Finanza pubblica in Italia

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Finanza pubblica in Italia"

Transcript

1 Finanza pubblica in Ialia

2 Aggregazioni di eni pubblici Nelle saisiche e nei documeni ufficiali di poliica economica si fa riferimeno a deerminae aggregazioni di eni pubblici. Tali aggregazioni possono essere definie in base a due crieri: Crierio isiuzionale: vengono considerai pare del seore pubblico ui gli eni che rienrano nell ambio della proprieà pubblica, indipendenemene dalla naura pubblica o privaa delle aivià che svolgono. Le aggregazioni cosruie in base a queso crierio, per le quali esisono rilevazioni saisiche, sono due: 1) Seore pubblico 2) Seore saale Crierio funzionale: sono pare del seore pubblico ui gli eni che svolgono aivià di naura pubblica. Aivià prevalenemene consiseni nella forniura di beni e servizi non desinabili alla vendia o che operano redisribuzione del reddio o della ricchezza. Si inendono non desinabili alla vendia i beni o servizi fornii a un prezzo non significaivo (di solio < 50% prezzo di mercao).

3 Seore saale Il seore saale comprende: 1) Sao (Bilancio e Tesoreria), organi cosiuzionali e miniseri 2) Aziende auonome saali 3) Gli eni assimilai all amminisrazione cenrale Queso aggregao è imporane ai fini del conrollo dei flussi di cassa. In paricolare, è cenrale il ruolo del Minisero dell Economia: Di cassiere: per le operazioni che riguardano le enrae e le uscie del bilancio dello sao Di regolaore dei rappori ra lo sao e gli alri eni del seore pubblico (gesione di esoreria) Quesa funzione è svola araverso coni correni che gli eni collegai alla finanza pubblica devono enere presso la Tesoreria. Si raa per esempio di regioni, comuni, Asl, universià, eni previdenziali, aziende auonome, ecc.

4 Seore saale I fondi che dal Bilancio dello sao affluiscono a vario iolo agli eni decenrai ransiano per i coni di esoreria a essi inesai. Per esempio, un pagameno effeuao dallo sao alle universià non ha effeo sul fabbisogno del seore saale fino a quando le universià non effeuano il prelievo dal cono di esoreria. L osservazione dei flussi finanziari del Bilancio dello sao e dei saldi dei coni della Tesoreria consene di moniorare in empi rapidi un insieme molo ampio di aivià pubbliche. I coni relaivi al seore saale sono elaborai dal Minisero dell economia e vengono presenai nelle Relazioni rimesrali sulla sima del fabbisogno di cassa del seore pubblico, di cui la più imporane è quella che esce a marzo, chiamaa Relazione unificaa sull economia e la finanza pubblica. Quese informazioni sono riporae anche in: - Relazione generale sulla siuazione economica del paese (Ruef) - Documeno di programmazione economicofinanziaria (Dpef)

5 Seore pubblico È l aggregazione più ampia di seore pubblico per la quale esisano rilevazioni specifiche. Comprende: Tui gli eni del seore sale Alri eni dell Amminisrazione cenrale Eni dell Amminisrazione locale (Regioni, Province, Comuni) Eni di previdenza Aziende auonome saali ed eni ad esse assimilai. Anche i dai relaivi a queso aggregao sono esposi in modo aricolao nella Ruef Un cono consolidao del seore pubblico è conenuo anche nella Relazione annuale della Banca d Ialia.

6 Amminisrazioni pubbliche Le amminisrazioni pubbliche (Ap) sono un sooinsieme del seore pubblico che comprende organismi pubblici o anche isiuzioni senza scopo di lucro che gesiscono o finanziano aivià prevalenemene consiseni nella forniura di beni e servizi non desinabili alla vendia o che operano nella redisribuzione del reddio o della ricchezza. Un bene o servizio si inende non desinabile alla vendia se l evenuale prezzo richieso per la forniura è non significaivo (convenzionalmene, inferiore al 50% del coso di produzione). Le amminisrazioni pubbliche si aricolano in: Amminisrazione cenrale, che comprende gli eni di compeenza generale, la cui aivià si esende cioè su gran pare del erriorio (Cnr, Isa, Auorià indipendeni). Eni di previdenza, che erogano presazioni in denaro o naura e si finanziano con la conribuzione (Inps, Inail, Inpdap, ecc.). Amminisrazione locale: gli eni che svolgono la loro aivià solo su pare del erriorio nazionale (comuni, province, regioni, universià, Asl, Camere di commercio, ecc.)

7 Amminisrazioni pubbliche Coni economici: escludono ue le enrae e uscie di caraere finanziario che non danno luogo a modificazioni della siuazione parimoniale degli eni considerai. I coni della Ap sono i coni economici. Due ipi di coni per gli eni pubblici: I dai riporai nei coni economici sono di compeenza: a essi corrispondono erogazioni avvenue nell anno finanziario di riferimeno. Coni finanziari: comprendono le operazioni che modificano la siuazione parimoniale. Per esempio accensione di presii, riscossione di credii, acquisizione di parecipazioni azionarie I coni finanziari consenono di calcolare il fabbisogno finanziario, da cui si possono ricavare informazioni relaive all indebiameno neo dell insieme degli eni considerai.

8 Documeni Relazione unificaa sull economia e la finanza pubblica: hp:// Relazione unificaa sull economia e la finanza pubblica (Ruef): hp:// iaria/documeni_programmaici/relazione_unificaa_economia_finan za_pubblica/ Relazione generale sulla siuazione economica del paese: hp:// iaria/documeni_programmaici/relazione_generale_siuazione_econ omica_paese.hml Documeno di programmazione economico-finanziaria (Dpef): hp:// Relazione annuale della Banca d Ialia: hp://

9 Cono economico consolidao delle Ap Disinzione ra enrae e uscie: correni: enrae e spese necessarie per il normale funzionameno degli eni delle Ap in cono capiale: enrae di ipo sraordinario o spese di invesimeno, desinae ad aumenare la capacià produiva sociale.

10 Cono economico consolidao delle Ap Le enrae correni comprendono le principali forme di imposizione: Impose diree: per es. sul reddio o sul parimonio Impose indiree: per es. prelievi che gravano sul conribuene al momeno del consumo Conribui sociali effeivi, in pare a carico dei daori di lavoro e in pare a carico dei lavoraori, sono prelievi commisurai ai reddii da lavoro (dipendene o auonomo) finalizzai al finanziameno delle presazioni sociali (pensioni, assicurazioni sociali) e versai direamene agli eni previdenziali. Alre enrae: ineressi aivi di eni appareneni alle Ap e proveni derivani da ariffe, mule, canoni, ecc. Conribui sociali figuraivi: conroparia conabile di presazioni sociali erogae dalle Ap che non ransiano nei coni degli eni di previdenza.

11 Cono economico consolidao delle Ap La somma delle prime due voci delle enrae correni è la pressione ribuaria.

12 Cono economico consolidao delle Ap La somma delle della pressione ribuaria e dei conribui sociali è la pressione fiscale. Nel calcolo della pressione fiscale vengono soliamene incluse anche alcune enrae di ipo parimoniale o sraordinario, indicae nella voce impose in cono capiale.

13 Cono economico consolidao delle Ap Tra le spese, consumi colleivi e invesimeni cosiuiscono una domanda direa di beni e servizi I consumi colleivi sono valuai al coso (dao che non sono vendui) e comprendono le spese per le reribuzioni ai dipendeni pubblici e gli acquisi di beni e servizi.

14 Cono economico consolidao delle Ap Trasferimeni: spese a frone delle quali non si ha una conropresazione da pare del beneficiario. La componene più imporane sono le presazioni sociali (pensioni, sussidi alla disoccupazione, spese assisenziali, pare delle spese saniarie come le remunerazioni dei medici ecc.).

15 Cono economico consolidao delle Ap Conribui alla produzione: sono sussidi che lo sao offre alle imprese per sosenere la produzione di beni o servizi di pubblica uilià. Per es., può raarsi del sussidio al monopolisa per farlo produrre a un prezzo inferiore a quello di mercao. Trasferimeni in cono capiale: conribui alle imprese condizionai all effeuazione di invesimeni produivi.

16 Cono economico consolidao delle Ap Spesa per ineressi: ineressi che lo sao corrisponde ai iolari del debio pubblico. È ala, pari al 5,1% del Pil

17 Cono economico consolidao delle Ap La differenza ra enrae correni e uscie correni è dea risparmio pubblico La differenza ra enrae e uscie oali è il disavanzo complessivo, deo anche indebiameno neo. Nel 2008 era il 2,4% del Pil. Ora è il 3,1%.

18 Cono economico consolidao delle Ap Al neo degli ineressi l Ialia presena da ano empo un avanzo primario. Nel 2008 era pari al 2,4% del Pil; nel secondo rimesre del 2011 era del 2,1%. Per aggiornameni si veda Il saldo primario (avanzo o disavanzo) è il disavanzo complessivo al neo della spesa per ineressi

19 Indebiameno neo (disavanzo complessivo) e saldo primario delle Ap in % del Pil IND/Pil Saldo primario Vincolo PSC

20 La fragilià della finanza pubblica ialiana La figura precedene può sembrare rassicurane. La siuazione però si è aggravaa molo negli ulimi 2 anni: Per le misure fiscali espansive che ui i governi hanno adoao per conrasare la crisi Per il fore rallenameno della crescia (il Pil, al denominaore, è aumenao meno del numeraore). Il governo Berlusconi è sao molo imido nell inraprendere poliiche espansive, nonosane le previsioni di recessione del nosro paese siano peggiori di quelle del reso d Europa. Ciò è in pare dovuo alla siuazione sruuralmene fragile della finanza pubblica ialiana.

21 La fragilià della finanza pubblica ialiana Fino agli anni 70 il peso del seore pubblico sul Pil non era paricolarmene elevao. A parire dalla seconda meà dei 70 si formano disavanzi cresceni che alimenano la crescia dello sock di debio pubblico. All inizio degli anni 80, soo i governi di coalizione democrisiana e socialisa, vi è un ondaa di aumeno della spesa pubblica che prosegue fino alla meà degli 80. Negli anni successivi la spesa al neo degli ineressi rallena, manenendosi più o meno cosane rispeo al Pil, ma la crescia dello sock di debio pubblico fa aumenare la spesa per ineressi.

22 Uscie oali e uscie primarie in % del Pil 60,0 55,0 50,0 45,0 40,0 35,0 30,0 Uscie Toali Uscie Primarie 25,0 20,

23 La fragilià della finanza pubblica ialiana Il 1992 è uno spariacque decisivo nella soria della finanza pubblica ialiana: - Dopo la sooscrizione del Traao di Maasrich la lira è colpia da una grave crisi valuaria che pora alla svaluazione. - Con il governo Amao ha inizio il risanameno finanziario emergenza prima di allora del uo ignoraa dai governi Dc-Psi. Il risanameno si concluderà (emporaneamene) col raggiungimeno dei crieri di Maasrich per l ingresso nell UEM con il governo Prodi.

24 La fragilià della finanza pubblica ialiana Un aspeo molo appariscene della dinamica della finanza pubblica è l aumeno sraordinario della pressione fiscale, dal 25,7% del Pil nel 1971 al 43,3% nel Come mai non c è saa una rivola fiscale (considerao anche che in Ialia gli aeggiameni di rivola fiscale sono piuoso diffusi)? Una spiegazione è l illusione finanziaria che porebbe essere saa deerminaa dal flusso di ineressi sui ioli del debio pubblico. I ciadini, arricchii nel loro parimonio dall aumeno degli ineressi, porebbero non aver senio pienamene gli effei sul reddio dell aumeno della pressione fiscale.

25 Pressione ribuaria e pressione fiscale PressioneFiscale PressioneTribuaria

26 La fragilià della finanza pubblica ialiana Tale dinamica ha delle implicazioni disribuive imporani. Di fao il bilancio pubblico ha operao una redisribuzione del poere d acquiso ra conribueni e deenori di ioli del debio pubblico. In pare si raa degli sessi soggei. In pare no. La disribuzione del debio è molo concenraa presso i perceori di reddii più elevai. Quesi ulimi, nonosane la progressivià del sisema ribuario, hanno goduo di un vanaggio noevole: l invesimeno in ioli ialiani (rischiosi, ma con alo rendimeno) si è rivelaa reddiizia ex pos (se non andiamo in defaul) benché rischiosa ex ane.

27 La fragilià della finanza pubblica ialiana A parire dall inizio del secolo sembra essersi inerroa la endenza a un conrollo della spesa e al conenimeno della pressione fiscale: - la spesa complessiva e primaria riprende lenamene a crescere - aumena la pressione fiscale.

28 Muameni isiuzionali La dinamica delle spese e delle enrae pubbliche può essere spiegaa meglio alla luce dei muameni isiuzionali che si sono verificai dagli anni 70 a oggi. Anni 70: riforme del welfare sae. Si esende il welfare (sanià, previdenza, assisenza) ampliando il numero dei beneficiari, delle presazioni e l imporo medio di quese ulime. 1978: isiuzione di un nuovo sisema saniario nazionale che, a differenza del precedene sisema muualisico, è a caraere universale. Inerveni nel seore pensionisico (in anni diversi) che danno dirio a presazioni che nel corso del empo si riveleranno insosenibili dal puno di visa finanziario.

29 Muameni isiuzionali 1973: riforma ribuaria cenraa sull abbandono delle principali impose allora vigeni a favore di un nuovo sisema fondao su un numero minore di ribui (cenrao sull Irpef per le impose diree e sull Iva per le indiree). La via della riforma è foremene influenzaa dal coneso macroeconomico. La riforma era saa concepia per operare in un coneso di sabilià dei prezzi e crescia economica. Invece si verificò sagflazione (sagnazione del Pil e inflazione). Ne derivarono fori disorsioni ra cui il fiscal drag.

30 Muameni isiuzionali Fiscal drag. Si verifica in presenza di una sruura imposiiva progressiva e di fore inflazione: gli aumeni del reddio nominale dovui all inflazione producono un aumeno surreizio del carico fiscale ne deriva una diminuzione del reddio disponibile per i reddii da lavoro e un aumeno di risorse per il seore pubblico. Negli anni del fiscal drag però il seore pubblico si disineressò del problema. Anni 70: isiuzione del livello di governo regionale rasferimeno a Regioni e Comuni di funzioni prima gesie dallo sao.

31 Muameni isiuzionali Sul piano delle spese, la creazione del livello di governo regionale ha come conseguenze: 1) Leviazione della spesa per reribuzioni 2) Confliualià ra cenro e periferia nell allocazione delle risorse finanziarie 3) Difficolà nel realizzare efficienza ed equià nei rappori finanziari ra diversi livelli di governo ne deriva una fore domanda di federalismo fiscale. Anni 80: gesione allegra della finanza pubblica, usaa a fini di conrollo sociale (creazione e preservazione di consenso) in modo spesso irresponsabile. La congiunura è posiiva ma l Ialia non ne approfia per migliorare la dinamica dei coni pubblici.

32 Muameni isiuzionali Anni 90: poliiche di riequilibrio dei coni pubblici. Si verificano diversi muameni isiuzionali ispirai da una diffusa condivisione della classe poliica dell idea che debba ridursi il peso del seore pubblico nell economia. Dal 1992 inizia un processo di privaizzazione. Negli anni 90: creazione di sisema di Public auhoriy (Auorià garane per la concorrenza e il mercao, Auorià per le garanzie nelle comunicazioni, ecc.). 1998: leggi Bassanini e riforma del Tiolo V della Cosiuzione, inizia la Devoluion (il cui percorso auaivo inizierà in realà solo 9 anni dopo, con la legge 42/09).

33 Le enrae delle Ap Dal 1980 a oggi la pressione fiscale è aumenaa di circa 12 puni del Pil, porandoci al livello dei paesi più evolui dell Europa coninenale. Nel 1970 il sisema ribuario era foremene sbilanciao a favore dei conribui sociali e delle impose indiree. Il ruolo delle impose diree era molo modeso. Le impose indiree, foremene legae al consumo, risulavano molo regressive, e i conribui sociali gravavano sulla domanda di lavoro delle imprese. Alla base, vi era (anche) la fore preoccupazione di creare disorsioni nell offera di lavoro.

34 Le enrae delle Ap Olre a essere di per sé regressiva e disorsiva, ale configurazione del sisema ribuario aveva anche conribuio ad alimenare l inflazione nella misura in cui le imprese riescono a raslare sui prezzi le variazioni delle impose indiree e dei conribui sociali più facilmene di quano le famiglie riescano a compensare gli aumeni delle impose diree con aumeni delle reribuzioni.

35 Le enrae delle Ap Oggi: la sruura del sisema ribuario è profondamene modificaa. Le impose diree sono aumenae cosanemene fino a divenare la principale fone del sisema fiscale. 1998: la riforma Visco rafforza il peso delle impose diree e riduce quello dei conribui sociali (inroduzione di una nuova imposa sul valore aggiuno neo, Irap, in sosiuzione di alcune impose diree e dei conribui sociali saniari) : governi di cenro-desra e riforma Tremoni: inroduzione della no ax area e di un sisema di deduzioni, che hanno avuo l effeo di abbassare il carico delle impose diree di 1 puno di Pil, compensae da aumeni di prelievi indirei e di conribui sociali foremene regressiva.

36 Le spese delle Ap Se si esclude la componene degli ineressi, molo dinamica (salia dall 1,6% del 1970 a olre il 12,6% del 1993), ra il 1970 e il 1998 la variabilià dei 4 principali aggregai della spesa: 1) domanda direa di beni 2) reribuzioni 3) presazioni sociali 4) rasferimeni a imprese non è molo accenuaa: ciò è un indice di generale rigidià.

37 Le spese delle Ap Le due componeni principali sono le presazioni sociali e le reribuzioni, che insieme rappresenano quasi i 3/4 della spesa primaria e olre il 28% del Pil. La spesa per ineressi è molo dinamica, presena un impennaa dagli anni 80 e inizia a scendere solo da meà degli anni 90.

38 Le spese delle Ap La dinamica della spesa per acquiso di beni e servizi e per invesimeni è rascinaa soprauo dall acquiso di beni e servizi. Sugli invesimeni pubblici, va segnalao il diffondersi di praiche vole a coinvolgere i capiali privai nel finanziameno delle opere pubbliche. Projec financing: il finanziameno di un opera pubblica, passibile di fornire in fuuro servizi assoggeabili a ariffa o comunque vendibili sul mercao (per es. un pone o un parcheggio pubblico o un auosrada) è effeuao con capiali messi a disposizione dai privai in cambio della concessione di sfruameno dei servizi derivabili dal bene di invesimeno.

39 Le spese delle Ap Le spese per rasferimeni sociali sono quelle che, dal puno di visa dinamico, hanno maggiormene conribuio a deerminare il rend crescene del rapporo ra spesa pubblica e Pil. Il peso delle presazioni sociali è passao dall 11,7% del Pil del 1970 al 17,5% del 2008.

40 Il debio pubblico Se il bilancio delle Ap ha un disavanzo, lo sock di debio pubblico aumena, dao che per finanziare il disavanzo è necessario emeere nuovi ioli pubblici. Il disavanzo può essere descrio dalla seguene espressione: Disavanzo = rb -1 + G - T dove B -1 è il debio pubblico alla fine dell anno 1, cioè all inizio dell anno ; r è il asso di ineresse reale. rb -1 rappresena quindi la somma degli ineressi reali corrisposi sui ioli pubblici in circolazione (cioè il servizio del debio pubblico). G è la spesa pubblica in beni e servizi nell anno. T sono le impose al neo dei rasferimeni nell anno.

41 Il debio pubblico In linea eorica, lo sao può far frone a un disavanzo di bilancio ricorrendo: 1) Al finanziameno della banca cenrale, cioè vendendo ioli pubblici alla banca cenrale, che emee così monea sul mercao. Tale finanziameno è deo moneario. 2) Collocando nuovi ioli pubblici presso gli invesiori privai. Nel seguio del ragionameno supponiamo che il finanziameno della banca cenrale non sia disponibile.

42 Il vincolo di bilancio del governo Il vincolo di bilancio del governo, afferma semplicemene che la variazione del debio pubblico nel corso dell anno deve essere uguale al disavanzo nell anno : B B -1 = disavanzo Se il governo incorre in un disavanzo il debio pubblico aumena. Se il governo regisra un avanzo il debio pubblico diminuisce.

43 Il disavanzo primario Usando la definizione di disavanzo, possiamo scrivere il vincolo di bilancio del governo come: B B -1 = rb -1 + G T Il vincolo di bilancio del governo esprime quindi la variazione del debio in funzione del livello iniziale del debio (dal quale dipende la spesa per ineressi), e della spesa pubblica al neo degli ineressi e delle impose. È uile scomporre il disavanzo nella somma dei due ermini: 1. rb -1 = ineressi sul debio. 2. G T = spesa al neo degli ineressi, rispeo alle impose. Queso è il cosiddeo disavanzo (o avanzo) primario. L equazione di cui sopra divena: B B -1 = rb -1 + G T vincolo di bilancio ineressi sul debio disavanzo primario

44 L avanzo primario Sposando B -1 sul lao desro dell equazione e riordinando i ermini, oeniamo: B = (1 + r) B -1 + G T Cioè il debio alla fine dell anno è uguale a (1 + r) per il debio alla fine dell anno 1, più il disavanzo primario. Se il governo decide di rimborsare subio l inero debio, allora deve produrre, nel primo anno dopo che il debio è sao conrao, un avanzo pari a (1 + r) per il debio. Più realisicamene però il governo vorrà sabilizzare il debio, cioè manenerlo cosane a un livello più elevao.

45 Sabilizzazione del debio Sabilizzare il debio significa manenerlo uguale a un dao livello, supponiamo quello dell anno 0. Supponiamo anche che ale debio fosse uguale a un milione di euro. In al caso, il debio alla fine dell anno 1 dovrà essere uguale al debio alla fine dell anno 0: B 1 = B 0 = 1. Sosiuendo nell equazione precedene, oeniamo: 1 = (1 + r) + (G 1 T 1 ) Riordinando i ermini e sposando G 1 T 1 sul lao sinisro, oeniamo: T 1 G 1 = (1 + r) 1 = r Per eviare un uleriore aumeno del debio nell anno 1, il governo deve conseguire un avanzo primario pari agli ineressi reali sul debio esisene.

46 Sabilizzazione del debio Lo sesso comporameno deve essere enuo anche negli anni successivi. Ogni anno l avanzo primario deve essere sufficiene a coprire gli ineressi sul debio, in modo da lasciare invariao il livello esisene del debio. L eredià dei disavanzi del passao consise quindi in un maggior debio correne.

47 Il rapporo debio/pil In un economia in cui la produzione cresce nel empo, ha più senso occuparsi del rapporo ra debio pubblico e PIL. Solo in queso modo si può affermare se il debio pubblico è roppo elevao, dove roppo deve essere definio in relazione all abilià del governo di ripagare il debio. Dobbiamo allora cambiare l equazione che esprime il debio B = (1 + r) B -1 + G T In modo ale che enga cono del PIL. Per farlo, dividiamo enrambi i lai dell equazione per la produzione reale Y : B Y B Y ( ) 1 = 1+ r + G T Y

48 Il vincolo di bilancio del governo in ermini del Pil Moliplicando numeraore e denominaore sul lao desro per Y -1, la relazione divena: Se, per semplificare, indichiamo con g il asso di crescia della produzione, allora il rapporo: ( ) Y T G Y B Y Y r Y B + + = g Y Y + = 1 1 1

49 Il vincolo di bilancio del governo in ermini del Pil Inolre, uilizzando l approssimazione: g r g r + = si può scrivere: ( ) Y T G Y B g r Y B + + = Sposando sul lao sx dell equazione il ermine B -1 / Y -1 si ha: ( ) Y T G Y B g r Y B Y B + =

50 Il vincolo di bilancio del governo in ermini del Pil B Y B Y 1 1 = ( r g) B Y G Y T L equazione dice che il rapporo debio/pil è uguale alla somma di due ermini: 1) Differenza ra il asso di ineresse reale e il asso di crescia del PIL, moliplicao per il rapporo debio/pil esisene alla fine dell anno precedene. Queso ermine indica la spesa per ineressi, in ermini reali, correa per la crescia della produzione. - Se il asso di ineresse è > del asso di crescia del Pil, queso ermine è un faore di aumeno della spesa per ineressi. - Se r <, queso ermine è un faore di diminuzione.

51 Il vincolo di bilancio del governo in ermini del Pil B Y B Y 1 1 = ( r g) B Y G Y T 2) Rapporo ra disavanzo primario e PIL: -Se è un disavanzo ((G T > 0) ha un effeo posiivo sulla crescia del debio - Se è un avanzo (G T < 0) ha un effeo negaivo.

52 L imporanza del asso di crescia del PIL Come abbiamo viso, se il asso di ineresse reale è maggiore o minore del asso di crescia del PIL reale, la spesa per ineressi correa per la crescia della produzione aumena o diminuisce. Se il asso di crescia dell economia è maggiore del asso di ineresse reale, e se non si regisrano nuovi disavanzi primari, allora il rapporo debio/pil non si limierà a crescere più lenamene, ma si ridurrà da un anno all alro.

53 La dinamica di lungo periodo È possibile dimosrare che: se il asso di crescia della produzione è maggiore del asso di ineresse, qualunque sia il valore del debio erediao dal passao e pur in presenza di disavanzi primari, il rapporo debio/pil converge sempre al suo valore di sao sazionario. Se il asso di crescia della produzione è minore del asso di ineresse, in presenza di un debio posiivo erediao dal passao e di disavanzi primari, il rapporo debio/pil cresce allonanandosi gradualmene dal suo valore di equilibrio.

54 La dinamica di lungo periodo Se invece il governo genera avanzi di bilancio adeguai, pur in presenza di un asso di ineresse maggiore del asso di crescia del Pil e di un debio iniziale posiivo, il rapporo debio/pil si riduce nel empo. In presenza di avanzi primari e di un asso di crescia che eccede il asso di ineresse, qualunque sia il valore iniziale del debio in rapporo al PIL, si converge verso l equilibrio.

55 Evoluzione del rapporo debio/pil in Ialia Il debio pubblico ialiano è sao accumulao in empo di pace e non è il risulao di circosanze eccezionali. Alla base della sua crescia ci sono faori sruurali che hanno iniziao a operare all inizio degli anni seana, in pare riconducibili all uso della spesa pubblica come srumeno per favorire la crescia economica e sviluppare le isiuzioni dello sao sociale. I primi anni seana furono infai caraerizzai da grandi riforme sociali. La crescia sruurale della spesa però non fu però compensaa da un corrispondene aumeno delle enrae, per cui l Ialia in quegli anni regisrò coninui disavanzi primari. Tuavia, nel fraempo, il asso di ineresse è sceso molo al di soo del asso di crescia del PIL, favorendo quindi la sabilizzazione del rapporo debio/pil.

56 Evoluzione del rapporo debio/pil in Ialia La crescia del debio fu conenua anche dal finanziameno moneario del disavanzo, che permeeva il collocameno dei ioli senza causare rialzi del asso di ineresse. Nel 1981 vi fu il divorzio ra il Tesoro e la Banca d Ialia: la legge sabilì che la Banca cenrale non era più obbligaa a sooscrivere la quoa dei ioli pubblici non collocai sul mercao. La speranza del legislaore era la promozione di una maggiore disciplina fiscale, che uavia non si verificò. Al conrario, come abbiamo viso nelle slides precedeni, negli anni oana vi fu un aumeno inconrollao della spesa pubblica. Conemporaneamene si passò a una siuazione in cui il asso di ineresse eccedeva il asso di crescia.

57 Debio pubblico in % del Pil debio/pil Obieivo Pao Sabilià e Crescia

58 Evoluzione del rapporo debio/pil in Ialia Nel 1992 si verifica una svola, per due ragioni: Viene approvao il Traao di Maasrich, che impone all Ialia il risanameno del bilancio e la riduzione del debio pubblico. L Ialia svalua la lira ed esce dallo SME: il rischio di rimanere emarginai dal processo di inegrazione europea è molo concreo, ed è urgene inverire la roa. Il cambiameno si verifica a parire dai governi Amao ( ) e Ciampi ( ), che per la prima vola riducono la spesa pubblica al puno di far regisrare un avanzo primario. Il disavanzo oale di bilancio, in proporzione al PIL, comincerà invece a ridursi solo più ardi.

59 Come si riduce un elevao debio pubblico? Esisono re modi: 1. Generare avanzi primari sufficienemene ampi. Per riuscirci, bisogna agliare le spese e/o aumenare le impose. È la srada più ardua ma più viruosa. Tra i cosi c è la disorsione generaa dalle impose. 2. Ricorrere al finanziameno moneario della Banca cenrale. È vieao, e comunque non privo di cosi, viso che genera inflazione che poi grava sui ciadini il cui reddio disponibile si riduce. 3. Ripudiare il debio pubblico, ineramene o anche solo parzialmene. In queso modo il governo cancella, almeno in pare, il debio esisene, oppure inroduce impose sui ioli pubblici che non erano previse al momeno dell emissione. Si rompe il rapporo di fiducia ra governo e ciadini (e invesiori), e il governo non può più spendere in disavanzo.

60 Riepilogo Aggregazioni di eni pubblici Cono economico consolidao Enrae e uscie correni e in cono capiale Disavanzo complessivo (indebiameno neo) Saldo primario Fragilià della finanza pubblica ialiana Muameni isiuzionali Breve soria delle enrae e delle uscie Debio pubblico Sabilizzazione del debio Rapporo debio/pil

Economia e gestione delle imprese - 07. Sommario. Liquidità e solvibilità

Economia e gestione delle imprese - 07. Sommario. Liquidità e solvibilità Economia e gesione delle imprese - 07 Obieivi: Descrivere i processi operaivi della gesione finanziaria nel coneso aziendale. Analizzare le decisioni di invesimeno. Analizzare le decisioni di finanziameno.

Dettagli

Bilancio dello Stato e Debito pubblico. Corso di Scienza delle Finanze Cleam, classe 3 Università Bocconi a.a. 2012-2013 Dott.ssa Simona Scabrosetti

Bilancio dello Stato e Debito pubblico. Corso di Scienza delle Finanze Cleam, classe 3 Università Bocconi a.a. 2012-2013 Dott.ssa Simona Scabrosetti Bilancio dello Sao e Debio pubblico Corso di Scienza delle Finanze Cleam, classe 3 Universià Bocconi a.a. 2012-2013 Do.ssa Simona Scabrosei Il bilancio dello Sao Due versioni alernaive: - bilancio di previsione:

Dettagli

SCELTE INTERTEMPORALI E DEBITO PUBBLICO

SCELTE INTERTEMPORALI E DEBITO PUBBLICO SCELTE INTERTEMPORALI E DEBITO PUBBLICO Lo sudio delle poliiche economiche con il modello IS-LM permee di analizzare gli effei di breve periodo delle decisioni di poliica fiscale e monearia del governo.

Dettagli

Apertura nei Mercati Finanziari

Apertura nei Mercati Finanziari Lezione 20 (BAG cap. 6.2, 6.4-6.5 e 18.5-18.6) La poliica economica in economia apera Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Universià di Pavia Aperura nei Mercai Finanziari 1) Gli invesiori possono

Dettagli

A.A. 2013/14 Esercitazione - IRPEF TESTO E SOLUZIONI

A.A. 2013/14 Esercitazione - IRPEF TESTO E SOLUZIONI A.A. 2013/14 Eserciazione - IRPEF TESTO E SOLUZIONI Esercizio 1 - IRPEF Il signor X, che vive solo e non ha figli, ha percepio, nel corso dell anno correne, i segueni reddii: - Reddii da lavoro dipendene

Dettagli

ESEMPI DI ESERCIZI SU IRPEF ED IRES

ESEMPI DI ESERCIZI SU IRPEF ED IRES ESEMPI DI ESERCIZI SU IRPEF ED IRES 1. Irpef 1) Dopo avere definio il conceo di progressivià delle impose, si indichino le modalià per la realizzazione di un sisema di impose progressivo. 2) Il signor

Dettagli

Lezione 11. Inflazione, produzione e crescita della moneta

Lezione 11. Inflazione, produzione e crescita della moneta Lezione 11 (BAG cap. 10) Inflazione, produzione e crescia della monea Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Universià di Pavia Tre relazioni ra produzione, disoccupazione e inflazione Legge di Okun

Dettagli

In questo caso entrambi i gruppi chiedono copertura completa: q = d = 100.

In questo caso entrambi i gruppi chiedono copertura completa: q = d = 100. Soluzione dell Esercizio 1: Assicurazioni a) In un mercao perfeamene concorrenziale, deve valere la condizione di profii aesi nulli: E(P)=0. E possibile mosrare che ale condizione implica che l impresa

Dettagli

L ipotesi di rendimenti costanti di scala permette di scrivere la (1) in forma intensiva. Ponendo infatti c = 1/L, possiamo scrivere

L ipotesi di rendimenti costanti di scala permette di scrivere la (1) in forma intensiva. Ponendo infatti c = 1/L, possiamo scrivere DIPRTIMENTO DI SCIENZE POLITICHE Modello di Solow (1) 1 a. a. 2015-2016 ppuni dalle lezioni. Uso riservao Maurizio Zenezini Consideriamo un economia (chiusa e senza inerveno dello sao) in cui viene prodoo

Dettagli

LEZIONE 3 INDICATORI DELLE PRINCIPALI VARIABILI MACROECONOMICHE. Argomenti trattati: definizione e misurazione delle seguenti variabili macroecomiche

LEZIONE 3 INDICATORI DELLE PRINCIPALI VARIABILI MACROECONOMICHE. Argomenti trattati: definizione e misurazione delle seguenti variabili macroecomiche LEZIONE 3 INDICATORI DELLE RINCIALI VARIABILI MACROECONOMICHE Argomeni raai: definizione e misurazione delle segueni variabili macroecomiche Livello generale dei prezzi, Tasso d inflazione, π IL nominale,

Dettagli

La vischiosità dei depositi a vista durante la recente crisi finanziaria: implicazioni in una prospettiva di risk management

La vischiosità dei depositi a vista durante la recente crisi finanziaria: implicazioni in una prospettiva di risk management La vischiosià dei deposii a visa durane la recene crisi finanziaria: implicazioni in una prospeiva di risk managemen Igor Gianfrancesco Camillo Gilibero 31/01/1999 31/07/1999 31/01/2000 31/07/2000 31/01/2001

Dettagli

Operazioni finanziarie. Operazioni finanziarie

Operazioni finanziarie. Operazioni finanziarie Operazioni finanziarie Una operazione finanziaria è uno scambio di flussi finanziari disponibili in isani di empo differeni. Disinguiamo ra: operazioni finanziarie in condizioni di cerezza, quando ui gli

Dettagli

Argomenti trattati. Rischio e Valutazione degli investimenti. Teoria della Finanza Aziendale. Costo del capitale

Argomenti trattati. Rischio e Valutazione degli investimenti. Teoria della Finanza Aziendale. Costo del capitale Teoria della Finanza Aziendale Rischio e Valuazione degli invesimeni 9 1-2 Argomeni raai Coso del capiale aziendale e di progeo Misura del bea Coso del capiale e imprese diversificae Rischio e flusso di

Dettagli

1.7. Il modello completo e le sue proprietà

1.7. Il modello completo e le sue proprietà La Teoria Generale 1 1.7. Il modello compleo e le sue proprieà Il ragionameno svolo fino a queso puno è valido per un livello dao del salario nominale e dei prezzi. Le grandezze preseni nel modello, per

Dettagli

Lezione 10. (BAG cap. 9) Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia

Lezione 10. (BAG cap. 9) Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Lezione 10 (BAG cap. 9) Il asso naurale di disoccupazione e la curva di Phillips Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Universià di Pavia In queso capiolo Inrodurremo uno degli oggei più conosciui

Dettagli

All. B Parte Entrata COMUNE DI ERNI CONO DEL BILANCIO - Esercizio 2013 - GESIONE DELLE ENRAE Valuta: EURO Pag.1 DESCRIZIONE Residui conservati e Stanziamenti definitivi di bilancio Residui (A) N di riferimento

Dettagli

Bilancio dello Stato e Debito pubblico. Corso di Scienza delle Finanze Cleam, classe 3 a.a Dott.ssa Simona Scabrosetti

Bilancio dello Stato e Debito pubblico. Corso di Scienza delle Finanze Cleam, classe 3 a.a Dott.ssa Simona Scabrosetti Bilancio dello Sao e Debio pubblico Corso di Scienza delle Finanze Cleam, classe 3 a.a. 2008-2009 Do.ssa Simona Scabrosei Il bilancio dello Sao Due versioni alernaive: - bilancio di previsione: ripora

Dettagli

Ottobre 2009. ING ClearFuture

Ottobre 2009. ING ClearFuture Oobre 2009 ING ClearFuure Una crescia cosane. Con una solida proezione nel empo. ING ClearFuure è la soluzione assicuraiva Uni Linked di dirio lussemburghese, realizzaa apposiamene da ING Life Luxembourg

Dettagli

I possibili schemi di Partenariato Pubblico Privato

I possibili schemi di Partenariato Pubblico Privato OSSERVATORIO collegameno ferroviario Torino-Lione Collegameno ferroviario Torino-Lione I possibili schemi di Parenariao Pubblico Privao Torino, 30 Oobre 2007 Unià Tecnica Finanza di Progeo 1 PPP: analisi

Dettagli

Corso di. Economia Politica

Corso di. Economia Politica Prof.ssa Blanchard, Maria Laura Macroeconomia Parisi, PhD; Una parisi@eco.unibs.i; prospeiva europea, DEM Universià Il Mulino di 2011 Brescia Capiolo I. Un Viaggio inorno al mondo Corso di Economia Poliica

Dettagli

I): informazione perfetta: lavoratori e imprese conoscono P e W:

I): informazione perfetta: lavoratori e imprese conoscono P e W: Il Monearismo Il mercao del lavoro secondo i monearisi Conrai a breve ermine si aggiusano velocemene I): informazione perfea: lavoraori e imprese conoscono e W: W i prezzi : da a = 2 W - domanda: da a

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA A.A. 2007 2008 Prova dell 8 febbraio 2008. Esercizio 1 (6 punti)

MATEMATICA FINANZIARIA A.A. 2007 2008 Prova dell 8 febbraio 2008. Esercizio 1 (6 punti) MATEMATICA FINANZIARIA A.A. 007 008 Prova dell 8 febbraio 008 Nome Cognome Maricola Esercizio (6 puni) La vendia raeale di un bene di valore 000 prevede il pagameno di rae mensili posicipae cosani calcolae

Dettagli

Sviluppare una metodologia di analisi per valutare la convenienza economica di un nuovo investimento, tenendo conto di alcuni fattori rilevanti:

Sviluppare una metodologia di analisi per valutare la convenienza economica di un nuovo investimento, tenendo conto di alcuni fattori rilevanti: Analisi degli Invesimeni Obieivo: Sviluppare una meodologia di analisi per valuare la convenienza economica di un nuovo invesimeno, enendo cono di alcuni faori rilevani: 1. Dimensione emporale. 2. Grado

Dettagli

La volatilità delle attività finanziarie

La volatilità delle attività finanziarie 4.30 4.5 4.0 4.5 4.0 4.05 4.00 3.95 3.90 3.85 3.80 3.75 3.70 3.65 3.60 3.55 3.50 3.45 3.40 3.35 3.30 3.5 3.0 3.5 3.0 3.05 3.00.95.70.65.60.55.50.45.40.35.30.5.0.5.0.05.00.95.90.85.80.75.70.65.60.55.50.45.40.35.30.5.0.5.0.05.00

Dettagli

tp = 0 P + t r a 0 P Il modello di crescita aritmetico deriva dalla logica del tasso di interesse semplice

tp = 0 P + t r a 0 P Il modello di crescita aritmetico deriva dalla logica del tasso di interesse semplice Eserciazione 7: Modelli di crescia: arimeica, geomerica, esponenziale. Calcolo del asso di crescia e del empo di raddoppio. Popolazione sabile e sazionaria. Viviana Amai 03/06/200 Modelli di crescia Nella

Dettagli

Politica fiscale: l insieme delle misure messe in atto dal policy-maker concernenti le entrate e le spese del settore pubblico.

Politica fiscale: l insieme delle misure messe in atto dal policy-maker concernenti le entrate e le spese del settore pubblico. LA POLITICA FISCALE Poliica fiscale: l insieme delle misure messe in ao dal policy-maker concerneni le enrae e le spese del seore pubblico. Sruura: - alcune definizioni isiuzionali; - il modus operandi

Dettagli

LA DINAMICA DEL DEBITO PUBBLICO. UN ANALISI DEL CASO ITALIANO, 1980-1996

LA DINAMICA DEL DEBITO PUBBLICO. UN ANALISI DEL CASO ITALIANO, 1980-1996 Liuc Papers n. 33, Serie Economia e Impresa 8, seembre 1996 LA DINAMICA DEL DEBITO PUBBLICO. UN ANALISI DEL CASO ITALIANO, 1980-1996 Angelo Marano Inroduzione Le dimensioni anomale che il debio pubblico

Dettagli

INTERBANCA Codice ISIN IT0004041478

INTERBANCA Codice ISIN IT0004041478 REGOLAMENTO DEL PRESTITO OBBLIGAZNAR INTERBANCA 2006/2011 Discoun Dynamic Index 24 fino a EUR 250.000.000 Ar. 1 - TITOLI Il presio obbligazionario Inerbanca 2006/2011 Discoun Dynamic Index 24 fino a EUR

Dettagli

DEFICIT E DEBITO PUBBLICO

DEFICIT E DEBITO PUBBLICO DEFICIT E DEITO PULICO Defici e debio pubblico Se il governo di uno Sao spende più di quano incassa, si genera un defici pubblico. Viceversa, si parla di surplus. Il defici è finanziao dallo Sao ricorrendo

Dettagli

Economia e gestione delle imprese - 01

Economia e gestione delle imprese - 01 Economia e gesione delle imprese - 01 L impresa come organizzazione che crea valore Leve di creazione di ricchezza e responsabilià sociale Prima pare : L impresa che crea valore 1. L impresa 2. L evoluzione

Dettagli

La valutazione d azienda: conciliazione tra metodo diretto ed indiretto

La valutazione d azienda: conciliazione tra metodo diretto ed indiretto Valuazione d azienda La valuazione d azienda: conciliazione ra meodo direo ed indireo di Maeo Versiglioni (*) e Filippo Riccardi (**) La meodologia maggiormene uilizzaa per la valuazione d azienda, è quella

Dettagli

LA MACROECONOMIA DAGLI ANNI 60 AD OGGI. la relazione tra i due principali indicatori di malessere economico aggregato: inflazione e disoccupazione;

LA MACROECONOMIA DAGLI ANNI 60 AD OGGI. la relazione tra i due principali indicatori di malessere economico aggregato: inflazione e disoccupazione; La sinesi neoclassica LA MACROECONOMIA DAGLI ANNI 60 AD OGGI Il dibaio si concenra, fino ad oggi, su una serie di emi di vasa poraa, ra cui: la naura e le cause della crescia economica; le foni dell insabilià

Dettagli

Capitolo XXI. disavanzo. Elevato debito pubblico 20/05/ Il vincolo di bilancio del governo. Il disavanzo di bilancio nell anno t è:

Capitolo XXI. disavanzo. Elevato debito pubblico 20/05/ Il vincolo di bilancio del governo. Il disavanzo di bilancio nell anno t è: Capiolo XXI. Elevao debio pubblico 1. Il vincolo di bilancio del governo Il disavanzo di bilancio nell anno è: disavanzo = r 1 + G T -1 = debio pubblico alla fine dell anno -1 r = asso di ineresse reale

Dettagli

La programmazione aggregata nella supply chain. La programmazione aggregata nella supply chain 1

La programmazione aggregata nella supply chain. La programmazione aggregata nella supply chain 1 La programmazione aggregaa nella supply chain La programmazione aggregaa nella supply chain 1 Linea guida Il ruolo della programmazione aggregaa nella supply chain Il problema della programmazione aggregaa

Dettagli

1.7. Il modello completo e le sue proprietà

1.7. Il modello completo e le sue proprietà Macroeconomia neoclassica 1 1.7. Il modello compleo e le sue proprieà Disponiamo ora di ui gli elemeni necessari a rappresenare il modello compleo e l equilibrio. I dai del modello sono: 1. numero degli

Dettagli

I mercati dei beni e i mercati finanziari in economia aperta

I mercati dei beni e i mercati finanziari in economia aperta I mercai dei beni e i mercai finanziari in economia apera Economia apera Mercai dei beni: l opporunià per i consumaori e le imprese di scegliere ra beni nazionali e beni eseri. Mercai delle aivià finanziarie:

Dettagli

Il Debito Pubblico. In questa lezione: Studiamo il vincolo di bilancio del governo.

Il Debito Pubblico. In questa lezione: Studiamo il vincolo di bilancio del governo. Il Debio Pubblico In quesa lezione: Sudiamo il vincolo di bilancio del governo. Esaminiamo i faori che influenzano il debio pubblico nel lungo periodo. Sudiamo la sabilià del debio pubblico. 327 Il disavanzo

Dettagli

ELEVATO DEBITO PUBBLICO

ELEVATO DEBITO PUBBLICO 1 ELEVATO DEBITO PUBBLICO IL VINCOLO DI BILANCIO DEL GOVERNO Il disavanzo di bilancio nell anno è la variazione del debio reale in quel deerminao periodo: disavanzo rb 1 G T Esso include - Componene primaria

Dettagli

Lezione n.12. Gerarchia di memoria

Lezione n.12. Gerarchia di memoria Lezione n.2 Gerarchia di memoria Sommario: Conceo di gerarchia Principio di localià Definizione di hi raio e miss raio La gerarchia di memoria Il sisema di memoria è molo criico per le presazioni del calcolaore.

Dettagli

Università di Napoli Parthenope Facoltà di Ingegneria

Università di Napoli Parthenope Facoltà di Ingegneria Universià di Napoli Parenope Facolà di Ingegneria Corso di Comunicazioni Elerice docene: Prof. Vio Pascazio a Lezione: 7/04/003 Sommario Caraerizzazione energeica di processi aleaori Processi aleaori nel

Dettagli

Il valore delle. Argomenti. Domande chiave. Teoria della Finanza Aziendale Prof. Arturo Capasso A.A. 2005-2006

Il valore delle. Argomenti. Domande chiave. Teoria della Finanza Aziendale Prof. Arturo Capasso A.A. 2005-2006 - 4 Teoria della Finanza Aziendale rof. Aruro Capasso A.A. 5-6 Il valore delle A. azioni ordinarie - Argomeni Rendimeni richiesi rezzi delle azioni e ES Cash Flows e valore economico d impresa - 3 Domande

Dettagli

Anche sugli impianti in esercizio è possibile intervenire attuando una serie di soluzioni in grado di ridurre sensibilmente il consumo di energia.

Anche sugli impianti in esercizio è possibile intervenire attuando una serie di soluzioni in grado di ridurre sensibilmente il consumo di energia. Risparmio Energeico Risparmio Energeico per Scale e Tappei Mobili La riduzione dei consumi di energia proveniene dalle foni fossili non rinnovabili (perolio, carbone) è una delle priorià assolue, insieme

Dettagli

5 LA MATRICE DEI FLUSSI DI FONDI

5 LA MATRICE DEI FLUSSI DI FONDI 94 Capiolo V 5 LA MATRICE DEI FLUSSI DI FONDI Ricapioliamo brevemene la srada percorsa ino a qui. Siamo parii nel primo capiolo analizzando una semplice economia di barao con re ageni. In queso coneso

Dettagli

Corso di Economia del Lavoro Daniele Checchi Blanchard-Amighini-Giavazzi cap.4 anno 2014-15

Corso di Economia del Lavoro Daniele Checchi Blanchard-Amighini-Giavazzi cap.4 anno 2014-15 Corso i Economia el Lavoro Daniele Checchi Blanchar-Amighini-Giavazzi cap.4 anno 2014-15 I MERCATI FINANZIARI Esise una grane varieà i aivià finanziarie. Il risparmiaore eve scegliere in quali forme eenere

Dettagli

velocità angolare o pulsazione (gradi /s oppure rad/s) (angolo percorso da V in un intervallo di tempo)

velocità angolare o pulsazione (gradi /s oppure rad/s) (angolo percorso da V in un intervallo di tempo) V A = AMPIEZZA = lunghezza di V A ALTERNATA Proiezione di V X ISTANTE = velocià angolare o pulsazione (gradi /s oppure rad/s) (angolo percorso da V in un inervallo di empo) DEVE ESSERE COSTANTE Angolo

Dettagli

Politica Economica Europea. a.a.2014-15

Politica Economica Europea. a.a.2014-15 Poliica Economica Europea 8 Il Traao di Maasrich Voluo da Mierand, Delors, Khol E firmao a Maasrich il 7 febbraio 1992 ed enrao in vigore il 1 novembre 1993. L'Unione europea da esso creaa compora re pilasri:

Dettagli

COMUNE DI MESAGNE GESTIONE DELLE ENTRATE (BILANCIO) CONTO DEL BILANCIO

COMUNE DI MESAGNE GESTIONE DELLE ENTRATE (BILANCIO) CONTO DEL BILANCIO GESIONE DELLE ENRAE (BILANCIO) CONO DEL BILANCIO Esercizio CONO DEL BILANCIO - ENRAE - Pag. 2 itolo - Categoria - Risorsa AVANZO DI AMMINISRAZIONE otale (M) 14.672,00 Conto del esoriere otale (N) [*] Motivi

Dettagli

CONTO DI BILANCIO GESTIONE DELLE SPESE - Anno 2014 Analitico

CONTO DI BILANCIO GESTIONE DELLE SPESE - Anno 2014 Analitico COMUNE DI PECEO DI VALENZA Prov. (AL) CONO DI BILANCIO GESIONE DELLE SPESE - Anno 2014 Analitico COMUNE DI PECEO DI VALENZA Prov. (AL) Residui (A) allo Residui (B) Residui (C) Residui (D=B+C) (E=A-D) Competenza

Dettagli

Media Mobile di ampiezza k (k pari) Esempio: Vendite mensili di shampoo

Media Mobile di ampiezza k (k pari) Esempio: Vendite mensili di shampoo Media Mobile di ampiezza k (k pari) Esempio: Vendie mensili di shampoo Mese y 1 266,0 2 145,9 3 183,1 4 119,3 5 180,3 6 168,5 7 231,8 8 224,5 9 192,8 10 122,9 11 336,5 12 185,9 1 194,3 2 149,5 3 210,1

Dettagli

Provincia di Treviso

Provincia di Treviso Treviso, 21 dicembre 2004 OGGETTO: Gesione rifiui urbani e assimilai Servizio pubblico inegraivo di gesione rifiui speciali Adempimeni relaivi alla compilazione di formulari di idenificazione, regisri

Dettagli

Lezione n.7. Variabili di stato

Lezione n.7. Variabili di stato Lezione n.7 Variabili di sao 1. Variabili di sao 2. Funzione impulsiva di Dirac 3. Generaori impulsivi per variabili di sao disconinue 3.1 ondizioni iniziali e generaori impulsivi In quesa lezione inrodurremo

Dettagli

Biblioteca di Telepass + 2 biennio TOMO 4. Il portafoglio salvo buon fine: accreditato diretto in c/c e gestione mediante il Conto Anticipi

Biblioteca di Telepass + 2 biennio TOMO 4. Il portafoglio salvo buon fine: accreditato diretto in c/c e gestione mediante il Conto Anticipi Biblioeca di Telepass + biennio TOMO UNITÀ I I prodoi bancari: il fi do e i fi nanziameni alla clienela Il porafoglio salvo buon fine: accrediao direo in c/c e gesione mediane il Cono nicipi Tuorial ESERCIZIO

Dettagli

Blanchard, Macroeconomia, Il Mulino 2009 Capitolo XXII. Elevato debito pubblico. Capitolo XXII. Elevato debito pubblico

Blanchard, Macroeconomia, Il Mulino 2009 Capitolo XXII. Elevato debito pubblico. Capitolo XXII. Elevato debito pubblico Capiolo XXII. Elevao debio pubblico 1. Il vincolo di bilancio del governo Il disavanzo di bilancio nell anno è: disavanzo = rb 1 + G T B -1 = debio pubblico alla fine dell anno -1 r = asso di ineresse

Dettagli

CONTO DI BILANCIO GESTIONE DELLE ENTRATE - Anno 2014 Sintetico

CONTO DI BILANCIO GESTIONE DELLE ENTRATE - Anno 2014 Sintetico Comune di Nereto Prov. (E) CONO DI BILANCIO GESIONE DELLE ENRAE - Anno 2014 Sintetico Comune di Nereto Prov. (E) Pagina 2 Residui (A) Competenza (F) otale (M) otale (N) Res. al 31/12 (O=C+H) Acc. al 31/12

Dettagli

CONTO DI BILANCIO GESTIONE DELLE SPESE - Anno 2013 Analitico

CONTO DI BILANCIO GESTIONE DELLE SPESE - Anno 2013 Analitico COMUNE DI LUCERA Prov. (FG) CONO DI BILANCIO GESIONE DELLE SPESE - Anno 2013 Analitico Pagina 2 Residui (A) allo Residui (B) Residui (C) Residui (D=B+C) (E=A-D) Competenza (F) otale (M) otale (N) Res.

Dettagli

ELEVATO DEBITO PUBBLICO

ELEVATO DEBITO PUBBLICO 1 ELEVATO DEBITO PUBBLICO IL VINCOLO DI BILANCIO DEL GOVERNO Il disavanzo di bilancio nell anno è la variazione del debio reale in quel deerminao periodo: disavanzo = rb 1 + G T Esso include - Componene

Dettagli

METODI DECISIONALI PER L'AZIENDA. www.lvproject.com. Dott. Lotti Nevio

METODI DECISIONALI PER L'AZIENDA. www.lvproject.com. Dott. Lotti Nevio METODI DECISIONALI PER L'AZIENDA www.lvprojec.com Do. Loi Nevio Generalià sui sisemi dinamici. Variabili di sao, di ingresso, di uscia. Sisemi discrei. Sisemi lineari. Paper: Dynamic Modelling Do. Loi

Dettagli

flusso in uscita (FU) Impresa flusso in entrata (FE)

flusso in uscita (FU) Impresa flusso in entrata (FE) Analisi degli invesimeni Il bilancio è una sinesi a poseriori della siuazione di un'azienda. La valuazione degli invesimeni è un enaivo di valuare a priori la validià delle scele dell'azienda. L'invesimeno

Dettagli

Le basi della valutazione secondo i cash flow. Aswath Damodaran

Le basi della valutazione secondo i cash flow. Aswath Damodaran Le basi della valuazione secondo i cash flow Aswah Damodaran Valuazione secondo i cash flow: le basi dell'approccio Valore = = n CF = 1 1+ r ( ) dove, n = anni di via dell'aivià CF = Cash flow nel periodo

Dettagli

V AK. Fig.1 Caratteristica del Diodo

V AK. Fig.1 Caratteristica del Diodo 1 Raddrizzaore - Generalià I circuii raddrizzaori uilizzano componeni come i Diodi che presenano la caraerisica di unidirezionalià, cioè permeono il passaggio della correne solo in un verso. In figura

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE FACOLTÀ DI ECONOMIA FEDERICO CAFFÈ

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE FACOLTÀ DI ECONOMIA FEDERICO CAFFÈ UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE FACOLTÀ DI ECONOMIA FEDERICO CAFFÈ CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA E COMMERCIO Tesi di laurea IL RUOLO DELL ESPANSIONE DELLA DOMANDA DI CONSUMI NELLA CRESCITA ECONOMICA: ALCUNE

Dettagli

Fabio Grasso LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: I PROFILI TECNICI

Fabio Grasso LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: I PROFILI TECNICI Fabio Grasso Direore Diparimeno di Scienze Saisiche Presidene Area Didaica delle Scienze Saisiche, Auariali e Finanziarie Universià degli Sudi di Roma La Sapienza LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: I PROFILI

Dettagli

Osservabilità (1 parte)

Osservabilità (1 parte) eoria dei sisemi - Capiolo 9 sservabilià ( pare) Inroduzione al problema della osservabilià: osservazione e ricosruzione. Sai indisinguibili e sai non osservabili...3 Soospazi di osservabilià e non osservabilià

Dettagli

Città di Palermo SETTORE BILANCIO E TRIBUTI

Città di Palermo SETTORE BILANCIO E TRIBUTI ALLEGAO B ESO EMENDAO Città di Palermo SEORE BILANCIO E RIBUI BILANCIO DI PREVISIONE PLURIENNALE 201-2016 Elaborato dalla SISPI S.p.a. - Sistema Palermo informatica BILANCIO PLURIENNALE 201-2016 PAGINA

Dettagli

CONTO DI BILANCIO GESTIONE DELLE SPESE - Anno 2012 Analitico

CONTO DI BILANCIO GESTIONE DELLE SPESE - Anno 2012 Analitico COMUNE DI PIARIO Prov. (BG) CONO DI BILANCIO GESIONE DELLE SPESE - Anno 2012 Analitico Residui (A) allo Residui (B) Residui (C) Residui (D=B+C) (E=A-D) Competenza (F) otale (M) otale (N) Res. al 31/12

Dettagli

Esercizi di Matematica Finanziaria

Esercizi di Matematica Finanziaria Esercizi di Maemaica Finanziaria Copyrigh SDA Bocconi Faori nanziari Classi care e rappresenare gra camene i segueni faori nanziari per : (a) = + ; 8 (b) = ( + ; ) (c) = (d) () = ; (e) () = ( + ; ) (f)

Dettagli

Questioni di Economia e Finanza

Questioni di Economia e Finanza Quesioni di Economia e Finanza (Occasional Papers) La grande disribuzione organizzaa e l indusria alimenare in Ialia di Eliana Viviano (coordinaore), Luciana Aimone Gigio, Emanuela Ciapanna, Daniele Coin,

Dettagli

CONTO DI BILANCIO GESTIONE DELLE SPESE - Anno 2014 Analitico

CONTO DI BILANCIO GESTIONE DELLE SPESE - Anno 2014 Analitico UNIONE DI COMUNI VALDARNO e VALDISIEVE Prov. (FI) CONO DI BILANCIO GESIONE DELLE SPESE - Anno 2014 Analitico otale (M) otale (N) Res. al 31/12 (O=C+H) Imp. al 31/12 (P=D+I) Pagina 2 itolo I - SPESE CORRENI

Dettagli

Modelli empirici di aggiustamento e crescita

Modelli empirici di aggiustamento e crescita A13 107 Albero Bagnai Modelli empirici di aggiusameno e crescia Appuni per un corso di Macroeconomia dello sviluppo ARACNE Copyrigh MMV ARACNE edirice S.r.l. www.aracneedirice.i info@aracneedirice.i via

Dettagli

Il mercato immobiliare statunitense Un approccio attraverso l utilizzo dei Dynamic model average

Il mercato immobiliare statunitense Un approccio attraverso l utilizzo dei Dynamic model average Corso di Laurea magisrale (ordinameno ex D.M. 270/2004) in Economia e finanza Tesi di Laurea Il mercao immobiliare sauniense Un approccio araverso l uilizzo dei Dynamic model average Relaore Ch. Prof.

Dettagli

La previsione della domanda nella supply chain

La previsione della domanda nella supply chain La previsione della domanda nella supply chain La previsione della domanda 1 Linea guida Il ruolo della prerevisione nella supply chain Le caraerisiche della previsione Le componeni della previsione ed

Dettagli

Analisi e valutazione degli investimenti

Analisi e valutazione degli investimenti Analisi e valuazione degli invesimeni Indice del modulo L analisi degli invesimeni e conceo di invesimeno Il valore finanziario del empo e aualizzazione Capializzazione e aualizzazione Il coso opporunià

Dettagli

RISPOSTA NEL DOMINIO DEL TEMPO

RISPOSTA NEL DOMINIO DEL TEMPO RISPOSTA NEL DOMINIO DEL TEMPO Nel dominio del empo le variabili sono esaminae secondo la loro evoluzione emporale. Normalmene si esamina la risposa del sisema a un segnale di prova canonico, cioè si sollecia

Dettagli

Struttura dei tassi per scadenza

Struttura dei tassi per scadenza Sruura dei assi per scadenza /45-Unià 7. Definizione del modello ramie gli -coupon bonds preseni sul mercao Ipoesi di parenza Sul mercao sono preseni all isane ZCB che scadono fra,2,,n periodi Periodo:

Dettagli

4 La riserva matematica

4 La riserva matematica 4 La riserva maemaica 4.1 Inroduzione La polizza, come si è viso, viene cosruia in modo da essere in equilibrio auariale alla daa di sipula = 0 e rispeo alla base ecnica del I ordine: se X è il flusso

Dettagli

CONTO DI BILANCIO GESTIONE DELLE SPESE - Anno 2014 Analitico

CONTO DI BILANCIO GESTIONE DELLE SPESE - Anno 2014 Analitico Comune di Donori Prov. (CA) CONO DI BILANCIO GESIONE DELLE SPESE - Anno 2014 Analitico Residui (A) allo Residui (B) Residui (C) Residui (D=B+C) (E=A-D) Competenza (F) otale (M) otale (N) Res. al 31/12

Dettagli

LEZIONE 10. Il finanziamento dell istruzione. Economia del Settore Pubblico. Modalità dell intervento pubblico. Il finanziamento dell istruzione

LEZIONE 10. Il finanziamento dell istruzione. Economia del Settore Pubblico. Modalità dell intervento pubblico. Il finanziamento dell istruzione Economia del Seore Pubblico Laura Vici laura.vici@unibo.i www2.dse.unibo.i/lvici/edsp_ii.hm Modalià dell inerveno pubblico Regolamenazione Finanziameno: parziale o inegrale? Produzione: pubblica o privaa?

Dettagli

Allegato sub B) PROVINCIA DI PIACENZA RENDICONTO DELL ESERCIZIO FINANZIARIO 2012

Allegato sub B) PROVINCIA DI PIACENZA RENDICONTO DELL ESERCIZIO FINANZIARIO 2012 RENDICONO DELL ESERCIZIO FINANZIARIO 2012 Allegato sub B) RENDICONO DELL ESERCIZIO FINANZIARIO 2012 I N D I C E CONO DEL BILANCIO PARE PRIMA ENRAA pag. PARE SECONDA - SPESA pag. PARE ERZA RIEPILOGHI E

Dettagli

Il processo decisionale di finanza pubblica e il debito pubblico

Il processo decisionale di finanza pubblica e il debito pubblico 30018 - Scienza delle Finanze (II Pare) CLEAM Il processo decisionale di finanza pubblica e il debio pubblico Lucia Vergano Universià Comm.le L. Bocconi A.A. 2011/2012 Il processo decisionale di finanza

Dettagli

Differenziazione di prodotto e qualità in monopolio

Differenziazione di prodotto e qualità in monopolio Economia Indusriale Capiolo 7 Differenziazione di prodoo e qualià in monopolio Beoni Michela Gallizioli Giorgio Gaverina Alessandra Rai Nicola Signori Andrea AGENDA Concei di differenziazione vericale

Dettagli

LA TEORIA DEL CICLO ECONOMICO REALE (RBC: Real Business Cycle) Però offre una diversa spiegazione delle fluttuazioni economiche:

LA TEORIA DEL CICLO ECONOMICO REALE (RBC: Real Business Cycle) Però offre una diversa spiegazione delle fluttuazioni economiche: LA TEORIA DEL CICLO ECONOMICO REALE (RBC: Real Business Cycle) Edward Presco, Finn Kydland, Rober King, ecc. Si inserisce nel filone della NMC: - Equilibrio generale walrasiano; - incerezza e dinamica:

Dettagli

Le polizze rivalutabili

Le polizze rivalutabili Capiolo 6 Le polizze rivaluabili 6.1 Inroduzione Le polizze via rivaluabili sono sae inrodoe nel mercao ialiano negli anni di ala inflazione e oggi, con l eccezione delle polizze TCM, hanno compleamene

Dettagli

del segnale elettrico trifase

del segnale elettrico trifase Rappresenazione del segnale elerico rifase Gli analizzaori di poenza e di energia Qualisar+ consenono di visualizzare isananeamene le caraerisiche di una ree elerica rifase. Rappresenazione emporale I

Dettagli

MODULO 1 UD2. Principi ed Istituzioni di Economia MACROECONOMIA

MODULO 1 UD2. Principi ed Istituzioni di Economia MACROECONOMIA MODULO 1 UD2 Principi ed Isiuzioni di Economia MACROECONOMIA 1 INDICE Macroeconomia: concei di base...3 1. Inroduzione...3 Prodoo e reddio...4 La domanda aggregaa...7 Crescia e inflazione...7 Occupazione,

Dettagli

Buono Fruttifero Postale P70

Buono Fruttifero Postale P70 Foglio Informaivo delle principali caraerisiche dei Buoni Fruiferi Posali e Regolameno del presio Pare I - Informazioni sull'emiene e sul Collocaore Emiene: Cassa deposii e presii socieà per azioni (di

Dettagli

Questioni di Economia e Finanza

Questioni di Economia e Finanza Quesioni di Economia e Finanza (Occasional Papers) Alla ricerca dei capiali perdui: una sima delle aivià all esero non dichiarae dagli ialiani di Valeria Pellegrini e Enrico Tosi Luglio 2011 Numero 97

Dettagli

IL DIMENSIONAMENTO DEGLI IMPIANTI IDROSANITARI Vasi d espansione e accumuli

IL DIMENSIONAMENTO DEGLI IMPIANTI IDROSANITARI Vasi d espansione e accumuli FOCUS TECNICO IL DIMENSIONAMENTO DEGLI IMIANTI IDROSANITARI asi d espansione e accumuli RODUZIONE DI ACQUA CALDA SANITARIA Due sono i sisemi normalmene uilizzai per produrre acqua calda saniaria: quello

Dettagli

Introduzione all analisi quantitativa dei beni pubblici. Italo M. Scrocchia

Introduzione all analisi quantitativa dei beni pubblici. Italo M. Scrocchia Diparimeno di Scienze Economiche, Maemaiche e Saisiche Universià degli Sudi di Foggia Inroduzione all analisi quaniaiva dei beni pubblici Ialo M. Scrocchia Quaderno n. 27/2008 Esemplare fuori commercio

Dettagli

quaderni europei sul nuovo welfare

quaderni europei sul nuovo welfare quaderni europei sul nuovo welfare svecchiameno e socieà allegai N. 10, Maggio 2008 la conferenza di orino sul nuovo welfare Pubblicao da l isiuo del rischio Triese - MILANo - Ginevra Macros Research MILANo

Dettagli

L integrazione europea e il mercato del lavoro: un analisi teorica ed empirica in un contesto insider/outsider

L integrazione europea e il mercato del lavoro: un analisi teorica ed empirica in un contesto insider/outsider L inegrazione europea e il mercao del lavoro: un analisi eorica ed empirica in un coneso insider/ousider Michela Marinoia Doorao in Scienze Economiche Universià degli Sudi di Milano Via Conservaorio, 7

Dettagli

Elevato debito pubblico

Elevato debito pubblico Lezione 22 (AG cap. 21) Elevao debio pubblico Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Universià di Pavia 1. Il vincolo di bilancio del governo Il disavanzo di bilancio nell anno è: disavanzo = r 1 1

Dettagli

La matrice di contabilità sociale (SAM): uno strumento per la valutazione IPI, 2009

La matrice di contabilità sociale (SAM): uno strumento per la valutazione IPI, 2009 La marice di conabilià sociale (SAM): uno srumeno per la valuazione IPI, 2009 Sono vieae le riproduzioni del eso, dei dai e dei conenui informaici dei CD allegai non auorizzai dall IPI con qualsiasi mezzo

Dettagli

FEARS Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013

FEARS Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 FEARS Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 Programma di Sviluppo Rurale della Regione Lombardia 2007-2013 in applicazione del Regolameno Comunià Europea n. 1698 del 2005, aricolo 43 1. DEFINIZIONE 2.

Dettagli

Università di Pisa - Polo della Logistica di Livorno Corso di Laurea in Economia e Legislazione dei Sistemi Logistici. Anno Accademico: 2013/14

Università di Pisa - Polo della Logistica di Livorno Corso di Laurea in Economia e Legislazione dei Sistemi Logistici. Anno Accademico: 2013/14 Universià di isa - olo della Logisica di Livorno Corso di Laurea in Economia e Legislazione dei Sisemi Logisici Anno Accademico: 03/4 CORSO DI SISTEMI DI MOVIMENTAZIONE E STOCCAGGIO Docene: Marino Lupi

Dettagli

Cenni di Matematica Finanziaria

Cenni di Matematica Finanziaria Cenni di Maemaica Finanziaria M.Leizia Guerra Facolà di Economia Universià di Urbino Carlo Bo Leggi e regimi finanziari Operazioni finanziarie elemenari Un conrao finanziario ra due soggei Alfa e Bea prevede

Dettagli

VALORE EFFICACE DEL VOLTAGGIO

VALORE EFFICACE DEL VOLTAGGIO Fisica generale, a.a. /4 TUTOATO 8: ALO EFFC &CCUT N A.C. ALOE EFFCE DEL OLTAGGO 8.. La leura con un mulimero digiale del volaggio ai morsei di un generaore fornisce + in coninua e 5.5 in alernaa. Tra

Dettagli

TEMPUS PECUNIA EST COLLANA DI MATEMATICA PER LE SCIENZE ECONOMICHE FINANZIARIE E AZIENDALI

TEMPUS PECUNIA EST COLLANA DI MATEMATICA PER LE SCIENZE ECONOMICHE FINANZIARIE E AZIENDALI TEPUS PECUNIA EST COLLANA DI ATEATICA PER LE SCIENZE ECONOICHE FINANZIARIE E AZIENDALI 3 Direore Bearice VENTURI Universià degli Sudi di Cagliari Comiao scienifico Umbero NERI Universiy of aryland Russel

Dettagli

Terminologia relativa agli aggregati

Terminologia relativa agli aggregati N. 17 I/10 Terminologia relaiva agli aggregai Schede ecniche Edilizia Genio civile 1 Presupposi Con l'inroduzione delle Norme europee (EN) riguardani gli aggregai, la erminologia finora uilizzaa è saa

Dettagli

Corso di. Economia Politica

Corso di. Economia Politica Prof.ssa lanchard, Maria Laura Macroeconomia Parisi, PhD; Una parisi@eco.unibs.i; prospeiva europea, DEM Universià Il Mulino di 20 rescia Capiolo I. Un Viaggio inorno al mondo Corso di Economia Poliica

Dettagli

A. Quantità edificatorie e densità territoriale...1

A. Quantità edificatorie e densità territoriale...1 Cara di Urbanisica I Pro.ssa Arch. Fabiola Fraini Cara di Urbanisica I --- a.a. 2003/2004 PROGETTO PER UN AMBITO URBANO NEL QUARTIERE DI CENTOCELLE Laboraorio progeuale annuale INDICAZIONI RIGUARDO LE

Dettagli