Gravitazione Universale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gravitazione Universale"

Transcript

1 Gavitazione Univesale Liceo Ginnasio Statale S.M. Legnani Anno Scolastico 2007/08 Classe 3B IndiizzoClassico Pof.Robeto Squellati 1 Le leggi di Kepleo Ossevando la posizione di Mate ispetto alle alte stelle, si nota che il suo moto è piuttosto complicato. Invece di muovesi lungo un semplice pecoso cuvo, mantenendo sempe il medesimo veso (come, ad esempio, fa il Sole nel cielo diuno con il suo sogee e tamontae), di tanto in tanto cambia diezione di moto (ciò è noto come moto etogado). Dopo qualche mese cambia di nuovo diezione e iassume quella che aveva in pecedenza. Anche gli alti pianeti del sistema solae mostano lo stesso compotamento paticolae; pe inciso si noti che il temine pianeta, nell etimologia geca, significa pe l appunto eante. L astonomo danese Tycho Bahe ( ) seguì le taiettoie dei pianeti, in paticola modo quella di Mate, pe molti anni, egistandone la posizione sulla volta celeste con notevole pecisione (si tenga infatti pesente che le ossevazioni astonomiche si effettuavano ad occhio nudo, peché il cannocchiale e il telescopio non eano ancoa stati inventati). Giovanni Kepleo ( ) collaboò dal 1600 al lavoo di Bahe e, dopo la mote di quest ultimo, poseguì le sue ossevazioni astonomiche. Kepleo fece buon uso del lavoo fatto da Bahe duante tutta la sua vita e, ielaboando i dati così diligentemente accolti, giunse a fomulae le te leggi del moto planataio che oggi potano il suo nome. LeggidiKepleo 1. Ogni pianeta descive attono al Sole un obita ellittica in cui il Sole occupa uno dei fuochi. 2. Il aggio vettoe, cioè il segmento congiungente la posizione del Sole e del pianeta nel descivee l obita, descive aee uguali in tempi uguali. La pate di teoia è un elaboazione pesonale dei contenuti elativi alla Gavitazione Univesale tattati solitamente nella scuola secondaia supeioe. Gli esecizi, invece, sono tatti da una accolta del pof. Felice Guzzetti il mio insegnante di fisica del liceo, a cui va il mio più sentito ingaziamento che li ha pazientemente selezionati, adattati o inventati nel coso di tanti anni, eputandoli significativi pe la loo oiginalità o pe il loo impatto didattico. Le poche immagini pesenti sono tatte da intenet. Questi appunti hanno l unico scopo di essee di ausilio agli studenti e non hanno alcun fine di luco, né tantomeno vogliono ledee in alcun modo ai diitti d autoe. Pe qualunque segnalazione (eoi, sviste, impecisioni, suggeimenti, segnalazione di violazione di Copyight, etc.) il mio ecapito è il seguente: 1

2 In alti temini, si dice che la velocità aeolae è costante. 3. Il appoto ta il quadato del peiodo di ivoluzione e il cubo del semiasse maggioe dell ellisse descitta è costante pe tutti i pianeti. In temini matematici: T 2 a 3 Si ossevi che k è costante pe tutti i pianeti obitanti attono al Sole, manonhalostessovaloesesi cambia il cento di attazione gavitazionale. In alti temine le leggi di Kepleo valgono anche pe tutti i copi celesti obitanti attono a qualsiasi pianeta o stella, ma il valoe costante del appoto ta quadato del peiodo di ivoluzione e cubo del semiasse maggioe dell obita è diveso da pianeta a pianeta. Dalle leggi di Kepleo è possibile dedue la legge di gavitazione univesale; in letteatua fisica questo poblema è noto come poblema inveso, essendo il poblema dietto lo studio del moto (e la deteminazione della foma delle obite) pe un punto soggetto all attazione gavitazionale. 2 Deduzione della legge di gavitazione univesale Denotiamo con m la massa della Tea e con M la massa del Sole. Pendiamo in consideazione l attazione gavitazionale sulla Tea ad opea del Sole e ipotizziamo che l obita sia cicolae con aggio. Pe il secondo pincipio della dinamica (limitandoci a consideae il modulo della foza) abbiamo che = k F = ma c, (1) dove a c indica l acceleazione centipeta. sappiamo che v = ω Dalle elazioni cinematiche iguadanti il moto cicolae unifome a c = ω 2 = v2 ω = 2π T (2) dove T indica il peiodo. La foza agente sulla Tea può quindi essee espessa nella foma F = ma c = mω 2 = m µ 2 2π = m 4π2. (3) T T 2 avendo sostituito nella (1) le elazioni (2). Sapendo inolte che vale la teza legge di Kepleo, possiamo scivela nella foma T 2 = k 3, sostituendo quindi nella elazione (3) il peiodo di ivoluzione al quadato e ottenendo F = m 4π2 k 2. Cambiamo oa punto di vista e ipotizziamo che sia la Tea ad essee immobile e che sia il Sole a obitale attono. Denotiamo quindi con F 0 la foza di attazione gavitazionale agente sul Sole ad opea della Tea. Con passaggi pefettamente analoghi a quelli appena svolti, possiamo ottenee l analoga elazione F 0 = M 4π2 k 0 2. Si ossevi che il valoe di è il medesimo in quanto la distanza ta il Sole e la Tea è la medesima, mente è vaiata la costante pensente nella teza legge di Kepleo, in quanto il cento attattoe gavitazionale è cambiato. Oa, in foza del tezo pincipio della dinamica (azione e eazione) si ha F = F 0 m 4π2 k 2 = M 4π2 k 0 2 m k = M k 0 k 0 m = km. (4) 2

