Serie di Fourier: proprietà e applicazioni. Claudio Magno. Revisione set CM_Portable MATH Notebook Series

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Serie di Fourier: proprietà e applicazioni. Claudio Magno. Revisione set. 2015. www.cm-physmath.net. CM_Portable MATH Notebook Series"

Transcript

1 Serie di Fourier: rorietà e alicazioi - Revisioe set 5 Serie di Fourier: rorietà e alicazioi Claudio ago wwwcm-hysmathet C_Portable ATH Notebook Series

2 Serie di Fourier: rorietà e alicazioi - Jea Batiste Joseh Fourier (768-83

3 Serie di Fourier: rorietà e alicazioi - Itegrazioi relimiari Gli Itegrali di Werer (JOHANN, Si calcolio gli itegrali segueti, co { α, β } R { α, β } {, } : K : = cosαx cos βxdx La formula di Werer cosθ cosϕ ( / ( cos ( θ ϕ cos ( θ ϕ, co θ ± ϕ, dà K = ( / cos (( α β x dx ( / cos (( α β x dx si( α β x si ( α β x = C ( ( α β ( α β Ivece, se α β, si trova che ( K = ( cosαx dx = ( / ( cos ( αx dx = ( / dx cos ( αx dx x si( αx C = = x siαx cosαx C α ; ( α S : = siαx si βxdx La formula di Werer siθ siϕ ( / ( cos ( θ ϕ cos ( θ ϕ, co θ ± ϕ, dà S = ( / cos (( α β x dx ( / cos (( α β x dx si( α β x si ( α β x = C ( ( α β ( α β Ivece, se α β, si trova che ( S = ( siαx dx = ( / ( cos ( αx dx = ( / dx cos ( αx dx si ( αx x C = = x siαx cosαx C α ; ( α 3 : = cosαx si βxdx La formula di Werer cosθ siϕ ( / ( si ( θ ϕ si ( θ ϕ, co θ ± ϕ, dà = ( / si (( α β x dx ( / si(( α β x dx cos ( α β x cos ( α β x = C (3 ( α β ( α β Ivece, se α β, si trova che

4 Serie di Fourier: rorietà e alicazioi - 3 cos ( αx = siαx cosαxdx = ( / si( αx dx = C 4α cos ( αx ( siαx ( siαx C = C C (3 α α 4α α Osservazioe Dai risultati recedeti, si calcolao certi itegrali defiiti, frequeti elle alicazioi delle Serie di Fourier: 4 / ω ω K : = cos t cos ωtdt, co {, } Z {, } {, } ( Posto x : = ωt, si geera la trasformazioe ( e (, risettivamete, si ha / ω ( dt ( / ω dx dell oeratore itegrale Quidi, dalle Eq, se, = ( / ω K cosx cosxdx = = (4 / ω, se ; 5 / ω si ωt si S : = ( ( ωt dt, co {, } Z Si rocede come er il calcolo di K otteedo, dalle Eq ( e (, risettivamete,, se, S = (5 / ω, se ; 6 / ω cos ωt si = ( ( ωt dt, {, } Z Co u calcolo aalogo a quello er K e er S, risulta, da etrambe le Eq (3 e (3, (6 ( Nel testo, soo usati i simboli sitetici Z Z { }, R R \{ }, etc

5 Serie di Fourier: rorietà e alicazioi - 4 Richiamo sull itegrazioe delle fuzioi P-eriodiche È defiita fuzioe P-eriodica ( P R i R ogi alicazioe f del tio Se f è P-eriodica i R, segue che, f : x f ( x f ( x P x P x R, P f ( x dx = f ( x dx (7 x Ifatti, er l additività dell oeratore itegrale vs l itervallo di itegrazioe, si uò scrivere P x P P x f ( x dx f ( x dx f ( x dx f ( x dx x x P x P x = f ( x dx f ( x dx f ( x P dx x = f ( x dx I articolare, quado x P/, risulta che P x f ( x dx f ( x dx, q e d P / f ( x dx = f ( x dx (7 P / Ioltre, se f è ari \ disari, allora, risettivamete, si ha P / P f ( x dx = f ( x dx P / P P / f ( x dx, (7

6 Serie di Fourier: rorietà e alicazioi Periodi dei modi armoici elemetari e riduzioi a forma armoica Deve risultare, {, k } Z ω R, cos ( ω ( t P ϕ = cos (( ωt ϕ ωp, cos ( ωt ϕ = cos (( ωt ϕ k, da cui, si deduce che ωp k, mod La scelta miima k = defiisce il arametro P : = = /( ω, (8 detto il eriodo del modo armoico -simo (o della fuzioe armoica -sima Per =, si ottiee il eriodo del modo (armoico fodametale, : = = / ω (8 Il arametro ω : = ω è la frequeza agolare del modo (armoico -simo, essedo ω ω la frequeza agolare del modo (armoico fodametale L agolo ϕ rareseta la fase iiziale (del modo armoico -simo Il rocedimeto e la coclusioe riferiti alla fuzioe armoica x si ( ωt ϕ soo idetici Ora, la combiazioe lieare di modi armoici u ( t : = a cos ( ωt ϕ b si( ωt ϕ, (9 co Z ω ω ω /, è suscettibile della riduzioe seguete: avedo defiito C u ( t C (( a / C cos ( ωt ϕ ( a / C si( ωt ϕ, / : = ( a b Poiché si uò orre a / C, b / C e ( a / C ( b / C =, cosθ : = a / C, siθ : = b / C (9 Quidi, u ( t C ( cosθ cos ( ωt ϕ siθ si ( ωt ϕ = C cos ( ωt ϕ θ, ie, u ( t C cos ( ωt δ, (9 dove, θ = ta ( b / a ( /, /, Z, e δ : = ϕ θ ϕ ta ( b / a Alterativamete, defiedo η : = δ / ϕ ta ( b / a / ϕ cot ( b / a, l Eq (9 muta ella riduzioe armoica u ( t = C si ( ωt η (93

7 Serie di Fourier: rorietà e alicazioi - 6 Problema Sia { a, b} R \{ } { /, / } Q, co,, rimi tra loro ; { δ, η } R I termii dei arametri assegati a, b,,,,, δ, η, si determii il eriodo fodametale (o miore della fuzioe Soluzioe f : x a cos (( / x δ b si (( / x η f ( x Poiché vs la coia di eriodi aroriati e valgoo le idetità goiometriche cos (( / x δ cos (( / x δ, cos (( / ( x δ = cos (( / x δ ( /, ( si(( / x η cos ( / (( / x η = cos ((( / x η /, (cos è ua fuzioe ari cos ((( / x η /, vs l ultimo membro recedete, cos (( / ( x η / = cos ((( / x η / ( /, ( allora, devoo sussistere le uguagliaze simultaee ( / =, cfr le Eq (, ( / =, cfr le Eq (, dalle quali, si ottegoo i eriodi = ( /, = ( / ( Il raorto tra e è il umero razioale : = / = /( Se i umeri iteri ( e ( soo rimi tra loro, allora, il eriodo fodametale di f è esresso da = ( ( = Z (3 Ivece, se i umeri iteri ( e ( o soo rimi tra loro, sia k : = CD{(, ( } Poiché si ha co { m, r } = km = kr, Z, segue che m e r soo rimi tra loro Allora, il eriodo fodametale di f risulta m r = m = r = Q (3 Osservazioi I valori risettivi di a, b, δ e η soo iiflueti su I arametri a e b modulao uicamete la variazioe del valore f ( x ma o e determiao la eriodicità Questa diede solo dai umeri (iteri,,, Il eriodo fodametale di ua fuzioe combiazioe lieare fiita del tio x a cos (( / x δ b si(( / x η j j, j, j j k k, k, k k uò essere otteuto iterativamete dai risultati (3 e (3 recedeti

8 Serie di Fourier: rorietà e alicazioi - 7 Raresetazioi della Serie di Fourier ateedo le varie defiizioi recedeti, si associa la Serie di Fourier ( F-serie ertiete alla fuzioe t f ( t, -eriodica ( / ω e limitata, co la corrisodeza f ( t C u ( t S F ( t (5 = C ( a cos ( ωt ϕ b si ( ωt ϕ, (5 = forma armoica ordiaria, C C cos ( ωt δ, (5 = a forma armoica cotratta (v Eq (9, C C si( ωt η, (53 = a forma armoica cotratta (v Eq (93, dove, C : = a / metre S F è la fuzioe, se esiste, geerata utualmete dalla F-serie Ifatti, la corrisodeza formale (5 a f della F-serie, co i coefficieti a j e b j calcolati i modo rescritto, o imlica che la F-serie sia covergete é, se lo è, che la sua somma sia f Codizioi di covergeza della Serie di Fourier Il teorema seguete esrime u criterio sufficiete er la covergeza utuale della F-serie: Teorema (di Dirichlet, formulazioe ristretta La fuzioe -eriodica e limitata t f ( t sia ache regolare a tratti i R, ie, t R, f C (( t, t, trae, al iù, che i corrisodeza di u umero fiito di uti t j di discotiuità o elimiabile o di º tio ( f ( t f ( t, j, f cotiua a tratti; f ( t i ( t, t, trae, al iù, che i corrisodeza di u umero fiito di uti t k, tali che, erò, f ( t f ( t, k ( f derivabile a tratti f cotiua a tratti Allora, la F-serie coverge a f ( t i media, k k t j R, ie, j f ( t S ( t ( / ( f ( t f ( t (6 I articolare, se f è cotiua ell isieme Ω R, vale l uguagliaza F a f ( t SF ( t = ( a cos ( ωt ϕ b si( ωt ϕ = (6 (si dice: f è F-esadibile i Ω La F-serie coverge uiformemete a f se Ω è comatto Nella forma (5, la F-serie coverge i R se coesistoo le codizioi

