LA DINAMICA DEL DEBITO PUBBLICO. UN ANALISI DEL CASO ITALIANO,

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA DINAMICA DEL DEBITO PUBBLICO. UN ANALISI DEL CASO ITALIANO, 1980-1996"

Transcript

1 Liuc Papers n. 33, Serie Economia e Impresa 8, seembre 1996 LA DINAMICA DEL DEBITO PUBBLICO. UN ANALISI DEL CASO ITALIANO, Angelo Marano Inroduzione Le dimensioni anomale che il debio pubblico ha assuno negli ulimi quindici anni in Ialia sono noe ed è universalmene riconosciua la gravià della siuazione; per ricordare solo le grandezze più rilevani (cfr. ab. 1), il debio pubblico è ormai a livelli di molo superiori rispeo al prodoo inerno lordo (PIL), menre il fabbisogno è superiore al 10% del PIL ed ormai generao ineramene dall'onere per ineressi, dao che il fabbisogno primario dopo essersi ridoo coninuamene dal 1985 si è rasformao dal 1992 addiriura in un avanzo primario. In queso aricolo vogliamo discuere la dinamica del debio nell'ulimo quindicennio, valuando la sua sosenibilià e l'enià delle manovre di correzione che sarebbero sae necessarie. Nella prima sezione discuiamo dal puno di visa eorico l'equazione che descrive la dinamica del rapporo fra debio sul mercao e PIL, meendo in evidenza le condizioni, dipendeni dalle dimensioni del fabbisogno primario e del gap fra assi di ineresse e assi di crescia, che rendono sosenibile ale dinamica e quelle che permeono la riduzione del debio. Nella prima pare della seconda sezione discuiamo in modo più deagliao quale misura del fabbisogno primario risula più uile a caurare l'impao del defici di bilancio sul debio e cosruiamo diverse sime "corree", che engono cono delle variazioni del asso di cambio, degli ineressi passivi pagai alla banca cenrale, dell'imposizione sui ioli di sao. Nella seconda pare della seconda sezione discuiamo il gap fra assi di ineresse e di crescia al lordo e al neo dell'imposa sui ioli di sao, di modo da dare le dimensioni del meccanismo araverso il quale il debio pubblico si auoalimena. Nella erza sezione usiamo le analisi eoriche ed empiriche sviluppae nelle sezioni precedeni per discuere la dinamica del debio fra il 1980 e il 1996, soffermandoci in paricolare ad idenificarne le maggiori deerminani prima e dopo il 1991 e quanificando l'enià delle manovre di finanza pubblica necessarie per la riduzione del rapporo debio/pil. La quara sezione coniene le conclusioni. 1

2 Liuc Papers, n. 33. seembre 1996 Il rapporo debio pubblico/pil nel empo e il fabbisogno primario In quesa sezione si uilizza l idenià di bilancio del seore pubblico per analizzare in deaglio le deerminani della dinamica del rapporo debio/pil sul mercao, con l'obieivo di discuere soprauo la rilevanza di fabbisogno primario e differenziale fra assi di ineresse e di crescia 1. Di quese due grandezze, la prima è idenificaa nella leeraura prevalene e nella praica correne quale quella sulla quale più inervenire ai fini del riequilibrio della siuazione di finanza pubblica; la seconda, che è responsabile della pare della dinamica del debio generaa dal debio sesso, è saa oggeo, a ragione, di una crescene aenzione, giusificaa, come si vedrà, dal suo andameno. La crescia del rapporo debio pubblico/pil L'idenià di bilancio del seore pubblico fra spese e loro finanziameno indica che lo sock di debio pubblico (D) a fine periodo è pari allo sock di debio iniziale più il fabbisogno primario (F) e gli oneri per ineressi (INT). Possiamo scrivere: [] D D + F + INT 1 1 dove indica il periodo cui si riferiscono le variabili 2 e il fabbisogno primario è cosiuio dalla differenza fra spesa del seore pubblico, al neo della spesa per ineressi sul debio, ed enrae. Il debio pubblico è composo da ioli sul mercao, ioli deenui dalla banca cenrale e (fino al 1993) scopero del cono correne di esoreria presso la Banca d'ialia. Dal 1994 invece, a seguio dell'abolizione del cono correne di esoreria e della sua sosiuzione con il "cono di disponibilià del Tesoro per il servizio di esoreria", a ioli sul mercao e deenui dalla banca cenrale va sorao il saldo (aivo) di ale cono 3. I ioli deenui dalla banca cenrale e i saldi nei coni correni del Tesoro cosiuiscono la base monearia del Tesoro 4, e i suoi incremeni nel periodo il finanziameno in monea (base monearia) del disavanzo. Poiché lo sock di debio pubblico deenuo dalla banca cenrale e la maggior pare dei relaivi oneri scomparirebbero in un consolidao seore pubblico - Banca d'ialia, più che la dinamica dell'inero debio pubblico sembra rilevane la dinamica del debio pubblico sul mercao (B). Alla fine del periodo esso è pari allo sock di debio iniziale sul mercao più il fabbisogno primario e gli oneri per ineressi sul oale dello sock di debio preesisene, sul mercao o presso la banca cenrale, al neo dell'incremeno di base monearia del esoro (M): m B B + F M M + i B + i M [2] ( ) dove: i Tasso di ineresse nominale medio sui ioli del debio pubblico nel periodo, definio dal rapporo fra gli oneri per ineressi sui ioli del debio e lo sock di ioli alla fine del periodo precedene. 2

3 Angelo Marano, La dinamica del debio pubblico. Un'analisi del caso ialiano, i m Tasso di ineresse nominale medio pagao dal Tesoro sulla base monearia da esso creaa 5. Gli ineressi pagai sulla base monearia dal Tesoro in pare rienrano a ques'ulimo, soo forma di impose o araverso il meccanismo delle "rerocessioni" 6, in pare vanno a coprire la remunerazione (5,5%) della riserva obbligaoria delle banche. Poiché la pare che rienra in bilancio cosiuisce una paria di giro che riduce arificialmene il fabbisogno primario e aumena gli ineressi passivi menre la remunerazione della riserva obbligaoria cosiuisce una spesa che andrebbe conabilizzaa nel fabbisogno primario, è opporuno aggregare fabbisogno primario e ineressi pagai sulla base monearia del Tesoro. La grandezza risulane, un fabbisogno primario "correo" (A), verrà indicaa di seguio ancora semplicemene come fabbisogno primario, salvo che non sia opporuno precisare meglio 7. Esprimendo la [2] in ermini della crescia dello sock di debio pubblico sul mercao, si arriva a: [3] B A M + ib 1 dove indica l incremeno di una variabile nel periodo. La [3] indica che la misura in cui lo Sao deve collocare nuovo debio sul mercao risula idenicamene pari al fabbisogno primario (maggiorao dei pagameni per ineressi alla banca cenrale) più la spesa per ineressi sul debio pubblico sul mercao, meno il finanziameno moneario del esoro. Si noi che B può anche essere negaivo, il che rifleerebbe una riduzione nel corso del periodo dello sock di debio pubblico. Dividendo per Y Prodoo Inerno Lordo (PIL) nel periodo, si oiene: B [4] a m ib 1 + Y 1 + g dove: a A/Y fabbisogno primario in rapporo al PIL; b B/Y sock di debio sul mercao in rapporo al PIL (indicao anche solo come rapporo debio/pil; m M/Y. Si noi che m è definio come una variazione nel empo della base monearia del Tesoro sul livello PIL 8 ; g Y Y 1 è il asso di crescia nominale del PIL, e si è enuo cono del fao che Y 1 Y = 1 ( 1 + g). (a-m), il fabbisogno primario al neo del finanziameno moneario del Tesoro, verrà indicao come fabbisogno primario neo. Consideriamo il lao sinisro dell'idenià [4], ovvero il rapporo B Y. Esprimendo la variazione del rapporo debio/pil, b, in funzione di queso rapporo e risolvendo rispeo ad esso si oiene: B g [5] b Y g b

4 Liuc Papers, n. 33. seembre 1996 Sosiuendo la [5] nella [4] e risolvendo per b, la crescia dal periodo -1 al periodo del rapporo debio/pil, si può scrivere la seguene idenià: [6] b a m i g g b Tralasciando di specificare ogni vola che a, m, b si riferiscono a grandezze rapporae al PIL, la [5] indica che la crescia del rapporo debio/pil è pari alla somma del fabbisogno primario neo e della differenza fra i assi nominali di ineresse e di crescia dell'economia moliplicaa per lo sock di debio sconao per il asso di crescia nominale del reddio 9. La [6] è un'idenià. Di per sé, in quano idenià, nulla dice sul nesso causale fra le diverse variabili, nulla dice, cioé, sul se alcune variabili siano codeerminae e se un'unica grandezza possa essere consideraa endogena, spiegaa dalle alre, esogene o ineramene deerminae da alre relazioni. Una verifica di ciò rascende gli scopi di queso lavoro. Essa è problema di verifica empirica 10, ma ancor più, probabilmene, di inerpreazione delle poliiche di bilancio e degli assei isiuzionali nei vari periodi. Ad esempio il "divorzio" fra banca cenrale e Tesoro nel 1981 prima e il raao di Maasrich poi, col divieo esplicio per la banca cenrale di finanziare il disavanzo e la successiva riforma del cono correne di esoria, dovrebbero avere conribuio a rendere sosanzialmene esogeno (ma non nullo) m. Nella leeraura recene sul debio, i ende ad essere considerao esogeno, a meno di una componene di premio al rischio che viene spesso faa dipendere dallo sock di debio, così da dar luogo ad un circolo viruoso per cui minore debio implica minori assi di ineresse che a loro vola generano minore debio. Anche g ende ad essere considerao esogeno, e su ciò si ornerà nei paragrafi successivi, a causa della crescene convergenza dei assi di crescia delle economie europee e del prevalere di una modellisica eorica che conclude in favore dell'inefficacia delle poliiche economiche pubbliche 11. Per quano riguarda b ed a, in periodi nei quali lo sock di debio è basso e il suo accumularsi non desa preoccupazioni b ende ad essere endogena, ed a esogena. Viceversa, quando b raggiunge livelli elevaissimi come gli auali, quando esisono problemi di sosenibilià e quando esise un livello cui il rapporo debio/pil deve endere come quello previso dal raao di Maasrich, è l'avanzo primario a che ende ad emergere come endogena dalla [6]. Nel seguio della sezione si uilizzerà la [6] non più come idenià ma come equazione che descrive la crescia del rapporo debio/pil sul mercao (endogena) come funzione di fabbisogno primario, finanziameno moneario del Tesoro, sock di debio sul mercao, asso di ineresse e di crescia, variabili suppose esogene. Queso perché concenriamo la nosra aenzione sulla dinamica del rapporo debio/pil, suppose decise a priori, in ambio macroeconomico e di decisione della poliica economica, le alre grandezze. Nelle sezioni successive si considererà invece l'andameno negli ulimi anni di ue quese variabili. 4

