CONSULTAZIONE PUBBLICA IN MATERIA DI REGOLAZIONE TARIFFARIA DEI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONSULTAZIONE PUBBLICA IN MATERIA DI REGOLAZIONE TARIFFARIA DEI"

Transcript

1 DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 356/2013/R/IDR CONSULTAZIONE PUBBLICA IN MATERIA DI REGOLAZIONE TARIFFARIA DEI SERVIZI IDRICI Documeno per la consulazione nell ambio del procedimeno avviao con la deliberazione 1 marzo 2012, 74/2012/R/IDR 1 agoso 2013

2 Premessa Con la deliberazione 1 marzo 2012, 74/2012/R/IDR l Auorià per l energia elerica e il gas (di seguio: l Auorià) ha avviao un procedimeno per l adozione di provvedimeni ariffari e per l avvio delle aivià di raccola dai e informazioni in maeria di servizi idrici. Tale procedimeno è finalizzao a definire una regolazione del seore che enga cono dei principi indicai dalla normaiva europea e nazionale, garanendo adeguai livelli di qualià del servizio, sia commerciale che ecnica e di presazione. Nell ambio di ale procedimeno l Auorià ha sooposo a consulazione pubblica due documeni (DCO 204/2012/R/IDR del 22 maggio 2012 e 290/2012/R/IDR del 12 luglio 2012) per l adozione di provvedimeni ariffari in maeria di servizi idrici ed ha organizzao una serie di seminari al fine di raccogliere i commeni e le osservazioni di ui i soggei ineressai. In esio all aivià di analisi e allo svolgimeno del processo parecipaivo - che ha incluso lo svolgimeno di uleriori seminari, numerosi inconri con i soggei ineressai richiedeni e l organizzazione di una Conferenza Nazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici, enua a Milano in daa 3 dicembre 2012 il 28 dicembre 2012 è saa approvaa la deliberazione 585/2012/R/IDR, che ha deagliao il meodo ariffario ransiorio (MTT) per la deerminazione delle ariffe negli anni 2012 e Il provvedimeno è sao compleao, con la deliberazione 73/2013/R/IDR, che ha approvao le linee guida per la verifica dell aggiornameno del piano economico finanziario (PEF) del Piano d Ambio e, successivamene, con l approvazione, in daa 28 febbraio 2013, della deliberazione 88/2013/R/IDR, che ha deagliao il meodo ariffario ransiorio per le gesioni ex-cipe (MTC) e ha inrodoo modifiche e inegrazioni alla deliberazione 585/2012/R/IDR. Nell ambio del processo di approvazione delle ariffe ai sensi delle deliberazioni 585/2012/R/IDR e 88/2013/R/IDR, è emersa la necessià di procedere ad un aggiornameno del quadro regolaorio di riferimeno, apporando al medesimo alcune modifiche ed inegrazioni. I soggei ineressai sono inviai a far pervenire all Auorià le proprie osservazioni e propose, in forma scria, compilando l apposio modulo ineraivo disponibile nel sio inerne dell Auorià o ramie l apposio indirizzo di posa eleronica enro e non olre il 20 seembre Le osservazioni e le propose pervenue saranno pubblicae sul sio inerne dell Auorià. Perano, qualora i parecipani alla consulazione inendano salvaguardare la riservaezza di dai e informazioni, dovranno moivare ale richiesa conesualmene a quano inviao in esio al presene documeno. In al caso, sarà necessario inviare un uleriore documeno, desinao alla pubblicazione e privo delle pari riservae. Osservazioni e propose dovranno pervenire al seguene indirizzo di posa eleronica: Auorià per l energia elerica e il gas Direzione Sisemi Idrici (DSID) Unià regolazione Tariffaria dell erogazione dei Servizi Idrici (TSI) piazza Cavour Milano el fax sio inerne: 1

3 SOMMARIO 1. Inroduzione Quadro di riferimeno... 4 Obieivi dell inerveno... 4 Srumeni di regolazione... 5 Sruura del vincolo dei ricavi Compleameno del primo periodo regolaorio: schemi ed opzioni... 9 Schemi regolaori [dal 2014] Opzioni nell ambio MTT [ ] Corrispeivi da applicare all uenza finale Alre quesioni a compleameno della regolazione ariffaria Quanificazione e riconoscimeno delle parie pregresse Valore residuo in caso di subenro

4 1. Inroduzione 1.1 Nel corso del procedimeno avviao con la deliberazione 1 marzo 2012, 74/2012/R/IDR, per l adozione di provvedimeni ariffari in maeria di servizi idrici, è emersa l esigenza di inegrare e rivedere i meccanismi regolaori inrodoi con le deliberazioni 585/2012/R/IDR, 73/2013/R/IDR e 88/2013/R/IDR, porando alresì a compimeno il quadro delle regole ariffarie delineao nei provvedimeni richiamai. 1.2 L inegrazione e l aggiornameno dell auale regolazione ariffaria rispondono, per la pare di compeenza dell Auorià, in primo luogo, alle esigenze di un seore che necessia grandemene di invesimeni in alcune filiere prioriarie, come precisao nel DCO 1 339/2013/R/IDR: necessia di un urgene ammodernameno delle infrasruure idriche per compensare il riardo creaosi nel corso degli anni - riardo che ha conribuio ad accrescerne l obsolescenza e ad accenuare le criicià già da empo evidenziae, ad esempio, in ema di perdie idriche nelle rei, qualià dell acqua desinaa al consumo umano e impiani di raameno dei reflui, spesso inadeguai agli sandard comuniari. 1.3 Tale inadeguaezza infrasruurale, unia ad una plaea di operaori del seore esremamene frammenaa e differenziaa, che genera anche rilevani complessià della governance del comparo, cosiuisce la diversià profonda del seore idrico dagli alri seori regolai dall Auorià, richiedendo conseguenemene misure regolaorie specifiche. 1.4 L Auorià riiene necessaria l adozione di una regolazione innovaiva ed asimmerica che, in ragione dell elevaa spesa per invesimeni complessiva e della sua diversa incidenza nel erriorio, riesca a coniugare l esigenza di sabilizzare - rendendolo chiaro ed affidabile - il quadro di regole con riferimeno ad un orizzone emporale più ampio, con quella di permeerne una maggiore flessibilià, prospeando l adozione di nuovi srumeni regolaori. 1.5 In considerazione delle richiamae peculiarià, con il presene documeno, l Auorià inende sooporre a consulazione i propri orienameni in ordine ad alcune possibili modifiche da apporare alle deliberazioni 585/2012/R/IDR e 88/2013/R/IDR, rinviando ad un prossimo documeno di consulazione - da adoarsi in empesiva successione al presene - la descrizione punale degli aspei ariffari in via di definizione. 1.6 La presene consulazione iene cono del riparo di compeenze ra i diversi livelli isiuzionali, che configura il modello aricolao e complesso rappresenao in Appendice al presene documeno. Nel seguio, quando si farà riferimeno al ermine soggeo compeene per la definizione degli obieivi, si inenderanno quelli individuai nel modello ciao, a livello regionale, inercomunale (Eni d Ambio) ovvero comunale. Nell ambio delle proprie aribuzioni in maeria di regolazione e conrollo dei servizi idrici, l Auorià inende verificare le condizioni che permeano di rendere efficace il coordinameno ra la propria aivià regolaoria e le scele adoae a livello di pianificazione di Ambio. 1.7 Si riiene uile, in quesa sede, raccogliere conribui in merio alla possibilià di inrodurre una marice di opzioni regolaorie alernaive ra loro (schemi regolaori) - declinae in base alla relazione ra siuazione esisene ed obieivi specifici - fra le quali ciascun Ene di Ambio o soggeo compeene possa individuare la soluzione più efficace da sooporre all approvazione dell Auorià. Il processo di selezione dello schema regolaorio da pare dei soggei compeeni, peralro, dovrà enere cono della proposa iniziale del gesore, e dovrà 1 Documeno per la consulazione (proposo nell ambio del procedimeno avviao con deliberazione 319/2013/R/IDR) recane Fabbisogno di invesimeni e individuazione degli srumeni di finanziameno per il raggiungimeno degli obieivi di qualià ambienale della risorsa idrica - Primi orienameni, che si svolge in parallelo alla presene consulazione 3

5 essere finalizzao a espliciare le ragioni di efficienza e di efficacia che inducano a selezionare lo schema più appropriao. 1.8 In paricolare, il presene documeno soopone a consulazione il meccanismo di seguio sineizzao : - L Auorià individuerà quaro schemi regolaori in funzione delle decisioni che le Amminisrazioni compeeni possono assumere - coerenemene con i rispeivi obieivi - in ordine a due aspei: a) fabbisogno di invesimeni in rapporo al valore delle infrasruure esiseni; b) cosi operaivi necessari al raggiungimeno degli obieivi specifici, anche aggiunivi rispeo al livello di efficienza del gesore, misurao a parire dallo scosameno ra le previsioni dei Piani d Ambio e le risulanze conabili. - Sulla base delle caraerisiche degli schemi regolaori definii dall Auorià, l Amminisrazione compeene deerminerà il valore delle due leve decisionali che ha a disposizione (invesimeni e cosi operaivi) nell ambio del processo di pianificazione, idenificando lo schema cui è associaa la quoa pare di srumeni che le consene senio il gesore di elaborare un piano economico finanziario che garanisca il raggiungimeno dell equilibrio economico finanziario e, in ogni caso, il rispeo dei principi di efficacia, efficienza ed economicià della gesione, anche in relazione agli invesimeni programmai Pur confermando che la presene consulazione si limia ad illusrare l imposazione generale seguia dall Auorià, rinviando la punuale prospeazione delle singole ipoesi di modifica della regolazione al successivo documeno di consulazione di cui si è deo al puno 1.4, si riiene uile specificare in via preliminare che ale imposazione si differenzia, rispeo a quella aualmene vigene, soprauo in riferimeno alle segueni misure: - Deerminazione dei cosi operaivi [definii secondo la marice di gradualià dell ar. 4 dell Allegao A alla deliberazione 585/2012/R/IDR]; - Valore delle immobilizzazioni del gesore del SII [Tiolo 3 dell Allegao A alla deliberazione 585/2012/R/IDR]; - Ammorameno [Tiolo 6 dell Allegao A alla deliberazione 585/2012/R/IDR]. 2. Quadro di riferimeno Obieivi dell inerveno 2.1 Nel definire gli schemi regolaori alernaivi per il primo periodo regolaorio e nel delineare gli inerveni di compleameno ariffario l Auorià inende perseguire, ra gli alri, gli obieivi di seguio enucleai. Promuovere l adeguaezza, l efficienza e la sicurezza delle infrasruure 2.2 Come riporao nel DCO 339/2013/R/IDR: - Garanire un'adeguaa uela della risorsa idrica e dell'ambiene è quano viene richieso sia a livello comuniario, dove l'acqua è riconosciua come "un parimonio che va proeo, difeso e raao come ale", sia dal legislaore nazionale, il quale, ra i 2 Cfr. ar. 149, comma 4, d.lgs 152/06. 4