9 Serie di Fourier: rorietà e alicazioi - 8 Esse imlicao, = = a < (7 b <, che u ( t a b Quidi, la F-serie risulta o solo assolutamete ma ache uiformemete covergete a f i R, er il criterio di Weierstrass Osservazioe Se f è -eriodica ed esadibile i T-serie ( Taylor i geerale, l asserto iverso è falso A R, essa è ache esadibile i T-serie i A I La raresetazioe esoeziale della Serie di Fourier Risolvedo il sistema delle idetità di Euler, iα e = cosα i siα, iα e = cosα i siα vs cosα e a siα, si ottegoo le relazioi equivaleti cosα = siα = e e i i e e iα iα iα i ( α ( e e / ( / ( e e, iα iα iα i ( α ( /( ( / ( (8 Si cosideri la fuzioe t f ( t, cotiua, -eriodica ( / ω e limitata sull isieme comatto Ω R L alicazioe delle relazioi (3 alla F-raresetazioe uiformemete covergete (6 di f ( t, ie, co α ωt ϕ t/ ϕ : = θ, dà i θ i ( θ i θ i ( θ = f ( t = ( a / ( / ( a ( e e ib ( e e iθ i ( θ = = ( a / ( / (( a ib e ( a ib e (9 Ora, doo aver defiito ϕ : = ϕ, si ricooscoo le idetità formali θ ( t/ ϕ θ, a : = ( / f ( t cos ( t / ϕ dt ( / f ( t cos ( ( t/ ϕ dt a, b : = ( / f ( t si ( t / ϕ dt ( / f ( t si ( ( t/ ϕ dt b Quidi, grazie alla covergeza uiforme della F-raresetazioe di f, si uò modificare la scrittura dell esressioe (3 come segue: iθ f ( t ( a / ( / (( a ib e ( a ib e = iθ = = iθ iθ ( a / ( / ( a ib e ( / ( a ib e iθ ( a / ( / ( a ib e ( / ( a ib e = = iθ ( a / ( / ( a ib e ( / ( a ib e, = = iθ iθ

10 Serie di Fourier: rorietà e alicazioi - 9 ie, ifie, oedo c : = a/ e : ( i c / = a ib e ϕ Z \{ }, f ( t ce = i ( / x ( Il Calcolo dei coefficieti della Serie di Fourier Nell iotesi che la fuzioe f sia -eriodica ( / ω, limitata e regolare a tratti i R, si moltilichio i membri dell Eq (6 er cos ( ωt ϕ, Z, e li si itegrio, quidi, ell itervallo comatto Ω [ ϕ, ϕ ] I Ω, la F-serie coverge uiformemete e le oerazioi di itegrazioe e di somma dei termii di ua serie commutao tra loro Pertato, quado, si scrive ϕ a ϕ ϕ cosϕ f ( t dt = cosϕ dt a cosϕ cos ( ωt ϕ dt ϕ ϕ ϕ = = ( a / cosϕ a ( / ω cosϕ ϕ, b cosϕ si ( ωt ϕ dt ϕ =, Dall aullameto termie-a-termie di etrambe le somme recedeti e dall idetità itegrale (7 di -eriodicità, risulta Ivece, se, ricorredo alle Eq (4,, (7, si ha ϕ ω / ω a = f ( t dt f ( t dt ϕ ( a f ( t cos ( ωt ϕ dt = cos ( ωt ϕ dt ϕ ϕ ϕ ϕ, ϕ a cos ( ωt ϕ cos ( ωt ϕ dt = ϕ ϕ sse b si ( ωt ϕ cos ( ωt ϕ dt = ϕ = a ( / a ( / ω,, Quidi,, risulta ϕ ω / ω a = f ( t cos ( ωt ϕ dt f ( t cos ( ωt ϕ dt ϕ ( Aalogamete, si moltilichio i membri dell Eq (6 er si( ωt ϕ, Z, e li si

11 Serie di Fourier: rorietà e alicazioi - itegrio su Ω [ ϕ, ϕ ], acora secificado rovvisoriamete che sia / ω Quado, si scrive ϕ a ϕ ϕ siϕ f ( t dt = siϕ dt a siϕ cos ( ωt ϕ dt ϕ ϕ = ϕ da cui, si ri-ottiee l Eq (8 Ivece, se, allora, = ( a / siϕ a ( / ω siϕ, a f ( t si ( ωt ϕ dt = si( ωt ϕ dt ϕ ϕ ϕ ϕ Quidi,, risulta ϕ, b siϕ si( ωt ϕ dt = ϕ, ϕ, a cos ( ωt ϕ si( ωt ϕ dt = ϕ ϕ,, b si ( ωt ϕ si( ωt ϕ dt = ϕ = b ( / b ( / ω, sse ϕ ω / ω b = f ( t si( ωt ϕ dt f ( t si ( ωt ϕ dt ϕ (3 Le Eq (, ( e (3 defiiscoo gli F-coefficieti a j e b j ache quado f corrisode alle richieste del Teorema di Dirichlet, o solo el caso i cui è cotiua e limitata i R Di iù, si dimostra che il Teorema di Dirichlet uò valere i seso geeralizzato, i circostaze elle quali la fuzioe f o è limitata Nel seguito, recisamete, referedo la raresetazioe di regime temorale a quella di regime armoico ( / ω, se valgoo le D-codizioi ( Dirichlet geeralizzate segueti: f è -eriodica i R ; f C ( I, dove I è u itervallo limitato (aerto o semi-aerto o chiuso, salvo, al iù, che i corrisodeza di u umero fiito di uti i I di discotiuità di qualsiasi tio er f ; 3 f ( t dt <, sia questo itegrale defiito ordiario o geeralizzato, ie, el cotesto iù rofodo della Teoria della isura, f L ((,, la classe delle fuzioi sommabili assolutamete ell itervallo aerto (,, allora, f rimae esadibile i F-serie t che o sia u uto di discotiuità di º tio, co il valore f ( t dato acora dall Eq (6 I corrisodeza di u uto di discotiuità di º tio, si uò assegare a f u valore fiito oortuo

12 Serie di Fourier: rorietà e alicazioi - Pertato, gli F-coefficieti cotiuao a corrisodere alle Eq (3, (3 e (33 I altri termii, assegata t f ( t, le defiizioi delle loro esressioi geerali, R, soo: a : = f ( t dt C, a : = f ( t cos (( / t ϕ dt,, Z b : = f ( t si (( / t ϕ dt, Z ( ovvero, i regime armoico eslicito, a ω / ω : = f ( t dt C, ω / ω a : = f ( t cos ( ωt ϕ dt,, Z ω / ω b : = f ( t si( ωt ϕ dt, Z ( Ua raresetazioe ulteriore degli F-coefficieti, talvolta coveiete ei calcoli, corrisode alla loro ormalizzazioe dall itervallo [, all itervallo [, di eriodicità (ie, quello di frequeza ciclica uitaria, ω : dalla osizioe ωt t/ ( t/ : = x, segue che t = ( /( x e, quidi, dt = ( /( dx Pertato, mediate la trasformazioe ( dt (( /( dx dell oeratore itegrale, le Eq (9, assumoo le forme -ormalizzate (o caoiche a : = f ( x /( dx C, a : = f ( x /( cos ( x ϕ dx,, Z b : = f ( x /( si ( x ϕ dx, Z (93 Estededo la trasformazioe di variabile t : = x/( all Eq (6, questa si riscrive come a f ( t f ( x /( fɶ ( x ( a cos ( x ϕ b si( x ϕ ( =

13 Serie di Fourier: rorietà e alicazioi - L Uguagliaza di Parseval Si suoga che, oltre a valere le D-codizioi geeralizzate er f i (, (v 9, si abbia ure che f L ((,, la classe delle fuzioi a quadrato sommabile i (,, ie, che f sia tale che ( f ( t dt < Se, moltilicati i membri dell Eq (6 er f ( t, li si itegra da a (o su u qualsiasi altro itervallo di amiezza, allora, teuto coto della cotiuità uiforme di f su (, e delle Eq (9, risulta e, quidi, ( = ( f ( t dt = ( a / f ( t dt a f ( t cos (( / t ϕ dt b f ( t si (( / t ϕ dt ( = ( ( ( / ( t dt a / ( = a b ( f L Eq ( esrime la cosiddetta Uguagliaza di Parseval (DES CHÊNES, -A, , utile, tra l altro, el calcolo della somma di molte serie umeriche corrisodeti a fuzioi ari Teorema (Disuguagliaza di Bessel Si suoga che, oltre a valere le D-codizioi geeralizzate er f i (,, si abbia ure che f L ((, Al solito, siao a e b i coefficieti della F-esasioe di f Allora, vale la Disuguagliaza (atteuata di Bessel a ( a b ( f ( t dt = ( Dimostrazioe La successioe di fuzioi a { SF ( t; } : = ( a cos (( / t ϕ b si (( / t ϕ Z = Z (3 è quella delle somme arziali della F-serie associata a f ( t Certamete, essedo Z, risulta erché la fuzioe itegrada è o-egativa ( f ( t S ( t; dt (4 F >, ie, i modo equivalete F F f ( t S ( t; dt ( S ( t; dt ( f ( t dt (4 Ora, se si moltilicao er f ( t le raresetazioi del termie geerale della successioe (4 i etrambi i membri, le si itegrao da a e si alicao le Eq (9 er a e b, si ottiee