5 Angelo Marano, La dinamica del debio pubblico. Un'analisi del caso ialiano, Per amor di semplicià analiica, supporremo che il fabbisogno primario e il finanziameno moneario del Tesoro in rapporo al PIL, a e m, siano cosani in ogni periodo. Uguale assunzione verrà per i assi di crescia e di ineresse. Possiamo allora riscrivere la [6] come 7 b a m i g 1 g b = ed uilizzare quesa equazione per capire quale sarà il rapporo debio/pil fra un periodo (ipoizziamo un anno). Se ad esempio supponiamo che al empo 0 il rapporo debio/pil sul mercao sia pari a 1, che il fabbisogno primario sia pari al 5% del PIL (a=0,05) e il finanziameno moneario all'1% (m=0,01), che i=8% e g=6%, oeniamo: b 1 = 0, 05 0, 01+ 0, 02 / 1, 06 * 1 0, 06. ( ) Ne consegue che il rapporo debio/pil crescerà in un anno di circa 6 puni percenuali, passando dal 100 al 106%. Il rapporo debio/pil nel empo L'equazione [7] è alle differenze finie, lineare, non omogenea di primo grado e, abbiamo supposo per semplicià, a coefficieni cosani. Poiché b b b 1, si può espliciarla rispeo a b e risolverla parendo da un periodo 0, oenendo così il rapporo debio/pil in un generico periodo disane anni. Risolvendo per sosiuzione la [7] si oiene 12 : 1+ g 1+ i 1 i [ 8' ] b ( a m) 1 0 per [8] i g 1 g 1 g b g i = [ 8'' ] b = ( a m) + bo per g = i L'evoluzione del rapporo debio/pil descria dalla [8] può essere scomposa in due pari: una prima è dovua alla componene fabbisogno primario neo (a-m), che, se posiivo, in ogni periodo va a sommarsi allo sock iniziale di debio sul mercao b 0 come descrio dall'equazione [8''], cosicché b è dao dalla somma dello sock iniziale di debio b 0 più la somma dei fabbisogni primari accumulaisi nel empo (a-m). Un secondo effeo è dovuo all'evenuale differenza (supposa posiiva), i-g, che fa sì che anche in assenza di fabbisogni primari nei (a-m=0), b cresca auonomamene (secondo ermine a desra dell'uguale nella [8']) dao che l'effeo benefico della crescia del PIL su b è più che compensao dai pagameni per ineressi. Alla presenza combinaa dei due effei (a-m>0, i-g>0) è dovuo il primo ermine a desra dell'uguale nella [8']: se i è maggiore di g anche la componene di debio originaa dai fabbisogni primari nei che si verificano di periodo in periodo endera a crescere in maniera auonoma. Se riprendiamo l'esempio del paragrafo precedene (b 0 =1, a=0,05, m=0,01, i=8%, g=6%), possiamo ora sapere non più solo quale sarà il rapporo debio/pil l'anno prossimo, ma, ad esempio, fra 10 anni. Sosiuendo nella [8']: 5

6 Liuc Papers, n. 33. seembre 1996 b , 108 = 002,,, 106, , * =, 106, Dunque, parendo da una siuazione nella quale sock di debio e PIL sono uguali, se si avesse un fabbisogno primario neo annuo cosane pari al 4% del PIL e il asso di crescia fosse inferiore di due puni al asso di ineresse e pari in ermini nominali a circa il 6%, fra 10 anni ci roveremmo con uno sock di debio pubblico pari al 164% del PIL. In una ale siuazione anche con un fabbisogno primario neo nullo (e dunque a-m=0 e il primo ermine a desra dell'uguale nella [8'] sarebbe pari a 0) il rapporo debio/pil crescerebbe nel empo. In al caso, sosiuendo nella [8'] oerremmo: ', b = + * 1 1, 205 = 106, Se invece asso di ineresse e asso di crescia fossero uguali, ma il fabbisogno primario neo fosse ancora il 4% del PIL, dalla [8'] oerremmo 13 : '' b 10 = 10* 0, = 1, 4 Le condizioni per la riduzione del rapporo debio/pil Soo quali condizioni il rapporo debio/pil decresce nel empo? Una prima risposa è daa dalla [7], la quale indica che affinché nel periodo b decresca dev'essere ( a m) + ( i g) ( 1+ g) b < 0 [ ] 1. Quesa condizione viene ad essere valida più in generale, parendo da un periodo 0, per valuare il segno di b in ui i periodi fuuri. Calcolando infai b sulla base della [8], si oiene che condizioni necessarie e sufficieni affinché il debio decresca sono 14 : i g [ 9' ] ( a m) g b per i g 0 > 1+ g i b [ ] ( a m) g b peri g 0 9'' 0 < 1+ [ 9''' ] ( a m) 0 per i = g La [9'] ci dice che quando il asso di ineresse è superiore al asso di crescia il rapporo debio/pil diminuisce rispeo ad un valore iniziale b 0, che supponiamo posiivo, se l'avanzo i g 1 + g è almeno pari al rapporo debio/pil iniziale. [ ] [ ] ( ) primario neo, sconao al asso ( ) ( ) Considerao che ( i g) + g i g 1, la [9'] impone di avere un aivo primario pari almeno alla quoa di ineressi sul debio non copera dalla crescia dell'economia. Quando il asso di ineresse è uguale al asso di crescia è necessario almeno che vi sia un avanzo primario neo (eq. [9''']), poiché la dinamica degli ineressi sul debio è esaamene compensaa dalla crescia del PIL. 6

7 Angelo Marano, La dinamica del debio pubblico. Un'analisi del caso ialiano, Quando, infine, il asso di ineresse è inferiore al asso di crescia possiamo anche permeerci di avere un defici primario neo, purché non roppo "grande", senza che il rapporo debio/pil aumeni (eq. [9'']). Quando il asso di ineresse è superiore al asso di crescia, il rapporo debio/pil può dunque ridursi solo in presenza di un avanzo primario, perché lo sock iniziale di debio ende ad alimenarsi da solo araverso gli ineressi. Viceversa, se mi rovo in una siuazione vanaggiosa nella quale il asso di ineresse è inferiore al asso di crescia, posso permeermi anche dei defici primari, senza alimenare b. Le condizioni di sabilià asinoica del debio Il rapporo debio/pil porebbe crescere cosanemene ma uavia endere ad un valore finio, magari anche "non eccessivo". La leeraura economica ende invece a considerare insosenibile nel lungo periodo un seniero di crescia che faccia endere b ad infinio, ovvero per il quale il valore assoluo del debio pubblico B diveni infiniamene più grande del reddio nazionale. In ermini formali, la condizione di sabilià asinoica del rapporo debio/pil richiede che il limie di b per che ende a infinio, definio come b, sia pari ad un valore, k, finio. [10] lim b b = k Una possibile giusificazione eorica della [10] può essere daa all'inerno dei modelli a generazioni sovrappose: essa è condizione necessaria affinché esisa uno seady sae con presenza di debio pubblico 15. Riformuliamo la [8] nel modo seguene: 1+ i 1+ g 1 [ 11' ] b ( ) 0 ( ) per [11] 1 g i g a m b + g i g a m g i = + + [ 11'' ] b = ( a m) + bo per g = i Da queso si ricava: Caso I: per i<g il faore moliplicaivo 1+ g [ 12' ] b ( a m) = g i 1+ i 1+ g ende a 0, cosicché: Caso II: per i>g il faore moliplicaivo 1+ g 1+ i 1+ g ( ) i g a m a seconda del segno del coefficiene ( ) ende ad cosicché b enderà a ± o a 1 + g + 0 i g a m b : 7

8 Liuc Papers, n. 33. seembre 1996 [ 12'' ] i g b per ( a m) 1 g b = < + i g b per ( a m) 1 g b = > + 1 g b ( ) ( ) 0 0 i g a m b per a m i g 1 g b = + = = Caso III: per i=g uo dipenderà dal segno di a-m: b = per a m > 0 defici primario [12'''] b = per( a m) < 0 ( aivo primario) b = b0 per ( a m) = 0 ( ) ( ) Cominciamo la discussione dalla [12']. Essa indica che quando il asso di ineresse sul debio pubblico è inferiore al asso di crescia del PIL il rapporo debio/pil converge sempre ad un valore finio, legao alle dimensioni del fabbisogno primario 16. Uilizzando anche le conclusioni circa il segno di b (eq. [9'']), possiamo dire che con i<g e dao uno sock iniziale di debio posiivo, il rapporo debio/pil decresce e ende ad un valore addiriura negaivo in presenza di aivi primari nei, ende a 0 se il fabbisogno primario neo è nullo, può decrescere anche con un fabbisogno primario neo posiivo, e enderà comunque sempre ad un valore finio. Parendo ad esempio da b 0 = 1 e a-m=0,04, g=6%, i=5%, oerrei che il rapporo debio/pil sarebbe crescene e enderebbe a 4,24. Sarebbe invece cosane per a-m=0,009, cioé per un fabbisogno primario neo vicino allo 0,1% del PIL. Quando i=g (caso [12''']) la endenza del debio appare ancora soo conrollo, anche se la siuazione si rivela meno favorevole: il rapporo debio/pil si maniene cosane in assenza di disavanzi primari e basa comunque avere un sia pur piccolo avanzo primario per porare il sisema su un seniero nel quale non solo il rapporo decresce fino ad annullarsi, ma addiriura va a -. Quesi due casi appaiono piuoso favorevoli perché lo sock di debio non si auoalimena araverso gli ineressi più di quano cresca il PIL, e queso ende a scongiurare o rendere meglio conrollabili i problemi di sosenibilià ineremporale del debio. Queso, si noi, non pregiudica il fao che possano sorgere dei problemi di sosenibilià del livello, finio, cui ende b, né che vi possano essere problemi di collocameno dei ioli del debio pubblico sul mercao, ma rende molo probabile che una manovra di azzerameno, o anche solo di riduzione del fabbisogno primario, purché sruurale (nel senso che sia ale da caraerizzare il seniero dell'economia in ui i periodi fuuri) possa essere uo quano necessario al conrollo della dinamica del debio pubblico. 8

9 Angelo Marano, La dinamica del debio pubblico. Un'analisi del caso ialiano, Se ad esempio nel caso precedene decidessimo che è insosenibile la endenza verso b = 424, e repuassimo invece acceabile b = 2, baserebbe ridurre il fabbisogno primario neo al 2% del PIL, ovvero a-m=0,02 per inserirsi nel seniero desiderao. Nel caso invece i>g il rischio di finire in una siuazione nella quale il debio si auoalimena è piuoso concrea. Dalla [9'] e dalla [12''] ricaviamo che anche con un fabbisogno primario neo nullo b ende a crescere, senza limii. Per arresarne la crescia e renderlo sosenibile nel lungo periodo è necessario un aivo primario neo -(a-m) di una consisenza pari almeno a [( i g) /1 ( + g) ] b0. Se nel caso precedene ipoizziamo i=7% anziché 5%, sarà necessario savola un aivo primario neo vicino all'1% del PIL ( ( a m) = 0, 009 ) poiché dovremmo generare ogni anno un aivo primario ale da compensare la crescia dello sock di debio dovua al gap fra asso di ineresse e di crescia. La no-ponzi game condiion Consideriamo il caso in cui i>g. In queso caso una condizione meno sringene di quella di sabilià asinoica è quella (no-ponzi game) che richiede che lo sock di debio pubblico (in ermini nominali) si espanda ad un asso inferiore ad i, ovvero il suo valore auale sia nullo: B [13] Lim = 0. ( 1 i) + + In ermini di rappori al PIL, essa è equivalene a: [14] Lim + 1+ g y 0 b = i e richiede che b cresca ad un asso minore di ( ) [ i g + g] ( i g) 1. A differenza di quano richieso dalle condizioni di riduzione di b e di sabilià asinoica, per il soddisfacimeno della no-ponzi game condiion non è necessario (ancorché sufficiene) che b si riduca, né che enda ad un valore finio. La no-ponzi game condiion d'alra pare, insieme al vincolo di bilancio [3], impone al governo il rispeo di un vincolo di bilancio dinamico, richiedendo che esso generi un flusso di avanzi primari in valore auale ale da ripagare ineramene lo sock di debio iniziale (si veda appendice 1): [15] B 0 = A M s s ( 1 + i) s= 1 ( s). Dao che impone che, almeno a parire da un (generico) periodo, il debio non si possa espandere ad un asso superiore o pari ad i, la [13] impedisce che, rinnovando all'infinio il debio esisene ed emeendo nuovo debio per coprire ui gli ineressi passivi (Ponzi game), il governo non venga più chiamao a rispondere dello sock di debio in essere. Esso dovrà invece in ogni periodo ripagare una pare degli ineressi, di modo da ridurre, fino ad azzerare, il valore sconao del debio. 9