3 Pendiamo oa in consideazione, sepaatamente, le due espessioni delle foze F e F 0. Modifichiamo quindi l espessione fomale di entambe le foze senza tuttavia alteane il valoe, moltiplicando e dividendo la pima pe la massa del Sole, la seconda pe la massa della Tea: F = m 4π2 k 2 = m 4π2 k 2 M M = 4π2 km mm 2, F 0 = M 4π2 k 0 2 = M 4π2 k 0 2 m m = 4π2 k 0 m mm 2. Oa, in foza della (4) possiamo poe 4π 2 km = 4π2 k 0 m = G e iscivee quindi la pima della pecedenti elazioni nel seguente modo: F = G mm 2 Si ossevi che a questo punto l espessione di F edif 0, che sappiamo essee uguali, non dipendono più dalle paticolai costanti k o k 0 della teza legge di Kepleo, ma da una costante unica, detta pe l appunto costante di gavitazione univesale. La legge di gavitazione univesale può essee quindi fomulata nel seguente modo: Legge 1 (Gavitazione Univesale) Il modulo della foza con cui inteagiscono due copi qualsiasi dotati di massa è diettamente popozionale al podotto delle loo masse e invesamente popozionale al quadato della ecipoca distanza (o, più pecisamente, dalla distanza ta i centi di massa dei due copi). La diezione lungo cui agisce la foza è quella della etta congiungente i centi di massa. La foza gavitazionale è sempe attattiva. La costante di gavitazione univesale, indicata con G, espime la popozionalità ta le suddette gandezze ed è la medesima pe qualsiasi coppia di copi dotati di massa, ovunque si tovino nell univeso. Nel Sistema Intenazionale G =6, N m2 kg 2, dimensionalmente [G] = l 3 m 1 t 2. Ossevazione 1 Se una data massa è soggetta all azione gavitazionale di un ceto numeo di alte masse, la foza isultante su di essa è semplicemente il vettoe isultante dalla somma delle singole foze. Questa popietà della foza di gavità è chiamata pincipio di sovapposizione. La sovapposizione implica, ad esempio, che la foza gavitazionale isultante che agisce sui nosti copiinquestomomentosiailvettoesommadellefoze esecitate dalla Tea, dalla Luna, dal Sole e così via. Ossevazione 2 La legge di gavitazione univesale (o legge di Newton) solitamente è enunciata pendendo in consideazione copi puntifomi. Ma come possiamo calcolae, alloa, la foza gavitazionale pe copi estesi? Il metodo geneale è quello di suddividee l oggetto in un insieme di elementi di massa talmente piccola da potesi consideae puntifome (al limite di massa infinitesima) e poi utilizzae il pincipio di sovapposizione pe calcolae la foza gavitazionale isultante (nomalmente utilizzando il calcolo integale). Pe un oggetto di foma qualsiasi tale calcolo si pesenta, solitamente, piuttosto difficile. Pe un copo unifome di foma sfeica il isultato finale è paticolamente semplice. Newton (che inventò anche il metodo pe effettuae questi calcoli) dimostò che la foza isultante esecitata da una sfea su una massa puntifome è la stessa che si avebbe se tutta la massa della sfea fosse concentata nel suo cento. La stessa cosa accade se si consideano due copi sfeici. Tale isultato isulta quindi paticolamente impotante peché ci pemette di tattae i pianeti (e a maggio agione gli oggetti di dimensioni odinaie) come se fosseo oggetti puntifomi, semplificando notevolmente i calcoli necessai pe descivene il moto. Dedotta quindi le legge di gavitazione univesale, passiamo ad applicala pe dedue in modo immediato alcune elazioni inteessanti. Si ossevi che, pe non appesantie la notazione, le successive elazioni iguadanti gandezze vettoiali velocità, acceleazione,... veano icavate limitatamente ai moduli; diezione e veso saanno omesse, essendo immediatamente deducibili dalla legge di gavitazione univesale o dalle infomazioni elementai sulla taiettoia. 3

4 2.1 Acceleazione di gavità sulla supeficie di un pianeta Consideiamo un copo di massa m c che si tovi sulla supeficie di un pianeta di aggio R (supponiamo, pe fissaeleidee, cheilpianetasialatea). Lafozaagente su tale copo è stata espessa, nello studio della dinamica, come foza peso, quantificata come podotto della massa del copo pe l acceleazione di gavità: P = m c g. Essendo tuttavia tale foza di natua gavitazionale, potà paimenti essee scitta mediante la legge di gavitazione univesale: F = G m cm R 2 a patto di conoscee il aggio R e la massa M del pianeta. Tali diffeenti elazioni possono essee uguagliate, vistocheespimonolamedesimafoza P = F m c g = G m cm R 2. Semplificando la massa del copo a pimo e a secondo membo otteniamo la elazione g = GM R 2 (5) che ci pemette di calcolae l acceleazione di gavità sulla supeficie di un qualsiasi pianeta, noti il aggio e la massa. Tale elazione può essee immediatamente genealizzata ad una elazione che espima la vaiazione dell acceleazione di gavità (e conseguentemente della foza peso) al vaiae dell altezza h dal suolo: g = GM (R + h) Velocità obitale di un satellite Consideiamo un satellite di massa m s che desciva un obita cicolae attono ad un pianeta avente aggio R e massa M. Supponiamo inolte che il satellite si tovi ad un altezza h ispetto al suolo. La pemanenza in obita è gaantita dall equibio, in ogni punto della taiettoia, ta la foza centipeta (che in questo caso è l attazione gavitazionale del pianeta) e la foza centifuga, dovuta al moto acceleato del sistema di ifeimento solidale con il satellite stesso. La foza attattiva vale quindi F = G m sm (R + h) 2 mente la foza centifuga, in foza delle usuali elazioni pe il moto cicolae vedi (2) può essee espessa come F c = m s a c = m s ω 2 v 2 (R + h) =m s R + h. Uguagliando le pecendenti elazioni m s GM (R + h) 2 = m s v 2 R + h da cui, semplificando la massa del satellite e i denominatoi, si icava v = GM R + h 4