14 Serie di Fourier: rorietà e alicazioi - 3 ( F = f ( t S ( t; dt = a / ( a b (5 Ioltre, quadrado le quatità ei membri dell Eq ( e itegradole da a teedo coto delle Eq (4, (5 e (6, elle quali si reda / ω e si icludao evetuali sostameti di fase ϕ, eraltro iiflueti ei calcoli, si trova che ( F = ( S ( t; dt = ( / a / ( a b (6 Sostituedo le esressioi (5 e (6 ell Eq (4, e rededo il limite, si ottiee la Disuguagliaza di Bessel (, q e d Se vale l uguagliaza ella disuguagliaza atteuata (, si riottiee l Uguagliaza di Parseval Si uò esare a SF ( t; come a ua arossimazioe di f ( t, metre il membro destro della Diseq (4, diviso er, e rareseta l errore quadratico medio L Uguagliaza di Parseval idica che, er, l errore quadratico medio è ifiitesimo, metre la Disuguagliaza di Bessel idica la ossibilità che tale errore quadratico medio teda a u valore fiito (ositivo I risultati otteuti soo coessi co il cocetto fodametale di comletezza di u sistema di fuzioi ortoormali geeratrici atto a raresetare ua classe secifica di fuzioi, eg, quelle -eriodiche L ortoormalità delle fuzioi geeratrici (di umero fiito o ifiito si maifesta ei valori degli itegrali, defiiti su uo stesso itervallo fiito, dei loro rodotti a coie: gli itegrali valgoo o o È il caso dell ifiità umerabile delle fuzioi armoiche elemetari x cosϕ, x cos (( t / ϕ, x si(( t / ϕ, {, } Z, quado se e itegrio i rodotti a coie i u itervallo di amiezza Il legame stretto tra comletezza di u sistema di fuzioi ortoormali geeratrici e qualità della arossimazioe della fuzioe f emerge dal fatto che, se si esclude ache u solo termie della F-esasioe, l errore quadratico medio o uò mai divetare ifiitesimo er quati termii vegao comuque cosiderati Teorema (di Riema Se vale la Disuguagliaza (atteuata di Bessel er f i (,, allora Dimostrazioe: lim a lim f ( t cos (( / t ϕ dt = lim b lim f ( t si (( / t ϕ dt = L asserto è subito evidete osservado che, se a / ( a b <, questo imlica che a = o( b = o ( er, q e d =

15 Serie di Fourier: rorietà e alicazioi - 4 Sulla covergeza i media della Serie di Fourier Sia l F-esasioe (5 associata alla fuzioe f, -eriodica e cotiua a tratti Doo aver scomosto la Formula di Dirichlet (A35 ella forma additiva simmetrica si ( / u SF ( x; = f ( u x du si ( u/ si ( / u f ( u x du si( u/ (er f ( u x, si ha S ( x ; =, v Eq (A3, 6, se si moltilicao, ordiatamete, F l itegrale defiito i (, er f ( x e quello defiito i (, er f ( x sommao le esressioi risultati, si ha che (7 e, quidi, si f ( x si( / u f ( x si( / u ( f ( x f ( x = du du (8 si( u/ si( u/ I tal modo, sottraedo membro a membro l Eq (8 dall Eq (7, si determia la differeza f ( u x f ( x SF ( x; ( f ( x f ( x = si (( / u du si ( u/ f ( u x f ( x si (( / u du (9 si ( u/ Co l iotesi ulteriore di regolarità a tratti er f i (,, si coclude che ache la fuzioe u f ( u x f ( x si ( u/ λ( u è cotiua a tratti i (, ] erché f è cotiua a tratti Ioltre, f ( u x f ( x u/ f ( u x f ( x! lim λ( u lim = lim u u u si( u/ u u erché, er iotesi, essedo f regolare a tratti, allora f, u Ne cosegue che u λ ( u cotiua a tratti i [, ] I modo idetico, si deduce che la fuzioe x f ( u x f ( x si( u/ è è cotiua a tratti i [, ] Poi, cosiderato il rimo addedo itegrale ell Eq (9 (er il secodo, valgoo cosiderazioi comletamete aaloghe, si uò riscrivere la fuzioe itegrada risettiva come λ ( u si ( / u = λ ( u si( u/ cosu λ ( u cos ( u/ siu e rilevare che le fuzioi u λ ( u si ( u/ e u λ ( u cos ( u/ soo etrambe cotiue a tratti, essedolo u λ ( u Pertato, i forza del Teorema di Riema ( 3, etrambi gli addedi itegrali ell Eq (9

16 Serie di Fourier: rorietà e alicazioi - 5 soo ifiitesimi er, ortado alla coclusioe fodametale (cfr/c Eq (6 che lim SF ( x; = ( f ( x f ( x (3 Derivazioe e Itegrazioe delle Serie di Fourier Ovviamete, le oerazioi di derivazioe e di itegrazioe di ua Serie di Fourier soo soggette alle stesse codizioi aalitiche geerali, come er qualsiasi altra serie di fuzioi Oltre a questo, vale la codizioe sufficiete esressa dal Teorema Se f è -eriodica e geeralmete cotiua su [ t, t] { t, t} [ t, t ], la F-serie associata a f ( t è itegrabile termie-a-termie da t a t, geerado ua F-serie covergete uiformemete alla fuzioe rimitiva di f i [ t, t ], t t f ( u du G( t t

17 Serie di Fourier: rorietà e alicazioi - 6 Alicazioi della Serie di Fourier Esemio Calcolo della Somma ζ di Riema di ordie ositivo ari La defiizioe geerale, Z, è ζ ( : = (A = Il calcolo di ζ ( richiede l alicazioe dei risultati itegrali segueti: Ξ, : = x dx = ; (A six Ξ, : = x cos x dx = x six ( x dx cosx cosx x si x dx x (( x = = dx ( ( ( = x cos x dx (A3 ( ( Ξ,, che costituisce ua comoda forma iterativa Ora, valedo chiaramete il Teorema di Dirichlet i R er la restrizioe f, -eriodica, della fuzioe cotiua ari x x, si scrive l F-esasioe, ella quale, soo reseti uicamete comoeti-coseo, ( f ( x = x dx ( / x cos x dx cos x = Quidi, dalle Eq (A e (A3, si calcola, co =, ( f ( x = x dx ( / x cos x dx cos x = ( six = cosx 3 = ( = 4 cosx (A4 3 = Se x, l Eq (A4 dà

18 Serie di Fourier: rorietà e alicazioi - 7 ( = 4 ( = = da cui, risolvedo risetto alla sommatoria, risulta ζ ( = =, 6 (A5 I modo idetico al calcolo di ζ (, ache la restrizioe -eriodica f della fuzioe cotiua ari x x 4 è F-esadibile i termii di sole comoeti-coseo, avedosi ( ( ( f x x dx ( / 4 4 = x cos x dx cos x = 4 4 = x dx ( / x cosxdx cosx = 4 ( 4 3 = 4 5 = 3 x cos x dx cos x 4 ( ( 4 = 8 cos x cos x dx cos x 5 = = 4 ( ( = 8 cosx 48 cosx 4 5 = = Per x e teedo coto dell Eq (A5, l Eq (A6 dà 48 ( six cosx = 4 (A = 8 ( / 48 ( / = = = 48 ( /, = 5 3 da cui, risolvedo risetto alla sommatoria, si trova che ζ ( 4 = 4 = 4 9 (A7 Il metodo seguito ella determiazioe di ζ ( e di ζ ( 4 uò essere alicato al calcolo di tutte le Serie di Riema successive di ordie, ie, ζ ( 6, ζ ( 8, etc, assegado x = ella F- esasioe della restrizioe eriodica della fuzioe x x all itervallo [, e avvaledosi delle somme otteute er le ζ -serie calcolate recedetemete Così, el caso delle somme delle rime quattro ζ -serie successive alla (A7, si trova che ζ ( 6 = ζ ( 8 6 = 8 = 6 945, (A8 8 = 945, (A8

19 Serie di Fourier: rorietà e alicazioi - 8 ζ ( ζ ( = 93555, (A83 = 69 = (A84 = Serie associate alla Serie di Riema η ( : = λ ( : = = ( = ζ ( ζ ( = 3 4 ( ζ ( (A9 = ( ( = ζ ( ζ ( ζ ( 3 4 ( ζ ( (A Combiado le Eq (A5, (A7, (A8, (A8 e (A83 ell Eq (A9, er le quali, sia,, 3, 4, 5, si ottegoo, ordiatamete, i valori delle somme ( η ( =, (A = 4 ( 7 η ( 4 = 4 7, (A = 6 ( 3 η ( 6 = 6 34, (A3 = 8 ( 7 η ( 8 = 8 96, (A4 = ( 73 η ( = (A5 = Aalogamete, la combiazioe delle stesse Eq (A5, (A7, (A8, (A8 e (A83 ell Eq (A, corrisodeti a =,, 3, 4, 5, forisce i valori risettivi delle cosiddette λ -serie di ordie ari (si veda, ache, l Uità tematica dell autore: La determiazioe di serie di oteze reali dalle Fuzioi Geeratrici di Beroulli e di Euler, P 6, ESERCIZIO

20 Serie di Fourier: rorietà e alicazioi - 9 λ ( = ( 8, (A = 4 λ ( 4 = 4 ( 96, (A = 6 λ ( 6 = 6 ( 96, (A3 = 8 7 λ ( 8 = 8 ( 68, (A4 = 3 λ ( = = ( 934 (A5 Esemio Calcolo delle rime due Somme β D di Dirichlet di ordie ositivo disari, Defiizioe geerale: β ( : = D ( ( =, (A, er x (, La fuzioe x f ( x è regolare a tratti i [, ], dove,, er x [, ] quidi, è F-esadibile Ioltre, essedo ua fuzioe disari, la sua F-esasioe è esressa i termii di sole comoeti-seo, aveti come coefficieti f si ( si si ( b = ( / ( x xdx ( / ( xdx xdx Pertato, = ( / si( x dx sixdx = ( / si( x dx ( / sixdx cosx = sixdx = = 4 /(, secodo che è ari o disari 4 si3x si5x 4 ( six f ( x b six six = 3 5 = = 4 si ( x (A3 = Dalla defiizioe di f i [, ], si ha, er x / e teedo coto dell Eq (A36, 9, 4 si ( / 4 ( = =, = = ie, risolvedo vs la sommatoria (Serie di Gregory o ciclometrica, ( βd ( = ( ta (A4 4 =

