Per le funzioni reali di variabile reale si può dare la seguente definizione dovuta a Dirichlet:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "- 1 - 4. Per le funzioni reali di variabile reale si può dare la seguente definizione dovuta a Dirichlet:"

Transcript

1 - - Fuzioi Defiizioi fodmetli. Dti due isiemi o vuoti X e Y si chim ppliczioe o fuzioe d X Y u relzioe tr i due isiemi che d ogi X f corrispodere uo ed u solo y Y. Se y è l immgie di trmite f, si scrive y f().. L isieme X è il domiio dell ppliczioe. Cosiderto u qulsisi X esso h u sol immgie i Y per mezzo dell f. Si chim codomiio dell ppliczioe o isieme delle immgii il sottoisieme proprio o improprio di Y formto dgli elemeti che ho lmeo u cotroimmgie i X. Il codomiio, che viee idicto co f(x), è detto che isieme di vriilità dell fuzioe. 3. Qudo il domiio e il codomiio di u ppliczioe soo sottisiemi propri o impropri dell isieme R dei umeri reli, si prl di fuzioe rele di vriile rele. Il geerico elemeto del domiio è detto vriile idipedete, e il geerico elemeto y del codomiio vriile idipedete. 4. Per le fuzioi reli di vriile rele si può dre l seguete defiizioe dovut Dirichlet: U vriile rele y si dice fuzioe di u vriile rele i u domiio D, sottoisieme dei umeri reli, se esiste u legge f, di tur qulsisi, che fcci corrispodere u qulsisi del domiio uo e u solo vlore di y. 5. Si coviee che il domiio D di u fuzioe rele di vriile rele, se o specificto, proveg dll codizioe di esistez dell espressioe litic dell fuzioe: per questo è chimto che cmpo di esistez (C.E.) o isieme di esistez (I.E.) o isieme di defiizioe (I.D.). Il sottoisieme del domiio D i corrispodez del qule l fuzioe f ssume vlori positivi si dice isieme di positività (I.P.); il sottoisieme del domiio D i corrispodez del qule l fuzioe f ssume vlori egtivi si dice isieme di egtività (I.P.). Il codomiio C si dice che isieme di vriilità (I.V.). 6. Si chim isieme umerico u isieme i cui elemeti sio umeri. 7. Si dice che l isieme umerico A è limitto superiormete, se esiste u umero k mggiore di tutti gli elemeti dell isieme A. Se o esiste u tle umero k, l isieme A è illimitto superiormete. 8. Si dice che l isieme umerico A è limitto iferiormete, se esiste u umero k miore di tutti gli elemeti dell isieme A. Se o esiste u tle umero k, l isieme A è illimitto iferiormete. 9. Se l isieme A è limitto si superiormete che iferiormete, si dice semplicemete che è limitto.. Dto u isieme umerico A, o vuoto e limitto superiormete, si dice estremo superiore dell isieme quel umero L tle che: ) ogi elemeto dell isieme è miore o ugule L; ) comuque si scelg u umero ε >, esiste lmeo u elemeto dell isieme mggiore di L ε. Si può dimostrre che per u isieme o vuoto e limitto superiormete l estremo superiore esiste sempre ed è uico. Se u isieme A è illimitto superiormete si coviee di dire che il suo estremo superiore è.. Dto u isieme umerico A, o vuoto e limitto iferiormete, si dice estremo iferiore dell isieme quel umero l tle che: ) ogi elemeto dell isieme è mggiore o ugule l; ) comuque si scelg u umero ε >, esiste lmeo u elemeto dell isieme miore di l ε. Si può dimostrre che per u isieme o vuoto e limitto iferiormete l estremo iferiore esiste sempre ed è uico. Se u isieme A è illimitto iferiormete si coviee di dire che il suo estremo iferiore è.. Se l estremo superiore pprtiee ll isieme A, esso coicide co l elemeto mssimo, cioè co il mggiore di tutti gli elemeti dell isieme. Se l estremo iferiore pprtiee ll isieme A, esso coicide co l elemeto miimo, cioè co il miore di tutti gli elemeti dell isieme.

2 Poiché l isieme R dei umeri reli e l isieme X dei puti di u rett r possoo essere messi i corrispodez iuivoc, u isieme umerico può che essere deomito isieme liere di puti. 4. Si chim itoro completo di u umero rele c u qulsisi itervllo l qule pprteg c come elemeto itero; se o si specific diversmete l itoro si cosider perto; i simoli, I(c) (c δ, c δ ), co δ e δ umeri positivi; se δ δ δ l itoro I(c) è simmetrico rispetto c e si dice itoro circolre di rggio δ. Si chim itoro siistro del umero rele c l isieme di tutti i umeri di u itervllo perto vete c come estremo destro: I s(c) (c, c δ). Alogmete si defiisce l itoro destro del umero rele c: I d(c) (c δ, c). Si defiisce itoro di più ifiito u qulsisi itervllo illimitto del tipo I( ) (, ). Si defiisce itoro di meo ifiito u qulsisi itervllo illimitto del tipo I( ) (, d). Si defiisce come itoro di ifiito l uioe I( ) I( ) I( ) (, d) (, ). Se d k > si dice che l itoro di ifiito è simmetrico ed h rggio k. 5. U puto C di u isieme liere è isolto qudo esiste u itoro di C che o cotiee ltri puti dell isieme. U puto C è u puto limite o puto di ccumulzioe di u isieme liere se, i ogi itoro di C, esistoo ifiiti puti dell isieme. 6. Se u isieme liere limitto h l estremo superiore L (estremo iferiore l), tle estremo è che puto di ccumulzioe. U fuzioe f di domiio D si dice limitt i D se l isieme umerico C f(d) risult limitto. Si defiisce estremo superiore (o iferiore) dell fuzioe f l estremo superiore (o iferiore) del codomiio. Se l isieme umerico f(d) mmette che il mssimo e il miimo, questi vegoo detti mssimo e miimo ssoluti dell fuzioe i D. 7. Se il puto (, y) si spost cotiumete su u curv y f() i modo tle che lmeo u delle coordite del puto tede ll ifiito e che l distz di questo puto d u cert rett tede zero, quest rett si chim sitoto dell curv. Clssificzioe delle fuzioi. Fuzioi lgeriche: soo le fuzioi reli di vriile rele per cui il vlore y dell vriile dipedete si ottiee, prtire dl vlore dell vriile idipedete, eseguedo u umero fiito di operzioi di ddizioe, sottrzioe, moltipliczioe, divisioe elevmeto potez ed estrzioe di rdice -esim ( N ).. Se le operzioi d eseguire sull soo solo ddizioi, sottrzioi, moltipliczioi ed elevmeto potez co espoete itero positivo, si prl di fuzioi rzioli itere. Se si h che l operzioe di divisioe, di ho le fuzioi rzioli frtte. Se compioo estrzioi di rdice -esim si ho le fuzioi irrzioli. 3. Fuzioi trscedeti: soo le fuzioi reli di vriile rele che o soo lgeriche. Tr esse vi soo le fuzioi goiometriche e le loro iverse, le fuzioi espoezili e le fuzioi logritmiche. 4. Fuzioe pri: u fuzioe f di domiio D si dice pri se D, f(-) f(). 5. Fuzioe dispri: u fuzioe f di domiio D si dice dispri se D, f(-) -f(). 6. Fuzioe crescete: u fuzioe f si dice crescete i seso stretto o strettmete crescete el suo domiio D (o i suo sottoisieme) se, D, < f( ) < f( ). Si dice crescete i seso lto se, D, f( ) f( ). 7. Fuzioe decrescete: u fuzioe f si dice decrescete i seso stretto o strettmete decrescete el suo domiio D (o i suo sottoisieme) se, D, > f( ) > f( ). Si dice decrescete i seso lto se, D, f( ) f( ). 8. Fuzioe mootò: qudo u fuzioe è sempre crescete o sempre decrescete i seso stretto i u isieme D, si dice che ess è mootò i seso stretto i D. Alogmete si prl di fuzioe mootò i seso lto. 9. Fuzioe costte: u fuzioe f si dice costte i u isieme D se, D, f( ) f( ).

3 Fuzioe iiettiv (o iiezioe): u fuzioe f si dice iiettiv se, D, f( ) f( ) ossi, D, f( ) f( ).. Fuzioe suriettiv (o suriezioe): u fuzioe f d X Y si dice suriettiv se il suo codomiio coicide co Y.. Fuzioe iuivoc (o iiezioe): u fuzioe f si dice iuivoc se è iiettiv e suriettiv. 3. Fuzioe ivers: si chim fuzioe ivers di u fuzioe iuivoc f e l si idic co il simolo f - l corrispodez che d ogi elemeto del codomiio di f f corrispodere l su uic cotroimmgie. 4. Fuzioe compost o fuzioe di fuzioe: si z g() l espressioe di u fuzioe di domiio X e codomiio Z; si y f(z) l espressioe di u fuzioe di domiio Z e codomiio Y. Si chim fuzioe compost di f co g l fuzioe h tle che y h() f(z) f(g()). 5. Fuzioe periodic: u fuzioe f si dice periodic di periodo T se, per D, è f( kt) f() essedo k u itero positivo, egtivo o ullo e T il miimo umero positivo per cui si verific l ugugliz (T è il periodo priciple). Defiizioe di fuzioi prticolri. Prte iter di (y E() oppure y []) :l fuzioe defiit dll seguete legge: y se è itero; y l mssimo itero reltivo miore di, se o è itero.. Mtiss di : m() E(). 3. Fuzioe di Dirichlet: 4. y m q rett. f () per ogi rziole per ogi irrziole 5. y cy d ey f qudric: 4c < ellisse o circoferez 4c prol 4c < iperole 6. y α β y γ α 4 β γ > 4 circoferez. y 7. o y cos t set ellisse. 8. y c o sec ϕ r prol. y 9. o y ch t sh t iperole.. y e e sh seo iperolico.. e e y ch coseo iperolico (cteri).

4 y e e th tgete iperolic. e e 3. y e e cth cotgete iperolic. e e y versier di Agesi. y serpetio di Newto. y tridete di Newto y o y t t 3 prol di Neile. 8. y ± o y t t 3 prol semicuic. 9. y ± o y t t 3 t t cissoide di Diocle y 3y o y 3t t 3t t 3 3 folium di Crtesio.. y strofoide.. ( y ) ( y ) o r cos ϕ lemisct di Beroulli. 3. y ( t set ) ( cos t ) cicloide y o y cos se 3 3 t t ipocicloide (steroide). 5. ( cos ϕ ) r o y ( cos t cos t ) ( se t se t ) crdioide. 6. y ( cos t t set ) ( set t cos t ) evolvete del cerchio. 7. r ϕ (r ) spirle di Archimede.