5 2.3 Enegia potenziale gavitazionale nel caso geneale Nello studio della meccanica abbiamo intodotto l espessione dell enegia potenziale gavitazionale (ossia quella foma di enegia dipendente dalla posizione ispetto ad un livello di ifeimento, solitamente il suolo) nella foma U E p = mgh pecisando tuttavia che tale elazione ha validità nell ipotesi che g sia costante, ossia quando le altezze ispetto alla quota di ifeimento sono molto infeioi ispetto alla misua del aggio del copo che genea il campo gavitazionale più intenso (in simboli: h R). In ealtà, l espessione geneale dell enegia potenziale gavitazionale elativa ad un copo di massa M (un pianeta ad esempio) ed un oggetto di massa m èlaseguente E p = GmM (6) dove indica la distanza ta i centi di massa dei due oggetti consideati. Nel caso di un pianeta (che ha con ottima appossimazione una foma sfeica) il cento di massa si tova nel cento della sfea, pe cui pe un oggetto odinaio di massa m (in geneale con m M) deve valee R. In questa sede non ci inteessa pendee in esame in quale modo e sotto quali ipotesi si giunga all espessione dell enegia potenziale gavitazionale (che ichiede la conoscenza del calcolo integale), tuttavia possiamo accennae a quale sia il significato del segno meno che compae nella sua espessione. Si ossevi infatti che, avendo intodotto il segno meno, l enegia potenziale cesce al cescee della distanza dal copo (sebbene il suo valoe isulti negativo); l enegia potenziale quindi si annulla pe, aggiungendo in questo modo il suo valoe massimo. Tale convenzione sul segno ci saà utile in seguito, pe la deteminazione della velocità di fuga da un pianeta o una stella. A questo punto ci inteessa mostae come sia possibile icondusi all espessione E p = mgh se h R. Calcoliamo il lavoo che compie la foza gavitazionale su un oggetto che cade sul suolo da un altezza h espimendolo come vaiazione di enegia potenziale gavitazionale, espessa nella foma (6) si icodi infatti che vale il teoema di consevazione dell enegia, non essendo pesente alcuna foza dissipativa. Otteniamo: L = E p = GmM R + GmM µ 1 R + h = GmM R 1 = GmM R + h (R + h) R. R (R + h) Se vale l ipotesi h R, alloa R (R + h) ' R 2. Inolte, dalla elazione (5) sappiamo che g = GM R 2 GM = gr 2 pe cui, sostituendo GM = gr 2 nella elazione pecedente si ottiene L = mgr 2 R + h R R 2 = mgr 2 h = mgh = (mgh mg 0) R2 che, a pate il segno, coincide con l usuale espessione dell enegia potenziale gavitazionale. 2.4 Velocità di fuga Come ultima applicazione dei concetti e delle elazioni testè intodotte, deteminiamo la velocità da impimee ad un oggetto in modo tale da libealo definitivamente dall attazione gavitazionale del pianeta (o della stella) da cui viene lanciato nello spazio. Tale velocità viene solitamente indicata come velocità di fuga. Supponiamo che l oggetto in questione abbia massa m e si tovi sulla supeficie di un pianeta di aggio R e di massa M. Supponiamo inolte che tale oggetto sia lanciato con una velocità di modulo v (non ha alcuna impotanza la diezione con cui viene lanciato ispetto al suolo). Al momento del lancio tale oggetto avà quindi un enegia totale pai a E i = E c + E p = 1 2 mv2 GmM 5

6 data dalla somma di enegia cinetica ed enegia potenziale gavitazionale. L oggetto saà completamente libeo dall effetto dell attazione gavitazionale del pianeta nel momento in cui saà in gado di aivae a una distanza infinita dal pianeta con velocità nulla. In alti temini la sua enegia totale, alla fine del viaggio, dovà essee E f =0 anche in questo caso somma di enegia cinetica, nulla peché v =0, ed enegia potenziale gavitazionale, nulla popio pe l intoduzione del segno meno nella sua definizione (vedi 2.3). Dal teoema di consevazione dell enegia si ottiene quindi E i = E f 1 2 mv2 GmM =0 1 2 mv2 = GmM dove,nell ultima uguaglianza, è possibile semplificae la massa dell oggetto in quanto compae sia a pimo sia a secondo membo. In questo modo è possibile icavae 2GM v f = che pe l appunto espime la velocità di fuga. Siossevichesev<v f il copo è destinato a tonae sul pianeta o, paimenti, è destinato a descivee un obita ellittica attono al pianeta: è il caso, ad esempio, di una cometa come quella di Halley, che non avendo velocità sufficiente pe libeasi dall attazione gavitazionele del Sole, tona peiodicamente vicino alla nosta stella. Se v = v f ilcopohaenegiaesattamentesufficiente pe allontanasi definitivamente dal pianeta da cui viene lanciato, aivando tuttavia a distanza infinita con velocità nulla; in questo caso è possibile dimostae che la sua taiettoia è paabolica, con il pianeta occupante il fuoco della paabola. Infine, se v>v f, il copo si allontana definitivamente dal pianeta e giunge a distanza infinita con velocità non nulla, o equivalentemente con un esiduo di enegia cinetica; in questo caso la taiettoia è ipebolica e il pianeta occupa uno dei fuochi dell ipebole. Pe la Tea, a titolo di esempio, la velocità di fuga èpaiacica11, 2km/ s. 6

7 3 Esecizi 1. Se la Tea avesse un aggio doppio di quello che ha e la stessa densità, la foza con cui attae un copo di quale fattoe veebbe alteata? [2] 2. Calcolae il valoe dell acceleazione di gavità sulla Luna sapendo che il appoto ta il suo aggio e quello della Tea vale 0, 273 e il appoto ta le ispettive masse vale 1/81, 5. [g L =1, 6m/ s 2 ] 3. Se la Tea avesse un aggio quaduplo di quello che ha e una densità uguale alla metà di quella eale, la foza con cui attae un copo di quale fattoe veebbe alteata? [2] 4. Se la massa della Tea, quella della Luna e la distanza Tea-Luna addoppiasseo, quale saebbe il nuovo peiodo della Luna? (T Luna =28gioni) [T =56gioni] 5. Qual è il peiodo di un satellite che uota attono alla Tea su un obita di aggio pai a 1/4 del aggio dell obita della Luna? Quale saà il appoto ta la velocità delle satellite e quella della Luna? Si consideino T Luna =28gioni e d Tea-Luna = km. [T =3, 5 gioni, =2] 6. Tovae il peiodo di ivoluzione attono al Sole di un asteoide che si muove su un obita cicolae compesa fa l obita di Mate e quella di Giove e tale che le aggio della sua obita sia m. [T =4, 35 anni] 7. Se la distanza Tea-Luna addoppiasse, quale saebbe il nuovo peiodo della Luna? Quale saebbe il appoto ta la nuova velocità obitale e la velocità obitale eale della Luna? [T ' 79 gioni, ' 0, 707] 8. La velocità obitale della Luna è 1, 03 km/ s. Nel viaggiae con questa velocità pe 3s, di quanto è caduta la Luna veso la Tea? Si confonti questo valoe con la distanza pecosa in 3s da un oggetto che cade in possimità della Tea. Qual è il appoto ta le tue distanze? Peché? [h =1, 22 cm, ' 3.600] 9. Di quando si dovebbe salie al di sopa della supeficie teeste affinché l acceleazione di gavità cambi del 10%? Diquantosidovebbescendeesottolasupeficie teeste pe ossevae da stessa vaiazione? Si consideino noti aggio e massa della Tea. [h ' 336 km, p ' 307 km] 10. Sapendo che la distanza di Mate dal Sole è il 158% di quella della Tea dal Sole, si detemina la duata dell anno maziano. [T ' 2 anni] 11. La capsula Apollo è stata messa in obita cicolae attono alla Luna a 110 km di altezza dalla sua supeficie. Tenuto conto che l acceleazione di gavità a quella quota è di 1, 4m/ s 2 e le aggio della Luna è 1740 km, calcolae il peiodo di otazione della capsula. [T ' 2h] 12. Sapendo che la distanza Tea-Luna è pai a 60 volte il aggio della Tea ( T = 6400 km) e che la Luna compie una otazione in 27, 32 gioni, calcolae la quota h ispetto alla supeficie teeste di un satellite atificiale avente il peiodo di 12 h. [h = km] 13. Se la Tea, supposta sfeica e omogenea, avesse il diameto pai a 1/5 di quello eale e densità doppia, di quale fattoe vaieebbe la sua massa e l acceleazione di gavità sulla sua supeficie? [2/125, 2/5] 14. Si considei l attazione gavitazionale Tea-Luna e si detemini a quale distanza dal cento della Luna deve tovasi un copo affinché l attazione teeste sia ispettivamente uguale e quatto volte quella lunae. Gandezze note: d Tea-Luna = km, m Luna =1, 234% m Tea. [d 1 = km, d 2 = km] 15. Un astonauta di massa 100 kg attea su un pianeta che ha una massa e un aggio entambi la metà di quelle teesti. Quanto pesa su quel pianeta? [P = 1960 N] 16. Un satellite di massa 3000 kg descive una taiettoia cicolae di aggio 8500 km. Tovae la sua enegia cinetica, la sua enegia potenziale e la sua enegia totale. [E c =7, J, E p = 14, J, E tot = 7, J] 17. Se la Tea avesse un aggio quaduplo di quello che ha e la stessa densità, la velocità di fuga di quale fattoe veebbe alteata? [4] 7