21 Serie di Fourier: rorietà e alicazioi - x ( x, er x (, La fuzioe x f ( x : =, è cotiua i [, ], x ( x, er x [, ] dove, quidi, è F-esadibile Ioltre, f è ua fuzioe disari Ifatti, osservato che f ( x : = : = x ( x, i (,, risulta f ( x x ( x f ( x i (, Quidi, l F-esasioe di f viee esressa i termii di sole comoeti-seo, che hao come coefficieti, Z, ( b = ( / f ( x si x dx ( / x ( x si x dx x ( x si x dx ( / ( I I Ora, osto x : = u, segue che e, ertato, I = (( u( u si( u d( u du = ( u ( u siu du I b = ( / x ( x sixdx = x sixdx ( / x sixdx ( / I cosx = x sixdx x x cosxdx cosx ( 4 six = x cos x dx x six dx ( = six ( 4 cosx 4 ( = 3 L F-esasioe di f (cotiua sul suo itervallo di eriodicità si scrive 4 ( 8 si ( x f ( x b six six 3 3 ( = = =, (A5 Dalla defiizioe di f i [, ], si ha, er x / e teedo resete l Eq (A364, 9, f ( / = ( / ( / = / 4 ( 8 si ( / 8 (( i 8 i = = ( ( ( = = = 8 ( = 3 ( = dalla quale, co la traslazioe idiciale, si ottiee,, Z, β ( 3 D 3 ( = 3 = ( 3 (A6 La raresetazioe geerale i forma chiusa delle somme β (, si trova, eg, a P 9, Eq (63, dell Uità tematica dell autore: La determiazioe di serie di oteze reali dalle Fuzioi Geeratrici di Beroulli e di Euler D

22 Serie di Fourier: rorietà e alicazioi - Problema Si determii il valore S ( della somma ( = ( 4 3 ( Soluzioe Osservato che S ( e che, sostituedo x / ell Eq (A5, si scrive l uguagliaza 3 / / / / / / / / 8 f ( / 4 = S S segue il immediatamete risultato: ( ( S, = ( (A7 Problema Sfruttado oortuamete il risultato esresso dall Eq (A7, si determii il valore S ( della somma Soluzioe = ( 8 5 ( Ricooscedo l ivariaza della somma della serie (assolutamete covergete! del Problema risetto a qualsiasi ridisosizioe dei suoi termii, è legittima la raresetazioe S ( β ( = ( (, si ottiee rotamete S = ( S β ( 3 = (A ( 3 3 ( = ( (

23 Serie di Fourier: rorietà e alicazioi - Problema 3 Dalla F-esasioe -eriodica della restrizioe f della fuzioe x si x, si determii la somma S della serie, Soluzioe ( = Poiché f è ua fuzioe ari, la sua F-esasioe è costituita di sole comoeti-coseo Pertato, si ha a = sixdx ( cosx = = ; a = ( six six cosxdx = = ; oi, Z \{ }, si calcola a Segue che cos ( x cos ( x = si x cos x dx = ( ( =, Z \{ } ( ( 4 f ( x = cosx cosx (A9 4 = = Ora, alicado l Uguagliaza di Parseval (, Eq ( all Eq (A9, si scrive 8 6 ( six dx = ( 4 = ie, co il comletameto del calcolo dell itegrale el membro a siistra, ( x cosx six 8 = = ( 4, Ifie, risolvedo risetto alla (somma della serie, risulta 8 S = (A = ( 4 6 Problema 4 4 Si determii u esressioe geerale, che risulti valida Z, er la somma della serie umerica seguete:

24 Serie di Fourier: rorietà e alicazioi - 3 S( : = = ( ; 4 servedosi, dove aroriato, del risultato otteuto al Puto 4 recedete, si determii la somma S della serie, Soluzioe u = ( ( 4 Poiché (, allora, ν ν ν S( lim lim ν ν = = = = ν ν = lim ν = = = ν = lim = = lim ν ν ν = = ν = = ; (A = 4 Co il metodo delle frazioi arziali, si scrive A B C u = ( (, e, quidi, i forma itera equivalete, si ha = ( A B C ( 3A B C A Per il Priciio di Idetità dei Poliomi, questa uguagliaza è soddisfatta i modo uivoco sse valgoo le codizioi simultaee Quidi, risultado A B C = 3A B C =, A = ie, i modo equivalete, sse / / u, segue ure che A = / B = C = / u = ( = ( ( ( ( ( ( k = co gli addedi u, k idetificabili ordiatamete u, k Ora, teedo coto dell Eq (A5, 7, si calcolao rotamete le somme delle serie segueti:,

25 Serie di Fourier: rorietà e alicazioi - 4 u, = 4 4 ; (A = = ; (A 6 5 = (A3 u, = ( = = u, 3 = ( = 3 = Circa la valutazioe delle somme delle tre serie rimaeti, l Eq (A forisce i risultati segueti: u, 4 u, 5 = ; (A4 = ( 3 = = = ( 8 ; (A5 = = ( ( ( ( (A6 u, 6 = = = Quidi, oiché u è uiformemete covergete, S si ottiee elemetarmete come somma delle sei somme arziali (A,, (A6 Il risultato è S 4 39 = (A3 6 Problema 5 Dalla F-esasioe i R della restrizioe -eriodica disari f della fuzioe cerchi ua serie umerica la cui somma è S / 4 x cosx, si Soluzioe Poiché f è ua fuzioe disari -eriodica, la sua defiizioe è cosx, er x (, f ( x : = cosx, er x (, Vale il Teorema di Dirichlet, co la F-esasioe costituita di sole comoeti-seo Pertato, co Z, si calcola b = f ( x si xdx = ( cosx sixdx cosx sixdx = ( si( x x si ( x x dx ( si( x x si ( x x dx cos ( x cos ( x cos ( x cos ( x = ( ( ( ( =

26 Serie di Fourier: rorietà e alicazioi - 5 = ( ( Quidi, teedo coto dell Eq (A8, si trova che 8 f ( x = ( ( six six (A4 4 = = Riguardo alla serie umerica richiesta, se si oe x / 4 ell Eq (A4, sussiste l uguagliaza 8 8 = si (, 4 ( 4 ( 4 3 = = ( = = Segue immediatamete che dall Eq (A366, 9, ( = = (A5 Problema 6 Sia f il rolugameto eriodico i R della restrizioe all itervallo [, ] della fuzioe / x x 6 Si giustifichi che f è F-esadibile i R Quidi, si scriva la F-esasioe di f ; 6 secificati i valori f ( e f (, si deducao ua raresetazioe i serie doia di 6 / e ua (o-baale di 3 /, risettivamete Soluzioe 6 La fuzioe ari f è regolare a tratti i [, ], co f ( valore o-defiito Pertato, valedo il Teorema di Dirichlet er f, che risulta F-esadibile i R i termii di sole comoeti-coseo, si ha / / / f / a / ( / ( x dx = ( / x dx ( / x dx = 3 / ; oi, Z, si calcola / / / a = ( / x cos ( / dx = ( / = La sostituzioe / six x / x cos xdx six six dx = / / / x ( ( x u : = ( x / itegrale ell Eq (A6, così da riscriverlo ella forma dx (A6 iduce il cambiameto ( dx u/( du dell oeratore a = u du ( ( / si ( σ (( 3/ 3/ (A6

27 Serie di Fourier: rorietà e alicazioi - 6 / L itegrale σ ((, imortate i Ottica Fisica, è del tio di Fresel ed è calcolabile solo i / serie di oteze; la fuzioe itegrada è uiformemete covergete el comatto [, ( ] La F-esasioe di f ( x si scrive σ f ( x : = 3 / (( 3/ 3/ = 6 Per x, l Eq (A7 dà il risultato otevole cosx (A7 = ( 6 3/ / σ (( = 3/ (A8 k ( ( k! ( k Come acceato al Puto 6, vale l -esasioe si ( u u, er la quale, essedo la fuzioe seo uiformemete covergete i tutto R, è corretta la scrittura k k k / ( ( k 3/ ( ( σ (( = u du = ( ( k! ( k!( 4k 3 k = k = k = / Ifie, sostituedo ell Eq (A8 esressioe (A9 di σ (( e semlificado, si trova che k k ( (( ( = ( k!( 4k 3 6 (A3 = k = Aalogamete, sostituedo x ell Eq (A7 e rocededo come co l Eq (A3, si ottiee = k = k k ( (( = ( k!( 4k 3 3 (A3 È iteressate otare come le raresetazioi delle somme (A3 e (A3 differiscao er il solo fattore di sego altero (, sufficiete a redere la somma (A3 doia della (A3 Ua resetazioe classica della Teoria delle Serie di Fourier remette due risultati semlici alla cosiddetta Formula di Dirichlet (v Problema 9 Essi soo riortati, qui di seguito, come Problema 7 7 Si ricavi, {, } Z Z [, ], il valore della somma 7 si verifichio i valori itegrali Soluzioe S : = cosu cosu cosu cosu ; si ( / u si( / u du = du = si( u/ si( u/ (A3 7 Sommado l idetità goiometrica cosu si ( u/ ( / ( si ( / u si ( / u vs l idice [, ], si ha =

28 Serie di Fourier: rorietà e alicazioi - 7 ( cosu si( u/ = = = ( / (( si( 3u / si( u/ ( si( 5u / si( 3u / ( si ( 7u / si ( 5u / ( si( / u si ( / u = ( / ( si ( / u si ( u/ (A33 Dividedo i membri estremi dell Eq (A33 er si ( u/ (ie, co u k e sommado / a etrambi, si ottiee (v, ache, dell autore: Esercizi di Calcolo Itegrale, R- si ( / u cosu = si ( u/ = (A34 7 La fuzioe itegrada, idetica ei due itegrali, è ari Quidi, la sua itegrazioe su itervalli simmetrici vs l origie del riferimeto forisce lo stesso risultato È evidete, dall Eq (A33, che questo è /, essedo ulli gli itegrali di tutti gli addedi-coseo Problema 8 Iiziado dall idetità goiometrica di Werer siu si ( u/ ( / ( cos (( / u cos (( / u, si ricavi, attraverso la formula di rostaferesi della differeza tra cosei, co u k, l idetità associata alla (A34 = siu si (( u/ si ( u/ = (A35 si ( u/ Problema 9 Sia f ua fuzioe data -eriodica, alla quale, sia associata u F-esasioe aroriata Di questa, si cosideri la somma ridotta all -simo termie (v Eq (, Si dimostri la Formula di Dirichlet S ( x ; : = a / ( a cos ( x ϕ b si( x ϕ F = si( / u SF ( x ; = f ( u x du si( u/ (A36 Soluzioe Eslicitado gli F-coefficieti corrisodeti a Z, si scrive a cos ( x ϕ b si( x ϕ = (( / f ( w cos ( w ϕ dw cos ( x ϕ ( w w = ( / f ( si( ϕ dw si ( x ϕ