6 principi generali per la gesione delle risorse idriche annovera il seguene: "le acque cosiuiscono una risorsa che va uelaa ed uilizzaa secondo crieri di solidarieà; qualsiasi loro uso è effeuao salvaguardando le aspeaive ed i dirii delle generazioni fuure a fruire di un inegro parimonio ambienale". - Per la pare affidaa alla regolazione dell Auorià, si raa, in paricolare, di adeguare gli srumeni regolaori al fine di allineare il sisema infrasruurale nazionale agli sandard definii in ambio europeo, assicurando sull inero erriorio i necessari livelli di uela della risorsa idrica e dell ambiene in cui essa si rova. 2.3 Ciò premesso, emerge l esigenza di rafforzare la coerenza ra le decisioni ariffarie e le scele di programmazione degli invesimeni, deae dalle priorià comuniarie, nazionali e locali. In moli casi, ciò rende necessario procedere ad una rimodulazione del piano degli inerveni, e richiede, conseguenemene, una meodologia ariffaria con una prospeiva di più lungo ermine rispeo al ransiorio inizialmene adoao. Tale allungameno dell orizzone emporale della regolazione ariffaria - invocao dalla maggior pare dei soggei coinvoli, inclusi gli eni finanziaori - e concernene gli schemi regolaori per la definizione della sruura del vincolo dei ricavi, a sua vola, rende necessario cominciare ad affronare anche il ema dell aricolazione ariffaria applicaa alla clienela finale. Garanire la gesione dei servizi idrici in condizione di economicià, efficienza e di equilibrio economico finanziario 2.4 In conformià con quano disposo dall aricolo 1, comma 1, della legge 481/95 l Auorià nello svolgimeno delle proprie funzioni deve perseguire la finalià di promuovere l efficienza nel seore dei servizi di pubblica uilià garanendo adeguai livelli di qualià dei servizi medesimi in condizione di economicià e reddiivià. 2.5 Ciò premesso l Auorià inende perseguire l'efficienza nella gesione del servizio idrico come definia nelle varie accezioni proprie della Public Economics: - efficienza ecnica (adozione delle migliori ecnologie); - efficienza produiva (massimizzazione delle performance, a parià di inpu); - efficienza disribuiva (equilibrio ra soggei con diverso poere conrauale); - efficienza allocaiva (equilibrio ra i desideraa di ua la colleivià, inereni in paricolare la qualià e il prezzo del servizio erogao, enendo nella debia considerazione la uela degli ueni auali e delle fuure generazioni). Assicurare e faciliare l auazione della disciplina regolaoria promuovendone la semplificazione e la sabilià 2.6 L Auorià ha come obieivo generale quello di assicurare e faciliare l auazione della disciplina regolaoria procedendo, ove possibile, alla semplificazione della vigene normaiva ariffaria anche al fine di ridurre i cosi per i soggei regolai. Peralro, l esame delle predisposizioni ariffarie pervenue ha messo in luce l esisenza di peculiarià ed esigenze ricorreni, che porebbero essere affronae con un processo di assesameno e semplificazione della regolazione esisene. Srumeni di regolazione 2.7 Alla luce delle considerazioni riporae nella pare inroduiva del presene documeno ed a seguio dell aena analisi delle osservazioni pervenue in fase di approvazione delle propose ariffarie, l'auorià inende definire una marice di schemi regolaori alernaivi 3, 3 Si veda, in proposio, quale riferimeno meodologico principale, A Theory of Incenives in Procuremen and Regulaion, Laffon Tirole, 1993, MIT Press. L applicazione di schemi regolaori incenivani è piuoso diffusa 5

7 che pori all individuazione della soluzione più efficace rispeo agli obieivi selezionai dai soggei compeeni. L Auorià inende perano definire una marice di schemi regolaori al fine di promuovere una progressiva convergenza ad una siuazione sosanzialmene uniforme sul erriorio nazionale, che sarà poi susceibile di poer essere compiuamene disciplinaa sulla base di un unico schema. 2.8 Dei schemi regolaori saranno declinai in base agli effei che le singole misure possono indurre sugli aori coinvoli, verificandone in paricolare l'efficacia rispeo ai profili di efficienza da conseguire e la rispondenza ai parameri relaivi ai diversi sakeholder: la proezione e le garanzie per i consumaori, gli simoli alla minimizzazione dei cosi per i gesori, la sabilià e l'affidabilià per i finanziaori. 2.9 Nel massimizzare l efficienza araverso l adozione di schemi di regolazione, l Auorià dovrà enere cono di alcuni vincoli, sineizzabili principalmene in re caegorie: - obieivi dei soggei coinvoli, quali i consumaori, i gesori ed i finanziaori; - obieivi delle alre Amminisrazioni, sabilii a livello comuniario, nazionale e locale; - parameri eserni che influenzano la sosenibilià dell azione regolaoria (si consideri ad esempio il coso complessivo di un evenuale defaul - conseguene all adozione di misure regolamenari severe e poco flessibili - connesso alla mancaa coninuià nell erogazione di un servizio essenziale quale quello della forniura idrica) Riguardo alle caegorie esemplificae in precedenza, l Auorià riconosce che, almeno in pare, gli obieivi definii dalle alre Amminisrazioni compeeni possano essere, in realà, degli obblighi cui le sesse debbano oemperare: infai, la scela di perseguire finalià che comporino un elevao fabbisogno di invesimeni può derivare dalla necessià di dover raggiungere i livelli qualiaivi previsi dalla legislazione comuniaria. Ad esempio, si ricorda che l auale normaiva, europea e nazionale, impone degli obblighi relaivi, ra gli alri, agli sandard di qualià delle acque poabili, ai livelli degli scarichi delle acque depurae, allo sao dei corpi idrici da conseguire enro il 2015 (si veda al riguardo la disamina sullo sao di auazione delle direive comuniarie proposa nel ciao DCO 339/2013/R/IDR) Il raggiungimeno e il manenimeno delle prescrizioni ciae implica, da pare degli Eni di Ambio, l individuazione di livelli minimi di servizio e la conseguene definizione di un coerene programma degli invesimeni (conenene, ai sensi dell ar. 149 del D. Lgs. 152/06, la descrizione delle opere di manuenzione sraordinaria e le nuove opere, nonché l adeguameno di infrasruure esiseni) per la loro realizzazione Uno dei possibili driver che l Ene di Ambio porebbe seguire nella propria funzione di programmazione, dunque, porebbe consisere nell incremeno degli invesimeni desinai al servizio idrico inegrao (esigenza, ra l alro, confermaa da mole delle Relazioni rasmesse all Auorià in accompagnameno alle elaborazioni ariffarie propose ai sensi della regolazione ransioria). nell esperienza inernazionale, nell ambio della quale, in paricolare, si segnala, con riferimeno al seore idrico, quella uilizzaa da OFWAT, soprauo a parire dal

8 Spuni per la consulazione Q1. Si riengono esausive, seppure nella loro schemaicià, le considerazioni riporae in ordine agli obieivi e ai vincoli dell azione regolaoria? Quali uleriori elemeni si pensa possano enrare nel descrio modello di obieivi-vincoli-srumeni dell Auorià? Q2. Si condivide l imposazione che si inende conferire alle misure ae ad assesare e compleare la regolazione ariffaria ransioria, ossia il meccanismo disegnao su un menù di opzioni regolaorie da selezionare in base agli obieivi che l Ene d Ambio si pone? Q3. Si condivide il nesso causale obieivi qualiaivi-livelli minimi di servizio-programma degli invesimeni-deerminazioni ariffarie? Si condivide l esigenza di rendere esplicio ale legame? Moivare la risposa In prospeiva, l Auorià inende valuare le più efficaci modalià per inrodurre, nell ambio della propria regolazione, alcuni aspei che vengono già proficuamene impiegai nell esperienza inernazionale. In paricolare, OFWAT adoa re principali ipi di misure (economiche, repuazionali e amminisraive) per indurre i gesori a migliorare le proprie performance. Al riguardo, la possibilià di semplificare gli adempimeni amminisraivi (ad esempio, prevedendo periodi di regolazione più ampi, raccole dai mirae e semplificae o alro), offera a soggei che appaiono già connoai da performance di livello adeguao, può rappresenare uno simolo efficace e, al conempo, uile a razionalizzare l azione regolaoria nel suo complesso Ai fini di un correo inquadrameno degli srumeni prospeai in queso documeno, va rilevao che la eoria della regolazione ha sviluppao, nel corso dei decenni, vari modelli e ecniche per la deerminazione del livello ariffario necessario alla coperura inegrale dei cosi (full cos recovery) e per la garanzia dell'equilibrio economico-finanziario delle imprese di gesione dei servizi pubblici. Si possono idenificare due ipi fondamenali di schemi di regolazione che possono indurre comporameni molo diversi: - il primo (cos of service) riconosce, a poseriori, l'inero onere sosenuo dal gesore o presaore del servizio, garanendone il pieno ed inegrale recupero con conguagli successivi; - il secondo (price o revenue cap) predeermina dei limii, mediane una aena valuazione di sandard ecnici e conabili, al di sopra dei quali ogni onere resa a carico del gesore, menre al di soo del quale il gesore oiene un premio per l'efficienza conseguia Nel primo caso, ui i rischi, di qualsivoglia naura essi siano, sono rasferii alla plaea dell'uenza, che si fa carico del complessivo ammonare degli oneri, calcolao a piè di lisa; nel secondo caso, viceversa, il gesore si assume ui i rischi connessi al rispeo dei valori limie definii. La leeraura scienifica conferma l'inuizione che si può ricavare da quese brevi considerazioni: nel primo caso, la performance di efficienza è ampiamene insoddisfacene e gli invesimeni possono essere effeuai solo garanendo al gesore, e per suo ramie ai finanziaori, una specifica componene di remunerazione sul capiale invesio; nel secondo caso, invece, si induce un comporameno gesionale eso ad oimizzare l'impiego di faori di produzione ed a migliorare le perfomance, avvicinandole ai concei di efficienza di cui si è deo in precedenza Nei meccanismi regolaori concreamene applicai nell ambio della regolazione dei seori di pubblica uilià, si regisra generalmene una combinazione dei due schemi fondamenali ciai, calibraa in ragione di una predefinia marice dei rischi, inesa quale allocazione punuale delle responsabilià specifiche definie in base ai conrai di affidameno del servizio. 7