10 Liuc Papers, n. 33. seembre 1996 È per quesa ragiona che la no-ponzi game condiion viene spesso consideraa come "condizione di solvibilià" del governo. Da queso puno di visa essa è uavia soggea a criica: da un lao essa è meno fore della condizione di sabilià asinoica e pora a considerare solvibile anche un governo il cui debio in rapporo al PIL cresca senza limie, purché ad un asso inferiore a (i-g)/(1+g); dall'alro andrebbe spiegao perché sia il valore auale, piuoso che assoluo, del debio a dover endere a 0. Una possibile giusificazione più aricolaa della no-ponzi game può essere fornia richiamando il modello neoclassico di allocazione fra consumo e invesimeno in economie decenrae con ageni con orizzone infinio 17 : se siuazioni con i<g non possono essere di equilibrio perché porerebbero i consumaori a scegliere livelli di consumo infinii, quando invece, come ipoizzao, i>g, non risula oimale dal puno di visa dell'agene rappresenaivo deenere uno sock di ioli il cui valore auale sia posiivo, perché ciò equivarrebbe alla rinuncia alle opporunià di consumo appropriabili con ale ricchezza. La [13] risula dunque condizione necessaria per l'oimo, derivane dall'assunzione di non sazieà degli ageni. La no-ponzi game condiion non rivese invece significao nei modelli ad orizzone finio a generazioni sovrappose. Quando i>g è la condizione di sabilià asinoica ad essere rilevane e sufficiene a deerminare il rispeo della no-ponzi game condiion. Diversa è invece la siuazione nel caso sia i<g, quando ci roviamo, cioé, in siuazioni di inefficienza dinamica, nelle quali il asso di crescia del capiale fisico è roppo alo. In ale siuazione la sabilià asinoica del rapporo debio/pil è sempre assicuraa, non richiede la no-ponzi game condiion, ed è anche possibile per il governo porre in ao un "oneso" Ponzi game, lasciando crescere b fino al asso [( i g) + g] ( i g) 1 senza che aumeni 18. Tale gioco risula per giuna socialmene uile in quano in ale siuazione di inefficienza dinamica la presenza di debio pubblico, riducendo l'eccesso di accumulazione di capiale fisico, pora ad un aumeno del asso di ineresse e ad un migliorameno pareiano fra generazioni. La no-ponzi game condiion e le condizioni per la riduzione e la sosenibilià del rapporo debio/pil In ermini di rappori al PIL la [15] essa puo essere riespressa come: + 1 g 1+ i [ s s ] [16] b 0 = ( a m ) s= 1 s da cui, per a e m cosani e avendo supposo i>g si ricava che condizione necessaria e sufficiene affinché la no-ponzi game condiion sia rispeaa è che: i g [17] ( a m) = b 0 1+ g 10

11 Angelo Marano, La dinamica del debio pubblico. Un'analisi del caso ialiano, Confronando la [17] con la [9'] e la [12''] è immediao noare come essa corrisponda esaamene alle condizioni necessarie e sufficieni per l'arreso della crescia e la sabilià asinoica del rapporo debio/pil. Malgrado la richiesa di sabilizzazione immediaa di b appaia essere più fore di quella di sabilià asinoica e quesa, quando i>g, lo sia a sua vola della no- Ponzi game condiion, la condizione oenua richiede per ue e 3 il rispeo della [17]. Tale risulao è apparenemene conraddiorio, in quano ad esempio un rapporo debio/pil che crescesse al asso: i g ε ( i g ε) con 0 < ε < i g, ovvero: 1+ g 1+ i ε [ 18] b = b0 1+ g rispeerebbe la no-ponzi game condiion senza implicare anche il soddisfacimeno della condizione di sabilià asinoica 19. La causa del paradosso va ineramene aribuia all'assunzione che abbiamo fao che a e m siano cosani. È solo in al caso che la sessa condizione [17] è necessaria e sufficiene per arreso della crescià, sabilià asinoica e no-ponzi game condiion. Ad esempio (si veda l'appendice 4) è possibile dimosrare che non esise nessun aivo primario -(a-m) cosane nel empo che permee al rapporo debio/pil di crescere coerenemene con la [18]. Possiamo formulare la seguene proposizione, che riassume quano emerso dall'analisi dei paragrafi precedeni, cui si rimanda per la prova: P1: Daa l'idenià [6], se i, g, a, m sono cosani e i>g, condizione necessaria e sufficiene affinché: i) b = 0 (arreso della crescia) ii) limb = k (sabilia' asinoica) B iii) lim = 0 (no - Ponzi game condiion) ( 1+ i) i g è che: [17] ( a m) = b 1+ g 0. Inolre avanzi primari nei -(a-m) maggiori di quello considerao nella [17] porano ad annullare il debio esisene ed anzi ad un accumulo di aivià in rapporo al PIL da pare dell'operaore pubblico senza limie. L'effeo dell'inflazione sulla dinamica del debio Riscriviamo l'equazione [7], che descrive la dinamica del rapporo debio/pil sul mercao: 7 b a m i g 1 g b =

12 Liuc Papers, n. 33. seembre 1996 La dipendenza del ermine (i-g)/(1+g) da asso di ineresse e di crescia nominali può suggerire un'influenza di grandezze puramene nominali e dunque del asso di inflazione (Π) sulla dinamica del rapporo debio/pil, dae le grandezze reali. Così non é uavia. Si consideri che nel caso discreo, definendo g r il asso di crescia reale del PIL e r il asso di ineresse reale medio sui ioli del debio pubblico, sarà: r r g g + Π+ g Π i r+ Π+ rπ r r Ne risula che il faore (i-g)/(1+g) è idenicamene pari a ( r g )/( 1 + g ), cosicché la [7] e ua l'analisi e le conclusioni raggiune possono essere correamene reinerpreae sosiuendo r ad i e g r a g, ovvero esprimendole in ermini di differenza fra asso di ineresse e di crescia reali, essendo l'inflazione neurale: 7' b a m r g 1 g b = + r + r 1 È bene soolineare che queso risulao è un mero risulao conabile (ex pos), che prescinde compleamene dagli effei che l'inflazione può avere sulla dinamica del rapporo debio/pil araverso le modifiche di grandezze quali a o m, o dagli effei provocai dalle differenze fra asso di inflazione aeso ed effeivo 20. Prime conclusioni Proviamo a irare le somme di quano finora deo. Il seniero emporale del rapporo debio/pil sul mercao è descrio dalla seguene equazione: 7 b a m i g 1 g b = Per i<g non si può dire che vi sia un problema dal puno di visa della convergenza del rapporo debio/pil sul mercao ad un valore finio: b ende comunque ad un valore finio ed è decrescene anche in siuazioni nelle quali il governo ponga in ao un (oneso) Ponzi game o addiriura abbia un fabbisogno primario neo posiivo. Per i=g, b è sazionario o decresce se il fabbisogno primario neo è nullo o negaivo. Per i>g il rapporo debio/pil cresce ed esplode se il flusso di avanzi primari sconai al asso (i-g)/(1+g) non copre il debio iniziale menre rispea la no-ponzi game condiion ed è sosenibile asinoicamene solo se ( a m) = ( i g) /1 ( + g) b0, essendo decrescene se l'aivo primario [ ] supera ale livello. Il risulao di neuralià dell'inflazione permee inolre di considerare indifferenemene il r r faore nominale (i-g)/(1+g), come è sao qui fao, o il faore reale ( r g )/( 1 + g ). 12

13 Angelo Marano, La dinamica del debio pubblico. Un'analisi del caso ialiano, Una sima correa del fabbisogno e del gap fra assi di ineresse sul debio pubblico e assi di crescia in Ialia dal 1980 al 1996 Si vogliono adesso analizzare la dinamica e la sosenibilià del debio pubblico nel caso ialiano negli ulimi quindici anni, ai fini di valuarne le deerminani e quanificare le manovre correive di finanza pubblica che sarebbero sae necessarie ai fini del conrollo e della riduzione del rapporo debio/pil. Per queso, come emerge dalla sezione precedene, è necessario valuare le dimensioni del fabbisogno primario e del gap fra assi di ineresse sui ioli di sao e assi di crescia. È possibile a al fine limiarsi a considerare il fabbisogno del seore pubblico riporao nelle pubblicazioni ufficiali e calcolare il asso di ineresse sul debio come onere per ineressi diviso lo sock di debio. Il significao dell'esercizio che si vuole sviluppare in queso aricolo consiglia uavia di cercare di essere più precisi, andando a simare un fabbisogno primario "correo" e depurando il asso di ineresse dall'effeo degli ineressi pagai sullo scopero del cono correne di esoreria. È inolre uile valuare quese grandezze al neo dell'imposa sosiuiva sui ioli di sao. I risulai di quese correzioni sono ineressani, sia perché le diverse sime del fabbisogno permeono di valuare meglio lo sforzo di correzione inrapreso dal nosro paese, sia perché la sima del gap fra assi di ineresse e di crescia mosra un andameno di noevole ineresse 21. Un fabbisogno primario correo Nella ab. 2 abbiamo riporao due diverse misure del fabbisogno, quella riporaa nelle pubblicazioni ufficiali (FABBISOG) e quella oenua calcolando l'incremeno del debio (DDEBITO). Abbiamo anche riporao diversi valori del fabbisogno primario: quello ufficiale (FABPRIM) ed alri, via via correi per ener cono degli effei 1) della variazione del livello del cambio sul valore del debio pubblico (FPCORR1); 2) degli ineressi pagai alla banca cenrale (A); 3) dell'imposa sosiuiva sugli ineressi sui ioli di sao (FPCORR3). La misura del fabbisogno primario correa da uilizzare nella valuazione della dinamica del debio araverso la [7] è A, il cui rapporo al PIL, a, è riporao in ab. 4. a) La variazione del valore in Lire del debio denominao in valua L'opporunià di una prima correzione delle dimensioni del fabbisogno emerge dove si osservi che nei dai di Banca d'ialia il fabbisogno, FABBISOG, non è uguale all'incremeno del debio fra due periodi, DDEBITO. La differenza è poco significaiva fino al 1992, ma raggiunge i miliardi in ale anno ed è superiore ai nei re successivi. La ragione di ciò risiede nel fao che lo sock di debio pubblico in valua esera è valuao ai cambi di fine periodo, cosicché il processo di svaluazione della Lira iniziao negli ulimi mesi del 1992 ha gonfiao il valore del debio denominao in valua

14 Liuc Papers, n. 33. seembre 1996 Quale misura del fabbisogno usare, FABBISOG o DDEBITO? È sembrao opporuno includere nel fabbisogno (e nel fabbisogno primario) anche le spese aggiunive che si dovranno sosenere per ripagare l'aumenao valore in valua nazionale del debio. La voce FPCORR1 fornisce la conseguene sima del fabbisogno primario. b) Gli ineressi pagai alla banca cenrale Nella prima sezione abbiamo espliciamene enuo cono degli ineressi pagai dal Tesoro sullo sock di base monearia, cosiuii da quelli pagai (o, dal 1994, ricevui) sul cono di esoreria e dagli ineressi sui ioli deenui dalla banca cenrale. Abbiamo infai definio un fabbisogno primario "correo", A, come la somma di fabbisogno primario F e ineressi pagai sulla base monearia dal esoro i m M 1 e con a abbiamo indicao il rapporo fra A e il PIL. Abbiamo anche deo che l'aggregazione sembra giusificaa poiché una pare di quesi ineressi cosiuisce una mera paria di giro, che arificialmene diminuisce il disavanzo primario e accresce il peso degli ineressi, menre l'alra, andando a reribuire la riserva obbligaoria del sisema crediizio, cosiuisce una spesa di cui andrebbe enuo cono nel fabbisogno primario. La voce A in ab. 2 ripora una sima di ale fabbisogno primario correo oenua aggiungendo a FPCORR1 gli ineressi pagai dal Tesoro alla Banca d Ialia. a, riporaa in ab. 4, è il suo rapporo al PIL. Fino al 1993 ali ineressi sono cosiuii da quelli sullo scopero del cono correne di esoreria e sullo sock di ioli deenui da Banca d'ialia in media nel periodo. Gli ineressi sullo scopero del cono correne di esoreria sono oenui calcolando l'1% sullo scopero medio nel periodo. Gli ineressi sullo sock di ioli deenui dalla Banca d'ialia sono oenui moliplicando lo sock medio per il asso di ineresse medio sui ioli del debio. Ques'ulimo, riporao nella quara colonna della ab. 3 è oenuo (supponendo uguale composizione nei porafogli di Banca d'ialia e del pubblico) come rapporo fra ineressi al neo di quelli sullo scopero del cono correne di esoreria e sock medio di ioli del debio nell'anno. Il dao a parire dal 1994 è sao correo per ener cono delle diverse modalià di remunerazione del cono di disponibilia del Tesoro 23. c) L'imposizione sui ioli di sao A parire dal 1986 gli ineressi sui ioli di sao sono soggei ad un'imposa, aualmene del 12,5%, sosiuiva per le persone fisiche, a iolo d'accono per le persone giuridiche. L imposizione sui ioli di sao suggerisce due ipi di considerazioni. In primo luogo essa, a differenza degli ineressi pagai alla banca cenrale, complicherebbe in qualche modo l'analisi svola nella prima sezione: poiché infai (supponendo ui i ioli sul mercao soggei all'imposa e deenui da persone fisiche) il fabbisogno primario viene ridoo del 12,5%*iB -1 a causa dell'imposa, c'è un'elasicià negaiva del fabbisogno primario rispeo agli oneri per ineressi. 14

