spee of each poton is momentaily zeo (v 0 m/s). With these substitutions, the consevation of enegy euation euces to mv mv ke Solving fo, the istance of closest appoach, gives (.60! 0"9 ).53!0 ( 3.00!06 m/s) ke 8.99!0 9 N! m / mv.67!0 "7 kg "4 m 9. Dalla figua ui a esta si può veee che il potenziale nel vetice è eteminato alla pesenza elle ue caiche e vale: k k k ( ) 0 Dato che le ue caiche si tovano alla stessa istanza al vetice, uesta saà anche l espessione el potenziale in. Se al cento el uaato viene posta una teza caica, 3, il potenziale nel vetice (e nel vetice ) iventa: k k k3 ( ) f ( / ) Pe il teoema i Pitagoa: a cui E uini k k k3 ( ) f. I ati el poblema impongono che l aggiunta ella teza caica moifichi il segno el potenziale, ma non il suo valoe: in alte paole eve isultae: ( ) f ( ) 0, ovveo k k k 3 k! Possiamo così ottenee pe la teza caica il valoe! 6 6 3!! (, 7 " 0 )! 4,8 " 0 Zanichelli 009

10 apitolo 0 Enegia potenziale elettica 0. Sia la istanza ta le ue caiche. Il potenziale nel punto x 4,00 cm a sinista ella caica negativa è k 0 k! a cui!! x x x E, analogamente, pe il punto x 7,00 cm a esta ella caica negativa, avemo k k 0! x x a cui x Risolveno ueste ue euazioni in funzione i, otteniamo: 0,87 m. Utilizzano uesto valoe i nella pima euazione, otteniamo 3,67.. Pe la consevazione ell enegia, possiamo scivee k mv, m v, m v, m v, { Enegie cinetiche iniziali elle ue paticelle Enegia potenziale elettica iniziale Enegie cinetiche finali elle ue paticelle k { Enegia potenziale elettica finale Risolveno uesta euazione in funzione i / e poneno v, v, 0 ato che le ue paticelle sono inizialmente feme, otteniamo ( mv, m v, ) () k Pe calcolae la velocità finale utilizziamo il pincipio i consevazione ella uantità i moto: m v, m v, m v, m v, uantità i moto iniziale uantità i moto finale poneno v, v, 0, otteniamo v m! 3 ", v, m! 3 " 3,00 0 kg!! ( 5 m/s )! 6,5 m/s 6,00 0 kg Sostitueno, infine, nell euazione () otteniamo: 0,00 m 8,99! 0 9 N! m / ( 8,00! 0"6 )! # 3,00! 0"3 kg $ %! ( 5 m/s) 6,00! 0"3 kg ("6,5 m/s) & ' ( e!,4" 0 m Zanichelli 009

11 apitolo 0 Enegia potenziale elettica. E!! s ;! E!s 4,7 " 07 /m ( 0,75 "0#3 m) 3,5 "04 3. Il potenziale i una supeficie euipotenziale vale ove k Quini: 4! k a cui 490, m " 8,6 # 0 k k 4! 9 8,99# 0 N # m / 4! 4. La istanza 75 ta la caica e la supeficie euipotenziale a 75,0 è 75 k/ 75, e la istanza ispetto alla supeficie a 90 è 90 k/ 90. Quini, la istanza ta ueste ue supefici è: 75! 90 k! k " k! 75 $ 90 # % ' & " 8,99 (0 9 N ( m % $ # ',50 (0!8 & " 75,0! % $ ', m # 90 & 5. "!! 0,070 6 E!! 8,8 # 0 /m " s " s " s! 9 8,0 # 0 m 6. onsieiamo un punto sull asse x ove il potenziale è i 55 e un punto sull asse x ove il potenziale è i 495. Il campo elettico vale: E! " "s!! "s 495! 55!! 6,0 #0!3 m!,7 # 03 /m 3 Il campo elettico ha un intensità i, 7! 0 /m, è negativo, uini è ivolto veso sinista, ai potenziali maggioi a uelli minoi. 7. Rappesentiamo i ati nel isegno a esta. La iffeenza i potenziale ta i punti P e è!! E " s, a cui il potenziale in vale P P! E "s 55!!4,0 #0 3 /m 79 ( 6,0 #0!3 m) E P m m m Zanichelli 009

12 apitolo 0 Enegia potenziale elettica nalogamente il potenziale in vale P! E "s 55!!4,0 #0 3 /m 43 (!3,0 #0!3 m) Il pecoso a P a è pepenicolae al campo elettico, uini nel muovee una caica lungo uesto pecoso non si compie lavoo e 0. Quini P Sappiamo che E / x. Il campo elettico nella egione a a è! 5,0 " 5,0 E " " 0/m! x 0, 0m " 0m Il campo elettico nella egione a a è! 3,0 " 5,0 E " " 0/m! x 0,40m " 0,0m Il campo elettico nella egione a a D è!,0 " 3,0 E " " 5, 0/m! x 0,80m " 0, 40m 9. Il lavoo compiuto alla foza estena pe spostae la paticella a a è: ( mv ) m v! v ( ) (! ) L E! E mv (5,00 "0! kg) # $ (3,00 m / s)! (,00 m / s) % & (4,00 "0!5 ) # $ 7850! 5650 % & 0,3 J 30.! 5 7, " 0! 6 6, 0 " 0 F 3. La capacità el conensatoe è 0 / 0 /. Quini, la nuova caica è 0! ( 5,3" 0 5 )( 9,0 ) 0! 5 8,0 " 0 6,0 3. La capacità el conensatoe è!! 0 ( 5 " 0#6 m ) 5 8,85 " 0 # F/m 33. La capacità ella membana è " 0 #8 m " 0 #8 F Zanichelli 009