9 2.17 Tipicamene, in alcune regolazioni (ad esempio quella aualmene applicaa nel seore gas) sono uilizzai dei meccanismi di ipo cos of service per coprire i cosi delle immobilizzazioni, al fine di incenivare gli invesimeni ramie la garanzia dell inegrale coperura dei cosi sosenui, cui si aggiunge una remunerazione del capiale, menre sono uilizzai dei meccanismi di price o revenue cap per il riconoscimeno dei cosi operaivi, al fine di incenivare comporameni più efficieni. I cosi operaivi, a loro vola possono essere suddivisi ra efficienabili e non efficienabili, e su quesi ulimi possono essere emporaneamene uilizzai dei meccanismi cos of service. Si osserva, infai, che la circosanza di non poer sooporre a processi di efficienameno alcune ipologie di cosi è legaa al periodo emporale di riferimeno L Auorià, enendo presene da un lao l equilibrio economico finanziario degli operaori e l adeguaezza degli invesimeni e dall alro lao l economicià della gesione individuerà gli schemi regolaori proposi sulla base di una combinazione dei due meccanismi (mix prescelo), in ragione di una daa marice dei rischi, al fine di dare correi segnali ai soggei coinvoli. Sruura del vincolo dei ricavi 2.19 Le considerazioni che precedono, declinae nell ambio della rilevane disciplina di seore di origine comuniaria e nazionale, inducono l Auorià a confermare, in linea generale, la sruura del vincolo dei ricavi alla base delle deliberazioni 585/2012/R/IDR e 88/2013/R/IDR, considerando le segueni componeni: - cosi delle immobilizzazioni, che ricomprendono: o oneri finanziari, desinai a coprire i cosi del reperimeno delle risorse per effeuare gli inerveni richiesi sul erriorio, nonché quelli delle infrasruure già realizzae; o oneri fiscali; o ammorameni, che consenono di disribuire il coso degli inerveni sull arco della via uile dei cespii realizzai; - cosi operaivi efficienabili, ovvero ui i cosi di naura non pluriennale su cui si riiene che il gesore possa operare un processo di efficienameno; - cosi operaivi non efficienabili, ovvero ui quei cosi operaivi per i quali, nel periodo emporale considerao, non si riiene che il gesore possa operare un processo di efficienameno. Nel MTT e nel MTC includevano: cosi di energia elerica, cosi per acquisi all ingrosso, corrispeivi verso i proprieari delle infrasruure idriche e alri specifici cosi. Nei documeni di consulazione era sao chiario come alcuni di quesi cosi (ad esempio, quelli di energia elerica) fossero inclusi in quesa caegoria solo in ragione della naura ransioria di breve periodo della regolazione, menre in un arco emporale più lungo possono essere considerai efficienabili; - componeni aggiunive di sosegno agli obieivi specifici (ad esempio, riguardo la qualià del servizio), deerminae prevalenemene in ragione della spesa per invesimeni previsa per il loro conseguimeno Specifica aenzione meriano gli oneri pregressi che, una vola riconosciui, possono essere incorporai nella ariffa oppure evidenziai separaamene in bollea. Nel meodo ransiorio dell Auorià sono sai incorporai nel vincolo ai ricavi del gesore il saldo dei conguagli e delle penalizzazioni approvai dall Ene compeene enro aprile 2012, ad esclusione di quelli affereni il

10 2.21 La correa quanificazione dei conguagli riferii alle annualià pregresse, richiede l applicazione della disciplina di riferimeno allora vigene. Come noo, negli ulimi anni, si sono succedui diversi meodi ariffari, come esemplificao nella successiva figura, che ne ripora la cronologia. Fig. 1 Cronologia dei meodi per la definizione delle regole ariffarie 2.22 Coerenemene con l imposazione già adoaa dall Auorià, si riiene di dover considerare l ammissibilià ariffaria di evenuali conguagli solo a seguio dell approvazione da pare del rispeivo soggeo compeene, sulla base degli orienameni delineai nel successivo capiolo Compleameno del primo periodo regolaorio: schemi ed opzioni 3.1 Nel corso del procedimeno finalizzao all approvazione delle deerminazioni ariffarie dei servizi idrici, l analisi del maeriale pervenuo ha evidenziao la necessià di risabilire in maniera più evidene il legame che, in base al deao del d.lgs. 152/06, esise ra il programma degli inerveni, che coniene gli invesimeni necessari sul erriorio, e le variazioni ariffarie prospeae con l applicazione del MTT. 3.2 L espliciazione del legame ra invesimeni pianificai e ariffa applicaa, uavia, porebbe rendere necessaria una nuova quanificazione del programma degli inerveni da pare degli Eni d ambio, in paricolare laddove la nuova regolazione inrodoa con la deliberazione 585/2012/R/IDR inroduca rilevani disconinuià rispeo alle dinamiche ariffarie previgeni. 3.3 Il mancao adeguameno del programma degli inerveni alla nuova regolazione ariffaria, infai, può provocare il verificarsi di siuazioni in cui il geio ariffario non è sufficiene a finanziare gli invesimeni pianificai o, al conrario, è eccessivo rispeo agli inerveni previsi. Più in generale, si può presumere con ragionevole probabilià che una variazione significaiva del meodo ariffario, quale quella inrodoa dalla ciaa deliberazione 585/2012/R/IDR, possa richiedere una rimodulazione emporale degli invesimeni. 3.4 Infai, con deliberazione 73/2013/R/IDR, l Auorià ha previso i segueni passaggi: - applicazione del MTT ad invarianza del programma degli inerveni, nonché in auazione di quano previso dal comma 4.1 della ciaa deliberazione; 9

11 - ai sensi del successivo comma 4.2, rimodulazione, in caso di mancao conseguimeno dell equilibrio finanziario nel PEF, ovvero in presenza di alri evenuali squilibri, previa adeguaa moivazione, del piano degli inerveni o adozione di assunzioni differeni da quelle definie dal ciao comma 4.1; - approvazione e rasmissione del PEF aggiornao. 3.5 Si osserva, uavia, che la rimodulazione del piano degli invesimeni, a sua vola, ende a richiedere l adozione di una meodologia ariffaria con una prospeiva di più lungo ermine rispeo al ransiorio inizialmene considerao. La sabilizzazione dell orizzone emporale della regolazione ariffaria è sao, peralro, invocao dalla maggior pare dei soggei coinvoli, inclusi gli eni finanziaori. 3.6 L Auorià, perano, superando la logica ransioria della meodologia ariffaria, inenderebbe far evolvere il MTT, opporunamene adeguao e inegrao, in una prospeiva di periodo regolaorio ordinario, in modo da consenire, anche nell arco emporale [ ], le necessarie valuazioni in ordine alla ri-pianificazione degli invesimeni da pare dei soggei compeeni. 3.7 L ampliameno dell orizzone emporale del periodo regolaorio di riferimeno implica un duplice ordine di misure: l aggiornameno del meodo MTT con riguardo all applicazione del meccanismo di calcolo del vincolo ai ricavi del gesore e la definizione di alcuni primi crieri che indichino le modalià di variazione delle aricolazioni ariffarie da applicare all uenza finale, non essendo ipoizzabile manenerne uleriormene l invarianza. 3.8 In paricolare, come anicipao in precedenza, si riiene che, da un lao le diverse esigenze in ermini di obieivi presceli per il erriorio, dall alro il ruolo necessariamene incenivane che deve assumere la regolazione, inducano a proporre un meccanismo di scela ra opzioni, in funzione degli obieivi delineai dal soggeo compeene, pienamene applicabile a parire dal Al fine di sabilizzare il quadro di riferimeno ed avviare empesivamene la convergenza, sulla base di quano prospeao nella successiva sezione, si riiene uile consenire la possibilià di anicipare al 2012 l applicazione di alcune misure (denominae col ermine opzioni ), previse nell ambio dei singoli schemi regolaori. 3.9 L Auorià riiene inolre che le misure di seguio illusrae siano ali da applicarsi anche al meodo ransiorio per le gesioni CIPE (MTC), dao che i 2 meodi sono sai elaborai in maniera assoluamene coerene, differenziandosi solo con riferimeno alle modalià di ricosruzione dei cespii preesiseni. Spuni per la consulazione Q4. Si condivide l inenzione di esendere la duraa del MTT, come opporunamene modificao, ad un periodo regolaorio ordinario? Moivare la risposa. Q5. Si condivide l inenzione di inserire previsioni regolamenari anche con riferimeno all aricolazione ariffaria da applicare all uenza finale? Moivare. Schemi regolaori [dal 2014] 3.10 Dalle analisi di quesi mesi è emersa l esigenza di rendere la regolazione ariffaria definia dall Auorià, laddove declinaa in ermini prospeici, più aena agli obieivi sceli per il erriorio, prevedendo ex ane gli effei delle possibili scele di programmazione adoae dagli Eni d Ambio e dai soggei compeeni, per rendere gli srumeni regolaori più confaceni agli obieivi sessi La riflessione ha porao a proporre un menu di scele regolaorie, in funzione: - del fabbisogno di invesimeni in rapporo al valore delle infrasruure esiseni; 10