15 Angelo Marano, La dinamica del debio pubblico. Un'analisi del caso ialiano, Menre non si è rienuo opporuno complicare l analisi precedene considerando espliciamene ale elasicià, si è rienuo invece di guardare con più aenzione al problema collegao della possibile raslazione dell onere dell imposa sul debiore. Se l imposa non viene raslaa essa riduce il fabbisogno primario. Ma se, e nella misura in cui, l imposizione è messa in ao in modo ale da dare origine a raslazione, come già per gli ineressi pagai a Banca d Ialia ci roviamo di frone ad una siuazione nella quale la riduzione del fabbisogno primario è oenua accrescendo arificialmene gli oneri per ineressi. Si è allora provao a calcolare quale sarebbe il fabbisogno primario nel caso si abbia raslazione complea, ovvero valga la esi della paria di giro. A al fine si è calcolao nella ab. 2 un erzo fabbisogno primario correo, FPCORR3, oenuo aggiungendo a A l imposa sosiuiva sui ioli di sao. d) Risulai Le misure del fabbisogno primario correo da uilizzare nella valuazione della dinamica del debio descria dalla [7] sono, come deo, A ed a. Esse sono dunque misure corree per la spesa aggiuniva, che non figura in bilancio, dovua alla variazione del valore eserno della Lira e per gli ineressi pagai alla Banca d'ialia, che endono a gonfiare gli ineresse passivi e ridurre FABPRIM. FPCORR3, d'alra pare, include anche l'imposa sosiuiva sugli ineressi. La prima cosa che emerge se confroniamo i diversi valori che oeniamo del fabbisogno primario è la sorprendene rigidià di FPCORR3 negli anni a livelli compresi fra e miliardi. Si può dire che dopo una sosanziale e sruurale prima correzione dei coni pubblici nel 1986, la noevole riduzione del fabbisogno primario (FABPRIM) negli anni successivi sia saa in gran pare dovua a parie di giro conabili quali gli ineressi pagai a Banca d'ialia e (almeno in pare) l imposa sui ioli di sao. Lo sforzo di correzione degli squilibri di finanza pubblica operao negli ulimi anni emerge invece chiaramene negli anni successivi al 1992: nel 1993 e 1994 prima, quando a frone di un aivo primario (-FABPRIM) di poco superiore a miliardi, A si riduce a e FPCORR3 a circa , e poi ancora nel 1995 e 1996, quando FABPRIM è negaivo per miliardi e anche FPCORR3 divena, e per rilevani impori, negaivo.. A ben vedere, il puno di svola può essere rirovao già nel 1992: se l'aivo di miliardi nel dao ufficiale scompare con le nosre correzioni, è pur vero che senza i miliardi di spese deerminae dalla svaluazione A sarebbe sao molo piccolo e FPCORR3 si sarebbe praicamene dimezzao. Sembra possibile affermare che la svaluazione dell'ulimo rimesre del 1992 si è ineramene mangiaa i frui della consisene manovra correiva di finanza pubblica, che pure, come si vedrà nella prossima sezione, si è accompagnaa ad un forissimo effeo recessivo. Il prolungarsi del periodo di svaluazione della Lira sembra avere appesanio in misura non indifferene i coni pubblici anche negli anni successivi: sia nel 1993 che nel 1994 A sarebbe sao alrimeni molo piccolo. 15

16 Liuc Papers, n. 33. seembre 1996 Nel graf. 1 sono riporai gli andameni delle quaro grandezze discusse. Dal loro andameno emerge come sia possibile suddividere il periodo in quaro sooperiodi: fra il 1980 e il 1985 il fabbisogno primario è crescene e raggiunge nel 1985 un livello massimo superiore ai miliardi. Successivamene, nel 1986 vi è una prima correzione e nel periodo il fabbisogno primario inizia a ridursi, salvo rimanere però cosane sui milardi se si guarda a FPCORR3. Nel vi è una significaiva correzione, seguia poi da un'alra, forissima, nel periodo I gap fra assi di ineresse e assi di crescia Nella ab. 3 e nel graf. 2 abbiamo riporao le sime dei valori nominali e reali del asso di ineresse, del asso di crescia e del conseguene gap. Si consideri la ab. 3. Come già deo, il asso di ineresse nominale medio sui ioli del debio, I, è oenuo 24 (supponendo uguale composizione nei porafogli di Banca d'ialia e del pubblico) come rapporo fra ineressi al neo di quelli sullo scopero del cono correne di esoreria e sock medio di ioli del debio nel periodo. IREALE è il asso di ineresse reale. GNOM e GREALE riporano rispeivamene il asso di crescia nominale e reale del PIL e IMGNO il gap fra I e GNOM, da usare nella valuazione della dinamica del debio araverso la [7]. Si è rienuo ineressane calcolare anche una sima del asso di ineresse al neo dell'imposa sosiuiva sui ioli di sao, come prima nell'ipoesi che l'inero ammonare di debio sia deenuo da persone fisiche. Tale sima è riporaa come ICORRETT, e il relaivo gap col asso di crescia è ICORMGNO. ICORRETT è oenuo dal rapporo fra gli ineressi passivi sullo sock di ioli sul mercao al neo dell'imposa e lo sock medio di ali ioli sul mercao 25. L'analisi è svola prevalenemene in ermini di assi di ineresse e di crescia nominali. Tuavia le conclusioni della prima sezione la rendono valida anche con riferimeno ai assi reali, per dao deflaore del PIL, DEFLPIL. Dal 1990 il gap fra assi al lordo e al neo dell'imposa è di circa 1 puno percenuale. La cosa più rilevane appare però l'andameno del gap fra assi di ineresse al neo dell'imposa e assi di crescia. Esso è significaivamene negaivo (anche se con valori decresceni in valore assoluo) all'inizio del decennio e fino al Successivamene esso si è mosrao sosanzialmene nullo. Fra il 1986 e il 1990 risula significaivamene diverso da 0 solo nel 1988, e per giuna in ale anno è negaivo. A parire dal 1991 le cose cambiano, dao che alla rigidià verso il basso dei assi di ineresse nominali si accompagnano una fore disinflazione e la cadua del asso di crescia reale, in paricolare nel 1993 quando esso diviene negaivo, che hanno porao il gap col asso di crescia a livelli enormi, aorno al 5, 7, 2,5% rispeivamene nel 1992, 1993, 1994, con un sensibile aggravio dell'onere del debio. Tale elevao livello è confermao anche per il 1996, e solo la fore crescia expor-led dell'economia nel 1995 ha reso la siuazione in ale anno un poco migliore (cfr. graf. 2). La rigidià verso il basso dei assi di ineresse 16

17 Angelo Marano, La dinamica del debio pubblico. Un'analisi del caso ialiano, nominale e il calo del asso di crescia si rifleono anche guardando all'andameno dei assi di ineresse reali. Emergono disinamene re diversi sooperiodi: il primo, che ermina a meà degli anni 80, caraerizzao da assi negaivi o poco elevai; il secondo, nella II meà degli anni 80, caraerizzao da assi reali compresi fra il 3 e il 4%. Il periodo successivo al 1991, infine, con assi reali che raggiungono livelli molo più ali, compresi fra il 4,2 e il 6,5%. Dinamica del debio e sosenibilià in Ialia dal 1984 al 1992 Vogliamo a queso puno unire le analisi sviluppae nelle sezioni precedeni, ai fini di idenificare le maggiori deerminani della dinamica del debio, di arrivare a capire se ale dinamica risponde al crierio di sosenibilià discusso nella prima sezione e di quanificare le manovre di finanza pubblica evenualmene necessarie. Riporiamo per comodià l'eq [7], che descrive la dinamica del debio pubblico sul mercao: 7 b a m i g 1 g b = Le grandezze b, a, m preseni nell'eq [7] sono riporae nella ab. 4, con b rapporo debio sul mercao/pil (uguale a DEBMKPIL in ab. 1), a definio in precedenza e m calcolao come variazione del debio deenuo da Banca d'ialia in rapporo al PIL. Il ermine (i-g)/(1+g) è riporao come FATTORE 26. La variazione previsa dalla [7] del rapporo debio/pil e riporaa come b 27. Fino al 1991 la crescia del rapporo debio/pil appare quasi sempre compresa fra i 3 e i 5 puni percenuali annui. Fra il 1980 e il 1984 il fabbisogno primario appare molo elevao, ma il rapporo debio/pil pare da livelli poco elevai e la sua crescia è ridoa, in pare a causa del gap negaivo fra assi di ineresse e di crescia e in pare anche a causa del finanziameno moneario. Successivamene il fabbisogno primario ende a ridursi, ma rimane significaivo e divena la componene più rilevane nel deerminare la crescia del rapporo debio/pil, dao che il ermine dipendene dal gap fra ineresse e crescia sembra sosanzialmene irrilevane, così come, almeno dopo il 1986, il finanziameno moneario del esoro. Le cose cambiano drammaicamene a parire dal Nel 1992 il rapporo debio/pil cresce di quasi 6 puni percenuali, nel 1993 di 10, nel 1994 di 5. In quesi anni la riduzione del fabbisogno primario è più che compensaa dall'emergere del gap fra assi di ineresse e di crescia, e ciò conduce ad una siuazione nella quale il debio si auoalimena a seguio del crollo del asso di crescia e della mancaa riduzione dei assi di ineresse nominale. Nel 1995 e 1996 si raggiunge una sosanziale sabilizzazione di b, ma quesa avviene con un differenziale fra assi di ineresse e di crescia ancora elevao, cosicché l'arreso del debio è oenuo principalmene grazie all'oenimeno di avanzi primari cresceni. 17