5 - 5 - ϕ rctg y 8. r e o y e spirle logritmic. 9. r (r > ) spirle iperolic. ϕ 3. r se3ϕ (r ) ros tre foglie. 3. r se ϕ ros quttro foglie. Limiti delle fuzioi. Cosiderimo u fuzioe y f() defiit i tutti i puti di u itervllo [, ], eccetto l più u puto c itero ll itervllo.. I cso: si dice che, per tedete c, l fuzioe y f() h per limite l e si scrive lim f ( ) l se, fissto u umero positivo ε, ritrrimete piccolo, si può determire, i corrispodez di esso, u itoro completo di c tle che, per ogi di tle itoro (escluso l più c), si i f() l < ε. Si dice che, per tedete c dll siistr, l fuzioe y f() tede l per difetto, e si scrive lim f ( ) l se, fissto u umero positivo ε, ritrrimete piccolo, si può determire, i c corrispodez di esso, u itoro siistro di c tle che, per ogi di tle itoro, si i l f() < ε. Alogmete si defiiscoo il limite destro e per eccesso. Se lim f ( ) lim f ( ) o esiste il lim f ( ) c c c c. 3. II cso: si dice che, per tedete ll ifiito, l fuzioe y f() h per limite l e si scrive lim f ( ) l se, fissto u umero positivo ε, ritrrimete piccolo, si può determire, i corrispodez di esso, u itoro di ifiito tle che, per ogi di tle itoro, si i f() l < ε. Si dice llor che l rett di equzioe y l è sitoto orizzotle per l curv di equzioe y f(). Si dice che, per tedete, l fuzioe y f() tede l per difetto e si scrive lim f ( ) l se, fissto u umero positivo ε, ritrrimete piccolo, si può determire, i corrispodez di esso, u itoro di tle che, per ogi di tle itoro, si i l f() < ε. Alogmete si defiiscoo il limite per tedete e per eccesso. 4. III cso: si dice che, per tedete c, l fuzioe y f() h per limite ifiito e si scrive lim f ( ) se, fissto u umero positivo M, ritrrimete grde, si può determire, i corrispodez di esso, u itoro completo di c tle che, per ogi di tle itoro (escluso l più c), si i f() > M. Si dice llor che l rett di equzioe c è sitoto verticle per l curv di equzioe y f(). Si dice che, per tedete c dll siistr, l fuzioe y f() tede e si scrive c lim f ( ) se, fissto u umero positivo M, ritrrimete grde, si può determire, i corrispodez di esso, u itoro destro di c tle che, per ogi di tle itoro, si i f() < M. Alogmete si defiiscoo il limite destro e. 5. IV cso: si dice che, per tedete ll ifiito, l fuzioe y f() h per limite ifiito e si scrive lim f ( ) se, fissto u umero positivo M, ritrrimete grde, si può determire, i corrispodez di esso, u itoro di ifiito tle che per ogi di tle itoro si i f() > M. Si dice che, per tedete, l fuzioe y f() tede e si scrive lim f ( ) se, fissto u umero positivo M, ritrrimete grde, si può determire, i corrispodez di esso, u itoro c

6 - 6 - tle che, per ogi di tle itoro, si i f() > M. Alogmete si defiiscoo il limite e per tedete. f ( ) 6. Se i limiti lim m e lim [ f ( ) m] q esistoo, l rett y m q è u sitoto destro dell curv di fuzioe f(). Se m l sitoto è oliquo. f ( ) 7. Se i limiti lim m e lim [ f ( ) m] q esistoo, l rett y m q è u sitoto siistro dell curv di fuzioe f(). Se m l sitoto è oliquo. Teoremi sui limiti. Se u fuzioe f() mmette il limite fiito l, l fuzioe f() mmette il limite l.. Se l fuzioe f() h per limite l, l fuzioe f() A h per limite l A. 3. Teorem dell uicità del limite. Se, per c, l fuzioe f() mmette u limite, questo è uico. 4. Teorem dell permez del sego. Se per c l fuzioe f() tede l limite fiito l diverso d zero, esiste u itoro di c per tutti i puti del qule, escluso l più c, i vlori dell fuzioe ho lo stesso sego del limite. 5. Se i u itoro del puto c, escluso l più c, l fuzioe f() è positiv o ull ed mmette limite l per c, llor è l. 6. Se i u itoro del puto c, escluso l più c, l fuzioe f() è egtiv o ull ed mmette limite l per c, llor è l. 7. Primo teorem del cofroto. Se due fuzioi g() e h() tedoo llo stesso limite l per c ed u terz fuzioe f() è tle che, i u certo itoro I di c, escluso l più c, si i g() f() h(), llor è che lim f ( ) l. c 8. Secodo teorem del cofroto. Se due fuzioi f() e g() soo tli che f() g() per tutti gli di u itoro di c (escluso l più c) e se g() per c, llor che f() per c. 9. Terzo teorem del cofroto. Se f() e g() soo due fuzioi che i u itoro di c (escluso l più c) soddisfo l codizioe f() g() e se ioltre lim g( ) c, llor risult lim f ( ) c.. Teorem sul limite del modulo di u fuzioe. Se per c l fuzioe f() tede d u limite fiito l, llor lim f ( ) l, ossi il limite del modulo di u fuzioe è il modulo del limite. c. Il limite dell somm lgeric di più fuzioi è ugule ll somm lgeric dei limiti delle sigole fuzioi.. Il limite del prodotto di più fuzioi è ugule l prodotto dei limiti delle sigole fuzioi. Se uo dei fttori tede zero e gli ltri u limite fiito, il prodotto tede zero. 3. Il limite di u potez, co espoete positivo, di u fuzioe che tede u limite fiito è l potez -esim del limite. 4. Se, per c, f() tede l limite fiito l, diverso d zero, l fuzioe /f() tede, sempre per c, l limite /l. 5. Qudo l fuzioe f() tede zero, l fuzioe /f() tede ll ifiito.

7 Qudo l fuzioe f() tede ll ifiito, l fuzioe /f() tede zero. 7. Il limite di u quoziete di due fuzioi, l secod delle quli tede u limite diverso d zero, è ugule l quoziete dei limiti. 8. Se f() tede l limite l ed è l >, llor dispri. c lim f ( ) l co N. Se l, il teorem vle solo se è 9. Si y f() u fuzioe defiit e crescete i u itoro siistro I del puto c. Allor l fuzioe mmette limite per che tede c per difetto e precismete: ) se l fuzioe è limitt superiormete i I e se L è l estremo superiore dei vlori di f() l vrire di i I, llor risult lim f ( ) L ; ) se l fuzioe o è limitt superiormete i I, llor è itoro di. c lim f ( ). Il teorem vle che se I è u. Si y f() u fuzioe defiit e crescete i u itoro destro I del puto c. Allor l fuzioe mmette limite per che tede c per eccesso e precismete: ) se l fuzioe è limitt iferiormete i I e se l è l estremo iferiore dei vlori di f() l vrire di i I, llor risult lim f ( ) l ; ) se l fuzioe o è limitt iferiormete i I, llor è di -. c c lim f ( ). Il teorem vle che se I è u itoro c. Vlgoo i teoremi corrispodeti per le fuzioi decresceti. Limiti otevoli. lim k k c. lim c c 3. lim ( ) k 4. lim co k k 5. lim co k lim per < < lim per > 8. lim log 9. lim log per < < per >. lim per >. lim per < <

8 lim log per > 3. lim log per < < 4. lim m m m m lim m 5. lim cos se 6. lim 7. cos lim 8. lim e, Ifiitesimi e ifiiti. U fuzioe y f() si dice ifiitesim per c (evetulmete può essere che c ) se lim f ( ) c.. Sio y f() e y g() due ifiitesimi simultei per c. Allor: f ( ) ) Se lim, si dice che f() è u ifiitesimo di ordie superiore g(), per c. c g( ) f ( ) ) Se lim c g ( ), si dice che f() è u ifiitesimo di ordie iferiore g(), per c. f ( ) c) Se lim l, si dice che f() e g() soo ifiitesimi dello stesso ordie, per c. c g( ) d) Se o esiste il f ( ) lim, si dice che gli ifiitesimi f() e g() o soo cofrotili. c g ( ) 3. Sio f() e ϕ() due ifiitesimi simultei per c (c fiito o ifiito). Si dice che f() è u ifiitesimo di ordie α (α > ) rispetto ϕ(), ssuto come ifiitesimo cmpioe, se lim l f ( ) c α. I [ ϕ ( ) ] prtic si coviee che, se o si dice ull, l ifiitesimo cmpioe si ϕ() se, ϕ() c se c, ϕ() / se. 4. Se lim f ( ) l si può scrivere f() l δ(), dove δ() f() l è u ifiitesimo per c. c 5. Se f() è u ifiitesimo di ordie α (α > ) per c, rispetto ll ifiitesimo cmpioe ϕ(), si h f ( ) lim l c α e si può scrivere f() l[ϕ()] α δ()[ϕ()] α, dove l[ϕ()] α, che è u ifiitesimo dello ϕ ( ) [ ]

9 - 9 - stesso ordie α di f(), si dice prte priciple dell ifiitesimo f(), metre δ()[ϕ()] α, che è u ifiitesimo di ordie superiore d α, si dice prte complemetre dell ifiitesimo f(). 6. U fuzioe y f() si dice ifiit per c (evetulmete può essere che c ) se lim f ( ). 7. Sio y f() e y g() due ifiiti simultei per c. Allor: c f ( ) ) Se lim c g ( ), si dice che f() è u ifiito di ordie superiore g(), per c. ) f ( ) Se lim, si dice che f() è u ifiito di ordie iferiore g(), per c. c g( ) c) f ( ) Se lim l, si dice che f() e g() soo ifiiti dello stesso ordie, per c. c g( ) d) Se o esiste il f ( ) lim, si dive che gli ifiiti f() e g() o soo cofrotili. c g ( ) 8. Sio f() e ϕ() due ifiiti simultei per c (c fiito o ifiito). Si dice che f() è u ifiito di ordie α (α > ) rispetto ϕ(), ssuto come ifiito cmpioe, se lim l f ( ) c α. I prtic si [ ϕ ( ) ] coviee che, se o si dice ull, l ifiito cmpioe si ϕ() se, ϕ() / se, ϕ() / ( c) se c. 9. Se f() è u ifiito di ordie α (α > ) per c, rispetto ll ifiito cmpioe ϕ(), si h f ( ) lim l c α e si può scrivere f() l[ϕ()] [ ϕ ( ) ] α δ()[ϕ()] α, dove l[ϕ()] α, che è u ifiito dello stesso ordie α di f(), si dice prte priciple dell ifiito f(), metre δ()[ϕ()] α, che è u ifiito di ordie superiore d α, si dice prte complemetre dell ifiito f(). Fuzioi cotiue. U fuzioe y f() si dice cotiu i u puto c qudo: ) esiste il vlore dell fuzioe per c, f() l; ) esiste il limite fiito dell fuzioe per tedete c; c) e questo limite è ugule l vlore dell fuzioe i quel puto: lim f ( ) l.. Qudo lim f ( ) l si dice che f() è cotiu i c dll siistr. Se ivece lim f ( ) l si dice che c f() è cotiu i c dll destr. 3. L somm, l differez, il prodotto di più fuzioi cotiue i u puto c soo fuzioi cotiue i c. U potez quluque d espoete positivo di u fuzioe cotiu è cor u fuzioe cotiu. Il quoziete di due fuzioi cotiue i c è u fuzioe cotiu ello stesso puto, purché l fuzioe divisore o si ulli i c. Il vlore ssoluto di u fuzioe cotiu è u fuzioe cotiu. 4. U fuzioe y f() si dice cotiu i u itervllo I se è cotiu i tutti i puti di quell itervllo: lim f ( h) f ( ) h, I. c c