12 - dei cosi operaivi necessari al raggiungimeno degli obieivi specifici, anche aggiunivi rispeo al livello di efficienza del gesore, misurao a parire dallo scosameno ra le previsioni dei Piani d Ambio e le risulanze conabili Si riiene che il diverso fabbisogno di inerveni infrasruurali sul erriorio possa essere esemplificao dal rapporo ra gli invesimeni che il soggeo compeene riiene necessari 3 exp nell arco dei prossimi 4 anni ( + IP ) e il valore dei cespii gesii ( RAB MTT ). Tale rapporo, infai, laddove superiore ad un livello ω (da quanificare), può denoare la poenziale insufficienza del geio ariffario derivane dall applicazione del MTT a sosenere gli invesimeni richiesi Con riferimeno al livello di efficienza dei gesori, invece, si riiene che possa essere approssimao a parire dal confrono ra la componene ariffaria a coperura dei cosi 2013 operaivi per il 2013 ( Opex ) e i corrispondeni cosi operaivi di piano, come rivisi new dall Ene d Ambio o dal soggeo compeene ( Op ) Le complessià emerse nell ambio dei ciai procedimeni di raccola dai e di approvazione ariffaria, difficilmene possono essere compiuamene schemaizzae araverso assunzioni semplici. L Auorià, perano, con la presene indicazione degli schemi regolaori, illusra gli aspei che riiene conribuiscano maggiormene a cogliere gli aspei salieni nell ambio della propria aivià di regolazione, ferma resando la possibilià, sia riguardo alla quanificazione del paramero ω che può essere aricolao anche in un veore di valori, qualora le differenze risconrae richiedano l impiego seleivo di srumeni regolaori sia in riferimeno ai cosi operaivi necessari, sia, evenualmene, riguardo ad uleriori variabili che si rivelino alreano significaive. Si precisa, inolre, che il riferimeno al paramero ω ha una finalià descriiva - nel senso di permeere l idenificazione dello schema più efficace in rapporo alle scele adoae - piuoso che prescriiva: deo paramero, infai, non è desinao ad inrodurre vincoli uleriori, ma solo ad orienare nella valuazione delle opzioni regolaorie più appropriae Si osserva che sia il livello degli inerveni necessari ( 3 + IP exp ), sia il livello dei cosi new operaivi di piano ( Op ), rappresenano i possibili effei nel compuo ariffario direamene riconducibili alla definizione di obieivi specifici a livello di programmazione di ambio. In alri ermini, espliciando le variabili relaive alle due leve decisionali a 3 exp disposizione degli Eni d Ambio ( + IP e Op new ), si deermina il meodo ariffario più rispondene alla siuazione del proprio erriorio ed agli obieivi del servizio presceli Si riiene perano di adoare una marice di regole basaa sugli schemi esemplificai nella abella seguene: 11

13 COSTI OPERATIVI 2013 Op new Opex 2013 Op new > Opex INVESTIMENTI + 3 RAB + 3 RAB IP exp MTT IP exp MTT ω > ω I III II IV 3.17 Nel quadrane I il geio ariffario derivane dall applicazione del meodo MTT ende ad essere sufficiene per sosenere gli invesimeni e, analogamene, non vi sono necessià di raggiungere obieivi specifici che comporino maggiori cosi operaivi. In queso schema, l Auorià sa valuando le modalià per procedere ad un efficienameno uleriore, ad esempio bloccando la componene ariffaria a coperura dei cosi operaivi ad un livello inermedio ra cosi di bilancio e cosi di piano previgene per l anno 2014, verificando le modalià per adoare crieri sandard/paramerici 4 nei periodi successivi. In quesa siuazione, l Auorià inende, coerenemene con un imposazione che presuppone il finanziameno di nuovi invesimeni araverso la valorizzazione di RAB MTT, valuare l ammissibilià in ariffa dei valori periziai, nei limii di quano specificao nel paragrafo successivo Nel quadrane II la siuazione è la medesima del quadrane I per quano riguarda il fabbisogno di invesimeni, menre si differenzia per il fabbisogno di cosi operaivi, che si prevede in crescia in ragione degli obieivi da conseguire. In queso caso, si ipoizza un inegrazione di quesa componene ariffaria, previa moivaa richiesa da pare del soggeo compeene, che dovrà illusrare e valorizzare la differenza sulla base di nuove aivià richiese al gesore. Perano, l Auorià riiene che il principale paramero che dovrà esser considerao nelle successive valuazioni di efficienza, almeno fino alla definizione di una adeguaa sandardizzazione dei cosi operaivi, sarà quello relaivo alle valuazioni dei piani rispeo agli obieivi La medesima possibilià di inegrazione relaiva ai cosi operaivi, previa moivazione e quanificazione, sarà previsa anche nel quadrane IV, che condivide, invece, con il quadrane III le criicià in ermini di fabbisogno di invesimeno Nei quadrani III e IV, infai, la siuazione differisce dai quadrani I e II con riferimeno agli obieivi da conseguire, che comporano un elevao fabbisogno di invesimeni. in quesi casi il geio ariffario derivane dall applicazione del meodo MTT, basao sulla valorizzazione delle immobilizzazioni pregresse, ende ad essere insufficiene a sosenere gli invesimeni richiesi dalle Amminisrazioni compeeni. Si riiene perano di ipoizzare le segueni misure: 4 Si porebbe adoare un livello sandardizzao di cosi operaivi, evenualmene disino per i singoli segmeni di cui si compone la filiera ecnologica, paramerao in ragione di driver significaivi, adeguaamene suddivisi per cluser. Tali cluser poranno fare riferimeno a variabili di densià della popolazione servia, nonché alle caraerisiche geomorfologiche del erriorio servio ed agli evenuali alri parameri che risulino saisicamene significaivi nella deerminazione del coso operaivo medio. In analogia con quano applicao nelle alre regolazioni dell Auorià, si osserva che il paramero della dimensione del gesore non appare correamene applicabile, dal momeno che porebbe incorporare elemeni di inefficienza. 12

14 - consenire la valorizzazione dei cespii con crieri diversi, ad esempio prevedendo l ammissibilià dell ammorameno finanziario su cespii non rivaluai; - inrodurre la facolà di quanificare diversamene la componene FNI, in funzione dello scosameno ra le esigenze di invesimeno (calcolae in base ad una quoa corrispondene al paramero ψ 5 ) e la valorizzazione della componene Capex risulane dalla nuova valorizzazione della RAB, che riguardo all anno 2014, porebbe essere definia: 2014 FNI new = max 0; ψ * IP Capex 2014 [ ( )] 3.21 La finalià dell Auorià, nel descrio processo di aggiornameno e semplificazione, è dunque quella di far emergere, in maniera rasparene e coerene, gli obieivi che si vogliono perseguire sul erriorio. Gli srumeni adoai dovranno risulare, perano, come una conseguenza degli obieivi presceli, siano quesi deai da obblighi o vincoli imposi dalla normaiva inerna e comuniaria oppure derivani da auonome valuazioni da pare delle Amminisrazioni compeeni Si riiene che gli schemi proposi possano applicarsi anche per le gesioni ex-cipe dal momeno che - prevedendo già la delibera CIPE 8/99 e segueni la predisposizione del programma degli inerveni per le gesioni ex-cipe - il comma 4.5 della deliberazione 271/2013/R/IDR precisa che anche gli Eni locali che gesiscono in economia uno o più servizi idrici sono enui a comunicare all Auorià le informazioni deagliae relaive agli inerveni da effeuare Si evidenzia, inolre, come il meccanismo proposo debba applicarsi anche alle gesioni in deroga. Infai, laddove il periodo di concessione sia scaduo, il soggeo compeene è enuo ad aggiornare il piano degli inerveni fino al momeno in cui inenda avviare procedure per l affidameno del servizio, rienendo l Auorià che ogni gesore debba operare sulla base di obieivi preordinai al compeene livello isiuzionale. Al riguardo, l Auorià inende provvedere alla definizione di uleriori misure idonee a superare siuazioni di inerzia del ipo di quelle risconrae È uile, infine, precisare che, allo scopo di rendere il meodo ariffario più efficace nella disciplina delle condizioni esiseni risconrae e, al empo sesso, più sabile nel empo, minimizzando alresì gli scosameni da recuperare nelle annualià fuure, il vincolo ai ricavi del gesore per gli anni successivi al 2013 verrà deerminao sulla base degli ulimi dai di bilancio disponibili, aggiornando, ramie una nuova raccola dai: i cosi di capiale, per ener cono dei nuovi invesimeni realizzai, i cosi operaivi, per aggiornare i cosi non efficienabili e rarre indicazioni per l elaborazione di parameri di riferimeno, e i volumi faurai. Spuni per la consulazione Q6. Si condivide l ipoesi di configurare gli schemi ariffari sulla base del fabbisogno di invesimeni e della necessià o meno di richiedere nuove aivià che aumenano i cosi operaivi? Moivare la risposa. Q7. Si riengono sufficieni le leve a disposizione dei soggei compeeni? Moivare e/o proporre modalià alernaive/aggiunive. Q8. In aggiuna, si riiene condivisibile differenziare il periodo di applicazione degli schemi regolaori, o di singole pari degli sessi, in ragione degli obieivi definii dai soggei compeeni? Moivare. 5 Il valore del paramero ψ sarà sabilio sulla base del numero di annualià in cui si richiede il rienro degli invesimeni. 13