13 apitolo 0 Enegia potenziale elettica!! 0 (5,0)(8,85"0 F/m)(5,0 "0 9 m ),0 "0 8 m Sulla supeficie estena, uini, è pesente una caica (,!0 F)(60,0!0 3 ),3!0 Il numeo i ioni pesenti sulla supeficie è! Numeo i,3 " 0 8," 0 ioni K! 9, 6" L enegia i un lampo i luce è! 6 Enegia 850" 0 F 80 33J La potenza sviluppata uante il flash è 6, "0 F Enegia 33 J P t! 3 3,9 " 0 s 8500 W 35.!! 0 /, a cui!! 0 (7,0 "0#6 F)(,0 "0 5 m) (8,85"0 F/m)(,5 m ) 5,3 36. L enegia immagazzinata nel conensatoe senza ielettico è E immagazzinata uano il conensatoe ha al suo inteno il ielettico è enegie evono essee uguali, uini , mente uella E. Queste ue Sappiamo anche che ε 0 e uini 0 0! ( 0) a cui icaviamo 0!,0 4,50 5, Enegia Pt 75W 60s 4500J Ma sappiamo anche che Enegia ; possiamo, uini, icavae la iffeenza i potenziale Zanichelli 009

14 apitolo 0 Enegia potenziale elettica Enegia 4500J 5 3,3F 38. "!! 0 % $ # '! 0 & ove abbiamo posto ε, ato che il conensatoe è vuoto. pplichiamo uesta elazione ai ue conensatoi:!! 0 0 e La caica è la stessa in entambi i casi, uini!! o 0 0 Da cui! "! " # $ ( 9,0 ) # $ 8 % & % & 39. La caica 0 sul conensatoe vuoto è legata alla sua capacità 0 e alla iffeenza i potenziale ta le amatue alla elazione 0 0. Pe il conensatoe in cui è stato inseito il ielettico vale la elazione. La elazione ta la capacità el conensatoe vuoto e el conensatoe con il ielettico inseito è ε 0, ove ε è la costante ielettica ella lasta i mateiale inseito. Dato che la caica sulla supeficie el ielettico è uguale alla iffeenza ta le caiche epositate sulle amatue con e senza ielettico, avemo:! 0! 0 (" 0 )! 0 0 ("!) E, sostitueno i valoi, otteniamo! 0 0 "! 3, #0!6 F 40. 0! Da cui 0 /! (,0 )/,8 4,3 ( 4,5!),3#0!4 La iffeenza i potenziale è alloa,0 4,3 7,7: la caica sta iminueno. 4. Il potenziale elettico totale ovuto alle ue caiche è: k k k ( ) Zanichelli 009

15 apitolo 0 Enegia potenziale elettica La istanza è metà ella istanza ta le ue caiche, cioè lloa il potenziale elettico totale nel punto meio vale:,0 m 9!! (,0 m) k 8,99" 0 N " m / ( ) 3,40" 0! 6,0" 0! 4,05" 0 4.! L!, uini 0 0! 3! L L,70" 0 J! 5 5, 40" 0!! 50,0 pe entambe le caiche. 43. L enegia accumulata in un conensatoe i capacità e iffeenza i potenziale ta le amatue è: Enegia. Possiamo alloa icavae (Enegia) (73 J) 3,! 0 6 0! 0 F 44. L enegia utilizzata al asoio è uella ottenuta uano la caica passa al polo positivo, ove l enegia potenziale elettica è più elevata, al polo negativo, ove l enegia potenziale elettica è minoe, e vale U! U. Il asoio ha una potenza i 4,0 W e la potenza è, pe efinizione, P ( U! U )/ t. Da cui U! U t () P U! U!, e, sostitueno uesta espessione nella (), otteniamo Inolte 0 ( ) U! U (! ) 0 t ove 0 P P Infine, possiamo calcolae t 0! P 45. La caica totale tasfeita è:! 8 (,5 " 0 F)(450 ) ne (! ) P ne () E il numeo i elettoni spostati è! 8 (,5 " 0 F)(450 ) Numeo i elettoni 7,0 " 0 e! 9, 60 " Il potenziale elettico totale nel punto P è (vei la figua) ( 3,0 "0 )(,6 "0!9 ) (,5 ) 800 s 4,0 W 3 Zanichelli 009

16 apitolo 0 Enegia potenziale elettica k! k k k!! k E sostitueno i valoi, otteniamo " 9 N $ m #! 6!% 8,99$ 0 &(,0$ 0 )! k 3 ' (! 9,4 $ 0 0,96 m 47. " ! E 4,# 0 /m " s " s 0,06 m Il campo elettico va ai punti a potenziale maggioe veso uelli a potenziale minoe, uini il campo va a a. 48. L / 0. Poichè lo spostamento a a è pepenicolae alla foza, il lavoo è nullo, cioè L 0 J. Quini! L 0 J! La iffeenza i potenziale ( ) ta e è legata al campo elettico e allo spostamento alla elazione E s!! E " s!! 3600 N/ 0,080 m 90 La foza elettostatica è consevativa, uini pe tovae la iffeenza i potenziale ta i punti e possiamo scegliee il pecoso che iteniamo più oppotuno. Scegliamo alloa (vei il isegno) i pecosi e, peché conosciamo le iffeenze i potenziale pe ognuno i uesti tatti, pe cui può essee scitta come ( ) ( ) ( ) ( ) cm 8.0 cm y x 6.0 cm E E Zanichelli 009