29 Serie di Fourier: rorietà e alicazioi - 8 = ( / f ( w( cos ( w ϕ cos ( x ϕ si ( w ϕ si ( x ϕ dw = ( / f ( w cos( w x dw Ioltre, a/ = ( /( f ( w dw Quidi, teedo coto del risultato (A34, SF ( x; = ( /( f ( w dw ( / f ( w cos ( w x dw = = = ( / f ( w( / cos ( w x dw si( / ( w x = f ( w dw si( ( w x/ La dimostrazioe si coclude oedo u u ( w : = w x e teedo reseti le Eq (7 e (7 Nella Teoria della Fuzioe Γ, ua dimostrazioe i R [ ] della a Prorietà Fodametale, detta di Riflessioe (o di Comlemetazioe, caratterizzata dalla simmetria vs lo scambio tra argometi ell itervallo (,, uò essere otteuta er mezzo di ua F-esasioe oortua Problema Proosizioe Sia x (, Allora (Prorietà di Riflessioe della Fuzioe Γ, Dimostrazioe Γ ( x Γ ( x = cscx (A37 six Dalla raresetazioe itegrale di Legedre, si scrive, x (,, x s ( x t ( ( Γ ( x Γ ( x s e ds t e dt = x x ( s t s t e dsdt = ( R ( R g( s, t dsdt (A38 La raresetazioe itegrale doia (A37 è covergete oiché la sua searabilità moltilicativa vs le variabili di itegrazioe dà luogo a raresetazioi arziali covergeti uiformemete, quelle del Γ -itegrale di Legedre I geerale, le tre codizioi segueti: a il domiio di itegrazioe ( R è illimitato i R e PJ-misurabile ( Peao-Jorda i seso geeralizzato; b g : ( R R ; c { Ω j }, successioe di regioi Ω j idificate ( j Z, che costituiscoo ua coertura di ( R (eg, l isieme dei quadrati Ωx, y {( x; y [, j ] } o l isieme dei quarti di

Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI

Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI SUCCESSIONI DI FUNZIONI I cocetti di successioe e di serie possoo essere estesi i modo molto aturale al caso delle fuzioi DEFINIZIONE Sia E u sottoisieme di  e, per ogi

Dettagli

Il confronto tra DUE campioni indipendenti

Il confronto tra DUE campioni indipendenti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Cofroto tra due medie I questi casi siamo iteressati a cofrotare il valore medio di due camioi i cui i le osservazioi i u camioe soo

Dettagli

SERIE NUMERICHE. (Cosimo De Mitri) 1. Definizione, esempi e primi risultati... pag. 1. 2. Criteri per serie a termini positivi... pag.

SERIE NUMERICHE. (Cosimo De Mitri) 1. Definizione, esempi e primi risultati... pag. 1. 2. Criteri per serie a termini positivi... pag. SERIE NUMERICHE (Cosimo De Mitri. Defiizioe, esempi e primi risultati... pag.. Criteri per serie a termii positivi... pag. 4 3. Covergeza assoluta e criteri per serie a termii di sego qualsiasi... pag.

Dettagli

Soluzione La media aritmetica dei due numeri positivi a e b è data da M

Soluzione La media aritmetica dei due numeri positivi a e b è data da M Matematica per la uova maturità scietifica A. Berardo M. Pedoe 6 Questioario Quesito Se a e b soo umeri positivi assegati quale è la loro media aritmetica? Quale la media geometrica? Quale delle due è

Dettagli

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Defiire lo strumeto matematico ce cosete di studiare la cresceza e la decresceza di ua fuzioe Si comicia col defiire cosa vuol dire ce ua fuzioe è crescete. Defiizioe:

Dettagli

ESERCIZI DI ANALISI I. Prof. Nicola Fusco 1. Determinare l insieme in cui sono definite le seguenti funzioni:

ESERCIZI DI ANALISI I. Prof. Nicola Fusco 1. Determinare l insieme in cui sono definite le seguenti funzioni: N. Fusco ESERCIZI DI ANALISI I Prof. Nicola Fusco Determiare l isieme i cui soo defiite le segueti fuzioi: ) log/ arctg π ) 4 ) log π 6 arcse ) ) tg log π + ) 4) 4 se se se tg 5) se cos tg 6) [ 6 + 8 π

Dettagli

Capitolo 8 Le funzioni e le successioni

Capitolo 8 Le funzioni e le successioni Capitolo 8 Le fuzioi e le successioi Prof. A. Fasao Fuzioe, domiio e codomiio Defiizioe Si chiama fuzioe o applicazioe dall isieme A all isieme B ua relazioe che fa corrispodere ad ogi elemeto di A u solo

Dettagli

Sintassi dello studio di funzione

Sintassi dello studio di funzione Sitassi dello studio di fuzioe Lavoriamo a perfezioare quato sapete siora. D ora iazi pretederò che i risultati che otteete li SCRIVIATE i forma corretta dal puto di vista grammaticale. N( x) Data la fuzioe:

Dettagli

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE Esercizi di Fodameti di Iformatica 1 EQUAZIONI ALLE RICORRENZE 1.1. Metodo di ufoldig 1.1.1. Richiami di teoria Il metodo detto di ufoldig utilizza lo sviluppo dell equazioe alle ricorreze fio ad u certo

Dettagli

I numeri complessi. Pagine tratte da Elementi della teoria delle funzioni olomorfe di una variabile complessa

I numeri complessi. Pagine tratte da Elementi della teoria delle funzioni olomorfe di una variabile complessa I umeri complessi Pagie tratte da Elemeti della teoria delle fuzioi olomorfe di ua variabile complessa di G. Vergara Caffarelli, P. Loreti, L. Giacomelli Dipartimeto di Metodi e Modelli Matematici per

Dettagli

8. Quale pesa di più?

8. Quale pesa di più? 8. Quale pesa di più? Negli ultimi ai hao suscitato particolare iteresse alcui problemi sulla pesatura di moete o di pallie. Il primo problema di questo tipo sembra proposto da Tartaglia el 1556. Da allora

Dettagli

DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE

DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE DI UN GRUPPO DI OSSERVAZIONI O DI ESPERIMENTI, SI PERVIENE A CERTE CONCLUSIONI, LA CUI VALIDITA PER UN COLLETTIVO Più AMPIO E ESPRESSA

Dettagli

3.4 Tecniche per valutare uno stimatore

3.4 Tecniche per valutare uno stimatore 3.4 Teciche per valutare uo stimatore 3.4. Il liguaggio delle decisioi statistiche, stimatori corretti e stimatori cosisteti La teoria delle decisioi forisce u liguaggio appropriato per discutere sulla

Dettagli

1 Metodo della massima verosimiglianza

1 Metodo della massima verosimiglianza Metodo della massima verosimigliaza Estraedo u campioe costituito da variabili casuali X i i.i.d. da ua popolazioe X co fuzioe di probabilità/desità f(x, θ), si costruisce la fuzioe di verosimigliaza che

Dettagli

CONCETTI BASE DI STATISTICA

CONCETTI BASE DI STATISTICA CONCETTI BASE DI STATISTICA DEFINIZIONI Probabilità U umero reale compreso tra 0 e, associato a u eveto casuale. Esso può essere correlato co la frequeza relativa o col grado di credibilità co cui u eveto

Dettagli

Metodi statistici per l'analisi dei dati

Metodi statistici per l'analisi dei dati Metodi statistici per l aalisi dei dati due Motivazioi Obbiettivo: Cofrotare due diverse codizioi (ache defiiti ) per cui soo stati codotti gli esperimeti. Metodi tatistici per l Aalisi dei Dati due Esempio

Dettagli

( ) ( ) ( ) ( ) ( ) CAPITOLO VII DERIVATE. (3) D ( x ) = 1 derivata di un monomio con a 0

( ) ( ) ( ) ( ) ( ) CAPITOLO VII DERIVATE. (3) D ( x ) = 1 derivata di un monomio con a 0 CAPITOLO VII DERIVATE. GENERALITÀ Defiizioe.) La derivata è u operatore che ad ua fuzioe f associa u altra fuzioe e che obbedisce alle segueti regole: () D a a a 0 0 0 derivata di u moomio D 6 D 0 D ()

Dettagli

IL CALCOLO COMBINATORIO

IL CALCOLO COMBINATORIO IL CALCOLO COMBINATORIO Calcolo combiatorio è il termie che deota tradizioalmete la braca della matematica che studia i modi per raggruppare e/o ordiare secodo date regole gli elemeti di u isieme fiito

Dettagli

Sistemi LTI descrivibile mediante SDE (Equazioni alle Differenze Standard)

Sistemi LTI descrivibile mediante SDE (Equazioni alle Differenze Standard) Sistemi LTI descrivibile mediate SDE (Equazioi alle Differeze Stadard) Nella classe dei sistemi LTI ua sottoclasse è quella dei sistemi defiiti da Equazioi Stadard alle Differeze Fiite (SDE), dette così

Dettagli

Esame di Matematica 2 Mod.A (laurea in Matematica) prova di accertamento del 4 novembre 2005

Esame di Matematica 2 Mod.A (laurea in Matematica) prova di accertamento del 4 novembre 2005 Esame di Matematica 2 ModA (laurea i Matematica prova di accertameto del 4 ovembre 25 ESERCIZIO Si poga a 3 5 + 9 e b 2 4 6 + 6 ( (a Si determii d MCD(a, b e gli iteri m, Z tali che d ma + b co m < b ed

Dettagli

1. MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ. 1 Alcune definizioni preliminari

1. MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ. 1 Alcune definizioni preliminari . MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ Alcue defiizioi prelimiari I sistemi vibrati possoo essere lieari o o lieari: el primo caso vale il pricipio di sovrapposizioe degli effetti el secodo o. I geerale

Dettagli

Verifica d Ipotesi. Se invece che chiederci quale è il valore di una media in una popolazione (stima. o falsa? o falsa?