18 Liuc Papers, n. 33. seembre 1996 I risulai del calcolo del fabbisogno primario necessario alla sosenibilià asinoica del debio sono dai nelle prime re colonne di ab. 5: asost e ASOST illusrano il livello, in rapporo al PIL e assoluo, cui sarebbe dovuo arrivare il fabbisogno primario A per la sosenibilià asinoica ipoizzando che ue le alre grandezze fossero rimase cosani ai livelli di quell'anno, menre FPSOST illusra la grandezza del fabbisogno primario sosenibile secondo l'accezione di conabilià nazionale (confronabile con il livello effeivo, FABPRIM). Visi i dai, queso esercizio si dimosra di imporanza relaiva. La dinamica del debio appare sosanzialmene insosenibile in ui gli anni nei quali il asso di ineresse è risulao superiore al asso di crescia, cioé dal 1985, eccezion faa per il Come già viso, il problema della sosenibilià asinoica non si pone negli anni in cui il gap è negaivo ed è in realà poco rilevane negli anni in cui è vicino a 0. Esso può divenare rilevane quando per un prolungao lasso di empo il gap risula rilevane e posiivo, ma queso avviene solo negli ulimi anni, e la brevià del periodo considerao invia ad eviare discorsi asinoici. Più rilevane è invece il calcolo del fabbisogno primario e delle manovre di finanza pubblica che sarebbero sai necessari in ogni anno per la riduzione del rapporo debio/pil. Nella ab. 5, arid e ARID illusrano il livello in rapporo al PIL e assoluo cui sarebbe dovuo arrivare il fabbisogno primario A per ridurre il rapporo debio/pil sul mercao, menre FPRID illusra la grandezza del fabbisogno primario necessario per la riduzione secondo l'accezione di fabbisogno primario di conabilià nazionale. Essa è cioé direamene confronabile con il fabbisogno primario FABPRIM, riporao nella colonna successiva. La relaiva differenza, MANOVRA, il cui andameno è illusrao anche nel graf. 3, fornisce la misura della manovra aggiuniva di finanza pubblica che sarebbe saa necessaria in ogni anno per inverire il segno della dinamica del rapporo debio/pil. Dall'analisi dei risulai, emergono ancora una vola con drammaicià da un lao la gravià dello shock recessivo nel 1992, dall'alro la dimensione dell'aggiusameno sull'avanzo primario compiuo negli ulimi anni. Riguardo alla prima, se l'avanzo primario necessario per la riduzione di b che sarebbe sao necessario risula conenuo fino al 1990 e arriva a miliardi nel 1991, esso è più che doppio nel 1992 e 1994 e raggiunge nel 1993 l enorme valore di miliadi, più del 10% del PIL. Di nuovo, a fianco degli effei della svaluazione, è il crollo del asso di crescia e la mancaa riduzione dei assi di ineresse a delineare uno scenario così drammaico, nel quale l effeivo sforzo operao per ridurre il fabbisogno primario deve far frone ad una congiunura inerna ed eserna paricolarmene sfavorevoli, come esimonia il fao che menre fino al 1990 la manovra correiva di finanza pubblica necessaria per la riduzione del rapporo debio/pil (MANOVRA) avrebbe pouo essere conenua in circa miliardi, dal 1991, e soprauo dal 1992, malgrado la riduzione del fabbisogno primario, ale manovra aggiuniva avrebbe dovuo essere molo più pesane, nelll ordine degli , , miliardi rispeivamene nel 1992, 1993, Ed è in effei di più di miliardi rispeo al 18

19 Angelo Marano, La dinamica del debio pubblico. Un'analisi del caso ialiano, la correzione di finanza pubblica che consene, nel 1996, di pervenire alla sabilizzazione ed anzi alla lieve riduzione del rapporo debio/pil. Conclusioni Abbiamo considerao l'equazione che descrive la dinamica del debio pubblico su mercao in rapporo al PIL e idenificao le condizioni per la sabilià asinoica, il soddisfacimeno della no- Ponzi game condiion e la riduzione del rapporo debio/pil. Abbiamo poi applicao ale analisi alla siuazione ialiana nel periodo Il problema sosenibilià asinoica del debio non risula davvero imporane, menre risulano ineressani gli andameni di fabbisogno primario, assi di ineresse sui ioli di sao e relaivo gap rispeo al asso di crescia del PIL, così come quello della manovra di finanza pubblica che sarebbe saa necessaria in ogni anno per la riduzione del rapporo debio/pil. Dai dai risulano in ua la loro imporanza gli effei sul debio della crisi successiva al Fino al 1990 il gap fra assi di ineressi e di crescia risula conenuo, e sosanzialmene nullo al neo dell'imposizione sui ioli di sao, così come risula cosane il fabbisogno primario comprensivo di ale imposa, menre la manovra correiva di finanza pubblica necessaria per ridurre il rapporo debio/pil avrebbe pouo essere conenua nell'ordine dei miliardi. Nel 1991 e soprauo a parire dal 1992 la siuazione cambia. Col crollo del asso di crescia e la mancaa riduzione dei assi di ineresse si crea un forissimo gap che insieme alla svaluazione della Lira rende vana la pur fore correzione del fabbisogno primario, cosicché l enià della manovra di correzione necessaria aumena anziché diminuire, raggiungendo livelli elevaissimi. Negli anni 1995 e 1996 la sabilizzazione del debio è in effei conseguia, ma, in una siuazione nella quale i assi di crescia coninuano ad essere poco elevai, il risulao è oenuo aumenando in misura noevolissima l'avanzo primario, col rischio di aggravare la recessione economica e ridurre uleriormene il asso di crescia del PIL. In conclusione, vorremmo avanzare due uleriori considerazioni. La prima ha a che fare con le origini dell auale siuazione di crisi. Ad essa hanno conribuio ano una poliica di bilancio esremamene poco rigorosa, riporaa soo conrollo solo negli ulimi anni, quano una poliica monearia eccessivamene viruosa e disinflazionisa per un paese che non lo era. Essa, radoasi in elevai assi di ineresse e sopravvaluazione del cambio dalla fine degli anni 80 al 1992 ha porao alla crescia esponenziale degli oneri per ineressi ed ha prima favorio, ma poi pesanemene penalizzao, le emissioni in valua dei ioli di sao. Si noi che il fao che il asso di ineresse al lordo dell'imposa sia sao per moli anni fra il 1984 e il 1990 vicino al asso di crescia non significa che i assi non avrebbero pouo essere più bassi. In paricolare, si ricordi che per un invesiore esero in regime di cambi fissi quello che cona è il 19

20 Liuc Papers, n. 33. seembre 1996 differenziale copero nei assi di ineresse, non quello reale, cosicché una elevaa inegrazione dei mercai finanziari avrebbe dovuo comporare, in assenza di aspeaive di svaluazione, almeno negli ulimi anni un asso nominale sosanzialmene inferiore 28. Un secondo ordine di considerazioni conclusive concerne le differeni alernaive di poliica economica che si offrono per froneggiare il problema debio. La linea del Tesoro e di Banca d Ialia è saa ed è uora rivola al conseguimeno di un aivo primario sufficiene all arreso e alla successiva riduzione del debio. A complemeno di ciò, si è messa in ao una poliica di gesione del debio più sofisicaa e si è richiamaa l aenzione sulla necessià di porre in ao una più credibile poliica di bilancio, cose quese che dovrebbero permeere la riduzione dei assi di ineresse e conseguenemene dell onere del debio. Non sembra uavia che la poliica di gesione del debio possa essere responsabile per una pare sosanziale del differenziale dei assi di ineresse sui ioli di sao ialiani, e sembra che gli ali assi di ineresse siano sai piuoso lo srumeno per guadagnare credibilià negli anni passai. Inolre, i risulai riporai in ab. 5 sembrano suggerire una visione pessimisica del enaivo di oenere il rienro dal debio araverso il conseguimeno di un elevao aivo primario. Il fao che proprio a parire dal 1992, l anno in cui il fabbisogno primario è sao correo in misura rilevane crollino (e per moivi indipendeni dalla svaluazione) asso di crescia e di inflazione suggerisce di esaminare con aenzione gli effei recessivi di sosanziali agli ad un bilancio pubblico esremamene poco elasico. E quand anche si riuscissero ad eviare ali effei recessivi, anche a frone di un aggiusameno del fabbisogno primario sufficiene ad arresare la crescia del rapporo debio/pil come quello auale, con ciò si sarebbe solo arresaa indefiniamene la crescia del rapporo debio/pil, sabilizzando una siuazione nella quale lo sao paga per ineressi una quoa aorno al 10% del PIL. Quano sia praicabile un ale sforzo e quano a lungo sia sosenibile socialmene una siuazione nella quale lo sao paga per ineressi un ammonare superiore ai ricavi IRPEF è dubbio. L analisi svola sembra suggerire che la siuazione degli ulimi anni riassuma in sé ua la drammaicià di una condizione nella quale il problema debio divena in primo luogo un problema di assi di ineresse e di crescia economica. Un ripensameno in al senso della sraegia di rienro dal debio pubblico, che non puni uo sull oenimeno di avanzi primari, sembra allora quano mai necessario ai fini di un superameno quano più possibile non raumaico dell auale siuazione. 20

SCELTE INTERTEMPORALI E DEBITO PUBBLICO

SCELTE INTERTEMPORALI E DEBITO PUBBLICO SCELTE INTERTEMPORALI E DEBITO PUBBLICO Lo sudio delle poliiche economiche con il modello IS-LM permee di analizzare gli effei di breve periodo delle decisioni di poliica fiscale e monearia del governo.

Dettagli

Apertura nei Mercati Finanziari

Apertura nei Mercati Finanziari Lezione 20 (BAG cap. 6.2, 6.4-6.5 e 18.5-18.6) La poliica economica in economia apera Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Universià di Pavia Aperura nei Mercai Finanziari 1) Gli invesiori possono

Dettagli

Economia e gestione delle imprese - 07. Sommario. Liquidità e solvibilità

Economia e gestione delle imprese - 07. Sommario. Liquidità e solvibilità Economia e gesione delle imprese - 07 Obieivi: Descrivere i processi operaivi della gesione finanziaria nel coneso aziendale. Analizzare le decisioni di invesimeno. Analizzare le decisioni di finanziameno.

Dettagli

La vischiosità dei depositi a vista durante la recente crisi finanziaria: implicazioni in una prospettiva di risk management

La vischiosità dei depositi a vista durante la recente crisi finanziaria: implicazioni in una prospettiva di risk management La vischiosià dei deposii a visa durane la recene crisi finanziaria: implicazioni in una prospeiva di risk managemen Igor Gianfrancesco Camillo Gilibero 31/01/1999 31/07/1999 31/01/2000 31/07/2000 31/01/2001

Dettagli

L ipotesi di rendimenti costanti di scala permette di scrivere la (1) in forma intensiva. Ponendo infatti c = 1/L, possiamo scrivere

L ipotesi di rendimenti costanti di scala permette di scrivere la (1) in forma intensiva. Ponendo infatti c = 1/L, possiamo scrivere DIPRTIMENTO DI SCIENZE POLITICHE Modello di Solow (1) 1 a. a. 2015-2016 ppuni dalle lezioni. Uso riservao Maurizio Zenezini Consideriamo un economia (chiusa e senza inerveno dello sao) in cui viene prodoo

Dettagli

A.A. 2013/14 Esercitazione - IRPEF TESTO E SOLUZIONI

A.A. 2013/14 Esercitazione - IRPEF TESTO E SOLUZIONI A.A. 2013/14 Eserciazione - IRPEF TESTO E SOLUZIONI Esercizio 1 - IRPEF Il signor X, che vive solo e non ha figli, ha percepio, nel corso dell anno correne, i segueni reddii: - Reddii da lavoro dipendene

Dettagli

Lezione 11. Inflazione, produzione e crescita della moneta

Lezione 11. Inflazione, produzione e crescita della moneta Lezione 11 (BAG cap. 10) Inflazione, produzione e crescia della monea Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Universià di Pavia Tre relazioni ra produzione, disoccupazione e inflazione Legge di Okun

Dettagli

LEZIONE 3 INDICATORI DELLE PRINCIPALI VARIABILI MACROECONOMICHE. Argomenti trattati: definizione e misurazione delle seguenti variabili macroecomiche

LEZIONE 3 INDICATORI DELLE PRINCIPALI VARIABILI MACROECONOMICHE. Argomenti trattati: definizione e misurazione delle seguenti variabili macroecomiche LEZIONE 3 INDICATORI DELLE RINCIALI VARIABILI MACROECONOMICHE Argomeni raai: definizione e misurazione delle segueni variabili macroecomiche Livello generale dei prezzi, Tasso d inflazione, π IL nominale,

Dettagli

flusso in uscita (FU) Impresa flusso in entrata (FE)

flusso in uscita (FU) Impresa flusso in entrata (FE) Analisi degli invesimeni Il bilancio è una sinesi a poseriori della siuazione di un'azienda. La valuazione degli invesimeni è un enaivo di valuare a priori la validià delle scele dell'azienda. L'invesimeno

Dettagli

Argomenti trattati. Rischio e Valutazione degli investimenti. Teoria della Finanza Aziendale. Costo del capitale

Argomenti trattati. Rischio e Valutazione degli investimenti. Teoria della Finanza Aziendale. Costo del capitale Teoria della Finanza Aziendale Rischio e Valuazione degli invesimeni 9 1-2 Argomeni raai Coso del capiale aziendale e di progeo Misura del bea Coso del capiale e imprese diversificae Rischio e flusso di

