APPUNTI DI ECONOMIA AGRARIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "APPUNTI DI ECONOMIA AGRARIA"

Transcript

1 APPUNTI DI ECONOMIA AGRARIA prof Vittorio Moaui Liberamete tratti da Apputi di Ecoomia Agraria I Uiversità di Padova

2 pag 2/20 AZIENDA ED IMPRESA azieda uità tecica di produzioe costituita da terrei (ache appezzameti o cotigui), impiati, attrezzature, che permettoo all agricoltore di svolgere i maiera cotiuativa cicli di produzioe agraria E costituita da tre fattori: TERRA CAPITALE e LAVORO, preseti elle diverse aziede i proporzioi diverse ma comuque i grado di permettere lo svolgimeto cotiuativo di cicli di produzioe agraria. L azieda è quidi ua ENTITA OGGETTIVA be defiita ed idetificabile. impresa è ivece l uità di GESTIONE dell azieda e fa riferimeto alla figura dell impreditore ed all attività da questi svolta che cosiste el coordiare i fattori i tre fattori della produzioe sopra ricordati al fie di otteere ua data produzioe e ell assuzioe del rischio derivate dall attuazioe del processo produttivo. L impresa quidi, o è altro che l azieda co la preseza dell impreditore che svolge la propria specifica attività. (L azieda co la preseza dell impreditore diveta u impresa). Spesso i due termii vegoo cofusi ed usati idifferetemete metre la differeza è sostaziale: l impresa è u cocetto ecoomico e diamico (come u film) metre l azieda è essezialmete u cocetto tecico e statico (come ua fotografia). I FATTORI DELLA PRODUZIONE (fp) i fattori produttivi terra capitale lavoro soo tipici di tutte la attività produttive. I particolare i ecoomia agraria viee assuta la seguete classificazioe dei fp: 1. capitale fodiario, corrispode alla terra, itesa come elemeto aturale irriproducibile messo a disposizioe dell uomo dalla atura ed a quato i essa viee stabilmete ivestito i forma di capitale e/o lavoro, quali fabbricati, sistemazioi idrauliche, opere di viabilità, piatagioi legose, ecc. I sitesi co il termie caopitale fodiario si itede la terra origiaria e le opere di migliorameto stabilmete icorporate i essa.

3 pag 3/20 Ecoomicamete è u capitale fisso cioè a logorio parziale 1 2. capitale agrario o di esercizio, corrispode a tutti qui capitali di cui, oltre al capitale fodiario, l impresa deve disporre per realizzare il processo produttivo. A differeza di quello fodiario, il cap agrario è fisicamete mobile e quidi trasferibile; ecoomicamete è ivece i parte fisso ed i parte circolate. E, costituito da u complesso eterogeeo di bei classificabili come segue: a) capitale di scorta, fisicamete differeziato comprede scorte vive (bestiame) e scorte morte (macchie ed attrezzi, magimi lettimi, letame semeti); b) capitale di aticipazioe, capitale idiffereziato, liquido (daaro) 2 3. lavoro, l attività fisica od itellettuale svolta dall uomo per l attuazioe del processo produttivo. Viee distito i lavoro mauale e lavoro itellettuale. Il primo riguarda l esecuzioe materiale delle operazioi ecessarie all attività produttiva, il secodo riguarda la direzioe, l ammiistrazioe, la sorvegliaza oché le attività coesse co la vedita dei prodotti e gli acquisti dei mezzi produttivi. TIPI DI IMPRESA L impresa per essere tale abbisoga di u quarto fattore produttivo: il fattore impreditoriale che si idetifica ella figura dell impreditore defiito come colui che attua le scelte produttive, coordia i diversi fp aziedali, al fie di attuare il processo produttivo sosteedoe il rischio sia tecico che ecoomico 3 I fattori produttivi dell impresa comportao altrettate figure ecoomiche che tali fattori apportao ed altrettati redditi che a tali figure competoo e che si possoo sitetizzare come segue: 1 I capitali, dal puto di vista ecoomico, si distiguoo i fissi e circolati. Soo fissi quei capitali a logorio parziale che o si esauriscoo i u solo ciclo produttivo, ma servoo a più cicli; soo ivece circolati quei capitali a logorio totale, che cioè si esauriscoo i u solo ciclo produttivo 2 somma di daaro, parte del capitale di circolazioe, i cui frutti (iteressi attivi) servoo a froteggiare il pagameto degli iteressi (passivi) che derivao dall acquisto di materiali e sevizi occorreti all impresa durate il ciclo produttivo. 3 rischi tecici, quelli che derivao da scelte essezialmete teciche e rischi ecoomici, quelli derivati essezialmete dall adameto del mercato che coivolge le scelte impreditoriali sul cosa e quatro produrre e sul come vedere

4 pag 4/20 figura ecoomica Proprietario fodiario capitalista Lavoratore mauale Lavoratore itellettuale impreditore Fattore produttivo apportato Capitale fodiario Capitale agrario o di esercizio Lavoro mauale Lav di direzioe, ammiistrazioe, ecc. Impreditoriale (scelte produttive e coordiameto dei fp e assuzioe rischio) Reddito di spettaza (simbolo) Beeficio fodiario Bf Iteresse I Salario Sa Stipedio St Toracoto T Si è parlato di figure ecoomiche e o fisiche perché molto spesso u uica persoa fisica (o giuridica) 4 riassume i sé più figure ecoomiche. La completa scissioe di tutte le figure si avrebbe solo se l impreditore predesse i affitto il cap. fodiario, a prestito il cap. agrario, si avvalesse di maodopera salariata e stipediata. Nella realtà agricola la figura impreditoriale riassume i sé ache la figura del capitalista e può, ma o sempre, riassumere altre. Dai rapporti tra impresa, proprietà fodiaria e lavoro derivao diverse combiazioi che dao origie ai segueti tipi di impresa: 1) proprietà coltivatrice: quado l impreditore riassume i sé tutte le 5 figure ecoomiche: 2) affittaza coltivatrice: quado l impreditore riassume i se la figura del capitalista e quella del lavoratore sia mauale che itellettuale, metre il capitale fodiario lo prede da erzi mediate cotratto d affitto; 3) proprietà capitalista: quado l impreditore si avvale di maodopera salariata, metre il lavoro itellettuale può ache essere di suo apporto; 4) affittaza capitalistica, quado l impreditore oltre che avvalersi totalmete di maodopera salariata prede i uso il apitale fodiario. Ovviamete lo schema o comprede tutte le realtà produttive, vi soo ifatti imprese miste Per esempio il caso della proprietà capitalistico-coltivatrice ella quale il fattore lavoro è i parte apportato dall impreditore e dalla sua famiglia ed i parte da altre figure be distite. Vi soo poi imprese i cui il cap. fodiario è parzialmete dell impreditore metre la restate parte è di proprietà di altri si parla allora di aziede parte i proprietà e parte i affitto ecc. 4 figure giuridiche = società, Eti ecc.

5 pag 5/20 impresa autooma e impresa a tempo parziale (part-time) l impresa autooma per dimesioi e strutture è i grado di assicurare il lavoro della famiglia assicurado alla stessa u reddito auo adeguato; l impresa a tempo parziale è ivece quella isufficiete ad assicurare codizioi di impiego del lavoro e livelli di reddito adeguati per cui i membri della famiglia dedicao solo parte del loro tempo al lavoro i azieda, essedo i misura prepoderate occupati i altre attività (commerciali, idustriali ) IL BILANCIO ECONOMICO è la rappresetazioe ordiata dei fatti ecoomici coessi co l attività produttiva agricola e relativi ad u ciclo ecoomico. I relazioe al mometo i cui viee eseguito può essere cosutivo quado l aalisi viee effettuata alla fie del ciclo produttivo per cui i fatti ecoomici esamiati si soo già verificati, prevetivo l aalisi viee effettuata prima della realizzazioe del ciclo produttivo ed i fatti ecoomici soo assuti i via ipotetica. globale vegoo aalizzate tutte le attività produttive aziedali parziale l aalisi cosidera solo ua parte delle attività (u solo settore produttivo es: la produzioe del grao i u azieda cerealicola zootecica) Il ciclo produttivo può essere defiito come u itervallo di tempo tale che la produzioe otteuta durate questo periodo sia i grado di remuerare tutti i fattori impiegati per otteerla. L attività agricola a differeza di altri settori è caratterizzata da cicli produttivi molto lughi, spesso superiori all ao; ioltre ella stessa azieda agricola vegoo spesso praticate più colture. Questi fatti impediscoo la precisa idividuazioe del ciclo ecoomico. I pratica si assume il ciclo produttivo pari alla durata dell ao solare (1 geaio 31 dicembre). Come ogi altra attività produttiva, ache l attività agricola mira all otteimeto, attraverso l impiego di ua adeguata quatità di fattori produttivi, di ua certa produzioe. I fatti ecoomici descritti dal bilacio soo l isieme dei fattori impiegati e dei prodotti otteuti dall impreditore ell azieda i u dato ciclo produttivo. Possoo pertato essere distiti i due gradi gruppi compredeti l uo le ATTIVITA o etrate o output, l altro le PASSIVITA o uscite o iput