17 apitolo 0 Enegia potenziale elettica 49., ove E / s L enegia elettica accumulata ta le ue sfee è: Enegia! ( olume) Quini Enegia!! # " & 0 % ( $ "s ' #, % $ ( olume) 8,85 )0 *, )0 *8 J &# 3,0 & N ) m (% ( ' $ 0,000 m ' 0 k E, 4 ( 0,500 m) /. ( 0,000 m) olume 50. ssumiamo che il moto el potone e ell elettone sia nella iezione elle x positive. Il moto el 0 p potone è eteminato all euazione x v t a t, ove x. Quini 0 p v t a t, o 0 p v t a t () Pe tovae la velocità iniziale el potone obbiamo pima calcolae t e l acceleazione a p. Dato che il potone colpisce l amatua negativa nello stesso istante in cui l elettone colpisce l amatua positiva, possiamo utilizzae il moto ell elettone pe icavae il tempo t. e Pe l elettone, a t, consieano che l elettone pate a femo e, uini, t / ae. Sostitueno uesta espessione nell euazione () otteniamo! ap " v0 () a # e a $ % e & Le acceleazioni si possono tovae consieano che le intensità elle foze che agiscono sulle ue paticelle sono uguali (esse hanno la stessa caica). La foza sull elettone è F ee e /, a cui, F e ae m m (3) e e Pe la secona legge i Newton meae mpap, a cui a a p e me (4) m p ombinano le euazioni (), (3) e (4) otteniamo, infine, pe la velocità iniziale el potone! m " e e v0 # m $ p m % & e Zanichelli 009

18 apitolo 0 Enegia potenziale elettica E, sostitueno i ati v 3 9! 9,# 0 kg " (,60# 0 )(75 ) 6,77 0 m/s $ #, 67 0 kg % & # ' 9,# 0 kg Olimpiai ella fisica.. D D 7. D 8. In iezione oizzontale la paticella pecoe il tatto / nel tempo t: / / at con a /(m). Nello stesso tempo pecoe in veticale un tatto y y gt g a! y mg ( 0 "6 kg) 9,8m/s ( 0 " m) ( 0 "6 ) ( ) 4,9 #0 " m 4,9cm Test ammissione all Univesità Pove esame all Univesità. Poiché il campo è paallelo al moto, la iffeenza i potenziale ta i punti i aivo e patenza è k El uini pe la legge i consevazione ell enegia (! x) El, cioè:! 4 k( # x) (,0 " 0 N/m) ( 5" 0 m ) E 3/m.! 3 l (,0 " 0 )(0m) Poiché la caica è positiva e la foza eve opposi al moto, la iezione el campo è uguale a uella el moto, ma con veso opposto.. Q! m v ( " v f 0 ) # v f Q! m v 0 $ $0"4 ( $0 4 ) 0 $0 "3 kg ( 0m/s) $0m/s Zanichelli 009

19 apitolo 0 Enegia potenziale elettica 3. # 9 # 9 9 % N $ m & $ # $ # 5 F 8, N ' $ ( # $ 4!" 0 # ) * 4$ 0 m # # 9 ( 4$ 0 m)( 3$ 0 ) # # % & 0 ' ( # x) x 0 ' x cm 4!" * x # x # $ # # $ 0. $ N & m % (& 0 ) E 8,99& 0 & 0 /m # 9 ' ( 4!" 0 $ % ) * & 0 m ' ( ) * caica negativa. - lungo la congiungente, veso la F E ( 0 - )( 0 /m) 0-0 N Zanichelli 009

durante lo spostamento infinitesimo dr la quantità data dal prodotto scalare F dr

durante lo spostamento infinitesimo dr la quantità data dal prodotto scalare F dr 4. Lavoo ed enegia Definizione di lavoo di una foza Si considea un copo di massa m in moto lungo una ceta taiettoia. Si definisce lavoo infinitesimo fatto dalla foza F duante lo spostamento infinitesimo

Dettagli

3. La velocità v di un satellite in un orbita circolare di raggio r intorno alla Terra è v = e,

3. La velocità v di un satellite in un orbita circolare di raggio r intorno alla Terra è v = e, Capitolo 10 La gavitazione Domande 1. La massa di un oggetto è una misua quantitativa della sua inezia ed è una popietà intinseca dell oggetto, indipendentemente dal luogo in cui esso si tova. Il peso

Dettagli

I principi della Dinamica. L azione di una forza è descritta dalle leggi di Newton, possono fare Lavoro e trasferire Energia

I principi della Dinamica. L azione di una forza è descritta dalle leggi di Newton, possono fare Lavoro e trasferire Energia I pincipi della Dinamica Un oggetto si mette in movimento quando viene spinto o tiato o meglio quando è soggetto ad una foza 1. Le foze sono gandezze fisiche vettoiali che influiscono su un copo in modo

Dettagli

Dinamica. Se un corpo non interagisce con altri corpi la sua velocità non cambia.