15 Q9. Quali uleriori misure si riengono appropriae per orienare gli schemi regolaori al sosenimeno del fabbisogno di invesimeni necessario, superando gli elemeni conservaivi propri di una regolazione ex pos sui cosi delle immobilizzazioni? Moivare. Q10. Alla luce dell obieivo delineao, quale porebbe essere il livello adeguao del paramero ω? Moivare. Q11. In considerazione dell obieivo di favorire gli invesimeni minimizzando l impao ariffario, quale porebbe essere il livello adeguao del paramero ψ? Moivare. Opzioni nell ambio MTT [ ] 3.25 In aggiuna alle opzioni delineae nel capiolo precedene, applicabili a parire dal 2014, si riiene opporuno precisare alcuni aspei del meodo MTT, applicabili sull inero arco del periodo regolaorio Il meodo MTT prevede la valorizzazione dei cosi di capiale con il meodo RAB (Regulaory Asse Base) a coso sorico rivaluao. Quesa meodologia implica che: - non siano acceae le perizie 6 ; - gli ammorameni siano calcolai sulla base delle vie uili, e dunque non si faccia riferimeno all ammorameno finanziario Tali previsioni hanno sollevao alcune criicià nei casi in cui: - siano sae capializzae perizie nei bilanci del gesore, sulla base di quano previso dalla normaiva vigene e degli obieivi definii dagli Eni d Ambio e, conseguenemene, compuae in ariffa; - esisano conrai di projec finance sipulai precedenemene all approvazione della nuova regolazione ariffaria Di conseguenza, al fine di rendere più graduale il cambiameno rispeo alla regolazione precedene, l Auorià è inenzionaa a riconoscere la facolà ai soggei compeeni di ampliare la deroga di cui al comma 8.2 del ciao Allegao A, ammeendo, quindi, la valorizzazione delle immobilizzazioni rasferie al gesore sulla base dei valori iscrii nei libri conabili del gesore medesimo, per i soli casi in cui ale valorizzazione era ammessa dalla regolazione ariffaria precedene La previsione di ammeere in ariffa dei valori periziai dovrebbe porare alla conseguenza di non applicare alcuna rivaluazione monearia su ali valori, anche se il conemporaneo passaggio da un meccanismo di ammorameni finanziari al meccanismo di calcolo degli ammorameni sulla base delle vie uili ende a ridurre l effeo indesiderao, ipoizzando di + 3 exp IP ricadere soo la condizione ω. Quale meccanismo di salvaguardia uleriore, RABMTT l Auorià riiene che possa essere inrodoo un conrollo sul moliplicaore ariffario ϑ: laddove, dopo l applicazione delle perizie, il moliplicaore dovesse aumenare al di sopra di una soglia predeerminaa, la valorizzazione delle sesse dovrà essere moivaa sulla base degli obieivi individuai dal piano degli inerveni previso per il erriorio. 6 Con l eccezione di quano previso al comma 8.2 dell Allegao A alla Deliberazione 585/2012/R/IDR, che ne ammee la valorizzazione riguardo alle immobilizzazioni realizzae da precedeni proprieari diversi dagli Eni locali, da loro aziende speciali o da socieà di capiali a oale parecipazione pubblica. 14

16 Spuni per la consulazione Q12. Si condivide l inenzione dell Auorià di ammeere la possibilià di inegrare la RABMTT con il valore delle perizie, per le gesioni in cui ale crierio era adoao anche nella regolazione precedene, al fine di faciliare il conseguimeno degli obieivi specifici previsi dall Ene di Ambio? Moivare la risposa. Q13. Quale soglia del valore di ϑ si riiene necessaria ai fini di conenere l impao ariffario della valorizzazione dei cespii includendovi le perizie? Moivare 3.30 Taluni Eni d Ambio e gesori, inolre, hanno rappresenao all Auorià che l alerazione del flusso di cassa disponibile per il rimborso del debio provocaa dalla nuova regolazione ariffaria è incompaibile con il profilo di rimborso dei finanziameni già conrai con modalià projec finance Per rispondere alle necessià di invesimeno e minimizzare gli oneri finanziari, i projec finance prevedono nei primi anni (fase di iraggio) l erogazione delle risorse necessarie per effeuare gli invesimeni, menre negli anni successivi (fase di resiuzione), è previso il pagameno del servizio del debio da pare del gesore. Ne consegue un peculiare profilo dei flussi di risorse dal finanziaore al gesore e viceversa, nell un caso concenrai nella fase iniziale dell affidameno, nell alro concenrai nella fase finale dello sesso. Il profilo dei flussi di risorse ra il gesore ed il soggeo finanziaore in un projec finance è difficilmene conciliabile con l andameno pressoché cosane dei flussi di cassa, ipico del seore idrico, a frone di necessià di invesimeno disribuie nell ambio del periodo di concessione In generale, la regolazione inrodoa dall Auorià con deliberazione 585/2012/R/IDR, definendo vie uili per i singoli cespii in linea con quelle ecniche, può aver generao, nel caso di accordi di projec finance in essere, un allungameno dei periodi di ammorameno delle infrasruure che, uniamene al riconoscimeno ex pos dei cosi delle immobilizzazioni, si riflee in una conrazione, nel breve periodo, dei flussi di cassa, comporando l insosenibilià degli accordi sessi. Una rinegoziazione, d alra pare, porebbe rivelarsi esremamene difficolosa e dall esio incero, sane la caraerisica degli accordi di projec finance di basarsi su precise previsioni dei flussi di cassa. In al caso, si può ridurre la possibilià di conseguire gli obieivi infrasruurali definii al compeene livello locale Per ali ragioni, l Auorià inende valuare l ammissibilià, limiaamene alle gesioni che hanno già sipulao un accordo di projec finance ed esclusivamene per l ammonare del debio derivane dai medesimi accordi già conclusi, per l inera duraa dell affidameno, degli oneri relaivi, a parire dalla differenza ra i cosi delle immobilizzazioni, come risulani dall applicazione dell ar. 26 dell Allegao A alla deliberazione 585/2012/R/IDR, ed il coso del debio che grava sul gesore Inolre, l Auorià non condivide il ricorso agli ammorameni finanziari nella regolazione ariffaria del servizio idrico inegrao, perché ale modalià di ammorameno non riflee il reale degrado ecnico degli impiani e provoca disorsioni nell allocazione inergenerazionale dei cosi degli invesimeni. Tuavia, come si è viso nel precedene capiolo dedicao agli schemi ariffari, l Auorià può riconoscere casi in cui RAB MTT risuli insufficiene a generare le risorse necessarie al raggiungimeno degli obieivi specifici richiesi sul erriorio L Auorià, perano, inende valuare l ammissibilià del ricorso all ammorameno finanziario, qualora, su richiesa del soggeo compeene, ricorrano congiunamene le segueni condizioni: 15

17 - il programma degli inerveni preveda una o più opere che richiedono invesimeni molo ingeni in rapporo al capiale invesio, + 3 RAB IP exp MTT > ω ; - non sia possibile un adeguao ricorso alla finanza pubblica; - il gesore operi aualmene in condizioni di efficienza, sulla base di specifici parameri Quale meccanismo di salvaguardia uleriore, l Auorià riiene che possa essere inrodoo un conrollo sul moliplicaore ariffario ϑ: laddove, dopo l applicazione delle aliquoe di ammorameno finanziario, il moliplicaore dovesse aumenare al di sopra di una soglia predeerminaa, il ricorso a ale modalià dovrà essere moivao sulla base degli obieivi individuai dal piano degli inerveni previso per il erriorio. Spuni per la consulazione Q14. Si condivide l inenzione dell Auorià di rispeare il principio di legiimo affidameno per gli accordi di projec finance? Moivare la risposa. Q15. Quali alri srumeni, olre alla coperura della differenza ra i cosi delle immobilizzazioni ed il servizio del debio, si porebbero impiegare per rendere compaibile la regolazione ariffaria con gli esiseni accordi di projec finance? Q16. Si condivide la previsione di una facolà di scela subordinaa a vincoli di efficienza e finalizzaa alla realizzazione di opere rilevani e necessarie per il erriorio? Moivare. Q17. Quali parameri si riengono efficaci per la definizione delle condizioni di efficienza necessarie all ammissibilià del ricorso all ammorameno finanziario? Moivare. Q18. Quale soglia del valore di ϑ si riiene necessaria ai fini di conenere l impao ariffario dell ammorameno finanziario? Moivare Inolre, si ricorda che, ai sensi di quano previso dal Tiolo 10 dell Allegao A alla deliberazione 585/2012/R/IDR, il Fondo Nuovi Invesimeni (FoNI) si compone di re pari disine: - la componene riscossa a iolo di ammorameno sui conribui a fondo perduo a ( AMM FoNI ); a - la componene riscossa per il finanziameno dei nuovi invesimeni ( FNI FoNI ), in esio all applicazione del meccanismo di gradualià; - la componene riscossa a iolo di eccedenza del coso per l uso delle infrasruure degli a Eni locali ( ). CUIT FoNI 3.38 Nel quadro delineao, la valorizzazione del FoNI rienra nell ambio della relazione ra regolazione ariffaria e conseguimeno degli obieivi per mezzo degli invesimeni necessari: ad esempio, la valorizzazione dei cespii dei proprieari e quella derivane dalla valorizzazione dei conribui a fondo perduo assumono rilievo in funzione della necessià di realizzare il programma degli invesimeni, come approvao e sineizzao nel PEF. Inversamene, la decisione di azzerarne il valore deve essere accompagnaa dalla dimosrazione che il programma degli inerveni può essere realizzao anche senza ali impori. Spuni per la consulazione Q19. Quali alri srumeni porebbero essere inrodoi per rendere più efficace il legame ra pianificazione e variazioni ariffarie? Moivare la risposa. 16