8 18. Un azzo viene lanciato dalla Tea veso la Luna. Quando si tova a km dalla Tea la sua acceleazione è nulla. Quale dovà essee la minima velocità iniziale delle azzo pe pote aggiungee tale punto e cadee sulla Luna pe effetto dell attazione lunae? In tal caso con quale velocità il azzo colpià la Luna? Il azzo ha una massa di 100 kg esiconsideinonotiiseguentivaloi: m Tea = kg, m Luna =7, kg, Luna = 1800 km, Tea = 6400 km, d Tea-Luna = km. [v 1 =1, m/ s, v 2 =2, m/ s] 19. Calcolae il lavoo che la foza gavitazionale esegue su un copo di massa 1kg quando viene allontanato dal suolo fino ad un altezza pai al aggio teeste. [L = 3, J] 20. Deteminae l enegia potenziale gavitazionale di 8 copi ciascuno di massa m, posti nei vetici di un cubo di lato a. Si detemini poi tale valoe quando m è la massa della Tea e a èladistanzatea-sole. [E p = 3, J] 8

9 4 Simulazione compito: poblemi ed esecizi In questa sezione è pesentato un compito in classe, assegnato in una classe IV Liceo Scientifico, pe quanto concene la sola capacità nel isolvee poblemi ed esecizi, non le conoscenze teoiche e lo studio. Il compito è da svolgee, con il solo ausilio di una calcolatice scientifica, in un lasso di tempo pai a 60 min cica. Gli esecizi sono sostanzialmente pesentati in odine cescente di difficoltà. 1. Due palle da bowling di massa 6, 5kg e aggio 0, 11 m sono in contatto l una con l alta. Qual è l intensità della foza di attazione gavitazionale ta le due palle? Si tascui qualsiasi alta inteazione gavitazionale. 2. Titan is the lagest moon of Satun, and the only moon in the sola system known to have a substantial atmosphee. (a) Find the acceleation of gavity on Titan s suface, given that its mass is 1, kg and its adius is km. (b) Find the escape speed on Titan s suface. 3. L acceleazione di gavità sulla supecie della Luna è cica 1/6 dell acceleazione di gavità teeste. Dato che il aggio della luna è cica un 1/4 del aggio teeste, tovae la massa della Luna in funzione della massa della Tea. 4. Se la Tea avesse aggio doppio ispetto a quello eale e densità pai ad un tezo di quella effettiva, di quanto vaieebbe l acceleazione di gavità sulla sua supeficie? 5. Un tipico satellite GPS (Global Positioning System sistema di posizionamento globale) obita a un altitudine di m ispetto al suolo. Tovae: (a) il peiodo obitale, (b) il modulo della velocità obitale. 6. La cometa di Halley, che obita intono al Sole (M Sole =1, kg), descive un obita ellittica. Quando è nel suo punto più vicino al Sole (peielio) è a una distanza di 8, m e si muove con una velocità di modulo 54, 6km/ s. Il punto di maggioe distanza dal Sole (afelio) è6, m. (a) Il modulo della velocità della cometa di Halley è maggioe o minoe di 54, 6km/ s quando è all afelio? Giustificae la isposta. (b) Calcolae il modulo della sua velocità nell afelio. 7. A quale aggio dovebbe essee contatto il Sole pe avee una velocità di fuga pai a quella delle luce e diventae quindi un buco neo? Si ossevi che i buchi nei hanno velocità di fuga maggioe o uguale alla velocità della luce, pe questo non vediamo alcuna emissione luminosa da pate loo. 8. Sulla Tea una pesona può saltae veticalmente e salie in questo modo fino ad un altezza h dal suolo. Qual è il aggio del più gande asteoide sfeico da cui una pesona può sfuggie saltando? Espimee il isultato in funzione della densità dell asteoide e dell altezza a cui la pesona può saltae (si assuma che l asteoide abbia densità costante). 9

3. La velocità v di un satellite in un orbita circolare di raggio r intorno alla Terra è v = e,

3. La velocità v di un satellite in un orbita circolare di raggio r intorno alla Terra è v = e, Capitolo 10 La gavitazione Domande 1. La massa di un oggetto è una misua quantitativa della sua inezia ed è una popietà intinseca dell oggetto, indipendentemente dal luogo in cui esso si tova. Il peso

Dettagli

durante lo spostamento infinitesimo dr la quantità data dal prodotto scalare F dr

durante lo spostamento infinitesimo dr la quantità data dal prodotto scalare F dr 4. Lavoo ed enegia Definizione di lavoo di una foza Si considea un copo di massa m in moto lungo una ceta taiettoia. Si definisce lavoo infinitesimo fatto dalla foza F duante lo spostamento infinitesimo

Dettagli

Dinamica. Se un corpo non interagisce con altri corpi la sua velocità non cambia.