Dinamica. Se un corpo non interagisce con altri corpi la sua velocità non cambia. Poblema fondamentale: deteminae il moto note le cause (foze) pe oa copi «puntifomi» Dinamica Se un copo non inteagisce con alti copi la sua velocità non cambia. Se inizialmente femo imane in quiete, se

Dettagli

Campo elettrostatico nei conduttori

Campo elettrostatico nei conduttori Campo elettostatico nei conduttoi Consideeemo conduttoi metallici (no gas, semiconduttoi, ecc): elettoni di conduzione libei di muovesi Applichiamo un campo elettostatico: movimento di caiche tansiente

Dettagli

Gravitazione Universale

Gravitazione Universale Gavitazione Univesale Liceo Ginnasio Statale S.M. Legnani Anno Scolastico 2007/08 Classe 3B IndiizzoClassico Pof.Robeto Squellati 1 Le leggi di Kepleo Ossevando la posizione di Mate ispetto alle alte stelle,

Dettagli

FAST FOURIER TRASFORM-FFT

FAST FOURIER TRASFORM-FFT A p p e n d i c e B FAST FOURIER TRASFORM-FFT La tasfomata disceta di Fouie svolge un uolo molto impotante nello studio, nell analisi e nell implementazione di algoitmi dei segnali in tempo disceto. Come

Dettagli

Elementi della teoria della diffusione

Elementi della teoria della diffusione Elementi della teoia della diffusione Pe ottenee infomazioni sulla stuttua della mateia, dai nuclei ai solidi, si studia la diffusione scatteing) di paticelle: elettoni, paticelle alfa, potoni, neutoni,

Dettagli

R-402A R-404A R-410A R-507 SIZE COLOR CODE

R-402A R-404A R-410A R-507 SIZE COLOR CODE La temostatica BQ può essee pesonalizzata pe qualsiasi applicazione di efigeazione e condizionamento. Devi solo selezionae il coetto elemento temostatico, la giusta taglia dell oifizio ed il tipo di copo

Dettagli

Soluzioni Esercitazione VIII. p(t)dt = R

Soluzioni Esercitazione VIII. p(t)dt = R S. a Si ha Soluioni Esercitaione VIII PT > + ptt ptt perché pt per t u + perché

Dettagli

Momento di una forza rispettto ad un punto

Momento di una forza rispettto ad un punto Momento di un fo ispettto d un punto Rihimimo lune delle definiioni e popietà sui vettoi già disusse ll iniio del oso Podotto vettoile: ϑ ϑ sin sin θ Il vettoe è dietto lungo l pependiole l pino individuto

Dettagli

GIRO DELLA MORTE PER UN CORPO CHE ROTOLA

GIRO DELLA MORTE PER UN CORPO CHE ROTOLA 0. IL OETO D IERZIA GIRO DELLA ORTE ER U CORO CHE ROTOLA ell approfondimento «Giro della morte per un corpo che scivola» si esamina il comportamento di un punto materiale che supera il giro della morte

Dettagli

Seconda Legge DINAMICA: F = ma

Seconda Legge DINAMICA: F = ma Seconda Legge DINAMICA: F = ma (Le grandezze vettoriali sono indicate in grassetto e anche in arancione) Fisica con Elementi di Matematica 1 Unità di misura: Massa m si misura in kg, Accelerazione a si

Dettagli

Urti tra due punti materiali

Urti tra due punti materiali Uti ta due punti ateiali URTO: eento isolato nel quale una foza elatiaente intensa agisce pe un tepo elatiaente bee su due o più copi in contatto ta loo isultato di un contatto fisico F F isultato di una

Dettagli

MATRICI SIMILI E MATRICI DIAGONALIZZABILI

MATRICI SIMILI E MATRICI DIAGONALIZZABILI MATRICI SIMILI E MATRICI DIAGONALIZZABILI DEFINIZIONE: Due mtici qudte A e B, dello stesso odine n, si dicono simili se esiste un mtice non singole S, tle che isulti: B S A S L mtice S si chim nche mtice

Dettagli

www.scuolainweb.altervista.org Problemi di Fisica La Dinamica

www.scuolainweb.altervista.org Problemi di Fisica La Dinamica www.suolinweb.ltevist.og L Dinmi Poblemi di isi L Dinmi PROBLEA N. Un opo di mss m 4 kg viene spostto on un foz ostnte 3 N su un supefiie piv di ttito pe un ttto s,3 m. Supponendo he il opo inizilmente

Dettagli

Esercitazione VIII - Lavoro ed energia II

Esercitazione VIII - Lavoro ed energia II Esercitazione VIII - Lavoro ed energia II Forze conservative Esercizio Una pallina di massa m = 00g viene lanciata tramite una molla di costante elastica = 0N/m come in figura. Ammesso che ogni attrito

Dettagli

GIRO DELLA MORTE PER UN CORPO CHE SCIVOLA

GIRO DELLA MORTE PER UN CORPO CHE SCIVOLA 8. LA CONSERVAZIONE DELL ENERGIA MECCANICA IL LAVORO E L ENERGIA 4 GIRO DELLA MORTE PER UN CORPO CHE SCIVOLA Il «giro della morte» è una delle parti più eccitanti di una corsa sulle montagne russe. Per

Dettagli

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Problema 1 Due carrelli A e B, di massa m A = 104 kg e m B = 128 kg, collegati da una molla di costante elastica k = 3100

Dettagli

MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO ELETTRICO UNIFORME

MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO ELETTRICO UNIFORME 6. IL CONDNSATOR FNOMNI DI LTTROSTATICA MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO LTTRICO UNIFORM Il moto di una particella carica in un campo elettrico è in generale molto complesso; il problema risulta più semplice

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

Sistemi materiali e quantità di moto

Sistemi materiali e quantità di moto Capitolo 4 Sistemi materiali e quantità di moto 4.1 Impulso e quantità di moto 4.1.1 Forze impulsive Data la forza costante F agente su un punto materiale per un intervallo di tempo t, si dice impulso

Dettagli

9. Urti e conservazione della quantità di moto.

9. Urti e conservazione della quantità di moto. 9. Urti e conservazione della quantità di moto. 1 Conservazione dell impulso m1 v1 v2 m2 Prima Consideriamo due punti materiali di massa m 1 e m 2 che si muovono in una dimensione. Supponiamo che i due

Dettagli

La necessità di trasmettere potenza tra organi in moto rotatorio è un problema frequentissimo e di grande importanza nell ingegneria.