18 4. Corrispeivi da applicare all uenza finale 4.1 La disciplina concernene l aricolazione della ariffa da applicare all uenza è saa definia a parire dai provvedimeni sperimenali approvai dal Comiao Inerminiseriale dei Prezzi (CIP) negli anni Seana (a cui rimandava espressamene il Meodo Normalizzao - ar. 7, c. 1, D.M. 1 agoso previgene alle regole ariffarie ransiorie adoae dall Auorià), e poi progressivamene delegaa a livello locale dalle riforme successive, conribuendo a deerminare una diffusa eerogeneià dei corrispeivi. 4.2 A frone del se di crieri di aricolazione che si rinvengono nei provvedimeni sraificaisi nel empo - come risula anche dalle rispose pervenue ai documeni di consulazione predisposi dall Auorià sia nel 2012 che all inizio dell anno in corso 7 - nella prassi applicaiva si risconra un prevalene uilizzo dell aricolazione ariffaria per fasce di uenza, per fasce errioriali e per livelli di consumo, seppure si annoverano varie esperienze di aricolazione che uelano le uenze a basso reddio in base all apparenenza ad una delle caegorie ISEE. 4.3 In alcune realà, in aggiuna ai crieri sopra descrii, sono sai proposi enaivi di aricolazione commisuraa al numero di componeni il nucleo domesico, basai su sudi esi ad approfondire il profilo di consumi per dimensione familiare. Dagli inconri con gli operaori che l Auorià ha avviao sul ema, sono emerse non poche difficolà applicaive, connesse soprauo al cosane aggiornameno delle banche dai concerneni la composizione delle uenze domesiche che ale modalià di aricolazione richiede. 4.4 Le carenze nel quadro di regole alla base della definizione dell aricolazione ariffaria all uenza aualmene si rifleono, dunque, in un ampia eerogeneià dei crieri adoai e dei corrispeivi, venuasi a deerminare sulla base di complesse valuazioni equiaive e redisribuive operae sul erriorio. Soo il composio profilo dell efficienza, emerge la necessià di verificare con aenzione le caraerisiche delle scele adoae. 4.5 Il meodo MTT, daa la sua naura ransioria, non si è occupao di aricolazione ariffaria, prevedendo che il moliplicaore ariffario ϑ sia applicao a ui i corrispeivi in essere. Tuavia, l allungameno del periodo regolaorio di riferimeno e l evenuale necessià di adeguare la sruura ariffaria in ragione di nuovi obieivi che i soggei compeeni a livello locale inendono perseguire, l esigenza di superameno delle previsioni di minimo impegnao ancora conenuo in alune aricolazioni ariffarie e le misure consegueni all auazione del d.m. 30 seembre 2009 (in ordine alla resiuzione agli ueni della quoa di ariffa di depurazione non dovua), inducono a definire primi orienameni per la modifica dell aricolazione ariffaria sessa. 4.6 A parire dal 2014, si riiene perano che, laddove un soggeo compeene decida di modificare la sruura ariffaria in essere, la nuova aricolazione dei corrispeivi possa essere consideraa ammissibile dall Auorià nel rispeo dei segueni vincoli: - il confrono ra nuovi e vecchi corrispeivi debba manenere, in media, il moliplicaore ariffario ϑ approvao, uilizzando i volumi di riferimeno effeivamene rilevai; - prendendo a riferimeno il ϑ approvao, il soggeo compeene deermina, per ciascuna ipologia di ueni (u), un ϑ u, compreso in un inorno delimiao dai valori ±10% di ϑ, che permea di modificare i corrispeivi applicai per ipo di uenza ad invarianza di geio ariffario, ovvero ale per cui: 7 Cfr. DCO 204/2012/R/idr Consulazione pubblica per l adozione di provvedimeni ariffari in maeria di servizi idrici del 22 maggio 2012 e DCO 85/2013/R/idr Compensazioni della spesa sosenua per la forniura del servizio idrico dai clieni domesici economicamene disagiai del 11 aprile

19 1 T 1 T ϑ arif ( vscal u ) = ϑu arif ( vscal u u u ) ; u u - il numero di usi nel bacino ariffario non possa essere aumenao; - il numero di scaglioni, evenualmene previsi nei singoli usi, non possa essere aumenao. Spuni per la consulazione Q20. Si condivide l esigenza di rimandare ai successivi periodi regolaori la definizione di crieri esausivi e vincolani per l aricolazione delle ariffe da applicare all uenza finale e di lasciare, in quesa fase, la scela ra manenere lo sruura esisene o procedere alla sua modifica nei limii descrii? Moivare la risposa. Q21. Si riiene che i crieri proposi soddisfino, da un lao, l obieivo di venire inconro all esigenza di flessibilià manifesaa, dall alro, l obieivo di non aumenare l eerogeneià dei corrispeivi applicai sul erriorio nazionale? Moivare. 4.7 L Auorià riiene che l avvio del riordino dei corrispeivi debba essere accompagnao da un sisema di misure a salvaguardia delle uenze in condizioni economiche disagiae 8, imposando ipoesi di lavoro che engano cono, ra l alro delle indicazioni dei Saggi (Cfr. Relazione del Gruppo di lavoro in maeria economico-sociale ed europea, p.44, ove si legge: all acqua, soprauo a seguio del referendum del 2011, va garanio lo saus di bene comune e va, conseguenemene, assicurao ai consumaori a basso reddio l accesso a condizioni di favore all uso delle percenuali d acqua necessarie per un pieno soddisfacimeno dei bisogni fondamenali ). 4.8 In paricolare le misure che l Auorià inende adoare saranno ese a: - armonizzare i sisemi di agevolazione esiseni, prevedendo crieri univoci nella definizione della prima fascia di consumi, a cui si applica generalmene il corrispeivo agevolao; - definire caegorie di beneficiari nell ambio di bacini di agevolazione, ovvero considerando analisi di affordabiliy che, pur presupponendo l impiego dell ISEE quale indicaore reddiuale, lo impieghino nell ambio di un seore con corrispeivi molo differenziai; - deerminare l enià del beneficio, anche in ragione della disponibilià di specifici finanziameni pubblici; - definire le modalià di accrediameno ed erogazione; - armonizzare le evenuali ariffe sociali esiseni. Spuni per la consulazione Q22. Si condivide l imposazione prospeaa dall Auorià per il superameno e il riordino dei meccanismi di agevolazioni ariffarie esiseni? Quali soluzioni si riiene uile suggerire con riferimeno alle elencae finalià delle misure che l Auorià inende adoare? 8 In proposio, è saa peralro già effeuaa una prima consulazione pubblica con il DCO 85/2013/R/IDR recane Compensazioni della spesa sosenua per la forniura del servizio idrico dai clieni domesici economicamene disagiai. - Bonus sociale idrico. 18

20 5. Alre quesioni a compleameno della regolazione ariffaria 5.1 In premessa del presene capiolo, l Auorià inende ricordare che, nell ambio delle misure necessarie ad ulimare il quadro regolaorio finora racciao, rienra il ema della morosià. 5.2 Al riguardo, l Auorià ha avviao, con le deliberazioni 87/2013/R/IDR e 117/2013/R/idr, specifici procedimeni finalizzai alla definizione delle condizioni conrauali obbligaorie inereni la regolazione della morosià degli ueni finali, nonché alla definizione dei meccanismi di riconoscimeno ai gesori degli oneri legai alla morosià e di conenimeno del rischio credio. Nell ambio di ali procedimeni che risulano u ora in corso verranno pubblicai specifici documeni per la consulazione, in cui l Auorià renderà noi i propri orienameni, a valle del compleameno dell analisi delle informazioni e dei dai acquisii. Quanificazione e riconoscimeno delle parie pregresse 5.3 Il D.M. 1 agoso 1996, all ar. 8, comma 1, puno 8), delega all Ene di Ambio il compio di sabilire, nella convenzione di affidameno, la disciplina della revisione riennale per la verifica dei migliorameni di efficienza, per la verifica della corrispondenza della ariffa media rispeo alla ariffa aricolaa, per la verifica del raggiungimeno dei raguardi di livello del servizio ovvero dell effeuazione degli invesimeni. 5.4 Le regole ariffarie derivani dal Meodo Normalizzao (MTN) che conemplano, in fase di revisione riennale, la possibilià di aggiusameni a frone di significaivi scosameni dalle previsioni del piano in ordine, ra l alro, alla corrispondenza ra l incasso derivane dall applicazione della sruura ariffaria e l incasso previso per effeo della ariffa media sabilia nella convenzione di gesione facevano sì che il ricavo complessivo previso nei documeni di programmazione fosse formalmene garanio al gesore, sicché i rischi riconducibili al lao della domanda (ad esempio, riduzione dei consumi 9 ) fossero ineramene a carico della ariffa. Si consideri, a al proposio, che le esperienze di revisione rilevae che solo nel 41% dei casi sono avvenue nel ermine di re anni disposo dalla normaiva in vigore (Fig ) hanno fao regisrare delle correzioni al ribasso dei volumi erogai pari in media al 15,2%. 9 Nel meccanismo ariffario inrodoo con D.M. 1 agoso 1996, i volumi erogai (definii nei piani di ambio) assumevano un ruolo sraegico ai fini della deerminazione della ariffa, essendo un faore impiegao nel compuo dei ricavi affereni il servizio. Al riguardo si rammena che, una vola fissao il limie alla crescia di prezzo in base al Meodo Normalizzao (MTN), il vincolo effeivo sull incremeno della somma delle componeni di coso incluse nella ariffa poeva essere rilassao, in sede di pianificazione, araverso una previsione di crescia del volume erogao. Conseguenemene, la programmazione delle aivià da realizzare e dei cosi da sosenere è saa effeuaa dai gesori considerando il ricavo uniario individuao con le modalià descrie. 10 La dimensione delle sfere è una proxy del numero di ATO che non hanno effeuao la prima revisione, menre la disanza dall asse delle ascisse misura il riardo rispeo alla scadenza previsa dal ciao D.M. 19