Dinamica. Se un corpo non interagisce con altri corpi la sua velocità non cambia. Poblema fondamentale: deteminae il moto note le cause (foze) pe oa copi «puntifomi» Dinamica Se un copo non inteagisce con alti copi la sua velocità non cambia. Se inizialmente femo imane in quiete, se

Dettagli

I principi della Dinamica. L azione di una forza è descritta dalle leggi di Newton, possono fare Lavoro e trasferire Energia

I principi della Dinamica. L azione di una forza è descritta dalle leggi di Newton, possono fare Lavoro e trasferire Energia I pincipi della Dinamica Un oggetto si mette in movimento quando viene spinto o tiato o meglio quando è soggetto ad una foza 1. Le foze sono gandezze fisiche vettoiali che influiscono su un copo in modo

Dettagli

FAST FOURIER TRASFORM-FFT

FAST FOURIER TRASFORM-FFT A p p e n d i c e B FAST FOURIER TRASFORM-FFT La tasfomata disceta di Fouie svolge un uolo molto impotante nello studio, nell analisi e nell implementazione di algoitmi dei segnali in tempo disceto. Come

Dettagli

Elementi della teoria della diffusione

Elementi della teoria della diffusione Elementi della teoia della diffusione Pe ottenee infomazioni sulla stuttua della mateia, dai nuclei ai solidi, si studia la diffusione scatteing) di paticelle: elettoni, paticelle alfa, potoni, neutoni,

Dettagli

). Per i tre casi indicati sarà allora: 1: L L 2

). Per i tre casi indicati sarà allora: 1: L L 2 apitolo 0 Enegia potenziale elettica Domane. Il lavoo pe spostae una caica ta ue punti è: L 0(! ). Pe i te casi inicati saà alloa: L (50! 00 ) (50 ) : 0 0 : L 0! 0 3: L 0! 0 [5 ( 5 )] (50 ) [ 0 ( 60 )]

Dettagli

R-402A R-404A R-410A R-507 SIZE COLOR CODE

R-402A R-404A R-410A R-507 SIZE COLOR CODE La temostatica BQ può essee pesonalizzata pe qualsiasi applicazione di efigeazione e condizionamento. Devi solo selezionae il coetto elemento temostatico, la giusta taglia dell oifizio ed il tipo di copo

Dettagli

Campo elettrostatico nei conduttori

Campo elettrostatico nei conduttori Campo elettostatico nei conduttoi Consideeemo conduttoi metallici (no gas, semiconduttoi, ecc): elettoni di conduzione libei di muovesi Applichiamo un campo elettostatico: movimento di caiche tansiente

Dettagli

Momento di una forza rispettto ad un punto

Momento di una forza rispettto ad un punto Momento di un fo ispettto d un punto Rihimimo lune delle definiioni e popietà sui vettoi già disusse ll iniio del oso Podotto vettoile: ϑ ϑ sin sin θ Il vettoe è dietto lungo l pependiole l pino individuto

Dettagli

GIRO DELLA MORTE PER UN CORPO CHE SCIVOLA

GIRO DELLA MORTE PER UN CORPO CHE SCIVOLA 8. LA CONSERVAZIONE DELL ENERGIA MECCANICA IL LAVORO E L ENERGIA 4 GIRO DELLA MORTE PER UN CORPO CHE SCIVOLA Il «giro della morte» è una delle parti più eccitanti di una corsa sulle montagne russe. Per

Dettagli

IL LATO OSCURO DELL UNIVERSO dov e` la materia che non vediamo? Elena Zucca. INAF - Osservatorio Astronomico di Bologna

IL LATO OSCURO DELL UNIVERSO dov e` la materia che non vediamo? Elena Zucca. INAF - Osservatorio Astronomico di Bologna IL LATO OSCURO DELL UNIVERSO dov e` la materia che non vediamo? Elena Zucca INAF - Osservatorio Astronomico di Bologna Ma l Universo è costituito solo da materia luminosa? La forza di gravità Galileo

Dettagli

MATRICI SIMILI E MATRICI DIAGONALIZZABILI

MATRICI SIMILI E MATRICI DIAGONALIZZABILI MATRICI SIMILI E MATRICI DIAGONALIZZABILI DEFINIZIONE: Due mtici qudte A e B, dello stesso odine n, si dicono simili se esiste un mtice non singole S, tle che isulti: B S A S L mtice S si chim nche mtice

Dettagli

LE INCERTEZZE E LA LORO PROPAGAZIONE NELLE MISURE INDIRETTE

LE INCERTEZZE E LA LORO PROPAGAZIONE NELLE MISURE INDIRETTE LE INCERTEZZE E LA LORO PROPAGAZIONE NELLE MISURE INDIRETTE Pof. Agelo Ageletti -.s. 006/007 1) COME SI SCRIVE IL RISULTATO DI UNA MISURA Il modo miglioe pe espimee il isultto di u misu è quello di de,

Dettagli

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 0/0 - Docente: Prof. Carlo Isetti LAVORO D NRGIA 5. GNRALITÀ In questo capitolo si farà riferimento a concetto quali lavoro ed energia termini che hanno nella

Dettagli

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo Energia e Lavoro Finora abbiamo descritto il moto dei corpi (puntiformi) usando le leggi di Newton, tramite le forze; abbiamo scritto l equazione del moto, determinato spostamento e velocità in funzione

Dettagli

Urti tra due punti materiali

Urti tra due punti materiali Uti ta due punti ateiali URTO: eento isolato nel quale una foza elatiaente intensa agisce pe un tepo elatiaente bee su due o più copi in contatto ta loo isultato di un contatto fisico F F isultato di una

Dettagli

www.scuolainweb.altervista.org Problemi di Fisica La Dinamica

www.scuolainweb.altervista.org Problemi di Fisica La Dinamica www.suolinweb.ltevist.og L Dinmi Poblemi di isi L Dinmi PROBLEA N. Un opo di mss m 4 kg viene spostto on un foz ostnte 3 N su un supefiie piv di ttito pe un ttto s,3 m. Supponendo he il opo inizilmente

Dettagli

Esercitazione VIII - Lavoro ed energia II

Esercitazione VIII - Lavoro ed energia II Esercitazione VIII - Lavoro ed energia II Forze conservative Esercizio Una pallina di massa m = 00g viene lanciata tramite una molla di costante elastica = 0N/m come in figura. Ammesso che ogni attrito

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove)

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove) mappa 3. Il sistema solare IL SISTEMA SOLARE il Sole Mercurio pianeti terrestri Venere Terra Marte 8 pianeti Giove Il Sistema solare 69 satelliti principali pianeti gioviani Saturno Urano Nettuno migliaia

Dettagli

1. Integrazione di funzioni razionali fratte

1. Integrazione di funzioni razionali fratte . Integazone d fnzon azonal fatte P S songa d vole calcolae n ntegale del to: d Q ove P e Q sono olno nell ndetenata d gado assegnato. Sonao ce: P a n n a n n a a Q b b b b oleent s etod d ntegazone I

Dettagli

La necessità di trasmettere potenza tra organi in moto rotatorio è un problema frequentissimo e di grande importanza nell ingegneria.