Verifica d Ipotesi. Se invece che chiederci quale è il valore di una media in una popolazione (stima. o falsa? o falsa? Verifica d Iotesi Se ivece che chiederci quale è il valore ua mea i ua oolazioe (stima utuale Se ivece e itervallo che chiederci cofideza) quale è il avessimo valore u idea ua mea su quello i ua che oolazioe

Dettagli

Sommario lezioni di Probabilità versione abbreviata

Sommario lezioni di Probabilità versione abbreviata Sommario lezioi di Probabilità versioe abbreviata C. Frachetti April 28, 2006 1 Lo spazio di probabilità. 1.1 Prime defiizioi I possibili risultati di u esperimeto costituiscoo lo spazio dei campioi o

Dettagli

4. Metodo semiprobabilistico agli stati limite

4. Metodo semiprobabilistico agli stati limite 4. Metodo seiprobabilistico agli stati liite Tale etodo cosiste el verificare che le gradezze che ifluiscoo i seso positivo sulla, valutate i odo da avere ua piccolissia probabilità di o essere superate,

Dettagli

8) Sia Dato un mazzo di 40 carte. Supponiamo che esso sia mescolato in modo

8) Sia Dato un mazzo di 40 carte. Supponiamo che esso sia mescolato in modo ESERCIZI DI CALCOLO DELLE PROBABILITÁ ) Qual e la probabilita che laciado dadi a facce o esca essu? Studiare il comportameto asitotico di tale probabilita per grade. ) I u sacchetto vi soo 0 pallie biache;

Dettagli

Appunti di Statistica Matematica Inferenza Statistica Multivariata Anno Accademico 2014/15

Appunti di Statistica Matematica Inferenza Statistica Multivariata Anno Accademico 2014/15 Apputi di Statistica Matematica Ifereza Statistica Multivariata Ao Accademico 014/15 November 19, 014 1 Campioi e modelli statistici Siao Ω, A, P uo spazio di probabilità e X = X 1,..., X u vettore aleatorio

Dettagli

L OFFERTA DI LAVORO 1

L OFFERTA DI LAVORO 1 L OFFERTA DI LAVORO 1 La famiglia come foritrice di risorse OFFERTA DI LAVORO Notazioe utile: T : dotazioe di tempo (ore totali) : ore dedicate al tempo libero l=t- : ore dedicate al lavoro : cosumo di

Dettagli

Test non parametrici. sono uguali a quelle teoriche. (probabilità attesa), si calcola la. , cioè che le frequenze empiriche

Test non parametrici. sono uguali a quelle teoriche. (probabilità attesa), si calcola la. , cioè che le frequenze empiriche est o parametrici Il test di Studet per uo o per due campioi, il test F di Fisher per l'aalisi della variaza, la correlazioe, la regressioe, isieme ad altri test di statistica multivariata soo parte dei

Dettagli

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti Gorgo Lambert Pag. Dmostrazoe della Formula per la determazoe del umero d dvsor-test d prmaltà, d Gorgo Lambert Eugeo Amtrao aveva proposto l'dea d ua formula per calcolare l umero d dvsor d u umero, da

Dettagli

PENSIONI INPDAP COME SI CALCOLANO

PENSIONI INPDAP COME SI CALCOLANO Mii biblioteca de Il Giorale Ipdap per rederci coto e sapere di piu Mii biblioteca de Il Giorale Ipdap per rederci coto e sapere di piu PENSIONI INPDAP COME SI CALCOLANO I tre sistemi I cique pilastri

Dettagli

La sicurezza sul lavoro: obblighi e responsabilità

La sicurezza sul lavoro: obblighi e responsabilità La sicurezza sul lavoro: obblighi e resposabilità Il Testo uico sulla sicurezza, Dlgs 81/08 è il pilastro della ormativa sulla sicurezza sul lavoro. I sostaza il Dlgs disciplia tutte le attività di tutti

Dettagli

Motori maxon DC e maxon EC Le cose più importanti

Motori maxon DC e maxon EC Le cose più importanti Motori maxo DC e maxo EC Il motore come trasformatore di eergia Il motore elettrico trasforma la poteza elettrica P el (tesioe U e correte I) i poteza meccaica P mech (velocità e coppia M). Le perdite

Dettagli

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI . L'INSIEME DEI NUMERI REALI. I pricipli isiemi di umeri Ripredimo i pricipli isiemi umerici N, l'isieme dei umeri turli 0; ; ; ; ;... L'ide ituitiv di umero turle è ssocit l prolem di cotre e ordire gli

Dettagli

LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE

LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI Dipartimeto di Sieze Eoomihe Uiversità di Veroa VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE Lezioi di Matematia per

Dettagli

Supponiamo, ad esempio, di voler risolvere il seguente problema: in quanti modi quattro persone possono sedersi l una accanto all altra?

Supponiamo, ad esempio, di voler risolvere il seguente problema: in quanti modi quattro persone possono sedersi l una accanto all altra? CALCOLO COMBINATORIO 1.1 Necessità del calcolo combiatorio Accade spesso di dover risolvere problemi dall'appareza molto semplice, ma che richiedoo calcoli lughi e oiosi per riuscire a trovare delle coclusioi

Dettagli

INTRODUZIONE ALLE SUCCESSIONI E SERIE: ALCUNI ESEMPI NOTEVOLI

INTRODUZIONE ALLE SUCCESSIONI E SERIE: ALCUNI ESEMPI NOTEVOLI INTRODUZIONE ALLE SUCCESSIONI E SERIE: ALCUNI ESEMPI NOTEVOLI Mirta Debbia LS A. F. Formiggii di Sassuolo (MO) - debbia.m@libero.it Maria Cecilia Zoboli - LS A. F. Formiggii di Sassuolo (MO) - cherubii8@libero.it

Dettagli

NUMERI RAZIONALI E REALI

NUMERI RAZIONALI E REALI NUMERI RAZIONALI E REALI CARLANGELO LIVERANI. Numeri Razionali Tutti sanno che i numeri razionali sono numeri del tio q con N e q N. Purtuttavia molte frazioni ossono corrisondere allo stesso numero, er

Dettagli

STABILITÀ DEI SISTEMI LINEARI

STABILITÀ DEI SISTEMI LINEARI STABILITÀ DEI SISTEMI LINEARI Quando un sistema fisico inizialmente in quiete viene sottoosto ad un ingresso di durata finita o di amiezza limitata, l uscita del sistema dovrebbe stabilizzarsi a un certo

Dettagli

5 LAVORO ED ENERGIA. 5.1 Lavoro di una forza

5 LAVORO ED ENERGIA. 5.1 Lavoro di una forza 5 LAVR ED ENERGIA La valutazione dell equazione del moto di una articella a artire dalla forza agente su di essa risulta articolarmente semlice qualora la forza è costante; in tal caso è ossibile stabilire

Dettagli

ESERCITAZIONE L adsorbimento su carbone attivo

ESERCITAZIONE L adsorbimento su carbone attivo ESERCITAZIONE adsorbimeto su carboe attivo ezioi di riferimeto: Processi basati sul trasferimeto di materia Adsorbimeto su carboi attivi Testi di riferimeto: Water treatmet priciples ad desi, WH Pricipi

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA

MATEMATICA FINANZIARIA Capializzazioe semplice e composa MATEMATICA FINANZIARIA Immagiiamo di impiegare 4500 per ai i ua operazioe fiaziaria che frua u asso del, % auo. Quao avremo realizzao alla fie dell operazioe? I u coeso

Dettagli

unoperatore@nellospaziodihilberth e sia z un numero complesso tale che z1-a,da==)rr_néh - 0 impli-chi l:= -1 (21-A) : R- n ==) Dn L- \

unoperatore@nellospaziodihilberth e sia z un numero complesso tale che z1-a,da==)rr_néh - 0 impli-chi l:= -1 (21-A) : R- n ==) Dn L- \ 3,6 56 3,6 TEOR I A SPETTRALE La teoria spettrale degli operatori lieari- eo spazio di Hilbert é f odata, coe per gi spazi f i-ito-dimes ioal j-, sula defiizioe di- risolvete di u operatole' Sia (A,DA)

Dettagli

DISTRIBUZIONE di PROBABILITA. Si dice variabile aleatoria (o casuale) discreta X una quantità variabile che può assumere i

DISTRIBUZIONE di PROBABILITA. Si dice variabile aleatoria (o casuale) discreta X una quantità variabile che può assumere i DISTRIBUZIONE di PROBABILITA Si dice variabile aleatoria (o casuale) discreta X una quantità variabile che uò assumere i valori: ; ;, n al verificarsi degli eventi incomatibili e comlementari: E ; E ;..;

Dettagli

Indagini sui coregoni del Lago Maggiore: Analisi sui pesci catturati nel 2010

Indagini sui coregoni del Lago Maggiore: Analisi sui pesci catturati nel 2010 Idagii sui coregoi del Lago Maggiore: Aalisi sui pesci catturati el 1 Rapporto commissioato dal Dipartimeto del territorio, Ufficio della caccia e della pesca, Via Stefao Frascii 17 51 Bellizoa Aprile

Dettagli

Esercizi Le leggi dei gas. Lo stato gassoso

Esercizi Le leggi dei gas. Lo stato gassoso Esercizi Le lei dei as Lo stato assoso Ua certa quatità di as cloro, alla pressioe di,5 atm, occupa il volume di 0,58 litri. Calcola il volume occupato dal as se la pressioe viee portata a,0 atm e se la

Dettagli

USUFRUTTO. 5) Quali sono le spese a carico dell usufruttuario

USUFRUTTO. 5) Quali sono le spese a carico dell usufruttuario USUFRUTTO 1) Che cos è l sfrtto e come si pò costitire? L sfrtto è il diritto di godimeto ( ovvero di possesso) di bee altri a titolo gratito ; viee chiamato sfrttario chi esercita tale diritto, metre

Dettagli

Metodi d integrazione di Montecarlo

Metodi d integrazione di Montecarlo Metodi d itegrzioe di Motecrlo Simulzioe l termie simulzioe ell su ccezioe scietific h u sigificto diverso dll ccezioe correte. Nell uso ordirio è sioimo si fizioe; ell uso scietifico è sioimo di imitzioe,

Dettagli

Comportamento delle strutture in C.A. in Zona Sismica

Comportamento delle strutture in C.A. in Zona Sismica Comportameto delle strutture i c.a. i zoa sismica Pagia i/161 Comportameto delle strutture i C.A. i Zoa Sismica Prof. Paolo Riva Dipartimeto di Progettazioe e ecologie Facoltà di Igegeria Uiversità di