Lezione n.7. Variabili di stato

Lezione n.7. Variabili di stato Lezione n.7 Variabili di sao 1. Variabili di sao 2. Funzione impulsiva di Dirac 3. Generaori impulsivi per variabili di sao disconinue 3.1 ondizioni iniziali e generaori impulsivi In quesa lezione inrodurremo

Dettagli

Struttura dei tassi per scadenza

Struttura dei tassi per scadenza Sruura dei assi per scadenza /45-Unià 7. Definizione del modello ramie gli -coupon bonds preseni sul mercao Ipoesi di parenza Sul mercao sono preseni all isane ZCB che scadono fra,2,,n periodi Periodo:

Dettagli

NOTA METODOLOGICA SUL MODELLO PREVISIVO EXCELSIOR PER GLI ANNI 2013-2017

NOTA METODOLOGICA SUL MODELLO PREVISIVO EXCELSIOR PER GLI ANNI 2013-2017 NOTA METODOLOGICA SUL MODELLO PREVISIVO EXCELSIOR PER GLI ANNI 2013-2017 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 1. IL MODELLO ECONOMETRICO PER LA STIMA DEGLI STOCK SETTORIALI... 3 Foni... 3 Meodologia... 3 La formulazione

Dettagli

Gestione della produzione MRP e MRPII

Gestione della produzione MRP e MRPII Sommario Gesione della produzione e Inroduzione Classificazione Misure di presazione La Disina Base Logica Lo Sizing in II Inroduzione Inroduzione Def: Gesire la produzione significa generare e sfruare

Dettagli

Lezione 11. Inflazione, produzione e crescita della moneta

Lezione 11. Inflazione, produzione e crescita della moneta Lezione 11 (BAG cap. 10) Inflazione, produzione e crescia della monea Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Universià di Pavia Tre relazioni ra produzione, disoccupazione e inflazione Legge di Okun

Dettagli

VALORE EFFICACE DEL VOLTAGGIO

VALORE EFFICACE DEL VOLTAGGIO Fisica generale, a.a. /4 TUTOATO 8: ALO EFFC &CCUT N A.C. ALOE EFFCE DEL OLTAGGO 8.. La leura con un mulimero digiale del volaggio ai morsei di un generaore fornisce + in coninua e 5.5 in alernaa. Tra

Dettagli

7 I convertitori Analogico/Digitali.

7 I convertitori Analogico/Digitali. 7 I converiori Analogico/Digiali. 7 1. Generalià Un volmero numerico, come si evince dal nome, è uno srumeno che effeua misure di ensione mediane una conversione analogicodigiale della grandezza in ingresso

Dettagli

COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE

COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE Durane un erreoo, le oscillazioni del erreno di fondazione provocano nelle sovrasani sruure delle oscillazioni forzae. Quando il erreoo si arresa, i ovieni della sruura

Dettagli

seguendo un trend di costante crescita, ciò grazie ad un assiduo impegno nella progettazione, nello sviluppo e nella produzione di motori elettrici

seguendo un trend di costante crescita, ciò grazie ad un assiduo impegno nella progettazione, nello sviluppo e nella produzione di motori elettrici OTORI A ORRENTE ONTINUA OTORIDUTTORI W W W.DAGU.IT cerificazioni Dagu s.r.l. è un azienda che si è sviluppaa negli anni con discrea rapidià, seguendo un rend di cosane crescia, ciò grazie ad un assiduo

Dettagli

TEMPORIZZATORE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A. GARRO ) SCHEMA A BLOCCHI : NE555 1 T. reset (4) VCC R6 10K. C5 10uF

TEMPORIZZATORE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A. GARRO ) SCHEMA A BLOCCHI : NE555 1 T. reset (4) VCC R6 10K. C5 10uF TEMPOIZZATOE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A GAO ) SCHEMA A BLOCCHI : M (8) NE555 00K C7 00uF STAT S 4 K C6 0uF (6) (5) () TH C T A B 0 0 Q S Q rese T DIS (7) OUT () 0 T T09*()*C7 (sec) GND () (4) 6

Dettagli

Principi di ingegneria elettrica. Lezione 19 a. Conversione elettromeccanica dell'energia Trasmissione e distribuzione dell'energia elettrica

Principi di ingegneria elettrica. Lezione 19 a. Conversione elettromeccanica dell'energia Trasmissione e distribuzione dell'energia elettrica Principi di ingegneria elerica Lezione 19 a Conversione eleromeccanica dell'energia Trasmissione e disribuzione dell'energia elerica acchina elerica elemenare Una barra condurice di lunghezza l immersa

Dettagli

MODELLI PER LA STRUTTURA A TERMINE DEI TASSI

MODELLI PER LA STRUTTURA A TERMINE DEI TASSI Alma Maer Sudiorum Universià di Bologna FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Maemaica Maeria di Tesi: Maemaica per le applicazioni economiche e finanziarie MODELLI PER

Dettagli

Il condensatore. Carica del condensatore: tempo caratteristico

Il condensatore. Carica del condensatore: tempo caratteristico Il condensaore IASSUNTO: apacia ondensaori a geomeria piana, cilindrica, sferica La cosane dielerica ε r ondensaore ceramico, a cara, eleroliico Il condensaore come elemeno di circuio: ondensaori in serie

Dettagli

Esercizio 1 ( es 1 lez 11) La matrice è diagonalizzabile: verificare, trovando la matrice diagonalizzante, che A è simile a A.

Esercizio 1 ( es 1 lez 11) La matrice è diagonalizzabile: verificare, trovando la matrice diagonalizzante, che A è simile a A. Eserciio ( es le La marice è diagonaliabile: verificare, rovando la marice diagonaliane, che è simile a. Esisono re auovalori: mol.alg(- dim V - ; mol.alg( dim V ; mol.alg(- dim V -. Esise una marice simile

Dettagli

Lezione 4. Risposte canoniche dei sistemi del primo e del secondo ordine

Lezione 4. Risposte canoniche dei sistemi del primo e del secondo ordine Lezione 4 Ripoe canoniche dei iemi del primo e del econdo ordine Parameri caraeriici della ripoa allo calino Per ripoe canoniche i inendono le ripoe dei iemi dinamici ai egnali coiddei canonici (impulo,

Dettagli

Esercizi svolti di teoria dei segnali

Esercizi svolti di teoria dei segnali Esercizi svoli di eoria dei segnali Alessia De Rosa Mauro Barni Novembre Indice Inroduzione ii Caraerisiche dei segnali deerminai Sviluppo in Serie di Fourier di segnali periodici Trasformaa di Fourier

Dettagli

TELEGESTIONE E CONTROLLO DI QUALUNQUE TIPO DI CALDAIE E BRUCIATORI PER QUALUNQUE TIPO DI IMPIANTO

TELEGESTIONE E CONTROLLO DI QUALUNQUE TIPO DI CALDAIE E BRUCIATORI PER QUALUNQUE TIPO DI IMPIANTO NUMERO 2 del 23.04.08 COSER COSER IME Applicazioni Apparecchiature Numero 2 del 23-04-08 APPLICAZIONI APPARECCHIAURE E IMPIANI LE VARIE SOLUZIONI SARANNO ELENCAE NEL MODO PIÙ SINEICO POSSIBILE. ROVAA LA

Dettagli

Lampade: MASTER SON-T PIA Plus

Lampade: MASTER SON-T PIA Plus 13, Seembre 10 Lampade: Plus Lampade ai vapori di sodio ad ala pressione di ala qualià realizzae con ecnologia PIA (Philips Inegraed Anenna). Vanaggi La ecnologia PIA aumena l'affidabilià e riduce il asso

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2013/37 del 30 dicembre 2013 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Servizio Idrico Integrato: tariffa per gli anni 2012 e 2013 - applicazione

Dettagli

La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future.

La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future. La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future. Massimo Castagnaro Coordinatore AVA - Consiglio Direttivo ANVUR massimo.castagnaro@anvur.org Roma, 11.11.2014

Dettagli

Circuiti del primo ordine

Circuiti del primo ordine Circuii del primo ordine Un circuio del primo ordine è caraerizzao da un equazione differenziale del primo ordine I circuii del primo ordine sono di due ipi: L o C Teoria dei Circuii Prof. Luca Perregrini

Dettagli

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi.

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi. Iroduzioe () Ua defiizioe (geerale) del ermie qualià: qualià è l isieme delle caraerisiche di u eià (bee o servizio) che e deermiao la capacià di soddisfare le esigeze espresse ed implicie di chi la uilizza.