Dettagli

ESEMPI DI ESERCIZI SU IRPEF ED IRES

ESEMPI DI ESERCIZI SU IRPEF ED IRES ESEMPI DI ESERCIZI SU IRPEF ED IRES 1. Irpef 1) Dopo avere definio il conceo di progressivià delle impose, si indichino le modalià per la realizzazione di un sisema di impose progressivo. 2) Il signor

Dettagli

Operazioni finanziarie. Operazioni finanziarie

Operazioni finanziarie. Operazioni finanziarie Operazioni finanziarie Una operazione finanziaria è uno scambio di flussi finanziari disponibili in isani di empo differeni. Disinguiamo ra: operazioni finanziarie in condizioni di cerezza, quando ui gli

Dettagli

Esercizi di Matematica Finanziaria

Esercizi di Matematica Finanziaria Esercizi di Maemaica Finanziaria Copyrigh SDA Bocconi Faori nanziari Classi care e rappresenare gra camene i segueni faori nanziari per : (a) = + ; 8 (b) = ( + ; ) (c) = (d) () = ; (e) () = ( + ; ) (f)

Dettagli

Sviluppare una metodologia di analisi per valutare la convenienza economica di un nuovo investimento, tenendo conto di alcuni fattori rilevanti:

Sviluppare una metodologia di analisi per valutare la convenienza economica di un nuovo investimento, tenendo conto di alcuni fattori rilevanti: Analisi degli Invesimeni Obieivo: Sviluppare una meodologia di analisi per valuare la convenienza economica di un nuovo invesimeno, enendo cono di alcuni faori rilevani: 1. Dimensione emporale. 2. Grado

Dettagli

1.7. Il modello completo e le sue proprietà

1.7. Il modello completo e le sue proprietà La Teoria Generale 1 1.7. Il modello compleo e le sue proprieà Il ragionameno svolo fino a queso puno è valido per un livello dao del salario nominale e dei prezzi. Le grandezze preseni nel modello, per

Dettagli

In questo caso entrambi i gruppi chiedono copertura completa: q = d = 100.

In questo caso entrambi i gruppi chiedono copertura completa: q = d = 100. Soluzione dell Esercizio 1: Assicurazioni a) In un mercao perfeamene concorrenziale, deve valere la condizione di profii aesi nulli: E(P)=0. E possibile mosrare che ale condizione implica che l impresa

Dettagli

Lezione n.12. Gerarchia di memoria

Lezione n.12. Gerarchia di memoria Lezione n.2 Gerarchia di memoria Sommario: Conceo di gerarchia Principio di localià Definizione di hi raio e miss raio La gerarchia di memoria Il sisema di memoria è molo criico per le presazioni del calcolaore.

Dettagli

tp = 0 P + t r a 0 P Il modello di crescita aritmetico deriva dalla logica del tasso di interesse semplice

tp = 0 P + t r a 0 P Il modello di crescita aritmetico deriva dalla logica del tasso di interesse semplice Eserciazione 7: Modelli di crescia: arimeica, geomerica, esponenziale. Calcolo del asso di crescia e del empo di raddoppio. Popolazione sabile e sazionaria. Viviana Amai 03/06/200 Modelli di crescia Nella

Dettagli

Corso di. Economia Politica

Corso di. Economia Politica Prof.ssa Blanchard, Maria Laura Macroeconomia Parisi, PhD; Una parisi@eco.unibs.i; prospeiva europea, DEM Universià Il Mulino di 2011 Brescia Capiolo I. Un Viaggio inorno al mondo Corso di Economia Poliica

Dettagli

velocità angolare o pulsazione (gradi /s oppure rad/s) (angolo percorso da V in un intervallo di tempo)

velocità angolare o pulsazione (gradi /s oppure rad/s) (angolo percorso da V in un intervallo di tempo) V A = AMPIEZZA = lunghezza di V A ALTERNATA Proiezione di V X ISTANTE = velocià angolare o pulsazione (gradi /s oppure rad/s) (angolo percorso da V in un inervallo di empo) DEVE ESSERE COSTANTE Angolo

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA A.A. 2007 2008 Prova dell 8 febbraio 2008. Esercizio 1 (6 punti)

MATEMATICA FINANZIARIA A.A. 2007 2008 Prova dell 8 febbraio 2008. Esercizio 1 (6 punti) MATEMATICA FINANZIARIA A.A. 007 008 Prova dell 8 febbraio 008 Nome Cognome Maricola Esercizio (6 puni) La vendia raeale di un bene di valore 000 prevede il pagameno di rae mensili posicipae cosani calcolae

Dettagli

La volatilità delle attività finanziarie

La volatilità delle attività finanziarie 4.30 4.5 4.0 4.5 4.0 4.05 4.00 3.95 3.90 3.85 3.80 3.75 3.70 3.65 3.60 3.55 3.50 3.45 3.40 3.35 3.30 3.5 3.0 3.5 3.0 3.05 3.00.95.70.65.60.55.50.45.40.35.30.5.0.5.0.05.00.95.90.85.80.75.70.65.60.55.50.45.40.35.30.5.0.5.0.05.00

Dettagli

Struttura dei tassi per scadenza

Struttura dei tassi per scadenza Sruura dei assi per scadenza /45-Unià 7. Definizione del modello ramie gli -coupon bonds preseni sul mercao Ipoesi di parenza Sul mercao sono preseni all isane ZCB che scadono fra,2,,n periodi Periodo:

Dettagli

4 La riserva matematica

4 La riserva matematica 4 La riserva maemaica 4.1 Inroduzione La polizza, come si è viso, viene cosruia in modo da essere in equilibrio auariale alla daa di sipula = 0 e rispeo alla base ecnica del I ordine: se X è il flusso

Dettagli

Lezione 10. (BAG cap. 9) Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia

Lezione 10. (BAG cap. 9) Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Lezione 10 (BAG cap. 9) Il asso naurale di disoccupazione e la curva di Phillips Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Universià di Pavia In queso capiolo Inrodurremo uno degli oggei più conosciui

Dettagli

La previsione della domanda nella supply chain

La previsione della domanda nella supply chain La previsione della domanda nella supply chain La previsione della domanda 1 Linea guida Il ruolo della prerevisione nella supply chain Le caraerisiche della previsione Le componeni della previsione ed

Dettagli

Media Mobile di ampiezza k (k pari) Esempio: Vendite mensili di shampoo

Media Mobile di ampiezza k (k pari) Esempio: Vendite mensili di shampoo Media Mobile di ampiezza k (k pari) Esempio: Vendie mensili di shampoo Mese y 1 266,0 2 145,9 3 183,1 4 119,3 5 180,3 6 168,5 7 231,8 8 224,5 9 192,8 10 122,9 11 336,5 12 185,9 1 194,3 2 149,5 3 210,1

Dettagli

DEFICIT E DEBITO PUBBLICO

DEFICIT E DEBITO PUBBLICO DEFICIT E DEITO PULICO Defici e debio pubblico Se il governo di uno Sao spende più di quano incassa, si genera un defici pubblico. Viceversa, si parla di surplus. Il defici è finanziao dallo Sao ricorrendo

Dettagli

La valutazione d azienda: conciliazione tra metodo diretto ed indiretto

La valutazione d azienda: conciliazione tra metodo diretto ed indiretto Valuazione d azienda La valuazione d azienda: conciliazione ra meodo direo ed indireo di Maeo Versiglioni (*) e Filippo Riccardi (**) La meodologia maggiormene uilizzaa per la valuazione d azienda, è quella

Dettagli

Economia e gestione delle imprese - 01

Economia e gestione delle imprese - 01 Economia e gesione delle imprese - 01 L impresa come organizzazione che crea valore Leve di creazione di ricchezza e responsabilià sociale Prima pare : L impresa che crea valore 1. L impresa 2. L evoluzione

Dettagli

2. Politiche di gestione delle scorte

2. Politiche di gestione delle scorte deerminisica variabile nel empo Quando la domanda viaria nel empo, il problema della gesione dell invenario divena preamene dinamico. e viene deo di lo-sizing. Consideriamo il caso in cui la domanda pur

Dettagli

Le basi della valutazione secondo i cash flow. Aswath Damodaran

Le basi della valutazione secondo i cash flow. Aswath Damodaran Le basi della valuazione secondo i cash flow Aswah Damodaran Valuazione secondo i cash flow: le basi dell'approccio Valore = = n CF = 1 1+ r ( ) dove, n = anni di via dell'aivià CF = Cash flow nel periodo

Dettagli

Bilancio dello Stato e Debito pubblico. Corso di Scienza delle Finanze Cleam, classe 3 Università Bocconi a.a. 2012-2013 Dott.ssa Simona Scabrosetti

Bilancio dello Stato e Debito pubblico. Corso di Scienza delle Finanze Cleam, classe 3 Università Bocconi a.a. 2012-2013 Dott.ssa Simona Scabrosetti Bilancio dello Sao e Debio pubblico Corso di Scienza delle Finanze Cleam, classe 3 Universià Bocconi a.a. 2012-2013 Do.ssa Simona Scabrosei Il bilancio dello Sao Due versioni alernaive: - bilancio di previsione:

Dettagli

Osservabilità (1 parte)

Osservabilità (1 parte) eoria dei sisemi - Capiolo 9 sservabilià ( pare) Inroduzione al problema della osservabilià: osservazione e ricosruzione. Sai indisinguibili e sai non osservabili...3 Soospazi di osservabilià e non osservabilià

Dettagli

V AK. Fig.1 Caratteristica del Diodo

V AK. Fig.1 Caratteristica del Diodo 1 Raddrizzaore - Generalià I circuii raddrizzaori uilizzano componeni come i Diodi che presenano la caraerisica di unidirezionalià, cioè permeono il passaggio della correne solo in un verso. In figura

Dettagli

INTERBANCA Codice ISIN IT0004041478

INTERBANCA Codice ISIN IT0004041478 REGOLAMENTO DEL PRESTITO OBBLIGAZNAR INTERBANCA 2006/2011 Discoun Dynamic Index 24 fino a EUR 250.000.000 Ar. 1 - TITOLI Il presio obbligazionario Inerbanca 2006/2011 Discoun Dynamic Index 24 fino a EUR

Dettagli

I): informazione perfetta: lavoratori e imprese conoscono P e W:

I): informazione perfetta: lavoratori e imprese conoscono P e W: Il Monearismo Il mercao del lavoro secondo i monearisi Conrai a breve ermine si aggiusano velocemene I): informazione perfea: lavoraori e imprese conoscono e W: W i prezzi : da a = 2 W - domanda: da a

Dettagli

METODI DECISIONALI PER L'AZIENDA. www.lvproject.com. Dott. Lotti Nevio

METODI DECISIONALI PER L'AZIENDA. www.lvproject.com. Dott. Lotti Nevio METODI DECISIONALI PER L'AZIENDA www.lvprojec.com Do. Loi Nevio Generalià sui sisemi dinamici. Variabili di sao, di ingresso, di uscia. Sisemi discrei. Sisemi lineari. Paper: Dynamic Modelling Do. Loi

Dettagli

VALORE EFFICACE DEL VOLTAGGIO

VALORE EFFICACE DEL VOLTAGGIO Fisica generale, a.a. /4 TUTOATO 8: ALO EFFC &CCUT N A.C. ALOE EFFCE DEL OLTAGGO 8.. La leura con un mulimero digiale del volaggio ai morsei di un generaore fornisce + in coninua e 5.5 in alernaa. Tra

Dettagli

I possibili schemi di Partenariato Pubblico Privato

I possibili schemi di Partenariato Pubblico Privato OSSERVATORIO collegameno ferroviario Torino-Lione Collegameno ferroviario Torino-Lione I possibili schemi di Parenariao Pubblico Privao Torino, 30 Oobre 2007 Unià Tecnica Finanza di Progeo 1 PPP: analisi

Dettagli

Analisi e valutazione degli investimenti

Analisi e valutazione degli investimenti Analisi e valuazione degli invesimeni Indice del modulo L analisi degli invesimeni e conceo di invesimeno Il valore finanziario del empo e aualizzazione Capializzazione e aualizzazione Il coso opporunià

Dettagli

Anche sugli impianti in esercizio è possibile intervenire attuando una serie di soluzioni in grado di ridurre sensibilmente il consumo di energia.