La necessità di trasmettere potenza tra organi in moto rotatorio è un problema frequentissimo e di grande importanza nell ingegneria. La ecessità di tasmettee poteza ta ogai i moto otatoio è u poblema fequetissimo e di gade impotaza ell igegeia. Gli assi di otazioe ta i quali deve essee tasmesso il moto possoo essee paalleli I questo

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

La rappresentazione per elencazione consiste nell elencare tutte le coppie ordinate che verificano la relazione

La rappresentazione per elencazione consiste nell elencare tutte le coppie ordinate che verificano la relazione RELAZIONI E FUNZIONI Relzioni inrie Dti ue insiemi non vuoti e (he possono eventulmente oiniere), si ie relzione tr e un qulsisi legge he ssoi elementi elementi. L insieme A è etto insieme i prtenz. L

Dettagli

6 DINAMICA DEI SISTEMI DI PUNTI MATERIALI

6 DINAMICA DEI SISTEMI DI PUNTI MATERIALI 6 DINAMICA DEI SISTEMI DI PUNTI MATERIALI Consdeao un sstea d n unt ateal con n > nteagent ta loo e con l esto dell unveso. Nello studo d un tale sstea sulta convenente scooe la foza agente ( et) sull

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

Stefano Falorsi. di seconda e quinta elementare rispettivamente di numerosità e N. I test somministrati alle

Stefano Falorsi. di seconda e quinta elementare rispettivamente di numerosità e N. I test somministrati alle Nota metooogica sua strategia i campionamento e sistema nazionae i vautazione ee competenze per e cassi secona e quinta e primo cico ea scuoa primaria Stefano Faorsi. Obiettivi I Sistema Nazionae i Vautazione

Dettagli

Catalogo isoweld Il sistema di fissaggio ad induzione. Nuovo

Catalogo isoweld Il sistema di fissaggio ad induzione. Nuovo Catalogo isowel Il sistema i fissaggio a inuzione Nuovo isowel l innovativo sistema i fissaggio a inuzione i SFS intec Il nuovo sistema isowel TM i SFS intec è un sistema i fissaggio a inuzione innovativo

Dettagli

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of "typical tuscan"

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of typical tuscan Il vostro sogno diventa realtà... Vicinanze di Volterra vendita di porzione di fabbricato "tipico Toscano" realizzate da recupero di casolare in bellissima posizione panoramica. Your dream comes true...

Dettagli

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR MANUALE DI ISTRUZIONI ACCENSIONE / SPEGNERE DEL TAG HOUND Finder GPS Il TAG HOUND

Dettagli

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo Energia e Lavoro Finora abbiamo descritto il moto dei corpi (puntiformi) usando le leggi di Newton, tramite le forze; abbiamo scritto l equazione del moto, determinato spostamento e velocità in funzione

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Un conduttore ideale all equilibrio elettrostatico ha un campo elettrico nullo al suo interno. Cosa succede se viene generato un campo elettrico diverso da zero al suo

Dettagli

Ottica. 1 p + 1 q = 2 R

Ottica. 1 p + 1 q = 2 R - - I amosi specchi ustori usati da rchimede per bruciare le navi nemiche erano specchi serici. Sapendo che la distanza delle alture, dove erano posti gli specchi, dal mare era di 00 m, dite uale doveva

Dettagli

ELETTROMAGNETI IBK Elettromagneti per l automazione flessibile

ELETTROMAGNETI IBK Elettromagneti per l automazione flessibile INDUCTIVE COMPONENTS I 0 I 0 IBK ELETTROMAGNETI IBK Elettomneti e l utomzione flessibile Ctloo eli elettomneti IBK e l zionmento ei sistemi oscillnti Eizione Mio 2004 www.eoitli.it/ootti/feee.tml Elettomneti

Dettagli

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg.

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg. Spingete per 4 secondi una slitta dove si trova seduta la vostra sorellina. Il peso di slitta+sorella è di 40 kg. La spinta che applicate F S è in modulo pari a 60 Newton. La slitta inizialmente è ferma,

Dettagli

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti Y T T I Numeri Complessi Operazioni di somma e prodotto su Consideriamo, insieme delle coppie ordinate di numeri reali, per cui si ha!"# $&% '( e )("+* Introduciamo in tale insieme una operazione di somma,/0"#123045"#

Dettagli

1. Integrazione di funzioni razionali fratte

1. Integrazione di funzioni razionali fratte . Integazone d fnzon azonal fatte P S songa d vole calcolae n ntegale del to: d Q ove P e Q sono olno nell ndetenata d gado assegnato. Sonao ce: P a n n a n n a a Q b b b b oleent s etod d ntegazone I

Dettagli

LE INCERTEZZE E LA LORO PROPAGAZIONE NELLE MISURE INDIRETTE

LE INCERTEZZE E LA LORO PROPAGAZIONE NELLE MISURE INDIRETTE LE INCERTEZZE E LA LORO PROPAGAZIONE NELLE MISURE INDIRETTE Pof. Agelo Ageletti -.s. 006/007 1) COME SI SCRIVE IL RISULTATO DI UNA MISURA Il modo miglioe pe espimee il isultto di u misu è quello di de,

Dettagli

percorso fatto sul tratto orizzontale). Determinare il lavoro (minimo) e la potenza minima del motore per percorrere un tratto.

percorso fatto sul tratto orizzontale). Determinare il lavoro (minimo) e la potenza minima del motore per percorrere un tratto. Esercizio 1 Una pietra viene lanciata con una velocità iniziale di 20.0 m/s contro una pigna all'altezza di 5.0 m rispetto al punto di lancio. Trascurando ogni resistenza, calcolare la velocità della pietra

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0 1 ) Un veicolo che viaggia inizialmente alla velocità di 1 Km / h frena con decelerazione costante sino a fermarsi nello spazio di m. La sua decelerazione è di circa: A. 5 m / s. B. 3 m / s. C. 9 m / s.

Dettagli

4. FLUIDI AERIFORMI NEI CONDOTTI

4. FLUIDI AERIFORMI NEI CONDOTTI Politenio di oino Lauea a Distanza in Ingegneia Meania Coso di Mahine 4 FLUIDI AERIFORMI NEI CONDOI Nello studio delle ahine si one il oblea di deteinae la onfoazione dei ondotti in odo he il fluido subisa

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

BOSCH EDC16/EDC16+/ME9

BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 pag. 16 di 49 BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 Identificare la zona dove sono poste le piazzole dove andremo a saldare il connettore. Le piazzole sono situate in tutte le centraline Bosch

Dettagli

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import definizione L operazione presuppone l emissione di una lettera di credito IMPORT in favore dell esportatore estero, con termine di pagamento differito (es. 180 gg dalla data di spedizione con documenti

Dettagli

I NUMERI DECIMALI A. Osserva il bruco: è formato da 10 parti. Colora l intero bruco, 1 bruco.

I NUMERI DECIMALI A. Osserva il bruco: è formato da 10 parti. Colora l intero bruco, 1 bruco. I NUMERI DECIMALI A.Osserva il brco: è formato a parti. Colora l intero brco, 1 brco. Hai colorato s parti el brco, ieci ecimi el brco, cioè 1 brco. Ne poi colorare meno i no? Prova! B.Colora 2/ el brco.

Dettagli

DISCIPLINA IVA NEL SUBAPPALTO

DISCIPLINA IVA NEL SUBAPPALTO DISCIPLINA IVA NEL SUBAPPALTO L articolo 35, comma 5, D.L. n. 223/2006 ha aggiunto il seguente comma all articolo 17, D.P.R. n. 633/72: Le disposizioni di cui al comma precedente si applicano anche alle

Dettagli

La teoria dei vantaggi comparati. La teoria dei vantaggi comparati

La teoria dei vantaggi comparati. La teoria dei vantaggi comparati La teoria dei vantaggi comparati La teoria dei vantaggi comparati fu elaborata dall economista inglese David Ricardo (1772-1823) nella sua opera principale: On the Principles of Political Economy and Taxation

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

BOZZA. Lezione n. 20. Stati limite nel cemento armato Stato limite ultimo per tensioni normali

BOZZA. Lezione n. 20. Stati limite nel cemento armato Stato limite ultimo per tensioni normali Lezione n. Stati limite nel cemento armato Stato limite ultimo per tenioni normali Determinazione elle configurazioni i rottura per la ezione Una volta introotti i legami cotitutivi, è poibile eterminare

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

Esercitazione IX - Calorimetria

Esercitazione IX - Calorimetria Esercitazione IX - Calorimetria Esercizio 1 Un blocco di rame di massa m Cu = 5g si trova a una temperatura iniziale T i = 25 C. Al blocco viene fornito un calore Q = 120J. Determinare la temperatura finale

Dettagli

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 0/0 - Docente: Prof. Carlo Isetti LAVORO D NRGIA 5. GNRALITÀ In questo capitolo si farà riferimento a concetto quali lavoro ed energia termini che hanno nella

Dettagli

Potenziale Elettrico. r A. Superfici Equipotenziali. independenza dal cammino. 4pe 0 r. Fisica II CdL Chimica

Potenziale Elettrico. r A. Superfici Equipotenziali. independenza dal cammino. 4pe 0 r. Fisica II CdL Chimica Potenziale Elettrico Q V 4pe 0 R Q 4pe 0 r C R R R r r B q B r A A independenza dal cammino Superfici Equipotenziali Due modi per analizzare i problemi Con le forze o i campi (vettori) per determinare

Dettagli

Procedure di modellazione di capannoni industriali prefabbricati esistenti

Procedure di modellazione di capannoni industriali prefabbricati esistenti Procedure di modellazione di capannoni industriali prefabbricati esistenti Flavio Tartero, Libero Professionista Davide Bellotti, EUCENTRE Roberto Nascimbene, EUCENTRE SOMMARIO Nel presente lavoro vengono

Dettagli

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli

Swisscodes 2003 Corso di postformazione SUP

Swisscodes 2003 Corso di postformazione SUP Swisscoes 2003 Corso i postformazione SUP SIA 267 Geotecnica Basi e concetto i imensionamento 23/01/2014 Corso i applicazione ella norma SIA 267 - Geotecnica 1 Basi e concetti i imensionamento 1. Introuzione,

Dettagli

DDS elettronica srl si riserva il diritto di apportare modifiche senza preavviso /we reserves the right to make changes without notice

DDS elettronica srl si riserva il diritto di apportare modifiche senza preavviso /we reserves the right to make changes without notice Maccarone Maccarone Maccarone integra 10 LED POWER TOP alta efficienza, in tecnologia FULL COLOR che permette di raggiungere colori e sfumature ad alta definizione. Ogni singolo led full color di Maccarone

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati Esempi di Indicatori

Concorso Premiamo i risultati Esempi di Indicatori Concorso Premiamo i risultati Esempi di Indicatori 1 ESEMPIO INDICATOI PE UN POGETTO DI DEFINIZIONE ED ATTUAZIONE DI UN PIANO DELLA FOMAZIONE AMBITO DI INTEVENTO: MIGLIOAMENTO NELLE PATICHE DI GESTIONE

Dettagli

b) quando la biglia si ferma tutta la sua energia cinetica sara stata trasformata in energia potenziale della molla. Quindi

b) quando la biglia si ferma tutta la sua energia cinetica sara stata trasformata in energia potenziale della molla. Quindi B C:\Didattica\SBAC_Fisica\Esercizi esame\sbac - problemi risolti-18jan2008.doc problema 1 Una biglia di massa m = 2 kg viene lasciata cadere (da ferma) da un'altezza h = 40 cm su di una molla avente una

Dettagli

Per vedere quando è che una forza compie lavoro e come si calcola questo lavoro facciamo i seguenti casi.

Per vedere quando è che una forza compie lavoro e come si calcola questo lavoro facciamo i seguenti casi. LAVORO ED ENERGIA TORNA ALL'INDICE Quando una forza, applicata ad un corpo, è la causa di un suo spostamento, detta forza compie un lavoro sul corpo. In genere quando un corpo riceve lavoro, ce n è un

Dettagli

Corrente elettrica (regime stazionario)

Corrente elettrica (regime stazionario) Corrente elettrica (regime stazionario) Metalli Corrente elettrica Legge di Ohm Resistori Collegamento di resistori Generatori di forza elettromotrice Metalli Struttura cristallina: ripetizione di unita`

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

Equazioni differenziali ordinarie

Equazioni differenziali ordinarie Capitolo 2 Equazioni differenziali ordinarie 2.1 Formulazione del problema In questa sezione formuleremo matematicamente il problema delle equazioni differenziali ordinarie e faremo alcune osservazioni

Dettagli

Zeroshell come client OpenVPN

Zeroshell come client OpenVPN Zeroshell come client OpenVPN (di un server OpenVpn Linux) Le funzionalità di stabilire connessioni VPN di Zeroshell vede come scenario solito Zeroshell sia come client sia come server e per scelta architetturale,

Dettagli

LA DINAMICA LE LEGGI DI NEWTON

LA DINAMICA LE LEGGI DI NEWTON LA DINAMICA LE LEGGI DI NEWTON ESERCIZI SVOLTI DAL PROF. GIANLUIGI TRIVIA 1. La Forza Exercise 1. Se un chilogrammo campione subisce un accelerazione di 2.00 m/s 2 nella direzione dell angolo formante

Dettagli

Collettori solari termici

Collettori solari termici Collettori solari termici 1 VELUX Collettori solari. Quello che cerchi. massima durabilità, facile installazione Estetica e integrazione A fferenza degli altri collettori solari termici presenti sul mercato,

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE Fondo Sociale Europeo "Competenze per lo Sviluppo" Obiettivo C-Azione C1: Dall esperienza alla legge: la Fisica in Laboratorio La corrente elettrica Sommario 1) Corrente elettrica

Dettagli

PROBLEMI SULL EQUILIBRIO TERMICO

PROBLEMI SULL EQUILIBRIO TERMICO PROBLEMI SULL EQUILIBRIO TERMICO 1) Per riscaldare l acqua di uno scaldabagno da 18 C a 38 C occorrono 45 minuti, utilizzando una sorgente di calore che ha la potenza di 3000 W, ma un rendimento dell 80%

Dettagli

Derivazione elementare dell espressione della quantità di moto e dell energia in relativività ristretta

Derivazione elementare dell espressione della quantità di moto e dell energia in relativività ristretta Derivazione elementare dell espressione della quantità di moto e dell energia in relativività ristretta L. P. 22 Aprile 2015 Sommario L espressione della quantità di moto e dell energia in relatività ristretta

Dettagli

Curve caratteristiche meccaniche di motori elettrici C.C.

Curve caratteristiche meccaniche di motori elettrici C.C. Motoi 1 Idie ue aatteistihe meaihe di motoi elettii.. osideazioi geeali Motoi ad eitazioe idipedete 1 Opeazioi o oete d eitazioe ostate Opeazioi o oete d eitazioe aiabile e tesioe d amatua ostate Motoi

Dettagli

Il villaggio delle fiabe

Il villaggio delle fiabe Il villaggio delle fiabe Idea Progetto bambini 2^ A A. Mei Costruzione Direzione dei lavori maestre L idea di partenza Il DADO è un cubo. Noi siamo molto curiosi e ci siamo posti questa domanda: Come sono

Dettagli

ISTANZA DI MEDIAZIONE CIVILE E COMMERCIALE PARTE ISTANTE. Signor nato a il residente in Via n. CAP CF Partita Iva Tel Fax Cell.

ISTANZA DI MEDIAZIONE CIVILE E COMMERCIALE PARTE ISTANTE. Signor nato a il residente in Via n. CAP CF Partita Iva Tel Fax Cell. ISTANZA DI MEDIAZIONE CIVILE E COMMERCIALE SPETT/LE Organismo di Mediazione NE LITIS srl Via Vetice,41 SAN VALENTINO TORIO (SA) PARTE ISTANTE Il /I sottoscritti Signor nato a il residente in Via n. CAP

Dettagli

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

Web conferencing software. Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti

Web conferencing software. Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti 1 Web conferencing software Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti Arpa Piemonte 2 Che cosa è Big Blue Button? Free, open source, web conferencing software Semplice ed immediato ( Just push

Dettagli

Rilascio dei Permessi Volo

Rilascio dei Permessi Volo R E P U B L I C O F S A N M A R I N O C I V I L A V I A T I O N A U T H O R I T Y SAN MARINO CIVIL AVIATION REGULATION Rilascio dei Permessi Volo SM-CAR PART 5 Approvazione: Ing. Marco Conti official of

Dettagli

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM 65 1 2 VS/AM 65 STANDARD VS/AM 65 CON RACCORDI VS/AM 65

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica Unità didattica 8 La corrente elettrica Competenze Costruire semplici circuiti elettrici e spiegare il modello di spostamento delle cariche elettriche. Definire l intensità di corrente, la resistenza e

Dettagli

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni.