Dettagli

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici Stm e putual Probabltà e Statstca I - a.a. 04/05 - Stmator Vocabolaro Popolazoe: u seme d oggett sul quale s desdera avere Iformazo. Parametro: ua caratterstca umerca della popolazoe. E u Numero fssato,

Dettagli

aleatoria; se è nota la sua densità di probabilità ad essa si può associare una valore medio statistico. La grandezza così definita: (III.1.

aleatoria; se è nota la sua densità di probabilità ad essa si può associare una valore medio statistico. La grandezza così definita: (III.1. Caitolo III VALORI MEDI. SAZIONARIEÀ ED ERGODICIÀ III. - Mdi tatitich dl rimo ordi. Sia f( ) ua fuzio cotiua i aoci al gal alatorio (, t ζ ) la uatità dfiita dalla y f[(, t ζ )]. Ea idividua, a ua volta,

Dettagli

Cristian Secchi Pag. 1

Cristian Secchi Pag. 1 Controlli Digitali Laurea Magistrale in Ingegneria Meccatronica CONTROLLORI PID Tel. 0522 522235 e-mail: secchi.cristian@unimore.it Introduzione regolatore Proorzionale, Integrale, Derivativo PID regolatori

Dettagli

Valutazione delle prestazioni termiche di sistemi con solai termoattivi in regime non stazionario

Valutazione delle prestazioni termiche di sistemi con solai termoattivi in regime non stazionario Valutazioe delle prestazioi termiche di sistemi co solai termoattivi i regime o stazioario MICHELE DE CARLI, Ph.D., Ricercatore, Dipartimeto di Fisica Tecica, Uiversità degli Studi di Padova, Padova, Italia.

Dettagli

l = 0, 1, 2, 3,,, n-1n m = 0, ±1,

l = 0, 1, 2, 3,,, n-1n m = 0, ±1, NUMERI QUANTICI Le autofuzioi soo caratterizzate da tre parametri chiamati NUMERI QUANTICI e soo completamete defiite dai loro valori: : umero quatico pricipale l : umero quatico secodario m : umero quatico

Dettagli

Introduzione alla trigonometria

Introduzione alla trigonometria Introduzione alla trigonometria Angoli e loro misure In questa unità introdurremo e studieremo una classe di funzioni che non hai ancora incontrato, le funzioni goniometriche. Esse sono imortanti sorattutto

Dettagli

Le operazioni fondamentali in N Basic Arithmetic Operations in N

Le operazioni fondamentali in N Basic Arithmetic Operations in N Operzioi fodetli i - 1 Le operzioi fodetli i Bsic Arithetic Opertios i I geerle u operzioe è u procedieto che due o più ueri, dti i u certo ordie e detti terii dell'operzioe, e ssoci u ltro, detto risultto

Dettagli

Dall atomo di Bohr alla costante di struttura fine

Dall atomo di Bohr alla costante di struttura fine Dall atomo di Bohr alla ostate di struttura fie. INFORMAZIONI SPETTROSCOPICHE SUGLI ATOMI E be oto he ogi sostaza opportuamete eitata emette radiazioi elettromagetihe. Co uo spettrosopio, o strumeti aaloghi,

Dettagli

Interpolazione. Davide Manca Calcoli di Processo dell Ingegneria Chimica Politecnico di Milano

Interpolazione. Davide Manca Calcoli di Processo dell Ingegneria Chimica Politecnico di Milano L4 Iterpolazioe L4 Prologo Co iterpolazioe si itede il processo di idividuare ua fuzioe, spesso u poliomio, che passi per u isieme dato di puti: (x,y). y x L4 2 Fii dell iterpolazioe 1. Sostituire u isieme

Dettagli

DOMINI DI CURVATURA DI SEZIONI IN C.A. IN PRESSOFLESSIONE DEVIATA. PARTE II: VALUTAZIONE SEMPLIFICATA

DOMINI DI CURVATURA DI SEZIONI IN C.A. IN PRESSOFLESSIONE DEVIATA. PARTE II: VALUTAZIONE SEMPLIFICATA Valutazioe e riduzioe della vulerailità sismia di ediii esisteti i.a. Roma, 9-0 maggio 00 DOMINI DI CURVATURA DI SEZIONI IN C.A. IN PRESSOFLESSIONE DEVIATA. PARTE II: VALUTAZIONE SEMPLIFICATA Di Ludovio

Dettagli

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI statistica, Università Cattaneo-Liuc, AA 006-007, lezione del 08.05.07 IDICE (lezione 08.05.07 PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIAZA DELLE QUATITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIOE CO I DATI OSSERVATI 3.1 Valore

Dettagli

Dispensa n.1 Esercitazioni di Analisi Mat. 1

Dispensa n.1 Esercitazioni di Analisi Mat. 1 Disensa n.1 Esercitazioni di Analisi Mat. 1 (a cura di L. Pisani) C.d.L. in Matematica Università degli Studi di Bari a.a. 2003/04 i Indice Notazioni iii 1 Princii di sostituzione 1 1.1 Funzioni equivalenti

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLA SOLLECITAZIONE

CARATTERISTICHE DELLA SOLLECITAZIONE RRISIH D SOIZIO bbiamo visto che la trave uò essere definita come un solido generato da una figura iana S (detta seione retta o seione ortogonale) che si muove nello saio mantenendosi semre ortogonale

Dettagli

Consideriamo un gas ideale in equilibrio termodinamico alla pressione p 1. , contenuto in un volume V

Consideriamo un gas ideale in equilibrio termodinamico alla pressione p 1. , contenuto in un volume V LEGGI DEI GS Per gas si intende un fluido rivo di forma o volume rorio e facilmente comrimibile in modo da conseguire notevoli variazioni di ressione e densità. Le variabili termodinamiche iù aroriate

Dettagli

ARGOMENTO: MISURA DELLA RESISTENZA ELETTRICA CON IL METODO VOLT-AMPEROMETRICO.

ARGOMENTO: MISURA DELLA RESISTENZA ELETTRICA CON IL METODO VOLT-AMPEROMETRICO. elazoe d laboratoro d Fsca corso M-Z Laboratoro d Fsca del Dpartmeto d Fsca e Astrooma dell Uverstà degl Stud d Cataa. Scala Stefaa. AGOMENTO: MSUA DELLA ESSTENZA ELETTCA CON L METODO OLT-AMPEOMETCO. NTODUZONE:

Dettagli

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi.

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi. Iroduzioe () Ua defiizioe (geerale) del ermie qualià: qualià è l isieme delle caraerisiche di u eià (bee o servizio) che e deermiao la capacià di soddisfare le esigeze espresse ed implicie di chi la uilizza.

Dettagli

I radicali 1. Claudio CANCELLI (www.claudiocancelli.it)

I radicali 1. Claudio CANCELLI (www.claudiocancelli.it) I rdicli Cludio CANCELLI (www.cludioccelli.it) Ed..0 www.cludioccelli.it Dec. 0 I rdicli INDICE DEI CONTENUTI. I RADICALI... INDICE DI RADICE PARI...4 INDICE DI RADICE DISPARI...5 RADICALI SIMILI...6 PROPRIETA

Dettagli

FONDAMENTI DI MECCANICA APPLICATA ALLE MACCHINE

FONDAMENTI DI MECCANICA APPLICATA ALLE MACCHINE DISPENSE DI: FONDAMENTI DI MECCANICA APPLICATA ALLE MACCHINE Testo di riferieto E. Fuaioli ed altri Meccaica applicata alle acchie vol. e - Ed. Patro BOZZA Idice. INTRODUZIONE ALLA MECCANICA APPLICATA

Dettagli

Analisi dei segnali nel dominio del tempo

Analisi dei segnali nel dominio del tempo Appui di Teoria dei Segali a.a. / Aalisi dei segali el domiio del empo L.Verdoliva I quesa prima pare del corso sudieremo come rappreseare i segali empo coiuo e discreo el domiio del empo e defiiremo le

Dettagli

Tavola 1 - Popolazione italiana residente alle date dei censimenti generali, riportata ai confini attuali - Anni 1861-2001 (migliaia di unità)

Tavola 1 - Popolazione italiana residente alle date dei censimenti generali, riportata ai confini attuali - Anni 1861-2001 (migliaia di unità) 4 Quai eravamo, quai siamo, quai saremo Che cosa si impara el capiolo 4 er cooscere le caraerisiche e l evoluzioe della popolazioe ialiaa araverso u lugo arco di empo uilizziamo il asso di icremeo medio

Dettagli

APPROFONDIMENTI SUI NUMERI

APPROFONDIMENTI SUI NUMERI APPROFONDIMENTI SUI NUMERI. Il sistem di umerzioe deimle Be presto, ll operzioe turle del otre, si è ggiut l esigez di «rppresetre» i umeri. I sistemi di umerzioe possiili soo molti; per or i limitimo

Dettagli

6 Collegamento cerniera con piastra d anima (Fin Plate)

6 Collegamento cerniera con piastra d anima (Fin Plate) 6 Collegamento cerniera con iastra d anima (in Plate) 6. Generalità e caratteristiche del collegamento Il collegamento a cerniera con iastra d anima si realizza saldando in oicina una iastra all elemento

Dettagli

MERCATI NON CONCORRENZIALI. 2. grande numero di produttori e consumatori in ciascun mercato; 3. omogeneità del bene prodotto/venduto in ogni mercato

MERCATI NON CONCORRENZIALI. 2. grande numero di produttori e consumatori in ciascun mercato; 3. omogeneità del bene prodotto/venduto in ogni mercato MERCATI NON CONCORRENZIALI Le iotesi che sorreono lo schema di concorrenza eretta sono: 1. inormazione eretta e comleta er tutti li aenti; 2. rande numero di roduttori e consumatori in ciascun mercato;

Dettagli

Capitolo Ventitrè. Offerta nel breve. Offerta dell industria. Offerta di un industria concorrenziale Offerta impresa 1 Offerta impresa 2 p

Capitolo Ventitrè. Offerta nel breve. Offerta dell industria. Offerta di un industria concorrenziale Offerta impresa 1 Offerta impresa 2 p Caitolo Ventitrè Offerta dell industria Offerta dell industria concorrenziale Come si combinano le decisioni di offerta di molte imrese singole in un industria concorrenziale er costituire l offerta di

Dettagli

Note integrative ed Esercizi consigliati

Note integrative ed Esercizi consigliati - a.a. 2006-07 Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Civile (CIS) Note integrative ed consigliati Laura Poggiolini e Gianna Stefani Indice 0 1 Convergenza uniforme 1 2 Convergenza totale 5 1 Numeri

Dettagli

Forze Conservative. Il lavoro eseguito da una forza conservativa lungo un qualunque percorso chiuso e nullo.