Anche sugli impianti in esercizio è possibile intervenire attuando una serie di soluzioni in grado di ridurre sensibilmente il consumo di energia. Risparmio Energeico Risparmio Energeico per Scale e Tappei Mobili La riduzione dei consumi di energia proveniene dalle foni fossili non rinnovabili (perolio, carbone) è una delle priorià assolue, insieme

Dettagli

5 LA MATRICE DEI FLUSSI DI FONDI

5 LA MATRICE DEI FLUSSI DI FONDI 94 Capiolo V 5 LA MATRICE DEI FLUSSI DI FONDI Ricapioliamo brevemene la srada percorsa ino a qui. Siamo parii nel primo capiolo analizzando una semplice economia di barao con re ageni. In queso coneso

Dettagli

Ottobre 2009. ING ClearFuture

Ottobre 2009. ING ClearFuture Oobre 2009 ING ClearFuure Una crescia cosane. Con una solida proezione nel empo. ING ClearFuure è la soluzione assicuraiva Uni Linked di dirio lussemburghese, realizzaa apposiamene da ING Life Luxembourg

Dettagli

Il valore delle. Argomenti. Domande chiave. Teoria della Finanza Aziendale Prof. Arturo Capasso A.A. 2005-2006

Il valore delle. Argomenti. Domande chiave. Teoria della Finanza Aziendale Prof. Arturo Capasso A.A. 2005-2006 - 4 Teoria della Finanza Aziendale rof. Aruro Capasso A.A. 5-6 Il valore delle A. azioni ordinarie - Argomeni Rendimeni richiesi rezzi delle azioni e ES Cash Flows e valore economico d impresa - 3 Domande

Dettagli

I mercati dei beni e i mercati finanziari in economia aperta

I mercati dei beni e i mercati finanziari in economia aperta I mercai dei beni e i mercai finanziari in economia apera Economia apera Mercai dei beni: l opporunià per i consumaori e le imprese di scegliere ra beni nazionali e beni eseri. Mercai delle aivià finanziarie:

Dettagli

Differenziazione di prodotto e qualità in monopolio

Differenziazione di prodotto e qualità in monopolio Economia Indusriale Capiolo 7 Differenziazione di prodoo e qualià in monopolio Beoni Michela Gallizioli Giorgio Gaverina Alessandra Rai Nicola Signori Andrea AGENDA Concei di differenziazione vericale

Dettagli

Finanza pubblica in Italia

Finanza pubblica in Italia Finanza pubblica in Ialia Aggregazioni di eni pubblici Nelle saisiche e nei documeni ufficiali di poliica economica si fa riferimeno a deerminae aggregazioni di eni pubblici. Tali aggregazioni possono

Dettagli

La programmazione aggregata nella supply chain. La programmazione aggregata nella supply chain 1

La programmazione aggregata nella supply chain. La programmazione aggregata nella supply chain 1 La programmazione aggregaa nella supply chain La programmazione aggregaa nella supply chain 1 Linea guida Il ruolo della programmazione aggregaa nella supply chain Il problema della programmazione aggregaa

Dettagli

Cenni di Matematica Finanziaria

Cenni di Matematica Finanziaria Cenni di Maemaica Finanziaria M.Leizia Guerra Facolà di Economia Universià di Urbino Carlo Bo Leggi e regimi finanziari Operazioni finanziarie elemenari Un conrao finanziario ra due soggei Alfa e Bea prevede

Dettagli

Politica Economica Europea. a.a.2014-15

Politica Economica Europea. a.a.2014-15 Poliica Economica Europea 8 Il Traao di Maasrich Voluo da Mierand, Delors, Khol E firmao a Maasrich il 7 febbraio 1992 ed enrao in vigore il 1 novembre 1993. L'Unione europea da esso creaa compora re pilasri:

Dettagli

LA MACROECONOMIA DAGLI ANNI 60 AD OGGI. la relazione tra i due principali indicatori di malessere economico aggregato: inflazione e disoccupazione;

LA MACROECONOMIA DAGLI ANNI 60 AD OGGI. la relazione tra i due principali indicatori di malessere economico aggregato: inflazione e disoccupazione; La sinesi neoclassica LA MACROECONOMIA DAGLI ANNI 60 AD OGGI Il dibaio si concenra, fino ad oggi, su una serie di emi di vasa poraa, ra cui: la naura e le cause della crescia economica; le foni dell insabilià

Dettagli

TEMPUS PECUNIA EST COLLANA DI MATEMATICA PER LE SCIENZE ECONOMICHE FINANZIARIE E AZIENDALI

TEMPUS PECUNIA EST COLLANA DI MATEMATICA PER LE SCIENZE ECONOMICHE FINANZIARIE E AZIENDALI TEPUS PECUNIA EST COLLANA DI ATEATICA PER LE SCIENZE ECONOICHE FINANZIARIE E AZIENDALI 3 Direore Bearice VENTURI Universià degli Sudi di Cagliari Comiao scienifico Umbero NERI Universiy of aryland Russel

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO SIMULAZIONE DELLA II PROVA A.S. 014-15 Indirizzo: SCIENTIFICO Tema di: MATEMATICA 1 Nome del candidao Classe Il candidao risolva uno dei due problemi; il problema da

Dettagli

Lezione n.7. Variabili di stato

Lezione n.7. Variabili di stato Lezione n.7 Variabili di sao 1. Variabili di sao 2. Funzione impulsiva di Dirac 3. Generaori impulsivi per variabili di sao disconinue 3.1 ondizioni iniziali e generaori impulsivi In quesa lezione inrodurremo

Dettagli

RISPOSTA NEL DOMINIO DEL TEMPO

RISPOSTA NEL DOMINIO DEL TEMPO RISPOSTA NEL DOMINIO DEL TEMPO Nel dominio del empo le variabili sono esaminae secondo la loro evoluzione emporale. Normalmene si esamina la risposa del sisema a un segnale di prova canonico, cioè si sollecia

Dettagli

Università di Napoli Parthenope Facoltà di Ingegneria

Università di Napoli Parthenope Facoltà di Ingegneria Universià di Napoli Parenope Facolà di Ingegneria Corso di Comunicazioni Elerice docene: Prof. Vio Pascazio a Lezione: 7/04/003 Sommario Caraerizzazione energeica di processi aleaori Processi aleaori nel

Dettagli

Esercitazione n 2. Morganti Nicola Matr. 642686. Molla ad elica cicilindrica

Esercitazione n 2. Morganti Nicola Matr. 642686. Molla ad elica cicilindrica ar. 64686 olla ad elica cicilindrica Eserciazione n 9 In figura è rappresenao un basameno sospeso anivibrane di una macchina nella quale viene originaa una forza perurbane alernaa sinusoidale di inensià

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE FACOLTÀ DI ECONOMIA FEDERICO CAFFÈ

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE FACOLTÀ DI ECONOMIA FEDERICO CAFFÈ UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE FACOLTÀ DI ECONOMIA FEDERICO CAFFÈ CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA E COMMERCIO Tesi di laurea IL RUOLO DELL ESPANSIONE DELLA DOMANDA DI CONSUMI NELLA CRESCITA ECONOMICA: ALCUNE

Dettagli

I confronti alla base della conoscenza

I confronti alla base della conoscenza I confroni alla ase della conoscenza Un dao uaniaivo rae significao dal confrono con alri dai Il confrono è la prima e più immediaa forma di analisi dei dai I confroni Daa una grandezza G, due suoi valori

Dettagli

Biblioteca di Telepass + 2 biennio TOMO 4. Il portafoglio salvo buon fine: accreditato diretto in c/c e gestione mediante il Conto Anticipi

Biblioteca di Telepass + 2 biennio TOMO 4. Il portafoglio salvo buon fine: accreditato diretto in c/c e gestione mediante il Conto Anticipi Biblioeca di Telepass + biennio TOMO UNITÀ I I prodoi bancari: il fi do e i fi nanziameni alla clienela Il porafoglio salvo buon fine: accrediao direo in c/c e gesione mediane il Cono nicipi Tuorial ESERCIZIO

Dettagli

TECNICA DELLE ASSICURAZIONI

TECNICA DELLE ASSICURAZIONI TECNICA DELLE ASSICURAZIONI E DELLE FORME PENSIONISTICHE Prof. Annamaria Olivieri a.a. 25/26 Esercizi: eso. Una socieà di calcio si impegna a risarcire con 5 euro il proprio allenaore, in caso di licenziameno

Dettagli

COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE

COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE Durane un erreoo, le oscillazioni del erreno di fondazione provocano nelle sovrasani sruure delle oscillazioni forzae. Quando il erreoo si arresa, i ovieni della sruura

Dettagli

1.7. Il modello completo e le sue proprietà

1.7. Il modello completo e le sue proprietà Macroeconomia neoclassica 1 1.7. Il modello compleo e le sue proprieà Disponiamo ora di ui gli elemeni necessari a rappresenare il modello compleo e l equilibrio. I dai del modello sono: 1. numero degli

Dettagli

Politica fiscale: l insieme delle misure messe in atto dal policy-maker concernenti le entrate e le spese del settore pubblico.

Politica fiscale: l insieme delle misure messe in atto dal policy-maker concernenti le entrate e le spese del settore pubblico. LA POLITICA FISCALE Poliica fiscale: l insieme delle misure messe in ao dal policy-maker concerneni le enrae e le spese del seore pubblico. Sruura: - alcune definizioni isiuzionali; - il modus operandi

Dettagli

La matrice di contabilità sociale (SAM): uno strumento per la valutazione IPI, 2009

La matrice di contabilità sociale (SAM): uno strumento per la valutazione IPI, 2009 La marice di conabilià sociale (SAM): uno srumeno per la valuazione IPI, 2009 Sono vieae le riproduzioni del eso, dei dai e dei conenui informaici dei CD allegai non auorizzai dall IPI con qualsiasi mezzo

Dettagli

Corso di Economia del Lavoro Daniele Checchi Blanchard-Amighini-Giavazzi cap.4 anno 2014-15

Corso di Economia del Lavoro Daniele Checchi Blanchard-Amighini-Giavazzi cap.4 anno 2014-15 Corso i Economia el Lavoro Daniele Checchi Blanchar-Amighini-Giavazzi cap.4 anno 2014-15 I MERCATI FINANZIARI Esise una grane varieà i aivià finanziarie. Il risparmiaore eve scegliere in quali forme eenere

Dettagli

Un po di teoria. cos è un condensatore?

Un po di teoria. cos è un condensatore? Sudio sperimenale del processo di carica e scarica di un condensaore cos è un condensaore? Un po di eoria Un condensaore è un sisema di due conduori affacciai, dei armaure, separai da un isolane. Esso

Dettagli

Il mercato immobiliare statunitense Un approccio attraverso l utilizzo dei Dynamic model average

Il mercato immobiliare statunitense Un approccio attraverso l utilizzo dei Dynamic model average Corso di Laurea magisrale (ordinameno ex D.M. 270/2004) in Economia e finanza Tesi di Laurea Il mercao immobiliare sauniense Un approccio araverso l uilizzo dei Dynamic model average Relaore Ch. Prof.