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni. MATEMATICA. Sistemi lineari in due equazioni due incognite. Date due equazioni lineari nelle due incognite x, y come ad esempio { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un

Dettagli

4capitolo. Le leggi che governano il moto dei corpi. sommario. 4.1 La prima legge della dinamica. 4.4 La legge di gravitazione universale

4capitolo. Le leggi che governano il moto dei corpi. sommario. 4.1 La prima legge della dinamica. 4.4 La legge di gravitazione universale 4capitolo Le leggi che governano il moto dei corpi sommario 4.1 La prima legge della dinamica 4.1.1 La Terra è un riferimento inerziale? 4.2 La seconda legge della dinamica 4.2.1 La massa 4.2.2 Forza risultante

Dettagli

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA 1 Specifiche tecniche WFC-SC 10, 20 & 30 Ver. 03.04 SERIE WFC-SC. SEZIONE 1: SPECIFICHE TECNICHE 1 Indice Ver. 03.04 1. Informazioni generali Pagina 1.1 Designazione

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

Travature reticolari piane : esercizi svolti De Domenico D., Fuschi P., Pisano A., Sofi A.

Travature reticolari piane : esercizi svolti De Domenico D., Fuschi P., Pisano A., Sofi A. Travature reticolari piane : esercizi svolti e omenico., Fuschi., isano., Sofi. SRZO n. ata la travatura reticolare piana triangolata semplice illustrata in Figura, determinare gli sforzi normali nelle

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI

LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI Prof. Euro Sampaolesi IL CAMPO MAGNETICO TERRESTRE Le linee del magnete-terra escono dal Polo geomagnetico Nord ed entrano nel

Dettagli

IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento.

IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento. 1 IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento. Quando un corpo è in movimento? Osservando la figura precedente appare chiaro che ELISA è ferma rispetto a DAVIDE, che è insieme a lei sul treno; mentre

Dettagli

Quantità di moto. Per un corpo puntiforme possiamo definire la grandezza vettoriale quantità di moto come il prodotto m v.

Quantità di moto. Per un corpo puntiforme possiamo definire la grandezza vettoriale quantità di moto come il prodotto m v. Quantità di moto Per un corpo puntiforme possiamo definire la grandezza vettoriale quantità di moto come il prodotto m v. La seconda legge di Newton può essere scritta con la quantità di moto: d Q F =

Dettagli

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione 1. L elettrone ha una massa di 9.1 10-31 kg ed una carica elettrica di -1.6 10-19 C. Ricordando che la forza gravitazionale

Dettagli

AcidSoft. Le nostre soluzioni. Innovazione

AcidSoft. Le nostre soluzioni. Innovazione AiSoft AiSoft ase alla passioe per l'iformatio teology e si oretizza i ua realtà impreitoriale, ua perfetta reazioe imia tra ooseza teia e reatività per realizzare progetti i grae iovazioe. Le ostre soluzioi

Dettagli

Il sistema di Rossler

Il sistema di Rossler Il sistema di Rossler Il sistema di Rossler è considerato il più semplice sistema di terzo ordine a tempo continuo capace di manifestare comportamenti di tipo caotico. = = + (1) = + Questo sistema presenta

Dettagli

Principali prove meccaniche su materiali polimerici

Principali prove meccaniche su materiali polimerici modulo: Proprietà viscoelastiche e proprietà meccaniche dei polimeri Principali prove meccaniche su materiali polimerici R. Pantani Scheda tecnica di un materiale polimerico Standard per prove meccaniche

Dettagli

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 SECCOASCIUTT 16 SeccoAsciutto EL & SeccoAsciutto Thermo Piccolo e potente, deumidifica e asciuga Small and powerful, dehumidifies and dries Deumidificare

Dettagli

ma: serve a qualcosa?

ma: serve a qualcosa? ma: serve a qualcosa? ma: serve a qualcosa? Michael Faraday (1791-67): a proposito dei suoi studi sull induzione elettromagnetica, rispose al Primo Ministro Sir Robert Peel: I know not, but I wager that

Dettagli

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tipo: Type: 5 cabine (1 main deck+ 4 lower deck) 5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tessuti: Dedar Fanfara, Paola Lenti Fabrics: Dedar Fanfara,

Dettagli

C O M U N E.Di FO R M TA

C O M U N E.Di FO R M TA C O M U N E.Di FO R M TA P r o v in c ia di L a t in a SETTO RE : POLIZIA LOCALE E SERVIZI SOCIALI SERVIZIO : UFFICIO SCUOLA e d i r i t t o a l l o s t u d i o 1 2 FEB. 2015 N. 3 o D e t e r m in a z

Dettagli

IL PIANETA TERRA. IL RETICOLATO TERRESTRE POLI: sono i punti di intersezione tra l asse terrestre e la superficie terrestre. s i pia i paralleli

IL PIANETA TERRA. IL RETICOLATO TERRESTRE POLI: sono i punti di intersezione tra l asse terrestre e la superficie terrestre. s i pia i paralleli IL PIANETA TERRA IL RETICOLATO TERRESTRE POLI: sono i punti di intersezione tra l asse terrestre e la superficie terrestre. s i pia i paralleli all a r e a su. EQUATORE: piano perpendic lare all i rotazione,

Dettagli