10 Se y f() è u fuzioe cotiu i u itervllo chiuso e limitto [; ], si h che: ) Il codomiio è u itervllo chiuso e limitto. ) L fuzioe mmette mssimo e miimo ssoluto i [; ] (teorem di Weierstrss). c) L fuzioe ssume, lmeo u volt, ogi vlore compreso tr il miimo e il mssimo (Teorem di Bolzo). d) Se l fuzioe ssume vlori di sego opposto gli estremi dell itervllo [; ], llor esiste lmeo u puto c, itero ll itervllo [; ], i cui l fuzioe si ull (Teorem dell esistez degli zeri). 6. L fuzioe costte è cotiu per qulsisi vlore di. 7. L vriile idipedete è sempre cotiu. 8. Le fuzioi rzioli itere soo cotiue per qulsisi vlore di. 9. Le fuzioi rzioli frtte soo cotiue per qulsisi del loro domiio.. L fuzioe y ( itero positivo) è cotiu per ogi el suo domiio, cioè per quluque se è dispri, e per se è pri.. Le fuzioi se e cos soo cotiue per ogi.. Le fuzioi tg e cotg soo cotiue per ogi del loro domiio. 3. L fuzioe espoezile y ( > ) è cotiu per ogi. 4. L fuzioe log è cotiu per ogi positivo. 5. Se y f() è u fuzioe cotiu i u isieme D ed ivi ivertiile, llor l fuzioe ivers g() è cotiu i f(d). 6. Si dt l fuzioe compost y f[g()]; se z g() tede u limite fiito l per c e se f(z) è cotiu per z l, llor lim f ( g( )) f lim g( ) f ( l ). Se poi g() è che cotiu per c, si ottiee c c lim f ( g( )) c f lim g( ) c f ( g( c)) ; quidi l fuzioe f(g(c)) è cotiu i c. 7. Cosiderimo l fuzioe y [f()] g() defiit per i vlori di per cui l se è positiv e l espoete esiste; se f e g soo fuzioi cotiue tli d verificre il teorem sull cotiuità delle fuzioi composte, che l fuzioe y [f()] g() è cotiu el suo domiio. Discotiuità delle fuzioi. Qudo u fuzioe f() o è cotiu i u puto c, si dice che i tle puto è discotiu e che c è u puto di discotiuità (o che puto sigolre) per l fuzioe.. I puti di discotiuità si dividoo i: ) puti di discotiuità di prim specie: si dice che per c l fuzioe f() h u puto di discotiuità di prim specie qudo esistoo e soo fiiti e diversi tr loro i limiti dll destr e dll siistr dell fuzioe, prescidere dll evetule vlore dell f() per c;

11 - - si chim slto dell fuzioe i c il vlore ssoluto dell differez tr il limite destro e il limite siistro: slto lim f ( ) lim f ( ) ; c c ) puti di discotiuità di secod specie: si dice che per c l fuzioe f() h u puto di discotiuità di secod specie qudo o esiste, o o esiste fiito, uo lmeo dei due limiti dll destr e dll siistr dell fuzioe; c) puti di discotiuità di terz specie: si dice che per c l fuzioe f() h u puto di discotiuità di terz specie o elimiile qudo esiste fiito il limite per c di f(), m f(c) o o esiste o è divers dl vlore del limite. Successioi umeriche. Si chim successioe umeric u fuzioe defiit ell isieme N dei umeri turli o i u suo sottoisieme ifiito, che d ogi umero turle dell isieme di defiizioe f corrispodere uo ed u solo umero rele.. I vlori dell fuzioe l vrire di ell isieme di defiizioe soo detti gli elemeti dell successioe e vegoo idicti co u letter muit di idice:,,,,, che si legge co, co,, co. Qudo esiste l espressioe litic dell successioe, llor si può esprimere il geerico elemeto (termie geerle dell successioe) i fuzioe di. 3. U successioe si dice strettmete) crescete se, presi comuque due idici i e k pprteeti ll isieme di defiizioe dell successioe, si h i < k i < k. Alogmete si pogoo le defiizioi di successioe crescete i seso lto, di successioe decrescete si strettmete che i seso lto, e di successioe costte. 4. U successioe si dice limitt superiormete qudo esiste u umero rele k tle che < k per ogi per cui è defiit l successioe. Alogmete si prlerà di successioe limitt iferiormete e di successioe limittt. 5. Si dice che L è l estremo superiore di u successioe,,,, qudo: ) < L, ; ) comuque si scelg u umero ε >, ritrrimete piccolo, esiste lmeo u elemeto dell successioe tle che > L ε. Alogmete si defiisce l estremo iferiore di u successioe. Se l estremo superiore o iferiore dell successioe coicidoo co u elemeto dell successioe, soo llor il mssimo o il miimo dell successioe. 6. Si dice che l successioe,,,, h per limite l, l tedere di più ifiito, qudo, prefissto u umero ε >, ritrrimete piccolo, è possiile trovre, i corrispodez d esso, u umero e tle che, per ogi umero turle > e, si verifict l relzioe l < ε. I tl cso l successioe si dice covergete e si scrive lim l. Alogmete quto ftto el cso delle fuzioi di vriile rele, si defiiscoo lim l e lim l. 7. Si dice che l successioe,,,, h per limite ifiito, l tedere di più ifiito, qudo, prefissto u umero M >, ritrrimete grde, è possiile trovre, i corrispodez d esso, u umero M tle che, per ogi umero turle > M, si verifict l relzioe > M. I tl cso l successioe si dice divergete e si scrive lim. Se > M si verific > M scriveremo lim (l successioe diverge positivmete); metre se > M si verific < M scriveremo lim (l successioe diverge egtivmete).

12 Le successioi covergeti o divergeti si dicoo regolri, metre quelle che o mmettoo limite si dicoo idetermite o oscillti. 9. Teorem di uicità del limite: se per u successioe mmette limite, questo è uico.. Teorem dell permez del sego: se per u successioe tede l limite fiito l, diverso d zero, llor esiste u idice tle che, >, h lo stesso sego del limite.. Se esiste u idice tle che, >, i termii di u successioe soo positivi (egtivi) o ulli e l successioe mmette limtie l per, llor è l (l ).. Teorem del cofroto: si cosiderio tre successioi i cui termii geerli sio,, c. Se, per, è lim l lim c l e se esiste u idice tle che, >, si h c, llor è che lim l. 3. U successioe limitt e mooto è covergete. 4. U successioe mooto crescete e illimitt superiormete diverge positivmete; u successioe mooto decrescete e illimitt iferiormete diverge egtivmete. 5. Si cosideri u successioe di elemeti,,,,,, e u fuzioe f() defiit per, tle che, per, si f(). Se l fuzioe mmette limite per, llor che l successioe mmette limite e risult lim lim f ( ). Derivt di u fuzioe. Si y f() u fuzioe dell vriile defiit ell itervllo [, ]; fissto u prticolre puto di questo itervllo, dimo d u icremeto ritrrio h, positivo o egtivo, i modo che h [, ]; l differez f( h) f() rppreset l icremeto, positivo, egtivo o ullo, che suisce l fuzioe qudo pss dl vlore l vlore h. ( h) f ( ) f. Il rpporto fr l icremeto dell fuzioe e quello corrispodete dell vriile h idipedete si chim rpporto icremetle dell f() reltivo l puto e ll icremeto h. 3. Il limite, se esiste, del rpporto icremetle, l tedere zero dell icremeto dto ll vriile idipedete, si chim derivt dell fuzioe f() el puto cosiderto, e si deot co u o l ltr di queste scritture: y, f (), D y, Dy, Df(): f lim ( h) f ( ) h h y lim f ( ) 4. Qudo l derivt dell f(), el puto, esiste ed è fiit, si dice che l fuzioe è derivile i quel puto. 5. Se l fuzioe f() è derivile i tutti i puti dell itervllo [, ], si dice che è derivile i tutto l itervllo. I questo cso l derivt, essedo defiit i tutto l itervllo [, ], è u uov fuzioe dell vriile, dett fuzioe derivt. 6. Le espressioi f ( ) f ( h) f ( ) lim e f ( ) ( h) f ( ) f lim si chimo rispettivmete h h h h derivt siistr e derivt destr dell fuzioe f() el puto. Perché f () esist è ecessrio e sufficiete che f - () f (). 7. Ogi fuzioe, che mmett derivt fiit i u puto, è cotiu i tle puto.

13 L derivt di u fuzioe f() i u puto rppreset il coefficiete golre dell rett tgete i quel puto ll curv di equzioe y f(). 9. Equzioe dell tgete i u puto l grfico di u fuzioe: y f( ) f ( )( ). Equzioe dell ormle i u puto l grfico di u fuzioe: f ( )(y f( )). Agolo tr due curve: t ω f ( ) f ( ) f ( ) f ( ). Se l derivt di u fuzioe cotiu i u puto mc perché le derivte destr e siistr i quel puto esistoo fiite m soo diverse tr loro, si dice che il puto è u puto goloso per l fuzioe dt. 3. Si dice derivt logritmic di u fuzioe y f() l derivt del logritmo di quest fuzioe, cioè ( ) y f ( ) lf ( ) y f ( ) 4. Si chim derivt del secodo ordie o derivt secod dell fuzioe y f() l derivt dell su derivt, cioè y (y ). L derivt secod si idic co i simoli y, o d y, o f (). d 5. Si chim derivt di ordie eesimo dell fuzioe y f() l derivt dell su derivt di ordie ( ). L derivt di ordie eesimo si idic co i simoli y (), o d y, o f () (). d Regole di clcolo delle derivte Se c è u costte e f() e g() soo fuzioi che possiedoo derivte, llor. (f ± g) f ± g. (cf) cf 3. Quidi, l derivt di u comizioe liere di fuzioi è l comizioe liere delle derivte delle fuzioi: l derivt è u opertore liere. 4. (fg) f g g f 5. f f g g f g g (g ) 6. c cg g g (g ) 7. Regol di derivzioe delle fuzioi composte: se y f(z) e z g(), cioè y f[g()] dove le fuzioi f(z) e g() soo derivili, llor y f (z)g (). Quest regol è vlid per u umero fiito di vriili itermedie veti ciscu u derivt. 8. Regol di derivzioe di u fuzioe ivers: se l fuzioe y f() h u derivt y, llor l d derivt dell fuzioe ivers f - (y) è il reciproco dell fuzioe dt: y o dy y dy. d

14 Derivt di u fuzioe dt i form prmetric: se l dipedez tr l fuzioe y e l vriile dy idipedete è dt d u prmetro t: ϕ ( t) y t dy, llor y o dt. y ψ ( t) t d d dt. Derivt di u fuzioe implicit: se l dipedez tr ed y è dt d u espressioe implicit F(,y), llor per clcolre l derivt y è sufficiete: ) clcolre l derivt rispetto del primo memro, cosiderdo y come fuzioe di ; ) uguglire quest derivt; c) risolvere rispetto y l equzioe così trovt.. Se le fuzioi u ϕ() e v ψ() posseggoo derivte sio quello di ordie eesimo icluso, llor si può clcolre l derivt di ordie eesimo del prodotto di queste due fuzioi medite l formul di ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) Leiiz: ( uv ) u v u v u v uv. Derivte di ordie superiore delle fuzioi dte i form prmetric: se l dipedez tr l fuzioe y e l vriile idipedete è dt d u prmetro t: ϕ ( t), llor le derivte di ordie y ψ ( t) y t superiore si possoo succesivmete clcolremedite le formule y, ( ) ( y ) t y t y, t ( y ) t y, ecc. t Derivte delle fuzioi pricipli. ( ) -. ( ) 3. (se ) cos 4. (cos ) - se ( > ) 5. ( t ) t cos 6. ( ) cot ( cot ) 7. ( rcse ) se rccos 8. ( ) rctg 9. ( ) rc cot. ( ) ( < ) ( < ). ( ) l. (e ) e l 3. ( ) 4. ( ) ( > ) log e log l 5. (sh ) ch 6. (ch ) sh th 7. ( ) 8. ( cth ) 9. ( rsh ). ( rch ) ch sh ( > ) ( >, > )

15 - 5 - rth. ( ). ( rcth ) ( < ) ( > ) 3. g( ) ([ f ( ) ] ) [ f ( ) ] g( ) f ( ) g ( )lf ( ) g( ) f ( ) Differezili. Si dice differezile (del primo ordie) dy dell fuzioe y f() l prte priciple del suo icremeto, liere rispetto ll icremeto d dell vriile idipedete.. Il differezile di u fuzioe è ugule ll su derivt per il differezile dell vriile idipedete: dy y d. 3. Se l icremeto dell vriile idipedete è piccolo i vlore ssoluto, llor il differezile dy e l icremeto y dell fuzioe y f() soo pprossimtivmete uguli: y dy, cioè f( ) f() f (), per cui f( ) f() f (). Il differezile di u fuzioe differisce dll icremeto dell fuzioe per u qutità ifiitesim di ordie superiore ll icremeto dell vriile. 4. Si defiisce il differezile del secodo ordie come il differezile del differezile del primo ordie: d y d(dy). Si defiiscoo logmete i differezili di ordie successivo. 5. Se y f() e è l vriile idipedete, llor d y y (d), d 3 y y (3) (d) 3,, d y y () (d), ecc. 6. Se y f(u) e u ϕ(), llor d y y (du) y d u, d 3 y y (3) (du) 3 3y du d u y d 3 u, ecc., dove gli pici idico le derivzioi rispetto u. 7. Il differezile di u rco di curv s di u curv pi dt d u equzioe i coordite crtesie e y si esprime medite l formul ( ) ( ) ds d dy ; se l equzioe dell curv è del tipo: dy ) y f(), llor ds d per d > ; d d ) f (y), llor ds dy per dy > ; dy d dy c) ϕ(t), y ψ(t), llor ds dt per dt > ; dt dt F Fy F Fy c) F(, y), llor ds d dy F F y 8. Idicdo co α l golo formto dll tgete (dirett el seso di crescit dell rco di curv s) e dll d dy direzioe positiv dell sse, si trov: cos α, se α. ds ds 9. Si chim curvtur K i u puto M di u curv il limite del rpporto tr l golo formto dlle direzioi positive delle tgeti ll curv ei puti M e N (golo di cotigez) e l lughezz dell rco MN α dα s qudo N M, cioè K lim dove α è l golo formto dll tgete l puto M (dirett el seso di crescit dell rco di curv s) e dll direzioe positiv dell sse s s ds.

16 Si chim rggio di curvtur R l iverso del vlore ssoluto dell curvtur, cioè R. K. Se l curv è dt d u equzioe esplicit y f(), K y 3 ( y ). Se l curv è dt d u equzioe implicit F(, y), K F F F y 3 ( F F ) F F F y yy y y F F y 3. Se l curv è dt dlle equzioi prmetriche ϕ(t), y ψ(t), dy y, dt d, dt y d dt y K y y 3 ( y ) dove d, dt 4. Se l curv è dt i coordite polri d u equzioe r f(ϕ), r d dϕ r K r r rr dove 3 ( r r ) dr r, dϕ 5. Si chim cerchio di curvtur (o cerchio d osculzioe) el puto M di u curv l posizioe limite del cerchio psste per il puto M e per ltri due puti P e Q dell curv, qudo P M e Q M. Il rggio del cerchio di curvtur è ugule l rggio di curvtur. y ( y ) 6. Le coordite X e Y del cetro di curvtur di u curv soo dte d X Y y y y. 7. Il luogo geometrico dei cetri di curvtur di u curv si chim evolut dell curv. 8. Si chim evolvete di u curv u curv l cui evolut è l curv dt. 9. Si chim vertice di u curv u puto dell curv el qule l curvtur è mssim o miim. y e Teoremi sulle fuzioi derivili. Teorem di Rolle: si y f() u fuzioe cotiu ell itervllo chiuso [, ] e derivile i (, ); se ess ssume gli estremi e dell itervllo vlori uguli, se cioè si h f() f(), llor esiste lmeo u puto c itero ll itervllo (, ) el qule l derivt dell fuzioe è ull.. Teorem di Cuchy (o teorem degli ccrescimeti fiiti): sio dte due fuzioi y f() e y g() etrme cotiue ell itervllo [, ] e derivili i (, ); ioltre l fuzioe g() mmette derivt divers d zero i tutti i puti dell itervllo (, ); esiste llor lmeo u puto c itero ll itervllo (, ) el f ( ) f ( ) f ( c) qule si verific che. g( ) g( ) g ( c)

17 Teorem di Lgrge: si y f() u fuzioe cotiu ell itervllo chiuso [, ] e derivile i (, f ( ) f ( ) ); esiste lmeo u puto c itero ll itervllo (, ) el qule si verific che f ( c). 4. Se u fuzioe cotiu h derivt ull i tutti i puti di u itervllo I, ess è costte i quell itervllo. 5. Se due fuzioi cotiue f() e g() ho derivte uguli i tutti i puti di u itervllo, esse differiscoo per u costte. 6. Si y f() u fuzioe cotiu i u itervllo I e derivile ei puti iteri di I. Se l derivt dell fuzioe è sempre positiv, llor l fuzioe è crescete i I. Se l derivt è sempre egtiv, l fuzioe è decrescete i I. 7. Si y f() u fuzioe cotiu i u itervllo I e derivile ei puti iteri di I. Se f() è crescete i seso stretto i I, llor, ei puti iteri di I, si h f (). Se ivece f() è decrescete, si h f (). 8. U fuzioe f() si dice crescete el puto c se esiste u itoro siistro I di c per tutti gli del qule è f() < f(c) ed esiste u itoro destro I di c per tutti gli del qule è f() > f(c). Si y f() u fuzioe derivile ei puti iteri di u itervllo I e l fuzioe derivt prim, f (), si cotiu el puto c itero I. Se f (c) > llor l fuzioe è crescete i c; se è f (c) < l fuzioe è decrescete i c; se è f (c) llor l fuzioe può essere crescete, decrescete, oppure é crescete é decrescete i c. 9. Teorem di De L Hôpitl: sio f() e g() due fuzioi defiite e derivili i tutti i puti di u itervllo f ( ) [, ], eccettuto l più u puto [, ]. Suppoimo che il limite del loro rpporto, lim, si g( ) preseti ell form ell form idetermit, ossi lim f ( ) lim g( ), e che ell itervllo f ( ) i esme risulti sempre g (). I tle ipotesi, se esiste il limite del rpporto delle derivte lim, g ( ) f ( ) f ( ) llor esiste che il limite del rpporto delle fuzioi e risult lim lim. g( ) g ( ). Il teorem di De L Hôpitl si pplic che ll form idetermit -. e vle che per e per. Per elimire u idetermizioe del tipo il prodotto f () f (), dove si trsform el quoziete f( ) f ( ) f( ) (del tipo ) oppure (del tipo ). f ( ) lim f ( ) e lim f ( ),. Per elimire u idetermizioe del tipo è ecessrio trsformre l differez f () f () el f( ) f ( ) f( ) prodotto f ( ) ed elimire zitutto l idetermizioe per ; se lim, llor f( ) f( ) f( ) f ( ) f( ) l espressioe cosidert si mette sotto l form (del tipo ). f ( )

18 Le idetermizioi dei tipi,, si possoo elimire prededo izitutto il logritmo e f( ) clcoldo il limite del logritmo di [ ] del tipo. f ( ). I questo cso isogerà elimire u idetermizioe Estremi di u fuzioe. Si y f() u fuzioe defiit i u itervllo I. Si dice che u puto c di tle itervllo è u puto di mssimo (miimo) reltivo per l fuzioe f() se esiste u itoro di c, coteuto i I, per tutti i puti del qule si i f() f(c) (f() f(c)). Si dice che f(c) è il mssimo (miimo) reltivo dell fuzioe.. Se c è u puto di mssimo o di miimo reltivo si dice che che c è u puto estremte per l fuzioe; il corrispodete vlore f(c) è detto estremo reltivo. 3. Si c u puto di mssimo reltivo per l fuzioe f(); se esiste u itoro di c per tutti i puti del qule, escluso c, si i f() < f(c), llor si dice che c è u puto di mssimo reltivo forte (o proprio) e che f(c) è u mssimo reltivo forte. I cso cotrrio si dice che c è u puto di mssimo reltivo deole (o improprio) e che f(c) è u mssimo reltivo deole. I modo logo si defiiscoo il puto di miimo reltivo forte e quello deole. 4. Si c u puto itero ll itervllo I i cui è defiit l fuzioe f(). Suppoimo che f() si crescete (decrescete) i u itoro siistro di c e decrescete (crescete) i u itoro destro di c; llor c è u mssimo (miimo) reltivo forte per l fuzioe. 5. Si dice che il grfico di u fuzioe derivile y f() è cocvo verso il sso (cocvo verso l lto) ell itervllo (, ) se per qulsisi per cui < < l rco di curv del grfico è situto l di sotto (l di sopr) dell tgete l grfico trccit per il puto. 6. Per dire che u curv è cocv verso il sso (o verso l lto) si può dire che che è covess verso l lto (o verso il sso). 7. U puto (, f( )) el qule l cocvità del grfico di u fuzioe y f() pss d positiv egtiv o iversmete si chim puto di flesso dell fuzioe. 8. I u puto di flesso (, f( )) del grfico di u fuzioe esiste u itoro ( δ, δ) tle che i corrispodez i due itori ( δ, ) e (, δ) il digrmm dell fuzioe st d prti opposte rispetto ll rett tgete el puto (, f( )). L rett tgete è dett tgete iflessiole. 9. Si (, f( )) u puto di flesso di u fuzioe f() e si t() l tgete iflessiole. Si dice che (, f( )) è u flesso scedete se f() t() per δ < < e f() t() per < < δ. Si dice che (, f( )) è u flesso discedete se f() t() per δ < < e f() t() per < < δ.. Qudo l tgete iflessiole è l sse o u su prllel si dice che il flesso è tgete orizzotle. Qudo l tgete iflessiole è l sse y o u su prllel si dice che il flesso è tgete verticle.. Si y f() u fuzioe defiit i u itervllo I e derivile ei puti iteri di I. Se el puto c, itero I, l fuzioe h mssimo o miimo reltivo, llor risult f (c).. Si dice puto stziorio u puto c i cui l derivt dell fuzioe y f() è ull. U puto stziorio è u puto tgete orizzotle. 3. Primo criterio per l determizioe degli estremi reltivi di u fuzioe derivile co il metodo dello studio del sego dell derivt prim. Si y f() u fuzioe derivile i u itoro I (c δ; c δ) del puto stziorio c. Se risult f () > per c δ < < c e f () < per c < < c δ, llor c è u puto di mssimo reltivo (forte). Se risult f () < per c δ < < c e f () > per c < < c δ, llor c è u puto di miimo reltivo (forte).

19 Primo criterio per l determizioe dei puti di flesso tgete orizzotle co il metodo dello studio del sego dell derivt prim. Si y f() u fuzioe derivile i u itoro I (c δ; c δ) del puto stziorio c. Se risult f () > per c δ < < c e per c < < c δ, llor c è u puto di flesso scedete tgete orizzotle. Se risult f () < per c δ < < c e per c < < c δ, llor c è u puto di flesso discedete tgete orizzotle. 5. Secodo criterio per l determizioe degli estremi reltivi di u fuzioe derivile co il metodo dell derivt secod. Si y f() u fuzioe derivile due volte, co derivt secod cotiu, ei puti iteri di u itervllo I. Se el puto c, itero I, risult f (c) e f () < llor c è u puto di mssimo reltivo. Se el puto c, itero I, risult f (c) e f () > llor c è u puto di miimo reltivo. 6. Secodo criterio per l determizioe dei puti di flesso tgete orizzotle co il metodo dell derivt terz. Si y f() u fuzioe derivile tre volte, co derivt terz cotiu, ei puti iteri di u itervllo I. Se el puto c, itero I, risult f (c) f (c) e f (3) (c) llor c è u puto di flesso tgete orizzotle, scedete se f (3) (c) >, discedete se f (3) (c) <. 7. Metodo delle derivte successive per l determizioe di puti stziori di u fuzioe. Si y f() u fuzioe derivile volte, co derivt -esim cotiu, ei puti iteri di u itervllo I. Nel puto c, itero d I, si i f (c) f (c) f (3) (c) f (-) (c) e f () (c). Se è pri llor c è u puto estremte e precismete u puto di miimo se f () (c) > e di mssimo se f () (c) <. Se è dispri llor c è u puto di flesso tgete orizzotle e precismete u puto di flesso scedete se f () (c) > e discedete se f () (c) <. 8. Per l ricerc del mssimo ssoluto di u fuzioe f() cotiu i u itervllo chiuso e limitto [; ] occorre cofrotre il mssimo tr i mssimi reltivi dell fuzioe co i vlori f() e f(). Alogmete si oper per trovre il miimo ssoluto. Nel cso i cui l fuzioe o si derivile i qulche puto dell itervllo, occorre cofrotre il mggiore dei mssimi e il miore dei miimi che co tli puti. 9. Si dt u fuzioe y f() due volte derivile ei puti iteri di u itervllo I e si c u puto itero di I. Se è f (c) > llor l curv di equzioe y f() è, el puto di sciss, cocv verso l lto; se è f (c) < llor l curv di equzioe y f() è, el puto di sciss, cocv verso il sso.. Primo criterio per l determizioe dei puti di flesso di u fuzioe co il metodo dello studio del sego dell derivt secod. Si y f() u fuzioe tle che: ) f() si due volte derivile si i u itoro siistro I s I, si i u itoro destro I d I, di u puto c itero I; ) f () ssum ell itoro siistro I s vlori di sego opposto quelli che ssume ell itoro destro I d; i c esist l derivt prim f (), fiit o ifiit; llor il puto c è u puto di flesso per l fuzioe f(). Se f (c) il flesso è tgete oliqu; se f (c) il flesso è tgete orizzotle; se l derivt i c è ifiit il flesso è tgete verticle.. Secodo criterio per l determizioe dei puti di flesso di u fuzioe co il metodo dell derivt terz. Si y f() u fuzioe derivile tre volte, co derivt terz cotiu, ei puti iteri di u itervllo I. Se el puto c, itero I, risult f (c) e f (3) (c) llor l fuzioe h, i c, u puto di flesso, scedete se f (3) (c) >, discedete se f (3) (c) <.. Metodo delle derivte successive per l determizioe dei puti di flesso di u fuzioe. Si y f() u fuzioe derivile volte, co derivt -esim cotiu, ei puti iteri di u itervllo I. Nel puto c, itero d I, si i f (c) f (3) (c) f (-) (c) e f () (c). Se è dispri llor c è u puto di flesso e precismete il flesso è scedete se f () (c) > e discedete se f () (c) <. Se è pri llor i c l curv di equzioe y f() è cocv verso l lto se f () (c) > e cocv verso il sso se f () (c) <. Studio di u fuzioe. Si determi il domiio D dell fuzioe dopo verl clssifict (lgeric o trscedete o, i prticolre, rziole iter o frtt, irrziole, logritmic, espoezile, goiometric).

20 - -. Si determio evetuli simmetrie e periodicità; se l fuzioe è dispri sterà studirl per e se è periodic di periodo T sterà studirl i u itervllo di mpiezz T. 3. Si determio evetuli puti di itersezioe del grfico co gli ssi coorditi. 4. Si studi il sego dell fuzioe risolvedo l disequzioe f() > e determido l isieme di positività (I.P.) e di egtività (I.N.) dell fuzioe. 5. Si clcolo i limiti dell fuzioe egli estremi fiiti, se esistoo, del domiio e si deducoo gli evetuli sitoti verticli; se D è illimitto, si clcolo i limiti ll ifiito, determido se vi soo sitoti orizzotli o oliqui, e le evetuli itersezioi di questi co il grfico. 6. Si clcol l derivt prim f () determidoe il domiio D. 7. Si risolve l equzioe f () determido le evetuli scisse dei puti i cui l tgete l grfico è prllel ll sse e si clcolo poi le corrispodeti ordite. 8. Si studi il sego dell derivt prim, risolvedo l disequzioe f () >, stiledo così i quli itervlli l fuzioe è crescete o decrescete. Si dedurrà quidi se i puti precedetemete trovti soo mssimi o miimi reltivi o flessi tgete orizzotle. 9. (Se lo studio del sego dell derivt fosse troppo difficoltoso, per decidere se u rdice dell equzioe f () è u puto di mssimo, miimo o flesso orizzotle si può procedere medite le derivte successive).. Si procede ifie l clcolo dei limiti dell derivt f () egli estremi fiiti di D e ei suoi puti di discotiuità, determido l iclizioe dell tgete ei puti di rrivo e di prtez, gli evetuli puti golosi, di cuspide e di flesso tgete verticle.. Si clcol l derivt secod f () e se e studi il sego, determido gli itervlli i cui l curv volge l cocvità verso l lto o verso il sso, deducedo quidi le coordite degli evetuli puti di flesso.. (No voledo studire il sego di f () si può ricorrere l metodo delle derivte successive). 3. Si trcci ifie il grfico dell fuzioe. Itegrle Itegrle idefiito. Si dice primitiv di u fuzioe f() u fuzioe F() l cui derivt si ugule f(): F () f().. Se F() è u primitiv dell fuzioe f(), che F() C, dove C è u costte ritrri, è u primitiv di f(). 3. Si chim itegrle idefiito di f() l su primitiv geerle F() C e si rppreset co il simolo f ( ) d, che si legge itegrle di f() i d. L f() si dice fuzioe itegrd. 4. L itegrle idefiito può essere iteso come opertore iverso dell derivt perché ssoci u fuzioe f() l isieme di tutte e sole le fuzioi l cui derivt è l f() stess. 5. Se k è u costte, llor si h kf ( ) d k f ( ) d 6. Sio f () e f () due fuzioi; llor si h [ ) f ( ) ] d f( ) d f f ( ) d (

Metodi d integrazione di Montecarlo

Metodi d integrazione di Montecarlo Metodi d itegrzioe di Motecrlo Simulzioe l termie simulzioe ell su ccezioe scietific h u sigificto diverso dll ccezioe correte. Nell uso ordirio è sioimo si fizioe; ell uso scietifico è sioimo di imitzioe,

Dettagli

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI . L'INSIEME DEI NUMERI REALI. I pricipli isiemi di umeri Ripredimo i pricipli isiemi umerici N, l'isieme dei umeri turli 0; ; ; ; ;... L'ide ituitiv di umero turle è ssocit l prolem di cotre e ordire gli

Dettagli

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Defiire lo strumeto matematico ce cosete di studiare la cresceza e la decresceza di ua fuzioe Si comicia col defiire cosa vuol dire ce ua fuzioe è crescete. Defiizioe:

Dettagli

Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI

Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI SUCCESSIONI DI FUNZIONI I cocetti di successioe e di serie possoo essere estesi i modo molto aturale al caso delle fuzioi DEFINIZIONE Sia E u sottoisieme di  e, per ogi

Dettagli

Le operazioni fondamentali in N Basic Arithmetic Operations in N

Le operazioni fondamentali in N Basic Arithmetic Operations in N Operzioi fodetli i - 1 Le operzioi fodetli i Bsic Arithetic Opertios i I geerle u operzioe è u procedieto che due o più ueri, dti i u certo ordie e detti terii dell'operzioe, e ssoci u ltro, detto risultto

Dettagli

Soluzione La media aritmetica dei due numeri positivi a e b è data da M

Soluzione La media aritmetica dei due numeri positivi a e b è data da M Matematica per la uova maturità scietifica A. Berardo M. Pedoe 6 Questioario Quesito Se a e b soo umeri positivi assegati quale è la loro media aritmetica? Quale la media geometrica? Quale delle due è

Dettagli

Corso di Analisi Matematica Calcolo integrale per funzioni di una variabile

Corso di Analisi Matematica Calcolo integrale per funzioni di una variabile Corso di Anlisi Mtemtic Clcolo integrle per funzioni di un vribile Lure in Informtic e Comuniczione Digitle A.A. 2013/2014 Università di Bri ICD (Bri) Anlisi Mtemtic 1 / 40 1 L integrle come limite di

Dettagli

APPROFONDIMENTI SUI NUMERI

APPROFONDIMENTI SUI NUMERI APPROFONDIMENTI SUI NUMERI. Il sistem di umerzioe deimle Be presto, ll operzioe turle del otre, si è ggiut l esigez di «rppresetre» i umeri. I sistemi di umerzioe possiili soo molti; per or i limitimo

Dettagli

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x Appunti elorti dll prof.ss Biondin Gldi Funzione integrle Si y = f() un funzione continu in un intervllo [; ] e si 0 [; ]; l integrle 0 f()d si definisce Funzione Integrle; si chim funzione integrle in

Dettagli

Capitolo 8 Le funzioni e le successioni

Capitolo 8 Le funzioni e le successioni Capitolo 8 Le fuzioi e le successioi Prof. A. Fasao Fuzioe, domiio e codomiio Defiizioe Si chiama fuzioe o applicazioe dall isieme A all isieme B ua relazioe che fa corrispodere ad ogi elemeto di A u solo

Dettagli

I numeri complessi. Pagine tratte da Elementi della teoria delle funzioni olomorfe di una variabile complessa

I numeri complessi. Pagine tratte da Elementi della teoria delle funzioni olomorfe di una variabile complessa I umeri complessi Pagie tratte da Elemeti della teoria delle fuzioi olomorfe di ua variabile complessa di G. Vergara Caffarelli, P. Loreti, L. Giacomelli Dipartimeto di Metodi e Modelli Matematici per

Dettagli

I radicali 1. Claudio CANCELLI (www.claudiocancelli.it)

I radicali 1. Claudio CANCELLI (www.claudiocancelli.it) I rdicli Cludio CANCELLI (www.cludioccelli.it) Ed..0 www.cludioccelli.it Dec. 0 I rdicli INDICE DEI CONTENUTI. I RADICALI... INDICE DI RADICE PARI...4 INDICE DI RADICE DISPARI...5 RADICALI SIMILI...6 PROPRIETA

Dettagli

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito.

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito. Integrli de niti. Il problem di clcolre l re di un regione pin delimitt d gr ci di funzioni si può risolvere usndo l integrle de nito. L integrle de nito st l problem del clcolo di ree come l equzione

Dettagli

Sintassi dello studio di funzione

Sintassi dello studio di funzione Sitassi dello studio di fuzioe Lavoriamo a perfezioare quato sapete siora. D ora iazi pretederò che i risultati che otteete li SCRIVIATE i forma corretta dal puto di vista grammaticale. N( x) Data la fuzioe:

Dettagli

3. Funzioni iniettive, suriettive e biiettive (Ref p.14)

3. Funzioni iniettive, suriettive e biiettive (Ref p.14) . Funzioni iniettive, suriettive e iiettive (Ref p.4) Dll definizione di funzione si ricv che, not un funzione y f( ), comunque preso un vlore di pprtenente l dominio di f( ) esiste un solo vlore di y

Dettagli

ESERCIZI DI ANALISI I. Prof. Nicola Fusco 1. Determinare l insieme in cui sono definite le seguenti funzioni:

ESERCIZI DI ANALISI I. Prof. Nicola Fusco 1. Determinare l insieme in cui sono definite le seguenti funzioni: N. Fusco ESERCIZI DI ANALISI I Prof. Nicola Fusco Determiare l isieme i cui soo defiite le segueti fuzioi: ) log/ arctg π ) 4 ) log π 6 arcse ) ) tg log π + ) 4) 4 se se se tg 5) se cos tg 6) [ 6 + 8 π

Dettagli

1 b a. f(x) dx. Osservazione 1.2. Se indichiamo con µ il valore medio di f su [a, b], abbiamo che. f(x) dx = µ(b a) =

1 b a. f(x) dx. Osservazione 1.2. Se indichiamo con µ il valore medio di f su [a, b], abbiamo che. f(x) dx = µ(b a) = Note ed esercizi di Anlisi Mtemtic - (Fosci) Ingegneri dell Informzione - 28-29. Lezione del 7 novembre 28. Questi esercizi sono reperibili dll pgin web del corso ttp://utenti.unife.it/dmino.fosci/didttic/mii89.tml

Dettagli

SERIE NUMERICHE. (Cosimo De Mitri) 1. Definizione, esempi e primi risultati... pag. 1. 2. Criteri per serie a termini positivi... pag.

SERIE NUMERICHE. (Cosimo De Mitri) 1. Definizione, esempi e primi risultati... pag. 1. 2. Criteri per serie a termini positivi... pag. SERIE NUMERICHE (Cosimo De Mitri. Defiizioe, esempi e primi risultati... pag.. Criteri per serie a termii positivi... pag. 4 3. Covergeza assoluta e criteri per serie a termii di sego qualsiasi... pag.

Dettagli

ANALISI REALE E COMPLESSA a.a. 2007-2008

ANALISI REALE E COMPLESSA a.a. 2007-2008 ANALISI REALE E COMPLESSA.. 2007-2008 1 Successioni e serie di funzioni 1.1 Introduzione In questo cpitolo studimo l convergenz di successioni del tipo n f n, dove le f n sono tutte funzioni vlori reli

Dettagli

Ing. Alessandro Pochì

Ing. Alessandro Pochì Dispense di Mtemtic clsse quint -Gli integrli Quest oper è distriuit con: Licenz Cretive Commons Attriuzione - Non commercile - Non opere derivte. Itli Ing. Alessndro Pochì Appunti di lezione svolti ll

Dettagli

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE Esercizi di Fodameti di Iformatica 1 EQUAZIONI ALLE RICORRENZE 1.1. Metodo di ufoldig 1.1.1. Richiami di teoria Il metodo detto di ufoldig utilizza lo sviluppo dell equazioe alle ricorreze fio ad u certo

Dettagli

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n.

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n. AUTOVALORI ED AUTOVETTORI Si V uno spzio vettorile di dimensione finit n. Dicesi endomorfismo di V ogni ppliczione linere f : V V dello spzio vettorile in sé. Se f è un endomorfismo di V in V, considert

Dettagli

DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE

DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE DI UN GRUPPO DI OSSERVAZIONI O DI ESPERIMENTI, SI PERVIENE A CERTE CONCLUSIONI, LA CUI VALIDITA PER UN COLLETTIVO Più AMPIO E ESPRESSA

Dettagli

CONCETTI BASE DI STATISTICA

CONCETTI BASE DI STATISTICA CONCETTI BASE DI STATISTICA DEFINIZIONI Probabilità U umero reale compreso tra 0 e, associato a u eveto casuale. Esso può essere correlato co la frequeza relativa o col grado di credibilità co cui u eveto

Dettagli

Il volume del cilindro è dato dal prodotto della superficie di base per l altezza, quindi

Il volume del cilindro è dato dal prodotto della superficie di base per l altezza, quindi Mtemtic per l nuov mturità scientific A. Bernrdo M. Pedone 3 Questionrio Quesito 1 Provre che un sfer è equivlente i /3 del cilindro circoscritto. r 4 3 Il volume dell sfer è 3 r Il volume del cilindro

Dettagli

IL CALCOLO COMBINATORIO

IL CALCOLO COMBINATORIO IL CALCOLO COMBINATORIO Calcolo combiatorio è il termie che deota tradizioalmete la braca della matematica che studia i modi per raggruppare e/o ordiare secodo date regole gli elemeti di u isieme fiito

Dettagli

3.4 Tecniche per valutare uno stimatore

3.4 Tecniche per valutare uno stimatore 3.4 Teciche per valutare uo stimatore 3.4. Il liguaggio delle decisioi statistiche, stimatori corretti e stimatori cosisteti La teoria delle decisioi forisce u liguaggio appropriato per discutere sulla

Dettagli

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino:

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino: Prof. Emnul ANDRISANI Studio di funzion Funzioni rzionli intr n n o... n n Crttristich: sono funzioni continu drivbili in tutto il cmpo rl D R quindi non sistono sintoti vrticli D R quindi non sistono

Dettagli

13. EQUAZIONI ALGEBRICHE

13. EQUAZIONI ALGEBRICHE G. Smmito, A. Bernrdo, Formulrio di mtemti Equzioni lgerihe F. Cimolin, L. Brlett, L. Lussrdi. EQUAZIONI ALGEBRICHE. Prinipi di equivlenz Si die identità un'uguglinz tr due espressioni ontenenti un o più

Dettagli

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma INTEGRALI IMPROPRI. Integrli impropri su intervlli itti Dt un funzione f() continu in [, b), ponimo ε f() = f() ε + qundo il ite esiste. Se tle ite esiste finito, l integrle improprio si dice convergente

Dettagli

La rappresentazione per elencazione consiste nell elencare tutte le coppie ordinate che verificano la relazione

La rappresentazione per elencazione consiste nell elencare tutte le coppie ordinate che verificano la relazione RELAZIONI E FUNZIONI Relzioni inrie Dti ue insiemi non vuoti e (he possono eventulmente oiniere), si ie relzione tr e un qulsisi legge he ssoi elementi elementi. L insieme A è etto insieme i prtenz. L

Dettagli

( ) ( ) ( ) ( ) ( ) CAPITOLO VII DERIVATE. (3) D ( x ) = 1 derivata di un monomio con a 0

( ) ( ) ( ) ( ) ( ) CAPITOLO VII DERIVATE. (3) D ( x ) = 1 derivata di un monomio con a 0 CAPITOLO VII DERIVATE. GENERALITÀ Defiizioe.) La derivata è u operatore che ad ua fuzioe f associa u altra fuzioe e che obbedisce alle segueti regole: () D a a a 0 0 0 derivata di u moomio D 6 D 0 D ()

Dettagli

Definizioni fondamentali

Definizioni fondamentali Definizioni fondmentli Sistem scisse su un rett 1 Un rett si ce orientt qundo su ess è fissto un verso percorrenz Dti due punti qulsisi A e B un rett orientt r, il segmento AB che può essere percorso d

Dettagli

VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE

VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE Soluzioni di quesiti e prolemi trtti dl Corso Bse Blu di Mtemti volume 5 [] (Es. n. 8 pg. 9 V) Dell prol f ( ) si hnno le seguenti informzioni, tutte

Dettagli

1 Metodo della massima verosimiglianza

1 Metodo della massima verosimiglianza Metodo della massima verosimigliaza Estraedo u campioe costituito da variabili casuali X i i.i.d. da ua popolazioe X co fuzioe di probabilità/desità f(x, θ), si costruisce la fuzioe di verosimigliaza che

Dettagli

Esame di Matematica 2 Mod.A (laurea in Matematica) prova di accertamento del 4 novembre 2005

Esame di Matematica 2 Mod.A (laurea in Matematica) prova di accertamento del 4 novembre 2005 Esame di Matematica 2 ModA (laurea i Matematica prova di accertameto del 4 ovembre 25 ESERCIZIO Si poga a 3 5 + 9 e b 2 4 6 + 6 ( (a Si determii d MCD(a, b e gli iteri m, Z tali che d ma + b co m < b ed

Dettagli

8. Quale pesa di più?

8. Quale pesa di più? 8. Quale pesa di più? Negli ultimi ai hao suscitato particolare iteresse alcui problemi sulla pesatura di moete o di pallie. Il primo problema di questo tipo sembra proposto da Tartaglia el 1556. Da allora

Dettagli

La scelta di equilibrio del consumatore. Integrazione del Cap. 21 del testo di Mankiw 1

La scelta di equilibrio del consumatore. Integrazione del Cap. 21 del testo di Mankiw 1 M.Blconi e R.Fontn, Disense di conomi: 3) quilirio del consumtore L scelt di equilirio del consumtore ntegrzione del C. 21 del testo di Mnkiw 1 Prte 1 l vincolo di ilncio Suonimo che il reddito di un consumtore

Dettagli

Esercizi della 8 lezione sulla Geomeria Linere ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA ESERCIZI SULLA PARABOLA ESERCIZI SULL' ELLISSE ERCIZI SULL' IPERBOLE

Esercizi della 8 lezione sulla Geomeria Linere ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA ESERCIZI SULLA PARABOLA ESERCIZI SULL' ELLISSE ERCIZI SULL' IPERBOLE Eserizi dell lezione sull Geomeri Linere ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA ESERCIZI SULLA PARABOLA ESERCIZI SULL' ELLISSE ES ERCIZI SULL' IPERBOLE ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA. Determinre l equzione dell ironferenz

Dettagli

Numeri razionali COGNOME... NOME... Classe... Data...

Numeri razionali COGNOME... NOME... Classe... Data... I numeri rzionli Cpitolo Numeri rzionli Verifi per l lsse prim COGNOME............................... NOME............................. Clsse.................................... Dt...............................

Dettagli

Corso di ordinamento - Sessione suppletiva - a.s. 2009-2010

Corso di ordinamento - Sessione suppletiva - a.s. 2009-2010 Corso di ordinmnto - Sssion suppltiv -.s. 9- PROBLEMA ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO SESSIONE SUPPLETIA Tm di: MATEMATICA. s. 9- Dt un circonrnz di cntro O rggio unitrio, si prndno

Dettagli

Metodi statistici per l'analisi dei dati

Metodi statistici per l'analisi dei dati Metodi statistici per l aalisi dei dati due Motivazioi Obbiettivo: Cofrotare due diverse codizioi (ache defiiti ) per cui soo stati codotti gli esperimeti. Metodi tatistici per l Aalisi dei Dati due Esempio

Dettagli

4. Metodo semiprobabilistico agli stati limite

4. Metodo semiprobabilistico agli stati limite 4. Metodo seiprobabilistico agli stati liite Tale etodo cosiste el verificare che le gradezze che ifluiscoo i seso positivo sulla, valutate i odo da avere ua piccolissia probabilità di o essere superate,

Dettagli

LE INCERTEZZE E LA LORO PROPAGAZIONE NELLE MISURE INDIRETTE

LE INCERTEZZE E LA LORO PROPAGAZIONE NELLE MISURE INDIRETTE LE INCERTEZZE E LA LORO PROPAGAZIONE NELLE MISURE INDIRETTE Pof. Agelo Ageletti -.s. 006/007 1) COME SI SCRIVE IL RISULTATO DI UNA MISURA Il modo miglioe pe espimee il isultto di u misu è quello di de,

Dettagli

Il confronto tra DUE campioni indipendenti

Il confronto tra DUE campioni indipendenti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Cofroto tra due medie I questi casi siamo iteressati a cofrotare il valore medio di due camioi i cui i le osservazioi i u camioe soo

Dettagli

Test non parametrici. sono uguali a quelle teoriche. (probabilità attesa), si calcola la. , cioè che le frequenze empiriche

Test non parametrici. sono uguali a quelle teoriche. (probabilità attesa), si calcola la. , cioè che le frequenze empiriche est o parametrici Il test di Studet per uo o per due campioi, il test F di Fisher per l'aalisi della variaza, la correlazioe, la regressioe, isieme ad altri test di statistica multivariata soo parte dei

Dettagli

Problemi di massimo e minimo in Geometria Solida Problemi su poliedri. Indice dei problemi risolti

Problemi di massimo e minimo in Geometria Solida Problemi su poliedri. Indice dei problemi risolti Problemi di mssimo e minimo in Geometri olid Problemi su poliedri Indice dei problemi risolti In generle, un problem si riferisce un figur con crtteristice specifice (p.es., il numero dei lti dell bse)

Dettagli

Esempio Data la matrice E estraiamo due minori di ordine 3 differenti:

Esempio Data la matrice E estraiamo due minori di ordine 3 differenti: Minori di un mtrice Si A K m,n, si definisce minore di ordine p con p N, p

Dettagli

1. MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ. 1 Alcune definizioni preliminari

1. MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ. 1 Alcune definizioni preliminari . MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ Alcue defiizioi prelimiari I sistemi vibrati possoo essere lieari o o lieari: el primo caso vale il pricipio di sovrapposizioe degli effetti el secodo o. I geerale

Dettagli

Sistemi LTI descrivibile mediante SDE (Equazioni alle Differenze Standard)

Sistemi LTI descrivibile mediante SDE (Equazioni alle Differenze Standard) Sistemi LTI descrivibile mediate SDE (Equazioi alle Differeze Stadard) Nella classe dei sistemi LTI ua sottoclasse è quella dei sistemi defiiti da Equazioi Stadard alle Differeze Fiite (SDE), dette così

Dettagli

8) Sia Dato un mazzo di 40 carte. Supponiamo che esso sia mescolato in modo

8) Sia Dato un mazzo di 40 carte. Supponiamo che esso sia mescolato in modo ESERCIZI DI CALCOLO DELLE PROBABILITÁ ) Qual e la probabilita che laciado dadi a facce o esca essu? Studiare il comportameto asitotico di tale probabilita per grade. ) I u sacchetto vi soo 0 pallie biache;

Dettagli

Sommario lezioni di Probabilità versione abbreviata

Sommario lezioni di Probabilità versione abbreviata Sommario lezioi di Probabilità versioe abbreviata C. Frachetti April 28, 2006 1 Lo spazio di probabilità. 1.1 Prime defiizioi I possibili risultati di u esperimeto costituiscoo lo spazio dei campioi o

Dettagli

Vietata la pubblicazione, la riproduzione e la divulgazione a scopo di lucro.

Vietata la pubblicazione, la riproduzione e la divulgazione a scopo di lucro. Viett l pubbliczione, l riprouzione e l ivulgzione scopo i lucro. GA00001 Qul è l mpiezz ell ngolo che si ottiene ) 95 b) 275 c) 265 ) 5 b sottreno 85 un ngolo giro? GA00002 Due ngoli ll circonferenz che

Dettagli

Esercizi sulle serie di Fourier

Esercizi sulle serie di Fourier Esercizi sulle serie di Fourier Corso di Fisic Mtemtic,.. 3- Diprtimento di Mtemtic, Università di Milno Novembre 3 Sviluppo in serie di Fourier (esponenzile) In questi esercizi, si richiede di sviluppre

Dettagli

Appunti di Analisi matematica 1. Paolo Acquistapace

Appunti di Analisi matematica 1. Paolo Acquistapace Appunti di Anlisi mtemtic Polo Acquistpce 23 febbrio 205 Indice Numeri 4. Alfbeto greco................................. 4.2 Insiemi..................................... 4.3 Funzioni....................................

Dettagli

Motori maxon DC e maxon EC Le cose più importanti

Motori maxon DC e maxon EC Le cose più importanti Motori maxo DC e maxo EC Il motore come trasformatore di eergia Il motore elettrico trasforma la poteza elettrica P el (tesioe U e correte I) i poteza meccaica P mech (velocità e coppia M). Le perdite

Dettagli

Supponiamo, ad esempio, di voler risolvere il seguente problema: in quanti modi quattro persone possono sedersi l una accanto all altra?

Supponiamo, ad esempio, di voler risolvere il seguente problema: in quanti modi quattro persone possono sedersi l una accanto all altra? CALCOLO COMBINATORIO 1.1 Necessità del calcolo combiatorio Accade spesso di dover risolvere problemi dall'appareza molto semplice, ma che richiedoo calcoli lughi e oiosi per riuscire a trovare delle coclusioi

Dettagli

PENSIONI INPDAP COME SI CALCOLANO

PENSIONI INPDAP COME SI CALCOLANO Mii biblioteca de Il Giorale Ipdap per rederci coto e sapere di piu Mii biblioteca de Il Giorale Ipdap per rederci coto e sapere di piu PENSIONI INPDAP COME SI CALCOLANO I tre sistemi I cique pilastri

Dettagli

Appunti di Statistica Matematica Inferenza Statistica Multivariata Anno Accademico 2014/15

Appunti di Statistica Matematica Inferenza Statistica Multivariata Anno Accademico 2014/15 Apputi di Statistica Matematica Ifereza Statistica Multivariata Ao Accademico 014/15 November 19, 014 1 Campioi e modelli statistici Siao Ω, A, P uo spazio di probabilità e X = X 1,..., X u vettore aleatorio

Dettagli

Titolazione Acido Debole Base Forte. La reazione che avviene nella titolazione di un acido debole HA con una base forte NaOH è:

Titolazione Acido Debole Base Forte. La reazione che avviene nella titolazione di un acido debole HA con una base forte NaOH è: Titolzione Acido Debole Bse Forte L rezione che vviene nell titolzione di un cido debole HA con un bse forte NOH è: HA(q) NOH(q) N (q) A (q) HO Per quest rezione l costnte di equilibrio è: 1 = = >>1 w

Dettagli

INTRODUZIONE ALLE SUCCESSIONI E SERIE: ALCUNI ESEMPI NOTEVOLI

INTRODUZIONE ALLE SUCCESSIONI E SERIE: ALCUNI ESEMPI NOTEVOLI INTRODUZIONE ALLE SUCCESSIONI E SERIE: ALCUNI ESEMPI NOTEVOLI Mirta Debbia LS A. F. Formiggii di Sassuolo (MO) - debbia.m@libero.it Maria Cecilia Zoboli - LS A. F. Formiggii di Sassuolo (MO) - cherubii8@libero.it

Dettagli

Macchine elettriche in corrente continua

Macchine elettriche in corrente continua cchine elettriche in corrente continu Generlità Può essere definit mcchin un dispositivo che convert energi d un form un ltr. Le mcchine elettriche in prticolre convertono energi elettric in energi meccnic

Dettagli

LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE

LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI Dipartimeto di Sieze Eoomihe Uiversità di Veroa VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE Lezioi di Matematia per

Dettagli

La sicurezza sul lavoro: obblighi e responsabilità

La sicurezza sul lavoro: obblighi e responsabilità La sicurezza sul lavoro: obblighi e resposabilità Il Testo uico sulla sicurezza, Dlgs 81/08 è il pilastro della ormativa sulla sicurezza sul lavoro. I sostaza il Dlgs disciplia tutte le attività di tutti

Dettagli

TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE Una trasformazione geometrica del piano in sé è una corrispondenza biunivoca tra i punti del piano: ( ) , :,

TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE Una trasformazione geometrica del piano in sé è una corrispondenza biunivoca tra i punti del piano: ( ) , :, TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE Un rsforzione geoeric del pino in sé è un corrispondenz iunivoc r i puni del pino P P, P P P è l igine di P rispeo ll rsforzione. Ad ogni puno P(,) corrisponde uno ed un solo

Dettagli

10 Progetto con modelli tirante-puntone

10 Progetto con modelli tirante-puntone 0 Progetto con modelli tirnte-puntone 0. Introduzione I modelli tirnte-puntone (S&T Strut nd Tie) sono utilizzti per l progettzione delle membrture in c.. che non possono essere schemtizzte come solidi

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA

MATEMATICA FINANZIARIA Capializzazioe semplice e composa MATEMATICA FINANZIARIA Immagiiamo di impiegare 4500 per ai i ua operazioe fiaziaria che frua u asso del, % auo. Quao avremo realizzao alla fie dell operazioe? I u coeso

Dettagli

LA FUNZIONE INTEGRALE

LA FUNZIONE INTEGRALE LA FUNZIONE INTEGRALE MAGLIOCURIOSO & CAMILLO magliocurioso@hotmail.it Sommario. In questa breve dispensa ho semplicementrascritto in L A TEX il contenuto di questa discussione: http://www.matematicamente.it/forum/

Dettagli

EQUILIBRI IN SOLUZIONE ACQUOSA

EQUILIBRI IN SOLUZIONE ACQUOSA Dispense CHIMICA GENERALE E ORGANICA (STAL) 010/11 Prof. P. Crloni EQUILIBRI IN SOLUZIONE ACQUOSA Qundo si prl di rezioni di equilirio dei composti inorgnici, un considerzione prticolre viene rivolt lle

Dettagli

I vettori. a b. 180 α B A. Un segmento orientato è un segmento su cui è stato fissato un verso. di percorrenza, da verso oppure da verso.

I vettori. a b. 180 α B A. Un segmento orientato è un segmento su cui è stato fissato un verso. di percorrenza, da verso oppure da verso. I vettor B Un segmento orentto è un segmento su cu è stto fssto un verso B d percorrenz, d verso oppure d verso. A A Il segmento orentto d verso è ndcto con l smolo. Due segment orentt che hnno l stess

Dettagli

l = 0, 1, 2, 3,,, n-1n m = 0, ±1,

l = 0, 1, 2, 3,,, n-1n m = 0, ±1, NUMERI QUANTICI Le autofuzioi soo caratterizzate da tre parametri chiamati NUMERI QUANTICI e soo completamete defiite dai loro valori: : umero quatico pricipale l : umero quatico secodario m : umero quatico

Dettagli

ESERCITAZIONE L adsorbimento su carbone attivo

ESERCITAZIONE L adsorbimento su carbone attivo ESERCITAZIONE adsorbimeto su carboe attivo ezioi di riferimeto: Processi basati sul trasferimeto di materia Adsorbimeto su carboi attivi Testi di riferimeto: Water treatmet priciples ad desi, WH Pricipi

Dettagli

LE INTERSEZIONI Dispense didattiche di TOPOGRAFIA

LE INTERSEZIONI Dispense didattiche di TOPOGRAFIA lsse qurt Docente: In. Ntt MODULO I: IL RILIEVO TOOGRFIO UD I: L INQUDRMENTO ON LE RETI - INTERSEZIONI LE INTERSEZIONI Dispense didttiche di TOOGRFI r M unto di ollins O s θ 00 O d O d 00 θ θ ω ' ω θ c'

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

USUFRUTTO. 5) Quali sono le spese a carico dell usufruttuario

USUFRUTTO. 5) Quali sono le spese a carico dell usufruttuario USUFRUTTO 1) Che cos è l sfrtto e come si pò costitire? L sfrtto è il diritto di godimeto ( ovvero di possesso) di bee altri a titolo gratito ; viee chiamato sfrttario chi esercita tale diritto, metre

Dettagli

METODO VOLTAMPEROMETRICO

METODO VOLTAMPEROMETRICO METODO OLTAMPEOMETCO Tle etodo consente di isrre indirettente n resistenz elettric ed ipieg l definizione stess di resistenz : doe rppresent l tensione i cpi dell resistenz e l corrente che l ttrers coe

Dettagli

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE Sia I un intervallo di R e siano a = inf(i) R { } e b = sup(i) R {+ }; i punti di I diversi dagli estremi a e b, ( e quindi appartenenti all intervallo aperto

Dettagli

L ELLISSOIDE TERRESTRE

L ELLISSOIDE TERRESTRE L ELLISSOIDE TERRESTRE Fin dll scond mtà dl XVII scolo (su propost di Nwton) l suprfici più dtt ssr ssunt com suprfici di rifrimnto pr l Trr è stt individut in un ELLISSOIDE DI ROTAZIONE. E l suprfici

Dettagli

Variazioni di sviluppo del lobo frontale nell'uomo

Variazioni di sviluppo del lobo frontale nell'uomo Istituto di Antropologi dell Regi Università di Rom Vrizioni di sviluppo del lobo frontle nell'uomo pel Dott. SERGIO SERGI Libero docente ed iuto ll cttedr di Antropologi. Il problem dei rpporti di sviluppo

Dettagli

Indagini sui coregoni del Lago Maggiore: Analisi sui pesci catturati nel 2010

Indagini sui coregoni del Lago Maggiore: Analisi sui pesci catturati nel 2010 Idagii sui coregoi del Lago Maggiore: Aalisi sui pesci catturati el 1 Rapporto commissioato dal Dipartimeto del territorio, Ufficio della caccia e della pesca, Via Stefao Frascii 17 51 Bellizoa Aprile

Dettagli

unoperatore@nellospaziodihilberth e sia z un numero complesso tale che z1-a,da==)rr_néh - 0 impli-chi l:= -1 (21-A) : R- n ==) Dn L- \

unoperatore@nellospaziodihilberth e sia z un numero complesso tale che z1-a,da==)rr_néh - 0 impli-chi l:= -1 (21-A) : R- n ==) Dn L- \ 3,6 56 3,6 TEOR I A SPETTRALE La teoria spettrale degli operatori lieari- eo spazio di Hilbert é f odata, coe per gi spazi f i-ito-dimes ioal j-, sula defiizioe di- risolvete di u operatole' Sia (A,DA)

Dettagli

Verifica d Ipotesi. Se invece che chiederci quale è il valore di una media in una popolazione (stima. o falsa? o falsa?

Verifica d Ipotesi. Se invece che chiederci quale è il valore di una media in una popolazione (stima. o falsa? o falsa? Verifica d Iotesi Se ivece che chiederci quale è il valore ua mea i ua oolazioe (stima utuale Se ivece e itervallo che chiederci cofideza) quale è il avessimo valore u idea ua mea su quello i ua che oolazioe

Dettagli

Esercizi Le leggi dei gas. Lo stato gassoso

Esercizi Le leggi dei gas. Lo stato gassoso Esercizi Le lei dei as Lo stato assoso Ua certa quatità di as cloro, alla pressioe di,5 atm, occupa il volume di 0,58 litri. Calcola il volume occupato dal as se la pressioe viee portata a,0 atm e se la

Dettagli

L OFFERTA DI LAVORO 1

L OFFERTA DI LAVORO 1 L OFFERTA DI LAVORO 1 La famiglia come foritrice di risorse OFFERTA DI LAVORO Notazioe utile: T : dotazioe di tempo (ore totali) : ore dedicate al tempo libero l=t- : ore dedicate al lavoro : cosumo di

Dettagli

Comportamento delle strutture in C.A. in Zona Sismica

Comportamento delle strutture in C.A. in Zona Sismica Comportameto delle strutture i c.a. i zoa sismica Pagia i/161 Comportameto delle strutture i C.A. i Zoa Sismica Prof. Paolo Riva Dipartimeto di Progettazioe e ecologie Facoltà di Igegeria Uiversità di

Dettagli

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti Gorgo Lambert Pag. Dmostrazoe della Formula per la determazoe del umero d dvsor-test d prmaltà, d Gorgo Lambert Eugeo Amtrao aveva proposto l'dea d ua formula per calcolare l umero d dvsor d u umero, da

Dettagli

Valutazione delle prestazioni termiche di sistemi con solai termoattivi in regime non stazionario

Valutazione delle prestazioni termiche di sistemi con solai termoattivi in regime non stazionario Valutazioe delle prestazioi termiche di sistemi co solai termoattivi i regime o stazioario MICHELE DE CARLI, Ph.D., Ricercatore, Dipartimeto di Fisica Tecica, Uiversità degli Studi di Padova, Padova, Italia.

Dettagli

Dall atomo di Bohr alla costante di struttura fine

Dall atomo di Bohr alla costante di struttura fine Dall atomo di Bohr alla ostate di struttura fie. INFORMAZIONI SPETTROSCOPICHE SUGLI ATOMI E be oto he ogi sostaza opportuamete eitata emette radiazioi elettromagetihe. Co uo spettrosopio, o strumeti aaloghi,

Dettagli

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014 Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 14 Problema 1 Punto a) Osserviamo che g (x) = f(x) e pertanto g () = f() = in quanto Γ è tangente all asse delle ascisse,

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

Domanda n. del Pensione n. cat. abitante a Prov. CAP. via n. DICHIARA, sotto la propria responsabilità, che per gli anni:

Domanda n. del Pensione n. cat. abitante a Prov. CAP. via n. DICHIARA, sotto la propria responsabilità, che per gli anni: Mod. RED Sede di Domnd n. del Pensione n. ct. nto il stto civile bitnte Prov. CAP vi n. DICHIARA, sotto l propri responsbilità, che per gli nni: A B (brrre l csell reltiv ll propri situzione) NON POSSIEDE

Dettagli

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO SIMULAZINE DI PRVA D ESAME CRS DI RDINAMENT Risolvi uno dei due problemi e 5 dei quesiti del questionario. PRBLEMA Considera la famiglia di funzioni k ln f k () se k se e la funzione g() ln se. se. Determina

Dettagli

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici Stm e putual Probabltà e Statstca I - a.a. 04/05 - Stmator Vocabolaro Popolazoe: u seme d oggett sul quale s desdera avere Iformazo. Parametro: ua caratterstca umerca della popolazoe. E u Numero fssato,

Dettagli

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi.

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi. Iroduzioe () Ua defiizioe (geerale) del ermie qualià: qualià è l isieme delle caraerisiche di u eià (bee o servizio) che e deermiao la capacià di soddisfare le esigeze espresse ed implicie di chi la uilizza.

Dettagli

Comparazione delle performance di 6 cloni di Gamay ad altitudine elevata

Comparazione delle performance di 6 cloni di Gamay ad altitudine elevata Comprzione delle performnce di 6 cloni di Gmy d ltitudine elevt 1 / 46 Motivzioni Selezione clonle IAR-4 Lo IAR-4 è stto selezionto in mbiente montno d un prticolre popolzione di mterile stndrd, dll qule

Dettagli

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito.

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito. INTEGRALI DEFINITI Sia nel campo scientifico che in quello tecnico si presentano spesso situazioni per affrontare le quali è necessario ricorrere al calcolo dell integrale definito. Vi sono infatti svariati

Dettagli

Cuscinetti ad una corona di sfere a contatto obliquo

Cuscinetti ad una corona di sfere a contatto obliquo Cuscinetti d un coron di sfere conttto obliquo Cuscinetti d un coron di sfere conttto obliquo 232 Definizione ed ttitudini 232 Serie 233 Vrinti 233 Tollernze e giochi 234 Elementi di clcolo 236 Crtteristiche

Dettagli

+ P a n n=1 + X. a n = a m 3. n=1. m=4. Per poter dare un significato alla somma (formale) di infiniti termini, ricorriamo al seguente procedimento:

+ P a n n=1 + X. a n = a m 3. n=1. m=4. Per poter dare un significato alla somma (formale) di infiniti termini, ricorriamo al seguente procedimento: Capitolo 3 Serie 3. Definizione Sia { } una successione di numeri reali. Ci proponiamo di dare significato, quando possibile, alla somma a + a 2 +... + +... di tutti i termini della successione. Questa

Dettagli

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Archimede esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA La funzione f

Dettagli

VERIFICA DI UN CIRCUITO RESISTIVO CONTENENTE PIÙ GENERATORI CON UN TERMINALE COMUNE E SENZA TERMINALE COMUNE.

VERIFICA DI UN CIRCUITO RESISTIVO CONTENENTE PIÙ GENERATORI CON UN TERMINALE COMUNE E SENZA TERMINALE COMUNE. FCA D UN CCUTO SSTO CONTNNT PÙ GNATO CON UN TMNAL COMUN SNZA TMNAL COMUN. Si verifino quttro iruiti on due genertori: genertori on polrità onorde e un terminle omune genertori on polrità disorde e un terminle

Dettagli