6 pag 6/20 I forma esplicita e per fii del bilacio ecoomico si può scrivere la seguete espressioe geerale del bilacio: PLV = Sv + Q + Imp + Bf + I + Sa + St +/- T PLV = produzioe lorda vedibile Sv = spese varie Q = quote di reitegra, mautezioe e assicurazioe Imp = imposte Bf = beeficio fodiario I = iteressi Sa = salari St = stipedi +/- = toracoto o profitto dell impreditore l espressioe può essere scritta sotto ua forma che evidezia l elemeto DIFFERENZIALE cioè il toracoto o profitto +/- T = Plv ( Sv + Q + Imp + Bf + I + Sa + St ) questa equazioe prede il ome di equazioe del toracoto

7 pag 7/20 IL BILANCIO GLOBALE CONSUNTIVO l esecuzioe di u bilacio cosiste ella quatificazioe delle variabili idicate ell equazioe determiazioe della produzioe lorda vedibile (PLV) la parte attiva del bilacio è costituita dall isieme dei flussi i etrata che si soo registrati el corso dell ao (ciclo produttivo) co la vedita dei prodotti I pratica viee calcolata idividuado per le diverse produzioi le quatità prodotte ed il relativo prezzo di vedita. I prezzi da assumere soo quelli di mercato all igrosso, al dettaglio a secoda delle modalità di vedita e soo fraco azieda 5 Per i prodotti coferiti a cooperative di trasformazioe il prezzo da assumere è quello liquidato dalla cooperativa 6 Le quatità soo quelle effettivamete vedute o vedibili Più complesso è il calcolo delle produzioi degli allevameti per la produzioe di care. I prodotti degli aimali separabili dal loro corpo come la laa, il latte, le uova, o creao problemi per la loro determiazioe e vegoo riportati direttamete i Plv, ma vi soo altri prodotti o separabili dal loro corpo come la care e gli icremeti di qualità. Per il calcolo di tali produzioi comuemete idicati ella PLV come utile lordo stalla (u.l.s.), si deve procedere ad u apposito coteggio impostado a parte il coto stalla o coto bestiame. Il coto stalla, come qualsiasi altro coto si articola i due parti corrispodeti al DARE e all AVERE. I DARE si idicao i quatità e valore la cosisteza iiziale del bestiame e gli evetuali acquisti, i AVERE la cosisteza fiale e le evetuali vedite. Le ascite e le morti si iseriscoo, seza valore, rispettivamete i dare e i avere. Dalla differeza tra AVERE e DARE si ottiee l utile lordo di stalla (se dare > avere si avrà u aperdita ed adrà i detrazioe ella plv). L aggettivo lordo ricorda che si tratta di u utile o depurato delle spese di produzioe. u.l.s. = [ cosisteza fiale + vedite] [ cosisteza iiziale + acquisti ] 7 L isieme delle produzioi i valore costituisce il ricavo totale lordo dell azieda che viee defiito co il termie di produzioe lorda totale (Plt). Ua parte di questa produzioe può essere tratteuta i azieda come fattore produttivo e costituisce la quota dei prodotti reimpiegati, come ad esempio il letame che viee usato come fertilizzate o parte delle 5 fraco azieda cioè depurati delle spese di commercializzazioe 6 tale prezzo dovrebbe coicidere co il valore di trasformazioe del prodotto coferito 7 per evitare utili o perdite fittizie, cioè dovute a variazioe dei prezzi per iflazioe e o ad u aumeto di peso o di qualità dell aimale bisoga ricalcolare la cosisteza iiziale ai prezzi di fie ao

8 pag 8/20 produzioi evetualmete utilizzate come semeti o la paglia usata come lettiera. No cofodere i reimpieghi co l autocosumo (li prodotti che vegoo cosumati dall impreditore e dalla sua famiglia) I sitesi: Plv = Plt Reimpieghi Plt = produzioe lorda totale = isiema dei prodotti fiali otteuti i azieda 8 ; R = produzioi reimpiegate = reimpieghi = parte della produzioe riutilizzata i azieda ei cicli produttivi successivi come fattore produttivo; Plv = produzioe lorda vedibile = l isieme delle produzioi che possoo essere: - autocosumate: tratteute per i cosumi familiari - vedute: parte effettivamete commercializzata PASSIVITA Spese varie sotto questa voce vegoo cosiderati gli acquisti di bei e servizi extraaziedali a fecodità semplice cioè che vgoo utilizzati per u solo ciclo produttivo. Pertato i questa categoria rietrao prodotti tra loro molto eterogeei, tra i più importati: fertilizzati, atiparassitari, erbicidi, magimi, oleggi, servizi elettrici e telefoici, cosuleze teciche, carburati e lubrificati. Trattadosi di esborsi reali e certi la loro determiazioe o preseta particolari problemi L icideza di questa categoria di costi può variare otevolmete i relazioe al tipo di struttura produttiva i fuzioe delle teciche produttive più o meo avazate e della trasformazioe dei prodotti Quote ( Qm, Qa, Qr ) Le quote soo spese aue che l impreditore deve sosteere per garatire l efficieza tecico ecoomica del capitale fodiario e del capitale agrario presete i azieda cioè dei bei a logorio parziale od a fecodità ripetuta. Si distiguoo i quote di reitegra (Qr), quote di mautezioe (Qm), quote di assicurazioe (Qa) 8 i prodotti itermedi soo quelli destiati a successive trasformazioi ell ambito aziedale (es i foraggi i latte e/o care, l uva i vio, le olive i olio) o rietrao ella produzioe totale e eppure il quella vedibile, i quato il prodotto fiale è quello derivate dalla trasformazioe)

9 pag 9/20 le quote di reitegra la frazioe di capitale che ogi ao viee riovata. L usura 9 e l obsolesceza 10 determiao ogi ao u progressivo esaurimeto del capitale che, pertato, deve essere sostituito al fie di mateere costate ed immutata la sua cosisteza. I altri termii ed esemplificado: il trattore perde di valore ogi ao fio alla fie della sua vita, la perdita di valore aua viee imputata come costo a ciascu ciclo produttivo tramite la Qr. Se o lo si facesse l impreditore godrebbe di u reddito maggiore che i realtà reddito o è perché corrispode alla dimiuzioe di valore del trattore. deprezzameto tecico-ecoomico Valore iiziale Valorefiale esaurimeto fisico ai Nel grafico è rappresetato l adameto ipotetico lieare (aritmetico) di u processo di ivecchiameto tecico-ecoomico di u bee a logorio parziale. I realtà il processo si svolge co u itesità maggiore ei primi ai e più atteuata oltre u certo limite (i ero). Pertato se si vuole mateere ialterato la cosisteza del capitale, dopo u certo umero di ai, (superata la coveieza ecoomica, puto K el grafico) si dovrà provvedere alla sostituzioe del bee. Questo richiede che all ao K l impreditore abbia acatoato ua quatità di capitale tale da permettergli di reitegrare il bee. Le quote di reitegra soo quidi degli accatoameti aui di capitale che permettoo i pratica la sostituzioe del bee alla fie della sua durata ecoomica. La Qr può essere calcolata i due modi: uo aritmetico ed uo fiaziario. - Q aritmetica o lieare: si ottiee dalla formula Qr = ( Vi Vf ) / 9 usura: depauperameto meccaico che subiscoo i bei strumetali (macchie e attrezzi) durate la loro utilizzazioe 10 obsolesceza: ivecchiameto ecoomico dovuto al rapido progresso tecico, che itroduce uove macchie più efficieti

10 pag 10/20 dove co Vi si idica il Valore iiziale, co Vf il valore fiale ed gli ai di durata del bee stesso. - Q reitegra fiaziariaè data ivece dalla seguete espressioe: r Qr = ( Vi Vf ) dove q 1 r q 1 rappreseta il coefficiete di reitegra fiaziario. La differeza tra le due formule è sostaziale i particolare la quota lieare è maggiore di quella fiaziaria di u ammotare pari allo scoto degli iteressi. I sede applicativa si utilizza ormalmete la formula lieare perché l icertezza dei dati relativi al Vi e Vf oché alla durata ecoomica del bee () o giustifica la precisioe di quella fiaziaria Per Vi si assume il più probabile valore a uovo del bee all attualità Per Vf si assume il più probabile valore di recupero al termie del periodo di utilizzazioe del bee Ache il capitale bestiame rappreseta u capitale a logorio parziale (solo gli aimali che rimagoo i stalla più ai (cicli produttivi) come ad esempio le vacche da latte) Per questi la Qr prede il ome di quota di rimota e viee calcolata (co gli stessi criteri visti) per gli aimali che vegoo sostituiti tramite acquisti esteri. Nel caso i cui tali aimali provegao dall allevameto aziedale (tratteedo parte dei ati i stalla) la quota di rimota o viee calcolata i quato la rimota è itera. Q mautezioe (Qm) E data dall ammotare degli esborsi medi aui che l impreditore deve sosteere per la mautezioe dei capitali fodiario ed agrario. mautezioe ordiaria (operazioi di cotrollo tecico dei bei strumetali che devoo essere praticate co cotiuità per garatire la ormale efficieza del capitale, esempio: igrassaggio, messa a puto mezzi meccaici, pulizia strade e fossi dreaggio, ecc. mautezioe straordiaria ivece preseta carattere di discotiuità e viee attuata solo i particolari circostaze, esempio: sostituzioe di parti meccaiche, sistemazioe dei locali Le quote di mautezioe e di reitegra risultao strettamete correlate: ua atteta mautezioe cosete u maggior periodo di utilizzazioe del bee e quidi può ridurre la Q di reitegra Quota di assicurazioe (Qa)

11 pag 11/20 esborso auo di moeta che serve ad assicurare l itegrità del capitale cotro evetuali siistri (icedi, epidemie del bestiame, gradie sui prodotti ecc.). Permette di mettersi al riparo da eveti o prevedibili che potrebbero distruggere parzialmete o totalmete il bee. La Qa può essere esplicita i quato l azieda è effettivamete assicurata e quidi coicide co il premio pagato all assicurazioe. I macaza (implicita) l eveto siistro viee cosiderato come rischio di impresa. L ideizzo evetualmete pagato dalle compagie assicuratrici va compreso ella PLV Imposte, tasse, cotributi( Tr) oeri fiscali e cotributi che gravao sul settore agricolo. imposte soo tributi che i cittadii devoo allo Stato i quato percettori di redditi o perché usufruiscoo della dispoibilità di u dato patrimoio. Equità fiscale: ogi membro della società deve collaborare alle ormali attività dello Stato i relazioe all ammotare di ricchezza di cui può disporre e che rappreseta la propria capacità cotributiva. tasse: soo tributi che il cittadio paga i quato usufruisce di u particolare beeficio, per cui al pagameto di ua tassa corrispode sempre la cotroprestazioe di u servizio (tassa scolastica, tassa di circolazioe automobilistica, ) Cotributi: importo che dovrebbe essere uguale alle spese sosteute dall Ete (c. di boifica, di miglioria ) Le imposte si suddividoo i dirette e idirette Imposte dirette colpiscoo la capacità cotributiva immediatamete al suo maifestarsi (reddito, patrimoio ecc.) IRPEF imp su reddito delle persoe fisiche IRPEG imposta sul reddito delle persoe giuridiche IRAP Imposte idirette colpiscoo la maifestazioe della capacità cotributiva IVA imposta sul valore aggiuto INVIM imposta sull icremeto di valore degli immobili Cotributi dovrebbero teer coto del beeficio diretto particolare e di quello geerale che ogi proprietario riceve dalle opere di boifica o dagli impiatoi di irrigazioe. Gli oeri sociali per ivalidità, vecchiaia, malattia ecc. devoo essere corrisposti agli Eti assisteziali e permettoo di beeficiare di ua serie di servizi sociali e saitari (ospedali, pesioe di ivalidità ) Tali

12 cotributi vegoo calcolati i base al di giorate lavorative prestate dal dichiarate e pag 12/20 moltiplicate per opportui coefficieti a secoda della posizioe professioale del cotribuete. PRODOTTO NETTO Le tre voci cosiderate ( Sv, Q, Tr ), per qualsiasi tipo di impresa rappresetao esborsi extraziedali reali e soo ioltre bei cosumati el processo produttivo che dovrao essere reitegrati co parte della produzioe otteuta. La produzioe o è duque tutta uova ricchezza creata i azieda. La uova ricchezza prodotta rappresetata dalla PLV al etto delle Spese varie, Quote e tributi, prede il ome di prodotto etto (PN) PN = PLV ( Sv + Q + Tr ) Dall equazioe geerale del bilacio PLV = Sv + Q + Bf + I + Sa + St +/- T il Prodotto Netto comprede quidi i compesi spettati ai fattori produttivi dell impresa e precisamete Bf, I, Sa, St, e +/- T. Il PN può essere defiito come la somma dei compesi spettati alle figure ecoomiche che partecipao al processo produttivo per le rispettive prestazioi i servizi o persoali. Il procedimeto per determiare il PN è esclusivamete DIFFERENZIALE. REDDITO NETTO Somma dei redditi spettati all impreditore cocreto per gli apporti che egli direttamete coferisce el processo produttivo i termii di capitale e lavoro oltre che al fattore impreditoriale. L impreditore puro iteso come colui che orgaizza i fattori della produzioe e si assume il rischio di impresa o esiste ella realtà, i quato oltre al fattore impreditoriale apporta, sempre i misura più o meo cospicua, altri fattori produttivi. Pertato egli percepirà oltre el toracoto, che gli compete i quato impreditore, ache altri redditi i relazioe alle prestazioi che coferisce el processo produttivo. Così ad esempio se coferisce il capitale di esercizio (agrario) e il lavoro, percepirà oltre el toracoto ache gli iteressi ed il salario e lo stipedio. I questo caso il suo reddito etto sarà formato da RN = PLV (Sv + Q + Tr + Bf ) Tale differeza comprede i compesi fattori detti, ma i u uico aggregato, la cui disaggregazioe richiede assuzioi di ipotesi ed attribuzioi di valori. Il RN a differeza del PN è a composizioe variabile i rapporto alle diverse combiazioi di impreditore cocreto.

13 pag 13/20 si riportao i RN dei tipi di impresa già idicati el paragrafo sull impresa: tipi di impresa RN impreditore Composizioe del RN proprietà coltivatrice PLV (Sv + Q + Tr ) Bf + I + Sa + St +/- T Affittaza coltivatrice PLV (Sv + Q + Tr + Bf) I + Sa + St +/- T Proprietà co salariati PLV (Sv + Q + Tr + Sa ) Bf + I + St +/- T Affittaza co salariati PLV (Sv + Q + Tr + Bf + Sa ) I + St +/- T Proprietà coltivatrice co salariati (mista) PLV (Sv + Q + Tr + parte Sa) Bf + I + parte Sa + St +/- T ripredeo l aalisi delle voci dell equazioe del bilacio rimagoo da cosiderare il Bf, gli I, il Sa e lo St oché il T che rappresetao il Prodotto Netto e quidi redditi dei diversi fattori produttivi aziedali. Soo voci esplicite solo se apportati da figure diverse dall impreditore e sarao quidi prezzi effettivamete pagati Beeficio fodiario (Bf) rappreseta il prezzo d uso del capitale fodiario: spetta al proprietario fodiario che partecipa alla produzioe cocededo l uso del fodo Formalmete la determiazioe è semplice: Bf = Vf * r dove Vf = valore del fodo; r = saggio di capitalizzazioe praticamete la scarsa mobilità del mercato fodiario e la coseguete larga ipoteticità dei valori fodiari redoo la coosceza degli stessi molto difficile. Lo stesso dicsi per il saggio di capitalizzazioe Per le aziede i affitto o comuque i zoe dove l affitto sia abbastaza diffuso la determiazioe del Bf può essere fatta dal caoe di affitto co la seguete formula: Bf = Ca ( Qr + Qa + Qm + Qs + Sv + Tr ) Ca = caoe di affitto; Qr, Qa, Qm, Qs = quote di reitegra, assicurazioe, mautezioe straordiaria, iesigibilità del fodo; Sv = pese di ammiistrazioe del capitale (stesura e registrazioe cotratto, spese di sorvegliaza ecc.); Tr = imposte sul capitale fodiario. U terzo metodo per la determiazioe del Bf è quello per differeza: PLV ( Sv + Q + Tr + I + Sa + St ) = Bf +/- T che prede il ome di Reddito fodiario (Rf) Co tale metodo il Bf risulta al lordo del profitto elemeto differeziale per eccelleza

14 I base al pricipio dell ordiarietà che viee applicato i estimo è possibile giugere alla determiazioe del solo Bf pag 14/20 Iteresse (I) E il prezzo d uso del capitale agrario (o di esercizio) costituito come detto dal cap di scorta e dal cap di aticipazioe. No è mai ua voce esplicità perché ella realtà l impreditore riassume i sé ache la figura del capitalista. Il capitale di scorta è formato all isieme dei bei ad utilità ripetuta impiegati come fattori produttivi. Si distiguoo le scorte vive (bestiame i allevameto) e le scorte morte (macchie e attrezzi ed i prodotti di scorta come i foraggi, lettimi ed altri prodotti tratteuti i azieda per essere reimpiegati o trasformati ei successivi cicli produttivi). Per la valutazioe del cap di scorta: macchie e attrezzi viee valutato sulla base del suo valore di acquisto; il bestiame si valuta i base al valore ad iizio ciclo produttivo (iizio ao), i prodotti di scorta si valutao cosiderado la dotazioe media aua al più probabile valore ad iizio ao. Gli iteressi poi si ottegoo da: I = Vo * r (valore del capitale di scorta per il saggio di iteresse commerciale) Il capitale di aticipazioe può essere defiito come la quota di daaro che l impreditore deve disporre all iizio del ciclo produttivo e che serve a far frote all acquisto di fattori produttivi prima dell otteimeto delle produzioi. Cosiderata la lughezza del ciclo produttivo i agricoltura questo capitale moetario può essere igete. Nella pratica gli iteressi sul capitale di aticipazioe si calcolao idividuado il capitale circolate aziedale e deducedo da questo, empiricamete, il cap di aticipazioe (parte di quello circolate) sul quale calcolare gli iteressi. Il cap circolate è dato da: cap circ = Sv + Q + Tr + Sa + St. Dal cap circolate attraverso u opportuo coefficiete che varia i relazioe all idirizzo produttivo dell azieda, ai rapporti tra proprietà, impresa e lavoro, si perviee al capitale di aticipazioe. Il coefficiete da applicare varia da 0,75 a 0,25. I valori più alti si adottao per aziede co ordiameti produttivi i cui ricavi avvegoo verso la fie del ciclo (ordiameto frutticolo, viticolo) metre i valori più bassi ei casi opposti (es. az zootecica per la produzioe di latte i cui i proveti della vedita del latte vegoo corrisposti mesilmete o bimestralmete e co questi si fa frote all acquisto dei f p.) Sul cap. di aticipazioe così calcolato si applica il saggio di iteresse commerciale per la determiazioe degli iteressi

15 pag 15/20 Salari e Stipedi ( Sa, St ) Lavoro è l isieme delle attività umae fisiche ed itellettuali applicate alla produzioe. Si distigue il lavoro mauale (Sa) ed il lavoro itellettuale (St). Cosiderado i rapporti tra impresa e lavoro possiamo distiguere il lavoro subordiato (o dipedete) quado il lavoratore e l impreditore soo due figure distite lavoro autoomo quado l impreditore è ache lavoratore. Il lavoro subordiato si differezia a sua volta a secoda delle masioi svolte e del grado di professioalità del prestatore d opera i: operai a tempo idetermiato operai a tempo determiato (salariati fissi) (salariati avvetizi) specializzati specializzati qualificati qualificati comui comui la determiazioe del salario o comporta problemi particolari trattadosi di voce esplicita difficoltà ivece si hao ella determiazioe del salario del lavoratore autoomo I agricoltura tale figura che assume le fuzioi di impreditore e spesso ache di proprietario del fodo viee idicata co il termie di coltivatore diretto. I realtà molto spesso si parla di famiglia coltivatrice, itededo l isieme del lavoro prestato da tutti i compoeti della famiglia del coltivatore poiché questo tipo di orgaizzazioe del lavoro rispecchia più da vicio la realtà del modo rurale 11. Per il calcolo di questa voce di bilaciasi può procedere i due modi: - metodo diretto che cosiste ell idividuare il umero di ore o giorate prestate dal lavoratore e ell attribuire a queste ua remuerazioe pari a quella sidacale prevista per aaloghe categorie di lavoratori dipedeti - metodo idiretto che cosiste ell isolare per differeza u aggregato deomiato reddito da lavoro (RL) RL = PLV (Sv + Q + Tr + Bf + I ) = Sa + St +/- T Lo stesso può essere fatto per il lavoro itellettuale (St) 11 Il D.D.L. 5/5/ defiisce coltivatore diretto colui che ha u azieda che per ampiezza è i grado di occupare oltre 1/3 della capacità lavorativa della famiglia del coltivatore. Tale defiizioe è ripresa e ribadita ache ella L del 1956.

16 pag 16/20 U metodo sbrigativo per il calcolo degli St è quello di esprimere tale voce di costo come quota parte della PLV, applicado percetuali comprese tra miimi del3% e massimi del 6%. Valori più alti per aziede co salariati più bassi per az. coltivatrici. Si giustifica la grossolaità del metodo co il fatto che ell attività agricola il lav itellettuale assorbe quote modeste del prodotto lordo per cui gli errori soo modesti. Toracoto o profitto (+/- T) rappreseta il compeso spettate all impreditore puro (astratto) che opera le scelte della produzioe orgaizzado le attività ecoomiche ed assumedosee il rischio. Il toracoto, elemeto esclusivamete differeziale, si ottiee dalla seguete equazioe: +/-T = PLV ( Sv + Q + Imp + Sa + St + I + Bf ) il toracoto può risultare positivo ed allora si parla di profitto di gestioe, oppure egativo, el qual caso si parla di perdita. Soo evideti le difficoltà di attribuzioe di valore alle voci di bilacio che redoo scarsamete attedibile la determiazioe del profitto per cui la sua determiazioe assume u sigificato essezialmete teorico. I codizioi di perfetta e libra cocorreza il T tede ad aullarsi perché prezzo e costo di produzioe i regime di perfetto equilibrio ecoomico si uguagliao. Nella realtà queste codizioi di equilibrio difficilmete si verificao esistedo, tra l altro, ostacoli ad u libero spostameto degli impreditori da u attività ad u altra.

17 pag 17/20 NOZIONI DI MATEMATICA FINANZIARIA L iteresse Si defiisce iteresse (I) il prezzo d uso di u capitale ( Co ) per esempio da ua somma depositata i baca il depositate ricava u beeficio che corrispode all iteresse corrispostogli dalla baca medesima. L uità di misura, detta saggio di iteresse ( r ), è quella prodotta dal capitale uitario di ua lira, durate u ao (365 giori) di applicazioe. Si idica co ua percetuale come ad esempio r = 5% ; r = 0,05. L uioe del capitale e dell iteresse maturato da il Motate ( M ). Quello uitario ( q ), pertato, deriva dalla somma di ua lira applicata per u ao e del suo iteresse (che i tal caso coicide co il saggio r ). Ad esempio, il Motate uitario relativo ad u saggio del 5% è uguale a 1,05. ripetedo i simboli visti si ha che: I = ieteresse Co = capitale iiziale r = saggio (ragioe) di iteresse M = ( Co + I ) = motate q = ( 1 + r ) t = tempo Le pricipali formule di calcolo riguardati l iteresse soo le segueti: I = Co * r * t (1) M = Co + Co * r * t = Co * ( 1 + r * t ); per t = 1 M = Co * q (2) Dalla prima si ricavao le formule iverse Co = I / r (3) r = I / Co (4) Dal puto di vista del calcolo fiaziario esistoo due tipi pricipali di iteresse: - quello semplice i cui alla fie di ogi periodo di applicazioe (di solito u ao) il capitale sul quale maturao gli iteressi è quello iiziale; - quello composto i cui il capitale da cosiderare è il motate otteuto. - Nella pratica estimativa si applica l iteresse semplice quado l impiego del capitale o supera l ao, il composto quado si supera.

18 pag 18/20 - Se il periodo cosiderato è iferiore all ao, se e dovrà teer coto co opportue frazioi (.giori / 365 ;.mesi / 12 ). - Per esempio, per calcolare il motate di u milioe applicato per 95 giori al saggio del 10%, si farà: M = * (1 + 0,10 * 95/365 ) = Per quato riguarda l iteresse composto la formula pricipale è quella del motate, calcolato per u periodo di ai. Si procede el seguete modo partedo dalla formula (2): C 1 = C 0 * q C 2 = (C 0 * q) * q = C 0 * q 2 C 3 = (C 0 *q 2 ) * q = C 0 * q 3 pertato : C = Co q Il coefficiete q della formula poichè cosete di cooscere il capitale alla fie dell applicazioe, viee detto «coefficiete di posticipazioe» (5) Co C si trova già calcolato sulle tavole fiaziarie. Dalla (5 ) si ricava la seguete q 1 Co = C (6) q dove il coefficiete 1/q che cosete di aticipare all attualità valori futuri, viee chiamato coefficiete di aticipazioe. Ach esso è tabulato elle tavole fiaziarie Co 1 q C Le aualità si defiiscoo aualità ( a ) quei valori periodici che si verificao co l itervallo di u ao. Per esempio il reddito globale auo di u lavoratore, il caoe d affitto pagato aualmete, la produzioe media di u frutteto espressa i moeta, ecc. Le aualità i rapporto al mometo i cui si verificao, alla loro durata ed etità, si classificao come segue:

19 pag 19/20 - limitate o illimitate (per idicare se hao o o termie el tempo); - costati o variabili ( per idicare se hao o o valori uguali fra loro) - aticipate o posticipate (per idicare se si verificao all iizio o alla fie dell ao). Aualità LIMITATE, costati, posticipate. Il calcolo della accumulazioe fiale ( A ) di. aualità, data dalla somma dei capitali periodici e dei loro iteressi maturati, si determia co la seguete formula: q 1 A = a * (8 ) r La formula (8) aticipata all attualità mediate il coefficiete di aticipazioe, cosete il calcolo dell accumulazioe iiziale (Ao): Ao = A * 1/q cioè: q 1 Ao = a * (9) rq dalla formula (8) si ricava che: r a = A (10) q 1 Questa formula diviee la quota di reitegrazioe quado è applicata ai capitali A a logorio parziale come macchie, impiati ecc.; valuta cioè quato si deve accatoare, ogi ao i maiera uguale, per reitegrare il capitale iiziale. Dalla formula (9) si ricava che: rq a = Ao (11) q 1 L aualità così calcolata diviee la quota di ammortameto per l estizioe di u debito, i rate costati egli ai. Passado alle aualità ILLIMITATE, costati e posticipate, si ha ua sola formula, quella dell accumulazioe iiziale: a Ao = (12) r Tale formula che deriva dalla (9) poedo = ifiito, è detta di capitalizzazioe e trova larga applicazioe i estimo, costituedo la base della stima aalitica per la ricerca del più probabile valore di mercato di u bee o

20 pag 20/20

USUFRUTTO. 5) Quali sono le spese a carico dell usufruttuario

USUFRUTTO. 5) Quali sono le spese a carico dell usufruttuario USUFRUTTO 1) Che cos è l sfrtto e come si pò costitire? L sfrtto è il diritto di godimeto ( ovvero di possesso) di bee altri a titolo gratito ; viee chiamato sfrttario chi esercita tale diritto, metre

Dettagli

DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE

DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE DI UN GRUPPO DI OSSERVAZIONI O DI ESPERIMENTI, SI PERVIENE A CERTE CONCLUSIONI, LA CUI VALIDITA PER UN COLLETTIVO Più AMPIO E ESPRESSA

Dettagli

La sicurezza sul lavoro: obblighi e responsabilità

La sicurezza sul lavoro: obblighi e responsabilità La sicurezza sul lavoro: obblighi e resposabilità Il Testo uico sulla sicurezza, Dlgs 81/08 è il pilastro della ormativa sulla sicurezza sul lavoro. I sostaza il Dlgs disciplia tutte le attività di tutti

Dettagli

IL CALCOLO COMBINATORIO

IL CALCOLO COMBINATORIO IL CALCOLO COMBINATORIO Calcolo combiatorio è il termie che deota tradizioalmete la braca della matematica che studia i modi per raggruppare e/o ordiare secodo date regole gli elemeti di u isieme fiito

Dettagli

8. Quale pesa di più?

8. Quale pesa di più? 8. Quale pesa di più? Negli ultimi ai hao suscitato particolare iteresse alcui problemi sulla pesatura di moete o di pallie. Il primo problema di questo tipo sembra proposto da Tartaglia el 1556. Da allora

Dettagli

PENSIONI INPDAP COME SI CALCOLANO

PENSIONI INPDAP COME SI CALCOLANO Mii biblioteca de Il Giorale Ipdap per rederci coto e sapere di piu Mii biblioteca de Il Giorale Ipdap per rederci coto e sapere di piu PENSIONI INPDAP COME SI CALCOLANO I tre sistemi I cique pilastri

Dettagli

Sintassi dello studio di funzione

Sintassi dello studio di funzione Sitassi dello studio di fuzioe Lavoriamo a perfezioare quato sapete siora. D ora iazi pretederò che i risultati che otteete li SCRIVIATE i forma corretta dal puto di vista grammaticale. N( x) Data la fuzioe:

Dettagli

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Defiire lo strumeto matematico ce cosete di studiare la cresceza e la decresceza di ua fuzioe Si comicia col defiire cosa vuol dire ce ua fuzioe è crescete. Defiizioe:

Dettagli

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE Esercizi di Fodameti di Iformatica 1 EQUAZIONI ALLE RICORRENZE 1.1. Metodo di ufoldig 1.1.1. Richiami di teoria Il metodo detto di ufoldig utilizza lo sviluppo dell equazioe alle ricorreze fio ad u certo

Dettagli

Capitolo 8 Le funzioni e le successioni

Capitolo 8 Le funzioni e le successioni Capitolo 8 Le fuzioi e le successioi Prof. A. Fasao Fuzioe, domiio e codomiio Defiizioe Si chiama fuzioe o applicazioe dall isieme A all isieme B ua relazioe che fa corrispodere ad ogi elemeto di A u solo

Dettagli

4. Metodo semiprobabilistico agli stati limite

4. Metodo semiprobabilistico agli stati limite 4. Metodo seiprobabilistico agli stati liite Tale etodo cosiste el verificare che le gradezze che ifluiscoo i seso positivo sulla, valutate i odo da avere ua piccolissia probabilità di o essere superate,

Dettagli

Soluzione La media aritmetica dei due numeri positivi a e b è data da M

Soluzione La media aritmetica dei due numeri positivi a e b è data da M Matematica per la uova maturità scietifica A. Berardo M. Pedoe 6 Questioario Quesito Se a e b soo umeri positivi assegati quale è la loro media aritmetica? Quale la media geometrica? Quale delle due è

Dettagli

CONCETTI BASE DI STATISTICA

CONCETTI BASE DI STATISTICA CONCETTI BASE DI STATISTICA DEFINIZIONI Probabilità U umero reale compreso tra 0 e, associato a u eveto casuale. Esso può essere correlato co la frequeza relativa o col grado di credibilità co cui u eveto

Dettagli

Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI

Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI SUCCESSIONI DI FUNZIONI I cocetti di successioe e di serie possoo essere estesi i modo molto aturale al caso delle fuzioi DEFINIZIONE Sia E u sottoisieme di  e, per ogi

Dettagli

I numeri complessi. Pagine tratte da Elementi della teoria delle funzioni olomorfe di una variabile complessa

I numeri complessi. Pagine tratte da Elementi della teoria delle funzioni olomorfe di una variabile complessa I umeri complessi Pagie tratte da Elemeti della teoria delle fuzioi olomorfe di ua variabile complessa di G. Vergara Caffarelli, P. Loreti, L. Giacomelli Dipartimeto di Metodi e Modelli Matematici per

Dettagli

Indagini sui coregoni del Lago Maggiore: Analisi sui pesci catturati nel 2010

Indagini sui coregoni del Lago Maggiore: Analisi sui pesci catturati nel 2010 Idagii sui coregoi del Lago Maggiore: Aalisi sui pesci catturati el 1 Rapporto commissioato dal Dipartimeto del territorio, Ufficio della caccia e della pesca, Via Stefao Frascii 17 51 Bellizoa Aprile

Dettagli

LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE

LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI Dipartimeto di Sieze Eoomihe Uiversità di Veroa VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE Lezioi di Matematia per

Dettagli

Il confronto tra DUE campioni indipendenti

Il confronto tra DUE campioni indipendenti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Cofroto tra due medie I questi casi siamo iteressati a cofrotare il valore medio di due camioi i cui i le osservazioi i u camioe soo

Dettagli

L OFFERTA DI LAVORO 1

L OFFERTA DI LAVORO 1 L OFFERTA DI LAVORO 1 La famiglia come foritrice di risorse OFFERTA DI LAVORO Notazioe utile: T : dotazioe di tempo (ore totali) : ore dedicate al tempo libero l=t- : ore dedicate al lavoro : cosumo di

Dettagli

Metodi statistici per l'analisi dei dati

Metodi statistici per l'analisi dei dati Metodi statistici per l aalisi dei dati due Motivazioi Obbiettivo: Cofrotare due diverse codizioi (ache defiiti ) per cui soo stati codotti gli esperimeti. Metodi tatistici per l Aalisi dei Dati due Esempio

Dettagli

Test non parametrici. sono uguali a quelle teoriche. (probabilità attesa), si calcola la. , cioè che le frequenze empiriche

Test non parametrici. sono uguali a quelle teoriche. (probabilità attesa), si calcola la. , cioè che le frequenze empiriche est o parametrici Il test di Studet per uo o per due campioi, il test F di Fisher per l'aalisi della variaza, la correlazioe, la regressioe, isieme ad altri test di statistica multivariata soo parte dei

Dettagli

1. MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ. 1 Alcune definizioni preliminari

1. MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ. 1 Alcune definizioni preliminari . MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ Alcue defiizioi prelimiari I sistemi vibrati possoo essere lieari o o lieari: el primo caso vale il pricipio di sovrapposizioe degli effetti el secodo o. I geerale

Dettagli

1 Metodo della massima verosimiglianza

1 Metodo della massima verosimiglianza Metodo della massima verosimigliaza Estraedo u campioe costituito da variabili casuali X i i.i.d. da ua popolazioe X co fuzioe di probabilità/desità f(x, θ), si costruisce la fuzioe di verosimigliaza che

Dettagli

SERIE NUMERICHE. (Cosimo De Mitri) 1. Definizione, esempi e primi risultati... pag. 1. 2. Criteri per serie a termini positivi... pag.

SERIE NUMERICHE. (Cosimo De Mitri) 1. Definizione, esempi e primi risultati... pag. 1. 2. Criteri per serie a termini positivi... pag. SERIE NUMERICHE (Cosimo De Mitri. Defiizioe, esempi e primi risultati... pag.. Criteri per serie a termii positivi... pag. 4 3. Covergeza assoluta e criteri per serie a termii di sego qualsiasi... pag.

Dettagli

Motori maxon DC e maxon EC Le cose più importanti

Motori maxon DC e maxon EC Le cose più importanti Motori maxo DC e maxo EC Il motore come trasformatore di eergia Il motore elettrico trasforma la poteza elettrica P el (tesioe U e correte I) i poteza meccaica P mech (velocità e coppia M). Le perdite

Dettagli

ESERCITAZIONE L adsorbimento su carbone attivo

ESERCITAZIONE L adsorbimento su carbone attivo ESERCITAZIONE adsorbimeto su carboe attivo ezioi di riferimeto: Processi basati sul trasferimeto di materia Adsorbimeto su carboi attivi Testi di riferimeto: Water treatmet priciples ad desi, WH Pricipi

Dettagli

Esame di Matematica 2 Mod.A (laurea in Matematica) prova di accertamento del 4 novembre 2005

Esame di Matematica 2 Mod.A (laurea in Matematica) prova di accertamento del 4 novembre 2005 Esame di Matematica 2 ModA (laurea i Matematica prova di accertameto del 4 ovembre 25 ESERCIZIO Si poga a 3 5 + 9 e b 2 4 6 + 6 ( (a Si determii d MCD(a, b e gli iteri m, Z tali che d ma + b co m < b ed

Dettagli

Supponiamo, ad esempio, di voler risolvere il seguente problema: in quanti modi quattro persone possono sedersi l una accanto all altra?

Supponiamo, ad esempio, di voler risolvere il seguente problema: in quanti modi quattro persone possono sedersi l una accanto all altra? CALCOLO COMBINATORIO 1.1 Necessità del calcolo combiatorio Accade spesso di dover risolvere problemi dall'appareza molto semplice, ma che richiedoo calcoli lughi e oiosi per riuscire a trovare delle coclusioi

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA

MATEMATICA FINANZIARIA Capializzazioe semplice e composa MATEMATICA FINANZIARIA Immagiiamo di impiegare 4500 per ai i ua operazioe fiaziaria che frua u asso del, % auo. Quao avremo realizzao alla fie dell operazioe? I u coeso

Dettagli

Sistemi LTI descrivibile mediante SDE (Equazioni alle Differenze Standard)

Sistemi LTI descrivibile mediante SDE (Equazioni alle Differenze Standard) Sistemi LTI descrivibile mediate SDE (Equazioi alle Differeze Stadard) Nella classe dei sistemi LTI ua sottoclasse è quella dei sistemi defiiti da Equazioi Stadard alle Differeze Fiite (SDE), dette così

Dettagli

3.4 Tecniche per valutare uno stimatore

3.4 Tecniche per valutare uno stimatore 3.4 Teciche per valutare uo stimatore 3.4. Il liguaggio delle decisioi statistiche, stimatori corretti e stimatori cosisteti La teoria delle decisioi forisce u liguaggio appropriato per discutere sulla

Dettagli

ESERCIZI DI ANALISI I. Prof. Nicola Fusco 1. Determinare l insieme in cui sono definite le seguenti funzioni:

ESERCIZI DI ANALISI I. Prof. Nicola Fusco 1. Determinare l insieme in cui sono definite le seguenti funzioni: N. Fusco ESERCIZI DI ANALISI I Prof. Nicola Fusco Determiare l isieme i cui soo defiite le segueti fuzioi: ) log/ arctg π ) 4 ) log π 6 arcse ) ) tg log π + ) 4) 4 se se se tg 5) se cos tg 6) [ 6 + 8 π

Dettagli

INTRODUZIONE ALLE SUCCESSIONI E SERIE: ALCUNI ESEMPI NOTEVOLI

INTRODUZIONE ALLE SUCCESSIONI E SERIE: ALCUNI ESEMPI NOTEVOLI INTRODUZIONE ALLE SUCCESSIONI E SERIE: ALCUNI ESEMPI NOTEVOLI Mirta Debbia LS A. F. Formiggii di Sassuolo (MO) - debbia.m@libero.it Maria Cecilia Zoboli - LS A. F. Formiggii di Sassuolo (MO) - cherubii8@libero.it

Dettagli

( ) ( ) ( ) ( ) ( ) CAPITOLO VII DERIVATE. (3) D ( x ) = 1 derivata di un monomio con a 0

( ) ( ) ( ) ( ) ( ) CAPITOLO VII DERIVATE. (3) D ( x ) = 1 derivata di un monomio con a 0 CAPITOLO VII DERIVATE. GENERALITÀ Defiizioe.) La derivata è u operatore che ad ua fuzioe f associa u altra fuzioe e che obbedisce alle segueti regole: () D a a a 0 0 0 derivata di u moomio D 6 D 0 D ()

Dettagli

Comportamento delle strutture in C.A. in Zona Sismica

Comportamento delle strutture in C.A. in Zona Sismica Comportameto delle strutture i c.a. i zoa sismica Pagia i/161 Comportameto delle strutture i C.A. i Zoa Sismica Prof. Paolo Riva Dipartimeto di Progettazioe e ecologie Facoltà di Igegeria Uiversità di

Dettagli

8) Sia Dato un mazzo di 40 carte. Supponiamo che esso sia mescolato in modo

8) Sia Dato un mazzo di 40 carte. Supponiamo che esso sia mescolato in modo ESERCIZI DI CALCOLO DELLE PROBABILITÁ ) Qual e la probabilita che laciado dadi a facce o esca essu? Studiare il comportameto asitotico di tale probabilita per grade. ) I u sacchetto vi soo 0 pallie biache;

Dettagli

Valutazione delle prestazioni termiche di sistemi con solai termoattivi in regime non stazionario

Valutazione delle prestazioni termiche di sistemi con solai termoattivi in regime non stazionario Valutazioe delle prestazioi termiche di sistemi co solai termoattivi i regime o stazioario MICHELE DE CARLI, Ph.D., Ricercatore, Dipartimeto di Fisica Tecica, Uiversità degli Studi di Padova, Padova, Italia.

Dettagli

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI . L'INSIEME DEI NUMERI REALI. I pricipli isiemi di umeri Ripredimo i pricipli isiemi umerici N, l'isieme dei umeri turli 0; ; ; ; ;... L'ide ituitiv di umero turle è ssocit l prolem di cotre e ordire gli

Dettagli

Appunti di Statistica Matematica Inferenza Statistica Multivariata Anno Accademico 2014/15

Appunti di Statistica Matematica Inferenza Statistica Multivariata Anno Accademico 2014/15 Apputi di Statistica Matematica Ifereza Statistica Multivariata Ao Accademico 014/15 November 19, 014 1 Campioi e modelli statistici Siao Ω, A, P uo spazio di probabilità e X = X 1,..., X u vettore aleatorio

Dettagli

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti Gorgo Lambert Pag. Dmostrazoe della Formula per la determazoe del umero d dvsor-test d prmaltà, d Gorgo Lambert Eugeo Amtrao aveva proposto l'dea d ua formula per calcolare l umero d dvsor d u umero, da

Dettagli

Esercizi Le leggi dei gas. Lo stato gassoso

Esercizi Le leggi dei gas. Lo stato gassoso Esercizi Le lei dei as Lo stato assoso Ua certa quatità di as cloro, alla pressioe di,5 atm, occupa il volume di 0,58 litri. Calcola il volume occupato dal as se la pressioe viee portata a,0 atm e se la

Dettagli

Verifica d Ipotesi. Se invece che chiederci quale è il valore di una media in una popolazione (stima. o falsa? o falsa?

Verifica d Ipotesi. Se invece che chiederci quale è il valore di una media in una popolazione (stima. o falsa? o falsa? Verifica d Iotesi Se ivece che chiederci quale è il valore ua mea i ua oolazioe (stima utuale Se ivece e itervallo che chiederci cofideza) quale è il avessimo valore u idea ua mea su quello i ua che oolazioe

Dettagli

Sommario lezioni di Probabilità versione abbreviata

Sommario lezioni di Probabilità versione abbreviata Sommario lezioi di Probabilità versioe abbreviata C. Frachetti April 28, 2006 1 Lo spazio di probabilità. 1.1 Prime defiizioi I possibili risultati di u esperimeto costituiscoo lo spazio dei campioi o

Dettagli

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi.

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi. Iroduzioe () Ua defiizioe (geerale) del ermie qualià: qualià è l isieme delle caraerisiche di u eià (bee o servizio) che e deermiao la capacià di soddisfare le esigeze espresse ed implicie di chi la uilizza.

Dettagli

Dall atomo di Bohr alla costante di struttura fine

Dall atomo di Bohr alla costante di struttura fine Dall atomo di Bohr alla ostate di struttura fie. INFORMAZIONI SPETTROSCOPICHE SUGLI ATOMI E be oto he ogi sostaza opportuamete eitata emette radiazioi elettromagetihe. Co uo spettrosopio, o strumeti aaloghi,

Dettagli

l = 0, 1, 2, 3,,, n-1n m = 0, ±1,

l = 0, 1, 2, 3,,, n-1n m = 0, ±1, NUMERI QUANTICI Le autofuzioi soo caratterizzate da tre parametri chiamati NUMERI QUANTICI e soo completamete defiite dai loro valori: : umero quatico pricipale l : umero quatico secodario m : umero quatico

Dettagli

DOMINI DI CURVATURA DI SEZIONI IN C.A. IN PRESSOFLESSIONE DEVIATA. PARTE II: VALUTAZIONE SEMPLIFICATA

DOMINI DI CURVATURA DI SEZIONI IN C.A. IN PRESSOFLESSIONE DEVIATA. PARTE II: VALUTAZIONE SEMPLIFICATA Valutazioe e riduzioe della vulerailità sismia di ediii esisteti i.a. Roma, 9-0 maggio 00 DOMINI DI CURVATURA DI SEZIONI IN C.A. IN PRESSOFLESSIONE DEVIATA. PARTE II: VALUTAZIONE SEMPLIFICATA Di Ludovio

Dettagli

Metodi d integrazione di Montecarlo

Metodi d integrazione di Montecarlo Metodi d itegrzioe di Motecrlo Simulzioe l termie simulzioe ell su ccezioe scietific h u sigificto diverso dll ccezioe correte. Nell uso ordirio è sioimo si fizioe; ell uso scietifico è sioimo di imitzioe,

Dettagli

AcidSoft. Le nostre soluzioni. Innovazione

AcidSoft. Le nostre soluzioni. Innovazione AiSoft AiSoft ase alla passioe per l'iformatio teology e si oretizza i ua realtà impreitoriale, ua perfetta reazioe imia tra ooseza teia e reatività per realizzare progetti i grae iovazioe. Le ostre soluzioi

Dettagli

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici Stm e putual Probabltà e Statstca I - a.a. 04/05 - Stmator Vocabolaro Popolazoe: u seme d oggett sul quale s desdera avere Iformazo. Parametro: ua caratterstca umerca della popolazoe. E u Numero fssato,

Dettagli

3M Prodotti per la protezione al fuoco. Building & Commercial Services

3M Prodotti per la protezione al fuoco. Building & Commercial Services 3M Prodotti per la protezioe al fuoco Buildig & Commercial Services Idice Sviluppi e treds...4-5 3M e le soluzioi aticedio...6-7 Dispositivi di attraversameto...8-19 Giuti di costruzioe...20-21 Sistemi

Dettagli

ESTIMO GENERALE. 1) Che cos è l estimo?

ESTIMO GENERALE. 1) Che cos è l estimo? ESTIMO GENERALE 1) Che cos è l estimo? L estimo è una disciplina che ha la finalità di fornire gli strumenti metodologici per la valutazione di beni economici, privati o pubblici. Stimare infatti significa

Dettagli

Le operazioni fondamentali in N Basic Arithmetic Operations in N

Le operazioni fondamentali in N Basic Arithmetic Operations in N Operzioi fodetli i - 1 Le operzioi fodetli i Bsic Arithetic Opertios i I geerle u operzioe è u procedieto che due o più ueri, dti i u certo ordie e detti terii dell'operzioe, e ssoci u ltro, detto risultto

Dettagli

Tavola 1 - Popolazione italiana residente alle date dei censimenti generali, riportata ai confini attuali - Anni 1861-2001 (migliaia di unità)

Tavola 1 - Popolazione italiana residente alle date dei censimenti generali, riportata ai confini attuali - Anni 1861-2001 (migliaia di unità) 4 Quai eravamo, quai siamo, quai saremo Che cosa si impara el capiolo 4 er cooscere le caraerisiche e l evoluzioe della popolazioe ialiaa araverso u lugo arco di empo uilizziamo il asso di icremeo medio

Dettagli

Interpolazione. Davide Manca Calcoli di Processo dell Ingegneria Chimica Politecnico di Milano

Interpolazione. Davide Manca Calcoli di Processo dell Ingegneria Chimica Politecnico di Milano L4 Iterpolazioe L4 Prologo Co iterpolazioe si itede il processo di idividuare ua fuzioe, spesso u poliomio, che passi per u isieme dato di puti: (x,y). y x L4 2 Fii dell iterpolazioe 1. Sostituire u isieme

Dettagli

Indici di Posizione. Gli indici si posizione sono misure sintetiche ( valori caratteristici ) che descrivono la tendenza centrale di un fenomeno

Indici di Posizione. Gli indici si posizione sono misure sintetiche ( valori caratteristici ) che descrivono la tendenza centrale di un fenomeno Idc d Poszoe Gl dc s poszoe soo msure stetche ( valor caratterstc ) che descrvoo la tedeza cetrale d u feomeo La tedeza cetrale è, prma approssmazoe, la modaltà della varable verso la quale cas tedoo a

Dettagli

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI statistica, Università Cattaneo-Liuc, AA 006-007, lezione del 08.05.07 IDICE (lezione 08.05.07 PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIAZA DELLE QUATITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIOE CO I DATI OSSERVATI 3.1 Valore

Dettagli

unoperatore@nellospaziodihilberth e sia z un numero complesso tale che z1-a,da==)rr_néh - 0 impli-chi l:= -1 (21-A) : R- n ==) Dn L- \

unoperatore@nellospaziodihilberth e sia z un numero complesso tale che z1-a,da==)rr_néh - 0 impli-chi l:= -1 (21-A) : R- n ==) Dn L- \ 3,6 56 3,6 TEOR I A SPETTRALE La teoria spettrale degli operatori lieari- eo spazio di Hilbert é f odata, coe per gi spazi f i-ito-dimes ioal j-, sula defiizioe di- risolvete di u operatole' Sia (A,DA)

Dettagli

I radicali 1. Claudio CANCELLI (www.claudiocancelli.it)

I radicali 1. Claudio CANCELLI (www.claudiocancelli.it) I rdicli Cludio CANCELLI (www.cludioccelli.it) Ed..0 www.cludioccelli.it Dec. 0 I rdicli INDICE DEI CONTENUTI. I RADICALI... INDICE DI RADICE PARI...4 INDICE DI RADICE DISPARI...5 RADICALI SIMILI...6 PROPRIETA

Dettagli

APPROFONDIMENTI SUI NUMERI

APPROFONDIMENTI SUI NUMERI APPROFONDIMENTI SUI NUMERI. Il sistem di umerzioe deimle Be presto, ll operzioe turle del otre, si è ggiut l esigez di «rppresetre» i umeri. I sistemi di umerzioe possiili soo molti; per or i limitimo

Dettagli

ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA

ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA Quado s vuole valutare u parametro θ ad esempo: meda, varaza, proporzoe, oeffete d regressoe leare, oeffete d orrelazoe leare, e) d ua popolazoe medate u ampoe asuale,

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

FONDAMENTI DI MECCANICA APPLICATA ALLE MACCHINE

FONDAMENTI DI MECCANICA APPLICATA ALLE MACCHINE DISPENSE DI: FONDAMENTI DI MECCANICA APPLICATA ALLE MACCHINE Testo di riferieto E. Fuaioli ed altri Meccaica applicata alle acchie vol. e - Ed. Patro BOZZA Idice. INTRODUZIONE ALLA MECCANICA APPLICATA

Dettagli

per lo Spettacolo masp CANDIDATI 2014 MASP X Sotto l Alto Patronato del Presidente della Repubblica

per lo Spettacolo masp CANDIDATI 2014 MASP X Sotto l Alto Patronato del Presidente della Repubblica Milao Italy Master i Maagemet per lo Spettacolo masp CANDIDATI 2014 MASP X Sotto l Alto Patroato del Presidete della Repubblica Lettera del Direttore Il Maestro Bertolt Brecht diceva che lo spettacolo

Dettagli

Benvenuti in Ontario. Guida ai programmi e ai servizi per i nuovi arrivati in Ontario

Benvenuti in Ontario. Guida ai programmi e ai servizi per i nuovi arrivati in Ontario Beveuti i Otario Guida ai programmi e ai servizi per i uovi arrivati i Otario Idice Vivere i Otario........................................... 2 Come otteere l aiuto di cui avete bisogo.....................................

Dettagli

Analisi dei segnali nel dominio del tempo

Analisi dei segnali nel dominio del tempo Appui di Teoria dei Segali a.a. / Aalisi dei segali el domiio del empo L.Verdoliva I quesa prima pare del corso sudieremo come rappreseare i segali empo coiuo e discreo el domiio del empo e defiiremo le

Dettagli

ATTIVATORE STABILIZZATO PER BOBINE DI SGANCIO A LANCIO DI CORRENTE.

ATTIVATORE STABILIZZATO PER BOBINE DI SGANCIO A LANCIO DI CORRENTE. Compatibilità totale con ogni apparato. Si usa con pulsanti normalmente chiusi. ella linea dei pulsanti c'è il 24Vcc. Insensibile alle interruzioni di rete. Insensibile agli sbalzi di tensione. Realizzazione

Dettagli

ARGOMENTO: MISURA DELLA RESISTENZA ELETTRICA CON IL METODO VOLT-AMPEROMETRICO.

ARGOMENTO: MISURA DELLA RESISTENZA ELETTRICA CON IL METODO VOLT-AMPEROMETRICO. elazoe d laboratoro d Fsca corso M-Z Laboratoro d Fsca del Dpartmeto d Fsca e Astrooma dell Uverstà degl Stud d Cataa. Scala Stefaa. AGOMENTO: MSUA DELLA ESSTENZA ELETTCA CON L METODO OLT-AMPEOMETCO. NTODUZONE:

Dettagli

La necessità di trasmettere potenza tra organi in moto rotatorio è un problema frequentissimo e di grande importanza nell ingegneria.

La necessità di trasmettere potenza tra organi in moto rotatorio è un problema frequentissimo e di grande importanza nell ingegneria. La ecessità di tasmettee poteza ta ogai i moto otatoio è u poblema fequetissimo e di gade impotaza ell igegeia. Gli assi di otazioe ta i quali deve essee tasmesso il moto possoo essee paalleli I questo

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

LE INCERTEZZE E LA LORO PROPAGAZIONE NELLE MISURE INDIRETTE

LE INCERTEZZE E LA LORO PROPAGAZIONE NELLE MISURE INDIRETTE LE INCERTEZZE E LA LORO PROPAGAZIONE NELLE MISURE INDIRETTE Pof. Agelo Ageletti -.s. 006/007 1) COME SI SCRIVE IL RISULTATO DI UNA MISURA Il modo miglioe pe espimee il isultto di u misu è quello di de,

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Aliquota ordinaria rurali LE ALIQUOTE Aliquota ordinaria I casa Aliquota ordinaria altri 2 per mille 4 per

Dettagli

aleatoria; se è nota la sua densità di probabilità ad essa si può associare una valore medio statistico. La grandezza così definita: (III.1.

aleatoria; se è nota la sua densità di probabilità ad essa si può associare una valore medio statistico. La grandezza così definita: (III.1. Caitolo III VALORI MEDI. SAZIONARIEÀ ED ERGODICIÀ III. - Mdi tatitich dl rimo ordi. Sia f( ) ua fuzio cotiua i aoci al gal alatorio (, t ζ ) la uatità dfiita dalla y f[(, t ζ )]. Ea idividua, a ua volta,

Dettagli

Tabella A - Coltivazione ore standard/ettaro/anno. Cereali, oleaginose, favino (escluso mais) 25 +10% +20%

Tabella A - Coltivazione ore standard/ettaro/anno. Cereali, oleaginose, favino (escluso mais) 25 +10% +20% Allegato A PARTE I Determinazione delle ore lavoro per realizzare la condizione di principalità di cui all'articolo 6, comma 3, lettera a) della l.r.30/2003. (42) 1. PREMESSA L imprenditore agricolo che

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale Lezione 8 Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale L AZIENDA SVOLGE UN PROCESSO DI TRASFORMAZIONE RISORSE PROCESSO DI PRODOTTI E SERVIZI TRASFORMAZIONE Valore di mercato delle risorse impiegate

Dettagli

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 ROMA SOLIDALE ONLUS Codice fiscale 08060901009 Partita iva 09559981007 BORGO PIO 10-00193 ROMA RM Numero R.E.A. 1176430 Fondo di dotazione Euro 350.000 Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C.

Dettagli

CARATTERISTICHE GENERALI / GENERAL FEATURES

CARATTERISTICHE GENERALI / GENERAL FEATURES OPZIONI» otori i versioe flagia;» Coessioi laterali o posteriori;» Albero: cilidrico o scaalato;» Coessioi metriche o BSPP;» Altre caratteristiche speciali OPTIONS» Flage mout;» Side ad rear ports;» Shafts-

Dettagli

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi?

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Delle molte definizioni che sono state date, quella del «diritto della produzione agricola» o «diritto dell agricoltura»

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

LE ATTIVITA AGRICOLE CONNESSE: DEFINIZIONE, REGOLE E CONCETTI

LE ATTIVITA AGRICOLE CONNESSE: DEFINIZIONE, REGOLE E CONCETTI Forlì, 5 luglio 2013 Prot. n. 115/2013 LE ATTIVITA AGRICOLE CONNESSE: DEFINIZIONE, REGOLE E CONCETTI Continuano a pervenire al nostro ufficio studi, numerose richieste di chiarimenti sulla gestione fiscale

Dettagli

1 Introduzione. 2 Concetti e terminologia relativi all ammortamento. AMMORTAMENTO E IMPOSTE SUI REDDITI - generalità

1 Introduzione. 2 Concetti e terminologia relativi all ammortamento. AMMORTAMENTO E IMPOSTE SUI REDDITI - generalità AMMORTAMENTO E IMPOSTE SUI REDDITI - generalità 1 Introduzione La riscossione delle imposte è un attività che risale ai tempi antichi. Richiami al pagamento delle imposte si trovano anche nell Antico Testamento.

Dettagli

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria IMU - che cos'è L IMU si continua a pagare sulle case di lusso (categorie A/1, A/8 e A/9), sulle seconde case e su tutti gli altri immobili (ad esempio laboratori, negozi, capannoni, box non di pertinenza

Dettagli

STUDIO DI SETTORE TM43U ATTIVITÀ 52.46.4 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO

STUDIO DI SETTORE TM43U ATTIVITÀ 52.46.4 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO STUDIO DI SETTORE TM43U ATTIVITÀ 52.46.4 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO Ottobre 2006 PREMESSA L evoluzione dello Studio di Settore SM43U

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

FAQ: Condizionalità. Cosa si intende per condizionalità?

FAQ: Condizionalità. Cosa si intende per condizionalità? FAQ: Condizionalità Cosa si intende per condizionalità? La condizionalità è una delle maggiori novità introdotte dalla Politica Agricola Comune (PAC) approvata nel 2003. Rappresenta l insieme delle norme

Dettagli

RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013. Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO. Curatore Dott.

RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013. Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO. Curatore Dott. RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013 Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO Curatore Dott.ssa Elena MOGNONI Facciamo seguito all incarico conferitoci dalla Dott.ssa Elena MOGNONI

Dettagli

CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE

CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE Società immobiliari CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE Ai sensi dell art. 2249 c.c., le società che hanno

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

SOMMARIO. I Motori in Corrente Continua

SOMMARIO. I Motori in Corrente Continua SOMMARIO Gralità sull Macchi i Corrt Cotiua...2 quazio dlla forza lttromotric...2 Circuito quivalt...2 Carattristica di ccitazio...3 quazio dlla vlocità...3 quazio dlla Coppia rsa all'albro motor:...3

Dettagli

Tabelle retributive CASE DI CURA TABELLE RETRIBUTIVE DI ALCUNI CCNL

Tabelle retributive CASE DI CURA TABELLE RETRIBUTIVE DI ALCUNI CCNL TABELLE RETRIBUTIVE DI ALCUNI CCNL Tabelle retributive Una volta trovato il salario lordo, per calcolare il netto vedere IN FONDO Casa di cura Commercio Edilizia Metalmeccanica Pulizie Telecomunicazioni

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal. 1 gennaio 2014

Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal. 1 gennaio 2014 Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale Entrate Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal 1 gennaio 2014 A cura di Leonardo Pascarella Aggiornamento DICEMBRE 2014 Responsabile:

Dettagli

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio.

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio. IL BILANCIO DELLE IMPRESE Le imprese sono aziende che hanno come fine il profitto. Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell

Dettagli