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA

MATEMATICA FINANZIARIA Capializzazioe semplice e composa MATEMATICA FINANZIARIA Immagiiamo di impiegare 4500 per ai i ua operazioe fiaziaria che frua u asso del, % auo. Quao avremo realizzao alla fie dell operazioe? I u coeso

Dettagli

Il sistema AVA e la VQR: la Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD)

Il sistema AVA e la VQR: la Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) Il sistema AVA e la VQR: la Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) Massimo Castagnaro Coordinatore AVA - Consiglio Direttivo ANVUR massimo.castagnaro@anvur.org Lecce, 19.02.2014 La

Dettagli

Problema 1: Una collisione tra meteoriti

Problema 1: Una collisione tra meteoriti Problema : Una colliione ra meeorii Problemi di imulazione della econda prova di maemaica Eami di ao liceo cienifico 5 febbraio 05 Lo udene deve volgere un olo problema a ua cela Tempo maimo aegnao alla

Dettagli

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Laboraorio di Algorimi e Sruure Dai Aniello Murano hp://people.na.infn.i people.na.infn.i/ ~murano/ 1 Algorimi per il calcolo di percori minimi u un grafo 1 Un emplice problema Pr oblema: Supponiamo che

Dettagli

15 Aggiornamento Circolare 263/2006: Esternalizzazione di funzioni aziendali

15 Aggiornamento Circolare 263/2006: Esternalizzazione di funzioni aziendali Informa(on and Communica(on Technology supply chain security 15 Aggiornamento Circolare 263/2006: Esternalizzazione di funzioni aziendali Luca Lazzaretto Rosangela D'Affuso Padova, 29 aprile 2015 1 15

Dettagli

Università degli studi di Pavia Facoltà di Economia a.a. 2014-2015

Università degli studi di Pavia Facoltà di Economia a.a. 2014-2015 Università degli studi di Pavia Facoltà di Economia a.a. 2014-2015 Corso di Economia Aziendale II modulo Capitolo 4 Lo scambio monetario e i valori scaturenti da esso 1 Stru%ura del corso Introduzione

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

Una proposta per la matematica del Secondo Biennio e per il quinto anno tra contenuti e attività

Una proposta per la matematica del Secondo Biennio e per il quinto anno tra contenuti e attività XXXII CONVEGNO UMI-CIIM IL VALORE FORMATIVO DELLA MATEMATICA NELLA SCUOLA DI OGGI dedicato a Federigo Enriques Livorno, 16-18 ottobre 2014 Una proposta per la matematica del Secondo Biennio e per il quinto

Dettagli

Buon appetito 3. comunicazione. grammatica. vocabolario Espresso. bene / buono

Buon appetito 3. comunicazione. grammatica. vocabolario Espresso. bene / buono Buon appeio comunicazione Cosa desidera? Vorrei solo un primo Che cosa avee oggi? Prende un caffè? Scusi, mi pora ancora un po di pane? Il cono, per coresia È possibile prenoare un avolo? grammaica I verbi

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2014/60 del 12 novembre 2014 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Servizio Idrico Integrato - Approvazione della revisione tariffaria

Dettagli

API (FORMATO JSON) PER IMPORT DATI IN CONTABILITA' FACILE ONLINE

API (FORMATO JSON) PER IMPORT DATI IN CONTABILITA' FACILE ONLINE API (FORMAO JSON) PER IMPOR DAI IN CONABILIA' FACILE ONLINE Lo Staff della Geritec SRL mette a disposizione delle API per lo scambio DAI tra applicativi di terze parti e Contabilità facile online (di seguito

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER VERSAMENTO INCREMENTI TARIFFARI DI CUI ALLA DELIBERA CIPE 52/2001 UTENZE INDUSTRIALI DA POZZO AUTONOMO

SCHEMA DI CONVENZIONE PER VERSAMENTO INCREMENTI TARIFFARI DI CUI ALLA DELIBERA CIPE 52/2001 UTENZE INDUSTRIALI DA POZZO AUTONOMO Allegato n. 2 alla delibera n. 11 del 12.12.05 SCHEMA DI CONVENZIONE PER VERSAMENTO INCREMENTI TARIFFARI DI CUI ALLA DELIBERA CIPE 52/2001 UTENZE INDUSTRIALI DA POZZO AUTONOMO..., con sede in.., Codice

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

chiarezza delle aspettative dell organizzazione verso l individuo e chiara esplicitazione all individuo di tali aspettative

chiarezza delle aspettative dell organizzazione verso l individuo e chiara esplicitazione all individuo di tali aspettative FORMA 3: Valutazione dei comportamenti organizzativi Nozioni di base 1. LA VALUAZION DLL COMPNZ INDIVIDUALI 1.1 L COMPNZ INDIVIDUALI In base ai recenti contributi di numerosi autori, possiamo intendere

Dettagli

La do&rina del precedente

La do&rina del precedente La do&rina del precedente I Stare Decisis Lo stare decisis è invece una tecnica decisionale elaborata dai giudici per garan6re stabilità, una sorta di «gerarchia» tra le fon6 giurisprudenziali. Esprime

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività. di informazione e promozione del PSR 2007/2013.

Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività. di informazione e promozione del PSR 2007/2013. REGIONE AUTONOMA DELLA LA SARDEGNA L Assessore Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività di informazione e promozione del PSR 2007/2013. Dotazione finanziaria Il fabbisogno

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Raduno precampionato. 7/8 Se'embre 2013 Praca2nat. Il referto di gara. Indicazioni per la corre1a compilazione

Raduno precampionato. 7/8 Se'embre 2013 Praca2nat. Il referto di gara. Indicazioni per la corre1a compilazione Raduno precampionato 7/8 Se'embre 2013 Praca2nat Il referto di gara Indicazioni per la corre1a compilazione Il referto di gara Il referto di gara rappresenta il documento che completa l incarico arbitrale:

Dettagli

Valore di costo procedimen+ sinte+ci

Valore di costo procedimen+ sinte+ci Corso di valutazione es+ma+va del proge5o Clasa a.a. 2012/13 Valore di costo procedimen+ sinte+ci Docente Collaboratore prof. Stefano Stanghellini arch. Pietro Bonifaci Il mercato delle costruzioni LE

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

Tavola 1 - Popolazione italiana residente alle date dei censimenti generali, riportata ai confini attuali - Anni 1861-2001 (migliaia di unità)

Tavola 1 - Popolazione italiana residente alle date dei censimenti generali, riportata ai confini attuali - Anni 1861-2001 (migliaia di unità) 4 Quai eravamo, quai siamo, quai saremo Che cosa si impara el capiolo 4 er cooscere le caraerisiche e l evoluzioe della popolazioe ialiaa araverso u lugo arco di empo uilizziamo il asso di icremeo medio

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

RefWorks Guida rapida VERSIONE 6.0

RefWorks Guida rapida VERSIONE 6.0 RefWorks Guida rapida VERSIONE 6.0 ISTRUZIONI DI ACCESSO Accedere a www.refworks.com/refworks e imme ere il proprio nome (Login Name) e la password. (Gli uten che accedono al sistema per la prima volta

Dettagli

INTERAZIONI TRA ATMOSFERA E IDROSFERA

INTERAZIONI TRA ATMOSFERA E IDROSFERA INTERAZIONI TRA ATMOSFERA E IDROSFERA PIETRO CALOI Isiuo Naionale di Geofisica - Roma. RIASSUNTO: Fra i legami che vincolano i movimeni di pari della idrosfera mari, laghi a quelli dell'amosfera, si prendono

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 Identificativo Atto n. 191 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE DELL AVVISO FORMAZIONE CONTINUA COMPETITIVITA EXPO E L'atto si compone

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Devi fare una fattura elettronica alla PA? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi. Servizio Fatt PA Lextel

Devi fare una fattura elettronica alla PA? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi. Servizio Fatt PA Lextel Devi fare una fattura elettronica alla PA? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi. Servizio Fatt PA Lextel FATTURAZIONE ELETTRONICA Fa# PA è il servizio online di fa/urazione ele/ronica semplice e sicuro

Dettagli

Lezione n. 3. Le determinanti della dinamica finanziaria

Lezione n. 3. Le determinanti della dinamica finanziaria FINANZA AZIENDALE Lezione n. 3 Le determinanti della dinamica finanziaria 1 SCOPO DELLA LEZIONE Comprendere i principali fenomeni in grado di influenzare la dinamica finanziaria aziendale Sviluppare un

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Risorse e strumenti per l efficienza energetica nel settore marittimo

Risorse e strumenti per l efficienza energetica nel settore marittimo Risorse e strumenti per l efficienza energetica nel settore marittimo Enrico Biele, FIRE Green shipping summit 2014 26 giugno 2014, Napoli Cos è la FIRE La Federazione Italiana per l uso Razionale dell

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES)

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 I REQUISITI... 3 I SOGGETTI PASSIVI.....4 LA PROPORZIONALITÀ

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO ANZIANITÀ DI SERVIZIO QUESITO (posto in data 11 luglio 2013) Sono Dirigente Medico di primo livello dal marzo del 2006 e di ruolo, senza interruzioni di servizio, dal luglio 2007. Mi hanno già

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI PER IL RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA E DI RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI DISOCCUPATI,

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

RISOLUZIONE N. 10/E. OGGETTO: Interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Attività consultoriale a pagamento - Qualificazione ONLUS.

RISOLUZIONE N. 10/E. OGGETTO: Interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Attività consultoriale a pagamento - Qualificazione ONLUS. RISOLUZIONE N. 10/E Direzione Centrale Normativa Roma, 23 gennaio 2015 OGGETTO: Interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Attività consultoriale a pagamento - Qualificazione ONLUS. Con l interpello

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI

PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI DIREZIONE GENERALE PER flash 29 L INCLUSIONE E LE POLITICHE SOCIALI PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI Roma, 1 settembre 2014 Il punto di partenza:

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO

LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO A. LA NUOVA MODALITA 3 B. RILASCIO DELL ATTESTATO DI ESENZIONE 5 C. REQUISITI PER L ESENZIONE

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali BOZZA PER LA CONSULTAZIONE Si prega di inviare eventuali osservazioni preferibilmente entro il

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini DI CREDIO COOPERAIVO S.C. DEGLI OBBLIGAZIONISI 1 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Novembre 2014 eramo - 64100 - Via Savini, 1 el. 0861/ 25691 - Fax 0861/ 359919 DI CREDIO COOPERAIVO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1 IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO dott.ssa Annaluisa Palma 1 Indice Il budget: documenti amministrativi in cui si estrinseca; Forma e contenuti del budget degli investimenti; Gli scopi

Dettagli