Forze Conservative. Il lavoro eseguito da una forza conservativa lungo un qualunque percorso chiuso e nullo. Lavoro ed energia 1. Forze conservative 2. Energia potenziale 3. Conservazione dell energia meccanica 4. Conservazione dell energia nel moto del pendolo 5. Esempio: energia potenziale gravitazionale 6.

Dettagli

Uso delle costanti di tempo nella tecnica fonometrica.-

Uso delle costanti di tempo nella tecnica fonometrica.- Aunti di acustica ratica N 10.- 0140114 Uso delle costanti di temo nella tecnica fonometrica.- B.Abrami bruno.abrami@tin.it 1.- Premessa generale.- Nell estate del 010, avendo litigato con la fidanzata,

Dettagli

Indici di Posizione. Gli indici si posizione sono misure sintetiche ( valori caratteristici ) che descrivono la tendenza centrale di un fenomeno

Indici di Posizione. Gli indici si posizione sono misure sintetiche ( valori caratteristici ) che descrivono la tendenza centrale di un fenomeno Idc d Poszoe Gl dc s poszoe soo msure stetche ( valor caratterstc ) che descrvoo la tedeza cetrale d u feomeo La tedeza cetrale è, prma approssmazoe, la modaltà della varable verso la quale cas tedoo a

Dettagli

Laboratorio di Elettrotecnica

Laboratorio di Elettrotecnica 1 Laboratorio di Elettrotecnica Rappresentazione armonica dei Segnali Prof. Pietro Burrascano - Università degli Studi di Perugia Polo Scientifico Didattico di Terni 2 SEGNALI: ANDAMENTI ( NEL TEMPO, NELLO

Dettagli

L. Pandolfi. Lezioni di Analisi Matematica 2

L. Pandolfi. Lezioni di Analisi Matematica 2 L. Pandolfi Lezioni di Analisi Matematica 2 i Il testo presenta tre blocchi principali di argomenti: A Successioni e serie numeriche e di funzioni: Cap., e 2. B Questa parte consta di due, da studiarsi

Dettagli

AcidSoft. Le nostre soluzioni. Innovazione

AcidSoft. Le nostre soluzioni. Innovazione AiSoft AiSoft ase alla passioe per l'iformatio teology e si oretizza i ua realtà impreitoriale, ua perfetta reazioe imia tra ooseza teia e reatività per realizzare progetti i grae iovazioe. Le ostre soluzioi

Dettagli

ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA

ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA Quado s vuole valutare u parametro θ ad esempo: meda, varaza, proporzoe, oeffete d regressoe leare, oeffete d orrelazoe leare, e) d ua popolazoe medate u ampoe asuale,

Dettagli

+ P a n n=1 + X. a n = a m 3. n=1. m=4. Per poter dare un significato alla somma (formale) di infiniti termini, ricorriamo al seguente procedimento:

+ P a n n=1 + X. a n = a m 3. n=1. m=4. Per poter dare un significato alla somma (formale) di infiniti termini, ricorriamo al seguente procedimento: Capitolo 3 Serie 3. Definizione Sia { } una successione di numeri reali. Ci proponiamo di dare significato, quando possibile, alla somma a + a 2 +... + +... di tutti i termini della successione. Questa

Dettagli

RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO

RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO Agenzia Nazionale er le Nuove Tecnologie, l Energia e lo Sviluo Economico Sostenibile RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO Studio comarativo tra fabbisogni energetici netti, lato edificio, sia er la climatizzazione

Dettagli

Il costo della vita al Nord e al Sud d Italia, dal dopoguerra a oggi. Stime di prima generazione

Il costo della vita al Nord e al Sud d Italia, dal dopoguerra a oggi. Stime di prima generazione INVITED POLICY PAPER Il coto della vita al Nord e al Sud d Italia, dal dooguerra a oggi. Stime di rima geerazioe Nicola Amedola - Giovai Vecchi - Bilal Al Kiwai* Uiverità di Roma Tor Vergata A ditaza di

Dettagli

COMUNE DI CALVELLO PROVINCIA DI POTENZA AREA: SETTORE AMMINISTRATIVO. DETERMINAZIONE DSG N 00954/2014 del 09/12/2014

COMUNE DI CALVELLO PROVINCIA DI POTENZA AREA: SETTORE AMMINISTRATIVO. DETERMINAZIONE DSG N 00954/2014 del 09/12/2014 N PAP-01410-2014 Si attesta che il resente atto è stato affisso all'albo Pretorio on-line dal 09/12/2014 al 24/12/2014 L'incaricato della ubblicazione GENNARO COLASURDO COMUNE DI CALVELLO PROVINCIA DI

Dettagli

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys.

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys. METODO DEI MINIMI QUADRATI GIUSEPPE GIUDICE Sommario Il metodo dei minimi quadrati è trattato in tutti i testi di statistica e di elaborazione dei dati sperimentali, ma non sempre col rigore necessario

Dettagli

I numeri complessi. Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli

I numeri complessi. Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli I numeri complessi Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli 1 Introduzione Studiare i numeri complessi può sembrare inutile ed avulso dalla realtà;

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

Equazioni non lineari

Equazioni non lineari Dipartimento di Matematica tel. 011 0907503 stefano.berrone@polito.it http://calvino.polito.it/~sberrone Laboratorio di modellazione e progettazione materiali Trovare il valore x R tale che f (x) = 0,

Dettagli

Numeri Complessi R 2. P = (x P,y P ) x P. z = (x,y) y P (0,0)

Numeri Complessi R 2. P = (x P,y P ) x P. z = (x,y) y P (0,0) Numeri Complessi Un numero complesso z può essere definito come una coppia ordinata (x,y) di numeri reali x e y. L insieme dei numeri complessi è denotato con C e può essere identificato con il piano cartesiano

Dettagli

Numeri complessi. x 2 = 1.

Numeri complessi. x 2 = 1. 1 Numeri complessi Nel corso dello studio della matematica si assiste ad una progressiva estensione del concetto di numero. Dall insieme degli interi naturali N si passa a quello degli interi relativi

Dettagli

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE Sia I un intervallo di R e siano a = inf(i) R { } e b = sup(i) R {+ }; i punti di I diversi dagli estremi a e b, ( e quindi appartenenti all intervallo aperto

Dettagli

3M Prodotti per la protezione al fuoco. Building & Commercial Services

3M Prodotti per la protezione al fuoco. Building & Commercial Services 3M Prodotti per la protezioe al fuoco Buildig & Commercial Services Idice Sviluppi e treds...4-5 3M e le soluzioi aticedio...6-7 Dispositivi di attraversameto...8-19 Giuti di costruzioe...20-21 Sistemi

Dettagli

LE INCERTEZZE E LA LORO PROPAGAZIONE NELLE MISURE INDIRETTE

LE INCERTEZZE E LA LORO PROPAGAZIONE NELLE MISURE INDIRETTE LE INCERTEZZE E LA LORO PROPAGAZIONE NELLE MISURE INDIRETTE Pof. Agelo Ageletti -.s. 006/007 1) COME SI SCRIVE IL RISULTATO DI UNA MISURA Il modo miglioe pe espimee il isultto di u misu è quello di de,

Dettagli

Errori di misura. è ragionevole assumere che una buona stima del valore vero sia la media

Errori di misura. è ragionevole assumere che una buona stima del valore vero sia la media Errori di miura Se lo trumento di miura è abbatanza enibile, la miura rietuta della tea grandezza fiica darà riultati diveri fra loro e fluttuanti in modo caratteritico. E l effetto di errori cauali, o

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

Calcolo differenziale Test di autovalutazione

Calcolo differenziale Test di autovalutazione Test di autovalutazione 1. Sia f : R R iniettiva, derivabile e tale che f(1) = 3, f (1) = 2, f (3) = 5. Allora (a) (f 1 ) (3) = 1 5 (b) (f 1 ) (3) = 1 2 (c) (f 1 ) (1) = 1 2 (d) (f 1 ) (1) = 1 3 2. Sia

Dettagli

Statiche se la trasformazione dell energia avviene senza organi in movimento (es. Trasformatori.)

Statiche se la trasformazione dell energia avviene senza organi in movimento (es. Trasformatori.) Macchine elettriche parte Macchine elettriche Generalità Definizioni Molto spesso le forme di energia in natura non sono direttamente utilizzabili, ma occorre fare delle conversioni. Un qualunque sistema

Dettagli

Dinamica dei corpi deformabili. Conservazione della quantità di moto

Dinamica dei corpi deformabili. Conservazione della quantità di moto Capitolo 2 Dinamica dei corpi deformabili. Conservazione della quantità di moto 2.1 Forze Le forze che agiscono su un elemento B n del corpo B sono essenzialmente di due tipi: a) forze di massa che agiscono

Dettagli

Appunti di Analisi Matematica 1. Docente:Fabio Camilli. SAPIENZA, Università di Roma A.A. 2014/15. http://www.dmmm.uniroma1.it/~fabio.

Appunti di Analisi Matematica 1. Docente:Fabio Camilli. SAPIENZA, Università di Roma A.A. 2014/15. http://www.dmmm.uniroma1.it/~fabio. Appunti di Analisi Matematica Docente:Fabio Camilli SAPIENZA, Università di Roma A.A. 4/5 http://www.dmmm.uniroma.it/~fabio.camilli/ (Versione del 9 luglio 5) Note scritte in collaborazione con il prof.

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli