Per le funzioni reali di variabile reale si può dare la seguente definizione dovuta a Dirichlet:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "- 1 - 4. Per le funzioni reali di variabile reale si può dare la seguente definizione dovuta a Dirichlet:"

Transcript

1 - - Fuzioi Defiizioi fodmetli. Dti due isiemi o vuoti X e Y si chim ppliczioe o fuzioe d X Y u relzioe tr i due isiemi che d ogi X f corrispodere uo ed u solo y Y. Se y è l immgie di trmite f, si scrive y f().. L isieme X è il domiio dell ppliczioe. Cosiderto u qulsisi X esso h u sol immgie i Y per mezzo dell f. Si chim codomiio dell ppliczioe o isieme delle immgii il sottoisieme proprio o improprio di Y formto dgli elemeti che ho lmeo u cotroimmgie i X. Il codomiio, che viee idicto co f(x), è detto che isieme di vriilità dell fuzioe. 3. Qudo il domiio e il codomiio di u ppliczioe soo sottisiemi propri o impropri dell isieme R dei umeri reli, si prl di fuzioe rele di vriile rele. Il geerico elemeto del domiio è detto vriile idipedete, e il geerico elemeto y del codomiio vriile idipedete. 4. Per le fuzioi reli di vriile rele si può dre l seguete defiizioe dovut Dirichlet: U vriile rele y si dice fuzioe di u vriile rele i u domiio D, sottoisieme dei umeri reli, se esiste u legge f, di tur qulsisi, che fcci corrispodere u qulsisi del domiio uo e u solo vlore di y. 5. Si coviee che il domiio D di u fuzioe rele di vriile rele, se o specificto, proveg dll codizioe di esistez dell espressioe litic dell fuzioe: per questo è chimto che cmpo di esistez (C.E.) o isieme di esistez (I.E.) o isieme di defiizioe (I.D.). Il sottoisieme del domiio D i corrispodez del qule l fuzioe f ssume vlori positivi si dice isieme di positività (I.P.); il sottoisieme del domiio D i corrispodez del qule l fuzioe f ssume vlori egtivi si dice isieme di egtività (I.P.). Il codomiio C si dice che isieme di vriilità (I.V.). 6. Si chim isieme umerico u isieme i cui elemeti sio umeri. 7. Si dice che l isieme umerico A è limitto superiormete, se esiste u umero k mggiore di tutti gli elemeti dell isieme A. Se o esiste u tle umero k, l isieme A è illimitto superiormete. 8. Si dice che l isieme umerico A è limitto iferiormete, se esiste u umero k miore di tutti gli elemeti dell isieme A. Se o esiste u tle umero k, l isieme A è illimitto iferiormete. 9. Se l isieme A è limitto si superiormete che iferiormete, si dice semplicemete che è limitto.. Dto u isieme umerico A, o vuoto e limitto superiormete, si dice estremo superiore dell isieme quel umero L tle che: ) ogi elemeto dell isieme è miore o ugule L; ) comuque si scelg u umero ε >, esiste lmeo u elemeto dell isieme mggiore di L ε. Si può dimostrre che per u isieme o vuoto e limitto superiormete l estremo superiore esiste sempre ed è uico. Se u isieme A è illimitto superiormete si coviee di dire che il suo estremo superiore è.. Dto u isieme umerico A, o vuoto e limitto iferiormete, si dice estremo iferiore dell isieme quel umero l tle che: ) ogi elemeto dell isieme è mggiore o ugule l; ) comuque si scelg u umero ε >, esiste lmeo u elemeto dell isieme miore di l ε. Si può dimostrre che per u isieme o vuoto e limitto iferiormete l estremo iferiore esiste sempre ed è uico. Se u isieme A è illimitto iferiormete si coviee di dire che il suo estremo iferiore è.. Se l estremo superiore pprtiee ll isieme A, esso coicide co l elemeto mssimo, cioè co il mggiore di tutti gli elemeti dell isieme. Se l estremo iferiore pprtiee ll isieme A, esso coicide co l elemeto miimo, cioè co il miore di tutti gli elemeti dell isieme.

2 Poiché l isieme R dei umeri reli e l isieme X dei puti di u rett r possoo essere messi i corrispodez iuivoc, u isieme umerico può che essere deomito isieme liere di puti. 4. Si chim itoro completo di u umero rele c u qulsisi itervllo l qule pprteg c come elemeto itero; se o si specific diversmete l itoro si cosider perto; i simoli, I(c) (c δ, c δ ), co δ e δ umeri positivi; se δ δ δ l itoro I(c) è simmetrico rispetto c e si dice itoro circolre di rggio δ. Si chim itoro siistro del umero rele c l isieme di tutti i umeri di u itervllo perto vete c come estremo destro: I s(c) (c, c δ). Alogmete si defiisce l itoro destro del umero rele c: I d(c) (c δ, c). Si defiisce itoro di più ifiito u qulsisi itervllo illimitto del tipo I( ) (, ). Si defiisce itoro di meo ifiito u qulsisi itervllo illimitto del tipo I( ) (, d). Si defiisce come itoro di ifiito l uioe I( ) I( ) I( ) (, d) (, ). Se d k > si dice che l itoro di ifiito è simmetrico ed h rggio k. 5. U puto C di u isieme liere è isolto qudo esiste u itoro di C che o cotiee ltri puti dell isieme. U puto C è u puto limite o puto di ccumulzioe di u isieme liere se, i ogi itoro di C, esistoo ifiiti puti dell isieme. 6. Se u isieme liere limitto h l estremo superiore L (estremo iferiore l), tle estremo è che puto di ccumulzioe. U fuzioe f di domiio D si dice limitt i D se l isieme umerico C f(d) risult limitto. Si defiisce estremo superiore (o iferiore) dell fuzioe f l estremo superiore (o iferiore) del codomiio. Se l isieme umerico f(d) mmette che il mssimo e il miimo, questi vegoo detti mssimo e miimo ssoluti dell fuzioe i D. 7. Se il puto (, y) si spost cotiumete su u curv y f() i modo tle che lmeo u delle coordite del puto tede ll ifiito e che l distz di questo puto d u cert rett tede zero, quest rett si chim sitoto dell curv. Clssificzioe delle fuzioi. Fuzioi lgeriche: soo le fuzioi reli di vriile rele per cui il vlore y dell vriile dipedete si ottiee, prtire dl vlore dell vriile idipedete, eseguedo u umero fiito di operzioi di ddizioe, sottrzioe, moltipliczioe, divisioe elevmeto potez ed estrzioe di rdice -esim ( N ).. Se le operzioi d eseguire sull soo solo ddizioi, sottrzioi, moltipliczioi ed elevmeto potez co espoete itero positivo, si prl di fuzioi rzioli itere. Se si h che l operzioe di divisioe, di ho le fuzioi rzioli frtte. Se compioo estrzioi di rdice -esim si ho le fuzioi irrzioli. 3. Fuzioi trscedeti: soo le fuzioi reli di vriile rele che o soo lgeriche. Tr esse vi soo le fuzioi goiometriche e le loro iverse, le fuzioi espoezili e le fuzioi logritmiche. 4. Fuzioe pri: u fuzioe f di domiio D si dice pri se D, f(-) f(). 5. Fuzioe dispri: u fuzioe f di domiio D si dice dispri se D, f(-) -f(). 6. Fuzioe crescete: u fuzioe f si dice crescete i seso stretto o strettmete crescete el suo domiio D (o i suo sottoisieme) se, D, < f( ) < f( ). Si dice crescete i seso lto se, D, f( ) f( ). 7. Fuzioe decrescete: u fuzioe f si dice decrescete i seso stretto o strettmete decrescete el suo domiio D (o i suo sottoisieme) se, D, > f( ) > f( ). Si dice decrescete i seso lto se, D, f( ) f( ). 8. Fuzioe mootò: qudo u fuzioe è sempre crescete o sempre decrescete i seso stretto i u isieme D, si dice che ess è mootò i seso stretto i D. Alogmete si prl di fuzioe mootò i seso lto. 9. Fuzioe costte: u fuzioe f si dice costte i u isieme D se, D, f( ) f( ).

3 Fuzioe iiettiv (o iiezioe): u fuzioe f si dice iiettiv se, D, f( ) f( ) ossi, D, f( ) f( ).. Fuzioe suriettiv (o suriezioe): u fuzioe f d X Y si dice suriettiv se il suo codomiio coicide co Y.. Fuzioe iuivoc (o iiezioe): u fuzioe f si dice iuivoc se è iiettiv e suriettiv. 3. Fuzioe ivers: si chim fuzioe ivers di u fuzioe iuivoc f e l si idic co il simolo f - l corrispodez che d ogi elemeto del codomiio di f f corrispodere l su uic cotroimmgie. 4. Fuzioe compost o fuzioe di fuzioe: si z g() l espressioe di u fuzioe di domiio X e codomiio Z; si y f(z) l espressioe di u fuzioe di domiio Z e codomiio Y. Si chim fuzioe compost di f co g l fuzioe h tle che y h() f(z) f(g()). 5. Fuzioe periodic: u fuzioe f si dice periodic di periodo T se, per D, è f( kt) f() essedo k u itero positivo, egtivo o ullo e T il miimo umero positivo per cui si verific l ugugliz (T è il periodo priciple). Defiizioe di fuzioi prticolri. Prte iter di (y E() oppure y []) :l fuzioe defiit dll seguete legge: y se è itero; y l mssimo itero reltivo miore di, se o è itero.. Mtiss di : m() E(). 3. Fuzioe di Dirichlet: 4. y m q rett. f () per ogi rziole per ogi irrziole 5. y cy d ey f qudric: 4c < ellisse o circoferez 4c prol 4c < iperole 6. y α β y γ α 4 β γ > 4 circoferez. y 7. o y cos t set ellisse. 8. y c o sec ϕ r prol. y 9. o y ch t sh t iperole.. y e e sh seo iperolico.. e e y ch coseo iperolico (cteri).

4 y e e th tgete iperolic. e e 3. y e e cth cotgete iperolic. e e y versier di Agesi. y serpetio di Newto. y tridete di Newto y o y t t 3 prol di Neile. 8. y ± o y t t 3 prol semicuic. 9. y ± o y t t 3 t t cissoide di Diocle y 3y o y 3t t 3t t 3 3 folium di Crtesio.. y strofoide.. ( y ) ( y ) o r cos ϕ lemisct di Beroulli. 3. y ( t set ) ( cos t ) cicloide y o y cos se 3 3 t t ipocicloide (steroide). 5. ( cos ϕ ) r o y ( cos t cos t ) ( se t se t ) crdioide. 6. y ( cos t t set ) ( set t cos t ) evolvete del cerchio. 7. r ϕ (r ) spirle di Archimede.

5 - 5 - ϕ rctg y 8. r e o y e spirle logritmic. 9. r (r > ) spirle iperolic. ϕ 3. r se3ϕ (r ) ros tre foglie. 3. r se ϕ ros quttro foglie. Limiti delle fuzioi. Cosiderimo u fuzioe y f() defiit i tutti i puti di u itervllo [, ], eccetto l più u puto c itero ll itervllo.. I cso: si dice che, per tedete c, l fuzioe y f() h per limite l e si scrive lim f ( ) l se, fissto u umero positivo ε, ritrrimete piccolo, si può determire, i corrispodez di esso, u itoro completo di c tle che, per ogi di tle itoro (escluso l più c), si i f() l < ε. Si dice che, per tedete c dll siistr, l fuzioe y f() tede l per difetto, e si scrive lim f ( ) l se, fissto u umero positivo ε, ritrrimete piccolo, si può determire, i c corrispodez di esso, u itoro siistro di c tle che, per ogi di tle itoro, si i l f() < ε. Alogmete si defiiscoo il limite destro e per eccesso. Se lim f ( ) lim f ( ) o esiste il lim f ( ) c c c c. 3. II cso: si dice che, per tedete ll ifiito, l fuzioe y f() h per limite l e si scrive lim f ( ) l se, fissto u umero positivo ε, ritrrimete piccolo, si può determire, i corrispodez di esso, u itoro di ifiito tle che, per ogi di tle itoro, si i f() l < ε. Si dice llor che l rett di equzioe y l è sitoto orizzotle per l curv di equzioe y f(). Si dice che, per tedete, l fuzioe y f() tede l per difetto e si scrive lim f ( ) l se, fissto u umero positivo ε, ritrrimete piccolo, si può determire, i corrispodez di esso, u itoro di tle che, per ogi di tle itoro, si i l f() < ε. Alogmete si defiiscoo il limite per tedete e per eccesso. 4. III cso: si dice che, per tedete c, l fuzioe y f() h per limite ifiito e si scrive lim f ( ) se, fissto u umero positivo M, ritrrimete grde, si può determire, i corrispodez di esso, u itoro completo di c tle che, per ogi di tle itoro (escluso l più c), si i f() > M. Si dice llor che l rett di equzioe c è sitoto verticle per l curv di equzioe y f(). Si dice che, per tedete c dll siistr, l fuzioe y f() tede e si scrive c lim f ( ) se, fissto u umero positivo M, ritrrimete grde, si può determire, i corrispodez di esso, u itoro destro di c tle che, per ogi di tle itoro, si i f() < M. Alogmete si defiiscoo il limite destro e. 5. IV cso: si dice che, per tedete ll ifiito, l fuzioe y f() h per limite ifiito e si scrive lim f ( ) se, fissto u umero positivo M, ritrrimete grde, si può determire, i corrispodez di esso, u itoro di ifiito tle che per ogi di tle itoro si i f() > M. Si dice che, per tedete, l fuzioe y f() tede e si scrive lim f ( ) se, fissto u umero positivo M, ritrrimete grde, si può determire, i corrispodez di esso, u itoro c

6 - 6 - tle che, per ogi di tle itoro, si i f() > M. Alogmete si defiiscoo il limite e per tedete. f ( ) 6. Se i limiti lim m e lim [ f ( ) m] q esistoo, l rett y m q è u sitoto destro dell curv di fuzioe f(). Se m l sitoto è oliquo. f ( ) 7. Se i limiti lim m e lim [ f ( ) m] q esistoo, l rett y m q è u sitoto siistro dell curv di fuzioe f(). Se m l sitoto è oliquo. Teoremi sui limiti. Se u fuzioe f() mmette il limite fiito l, l fuzioe f() mmette il limite l.. Se l fuzioe f() h per limite l, l fuzioe f() A h per limite l A. 3. Teorem dell uicità del limite. Se, per c, l fuzioe f() mmette u limite, questo è uico. 4. Teorem dell permez del sego. Se per c l fuzioe f() tede l limite fiito l diverso d zero, esiste u itoro di c per tutti i puti del qule, escluso l più c, i vlori dell fuzioe ho lo stesso sego del limite. 5. Se i u itoro del puto c, escluso l più c, l fuzioe f() è positiv o ull ed mmette limite l per c, llor è l. 6. Se i u itoro del puto c, escluso l più c, l fuzioe f() è egtiv o ull ed mmette limite l per c, llor è l. 7. Primo teorem del cofroto. Se due fuzioi g() e h() tedoo llo stesso limite l per c ed u terz fuzioe f() è tle che, i u certo itoro I di c, escluso l più c, si i g() f() h(), llor è che lim f ( ) l. c 8. Secodo teorem del cofroto. Se due fuzioi f() e g() soo tli che f() g() per tutti gli di u itoro di c (escluso l più c) e se g() per c, llor che f() per c. 9. Terzo teorem del cofroto. Se f() e g() soo due fuzioi che i u itoro di c (escluso l più c) soddisfo l codizioe f() g() e se ioltre lim g( ) c, llor risult lim f ( ) c.. Teorem sul limite del modulo di u fuzioe. Se per c l fuzioe f() tede d u limite fiito l, llor lim f ( ) l, ossi il limite del modulo di u fuzioe è il modulo del limite. c. Il limite dell somm lgeric di più fuzioi è ugule ll somm lgeric dei limiti delle sigole fuzioi.. Il limite del prodotto di più fuzioi è ugule l prodotto dei limiti delle sigole fuzioi. Se uo dei fttori tede zero e gli ltri u limite fiito, il prodotto tede zero. 3. Il limite di u potez, co espoete positivo, di u fuzioe che tede u limite fiito è l potez -esim del limite. 4. Se, per c, f() tede l limite fiito l, diverso d zero, l fuzioe /f() tede, sempre per c, l limite /l. 5. Qudo l fuzioe f() tede zero, l fuzioe /f() tede ll ifiito.

7 Qudo l fuzioe f() tede ll ifiito, l fuzioe /f() tede zero. 7. Il limite di u quoziete di due fuzioi, l secod delle quli tede u limite diverso d zero, è ugule l quoziete dei limiti. 8. Se f() tede l limite l ed è l >, llor dispri. c lim f ( ) l co N. Se l, il teorem vle solo se è 9. Si y f() u fuzioe defiit e crescete i u itoro siistro I del puto c. Allor l fuzioe mmette limite per che tede c per difetto e precismete: ) se l fuzioe è limitt superiormete i I e se L è l estremo superiore dei vlori di f() l vrire di i I, llor risult lim f ( ) L ; ) se l fuzioe o è limitt superiormete i I, llor è itoro di. c lim f ( ). Il teorem vle che se I è u. Si y f() u fuzioe defiit e crescete i u itoro destro I del puto c. Allor l fuzioe mmette limite per che tede c per eccesso e precismete: ) se l fuzioe è limitt iferiormete i I e se l è l estremo iferiore dei vlori di f() l vrire di i I, llor risult lim f ( ) l ; ) se l fuzioe o è limitt iferiormete i I, llor è di -. c c lim f ( ). Il teorem vle che se I è u itoro c. Vlgoo i teoremi corrispodeti per le fuzioi decresceti. Limiti otevoli. lim k k c. lim c c 3. lim ( ) k 4. lim co k k 5. lim co k lim per < < lim per > 8. lim log 9. lim log per < < per >. lim per >. lim per < <

8 lim log per > 3. lim log per < < 4. lim m m m m lim m 5. lim cos se 6. lim 7. cos lim 8. lim e, Ifiitesimi e ifiiti. U fuzioe y f() si dice ifiitesim per c (evetulmete può essere che c ) se lim f ( ) c.. Sio y f() e y g() due ifiitesimi simultei per c. Allor: f ( ) ) Se lim, si dice che f() è u ifiitesimo di ordie superiore g(), per c. c g( ) f ( ) ) Se lim c g ( ), si dice che f() è u ifiitesimo di ordie iferiore g(), per c. f ( ) c) Se lim l, si dice che f() e g() soo ifiitesimi dello stesso ordie, per c. c g( ) d) Se o esiste il f ( ) lim, si dice che gli ifiitesimi f() e g() o soo cofrotili. c g ( ) 3. Sio f() e ϕ() due ifiitesimi simultei per c (c fiito o ifiito). Si dice che f() è u ifiitesimo di ordie α (α > ) rispetto ϕ(), ssuto come ifiitesimo cmpioe, se lim l f ( ) c α. I [ ϕ ( ) ] prtic si coviee che, se o si dice ull, l ifiitesimo cmpioe si ϕ() se, ϕ() c se c, ϕ() / se. 4. Se lim f ( ) l si può scrivere f() l δ(), dove δ() f() l è u ifiitesimo per c. c 5. Se f() è u ifiitesimo di ordie α (α > ) per c, rispetto ll ifiitesimo cmpioe ϕ(), si h f ( ) lim l c α e si può scrivere f() l[ϕ()] α δ()[ϕ()] α, dove l[ϕ()] α, che è u ifiitesimo dello ϕ ( ) [ ]

9 - 9 - stesso ordie α di f(), si dice prte priciple dell ifiitesimo f(), metre δ()[ϕ()] α, che è u ifiitesimo di ordie superiore d α, si dice prte complemetre dell ifiitesimo f(). 6. U fuzioe y f() si dice ifiit per c (evetulmete può essere che c ) se lim f ( ). 7. Sio y f() e y g() due ifiiti simultei per c. Allor: c f ( ) ) Se lim c g ( ), si dice che f() è u ifiito di ordie superiore g(), per c. ) f ( ) Se lim, si dice che f() è u ifiito di ordie iferiore g(), per c. c g( ) c) f ( ) Se lim l, si dice che f() e g() soo ifiiti dello stesso ordie, per c. c g( ) d) Se o esiste il f ( ) lim, si dive che gli ifiiti f() e g() o soo cofrotili. c g ( ) 8. Sio f() e ϕ() due ifiiti simultei per c (c fiito o ifiito). Si dice che f() è u ifiito di ordie α (α > ) rispetto ϕ(), ssuto come ifiito cmpioe, se lim l f ( ) c α. I prtic si [ ϕ ( ) ] coviee che, se o si dice ull, l ifiito cmpioe si ϕ() se, ϕ() / se, ϕ() / ( c) se c. 9. Se f() è u ifiito di ordie α (α > ) per c, rispetto ll ifiito cmpioe ϕ(), si h f ( ) lim l c α e si può scrivere f() l[ϕ()] [ ϕ ( ) ] α δ()[ϕ()] α, dove l[ϕ()] α, che è u ifiito dello stesso ordie α di f(), si dice prte priciple dell ifiito f(), metre δ()[ϕ()] α, che è u ifiito di ordie superiore d α, si dice prte complemetre dell ifiito f(). Fuzioi cotiue. U fuzioe y f() si dice cotiu i u puto c qudo: ) esiste il vlore dell fuzioe per c, f() l; ) esiste il limite fiito dell fuzioe per tedete c; c) e questo limite è ugule l vlore dell fuzioe i quel puto: lim f ( ) l.. Qudo lim f ( ) l si dice che f() è cotiu i c dll siistr. Se ivece lim f ( ) l si dice che c f() è cotiu i c dll destr. 3. L somm, l differez, il prodotto di più fuzioi cotiue i u puto c soo fuzioi cotiue i c. U potez quluque d espoete positivo di u fuzioe cotiu è cor u fuzioe cotiu. Il quoziete di due fuzioi cotiue i c è u fuzioe cotiu ello stesso puto, purché l fuzioe divisore o si ulli i c. Il vlore ssoluto di u fuzioe cotiu è u fuzioe cotiu. 4. U fuzioe y f() si dice cotiu i u itervllo I se è cotiu i tutti i puti di quell itervllo: lim f ( h) f ( ) h, I. c c

10 Se y f() è u fuzioe cotiu i u itervllo chiuso e limitto [; ], si h che: ) Il codomiio è u itervllo chiuso e limitto. ) L fuzioe mmette mssimo e miimo ssoluto i [; ] (teorem di Weierstrss). c) L fuzioe ssume, lmeo u volt, ogi vlore compreso tr il miimo e il mssimo (Teorem di Bolzo). d) Se l fuzioe ssume vlori di sego opposto gli estremi dell itervllo [; ], llor esiste lmeo u puto c, itero ll itervllo [; ], i cui l fuzioe si ull (Teorem dell esistez degli zeri). 6. L fuzioe costte è cotiu per qulsisi vlore di. 7. L vriile idipedete è sempre cotiu. 8. Le fuzioi rzioli itere soo cotiue per qulsisi vlore di. 9. Le fuzioi rzioli frtte soo cotiue per qulsisi del loro domiio.. L fuzioe y ( itero positivo) è cotiu per ogi el suo domiio, cioè per quluque se è dispri, e per se è pri.. Le fuzioi se e cos soo cotiue per ogi.. Le fuzioi tg e cotg soo cotiue per ogi del loro domiio. 3. L fuzioe espoezile y ( > ) è cotiu per ogi. 4. L fuzioe log è cotiu per ogi positivo. 5. Se y f() è u fuzioe cotiu i u isieme D ed ivi ivertiile, llor l fuzioe ivers g() è cotiu i f(d). 6. Si dt l fuzioe compost y f[g()]; se z g() tede u limite fiito l per c e se f(z) è cotiu per z l, llor lim f ( g( )) f lim g( ) f ( l ). Se poi g() è che cotiu per c, si ottiee c c lim f ( g( )) c f lim g( ) c f ( g( c)) ; quidi l fuzioe f(g(c)) è cotiu i c. 7. Cosiderimo l fuzioe y [f()] g() defiit per i vlori di per cui l se è positiv e l espoete esiste; se f e g soo fuzioi cotiue tli d verificre il teorem sull cotiuità delle fuzioi composte, che l fuzioe y [f()] g() è cotiu el suo domiio. Discotiuità delle fuzioi. Qudo u fuzioe f() o è cotiu i u puto c, si dice che i tle puto è discotiu e che c è u puto di discotiuità (o che puto sigolre) per l fuzioe.. I puti di discotiuità si dividoo i: ) puti di discotiuità di prim specie: si dice che per c l fuzioe f() h u puto di discotiuità di prim specie qudo esistoo e soo fiiti e diversi tr loro i limiti dll destr e dll siistr dell fuzioe, prescidere dll evetule vlore dell f() per c;

11 - - si chim slto dell fuzioe i c il vlore ssoluto dell differez tr il limite destro e il limite siistro: slto lim f ( ) lim f ( ) ; c c ) puti di discotiuità di secod specie: si dice che per c l fuzioe f() h u puto di discotiuità di secod specie qudo o esiste, o o esiste fiito, uo lmeo dei due limiti dll destr e dll siistr dell fuzioe; c) puti di discotiuità di terz specie: si dice che per c l fuzioe f() h u puto di discotiuità di terz specie o elimiile qudo esiste fiito il limite per c di f(), m f(c) o o esiste o è divers dl vlore del limite. Successioi umeriche. Si chim successioe umeric u fuzioe defiit ell isieme N dei umeri turli o i u suo sottoisieme ifiito, che d ogi umero turle dell isieme di defiizioe f corrispodere uo ed u solo umero rele.. I vlori dell fuzioe l vrire di ell isieme di defiizioe soo detti gli elemeti dell successioe e vegoo idicti co u letter muit di idice:,,,,, che si legge co, co,, co. Qudo esiste l espressioe litic dell successioe, llor si può esprimere il geerico elemeto (termie geerle dell successioe) i fuzioe di. 3. U successioe si dice strettmete) crescete se, presi comuque due idici i e k pprteeti ll isieme di defiizioe dell successioe, si h i < k i < k. Alogmete si pogoo le defiizioi di successioe crescete i seso lto, di successioe decrescete si strettmete che i seso lto, e di successioe costte. 4. U successioe si dice limitt superiormete qudo esiste u umero rele k tle che < k per ogi per cui è defiit l successioe. Alogmete si prlerà di successioe limitt iferiormete e di successioe limittt. 5. Si dice che L è l estremo superiore di u successioe,,,, qudo: ) < L, ; ) comuque si scelg u umero ε >, ritrrimete piccolo, esiste lmeo u elemeto dell successioe tle che > L ε. Alogmete si defiisce l estremo iferiore di u successioe. Se l estremo superiore o iferiore dell successioe coicidoo co u elemeto dell successioe, soo llor il mssimo o il miimo dell successioe. 6. Si dice che l successioe,,,, h per limite l, l tedere di più ifiito, qudo, prefissto u umero ε >, ritrrimete piccolo, è possiile trovre, i corrispodez d esso, u umero e tle che, per ogi umero turle > e, si verifict l relzioe l < ε. I tl cso l successioe si dice covergete e si scrive lim l. Alogmete quto ftto el cso delle fuzioi di vriile rele, si defiiscoo lim l e lim l. 7. Si dice che l successioe,,,, h per limite ifiito, l tedere di più ifiito, qudo, prefissto u umero M >, ritrrimete grde, è possiile trovre, i corrispodez d esso, u umero M tle che, per ogi umero turle > M, si verifict l relzioe > M. I tl cso l successioe si dice divergete e si scrive lim. Se > M si verific > M scriveremo lim (l successioe diverge positivmete); metre se > M si verific < M scriveremo lim (l successioe diverge egtivmete).

12 Le successioi covergeti o divergeti si dicoo regolri, metre quelle che o mmettoo limite si dicoo idetermite o oscillti. 9. Teorem di uicità del limite: se per u successioe mmette limite, questo è uico.. Teorem dell permez del sego: se per u successioe tede l limite fiito l, diverso d zero, llor esiste u idice tle che, >, h lo stesso sego del limite.. Se esiste u idice tle che, >, i termii di u successioe soo positivi (egtivi) o ulli e l successioe mmette limtie l per, llor è l (l ).. Teorem del cofroto: si cosiderio tre successioi i cui termii geerli sio,, c. Se, per, è lim l lim c l e se esiste u idice tle che, >, si h c, llor è che lim l. 3. U successioe limitt e mooto è covergete. 4. U successioe mooto crescete e illimitt superiormete diverge positivmete; u successioe mooto decrescete e illimitt iferiormete diverge egtivmete. 5. Si cosideri u successioe di elemeti,,,,,, e u fuzioe f() defiit per, tle che, per, si f(). Se l fuzioe mmette limite per, llor che l successioe mmette limite e risult lim lim f ( ). Derivt di u fuzioe. Si y f() u fuzioe dell vriile defiit ell itervllo [, ]; fissto u prticolre puto di questo itervllo, dimo d u icremeto ritrrio h, positivo o egtivo, i modo che h [, ]; l differez f( h) f() rppreset l icremeto, positivo, egtivo o ullo, che suisce l fuzioe qudo pss dl vlore l vlore h. ( h) f ( ) f. Il rpporto fr l icremeto dell fuzioe e quello corrispodete dell vriile h idipedete si chim rpporto icremetle dell f() reltivo l puto e ll icremeto h. 3. Il limite, se esiste, del rpporto icremetle, l tedere zero dell icremeto dto ll vriile idipedete, si chim derivt dell fuzioe f() el puto cosiderto, e si deot co u o l ltr di queste scritture: y, f (), D y, Dy, Df(): f lim ( h) f ( ) h h y lim f ( ) 4. Qudo l derivt dell f(), el puto, esiste ed è fiit, si dice che l fuzioe è derivile i quel puto. 5. Se l fuzioe f() è derivile i tutti i puti dell itervllo [, ], si dice che è derivile i tutto l itervllo. I questo cso l derivt, essedo defiit i tutto l itervllo [, ], è u uov fuzioe dell vriile, dett fuzioe derivt. 6. Le espressioi f ( ) f ( h) f ( ) lim e f ( ) ( h) f ( ) f lim si chimo rispettivmete h h h h derivt siistr e derivt destr dell fuzioe f() el puto. Perché f () esist è ecessrio e sufficiete che f - () f (). 7. Ogi fuzioe, che mmett derivt fiit i u puto, è cotiu i tle puto.

13 L derivt di u fuzioe f() i u puto rppreset il coefficiete golre dell rett tgete i quel puto ll curv di equzioe y f(). 9. Equzioe dell tgete i u puto l grfico di u fuzioe: y f( ) f ( )( ). Equzioe dell ormle i u puto l grfico di u fuzioe: f ( )(y f( )). Agolo tr due curve: t ω f ( ) f ( ) f ( ) f ( ). Se l derivt di u fuzioe cotiu i u puto mc perché le derivte destr e siistr i quel puto esistoo fiite m soo diverse tr loro, si dice che il puto è u puto goloso per l fuzioe dt. 3. Si dice derivt logritmic di u fuzioe y f() l derivt del logritmo di quest fuzioe, cioè ( ) y f ( ) lf ( ) y f ( ) 4. Si chim derivt del secodo ordie o derivt secod dell fuzioe y f() l derivt dell su derivt, cioè y (y ). L derivt secod si idic co i simoli y, o d y, o f (). d 5. Si chim derivt di ordie eesimo dell fuzioe y f() l derivt dell su derivt di ordie ( ). L derivt di ordie eesimo si idic co i simoli y (), o d y, o f () (). d Regole di clcolo delle derivte Se c è u costte e f() e g() soo fuzioi che possiedoo derivte, llor. (f ± g) f ± g. (cf) cf 3. Quidi, l derivt di u comizioe liere di fuzioi è l comizioe liere delle derivte delle fuzioi: l derivt è u opertore liere. 4. (fg) f g g f 5. f f g g f g g (g ) 6. c cg g g (g ) 7. Regol di derivzioe delle fuzioi composte: se y f(z) e z g(), cioè y f[g()] dove le fuzioi f(z) e g() soo derivili, llor y f (z)g (). Quest regol è vlid per u umero fiito di vriili itermedie veti ciscu u derivt. 8. Regol di derivzioe di u fuzioe ivers: se l fuzioe y f() h u derivt y, llor l d derivt dell fuzioe ivers f - (y) è il reciproco dell fuzioe dt: y o dy y dy. d

14 Derivt di u fuzioe dt i form prmetric: se l dipedez tr l fuzioe y e l vriile dy idipedete è dt d u prmetro t: ϕ ( t) y t dy, llor y o dt. y ψ ( t) t d d dt. Derivt di u fuzioe implicit: se l dipedez tr ed y è dt d u espressioe implicit F(,y), llor per clcolre l derivt y è sufficiete: ) clcolre l derivt rispetto del primo memro, cosiderdo y come fuzioe di ; ) uguglire quest derivt; c) risolvere rispetto y l equzioe così trovt.. Se le fuzioi u ϕ() e v ψ() posseggoo derivte sio quello di ordie eesimo icluso, llor si può clcolre l derivt di ordie eesimo del prodotto di queste due fuzioi medite l formul di ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) Leiiz: ( uv ) u v u v u v uv. Derivte di ordie superiore delle fuzioi dte i form prmetric: se l dipedez tr l fuzioe y e l vriile idipedete è dt d u prmetro t: ϕ ( t), llor le derivte di ordie y ψ ( t) y t superiore si possoo succesivmete clcolremedite le formule y, ( ) ( y ) t y t y, t ( y ) t y, ecc. t Derivte delle fuzioi pricipli. ( ) -. ( ) 3. (se ) cos 4. (cos ) - se ( > ) 5. ( t ) t cos 6. ( ) cot ( cot ) 7. ( rcse ) se rccos 8. ( ) rctg 9. ( ) rc cot. ( ) ( < ) ( < ). ( ) l. (e ) e l 3. ( ) 4. ( ) ( > ) log e log l 5. (sh ) ch 6. (ch ) sh th 7. ( ) 8. ( cth ) 9. ( rsh ). ( rch ) ch sh ( > ) ( >, > )

15 - 5 - rth. ( ). ( rcth ) ( < ) ( > ) 3. g( ) ([ f ( ) ] ) [ f ( ) ] g( ) f ( ) g ( )lf ( ) g( ) f ( ) Differezili. Si dice differezile (del primo ordie) dy dell fuzioe y f() l prte priciple del suo icremeto, liere rispetto ll icremeto d dell vriile idipedete.. Il differezile di u fuzioe è ugule ll su derivt per il differezile dell vriile idipedete: dy y d. 3. Se l icremeto dell vriile idipedete è piccolo i vlore ssoluto, llor il differezile dy e l icremeto y dell fuzioe y f() soo pprossimtivmete uguli: y dy, cioè f( ) f() f (), per cui f( ) f() f (). Il differezile di u fuzioe differisce dll icremeto dell fuzioe per u qutità ifiitesim di ordie superiore ll icremeto dell vriile. 4. Si defiisce il differezile del secodo ordie come il differezile del differezile del primo ordie: d y d(dy). Si defiiscoo logmete i differezili di ordie successivo. 5. Se y f() e è l vriile idipedete, llor d y y (d), d 3 y y (3) (d) 3,, d y y () (d), ecc. 6. Se y f(u) e u ϕ(), llor d y y (du) y d u, d 3 y y (3) (du) 3 3y du d u y d 3 u, ecc., dove gli pici idico le derivzioi rispetto u. 7. Il differezile di u rco di curv s di u curv pi dt d u equzioe i coordite crtesie e y si esprime medite l formul ( ) ( ) ds d dy ; se l equzioe dell curv è del tipo: dy ) y f(), llor ds d per d > ; d d ) f (y), llor ds dy per dy > ; dy d dy c) ϕ(t), y ψ(t), llor ds dt per dt > ; dt dt F Fy F Fy c) F(, y), llor ds d dy F F y 8. Idicdo co α l golo formto dll tgete (dirett el seso di crescit dell rco di curv s) e dll d dy direzioe positiv dell sse, si trov: cos α, se α. ds ds 9. Si chim curvtur K i u puto M di u curv il limite del rpporto tr l golo formto dlle direzioi positive delle tgeti ll curv ei puti M e N (golo di cotigez) e l lughezz dell rco MN α dα s qudo N M, cioè K lim dove α è l golo formto dll tgete l puto M (dirett el seso di crescit dell rco di curv s) e dll direzioe positiv dell sse s s ds.

16 Si chim rggio di curvtur R l iverso del vlore ssoluto dell curvtur, cioè R. K. Se l curv è dt d u equzioe esplicit y f(), K y 3 ( y ). Se l curv è dt d u equzioe implicit F(, y), K F F F y 3 ( F F ) F F F y yy y y F F y 3. Se l curv è dt dlle equzioi prmetriche ϕ(t), y ψ(t), dy y, dt d, dt y d dt y K y y 3 ( y ) dove d, dt 4. Se l curv è dt i coordite polri d u equzioe r f(ϕ), r d dϕ r K r r rr dove 3 ( r r ) dr r, dϕ 5. Si chim cerchio di curvtur (o cerchio d osculzioe) el puto M di u curv l posizioe limite del cerchio psste per il puto M e per ltri due puti P e Q dell curv, qudo P M e Q M. Il rggio del cerchio di curvtur è ugule l rggio di curvtur. y ( y ) 6. Le coordite X e Y del cetro di curvtur di u curv soo dte d X Y y y y. 7. Il luogo geometrico dei cetri di curvtur di u curv si chim evolut dell curv. 8. Si chim evolvete di u curv u curv l cui evolut è l curv dt. 9. Si chim vertice di u curv u puto dell curv el qule l curvtur è mssim o miim. y e Teoremi sulle fuzioi derivili. Teorem di Rolle: si y f() u fuzioe cotiu ell itervllo chiuso [, ] e derivile i (, ); se ess ssume gli estremi e dell itervllo vlori uguli, se cioè si h f() f(), llor esiste lmeo u puto c itero ll itervllo (, ) el qule l derivt dell fuzioe è ull.. Teorem di Cuchy (o teorem degli ccrescimeti fiiti): sio dte due fuzioi y f() e y g() etrme cotiue ell itervllo [, ] e derivili i (, ); ioltre l fuzioe g() mmette derivt divers d zero i tutti i puti dell itervllo (, ); esiste llor lmeo u puto c itero ll itervllo (, ) el f ( ) f ( ) f ( c) qule si verific che. g( ) g( ) g ( c)

17 Teorem di Lgrge: si y f() u fuzioe cotiu ell itervllo chiuso [, ] e derivile i (, f ( ) f ( ) ); esiste lmeo u puto c itero ll itervllo (, ) el qule si verific che f ( c). 4. Se u fuzioe cotiu h derivt ull i tutti i puti di u itervllo I, ess è costte i quell itervllo. 5. Se due fuzioi cotiue f() e g() ho derivte uguli i tutti i puti di u itervllo, esse differiscoo per u costte. 6. Si y f() u fuzioe cotiu i u itervllo I e derivile ei puti iteri di I. Se l derivt dell fuzioe è sempre positiv, llor l fuzioe è crescete i I. Se l derivt è sempre egtiv, l fuzioe è decrescete i I. 7. Si y f() u fuzioe cotiu i u itervllo I e derivile ei puti iteri di I. Se f() è crescete i seso stretto i I, llor, ei puti iteri di I, si h f (). Se ivece f() è decrescete, si h f (). 8. U fuzioe f() si dice crescete el puto c se esiste u itoro siistro I di c per tutti gli del qule è f() < f(c) ed esiste u itoro destro I di c per tutti gli del qule è f() > f(c). Si y f() u fuzioe derivile ei puti iteri di u itervllo I e l fuzioe derivt prim, f (), si cotiu el puto c itero I. Se f (c) > llor l fuzioe è crescete i c; se è f (c) < l fuzioe è decrescete i c; se è f (c) llor l fuzioe può essere crescete, decrescete, oppure é crescete é decrescete i c. 9. Teorem di De L Hôpitl: sio f() e g() due fuzioi defiite e derivili i tutti i puti di u itervllo f ( ) [, ], eccettuto l più u puto [, ]. Suppoimo che il limite del loro rpporto, lim, si g( ) preseti ell form ell form idetermit, ossi lim f ( ) lim g( ), e che ell itervllo f ( ) i esme risulti sempre g (). I tle ipotesi, se esiste il limite del rpporto delle derivte lim, g ( ) f ( ) f ( ) llor esiste che il limite del rpporto delle fuzioi e risult lim lim. g( ) g ( ). Il teorem di De L Hôpitl si pplic che ll form idetermit -. e vle che per e per. Per elimire u idetermizioe del tipo il prodotto f () f (), dove si trsform el quoziete f( ) f ( ) f( ) (del tipo ) oppure (del tipo ). f ( ) lim f ( ) e lim f ( ),. Per elimire u idetermizioe del tipo è ecessrio trsformre l differez f () f () el f( ) f ( ) f( ) prodotto f ( ) ed elimire zitutto l idetermizioe per ; se lim, llor f( ) f( ) f( ) f ( ) f( ) l espressioe cosidert si mette sotto l form (del tipo ). f ( )

18 Le idetermizioi dei tipi,, si possoo elimire prededo izitutto il logritmo e f( ) clcoldo il limite del logritmo di [ ] del tipo. f ( ). I questo cso isogerà elimire u idetermizioe Estremi di u fuzioe. Si y f() u fuzioe defiit i u itervllo I. Si dice che u puto c di tle itervllo è u puto di mssimo (miimo) reltivo per l fuzioe f() se esiste u itoro di c, coteuto i I, per tutti i puti del qule si i f() f(c) (f() f(c)). Si dice che f(c) è il mssimo (miimo) reltivo dell fuzioe.. Se c è u puto di mssimo o di miimo reltivo si dice che che c è u puto estremte per l fuzioe; il corrispodete vlore f(c) è detto estremo reltivo. 3. Si c u puto di mssimo reltivo per l fuzioe f(); se esiste u itoro di c per tutti i puti del qule, escluso c, si i f() < f(c), llor si dice che c è u puto di mssimo reltivo forte (o proprio) e che f(c) è u mssimo reltivo forte. I cso cotrrio si dice che c è u puto di mssimo reltivo deole (o improprio) e che f(c) è u mssimo reltivo deole. I modo logo si defiiscoo il puto di miimo reltivo forte e quello deole. 4. Si c u puto itero ll itervllo I i cui è defiit l fuzioe f(). Suppoimo che f() si crescete (decrescete) i u itoro siistro di c e decrescete (crescete) i u itoro destro di c; llor c è u mssimo (miimo) reltivo forte per l fuzioe. 5. Si dice che il grfico di u fuzioe derivile y f() è cocvo verso il sso (cocvo verso l lto) ell itervllo (, ) se per qulsisi per cui < < l rco di curv del grfico è situto l di sotto (l di sopr) dell tgete l grfico trccit per il puto. 6. Per dire che u curv è cocv verso il sso (o verso l lto) si può dire che che è covess verso l lto (o verso il sso). 7. U puto (, f( )) el qule l cocvità del grfico di u fuzioe y f() pss d positiv egtiv o iversmete si chim puto di flesso dell fuzioe. 8. I u puto di flesso (, f( )) del grfico di u fuzioe esiste u itoro ( δ, δ) tle che i corrispodez i due itori ( δ, ) e (, δ) il digrmm dell fuzioe st d prti opposte rispetto ll rett tgete el puto (, f( )). L rett tgete è dett tgete iflessiole. 9. Si (, f( )) u puto di flesso di u fuzioe f() e si t() l tgete iflessiole. Si dice che (, f( )) è u flesso scedete se f() t() per δ < < e f() t() per < < δ. Si dice che (, f( )) è u flesso discedete se f() t() per δ < < e f() t() per < < δ.. Qudo l tgete iflessiole è l sse o u su prllel si dice che il flesso è tgete orizzotle. Qudo l tgete iflessiole è l sse y o u su prllel si dice che il flesso è tgete verticle.. Si y f() u fuzioe defiit i u itervllo I e derivile ei puti iteri di I. Se el puto c, itero I, l fuzioe h mssimo o miimo reltivo, llor risult f (c).. Si dice puto stziorio u puto c i cui l derivt dell fuzioe y f() è ull. U puto stziorio è u puto tgete orizzotle. 3. Primo criterio per l determizioe degli estremi reltivi di u fuzioe derivile co il metodo dello studio del sego dell derivt prim. Si y f() u fuzioe derivile i u itoro I (c δ; c δ) del puto stziorio c. Se risult f () > per c δ < < c e f () < per c < < c δ, llor c è u puto di mssimo reltivo (forte). Se risult f () < per c δ < < c e f () > per c < < c δ, llor c è u puto di miimo reltivo (forte).

19 Primo criterio per l determizioe dei puti di flesso tgete orizzotle co il metodo dello studio del sego dell derivt prim. Si y f() u fuzioe derivile i u itoro I (c δ; c δ) del puto stziorio c. Se risult f () > per c δ < < c e per c < < c δ, llor c è u puto di flesso scedete tgete orizzotle. Se risult f () < per c δ < < c e per c < < c δ, llor c è u puto di flesso discedete tgete orizzotle. 5. Secodo criterio per l determizioe degli estremi reltivi di u fuzioe derivile co il metodo dell derivt secod. Si y f() u fuzioe derivile due volte, co derivt secod cotiu, ei puti iteri di u itervllo I. Se el puto c, itero I, risult f (c) e f () < llor c è u puto di mssimo reltivo. Se el puto c, itero I, risult f (c) e f () > llor c è u puto di miimo reltivo. 6. Secodo criterio per l determizioe dei puti di flesso tgete orizzotle co il metodo dell derivt terz. Si y f() u fuzioe derivile tre volte, co derivt terz cotiu, ei puti iteri di u itervllo I. Se el puto c, itero I, risult f (c) f (c) e f (3) (c) llor c è u puto di flesso tgete orizzotle, scedete se f (3) (c) >, discedete se f (3) (c) <. 7. Metodo delle derivte successive per l determizioe di puti stziori di u fuzioe. Si y f() u fuzioe derivile volte, co derivt -esim cotiu, ei puti iteri di u itervllo I. Nel puto c, itero d I, si i f (c) f (c) f (3) (c) f (-) (c) e f () (c). Se è pri llor c è u puto estremte e precismete u puto di miimo se f () (c) > e di mssimo se f () (c) <. Se è dispri llor c è u puto di flesso tgete orizzotle e precismete u puto di flesso scedete se f () (c) > e discedete se f () (c) <. 8. Per l ricerc del mssimo ssoluto di u fuzioe f() cotiu i u itervllo chiuso e limitto [; ] occorre cofrotre il mssimo tr i mssimi reltivi dell fuzioe co i vlori f() e f(). Alogmete si oper per trovre il miimo ssoluto. Nel cso i cui l fuzioe o si derivile i qulche puto dell itervllo, occorre cofrotre il mggiore dei mssimi e il miore dei miimi che co tli puti. 9. Si dt u fuzioe y f() due volte derivile ei puti iteri di u itervllo I e si c u puto itero di I. Se è f (c) > llor l curv di equzioe y f() è, el puto di sciss, cocv verso l lto; se è f (c) < llor l curv di equzioe y f() è, el puto di sciss, cocv verso il sso.. Primo criterio per l determizioe dei puti di flesso di u fuzioe co il metodo dello studio del sego dell derivt secod. Si y f() u fuzioe tle che: ) f() si due volte derivile si i u itoro siistro I s I, si i u itoro destro I d I, di u puto c itero I; ) f () ssum ell itoro siistro I s vlori di sego opposto quelli che ssume ell itoro destro I d; i c esist l derivt prim f (), fiit o ifiit; llor il puto c è u puto di flesso per l fuzioe f(). Se f (c) il flesso è tgete oliqu; se f (c) il flesso è tgete orizzotle; se l derivt i c è ifiit il flesso è tgete verticle.. Secodo criterio per l determizioe dei puti di flesso di u fuzioe co il metodo dell derivt terz. Si y f() u fuzioe derivile tre volte, co derivt terz cotiu, ei puti iteri di u itervllo I. Se el puto c, itero I, risult f (c) e f (3) (c) llor l fuzioe h, i c, u puto di flesso, scedete se f (3) (c) >, discedete se f (3) (c) <.. Metodo delle derivte successive per l determizioe dei puti di flesso di u fuzioe. Si y f() u fuzioe derivile volte, co derivt -esim cotiu, ei puti iteri di u itervllo I. Nel puto c, itero d I, si i f (c) f (3) (c) f (-) (c) e f () (c). Se è dispri llor c è u puto di flesso e precismete il flesso è scedete se f () (c) > e discedete se f () (c) <. Se è pri llor i c l curv di equzioe y f() è cocv verso l lto se f () (c) > e cocv verso il sso se f () (c) <. Studio di u fuzioe. Si determi il domiio D dell fuzioe dopo verl clssifict (lgeric o trscedete o, i prticolre, rziole iter o frtt, irrziole, logritmic, espoezile, goiometric).

20 - -. Si determio evetuli simmetrie e periodicità; se l fuzioe è dispri sterà studirl per e se è periodic di periodo T sterà studirl i u itervllo di mpiezz T. 3. Si determio evetuli puti di itersezioe del grfico co gli ssi coorditi. 4. Si studi il sego dell fuzioe risolvedo l disequzioe f() > e determido l isieme di positività (I.P.) e di egtività (I.N.) dell fuzioe. 5. Si clcolo i limiti dell fuzioe egli estremi fiiti, se esistoo, del domiio e si deducoo gli evetuli sitoti verticli; se D è illimitto, si clcolo i limiti ll ifiito, determido se vi soo sitoti orizzotli o oliqui, e le evetuli itersezioi di questi co il grfico. 6. Si clcol l derivt prim f () determidoe il domiio D. 7. Si risolve l equzioe f () determido le evetuli scisse dei puti i cui l tgete l grfico è prllel ll sse e si clcolo poi le corrispodeti ordite. 8. Si studi il sego dell derivt prim, risolvedo l disequzioe f () >, stiledo così i quli itervlli l fuzioe è crescete o decrescete. Si dedurrà quidi se i puti precedetemete trovti soo mssimi o miimi reltivi o flessi tgete orizzotle. 9. (Se lo studio del sego dell derivt fosse troppo difficoltoso, per decidere se u rdice dell equzioe f () è u puto di mssimo, miimo o flesso orizzotle si può procedere medite le derivte successive).. Si procede ifie l clcolo dei limiti dell derivt f () egli estremi fiiti di D e ei suoi puti di discotiuità, determido l iclizioe dell tgete ei puti di rrivo e di prtez, gli evetuli puti golosi, di cuspide e di flesso tgete verticle.. Si clcol l derivt secod f () e se e studi il sego, determido gli itervlli i cui l curv volge l cocvità verso l lto o verso il sso, deducedo quidi le coordite degli evetuli puti di flesso.. (No voledo studire il sego di f () si può ricorrere l metodo delle derivte successive). 3. Si trcci ifie il grfico dell fuzioe. Itegrle Itegrle idefiito. Si dice primitiv di u fuzioe f() u fuzioe F() l cui derivt si ugule f(): F () f().. Se F() è u primitiv dell fuzioe f(), che F() C, dove C è u costte ritrri, è u primitiv di f(). 3. Si chim itegrle idefiito di f() l su primitiv geerle F() C e si rppreset co il simolo f ( ) d, che si legge itegrle di f() i d. L f() si dice fuzioe itegrd. 4. L itegrle idefiito può essere iteso come opertore iverso dell derivt perché ssoci u fuzioe f() l isieme di tutte e sole le fuzioi l cui derivt è l f() stess. 5. Se k è u costte, llor si h kf ( ) d k f ( ) d 6. Sio f () e f () due fuzioi; llor si h [ ) f ( ) ] d f( ) d f f ( ) d (

L INTEGRALE DEFINITO b f (x) d x a 1

L INTEGRALE DEFINITO b f (x) d x a 1 L INTEGRALE DEFINITO ( ) d ARGOMENTI. Il Trpezoide re del Trpezoide. L itegrle deiito de. Di Riem. Proprietà dell itegrle deiito teorem dell medi. L uzioe itegrle teorem di Torricelli-Brrow e corollrio

Dettagli

, dove s n è la somma parziale n-esima definita da. lim s n = lim s n = + (= ). a n = a 1 + a 2 +...

, dove s n è la somma parziale n-esima definita da. lim s n = lim s n = + (= ). a n = a 1 + a 2 +... . serie umeriche Def. (serie). Dt u successioe ( ) (co R per ogi ), si chim serie di termie geerle l successioe (s ), dove s è l somm przile -esim defiit d () s = + 2 +... + = k. L serie coverge (semplicemete)

Dettagli

Successioni e serie. Ermanno Travaglino

Successioni e serie. Ermanno Travaglino Successioi e serie Ermo Trvglio U successioe è u sequez ordit di umeri o di ltre grdezze, e u serie è l somm dei termii di tle sequez. U successioe si rppreset co l'espressioe,,,, ell qule è u itero positivo,

Dettagli

ma non sono uguali fra loro

ma non sono uguali fra loro Defiizioe U fuzioe f defiit i D (doiio) si dice cotiu i u puto c D se esiste i tle puto (è cioè possiile clcolre f (c)); se esiste, fiito, il ite dell fuzioe per che tede c e se il vlore del ite coicide

Dettagli

Nel gergo delle disequazioni vi sono dei simboli che devono essere conosciuti leggendoli da sinistra a destra:

Nel gergo delle disequazioni vi sono dei simboli che devono essere conosciuti leggendoli da sinistra a destra: Disequzioi Mrio Sdri DISEQUAZIONI Defiizioi U disequzioe è u disegugliz tr due espressioi che cotegoo icogite. Risolvere u disequzioe sigific trovre quell'isieme di vlori che, ttriuiti lle icogite, l redoo

Dettagli

I. COS E UNA SUCCESSIONE

I. COS E UNA SUCCESSIONE 5 - LE SUCCESSIONI I. COS E UNA SUCCESSIONE L sequez 0 = = 0 3 = 3 = 4 =... 3 5 = +... costituisce u esempio di SUCCESSIONE. 90 Ecco u ltro esempio di successioe: 3 4 = 3 = 3 3 = 3 4 = 3... = 3... U successioe

Dettagli

3. Si determini l area del segmento parabolico di base AB e si verifichi che essa è 3

3. Si determini l area del segmento parabolico di base AB e si verifichi che essa è 3 MINIERO DELL'IRUZIONE,DELL'UNIERIÀ E DELLA RICERCA CUOLE IALIANE ALL EERO EAMI DI AO DI LICEO CIENIFICO essioe Ordiri s 00/005 ECONDA PROA CRIA em di Mtemtic Il cdidto risolv uo dei due problemi e quesiti

Dettagli

CORSO DI METODI MATEMATICI PER L INGEGNERIA MECCANICA

CORSO DI METODI MATEMATICI PER L INGEGNERIA MECCANICA CORSO DI METODI MATEMATICI PER L INGEGNERIA MECCANICA. ALCUNE NOZIONI E STRUMENTI PRELIMINARI -RICHIAMI SUGLI SPAZI VETTORIALI Ricordimo che u vettore i R (o C ) e u -upl ordit di umeri reli (o complessi)

Dettagli

Metodi d integrazione di Montecarlo

Metodi d integrazione di Montecarlo Metodi d itegrzioe di Motecrlo Simulzioe l termie simulzioe ell su ccezioe scietific h u sigificto diverso dll ccezioe correte. Nell uso ordirio è sioimo si fizioe; ell uso scietifico è sioimo di imitzioe,

Dettagli

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI . L'INSIEME DEI NUMERI REALI. I pricipli isiemi di umeri Ripredimo i pricipli isiemi umerici N, l'isieme dei umeri turli 0; ; ; ; ;... L'ide ituitiv di umero turle è ssocit l prolem di cotre e ordire gli

Dettagli

SUCCESSIONI e LIMITI DI SUCCESSIONI. c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 15/16 Successioni cap3b.pdf 1

SUCCESSIONI e LIMITI DI SUCCESSIONI. c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 15/16 Successioni cap3b.pdf 1 SUCCESSIONI e LIMITI DI SUCCESSIONI c Paola Gervasio - Aalisi Matematica 1 - A.A. 15/16 Successioi cap3b.pdf 1 Successioi Def. Ua successioe è ua fuzioe reale (Y = R) a variabile aturale, ovvero X = N:

Dettagli

DOTTORATO DI RICERCA IN GEOFISICA-XXIIICICLO/ EQUAZIONI ALLE DERIVATE PARZIALI (Prof. BONAFEDE)

DOTTORATO DI RICERCA IN GEOFISICA-XXIIICICLO/ EQUAZIONI ALLE DERIVATE PARZIALI (Prof. BONAFEDE) DOTTORATO DI RICERCA IN GEOFISICA-XXIIICICLO/ EQUAZIONI ALLE DERIVATE PARZIALI (Prof. BONAFEDE) Mggi C. & Bccesci P. Soluzioe problem V Puto 1: T Clcolre l soluzioe stziori dell (1) euivle d imporre l

Dettagli

APPLICAZIONI LINEARI

APPLICAZIONI LINEARI APPLICAZIONI LINEARI 1. DEFINIZIONE DI APPLICAZIONE LINEARE. Sio V e W due spzi vettorili su u medesimo cmpo K. Si :V W u ppliczioe di V i W. Si dice che l è u ppliczioe liere di V i W se soo veriicte

Dettagli

Progressioni geometriche

Progressioni geometriche Progressioi geometriche Comicimo co due esempi: Esempio Cosiderimo l successioe di umeri:, 6,, 4, 48, 96 L successioe è tle che si pss d u termie l successivo moltiplicdo il precedete per. Si dice che

Dettagli

EQUAZIONI ESPONENZIALI -- LOGARITMI

EQUAZIONI ESPONENZIALI -- LOGARITMI Equzioi espoezili e riti pg 1 Adolfo Sioe 1998 EQUAZIONI ESPONENZIALI -- LOGARITMI Fuzioe Espoezile Dto u uero rele positivo osiderio l fuzioe f : R R he d ogi eleeto R f orrispodere l'eleeto y =. Se =

Dettagli

Foglio di esercizi N. 1 - Soluzioni

Foglio di esercizi N. 1 - Soluzioni Foglio di esercizi N. - Soluzioi. Determiare il domiio della fuzioe f) = log 3 + log 3 3)). Deve essere + log 3 3) > 0, ovvero log 3 3) >, ovvero prededo l espoeziale i base 3 di etrambi i membri) 3 >

Dettagli

SUCCESSIONI NUMERICHE

SUCCESSIONI NUMERICHE SUCCESSIONI NUMERICHE Ua fuzioe reale di ua variabile reale f di domiio A è ua legge che ad ogi x A associa u umero reale che deotiamo co f(x). Se A = N, la f è detta successioe di umeri reali. Se co si

Dettagli

Calcolo delle Radici Veriano Veracini Veriano.Veracini@inwind.it

Calcolo delle Radici Veriano Veracini Veriano.Veracini@inwind.it Verio Vercii Clcolo delle rdici Clcolo delle Rdici Verio Vercii Verio.Vercii@iwid.it Premess Lo scopo di queste pgie è quello di descrivere lcui metodi prtici per il clcolo delle rdici, compresi lcui metodi

Dettagli

Successioni e Logica. Preparazione Gara di Febbraio 2009. Gino Carignani

Successioni e Logica. Preparazione Gara di Febbraio 2009. Gino Carignani Successioi e Logic Preprzioe Gr di Febbrio 009 Gio Crigi Progressioe ritmetic è u successioe di umeri tli che l differez tr ciscu termie e il suo precedete si u costte d (rgioe) d α α d α d K ( α )d 3

Dettagli

Limiti di successioni

Limiti di successioni Argometo 3s Limiti di successioi Ua successioe {a : N} è ua fuzioe defiita sull isieme N deiumeriaturaliavalori reali: essa verrà el seguito idicata più brevemeteco{a } a èdettotermie geerale della successioe

Dettagli

5 ln n + ln. 4 ln n + ln. 6 ln n + ln

5 ln n + ln. 4 ln n + ln. 6 ln n + ln DOMINIO FUNZIONE Determiare il domiio della fuzioe f = l e e + e + e Deve essere e e + e + e >, posto e = t si ha t e + t + e = per t = e e per t = / Il campo di esisteza è:, l, + Determiare il domiio

Dettagli

I appello - 29 Giugno 2007

I appello - 29 Giugno 2007 Facoltà di Igegeria - Corso di Laurea i Ig. Iformatica e delle Telecom. A.A.6/7 I appello - 9 Giugo 7 ) Studiare la covergeza putuale e uiforme della seguete successioe di fuzioi: [ ( )] f (x) = cos (

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagia Giovaa Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 2 per la Scuola secodaria di secodo grado UNITÀ CAMPIONE Edizioi del Quadrifoglio à t i U 2 Radicali I questa Uità affrotiamo

Dettagli

Indice. Le derivate. Successioni e serie numeriche

Indice. Le derivate. Successioni e serie numeriche Iie pitolo Suessioi e serie umerihe. Suessioi umerihe Rppresetzioe grfi, Suessioi mootòe,. Limiti elle suessioi Suessioi overgeti, Suessioi ivergeti, Suessioi ietermite, 6. Teoremi e operzioi sui limiti

Dettagli

V Tutorato 6 Novembre 2014

V Tutorato 6 Novembre 2014 1. Data la successioe V Tutorato 6 Novembre 01 determiare il lim b. Data la successioe b = a = + 1 + 1 8 6 + 1 80 + 18 se 0 se < 0 scrivere i termii a 0, a 1, a, a 0 e determiare lim a. Data la successioe

Dettagli

FORMULARIO DI MATEMATICA

FORMULARIO DI MATEMATICA TEST UIVERSITARI FACILI - uitest.isswe.et FORMULARIO DI MATEMATICA Sommrio ALGEBRA... DISEQUAZIOI... 5 GEOMETRIA... 6 GEOMETRIA AALITICA... 7 FUZIOI ESPOEZIALI LOGARITMI... 9 TRIGOOMETRIA... CALCOLO COMBIATORIO...

Dettagli

Anno 5 Successioni numeriche

Anno 5 Successioni numeriche Ao 5 Successioi umeriche Itroduzioe I questa lezioe impareremo a descrivere e calcolare il limite di ua successioe. Ma cos è ua successioe? Come si calcola il suo limite? Al termie di questa lezioe sarai

Dettagli

CALCOLARE VELOCEMENTE I LIMITI DI SUCCESSIONI finora 51 esercizi sviluppati + molti limiti notevoli dimostrati di Leonardo Calconi

CALCOLARE VELOCEMENTE I LIMITI DI SUCCESSIONI finora 51 esercizi sviluppati + molti limiti notevoli dimostrati di Leonardo Calconi CALCOLARE VELOCEMENTE I LIMITI DI SUCCESSIONI fior 5 esercizi sviluppti + molti limiti otevoli dimostrti di Leordo Clcoi Arevizioi: N = Numertore, D = Deomitore, sg = sego di L clssificzioe che segue è

Dettagli

Trasmissione del calore con applicazioni

Trasmissione del calore con applicazioni Corsi di Lure i Igegeri Meccic Trsmissioe del clore co ppliczioi umeriche: iformtic pplict.. 4/5 Teori Prte II Ig. Nicol Forgioe Diprtimeto di Igegeri Civile E-mil: icol.forgioe@ig.uipi.it; tel. 5857 Sistemi

Dettagli

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Defiire lo strumeto matematico ce cosete di studiare la cresceza e la decresceza di ua fuzioe Si comicia col defiire cosa vuol dire ce ua fuzioe è crescete. Defiizioe:

Dettagli

ANALISI MATEMATICA 1 Area dell Ingegneria dell Informazione. Appello del 5.02.2013 TEMA 1. f(x) = arcsin 1 2 log 2 x.

ANALISI MATEMATICA 1 Area dell Ingegneria dell Informazione. Appello del 5.02.2013 TEMA 1. f(x) = arcsin 1 2 log 2 x. ANALISI MATEMATICA Area dell Igegeria dell Iformazioe Appello del 5.0.0 TEMA Esercizio Si cosideri la fuzioe f(x = arcsi log x. Determiare il domiio di f e discutere il sego. Discutere brevemete la cotiuità

Dettagli

5. Le serie numeriche

5. Le serie numeriche 5. Le serie umeriche Ricordiamo che ua successioe reale è ua fuzioe defiita da N, evetualmete privato di u umero fiito di elemeti, a R. Solitamete si idica ua successioe co la lista dei suoi valori: (a

Dettagli

II-9 Successioni e serie

II-9 Successioni e serie SUCCESSIONI II-9 Successioi e serie Idice Successioi. Limite di ua successioe........................................... Serie 3. La serie armoica................................................ 6. La

Dettagli

Successioni. Grafico di una successione

Successioni. Grafico di una successione Successioi Ua successioe di umeri reali è semplicemete ua sequeza di ifiiti umeri reali:, 2, 3,...,,... dove co idichiamo il termie geerale della successioe. Ad esempio, discutedo il sigificato fiaziario

Dettagli

Successioni numeriche

Successioni numeriche 08//05 uccssioi umrich uccssioi umrich Dfiizio U succssio è u fuzio ch d ogi umro turl ssoci u umro rl 0 : 0 : Es. 08//05 uccssioi umrich Dfiizio Il it dll succssio ch ch covrg d ) si idic è il umro rl

Dettagli

1 Successioni 1 1.1 Limite di una successione... 2. 2 Serie 3 2.1 La serie armonica... 6 2.2 La serie geometrica... 6

1 Successioni 1 1.1 Limite di una successione... 2. 2 Serie 3 2.1 La serie armonica... 6 2.2 La serie geometrica... 6 SUCCESSIONI Successioi e serie Idice Successioi. Limite di ua successioe........................................... Serie 3. La serie armoica................................................ 6. La serie

Dettagli

Corso di laurea in Matematica Corso di Analisi Matematica 1-2 Dott.ssa Sandra Lucente 1 Funzioni potenza ed esponenziale.

Corso di laurea in Matematica Corso di Analisi Matematica 1-2 Dott.ssa Sandra Lucente 1 Funzioni potenza ed esponenziale. Corso di laurea i Matematica Corso di Aalisi Matematica -2 Dott.ssa Sadra Lucete Fuzioi poteza ed espoeziale. Teorema. Teorema di esisteza della radice -esima. Sia N. Per ogi a R + esiste uo ed u solo

Dettagli

Serie numeriche: esercizi svolti

Serie numeriche: esercizi svolti Serie umeriche: esercizi svolti Gli esercizi cotrassegati co il simbolo * presetao u grado di difficoltà maggiore. Esercizio. Dopo aver verificato la covergeza, calcolare la somma delle segueti serie:

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FERRARA Scuola Di Specializzazione Per L insegnamento Secondario

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FERRARA Scuola Di Specializzazione Per L insegnamento Secondario UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FERRARA Scuol Di Specilizzzioe Per L isegmeto Secodrio CLASSE DI SPECIALIZZAZIONE A049-A059 Tem: Progressioi Aritmetiche e Geometriche. Successioi. Limite di u Successioe. Fuzioi

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA ALGEBRA \ ARITMETICA \ NUMERI NATURALI (1)

APPUNTI DI MATEMATICA ALGEBRA \ ARITMETICA \ NUMERI NATURALI (1) ALGEBRA \ ARITMETICA \ NUMERI NATURALI (1) I umeri aturali hao u ordie; ogi umero aturale ha u successivo (otteuto aggiugedo 1), e ogi umero aturale diverso da zero ha u precedete (otteuto sottraedo 1).

Dettagli

SUCCESSIONI E SERIE NUMERICHE

SUCCESSIONI E SERIE NUMERICHE SUCCESSIONI E SERIE NUMERICHE. Successioi umeriche a. Defiizioi: successioi aritmetiche e geometriche Cosideriamo ua sequeza di umeri quale ad esempio:,5,8,,4,7,... Tale sequeza è costituita mediate ua

Dettagli

Corso di Calcolo Numerico

Corso di Calcolo Numerico Fcoltà di Igegeri - Lure Triele i Igegeri Meccic Corso di Clcolo Numerico Dott.ss M.C. De Bois Uiversità degli Studi dell Bsilict, Potez Fcoltà di Igegeri Corso di Lure i Igegeri Meccic Ao Accdemico 004/05

Dettagli

2 Sistemi di equazioni lineari.

2 Sistemi di equazioni lineari. Sistemi di equzioi lieri. efiizioe. Si dice equzioe liere elle icogite equzioe dell form () + +...+ = o che (') i= i i = ove,,..., R si chimo coefficieti e R termie oto.,,..., ogi efiizioe. Si dice soluzioe

Dettagli

P ROGRAMMA DEL CORSO DI MAT EMAT ICA Calcolo di erenziale in una variabile. Funzioni: dominio, immagine, funzioni composte ed inverse.

P ROGRAMMA DEL CORSO DI MAT EMAT ICA Calcolo di erenziale in una variabile. Funzioni: dominio, immagine, funzioni composte ed inverse. P ROGRAMMA DEL CORSO DI MAT EMAT ICA Clcolo i erezile i u vribile. Fuzioi: omiio, immgie, fuzioi composte e iverse. Esempi: Curve e super ci. Simmetrie, perioicità, gr ci. Fuzioi elemetri: Poteze, espoezile

Dettagli

Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI

Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI SUCCESSIONI DI FUNZIONI I cocetti di successioe e di serie possoo essere estesi i modo molto aturale al caso delle fuzioi DEFINIZIONE Sia E u sottoisieme di  e, per ogi

Dettagli

SERIE NUMERICHE Con l introduzione delle serie vogliamo estendere l operazione algebrica di somma ad un numero infinito di addendi.

SERIE NUMERICHE Con l introduzione delle serie vogliamo estendere l operazione algebrica di somma ad un numero infinito di addendi. Serie SERIE NUMERICHE Co l itroduzioe delle serie vogliamo estedere l operazioe algebrica di somma ad u umero ifiito di addedi. Def. Data la successioe {a }, defiiamo la successioe {s } poedo s = a k.

Dettagli

Liceo Scientifico Sperimentale anno 2002-2003 Problema 1 Bernardo Pedone. ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE PNI anno 2002-2003

Liceo Scientifico Sperimentale anno 2002-2003 Problema 1 Bernardo Pedone. ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE PNI anno 2002-2003 Liceo Scientifico Sperimentle nno - Problem Bernrdo Pedone ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE PNI nno - PROBLEMA Nel pino sono dti: il cerchio γ di dimetro OA =, l rett t tngente γ

Dettagli

52. Se in una città ci fosse un medico ogni 500 abitanti, quale sarebbe la percentuale di medici? A) 5 % B) 2 % C) 0,2 % D) 0,5% E) 0,02%

52. Se in una città ci fosse un medico ogni 500 abitanti, quale sarebbe la percentuale di medici? A) 5 % B) 2 % C) 0,2 % D) 0,5% E) 0,02% RISPOSTE MOTIVATE QUIZ D AMMISSIONE 2000-2001 MATEMATICA 51. L espressioe log( 2 ) equivale a : A) 2log B) log2 C) 2log D) log E) log 2 Dati 2 umeri positivi a e b (co a 1), si defiisce logaritmo i base

Dettagli

Nome.Cognome classe 5D 18 Marzo 2014. Verifica di matematica

Nome.Cognome classe 5D 18 Marzo 2014. Verifica di matematica Nome Cognome cls 5D 18 Mrzo 01 Problem Verific di mtemtic In un sistem di riferimento crtesino Oy, si consideri l funzione: ln f ( > 0 0 e si determini il vlore del prmetro rele in modo tle che l funzione

Dettagli

ESERCIZI SULLE SERIE

ESERCIZI SULLE SERIE ESERCIZI SULLE SERIE Studiare la atura delle segueti serie. ) cos 4 + ; ) + si ; ) + ()! 4) ( ) 5) ( ) + + 6) ( ) + + + 7) ( log ) 8) ( ) + 9) log! 0)! Studiare al variare di x i R la atura delle segueti

Dettagli

Soluzione La media aritmetica dei due numeri positivi a e b è data da M

Soluzione La media aritmetica dei due numeri positivi a e b è data da M Matematica per la uova maturità scietifica A. Berardo M. Pedoe 6 Questioario Quesito Se a e b soo umeri positivi assegati quale è la loro media aritmetica? Quale la media geometrica? Quale delle due è

Dettagli

PARTE QUARTA Teoria algebrica dei numeri

PARTE QUARTA Teoria algebrica dei numeri Prerequisiti: Aelli Spazi vettoriali Sia A u aello commutativo uitario PARTE QUARTA Teoria algebrica dei umeri Lezioe 7 Cei sui moduli Defiizioe 7 Si dice modulo (siistro) su A (o semplicemete, A-modulo)

Dettagli

Le operazioni fondamentali in N Basic Arithmetic Operations in N

Le operazioni fondamentali in N Basic Arithmetic Operations in N Operzioi fodetli i - 1 Le operzioi fodetli i Bsic Arithetic Opertios i I geerle u operzioe è u procedieto che due o più ueri, dti i u certo ordie e detti terii dell'operzioe, e ssoci u ltro, detto risultto

Dettagli

Calcolo combinatorio. Definizione

Calcolo combinatorio. Definizione Clcolo comitorio Lortorio di Bioiformtic Corso A 5-6 Defiizioe Il Clcolo Comitorio è l isieme delle teciche che permettoo di cotre efficietemete il umero di possiili scelte, comizioi, lliemeti etc. di

Dettagli

Corso di Analisi Matematica Calcolo integrale per funzioni di una variabile

Corso di Analisi Matematica Calcolo integrale per funzioni di una variabile Corso di Anlisi Mtemtic Clcolo integrle per funzioni di un vribile Lure in Informtic e Comuniczione Digitle A.A. 2013/2014 Università di Bri ICD (Bri) Anlisi Mtemtic 1 / 40 1 L integrle come limite di

Dettagli

La velocità massima espressa in metri al secondo e l accelerazione voluta sono: 1000

La velocità massima espressa in metri al secondo e l accelerazione voluta sono: 1000 Diesioeto di ssi di otore correte cotiu Si idividuio i pretri pricipli di u cchi correte cotiu eccitzioe idipedete i rdo di uovere u tr veloce ote che sio le seueti specifiche: Tesioe di lietzioe dell

Dettagli

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x Appunti elorti dll prof.ss Biondin Gldi Funzione integrle Si y = f() un funzione continu in un intervllo [; ] e si 0 [; ]; l integrle 0 f()d si definisce Funzione Integrle; si chim funzione integrle in

Dettagli

L operazione di Convoluzione,

L operazione di Convoluzione, Revisioe mg 015 L operzioe di Covoluzioe co ppliczioi modelli itegrli di Correlzioe Cludio Mgo wwwcm-physmthet CM_Portble MATH Notebook Series L operzioe di Covoluzioe co ppliczioi modelli itegrli di Correlzioe

Dettagli

Successioni. Capitolo 2. 2.1 Definizione

Successioni. Capitolo 2. 2.1 Definizione Capitolo 2 Successioi 2.1 Defiizioe Ua prima descrizioe, più ituitiva che rigorosa, di quel che itediamo per successioe cosiste i: Ua successioe è ua lista ordiata di oggetti, avete u primo ma o u ultimo

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2003

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2003 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. Il cndidto risolv uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si rticol il questionrio. PROBLEMA Nel pino sono dti: il cerchio di dimetro OA,

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione straordinaria

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione straordinaria ESAME DI STAT DI LICE SCIENTIFIC CRS DI RDINAMENT 00 Sessione strordinri Il cndidto risolv uno dei due problemi e 5 dei 0 quesiti in cui si rticol il questionrio. PRBLEMA Con riferimento un sistem monometrico

Dettagli

Teorema 13. Se una sere converge assolutamente, allora converge:

Teorema 13. Se una sere converge assolutamente, allora converge: Apputi sul corso di Aalisi Matematica complemeti (a) - prof. B.Bacchelli Apputi 03: Riferimeti: R.Adams, Calcolo Differeziale.- Si cosiglia vivamete di fare gli esercizi del testo. Covergeza assoluta e

Dettagli

I numeri complessi. Pagine tratte da Elementi della teoria delle funzioni olomorfe di una variabile complessa

I numeri complessi. Pagine tratte da Elementi della teoria delle funzioni olomorfe di una variabile complessa I umeri complessi Pagie tratte da Elemeti della teoria delle fuzioi olomorfe di ua variabile complessa di G. Vergara Caffarelli, P. Loreti, L. Giacomelli Dipartimeto di Metodi e Modelli Matematici per

Dettagli

Corsi di Laurea in Ingegneria Edile e Architettura Prova scritta di Analisi Matematica 1 del 6/02/2010. sin( x) log((1 + x 2 ) 1/2 ) = 1 3.

Corsi di Laurea in Ingegneria Edile e Architettura Prova scritta di Analisi Matematica 1 del 6/02/2010. sin( x) log((1 + x 2 ) 1/2 ) = 1 3. Corsi di Laurea i Igegeria Edile e Architettura Prova scritta di Aalisi Matematica del 6// ) Mostrare che + si( ) cos () si( ) log(( + ) / ) = 3. Possibile soluzioe: Cosiderado dapprima il deomiatore otiamo

Dettagli

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito.

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito. Integrli de niti. Il problem di clcolre l re di un regione pin delimitt d gr ci di funzioni si può risolvere usndo l integrle de nito. L integrle de nito st l problem del clcolo di ree come l equzione

Dettagli

Campi vettoriali conservativi e solenoidali

Campi vettoriali conservativi e solenoidali Campi vettoriali coservativi e soleoidali Sia (x,y,z) u campo vettoriale defiito i ua regioe di spazio Ω, e sia u cammio, di estremi A e B, defiito i Ω. Sia r (u) ua parametrizzazioe di, fuzioe della variabile

Dettagli

Sintassi dello studio di funzione

Sintassi dello studio di funzione Sitassi dello studio di fuzioe Lavoriamo a perfezioare quato sapete siora. D ora iazi pretederò che i risultati che otteete li SCRIVIATE i forma corretta dal puto di vista grammaticale. N( x) Data la fuzioe:

Dettagli

Serie numeriche e serie di potenze

Serie numeriche e serie di potenze Serie umeriche e serie di poteze Sommare u umero fiito di umeri reali è seza dubbio u operazioe che o può riservare molte sorprese Cosa succede però se e sommiamo u umero ifiito? Prima di dare delle defiizioi

Dettagli

I radicali 1. Claudio CANCELLI (www.claudiocancelli.it)

I radicali 1. Claudio CANCELLI (www.claudiocancelli.it) I rdicli Cludio CANCELLI (www.cludioccelli.it) Ed..0 www.cludioccelli.it Dec. 0 I rdicli INDICE DEI CONTENUTI. I RADICALI... INDICE DI RADICE PARI...4 INDICE DI RADICE DISPARI...5 RADICALI SIMILI...6 PROPRIETA

Dettagli

APPROFONDIMENTI SUI NUMERI

APPROFONDIMENTI SUI NUMERI APPROFONDIMENTI SUI NUMERI. Il sistem di umerzioe deimle Be presto, ll operzioe turle del otre, si è ggiut l esigez di «rppresetre» i umeri. I sistemi di umerzioe possiili soo molti; per or i limitimo

Dettagli

SERIE NUMERICHE Esercizi risolti. 2 b) n=1. n n 2 +n

SERIE NUMERICHE Esercizi risolti. 2 b) n=1. n n 2 +n SERIE NUMERICHE Esercizi risolti. Applicado la defiizioe di covergeza di ua serie stabilire il carattere delle segueti serie, e, i caso di covergeza, trovare la somma: = + b) = + +. Verificare utilizzado

Dettagli

Esercizi riguardanti limiti di successioni

Esercizi riguardanti limiti di successioni Esercizi riguardati iti di successioi Davide Boscaii Queste soo le ote da cui ho tratto le esercitazioi del gioro 27 Ottobre 20. Come tali soo be lugi dall essere eseti da errori, ivito quidi chi e trovasse

Dettagli

Tutti i diritti di sfruttamento economico dell opera appartengono alla Esselibri S.p.A. (art. 64, D.Lgs. 10-2-2005, n. 30)

Tutti i diritti di sfruttamento economico dell opera appartengono alla Esselibri S.p.A. (art. 64, D.Lgs. 10-2-2005, n. 30) Copyright 2005 Esselibri S.p.A. Via F. Russo, 33/D 8023 Napoli Azieda co sistema qualità certificato ISO 400: 2003 Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzioe ache parziale e co qualsiasi mezzo

Dettagli

Una funzione è una relazione che ad ogni elemento del dominio associa uno e un solo elemento del codominio

Una funzione è una relazione che ad ogni elemento del dominio associa uno e un solo elemento del codominio Radicali Per itrodurre il cocetto di radicali che già avete icotrato alle medie quado avete imparato a calcolare la radice quadrata e cubica dei umeri iteri, abbiamo bisogo di rivedere il cocetto di uzioe

Dettagli

3. Funzioni iniettive, suriettive e biiettive (Ref p.14)

3. Funzioni iniettive, suriettive e biiettive (Ref p.14) . Funzioni iniettive, suriettive e iiettive (Ref p.4) Dll definizione di funzione si ricv che, not un funzione y f( ), comunque preso un vlore di pprtenente l dominio di f( ) esiste un solo vlore di y

Dettagli

SUCCESSIONI NUMERICHE

SUCCESSIONI NUMERICHE SUCCESSIONI NUMERICHE LORENZO BRASCO. Teoremi di Cesaro Teorema di Stolz-Cesaro. Siao {a } N e {b } N due successioi umeriche, co {b } N strettamete positiva, strettamete crescete e ilitata. Se esiste

Dettagli

" Osservazione. 6.1 Integrale indefinito. R Definizione (Primitiva) E Esempio 6.1 CAPITOLO 6

 Osservazione. 6.1 Integrale indefinito. R Definizione (Primitiva) E Esempio 6.1 CAPITOLO 6 CAPITOLO 6 Clcolo integrle 6. Integrle indefinito L nozione fondmentle del clcolo integrle è quell di funzione primitiv di un funzione f (). Tle nozione è in qulche modo speculre ll nozione di funzione

Dettagli

Capitolo 8 Le funzioni e le successioni

Capitolo 8 Le funzioni e le successioni Capitolo 8 Le fuzioi e le successioi Prof. A. Fasao Fuzioe, domiio e codomiio Defiizioe Si chiama fuzioe o applicazioe dall isieme A all isieme B ua relazioe che fa corrispodere ad ogi elemeto di A u solo

Dettagli

Terzo appello del. primo modulo. di ANALISI 18.07.2006

Terzo appello del. primo modulo. di ANALISI 18.07.2006 Terzo appello del primo modulo di ANALISI 18.7.26 1. Si voglioo ifilare su u filo delle perle distiguibili tra loro solo i base alla dimesioe: si hao a disposizioe perle gradi di diametro di 2 cetimetri

Dettagli

Risposte. f v = φ dove φ(x,y) = e x2. f(x) = e x2 /2. +const. Soluzione. (i) Scriviamo v = (u,w). Se f(x) è la funzione richiesta, si deve avere

Risposte. f v = φ dove φ(x,y) = e x2. f(x) = e x2 /2. +const. Soluzione. (i) Scriviamo v = (u,w). Se f(x) è la funzione richiesta, si deve avere Eserciio 1 7 puti. Dato il campo vettoriale v, + 1,, i si determii ua fuioe f > i modo tale che il campo vettoriale f v sia irrotaioale, cioè abbia le derivate icrociate uguali; ii si spieghi se i risultati

Dettagli

Successioni ricorsive di numeri

Successioni ricorsive di numeri Successioi ricorsive di umeri Getile Alessadro Laboratorio di matematica discreta A.A. 6/7 I queste pagie si voglioo predere i esame alcue tra le più famose successioi ricorsive, presetadoe alcue caratteristiche..

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2006

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2006 ESAME DI STAT DI LICE SCIENTIFIC CRS DI RDINAMENT 006 Il cadidato risolva uo dei due problemi e 5 dei 0 quesiti i cui si articola il questioario. PRBLEMA U filo metallico di lughezza l viee utilizzato

Dettagli

ARGOMENTO: SERIE NUMERICHE 1. Dott.ssa Sandra Lucente

ARGOMENTO: SERIE NUMERICHE 1. Dott.ssa Sandra Lucente Corso di Laurea i Matematica LEZIONI PER IL CORSO DI ANALISI MATEMATICA..2 A.A. 2007-2008 ARGOMENTO: SERIE NUMERICHE Dott.ssa Sadra Lucete Idice :. Prime geeralità sulle serie. 2. Serie a termii o egativi:

Dettagli

Sistemi e Tecnologie della Comunicazione

Sistemi e Tecnologie della Comunicazione Sistemi e ecologie della Comuicazioe Lezioe 4: strato fisico: caratterizzazioe del segale i frequeza Lo strato fisico Le pricipali fuzioi dello strato fisico soo defiizioe delle iterfacce meccaiche (specifiche

Dettagli

ESERCIZI SULLE SERIE NUMERICHE

ESERCIZI SULLE SERIE NUMERICHE ESERCIZI SULLE SERIE NUMERICHE a cura di Michele Scaglia RICHIAMI TEORICI Richiamiamo brevemete i pricipali risultati riguardati le serie umeriche. Teorema (Codizioe Necessaria per la Covergeza) Sia a

Dettagli

Numerazione binaria Pagina 2 di 9 easy matematica di Adolfo Scimone

Numerazione binaria Pagina 2 di 9 easy matematica di Adolfo Scimone Numerazioe biaria Pagia di 9 easy matematica di Adolfo Scimoe SISTEMI DI NUMERAZIONE Sistemi di umerazioe a base fissa Facciamo ormalmete riferimeto a sistemi di umerazioe a base fissa, ad esempio el sistema

Dettagli

1 Limiti di successioni

1 Limiti di successioni Esercitazioi di matematica Corso di Istituzioi di Matematica B Facoltà di Architettura Ao Accademico 005/006 Aa Scaramuzza 4 Novembre 005 Limiti di successioi Esercizio.. Servedosi della defiizioe di ite

Dettagli

Dispense di Analisi Matematica II

Dispense di Analisi Matematica II Dispese di Aalisi Matematica II Domeico Cadeloro (Prima Parte) Itroduzioe Queste dispese trattao la prima parte del corso di Aalisi Matematica II. Nel primo capitolo si discutoo gli itegrali geeralizzati

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2005 Sessione suppletiva

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2005 Sessione suppletiva ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 005 Sessione suppletiv Il cndidto risolv uno dei due problemi e 5 dei 0 quesiti in cui si rticol il questionrio. PROBLEMA Sono dti un pirmide

Dettagli

ESERCIZI DI ANALISI I. Prof. Nicola Fusco 1. Determinare l insieme in cui sono definite le seguenti funzioni:

ESERCIZI DI ANALISI I. Prof. Nicola Fusco 1. Determinare l insieme in cui sono definite le seguenti funzioni: N. Fusco ESERCIZI DI ANALISI I Prof. Nicola Fusco Determiare l isieme i cui soo defiite le segueti fuzioi: ) log/ arctg π ) 4 ) log π 6 arcse ) ) tg log π + ) 4) 4 se se se tg 5) se cos tg 6) [ 6 + 8 π

Dettagli

Siano α(x), β(x) due funzioni continue in un intervallo [a, b] IR tali che. α(x) β(x).

Siano α(x), β(x) due funzioni continue in un intervallo [a, b] IR tali che. α(x) β(x). OMINI NORMALI. efinizione Sino α(), β() due funzioni continue in un intervllo [, b] IR tli che L insieme del pino (figur 5. pg. ) α() β(). = {(, ) [, b] IR : α() β()} si chim dominio normle rispetto ll

Dettagli

Corso di Laurea in Ing. Edile Politecnico di Bari A.A. 2008-2009 Prof. ssa Letizia Brunetti DISPENSE DEL CORSO DI GEOMETRIA

Corso di Laurea in Ing. Edile Politecnico di Bari A.A. 2008-2009 Prof. ssa Letizia Brunetti DISPENSE DEL CORSO DI GEOMETRIA Corso di Laurea i Ig Edile Politecico di Bari AA 2008-2009 Prof ssa Letizia Bruetti DISPENSE DEL CORSO DI GEOMETRIA 2 Idice Spazi vettoriali Cei sulle strutture algebriche 4 2 Defiizioe di spazio vettoriale

Dettagli

1 b a. f(x) dx. Osservazione 1.2. Se indichiamo con µ il valore medio di f su [a, b], abbiamo che. f(x) dx = µ(b a) =

1 b a. f(x) dx. Osservazione 1.2. Se indichiamo con µ il valore medio di f su [a, b], abbiamo che. f(x) dx = µ(b a) = Note ed esercizi di Anlisi Mtemtic - (Fosci) Ingegneri dell Informzione - 28-29. Lezione del 7 novembre 28. Questi esercizi sono reperibili dll pgin web del corso ttp://utenti.unife.it/dmino.fosci/didttic/mii89.tml

Dettagli

I segnali nelle telecomunicazioni

I segnali nelle telecomunicazioni I segli elle telecouiczioi Geerlità I segli ossoo essere rresetti el doiio del teo edite u grfico crtesio vete i scisse il teo e i ordite i vlori isttei dell'iezz del segle cosiderto. Tle grfico, detto

Dettagli

SERIE NUMERICHE. (Cosimo De Mitri) 1. Definizione, esempi e primi risultati... pag. 1. 2. Criteri per serie a termini positivi... pag.

SERIE NUMERICHE. (Cosimo De Mitri) 1. Definizione, esempi e primi risultati... pag. 1. 2. Criteri per serie a termini positivi... pag. SERIE NUMERICHE (Cosimo De Mitri. Defiizioe, esempi e primi risultati... pag.. Criteri per serie a termii positivi... pag. 4 3. Covergeza assoluta e criteri per serie a termii di sego qualsiasi... pag.

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica A.A. 2014/15. Complementi di Probabilità e Statistica. Prova scritta del del 23-02-15

Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica A.A. 2014/15. Complementi di Probabilità e Statistica. Prova scritta del del 23-02-15 Corso di Laurea Magistrale i Igegeria Iformatica A.A. 014/15 Complemeti di Probabilità e Statistica Prova scritta del del 3-0-15 Puteggi: 1. 3+3+4;. +3 ; 3. 1.5 5 ; 4. 1 + 1 + 1 + 1 + 3.5. Totale = 30.

Dettagli

Progressioni aritmetiche e geometriche

Progressioni aritmetiche e geometriche Progressioi ritmetiche e geometriche 7. Progressioi ritmetiche. Defiizioe. Si dt l successioe umeric:,, 3,, 5,...,,.... Ess rppreset u progressioe ritmetic se l differez fr qulsisi termie dell successioe

Dettagli

, l'insieme dei numeri interi relativi: 0, 1, 1, 2, 2, infinito. m dove m e n sono elementi di. Le frazioni hanno tre

, l'insieme dei numeri interi relativi: 0, 1, 1, 2, 2, infinito. m dove m e n sono elementi di. Le frazioni hanno tre Uiversità Boccoi. Ao accademico 00 00 Corso di Matematica Geerale Prof. Fabrizio Iozzi email: fabrizio.iozzi@ui-boccoi.it Lezioi / Gli isiemi umerici Gli isiemi umerici co i quali lavoreremo soo:, l'isieme

Dettagli

Calcolo della risposta di un sistema lineare viscoso a più gradi di libertà con il metodo dell Analisi Modale

Calcolo della risposta di un sistema lineare viscoso a più gradi di libertà con il metodo dell Analisi Modale Calcolo della risposta di u sistema lieare viscoso a più gradi di libertà co il metodo dell Aalisi Modale Lezioe 2/2 Prof. Adolfo Satii - Diamica delle Strutture 1 La risposta a carichi variabili co la

Dettagli

Stabilità dei sistemi di controllo in retroazione

Stabilità dei sistemi di controllo in retroazione Stbilità dei sistemi di controllo in retrozione Criterio di Nyquist Il criterio di Nyquist Estensione G (s) con gudgno vribile Appliczione sistemi con retrozione positiv 2 Criterio di Nyquist Stbilità

Dettagli