La necessità di trasmettere potenza tra organi in moto rotatorio è un problema frequentissimo e di grande importanza nell ingegneria. La ecessità di tasmettee poteza ta ogai i moto otatoio è u poblema fequetissimo e di gade impotaza ell igegeia. Gli assi di otazioe ta i quali deve essee tasmesso il moto possoo essee paalleli I questo

Dettagli

Note di fisica. Mauro Saita e-mail: maurosaita@tiscalinet.it Versione provvisoria, luglio 2012. 1 Quantità di moto.

Note di fisica. Mauro Saita e-mail: maurosaita@tiscalinet.it Versione provvisoria, luglio 2012. 1 Quantità di moto. Note di fisica. Mauro Saita e-mail: maurosaita@tiscalinet.it Versione provvisoria, luglio 2012. Indice 1 Quantità di moto. 1 1.1 Quantità di moto di una particella.............................. 1 1.2 Quantità

Dettagli

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1.

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1. Capitolo 6 Integrali curvilinei In questo capitolo definiamo i concetti di integrali di campi scalari o vettoriali lungo curve. Abbiamo bisogno di precisare le curve e gli insiemi che verranno presi in

Dettagli

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg.

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg. Spingete per 4 secondi una slitta dove si trova seduta la vostra sorellina. Il peso di slitta+sorella è di 40 kg. La spinta che applicate F S è in modulo pari a 60 Newton. La slitta inizialmente è ferma,

Dettagli

1 n. Intero frazionato. Frazione

1 n. Intero frazionato. Frazione Consideriamo un intero, prendiamo un rettangolo e dividiamolo in sei parti uguali, ciascuna di queste parti rappresenta un sesto del rettangolo, cioè una sola delle sei parti uguali in cui è stato diviso.

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

6 DINAMICA DEI SISTEMI DI PUNTI MATERIALI

6 DINAMICA DEI SISTEMI DI PUNTI MATERIALI 6 DINAMICA DEI SISTEMI DI PUNTI MATERIALI Consdeao un sstea d n unt ateal con n > nteagent ta loo e con l esto dell unveso. Nello studo d un tale sstea sulta convenente scooe la foza agente ( et) sull

Dettagli

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città 1 Ciao!! Quando guardi il cielo ogni volta che si fa buio, se è sereno, vedi tanti piccoli punti luminosi distribuiti nel cielo notturno: le stelle. Oggi si apre l immaginario Osservatorio per guardare...

Dettagli

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La termodinamica è quella branca della fisica che descrive le trasformazioni subite da un sistema (sia esso naturale o costruito dall uomo), in seguito

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo

bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo Momento di una forza Nella figura 1 è illustrato come forze uguali e contrarie possono non produrre equilibrio, bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo esteso.

Dettagli

9. Urti e conservazione della quantità di moto.

9. Urti e conservazione della quantità di moto. 9. Urti e conservazione della quantità di moto. 1 Conservazione dell impulso m1 v1 v2 m2 Prima Consideriamo due punti materiali di massa m 1 e m 2 che si muovono in una dimensione. Supponiamo che i due

Dettagli

Seconda Legge DINAMICA: F = ma

Seconda Legge DINAMICA: F = ma Seconda Legge DINAMICA: F = ma (Le grandezze vettoriali sono indicate in grassetto e anche in arancione) Fisica con Elementi di Matematica 1 Unità di misura: Massa m si misura in kg, Accelerazione a si

Dettagli

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni.

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni. MATEMATICA. Sistemi lineari in due equazioni due incognite. Date due equazioni lineari nelle due incognite x, y come ad esempio { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un

Dettagli

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Obiettivi - Descrivere il comportamento quantistico di un elettrone in un cristallo unidimensionale - Spiegare l origine delle bande di

Dettagli

Sistemi materiali e quantità di moto

Sistemi materiali e quantità di moto Capitolo 4 Sistemi materiali e quantità di moto 4.1 Impulso e quantità di moto 4.1.1 Forze impulsive Data la forza costante F agente su un punto materiale per un intervallo di tempo t, si dice impulso

Dettagli

Il concetto di valore medio in generale

Il concetto di valore medio in generale Il concetto di valore medio in generale Nella statistica descrittiva si distinguono solitamente due tipi di medie: - le medie analitiche, che soddisfano ad una condizione di invarianza e si calcolano tenendo

Dettagli

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Problema 1 Due carrelli A e B, di massa m A = 104 kg e m B = 128 kg, collegati da una molla di costante elastica k = 3100

Dettagli

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE 1 DIPENDENZA E INDIPENDENZA LINEARE Se ho alcuni vettori v 1, v 2,, v n in uno spazio vettoriale V, il sottospazio 1 W = v 1,, v n di V da loro generato è

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

Lezioni di Matematica 1 - I modulo

Lezioni di Matematica 1 - I modulo Lezioni di Matematica 1 - I modulo Luciano Battaia 16 ottobre 2008 Luciano Battaia - http://www.batmath.it Matematica 1 - I modulo. Lezione del 16/10/2008 1 / 13 L introduzione dei numeri reali si può

Dettagli

IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento.

IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento. 1 IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento. Quando un corpo è in movimento? Osservando la figura precedente appare chiaro che ELISA è ferma rispetto a DAVIDE, che è insieme a lei sul treno; mentre

Dettagli

Derivazione elementare dell espressione della quantità di moto e dell energia in relativività ristretta

Derivazione elementare dell espressione della quantità di moto e dell energia in relativività ristretta Derivazione elementare dell espressione della quantità di moto e dell energia in relativività ristretta L. P. 22 Aprile 2015 Sommario L espressione della quantità di moto e dell energia in relatività ristretta

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

6. Moto in due dimensioni

6. Moto in due dimensioni 6. Moto in due dimensioni 1 Vettori er descriere il moto in un piano, in analogia con quanto abbiamo fatto per il caso del moto in una dimensione, è utile usare una coppia di assi cartesiani, come illustrato

Dettagli

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Come abbiamo visto nelle pagine precedenti il Sistema Solare è un insieme di molti corpi celesti, diversi fra loro. La sua forma complessiva è quella

Dettagli

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso Esercizio 1 Data la funzione di domanda: ELASTICITÀ Dire se partendo da un livello di prezzo p 1 = 1.5, al produttore converrà aumentare il prezzo fino al livello p 2 = 2. Sarebbe conveniente per il produttore

Dettagli

Per vedere quando è che una forza compie lavoro e come si calcola questo lavoro facciamo i seguenti casi.

Per vedere quando è che una forza compie lavoro e come si calcola questo lavoro facciamo i seguenti casi. LAVORO ED ENERGIA TORNA ALL'INDICE Quando una forza, applicata ad un corpo, è la causa di un suo spostamento, detta forza compie un lavoro sul corpo. In genere quando un corpo riceve lavoro, ce n è un

Dettagli

Potenziale Elettrico. r A. Superfici Equipotenziali. independenza dal cammino. 4pe 0 r. Fisica II CdL Chimica

Potenziale Elettrico. r A. Superfici Equipotenziali. independenza dal cammino. 4pe 0 r. Fisica II CdL Chimica Potenziale Elettrico Q V 4pe 0 R Q 4pe 0 r C R R R r r B q B r A A independenza dal cammino Superfici Equipotenziali Due modi per analizzare i problemi Con le forze o i campi (vettori) per determinare

Dettagli

Quantità di moto. Per un corpo puntiforme possiamo definire la grandezza vettoriale quantità di moto come il prodotto m v.

Quantità di moto. Per un corpo puntiforme possiamo definire la grandezza vettoriale quantità di moto come il prodotto m v. Quantità di moto Per un corpo puntiforme possiamo definire la grandezza vettoriale quantità di moto come il prodotto m v. La seconda legge di Newton può essere scritta con la quantità di moto: d Q F =

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagina Giovanna Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 1 per la Scuola secondaria di secondo grado UNITÀ CMPIONE Edizioni del Quadrifoglio à t i n U 1 Insiemi La teoria degli

Dettagli

CS. Cinematica dei sistemi

CS. Cinematica dei sistemi CS. Cinematica dei sistemi Dopo aver esaminato la cinematica del punto e del corpo rigido, che sono gli schemi più semplificati con cui si possa rappresentare un corpo, ci occupiamo ora dei sistemi vincolati.

Dettagli

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA 1. RICHIAMI SULLE PROPRIETÀ DEI NUMERI NATURALI Ho mostrato in un altra dispensa come ricavare a partire dagli assiomi di

Dettagli

TRAVE SU SUOLO ELASTICO

TRAVE SU SUOLO ELASTICO Capitolo 3 TRAVE SU SUOLO ELASTICO (3.1) Combinando la (3.1) con la (3.2) si ottiene: (3.2) L equazione differenziale può essere così riscritta: (3.3) La soluzione dell equazione differenziale di ordine

Dettagli

LA DINAMICA LE LEGGI DI NEWTON

LA DINAMICA LE LEGGI DI NEWTON LA DINAMICA LE LEGGI DI NEWTON ESERCIZI SVOLTI DAL PROF. GIANLUIGI TRIVIA 1. La Forza Exercise 1. Se un chilogrammo campione subisce un accelerazione di 2.00 m/s 2 nella direzione dell angolo formante

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 Le frazioni algebriche 1.1 Il minimo comune multiplo e il Massimo Comun Divisore fra polinomi........ 1. Le frazioni algebriche....................................

Dettagli

1A ARITMETICA. I numeri naturali e le quattro operazioni. Esercizi supplementari di verifica

1A ARITMETICA. I numeri naturali e le quattro operazioni. Esercizi supplementari di verifica A ARITMETICA I numeri naturali e le quattro operazioni Esercizi supplementari di verifica Esercizio Rappresenta sulla retta orientata i seguenti numeri naturali. ; ; ; 0;. 0 Esercizio Metti una crocetta

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA GLI INSIEMI NUMERICI

APPUNTI DI MATEMATICA GLI INSIEMI NUMERICI APPUNTI DI MATEMATICA GLI INSIEMI NUMERICI I numeri naturali I numeri interi I numeri razionali Teoria degli insiemi (cenni) ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 L insieme N dei numeri naturali 4 1.1 Introduzione.........................................

Dettagli

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione 1. L elettrone ha una massa di 9.1 10-31 kg ed una carica elettrica di -1.6 10-19 C. Ricordando che la forza gravitazionale

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0 1 ) Un veicolo che viaggia inizialmente alla velocità di 1 Km / h frena con decelerazione costante sino a fermarsi nello spazio di m. La sua decelerazione è di circa: A. 5 m / s. B. 3 m / s. C. 9 m / s.

Dettagli

Sulla monotonia delle funzioni reali di una variabile reale

Sulla monotonia delle funzioni reali di una variabile reale Liceo G. B. Vico - Napoli Sulla monotonia delle funzioni reali di una variabile reale Prof. Giuseppe Caputo Premetto due teoremi come prerequisiti necessari per la comprensione di quanto verrà esposto

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile Problemi connessi all utilizzo di un numero di bit limitato Abbiamo visto quali sono i vantaggi dell utilizzo della rappresentazione in complemento alla base: corrispondenza biunivoca fra rappresentazione

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

SPERIMENTAZIONE FARMACI - RIPARTO

SPERIMENTAZIONE FARMACI - RIPARTO SPEIMENTAZIONE FAMAI - IPATO - Sperimentazione SOBIHAEM89-001 sper. n. 18/2014 - Medico esponsabile TOSETTO ALBETO 4.160,00 A. (riscosso con fatt. n. Z 1141 del 12/03/2015 ) - FONDO 3.952,00 - SEVIZIO

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati Esempi di Indicatori

Concorso Premiamo i risultati Esempi di Indicatori Concorso Premiamo i risultati Esempi di Indicatori 1 ESEMPIO INDICATOI PE UN POGETTO DI DEFINIZIONE ED ATTUAZIONE DI UN PIANO DELLA FOMAZIONE AMBITO DI INTEVENTO: MIGLIOAMENTO NELLE PATICHE DI GESTIONE

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

COME MASSIMIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ

COME MASSIMIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ icroeconomia Douglas Bernheim, ichael Whinston Copyright 009 The cgraw-hill Companies srl COE ASSIIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ Supponiamo che il reddito mensile di Elena sia pari a Y e sia interamente

Dettagli

Proof. Dimostrazione per assurdo. Consideriamo l insieme complementare di P nell insieme

Proof. Dimostrazione per assurdo. Consideriamo l insieme complementare di P nell insieme G Pareschi Principio di induzione Il Principio di Induzione (che dovreste anche avere incontrato nel Corso di Analisi I) consente di dimostrare Proposizioni il cui enunciato è in funzione di un numero

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys.

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys. METODO DEI MINIMI QUADRATI GIUSEPPE GIUDICE Sommario Il metodo dei minimi quadrati è trattato in tutti i testi di statistica e di elaborazione dei dati sperimentali, ma non sempre col rigore necessario

Dettagli

MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO ELETTRICO UNIFORME

MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO ELETTRICO UNIFORME 6. IL CONDNSATOR FNOMNI DI LTTROSTATICA MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO LTTRICO UNIFORM Il moto di una particella carica in un campo elettrico è in generale molto complesso; il problema risulta più semplice

Dettagli

Il simbolo. è è = = = In simboli: Sia un numero naturale diverso da zero, il radicale. Il radicale. esiste. esiste 0 Il radicale

Il simbolo. è è = = = In simboli: Sia un numero naturale diverso da zero, il radicale. Il radicale. esiste. esiste 0 Il radicale Radicali 1. Radice n-esima Terminologia Il simbolo è detto radicale. Il numero è detto radicando. Il numero è detto indice del radicale. Il numero è detto coefficiente del radicale. Definizione Sia un

Dettagli

1 Definizione: lunghezza di una curva.

1 Definizione: lunghezza di una curva. Abstract Qui viene affrontato lo studio delle curve nel piano e nello spazio, con particolare interesse verso due invarianti: la curvatura e la torsione Il primo ci dice quanto la curva si allontana dall

Dettagli

La dinamica delle collisioni

La dinamica delle collisioni La dinamica delle collisioni Un video: clic Un altro video: clic Analisi di un crash test (I) I filmati delle prove d impatto distruttive degli autoveicoli, dato l elevato numero dei fotogrammi al secondo,

Dettagli

Progetto Laboratori Lauree Scientifiche

Progetto Laboratori Lauree Scientifiche Progetto Laboratori Lauree Scientifiche Laboratorio sui logaritmi Il regolo calcolatore Bozza di progetto Il regolo calcolatore è una delle piú antiche ed utilizzate applicazioni dei logaritmi. Consiste

Dettagli

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t;

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t; CAPITOLO CIRCUITI IN CORRENTE CONTINUA Definizioni Dato un conduttore filiforme ed una sua sezione normale S si definisce: Corrente elettrica i Q = (1) t dove Q è la carica che attraversa la sezione S

Dettagli

VC-dimension: Esempio

VC-dimension: Esempio VC-dimension: Esempio Quale è la VC-dimension di. y b = 0 f() = 1 f() = 1 iperpiano 20? VC-dimension: Esempio Quale è la VC-dimension di? banale. Vediamo cosa succede con 2 punti: 21 VC-dimension: Esempio

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

IV-1 Funzioni reali di più variabili

IV-1 Funzioni reali di più variabili IV- FUNZIONI REALI DI PIÙ VARIABILI INSIEMI IN R N IV- Funzioni reali di più variabili Indice Insiemi in R n. Simmetrie degli insiemi............................................ 4 2 Funzioni da R n a R

Dettagli

19. Inclusioni tra spazi L p.

19. Inclusioni tra spazi L p. 19. Inclusioni tra spazi L p. Nel n. 15.1 abbiamo provato (Teorema 15.1.1) che, se la misura µ è finita, allora tra i corispondenti spazi L p (µ) si hanno le seguenti inclusioni: ( ) p, r ]0, + [ : p

Dettagli

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Un conduttore ideale all equilibrio elettrostatico ha un campo elettrico nullo al suo interno. Cosa succede se viene generato un campo elettrico diverso da zero al suo

Dettagli

Precorsi 2014. Fisica. parte 1

Precorsi 2014. Fisica. parte 1 Precorsi 2014 Fisica parte 1 Programma ministeriale per il test Grandezze fisiche Una grandezza fisica è una caratteristica misurabile di un entità fisica. Sono grandezze fisiche: velocità, energia di

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

Curve caratteristiche meccaniche di motori elettrici C.C.

Curve caratteristiche meccaniche di motori elettrici C.C. Motoi 1 Idie ue aatteistihe meaihe di motoi elettii.. osideazioi geeali Motoi ad eitazioe idipedete 1 Opeazioi o oete d eitazioe ostate Opeazioi o oete d eitazioe aiabile e tesioe d amatua ostate Motoi

Dettagli

LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria

LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria Quale frequenza di lavoro scegliere Geometria del pezzo da trattare e sue caratteristiche elettromagnetiche

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI Le disequazioni fratte Le disequazioni di secondo grado I sistemi di disequazioni Alessandro Bocconi Indice 1 Le disequazioni non lineari 2 1.1 Introduzione.........................................

Dettagli

Forze Conservative. Il lavoro eseguito da una forza conservativa lungo un qualunque percorso chiuso e nullo.

Forze Conservative. Il lavoro eseguito da una forza conservativa lungo un qualunque percorso chiuso e nullo. Lavoro ed energia 1. Forze conservative 2. Energia potenziale 3. Conservazione dell energia meccanica 4. Conservazione dell energia nel moto del pendolo 5. Esempio: energia potenziale gravitazionale 6.

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

Funzione reale di variabile reale

Funzione reale di variabile reale Funzione reale di variabile reale Siano A e B due sottoinsiemi non vuoti di. Si chiama funzione reale di variabile reale, di A in B, una qualsiasi legge che faccia corrispondere, a ogni elemento A x A

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

Esercizi su lineare indipendenza e generatori

Esercizi su lineare indipendenza e generatori Esercizi su lineare indipendenza e generatori Per tutto il seguito, se non specificato esplicitamente K indicherà un campo e V uno spazio vettoriale su K Cose da ricordare Definizione Dei vettori v,,v

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

Svolgimento della prova

Svolgimento della prova Svolgimento della prova D1. Il seguente grafico rappresenta la distribuzione dei lavoratori precari in Italia suddivisi per età nell anno 2012. a. Quanti sono in totale i precari? A. Circa due milioni

Dettagli

Circuiti in Corrente Continua (direct current=dc) RIASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica Il Potenziale Elettrico La legge di Ohm Il

Circuiti in Corrente Continua (direct current=dc) RIASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica Il Potenziale Elettrico La legge di Ohm Il Circuiti in Corrente Continua direct currentdc ASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica l Potenziale Elettrico La legge di Ohm l resistore codice dei colori esistenze in serie ed in parallelo

Dettagli