Dettagli

L'UTILIZZO DI TRADING RULES IN MODELLI A CAMBIAMENTO DI REGIME (SWITCHING REGIMES)

L'UTILIZZO DI TRADING RULES IN MODELLI A CAMBIAMENTO DI REGIME (SWITCHING REGIMES) L'UTILIZZO DI TRADING RULES IN MODELLI A CAMBIAMENTO DI REGIME (SWITCHING REGIMES) Monica Billio Universià Ca Foscari e GRETA, Venezia Michele Paron GRETA, Venezia Inroduzione. Moli meodi di analisi ecnica

Dettagli

LA TEORIA DEL CICLO ECONOMICO REALE (RBC: Real Business Cycle) Però offre una diversa spiegazione delle fluttuazioni economiche:

LA TEORIA DEL CICLO ECONOMICO REALE (RBC: Real Business Cycle) Però offre una diversa spiegazione delle fluttuazioni economiche: LA TEORIA DEL CICLO ECONOMICO REALE (RBC: Real Business Cycle) Edward Presco, Finn Kydland, Rober King, ecc. Si inserisce nel filone della NMC: - Equilibrio generale walrasiano; - incerezza e dinamica:

Dettagli

Le polizze rivalutabili

Le polizze rivalutabili Capiolo 6 Le polizze rivaluabili 6.1 Inroduzione Le polizze via rivaluabili sono sae inrodoe nel mercao ialiano negli anni di ala inflazione e oggi, con l eccezione delle polizze TCM, hanno compleamene

Dettagli

FUNZIONI REALI DI UNA VARIABILE REALE E APPLICAZIONI

FUNZIONI REALI DI UNA VARIABILE REALE E APPLICAZIONI CAPITOLO FUNZIONI REALI DI UNA VARIABILE REALE E APPLICAZIONI Sono le funzioni aveni come dominio e codominio dei sooinsiemi dei numeri reali; esse sono alla base dei modelli maemaici preseni in ogni campo

Dettagli

A. Quantità edificatorie e densità territoriale...1

A. Quantità edificatorie e densità territoriale...1 Cara di Urbanisica I Pro.ssa Arch. Fabiola Fraini Cara di Urbanisica I --- a.a. 2003/2004 PROGETTO PER UN AMBITO URBANO NEL QUARTIERE DI CENTOCELLE Laboraorio progeuale annuale INDICAZIONI RIGUARDO LE

Dettagli

del segnale elettrico trifase

del segnale elettrico trifase Rappresenazione del segnale elerico rifase Gli analizzaori di poenza e di energia Qualisar+ consenono di visualizzare isananeamene le caraerisiche di una ree elerica rifase. Rappresenazione emporale I

Dettagli

In questi ultimi tre anni le società di assicurazione europee hanno. Polizze vita l Approfondimenti

In questi ultimi tre anni le società di assicurazione europee hanno. Polizze vita l Approfondimenti Polizze via l Approfondimeni Incorporare le aese dell assicurao nell ALM In quesi ulimi anni le socieà di assicurazione europee hanno affinao l uilizzo dell ALM nel ramo via. I loro sforzi, uavia, si sono

Dettagli

Università di Pisa - Polo della Logistica di Livorno Corso di Laurea in Economia e Legislazione dei Sistemi Logistici. Anno Accademico: 2013/14

Università di Pisa - Polo della Logistica di Livorno Corso di Laurea in Economia e Legislazione dei Sistemi Logistici. Anno Accademico: 2013/14 Universià di isa - olo della Logisica di Livorno Corso di Laurea in Economia e Legislazione dei Sisemi Logisici Anno Accademico: 03/4 CORSO DI SISTEMI DI MOVIMENTAZIONE E STOCCAGGIO Docene: Marino Lupi

Dettagli

Introduzione all analisi delle serie storiche e dei metodi di previsione

Introduzione all analisi delle serie storiche e dei metodi di previsione Inroduzione all analisi delle serie soriche e dei meodi di previsione Indice. Capiolo inroduivo,. Inroduzione.2 Fasi di un analisi di previsione e sruura delle dispense 2. Meodi e srumeni di base, 5 2.

Dettagli

Modelli empirici di aggiustamento e crescita

Modelli empirici di aggiustamento e crescita A13 107 Albero Bagnai Modelli empirici di aggiusameno e crescia Appuni per un corso di Macroeconomia dello sviluppo ARACNE Copyrigh MMV ARACNE edirice S.r.l. www.aracneedirice.i info@aracneedirice.i via

Dettagli

Trasformazioni di Galileo

Trasformazioni di Galileo Principio di Relaivià Risrea (peciale) e si sceglie un dr rispeo al uale le leggi della fisica sono scrie nella forma più semplice (dr ineriale) allora le sesse leggi valgono in ualunue alro dr in moo

Dettagli

SELEZIONE DI UN PORTAFOGLIO MEDIANTE LA FORZA RELATIVA

SELEZIONE DI UN PORTAFOGLIO MEDIANTE LA FORZA RELATIVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI SCIENZE STATISTICHE CORSO DI LAUREA IN STATISTICA, ECONOMIA E FINANZA SELEZIONE DI UN PORTAFOGLIO MEDIANTE LA FORZA RELATIVA RELATORE: Ch.mo Prof. Francesco

Dettagli

6 Le polizze rivalutabili

6 Le polizze rivalutabili 6 Le polizze rivaluabili 6.1 Inroduzione Le polizze via rivaluabili sono sae inrodoe nel mercao ialiano negli anni di ala inflazione e oggi ui i conrai dei rami via proposi dalla compagnie ialiane, con

Dettagli

Telecontrollo via internet del processo SBR con tecniche di intelligenza artificiale

Telecontrollo via internet del processo SBR con tecniche di intelligenza artificiale Universià degli Sudi di Firenze Facolà di Ingegneria Tesi di laurea magisrale in Ingegneria per l'ambiene e il Terriorio 20 Aprile 2006 Teleconrollo via inerne del processo SBR con ecniche di inelligenza

Dettagli

Università degli Studi di Padova

Università degli Studi di Padova Universià degli Sudi di Padova FACOLTÀ DI SCIENZE STATISTICHE Corso di Laurea Specialisica in Scienze Saisiche, Economiche, Finanziarie e Aziendali VALUTAZIONE DELL EFFICACIA DELLA PUBBLICITÀ NEL MERCATO

Dettagli

IL DIMENSIONAMENTO DEGLI IMPIANTI IDROSANITARI Vasi d espansione e accumuli

IL DIMENSIONAMENTO DEGLI IMPIANTI IDROSANITARI Vasi d espansione e accumuli FOCUS TECNICO IL DIMENSIONAMENTO DEGLI IMIANTI IDROSANITARI asi d espansione e accumuli RODUZIONE DI ACQUA CALDA SANITARIA Due sono i sisemi normalmene uilizzai per produrre acqua calda saniaria: quello

Dettagli

6 IL TASSO DI CAMBIO

6 IL TASSO DI CAMBIO Il asso di cambio 111 6 IL TASSO DI CAMBIO Il sisema economico silizzao dal quale siamo parii nel capiolo 1 si basa sul barao. In esso quindi non roviamo monea né ano meno la necessià di converire grandezze

Dettagli

= 1,4 (rischiosità sistematica)

= 1,4 (rischiosità sistematica) Analisi degli invesimeni n.b.: ui i valori moneari sono in euro Nel corso del 4 al managemen della socieà MPRESA vengono proposi due invesimeni alernaivi. Nel seguio vengono fornie informazioni in merio

Dettagli

Fabio Grasso LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: I PROFILI TECNICI

Fabio Grasso LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: I PROFILI TECNICI Fabio Grasso Direore Diparimeno di Scienze Saisiche Presidene Area Didaica delle Scienze Saisiche, Auariali e Finanziarie Universià degli Sudi di Roma La Sapienza LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: I PROFILI

Dettagli

Questioni di Economia e Finanza

Questioni di Economia e Finanza Quesioni di Economia e Finanza (Occasional Papers) La grande disribuzione organizzaa e l indusria alimenare in Ialia di Eliana Viviano (coordinaore), Luciana Aimone Gigio, Emanuela Ciapanna, Daniele Coin,

Dettagli

Crescita e Convergenza economica nei modelli neoclassici

Crescita e Convergenza economica nei modelli neoclassici MACEOECONOMIA AVANZATA Crescia e Convergenza economica nei modelli neoclassici Pasquale Tridico Universià di Roma Tre ridico@uniroma3.i Il seso fao silizzao di KAldor non vi sono prove significaive di

Dettagli

LEZIONE 10. Il finanziamento dell istruzione. Economia del Settore Pubblico. Modalità dell intervento pubblico. Il finanziamento dell istruzione

LEZIONE 10. Il finanziamento dell istruzione. Economia del Settore Pubblico. Modalità dell intervento pubblico. Il finanziamento dell istruzione Economia del Seore Pubblico Laura Vici laura.vici@unibo.i www2.dse.unibo.i/lvici/edsp_ii.hm Modalià dell inerveno pubblico Regolamenazione Finanziameno: parziale o inegrale? Produzione: pubblica o privaa?

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI. L approccio time series per l analisi e la previsione della disoccupazione sarda

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI. L approccio time series per l analisi e la previsione della disoccupazione sarda UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE MASTER IN STATISTICA APPLICATA L approccio ime series per l analisi e la previsione della disoccupazione sarda Relaore: Prof. Paolo Maana

Dettagli

Il MODELLO MUNDELL-FLEMING

Il MODELLO MUNDELL-FLEMING CORSO DI POLITICA ECONOMICA AA 2015-2016 2016 Il MODELLO MUNDELL-FLEMING DOCENTE PIERLUIGI MONTALBANO pierluigi.monalbano@uniroma1.i Il Modello Mundell-Fleming Ci permee di analizzare gli effei della poliica

Dettagli

Regolatori switching

Regolatori switching 2 A4 Regolaori swiching I regolaori di ensione lineari hanno il grave difeo di non consenire il raggiungimeno di valori di efficienza paricolarmene elevai. Infai, in quese archieure gli elemeni di regolazione

Dettagli

L ECONOMIA E IL LAVORO DENTRO LA CRISI

L ECONOMIA E IL LAVORO DENTRO LA CRISI L ECONOMIA E IL LAVORO DENTRO LA CRISI MARIANO BELLA DIRETTORE UFFICIO STUDI CONFCOMMERCIO CERNOBBIO, 22 MARZO 2013 L inonazione delle aese di ciadini, lavoraori e imprese, non è cero favoria dall auale

Dettagli

MODELLI AFFLUSSI DEFLUSSI

MODELLI AFFLUSSI DEFLUSSI MODELLI AFFLUSSI DEFLUSSI Al ecnico si presenano moli casi in cui non è sufficiene la deerminazione delle massime porae ramie i crieri di similiudine idrologica, precedenemene esposi. Si ciano, a iolo

Dettagli

La Finanza di Progetto per la realizzazione e gestione di un parco Eolico

La Finanza di Progetto per la realizzazione e gestione di un parco Eolico SUSTAINABLE ENERGY FORUM - Le nuove froniere della produzione di energia pulia La Finanza di Progeo per la realizzazione e gesione di un parco Eolico Roma, 6 Giugno 2007 Gabriele FERRANTE Unià ecnica Finanza

Dettagli

Analisi di Mercato. Facoltà di Economia. La pubblicità. Creare la conoscenza di un prodotto. Creare l'immagine di marca. Influenzare gli atteggiamenti

Analisi di Mercato. Facoltà di Economia. La pubblicità. Creare la conoscenza di un prodotto. Creare l'immagine di marca. Influenzare gli atteggiamenti Obieivi della pubblicià Creare la conoscenza di un prodoo Analisi di Mercao Facolà di Economia francesco mola La pubblicià Creare l'immagine di marca Influenzare gli aeggiameni Rafforzare la fedelà alla

Dettagli

Il condensatore. Carica del condensatore: tempo caratteristico

Il condensatore. Carica del condensatore: tempo caratteristico Il condensaore IASSUNTO: apacia ondensaori a geomeria piana, cilindrica, sferica La cosane dielerica ε r ondensaore ceramico, a cara, eleroliico Il condensaore come elemeno di circuio: ondensaori in serie

Dettagli

COME RISOLVERE GLI ESERCIZI DI ANALISI MATEMATICA 2

COME RISOLVERE GLI ESERCIZI DI ANALISI MATEMATICA 2 COME RISOLVERE GLI ESERCIZI DI ANALISI MATEMATICA Ecco una piccola e semplice guida che illusra come risolvere, a grandi linee gli esercii proposi agli esami di Analisi Maemaica (del DM 509/99, cioè successione

Dettagli